Page 1

Venerdì 05 Marzo 2010 Anno XIII - Numero 63

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

REGIONALI

TASSI

ENTI LOCALI

Riammesso listino Polverini, il Cav da Napolitano, Cdm straordinario

Invariati in eurozona ma la ripresa resta debole e incerta

Ampia fiducia per il governo sul decreto taglia sprechi

di Angie Rucola a pag » 24

di Carlo Bassi a pag » 25

di Ettore Zonno a pag » 4

La riforma della legge elettorale regionale ha cancellato il listino ma non ha previsto meccanismi per l’assegnazione dei nove seggi del premio di maggioranza

Calabria, elezioni a rischio annullamento

Anche l’ufficio centrale elettorale riconosce la validità delle tesi di Franco Corbelli, in assenza di chiarimenti potrebbe saltare la consultazione IL COMMENTO

Ogm, tolleranza zero

Potrebbe risolvere tutto solo un intervento del ministro degli Interni per consentire ai giudici di poter procedere alla assegnazione dei nove seggi del premio di maggioranza, adempimento oggi non possibile a pag » 10

LOTTA ALL’USURA A COSENZA

di Luca Zaia ministro politiche agricole

L’INTERVENTO

Napolitano e il Sud un giusto richiamo di Doris Lo Moro parlamentare Pd

Ribadiamo la nostra ferma contrarietà agli organismi geneticamente modificati. E ci muoveremo in tutte le direzioni a nostra disposizione per far sì che gli Ogm non attentino alla nostra agricoltura identitaria, culla della biodiversità che intendiamo preservare. Per questo avvieremo la procedura per richiedere la clausola di salvaguardia con cui bloccare la commercializzazione e la coltivazione di questi prodotti nei nostri territori. E valuteremo anche l’ipotesi di un referendum per consultare i cittadini: il volere del popolo è sovrano, e a noi risulta che la stragrande maggioranza degli italiani è contraria agli Ogm. Collaboreremo con chiunque vorrà essere al nostro fianco in questa battaglia. Non è vero, come vorrebbero farci credere...

COSENZA - Prestano soldi con il 60% di interesse annuo ad un dipendente pubblico e ne pretendono il pagamento con minacce e percosse: Francesco Ruffolo, di 58 anni, ed il figlio Giuseppe di 40, titolari di un’agenzia di trasporti, sono stati arrestati a Cosenza dalla polizia nell’ambito di un’operazione per il contrasto dell’usura.

segue a pag » 2

a pag » 11

Acquisto di un immobile si è tutelati dalla legge

Chiedevano interessi del 60 %, arrestati

Chi vuole acquistare un immobile ancora da costruire, è tutelato dalla legge che viene applicata, oltre nei casi di sottoscrizione di un contratto preliminare, anche in quelli in cui ne ricorrono gli stessi presupposti ed effetti di programmazione dell’acquisto di un immobile ancora da costruire.Spesso nella compravendita di un immobile, l’acquirente può trovarsi ad affrontare situazioni di crisi del costruttore. di Luana Rocca a pag » 20

Le parole del presidente Napolitano, che esprimono l’esigenza di mantenere l’intervento comunitario nelle regioni del Sud, sono da accogliere come uno stimolo per la classe dirigente italiana, chiamata ad impiegare al meglio risorse preziose, di cui il nostro Mezzogiorno ha ancora bisogno. Il presidente Napolitano, ancora una volta, ha legato la sua posizione di garante dell’unità del Paese, che egli esprime per ruolo e per convinzione, ad una visione più larga dei problemi, da convinto europeista e da interprete di un moderno meridionalismo. Dobbiamo essere tutti più consapevoli del fatto che le regioni meridionali hanno bisogno di una spesa pubblica ben orientata, indirizzando risorsesui settori innovativi e sulla ricerca. Il richiamo del Capo dello Stato merita un doveroso impegno da parte delle classi dirigenti locali, chiamate ad un impiego rigoroso dei fondi; ma anche da parte del governo nazionale in carica. Chi ha la responsabilità politica di guidare il Paese continua a mancare di una visione globale delle politiche di spesa, recependo il problema del riequilibrio finanziario di alcune cittàe zone del Paese, al di fuori di un disegno organico di risanamento delle finanze. Si continua purtroppo a prendere atto dell’esistenza di un divario fra il Nord ed il Sud del Paese come di un fatto ineluttabile, e mancano progetti di intervento strategici; si propongono invece opere pubbliche dal forte impatto mediatico, come il ponte sullo stretto di Messina e si sceglie la via della riduzione dei servizi come nel caso del taglio dei collegamenti ferroviari da e per la Calabria.


2

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Luca Zaia Ogm, tolleranza zero ... che questa coltivazione sarà destinata solo ad usi industriali, visto che verrà utilizzata anche per i mangimi animali. Questo significherebbe introdurre nella nostra catena alimentare gli organismi geneticamente modificati. Per dodici anni la Commissione ha continuato a dire no a queste coltivazioni in modo prudenziale; ora, invece, si decide di aprire la strada agli Ogm. È singolare che finora si sia tenuta una determinata linea, per poi abbandonarla improvvisamente. La nostra non è una presa di posizione ideologica bensì il frutto di un’analisi approfondita dei diversi aspetti della questione. Sul fronte economico, l’argomentazione secondo la quale migliorerebbe il reddito degli agricoltori è assolutamente infondata: gli agricoltori sono alle prese con le medesime difficoltà legate alla difficile congiuntura del settore con o senza Ogm, e anzi nelle Borse, come quella di Milano, Ogm-free prodotti come il mais e il grano registrano prezzi più elevati rispetto a

Borse, come quella di Chicago, che trattano commodities Ogm. Il problema, semmai, è quello di un mercato asfittico che bisogna rivitalizzare. Verrebbe la tentazione di chiedere una fideiussione sui loro capitali a coloro che raccontano favole agli agricoltori sugli Ogm panacea di tutti i mali. Inoltre, i cibi Ogm diventerebbero i cibi dei poveri, mentre quelli biologici alimenti per i ricchi. Ancora più odiosa è la teoria secondo la quale gli Ogm aiuterebbero a eliminare la fame nel mondo: il proble-

ma non è l’aumento della produzione, che può aversi tranquillamente senza Ogm, ma quali politiche mettere in atto per far sì che il cibo arrivi alle popolazioni più sfortunate del pianeta. Tra l’altro, la produzione degli Ogm è destinata perlopiù all’Occidente obeso, non certo a quella parte del mondo che muore di fame. E anche dal punto di vista della salute, la comunità scientifica è divisa, ma diversi studi dimostrerebbero ripercussioni sul sistema immunitario e alcune malattie, anche gravi. Per quanto riguarda l’aspetto ambienta-

Ancora più odiosa è la teoria secondo la quale gli Ogm aiuterebbero a eliminare la fame nel mondo: il problema non è l’aumento della produzione, che può aversi tranquillamente senza Ogm, ma quali politiche mettere in atto per far sì che il cibo arrivi alle popolazioni più sfortunate del pianeta

le, è opinione diffusa che non vi sia alcuna garanzia assoluta che le coltivazioni Ogm non vadano a intaccare il terreno circostante. Non vogliamo che i nostri territori, che si fondano sulla biodiversità e il rispetto dell’ambiente, siano contaminati da organismi che rischiano di avere impatti devastanti sull’intero ecosistema e di inquinare una agricoltura ricca e diversificata come la nostra. Per questo vogliamo rafforzare il sistema di certificazioni e di etichettatura, per dare il maggior numero di informazioni ai consumatori sulla presenza di tracce di Ogm negli alimenti. E devo dire che anche la soglia dello 0,9, al di sotto della quale non è necessario indicare la presenza di Ogm nelle sementi, non ci convince. A questo punto, apriamo un ragionamento approfondito anche sulla cosiddetta soglia di tolleranza.

Luca Zaia

L’INDISCRETO DELLA POLITICA

di Francesco Pungitore

Scopelliti scivola sulla.... “Rupa” E Scopelliti scivolò sulla “Rupa” o, meglio, su La Rupa Antonio detto “il giovane”, come Plinio. Solo che il senatore romano vantava uno zio di fama, storico e scrittore, mentre il nostro aspirante candidato alle regionali non possiede analoghe discendenze. Anzi... è figlio di persona non gradita a Scopelliti. E così il giovane Antonio-Plinio è incappato nella scure del codice etico che la politica nostrana si è data per mostrarsi più bella, moderna e trendy. Ma è così che si applica il discrimine per separare i buoni dai cattivi? Giustamente, Elio Belcastro (Mpa) ha tirato fuori il problema e lo ha affrontato in termini di assoluto equilibrio. «Hovotatoanch’ioinCommissioneantimafia le rigorosissime regole sull’applicazione del codice etico - ha detto. - Io voterò Antonio La Rupa e farò votare Antonio La Rupa, per sostenere un giovane che è una vera novità nel panorama delle candidature regionali. Non capisco il candidato governatore Scopelliti, le sue ansie, le sue prese di posizione eccessivamente dure nei confronti di un ragazzo di 21 anni che ha sposato il progetto politico di “Noi Sud” e le politiche antimafia, contro i comitati di affari, contro tutto ciò che ha reso la Calabria la cenerentola d’Europa». Basterà la difesa d’ufficio dell’Mpa?

:: www.ildomani.it ::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio) ::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Guido Talarico Amministratore

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

PRIMO PIANO

Con 305 sì e 245 no il Governo porta a casa la sua ventinovesima fiducia in meno di due anni. Il maxiemendamento sfoltirà già nel 2010 del 25% gli assessori comunali e provinciali

Tempi duri per gli enti locali, passa alla Camera il decreto taglia sprechi di Ettore Zonno

ROMA - Con quella che passerà alla storia come la ventinovesima fiducia ottenuta dall’attuale Governo in meno di due anni, si prevedono ufficialmente tempi duri per gli enti locali e per i suoi amministratori: il maxiemendamento passato a Montecitorio con 305 favorevoli e 245 contrari (il voto sull’intero provvedimento è atteso per martedì 9 marzo dopodiché passerà al Senato per il via libera definitivo) metterà a segno una serie di tagli finalizzati si al risparmio dai costi della politica ma soprattutto a normalizzare

una situazione che la maggioranza riteneva da tempo insostenibile. Va da sé che la scelta di porre la fiducia non sia piaciuta all’opposizione, né tantomeno al presidente dell’Anci nonché sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. «Tuttavia - spiega chiaramente un articolo apparso sul sito del quotidiano il Sole 24 Ore - con i termini per la conversione in legge che scadono il 27 marzo e le elezioni regionali alle porte, l’esecutivo si è messo al riparo da una possibile imboscata sul provvedimento che interviene sui costi della politica, allenta il patto di stabilità interno e "salva" i conti di Roma capitale».

Le principali novità apportate dall’emendamento riguardano innanzitutto il taglio anticipato sugli assessori comunali e provinciali: già in questo 2010 avverrà il taglio del 25% degli assessori comunalieprovinciali,mentreresta ferma al 2011 la sforbiciata del

25%

È il taglio degli assessori comunali e provinciali che è stato anticipato al 2010

«Con i termini per la conversione in legge che scadono il 27 marzo e le elezioni alle porte l’esecutivo si è messo al riparo da possibili sgambetti al provvedimento che interviene sui costi della politica» 20% ai consiglieri di comuni e province. Entro quella data andranno inoltre cancellati i difen-

sori civici comunali, le circoscrizioni nelle città con meno di 250mila abitanti, i direttori generali dei municipi con meno di 100mila abitanti, i consorzi tra enti locali, fatti salvi i bacini pluviali montani. Sempre tra un anno spariranno gli Ato (le Autorità di ambito territoriale), che gestiscono servizi idrici e rifiuti. «Al fine di allentare i vincoli sugli enti locali poi - spiega ancora il quotidiano economico - il provvedimento introduce l’esclusione dal 2009 dei dividendi derivanti da operazioni straordinarie fatte da società quotate municipali e quella delle opere realizzate per i grandi eventi. Al tempo stesso slitta da marzo a fine maggio il ter-

mine per la certificazione dell’Ici sui fabbricati rurali». Non indifferente l’aiuto che l’emendamento porterà ai conti sofferenti di Roma. La capitale potrà tornare a investire: il sindaco Gianni Alemanno non sarà più commissario.Entro 30 giornidalla data di conversione in legge del Decreto legge verrà nominato un commissario straordinario per la gestione del piano di rientro. Da quel momento in avanti la gestione ordinaria sarà separata da quella commissariale e graveranno solo su quest’ultima tutti i debiti contratti entro la data del 28 aprile 2008.

Il provvedimento introduce l’esclusione dal 2009 dei dividendi derivanti da operazioni straordinarie fatte da società quotate municipali e quella delle opere realizzate per i grandi eventi


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

Politici e mentalità: un italiano su quattro si vergogna del suo Paese Mentre uno su due ne è imbarazzato. Da un sondaggio dell’istituto di Renato Mannheimer di Ludovico Casaburi

ROMA - Diciamo la verità: non è che sia una notizia così sconvolgente. Soprattutto alla luce di quanto abbiamo messo in mostra di noi nell’ultimo periodo. Di che si parla? Del fatto che un cittadino italiano su quattro - ovvero il 25 per cento dei nostri colleghi paisà - si vergogna di essere parte dell’Italia, e che addirittura il 50 per cento ha un motivo per essere imbarazzatodel suo Paese.La notizia è frutto dei risultati di un sondaggiorealizzatodall’istitutoIspo di Renato Mannheimer in occasione della rassegna "La storia in piazza" che si terrà a Genova dal 15 al 18 aprile prossimi. Dal campione scelto di 800 intervistati «molto rappresentativo» della popolazione italiana, si nota che «il sentimento di identità nazionale è diffuso ma moderato», come spiega Mannheimer, dato che alla domanda su quale sia la dimensioneterritorialea cui

si sente di appartenere di più, il 46 per cento degli intervistati ha risposto lo Stato, il 26 per cento il Comune, mentre solo il 13 per cento ha dato la sua preferenza all’Europa. Nel complessoil senso di appartenenza all’Italia è in lieve calo rispetto al 2004. In particolare, il 69 per cento degli intervistati ha spiegato che, quando pensa allo Stato italiano, prova «un sentimento di orgoglio e di appartenenza», mentre il 33 per cento,

In particolare, il 69% degli intervistati ha spiegato che quando pensa allo Stato italiano prova «un sentimento di orgoglio e di appartenenza», mentre il 33% ha detto di sentirlo «come una cosa che non lo riguarda»

Alberto Sordi in "Un americano a Roma", 1954

uno su tre, ha detto di sentirlo «come una cosa lontana che non lo riguarda». Fra questi ultimi, vale a dire tra quelli più "freddi" il 25 per cento ha addirittura aggiunto di «vergognarsi di farne parte». Un italiano su due ha poi citato un aspetto per cui è imbarazzato del suo Paese: indovinate un po’? In testa alla hit-parade

non potevano che esserci i nostri rappresentanti politici, seguiti a maglie strette da un grande classico cliché tipico del retaggio tricolore, vale a dire quello della «mentalità».L’aggetivopiùadatto lo si può aggiungere a piacere: arretrata, pigra, mammona o truffaldina. Evviva l’Italia e gli italiani che non si smentiscono mai.

Ma quel 25% sarà anche virtuoso? In queste cose è difficile dire chi abbia ragione: dei sondaggi si può solo prendere atto, magari alzando un sopracciglio. La sagace scelta della foto di Alberto Sordi la dice più lunga di qualsiasi commento, secondo i dettami del proverbio cinese: un’immagine vale diecimila parole. Ma quello che ci piacerebbe chiedere è una cosa molto più semplice. Visto che sappiamo benissimo i motivi per cui quel 25 per cento si vergogna di essere italiano, visto che almeno una volta al giorno ci capita di inveire contro i danni di quel modo di essere, nei ritardi in coda per colpa dei furbetti, nel pagare le tasse anche per chi non lo fa, nel soffrire i disagi per quello che lo Stato non ci dà in cambio dei soldi che gli diamo... visto tutto questo, perché non proviamo a cambiare? Non è difficile: molti buoni individui fanno una buona nazione. Loro almeno sono indenni? Sarebbe un inizio...

La cultura del ricordo In occasione del Trigesimo della morte del Signor GIUSEPPE CORAPI sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima benedetta giovedì 4 marzo alle ore 15.30 nella Chiesa di S. Maria del Carmelo a Siano (Catanzaro).

In occasione del Trigesimo della morte della Signora ANNA CONCETTA MAIELLO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 5 marzo alle ore 17.30 nella Chiesa di Santa Teresa dell’Osservanza a Catanzaro.

In occasione del Trigesimo della morte del Signor CARLO BITONTI sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima benedetta venerdì 5 marzo alle ore 16.00 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro.

In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor BIAGIO MARRA sarà celebrata una messa in suffragio sabato 6 marzo alle ore 18.00 nella Chiesa Madonna dei Cieli a Catanzaro.

Nel Trigesimo del ritorno alla Casa di Dio della Signora EMILIA SPINA GEMELLI sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 1 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa della Maddalena a Catanzaro. In occasione del Trigesimo della morte della Signora CONCETTA BATTAGLIA sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 1 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa Sacra Famiglia in località Corvo a Catanzaro. In occasione del 1° anniversario della morte della Signora GIUSEPPINA FREGOLA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.00 nella Chiesa del Carmine a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora ASSUNTA CERMINARA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.00 nellaChiesadiPontegrandea Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CONCETTA SPAGNOLO sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Maria Assunta a Gagliano (Catanzaro).

In occasione del trigesimo della morte del Signor ELIO BILOTTA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa della Maddalena a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora ELENA BELLINI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa Nuova di Mater Domini a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor ANTONINO ROMEO sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 16.00 nella Chiesa Madonna dei Cieli a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora MARIA ALFIERI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Teresa dell’Osservanza a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor ANTONIO GULLI’ sarà celebrata una messa in suffragio mercoledì 3 febbraio alle ore 18.00 nella Chiesa Madonna di Pompei a Catanzaro.

Accettazione telefono

0961 996.802 ORARIO: 9,00-13,00 | 15,00-18,00


6

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

PRIMO PIANO

L’iniziativa volta a sostenere la rapida ripresa dei cicli produttivi è stata promossa dalla Camera di Commercio di Vibo, Cna e Artigianfidi Calabria-Consorzio Garanzia Fidi

Maierato: protocollo d’intesa per microcredito a favore delle Pmi di Giulio Crocitti VIBO VALENTIA - Camera di Commercio di Vibo, Cna e Artigianfidi Calabria - Consorzio Garanzia Fidi dell’organizzazione hanno stipulato un protocollo d’intesa per un’azione di microcredito a favore delle piccole imprese del comune di Maierato .Una concreta iniziativa finalizzata a sostenere la rapida ripresa dei cicli produttivi del comune di Maierato completamente raso al suolo da una terribile frana qualche settimana fa. Si vanno così a concretizzare i

primi utili interventi proposti nella riunione operativa dello scorso venerdì 26 febbraio alla Camera di Commercio di Vibo Valentia e convocata dal Commissario Michele Lico per definire, insieme al Sindaco Rizzo, alle imprese, alle Associazioni di Categoria, ai Sindacati e agli Ordini Professionali, le azioni urgenti e prioritarie a sostegno del sistema economico e produttivo nel comune del vibonese. "Al fondo deliberato dalla Camera di Commercio di Vibo, nella previsionale massima di 200 mila euro - è scritto in un comunicato - si aggiunge così lo stanziamento

nella misura minima di 20 mila euro che Cna ha disposto attraverso Artigianfidi, che disponendo di fondi rischi presso le banche che operano nel comune di Maierato, ha svincolato tale somma trasformandola, appunto in fondo conto interesse per l’abbattimento dei tassi sui mutui a cui potranno accedere le imprese danneggiate". Sarà Artigianfidi, inoltre, a curare l’istruttoria bancaria delle richieste di finanziamento, deliberare la concessione della garanzia e presentare la richiesta di finanziamento all’istituto di credito. "L’azione di microcredito nelle fi-

nalità e negli obiettivi - prosegue il comunicato di Cna - sarà sostenuta dal fattivo supporto di Cna provinciale anche attraverso il supporto tecnico dello sportello informativo istituito nel Comune di Maierato". La stipula del protocollo d’intesa è avvenuta alla presenza di Sergio Rizzo e Gregorio Tolomeo, rispettivamente sindaco e assessore al bilancio del comune di Maierato, Bruno Calvetta, segretario generale della Camera di Commercio, Vincenzo Pepparelli - se-

gretario regionale Cna, Franco Gioghà - presidente onorario Cna Vibo Valentia.

Al fondo deliberato dalla Camera di Commercio, di un massimo di 200mila euro si aggiunge lo stanziamento nella misura minima di 20mila euro

Soverato per lo sviluppo informatico: al via seminario "e-Skills, scuola e mondo del lavoro" SOVERATO - Le nuove tecnologie stanno rivoluzionando gli ambienti di lavoro con innumerevoli vantaggi: lo riconosce anche la Commissione europea, che ha indetto per i giorni 1 al 5 marzo la settimana europea delle competenze IT. E la Calabria non rimane certo indietro. Si svolgera martedi 9 marzo a Soverato presso l’I.P.S.S.A.R. (Istituto Professionale Statale dei Servizi Alberghieri e di Ristorazione), infatti, un seminario incentrato sulle competenze digitali per la società della conoscenza, in sinergia tra scuola e mondo del lavoro. L’iniziativa è stata organizzata dal Nucleo territoriale - ex Irre Calabria - dell’Agenzia Nazionale per il Supporto dell’Autonomia Scolastica (Ansas) nell’ambito dell’attività di sensibilizzazione, denominata "eSkills week", promossa da European Schoolnet e da Digitaleurope, con l’obiettivo di favorire la consapevolezza della richiesta crescente di professionisti altamente qualificati nel campodelle tecnologiedell’informazionee della comunicazione (tic) e di utenti attivi

nell’industria. All’incontro parteciperanno, oltre alle autorità pubbliche, rappresentanti di associazioni di categoria, di società e imprese calabresi nonché alcune scuole della regione con i ragazzi che saranno i veri protagonisti, che hanno svolto attività didattiche con l’utilizzo delle tecnologie digitali. Ansas è l’agenzia istituita presso il ministero della pubblica istruzione allo scopo di sostenere l’autonomia delle istituzioni scolastiche nella dimensione dell’Unione europea ed i processi di innovazione e di ricerca educativa e favorirne l’interazione con il territorio. European Schoolnet è la rete di 31 ministeri della pubblica istruzione creata con lo scopo di promuovere l’innovazione nell’insegnamento e nell’apprendimento. Digitaleurope rappresenta l’industria europea delle tecnologie digitali e comprende imprese nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e dell’elettronica di consumo. G.C

Cosenza, Confindustria promuove sviluppo delle Pmi Si svolgerà il prossimo 9 marzo nella sede degli Industriali cosentini il convegno "Le reti d’impresa per uscire dalla crisi e riprendere lo sviluppo", organizzato da Confindustria Cosenza con l’Associazione italiana politiche industriali (Aip) e Ubi Banca Carime. Il convegno ha l’obiettivo di proseguire con il dibattito iniziato nel 2008 e proseguito lo scorso anno con la presentazione dei due interessanti volumi "Modelli di crescita delle Pmi" e "Reti d’impresa oltre i distretti" a cura dell’AIP. Parteciperanno il vicepresidente Confindustria per le politiche territoriali e presidente RetImpresa Aldo Bonomi, il presidente dell’Aip Domenico Palmieri, il presidente di Confindustria Calabria Umberto De Rose, il Magnifico Rettore dell’Università della Calabria Giovanni Latorre, il presidente della società cooperativa Associazioni Latte Calabresi Camillo Nola, il direttore generale Ubi Banca Carime

Raffaele Avantaggiato, il presidente e il direttore di Confindustria Cosenza Renato Pastore e Rosario Branda. «Dalla descrizione dei modelli di rete - sottolinea il Presidente Renato Pastore passeremo ad indicare in concreto come adoperarsi per la creazione di questo tipo di aggregazioni. La ricerca curata da Aip ed edita da Il Sole 24 Ore "Fare reti d’impresa" disegna "il kit del costruttore di reti" per fornire anche le modalità operative di attuazione della nuova legge sul Contratto di rete approvata dal Parlamento nel luglio 2009». Per il presidente dell’Aip Domenico Palmieri «lo sviluppo delle reti di impresa deve essere inteso come strumento per aiutare ad uscire dalla crisi, attuando quella riforma del sistema industriale italiano che spinge verso forme di aggregazioni aziendali che consentano di superare l’handicap rappresentato dalla dimensione troppopiccoladellamaggioranza delle imprese italiane e calabresi».


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Interrogazione dei parlamentari Pd Oliverio e Lulli presentata al ministro dello Sviluppo, Scajola

Crisi “Sasol/Gres”, Oliverio: «Il Governo non resti più a guardare» La grave crisi che la città di Crotone sta attraversando sta provocando le dure reazioni del mondo politico. E in particolare sulla condizioni dei lavoratori della "Sisol/Gres". Ieri in tal proposito è stata presentata un’interrogazione parlamentare al ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola dai parlamentari del Partito democratico Nicodemo Oliverio, capogruppo in Commissione Agricoltura alla Camera, ed Andrea Lulli, capoguppo in Commissione Attività Produttive alla Camera, i quali denuciano come la fase recessiva che ha investito il Paese rischia di comportare per la Calabria, e in particolare per la provincia di Crotone, la perdita definitiva delle poche strutture produttive ancora esistenti e

un’ulteriore caduta dell’occupazione: «Tra le vertenze occupazionalipiùdelicateattualmentein corso a Crotone, si segnala quella della Sasol/Gres, che ha portato, nei giorni scorsi, gli operai dell’ex stabilimento di Sasol Italy prima a promuovere manifestazioni di protesta con cartelli e striscioni sulla strada statale 106 davanti ai cancelli ed ora ad occupare stabilmente la sede dello stabilimento». Come ricordano i parlamentari Lo stabilimento Sasol Italy SpA ha sempre rappresentato un importante polo industriale della Calabria, oltre al fatto di aver contribuito ad impiegare una notevole forza lavoro. Le preoccupazioni dei lavoratori si erano manifestate già nei mesi scorsi, in concomitanza con l’insorgere di con-

La sala in cui sono esposte le opere

tenziosi con le ditte dell’indotto, che rivendicano fatture non pagate dalla scorsa estate, e con lo svuotamento dei magazzini delle materie prime, senza che arrivassero ulteriori rifornimenti. «Il blocco dell’attività produttiva affermano gli esponenti Pd - per mancanza di materie prime da impiegare nel processo produttivo, e non per una crisi di sovrapproduzione, appare ingiustificato alla luce della crescita della richiesta di allumina precipitata e di zeoliti sul mercato internazionale». E tale situazione sta determinando il ritardo nel pagamento degli stipendi degli ultimi mesi, il mancato impiego delle maestranze che regolarmente si recano negli stabilimenti, e soprattutto una preoccupante incertezza per le prospettive future di mantenimento delle attività e degli attuali livelli occupazionali. Per queste ragioni i due parlamentari chiedono al ministro Scajola quali urgenti iniziative intenda assumere al fine di verificare la situazione che si è venuta a determinare per la ‘Kroton Gres 2000 srl’individuando inoltre una sede di confronto nazionale cui prendano parte le istituzioni nazionali e locali, le parti sociali e la stessa impresa per «favorire la definizione di un piano industriale credibile per consentire un reale riavvio dell’attività dello stabilimento e per impedirne la definitiva chiusura, a tal fine verificando la possibilità di un coinvolgimento della ex Sasol». Oliverio e Lulli, inoltre, chiedono al ministro l’inserimento della provincia di Crotone tra le aree considerate in crisi. Giuseppe Tetto

di Daniele Tosatti

Regionali: i produttori di vino chiedono certezze ai candidati alla presidenza della Calabria

CATANZARO - I produttori di vino attraverso il sito vinocalabrese.it hanno inviato, ai candidati alla presidenza della Regione in corsa per la prossima tornata elettorale di fine Marzo, i quesiti prioritari per la vita e lo sviluppo di un comparto strategico del settore agroalimentare. Quesiti sulle procedure burocratiche, sulla valorizzazione del mondo vitivinicolo calabrese, sulla tutela e la valorizzazione del patrimonio vinicolo regionale, con una lunga e forte tradizione alle spalle, degna di essere valorizzata soprattutto da chi, come Loiero, Scopelliti e Callipo, si candidano a gestire i processi di sviluppo della regione. La produzione vitivinicola e la coltura della vite hanno una stretta relazione con il territorio e il paesaggio e la politica ha la necessità di intraprendere con gli attori di questo settore una relazione proficua. Il vino calabrese si é candidato come uno degli assi strategici per lo sviluppo della Calabria e per questo chiede ai candidati le loro

relazioni tra i produttori calabresi e tra questi e gli operatori del settore, diventa veicolo per amplificare le emergenze dei propri utenti. Volevamo solamente raccogliere in un unico strumento le notizie sul vino calabrese diluite nella rete, ma abbiamo stimolato un’esigenza latente: il desiderio degli operatori di "incontrarsi" e di collaborare".

attenzioni e quali sono i progetti per un settore che può rappresentare una fonte di occupazione determinante e una occasione di sviluppo di una terra votata alla produzione di vino di qualità. "Stiamo assistendoad un caso di virtuoso sf-

ruttamento della rete - afferma GiovanniGagliardiresponsabiledi vinocalabrese.it -. Il nostro sito, che risulta un unicum nel panorama della comunicazione del vino in Italia, oltre ad essere una piattaforma di scambio di notizie e di

Il vino calabrese si é candidato come uno degli assi strategici per lo sviluppo della Calabria e per questo chiede attenzione


8

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

PRIMO PIANO

Dopo l’entrata in vigore della nuova normativa studiata dal ministro della Giustizia Alfano è scoppiata la polemica tra il Csm e l’Unione delle camere penali sulla tempistica adottata

Procure scoperte, il Csm stila l’elenco ed è allarme anche in Calabria Quattro procure non hanno più nemmeno un sostituto; e in 26, cioè in più della metà di quelle destinate a essere dichiarate "disagiate", la scopertura ha raggiunto o addirittura superato il 50 per cento Nicola Mancino

di Alessandro Caruso ROMA - L’applicazione della nuova normativa sulle sedi disagiate, tra cui quelle calabresi, comincia a essere espletata. Tra le polemiche. Ieri il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Nicola Mancino, ha risposto all’Unione delle camere penali che, in questi giorni, aveva accusato palazzo dei

Il problema delle procure non è solo meridionale: tra le sedi che hanno i requisiti per essere dichiarate disagiate 9 sono nel Nord

L’auto di servizio del sostituto procuratore di Catanzaro resta a terra. Laratta chiede spiegazioni ad Alfano

Marescialli di non voler adempiere ai nuovi obblighi di legge: «Attribuire al Csm la volontà di tergiversare, di cercare sotterfugi per non applicare la normativa non è corretto». Lo ha chiarito Mancino poco prima della delibera con la quale il plenum ha inviato al ministro della Giustizia un primo, parziale, elenco delle procure che hanno i requisiti per essere dichiarate disagiate e cioè una scopertura superiore al 20% e per le quali non è stata presentata alcuna domanda da parte dei magistrati. La nuova legge, entrata in vigore alla fine del mese di febbraio, prevede incentivi per i magistrati che vanno in quelle sedi, ma anche il ricorso al trasferimento d’ufficio, cioè coattivo, in assenza di domande. L’elenco inviato al ministro ri-

ROMA - Un sostituto procuratore costretto a rinunciare all’auto di servizio perché rimasta senza benzina. È successo a Catanzaro e il caso è finito a Roma, precisamente a palazzo Montecitorio: «Se non fosse una cosa dannatamente seria e preoccupante, diremmo che a Catanzaro siamo di fatto alla farsa». Lo ha scritto l’on. Franco Laratta in una interrogazione urgente depositata ieri alla Camera dei deputati, riprendendo una nota diffusa dall’Ansa. Il deputato chiede come sia potuto accadere che l’auto di servizio del sostituto procuratore di Catanzaro, Gerardo Dominijanni, sia rimasta senza benzina, costringendo così il magistrato ad utilizzare la propria auto per gli spostamenti. Una cosa che se non

guarda 71 tra procure e uffici giudicanti di primo grado per 181 posti da coprire, superiori a quelli indicati dalla legge che ha previsto la copertura finanziaria per un massimo di 150 posti. Mancino ha fatto presente che la legge sulle sedi disagiate è entrata in vigore il 27 febbraio scorso: «Sono passati solo quattro giorni e già si parla di ritardi», ha fatto notare, spiegando che il Csm non può ricorrere subito alla misura estrema dei trasferimenti d’ufficio senza aver verificato se i posti non possono essere ricoperti con volontari. «Ci sono tempi di intervento non discrezionali, ma previsti dalle procedure, che vanno rispettati». Per questo, è stato spiegato, il Csm "non merita" che gli si attribuiscano "sotterfugi e furbizie" per aggirare la normativa. Dalla delibera del Csm emer-

Franco Laratta

fosse grave, sarebbe molto simile ad una farsa. Per il parlamentare del Pd «il dottor Dominijanni si trova da mesi al centro di una serie di vicissitudini mortificanti per la sua dignità professionale e tali da mettere in pericolo la sua stessa vita. Fino ad alcuni mesi fa, era in servizio alla Dda catanzarese dove si è occupato della criminalità». Un incarico che il magistrato ha lasciato nel dicembre

gono purtroppo dati allarmanti, come del resto è stato più volte denunciato anche da queste colonne: quattro procure non hanno più nemmeno un sostituto; e in 26, cioè in più della metà di quelle destinate a essere dichiarate "disagiate", la scopertura ha raggiunto o superato il 50%, il che vuol dire che in quegli uffici, giudiziari, localizzati soprattutto al Sud, nella migliore delle ipotesi, manca un pm su due. Un elenco destinato probabilmente a crescere, anche tenuto conto della situazione generale di "gravità delle carenze di organico" degli uffici giudiziari di primo grado in tutta Italia: i posti scoperti sono 1128: 264 nelle procure e 452 nei tribunali. L’allarme rosso è anche in Calabria: con Crotone che registra una scopertura

scorso perché ha avvertito che il problema della sua sicurezza fosse sottovalutato nonostante un pentito avesse parlato di un progetto di attentato ai suoi danni "la mancata". In una lettera al procuratore Lombardo, il dott Dominijanni denunciava la mancata attuazione del sistema di protezione disposto dal Comitato provinciale per la sicurezza pubblica di Catanzaro. «Affermare - diceva nella lettera - che la vicenda assume aspetti paradossali non mi appare esagerato. Da un verso, su indicazione delle forze dell’ordine, si richiamano i magistrati all’osservanza delle prescrizioni in materia di sicurezza, dall’altro si assiste contestualmente alla continua, nonostante le segnalazioni, elusione delle misure di tu-

dell’83%, Paola del 67 e Palmi del 60%. Anche in questo caso il quadro è destinato a peggiorare, visto che con l’ultimo bando di Palazzo dei marescialli su 39 posti nella regione ne sono stati coperti solo 5. Le quattro procure senza più nemmeno un magistrato in servizio, ma che si reggono solo sulle spalle del procuratore capo, sono tutte in Sicilia (Enna, Nicosia, Mistretta e Sciacca). Una regione che in tutto conta 12 procure con l’acqua alla gola, tra cui anche quelle di Palermo (dove su 16 posti messi a concorso ne sono stati coperti solo 13 e oggi la carenza dei pm è del 20%), di Trapani (scopertura del 55%), di Agrigento (38%). Sempre in Sicilia, tra le situazioni più preoccupanti vi sono quelle di Gela e Barcellona Pozzo di Gotto: in entrambe manca l’80 per cento dei pm; e le prospettive sembrano ancora più nere, visto che con l’ultimo concorso bandito dal Csm sono rimasti scoperti 70 posti da pm. Nellastessaregionesoffronopure i tribunali, per la prima volta inseriti nelle sedi disagiate, a cominciare da quelli di Caltanissetta ed Enna. Tuttavia i dati del Csm confermano che ormai il problema delle procure non è solo meridionale: tra le sedi che hanno i requisiti per essere dichiarate disagiate ce ne sono 9 del Nord: Brescia, Bergamo, Aosta, Biella, Ivrea, Mondovì, Gorizia, Belluno e Rovigo.

Crotone registra una scopertura dell’83%, Paola del 67 e Palmi del 60%. Anche in questo caso il quadro è destinato a peggiorare, visto che con l’ultimo bando del Csm su 39 posti nella regione ne sono stati coperti solo 5

tela. Nel frattempo mi è stato comunicato l’esaurimento del carburante della vettura blindata a me in uso». Nella sua interrogazione, l’on Laratta ha chiesto al ministro della Giustizia di riferire alla Camera se sia a conoscenza di quanto accaduto al dott. Dominijanni; per quali ragioni non è mai stato applicato il sistema di protezione previsto per il magistrato per le minacce subite; come sia potuto accadere che perfino la sua auto di servizio rimanesse senza carburante e quali misure intende adottare per garantire protezione al magistrato.


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

Dopo l’epilogo dell’inchiesta Why Not e l’assoluzione di Loiero e Chiaravalloti l’ex pm che diede il via alle indagini racconta la sua verità

De Magistris: «Forse in Calabria la legge non è uguale per tutti» La sfida delle Regionali profuma di derby... ai Catanzaresi non piace la maglia amaranto

di Luana Rocca CATANZARO - E dopo l’ennesima spallata arrivata all’impianto accusatorio di Luigi De Magistris per l’assoluzione di Loiero sull’inchiesta Why not, l’ex magistrato ironizza sulla Calabria e su tutto il caso che sta avvolgendo la Regione. « In Calabria la legge non è uguale per tutti. C’è un numero vergognosamente basso di condanne per corruzione. O in Calabria non c’è corruzione oppure la questione morale investe la magistratura almeno quanto la politica. Non tutta la magistratura ovviamente». Queste le parole di De Magistris sull’esito del processo Why not, l’inchiesta che lui stesso aveva avviato, e che poi è stata accaparrata dalla Procura generale. Una Calabria soffocata da reati a vario titolo come quelli di corruzione, associazione a delinquere, violazione della legge Anselmi sulle associazioni segrete, truffa e finanziamento illecito ai partiti coinvolgendo politici calabresi efunzionari regionali. Questo il quadro generale che l’inchiesta aveva messo in luce. Ora De Magistris non vuole più nessuna responsabilità su questo

«In Calabria c’è un numero basso di condanne di corruzione. O qui questa non esiste oppure la questione morale investe la magistratura almeno quanto la politica»

esito dato che, per lui, l’inchiesta gli è stata sottratta illigittamente nel 2007. La successiava conduzione è stata continuata dalla Procura di Salerno che ha dato particolare riguardo alla correttezza dell’operato di dell’ex pm iscrivendo anche nel registro degli indagati molti magistrati che hanno condotto Whi not dopo di lui. De Magistris non ha paura di parlare e di accusare e, senza peli sulla lingua, ha voluto ricordare che «magistrati indagati da Salerno, per reati gravi, nella conduzione di Why not, sono ancora a loro posto. Mi riferisco a Murone o a Dolcino Favi. È questa la magistratura che avrebbe dovuto portare avanti Why not? Secondo me non si possono fare processi a Catanzaro. Non è possibile, che al di là di Why not, i politici siano sempre assolti». E proprio in merito al presidente dellaregioneCalabria,AgazioLoiero, l’ex pm ci tiene a ricordare che non è stato lui ad iscriverlo nel registro degli indagati. «Se oggi sono un politico è perché di fatto sono stato allontanato dalla

magistratura. Se identifichiamo la questione morale con il casellario giudiziario, se non la colleghiamo al modo di gestire, l’amministrazione della cosa pubblica, l’abbiamo risolta con estrema facilità. Non mi pare che sia il caso». Così conclude De Magistris avvolgendo la magistratura con un velo che lascia in ombra tutta la questione. Ora possiamo solo auspicare che la nostra Regione già alle strette con crisi e ’ndrangheta, non cadi anche sotto un sistema corrotto e che l’esito dell’inchiesta abbia portato a fare passi in avanti.

« Loiero sa bene che nel registro degli indagati non l’ho iscritto io. Se oggi sono un poitico è perché di fatto sono stato allontanato dalla magistratura»

Sui candidati e sul futuro della Calabria ognuno dice la sua. Ed ecco che non manca neanche il duro attacco dal comitato « Catanzaro nel cuore» che dà ragione a chi ritiene che Scopelliti come governatore della Calabria possa depotenziare il capoluogo calabrese. E già sta facendo molto per depotenziarlo dato che Scopelliti sta dando molte prove sul dimostrare di non essere un politico in grado di garantire l’unità dei calabresi. E proprio in questa occasione il Pdl provinciale sta dimostrando molta ingenuità dal momento che non riesce a comprendere che lo status di capoluogo non reclama il semplice pennacchio ma richiede contenuti certi, rappresentati da prerogative, funzioni, competenze e ruoli intoccabili. Tutti sono pronto a tutto durante le campagne elettorali e perciò, per il comitato,sentirsi dire da Peppe Scopelliti che «il capoluogo non si tocca» è una banale ipocrisia che puzza proprio di campagna elettorale. «Non si possono credere alle parole di Scopelliti quando fino a ieri, egli ha contrastato in ogni modo e con ogni mezzo il ruolo di Catanzaro». «Come si suol dire di parole se ne sentono tante, ma i fatti?». «E come fare per dimenticare le parole che, il caro politico, ha dichiarato solo pochi mesi fa? Ossia di accettare la candidatura di governare solo se avesse beneficiato la sua Reggio». E "Catanzaro nel

cuore" non si risparmia nelle accuse e nella difesa della sua città ricordando anche uno Scopelliti che «ha trascinato Catanzaro nelle aule dei tribunali per derubare al capoluogo di regione ruoli e funzioni». O meglio: «Qualcuno ha già dimenticato la vicenda della Direzione regionale del Lavoro, o quella più recente delle Dogane? O la pretesa di richiedere per Reggio il Comando militare regionale? O il suo attivarsi per soffiare a Catanzaro il competence - center delle Poste Italiane?». E inoltre «tutte le bugie storiche raccontate al suo fido Italo Bocchino il quale, imboccando, è stato indotto ad affermare che lo status metropolitano per Reggio è un atto dovuto come risarcimento per i torti subiti da quella città negli anni ’70». Ebbene allora «chi risarcirà ora Catanzaro?». A seguito di ciò, se ormai l’argomento «capoluogo» è entrato in piena campagna elettorale, bisogna assumersene le responsabilità perdefinirloconcretamente.


10

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Guccione: serve accesso antimafia alla Provincia di Crotone CROTONE - Nel corso della conferenza stampa di presentazione della lista ufficiale dei candidati del Partito democratico al Consiglio regionale, il segretario regionale del Pd calabrese, Carlo Guccione, si è chiesto, tra l’altro, come mai, ancora, il Ministro dell’Interno non abbia proceduto a disporre l’accesso alla Provincia di Crotone della Commissione deputata a verificare se esistono

legami o infiltrazioni della ’ndrangheta in questa istituzione. La richiesta di Guccione, arriva alla luce della vicenda che ha portato alle dimissioni del senatore Dei Girolamo e che vede protagonisti tre consiglieri provinciali di Crotone. Tra questi il vicepresidente della Giunta, uno dei quali risulta essere candidato nella lista del candidato alla presidenza della Regione per il cen-

trodestra, Giuseppe Scopelliti. «Ci aspettiamo ha concluso Carlo Guccione- che ciò avvenga al più presto e sichiarisca definitivamente se ci sono state ingerenze nella campagna elettorale per il rinnovo dell’Amministrazione provinciale di Crotone del maggio 2009». r.c.

Il leader del Movimento parla di un «clamoroso colpo di scena». Senza chiarimento del meccanismo per assegnare nove seggi, le elezioni rischiano l’annullamento

Ex listino, ufficio centrale elettorale dà ragione a Corbelli e Diritti civili COSENZA - Anche in Calabria elezioni a rischio annullamento. L’ufficio elettorale centrale regionale ha comunicato al leader del movimento Diritti Civili che, in effetti, un grosso dubbio pende sulla mancata assegnazione dei seggi precedentemente previsti nel listino bloccato e, poi, cassati con la recente riforma elettorale. Un clamoroso colpo di scena, dunque, in Calabria, dopo le denunce e la battaglia del leader del Movimento diritti Civili, Franco Corbelli, per la vicenda dell’ex listino regionale bloccato (l’assegnazione del premio di maggioranza alla coalizione vincente). E’ lo stesso Corbelli (che esprime "grande soddisfazione" per quella che considera «una prima, importante, significativa vittoria della sua lunga e solitaria battaglia di trasparenza, legalità, democrazia e giustizia per garantire la regolarità delle elezioni regionali calabresi ed evitare che le stesse vengano annullate, dopo il voto") che rende nota la notizia, che definisce un vero terremoto politico, la risposta cioè dell’Ufficio elettore centrale regionale, al

suo appello dei giorni scorsi con il quale chiedeva ai giudici della Corte di Appello di Catanzaro di "far conoscere con quale sistema elettorale (maggioritario o proporzionale) sarebbero stati assegnati i nove seggi del premio di maggioranza ( l’ex listino abrogato dal Consiglio regionale il 6 febbraio scorso): spettano ai primi non eletti o a quelli che occupano i primi posti nelle liste del candidato presidente eletto che hanno superato la soglia di sbarramento e partecipano quindi alla ripartizione? La novità clamorosa, destinata a fare dopo il Lazio e la Lombardia, della Calabria un nuovo caso nazionale, sta nella risposta della presidenza dell’Ufficio elettorale centrale regionale che, dopo il mio appello dei giorni scorsi, mi ha comunicato telefonicamente che il problema (del mancato chiarimento del meccanismo di riparto dei nove seggi) esiste, che non è stato ancora affrontato e che si aspetta e si auspica che arrivi un chiarimento del legislatore prima del voto, per consentire ai giudici di poter procedere alla assegnazione dei nove

seggi del premio di maggioranza, cosa oggi purtroppo non possibile per il mancato chiarimento del meccanismo di attribuzione di questi stessi seggi. I giudici dell’Ufficio elettorale centrale continua Corbelli - hanno ancora una volta dimostrato grande correttezza, senso di responsabilità e delle istituzioni, che gli fa onore. Hanno accettato le liste regionali dei candidati alla presidenza della Regione, per non incorrere nel reato di omissioni in atti d’ufficio, ma correttamente si sono fermati di fronte ad una modifica della legge elettorale, ambigua, equivoca, non chiara, palesemente incostituzionale che non spiega in modo preciso i criteri per l’attribuzione dei nove seggi del premio di maggioranza. Aspettano, i giudici, a questo proposito dei chiarimenti. In questa situazione andare al voto è da irresponsabili. Se non si chiarisce prima il meccanismo per il riparto dei nove seggi le elezioni sono destinate ad essere annullate. Si avrebbe infatti, dopo il 29 marzo, un Consiglio regionale imperfetto».

Adamo: se dovesse vincere Scopelliti per la Calabria non ci sarà futuro... COSENZA - «Se dovesse vincere il centrodestra per la Calabria non c’è futuro». Così, Nicola Adamo del Pd. «Il centrodestra prosegue - rappresentato da Gentile e Scopelliti è meno affidabile di quello che hanno conosciuto i calabresi negli anni scorsi. E’ un centrodestra ascaro e subalterno verso un governo nazionalechehacompletamente cancellato la Calabria dalla sua agenda. Il centrosinistra dal 2005 con Loiero è stato impegnato prevalentemente a spalare le macerie ereditate dai rovinosi anni precedenti. La sanità è solo l’emblema del disastro che ha provocato il centrodestra, un buco provocato da debiti fuori bilancio senza precedenti e ospedali utilizzati non per curare la salute del cittadino ma solo per fare clientele. In questi stessi an-

ni, però, il centrosinistra ha avviato importanti riforme e programmato investimenti per lo sviluppo e l’occupazione che, senza l’aiuto del governo Berlusconi, saranno portati a pieno compimento e vedranno la loro efficacia nella continuità di governo che i calabresi sanciranno con il voto del 28 e 29 marzo riconfermando il mandato a Loiero presidente».

REGIONALI Franco Laratta del Pd interviene nel dibattito politico

«Non serve un clima da caccia alle streghe» “Sulle candidature si facciano i nomi. Basta con processi sommari. Tutti sono innocenti fino a prova contraria...”

COSENZA - Franco Laratta ha presentato a Cosenza la candidatura alla Regione di Mimmo Bevacqua - che si è dimesso da vicepresidente della Provincia. Laratta, ha definito Bevacqua «un carissimo amico, un esempio di trasparenza, qualità umane e politiche davvero rare, di serietà e grande attaccamento al territorio. Ho molto apprezzato la sua decisione di affrontare la campagna elettorale senza coinvolgere l’Amministrazione provinciale, anzi dimettendosi da ogni incarico anche se non esisteva alcuna incompatibilità di legge. Un esempio di onestà intellettuale e di rara sensibilità istituzionale,

come mai prima si era visto». Rispetto ai temi della campagna elettorale, Laratta ha affermato: «prendiamo atto che Scopelliti non conosceva le liste che egli stesso- quale candidato presidente e quale coordinatore regionale del Pdl- avrebbe dovuto conoscere nel più piccolo dei dettagli; così come prendiamo atto che il candidato presidente del Pdl, non sapendo come rialzarsi dalla brutta scivolata causata dal suo goffo tentativo di scaricare su qualcuno dei suoi candidati tutte responsabilità della vicenda, ha tirato fuori la splendida idea che "nelle liste del Pd ci sono molti che non hanno i requisiti per essere candidati". Ora, se Scopelliti

non ricordava nemmeno chi fossero i suoi candidati, com’è che adesso conosce tutti i nomi dei candidati del pd e sa pure che questi non hanno i requisiti? Ma di quali nomi e di quali requisiti parla Scopelliti? Sia chiaro, dica tutto quello che sa, non faccia l’omertoso in una terra che di omertà rischia di morire! Faccia i nomi ed i cognomi, se ci sono. Perché dubitiamo molto che ci siano. In ogni caso, questa clima di caccia alle streghe e di processi sommari non serve a niente e a nessuno. Ogni partito è responsabile delle candidature che ha messo in campo; tutti sono innocenti fino a prova contraria».

Franco Laratta


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 11

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Zavettieri: bloccare tutti gli atti della Regione nel periodo elettorale CATANZARO - «Assistiamo in questo scorcio di fine legislatura ad una raffica di provvedimenti, atti amministrativi, incarichi, bandi e selezioni da parte della Giunta Loiero e dei suoi assessori solo ed esclusivamente a fini elettorali e clientelari in continuità col modello collaudato di questi 5 anni. E’ troppo chiedere il blocco di tali procedure a decorrere dal 1 gennaio 2010, anche per evi-

tare lo smacco della revoca da parte dell’eventuale nuovo vincitore dell’elezioni?». E’ quanto ha dichiarato Saverio Zavettieri, leader dei Socialisti uniti-Psi. «Che messaggio si trasmette - ha aggiunto - alle nuove generazioni alla ricerca legittima di un posto di lavoro se le si costringe a fare la fila dietro la chimera di un posto? Ci chiediamo - ha conclude Zavettieri - se quest’etica

tanto sbandierata a sinistra c’entri o meno anche con questi comportamenti di fine legislatura, che hanno trasformato il Centro agroalimentare di Lamezia Terme da un polo di ricerca ad un novello Hotel Ergife dove in questi giorni si susseguono file interminabili di giovani laureati e diplomati nella speranza di un posto preassegnato...».

Operazione della Squadra mobile. In manette Francesco e Giuseppe Ruffolo Vittima un 50enne dipendente dell’Asp poi distaccato presso la Regione Calabria

Estorsione e usura a Cosenza Padre e figlio arrestati dalla polizia COSENZA - Si è conclusa ieri mattina un’operazione della questura di Cosenza che fin dalle prime ore dell’alba ha visto impegnati i poliziotti della Squadra mobile diretta da Fabio Ciccimarra per contrastare il fenomeno dell’usura e delle estorsioni. Decine sono i poliziotti anche del Reparto prevenzione crimine Calabria Settentrionale impegnati in perquisizioni e controlli disposti nel capoluogo contestualmente all’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di due uomini ritenuti responsabili di concorso in usura ed estorsione aggravata. I provvedimenti cautelari emessi dal Tribunale di Cosenza su richiesta della procura della Repubblica di Cosenza riguardano due uomini un padre ed un figlio rispettivamente di 58 e 40 anni, titolari d’un’agenzia di trasporti e responsabili - secondo quanto documentato dagli investigatori della prima sezione della Squadra mobile di Cosenza che hanno sviluppato le delicate indagini -di concorso in usura aggravata ed estorsione commesse nei riguardi di un dipendente pubblico di Cosenza. Alla vittima un 50enne dipendente dell’Asp di Cosenza poi distaccato presso la Regione Calabria, a fronte di un prestito di 4000 euro gli strozzini pretendevano con violenza, minacce e percosse, interessi pari al 5% mensile, nonché agevolazioni affinché la nuora d’uno degli odierni arrestati ottenesse un certificato di abilitazione professionale per i trasporti che solo

l’Ente Provincia avrebbe potuto rilasciare e per il quale la vittima si era impegnata nel tentativo di rabbonire gli aguzzini. I due uomini arrestati sono Francesco Ruffolo classe 52 e il figlio Giuseppe classe 70. entrambe residenti a Cosenza. Il padre ha numerosi precedenti panali anche per tentata estorsione mentre il figlio risulta incensurato. Gli arrestati, nonostante la vittima avesse loro manifestato l’intenzione di rivolgersi ad esponenti della locale criminalità organizzata, reiteravano le intimidazioni e le minacce fino ad organizzare un "incontro chiarificatore" in realtà programmato unicamente per aggredire fisicamente la vittima che, riuscita a scappare, si mostrava pronto addirittura al suicidio. Ed è proprio in relazione ad un altro suicidio, ovvero quello di Giuseppe Pefetti, nato a Cosenza cl 1957, piccolo commerciante con la passione delle corse automobilistiche che partono le indagini della Squadra mobile di Cosenza. Il suo cadavere venne ritrovato lo scorso 20 aprile 2009 al chilometro 257+620 della "A3" Salerno-Reggio Calabria direzione Nord, all’interno d’una Lancia modello "Y" noleggiata. L’uomo ancora con una pistola "Beretta", modello 70, calibro 7.65, nella mano destra si era sparato un colpo alla tempia . In un biglietto le ragioni del gesto determinato da una insostenibile dissesto finanziario.. Da quel momento le indagini dei poliziotti della Squadra Mobile coordinate dal Procuratore Dario Granierie del

procuratore Aggiunto Domenico Airoma. Le intenzioni della procura di Cosenza attraverso il Pm Claudio Curreli, applicato all’indagine, quella di ricostruire e ridefinire tutte le criticità nei rapporti economici della vittima. L’interesse degli investigatori si dirige, pertanto, nei confronti anche dei Ruffolo con i quali il Perfetti aveva in passato avuto rap-

porti economici. Gli approfondimenti d’indagine, evidentemente anche per il clamore del gesto, non consentivano di ottenere elementi utili per chiarire la natura di quel rapporto economico sospetto. Le lunghe e complesse indagini sviluppate anche attraverso attività di controllo telefonico consentivano, tuttavia, agli investigatori di apprendere però i det-

tagli d’un’altra drammatica vicenda che vedeva coinvolto in un vorticeusuraioildipendentedella regione Calabria. Nel corso degli approfondimenti, quando ormai il quadro investigativo sufficientemente delineato i poliziotti della Squadra mobile d’intesa con la procura della Repubblica di Cosenza, decidono si ascoltare la vittima I.G. classe 60.

Regionali, Mancini: Loiero ha diviso la Calabria dall’Italia, dall’Europa e dal Mediterraneo... COSENZA - «Nei cinque anni della sua pessima gestione l’onorevole Loiero ha diviso la Calabria dall’Italia, dall’Europa e dal Mediterraneo». Così Giacomo Mancini del Popolo della libertà che sferra un duro attacco a Loiero e alla sua Giunta. «A causa del suo malgoverno, degli scandali e dei disservizi, infat-

ti, nel Paese - prosegue Mancini - è stata proiettata un’immagine negativa che ha tenuto lontano gli investitori, la sua gestione improduttiva dei fondi europei, poi, ha minato la già scarsa credibilità agli occhi dell’Unione, ed il suo immobilismo amministrativo ha impedito di intessere nuove collaborazione e creare nuove opportunità di sviluppo con i paesi del Mediterraneo. Non contento di questi disastri, che sono gia stati sanzionati da una parte importante della sua stessa coalizione che lo ha abbandonato per sostenere un altro candidato- ha proseguito Mancini - adesso Loiero tenta di dividere la Calabria alimentando un vecchio e becero campanilismo. E, però, contro questo disegno - ha concluso Mancini- si schiereranno tutti i calabresi che amano la Calabria e che sono consapevoli che attraverso il progetto unitario di Giuseppe Scopelliti questa terra possa essere tutta insieme protagonista di una nuova e ambiziosa stagione di rilancio». r.c.

’Ndrangheta, ricorso Pg contro revoca sorveglianza a Iannazzo di Lamezia CATANZARO - La Procura generale di Catanzaro ha presentato un ricorso in Cassazione contro la decisione della Corte D’Appello di revocare la misura della sorveglianza speciale nei confronti di Domenico Iannazzo di Lamezia Terme, condannato in secondo grado a 4 anni e 2 mesi per i reati di usura ed estorsione. In primo grado, Domenico Iannazzo era stato condannato a cinque

anni e otto mesi per estorsione ed usura aggravate dalle modalità mafiose. In appello la pena era stata ridotta perché era stata esclusa l’aggravante della modalità mafiosa. Nei confronti dell’imputato, il quale è stato sottoposto anche alla confisca di beni, è stata successivamente revocata la misura della sorveglianza speciale. Secondo quanto si è appreso nella gioranta di ieri, la Pro-

cura generale ha deciso di ricorrere in cassanzione ritenendo che nella sentenza d’appello i giudici non sono entrati nel merito circa le motivazioni che hanno portato alla misura della sorveglianza speciale e quelle relative al sequestro dei beni. r.c.


12

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' ELEZIONI COMUNALI Trovato dallo stesso candidato a sindaco. Solidarietà di Speranza e dei parlmentari del Pdl, Ida D’Ippolito, Michele Traversa e Pino Galati. Indagano i carabinieri

Lamezia, ordigno inesploso davanti all’abitazione di Salvatore Vescio LAMEZIA TERME - Si intorpidisce la campagna elettorale in vista del voto per le Comunai di fine marzo. Un ordigno inesploso è stato trovato davanti all’abitazione del candidato a sindaco ed ex assessore provinciale di Catanzaro, Salvatore Vescio. Secondo quanto si è appreso, l’ordigno è stato trovato dallo stesso Vescio che ha poi denunciato l’accaduto ai carabinieri che sono intervenuti ed hanno avviato le indagini. Vescio è candidato a sindaco con la lista civica “Calabria Domani”. Era anche candidato alle Regionali con la lista “Scopelliti presidente”, ma la sua candidatu-

ra a sindaco aveva provocato la bocciatura della sua partecipazione alle Regionali. A Vescio, inoltre, è stata ritirata la delega da assessore provinciale ai Lavori pubblici, sempre dopo la sua candidatura a sindaco. Sono cinque i candidati a sindaco. Per il centrosinistra c’è il sindaco uscente Gianni Speranza, mentre per il centrodestra è candidata la parlamentare Ida D’Ippolito. Ci sono poi, olre a Vescio, altri due candidati, Francesco Grandinetti e Roberto Molinaro, sostenuti da liste civiche. Dopo la notizia, le prime reazioni. «A nome mio, dell’Amministrazionecomunalee

Salvatore Vescio

Asp Cosenza, il Pdl invoca: occorre sospendere Petramala! COSENZA - I consiglieri regionali del Pdl Calabria, Pino Gentile, Piero Aiello, Gianpaolo Chiappetta, Antonio Pizzini, Francesco Galati, Giovanni Nucera, Gabriele Limido, Alessandro Nicolò, hanno scritto una lettera ai ministro Alfano (Giustizia), Fazio (Sanità) e Brunetta ( Funzione pubblica ) per sollecitare «l’immediata sospensione dalle funzioni del direttore generale dell’Asp di Cosenza, Franco Lucio Petramala. La Giunta regionale - si legge nella missiva - pur constatando la dichiarazionemendace resa dal Petramala , in data 18 gennaio 2008, con prot n 891, nella quale lo stesso, per non rimanere imbrigliato dalle disposizioni di cui al decreto legisltaivo 502/92, dichiarava il falso, sostenendo di non essere stato candidato alleelezioni regionali nella circoscrizione di Cosenza (cosa, invece, avvenutanella lista Repubblicani ed europei) non è mai intervenuta, come prescrive il Dpr 445/2000, chiedendo al restituzione delle somme illegittimamente percepite. La procura di Co-

Carabinieri per le strade di Lamezia Terme

senza ha trasmesso da sei mesi la richiesta di sospensionealla procura di Catanzaro, competente territorialmente- si legge ancora nellanota - ma Petramala continua ad esercitare la sua funzione .Siamo dinanzi all’assoluta inosservanza di leggi dello Stato - continua la lettera - da parte della Regione, mentre chiediamo il vostro intervento per porre fine a questo grave arbitrio. Non sappiamo quando la procura di Catanzaro deciderà ma sono passati sei mesied il tempo corre - si legge ancora nella nota - e nel frattempo la solerte dirigente della Regione che aveva istruito il caso, chiedendo la rimozione del soggetto, Eugenia Montilla, è stata trasferita ad altro ufficio». Nella missiva si fa riferimento alla necessità «che i ministri di Giustizia , della Salute e della Funzione pubblica intervengano per quanto di loro competenza, considerando che lo stesso direttore generale del Dipartimento tutela della Salute, Andrea Guerzoni, ha trasmesso gli atti alla procura.

della città ha dichiarato il sindaco uscnte Speranza - esprimo la più ferma condanna per il gravissimo attentato intimidatorio di cui è stato vittima Salvatore Vescio, candidato a sindaco, e la sua famiglia. A loro va la nostra solidarietà. Esprimo anche l’auspicio che le autorità inquirenti possano scoprire i responsabili. Voglio evidenziare, ancora, la mia forte preoccupazione per il clima che si può determinare alla vigilia del voto e dopo; in questi anni siamo riusciti a costruire un clima positivo, di riscatto civile e democratico, di rispetto reciproco e di condivisione anche a livello politico. Lamezia non tornerà indietro, ma andrà sicuramente avanti». Sull’intimidazione, si sono espressi anche i parlamentari, Ida D’Ippolito, Pino Galati e Michele Traversa. «Abbiamo appreso in Transatlantico del deprecabile episodio ai danni del preside Vescio e di questo siamo indignati. Esprimiamo la nostra condanna sempre ferma e coerente contro ogni atto intimidatorio che nuoce alla democrazia e all’immagine della nostra città ed abbiamo invitato il ministro degli interni a sorvegliare e garantire, attraverso le sue istituzioni territoriali, il corretto espletamento della campagna elettorale e delle prossime elezioni. Esprimiamo tali sentimenti anche a nome del partito». Solidarietà anche da Grandinetti e Molinaro.

Sequestro di beni per 4,5 milioni nel Vibonese VIBO VALENTIA Beni per 4,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia a Andrea Mantella, di 38 anni, ritenuto un esponente di primo piano della criminalita’ organizzata della zona. L’uomo, sottoposto alla misura dell’obbligo di soggiorno, era stato arrestato nell’ambito dell’operazione "Uova del drago" condotta nel novembre 2007 contro esponenti della cosca Bonavota di Sant’Onofrio. Tra i beni sequestrati figurano un’azienda agricola, conti correnti bancari e terreni. E’ considerato un elemento emergente nel panorama criminale del Vibonese, Andrea Mantella, l’uomo di 38 anni al quale, Finanza ha sequestrato i beni. Mantella, tra l’altro, era totalmente sconosciuto al fisco. I particolari dell’operazione sono stati illustrati dal procuratore, Mario Spagnuolo, dal comandante provinciale della Finanza Giuseppe Licari e dal comandante di polizia tributaria, Michele Di Nunno. Il provvedimento di sequestro, ha interessato un’azienda agricola con allevamento di bestiame, tutti i mezzi agricoli e le attrezzature dell’azienda; alcuni capannoni industriali realizzati abusivamente; terreni agricoli, una villa e l’area circostante; un appartamento; un’auto di lusso e conti correnti bancari.

Prevenzione stradale, controlli dei carabinieri a Lamezia di Sa. Vis. LAMEZIA TERME - Continua l’attività di vigilanza dei carabinieri di Lamezia Terme in materia di rispetto delle norme della circolazione stradale. In particolare, nella giornata di ieri, gli uomini della Compagnia dei carabinieri, diretta dal capitano Stefano Bove, hanno disposto un articolato servizio di controllo straordinario, concentrando numerose pattuglie, tra le quali una composta da motociclisti, soprattutto all’uscita delle scuole, e nei pressi dei luoghi di maggiore aggregazione della città. Preoccupante ancora il dato finale emerso al termine del servizio: in sole tre ore di controlli, concen-

trati in particolare intorno all’orario di ingresso e di uscita dalle scuole, ben 25 sono stati i ciclomotori e motocicli sottoposti a fermo amministrativo per guida per mancato uso del casco o irregolarità varie. Oltrequarantalecontravvenzioni elevate per un totale di 300 punti sottratti. Numerosi sono ancora i giovani che, benchè istruiti sulle norme di comportamento stradale, continuano a violarle con regolarità, soprattutto ignari delle gravi conseguenze alle quali potrebbero andare incontro in caso di incidenti stradali. Insoma, un’attività importante al cenro della cità per prevenire ogni tipo di irregolarità al Codice della strada.


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 13

AMBIENTE

La Provincia di Catanzaro ha stilato danni per oltre 60 milioni di euro per le arterie della zona

Emergenza frana nel quartiere Janò Wanda Ferro: servono risorse ingenti di Carmela Mirarchi CATANZARO - Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro è intervenuta ieri in merito all’emergenza provocata dalla frana in località Janò del capoluogo. «La viabilità provinciale, ha detto - gravemente compromessa dal movimento franoso, necessita di un intervento molto rilevante sia dal punto di vista tecnico che economico, ma soprattutto si tratta di opere che potranno essere realizzate quando gli enti competenti al risanamento di tutta l’area avranno fatto la loro parte. Non è infatti pensabile - ha

aggiunto la Ferro - ripristinare la viabilità, con una spesa che le prime stime indicano tra i 5ed i 7 milioni di euro, il Comune di Catanzaro e la Regione Calabria con la supervisione e il cordinamento dell’Autorità di Bacino e i relativi studi richiesti a tutti i livelli non avranno messo in sicurezza il movimento franoso che attraversa il tracciato stradale. La Provincia di Catanzaro, l’ho detto più volte, in questa tragica evenienza - ha aggiunto - non ha responsabilità di nessun genere, e subisce i danni provocati tanto dall’inclemenza del tempo, quanto dall’assenza di un adeguato piano di

difesa del suolo che avrebbe consentito, a Janò come in tanti altri punti della provincia dove le strade sono completamente dissestate, di fronteggiare al meglio queste calamità. Ho appreso con piacere dalla stampa locale che laRegione Calabria ha destinato all’emergenza Janò una somma pari a circa 20 milioni di euro, che il comune dovrà attivare nel più breve tempo possibile per iniziare il piano generale di ripristino. Una soluzione al problema, che ci consentirebbe di mettere in cantiere l’intervento che stiamo progettando sulla viabilità, potrebbe essere proprio quella di de-

«Accatastati rifiuti ingombranti Dopo denuncia nessun intervento»

stinare i primi 20 milioni ad interventi mirati alla messa in sicurezza del movimento franoso in funzione del ripristino della viabilità, intervento quindi da concertare con tutti gli enti preposti ad affrontare tale emergenza. Per quanto attiene ai fondi da destinare alla viabilità stiamo predisponendo tuttele operazioni necessarie per reperire risorse dai residui dei nostri bilanci e comunque siamo anche in attesa del riparto dei fondi promessi dalla Regione e dalla Protezione Civile nazionale. I nostri uffici - ha spiegato - hanno già previsto diverse opzioni progettuali che saranno adottate a seconda della scelta che avrà fatto il Comune di Catanzaro per quanto attiene al suo intervento. Occorre quindi avviare una pronta operatività e passare alla fase attuativa: non dobbiamo cadere nella trappola di pretestuose critiche, perché se dipendesse soltanto dal problema della provincia i nostri mezzi sarebbero già al lavoro per ripristi-

nare i danni. Non ci interessano le passerelle e teniamo distanti i tanti sciacalli della politica che hanno cercato di fomentare la popolazione sul nostro presunto immobilismo, anche in mia presenza; confido nel buon senso generale ed incontrerò nella prossima settimana il Comitato Janò 2010 per ascoltare tutte le istanze e per meglio illustrare la fase di stallo forzato alla quale siamo costretti. L’intervento sulla provinciale che attraversa Janò- ha detto ancora la Ferro - fa parte di quelle opere che dovremo realizzare per rimediare ai danni subiti in diverse arterie provinciali, danni che abbiamo stimato in oltre 60 milioni di euro per situazioni tutte gravissime che hanno destato non poche preoccupazioni al professore Pasquale Versace della Commissione Grandi Rischi ed alla Commissione Ambiente del Senato. Ho personalmente investito del problema il Sottosegretario dott. Gianni Letta con il quale sono in contatto, mentre sono state pubbliche le rassicurazioni del capo della Protezione Civile Guido Bertolaso sull’impegno a reperire le somme necessarie. Invito il sindaco Rosario Olivo, che ha parlato di sue dimissioni in caso di trascuratezza da parte del Governo a restare saldamente al suo posto perché in questo momento c’é soltanto bisogno di accelerare i tempi e di affrontare i problemi pur tra tante difficoltà, cosa che io certamente farò».

Caso Nave dei veleni Oggi su Uno Mattina CATANZARO - «Che Catanzaro fosse una città strana, sotto il profilo burocratico, l’avevamo capito da tempo, vivendo costantemente con ostruzionismi più o meno giustificabili, ma pensavamo che un limite ci «Da diverso tempo in fosse, evidentemente ci sbagliavamo». A dirlo Via Giuseppe Rito sono Pietro Marcello a Catanzaro sono Mancuso e Davide Ruga, Presidente e Vice accatastati rifiuti Presidente della III Circoscrizione di Catanzaingombranti ro. «Da diverso tempo contenenti amianto» -aggiungono - in via Giuseppe Rito sono accatastati rifiuti ingombranti di diversi tipi, tra cui alcuni serbatoi d’acqua di amianto per giunta rotti. Appena siamo venuti a conoscenza di tale situazione, abbiamo segnalato all’ufficio

igiene la grave situazione e per risposta ci siamo visti recapitare, per conoscenza, una richiesta di sgombero indirizza ad Ambiente e Servizi. Tutto questo avveniva circa un mese fa. Ritenendo la situazione pesante, sotto il profilo ambientale, abbiamo informato della vicenda la procura della repubblica. Ad oggi, nonostante i numerosi solleciti telefonici effettuati dall’ente decentrato, nessuna disposizione ha preso Ambiente e Servizi per eliminare il problema. Preoccupati - concludono - delle pericolose ripercussioni che potrebbe avere il protrarsi della questione, confidiamo in una soluzione repentina, con l’immediato intervento degli ufficio competenti e contiamo che la burocrazia a cui si appella Ambiente e Servizi possa trovare uno sviluppo concreto, d’altronde tre preventivi non hanno bisogno di anni per essere depositati».

I sindaci di Diamante, Ernesto Magorno, e di Belvedere Marittimo, Enrico Granata, parteciperanno oggi ad uno spazio di approfondimento sulla vicenda della "nave dei veleni" all’interno del programma Rai Uno Mattina. La vicenda della presunta presenza di fusti radioattivi all’interno di un relitto inabissato al largo di Cetraro ha visto, nei mesi scorsi, i sindaci del Tirreno cosentino impegnati in iniziative mirate alla ricerca della verità sull’origine dell’imbarcazione affondata e sul suo effettivo carico. Iniziative rivolte alla tutela della salute dei cittadini del comprensorio e in difesa dell’immagine di un territorio che fonda la sua economia principalmente sulle

attività legate al turismo ed al mare. A conclusione delle ricerche effettuate dalla nave Mare Oceano il ministro Prestigiacomo ed il procuratore nazionale antimafia Grasso, hanno affermato che il relitto presente nelle acque del tirreno non era la temuta nave dei veleni, ovvero il mercantile Cunsky, ma la nave passeggeri Catania, affondata nel 1917. «La partecipazione ad un programma di grande ascolto come Uno Mattina - afferma Magorno - risulta particolarmente importate perché ci offre uno spazio informativo di straordinaria ampiezza attraverso il quale restituire una corretta informazione agli italiani su di un problema di così vitale importanza per il futuro delle nostre comunità».


14

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

AGRICOLTURA

Coldiretti invia una lettera al presidente del Gal e all’assessore regionale Amato Il Presidente unilateralmente ha deciso la composizione del Comitato promotore

Distretto rurale delle Serre calabresi Torchia: «Garantire la concertazione» di Car.Mir. CATANZARO - Il presidente della Coldiretti di Catanzaro - Crotone - Vibo Valenzia Roberto Torchia, alla luce di alcuni fatti verificatisi per la costituzione del Distretto Rurale delle Serre calabresi -Alta Locride, promosso dal medesimo Gruppo di Azione Rurale (Gal), ha scritto una lettera al presidente del Gal, ai componenti il comitato promotore e all’assessore regionale agricoltura Pietro Amato. Nella missiva si legge che: «La costituzione del Distretto Rurale delle Serre calabresi - Alta Locride è stata avviata attraverso la convocazione dell’assemblea di Chiaravalle del 13 febbraio scorso ed a questo primo appuntamento si sono ritrovati una pluralità di soggetti pubblici e privati, convocati dal Gal dopo una fase durante la quale erano state affrontate le reali opportunità che, sia la legge istitutiva dei Distretti Rurali che il Psr, mettono a disposizione delle imprese agricole e delle filiere agro - alimentari del territorio. Nell’ambito del Gal, la rappresentanza di Coldiretti si è impegnata per attuare un impianto legislativo complesso e per pervenire alla definizione delle idee progettuali a base del costituendo Distretto Rurale. Questo impegno è stato formalmente riconosciuto nel corso della prima assemblea, con la nomina alla presidenza dell’imprenditrice Sandra Pascali (vice presidente della Coldiretti di Cz, Kr, Vv) e dell’Ufficio di presidenza, del costituendo Comitato Promotore del Distretto. L’Ufficio di presidenza - continua la lettera - avrebbe dovuto proseguire la fase di costituzione del Comitato Promotore del Distretto avviata dal Gal. Proprio il carattere aperto di questo organismo - prosegue Torchia nella lettera - è garanzia di una governance futura del Comitato Promotore. Un processo lineare largamente condiviso che ha, però, avuto una grave battuta di arresto allorquando, il Presidente del Gal ha riconvocato una successiva assemblea che ridefiniva e sconfessava le determinazioni precedentemente acquisite. Difatti, lo stesso Presidente ed alcuni sindaci decidevano la composizione del Comitato promotore e nominavano il Presidente e il Consiglio direttivo dello stesso. Coldiretti unitamente ad Enti già parte del Comitato promotore, fanno rilevare che il

Federcoopesca: acquisto prodotti ittici si guarda alla provenienza non al prezzo

Presidente del Gal, il quale risulta nominato Presidente del Comitato promotore del Distretto, unitamente ad un gruppo di politici hanno con un colpo di mano, annullato il ruolo delle imprese e dell’organizzazione che, nei mesi passati aveva contribuito a promuovere l’aggregazione di un partenariato rappresentativo della realtà economica sociale del territorio. I protagonisti di questa grave rottura hanno sottovalutato i rischi conseguenti alla divisione tra gli attori. Una disgregazione - scrive Torchia - da annoverare, prima di tutto, quale avvilente esempio di impoverimento degli spazi di esercizio della democrazia economica sul nostro territorio. Pertanto, - per Coldiretti - gli Amministratori nell’esercizio della responsabilità affidata, devono garantire il metodo della concertazione più che quello della mera gestione nell’ambito del Distretto. Nel rispetto della coerenza la Coldiretti - si legge ancora - chiede al Presidente del Gal e agli Amministratori se non è il caso di ristabilire le condizioni per la partecipazione attiva delle diverse componenti della economia alla realizzazione del progetto di distretto.Coldiretti - conclude - da parte sua, intende perseguire nell’obbiettivo di innovazione e sviluppo delle imprese agricole ed agro alimentari del territorio e nel pieno rispetto della democrazia, è fermamente interessata a portare avanti le relazioni con il contesto istituzionale locale, senza concedere alcuna deroga all’esercizio della rappresentanza».

RIMINI - Il 60,51% degli italiani quando si tratta di acquistare prodotti ittici presta particolare attenzione alla provenienza del prodotto, come la zona di cattura o di allevamento, e all’aspetto esteriore (21,66%). Nonostante la crisi economica, invece, solo circa il 5% degli intervistati dichiara di prestare particolare attenzione al prezzo; mentre un 10% quandoacquistaprodotti Il 32,48% degli ittici preferisce orientarsi intervistati dichiara su quelli di stagione. E’ quanto emerge da un di volere sulle etichette sondaggiocondottodalla informazioni sulla data Federcoopesca - Confcooperative nel corso di cattura del prodotto Mse Sefood & Processing di Rimini e del Big e sulla provenienza Blu di Roma. Per avere maggiori garanzie sulla sicurezza alimentare dei prodotti viene acquistato prevalentemente prodotto ittico nazionale (29,94%) e gli acquisti vengono fatti presso i rivenditori di fiducia (33,12%) o direttamente dai pescatori (12,74%). Il prodotto surgelato o congelato non rassicura in modo evidente chi acquista (5,73%). «Dall’indagine sottolinea la Federcoopesca- emerge un consumatore che punta sulla qualità degli acquisti, consapevole e desideroso di avere il maggior numero di informazioni possibili per decidere in tutta sicurezza». Il 32,48% degli intervistati dichiara, infatti, di volere sulle etichette informazioni sulla data di cattura del prodotto e informazioni più dettagliate (53,50 %) sulla provenienza dei prodotti freschi. Sui prodotti in scatola quasi un 9% vorrebbe conoscere il luogo di cattura e non solo quello di produzione. E sulla varietà dei prodotti ittici consumati emerge che il 33,12% mangia abitualmente fino a 5 diversi tipi di prodotti, il 40,76% da 6 a 10 e un 15,29% più di venti diversi esemplari. Tanto più la dieta è variegata, maggiore è l’attenzione nello scegliere prodotti di stagione.

Olio di Calabria protagonista dall’8 al 12 aprile 2010 a Sol VERONA - La promozione dei migliori oli extravergine di oliva passa da Sol (8-12 aprile 2010) l’unico salone internazionale dedicato al prodotto di qualità, che giunto alla 16esima edizione si presenta più grande e ricco di servizi agli espositori. Il ruolo della manifestazione cresce di anno in anno, anche come strumento di promozione degli oli provenienti da altri Paesi, che cercano a Verona uno spazio qualificato in grado di aprire nuovi sbocchi commerciali. Vetrina privilegiata del prodotto di qualità italiano, grazie alla leadership mondiale nell’export di olio di oliva del nostro Paese, Sol si configura come un’opportunità irripetibile per i buyer in arrivo da tutto il mondo, che in 5 giorni di manifestazione possono esplorare l’intero panorama dell’Italia oleicola. Quest’anno le collettive

regionali, particolarmente significative grazie all’aumentare delle aree espositive e del numero di aziende, propongono un viaggio dal nord al sud della penisola, che passa attraverso Liguria, Veneto (con il Consorzio del Garda DOP e il Consorzio Veneto Dop), Marche, Abruzzo, Toscana (attraverso la Provincia di Siena e la Camera di Commercio di Prato), Lazio, Campania, Puglia e Calabria, per finire con la Sardegna. Come sempre due i fronti sui cui si sviluppa la manifestazione: la cultura del prodotto e i contatti b2b. Per aumentare il numero di contatti commerciali, quest’anno è stata realizzata un’azione di incoming di buyer selezionati da una quarantina di Paesi di Europa, America e Asia; tra questi Cina, Giappone, Singapore, Russia, India, Usa, Canada e America Latina.


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 15

UNIVERSITA' E SCUOLA Unical, analisi dei dati sull’occupazione dei laureati RENDE - Venerdì 19 marzo presso l’Università della Calabria, Aula Magna Beniamino Andreatta, avrà luogo il convegno "Investimenti in capitale umanonel futuro di Italia ed Europa. XII indagine Almalaurea sulla condizioneoccupazionale dei laureati". Il 2010, anno obiettivo di impegnativi traguardi dell’Europa unita è già iniziato mentre molti di questi sono ancora lontani. La situazione economica è sospesa tra segnali di ripresa e impatti negativi sull’occupazione. I fabbisogni di nuovi posti di lavoro e nuove competenze connettono sempre di più la domanda e l’offerta di lavoro in scenari complessi e densi di rischi e di opportunità. Il programma affronta questa problematica con la consueta impostazione. Il 19 marzo saranno dunque presentati i risultati della XII Indagine Almalaurea

sulla Condizione Occupazionale dei laureati. L’indagine riguarda 162mila laureati nel 2008 di primo e di secondo livello post-riforma, intervistati ad un anno dalla laurea, e quasi 50mila laureati pre-riforma delle sessioni estive 2006 e 2004, intervistati a 3 e 5 anni dalla laurea. Essa offre uno spaccato di grande interesse ed un terreno aperto ad ulteriori approfondimenti. Nel complesso sono state raccolte 185mila interviste di laureati presso 49 università italiane. Complessivamente il tasso di risposta è risultato prossimo al 90%. La presentazione del bilancio delle università in termini di riuscita lavorativa dei propri laureati rappresenta uno degli appuntamenti più importanti per il sistema universitario e offre, anche quest’anno, l’opportunità di approfondire questioni cruciali per il futuro del Paese.

Ricevuta una delegazione greca. L’incontro fa parte del progetto Magna Graecia I ventidue allievi del Ginnasio di Eretria sono arrivati in Calabria il 2 marzo scorso

A scuola di internazionalità e cultura Gemellaggio presso l’Ic Materdomini di cm CATANZARO - Momenti di internazionalità e cultura durante il gemellaggio italo-ellenico consolidato nell’aula magna dell’Istituto Comprensivo di Materdomini di Catanzaro, dove la Dott.ssa Loredana Cannistrà ha ricevuto una delegazione greca, proveniente dalla provincia di Eubea. L’incontro, svolto nell’ambito testo del progetto scolastico ItaloEllenico "Magna Graecia" e delle iniziative culturali della rete scolastica, costituita nel marzo 2008, è una delle numerose tappe che la delegazione toccherà in Italia, prima di rientrare in Ellade. I 22 allievi del Ginnasio di Eretria, accompagnati in Italia dal Presidente della Lega Italo Ellenica Evangelos Alexandris, dalla Vicepreside Filida Saputzi e dal delegato comunale Kelly Gheorgakaku, sono arrivati in Calabria il 2 marzo e dopo una breve sosta a Sibari, hanno fatto rotta per Catanzaro. Arrivati nella città dei tre colli, sono stati accolti presso il Parco delle Biodiversità, dove hanno trovato il gruppo folklorico di Tiriolo diretto dal Maestro Tommaso Leone, prima di salire sul caratteristico trenino, messo a disposizione dal Presidente dell’Amministrazione Provinciale Wanda Ferro, che li ha condottipericaratteristiciviottoli dell’area verde cittadina. Poi è stata la volta del Musmi e del Marca.. Mercoledì dopo una visita al Parco Archeologico di Scolaciumladelegazioneellenica è stata accolta presso l’auditorium della scuola secondaria di I Grado "Lampasi-Todaro", dell’Istituto comprensivo di Materdomini. Qui alla presenza del

UmG e Fondazione T. Campanella Tecnologia Dmet per Oncologia

Sindaco On. Rosario Olivo, dell’Assessore Danilo Gatto, dell’ assessore Provinciale Giovanni Merante, i rappresentanti della rete interscolastica "Magna Graecia", la Professoressa Loredana Cannistrà, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Materdomini, il Prof. Luigi Macrì, Dirigente Scolastico dell’Ic "Sabatini" di Borgia, il Dr. Mirko Chianesi, Viceconsole del Touring Club Italiano per la Provincia di Catanzaro, hanno organizzato una importante manifestazione in onore degli illustri ospiti. La Prof.ssa Loredana Cannistrà, Dirigente Scolastico dell’Ic di Materdomini, ha parlato del progetto che la rete Magna Graecia ha intrapreso e sta portando avanti con successo, e della consapevolezza che bisogna avere di essere europei, «laddove bisogna favorire la multiculturalità e la diversità e soprattutto

apprendere il sapere dell’amicizia». A prendere la parola è stato poi il sindaco di Catanzaro On. Rosario Olivo che ha paragonato la Grecia e il suo popolo ai "Fratelli dell’altra sponda" con i quali coesistono forti legami di amicizia e amore. Il Prof. Luigi Macrì, Dirigente della Scuola Capofila, Istituto Comprensivo di Borgia "Sabatini", dopo aver delineato le finalità educative e culturali della rete di scuole Magna Graecia, ha precisato che ben 36 scuole oggi la costituiscono. «Importante - ha detto - anche l’apporto fornito dalleassociazionicomeilTouring Club Italiano e gli enti locali. La rete ha il compito di consolidare i rapporti preesistenti tra le varie realtà e al tempo stesso aprirne di nuovi, anche con scuole appartenenti ad altre regioni». Successivamente è intervenuta Kelly Gheorgakaku che ha letto un messaggio del Sindaco di Eretria.

CATANZARO - E’ stata messa a punto presso i laboratori di ricerca di Oncologia Medica diretti dal Prof. Pierfrancesco Tassone e dal Prof. Pierosandro Tagliaferri una nuova metodologia destinata a migliorare l’efficienza e a prevenire la tossicitàdeitrattamentiantitumorali. La tecnologia detta Dmet (Drug Metabolizing Enzymes and Transporters), basata su piattaforma di genomica Affymetrix, ha appena ricevuto la certificazione di qualità direttamente dalla company californiana grazie all’elevata competenza professionale e alla dedizione della dott.ssa Maria Teresa Di Martino e della dott.ssa Maria Mena Arbitrio. L’attivazione della tecnologia Dmet ha infatti il primato di essere la prima del genere resa disponibile e certificata in Italia ed una delle poche nella comunità europea. Grazie alla tecnologia Dmet con un semplice prelievo di sangue sarà infatti possibile studiare 1936 varianti genetiche a carico di 225 geni già identificati come fondamentali regolatori del metabolismo dei farmaci antitumorali. Sulla base dell’identificazione delle varianti polimorfiche correlate all’attività e alla tossicità farmacologica sarà possibile selezionare il tipo di trattamento chemioterapico più adatto per il paziente. Questo tipo di tecnologia è inoltre un importante valore aggiunto alla ricerca oncologica rappresentando un innovativo strumento per la identificazione di nuovi marcatori genetici. Questa tecnologia potrà quindi essere al più presto offerta anche ai pazienti afferenti alle altre unità della Regione. La medicina personalizzata, per tanti anni auspicata da tutta la comunità scientifica e su cui l’Università Magna Graeciae la Fondazione Campanella hanno molto investito, comincia a divenire quanto mai reale.


18

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

SANITA' E WELFARE Piano di rientro «Da modificare»

Nella missiva Monsignor Morosini si rivolge anche a Fini e Berlusconi: c’è delusione dopo i continui tagli

Il vescovo di Locri scrive a Napolitano «Non gettare via la questione calabrese» di C.M. {+ AKZ - BOLD } LOCRI - {AKZ - BOLD } Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini , Vescovo di Locri- Gerace ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; al Gianfranco Fini, Presidente della Camera dei Deputati ; a Silvio Berlusconi , Presidente del Consiglio dei Ministri. Al centro della missiva l’accorpamento dell’Asl di Locri a quella di Reggio e l’abolizione di alcuni treni a lunga percorrenza. Le due decisioni hanno secondo sua Eccellenza il vescovo "deluso i cittadini". «All’indomani dell’omicidio Fortugno (2004) non sono mancate le analisi del territorio, la valutazione dei suoi problemi, le promesse e gli impegni: tutto puntualmente si ripete ogni anno nel rituale delle celebrazioni per commemorare la sua assurda morte. Riporto due passaggi di altrettanti discorsi pronunciati, in una delle tante commemorazioni, da due esponenti di prestigio del governo nazionale e di quello regionale» scrive Monsignor Morosini . «La

Locride è un distillato di emergenze economiche e sociali che vanno dall’isolamento all’abbandono, dai trasporti inadeguati, a un’agricoltura che non decolla, al turismo sognato, ma ancora non sviluppato, al diritto alla salute spesso negato, ai bisogni culturali. Non è più il tempo delle analisi socio - politiche, né di solenni dichiarazioni d’intenti, è il tempo di fare. In questi anni certamente qualche intervento è stato fatto, ma ora stiamo assistendo ad un graduale depauperamento del territorio, che rende difficile parlare di speranza, soprattutto ai giovani, e vanifica ogni esortazione ad avere fiducia nello Stato. Diminuiscono sempre più le possibilità di trovare lavoro sul territorio, mentre si assiste inesorabilmente all’esodo dei giovani laureati. I piccoli vanno lentamente scomparendo. La condizione delle strade è disastrosa. La linea ferroviaria jonica è indegna di una società che al nord si sta impegnando, dinanzi alla protesta di tanti cittadini, per attuare l’alta velocità. Dal primo marzo sono stati soppressi ben 12 treni a

Presentata la manifestazione di interesse per la valorizzazione dell’ospedale di Gerace di cm

lunga percorrenza. Questi tagli seguono altri tagli già operati nel passato non troppo lontano La Locride , già tagliata fuori dalla linea ferrata, con questa soppressione sarà sempre più isolata. Le postazioni di guardie mediche sono state impietosamente ridotte. Le scuole dell’obbligo di anno in anno vengono soppresse, perché il numero degli alunni non corrisponde a quello stabilito da una legge fatta a tavolino. La logica dei numeri e del risparmio ha messo sotto i piedi quella del servizio della persona. Sono stati soppressi numerosi uffici. Si paventa - precisa il Vescovo - inoltre, la chiusura della commissione provinciale per l’artigianato e dell’ufficio direzionale dell’Agenzia delle entrate, Chiuso il corso di laurea in scienze infermieristiche, e sembra anche quello del corso di laurea in scienze sociali. Per la Biglietteria della stazione ferroviaria di Locri e per altri Uffici costieri si prevede il ridimensionamento dell’orario di apertura al pubblico. L’organico della Procura è stato ridimensionato pesantemente con le con-

GERACE - Si è tenuta, presso i locali dell’As n 9 di Locri, alla presenza del Direttore Generale Giustino Ranieri, del Sindaco di Gerace Salvatore Galluzzo, del sottosegretario alla Giunta Regionale Sergio Laganà e dei direttori sanitari dell’As di Locri Domenico Forte e Cesare Previte , la conferenza stampa di presentazione della delibera riguardante la manifestazione di interesse finalizzata all’acquisizione di proposte progettuali per la valorizzazione e la gestione dell’immobilediproprietàdell’Azienda Sanitaria di via Largo Piana in Gerace.Un’attesa conclusioneper un iter iniziato circa due mesi fa in seguito all’inclusione tra i beni disponibili dell’As del mai realizzato ospedale di Gerace. Una notizia, cui seguì la costituzione di un tavolo di concertazione richiesto dal Comune e da un Comitato di cittadini, che riuscì ad

seguenze note nel ritardo dei Processi. Dopo questo sommario elenco c’è da chiedersi dove siano andate a finire le promesse fatte». Il vescovo di Locri Gerace domanda dunque al Presidente della Repubblica: «In questa situazione come può essere chiesto a noi uomini di Chiesa e a tutte le istituzioni educative di esortare la gente, i giovani soprattutto, ad avere fiducia nello Stato? Se sul territorio non viene dimostrata capacità di programmazione e di governo, ciò non è colpa della gente, che va a votare quelle persone che i partiti propongono. Il recente documento dei Vescovi sul Mezzogiorno - conclude la lettera - ha parlato di classe dirigente inadeguata al Sud. Siano i vertici dei partiti nazionali allora a mettere sotto tutela chi ci governa in Calabria, suggerendo piani di sviluppo concreti ed efficaci, magari mettendo accanto agli amministratori persone competenti e capaci. On.li Presidenti, date ascolto alla voce della gente ed aiutatela non con illusorie e facili promesse, ma con provvedimenti risolutivi. Fate lo senza ul-

aprire il dialogo con la giunta Loiero e la Direzione Ganerale dell’As per lanciare una proposta di utilizzo dell’immobile finito dal 1977 e mai aperto. Oggi la delibera ha preso corpo ed è un documento unico in Calabria per la disposizione di un immobile di natura pubblica. Le domande di manifestazione di interesse per l’utilizzo e la gestione dell’immobile, finalizzate alla valorizzazione dello stesso, senza porre alcun aggravio di spesa per la regione Calabria e l’Azienda sanitaria n 9 di Locri, dovranno pervenire all’azienda entro e non oltre, recita la delibera, il ventesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso stesso all’albo della Azienda. La procedura prevede la possibilità di presentare proposte di utilizzo da parte di privati e soggetti pubblici indistintamente e sottolinea cinque settori fondamenta-

Salavatore Lucà, capogruppo della Compagnia dei Democratica, ha inviato una lettera al Direttore Generale Asp di Crotone, Domenico Scuteri e al Direttore Generale Assessorato Sanità Andrea Guerzoni sulla situazione generale Sanità in Provincia di Crotone: Dipendenti Villa Giose, Casa di Cura S. Rita, Budget laboratori privati operanti in Provincia, Postazioni guardie mediche. «Mi permetto - scrive - di segnalare alcune situazioni cheprobabilmentepotrebbero essere affrontate da subito per garantire ai nostri concittadini quel diritto alla buona sanità. Tagliare le postazioni delle guardie mediche, non dare il giusto budget a Cliniche come Santa Rita e a tutti i laboratori specialistici privati, non avviare un percorso pubblico per i lavoratori di Villa Giose mi sembra un vero attentato alla salute pubblica crotonese. Penso che, pur recependo le restrizioni imposte dal Ministero alla Sanità, il piano di rientro della provincia di Crotone debba essere modificato, garantendo almeno i parametri pregressi, perché sono convinto che nel piano generale regionale, per Crotone possiate trovare le risorse economiche giuste per queste minime prestazioni. Crotone è risaputo è stata esclusa dal progetto di nuovi ospedali, ma pensare che qualcuno intende non erogare quel poco che avevamo, oggi mi sembra una iattura ed una vera beffa. Valutare come recepire le risorse».

li per la realizzazione del piano di gestione dal campo socio sanitario, al socio culturale, alla tutela e valorizzazione dell’ambiente, ai servizi di innovazione tecnologica sino alla formazione professionale e specializzazione. Una vasta gamma di postesi di sviluppo per una struttura che pare essere giunta finalmente alla fase esecutiva della sua vita. «Un traguardo perseguito senza fortuna dalle decine di amministrazioni comunali che si sono succedute dagli anni settanta in poi - afferma soddisfatto il Sindaco della Città di Gerace - per cui è d’obbligo ringraziare la presidenza della Giunta regionale, che con il sottosegretario Sergio Laganà e lo stesso presidente Loiero hanno reso possibile lo start up odierno. Si dovranno considerare la validità degli eventuali disegni progettuali il rientro dei costi di gestione».


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 19

LAVORO E SINDACATI La sigla, guidata dal segretario Francesco Canino, rende noto l’esito dell’incontro presso l’assessorato al Lavoro in cui è stata decisa la cassa integrazione in deroga

Phonemedia, Fistel Cisl: «I tempi per ammortizzatori siano più brevi» di Oriana Tavano CATANZARO - La vertenza Phonemedia è stata al centro di un incontro svoltosi nella sede dell’assessorato regionale al Lavoro tra la Regione e i sindacati. Nel corso del colloquio tra i rappresentanti regionali e i dirigenti sindacali si è discussoanchedell’approvazione dell’Accordo quadro sugli ammortizzatori sociali per il 2010 non ancora sottoscritto. «In tale sede - è scritto in una nota della Fistel Cisl - si è discussa la proposta di cassa guadagni in deroga per i lavoratori e le lavoratrici Phonemedia, richiesta dall’azienda e sottoscritta dalla Cisl. L’assessorato ha approvato pur evidenziando che è necessario verificare gli stanziamenti finanziari di copertura della cassa integrazione data l’entità numerica dei lavoratori. L’assessorato al Lavoro - prosegue la nota - ha convocato i rappresentanti sindacali e le categorie per lunedì prossimo per discutere le questioni inerenti la concessione di ammortizzatori sociali in deroga per i lavoratori Phonemedia». La Fistel avverte: «La nostra necessità si legge nel comunicato - é di non dilatareulteriormentei tempi delle procedure rispetto alla necessità di avere risposte economiche immediate per i lavoratori che versano in questa condizione di attesa da mesi. Con il passare dei mesi, i lavoratori e le lavoratrici Phonemedia con contratto in scadenza, potrebbero avere una posizione ancora più precaria rispetto a quella attuale, delineandosi la possibilità di non poter fruire degli ammortizzatori sociali. Da qui la necessità della Fistel - prosegue la nota - di fare

Collegio geometri, Misefari incontra l’assessore all’Urbanistica Porcino

chiarezza, rispetto alle voci di corridoio, prive di fondamento, che stanno generandoconfusione e che mirano a delegittimare l’attività sindacale della Fistel e della Cisl, svolta a sostegno dei lavoratori». Nei giorni scorsi, infatti, c’è stata una vera e propria guerra di comunicati tra la Fistel Cisl e la Sic Cigl sulla vicenda Phonemedia. Il segretario generale di Catanzaro della prima sigla sindacale, Franco Canino, dopo aver annunciato l’accordo di cassa integrazione in deroga per le aziende del gruppo Phonemedia Multivoice e Wccr, ha affermato che, «dopo mesi di latitanza aziendale, grazie all’impegno solo di questa organizza-

«Non dilatare i tempi delle procedure rispetto alla necessità di avere risposte economiche concrete e immediate per i lavoratori»

zione sindacale si è riusciti a costringere la proprietà ad un ultimo gesto di responsabilità nei confronti dei propri dipendenti». Canino attacca la Cgil, rea, a suo avviso, di «aver continuato nel suo atteggiamento irresponsabile e essere stata concausa della perdita di gran parte delle commesse, con i suoi scioperi ad oltranza e le sue occupazioni». La replica della Cgil non si è fatta attendere: «Il commissariamento dell’intero gruppo nazionale - si legge in una nota siglata dalle segreterie provinciali Slc Cgil eCgil Catanzaro-Lamezia - ha creato le condizioniperlafirmadell’accordo nazionale per la concessione della cassa integrazione a tutti i lavoratori,seguitodall’invitofatto alla Regione Calabria a non avviare eventuali procedure regionali. È giunta però l’ora conclude la nota - che tutti si assumano le responsabilità delle loro azioni, perché c’è chi sta millantando credito fra le istituzioni e rappresentanza fra i lavoratori, scambiando il ruolo sindacale con il ruolo aziendale e creando ad arte confusione fra i lavoratori».

REGGIO CALABRIA - Presso l’Ufficio Urbanistica del Comune di Reggio Calabria il presidente del Collegio provinciale geometri e geometri laureati di Reggio Calabria, Antonio Misefari, insieme al consigliere delegato all’Urbanistica-Ambiente-Territorio, il geom. Giuseppe Baronetto e al consigliere delegato alla Formazioneprofessionale, il geom. Giuseppe Germanò, Affrontato hanno incontrato l’assessore l’argomento relativo all’Urbanistica del Comune di Reggio, Demetrio Porcino all’attività degli e il dirigente del settore, l’arincaricati alla istruttoria ch. Saverio Putortì. Il Collegio provinciale geometri e delle pratiche geometri laureati, dopo il rinnovo del Consiglio direttivo, di condono edilizio ha programmato una serie di incontri con i responsabili istituzionali e i dirigenti dei vari enti che interessano l’attività professionale del geometra. Lo scopo è quello di avviare un iter collaborativo che ha da sempre ha contraddistinto l’attività del Collegio, offrendo un contributo per la risoluzione dei problemi burocratici e tecnici, rimanendo vigili sulla professionalità dei propri iscritti all’albo. Tra quanto discusso ( Psc, Qtr, vincolo paesaggistico-ambientale, Demetrio Porcino D.i.a., permesso di costruire, condono edilizio) è stato affrontato anche l’argomento relativo all’attività dei professionisti incaricati alla istruttoria delle pratiche di condono edilizio, ottenendo chiarimenti in merito a quanto di competenza dell’Ufficio Urbanistica.

Il sindaco di Locri a colloquio con il prefetto reggino Varratta REGGIO CALABRIA - Il sindaco della città di Locri, Francesco Macrì, ha incontrato a Reggio Calabria il nuovo prefetto reggino, S. E. Luigi Varratta, con il quale ha analizzato le problematiche che affliggono ormai da parecchio tempo il nostro territorio. Il sindaco Macrì ha evidenziato che «purtroppo la Locride - ha affermato - si trova a dover subire la continua sottrazione delle proprie risorse economiche e di servizi essenziali ai cittadini». In particolare Francesco Macrì ha sottolineato «la grave situazione createsi in seguito alla soppressione di treni - ha detto Macrì - che va ad incidere fortemente sul territorio a grave discapito degli utenti, costretti a dover rinunciare all’utilizzo della ferrovia jonica». Nel corso del cordiale incontro il sindaco di Locri

ha evidenziato anche le difficoltà relative alla scarsa sensibilità della classe politica regionale uscente che, dice, «ha scippato a Locri e alla Locride la gestione dell’Azienda sanitaria locale, accorpata a quella provinciale, «con un emendamento - precisa il sindaco di Locri - siglato nottetempo e nell’incognito più totale». Altro problema affrontato dal sindaco, quello relativo all’università con sede a Locri. Come sottolinea Macrì, «nonostante l’impegno dell’amministrazione comunale, si stenta a trovare una soluzione in grado di garantire l’effettivo decollo dell’università e, soprattutto, ignorando il diritto allo studio dei tanti giovani della Locride che rischiano di dover impinguare l’emigrazione universitaria in altre sedi». Infine il sindaco di Locri ha riferito al prefetto

Varratta i particolari della vicenda relativa a Rocco Rispoli, il testimone di giustizia che, con le sue denunce, ha consentito l’arresto dei propri aguzzini. In merito, il prefetto di Reggio Calabria ha inteso conoscere i particolari che consentiranno, a breve, l’assunzione di Rispoli presso il Comune di Locri. Il prefetto Varratta, dal canto suo, ha dimostrato estrema sensibilità relativamente a tali problematiche e si è detto disponibile ad ulteriori incontri per verificare il punto della situazione. Dunque prosegue anche con il nuovo prefetto di Reggio Calabria, il percorso di collaborazione e dialogo con l’amministrazione comunale di Locri, già intrapreso a suo tempo con l’allora prefetto Luigi De Sena.


20

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Sull’acquisto di un immobile da costruire si è tutelati dalla legge Attuato per acquirenti in caso di fallimento delle imprese costruttrici

D. Lgs. 20 giugno 2005 Chiunque voglia acquistare un immobile ancora da costruire, è tutelato dalle disposizioni contenute nel D. Lgs . 20 giugno 2005, n.122. Tale disciplina viene applicata, oltre nei casi di sottoscrizione di un contratto preliminare, anche in quelli in cui ne ricorrono gli stessi presupposti ed effetti di programmazione dell’acquisto di un immobile ancora da costruire. Spesso nella compravendita di un immobile, l’acquirente può trovarsi ad affrontare situazioni di crisi del costruttore e in particolar modo quando lo stesso viene assoggettato ad esecuzioni immobiliari, fallimento, concordato preventivo ad amministrazione controllata o liquidazione coatta amministrativa. Nel caso si verificasse un fallimento da par-

te del costruttore prima della stipula dell’atto di trasferimento della proprietà (che di solito avviene dopo il completamento della costruzione), solo i creditori dotati di garanzie reali sul fabbricato in costruzione come, per esempio, la banca che ha finanziato l’acquisto del terreno o la costruzione del fabbricato iscrivendo un’ipoteca sull’immobile, potranno vedere soddisfatte le proprie ragioni di credito.Questo perché a loro verrà riconosciuto, prima di tutti gli altri acquirenti, il ricavato della vendita forzata del fabbricato in costruzione, mentre l’acquirente che è privo di specifiche garanzie sugli immobili, difficilmente recupererà anche solo parte degli importi versati a titolo di caparra o accoto di prezzo.Proprio per questo il decreto legislativo, riportato sopra, prevede una specifica forma di tutela per l’acquirente che voglia costruire un immobile che consiste nell’obbligo posto a carico del costruttore di consegnare

all’acquirente una fideiussone a garanzia di tutte le somme, o comunque dei corrispettivi incassati fino al trasferimento di proprietà.Se si verifica la situazione di crisi, l’acquirente potrà rivolgersi alla banca, all’impresa di assicurazione o ad un altro intermediario finanziario abilitato che ha concesso la fideiussone a suo favore per vedersi restituire le somme versate. Quindi alla stipula del contratto che ha la finalità del trasferimento non immediato della proprietà o di un altro diritto reale di godimento su un immobile da costruire, il costruttore è obbligato, per non avere la nullità del contratto, a consegnare all’acquirente una fideiussione uguale al valore di ogni altro corrispettivo riscossi dal costruttore prima del trasferimento della proprietà del bene. Luana Rocca

Rivalutazione beni

L’accesso agli atti tributari Il Consiglio di Stato ha stabilito la possibilità di accedere agli atti tributari a conclusione del procedimento amministrativo

Il Consiglio di Stato con la decisione del 13 gennaio 2010 n.53, si è pronunciato in merito alla possibilità di operare l’accesso agli atti tributari endoprocedimentali , una volta concluso il procedimento amministrativo.La vicenda inizia da una conciliazione giudiziaria con la quale il contribuente aveva chiuso i giudizi proposti dinanzi la Commissione tributaria provinciale, per alcuni avvisi di accertamento emanati dal competente Ufficio dell’Agenzia delle entrate. Il contribuente aveva così mandato un’apposita istanza con la quale chiedeva di accedere agli atti del procedimento tributario. Però il Tar cui il ricorrente proponeva ricorso, confermava la posizione dell’Ufficio sostenendo che l’art.24 della legge n.241/1990prevedel’esclusionedall’accesso agli atti del procedimento tributario, senza al-

cuna distinzione relativa alla conclusione o meno di quest’ultimo. Il contribuente, comunque, poteva far ricorso al Consiglio di Stato, lamentando la violazione degli artt . 22 e 24 della legge n.241 del 1990 e dell’art. 7 della legge 212/2000, in relazione ai principi di eguaglianza, inviolabilità del diritto di difesa, di trasparenza, di buona amministrazione e di imparzialità. L’art. 24 prevede che «il diritto di accesso è escluso anche nei procedimenti tributari, per i quali restano ferme le particolari norme che li regolano». Inoltre «l’accesso ai documenti amministrativi non può essere negato ove sia sufficiente fare ricorso al potere di differimento». E infine, deve «essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i proprio interessi giuridici». La decisione assunta dal Consiglio di Stato contemperadiverseesigenzetutelatedalla Costituzione. Infatti se da un lato non deve essere compromessal’efficaciadell’azionedegliuffici finanziari, che in base alla Costituzione, devono accertare la capacità contributiva dei cittadini, dall’altro verso a questi ultimi deve essere tuttavia riconosciuta la possibilità di difendersi in giudizio. E proprio in questo senso il comma 4 della legge n.241/1990 sottolinea che «l’accesso ai documenti amministrativi non può essere negato ove sia sufficiente fare ricorso al potere di differimento». Infatti attraverso l’istituto dell’accesso differito, si garantisce al contribuente che ha prodotto un’istanza di accesso in pendenza dell’accertamento, la possibilità di accedere a tutti gli atti utili alla difesa in giudizio.

L’Agenzia delle entrate ha deciso che per la rivalutazione dei beni di impresa, non si deve provvedere alla bollatura e vidimazione del prospetto di rivalutazione redatto dagli imprenditori individuali e dalle società di persone in contabilità semplificata. Secondo la legge 342/2000 «la rivalutazione è consentita a condizione che venga redatto un apposito prospetto bollato e vidimato che dovrà essere presentato all’amministrazione finanziaria, dal quale risultino i prezzi di costo e la rivalutazione compiuta». Questo in analogia con quanto previsto per la stessa tipologia di contribuenti in regime di contabilità ordinaria, che fino all’entrata in vigore della legge 383/2001, assolvevano allo stesso obbligo annotando la rivalutazione sui libri contabili che dovevano essere bollati e vidimati ai fini fiscali. Ma proprio questa soppressione del’obbligo fiscale di bollatura e vidimazionedel libro giornale e del libro degli inventari fa in modo che questa operazione da effettuare sul prospetto di rivalutazione previsto per i soggetti in contabilità semplificata risulti un pò eccessiva. In sintesi l’Agenzie della entrate ritiene che anche gli imprenditori individuali e le società di persone in contabilità semplificata possono portare i maggiori valori rivalutati dei beni di impresa in un prospetto privo di bollatura e vidimazione. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


il Domani Venerdì 5 Marzo 2010 21

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

22.359,67 0,41 21.844,56 0,46 24.384,11 0,52 23.418,07 0,75 23.172,43 -0,79 11.076,86 -0,10

Euro

METALLI

US $

UK £

1 Euro

1.0

1.3557

1 US $

0.73720

1.0

0.66540 89.140

1 UK £

1.1076

1.5020

1.0 133.91

1 ¥en

0.90230

120.87

0.0082696 0.011213 0.0074637

EURO/gr

USD/on

¥en

1.0

ORO

n.p.

n.p.

ARGENTO

n.p.

n.p.

PLATINO

n.p.

n.p.

PALLADIO

n.p.

n.p.

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Popolare Axocv Banco Popolare Cvxcv Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour

Prezzo ultimo contr. Var %

0,7895 1,291 7,40 3,92 64,40 1,665 0,855 3,4675 0,2486 0,435 4,75

+1,02 +0,00 +1,79 +0,90 +0,16 -0,89 -1,38 -1,21 +1,06 -1,02 -0,31

Ora

16.30.07 17.30.41 17.30.38 16.24.47 17.30.48 16.30.18 16.30.12 17.30.43 16.30.58 17.09.00 15.54.51

Min

Max

Apertura

0,772 0,794 0,7815 1,285 1,309 1,286 7,21 7,425 7,25 3,8225 3,92 63,36 64,60 63,36 1,64 1,69 1,675 0,8515 0,8655 0,8515 3,455 3,54 0,2438 0,2565 0,251 0,428 0,435 4,72 4,75

0,2945 -2,96 16.30.54 0,2925 0,316 0,3035 2,42 +1,90 17.12.07 2,38 2,42 0,575 -0,86 16.30.24 0,5725 0,58 0,58 87,02 -0,98 17.14.33 86,68 87,40 3,76 +0,80 17.30.12 3,70 3,8075 3,7225 14,93 +1,29 17.30.52 14,60 14,95 14,68 0,6365 -2,00 16.30.53 0,6205 0,6495 0,6495 0,392 +0,64 16.30.47 0,385 0,392 0,3895 0,028 -0,36 16.30.35 0,0277 0,0287 0,0282 0,6475 -0,15 16.13.06 0,635 0,66 0,66 100,20 -0,05 15.21.39 100,20 100,49 1,57 +0,00 17.30.10 1,552 1,57 5,04 -1,18 17.30.08 5,04 5,12 5,04 17,88 -0,17 17.30.12 17,65 17,92 17,88 8,995 -3,07 17.30.28 8,975 9,36 9,21 9,485 -0,89 17.30.44 9,375 9,635 9,475 18,98 +0,21 16.30.12 18,51 19,00 15,15 -0,46 17.21.07 15,05 15,23 8,80 -0,40 17.30.41 8,69 8,84 8,75 91,30 -0,09 15.21.06 90,90 91,39 90,99 2,695 +0,00 16.30.54 2,67 2,70 2,70 7,375 +0,14 17.30.25 7,205 7,445 7,25 7,075 +0,93 17.30.33 7,00 7,165 4,15 -2,92 16.30.20 4,15 4,3275 4,30 0,7645 +0,07 17.30.48 0,764 0,7665 0,764 4,8325 +2,11 17.30.09 4,67 4,88 4,68 0,1286 +20,19 17.30.47 0,098 0,138 0,13 0,0705 +11,91 17.30.12 0,063 0,0785 0,0665 10,14 +2,01 17.09.13 9,83 10,14 41,85 -0,40 16.16.07 41,85 42,22 2,1825 +9,67 16.30.52 2,01 2,19 2,01 2,0525 +0,12 16.20.26 2,03 2,08 51,80 -1,03 17.11.11 51,61 52,33 50,84 -0,10 17.16.20 50,26 51,50 1,899 +0,37 17.30.50 1,879 1,91 1,882 2,93 +2,45 17.24.48 2,86 2,93 115,15 -0,30 15.44.26 115,11 116,52 0,56 0,553 -1,25 17.30.56 0,55 1,14 +2,70 17.30.07 1,099 1,145 1,104 4,35 +2,11 16.20.51 4,2625 4,42 4,265 10,17 +1,70 17.30.54 9,855 10,25 4,025 +1,13 17.30.55 3,91 4,0875 3,91 4,645 +3,74 17.30.37 4,445 4,65 4,4575 7,45 +2,27 17.30.20 7,21 7,45 7,245 0,608 -0,25 16.30.18 0,60 0,6105 0,607 4,01 -0,80 15.24.16 3,93 4,0375 4,07 4,07 -0,12 16.30.26 4,0225 4,0875 10,83 +0,65 16.30.54 10,75 10,84 10,84 0,44 +0,69 16.30.34 0,437 0,45 0,687 +1,18 16.21.07 0,673 0,694 0,6785 5,87 -3,13 17.30.19 5,87 6,04 6,005 99,20 -0,15 17.19.46 99,12 99,45 0,7165 +1,56 17.30.38 0,691 0,7275 0,696 1,39 +2,89 14.59.19 1,342 1,40 0,51 +1,29 16.30.33 0,506 0,52 0,506 1,434 +2,94 16.17.12 1,36 1,434 1,405 6,54 6,53 6,495 -0,99 17.24.06 6,39 1,05 -7,89 16.30.12 1,05 1,05 31,70 +1,57 15.49.37 31,59 31,73 54,70 +0,22 17.30.25 53,99 55,16 54,05 19,50 -6,29 16.30.21 19,50 19,50 1,40 -2,10 17.30.22 1,371 1,459 31,00 -1,65 16.30.04 30,10 31,50 1,305 -0,31 16.30.03 1,27 1,347 1,30 +0,08 15.44.26 1,296 1,30 100,39 +0,02 17.16.11 100,30 100,54 102,72 +0,04 16.30.44 102,72 103,04 4,79 +3,01 17.30.35 4,6675 4,82 4,675 0,2235 -0,22 16.30.50 0,2212 0,225 0,2238 6,10 5,965 5,975 -0,25 17.30.55 5,905 1,038 -0,10 17.30.03 1,023 1,049 1,023 9,64 9,44 9,53 +0,32 17.30.13 9,385 5,945 +0,76 17.24.17 5,875 6,015 5,88 5,12 -1,16 17.05.27 5,12 5,175 2,77 +0,54 17.30.37 2,735 2,795 1,00 +1,83 16.24.04 0,983 1,00 2,175 +0,12 16.30.25 2,135 2,18 1,90 +1,06 16.30.14 1,862 1,92 1,92 0,266 +2,70 16.30.31 0,2595 0,2675 0,2595 7,75 -0,39 17.30.33 7,695 7,82 7,75 0,392 +0,51 16.30.57 0,38 0,392 2,46 36,15

+0,92 16.30.41 2,40 +0,70 14.40.18 35,21

2,48 36,27

AZIONI

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

22,73 -0,22 17.30.42 22,30 22,87 22,41 1,925 +4,05 16.30.56 1,801 2,0475 1,999 0,5605 +11,32 16.30.55 0,5255 0,598 0,595 4,47 -0,67 17.30.00 4,445 4,5675 2,95 -2,88 17.30.36 2,9475 3,05 3,00 2,64 +0,19 17.30.51 2,5625 2,64 0,399 -0,25 16.30.30 0,397 0,424 0,402 0,1531 +5,59 16.30.44 0,143 0,1541 0,143 0,28 -1,58 16.30.10 0,28 0,28 0,8285 +1,66 16.19.46 0,82 0,8565 0,829 1,616 -0,80 17.30.34 1,604 1,639 1,618 0,547 -0,36 16.30.26 0,545 0,558 0,549 1,79 -1,86 17.07.46 1,768 1,868 0,686 +0,00 16.30.55 0,67 0,686 0,679 0,805 -1,77 16.30.43 0,7805 0,805 104,88 -0,05 12.39.23 104,88 104,88 1,021 +3,55 14.51.42 0,9705 1,078 0,989 23,20 +1,75 17.30.06 23,03 24,00 5,175 +0,19 17.30.36 5,065 5,24 5,15 11,27 -0,53 17.18.44 11,24 11,38 1,813 +1,29 16.30.00 1,787 1,818 1,795 4,8925 +0,67 17.30.06 4,84 4,9275 0,1949 +1,56 16.11.33 0,1899 0,195 0,1899 103,03 +0,08 17.14.27 102,87 103,05 0,80 +1,27 16.11.00 0,782 0,804 0,7995 1,232 -1,04 17.24.26 1,23 1,25 1,238 5,06 -0,49 17.30.15 4,9725 5,06 31,96 -0,81 9.57.20 31,96 31,96 0,947 +1,94 16.23.22 0,93 0,949 18,44 +1,99 16.30.37 18,29 18,53 18,29 9,675 +0,78 16.30.50 9,535 9,765 9,55 42,04 -3,13 10.03.15 42,04 43,43 4,06 3,985 4,00 -1,36 17.30.36 3,985 3,055 +0,83 16.24.02 2,9875 3,1375 3,03 1,20 +0,59 17.30.47 1,171 1,208 1,193 49,92 +1,98 17.18.02 48,43 50,21 9,54 -0,10 17.09.50 9,49 9,565 24,22 -1,06 17.30.32 24,07 24,55 24,55 2,1875 -0,34 17.10.31 2,1175 2,1875 5,625 +0,18 11.51.36 5,58 5,625 17,30 -0,17 17.30.08 17,07 17,43 17,12 26,70 +0,00 13.02.43 26,57 26,70 1,039 +0,97 17.30.50 1,018 1,05 1,024 1,383 -0,72 16.23.30 1,36 1,392 1,162 +0,61 17.30.19 1,147 1,164 1,15 11,64 +0,69 17.23.09 11,50 11,65 1,819 +0,72 17.30.51 1,79 1,828 1,806 3,82 -1,04 17.23.17 3,78 3,84 4,0275 -0,56 17.30.53 4,015 4,045 4,025 1,40 +5,66 16.13.42 1,343 1,403 1,383 24,87 -0,52 17.30.55 24,86 25,15 24,97 17,09 -0,06 17.30.26 16,97 17,17 17,03 5,59 +0,63 17.30.36 5,50 5,665 9,56 -0,52 17.30.31 9,505 9,59 9,59 0,832 -2,06 16.30.22 0,826 0,848 0,848 0,908 -2,26 16.30.56 0,893 0,948 0,948 7,89 -1,44 17.30.41 7,82 8,105 7,985 2,535 -0,20 17.30.47 2,50 2,56 2,53 0,219 -0,68 16.23.27 0,2121 0,2228 0,2206 12,02 6,78 8,965 1,135 14,34 8,53 5,30 5,645 4,2175 4,14 0,47 0,1734 9,985 0,5275 11,17 7,71 2,665

+2,82 +1,65 +0,39 +0,62 -1,10 +1,79 +1,92 +2,17 -1,63 +0,49 +3,07 -1,81 +0,45 +1,83 -1,15 -1,09 -0,93

17.30.07 17.30.17 17.30.55 17.30.16 17.30.51 17.30.44 17.30.03 17.30.41 16.43.28 17.30.33 14.43.57 16.30.10 17.30.50 16.24.43 17.30.42 17.30.49 17.30.02

11,57 6,56 8,81 1,112 13,71 8,275 5,12 5,45 4,135 4,06 0,456 0,1694 9,86 0,5105 11,09 7,67 2,66

12,04 6,82 9,12 1,145 14,70 8,565 5,335 5,67 4,2875 4,14 0,4775 0,1768 10,10 0,5275 11,31 7,825 2,71

11,64 6,60

0,435 5,855 26,45 2,05 0,643

+1,87 -1,26 -3,89 -0,97 -1,30

16.30.01 16.30.24 16.51.43 17.23.54 17.30.08

0,426 5,845 26,45 2,0475 0,6345

17,06 5,215 2,755 2,21 3,4175 5,92 4,71 4,79 1,709 2,625 0,959 13,21

+0,95 +1,46 +0,64 -1,56 -4,14 +0,34 -0,42 -1,03 +1,30 -1,68 -0,41 +0,30

17.30.28 17.30.06 16.30.38 17.30.33 17.30.22 16.30.10 16.30.10 16.30.43 17.30.15 17.30.59 16.16.51 17.30.55

16,74 17,13 16,74 5,105 5,30 5,115 2,7025 2,76 2,76 2,195 2,265 2,2225 3,415 3,5675 3,5675 5,90 6,07 5,90 4,71 4,71 4,7325 4,95 4,8425 1,674 1,716 1,674 2,60 2,6675 0,947 0,959 13,14 13,21

1,123 14,30 8,30 5,125 5,46 4,06 9,905 11,17 7,82

0,455 0,426 5,93 5,90 27,52 2,05 2,05 0,652 0,6495

AZIONI

Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

1,517 0,9795 1,72 0,874 2,375 8,09 9,145 8,22 7,15 0,361 0,6345 3,665 2,715 2,105 0,0638 1,399 1,336 3,26

+1,20 +0,98 +1,30 +1,04 +2,81 -2,53 +1,39 -2,26 +0,63 -0,28 -2,38 -1,68 +1,97 +2,31 -0,31 -0,36 -0,07 -0,61

17.30.49 9.10.40 16.20.46 16.30.49 17.30.30 16.14.18 17.30.13 17.30.44 17.21.00 15.58.10 15.16.46 17.30.36 17.30.09 17.30.47 16.22.40 13.25.23 17.30.47 17.21.58

1,487 0,9795 1,673 0,87 2,28 7,85 8,95 8,20 6,995 0,361 0,605 3,665 2,625 2,0325 0,0628 1,36 1,33 3,23

3,54 8,40 4,8025 27,93 20,00 1,849 0,8375 0,1006 7,46 2,70 0,3635 0,599

-0,28 +2,19 +1,32 +0,87 +0,35 +0,22 -0,24 +5,90 +0,00 -1,01 +0,28 +1,53

14.42.32 17.30.12 17.30.40 17.30.53 16.32.10 16.11.04 16.50.44 16.30.56 17.30.47 16.30.51 16.22.34 16.30.10

3,54 3,54 8,18 8,50 8,185 4,72 4,86 4,72 27,10 28,13 27,10 19,75 20,13 19,91 1,849 1,891 1,891 0,8305 0,8395 0,839 0,094 0,1041 0,0964 7,385 7,65 7,45 2,6925 2,7275 0,357 0,367 0,365 0,599 0,599

2,4525 3,5375 14,06 18,75 84,35 2,395 0,133 1,478

+4,36 -1,60 +2,11 +0,54 +1,02 +4,59 +0,38 +1,16

17.30.03 17.30.22 17.30.43 17.30.18 16.01.02 17.30.10 16.08.34 16.30.46

2,3225 2,4675 3,48 3,645 3,5575 13,80 14,14 13,95 18,49 18,88 18,60 82,26 87,97 2,275 2,425 0,1312 0,134 0,1315 1,46 1,535 1,48

6,155 3,00 5,78 7,87 4,275 2,4725 0,143 0,525

+0,49 -0,83 -0,09 -0,44 +0,89 +0,41 +2,07 +1,94

17.30.43 15.42.21 17.30.47 17.30.22 17.30.49 16.30.02 16.30.03 11.48.45

6,10 6,175 2,9325 3,05 3,025 5,72 5,805 5,75 7,80 7,96 7,835 4,195 4,29 4,2225 2,4475 2,5425 2,4525 0,137 0,1442 0,141 0,515 0,525

2,055 2,22 3,34 1,735 2,8725 0,1543 7,54 0,445 0,1268 0,2755 1,316 115,34 5,70 2,30 2,6175

+0,12 -0,11 +2,77 +0,46 +1,41 -1,41 +4,07 -2,20 +2,34 +2,04 +2,41 -0,90 +0,62 +2,34 +4,18

17.30.35 16.38.26 16.30.25 16.30.24 17.30.37 16.30.11 17.30.56 15.25.55 16.30.55 16.30.39 16.03.01 13.56.36 17.23.49 12.34.01 17.30.06

2,035 2,2175 3,26 1,712 2,8225 0,1527 7,375 0,441 0,1202 0,272 1,285 115,34 5,605 2,1975 2,5125

2,0775 2,23 3,34 1,74 2,8875 0,1635 7,69 0,452 0,1269 0,2755 1,335 115,34 5,745 2,30 2,65

-0,69 17.15.51 10,10 +3,48 16.30.32 1,19 +2,17 16.30.24 0,455

10,21 1,19 0,47

10,13 1,19 0,47

1,52 0,9795 1,72 1,69 0,898 0,875 2,3875 2,295 8,245 7,855 9,24 9,03 8,41 7,195 7,03 0,375 0,369 0,649 0,615 3,7375 2,745 2,64 2,1175 2,045 0,0643 0,0643 1,406 1,355 3,2825

2,0425 3,27 2,825 0,1594 0,1241

2,5125 10,15 0,456

1,96 1,96 1,851 1,866 1,915 1,878 22,50 22,59 2,285 2,3575 2,31 4,8125 5,075 4,90 2,95 2,835 1,025 1,079 1,06 0,3875 0,4045 0,391 0,435 0,442 0,4125 0,425 0,4155 10,08 10,19 0,427 0,433 0,7455 0,76

1,891 1,907 22,59 2,35 4,8125 2,915 1,029 0,4015 0,4375 0,421 10,12 0,4315 0,76

-3,37 +1,22 -0,04 +1,95 -0,77 +0,34 -2,92 +1,52 -0,34 +0,24 -0,78 -1,14 -0,65

17.30.38 17.30.30 17.15.36 16.30.40 16.30.56 15.55.45 16.30.26 17.30.29 17.30.44 17.30.36 16.43.00 16.24.56 16.13.53

1,73 1,024 0,933 7,79 13,20

-2,26 -1,44 -1,27 -0,70 +1,54

16.30.22 16.30.06 16.30.26 17.30.44 17.30.47

1,729 1,024 0,933 7,52 12,98

1,81 1,048 0,94 7,845 13,39

0,3445 0,93 1,209 0,769 2,03 2,24 5,545

+1,18 +2,31 +0,25 +0,13 +0,62 +4,80 +1,84

16.24.24 16.18.29 17.30.24 15.58.48 14.22.30 13.11.29 17.30.46

0,3345 0,891 1,177 0,752 2,0125 2,13 5,45

0,358 0,93 1,239 0,769 2,05 2,26 5,55

1,78 0,94 7,845 12,98 0,355 0,93 1,187 2,24 5,46


22 Venerdì 5 Marzo 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol

Prezzo ultimo contr. Var %

31,50 -0,32 0,2014 -0,74 15,88 -0,06 0,415 +1,22 0,083 +1,84 0,379 -0,78 1,28 +16,36

Ora

16.46.21 17.30.28 17.30.27 16.17.10 16.30.58 16.30.24 16.30.51

0,339 -0,29 15.49.37 15,99 -0,06 17.30.36 0,399 -0,25 16.23.55 6,05 +2,46 17.30.36 5,27 +1,35 16.57.24 0,368 +12,54 16.30.24 25,10 -0,36 17.30.38

Min

Max

Apertura

31,12 31,86 0,1965 0,2035 15,66 15,99 0,4055 0,417 0,4055 0,0812 0,083 0,0828 0,378 0,398 0,38 1,165 1,28 1,20 0,33 0,3415 15,75 16,01 0,398 0,405 5,895 6,05 5,17 5,27 0,342 0,372 24,91 25,26

0,335 16,00 5,90 5,20 0,36 25,03

54,50 -0,44 16.34.25 54,50 54,62 34,00 +5,79 17.17.10 33,75 34,00 33,99 1,828 +2,07 17.30.15 1,76 1,839 1,775 9,25 -4,00 16.30.53 9,065 9,54 9,07 6,305 -2,47 16.30.00 6,305 6,40 6,35 0,695 -1,56 16.30.13 0,695 0,704 0,704 0,1626 +0,37 17.30.53 0,1615 0,1635 0,162 1,099 +0,64 17.30.16 1,099 1,099 5,185 -1,89 17.30.51 5,17 5,29 6,53 -0,46 17.30.20 6,47 6,645 6,52 94,50 +0,77 14.43.52 93,84 94,50 66,51 -0,95 16.15.29 66,30 66,74 2,50 +0,91 16.30.03 2,49 2,575 2,5225 3,56 +0,42 17.30.07 3,52 3,56 3,5375 0,0841 +1,57 16.18.21 0,0825 0,0843 0,0828 62,02 +12,74 16.30.41 57,10 62,02 57,10 0,1179 +1,20 16.30.43 0,1141 0,119 0,1142 43,01 +0,49 17.24.35 42,58 43,81 2,015 3,9475

-3,59 17.30.26 2,015 +1,41 15.58.48 3,86

2,09 2,0525 3,97 3,89

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics

65,45 1,404 0,315

Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass

1,336 14,20

6,62

Max

Apertura

AZIONI

+0,69 16.30.49 63,98 +1,01 16.30.44 1,365 +2,94 15.50.13 0,30

Ora

Min

65,49 1,41 0,32

65,49 1,40 0,315

+0,00 17.30.25

6,54

6,685

6,565

-2,48 16.30.55 1,33 +3,65 16.30.35 13,99

1,371 14,20

1,37

Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

0,0835 1,055 0,082 0,783 17,70 16,22 3,065 3,99 0,1538 50,82 1,238 41,60 11,77

-1,76 -2,04 -0,36 -1,38 +0,40 +0,25 +0,66 -0,75 -0,19 -0,76 -0,72 -0,95 -0,51

16.30.20 17.30.23 16.30.58 17.30.25 16.18.23 17.30.33 17.30.13 16.30.48 17.30.57 17.30.12 16.30.07 17.14.35 16.30.32

0,083 1,048 0,0807 0,7825 17,63 16,00 3,0375 3,965 0,1534 50,20 1,232 41,39 11,72

6,50 9,415 110,00 0,76 1,955 2,59 22,60 0,85 0,5655

+0,00 +0,91 +0,09 +0,07 +0,62 -0,77 -0,88 +0,77 +0,44

13.07.28 17.30.53 17.30.07 17.09.55 17.30.29 17.11.39 13.16.40 17.30.49 17.30.54

6,50 6,51 9,265 9,445 109,80 110,32 0,75 0,764 1,921 1,975 2,5575 2,62 22,60 22,60 0,8375 0,856 0,56 0,57

1,35 4,24 3,63

0,089 0,0835 1,068 1,06 0,0849 0,0823 0,7925 0,787 17,85 16,35 16,03 3,0725 3,045 4,08 4,00 0,1555 0,154 51,21 50,98 1,259 41,88 41,54 11,90 11,80 9,295 0,76 1,925 0,839 0,565

-0,37 16.30.51 1,35 1,353 -0,23 16.30.13 4,16 4,2875 -0,82 17.30.23 3,605 3,68

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

221,89 19,17

-2,68 14.18.14 221,89 221,89 221,89 +1,16 12.41.02 18,42 19,17

0,0793 0,0395 3,85 0,0358 0,292 0,40 0,1745 0,125

+7,75 -1,25 +2,74 +2,58 +1,39 +1,27 +1,57 -0,79

16.30.10 17.30.12 15.55.36 16.00.19 17.30.38 16.46.31 16.15.14 15.22.28

0,074 0,082 0,08 0,037 0,042 0,0376 3,745 3,90 0,0351 0,037 0,0351 0,2835 0,2975 0,2835 0,391 0,4005 0,391 0,17 0,1787 0,1763 0,125 0,125

0,032 0,2497 0,0106 0,0644 0,0265 0,0901 0,0195 0,046 0,8565 0,32 2,6875

+0,00 +0,00 +6,00 +4,38 -1,85 -0,99 -2,50 +2,22 +0,41 +6,67 +5,39

16.30.00 15.22.06 15.14.05 16.30.16 16.18.18 17.30.47 15.35.32 16.30.10 17.24.09 15.55.48 16.53.22

0,0299 0,24 0,01 0,0562 0,0254 0,0897 0,0195 0,046 0,838 0,32 2,45

0,032 0,2499 0,0108 0,0644 0,028 0,0913 0,0195 0,046 0,8635 0,32 2,6875

0,0299 0,0108 0,0562 0,0261 0,09

0,32 2,6875

0,0211 +91,82 15.10.13 0,0211 0,0211 0,0211 0,0026 +0,00 15.46.32 0,0024 0,0028 0,0026 0,0039 +2,63 17.21.34 0,0038 0,0039 0,0328 +4,13 17.23.00 0,0306 0,0338 0,0338 5,17 -2,45 17.30.26 5,17 5,35 0,137 -1,08 16.30.12 0,132 0,139 0,139 3,97 +0,25 17.24.14 3,9025 3,98 0,4095 +2,38 12.20.41 0,40 0,4095 0,525 +1,06 15.41.57 0,505 0,525

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 +0,51 +0,57 +0,43 +0,43 +0,54 +0,49 +0,71 +0,55 +1,16 +0,50 +0,55 +0,54 +0,44 +0,51 -1,79 -1,11 -1,82 +0,39 +0,72 +0,84 +0,55 +0,55 +0,57 +0,58 +0,45 +0,50 +0,57 +0,58 +0,48 +0,53 +0,47 +0,48 +0,53 +0,50 +0,78 +0,44 -1,73 -1,73 +0,39 +0,00 +0,68 +0,53 +0,50 +0,67 +0,56 +0,84 +0,85 +0,93 +0,92 +1,34 +1,34 +1,38 -1,60 -1,57 +0,70 +0,49 +0,54 -1,43 -1,44 +0,73 +0,70 +0,89 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06 -0,36 +0,43 +0,43 +1,09 -0,33

14,843 5,86 4,071 19,969 19,647 19,092 6,782 6,846 16,965 5,161 4,651 5,134 5,197 3,621 3,324 15,923 4,461 11,332 19,325 18,373 14,927 10,757 10,843 12,429 12,718 10,027 21,352 8,408 15,09 8,632 16,031 4,506 6,06 6,09 5,392 5,46 12,666 12,935 13,256 16,847 5,00 3,569 10,716 5,851 5,579 4,848 9,147 9,041

4,456 3,966 13,734 11,931 4,274 23,973 12,529 4,316 5,53 5,248 5,789 5,95 5,52 4,906 5,436 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 15,476 15,277 6,858 3,978

VARIAZ. QUOT.

+0,86 Anima Europa Arca Azioni Europa +0,71 Bancoposta Azionario Euro +0,85 Bim Azionario Europa +0,72 Bnl Azioni Europa Crescita +0,60 +0,62 Bnl Azioni Europa Dividendo Bpvi Azionario Europa +0,97 Carige Azionario Europa A +0,70 Carige Azionario Europa B +0,71 Carismi Dynamic Europe A +0,19 Carismi Dynamic Europe B +0,43 +0,73 Consultinvest Azione Epsilon Qvalue +1,02 -0,81 Eurizon Az. Europa Multimanager -1,52 Eurizon Az. Pmi Europa Eurizon Focus Az. Europa -1,49 +0,62 Euromobiliare Europe Eq. Europa +0,90 Fideuram Master Sel.Equity Europe +1,22 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,71 Fondersel Europa +0,69 Fonditalia Eq. Europe R +0,74 Fonditalia Eq. Europe T +0,73 +0,71 Gestielle Europa A +0,71 Gestielle Europa B +0,73 Gestnord Azioni Europa Imieurope +0,74 +0,94 Iniziativa Europa Interfund Eq. Europe +0,87 Investitori Europa +0,67 +0,58 Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A +0,78 Mc G.Fdf Europa B +0,77 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,74 Mediolanum Europa 2000 +0,80 Nextam P. Az. Europa +0,71 +0,86 Norvega Az. Europa A Norvega Az. Europa B +0,85 +0,68 Optima Azionario Europa +0,76 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,49 -1,22 Prima Geo Europa A Prima Geo Europa Pmi A -1,23 -1,23 Prima Geo Europa Pmi Y Prima Geo Europa Y -1,22 Ras Lux Equity Europe +0,90 Sai Europa +0,96 Soprarno Azioni Euro 50 +0,69 +0,88 Symphonia Europa +0,81 Synergia Az. Europa +0,75 Talento Comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa +0,59 -1,50 Unibanca Azionario Europa AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -0,57 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente +0,03 AZ. FINANZA -0,35 Eurizon Az. Finanza +0,93 Fonditalia Euro Financials R +0,93 Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate +0,21 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,45 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +0,02 Fonditalia Euro Cyclicals R +1,22 +1,22 Fonditalia Euro Cyclicals T +0,60 Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Defensive T +0,61 Fonditalia Euro T.M.T. R +0,64 +0,61 Fonditalia Euro Tmt T Fonditalia Flex. Emerging Mkts R +0,00

3,753 9,026 4,279 9,524 11,199 2,764 3,752 5,319 5,545 4,189 3,96 8,462 4,968 5,294 7,387 7,695 13,369 12,419 8,546 84,389 12,605 8,75 8,82 6,705 6,848 8,177 17,648 6,368 5,596 4,842 3,649 6,216 3,525 5,576 14,318 4,793 4,575 4,62 2,822 14,228 6,512 10,112 18,284 18,787 10,401 38,665 10,04 3,773 5,187 5,945 114,683 5,42 5,644 8,693

14,732

16,935 5,638 5,67 3,80

5,831 8,432 8,662 10,535 10,244 10,338 11,283 11,387 5,383 5,416 2,45

VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Flex. Emerging Mkts T Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Global Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced

VARIAZ. QUOT.

-0,04 2,47 Arca Te -0,19 32,02 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 +0,59 4,074 Aureo Ff 1classe Valore +0,59 4,074 Azimut Scudo -0,23 2,596 Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione +0,14 2,849 Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 +0,14 2,917 Carige Bilanciato 30 -0,32 5,522 Carismi Dynamic Mix 15 +0,10 5,101 Carismi Dynamic Mix 30 -1,77 8,196 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R +0,74 3,699 Fonditalia Core 1 T +0,23 3,907 Gestielle Global Asset 1 +0,23 3,961 Managers & Co. Comparto 30 +0,77 31,741 Mediolanum Elite 30 L +0,96 9,838 Mediolanum Elite 30 S +0,98 9,922 Mix +0,50 4,411 Norvega Sintesi Audace +0,47 4,456 Prima Forza 2 A +0,19 12,168 Prima Forza 2 Y +0,09 4,343 Prima Forza 3 A -0,03 3,71 Prima Forza 3 Y -0,03 3,768 Symphonia Adagio +0,35 5,136 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia +0,74 5,048 Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. -0,03 17,594 Ubi Pra. Portafoglio Moderato +0,36 4,759 Ubi Pramerica Privilege 1 -0,03 15,433 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,43 30,58 Visconteo +0,20 4,521 OB. EURO GOVERNATIVI BT +0,51 3,93 Allianz Monetario +0,46 23,42 Alto Monetario +0,32 5,931 Amundi Breve Termine +0,21 21,894 Arca Mm +0,40 5,74 Bancoposta Monetario +0,41 5,837 Bg Focus Monetario +0,33 5,094 Bim Obb.Breve Termine +0,16 4,273 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,329 Bpvi Breve Termine +0,43 6,096 Carige Monetario Euro A -0,16 34,388 Carige Monetario Euro B -0,27 6,02 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,35 23,475 Cividale Forum Iulii Prudenza B +0,57 26,227 Consultinvest Breve Termine -0,06 11,767 Cr Cento Monetario Plus +0,46 45,033 Cs Monetario Italia B +0,73 9,94 Cs Monetario Italia I +0,72 10,009 Ducato Fix Euro Bt A +0,06 12,233 Ducato Fix Euro Bt Y +0,37 14,617 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine +0,16 30,061 omobiliare Prudente +0,08 12,118 Fideuram Security +0,20 4,915 Fondersel Reddito +0,46 6,07 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,47 4,508 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T +0,34 5,05 Fonditalia Euro Currency R +0,35 9,653 Fonditalia Euro Currency T +0,27 6,048 Gestielle Bt Euro A +0,72 5,629 Gestielle Bt Euro B +0,07 4,176 Gestielle Cedola +0,05 4,243 Imi 2000 +0,14 3,554 Interfund Euro Currency +0,27 4,39 Intra Obb. Euro Bt +0,42 5,515 Laurin Money +0,22 5,102 Leonardo Monetario +0,43 5,586 Mediolanum Risparmio Corrente +0,18 5,449 Monetario +0,47 5,308 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine +0,77 6,518 Norvega Obb. Euro Breve Termine A Norvega Obb. Euro Breve Termine B -0,04 9,36 Optima Reddito B.T. +0,21 5,766 Optima Riserva Euro +0,27 8,524 Passadore Monetario

+0,06 +0,06 +0,28 +0,16 +0,02 +0,18 +0,28 +0,23 +0,08 +0,15 +0,16 +0,47 +0,47 +0,07 +0,10 +0,18 +0,21 +0,14 +0,51 +0,07 +0,09 +0,08 +0,08 +0,19 +0,21 +0,26 +0,24 +0,09 +0,20 +0,33 +0,27

+0,03 +0,08 +0,01 +0,04 +0,00 +0,06 +0,00 +0,00 +0,02 -0,01 +0,00 +0,04 +0,04 +0,00 -0,02 +0,01 +0,00 -0,05 -0,05 -0,05 +0,01 +0,01 +0,04 +0,00 +0,00 +0,01 +0,00 +0,03 +0,03 +0,02 +0,00 +0,00 +0,04 +0,01 +0,03 +0,01 +0,02 +0,02 +0,03 +0,03 +0,03 +0,02 -0,04

16,189 5,384 4,936 7,547 5,446 22,505 4,983 5,136 3,976 3,98 6,417 10,341 10,408 8,826 5,206 5,135 9,868 5,699 5,515 4,572 4,616 4,859 4,933 5,788 5,352 5,41 5,826 5,827 5,517 5,463 34,054

15,857 7,073 7,464 14,778 6,195 16,35 6,535 7,486 6,294 11,585 11,347 5,484 5,531 4,997 5,765 7,765 7,819 6,285 6,327 15,25 8,474 9,56 14,183 7,904 7,939 7,861 7,889 7,572 7,622 6,39 16,876 6,679 5,657 6,928 6,078 13,827 12,151 8,984 5,845 5,883 6,672 5,293 7,137

VARIAZ. QUOT.

+0,00 13,163 Pioneer Monetario Euro A Prima Fix Obbligazionario Bt A -0,04 10,154 Soprarno Pronti Termine -0,02 5,131 Synergia Obb Euro B.T. +0,02 5,062 Teodorico Monetario -0,04 7,474 +0,01 6,903 Tesoreria Fondo Per Le Imprese Ubi Pramerica Euro B.T. +0,00 6,74 Unibanca Monetario -0,05 5,74 Valori Responsabili Monetario +0,00 5,861 Zenit Monetario I +0,04 7,555 Zenit Monetario R +0,04 7,516 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM Allianz Reddito Euro L +0,00 32,375 +0,00 31,74 Allianz Reddito Euro T +0,00 4,983 Anfiteatro Bond Corporate Anima Obb. Euro +0,01 7,121 +0,06 8,994 Arca Rr Azimut Reddito Euro +0,01 15,667 Bancoposta Obbligazionario Euro -0,01 6,86 Bim Obb. Euro +0,00 6,859 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt +0,01 6,783 Bpvi Obblig. Euro +0,01 6,675 Capitale Pià Comparto Obbligazionario +0,06 5,443 -0,06 10,741 Carige Obbligazionario Euro A -0,05 10,853 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,05 5,557 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,05 5,645 -0,14 5,527 Carismi Bond Euro A Carismi Bond Euro B -0,13 5,584 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 7,594 -0,14 7,676 Ducato Fix Euro Mt Y Epsilon Qincome +0,15 7,438 Eurizon Focus Obb. Euro -0,09 14,021 Euromobiliare Reddito +0,02 15,408 Europe Bond +0,00 7,471 Fondaco Euro Gov. Beta +0,00 119,897 +0,00 8,013 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,00 7,236 +0,00 7,289 Fonditalia Euro Bond Long Term T Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,01 10,882 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,01 10,942 +0,01 8,235 Gestielle Lt Euro A Gestielle Lt Euro B +0,01 8,313 +0,05 15,07 Gestielle Mt Euro A Gestielle Mt Euro B +0,06 15,201 Imirend +0,00 9,335 Interfund Euro Bond Long Term +0,01 8,188 Interfund Euro Bond Medium Term +0,01 8,191 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,00 6,958 +0,02 11,518 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,02 5,939 Intra Obb. Euro Italfortune Euro Bonds +0,00 8,42 +0,04 7,559 Leonardo Obbligazionario Mediolanum Euromoney -0,05 6,421 Mediolanum Italmoney +0,03 6,579 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,06 17,321 Norvega Obb. Euro A +0,02 6,501 +0,02 6,568 Norvega Obb. Euro B +0,06 6,975 Optima Obbligazionario Euro -0,09 5,821 Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,05 56,563 Ras Lux Bond Europe Sai Eurobbligazionario +0,06 12,85 Synergia Obb Euro M.T. +0,02 5,161 Ubi Pra. Euro M/L Termine -0,01 6,889 Unibanca Obbligazionario Euro -0,07 5,807 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 6,252 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 6,252 +0,02 5,641 Vrg Coro Reddito OB. EURO CORPORATE INV. GRADE +0,00 102,434 Amundi Corporate 3 Anni +0,00 5,098 Amundi Corporate Giugno 2012 Arca Bond Corporate +0,03 6,989 Carige Corporate Euro A +0,08 6,454 +0,08 6,512 Carige Corporate Euro B Corporate Bond +0,10 7,323

VARIAZ. QUOT.

-0,08 5,313 Ducato Etico Fix Y Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,05 5,58 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,03 7,481 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,00 8,353 +0,00 8,393 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond +0,00 4,967 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,08 7,575 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,06 4,728 Prima Fix Imprese A +0,12 6,446 Prima Fix Imprese Y +0,12 6,519 +0,06 6,541 Sai Obbligazionario Corporate Synergia Obb Corporate +0,02 5,377 +0,04 7,733 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,06 7,013 +0,25 13,74 Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,25 13,792 Interfund Bond Euro High Yield +0,25 7,568 Prima Fix High Yield A -0,07 7,624 Prima Fix High Yield Y -0,06 7,754 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -0,48 8,741 -0,49 5,85 Azimut Reddito Usa -0,45 6,039 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro A Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 -0,52 8,196 Fonditalia Bond Usa R Fonditalia Bond Usa T -0,52 8,249 Gestielle Bond Dollars A -0,51 8,795 -0,50 8,903 Gestielle Bond Dollars B Interfund Bond Usa -0,50 7,124 Nordfondo Obbligazioni Dollari -0,45 13,821 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Allianz Reddito Globale L -0,17 15,589 Allianz Reddito Globale T -0,17 15,297 -0,01 7,241 Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. -0,44 6,132 -0,14 12,471 Arca Bond +0,05 8,006 Aureo Obbligazioni Globale Bim Obb. Globale +0,10 5,799 +0,02 5,819 Bpvi Obblig. Internazionale Carige Obbligazionario Internazionale A +0,07 5,773 Carige Obbligazionario Internazionale B +0,07 5,876 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 +0,55 8,423 Eurizon Obb. Internazionali -0,10 8,621 Euromobiliare Intern. Bond -0,04 13,955 Fondersel Internazionale Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,16 6,359 -0,15 6,445 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond -0,21 15,806 Mc G.Fdf Global Bond A +0,09 5,292 Mc G.Fdf Global Bond B +0,10 5,241 Mediolanum Intermoney -0,16 6,407 +0,00 5,338 Ml Master Series Bonds +0,05 5,732 Norvega Obb. Internazionale A +0,03 5,788 Norvega Obb. Internazionale B +0,06 6,917 Optima Obb. Euro Global Pianeta -0,14 9,476 Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,68 8,892 Prima Forza 1 A +0,06 5,052 Prima Forza 1 Y +0,06 5,083 Sai Obb.Internazionale +0,01 7,924 Ubi Pra. Obbligazioni Globali -0,19 5,674 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond +0,05 5,667 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,07 6,676 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ubi Pra. Obbl. Globali Alto Rendimento +0,26 8,38 OB. YEN -0,04 4,54 Ducato Fix Yen A Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576


il Domani Venerdì 5 Marzo 2010 23

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Euro Yield Plus R +0,00 9,444 Fonditalia Euro Yield Plus T +0,00 9,499 Interfund Bond Japan -0,16 5,718 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti +0,17 13,092 Bnl Obbligazioni Emergenti -0,19 21,659 Emerging Markets Bond +0,17 5,986 Eurizon Focus Obb. Emergenti +0,19 10,963 Euromobiliare Emerging Markets Bond +0,16 6,837 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R+0,09 10,129 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T+0,09 10,166 Gestielle Emerging Mkt Bond A +0,05 9,983 Gestielle Emerging Mkt Bond B +0,05 10,139 Interfund Bond Global Emerging Markets +0,14 10,441 Mc G.Fdf High Yield A +0,27 7,023 Mc G.Fdf High Yield B +0,28 5,081 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti -0,15 8,505 Norvega Obb. Paesi Emergenti A +0,13 7,185 Norvega Obb. Paesi Emergenti B +0,12 7,277 Optima Obb. Emergent Market -0,26 7,241 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A +0,02 9,512 Prima Fix Emergenti A +0,10 12,567 Prima Fix Emergenti Y +0,11 12,807 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI +0,09 5,477 Amundi Obbligazionario Euro +0,03 6,067 Anima Convertible Azimut Trend Tassi +0,00 8,939 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,10 5,114 Consultinvest Obbligazionario +0,08 5,198 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,03 6,104 -0,02 5,38 Eurizon Obb. Etico Fonditalia Inflation Linked R +0,28 13,523 Fonditalia Inflation Linked T +0,28 13,591 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,11 7,043 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,11 7,137 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,05 5,763 Interfund Inflation Linked +0,28 13,377 Mediolanum Risparmio Reddito -0,04 10,892 Mediolanum Vasco De Gama +0,15 10,036 Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,23 5,338 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,00 15,679 -0,03 6,51 Pioneer Obb. Euro Dis. A Ras Lux Short Term $ -0,01 144,552 Ras Lux Short Term Euro +0,02 65,963 Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,02 9,393 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,47 4,911 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,22 5,544 Alto Obbligazionario +0,39 8,684 Anima Fondimpiego +0,01 19,482 +0,10 8,273 Arca Obb.Europa Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity +0,15 7,871 +0,12 5,833 Bancoposta Mix 1 +0,02 5,477 Bim Corporate Mix Bnl Telethon -0,07 5,849 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 +0,17 5,239 +0,13 5,463 Carige Bilanciato 10 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,26 5,503 +0,25 5,619 Cividale Forum Iulii Rendita B Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 -0,13 7,896 Eurizon Diversificato Etico Eurizon Rendita -0,25 5,942 Eurizon Soluzione 10 -0,20 6,863 +0,18 4,574 Fucino Dynamic Gestielle Etico Per Ail A +0,14 6,352 Gestielle Etico Per Ail B +0,13 6,397 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica -0,11 5,662 +0,07 6,07 Leonardo 80/20 +0,07 5,998 Nextam P. Obbligazionario Misto Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,11 6,62 +0,29 5,495 Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A -0,04 8,106 -0,02 4,858 Sai Multi Fund Linea Prudente Sai Performance +0,08 17,113 Sforzesco +0,08 9,866 +0,09 7,06 Symphonia Patr.Globale Reddito Synergia Bilanciato 15 +0,13 5,257 Total Return Obbligazionario +0,09 4,329 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,03 6,043 +0,17 6,045 Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,07 8,212 Zenit Obb. I Zenit Obb. R +0,07 8,17 OB. FLESSIBILI -0,08 4,937 Amundi Soluzioni Tassi Arca Cedola Corp. Bond +0,04 5,308 Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,06 5,003 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,12 5,124 +0,10 5,00 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii +0,02 5,227 Aureo Cash Dynamic +0,29 6,643 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' +0,00 9,966 Cividale Forum Iulii Strategia A +0,21 5,62 +0,25 5,727 Cividale Forum Iulii Strategia B Consultinvest High Yield -0,09 5,538 +0,11 5,469 Consultinvest Monetario +0,12 7,312 Consultinvest Reddito -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita A Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 Euromobiliare Tr Flex 2 +0,08 6,563 +0,00 6,494 Premium Risparmio +0,01 7,901 +0,13 5,975 Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile +0,04 5,105 Ubi Pra. Active Duration +0,00 5,681 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,00 10,53 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,00 5,161 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,00 5,56 Allianz Liquidita' A +0,00 5,594 Allianz Liquidita' At -0,02 5,069 Allianz Liquidita' B +0,00 5,713 +0,00 101,974 Amundi Eonia Amundi Liquidita' +0,01 8,957

VARIAZ. QUOT.

Anfiteatro Tesoreria +0,02 5,678 Anima Liquidita' +0,00 6,611 Arca Bt +0,02 8,753 Arca Bt Tesoreria +0,02 5,769 Aureo Liquidita' +0,00 5,716 Azimut Garanzia +0,00 12,323 Bnl Cash +0,01 22,19 Carige Liquidita' Euro A +0,00 6,31 Carige Liquidita' Euro B +0,00 6,366 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Epsilon Cash +0,00 6,267 Eurizon Focus Tesoreria Euro A -0,03 7,655 Eurizon Focus Tesoreria Euro B -0,03 7,691 Eurizon Liquidita' A -0,04 7,296 Eurizon Liquidita' B -0,04 7,467 Euromobiliare Conservativo +0,01 11,098 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta +0,00 14,615 Fondaco Euro Cash +0,01 116,142 Fondo Liquidita' +0,01 7,596 Gestielle Cash Euro A +0,01 7,048 Gestielle Cash Euro B +0,01 7,082 Mediolanum Risparmio Monetario +0,00 5,48 Nextam P. Liquidita' +0,03 5,828 +0,03 6,204 Nordfondo Liquidita' +0,02 5,862 Norvega Monetario A Norvega Monetario B +0,02 5,897 Optima Money +0,02 6,153 Pensplan Invest Cash Fund +0,03 5,929 Pioneer Liquidita' Euro A +0,02 5,062 Prima Fix Monetario A -0,04 8,515 Prima Fix Monetario I -0,02 8,608 -0,03 8,59 Prima Fix Monetario Y Sai Liquidita' +0,03 11,53 Symphonia Comp.Monetario +0,01 7,426 Synergia Monetario +0,02 5,022 Synergia Tesoreria +0,02 5,045 Ubi Pramerica Euro Cash +0,01 7,287 Vrg Coro Tesoreria +0,02 5,638 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,55 12,338 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ -0,08 16,684 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso +0,17 5,221 +0,32 5,047 8a+ Latemar 8a+ Monviso +0,24 5,053 Abis Flessibile +0,00 5,608 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 Agora Flex +0,04 6,841 +0,27 4,83 Agora Selection Agora Valore Protetto +0,03 6,342 Alarico Re +0,84 4,462 Allianz F100 L +0,25 4,051 +0,25 3,981 Allianz F100 T Allianz F15 L +0,02 5,373 Allianz F15 T +0,00 5,299 +0,08 5,164 Allianz F30 L +0,06 5,092 Allianz F30 T Allianz F70 L +0,19 27,207 Allianz F70 T +0,19 26,668 Amundi Absolute +0,00 5,214 +0,12 5,137 Amundi Dynamic Allocation Amundi Equipe 1 -0,04 5,241 -0,04 5,165 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 -0,22 5,105 -0,30 4,703 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka China Double Wine +0,00 5,463 Amundi Eureka Double Call +0,00 5,351 +0,00 5,516 Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 +0,00 4,906 Amundi Eureka Dragon +0,00 6,047 Amundi Eureka Ripresa 2014 +0,00 5,143 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +0,00 4,948 +0,00 4,841 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,00 5,174 +0,00 4,855 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014+0,00 4,951 +0,00 5,661 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. Amundi Form. Private Div. Opp. +0,00 4,956 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 4,423 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013+0,00 4,438 Amundi Formula Garantita 2012 +0,00 5,046 Amundi Formula Garantita 2013 +0,00 4,875 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,00 4,887 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014+0,00 4,846 +0,04 5,59 Amundi Piu Amundi Premium Power +0,00 5,066 +0,00 4,784 Amundi Private Alpha +0,83 5,485 Amundi Qreturn Amundi Soluzione Azioni +0,06 4,721 Amundi Strategia 95 +0,02 4,943 Anfiteatro Bond Plus +0,00 7,41 -0,02 5,282 Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return +0,02 5,627 +0,02 5,156 Anfiteatro Corporate Bt Anfiteatro Total Return +0,00 3,30 Anima Fondattivo +0,26 13,356 +0,00 4,986 Aqqua Arca Capitale Garantito Dic 2013 +0,08 5,185 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,20 5,089 +0,04 5,523 Arca Corporate Bt +0,16 5,149 Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,838 Aureo Defensive +0,04 5,069 +0,17 5,391 Aureo Ff 1classe Flessibile Aureo Finanza Etica +0,13 6,082 +0,50 9,573 Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia +0,43 16,947 Aureo Flex Opportunity +0,08 4,816 +0,07 5,974 Aureo Plus Aureo Rendimento Assoluto +0,21 5,595 Azimut Strategic Trend +0,18 5,02 Azimut Trend +0,39 19,02 Azimut Trend America -0,15 8,725 Azimut Trend Europa +0,92 12,029 Azimut Trend Italia +0,83 14,862 Azimut Trend Pacifico +0,05 6,252 +0,04 5,281 Bancoposta Centopiu' Bancoposta Centopiu' 2007 +0,02 5,254

VARIAZ. QUOT.

Bancoposta Extra +0,11 5,224 Bg Focus Azionario +0,27 22,038 Bim Flessibile +0,39 3,887 Bnl Target Return Conservativo -0,02 5,01 Bnl Target Return Dinamico +0,02 12,455 Bnpp 100% E Pià Grande Asia -0,02 5,409 Bnpp 100% E Pià Grande Europa -0,02 5,087 Bnpp Equipe Attacco +0,02 4,472 Bnpp Equipe Centrocampo -0,02 4,785 Bnpp Equipe Difesa +0,00 5,431 Carige Flessibile +0,02 5,187 Carige Flessibile B +0,02 5,186 Carige Flessibile Piu' A +0,09 4,521 Carige Flessibile Piu' B +0,09 4,564 Carismi Absolute Perf. A -0,02 4,819 Carismi Absolute Perf. B -0,02 4,897 Carismi Pratico A +0,00 6,075 Carismi Pratico B +0,00 6,122 Consultinvest Alto Dividendo +0,22 3,135 Consultinvest Mercati Emerg. +0,34 4,96 Consultinvest Multi Flex +0,18 4,916 Consultinvest Plus +0,12 5,223 Cr Cento Premium +0,00 3,805 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 4,233 -0,05 4,323 Ducato Etico Flex Civita Y Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 4,733 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 4,176 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 4,25 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 4,793 Edr Multigestion Trend Global +0,45 4,868 Epsilon Qreturn +0,83 6,226 Eurizon Focus Garantito 03/13 -0,10 5,152 -0,08 5,128 Eurizon Focus Garantito 06/12 Eurizon Focus Garantito 09/12 -0,08 5,102 Eurizon Focus Garantito 12/12 -0,10 5,113 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 +0,02 5,277 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,02 5,161 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,00 5,244 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,00 5,123 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,28 4,989 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,02 5,188 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,21 5,106 Eurizon Focus Profilo Moderato -0,06 5,246 Eurizon Focus Profilo Prudente -0,09 5,43 -0,04 5,468 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,00 5,216 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 4,848 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 8,034 Eurizon Team 1 A -0,05 5,961 -0,05 5,961 Eurizon Team 1 G Eurizon Team 2 A -0,09 5,62 Eurizon Team 2 G -0,09 5,62 Eurizon Team 3 A -0,13 4,664 -0,13 4,678 Eurizon Team 3 G Eurizon Team 4 A -0,21 3,871 Eurizon Team 4 G -0,21 3,886 -0,40 3,699 Eurizon Team 5 A -0,43 3,713 Eurizon Team 5 G Euromobiliare Real Assets +0,27 4,131 Euromobiliare Strategic +0,03 3,206 Euromobiliare Strategic Flex +0,35 13,275 +0,07 4,577 Euromobiliare Tr Flex 3 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 6,877 +0,02 5,192 Federico Re Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,27 9,185 +0,28 2,818 Flessibile Fondaco Global Opportunities +0,48 94,522 Fondersel Duemila +0,00 93,389 +0,40 6,201 Fonditalia Flexible Dynamic R Fonditalia Flexible Dynamic T +0,40 6,204 Fonditalia Flexible Growth R +0,15 8,834 Fonditalia Flexible Growth T +0,16 8,902 +0,01 8,498 Fonditalia Flexible Income R +0,01 8,529 Fonditalia Flexible Income T Fonditalia Flexible Multimanager R +0,19 9,449 +0,19 9,519 Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R +0,01 7,807 +0,01 7,842 Fonditalia Flexible Opportunity T Formula 1 Alpha Plus 20 +0,12 6,515 Formula 1 Conservative +0,08 6,523 +0,25 6,896 Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk +0,04 6,704 Formula 1 Risk +0,17 6,542 Gestielle Global Asset Plus +0,00 5,239 +0,38 5,333 Gestielle Harmonia Dinamico +0,25 5,281 Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace +0,47 5,396 +0,06 13,998 Gestielle Total Return +0,08 4,727 Gestnord Asset Allocation Igm Flessibile A +0,10 4,022 Igm Flessibile B +0,10 4,056 Interfund System 100 +0,13 9,485 +0,01 11,121 Interfund System 40 +0,20 10,297 Interfund System Flex -0,14 5,699 Intra Assoluto Intra Flessibile +0,30 6,284 Investitori Flessibile +0,13 6,33 +0,73 5,656 Kairos Partners Fund Kairos Partners Income +0,00 6,69 +0,19 9,362 Kairos Partners Small Cap +0,22 4,044 Macro F.0. +0,02 5,20 Mc G.Fdf Flx Low A Mc G.Fdf Flx Low B +0,04 5,192 Mc G.Fdf Flx.High B +0,22 3,709 +0,46 5,673 Mc G.Fdf Flx.Med. A Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,45 3,76 +0,32 4,702 Nextam P. Flessibile Nordest Sicav +0,75 4,02 Norvega Flessibile A -0,10 7,327 -0,07 3,028 Norvega Mb Absolut Norvega Mb Strategic -0,07 2,984 Norvega Rendimento A +0,07 5,381 Ob. Rendimento +0,07 5,805 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 -0,22 4,49 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 -0,72 3,731 Paritalia Orchestra C +0,00 72,648 Pioneer Target Controllo A +0,08 5,308 +0,13 5,277 Pioneer Target Equilibrio A Pioneer Target Sviluppo A +0,19 22,092

VARIAZ. QUOT.

Prima Strategia A-Rt 100 A -0,23 5,108 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,35 4,871 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,01 16,388 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,05 2,184 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,09 2,196 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A -0,15 13,528 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,14 13,556 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,11 4,677 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,11 4,717 Profilo Best Funds +0,17 5,862 Profilo Elite Flessibile +0,09 5,512 Sofia Flex +0,15 0,69 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,08 5,169 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,10 5,202 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,10 5,215 Soprarno Contrarian A +0,41 3,662 Soprarno Contrarian B +0,41 3,667 Soprarno Global Macro A -0,08 4,905 Soprarno Global Macro B -0,08 4,956 Soprarno Inflazione +1,5% A +0,09 5,479 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,09 5,506 Soprarno Relative Value A +0,07 5,362 +0,07 5,411 Soprarno Relative Value B +0,12 5,778 Symphonia Asia Flessibile Symphonia Comp.Fortissimo +0,51 2,566 Symphonia Italia Flessibile +0,28 4,982 Synergia Total Return +0,13 5,215 Total Return -0,13 2,296 Ubi Pra. Active Beta +0,00 4,719 Ubi Pra. Alpha Equity +0,10 5,098 +0,04 5,129 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,04 5,146 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,10 4,983 Unibanca Plus +0,02 5,226 Volterra Dinamico +0,36 5,297 Volterra Tr Glob. +0,04 5,435 Vrg Coro Rendimento +0,11 5,331 Zenit Absolute Return I +0,13 5,56 Zenit Absolute Return R +0,13 5,493 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 +0,20 4,577 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico -0,30 11,239 Antonveneta Vita Armonico 2007 -0,31 9,705 Antonveneta Vita Attivo -0,40 11,989 Antonveneta Vita Attivo 2007 -0,21 9,313 -0,63 14,074 Antonveneta Vita Azionario Antonveneta Vita Azionario Globale +0,72 8,007 Antonveneta Vita Azionario Specializzato -0,10 9,392 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +0,05 11,064 +0,66 10,636 Antonveneta Vita Bilanciato Globale Antonveneta Vita Dinamico -0,26 13,29 Antonveneta Vita Equilibrato +0,10 14,551 +0,01 11,41 Antonveneta Vita Euromoneta -0,01 11,851 Antonveneta Vita Monetario Antonveneta Vita Obbligazionario +0,17 11,812 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,14 13,345 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +0,00 12,242 +0,01 12,547 Antonveneta Vita Protetto Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,07 10,612 +0,02 12,851 Antonveneta Vita Sicuro Antonveneta Vita Trend +0,56 11,571 -0,26 8,433 Antonveneta Vita Trend Dinamico Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,09 10,065 Antonveneta Vita Trend Plus +0,56 7,153 +0,05 10,543 Antonveneta Vita Trend Protetto AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced +0,63 10,228 Aurora New Bond +0,18 10,048 +1,27 10,856 Aurora New Share -0,01 10,537 Aurora Unietic Aurora Unit Balanced +0,87 10,011 +0,40 8,805 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share +1,03 8,867 -0,18 11,267 Aurora Winvest Bilanciata Aurora Winvest Dinamica -0,39 9,865 Aurora Winvest Prudente +0,06 12,329 AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 Axa Mps Carattere Forte +0,18 8,999 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Pacifico Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 +1,06 10,439 Axa Mps Fin. Az. Top Ten -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Attento Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 11,785 +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico +1,15 11,116 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +1,78 19,759 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 +0,04 11,176 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,04 10,741 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,06 11,832 -0,01 10,052 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,04 10,017 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,02 9,56 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa Axa Mps Fin. Secure A +0,29 12,862 +0,97 5,431 Axa Mps Fin. Usa Equity A BCC VITA Bcc Vita Equity America +2,34 4,379 +0,75 4,858 Bcc Vita Equity Asia Bcc Vita Equity Europa +3,34 4,49 Bcc Vita World Global Bond -0,09 5,326 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,34 5,87 Bpm Az 50 +0,36 5,60 Bpm Az 80 +0,19 5,19 Bpm Az Flex +0,46 4,41 +0,00 3,79 Bpm Financial Audace Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 5,49

VARIAZ. QUOT.

Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,56 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,50 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,18 5,48 Bpm Financial Equilibrato +0,45 4,51 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,56 Bpm Financial Geographic Areas +0,64 3,16 Bpm Financial Global Bond +0,33 6,08 Bpm Financial Industrial Sector +0,62 3,24 Bpm Financial Prudente +0,39 5,13 Bpm Financial Riserva Euro +0,31 6,48 Bpm Financial Vita Azionario +0,22 4,51 Bpm Financial Vita Bilanciato +0,18 5,48 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,58 6,98 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 +0,27 10,531 Bnl Vita Capital Unit 60 +0,68 8,433 Bnl Vita Capital Unit 90 +1,13 6,428 CARDIF Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B -0,75 134,946 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 -0,89 123,124 Cardif Bilanciato A -0,37 189,674 Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B +0,76 218,90 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A +0,17 181,863 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 +0,29 173,009 Cardif Spazio Naturale CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G -0,04 5,183 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,17 Carige Gestilink Arancione Dinamica +1,22 3,663 Carige Gestilink Blu Moderata +0,97 5,103 Carige Gestilink Verde Prudente +0,30 6,623 Carige Protezione Attiva +0,72 102,94 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +1,28 4,02 Cattolica Bilanciato +0,94 4,306 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 -0,46 3,489 Cattolica Bpbari Freeway Desert Cattolica Bpbari Freeway Jungle -6,99 0,173 Cattolica Cividale Percorso Azionario +1,24 11,073 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario+0,21 11,319 Cattolica Ferrara Investire Azionario +0,58 3,309 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,07 5,546 Cattolica Fondo Protetto +0,12 5,218 Cattolica Formula Life Azionaria -0,21 4,343 Cattolica Formula Life Bilanciata +0,06 4,744 -0,47 4,487 Cattolica Fuoriclasse Balanced Cattolica Fuoriclasse Bond +0,57 5,50 Cattolica Fuoriclasse Equity -1,37 3,098 -1,66 1,364 Cattolica Fuoriclasse High Tech +0,13 5,532 Cattolica Nuove Rotte Cattolica Obbligazionario +0,38 4,818 Cattolica Progetto Attivo Bond +0,35 4,556 Cattolica Progetto Attivo Equity +1,29 3,694 +0,91 4,319 Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica -0,16 5,093 +0,23 6,194 Cattolica Soluzione Prudente Cattolica Soluzione Vivace -0,73 3,549 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,12 72,595 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 -0,01 150,637 Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 -0,01 164,673 Centrovita Anni 60 +1,13 118,541 Centrovita Anni 70 +2,19 119,546 +2,85 95,53 Centrovita Anni 80 +2,83 107,53 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue +2,79 57,116 +2,89 57,367 Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus +2,73 131,129 +1,46 148,039 Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus +1,47 174,523 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 +0,00 1.049,92 Centrovita Eag 2006 Centrovita Obbligazionario -0,23 188,359 Centrovita Obbligazionario Blue -0,20 123,596 Centrovita Obbligazionario Plus -0,24 209,565 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. +0,40 2,029 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate +0,08 4,857 GENERTELLIFE S.P.A. -0,03 5,965 Adria Equilibrio Genertellife Aptus 1 -0,48 4,949 Genertellife Aptus 2 -1,03 4,528 Genertellife Aptus 3 -1,52 3,763 +0,17 10,306 Genertellife Bg 2005-2015 +0,11 9,598 Genertellife Bg 2005-2020 +0,32 8,743 Genertellife Bg 2005-2025 Genertellife Bg 2005-2030 +0,28 8,32 Genertellife Bg Azionario 1 -1,05 2,162 -0,88 2,486 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 -0,51 3,886 -0,37 5,091 Genertellife Bg Bilanciato 2 -0,30 7,965 Genertellife Bg Dinamico -0,88 2,803 Genertellife Espansione Genertellife Espansione2000 -0,77 2,819 Genertellife Sviluppo -0,52 4,215 -0,50 3,752 Genertellife Sviluppo2000 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,31 5,781 -0,16 5,789 Genertellife Tirreno Unit Protezione Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -0,91 5,006 Genertellife Valore +0,00 6,174 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,07 4,103 Ina Fondo Valute Estere +0,62 1,14 Ina Nuovo Fondo Ina +0,18 7,851 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione +0,97 5,199 Intesa Vita Azionario America Growth +3,97 8,65 Intesa Vita Azionario America Value +4,50 9,457 +3,47 21,088 Intesa Vita Azionario Cina Intesa Vita Azionario Europa Growth +3,45 9,962

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Europa Value +2,72 10,796 Intesa Vita Crescita +0,35 5,991 Intesa Vita Dinamica +1,45 4,62 Intesa Vita Eurounit Azionario +0,53 3,018 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,12 4,912 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,04 5,478 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,03 6,354 Intesa Vita Gpa Accordo +0,18 681,34 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,18 655,02 Intesa Vita Gpa Acuto +0,34 388,57 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +0,35 330,43 Intesa Vita Gpa Armonia +0,22 504,81 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +0,22 444,01 Intesa Vita Gpa Motivo +0,16 623,77 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,16 586,12 Intesa Vita Monetario Dollaro +0,71 9,165 Intesa Vita Monetario Euro -0,02 10,855 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,68 11,274 Intesavita Gpa Private Bond +1,43 727,58 Intesavita Gpa Private Global Guar. +0,46 583,28 Intesavita Gpa Private Global High +0,81 328,09 +0,46 663,27 Intesavita Gpa Private Global Low Intesavita Gpa Private Global Medium +0,59 535,56 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo +1,44 3,459 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis +1,46 3,974 Mediolanum Azionario Fedeltà +0,00 2,128 Mediolanum Azionario Lntraprendenza +1,66 3,193 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis+1,66 3,923 Mediolanum Azionario Protezione +0,26 5,857 Mediolanum Balanced +0,91 4,645 Mediolanum Balanced Bis +0,94 4,724 Mediolanum Country +1,61 3,353 Mediolanum Country Bis +1,61 3,914 +1,22 4,075 Mediolanum Dynamic Mediolanum Dynamic Bis +1,20 4,475 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,03 6,75 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,31 6,821 Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,09 6,704 Mediolanum Euroequity Opportunita' +1,66 4,154 Mediolanum Euroequity Protezione +0,28 6,461 +1,46 4,444 Mediolanum Euroequity Sviluppo Mediolanum Moderate +0,55 5,083 Mediolanum Moderate Bis +0,61 5,098 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,04 5,535 Mediolanum Obb. Crescita Bis +0,34 5,391 +0,29 5,21 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,13 5,472 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,31 6,707 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,03 6,66 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,11 6,609 Mediolanum Opportunity +1,70 3,717 +1,67 4,069 Mediolanum Opportunity Bis +0,05 6,207 Mediolanum Prudent Mediolanum Prudent Bis +0,05 5,506 Mediolanum Sector +1,60 3,31 Mediolanum Sector Bis +1,58 4,118 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +1,26 2,98 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,79 4,321 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,03 6,178 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,11 5,556 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,25 3,305 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -0,60 5,758 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -0,94 12,759 -0,73 12,846 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,28 11,883 +0,44 10,842 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda +0,02 9,42 Risparmio Formula Link In Terza -0,48 7,688 Risparmio Gestivita Azionario -0,07 8,499 Risparmio Gestivita Bilanciato +0,24 10,239 +0,64 11,951 Risparmio Gestivita Obbligazionario Risparmio Patavium Ul Dinamico -0,56 7,613 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,999 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +0,10 7,938 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +0,22 7,627 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,58 9,214 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale +0,49 9,626 +0,00 9,88 Sara Vita Profilo Guardian Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno -0,07 119,51 Unipol Uninvest Azioni Piu' +1,18 107,833 +0,87 13,419 Unipol Uninvest Crescita +1,79 12,496 Unipol Uninvest Equilibrio Unipol Uninvest Flessibile +2,05 6,808 +1,21 108,016 Unipol Uninvest Grande7 +1,19 103,504 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 +0,23 110,943 +0,28 103,382 Unipol Uninvest Otto&Mezzo Unipol Uninvest Performance Europa +2,17 7,356 Unipol Uninvest Risparmio +0,42 13,465 Unipol Uninvest Valore +2,53 12,301 ZURICH LIFE AND PENSION +0,37 5,358 Zlap Controllo Zlap Crescita +0,89 6,359 Zlap Equilibrio +0,62 7,483 +0,59 4,745 Zlap Evoluzione Zlap Protezione +0,22 7,868 Zlap Prudenza +0,42 5,696 Zlap Sicurezza +0,18 5,478 Zlap Sviluppo +0,78 3,63


24

il Domani

Venerdì 05 Marzo 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Regionali e Napolitano

Indiscrezioni parlano di un nuovo ddl per rimediare all’esclusione. Convocato un Cdm straordinario

Pdl, il “pasticcio” delle liste elettorali contro le sentenze delle Corti di Appello di Angie Rucola ROMA Tra i banchi della maggioranza spunta l’ipotesi di un ddl per uscire dal tunnel in cui si è “cacciato” il Pdl per le prossime elezioni regionali. Secondo indiscrezioni è al vaglio un provvedimento che dovrebbe portare alla riammissione tutte le liste escluse; provvedimento che non dovrebbe rinviare le elezioni perché verrebbero riaperti solo i termini per la presentazione delle liste. Il Pdl ha riunito l’ufficio di presidenza a Roma per esaminare le possibili soluzioni al caos delle liste in Lombardia e nel Lazio dove ieri è stato presentato il ricorso ai Tar di appartenenza. Nel frattempo, per correre ai ripari, è stato indetto anche un Consiglio dei ministri straordinario. Il leader della Lega, Umbero Bossi, non crede ad un nuovo decreto tanto che sottolinea: «È una cosa urgente ma lasciamo stare il decreto. Si troverà di certo una soluzione politica». Duri quindi gli attacchi dell’opposizione. Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani ha infatti dichiarato: «Mi pare che tutte queste elucubrazioni abbiano poco fondamento. Stiamo parlando di cose che non stanno in piedi. Se il Pdl organizza una manifestazionedi piazza abbiamoil singolare caso inedito per cui uno fa le manifestazioni contro se stesso. Non vedo contro chi altro. Possiamo assistere anche a questo in

Condannata l’Italia: la Commissione europea punta il dito contro la gestione dei rifiuti campani di Anna Caruso

Italia, ne abbiamo viste tante». I Radicali Italiani suggerisconodi annullare le elezioni e convocarle di nuovo ripristinando condizioni di legalità tanto da dichiarare: «Di fronte a chi oggi vuole sanare i propri errori attraverso provvedimenti anticostituzionali o attraverso fantomatiche soluzioni politiche, noi continuiamo a lottare per il rientro nella legalità e la restituzione ai cittadini dei diritti civili e politici che gli sono stati sinora negati. La serie senza precedenti di omissioni e di violazioni di legge verificatesi infine negli ultimi sette mesi ed in particolare nella fase di presentazione delle liste, documentate da tempo e disponibili sui nostri siti, rendono strutturalmente illegali le prossime elezioni regionali, considerate nel loro complesso. L’annullamento delle elezioni in tutta Italia è l’unica soluzione di decoroso ri-

Fabrizio Cicchitto: «I ricorsi respinti dimostrano che queste elezioni possono essere falsate con conseguenze gravissime per la nostra democrazia. Altro che dilettanti allo sbaraglio»

ROMA La Corte di giustizia Ue del Lussemburgo ha condannato l’Italia sul caso dei rifiuti in Campania, stabilendo che nel 2007 il Paese non ha adottato le misure necessarie per salvaguardare la salute dei cittadini. Da Bruxelles sottolineano che : «Né l’opposizione della popolazione, né gli inadempimenti contrattuali e neppure l’esistenza di attività criminali costituiscono casi di forza maggiore che possono giustificare la violazione degli obblighi derivanti dalla direttiva e la mancata realizzazione effettiva e nei tempi previsti degli impianti». La Commissione aveva proposto alla Corte un ricorso per inadempimento contro l’Italia, criticando la mancata creazione in quella regione di «una rete integrata ed adeguata di impianti atta a garantire l’autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti sulla base del criterio della prossimità geografica».

spetto della legalità e dello Stato di diritto». Non poteva mancare la voce di Antonio Di Pietro: «Minacciare rivolte di piazza, come ha fatto Silvio Berlusconi, o un’azione di forza, come ha detto Ignazio La Russa, implica una premessa drammatica per il nostro Paese. Se il presidente del Consiglio e il ministro della Difesa, di fronte alla violazione della legge che i loro stessi partiti hanno commesso, pretendono di risolvere la situazione con un’azione di forza, a me che ci sia il rischio di un corto circuito democratico, che finirebbe per portare il nostro paese ai tempi del Ventennio». Fabrizio Cicchitto non usa mezzi termini: «I ricorsi respinti dimostrano che queste elezioni corrono il rischio di essere falsate con conseguenzegravissimeper la nostrademocrazia. Altro che dilettanti allo sbaraglio».

Dopo l’avvio della procedura la Commissione aveva congelato i fondi comunitari destinati alla Campania per circa 500 milioni di euro. Il governo italiano aveva chiesto di respingere il ricorso sottolineando come era stato fatto ogni possibile sforzo per arginare la crisi. L’Italia ha affermato di aver aumentato il livello di raccolta differenziata e di aver aperto due discariche e costruito inceneritori. I fatti per cui l’Italia è stata condannata dallaCorteEuropeasonosuccessivialla nomina di Guido Bertolaso a sottosegretario all’emergenza rifiuti in Campania. Lo precisa il Dipartimento della Protezione civile. I fatti contestati, si fa rilevare, sono riferiti al 2007 e quindi in un periodo precedente alla nomina di Guido Bertolaso che è avvenuta invece nel 2008.

ROMA - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sul caso delle liste del Pdl, parla da Bruxelles definendo l’accaduto «un pasticcio». Lo stesso ha dichiarato: «Sono preoccupato. La preoccupazione è una parola pesante e importante però rimane. Seguo gli sviluppi della situazione e mi pongo i problemi che potranno sorgere». Tanti esponenti della maggioranza continuano a chiedere un intervento di Giorgio Napolitano, ricordando un caso simile avvenuto nel ’95 quando a capo della Repubblica, come riporta l’Ansa , c’era Oscar Luigi Scalfaro che riaprì i termini della consegna delle liste. Umberto Bossi interviene nuovamente dichiarando: «L’importante è parlare con il presidente Napolitano». Così anche il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli: «Nell’incontro a Palazzo Grazioli abbiamo vagliato tutte le possibilità in maniera preliminare. Ma a

Roberto Formigoni: «Tentano di buttarci fuori dalle elezioni. È un problema che attiene alla parola democrazia» questo punto ci deve essere un incontro con il Presidente della Repubblica, per parlare sia del merito della vicenda sia degli strumenti, alla luce di quel che è accaduto».Ovviamente anche il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, chiede l’intervento di Napolitano sottolineando che «si sta già muovendo il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Chiediamo che intervenga il presidente della Repubblica che deve essere garante della libertà di voto dei cittadini.Tentano di buttarci fuori dalle elezioni e tentano di impedire ai 10 milioni di cittadini lombardi di trovare il candidato presidente di riferimento e le liste di partiti a cui hanno sempre dato il 60% del loro consenso: è un problema che attiene alla democrazia». Non a caso ieri sera Silvio Berlusconi ha incontrato il presi-


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 25

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Il tasso eurozona fermo all’1%, quello britannico allo 0,50, tutto come previsto dagli analisti

Tassi invariati nell’eurozona e in GB, ripresa in clima incerto di Carlo Bassi ROMA - Come ampiamente previsto dagli analisti economici, nella consueta riunione del Consiglio direttivo di inizio mese, la Banca centrale europea ha lasciato immutato il tasso di rifinaziamento principale all’1 per cento. Una decisione assolutamente scontata dal mercato, coì come era scontata la scelta della Bank of England di lasciare invariato il suo tasso d’interesse allo 0,50 per cento, il minimo storico, a dispetto della grande debolezza della sterlina provata dalla crisi economica e in pieno timore di un "double dip", una ricaduta dopo i primi accenni di ripresina. Tra l’altro la Banca d’Inghilterra ha lasciato immutato a 200 miliardi di sterline anche l’importo del programma di riacquisto bond messo in campo per iniettare liquidità nel sistema economico. Dopo la decisione odierna, gli esperti prevedono un mantenimento del costo del denaro in Eurolandia all’uno per cento per tutto il 2010, anche alla luce degli ultimi dati statistici che danno l’inflazione sotto controllo. E va ricordato in proposito che il controllo dell’inflazione è la priorità assoluta per la Bce, come il suo Presidente Jean Claude Trichet ha ricordato moltissime volte. Se poi da un lato, i timori di inflazione sembrano per il momento spariti all’orizzonte, dall’altro, la debolezza della ripresa economica, cui potrebbero aggiungersi interventi sul fronte della spesa pubblica di molti stati dell’Unione per evitare il collasso delle finanze pubbliche, spingono l’istituto centrale di Eurotower a Francoforte a mantenere basso il rifinaziamento principale. Molto diverso appare il discorso per gli Stati Uniti dove, sempre secondo gli analisti, il costo del denaro ha già avuto una timida ripresa e dove gli economisti prevedono che sia possibile un aumento concreto già nel corso dell’estate. Cosa che si rifletterebbe ovviamente sulle

Fastweb e Telecom in attesa delle decisioni del gip sulla nomina di un commissario come da 231

quotazioni del dollaro nei confronti dell’euro, favorendo gli esportatori europei, Italia compresa. Non pochi economisti prevedono che i tassi americani, al momento virtualmente a zero, possano decollare fino ad arrivare all’uno per cento, come in Europa, verso la fine dell’anno. Nella sua consueta conferenza stampa dopo l’annuncio sui tassi, il Presidente della Bce ha ribadito il suo pensiero, che non è affatto mutato rispetto ai primi di febbraio: la ripresa continuerà per tutto il 2010 ma sarà lenta e fragile e in un clima di continua incertezza. La partita, comunque, si gioca sulla exit strategy. Cioè, sull’eliminazione delle misure straordinarie a favore della liquidità: le aste di rifinanziamento a tre mesi passeranno dal tasso fisso a quello variabile. Una mossa concreta verso la strategia d’uscita, per drenare liquidità dal mercato. Imponendo infatti un tasso variabile all’asta, sarà più oneroso per gli istituti primari farsi prestare soldi dall’Eurotower. I tecnici della Banca centrale europea hanno, poi, ritoccato le loro previsioni sulla crescita economica, che migliorano sul 2011. Per quest’anno invece prevedono un progresso del Pil tra lo 0,4 e l’1,2 per cento, laddove tre mesi fa stima-

ROMA - Per evitare il commissariamento Fastweb ha proposto al gip la nomina da parte della stessa società di un commissario che curi la gestione operativa ed eserciti la funzione di controllo sulla divisione Wholesale, mentre non ha proposto il cambio dell’intero Cda. Lo riferiscono fonti giudiziarie e fonti della società. «Abbiamo presentato una serie articolata di proposte», ha detto una fonte di Fastweb, che ieri mattina ha presentato l’ultima parte della documentazioneal gip.Tra le proposte, ha detto la fonte, «non c’è assolutamente il cambio del Cda» di cui i media avevano parlato in questi giorni. Secondo una fonte giudiziaria, «il Cda propone la nomina da parte della società di un commissario speciale che per nove mesi curi la gestione operativa ed eserciti la funzione di controllo sulla divisione Wholesale, con le necessarie garanzie che tutto proceda con il massimo della trasparenza». La proposta della nomina di un commissario da parte della società è stata confermata anche dalla fonte di Fastweb. Martedì il gip di Roma Aldo Morgigni aveva concesso 48 ore a Fastweb e a Telecom Italia Sparkle, società di Tele-

Dopo la decisione odierna, gli esperti prevedono il mantenimento del costo del denaro in Eurolandia all’uno per cento per tutto il 2010 data l’inflazione bassa vano tra un più 0,1 e un più 1,5 per cento. Per il 2011 ora è attesa una crescita tra lo 0,5 e il 2,5 per cento, contro un 0,2-2,2 indicato tre mesi fa. Secondo la Bce la ripresa economica nell’area euro sta proseguendo, ma secondo risulterà «discontinua» nei prossimi mesi. In un contesto di perdurante «incertezza», ha spiegato Trichet, quest’anno è attesa una crescita economica a ritmi «moderati». Sulla Grecia, Trichet ha detto che le nuove misure appaiono «convincenti». «Il Consiglio accoglie favorevolmente queste misure», che appaiono destinate a consentire «progressi significativi nel 2010» sul percorso di aggiustamento delle finanze pubbliche della Grecia.

Frena la ripresa nella Ue nel IV trimestre ROMA - - Frenanel quartotrimestre del 2009 la crescita economica dell’Unione europea. Il pil è aumentato dello 0,1 per cento sia nell’area euro che nella Ue a 27, in frenata dal più 0,4 e più 0,3 per cento del trimestreprecedente.Subaseannua, rende noto l’Eurostat,il Prodotto interno lordo ha registrato una contrazione del 2,1 per cento nell’eurozona e del 2,3 per cento nei Ventisette (meno 4,1 e meno 4,3 per cento nei tre mesi precedenti). Nella media del 2009 il pil ha segnato meno 4,1 per cento nell’area euro e meno 4,2 per cento nell’Ue a 27, in netto calo dal più 0,6 e più 0,8 per cento del 2008. Negli Stati Uniti il calo nel 2009 è stato del 2,4 per cento (più 0,4 nel 2008) e in Giappone del 5 per cento (meno 1,2 nel 2008). Guardando ai singoli Paesi, l’Italia è tornata in territorio negativo: meno 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente (da più 0,6 per cento) e meno 2,8 per cento su base annua (da meno 4,6 per cento). Segno meno anche per la Spagna (meno 0,1 per cento rispetto al meno 0,3 del trimestre precedente) e per la Grecia (meno 0,8 per cento). Crescita ferma per la Germania (dopo il più 0,7 per cento del trimestre precedente), in aumento in Francia (più 0,6 per cento, più 0,3 per cento nel trimestre precedente) e Regno Unito (più 0,3 per cento). Questo ultimo dato, sulla Gran Bretagna, in particolare ha dato un po’ di respiro alla divisa britannica da giorni in caduta rispetto a dollaro ed euro per i timori di una ricaduta.

com Italia, per depositare nuova documentazione con proposte finalizzate ad evitare il commissariamento, nell’ambito dell’inchiesta romana su un caso di riciclaggio e frode da due miliardi di euro per la quale è stato arrestato, fra gli altri, il fondatore di Fastweb Silvio Scaglia.«Abbiamo depositato la documentazione tra ieri e questa mattina», ha detto al telefono Paola Severino, avvocato di Telecom Italia Sparkle. Fonti giudiziarie riferiscono che che potrebbero passare giorni prima che il gip decida sull’eventuale commissariamento come da legge 231/2001. «Non sappiamo quali saranno i tempi del gip» per la decisione, ha spiegato a sua volta l’avvocato Severino. «Siamo in attesa. «Non abbiamo idea di quali possano essere i tempi», ha confermato Gildo Ursini, uno degli avvocati di Fastweb. La procura di Roma ha aperto alla possibilità di ritornare sulla richiesta di commissariamento,se gli amministratori indagati saranno allontanati e se saranno nominate persone indipendenti che garantiscano una gestione chiara e specchiata delle due società.


AsteInfoappalti

26 Giovedì 4 Marzo 2010 TRIBUNALE DI CATANZARO cancelleria esecuzioni immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Giuseppe Cava Nella Procedura esecutiva n. 107/06 R.G.E. all’udienza del 26.01.2010 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto n. 1 “quota di 1/2 appartamento in Davoli, via Borsellino n. 15 catasto al fg. 6 part. 857 sub.3, salvo errori ed omissioni, al prezzo base di euro 17.276,50 L’immobile, meglio descritto ed indicato nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 21 aprile 2010 ore 9,30; nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc, in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità unitamente ad un assegno circolare non trasferibile intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 107/06” portante una somma pari al decimo del prezzo base o del prezzo offerto, a titolo di deposito cauzionale; l’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Per l’eventuale gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 3.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare, in cancelleria, il prezzo d’acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione nel sito internet “www.aste.eugenius.it” (oppure sui due due nuovi portali specializzati www.asteimmobili.it e www.portaleaste.com) e diffusione sul quotidiano “Il Domani”. Catanzaro, 26.01.2010 II Giudice Dott. Giuseppe Cava CANCELLERIA ESECUZIONI IL CANCELLIERE C1 Dott. Salvatore Aiello °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dr. G. Cava, nella procedura esecutiva n. 33/91 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Terreno in Torre Ruggiero, località Logge, fg. 8, p.lle 611, 285,613,618,283. Prezzo base d’asta euro 20.796,00. Lotto 2: Terreno in Torre Ruggiero, loc. Monte Cucco, fg. 8, p.lle 48,49, 50,51,52,53,54,55, 58,59,60. Prezzo base d’asta euro 113.660,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 21.04.2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc, in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonchè un Assegno circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro - proc. n. …” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo d’acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Catanzaro, 08.04.2007 °°°°°°°°°° che il Giudice dell’Esecuzione, dr. G. Cava, nella procedura esecutiva n.28/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: A) Terreno con annesso stabilimento industriale in corso di realizzazione della sup. Ha 4.29.80 loc. Piano Colle in agro di Cerva (Cz) in C.T. fgl. 5, p.lle 108-103-106-104-102107 B) Terreno sito in Cerva loc. Piano fgl. 5 part.lle

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

4-222-158; fgl. 6 part.lle 45-46-47-43-44; loc. Colle Torchia fgl. 6 part.lle 82-49-52-31-3451-82-85-113-125-126 con annesso magazzino di circa 200 mq. e fabbricato di civile abitazione di circa 100 mq. ed altro fabbricato di mq. 80 con capannone di mq. 600 I SUESTESI IMMOBILI VENGONO VENDUTI A SINGOLI LOTTI E PRECISAMENTE: 1) Palazzina al rustico composta da piano terra ed un primo piano cui si accede con scala esterna in c.a. mq. 263,12 complessivi euro 4.685,00 2) Edificio industriale n° 1 e 2 destinato a caseificio, celle centrale termica ecc. mq. 2.356,30 complessivi euro 75.739,75 3) Edificio inndustriale n°3 destinato alle pecore lattifere mq. 991,90 complessivi euro 31.866,19 4) Edificio industriale n°4 destinato al parto, svezzamento, rimonta ingrasso ed arieti mq. 1972,90 complessivi, euro 63.364,80 5) Edificio industriale n°5 destinato a fienile, mangimificio, silos a torre e ricovero macchine mq. 919,60 complessivi, euro 24.950,14 I LOTTI SOPRAINDICATI SONO SERVITI DA: a) Zona destinata a viabilità interna, piazzali e parcheggi auto mq. 4.200 complessivi b) Zona di verde mq. 5.000 complessivi c) Recinzione esterna ml. 690 complessivi 6) Porzioni di terreno ricadenti nell’immobile pignorato I - p.lla n° 102 castaneto da frutto mq. 2.390, II - p.lla n° 103 bosco ceduo mq. 2.390, III - p.lla n° 104 castaneto da frutto mq. 3.300 che sommano in c.t. in complessivi euro 3.255,18 7) p.lla n° 107 - parte mq. 12.000, euro 8.433,17 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 21.04.2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 dei giomo antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n.28/91” di un importo pari al 10% del prezzo base o dei prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giornÌ dalla data di aggiudicazione Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Si dispone,a cura del creditore procedente,la notifica della presente ordinanza ai credÌtori non comparsi ex art.498 c.p.c.entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza dei termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicati entro il suddetto termine, oltre che nelle forme di legge, mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it - il Domani °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 70/06 R.G.E. pendente tra Noto Desiderio E omissis Visti gli atti; DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto, con riduzione di 1/4 del prezzo, del bene seguente: Lotto 1: quota pari a 1/2 di appartamento posto al primo piano di un edificio residenziale in Roccelletta di Borgia, sup. mq. 93,00, oltre portico e giardino di pertinenza, in catasto al foglio 32, p.lla 370 sub.1 prezzo euro 55.642,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. N.70/06 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 11.05.2010, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la delibazione sulle offerte ex art.572 e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art.573 c.p.c. è fissata in data 12.05.2010. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto,

A CURA DELLA

MEDIATAG

dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “IL Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 04.01.2010 Il Giudice dell’Esecuzione Dott.ssa Giovanna Gioa Tribunale di Catanzaro Cancelleria Esecuzioni Depositato oggi 05.01.2010 Il Cancelliere C1 Dott. Salvatore Aiello °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 195/93 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico: terreno in Borgia, Loc. Fiumarella Forno (Foglio 23, particelle 229 - 231) prezzo base: euro 1.143,81 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 21 aprile 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità, nonché un Assegno Circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. …” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche su Progetto Aste Mediatag. Catanzaro, 27 gennaio 2010. Il Cancelliere Il Giudice °°°°°°°°°° Procedura esecutiva n. 228/92 R.G. Espr. Il Giudice dell’Esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 17.12.2009, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1: terreno agricolo sito in Caraffa di Catanzaro, fraz. Puzzo Strada Provinciale nr. 49, identificato in catasto al foglio 19, mappale 85, 257 sub AA e 257 sub AB, al prezzo base di euro 3.956,75; lotto 2: magazzino sito in Caraffa di Catanzaro, fraz. Centro Via degli Ottanta, identificato in Catasto al foglio 6, mappale 567, al prezzo base di euro 2.526,00. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine dell’11.05.2010 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 200,00, l’udienza del 12.05.2010 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 228/92” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. Gli immobili, meglio descritti nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, saranno venduti nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, che sin intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet “www.aste.eugenius.it”

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

e diffusione sul quotidiano “Il Domani”, con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitaria la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executvis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Si comunichi. Catanzaro 11.01.2010 Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 65/03 r.g.e.; visti gli artt. 569 e ss. C.p.c. e vista la richiesta di vendita, rilevato che può essere disposta la vendita del solo lotto 1 - il cui valore appare idoneo a garantire il credito azionato nella procedura -, non avendo il consulente scorporato le particelle di proprietà del terzo estraneo alla procedura; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: lotto unico: “Unità abitativa in Catanzaro, Contrada Santa Domenica, in Catasto al foglio 37, part. 209, sub. 3” prezzo base: euro 98.243,43 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 21 aprile 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità, nonché un Assegno Circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. …” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche su Progetto Aste Mediatag. Catanzaro, 27 gennaio 2010. Il Cancelliere Il Giudice °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Procedura esecutiva n. 25/07 Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all’udienza del 21 ottobre 2009 visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. vista la richiesta di vendita, dispone la vendita senza incanto del seguente bene: lotto unico: “piena proprietà per la quota di 1/6 di terreno agricolo sito in agro di Simeri Crichi (CZ), Loc. “San Focà” (foglio 7; partita 1964; mapp. 102 e 117, qual. uliveto)” prezzo base: euro 2.443,29 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 20 aprile 2010 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 500,00 , l’udienza del 21 aprile 2010 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 25/07” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese della procedura saranno a carico dell’aggiudicatario. Dispone che il creditore procedente provveda entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c.


AsteInfoappalti

27 Giovedì 4 Marzo 2010 non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima anche su Progetto Aste Mediatag. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 27 gennaio 2010. Il Cancelliere Il Giudice °°°°°°°°°° Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 166/87 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO 2) immobile in Sorbo San Basile, in Catasto al foglio 51 particella 65 Prezzo base d’asta euro 60.000,00 LOTTO 3) immobile in Sorbo San Basile, in Catasto al foglio 51 particella 66 Prezzo base d’asta euro 132.000,00 LOTTO 4) immobile in Sorbo San Basile, in Catasto al foglio 51 particella 67 Prezzo base d’asta euro 170.000,00 LOTTO 5) immobile in Sorbo San Basile, in Catasto al foglio 51 particella 93 Prezzo base d’asta euro 185.000,00 LOTTO 6) immobile in Sorbo San Basile, in Catasto al foglio 51, particelle 92, 40, 55, 56; foglio 60 particelle 8 e 200 Prezzo base d’asta euro 160.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 21 aprile 2010, ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 2.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto mediante le seguenti inserzioni: - rivista Aste e sul sito www.aste.eugenius.it. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 80/1995 RE, con ordinanza emessa all’udienza del 13.01.2010, ha disposto la vendita con incanto del lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per il 21.04.2010 lotto uno: “piccolo agrumeto sito in agro di Acconcia di Curinga, pianeggiante, esteso per 2000 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 8, p.lla 77” prezzo base d’asta euro 3.796,87; lotto due: “piccolo appezzamento di terreno sito in agro di Acconcia di Curinga, esteso per 290 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 38, p.lla 81” prezzo base d’asta euro 263,88; lotto tre: “piccolo appezzamento di terreno sito in agro di Acconcia di Curinga, esteso per 780 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 38, p.lla 200” prezzo base d’asta euro 740,38. SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 3.796,87 per il lotto uno, di euro 263,88 per il lotto due e di euro 740,38 per il lotto tre; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1,

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 20 aprile 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 21 aprile 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDI-

A CURA DELLA

MEDIATAG

ZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 febbraio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 44/1995 RE, con ordinanza emessa all’udienza del 13.01.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 21.04.2010 PRIMO LOTTO: terreno di natura agricola sito in agro di Feroleto Antico, loc. Scafinacchi, esteso complessivamente circa Ha 1.16.50, confinante con stradina comunale per Feroleto Antico, omissis, fosso Vaccaria, salvo altri. In NCT del predetto comune al foglio n. 18, particelle n. 1 e 255 (castagneto da frutto). SECONDO LOTTO: terreno di natura agricola sito in agro di Feroleto Antico, loc. Mastrociccio, esteso complessivamente circa Ha 0.73.40, confinante con stradina comunale per Feroleto Antico, omissis, omissis, salvo altri. In NCT del predetto comune al foglio n. 18, particelle n. 52, 59 e 256 (uliveto) 58 e 257 (querceto). SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 6.858,54 per il lotto uno e di euro 7.153,63 per il lotto due; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

(nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 20 aprile 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 21 aprile 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di


AsteInfoappalti

28 Giovedì 4 Marzo 2010 ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 febbraio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 2/1997, con ordinanza emessa all’udienza del 13.01.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 21.04.2010; LOTTO UNO: “n° 1 posto auto, sito al piano seminterrato di un fabbricato di maggiore consistenza, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 189 Sezione Censoria 1, categoria C/6, classe 1; consistenza mq. 16, rendita catastale euro 17,35”; prezzo base d’asta euro 819,20; LOTTO DUE: “n° 1 posto auto sito al piano seminterrato di un fabbricato di maggiore consistenza, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 190 Sezione Censoria di S. Eufemia, in corso di costruzione”; prezzo base d’asta euro 819,20; LOTTO TRE: “appartamento, in un edificio di maggiore consistenza, sito al terzo piano fuori terra, con soprastante copertura piana, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia), interno 17 e 18 Scala C, composto da tre stanze, una cucina, due bagni, per un totale di mq 83,80, due balconi per complessivi mq 15,40 e un terrazzo di mq. 15,00 - identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 118 e 120 Sezione Censoria di S. Eufemia, in corso di costruzione, confinante con appartamento indicato come sub 116, con appartamento indicato come sub 122, con corridoio e scala condominiale; l’appartamento è lievemente difforme alla concessione rilasciata, per sanarlo occorrono euro 716,46 (spese condono e spese tecniche). Non è stato rilasciato nessun certificato di abitabilità”; prezzo base d’asta euro 12.902,40. SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 819,20 per il lotto uno di euro 819,20 per il lotto due e di euro 12.902,40 per il lotto tre; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 20 aprile 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 21 aprile 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione

A CURA DELLA

MEDIATAG

mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 febbraio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 86/1993, con ordinanza emessa all’udienza del 09.12.2009, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 21.04.2010; LOTTO UNICO - “quota pari alla metà dell’appartamento posto al terzo piano fuori terra del fabbricato per civile abitazione sito in Pianopoli, località Canicelle, Coop. Ediec A/1, contraddistinto dal numero interno 5, composto da ingresso, soggiorno, cucina, tre camere e bagno, per una superficie utile complessiva di mq. 77,80, oltre a mq. 8,16 di balconi; all’appartamento è annessa una cantina di mq. 8,5, posta al piano seminterrato del medesimo fabbricato; il tutto è riportato nel NCEU del predetto Comune censuario alla partita 1000326, foglio di mappa 6, p.lla 649, sub 7 (l’appartamento) e sub 11 (la cantina); i beni non presentano difformità urbanistiche”. Prezzo base d’asta euro 13.587,52 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 13.587,52 per il lotto unico; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società);

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 20 aprile 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 21 aprile 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 febbraio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI Presentato nei giorni scorsi, a Lamezia Terme, un nuovo lavoro incentrato sul tema della riforma federale dello Stato e sulle opportunità che questo modello può offrire per il futuro

“Al Sud come al Nord...” Il libro di Giuseppe Galati LAMEZIA TERME - "La Calabria e il Sud hanno bisogno di una visione politica: una ricetta che ha come priorità la legalità, che non è una soluzione ma una precondizione per risollevare il Meridione" sono queste le parole del Ministro Angelino Alfano che ha presentato nei giorni scorsi a Lamezia Terme il libro dell’on. Giuseppe Galati, "Al Sud come al Nord. Tra federalismo e responsabilità", incentrato sul tema della riforma federale dello stato e sulle opportunità che questo modello più offrire per il futuro. Aggiunge ancora il Ministro"Il Mezzogiorno è un patrimonio immenso grazie a straordinarie risorse naturali, come il sole e il mare. Perciò partire anche da qui, dalla loro valorizzazione, per rilanciare la Calabria e il Sud"."Il sud non è solo un’entità geografica - ha detto l’On. Galati è uno stato dell’anima, una profonda e sensibile cultura verso i più deboli. Il sud deve ora riappropriarsi della propria coscienza più sana e diventare un’entità propulsiva di sviluppo e legalità".

di Mario Mirabello CATANZARO - "La mafia si comporta come un leone che deve cacciare la sua preda. Corre, corre, anticipa sempre i tempi; riesce a pianificare le sue strategie: osserva, fiuta. Sceglie il terreno del confronto e poi colpisce. Applica i suoi codici in giornata e senza appello. Questa è la differenza tra loro e noi: la legge del leone". Così la prefazione del libro di Gianni Palagonia: "Nelle mani di nessuno. La lotta di uno sbirro antimafia in un paese malato", presentato a Catanzaro, a cura del Comitato Locale di Catanzaro - Lamezia Terme dell’International Police Association (IPA), presso la Biblioteca Comunale di Villa Trieste, alla presenza, tra gli altri dell’Assessore Comunale alla Cultura, Antonio Argirò. Il libro si compone di tre parti, la prima dal titolo: "La mafia sta in Sicilia, ma anche no" e comprende una serie di capitoli che vanno da un siciliano in esilio, dalle rapine al riciclaggio, alle cose di cosa nostra. La seconda parte tratta delle nuove brigate rosse, con paragrafi dedicati al delitto Biagi, mentre l’ultima parte, dal titolo: "Sotto la divisa, l’uomo", è dedicata proprio a colui che ha pagato di tasca proprialasuaostinazione.Gianni Palagonia, autore dello scritto, è un nome falso di un poliziotto vero, costretto a nascondersi dietro uno pseudonimo per proteg-

Nella foto, il tavolo dei relatori

Il ministro Alfano: «La Calabria e il Sud hanno bisogno di una visione politica: una ricetta che ha come priorità la legalità»

All’incontro, organizzato dalla Fondazione I Sud del Mondo onlus, in collaborazione con la Fondazione Magna Grecia, sono intervenuti, oltre al Ministro della Giustizia e all’On. Giuseppe Galati, Antonino Foti, Presidente della FondazioneMagnaGrecia,e Fortunato Amarelli, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confin-

Presentato il libro di Gianni Palagonia, nome falso di un poliziotto costretto a nascondersi dietro uno pseudonimo per proteggersi

“La lotta di uno sbirro antimafia in un Paese malato” gere se stesso e i propri congiunti. Dopo i saluti dell’Assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro, Antonio Argirò ed il prologo del libro, letto dal giovane GiuseppeChinello,sonointervenutiil Questore di Trapani, Giuseppe Gualtieri, il dirigente generale di P.S., Raffaele Salerno, il presidente della Sezione Penale del Tribunale di Lamezia Terme, Giuseppe Spadaro, oltre a Simona Dalla Chiesa, figlia del generale dei Carabinieri, ucciso dalla mafia nel 1982. Il Questore di Trapani, Giuseppe Gualtieri, soffermandosi sul libro di Gianni Palagonia, ha tratto dallo stesso alcuni interessanti spunti, tra cui quello che la mafia oggi è profondamente cambiata, in particolare nel nord, "dove - ha sottolineato - non si fa vedere, alla luce che controlla gli appalti e la vita economica sociale senza appunto farsene accorgere. Nel sud, invece, qualcosa sta cambiando, anche per la grande bravura del poliziotto di leggere e di interpretare certe situazioni".

Da parte sua, il dirigente generale di P.S., Raffaele Salerno, si è soffermato sull’aspetto umano delle vicende della vita di un poliziotto, "fortunato - ha evidenziato - da un lato, perché ha consentito di giungere ad obiettivi importante, sfortunato dall’altro, perché ha costrettol’ispettoredipoliziaGianni Palagonia a vivere una nuova realtà, abbandonando la propria terra, con tutte le conseguenze e non solo nella sua nuova vita lavorativa". Il Presidentedella SezionePenale

del Tribunale di Lamezia Terme, Giuseppe Spadaro, nel suo intervento, ha parlato della solitudine del magistrato, "molto simile - ha affermato - a quella del poliziotto. Debellare il fenomeno mafioso non è condiviso da tutti. Chi lo combatte si sente abbandonato dal legislatore, si sente abbandonato da uno Stato che taglia i fondi per le forza della polizia, si sente abbandonato dalla stampa, si sente abbandonato da colleghi che hanno preso strade diverse, attirati dalla carriera.".

L’incontro è stato organizzato dalla fondazione “I Sud del Mondo Onlus”, in collaborazione con la “Magna Graecia”

dustria. Ha moderato Francesco Verderami, giornalista del Corriere della Sera."Il libro - spiega l’autore GiuseppeGalati- proponeuna serie di idee innovative per rilanciare il Sud: la green card per i giovani,l’impresacheadottal’impresa, l’Alta scuola meridionale del turismo (Asmt)...". "La presenza di un uomo di governo come il Ministro Alfano conclude l’On. Galati - la sua nascita e la sua cultura che hanno radici profonde nel sud come il sottoscritto, mi offre lo spunto per dire che oggi il mezzogiorno diventaprotagonistadiundibattito che parte proprio dal Sud".

Prezioso e toccante, infine, il contributo di Simona Dalla Chiesa, che ha rievocato la vicenda umana del padre, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia nel 1982, pochi mesi dopo la nomina a Prefetto di Palermo. "Ci sono cose che non si fanno per coraggio; si fanno per potere continuare a guardare serenamente con gli occhi i propri figli ed i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla". Questo un estratto di uno scritto del generale Della Chiesa, letto a chiusura dell’evento, il cui contenuto ben si contempla nel libro di Gianni Palagonia. La manifestazione è stata coordinata dal presidente dell’IPA di Catanzaro, Fabio Iacono Manno, che ha illustrato al qualificato pubblico presente gli scopi che si propone l’associazione. "Perseguire - ha sottolineato - il nobile scopo di curare l’unione, l’amicizia e la cooperazione fra gli appartenenti alle diverse forze di polizia di tutti gli stati del mondo, senza distinzione di grado, sesso, colore, razza o religione, il tutto attraverso lo scambio di visite con delegazioni estere. La sezione italiana dell’IPA conta attualmente circa quindicimila soci, occupando l’ottavo posto nella graduatoria mondiale.


Venerdì 05 Marzo 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI Prosegue con lo spettacolo di Ennio Flaiano la stagione dell’associazione Tempo Nuovo a Chiaravalle

“Guerra spiegata ai poveri” Iniziativa dedicata alla saggistica e alla narrativa a Catanzaro • BAGNARA C. (Cs) "PremioMia Martini" Nei prossimi giorni a Parigi conferenza stampa di presentazione della 16 edizione del Premio Mia Martini. Da Bagnara Calabra, quartier generale del prestigioso Premio, in questi giorni stanno giungendo notizie di grande fermento e di incessanteattività. Tutto in funzione dell’organizzazione della prossima edizione del rinomato evento, che anno dopo anno acquista una rilevanza sempre più importante per il pubblico e gli addetti ai lavori. Ad ascoltare le aspiranti “Nuove Proposte per l’Europa” nei prossimi mesi, sarà una commissione artistica nominata direttamente dal patron Nino Romeo, composta dall’eccellente musicista Mario Rosini (presidente della commissione),dall’ormaistoricogiornalistamusicaleAndreaDirenzo(coordinatoredella commissione), da Giovanna Gilda Severino e dalla già preannunciata vocalist deiMatiaBazar,RobertaFaccani,dasubito entusiasta di far parte della grande famigliadel Premio Mia Martini. Infatti, sia il patron che la responsabile organizzativa Silvana Bonadonna sono sicuri che la preziosa esperienza di un’artista del calibro della Faccani apporterà un grandissimo valore alla nuova edizione e a tutti i giovani artisti. La responsabile organizzativa Silvana Bonadonna, come nel suo stile, non svela nulla di ciò che saranno le sorprese della prossima edizione; preannuncia, però, che nel corso della conferenza stampa di Parigi saranno rese note le novitàchevedrannoprotagonistile“Nuove Proposte per l’Europa”. Il Premio Mia Martini è patrocinato dalla Regione Calabria,dall’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e Calabria e dal Comune di Bagnara Calabra. Adesso tocca a te! in palio il tuo sogno. • CATANZARO Laboratoriodi musica E’attivo,ognimartedìdalleore16,00alle ore 18,00, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, il Laboratorio sperimentale di musica moderna . Gli appuntamenti rientrano nelle attività culturali 2009/10 dell’Agenzia Regionale Diritto allo Studio Universitario Ardis di Catanzaro e sono indirizzati agli allievi iscritti all’Accademia de Belle Arti di Catanzaro, dell’Università della Magna Grecia e del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia, promossi e organizzati dall’Associazione "Promocultura" presieduta dal M° Tommaso Rotella. I laboratori prevedono una serie di incontri di formazione musicale di canto moderno tenuti dalla Prof. ssa Velia Ricciardi e di chitarra e basso elettrico tenuti dal M° Vittorio Accorinti. • CATANZARO Premio Vivarium L’Associazioneculturale“Accademiadei Bronzi”, in collaborazione con le Edizioni Ursini di Catanzaro e Radio Squillace, promuove e organizza la 2ª edizione del premio “Vivarium”di poesia, saggisticae narrativa. La partecipazione è gratuita e il monte-

premi totale è di 6.000 euro. Alla sezione A, dedicata a S.S. Giovanni Paolo II, si partecipa inviando tre poesie inedite in lingua italiana, contenute nei 35 versi, di cuialmenounaatemareligiosooispirata ad argomenti di carattere sociale.Alla sezione B, dedicata a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro (Squillace, 490 circa – Monastero di Vivarium 583 circa), si partecipa con un saggio inedito di argomento religioso, storico o sociale, oppure con un testo inedito di narrativa (romanzo o racconti).Ilavorinondovrannosuperare le 200 cartelledattiloscritteformato A4. Gli elaborati dovranno essere spediti in duplice copia, con firma ed indirizzo dell’autore,entroil31marzo2010,unitamente alla scheda di partecipazione che potrà essere scaricata dal sito www.ursiniedizioni.it o richiesta via fax al n. 0961.782980. L’invio dei testi dovrà avvenire solo con posta prioritaria, intestando il plico a “Nuova Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia 26 – 88100 Catanzaro. Per eventuali informazioni scrivere a premiovivarium@gmail.com. • CATANZARO Mostra di Antoni Tàpies A una settimana dall’inaugurazione, al Museo Marca è stata inaugurata nella giornata la mostra di Antoni Tàpies, figura centrale nella storiadell’arte contemporanea internazionale, che potrà essere visitatefinoal15marzo. Cinquantaleopereesposteneglispazidel Marca, un gruppo di lavori monumentali, in gran partemai visti in Italia, focalizzati sull’indagine degli ultimi tredecenni: dipinti, sculture, muri, disegni, composizioni grafiche e libri illustrati provenienti da importanti collezioni pubbliche e private italiane e straniere, a testimoniare la straordinaria vitalità dell’artista e l’attualità di una ricerca che ha attraversato tutta l’arte del dopoguerra ponendosi come elemento di costanteautocoscienza. All’inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, Juan Manuel Bonet uno dei maggiori esperti internazionali di Antoni Tàpies,storicoe criticod’artecheharicoperto importanti incarichi come la direzionedell’Ivam di Valencia e del Reina Sofia di Madrid. Numerosi sono statii segnalidi un interessamentoe di un forte consenso a questa nuova iniziativa del Marca. Dagli articoli già apparsi su diverse riviste nazionali come Dove e Inside ai ripetuti contatti già avviati dalle maggioritestate italiane. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol,AmiciDell’OperaLirica"JussiBjorling" presenta il programma 2009/2010: 27 marzo 2010, dadefinire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" pressoCircoloUnioneore17.30;22maggio2010,2°incontrosuMozart-DaPonte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30. • CATANZARO Festival di Pontegrande

L’Emmeti associazione comunica che si terrà giorno 17 aprile 2010, la VIII edizione del festival canoro di Pontegrande. Quest’annolamanifestazionesisvolgerà presso l’auditorium "Casalinuovo". La quotadi iscrizioneè di euro40,00.Come ogni anno, ad ogni partecipantesarà fornito un dvd del festival e n. 2 fotografie (a scelta). Leiscrizionidovrannopervenire,improrogabilmente, entro e non oltre, il 31 marzo 2010. Al vincitore verrà consegnato il trofeo del festival di Pontegrande. Inoltre, i primi tre classificati parteciperanno di diritto alle semifinali nazionalidelfestivalestivo2010organizzato dall’Asi di Piombino. Per il modulo d’iscrizione, il regolamento ed ulteriori informazioni rivolgersi ai seguenti numeri: 333/3926440 - 328/8103948 334/5825185. • CHIARAVALLE Stagione teatrale L’associazione culturale Tempo Nuovo presenta la stagione teatrale 2010. sabato 13 marzo, "La guerra spiegata ai poveri" di Ennio Flaiano; regia di Francesco Frangipane con Massimiliano Benvenuto, Vanessa Scalera; venerdì 19 marzo, "Vogliamoci tanto bene" testo e regia di Carlo Buccirosso, con Carlo Buccirosso,MariadelMonte;domenica 28 marzo , "Roma ore 11" di Elio Petri; regia di Anna Damiani con Manuela Mandracchia,MariàngelesTorres;sabato 17aprile, "Il rompiballe", di Francis Veber; regia di Franco Procopio con la CompagniaTempo Nuovo.

• LOCRI (Rc) "Locri Fest Jazz" Sei spettacoli, sei serate di grande jazz.La città di Locri ospita, presso la Tenuta Il Palazzo , il primo "Locri Fest Jazz", un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Francesco Macrì . Programma: il 5 marzo , sempre alle 20.30, sarà la volta di Greg Osby & Quartet.Il quarto spettacolo vedrà, il 25 marzo alle 20.30, l’esibizione di Gary Thomas & Quartet. Gli appuntamenti si concluderanno con l’esibizione di Maria Neckam &Quintetil3aprilealleore20.30edinfine, l’11 aprile sarà la volta di Eddie Gomez Trio". Tra le novità del festival l’abbinamento tra la musica e la gastronomia come ha sottolineato l’avvocato Nicola Capogreco, il quale ha precisato che ad ogni spettacolo è previsto, all’interno del costo del biglietto, la degustazionediunpiattoimportantedialtacucina accompagnato da un ottimo vino, tranne che per la prima serata che, iniziando alle ore 18.30, si prevede l’accompagnamento con un aperitivo originale.Ilcostopersingolospettacoloè dieuro20,00,mentrel’abbonamentocosta 90,00 euro.I biglietti e gli abbonamenti di possono prenotare ed acquistarepressol’ufficiostaffdelsindacodiLocri, posto al primo piano del Palazzo di Città. E’ gradita la prenotazionein quan-

to è previsto un limite ai posti a sedere, comprensivi dei tavoli dove gustare le raffinatezze gastronomiche.Per gli organi di stampa è gradita la richiesta di accredito sempre presso l’ufficio staff del sindaco di Locri. • SOVERATO (Cz) "Incontriamocia teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Di seguito il programmacompleto delle due rassegne: 3 marzo , “Dal Derby al Nuovo” con TeoTeocoli, ore 21.00; 12 marzo , “Le Nozze diFigaro” di Gregorio Calabretta, ore 21.00; 19 marzo , “Ciak si suona” del Classic MoviesQuartetconKatiaRicciarelli,ore 21.00. Primi passi a teatro: 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30; 13 febbraio , Odissea, ore 18.30; 13marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il magodi OZ, ore 18.30.

• VIBO VALENTIA Seminario sul cinema Il Sistema Bibliotecario Vibonese presentaL’Itala,ilCinematografoAutobiografiadiunanazione:1861-2010,seminario di storia e critica del cinema. Il seminario, che prevede la proiezione di 10 film, oltre a 11 sedute, avrà la durata di 4 mesi, fino a giugno . Gli altri film proiettati saranno: La grande guerra di Mario Monicelli, Roma città aperta di Roberto Rossellini, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi, I pugni in tasca di Marco Bellocchio, Todo modo di Elio Petri, Bianca diNanniMoretti,L’uomoin piùdiPaolo Sorrentino, Biutiful cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero. Le proiezioni avranno luogo nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 13 febbraio, alle ore 15.00; il 15 febbraio, alle ore 21.00; il 26 marzo, alle ore 21.00; il 27 marzo, alle 18.00; il 29 marzo, alle 21.00; il 29 aprile, alle ore 21.00; il 30 aprile, alle ore 21.00; il 3 maggio, alle 21.00; il 14 maggio, alle ore 21.00. Gli altri incontri sono invece previsti nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 15 febbraio, alle ore 16.00; il 16 febbraio, alle ore 16.00; il 26 marzo, alle ore 16.00; il 29 marzo, alle ore 16.00; il 30 marzo,alleore18.00;il30aprile,alleore 16.00; il 3 maggio, alle ore 16.00; il 4 maggio, alle ore 18.00; il 15 maggio, alle ore 21.00; il 17 maggio alle ore 17.00. Tutte le sedute avranno come relatore Antonio Tricomi,fatta eccezioneper l’ultima,chevedràl’interventodellosceneggiatore cinematografico e televisivo LeonardoMarini.Ilseminarioèapertoatutti. Le domande di ammissione al seminario dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2010 alla segreteria del seminario di storia e critica del cinema, Sistema BibliotecarioVibonese,ViaAbatePignatari - 89900, Vibo Valentia. La partecipazione al seminario è gratuita. Al termine del seminario, a chi avrà assistito alla proiezione di almeno 6 film e abbia preso parte ad almeno 6 incontri, verrà rila-

sciato un attestato di frequenza comprensivo delle firme dei relatori.

• CALABRIA Premio giornalistico Fino al 15 maggio sono aperte le iscrizioni alla Terza Edizione del Premio Giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei,rivoltoaigiovanigiornalistisottoi35 anni che abbiano saputo raccontare l’Italiael’Europacontemporaneecongli occhi di chi si affaccia alla professione. Per il 2010 il Premio è rivolto ai servizi giornalistici pubblicati o trasmessi su testate italiane e della Svizzera italiana tra il 1° gennaio 2009 e il 15 maggio 2010, che abbiano riguardato: "Quando la natura si rivolta: la forza degli elementi, l’ambiente violato, le scelte per un pianeta migliore". La Giuria valuterà: il migliorarticolopubblicatosuquotidiani, periodici e web; il miglior servizio radio-televisivo trasmesso da emittenti locali e nazionali. Nella giuria figurano nomi prestigiosi del giornalismo e della cultura, tra i quali Claudio Magris (scrittore), Arrigo Benedetti (regista), FerrucciodeBortoli(CorrieredellaSera),Arturo Colombo (professore universitario), Michele Fazioli (RTSI), Attilio Giordano (La Repubblica), Alfredo Macchi (TG4), Giuseppe Mascambruno (La Nazione), MassimoNava(CorrieredellaSera),Antonio Patuelli (Libro Aperto), Gianni Riotta (Il Sole 24 Ore), Carlo Verdelli (Condé Nast), Andrea Vianello (RAI Tre), e Fulco Pratesi (giornalista e ambientalista, WWF) come Giurato speciale per l’Edizione 2010. Tutta la Giuria sul sito www.barbielliniamidei.it.Il PremioGiornalisticodedicatoallamemoria e all’impegno di Gaspare Barbiellini Amidei è natonel 2008 sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio dell’OrdineNazionale dei Giornalisti, dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, della Federazione NazionaleStampa Italiana, dell’Associazione Ticinese dei Giornalisti e della Città di Lugano, con l’obiettivodi incoraggiareun giornalismolibero,innovativo e di qualità.Innovative le modalità di partecipazione al Premio, interamente on line attraverso ilsito www.barbielliniamidei.itLa cerimonia di consegna del Premio si svolgerà all’Isola d’Elba, tra luglio e agosto 2010, incollaborazioneconilPremioletterario Isola d’Elba - Raffaello Brignetti, il Comune di Marciana e l’APT dell’Arcipelago toscano. • TAVERNA (CZ) Mostra di pittura Sarà visitabile fino all’11 aprile 2010 la grande mostra “Cavalieri, dai templari a Napoleone” allestita a cura di Alessandro Barberio e Andrea Merlotti, nella monumentale reggia di Venaria Reale (Torino), alla quale è stato prestato dal MuseoCivicodiTaverna,inaccordocon l’Amministrazione Comunale e la competenteSoprintendenzadellaCalabria,il capolavoro di Mattia Preti raffigurante “La Predica di S. Giovanni Battista" con l’Autoritrattodell’Artista”.


il domani  

Edizione del 05 Marzo 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you