Issuu on Google+

Giovedì 05 Agosto 2010

Anno XIII - Numero 213

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

SANITA’

PIANO CASA

Stato di agitazione dei farmacisti e chiusura di due giorni a Catanzaro

TRASPORTI

Passa a maggioranza la nuova legge regionale, ma è ancora polemica

a pag » 7

Alta velocità, Principe attacca: basta con le cortine fumogene

a pag » 9

a pag » 6

Dopo l’intimidazione al presidente del consiglio regionale un bossolo è stato spedito anche al vicepresidente della giunta

Ancora proiettili, ora tocca alla Stasi

Scopelliti: questo è un momento difficile per la Calabria, ma il nostro lavoro va avanti IL COMMENTO

Una sanità che abbia il cittadino al centro

Una busta contenente un proiettile di pistola calibro 9, indirizzata al vicepresidente L’INTERVENTO della Regione Calabria, Antonella Stasi, è stata intercettata al centro smistamento poste di Catanzaro. La notizia nel corso dei lavori del Consiglio regionale a pag » 5

VOTARE? PERCHE’ NO...

di Domenico Tallini

Psr, evitare il disimpegno dei fondi europei di Giancarlo Galan

assessore regionale al Personale

ministro delle Politiche agricole

L’ex governatore Loiero è un attento lettore della stampa, ma probabilmente gli è sfuggito l’articolo di Sergio Rizzo apparso sul Corriere della Sera qualche giorno fa che costituisce un inquietante spaccato dello sfascio prodotto dal centrosinistra nella sanità calabrese. I fatti riferiti dal giornalista risalgono a due anni fa - e dunque in piena epoca del loierismo - e fanno parte della relazione consegnata nei giorni scorsi al governo dal generale dei carabinieri Massimo Cetola, nominato commissario straordinario dell’Azienda sanitaria di Reggio Calabria nel 2008. Un racconto, quello del generale Cetola, che fa rabbrividire. Gli sprechi segnalati dall’ufficiale dell’Arma nella relazione... segue a pag » 2

Alcuni dettagli sulle agevolazione prima casa

Silvio raccoglie la sfida e vince: 299 a 228 ROMA - Il premier Silvio Berlusconi pronto ad andare al voto subito se il governo non dovesse avere più i numeri. Ma i numeri ci sono come ha dimostrato il voto di sfiducia al sottosegretario alla Giustizia: anche senza i finiani (astenuti) la mozione è stata respinta con 299 voti (maggioranza 265) dopo un dibattito incandescente che ha sfiorato la rissa. (a pag » 19 )

Qualora il socio di una cooperativa edilizia trasferisca la proprietà della prima casa, prima che siano trascorsi 5 anni dal rogito notarile senza acquistare un altro immobile, decade dalle agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa; i 5 anni infatti, non decorrono né dall’assegnazione dell’alloggio né dal pagamento dello stesso immobile, bensì dalla stipula del rogito notarile, data da cui decorreranno anche tutti glialtri obblighi fiscali. di Giuseppe Tetto a pag » 16

Le iniziative promosse negli ultimi mesi dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali hanno cominciato a dare i loro frutti. A settembre ci aspettiamo risposte dalle Regioni che sono ancora in ritardo. Questo a proposito delle cifre della rilevazione mensile effettuata dalla Rete rurale nazionale in collaborazione con Agea, relative ai Programmi di sviluppo rurale (Psr) 2007 - 2013. Secondo le rilevazioni, ammonta a 133 milioni di euro la spesa complessiva di luglio. Di questi, ben 111 milioni sono stati erogati dalle Regioni che non hanno ancora raggiunto l’obiettivo minimo di spesa fissato dalla Commissione europea per evitare il disimpegno dei fondi entro il 31 dicembre 2010, così come previsto dalla stessa normativa comunitaria, per la quale i fondi non spesi entro date prestabilite devono ritornare automaticamente nelle casse dell’Unione Europea.Spicca in particolare la performance della Regione Sardegna che, nel solo mese di luglio, ha effettuato pagamenti per circa 61 milioni di euro. Seguono Emilia Romagna (con pagamenti pari a 16,1 milioni di euro), Campania (6 milioni di euro) e Sicilia (5,9 milioni di euro). La spesa aggiuntiva che i Psr italiani devono realizzare entro il 31 dicembre 2010, per evitare ogni tipo di penalizzazione da parte della Commissione europea, si riduce così da 935,3 milioni di euro del 30 giugno 2010, agli 824 milioni di euro del 31 luglio 2010. A questo corrisponde una quota comunitaria a rischio disimpegno pari a 468,2 milioni di euro.


2

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA Tutela dell’infanzia

IL COMMENTO di Domenico Tallini Una sanità che abbia il cittadino al centro ... sono raccapriccianti: basti pensare che le perdite dall’Asl ammontavano a 60 milioni di euro all’anno. L’azienda spendeva 600mila euro di fitto per la sede, mentre era proprietaria di un immobile di prestigio che avrebbe potuto utilizzare gratuitamente. Il generale parla di un ente "lasciato allo sbando", con oltre 20mila pratiche di invalidità civile rimaste inevase. Posso solo immaginare quale idea della Calabria si siano fatti le centinaia di migliaia di lettori del più grande quotidiano italiano. E’ molto significativo un passaggio della relazione Cetola riportata dal giornalista Rizzo: la Regione avrebbe remato contro l’opera di bonifica portata avanti dal commissario straordinario. Mi guardo bene dall’affermare che il vergognoso sfascio denunciato da Rizzo sia tutta opera di Loiero e del centrosinistra, ma è certamente vero che l’ex governatore aveva tutti gli strumenti per intervenire e spalleggiare il generale

Cetola. La verità è che l’ex presidente Loiero, come dimostrano le fallimentari gestioni delle aziende ospedaliere di Catanzaro e Cosenza, ha piegato la sanità calabrese alle sue esigenze elettorali, trasformandole da fabbriche della salute in fabbriche di voti. Le accuse contenute nell’articolo del Corriere della Sera sono pesanti come macigni e stupisce che l’on. Loiero, invece di chiedere scusa ai calabresi e agli italiani per i danni arrecati, trovi il tempo di ironizzare sul commissariamento della sanità calabrese. Egli dimentica che la richiesta di commissariamento della sanità era contenuta nel programma elettorale del presidente Scopelliti, quale condizione necessaria per avviare un’opera difficile e delicata qual è il risanamento del comparto sanitario. Nei primi cento giorni, il presidente Scopelliti, la sua giunta e la sua maggioranza hanno tracciato chiara-

IL PARTITO DEI PENSIONATI

di Carlo Fatuzzo

Tempo di ferie, non dimentichiamo gli anziani In questo periodo in cui in tanti pensano alle ferie, vi è una categoria di cittadini che, più di altri, soffrono non solo il caldo ma anche la solitudine e qualche volta la mortificazione. Il pensiero va, naturalmente, ai tanti anziani soli o ospiti delle case di riposo che, in molti casi, non ricevono mai una visita, una telefonata, un figlio, un parente, un amico che si ricordi di loro, dei loro bisogni, dei loro problemi. Molte volte si tratta di anziani malati che avrebbero bisogno di affetto e vicinanza da parte dei loro cari e di maggiore attenzione da parte delle Istituzioni, ma non sempre è così dal momento che tanti figli dimenticano, nonsolod’estate, diavere deigenitori. Si trova tempo per tutti ma per una anziano ricoverato in una casa di riposo o solo in casa, in tanti, non trovano mai tempo, hanno sempre altro da fare.Vi sono martellanti campagne che invitano a non lasciare soli gli animali: forse questi esseri umani meritano meno attenzione di un cane o di un gatto? Basta andare in una casa di riposo e, nell’orario delle visite, si può vedere con quanta invidia e mortificazione chi non riceve mai visite guarda il vicino che ha la fortuna di avere la momentanea compagnia di un suo caro.

mente la via da seguire per colmare la voragine di debiti creata dal centrosinistra e per garantire servizi sanitari efficienti ai cittadini. Sarà una strada lunga, con scelte delicate e sofferte, ma l’obiettivo finale sarà quello di realizzare una sanità che realmente abbia il cittadino al centro del suo interesse. Se l’on. Loiero avesse letto con attenzione il Corriere della Sera del 28 luglio, forse si sarebbe risparmiata l’avventata dichiarazione ed avrebbe meditato a lungo sui propri incalcolabili e irreparabili errori.

Domenico Tallini

“Loiero, invece di chiedere scusa ai calabresi e agli italiani per i danni arrecati, trova il tempo di ironizzare”

di Alessandro Pedrini*

Il Garante nazionale per l’Infanzia non ha senso. La tutela dei minori non può prescindere dalla conoscenza reale delle problematiche e delle esigenze dei soggetti in età evolutiva che solo il monitoraggiocapillare del territorio può assicurare. Un conto è la figura del Garante regionale, che può farsi promotore di strategie territoriali in sinergia con le istituzionieducative, con gli enti locali e le forze di polizia, in un’ottica di snellimento della burocrazia e in chiave federalista, un altro conto è l’ennesima poltrona dalle connotazioni più onorifiche che operative. I problemi dei bambini e degli adolescenti, in un’era contrassegnata da emergenze non sottovalutabili, abbisognano di risposte concrete. Perciò è auspicabile che ogni dispersione venga evitata. D’altro canto, il raccordo centrale esiste già con la Commissione Parlamentare per l’Infanzia alla quale dovrebbe essere demandato il coordinamento dei Garanti regionali. *direttore generale dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori,


il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

CAULONIA

Ammendolia: «Il federalismo? Un imbroglio ai danni del Sud» di Oriana Tavano

Caulonia, esempio di accoglienza e integrazione CAULONIA - Ilario Ammendolia è stato eletto sindaco del Comune di Caulonia per la seconda volta nel maggio del 2007. Il suo primo mandato, durato quattro anni, risale, invece, al 1982. Nel marzo 2009, Ammendolia ha presentato una proposta di legge regionale sull’accoglienza agli immigrati e il consiglio comunale ha approvato il diritto di voto degli extracomunitari del paese. Insieme al sindaco di Riace, Mimmo Lucano, si è distinto per una serie di iniziative di solidarietà e integrazione dei profughi. Caulonia, anticamente chiamata Castelvetere e Kaulonia, è un comune della provincia di Reggio Calabria di 7.392 abitanti. Il centro storico si erge su un borgo collinare molto suggestivo anche per la presenza di vicoli molto stretti detti vinedi . D’estate la splendida cittadina raddoppia la sua popolazione e con il Kaulonia Tarantella Festival attira tante presenze di calabresi e non solo.

«I privati non investono nell’agricoltura, gli artigiani non riescono a pagare le tasse e il piccolo commercio è scomparso»

CAULONIA - Sindaco Ammendolia, la crisi economica che effetti tangibili ha avuto al momento sul comune di Caulonia? «La crisi economica ha avuto effetti molto seri che si sono avvertiti soprattutto in questo ultimo anno. Prima la si sentiva meno perché, purtroppo, il nostro comune si trova in permanente crisi. A causa della mancanza di risorse, i privati non investono più nell’agricoltura, gli artigiani non riescono a pagare le tasse e il piccolo commercio ormai non c’è più. Rispetto al Nord, dove esistono le grandi fabbriche, noi continuiamo a perdere posti di lavoro in settori come l’agricoltura, l’artigianato e in quel poco di turismo che c’era e oggi sta mostrando la corda». Cosa pensa del federalismo fiscale? «Sul federalismo fiscale ho una pessima opinione. Lo Stato centralista da oltre centocinquant’anni ci ha privato del nostro apparato produttivo in funzione di uno sviluppo che ha privilegiato il cosiddetto triangolo industriale, vale a dire il centro-nord. Con il federalismo fiscale si intende far pagare al Sud anche il prezzo della nuova fase di crisi che stiamo attraversando. Insomma, saranno i ceti meno tutelati a risentire maggiormente delle conseguenze della crisi economica. Il federalismo nasconde questa insidia e rappresenta una manovra eguale e contraria rispetto al centralismo statale. Rappresenta un grosso imbroglio perché non porta alla sovranità delle comunità e ad un vero progetto di solidarietà sociale e nazionale. Se così fosse relamente, sarebbe un fatto positivo e un prvvedimento serio. Io credo che il popolo meridionale non debba chiedere l’elemosina a nessuno ma nello stesso tempo dovremmo innanzitutto rialzare la testa e rivendicare le cose che ci sono state prese e in secondo luogo non dobbiamo spacciare per federalismo ciò che federalismo non è. Ad esempio, abbiamo dei fondi per i lavori pubblici e mi chiedo, perché devono stabilire altri che tipo di lavori noi dobbiamo avere? Perché sono sempre gli altri a dover stabilire le nostre priorità e non possiamo essere noi stessi ad investire queste risorse in nuove opportunità occupazionali e in coesione sociale? Solo noi sappiamo quali sono le esigenze della nostra gente e del nostro territorio. Quindi, se federalismo dev’essre, che lo sia in maniera autentica». Il Comune di Caulonia è riuscito a beneficiare dei fondi comunitari? Verso quali inziative sono stati indirizzati? «Con le risorse comunitarie sono stati

finanziati una serie di lavori che hanno cambiato il volto del paese, anche se questi fondi non sono mai sufficienti per sopperire alle esigenze di un comune particolarmente esteso come quello di Cauolonia, che parte dal mare fino ad arrivare agli 800 metri di altitudine. Tuttavia, tali risorse sono state utilizzate per le infrastrutture e la difesa del suolo e una parte sono state indirizzate verso iniziative di carattere culturale. Abbiamo partecipato a tutti i bandi che si sono presentati, da quelli sull’ambiente a quelli che investono l’uso delle energie alternative.Putroppo,rappresentanorisorse del tutto insufficienti e di questo non ne faccio una colpa a nessuno, visto che sappiamo bene che i fondi non sono illimitati e non si può certo chiedere la luna! È un momento in cui ci vuole un maggiore senso di responsabilità che venga incontro alle esigenze dei territori più penalizzati e meno tutelati del Sud». Le tre cose migliori che ha fatto per il suo comune dal suo insediamento. «Noi abbiamo un progetto che sviluppiamo giorno dopo giorno, nel senso che non amministriamo alla giornata ma intendiamo far sì che l’amministrazione comunale assuma un ruolo ben preciso. Il ruolo che noi vogliamo avere è quello di recuperare la nostra immagine e la nostra identità. Siamo un paese dove l’accoglienza significa considerare gli immigrati non come un corpo estraneo ma parte integrante della nostra comunità. Abbiamo portato avanti una serie di inziative per integrare gli extracomunitari nella nostra realtà in un ottica di uguaglianza così come sancito dalla nostra Costituzione. Il nostro obiettivo è quello di creare una società coesa, orgogliosa del proprio passato e allo stesso tempo capace di guardare al proprio futuro. Il nostro progetto è quello di costruire qualcosa di concreto. È come se costruissimo una casa, mettendoci dentro innanzitutto i nostri valori, poi le opere pubbliche, una scuola efficiente e tutti insieme, i diversi piani di questa casa, sono allo stesso livello. Non c’è un piano che è più importante dell’altro nel senso che non si devono perdere di vista i valori fondamentali, come la trasparenza, la partecipazione della gente, la coesione sociale. Intendo dire che il nostro vero compito è quello di stimolare la democrazia, cercando di cambiare la nostra mentalità in positivo. Questo è il nostro progetto e cercheremo di portarlo avanti». Presenti la stagione estiva di Caulonia. «L’estate cauloniese culminerà come sempre con il Festival della tarantella,

Il sindaco di Caulonia Ilario Ammendolia

ma saranno previste unaserie di manifestazioni legate l’una all’altra da un filo conduttore che precederanno questo evento. Per gli eventi in programma quest’estate saranno sviluppate tre tematiche fondamentali. Innanzitutto, il tema della solidarietà che ci sta molto a cuore per la costruzione di una società realmente solidale, e ancora il concetto dell’accoglienza e della nostra identità. Per quest’anno in cui ricorre il 150° anniversario dall’Unità d’Italia, vogliamo, pur riconoscendo il valore dell’unità, che la popolazione meridionale riscopra la propria storia. Per questo organizzeremo una serie di conferenze e di proiezioni cinematografiche accompagnate tutte da manifestazioni musicali. Non una musica qualsiasi, ma la nostra musica: quella che richiama il lavoro dei campi, il canto degli artigiani, delle lavandaie e, infine, la tarantella. Perché un popolo sconfitto perde tutto, non solo la letteratura e la poesia, ma perde anche la propria musica. Riscoprendo la tarantella vogliamo lanciare un messaggio alla Nazione e a tutti i calabresi affinché questi ultimi diventino consapevoli di essere portatori di una grande cultura che è racchiusa anche nella musica».

«Il vero compito di noi amministratori è quello di stimolare la democrazia, cercando di cambiare la nostra mentalità in positivo»

Piazza Mese gremita di gente per il Kaulonia Tarantella Festival

3


4

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

PRIMO PIANO I dipendenti ottengono un incontro col presidente: a breve un tavolo tecnico

Ultimo Consiglio agitato dai lavoratori dell’Arpacal di Alessandro Caruso REGGIO CALABRIA - La prima vacanza estiva della nuova maggioranza consiliare calabrese arriva dopo un Consiglio movimentato e denso di avvenimenti. Assestamento del bilancio 2010, programmazione della rete scolastica e formativa regionale e proroga del piano faunistico regionale erano i temi all’ordine del giorno di ieri, ma il normale iter dall’esito abbastanza prevedibile è stato interrotto dalle proteste dei lavoratori dell’Arpacal, l’agenzia regionale per la protezione ambientale, che hanno portato alla sospensione dei lavori per qualche ora nel pomeriggio. Motivo della protesta: la possibile liquidazione dell’agenzia dopo l’approvazione dell’emendamento approvato in commissione Bilancio che ne prevede la trasformazione in azienda a capitale La privato. Sulla vicenda i segretari Commissione nazionali di categoria di Cgil, Cisl, Uil hanno inviato un lungo e al Bilancio articolatotelegrammaalministro ha disposto la della Salute, al presidente della Conferenza delle Regioni e ai preliquidazione sidenti della Giunta e del Consiglio regionale calabrese ai quali dell’Arpacal viene chiesto un intervento per il ritiro immediato del provvedie la sua mento in difesa della salute dei trasformazione cittadini e dell’universalità del loro servizio sanitario nazionale in azienda a ma, soprattutto, scrivono: «in coerenza con la regolamentacapitale zione nazionale in materia di serprivato vizio sanitario nazionale e tutela ambientale». Nel documento viene ricordato che queste agenzie pubbliche sono state create in ogni regione italiana per controllare lo stato di salute del territorio e della popolazione, «controllando che gli interessi economici non prevalgono su quelli ambientali e più generali della popolazione». Nel telegramma si legge tra l’altro: «Il sistema pubblico non può arretrare dalle sue funzioni di garanzia e di tutela dei diritti ambientali e sociali e il precedente della regione Calabria porterebbe, di fatto, effetti devastanti sull’intero sistema e sulle funzioni

REGGIO CALABRIA - Il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e l’assessore all’AgricolturaMicheleTrematerra,nelcorso di un incontro a Reggio Calabria, con i sindaci capofila dei Comuni destinatari del fondi Piar, cui ha partecipato anche il direttore generale del dipartimento Agricoltura Giuseppe Zimbalatti, hanno presentato ai giornalisti i "Piani integrati aree rurali", che costituiscono lo strumento di programmazione territoriale per lo sviluppo rurale, con l’obiettivo di valorizzare le risorse naturali, materiali e immateriali endogene del territorio. Nel corso dell’incontro di ieri sono stati consegnati i provvedimenti di assegnazione di oltre settantacinque milioni di euro complessivi destinati all’80% dei comuni calabresi. «Le risorse che noi trasferiamo agli enti - ha detto

Palazzo Campanella

che l’Arpacal svolge già oggi, che sono strettamente raccordate al sistema di agenzia nazionale». Tutti motivi che sono stati presi in considerazione dal presidente di Giunta e Consiglio regionale, i quali hanno ritenuto opportuno incontrare le parti per un confronto, al termine del quale ci si è lasciati con una stretta di mano e l’impegno a insediare un tavolotecnico composto dal presidente della Regione, da rappresentanti della Giunta, dai componenti l’apposita commissione consiliare e dai sindacati per approfondire la questione relativa alla modifica dell’Arpacal. La notizia dell’interruzione dei lavori è stato un vero e proprio assist per l’opposizione, che non ha tardato a cavalcare la protesta in appoggio ai lavoratori e ai sindacari di categoria. A parlare è stato il commissario calabrese del Pd, il senatore Adriano Musi, che in poche parole ha sintetizzato il suo messaggio: «La tutela dell’ambiente non può essere privatizzata». Le Arpa, ha spiegato Musi «sono state istituite in base ad una normativa nazionale e operano in tutte le regioni in stretta sinergia con l’agenzia nazionale. Sono, dunque, giustificate le riserve dei sindacati rispetto a un provvedimento illegittimo nella forma e nella sostanza». Il suo sospetto è che l’operazione nasconda l’esigenza di rimescolare le carte negli organismi di vertice degli enti strumentali e sub regionali al fine di conseguire equilibri politici e di potere.

La Giunta libera 75 milioni per lo sviluppo rurale

Giuseppe Scopelliti

Musi, Pd: «La tutela dell’ambiente non può essere privatizzata, per questo chiediamo il ritiro del provvedimento»

Scopelliti - devono, comunque, essere ben spese dai sindaci. Oggi abbiamo messo in campo circa settantacinque milioni di euro in un settore importante come l’agricoltura, ma, senza l’aiuto degli amministratori locali non possiamo andare avanti nel cammino appena cominciato». L’assessore Trematerra, dal canto suo, ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa: «Tutte le amministrazioni ha dichiarato - ci hanno sollecitato l’incontro odierno.Conosciamo, infatti, molto bene quali sono le difficoltà dei comuni e, proprio per questo motivo, abbiamo pubblicato queste graduatorie che tutti aspettavano, investendo ulteriori risorse sui fondi Piar. Intendiamo avviare un rapporto diverso tra gli amministratori comunali e la Regione».


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO Galati: «Questi attacchi non fermino l’ondata di cambiamento» CATANZARO - Anche l’onorevole Giuseppe Galati, deputato del Popolo della libertà, ha voluto fare arrivare un suo pensiero di vicinanza alla vicepresidente Stasi dopo l’intimidazione subita. Il suo è un messaggio che, nella sostanza, si rinnova dopo essere stato recapitato al presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, due giorni fa per lo stesso motivo: «È forte l’indignazione per il vile atto intimidatorio subito da Antonella Stasi. L’episodio che ha colpito il vice presidente della Giunta regionale - ha detto - e che giunge a pochi giorni da quello subito da FrancoTalarico - continua Galati - deve mantenere alto il livello di allarme sociale, con la speranza che si

fermi questo clima di tensione». Nell’animo di molte persone in Calabria alberga adesso la consapevolezza che si viva in un momento particolarmente difficile. Ma Galati non vuole che si perda di vista l’obiettivo principale: «Gli attacchi rivolti, ancora una volta, ai vertici delle istituzioni calabresi non dovranno, per alcun motivo, fermare l’ondata di cambiamento che la Giunta Scopelliti ha inaugurato. Al vice presidente Stasi, ha concluso Galati «rivolgo il mio invito a continuare il lavoro avviato a servizio della Calabria e dei calabresi». C.G

Una busta con proiettili è stata indirizzata alla vicepresidente della Giunta

Intimidazioni, dopo Talarico è toccato ad Antonella Stasi REGGIO CALABRIA - Anche Antonella Stasi, vicepresidente della Giunta regionale, finisce nel mirino della criminalità. Una busta contenente un proiettile di pistola calibro 9 indirizzata a lei è stata intercettata al centro smistamento poste di Catanzaro. A comunicarlo nel corso dei lavori del Consiglio regionale a Reggio Calabria è stato lo stesso presidente della Regione Giuseppe Scopelliti. Le istituzioni calabresi sono chiamate a una prova di nervi non indifferente. Lavorare in un clima segnato dalle imprevedibili ritualità del crimine organizzato non è facile. L’episodio avviene a poche ore di distanza da un altro analogo: proprio ieri l’altro, infatti, era stata data notizia del ritrovamento di un plico contenente cinque cartucce indirizzate al

presidente del Consiglio regionale della Calabria, FrancescoTalarico. Scopelliti dopo aver espresso affettuosa solidarietà e vicinanza sia al presidente Talarico sia alla sua vice Stasi, ha voluto sottolineare il momento difficile in cui si trova la Calabria, ma che insieme alle cose negative, si sta

lavorandoalacrementepernuove prospettive, per un futuro più solidale e più civile». Subito dopo sono arrivati gli attestati di solidarietà da tutte le componenti dell’agone politico calabrese. Tra cui non sono mancate quelle della sua concittadina Dorina Bianchi, senatrice dell’Udc: «Ad Antonella Stasi, crotonese come me, esprimo tutta la mia solidarietà e il mio sostegno. Non ho dubbi che il vicepresidente Stasi saprà reagire con coraggio al vile gesto subìto prosegue l’esponente centrista -. Si tratta dell’ennesimo episodio gravissimo della lunga serie che avuto come scenario la nostra Regione, una sequenza preoccupante sulla quale mi auguro che la giustizia faccia luce».

Antonella Stasi

A.C

Le reazioni dopo il grave gesto intimidatorio

Da Stillitani a Musi tutti vicini alla Stasi di Andrea Morrone REGGIO CALABRIA - La Giunta e il Consiglio in tutte le sue componenti si sono stretti attorno alla giovane vicepresidente della Regione dopo l’intimidazione subita. «Rivolgo ad Antonella Stasi la mia personale solidarietà per l’intimidazione subita». Puntuale è arrivato il messaggio di vicinanza alla vicepresidente dall’assessore al Lavoro Francescantonio Stillitani. «Gesti come questi - ha continuato - sono da condannare fermamente. A lei va il mio sostegno e il mio augurio per il prezioso lavoro che ha iniziato a svolgere al servizio della Calabria. Siamo di fronte - ha aggiunto Stillitani - a una grave aggressione nei confronti delle istituzioni democratiche». Alla sua dichiarazione ha fatto eco quella del più rappresentativo esponente dell’opposizione consiliare, Adriano Musi, commissario regionale del Partito democratico calabrese: «Non finiremo mai di condannare gli atti intimidatori, siano essi rivolti alle istituzioni, agli organi di informa-

zione, a operatori economici o a semplici cittadini. Il pericolo che la Calabria deve scongiurareèl’assuefazioneallaviolenza». Il "nessun dorma" di fronte a tali atti intimidatori e agli altri gesti della criminalità organizzata è rimbombato forte e chiaro tra le righe del suo messaggio: «Così come ieri abbiamo condannato le minacce al presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico - prosegue Musi - oggi esprimiamo riprovazione per il gesto rivolto alla vicepresidente Stasi». Il suo partito, a detta del commissario straordinario, condanna tali episodi e continua a rinfoltire, idealmente, le file della legalità, soprattutto in regioni di frontiera come la Calabria: «Il Partito democratico si schiera in ogni caso dalla parte della legalità e contro chiunque intenda condizionare il legittimo e regolare svolgimento della vita democratica. A costo, quindi, di apparire rituale, esprimo la solidarietà del Partito democratico calabrese alla vicepresidente della Giunta regionale, nella consapevolezza che la democrazia sia un valore da difendere senza distinzioni di schieramento».


6

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

PRIMO PIANO Il capogruppo del Pd in seno al consiglio regionale lancia le sue proposte

Trasporti, Principe attacca: basta con le cortine fumogene di Agazio Metronio REGGIO CALABRIA - «Se si vuole affrontare con serietà il problema del trasporto ferroviario in Calabria, è assolutamente inopportuno lanciare cortine fumogene (come tenta di fare Scopelliti chiedendo l’Alta Velocità) per nascondere la situazione precaria delle nostre reti ferroviarie e l’assoluta inerzia del Governo centrale, competente in materia». E’ quanto afferma in una nota il capogruppo del Pd in seno al consiglio regionale, on. Sandro Principe, affrontando i temi del trasporto e della mobilità in Calabria. «La Calabria - prosegue l’on. Principe - non ha bisogno dell’Alta Velocità, ma piuttosto di una velocizzazione della rete ferroviaria tirrenica che consenta anche alle merci sbarcate a Gioia Tauro di rag«Le due giungere la propria destinazione per ferrovia; così come ha bisogdorsali, no di elettrificare e raddoppiare la linea ionica, tuttora a binario quella unico. Le due dorsali, quella tirretirrenica e nica e quella ionica, andrebbero poi collegate attraverso rapidi byquella pass da Lamezia Terme a Catanzaro e da Paola a Sibari. Una straionica, tegia di questo tipo rilancerebbe andrebbero anche il Porto di Corigliano-Schiavonea, che potrebbe diventare collegate punto di riferimento per il traffico delle merci verso i Balcani e l’Est attraverso Europeo». rapidi «Ed a proposito di rete ferroviaria, la Regione Calabria - probypass» segue il capogruppo del Partito Democratico - invece di togliere risorse alle Ferrovie della Calabria, dovrebbe porsi il problema di come realizzare, utilizzando questo Ente, un rapido collegamento tra Cosenza e Catanzaro. E c’è da dire che, se saranno confermati i finanziamenti per realizzare le Metropolitane Leggere da Catanzaro a Germaneto e da Cosenza ad Arcavacata di Rende, avviate dal Governo di Centrosinistra, utilizzando il binario a scartamento ridotto si potrebbe creare addirittura un collegamento ferroviario Germaneto (Università Magna Graecia) / Arcavacata (Unical), che invoglierebbe certamente le nostre università a fare sistema. Per quanto concerne, infine, la Salerno - Reggio Calabria, della sua pericolosità, dei lavori infiniti che la interessano, delle defatiganti code per gli automobilisti - conclude

La Regione in soccorso dei disoccupati CATANZARO - I Comuni dovranno avviare la progettazione in modo da poter rendere immediatamente operativi i trecento operai impegnati in attività di recupero di siti degradati di San Giovanni in Fiore, Longobucco ed altri centri montani della Calabria. E’ quanto emerso ieri nel corso di un incontro svoltosi nella Prefettura di Catanzaro al quale hanno partecipato una delegazione dei lavoratori, i sindacati, l’assessore regionale al lavoro Francescantonio Stillitani, i sindaci di San Giovanni in Fiore e Longobucco ed i rappresentanti sindacali. Durante la riunione è emerso che per l’attività pregressa non c’è possibilità di intervenire ma per il futuro i Comuni dovranno presentare dei progetti alla Regione con la quale sottoscrivere una apposita convenzione.

Sandro Principe - siamo stanchi di parlare e ci sentiamo soltanto di rilevare che questo stato di cose, che perdura da oltre 15 anni, evidenzia come lo Stato centrale sia distante ed iniquo verso il Mezzogiorno. Considerazione che può riferirsi anche alla Ss 106 Ionica ed a tutti i Governi della Seconda Repubblica.La Regione Calabria dovrebbe finalmente porsi il problema se l’Anas è capace veramente di fare della Salerno - Reggio Calabria un’autostrada europea e di ammodernare la Ss 106 nel tratto calabrese. Certo bisogna implementare i fondi disponibili, cosa non facile nell’attuale contesto economico, ma è anche necessario avere uno strumento operativo efficiente e rapido, con un’adeguata capacità realizzatrice. In un’epoca di decadenza della politica come quella che stiamo attraversando, poiché si provvede a commissariare tutto, ci chiediamo se non sarebbe utile ed opportuno chiedere di commissariare anche l’Anas». Da qui, dunque, la considerazione iniziale: «Se si vuole affrontare con serietà il problema del trasporto ferroviario in Calabria, è assolutamente inopportuno lanciare cortine fumogene (come tenta di fare Scopelliti chiedendo l’Alta Velocità) per nascondere la situazione precaria delle nostre reti ferroviarie e l’assoluta inerzia del Governo centrale, competente in materia». E la proposta: «Le due dorsali calabresi, quella tirrenica e quella ionica, andrebbero subito collegate attraverso rapidi bypass da Lamezia Terme a Catanzaro e da Paola a Sibari. Una strategia di questo tipo rilancerebbe anche il Porto di Corigliano-Schiavonea, che potrebbe diventare un solido punto di riferimento per il traffico delle merci verso i Balcani e l’Est Europeo».

«La Calabria non ha bisogno dell’alta velocità, ma piuttosto di velocizzare la rete ferroviaria tirrenica»

Coldiretti: la ricomposta frattura nell’Unioncamere deve convincere tutti a lavorare insieme su accesso al credito e immagine della Calabria CATANZARO - «Ricomposta la frattura nell’Unioncamere Regionale, ma ora lavorare insieme e subito sulla promozione dell’immagine della Calabria e sull’accesso al credito. Il collante devono essere i programmi e non gli organigrammi». A sottolinearlo è il presidente di Coldiretti Calabria, Pietro Molinaro. «La ritrovata unità del sistema camerale realizzata nell’Unioncamere Calabria rafforza gli azionisti veri delle Camere di Commercio che sono le imprese. Il ricomposto stato di rottura - rilancia Molinaro - deve stimola-

re un salto di qualità su due missioni fondamentali che non possono essere più tralasciate: la promozione dell’immagine della Calabria in sinergia con l’Istituzione regionale e la facilitazione sull’accesso al credito. Rispetto alla prima abbiamo la necessità di promuovere una immagine unica e positiva della Calabria in modo autorevole, un ruolo che deve svolgere la Regione in diretta collaborazione con l’Unioncamere regionale. Per questo ci aspettiamo un segnale dalle singole Camere di Commercio».

«Ora - ha detto il sindaco di Longobucco, Luigi Stasi - siamo in attesa di essere convocati dalla Regione in modo da rendere immediatamente operative le convenzioni». «Quando ci si trova di fronte a disoccupati esasperati per la mancanza di occupazione che chiedono un sussidio o un giusto lavoro - ha detto l’assessore regionale Stillitani non sempre, purtroppo, si possono dare le risposte che aspettano e legittimamente accontentarli. E’ il caso dei lavoratori di san Giovanni in Fiore e di Longobucco che in questi giorni hanno protestato a Catanzaro occupando perfino la sede dell’assessorato e bloccando le strade. In base alle norme vigenti, alla delibera di giunta regionale e al parere della commissione consiliare regionale competente questi lavoratori devono essere impiegati presso gli enti di appartenenza, in questo caso dai Comuni di San Giovanni in Fiore e Longobucco, e svolgere un lavoro per venti ore settimanali. A seguito della verifica dell’effettivo svolgimento della attività lavorativa la Regione potrà corrispondere loro il corrispettivo economico. Per vari motivi e per loro stessa ammissione e, a quanto mi risulta, anche da controlli effettuati dalla Guardia di Finanza, i disoccupati in questione non hanno invece mai svolto alcuna attività lavorativa. Pertanto la regione non può loro corrispondere alcun compenso».


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Insieme contro le discriminazioni

Federfarma: nessuna certezza sul pagamento delle mensilità richieste e sulla regolarità dei pagamenti

Sanità, stato di agitazione dei farmacisti e chiusura per due giorni a Catanzaro di Mario Manfredi CATANZARO - Stato di agitazione dei titolari di farmacie in provincia di Catanzaro e chiusura volontaria degli esercizi per 48 ore dalle 8.30 del 6 settembre alle 20 del 7 settembre 2010 ad eccezione delle farmacie tenute ad espletare servizio continuativo in base ai turni determinati dall’Aziendasanitariaterritoriale. Lo riferisce un comunicato di Federfarma Catanzaro in cui si parla di «delusione e indignazione anche nei confronti degli organi regionali preposti per il disimpegno e il disinteresse manifestato con l’inerzia dinanzi ad un tema scottante che permane in tutta la suadrammaticità».«Dopol’apparente apertura del neo eletto Governo regionale, dedito a censire i dati e i numeri ereditati dal governo uscente - afferma il presidente di Federfarma, Vincenzo Defilippo - ad oggi nessuna certezza sul pagamento delle mensilità richieste, nessuna certezza sulla regolarità dei pagamenti, nessun tavolo di concertazione e (figuriamoci) nessuna apertura

verso un reale ammodernamento del sistema farmaceutico. Dove sono finiti i buoni propositi degli esordi? e perché in una regione che è parte di uno Stato democratico, informato a principi di solidarietà sociale, è accaduto ciò che non accade altrove e cioé che la legittima protesta di un’intera categoria di lavoratori professionisti, che quotidianamente dispensa salute al popolo per il ruolo che è deputata a svolgere, è passata sugli uffici della Regione come

Partnership fra l’Azienda "Pugliese" e la Lega Italiana per la lotta contro i tumori

di Marina Lomanno

una ventata di aria fresca in questa nostra torrida estate?». «Risale ormai a venti giorni giorni fa - sostiene ancora Defilippo - l’ultimo pagamento dell’Asp ai farmacisti: peccato che il pagamento di una singola mensilità non sia neppure lontanamente l’inizio di una soluzione definitiva: le briciole di un banchetto al quale i rappresentati dei farmacisti non sono stati neppure invitati. Di questo passo il ritardo è destinato solo ad aumentare. L’unica alternativa costrutti-

CATANZARO - Ancora partnership fra l’Azienda ospedaliera "Pugliese Ciaccio" e la Lega Italiana per la lotta contro i tumori. E’ stata firmata una nuova intesa fra la sezione provinciale di Catanzaro della Lilt rappresentata dalla presidente avv. Concetta Stanizzi e l’Azienda Ospedaliera "Pugliese Ciaccio" in persona del commissario straordinario, l’avv. Elga Rizzo, con la quale la Lega sosterrà per tutto il mese di agosto l’assistenza anestesiologica (la presenza di un anestesista) richiesto per effettuare esami radiologi con contrasto Tac - Rmn. Questi esami sono necessari per eseguire i follow-up dei pazienti oncologici verificando appunto quali effetti hanno avuto la chemioterapia somministrata ai pazienti. La sezione provinciale di Catanzaro della Lega italiana per la lotta contro i tumori non è la prima

va all’attuale disastro potrebbe trovare spunto da un tavolo di concertazione con la Regione Calabria, più volte domandato, che sia in grado, con riforme innovative, di rompere con un sistema desueto che nulla ha più a che fare con la farmacia di oggi, un vero e proprio centro servizi, che crea opportunità di lavoro per altre centinaia di famiglie». Per il presidente provinciale di Federfarma Catanzaro «nell’ipotesi in cui il ritardo nei pagamenti dovesse ulteriormente perdurare, è intenzione dei farmacisti della provincia attivarsi nel senso dell’assistenza indiretta. Dar corso alle ingiunzioni di pagamento per le mensilità pregresse ed i relativi interessi sarà il prossimo passo dei farmacisti e se l’Asp dovesse trovarsi a corrispondere interessi e spese per ogni singola mensilità pregressa di ogni singola farmacia della provincia, chi avrebbe avuto la possibilità di dare risposte farà bene ad interrogarsi su come rendere conto alla collettività calabrese del possibile danno erariale che verrebbe a determinarsi».

iniziativa che sostiene nei confronti dell’Azienda "Pugliese Ciaccio". Ha infatti garantito negli ultimi mesi sedute operatorie di Senologia garantendo così interventi immediati a donne affette di cancro della mammella. Si è pregiata, inoltre, di garantire una importantissima azione di screening e diagnosi contribuendo per la metà al costo di una Pet-Tac che è uno strumento di ultima

LAMEZIA - Unioncamere Calabria - Desk Enterprise EuropeNetworklancial’edizione 2010 del premio europeo "Sì alle diversità. No alle discriminazioni " intitolato "Premio giornalistico Ue - Insieme contro le discriminazioni" i cui termini di partecipazione scadono il 17 settembre 2010. «La European Youth Press, lo European Journalism Centre e la Association of European Journalists - dice Fortunato Roberto Salerno, Presidente Unioncamere Calabria - sono partner di questa edizione del premio che rappresenta un’attività portante della campagna informativa "Sì alle diversità. No alle discriminazioni" condottadallaDirezioneGenerale per l’Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità della Commissione Europea». «Il concorso è rivolto ai giornalisti Web o della carta stampata dell’Ue - continua Salerno - che tramite il loro lavoro contribuiscono a diffondere nell’opinione pubblica il valore e i vantaggi della diversità e la lotta contro la discriminazione in Europa». «Gli articoli in concorso - conclude Salerno - dovranno essere incentrati sulle problematiche relative alla diversità o alle discriminazioni ed essere stati pubblicati tra il 1° settembre 2009 e il 17 settembre 2010 su una testata online o della carta stampata che abbia la sede editoriale principale in uno dei 27 Stati membri dell’Unione europea. Il concorso mette in palio premi in denaro.

generazione. Il commissario straordinario avv. Elga Rizzo ha preso atto della ribadita vicinanza e ha riconosciuto anche in questa occasione l’apporto proposto dalla solidarietà manifestata. Le due donne professioniste in questa occasione hanno potuto verificare molti intenti in comune, e chissà ci si auspica reciprocamente di avere un autunno Rosa all’insegna questa volta di attività di prevenzione per le donne.


8

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

PRIMO PIANO di Gaia Mutone ROMA – Ieri su questo giornale abbiamo parlato di produttività del lavoro in occasione della diffusione dei dati Istat relativi alle serie storiche per gli anni 1980-2009 per i diversi settori dell’economia italiana (per la precisione ventotto). Il succo dell’analisi è il seguente: se guardiamo al trentennio 1980-2009, si rileva che la produttività del lavoro ha registrato una crescita media annua dell’1,2 per cento, attribuibile ad un incremento medio dell’1,4 per cento del valore aggiunto e ad uno dello 0,2 per cento delle ore lavorate, ma se si va nel dettaglio, viene evidenziato che il "sottoperiodo" 2007-2009 (pur in presenza di una sensibile caduta del monte ore lavorato) ha messo a segno una riduzione media del 2,7 per cento, a fronte di un -0,8 per cento degli anni 2000-2003 e di un

22 Mila euro per unità di lavoro. È la produttività del lavoro in agricoltura a fronte dei 44,4 di media totale dell’economia

Produttività agricola, meno della metà degli altri settori

+0,7 per cento degli anni 2003-2007. Questo il dato aggregato, poi si scopre che il calo della produttività del lavoro, che ha caratterizzato il periodo 2000-2009 e che riflette i tassi di crescita negativi in tutti i settori, non vale per l’Agricoltura, la silvicoltura e la pesca, che, al contrario, registrano un +0,7 per cento in media annua che diventa un +1,6 annuo negli anni 2007-2009. Confagricoltura, tornando sui da-

ti dell’Istituto nazionale di statistica, pur confermando la crescita della produttività del lavoro nel settore primario, ricorda però che il 2009 è stato un anno negativo anche per l’agricoltura. È dunque vero che negli anni Duemila si legge in un comunicato - la crescita del settore è stata quasi quattro volte superiore alla crescita della produttività complessiva dell’economia (+4,5 per cento in media ogni anno rispetto a +1,2 per cento), ma, come rilevato dal-

le analisi dell’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), nel 2009 l’andamento positivo si è interrotto. La produttività del lavoro agricolo è infatti diminuita dell’1,3 per cento rispetto all’anno precedente, evidentemente a causa della forte flessione del valore aggiunto delle campagne nell’ultimo anno (-3,1 per cento in termini reali e -11,5 per cento a prezzi correnti) che ha superato il calo occupazionale. Va inoltre considerato, ad avviso di Confagricoltura, quanto la produttività del lavoro in agricoltura sia contenuta in valore assoluto: 22 mila euro per unità di lavoro a fronte dei 44,4 mila euro della media del totale dell’economia. Un dato che permette di dire che la produttività del lavoro in agricoltura, anche se tendenzialmente in crescita, rimane in ogni caso meno della metà di quella degli altri settori. «Attualmente - commenta Confagricoltura - le imprese agricole si trovano in una situazione critica con redditi stagnanti, ricavi insoddisfacenti e costi sostenuti. Così non si favorisce la competiti-

La produttività è il rapporto tra una misura del volume di output realizzato e una misura del volume degli input impiegati in produzione vità delle campagne; bisogna creare nuove condizioni di sviluppo dell’agricoltura se si vuole garantire crescita e ricadute occupazionali del settore». Un appello che è sempre lo stesso ormai da tempo e che le imprese agricole, stritolate dalla logica dei giganti della distribuzione, continuano a rivolgere alle istituzioni. Non è un segreto che una fetta consistente delle aziende agricole continua a produrre praticamente in perdita.


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO Il Consiglio regionale ieri ha approvato a maggioranza la legge sul Piano Casa

Piano casa, per l’opposizione resta una risposta inadeguata e parziale di Sofia Ricciardi REGGIO CALABRIA –Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza la legge regionale sul Piano Casa. Ma il provvedimento divide ancora gli schieramenti politici, ben lontani dal trovare un terreno comune. Intanto, i consiglieri regionali Carlo Guccione e Brunello Censore, del Pd, Mario Franchino, di Autonomia e diritti, e Ferdinando Aiello, della Federazione della sinistra, hanno presentato numerosi emendamenti al disegno di legge della Giunta regionale, emendamenti che - come si legge in una nota conI consiglieri giunta diffusa dai quattro - «vanno nella regionali Guccione consiglieri direzione di modificare alcune norme che, se non e Censore (Pd), riviste, rischiano di non Franchino, di creare le condizioni per miglioramento del paAutonomia e diritti un trimonio abitativo esistente e di dar vita ad una e Aiello della nuova speculazione ediliFederazione della zia con ulteriori colate di cemento delle quali la sinistra, hanno Calabria, già fortemente provata da un gravissimo presentato dissesto idrogeologico, emendamenti non ha assolutamente al Ddl della Giunta bisogno». Per l’opposizione il Ddl presentato dal presidente Scopelliti, che avrebbe l’obiettivo di far ripartire il settore edilizio, rimane una risposta parziale e inadeguata alla crisi economica generale che ha avuto come effetto il blocco delle aziende costruttrici, un’importante realtà imprenditoriale del territorio calabrese e di tutto il Mezzogiorno. Non solo, ma così com’è, il Piano casa «rischia - si legge ancora nel comunicato - di diventare motivo di crisi permanente

Il consigliere regionale Carlo Guccione (Pd)

del nostro territorio e del nostro paesaggio, due risorse che, se gestite nel pieno rispetto dell’ambiente, potrebbero costituire un ottimo volano di sviluppo duraturo». Accuse rigettate da Giovanni Bilardi, ca- La maggioranza pogruppo della Lista Scopelliti al Consiglio regionale della Calabria, secondo con Bilardi replica: cui, al contrario, «l’idea fondante del «non c’è la volontà centrodestra è quella di creare "gradevolezza residenziale" alle famiglie abiuran- di perseguire do e combattendo con fermezza speculogiche assurde, lazioni e scempi ambientali; comunque rispettando il territorio e mantenendo al- anacronistiche ed ta l’attenzione alla difesa dei centri storici e delle aree di pregio ambientale e eticamente paesaggistico». La prova a sostegno di improprie: ciò sarebbe che il testo del Piano casa non prevede cementificazioni selvagge nessuna poiché «gli interventi - afferma Bilardi potranno essere ammessi solo su edifici cementificazione preesistenti e legittimi, nel rispetto dei selvaggia nel Ddl» valori storici e ambientali del nostro territorio e del nostro patrimonio edilizio». Alla base della proposta legislativa della ci sarebbe inoltre l’accordo Stato-Regioni del 31

marzo scorso ��che ha innescato - continua Bilardi - un’opportunità per le autonomie locali perché consente di armonizzare i differenti disposti legislativi ed il conseguimento di obiettivi comuni, tra questi, nell’interesse dei cittadini, dei tecnici e delle imprese, va apprezzato quello inerente la semplificazione dell’iter attuativo degli interventi edilizi». Per Guccione, Censore, Franchino e Aiello però il disegno di legge Scopelliti, licenziato a maggioranza dalla quarta commissione consiliare, conterrebbe delle «misure di difficile attuazione sia per i semplici cittadini che per i piccoli imprenditori i quali, proprio a causa della crisi in atto, non avranno le necessarie disponibilità economiche e finanziarie per attuare gli interventi». Le disposizioni contenute dal testo, insomma, sarebbero alla portata solo di quei soggetti che intendono portare avanti investimenti basati sullo sfruttamento selvaggio ed incontrollato del territorio, tanto che l’opposizione parla apertamente di un «provvedimento che, di fatto, liberalizza senza alcuna regola, l’attività urbanistica» nella regione e che peggiorerà ulteriormente gli standard abitativi edambientali del territorio. Sul tavolo, insomma, ci sono le esigenze abitative dei cittadini, e, fra questi, dei più deboli e delle giovani famiglie, la necessità di rivedere le tecniche di urbanistica, il rispetto del territorio nel suo insieme e del paesaggio in ottica turistica, l’importanza di creare nuove ed indispensabili infrastrutture, il rilancio delle imprese edilizie ormai da tempo ferme e, infine, la necessità di rendere operative le misure a tutela delle zone ad elevato rischio idrogeologico, a cominciare dalle norme sismiche. Tutte questioni che il Piano casa è chiamato ad affrontare e a risolvere poiché da questo dipenderanno di riflesso anche le politiche a sostegno della famiglia, delle economie locali e, non ultimo, anche di quella turistica.

I dubbi dell’Anci sul Federalismo COSENZA – Fronte ancora caldo, se non di più, quello del Federalismo fiscale, in grado da solo, in questa estate di colpi di scena, di reggere le sorti delle parti politiche. Potenzialmente almeno. Per gli enti locali, che devono fare i conti anche con gli effetti della manovra correttiva della spesa pubblica, è ancora più difficile. Intervenendo al convegno organizzato dal gruppo del Pd del

Consiglioregionalesu"Federalismo fiscale e manovra economica", il vice presidente dell’Anci, Salvatore Perugini, sindaco di Cosenza, ha sostenuto, ad esempio, che «la relazione Tremonti sull’attuazione del federalismo non può sicuramente essere condivisa almeno su due questioni. In primo luogo - ha detto Perugini - sull’attribuzione della responsabilità della crisi del Paese al sistema degli enti locali,

quando in realtà le politiche virtuose dei Comuni negli ultimi anni hanno inciso positivamente sui saldi di finanza pubblica e sono, invece, lievitati i costi dell’amministrazione centrale. E poi sul fatto che scaricare sugli enti locali la responsabilità delle difficoltà attuali significa omettere discussioni che, se affrontate, aiuterebbero a cercare soluzioni condivise sulla finanza pubblica». Descrivendo l’iter del dibattito sul sistema dei governi territoriali scaturito dalla riforma del titolo V della Costituzione, Perugini ha affermato inoltre che «l’accelerazione sul federalismo fiscale non è stata accompagnata dal pur necessario percorso parallelo sull’attribuzione delle funzioni agli enti territoriali: un modo di procedere a spezzoni che pensa alle

risorse senza definire con precisione ciò per cui devono essere impiegate e che non può che suscitare riserve». Nel suo intervento il vice presidente dell’Anci ha sottolineato anche il fatto che «mentre va avanti il complesso cammino sul federalismo fiscale, la manovra econo-

mica del Governo sta per falcidiare le risorse dei Comuni. Per questo l’Anci, pur non facendo mancare il suo contributo alla discussione nelle sedi istituzionali e ottenendo qualche positivo risultato, ha detto sulla manovra il suo no insieme alle Province e alle Regioni».

Il vice presidente dell'Anci, Salvatore Perugini, sindaco di Cosenza


il Domani

|

AsteInfoappalti

10

Giovedì 5 Agosto 2010

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO FALLIMENTI SI RENDE NOTO Che il Giudice Delegato al fallimento n. 521/1998 con ordinanza del 13/07/2010 ha Disposto la vendita all’incanto al prezzo base di euro 7.208,80 per il lotto b); in euro 56.000,00 per il lotto 3; in euro 48.844,00 per il lotto c) dei seguenti beni immobili: lotto b): porzione del fabbricato situato in Lamezia Terme, località Savutano, costituita da mq 186 di lastrico solare catastalmente individuato al foglio 86 di Sambiase particella 706 subalterni 9 e 10; lotto c): appartamento sito in Lamezia Terme, contrada Scinà, sito al terzo piano di un palazzo condominiale, ricadente nel lotto 13 del comparto Q5C in ambito 167; riportato in catasto al foglio 32, particella 1021, sub 9, zona censuaria 1, categoria A/3, classe 2^, consistenza vani 7, rendita euro 379,60; lotto 3): bene immobile adibito a civile abitazione avente un superficie di mq. 80, sito nell’agro del comune di Falerna, i cui dati catastali sono i seguenti: a) 100% della nuda proprietà dell’appartamento situato a Falerna località “La Scogliera”, foglio 23 particella 940 sub 25 cat. A/3 consistenza vani 6,5; b) nuda proprietà del garage situato sempre a Falerna località “La Scogliera”, foglio 23 particella 940 sub.24 cat. C/6; PREZZO BASE EURO Euro euro 7.208,80 per il lotto b); Euro euro 56.000,00 per il lotto 3); Euro euro 48.844,80 per il lotto c); L’aumento minimo da apportare alle offerte, a pena di inammissibilità, deve essere pari a è 3% del prezzo base; Ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.); Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art.179, comma 1, lett. F., cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; L’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; In caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; Non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad. es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento “R.F. 521/1998”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; Le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581 comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; A norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; Tali offerte potranno essere depositate presso la

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c. prestando cauzione per una somma non inferiore al decimo del prezzo proposto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; In ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; È possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria ; FISSA Per la presentazione presso la cancelleria fallimentare delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale dell’ordinanza, termine fino alle 13,00 del giorno 11/10/2010 con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; Per il giorno 12/10/2010 ore 12,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal fallito - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenti in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento “R.F.521/1998”(qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interesse e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.d.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione ex art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizione e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’ aggiudicatario, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c ; Lamezia Terme, 15/07/2010 Il Cancelliere Dott.ssa Leonilde Bonaddio

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 9/2005 promossa da TEDESCO MARIA ANTONIA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita del 06.04.2006 alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: “Metà indivisa di un fabbricato a tre piani fuori terra (piano T - 1 - 2), costituente un’unica unità immobiliare sita nel Comune di Bruzzano Zeffirio (RC) via Matteotti, 41, riportata in catasto fabbricati al foglio 18, part. 778” - PREZZO BASE: Euro 25.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: “Metà indivisa di un appezzamento di terreno sito nel Comune di Bruzzano Zeffirio (RC), riportato in catasto terreni al foglio 14, particella 104 di mq. 720, destinato dallo strumento urbanistico comunale a: “Zona territoriale omogenea di tipo E (agricola normale)” - PREZZO BASE: Euro 3.250,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 3: “Metà indivisa di un appezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone (RC), riportato in catasto terreni al foglio 44, particella 106 (ora 129) di qualità seminativo, seconda classe di 1510 mq.” - PREZZO BASE: Euro

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

75.500,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 4: “Metà indivisa di un appezzamento di terreno sito nel Comune di Bruzzano Zeffirio (RC), riportato in catasto terreni al foglio 18, particella 628 di natura seminativo di mq. 260 circa, destinato dallo strumento urbanistico comunale a:”Zona territoriale omogenea di tipo “A” (fa parte di un territorio interessato da agglomerati insediativi che rivestono carattere artistico; su detta particella insiste una costruzione in muratura ordinaria di circa 95 mq. adibita deposito di derrate - PREZZO BASE: Euro 5.200,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita del 06.04.2006 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 16.09.2010, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Dr.ssa Antonietta BOVA (Tel. 0964.629420). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 02 agosto 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 9/2005 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposi-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

to della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 16.01.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Brancaleone, Ferruzzano, Palizzi e Bruzzano (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 20.03.2007 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

11

Giovedì 5 Agosto 2010 Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. …. OMISSIS ….. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 6 aprile 2006 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 7/03 promossa da BANCA ANTONIANA POPOLARE VENETA SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ORDINANZA DEL 27.05.2007 1° LOTTO: Unità immobiliare adibita a civile abitazione, posta al piano secondo di un edificio a tre piani fuori terra oltre mansarda, sita nel Comune di Stignano (RC), contrada Favaco s.n.c., riportata in catasto al foglio di mappa n. 18, part. n. 67, sub 7, cl. 2, rendita Euro 183,34 Prezzo base d’asta: Euro 82.000,00 Deposito per cauzione: Euro 8.200,00 Deposito per spese: Euro 12.300,00 2° LOTTO: Unità immobiliare adibita aa abitazione, posta al piano secondo di un edificio a tre piani fuori terra oltre mansarda, sita nel Comune di Stignano (RC), contrada Favaco s.n.c., riportata in catasto al foglio di mappa n. 18, part. n. 67, sub 8, cl. 2, rendita Euro 183,34 Prezzo base d’asta: Euro 75.600,00 Deposito per cauzione: Euro 7.560,00 Deposito per spese: Euro 11.340,00 3° LOTTO: Unità immobiliare tipo mansarda e dacente parte di un edificio a tre piani fuori terra oltre mansarda, sita nel Comune di Stignano (RC), contrada Favaco s.n.c., riportata in catasto al foglio di mappa n. 18, part. n. 67, sub 6, cl. 2, rendita Euro 201,68 Prezzo base d’asta: Euro 93.750,00 Deposito per cauzione: Euro 9.375,00 Deposito per spese: Euro 14.062,50 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 07.10.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 2,000,00 per i Lotti 1 e 2; Euro 2.500,00 per

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Lotto 3. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 07.10.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 20 luglio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 57/2004 promossa da B.N.L. SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Piena proprietà dell’immobile in Roccella Jonica, Via Giardini, composto da civile abitazione (mq. 127 circa), cantinato (mq.15 circa) e 2 posti auto (mq. 16 ciascuno circa), censito al NCEU del Comune di Roccella Jonica al Foglio n. 40, partt. n° 159 sub 4-15-47-48” PREZZO BASE: Euro 158.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l’ordinanza di vendita del 10.06.2009 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 07.10.2010, DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l’ordinanza di vendita del 10.06.2009 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02.12.2010, DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. ANNA RITA PANCALLO (Tel. 0964.22259). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 20 luglio 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 57/2004 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Ing. F. LAROSA) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita è fissata per il giorno 03..12.2009, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente: potrà avvalersi della facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell’art. 41 comma V, T.U.B. (versamento alla, banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg. dall’aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg. 50 dall’aggiudicazione dovrà versare direttamente alla banca mutuante BANCA NAZIONALE DEL LAVORO spa la parte del prezzo corrispondente al credito della medesima vanto per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo di cui infra); a tal fine sarà l’Istituto mutuante a comunicare tempestivamente l’importo del credito; - nel termine di gg. 60 dall’aggiudicazione dovrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo della cauzione, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Giudice dell’Esecuzione; 13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); 15) maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nel Comune di ROCCELLA JONICA (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 04.02.2010 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzio-

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

12

Giovedì 5 Agosto 2010 ne nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 10 giugno 2009 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 138/95 promossa da FORD LEASING - richiesta da INAIL, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di proprietà su una porzione (alloggio e mansarda) di fabbricato in Africo (RC), identificato nel NCEU al foglio di mappa n. 34, particella 174 sub 4 e 5” PREZZO BASE: Euro 74.700,00 - Cauzione 10% del prezzo PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 07.12.2006 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 07.10.2010, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Emma MAIO (Tel. 0964.29073). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 15.07.2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 138/1995 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. A. MEGALE) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 28.09.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Africo e Bianco (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 28.03.2008 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 26 maggio 2007 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 36/91 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Unità immobiliare costituita da un locale a piano terra ad uso commerciale ammezzato con piano soppalco, adibito ad uffici e deposito e da un locale cantinato ad uso deposito, sita nel Comune di Siderno, in via Jonio, riportato nel NCEU alla partita 4855, foglio di mappa 37, particella 221, sub 2-3, di complessivi mq. 371, in ditta … comproprietario e … comproprietaria Prezzo base del lotto: Euro 168.519,89 Deposito per cauzione: Euro 16.851,99 Deposito per spese: Euro 25.277,98 2° LOTTO: Fabbricato a tre piani fuori terra con copertura a terrazzo praticabile sito nel Comune di Siderno, alla via Jonio, riportato nel NCEU alla partita 1191, foglio di mappa 33, particelle 7 e 423, di complessivi mq. 302, PT - P1-P2,

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Categ. A/4, classe 3^, r. £. 120, in ditta ……... Prezzo base del lotto: Euro 94.950,60 Deposito per cauzione: Euro 9.495,06 Deposito per spese: Euro 14.252,59 L’incanto avverrà, con il PREZZO DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 07.10.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovra depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà), mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 6.197,48 per il 1° Lotto ed Euro 4.131,66 per il 2° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 07.10.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 15.07.2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 74/2000 promossa da ITALFONDIARIO SpA. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 25.07.2008 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 07.10.2010 alle seguenti condizioni: da ridurre 1/4 entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete tranne quanto sotto riportato vedere l’ordinanza di vendita del 25.07.2008 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02.12.2010, con il prezzo da ridurre di 1/4 riportato nell’ordinanza di vendita alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Dott. E. TRIVERI con studio in Bovalino, via L. Palaja, 18. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario.

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

13

Giovedì 5 Agosto 2010 ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Esatte: Euro 43,86 (n. 3 marche) per bollo - Euro 10,62 per diritti. Locri, 05 luglio 2010 Il Cancelliere - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 74/2000 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di piena proprietà su di un alloggio di mq. 113 calpestabili con balconi, sito in Marina di Gioiosa Jonica, via Montezemolo, censito al Nuovo Catasto Edilizio e Urbano di Reggio Calabria al foglio 17,particella 253, sub 40, cat. A/3, classe 3.a, vani 6,5” PREZZO BASE: Euro 113.900,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE: per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Ing. E. FRAGOMENI) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma c.p.c.); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita è fissata per il giorno 05.02.2009, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel ter-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

23)

24)

25)

mine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto bancario; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Gioiosa Jonica e Marina di Gioiosa Jonica (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di . 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 27.03.2009 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per parteci-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

pare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. L’udienza di vendita senza incanto si terrà al fine di valutare la richiesta di riduzione ex-art. 496 cod. proc. civ., in ordine alla quale ITALFONDIARIO è espressamente invitata a formulare le sue deduzioni. Si comunichi. LOCRI, 25 luglio 2008 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 32/2008 promossa da ITALFONDIARIO S.p.A., dispone procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 07.10.2010 alle seguenti condizioni, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02.12.2010, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Luisa SORRENTI (Tel. 0964.235009). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 07 LUGLIO 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 32/2008 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Piena proprietà del fabbricato in Ardore (RC) c.da Salice 11/A, composto da un piano primo e lastrico solare, censito nel NCEU al foglio n. 30, part. 15, sub 3-5-6 PREZZO BASE: Euro 93.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE: per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. C. Minniti) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma c.p.c.); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita è fissata per il giorno 04.02.2010, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente: potrà avvalersi dell facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell’art. 41, comma V TUB (versamento alla

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

14

Giovedì 5 Agosto 2010

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

23)

banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg. dall’aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg. 50 dall’aggiudicazione, dovrà versare direttamente alla banca mutuante ITALFONDIARIO spa la parte di prezzo corrispondente al credito della medesima vanto per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo, di cui infra); a tal fine, sarà l’Istituto mutuante a comunicare tempestivamente l’importo del credito; - nel termine di gg. 60 dall’aggiudicazione docrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo della cauzione, in un libretto di deposito postale intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto di Credito; nel termine di gg.60 dall’aggiudicazione dovrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo della cauzione, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri oppure presso il Custode Giudiziario; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Ardore (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di . 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 01.04.2010 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’im-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

porto delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi. LOCRI, 03 ottobre 2009 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 24/2007 promossa da ARTINGIANCASSA - CASSA PER IL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE SpA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: “Unità immobiliare in Siderno, contrada Pantanizzi, così composta: - al piano terra, locale destinato ad attività commerciale (tappezzeria), in catasto al foglio 25, particella 1202, sub 2; - al piano terra e primo, locale destinato a civile abitazione, in catasto al foglio 25, p.lla 1202, sub 3; - al piano primo, unità in corso di costruzione, in catasto al foglio 25, p.lla 1202 sub 4; - spazio destinato a corte comune, in catasto al foglio 25, p.lla 1202, sub 1” PREZZO BASE: Euro 403.300,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato - tranne quanto sotto riportato - vedere l’ordinanza di vendita del 06.06.2009 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 07.10.2010 CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCAN-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

TO (Per quanto non indicato - tranne quanto sotto riportato - vedere l’ordinanza di vendita del 06.06.2009 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02.12.2010, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Luisa SORRENTI (Tel. 0964.235009) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 07 LUGLIO 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 24/2007 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; DISPONE a revoca di ogni precedente provvedimento, PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni (prezzi ridotti di 1/4): 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. M. BRUGNANO) da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offer-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

te valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 3.12.2009 e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Siderno e Marina di Gioiosa Jonica (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di . 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 04.02.2010 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

15

Giovedì 5 Agosto 2010 dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. … OMISSIS …. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 06 giugno 2009 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 81/1997 promossa da BANCA COMMERCIALE ITALIANA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Quota parte pari ad 1/2 di unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano fuori terra di un fabbricato a sei piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, Via Fiume 11, riportato nel NCEU alla partita 3506, foglio di mappa 31, particella 31, sub. 7, vani 10,5, cat. A2, classe 3^, reddito L. 1.680.000, in ditta … Prezzo base del lotto Euro 115.654,58 Deposito per cauzione Euro 11.565,45 Deposito per spese Euro 17.348,18 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 07/10/2010 ore 9,00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data … alle stesse condizioni con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà mediante consegna

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 11.362,05. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 07/10/2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 16.06.2010 Esatte: Euro 14,62 per bollo - Euro 10,62 per diritti IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 78/96 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO VEDI ALLEGATO L’incanto avverrà, con il prezzo indicato nell’ordinanza allegata, all’udienza DEL 7/10/2010 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data … alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: VEDI ALLEGATA ORDINANZA L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 7/10/2010 Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 24.04.2010 Esatte euro. 14,62edeuro.12,41 Il Cancelliere DESCRIZIONE LOTTO 1: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 302 (mq 14,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 0,68, r.a. euro 0,13); n. 303 (mq 42,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 2,05, r.a. euro 0,38); n. 306 (mq 20,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 1,05, r.a. euro 0,18”. Prezzo base d’asta: euro 722,00 Deposito per cauzione: euro 72,20 Deposito per spese: euro 108,30 LOTTO 2: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 308 (mq 5,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 0,26, r.a. euro 0,05); n. 309 (mq 718,00, seminativo arborato, cl. 3, r.d. euro 1,30, r.a. euro 0,70); n. 314 (mq 7,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 0,37, r.a. euro 0,06); n. 317 (mq 175,00, seminativo, cl. 1, r.d. euro 0,90, r.a. euro 0,36”. Prezzo base d’asta: euro 8.145,00 Deposito per cauzione: euro 814,50 Deposito per spese: euro 2.036,25 LOTTO 3: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 333 (mq 1.419,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 69,25, r.a. euro 12,82); n. 342 (mq 6,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 0,31, r.a. euro 0,05); n. 345 (mq 186,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 9,08, r.a. euro 1,68)”. Prezzo base d’asta: euro 14.499,00

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

Deposito per cauzione: euro 1.449,90 Deposito per spese: euro 2.174,85 LOTTO N. 4: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 354 (mq 363,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 19,03, r.a. euro 3,28); n. 356 (mq 1.121,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 58,76, r.a. euro 10,13)”. Prezzo base d’asta: euro 13.356,00 Deposito per cauzione: euro 1.335,60 Deposito per spese: euro 2.003,40 LOTTO N. 5: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 358 (mq 26,00, seminativo arborato, cl. 3, r.d. euro 0,05, r.a. euro 0,03); n. 361 (mq 11,00, seminativo arborato, cl. 3, r.d. euro 0,02, r.a. euro 0,01); n. 363 (mq 101,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 5,29, r.a. euro 0,91)”. Prezzo base d’asta: euro 1.242,00 Deposito per cauzione: euro 124,20 Deposito per spese: euro 310,50 LOTTO N. 6: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 384 (mq 85,00, incolto/sterr.,); n. 385 (mq 582,00, incolto/sterr.); n. 387 (mq 2.378,00, incolto/sterr.)” Prezzo base d’asta: euro 31.972,50 Deposito per cauzione: euro 3.197,25 Deposito per spese: euro 4.795,88 LOTTO N. 7: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particelle n. 389 (mq 21,00, incolto/sterr.,); n. 390 (mq 352,00, incolto/sterr.)” Prezzo base d’asta: euro 3.916,50 Deposito per cauzione: euro 391,65 Deposito per spese: euro 587,48 LOTTO N. 8: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particella n. 257 (mq 50,00, seminativo, cl. 1, r.d. euro 0,26, r.a. euro 0,10)”. Prezzo base d’asta: euro 450,00 Deposito per cauzione: euro 45,00 Deposito per spese: euro 67,50 LOTTO N. 9: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particella n. 297 (mq 370,00, vigneto, cl. 1, r.d. euro 3,15, r.a. euro 1,72)”. Prezzo base d’asta: euro 3.515,00 Deposito per cauzione: euro 351,50 Deposito per spese: euro 527,25 LOTTO N. 10: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particella n. 307 (mq 172,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 9,02, r.a. euro 1,55)”. Prezzo base d’asta: euro 1.634,00 Deposito per cauzione: euro 163,40 Deposito per spese: euro 408,50 LOTTO N. 11: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particella n. 350 (mq 655,00, vigneto, cl. 1, r.d. euro 5,58, r.a. euro 3,04)”. Prezzo base d’asta: euro 6.222,50 Deposito per cauzione: euro 622,25 Deposito per spese: euro 933,38 LOTTO N. 12: “quota di 1/3 del diritto di proprietà, sul terreno sito nel Comune di Bovalino (RC), riportato nel catasto terreni al foglio di mappa n. 20, particella n. 353 (mq 2.183,00, agrumeto, cl. 1, r.d. euro 114,43, r.a. euro 19,73)”. Prezzo base d’asta: euro 20.738,50 Deposito per cauzione: euro 2.073,85 Deposito per spese: euro 3.110,78 Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: a) l’immobile pignorato sarà posto all’incanto nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. A. Pucci) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione ed alla effettiva consistenza dei beni pignorati; b) le offerte in aumento non potranno essere infe-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

riori ad: euro 30,00 per il lotto 1; euro 250,00 per il lotto 2; euro 400,00 per il lotto 3; euro 400,00 per il lotto 4; euro 40,00 per il lotto 5; euro 900,00 per il lotto 6; euro 120,00 per il lotto 7; euro 20,00 per il lotto 8; euro 100,00 per il lotto 9; euro 50,00 per il lotto 10; euro 180,00 per il lotto 11; euro 600,00 per il lotto 12; c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d’asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari- di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; d) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale, e nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita Iva; in tale istanza dovrà anche essere indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; e) l’aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri ai sensi dell’art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/6 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 c.p.c.) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 25% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi per il 10% a cauzione e per il 15% a spese di vendita; g) l’aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi istituto bancario; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II c.p.c.; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell’incanto. La presente ordinanza dovrà essere affissa all’albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 c.p.c. - e pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Locri, Gerace, Antonimina e Bovalino (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius) almeno venti giorni antecedenti la vendita a cura del creditore procedente. In particolate: - 1. fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria entro e non oltre 10 gg prima dell’udienza di vendita; - 2. l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del tribunale, al n. 096420732 Fissa per il 6.4.2006 l’udienza di rinvio per il prosieguo della procedura. Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di competenza. Locri, 10.07.2005 Il Giudice dell’Esecuzione Dott. Davide Lauro

Info 0961 996802


16

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Alcuni dettagli sulle agevolazione prima casa I cinque anni che devono trascorrere per non perdere il beneficio decorrono dal rogito La nota II bis dell’articolo 1 della Tariffa, parte prima, del Testo unico del registro (Tur) approvato con il Dpr 131/1986 consente al contribuente persona fisica di usufruire, al ricorrere di determinati requisiti, di una riduzione dell’imposta di registro (o dell’Iva) e delle imposte ipotecarie e catastali dovute in caso di trasferimento di abitazioni non di lusso. In particolare, l’agevolazione prima casa consente di applicare: l’ imposta di registro con l’aliquota del 3% in luogo di quella ordinaria del 7%; le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa (ciascuna 168,00 euro) in luogo rispettivamente del 2 o dell’1%. In virtù del principio di alternatività tra l’imposta sul valore aggiunto e l’imposta di registro (articolo 40 del Tur), nel caso di cessione effettuata da imprese costruttrici e assimilate (soggetto Iva) il beneficio in parola si concretizza nel pagamento dell’ imposta sul valore aggiunto con l’aliquota del

4% in luogo di quella ordinaria del 10%. Per fruire dell’agevolazione in parola devono essere soddisfatti contemporaneamente requisiti di carattere soggettivo ed oggettivo. In particolare: a) requisito della tipologia dell’immobile trasferito: l’immobile trasferito deve essere una casa di abitazione avente caratteristiche non di lusso ai sensi del Dm 2 agosto 1969; b) requisito dell’ubicazione dell’immobile: l’immobile deve essere situato, alternativamente, nel comune in cui l’acquirente, entro diciotto mesi dall’acquisto: ha o stabilisce la propria residenza; svolge la propria attività; se trasferito all’estero per ragioni di lavoro, ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipende; ovvero se l’acquirente è un cittadino italiano emigrato all’estero l’immobile deve essere acquistato come prima casa sul territorio nazionale; c) requisito dell’assenza di altri diritti reali vantati su immobili ubicati nello stesso comune: l’acquirente

non deve essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l’immobile da acquistare; d) requisito della novità: l’acquirente non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale di diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni prima casa che si sono succedute nel tempo. Possono accedere all’agevolazione prima casa le persone fisiche, che effettuano l’acquisto non nell’esercizio di arte, professione o d’impresa. L’agevolazione si applica quindi esclusivamente ad atti riferiti ad un immobile destinato ad uso abitatiGiuseppe Tetto

Termini di agosto, la proroga è ufficiale

Appalti: certificazione requisiti fiscali I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate in merito alla certificazione dei requisiti fiscali a seguito dell’adeguamento al Codice dei contratti pubblici

L’Agenzia delle Entrate ha affrontato il problema della modalità di certificazione dei requisiti fiscali in allineamento al Codice dei contratti pubblici, per la partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori. L’Agenzia delle Entrate, nell’ottica di uniformare l’attività degli uffici incaricati in merito alla redazione dei modelli di certificazione in adeguamento alle disposizioni del Codice dei contratti pubblici, chiarisce che, per le richieste avanzate ai sensi dell’ articolo 38 del D.Lgs. 163/2006, nel modello di certificazione dei requisiti fiscali, si devono indicare soltanto le violazioni degli obblighi di pagamento delle imposte e tasse che siano definitivamente accertate, rimanendo comunque valido il modello attualmente in uso. Il Codice dei contratti pubblici, entrato in vigo-

re a luglio 2006, contiene la disciplina dei contratti delle stazioni appaltanti degli enti e dei soggetti aggiudicatori per l’acquisizione dei servizi,prodotti, lavori e opere pubbliche. L’obiettivo principale è quello di garantire che l’affidamento e l’esecuzione dei lavori, venga svolto nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, correttezza e nel rispetto della concorrenza, della trasparenza e della proporzionalità. L’articolo 38, comma 1, lettera g), del Codice dei Contratti Pubblici dispone, l’esclusione dalla partecipazione alle citate procedure di affidamento dei lavori, per i soggetti "che hanno commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti". L’attestazione del possesso dei requisiti richiesti, può essere fornita mediante dichiarazione sostitutiva, in conformità alle disposizioni del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, fermo restando il controllo da parte delle amministrazioni procedenti in relazione alla veridicità delle dichiarazioni sostitutive. Le stazioni appaltanti (destinatari della dichiarazione sostitutiva), possono richiedere alla Agenzia delle Entrate, conferma scritta della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei registri custoditi dalla stessa. Tali sviluppi, hanno individuato la necessità di predeterminare delle forme di comunicazione tra Amministrazione Fiscale e stazione appaltanti, con specifico riferimento anche alle tipologie di informazioni che l’Amministrazione è tenuta a rilasciare. DT

E’ ufficiale la proroga di Ferragosto. E’ infatti arrivata ieri la pubblicazione sulla GU del Dpcm del 27 luglio che concede la tregua fiscale di 19 giorni modificando le scadenze in agenda dal 1° al 20 agosto. A beneficiare della pausa sono i sostituti d’imposta che devono presentare in via telematica i modelli 770 semplificato e ordinario. Lo spostamento fino al 20 agosto riguarda anche i ravvedimenti collegati alla presentazione dei modelli 770, nonché gli adempimenti e i versamenti con il modello F24 che erano in scadenza il 2 agosto. Confermata la scadenza del 5 agosto per i contribuenti interessati dagli studi di settore.Pertanto, questi contribuenti sono chiamati alla cassa, entro domani, per eseguire i versamenti risultanti da Unico 2010, compreso il primo acconto per il 2010, con la maggiorazione dello 0,40%. Gli adempimenti fiscali e i versamenti con l’F24 in scadenza il 31 luglio, comprese lerate di Unico 2010, la presentazione online dei modelli 770 o i versamenti da ravvedimento relativi al 770, beneficiano di una doppia proroga: scadono il 2 agosto, in quanto il 31 luglio è sabato e il 1° agosto è domenica, si differiscono poi al 20 agosto in quanto gli adempimenti fiscali in scadenza dal 1° al 20 agosto possono essereeffettuatientroil20agosto. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 17

BANDI & AVVISI DI GARA

Lavori di realizzazione del Centro didattico multifunzionale dell’Università della Calabria-I Stralcio Ente appaltante : Università della Calabria Termine ultimo per la ricezione delle offerte: giorno 21 settembre 2010 ora 12,00. Pubblicazione: G.U.R.I. n.87 del 30.07.2010 Contatti : per informazioni: Ing. Roberto Scornajenghi (R.U.P.) tel.0984493805 roberto.scornajenghi@unical.it Dott.Vincenzo Di Matteo (Responsabile Area Attività Negoziali) tel.0984493755 vincenzo.dimatteo@unical.it 1.Amministrazione aggiudicatrice: Università della Calabria - via P. Bucci - Arcavacata di Rende - tel 0984-493755; fax 0984-493982 - www.unical.it 2.Procedura di aggiudicazione prescelta: aperta ai sensi degli artt. 3 c. 37, 54, 55, 122, comma 9, ed 82 del D.lgs 12/04/2006 n. 163. 3. Luogo di esecuzione dei lavori: Comune di Rende (Cs). 4.Descrizione dell’appalto: esecuzione dei lavori relativi al primo stralcio del progetto di realizzazione del Centro Didattico Multifunzionale, in localita’ Arcavacata di Rende (CS) - CIG 05101458F6; CPV 45210000-2 5. Importo complessivo dell’appalto: Euro 998.604,96 IVA esclusa, di cui: - € 968.421,98 per lavori a corpo soggetti a ribasso; - € 30.182,98 per oneri per la sicurezza, non soggetti a ribasso 6. Termine ultimo per la realizzazione dei lavori giorni: 270 naturali e consecutivi decorrenti dalla data di consegna. 7.Divieto di varianti 8. Modalità di determinazione del corrispettivo: a corpo, ai sensi dell’art. 53, comma 4, del D.Lgs 163/2006. 9. Penale e premi di accelerazione: la penale pecuniaria di cui all’art. 22 del capitolato generale rimane stabilita nella decurtazione dello 0,5 per mille dell’importo dei lavori per ogni giorno di ritardo oltre il termine sopradetto, ai sensi dell’art. 17 del capitolato speciale d’appalto. Non è previsto alcun premio di accelerazione. 10. Eventuali condizioni particolari cui è soggetta la realizzazione dell’appalto: L’impresa aggiudicataria, nel reclutare la manodopera da impiegare nell’esecuzione dei lavori aggiudicati a seguito della presente procedura, dovrà, sino alla concorrenza delle unità lavorative necessarie, assumere i lavoratori in possesso della relativa qualifica, utilizzando, in via prioritaria, l’elenco depositato presso la Prefettura di Cosenza. L’individuazione di tali lavoratori avverrà a cura degli Uffici della stessa Prefettura, nel rispetto dei criteri di cui all’art. 5, comma 1, della legge n. 223/1991. L’obbligo predetto si intenderà assolto ove la richiesta di assunzione, rivolta agli interessati per una sola volta, sia rifiutata o non formalmente accettata nel termine di dieci giorni, naturali e consecutivi. 11.Indirizzo del servizio presso il quale è possibile ottenere il capitolato d’oneri ed i documenti complementari: il progetto e la documentazione di gara sono disponibili sul sito www.unical.it (Avvisi di gara). 12 Termine ultimo per la ricezione delle offerte: giorno 21 SETTEMBRE 2010 ora 12,00. 13 Indirizzo cui devono essere trasmesse le offerte:

Università della Calabria - Ufficio Protocollo Generale - via P. Bucci - Arcavacata di Rende. 14. Lingua in cui devono essere redatte le offerte: italiano. 15 Persone ammesse ad assistere alla apertura delle offerte: chiunque può assistere allo svolgimento della gara, ma soltanto i legali rappresentanti dei concorrenti o persone munite di procura dei medesimi potranno rilasciare dichiarazioni a verbale. 16 Data ora e luogo di apertura delle offerte: prima seduta pubblica il giorno 22 SETTEMBRE 2010 alle ore 10,30, presso la sede dell’Amministrazione centrale dell’Università della Calabria (II piano - Area Attività Negoziali) - via Pietro Bucci - Arcavacata di Rende. 17 Cauzioni e garanzie richieste: L’offerta dei concorrenti deve essere corredata da una cauzione provvisoria di € 19.972,10 pari al 2% dell’importo complessivo dell’appalto (importo dei lavori comprensivo degli oneri di sicurezza), costituita con le modalità e nel rispetto delle prescrizioni di cui all’art. 75 del D.lgs 12.04.2006, n. 163. L’importo della garanzia è ridotto del 50% per gli operatori economici in possesso delle certificazione di cui al comma 7 dell’articolo sopraccitato. - L’aggiudicatario deve prestare cauzione definitiva nella misura e nei modi previsti dall’art. 113 del Dlgs 12.04.2006, n. 163. L’esecutore dei lavori dovrà stipulare e consegnare a questa Amministrazione: 1) una polizza assicurativa, ex art. 129, comma 1 del Dlgs 12.04.2006, n. 163, che tenga indenne la stazione appaltante da tutti i rischi di esecuzione da qualsiasi causa determinati per un importo garantito di Euro 500.000,00 (CAR), valida ed efficace fino alla data di emissione del certificato di regolare esecuzione o di collaudo; 2) polizza assicurativa a copertura delle responsabilità civile per danni causati a terzi nel corso dell’esecuzione dei lavori (RCT) per un importo garantito di euro 500.000,00, valida ed efficace fino alla data di emissione del certificato di regolare esecuzione o di collaudo. 18.Modalità essenziali di finanziamento e di pagamento e/o riferimenti alle disposizioni in materia: disposizioni in materia:l’appalto è finanziato con fondi del bilancio dell’Università della Calabria. Le rate di acconto saranno pagate secondo le modalità previste nell’art.22 del capitolato speciale d’appalto. 19.Categoria delle opere da realizzare: la categoria SOA prevalente è la OG1 per un importo di Euro 939.605,61 (97,02%) classifica III; la categoria SOA scorporabile/subappaltabile è la OS3 per un importo di Euro 28.816,37 (2,98%) classifica I. 20. Condizioni minime di carattere economico e tecnico necessarie per la partecipazione: i concorrenti dovranno possedere attestazione di qualificazione, rilasciata da società di attestazione (SOA) ex D.P.R. 34/2000 ss.mm.ii. regolarmente autorizzata, in corso di validità, che documenti il possesso della qualificazione nella categoria e classifica adeguate, ex art. 95 del D.P.R. 554/99 e ss.mm.ii., ai lavori da assumere e produrne copia originale o conforme all’originale

*Su richiesta di alcuni lettori, oggi ripubblichiamo. Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Amministrazioni Varie"


18

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

ENTI LOCALI & PA

di Giulio Crocitti

Personale diplomatico: accordo Ministero della Pa e sindacati per biennio 2008-2009 Sottoscritto accordo fra il ministro Brunetta e i sindacati (Sndmae e Fp Cgil)riguardante il biennio 2008 - 2009 relativamente al servizio prestato in Italia.L’accordo concerne sia gli aspetti giuridici che economici del citato biennio, in attuazione della modifica legislativa di cui all’articolo 63 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, che, al fine di garantire il parallelismo temporale della disciplina della carriera diplomatica rispetto a quella degli altri comparti del settore pubblico, dispone che il decreto del Presidente della Repubblica emanato in riferimento al quadriennio normati-

vo 2008 - 2011 ha durata limitata al biennio 2008 2009 anche per gli aspetti giuridici. Per la parte economica, l’accordo, in linea anche con la manovra finanziaria, convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, attribuisce alla categoria incrementi retributivi medi a regime pari al 3,2%.Con questa sottoscrizione, cui seguirà l’approvazione da parte del Cdm e l’emanazione del decreto di recepimento del Presidente della Repubblica, al personale diplomatico sarà riconosciuto un aumento retributivo pari a circa 214 euro lordi medi mensili a regime pro capite. DT

Nasce il nuovo portale "Italia.gov.it", il motore dell’Amministrazione Digitale. A presentarlo nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Vidoni, il capo di Gabinetto del ministro Brunetta, Carlo Deodato, il commissario straordinario di DigitPA Fabio Pistella, il direttore generale di DigitPA Giorgio De Rita e il presidente di FormezPA Carlo Flamment. Italia.gov.it è un motore di ricerca e una directory intelligente dei siti web pubblici in grado di facilitare e mettere in relazione migliaia di servizi digitali e informazioni offerti dalle Pubbliche amministrazioni attraverso Internet. Il motore della Amministrazione Digitale, grazie a sistemi di gestione dedicati e alla partecipazione dei "Clienti digitali", è anche un motore di cambiamento dei servizi via web per governare e migliorare la capacità delle amministrazioni pubbliche di utilizzare la tecnologia della comunicazione. Il sito nasce sull’esperienza del "Portale del Cittadino" (avviato nel 2002 dal Comitato dei Ministri per la Società dell’Informazione), strumento ormai superato sia dalle versioni del web 2.0 sia dalla comples-

"Italia.gov.it": prende il via il motore digitale della Pa

sità e dalla vastità della comunicazione pubblica via internet. Nato come luogo diraccoltadelleinformazionicontenute all’interno dei siti istituzionali e orientato prevalentemente alle famiglie, il vecchio portale non era più in grado di seguire con tempestività ed efficienza le informazioni da elaborare e restituirle in modo coerente e affidabile. "Italia.gov.it" si propone come il

"Motore della Amministrazione Digitale" e offre a tutti gli utenti del web collegamenti e strumenti di ricerca per ottenere con facilità e sicurezza tutte le informazioni desiderate e i servizi telematici offerti dalle Pa.Il sito è in costante aggiornamento sia del dominio di ricerca che dei contenuti e delle tecnologie, grazie ad un gruppo di lavoro interno alla amministrazione pubblica.

Attivo il call center per la trasmissione digitale dei certificati di malattia di Daniele Tosatti Il ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Vidoni, ha aggiornato l’andamento del nuovo servizio di spedizione digitale dei certificati di malattia. Dallo scorso 1 gennaio le domande per il riconoscimento dello stato di invalidità sono obbligatoriamente presentate Dallo scorso 1 all’Inps per via telematica, mengennaio le domande tre a partire dal 3 aprile è stato attiper il riconoscimento vato anche il sidello stato di invalidità stemaditrasmison-line dei sono obbligatoriamente sione certificatimedici di malattia dei presentate all’Inps per lavoratori del via telematica, mentre settore pubblico e privato. In 19 a partire dal 3 aprile tra Regioni e Province è stato attivato anche autonome il siil sistema di stema si basa su un applicativo trasmissione on-line nazionale reso disponibile da Sogei. In Lombardia è invece operativa una piattaforma specifica regionale in grado di dialogare con il sistema centrale,

Renato Brunetta

in via di adozione anche in Friuli Venezia Giulia. Il sistema consente al medico di inviare il certificato di malattia compilando una semplice pagina web oppure utilizzando i software gestionali più diffusi. Sul totale di 67.727 medici di famiglia

presenti sull’intero territorio nazionale, il 35% è già abilitato al servizio, a cui va aggiunto il 25% degli altri medici del SSN (circa 125mila). Al servizio invece non è ancora abilitato alcun medico privato. Il totale dei certificati spediti per via telematica nei

primi 4 mesi di attivazione è di 148.272. I lavoratori dipendenti a cui viene rilasciato il certificato di malattia sono circa 17 milioni (3,5 milioni del settore pubblico). Ogni anno le assenze per malattia di questi lavoratori hanno dato luogo a circa 50 milioni di certificati e altrettanti attestati che devono essere spediti tramite raccomandata A/R o fax e conservati negli archivi; l’Inps destina 500 persone alle operazioni di data Sul totale di 67.727 entry per il so- medici di famiglia lo settore pripresenti sull’intero vato. Tenendoconto che il costo per territorio nazionale, il 35% la collettività è già abilitato al servizio, dovuto alla a cui va aggiunto il 25% gestione dell’intero cicdegli altri medici del lo(dallacomunicazione Ssn (circa 125mila). all’arAl servizio invece non è chiviazione) ammonta ancora abilitato mediamente a circa 10 euro alcun medico privato per certificato, è facilmente intuibile come l’operazione "certificati digitali" consente un risparmio per la collettività per oltre 500 milioni di euro.


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE Quello che ha detto Berlusconi alla cena di martedì sera secondo la Lorenzin

Se dovessero mancare i numeri si andrà al voto di U. Di Giacomo ROMA - Nel corso della cena su cui riferiamo in prima pagina, Silvio Berlusconi ha espresso tutto il suo dispiacere per la decisione del cofondatore del Pdl Gianfranco Fini di formare gruppi autonomi, come aveva minacciato già alcuni mesi fa: «Non va da nessuna parte, i cittadini hanno scelto il bipolarismo», la sua fine sarebbe un "passo indietro", un ritorno al "teatrino della Prima Repubblica". Ma il premier è apparso altrettanto determinato ad andare avanti. Considera la scelta dell’astensione su Caliendo "senza senso", "pretestuosa", la dimostrazione della volontà di indebolire il governo e della ricerca di pretesti di rottura. "Manovre di palazzo" da "irresponsabili" concordare una posizione comune con pezzi della minoranza. Berlusconi ha fatto capire anche di non cercare incidenti di percorso per andare al voto. Il motivo della rottura dovrà essere politico, riguardare cioè il programma di governo. Incidenti su altre questioni non determineranno

una crisi. È sull’attuazione del programma, per esempio su temi come il processo breve, che il premier aspetta al varco i ’finiani’, consapevole delle "difformità di vedute". Il ragionamento politico del presidente Berlusconi, ha spiegato Beatrice Lorenzin, è che il governo andrà avanti finché avrà i numeri. Se dovessero mancare, c’è solo il voto, perché qualsiasi altra soluzione falserebbe la volontà degli elettori. Ma sono decisioni che il premier non prenderà da solo, ha precisato. E su questa linea è pienamente solidale la Lega, ha assicurato Berlusconi alle deputate presenti. Come confermano anche le parole dei capigruppo del Carroccio alla Camera e al Senato, e del ministro dell’Interno Maroni: niente ribaltoni, governi tecnici o di larghe intese. Maroni è stato tranciante al riguardo: se cade il governo si torna al voto, non c’è nessuno spazio per altri esecutivi. «Non ci sono alternative al

Beatrice Lorenzin

voto anticipato. La novità per l’Italia è che si voterà a ottobre o novembre, ma cambia poco». Secondo il titolare del Viminale «non esiste una maggioranza diversa da quella che hanno voluto gli elettori, è irrealizzabile. Non c’è spazio per questi giochetti. Senza la Lega non si va da nessuna parte, anche perché al Senato (dove i finiani hanno faticosamente raggiunto quota dieci, con la quale han-

Il ragionamento politico del presidente Berlusconi, ha spiegato Beatrice Lorenzin, è che il governo andrà avanti finché avrà i numeri. Se mancassero, c’è solo il voto

Anche nell’evenienza di un possibile voto anticipato, Berlusconi ha confermato durante la cena di volersi dedicare tutta l’estate a mettere mano al partito

no potuto formare un gruppo ma non insidiare la maggioranza Pdl-Carroccio, ndr) un qualsiasi altro governo non potrebbe mai prendere la fiducia». Anche nell’evenienza di un possibile voto anticipato, Berlusconi ha confermato durante la cena di volersi dedicare tutta l’estate a mettere mano al partito, per ristrutturarlo in modo più capillare, da grande comitato elettorale, all’americana. Si è detto deluso anche da Casini («ha perso una grande opportunità»), ribadendo invece di essere legato ad Umberto Bossi con un "patto di ferro" e che non teme affatto di essere "tradito". La cena con le deputate organizzata, come la precedente, da Maria Rosaria Rossi, che si è anche occupata della torta (a forma di Italia con al centro la scritta «Meno male che Silvio c’è») - è stata "un’occasione importantissima per un ragionamento a tutto tondo con il presidente", ha commentato la Lorenzin. Quanto al significato politico della convergenza pro-astensione definita tra "Futuro e Libertà per l’Italia", Udc, Mpa e Api, sono gli stessi protagonisti dell’accordo - per esempio il finiano Italo Bocchino - a diffidare da considerazioni sulla nascita di un "terzo polo". I finiani assicurano che la scelta a favore del bipolarismo resta inalterata. Sul rapporto con i centristi Fini è stato categorigo: «Nessuno è autorizzato, perchè non è la mia idea nè il mio progetto - ha detto ai parlamentari del gruppo Fli nella corso della cena ospitata dalla fondazione Farefuturo - a parlare della rinunione come si trattasse di prove di terzo polo».

I favorevoli - su 603 presenti - sono stati 229, ma 299 i contrari, e 75 gli astenuti

Caliendo: la Camera respinge la sfiducia dopo la rissa di Carlo Bassi ROMA - Quasi rissa alla Camera nel dibattito sulla sfiducia al sottosegretario alla Giustizia, ma il voto alla fine non ha lasciato dubbi: nonostante la posizione dei finiani, astenuti, la vittoria dell’esecutivo è stata netta: La Camera ha respinto la mozione di sfiducia presentata da Pd e Idv contro il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo con 229 voti favorevoli - su 603 presenti - ma 299 i contrari, e 75 gli astenuti. La maggioranza era di 265 voti, alla quale il governo è arrivato anche senza gli astenuti. «Riteniamo che il sottosegretario Caliendo debba continuare a svolgere il suo lavoro col proficuo impegno con cui l’ha svolto fino a oggi. Consideriamo Caliendo un uomo di governo che non si è mai sottratto ai doveri propri del suo ufficio e che mai ha agito contrariamente a essi». Lo ha detto nell’aula della Camera il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, motivando il no del governo alla mozione contro Caliendo

presentata da Pd e Italia dei valori. Alfano ha elogiato l’intervento del deputato Pdl Manlio Contento, il quale a proposito dell’inchiesta «con efficacia ha voluto affermare che non c’è niente, che financo la P3 sia probabilmente frutto di una costruzione di alcuni pm e di una certa sinistra che accusa in base a quella costruzione». Alfano contesta al Pd di avere presentato una mozione che oggi sostiene "a prescindere" dall’inchiesta. Col che i democrat dimostrano che ritengono l’inchiesta «strumentale e debole - altrimenti insistereste sull’indagine». Per il Guardasigilli, in gioco non c’è solo il destino di Caliendo ma anche il principio per cui ogni cittadino - compreso chi è eletto in Parlamento o riveste incarichi di governo .- è presunto innocente. Un principio da coniugare col rispetto per le istituzioni, con l’idea di legalità. Ma l’idea di legalità «va trovata nella Costituzione, nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo», non nelle inchieste di certa magistratura e nell’iscrizione nel registro degli indagati che ne può conseguire. A quanti - fi-

niani, Udc, Mpa, rutelliani - si accingono all’astensione, Alfano ricorda: «Sui principi non ci si può astenere, ci si astiene sulle leggi, ci si astiene sui provvedimenti ma non sui principi». Perché aggiunge il ministro - «difendendo questi principi difendiamo la legalità repubblicana e la nostra Costituzione". Per Alfano, la discussione di oggi "investe qualcosa di più grande: il rapporto che deve esistere tra le istituzioni elette sorrette dalla sovranità popolare, e l’azione libera, autonoma e indipendente di altri ordini». Da salvaguardare è anche «l’autonomia di un parlamento libero e sovrano», il ruolo di un sottosegretario che va tutelato rispetto a «qualcosa giudicata da tanti una fumisteria».L’Italia dei Valori ha definito «gravissime» le parole del ministro Alfano sulla consistenza della inchiesta sulla P3 condotta dalla Procura di Roma, pronunciate nell’aula di Montecitorio a difesa del sottosegretario Giacomo Caliendo. «Le parole del ministro Alfano - ha denunciato il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando - sono gravissime ed eversive. Il

ministro della Giustizia forse si dimenticato che ha giurato sulla Costituzione nelle mani del presidente della Repubblica. Il Guardasigilli dovrebbe essere il primo difensore dei giudici invece li attacca comportandosi come il peggiore degli avvocati difensori. E uno dei simboli peggiori di questo governo, un esecutivo che protegge la casta e la cricca».


20

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

SPECIALE Ibrahimovic e Silvio clamoroso a San Siro Un "contatto segreto" telefonico fra Zlatan Ibrahimovic e Silvio Berlusconi sull’ipotesi di un passaggio dell’attaccante svedese dal Barça al Milan. Lo dice la stampa spagnola. Il giocatore avrebbe parlato personalmente con Berlusconi per spiegargli la situazione e discutere delle opzioni che gli consentirebbero di finire con la maglia rossonera nella nuova stagione.


GiovedĂŹ 05 Agosto 2010

il Domani 21

SPECIALE Belen e Corona? Dormono insieme... Tira e molla senza fine. Eppure le vicende di Belen Rodriguez e Fabrizio Corona non finiscono mai di stancare. Si sono lasciati: lui le ha messo le valigie in strada, lei ha detto di voler rompere per sempre. Ma poi ci hanno ripensato. "Oggi" li ha seguiti a Milano per un intero weekend. La notizia certa è che la coppia ha ripreso a dormire insieme.


22

il Domani

201oL1i6uVlgrdneì

Giovedì 05 Agosto 2010

ECONOMIA NAZIONALE

li Domani

P R IM O P IA N O

ha poi anticipato la nomina Errani: i tagli sono squilibrati, non interrom piam o il lavoro che stiam omonti facendo del presidente della Consob, per «In autunno, applicando

Tremonti: non ci saranno M anovra, le R egioni non m ollano altre manovre in autunno m a abbassano i toni col G overno

la quale settimane fa veniva dato in pole position l’attuale presidente dell’Antitrust Antonio Catricalà. Incerti ancora i tempi per il nuovo ministro dello Sviluppo economico: «Verrà anche il mini-

di Carlo Bassi

ROMA - Non sembra che di Andrea M l’attuale orrone clima politico stia deteriorando il debito sovrano italiano e in R O Mnon A - La m anovra com incia a essere discussa autunno ci sarà nessun proin Parlam ento, m a le R egioni non m ollano e blema per l’attuale governo e nescontinuano a cercare di essere soddisfatte nelle suna nuova manovra. Lo ha detto loro richieste: «D a qui a quando arriveranno le il ministro dell’Economia, Giulio conseguenze di questa m anovra ci sarà tem po di Tremonti, in una lunga intervista lavorare; nonharinunciam al Sole 24 Ore noi in cui preferito o a cercare di cam biarla». C osì si è espresso il presidente della C onnoncommentarel’ipotesidiquesferenza delle R egioni, V asco ti giorni di un governo di larghe E rrani, arrivando sede della C onferenza per intese da lui guidatoieri peralla superare VascoEarni l’inizio dei lavori. E rrani continua lo stallo«Da politico. «Io faccio, e con Errani: un certo impegno,a m il antenere ministroferm a la sua linea: «I sono nel squilibrati», ha ripetu- non viene quindi conferm ata da nessuno, anche quidell’Economia a quandoe delletagli Finanze to. R oberto governo Berlusconi e proprio per C ota, G overnatore se i toni la lasciano sem pre "annusare". Anche arriveranno le delOre dall’altra parte del tavolo sono arrivati com autunno, applicando la riforPiem onte, ha«In invece espresso questo con il Sole-24 vorrei piacim enti per l’atteggiam ento costruttivo delle ma della legge di bilancio, avresoddisfazione: «È un docum ento parlare di economia», esordisce. conseguenze R egioni. mo solo la Finanziaria tabellare, positivo: non si parla più di restiPoi aggiunge: «Vedrà che non ci Il msolo inistro nel senso che riportarà le ta-dei R apporti con le R egioni R affaele tuzione delle deleghe e si im posta della m anovra saranno eventi negativi sul goverFitto ha detto: «Saluto con favore la ritrovata belle di bilancio. E dunque non si il confronto con il G overno in in autunno». Il divorzio tra Silci no sarà tem po unità di intenti delle R egioni nella prosecuzione aspetti né una manovra né una m odo costruttivo, non con un vio Berlusconi e Gianfranco Fini L’aumento del diun confronto costruttivo con il G overno che contromanovra», ha detto Trem uro contro m uro: questa è la via la prospettiva di una fine anticidi elavorare» Prodotto internonon lordo perlaparte sua, a questo confronto, ha m ai monti, precisando manovdanon seguire». R oberto For- che pata della legislatura rischiaM entre fatto m ancare la propria piena disponibilità». per il 2010 previsto ra fatta è a partire dal 2011. Il mim igoni, G overnatore della Lom di destabilizzare l’Italia sui meremdell’Economia ente dalla C onfenistro ha Rconfermato stime diassunte va cauto: «Le egioni Leledecisioni dalunanim ministro cati del debito.«Labardia, curva degli renza delle R egioni sono, secondo crescita per il 2010 all’1,1%. «Ad continuano a m arciare unite e a ritenere insostespread dell’Italia è da tempo nella Giulio Tremontilui, una buona notizia che si aggiunge a quella altrettanoggi non abbiamo ragioni per nibile questa m anovra. Poi chiediam oal governo norma e nella media europea. nell’intervista to im portante per il sistem a paese rappresentata correggere quell’1,1 sul 2010. Per di aprire finalm ente il tavolo sul federalism o». Ieri era a un tranquillo 127», dice dal voto favorevole del Senato alla m anovra. il 2011 vedremo» ha detto. TreLa dicotom ia tra leghisti e resto della ciurm a Tremonti.

1,1%

5

la riforma della legge di bilancio, avremo solo la Finanziaria tabellare, nel senso che riporterà solo le tabelle di bilancio»

Filippelli: il Pdl punta sui giovani per le am m inistrative

CO SEN ZA - Il centrodestra si prepara alle nato il decreto sul fisco municipaam m inistrative del prossim o anno e con i le: cedolare al 25% sugli afm igliori auspici. «Siamsecca o pronti a conquistafitti, più Ctasse sulla prima re i com uni di Cmai osenza, rotone e C atanzacasa ee aliquote sulle com-in ro alle prossim elezioni ridotte am m inistrative C alabria pravendite. con nostri candidati a sostegno cosiddetti Tremonti il delle liste Sui di centrodestra. U ltim o bond atto per ministro ha detto che in Italia non spazzare definitivam ente il Pd e il centrosici sonoterra». rischi.Lo «Allo stato sembra nistra da questa ha afferm ato M iche in Italia non cidel siano rischi e chele Filippelli, presidente m ovim ento che quindi non ci sarà domanda politico "Scom ode Presenze". «Sindaci coper iPerugini bond. Meglio, molto- meglio m e Salvatore - prosegue m eritacosì. Di certo il fatto che bocciati l’anno no di essere ricandidati e di essere scorso fossero disponibili stato da un popolo feroce che per cinque èanni ha un importante fattore antistress». dovuto subire l’incapacità am m inistrativa, la Fiat. e«L’ideale è avere la paralisiInfine burocratica l’inefficienza dei stro dello Sviluppo economico tanto la fabbrica perfetta quanto i sem plici servizi a causa di una scelta scelleLasarei dicotom ia serata ma contraddittorio noneledi rinnovata diritti perfetti. Il reale è un po’ fiducia». dicessi che per me un ministro diverso.con Ed èPeppe reale ilScopelliti rischio chealla si C om e avvenuto coi leghisti dello Sviluppo c’è già ed èRquello i diritti ma si perda la egione, conservino secondo Filippelli, anche questa della posto nonSemplificazione», viene fabbrica voltari-il Pdl troverà emigrata candidati altrove», a sindacohadi coperto dal leghista Roberto Cal- età detto Tremonti. «Questo è il nogiovane e di alta professionalità con conferm ataassicura che il ri- stro problema. E la soluzione non deroli. Tremonti qualità m orali al di sopra di ogni sospetto. corso urne può con essere può uni, esm a ialle toni la non interrompe«Solo, infatti, unamassimalista, sinergia tra com rebbe l’iter di realizzazioneregione del fe- e sere solo riformista, complessa e governo nazionale - ha concluso deralismo lascianofiscale dal momento difficile da gestiFilippelli -oggettivamente si potrà continuare a realizzare che «le deleghe sopravvivono re: quanto dei che diritti "perfetti" è quelalle progetto di rilancio punta a rende"annusare" legislature e ai governi». Ieri in- solo compatibile la globalizare, non sulla carta,con la C alabria regione tanto il Consiglio dei ministri zione?". d’Epreuropa». visto per il pomeriggio ha esami-


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 23

ECONOMIA, BANCHE E BORSE Per ora dà ragione al Tar e torto al Governo ma tornerà sulla decisione il 31

Pedaggi autostrade: caos all’ italiana, il Consiglio boccia di Daniele Tosatti ROMA - Bloccati gli aumenti dei pedaggi. Dopo un lungo tira e molla - una sospensiva ordinata dal Tar Lazio e una dal Tar Piemonte, un appello di Palazzo Chigi e Anas al Consiglio di Stato che ha respinto la richiesta di sospensiva della sospensiva Tar - l’Anas ha comunicato alle società concessionarie di non farsi pagare gli aumenti stabiliti dalla manovra in vigore dal primo luglio. Da un comunicato risulta che «l’Anas ha dato istruzione a tutte Per eventuali le società concessionarie di sospendere, nei tempi tecnici minirimborsi agli mi indispensabili, la maggiorazione tariffaria adottata a automobilisti partire dal primo luglio 2010», per i pedaggi prevista dal decreto legge 31 maggio 2010 n. 78 e disposta opepagati dal 1° rativamente da un Dpcm 25 giuluglio «vedremo gno 2010. La decisione dell’Anas applica le «ordinanze del Tar il 31 agosto» Lazio e del Tar Piemonte e del decreto del Consiglio di Stato» di ieri. I Tribunali amministrativi di primo grado avevano giudicato illegittimi gli aumenti dei pedaggi contenuti nella manovra finanziaria, mentre ieri il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso che l’Anas e la presidenza del

Consiglio avevano presentato, chiedendo «misure cautelari provvisorie» nei confronti dell’ordinanza sospensiva degli aumenti effettuata dal Tar. Per ora gli 85 milioni circa che l’Anas aveva stimato di incassare dal primo luglio sino a fine anno dall’aumento dei pedaggi dovrebbero essere recuperati con una diminuzione lineare dei capitoli di bilancio dell’Amministrazione pubblica, con una norma inserita nel decreto su Tirrenia arrivato sul tavolo del consiglio dei Ministri. Così il Tesoro recupererebbe i fondi da destinare all’Anas per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade fino a dicembre 2010. Una copertura tecnica, ha spiegato il presidente dell’Anas Pietro Ciucci. quando si riunirà il Consiglio di Stato.

Sul giudizio provvisorio il Consiglio di Stato tornerà alla fine del mese per il verdetto

La Telecom e i sindacati firmano accordo ROMA - Telecom Italia e i sindacati hanno trovato l’accordo per la gestione degli esuberi che la compagnia telefonica aveva previsto con il proprio piano triennale e che porterà verso la mobilità volontaria 3.900 dipendenti. La notizia, anticipata da una fonte sindacale, è stata confermata successivamente dal portavoce del Sindacato lavoratori comunicazioni (Slc) che ha annunciato l’avvenuta firma sotto il documento. Degli esuberi previsti dal piano di Telecom 3.900 verranno collocati in mobilità volontaria e l’azienda fornirà un’integrazione per l’indennità fino a circa il 90% della reribuzione. Per altri 1.550 lavoratori (1.100 senza requisiti previdenziali e 450 della controllata, che si occupa di information technology, Share service center) si utilizzeranno contratti di solidarietà e formazione per il ricollocamento in azienda. Per i 470 lavoratori impiegati nei servizi collegati al numero 1254 (le informazioni telefoniche), è stato concordato un prolungamento del contratto di solidarietà firmato nel 2009. Azienda e sindacati hanno trovato anche un’intesa per risolvere il problema dei 3.400 dipendenti già in mobilità che rischiano di rimanere scoperti per la mancanza di finestre per accedere alla pensione.


24

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

POLITICA ED ECONOMIA INTERNAZIONALE A disporre la citazione diretta in giudizio è stato il pm di Roma Sergio Colaiocco, nell’inchiesta sui mondiali

Abusivismo edilizio Balducci fra i 32 rinviati di Roberto Carli ROMA - Per i presunti abusi edilizi che avrebbero scandito la realizzazione degli impianti sportivi, piscine e altre strutture, in occasione dei mondiali di nuoto del 2009, la Procura di Roma ha citato a giudizio 33 persone. Tra queste Angelo Balducci, già presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, tuttora detenuto per la vicenda degli appalti G8 e Claudio Rinaldi ex commissario straordinario per i mondiali di nuoto. Citazione anche per Giovanni Malagò (all’epoca presidente del comitato organizzatore dei mondiali) per la realizzazione dell’impianto Aquaniene che si trova nel quartiere Parioli e che è stato nuovamente sequestrato. A disporre la citazione diretta in giudizio è stato il pm di Roma Sergio Colaiocco, nell’ambito dell’inchiesta sui mondiali di nuoto "Roma 09", l’indagine da cui sono partite tutte le successive inchieste sul G8 e sugli altri grandi eventi affidati alla Protezione civile. Il processo comincerà il 5 aprile 2011. Tra gli imputati figurano Simone Rossetti, gestore del Salaria sport village, il centro di benessere citato in alcune intercettazioni sul

caso G8 riguardanti la posizione di Guido Bertolaso, e l’architetto Angelo Zampolini, già direttore dei lavori del Salaria sport village nonchè uno dei principali indagati nella più ampia inchiesta nei cosiddetti «grandi eventi» finita al vaglio della Procura di Perugia in seguito al coinvolgimento dell’ex procuratore aggiunto di Roma Achille Toro. Copia degli atti dell’inchiesta dei Pm romani sono stati trasmessi alla Procura regionale della Corte dei conti come dalla stessa richiesta del 9 luglio scorso. Nell’ambito dell’indagine di Piazzale Clodio sono finiti sotto sequestro una decina di strutture, circoli ed impianti sportivi, oggetto di lavori in occasione della competizione sportiva del 2009. Gli abusi edilizi, secondo l’accusa, sarebbero stati commessi in

gran parte per la realizzazione di diversi circoli sportivi alcuni dei quali in zone di interesse paesaggistico.

Contro il convoglio Ahmadinejad sfugge ad un attentato: un uomo scaglia una bomba

Balducci, già presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, tuttora detenuto per la vicenda degli appalti G8 e Claudio Rinaldi

La Bp annuncia "fondamentale successo" nell’operazione per bloccare il pozzo LONDRA - Il gigante petrolifero Bp ha annunciato di aver conseguito "un fondamentale successo" ieri verso la chiusura stabile del pozzo danneggiato che ha già riversato milioni di barili di greggio nelle acque del Golfo del Messico. «La piattaforma MC252 sembra aver raggiunto una condizione statica: èuntraguardosignificaL’operazione rientra in tivo», ha spiegato il couna strategia in due fasi, losso petrolifero britannico in una nota, in cui che prevede di saldare ha chiarito che ora la pressione nella condutdefinitivamente il pozzo tura è tenuta sotto condanneggiato "Macondo" trollo grazie all’iniezione di materiali entro la fine di agosto fangosi. Il prossimo passaggio dell’operazione "static kill" consiste nel pompare del cemento al posto del fango per saldare la falla, ma secondo Bp prima di questa fase è necessario ancora monitorare la situazione. Il peggiore incidente di questo genere mai avvenuto al mondo ha causato un disastro ambientale di enormi proporzioni ed ha portato alle dimissioni l’amministratore delegato di Bp Tony Hayward. Per portare a termine l’operazione static

kill potrebbero essere necessarie dalle 33 alle 61 ore, come riferito prima dell’interruzione dalle autorità. L’operazione rientra in una strategia in due fasi, che prevede di saldare definitivamente il pozzo danneggiato "Macondo" entro la fine di agosto, grazie alla messa in funzione di un pozzo secondario ancora in ultimazione. Cab

TEHERAN - Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad è sopravvissuto ieri a un attentato realizzato con una bomba artigianale contro il suo convoglio durante una visita a Hamadan, città dell’Iran occidentale. Lo riferisce una fonte dell’ufficio presidenziale, precisando che il convoglio è stato colpito mentre era in viaggio dall’aeroporto di Hamadan verso uno stadio in cui Ahmandinejad -- che è rimasto illeso -- doveva tenere un discorso. Alcune altre persone sono rimaste ferite nell’esplosione. Una persona è stata arrestata. «C’è stato un attentato questa mattina. All’auto del presidente non è accaduto nulla", ha detto a Reuters la fonte, le indagini proseguono... per trovare i responsabili». Ahmadinejad -- che si è fatto molti nemici nei circoli riformisti e conservatori della Repubblica Islamica oltre che all’estero, specie dopo la repressione messa in atto nei confronti dell’opposizione dalle contestate elezioni presidenziali del 2009 -- è poi apparso in diretta tv dallo stadio ad Hamadan, apparentemente in buone condizioni e senza fare parola dell’attentato. L’emittente televisiva Al Arabiya ha detto che un attentatore ha lanciato una bomba contro il convoglio di Ahmadinejad prima di venire arrestato. Citando proprie fonti la tv, che ha sede a Dubai, ha riferito che la bomba avrebbe colpito un’auto che trasportava giornalisti e personale dello staff presidenziale.Al momento non ci sono rivendicazioni. Durante il suo discorso ad un conferenza a Teheran lunedì scorso, il presidente iraniano aveva detto di credere di essere l’obiettivo di un complotto israeliano: "Gli stupidi sionisti hanno assoldato dei mercenari per assassinarmi", aveva dichiarato. Il governo dell’Iran, quinto esportatore mondiale di petrolio, sta affrontando difficoltà economiche a causa delle nuove sanzioniimposte al Paese per il suo controverso programma nucleare.


il Domani Giovedì 5 Agosto 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

VAR. %

21.914,08 -0,07 21.466,44 -0,15 23.610,14 0,04 21.532,69 -0,17 22.054,60 -0,38 10.631,55 0,77

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1183,85

28,85

18,53

0,454

PLATINO

1612,50

39,64

PALLADIO

523,00

13,03

1 Euro

1.0

1.3158

0.82800 113.46

ORO

1 US $

0.75960

1.0

0.62910 86.200

ARGENTO

1 UK £

1.2071

1.5887

1.0 136.96

1 ¥en

0.0088098 0.011594 0.0072962

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,944 +1,34 17.30.57 0,93 0,9495 A2A 1,176 +0,17 17.30.31 1,166 1,197 Acea 9,145 +1,33 17.30.41 8,965 9,205 Acegas-Aps 4,125 -1,08 17.30.43 4,05 4,13 Acotel Group 51,26 +3,24 17.30.56 50,48 51,30 Acque Potabili 1,70 -0,87 17.30.39 1,665 1,70 Acsm-Agam 0,965 +0,73 17.30.51 0,9375 0,97 Actelios 2,80 -0,53 17.30.09 2,7275 2,82 Aedes 0,2043 -1,78 17.30.22 0,2033 0,2085 Aeffe 0,3345 -1,33 17.30.47 0,33 0,344 Aegon 4,8325 +2,11 15.47.49 4,73 4,8325 Aeroporto Firenze 12,50 -1,50 16.47.45 12,16 12,67 Ageas 2,23 -0,45 16.45.51 2,205 2,24 Ahold Kon Aicon 0,263 -2,23 17.30.17 0,259 0,265 Alcatel-Lucent 2,31 -0,96 16.19.41 2,29 2,33 Alerion 0,566 -0,88 17.30.47 0,5655 0,5815 Allianz 91,29 +0,39 17.24.14 90,18 91,80 Amplifon 3,955 +0,44 17.30.39 3,8775 3,96 Ansaldo Sts 10,35 +3,19 17.30.41 10,00 10,41 Antichi Pellettieri 0,547 -0,09 17.15.27 0,5355 0,547 Apulia Prontop 0,4165 +0,60 17.30.28 0,406 0,419 Arena 0,0289 +1,05 17.22.46 0,0285 0,0289 Arkimedica 0,48 -1,54 17.30.15 0,48 0,488 Arkimedica 2012 Cv5% 98,69 -0,07 16.29.34 98,60 98,89 Ascopiave 1,555 +0,84 17.30.52 1,55 1,56 Astaldi 4,83 +1,42 17.30.18 4,78 4,875 Atlantia 15,31 -0,65 17.30.32 15,10 15,48 Autogrill Spa 9,78 +0,62 17.30.01 9,63 9,89 Autostrada To-Mi 10,42 -0,76 17.30.38 10,37 10,55 Autostrade Merid 22,35 -0,49 17.11.33 22,02 22,39 Axa 14,59 -1,08 17.06.59 14,30 15,04 Azimut 7,79 -1,58 17.30.54 7,615 7,915 B Interm-15 Cv 1,5% 90,50 -0,35 16.49.13 90,50 91,20 B&C Speakers 3,1175 +1,88 17.30.30 3,00 3,1175 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 106,26 -0,32 17.21.36 106,00 106,60 Banca Generali 8,70 +0,93 17.30.59 8,55 8,73 Banca Ifis 5,21 +1,36 17.30.38 5,085 5,215 Banca Intermobiliare 4,1425 +0,12 16.36.40 4,14 4,1575 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 107,09 -0,15 13.35.53 107,08 Banco Popolare 4,985 -1,77 17.30.38 4,9325 5,09 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 106,12 -0,36 16.27.16 106,05 106,56 Banco Santander 10,35 +0,10 16.32.50 10,20 10,37 Basf 45,35 -1,52 9.56.08 45,35 45,94 Basicnet 2,685 +2,87 17.30.11 2,60 2,72 Bastogi Spa 1,80 +3,27 16.03.48 1,75 1,80 Bayer 46,79 +1,94 16.12.35 45,43 46,79 Bb Biotech 41,40 -0,96 17.30.03 41,40 41,96 Bca Carige 1,776 +0,91 17.30.15 1,74 1,78 Bca Carige R 2,66 +0,19 16.26.29 2,66 2,66 Bca Carige-13Cv 1,5% 109,63 +0,01 13.11.16 109,63 109,70 Bca Finnat 0,525 -1,22 17.30.16 0,5215 0,525 Bca Mps 1,019 -0,97 17.30.40 0,9995 1,028 Bca Pop Di Spoleto 4,0925 +0,06 16.09.55 4,0925 4,10 Bca Pop Emil Romagna 9,48 +0,80 17.30.46 9,215 9,495 Bca Pop Etrur-Lazio 3,2675 -0,76 17.30.01 3,2475 3,2875 Bca Pop Milano 4,1325 +0,18 17.30.35 4,00 4,165 Bca Pop Sondrio 6,93 -0,86 17.30.02 6,87 6,99 Bca Profilo 0,5225 +1,06 17.30.55 0,5015 0,5245 Bco Desio Bria Rnc 3,6775 -1,01 15.20.01 3,6775 3,7275 Bco Desio Brianza 3,835 -0,39 17.30.50 3,7525 3,835 Bco Sardegna Risp 9,59 -0,21 17.30.27 9,585 9,71 Bee Team 0,3595 +0,14 12.02.08 0,358 0,3595 Beghelli 0,6465 -2,04 17.30.54 0,646 0,6535 Benetton Group 5,62 -0,44 17.30.08 5,56 5,67 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,90 +0,05 17.22.10 99,78 99,90 Beni Stabili 0,635 -0,63 17.30.33 0,631 0,64 Best Union Company 1,195 -3,63 17.18.51 1,188 1,238 Bialetti Industrie 0,41 -1,91 11.02.29 0,405 0,4225 Biancamano 1,447 -0,89 17.30.32 1,42 1,469 Biesse 5,775 +0,44 17.30.07 5,66 5,795 Bioera Sosp. Bmw 43,75 +1,37 17.17.25 42,93 43,75 Bnp Paribas 55,88 -0,04 17.24.43 54,50 56,10 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,979 -0,55 17.30.12 1,946 1,979 Bonifiche Ferraresi 28,70 -1,54 17.30.27 28,65 28,98 Borgosesia Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,30 -0,26 17.06.37 102,00 102,57 Brembo 5,365 +2,58 17.30.01 5,135 5,47 Brioschi 0,1723 -1,37 17.30.14 0,1705 0,175 Bulgari 6,105 -0,16 17.30.28 6,035 6,17 Buongiorno 0,96 -2,09 17.30.41 0,955 0,972 Buzzi Unicem 8,475 -0,35 17.30.18 8,30 8,58 Buzzi Unicem Rnc 4,86 -1,27 17.30.57 4,8125 4,91 Cad It 4,2475 +1,37 16.56.09 4,1075 4,2475 Cairo Communication 2,56 +0,00 17.30.40 2,5225 2,60 Caleffi 1,049 -1,32 16.35.37 1,049 1,07 Caltagirone 2,05 +0,00 17.18.50 2,02 2,0575 Caltagirone Edit 1,86 -0,32 17.30.54 1,832 1,875 Camfin 0,3105 -2,05 17.30.20 0,306 0,315 Campari 4,225 +3,24 17.30.18 4,08 4,2475 Cape Live 0,315 -1,56 17.30.33 0,315 0,315 Cape Live Cv 5% 2009-2014 89,80 +1,01 13.28.30 88,90 89,80 Carraro 2,3875 +0,21 17.30.30 2,3775 2,39 Carrefour 36,10 -1,10 15.55.35 35,75 36,10

Apertura

AZIONI

0,93 1,177 9,01

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore

0,2085

3,9425 10,02

4,83 15,34 9,725 10,55 7,87

8,555 107,36 5,05 45,94

1,759

1,022 9,45 3,2475 4,12 6,99 0,51

5,61 0,635

55,78

5,24 6,115 0,9675 8,475 4,90 2,5975 1,875 0,312 4,0875 2,39

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

20,18 1,848 0,3125 4,865 2,285 2,39 0,306 0,1272 0,30 0,73 1,47 0,467 1,255 0,65 0,50 100,60 0,9065 22,68 4,96 10,82 1,46 3,94 0,1653 102,80 0,955 1,07 4,18 41,55 0,8495 15,30 8,57

-1,27 -0,48 +0,48 +1,41 -0,22 +0,00 +1,66 -1,39 +0,00 -0,14 -0,81 -2,50 -1,18 -2,33 -3,85 -0,20 +0,17 +2,58 -1,29 +0,19 +0,07 +0,32 +0,06 +0,29 -0,52 +0,47 -2,56 -0,72 +0,77 +1,39 +1,66

17.30.08 15.25.02 17.30.08 17.30.26 17.30.36 17.30.53 16.29.01 17.30.19 14.34.11 17.30.03 17.30.02 17.30.00 15.06.23 17.30.26 17.30.01 16.52.26 13.31.51 15.28.23 17.30.09 16.31.23 17.30.36 17.30.29 17.05.05 17.04.04 12.38.37 17.30.17 16.32.26 11.44.10 17.21.49 17.30.34 17.30.09

20,11 1,811 0,306 4,77 2,27 2,355 0,292 0,1269 0,29 0,722 1,446 0,467 1,25 0,6435 0,492 100,60 0,892 22,01 4,9225 10,59 1,44 3,8725 0,1652 102,30 0,945 1,052 4,1475 41,55 0,836 14,94 8,35

20,48 20,27 1,848 0,3165 0,3165 4,865 2,30 2,285 2,39 2,355 0,306 0,1286 0,30 0,2945 0,74 1,483 1,476 0,4785 1,28 0,67 0,52 0,5195 100,92 0,9065 22,97 5,00 11,31 1,46 3,955 3,92 0,169 102,80 0,955 1,07 4,2075 41,92 0,8645 15,33 15,15 8,60 8,485

4,0475 3,7825 1,19 55,60 10,48 29,50 1,325 4,09 13,61 23,90 0,922 1,245 1,565 11,68 1,643 4,22 3,8975 1,25 20,06 16,35 10,27 0,815 0,546 7,355 2,095

-0,06 -1,62 -0,83 -0,57 +0,67 +2,04 -0,15 +1,49 +0,82 +1,96 -0,22 -1,58 -1,63 +2,55 -0,72 +0,96 +1,10 -0,32 -0,69 +1,49 +0,29 +1,18 +0,00 +0,20 +4,10

17.30.15 17.30.42 17.30.33 17.18.16 17.24.53 17.30.01 14.59.34 17.30.12 17.30.26 16.04.48 17.30.59 14.29.55 17.30.09 16.03.13 17.30.33 16.34.05 17.30.19 14.29.58 17.30.21 17.30.51 17.30.04 17.30.55 17.19.01 17.30.11 17.30.33

3,98 4,065 3,7825 3,875 3,845 1,175 1,208 1,208 54,80 56,00 10,34 10,48 28,70 29,65 28,80 1,325 1,325 3,9975 4,09 13,51 13,77 13,58 23,53 23,90 0,913 0,928 0,923 1,245 1,264 1,55 1,599 1,599 11,53 11,71 1,632 1,674 1,632 4,20 4,22 3,83 3,92 3,8475 1,25 1,25 20,06 20,40 16,06 16,47 16,15 10,15 10,29 10,23 0,8065 0,86 0,8065 0,541 0,5485 0,541 7,21 7,38 7,27 2,0025 2,1375 2,0025

15,47 12,03 13,12 0,932 11,39 10,10 6,11 6,415 3,5975 4,095 0,1178 8,63

+0,07 -0,82 -2,31 -0,21 -2,06 -0,98 +0,16 -0,46 -0,07 -2,38 -0,17 +0,29

17.30.23 17.30.22 17.30.35 17.30.28 17.30.37 17.30.49 17.30.09 17.30.46 13.22.59 17.30.23 17.24.28 17.30.22

15,19 15,53 15,47 11,91 12,20 12,06 13,04 13,30 0,93 0,96 0,9395 11,33 11,66 11,64 9,985 10,26 10,19 5,97 6,12 6,06 6,30 6,475 6,405 3,50 3,60 4,09 4,22 4,22 0,1178 0,1202 8,475 8,71 8,575

0,5185 8,235 5,195 16,40

-1,33 -0,78 -0,48 +0,37

16.26.53 0,515 17.30.46 8,18 17.30.03 5,115 16.41.53 16,15

0,3585 5,08 25,19 2,5575 0,5015 1,28 15,84 4,3275 4,1625 1,631 2,9075 5,64 4,7525 5,90 1,50

-0,42 -1,45 -4,51 +1,49 +0,10 -1,54 +0,13 -1,54 +0,06 -0,97 -1,94 -2,67 +0,69 +0,43 +0,74

17.30.24 16.28.37 9.04.59 17.30.22 17.30.37 16.46.08 17.30.01 17.30.04 17.30.03 17.30.53 17.30.30 16.21.40 17.30.42 17.30.00 17.30.06

0,525 8,335 5,20 16,40

0,3535 0,3595 5,08 5,155 25,19 25,19 2,50 2,56 0,49 0,5015 1,182 1,28 15,55 15,99 4,2925 4,39 4,1575 4,22 1,623 1,651 2,9075 3,015 5,64 5,755 4,7525 4,895 5,83 5,98 1,474 1,50

8,26

0,494 1,22 15,84 4,39 4,22 1,641 2,92 4,80 5,83 1,486

0,847 13,78 1,183

-1,45 17.30.28 0,847 -0,50 17.30.20 13,70 +0,68 17.30.21 1,17

0,869 13,87 1,193

1,185

1,342

-2,61 17.30.20

1,404

1,37

1,34

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Holding Sosp. It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord

Ora

Min

Max

Apertura

0,791 2,09 7,97 8,67 7,32 2,0875 7,745 0,45

-1,62 +0,48 +0,00 -1,81 -0,14 +1,83 +0,19 +1,01

17.30.14 0,79 0,8045 0,79 17.30.37 2,045 2,1075 2,0775 17.21.48 7,81 7,97 17.30.27 8,60 8,85 8,85 9.25.01 7,32 7,34 16.20.29 2,00 2,15 17.30.04 7,60 7,775 17.30.11 0,446 0,45

4,40 2,6025 2,06 0,0527 1,37 1,25 2,78

+1,62 -1,42 -0,60 -0,57 +0,00 +0,16 +0,00

17.30.05 17.30.19 17.30.35 16.41.31 11.53.45 17.30.13 17.02.46

4,27 4,46 4,345 2,535 2,635 2,625 1,99 2,0725 2,0725 0,0517 0,053 1,37 1,37 1,233 1,255 1,241 2,735 2,7875

3,24 6,295 3,56 26,07 16,61 1,575 0,863 0,0797 4,55 2,2325 0,2845 0,514

-1,82 +0,00 -0,56 +0,62 -1,95 +2,87 +0,35 +2,18 +0,33 -0,78 +1,61 +0,20

16.42.47 17.30.11 17.30.39 17.30.52 17.30.15 17.05.44 17.30.41 17.30.47 17.30.37 14.07.38 17.30.45 15.00.44

3,195 3,24 6,19 6,35 3,53 3,59 25,77 26,10 16,61 16,87 1,539 1,578 0,853 0,865 0,0755 0,08 4,4675 4,5825 2,2325 2,255 0,28 0,2875 0,5015 0,514

1,926 3,38 0,5025 11,58 20,24 93,89 2,88 0,1639 2,56

+0,31 -1,02 -1,47 +0,43 +0,60 -0,56 +0,35 +0,06 -7,91

17.30.29 17.30.48 16.59.55 17.30.37 17.30.43 12.41.07 17.30.58 17.30.30 17.30.23

1,918 1,929 3,3275 3,415 0,501 0,5025 11,42 11,66 19,91 20,38 93,80 93,89 2,81 2,9075 0,162 0,164 2,56 2,80

6,90 3,1575 4,9425 7,045 3,395 2,9825 0,0609 0,397 1,14 11,30 1,535 1,632 3,19 0,4625 2,485 0,1315 7,12 0,45 0,1667 0,324 1,06

+4,94 -1,33 +0,77 -1,19 +0,07 -0,42 -3,64 +4,75 +1,70 +0,00 +0,20 -0,30 +0,00 -0,64 -0,20 -1,50 +0,28 +2,98 +0,12 -1,82 -0,84

17.30.22 17.30.26 17.30.12 17.30.47 17.30.39 16.09.17 17.30.44 16.25.43 15.00.09 15.57.09 17.30.54 17.30.37 16.08.47 17.30.49 17.30.58 17.20.42 17.30.22 14.26.16 17.17.38 16.59.39 16.11.05

6,535 3,05 4,845 6,88 3,33 2,98 0,0601 0,385 1,14 11,30 1,502 1,62 3,1275 0,4515 2,4625 0,1308 6,805 0,435 0,1605 0,324 1,055

5,335

-0,28 14.59.07

5,22

5,43

2,98 5,98 7,275

-0,50 17.30.55 2,9725 -1,32 17.11.59 5,81 -1,56 16.54.57 7,265

3,00 5,98 7,365

0,3745

+9,99 17.30.01 0,345 0,3845 -0,62 17.30.57 1,711 +2,35 17.30.40 1,831

2,18 3,70 1,67 1,45 5,465 5,14 0,383

-2,24 +0,54 +1,21 -1,36 -0,09 +0,29 +1,19

10,23

+1,29 17.17.41 10,23

10,23

-1,70 17.30.06

0,795

1,271 0,8845 0,735 7,20 13,25 0,1781 0,76 1,126 0,67 2,085 5,90

-1,62 +1,09 -1,74 +1,70 -1,71 -0,56 -0,13 +0,63 +0,45 +0,48 +0,17

0,86 0,078

3,39 11,52 20,16 0,164 2,80

6,91 6,56 3,1575 3,05 4,965 4,905 7,13 7,10 3,4325 3,3925 2,9825 0,0629 0,0625 0,40 0,385 1,14 11,30 1,55 1,53 1,66 3,19 3,14 0,475 0,465 2,51 2,4975 0,136 7,16 0,46 0,1668 0,34 1,075

1,769 1,873

0,78

6,285 3,56 25,80

1,769 1,877

0,35 1,832

17.30.02 2,17 2,23 2,225 17.30.01 3,60 3,7775 17.06.12 1,633 1,68 15.59.48 1,433 1,47 17.30.59 5,35 5,49 5,455 16.46.54 5,12 5,19 5,12 17.30.46 0,374 0,383 0,3795

17.30.40 17.30.06 17.30.57 17.30.50 17.30.13 17.21.22 17.15.56 17.30.53 17.30.46 17.30.09 17.30.42

0,77

1,271 1,312 0,8705 0,891 0,7305 0,748 6,95 7,24 13,08 13,50 13,45 0,1709 0,1785 0,75 0,77 1,073 1,126 1,124 0,66 0,672 0,667 2,0225 2,0975 2,0975 5,84 5,92 5,88


26 Giovedì 5 Agosto 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp. Sogefi Sol

Prezzo ultimo contr. Var %

34,66 0,2248 15,40 0,3445 0,0498 0,3215 1,516 56,00 0,31 17,51 0,4135 5,685 4,2525 9,00 28,41 46,30 35,40 1,497

-2,09 +5,54 +2,33 +0,00 -1,97 +0,16 -2,76 +0,90 -1,43 +1,21 -2,71 +0,00 -0,64 -1,32 +0,75

Ora

14.24.34 17.30.58 17.30.53 17.30.49 17.30.31 17.30.40 17.30.17 15.44.53 16.09.34 17.30.50 17.30.00 13.03.13 17.30.32 17.30.05 17.30.43

Min

+1,83 17.19.01 45,62 -0,14 15.31.41 35,15 -1,84 17.30.04 1,493 17.30.33 17.30.31 17.30.13 17.30.36 15.23.44 17.30.46 15.20.37 17.19.02 17.30.48 17.30.33

Max

Apertura

34,01 34,95 0,2133 0,2248 0,2198 14,97 15,40 0,33 0,35 0,3475 0,0496 0,0507 0,0507 0,317 0,329 1,469 1,54 55,42 56,00 0,305 0,32 17,35 18,20 17,45 0,4135 0,43 5,64 5,685 4,25 4,29 8,90 9,08 9,01 27,79 28,60 28,15 46,30 35,40 1,534

1,529

7,00 0,64 0,1405 1,05 5,15 7,26 94,91 76,69 3,14 3,6075

-1,27 +0,95 -1,75 -1,87 -0,96 -1,96 -0,50 -1,04 +7,35 +0,77

6,90 7,00 0,63 0,645 0,635 0,1391 0,1439 0,142 1,05 1,05 5,15 5,20 7,15 7,39 7,39 94,85 95,39 95,39 73,80 77,05 2,845 3,14 2,9025 3,555 3,6175 3,58

0,0674 45,76

+4,33 17.30.14 0,0635 0,0683 +1,73 16.36.01 45,71 46,90

2,0125 4,75

-1,35 17.30.13 1,985 2,0475 2,0475 -1,04 16.16.07 4,75 4,86

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp. Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F

Ora

Min

Max

Apertura

62,70 1,518 0,619

+2,91 17.08.39 60,90 62,70 +1,61 17.30.57 1,488 1,52 -1,75 17.30.17 0,616 0,6315

6,33 1,267 11,16

-0,47 17.30.01 6,24 -1,71 11.41.40 1,267 +5,78 17.30.29 11,16

0,37 1,05 0,198 0,836 17,63 15,83 3,185 3,3475 0,61 0,1126 59,01 1,479 40,27 12,36 5,495 8,345 107,12 0,632 2,12 2,3575 22,62 0,5765 0,383 4,10 4,13 3,69

-0,54 +1,84 +3,29 +0,84 -0,68 +0,64 +0,47 -0,30 -0,24 -0,88 -1,11 +0,20 +0,98 -0,72 +1,20 +0,18 -0,06 +0,40 -2,75 +1,18 +0,27 -0,60 -0,65 +0,00

17.30.43 17.30.56 17.30.05 17.30.15 16.06.01 17.30.43 17.30.22 17.30.14 17.30.22 17.30.14 17.30.31 11.34.30 17.14.08 17.30.08 17.30.18 17.30.43 17.23.22 17.30.27 17.30.06 17.30.34 17.03.47 17.30.18 17.30.22 9.00.43

-1,43 17.30.46 -1,60 17.30.29

0,37 1,012 0,1912 0,821 17,30 15,59 3,155 3,3175 0,603 0,1121 58,41 1,479 39,42 12,15 5,44 8,22 107,12 0,611 2,0825 2,305 21,85 0,5705 0,3785 4,10

1,499 0,628

6,385 1,267 11,16 0,37 1,054 0,1984 0,84 17,99 15,91 3,1925 3,37 0,618 0,1141 59,84 1,479 40,48 12,42 5,495 8,405 107,50 0,64 2,16 2,36 23,00 0,581 0,385 4,10

6,31

1,031 0,1912 0,829 15,68 3,175 3,325 0,1141 59,84 12,26 8,335 0,63 2,1425 23,00 0,58 0,3845 4,10

4,10 4,13 3,62 3,7025

4,13

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

0,0601

Ora

-0,66 16.08.13 17.08.47 16.17.55 16.56.49 17.30.03 17.09.59 17.30.05

Min

Max

0,06 0,0601

3,06 0,05 0,3175 0,0866 0,225 0,103

+0,99 +1,01 +0,48 -6,07 -15,73 +3,00

0,0305 0,644

+1,67 16.49.06 0,0305 0,0307 +1,26 15.28.59 0,595 0,649

0,0283 0,0115 0,0111 0,0306

-0,70 +9,52 +0,91 -2,86

17.02.58 17.00.20 16.04.49 17.21.37

2,91 0,0488 0,316 0,0822 0,223 0,0856

0,025 0,0115 0,0111 0,0304

0,91 +3,12 17.22.24 0,873 0,204 +12,09 17.30.22 0,204 1,70 -6,85 16.15.08 1,70 0,072 -0,28 10.41.29 0,072 0,0026 0,0149 0,0325 0,0281 6,35 0,0839 4,35 0,54 0,522

+0,00 +0,68 -4,97 -8,77 +1,60 -2,44 -0,46 +1,41 +0,97

17.02.57 16.40.55 17.30.17 17.30.58 17.30.26 17.30.51 17.30.59 16.02.07 17.21.33

Apertura

3,24 3,06 0,0514 0,0514 0,3175 0,0888 0,087 0,2479 0,225 0,103 0,09 0,627

0,0284 0,0284 0,0115 0,0115 0,0127 0,0111 0,0317 0,91 0,204 1,825 0,072

0,876 1,70

0,0026 0,0027 0,0026 0,0142 0,0152 0,0144 0,0312 0,034 0,034 0,0278 0,03 0,0294 6,21 6,48 6,26 0,0821 0,085 4,34 4,40 4,34 0,54 0,541 0,5095 0,522

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fideuram Italia Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity Anima Europa

-0,30 +1,51 +1,24 +1,94 +1,93 +1,86 +1,66 +1,02 +1,98 +1,53 +1,91 +1,90 +1,86 +1,89 +0,44 +0,51 +1,97 +1,38 +1,99 +1,69 +1,96 +2,33 +0,92 +1,99 +2,00 +1,67 +1,67 +1,83 +2,03 +2,02 +1,82 +0,47 +1,92 +2,17 +1,90 +1,34 +1,94 +1,86 +1,86 +1,75 +0,00 +1,02 +1,78 +1,78 +1,07 +1,80 +1,41 +1,39

+2,77 +1,76 +2,46 +2,32 +2,37 +2,30 +2,50 +2,16 +2,33 +1,80 0,02 +2,17 +2,18 +2,24 +2,17 +1,80 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

-0,36 +2,04 +2,05 +0,60 +0,99 +1,78

14,843 5,647 4,077 20,312 19,967 19,56 6,808 6,855 17,228 5,19 4,703 4,712 5,197 5,288 3,621 3,324 16,578 4,559 11,835 19,424 21,941 18,807 15,126 11,026 11,142 12,45 12,809 10,135 8,605 15,389 8,69 4,506 6,17 6,248 5,517 5,444 12,954 13,448 13,861 16,818 5,00 3,568 10,587 5,784 5,556 4,853 9,016 8,882

4,645 4,116 14,254 12,503 4,443 4,487 25,636 13,343 4,439 5,592 5,191 6,219 6,429 5,66 5,002 5,528 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 16,37 16,165 7,006 4,201 3,992

VARIAZ. QUOT.

Arca Azioni Europa +2,26 Bim Azionario Europa +2,40 Bnl Azioni Europa Crescita +2,46 Bnl Azioni Europa Dividendo +2,17 Bpvi Azionario Europa A +2,26 Bpvi Azionario Europa B +2,25 Carige Azionario Europa A +2,11 Carige Azionario Europa B +2,12 Carismi Dynamic Europe A +0,19 Carismi Dynamic Europe B +0,43 Consultinvest Azione +2,30 Epsilon Qvalue +2,43 Eurizon Az. Europa Multimanager +1,38 Eurizon Az. Pmi Europa +2,05 Eurizon Focus Az. Europa +2,19 Euromobiliare Europe Eq. +1,94 Europa +2,27 Fideuram Master Sel.Equity Europe +1,41 Fondaco Eu Sri Equity Beta +2,49 Fondersel Europa +2,33 Fonditalia Eq. Europe R +2,30 Fonditalia Eq. Europe T +2,31 Gestielle Europa A +1,97 Gestielle Europa B +1,98 Gestnord Azioni Europa +1,91 Imieurope -0,37 Iniziativa Europa +1,95 Interfund Eq. Europe +2,58 Investitori Europa +2,11 Laurin Eurostock +0,00 Mc G.Fdf Europa A +1,21 Mc G.Fdf Europa B +1,21 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 Nextam P. Az. Europa +1,72 Norvega Az. Europa A +1,67 Norvega Az. Europa B +1,69 Optima Azionario Europa +2,24 Pioneer Azionario Europa A +1,88 Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +2,25 Prima Geo Europa A +1,96 Prima Geo Europa Pmi A +1,83 Prima Geo Europa Pmi Y +1,84 Prima Geo Europa Y +1,96 Ras Lux Equity Europe +2,27 Sai Europa +2,09 Sofid Sim Blue Chips +1,56 Soprarno Azioni Euro 50 +2,45 Symphonia Europa +0,76 Synergia Az. Europa +2,34 Talento Comp. Europa +0,15 Ubi Pramerica Azioni Europa +2,22 Unibanca Azionario Europa +2,30 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime +1,50 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente +0,84 AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza +1,55 Fonditalia Euro Financials R +3,12 Fonditalia Euro Financials T +3,15 AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate +0,62 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,97 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +0,69 Fonditalia Euro Cyclicals R +2,23 Fonditalia Euro Cyclicals T +2,24 Fonditalia Euro Defensive R +2,09 Fonditalia Euro Defensive T +2,10 Fonditalia Euro T.M.T. R +1,62 Fonditalia Euro Tmt T +1,64 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R +0,16 Interfund Int.Sec.New Economy +0,74 Norvega Mobiliare Re A +0,81

9,369 9,777 12,142 2,782 3,853 3,859 5,382 5,64 4,189 3,96 8,719 5,346 5,594 8,25 8,204 13,578 12,969 8,852 88,023 13,174 9,077 9,172 6,92 7,106 8,375 18,181 6,834 5,929 4,996 3,626 6,348 3,592 5,854 15,001 4,906 4,556 4,628 2,915 14,451 6,718 10,841 20,098 20,769 11,215 39,94 10,223 6,427 3,89 5,426 6,126 118,198 5,751 6,091 8,873

14,277

18,002 5,949 6,00 3,889

5,74 8,432 8,662 10,54 11,164 11,298 11,068 11,20 5,575 5,626 2,493 33,189 4,223

VARIAZ. QUOT.

Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fideuram Bilanciato Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Primaclasse Valore

VARIAZ. QUOT.

+0,81 4,223 Azimut Scudo +0,70 2,717 Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione +0,14 2,849 Bpvi Obiettivo Incremento A +0,14 2,917 Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 +1,33 5,703 Carige Bilanciato 30 +0,10 5,101 Carismi Dynamic Mix 15 -1,77 8,196 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato +0,73 3,726 Fonditalia Core 1 R +0,23 3,907 Fonditalia Core 1 T +0,23 3,961 Gestielle Global Asset 1 +1,44 33,055 Managers & Co. Comparto 30 +0,95 12,379 Mediolanum Elite 30 L +1,07 10,108 Mediolanum Elite 30 S +1,07 10,218 Mix +0,77 4,429 Norvega Sintesi Audace +0,76 4,486 Prima Forza 3 A +0,22 4,489 Prima Forza 3 B +0,39 3,852 Prima Forza 3 Y +0,39 3,854 Symphonia Adagio +0,41 3,927 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia +0,99 5,196 Synergia Bilanciato 30 +0,29 5,138 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,03 17,594 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,02 4,836 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,51 16,282 Visconteo +1,20 31,134 OB. EURO GOVERNATIVI BT -0,09 4,556 Allianz Monetario +0,51 3,977 Alto Monetario +1,06 23,329 Amundi Breve Termine +0,65 6,05 Arca Mm - Monetario +1,01 22,278 Bancoposta Monetario +1,27 5,881 Bg Focus Monetario +1,28 6,008 Bim Obb.Breve Termine +1,09 5,192 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,273 Bpvi Breve Termine A +0,16 4,329 Bpvi Breve Termine B +0,75 6,141 Carige Monetario Euro A +0,71 35,64 Carige Monetario Euro B +0,26 6,085 Cividale Forum Iulii Prudenza A +0,39 23,712 Cividale Forum Iulii Prudenza B +1,18 27,249 Consultinvest Breve Termine -0,34 12,148 Cr Cento Monetario Plus +0,00 45,698 Cs Monetario Italia B +0,77 10,126 Cs Monetario Italia I +0,78 10,22 Ducato Fix Euro Bt A +0,48 12,333 Ducato Fix Euro Bt Y +1,06 14,699 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine -0,19 30,146 Euromobiliare Prudente +0,52 12,492 Fideuram Liquidita' +0,10 5,046 Fideuram Security +0,54 6,144 Fondersel Reddito +0,53 4,554 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,31 5,199 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T +0,30 9,937 Fonditalia Euro Currency R +0,86 6,093 Fonditalia Euro Currency T +0,79 5,737 Gestielle Bt Cedola +0,26 4,291 Gestielle Bt Cedola B +0,26 4,292 Gestielle Bt Euro A +0,28 4,374 Gestielle Bt Euro B +0,93 3,685 Interfund Euro Currency +0,94 4,423 Intra Obb. Euro Bt +0,34 5,67 Laurin Money +1,05 5,215 Leonardo Monetario +0,99 5,696 Mediolanum Risparmio Corrente +0,51 5,548 Mediolanum Risparmio Dinamico +0,18 5,428 Monetario +1,11 6,846 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine Norvega Obb. Euro Breve Termine A -0,04 9,36 Norvega Obb. Euro Breve Termine B +0,07 5,891 Optima Reddito B.T. +0,52 8,547 Optima Riserva Euro +0,25 16,351 Passadore Monetario +0,09 5,457 Pioneer Monetario Euro A +0,32 4,98 Prima Fix Obbligazionario Bt A

+0,23 +0,18 -0,03 +0,30 +0,73 +0,77 +0,08 +0,15 +0,38 +0,42 +0,43 -0,12 +0,19 -0,13 -0,16 +0,55 +0,50 +0,16 +0,16 +0,16 +0,22 +0,84 +0,64 +0,81 +0,12 +0,11 +0,16 +0,66

+0,03 +0,04 +0,00 +0,05 +0,03 +0,06 +0,03 +0,03 +0,03 +0,03 +0,03 +0,03 +0,05 +0,05 +0,04 -0,02 +0,04 +0,04 -0,05 -0,05 +0,08 +0,04 +0,01 +0,01 +0,06 +0,05 +0,05 +0,01 +0,00 +0,08 +0,08 +0,04 +0,05 +0,00 +0,05 +0,03 +0,10 -0,05 +0,02 +0,04 +0,06 +0,05 +0,05 +0,05 +0,06 +0,06 +0,04 +0,03

7,685 5,45 22,48 5,042 5,085 5,221 3,976 3,98 6,576 10,43 10,516 8,83 5,363 5,242 10,061 5,683 5,594 4,943 4,943 5,028 5,937 5,406 5,501 5,88 5,932 5,593 5,569 35,003

15,871 7,056 7,443 14,75 6,195 16,384 6,549 7,525 6,281 6,284 11,678 11,467 5,479 5,538 4,984 5,765 7,777 7,835 6,285 6,327 15,167 8,482 16,835 9,538 14,088 7,96 8,005 7,856 7,892 6,375 6,378 7,507 7,562 6,68 5,653 6,911 6,061 13,841 5,447 12,118 8,966 5,836 5,885 6,668 5,284 7,114 13,211 10,147

VARIAZ. QUOT.

Prima Fix Obbligazionario Bt Y +0,03 Soprarno Pronti Termine +0,00 Synergia Obb Euro B.T. +0,04 Teodorico Monetario +0,05 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,04 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,03 Unibanca Monetario +0,05 Valori Responsabili Monetario +0,03 Zenit Monetario I +0,01 Zenit Monetario R +0,01 OB. EURO GOVERNATIVI ML Allianz Reddito Euro L -0,01 Allianz Reddito Euro T -0,01 Anfiteatro Bond Corporate -0,02 Anima Obb. Euro +0,11 Arca Rr +0,06 Azimut Reddito Euro -0,03 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,04 Bim Obb. Euro +0,01 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt +0,00 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A +0,00 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B +0,00 Capitale Pià Comparto Obbligazionario +0,02 Carige Obbligazionario Euro A +0,02 Carige Obbligazionario Euro B +0,02 Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,10 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,09 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 Epsilon Qincome +0,13 Eurizon Focus Obb. Euro +0,06 Euromobiliare Reddito +0,05 Europe Bond -0,01 Fideuram Rendimento +0,10 Fondaco Euro Gov. Beta +0,06 Fondersel Euro +0,04 Fonditalia Euro Bond Long Term R -0,04 Fonditalia Euro Bond Long Term T -0,04 Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,01 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,01 Gestielle Lt Euro A +0,16 Gestielle Lt Euro B +0,17 Gestielle Mt Euro A +0,09 Gestielle Mt Euro B +0,09 Interfund Euro Bond Long Term -0,04 Interfund Euro Bond Medium Term +0,01 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,04 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,02 Intra Obb. Euro +0,02 Italfortune Euro Bonds +0,00 Leonardo Obbligazionario +0,04 Mediolanum Euromoney -0,12 Mediolanum Italmoney -0,08 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,18 Norvega Obb. Euro A +0,05 Norvega Obb. Euro B +0,04 Optima Obbligazionario Euro +0,04 Prima Fix Obbligazionario Mlt A -0,02 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y -0,02 Ras Lux Bond Europe +0,01 Sai Eurobbligazionario +0,05 Synergia Obb Euro M.T. +0,02 Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,03 Unibanca Obbligazionario Euro +0,05 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Amundi Corporate 3 Anni +0,21 Amundi Corporate Giugno 2012 +0,22 Arca Bond Corporate +0,03 Carige Corporate Euro A +0,02 Carige Corporate Euro B +0,03 Corporate Bond +0,03 Ducato Etico Fix Y -0,08 Ducato Etico Fix A -0,06

10,171 5,112 5,069 7,455 6,893 6,742 5,724 5,868 7,54 7,493

32,988 32,306 4,971 7,127 9,03 15,673 6,913 6,964 6,924 6,721 6,727 5,48 10,918 11,071 5,722 5,842 5,527 5,584 7,594 7,676 7,49 14,054 15,544 7,62 9,375 121,69 8,088 7,443 7,508 11,053 11,13 8,225 8,318 15,053 15,209 8,444 8,334 6,984 11,678 6,067 8,42 7,578 6,411 6,561 17,388 6,604 6,689 6,976 5,793 5,813 58,494 12,839 5,235 6,983 5,827 6,252 6,252

101,405 5,029 7,125 6,628 6,716 7,415 5,313 5,26

VARIAZ. QUOT.

Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,07 5,672 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,09 7,52 Euromobiliare Euro Corporate Bt +0,03 8,823 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,05 8,501 Fonditalia Euro Corporate Bond T +0,05 8,554 Interfund Euro Corporate Bond +0,06 5,06 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,00 7,691 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,02 4,837 Prima Fix Imprese A +0,05 6,574 Prima Fix Imprese Y +0,05 6,665 Sai Obbligazionario Corporate +0,02 6,654 Synergia Obb Corporate +0,02 5,435 Ubi Pramerica Euro Corporate +0,05 7,879 OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,18 7,308 Fonditalia Bond Euro High Yield R +0,18 14,204 Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,18 14,274 Interfund Bond Euro High Yield +0,18 7,785 Prima Fix High Yield A +0,19 7,984 Prima Fix High Yield Y +0,20 8,151 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -1,14 9,161 Azimut Reddito Usa -1,21 6,042 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt -1,07 6,357 Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 Fonditalia Bond Usa R -1,24 8,652 Fonditalia Bond Usa T -1,23 8,725 Gestielle Bond Dollars A -1,16 9,459 Gestielle Bond Dollars B -1,15 9,603 Interfund Bond Usa -1,23 7,529 Nordfondo Obbligazioni Dollari -1,07 14,564 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Allianz Reddito Globale L -0,67 16,412 Allianz Reddito Globale T -0,67 16,088 Alpi Obbligazionario Internazionale -0,11 7,177 Alto Internazionale Obb. -0,55 6,509 Arca Bond - Obbligazioni Estere -0,48 12,907 Aureo Obbligazioni Globale +0,00 8,118 Bim Obb. Globale -0,07 6,005 Bpvi Obblig. Internazionale A -0,18 6,05 Bpvi Obblig. Internazionale B -0,18 6,055 Carige Obbligazionario Internazionale A -0,24 6,11 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,24 6,238 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali -0,48 8,708 Fondersel Internazionale -0,07 14,688 Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,62 6,574 Gestielle Obbligazionario Intern. B -0,61 6,685 Imibond -0,12 16,48 Mc G.Fdf Global Bond A +0,13 5,361 Mc G.Fdf Global Bond B +0,11 5,303 Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 Norvega Obb. Internazionale A -0,17 5,997 Norvega Obb. Internazionale B -0,15 6,075 Optima Obb. Euro Global +0,01 6,987 Pianeta -0,44 9,973 Prima Fix Obbligazionario Globale A -0,74 9,243 Prima Fix Obbligazionario Globale Y -0,74 9,281 Prima Forza 1 A -0,06 5,11 Prima Forza 1 B -0,04 5,112 Prima Forza 1 Y -0,06 5,149 Sai Obb.Internazionale -0,06 8,18 Ubi Pra. Obbligazioni Globali -0,49 5,903 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond -0,02 5,602 Fonditalia Euro Yield Plus R +0,06 9,423 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate -0,10 6,902 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan -0,70 6,137 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,28 5,046


il Domani Giovedì 5 Agosto 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Amundi Obbligazionario Euro +0,02 5,526 Anima Convertible +0,18 6,183 Azimut Trend Tassi -0,01 8,932 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,10 5,146 Consultinvest Obbligazionario +0,06 5,193 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola +0,08 6,103 Eurizon Obb. Etico +0,04 5,49 Fonditalia Euro Yield Plus T +0,07 9,492 Fonditalia Inflation Linked R +0,10 13,833 Fonditalia Inflation Linked T +0,10 13,923 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,14 7,196 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,14 7,316 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,40 5,829 Interfund Inflation Linked +0,10 13,762 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 11,115 Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,77 5,373 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,02 16,039 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,03 6,657 Prima Fix Emergenti A +0,10 13,336 Prima Fix Emergenti Y +0,10 13,642 Prima Forza 2 A -0,04 4,644 Prima Forza 2 B -0,04 4,646 Prima Forza 2 Y -0,04 4,697 Ras Lux Short Term $ +0,02 144,695 Ras Lux Short Term Euro +0,07 65,598 Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,09 9,605 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -1,21 5,211 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi +0,00 4,827 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale +0,14 5,002 Arca Cedola Bond Globale Euro +0,02 5,01 Arca Cedola Corp. Bond +0,06 5,286 Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,04 5,037 Arca Cedola Corporate Bond Iii +0,04 5,032 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,08 5,104 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii +0,06 4,961 Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii +0,04 5,018 Aureo Cash Dynamic +0,04 5,202 Bg Focus Obbligazionario +0,09 6,718 Bnl Target Return Liquidita' +0,05 9,978 Cividale Forum Iulii Strategia A +0,30 5,754 Cividale Forum Iulii Strategia B +0,31 5,905 Consultinvest High Yield -0,04 5,698 Consultinvest Monetario +0,11 5,463 Consultinvest Reddito +0,14 7,208 Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 Euromobiliare Tr Flex 2 -0,02 6,636 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,22 10,004 Premium +0,00 6,54 Risparmio +0,04 7,778 Ritorni Reali +0,03 5,926 Symphonia Bond Flessibile +0,02 5,20 Ubi Pra. Active Duration +0,04 5,656 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,03 10,561 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,06 5,20 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,26 5,441 Alto Obbligazionario +0,26 8,828 Anima Fondimpiego +0,12 20,041 Arca Obbligazioni Europa +0,32 8,453 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity -0,03 7,883 Bancoposta Mix 1 +0,20 5,923 Bim Corporate Mix +0,02 5,536 Bnl Telethon +0,03 5,946 Bpvi Obiettivo Reddito A +0,11 5,72 Bpvi Obiettivo Reddito B +0,10 5,727 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 +0,40 5,31 Carige Bilanciato 10 +0,23 5,555 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,45 5,524 Cividale Forum Iulii Rendita B +0,46 5,666 Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico +0,33 7,968 Eurizon Rendita +0,44 5,99 Eurizon Soluzione 10 +0,17 6,872 Fucino Challenger +0,28 4,689 Gestielle Etico Per Ail A +0,35 6,335 Gestielle Etico Per Ail B +0,35 6,393 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,26 5,703 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,30 6,029 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,35 6,65 Norvega Sintesi Moderato +0,41 5,573 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,30 8,324 Sai Multi Fund Linea Prudente +0,67 4,964 Sai Performance +0,05 17,411 Sforzesco +0,09 10,096 Symphonia Patr.Globale Reddito +0,28 7,088 Synergia Bilanciato 15 +0,34 5,324 Total Return Obbligazionario +0,19 4,152 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,05 6,124 Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,21 6,16 Zenit Obb. I +0,04 8,178 Zenit Obb. R +0,04 8,12 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti +0,43 13,747 Bnl Obbligazioni Emergenti -0,40 23,192 Emerging Markets Bond +0,19 6,341 Eurizon Focus Obb. Emergenti +0,23 11,526 Euromobiliare Emerging Markets Bond -0,36 7,279 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R+0,36 10,748 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T+0,36 10,799 Gestielle Emerging Mkt Bond A +0,27 10,493 Gestielle Emerging Mkt Bond B +0,28 10,697 Interfund Bond Global Emerging Markets +0,38 11,086 Mc G.Fdf High Yield A +0,11 7,223 Mc G.Fdf High Yield B +0,12 5,217 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti -0,36 8,946 Norvega Obb. Paesi Emergenti A +0,12 7,567 Norvega Obb. Paesi Emergenti B +0,12 7,694 Optima Obb. Emergent Market -0,42 7,767 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A -0,21 10,137 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,02 5,561 Allianz Liquidita' A +0,04 5,585 Allianz Liquidita' At +0,04 5,056 Allianz Liquidita' B +0,04 5,712 Amundi Eonia +0,00 102,154

VARIAZ. QUOT.

Amundi Liquidita' +0,03 8,949 Anfiteatro Tesoreria +0,05 5,672 Anima Liquidita' +0,06 6,619 Arca Bt - Breve Termine +0,05 8,731 Arca Bt - Tesoreria +0,03 5,758 Aureo Liquidita' +0,00 5,715 Azimut Garanzia +0,02 12,298 Bnl Cash +0,05 22,15 Bpvi Tesoreria A +0,04 5,644 Bpvi Tesoreria B +0,04 5,647 Carige Liquidita' Euro A +0,03 6,325 Carige Liquidita' Euro B +0,03 6,388 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Epsilon Cash +0,03 6,286 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,03 7,655 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,03 7,70 Eurizon Liquidita' A +0,03 7,276 Eurizon Liquidita' B +0,01 7,454 Euromobiliare Conservativo +0,05 11,097 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta +0,00 14,609 Fondaco Euro Cash +0,02 116,404 Fondo Liquidita' +0,05 7,591 Gestielle Cash Euro A +0,03 7,049 Gestielle Cash Euro B +0,04 7,087 Nextam P. Liquidita' +0,10 5,792 Nordfondo Liquidita' +0,06 6,188 Norvega Monetario A +0,00 5,862 Norvega Monetario B +0,00 5,906 Optima Money +0,03 6,137 Pensplan Invest Cash Fund +0,03 5,934 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 5,066 Prima Fix Monetario A +0,02 8,503 Prima Fix Monetario I +0,02 8,603 Prima Fix Monetario Y +0,02 8,591 Sai Liquidita' +0,05 11,48 Symphonia Comp.Monetario +0,05 7,436 Synergia Monetario +0,02 5,014 Synergia Tesoreria +0,04 5,045 Ubi Pramerica Euro Cash +0,03 7,275 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -1,05 12,589 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,15 16,599 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso +0,42 5,26 8a+ Latemar +0,59 5,141 8a+ Monviso +0,26 5,10 Abis Flessibile +0,00 5,749 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 Agora Flex -0,21 6,777 Agora Selection +0,02 4,839 Agora Valore Protetto +0,03 6,35 Alarico Re +1,15 4,493 Alkimis Capital Ucits +0,00 4,902 Allianz F100 L +1,07 4,075 Allianz F100 T +1,09 4,00 Allianz F15 L +0,13 5,414 Allianz F15 T +0,15 5,335 Allianz F30 L +0,29 5,229 Allianz F30 T +0,29 5,151 Allianz F70 L +0,89 27,518 Allianz F70 T +0,89 26,956 Amundi Absolute +0,23 5,208 Amundi Azionario Trend +1,60 96,094 Amundi Dynamic Allocation +0,50 5,261 Amundi Equipe 1 -0,08 5,24 Amundi Equipe 2 -0,02 5,176 Amundi Equipe 3 -0,14 5,14 Amundi Equipe 4 +0,04 4,783 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 +0,81 5,223 Amundi Eureka China Double Wine +1,29 5,585 Amundi Eureka China Ripresa 2015 +1,08 4,981 Amundi Eureka Doppia Opportunità 2014 +1,43 5,039 Amundi Eureka Double Call +1,12 5,424 Amundi Eureka Double Win +2,57 5,596 Amundi Eureka Double Win 2013 +1,68 4,848 Amundi Eureka Dragon -1,09 6,178 Amundi Eureka Oriente 2015 +0,80 4,906 Amundi Eureka Ripresa 2014 +2,36 5,197 Amundi Eureka Ripresa 2016 +3,13 5,037 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 +2,70 4,94 Amundi Eureka Settori 2016 +0,62 4,85 Amundi Eureka Usa 2015 +0,87 4,744 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +1,04 5,037 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 -0,18 4,908 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,48 5,207 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 -0,20 4,906 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014+1,34 5,065 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. -0,07 5,713 Amundi Form. Private Div. Opp. -0,06 4,985 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +2,08 4,473 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013+1,88 4,509 Amundi Formula Garantita 2012 -0,12 5,069 Amundi Formula Garantita 2013 -0,18 4,948 Amundi Formula Garantita Due - 2013 -0,22 4,935 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014-0,39 4,904 Amundi Piu -0,02 5,605 Amundi Premium Power -0,10 5,084 Amundi Private Alpha +0,32 4,774 Amundi Qreturn +1,23 5,452 Amundi Soluzione Azioni +1,67 4,64 Amundi Strategia 95 +0,22 4,924 Anfiteatro Bond Plus +0,07 7,411 Anfiteatro Conservative Flex +0,00 5,023 Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,07 5,615 Anfiteatro Corporate Bt +0,08 5,166 Anfiteatro Total Return +0,00 3,283 Anima Fondattivo +0,61 13,642 Aqqua +0,00 4,868 Arca Capitale Garantito Dic 2013 +0,15 5,203 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,14 5,005 Arca Corporate Breve Termine +0,09 5,531 Arca Rendimento Assoluto T3 +0,00 5,127 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,929 Aureo Defensive +0,02 5,073 Aureo Finanza Etica +0,11 6,103 Aureo Flex Euro +1,75 9,757 Aureo Flex Italia +1,47 17,098 Aureo Flex Opportunity +0,21 4,858 Aureo Plus +0,07 5,923 Aureo Primaclasse Flessibile +0,04 5,391 Aureo Rendimento Assoluto +0,32 5,558 Azimut Strategic Trend +0,83 5,122

VARIAZ. QUOT.

Azimut Trend +1,64 Azimut Trend America +0,53 Azimut Trend Europa +1,71 Azimut Trend Italia +2,00 Azimut Trend Pacifico -0,21 Bancoposta Centopiu' -0,02 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,06 Bancoposta Extra +0,21 Bancoposta Step +0,00 Bancoposta Trend +0,10 Bg Focus Azionario +0,77 Bim Flessibile +0,53 Bnl Target Return Conservativo +0,14 Bnl Target Return Dinamico +0,34 Bnpp 100% E Pià Grande Asia +0,13 Bnpp 100% E Pià Grande Europa +0,06 Bnpp Equipe Attacco +0,46 Bnpp Equipe Centrocampo +0,23 Bnpp Equipe Difesa +0,04 Bpvi Obiettivo Rendimento A +0,21 Bpvi Obiettivo Rendimento B +0,23 Carige Flessibile +0,00 Carige Flessibile B +0,02 Carige Flessibile Piu' A +0,00 Carige Flessibile Piu' B +0,02 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 Carismi Pratico B +0,00 Consultinvest Alto Dividendo +1,09 Consultinvest Mercati Emerg. +1,07 Consultinvest Multi Flex +0,17 Consultinvest Plus +0,13 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global +0,28 Epsilon Qreturn +1,23 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 +0,12 Eurizon Focus Garantito 03/13 +0,06 Eurizon Focus Garantito 06/12 +0,04 Eurizon Focus Garantito 09/12 +0,04 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,06 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 +0,11 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,12 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,10 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,08 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 +0,04 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,15 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,42 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,19 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,09 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni +0,09 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,08 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A +0,05 Eurizon Team 1 G +0,05 Eurizon Team 2 A +0,12 Eurizon Team 2 G +0,12 Eurizon Team 3 A +0,25 Eurizon Team 3 G +0,25 Eurizon Team 4 A +0,38 Eurizon Team 4 G +0,38 Eurizon Team 5 A +0,60 Eurizon Team 5 G +0,62 Euromobiliare Real Assets +0,41 Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex +0,08 Euromobiliare Tr Flex 3 +0,07 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re +0,04 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,32 Flessibile +0,90 Fondaco Global Opportunities +0,00 Fondersel Duemila +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T +0,16 Fonditalia Flexible Dynamic R +1,67 Fonditalia Flexible Dynamic T +1,66 Fonditalia Flexible Income R +0,14 Fonditalia Flexible Income T +0,14 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,15 Fonditalia Flexible Multimanager T +0,16 Fonditalia Flexible Opportunity R +0,21 Fonditalia Flexible Opportunity T +0,22 Fonditalia New Flexible Growth R +0,36 Fonditalia New Flexible Growth R +0,02 Fonditalia New Flexible Growth T +0,37 Fonditalia New Flexible Growth T +0,02 Formula 1 Alpha Plus 20 +0,25 Formula 1 Conservative +0,05 Formula 1 High Risk +0,55 Formula 1 Low Risk +0,03 Formula 1 Risk +0,54 Gestielle Brasile +0,32 Gestielle Global Asset Plus +0,00 Gestielle Harmonia Dinamico +0,07 Gestielle Harmonia Moderato +0,09 Gestielle Harmonia Vivace +0,11 Gestielle Total Return -0,03 Gestielle Total Return Obiettivo Piu' -0,02 Gestielle Tr Obiettivo Cedola -0,08 Gestnord Asset Allocation +0,21 Igm Flessibile A +0,07 Igm Flessibile B +0,07 Interfund System 100 +0,11 Interfund System 40 +0,05 Interfund System Evolution +0,25 Interfund System Flex +0,02 Intra Assoluto +1,26 Intra Flessibile +0,06 Investitori Flessibile +0,44 Kairos Partners Fund +1,12 Kairos Partners Income +0,01 Kairos Partners Small Cap +0,47 Leonardo Trend +0,47 Macro F.0. +0,66 Mc G.Fdf Flx Low A +0,04 Mc G.Fdf Flx Low B +0,02

19,264 8,871 12,049 15,018 6,302 5,291 5,261 5,282 4,991 4,98 22,274 3,809 5,058 12,467 5,397 5,09 4,565 4,837 5,424 5,291 5,304 5,208 5,227 4,496 4,561 4,819 4,897 6,075 6,122 3,256 5,119 4,838 5,22 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,977 6,187 5,067 5,175 5,138 5,12 5,135 5,294 5,171 5,251 5,132 4,966 5,222 5,261 5,33 5,458 5,468 5,233 4,862 8,073 5,989 5,989 5,682 5,676 4,76 4,783 3,993 4,015 3,845 3,868 4,194 3,206 13,392 4,582 6,877 5,209 9,093 2,802 97,716 93,001 2,519 6,097 6,118 8,481 8,524 9,36 9,428 7,771 7,821 8,662 8,659 8,744 8,739 6,384 6,421 6,742 6,634 6,484 5,052 5,304 5,343 5,303 5,38 13,891 5,009 4,907 4,726 4,03 4,074 9,508 11,171 10,117 10,251 5,936 6,163 6,221 5,667 6,691 9,216 6,043 3,979 5,253 5,243

VARIAZ. QUOT.

Mc G.Fdf Flx.High B +1,19 3,742 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,47 5,721 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,45 3,784 Mediolanum Flessibile Globale +1,02 14,119 Mediolanum Flessibile Italia +1,78 16,222 Mediolanum Flessibile Strategico +0,21 6,327 Nextam P. Flessibile +0,74 4,747 Nordest Sicav -0,25 3,98 Norvega Flessibile A +0,59 7,351 Norvega Flessibile B +0,60 7,386 Norvega Mb Absolut -0,07 3,014 Norvega Mb Strategic -0,07 2,97 Norvega Rendimento A +0,02 5,315 Norvega Rendimento B -0,02 5,336 Ob. Rendimento +0,09 5,84 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,16 4,48 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,16 3,706 Paritalia Orchestra C +0,00 72,116 Pioneer Target Controllo A +0,09 5,373 Pioneer Target Equilibrio A +0,22 5,353 Pioneer Target Sviluppo A +0,34 22,406 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,16 5,116 Prima Strategia A-Rt 100 Y -0,16 5,134 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,16 4,88 Prima Strategia A-Rt 200 Y -0,18 4,899 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,07 16,313 Prima Strategia A-Rt 50 Y -0,07 16,354 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,45 2,233 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,40 2,254 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A+0,28 13,972 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y+0,28 13,975 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,78 4,641 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,77 4,695 Profilo Best Funds -0,02 5,874 Profilo Elite Flessibile +0,14 5,618 Sofia Flex +0,00 0,711 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,27 5,137 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,21 5,163 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,21 5,188 Soprarno Global Macro A -0,29 4,888 Soprarno Global Macro B -0,28 4,943 Soprarno Inflazione +1,5% A -0,13 5,442 Soprarno Inflazione +1,5% B -0,13 5,473 Soprarno Relative Value A -0,32 5,314 Soprarno Relative Value B -0,30 5,373 Symphonia Asia Flessibile +0,33 6,031 Symphonia Comp.Fortissimo +2,03 2,665 Symphonia Italia Flessibile +0,55 4,904 Synergia Total Return +0,13 5,224 Total Return +0,71 2,114 Ubi Pra. Active Beta +0,17 4,723 Ubi Pra. Alpha Equity +0,18 5,122 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,02 5,107 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,02 5,127 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,26 4,976 Unibanca Plus -0,04 5,24 Volterra Dinamico +0,09 5,329 Volterra Tr Glob. -0,02 5,338 Zenit Absolute Return I +0,41 5,701 Zenit Absolute Return R +0,41 5,612 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 +0,43 4,414 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico +1,37 11,212 Antonveneta Vita Armonico 2007 +1,18 9,662 Antonveneta Vita Attivo +1,74 11,995 Antonveneta Vita Attivo 2007 +1,52 9,237 Antonveneta Vita Azionario +2,73 14,16 Antonveneta Vita Azionario Globale +1,63 8,301 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +1,79 9,55 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +1,67 11,356 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +1,21 10,943 Antonveneta Vita Dinamico +2,05 13,359 Antonveneta Vita Equilibrato +0,66 14,622 Antonveneta Vita Euromoneta +0,01 11,42 Antonveneta Vita Monetario +0,01 11,829 Antonveneta Vita Obbligazionario +0,36 11,826 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,33 13,339 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +0,85 12,452 Antonveneta Vita Protetto +0,30 12,508 Antonveneta Vita Protetto 2007 +0,14 10,566 Antonveneta Vita Sicuro +0,29 12,84 Antonveneta Vita Trend +1,90 11,892 Antonveneta Vita Trend Dinamico +2,04 8,455 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,65 10,055 Antonveneta Vita Trend Plus +1,90 7,351 Antonveneta Vita Trend Protetto +0,37 10,492 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced +1,24 10,742 Aurora New Bond -0,21 10,513 Aurora New Share +2,35 11,36 Aurora Unietic +0,00 10,536 Aurora Unit Balanced +0,34 10,575 Aurora Unit Bond -0,02 9,096 Aurora Unit Share +0,71 9,398 Aurora Winvest Bilanciata +0,17 11,507 Aurora Winvest Dinamica -0,10 10,16 Aurora Winvest Prudente +0,42 12,496 AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 Axa Mps Carattere Forte +0,18 8,999 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 Axa Mps Fin. Az. Top Ten +0,05 10,895 Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 11,785 Axa Mps Fin. Dinamico +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico A -0,03 11,483 Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +0,05 21,857 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,03 11,257 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,03 10,812 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,03 11,881 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 -0,01 9,956 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565

VARIAZ. QUOT.

Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A +0,05 13,003 Axa Mps Fin. Usa Equity A -0,60 5,473 BCC VITA Bcc Vita Equity America +3,36 4,68 Bcc Vita Equity Asia +1,24 5,133 Bcc Vita Equity Europa +3,79 4,629 Bcc Vita World Global Bond +0,17 5,419 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,67 5,98 Bpm Az 50 +1,41 5,74 Bpm Az 80 +2,31 5,32 Bpm Az Flex +1,83 4,46 Bpm Financial Audace +2,62 3,91 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 -0,18 5,50 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 -0,18 5,56 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 -0,18 5,50 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 -0,18 5,50 Bpm Financial Equilibrato +1,98 4,64 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,00 5,58 Bpm Financial Geographic Areas +3,49 3,26 Bpm Financial Global Bond +0,16 6,33 Bpm Financial Industrial Sector +3,10 3,33 Bpm Financial Prudente +1,15 5,26 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,51 Bpm Financial Vita Azionario +3,11 4,64 Bpm Financial Vita Bilanciato +1,99 5,64 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,00 7,14 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 -0,29 10,818 Bnl Vita Capital Unit 60 -0,36 8,601 Bnl Vita Capital Unit 90 -0,56 6,537 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B +2,56 138,177 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B +1,30 191,994 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B +0,31 218,847 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A +0,95 184,525 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 Carige Gestilink Arancione Dinamica +2,31 3,769 Carige Gestilink Blu Moderata +1,34 5,298 Carige Gestilink Verde Prudente +0,24 6,719 Carige Protezione Attiva -0,09 104,36 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +1,96 4,222 Cattolica Bilanciato +1,34 4,47 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert -1,70 3,298 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +1,01 0,301 Cattolica Cividale Percorso Azionario +3,12 11,619 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario+0,64 11,421 Cattolica Ferrara Investire Azionario +2,92 3,382 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario -0,13 5,485 Cattolica Fondo Protetto +0,23 5,198 Cattolica Formula Life Azionaria -0,26 4,523 Cattolica Formula Life Bilanciata -0,24 4,956 Cattolica Fuoriclasse Balanced -0,28 4,604 Cattolica Fuoriclasse Bond -0,14 5,609 Cattolica Fuoriclasse Equity -0,45 3,098 Cattolica Fuoriclasse High Tech -0,97 1,327 Cattolica Nuove Rotte +0,34 5,567 Cattolica Obbligazionario +0,43 4,952 Cattolica Progetto Attivo Bond +0,39 4,658 Cattolica Progetto Attivo Equity +1,95 3,862 Cattolica Progetto Attivo Mix +1,29 4,467 Cattolica Soluzione Dinamica -0,15 5,327 Cattolica Soluzione Prudente -0,06 6,549 Cattolica Soluzione Vivace -0,16 3,694 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,30 72,152 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 Centrovita Anni 40 +0,01 149,711 Centrovita Anni 50 +0,20 167,621 Centrovita Anni 60 +1,34 123,793 Centrovita Anni 70 +2,27 124,505 Centrovita Anni 80 +3,01 98,257 Centrovita Azionario +2,61 110,58 Centrovita Azionario Blue +2,58 58,707 Centrovita Azionario Green +2,60 58,917 Centrovita Azionario Plus +2,65 134,876 Centrovita Bilanciato +1,52 152,263 Centrovita Bilanciato Plus +1,52 179,561 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario +0,15 194,329 Centrovita Obbligazionario Blue +0,13 127,497 Centrovita Obbligazionario Plus +0,16 216,348 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic +2,63 2,031 Unit Moderate +0,08 4,882 GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio +0,79 6,009 Genertellife Aptus 1 -0,02 4,844 Genertellife Aptus 2 -0,14 4,373 Genertellife Aptus 3 -0,19 3,626 Genertellife Bg 2005-2015 +0,55 10,417 Genertellife Bg 2005-2020 +1,04 9,749 Genertellife Bg 2005-2025 +1,87 8,79 Genertellife Bg 2005-2030 +2,12 8,287 Genertellife Bg Azionario 1 +0,23 2,215 Genertellife Bg Azionario 2 +0,12 2,539 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,13 3,919 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,10 5,096 Genertellife Bg Dinamico +1,59 8,161 Genertellife Espansione -0,33 2,755 Genertellife Espansione2000 -0,18 2,769 Genertellife Sviluppo -0,19 4,137 Genertellife Sviluppo2000 -0,05 3,729 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,14 5,898 Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,09 5,841

VARIAZ. QUOT.

Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -0,17 5,135 Genertellife Valore +0,00 6,087 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo -0,02 4,141 Ina Fondo Valute Estere +0,61 1,163 Ina Nuovo Fondo Ina +0,11 7,929 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,11 5,333 Intesa Vita Azionario America Growth +4,09 8,851 Intesa Vita Azionario America Value +4,30 9,756 Intesa Vita Azionario Cina +2,36 22,563 Intesa Vita Azionario Europa Growth +4,84 10,672 Intesa Vita Azionario Europa Value +4,84 11,148 Intesa Vita Crescita +0,02 6,099 Intesa Vita Dinamica -0,17 4,754 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,10 3,14 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,08 5,043 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,14 5,582 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,19 6,418 Intesa Vita Gpa Accordo -0,06 688,85 Intesa Vita Gpa Accordo 2 -0,06 661,43 Intesa Vita Gpa Acuto +1,99 414,88 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +1,99 348,40 Intesa Vita Gpa Armonia +1,12 526,44 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +1,11 462,82 Intesa Vita Gpa Motivo +0,28 638,93 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,28 599,91 Intesa Vita Monetario Dollaro -0,55 9,506 Intesa Vita Monetario Euro +0,00 10,836 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,03 11,432 Intesavita Gpa Private Bond +0,10 736,68 Intesavita Gpa Private Global Guar. -0,33 596,73 Intesavita Gpa Private Global High -1,80 345,60 Intesavita Gpa Private Global Low -0,16 681,57 Intesavita Gpa Private Global Medium -0,60 556,16 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo +0,00 3,476 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,03 3,982 Mediolanum Azionario Fedeltà +0,00 1,786 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,03 3,227 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,03 3,962 Mediolanum Azionario Protezione -0,02 5,84 Mediolanum Balanced +0,00 4,712 Mediolanum Balanced Bis +0,00 4,78 Mediolanum Country -0,03 3,371 Mediolanum Country Bis +0,00 3,935 Mediolanum Dynamic +0,00 4,135 Mediolanum Dynamic Bis +0,00 4,533 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,00 6,734 Mediolanum Eurobond Opportunita' -0,01 6,96 Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,00 6,753 Mediolanum Euroequity Opportunita' +0,00 4,215 Mediolanum Euroequity Protezione +0,00 6,46 Mediolanum Euroequity Sviluppo +0,00 4,475 Mediolanum Moderate +0,00 5,146 Mediolanum Moderate Bis +0,00 5,163 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,00 5,515 Mediolanum Obb. Crescita Bis +0,00 5,483 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis -0,02 5,192 Mediolanum Obb. Moderazione Bis -0,02 5,502 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,00 6,828 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,00 6,642 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,00 6,651 Mediolanum Opportunity +0,00 3,768 Mediolanum Opportunity Bis +0,00 4,122 Mediolanum Prudent +0,00 6,192 Mediolanum Prudent Bis +0,00 5,489 Mediolanum Sector +0,00 3,329 Mediolanum Sector Bis +0,00 4,141 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -1,38 3,066 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato -1,28 4,405 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,163 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,07 5,642 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,68 3,013 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 5,416 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 12,861 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,45 12,797 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 11,871 Risparmio Formula Link In Prima +0,03 11,632 Risparmio Formula Link In Seconda -0,59 9,849 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 8,075 Risparmio Gestivita Azionario -0,55 8,856 Risparmio Gestivita Bilanciato -0,48 10,747 Risparmio Gestivita Obbligazionario -0,23 12,634 Risparmio Patavium Ul Dinamico +0,00 7,57 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,88 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +2,00 8,209 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +1,82 7,883 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,02 9,183 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,46 9,546 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 9,73 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,01 119,53 Unipol Uninvest Azioni Piu' +0,76 108,984 Unipol Uninvest Crescita +1,12 13,687 Unipol Uninvest Equilibrio +1,07 12,966 Unipol Uninvest Flessibile +1,23 7,055 Unipol Uninvest Grande7 +0,80 108,754 Unipol Uninvest Grandevita +0,71 104,987 Unipol Uninvest Mach 7 +0,46 111,271 Unipol Uninvest Otto&Mezzo +0,47 103,803 Unipol Uninvest Performance Europa +3,47 7,544 Unipol Uninvest Risparmio +0,17 13,604 Unipol Uninvest Valore +1,97 12,722 ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo +0,26 5,453 Zlap Crescita +1,22 6,496 Zlap Equilibrio +0,62 7,659 Zlap Evoluzione +0,54 4,831 Zlap Protezione +0,06 7,942 Zlap Prudenza +0,33 5,779 Zlap Sicurezza +0,02 5,51 Zlap Sviluppo +1,01 3,695


28

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

CRONACA La Provincia replica ai consiglieri di Pianopoli per il dissesto idrogeologico

«Interventi per la sicurezza idraulica al torrente S. Ippolito» di Grazie Assanti CATANZARO - «Sono state pubblicate nei giorni scorsi, sulla stampa locale, notizie riguardanti legittime preoccupazioni da parte di alcuni consiglieri comunali di Pianopoli, relativamente al gravoso problema del dissesto idrogeologico che interessa quei territori, con particolare attenzione al torrente Gaccia, che scorre per buona parte della pianura lametina, attraversando anche il Comune di Pianopoli», si legge in una nota della Provincia giunta in redazione che prosegue: «Dette preoccupazioni non giungono inopportune, in quanto l’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, che ha già monitorato tutti i corsi d’acqua di competenza, si sta adoperando, proprio in questi giorni, nella predisposizione di tutti gli interventi ritenuti indispensabili per garantire la sicurezza idraulica del proprio territorio e mettere al riparo persone e patrimonio dai possibili danni derivanti da eventuali esondazioni. In tale contesto il torrente Gaccia, conosciuto ai più col nome di S. Ippolito, è stato ritenuto un corso d’acqua di prioritaria importanza nel bacino idraulico del Fiume Amato, sia per i volumi d’acqua che è chiamato a convogliare, che per le sue condizioni diservizio, come chiaramente evidenziato dai recenti eventi alluvionali.Sembra opportuno, in tale ambito, richiamare, però, l’attenzione su alcune considerazioni dalle quali non si può assolutamente prescindere, per potere valutare, nella loro interezza, le problematiche in oggetto. Si fa notare, infatti, che negli ultimi due anni la fascia tirrenica è stata investita da ben quattro eventi alluvionali di eccezionale intensità, che, secondo le leggi della statistica, fanno ritenere il periodo appena trascorso di rilevanza molto significativa. Ciò

vale sia dal punto di vista dei mutamenti climatici in corso, sia - e soprattutto - della particolare congiuntura, che ha portato l’intera rete idraulica del comprensorio a dovere fornire risposta, in termini di servizio, a fenomeni che conoscono periodo di ritorno decisamente superiore ai 50 anni.Gli elementi di difesa idraulica e tutte le vie di attraversamento dei corsi d’acqua,realizzatiprevalentementenegli anni venti e trenta e, successivamente, negli anni della ricostruzione post-bellica del secolo scorso, hanno subìto nel tempo inevitabili deterioramenti, sia in termini di decadimento dei materiali di base che di soggezione erosiva, elementi che, in molti punti, hanno comportato la loro sostanziale perdita di servizio. D’altra parte rientra nelle caratteristiche peculiari dei corsi d’acqua la tendenza a minare, progressivamente ed inesorabilmente, con lente ed a volte subdole erosioni, spesso al disotto del piano di scorri-

mento, tutte le strutture ivi presenti. In questo contesto la Provincia di Catanzaro si è trovata ad affrontare situazioni di eccezionalità con un reticolo idrografico che necessitava, da tempo, di un larga e robusta rivisitazione. L’attività di monitoraggio su tutti i corsi d’acqua del nostro territorio, effettuata dal personale tecnico degli uffici provinciali negli anni successivi al trasferimento delle competenze dalla Regione alla Provincia, avvenuto nel corso dell’anno 2006, ha portato alla redazione di un piano di intervento, approvato dal Comitato Provinciale di Indirizzo (COMIP), istituito a seguito delle Ordinanze Ministeriali n. 3734 e 3741 /2009, che ha conosciuto, per il momento, soltanto il finanziamento degli interventi di prima fase. Nel particolare caso del torrente S. Ippolito (Gaccia) si stanno predisponendo tutti quegli interventi ritenuti necessari per assicurare la sicurezza idraulica».

Sinistra Ecologia replica a Pittelli su Sacal e Speziali di Marco Grasso CATANZARO - «Appare doveroso replicare alleaffermazioni dell’on. Pittelli con cui lo stesso sostiene che il senatore Vincenzo Speziali non sarebbe incompatibile con l’incarico di presidente della Sacal, per la ragione che lasocietà aeroportuale, avendo ottenuto la "gestione totale" dello scalo, non sarebbe più ’concessionaria’ di un pubblico servizio, dal momento che "non gestisce alcunché per conto dello Stato». E’ quanto scritto in una nota del coordinamentodi Sinistra Ecologia e Libertà di Lamezia Terme. «L’affermazione - aggiunge dell’esponente del Pdl Catanzarese appare però priva di fondamento e completamente errata. Infatti è bene ricordare che l’art. 704 del codice della navigazione, come dal Dl 16 marzo 2006, n. 151, il quale dichiara: che "alla concessione della gestione totale aeroportuale degli aeroporti si provvede con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto col Ministro dell’economia e delle finanze"; che "il provvedimento concessorio, nel limite massimo di durata di 40 anni, è adottato su proposta dell’Enac (Ente strumentale del Ministero stesso); che "l’affidamento in concessione è subordinato alla sottoscrizione di una convenzione con l’Enac nel rispetto delle direttive emanate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti"».


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 29

CRONACA

Tante attività commerciali inattive nel centro storico di Mario Besso CATANZARO - "Una città in vendita". Potrebbe essere questa una provocazione da lanciare ma è la realtà che emerge da uno studio effettuatodallacommissioneprovinciale per l’emersione del lavoro nero e che sarà presentato a settembre. Un lavoro che, punto per punto, ripercorre tutte le criticità di un capoluogo che stenta a vedere segnali di ripresa economica e quindi anche saociale nel medio e lungo periodo, ma mette in luce anche i punti di forza sui quali, investendo, sarebbe possibile creare le condizioni per un rilancio della città, Le criticità nella sua funzione di polo soesistono ciale e di opportunità di crescita. anche per i Basta analizzare, piccoli e come ha fatto la commissione, i medi dati più evidenti imprenditori anche se limitati al solo centro storico del capoluogo. Attività commerciali inattive, circa 600 appartamenti in vendita e una carenza di socialità dovuta anche al perdurare della crisi economica che non consente alle famiglie di programmare un futuro tranquillo. Ma le criticità esistono anche per i piccoli e medi imprenditori che in questo momento non hanno interesse a dar vita ad attività nuove che possano rivitalizzare il tessuto economico e sociale. Un lieve segno di ripresa emerge, dall’analisi dei dati, nel quartiere marinaro dove le attività economiche non registrano dei saldi negati-

Conclusi i corsi di formazione della Formaconsult di Rosa Sementa

vi al pari di quanto avviene per quelle del centro storico. Ecco dunqe che, secondo le conclusioni a cui arrviva la ricerca, è necessario ridisegnare il ruolo del capoluogo, in funzione di un ricercato sviluppo che deve necessariamente tenere conto di due direttrici, un accesso al credito più agevole per i piccoli e medi imprenditori e un investimento nei giovani. Politiche di microcredito agevolerebbero la nascita di nuove attività che farebbero da moltiplicatore per nuove politiche del lavoro e un ridisegnare il ruolo

dell’Università nel capoluogo permetterrebbeaigiovanidioccupare quegli spazi lasciati vuoti. Economia e cultura insieme risultano gli ingredienti più efficaci per oleare un motore che è in evidente difficoltà e soprattutto aiuterebbero a ridare slacio a una comunità intera che, trovata la quadratura del cerchio al suo interno, sarebbe messa nelle condizioni di fare da attrattore anche per l’esterno. Superando le criticità i punti di forza infatti non solo saranno più evidenti ma anche in grado di sostenere l’intero impianto della socialità e dello sviluppo

Lo studio di questi dati è stato effettuato dalla commissione provinciale per l’emersione del lavoro nero e sarà presentato a settembre

Circa 600 sono gli appartamenti in vendita e vi è una carenza di socialità dovuta anche al perdurare della crisi economica

CATANZARO - Sabato 31 Luglio presso la Sala Congressi del Grand Hotel "Paradiso" di Catanzaro Lido, organizzato dalla Formaconsult Soc.Coop. , ente di formazione professionale, si è svolto il seminario conclusivo «Diritto-dovere all’istruzione ed alla formazione» dei corsi di Acconciatore e di Elettricista per il triennio 2008-2010. L’esperienza dei corsi realizzati, nel suo complesso, può definirsi per la Formaconsult estremamente positiva e la presenza di numerosi e qualificati relatori nonché la partecipazione dei giovani allievi corsisti ha contribuito notevolmente alla riuscita del suddetto seminario. I corsi realizzati nel triennio 2008-2010 hanno beneficiato di tutta l’esperienza accumulata negli anni precedenti sia nella gestione dell’Obbligo Formativo che nella formazione delle figure professionali settoriali. In Calabria infatti la percentuale dei ragazzi tra i 18 ed i 24 anni con la licenza media e quindi non più in formazione è passata dal 17,9 % del 2006 al 18,9% del 2007, facendo purtroppo registrare una tendenza alla crescita del fenomeno. Sono circa 2500 gli alunni che hanno abbandonato gli studi nell’anno scolastico 2006.-2007, di cui il 40% al primo anno della Scuola Superiore. Appare pertanto necessario e doveroso da parte delle Istituzioni competenti, in prima linea la

Regione Calabria e le Amministrazioni Provinciali Calabresi, consolidare e valorizzare le esperienze formative nel territorio regionale in termini sia di disponibilità e di risorse sia di continuità di programmazione che di attuazione costante. I lavori durante il seminario sono stati aperti da Franco Arnò, AmministratoSeminario re Unico della Formaconsult, conclusivo il quale ha all’Hotel relazionato sull’attività forParadiso mativa svolta. In rappresen- di Catantanza della professoressa zaro Lido Maria Levato, Dirigente Scolastico I.I.S "Ferrars-Pacioli" di Catanzaro, è intervenuto l’ingegnere Claudio Nisticò».


30

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

CRONACA

Il sindaco di Cerisano Loris Greco incontrerà l’assessore Riccetti

Danni alla viabilità, incontro per stabilire interventi di Vittorio Alessi COSENZA - Colloquio telefonico, ieri, tra il presidente Mario Oliverio ed il sindaco di Cerisano Loris Greco, in relazione alla situazione determinata dagli avversi eventi atmosferici dello scorso inverno che hanno causato consistenti danni alla viabilità. Nel Comune di Cerisano si sono verificati movimenti franosi di versante che hanno determinato lo spostamento a valle di alcune strade in diversi punti. In particolare, sono state interessate la S.P. Cosenza-Cerisano- Serra Mezzana e la S.P. Cerisano- Cozzo dei Monti. Sono stati necessari studi approfonditi dal punto di vista geomorfologico per i quali la Provincia ha deOliverio: «Allo stato stinato le conseguenti rinon abbiamo ancora sorse. Sulla strada proCosenza Cerisaavuto alcuna risponden- vinciale no- Serra Mezzana, a seguito degli studi prima riza in merito alle situachiamati, si è intervenuti zioni di grave criticità per liberare la carreggiata occlusa in diversi punti dello scorso anno» a causa degli scoscendimentiefraneprovenienti dalle scarpate da monte. E’ da rilevare che per le due frane di notevoli dimensioni è in itinere, per la sistemazione della carreggiata stradale, la variante ad un progetto già appaltato, dell’importo di 300mila euro sull’annualità 2009 del Piano Triennale delle Opere Pubbliche, mentre è stato affidato l’incarico per lo studio geologico e le prove geotecniche dell’opera di

sostegno, per un importo di altrettanti 300mila euro, sull’annualità 2010. Per il superamento della zona in frana è possibile percorrere la strada provinciale per Rizzuti di Mendicino e la comunale fino alla S.P. 45. «Allo stato- mette in evidenza al riguardo il Presidente Mario Oliverio- non abbiamo ancora avuto alcuna rispondenza in merito alle situazioni di grave criticità e di dissesto determinate sul territorio in conseguenza delle calamità dello scorso inverno e di quello precedente 2008-2009. Siamo stati costretti a tamponare le gravi situazioni determinate con le risorse del nostro Bilancio- prosegue il Presidente della Provincia- assolutamente insufficienti e irrisorie rispetto alla portata dei danni subiti ed alla consistenza degli interventi necessari. Persino le Somme Urgenze che siamo stati costretti ad operare per evitare difficoltà alle popolazioni ed alle comunità locali non sono state

coperte, così come si era impegnato a fare il responsabile della Protezione Civile nazionale Guido Bertolaso. Ciò, bisogna rilevare, malgrado ben tre ordinanze della Protezione Civile autorizzavano le «La Protezione Civile Province e gli enti locali ad assumere interventi ha garantito la urgenti sulle emergenze determinate». «A fronte di copertura parziale della quelle ordinanze- ricorda sola prima ondata di infine Oliverio- la Protezione Civile ha garantito maltempo relativa per Province e Comuni la copertura parziale (45%) al 2008-2009» della sola prima ondata di maltempo relativa al 2008-2009. Zero per tutto quanto è il resto». Alla fine del colloquio telefonico, è stato stabilito che il Sindaco Greco concorderà con l’assessore Riccetti la data di un incontro alla presenza dello stesso assessore provinciale alla Viabilità, la prossima settimana.

Il sindaco Perugini: «Rivolgo un caloroso augurio di buon lavoro al nuovo Consiglio superiore della magistratura» COSENZA - «Rivolgo un caloroso augurio di buon lavoro - dichiara il Sindaco di Cosenza, Avvocato Salvatore Perugini - al nuovo Consiglio Superiore della Magistratura, eletto per il quadriennio 2010-2014, e al suo Vice Presidente, Avvocato Michele Vietti, per l’impegno che attende l’importante organo, cui sono assegnate fondamentali funzioni, soprattutto in una fase di grande dibattito sui temi della Giustizia come quella

che stiamo attraversando.Un augurio particolare voglio poi formulare nei confronti del Dottor Alberto Liguori, eletto tra i Togati e figlio del nostro territorio, del quale abbiamo avuto modo di apprezzare, soprattutto negli anni in cui a Cosenza ha ricoperto delicati incarichi, l’equilibrio, la competenza e le qualità umane». r.c.

I Malandro Brasil quartetto al Peperoncino jazz festival COSENZA - La musica brasiliana come ricerca della bellezza; una ricerca musicale intesa come viaggio; un’immersione nell’animo popolare del Brasile e un’esplorazione delle melodie e dei ritmi brasiliani con una sensibilità tutta moderna, caratterizzata dalla esaltazione delle preziose trame della bossanova e del samba. Tutto questo è ciò che è stato proposto ieri sera dai Malandro Brasil Quarteto nella serata in cui, per la prima volta, il Peperoncino Jazz Festival (rassegna musicale itinerante nelle più belle località del Cosentino organizzata dall’Associazione culturale Picanto e diretta da Sergio Gimigliano) è approdato a Grimaldi, nel cuore della Valle del Savuto, grazie al volere del Sindaco Giovanni Notarianne e dell’Assessore alla Cultura Giustino Mauro e

grazie all’appoggio di tutta la Giunta comunale. Nel grazioso anfiteatro che sorge nell’area sportiva di Via Tommaso Maio, nei pressi del centro storico del paese, a partire dalle ore 22.00 è partito il festival musicale più piccante d’Italia, in collaborazione con l’evento Savutambiente Jazz a cura di Tommaso Caporale, che ha presentato una delle formazioni più interessanti del genere nel panorama nazionale, composta dalla splendida Margherita Rinaldi (cantante ternana influenzata nello stile oltre che dalle maggiori jazz singer da Elis Regina e Luciana Souza, nonché da musicisti quali Jobim, Stan Getz, Joao Gliberto, Caetano Veloso, Chico Buarque, e Ivan Lins), dal chitarrista Stefano Calderano, dal bassista Francesco Luzzio e dal batterista Marco Calderano. r. c.


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 31

CRONACA La decisione è di Franco Maria De Rose, commissario straordinario dell’Asp

Asp, stabilizzazione del personale «Sia resa ufficiale la sponsorizzazione Arriva una commissione esterna del Cosenza Calcio» COSENZA - Franco Maria De Rose, commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, ha istituito una commissione esterna per accertare le procedure relative alla stabilizzazione del personale precario. «Il provvedimento - ha spiegato il Dott. De Rose - si è reso opportuno e inderogabile allo scopo di verificare la coerenza degli atti finali emessi rispetto alla normativa vigente in materia di stabilizzazioni. La decisione di affidare l’incarico a tecnici ed esperti esterni all’ Azienda stessa ha continuato - rappresenta una scelta di natura straordinaria, necessaria per assicurare la dovuta trasparenza e imparzialità rispetto alle determinazioni da adottare sui provvedimenti e sulle procedure a suo tempo attuate, premesso che i Dirigenti interni dell’ Ufficio Risorse Umane sono già stati invitati a relazionare sulla materia. Il ricorso a soggetti terzi, esterni all’Asp, costituisce ulteriore garanzia della precisa volontà di improntare ogni valutazione al rispetto assoluto dell’ equità, a tutela degli interessi sia dell’Azienda che dei lavoratori. E’ nostro dovere - ha concluso De Rose fare tutto quanto è nelle nostre possibilità per operare in modo incondizionato così da contribuire a creare un clima quanto più possibile sereno e assicurare la massima chiarezza in merito alle risoluzioni che si riterrà opportuno attuare». «Ho appreso della dichiarazione Ansa dell’ex direttore generale dell’Asp di Cosenza dichiarato decaduto dalla Regione Calabria per gravi inadempienze e irregolarità. Lo afferma Franco Maria De Rose, commissario straordinario Asp Cosenza. Il mio senso del dovere di preposto pubblico all’Asp di Cosenza - continua De Rose- mi impone di precisare che tutti gli

Petramala: il commissario dell’Asp ha un atteggiamento censorio verso il mio operato

atti di ritiro che ho avuto l’obbligo giuridico di adottare riguardavano e riguardano provvedimenti palesemente viziati da gravi illegittimità. Alcuni di questi già al vaglio della Magistratura cosentina, indipendentemente dalla mia volontà, e comunque da me trasmessi alla Procura Generale presso la corte dei Conti di Catanzaro per la dovuta conoscenza. Molti addirittura nulla di diritto, che hanno recato un grave pregiudizio all’interesse pubblico, ma anche ai soggetti resisi a suo tempo beneficiari, perché forse

«Il mio comportamento è stato e sarà esclusivamente mirato a ripristinare la legalità e la trasparenza, nell’ossequioso rispetto del mio incarico pubblico»

consapevolmente illusi nella prossimità delle elezioni, attese le note coincidenze temporali. Il mio comportamento- ha concluso De Rose- è stato e sarà, quindi, esclusivamente mirato a ripristinare la legalità e la trasparenza, nell’ossequioso rispetto dell’incarico pubblico affidatomi. Lungi da me, pertanto, interessi diversi, segnatamente attrattivi per ben altra tipologia di personalità. Rinvio, quindi al mittente ogni forma di aggressione politica, atteso il mio ruolo di natura squisitamente tecnica e, dunque, finalizzato al solo rispetto delle regole, della buona economia e dell’interesse collettivo».

Franco Bello

COSENZA - «Il commissario dell’asp FrancoDe Rose dal giorno del suo insediamento sta proponendo il suo atteggiamento censorio nei confronti dell’operato del sottoscritto, volendosi presentare con l���aureola del buon amministratore in una sorta di competizione possibile». E’quanto afferma in una nota l’ex direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale di Cosenza Franco Petramala. «Lo sta facendo - aggiunge revocando atti ritenuti da menecessari ed opportuni di seguito alle dinamiche dell’accorpamento ed al-

la complessità dell’asp, per sostenere e sviluppare la sanità cosentina, senza rivalse verso chi mi ha preceduto e che aveva, anch’egli agito in condizioni difficili. Cerca così di sollevare polveroni continuando, dopo 5 mesi dalle elezioni regionali e 14 mesi da quelle provinciali a fare polemiche elettorali, anche se è formalmente un commissario, rilancia accuse di elettoralismo alla mia gestione con argomenti inesistenti, allo scopo di non riconoscere il grande lavoro fatto». «La cosa mi annoia - conclude Petramala - ma a questo puntovoglio avere una reazione : comunico di avere rivolto a questa persona l’invito a rilasciarmi copia degli atti di revoca e dei miei atti revocati, per

di Vera Briatico COSENZA - Il leader del Movimento DirittiCivili, Franco Corbelli, rivolge un appello al presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, perché confermi la sponsorizzazione anche per il prossimo campionato del Cosenza Calcio chiedendo "l’immediata erogazione del contributo previsto". Corbelli sollecita l’intervento diretto di Oliverio perché, afferma, in una nota, «sino a oggi il contratto disponsorizzazione non è stato ancora né sottoscritto, né rinnovato e la società del Cosenza calcio ha urgente bisogno di questo finanziamento per far fronte agli impegni e oneri finanziari della nuova stagione, che di fatto è già iniziata. Senza il consistente contributo della Provincia la situazione per la società del Cosenza Calcio diventerebbe assai difficile».Il leader di Diritti civili chiede, in particolare, ad Oliverio di «superare, nel caso, gli eventuali ostacoli creatidalla manovra finanziaria del Governo che sulla carta dovrebbe vietare agli Enti locali di effettuare sponsorizzazioni e di erogare subito il contributo previsto per la squadra rossoblù per garantire che la stessa società silana possa regolarmente partecipare al campionato dei serie C1 per la stagione 2010-2011». «Il calcio al Sud, e in Calabria in particolare - sostiene ancora Corbelli riesce a sopravvivere a livello professionistico grazie, in molti casi, ai contributi e sponsorizzazioni delle istituzioni locali. Se si impedisce agli Enti locali di dare questi contributi le società sportive vanno in crisi ed il calcio, a certi livelli, rischia di morire».

sostenere da parte mia azioni legali in sede penale e soprattutto in sede civile per risarcimento del danno».

Rossana Rotundo


32

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

CRONACA

Grave l’esclusione dai nuovi poli d’innovazione di Francesca Calderola REGGIO CALABRIA - «La decisione della Giunta Regionale di Giuseppe Scopelliti sull’ubicazione dei Poli di Innovazione Tecnologica che esclude la città di Reggio Calabria é gravissima». Lo afferma in una nota il segretario regionaledel Pdci, Michelangelo Tripodi. «Ma in città - aggiunge nessuno sembra se ne sia accorto.Se la stessa decisione l’avesse presa la Giunta Loiero ci sarebbe stato un diluvio di dichiarazioni di personaggi grandi e piccoli del centrodestra. Il grido di dolore della città ferita si sarebbe levato in alto. Avremmo assistito «I personaggi al solito ed ormai logoro spettacolo del centrosulla città tradita destra hanno e offesa, ci avrebbero detto che il perso centrosinistra è contro la città e tutti la che quando sarebbero andati parola» loro alla Regione la musica sarebbe cambiata. Ebbene, ora non ci sono più alibi, alla Regione adesso ci sono loro e fanno quello che nessuna Giunta, neanche quella tanto vituperata di Loiero, avrebbe mai ritenuto possibile e praticabile, compiendo un atto che non risponde ad alcuna logica di sviluppo e di crescita della regione. E adesso come la mettiamo. Come mai c’é questo silenzio assordante. I personaggi del centrodestra che ci hanno abituati a esternare, spesso a comando, su tutto lo scibile umano hanno perso tutti la parola. Evidentemente il plotone di esecuzione parlante del centrodestra stavolta non ha proprio nulla da

Giordano: allarmanti linee di indirizzo ad opera della Giunta di Mattia Vero

dire. Il manovratore Scopelliti non deve essere disturbato, come non era disturbato quando portava al disastro la città di Reggio Calabria, costruendo quel ’modello Reggio’ che sarebbe meglio definire ’modello melma’». «Dov’é finita prosegue Tripodi - la tanto sbandierataregginità di costoro sulla quale, con clamorose strumentalizzazioni e falsificazioni, hanno costruito le loro fortune elettorali. L’esclusione della città di Reggio Calabria dalla Rete regionale dei polidi innovazione rappresenta un gravissimo arretramento perché a Reggio, con Scopelliti Presidente, viene negato il diritto al futuro. E’ la prima volta che un fatto così grave accade: ci voleva Scopelliti per realizzare questo salto all’indietro che esclude Reggio dal cir-

Tripodi: «Ma in città nessuno sembra se ne sia accorto.Se la decisione l’avesse presa la Giunta Loiero ci sarebstato un diluvio...»

cuito del progresso calabrese. Ed è davvero incredibile quello che ha deliberato la Giunta Scopelliti. Infatti, nella rete regionale di poli di innovazione c’é posto per tutti, per Catanzaro-Germaneto e per Cosenza-Rende, per Crotone e per Gioia Tauro, per Lamezia Terme e per Vibo Valentia. Solo Reggio è l’unica città capoluogo esclusa dalla rete regionale. Scopelliti, dopo aver fatto tanta propaganda, si è perfino dimenticato che Reggio è città metropolitana e quindi merita nelle scelte regionali un ruolo centrale e prioritario. Il problema non è solo quello riguardante la mancata destinazione alla città di una quota di risorse finanziarie, ma soprattutto la sfiducia sul futuro che una scelta di questo genere sottende. In una città, cosiddetta metropolitana, in cui ci sono due università, oltreché una serie di infrastrutture e di insediamenti risulta assai strano che una Giunta Regionale non riesca ad aprire una scommessa sul futuro». «Dopo l’ubriacatura elettorale - conclude - tutti i nodi cominciano a venire al pettine. E’ importante che i reggini sappiano e conoscano qual è la vera natura di questa destra, che a parole difende Reggio, ma nei fatti volta le spalle alla città».

REGGIO CALABRIA - «Ancora una volta la città di Reggio Calabria rimane esclusa dagli interventi regionali». Il presidente del Gruppo regionale di Italia dei Valori On. Giuseppe Giordano, stigmatizza l’esclusione degli edifici scolastici della provincia di Reggio Calabria dagli interventi di cui al piano di adeguamento sismico proposto dall’Assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Gentile. «La notizia più allarmante però - prosegue le nota -, che mette in discussione la ricerca scientifica nella città di Reggio , è l’approvazione delle linee di indirizzo, da parte della Giunta, riguardanti la rete regionale dei Poli di Innovazione. Infatti, l’unica città della Regione a rimanere esclusa è proprio quella di ReggioCalabria, affermato centro universitario, che si vede spogliata di un ruolo importante nello sviluppo tecnologico, nonostante la città sia sede delle prestigiose facoltà di Ingegneria , Architettura e Agraria. Ci si chiede quali siano stati i criteri che hanno determinato tali scelte. Infatti, mentre tutti i poli di innovazione indicati dalle linee guida sono stati individuati nell’ambito delle varie città calabresi,la città di Reggio Calabria è stata letteralmente spogliata del polo di innovazione sull’ambiente,polo previsto nel precedente bando regionale dalla giunta Loiero poi revocata oggi non più ricon-

fermato nonostante che l’università reggina in sede di tavolo di concertazione, tenutosi recentemente a Vibo Valentia, avesse insistito sul punto. Il mondo accademico, infatti, aveva posto l’importanza su un polo quale quello dell’ambiente che trovava un supporto importante nelle tre facoltà che da anni operano nel «La città settore. Ebbene, la mancata rimane localizzazione esclusa a Reggio Calabria, condagli tinua Giordano, determiinterventi nerà mancati regionali» investimenti sulla città con danni alle imprese reggine che operano nel settore; né si potrà dire che la presenza del Polo di Gioia Tauro compensi l’assenza di Reggio».

Foti: massima solidarietà al presidente del Consiglio regionale Talarico REGGIO CALABRIA - «Il coordinamento provinciale del Popolo della Libertà esprime massima solidarietà e assoluta vicinanza al Presidente del Consiglio Regionale Francesco Talarico vittima suo malgrado di un vile atto intimidatorio consistente in una busta contenente dei proiettili a lui destinata». Ad affermarlo in una nota alla stampa è l’on. Nino Foti, Coordinatore Provinciale del Pdl, nonché deputato e componente della Direzione Nazionale del partito insieme con il Vice Coordinatore Vicario Ernesto Reggio. «Il fatto che oggi il Presidente Talarico, a cui sono legato da stima ed amicizia, si sia regolarmente recato presso i suoi uffici al lavoro - prosegue la nota del Coordinatore Provinciale PDL - la dice lunga sulla tempra dell’uomo prima ancora del politico e sul suo profondo senso delle istituzioni. La se-

quenza di atti intimidatori perpetrati in Calabria, soprattutto nel periodo recente, a danno di amministratori pubblici, giornalisti e politici di qualsiasi colore politico é allarmante. Siamo certi che gli organi inquirenti, le forze dell’ordine e la magistratura sapranno presto far luce sull’accaduto. Si tratta comunque di chiari segnali di nervosismo - conclude la nota - poiché evidentemente è stato toccato un "nervo scoperto" con le recenti brillanti operazioni condotte dalle forze dell’ordine su tutto il territorio nazionale e non solo in Calabria. Le istituzioni tutte e con esse il Consiglio Regionale della Calabria, presieduto appunto dal bravo Presidente Talarico, hanno il dovere di proseguire, come d’altronde è stato fatto in questi mesi, lungo il cammino dell’assoluta trasparenza e legalità».


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 33

CRONACA

Trovata refurtiva in appartamenti frequentati da 4 georgiani in Italia

Sgominata una gang dedita ai furti, in manette due ragazzi REGGIO CALABRIA - Centinaia e centinaia di migliaia di euro di refurtiva in due appartamenti frequentati da quattro georgiani in Italia con documenti lituani. La polizia, che ne ha arrestati due e denunciato a piede libero gli altri, è certa di aver sgominato una gang dedita ai furti. In carcere sono finiti Dozegiorgi Nadira, 25 anni, e Arnis Ekis di 24. I denunciati sono due ragazze: M.N., 26 anni, sorella del primo e compagna del secondo, badante, madre di una bambina di sei mesi; e G.M, 30 anni, e compagna del Nadira. I due uomini sono stati arrestati per reati di armi ( il possesso di due pistole: calibro 7,65 e 6,35) e fermati per furto aggravato. I denunciati sono due La refurtiva veniva tenuin due appartamenti: ragazze: M.N., 26 anni, ta uno nel centro storico di sorella del primo e com- Reggio,l’altronell’immediata periferia sud della pagna del secondo e città. Nel primo una delle G.M, 30 anni, e comragazze denunciate lavorava come badante pagna del Nadira di una donna anziana che la polizia ha provveduto al ricovero in ospedale. Tra la refurtiva figurano oltre cento orologi, cinque pellicce di visone, telefonini cellulari, videocamere, macchine fotografiche, anelli ed un’infinità di altri oggetti in oro. Ed ancora: diciottomila euro in contanti; quasi dodicimila Zloty ( vecchia moneta polacca, corrispondente a quasi tremila euro), centinaia di buoni frut-

web della Questura di Reggio Calabria, nel tentativo che gli oggetti vengano riconosciuti dai legittimi proprietari. L’attività investigativa non si è fermata agli arresti e alle due denuncie. La polizia, infatti, nutre fondati sospetti sulla preIn carcere sono finiti senza di una banda di specialisti. Dozegiorgi Nadira, 25 L’attrezzatura rinvenuta nel corso dell’operazione anni, e Arnis Ekis di 24. non lascia il benché miniI due uomini sono stati mo dubbio sulla "professionalità" della gang che, arrestati per reati di armi attraverso l’impronta delle serrature, riusciva a ri- e fermati per furto produrre le chiavi di porte blindate. Negli ultimi tempi a Reggio Calabria i furti in casa sono aumentati, così come è salito il numero di ladri arrestati dalle forze di polizia.

tiferi intestati ai proprietari degli alloggi svaligiati. Merce ancora da quantificare: da una prima stima, peraltro superficiale, il valore si aggira sui trecentomila euro. I georgiani che vengono in Italia - secondo la polizia - sono dei veri specialisti del furto in appartamento: in passato, alcune operazioni degli uomini del questore Carmelo Casabona hanno confermato questi sospetti. Gli arresti di Dozegiorgi Nadira e Arnis Ekis e le denunce delle loro conviventi sono scaturiti da un controllo che i poliziotti della sezione Volanti hanno effettuato a carico dei due giovani, i quali hanno esibito documenti che non hanno per nulla convinto gli agenti operanti. Dalla perquisizione domiciliare sono state rinvenute le armi e la refurtiva. I singoli pezzi saranno fotografati ed inseriti nel sito

Antonio Latella

Un giovane di 26 anni ammazzato con tre pistolettate si ipotizza un regolamento di conti nella criminalità REGGIO CALABRIA - Un giovane, Eduardo Bruciafreddo, di 26 anni, è stato ucciso con tre colpi di pistola a Reggio Calabria. Bruciafreddo era da poco rientrato in casa quando uno sconosciuto ha bussato alla porta della sua abitazione e poi ha sparato contro la vittima tre colpi di pistola. Subito dopo si è dileguato facendo perdere le sue tracce. Sul luogo dell’omicidio sono intervenuti gli agenti della squadra mobile di Reggio Calabria

che hanno avviato le indagini. Gli investigatori, almeno per il momento, ipotizzano che il delitto sia maturato nell’ambito della criminalità locale. Ovviamente non si esclude nessuna pista e sono in corso accertamenti per verificare l’identità del killer dileguatosi subito dopo il cruento fatto di sangue. Renato Pugliese

Boom di partecipanti alla Festa del Mediterraneo di Bagnara BAGNARA CALABRA - È stata una manifestazione molto partecipata, la terza edizione della Sagra dell’Alalunga a Bagnara Calabra. Numerosi sono stati i degustatori che nei giorni scorsi si sono riversati nella cittadina tirrenica per la Festa del Mediterraneo: un vero e proprio boom. Circa 5000 le presenze stimate di visitatori che hanno trascorso la domenica sera nella via intitolata al patrono dei pescatori, e, tra la degustazione delle ricette gastronomiche bagnaresi a base di Alalunga e l’intrattenimento del grande spettacolo folkloristico del premiato gruppo internazionale "Città di Motta San Giovanni", hanno dato vita ad un’atmosfera estiva all’insegna del divertimento. Grande soddisfazione anche da parte degli organizzatori che a fine manifestazione, dopo il sorprendente spettacolo di giochi

pirotecnici, hanno affermato che davvero, per un giorno, la provincia reggina è stata il centro simbolico di tutta l’area del Mediterraneo. Pieno compiacimento manifestato anche dal presidente dei pescatori di S. Maria di Porto Salvo, Francesco Bagnato, che ha dichiarato: «Oggi la marineria bagnarese che rappresento ha fatto un altro passo avanti: si è contraddistinta per l’ospitalità turistica. È stato un onore poter condividere con i visitatori la nostra antica tradizione gastronomica, che, a quanto pare, è stata molto apprezzata». Anche il presidente del coordinamento organizzativo, Vincenzo Vizzari, in merito alla buona riuscita della manifestazione ha affermato: "Grazie a tutti i degustatori, ospiti eccezionali, per aver reso grande questa manifestazione.


34

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

CRONACA

Il presidente del Comitato per la qualità delle leggi sul Governo

Pacenza: questo esecutivo punta al rilancio della città di Marika Grande CROTONE - L’on. Salvatore Pacenza plaude alla giunta regionale: «Questo esecutivo punta al rilancio di Crotone: sono due Poli d’innovazione assegnati al territorio» «Con i due Poli d’innovazione individuati dalla giunta regionale per la città di Crotone si apre una nuova stagione che punta dritto alla ripresa economico-produttiva di questo territorio e che, per nessuna ragione al mondo, è concesso lasciarsi sfuggire».Il presidente del Comitato per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza, si complimenta con l’Esecutivo regionale, e in particolar modo con l’assessore alla Ricerca scientifica, Mario Caligiuri, per «Con i due Poli d’innovaaver approvato in tempi zione individuati dalla celeri - ovvero durante la seduta di giunta dello Giunta si apre una scorso lunedì - le nuove linee d’indirizzo per l’atnuova stagione che tuazione della "Rete punta dritto alla ripresa regionale dei Poli d’innoIn particolare, economico-produttiva» vazione". la giunta guidata da Peppe Scopelliti ha deliberato per Crotone la creazione di un polo d’innovazione per i "Beni culturali" e un altro per le "Energie rinnovabili, efficienza energetica e tecnologie per la gestione sostenibile delle risorse ambientali". Facendo leva sulle risorse rivenienti dalle linee di Intervento 1.1.1.1 e 1.1.2.2. dei Por Fesr 2007/2013, è previsto un aiuto per ogni polo che non potrà superare i 5 milioni di

euro. «I Poli d’innovazione sono una seconda opportunità - afferma in proposito Salvatore Pacenza - che ci viene concessa dopo il fallimento registrato sull’utilizzo dei circa mille miliardi delle vecchie lire di finanziamenti pubblici sfumati con la mancata reindustrializzazione. Dico questo - prosegue l’onorevole Pacenza - non tanto nell’ottica del volume (non così elevato) dei finanziamenti che giungeranno su Crotone; ma per l’alto grado di attrattività che toccherà il nostro territorio per le imprese specializzate e innovative che qui vorranno venire ad investire. Come è noto - spiega il consigliere regionale del Pdl - i Poli di Innovazione sono un mix di raggruppamenti d’imprese indipendenti (start-up innovatrici, piccole, medie e grandi imprese) e di organismi di ricerca, attivi in un particolare settore (o territorio). Sono d’impulso per la creazione di future infrastrutture di ricerca scienti-

fica e innovazione tecnologica con riferimento a uno specifico settore tecnologico e applicativo. Nell’ambito della Rete regionale per l’Innovazione svolgono la funzione di veri e propri intermediari specializzati della ricerca e dell’inno«I Poli d’innovazione vazione Attraverso l’erogazione di servizi a conte- sono una seconda opnuto scientifico-tecnologico, infatti, favoriscono e portunità dopo il falsupportano sia il rafforzalimento registrato sulmento dei collegamenti trasistemascientificoesi- l’utilizzo dei stema imprenditoriale, che la collaborazione tra finanziamenti pubblici» le imprese allo scopo di elevare l’innovazione e la ricerca del sistema produttivo. Soprattutto fra le imprese aderenti al Polo e, in più generale, delle Pmi calabresi. Si parlerà quindi di favorire il potenziamento e la condivisione di attrezzature e laboratori di ricerca, sperimentazione, prova e certificazione».

Salvatore Pacenza

Lucà: la procedura di risarcimento del danno in caso di incidente ha fallito i suoi obiettivi di ridurre i costi CROTONE - «A più di tre anni dalla sua entrata in vigore, avvenuta nel febbraio del 2007, la procedura di risarcimento del danno in caso di incidente automobilistico ( cioè l’obbligo di richiedere l’indennizzo alla propria assicurazione) prevista dal Codice delle Assicurazioni Private ha fallito i suoi obiettivi di ridurre i costi delle polizze assicurazioni rca auto», afferma Salvatore Lucà, segretario generale. «In Italia - prosegue Lucà - i

premi delle polizze rca auto sono più care del 58,1% rispetto alla media dei principali Paesi europei. Da febbraio 2007 a maggio 2010 si sono registrati aumenti del 12,5% dei prezzi delle assicurazioni dei mezzi di trasporto, il 3,6% in più rispetto alla media dei principali paesi della zona Euro».

Proto: i miei auguri a Dino Romano e Michele Lucente CROTONE - «Nel formulare gli auguri a Dino Romano e Michele Lucente eletti presidente e vicepresidente di Confindustria Crotone voglio andare oltre i formalismi e le ritualità che si ripetono in queste circostanze», sostiene Benedetto Proto, p residente del Consiglio provinciale in una nota che prosegue: «La scelta di Confindustria è ricaduta su due figure di altissimo profilo che sono certo metteranno tutta la loro professionalità a disposizione dell’Associazione dando priorità alla crisi occupazionale che ha investito il nostro territorio. I nuovi vertici hanno davanti un compito difficile, che li carica di responsabilità, ma che allo stesso momento può essere cruciale per il futuro di tutta la provincia. Si comincia ad intravedere la nascita di una nuova classe dirigente che ha le idee chiare sulle priorità da af-

frontare. Ognuno con la peculiarità che il proprio ruolo gli assegna può concorrere a rafforzare insieme l’elaborazione di un progetto di rilancio del nostro territorio in termini occupazionali e di conseguenza del tessuto economico e sociale. In particolare, ho apprezzato molto l’approccio che già in conferenza stampa hanno avuto in merito alle emergenze della nostra realtà. Credo che sia la strada giusta per dare risposte concrete ad una popolazione che ha fame di lavoro e di giustizia.Sono certo che il dialogo tra istituzioni ed associazioni può dare risultati positivi in termini di programmazione e per il raggiungimento dei risultati positivi attesi.Bonifica, legalità, innovazione sono i punti cardine che intendiamo affrontare insieme e non più in solitudine o in modo maniera scoordinata».

r. c.


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 35

CRONACA Il consigliere regionale nell’assemblea del Consorzio per lo sviluppo industriale

Censore: una politica di sterili annunci e proclami quella del Pdl VIBO VALENTIA - «Quanto avvenuto martedì è una prova lampante, inconfutabile e sintomatica. Dal centrodestra in generale e dal Popolo della Libertà in particolare finora sono giunti solo proclami poi sistematicamente smentiti dai fatti». E’ quanto ha affermato ilConsigliere Regionale del Pd, Bruno Censore, a margine dell’Assemblea dei soci del Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Vibo Valentia, convocata per eleggere il nuovo Presidente e il Consiglio direttivo. «Il PdL, nel pieno rispetto - ha aggiunto della propriatradizione e secondo il canovaccio seguito dal Governatore Giuseppe Scopelliti e dai suoi premurosi adepti, continua la politica di sterili annunci e proclami: promesse disattese, obiettivi mai raggiunti e tante belle parole. Quanto avvenuto questa mattina, in sede di votazione del nuovo organigramma, è l’ennesima dimostrazione dell’inefficienza e dell’inconcludenza di chi, chiamato al compito di amministrare il nostro territorio, predilige dare la priorità alla politica dire, piuttosto che a quella del fare. Eppure solo nei giorni scorsi autorevoli esponenti del Pdl, tra cui un parlamentare e due consiglieri regionali, sulla stampa locale si sono lasciati andare ad enfatiche dichiarazioni, mettendo l’accento sulla necessità di coinvolgere gli industriali nella gestione attiva del Consorzio. Succede, però, che tali personaggi, che nel recente passato avevano addirittura auspicato un Consiglio direttivo tecnico e non politico, impegnati adesso a distribuire prebende, ruoli e poltrone ad amici, compagni di partito ed elettori, dimenticano i proclami, le promesse e le rassicurazioni, lasciando Confindustria Vibo fuori della gestione attiva, contrariamente a quanto precedentemente as-

Meeting della lista “Scopelliti presidente” in programma domani all’Hotel 501

serito». «Inoltre - ha proseguito Censore -, grave e inaudito è cheil Pdl abbia deciso pure di estromettere dal Consiglio direttivola Provincia di Vibo Valentia, un ente di raccordo e di programmazione fondamentale per lo sviluppo, e non solo industriale, del territorio. Doverosamente e responsabilmente, quindi, sarebbe stato opportuno coinvolgere Confindustria e Amministrazione Provinciale nel Consiglio direttivo del Consorzio che, ricordo, è un ente strumentale che si occupa del controllo delle aree industriali e della gestione del territorio. Al centrodestra in generale e al Popolo della Libertà in particolare rammento che politica ed istituzioni, se veramente hanno a cuore gli interessi generali e non quelli particolari, debbono essere animati dalla volontà di sfruttare tutte le sinergie possibili al fine di valorizzare le innumerevoli risorse del nostro territorio. E qui, in provincia di Vibo, è quanto mai opportuno fare sistema, operare scelte strategiche, competitive, che portino il

VIBO VALENTIA - L’impegno politico della lista "Scopelliti Presidente" prosegue con determinazione in tutta la regione. «Il programma elettorale della lista "Scopelliti Presidente" ha registrato l’apprezzamento di oltre centomila calabresi. Questo capitale di consenso è un investimento nella speranza di una chiara politica del cambiamento che continuerà partecipando alle prossime elezioni amministrative della primavera del 2011. La nostra presenza intende allargare la proposta politica di Scopelliti e quindi non si pone assolutamente in alternativa o in concor-

nostro territorio verso nuove funzioni produttive: questa deve essere la volontà che deve animare le decisioni che politica e istituzioni assumono quotidianamente. Esprimendo, pertanto, disappunto e amarezza per il mancato coinvolgimento di Confindustria e della Provincia, non resta che augurarsi e sperare che i nuovi vertici del Consorzio abbiano un sussulto di orgoglio e decidano di coinvolgere fattivamente gli attori essenziali per lo sviluppo industriale e per la gestione del territorio». «Altrimenti ha concluso - all’errore si aggiungerà laperseveranza. E a pagare sarà sempre il nostro martoriato territorio».

Marco Grisoni

renza con il PDL» ha dichiarato Mario Caligiuri, Coordinatore regionale della lista "Scopelliti Presidente" e Assessore Regionale alla Cultura nell’annunciare il meeting che si terrà venerdì 6 alle ore 16 presso l’Hotel "501" di Vibo Valentia. Dopo i saluti dei 5 coordinatori provinciali Oreste Romeo, Francesco Granato, Annamaria Astorino, Tonino Venneri, Pippo Bonanno e la relazione del segretario regionale Mario Caligiuri, sono previsti gli interventi dei Consiglieri Regionali Giovanni Bilardi (Capogruppo Consiliare), Francesco Pugliano (Assessore Ambiente), Salvatore Magarò (Presidente Commissione Antimafia), Claudio Parente (Consigliere Segretario Commissione Attività sociali, sanitarie, culturali, formative),

«Sostegno per il centro di cinematografia» di Rossana Russo VIBO VALNTIA - «E’ una battaglia fondamentale,quella per la cultura. Lo è ovunque, ma in certi luoghi diventacome l’aria per respirare. La Calabria è uno di questi luoghi. Dove non solo non c’é futuro senza cultura, ma non c’é neppure presente. Dove cultura significa anche legalità, diritti, dignità, speranza. Dove ignoranza significa anche criminalità, sopraffazione, prepotenza, disperazione». Così si leggenell’appello che il Centro di cinematografia fondato a Nicotera, ha inviato a un po’ di personalità del mondo del cinema italiano, sollecitando un sostegno. A Nicotera, un paese della provincia di Vibo Valentia, c’era un immobile sequestrato alla ’ndrangheta e il sindaco Salvatore Reggio ha pensato di destinarlo a Centro di cinematografia. «Il cinema - si legge nell’appello - può essere un mezzostraordinario per avvicinare i giovani, incantarli, spingerli aguardarsi intorno con nuovi occhi e un nuovo linguaggio, a raccontare storie, a documentare la realtà. Nuovi talenti e nuove professionalità possono formarsi. Possono fermarsi, senza dover emigrare per obbligo. In ogni caso, resterà nel cuore e nella mente un bagaglio di esperienza e di formazione. Di cultura. Quest’anno al Centro di cinematografia di Nicotera si é tenuto il primo Corso di sceneggiatura. Erano arrivate circa cento domande e si è dovuto procedere a una selezione. Vi hanno partecipato una ventina di allievi. Studenti soprattutto, ma anche artigiani, pensionati, commercianti, insegnanti. Uomini e donne, ragazzi e ragazze».

Candeloro Imbalzano (Consigliere Segretario Commissione Fondi Comunitari), Alfonsino Grillo (Vice Capogruppo Consiliare). A seguire ci saranno le testimonianze di: Aldo Pecora, Gianvito Casadonte, Ruggero Pegna. Le conclusioni del meeting saranno svolte da Giuseppe Scopelliti Presidente della Regione


36

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Panorama notturno di Altomonte

Inaugura l’8 agosto il festival Euromediterraneo, curato dall’artista Gianfranco Grosso. Appuntamenti e mostre fino al 10 settembre

Contemporaneamente arte, tra antiche realtà e visioni il menù della creatività ad Altomonte Zoe Bellini Ai nastri di partenza la nuova edizione della rassegna di arti visive del festival Euromediterraneo di Altomonte, curata dall’artista Gianfranco Grosso, dal titolo Contemporaneamente arte, tra realtà e visioni. Dopo il successo di pubblico e critica dello scorso anno, che ha visto le sale dell’ex convento domenicano fregiarsi delle opere dell’artista americano Paul Russotto a cura di Alan Jones, delle visioni concettuali di Gianni Piacentini Due video, un progetto ed un palloncino, con le opere di Daniela De Paulis, Luzia Hürzeler, Alessandro Piangiamore e Jonathan Monk, oltre che un percorso dalle origini alla contemporaneità degli artisti Mimmo Rotella e Serafino Maiorano, tramite Galleria in vetrina del centro d’arte La Bussola di Cosenza, quest’anno il menù include 6 eventi, tra cui uno sulla

facciata della Torre Normanna. Il primo dei progetti, Cercasi immagine, a cura del geniale Alan Jones, raccoglie le opere degli artisti Bixio Braghieri, Marco Cascella, Pierpaolo Lista, Salvo Mauro, Giacinto Occhionero, Lucio Spinozzi e Lisa Wade, i quali, attraverso il linguaggio antico delle immagini, su cui è incentrato un gioco di parole, battezzano il ruolo dell’artista quale cultore del proprio stato d’animo, della libertà personale, da cui ogni immagine prende forma, oltre l’attuale conformismo mediatico che - secondo lo stesso Jones - impone un annichilimento della crescita culturale e colloca l’immagine in una realtà infantile di consumismo. La personale di Seboo Migone, dal titolo Quello che la montagna nasconde, con testo di Stella Santacatterina, per la prima volta ad Altomonte,rappresenta, attraverso opere di pittura e scultura,

Una ricerca sulla visione introspettiva dello spettatore è il “fil rouge” su cui si basano tutti gli eventi in programma

Curatore sia del premio Pino Pascali assegnato quest’anno ai fratelli Jake e Dinos Chapman sia della personale dedicata ai due artisti fino al 12 settembre al Museo comunale d’arte contemporanea di Polignano a Mare (Bari) - Carlo Berardi introduce la mostra ricorrendo alle parole della commissione premiante: «I fratelli Chapman hanno saputo infondere al linguaggio dell’arte contemporanea una nuova vitalità estetica sospesa tra tragica bellezza e cruda verità». "A little more nasty talk may yet be in order" (Un altro discorsetto più balordo potrebbe essere in cottura) è il titolo della ras-

segna - incisioni, sculture, ambienti "site specific" - che omaggia due simboli della "Young british art", la generazione di artisti inglesi lanciati dalla celebre mostra "Sensation" (1997) alla Royal academy of arts di Londra. Prima personale nel nostro paese all’interno di uno spazioistituzionale,proponeopere storiche degli anni Novanta, come le inquietanti sculture delle bambine siamesi della serie "Mannequins". «Attraverso questi lavori i fratelli Chapman esplorano il senso negativo del corpo grottesco», spiega Berardi, sottolinenando il rimando tra Pascali («nel 1967 disse che la morte è in assoluto una delle cose più terribili che esistono, perché interrompe la reazione a catena di fenomeni che stimolano fenomeni») e la coppia di artisti («celebrano la morte mediante rappresentazioni grottesche, do-

Tra bellezza e verità a Polignano a Mare in Puglia l’omaggio ai fratelli Jake e Dinos Chapman Massimo Canorro

Alessandro Piangiamore, La Terra è pesante ma si può sollevare, 2007

un’investigazione di paesaggi antropomorfi in cui si nascondono facce e animali, personaggi orfani che l’artista scopre tra Londra e la Toscana. Il terzo dei progetti, selezionati da Grosso, è un percorso di videoinstallazioni di Anna Milano Carè, denominato Sofia, in cui lo spettatore entra in

nando una componente temporale alla dipartita»). Da qui i riferimenti dei Chapman al periodo del nazismo, dell’olocausto, «nel reinterpretare le incisioni sui "Disastri della guerra" di Francisco Goya», spiega il curatore.

Un'opera dei fratelli Chapman

contatto con le tracce biografiche dell’artista, specchiandosi con il proprio io in evoluzione. Ancora videoarte nella performance di Daniele Spanò, con testo di Graziano Graziani, dal titolo ForgetFul: video proiezioni che interagiscono con la geometria della struttura. Info: 098194821.

«Attraverso questi lavori gli artisti vedono il senso negativo del corpo grottesco»


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA

Trasparenze, il motore delle energie rinnovabli invade il Macro di Roma Laura Cherubini cura la collettiva di trentacinque artisti che espongono opere create per l’occasione Ginevra Aleramo L‘arte come energia e motore primo che guida le trasformazioni creative dell’uomo. È questa la sensazione che si respira visitando le ampie sale del Macro future di Roma dove trentacinque artisti italiani e internazionali espongono opere appositamente create per la collettiva Trasparenze. Lo scopo è quello di offrire, attraverso l’energia dell’arte che è la vera energia rinnovabile che non si esaurisce perché rigenera permanentementesestessa,spuntidi riflessione sul tema delle energie con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e gli operatori del settore. L’Arte per le energie rinnovabili propone opere di artisti italiani e internazionalicheriflettonoattraverso l’energia dell’arte su una tematica fondamentale del mondo contemporaneo. La collettiva, a cura di Laura Cherubini, visibile fino al 22 agosto presenta importanti lavori pensati specificamente per gli spazi espositivi del Macro Testaccio che sono stati com-

Lo scopo è quello di offrire spunti di riflessione attraverso l’energia dell’arte che è la vera forza rinnovabile che non si esaurisce perché rigenera se stessa

Giorgia Bernoni Le fresche volte della chiesa di Santo Espedito a Palermo hanno accolto questa mattina il funerale di Elvira Giorgianni Sellerio, la fondatrice, insieme al marito Enzo, dell’omonima casa editrice scomparsa martedì scorso nella

Tony Cragg, Riot, 1987 (foto Alberto Michelini)

missionati a grandi artisti del panorama contemporaneo internazionale come Georges Ade’agbo, Ackroyd & Harvey, Jota Castro, Alberto Garutti, Christiane Löhr, Liliana Moro, Yoko Ono, Taro Shinoda e Nari Ward. A questi si aggiungono le opere di El Anatsui, Mario Ceroli, Tony Cragg, Olafur Eliasson, Shay Frish, Carlos Garaicoa, Wolfgang Laib, Luigi Ontani, Lucy + Jorge Orta, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto, Robert Rauschenberg, Rirkrit Tiravanija, Vito Acconci, Massimo Bartolini, Sarah Ciraci’, Sandro Chia, Bruna Esposito, Flavio Favelli, Sidival Fila, Stefano Nicolini, Chicco Margaroli, Cesare Pietroiusti, Lorenzo Giusti e Cecilia Guida,

Elvira Sellerio

Cloti Ricciardi, Marco Giuseppe Schifano, Gian Paolo Striano, Pascale Marthine Tayou. Opere che invitano alla discussione, presentano gli orizzonti

La manifestazione artistica e culturale è ideata, organizzata e promossa dall’associazione Fabula in art e dopo la capitale sbarcherà al Madre di Napoli

poetici delle nuove tecnologie, esprimono l’energia concettuale, personale e sociale dell’arte contemporanea. La manifestazione artistica e culturale è ideata, organizzata e promossa dall’associazione Fabula in art, fondata da Alberto Michelini,AlessiaMontani,BiancaAlfonsi, Elisabetta di Mambro e Giorgia Simoncelli. Dopo il Macro di Testaccio Trasparenze. L’arte per le energie rinnovabili sarà poi ospitata dal Madre di Napoli a dimostrazione di un dialogo significativo tra i due musei che si propone come segno fondamentale di una propensione alla collaborazione tra lemaggioriistituzionimusealiitaliane.

A Genova la ventunesima edizione della rassegna teatrale

E le stelle stanno a guardare La kermesse estiva è promossa dal teatro della Tosse e prende il titolo dal famoso romanzo dello scrittore scozzese Archibald Joseph Cronin, uscito nel 1935

Elvira Sellerio oggi i funerali nella sua Palermo

Elena Mandolini E le stelle stanno a guardare è il titolo del famoso romanzo di Archibald Joseph Cronin, pubblicato nel 1935. Il teatro della Tosse di Genova ha ben pensato di richiamare tale titolo utilizzarlo per nominarelarassegnateatraleestiva, ormai giunta alla ventunesima edizione.All’internodellamanifestazione c’è da segnalare Spettacolo cosmico-gli orizzonti dello zodiaco, in scena dal 6 al 15 agosto ad Apricale, in provincia di Imperia. La regia dello spettacolo in prima assoluta è di Emanuele Conte e Amedeo Romeo, che hanno fir-

Uno spettacolo della passata edizione

mato anche i testi a cui hanno collaborato pure Alessandro Bergallo e Bruno Cereseto. Non si svolgerà in un teatro canonico, ma in un luna park.

Niente sedie o poltrone per il pubblico: gli attori, collocati nelle loro postazioni, sugli spalti, nei prati, nelle celle di pietra, ripetono le loro storie agli spettatori, che a piccoli gruppi si avvicinano di volta in volta a ognuno di loro per ascoltarla. Il viaggio-spettacolo inizia con il benvenuto da parte di un mago stravagante, che accoglie gli spettatori all’entrata del luna park. Il mago, interpretato da Enrico Campanati, racconterà i segreti del cosmo e dello zodiaco in un’atmosfera suggestiva e onirica coadiuvata dalla scenografia di Luigi Ferrando. Fino al 15 agosto. Info: www.teatrodellatosse.it

sua città a 74 anni. Figlia di un prefetto, prima di sei fratelli e una laurea in Giurisprudenza, la Sellerio partecipa attivamente ai fermenti culturali del Gruppo ’63, lo storico insieme letterario che si è formato in un vecchio albergo appena fuori Palermo, con Alberto Arbasino, Umberto Eco e scrittori siciliani come Michele Perriera. Pochi anni dopo, nel 1969, fonda la casa editrice che nel tempo editerà titoli preziosi dellaletteratura italiana e siciliana in particolare: da Leonardo Sciascia (nel 1978 è con il suo L’affaire Moro che la casa editrice sbanca per la prima volta vendendo oltre centomila copie) a Gesualdo Bufalino fino al vendutissimo Andrea Camilleri, solo per citarne alcuni tra i più noti. «Lavorare con me non è facile. Sono una persona umorale e ho un brutto carattere», aveva confessato in un’intervista dimostrando la tenacia della sua personalità e la validità delle sue scelte professionali che si erano concretizzate nella pretesa di lanciare da Palermo una casa editrice, che si proponeva come nazionale, scontando tutte le conseguenze di una localizzazione periferica. Elvira Sellerio, nel corso di più di 40 anni di lunga e operosa attività editoriale, ha rappresentato infatti la perfetta unione tra imprenditoria e cultura La signora dell’editoria, così veniva definita, è stata anche membro del Cda della Rai nel 1993-1994 all’epoca dei "professori".


38

il Domani

Giovedì 05 Agosto 2010

TECNOLOGIA Gli all in one di Apple dalle molteplici novità, dentro e fuori...

Apple presenta la nuova famiglia iMac Andrea Celia Magno Dopo l’iPad e l’iPhone 4, Apple ha annunciato l’uscita della nuova serie di computer all in one, gli iMac, con notevoli e sorprendenti novità che vanno dalla velocità e dalla potenza dei processori alla qualità e all’ampiezza dei nuovi schermi. I processori, prima di tutto, sono i nuovi Intel Core i3, Core i5 e Core i7: sono gli ultimi dual core e quad core partoriti dal cuore della più famosa casa produttrice di processori al mondo, e sono capaci di supportare nuove schede grafiche ancora più potenti, con una Ram che parte dai 4GB ma che può essere espansa fino a 16. Miglioramenti funzionali a quello che da sempre è stato il punto di forza delle macchine dell’azienda di Cupertino, che forgia per i suoi computer un’anima specializzata per la migliore resa grafica possibile, dato che i nuovi iMac montano Schermi LED dai l’ultimo e più potente chip in questo campo informati21,5" fino ai 27". co, l’ATI Radeon HD 5750. L’effetto visivo portato ai Processori Intel, massimi livelli. Se era Dual Core o Quad questa la preoccupazione di Steve Jobs & Co. si può Core di ultima dire che nulla è stato lasciato al caso, perché la vergenerazione. sione regina degli iMac ha Scheda grafica più un display LED Cinema da 27", una vera e propria telepotente. Magic visione con risoluzione da Trackpad intuitivo 2560x1440, che permette la visione di immagini più in vetro. Nuova fluide e precise, soprattutto quando si sta lavorando (o suite iLife. giocando) su piattaforme e giochi tridimensionali, oltre a una brillantezza di colori decisamente migliorata insieme all’ampiezza di visualizzazione che, adesso, è stata aumentata. Le novità degli iMac, comunque, non si fermano allo schermo o al cuore della macchina, ma si estendono anche agli accessori indispensabili per l’utilizzo del computer. Nello slot SD c’è spazio anche per le più veloci memory card SDXC, mentre sul tavolo è possibile usare, in alternativa al Magic Mouse, il Magic Trackpad. Il Trackpad è l’unico supporto che deve essere ordinato e comprato a parte, con l’aggiunta di 69 euro al prezzo del computer. Un costo in più, comunque, ben giustificato dalla semplicità di utilizzo e dall’intuitività che permette di compiere tante operazione, dallo zoom allo spostamento di pagine, con un piccolissimo tocco sulla tavoletta wireless dalla superficie in vetro. I software,

Edigita, piattaforma italiana per gli E-Book Dopo il via libera dell’Agcom anche l’Italia avrà la sua piattaforma E-book, che nascerà grazie alla società Edigita (Editoria Digitale Italiana) realizzata dalla compartecipazione di Effe 2005 (Feltrinelli), Rcs Libri e Messaggerie Italiane (Messaggerie Libri e Gruppo editoriale Mauri Spagnol). La piattaforma saràoperativadanovembre.

Limite di spesa per le chiavette Usb Entro la fine del 2010 tutte le aziende produttrici di chiavi Usb per il web dovranno permettere agli utenti di fissare una soglia massima di spesa per la navigazione in rete. Una volta sforata, un avviso fermerà la navigazione del cliente, dando la possibilità di continuare la navigazione qualora sia stato stipulato in precedenzanelcontratto.

Firefox si migliora con Tab Candy Firefox ha cominciato la produzione di un nuovo pacchetto per la navigazione in rete chepresentauna sostanziale novità grafica formata da schede (tab), che ha come obiettivo una migliore organizzazione delle pagine web da parte degli utenti. Il progetto di Firefox serve a rendere più funzionale la visione delle pagine web una volta che ne vengano aperte molte incontemporanea. iMac da 27"

infine, sono ovviamente quelli Apple, dal OS X Leopard, a Safari 5 fino ad iLife, la suite che permette di tutto, dalla gestione delle foto (con iPhoto) e dei video (iMovie) fino alla composizione, realizzazione e modifica di file musicali (GarageBand). I prezzi partono dai 1199 E. del 21,5" e arrivano ai 1999 E. del Core i5 a 27".

Schermi LED da 21,5" a 27"

You Tube sale a 15 (min.) rifacendosi a Warhol 5 minuti in più e si passa da 10 minuti a un quarto d’ora per i video di You Tube. Il più famoso e utilizzato portale di video on line, caricabili gratuitamente da qualsiasi utente, ha deciso di aumentare il limite massimo per i video fino ai 15 minuti, rispondendo alle numerose richieste degli utenti. You Tube ha deciso di rifarsi ad Andy Warhol e alla sua battuta sui "15 minuti di celebrità" per ognuno, motto che adesso calza a pennello proprioaYouTube


Giovedì 05 Agosto 2010

il Domani 39

APPUNTAMENTI “Tropea Teatro Festival” II Edizione Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari AMARONI Fiera dei Mestieri 2010 Organizzata da Comune di Amaroni e CameradiCommerciodiCatanzaroCentro Storico 7 e 8 Agosto Stand gastronomici con specialità tipiche calabresi 7 agosto: Performance di Jenco- Cantastorie popolare- 8 agosto: Concerto itinerante " Radici Calabre" BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro), e Marca Catanzaro a cura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa. Roccelletta di Borgia - Armoni e Arte Festival - " Baccani " Venerdi 6 agosto (ore 22) per "Baccanti", corpus di uno spettacolo di danza innovativoeraffinato:ildrammadiEuripidenella cui apposita riduzione "come unpoema sinfonico e visivo. riviviamo il percorso di Agave, in una dimensione spirituale e religiosa che abbraccia canto, parola e musica."Biglietti disponibili presso le prevendite abituali. Altre info www.armoniedarte.com CORTALE Festival Jazz & Vento 9Agosto.-Aperitivoinjazz;-CortaleSummer Jazz Quintet guest F.Bearzatti (produzione originale);-Fabrizio Bosso in "Round about Miles" con F.Bearzatti, Martux Dj, Eivind Aarset, Aldo Vigorito (esclusiva estiva mondiale):-Jam session in piazza. 10 Agosto .-Aperitivo in Jazz nei ruderi dell’antica abbazia di Sant’Anna;-Magicaboola Brass Band itinerante per il borgo;-Jazz&VentolabOrchestra(produzione originale);-Enrico Rava New Quintet feat Gianluca Petrella con G.Guidi, P.Leveratto, F. Sferra; -Jam session sotto le stelle. Verrano inoltre organizzati dei seminari tenuti dai maestri del Cesm (Centroetneo di studi musicali) nell’antico palazzo del pittore ottocentesco Andrea Cefaly. CROPANI “Premio Mar Jonio 2010” dieci anni di riconoscimenti prestigiosi Venerdì 13 Agosto 2010, a Cropani Superiore, alle ore 21, si terra’ la cerimonia di assegnazione del "Premio Mar Jonio 2010" giunto alla decima edizione. Ilprestigiosoriconoscimentoverràconsegnato in piazza, a Francesco Di Lieto, Vicepresidente Nazionale del Codacons; Angelo Grano, Sostituto Commissario della Polizia di Stato; Gianfranco Migliaccio, Presidente della Corte d’Appello di Catanzaro;GiovannaMoscato,Scrittrice; Giuseppe Soluri, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria. Riconoscimento speciale "Padre Nicola Criniti" a RaffaeleFacciolo,PresidentedelTribunale Ecclesiastico Calabro. "Premio Mar Jonio 2010 alla Memoria": Enzo Lauria, Cultore dell’Amicizia; Antonio Olivadese, Medico Chirurgo; Emanuele Servino, Avvocato. DECOLLATURA Manifestazione estiva "Ricomincio da tre" La Gdg Eventi in collaborazione con la Provincia di Catanzaro e il patrocinio del ComunediDecollatura,il7agosto,organizza la manifestazione dal nome da un noto film di Massimo Troisi (Ricomincio datre).Live:Keledigrankio(rockbanddi Lamezia Terme), Manola Moslehi (Amici di Maria De Filippi), Mario Nunziante (Amici di Maria De Filippi). Inoltre, nell’ambito della serata verrà consegnato

Verrà presentato oggi alle 10,30 presso la ex proloco nel suggestivo scenario del porto antico la seconda edizione del ” Tropea Teatro Festival”, un festival giovane nella sua autentica passione che merita una definitiva calendarizzazione con l’obiettivo di poter programmare le sue attività con il necessario anticipo. La qualità però è indubbia: attività di spettacolo e il necessario corollario didattico animeranno le serate dall’11 al 13 di agosto in vari punti della cittadina incastonata sul Tirreno, con compagnie di prestigio che arrivano in Calabria per presentare i loro lavori in anteprima, senza dimenticare solide realtà che operano in regione ottenendo un consenso anche in ambito nazionale. Il tema scelto per questa edizione dal suo direttore artistico Ester Tatangelo è quello del buio: “Si è molto riflettuto -ribadisce- su quale potesse essere il filo che potesse ispirare e condurre le varie attività, il tema su cui giocare per poter contenere le cronache di questo anno difficile, sotto molteplici punti di vista, in modo da poter instaurare un contatto immediato con il nostro pubblico. Si è pensato al buio perché è il contenitore acun premio in memoria di "Bruno Arcuri" ilgiovanesindacodiCarlopoliscomparso circa un anno fa. Infine, dopo l���esibizione delle "guest star" della serata sarà la volta dopo le 24:00 del terzo momento della festa, ovvero la discoteca all’aperto (a cura di D-dj, Diego Pargalia, giovane dj di Decollatura).. GASPERINA EsposizioneNicolaRaspa Fino al15agosto, neilocalidiVia Mazzini 9/A, con il patrocinio del Comune, il pittore Nicola Raspa espone nuove opere. LOCRI Oggi - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio - Primo Piano Palazzo NieddudelRiodalleore09.00alle10.30e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 6 agosto - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e SculturaFondazioneNossideoperedelMaestro Antonio Trifoglio - Primo Piano Palazzo NieddudelRiodalleore09.00alle10.30e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 Dal 6 al 12 EquinoziodiArchitetturaCortedelPalazzo di Città Inaugurazione DESIGN X TERRITORI BID- BORSA IDEA DEL DESIGN Corte Palazzo di Città 7 agosto - Teatro Nazionale dei Burattini di Mauro Apicella - Spettacolo "Evviva i Burattini vanno in Piazza"- presso Piazza Dei Martiri - ore 21.30. Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "Quando L’Arte Diventa Spettacolo" P.zza Nassiriya dalle 17.00 alle 22.00 Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione - Circolo Garden Club - incontridiqualificazione-MostraPersonale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio - Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00

clarato di tutte le nostre inquietudini, desideri e paure, specchio di una società quanto mai controversa, ma allo stesso tempo dinamica in tutte le sue sfaccettature. Il buio può rappresentare il passato, ma anche la ricerca e il futuro.Per quanto riguarda gli spettacoli, grande attesa per “La Borto”, il nuovo lavoro della compagnia Scena Verticale, (11 agosto, presso Chiesa della Michelizia), un racconto anticonvenzionale dell’universo femminile, secondo la tipica rigidità di un paese non meglio identificato del 8 agosto - Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione Circolo Garden Club - incontri di qualificazione- Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "QUANDO L’ARTE DIVENTA SPETTACOLO" P.zza Nassiriya dalle 17.00 alle 22.00 Festa Patronale SS Immacolata - ore 22.00 Fanfara dei Bersaglieri - ore 00.30 Spettacolo "LE FONTANE DANZANTI" lungomare Piazza Nosside Mostra Personale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale "Due Mari": 7 e 28 agosto , ore 21.00, "Balliamo insieme?", estate danzante con V&V dance school. Il 14 agosto , ore 19.00, "Stessa spiaggia...stesso mare". Giorno 8 agosto , ore 19.00, "Bruce - Ketta",direttamentedaZelig. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino. MOSOROFA Ottava edizione del Percorso Gastronomico Enogastronomia, arte, teatro e musica caratterizzeranno, sabato 7 agosto , VIIIª edizione del Percorso Gastronomico organizzato dall’accademia del fungo porcino d’Aspromonte in collaborazione con il Circolo Culturale Vivarium. La manifestazione, tra percorsi artistici e vie del palato, animerà le vie antiche di Mosorrofa ( paese collinare a pochi chilometri da Reggio Calabria). PAOLA Beach Volley Around the World Dal 5 all’8 agosto, si terrà il Beach Volley Around the World. Il programma prevede: oggi , cerimonia d’apertura con esibizione di beach volley e spettacolo di cabaret; venerdì 6 agosto , 2x2 maschile

meridione. Il 12 presso il Teatro del Porto, prima nazionale con “Bustric salvato dalle acque”, una trasfigurazione de “La Tempesta”, uno dei capolavori di William Shakespeare, presentato dalla compagnia Càjka e Bustric, per la regia di Sergio Bini e Francesco Origo. A chiudere (13, presso la Torre Marrana di Ricadi) una ispirata coproduzione italo-inglese che ha realizzato una performance multimediale dal titolo “ 97 Hertz” di cui sarà protagonista l’attore Massimo Zordan, una performance sospesa fra video, danza, musica e teatro e il buio che tutto contiene ed amplifica nelle sue ramificazioni introspettive e strutturali. Nella sezione didattica, molto interessanti i laboratori di drammaturgia e improvvisazione teatrale curati rispettivamente da Gianni Guardigli e Fortunato Cerlino con l’aggiunta di una sezione ideata e dedicata appositamente ai bambini, guidati da Antonietta Cassarà e Carlo Ottobelli; tutti i laboratori i concluderanno con una dimostrazione di lavoro, tranne quello per bambini che si concluderà con uno spettacolo - per bambini - ideato e realizzato dall’artista franco – canadese Sivie Dubois. Per tutte le altre info www.tropeateatrofestival.org efemminile,inseratainizio3x3mistonotturno; sabato 7 agosto , 3x3 free (di pomeriggio);domenica8agosto,semifinali e finali dei vari tornei. Tutte le serate saranno allietate da gruppi musicali e cabarettistidiZelig.Perinfo:348/6260734 - 348/3576938. ROCCELLA JONICA Straniamenti 2010: 106 Metamorfosi Al via, dal 3 al 7 agosto 2010, la IV edizione della rassegna diretta da Gabriella Maiolo e Adelaide Di Nunzio con l’organizzazione di Fabio Macagnino e la produzione dell’associazione culturale "Straniamenti". E il patrocinio della Provincia di Reggio Calabria (Assessorato alla Formazione professionale-Sport-Politichesociali)edei Comuni di Roccella Jonica e Gioiosa Jonica ROSSANO Rossano la Bizantina....d’estate 2010 Ognisabatoedomenicafinoal28agosto , ore19.00/24.00, presso l’Anfiteatro Viale Mediterraneo-mercatinoartigianatoacuraass.CreareInsiemeconFantasia. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00- CastelloS.Angelo,CollettivadiPittura Fino al 10 agosto , ore 20.00/22.00, Castello S. Angelo Mostra di Pittura Collettiva "I colori della Pace" a cura Scuola D’Arte di Milena Crupi. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00- CastelloS.Angelo,CollettivadiPittura:espongono I. Sapia, R. Rizzuti,e R. Scalise. SERRASTRETTA Serrastretta nel Tempo Un suggestivo e affascinante viaggio nella Serrastretta di fine Ottocento, tra le caratteristiche viuzze, gli strettissimi vicoli e gli incantevoli scorci del suo centro storico. La dodicesima edizione, che prenderà il via il 10 e 11 Agosto , ha in serbo alcune interessanti novità mai viste negli anni precedenti. Si tratta della rappresentazione dei rituali della Visita con il gallo e della Contrattazione della dote, usanze tipiche del costume serrastrettese, che si

vanno cosi ad aggiungere al già ricchissimo allestimento scenografico ottenuto grazie alla fedele ricostruzione di oltre 20 ambienti di vita artigiana e contadina animatidacirca300figurantirigorosamente in costume d’epoca. SOVERATO In scena l’opera lirica "Tosca" Andra’ in scena sabato 7 agosto , alle ore 22.00, presso il nuovo anfiteatro comunale di Soverato l’opera lirica di Giacomo Puccini "Tosca" diretta da maestro Giovanni Froio con l’Opera di Stato di Dniepropetrovsk-Ucraina Calabresi nel Mondo L’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo ha organizzato per martedì 10 agosto 2010 alle ore 19:00 presso il Teatro Comunale di Soverato (CZ) sito in via C. Amirante il Meeting dei Calabresi nel Mondo. E’ prevista la partecipazione di rappresentanti delle Comunità Calabresi in Italia e nel Mondo SOVERIA SIMERI Festa della birra - 8 agosto L’unica, l’originale, la più grande, bella e divertente della Calabria . All’interno del ricco programma della serata uno spazio di rilievo sarà occupato dall’esibizione dei Modena City Ramblers, band storica del "combat folk" italiano che approderà in Calabriadopoilsuccessodell’undicesimo album "Onda libera". Tra le vie del centro storico scorreranno anche le sonorità balcanichedella"ZastavaOrkestar".Perfarsì che il divertimento sia l’unico filo conduttore della serata, la Consulta giovanile ha inteso aderire alla campagna nazionale di sensibilizzazionesullaguidasicura"Sebevi e guidi sei uno sbronzo": un messaggio forte che parte proprio dalle nuove generazioni per ribadire l’importanza di una corretta condotta al volante al fine di garantire la massima incolumità sulle strade. SQUILLACE Rassegna "Taranta e Dintorni" Giorno Oggi , a partire dalle ore 17.00, rassegna di arte, musica e mestieri "Taranta e Dintorni", con stand artigianali ed enogastronomici, mostra di pittura, mostradistrumentimusicalid’epoca,artistidi strada.ConcertidimusicaetnicaconiParafonè e Canzoniere Grecanico Salentino. STALETTI’ "Notte di Note ...Live" al Blanca Cruz Beach Village Programma:sabato7agosto,ore23.30, Ezio Sangiuliano (piano), Erica (voce); sabato 14 agosto , ore 23.30, Soul Mind Band, soul dance 70/80; sabato 21 agosto , ore 23.30, Liano Concolino, voce e tastiere; sabato 28 agosto , ore 23.30, New Talent. TROPEA Presentazione del libro AVVELENATI Venerdì 6 agosto 2010 alle ore 19.30 Café de Paris (Piazza Ercole) di Giuseppe Baldessarro e Manuela Iatì -Città del Sole Edizioni Neanche i cani sporcano la cuccia in cui dormono, ma i mafiosi lo fanno.(dalla prefazione di Antonio Nicaso). VIBO VALENTIA Magna Graecia Teatro Festival Si terrà oggi alle 12, al Castello di Vibo Valentia, la conferenza stampa di presentazione del calendario degli eventi relativi al Magna Graecia Teatro Festival per i siti del vibonese. La rassegna interesserà lo Spazio Castello e il Parco delle rimebranze di Vibo Valentia e il Teatro Torre Marrana di Ricadi.



ildomani