Issuu on Google+

Sabato 05 Giugno 2010

Anno XIII - Numero 153

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

BORSE

INTERCETTAZIONI

SANITA’

Milano perde il 3,76% e l’euro va sotto 1,20. Brutte voci sull’Ungheria

Con varie modifiche e la soglia oltre i 75 giorni raccoglie meno critiche

a pag » 24

a pag » 19

Leoluca Orlando convoca Massicci «Chiarimenti sul caso Calabria» a pag » 7

Presentato a Roma il Rapporto 2010 di Legambiente sull’ecomafia: anche la nostra regione ha il suo primato

Calabria ai vertici per abusivismo

Cemento “truccato” e costruzioni selvagge incrementano il business della criminalità L’INTERVENTO

Le partite importanti oggi si decidono ai tavoli di Bruxelles

Come al solito la Calabria è tra le prime regioni italiane per illeciti riguardanti i traffici della cosiddetta “ecomafia”. Sempre noi conquistiamo il podio anche nella speciale classifica che riguarda l’abusivismo edilizio di Ludovico Casaburi a pag » 8

ROMA ASSAGGIA LA CALABRIA

IL COMMENTO

Sfida alla Lega: Pontida e Teano luoghi dell’unità

di Giancarlo Galan

di Riccardo Nencini

ministro Politiche agricole

segretario nazionale del Psi

Di seguito l’intervento del ministro Galan all’assemblea annuale di Confagricoltura. Prima di assumere la responsabilità di Ministro credevo di conoscere almeno in parte le complessità e le difficoltà che più o meno attraversano quasi tutte le questioni che hanno a che vedere con il mio ministero. Purtroppo, mi sono accorto ben presto di essere arrivato in via XX settembre in un momento particolarmente difficile per l’agricoltura e la pesca italiane, anche se so che il cosiddetto settore primario non ha mai conosciuto giorni sempre sereni dinanzi a sé. Se da una parte c’è la biodiversità da tutelare e valorizzare, dall’altra però ci sono i problemi... segue a pag » 2

Con le nuove regole Ue autoriparazioni meno care

Naccari apre le porte del mercato capitolino ROMA - Si è svolta a Roma l’apertura della manifestazione "Sapori di Calabria", un evento voluto da Domenico Naccari, delegato del Comune di Roma ai rapporti con la comunità calabrese, per sponsorizzare sulla piazza romana l’enogastronomia tipica della nostra regione. Molte aziende del reggino hanno partecipato.

Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo della Commissione Ue approvato il 27 maggio 2010 verranno modificati i principi di concorrenza previsti dal Regolamento Monti entrato in vigore nel 2002. Le nuove norme entrano in vigore il 1° giugno 2010 per quanto riguarda i mercati della riparazione e della manutenzione e il 1° giugno 2013 per quanto riguarda i mercati della vendita degli autoveicoli.

di Alessandro Caruso a pag » 5

di Gaia Mutone a pag » 15

CATANZARO Operazione Sissi, chieste 17 condanne per un totale di 194 anni di galera a pag » 29

GIOIA TAURO Maxi sequestro di sigarette nel porto Giro di contrabbando per oltre due milioni a pag » 33

VIBO VALENTIA Rumeni si prendono gioco di un disabile e lo raggirano: truffa da 100 mila euro a pag » 35

Un partito di governo che diserta la festa della Repubblica e un suo ministro di primo piano come Maroni, che all’inno nazionale preferisce la musica pop, deve avere un qualche significato che ci sfugge. Forse siamo di fronte alla solita pantomima finto indipendentista per tenere desta la barzelletta della Padania, oppure si tratta del braccio di ferro tutto interno alla maggioranza sulla testa di un presidente del consiglio sempre più scolorito. O forse tutte queste cose insieme e altro ancora. Per questo abbiamo scelto di tenere la nostra celebrazione della Festa della Repubblica oggi a Pontida, che non è la capitale della fantomatica Padania, ma - come sa chi ha studiato appena un po’ la storia una delle tappe che hanno portato nei secoli all’Unità d’Italia. La nostra è proprio una sfida alla Lega, che ci porterà fino a Teano. Ci piacerebbe che vi partecipassero gli italiani di qualunque partito, per ricordare che occorre un rispetto minimo delle Istituzioni, bandiere e feste nazionali comprese, perché a forza di irriderle, un bel giorno ci si può ritrovare a quando valeva il detto "Franza o Spagna, purché se magna". L’iniziativa del Psi si svolgerà a Pontida, a partire dalle ore 10,30 in piazza dell’Abbazia, Monastero di San Giacomo Maggiore. La nostra preoccupazione, oggi, è dare risposte al mondo dei lavoratori atipici, alle imprese artigiane e alle microimprese prostrate, a chi chiede nuovi diritti, alla sicurezza dei cittadini e a chi arriva da migrante, a chi ha talento e non riesce ad esprimersi in un paese da troppo tempo bloccato.


2

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI L’INTERVENTO di Giancarlo Galan Le partite importanti oggi si decidono a Bruxelles ... degli zuccherifici, delle vertenze latte, dell’agroalimentare clonato, del regolamento della pesca, per non parlare dell’Unire o del tabacco o di ciò che dobbiamo ottenere con la Pac. [...] In Italia nel 2009 il reddito per addetto è calato rispetto all’anno precedente del 21 per cento circa. Tutto questo ha un effetto sulla struttura delle imprese: in Italia negli ultimi dieci anni, mentre il reddito si contraeva del 36 per cento, le imprese agricole registrate presso le Camere di Commercio sono calate del 20 per cento (da oltre un milione ad 840 mila circa). Come recuperare allora? Intanto insistendo sulla riduzione dei costi e poi difendendo in ogni modo i trasferimenti dal bilancio comunitario che non possono essere messi a repentaglio con la riforma del dopo 2013. Specie per la zootecnia, dove senza di essi non si ha redditività del ciclo produttivo. Sulla riduzione dei costi incide anche il bilancio pubblico nazionale. Per questo la manovra economica

varata dal Governo dovrà considerare tra le priorità quella costituita dal settore agricolo. Un settore in cui abbiamo investito poco negli ultimi anni, di qui la necessità di invertire la tendenza. [...] Serve il massimo impegno a Bruxelles, perché è lì che va risolta la questione dell’ammissibilità dell’agevolazione per il gasolio utilizzato sotto serra. E lo stesso vale per la vertenza che può sbloccare il regime di aiuto per i tabacchicoltori già dal 2010. Oltre ad insistere sui costi, che possono appunto essere contenuti grazie all’intervento delle politiche comunitarie e nazionali ma anche delle imprese e dalle loro forme associative che possono concentrare la domanda, non c’è dubbio alcuno che si deve intervenire sulla valorizzazione del prodotto. Ad esempio si potrebbero integrare i già consolidati sistemi di qualità comunitari legati all’origine (Dop, Igp, Docg, Doc...) promuovendo nuovi sistemi nazionali di ricono-

FUORI DAL COMUNE

di Carmela Mirarchi

"80 Voglia di...", per il benessere degli over 60 Non dimenticare gli anziani. Questo lo scopo di diversi progetti che prima dell’estate vengono organizzati dai vari enti locali. In tutta la regione sono molte le iniziative per favorire il benessere degli over 60, che con il tempo rappresentano una buona fetta della popolazione. Spesso sono inoltre una vera e propria risorsa per il nostro paese. Tra i tanti sembra interessante quello promosso dall’AziendasanitariaprovincialediCatanzaro:"80 Voglia di...". L’unità operativa di educazione sanitaria del Dipartimento di Prevenzione di Lamezia Terme, raccordandosi con "Villa Arzilla", una delle associazioni di anziani presente nel territorio ha infatti predisposto il progetto di promozione della salute degli anziani, che prevede il coinvolgimento di numerosioperatoriaziendalipersvilupparediversi ambiti preventivi. (alimentazione, attività fisica, sessualità, autoefficacia, malattie osteoarticolari, assistenza all’anziano fragile,...). Nell’ambito del progetto, a partire da che è partito ieri che si terrà tutti i venerdì del mese, sarà possibile per gli over 60 effettuare una visita odontoiatrica gratuita nell’Unità operativa di odontoiatria dell’ospedale di Lamezia Terme che curerà la fase relativa a "80 voglia di sorridere". Prendersi cura della propria bocca e dei denti è fondamentale, riconoscendo l’importanza dell’apparato stomatologico nella tutela della salute.

scimento della qualità. Ma c’è una questione su cui ritengo per davvero indispensabile intervenire, e intervenire con urgenza. Secondo una recente analisi le piccole e medie imprese del Paese sopportano un carico burocratico che ha un costo pari a 16 miliardi, il che significa oltre l’un per cento del Pil nazionale. E nel 2007 è stato calcolato che le aziende agricole, per il solo rispetto della condizionalità dei pagamenti diretti, sostenevano un costo di 900 milioni di euro l’anno, pari al 2 per cento del valore della produzione agricola complessiva. Dobbiamo ridurre e semplificare realmente gli adempimenti. Partendo da quelli relativi alla gestione degli occupati, alle normative ambientali, sino ai controlli che riguardano la qualità dei prodotti. E’ il caso del settore vitivinicolo. La riforma dell’Ocm sta portando ad un aumento del numero e del costo dei controlli che si ripercuotono sui produttori. Tendenzialmente questo costo potrebbe anche raddoppiare. Invece possiamo ridurre i controlli all’essenziale, evitando quelli non espressamente richiesti da Bruxelles, e ricorrendo per quanto possibile alle autocertificazioni, come è stato già fatto in Francia. A proposito di competitività, i prossimi sei mesi saranno cruciali per l’impostazione della strategia di promozione delle energie da fonti rinnovabili in Italia. Entro l’anno occorrerà recepire la direttiva europea sull’argomento e entro giugno si procederà all’elaborazione del Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili, con cui saranno determinati gli obiettivi nazionali per la quota di energia da fonti rinnovabili consumata nel settore dei trasporti, dell’elettricità e del riscaldamento e raffreddamento fino al 2020. Poi sempre entro l’anno è previsto il primo decreto triennale diretto alla revisione degli incentivi. Sembra lecito, da come si sta impostando il lavoro, un certo ottimismo dal punto di vista della produzione di "agro-energie" che possono derivare dai nostri campi e dai nostri allevamenti. L’Unione europea affida alle biomasse di origine vegetale ed animale un ruolo centrale per centrare gli obiettivi al 2020. Sul fronte nazionale, d’altro canto, la legge comunitaria, al fine di rafforzare il ruolo delle biomasse e del biogas, prevede nei crite-

ri direttivi la revisione degli incentivi per le biomasse ed il biogas al fine di una maggiore promozione della piccola generazione distribuita collegata all’attività agricola. Occorrerà comunque vigilare, affinché si valorizzino davvero le risorse del sistema agricolo nazionale, evitando di puntare sull’importazione. Sullo sfondo però abbiamo le prospettive della Politica Agricola Comune (Pac), un appuntamento che va superato nei termini più positivi per noi. E’ stato ormai avviato il dibattito sul "dopo 2013", anche perché c’è un’esigenza imprescindibile: il mantenimento del budget per la spesa agricola. Occorre però riflettere anche su quanto bisognerà fare da qui al 2013. Ad esempio va valutato in che termini il Commissario Ciolos presenterà il promesso pacchetto "anticrisi" per introdurre da subito misure di mercato. E inoltre, ecco un’altra nota assai dolente: come risolvere la questione delle somme comunitarie a valere dello sviluppo rurale che le Regioni italiane non riescono ad utilizzare? Qui o si sceglie la strada del rinvio, prorogando da due a tre anni il termine entro cui poter spendere le somme stanziate; oppure occorrerà velocizzare la spesa il più possibile, snellendo al massimo le procedure amministrative regionali. In ogni caso, alcune Regioni potrebbero non avere domande a sufficienza tali da coprire tutto lo stanziamento disponibile. Ma se non fosse percorribile la strada della proroga, bisognerà valutare la possibilità di consentire trasferimenti di risorse tra Regioni. Come si vede, ho solo indicato alcune questioni, non tutte le questioni che vi riguardano e che ci riguardano. In ogni caso, siamo posti di fronte alla necessità di ottenere cambiamenti, cambiamenti che vanno approvati in sede comunitaria, ma per far questo serve tempo, serve coesione sia in Italia che a Bruxelles, perché è a Bruxelles che va costruita l’alleanza con gli altri Paesi membri allo scopo di ottenere le modifiche richieste. Pertanto, occorre definire da subito una strategia, e questo certamente assieme con le organizzazioni degli imprenditori agricoli ma non solo. Dobbiamo farlo per essere nelle condizioni di rendere vincente la nostra strategia con efficacia e tempestività in sede comunitaria, perché è lì che si perde o che si vince.

Giancarlo Galan

www.ildomani.it

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale)

Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.3098239

calabria@ildomani.it

Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it

appuntamenti@ildomani.it arretrati@ildomani.it redazione@ildomani.it

Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

PRIMO PIANO

Il 7 giugno del 1970 gli italiani votarono per la prima volta i loro rappresentanti nelle Regioni a Statuto ordinario. Palazzo Madama celebrerà questa ricorrenza con Schifani e Giorgio Napolitano

Lunedì i consigli regionali compiono 40 anni. Talarico festeggia in Senato di Cesare Giraldi ROMA - Sono quarant’anni che i cittadini delle varie regioni italiane sono chiamati al voto per eleggere i propri rappresentanti nei Consigli regionali. E proprio in occasione di tale anniversario si è pensato di organizzare una celebrazione in ricordo di questo piccolo passo avanti nell’evoluzione storica del concetto di rappresentatività nel nostro Paese. Lunedì prossimo i presidenti dei Consigli regionali saranno chiamati a onorare questa manifestazione a Roma, nel palazzo del Senato. Il presidente Francesco Talarico e l’ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, composto dai due vicepresidenti Alessandro Nicolò e Pietro Amato e dai due segretari -questori Giovanni Nucera e Francesco Sulla, parteci-

Francesco Talarico

peranno - lunedì 7 giugno alle ore 16.00 - nell’aula di Palazzo Madama all’iniziativa volta a celebrare il 40° anniversario della prima elezione dei Consigli regionali che sarà aperta dal presidente del Senato Renato Schifani. Titolo dell’iniziativa: "A 40 anni

dalla prima elezione dei Consigli delle regioni a statuto ordinario: sistema delle autonomie e riforma del Parlamento". Alla celebrazione della ricorrenza del 7 giugno del 1970, quando ventuno milioni di italiani si recarono alle urne per eleggere, per la prima volta, i Consigli delle 15 Regioni a

Statuto ordinario che - nel sistema allora vigente - eleggevano a loro volta i Presidenti delle Regioni, parteciperà il Capo dello Stato Giorgio Napolitano. «Si tratta di un’iniziativa autorevole e prestigiosa - ha commentato il presidente Talarico alla quale parteciperemo con l’intento precipuo di superare e correggere le criticità ed i limiti ravvisati in questi quattro decenni di regionalismo e con l’obiettivo di riavvicinare, quanto più rapidamente possibile, le istituzioni alle esigenze dei cittadini». Alla manifestazione prenderà parte anche il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani. Anche la sua è una funzione fondamentale nel ruolo di coordinamento delle varie politiche regionali. La Conferenza delle Regioni da anni svolge, infatti, il delicato

Giorgio Napolitano

Alla celebrazione del 7 giugno del 1970, quando 21 milioni di italiani votarono per la prima volta i consigli delle 15 Regioni a Statuto ordinario, parteciperà il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ruolo di fare confrontare i governatori sulle principali materie la cui regolamentazione, in base al Titolo V della Costituzione, spetta alle Regioni. E nel giorno in cui si celebra il funzionamento e l’organizzazione del sistema delle autonomie lui non poteva certo mancare.


5

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

PRIMO PIANO

Iniziata nella Capitale la manifestazione "Sapori di Calabria", una vetrina per le nostre aziende agroalimentari

Naccari ha aperto il mercato romano ai produttori delle tipicità calabresi di Alessandro Caruso

ROMA - La Calabria non è solo quella degli attentati e degli scandali legati alla malasanità o alla malapolitica. La Calabria è una terra che produce, che lavora e che si impegna. Questo è il messaggio che ha voluto lanciare la manifestazione iniziata ieri a Roma intitolata "Sapori di Calabria" e fortemente voluta dall’onorevole Domenico Nacca-

È stata un’utile vetrina per tutte le tipicità enogastronomiche della nostra regione, portate a Roma dalle aziende che hanno aderito all’opportunità offerta da Naccari

ri, delegato del Comune di Roma ai rapporti con la comunità calabrese. È stata un’utile vetrina per tutte le tipicità enogastronomiche della nostra regione, portate a Roma dalle aziende che hanno risposto a questa opportunità messa a disposizione da Naccari. Proprio questo è, infatti, il ruolo di cui il giovane consigliere comunale capitolino originario di Palmi, vuole rivestire la sua delega: creare un vero e proprio ponte tra Roma e la Calabria per tutte le imprese che siano interessate ad allargare il proprio mercato alla grande distribuzione offerta da una piazza come Roma. «La piazza romana ha spiegato Naccari - è molto appetibile. Queste che sono intervenute sono imprese a conduzione familiare a cui il mercato di Roma dà la possibilità di avere ulteriori risultati. Si tratta solo della prima iniziativa che abbiamo pensato per dare alle aziende calabresi la possibilità di essere conosciute anche a Roma». Quelle che hanno esposto i loro

prodotti ieri e che resteranno ancora oggi e domani, sono provenientiprevalentementedaReggio Calabria. Ma Naccari ha messo a disposizione di tutti gli interessati il suo supporto tecnico-logistico: «Vorremmo ampliare a tutta la regione questa possibilità. Rientra nel dovere degli amministratori fare quello che è importante per una comunità, in questo caso quella calabrese. Del resto l’economia sta vivendo un momento difficile. Dobbiamo inventare qualcosa di nuovo e sostenere i

all’enogastronomia. L’obiettivo è quello di lanciare un messaggio diverso della nostra terra, per renderla appetibile ai romani anche sotto il profilo turistico». In effetti, passeggiando per il padiglione messo a disposizione della ex Fiera di Roma nella zona dell’Eur, si ha l’impressione di opulenza e ricchezza. Una richez-

Passeggiando per il padiglione della ex Fiera di Roma si ha l’impressione di opulenza e ricchezza. Una richezza che viene dal territorio e da chi vi lavora vari settori. Noi come istituzione diamo tutto il supporto logistico, rientra nelle nostre competenze». E le intenzioni sono molto ambiziose. Naccari ci ha spiegato che il progetto di lungo termine è quello di dare un forte impulso al turismo. I romani, si sa, quando si tratta di prenotare le ferie estive si rivolgono soprattutto alla Sardegna. Manifestazioni come questa, che si aggiungono alle passate iniziative, vogliono invece parlare di una Calabria ricca, prosperosa, ospitale e originale per rilanciarne l’immagine agli occhi dei tanti cittadini romani: «Stiamo ampiando le nostre attività, siamo partiti dalla cultura, siamo passati all’arte e ora siamo arrivati

L'onorevole Domenico Naccari

za che viene dal territorio e da chi vi lavora. Tra immagini, musiche, e sapori, la suggestione di una Calabria che vuole ripartire arriva diretta al "turista" romano. Proprio così, perché per un pomeriggio, e così sarà anche oggi e domani, il romano è stato "ospitato" in casa propria dai suoi amici calabresi.


6

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

PRIMO PIANO

Comitato delle regioni europee Scopelliti tra i membri effettivi

Ieri conferenza stampa del commissario regionale dipietrista che ha annunciato l’avvio delle fasi congressuali di partito

Italia dei valori scuote il Pd guardando già alle elezioni di Valeria Mancusi LAMEZIATERME-«L’esperienza fatta alle regionali, partendo da Callipo, è un punto di partenza e non di arrivo». Ad affermarlo nel corso di una conferenza stampa il commissario regionale di Italia dei Valori, Ignazio Messina. Messina, nel ricordare che «Idv termina la sua fase di commissariamento ed entro luglio eleggerà i coordinamenti provinciali e regionale», rivolgendosi agli alleati del centrosinistra in previsione delle amministrative che si terranno l’anno prossimo, ha sottolineato che «è meglio parlare subito». «I nostri congressi - ha aggiunto - sono propedeutici alle elezioni. Noi diciamo no alle scelte imposte dall’alto e vogliamo essere coprotagonisti di questo cambiamento. Noi vogliamo avere l’obiettivo finale di vincere le elezioni e non è nostra intenzione cavalcare nessuno. Per questo invitiamo tutti a farsi avanti, rompendo con i vecchi metodi». «Noi - ha proseguito vogliamo coinvolgere una base sempre più ampia partendo dal

centrosinistra e siamo entrati in Consiglio regionale con un ruolo chiaro di opposizione ma anche diproposte.Perleamministrative la proposta di governo delle città dove si vota deve essere fatta insieme. Diciamo no a fughe in avanti ed autocandidature». Messina, a questo punto, ha fatto chiaro riferimento al rapporto con il Partito Democratico definendolo «il nostro interlocutore naturale. Il Pd calabrese - si è chiesto però l’esponente dipietrista - oggi di chi è? Di Loiero, Lo Moro, Gigliotti? Sono tanti i pezzi che non riescono a comporsi ecco perché è necessario che all’interno del Pd ci sia un chiarimento immediato». Il commissario regionale di

«Il Pd calabrese oggi di chi è? Di Loiero, Lo Moro, Gigliotti? Sono tanti i pezzi che non riescono a comporsi»

Idv ha anche chiesto una posizione chiara del Pd sui temi come sanità, pubblica amministrazione, appalti pubblici, ambiente e dissesti. Quindi, rivolgendosi espressamente al Partito Democratico calabrese, ha detto: «Vogliamo sapere dal Pd e da chi vuole stare con noi cosa ne pensano di tutto ciò e delle candidature virtuose. Gli alleati - ha affermato ancora Messina - non pensino di venire all’ultimo minuto dicendoci prendere o lasciare. Nessuno ha lo ius prime noctis. Noi non vogliamo fare la politica dei trucchetti. Ecco perché vogliamo partire per tempo e chi affretta le scelte non troverà al suo fianco Italia dei Valori. Noi abbiamo una proposta per ogni posto e consideriamoleelezionicomunali del prossimo anno come la rivincita delle regionali. Nello stesso tempo, però, non si può pensare che, siccome Italia dei Valori sta nel centrosinistra, non possa essere considerata dalle altre forze». Insieme a Messina erano presenti anche i consiglieri regionali Giordano, Domenico Talarico e De Masi e l’ex consigliere regionale Feraudo.

BRUXELLES - Via libera del Consiglio dei ministri dell’Ue alla lista dei nuovi membri italiani del Comitato delle regioni europee. Dopo l’approvazione, che si è resa necessaria dopo i cambiamenti avvenuti con le elezioni regionali in Italia, dalla prossima seduta del Comitato delle regioni, il 9 e 10 giugno prossimo a Bruxelles, nell’assemblea dei rappresentanti locali e regionali Ue siederanno co- L’organo è consultato me membri effettivi anche il presidente della Calabria su questioni di politica Giuseppe Scopelliti, quello regionale, ambiente, del Lazio Renata Polverini, del Piemonte Roberto Cota e istruzione e trasporti, dell’Umbria Catiuscia Marini, oltre a Gianfranco Vita- tutti settori di cui sono gliano, assessore della competenti le regioni Regione Molise e a Mercedes Bresso come consigliere regionale del Piemonte. La nomina di Bresso dovrebbe condurre alla sua conferma, dopo il voto dell’assemblea, alla presidenza del Comitato, carica che Bresso ricopriva anche prima delle elezioni, allora come presidente di Regione. Saranno invece nuovi membri supplenti nell’assemblea, Enrico Rossi, presidente della Toscana, Stefano Caldoro, presidente della Campania, nonché la vicepresidente dell’Emilia Romagna Simonetta Saliera e il consigliere regionale della Lombardia Paolo Valentini Puccitelli. Istituito nel 1994 dal trattato sull’Unione europea, il Comitato delle regioni (Cdr) è un organo consultivo costituito da rappresentanti degli enti locali e

regionali d’Europa. Nel quadro del processo decisionale dell’Ue, il Cdr deve essere consultato su questioni di politica regionale, ambiente, istruzione e trasporti, tutti settori di cui sono competenti i governi locali e regionali. Il Comitato è costituito da 344 membri.

Adamo: nel Pd abbiamo superato ogni limite CATANZARO - In una lettera aperta di Nicola Adamo a Carlo Guccione si afferma: «Caro Guccione, ho appreso dalla stampa odierna che per domani a Lamezia è stato convocato il gruppo consiliare alla Regione. Questa riunione, se si dovesse tenere, contraddice quanto tu stesso hai affermato pubblicamente nei giorni scorsi. Infatti, hai disdetto ormai qualche settimana addietro, una riunione del gruppo consiliare chiamata ad eleggere il capo gruppo con la motivazione che sarebbe stato opportuno farla precedere da una convocazione dell’organismo di Direzione politica regionale del Partito. Mi pare ovvio, giusto e necessario che si proceda così, dal momento che non è stata attuata, finora, in Consiglio regionale la decisione votata all’unanimità dalla Direzione del Partito di dar vita ad un gruppo unico del Pd.

Il fatto che la decisione della Direzione del Partito non sia stata attuata non può essere privo di conseguenze politiche. Come è ben noto questa è la ragione fondamentale per cui io non ho ufficializzato l’adesione ad alcun gruppo consiliare. Per questo sono stato assegnato d’ufficio, mio malgrado, al gruppo misto. Voglio aderire al gruppo consiliare la cui costituzione è deliberata dalla Direzione regionale del Pd. Non me la sento di legittimare e di avallare con la mia presenza anche se dovesse essere di dissenso politico, una scelta che stante la realtà odierna in Consiglio regionale contrasta politicamente con le indicazioni della Direzione del Partito». «Debbo registrare - è detto ancora - con forte preoccupazione, però, che ormai sono trascorse lunghe settimane e non si intravede alcuna possibilità di

svolgere una riunione di Direzione o di Assemblea regionale del Pd anzi, la Direzione regionale è stata convocata per ben due volte e poi successivamente, in maniera immotivata, sconvocata. La preoccupazione è data dal fatto che nella vicenda politica, sociale ed istituzionale in Calabria il Pd è completamente inesistente. Non si può continuare ad essere inermi e consentire un processo di deflagrazione e balcanizzazione correntizia del Pd calabrese. E’ stato superato ogni limite e la questione investe non soltanto l’interesse degli iscritti al Pd ma l’assenza e lo sfarinamento del Partito è divenuto un grave vulnus della democrazia calabrese. Ritengo che non si debba procedere ad assumere alcuna decisione nella riunione di domani e di consentire la ripresa del funzionamento democratico del Partito».


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Sarà audito l’ispettore capo dell’ispettorato generale per la spesa sociale

Sanità, Orlando convoca Massicci «Chiarimenti sul caso Calabria» di Vito Majo CATANZARO - Mercoledì 9 giugno, la commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, presieduta dall’on. Leoluca Orlando, ascolterà l’ispettore capo dell’ispettorato generale per la spesa sociale della Ragioneria Generale dello Stato (Igespes), Francesco Massicci. L’audizione, in commissione plenaria, è pubblica ed è convocata per le ore 8.30 a Palazzo San Macuto (via del Seminario 76, Roma). Il funzionario del ministero dell’Economia e delle Finanze, dal quale prende nome il tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali in materia di sanità, sarà ascoltato sui preoccupanti dati, riportati dagli organi di stampa, circa i conti della sanità in Calabria. Un argomento che continua ad impegnare le forze politiSecondo che in accese discussioni. «Sicuri della necessità di dover ottimizzal’Udc re i costi del nostro sistema sanitario, si ha la necessità di dover risanare la analizzare la situazione effettiva sanità dello stato di salute della nostra regione». E’ quanto afferma, in calabrese una nota, il vicecoordinatore regionale dei Giovani Udc Calabsignifica ria, Ferdinando Mussari, in rendere relazione al deficit del sistema sanitario. «Come riportato da un arefficiente ticolo pubblicato da Piacenza e Turati e diffuso sul sito internet il sistema e lavoce.info, l’analisi del disavanscegliere zo - aggiunge Mussari - parte dall’obiettivo di minimizzazione un modello del costo di produzione della salute e utilizzando il tasso di mortalità infantile come indicatore per misurare la salute possiamo ora provare a stimare l’inefficienza, ovvero la percentuale di spesa sanitaria regionale in eccesso rispetto a quella minima necessaria per garantire un certo stato di salute ai cittadini. La Calabria, una delle Regioni con la sanità in rosso, cui il Governo ha negato, in questi giorni, la possibilità di utilizzare i fondi Fas per ripianare il deficit, pur esibendo un eccesso di spesa pro capite sui tre anni leggermente inferiore (66 euro pro capite), resta comunque nell’ordine di quasi tre volte il risparmio conseguibile dalla Lombardia e due volte quello delle Marche (la seconda regione più virtuosa, 29 euro pro capite) ed è fra le situazioni peggiori in termini di inefficienza media stimata (4,4 per cento), a

Salerno (Pdl): voltare pagina sugli sprechi CATANZARO - «Con i tagli dei costi della politica, fortemente voluti dal presidente Giuseppe Scopelliti, si è finalmente provveduto a voltare pagina. Questa concreta iniziativa, adottata dal Consiglio regionale, non può certo considerarsi demagogica come strumentalmente sostenuto da qualche esponente dell’opposizione, e anzi si configura come un vero segnale del processo di cambiamento che è stato avviato». E’ quanto afferma il consigliere regionale del PdL, Nazzareno Salerno, che aggiunge: «La Regione, che nella passata legislatura aveva quasi assunto le sembianze di un ente di mutuo soccorso, inizia a programmare e a fare scelte precise e coraggiose, mirate a migliorare la vita dei calabresi. Anche nel campo della sanità non si adopereranno deci-

breve distanza da Lazio (4,5 per cento) e Campania (5 per cento)». «Ciò significa che la vera necessità - sostiene Mussari - è quella di ridurre gli sprechi. Risanare la sanità calabrese significa rendere efficiente il sistema e scegliere il modello sanitario per la nostra regione». Da qui, dunque, l’intervento del centrista che si dichiara sicuro «della necessità di dover ottimizzare i costi del nostro sistema sanitario, si ha la necessità di dover analizzare la situazione effettiva dello stato di salute della nostra regione». Ma intanto non si placano le polemiche sul fronte politico. La questione dei tagli da imporre ad un sistema che, nel tempo, ha generato costi enormi, ha innescato l’ennesimo botta e risposta tra centrodestra e centrosinistra. «Loiero la smetta di dire menzogne e invece di rispondere a Scopelliti pensasse a replicare ad Antonio Borrello, ex vice presidente del Consiglio regionale». Lo affermano in una nota congiunta il capogruppo del Pdl in Consiglio Regionale Luigi Fedele e il vice capogruppo vicario Pdl Fausto Orsomarso, circa le affermazioni di Agazio Loiero, già presidente della Giunta calabrese, sulle assunzioni nella rete sanitaria calabrese. «Le assunzioni nel campo della dissestata sanità - aggiungono - di questi ultimi anni sono sotto gli occhi di tutti. I calabresi lo sanno e anche per questa ragione hanno sonoramente bocciato l’operato di Loiero. I cittadini della nostra regione eleggendo Giuseppe Scopelliti a governatore della Calabria hanno scelto la via della trasparenza amministrativa e gestionale. Il governatore Scopelliti in poco tempo saprà realizzare un progetto ambizioso, nel rispetto dei calabresi che meritano servizi sanitari efficenti e di qualità».

Per il Pdl sulla sanità il governatore Scopelliti in poco tempo saprà realizzare un progetto ambizioso nel rispetto dei calabresi

sioni dettate dal momento, ma ogni scelta sarà il frutto di serie valutazioni». «Il nuovo governo regionale, infatti - prosegue - non si preoccupa solo di ripianare i debiti, ma intende bloccare l’emigrazione sanitaria e fornire servizi di qualità». «Le vecchie logiche di fare politica della gestione Loiero - afferma Salerno - dimostrate da tante nomine clientelari e dalle modalità d’impiego del tesoretto, sono state tutt’altro che di aiuto per i soggetti produttivi e non troveranno più spazio». «Scopelliti, che ha dato inizio ad una stagione di politica trasparente che guarda all’interesse generale e non a quello particolare - continua Salerno - gode della stima e della fiducia della maggioranza in Consiglio regionale e soprattutto di quella della maggioranza dei calabresi perché sta dimostrando di attuare quanto detto in campagna elettorale. Il consenso nei confronti del governatore è destinato a crescere fra le forze positive della Calabria - sottolinea ancora visto che è stata posta fine a quelle elargizioni che hanno portato la nostra regione sul baratro e adesso comincia una nuova stagione per quei soggetti che sono impegnati nei progetti per lo sviluppo socio-economico della nostra terra». «Le stesse scelte concernenti i manager, i consulenti e le altre figure che affiancheranno il Governo regionale si stanno effettuando tenendo conto della meritocrazia».


8

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

PRIMO PIANO

Il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso (a destra) e Leoluca Orlando alla presentazione del rapporto di Legambiente sull'Ecomafia

Presentato a Roma il Rapporto 2010 di Legambiente sull’ecomafia: anche la Calabria ha il suo primato

Calabria ai vertici per cemento "truccato" e abusivismo edilizio di Ludovico Casaburi ROMA - La cattiva notizia è che la Calabria è tra le prime regioni italiane per illeciti riguardanti i traffici della cosiddetta "ecomafia". La buona è che la stessa Calabria conquista il podio "solamente" nella speciale classifica che riguarda l’abusivismo organizzato. Questi, in breve, i dati riguardanti la nostra regione saltati fuori dal Rapporto 2010 di Legambente presentato ieri a Roma alla presenza, tra gli altri, del procuratore nazionale antimafia Piero Gras-

4874

Le infrazioni accertate in Campania, prima regione in Italia per illeciti ambientali so, secondo il quale ci vorrebbe «una legge che si occupi in maniera specifica di delitti contro l’ambiente». «La legge che vorrei proporre - ha spiegato Grasso aiuterebbe a tutelare meglio l’ambiente. Ad esempio, al di là delle sanzioni penali e quelle pecuniarie, bisognerebbe prevedere la non punibilità per quell’imprenditore che ripristina i danni provocati all’ambiente». NUMERI DA RECORD Per capire meglio il fenomeno, vediamo qualche numero. Il giro d’affari dell’ecomafia è pari a 20,5 miliardi di euro, una cifra che lievita al ritmo di 78 reati al giorno, più di 3 ogni ora. Un fatturato in nero generato dall’impennata delle infrazioni nel settore dei rifiuti (da 3.911 nel 2008 a 5.217

nel 2009, più 33,4%) e - anche se calano di poco i reati nel ciclo del cemento (da 7.499 a 7.463) - dal business del cemento cosiddetto "depotenziato". Salgono i reati contro la fauna (più 58%) e quelli contro l’ambiente marino. Crescono anche le denunce, che passano da 4.591 a 6.249, così come gli arresti, da 2.406 a 2.429. La regione al top dell’illegalità ambientale è la Campania con 4874 infrazioni, pari al 17% del totale, mentre al secondo posto si piazza il Lazio soprattutto con l’area del sud Pontino a causa delle infiltrazioni di clan (Latina è la terza provincia per il ciclo del cemento). L’ecomafia si conferma allora «una holding solida e potente», che a detta di Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, «minaccia gravemente il futuro del Paese sottraendo risorse preziose all’economia legale». Secondo il dossier - elaborato sulla base dei dati raccolti dall’attività di tutte le Forze dell’ordine e di Polizia giudiziaria - aumentano gli arresti (più 43%), gli illeciti accertati (28.576), il numero delle denunce(33,4%,da21.336persone a 28.472) e i sequestri (11%, da 9.676 a 10.737). Il racket degli animali - in base alle stime della Lav - si conferma di 3 miliardi di

«Vorrei una legge che si occupi in maniera specifica di delitti contro l’ambiente», ha detto Grasso. «Bisognerebbe prevedere la non punibilità per quell’imprenditore che ripristina i danni provocati»

euro, mentre l’agricoltura vale affari per circa 50 miliardi di euro l’anno (150 reati al giorno). OPERE PUBBLICHE: 7,5 MILIARDI DI INVESTIMENTI A RISCHIO Con i preoccupanti dati sopraccitati, a rischio sono anche gli investimenti nelle opere pubbliche e nella gestione dei rifiuti urbani, soprattutto nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa: si stima che essi abbiano superato i 7,5 miliardi anche nel 2009. Quello dell’ecomafia, rileva il rappor-

12,1

La Calabria commette il 12,1% del totale dei reati di abusivismo edilizio e cemento depotenziato to, «si conferma sempre più come fenomeno globale», che ha portato a sinergie inevitabili tra l’Organizzazione mondiale delle Dogane e l’Ufficio centrale antifrode, soprattutto in un’operazione di controllo contro il traffico illecito di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) che invece di essere smaltite secondo la legge venivano impropriamente e illegalmente ’riciclate’ come si apprende da alcune indicazioni sulle indagini che sono però ancora in corso. CEMENTO ILLEGALE: 27 MILA COSTRUZIONI RICHIANO IL CROLLO Quanto all’abusivismo edilizio e al cosiddetto "calcestruzzo depotenziato", il rapporto parla rispettivamente di 2 miliardi persi in 27

mila costruzioni (quelle contate) senza regole e di «pessima qualità» con conseguente rischio di crollo per molte strade, ponti, viadotti, scuole e ospedali. Secondo il rapporto «il primo dato da segnalare per il ciclo del cemento

è quello relativo al mancato ridimensionamento del fenomeno dell’abusivismo a causa della crisi economica». E sulla basedelle stime Cresme Consulting, a dispetto del calo delle abitazioni ultimate (da 316 mila a 280 mila) nel settore legale, la parte illegale ha visto una diminuzione di sole mille abitazioni (da 28 mila a 27 mila). L’abusivismo organizzato «opera in nero in tutta la sua filiera» dall’acquisto dei materiali alla manodopera: 7.463 infrazioni accertate, 9.784 denunce e 2.832 sequestri. La Campania si conferma al primo posto con 1.179 reati accertati (15,8% del totale), al secondo la Calabria (12,1%), al terzo il Lazio (11,8%), mentre la prima regione del nord è la Liguria (4%). Spuntano - rileva il dossier le cosiddette "ricette di produzione" per il calcestruzzo depotenziato: ne sanno qualcosa spiega il rapporto - gli aeroporti di Palermo e Trapani, il lungomare di Mazara del Vallo, l’ospedale San Giovanni di Dio ad Agrigento e perfino per il commissariato di polizia di Castelvetrano. Ma il fenomeno del cemento depotenziato si estende a molte altre regioni, tra cui la Calabria, dove «la mafia impone materiale scadente e rifornisce multinazionali», senza contare la possibilità che potrebbe esserci «una brutta storia di calcestruzzo depotenziato anche dietro al crollo della casa dello studente de L’Aquila».

In occasione del Trigesimo della morte del Signor GIUSEPPE MELLACE sarà celebrata una messa in suffragio sabato 5 giugno alle ore 19.00 nella Chiesa del Conventino di Sant’Antonio in rione San Leonardo a Catanzaro.

In occasione del Trigesimo della morte del Signor MAURIZIO ROSSI sarà celebrata una messa in suffragio domenica 6 giugno alle ore 11.00 nella Chiesa del Conventino di Sant’Antonio in rione San Leonardo a Catanzaro.

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora MIRELLA GIORNO sarà celebrata una messa in suffragio sabato 5 giugno alle ore 18.30 nella Chiesa del Sacro Cuore a Casciolino, Cz Lido.

In occasione del Trigesimo della morte della Signora MARIA DIAMANTE ROCCA sarà celebrata una messa in suffragio domenica 6 giugno alle ore 18.00 nella Chiesa del Monte dei Morti a Catanzaro.

In occasione del Trigesimo della morte del Signor ROBERTO ROTELLA sarà celebrata una messa in suffragio sabato 5 giugno alle ore 18.30 nella Chiesa di Santa Croce a Pontepiccolo in Catanzaro.

In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor GIUSEPPE SESTITO sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 7 giugno alle ore 17.30 nella Chiesa di Sant’Elia, Catanzaro.

In occ della m

sarà c fragio 18.30 Pomp


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

L’ESPERTO COMMENTA L’approvazione della misura 112 è il primo passo verso una politica agricola virtuosa

Incentivi ai giovani per un settore agricolo moderno e competitivo di Giovanni Perri*

COSENZA - L’approvazione della graduatoria regionale che consentirà a circa seicento giovani imprenditori agricoli di insediarsi in aziende avviate è un fatto importante poiché consente alle nuove forze generazionali di potersi inserire attivamente nel comparto agricolo ed affrontare le problematiche dello sviluppo, essere competitivi e vincere le sfide dei mercati internazionali. È questo un riconoscimento dovuto al fatto che ci si sta muovendo nella giusta

coraggiare, poiché trattasi di un comparto produttivo di vitale importanza, la cui valorizzazione è direttamente e indirettamente legata all’ottimizzazione delle vaste risorse naturalistiche ed ambientali di cui è ricco l’intero territorio calabrese». In tale contesto è necessario puntare l’attenzione sulla qualificazione professionale e sull’istruzione per modernizzare e rendere competitiva l’impresa agricola, anche in vista dei futuri cambiamenti dal punto di vista legislativo nazionale ed europeo ed in particolare della riforma della Pac (Politica agricola comunitaria). Sono aspetti importanti che vanno opportunamente valutati e debbono far ri-

flussi finanziari comunitari per l’attuazione di progetti di qualità e investimenti produttivi con l’impiego di nuove tecnologie, anche con valenza paesaggistica ed ambientale. Nella fattispecie gli aspiranti giovani agricoltori calabresi potranno utilizzare le

Con queste nuove misure si può finalmente realizzare la ricomposizione fondiaria e l’accorpamento dei terreni per il raggiungimento di unità aziendali ottimali, favorendo il ricambio generazionale

aggiungono agevolazioni creditizie e fiscali per la formazione e l’arrotondamento della proprietà coltivatrice. In particolare saranno favoriti gli investimenti strutturali aziendali, materiali e immateriali funzionali all’ammodernamento dell’efficienza e del rendimento economico delle imprese agricole con l’introduzione di nuove tecnologie, di innovazioni di prodotto e di processi, soprattutto per il miglioramento delle performance paesaggistiche ed ambientali. Di tali aiuti potranno beneficiare, in particolare, i giovani imprenditori che operano nel settore olivicolo, ortofrutticolo, vitivinicolo e dell’attività zootecnica, che hanno come finalità di valorizzare la qualità della produzione vegetale agraria, unitamente al potenziamento dell’efficienza produttiva ed all’innalzamento della redditività netta aziendale. Sono requisiti necessari, prescritti dall’Unione europea, per favorire l’ammodernamento delle aziende agricole e la valorizzazione della produzione vegetale agraria. In tal modo l’Ue e la Regione Calabria intendono investire su nuove figure professionali, per favorire il ricambio generazionale e l’ammodernamento delle aziende agricole, dando priorità alle pratiche innovative ed alla qualità della vita nell’ambiente rurale che sempre di più manifesta la carenza di input per accrescere ed irrobustire il valore aggiunto

Nella fattispecie gli aspiranti giovani agricoltori calabresi potranno utilizzare le misure agro-ambientali previste dal programma di sviluppo rurale del PSR 2007-2013, a favore degli I.a.p. (Imprenditori agricoli professionali), finalizzate a promuovere la competitività in agricoltura direzione, sopratutto in considerazione del fatto che al centro-sud sono il 54% i figli di agricoltori che non intendono più esercitare l’attività agricola, contro che il 15% che è intenzionato a seguire le orme dei propri genitori. Con l’attuazione di queste nuove misure si può concretamente realizzare la ricomposizione fondiaria e l’accorpamento dei terreni per il raggiungimento di unità aziendali ottimali, favorendo il tanto auspicato “ricambio generazionale” per lo sviluppo innovativo dell’agricoltura e la valorizzazione delle produzioni delle imprese agro-alimentari calabresi. In merito a questa finalità progettuali, l’assessore regionale Michele Trematerra giustamente ha affermato che «il rilancio dell’agricoltura calabrese è una sfida prioritaria che bisogna raccogliere e in-

Giusto muoversi in questa direzione, sopratutto in considerazione del fatto che al centro-sud sono il 54% i figli di agricoltori che non intendono più esercitare l’attività agricola flettere seriamente al fine di mantenere alto il livello produttivo delle eccellenze dell’agricoltura in Calabria. Altri punti da affrontare riguardano le problematiche dell’utilizzo razionale dei

misure agro-ambientali previste dal programma di sviluppo rurale del PSR 2007-2013, a favore degli I.a.p. (Imprenditori agricoli professionali), finalizzate a promuovere l’ammodernamento delle aziende e la competitività in agricoltura. È bene specificare che l’imprenditore agricolo professionale, è colui che esercita le attività agricole, ai sensi della legislazione vigente, che dedica la maggiore parte del proprio tempo lavoro e ne ricava la maggior parte del proprio reddito globale da lavoro. L’imprenditore agricolo professionale, altresì, è esentato dall’imposta comunale sugli immobili, dagli oneri di concessione per il rilascio del permesso di costruzione per interventi da realizzare nelle zone agricole e dall’indennità aggiuntiva in caso di espropriazioni per pubblica utilità, cui si

dei prodotti di eccellenza che vanta la Calabria. La filosofia di questo strumento legislativo introduce, infatti, misure destinate a valorizzare il ruolo dei giovani agricoltori, quali figure centrali che operano sul mercato, pertanto può fungere da volano di sviluppo per il coinvolgimento delle giovani generazioni agricole per una significativa modernizzazione ed innovazione dei processi produttivi aziendali. *Agronomo, esperto di Politiche agricole comunitarie


10

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

IMPRESE E LAVORO Aumentano i servizi on line sul sito internet dell’Inps Aumentano i servizi on line a disposizione dei cittadini e delle aziende sul sito internet dell’Inps, www.inps.it. E’ da oggi attivo, infatti, un nuovo servizio: l’invio telematico delle domande di autorizzazione alla cassa integrazione guadagni ordinaria, che va ad aggiungersi a quelli recentemente introdotti per facilitare in misura crescente il controllo remoto delle pratiche, quali la presentazione on line delle domande di disoccupazione e delle denunce retributive e contributive da parte delle aziende. Il nuovo servizio consente di inoltrare, collegandosi al sito internet dell’Istituto, www.inps.it, le richieste riguardanti sia il settore Industria sia quello Edilizia. L’acquisizione della domanda avviene in modalità online: aziende e consulenti possono

compilare i modelli Igi 15 e conservarli in formato digitale senza la necessità di dover scaricare programmi. La procedura, inoltre, permette di effettuare controlli di congruenza sui dati immessi. È possibile accedere al nuovo servizio - denominato "Acquisizione On Line Domande Cigo" - attraverso la sezione "Servizi per aziende e consulenti" del portale Inps, sotto la voce Cig. Eventuali richieste di assistenza normative e tecniche da parte di aziende e consulenti, potranno essere inoltrate alle sedi Inps attraverso un’apposita casella di posta elettronica e un numero telefonico dedicato.

Antonio Larosa

La home page del sito dell'Inps

Martedì 8, in una conferenza stampa verranno discusse alcune proposte di modifica

Gioia Tauro, protesta della Cigl contro la manovra varata del Governo di Maria Grande GIOIA TAURO - La Cgil della Piana di Gioia Tauro , assieme alla funzione pubblica e Flc martedi 8 giugno 2010, alle ore 15,30 presso il salone "Nino Gullo" della Cgil della Piana , terrà una conferenza stampa per illustrare le valutazioni sulla manovra varata dal Governo e le relative proposte di modifica che sono alla base della manifestazione nazionale del 12 giugno a Roma. "Solo sulle nostre spalle" con questo slogan la Cgil scenderà in piazza a Roma il 12 giugno, per «contrastare una manovra iniqua, pasticciata che non sostiene gli investimenti e l’occupazione e per difendere i diritti dei lavoratori dai continui attacchi del Governo, rappresentati dal ddl lavoro e dal progetto di riforma dello Statuto dei Lavoratori, annunciato dal Ministro del Lavoro Sacconi. Per chiedere sostanziali modifiche alla manovra, duramente criticata dal Segretario Generale della Cgil, tutto il mondo del lavoro pubblico, colpito dai provvedimenti finanziari, parteciperà

"Solo sulle nostre spalle", con questo slogan la Cgil scenderà in piazza a Roma nella giornata del 12 giugno

al corteo che dalle ore 14, di sabato 12 giugno, sfilerà a Roma da Piazza della Repubblica a Piazza del Popolo. Per scuola, università e ricerca, si prospettano ulteriori tagli che si aggiungeranno a quelli già programmati». In questo modo, fa sapere la Flc Cgil diventa difficile anche la sola gestione ordinaria di scuole e università, mentre la ricerca pubblica sta per

«I punti critici per i lavoratori del pubblico impiego sono rappresentati anche dal blocco del turn over fino al 2015»

essere smembrata, disarticolata, con la liquidazione delle nostre migliori intelligenze. «Anziché investire in conoscenza, programmare lo sviluppo, si penalizzano i settori che, in tutti gli altri paesi, sono il cuore delle politiche per uscire dalla crisi», ha dichiarato Domenico Pantaleo, Segretario Generale della Flc. Situazione complessa anche per le Pubbliche amministrazioni. La Fp Cgil denuncia: «Si approfitta della manovra per portare un ulteriore attacco alle condizioni di lavoro dei dipendenti pubblici». I punti critici per i lavoratori del pubblico impiego sono rappresentati oltre che dal blocco dei contratti pubblici fino al 2013, dal blocco del turn over fino al 2015, dal licenziamento del 50% del personale a tempo determinato e dal rinvio dei pensionamenti di oltre sei mesi. Intanto il 2 giugno a Milano, la Cgil organizza insieme all’Atci, Libera, Anpi e altre importanti associazioni una manifestazione nazionale per ribadire il valore e l’importanza della nostra Costituzioneeperdenunciaretutti i tentativi di limitare la libertà e i diritti nel nostro Paese. Il corteo partirà da Porta Venezia alle ore 14, e terminerà a Piazza Castello con gli interventi di Giovanni Battista Armelloni Acli, Roberto Natale Fnsi, Raimondi Ricci Anpi e Guglielmo Epifani Cgil. Dal portale della Cgil sarà possibile seguire l’evento in diretta video. Queste giornate di mobilitazione precederanno lo sciopero generale di fine giugno.


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 11

IMPRESE E LAVORO Nuovo regolamento Mediterraneo, questione che coinvolge tutti «La prossima settimana sarà organizzato un incontro tra i vertici delle nostre associazioni per valutare un percorso comune per affrontare gli effetti legati all’entrata in vigore del regolamento del Mediterraneo 1967/2006». Ad annunciarlo in un comunicato congiunto - sono l’Agci agrital, la federcoopesca-confcooperative, la federpesca e la lega pesca. «Le associazioni - si legge nel comunicato - faranno il punto della situazione su quanto emerso nei due importanti incontri che si terranno e il 7 giugno in Spagna a Marbella, dove al seminario sulle misure tecniche per la gestione del mediterraneo saranno presenti tutte le associazioni europee della pesca che vivono gli stessi problemi dei colleghi italiani, e il 9 giugno a Roma, dove è previsto il confronto istituzionale con il Ministro

Galan». «La situazione di tensione - sottolineano agci agrital, federcoopesca-confcooperative, Federpesca e lega pesca - che si è venuta a creare in diverse marinerie, merita estrema attenzione perche’ il contesto e’ delicato. Il nostro impegno sara’ rivolto a trovare risposte idonee ai tanti problemi che da più parti vengono segnalati dai nostri operatori e anche per evitare facile strumentalizzazione, in merito all’applicazione delle norme comunitarie, che danneggiano il settore». Il Ministro delle Politiche Agricole, Giancarlo Galan, ha convocato una riunione presso la Sala Cavour del ministero per il 9 giugno alle ore 17. All’ordine del giorno l’entrata in vigore, da oggi, delle disposizioni contenute nel regolamento mediterraneo.

L’europarlamentare Pirillo ha sollecitato un incontro per discutere della situazione

I problemi della pesca calabrese passano al Parlamento europeo di Mario Grillo La crisi economica che sta vivendo il comparto ittico calabrese sarà affrontata dal Parlamento europeo. L’europarlamentare Mario Pirillo ha scritto una lettera in cui sollecita Carla Montesi, direttore generale degli Affari marittimi e della Pesca presso la Commissione Europea, un urgente incontro con una delegazione di sindaci calabresi. Un faccia a faccia necessario ad informare l’Europa del grave disagio che stanno vivendo gli operatori del comparto dopo l’applicazione delle norme restrittive in materia di tecniche di pesca ed in primis del cosiddetto "piccolo strascico costiero". Le norme europee, infatti, prevedono dimensioni minime delle maglie delle reti utilizzate per la pesca e specifiche distanze dalla costa per l’uso degli attrezzi da pesca. Provvedimenti questi già entrati in vigore dal 1 giugno scorso che stanno avendo pesantissime ripercussioni economiche per i pescatori calabresi impegnati in

questo settore. Da qui l’intervento dell’europarlamentare del gruppo S&d-Pd che è anche membro della Commissione Ambiente ed Industria al Parlamento europeo. «L’entrata in vigore del regolamento CE 1867/2006, relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nel Mar Mediterraneo - scrive Pirillo al DG MaredellaCommissioneeuropea - sta destando preoccupazioni ai pescatori in particolare per le misure restrittive delle maglie». Per questo l’europarlamentare chiede un vertice urgente con la Direzione Generale per affrontare proprio queste problematiche.

I provvedimenti già entrati in vigore stanno avendo pesantissime ripercussioni economiche per i pescatori calabresi

«Le sarei particolarmente grato se potessi incontrarla - conclude Pirillo nella sua missiva - insieme ad una piccola delegazione di sindaci della regione Calabria, per presentarle la grave situazione e le conseguenze per l’economia del territorio, già assai precaria, a seguito dell’applicazione delle misure previste dal regolamento». Intanto, pescatori delle marinerie della regione hanno partecipato ieri mattina a Catanzaro, davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Pesca, ad una manifestazione indetta per protestare contro le misure imposte dall’Unione europea nel settore. I manifestanti con striscioni e cartelli hanno stazionato davanti all’edificio mentre una delegazione è stata ricevuta dall’assessoreregionale,MicheleTrematerra. Nei giorni scorsi iniziative di protesta per chiedere la revisione delle norme giudicate troppo restrittive dagli addetti, con la partecipazione anche di sindaci e amministratori locali, si sono svolte a Cariati e Corigliano. Ristoratori e consumatori in ri-

volta, quindi, e pescatori pronti alla "rivoluzione", a seguito delle nuove norme imposte dalla Comunità Europea sul fronte della pesca: a partire dal 1° giugno infatti è entrato in vigore il regolamento che, al fine di preservare l’ecosistema nel Mediterraneo, vieta di usare le draghe da pesca entro 0.3 miglia e le reti da traino entro 1.5 miglia dalla costa. Questo comprometterà la pesca di vongole, telline e cannolicchi -pescati solitamente a una ventina di metri dalla costa- che potrebbero sparire dalle tavole degli italiane, causando un danno notevole all’industria ittica già in crisi. Sebbene i decreti ministe-

L’europarlamentare Mario Pirillo: «I pescatori sono preoccupati soprattutto per le misure restrittive sulle maglie»

riali italiani limitino già la raccolta annuale di telline dal 1° dicembre al 30 aprile, per un periodo non superiore ai due mesi consecutivi, col nuovo Regolamento la tradizione gastronomica nostrana potrebbe dover dire definitivamente addio a questi molluschi. Il danno per i pescatori è tale che in Liguria gli operatori sono già in allerta e si dicono pronti ad aggirare le norme UE: per questo hanno già presentato un piano di gestione che dovrebbe autorizzare alla pesca 217 imbarcazioni. Maarimetterci potrebberoessere soprattutto i pescatori del Lazio, regione leader per la produzione di telline: il 10% della flotta ittica laziale è infatti specializzata nella molluschicoltura con draghe e rastrelli-imbarcazionicheraccolgono circa 50 chili di telline al giorno- mentre ogni anno vengono raccolte 80 tonnellate di telline per un giro d’affari di circa 750.000 euro; senza contare che proprio la tellina del litorale romano è diventata il primo presidio ittico di Slow Food nella regione. «Siamo comunque in attesa di una deroga promessa per il settore dei molluschi, altrimenti sarebbe il colpo di grazia per un settore già in crisi», ha dichiarato Claudio Brinati, presidente di Federcoopesca-Confcooperative Lazio, appellandosi a quanto previsto dalla normativa comunitaria che, con giustificazioni scientifiche e tecniche aggiornate, lascia agli stati membri la possibilità di derogare a tali norme.


12

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

IMPRESE E LAVORO La problematica del settore cooperativo al centro dell’incontro dibattito

Rappresentanti di Legacoop incontrano l’assessore Caridi Affrontata la problematica del settore cooperativo nel corso dell’incontro tra rappresentanti di Legacoop ed il nuovo assessore alle Attività produttive ed alla Cooperazione on.le Antonio Caridi. Il presidente di Legacoop Calabria Gemelli ha illustrato i temi e le opportunità avviate dalla cooperazione calabrese che anche nel corso degli ultimi anni ha incrementato l’occupazione, l’offerta di servizi ai cittadini ed ha registrato la nascita ed il consolidamento d’imprese nei vari settori economici. Gemelli ha aggiunto che ha supporto di questo originale tipo d’imprese necessitano strumentazioni adeguate. L’assessore Caridi ha manifestato grande interesse per il mondo della Cooperazione che lo ha visto protagonista Istituzionale anche nel Comune di Reggio Calabria e si è impegnato ad avviare una politica di supporto al Il presidente settore. In questo senso ha predisposto di Legacoop gli atti per la nomina della consultasullaCooperazioneprevista Calabria, dalla legislazione vigente. Gemelli ha infine invitato l’assesGemelli, sore a presenziare al prossimo incontro che Legacoop ha indetha illusto per il 25 giugno a catanzaro in trato i cui saranno presentati gli strumenti messi in campo dall’Orgatemi e le nizzazione a supporto della proopportunità mozione cooperativa. Fondata nel 1886, la "Lega Nazionale delavviate dalla le Cooperative e Mutue" è la più delle organizzazioni cooperazione antica cooperative italiane. Opera per promuovere lo svilupcalabrese po della cooperazione e della mutualità, dei rapporti economici e solidaristici delle cooperative aderenti, e per favorire la diffusione dei princìpi e dei valori cooperativi. Le oltre 15.000 cooperative aderenti a Legacoop sono attive in tutte le regioni e in tutti i settori produttivi. Sono presenti in posizione di eccellenza in settori come la distribuzione commerciale, le costruzioni, l’agro-alimentare, i servizi, le attività manifatturiere e hanno dato vita ad importanti società operanti nei settori assicurativo, finanziario, creditizio. Legacoop svolge funzioni di rappresentanza, assistenza e tutela del movimento cooperativo ed è competente a esercitare la vigilanza sulle

Un centro per l’integrazione multietnica CATANZARO - A Catanzaro un centro per l’integrazione sociale multietnica. Il fenomeno della globalizzazione rende sempre più attuale la necessità di far fronte ai processi trasformativi in atto e richiede nuove risorse metodologie e competenze per mobilitare le risorse attuali e potenziali degli utenti. Anche nella nostra città di Catanzaro ormai da anni si assiste all’aumento della popolazione per il fenomeno dell’immigrazione di stranieri di diverse nazionalità e ciò ha fatto emergere esigenze di integrazione per far fronte a condizioni di emarginazione e solitudine. Il presidente dell’Associazione "Multicolore" Mihaela Mihai, che da anni offre servizi agli immigrati, in collaborazione con il presidentedell’AssociazionedivolontariatoIassfi Onlus, Pietro Romeo, entrambi di Catanzaro, lo scorso aprile, hanno avviato il Progetto "Cism-Cz (Centro di Integrazione Multietnica di Catanzaro) approvato e finanziato dalla Regione Calabria, , per la durata di un anno, che opera anche in partnership con il Comune di Catanzaro.

cooperative aderenti; garantisce il coordinamento e l’indirizzo delle strategie e delle politiche; stabilisce e gestisce i rapporti con il governo, i due rami del parlamento, i ministeri e le commissioni parlamentari competenti, le forze politiche, economiche e sociali. A Legacoop fanno capo le relazioni internazionali, i rapporti con le istituzioni dell’Unione Europea e la gestione delle relazioni industriali della cooperazione, anche con funzioni di assistenza ai vari settori, nonché il compito di predisporre interventi legislativi di interesse cooperativo, d’intesa con le rappresentanze settoriali e territoriali, e di assumere le iniziative necessarie alla loro approvazione. La struttura associativa di Legacoop si articola in autonome Associazioni di settore, che organizzano le cooperative in relazione ai diversi ambiti di attività, e in Legacoop Regionali e Provinciali, che curano la dimensione territoriale. Legacoop aderisce all’Aci, Alleanza Cooperativa Internazionale.

Damiana Giorla

L’assessore Antonio Caridi ha manifestato grande interesse

Il Centro, nel quale lavorano figure professionali qualificate ed esperte in ambito sociale è preposto ad accogliere immigrati e autoctoni, coinvolgendo adulti, minori e intere famiglie, in attività d’incontro, ludiche, sociali, interculturali ed informative. Gli obbiettivi sono quelli di favorire l’integrazione sociale, la valorizzazione della famiglia, la prevenzione dei comportamenti a rischio di devianza per i minori, la promozione del benessere psicosociale. Le attività del progetto si svolgono presso la sede dell’ Associazione Multicolore, in via Tripoli, vicino il Comune di Catanzaro, nei giorni: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e martedì e giovedì dalle ore 17.00 alle ore 19.00. Per informazioni e iscrizioni: Tel. 0961/706282 - 339/2003763.

Antonio Di Meo


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO L’ente attiva misure di credito agevolato per favorire la ripresa delle attività

La Camera di commercio agevola le imprese di Maierato VIBO VALENTIA - La Camera di commercio di Vibo Valentia attiva misure di credito agevolato per favorire la ripresa delle attività produttive delle imprese del Comune di Maierato colpito dall’evento franoso dello scorso 14 febbraio. Nei prossimi giorni verrà infatti pubblicato sul sito dell’Ente camerale (www.vv.camcom.it) il bando e la modulistica per l’accesso alle agevolazioni di cui potranno beneficiare micro, piccole e medie imprese, appartenenti a tutti i settori economici, ancora attive alla data di effettiva pubblicazione dello stesso bando. Nel corso di questi mesi, coerentemente con gli impegni assunti, è stato svolto un costante lavoro proprio per creare le condizioni e le intese necessarie all’adozione dei provvedimenti più utili e diretti a fronteggiare la crisi di un sistema produttivo che è sempre stato attivo e vivace. La specifica azione, fortemente dal Commissario della Nei prossimi voluta Camera di commercio Michele Lico a sostegno delle imprese e giorni verrà dell’economia dell’area, scaturipubblicato sce da una sinergia, sancita da apposita convenzione, tra l’Ente sul sito Camerale, i Confidi e il sistema Bancario provinciale. All’iniziatidell’ente va hanno già dato adesione camerale Artigainfidi-Cna e la Banca di Credito Cooperativo di Maierato. il bando e Sono in corso di perfezionamenla modulistica to gli accordi con Fidart, Cooperativa di Garanzia Solidaper l’accesso rietà, Cofidi Calabria, Confidi Magna Grecia, e con le Banche alle Carime e Monte dei Paschi di agevolazioni Siena. L’intervento di credito agevolato è reso possibile grazie alla costituzione da parte dell’Ente camerale di un apposito fondo di 100.000 euro, quale contributo in conto interessi sui finanziamenti concessi alle imprese dalle Banche, e grazie anche della garanzia prestata dai Confidi pari al 50% degli stessi finanziamenti. La Camera di commercio si farà inoltre carico del costo, una tantum, della garanzia, corrispondente all’1% del finanziamento. L’importo erogabile, sotto forma di mutuo chirografario, sarà compreso tra 5000 e 20.000 euro. Il fondo costituito dalla Camera di commercio coprirà il 100% del tasso di interessedelsingolofinanziamento erogato, per un massimo di 5 anni. I finanziamenti ammessi a contributo dovranno essere finalizzati a

«Un freno allo sviluppo delle rinnovabili» Il Gestore dei Servizi energetici non sarà più obbligato a riacquistare i "certificati verdi" in eccesso. Lo stabilisce il decreto legge 78/10 contenente misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica che, con l’articolo 45, elimina i meccanismi di regolazione del mercato di questi titoli, introdotti recentemente, che ne hanno consentito la stabilizzazione del prezzo, evitando dannose speculazioni. Agroenergia, associazione del settore aderente a Confagricoltura, non nasconde la propria preoccupazione per una misura che provocherà certamente il blocco di nuovi investimenti e ingenti problemi economici agli impianti in produzione, con particolare riferimento a quelli a biomasse e

Un'immagine di Maierato

sostegno di programmi di investimento relativi a: -Acquisto, riparazione e/o sostituzione attrezzature e macchinari; -Opere murarie di ripristino immobili aziendali; -Rifacimento e/o adeguamento a norma di impianti; -Reintegro scortemagazzino;-Operazionidiconsolidamento del debito. Gli investimenti devono essere successivi al 14 febbraio 2010, data in cui si è verificato l’evento franoso e i contributi verranno erogati in "regime de minimis". «Con questa azione -ha detto il Commissario Lico - abbiamo voluto dare agli imprenditori sostegno diretto e funzionale alle loro reali e preminenti esigenze e input all’economia di un’area con produzioni fortemente radicate, competitive e innovative. Abbiamo ritenuto infatti importante assicurare alle micro, piccole e medie imprese liquidità per quegli investimenti necessari a ripristinare condizioni strutturali, operative e gestionali che consentano di riavviare e/o consolidare le attività produttive. Un impegno che la Camera di commercio ha mantenuto e che ha portato ad un intervento concreto ed efficace che vuole anche essere un segnale di fiducia per gli operatori economici e un’ulteriore dimostrazione di come le azioni sinergiche su cui tanto insistiamo -in questo caso e ancora una volta con Confidi, Banche e Associazioni di Categoria- portano sempre a risultati concreti e proficui».

Nicoletta Marra

Svolto un costante lavoro proprio per creare le condizioni e le intese necessarie all’adozione dei provvedimenti più utili

biogas già in esercizio alla data del 31 dicembre 2007. «Si tratta di una modifica del sistema legislativo - commenta Agroenergia - decisamente in controtendenza rispetto all’obiettivo per l’Italia di utilizzare, al 2020, almeno il 17% di energia da fonti rinnovabili». Una decisione, che viene peraltro, presa nel momento in cui l’Italia si accinge a presentare a Bruxelles il piano di azione nazionale sulle rinnovabili, in cui saranno indicati gli strumenti e le misure per raggiungere questo obiettivo. «Ancora una volta - continua l’Associazione che riunisce i produttori di energia associati a Confagricoltura - nel settore delle rinnovabili si agisce in modo incoerente: da una parte il Parlamento approva la legge comunitaria 2009, delegando il Governo a recepire entro fine anno la Direttiva Comunitaria 2009/28/CE sulle rinnovabili prevedendo l’adeguamento, il riordino ed il potenziamento del sistema di incentivazione, soprattutto in riferimento alle biomasse ed al biogas; dall’altra viene smontato uno strumento indispensabile per lo sviluppo delle agroenergie, per la tutela dell’ambiente e per la crescita dell’occupazione». Agroenergia auspica che tali incongruenze possano essere superate nell’iter di approvazione del provvedimento in Parlamento attraverso l’abrogazione dell’articolo 45.


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 15

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Con le nuove regole comunitarie autoriparazioni meno costose Dal 1° giugno le nuove norme faciliteranno l’accesso dei riparatori ai pezzi di ricambio alternativi Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo della Commissione Ue approvato il 27 maggio 2010 verranno modificati i principi di concorrenza previsti dal Regolamento Monti entrato in vigore nel 2002. Dal 1° giugno, le nuove norme consentiranno di migliorare l’accesso dei riparatori ai pezzi di ricambio alternativi. Il provvedimento, che riguarda la riparazione e la manutenzione dei veicoli, prevede l’accesso da parte degli autoriparatori ai pezzi di ricambio alternativi, ovvero quelli non originali della Casa ma sottoposti a garanzia, e che possono essere prodotti dalle aziende che si occupano di componentistica ed equipaggiano in origine i modelli in listino, oppure costruiti da terzi ma la cui qualità è certificata dal Costruttore. Occorre prestare attenzione alla data di entrata in vigore della norma: il 1° giugno 2010 per quanto ri-

guarda i mercati della riparazione e della manutenzione e il 1° giugno 2013 per quanto riguarda i mercati della vendita degli autoveicoli. Con questo nuovo Regolamento comunitario i produttori di automobili non potranno più subordinare l’applicazione della garanzia al fatto che il cambio dell’olio e altri servizi automobilistici siano effettuati esclusivamente nelle autofficine autorizzate. In questo modo, si potrà effettuare il tagliando alla propria auto anche nelle officine non autorizzate. Inoltre, per gli autoriparatori indipendenti (quelli, cioè, che non fanno capo ad alcuna marca automobilistica), compresi carrozzieri, gommisti ed elettrauto è stato confermato l’accesso alle informazioni tecniche alle quali possono accedere le officine autorizzate. Come conseguenza, le Case automobilistiche estenderanno la garanzia anche nel caso che gli interventi di tagliando vengano effettuati presso le offi-

cine che non fanno parte della "rete ufficiale" di assistenza. Le case produttrici, quindi, non potranno impedire al componentista di immettere sul mercato pezzi di ricambio con il proprio marchio; in questo caso, però, dovranno fornire la garanzia con appositi strumenti di certificazione e tracciabilità. Per gli automobilisti il vantaggio sarà di natura economico poiché i costi di riparazione risulteranno ridotti. Come sottolineato dalla Cgia di Mestre, che ha fornito le sue stime, i costi di riparazione rappresentano il 40% circa delle spese che i proprietari di autoveicoli devono affrontare ogni anno per mantenere in buono stato di funzionamento, e in condizioni di sicurezza, la propria auto, e come è noto il prezzo dei ricambi incide significativamente sul costo delle autoriparazioni. Gaia Mutone

Precisazioni sulla compilazione F24

I diritti del malato e dei familiari I malati di cancro hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da full-time a part-time e viceversa, compatibilmente con le esigenze di cura

La disciplina sul part-time introdotta dal Decreto legislativo n. 276 del 2003, all’art. 46, modificando l’articolo 12 bis del Dl n. 61 del 2000, ha stabilito per i malati di cancro il diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale e viceversa, garantendo a quanti desiderano continuare a lavorare anche durante il trattamento terapeutico, la conservazione di un valido inserimento sociale e lavorativo mediante la riduzione dell’orario di lavoro, fin quando lo riterranno necessario per le loro condizioni di salute e per le esigenze di cura. Il diritto è stato poi esteso anche ai lavoratori del settore pubblico mediante la Legge 247/2007, art. 1, comma 44. È stabilito, inoltre, che ai familiari dei malati spetta una preferenza nella conversione a part-time, compatibilmente con le

posizioni disponibili. Il ministero della Funzione pubblica ha poi introdotto maggiore flessibilità nell’attività di controllo controllo delle assenze per malattia ed alla repressione dei possibili abusi: con la Circolare n. 1 del 2009, dedicata ai malati oncologici, sono state date indicazioni in merito agli accertamenti fiscali ed all’utilizzo di modalità flessibili di lavoro; indicazioni richiamate anche dalla circolare n. 7 del 2009 e riportate nel Decreto ministeriale 18 dicembre 2009 n. 206, quando all’articolo 2 prevede i casi di esclusione dall’obbligo di reperibilità. Velocizzato, inoltre, l’accertamento dello stato di invalidità e di handicap: è stato infatti ridotto a 15 giorni, dalla data di pesentazione della domanda, il tempo entro il quale la Commissione medica della Asl deve fissare la data della visita ed è stato imposto alle Commissioni di emettere nei successivi 15 giorni il verbale di accertamento, con il quale scattano i benefici connessi allo stato di invalidità e di handicap. Per evitare disparità nei trattamento assistenziali Inps, connessi alle diverse procedure territoriali, dal 1° gennaio è in vigore una procedura unificata: le domande da parte dei cittadini vengono presentate in tempo reale per via telematica, tramite i medici di famiglia ed altri soggetti qualificati ed autorizzati, direttamente all’Inps con conseguente abbreviazione della procedura e parità di trattamento su tutto il territorio nazionale. L’Inps è stato così messo in grado di garantire normalmente l’erogazione dei benefici spettanti al cittadino entro quattro mesi dalla domanda.

Con la circolare n. 29 del 3 giugno, l’Agenzia delle entrate fornisce alcuni chiarimenti sulle modalità di compilazione del modello F24, con particolare riferimento alle compensazioni di crediti Iva da parte di soggetti in regime di tassazione di gruppo o interessati da operazioni straordinarie. Al fine di contrastare le compensazioni indebite, infatti, il decreto anticrisi del 2009 (Dl n.78/2009) ha previsto regole ad hoc per la compilazione del modello di pagamento unificato, e per accedere alle compensazioni è necessario, infatti, presentare un F24 senza errori seguendo con attenzione le regole illustrate dall’Agenzia. Prendono necessariamente la strada dell’F24, e rientrano dunque nel calcolo del tetto di compensabilità di 10 e 15mila euro, le compensazioni di crediti relativi a un periodo successivo rispetto a quello del debito che si vuole estinguere. Il credito, infatti, deve essere sempre precedente al debito che si intende compensare. Chi ha optato per la dilazione dell’Iva dovuta per l’adeguamento agli studi di settore può compilare il campo "rateazione". I contribuenti che si avvalgono dell’opportunità introdotta dal decreto sono tenuti a compilare il campo "rateazione" (numero della rata in pagamento e numero complessivo di rate) in corrispondenza del codice tributo "6494". PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


16

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

BANDI & AVVISI DI GARA

Avviso pubblico formazione dell’elenco Professionisti Ente Appaltante : Comune di Curinga Scadenza : presentazione domande - 22/06/2010 Contatti per informazioni : 0968 739317 Con delibera n. 50 del 20 aprile 2010 della Giunta Comunale, ai sensi dell’art. 91, comma 2 del D. L.vo 12/04/2006, n. 163, è stato approvato il presente Bando per la formazione di un elenco di professionisti di cui all’oggetto per incarichi, di singolo importo inferiore a 100.000,00 euro - valevole per il periodo giugno 2010 - giugno 2011. Con decorrenza annuale si procederà alla pubblicazione di un nuovo avviso di riapertura dei termini per la presentazione di domande di inserimento nell’elenco. Con le medesime modalità potranno essere aggiornate le domande dai candidati già inclusi per l’integrazione di nuovi titoli. In esecuzione della suddetta deliberazione della Giunta Comunale n. 50 del 20.aprile 2010 il Comune di Curinga intende procedere alla costituzione dell’elenco di professionisti, idonei per il conferimento di incarichi di progettazione, direzione lavori, piani ed adempimenti in materia di sicurezza, collaudi, collaborazioni ed adempimenti tecnico-amministrativi, studi geologici, agronomici e di economia territoriale di importo inferiore a 100.000,00 e superiori a 10.000,00 connessi alla realizzazione delle opere pubbliche valevole per il periodo giugno 2010 - giugno 2011. Elenco dei professionisti: L’elenco è organizzato con suddivisione nelle sottospecifiche tipologie di prestazioni professionali ed è costituito dai soggetti, in possesso dei titoli professionali, riconosciuti nel paese di appartenenza, abilitati allo svolgimento delle specifiche prestazioni e degli ulteriori requisiti richiesti. L’elenco verrà utilizzato per il conferimento di incarichi di importo inferiore a 100.000,00 e superiori a 10.000,00 connessi alla realizzazione delle opere pubbliche. Lo stesso potrà essere utilizzato anche per incarichi inferiori a 10.000,00 . L’inserimento dei professionisti, che abbiano prodotto domanda secondo le modalità previste dal presente avviso pubblico, è subordinato all’esito positivo dell’esame della completezza dell’istanza prodotta. Articolazzione dell’elenco in categorie di prestazxioni professionali: L’elenco dei servizi attinenti all’architettura, all’ingegneria ed altri servizi tecnici è suddivisocome segue: A)Progettazione architettonica B)Progettazione strutturale C)Progettazione stradale e studi inerenti la mobilità e traffico D)Progettazione impiantistica elettrica E)Progettazione impiantistica termofluidica F)Progettazione finalizzata alla sicurezza ed alla prevenzione incendi G)Sicurezza nei cantieri in fase di progettazione ed esecuzione ai sensi del D. L.vo n. 494/96 e s.m.i. H)Progettazione idraulica e studi idrogeologici I)Rilievi topografici, picchettamenti, frazionamenti, pratiche catastali J)Direzione dei lavori K)Collaudo statico L)Collaudo tecnico-amministrativo M)Studi geologici N)Responsabile sicurezza ai sensi della Legge n. 626/ 94 e ss.mm.ii.. Nell’ambito delle suddette specializzazioni, potranno essere richieste prestazioni anche parziali o di supporto. Soggetti ammessi e requisiti di iscrizione: Possono presentare domanda i soggetti di cui all’art. 90,

comma 1 lettera d) (liberi professionisti), e) (società di professionisti), f) (società di ingegneria), g) (raggruppamenti temporanei di professionisti singoli, associati o costituiti in società di professionisti od in società di ingegneria) del D. L.vo n. 163/2006 e ss.mm.ii. secondo le norme definite nello stesso articolo. Per l’iscrizione nell’elenco i Professionisti interessati devono essere in possesso dei titoli professionali, riconosciuti nel Paese di appartenenza, abilitanti allo svolgimento di servizi tecnici, nonché dell’iscrizione all’Ordine o al Collegio Professionale, necessari per lo svolgimento degli interventi nelle categorie sopraccitate. Modalità di presentazione della domanda e dichiarazioni: I professionisti interessati ed in possesso dei requisiti necessari che intendono manifestare la propria volontà di essere inseriti nell’elenco dei professionisti di cui al presente avviso dovranno presentare in busta chiusa sigillata la propria candidatura, che dovrà essere resa sotto forma di autocertificazione e dovrà essere formalizzata mediante la seguente documentazione: • Istanza di partecipazione,datata e sottoscritta a cura dell’interessato o nel caso di aggruppamento già costituito, a cura del legale rappresentante della capogruppo, unitamente a fotocopia di documento di identità del sottoscrittore in corso di validità, utilizzando il fac-simile Allegato "A", nel quale dovranno essere precisati: - i dati anagrafici e fiscali; - il titolo di studio; - che i curriculum professionali allegati sono autentici e veritieri; - che i dati relativi alla struttura dello studio professionale sono autentici e veritieri; - di non trovarsi in una delle clausole di esclusione di cui all’articolo 52 del D.P.R. n. 554/99, così come sostituito dal D.P.R. 412/2000; - di non trovarsi in una delle condizioni previste dall’articolo 51 del D.P.R. n. 554/99; - che, nel caso di raggruppamenti tra professionisti/società, qualora le prestazioni professionali delle singole specializzazioni (strutture, impianti, sicurezza, ...) vengano svolte da altri professionisti del raggruppamento direttamente responsabili, egli stesso svolgerà la funzione di integrazione e coordinamento delle varie attività specialistiche di progettazione e similari; - che non sussistono motivi ostativi all’esercizio della libera professione ed all’accettazione dell’incarico; - di impegnarsi, qualora aggiudicatario dell’incarico, ad eseguire la/e prestazione/i professionale/i nei tempi e termini fissati dal Responsabile Unico del Procedimento; - di accettare le regole e le modalità tutte contenute nell’avviso di acquisizione prestazione professionale. • Nel caso di dipendenti dichiarazione del datore di lavoro con la quale si autorizza alla presentazione della richiesta di cui al presente bando . L’istanza così prodotta dovrà essere contenuta in plico sigillato sul quale dovrà essere scritto: "Contiene documentazione per la formazione dell’elenco di professionisti idonei al conferimento di incarichi, di importo inferiore a 100.000,00, connessi alla realizzazione delle opere pubbliche" . La stessa dovrà pervenire all’ufficio protocollo del Comune di Curinga, via madre V. Frijia, 2 Curinga (CZ) tramite il Servizio Postale - raccomandata A.R. o posta celere o servizio postale privato o presentazione al protocollo entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 22/06/2010. L’apertura delle buste e la conseguente formazione dell’elenco avrà luogo il giorno 29/06/2010, alle ore 10,00.Il recapito del plico (entro il termine indicato), rimane ad esclusivo rischio del mittente.La documentazione prodotta non sarà restituita.

Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 17

DIRITTO & LAVORO

di Sofia Ricciardi

Gli Stati possono introdurre nelle norme che regolamentano il gioco online l’autorizzazione obbligatoria La Corte di giustizia europea ha stabilito, con le cause C-203/08 e C-258/ 08, che uno Stato può sempre decidere di restringere la normativa in materia di gioco d’azzardo su internet in nome della tutela dei consumatori, della prevenzione delle frodi e della prevenzione di turbative all’ordine sociale. Le normative possono quindi prevedere l’imposizione di una specifica autorizzazione amministrativa per organizzare o promuovere il gioco d’azzardo, ambito che non gode, tra i paesi dell’Unione, di una legislazione omogenea. La questione che si era posta era se il divieto di esercizio

dell’attività del gioco costituisse di fatto una restrizione al al principio comunitario della libera prestazione di servizi. Uno Stato puà legittimamente ritenere che un operatore che offra un servizio di questa tipologia via internet, non fornisca sufficienti garanzie di ai propri consumatori ed è autorizzato a vetare il servizio in rete. Rispetto ai tradizionali giochi, infatti, non c’è il contatto diretto tra consumatore e operatore e diventa più complicato contrastare le frodi. Per l’Italia, sono ancora pendenti presso la corte comunitaria delle cause sulle scommesse. So.R.

Farà certamente discutere la sentenza della III sezione penale della Corte di cassazione pubblicata ieri. Secondo la Suprema Corte, infatti, nel caso del gioco d’azzardo, «il fatto non sussiste» se non viene individuato con certezza che tipo di gioco viene praticato. Il caso è quello di un uomo, il sig. B, condannato dal Tribunale di Firenze perché sorpreso a giocare d’azzardo con un altra persona in un locale dopo l’orario di chiusura. Sebbene le due persone stessero giocando con delle carte, avessero con sé ingenti somme di denaro - molte banconote erano sul tavolo - e degli appunti che indicavano con ogni probabilità le puntate, le forze dell’ordine non accertarono molti elementi tra cui il tipo di gioco che le due persone stavano praticando; da qui «la mancanza della prova circa l’alea insita nel gioco e lo scopo di lucro», rilevata dalla Cassazione. Ma anche altri elementi (come il numero delle persone che giocavano: negli appunti venivano indicati anche altri nomi, ma non è accertato se corrispondessero a quelli delle altre persone presenti nel locale) da cui deriva «la grave indeterminatezza dei passaggi logici esposti nelle due

È gioco d’azzardo solo se si prova il "tipo" di gioco

pagine di motivazione». Quindi, afferma la Corte, «a fronte di queste affermazioni, tutte incentrate su valutazioni di probabilità, poche righe dopo il Tribunale afferma che la presenza di ingenti somme di denaro ’fa presumere con certezza’ che le annotazioni siano ’certamente riconducibili’ alle puntate in denaro effettuate nel corso del gioco». E

conclude argomentando che «la motivazione offerta dal Tribunale presenti una insanabile contraddittorietà e sia da considerare affetta da manifesta illogicità, così che gli elementi di fatto portati a sostegno della condanna risultano in modo radicale inadeguati a fondare un giudizio di sussistenza degli elementi essenziali del reato previsto dal Codice».

Se la causa è «di facile trattazione» il giudice può disporre la riduzione dell’onorario Dal 3 giugno invio telematico all’Inps delle domande Cigo

di Giulia Cervicato Se la causa è semplice l’onorario dell’avvocato difensore diventa meno salato. Questo, almeno, è il succo di quanto stabilito dalla Corte di cassazione che, con la sentenza numero 13452 del 3 giugno 2010, ha accolto il ricorso di alcune braccianti contro la decisione della Corte d’appello di Reggio Calabria, la quale aveva sancito la liquidazione dell’onorario e La Cassazione delle spese a conha stabilito che, clusione di una causavintacontro in ogni caso, la l’Inps. Le donne hanno presentato riduzione dei ricorso alla supreminimi previsti ma corte (vincenin parte) perdalla tariffa per gli dolo ché i giudici onorari non può calabresi avevano liquidato solasuperare il limite mente 150 giorni. della metà (art. 4 LasezioneLavoro della Corte di cassazione ha di condella legge 724) seguenza stabilito che le spese dimostrate dal legale della parte vincitrice della causa non possono essere diminuite, e ciò a prescindere dalla difficoltà del caso, ma che, diversamente, l’onorario dell’avvocato può essere

La Corte di cassazione

diminuito a condizione che il giudice fornisca una motivazione. La Corte calabrese dovrà quindi uniformarsi al principio contenuto nella sentenza secondo il quale al giudice è consentito «scendere sotto i limiti massimi fissati dalle tariffe professionali quando la causa risulti di facile trattazione, sebbene limitatamente alla sola voce dell’onorario e non quelle dei diritti e delle spese (...) sempre che la detta norma sia adottata e che venga espressa adeguata motivazione con riferimento alle circostanze del fatto del processo, non limitata, pertanto, ad una pedissequa enunciazione del criterio legale, ovvero all’aggiunta dell’elemento estrinse-

co, meramente indicativo quale l’identità delle questioni». Inoltre la Corte ha ricordato che «la riduzione dei minimi previsti dalla tariffa per gli onorari, in ogni caso, non può superare il limite della metà (articolo 4 della legge 724 del 1942), né il caso di riunione delle cause esime il giudice dall’obbligo di procedere alla liquidazione mediante la determinazione del valore di ciascuna delle controversie riunite». Il caso delle quattro braccianti calabresi è stato accolto anche per le sollecitazioni della Procura generale della Cassazione, che l’ha ritenuto di particolare rilevanza.

Da giovedì scorso è attivo sul sito dell’Inps il nuovo servizio che consente di inviare tramite internet le richieste di cassa integrazione ordinaria che riguardano sia il settore industria che il settore edilizia. L’acquisizione della domanda avvieneinmodalitàonline. Ciò comporta dei vantaggi per le aziende e i consulenti che possono compilare telematicamente i Modelli IGI 15 e conservarli in formato digitale senza la neces-

sità di dovere installare programmi scaricati dall’esterno. È possibile inoltreeffettuaredirettamente dei controlli di congruenza sui dati immessi utilizzando le anagrafiche dell’Istituto disponibili in linea. Le aziende/consulenti troveranno la nuova funzionalità tra i "Servizi per aziende e consulenti" del portale internet, sotto la voce Cig, con la denominazione "Acquisizione OnLine Domande Cigo".


18

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

AMBIENTE & SICUREZZA

di Giulio Crocitti Sarà distribuito nel mese di giugno l’opuscolo dell’Inail "Straniero, non estraneo - ABC della sicurezza sul lavoro". Tradotta in dieci lingue, la pubblicazione nasce dall’esigenza di rivolgersi alle diverse comunità etniche maggiormente esposte al rischio infortunistico per diffondere le nozioni di base in materia di prevenzione mediante un linLa semplicità guaggio semplice, diretto e in grado, del linguaggio dunque, di favorirne l’immediata vuole essere, comprensione. dunque, la chiave La semplicità del linguaggio vuole di accesso a un essere, dunque, la contatto immediato chiave di accesso a un contatto immecon i principi diato con i principi di sicurezza e al di sicurezza coinvolgimento della persona/straniero/lavoratore. Per la diffusione di questo messaggio è stato utilizzato un canale di informazione e distribuzione specializzato in prodotti e servizi editoriali dedicati agli stra-

La prevenzione parla dieci lingue

nieri in Italia. Disponibile infatti in ucraino, rumeno, albanese, polacco, brasiliano - portoghese, tagalog, arabo, spagnolo, inglese, francese - lingue selezionate tenendo conto dei dati relativi agli occupati delle diverse etnie presenti in Italia - l’opuscolo è stato distribuito sul territorio nazionale l’1 giugno attraverso 13 testate editoriali free press e

presso consolati e ambasciate, agenzie di cambio, in circa 1.200 punti vendita della rete Western Union comprensivi di phon center, negozi etnici, di noleggio videocassette, nei punti Internet e, infine, presso le tabaccherie, le Associazioni, i centri di consulenza legale per l’immigrazione e le stazioni di carburanti Agip.

Unione europea: arriva il primo Atlante del suolo della regione settentrionale circumpolare L’Istituto per l’ambiente e la sostenibilità del Centro comune di ricerca della Commissione europea, ha pubblicato il primo Atlante del suolo della regione settentrionale circumpolare. Le 144 pagine che lo costituiscono sono il risultato di un progetto di collaborazione tra diversi partner della Regione Nord dell’Unione europea . L’Atlante dà una visione dettagliata delle risorse del suolo e descrive le caratteristiche più rilevanti dei diversi tipi di suolo. Pur rappresentando soltanto il 16% della superficie globale della terra, le Regioni più a Nord del

nostro pianeta immagazzinano più della metà del carbonio presente nei suoli della superficie terrestre, ovvero, circa due volte la quantità di carbonio contenuta nell’atmosfera. A oggi l’attenzione si è concentrata sullo scioglimento del ghiaccio artico come uno degli indicatori per i cambiamenti climatici, tuttavia 1700 miliardi di tonnellate di carbonio organico sono trattenuti nei suoli della regione permafrost settentrionale e il disgelo di tali zone, potrebbe portare ad un sostanziale rilascio di gas a effetto serra nell’atmosfera.

Parte oggi la "Giornata mondiale dell’ambiente": tema la biodiversità di Giuseppe Tetto Tutti in piazza per l’ecosistema. Non grandi rivoluzioni, ma piccole scelte concrete che ognuno di noi può fare per difendere l’ambiente, come tenere pulito il proprio quartiere, smettere di usare le buste di plastica, piantare un albero e spostarsi in bicicletta: così si festeggiata oggi la Giornata mondiale dell’Ambiente 2010, quest’anno dedicata al tema della biodiversità . Il titolo dell’iniziativa è Molte specie. Un soCapitale europea lo Pianeta. Un unico futuro, per concentradella giornata è re l’attenzione sulla

Genova che fino al 5 giugno ospita seminari, gruppi di lavoro, esposizioni, convegni internazionali e mostre

tutela di tutte le specie viventi, animali o vegetali. La Giornata dell’Ambiente si aprirà con il via sul sito del Wwf alle candidature per l’Oscar per l’Ambiente del Wwf, il Panda d’Oro 2010. A ospitare la manifestazione principale, nel mondo, è il Ruanda, paese che negli ultimi anni sta cercando di emergere, puntando molto sulla green economy e su politiche di difesa dell’ambiente. Un esempio? Il ripristino delle foreste pluviali degradate come parte di un programma per la conservazione degli scimpanzé. L’Unep (United Nations Environment Programme), il comitato ambientale dell’Onu, infatti, ha deciso di festeggiare l’evento proprio il giorno

in cui cade la cerimonia Kwita Izina, in altre parole "il battesimo dei gorilla di montagna" - specie rara - nati durante l’anno. Capitale europea della giornata è invece Genova, che fino al 5 giugno ospita seminari, gruppi di lavoro, esposizioni, convegni internazionali e mostre come quella del National Geographic Wild Wonders of Europe, in collaborazione con Wwf: le meraviglie del vecchio continente in 80 fotografie d’autore (fino al 20 giugno). A Milano prosegue il Festival internazionale dell’ambiente: tra tante novità, la più interessante riguarda lo spazio del Mic (Milano convention Center), trasformato in un vero e proprio giardino, dove fioriranno installazioni green, progetti d’avanguardia nel ri-

sparmio energetico, opere d’arte sul tema del riciclo, mostre e stand per scoprire tutte le iniziative e le nuove idee sull’ambiente. Nel cuore del Parco Superga di Muggiò (Monza) una mongolfiera accoglierà chi sabato vuole provare l’ebbrezza di dare un’occhiata al territorio dall’alto, mentre domenica Torino ospita il Bike Pride, un grande corteo ambientalista a favore dellamobilitàciclabile e sostenibile.

Il titolo dell’iniziativa è "Molte specie. Un solo Pianeta. Un unico futuro", per concentrare l’attenzione sulla tutela di tutte le specie viventi, animali o vegetali


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE

Con l’allentamento sul limite dei giorni per le intercettazioni il disegno di legge viene accolto meglio

Modifiche, meno critiche per il ddl Umberto Di Giacomo ROMA - Con l’annuncio della maggioranza di modifiche al ddl intercettazioni sembra più agevole la strada verso l’approvazione del provvedimento. Restano le perplessità dei magistrati, ma all’interno del centrodestra il clima appare più disteso. Il superamento, grazie a possibile proroghe, del limite dei 75 giorni per la durata di un’intercettazione ha contribuito ad avvicinare le posizioni. E non solo quelle politiche. Così, se l’Associazione nazionale magistrati ammette "miglioramenti", ma conferma un giudizio "negativo" dl testo, il procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso - in precedenza molto critico - ora chiarisce: «Se il vincolo, come leggiamo

Gasparri: «Anche la capogruppo del Pd, Anna Finocchiaro, ha riconosciuto che le misure da noi proposte sono più restrittive» oggi sui giornali, non sarà più quello dei 75 giorni, il problema sarà risolto». «Non vogliamo perdere il filo con il Copasir» assicura il Guardasigilli, Angelino Alfano, annunciando che le valutazioni sulla norma riguardante gli 007 si faranno insieme con il centrosinistra. Il ministro poi parla delle critiche dei magistrati: «Il loro è uno sciopero politico». Gaetano Quagliariello, vicepresidente dei senatori del Pdl, ragiona sui contrasti interni alla maggioranza: «Non è interessante discutere di chi è il primo della classe nel caso dell’approvazione di una legge. Non ci sono vincitori e vinti, ma la necessità di tutelare esigenze e diritti che in questo caso sono molteplici e tutti molto importanti. Il centrodestra - spiega Quagliariello - ha compiuto con rigore e senso di responsabilità un percorso. Ora l’opposizione non ha più alibi». Quanto alla possibilità che il governo

75

Giorni: il tetto per le intercettazioni ora sollevato, con particolare soddisfazione del procuratore Piero Grasso

presenti un maxiemendamento su cui, eventualmente, porre la fiducia Quagliariello spiega: «Non è una possibilità allo stato presa in considerazione anche se a deciderlo è il governo e non la maggioranza. Naturalmente molto dipenderà da come si comporterà l’opposizione di fronte alla prova di responsabilità della maggioranza e da quanti emendamenti presenteranno». Il Pd sta alla finestra, ma l’atteggiamento appare meno duro. «Io sono soddisfatta dei risultati che il nostro impegno in Commissione e in aula ha sinora prodotto - dice Anna Finocchiaro, capogruppo al Senato -. Mi auguro che la maggioranza ora sia così lungimirante da proporre un testo migliore, non per compiacere l’opposizione ma per rispondere ai numerosi rilievi critici che dal Parlamento e dal Paese sono venuti». Felice Casson, magistrato membro del Pd della commissione Giustizia, annuncia il terreno su cui continueranno a dare battaglia: «Abbiamo già presentato gli emendamenti che impongono cinque filtri e l’esclusione di persone terze e di fatti non rilevanti. È uno dei nostri punti fon-

damentali. Due dei nostri emendamenti sono già stati accolti al Senato: l’obbligo di estromettere dal procedimento notizie per fatti irrilevanti e la sanzione per i magistrati che non lo rispettano. Ora cerchiamo di far passare anche i filtri». La giornata decisiva sarà martedì: in rapida successione si riuniranno l’ufficio di presidenza del Pdl (alle 9) che dovrà esaminare il pacchetto di nuove proposte della maggioranza, la commissione Giustizia del Senato (alle 12) e l’aula di Palazzo Madama (alle 16). Con le modifiche annunciate della maggioranza si potrà intercettare anche oltre i 75 giorni di ascolto, termine massimo precedentemente stabilito dalle nuove norme, se sarà necessario per l’accertamento del reato per cui si stava indagando. La proroga sarà di 48 ore e sarà reiterabile potenzialmente per tutta la durata delle indagini preliminari. Il presupposto è che ci siano motivi fondati per ritenere che sia necessario proseguire l’ascolto per accertare il reato per cui si sta indagando. Ad esempio, se al 74esimo giorno di intercettazioni si intuisce che nelle 48 ore successive possano

uscire elementi utili alle indagini il pm potrà disporre lo slittamento di due giorni del termine chiedendo una "ratifica" al tribunale collegiale. Se in quelle altre 48 ore servirà prorogare ulteriormente sarà possibile farlo. Sarà possibile intervenire con una proroga anche al di fuori dei 75 giorni di intercettazioni, se altri atti di indagine rendessero necessario un nuovo ascolto. Se invece sarà accertata una nuova tipologia di reato, diverso rispetto a quello per cui erano state disposte le intercettazioni (ad esempio se si indaga per usura e si scopre un omicidio) si ripartirà da capo con un nuovo filone di ascolti. Un’altra modifica riguarderà le intercettazioni ambientali: la norma precedente prevedeva che si potessero effettuare solo nel caso in cui si avesse certezza che si stesse, in un determinato luogo pubblico, commettendo un reato. Adesso si potrà intercettare anche se, in quel luogo, non si sta per commettere un reato: ad esempio all’interno di un penitenziario, hanno fatto notare Berselli e Centaro, ci sono persone che potrebbero parlare di un reato e quindi devono poter essere intercettate. Un’altra norma che verrà "chiarita meglio", come ha spiegato Gasparri, riguarda la "ricusazione automatica", visto che, secondo il procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso, la norma collegava "automaticamente la sostituzione del pm o del suo capo al mero dato formale dell’iscrizione nel registro degli indagati". Con le nuove norme dovranno essere vagliati dal capo dell’ufficio del magistrato accusato di fuga di notizie "elementi oggettivi" e non basterà la sola denuncia per ricusarlo. L’emendamento sui servizi segreti verrà discusso in altra sede, a quanto ha lasciato capire il capogruppo della maggioranza al senato Maurizio Gasparri .


22

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

BANCHE

Draghi e Tremonti a Busan in preparazione del vertice di fine mese in Canada

G20 Finanza in Corea alle prese con i grossi problemi europei di Roberto Carli ROMA - Hanno preso il via ieri, con una conferenza della Banca mondiale e della presidenza coreana, i lavori del G20 finanza a Busan, la seconda città della Corea del Sud. La riunione deve preparare il vertice di fine mese in Canada e, in prospettiva, quello di novembre a Seul. Per l’Italia attesi il ministro dell’economia Giulio Tremonti e il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi che hanno preso parte alla prima sessione prevista per questa sera, cui è seguita la cena di gala ufficiale. Nell’agenda dei lavori del G20, secondo le prime anticipazioni uscite nella giornata di ieri, ci sono i rinnovati timori per la ripresa, messa di nuovo a rischio dalla crisi dei debiti degli Stati che impone uno stretto giro di vite sui conti pubblici.Ieri Banca mondiale e Sud Corea hanno chiesto che il G20 si occupi anche dello sviluppo dei Paesi meno avanzati riducendo le distanze con i paesi più ricchi. Il tema della crescita si affianca poi a quello delle nuove regole della finanza promosse dal Financial stability board guidato da Mario Draghi che dovrà esaminare anche una stretta regolamentare sugli strumenti derivati chiesta a gran voce da Francia e Germania specie dopo le recenti turbolenze e gli attacchi speculativi che hanno tentato di colpire anche l’euro. Persistono invece le divisioni per la tassa sulle banche e la stessa Gran Bretagna, una delle più forti

sostenitrici della misura, ha spiegato per bocca del neo cancelliere George Osborne, di vedere "improbabili progressi" del G20 in tal senso. L’Europa deve rimettere in sesto il sistema bancario e alcuni Paesi devono adottare misure significative per tappare le falle nei bilanci, al fine di prevenire un deragliamento della ripresa economica globale. Lo ha detto il ministro delle Finanze canadese, Jim Flaherty, aggiungendo che i timori legati alla crisi del debito in Europa hanno dominato i colloqui fra i leader del G20, ancor prima che inizias-

Peter Szijjarto, portavoce del premier Viktor Orban: è stato il primo ministro (socialista) Ferenc Gyurcsany a parlare di default e non penso che abbia esagerato

sero i lavori a Busan, in Corea del sud. «È essenziale per garantire continuità alla ripresa che l’Europa rimetta in sesto le banche", ha detto Flaherty ai giornalisti. «Ed è altrettanto essenziale che alcuni Paesi europei maggiormente vulnerabili vadano avanti con il consolidamento dei bilanci, e finiscano il lavoro». Flaherty ha detto che non è stato raggiunto un accordo nel G20 su un’imposta globale sul settore bancario e ha aggiunto che il gruppo dovrebbe concordare un rinvio dell’applicazione delle nuove regole sui ratio patrimoniali delle banche. In questo contesto, preoccupazione hanno causato le notizie dall’Ungheria.Un portavoce del primo ministro ungherese ha detto che il politico che ha parlato di limitate possibilità che il Paese eviti una crisi del debito sul modello della Grecia non stava esagerando. Il vice presidente del partito di maggioranza Lajos Kosa avrebbe detto che il nuovo governo ha trovato le finanze pubbliche in una condizione molto peggiore di quanto ci si attendesse: ci sono poche chance di evitare uno scenario in stile greco.

«È essenziale per garantire continuità alla ripresa che l’Europa rimetta in sesto le banche», ha detto Flaherty ai giornalisti

In mano a cinque sole grandi banche Usa il business dei derivati

ROMA - Sul sito del Comptroller of the Currency Administrator of National Banks - come segnala il Sole 24 Ore - è possibile leggere il rapporto dell’ultimo trimestre del 2009 ma riassuntivo anche dell’intero esercizio - sul mondo dei derivati negli Stati Uniti. I numeri sono, come sempre quando si parta di derivati, impressionanti. Nel 2009 il valore nozionale dei contratti scambiati dai 25 gruppi finanziari più importanti ha raggiunto, al 31 dicembre, 212.807.628 milioni di dollari. Ma la cosa più sorprendente è che ci si trova davanti ad un vero e proprio oligopolio. Di questo enorme business la gestione, di fatto, è nelle mani di sole 5 grandi banche americane: Jp Morgan (78.545.384 milioni di no-

zionale in derivati intermediati); Bank of America (44.315.928 milioni di dollari); Goldman Sachs (41.595.932 milioni); Citibank (37.546.159 milioni) e Wells Fargo (4.178.720 milioni). L’agenzia americana sottolinea che «sebbene una simile concentrazione crei preoccupazione in chi deve controllare il mercato, esistono alcune situazione che "mitigano" i timori. La prima è che ci sono altri operatori, diversi dalle banche commerciali, attive nel business dei derivati e quindi» l’oligopolio non è poi così forte; la seconda, a ben vedere più una causa di fatto della situazione che una rassicurazione, «è che operare con simili prodotti richiede competenze e tecnologie sofisticate

Banche italiane in Cina alle prese con rigidità di sistema di Carlin ROMA - L’importanza dell’espansione delle imprese italiane in Cina viene confermato anche dall’accresciuto importo dei finanziamenti concessi alle imprese esportatrici. Tuttavia, il mercato finanziario cinese può riservare delle sorprese per i nostri operatori perché conferma tutta una serie di rigidità. Il rilievo è stato mosso da Giovanni Sabatini, direttore generale dell’Abi, in missione nel Paese asiatico. Il direttore dell’Associazione delle banche italiane ha sottolineato che il plafond dei finanziamenti concessi alle imprese operanti in Cina è cresciuto di circa il 10 per cento rispetto al 2007, attestandosi attorno ai sei miliardi di euro. Ciononostante, le banche italiane operanti in Cina devono confrontarsi ancora con numerosi vincoli regolamentari. Ancora oggi, solo il due per cento dell’attivo del settore è in mano a gruppi stranieri, mentre l’80 per cento fa ancora e completamente riferimento allo Stato. Fra le banche italiane, alcune sono già presenti nel Paese asiatico con filiali ed uffici e molte altre stanno aspettando le necessarie autorizzazioni. Il supporto agli esportatori italiani è fondamentale: il mercato cinese, mai sfruttato abbastanza da noi, potrebbe essere il toccasana di cui l’Italia avrebbe disperatamente bisogno per supplire, con esportazioni in aumento, alla carente domanda interna e tentare di stimolare così la crescita della nostra industria nonché del nostro prodotto interno lordo. La Cina è il Paese a più forte crescita, anche di consumi.

presenti solo nelle grandi istituzioni; la terza è che il controllo è comunque molto approfondito». Anche in quest’ultimo caso, a ben ragionare, siamo di fronte più ad una "mozione di intenti" che ad una concreta e seria motivazione, in grado di ridurre i timori rispetto ad un mercato troppo concentrato. E che, come più volte ribadito da diversi esperti, pone un altro serio problema: quello degli scambio sui mercati Over the counter (Otc). Analizzando i numeri del report, salta fuori che il 95% degli scambi avviene proprio sugli Otc. Si tratta, com è noto, di piattaforme poco trasparenti che non prevedono una clearing house, una stanza di compensazione.


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 23

ECONOMIA NAZIONALE Nella rete dei provvedimenti taglia stipendi potranno finire una miriade di enti

Manovra: forse innescato un processo virtuoso e memorabile di Carlo Bassi ROMA - Molti economisti che hanno a cuore le sorti di questo Paese vedono nella Manovra di cui tanto si è parlato da quando è stata annunciata, un educativo sistema che potrebbe andare ben al di là degli effetti immediati di cui si è molto parlato e che sembra possano anche portare a scioperi, come quello semi annunciato dall’Associazione nazionale magistrati. In quella che Il Sole 24 Ore chiamava ieri con bella immagine «la rete dell’azzera-stipendi» in cui sembrano destinate a finire anche molte società pubbliche: quelle che grazie ai loro dividendi sono impegnate a dare più che a ricevere contributi ai conti pubblici possono considerarsi in salvo, ma per molte delle altre è il momento della stretta. La manovra, come ricorda il quotidiano finanziario, per esempio, fissa il divieto generale per le pubbliche amministrazioni di ripianare i conti delle partecipate ma apre ad alcune deroghe, per esempio quando il capitale sociale scende sotto i livelli di guardia (fissati dall’articolo 2447 del Codice civile). Gli amministratori che navigano in cattive acque potranno chiedere aiuto ai soci pubblici, ma potrebbero poi doversi rassegnare a sedere gratis in consiglio. Un assegno più o meno corposo da parte di un ente pubblico cancella i compensi nelle fondazioni e nelle associazioni, fra cui ci sono molte delle realtà culturali tagliate dall’elenco poi

espunto dal decreto in accordo con il Quirinale. Molte di queste realtà, insomma, hanno scampato per un pelo lo stop ai fondi pubblici, ma se vorranno continuare a riceverli dovranno rinunciare ai compensi per gli organi di vertice. Gli sguardi preoccupati sulle norme taglia-compensi dominano anche i piani alti dei ministeri. In questo caso l’ansia nasce due commi dopo rispetto all’azzera-stipendi, dove si legge che gli incarichi dei dipendenti pubblici negli enti vigilati, partecipati o finanziati dallo stato si intendono svolti «nell’interesse

E l’idea che lo sfoltimento introdotto possa ridurre quella spesa pubblica che è sfuggita di mano, governo dopo governo, non può che farci sperare

dell’amministrazione di appartenenza», a cui vengono girati i compensi prima destinati all’incaricato. Questi soldi finiranno nei fondi per gli stipendi accessori, colpiti però dal congelamento delle buste paga previsto dal 2011. La tagliola - come la chiama Il Sole 24 Ore - scatta anche sugli incarichi in corso, e colpisce i dirigenti ministeriali che siedono nei cda e nei collegi sindacali e di revisione degli enti non economici (dall’Istat all’Aci dall’Inps alle altre sigle della galassia pubblica) e di università, scuole, casse e ordini professionali. Negli uffici degli interessati si sente già parlare di dimissioni e di fuga, soprattutto per il fatto che la forbice azzera i compensi ma non le responsabilità, anche patrimoniali, di chi firma o verifica bilanci anche da centinaia di milioni di euro. A nostro avviso si tratta di una fuga a parole, soprattutto in un momento in cui nemmeno il privato si distingue più per emolumenti da sogno. E l’idea che lo sfoltimento introdotto possa ridurre quella spesa pubblica che è sfuggita di mano, governo dopo governo, fino ad arrivare al 53 per cento non può che farci sperare.

La tagliola - come la chiama Il Sole 24 Ore - scatta anche sugli incarichi in corso, e colpisce i dirigenti ministeriali che siedono nei cda degli enti (dall’Istat all’Aci all’Inps)

Il Pil italiano il più brillante in Europa nel I trimestre

ROMA - È restato stabile il Prodotto interno lordo di Eurolandia nel primo trimestre 2010, secondo quanto hanno confermato ieri gli ultimi dati annunciati da Eurostat. Secondo l’istituto statistico dell’Unione europea, la crescita è stata dello 0,2 per cento, come negli ultimi tre mesi dello scorso anno. Stesso risultato per la Ue a 27 membri. Ma la notizia più confortante per noi è il fatto che l’Italia ha fatto registrare un balzo dello 0,5 per cento, dopo il meno 0,1 percentodell’ultimotrimestre2009: molto meglio di Francia (più 0,1 per cento), Germania (più 0,2 per cento) e Regno Unito (più 0,3 per cento). Torna il segno più anche davanti al Pil della Spagna (più 0,1 per cento), altra notizia piuttosto confortante da un punto di vista macroeconomico. Come prevedibile, la Grecia resta in

recessione (meno 0,8 per cento) e le sarà molto difficile assistere ad una crescita economica con la cura da cavallo cui ha dovuto sottoporsi e destinata a frenarne la ripresa. A trainare la timida crescita della zona euro nei primi tre mesi dell’anno sono state soprattutto le esportazioni (più 2,5 per cento) e le importazioni (più 4 per cento). La spesa per i consumi delle famiglie è invece diminuita dello 0,1 per cento. Cosa preoccupante visto che a detta di tutti gli analisti alla base dei problemi delle economie, anche le più forti, è quella della crisi della domanda interna. Che è poi il motivo per cui tutti competono per i mercati esteri. In calo anche le spese per investimenti (-1,1%). Resta comunque il fatto che su base annua, nel primo trimestre 2010 il

Crescita incerta causa squilibri internazionali ROMA - Le prospettive di crescita dell’Italia sono più incerte rispetto all’inizio dell’anno a causa dell’accentuarsi degli squilibri finanziari a livello internazionale e delle misure correttive definite in diversi paesi europei. Lo si legge nel discorso preparato dal numero due della Banca d’Italia, Fabrizio Saccomanni, per la presentazione del rapporto sull’economia in Basilicata. Il testo, che ricalca le Considerazioni finali del governatore Mario Draghi di lunedì scorso, ricorda che all’inizio dell’anno si stimava che l’economia italiana, dopo la caduta "straordinaria" del 5% nel 2009, sarebbe tornata a crescere ai ritmi contenuti del decennio precedente la crisi. Il mese scorso il governo ha rivisto le stime di crescita del Pil all’1% da 1,1% per il 2010 e all’1,5% dal 2% nel 2011, mentre ha lasciato al 2% la previsione di crescita 2012. Al tempo stesso è stata approvata una manovra correttiva da 25 miliardi per il 2011-2012 per riportare il deficit sotto il 3% del Pil ed evitare che il debito sovrano italiano entri nell’occhio del ciclone della speculazione dopo quello greco. «Era inevitabile agire, dato l’elevato livello del nostro debito pubblico che ha superato nel 2009 il 115% del Pil», chiosa Saccomanni.

Pil dell’intera Eurozona torna positivo dopo mesi di segno meno, aumentando dello 0,6 per cento rispetto al meno 2,3 per cento degli ultimi tre mesi del 2009. Il secondo e terzo trimestre 2009 avevano fatto segnare un vero e proprio crollo del Pil (meno 4,3 e meno 5,1 per cento). Cab


24

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

ECONOMIA INTERNAZIONALE Pesano le voci su una crisi dell’Ungheria "alla greca", dati americani deludenti

Venerdì nero, Milano perde più di tutte e l’euro cade sotto 1,20 di Daniele Tosatti MILANO - Piazza Affari ha chiuso in deciso calo, trascinata dal crollo dei titoli bancari sulle voci di un’esposizione sui derivati di Societé Generale e su una possibile crisi dell’Ungheria. «Pesano le notizie sull’Ungheria.. ma la reazione mi sembra sproporzionata» sottolinea una trader, sottolineando come abbiano contribuito al ribasso anche i dati americani sotto le attese sugli occupati non agricoli a maggio e la parole del primo ministro francese sull’euro.m La moneta unica intanto, ieri, ha toccato i nuovi minimi degli ultimi quattro anni, sotto 1,20 dollari, fino a 1,1990, prima di riguadagnare terreno, di poco sopra quella soglia. A causa del peso dal settore bancario nel principale listino italiano, il Ftse Mib ha risentito più degli altri ed è stato inferiore anche all’indice europeo Ftseurofirst, che ha limitato le perdite a circa il 2 per cento. Le perdite degli istituti italiani sono inoltre più pesanti dei concorrenti eruopei. L’indice Ftse Mib ha chiuso in calo del 3,79 per cento, l’AllShare del 3,6 e il MidCap del 2,8 per cento. I volumi valgono 3,7 miliardi di euro. In deciso calo tutti i bancari, che oltre delle voci su SocGen e dell’Ungheria, risentono, secondo un trader, anche del colpo assestato alle big spagnole Bbva e Santander dal downgrade di un grosso

broker. Intesa San Paolo ha ceduto il 6,1%, mentre Unicredit, Ubi Banca, Banca popolare di Milano, Banco popolare hanno registratuto tutte perdite superiori al cinque per cento. L’indice europeo di settore ha perso il 3,76 per cento. Male anche gli assicurativi, con Mediolanum, Unipol e Generali che scivolano oltre il meno 4%. Le borse europee hanno girato improvvisamente al ribasso a metà giornata, per effetto di voci che parlano di grosse perdite su derivati di grandi banche europee. La notizia, che stava circolando nel-

3,79% La batosta subita da Piazza Affari con i bancari giù di oltre il 5 per cento

la sale operative, ha messo sotto pressione il settore bancario, che è colato a picco sulle principali piazze continentali. I mercati stavano già mostrando un po’ di cautela in attesa del dato chiave della settimana, quello sugli occupati in America. Le attese erano per un balzo di 500 mila unità, anche se il dato includeva circa 300 mila assunzioni temporanee, ma si sarebbe trattato del livello più alto degli ultimi 26 anni. I Futures USA nel frattempo danno qualche segnale di incertezza, condizionando l’andamento dei mercati finanziari del Vecchio Continente. Il mercato dei titoli di stato conferma qualche tensione, con un generale aumento degli spread rispetto al Bund tedesco, il cui rendimento scende in attesa di una lettura positiva del dato occupazionale statunitense, che confermerebbe la ripresa in atto. Fra le piazze europee da segnalare il meno 5,03 per cento di Atene, mentre Parigi ha perso il 2,86 con il Cac 40, e a Londra il Ftse 100 ha segnato un meno 1,63 e a Francoforte il Dax 30 ha chiuso con una perdita dell’1,91 per cento.

Meno 5,03% ad Atene, mentre Parigi ha perso il 2,86 con il Cac 40, e a Londra il Ftse 100 ha segnato -1,63 e a Francoforte il Dax 30 ha chiuso a meno 1,91%

Il ministro delle Finanze Naoto Kan è il nuovo premier del Giappone

ROMA - Il Parlamento giapponese ha eletto Naoto Kan, fino a ieri ministro delle Finanze, nuovo premier al posto del dimissionario Yukio Hatoyama. Il 63enne presidente del Partito democratico giapponese ha ricevuto 313 voti su 480 e ha annunciato che la prossima settimana metterà a punto la squadra di Governo. A livello macroeconomico, secondo gli esperti, la sua nomina porterà un ulteriore focus su manovre di consolidamento fiscale ma soprattutto l’attenzione a non rafforzare troppo lo yen per favorire le esportazioni nipponiche. Naoto Kan era stato eletto in mattinata (la notte in Italia) presidente del Partito democratico, partito di maggioranza relativa, andato al potere l’anno scorso dopo 54 anni di domi-

nio quasi ininterrotto del Partito liberaldemocratico. Kan succede come primo ministro a Yukio Hatoyama, dimissionario dopo nove mesi per non aver mantenuto la promessa elettorale di far chiudere la base Usa di Okinawa. Kan, 63 anni, era vicepremier e ministro delle Finanze del governo Hatoyama. Politico popolare in Giappone, sostiene la necessità del rigore di bilancio e di una riforma del sistema fiscale, con l’aumento della tassa sui consumi. Attivista per i diritti civili negli anni Settanta, è stato tra i fondatori del Partito democratico nel ’98. Il nuovo premier giapponese ha sempre avuto un rapporto speciale con Romano Prodi, del quale ha apprezzato lo sforzo per unire forze politiche diverse.

Bp ci riprova con il "tappo" e spera di bloccare il 90% di Daniele Tosatti WASHINGTON - Bp conta che la cupola di contenimento posizionata sulla conduttura danneggiata nel Golfo del Messico riesca a fermare almeno il 90 per cento del petrolio che fuoriesce nell’oceano, mentre un alto funzionario americano ha stimato che la struttura sta raccogliendo al momento solo mille dei 19mila barili di petrolio che giornalmente si riversano in mare. «Vorrei che riuscissimo a catturare più del 90 per cento della fuoriuscita. Credo che sia possibile con questo progetto», ha detto Doug Suttles, responsabile alle operazioni per Bp, al programma televisivo "Early show" della Cbs. «Naturalmente dovremo portare avanti questo lavoro per le prossime 24 - 48 ore per ottimizzarlo. Ma quello sarebbe l’obiettivo... Vogliamo fermare questa fuoriuscita di petrolio nel mare», ha detto Suttles. L’ammiraglio della Guardia costiera Thad Allen ha definito il successo "un positivo sviluppo", ma purtroppo anche «solo un aggiustamento parziale e temporaneo». Grazie a robot sottomarini, la Bp è riuscita a tagliar via la conduttura con la fuoriuscita, per poi calare la cupola di contenimento.

Kan ha ottenuto 313 voti alla Camera bassa, la più potente delle due che compongono il parlamento giapponese composta da 480 seggi. A Sadakazu Tanigaki, presidente dei Liberaldemocratici, il principale partito di opposizione, sono andati 116 voti. Una votazione simile è prevista anche alla Camera alta. Gib


il Domani Sabato 5 Giugno 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

19.384,18 18.734,73 22.411,15 21.166,94 21.370,99 10.268,58

-3,60 -3,79 -2,80 -1,87 -0,55 -1,90

Euro

METALLI

US $

UK £

1 Euro

1.0

1.2002

1 US $

0.83280

1.0

1 UK £

1.2064

1.4484

1 ¥en

USD/on

EURO/gr

1218,85

32,58

17,50

0,47

PLATINO

1536,20

41,41

PALLADIO

440,18

12,04

¥en

0.82840 109.93

ORO

0.69010

ARGENTO

91.570

1.0 132.64

0.0090909 0.010913 0.0075320

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,788 +0,83 16.30.03 0,761 0,82 A2A 1,205 -1,23 17.30.22 1,192 1,233 Acea 7,985 -2,32 17.30.48 7,98 8,21 Acegas-Aps 3,86 -2,40 16.30.04 3,81 3,98 Acotel Group 54,80 -1,63 17.30.13 54,02 56,90 Acque Potabili 1,503 -3,65 16.30.53 1,501 1,55 Acsm-Agam 0,9685 -0,62 14.25.18 0,965 0,9685 Actelios 2,89 -3,99 17.30.40 2,875 3,0325 Aedes 0,2059 -3,56 16.30.47 0,2058 0,2144 Aeffe 0,2995 -1,64 17.30.54 0,289 0,306 Aegon 4,4875 -5,28 17.20.04 4,4875 4,64 Aeroporto Firenze 12,41 -3,35 13.41.28 12,41 12,41 Ageas 1,99 -3,40 17.30.11 1,98 2,095 Ahold Kon Aicon 0,2725 -1,62 16.30.40 0,2605 0,28 Alcatel-Lucent 2,13 -0,35 17.18.49 2,1275 2,21 Alerion 0,564 -2,51 16.30.47 0,564 0,575 79,00 -3,25 17.24.38 79,00 82,50 Allianz Amplifon 3,6925 -2,76 17.30.07 3,67 3,8475 12,18 -2,25 17.30.03 12,10 12,60 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,5315 +0,47 16.30.27 0,495 0,5315 Apulia Prontop 0,378 +0,67 16.30.20 0,366 0,383 Arena 0,0265 -5,36 16.30.02 0,0264 0,0282 Arkimedica 0,47 -0,84 16.30.33 0,46 0,488 Arkimedica 2012 Cv5% 96,90 -1,67 13.25.01 96,90 97,55 Ascopiave 1,52 -3,18 17.30.19 1,52 1,584 Astaldi 4,165 -2,11 17.30.44 4,125 4,35 Atlantia 15,03 -1,38 17.30.30 14,91 15,36 9,48 9,115 -2,25 17.30.51 9,115 Autogrill Spa 9,745 -2,74 17.30.45 9,745 10,25 Autostrada To-Mi Autostrade Merid 20,12 +1,36 16.30.47 19,51 20,40 Axa 12,42 -6,76 17.24.27 12,42 13,28 7,15 6,685 -5,24 17.30.31 6,67 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 91,00 +0,01 13.43.56 90,85 91,00 B&C Speakers 2,825 +0,18 12.22.21 2,7575 2,825 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 105,52 -0,02 16.46.29 105,49 105,80 Banca Generali 7,45 -1,26 17.30.34 7,36 7,635 Banca Ifis 7,22 -0,41 17.30.25 7,11 7,28 Banca Intermobiliare 4,1725 -0,12 16.30.14 4,1725 4,175 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 106,65 -0,22 17.14.34 106,65 4,42 4,1525 -5,09 17.30.46 4,12 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,12 -0,74 17.15.50 105,12 106,15 Banco Santander 7,58 -7,45 17.10.16 7,55 8,025 Basf 43,74 +0,00 13.06.24 43,74 44,28 Basicnet 2,90 -1,69 16.30.18 2,83 3,04 Bastogi Spa 1,835 -0,11 16.30.19 1,765 1,84 Bayer 46,75 -1,04 16.54.33 46,39 47,95 Bb Biotech 42,80 -0,44 17.30.05 42,67 43,50 Bca Carige 1,502 -4,03 17.30.31 1,491 1,579 2,67 2,565 -0,39 14.56.37 2,565 Bca Carige R 110,37 +0,03 17.05.28 110,37 111,48 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,502 -0,50 17.30.22 0,50 0,513 Bca Mps 0,8395 -4,66 17.30.56 0,835 0,886 Bca Pop Di Spoleto 3,99 -3,15 16.16.03 3,9725 4,125 8,145 -4,29 17.30.23 8,055 8,62 Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio 3,1625 -5,88 17.30.53 3,1625 3,395 Bca Pop Milano 3,2275 -5,28 17.30.03 3,2175 3,42 Bca Pop Sondrio 6,40 -3,98 17.30.10 6,40 6,725 0,48 0,4585 -3,98 16.30.46 0,455 Bca Profilo 3,72 3,705 +1,51 16.24.08 3,61 Bco Desio Bria Rnc 3,60 -3,74 16.30.19 3,5575 3,765 Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp 10,00 -3,66 16.01.18 10,00 10,38 0,38 -4,04 16.30.07 0,38 0,402 Bee Team 0,6465 -0,31 15.20.03 0,6265 0,651 Beghelli Benetton Group 5,875 -5,01 17.30.45 5,855 6,245 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,50 +0,01 17.30.55 99,31 99,51 Beni Stabili 0,5785 -4,62 17.30.42 0,5785 0,6145 Best Union Company 1,114 +0,81 15.38.18 1,062 1,134 Bialetti Industrie 0,3825 +1,86 16.06.25 0,3755 0,3945 1,39 1,369 -2,00 16.30.54 1,347 Biancamano Biesse 4,95 -0,40 17.30.34 4,92 5,025 Bioera Sosp. 37,99 -3,04 16.54.34 37,99 38,94 Bmw Bnp Paribas 42,86 -6,42 17.30.17 42,81 46,19 Boero Bartolomeo Bolzoni 2,02 +1,25 17.30.34 1,986 2,07 Bonifiche Ferraresi 28,60 -3,05 16.30.41 28,60 29,31 Borgosesia 1,069 -1,02 14.22.44 1,05 1,08 Borgosesia R 1,222 +3,04 16.30.10 1,185 1,235 Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,10 +0,10 16.24.45 102,00 102,10 5,045 -4,45 17.30.46 5,02 5,35 Brembo Brioschi 0,1855 -0,27 16.30.55 0,1811 0,1855 6,35 6,155 -1,83 17.30.24 6,12 Bulgari Buongiorno 0,798 -5,11 17.30.27 0,794 0,8615 8,85 8,365 -4,34 17.30.11 8,35 Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc 5,05 -4,26 17.30.50 5,05 5,315 Cad It 3,90 -1,27 16.13.10 3,90 4,00 2,27 +0,55 17.30.12 2,225 2,2875 Cairo Communication Caleffi 1,057 -0,28 11.51.26 1,057 1,071 2,08 +0,61 16.30.28 2,03 2,08 Caltagirone Caltagirone Edit 1,999 +0,45 16.30.59 1,971 1,999 Camfin 0,2545 -1,36 16.30.22 0,2525 0,267 Campari 4,185 -1,35 17.30.45 4,16 4,27 Cape Live 0,329 -3,23 13.18.17 0,3135 0,329 Cape Live Cv 5% 2009-2014 2,30 -3,36 16.30.21 2,28 2,38 Carraro Carrefour 34,10 +0,89 14.30.17 34,10 34,10

Apertura

AZIONI

0,80 1,221 8,19 3,97 56,90

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Sosp. Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia

3,03 0,2144

0,28 0,5725 3,80 12,54 0,38 0,028 0,488 4,255 15,21 9,34 10,09 19,51 12,44 6,75 91,00 7,55 106,99 4,365 105,99 2,96

1,572 0,5045 0,88 4,125 8,58 3,3175 3,42 6,725 0,472 3,74 0,38 0,6265 6,17 0,6095 1,063 0,3945 1,389 4,9525

2,0375 29,00

5,29 6,26 0,835 8,73 3,95 2,2675 1,071 2,08 1,973 0,2595 4,2375 0,329 2,3425

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

19,82 1,55 0,30 4,755 2,285 2,535 0,3045 0,1354 0,28 0,72 1,41 0,477 1,474 0,6415 0,554 101,23 0,8275 23,10 4,30 8,36 1,41 3,7875 0,146 100,90 1,01 1,171 3,325 40,28 0,8195 15,90 8,65

-3,41 -4,08 -2,91 -0,52 -3,99 +0,20 -5,87 +0,07 -1,75 -4,57 -2,62 -4,31 -1,34 -2,80 -1,69 +1,12 -1,25 -1,20 -3,21 -6,01 -5,24 -2,88 -1,75 -0,20 -2,88 -1,35 +0,15 -2,78 -1,86 -1,49 -0,57

17.30.15 16.30.14 16.30.55 17.30.26 17.30.02 17.30.16 16.30.29 16.30.26 11.00.04 16.30.29 17.30.06 16.30.53 16.59.51 16.30.27 16.30.44 11.39.02 16.30.31 17.30.31 17.30.43 17.24.25 16.30.27 17.30.38 15.28.20 17.30.52 16.30.27 17.30.20 17.30.08 15.17.15 17.12.13 16.30.25 16.30.45

19,70 1,53 0,29 4,63 2,2825 2,535 0,3045 0,1264 0,28 0,7075 1,41 0,476 1,397 0,637 0,554 101,10 0,81 23,00 4,285 8,36 1,41 3,775 0,145 100,80 0,99 1,164 3,30 39,93 0,8025 15,80 8,52

21,00 20,20 1,62 1,62 0,3115 0,3105 4,8025 2,41 2,4075 2,535 0,324 0,324 0,136 0,28 0,28 0,767 1,468 1,436 0,499 0,491 1,512 0,672 0,655 0,573 0,573 101,23 0,846 0,846 23,38 23,38 4,48 4,47 8,85 1,472 1,472 3,92 3,90 0,1497 101,49 101,10 1,034 1,197 3,455 41,49 0,835 16,30 16,14 8,80 8,80

3,08 3,15 1,14 46,70 9,225 31,58 1,409 4,30 12,81 24,50 0,9445 1,258 1,362 11,60 1,555 3,99 3,675

-0,96 -5,26 -3,06 -3,31 -1,12 -0,53 -0,42 -4,97 +0,00 -2,89 -3,13 -1,33 -2,01 -1,86 -2,81 -1,48 -3,35

15.23.33 16.30.04 17.30.40 17.30.05 17.30.00 17.30.09 17.12.17 17.30.19 17.30.03 17.24.48 17.30.03 17.08.17 17.30.31 16.31.26 17.30.00 17.04.03 17.30.27

3,08 3,035 1,135 46,50 9,185 31,30 1,346 4,22 12,55 24,50 0,943 1,246 1,362 11,60 1,551 3,99 3,6725

3,18 3,1275 3,385 3,325 1,199 1,192 49,04 9,40 9,33 32,00 31,68 1,462 1,431 4,54 4,54 13,10 12,80 25,12 0,982 0,974 1,296 1,425 1,402 11,82 1,627 4,11 3,82 3,82

22,10 14,95 6,04 9,835 0,807 0,695 6,885 1,87

-4,54 -3,80 +0,08 -0,76 +0,37 -5,44 -3,03 -2,04

17.30.29 17.30.55 17.30.13 17.30.48 16.30.59 16.24.50 17.30.38 17.17.55

22,10 14,95 5,96 9,66 0,795 0,6925 6,88 1,85

23,40 15,70 6,14 9,99 0,82 0,745 7,095 1,92

12,90 8,635 9,82 0,8955

-3,08 -2,32 -0,91 +0,51

17.30.30 12,87 13,46 17.30.14 8,56 9,00 17.30.43 9,70 10,14 17.30.41 0,8345 0,8955

Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix

12,90 8,605 5,045 5,405 3,83 3,87 0,15 8,68 2,1925 0,5465 7,70 5,305 15,52 1,144

-1,90 -3,15 -2,89 -2,96 -6,01 -1,78 -1,32 -2,47 +1,98 -0,27 -3,75 -3,46 -0,89 -0,09

17.30.45 17.30.42 17.30.01 17.30.39 17.30.43 17.30.00 16.30.25 17.30.30 17.30.14 16.22.57 17.30.04 17.30.49 17.09.16 13.45.00

Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi

0,32 5,25 2,32 0,532 1,44 14,29 3,935 4,175 1,675 2,96 4,45 4,81 5,07 1,559 0,93

17.01.34 17.30.26 13.05.04 17.30.02 17.30.13 16.30.50 17.30.59 17.23.07 15.59.36 16.30.41 16.30.43 17.30.43

-0,53 16.30.21

1,92 13,35 8,915 0,891

12,90 13,23 13,14 8,55 8,98 8,955 5,04 5,245 5,365 5,60 5,53 3,6525 4,175 3,7725 3,85 3,95 0,16 0,16 0,15 8,635 8,975 8,925 2,1925 2,1925 0,53 0,547 0,5365 7,695 8,08 8,075 5,29 5,545 5,495 15,38 15,86 1,118 1,169 1,169

-1,39 16.30.09 0,315 -1,78 16.30.02 5,22 -1,69 -2,47 -2,04 -4,29 -1,87 +0,00 -3,51 +1,54 -2,63 -7,41 -4,34 -1,33

15,58 6,09 9,96 0,82 0,744

0,335 5,34

0,33

2,31 2,40 2,40 0,526 0,5445 0,5445 1,44 1,44 14,12 15,04 15,00 3,93 4,08 4,015 4,175 4,1775 4,175 1,66 1,754 1,748 2,8525 2,9775 2,8975 4,255 4,53 4,81 5,195 5,055 5,37 5,30 1,541 1,59 1,587 0,89

0,93

0,91

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding Sosp. It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Sosp. Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup

13,23 1,162

Ora

Min

-2,43 17.30.26 13,23 -3,17 17.30.56 1,15

Max

Apertura

13,77 1,215

1,215

1,40 0,7905 1,896 7,90 9,30 7,165 1,99 6,35 0,4545 0,7865 3,795 1,993 1,581 0,0465 1,35 1,443 2,38

+1,08 -3,48 -2,27 +2,33 +1,58 -3,83 -0,62 -2,83 -5,31 -1,69 -3,86 -6,10 -4,70 +1,09 +0,75 +0,14 -2,66

16.05.12 16.30.21 17.30.29 11.20.26 17.30.04 13.35.25 16.30.42 17.30.58 16.30.58 15.02.43 17.30.58 17.30.37 17.30.42 16.24.49 17.30.20 17.30.20 17.23.38

1,367 0,7885 1,86 7,895 9,065 7,165 1,815 6,17 0,4545 0,715 3,7575 1,967 1,546 0,0447 1,316 1,429 2,31

1,419 1,369 0,825 0,81 1,96 1,94 7,90 9,48 9,235 7,45 2,0025 2,0025 6,56 6,56 0,4765 0,4645 0,7865 0,75 4,0575 3,99 2,14 2,125 1,671 1,671 0,0465 0,0465 1,367 1,469 1,452 2,4775

3,42 6,55 3,615 21,56 16,21 1,537 0,811 0,0588 4,355 2,60 0,299 0,573 77,00 1,908 2,9325 0,48 11,97 20,30 88,48 2,745 0,1526 1,84

-1,16 -3,61 -4,11 -4,47 -1,46 -0,19 +0,56 -6,07 -5,68 -1,89 +0,00 -0,52 +0,07 -2,00 -0,76 -2,34 -2,76 -0,64 -1,41 -4,44 -1,36 +0,00

15.09.15 17.30.03 17.30.31 17.30.45 17.30.07 15.20.24 17.30.08 16.30.08 17.30.59 13.48.15 16.30.34 16.23.13 13.07.28 16.49.33 17.30.50 15.53.14 17.30.40 17.30.51 14.30.33 17.30.50 16.30.19 16.30.14

3,3175 6,545 3,615 21,56 16,00 1,497 0,8085 0,0577 4,355 2,59 0,2935 0,573 77,00 1,851 2,925 0,48 11,94 20,26 88,48 2,7325 0,1515 1,80

3,42 6,89 6,825 3,8175 3,77 22,91 22,22 16,54 16,49 1,54 1,54 0,8195 0,819 0,0639 0,063 4,7725 4,72 2,69 2,59 0,30 0,297 0,594 77,00 1,942 3,0275 2,9525 0,4915 12,34 12,32 20,74 20,44 90,46 2,9075 2,8725 0,1548 0,153 1,85 1,84

6,685 2,70 4,83 5,88 3,2275 2,985 0,1036 0,4255 11,75 1,376 1,56 3,345 1,48 2,4475 0,1204 6,245 0,456 0,1698 0,4645 1,044 101,59 4,90 1,33 3,00 5,82 8,08

-1,47 +0,37 -1,78 -3,69 -4,58 +0,00 -2,26 -4,38 -2,08 -4,38 -2,07 -1,47 -3,71 -2,68 -4,37 +0,16 +6,05 +0,53 -1,06 -1,88 -2,69 +1,08 -7,12 +0,00 +0,00 -3,69

17.30.10 15.00.32 17.30.34 17.30.59 17.30.14 16.30.20 16.17.02 11.47.12 11.00.20 17.30.09 17.02.09 15.53.15 16.30.17 17.30.10 16.23.53 17.30.31 16.30.30 15.35.06 14.19.23 16.30.32 13.44.40 17.00.26 15.19.42 14.32.01 15.53.27 17.23.45

6,605 2,64 4,8175 5,755 3,2225 2,985 0,1013 0,4255 11,75 1,37 1,56 3,345 1,46 2,4125 0,117 6,13 0,43 0,165 0,4645 1,03 101,59 4,85 1,33 3,00 5,82 8,07

6,785 2,70 5,055 6,15 3,415 2,9875 0,106 0,4255 11,75 1,468 1,644 3,40 1,556 2,555 0,124 6,34 0,456 0,1698 0,4645 1,044 103,45 4,90 1,33 3,0025 5,82 8,42

+1,63 16.30.51 0,3415

0,379

0,375 1,718 1,947 25,21 2,26 3,69 2,005 1,277 0,4505 0,4475 0,3465 3,45 10,15 0,492 0,715 0,825 98,39 1,28 0,96

-1,49 -1,57 +1,00 -5,54 -0,27 -4,75 +0,16 -0,77 -1,00 -0,86 +1,77 -2,31 +2,39 +2,14 +0,86 +6,36 -0,70 -3,90

17.30.34 17.30.37 9.20.20 16.30.47 16.06.22 16.30.13 15.34.19 17.30.18 17.30.18 17.30.16 13.08.56 17.21.13 12.06.41 17.30.46 17.30.27 17.14.03 16.30.57 16.30.57

7,20 12,10 0,1799 0,8535 1,104

-0,83 -3,43 -5,32 -0,64 -3,66

17.30.42 7,10 7,425 17.30.25 12,08 12,66 16.30.45 0,1799 0,1909 16.30.46 0,82 0,854 17.30.09 1,10 1,167

6,785 4,9325 6,12 3,3925 2,9875 11,75 1,447 1,542 2,5125

0,165

1,33 3,00

1,68 1,773 1,773 1,941 1,993 1,972 25,21 25,21 2,26 2,425 2,4025 3,60 3,775 3,775 2,005 2,075 1,251 1,34 0,443 0,464 0,454 0,445 0,4595 0,4595 0,3465 0,38 0,366 3,35 3,50 10,15 10,16 0,492 0,492 0,71 0,735 0,792 0,825 97,00 98,39 1,251 1,30 1,30 0,9225 0,99 0,99 7,425 12,65


26 Sabato 5 Giugno 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale

0,68 2,0225 5,90 29,52 0,20 15,25 0,356 0,0552 0,332 1,25 58,52 0,314 16,50 0,42 5,45 4,10 8,06 24,51

-2,51 -2,29 -0,92 +0,00 -2,34 +0,26 -0,42 -2,30 -7,91 +4,17 -1,06 +0,97 -0,24 -0,71 +1,87 +0,43 +0,12 -3,08

Ora

17.30.17 17.30.28 17.30.00 15.14.23 17.30.54 17.22.53 15.15.41 16.30.25 16.30.23 16.30.49 17.18.55 16.30.00 16.07.50 14.12.24 17.30.35 17.30.20 16.30.58 17.30.51

Min

Max

49,12

-2,31 17.24.15 48,88

50,33

1,584

-2,52 17.30.26 1,584

1,642

16.30.45 16.30.06 17.30.49 17.30.27 17.01.23 17.30.02 17.20.18 17.30.30 16.30.50 17.30.15

Apertura

0,67 0,684 2,00 2,065 5,76 6,08 5,94 29,52 30,97 0,195 0,205 0,205 15,02 15,40 15,30 0,352 0,362 0,3545 0,0551 0,0568 0,0564 0,332 0,37 0,3495 1,19 1,301 1,19 58,42 59,38 59,38 0,3025 0,315 0,315 16,50 16,72 16,72 0,42 0,4315 5,27 5,545 5,27 4,0325 4,225 7,93 8,265 8,235 24,35 25,58 25,34

6,34 0,62 0,1313 1,155 5,03 6,505 92,50 74,99 2,62 3,3075

-3,28 -1,43 -3,53 -1,28 +3,93 -2,25 +0,04 +0,35 -0,66 -1,85

0,0729 31,40

-2,15 16.30.39 0,0718 -8,75 17.30.37 31,24

1,632

6,32 6,65 6,65 0,61 0,6285 0,6285 0,1313 0,138 0,136 1,155 1,155 4,85 5,03 6,50 6,72 6,69 92,50 93,27 72,63 75,70 2,55 2,66 2,6325 3,305 3,3825 3,37 0,075 34,45

0,075

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Socotherm Sosp. Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tme Azxaz Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Sosp. Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp.

Ora

Min

1,98 4,30 48,75 1,494 8,50

+0,20 -0,12 +0,52 -1,06 -5,03

6,605 1,196

+0,46 17.30.51 6,515 +1,36 15.48.08 1,173

Max

Apertura

17.30.51 1,932 1,992 16.30.29 4,22 4,3025 11.00.12 48,75 48,75 16.30.06 1,473 1,51 16.30.53 8,50 9,085

4,22 48,75 1,509 8,705

6,80 1,20

1,905 0,3085 0,9265 0,2259 0,7505 15,55 14,98 3,0525 3,35 0,1177 0,0001 52,80 1,455 38,13 11,87

-1,24 +0,33 -3,99 -0,53 -2,34 -1,21 -1,32 -0,73 -2,76 -4,23 -98,00 -2,20 +0,07 -2,98 -4,35

14.35.46 16.30.50 17.30.56 16.30.12 17.30.52 17.01.57 17.30.19 17.30.59 16.30.52 17.30.22 16.30.08 17.30.37 16.17.54 17.21.30 16.30.59

1,905 0,304 0,9215 0,2226 0,7415 15,38 14,77 3,04 3,31 0,1177 0,0001 52,80 1,455 38,13 11,76

1,905 0,3245 0,9685 0,2319 0,779 16,08 15,43 3,095 3,52 0,128 0,0019 54,73 1,455 39,35 12,41

5,65 6,76 106,81 0,5805 1,56 2,3225 22,26 0,641 0,445 4,40

-3,91 -5,65 -0,32 -3,73 -5,68 -1,17 +5,95 -4,33 -3,68 -0,45

15.37.57 17.30.20 17.30.19 17.30.35 17.30.02 16.23.42 14.01.36 17.30.44 17.30.40 16.30.01

5,645 5,94 6,695 7,18 106,81 107,27 0,58 0,619 1,545 1,67 2,25 2,36 22,26 23,20 0,641 0,679 0,444 0,4685 4,235 4,40

6,65 1,20 0,322 0,9605 0,2273 0,7745 15,25 3,075 3,50 0,124 0,0003 54,11 12,31 5,94 7,18 1,558 22,90 0,673 0,465

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

1,38 4,20 3,60 17,50

Ora

Min

Max

Apertura

1,38 4,17 3,57

1,396 4,20 3,78

1,396 4,20

+4,17 14.24.30 17,01

17,50

+3,76 16.30.30 +0,00 16.30.22 -3,81 17.30.21

0,065 0,015 2,265 0,033 0,145 0,3325 0,1061 0,0866

-3,70 -4,46 -0,66 +8,20 -20,33 -2,21 -4,76 -10,72

0,046 0,2825

+0,44 15.54.13 0,0459 -0,70 13.33.19 0,262

0,046 0,285

0,0234

-16,43 16.15.22 0,0229

0,026 0,0235

0,0187 0,0426

-10,95 16.30.39 0,018 0,0213 0,0187 -6,17 17.30.41 0,0414 0,0463 0,0452

0,95

0,0028 0,0204 5,665 0,096 4,05 0,4995 0,50

16.30.02 16.15.11 17.07.37 13.03.11 17.30.42 16.51.29 16.30.03 16.30.43

0,0637 0,0693 0,0146 0,0159 0,0146 2,2575 2,34 0,033 0,0337 0,033 0,141 0,185 0,1455 0,3325 0,335 0,3335 0,1061 0,113 0,113 0,0823 0,097 0,0867

-2,76 17.21.12 0,945

-3,45 -4,67 -3,57 -5,04 -4,48 +2,99 +0,10

16.54.29 17.24.30 17.30.53 16.30.58 17.30.38 16.30.48 16.30.58

0,989

0,267

0,964

0,0028 0,0031 0,003 0,0198 0,0214 0,0211 5,63 5,925 5,925 0,0932 0,0997 Zignago 4,05 4,2525 0,485 0,51 0,488 0,50

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa

-0,30 -1,17 -0,57 -0,87 -0,87 -1,01 -1,12 -0,77 -0,96 -0,86 -0,90 -0,96 -0,95 +0,44 +0,51 -1,00 -0,52 -0,96 -0,74 -0,39 -0,23 -0,25 -0,25 +0,31 +0,32 -0,74 -0,99 -0,21 -1,06 -0,68 +0,47 -0,88 -0,99 -0,93 -0,54 -0,26 -0,62 -0,61 -1,07 +0,00 -0,74 -1,03 -1,06 -0,73 -0,41 -1,02 -1,02

-0,44 +0,13 +0,08 +0,00 +0,10 +0,00 -0,32 -0,14 -0,10 -0,24 -0,02 +0,02 +0,02 -0,68 -0,15 -0,19 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

14,843 5,389 3,989 18,827 18,515 18,066 6,444 6,712 15,896 4,929 4,391 4,825 4,899 3,621 3,324 15,287 4,421 10,895 18,231 17,298 14,741 10,165 10,261 11,79 12,104 9,464 20,30 7,916 14,215 8,20 4,506 5,771 5,777 5,106 5,318 11,969 12,557 12,914 15,785 5,00 3,489 9,967 5,431 5,415 4,592 8,563 8,447

4,283 3,901 13,527 11,736 4,189 4,21 23,842 12,529 4,164 5,347 5,191 5,905 6,09 5,221 4,674 5,253 7,055 7,055 4,672 4,648

-0,36 5,329 +0,19 15,545 +0,20 15,344 -0,15 6,76

VARIAZ. QUOT.

-0,50 Amundi Europe Equity -0,05 Anima Europa Arca Azioni Europa +0,06 Bim Azionario Europa -0,48 Bnl Azioni Europa Crescita +0,39 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,56 Bpvi Azionario Europa -0,05 Carige Azionario Europa A +0,27 Carige Azionario Europa B +0,26 +0,19 Carismi Dynamic Europe A +0,43 Carismi Dynamic Europe B Consultinvest Azione -0,04 Epsilon Qvalue +0,36 Eurizon Az. Europa Multimanager -0,37 +0,09 Eurizon Az. Pmi Europa Eurizon Focus Az. Europa +0,14 Euromobiliare Europe Eq. +0,11 Europa -0,14 Fideuram Master Sel.Equity Europe -0,67 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,33 Fondersel Europa +0,11 -0,08 Fonditalia Eq. Europe R -0,07 Fonditalia Eq. Europe T +0,38 Gestielle Europa A Gestielle Europa B +0,40 Gestnord Azioni Europa +0,05 Imieurope +0,13 Iniziativa Europa -0,34 +0,14 Interfund Eq. Europe Investitori Europa +0,06 Laurin Eurostock +0,00 Mc G.Fdf Europa A -0,08 -0,09 Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 +0,08 Nextam P. Az. Europa -0,32 Norvega Az. Europa A -0,31 Norvega Az. Europa B Optima Azionario Europa +0,04 Pioneer Azionario Europa A +0,09 Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,22 Prima Geo Europa A +0,33 Prima Geo Europa Pmi A +0,14 +0,15 Prima Geo Europa Pmi Y +0,33 Prima Geo Europa Y +0,04 Ras Lux Equity Europe -0,33 Sai Europa Soprarno Azioni Euro 50 -0,11 Symphonia Europa +0,21 -0,41 Synergia Az. Europa +0,56 Talento Comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa +0,50 Unibanca Azionario Europa +0,17 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -1,71 AZ. SALUTE -0,56 Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza -0,91 -0,51 Fonditalia Euro Financials R Fonditalia Euro Financials T -0,49 AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate -0,93 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -0,96 Ducato Immobiliare A +0,21 +0,22 Ducato Immobiliare Y Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources -1,22 -0,09 Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Cyclicals T -0,09 +0,10 Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Defensive T +0,11 Fonditalia Euro T.M.T. R +0,61 Fonditalia Euro Tmt T +0,62

4,02 3,747 8,893 9,274 11,199 2,688 3,67 5,167 5,402 4,189 3,96 8,215 5,037 5,35 7,756 7,787 13,05 12,219 8,41 83,39 12,474 8,60 8,682 6,663 6,827 8,014 17,50 6,39 5,565 4,776 3,626 6,147 3,482 5,854 15,001 4,713 4,415 4,474 2,776 13,811 6,431 10,296 18,957 19,546 10,626 37,977 9,799 3,623 5,234 5,778 114,504 5,423 5,765 8,815

14,579

17,518 5,07 5,108 4,038

5,683 8,432 8,662 10,523 10,55 10,665 10,947 11,066 5,271 5,315

VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Flex. Emerging Mkts R Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI

VARIAZ. QUOT.

+0,12 2,46 Abn Amro Master Bilan. Obb. +1,93 33,982 Allianz Multipartner Multi20 -0,10 4,108 Amundi Qbalanced -0,10 4,108 Arca Te -0,69 2,722 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Ff 1classe Valore +0,14 2,849 Azimut Scudo +0,14 2,917 Bancoposta Investimento Protetto 90 -1,10 5,675 Bnl Protezione +0,10 5,101 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 -1,77 8,196 Carige Bilanciato 30 Carismi Dynamic Mix 15 -0,65 3,655 Carismi Dynamic Mix 30 +0,23 3,907 Euromobiliare Moderato +0,23 3,961 Fonditalia Core 1 R -0,10 31,855 Fonditalia Core 1 T -0,44 9,943 Gestielle Global Asset 1 -0,44 10,042 Managers & Co. Comparto 30 -0,14 4,371 Mediolanum Elite 30 L -0,16 4,423 Mediolanum Elite 30 S -0,65 12,139 Mix -0,62 4,502 Norvega Sintesi Audace -0,39 3,866 Prima Forza 2 A -0,39 3,869 Prima Forza 2 B -0,38 3,936 Prima Forza 2 Y -0,41 5,135 Prima Forza 3 A -0,75 5,05 Prima Forza 3 B Prima Forza 3 Y -0,03 17,594 Symphonia Adagio -0,20 4,88 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia +0,50 16,356 Synergia Bilanciato 30 -0,21 30,043 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. -0,57 4,521 Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,36 3,91 Ubi Pramerica Privilege 1 -0,22 22,843 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,10 5,937 Visconteo -0,38 21,965 OB. EURO GOVERNATIVI BT -0,02 5,683 Allianz Monetario -0,03 5,794 Alto Monetario -0,43 5,081 Amundi Breve Termine +0,16 4,273 Arca Mm +0,16 4,329 Bancoposta Monetario +0,05 6,061 Bg Focus Monetario -0,18 34,745 Bim Obb.Breve Termine -0,39 6,114 Bnl Obbligazioni Euro Bt -0,60 23,844 Bpvi Breve Termine +0,01 26,412 Carige Monetario Euro A -0,49 12,314 Carige Monetario Euro B -0,20 45,724 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,39 9,983 Cividale Forum Iulii Prudenza B -0,40 10,066 Consultinvest Breve Termine +0,09 12,386 Cr Cento Monetario Plus -0,15 14,288 Cs Monetario Italia B -0,43 29,869 Cs Monetario Italia I -0,34 12,503 Ducato Fix Euro Bt A -0,22 5,01 Ducato Fix Euro Bt Y -0,53 6,038 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine -0,53 4,48 Euromobiliare Prudente +0,31 5,199 Fideuram Security +0,30 9,937 Fondersel Reddito -0,13 5,997 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R -0,10 5,773 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T -0,32 4,303 Fonditalia Euro Currency R -0,32 4,304 Fonditalia Euro Currency T -0,34 4,38 Gestielle Bt Cedola +0,27 3,705 Gestielle Bt Cedola B -0,09 4,329 Gestielle Bt Euro A +0,02 5,691 Gestielle Bt Euro B -0,19 5,141 Imi 2000 -0,07 5,531 Interfund Euro Currency -0,29 5,536 Intra Obb. Euro Bt -0,54 5,369 Laurin Money +0,08 6,667 Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente

-0,04 -0,07 +0,02 -0,41 -0,37 -0,18 -0,09 -0,02 -0,09 -0,14 -0,02 +0,08 +0,15 -0,02 -0,30 -0,31 -0,12 -0,07 -0,13 -0,16 -0,04 +0,02 +0,02 +0,02 +0,02 -0,06 -0,06 -0,06 +0,19 -0,44 -0,06 -0,07 -0,10 -0,22 -0,36 -0,06

-0,01 -0,01 -0,01 -0,06 -0,06 -0,13 -0,03 -0,03 -0,02 +0,00 +0,01 +0,00 +0,00 -0,04 -0,02 -0,03 -0,03 -0,05 -0,05 -0,05 -0,02 -0,04 -0,08 -0,08 -0,08 +0,00 +0,00 -0,03 -99,90 +0,04 +0,05 -0,01 +0,00 +0,02 +0,00 -0,10 -0,05

9,36 5,908 8,467 16,352 5,417 4,932 7,563 5,421 22,477 4,961 5,082 3,976 3,98 6,488 10,297 10,374 8,83 5,331 5,242 10,061 5,622 5,671 4,635 4,637 4,684 4,95 4,95 5,031 5,954 5,232 5,388 5,765 5,937 5,565 5,522 34,225

15,859 7,027 7,44 14,673 6,166 16,264 6,535 7,513 6,261 11,653 11,432 5,436 5,491 4,964 5,765 7,755 7,812 6,285 6,327 15,153 8,458 9,516 14,039 7,933 7,974 7,846 7,879 6,324 6,324 7,507 7,562 16,825 6,671 5,609 6,892 6,014 13,841

VARIAZ. QUOT.

-0,04 Mediolanum Risparmio Dinamico -0,03 Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine -0,09 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM Allianz Reddito Euro L -0,04 Allianz Reddito Euro T -0,04 Anfiteatro Bond Corporate +0,00 Anima Obb. Euro -0,11 Arca Rr -0,18 +0,02 Azimut Reddito Euro -0,12 Bancoposta Obbligazionario Euro Bim Obb. Euro -0,07 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt -0,07 Bpvi Obblig. Euro -0,13 Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario +0,02 Carige Obbligazionario Euro A -0,06 Carige Obbligazionario Euro B -0,05 Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,11 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,10 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,14 Ducato Fix Euro Mt Y -0,11 Epsilon Qincome Eurizon Focus Obb. Euro -0,08 Euromobiliare Reddito -0,08 Europe Bond +0,08 Fondaco Euro Gov. Beta -0,16 -0,15 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R -0,28 Fonditalia Euro Bond Long Term T -0,30 Fonditalia Euro Bond Medium Term R -0,20 -0,20 Fonditalia Euro Bond Medium Term T Gestielle Lt Euro A -0,06 Gestielle Lt Euro B -0,06 -0,07 Gestielle Mt Euro A -0,07 Gestielle Mt Euro B -0,11 Imirend Interfund Euro Bond Long Term -0,28 Interfund Euro Bond Medium Term -0,21 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 -0,06 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 -0,12 Intra Obb. Euro +0,02 +0,00 Italfortune Euro Bonds -0,16 Leonardo Obbligazionario -0,12 Mediolanum Euromoney -0,08 Mediolanum Italmoney Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine -0,15 Norvega Obb. Euro A +0,05 +0,03 Norvega Obb. Euro B -0,14 Optima Obbligazionario Euro Prima Fix Obbligazionario Mlt A -0,14 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y -0,14 Ras Lux Bond Europe -0,14 Sai Eurobbligazionario -0,05 Synergia Obb Euro M.T. -0,06 -0,06 Ubi Pra. Euro M/L Termine -0,09 Unibanca Obbligazionario Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B Vrg Coro Reddito -0,16 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Amundi Corporate 3 Anni -0,39 Amundi Corporate Giugno 2012 -0,53 Arca Bond Corporate -0,06 Carige Corporate Euro A -0,05 -0,06 Carige Corporate Euro B Corporate Bond +0,00 -0,08 Ducato Etico Fix Y Ducato Etico Fix A -0,06 +0,00 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine-0,07 Euromobiliare Euro Corporate Bt -0,03 Fonditalia Euro Corporate Bond R -0,05

VARIAZ. QUOT.

5,465 Fonditalia Euro Corporate Bond T -0,05 8,433 12,086 Interfund Euro Corporate Bond -0,04 4,998 8,916 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate -0,13 7,554 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A -0,02 4,77 32,89 Prima Fix Imprese A -0,05 6,479 32,224 Prima Fix Imprese Y -0,05 6,562 4,977 Sai Obbligazionario Corporate -0,02 6,575 7,061 Synergia Obb Corporate -0,04 5,383 8,953 OB. EURO HIGH YIELD -0,09 7,045 15,606 Eurizon Focus Obb. Euro High Yield -0,12 13,709 6,86 Fonditalia Bond Euro High Yield R -0,12 13,77 6,942 Fonditalia Bond Euro High Yield T -0,13 7,534 6,891 Interfund Bond Euro High Yield -0,18 7,677 6,688 Prima Fix High Yield A 5,463 Prima Fix High Yield Y -0,19 7,826 10,877 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM 11,017 Arca Bond Dollari -0,01 9,556 5,673 Azimut Reddito Usa -0,02 6,339 5,778 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +0,00 6,619 5,527 Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 5,584 Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 7,594 Fonditalia Bond Usa R +0,30 9,087 7,676 Fonditalia Bond Usa T +0,31 9,156 7,428 Gestielle Bond Dollars A +0,41 9,745 13,963 Gestielle Bond Dollars B +0,42 9,882 15,473 Interfund Bond Usa +0,30 7,904 7,606 Nordfondo Obbligazioni Dollari -0,03 15,158 121,207 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI 8,008 Allianz Reddito Globale L -0,07 16,616 7,349 Allianz Reddito Globale T -0,06 16,296 7,409 Alpi Obbligazionario Internazionale -0,10 7,208 10,973 Alto Internazionale Obb. +0,44 6,652 11,043 Arca Bond -0,14 13,05 8,157 Aureo Obbligazioni Globale +0,00 8,04 8,243 Bim Obb. Globale +0,51 6,099 14,978 Bpvi Obblig. Internazionale +0,79 6,134 15,123 Carige Obbligazionario Internazionale A +0,94 6,221 9,259 Carige Obbligazionario Internazionale B +0,95 6,344 8,33 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 8,268 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 6,968 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 11,623 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 5,982 Eurizon Obb. Internazionali -0,10 8,823 8,42 Fondersel Internazionale -0,02 14,83 7,527 Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,21 6,698 6,411 Gestielle Obbligazionario Intern. B +0,21 6,801 6,561 Imibond -0,08 16,747 17,221 Mc G.Fdf Global Bond A -0,15 5,34 6,526 Mc G.Fdf Global Bond B -0,15 5,285 6,604 Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 6,914 Norvega Obb. Internazionale A +0,75 6,041 5,76 Norvega Obb. Internazionale B +0,74 6,111 5,773 Optima Obb. Euro Global -0,03 6,906 58,142 Pianeta +0,05 10,082 12,789 Prima Fix Obbligazionario Globale A -0,21 9,328 5,208 Prima Fix Obbligazionario Globale Y -0,20 9,356 6,928 Prima Forza 1 A +0,02 5,091 5,809 Prima Forza 1 B +0,02 5,092 6,252 Prima Forza 1 Y +0,02 5,127 6,252 Sai Obb.Internazionale +0,51 8,269 5,71 Ubi Pra. Obbligazioni Globali -0,05 5,983 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE 102,172 Anfiteatro Global Bond +0,05 5,576 5,069 Fonditalia Euro Yield Plus R -0,02 9,396 7,021 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,01 6,749 6,549 OB. YEN -0,04 4,54 6,625 Ducato Fix Yen A -0,04 4,576 7,33 Ducato Fix Yen Y 5,313 Interfund Bond Japan -0,24 6,124 5,26 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI -0,68 4,997 5,576 Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,07 5,516 7,446 Amundi Obbligazionario Euro -0,30 6,065 8,789 Anima Convertible -0,01 8,898 8,386 Azimut Trend Tassi


il Domani Sabato 5 Giugno 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Consultinvest Obbligaz. Medio Termine -0,04 Consultinvest Obbligazionario -0,02 Ducato Fix Convertibili A -0,08 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,02 Eurizon Obb. Etico -0,09 Fonditalia Euro Yield Plus T -0,02 Fonditalia Inflation Linked R +0,04 Fonditalia Inflation Linked T +0,04 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,00 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,00 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,10 Interfund Inflation Linked +0,01 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 Nordfondo Obbligazioni Convertibili -0,21 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 Pioneer Cim Euro Fixed Income -0,47 Pioneer Obb. Euro Dis. A -0,14 Prima Fix Emergenti Y -0,08 Ras Lux Short Term $ +0,00 Ras Lux Short Term Euro +0,08 Symphonia Comp.Obb. Area Europa -0,02 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,06 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario -0,04 Alto Obbligazionario +0,03 Anima Fondimpiego -0,04 Arca Obb.Europa -0,04 Azimut Contofondo -0,15 +0,00 Azimut Solidity Bancoposta Mix 1 +0,02 Bim Corporate Mix -0,05 -0,15 Bnl Telethon Ca Multimanager Difensiva +0,00 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 -0,06 Carige Bilanciato 10 -0,09 Cividale Forum Iulii Rendita A -0,07 Cividale Forum Iulii Rendita B -0,07 Cr Cento Misto Best -0,15 Eurizon Diversificato Etico -0,19 Eurizon Rendita +0,00 Eurizon Soluzione 10 -0,07 Fucino Dynamic -0,21 Gestielle Etico Per Ail A -0,02 Gestielle Etico Per Ail B -0,02 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica -0,16 Nextam P. Obbligazionario Misto -0,10 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni-0,09 +0,05 Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A -0,04 Sai Multi Fund Linea Prudente +0,25 -0,05 Sai Performance Sforzesco -0,02 Symphonia Patr.Globale Reddito -0,01 Synergia Bilanciato 15 -0,08 Total Return Obbligazionario -0,30 -0,07 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,07 Valori Responsabili Obbligaz. Misto Zenit Obb. I -0,07 Zenit Obb. R -0,09 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi -0,06 -0,16 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale +0,00 Arca Cedola Bond Globale Euro Arca Cedola Corp. Bond -0,02 -0,04 Arca Cedola Corp. Bond Ii Arca Cedola Corporate Bond Iii -0,04 Arca Cedola Gov. Euro Bond -0,16 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii -0,24 Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii -0,02 -0,02 Aureo Cash Dynamic +0,10 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' -0,04 Cividale Forum Iulii Strategia A -0,14 Cividale Forum Iulii Strategia B -0,12 Consultinvest High Yield -0,19 Consultinvest Monetario -0,07 -0,08 Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A -0,02 -0,01 Ducato Fix Rendita Y Euromobiliare Tr Flex 2 +0,02 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,06 Premium -0,03 Risparmio +0,00 -0,36 Ritorni Reali -0,02 Symphonia Bond Flessibile Ubi Pra. Active Duration -0,04 Ubi Pramerica Total Return Prudente -0,03 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 Volterra Tr Obblig. +0,06 LIQUIDITA' AREA EURO -0,05 Agora Cash Allianz Liquidita' A -0,02 -0,02 Allianz Liquidita' At -0,02 Allianz Liquidita' B Amundi Eonia +0,01 Amundi Liquidita' -0,02 Anfiteatro Tesoreria +0,02 -0,02 Anima Liquidita' +0,01 Arca Bt +0,02 Arca Bt Tesoreria Aureo Liquidita' -0,04 Azimut Garanzia -0,01 Bnl Cash -0,03 Carige Liquidita' Euro A +0,02 +0,02 Carige Liquidita' Euro B Carismi Liquidita' B -0,02 Epsilon Cash +0,02 Eurizon Focus Tesoreria Euro A -0,01 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,00 -0,01 Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B -0,01 Euromobiliare Conservativo +0,05 Euromobiliare Contovivo +0,01 -0,01 Fideuram Moneta Fondaco Euro Cash -0,02 Fondo Liquidita' -0,03

5,094 5,134 8,702 8,819 6,08 5,424 9,459 13,788 13,87 7,043 7,151 5,84 13,706 11,115 5,214 5,837 16,069 6,58 12,994 144,64 65,212 9,524 5,422

5,368 8,704 19,864 8,341 5,208 7,852 5,876 5,478 5,94 5,00 5,239 5,46 5,396 5,524 5,844 7,883 5,932 6,832 4,665 6,30 6,353 5,65 5,937 6,579 5,656 8,239 4,868 17,208 10,023 7,055 5,257 4,337 6,109 6,142 8,162 8,11

4,832 4,904 4,998 5,337 5,039 4,996 5,107 4,965 4,99 5,192 6,695 9,96 5,552 5,668 5,704 5,403 7,211 18,313 18,583 6,601 10,036 6,523 7,748 5,867 5,163 5,645 10,529 5,268 5,20

5,526 5,58 5,054 5,704 102,065 8,919 5,652 6,597 8,704 5,739 5,709 12,268 22,061 6,315 6,376 5,297 6,265 7,63 7,672 7,259 7,434 11,06 11,84 14,593 115,913 7,571

VARIAZ. QUOT.

Gestielle Cash Euro A +0,00 Gestielle Cash Euro B +0,00 Nextam P. Liquidita' +0,05 Nordfondo Liquidita' -0,10 Norvega Monetario A +0,00 Norvega Monetario B +0,00 Optima Money +0,02 Pensplan Invest Cash Fund -0,05 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 Prima Fix Monetario A -0,04 Prima Fix Monetario I -0,03 Prima Fix Monetario Y -0,04 Sai Liquidita' -0,04 Symphonia Comp.Monetario +0,04 Synergia Monetario +0,02 Synergia Tesoreria +0,02 Ubi Pramerica Euro Cash -0,04 Vrg Coro Tesoreria -0,02 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,12 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,01 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,23 8a+ Latemar -0,20 8a+ Monviso -0,02 Abis Flessibile +0,00 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 Agora Flex -0,13 Agora Selection -0,08 -0,13 Agora Valore Protetto Alarico Re -0,66 Alkimis Capital Ucits -0,22 -0,73 Allianz F100 L Allianz F100 T -0,75 Allianz F15 L -0,09 Allianz F15 T -0,09 Allianz F30 L -0,19 Allianz F30 T -0,21 Allianz F70 L -0,47 Allianz F70 T -0,47 Amundi Absolute -0,88 Amundi Azionario Trend -0,02 Amundi Dynamic Allocation +0,12 Amundi Equipe 1 +0,04 Amundi Equipe 2 +0,02 Amundi Equipe 3 +0,02 Amundi Equipe 4 +0,04 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 -2,55 -2,23 Amundi Eureka China Double Wine Amundi Eureka China Ripresa 2015 -2,32 Amundi Eureka Doppia Opportunit¿ 2014 -3,33 -1,24 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win -3,69 Amundi Eureka Double Win 2013 -3,81 Amundi Eureka Dragon -1,24 Amundi Eureka Ripresa 2014 -3,84 -4,39 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 -1,05 Amundi Eureka Settori 2016 Amundi Eureka Usa 2015 -3,03 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 -0,80 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 -0,22 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 -1,08 -0,35 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014-0,88 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. -0,12 -0,02 Amundi Form. Private Div. Opp. Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 -3,26 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013-3,44 Amundi Formula Garantita 2012 -0,16 Amundi Formula Garantita 2013 -0,06 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,08 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014+0,08 Amundi Piu +0,04 Amundi Premium Power +0,06 Amundi Private Alpha -1,16 Amundi Qreturn +0,00 Amundi Soluzione Azioni -0,04 +0,02 Amundi Strategia 95 Anfiteatro Bond Plus +0,00 -0,02 Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,02 Anfiteatro Corporate Bt -0,04 Anfiteatro Total Return +0,00 Anima Fondattivo -0,48 +0,00 Aqqua -0,02 Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 -0,10 Arca Corporate Bt -0,05 Arca Rendimento Assoluto T3 -0,08 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 Aureo Defensive -0,08 -0,09 Aureo Ff 1classe Flessibile Aureo Finanza Etica -0,05 +0,55 Aureo Flex Euro -0,54 Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity -0,02 Aureo Plus -0,05 Aureo Rendimento Assoluto -0,16 -0,66 Azimut Strategic Trend -1,12 Azimut Trend -1,08 Azimut Trend America Azimut Trend Europa +0,05 Azimut Trend Italia -0,91 Azimut Trend Pacifico -0,45 Bancoposta Centopiu' +0,00 -0,04 Bancoposta Centopiu' 2007 Bancoposta Extra -0,02 Bancoposta Step +0,00 Bancoposta Trend +0,00 Bg Focus Azionario +0,34 -0,18 Bim Flessibile Bnl Target Return Conservativo -0,06 Bnl Target Return Dinamico -0,14 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia -0,20 -0,08 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa Bnpp Equipe Attacco -0,18 Bnpp Equipe Centrocampo -0,04

7,008 7,044 5,745 6,155 5,848 5,888 6,119 5,919 5,062 8,479 8,576 8,562 11,434 7,426 5,004 5,032 7,25 5,628

13,395 16,459

5,231 5,034 5,075 5,668 4,655 6,788 4,875 6,285 4,339 4,922 4,066 3,992 5,397 5,32 5,196 5,12 27,248 26,703 5,201 96,028 5,202 5,242 5,168 5,166 4,784 5,041 5,305 4,749 4,942 5,348 5,275 4,643 6,033 4,932 4,636 4,801 4,643 4,984 4,907 5,198 4,901 4,978 5,702 4,959 4,272 4,272 5,093 4,92 4,955 4,93 5,605 5,10 4,759 5,343 4,652 4,936 7,40 5,101 5,613 5,129 3,442 13,502 4,859 5,198 4,968 5,476 5,071 4,825 5,052 5,401 6,077 9,375 16,223 4,81 5,916 5,54 4,995 18,302 9,141 11,666 13,903 6,404 5,285 5,241 5,29 4,996 4,945 22,322 3,826 5,063 12,508 5,37 5,052 4,548 4,84

VARIAZ. QUOT.

Bnpp Equipe Difesa -0,04 Carige Flessibile +0,02 Carige Flessibile B +0,02 Carige Flessibile Piu' A +0,04 Carige Flessibile Piu' B +0,02 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 Carismi Pratico B +0,00 Consultinvest Alto Dividendo -0,82 Consultinvest Mercati Emerg. -0,68 Consultinvest Multi Flex -0,44 Consultinvest Plus -0,04 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global -0,14 Epsilon Qreturn +0,02 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 -0,12 Eurizon Focus Garantito 03/13 -0,04 Eurizon Focus Garantito 06/12 -0,02 Eurizon Focus Garantito 09/12 -0,02 Eurizon Focus Garantito 12/12 -0,04 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,08 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,02 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,04 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,00 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,02 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,06 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,38 Eurizon Focus Profilo Moderato -0,13 Eurizon Focus Profilo Prudente -0,04 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni +0,00 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni -0,02 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A -0,05 Eurizon Team 1 G -0,05 Eurizon Team 2 A -0,04 Eurizon Team 2 G -0,05 Eurizon Team 3 A -0,08 Eurizon Team 3 G -0,11 Eurizon Team 4 A -0,15 Eurizon Team 4 G -0,18 -0,26 Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G -0,26 Euromobiliare Real Assets -0,02 +0,03 Euromobiliare Strategic Euromobiliare Strategic Flex -0,20 Euromobiliare Tr Flex 3 -0,11 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re -0,04 -0,22 Fideuram Master Sel.Absolute Return -0,46 Flessibile Fondaco Global Opportunities +0,49 Fondersel Duemila +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T +0,08 Fonditalia Flexible Dynamic R +1,66 +1,65 Fonditalia Flexible Dynamic T -0,17 Fonditalia Flexible Growth R Fonditalia Flexible Growth T -0,17 +0,02 Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Flexible Income T +0,02 Fonditalia Flexible Multimanager R -0,10 Fonditalia Flexible Multimanager T -0,08 Fonditalia Flexible Opportunity R +0,01 +0,01 Fonditalia Flexible Opportunity T +0,05 Formula 1 Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative +0,02 Formula 1 High Risk -0,17 Formula 1 Low Risk +0,02 Formula 1 Risk -0,13 Gestielle Brasile +0,24 +0,00 Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico -0,09 +0,00 Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace -0,15 Gestielle Total Return +0,08 Gestielle Total Return Obiettivo Piu' +0,10 Gestielle Tr Obiettivo Cedola -0,04 -0,57 Gestnord Asset Allocation -0,05 Igm Flessibile A Igm Flessibile B -0,05 Interfund System 100 -0,01 Interfund System 40 -0,02 Interfund System Evolution +0,11 Interfund System Flex -0,04 -0,07 Intra Assoluto Intra Flessibile +0,41 -0,10 Investitori Flessibile +0,11 Kairos Partners Fund Kairos Partners Income +0,00 Kairos Partners Small Cap -0,22 Leonardo Trend -0,10 -0,59 Macro F.0. -0,04 Mc G.Fdf Flx Low A -0,04 Mc G.Fdf Flx Low B Mc G.Fdf Flx.High B +0,08 Mc G.Fdf Flx.Med. A -0,44 Mc G.Fdf Flx.Med. B -0,45 Mediolanum Flessibile Globale +0,88 -0,32 Mediolanum Flessibile Italia Mediolanum Flessibile Strategico -0,30 Nextam P. Flessibile -0,06 Nordest Sicav -0,78 Norvega Flessibile A -0,24 -0,21 Norvega Flessibile B Norvega Mb Absolut -0,07 Norvega Mb Strategic -0,07 Norvega Rendimento A +0,02 +0,04 Norvega Rendimento B Ob. Rendimento +0,03 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,04

5,42 5,189 5,199 4,501 4,556 4,819 4,897 6,075 6,122 3,137 4,968 4,711 5,133 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,897 6,06 5,001 5,131 5,106 5,084 5,093 5,293 5,16 5,248 5,116 4,955 5,218 5,247 5,317 5,451 5,473 5,216 4,855 8,052 5,985 5,985 5,643 5,635 4,707 4,726 3,964 3,984 3,797 3,817 4,177 3,206 13,333 4,576 6,877 5,186 9,082 2,786 96,916 94,191 2,483 5,884 5,899 8,652 8,728 8,468 8,506 9,363 9,422 7,767 7,811 6,403 6,426 6,643 6,63 6,342 5,004 5,354 5,364 5,305 5,42 14,16 5,054 4,998 4,743 4,018 4,058 9,479 11,096 10,064 10,26 5,713 6,329 6,154 5,658 6,69 8,992 5,965 3,869 5,222 5,213 3,681 5,651 3,741 14,087 15,125 6,271 4,678 3,82 7,49 7,526 3,014 2,97 5,392 5,417 5,80 4,473

VARIAZ. QUOT.

Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,32 3,717 Paritalia Orchestra C +0,00 72,152 Pioneer Target Controllo A +0,00 5,345 Pioneer Target Equilibrio A -0,04 5,356 Pioneer Target Sviluppo A -0,08 22,524 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,04 5,139 Prima Strategia A-Rt 100 Y -0,04 5,151 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,04 4,906 Prima Strategia A-Rt 200 Y -0,02 4,92 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,15 16,332 Prima Strategia A-Rt 50 Y -0,15 16,36 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,05 2,219 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,04 2,237 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A-0,06 13,872 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,06 13,854 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,23 4,755 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,25 4,803 Profilo Best Funds +0,00 5,88 Profilo Elite Flessibile -0,02 5,496 Sofia Flex -0,14 0,693 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,36 5,25 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,21 5,281 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,21 5,301 Soprarno Contrarian A +0,75 3,779 Soprarno Contrarian B -0,41 3,626 Soprarno Global Macro A -0,50 5,02 Soprarno Global Macro B -0,49 5,073 Soprarno Inflazione +1,5% A -0,15 5,498 -0,14 5,527 Soprarno Inflazione +1,5% B Soprarno Relative Value A +0,09 5,461 Soprarno Relative Value B +0,07 5,516 -0,33 5,955 Symphonia Asia Flessibile Symphonia Comp.Fortissimo -0,55 2,535 Symphonia Italia Flessibile -0,37 4,842 Synergia Total Return +0,02 5,179 Total Return -0,80 2,233 Ubi Pra. Active Beta -0,21 4,70 Ubi Pra. Alpha Equity +0,12 5,116 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A -0,02 5,118 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B -0,02 5,137 Ubi Pra. Total Return Dinamico -0,16 4,945 Unibanca Plus +0,04 5,249 Volterra Dinamico -0,09 5,336 Volterra Tr Glob. +0,05 5,465 Vrg Coro Rendimento -0,17 5,237 Zenit Absolute Return I +0,05 5,834 Zenit Absolute Return R +0,05 5,751 +0,00 1,245 Zenit High Trend 0-100 Fdf Zenit Zero 100 +0,02 4,549 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico -2,03 10,915 Antonveneta Vita Armonico 2007 -1,46 9,393 Antonveneta Vita Attivo -2,38 11,554 Antonveneta Vita Attivo 2007 -1,84 8,932 -3,01 13,484 Antonveneta Vita Azionario -2,29 8,185 Antonveneta Vita Azionario Globale Antonveneta Vita Azionario Specializzato -4,46 9,443 Antonveneta Vita Bilanciato Euro -1,98 10,913 Antonveneta Vita Bilanciato Globale -2,26 10,724 Antonveneta Vita Dinamico -2,07 12,885 -1,04 14,407 Antonveneta Vita Equilibrato -0,17 11,383 Antonveneta Vita Euromoneta Antonveneta Vita Monetario -0,34 11,776 -0,96 11,737 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro -0,76 13,235 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto -0,58 12,218 Antonveneta Vita Protetto -0,97 12,408 Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,91 10,484 -0,89 12,741 Antonveneta Vita Sicuro -2,95 11,495 Antonveneta Vita Trend Antonveneta Vita Trend Dinamico -2,09 8,163 Antonveneta Vita Trend Equilibrato -1,05 9,917 Antonveneta Vita Trend Plus -2,95 7,106 Antonveneta Vita Trend Protetto -0,79 10,415 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. -2,25 10,725 Aurora New Balanced Aurora New Bond +0,37 10,663 -4,06 11,192 Aurora New Share Aurora Unietic -0,21 10,517 Aurora Unit Balanced -1,99 10,512 Aurora Unit Bond +0,28 9,282 Aurora Unit Share -3,79 9,228 +0,02 11,478 Aurora Winvest Bilanciata +0,06 10,131 Aurora Winvest Dinamica Aurora Winvest Prudente -0,33 12,391 AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 Axa Mps Carattere Forte +0,18 8,999 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 +0,41 6,603 Axa Mps Fin. Az. Sector -0,46 10,783 Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 10,755 +0,07 11,785 Axa Mps Fin. Conservativo +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico -0,30 11,405 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A -0,18 21,247 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,03 11,224 +0,03 10,783 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double -0,10 11,87 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 +0,00 10,029 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565 -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A -0,08 13,006 Axa Mps Fin. Usa Equity A -0,94 5,78 BCC VITA Bcc Vita Equity America -5,28 4,75 Bcc Vita Equity Asia -3,38 5,237

VARIAZ. QUOT.

Bcc Vita Equity Europa -4,57 4,301 Bcc Vita World Global Bond -0,04 5,427 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,34 5,95 Bpm Az 50 +0,71 5,69 Bpm Az 80 +1,55 5,25 Bpm Az Flex +0,90 4,47 Bpm Financial Audace +1,84 3,87 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 -0,18 5,55 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 -0,18 5,60 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,00 5,54 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,00 5,55 Bpm Financial Equilibrato +1,10 4,60 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,58 Bpm Financial Geographic Areas +1,87 3,27 Bpm Financial Global Bond +0,16 6,32 Bpm Financial Industrial Sector +2,13 3,35 Bpm Financial Prudente +0,58 5,22 Bpm Financial Riserva Euro -0,31 6,51 Bpm Financial Vita Azionario +1,78 4,58 Bpm Financial Vita Bilanciato +1,27 5,59 Bpm Financial Vita Obbligazionario -0,14 7,15 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 +0,05 10,976 Bnl Vita Capital Unit 60 -0,23 8,80 Bnl Vita Capital Unit 90 -0,42 6,71 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B -5,40 134,348 -1,58 63,297 Cardif Azionario Rimini 2 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 -0,05 179,282 Cardif Bds Valore Obbligazionario Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B -1,77 190,956 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B -0,27 221,733 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,98 184,952 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,18 Carige Gestilink Arancione Dinamica -4,26 3,752 Carige Gestilink Blu Moderata -2,35 5,311 Carige Gestilink Verde Prudente -0,42 6,666 -0,38 104,34 Carige Protezione Attiva Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario -3,19 4,161 -2,31 4,432 Cattolica Bilanciato Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert +0,21 3,357 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +1,51 0,269 Cattolica Cividale Percorso Azionario -5,99 11,189 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario -1,07 11,274 -3,03 3,359 Cattolica Ferrara Investire Azionario Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,04 5,581 Cattolica Fondo Protetto -0,33 5,21 Cattolica Formula Life Azionaria +1,54 4,554 Cattolica Formula Life Bilanciata +1,28 4,984 +1,32 4,684 Cattolica Fuoriclasse Balanced +0,26 5,727 Cattolica Fuoriclasse Bond Cattolica Fuoriclasse Equity +2,64 3,154 +3,52 1,382 Cattolica Fuoriclasse High Tech Cattolica Nuove Rotte -1,16 5,534 Cattolica Obbligazionario -0,78 4,964 Cattolica Progetto Attivo Bond -0,83 4,68 Cattolica Progetto Attivo Equity -3,32 3,811 -2,31 4,436 Cattolica Progetto Attivo Mix +0,98 5,353 Cattolica Soluzione Dinamica Cattolica Soluzione Prudente +0,38 6,587 Cattolica Soluzione Vivace +1,33 3,733 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra -0,72 72,063 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 -0,08 150,005 Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 -0,09 167,544 -1,62 121,783 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 -3,38 120,791 Centrovita Anni 80 -4,59 94,441 Centrovita Azionario -4,43 106,229 Centrovita Azionario Blue -4,16 56,42 -4,41 56,595 Centrovita Azionario Green -4,40 129,639 Centrovita Azionario Plus Centrovita Bilanciato -2,04 148,943 Centrovita Bilanciato Plus -2,07 175,56 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario +0,33 193,919 +0,32 127,521 Centrovita Obbligazionario Blue Centrovita Obbligazionario Plus +0,33 215,859 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. -4,67 1,978 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate -0,18 4,888 GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio -0,89 5,915 -0,45 4,892 Genertellife Aptus 1 -0,36 4,47 Genertellife Aptus 2 -0,16 3,72 Genertellife Aptus 3 Genertellife Bg 2005-2015 -1,77 10,238 Genertellife Bg 2005-2020 -1,31 9,607 Genertellife Bg 2005-2025 -1,61 8,643 Genertellife Bg 2005-2030 -2,02 8,155 +2,35 2,217 Genertellife Bg Azionario 1 Genertellife Bg Azionario 2 +2,09 2,546 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,95 3,918 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,04 5,072 Genertellife Bg Dinamico -1,38 8,061 +0,39 2,821 Genertellife Espansione Genertellife Espansione2000 +0,85 2,84 Genertellife Sviluppo -0,05 4,209 Genertellife Sviluppo2000 +0,64 3,778 +0,82 5,907 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,24 5,82 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo +1,47 5,122

VARIAZ. QUOT.

Genertellife Valore -0,49 6,09 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,05 4,109 Ina Fondo Valute Estere +0,25 1,203 +0,06 7,847 Ina Nuovo Fondo Ina Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione +1,06 5,321 Intesa Vita Azionario America Growth -6,82 8,947 Intesa Vita Azionario America Value -6,52 9,758 Intesa Vita Azionario Cina -5,01 21,377 Intesa Vita Azionario Europa Growth -7,70 9,538 Intesa Vita Azionario Europa Value -6,47 10,259 Intesa Vita Crescita +0,33 6,08 Intesa Vita Dinamica +1,58 4,745 Intesa Vita Eurounit Azionario +0,38 3,145 Intesa Vita Eurounit Dinamico -0,08 5,035 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,14 5,564 Intesa Vita Eurounit Prudente -0,05 6,414 Intesa Vita Gpa Accordo -0,04 689,07 Intesa Vita Gpa Accordo 2 -0,03 661,94 Intesa Vita Gpa Acuto -2,77 403,28 Intesa Vita Gpa Acuto 2 -2,77 338,89 Intesa Vita Gpa Armonia -1,55 515,20 Intesa Vita Gpa Armonia 2 -1,53 452,86 Intesa Vita Gpa Motivo -0,43 632,85 -0,43 593,96 Intesa Vita Gpa Motivo 2 Intesa Vita Monetario Dollaro +1,65 10,139 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 10,842 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,20 11,462 Intesavita Gpa Private Bond +1,22 736,03 Intesavita Gpa Private Global Guar. -0,22 590,02 Intesavita Gpa Private Global High -6,23 333,95 Intesavita Gpa Private Global Low -0,21 673,02 Intesavita Gpa Private Global Medium -1,93 544,26 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -0,03 3,509 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis +0,00 4,027 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 2,038 Mediolanum Azionario Lntraprendenza +0,00 3,259 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis+0,00 4,002 Mediolanum Azionario Protezione +0,00 5,857 Mediolanum Balanced +0,00 4,748 Mediolanum Balanced Bis +0,00 4,833 Mediolanum Country +0,00 3,41 Mediolanum Country Bis +0,00 3,976 +0,00 4,184 Mediolanum Dynamic Mediolanum Dynamic Bis +0,00 4,599 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,00 6,738 +0,00 7,006 Mediolanum Eurobond Opportunita' Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,00 6,771 Mediolanum Euroequity Opportunita' +0,00 4,243 +0,00 6,472 Mediolanum Euroequity Protezione +0,00 4,511 Mediolanum Euroequity Sviluppo Mediolanum Moderate +0,00 5,177 Mediolanum Moderate Bis +0,00 5,21 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,00 5,521 +0,00 5,534 Mediolanum Obb. Crescita Bis Mediolanum Obb. Evoluzione Bis +0,00 5,209 Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,00 5,52 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,00 6,877 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,00 6,648 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,00 6,666 Mediolanum Opportunity +0,00 3,804 Mediolanum Opportunity Bis +0,00 4,161 +0,00 6,197 Mediolanum Prudent Mediolanum Prudent Bis +0,00 5,495 Mediolanum Sector +0,00 3,374 Mediolanum Sector Bis +0,00 4,196 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -0,20 3,063 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato -0,16 4,396 Milano Assicurazioni Previlink Monetario -0,03 6,152 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario-0,12 5,601 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. -2,37 3,096 Risparmio Crfc Gentile Dinamica Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,50 5,508 +1,90 13,083 Risparmio Eurolink Cv Dinamico +0,65 12,855 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,06 11,906 Risparmio Eurolink Cv Risparmio Risparmio Formula Link In Prima +1,44 11,628 Risparmio Formula Link In Seconda +1,92 10,062 +2,72 8,153 Risparmio Formula Link In Terza +1,82 9,071 Risparmio Gestivita Azionario Risparmio Gestivita Bilanciato +1,31 10,938 Risparmio Gestivita Obbligazionario +0,36 12,704 -0,30 7,57 Risparmio Patavium Ul Dinamico -0,08 8,891 Risparmio Patavium Ul Equilibrato SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A -3,50 8,015 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale -3,51 7,68 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -0,18 9,221 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,29 9,583 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 9,73 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,01 119,53 Unipol Uninvest Azioni Piu' -1,22 108,79 Unipol Uninvest Crescita -1,29 13,421 -1,62 12,963 Unipol Uninvest Equilibrio -2,29 7,051 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 -1,25 108,523 -1,15 104,76 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 -0,90 110,317 Unipol Uninvest Otto&Mezzo -0,86 102,888 Unipol Uninvest Performance Europa -4,66 7,051 +0,37 13,654 Unipol Uninvest Risparmio Unipol Uninvest Valore -3,61 12,586 ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo +0,09 5,474 Zlap Crescita +0,05 6,405 +0,11 7,621 Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione -0,04 4,849 Zlap Protezione +0,21 7,982 Zlap Prudenza +0,10 5,795 Zlap Sicurezza +0,07 5,541 -0,11 3,707 Zlap Sviluppo


28

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

CRONACHE

Operazioni dei militari volte ad intensificare l’azione preventiva e repressiva

Controlli dei carabineri, sette deferiti e un arresto per furto di Anna Bolle SOVERATO - I militari della Compagnia Carabinieri di Soverato, negli ultimi giorni, nell’ambito delle operazioni volte ad intensificare l’azione preventiva e repressiva sul territorio di giurisdizione, supportati dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria e della Compagnia Speciale di Vibo Valentia, hanno eseguito 15 perquisizioni domiciliari nei confronti di persone già note alle Forze dell’Ordine nonché intensificato i controlli alla circolazione stradale. Nello specifico i militari della Stazione di Gasperina, all’esito delle attività di perquisizione domiciliare presso le rispettive abitazioni hanno deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Ec., operaio, classe 1968 di Stalettì e Gp, studente, classe 1991 di Gasperina poiché trovati in possesso rispettivamente di 9 grammi e 6 grammi di hashish suddivisi in dosi. I militari della Stazione di Santa Caterina con l’ausilio di quelli dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, nel corso di una battuta in zona rurale, all’interno di un casolare hanno rinvenuto 84 proiettili cal 22, opportunamente occultati all’interno di una busta di cellophan, provvedendo a deferire in stato di libertà

Deferiti in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di droga un operaio, classe 1968 di Stalettì uno studente, classe 1991 di Gasperina poiché trovati in possesso di hashish suddiviso in dosi

per "detenzione abusiva di munizionamento" una donna M.L. classe 1931, pensionata, e suo genero F.R. classe 1964, entrambi di Santa Caterina, la prima in qualità di proprietaria e il secondo quale conduttore del fondo dove si trova il casolare oggetto di perquisizione. Inoltre i predetti militari nella giornata di giovedì hanno tratto in arresto Sorrenti Francesco Bruno, classe 40 di Santa Ca-

Deferito per detenzione e porto abusivo di arma bianca D.S. classe 1984 nullafacente di Badolato e G.A.T. classe 1983 di Santa Caterina, pregiudicato, nullafacente

terina, pensionato, poiché resosi responsabile di furto aggravato. I militari lo hanno sorpreso mentre era intento ad asportare una quercia, già dallo stesso oppurtunamente sezionata, posta all’interno di un fondo privato nella località "Faggio Grande" del comune di Santa Caterina. L’arrestato, su disposizione del P.M. di turno veniva accompagnato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. I militari dell’Aliquota Radiomobile, a seguito di controlli su strada, hanno deferito alla competente A.G. per detenzione e porto abusivo di arma bianca D.S. classe 1984 nullafacente di Badolato e G.A.T. classe 1983 di Santa Caterina, pregiudicato, nullafacente. A bordo dell’autovettura occupata dai predetti è stato rinvenuto, abilmente occultato nel cassetto porta oggetti, un coltello di 19 cm, di cui 8 di lama, mentre A.C. classe 82, studente di Sant’Andrea, è stato deferito per guida in stato di ebbrezza.

«Partita l’estate ma la spiaggia di Lido è in condizione pietose» di Caterina Bianchi CATANZARO - «Circa un mese fa, il Movimento Catanzaro Marina aveva richiamato l’attenzione dell’amministrazione comunale sul fatto che alle porte dell’estate, la condizione della spiaggia di Marina e di Giovino in particolare era sporca. Oggi ancora una volta, ci tocca ritornare sull’argomento, atteso che al di là dei falsi proclami lanciati da qualcuno, la situazione è rimasta tale» si legge in una nota del Movimento Catanzaro Marina. «A guardare, infatti la spiaggia di Catanzaro Marina, in tutta la sua estensione dal Corace fino a Giovino, sembra essere all’inizio dell’inverno. Gli sforzi messi in campo dagli operatori balneari, infatti, nel cercare di dare ai cittadini catanzaresi e non, una accoglienza di tutto rispetto per la nuova stagione estiva, viene vanificata dalla noncuranza del Settore Ambiente ed Igiene, cui per competenza spetta la pulizia dell’arenile ed il livellamento dello stesso. Tutto ciò, avviene peraltro nella completa assenza proprio di quell’Assessorato al Mare che creato dalla Giunta Olivo, non si è mai interessato delle sorti di Catanzaro Marina. Nel mentre - conclude il movimento - infatti agli operatori balneari, vengono richiesti fior di quattrini per il pagamento delle autorizzazioni varie, pagamenti di balzelli vari di contro, non viene effettuata, nemmeno quella pulizia ordinaria. Sveglia il popolo dei vacanzieri non aspetta la risoluzione delle vostre beghe».


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 29

CRONACHE

Sissi, chieste 17 condanne per più di 194 anni di galera di Carmela Mirarchi CATANZARO - Diciassette condanne per un totale di 194 anni ed 8 mesi di galera sono state richieste ieri dal pubblico ministero di Catanzaro a carico di altrettanti imputati coinvolti nell’inchiesta antidroga sfociata nell’operazione "Sissi’" che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato. La celebrazione dei giudizi alternativi, iniziata ieri mattina, proseguirà il 7 e l’11 giugno con le discussioni degli avvocati difensori. Ieri intanto, il rappresentante dell’accusa ha chiesto condanne pesanti ed in particolare: 9 anni e 4 mesi per Fabio Agostino, 29enne, di SiderLa no; 9 anni e 4 per Franco celebrazione mesi Amelio, 28enne di Catanzaro; 9 dei giudizi anni e 4 mesi per alternativi, Antonio Amelio, 56enne nato a proseguirà Taverna ma residenteaMarinadi il 7 e l’11 Gioiosa Jonica; 16 anni per Carmine Amelio, 32enne di Catanzaro; 14 anni per Fabio Bevacqua, 25enne di Catanzaro; 16 anni per Sonia Bevacqua, 33enne di Catanzaro; 9 anni 4 mesi per Vitaliano Currao, 37enne nato a Gimigliano ma residente a Catanzaro; 8 anni per Pietro Danieli, 32enne nato in GermaniamaresidenteaCatanzaro; 6 anni e 20.000 euro di multa per Peppino Da Ponte, 48enne di Lamezia Terme; 9 anni e 4 mesi per Andrea Ferragina, 27enne di Catanzaro; 16 anni per Anna Parentela, 30enne di Catanzaro; 16 anni per Antonio Passalacqua, 24enne nato a Crotone ma residente a Catanzaro; 10 anni per Da-

«Nessun decesso da tracheotomia nell’ospedale» di Fabio Brui

miano Passalacqua, 50enne nato a Girifalco, ma stabilitosi a Milano; 16 anni per Francesco Passalacqua, 28enne di Crotone; 14 anni per Gianluca Pirroncello, 22enne di Catanzaro; 9 anni e 4 mesi per Angelo Raffaele, 35enne di Catanzaro; 6 anni e 8 mesi per Vittorio Ruggiero Raffaele, 27enne di Catanzaro. L’operazione "Sissì", scattata nel capoluogo calabrese all’alba del 22 luglio scorso, è statadiretta contro un gruppo di presunti trafficanti di droga catanzaresi, per lo più zingari, dagli uomini della Polizia diStato che quel giorno hanno eseguito 18 dei 20 provvedimenti cautelari emessi dal giu-

dice per le indagini preliminari distrettuale di Catanzaro. Lo scorso 30 aprile, infine, il giudice dell’udienza preliminare ha ammesso all’abbreviato i diciassette imputati, ne ha rinviato a giudizio altri otto per i quali il processo avrà inizio il il 13 luglio (Marcello Amelio, 39 anni, di Catanzaro; Marco Bevacqua, 27, di Catanzaro; Teresa Bova, 51, di Magisano; Giuseppe Caroleo, 36, di Catanzaro; Michele Maruca, 56, di Catanzaro; Brunella Passalacqua, 31, di Catanzaro;GiuseppePassalacqua, 23, di Crotone; Giovanni Veneziano, 28 e ne ha prosciolti completamente altri 8.

I biglietti di Cisco - Catanzaro si venderanno fino al pre - match ROMA - Per l’incontro calcistico di domani previsto a Roma tra Cisco Roma e Catanzaro sono stati messi a disposizione 1500 biglietti e sarà possibile acquistarli anche nei pressi dello stadio. Lo ha detto Domenico Naccari, il delegato del Comune di Roma ai rapporti con la comunità calabrese, ieri a Roma in occasione della manifestazione "Saporti di Calabria", organizzata

nella Capitale. «Ho parlato con il presidente della Cisco e sono riuscito a ottenere la messa a disposizione di 1500 biglietti per tutti i tifosi catanzaresi che vorranno seguire la loro squadra. Ho parlato, poi, con il questore di Roma e siamo riusciti a ottenere che la vendita dei biglietti potesse avvenire fino al giorno del match nei pressi dello stadio Flaminio».

Fatture fittizie, 5 imprenditori arrestati SCIACCA - Associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale. E’ l’accusa mossa agli arrestati ieri dalla guardia di finanza di Sciacca. Gli investigatori hanno scoperto una frode fiscale da 10 milioni euro tra Trentino, Sicilia e Calabria . Cinque i provvedimenti restrittivi emessi dalla procura della repubblica. In carcere sono finiti gli imprenditori edili Leonardo Di Carlo, 30 anni, di Menfi e Giovanni Pujia, 42 anni, di Catanzaro. Arresti domiciliari invece per Angelo Di Stefano, 49 anni, commercialista di Ribera, Giovanni Grillo, 59 anni, ingegnere originario di Licata, ed Enzo Gulli, 37 anni, nativo di Castelvetrano ma residente a Menfi. Secondo gli investigatori i cinque avrebbero messo architettato un sofisticato e ben congegnato sistema di frode fiscale. Con una serie di diverse società che, però, facevano capo

ad un unico gruppo economico. Partendo dalla formale assunzione di manodopera, il sistema movimentava flussi di denaro sotto forma di pagamenti di fatture fittizie. L’inchiesta è iniziata nel 2008, nel corso delle indagini per l’omicidio di Filippo Mezzapelle, custode del "Menfi beach resort" ucciso nel luglio del 2007. Per questo assassinio è sotto processo l’imprenditore Giuseppe Leonardo Di Carlo, arrestato oggi nell’ambito dell’operazione della finanza. Mentre indagavano i finanzieri si imbatterono in movimenti contabili "sospetti" che hanno permesso poi di accertare la presunta frode fiscale culminata oggi con i provvedimenti restrittivi della procura di Sciacca. Marisa Bianco

LAMEZIA TERME - «Nell’ospedale di Lamezia Terme, non si è mai verificato alcun decesso dovuto alla cattiva esecuzione di una tracheotomia». Lo afferma la dr.ssa Annamaria Mancini, direttore dell’unità operativa Anestesia e rianimazione dell’Ospedale "Giovanni Paolo II" di Lamezia Terme, commentando quanto sostenuto dal giornalista Maurizio Belpietro, direttore del quotidiano "Libero", ospite della trasmissione televisiva "Porta a porta", condotta da Bruno Vespa, andata in onda martedì 1 giugno, in seconda serata. Nel corso del dibattito sulla sanità e sulla spesa sanitaria, Belpietro, tra l’altro, aveva dichiarato:«Ci sono i morti per malasanità in Calabria. Quando Ignazio Marino, un parlamentare di centrosinistra, andò a verificare perché morivano a Lamezia Terme, si rese conto che c’erano dei medici che non erano capaci di fare una tracheotomia. Quindi quegli ospedali andavano chiusi». Secondo la dr.ssa Mancini: «Sono accuse gravi e completamente infondate che scaturiscono, evidentemente, da fonti inattendibili presso cui il giornalista ha attinto informazioni o da una grande "svista" dello stesso direttore di "Libero". Se qualche errore c’è stato nell’esecuzione di una tracheotomia - precisa il dirigente dell’ospedale lametino - certamente questo non è riferibile all’ospedale

di Lamezia Terme. In ogni caso un intervento sbagliato non può essere utilizzato come pretesto per invocare la chiusura di un’intera struttura sanitaria - in un bacino di utenza di 130 mila abitanti - senza prima verificarne la funzionalità complessiva, i servizi erogati e le professionalità che vi operano». A questo punto, conclude la dr.ssa Mancini, «è necessaria ed urgente una pubblica smentita da parte del direttore Maurizio Belpietro, altrimenti l’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro sarà costretta a procedere legalmente, mediante querela, nei confronti dell’autore delle dichiarazioni denigratorie, che sono contrarie a verità e lesive della dignità del personale sanitario, che svolge con responsabilità e senso del dovere il proprio Mancini lavoro». La dottoressa Mancini repli- (ospedale ca dunque in Lamezia) modo forte replica a alle notizie apparse su Libero soste- Libero e nendo che Belpietro non si è mai verificato a Lamezia alcun decesso per cattiva esecuzione di tracheotomia.


30

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

CRONACHE

I dirigenti del Prc considerano oramai conclusa la loro militanza

I Comunisti della provincia: serve nuovo soggetto politico di Carmela Mirarchi COSENZA - «Noi militanti e dirigenti della Federazione provinciale di Cosenza consideriamo conclusa la nostra militanza nel Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea, un partito cui vanno riconosciuti meriti storici indiscutibili». E’ quanto si legge in una nota a firma di: Angelo Broccolo (Segretario provinciale) , Vincenzo Mastrota (Portavoce provinciale Giovani Comunisti), Bruno Pascuzzo (Comitato politico provinciale), Alberto Laise (Comitato politico provinciale), Pierluigi Zicaro (Comitato politico provinciale), Danilo Barbiero (Segretario Circolo Pedivigliano), Francesco Imbrogno (Comitato politi«Se non ci muoviamo co provinciale), Fernansi rischia di consegnare do Sicilia (Comitato poprovinciale) , Beneil nostro prossimo futuro litico detto Guaglianone (Coa soluzioni inquietanti. mitato politico provinciale) , Giuseppe CarrozÈ sfida difficilissima ma za (Dirigente Circolo non vogliamo sottrarci» CassanoAlloJonio),Emma Orrico (Comitato politico provinciale) , Alessandro Nigro (Coordinamento GC provinciale), Ernesto Serra (Comitato politico provinciale). «Oggi - continua la nota - i ritardi enormi nella ipotesi di costruzione di una Federazione della Sinistra, che per definizione dovrebbe avere come obiettivo necessario da perseguire l’aggregazione di quanto esiste nei vari segmenti partitici e con ancor più tenacia quanto esiste

fuori dai partiti, sembrano allontanare ogni possibilità di aprire una seria interlocuzione con la multiforme galassia di soggettività politiche, sociali, associative, di movimento che esprime, insieme ad un disagio diffuso, l’esigenza di ritrovare luoghi aperti di partecipazione ed elaborazione. È innegabile infatti che Rifondazione Comunista, pur nella versione allargata della Federazione della Sinistra, non è più in grado di dare una risposta a questa esigenza di partecipazione ed elaborazione. Crediamo - continuano - che si debba aprire una fase nuova nella storia politica della Sinistra italiana. Di fronte alla crisi di sistema che investe in maniera totalizzante il pianeta, la Sinistra latita nell’immaginario collettivo, è letargica ed autoreferenziale, vecchia e monotona. La lenta e costante fase di destrutturazione della democrazia rappresentativa ha prodotto un effetto devastante e paradossale che richiede

una riflessione più attenta e articolata. La crisi della democrazia è ancora più evidente nel Mezzogiorno, inquinato da sempre più pervasive forme di criminalità organizzata: l’ingresso dei privati nella gestione dei servizi essenziali ha un inevitabile riflesso in termini di gestione delle risorse, di consenso politico e ricatto, se non la diretta "discesa in campo" della mafia imprenditrice, favorita dagli effetti che produrrà il federalismo. In questo contesto la Sinistra italiana è chiamata ad assumersi le responsabilità di questa fase storica. Si deve aprire una seria discussione a Sinistra che punti a innovare la sua missione politica e superare frammentazioni e limiti che le hanno impedito di essere soggetto politico credibile, autorevole e realmente alternativo al centrodestra. Riteniamo che sia giunto il momento, non più rimandabile, di lavorare a un percorso che miri alla nascita di un nuovo soggetto politico della sinistra italiana, un soggetto forte, unito e plurale, che riesca a diventare punto di riferimento credibile per tutte quelle soggettività che, pur essendo portatrici di istanze riconducibili al movimento operaio, non trovano negli attuali partiti della sinistra alcuna forma di rappresentanza. Se non ci muoviamo per tempo, rischiamo di consegnare il nostro prossimo futuro a soluzioni inquietanti. È una sfida difficilissima, ne siamo consapevoli, ma non per questo dobbiamo e vogliamo sottrarci».

L’auto del presidente Oliverio investe una coppia di cavalli

Ripetitore distrutto nella notte Non si esclude l’intimidazione

COSENZA - Brutta avventura per il presidente della provincia di Cosenza, Mario Oliverio. Giovedì sera, mentre stava tornando a casa, a San Giovanni in Fiore, la sua auto, guidata da un autista della Provincia, si è trovata davanti all’improvviso una coppia di cavalli, probabilmente scappati da un allevamento. Il fatto è avvenuto sulla Ss 107 Silana - Crotonese. Inevitabile l’impatto. Ma né il presidente Oliverio né il suo autista hannoriportatoferite.

BONIFATI- E’ stato distrutto da ignoti il ripetitore dell’emittente televisiva Ten Teleuropa Network che si trova a Torrevecchia, nel comune di Bonifati. Ne ha dato notizia il direttore dell’emittente, Attilio Sabato,che però non ha voluto commentare il fatto. Il ripetitore sarebbe stato oggetto, ieri notte, della visita di alcuni vandali. Non si esclude la natura intimidario del gesto.

Parco della Sila, parte il monitoraggio e la ricerca dei lupi COSENZA - Anche la sezione cinofilia del Centro nazionale sportivo Libertas del Coni, in seguito ad un accordo stipulato con il Tour Operator Master-Dream, parteciperà alle attività di monitoraggio e di ricerca sul lupo condotte dai tecnici ricercatori della Società cooperativa Greenwood. La Greenwood, con il patrocinio dell’Ente Parco Nazionale della Sila, organizza già da anni settimane di totale immersione nella natura tra gli incantevoli boschi dell’altopiano silano, sulle tracce del più affascinante predatore che popola queste montagne. Un’esperienza unica e ricca di emozioni, uno straordinario viaggio nell’intima vita selvaggia di un animale che più di ogni altro ha catalizzato l’attenzione dell’uomo e che da sempre è il simbolo della montagna calabrese. Al via dunque la prima tappa dei campi con la Cns

Libertas, che avrà inizio oggi e terminerà domenica. «Lo scopo principale dei campi - afferma il presidente della Greenwood, Giacomo Gervasio - è quello di sensibilizzare e di avvicinare un pubblico quanto più eterogeneo possibile alle problematiche che ancora oggi determinano le principali criticità per la sopravvivenza della specie». L’appendice divulgativa della ricerca sul lupo si pone come una delle principali iniziative di eco-turismo presenti nell’area del Parco. In particolare, alcune delle attività previste, come l’individuazione la catalogazione e l’analisi degli escrementi di lupo, risultano quanto mai importanti per studiare le abitudini alimentari dei lupi. Uno degli obiettivi principali dei campi è quello di sensibilizzare i partecipanti sui temi della conservazione e gestione della fauna selvatica protetta.


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 31

CRONACHE

Il presidente della Provincia Mario Oliverio: c’è una politica antimeridionalista

«Scuola, i tagli sono devastanti Si perderanno altri 500 posti» di Carmela Mirarchi COSENZA - Il presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio, esprime preoccupazione per la drammatica situazione in cui è costretto a vivere in queste ore il mondo della scuola cosentino e calabrese e manifesta la propria solidarietà a quanti in questi giorni stanno protestando civilmente contro i nuovi tagli previsti dalla Manovra finanziaria del Governo-Berlusconi. «In provincia di Cosenza - afferma Oliverio - l’effetto dei tagli si annuncia devastante. Secondo le stime si perderanno circa altri 500 posti di lavoro tra i docenti di ogni ordine e grado e la scure si abbatterà anche sulla testa del personale amministrativo. I danni saranno irreversibili. Il blocco degli automatismi renderà inutile il periodo 2011-2013 ai fini della maturazione della classi e degli scatti di stipendio e spingerà ancora di più gli insegnanti verso una condizione di degrado economico e sociale che è indegna per un Paese civile». «Tutto ciò è ancor più grave -prosegue il presidente della Provincia di Cosenza perché avviene in un contesto di politiche nazionali antimeridionaliste e leghiste che hanno cancellato da tempo dall’agenda politica del Governo la Calabria ed il Mezzogiorno. In soli due

anni, infatti, sono stati sottratti trenta miliardi di euro destinati alle Regioni meridionali attraverso il Fondo delle Aree Sottoutilizzate (Fas) che, con ripetuti atti

legislativi, sono stati destinati ad interventi nel Veneto sul Lago di Garda, in Lombardia, per pagare le multe sulle quote-latte della Padania e in altre regioni del nord per interventi infrastrutturali e per la riqualificazione di città ed aree urbane ed il ripianamento di fuori bilanci di alcuni grandi Comuni. La Calabria ed i calabresi - conclude Oliverio - non hanno bisogno di tagli ma di forti investimenti, soprattutto nella scuola pubblica, nell’università, nella Ricerca e nell’Alta Formazione, che sono le uniche istituzioni in grado di garantire un futuro ai nostri giovani. Per questo motivo siamo solidali e vicini al mondo della scuola e nei prossimi giorni ci faremo promotori di un incontro a cui inviteremo tutte le forze sindacali per predisporre una piattaforma intorno a cui sensibilizzare l’opinione pubblica cosentina e calabrese su un problema che non può non riguardare l’intera comunità».

«La Calabria ed i calabresi non hanno bisogno di tagli indiscriminati ed assurdi, ma di forti investimenti, nella scuola pubblica, nella università e nella Ricerca»

Il primato di Saracena, ci sono ben tre defibrillatori semiautomatici

SARACENA - Per proporzioni e abitanti, Saracena sarà uno dei pochi comuni calabresi e del Sud Italia, ad essere dotato, nei prossimi giorni, di ben tre defibrillatori semi-automatici, strumenti essenziali per salvare vite umane, intervenendo nei primi 3-4 minuti, in caso di arresto cardiaco. Un servizio salvavita di primaria importanza messo in piedi, sinergicamente, dall’Amministrazione Comunale d’intesa con l’Associazione di Volontariato Francesco Senatore, guidata dal Presidente Mario Viola. A darne notizia ed a spiegare, in dettaglio, la funzionalità e l’efficacia del fondamentale e originale servizio sanitario a disposizione dei cittadini, è l’Assessore ai Servizi Sociali, Gennarino Russo. La Città

del Moscato, quindi, si presenta ancora una volta all’avanguardia, con sperimentazioni e ricerche autonome nella prestazione di servizi di qualità alla cittadinanza, in questo caso bypassando gap e disagi tipici e tristemente noti del sistema sanitario regionale. Ed ancora una volta, il risultato, a beneficio della collettività, viene raggiunto attraverso la strada maestra della collaborazione, stretta, con il mondo diversificato dell’associazionismo e del volontariato cittadini.Sia la Polizia Municipale che la guardia medica e l’ambulanza sono dotati di tre defibrillatori semi-automatici. Tutte le attrezzaturesonostatefinanziatedal Comune. «Proprio per rendere ottimale questo servizio indispensabile

Sgomberato palazzo occupato da alcuni attivisti “Prendo casa” di Armando Cossari COSENZA - E’ stato sgomberato nel primo pomeriggio di ieri, a Cosenza, il palazzo gentilizio "Morelli" occupato dai primi giorni del mese dagli attivisti del comitato denominato "Prendo casa", che vi avevano creato alloggi per una serie di famiglie straniere e italiana senza abitazione. In base a quanto trapelato c’erano anche rifugiati politici. Complessivamente una trentina di persone. Lo sgombero è stato eseguito da polizia e carabinieri, intervenuti con l’ausilio dialcuni reparti dei vigili del fuoco. Non ci sono stati momenti di tensione, anche perché quando è scattato il blitz molti degli occupanti, e soprattutto degli attivisti, non erano nello stabile. Gli sgomberati sono stati trasferiti in Questura per la necessaria identificazione e per verificare il possesso dei requisiti necessari alla permanenza nel suolo italiano. Gli attivisti del comitato "Prendo casa", giunti sul posto durante lo sgombero, affondano la polemica sull’abbandono del palazzo occupato, sottolineando che si tratta d’un bene pubblico gestito in maniera speculativa da un grande istituto di credito internazionale. Lo sgombero e le altre procedure sono proseguititi per l’intera giornata di ieri, e gli attivisti si stanno spostando sotto la Questura dove sono ancora in corso gli iter per l’identificazione. per gli attivisti il palazzo occupato era un bene pubblico gestito in maniera speculativa.

questo servizio - dichiara l’Assessore Russo - sono state formate 15 persone, tra i quali anche 3 vigili. Occorre promuovere - dice - altri corsi di formazione e aumentare il numero dei defibrillatori a Saracena. Si tratta di un servizio che dà un forte valore aggiungo alla qualità complessiva della vita. L’importanza del defibrillatore - continua - è quella di riuscire ad intervenire nei primi 3-4 minuti dell’arresto cardiaco improvviso. In questi momenti c’è la concreta possibilità di una ripresa. Per rendere ancora più utile il servizio - aggiunge Gennarino Russo - abbiamo dislocato in tre punti di diversi i 2 defibrillatori più il terzo in arrivo e messo a disposizione dalla Comunità Montana».


32

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

CRONACHE

Presentato il nuovo bando per i “voucher” formativi REGGIOCALABRIA - Un bando per l’attribuzione di voucher a 120 neo laureati. Il Comune di Reggio Calabria intende così sostenere la promozione della formazionepostuniversitaria attraversomaster,dottorati di ricerca, tirocini di alta formazione ed orientamento presso imprese, studi professionali e società sportive dilettantistiche. Centoventi giovani dunque, che verranno selezionati in base soprattutto al voto di laurea, riceveranno un voucher di 6250 euro dopo aver frequentato il 70% del monte ore previsto dal corso. Il bando è stato presentato ieri nel salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio dal sindaco Giuseppe Raffa e dal consigliere comunale Beniamino Scarfone. «La novità di questi voucher - ha spiegato quest’ultimo - è l’inserimento di studi professionali e societàsportivedilettantistiche.Con questo bando vogliamo dare una valenza importante alla crescita professionale di giovani appena laureati con meno di 35 anni. Vogliamo dare la possibilità di finanziare e sostenere dottorati di ricerca, master e tirocini professionali in un momento di crisi. I fondi - ha tenuto a sottolineare Scarfone - non incideranno sul bilancio comunale "ma verranno presi dal Decreto Reggio».

Trovato con cocaina Arrestato un 28enne LOCRI - Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio le Fiamme Gialle della Compagnia di Locri hanno tratto in arresto Giuseppe Fazzalari classe 1982 di Caulonia perché trovato in possesso di dodici grammi circa di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Infatti l’uomo mentre percorreva la strada statale 106, è stato fermato e sottoposto ad un normale controllo,

da parte di una pattuglia dei Baschi Verdi supportati da un’unità cinofila. I militari hanno rinvenuto grazie ad una perquisizione, abilmente occultato all’interno degli indumenti intimi del Fazzalari un involucro di cellophane contenente circa dodici grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. L’uomo è stato arrestato ed associato alla casa circondariale di Locri.

Telecom attiva impianto Valanidi Raffa: superato gap tecnologico REGGIO CALABRIA - Il divario tecnologico della copertura radiomobile tra la vallata del Valanidi ed altre zone periferiche della Città è stato superato con l’attivazione, da parte di Telecom, di un impianto di rete mobile denominato "Valanidi". Il nuovo sistema consente di superare uno stato di criticità che, in tutti questi anni, aveva creato enormi difficoltà nelle comunicazioni per gli abitanti della zona, in particolare per quelli dei rioni Valanidi, Paviglianiti, Trunca e Ficara della Rocca. Il gap è stato azzerato grazie all’interessamento dell’Amministrazione comunale che, da ultimo, nel corso di un apposito convegno, svoltosi alla fine di novembre dello scorso anno al rione Oliveto, con l’allora sindaco Giuseppe Scopelliti, si era impegnata a sollecitare Telecom ad accelerare i tempi per la realizzazione del nuovo impianto mobile, la cui attivazione, peraltro, veniva richiesta da tempo. L’impegno di palazzo s. Giorgio nei confronti delle periferie, sempre nel settore delle comunicazioni con sistema mobile e digitale, si era già concretizzato con la fine dell’"isolamento" dei rioni Vito e Bocale. Lo sviluppo del territorio, nell’era della comunicazione dell’informazione, deve camminare di pari passo con la presenza di adeguati servizi tecnologici in grado di offrire nuove occasioni per la connettività alla banda larga ed alle reti di telefonia mobile. «Abbiamo colmato un altro gap - dice il Sindaco Giuseppe Raffa, il quale nell’esprimere soddisfazione per l’opportunità che viene offerta allo sviluppo della Vallata del Valanidi evidenzia che - l’attenzione del Comune ha prodotto un altro significativo risultato in sintonia con l’impegno profuso dall’Ente nei confronti del territorio cittadino, in particolare delle periferie. Esso, infatti, premia la politica dell’ascolto che, nella prosecuzione del progetto di sviluppo della Città avviato ad inizio di consiliatura, stiamo portando avanti, convinti che solo così si possano affrontare e risolvere piccoli e grandi problemi».

Bocale, è stata attuata la bonifica REGGIO CALABRIA - L’assessore comunale alle Politiche ambientali Giuseppe Plutino ha confermato l’avvenuta bonifica della spiaggia di Bocale, sulla quale erano state rinvenute (all’incirca venti giorni fa) delle lastre di eternit. Importante - informa una nota di Palazzo San Giorgio - è stata la tempestività con cui sono avvenuti gli inter-

venti, segno dell’efficiente macchina amministrativa che, su input dell’Assessorato competente, sta dando finalmente il giusto peso al dannoso fenomeno dei depositi abusivi pericolosi e nocivi per la salute. Per questo motivo non è mancata l’ennesima esortazione alle forze dell’ordine affinché aumentino i controlli e le sanzioni ai trasgressori delle norme contro le discariche abusive, che rappresentano una consistente piaga per la cittadinanza reggina.

Nuova tratta per l’aeroporto dello Stretto, c’è il collegamento con Bologna REGGIO CALABRIA - Nuova tratta per l’aeroporto dello Stretto. Da ieri la "Danube Wings", compagnia low - cost polacca, collega Reggio Calabria con Bologna. Al momento sono due i voli settimanali con la città felsinea, mentre dal mese di luglio aumenteranno a tre. La tariffa del nuovo collegamento è di 59 euro, incluse le tasse aeroportuali. Gli aeromobili utilizzati dalla compagnia aerea polacca sono gli Atr 72 con 70 posti. La flotta è attualmente composta da 9 executive jet e da tre Atr 72 ai quali se ne aggiungeranno presto altri di nuova generazione. Operante fin dal 2000, nell’ultimo esercizio concluso (2009), la Danube Wings ha trasportato più di 100 mila passeggeri ed ha operato oltre 3000 voli su diverse tratte internazionali. A presentare il nuovo collegamento è stato il presidente della Sogas, società di gestione dell’aeroporto dello Stretto, Pasquale Bova, alla presenza del presidente della Provincia Giuseppe Morabito. «Dopo aver inaugurato i voli per Venezia, opera-

tivi dal mese di maggio tre volte la settimana - ha spiegato Bova - adesso questa nuova tratta. I collegamenti per questo mese verranno effettuati due volte la settimana. Abbiamo attivato delle iniziative con un’altra compagnia, che nel giro di qualche giorno ci darà una risposta. Intendiamo aumentare i collegamenti dal nostro scalo con Venezia. In relazione alle iniziative prese alla conferenza regionale dei servizi, da settembre sono previsti ulteriori voli per Torino, Pisa, Milano Malpensa mentre verranno potenziati quelli per Venezia e Bologna». A breve partiranno i collegamenti marittimi con la città di Messina dal pontile dell’aeroporto. «Questi - ha detto infine Bova - permetteranno di aggiungere alla domanda di trasporto del nostro territorio quella della Sicilia. Se cresce la domanda di trasporto, cresce l’attenzione dei vettori e di conseguenza la concorrenza tra gli stessi vettori». Angela Latella


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 33

CRONACHE

La merce proveniva dalla Cina. I tributi evasi accertati ammontano a 1.725.589 euro

Maxi sequestro a Gioia di sigarette «Ospedale Palmi Scopelliti dica Contrabbando per oltre due milioni cosa ne pensa» di Carmelo Morise GIOIA TAURO - Un contenitore carico di tabacchi lavorati esteri (Tle), e stato individuato e sequestrato nel corso di un’operazione anticontrabbando, condotta congiuntamente dai funzionari del Servizio di Vigilanza Antifrode Doganale e dai militari della locale Compagnia della Guardia di Finanza. Anche in questo caso si sono rivelate fondamentali le tecniche di monitoraggio e selezione dei contenitori in transito presso lo scalo portuale di Gioia Tauro, contenitori prevalentemente in movimento sulle rotte mediorientali, da sempre protagoniste nel traffico sia di tabacchi lavorati esteri che di beni contraffatti. L’analisi svolta da doganieri e finanzieri ha evidenziato diversi contenitori che, per provenienza, destinazione e carico dichiarato, presentavano un coefficiente di pericolosità elevato. Tra quelli selezionati per le operazioni di visita doganale vi era anche il contenitore proveniente da Huangpu (Cina) con destinazione Thessaloniki (Grecia) e dichiarante un contenuto di rotoli di tessuto. Una volta scaricato dalla Motonave "Maersk Surabaya", il contenitore veniva sottoposto a scansione tramite l’apparecchiatura "Silhouette Scan". Già le prime immagini evidenziavano palesi difformità nel carico del contenitore, tali da far presagire la presenza di merce non dichiarata nella documentazione doganale. La successiva apertura del contenitore metteva in evidenza quanto già appurato dalle scansioni effettuate attraverso i raggi X bidimensionali. I mittenti cinesi avevano difatti celato, dietro poche file di rotoli di tessuto, 900 cartoni contenenti sigarette di marca "Benson & Hedges".Il

Sistemato il terzo degli assi viari del rione Occhio di Pellaro a Reggio Calabria

carico così rinvenut, trasportato in contrabbando, di valore approssimativo pari a 2.039.419 euro veniva immediatamente sequestrato e posto a disposizione della Autorità Giudiziaria. I tributi evasi accertati ammontano a 1.725.589,00. Dall’inizio dell’anno ad oggi, la costante attività di controllo posta in essere da Finanzieri e Funzionari Doganali, ha permesso di sequestrare oltre 29 tonnellate di sigarette di contrabbando in transito presso il porto di Gioia Tauro ma, pur tuttavia, destinate all’Europa. I sequestri effettuati hanno sottolineato come non siano cambiate le principali rotte utilizzate per questi carichi speciali, tendenti ad evitare, quale scalo finale, i porti italiani, da sempre noti per la maggiore attenzione posta nei controlli sulla merce.

Duisburg, il fratello di una vittima annuncia lo sciopero della fame

Arrestati due clandestini su un peschereccio: denunciato comandante

LOCRI - Achille Marmo, fratello di Marco, una delle sei vittime della strage di Duisburg, ha annunciato che ieri ha iniziato uno sciopero della fame. A renderlo noto è stato il suo legale, l’avv. Giovanni Tropeano, nel corso del processo per la faida di San Luca e la strage, che si svolge a Locri, sostenendo che a Marmo, che è detenuto, è stato finora impedito di farsi operare in una struttura adatta per un’ernia alla colonna vertebrale. Achille Marmo, ritenuto affiliato alla cosca Pelle - Vottari contrapposta nella faida ai Nirta - Strangio, è stato condannato a otto anni di reclusione per associazione mafiosa con il rito abbreviato dal gup di Reggio Calabria. Nel processo di Locri è parte offesa.

REGGIO CALABRIA - Due cittadini extrcomunitari, con il permesso di soggiorno scaduto, sono stati arrestati in un’operazione congiunta di carabinieri e guardia costiera a Reggio. I militari hanno denunciato per sfruttamento di immigrazione clandestina il comandante di un peschereccio B.G., di 33 anni, di Siracusa. Due motovedette della guardia costiera, su segnalazione dei carabinieri della provincia di Reggio, hanno bloccato un’imbarcazione da pesca che, dopo essere approdata sulla spiaggia di Catona, si è sottratta ai controlli fuggendo in mare. A bordo del peschereccio, oltre a tre persone di equipaggio sono stati trovati due egiziani con il permesso di soggiorno scaduto.

REGGIO CALABRIA - Con l’uso di tecniche di ingegneria naturalistica è stato sistemato anche il terzo degli assi viari del rione Occhio di Pellaro. L’intervento ha permesso di dotare il torrente Filici I ( dopo il Filici II ed il Perara) del collettore delle acque meteo, e di procedere alla bitumazione del sedime con la conseguente eliminazione di elementi di precarietà e di pericolo, sia per la circolazione veicolare sia per le numerose famiglie residenti nella zona. Gli interventi erano stati programmati nel periodo in cui l’attuale sindaco Giuseppe Raffa ha ricoperto l’incarico di assessore alle Politiche comunitarie. All’apertura del nuovo asse viario ha preso parte una delegazione del Comune guidata dal sindaco Raffa e composta dagli assessori Michele Raso, Enzo Sidari, Franco Sarica, il presidente della XV Circoscrizione di Pellaro, Aldo Passalacqua, ed

PALMI - «Sull’ospedale di Palmi Scopelliti dica una parola chiara». A chiederlo è Enzo Infantino, della Direzione nazionale del Pdci - Federazione della Sinistra. «Scopelliti - ha sostenuto - ancora è ai proclami e cerca dal suo punto di vista di scaricare le responsabilità del buco alla gestione del centrosinistra. La propaganda mediatica del Governatore, sostenuta anche dal salotto di Vespa, è tutta incentrata a nascondere la decisione di Berlusconi e Tremonti di abbandonare al proprio destino regioni come la Calabria. I calabresi - ha proseguito Infantino - molto presto saranno costretti a sostenere sacrifici molto pesanti per via della finanziaria del governo di centrodestra. Non c’é alcun dubbio che è necessario razionalizzare e portare ad un livello di efficienza il servizio sanitario. In questa direzione, seppur in modo tardivo, si era mossa la Giunta Loiero concordando un piano di rientro dal deficit sanitario con il Ministro della Sanità. Quel piano di rientro prevedeva oltre ai tagli di alcuni piccoli ospedali, la costruzione di quattro nuovi nosocomi. A tal proposito appare allarmante e molto preoccupante il silenzio di Scopelliti. Come è noto la precedente Giunta Regionale aveva deciso che uno degli ospedali dovesse essere costruito a Palmi. Fino ad ora - ha concluso Infantino - su questa questione come su altre, non abbiamo sentito una parola chiara da parte del Governatore».

un folto gruppo di cittadini che ha ridurre al minimo i disagi che insistono espresso soddisfazione per un interven- sul territorio». to atteso da oltre trent’anni.«E’ una data importante - ha detto Raffa - che, simAntonio Latella bolicamente, abbiamo voluto concentrare sull’ultimo dei tre interventi che avevamo programmato assieme all’attuale governatore Giuseppe Scopelliti. Quello di oggi, per noi, è un motivo di grossa soddisfazione perché, come dicono i cittadini della zona e come noi amministratori abbiamo patito i disagi, dopo trent’anni di vane promesse, soprattutto in prossimità di campagne elettorali, siamo riusciti a ridare sicurezza e dignità a chi abita qui. La nostra soddisfazione suggella l’interesse dell’Amministrazione comunale nei confronti delle periferie, in continuità con quanto abbiamo finora fatto e, soprattutto, per dire che, siamo presenti nel tentativo, in questo caso riuscito, di


34

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

CRONACHE

Guardia di finanza, Tatta in visita al comando provinciale CROTONE - Il nuovo comandante regionale della Guardia di finanza, generale di brigata Salvatore Tatta, ha reso visita ieri attina al comando provinciale di Crotone. L’alto ufficiale è stato ricevuto presso la sede della caserma "Francesco PiL’alto ufficiale rillo" dal tenente colonè stato nello Teodosio Marmo, coricevuto mandante alla caserma provinciale delle fiamme "Francesco gialle. Nel corso della visita, Pirillo" ilgeneraleTatta si è intrattenuto con il personale della sede, con il comandante provinciale e con rappresentanze della Se-

zione operativa navale e dei due reparti territoriali esterni. Il nuovo comandante regionale della Calabria, quindi, ha tenuto al personale una breve allocuzione nel corso della quale si è raccomandato di perseguire nel solco della continuità, con immutata tenacia e sempre più motivato impegno, i fini istituzionali intesi a tutelare ed

assicurare i principi di legalità e di perequazione fiscale, auspicando di mantenere alto il senso del dovere e la dedizione sempre dimostrati per il pieno raggiungimento dei molteplici obiettivi assegnati alla Guardia di finanza calabrese. Gli impegni del generale Tatta sono proseguiti con la visita ai rappresentanti delle massime istituzioni.

Firmata intesa per la realizzazione di attività a favore dei giovani a rischio devianza CROTONE - E’ stato firmato, presso gli uffici dell’assessorato al Lavoro, un protocollo d’intesa per la realizzazione di attività a favore dei giovani tra i 14 ed 21 anni a rischio devianza residenti nel territorio provinciale. Il documento è stato firmato dagli assessori Salvatore Pane e Pietro Durante, da Vincenzo Scalera, dirigente del Comune di Crotone, da Francesca Cappuccio,responsabiledelservizio

tecnico del Centro di Giustizia Minorile per la Calabria e la Basilicata e da Antonella Cosentino, dirigente dell’Istituto Nautico "M.Ciliberto". Alla firma hanno partecipato inoltre Maria Maio, consigliere provinciale, Luca Greco, dipendente della Provincia e Carmen Messinetti del Comune capoluogo. Con il protocollo le parti si impegnano a programmare, progettare e realizzare nel territorio provinciale di Crotone interventi

mirati al reinserimento sociale dei giovani del circuito penale, e più in generale, a rischio devianza, nonché ad individuare congiuntamente tutte le possibilità di finanziamento degli stessi. Tra le finalità del protocollo vi sono: assicurare il coordinamento delle azioni, dei contenuti, dei tempi e delle modalità per la realizzazione del progetto Marinando ovvero attività formative e stage prevalentemente nel settore marittimo.

Trasporto rifiuti speciali senza autorizzazione: in manette un 36enne

CROTONE - Nella tarda mattinata di giovedì nella frazione Corazzo di Crotone, in località Filetto, nel corso di un servizio perlustrativo i militari della stazione di Scandale, diretta dal Mar. Ord. Mauro Fiorito, hanno arrestato in flagranza di reato Guerino Biafora classe 1974. Il reato che viene contestato all’uomo è quello di trasporto di rifiuti speciali ingombranti in mancanza della prescritta autorizzazione. Il Biafora viaggiava a bordo della sua autovettura station wagon con la parte posteriore abbassata rispetto al normale asse del veicolo, in quanto, come accertato in seguito dai carabinieri che insospettiti gli avevano intimato l’alt, sul se-

dile posteriore erano state rinvenute 18 batterie esauste, di cui 14 per uso auto e 4 per uso mezzi agricoli. Nell’auto i militari hanno anche ritrovato un pneumatico fuori uso con cerchione in lega ed un cerchio in lega senza pneumatico, quali rifiuti speciali ingombranti secondo le tabelle. L’uomo è stato trattenuto presso le Camere di sicurezza della stazione di Crotone ed in attesa del rito per direttissima.

Progetto sull’ambiente marino, premiati i migliori lavori degli studenti CROTONE - Per il quarto anno consecutivo più di 1000 studenti crotonesi hanno potuto conoscere da vicino le risorse del nostre mare e, soprattutto, hanno imparato a rispettare l’ambiente marino. Questa mattina si è concluso, al PalaMilone, il progetto "Applicazione pratica dell’educazione e della conoscenza dell’ambiente marino dell’Amp rivolto alle scuole", giunto ormai alla sua quarta edizione. L’iniziativa, promossa dal ministero per l’Ambiente, dalla Lega navale di Crotone, dalla Provincia, dall’Area marina protetta "Capo Rizzuto" e coadiuvato dalla Capitaneria di porto ha visto coinvolte 17 scuole del territorio, di ogni ordine e grado: Ic Alfieri, istituto superiore Pertini, II circolo Isola Capo Rizzuto, scuola media Giovanni XXIII, Ic Cutuli, Ipsia Barlacchi, Ic Strongoli, circolo didattico Cutro, istituto nautico Ciliberto, Ic Don Bosco Cirò Marina, Ic Don Milani, liceo classico Pitagora, istituto superiore Polo di Cutro Ic don Lamanna Mesoraca, Iv circolo didattico, istituto superiore Gangale, I circolo Isola Capo Rizzuto. Per un totale di oltre 1000 alunni. Stamani per centinaia di ragazzi al PalaMilone è stata una festa, con la premiazione degli elaborati migliori prodotti dalle scuole partecipanti. Il progetto, come si ricorderà, ha preso il via nel mese di ottobre con una serie di lezioni nelle scuole seguite, poi, da visite all’Aquarium, sul battello trasparente, corsi di vela e due giornate ecologiche,

svoltesi nel mese di maggio. Il progetto è stato coordinato da Venturino Pugliese, vicepresidente della Lni di Crotone, da Stefania Tammaro, biologa marina e da Nilde Megna, per l’Area marina protetta. «Anche quest’anno - ha spiegato Giovanni Pugliese, presidente della Lega navale di Crotone - grazie a questo progetto abbiamo promosso una delle finalità più importanti di Lni che è quella di diffondere la cultura del mare e la tutela dell’ambiente tra i giovani». «E’ importante - ha continuato Stanislao Zurlo, presidente della Provincia di Crotone - far capire come ognuno di noi possa contribuire a fare qualcosa per l’ambiente. Ci siamo riusciti grazie alla sinergia tra gli enti e voi ragazzi che sarete in futuro la classe dirigente di questo territorio». Simone Scalise, funzionario dell’Amp "Capo Rizzuto" ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa «per far crescere la conoscenza della Riserva marina tra i più giovani». Per i migliori lavori lavorati realizzati nell’ambito del progetto sono state premiate le seguenti scuole: Istituto comprensivo "Don Matteo Lamanna" di Mesoraca, II circolo Isola Capo Rizzuto e Ipsia "Barlacchi" di Crotone. A tutti gli alunni sono stati consegnati attestati di partecipazione.

Gianni Rosa


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 35

CRONACHE Con l’accusa di circonvenzione di incapace, 2 sono in manette e 2 sono ricercati

Rumeni raggirano disabile Truffa da 100 mila euro TROPEA - Hanno approfittato del deficit psichico di un ragazzo di Tropea, conosciuto tramite internet, per farsi spedire, in più tranche, 100 mila euro. Con l’accusa di circonvenzione di incapace, due giovani romeni sono stati arrestati nel loro Paese dall’Interpol e dalla polizia romena ed altri due sono ricercati, al termine di un’inchiesta dei carabinieri. I quattro hanno approfittato della condizione di handicap della vittima, con la quale avevano stretto una forte amicizia, e sono riusciti a farsi spedire il denaro con la scusa di gravi problemi economici e di salute. I due arrestati sono Alexander Ovidiu Fecioru, di 20 anni, e Lucian Mihai Pustianu (22), mentre si sono resi irreperibili Marius Clopotel (26) e Ionu Spataru (21). I contatti tra i giovani sono stati quasi esclusivamente telematici. Solo una volta, secondo quanto accertato dai carabinieri, i cinque si sono incontrati fisicamente, durante una visita in Romania del giovane italiano. Il ragazzo, a causa dei suoi disturbi, aveva una scarsa vita sociale e si era strettamente legato ai romeni conosciuti tramite internet. Una amicizia così forte da spingerlo ad accettare senza fare mai alcuna obiezione le richieste di denaro che di volta in volta provenivano dalla Romania. Il giovane, appartenente ad una famiglia benestante, ha così spedito per bonifici postali centomila euro agli "amici". Gli investigatori hanno escluso che vi siano stati episodi di minacce o di ricatti. Una storia andata avanti per mesi, sino a quando il padre del ragazzo non ha scoperto cosa stava succedendo ed ha avvertito i carabinieri. Al termine della indagini, il gip del Tribunale di Vibo Valentia, su richiesta della Procura, ha emesso quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite in Romania. I due ar-

Maltrattamenti in famiglia uomo di 48 anni arrestato in flagranza di reato a Nicotera

La finale del Premio Berto Opera prima

restati saranno adesso estradati in Italia. muovere il giovane che ha inviato loro i Da quanto si è appreso dunque, i quattro soldi. I quattro hanno così approfittato si erano spacciati per poveri orfanelli della difficoltà del ragazzo. bisognosi di aiuto al punto da comGianni Lobello

Sedicenne morta nell’ospedale di Vibo Ex magistrato condannato a 1 anno e 8 mesi VIBO VALENTIA - Un anno e otto mesi: è questa la condanna inflitta dal gup di Salerno, Vincenzo Di Florio, all’ex procuratore capo della Repubblica di Vibo Valentia, Alfredo Laudonio. Secondo l’accusa formulata dal pm Roberto Penna, il magistrato si sarebbe reso responsabile dei reati di omissione in atti d’ufficio, falso ideologico e favoreggiamento personale, legati alla vicenda di Federica Monteleone, la sedicenne morta nel 2007 nell’ospedale di Vibo per un black out elettrico avvenuto nella sala operatoria mentre veniva sottoposta ad un intervento di appendicetmia. Laudonio, che fra l’altro era già stato sospeso dalla magistratura, avrebbe omesso di comunicare al magistrato di turno l’incidente, verbalizzare circostanze di rilievo, nel tentativo di agevolare un dirigente sanitario.

NICOTERA - I carabinieri della Stazione di Nicotera hanno arrestato un uomo colto in flagranza di reato di maltrattamenti nei confronti della moglie. E’ finito in manette Giuseppe Francesco Barone, 48 anni, che da tempo aggrediva la moglie 44enne. Nel corso dell’ennesima lite ha colpito con un bastone la porta a vetri della sua abitazione, mandandola in frantumi. Solo l’intervento dei carabinieri ha evitato che la situazione degenerasse con l’aggressione fisica della moglie con lo stesso bastone. L’uomo, fermato in tempo, è stato quindi arrestato e portato in carcere. Aldo Cariddi

Ieri, intanto, dinnanzi al tribunale di Vibo Valentia si è chiuso il dibattimento che vede come imputati un ex manager, tecnici e personale sanitario che hanno avuto un ruolo in tutta la vicenda che ha scosso l’opinione pubblica di tutto il Paese. Aldo Corradi

RICADI - Quattro donne e un solo uomo. Sono i finalisti che si contenderanno la XXII edizione del Premio Berto Opera prima. La cinquina del Premio si compone del solo Roan Jhonson che con il suo Prove di felicità a Roma Est (Einaudi) dovrà vedersela contro un quartetto tutto al femminile formato dalla calabrese Angela Bubba con La casa (Elliot), Valentina Fortichiari con Lezioni di nuoto (Guanda), Giulia Villoresi con La panzanella (Feltrinelli) e Silvia Avallone con Acciaio (Rizzoli). Si conferma anche al Premio Berto 2010 la tendenza in atto da tempo e che vede la prevalente partecipazione delle donne con una preferenza per il romanzo di formazione. Oggi a Ricadi verranno assegnate anche le due borse di studio per tesi di laurea intitolate a Giuseppe Berto, del valore di 3 mila euro ciascuna, attribuite ad Angela Francesca Gerace, dell’Università della Calabria che si èoccupata di un’opera di Dino Buzzati, e a Giovanna Messina dell’Università di Padova sul Sillabario di Goffredo Parise. Le borse di studio sulla critica letteraria dedicate ad autori del Novecento italiano, introdotte quest’anno per la prima volta nel bando di concorso letterario sono passate al vaglio di una commissione composta dai docenti universitari Nicola Merola ed Enza Del Tedesco. Il Premio Berto opera prima è sostenuto dal Ministero per i Beni e le attività culturali, dalle Regioni Veneto e Calabria, dalle Province di Treviso e di Vibo Valentia e dai Comuni di Mogliano Veneto e Ricadi.


36

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Da sinistra Alberto Asor Rosa e Eugenio Scalfari

Un momento della presentazione alla residenza di Ripetta

Intervista col fondatore di Repubblica e maestro del giornalismo sul nuovo libro Per l’alto mare aperto

Scalfari: «Vi spiego la modernità» Simone Cosimi Mostro e maestro del giornalismo nostrano. Instancabile inventore di rivoluzionarie imprese editoriali, su tutte la Repubblica, nuovo modello di quotidiano omnibus che nel ’76 ha spiazzato l’incartapecorito panorama italiano. Nel frattempo anche politico di professione, basti ricordare la fondazione del Partito radicale nel 1955 e l’esperienza alla Camera dei deputati dal 1968 al 1972, eletto come indipendente nelle liste dell’allora Psi. E soprattutto pensatore, instancabile curioso che a 87 anni suonati non ha ancora smesso di chiedersi, ateo di ferro, quale possa mai essere il senso di questa fugace avventura che chiamiamo vita. Eugenio Scalfari ha appena pubblicato il suo ultimo lavoro, Per l’alto mare aperto, che ha presentato giovedì scorso alla residenza di Ripetta, a Roma: 281 pagine nelle quali tratteggia, a braccetto d’un immaginario Denis Diderot, il percorso intellettuale della modernità da Montaigne a Nietzsche. Quattrocento anni di cultura, letteratura e poesia. Tanti gli amici, da Walter Veltroni a Fabiano Fabiani, passando per Nicola Zingaretti ed Ettore Scola, accorsi alla conversazione: «Chi non crede in Dio – dice Scalfari – si pone certe domande con maggiore urgenza. Non posso

Walter Veltroni alla presentazione del libro di Scalfari

«Un’epoca s’è conclusa dobbiamo tutelare la cultura dall’arrivo dei nuovi barbari occorre creare un linguaggio senza confonderci: non è una questione generazionale» escludere, come mi domandò anni fa monsignor Angelo Scola, che ci sia qualcuno o qualcosa che mi vuole bene, in giro per l’universo. Tuttavia, non avendo la possibilità di sciogliere il quesito, non me ne interesso minimamente. È fuori dai miei confini mentali». Un viaggio di riflessione profondamente autobiografico, come l’ha etichettato Asor Rosa, attraverso il quale il patriarca del gruppo l’Espresso si rifà al punto di vista illuministico esemplificato dalla figura del suo novello Virgilio. Un lavoro rivolto a chiunque ami leggere, tiene a precisare Scalfari, senza distinzioni di ceto o età. «Il senso ultimo della vita – continua il giornalista – semplicemente non esiste. Ecco quindi che ciascuno, nella propria esistenza, procede assegnando segmenti di senso alle giornate, occupandosi delle questioni più varie e cercando di attutire

Eugenio Scalfari durante l'intervista (foto Manuela Giusto)

solo per un attimo quella sofferenza tipica, per esempio, di Giacomo Leopardi». Non a caso, lo scrittore mette al fianco dei grandi padri della modernità anche lo spagnolo Miguel de Cervantes, fondatore del racconto: «È importante anche e soprattutto chi ha tentato di raccontare il mondo, non solo chi ne ha teorizzato i meccanismi». Il punto, dice Scalfari, è che la modernità s’è ormai conclusa e, come in ogni transizione d’epoca, è vittima dell’attacco di una nuova stirpe, quella dei barbari: «Non si tratta certo di una questione generazionale – precisa il direttore – ci sono giovani moderni e vec-

Eugenio Scalfari

chi nati barbari, o meglio, imbarbariti. Però è essenziale, in questa fase, tentare di capirsi e trovare un linguaggio comune: se dalle cinquemila parole cui eravamo abituati passiamo a utilizzare le 500 degli sms e della rete, salta qualcosa». Può trattarsi anche delle strutture dello Stato, confida Scalfari. Del modo di stare insieme in una democrazia: «Sarebbe un discorso lungo, ma è chiaro che se ci si trova nel mezzo del guado, è essenziale adeguare modi e regole all’orda barbarica». Insomma: evitare l’estinzione e favorire la transizione a una nuova civiltà. Per ora anonima.

Eugenio Scalfari Per l’alto mare aperto Einaudi 281 pagine


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA Fino al 10 luglio i due creativi dialogano allo spazio MuGa + Mezbau

Riflessi del reale, Attilio Pierelli e Giuliano Lombardo a Roma Massimo Canorro «Non un confronto generazionale ma l’incontro, il dialogo biunivoco che determina un’inedita continuità con la ricerca multimediale ed interattiva dei due artisti». Parla così Loris Schermi , curatore insieme a Paola Donato della doppia personale Iper Spazio Macchina, dal 27 maggio al 10 luglio allo spazio romano MuGa + Merzbau, che ha come protagonisti Attilio Pierelli e Giuliano Lombardo . «Questa rassegna nasce con l’intento di mettere in relazione il lavoro di unartista storicizzatocome Pierelli con quello di un La rassegna nasce collega più giovane, e in qualche modo affine, come con l’intento Lombardo», afferma il curatore, avanzando che «la di relazionare il caratteristica distintiva di lavoro di un artista entrambi gli artisti è quella indagare un’attualità storicizzato come di troppo vasta per essere compresa completamente Attilio Pierelli dalla mente». Il tentativo di con quello di circoscriverla sta dunque in una mostra, Iper Spazio un altro più Macchina, che nasce come giovane ma affine una grande installazione nella quale le opere entracome Giuliano no in relazione diretta tra loro, attraverso un dialogo Lombardo costante che mette in adesione i visitatori e l’ambiente circostante. Il lavoro "site specific" Drone di Lombardo, creato appositamente per l’evento, è un piccolo robot «sguinzagliato dall’artista» - spiega Schermi che vaga all’interno della galleria trasmettendo in diretta le immagini catturate attraverso una telecamera wireless collegata ad un videoproiettore, il quale riproduce l’immagine sulle superfi-

Un'opera scultorea di Attilio Pierelli

ci specchianti delle sculture in acciaio inox di Pierelli («l’acciaio diventa contemporaneamente schermo che assorbe una parte della luce e trasmettitore che la riflette deformata sulle pareti e sul soffitto della galleria», illustra Schermi). L’incessante transfer dell’immagine catturata, proiettata e riflessa, fi- La caratteristica nisce per determinare un loop circolare percepibile come immediato. «È l’em- dei due è quella blema dell’attuale comunicazione, dove di indagare l’immagine e la notizia rimbalzano in tempo reale da una parte all’altra del glo- un’attualità troppo bo distorcendosi inevitabilmente», conclude il curatore. Attilio Pierelli nasce a vasta per essere Sasso di serra S. Quirico (Ancona) nel compresa a pieno 1924. Dieci anni dopo si trasferisce a Roma con la famiglia. Nel 1936 inizia a dalla mente lavorare come apprendista in diverse botteghe artigiane,fra cui, nel 1939, quella di odontotecnico, frequentando corsi serali presso un liceo classico di Roma. Autodidatta, negli anni cinquanta inizia l’attività artistica. Conosce e frequenta Emilio Villa, Giu-

lio Carlo Argan, Maurizio Fagiolo dell’Arco, Palma Bucarelli e l’ambiente artistico romano. A questo periodo appartengono le prime sculture speculari, nelle quali studia la relatività e la scienza in generale, particolarmente il concetto di spazio in relazione alla cosmologia.Nella sua ricerca artistica ottiene risultati plastici molto importanti sulla visualizzazione del concetto di spazio relativo alla quarta dimensione geometrica, alle geometrie curve (non euclidee), e nelle più avanzate conoscenze topologiche delle superfici estremali. Dal 1963 inizia a realizzare gioielli: tra le sue più prestigiose produzioni orafe la scultura in argento T.e.s.t. (Trascinamento di Eventi Spazio Temporali) realizzata nel 1985, divenuta "L’Oscar" del Marcel Grossman Meeting che ogni tre anni viene assegnato al miglior lavoro elaborato in astrofisica. Nel 1987 fonda a Roma il "Movimento artistico internazionale dimensionalista" con una mostra prima al Casino dell’Aurora Pallavicini e poi a Spoleto. Nel 1993 viene inaugurato il Museo Pierelli di Ipersculture di Bomarzo.

Agnelli, il museo di ogni cosa Trecento opere di artisti non tradizionali in mostra a Torino fino al 29 agosto Benedetta Geronzi La pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli ha portato in Italia, per la prima volta, "The museum of everything" una collezione privata molto originale che riunisce artisti provenienti da tutto il mondo e accomunati da uno stile non convenzionale. Un lavoro, il loro, che i critici definiscono «al di fuori dei confini della società moderna». Si tratta di mistici, autodidatti, artisti ossessivi e visionari, con disabilità fisiche e psichiche e religiosi la cui cifra espressiva è segnata proprio dall’originalità del linguaggio, dai temi trattati, dai mezzi impiegati per comunicare. Nell’allestimento presentato a Torino spicca una serie unica di cinque pezzi in sequenza di Henry Darger, l’artista-custode dell’ospedale cattolico di Chicago; i libri di James Castle, artista americano sordo e le sculture in cera-

mica dell’indiano Nek Chand, il cui capolavoro è il "Rock garden" a Chandigarh in India, ma anche di straordinari autori meno noti al grande pubblico. La mostra, che comprende più di trecento opere di artisti non tradizionali del XX secolo, rappresenta un autentico gioiello del genere ed è per questo imperdibile. "The museum of everything", fondato dal collezionista James Brett, è un evento fortemente voluto dal vicepresidente della Pinacoteca Agnelli, Ginevra Elkann, che ha trovato nel curatore Paolo Colombo e in Luca Remmert, vicepresidente della Compagnia di San Paolo, gli interlocutori giusti per poterlo realizzare. Un’ottima sinergia. "The museum of everything", che ha esordito a Londra nell’autunno 2009, presenta una selezione di oltre 300 opere di artisti non tradizionali del XX secolo. La mostra presenta nuovi contributi di John Baldessari, Maurizio Cattelan, Paolo Colombo, Marlene Dumas, Cornelia Parker e Francesco Vezzoli. La

Nek Chand, Untitled, 1980

collezione è composta da esempi e gruppi di opere dei più noti artisti in questo ambito tra cui Henry Darger di cui la collezione conta 30 opere su carta e una serie unica di 5 pezzi in sequenza che rivelano una metodologia sconosciuta e fanno luce sulla cronologia dei suoi lavori; i libri di James Castle, arti-

sta americano sordo e le sculture in ceramica dell’indiano Nek Chand, il cui capolavoro è il Rock Garden a Chandigarah, India, ma anche di straordinari artisti meno noti al grande pubblico come Emery Blagdon, Pearl Blauvelt, James Castle, Aloïse Corbaz, Hiroyuki Doi, Sam Doyle, Charles AA Dellschau.


38

il Domani

Sabato 05 Giugno 2010

SPORT Domani alle 16:00 al Flaminio l’attesa finale play-off contro la Cisco Roma

CiscoRoma-Catanzaro

FC Catanzaro: tutta la stagione passa da Roma Andrea Celia Magno

Cisco Roma - Catanzaro: Gaetano Auteri sta preparando la finale d’andata dei play-off che si giocherà al Flaminio di Roma, con la consueta cura e attenzione certosina ad ogni aspetto tattico che potrebbe manifestarsi nel corso della gara. Una settimana dedicata anche alla preparazione di alcune situazioni difensive della difesa a 3 contro il tridente d’attacco della Cisco. Per quel che riguarda la formazione giallorossa, il rientrante Ciano andrà a occupare il proprio posto nella linea difensiva davanti al portiere Vono, mentre a centrocampo si profila il solito ballottaggio fra Corapi e Lodi in mediana e fra Benincasa e Berger sulla sinistra. I favoriti sono i due catanzaresi, ma non sono da escludere novità, visto che Auteri potrebbe alla fine (l’ultima decisione verrà presa come sempre domenica mattina) optare anche per Lodi al centro e Corapi sulla sinistra; soluzione più remota quest’ultima, ma da non escludere completamente. La scelta, comunque, risponderà a domande esclusivamente tattiche, non legate alla condizione dei giocatori (che sono tutti in grande forma). La formazione giallorossa, dunque, potrebbe essere composta da Vono fra i pali; Di Maio, Ciano e Gimmelli in difesa; Di Cuonzo, Bruno, Corapi e Benincasa da destra verso sinistra nella linea mediana; Montella, Mosciaro e Longoni in attacco. L’unico ad essere sicuro di non partecipare alla gara fra Cisco e

Catanzaro sarà Mattia Donati, che ha avvertito uno strappo muscolare alla coscia destra nel finale della partita di ritorno contro il Barletta e durante la settimana ha guardato, in stampelle, gli allenamenti dei propri compagni. Cisco Roma che arriva in finale in buona forma, dopo aver meritato, nel complesso, il passaggio del turno contro il Brindisi, ma sudando quando al 90’ della semifinale di ritorno Ambrosi ha compiuto un miracolo su una conclusione a botta sicura e da distanza ravvicinata di Mortelliti. Incocciati non dovrebbe rinunciare al 4-3-3 composto da Ambrosi fra i pali; Balzano, Doudou, Di Fiordo, Angeletti da destra a sinistra nella linea difensiva; Romondini, Chiappara e Barrionuevo a centrocampo; Babù, Franchini e Ciofani in attacco. L’escluso dovrebbe essere l’ex di turno Max Caputo, che nelle ultime due partite ha assaggiato la panchina. Arbitro dell’incontro sarà Piero Giacomelli di Trieste. I giallorossi saranno seguiti da almeno 1500 persone, dato che è stata elevata la disponibilità di tagliandi in seguito all’appello lanciato dal sindaco Rosario Olivo nella giornata di giovedì. La capienza del Flaminio, per le partite di calcio, è di 3500 persone. È ragionevole ritenere che molti catanzaresi saranno costretti a rimanere all’esterno dell’impianto, perché in tanti si muoveranno alla volta della Capitale senza biglietto. Sul fronte societario, infine, si registra un notevole passo avanti nella risoluzione della crisi dopo la riunione tenuta alla Camera di Commercio della Provincia giovedì pomeriggio e della ricapitalizzazione effettuata ieri mattina dai soci attuali (Aiello, Bove, Soluri, Catalano) per una somma del 40% del totale. Il restante 60% verrà ricoperto dagli altri imprenditori interessati alle quote societarie (molto probabili

le new entry a vario titolo di Gatto, Speziali, Marani, Paonessa, Poggi, Parente e altri imprenditori medio piccoli) entro il 16 giugno.

Reggina: Toto allenatore per tutte la altre squadre calabresi impegnate nella programmazione della prossima stagione. Dopo essersi preso tutte le responsabilità per la deludente stagione amaranto, il presidente Lillo Foti sta vagliando le possibili scelte per la panchina della Reggina nella prossima stagione. Scontato l’addio di Breda, le prime scelte per la prossima annata sembrano essere, al momento, Alessandro Calori, appena promosso in serie B con il Portogruaro e Franco Lerda, che ha lasciato la panchina del Crotone dopo un campionato indimenticabile. Su queste scelte però pesano due ordini di considerazioni: la prima riguarda Calori, il quale si è detto lusingato e interessato dalla corte della Reggina, ma sarebbe comunque legato alla squadra veneta da un altro anno di contratto, oltre ad avere importanti offerte anche in serie A (il Chievo Verona). La seconda riguarda le richieste, anche in questo caso dalla massima serie, per Lerda. Dalla scelta dell’allenatore passerà poi il mercato dei giocatori, per rinforzare una formazione che il prossimo anno non può fallire l’appuntamento con la promozione in serie A. Bisognerà

anche trovare un nuovo capitano, visto che Lanzaro, in scadenza, sembra sul piede di partenza.

Crotone: Intrecci sulle panchine di Crotone e Cosenza per la prossima stagione. La squadra jonica sembra aver scelto il proprio condottiero per l’annata 2010-2011. Si tratta di Gianluca Atzori, in predicato di sedere sulla panchina del San Vito (era la prima scelta della dirigenza bruzia). L’accordo è già stato raggiunto, ma manca la firma del tecnico che potrebbe arrivare solo lunedì.

Cosenza: Sfumato Atzori per la panchina del Cosenza si è fatto il nome di un altro allenatore che in passato si è seduto su quella del Crotone: Francesco Moriero. L’interesse del Cosenza per Moriero è molto concreto e concreto è anche l’apprezzamento dell’ex ala destra dell’Inter. Nel frattempo si registra anche un interessamento per l’acquisizione della società rossoblù da parte del fiscalista e immobiliarista Paolo Oliverio,

Cisco Roma nettamente favorita secondo ogni agenzia di scommesse che quota la finale d’andata fra i romani e il Catanzaro. Vittoria di casa pagata a 2.10daStanleybet,Bwin,Totosì e Gioco digitale. Quote stabili anche per il pareggio, quotato dappertuttoa2.70,eccezionfatta per Totosì che paga la X a 2.85. Vittoria giallorossa contro pronostico, dunque. Gli scommettitori oscillano in tal caso, dai 3.60 euro di Bwin e Gioco digitale, passando dai 3.65 di Totosì,perarrivareai3euroe75 centesimi contro ogni euro giocato in favore del Catanzaro da Stanleybet.

ma ancora la proposta economica è avvolta dalla nebbia e si tratta soltanto di indiscrezioni. Dalla prossima settimana si potrebbe sapere di più. Oltre a Moriero, per la panchina, si fanno i nomi dell’ex Cavese Stringara, e dell’ex Triestina Gotti.

Vibonese: In casa Vibonese, archiviata la terza salvezza consecutiva con la sconfitta indolore (dato il 3 a 0 dell’andata) per 1 a 0 a Monopoli contro il Noicattaro si pensa all’incognita Galfano in vista dellaprossimastagione.L’allenatore siciliano sarà a Coverciano fino a metà giugno per conseguire il patentino da allenatore di prima categoria e, fino a quel momento, pensare al suo futuro. Dopo la risposta di Galfano potrà partire la programmazione della squadra rossoblù del presidente Filippo Caffo.


Sabato 05 Giugno 2010

il Domani 39

CARTELLONE Al “Due Mari” di Maida Noemi in concerto Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Memorial Luca Zerilli - Meeting Ferrari Si terrà oggi e il 6 giugno , il MemorialLuca Zerilli - Meeting Ferrari Catanzaro. Programma Meeting Ferrari2010: venerdì 4 giugno, ore 14.30, arrivo a Catanzaro Corso Mazzini;ore 15.00 / 18.00, iscrizioni equipaggi, sosta delle auto; votazioniconcorso “La Rossa del desiderio”; presenza delle madrine del concorso“Miss Italia” per l’elezione di “Miss Bolidi Rossi Catanzaro”. Sabato 5giugno, ore 10.30, 1^ prova di regolarità su strada - Simeri Crichi;sosta delle auto; votazioni concorso “La Rossa del desiderio”;selezioni per l’elezione di “Miss Bolidi Rossi Catanzaro”; ore 16.00,sfilataSimeriCrichi-Catanzaro Lido; esposizione auto presso GrandHotel Paradiso; ore 22.00, selezione finale ed elezione Miss BolidiRossi Catanzaro; domenica 6 giugno, ore 10.30, prova di regolarità sustrada - Tiriolo; ore 13.30, premiazione. "Preselezioni Oktagon 2011" Oggi , alle ore 17.30, presso il Parco della Biodiversità si terrà "Preselezioni Oktagon 2011" organizzati da: associazione culturale Furor in collaborazione con Umberto Rodomisto, Giuseppe procopio e il maestroMassimilianoCimino.Dalle ore 21.30, musica dal vivo con: Medea e Meat For Dog. Celebrazione 196° della fondazione dell’Arma dei Carabinieri Oggi , alle 9.30, al Comando Legione Carabinieri “Calabria” sita in via Marafioti si celebrerà il 196° annuale della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Alla cerimonia, presieduta dal Comandante della Legione Carabinieri “Calabria”, Generale di Brigata Marcello Mazzucca, parteciperanno le autorità civili, militari e religiose del capoluogo. Per l’occasione la caserma è aperta al pubblico, e vedrà la presenza di una folta rappresentanza di alunni del VI circolo didattico di Catanzaro Lido. Workshop internazionale su “Progressi della farmacologia e terapia” L’Università di Catanzaro, facoltà di medicina, l’Università di Roma Tor Vergata ed il prof .Domenico Rotiroti organizzano insieme fino al 6 giugno un Workshop internazionale su “Progressi della farmacologia e terapia”conlapartecipazionediricercatori provenienti da vari Paesi dell’Europa. Spettacolo di danza “Ricordo di un tempo trascorso” Giorno 18 giugno , alle ore 20.30, si terrà presso il Teatro Politeama lo spettacolo di danza “Ricordo di un tempo trascorso” con la partecipazione della Compagnia Balletto Maison D’Art diretto da Francesco Piro. Prevendita presso il Centro Danza Maison D’Art.

Oggi il “Sulla mia pelle” tour di Noemi sbarcherà al Centro CommercialeDueMari.Lacantautrice italiana, dopo essere stata la “regina” dell’edizione 2009 del noto talent show di RaiDue - “X Factor”, ed aver incantato il Festival di Sanremo con la sua“Per tutta la vita”, arrivaaMaidaperunconcerto gratuito davvero imperdibile. Forte di 100.000 copie vendute, il 7 maggio scorso l’album “Sulla mia pelle” ha cominciato il suo viaggio nelle Piazze italiane: dopo Foggia, Tarantoealtrecittàdelsud il primo tour di Noemi trova posto anche in Calabria per poi proseguire il suo viaggio in tutta Italia. Al Centro Commerciale fervono i preparativi: nella giornatadidomanigliuomini della ShowNet di RuggeroPegnamonterannoilpalco, che avrà un frontale di oltre 20 metri, nel piazzale antistante l’ingressodelCentro,mentregiàdalle prime ore di sabato staff tecnico e artisti si aggireranno per il Centro per preparare tutto nei dettagli. Al-

CORIGLIANO CAL. PresentazionedelvolumediPantaleone Sergi Domenica 6 giugno , alle ore 19.00, presso l’edicolè - libreria Aurora si terrà la presentazione del volume "Stampa migrante. Giornali della diaspora italiana e dell’immigrazione in Italia" di Pantaleone Sergi con un contributo di Elida Sergi. Interviene insieme all’autore Pier Emilio Acri.

COSENZA Cinema, gusto e cibo, ciak si gira per Moda Movie Quindici cortometraggi ispirati al tema “Cinema-gusto-cibo” parteciperanno al concorso “Immagini da gustare”, riservato ai giovani registi nell’ambito della rassegna “Moda Movie”chesisvolgeràaCosenzafino al 6 giugno . Il concorso - organizzato in collaborazione con il Corso di laurea magistrale in Linguaggi dello spettacolo, del cinema e dei media dell’Università della Calabria quest’anno esplora il suggestivo legame tra cinema, moda e cibo poiché la rassegna, giunta alla sua XIV edizione, ha come titolo “Taste for fashion”, il gusto per la moda.

CROTONE Scuola mediterranea di economia civile e di comunione dal titolo "Il Bene vince - Formarsi per segni che realizzano sogni Sarà presentata oggi , presso la sala dellaCamera di Commercio di Crotone, la scuola mediterranea di economiacivile e di comunione dal titolo “Il Bene vince - Formarsi per segniche realizzano sogni”, promossa dall’Arcidiocesi di Crotone – SantaSeverina,in collaborazioneconEdC e il Comitato scientifico eorganizza-

le ore 21:00 Noemi salirà sul palco per dare vita ad uno spettacolo coinvolgente e forte, come la sua voce: insieme a lei cavalcheranno le scene anche Claudio Storniolo – piano; Donald Renda – batteria;

EmanueleFontana–tastiere;Bernardo Baglioni – chitarra e Gabriele Greco – basso. Due Mari rimarrà eccezionalmente aperto fino alle due di notte e per l’occasione gli operatori del centro offriranno tanti buoni sconto e promotore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani. Gli incontri si terranno principalmente presso la Casa Vescovile di SantaSeverinaedèprevistaunasessione presso il Polo Lionello Bonfanti (Incisa in Val d’Arno - Fi), polo italiano delle aziende di economia di comunione. La giornata di presentazione della scuola, il 5 giugno, prevede al mattino gli interventi di Luigino Bruni, sr. Alessandra Smerilli, Irene Giordano e Giuseppe Pintus, Vincenzo Bova, AlbertoFrassinetieAngelaDeFazio. Conclude la mattinata Mons. Domenico Graziani, vescovo di Crotone. Nel pomeriggio, saranno realizzati una serie di laboratori paralleli sui temi: Impresa civile, Cooperazione, Cittadinanza attiva e Modelli di sviluppo, stili di vita e ambiente.

FALERNA Assemblea dell’associazione Calabria Radicale L’associazione Calabria Radicale invita a seguire i lavori dell’assemblea straordinaria che si terrà a Falerna, presso l’Hotel Eurolido, il 19 e il 20 giugno , dalle ore 16.00.

LAMEZIA TERME X Edizione del congresso scientifico regionale “Le Giornate Internistiche Calabresi” Oggi , si svolgerà al T-Hotel di Lamezia Terme la X edizione del Congresso Scientifico Regionale “Le GiornateInternisticheCalabresi”sul tema “Medicina Interna : la medicina della complessità”. La manifestazione scientifica è organizzata da Gerardo Mancuso Direttore della Unità operativa complessa di medicina interna del presidio ospedaliero di Lamezia Terme e vede la partecipazione di specialisti del settore pro-

zioni, che renderanno la serata un’occasione unica per fare acquisti.Ifesteggiamentiinizierannogià nel tardo pomeriggio con un’animazione dedicata ai piccoli ospiti di Due Mari, “Canta insieme a noi”:unmomentoincui tutti i bambini potranno esibirsi in canti e balli guidatidaisimpaticianimatori dell’Arca, l’asilo nido che opera al terzo livello del Centro Commerciale. Due Mari da sempre rivolge una particolare attenzione ai bambini, ai quali dedica attività mirate e adatte all’età: in questo caso lo spettacolo, caratterizzato da un’atmosfera tipica dei 60’s, coinvolgerà bambini di ogni età in un divertentissimo karaoke, per rimanere in tema con la serata. Il clou della serata è previsto per le ore 21:00, quando avrà inizio l’entusiasmante concerto di Noemi,rigorosamente gratuito: gran finale con un suggestivo spettacolo pirotecnico e, all’interno della Galleria, taglio dellatortaeancoratanteoccasioni dishopping. venienti dalle Università e ospedali italiani. Nel corso della manifestazione verranno presentati i risultati dello “Steato Study”, uno studio scientifico condotto in Calabria dalle Strutture di Medicina Interna di Castrovillari, di San Giovanni in Fiore, di Lamezia Terme, dell’Università di Catanzaro e di Reggio Calabria che certamente aggiungeranno dati di conoscenze molto importanti per la comunità scientifica.

PENTONE Proiezione del medio metraggio “Il Volo” Presso il salone adiacente Santuario di Termine del Comune di Pentone martedì 8 giugno , alle ore 18.00, si terrà la proiezione del medio metraggio“IlVolo”diWimWenders, segue incontro-dibattito sul tema dell’accoglienza.

REGGIO CALABRIA Programma Anassilaos Oggi , alle ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso, la sezione giovanile di Anassilaos, in occasione dei campionati mondiali calcio che si terranno in Sudafrica, propone una conversazione di Francesco Palamara, esperto di storia del calcio, sulla storia dei mondiali. L’incontro, introdotto da Tito Tropea, presidente Anassilaos Giovani, saràprecedutodaunbreveintervento di Alessio Tympani, responsabile giovanile Anassilaos per lo sport. Al pubblico presente in dono un cartolina celebrativa.

ROGLIANO Convegno "Società Civile e Cultura per la Legalità" In collaborazione con il Comune di Rogliano e l’assessorato alle politi-

che sociali della Provincia di Cosenza, l’associazione Pro Loco ha organizzato il convegno "Società Civile e Cultura per la Legalità". L’iniziativa si terrà oggi , con inizio alle ore 18.00, presso il Museo di Arte Sacra. La manifestazione ha ricevuto il patrocinio e il premio di rappresentanza dal Presidente della Repubblica, dai presidenti dei due rami del parlamento, dal presidente del consiglio dei ministri, dai ministeri della giustizia e degli interni, dalla Regione Calabria e dalla Provincia di Cosenza. Al convegno è prevista la presenza di sindaci, amministratori locali e importanti esponenti delle istituzioni.

VIBO VALENTIA Prima mostra mercato "ArteViva" Nasce ArteViVa, l’evento promosso dalla Provincia di Vibo Valentia, e realizzato dal Co.Se.R Calabria in collaborazione con Confartigianato, Cna e Casartigiani, sotto il patronato dell’assessorato alle attività produttive della Regione Calabria e del Comune di Vibo Valentia. Fino al 6 giugno , nelle saledel Complesso monumentale Valentianum e nellapiazzaSanLeoLucasisnoderà una mostra–mercato delle produzioni artigianali della provincia. La manifestazione propone come tema conduttore “la tipicità”.Mercoledì 2 giugno, ore 18.00, inaugurazione; giovedì 3 giugno, ore 17.30, workshop:“Piccoleimpreseemicrocredito: il ruolo delle banche locali”; ore 21.30: La “Max Gazzaruso & Swing FratisStreet Band” animerà piazza San Leo Luca con ritmi jazz e swing trascinando il pubblico in una divertente atmosfera anni ‘30; sabato 5giugno, ore 17.30, workshop e degustazione guidata: “Le tipicità alimentari: una risorsa nutrizionale e di sviluppo”; ore 21.30: saliranno sul palco allestito in piazza San Leo Luca i Parafonè.

ROMA Apertura nuovo show room di Elena Vera Stella Elena Vera Stella annuncia l’apertura del nuovo show room in Via Dell’oca, 33 a Roma. L’inaugurazione avrà luogo oggi , dalle 18.30.

Dibattito sulla figura di "Natuzza Evolo" L’avv. Gennaro Maria Amoruso presidente dell’associazione internazionale Calabresi nel Mondo e l’on. Domenico Naccari, consigliere comunalediRoma,delegatoairapporti con la comunità calabrese, invitano all’incontro dibattito sulla figura di "Natuzza Evolo" che si terrà mercoledì9giugno,alleore17.30,presso la sala delle conferenze della Camera dei deputati sita in Via del Pozzetto a Roma. Verràpresentatoil libro di Luciano Regolo "Natuzza Evolo. Il miracolo di una vita", Mondadori editore.



il domani