Page 1

Venerdì 05 Febbraio 2010 Anno XIII - Numero 35

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

SCUOLA

ECONOMIA

WHY NOT

Cdm: sì a riforma scuola solo 6 licei, uno musicale

La Bce li conferma all’1% Monito di Trichet sul deficit

Il Pg chiede altre condanne ma anche quattro assoluzioni

di Cab a pag » 25

di Roberto Carli a pag » 24

a pag » 8

ESCLUSIVA Parla Antonio Violante, uno dei lavoratori che da tre giorni con altri colleghi è confinato per protesta su una delle gru del porto

«Se chiude Gioia chiude mezza Calabria» «Il Governo e il presidente Berlusconi devono ascoltare la voce di 3mila padri di famiglia»

IL COMMENTO

Protagonisti nel mondo di Luca Zaia ministro Politiche agricole

Esprimo la mia soddisfazione per l’approvazione del riordino, proposto dal ministro Mariastella Gelimini, degli Istituti tecnici. La riforma ha riconosciuto le specificità del comparto agricolo attraverso la previsione di un apposito indirizzo. In particolare, è stato salvaguardato, attraverso l’individuazione di una apposita articolazione, il percorso didattico di viticoltura ed enologia. Nel nuovo ordinamento gli Istituti di viticoltura ed enologia potranno rilasciare la specializzazione di enotecnico. Una figura che acquisisce un ruolo di sempre maggiore importanza in un settore che compete sempre di più sulla qualità e la conoscenza. Il vino è da sempre una delle risorse più preziose del nostro patrimonio agroalimentare. E rappresenta la cristalizzazione più alta di un’agricoltura identitaria che ci rende protagonisti nel mondo.

A Roma guardano gli otto coraggiosi lavoratori portuali che da tre giorni sono confinati sulla gru numero 22 e che non hanno alcuna «intenzione di scendere» L’INTERVENTO Chiesta con forza l’apertura di un tavolo nazionale per affrontare la crisi in atto di Casaburi e De Grano a pag » 4

CANNONATE DI PANNELLA

Phonemedia, politici assenti o complici di Antonio Jiritano Rdb

Approvato il modello «Unico 2010 Sp»

Intimidazione a Callipo. Il leader radicale attacca Loiero CATANZARO - «Devi farti da parte, te la faremo pagare». E’ la minaccia rivolta all’industriale Pippo Callipo, candidato alla presidenza della Regione, com una lettera inviata alla sua segreteria. La notizia ha suscitato la reazione sdegnata di Marco Pannella che ha espresso solidarietà a Callipo ed ha attaccato duramente Agazio Loiero. di Giuseppe Tetto a pag » 5

Approvato il modello definitivo di dichiarazione«Unico2010SP»con provvedimento direttoriale del 1° febbraio dell’Agenzia delle Entrate. Tutte le istruzioni che, le società semplici, in accomandita semplice ed equiparata devono presentare nell’anno 2010 ai fini delle imposte sui redditi, sono disponibili anche online sul sito dell’Agenzie delle Entrate. Tra le novità vi è l’incentivo introdotto dall’art. 5 del Dl 78/2009 (Tremonti-Ter). di Luana Rocca segue a pag 20

Franco Corbelli: il listino un’onta per chi lo difende

Vibo, la Dia sequestra beni per quattro milioni

COSENZA - Il leader del movimento Diritti civili, Franco Corbelli, promotore della campagna per l’abolizione del listino bloccato, preannuncia che «se il Consiglio regionale non sarà convocato in tempo e non approverà la cancellazione di questa norma-vergogna, acquisterà delle pagine a pagamento sui quotidiani calabresi, per far conoscere i nomi dei consiglieri regionali che voteranno contro la soppressione dellistino-scandalo».

VIBO - La Dia, su disposizione del Tribunale di Vibo Valentia, ha sottoposto a sequestro un’azienda edile, diversi mezzi, numerosi rapporti bancari e postali nonché molte unità immobiliari, tra le quali quelle costituenti il complesso residenziale denominato "Villa Filomena", ubicato nella rinomata area turistica compresa tra i comuni di Ricadi e Capo Vaticano, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Nel mirino un sorvegliato speciale.

a pag » 9

a pag » 10

Restiamo sconcertati dall’atteggiamento dei nostri amministratori locali su Phonemedia: sono mesi ormai che continua l’occupazione dello stabile - call center - e nessun amministratore locale si indigna, nessuno che si preoccupa della salute dei ragazzi, ma soprattutto della loro situazione economica. Eppure sono 2.500 lavoratori che con le loro famiglie compongono una fetta grossa di cittadini che sono da mesi in queste condizioni (senza arretrati e senza lavoro) senza contare tutti gli altri lavoratori dei call center catanzaresi precari del sotto precariato, vessati e minacciato ogni giorno - polli da batteria - che devono produrre soldi per i padroni. E quando questo non avviene scattano le sanzioni disciplinari - pure per un ritardo di un minuto dopo la boccata d’aria gentilmente concessa. Siamo veramente sdegnati dal silenzio assordante del presidente della regione, di quello della provincia e del sindaco della città, riteniamo che il loro silenzio sia eloquente di come sono trattati i cittadini catanzaresi - solo portatori di voti. Cosi come è sconcertate l’atteggiamento di tutti quei politici che fino a ieri quando il call center funzionava facevano a gara per raccomandare i loro adepti a frequentare corsi fuori regione e per essere inseriti nelle attività lavorative; ora tutti fanno silenzio, in attesa delle liste per le elezioni regionali dopodiché di nuovo a promettere e dispensare pacche sulle spalle. Questo silenzio ci ha portato a pensare che forse qualche politico nostrano è socio in questo sistema di precariato. A pensar male spesso si indovina (diceva qualcuno)!


2

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA di Giuseppe Candido Elezioni, democrazia senza democrazia L’interesse della sussistenza dello stato - scriveva quasi cento cinquant’anni fa Giuseppe Mazzini è comune: «Ivi i migliori per ingegno e virtù hanno dovere e diritto al raggiungimento dei pubblici negozi, e vengono eletti da tutti, rimanendo sindacabili, amovibili, responsabili». Ma oggi di responsabilità la politica non ne vuole sentir parlare più e spesso cambia le proprie leggi a convenienza per rimanere inamovibili, per restare irresponsabili dell’operato svolto durante il mandato.

In Calabria si fanno e si disfano leggi elettorali, si inventano primarie, poi si cancellano

SOLDI SPORCHI

La degenerazione della democrazia, la sua involuzione dei costituenti, oggi accelera in Italia. E’ dal 2006, da tre anni, che tutte le elezioni si tengono, in Italia, in condizioni di completa illegalità. Una regola semplice del diritto pubblico, che è anche una regola del Consiglio d’Europa, vorrebbe che non si cambino le leggi elettorali a meno di un anno prima del voto. La ragione è molto semplice, chiara anche ai più sprovveduti: così facendo, il diritto elettorale “del popolo sovrano” viene manipolato dal potere, dal governo e dai partiti, per fare in modo che, gli elettori, non abbiano, in realtà, la piena sovranità popolare esercitata col voto. Cosa avviene invece nell’Italia dei 150 anni? Già nel 2006, per le elezioni politiche, pochi mesi prima del voto, a campagna elettorale di fatto già in corso, venne cambiata la legge elettorale introducendo il proporzionale. Il così detto porcellum: vi ricordate?

di Francesco Pungitore

La ’ndrangheta colpisce ancora (in Svizzera) Un’inchiesta della televisione svizzera italiana evidenzia aspetti poco chiari nella condotta delle autorità giudiziarie di Zurigo nelle indagini sul crack nel 2003 di due società finanziarie zurighesi fondate da due italo-svizzeri legati alla ‘ndrangheta, vicenda sfociata in Italia nell’inchiesta “Dirty Money”. Il documentario-inchiesta della Rsi (Radiotelevisione Svizzera di lingua italiana), “Soldi sporchi”, dimostra inoltre «inequivocabilmente la presenza in Svizzera di una cellula organizzata della ‘ndrangheta», affermano gli autori del documentario. Il punto di partenza è l’estate del 2003 che vede 1.700 clienti derubati dei loro investimenti ed un buco pari a 100 milioni di franchi. E’ uno dei «casi giudiziari di criminalità organizzata più complessi, inquietanti e ancora irrisolti degli ultimi anni», sottolineano i realizzatori del documentario del settimanale di approfondimento della Rsi, Falò. Le indagini metteranno infatti in luce l’esistenza a Zurigo di «una vera cellula della ‘ndrangheta, riconducibile ai clan di Mesoraca, con una struttura propria e con il suo grado di indipendenza dalla famiglia madre», spiega il giornalista Gianni Gaggini, tra gli autori del documentario.

E ciò poiché a Silvio Berlusconi faceva comodo avere il sistema proporzionale che avrebbe consentito di limitare la sconfitta. Il resto è cronaca. La sconfitta fu limitata e il Governo Prodi andò a casa dopo appena due anni. Nel 2008 di nuovo elezioni col porcellum e la promessa, bipartisan anche questa, di cambiare subito dopo il voto, la legge elettorale che toglieva le preferenze ai cittadini e ci regalava un Parlamento di nominati dalle segreterie dei partiti. Promessa non mantenuta ma, anzi, con l’aggravio ulteriore per le europee. Nel 2009, a Berlusconi e Veltroni, faceva ugualmente comodo innalzare l’asticella dell’accesso al Parlamento, introducendo lo sbarramento al 4 %, con la scusa della semplificazione politica, per tagliare fuori alcuni partiti dalla rappresentanza parlamentare. Anche in questo caso, le modifiche della legge elettorale vennero fatte a pochi giorni dal voto. In Calabria si fanno e si disfanno leggi elettorali, si inventano primarie, poi si cancellano con un continuum di modifiche al testo e ai regolamenti della legge elettorale regionale. Durante queste elezioni regionali sta capitando la stessa cosa. A denunciarlo è Mario Staderini, giovane avvocato e segretario di Radicali Italiani: «Si voterà fra poco più di un mese e mezzo e ancora stanno cambiando, in molti consigli regionali, le leggi elettorali. Capita in Toscana, capita in Umbria, capita in Calabria, capita in Basilicata. Sta capitando un po’ ovunque. Da una parte si fanno l’esenzione, lor signori, per la raccolta firme ma, soprattutto, cambiano di nuovo le regole a pochi mesi dal voto quando già c’è gente che sta raccogliendo le firme». Ma perché, si chiede Staderini, fanno questo? «Sicuramente per ridurre la rappresentanza nelle aule parlamentari italiane, europee e dei consigli regionali. Ma, soprattutto, per prendersi tutti quanti, in pochi, le cifre del finanziamento pubblico dei partiti». Per capirlo è sufficiente andare a vedere quello che avviene coi rimborsi elettorali che, dopo il referendum del ’93, hanno sostituito il finanziamento pubblico dei partiti. Staderini sviscera dati precisi: «Prima del 2006, cinque partiti, quelli che poi hanno votato la legge elettorale con la modifica dello sbarramento, e cioè il Partito Democratico, il

Popolo della Libertà, Lega, Italia dei Valori e Udc, hanno cambiato la legge elettorale». Prima del 2006, questi stessi partiti percepivano circa il 70% del finanziamento pubblico. Dopo il 2009, dopo cioè aver fatto fuori i partiti minori, dopo queste leggi “blitz partitocratici”, quegli stessi cinque partiti arraffano il 95% del finanziamento pubblico dei partiti. Tutta la torta insomma. Dopo esserselo aumentato, ovviamente sempre con voto bipartisan. Con la legislatura del 2008, spiega ancora Staderini, «sono diventati 503 i milioni di euro che si prenderanno i partiti. Di questi 503 milioni di euro, 470 milioni di euro andranno solo a quei cinque partiti». E pensare che nel 1993, quando fu abolito il finanziamento col referendum, erano soltanto 47 i milioni di euro di finanziamento pubblico. Oggi 503. Una democrazia senza democrazia, un regime partitocratico chiuso, “bloccato”, ma sostenuto però coi soldi pubblici dei cittadini. E, la stessa cosa è accaduta con la televisione pubblica dove, le tribune politiche sono state abolite e, al loro posto, sono subentrate le “trasmissioni di approfondimento” più volte sanzionate dall’Autorità Garante delle Comunicazioni per la violazione dei diritti civili e politici dei cittadini. «Prima del 2006 quei cinque partiti gestivano “solo” il 65% circa degli spazi televisivi della tv di stato. Oggi - continua Staderini - gli stessi cinque partiti, si accaparrano il 95% degli spazi televisivi del servizio pubblico. Il risultato è che c’è un tentativo, in Italia, difronte all’assenza totale di democrazia e di stato di diritto, di cercare di fare la caccia, a raschiare il barile». La questione politica, cioè a dire l’organizzazione del potere, in un senso favorevole al progresso morale, intellettuale ed economico del popolo, è tale che rende possibile l’antagonismo della causa del progresso: torniamo indietro, ci involviamo democraticamente, la politica viene pervasa da poteri criminali e, sempre di più, i cittadini si allontanano da una casta intenta solo a conservare la poltrona.

Giuseppe Candido

:: www.ildomani.it ::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio) ::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Guido Talarico Amministratore

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

PRIMO PIANO

GIOIA TAURO In esclusiva per Il Domani parla Antonio Violante, uno dei lavoratori portuali che da tre giorni con altri sette suoi colleghi è confinato per protesta su una delle gru del porto

Prosegue la protesta degli “otto della gru”: «Siamo la voce di tremila padri di famiglia» di Ludovico Casaburi e Alessio De Grano ROMA - Cessato nella serata di mercoledi lo sciopero dei lavoratori portuali a seguito della "nota" a firma di Medcenter Container Terminal, gestore dell’hub calabrese, l’emergenza Gioia Tauro, derivante da una serie di fattori (recessione economica, scarsa competitività nei confronti dei concorrenti esteri, e anche farraginosa gestione del Governo) non può comunque dirsi esaurita. Tutte le parti in causa guardano a Roma: è il Palazzo la sede nella quale il problema deve essere risolto. E a Roma guardano anche gli otto coraggiosi lavoratori portuali che da tre giorni sono confinati sulla gru numero 22 e che, come dichiarato in esclusiva al Domani da uno di loro, Antonio Violante, non hanno alcuna «intenzione di scendere». «Stiamo bene, fa un po’ freddo e la notte si dorme poco a causa del rumore che fanno le ventole. Uno di noi è stato poco bene, è l’ansia e la preoccupazione di questa situazione», ci racconta. La voce di Violante al telefono è un po’ tremolante ma allo stesso tempo convinta, così come il concetto che tiene a sottolineare: «Siamo qui dalle 17 di martedi e

«Siamo qui dalle 17 di martedi e posso assicurare che siamo uniti, decisi e compatti e che non abbiamo nessuna intenzione di scendere - dice Violante almeno fino a che questo Governo, e il suo presidente del Consiglio, non decideranno di aprire un tavolo di trattativa con tutte le parti in causa per mettere fine alla crisi del porto di Gioia Tauro»

posso assicurare che siamo uniti, decisi e compatti e che non abbiamo nessuna intenzione di scendere - dice - almeno fino a che questo Governo, e il suo presidente del Consiglio, non decideranno di aprire un tavolo di trattative con tutte le parti in causa per mettere fine alla crisi del porto di Gioia Tauro». «In tanti hanno perso o sono a rischio di perdere il lavoro. Sia chiaro, tutto questo noi lo fac-

«Noi non siamo contro l’azienda - prosegue - anzi; io ci lavoro da 14 anni, per me è come una figlia. Si può dire che l’ho creata io, non ho timore di essere smentito nel dirlo. Lavorarci è un nostro diritto, e se si ferma il porto di Gioia si ferma mezza Calabria, perché tante sono le famiglie coinvolte»

ciamo prima di tutto per le nostre famiglie, perché siamo tutti padri di famiglia. Non ci sono solo i mille e trecento lavoratori che stanno in Mct; c’è anche tutto l’indotto. Qui si parla del futuro di tremila famiglie. Qua sopra siamo in otto, ma in realtà siamo più di tremila». «Noi non siamo contro l’azienda prosegue Violante - anzi; io lavoro

1993

Il porto di transhipment di Gioia Tauro cominciò l’attività nel ’93. Attualmente l’hub impegna circa 1.300 lavoratori

qui da 14 anni, per me come per gli altri questa azienda è come una figlia. Si può dire che l’ho creata io, non ho timore di essere smentito nel dirlo. Lavorarci è un nostro diritto, e se si ferma il porto di Gioia si ferma mezza Calabria, perché tante sono le famiglie che sperano che questa situazione del porto si sblocchi». Quanto allo sciopero rientrato nella serata di mercoledi grazie alla tregua raggiunta tra Mct e sindacati, Violante aggiunge: «Noi non vogliamo che il porto si fermi; noi otto siamo con gli operai che stanno giù e che sono tornati al lavoro. Il porto non deve chiudere, è per questo che combattiamo». Quanto siete disposti a rimanere sulla gru, chiediamo. «Se non si risolve, noi qua ci restiamo anche un anno».

ANCHE IL CAPPELLANO SULLA GRU Don Natale, cappellano del porto di Gioia, ha deciso di sposare la causa dei lavoratori che da tre giorni portano avanti la loro protesta a 44 metri d’altezza su una delle gru del porto. Inizialmente lì per ascoltare e sostenere gli otto gruisti (uno di loro aveva anche accusato un lieve malore), don Natale ha poi scelto di restare con loro. «Sono solidale con questi lavoratori. Le istituzioni devono rendersi conto delle difficoltà di questi operai, che cercano solo di conservare il loro lavoro», ha affermato il prete.


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

La mafia minaccia Callipo E Pannella accusa Loiero di Giuseppe Tetto «L’assassinio di Pippo Callipo sarebbe iscritto nelle cose, calabresi e romane. Occorre scongiurarlo anche perché questa è l’apparente cruna d’ago attraverso la quale è necessario vitalmente passare». Sono queste le parole di Marco Pannella. Chiare, lucide che non lasciano adito a dubbi su chi, secondo il leader storico dei Radicali Italiani, sia il mandante della

ti poteri occulti. «Si tratta, infatti, di uno scontro ormai di vero e proprio carattere antropologico, più ancora che culturale». E a pagarne le conseguenze sono persone come Callipo, al quale molto "gentilmente" è stato chiesto di farsi da parte, di non fare il testardo, altrimenti l’avrebbe pagato a caro prezzo: «Lascia perdere la politica - si legge nella lettera minatoria - se proseguirai

di Pannella: «L’attacco di Pannella è vergognoso e schizoide. Spara nel mucchio, alimenta pregiudizi come solo una stupido potrebbe fare, non uno che come lui abbia pretese culturali». E il governatore calabrese adesso valuterà se citarlo in giudizio, «anche se so bene che in politica non è questa, in molti casi, la via da seguire». Intanto il mondo politico si strin-

nacce ricevute». E per Ignazio Messina, commissario regionale di Italia dei Valori in Calabria, questo è stato un «atto vile, deprecabile ed ingiustificabile perché siamo certi che Callipo andrà avanti senza lasciarsi intimorire e non deluderà gli elettori che attendono di votarlo in attesa di un cambiamento reale, che solo lui può dare alla Regione». Ma non basta solo esprimere soli-

«Il vero responsabile è la partitocrazia calabrese. Si tratta di uno scontro ormai di vero e proprio carattere antropologico, più ancora che culturale» sostiene Marco Pannella lettera di minaccia fatta pervenire nei giorni scorsi all’imprenditore Filippo Callipo, ex presidente di Confindustria Calabria e candidato per l’Idv alla guida della Regione Calabria. Colpevole responsabile è la partitocrazia calabrese, come quella romana, in quanto «non può permettersi di far gestire a una personalità come Pippo Callipo le documentazioni, almeno ventennali, di una classe dirigente corrotta e corruttrice che, per l’essenziale, non ha mai visto contrapposte e in lotta la componente di sinistra e quella di destra di questo letale Regime». Accuse pesanti dirette al governo Loiero, ma anche ai suoi predecessori, rei di aver plasmato nel corso degli anni un mondo politico estremamente clientelare e invischiato fin nelle viscere con cer-

Pippo Callipo

su questa strada ce la prenderemo con la tua famiglia e con la tua azienda. Guarda che non scherziamo». Un "invito" prontamente denunciatodallostessoimprenditore ai carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia insiemeall’intrusionedihackernon identificati all’interno della pagina personale del suo sito. Ma Loiero non ci sta e replica stizito, e al tempo stesso increduluo, alle accuse deliranti e pericolose

ge intorno all’imprenditore. Immediata la solidarietà di Antonio Di Pietro che ha espresso la sua vicinanza a Pippo Callipo, oggetto di una "vile e ignobile minaccia": «Ci auguriamo che la magistratura faccia al più presto chiarezza su questa grave ed incresciosa vicenda assicurando i responsabili alla giustizia. Nel ribadire tutto il nostro sostegno a Pippo Callipo siamo certi che non si lascerà intimidire dalle vili mi-

darietà. Doris Lo Moro, parlamentare Pd, è perentoria nel sostenere che la questione non può essere archiviata in maniera semplicistica, in quanto ad essere colpito è un soggetto che si propone come candidato per le prossime regionali: «Nella Calabria che ha visto cadere a pochi mesi dalle ultime elezioni regionali il vicepresidente del Consiglio Regionale e che ha vissuto quell’omicidio come un messaggio alla politica per

Pesanti accuse del leader storico dei Radicali Italiani, dopo le intimidazioni fatta pervenire nei giorni scorsi all’imprenditore candidato per l’Idv alle elezioni regionali. Loiero: «Solo un attacco delirante e schizoide». Intanto il mondo politico si stringe intorno a Callipo. Interrogazione parlamentare di Angela Napoli che denuncia la strategia della tensione della ‘ndrangheta impedireilcambiamento,unalettera di minacce in vicinanza delle elezioni deve ancor di più allarmare». E a testimoniare quanto sia reale la minacccia di una influenza mafiosa sulle prossime elezione regionali, è l’interrogazione parlamentarepresentatadall’on.Pdl, Angela Napoli al presidente del Consiglio dei ministri e ai ministri dell’Interno e della Giustizia, che analizza come la strategia della tensione, messa in atto per mano della ‘ndrangheta, sta creando viva preoccupazione e mancanza di serenità sia per la preparazione delle liste elettorali che per lo svolgimento della relativa competizione. Un atto quello della Napoli, che arriva in concomitanza con l’interpellanza a firma di 35 deputati, tra cui i calabresi Doris Lo Moro, Maria Grazia Laganà Fortugno, Aurelio Misiti, per denunciare al Governo "l’inquietante escalation di attentati e intimidazioni a imprenditori, magistrati e istituzioni". «Si tratta di una situazione insostenibile che mina le basi stesse della convivenza civile e dello Stato di diritto - ha detto Leoluca Orlando, portavoce nazionale dell’Idv, e primo firmatario dell’interpellanza. Occorre una mobilitazione diretta dei ministri dell’Interno e della Giustizia per contrastare la criminalità organizzata, senza attendere l’ennesimo attentato o intimidazione prima di intervenire».


6

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

PRIMO PIANO

quasi 36 miliardi Europarlamentari contro le Sudi euro stanziati per il Mezzogiorno nel regioni inadempienti sui fondi 2009, al 31 decembre erano stati impegnati 2 mld e 910 milioni (cioè l’8,10%)

di Gaia Mutone ROMA — I fondi europei rappresentano una grande occasione per il nostro Mezzogiorno. Spesso consentono di dare vita ad iniziative che altrimenti non potrebbero concretizzarsi: permettono, ad esempio, di agevolare l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, di promuovere la formazione professionale di alto livello o di stimolare la realizzazione di

opere infrastrutturali. Peccato che troppo spesso gli enti locali dimostrino, con il loro ritardi, di non comprenderne l’importanza correndo il rischio di perderli. Di qui l’iniziativa degli europarlamentari eletti nel Mezzogiorno di esercitareunapressionecongiunta affiché la situazione cambi. Dopo le recenti dichiarazioni dell’onorevole Gianni Pittella, vice presidente del Parlamento europeo, l’onorevole Aldo Patriciello ha presentato, ieri, un’interro-

La cultura del ricordo In occasione del trigesimo della morte del Signor VITTORIO UEZ sarà celebrata una messa in suffragio venerdi 5 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di San Francesco, Sambiase L.Terme. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora ROSA DE SENSI sarà celebrata una messa in suffragio venerdi 5 febbraio alle ore 16.30 nella Chiesa di San Raffaele Arcangelo, Lamezia Terme. In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor SILVIO PIRILLO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 5 febbraio alle ore 18.30 nella parrocchia di S. Francesco di Paola (via mons. A. Fares) a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora ROSA PILLITTERI

sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 5 febbraio alle ore 18.00 nella Chiesa di S. Giovanni Battista a Catanzaro. E’ venuta a mancare all’affetto dei suoi cari la Signora ANNA MAURO I funerali saranno celebrati venerdì 5 febbraio alle ore 15.30 nella Chiesa di S. Giovanni Battista a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor CARLO CESAREO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 5 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Croce a Pontepiccolo (Catanzaro). In occasione del 1° Anniversario della morte del Signora ANTONIO CARE’ sarà celebrata una messa in suffragio sabato 6 febbraio alle ore 16.30 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro.

gazione scritta sia in Consiglio, sia presso la Commissione europea, concernente il rischio di perdita dei fondi strutturali 2007-2013. «È in momenti di crisi come quello che stiamo vivendo dai quali ci si attende che l’impegno e l’efficienza della pubblica amministrazione nelle regioni meridionali d’Italia sia massimo. Abbiamo già avuto modo di porre all’attenzione pubblica la situazione critica che è emersa, a seguito di una recente riunione

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora MARIA ALFIERI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Teresa dell’Osservanza a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor ANTONIO GULLI’ sarà celebrata una messa in suffragio mercoledì 3 febbraio alle ore 18.00 nella Chiesa Madonna di Pompei rione S. Antonio a Catanzaro.

con il direttore della Commissione per la Politica regionale Pasca Raymondo, circa il rischio di perdere gli incentivi europei. Abbiamo già richiamato le amministrazioni sulla necessità di velocizzare le procedure di selezione dei progetti. Il dato che preoccupa riguarda, soprattutto, il 2010 in riferimento alle regioni dell’obiettivo convergenza ma è una tendenza che accomuna tutte le regioni del Mezzogiorno d’Italia, nessuna esclusa. Basi pensare - ha aggiunto l’On. Patriciello che su quasi 36 miliardi di euro messi a disposizione dall’Europa per il Mezzogiorno, al 31 dicembre del 2009, ne sono stati impegnati solo 2 miliardi e 910 milioni, ovvero l’8,10 per cento del totale». L’obiettivo è chiedere alle istituzioni di adottare delle «misure coatte nei confronti delle Regioni italiane al fine di evitare la perdita degli incentivi erogati».

Nel Trigesimo del ritorno alla Casa di Dio della Signora EMILIA SPINA GEMELLI sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 1 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa della Maddalena a Catanzaro. In occasione del Trigesimo della morte della Signora CONCETTA BATTAGLIA sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 1 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa Sacra Famiglia in località Corvo a Catanzaro. In occasione del 1° anniversario della morte della Signora GIUSEPPINA FREGOLA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.00 nella Chiesa del Carmine a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora ASSUNTA CERMINARA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.00 nellaChiesadiPontegrandeaCatanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CONCETTA SPAGNOLO sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Maria Assunta a Gagliano (Catanzaro).

IN BREVE

Cosa sono i Fondi e cosa permettono di fare

I fondi strutturali, stanziati e assegnati dall’Unione europea, hanno «l’obiettivo di migliorare la qualità di vita delle popolazioni». In particolare, sono strumenti finanziari gestitidallaCommissioneeuropea per realizzare la coesione economica e sociale di tutte le regioni dell’Unione e ridurre il divario tra quelle più avanzate e quelle in ritardo di sviluppo. Sono, quindi, di vitale importanza per le regioni del Mezzogiorno, le quali, a seconda delle criticità da affrontare, provvedono a loro volta a destinare i fondi a determinati progetti che interessano gli ambiti della formazione, dellavoro,delleinfrastrutture,della sanità ecc. In particolare, l’Obiettivo 1 promuove lo sviluppo e l’adeguamento strutturale delle regioni che presentano ritardi nello sviluppo. Sono interessare a tale obiettivo le regioni il cui Pil è inferiore al 75% della mediacomunitaria. Per l’Italia esse coincidono con le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.Lemodalitàdiattribuzionedei fondi comunitari sono attualmente al centro di un dibattito: l’ipotesi allo studio è di assegnarli unicamente ai Paesi poveri, ma in questi modo l’Italia verrebbe esclusa.

In occasione del trigesimo della morte del Signor ELIO BILOTTA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa della Maddalena a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora ELENA BELLINI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa Nuova di Mater Domini a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor ANTONINO ROMEO sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 16.00 nella Chiesa Madonna dei Cieli a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora MARIA ALFIERI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 2 febbraio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Teresa dell’Osservanza a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor ANTONIO GULLI’ sarà celebrata una messa in suffragio mercoledì 3 febbraio alle ore 18.00 nella Chiesa Madonna di Pompei a Catanzaro.

Accettazione telefono

0961 996.802 ORARIO: 9,00-13,00 | 15,00-18,00


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Maxisanatoria in arrivo per i 300 "stagisti" collocati in 170 comuni di Sofia Ricciardi

ROMA — Miracoli del periodo prelettorale: a pochi giorni dal voto alle urne nasceranno trecento posti di lavoro. All’ordine del giorno della commissione bilancio del Consiglio regionale di oggi, infatti, c’è l’approvazione di un emendamento alla Finanziaria che prevede di stipendiare altrettanti stagisti, attualmente collocati in 170 comuni calabresi, per al-

Oggi la commissione bilancio del Consiglio regionale approva una sanatoria da 9 milioni di euro: 10mila euro l’anno per ogni stagista verranno dalla Regione, mentre il resto lo metteranno i rispettivi Comuni

tri tre anni, con contratti a termine, e che stabilisce inoltre di indire successivamente un concorso. Il pd Pietro Giamborino, ideatore e co-firmatario della legge insieme al vice dell’attuale candidato alle regionali Giuseppe Bova, Antonio Borrello, non vuole sentir parlare, però di clientelismo: «Dov’è lo scandalo? Per finanziare questi stage noi consiglieri ci siamo tagliati le indennità del 10 per cento. Abbiamo ridotto i costi della politica del 25 per cento». Scandalo o meno, qualche perplessità sorge quando si nota che gli stagisti in questione hanno portato avanti la loro "esperienza formativa" in condizioni molto particolari: due anni di stage, un termine che la legge prevede solo per i disabili; un’età massima di 37 anni per l’accesso (quando per legge l’Unione europea fissa il limite a 32 anni); possibilità di rientrare negli stage anche per gli iscritti agli albi professionali; e uno stipendio di circa 1000 euro a fronte 1500 ore di lavoro all’anno, cioè meno di sei ore al giorno. Una situazione che era rimbalzata alle cronache tramite il sito de La Repubblica degli stagisti , uno spazio che raccoglie le testimo-

nianza dei giovani, e dei meno giovani, vittime di un sistema poco chiaro che spesso apre le porte ad un precariato che nulla a che fare con la formazione e molto con lo sfruttamaneto fine a se stesso.Acasoscoppiato,giungeva poi la testimonianza diretta di Maria Grazia Bisurgi (30 anni) una stagista, con una laurea in storia dell’Arte al Dams di Cosenza, che denunciava l’assoluta mancanza di mezzi e di preparazione degli enti sede degli stage, i quali, invece di dotarsi delle strutture e delle competenze idonee per l’avviamanto di percorsi di formazione e lavoro, lasciavano gli stagisti a loro stessi. «Dopo un anno passato al comune di Pizzo Calabro posso dirlo: è spreco di denaro pubblico. Vorrebbero qualificare noi laureati, portare innovazione nella pubblica amministrazione e disincentivare la fuga dei cervelli al Nord,

Pietro Giamborino

ma la verità è che gli enti ai quali siamo stati assegnati non hanno gli strumenti per formarci. La mia giornata tipo: sto davanti a internet, mando qualche mail, il collega che sta in stanza con me dà una mano alla dirigente dei tributi, io mi sono rifiutata. Formazione? Siamo dei lavoratori socialmente utili». Nonostante questeevidenticarenzedisistema si procederà alla sanatoria: un’operazione da nove milioni di euro che potrebbero essere ulteriormente gonfiati se dovesse passare un subemendamento che prevede il risorso ai fondi europei. Per ciascuno stagista (dei 423 iniziali, tutti laureati con lode, ne sono rimasti in pista poco più di 300) il Consiglio stanzierà 10 mila euro l’anno, il resto dello stipendio lo metteranno i municipi. Per i firmatari del provvedimento si tratta di «una legge nobile che misura sul serio il merito di questi laureati», ma su ciò che seguirà, cioè il concorso "pubblico", Giamborino fa delle ammissioni: «Beh, gli stagisti avranno acqusito un’esperienza e un punteggio tali da essere praticamente inarrivabili...». Sul caso, il senatore Pietro Ichino aveva presentato un’interroga-

Le peculiarità degli stage: età massima di 37 anni (l’Ue fissa il limite a 32), due anni di durata (che è prevista solo per i disabili), possibilità di accedere anche per gli iscritti agli albi professionali e uno stipendio di 1000 euro mensili a fronte di 1500 ore di lavoro all’anno (meno di sei ore al giorno) zione in Parlamento, denunciando che l’intera faccenda era solo «un modo per creare altri posti di lavoro improduttivi». L’attuale ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Maurizio Sacconi, non ha mai risposto. Eppure una regione come la Calabria, che subisce una continua emorragia di giovani meritevoli, potrebbe avere di meglio.

Gli stagisti impiegati sono tutti laureati con 30 e lode e lavorano in luoghi dove spesso mancano le strutture. La disoccupazione in Calabria sfiora il 12% e in dieci anni sono partite dal Sud verso il Nord 700 mila persone


8

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Comunali a Lamezia, Speranza soddisfatto da sostegno esponenti Pd LAMEZIA TERME - «Ringrazio tutti gli assessori e i consiglieri comunali (tra i quali molti esponenti del Partito democratico) che hanno deciso di sostenere la mia candidatura nel processo delle primarie». Questo quanto dichiarato dal sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. «Queste posizioni - aggiunge - sono il frutto del lavoro comune al quale abbiamo partecipato attivamente per realizzare insieme un’esperienza che è stata efficace e utile, che ha significato tanto per la vita della nostra città e che ora possiamo rilanciare. A questi amici si aggiungono gli esponenti dell’area Franceschini del Pd che nelle settimane scorse avevano espresso il loro sostegno, il senatore Rutelli e Alleanza per l’Italia che nei giorni scorsi hanno evidenziato la forte valenza di questa esperienza amministrativa paragonandola a Trento e Venezia. Queste adesioni - prosegue

Speranza - significano che non ci sono divisioni tra candidati del Pd e me. Ci sono diverse candidature, tra le quali il sindaco in carica. Pur avendo aderito alle primarie, ho sempre manifestato apertamente e sinceramente perplessità e dubbi. Ho provato fin dal principio, in tutti i modi e con buone intenzioni, a ragionare insieme alla coalizione di centrosinistra. Ho fatto appelli e riunioni per trovare una sintesi e per evitare spaccature e frantumazioni con ripercussioni negative sulle elezioni. Si ritiene di insistere su questa strada delle primarie: bene, facciamole subito. La commissione delegata - conclude - trovi la data e la soluzione tecnica più adeguata. Bisogna che tutti si impegnino per dare trasparenza al voto e per impedire trasversalismi e inquinamenti». r.c.

Gianni Speranza

Dopo le ultime decisioni del Tribunale chiusura dietro l’angolo. E il consigliere Saverio Greco chiede lumi alla Giunta Perugini: quali iniziative intende assumere?

Cosenza, sempre più a rischio l’esistenza della Vallecrati Spa COSENZA - Dopo le ultime decisioni del Tribunale, c’è poco da sperare. Che la Vallecrati Spa fosse in coma e che questo coma fosse irreversibile l’aveva capito -e dichiarato a chiare lettere- monsignor Salvatore Nunnari, l’arcivescovo di Cosenza, a novembre, quando ricevette una delegazione di lavoratori dell’azienda mista di salvaguardia ambientale. Nunnari, probabilmente, non ha il dono della divinazione. Ma quello della fede si. E se sulla Vallecrati aveva perso ogni speranza proprio lui, voleva dire solo una cosa: che non c’era più nulla da fare. E quindi era solo questione di tempo. La scadenza, infatti, è arrivata venerdì scorso. Con la decisione del Tribunale di sostituire Aldo Rizzuti, con Francesco Muraca, il

Il Tribunale di Cosenza

presidente dell’Ordine dei commercialistidiCatanzaro.L’ultimo atto di Rizzuti, nella sua qualità di liquidatore, è stato la firma di un accordo con i sindacati per poter consentire ai lavoratori di licenziarsi ed essere assunti dalle aziende a cui, in via temporanea o provvisoria a seconda dei casi, i vari comuni hanno affidato le attività di pulizia pubblica. La vicenda della Vallecrati è precipitata a metà gennaio, quando sull’esempio del Comune di Trenta, che aveva anticipato di tasca propria le spettanze arretrate ai lavoratori, si era tentato di ottenere altrettanto da Cosenza e dagli altri comuni dell’area urbana. La situazione di crisi ha rischiato il dramma, specie nel capoluogo, dove i lavoratori, tranne che per la soluzione-tampone natalizia, a cui si era prestata la Bcc-Mediocrati, continuano a versare i cattive acque. Sono stati pagati, infatti, a pezzi e bocconi anche da Ecologia oggi, la società lametina che aveva ricevuto l’incarico, con un’ordinanza contingibile e urgente (la quarta in un anno) di curare l’igiene urbana di Cosenza. Ma il problema potrebbe essere

pure politico, a questo punto. Sotto questo punto di vista l’ha affrontato Saverio Greco, consigliere comunale socialista iscritto al Gruppo misto del Comune di Cosenza e componente del direttivo regionale del Pd, che ha presentato un interrogazione al sindaco per sapere quali iniziative intende assumere a seguito del fallimento della Vallecrati Sp . In particolare Greco intende sapere «se l’Amministrazione ha intenzione di assumere iniziative di bilancio per coprire la perdita patrimoniale conseguente al fallimento; se l’Amministrazione intende ricostruire le responsabilità amministrative per le perdite subite onde evitare che possano essere i cittadini a doverne sostenere l’onere, se il sindaco intende prendere atto del fallimento di uno dei punti più qualificanti del proprio programma amministrativo, che addirittura si proponeva di rendere redditizia la gestione del Vallecrati». La parola fine è stata già scritta. Ma a pagarne tutte le conseguenze sarà soprattutto il capoluogo che, tuttora, fatica ad uscire dalla fase dell’emergenza rifiuti. E in cui la crisi economica di quelli che, a tutti gli effetti, possono dirsi ex dipendenti della società di salvaguardia ambientale rischia di trasformarsi in crisi sociale vera e propria. Ma pesa su tutto il fatto che sul sistema VallecratiCosenzaavevainvestitomolto del suo prestigio negli anni ’90. Ora tutto questo non potrà che ricadere in termini negativi sull’immagine del capoluogo. Non si sa che accadrà. Certo è che per Vallecrati tutto quel che doveva capitare è capitato. Ora non resta che leggere i titoli di coda. Saverio Paletta (Ediratio)

Camion della Valecrati durante una protesta

Why Not, il Pg chiede condanne ma anche quattro assoluzioni CATANZARO - Sono complessivamente 13, compresa quella dell’ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Chiaravalloti, le richieste di condanna avanzate dal sostituto procuratore generale di Catanzaro Eugenio Facciolla che, nel processo con rito abbreviato per l’inchiesta Why not su presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici, ha chiesto anche quattro assoluzioni, per alcuni capi d’imputazione, una delle quali per il presidente della Regione, Agazio Loiero. La requisitoria di Facciolla, durata oltre tre ore, prosegue l’analisi iniziata dall’altro pg Massimo Lia, che ha già affrontato alcuni dei capi di imputazione. Il pg ha chiesto la condanna di politici e dirigenti della Regione. Per gli imputati inizialmente accusati di truffa e peculato la Procura generale ha chiesto al gup, Abigail Mellace, la derubricazione in abuso d’ufficio. Le richieste di condanna riguardano Giuseppe Lillo, referente della società Need & Partners, accusato, dopo la derubricazione, falso e frode nelle pubbliche forniture; i dirigenti regionali Pasquale Anastasi (abuso d’ufficio e turbativa d’asta) e Francesco De Grano (abuso d’ufficio); il presidente del consiglio di amministrazione della società Why not Antonio La Chimia (frode in pubbliche forniture e abuso); Chiaravalloti (abuso d’ufficio; per un capo d’imputazione è stata chiesta l’assoluzione) e l’ex assessore regionale Gianfranco Luzzo (abuso d’ufficio); Raffaele Bloise (truffa); il vice presidente del consiglio di amministrazione del consorzio Brutium service Giovanni Lacaria (frode in pubbliche forniture e abuso d’ufficio); il principale indagato dell’inchiesta Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere in Calabria (abuso d’ufficio, turbativa d’asta, frode nelle pubbliche forniture; per il reato di truffa è stata chiesta l’assoluzione); il referente della team service coop lavoro Francesco Saladino (truffa); il capo gabinetto dell’ex presidente della Regione Giuseppe Chiaravalloti, Francesco Morelli (abuso d’ufficio); Eugenio Conforti (abuso d’ufficio); Pietro Macrì (abuso d’ufficio). Le assoluzioni sono state chieste per Loiero (abuso d’ufficio); per i dirigenti regionali Giuseppe Fragomeni (falso e frode nelle pubbliche forniture) e Renzo Turatto (abuso d’ufficio); per la referente della società Adepta Mariangela De Grano, falso e frode nelle pubbliche forniture). Per gli imputati la quantificazione della pena verrà chiesta il 12 febbraio prossimo dal pg Facciolla.


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani

9

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA'

Loiero: «Quello che conta è che il Pd abbia ritrovato un’unità non formale»

Listino, Corbelli: denunceremo chi non vuole abolirlo

Il goverantore conferma lo svolgimento delle primarie: “Sarà il popolo a decidere l’investitura” CATANZARO - «Quello che conta, a questo punto, è che il Pd abbia ritrovato un’unità non formale, dopo mesi di disorientamento. Il fatto che domenica si svolgano le primarie sta a dimostrarlo. Saranno i calabresi a scegliere, c’è bisogno di una investitura popolare come io stesso ho spiegato ai delegati dell’assemblea di Capo Suvero». Così, presidente della Regione, Agazio Loiero. «In questa vicenda della candidatura alla presidenza, diciamocelo sinceramente,abbiamoesagerato un pò tutti - ha affermato ancora Loiero - e trovo dunque strano che sulla stampa si muovano critiche ad alcuni esponenti del Pd. Errorianchemarchianisonostati fatti nei miei confronti e non escludo di averne fatti anche io. Anche le incomprensioni con il segretario regionale sono state superate con la sua proposta in assemblea. È vero insomma - ha ammesso Loiero - che c’è stata una dialettica accesa. Ma c’è stata perchè a decidere vogliamo essere noi. Non siamo il centrodestra

dove sceglie uno e gli altri chinano la testa». Secondo Loiero, tuttavia, «le indicazioni unitarie della recente assemblea di Capo Suvero sono di una eloquenza enorme e indicano che il partito c’è, ha idee chiare, vuole contare sul territorio e vincere la partita. Ne ho visti sindaci, amministratori, uomini e donne delle istituzioni, dirigenti dei circoli del Pd sbigottiti per come andavano le cose. Finalmente abbiamo compreso che ci sono forze ed

energie per arrivare alla vittoria nei confronti di un centrodestra tutto lustrini ed effetti speciali, ormai scoperti, vuoto però di idee e di progetti per la Calabria. Oggi ci ritroviamo - ha commentato il presidente della Regione - un Pd unito e un centrosinistra che hanno obiettivi condivisi, che non sono certo gli obiettivi (che regione disgraziata la nostra!) di personaggi che neppure conoscono la storia e la geografia di questa Calabria e pretendono di pontifi-

care per indicare ai calabresi cosa debbano o non debbano fare. Non si può rottamare l’esperienza e non si possono cancellare storia e storie. Anche per questo bisogna rifuggire dai rancori e dal clima delle settimane che abbiamo alle spalle. Ce lo chiedono i calabresi che credono in una democrazia progressista, forte di valori, solidale, accogliente e inclusiva» r.c.

“Una vicenda che ha segnato un po’ tutti ma non si può rottamare l’esperienza e non si possono cancellare storia e storie...”

A causa del congresso nazionale del partito. Appello di Feraudo

Idv: «Rinviare i lavori del Consiglio» REGGIO CALABRIA - «L’Italia dei Valori vuole essere in Aula quando il Consiglio regionale sarà chiamato a votare l’abolizione del listino». È quanto affer-

ma Maurizio Feraudo, capogruppo di Italia dei Valori in Consiglio regionale. «Per questo - prosegue Feraudo - il gruppo di IdV, nel ribadire al presidente del Consiglio,Bova, che nei giorni 5-6-7 febbraio si terrà a Roma il primo congresso nazionale del partito, chiede, così come è ormai prassi e come è sempre stato fatto nel corso di questa legislatura, che la seduta del Consiglio regionale venga differita al prossimo lunedì. Data che non pregiudica affatto i lavori del Consiglio, nè tantomeno le decisioni che dovranno essere adottate» Per Feraudo «sarebbe veramente paradossale, oltre che spregevolmente irriguardoso verso l’Idv, che, do-

po settimane e settimane di dannosa melina istituzionale dovuta alle lacerazioni interne al Pd, oggi i consiglieri regionali di Idv venissero messi in condizione di dover scegliere se partecipare ai lavori del Consiglio oppure al congresso nazionale del loro partito. Sono convinto - conclude Feraudo che la sensibilità politica e istituzionale che ha sempre contraddistinto il presidente del Consiglio coniugataconilprofondorispetto che egli ha sempre mostrato verso tutti i gruppi consiliari, di cui è stato sempre autorevole ed imparziale garante, lo indurranno, nel solco della prassi consolidata, a considerare favorevolmente le esigenze di Idv».

COSENZA - Il leader del movimento Diritti civili, Franco Corbelli, da «dieci anni impegnato a combattere contro il listino-vergogna, promotore, in queste ultime settimane, insieme al presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, della campagna per l’abolizione del listino bloccato, preannuncia che «se il Consiglio regionale non sarà convocato in tempo e non approverà la cancellazione di questa norma-vergogna, acquisterà delle pagine a pagamento sui quotidiani calabresi, per far conoscere ai cittadini elettori i nomi dei consiglieri regionali che voteranno contro o non consentiranno, con qualche escamotage, la soppressione del listino-scandalo». Corbelli informa inoltre che «chiederà, con questa iniziativa informativa e di denuncia, ai calabresi di non votare quei consiglieri regionali contrarial diritto al voto libero dei calabresi e responsabiliinvecedelmantenimento dell’assurdo privilegio del listino dei nominati e raccomandati delle segreterie dei partiti. Il listino-vergogna va cancellato senza se e senza ma, e soprattutto senza trucchi. Per recuperare un minimo di credibilità e fiducia nella politica e nei politici locali quella norma scandalo, che permette l’elezione dei nominati e raccomandati, deve essere abolita. E’ bene che i consiglieri regionali - conclude Franco Corbelli - sappiano che Diritti civili, se non sarà abolita la norma scandalo, non solo occuperà l’aula di Palazzo Campanella ma pubblicherà a pagamento sui quotidiani calabresi i nomi dei traditori, di coloro cioè che si sono pubblicamente dichiarati favorevoli alla abolizione del listino e hanno invece poi tramato per mantenerlo. Questi personaggi li denunceremo tutti e li faremo conoscere ai calabresi ai quali chiederemo di non votarli».


10

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Personale della Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha messo i sigilli a mobili e immobili riconducibili a Paolo Ripepi di Ricadi, presunto affiliato alla cosca mafiosa dei Mancuso di Limbadi

Sequestrati beni per 4 milioni di euro Operazione della Dia nel Vibonese CATANZARO - Personale della Dia di Catanzaro ha sequestrato beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro riconducibili a Paolo Ripepi, ultraquarantenne, residente a Ricadi nel Vibonese, presunto affiliato alla cosca mafiosa dei Mancuso di Limbadi. La Dia, su disposizione del Tribunale di Vibo Valentia, ha sottoposto a sequestro un’azienda edile, diversi mezzi, numerosi rapporti bancari e postali nonché molte unità immobiliari, tra le quali quelle costituenti il complesso residenziale denominato "Villa

Uno degli immobli seguestrati a Ricadi

Ambiente, a Reggio 54 ecopunti di raccolta dislocati dalla Provincia REGGIO CALABRIA - Cinquantaquattro ecopunti dislocati sul territorio della provincia di Reggio Calabria acquisteranno rifiuti. E’ il progetto redatto dall’assessorato provinciale all’Ambiente guidato da Giuseppe Neri e presentato ieri mattina a Palazzo Foti. La prossima settimana - è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa - verrà pubblicato il bando per l’istituzione degli ecopunti che avvieranno la loro attività il prossimo mese di aprile. «Questo progetto - ha spiegato l’assessore Neri - vedrà la collaborazione tra la Provincia e l’Arechi 2, società che ha l’esclusiva in tutto il territorio nazionale. Verranno aperti 54 ecopunti in tutta la provincia che in pratica acquisteranno i rifiuti. Dal mese di aprile, quando saranno completate tutte le procedure, ognuno di noi potrà recarsi in questi negozi a portarli e riceverà in cambio del denaro o una tessera. Alla fine dell’anno chi sarà risultato “diligente” in questa pratica avrà pagata la Tarsu. Il nostro obiettivo è proprio questo: sgravare i

Il lago La Vota a Gizzeria nel golfo di Lamezia

cittadini del pagamento della tassa». L’assessore, nel corso di una conferenza stampa, ha quindi spiegato che «i rifiuti che potranno essere consegnati saranno gli imballaggi in carta, in plastica, i computer ed i rifiuti elettrici, le bottiglie di plastica e tutti quei rifiuti che abbiamo in casa. Tutto verrà dettagliato all’interno del bando. L’ecopunto avrà l’obbligo di ritirarli. In questo contesto rientra l’adesione delle società miste, che sgravano del peso dello smaltimento chi gestisce l’ecopunto. Il bando, secondo l’assessore Neri, è «stato tarato per dare la possibilità ai giovani di iniziare questo tipo di attività. Possono parteciparvi tutti, ma ci sono criteri preferenziali a favore di quelle imprese che hanno all’interno dei dipendenti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni. Il nostro obiettivo - ha concluso Neri - è anche quello di dare la possibilità ai giovani di fare impresa ed iniziare col piede giusto».

Angela Latella

Filomena", ubicato nella rinomata area turistica compresa tra i comuni di Ricadi e Capo Vaticano, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Paolo Ripepi attualmente sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Ricadi, è stato, tra l’altro, condannato in via definitiva per associazione mafiosa, in quanto coinvolto nell’ambito della nota indagine denominata "Dinasty", che aveva ricostruito, a partire dagli anni 2000, la storia della cosca mafiosa dei Mancuso di Limbadi. Nel provvedimento appena eseguito si legge: “Ripepi Paolo veniva tratto in arresto nell’ambito della nota operazione di polizia denominata Dinasty... per gli stessi fatti è stato successivamente condannato in primo grado con sentenza emessa dal Gup confermata in Appello... a anni 3 e mesi 4 di reclusione. Nella sentenza della Corte di Appello di Catanzaro.... Che ha tradotto in condanna definitiva gli elementi raccolti nell’ambito dell’operazione di polizia dinasty, si ricostruisce a partire dagli anni 2000 la storia di una potente cosca mafiosa denominata famiglia Mancuso, operante nell’intera provincia di Vibo... Nelle sentenze di primo e secondo grado Ripepi Paolo viene collocato nella posizione di totale affiliazione al clan Mancuso ... Dagliattigiudiziariadisposizione

emerge che Ripepi Paolo svolge all’interno del gruppo ... il ruolo di stretto collaboratore ... con il quale organizza una serie di furti .... attività svolta sotto il costante controllo e la penetrante direzione dei Mancuso ... Il Ripepi è stato altresì condannato per il reato contemplato all’art. 453 c.p. in quanto ... dirigeva ...un articolato traffico di banconote false immesse nel circuito economico della provincia vibonese con conseguimento di ingenti guadagni. I benidirettamenteoindirettamente nella disponibilità di Ripepi Paolo - avuto riguardo alla sproporzione tra il patrimonio reale e quello dichiarato - devono, allo stato, ritenersi il frutto o comunque il reimpiego dei proventi derivanti dalle attività illecite sopra indicate e quindi da sottoporre a sequestro”. Alla base del sequestro vi è una complessa iniziativa del direttore della Dia, Generale dei carabinieri Antonio Girone nell’ambito di una più incisiva strategia finalizzata ad aggredire i patrimoni mafiosi. Nella proposta sono stati evidenziati non solo i rapporti intercorrenti tra il destinatario del provvedimento e la criminalità organizzata, ma anche una dettagliata ricostruzione del suo patrimonio che documenta la netta sproporzione/sperequazione tra il reddito dichiarato e le attività economiche espletate.

Oasi marina nel golfo lametino Proposta di legge D’Ippolito LAMEZIA TERME - La parlamentare del Pdl, Ida D’Ippolito, candidata sindaco della nostra città, ha presentato una proposta di legge riguardante la "Modifica all’articolo 36 della legge 6 dicembre 1991, n. 394, concernente l’istituzione dell’area marina protetta denominata "Oasi del Golfo lametino e delle secche di Capo Suvero". Un altro segno concreto del suo impegno a tutela dell’ ambiente e della valorizzazione delle risorse della nostra costa. «Il nostro mare rappresenta, come tutto il Mediterraneo, - ha detto Ida D’Ippolito - una ricchezza inestimabile dal punto di vista della biodiversità. Per questo motivo, come Pdl, riteniamo che la creazione di riserve marine sarebbe un’utile occasione di pro-

mozione turistica e di conoscenza della ricchezza e della diversità degli ecosistemi del Basso Tirreno. L’area marina individuata in questa proposta di legge, si estende nello spazio compreso tra la propaggine nord del Golfo di Lamezia e il promontorio di Capo Suvero ed è delimitata a sud dall’argine del lago La Vota e a nord da una lunga spiaggia di natura sabbiosa che si protende nel comune di Falerna. La presenza della posidonia costituisce l’habitat naturale per numerose specie marine - tipiche della fauna mediterranea, come dentici, cernie, spigole, muggini oltre a numerose spugne multiformi - e svolge, altresì, un importante ruolo di attenuazione e controllo dei fenomeni erosivi della costa».


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 11

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Partiranno 150 il 12 febbraio. Promotori: Libera, Terra del Fuoco, Regione Calabria e Provincia di Reggio

Un viaggio nella memoria Gli studenti ad Auschwitz di Carmela Mirarchi CATANZARO - E’ stato presentata ieri presso il Dipartimento Programmazione nazionale e comunitaria l’iniziativa il Treno della memoria. A spiegarla alla stampa, agli educatori e ad alcuni studenti sono stati: il vice presidente della Giunta regionale, Domenico Cersosimo; l’assessore alla legalità della Provincia di Reggio Calabria, Michele Tripodi; il referente di Libera e dell’associazione Terra del Fuoco, Pino De Masi. A promuovere il Treno della Memoria sono state: la Regione Calabria, la Provincia di Reggio Calabria, le associazioni Libera e Terra del fuoco. Saranno 150 i

Demasi: «Il treno della Memoria si coniuga ai temi dell’antimafia. In Calabria c’è una situazione di disagio che va cambiata»

giovani studenti calabresi che partiranno per Auschiwitz e Birkenau il prossimo 12 febbraio. «Il viaggio fa parte di un percorso educativo organizzato dall’associazione Terre dal fuoco di Torino» ha spiegato Don Pino Demasi. La Calabria ha partecipato all’iniziativa grazie a Libera e al sostegno economico della regione. «Si tratta di un percorso educativo che coniuga memoria e impegno. Il treno della Memoria si coniuga ai temi dell’antimafia. In Calabria - ha proseguito - c’è una situazione di disagio e i fatti di Rosarno sono legati a questa condizione. I ragazzi torneranno dal viaggio il 18 febbraio e il 25 aprile si incontreranno nei terreni confiscati alla mafia per un campo finale. I luoghi dell’antimafia sono i simboli del riscatto, sono oggi terreni della gente». Il treno della Memoria è giunto alla sesta edizione, ma è la prima in Calabria, è un viaggio nella storia non una gita. E’ uno spazio dove la comunità viaggiante si prepara, si incontra e approfondisce tematiche storiche attraverso il teatro e le testimonianze dirette. Durante il viaggio in treno che durerà 60 ore si ripercorrerà il tragitto che facevano i deportai. I ragazzi verranno coinvolti in alcuni momen-

ti di formazione e riflessione collettiva. Questa manifestazione è anche un impegno che si delinea a partire dia mesi successivi al viaggio, perché il senso di impotenza generato dalla visita ai campi di concentramento e sterminio si trasformi in impegno concreto perché quello che è successo non i ripeta più nella consapevolezza che oggi esistono nel mondo diritti negati e persone in difficoltà. «Partecipano 15 scuole e sono state coinvolti insegnanti ed educatori di Libera. Le istituzioni devono ringraziare Libera - ha detto l’assessore Tripodi - e Demasi. L’iniziativa riporta alla memoria una pagina scura della storia del 900. Libera ha coniugato la memoria storica alla legalità e ai diritti civili contro coloro che vorrebbero condizionare le abitudini e la permanenza dei cittadini in Calabria. I ragazzi devono sapere che molti deportati avevano la loro età e devono approfondire un tema ancora attuale». A concludere la conferenza stampa è stato il vice presidente della Giunta regionale Domenico Cersosimo. «Quando abbiamo discusso dell’iniziativa abbiamo subito dato il nostro supporto perché è coerente con la situazione che esiste nella nostra regione. E’ un in-

vestimento che può fare il futuro della Calabria. I giovani sono il presente e su di loro bisogno investire per migliorare la Calabria. La nostra regione può cambiare con le politiche per le scuole. Pessime scuole significano pessimi cittadini. Il nostro problema è aumentare le capacità cognitive dei nostri studenti per far salire la società civile, così crescerà il capitale della nostra società. Il Governo si occupa delle attività curriculari e i tagli che si fanno ci obbliga a supplire come Regione a della mancanze. Devo sottolineare - ha aggiunto - che anche nelle primarie il divario fra la nostra nazione e l’Europa sta aumentando. All’interno dell’Italia c’è un divario fra nord e sud, ma anche all’interno dei territori nascono scuole di ricchi e di poveri, classi di bravi studenti e classi di cattivi studenti. E’ ovvio che i bambini arrivano a scuola con un bagaglio diverso ma alla fine dell’anno devono essere allo stesso livello I campi scuola servono a rompere l’ossatura rigida del rapporto fra

studenti e insegnanti. Durante il loro percorso i ragazzi faranno attività di formazione. Davanti al luogo della memoria tutti crollano, anche i ragazzi più estroversi. Lì sono state bruciate vive tante persone. L a vicinanza con la mafia è grande: ci sono uomini che uccidono altri uomini per denaro. C’è una piccola Auschwitz nella nostra coscienza. La vita non è semplice come ci racconta la televisione, il mondo non è piatto, ci sono asperità. La storia è importante e fa parte della nostra vita. Spesso viviamo in un presente onnivoro ma invece siamo fatti di quello che abbiamo vissuto in passato. Riconnettere i giovani al concetto della distanza è fondamentali. I ragazzi devono capire che se viviamo liberi oggi è grazie ad altri che hanno combattuto in passato». Nella scelta delle scuole sono state privilegiati gli istituti tecnici che spesso hanno difficoltà ad essere coinvolti in determinate iniziative. La spesa è stata di 75mila euro, circa 500 euro a studente. «Spesso - ha concluso Cersosimo - non è l’entità dell’investimento ma la qualità a fare la differenza». I ragazzi porteranno poi la loro esperienza nei diversi istituti. Porteranno poi questa conoscenza ai loro compagni e ai locro insegnanti. Il Treno della Memoria non è solo un viaggio ma un percorso di crescita che miraa stimolare nei ragazzi la consapevolezza del loro ruolo di cittadini attivi.


12

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

ECONOMIA E IMPRESE

Lucà della Compagnia dei Democratici ha incontrato alcuni imprenditori di Crotone e Cosenza

La richiesta delle piccole imprese «Aiuto concreto per accesso al credito» di cm CROTONE - Salvatore Lucà, capogruppo della Compagnia dei Democratici, nei giorni scorsi ha incontrato una numerosa rappresentanza di artigiani e piccoli imprenditori della provincia di Crotone e Cosenza per ascoltare e proporre eventuali soluzioni ad un tessuto economico che continua a soffrire terribilmente sotto la scura di una crisi che solo in questi ultimi mesi sta manifestando veramente tutta la sua gravità. Aziendeche continuanoa chiudere, tantissimi abbandonano tutto e tutti per recarsi altrove non tan-

to a pensare o dare il là a nuove intraprese ma a cercare solo un semplice posto lavoro per poter sopravvivevere nella noncuranza e grande disattenzione di un potere politico che è in tutt’altre faccende affaccendato. All’incontro a cui hanno partecipato anche rappresentanti associativi ed istituzionali (Luigi Falzetta, Raffaele Lucà, Luigi D’Ippolito, Carmine Corigliano)tutti,nessunoescluso, hanno sottolineato come «il mondo istituzionale e politico stia sottovalutando una situazione ed una crisi economica che può diventare devastante per un territorio che ha già subito e pagato in

termini occupazionali la presenza di pseudo imprenditori che negli anni hanno fatto incetta di risorse pubbliche per solo fini personali e per creare solo occupazione precaria». Anche le vicende di questi mesi: Villa Giose, Sasol, Gres 2000, Cellulosa 2000, Centrale turbogas,Sali Italiani,Gruppo Abramo sono gli esempi più evidenti di una crisi che sta implodendo in un tessuto economico già debole per se stesso, che in questi anni ha creato una occupazione precaria che sta rovinando e mettendo in crisi, non solo economica , tantissime famiglie. «Un territorio - ah detto Lucà - dove

Una carta sconto per 6000 famiglie L’adesione al circuito è gratuita REGGIO CALABRIA - Si chiama "Reggio Family Card" la nuova iniziativa promossa dall’Assessorato allePolitiche Sociali del Comune, retto da Tilde Minasi, a favore di tutte quelle famiglie, residenti nel territorio Comunale,che versano in disagiate condizioni economiche ed i cui nuclei familiari superano le 5 unità. «Si tratta - specifica l’Assessore Minasi - di una carta - sconti che permette di destinare alle circa 6.000 famiglie, individuate attraverso un’indagine Con la "Family Card" territoriale, una serie di agevolazioni applicate le famiglie potranno direttamente dagli opeacquistare anche, a ratori economici che aderiranno al progetto. prezzo ridotto: cibo, Con la "Family Card" prosegue - le famiglie abbigliamento, potranno acquistare, a elettrodomestici e libri prezzo ridotto, generi alimentari, di ristorazione, abbigliamento, elettrodomestici, libri, arredamento, farmaci da banco ed usufruire, con prezzi agevolati, anche di servizi per il tempo libero (cinema,teatro, musei, piscina, eventi patrocinati dal Comune) e prestazioni sanitarie. L’adesione al circuito di convenzioni è completamente gratuita e il Comune provvederà’, attraverso una campagna informativa, a pubblicizzare adeguatamente le modalità di partecipazione e

l’economia reale rischia di sparire completamente, perché i nodi dell’accesso al credito, del costo del denaro restano e continuano ad aumentare, malgrado i proclami ora di questo ora di quel rappresentante istituzionale o finanziario».Dalla discussione,in alcuni tratti abbastanza vivace, tutti hanno convenuto che una misura che da subito, sicuramente associata ad agevolazioni concrete sull’accesso al credito, potrebbe essere da parte della Regione Calabria quella di mettere a disposizione delle imprese i Fondi Europei per un credito d’imposta automatico e senza graduatorie, alcune volte anche contestate, sugli investimenti in infrastrutture e macchinari per le nostre imprese di qualsivoglia natura. «L’utilizzo di questi fondi per simili operazioni - ha proseguito metterebbero all’angolo quegli imprenditori che per anni nella nostra Regione hanno abusato di tutti quei finanziamenti che hanno creato di fatto una forte dispa-

rità tra coloro i quali fanno veramente imprenditoria ed altri che hanno utilizzato le risorse pubbliche solo per fini e scopi personali. Oggi le istituzioni e la politica devono convincersi che bisogna sostenere veramente quelle aziende che investono e che di fatto creano sviluppo, coloro i quali promettono utopie con occupazione temporanea e precaria possono restare tranquillamente nei loro territori, siamo stanchi di una situazione che continua a precipitare. La disponibilità dei fondi europei per questa misura, così come d’altra parte stanno già facendo altre regioni del meridione, potrebbe essere

«Il credito d’imposta è una delle misure agevolative riservate veramente a chi investe ed è molto semplice» veramente la molla per cominciare concretamente a risalire la china e diffondere un po’ di ottimismo tra quegli imprenditori che stanno perdendo anche la speranza. Il credito d’imposta- ha concluso Lucà - in quanto è una di quelle misure agevolative riservate a chi investe, è semplice, automatico ed è al riparo dal clientelismo politico che ha creato tanti guasti».

Incontro Cooperfidi Italia È partita la promozione l’elenco degli operatori economici che hanno aderito al progetto. A tutti coloro che parteciperanno all’iniziativa - continua - sarà rilasciato un attestato con il riconoscimento di "Azienda Solidale del Comune di Reggio Calabria. La "Reggio Family Card" - prosegue - sarà presto operativa anche perché’ abbiamo impegnato le necessarie risorse finanziarie e registrato l’adesione di molti operatori economici e la soddisfazione delle associazioni di categoria. Con questo progetto - conclude Minasi - l’Amministrazione Scopelliti ha dimostrato di essere attenta non solo alle esigenze di quei nuclei familiari numerosi che versano in condizioni economiche disagiate, ma gli interventi e gli indirizzi di politica sociale che abbiamo realizzato nel territoriocomunale,hannoportatol’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune a diventare un valido punto di riferimento ».

di cm Alla presenza del Presidente Nazionale del Consiglio di gestione di Cooperfidi Italia Mauro Gori, si è tenuta l’assemblea delle cooperative aderenti a Legacoop, Confcooperative e Agci per la costituzione del Comitato territoriale calabrese del Consorzio. Cooperfidi Italia è il consorzio nazionale unitario delle tre centrali cooperative che è stato costituito nel dicembre scorso con la sottoscrizione dell’atto di fusione di nove Cooperfidi regionali. La società è partita con 70 milioni di euro di garanzie erogate, un patrimo-

nio di 20 milioni di euro ed un valore di attività finanziaria di 85 milionidi euro;questarobustezza finanziaria permetterà al consorzio di operare pienamente a sostegno delle imprese cooperative. Compito del consiglio territoriale calabrese è la promozione del consorzio sul territorio con le istituzioni e con gli istituti di credito e il lancio di una campagna di iscrizione delle cooperative aderenti alle tre centrali.Il consiglio territoriale è composto dal presidente di Confcooperative Katia Stancato, dal presidente di Legacoop Giorgio Gemelli e dal presidente di Agci Francesco Capocasale a cui è stata affidata la Presidenza.


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 13

ECONOMIA E IMPRESE Le aziende del settore della regione hanno goduto di modalità di partecipazione agevolate Il mercato statunitense costituisce il principale interlocutore commerciale per il vino italiano

Si conclude oggi Italian Wine Week Calabria vera protagonista in Usa di Car.Mir. Nel quadro delle iniziative in favore del vino italiano sui mercati internazionali si è svolta la seconda edizione del progetto Italian Wine Week 2010 - Vino 2010. La struttura promozionale dell’iniziativa ha previsto un’azione orizzontale in favore del vino italiano e specifiche attività collaterali per le Regioni cofinanziatrici. Il progetto "Italian Wine Week" è stato realizzato in collaborazione con le regioni: Calabria, Toscana e Veneto. Le aziende ricadenti in queste regioni hanno goduto di modalità di partecipazione

agevolate, in virtù del supporto finanziario erogato dalle istituzioni. Il mercato statunitense costituisce il principale interlocutore commerciale per il vino italiano in termini di valore pari, nel 2008, a 800 milioni di euro ed un volume di 2,4 milioni di euro. Dati in leggera flessione rispetto all’anno precedente imputabile alla crisi finanziaria in atto. Il sensibile sviluppo dell’export negli Usa ha causato una forte polarizzazione del vino all’interno dell’offerta alimentare italiana divenendo il prodotto più importante. Nell’arco degli ultimi 12 anni la quota detenuta dal vino è

Carnevale Occitano, IV edizione «Grande spolvero occupazionale» SAN LUCIDO - «Ancora pochi giorni e il Carnevale Occitano sarà pronto per la sua quarta edizione. E’ questo un appuntamento di grande fascino e richiamo per i sempre più numerosi affezionati di questo genere di spettacolo. Tutto il paese è in grande spolvero occupazionale perché molte case e laboratori artigistanno Straordinario impegno nali lavorando giorno dell’"Arcobaleno onlus" e notte per rifinire gli ultimi particonel sollecitare la lari di carri, abiti, coreografie, balli, partecipazione dei mascheree accescittadini convinti sori da sfoggiare nel corso delle sfidella validità della late previste dal manifestazione 14al21febbraio». E’ quanto si legge in una nota del sindaco Gaetano Cistaro . «L’organizzazione - continua - co-

me per gli anni scorsi, è nelle sapienti mani dei soci dell’associazione "Arcobaleno onlus", che sta coordinando i diversi gruppi di lavoro. La rassegna avrà il patrocinio della Regione Calabria e la collaborazione di numerose associazioni e i comuni di S.Lucido, Fuscaldo, Acquappesa, Cetraro, S.Marco e, naturalmente, Guardia Piemontese. Sarà presente un folto gruppo mascherato, vincitore dell’edizione del Carnevale di Castrovillari 2008. Da sottolineare - conclude il primo cittadino - ancora una volta, lo straordinario impegno dell’"Arcobaleno onlus" nel sollecitare lapartecipazione di una sempre più importante massa popolare, convinta che sono questi i momenti di aggregazione sociale e di superamento degli steccati ideologici. A colorare di occitanità le serate in programma a Guardia saranno i componenti del gruppo occitano del "Paese delle mille danze». Il carnevale occitano dunque come opportunità di rilancio ma anche occupazionale per i comuni coinvolti.

passata dal 28% al 40%. Nonostante il rapporto di cambio /US$nonsiaparticolarmentefavorevole, il mercato statunitense rimane la locomotiva commerciale per il vino italiano sia sotto il profilo economico, sia per l’immagine del prodotto, con una diretta influenza in molte aree del globo. La manifestazione chiude oggi ed è stata realizzata in stretta collaborazione con l’ufficio Ice di New York. La seconda edizione di Italian Wine Week - Vino 2010 ha avuto i seguenti obiettivi: a) consolidare la quota di mercato; b) sviluppare la presenza nelle aree e segmenti di mercato suscettibili di crescita; c) aumentare l’attenzione della stampa circa l’offerta italiana; d) ampliare l’of-

ferta regionale presente nel mercato; e) sviluppare la comunicazione verso il trade e progressivamente verso quelle fasce di consumatori più sensibili. L’evento per l’ampiezza degli operatori coinvolti e per l’impatto mediatico si è posto come punto di riferimento per il vino italiano e momento di raccordo strategico per ulteriori investimenti promozionali della realtà produttiva italiana. Per cogliere gli obiettivi menzionati il Progetto è stato impostato in un format promozionale aperto in grado di offrire una piattaforma promozionale a tutti i soggetti interessati, permettendo l’inserimento di attività di comunicazione delle singole imprese. Le Aziende espositrici si sono inseriti nella struttura dell’iniziativa usufruendo di un’intensa campagna promozionale. L’iniziativa ha costitutoilmomentopromozionale/ commerciale più significativo del progetto Italian Wine Week, che prevede un intenso programma di eventi collaterali il cui programma dettagliato verrà inviato successivamente. Nell’ambito dell’iniziativa è stata realizzata della Borsa Vin. C’erano 150 tra i principali interlocutori commerciali operanti negli altri Stati non coinvolti dalle tappe del Progetto. La Borsa Vini si è posta l’obiettivo prioritario di consolidare la presenza delle aziende già presenti sul mercato anche alla luce delle difficoltà maturate nel 2008, e conseguentemente si consiglia la partecipazione alle imprese già presenti negli Usa. L’evento Borsa Vini è stato preceduto da seminari dedicati alle produzioni regionali, incontri con il mondo del trade, degustazioni guidate per la stampa specializzata e opinion leader.

Esercenti sul demanio marittimo Un disegno di legge per tutelarli di cm DIAMANTE - Oggi alle ore 11 presso la sala consiliare del Comune di Diamante si terrà una conferenza stampa di presentazione del disegno di legge sulla "Modifica della L.R. 17 del 21 dicembre 2005 in materia di norme per l’esercizio della delega di funzioni amministrative sulle aree del demanio marittimo" che verrà depositato in Consiglio Regionale dall’esponente di centrodestra on. Antonio Pizzini. Il disegno di legge intende sostenere l’opera imprenditoriale di migliaia di esercenti che operano sul demanio marittimo e che spesso si ritrovano ad intervenire personalmente per riparare ai gravi danni

causati dalle mareggiate o da altre calamità naturali. Alla conferenza stampa saranno presenti numerosi sindaci ed amministratori del tirreno cosentino, le associazioni di categoria, gli imprenditori del settore, tecnici ed ambientalisti. «Ho inteso presentare un disegno di legge ad hoc - ha detto il Consigliere Regionale Antonio Pizzini - non solo per chiedere un congruo intervento economico a sostegno di quanti sono stati colpiti dalla forza inarrestabile della natura, ma anche per sollecitare un controllo ed un intervento mirato sulle opere da realizzare per l’immediato ripristino di quanto danneggiato e per quanto deve essere prontamente programmato a tutela delle coste calabresi».


14

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

AMBIENTE E AGRICOLTURA Pizzini: «Parco nazionale del Pollino Riproporre nuova riperimetrazione»

Lettera a Barroso dei parlamentari europei (Pd) Pirillo e Pittella «Fugare qualsiasi dubbio sulla vicenda della nave dei veleni»

Relitti sospetti nei mari calabresi Indagini a tutto campo nei fondali di car.Mir. BRUXELLES - Un’articolata indagine su tutti i relitti sospetti affondati nei mari calabresi ed una più approfondita ricognizione sulla nave rinvenuta nei fondali a largo di Cetraro. Sono queste le principali richieste che gli europarlamentari del gruppo S&D PdGianniPittella,vicePresidente vicario del Parlamento Europeo, e Mario Pirillo, membro della Commissione Ambiente, formulano a José Manuel Durão Barroso, Presidente della Commissione Europea. In particolare in una lettera i due eurodeputati chiedono «un intervento diretto di Barroso per fugare qualsiasi dubbio sulla vicenda del relitto rinvenuto a largo di Cetraro. Un relitto indicato, in un primo momento dal pentito della ‘ndrangheta come una delle cosidette "navi dei veleni" ma che, a seguito delle verifiche effettuate dal Ministero dell’ambiente, sarebbe stato identificato come la nave passeggeri "Catania" affondata nel corso della prima guerra mondiale».

Proprio su quest’ultimo aspetto Pittella e Pirillo sottolinenano che «ci sono però numerosi dubbi sollevatida alcuniesponentidelleassociazioni ambientaliste e da parte di subaquei professionisti che precedentemente, per conto della Regione Calabria, avevano esplorato il medesimo sito arrivando a conclusioni differenti e più preoccupanti». Da qui la richiesta dei due europarlamentari «di ritornare sulla zona oggetto di indagine con la stessa strumentazione utilizzata, alla presenza questa volta delle parti interessate alla vicenda, dei

«Ci sono numerosi dubbi sollevati da alcuni ambientalisti e da parte di subaquei che, precedentemente, per conto della Regione avevano esplorato il sito arrivando a conclusioni differenti»

mass media, della Regione e dei rappresentanti delle associazioni ambientaliste, e procedere alla video ricognizione della fiancata della nave nella zona del presunto siluramento». Ma non solo Pittella e Pirillo ricordano che «esistono altri casi sospetti di affondamenti di cosiddette "navi dei veleni"». E, a questo proposito, citano la vicenda della nave Rigel affondata nel 1987 a capo Spartivento al largo di Reggio Calabria. «Per quest’ultima vicenda - sottolineano - esiste già una condanna per naufragio doloso, in base all’art. 428 del codice penale, emessa dal tribunale di La Spezia il 20 marzo 1995, confermata in appello dal tribunale di Genova il 10 novembre 1999 e resa definitiva in Cassazione il 10 maggio 2001. Riteniamo - concludono Pittella e Pirillo - che rispetto ad un tema tanto delicato per la salute delle popolazioni e la salvaguardia dei nostri mari sia urgente una nuova e più approfondita ricognizione sul relitto rinvenuto a largo di Cetraro e l’avvio di un’indagine più articolata su tutti i relitti sospetti affondati nei mari calabresi».

«A seguito della nota dello scorso 20 gennaio emessa dalla Direzione Protezione Natura del Ministero dell’Ambiente con cui si respingeva ancora una volta la richiesta di riperimetrazione per alcune aree del Parco Nazionale del Pollino, ritengo sia necessario ripristinare immediatamente un percorso corretto per riproporre una nuova domanda al Governo nazionale che preveda in- «L’ente parco adempia nanzitutto una maggiore coesione da parte delle am- alle proprie funzioni ministrazioni comunali intefacendo conoscere le ressateeduncoinvolgimento di tutti gli attori coinvolti che valutazioni e tenendo faccia ritrovare una maggiore unità d’intenti attraver- in conto la salvaguardia so un più chiaro progetto di di valenze ambientali» rimodulazioneeriorganizzazione del territorio». A manifestare senza incertezze il suo pensiero sulla risposta data dal dicastero competente all’Ente parco che ha sede a Rotonda è stato il Consigliere Regionale del PdL, Antonio Pizzini. Nel documento inviato dal Ministero alle locali autorità, oltre a quanti sono coinvolti nell’interesse di ridisegnare alcuni confini del Parco Nazionale del Pollino, si legge che alla luce delle tante valutazioni effettuate tramite ispezioni e colloqui con le parti interessate «si invita l’ente parco a voler adempiere alle proprie funzioni istituzionali facendo conoscere le valutazioni tecniche in ordine alle richieste presentate e le eventuali motivate controproposte, tenendo in conto la necessità di assicurare la protezione e la salvaguardia delle riconosciute valenze ambientali e naturalistiche del territorio, ragion d’essere del Parco nazionale e dello stesso Ente parco». Un passaggio importante e comunque un’apertura per una nuova eventuale richiesta. «Dietro sollecitazione della Presidente del Circolo della Libertà di San Sosti, Carmela Martucci mi sto impegnando nei confronti degli uffici dirigenziali del Ministero per riconsiderare le esigenze di un territorio che si è visto imporre confini e prescrizioni senza alcuna concertazione con le amministrazioni comunali e le parti sociali interessate. Da parte nostra ritengo opportuno stabilire un coordinamento tra amministratori e parti interessate che sia fattivamente esecutivo, affinché ci si possa subito adoperare per una larga sottoscrizione di quanto sarà richiesto nuovamente al Governo nazionale. Se vogliamo ottenere qualcosa dalle istituzioni superiori dobbiamo mettere da parte i campanilismi».

Orsomarso (Pdl) al Comac: serve una legge per il rilancio MONTALTO - «Occorre una legge regionale che stabilisca concretamente il rilancio del Consorzio Agrolimentare Calabria garantendo l’esclusività commerciale territoriale e ponendo fine all’attuale polverizzazione del sistema locale di vendita. In questo quadro di rilancio del Comac, ha sottolineato Fausto Orsomarso, candidato Pdl al Consiglio regionale della Calabria - la proposta di legge dovrà prioritariamente contenere i criteri organizzativi della vendita dei prodotti ortofrutticoli nell’area circostante al mercato di Montalto Uffugo». Il dirigente regionale del PdL ha visitato ieri le aree del mercato ortofrutticolo di Montalto alla presenza di una nutrita delegazione di operatori economici. Nel corso dell’incontro il dirigente regionale del Pdl, sentito il candidato alla presidenza della Regione Calab-

ria, Giuseppe Scopelliti, ha preso l’impegno, sin da subito, di redigere una legge regionale da sottoporre e far condividere a tutte le forze politiche della coalizione finalizzata all’immediato rilancio di una strategica realtà commerciale nella quale sono stati investiti oltre 30 miliardi e, che oggi, rischia il collasso a causa della disattenzione e dell’incapacità dell’attuale Governo regionale. Il candidato al Consiglio regionale del PdL, ha evidenziato la necessità di coinvolgere tutti i Comuni interessati al fine di condividere le soluzioni più adeguate e delineare le azioni più idonee da adottare per la piena attuazione delle politiche di rilancio del Consorzio Agroalimentare. «Nei prossimi giorni - ha concluso Orsomarso possa rendersi personalmente conto dell’impor- solleciterò Giuseppe Scopelliti a visitare le aree tanza e del ruolo vitale che il Comac può ricopricommerciali del mercato ortofrutticolo affinchè re per lo sviluppo economico dell’intera area».


Venerdì 05 Febbraio 2010 il Domani 15

UNIVERSITA' E SCUOLA Le risorse saranno destinate al potenziamento dei servizi attualmente erogati Tra i progetti anche “Università visitAbile: guida multimediale all’accessibilità”

Integrazione degli studenti disabili I Fondi Miur alla Magna Graecia di C.M. CATANZARO - Sono stati assegnati, nei giorni scorsi, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca i fondi destinati agli Atenei italiani per l’attuazione degli interventi volti a favorire l’integrazione degli studenti universitari con disabilità, previsti dalla legge n.17 del 1999. I criteri dell’assegnazione prevedono che il 30% delle risorse siano destinate in funzione di un criterio "di risultato", consistente nel rapporto tra l’importo finanziato nell’ultimo quadriennio e quello effettivamente utilizzato per le iniziative in favore degli studenti disabili. Tra gli Atenei premiati anche l’Ateneo del capoluogo calabrese. Il risultato ottenuto rappresenta un importante riconoscimento al lavoro svolto, nel settore dei servizi e degli interventi in favore di studenticondisabilità,daldelegato del Rettore, professoressa Antonietta Rosalia Marchese, dai componenti della commissione compostadaiprofessoriAntonino Mantineo, Vincenzo Rispoli e Paola Valentino, e dal referente amministrativo, dottoressa Franca Maria Fratto. I fondi assegnati dal Miur saranno destinati al potenziamento dei servizi attualmente erogati dall’Università Magna Graecia e all’attuazione di nuove tipologie d’intervento, anche in collaborazione con gli enti e le organizzazioni che operano sul territorio a beneficio di persone diversamente abili, al fine di adeguare costantemente i servizi offerti alle specifiche tipologie di disabilità e individuare soluzioni mirate al superamentodelleproblematiche

Protezione civile in famiglia e a scuola Olivo presenta il vademecum ai ragazzi

che possono sorgere nel percorso relazionale e di studio accademico. Per la realizzazione del suddetto programma d’interventi in favore degli studenti diversamente abili, l’Ateneo di Catanzaro si è anche reso promotore di due proposte progettuali: il primo progetto, de-

I criteri di assegnazione prevedono che il 30% delle risorse siano destinate in funzione di un criterio “di risultato"

nominato "Università visitAbile: guida multimediale all’accessibilità", persegue l’obiettivo di consentire a tutti gli utenti (studenti, docenti, personaletecnico-amministrativo, visitatori) di orientarsi agevolmente all’interno del Campus e delle altre strutture in cui si svolgonole attivitàdidattiche,formative e relazionali dell’Ateneo, mentre la seconda proposta progettuale prevede la partecipazione dell’Ateneo al Programma "Da Marsiglia all’Italia: dignità e cittadinanza reale della persona con disabilità", finalizzata alla realizzazione di una Giornata Nazionale di Studio, volta a promuovere un’azione intensa ed integrata di sensibilizzazione sui temi della disabilità.

CATANZARO - «La previsione di alcuni eventi naturali è impossibile ma la prevenzione, quella si può e si deve fare. E’ per questo che il Comune di Catanzaro ha voluto realizzare l’opuscolo "La protezione civile in famiglia e a scuola" che consegniamo a voi con la certezza che faret etesoro delle informazioni proposte». Il sindaco Rosario Olivo si è rivolto così agli studenti dell’Istituto comprensivo "Casalinuovo" che ha incontrato per distribuire personalmente il vademecum realizzato di concerto con il Dipartimento della Protezione civile, il Centro operativo comunale e i referenti dei vari settori coinvolti - sui comportamenti da seguire in caso di rischi naturali. «Non vogliamo, con questo opuscolo, generare paura - ha spiegato ilPrimo cittadino ma soltanto rendervi consapevoli di ciò che può accadere per potervi organizzare e affrontare eventualimomenti di pericolo. Occorre sapere come agire e questa brochure, approvata dal capo Dipartimento della Protezione civile Guido Bertolaso - ha concluso il Sindaco - ve lo spiega in modo semplice ma efficace». Presente anche il presidente della commissione Cultura, Alcide Lodari, il quale ha sottolineato l’importanza della prevenzione per evitare drammi come quelli cui si è assistito negli ultimi giorni. «Sono certo - ha detto - che i vostri docenti sapranno trasmettervi le giuste competenze anche in questo campo». E, a tal proposito, il geologo Fabio Procopio - che ha redatto i testi del vademecum - ha sollecitato gli insegnanti e gli studenti a leggere l’opuscolo in classe anche perchè presenta una impaginazione accattivante. A ringraziare il Sindaco per la visita ai ragazzi, è stata il dirigente scolastico Concetta Carrozza.

I rettori preparano un progetto Crui per le Università del Sud ROMA - Si è svolta il 3 febbraio presso la sede del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca una riunione dei Rettori di sedici atenei (Bari, Basilicata, Cagliari, Calabria, Enna Kore, Foggia, Messina, Molise, Napoli 2, Palermo, Politecnico di Bari, Reggio Calabria, Salento, Sannio, Sassari, Teramo) aderenti alla Rete delle Università Meridionali, un vero e proprio laboratorio di programmazione comune e di buone pratiche. La Rete intende difendere e ulteriormente sviluppare il fondamentale e specifico ruolo svolto dalle università meridionali nello sviluppo delle regioni del Mezzogiorno d’Italia, fortemente messo in crisi dalle recenti misure in materia di distribuzione delle risorse. In un momento in cui si apre una nuova stagione della "questione meridionale" le Università non vogliono sottrarsi ad

una nuova sfida decisiva per l’intero Paese, chiedendo, però, di essere messe nelle condizioni di poter svolgere appieno la loro peculiare funzione di motore della crescita culturale e sociale, dello sviluppo locale, dell’affermazione della legalità, della democrazia, della partecipazione e della coscienza libera e critica. I rettori meridionali hanno confermato la loro piena adesione alla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, pur rivendicando la peculiarità dei problemi e delle esigenze degli Atenei meridionale con particolare riferimento alle oggettive posizioni di svantaggio socio - economico in cui gli stessi Atenei si trovano ad esercitare i propri compiti istituzionali. La Rete intende contribuire attivamente alla elaborazione di uno specifico Progetto Crui per le Università del Sud da sottoporre all’esame del

Ministero e delle forze politiche.Tra i primi obiettivi, esaminati nel corso dell’incontro: La predisposizione di proposte finalizzate alla revisione dei parametri utilizzati per la distribuzione delle risorse alle Università, che nel 2009 hanno pesatamente penalizzato in particolare gli atenei meridionali. L’adozione di indispensabili misure di riequilibrio che tengano conto in particolare della profonda diversità della contribuzione studentesca, al Sud enormemente più bassa che nel resto d’Italia e non suscettibile di aumenti significativi a causa delle difficili condizioni socio - economiche. L’elaborazione di progetti comuni nel campo della ricerca e della formazione con un più coordinato utilizzo dei fondi in modo da contribuire alla crescita socio-culturale ed economica del Mezzogiorno.


18

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

LAVORO E SINDACATI

Il patronato di assistenza ai cittadini e agli agricoltori, visti i «casi eclatanti», avverte i titolari di vigilare sugli arretrati non percepiti e sull’eventuale incremento del contributo

Epaca Coldiretti: «Pensionati controllino proprie cedole» di Oriana Tavano CATANZARO - Sul fronte pensioni il patronato Epaca della Coldiretti da tempo si batte affinchè si proceda al recupero degli arretrati pensionistici e all’incremento dell’importo del contributo per i casi di particolare necessità. Il patronato avverte i cittadini di vigilare sulla effettiva corresponsione del contributo pensionistico: «I pensionati controllino la propria posizione pensionistica agli Uffici Epaca-Coldiretti visti i casi eclatanti scovati in Calabria». Il patronato Epaca, l’Ente di patrocinio e assistenza cittadini e agricoltori promosso dalla Coldiretti, ha effettuato un lavoro certosino di analisi delle posizioni assicurative e delle situazioni pensionistiche degli assistiti. Da tale analisi, è emerso che

Siglato un accordo tra il Comune di Pedace e le sigle sindacali Nidil-Cgil e Cpo-Uil per la stabilizzazione di 8 Lsu/Lpu

COSENZA - Siglato un accordo tra il Comune di Pedace e le sigle sindacali Nidil-Cgil e Cpo-Uil per la stabilizzazione di otto Lsu-Lpu. A rappresentare l’amministrazione comunale è stato il sindaco di Pedace, Stanislao Martire. Mentre per i sindacati l’intesa è stata firmata da Umberto Macchione e Giovanni Muto per il Nidil-Cgil e da Gianvincenzo Petrassi e Maria De Luca per il Cpo-Uil. Il sindaco Martire si è impegnato a stabilizzare un lavoratore entro il 2010, due per l’anno prossimo e i restanti cinque nel 2013 per sostituire i dipendenti comunali che via via andranno in pensione. Martire ha così aderito completamente al bando della Regione Calabria,

diversi anziani titolari di pensione possono avere diritto ad arretrati nel ricalcolo della prestazione e all’aumento della pensione in pagamento ogni mese. «Casi eclatanti sono stati scovati in Calabria - si legge nella nota del patronato e le stime effettuate fanno presumere che i pensionati beneficiari siano ancora molti per importi complessivi di un certo interesse. Un recupero inaspettato di arretrati - prosegue la nota - che grazie agli interventi e la professionalitàdeglioperatoridelPatronato stanno permettendo anche di incrementare l’importo della pensione, che da anni veniva pagata in cifre non corrette». L’iniziativa, secondo una valutazione degli operatori del patronato della Coldiretti, oltre a coinvolgere in Calabria un numero crescente di pensionati assume un valore rilevante all’interno dell’attuale momento di crisi, e va a privilegiare in moltissimi casi una categoria, quella dei pensionati, che spesso gode di trattamenti pensionistici modesti. Per questo motivo la Coldiretti

«Un recupero inaspettato di arretrati che grazie agli interventi e alla professionalità degli operatori del Patronato stanno permettendo anche di incrementare gli importi non corretti» Calabria invita tutti i pensionati a rivolgersi gratuitamente agli sportelli del Patronato presenti in tutti le province calabresi per un controllo della propria posizione pensionistica e previdenziale perché, conclude la nota, «può risultare utile anche in relazione a possibili benefici».

completando il processo di stabilizzazione che ha portato già l’anno scorso all’assunzione di dodici lavoratori al Comune di Pedace. «Il Nidil-Cgil e il Cpo-Uil - si legge nella nota dei sindacati dei lavoratori - ringraziano il sindaco Martire per l’impegno profuso a favore degli Lpu-Lsu, una categoria che da oltre dieci anni vive nel precariato senza alcun riconoscimento ai fini pensionistici, nonostante il prezioso lavoro svolto in tutte le realtà dove sono impiegati». Le due sigle sindacali auspicano che l’esempio del Comune di Pedace venga seguito anche da altri amministratori locali «per dare finalmente un futuro certo a questi precari calabresi».


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 19

LAVORO E SINDACATI Protesta degli Lsu-Lpu portuali di Gioia, solidarietà dell’Unl GIOIA TAURO - Il segretario generale per la Calabria dell’Unione nazionale dei lavoratori Claudio Apa esprime solidarietà, ai lavoratori Lsu- Lpu del porto di Gioia Tauro. «È vergognoso - ha affermato Apa - che il Governo continui ad essere sordo e lontano dai problemi dei lavoratori Lsu-Lpu e delle loro famiglie. Ci indigna che ancora non ci sia stata la convocazione di un incontro nazionale per cercare una soluzione. Il clima che si sta vivendo è inquietante e tragico, grande tensione attraversa i lavoratori, le loro famiglie e tutta la cittadinanza». Il segretario dell’Unl chiede l’intervento del Governo affinché vengano revocati i provvedimenti di cassa integrazione che sono stati annunciati nei confronti dei dipendenti e che riguardano 400 lavoratori portuali, 180 con contratto di formazione ed altri

Il porto di Gioia Tauro

200 dell’area industriale, dipendenti di sei diverse aziende. Apa si sofferma sulla «grande determinazionedei ragazzi che stanno portando avanti la protesta» di fronte alla quale, continua il segretario Unl, «riteniamo che il Governo nazionale non possa più rimanere assente, ma debba immediatamente convocare le parti per una rapida soluzione della vertenza e scongiurare gli esuberi. Non è davvero accettabile - ha aggiunto Apa - che la politica miope del Governo non solo mette a rischio il lavoro ma addirittura rischi di pregiudicare il futuro di questi ragazzi». Apa avverte che la tensione si sta facendo alta tra le file del sindacato ma soprattutto tra i lavoratori e annuncia che «già da subito partiranno altre iniziative di lotta e mobilitazione da parte degli Lsu-Lpu».

Nota congiunta sugli istituti di reclusione reggini del consigliere del Pdl e del Sappe

Nucera e Musarella: ««Siano operativi i penitenziari San Pietro e Arghillà» di Oriana Tavano REGGIO CALABRIA - «È con vivo compiacimento che apprendiamo, dopo tutti i nostri interventi politico-sindacali effettuati, la comunicazione ufficiale del ministro della Giustizia Angelino Alfano circa lo stanziamento di 22 milioni di euro per il completamento e il finanziamento della casa di reclusione di Arghillà». Soddisfazione viene espressa dall’on. Giovanni Nucera, consigliere regionale del Pdl, unitamente a Massimo Musarella, segretario provinciale del Sappe, il Sindacatoautonomodella polizia penitenziaria di Reggio Calabria, motivata dal fatto che mediante queste nuove risorse «giunge al termine finalmente - si legge nella notacongiuntadi Nucerae Musarella - uno dei casi più scandalosi della macchina burocratica di questo Paese». Dalla nota si apprende inoltre che il nuovo istituto penitenziario di Arghillà vedrà la sua apertura verso la fine del 2012, mentre in riferimento alla storica Casa circondariale di via San Pietro, at-

tualmente sono in corso le trattative per reperire i fondi necessari per la ristrutturazione dei grandi padiglioni interni per i detenuti e per la realizzazione dell’impiantistica relativa alla sicurezza dello stesso istituto che, come ricordano Nucera e Musarella, «rimane collegato da un tunnel con l’aula bunker di viale Calabria». Infatti, l’intenzione politica e sindacale dell’on. Nucera e del Sappe, è quella di «mantenere funzionanti ed operativi entrambi gli istituti penitenziari, San Pietro e Arghillà». La presenza di entrambe le strutture sul territorio provinciale, opportunamente ristrutturate e potenziate, secondo il consigliere regionale e il segreta-

Padiglione del carcere San Pietro di Reggio Calabria

«Soddisfatti per l’annunciato stanziamento da parte del Governo di 22 milioni di euro per il completamento e il finanziamento della casa di reclusione di Arghillà»

rio del Sappe porterebbe «una serie di benefici che coinvolgerebbero sia la città di Reggio Calabria», per l’incremento commerciale dell’intero indotto economico, sia la polizia penitenziaria, che vedrebbe così «aumentare il proprio organico in maniera sostanziale». Nucera ed il Sappe, inoltre, esprimonoimmensasoddisfazioneper

Un provvedimento ad hoc varato dal Governo nella Finanziaria 2010 prevede l’assunzione in tre anni di 3.800 unità, di cui 2000 per integrazione organica, 1800 per il turnover pensionistico

la notizia che riguarda il provvedimento ad hoc varato dal Governo nella Finanziaria 2010 che prevede l’assunzione in tre anni di circa 3.800 unità per la polizia penitenziaria, di cui 2000 per l’integrazione organica e 1800 per il turnover pensionistico. Questo provvedimento, come sottolinenano Nucera e Musarella, «permetterà a questo glorioso corpo di polizia di riallineare i suoi quadri organici, migliorandone i principali servizi istituzionali collegati, ovviamente, alla sicurezza pubblica del nostro Paese». Il consigliere del Pdl e il segretario provinciale del Sappe si dicono disposti a seguire nei prossimi mesi «con scrupolosa attenzione la vicenda relativa allo sblocco burocratico per lo stanziamento dei fondi necessari per l’acquisto di nuovi ed efficienti automezzi, nonché strumenti tecnologicamente avanzati, da dotare al più presto al reparto di polizia penitenziaria di Reggio Calabria». Infine, «pienamente soddisfatti dei risultati fin qui raggiunti», rendono noto che «Nucera ed il Sappe continueranno, sempre insieme, la loro opera politico-sindacale, affinché venga portata a termine tutta l’attenzione del momento da parte del Governo sulla nostra città, in modo tale che tutti gli obiettivi prefissati conclude la nota congiunta - possano essere raggiunti ed indirizzati a favore del reparto di polizia penitenziaria di Reggio Calabria».


20

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Approvato il modello definitivo di dichiarazione «Unico 2010 Sp» Il modello Unico per le società di persone con le relative istruzioni è disponibile online Approvato il modello definitivo di dichiarazione «Unico 2010 SP» con provvedimento direttoriale del 1° febbraio dell’Agenzia delle Entrate. Tutte le istruzioni che, le società semplici, in accomandita semplice ed equiparata devono presentare nell’anno 2010 ai fini delle imposte sui redditi, sono disponibili anche online sul sito dell’Agenzie delle Entrate.Tra le novità vi è l’incentivo introdotto dall’art. 5 del Dl 78/2009 (Tremonti-Ter), ossia l’esclusione dall’imposizione sul reddito di impresa del 50% degli investimenti in nuovi macchinari e apparecchiature compresi nella divisione 28 della tabella Ateco, e i nuovi limiti di deducibilità delle spese alberghiere. Vanno evidenziati alcuni aspetti di particolare importanza. Innanzitutto una nuova colonna (Maggiore Iva) che dovrà essere compilata dai contribuenti che vogliono adeguarsi alle risultanze

degli studi di settore che in precedenza veniva riportato nella dichiarazione annuale Iva. L’inserimento di un campo per il credito d’imposta relativo alle spese sostenute per la riparazione o la ricostruzione degli immobili danneggiati dal sisma in Abbruzzo. Inoltre vi sarà l’eliminazione del quadro RQ , in particolare le sezioni per determinare l’imposta sostitutiva sulle plusvalenze da metalli preziosi e per la tassa etica ( che era già presente nel modello Unico 2009, ma si trovava nel quadro RS). Altra novità del modello è l’introduzione dello stesso quadro RQ delle sezioni per determinare l’imposta sostitutiva sulle plusvalenze da metalli preziosi e per la tassa etica (anche questa presente nel modello Unico 2009 nel quadro RS). Introduzione anche di due nuove righe nel quadro RJ per indicare le perdite provenienti da esercizi precedenti e degli incentivi «Tremonti-ter» e

«bonus capitalizzazione». Anche il quadro RP ha ottenuto dei cambiamenti con la nuova detrazione d’imposta del 20% relativa alle spese sostenute per acquistare mobili e elettrodomestici.Altro inserimento nel quadro RK di un campo dove indicare le ritenute imputate ai soci o associati per la quota da questi restituita alla società o all’associazione. Il quadro RS avrà una sezione per evidenziare le maggiori perdite dovute alla presentazione dell’istanza rimborso da Irap. Infine l’inserimento nel quadro RT delle riga per il calcolo dell’imposta che tengano conto anche delle eventuali minusvalenze derivanti dall’anno precedente e di una nuova sezione per gestire le plusvalenze dalle cessioni effettuate a partire dal 1° gennaio 2009, imponibili nella misura del 49,72 per cento.

Dichiarazione del credito Iva 2009 Approvato il nuovo modello di dichiarazione Iva relativo al 2009 da presentare nel 2010 ai fini dell’imposta sul valore aggiunto

Approvato il nuovo modello di dichiarazione Iva relativo all’anno 2009 da presentare nel 2010 ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. Chi matura un credito Iva al 31/12/2009, dovrà esporre l’importo nel modello Iva quadro VX in caso di presentazione autonoma della dichiarazione annuale, e nel modello Unico, quadro Rx, in caso di presentazione unificata della dichiarazione dei redditi ed Iva. Se il contribuente decide di portare il credito Iva in detrazione nell’anno successivo o di utilizzarlo in compensazione, al rigo VX5 va riportato l’importo indicato nel rigo VX2, ossia l’Iva a credito. Se invece il contribente decide per un rimborso parziale, l’importo indicato al rigo VX2 andrà suddiviso tra le riga VX4, VX5 ed eventualmente VX6. Con precisione al rigo VX4 vi sarà la parte richiesta a rimborso, al rigo VX5

Luana Rocca

Sentenze della Corte la parte da computare in detrazione e al VX6 la parte ceduta alla consolidante. Semplificando il tutto con un esempio ipotizziamo che nella dichiarazione Iva relativa al 2009 risulti un credito pari a 48mila euro, il contribuente potrà destinare in compensazione nel mod. F24 un importo pari a 8mila euro o in detrazione nelle liquidazioni periodiche il residuo, ossia 40mila euro. In questo caso il contribuente non sarà soggetto alle nuove disposizioni e quindi potrà compensare in F24 l’importo di 8mila euro già dai primi giorni di gennaio 2010. Inoltre potrà portare in detrazione Iva da Iva il credito restante, 40mila euro. Infine non dovrà anticipare la presentazione della dichiarazione Iva e non apporterà il visto di conformità. Se invece vi è un credito pari a 30mila euro e il contribuente decide di destinare in compensazione nel mod. F24 20mila euro e a rimborso 10mila euro, egli sarà invece soggetto alle nuove disposizioni. Potrà quindi, compensare in F24 l’importo di 10mila euro già dai primi giorni di gennaio, compensare i restanti 10mila euro solo a partire dal 16 del mese successivo alla presentazione della dichiarazione Iva 2010 e infine dovrà apporre il visto di conformità sulla dichiarazione Iva. É bene ricordare che al fine di consentire l’immediato monitoraggio delle compensazioni,il legislatore ha previsto, per l’utilizzo in compensazione di un credito Iva superiore ai 10mila euro annui, l’obbligo di utilizzare esclusivamente i servizi telematici dell’Agenzia.

La Suprema Corte di Cassazione con le sentenze dal n. 26635 al n. 26638 del 18 dicembre scorso, è intervenuta per dirimere il contrasto giurisprudenzialecreatosi per sentenze di segno diverso concernenti la valenza probatoria degli strumenti presuntivi di determinazione del reddito.Talisentenze si riferisconoad accertamenti operati dall’ufficio attraverso i «parametri contabili», uno fra i diversi metodi standardizzati di accertamento finalizzati a facilitare la lotta all’evasione fiscale. I parametri costituiscono un sistema basato su presunzioni semplici «la cui idoneità probatoria è rimessa alla valutazione del giudice, in assenza di previsioni "procedimentalizzati" circa la partecipazione del soggetto passivo alla fase istruttoria che precede l’emanazione dell’atto di accertamento». L’avviso di accertamento deve inoltre contenere, le valutazioni sulle considerazioni prodotte dal contribuente nell’ambito del contradditorio instaurato negli Uffici del’Agenzia delle Entrate. Per la Corte tuttavia anche gli «studi di settore» rappresentano stime che devono essere apprezzati caso per caso. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" di ANTONIO GIGLIOTTI


il Domani Venerdì 5 Febbraio 2010 21

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

21.938,10 21.404,82 23.913,54 23.712,39 22.816,36 11.037,14

-3,34 -3,45 -3,27 -1,63 -0,14 -2,02

Euro

METALLI

US $

UK £

USD/on

EURO/gr

1065,60

24,83

15,56

0,365

PLATINO

1522,00

35,83

PALLADIO

419,50

10,06

¥en

1 Euro

1.0

1.3760

0.87220 122.55

ORO

1 US $

0.72640

1.0

0.63360 89.040

ARGENTO

1 UK £

1.1461

1.5775

1.0 140.45

1 ¥en

0.0081569 0.011225 0.0071157

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,825 1,365 7,58 3,9475 61,49 1,68 0,991 3,56 0,2202 0,496 4,36 13,99

-1,79 -1,44 -1,94 -0,69 -2,15 -2,61 -0,75 -1,32 +2,90 +0,41 -5,22 +0,00

16.02.15 17.30.45 17.30.50 16.30.20 17.30.56 16.30.10 16.30.12 17.21.27 16.30.30 17.19.12 17.17.30 15.10.56

0,8235 0,831 0,8235 1,361 1,408 1,389 7,51 7,755 7,755 3,895 3,985 61,00 63,48 63,48 1,68 1,717 0,974 0,991 0,974 3,5525 3,615 0,212 0,233 0,2145 0,485 0,5075 4,36 4,57 13,99 14,25

0,284 2,51 0,60 79,00 3,38 14,27 0,6375 0,3935 0,0312 0,664

-2,07 -1,57 -4,69 -2,11 -3,91 -1,38 -3,26 -7,08 -4,00 +1,76

16.30.40 17.13.02 16.30.24 17.24.33 17.30.16 17.30.43 16.30.42 16.30.34 16.30.52 16.30.33

0,284 0,29 0,285 2,505 2,62 0,60 0,6375 0,6375 78,73 81,82 3,375 3,54 3,54 14,27 14,60 14,49 0,628 0,65 0,645 0,3935 0,421 0,0311 0,0327 0,032 0,653 0,6695 0,6695

1,498 4,97 17,49 8,755 9,48 17,46 15,21 9,005

-0,99 -5,33 -3,53 -2,61 -5,48 +1,87 -2,69 -3,02

17.30.18 17.30.16 17.30.15 17.30.06 17.30.43 15.41.00 17.02.38 17.30.48

1,484 4,935 17,23 8,65 9,435 16,90 15,18 8,91

+0,70 +0,00 -4,55 +0,00 +1,23 -0,52 -3,29 -3,80 -9,36 -4,09 +0,36 -0,12 -1,93 -0,57 -1,69 -2,73 +0,81 -0,67 -3,27 -2,22 -4,71 -3,11 -4,83 -5,07 -2,58 +0,43 -1,53 -0,67 +0,53 -2,93 -1,54 -0,10 +0,67 -6,99 -4,22 -3,78 -3,09 -0,34 -2,40 -4,94

15.40.05 11.00.23 17.30.33 17.30.01 16.30.29 17.30.41 17.30.30 17.30.25 17.30.48 17.20.33 16.30.52 16.30.11 17.21.19 17.30.48 17.30.31 16.41.51 9.09.01 17.30.04 17.30.27 16.15.51 17.30.40 17.30.40 17.30.45 17.30.07 16.30.08 16.21.04 16.30.02 16.30.40 16.30.53 16.30.08 17.30.08 17.21.57 17.30.30 16.30.07 16.30.54 16.30.55 17.30.44 16.30.22 16.53.58 17.30.09

89,01 2,56 7,535 6,485 3,20 0,76 0,12 4,74 9,23 40,38 1,951 2,10 48,35 50,10 1,832 2,85 118,50 0,594 1,146 4,385 9,81 3,86 4,5225 6,72 0,603 4,0125 4,0025 10,35 0,465 0,676 6,05 98,58 0,5935 1,423 0,5435 1,40 6,06 1,45 30,44 49,70

B Interm-15 Cv 1,5% 89,63 B&C Speakers 2,56 Banca Generali 7,55 Banca Ifis 6,50 Banca Intermobiliare 3,29 Banca Italease 0,76 Banca Pop Emilia Romagna Axobcv 0,1233 4,7425 Banco Popolare 9,30 Banco Santander Basf 40,38 Basicnet 1,963 Bastogi Spa 2,1375 Bayer 48,35 Bb Biotech 50,70 Bca Carige 1,86 Bca Carige R 2,85 119,00 Bca Carige-13Cv 1,5% 0,594 Bca Finnat Bca Mps 1,153 Bca Pop Di Spoleto 4,515 Bca Pop Emil Romagna 9,815 3,8925 Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano 4,5325 Bca Pop Sondrio 6,74 Bca Profilo 0,605 4,085 Bco Desio Bria Rnc 4,02 Bco Desio Brianza 10,35 Bco Sardegna Risp Bee Team 0,479 0,68 Beghelli 6,06 Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% 98,68 Beni Stabili 0,599 Best Union Company 1,424 Bialetti Industrie 0,545 Biancamano 1,40 6,105 Biesse Bioera 1,45 30,44 Bmw 50,00 Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni 1,43 Bonifiche Ferraresi 32,80 Borgosesia 1,324 Borgosesia R Bouty Healthcare 1,199 Bp-10 Cv 4,75% 101,22 102,86 Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo 4,7225 0,21 Brioschi Bulgari 5,55 1,105 Buongiorno Buzzi Unicem 10,45 Buzzi Unicem Rnc 6,58 5,375 Cad It Cairo Communication 2,73 0,9865 Caleffi Caltagirone 2,29 Caltagirone Edit 1,808 Camfin 0,2595 Campari 7,245 0,384 Cape Live 90,40 Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro 2,40

-0,62 15.21.55 1,43 +1,14 16.30.25 32,05 -1,05 15.17.19 1,324 +0,00 -0,05 -0,18 -2,78 -1,27 -4,31 -4,16 -4,04 -3,45 -1,74 -1,44 -0,25 +0,44 -1,74 -0,57 -1,29 -8,57 +0,00 +0,00

16.30.08 17.11.53 17.14.18 17.30.45 16.30.38 17.30.39 17.30.11 17.30.12 17.30.51 16.56.17 17.30.29 16.30.21 16.23.39 16.30.14 16.30.58 17.30.55 16.30.29 12.09.41 16.30.33

1,199 101,21 102,80 4,70 0,2062 5,525 1,103 10,45 6,48 5,375 2,73 0,9725 2,29 1,785 0,255 7,24 0,38 90,40 2,38

1,515 5,30 18,22 9,18 10,13 17,50 16,41 9,335

5,30 18,15 9,10 10,03 17,15 9,225

89,63 89,01 2,56 2,56 7,98 6,62 3,3575 0,766 0,133 0,1256 5,02 4,985 10,44 9,465 42,00 1,978 1,978 2,14 2,14 48,90 50,95 1,905 1,905 2,89 119,00 118,50 0,6065 1,208 1,196 4,685 10,30 10,25 4,04 4,04 4,79 4,735 7,17 7,16 0,63 0,621 4,09 4,07 4,095 10,40 0,479 0,7045 0,698 6,195 6,125 98,94 0,605 0,602 1,579 0,57 1,465 1,455 6,31 1,45 30,91 52,80 52,63 1,438 32,80 1,325 1,199 101,30 103,11 103,05 4,90 4,885 0,2124 0,2124 5,815 5,81 1,16 1,138 11,25 11,12 7,005 6,88 5,49 2,805 0,9865 2,3925 1,844 1,844 0,265 7,385 7,355 0,427 0,4165 90,40 90,40 2,43 2,41

AZIONI

Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

35,50 23,31 2,15 0,839 4,73 3,0625 2,40 0,508 0,1698 0,2995 0,897 1,73 0,6485 1,974 0,69 0,8755 105,50 1,088 23,75 5,48 11,19 1,89 5,275 0,2158 104,17 0,77 1,334 5,20 34,56 1,00 18,45 9,62 42,61 4,09 2,98 1,253 48,20 9,45 25,84 2,28 5,26 14,51 26,21 1,066 1,305 1,13 11,96 1,919 3,80 3,9575

Apertura

34,11 22,23 2,15 0,804 4,6025 2,94 2,40 0,504 0,1679 0,2995 0,872 1,628 0,6435 1,945 0,661 0,87 105,50 1,047 23,69 5,13 11,19 1,89 5,025 0,205 103,70 0,77 1,30 5,14 33,20 0,98 17,44 9,205 41,60 4,09 2,95 1,247 44,06 9,24 25,33 2,14 5,10 14,06 26,21 1,03 1,305 1,054 11,75 1,84 3,78 3,8225

-4,08 -3,68 -0,35 -5,19 -2,85 -3,13 -0,72 +0,20 +0,24 +2,92 -2,79 -5,46 -0,77 -2,70 -4,27 -0,63 +0,00 -2,79 -0,25 -5,70 -0,89 -0,42 -3,74 -3,76 -0,38 -0,64 -1,81 -0,96 -4,16 -2,10 -5,98 -4,31 -0,95 +0,25 -1,01 -0,87 -4,63 -0,96 -1,94 -5,93 -1,92 -3,70 -2,75 -2,65 +0,62 -5,98 -0,08 -1,97 -0,53 -2,36

17.10.00 17.30.39 16.30.31 16.30.39 17.30.21 17.30.45 17.30.59 13.25.00 16.30.42 16.30.17 16.30.45 17.30.47 16.30.08 17.30.24 16.30.03 16.30.43 11.05.49 16.21.39 16.10.22 17.30.58 15.57.09 16.30.27 17.30.15 16.30.39 17.30.57 16.04.52 17.30.35 17.11.24 16.22.25 17.01.22 16.30.29 16.30.58 16.23.07 17.30.52 16.30.06 17.30.55 17.21.37 17.07.24 17.30.02 17.30.43 17.30.35 17.30.21 17.18.41 17.30.58 16.33.09 17.30.15 17.30.31 17.30.00 17.18.53 17.30.44

34,11 22,20 2,09 0,7785 4,6025 2,85 2,3625 0,498 0,1642 0,294 0,872 1,627 0,63 1,90 0,661 0,865 105,50 1,028 23,35 5,125 10,75 1,871 4,98 0,205 103,42 0,77 1,279 5,00 33,20 0,98 17,33 9,125 41,60 4,0375 2,88 1,22 44,00 9,24 25,32 2,14 5,10 13,76 26,13 1,03 1,286 1,054 11,75 1,78 3,71 3,82

25,66 16,52 5,36 9,73 0,89 1,041 8,665 0,1372 2,735 0,336

-0,35 -2,59 -3,16 -1,72 -6,46 -5,79 -5,20 -2,35 -0,91 +1,05

17.30.26 17.30.55 17.30.58 17.30.04 16.30.12 16.30.30 17.30.48 16.30.18 17.14.19 16.30.28

25,38 25,99 16,50 16,95 16,90 5,32 5,53 9,63 9,88 9,86 0,888 0,965 0,965 1,031 1,099 1,097 8,65 9,185 9,105 0,1372 0,1429 0,1429 2,76 2,71 0,331 0,339 0,339

11,61 6,61 8,715 1,152 17,10 8,62 5,285 5,59 4,25 4,215 0,4795 0,1892 9,85 4,525 0,5505 11,80 8,01 2,4825 16,53 1,188 0,5395 6,30 27,70 2,11 0,6115 1,588 16,58 4,545 2,65 1,986 3,47 6,31 4,8225 4,1325 1,657

-2,11 -3,71 -2,73 -0,95 -3,72 -4,54 -4,26 -4,12 -3,63 -0,35 -0,10 -0,42 -2,67 +0,00 -1,61 -2,48 -2,73 -6,05 -1,25 -1,82 -1,55 +0,96 -1,07 -4,74 -3,24 -1,43 -4,66 -2,41 +0,00 -3,94 -3,88 -3,66 +1,53 -5,43 -2,41

17.30.13 17.30.16 17.15.08 17.30.24 17.30.59 17.30.43 17.30.03 17.30.40 17.30.11 17.30.01 16.17.29 15.25.03 17.30.41 16.30.23 16.30.48 17.30.39 17.30.31 17.30.27 17.19.16 16.30.11 16.30.02 16.30.02 14.43.09 16.48.28 17.30.26 17.17.20 17.30.00 17.30.58 16.30.49 17.30.48 17.23.02 16.30.18 16.30.11 16.30.42 17.30.19

11,55 6,61 8,715 1,152 17,00 8,585 5,28 5,59 4,25 4,215 0,461 0,1832 9,85 4,52 0,5435 11,75 8,00 2,4825 16,52 1,165 0,531 6,14 27,70 2,11 0,603 1,531 16,44 4,54 2,65 1,985 3,47 6,15 4,70 4,1325 1,653

11,98 6,955 8,96 1,179 17,75 9,13 5,60 5,87 4,42 4,325 0,4795 0,1904 10,16 4,7425 0,552 12,29 8,34 2,665 16,93 1,219 0,55 6,38 27,70 2,23 0,6365 1,594 17,53 4,69 2,69 2,08 3,6125 6,595 4,8225 4,36 1,70

23,31 2,1475 0,8375 3,0475 0,1675 1,72 0,64 1,923 0,69

1,889 5,23 0,2057

5,08 18,45 9,62 2,965 1,252 46,12 25,84 5,26 1,066 1,13 1,87 3,9525

11,89 8,96 8,995 5,83 4,42

10,12 4,52 0,55 12,15 8,25 1,215 0,55 6,235 0,6295 1,594 17,43 4,6725 2,08 3,6125 6,50 4,3225 1,689

AZIONI

House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prima Industrie Axa+W Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

3,025 0,97 13,50 1,499 0,984 1,794 0,8135 2,29 8,56 8,355 8,16 6,63 0,34 0,6025 3,595 2,665 2,0275 0,0781 1,455 1,329 3,4525

-8,26 +0,00 +0,90 -1,38 +0,41 -0,33 -1,39 -3,38 +0,47 -5,00 -3,43 -9,12 +0,74 +0,25 -1,24 -5,33 -6,78 -5,79 -1,36 -2,21 -0,36

17.30.50 16.19.16 17.30.26 17.30.41 17.30.26 16.30.32 16.30.48 17.30.04 9.04.11 17.30.22 17.30.53 17.24.37 16.30.41 16.23.02 17.30.58 17.30.06 17.30.40 16.30.44 17.30.21 17.30.34 17.18.44

3,025 3,285 0,94 0,97 13,15 13,50 13,38 1,48 1,533 1,53 0,9465 0,985 1,785 1,823 1,79 0,808 0,83 0,8255 2,2825 2,395 2,3775 8,56 8,56 8,355 8,90 8,83 8,16 8,445 6,63 7,31 0,3355 0,345 0,34 0,59 0,66 3,58 3,765 3,685 2,66 2,8325 2,81 2,02 2,1925 2,185 0,078 0,0832 0,0811 1,455 1,505 1,321 1,379 1,359 3,40 3,48

3,6525 8,68 4,70 30,75 21,15 1,889 0,866 0,145 8,70 2,82 0,506 0,8895

-2,60 -3,18 -2,64 -2,54 -1,72 +1,02 -0,69 -3,40 -2,96 -1,05 -1,46 +1,08

17.01.44 17.30.20 17.30.48 17.30.02 17.30.24 16.09.57 17.30.06 16.30.25 17.30.47 16.30.50 16.30.02 16.30.19

3,6525 8,68 4,70 30,70 21,06 1,88 0,866 0,145 8,70 2,77 0,50 0,8655

2,22 3,715 13,90 18,34

-1,33 -3,19 -3,07 -2,50

17.30.17 2,19 17.30.04 3,67 17.30.43 13,86 17.30.03 18,30

3,7725 9,04 8,91 4,8275 4,8275 31,72 31,55 21,52 1,943 1,90 0,8775 0,871 0,1547 0,15 9,03 8,95 2,80 2,85 0,5125 0,5125 0,8895 2,25 3,98 14,40 18,88

3,84 14,33 18,83

2,415 0,1355 1,435

-5,20 17.30.10 2,4125 2,5675 -2,52 16.30.18 0,131 0,1401 0,1357 -1,71 15.39.58 1,428 1,435 1,428

6,18 3,13 5,445 7,685 4,0075 2,4225 0,572 13,59 2,025 2,17 3,97 1,70 2,695 0,16 7,40 0,4785 0,13 0,257 1,373 107,02 5,19 2,16 2,60 5,77 10,04

-2,14 -3,32 -3,54 -5,24 -2,91 -3,10 +3,81 -0,87 -1,34 -2,25 -1,00 -0,87 -4,60 -1,96 -2,44 -0,21 -2,77 -4,46 -1,86 -1,74 +0,00 -2,70 -3,70 +2,76 -2,71

0,5295

-1,49 16.24.29 0,5115

1,864 1,83 12,99 22,89 1,90 4,70 2,915 1,168 0,4135 0,4635 0,4345 11,58 0,455 0,751

-0,74 -2,03 +0,00 +2,74 -7,09 -2,08 -0,17 +1,48 -1,43 -2,42 -4,50 -2,28 +0,44 -0,86

17.30.51 17.30.22 16.30.31 15.06.24 16.30.46 16.17.09 14.11.13 13.24.45 17.30.26 17.30.44 17.30.44 17.05.02 15.04.28 17.30.26

1,864 2,05 1,916 1,819 1,869 1,869 12,97 12,99 12,97 22,89 22,89 1,90 2,03 2,02 4,70 4,75 4,75 2,85 2,9175 2,85 1,168 1,168 0,4125 0,427 0,4185 0,463 0,478 0,4245 0,4625 0,4595 11,58 11,80 0,444 0,455 0,751 0,7635

2,225 1,031 1,045 7,77 1,00 13,07 0,365 0,96 1,157 0,78

+1,14 -1,24 +0,00 -1,83 +0,00 -4,39 +4,14 +0,52 -0,52 +3,24

16.30.12 16.30.58 16.30.34 17.21.51 9.00.28 17.30.39 16.03.52 16.30.25 17.30.10 17.24.52

1,973 2,42 1,018 1,049 1,04 1,045 7,75 8,00 1,00 1,00 12,91 13,25 0,3525 0,3685 0,9505 0,986 1,15 1,185 0,74 0,78

17.30.46 16.30.42 17.30.34 17.30.59 17.30.37 16.30.10 16.30.11 16.30.03 17.30.53 17.30.22 16.30.17 16.30.03 17.30.43 16.30.18 17.30.48 12.33.11 16.30.34 12.32.26 16.30.29 17.08.03 17.30.12 17.30.33 17.30.28 14.48.56 17.24.40

6,09 3,13 5,41 7,645 4,00 2,42 0,5525 13,59 2,025 2,12 3,97 1,696 2,69 0,1597 7,33 0,459 0,128 0,257 1,373 107,01 5,19 2,0725 2,60 5,605 10,04

6,455 3,2575 3,155 5,695 5,65 8,135 8,12 4,175 4,15 2,51 0,58 0,5525 13,59 2,1325 2,045 2,24 4,02 1,714 1,70 2,84 2,83 0,163 7,46 7,52 0,4785 0,1359 0,1359 0,263 0,263 1,373 108,17 5,20 5,345 2,26 2,71 5,80 10,38 0,541

0,541

2,34 1,039 1,045 12,99 1,175


22 Venerdì 5 Febbraio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Rdb Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard Ginori Axa+W Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

2,10 2,30 5,42 34,60 0,224 15,45 0,406 0,0004 0,09 0,3995 1,05

+0,00 +0,22 -2,43 -1,70 -1,36 -1,90 -3,33 -78,95 -2,28 -0,37 -6,17

17.30.43 13.38.49 17.30.43 14.56.35 17.30.53 17.21.03 16.18.17 16.30.48 16.30.36 16.30.24 16.30.35

0,358 15,90 0,48 6,025 5,39 0,517 24,43

+2,29 +0,32 -1,74 -1,71 -2,18 -4,88 -1,49

16.30.17 16.01.52 16.24.58 17.30.58 17.20.04 16.30.56 17.30.48

53,59 33,99 2,0175 10,00 6,26 0,70 0,174 1,11 5,335 6,455 93,27 63,15 2,45 3,395 0,1183 96,99 0,119

-1,23 -0,44 -0,86 -0,60 -0,40 -1,41 -0,29 +3,74 -0,09 -4,86 -0,51 -3,35 -8,24 -0,37 -2,23 +0,00 -0,42

16.51.09 12.12.40 17.30.20 15.54.03 16.30.29 16.30.21 17.30.33 17.30.11 17.15.31 17.30.00 17.30.38 17.09.21 16.30.25 17.30.14 16.30.50 14.22.02 15.50.37

Min

Max

Apertura

2,045 2,135 2,30 2,30 2,30 5,38 5,585 5,585 34,60 34,60 0,224 0,234 14,65 15,88 15,29 0,4045 0,4195 0,408 0,0004 0,0018 0,0008 0,09 0,093 0,093 0,395 0,401 0,40 1,02 1,112 1,02 0,345 0,3605 15,68 15,90 0,48 0,49 5,925 6,25 5,39 5,74 0,516 0,55 24,27 24,97 53,59 33,99 2,005 9,80 6,23 0,695 0,1715 1,11 5,335 6,455 93,27 62,43 2,40 3,39 0,118 96,99 0,119

54,47 33,99 2,0775 10,00 6,335 0,7095 0,1847 1,11 5,425 6,835 93,81 65,51 2,64 3,4325 0,1225 96,99 0,1225

0,345 6,18 0,544 24,88

2,0425 6,28 0,6995 0,1763 6,83 93,81 2,55 3,405 96,99 0,1225

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio

Ora

Min

Max

Apertura

39,74

-7,28 17.24.27 39,50

42,01

1,93 3,83 68,51 1,25 0,30

-3,98 -0,06 +0,18 -0,79 -1,64

17.30.08 1,93 1,998 16.30.32 3,83 3,8375 15.37.44 68,04 68,51 16.30.50 1,23 1,27 16.30.50 0,293 0,305

5,995 1,40 13,14 2,65 0,0973 1,082 0,091 0,818 16,99 15,86 2,8825 4,68 0,1676 47,55 1,239 41,70 11,75

-2,99 +0,00 -4,16 +0,47 +3,95 -1,81 -1,19 -2,62 -1,79 -2,16 -1,28 -4,49 -2,56 -3,59 +0,00 -1,56 -3,61

17.30.56 16.24.37 16.30.52 9.18.09 16.30.20 17.30.11 16.30.57 17.30.09 17.15.11 17.30.41 17.30.16 16.30.38 17.30.49 17.30.20 15.15.58 17.20.48 16.30.55

5,99 1,40 13,14 2,65 0,091 1,081 0,091 0,81 16,61 15,75 2,8775 4,45 0,1675 47,53 1,239 41,61 11,75

6,55 9,49 110,33 0,839 1,99 2,705 21,58 0,8675 0,577 4,35

-0,15 -2,42 -0,29 -1,24 -5,01 -1,64 -2,48 -3,07 -3,99 -2,19

16.13.23 17.30.41 17.30.22 17.30.32 17.30.51 17.30.19 14.31.29 17.30.45 17.30.41 15.40.41

6,55 6,58 9,405 9,745 110,32 110,70 0,839 0,8595 1,985 2,1075 2,705 2,75 21,58 21,58 0,86 0,901 0,572 0,602 4,35 4,43

1,254 0,293

6,27 6,20 1,424 1,424 13,50 13,40 2,6825 0,0975 0,0933 1,127 1,092 0,094 0,092 0,8515 0,838 17,30 16,32 16,25 2,9325 2,9275 4,875 4,8575 0,1728 0,172 49,50 49,35 1,244 43,34 12,14 12,09 9,715 2,095 0,895 0,60

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Ora

Min

Max

1,35 4,4175 3,6425

-2,17 16.30.43 1,35 -0,62 16.30.21 4,3825 -3,64 17.30.12 3,625

1,35 4,44 3,81

18,56

-0,96 13.18.37 18,56

18,70

Apertura

0,071 0,0701 4,40 0,0424 0,3025 0,3865 0,2072

+5,03 -4,23 -2,65 -5,14 -6,35 -6,30 -5,30

16.30.01 17.01.37 17.21.22 15.45.21 17.08.55 17.10.13 16.22.47

0,066 0,0736 0,0675 0,068 0,0724 0,0686 4,39 4,50 0,042 0,0441 0,3025 0,33 0,322 0,3865 0,427 0,4125 0,2051 0,217 0,2132

0,074 0,0322 0,26 0,0136 0,0785 0,038 0,1116 0,0181

+1,37 -1,83 +0,58 -4,89 -3,09 +1,33 -5,98 -9,50

13.51.45 16.30.35 17.30.01 15.28.10 16.21.35 15.36.19 17.24.21 15.51.28

0,07 0,0304 0,26 0,0121 0,0785 0,0365 0,111 0,018

0,074 0,074 0,0322 0,0309 0,26 0,0136 0,0134 0,0795 0,0408 0,04 0,1179 0,1164 0,022 0,018

0,826 0,34 2,41 0,1285 0,0039 0,0043 0,0398 5,295 0,158 3,91 0,42 0,5315

-4,18 -1,45 +0,42 +0,78 +0,00 +0,00 -1,48 -2,49 +0,64 +0,51 -3,00 +0,76

17.24.27 11.38.31 17.30.16 12.51.51 16.15.11 17.02.27 17.30.22 17.30.02 16.30.14 17.16.01 16.30.42 15.20.24

0,8235 0,3395 2,4025 0,12 0,0039 0,0043 0,0386 5,25 0,154 3,8525 0,418 0,507

0,8555 0,841 0,34 3,27 2,88 0,1285 0,12 0,004 0,0039 0,0044 0,041 0,041 5,54 5,45 0,1586 3,925 0,431 0,4245 0,532

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam P. Az. Italia Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Vegagest Az. Italia A Vegagest Az. Italia B Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Caam Azioni Qeuro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa

-0,30 +1,15 +0,36 +1,41 +1,41 +1,39 +1,36 +0,74 +1,58 +0,65 +1,44 +1,18 +1,19 +0,44 +0,51 -1,21 -0,39 -1,22 +1,30 +1,85 +1,17 +1,32 +1,32 +1,59 +1,60 +1,33 +1,33 +1,34 +1,56 +1,22 +1,35 +1,42 +1,40 +0,68 +1,43 -1,13 -1,12 +1,48 +0,00 +0,71 +1,34 +1,22 +0,75 +1,28 +1,38 +1,52 +1,26 +1,26 +1,18 +0,95 +1,16 +0,89 +0,93 -1,40 -1,25 +1,00 +1,05 +1,13 -1,48 -1,47 +0,88 +0,90 +1,00 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

14,843 6,087 4,175 20,653 20,324 19,701 7,015 7,062 17,507 5,281 4,791 5,318 5,378 3,621 3,324 16,478 4,634 11,721 19,909 19,348 15,407 11,147 11,232 12,946 13,235 10,382 22,10 8,70 15,606 8,899 16,578 4,648 5,565 5,609 13,128 13,328 13,646 17,52 5,00 3,682 11,081 6,048 5,773 4,981 6,247 6,29 9,331 9,228 4,448 4,032 14,035 12,082 4,327 24,99 13,01 4,349 5,582 5,301 5,925 6,084 5,623 4,929 5,474 7,055 7,055 4,672 4,648

-0,36 5,329 +0,64 15,416 +0,65 15,22 +0,69 6,852

VARIAZ. QUOT.

+0,61 Anima Europa +0,87 Arca Azioni Europa Bancoposta Azionario Euro +0,87 Bim Azionario Europa +0,81 Bnl Azioni Europa Crescita +0,70 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,60 Bpvi Azionario Europa +0,65 Caam Europe Equity -0,27 Carige Azionario Europa A +0,91 +0,89 Carige Azionario Europa B +0,19 Carismi Dynamic Europe A Carismi Dynamic Europe B +0,43 Consultinvest Azione +0,97 Epsilon Qvalue +0,56 -0,19 Eurizon Az. Europa Multimanager Eurizon Az. Pmi Europa -0,15 Eurizon Focus Az. Europa -1,07 Euromobiliare Europe Eq. +0,63 Europa +0,84 Fideuram Master Sel.Equity Europe +1,01 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,73 +0,74 Fondersel Europa +0,83 Fonditalia Eq. Europe R +0,83 Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A +0,75 Gestielle Europa B +0,75 Gestnord Azioni Europa +0,91 Imieurope +0,80 +1,22 Iniziativa Europa Interfund Eq. Europe +0,80 Investitori Europa +0,79 Laurin Eurostock +0,72 +0,90 Mc G.Fdf Europa A Mc G.Fdf Europa B +0,90 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,78 +0,74 Mediolanum Europa 2000 +0,76 Nextam P. Az. Europa +0,79 Optima Azionario Europa Pioneer Azionario Europa A +0,74 Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,56 Prima Geo Europa A -0,95 Prima Geo Europa Pmi A -0,22 Prima Geo Europa Pmi Y -0,21 -0,94 Prima Geo Europa Y +0,71 Ras Lux Equity Europe +0,63 Sai Europa +1,11 Soprarno Azioni Euro 50 Symphonia Europa +0,70 Synergia Az. Europa +0,90 +0,81 Talento Comp. Europa +0,85 Ubi Pramerica Azioni Europa Unibanca Azionario Europa -0,99 Vegagest Az. Europa A +0,87 Vegagest Az. Europa B +0,88 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -0,68 AZ. SALUTE -0,60 Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. FINANZA -0,60 Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. INFORMATICA -1,13 Eurizon Az. Tecnologie Avanzate AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,70 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +1,16 Fonditalia Euro Cyclicals R +1,17 +1,17 Fonditalia Euro Cyclicals T Fonditalia Euro Defensive R +0,78 +0,78 Fonditalia Euro Defensive T Fonditalia Euro T.M.T. R +0,68 Fonditalia Euro Tmt T +0,69 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R +0,00

3,805 9,047 4,296 9,617 11,147 2,871 3,737 3,997 5,33 5,551 4,189 3,96 8,409 5,001 5,324 7,51 7,749 13,366 12,428 8,535 84,717 12,60 8,772 8,838 6,706 6,842 8,241 17,622 6,465 5,638 4,862 3,646 6,289 3,569 5,53 14,334 4,793 2,817 14,093 6,439 10,167 18,436 18,923 10,447 38,547 9,988 3,811 5,212 6,03 114,364 5,445 5,685 4,522 4,562 8,603

14,523

14,523

3,684

5,795 8,432 8,662 10,218 10,338 10,428 11,331 11,43 5,367 5,398 2,428

VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Flex. Emerging Mkts T Interfund Int.Sec.New Economy Optima Tecnologia Vegagest Mobiliare Re A Vegagest Mobiliare Re B AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Global Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Prima Forza 4 A Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato Vegagest Sintesi Dinamico BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20

+0,00 +0,59 +0,48 +0,59 +0,59

2,448 30,925 2,507 4,093 4,093

+0,58 +0,23 +0,23 +0,73 +0,85 +0,86 +0,53 +0,54 +0,72 +0,55 -0,11 -0,11 +0,70 +0,60

3,643 3,907 3,961 31,806 9,691 9,769 4,387 4,431 12,091 4,234 3,653 3,708 5,07 5,008

+0,14 2,849 +0,14 2,917 -0,57 5,452 +0,10 5,101 -1,77 8,196

-0,03 +0,30 +0,12 +0,63 +0,45 +0,39 +0,59 +0,20 +0,57 +0,71 +0,70 +0,60 +0,16 +0,16 +0,34 -0,22 -0,30 -0,39 +0,54 +0,38 +0,45 +0,70 +0,70 +0,35 +0,53 +0,51 +0,50 +0,45 +0,44 +0,41 +0,26 +0,29 +0,37 -0,15 -0,12 +0,64 +0,28 +0,37 +0,63 +0,34 +0,47 +0,40 +0,90 +0,55

17,594 4,673 15,218 30,447 4,463 3,882 23,50 5,909 21,882 5,80 5,893 5,02 4,273 4,329 6,114 34,35 5,968 23,213 26,242 11,479 44,617 9,808 9,873 12,095 14,719 30,011 11,941 4,862 5,954 4,423 4,947 9,462 5,973 4,125 4,19 3,477 4,292 5,463 5,094 5,577 5,375 5,253 6,502 5,525

-0,04 9,36 +0,19 5,696

VARIAZ. QUOT.

Arca Te Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Ff 1classe Valore Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione Caam Qbalanced Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 Carige Bilanciato 30 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T Gestielle Global Asset 1 Managers & Co. Comparto 30 Mediolanum Elite 30 L Mediolanum Elite 30 S Mix Prima Forza 2 A Prima Forza 2 Y Prima Forza 3 A Prima Forza 3 Y Symphonia Adagio Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato Ubi Pramerica Privilege 1 Ubi Pramerica Privilege 2 Vegagest Sintesi Audace Visconteo OB. EURO GOVERNATIVI BT Allianz Monetario Alto Monetario Arca Mm Bancoposta Monetario Bg Focus Monetario Bim Obb.Breve Termine Bnl Obbligazioni Euro Bt Bpvi Breve Termine Caam Breve Termine Carige Monetario Euro A Carige Monetario Euro B Cividale Forum Iulii Prudenza A Cividale Forum Iulii Prudenza B Consultinvest Breve Termine Cr Cento Monetario Plus Cs Monetario Italia B Cs Monetario Italia I Ducato Fix Euro Bt A Ducato Fix Euro Bt Y Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine Euromobiliare Prudente Fideuram Security Fondersel Reddito Fonditalia Euro Bond Sh.Term R Fonditalia Euro Bond Sh.Term T Fonditalia Euro Currency R Fonditalia Euro Currency T Gestielle Bt Euro A Gestielle Bt Euro B Gestielle Cedola Imi 2000 Interfund Euro Currency Intra Obb. Euro Bt Laurin Money Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro Passadore Monetario

+0,26 +0,21 +0,23 +0,09 -0,02 +0,12 +0,21 +0,40 +0,49 +0,08 +0,15 +0,23 +0,40 +0,41 +0,21 +0,23 +0,16 +0,18 +0,26 -0,09 -0,09 -0,02 -0,02 +0,17 +0,59 +0,20 +0,36 +0,24 +0,22 +0,30 +0,41 +0,35

-0,01 -0,11 -0,01 +0,00 -0,01 +0,00 +0,00 +0,00 -0,04 +0,01 +0,02 +0,02 +0,02 +0,00 -0,02 +0,04 +0,03 -0,05 -0,05 -0,06 +0,01 +0,02 +0,01 +0,00 +0,00 +0,00 +0,01 +0,00 +0,01 +0,00 +0,01 +0,00 +0,02 +0,00 +0,05 +0,03 +0,02 +0,03 -0,02 +0,02 -0,04

15,906 5,321 4,888 7,498 5,453 22,591 8,547 4,987 5,155 3,976 3,98 6,409 10,254 10,317 8,753 5,154 5,07 9,76 5,72 4,544 4,586 4,82 4,892 5,754 5,415 5,395 5,831 5,768 5,469 5,413 5,43 33,894

15,771 7,046 14,675 6,18 16,269 6,515 7,457 6,276 7,427 11,556 11,314 5,469 5,514 4,986 5,765 7,753 7,806 6,285 6,327 15,292 8,448 9,557 14,114 7,846 7,878 7,858 7,885 7,549 7,598 6,58 16,877 6,676 5,639 6,914 6,058 13,775 12,135 8,971 6,624 5,283 7,134

VARIAZ. QUOT.

+0,02 Pioneer Monetario Euro A -0,13 Prima Fix Obbligazionario Bt A Soprarno Pronti Termine +0,04 Synergia Obb Euro B.T. +0,00 Teodorico Monetario -0,04 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,03 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,00 Unibanca Monetario -0,05 Valori Responsabili Monetario +0,00 +0,03 Vegagest Obb. Euro Breve Termine A +0,03 Vegagest Obb. Euro Breve Termine B Zenit Monetario I +0,05 Zenit Monetario R +0,05 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM -0,05 Allianz Reddito Euro L Allianz Reddito Euro T -0,05 Anfiteatro Bond Corporate +0,00 Anima Obb. Euro +0,01 Arca Rr -0,02 Azimut Reddito Euro -0,05 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,00 +0,03 Bim Obb. Euro +0,04 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt -0,02 Bpvi Obblig. Euro Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario +0,04 Carige Obbligazionario Euro A +0,00 Carige Obbligazionario Euro B +0,01 Carige Obbligazionario Euro L.Termine A +0,00 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B +0,00 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 -0,14 Ducato Fix Euro Mt Y Epsilon Qincome +0,16 Eurizon Focus Obb. Euro -0,16 +0,01 Euromobiliare Reddito -0,01 Europe Bond -0,05 Fondaco Euro Gov. Beta Fondersel Euro -0,03 Fonditalia Euro Bond Long Term R -0,08 Fonditalia Euro Bond Long Term T -0,07 Fonditalia Euro Bond Medium Term R -0,03 Fonditalia Euro Bond Medium Term T -0,02 -0,06 Gestielle Lt Euro A -0,06 Gestielle Lt Euro B -0,07 Gestielle Mt Euro A -0,07 Gestielle Mt Euro B Imirend +0,10 Interfund Euro Bond Long Term -0,07 -0,02 Interfund Euro Bond Medium Term Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,01 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,00 Intra Obb. Euro +0,00 Italfortune Euro Bonds +0,00 Leonardo Obbligazionario +0,04 Mediolanum Euromoney +0,03 +0,03 Mediolanum Italmoney Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,02 Optima Obbligazionario Euro -0,01 -0,29 Prima Fix Obbligazionario Mlt A Ras Lux Bond Europe -0,02 -0,04 Sai Eurobbligazionario Synergia Obb Euro M.T. +0,02 Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,01 Unibanca Obbligazionario Euro -0,14 Vegagest Obb. Euro A +0,00 +0,00 Vegagest Obb. Euro B Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B Vrg Coro Reddito -0,05 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Arca Bond Corporate +0,01 Caam Corporate 3 Anni +0,00 Caam Corporate Giugno 2012 +0,00

13,125 10,127 5,169 5,047 7,467 6,898 6,712 5,736 5,849 5,831 5,867 7,541 7,504

32,143 31,519 4,985 7,118 8,928 15,651 6,838 6,817 6,735 6,63 5,42 10,687 10,791 5,518 5,602 5,527 5,584 7,594 7,676 7,363 13,982 15,315 7,412 118,74 7,943 7,18 7,231 10,784 10,841 8,154 8,229 14,96 15,085 9,461 8,117 8,113 6,919 11,417 5,885 8,42 7,519 6,436 6,55 17,258 6,931 5,785 56,463 12,739 5,128 6,856 5,794 6,459 6,522 6,252 6,252 5,58

6,957 102,071 5,083

VARIAZ. QUOT.

+0,05 6,415 Carige Corporate Euro A +0,05 6,468 Carige Corporate Euro B Corporate Bond +0,10 7,282 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 -0,06 5,26 Ducato Etico Fix A Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,04 5,575 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,04 7,481 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,01 8,333 Fonditalia Euro Corporate Bond T +0,01 8,37 Interfund Euro Corporate Bond +0,02 4,954 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,04 7,548 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,04 4,992 Prima Fix Imprese A +0,02 6,439 Prima Fix Imprese Y +0,03 6,51 Sai Obbligazionario Corporate +0,02 6,52 Synergia Obb Corporate +0,00 5,354 Ubi Pramerica Euro Corporate +0,03 7,715 OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,06 7,014 Fonditalia Bond Euro High Yield R +0,18 13,662 +0,17 13,711 Fonditalia Bond Euro High Yield T Interfund Bond Euro High Yield +0,19 7,522 +0,01 7,656 Prima Fix High Yield A Prima Fix High Yield Y +0,01 7,781 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -0,30 8,509 -0,39 5,685 Azimut Reddito Usa Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt -0,27 5,88 +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro A Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 Fonditalia Bond Usa R -0,31 7,985 Fonditalia Bond Usa T -0,31 8,034 -0,21 8,578 Gestielle Bond Dollars A Gestielle Bond Dollars B -0,22 8,678 -0,32 6,933 Interfund Bond Usa -0,28 13,451 Nordfondo Obbligazioni Dollari OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI -0,09 15,27 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T -0,09 14,987 -0,01 7,188 Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. +0,17 6,047 -0,09 12,211 Arca Bond Aureo Obbligazioni Globale +0,00 7,985 -0,02 5,686 Bim Obb. Globale Bpvi Obblig. Internazionale -0,16 5,71 Carige Obbligazionario Internazionale A -0,16 5,639 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,16 5,737 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali +0,01 8,262 Euromobiliare Intern. Bond -0,11 8,45 Fondersel Internazionale -0,07 13,633 Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,11 6,259 Gestielle Obbligazionario Intern. B -0,09 6,34 -0,06 15,461 Imibond +0,10 5,25 Mc G.Fdf Global Bond A +0,10 5,20 Mc G.Fdf Global Bond B -0,06 6,283 Mediolanum Intermoney Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 -0,03 6,887 Optima Obb. Euro Global Pianeta -0,01 9,30 Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,07 8,733 Prima Forza 1 A -0,04 5,04 -0,04 5,069 Prima Forza 1 Y Sai Obb.Internazionale -0,05 7,837 Ubi Pra. Obbligazioni Globali -0,09 5,575 -0,20 5,622 Vegagest Obb. Internazionale A Vegagest Obb. Internazionale B -0,19 5,675 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond +0,04 5,672 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,09 6,652 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD


il Domani Venerdì 5 Febbraio 2010 23

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Ubi Pra. Obbl. Globali Alto Rendimento +0,08 8,347 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Fonditalia Bond Japan R -0,04 9,13 Fonditalia Bond Japan T -0,03 9,181 Interfund Bond Japan -0,05 5,503 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti +0,11 12,909 Bnl Obbligazioni Emergenti -0,18 21,011 Emerging Markets Bond +0,12 5,884 Eurizon Focus Obb. Emergenti -0,08 10,924 Euromobiliare Emerging Markets Bond -0,05 6,642 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R+0,11 9,973 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T+0,10 10,007 Gestielle Emerging Mkt Bond A +0,06 9,837 Gestielle Emerging Mkt Bond B +0,07 9,985 Interfund Bond Global Emerging Markets +0,10 10,282 Mc G.Fdf High Yield A -0,03 6,913 Mc G.Fdf High Yield B -0,04 5,003 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti -0,19 8,271 Optima Obb. Emergent Market -0,16 7,003 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A +0,03 9,533 Prima Fix Emergenti A -0,15 12,551 -0,14 12,782 Prima Fix Emergenti Y Vegagest Obb. Paesi Emergenti A +0,01 7,018 Vegagest Obb. Paesi Emergenti B +0,00 7,102 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Anima Convertible +0,72 6,038 Azimut Trend Tassi -0,03 8,945 Caam Obbligazionario Euro +0,06 5,438 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,02 5,086 Consultinvest Obbligazionario +0,02 5,20 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,03 6,157 Eurizon Obb. Etico -0,07 5,485 Fonditalia Inflation Linked R +0,08 13,582 Fonditalia Inflation Linked T +0,08 13,647 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,07 7,006 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,07 7,095 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,05 5,726 Interfund Inflation Linked +0,07 13,43 Mediolanum Risparmio Reddito +0,04 10,777 Mediolanum Vasco De Gama +0,07 9,936 +0,28 5,375 Nordfondo Obbligazioni Convertibili Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,28 15,50 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,00 6,597 Ras Lux Short Term $ +0,01 144,784 +0,03 66,051 Ras Lux Short Term Euro Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,01 9,337 -0,27 4,771 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,11 5,507 +0,12 8,692 Alto Obbligazionario Anima Fondimpiego +0,28 19,372 Arca Obb.Europa +0,07 8,255 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity +0,06 7,831 Bancoposta Mix 1 +0,09 5,805 +0,00 5,452 Bim Corporate Mix Bnl Telethon +0,14 5,802 +0,00 5,00 Ca Multimanager Difensiva Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 +0,21 5,225 Carige Bilanciato 10 +0,22 5,449 +0,13 5,472 Cividale Forum Iulii Rendita A Cividale Forum Iulii Rendita B +0,13 5,583 -0,15 5,844 Cr Cento Misto Best Eurizon Diversificato Etico -0,15 7,867 Eurizon Rendita -0,20 5,982 Eurizon Soluzione 10 -0,28 6,869 +0,11 4,516 Fucino Dynamic Gestielle Etico Per Ail A +0,11 6,32 Gestielle Etico Per Ail B +0,13 6,363 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica -0,12 5,649 Leonardo 80/20 +0,26 6,057 +0,05 5,961 Nextam P. Obbligazionario Misto Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,09 6,608 -0,01 8,288 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A Sai Multi Fund Linea Prudente +0,02 4,797 Sai Performance +0,08 17,008 +0,13 9,79 Sforzesco Symphonia Patr.Globale Reddito +0,21 7,057 +0,10 5,236 Synergia Bilanciato 15 Total Return Obbligazionario +0,07 4,339 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,10 6,009 Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,17 6,01 +0,20 5,436 Vegagest Sintesi Moderato +0,15 8,166 Zenit Obb. I +0,15 8,128 Zenit Obb. R OB. FLESSIBILI Arca Cedola Corp. Bond +0,00 5,273 Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,02 4,972 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,00 5,062 -0,02 4,938 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Aureo Cash Dynamic +0,02 5,226 +0,09 6,654 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' +0,01 9,95 -0,04 4,958 Caam Soluzioni Tassi Cividale Forum Iulii Strategia A +0,07 5,577 Cividale Forum Iulii Strategia B +0,09 5,677 -0,02 5,453 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,02 5,448 +0,10 7,335 Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 +0,06 6,549 Euromobiliare Tr Flex 2 Premium +0,03 6,492 Risparmio +0,03 7,868 +0,07 5,953 Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile +0,04 5,066 Ubi Pra. Active Duration -0,04 5,651 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,00 10,50 +0,02 5,268 Vegagest Obbligazionario Flessibile Volterra Tr Obblig. +0,02 5,147 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,00 5,541

Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At Allianz Liquidita' B Anfiteatro Tesoreria Anima Liquidita' Arca Bt Arca Bt Tesoreria Aureo Liquidita' Azimut Garanzia Bnl Cash Caam Eonia Caam Liquidita' Carige Liquidita' Euro A Carige Liquidita' Euro B Carismi Liquidita' B Epsilon Cash Eurizon Focus Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesoreria Euro B Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Euromobiliare Conservativo Euromobiliare Contovivo Fideuram Moneta Fondaco Euro Cash Fondo Liquidita' Gestielle Cash Euro A Gestielle Cash Euro B Mediolanum Risparmio Monetario Nextam P. Liquidita' Nordfondo Liquidita' Optima Money Pensplan Invest Cash Fund Pioneer Liquidita' Euro A Prima Fix Monetario A Prima Fix Monetario I Prima Fix Monetario Y Sai Liquidita' Symphonia Comp.Monetario Synergia Monetario Synergia Tesoreria Ubi Pramerica Euro Cash Vegagest Monetario A Vegagest Monetario B Vrg Coro Tesoreria LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Monviso Abis Flessibile Abn Amro Expert A-Rt400 Adb Globale Quantitativo Agora Flex Agora Selection Agora Valore Protetto Alarico Re Allianz F100 L Allianz F100 T Allianz F15 L Allianz F15 T Allianz F30 L Allianz F30 T Allianz F70 L Allianz F70 T Anfiteatro Bond Plus Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt Anfiteatro Total Return Anima Fondattivo Aqqua Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 Arca Corporate Bt Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 Aureo Defensive Aureo Ff 1classe Flessibile Aureo Finanza Etica Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity Aureo Plus Aureo Rendimento Assoluto Azimut Strategic Trend Azimut Trend Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Bancoposta Centopiu' Bancoposta Centopiu' 2007 Bancoposta Extra Bg Focus Azionario Bim Flessibile Bnl Target Return Conservativo Bnl Target Return Dinamico Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa Bnpp Equipe Attacco Bnpp Equipe Centrocampo Bnpp Equipe Difesa Caam Absolute Caam Dynamic Allocation Caam Equipe 1 Caam Equipe 2 Caam Equipe 3 Caam Equipe 4 Caam Eureka China Double Wine Caam Eureka Double Call Caam Eureka Double Win Caam Eureka Double Win 2013 Caam Eureka Dragon Caam Eureka Ripresa 2014 Caam For. Gar. Em Eq. Recall 2013 Caam For.Gar.Eq. Recall 2013

VARIAZ. QUOT.

+0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,02 +0,01 +0,00 +0,00 +0,02 +0,03 -0,01 -0,01 +0,03 +0,02 -0,02 +0,00 -0,12 -0,10 -0,11 -0,11 +0,00 +0,01 +0,01 +0,00 +0,01 +0,01 +0,01 +0,00 +0,03 +0,03 +0,02 -0,03 +0,02 -0,06 -0,05 -0,06 +0,03 +0,01 +0,02 +0,00 +0,01 +0,02 +0,03 +0,00

5,592 5,068 5,709 5,674 6,604 8,751 5,766 5,714 12,309 22,16 101,921 8,952 6,302 6,356 5,297 6,262 7,647 7,682 7,292 7,461 11,094 11,84 14,613 115,987 7,59 7,039 7,072 5,479 5,832 6,201 6,151 5,925 5,061 8,517 8,609 8,59 11,501 7,416 5,018 5,039 7,281 5,859 5,893 5,632

+0,02 +0,32 +0,24 +0,00 +0,02 +0,44 -0,03 +0,06 -0,02 +0,86 +0,71 +0,72 +0,06 +0,06 +0,14 +0,14 +0,51 +0,50 -0,03 +0,00 +0,02 +0,00 +0,00 +0,58 +0,00 -0,02 -0,04 +0,02 +0,10 +0,00 +0,02 +0,09 +0,12 +0,65 +0,97 +0,19 +0,05 +0,27 +0,36 +1,14 +0,77 +0,55 +1,35 +0,85 +0,02 +0,02 +0,10 +0,63 +0,13 +0,12 +0,24 +0,04 +0,00 +0,27 +0,10 +0,00 +0,00 +0,18 -0,02 +0,00 -0,02 -0,04 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00

5,186 5,052 5,001 5,647 4,655 4,075 6,863 4,822 6,336 4,481 3,984 3,916 5,346 5,274 5,124 5,054 26,842 26,316 7,363 5,517 5,626 5,153 3,252 13,274 5,04 5,128 5,013 5,524 5,123 4,809 5,055 5,351 6,064 9,664 17,343 4,819 5,966 5,572 4,974 18,75 8,512 11,968 15,40 6,074 5,271 5,228 5,221 22,362 3,858 4,994 12,418 5,37 5,034 4,461 4,775 5,422 5,208 5,13 5,226 5,152 5,076 4,679 5,249 5,369 5,571 4,989 5,641 5,171 4,929 4,84

+0,53 -0,10

12,00 16,76

VARIAZ. QUOT.

Caam For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,00 Caam For.Gar.Eq. Recall Due 2013 +0,00 Caam Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 +0,00 Caam Form. Gar. Merc. Emerg. +0,00 Caam Form. Private Div. Opp. +0,00 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013 +0,00 Caam Formula Garantita 2012 +0,00 Caam Formula Garantita 2013 +0,00 Caam Formula Garantita Due - 2013 +0,00 Caam Formula Garantita High Diver. 2014 +0,00 Caam Piu -0,05 Caam Premium Power -0,08 Caam Private Alpha +0,00 Caam Qreturn +0,55 Caam Soluzione Azioni -0,08 Caam Strategia 95 -0,02 Carige Flessibile +0,08 Carige Flessibile B +0,10 Carige Flessibile Piu' A +0,16 Carige Flessibile Piu' B +0,15 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 +0,00 Carismi Pratico B Consultinvest Alto Dividendo +0,78 Consultinvest Mercati Emerg. +0,23 Consultinvest Multi Flex +0,69 Consultinvest Plus +0,11 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global +0,25 Epsilon Qreturn +0,55 Eurizon Focus Garantito 03/13 -0,27 Eurizon Focus Garantito 06/12 -0,23 Eurizon Focus Garantito 09/12 -0,24 Eurizon Focus Garantito 12/12 -0,27 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,08 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 -0,10 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 -0,11 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 -0,14 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,50 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 -0,15 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,18 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,04 +0,02 Eurizon Focus Profilo Prudente Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni -0,04 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni -0,04 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 -0,02 Eurizon Team 1 A Eurizon Team 1 G -0,02 Eurizon Team 2 A -0,12 Eurizon Team 2 G -0,12 Eurizon Team 3 A -0,11 Eurizon Team 3 G -0,13 +0,08 Eurizon Team 4 A Eurizon Team 4 G +0,08 +0,03 Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G +0,05 Euromobiliare Real Assets +0,39 +0,03 Euromobiliare Strategic Euromobiliare Strategic Flex +0,27 +0,11 Euromobiliare Tr Flex 3 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re +0,02 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,15 +0,22 Flessibile Fondaco Absolute Return -0,63 Fondersel Duemila -0,42 Fonditalia Flexible Dynamic R +1,14 Fonditalia Flexible Dynamic T +1,12 +0,26 Fonditalia Flexible Growth R Fonditalia Flexible Growth T +0,27 +0,06 Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Flexible Income T +0,06 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,13 +0,13 Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R +0,09 +0,10 Fonditalia Flexible Opportunity T Formula 1 Alpha Plus 20 +0,14 Formula 1 Conservative +0,11 Formula 1 High Risk +0,63 +0,09 Formula 1 Low Risk +0,41 Formula 1 Risk +0,00 Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico +0,09 Gestielle Harmonia Moderato +0,06 Gestielle Harmonia Vivace +0,09 Gestielle Total Return +0,11 +0,39 Gestnord Asset Allocation Igm Flessibile A +0,10 +0,12 Igm Flessibile B Interfund System 100 +0,10 -0,01 Interfund System 40 Interfund System Flex +0,14 Intra Assoluto +0,09 -0,21 Intra Flessibile Investitori Flessibile +0,14 +0,72 Kairos Partners Fund Kairos Partners Income +0,01 Kairos Partners Small Cap +0,27 -0,10 Mc G.Fdf Flx Low A Mc G.Fdf Flx Low B -0,10 Mc G.Fdf Flx.High B +0,25 +0,16 Mc G.Fdf Flx.Med. A Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,16 Nextam P. Flessibile +0,30 Nordest Sicav +0,24 +0,10 Ob. Rendimento Open Fund Ritorno Assoluto Var2 -0,53 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 -0,66 Paritalia Orchestra C +0,00

5,19 4,855 4,951 5,651 4,923 4,464 4,496 5,028 4,868 4,878 4,80 5,574 5,061 4,782 5,516 4,754 4,936 5,185 5,184 4,522 4,561 4,819 4,897 6,075 6,122 3,22 4,842 4,83 5,224 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,831 6,262 5,131 5,108 5,082 5,091 5,254 5,142 5,231 5,099 4,956 5,157 5,065 5,226 5,435 5,463 5,215 4,904 8,055 5,966 5,966 5,608 5,608 4,645 4,657 3,857 3,87 3,677 3,691 4,113 3,206 13,168 4,561 6,877 5,184 9,144 2,771 93,537 93,021 6,227 6,23 8,826 8,892 8,483 8,512 9,421 9,487 7,799 7,833 6,55 6,541 6,989 6,711 6,613 5,235 5,291 5,251 5,344 13,904 4,686 4,016 4,048 9,455 11,089 10,247 5,716 6,13 6,343 5,633 6,689 9,38 5,173 5,164 3,678 5,535 3,671 4,699 4,10 5,782 4,493 3,742 72,562

VARIAZ. QUOT.

Pioneer Target Controllo A +0,13 Pioneer Target Equilibrio A +0,11 Pioneer Target Sviluppo A +0,26 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,12 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,10 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,08 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,55 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,59 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A-0,22 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,22 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,08 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,08 Profilo Best Funds +0,22 Profilo Elite Flessibile -0,04 Sofia Flex +0,15 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,04 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B 18/05/09 -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,10 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,08 Soprarno Contrarian A +0,80 Soprarno Contrarian B +0,80 Soprarno Global Macro A +0,00 Soprarno Global Macro B +0,00 +0,00 Soprarno Inflazione +1,5% A Soprarno Inflazione +1,5% B -0,02 Soprarno Relative Value A -0,21 Soprarno Relative Value B -0,20 Symphonia Asia Flessibile +0,18 Symphonia Comp.Fortissimo +0,78 Symphonia Italia Flessibile +0,66 Synergia Total Return +0,13 Total Return +0,39 Ubi Pra. Active Beta +0,17 Ubi Pra. Alpha Equity -0,02 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,02 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,02 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,16 Unibanca Plus -0,06 Vegagest Flessibile A +0,11 Vegagest Mb Absolut -0,16 Vegagest Mb Strategic -0,16 Vegagest Rendimento A -0,06 Volterra Dinamico +0,08 Volterra Tr Glob. +0,09 +0,17 Vrg Coro Rendimento Zenit Absolute Return I -0,34 Zenit Absolute Return R -0,35 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 Zenit Zero 100 +0,37 ASSICURATIVI Antonveneta Vita -1,81 Antonveneta Vita Armonico Antonveneta Vita Armonico 2007 -1,07 Antonveneta Vita Attivo -2,85 -1,58 Antonveneta Vita Attivo 2007 Antonveneta Vita Azionario -3,56 Antonveneta Vita Azionario Globale -2,75 Antonveneta Vita Azionario Specializzato -3,77 Antonveneta Vita Bilanciato Euro -2,42 Antonveneta Vita Bilanciato Globale -2,03 -1,78 Antonveneta Vita Dinamico Antonveneta Vita Equilibrato -0,23 +0,00 Antonveneta Vita Euromoneta Antonveneta Vita Monetario -0,01 Antonveneta Vita Obbligazionario +0,07 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,00 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto -1,06 +0,02 Antonveneta Vita Protetto Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,05 Antonveneta Vita Sicuro +0,02 Antonveneta Vita Trend -2,37 -1,78 Antonveneta Vita Trend Dinamico Antonveneta Vita Trend Equilibrato -0,25 Antonveneta Vita Trend Plus -2,36 Antonveneta Vita Trend Protetto -0,21 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. -1,45 Aurora New Balanced Aurora New Bond -0,08 -2,48 Aurora New Share Aurora Unietic +0,06 Aurora Unit Balanced -0,96 -0,02 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share -1,85 -0,87 Aurora Winvest Bilanciata Aurora Winvest Dinamica -1,08 Aurora Winvest Prudente -0,49 AXA MPS FINANCIAL +0,62 Axa Mps Aggressivo +0,18 Axa Mps Carattere Forte +0,42 Axa Mps Fin. Az. Europa Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 Axa Mps Fin. Az. Top Ten -0,76 -0,01 Axa Mps Fin. Carattere Attento Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 +0,18 Axa Mps Fin. Dinamico Axa Mps Fin. Dinamico A -0,26 Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A -0,37 -0,89 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 +0,04 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,04 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,08 +0,02 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 +0,01 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 -0,27 -0,10 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 Axa Mps Fin. Secure A -0,02 Axa Mps Fin. Usa Equity A -1,07 BCC VITA Bcc Vita Equity America +0,47 Bcc Vita Equity Asia +3,69 Bcc Vita Equity Europa -0,11

5,303 5,274 22,173 5,118 4,892 16,368 2,171 2,181 13,363 13,38 4,708 4,745 5,818 5,481 0,689 5,08

5,131 5,143 3,649 3,652 4,821 4,869 5,444 5,469 5,328 5,375 5,701 2,569 5,046 5,204 2,323 4,716 5,114 5,211 5,227 4,986 5,215 7,34 3,086 3,042 5,346 5,257 5,396 5,318 5,551 5,488 1,245 4,616 11,293 9,736 12,086 9,32 14,241 7,93 9,395 11,147 10,592 13,366 14,551 11,408 11,853 11,796 13,33 12,283 12,555 10,624 12,85 11,43 8,485 10,07 7,066 10,542

10,145 9,98 10,676 10,544 9,857 8,717 8,766 11,127 9,677 12,263 9,638 8,999 8,15 7,205 15,86 6,603 10,021 10,754 10,40 10,755 11,785 10,168 10,83 18,889 10,998 9,112 11,161 10,728 11,803 10,048 10,008 9,574 9,975 11,938 12,74 5,095 4,251 4,86 4,691

VARIAZ. QUOT.

Bcc Vita World Global Bond +0,93 5,309 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 -0,68 5,82 Bpm Az 50 -1,07 5,54 Bpm Az 80 -1,91 5,13 Bpm Az Flex -1,14 4,33 Bpm Financial Audace -2,09 3,75 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 5,46 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,53 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,47 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,18 5,44 Bpm Financial Equilibrato -1,55 4,44 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,54 Bpm Financial Geographic Areas -2,24 3,06 Bpm Financial Global Bond +0,33 6,05 Bpm Financial Industrial Sector -2,19 3,13 Bpm Financial Prudente -0,78 5,09 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,45 Bpm Financial Vita Azionario -2,42 4,44 Bpm Financial Vita Bilanciato -1,46 5,41 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,29 6,90 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 -0,11 10,28 Bnl Vita Capital Unit 60 -0,22 8,168 Bnl Vita Capital Unit 90 -0,27 6,171 CARDIF Assicurazioni Spa -1,62 86,135 Cardif Azionario A Cardif Azionario B -2,26 136,056 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B -1,22 189,748 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B +0,26 216,086 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,71 180,507 -2,27 108,962 Cardif Spazio Effervescente Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G -0,02 5,19 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 -1,58 3,603 Carige Gestilink Arancione Dinamica Carige Gestilink Blu Moderata -0,65 5,015 -0,36 6,612 Carige Gestilink Verde Prudente Carige Protezione Attiva -0,12 102,43 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario -2,17 3,973 -1,14 4,258 Cattolica Bilanciato Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 -0,82 3,511 Cattolica Bpbari Freeway Desert Cattolica Bpbari Freeway Jungle -5,70 0,215 -3,74 10,853 Cattolica Cividale Percorso Azionario Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario+0,06 11,306 -2,73 3,274 Cattolica Ferrara Investire Azionario Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,22 5,532 -0,46 5,223 Cattolica Fondo Protetto Cattolica Formula Life Azionaria -0,59 4,235 -0,19 4,635 Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced -0,54 4,414 Cattolica Fuoriclasse Bond -0,15 5,452 -1,56 3,021 Cattolica Fuoriclasse Equity Cattolica Fuoriclasse High Tech -2,05 1,338 -0,49 5,516 Cattolica Nuove Rotte Cattolica Obbligazionario -0,33 4,799 -0,35 4,543 Cattolica Progetto Attivo Bond Cattolica Progetto Attivo Equity -2,20 3,653 -1,11 4,275 Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica -0,39 5,046 -0,20 6,14 Cattolica Soluzione Prudente Cattolica Soluzione Vivace -0,73 3,513 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra -0,40 72,791 -0,09 105,47 Centrovita 6protetto Regina Centrovita Anni 40 -0,06 150,784 +0,08 163,979 Centrovita Anni 50 -1,16 117,606 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 -2,36 118,583 Centrovita Anni 80 -3,31 94,626 Centrovita Azionario -3,03 106,903 Centrovita Azionario Blue -3,07 57,243 Centrovita Azionario Green -3,12 57,089 Centrovita Azionario Plus -3,08 130,608 Centrovita Bilanciato -1,65 147,476 Centrovita Bilanciato Plus -1,68 173,935 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario +0,17 188,025 Centrovita Obbligazionario Blue +0,34 123,026 +0,17 209,164 Centrovita Obbligazionario Plus DUOMO PREVIDENZA S.P.A. -3,36 2,04 Duomo Unit Dynamic -0,31 4,85 Unit Moderate GENERTELLIFE S.P.A. -0,91 5,984 Adria Equilibrio -1,25 4,962 Genertellife Aptus 1 -1,98 4,547 Genertellife Aptus 2 -2,52 3,791 Genertellife Aptus 3 Genertellife Bg 2005-2015 -0,90 10,208 -1,09 9,55 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 -1,46 8,697 -1,80 8,288 Genertellife Bg 2005-2030 -2,91 2,166 Genertellife Bg Azionario 1 Genertellife Bg Azionario 2 -2,66 2,486 Genertellife Bg Bilanciato 1 -1,69 3,895 -0,82 5,107 Genertellife Bg Bilanciato 2 Genertellife Bg Dinamico -2,93 7,961 Genertellife Espansione -2,06 2,809 Genertellife Espansione2000 -2,11 2,831 -1,21 4,244 Genertellife Sviluppo Genertellife Sviluppo2000 -1,55 3,752 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,54 5,731 Genertellife Tirreno Unit Protezione -0,12 5,778 -0,99 4,98 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo Genertellife Valore -0,08 6,169 Ina Assitalia

VARIAZ. QUOT.

Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,02 4,083 Ina Fondo Valute Estere +0,00 1,113 Ina Nuovo Fondo Ina +0,01 7,778 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,45 5,14 Intesa Vita Azionario America Growth -3,20 8,125 Intesa Vita Azionario America Value -2,48 8,887 Intesa Vita Azionario Cina -7,09 19,763 Intesa Vita Azionario Europa Growth -3,55 9,823 Intesa Vita Azionario Europa Value -3,81 10,831 Intesa Vita Crescita -0,23 5,957 Intesa Vita Dinamica -0,70 4,551 Intesa Vita Eurounit Azionario +0,00 2,952 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,02 4,859 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,02 5,447 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,00 6,316 Intesa Vita Gpa Accordo -0,05 676,98 Intesa Vita Gpa Accordo 2 -0,05 650,86 Intesa Vita Gpa Acuto -0,33 381,03 Intesa Vita Gpa Acuto 2 -0,35 324,29 Intesa Vita Gpa Armonia -0,30 498,22 Intesa Vita Gpa Armonia 2 -0,31 438,18 Intesa Vita Gpa Motivo -0,08 619,42 Intesa Vita Gpa Motivo 2 -0,08 582,05 Intesa Vita Monetario Dollaro +1,37 8,823 +0,32 10,895 Intesa Vita Monetario Euro Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,10 11,179 +0,17 717,31 Intesavita Gpa Private Bond Intesavita Gpa Private Global Guar. +0,23 580,60 Intesavita Gpa Private Global High +0,51 325,45 Intesavita Gpa Private Global Low +0,25 660,21 Intesavita Gpa Private Global Medium +0,23 532,43 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -0,30 3,342 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,34 3,837 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 2,26 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,32 3,074 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,37 3,777 Mediolanum Azionario Protezione -0,05 5,811 -0,11 4,534 Mediolanum Balanced Mediolanum Balanced Bis -0,15 4,605 Mediolanum Country -0,34 3,227 Mediolanum Country Bis -0,34 3,77 Mediolanum Dynamic -0,18 3,947 Mediolanum Dynamic Bis -0,21 4,333 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,00 6,728 +0,10 6,745 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,06 6,667 Mediolanum Eurobond Sviluppo Mediolanum Euroequity Opportunita' -0,32 4,00 Mediolanum Euroequity Protezione -0,05 6,405 -0,33 4,29 Mediolanum Euroequity Sviluppo -0,08 4,998 Mediolanum Moderate Mediolanum Moderate Bis -0,02 5,006 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,02 5,518 +0,06 5,322 Mediolanum Obb. Crescita Bis Mediolanum Obb. Evoluzione Bis -0,06 5,168 Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,07 5,435 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,08 6,629 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,00 6,638 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,08 6,571 Mediolanum Opportunity -0,39 3,576 Mediolanum Opportunity Bis -0,38 3,914 +0,00 6,185 Mediolanum Prudent Mediolanum Prudent Bis +0,00 5,486 Mediolanum Sector -0,38 3,179 Mediolanum Sector Bis -0,40 3,956 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -0,03 2,873 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,07 4,223 Milano Assicurazioni Previlink Monetario -0,03 6,171 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,11 5,51 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,03 3,335 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -0,97 5,737 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,36 12,642 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,77 12,869 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,42 11,888 Risparmio Formula Link In Prima -0,99 10,638 Risparmio Formula Link In Seconda -1,49 9,269 Risparmio Formula Link In Terza -2,31 7,576 -1,05 8,364 Risparmio Gestivita Azionario Risparmio Gestivita Bilanciato -0,65 10,06 +0,09 11,788 Risparmio Gestivita Obbligazionario -2,22 7,534 Risparmio Patavium Ul Dinamico -1,08 8,978 Risparmio Patavium Ul Equilibrato SARA VITA S.P.A. -3,60 7,787 Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale -3,30 7,497 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -0,04 9,172 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale +0,10 9,543 -0,10 9,88 Sara Vita Profilo Guardian Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,42 119,54 -0,60 106,476 Unipol Uninvest Azioni Piu' -0,87 13,348 Unipol Uninvest Crescita -0,95 12,194 Unipol Uninvest Equilibrio Unipol Uninvest Flessibile -1,47 6,627 -0,59 106,638 Unipol Uninvest Grande7 -0,52 102,145 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 -0,54 110,839 -0,64 103,387 Unipol Uninvest Otto&Mezzo Unipol Uninvest Performance Europa -3,70 7,343 Unipol Uninvest Risparmio +0,13 13,389 -1,88 11,928 Unipol Uninvest Valore ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo +0,11 5,27 Zlap Crescita -0,10 6,239 Zlap Equilibrio +0,08 7,352 Zlap Evoluzione +0,04 4,649 Zlap Protezione +0,17 7,781 Zlap Prudenza +0,12 5,612 +0,15 5,43 Zlap Sicurezza Zlap Sviluppo -0,14 3,525


24

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

Nucleare: governo all’attacco, via Corte costituzionale, contro le regioni riottose Porterà davanti alla suprema corte Puglia, Campania e Basilicata le cui leggi vietano le centrali di Maria Teresa Squillaci ROMA - Fonti governative riferiscono che il Consiglio dei ministri ha deciso di impugnare dinnanzi alla Corte Costituzionale le leggi regionali di Puglia, Campania e Basilicata che impediscono l’installazione di impianti nucleari nei loro territori. Il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola che, d’intesa con il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, ha proposto il provvedimento, sostiene che è necessario impugnare le leggi delle tre regioni per ragioni "di diritto e di merito": esse infatti non riconoscerebbero «l’esclusiva competenza dello Stato in materia di tutela dell’ambiente,della sicurezza interna e della concorrenza», inoltre, continua il ministro, "il ritorno al nucleare", punto fondamentale del programma del Governo Berlusconi, è considera-

to«indispensabilepergarantirela sicurezza energetica, ridurre i costi dell’energia per le famiglie e

per le imprese, e combattere il cambiamento climatico». Ma soprattutto si vuole evitare di creare "un pericoloso precedente’’. In realtà questa polemica non è che l’ennesimo tassello di un "effetto domino" che pare inarrestabile: 11 regioni su 20, ovvero il 56 per cento del territorio italiano, non vogliono il nucleare sul proprio territorio. Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Basilicata hanno fatto ricorso alla Corte costituzionale lo scorso 11 settembre chiedendo di impugnare la norma contenuta nella legge 99/2009 che cerca di imporre la localizzazione delle centrali in contrasto con quanto stabilito dal Titolo V della Costituzione sui poteri concorrenti delle Regioni in materia di Governo del territorio. Nessu-

no vuole il nucleare, o meglio, nessunovuole una centralevicino casa propria. Le motivazioni riguardano in particolare "metodi e metodiche utilizzati". Silvestro Greco, responsabile dell’Ambiente in Calabria, e coordinatore degli assessori all’Ambiente delle regioni, afferma che «si sta facendo un’azione di comando» e che non vengono tenuti in considerazione gli sforzi delle diverse regioni per lo sviluppo delle energie rinnovabili, manca un piano energetico nazionale.Insomma, l’ effetto Nimby (Not in my back yard), fatele dove volete ma non nel cortile di casa mia come si dice nel mondo anglosassone, dilaga. Ma, sempre con espressione cara ad americani e britannici, l’ importante è evitare di degenerare nella sindrome Banana (Build Absolutely Nothing Any-

where Near Anything : «Non costruire assolutamente nulla in alcun luogo vicino a qualunque cosa»), come vorrebbero i verdi fondamentalisti. Sul tema del nucleare, gli italiani si erano espressi il 9 novembre del 1987. Il Paese fu chiamato al voto per il referendum abrogativo sul "nucleare". Una delle domande poste ai cittadini elettori fu: olete che venga abrogata la norma che consente al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) di decidere sulla localizzazione delle centrali nel caso in cui gli enti locali non decidono entro tempi stabiliti? Vinsero i sì con l’80,6 per cento, una maggioranza schiacciante. Ma la necessità di assicurarsi energia a buon mercato ha spinto il governo Berlusconi a rilanciare il progetto del nucleare.

La città sarà commissariata, si voterà alla scadenza naturale, il 2011

Bologna: niente elezioni con le Regionali di Roberto Carli

ROMA - Bologna non voterà per il nuovo sindaco il 28 e 29 marzo. Lo ha detto ieri il responsabile del Viminale al termine del Consiglio dei ministri. «Bologna non andrà al voto il 28 e il 29 di marzo perché le dimissioni del sindaco sono avvenute oltre il tempo utile per procedere», ha detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni in conferenza stampa. «Le elezioni a Bologna si faranno nel turno ordinario, cioè al 2011. Nominerò il commissario che gestirà il comune di Bologna fino alle elezioni», ha aggiuntoMaroni. Il ministro ha spiegato che «non ci sono i tempi per consentire al Consiglio l’emanazione di un decreto che consenta di accorpare le elezioni

di Bologna con il turno delle elezioni di marzo. L’intervento del governo con un decreto legge non è possibile, e questa decisione è suffragata da un parere importante dell’Avvocatura di stato». Lo scorso 28 gennaio il sindaco del Pd Flavio Delbono ha rassegnato ufficialmente le dimissioni in seguito all’inchiesta, che lo vede indagato, sull’uso improprio di fondi pubblici nei viaggi all’estero con la sua ex compagna esegretariaCinziaCracchi,quando era vicepresidente della Regione Emilia Romagna. Del Bono sostiene che si tratta di un errore. L’inchiesta è partita lo scorso giugno -- durante la campagna elettorale per le

comunali in cui Delbono è stato eletto primo cittadino -- dopo una serie di accuse rivoltegli dal rivale Alfredo Cazzola, candidato del centrodestra. Evidentemte il Consiglio dei ministri ha fatto proprio il parere dell’Avvocatura di Stato perché solo la settimana scorsa lo stesso ministro dell’Interno si era detto favorevole all’accorpamento delle elezioni comunali di Bologna con le Regionali e aveva affermato che se tutti fossero stati d’accordo sarebbe stato possibile agire in tal senso. Quindi o tale accordo non c’è stato o la decisione è stata davvero presa per motivi tecnici, quali il parere dell’Avvocatura.

Il Cdm approva riforma: 6 licei uno musicale ROMA - Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera definitivo alla riforma dell’istruzione secondaria superiore, che entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico per le prime classi e che prevede sei licei, incluso quello musicale, più ore di matematica e lingue straniere e una maggiore autonomia delle scuole. Una riforma "globale", l’ha definita il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri. «La scuola superiore necessitava di una riforma perché sforna ragazzi che non avendo accesso all’Università si immettono nel mondo del lavoro», ha detto Berlusconi. Secondo il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, si tratta di un intervento «epocale, che non ha impronta ideologica» e che privilegia la qualità alla quantità. Ma la riforma ha suscitato le critiche delle organizzazioni studentesche e di organizzazioni sindacali. «La riforma è fatta per fare cassa, proprio su questo punto il ministro tenta una difesa che non ha argomentazioni: il riordino della scuola secondaria è figlio prima di tutto dell’esigenza di risparmiare sulla scuola pubblica»,scrive in una nota la "Rete degli studenti", che annuncia una giornata di mobilitazione il 20 febbraio. La riforma supera l’impianto della legge Gentile del 1923 e, rispetto al vecchio sistema che prevedeva il liceo classico, artistico e scientifico oltre al magistrale quadriennale e a percorsi sperimentali linguistici, introduce anche un liceo musicale e coreutico e un liceo delle scienze umane. I Cobas hanno già proclamato uno sciopero nazionale con manifestazione a Roma il 12 marzo contro le iniziative del governo per la scuola. «Si cancellano o si immiseriscono materie importantidi studio, si tagliano ore di insegnamento cruciali (in media 4 ore in meno), si sopprimono laboratori e esperienze pratiche professionalizzanti, si cacciano decine di migliaia di precari, eliminandone il posto di lavoro, soltanto in nome Roberto Carli


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 25

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Governo e Fiat giocano come il gatto col topo: ma una decisione verrà dall’Europa

mine del Consiglio europeo dell’Industria di Saragozza, dove Scajola dovrà concordare una posizione comune con i colleghi ministri. La Germania ha già fatto sapere che non intende procedere a nuovi aiuti. Prima del vertice spagnolo, però, Scajola tornerà a incontrare questo venerdì Fiat e sindacati per negoziare il destino di Termini Imerese. Il governo sta valutando otto diverse proposte di riconversione industriale ma chiede a Fiat di partecipare attivamente alla ricerca della soluzione.

Dopo il Consiglio dei ministri, il Premier replica all’intervista di ieri dell’ad torinese Marchionne alla Stampa

Nuovi dubbi sugli incentivi. Berlusconi: «La Fiat pare non sia interessata...» di Carlo Bassi ROMA - Il governo mette nuovamente in dubbio il rinnovo degli incentivi all’acquisto di auto ecologiche nel 2010. «Stavamo esaminando la possibilità di rinnovarli. La Fiat pare non sia interessata ad averli», ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Il Capo del governo ha così risposto indirettamente all’intervista che l’ad di Fiat, Sergio Marchionne, ha rilasciato ieri a La Stampa , di proprietà della famiglia Agnelli. «Sono agnosticosugliincentivi: il governo faccia la sua scelta e noi la accetteremo senza drammi», ha detto Marchionne. Già mercoledì il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, aveva messo in discussione il rinnovo degli incentivi, spiegando che il governo deve valutare se possono essere «utili o distorsivi del mercato». La Fiat ha ribadito in più occasioni che senza incentivi il numero di immatricolazioni potrebbe ridursi nel 2010 di 300 mila unità

Tassi europei invariati all’1% e forte appello della Bce a far rientrare i deficit di bilancio di Cab

a quota 1,7 milioni. Oggi Marchionne cerca di ridimensionare l’interesse della Fiat ma chiede «decisioni in tempi brevi» per uscire dall’incertezza e gestire meglio la situazione del mercato, «qualunque essa sia». Sul dossier incentivi pesano evidentementeitatticismidientrambe le parti. La trattativa non è ancora chiusa e Berlusconi lo dice chiaramente:«Stiamodiscutendo con gli altri protagonisti del settore auto. Siamo sempre aperti e

pronti a dare una mano dove serve». La Fiat vuole chiudere a fine 2011 l’impianto siciliano di Termini Imerese. Il governo sembra disposto ad accettare il disimpegno, ma in cambio vuole che l’azienda aumenti la produzione italiana. Il negoziato prosegue mentre dalla maggioranzagiungonosempre più evidenti le pressioni per vincolare la concessione degli incentivi a un maggiore impegno di Fiat in Italia.

«Bisogna avere il coraggio di dire basta ad elargizioni statali se non vengono salvaguardati i posti di lavoro e i presidi industriali. Occorre fermare la logica degli incentivi se non è seguita da un’attenta e forte politica delle imprese che esalti e tuteli l’occupazione», ha detto il presidente del Senato Renato Schifani. Un vincolo diretto tra incentivi e mantenimento dei posti di lavoro non è però possibile perché susciterebbe lo stop immediato dell’Unione europea. Il governo ci aveva già provato l’anno scorso. Il decreto del 2009 prevedeva infatti la firma di un protocollo di intenti con i produttori, che avrebbero dovuto fornire garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali. L’Unione europea ha protestato e il Parlamento ha modificato il decreto stabilendo che l’erogazione degli incentivi fosse subordinataa non delocalizzare gli impianti al di fuori dello Spazio economico europeo. La decisione finale sugli incentivi arriverà con tutta probabilità l’8 e il 9 febbraio dalla Spagna, al ter-

ROMA - Tassi invariati in Europa, all’uno per cento, Il presidente della Banca centrale europea, Jean Claude Trichet, nel confermarlo ieri in una conferenza stampa dopo la riunione del Consiglio direttivo, ha spiegato che considera «cruciale» il «pieno rispetto del Patto di stabilità» fra i Paesi membri. Il numero uno dell’Eurotower ha lanciato un «richiamo molto, molto forte». «Pieno rispetto - ha precisato - delle procedure di deficit eccessivo e voi sapete che ciascun paese ha i suoi obiettivi per andare sotto il 3% e noi ovviamente consideriamo cruciale tutto ciò». L’allusione alla Grecia di cui ha ampiamente parlato ieri il Commissario per gli affari economici e monetari Joaquin Almunia era evidente. Ma, in effetti in «molti Paesi» dell’aera eu-

ro si stanno registrando rapidi e elevati peggioramenti dei deficit di bilancio e degli indebitamenti, ha osservato Trichet, ed è «della massima importanza che ogni Paese definisca chiaramente le strategie di uscita e risanamento per il periodo prossimo». I tassi di interesse dell’area euro restano «appropriati», ha commentato Trichet.

L’istituzione monetaria non modifica la sua linea e questa parola, «appropriati», che da mesi utilizza per qualificare i tassi, viene interpretata da mercati e analisti come l’orientamentodellaBancacentrale a non effettuare modifiche nel breve periodo. Trichet ha anche ribadito che la Bceprevedeunandamentodell’inflazione «sommesso» nei mesi a

Eni chiude il contenzioso con l’Unione BRUXELLES - La Commissione europea ha accolto gli impegni dell’Eni come rimedi al presunto abuso di posizione dominante nella gestione dei gasdotti Tag, Tenp e Transitgas, che prevedono la vendita delle sue partecipazioni nelle tre infrastrutture. Lo si legge in una nota della Commissione Ue. «La Commissione europea accoglie gli impegni di rimedi strutturali presentati dalla impresa Italiana di gas naturale Eni. I rimedi rispondono alle preoccupazioni espresse dalla Commissione in merito alla modalità di gestione e l’operatività delle infrastrutture di trasporto di gas naturale da parte di ENI e che potrebbe integrare un abuso di posizione dominante in violazionealleregolediconcorrenza (Articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea - TFEU)», scrive la Commissione nella nota. La Commissione dunque «plaude la proposta di Eni di dismettere le proprie partecipazioni nei gasdotti in quanto tale rimedio strutturale è idoneo a rimuovere le preoccupazioni al cuore dell’indagine della Commissione, ovvero il conflitto di interessi che risulta dalla natura di impresa verticalmente integrata».Il contenzioso era aperto da diverso tempo.

Trichet ha anche ribadito che la Bce prevede un andamento dell’inflazione «sommesso» nei mesi a venire venire. Quanto alla ripresa, secondo il numero uno dell’Eurotower sarà moderata e la ripresa diseguale. In ogni caso nella riunione di inizio marzo il Consiglio direttivo prenderà nuove decisioni sulla graduale rimozione delle liquidità supplementari erogate nei mesi scorsi al sistema creditizio. «Continueremocon il nostro intenso sostegno al credito del sistema bancario, ma vogliamo evitare possibili distorsioni legate» a queste misure, ha spiegato Trichet.


AsteInfoappalti

26 Venerdì 5 Febbraio 2010 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell'esecuzione, Dott.ssa Giovanna Gioia, nel procedimento n. 150/08 R.G.E. con ordinanza depositata il 3 dicembre 2009 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO DI VENDITA N. 1: Immobile in Sellia Marina, in catasto al fg. 7 part. 517 sub 8/9. Prezzo base: Euro 99.000,00 (euro novantanovemila/00). LOTTO DI VENDITA N. 2: Immobile in Sellia Marina con corte comune in catasto al fg. 7 part. 517 sub 5/6/7. Prezzo base: Euro 196.065,00 (euro centonovantaseimilasessantacinque/00). Gli Immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L'offerente, con la presentazione dell'offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. L'udienza ex art. 572 è fissata in data 31.03.2010, ore 9.30. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12 del giorno precedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un assegno circolare "non trasferibile" intestato a Tribunale di Catanzaro proc. n. 150/08 Re, di importo pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. Saranno a carico della procedura le spese di trasferimento. In caso di gara le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro 1.000,00. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni 60 dalla data di aggiudicazione tramite deposito in cancelleria. F.to Il Giudice (dott.ssa Giovanna Gioia) °°°°°°°°°° Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione dott. G. Cava nella procedura esecutiva n. 146/93 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO 1) quota ideale di 1/2 della proprietà di terreno sito in agro di Cerva loc. Falace identificato in catasto al foglio 19 p.lle 39, 49, 55, 71. Prezzo base d'asta euro 4.044,37 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 07 Aprile 2010, ore 9,30. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l'udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 2.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno poste a carico dell'aggiudicatario. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, la prima domenica del mese antecedente la vendita mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - rivista mensile "Aste". °°°°°°°°°° Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa Gioia, nella procedura esecutiva n. 138/88 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto del seguente immobile: LOTTO UNICO) Terreno in agro del Comune di Catanzaro, loc. Valle del Corace, in catasto al foglio 81, p.lle 122, 118, 99, 101, 67, 136, 106, 86, 106 Prezzo base d'asta euro 110.250,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 31 marzo 2010 ore 9.30. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l'udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 2.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto, mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - rivista mensile "Aste". TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione nella procedura 23/07 R.E. ha disposto la vendita all'incanto, in un unico lotto, del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova Lotto Unico - "Villa sita nel Comune di Lamezia Terme, Contrada Scinà, via R. D'Altavilla, composta da piano terra rialzato, primo e secondo piano, per complessivi vani 12, con annessa e pertinente corte, riportata nel N.C.E.U. di detto comune al foglio 38, p.lla 523, sub. 1, cat. A/7, classe U, superficie catastale di mq. 343".

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

Prezzo base euro 326.307,79 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all'immobile, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c. FISSA La vendita con incanto per il 14.4.2010 ore 9.30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme, al prezzo base d'asta come sopra determinato di Euro 326.307,79 Ogni concorrente per essere ammesso alla vendita dovrà presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra coniugi). All'istanza di partecipazione deve essere allagata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l'istanza di partecipazione da presentarsi in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere depositato assegno circolare non trasferibile intestato a "POSTE ITALIANE S.p.A., tramite cui effettuare il versamento della cauzione in ragione del 10 % del prezzo base d'asta e delle spese nella misura del 20 % del prezzo base d'asta. In ogni caso le spese di trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. L'offerta di acquisto è irrevocabile tranne che il Giudice ordini l'ncanto, siano decorsi 120 gg dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. Il termine ultimo per depositare istanza di partecipazione alla vendita con incanto, nella Cancelleria delle Esecuzioni del Tribunale di Lamezia Terme, è entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 13.4.2010; Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta. L'immobile viene posto in vedita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, così come identificato, descritto e valutato dall'esperto nella relazione. L'aggiudicatario dovrà versare a) la differenza del prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "POSTE ITALIANE S.p.A."; b) depositare idonea ed aggiornata certificazione ipocatastale concernente l'immobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri immobiliari, nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell'aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria; c) l'aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell'immobile trasferitogli, alla sanatoria e/o condono di eventuali irregolarità urbanistiche entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Maggiori informazioni in Cancelleria Lamezia Terme Il Cancelliere (C/1) F.to Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI ex art. 569 Comma 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA IMMOBILIARE N. 13/98 R.E. riunita alla PROCEDURA IMMOBILIARE N. 55/98 R.E. Il professionista delegato Avv. Rosanna Andricciola, con studio in Lamezia Terme via A. Anile n. 3, nella procedura esecutiva promossa dalla B.N.L. s.p.a., visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Lamezia Terme in data 08.11.2007 ai sensi dell'art. 591bis c.p.c., visto il provvedimento del 15.10.2009; ritenuto necessario, pertanto, fissare, ai sensi dell'art. 591 c.p.c., la vendita dei beni pignorati; visti gli artt. 569 e 576 c.p.c. AVVISA Che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO n. 1 Terreno con destinazione pascolo arboreo di mq. 1.700 circa sito in loc. Manca del Comune di Serrastretta, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio n. 29, p.lla 384, classe U, redd. dominicale euro 2,22, redd. agrario euro 1,15. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: euro 2.250,00 LOTTO N. 2 Terreno con destinazione seminativo irriguo arboreo di mq 300 circa sito in loc. Forestella del Comune di Serrastretta, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto Comune al foglio 29, p.lla 248, classe 3, redd. dominicale euro 1,42, redd. Agr. euro 0,52; PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: euro 1.300,00 LOTTO N. 3 Terreno con destinazione castagneto da frutto di mq. 4.200 circa sito in loc. Forestella del Comune di Serrastretta, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comuneE, al foglio 29, p.lla 187, classe 3, redd. dominicale euro 4,35, redd. agrario euro 1,96. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: euro 7.500,00 LOTTO N. 4 Terreno con destinazione pascolo di mq. 130 circa sito in loc. Forestella del Comune di Serrastretta, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 29, p.lla 276, classe 2, redd. dominicale euro 0,09, redd. agrario euro 0,06. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO: euro 700,00 LOTTO N. 5 Fabbricato di tipologia residenziale, ricadente in zona agricola ma edificato in data precedente al 1967 e quindi senza bisogno di condono così composto terreno residuo mq. 80 circa, deposito mq. 32 circa, veranda mq. 10 circa, tettoia protettiva per automezzi mq. 20, abitazione posta su due livelli (vani 5,5 al piano primo e vani 5 al piano secondo) di mq. 150 circa, sito in loc. Forestella di Serrastretta, catastalmente identificato

A CURA DELLA

MEDIATAG

al N.C.E.U. del suddetto comune al foglio 29, p.lla 396 (sub 1, 2, 3 corte ex 245 B) sub 1: categoria C/2, classe 1, consistenza mq. 32, rendita euro 49,58. Sub 2: categoria A/3, classe 2, consistenza vani 5,5, rendita euro 284,05. Sub 3: categoria A/3, classe 2, consistenza vani 5, rendita euro 258,23. Corte: qualità seminativo irriguo arboreo, classe 2, redd. dominicale ed agrario da rivalutare in quanto rappresenta terreno residuo con area modificata di redd. dominicale euro 1,47 e redd. agrario euro 0,54. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 45.000,00 LOTTO N. 6 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione iniziale seminativa ha subito variazione in seminativo per mq. 164 e uliveto per i restanti mq. 580 circa, sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 2200 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune, al foglio 8, p.lla 241: mq. 1.641 qualità seminativo, classe 2, redd. dominicale euro 4,24, redd. agrario euro 1,27; mq. 579 qualità uliveto, classe 3, redd. dominicale euro 1,64, redd. agrario, euro 1,79. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 6.750,00 LOTTO N. 7 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione seminativo sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 1.900 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 249, classe 1, redd. dominicale euro 6,61, redd. agrario euro 2,54. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 3.750,00 LOTTO N. 8 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione uliveto sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 5.800 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 237, classe 2, redd. dominicale euro 28,41, redd. agrario euro 20,93. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 16.875,00 LOTTO N. 9 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione uliveto sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 650 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 42, classe 2, redd. dominicale euro 3,19, redd. agrario euro 2,35. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 2.250,00 LOTTO N. 10 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione uliveto sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 2.200 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 244, classe 1, redd. dominicale euro 14,20, redd. agrario euro 8,52. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 9.000,00 LOTTO N. 11 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione seminativa sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 70 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 245, classe 1, redd. dominicale euro 0,23, redd. agrario euro 0,09. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 300,00 LOTTO N. 12 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione uliveto sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 1.500 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 119, classe 1, redd. dominicale euro 9,62, redd. agrario euro 5,77. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 5.625,00 LOTTO N. 13 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione seminativo sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 500 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 121, classe 1, redd. dominicale euro 1,68, redd. agrario euro 0,65. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 1.500,00 LOTTO N. 14 Quota parte di 2/3 del terreno con destinazione iniziale seminativo irriguo, ha subito variazione in seminativo di mq. 1.300, uliveto di mq. 200 e seminativo irriguo di mq. 170 sito in loc. Pititto e Chianti del Comune di Pianopoli di mq. 1.670 circa, catastalmente identificato al N.C.T. del suddetto comune al foglio 8, p.lla 234: mq. 1300 qualità seminativo, classe 2, redd. dominicale euro 3,36, redd. agrario euro 1,01; mq. 200 qualità uliveto, classe 3, redd. dominicale euro 0,57, redd. agrario euro 0,62; mq. 170 qualità seminativo irriguo, classe 3, redd. dominicale euro 0,31, redd. agrario euro 0,18. PREZZO BASE VENDITA SENZA INCANTO euro 3.600,000 Per tutti i lotti: Data dell'esame delle offerte senza incanto: 20 Aprile 2010 ore 17,30 Luogo di esame delle offerte: Studio Legale del Professionista delegato avv. Rosanna Andricciola sito in Lamezia Terme alla via A. Anile n. 3. Avvisa altresì Che nell'ipotesi in cui: - non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell'art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, comma 3, c.p.c.; - la vendita non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nella seguente data e luogo: Data dell'incanto: 04 Maggio 2010 ore 17,30 Luogo di esame delle offerte: Studio Legale del Professionista delegato avv. Rosanna Andricciola sito in Lamezia Terme alla via A. Anile n. 3. In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo dell'importo sopra indicato. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma della dott.ssa Piera Dastoli che potrà essere consultata dall'offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa è consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì previo contatto telefonico. Si avvisa, in ogni caso, che la vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; che la vendita è a corpo e non a misura; che eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; che la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO A norma dell'art. 571 c.p.c. ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto degli immobili pignorati personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell'art. 579, ultimo comma c.p.c.; le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 12 del 19 Aprile 2010. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì negli orari di ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'Esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte; l'offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita -, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. procura speciale o certificato camerale); in ogni caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l'indicazione di quello, tra questi, che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; all'offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato avv. Rosanna Andricciola -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo offerto, pena l'inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto all'acquisto; l'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche di cui l'elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; in caso di più offerte valide, si procederà alla gara sulla base dell'offerta più alta, a norma dell'art. 573 c.p.c.; la validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.; l'offerta è irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell'art. 571, comma 3 , c.p.c.; le modalità di vendita senza incanto sono regolate dall'art. 572 e seguenti c.p.c.; il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione mediante il deposito su un libretto postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la Banca Monte dei Paschi di Siena s.p.a., agenzia di Lamezia Terme; in caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate; le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. QUANTO ALLA VENDITA CON INCANTO A norma dell'art. 571 c.p.c. ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto degli immobili pignorati personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell'art. 579, ultimo comma c.p.c.; le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 12 del 03 Maggio 2010. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì negli orari di ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'Esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte; l'offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita -, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. procura speciale o certificato camerale); in ogni caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l'indicazione di quello, tra questi, che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; all'offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato avv. Rosanna Andricciola -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d'asta come sopra determinato, pena l'inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto all'acquisto; l'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche di cui l'elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; la misura dell'aumento da apportare alle offerte in sede di incanto è di euro 500,00 per ogni singolo lotto; la validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.; l'offerta è irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell'art. 571, comma 3 , c.p.c.; le modalità di vendita all'incanto sono regolate dall'art. 581 e seguenti c.p.c.;


AsteInfoappalti

27 Venerdì 5 Febbraio 2010 il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione mediante il deposito su un libretto postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la Banca Monte dei Paschi di Siena s.p.a., agenzia di Lamezia Terme; in caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate; le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: a norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono essere ancora fatte offerte d'acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto, l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. Lamezia Terme lì 28.01.2010 Il Professionista Delegato Avv. Rosanna Andricciola TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI che il Giudice dell'Esecuzione, DR. S. MALGERI, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 139/1995 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SPA., ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 16.11. 2005 LOTTO 1: piena proprietà dei terreni in Stilo, località Tagliaferro, riportati nel catasto del medesimo comune al foglio 34: - particella 36, seminativo, partita 701, mq. 760, cl. 2, r.d. euro 3,73, r.s. euro 2,16; - particella 37, seminativo arborato, partita 701, mq, 450, cl. 3, rd. euro 0,21; r.a. euro 0,05; - particella 38, incolto produttivo, partita 701, mq. 1980, cl. U, r.d. euro 0,2, r.a. euro 0,1; - particella 103, seminativo arboreto, partita 701, mq. 880, cl. 2, r.d. euro 4,54, r.a. euro 2,04; - particella 111, pascolo cespugliato, partita 701, mq. 2.160, cl. 2, r.d. euro 0,22, r.a. euro 0,22; - particella 112, seminativo, partita 701, mq. 6.330, cl. 2, r.d. euro 31,06, r.a. euro 17,98; al foglio 33: - particella 82, seminativo, partita 701, mq. 25.870, cl. 2, r.d. euro 126,93, r.a. euro 73,48; - particella 243, incolto produttivo, partita 701, mq. 5.600, et. U, r.d. euro 0,58, r.a. euro 0,29; al foglio 36, località Tavoleria (fabbricati rurali): - particella 297, mq. 54; - particella 298, mq. 55; Prezzo base d'asta: euro 45.015,00 Deposito per cauzione: euro 4.501,50 Deposito per spese: euro 6,752,25 LOTTO 2: piena proprietà dei terreni in Stilo, località Tavoleria, riportati nel catasto del medesimo comune al foglio 36: - particella 5, seminativo, partita 701, mq. 12,940, cl. 1, r.d. euro 86,88, r.a. euro 40, 10; - particella 96, seminativo, partita 701, mq. 44.090, cl. 3, r.d. euro 102,47, r.a. euro 79,70; - particella 290 (fabbricato rurale), partita 701, mq. 134; - particella 291 (fabbricato rurale), mq. 17; - particella 293 (fabbricato rurale), partita 701, mq. 60; Prezzo base d'asta: euro 35.925,00 Deposito per cauzione: euro 3.492.50 Deposito per spese: euro 5.238,75 LOTTO 3: "piena proprietà dei terreni in Stilo, località Costicelli, riportati nel catasto del medesimo comune al foglio 49: - particella 68, incolto produttivo, , mq. 260, cl. U, r.d. euro 0,03, r.a. euro 0,01; - particella 106, seminativo, mq. 7.250, cl. 2, r.d. euro 35,37, r.a. euro 20,59; - particella 107, seminativo, mq. 2.540, cl. 2, r.d. euro 12,46, r.a. euro 7,21; - particella 148, incolto produttivo, mq. 200, cl. U, r.d. euro 0,02, r.a. euro 0,01; - particella 154, seminativo arborato, mq. 6.560, cl. 2, r.d. euro 33,88, r.a. euro 15,24; - particella 156, uliveto, mq. 3.020, cl. 2, r.d. euro 39,26, r.a. euro 19,63; Prezzo base d'asta: euro 88.374,10 Deposito per cauzione: euro 8.837,41 Deposito per spese: euro 13.256,12 Lotto 4: piena proprietà dei terreni in Stilo, località Melitano, riportati nel catasto del medesimo comune al foglio 55: - particella 14, incolto produttivo, mq. 5.750, cl. U, r.d. euro 0,59, r.s. euro 0,30; - particella 15, pascolo arborato, mq. 9.980, cl. 2, r.d. euro 7,73, r.a. euro 2,58; - particella 20, bosco ceduto, mq. 2.410, cl. 3, r.d.,euro 0,99, r.a. euro 0,37; - particella 21, incolto produttivo, mq. 8.670, cl; U, r.d. euro 0,89, r.a. euro 0,45; - particella 30, seminstivo, mq. 52.880, cl. 2, r.d. euro 259,45, r.a. euro 150,21; - particella 31, incolto produttivo, mq. 3.060, cl. U, r.d. euro 0,32, r.e. euro 0, 16; - particella 87, seminativo, mq. 3.260, cl. 3, r.d. euro 7,58, r.a. euro 5,89; - particella 238, pascolo arborato, mq. 58,650, cl. 3, r.d. euro 27,26, r.a. euro 6,06; Prezzo base d'asta: euro 257.670,00. Deposito per cauzione: euro 25.767,00 Deposito per spese: euro 38,650,50 L'incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO all'udienza del 26.03.2010 ore 9.00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data… alle stesse condizioni e con le stesse modalità.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

Stabilisce per la vendita alle seguenti condizioni Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in alimento non potranno essere inferiori a: euro 1.200,00 per il lotto 1; euro 1.000,00 per il lotto 2; euro 2.500,00 per il. lotto 3; euro. 7.000,00 per il lotto 4. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito lnternet sul quale c pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius. - Custode Giudiziario: … (Tel. …) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 26.03.2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri. 02.02.2010 Esatte: euro 14,62 per bollo - euro 7,10 per diritti. °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell'Esecuzione, DR. GIUSEPPE CAMPAGNA, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 15/97 promossa da IGC SPA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° Lotto Unità immobiliare per civile abitazione costituta da un fabbricato a tre elevazioni fuori terra in muratura ordinaria sito nel Comune di Gioiosa Jonica alla via Capponi n. 28 - 30, riportata nel NCEU alla partita 1000220, foglio di mappa 27, particella 291 cat. A/4, classe 2', PT - P1 - P2, vani 6, r. Euro 179,72, in ditta per ineseguita voltura, … usufruttuario, … proprietaria Prezzo base del lotto Euro 19.274,17 Deposito per cauzione Euro 1.927,42 Deposito per spese Euro 2.891,13 2° LOTTO Diritti vantati in ragione di 1/2 sull' unità immobiliare per civile abitazione costituita da un fabbricato a quattro elevazioni fuori terra in muratura ordinaria sito nel Comune al Gioiosa Jonica alla via Carmine n. 7 9, riportata nel NCEU alla partita 586, foglio di mappa 27, particella 1564 cat A/4, classe 2', P1, P2, P3, vani 5, r. Euro 149,77. In ditta … proprietario per 1/2 … proprietario per 1/2. Prezzo base del lotto Euro 10.467,03 Deposito per cauzione Euro 1.046,70 Deposito per spese Euro 1.570,05 3° LOTTO Terreno sito nel Comune di Grotteria località Marmora riportata nel NCT alla partita 8584, foglio di mappa 19, particella 440 uliveto classe l° di are 00.21.90, r.d. Euro 16.40, p.lla 441 uliveto classe l°, are 00.01.50, r.d. Euro 1,12, r.a. Euro 0,50; particella 442 uliveto classe l° di are 00.04.40 r.d. Euro 3,29, r.a. Euro 1,47, are 00.27.20, r.d. Euro 20,81, r.a. Euro 9.33, in ditta … , Prezzo base del lotto Euro 4.346,50 Deposito per cauzione Euro 434,65 Deposito per spese Euro 651,98 L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all'udienza del 26.03.2010 ore 9.00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ----- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all' istanza di partecipazione all' incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 774,69 per il lotto n. 1; euro516,46 per il lotto n. 2 ed euro 206,58 per il lotto n. 3. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 26.03.2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri. 02.02.2010 Esatte: euro 14,62 per bollo; euro 7,10 per diritti. °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 3/03 promossa da BANCA ANTONIANA POPOLARE VENETA SpA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ORDINANZA DEL 04.12.2005 LOTTO 1: Immobile situato in Gerace, località Trunchi, costituito da un fondo rustico e da due fabbricati rurali, individuato in catasto al foglio n. 25, particelle: n. 160: 1/4 della piena proprietà del fabbricato rurale (mq. 290) a un piano fuori terra, di cui attualmente esistono solo le pareti in muratura di pietrame (in precarie condizioni statiche); n. 158: 1/6 della piena proprietà su di un terreno incolto, di circa 200 mq.; n. 159: 1/6 della piena proprietà su di un terreno coltivato ad uliveto, di circa 13.470 mq., sul quale insiste un rudere di ) 9.10 x 9.80 m; n. 164: 1/6 della piena proprietà su di un terreno incolto di circa 3.025 mq; n. 164 porz. BB: 1/6 della piena proprietà su di un terreno coltivato ad uliveto, di circa 1.525 mq; n. 172: 1/6 della piena proprietà su di un terreno incolto di circa 1.525 mq.; Prezzo base del lotto: Euro 9.211,70 Deposito per cauzione: Euro 921,17 Deposito per spese: Euro 1.381,76 LOTTO 2: Quota indivisa di 1/2 sulla piena proprietà di un locale adibito a bar - pasticceria - gelateria, facente parte dell'unità immobiliare a tre piani fuori terra con lastrico solare, sita in Locri, via G. Matteotti, riportato nel NCEU al foglio 27, particella 278, sub 3, Cat. C/1, cl. 4, mq. 82,00; con annessa corte, catastalmente riportata alla particella 700

A CURA DELLA

MEDIATAG

del medesimo foglio; Prezzo base del lotto: Euro 62.133,50 Deposito per cauzione: Euro 6.213,35 Deposito per spese: Euro 9.320,03 LOTTO 3: Quota indivisa di 1/2 sulla piena proprietà di un appartamento posto al primo piano (più due vani posti al piano terra),dell'unità immobiliare a tre piani fuori terra con lastrico solare, sita in Locri, via G. Matteotti, riportato nel NCEU al foglio 27, particella 278, sub 5, Cat. A/2, cl. 2, vani 7 con annessa corte, catastalmente riportata alla particella 279 del medesimo foglio; Prezzo base del lotto: Euro 113.617,50 Deposito per cauzione: Euro 11.361,75 Deposito per spese: Euro 17.042,63 LOTTO 4: Quota indivisa di 1/2 sulla piena proprietà di un appartamento posto al secondoo piano (più due vani posti al piano terra),dell'unità immobiliare a tre piani fuori terra con lastrico solare, sita in Locri, via G. Matteotti, riportato nel NCEU al foglio 27, particella 278, sub 7, Cat. A/2, cl. 2, mq. 115,30 calpestabili; Prezzo base del lotto: Euro 46.173,75 Deposito per cauzione: Euro 4.617,37 Deposito per spese: Euro 6.926,06 LOTTO 5: Quota indivisa di 1/2 sulla piena proprietà di un lastrico solare facente parte dell'unità immobiliare a tre piani fuori terra con lastrico solare, sita in Locri, via G. Matteotti, riportato nel NCEU al foglio 27, particella 278, sub 8, mq. 140 calpestabili; Prezzo base del lotto: Euro 30.138,00 Deposito per cauzione: Euro 3.013,80 Deposito per spese: Euro 4.520,70. L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all'udienza del 26.03.2010, ore 9,00, davanti a sè nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 200,00 per il 1° Lotto, Euro 1.500,00 per il 2°, Euro 2.500,00 per il 3°, Euro 1.000,00 per il 4° ed Euro 700,00 per il 5° Lotto. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 26.03.2010 ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 28 gennaio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 121/96 promossa da BANCO DI NAPOLI ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sui terreni ricadenti nel Comune di Mammola, località Sorvia, in stato di abbandono, catastalmente riportati al foglio di mappa 57, particella 322, di mq. 320, pascolo arborato, classe 1^; particella 429 di mq. 1090, uliveto, classe 2^; località Celano, catastalmente riportato al foglio di mappa 58, particella 139 di mq. 1970, uliveto classe 3^; particella 140 di mq. 810, uliveto, classe 2^, particella 179 di mq. 10.880, uliveto, classe 1^, particella 182 di mq. 30, fabbricato rurale PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.107,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 310,70 DEPOSITO PER SPESE: Euro 466,05 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sul terreno ricadente nel Comune di Mammola, località Scinà, in stato di abbandono, catastalmente riportato al foglio di mappa 48, particella 235, di mq. 2920, uliveto, classe 3^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 844,41 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 84,44 DEPOSITO PER SPESE: Euro 126,66 3° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sui terreni ricadenti nel Comune di Mammola, località Argonte, in stato di abbandono, catastalmente riportati al foglio di mappa 42, particella 13, di mq. 420, incolto produttivo, classe 2^, particella 14 di mq. 1840, incolto produttivo, classe 2^; particella 31 di mq. 1300, pascolo cespugliato, classe 1^; particella 32 di mq. 2310, bosco cespugliato, classe 4^; particella 43 di mq. 2220, pascolo arborato, classe 3^; particella 47 di mq. 580, seminativo irriguo classe 4^; particella 48 di mq. 1970, castagneto, particella 50 di mq. 4430, agrumeto, classe 2^; particella 62 di mq. 2270, bosco cespugliato, classe 4^; particella 63 di mq. 4280, bosco cespugliato, classe 4^; particella 64 di mq. 42.410, bosco cespugliato classe 4^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 5.177,48 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 517,75 DEPOSITO PER SPESE: Euro 776,62 4° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sui terreni ricadenti nel Comune di Mammola, località Arbeto, in stato di abbandono, catastalmente riportati al foglio di mappa 25, particella 141, di mq. 1930, seminativo, classe 3^; particella 200 di mq. 5080, seminativo, classe 3^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 361,52 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 36,15 DEPOSITO PER SPESE: Euro 54,23 5° LOTTO: Terreni ricadenti nel Comune di Stilo, località Cuture, catastalmente riportati alla foglio di mappa 46, particella 45 di mq. 4570, incolto produttivo; particella 104 di mq. 30440, seminativo, classe 2^, particella 105 di mq. 9040, seminativo arborato, classe 1^, particella 106 di mq. 480, seminativo, classe 3^; particella 107 di mq. 9840, uliveto, classe 3^, particella 108 di mq. 1000, bosco cespugliato, classe 2^; particella 163 di mq. 7280, seminativo, classe 3^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 38.393,41 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 3.839,34 DEPOSITO PER SPESE: Euro 5.799,01

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

6° LOTTO: Terreno ricadente nel Comune di Pazzano, catastalmente riportato al foglio di mappa 13, particella 104, di mq. 34550, uliveto, classe 1^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 54.422,94 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 5.442,29 DEPOSITO PER SPESE: Euro 8.163,44 7° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sull'unità immobiliare per civile abitazione che si sviluppa su tre piani, in stato di abbandono, sita nel Comune di Mammola, alla via Annunziata n. 46, riportata nel NCEU al foglio di mappa 46, particella 939, cat. A/4, classe 2^, vani 3 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 1.549,37 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 154,94 DEPOSITO PER SPESE: Euro 232.41 8° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano con annesso seminterrato, sita nel Comune di Pazzano, alla via XI Febbraio n. 10, riportata nel NCEU al foglio di mappa 8, particelle 159 sub 1, 160 sub 2 e 163 sub 1, cat. A/2, classe 2^, vani 5 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 38.734,27 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 3.873,43 DEPOSITO PER SPESE: Euro 5.810,14 L'incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all'udienza del 01.04.2010, ore 9,00, davanti a sè nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita,unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà; mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 154,94 per il 1° Lotto, Euro 41,32 per il 2°, Euro 258,23 per il 3°, Euro 18,08 per il 4°, Euro 1.910,89 per il 5°, Euro 2.711,40 per il 6°, Euro 77,47 per il 7° ed Euro 1.936,71 per l'8° Lotto. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 01.04.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 20 gennaio 2010 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI PAOLA Fall.to N. 685.1/2004 Avviso di vendita immobiliare all' incanto. Il Giudice Delegato ai fallimenti Dr.ssa Anna Maria Buffardo, nella procedura in epigrafe indicata, ha disposto la vendita all'incanto, in unico lotto, delle seguenti porzioni immobiliari: Lotto n. 1 terreno seminativo arborato, sito in loc. Santa Maria di Mare - Cetraro, sul quale insiste fabbricato agricolo allo stato rustico, composto da : p.t. 3 vani, 2 accessori, 2 portici; 1° piano : 2 vani, 1 accessorio, 1 terrazzo lato monte, 1 balcone lato mare. Prezzo a base d'asta : 174.000,00, oltre iva/imposta registro; Lotto n. 2 terreno uliveto;seminativo;seminativo arborato. I 3 terreni sono confinanti e tutti in zona collinare, loc.tà "Castelluzzo" - Cetraro. Prezzo a base d'asta: 13.200,00, oltre iva/imposta registro; Lotto n. 3: area di sedime fabbricato demolito, loc. "Castelluzzo" - Cetraro. Prezzo a base d'asta: 160,00, oltre iva/imposta registro La descrizione dettagliata dei cespiti, i riferimenti catastali e l'individuazione delle singole particelle e fogli di mappa, nonché i valori di stima sono contenuti nella Relazione di Consulenza tecnica depositata in Cancelleria, con allegati i certificati catastali, e redatta dall'ing. Fabio Angilica. Le porzioni immobiliari in oggetto saranno tutte cedute nel loro attuale stato di fatto e di diritto, come meglio risulta dalla perizia in atti. L'incanto avrà luogo il giorno 13.4.2010 alle ore 11,00 davanti al Giudice Delegato alle seguenti condizioni: 1) coloro i quali intendano partecipare all'incanto devono presentare o far pervenire alla Cancelleria dell'ufficio fallimentare, entro le ore 13.00 del giorno precedente quello fissato per la vendita, istanza in carta per atti giudiziari e depositare il 10% del prezzo base a titolo di cauzione ed il 20% a titolo di spese, mediante assegni circolari intestati allo stesso offerente; 2) Nel corso della gara, la misura minima dell'aumento da apportarsi alle offerte sarà di euro.1.000,00, con obbligo di primo rilancio sul prezzo base; 3) entro sessanta giorni dalla gara l'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto dedotto l'importo della cauzione già prestata, mediante assegno circolare intestato allo stesso offerente. In caso di inadempimento, il medesimo sarà dichiarato decaduto dal diritto, con perdita della cauzione a titolo di multa, salva l'eventuale condanna a pagare la differenza di cui alla seconda parte dell'art. 587 c.p.c.; 4) nello stesso termine e con le stesse modalità di cui al precedente punto, l'aggiudicatario dovrà integrare la somma preventivamente depositata a titolo di spese presuntive di vendita fino a raggiungere il 20% del prezzo di aggiudicazione, sotto pena di decadenza dall'aggiudicazione medesima ai sensi del citato art. 587 c.p.c.; 5) le spese di vendita e di cancellazione delle formalità ipotecarie, nonché le imposte e tasse, esclusa l'ICI, saranno a carico dell'acquirente; 6) il Curatore dovrà provvedere a tutti gli adempimenti relativi alla trascrizione del decreto di trasferimento e alla richiesta di cancellazione delle formalità iscritte o trascritte a carico delle unità immobiliari in oggetto. L'esecuzione delle volture catastali è rimessa invece all'iniziativa dell'acquirente. Per maggiori informazioni consultare l'ordinanza di vendita e la perizia di stima disponibili presso la Cancelleria o rivolgersi al Curatore D.ssa Daniela Calvano - Via della Libertà n. 5 - Paola - Tel. 0982/589371 anche per una eventuale visita del bene. Il Curatore (D.ssa Daniela Calvano)


28

il Domani Venerdì 05 Febbraio 2010

CULTURA E ASSOCIAZIONI L’artista, autore dell’opera, si è reso protagonista del rinnovamento del teatro di lingua tedesca

Un'immagine esterna del Teatro Politeama di Catanzaro

Disquisizione sulla carriera dell’autore di "Romolo il Grande" andato in scena al Politeama di Catanzaro

Friedrich Duerrenmatt, quando lo spettacolo diventa pura cultura di Franco Brescia

CATANZARO - «Lo spettacolo teatrale tante volte diventa pura cultura come nel caso di "Romolo il Grande" andato in scena al Politeama di Catanzaro nei giorni scorsi. L’occasione ci ha riportato in evidenza Friedrich Duerrenmatt, autore dell’opera, il quale, insieme con il connazionale Max Frisch, si è reso protagonista del rinnovamento del teatro di lingua tedesca. Ciò consentendo che, dalla fine dell’’800 fino alla prima metà del ‘900, la Svizzera producesse la più grande letteratura in lingua tedesca, proprio perché, insieme con l’Austria, vivrà per prima quelle problematiche con cui gli altri paesi si confronteranno solo successivamente.E’ l’epoca, quindi, in cui l’egemonia teatrale passa dalla Germania alla Svizzera in cui si coagula la tragicommedia dell’assurdo. In occasione di questo spettacolo andato in scena al Politeama, l’Associazione degli Amici del Politeama, avrebbe voluto soffermarsi sul grande autore svizzero con una conferenza che, invece, non ha potuto svolgere per motivi organizzativi.Neaveva,anzi,affidato già l’incarico a Maurizia Maiano, professoressa di lingua e letteratura tedesca, che vanta una lunga carriera nella qualità di

La Lega navale di Crotone, per una sera casa dell’arte, presenta un calendario di pittrici

conferenziere. La quale, pur non avendo potuto svolgerla - quella conferenzasu Durrenmatt- mi ha fatto avere, comunque, una sintesi dei contenuti che ella avrebbe trattato. Di questa sintesi, ne propongo la lettura: " Il Caos governa le vicende umane, quelle quotidiane degli uomini comuni e quelle eccezionali dei "Grandi", è così nella pièce la Visita della vecchia Signora e nella pièce Romolo il Grande, in realtà Romolo Augustolo, che di "Grande" ha solo la pacata rassegnazione, in cui si crogiola, di fronte alla consapevolezza della fine. Duerrenmatt si serve della tecnica smascheratrice di Brecht, sebbene sia, nell’apparenza, antibrechtiano. Il grande teatro di Brecht è forse il presupposto dell’analisi spietata che Duerrennmatt fa della realtà? Una realtà che non ha bisogno di tecniche di estraneamento per essere interpretata e trasformata in quanto estraniante essa stessa. Sono i personaggi di Duerrenmatt che riescono a guardare con lucidità e distacco la realtà. Brecht aveva dimenticato che il mondo, o meglio, la società, non è composta da robots ma da uomini. Cosa resta da fare se non guardare, con consapevole e a volte drammatica, a volte velata ironia

CROTONE - La Lega navale di Crotone per una sera si trasforma in casa dell’arte. Ed è un successo di pubblico. La magia del mare, la suggestionedelle opere d’arte di 12 pittrici crotonesi e la musica dell’Ensemble Bach e dei "Diesis" hanno fatto da sfondo alla presentazione del calendario 2010 delle artiste della Provincia di Crotone. L’iniziativa, promossa dalla Lni di Crotone, dall’assessorato provinciale alla Cultura e dalla Consigliera di Parità dell’ente intermedio, Rossella Vincelli, si è svolta nei giorni scorsi, nella sede della Lni di Crotone. In calendario 12 interessanti pre-

Friedrich Duerrenmatt

«Alla fine dell’’800, la Svizzera produsse la più grande letteratura in lingua tedesca, proprio perché, insieme con l’Austria, visse per prima quelle problematiche»

senze del nostro panorama artistico figurativo: Berenice Russo Amoruso, Patrizia Bisceglie, Dorotea Li Causi, Giusy Chiaravalloti, Maria Gabriella Frustaci, Maria Grazia Galea, Teresa Grotteria, Liliana Lamanna, Anna Rita Libonati, Rossella Lucà, Daniela Massara e Giuseppina Spadaro. Le opere delle artiste sono state, inoltre, allestite in una mostra visitabile fino ad oggi. Nel calendario, distribuito agli intervenuti, per ogni mese, ad accompagnare le pitture ci sono anche i versi più belli della poetessa Alda Merini."Questa è la prima uscita pubblica della Lni di Croto-

se stessi e il mondo che, invano, attende di essere cambiato? I suoi eroi non mancano mai di coerenza nella loro volontà di accettare l’assurdo esistenziale. Romolo Augustolo è l’ultimo imperatore romano e merita l’epiteto "il Grande" perché regna senza l’ambizione della potenza. Pigro, grossolano si è votato per motivi pratici alla pollicoltura ed i suoi polli portano tutti il nome di imperatori: Augusto, Domiziano, Tiberio, Caracalla, Giulio Nepote, tutti buoni da fare in pentola. E mentre Romolo appare impassibile di fronte ai fatti che stanno sconvolgendo l’impero, Giulia, sua moglie e Zenone, l’Imperatore d’Oriente, se ne preoccupano vivamente. Essi vedono nella causadellacadutadell’Impero,di fronte all’avanzata dei Germani, una ragione prima di tutto di carattere spirituale che vuol dire dubitare dei propri valori morali e del significato essenziale del proprio compito. E’ la fede che deve essere recuperata,la fede dei grandi imperatori del passato. Come salvare l’impero? Come per ogni ditta di gran rispetto, ci sono sempre degli ottimi compratori, anche se gente rozza. Cesare Rupf è un fabbricatore di calzoni, ma i soldi risolvono tutto. Odoacre sgombrerà l’Italia se riceverà

ne nella sua nuova sede - ha sottolineato il presidente della Lega navale di Crotone, Giovanni Pugliese". Nel corso dell’evento si sono esibiti l’Ensemble Bach, composta Domenico Scicchitano, Martina Maiorano, Francesca Sestito, Matteo D’Auria e Ferdinando Sestito, diretta dal maestro Luca Campana, e i "Diesis", giovane band crotonese di cui fanno parte Alessandro e Stefano Scola, Francesco Franco, Manlio Palmieri ed Ennio Pezziniti, produttore Procolo Guida. Le opere delle artiste sono state recensite dal critico d’arte Antonio Sfortuniano.

dieci milioni. L’imprenditore vorrà in cambio la figlia dell’imperatore, cosa a cui Romolo si oppone, la grandezza di un Impero non può fondarsi sulla rinuncia alla libertà personale. Degna di particolare attenzione appare la riflessione di Romolo che rivolgendosi alla figlia, pronta a sacrificarsi ed a sposare Rupf, dirà che non bisogna amare la patria più di ogni altra cosa al mondo, anzi della Patria bisogna sempre diffidare perché a nessuno riesce così facile uccidere come alla patria. Il finale è tutto a sorpresa, Odoacre e Romolo scoprono di avere gli stessi interessi ed Odoacre non è venuto per uccidere Romolo, ma per chiedergli di governare insieme e salvare l’impero dalla sanguinosagrandezzadiTeodorico. Romolo vorrebbe che Odoacre mettesse fine alla sua vita. Odoacre non se la sente, ama Romolo e cerca di fargli capire che la sua morte sarebbe soltanto assurda, il nemico è nonostante tutto un essere umano e vuole agire secondo giustizia, gli concederà una pensione, è l’unica soluzione. Per quest’ultimoquesta è la situazione più penosa che gli possa capitare. Odoacre da parte sua vive anche un terribile momento: dovrà uccidere il nipote Teodorico ed è Romolo che lo fa riflettere. Uccidere Teodorico significa farne nascere altri cento, sangue e vendetta non potranno che portare sangue e vendetta. Il popolo vuole avere la sua epoca eroica e non si può fare nulla per impedirlo. I destini dei due imperatori sembrano ricongiungersi nella coscienza della fine. Uno vorrebbe liberarsi del suo passato e l’altro del suo futuro. L’unica soluzione è quella di donare pace ai Germani ed ai Romani, anni che saranno dimenticati perché privi di eroismo, ma anche i più felici in questo mondo tormentato. Alla fine, tanto, Teodorico ucciderà entrambi, non potrà sopportare di essersi dovuto inginocchiare davanti a Romolo. Soluzioni non ce ne sono, dobbiamo solo far finta che ce ne siano. Il mondo sarà sempre uguale a se stesso, un impero si sostituirà ad un altro, un imperatore ad un altro, cambierà nel nome e nella forma ma non nella sua essenza».

Le artiste del calendario


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI Sabato 20 febbraio 2010, alle 17.30, presso la sala convegni del Museo storico militare, si terrà l’iniziativa organizzata dal Rotary Club "Catanzaro Tre Colli", presieduto da Vincenzo Maiellare

“150 anni dopo: Occupazione? Unità?”, convegno a Catanzaro CATANZARO - Sabato 20 febbraio 2010, alle 17.30, presso la sala convegni del Museo Storico Militare (Musmi) di Catanzaro, il Rotary Club "Catanzaro Tre Colli", presieduto dal dott. Vincenzo Maiellare, organizza un convegno dal titolo: "150 anni dopo: Unità? Occupazione?". Promotore dell’iniziativa è il Dr. Nicola Bagetta, socio del Club service, ginecologo di professione, appassionato di Storia del Regno delle Due Sicilie e moderatore dell’evento; egli ha già organizzato e relazionato in un precedente convegno, tenuto sempre dal Rotary Club Catanzaro Tre Colli e svoltosi nel Dicembre 2007, in occasione del bicentenario della nascita di Garibaldi, intitolato: "La memoria cancellata: Brigantaggio o guerra di Resistenza?". L’introduzione dei lavori sarà curata dal Prof. Gaetano Reina, Preside emerito, nonché grande conoscitore dei fatti che riguardano il meridionalismo. Le relazioni, di taglio squisitamente storico, saranno affidate ai

SIMERI CRICHI - Nei giorni scorsi, in seconda convocazione,presso il centro sociale, si è svolta l’assemblea ordinaria dei soci dell’Avis di Simeri Crichi. La sala era gremita di circa 100 partecipanti tra soci, collaboratori e ospiti. In rappresentanza dell’Avis Provinciale vi ha presenziato il vice presidente dott. Giuseppe Valea. Il presidente Antonio Folino ha illustrato la relazione associativa in cui ha descritto la positiva attività donazionaledel2009,raccogliendo 363 unità di sangue, dei quali 28 in aferesi presso il centro trasfusionale e 335 durante le 8 giornate di raccolta organizzate in tre punti: Simeri Crichi, Sellia Superiore e Simeri Mare. Il numero dei soci donatori attivi è in continuo aumento, soprattutto tra i giovani, importante per il ricambio generazionale. Sono state poi esposte le relazioni della Commissione Verifica Poteri, dei Revisori dei Conti, e del tesoriere per il bilancio consuntivo 2009 e preventivo 2010. Dopo alcuni interventi di elogio dei presenti e del vice presidente provinciale dott. Giuseppe Valea, tutte le relazioni sono state approvate all’unanimità dall’Assemblea. Nella relazione associativa il presidente ha illustrato le attività svolte durante l’anno: il 13 giugno giornata del donatore, durante il quale si è svolto un convegno sulle donazioni di plasma-aferesi, il

noti Prof. Antonio Carvello, già docente di Storia Economica presso l’Università di Catanzaro, il Prof. Ulderico Nisticò, stimatissimo e profondo conoscitore della materia nonché autore di diverse ed apprezzate pubblicazioni riguardanti fatti e personaggi della Storia della nostra terra calabrese. Altro relatore, ospite di grande prestigio nazionale, nonché affermato scrittore di saggi inerenti il tema trattato dal Convegno, sarà il Dr. Gigi Di Fiore, Inviato Speciale del quotidiano"Il Mattino"di Napoli. Nessuna valutazione e/o lettura in chiave politica, quale obiettivo del convegno, né tantomeno dubbi sulla validità dell’attuale assetto istituzionale della Repubblica Italiana. Ciò che si tenterà di apportare, con le relazioni affidate agli esperti, è un contributo di ulteriore conoscenza sul processo dell’Unità d’Italia. Se detto processo fu veramente voluto oppure imposto, con la violenza, alle popolazioni meridionali; ma, soprattutto, se quel

Nei giorni scorsi il presidente Antonio Folino ha illustrato la relazione in cui ha descritto la positiva attività donazionale del 2009

Promotore dell’iniziativa è Nicola Bagetta, socio del club service, ginecologo, appassionato di Storia del Regno delle Due Sicilie e moderatore dell’evento processo, che va sotto il nome di Risorgimento,comportòilsacrificio e la sottomissione,negati dalla storiografia ufficiale per circa un secolo e mezzo, del Popolo Meridionale a vantaggio di chi lo aveva promosso e sostenuto. Si tenterà, se possibile, di far luce su fatti e misfatti di detto periodo storico, che ebbe inizio il 17 Marzo 1861 e che il prossimo anno compirà un secolo e mezzo. Potrà essere importante cercare di capire, eventualmente, le cause dei mali e dell’arretratezza dai quali è afflitto il nostro territorio, e se dette cause possano aver avuto un’origine militar-colonialistica, piuttosto che una diversità etnico-culturale, come da alcuni negli ultimi anni paventato."

cui relatore è stato il dott. Giovanni Guastella del centro trasfusionale di Catanzaro, in serata è stata organizzata la seconda gara podistica "stracrichi" con una grande partecipazione di atleti e della cittadinanza. Nel mese di agosto l’Avis ha collaborato con l’associazioneculturale sperimentale di Simeri all’organizzazione del concorso

canoro regionale "Cantando sotto le Stelle". Il 28 settembre è partito il servizio civile in Avis dove la sezione conta su due volontari. Infine come ormai da alcuni anni si è collaborato con Telethon per la raccolta fondi 2009 per la ricerca sulle malattie genetiche, nell’occasionesi ringrazia l’Istituto Comprensivo di Simeri Crichi e la cittadinanza che hanno collaborato a raggiungere la somma di 700 .A conclusione sono state consegnate le benemerenze, terminando con un rinfresco offerto a tutti i partecipanti. Il presidente ringrazia tutte le donatrici e i donatori, il consiglio direttivo, tecnici e medici e l’Amministrazione Comunale per la collaborazione.

Il numero dei soci donatori attivi è in continuo aumento, soprattutto tra i giovani. Un dato importante, oltre che soddisfacente, per il ricambio generazionale

Sono state, inoltre, esposte le relazioni della Commissione verifica poteri, dei revisori dei conti, e del tesoriere per il bilancio consuntivo 2009 e preventivo 2010

Simeri Crichi, i soci dell’Avis in assemblea ordinaria

Il pubblico presente

Un momento dell'iniziativa


Venerdì 05 Febbraio 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI A Parigi la presentazione della XVI edizione dell’iniziativa dedicata alla cantante di Bagnara Calabra

“Premio Mia Martini” Un premio dedicato alla narrativa e alla saggistica nella Città dei Tre Colli • BAGNARA C. (Cs) "PremioMia Martini" Nei prossimi giorni a Parigi conferenza stampa di presentazione della 16 edizione del Premio Mia Martini. Da Bagnara Calabra, quartier generale del prestigioso Premio, in questi giorni stanno giungendo notizie di grande fermento e di incessanteattività. Tutto in funzione dell’organizzazione della prossima edizione del rinomato evento, che anno dopo anno acquista una rilevanza sempre più importante per il pubblico e gli addetti ai lavori. Ad ascoltare le aspiranti “Nuove Proposte per l’Europa” nei prossimi mesi, sarà una commissione artistica nominata direttamente dal patron Nino Romeo, composta dall’eccellente musicista Mario Rosini (presidente della commissione),dall’ormaistoricogiornalistamusicaleAndreaDirenzo(coordinatoredella commissione), da Giovanna Gilda Severino e dalla già preannunciata vocalist deiMatiaBazar,RobertaFaccani,dasubito entusiasta di far parte della grande famigliadel Premio Mia Martini. Infatti, sia il patron che la responsabile organizzativa Silvana Bonadonna sono sicuri che la preziosa esperienza di un’artista del calibro della Faccani apporterà un grandissimo valore alla nuova edizione e a tutti i giovani artisti. La responsabile organizzativa Silvana Bonadonna, come nel suo stile, non svela nulla di ciò che saranno le sorprese della prossima edizione; preannuncia, però, che nel corso della conferenza stampa di Parigi saranno rese note le novitàchevedrannoprotagonistile“Nuove Proposte per l’Europa”. Il Premio Mia Martini è patrocinato dalla Regione Calabria,dall’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e Calabria e dal Comune di Bagnara Calabra. Adesso tocca a te! in palio il tuo sogno. • CATANZARO Laboratoriodi musica E’attivo,ognimartedìdalleore16,00alle ore 18,00, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, il Laboratorio sperimentale di musica moderna . Gli appuntamenti rientrano nelle attività culturali 2009/10 dell’Agenzia Regionale Diritto allo Studio Universitario Ardis di Catanzaro e sono indirizzati agli allievi iscritti all’Accademia de Belle Arti di Catanzaro, dell’Università della Magna Grecia e del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia, promossi e organizzati dall’Associazione "Promocultura" presieduta dal M° Tommaso Rotella. I laboratori prevedono una serie di incontri di formazione musicale di canto moderno tenuti dalla Prof. ssa Velia Ricciardi e di chitarra e basso elettrico tenuti dal M° Vittorio Accorinti. • CATANZARO Premio Vivarium L’Associazioneculturale“Accademiadei Bronzi”, in collaborazione con le Edizioni Ursini di Catanzaro e Radio Squillace, promuove e organizza la 2ª edizione del premio “Vivarium”di poesia, saggistica e narrativa. La partecipazione è gratuita e il montepremi totale è di

6.000euro.AllasezioneA,dedicataaS.S. Giovanni Paolo II, si partecipa inviando trepoesieinediteinlinguaitaliana,contenute nei 35 versi, di cui almeno una a tema religioso o ispirata ad argomenti di carattere sociale.Alla sezione B, dedicata a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro (Squillace,490circa–MonasterodiVivarium 583 circa), si partecipa con un saggioineditodiargomentoreligioso,storico o sociale, oppure con un testo inedito di narrativa (romanzo o racconti). I lavori non dovranno superare le 200 cartelle dattiloscritteformato A4. Gli elaborati dovranno essere spediti in duplice copia, con firma ed indirizzo dell’autore,entroil31marzo2010,unitamente alla scheda di partecipazione che potrà essere scaricata dal sito www.ursiniedizioni.it o richiesta via fax al n. 0961.782980. L’invio dei testi dovrà avvenire solo con posta prioritaria, intestando il plico a “Nuova Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia 26 – 88100 Catanzaro. Per eventuali informazioni scrivere a premiovivarium@gmail.com. • CATANZARO Mostra di Antoni Tàpies A una settimana dall’inaugurazione, al Museo Marca è stata inaugurata nella giornata la mostra di Antoni Tàpies, figura centrale nella storiadell’arte contemporanea internazionale, che potrà essere visitatefinoal15marzo. Cinquantaleopereesposteneglispazidel Marca, un gruppo di lavori monumentali, in gran partemai visti in Italia, focalizzati sull’indagine degli ultimi tredecenni: dipinti, sculture, muri, disegni, composizioni grafiche e libri illustrati provenienti da importanti collezioni pubbliche e private italiane e straniere, a testimoniare la straordinaria vitalità dell’artista e l’attualità di una ricerca che ha attraversato tutta l’arte del dopoguerra ponendosi come elemento di costanteautocoscienza. All’inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, Juan Manuel Bonet uno dei maggiori esperti internazionali di Antoni Tàpies,storicoe criticod’artecheharicoperto importanti incarichi come la direzionedell’Ivam di Valencia e del Reina Sofia di Madrid. Numerosi sono statii segnalidi un interessamentoe di un forte consenso a questa nuova iniziativa del Marca. Dagli articoli già apparsi su diverse riviste nazionali come Dove e Inside ai ripetuti contatti già avviati dalle maggioritestate italiane. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol,AmiciDell’OperaLirica"JussiBjorling" presenta il programma 2009/2010: 13 febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor", presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 febbraio 2010 , concerto in ricordo del Maestro Florida Cilurzo, presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" presso Circolo Unione ore 17.30; 22 maggio 2010, 2° incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro"

presso Circolo Unione ore 17.30. • CATANZARO Festival di Pontegrande L’Emmeti associazione comunica che si terrà giorno 17 aprile 2010, la VIII edizione del festival canoro di Pontegrande. Quest’annolamanifestazionesisvolgerà presso l’auditorium "Casalinuovo". La quotadi iscrizioneè di euro40,00.Come ogni anno, ad ogni partecipantesarà fornito un dvd del festival e n. 2 fotografie (a scelta). Leiscrizionidovrannopervenire,improrogabilmente, entro e non oltre, il 31 marzo 2010. Al vincitore verrà consegnato il trofeo del festival di Pontegrande. Inoltre, i primi tre classificati parteciperanno di diritto alle semifinali nazionalidelfestivalestivo2010organizzato dall’Asi di Piombino. Per il modulo d’iscrizione, il regolamento ed ulteriori informazioni rivolgersi ai seguenti numeri: 333/3926440 - 328/8103948 334/5825185. • CHIARAVALLE Stagione teatrale L’associazione culturale Tempo Nuovo presenta la stagione teatrale 2010. sabato 6 febbraio , "Rumori fuori scena" di Michael Frayn; regia di Claudio Rombolà con la Compagnia del Grillo; sabato 27 febbraio, "Prova d’attore" da Cechov e Pirandello; regia di Remo Girone conRemoGirone;sabato13marzo,"La guerra spiegata ai poveri" di Ennio Flaiano; regia di Francesco Frangipane con Massimiliano Benvenuto, Vanessa Scalera; venerdì 19 marzo, "Vogliamoci tanto bene" testo e regia di Carlo Buccirosso, con Carlo Buccirosso, Maria del Monte;domenica28 marzo , "Roma ore 11" di Elio Petri; regia di Anna Damiani conManuelaMandracchia,Mariàngeles Torres; sabato 17aprile, "Il rompiballe", di Francis Veber; regia di Franco Procopio con la Compagnia Tempo Nuovo.

• LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa ProgrammaTeatrocomunalePoliteama di Lamezia Terme, stagione di prosa 2009/2010, direzione artistica Angela DalPiaz:sabato6,domenica7febbraio 201 0, artisti riuniti, Il giuoco delle parti, di Luigi Pirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante,FrancoRavera,FerruccioFerrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò, regia Elisabetta Courir. giovedì 18, venerdì 19 febbraio 2010, il teatroEliseo-ArcaAzzurrateatro-Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini - Comunedi San Casciano Val di Pesa,LeconversazionidiAnnaK,liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti, Giuliana Colzi, Lucia Socci, Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini, scene Daniele

Spisa, costumi Giuliana Colzi, luci Marco Messeri, musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti, testoeregiaUgoChiti;sabato27,domenica 28 febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi, e con SilvanaDeSantisealtri4attori,sceneAlessandroChiti,musicheDanieleD’Angelo, luci Luigi Ascione, costumi Maria Rosaria Donadio, regia Francesco Tavassi. • LOCRI (Rc) "Locri Fest Jazz" Sei spettacoli, sei serate di grande jazz.La città di Locri ospita, presso la Tenuta Il Palazzo , il primo "Locri Fest Jazz", un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Francesco Macrì . Programma: Alex Riel & Quartet che si esibiranno il 16 febbraio a partire dalle ore 18.30. Seguiranno nell’ordine Joey Calderazzo & Quartet il 28 febbraio , inizio ore 20.30. Il 5 marzo , sempre alle 20.30, sarà la volta di Greg Osby & Quartet. Il quarto spettacolo vedrà, il 25 marzo alle 20.30, l’esibizione di Gary Thomas & Quartet. Gli appuntamenti si concluderanno con l’esibizione di Maria Neckam &Quintetil3aprilealleore20.30edinfine, l’11 aprile sarà la volta di Eddie Gomez Trio". Tra le novità del festival l’abbinamento tra la musica e la gastronomia come ha sottolineato l’avvocato Nicola Capogreco, il quale ha precisato che ad ogni spettacolo è previsto, all’interno del costo del biglietto, la degustazionediunpiattoimportantedialtacucina accompagnato da un ottimo vino, tranne che per la prima serata che, iniziando alle ore 18.30, si prevede l’accompagnamento con un aperitivo originale.Ilcostopersingolospettacoloè dieuro20,00,mentrel’abbonamentocosta 90,00 euro.I biglietti e gli abbonamenti di possono prenotare ed acquistarepressol’ufficiostaffdelsindacodiLocri, posto al primo piano del Palazzo di Città. E’ gradita la prenotazionein quanto è previsto un limite ai posti a sedere, comprensivi dei tavoli dove gustare le raffinatezze gastronomiche.Per gli organi di stampa è gradita la richiesta di accredito sempre presso l’ufficio staff del sindaco di Locri.

• REGGIO CALABRIA Reggio Film Fest Il Reggio Calabria Film Fest aprirà mercoledì 3 febbraio 2010, con l’anteprima mondiale del nuovo film di Kevin Spacey, la commedia "Father of invention" con la regia di Trent Cooper. La sesta edizione del festival voluto dal Comune di Reggio Calabria ed organizzato dalla Minerva Pictures, diretta da Gianluca Curti, si terrà dal 3 al 6 febbraio 2010 .

• SOVERATO (Cz) "Incontriamocia teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Di seguito il programmacompleto delle due rassegne: 5 febbraio ,“L’ebreo”conOrnellaMutiePinoQuartullo,ore21.00;11febbraio,“Fioredicatus” con Eleonora Giorgi, ore 21.00; 22 febbraio , “Vogliamoci tanto bene” con Carlo Buccirosso, ore21.00; 3 marzo , “Dal Derby al Nuovo” con TeoTeocoli, ore 21.00; 12 marzo , “Le Nozze diFigaro” di Gregorio Calabretta, ore 21.00; 19 marzo , “Ciak si suona” del Classic MoviesQuartetconKatiaRicciarelli,ore 21.00. Primi passi a teatro: 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30; 13 febbraio , Odissea, ore 18.30; 13marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il magodi OZ, ore 18.30.

• VIBO VALENTIA Seminario sul cinema Il Sistema Bibliotecario Vibonese presentaL’Itala,ilCinematografoAutobiografiadiunanazione:1861-2010,seminario di storia e critica del cinema. Il seminario, che prevede la proiezione di 10 film, oltre a 11 sedute, avrà la durata di 4 mesi,finoagiugno.L’inizioèfissatoper il giorno 12 febbraio , quando, alle ore 16.00, si terrà il primo incontro e, alle ore 20.30, verrà proiettato Il Gattopardo di Luchino Visconti. Gli altri film proiettati saranno: La grande guerra di Mario Monicelli, Roma città aperta di Roberto Rossellini, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi, I pugni in tasca di Marco Bellocchio, Todo modo di Elio Petri, Bianca diNanniMoretti,L’uomoin piùdiPaolo Sorrentino, Biutiful cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero. Le proiezioni avranno luogo nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 13 febbraio, alle ore 15.00; il 15 febbraio, alle ore 21.00; il 26 marzo, alle ore 21.00; il 27 marzo, alle 18.00; il 29 marzo, alle 21.00; il 29 aprile, alle ore 21.00; il 30 aprile, alle ore 21.00; il 3 maggio, alle 21.00; il 14 maggio, alle ore 21.00. Gli altri incontri sono invece previsti nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 15 febbraio, alle ore 16.00; il 16 febbraio, alle ore 16.00; il 26 marzo, alle ore 16.00; il 29 marzo, alle ore 16.00; il 30 marzo,alleore18.00;il30aprile,alleore 16.00; il 3 maggio, alle ore 16.00; il 4 maggio, alle ore 18.00; il 15 maggio, alle ore 21.00; il 17 maggio alle ore 17.00. Tutte le sedute avranno come relatore Antonio Tricomi,fatta eccezioneper l’ultima,chevedràl’interventodellosceneggiatore cinematografico e televisivo LeonardoMarini.Ilseminarioèapertoatutti. Ledomandediammissionealseminario dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2010 alla segreteria del seminario di storia e critica del cinema, Sistema BibliotecarioVibonese,ViaAbatePignatari89900, Vibo Valentia. La partecipazione al seminarioè gratuita.


il domani  

Edizione del 05 Febbraio 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you