Issuu on Google+

Giovedì 04 Novembre 2010

Anno XIII - Numero 303

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

L’INDAGINE

SINDACATI

Oltre 238 milioni di euro per i danni legati alle emergenze idrogeologiche

FOCUS

Susanna Camusso succede ad Epifani alla guida della Cgil

a pag » 6

Artigiani: ripresa al rallentatore Il 70% del saldo è nelle costruzioni a pag » 27

a pag » 28

Reazioni discordanti dopo gli ultimi scandali del premier. La Napoli: «Le colleghe del Pdl omertose di fronte all’offesa della loro dignità»

Silvio divide le calabresi del centrodestra La Santelli: «Le sono sfuggiti i commenti» e attacca: «Procure e giornali disposti a tutto pur di combattere Berlusconi» IL COMMENTO

Bufale, veleni e campagne contro il Paese

Continua l’ondata di polemiche dopo la vicenda di Ruby. La Napoli parla di possibili trame legate alla criminalità organizzata e attacca le donne del Pdl, giudicate troppo tolleranti. Insorge la Santelli, che se la prende con il complotto. di Alessandro Caruso a pag » 4

VERSACE E LA MODA NEL TEATRO

Otto sbarchi di immigrati e un morto in due mesi

di Daniele Capezzone portavoce nazionale Pdl

Conosco Silvio Berlusconi come un uomo profondamente, intimamente rispettoso di ogni persona, e quindi di ogni identità, orientamento e preferenza affettiva e sessuale. E’ il suo Governo che, con il ministro Carfagna, ha messo in campo una importante campagna contro l’omofobia, mai realizzata prima. Sono convinto che non si possa giudicare il premier per una sola parola, in giorni nei quali è sottoposto a pressioni e attacchi di ogni tipo. So per certo che pensieri e sentimenti irrispettosi, offensivi, o peggio ancora discriminatori, sono lontanissimi da lui. Per il resto, come dimostra la bufala del cosiddetto “caso” Ruby, la fabbrica dei veleni antiberlusconiani lavora sempre nello stesso modo, senza preoccuparsi di fare danni al Paese.

L’ALLARME

Inaugurata la mostra nel segno di Gianni Versace ROMA - Roma celebra la moda ed il teatro e con essi la magia creativa di Gianni Versace e l’intuito dell’onorevole Santo Versace, ispiratore dell’evento. La manifestazione, promossa da Altaroma, dai Musei Mazzucchelli di Brescia e dalla Fondazione Roma, è stata inaugurata ieri l’altro dal Presidente Emmanuele Emanuele, che ha ospitato l’evento presso il Museo del Corso. a pag » 18

CROTONE - Otto sbarchi di immigrati sulla costa ionica con un morto durante uno dei viaggi della speranza. E’ questo il bilancio degli ultimi due mesi sul fenomeno dell’immigrazione clandestina in Calabria che appare in netta ripresa rispetto agli anni scorsi. L’ultimo episodio si è verificato nei giorni scorsi a Crotone dove una imbarcazione si è arenata sulla spiaggia del centro abitato. A bordo del natante c’erano cinquanta immigrati di diverse nazionalità che sono stati soccorsi dai carabinieri e dalla polizia che hanno prestato loro assistenza. Gli immigrati sono stati poi accompagnati nel centro di Isola Capo Rizzuto per essere sentiti dagli investigatori. Gli sbarchi hanno assunto anche una periodicità temporale. a pag » 7

REGGIO CALABRIA Il maltempo devasta Gioia Tauro, in centinaia dormono fuori casa a pag » 10

CATANZARO Giovane ferito davanti il centro sociale, controlli nelle case di estremisti di destra a pag » 15

COSENZA Una proposta di legge per liberare i comuni invasi dall’amianto a pag » 13

L’INTERVENTO

Continuano a restare al palo i consumi alimentari di Giuseppe Politi presidente nazionale Cia

Prezzi sui campi sempre in netta caduta (meno 16 per cento negli ultimi due anni), listini sugli scaffali in crescita (più 0,6 per cento tendenziale rispetto allo 0,4 per cento di settembre) e ancora troppo cari. E i consumi alimentari continuano a restare al palo. Il settore agricolo ha continuato a dare un concreto supporto al rallentamento del trend inflazionistico. Un contributo che, tuttavia, gli agricoltori pagano in molto pesante. Il crollo dei prezzi all’origine e il vertiginoso aumento dei costi produttivi, contributivi e burocratici (che, oltretutto hanno subito un’ulteriore impennata con la fine della fiscalizzazione degli oneri sociali e dell’abolizione del "bonus gasolio" per le serre) stanno alimentando un nuovo taglio dei redditi che già nello scorso sono scesi di circa il 21 per cento. Un uguale andamento, però, non si è ancora registrato nei vari passaggi della filiera e, di conseguenza, i prodotti alimentari non segnano, al dettaglio, una reale diminuzione. Anzi, a ottobre - come rileva l’Istat - hanno segnato una ripresa (più 0,3 per cento rispetto a settembre scorso), anche se non vistosa come quella degli anni scorsi. Da aggiungere che i listini al consumo di alcuni prodotti restano su livelli ancora alti, mentre per altri ci sono rincari che appaiono totalmente ingiustificati. Per questa ragione la Cia ribadisce l’esigenza di rapporti sempre più stretti e di accordi nella filiera e l’importanza di una maggiore trasparenza nei processi di formazione dei prezzi dal campo alla tavola, per poter così contrastare rincari artificiosi e non giustificati e manovre speculative.


2

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA RIFLESSIONE Investire in sicurezza del territorio di Giuseppe Candido

L’emergenza frane torna ogni anno tragicamente d’attualità per i morti, le disgrazie e le ferite che provoca. A Massa tre vittime in poche ore: una mamma di soli 39 anni e il figlio sono stati travolti e uccisi dal fango che si è abbattuto sulla loro casa. Poche ore dopo un camionista è rimasto travolto sotto i detriti. Mentre scriviamo il maltempo si è spostato al sud e in Calabria. Piove a dirotto e le fiumare crescono, s’ingrossano spaventosamente solo come quelle calabresi sono in grado di fare per la loro irta pendenza, i terreni argillosi e le coltri detritiche ricoprenti il territorio calabrese si saturano velocemente. Non si vuole fare catastrofismo ma è necessario prenderne atto: piogge intense e concentrate ormai non sono più una straordinarietà ma una tipologia "normale" di eventi meteorici caratteristici di una regione e che, sistematicamente, causano frane e alluvioni. Uno "sfasciume pendulo sul

mare" definiva Giustino Fortunato l’Appennino. E se su tante cose l’Italia a 150 anni dalla sua unità è ancora divisa, sul problema del dissesto idrogeologico è unita da una continuità geomorfologica e di numeri. Numeri che fanno impressione quasi come la pioggia battente che ingrossa le fiumare. Quasi 470.000 le frane censite in Italia, per un totale di circa 20.000 chilometri quadrati. Un indice di franosità che raggiunge l’8,9% del territorio nazionale se si escludono le aree in pianura. Un Paese dove più dell’ottanta percento dei comuni ha almeno un’area instabile all’interno del suo territorio per frana o rischio alluvioni. Percentuale che in Calabria sale al 100%. Un numero così elevato di fenomeni franosi che è legato principalmente all’assetto morfologico del nostro paese, per circa il 75% costituito da territorio montano - collinare e alle caratteristiche meccaniche delle rocce affioranti. Un proble-

DAL PARLAMENTO

di Andrea Orlando*

Privacy, censura e limitazione delle indagini L’annuncio di una ripresa dell’offensiva del premier sulle intercettazioni è doppiamente preoccupante. Preoccupa l’ennesimo tentativo di fare leggi, al di là del loro contenuto, per risolvere i problemi, gravi, che lo riguardano personalmente. Preoccupa il merito, e cioè, stando alle dichiarazioni, la decisione di affrontare il tema della tutela della privacy con la censura e con la limitazione delle indagini. E’, inoltre, molto significativo il fatto che tra i reati non soggetti a limitazione nell’utilizzo di questo fondamentale strumento di indagine non rientri la corruzione. Che poi il capo di un partito che richiama il concetto di libertà nel proprio nome pensi di affrontare il tema della diffusione illecita delle intercettazioni chiudendo i giornali, la dice lunga sul singolare concetto di libertà che gli è proprio. Soltanto ipotizzare sanzioni di questo tipo fa tornare il nostro Paese a stagionioscure etragiche. In questi propositi c’è una ragione in più per chiedere che questo governo ed il suo capo si facciano da parte. *Forum Giustizia Pd

ma che avrebbe meritato prevenzione e che invece è stato incrementato nei decenni da costruzioni abusive e regole urbanistiche violate e non rispettate talvolta dalle stesse pubbliche amministrazioni che avrebbero il compito di "governare" i fenomeni del territorio. Il ruolo svolto dall’uomo che si è insediato ovunque anche dove era poco consigliabile, sulle frane e lungo i corsi d’acqua, è complice con quello di una politica che non si è pre-occupata dei problemi. La mappatura effettuata dal Cresmel del 2009 fornisce un’altro dato interessante (e preoccupante) derivante dalla semplice sovrapposizione delle carte del rischio frana o alluvione elaborate nei PAI, piani per l’assetto idrogeologico regionali, e le carte riportanti strutture pubbliche, scuole e ospedali. Sono ben 3.458 le strutture scolastiche costruite in zone ad alto rischio idrogeologico; 89 gli ospedali. Negli ultimi 50 anni le vittime per solo per frane ammontano a 2.552, più di 4 vittime al mese. È a questo tragico elenco che si aggiungono, giorno dopo giorni, nuove vittime dell’incuria del territorio. Un intero paesino è come se fosse stato cancellato dall’Italia. Una strage o, se preferiamo, un serial killer. Dal dissesto idrogeologico alla gestione emergenziale e criminogena del ciclo dei rifiuti l’Italia è il Paese che paga un prezzo altissimo in termini di vite umane per la non applicazione delle leggi. C’è da chiedersi se nel caos dello Stato che non è più di diritto, la gestione emergenziale di un problema atavico e persistente non convenga e, soprattutto, a chi convenga. Appalti, lavori, progettazioni date in deroga alle leggi vigenti sui lavori pubblici. E se è vero che il fabbisogno del Paese per il risanamento di queste situazioni di rischio ammonterebbe a circa 4 miliardi di euro, quanto cioè sono i soldi per costruire il Ponte sullo stretto, perché non si indicano quali sono davvero le priorità di questo Paese compiendo una scelta di responsabilità per tutte le vittime del dissesto idrogeologico? Perché non si assume un geologo in ogni comune che presenta rischi idrogeologici e o sismici? Non sarebbe questo forse un modo d’investire in sicurezza producendo nuova e vera green economy?


4

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

PRIMO PIANO

Rubygate, la Napoli alle donne del Pdl: omertose

di Alessandro Caruso ROMA - Un nuovo possibile colpo di scena si apre sul caso Ruby. Per opera delle dichiarazioni della parlamentare calabrese Angela Napoli, che non ha escluso un ruolo della criminalità organizzata in questa vicenda: «Trovo la scelta delle Procure corretta perché potrebbe senz’altro essere giusto capire se Ruby, maggiorenne da qualche giorno, è

frutto di quella tratta dietro cui normalmente c’è la mano della criminalità organizzata», così ha dichiarato ieri la Napoli intervistata da Klaus Davi nella sua trasmissione radiofonica. E lo ha detto nelle sue vesti ufficiali di membro della commissione Antimafia e in qualità di responsabile giustizia di Futuro e libertà. Ma c’è dell’altro. Un’ulteriore stoccata l’ha lanciata nei confronti delle donne del Pdl, scatenando la reazione stizzita della

La Napoli: «Bisogna capire se Ruby, maggiorenne da qualche giorno, è frutto di quella tratta dietro cui normalmente c’è la mano della criminalità organizzata»

collega, e corregionale, Jole Santelli: «Se continuassero a tacere, sarebbe calpestata anche la loro dignità di donne. Le parlamentari Pdl non possono continuare a far finta di nulla di fronte all’umiliazione che stanno subendo le donne con il caso Ruby - ha detto la Napoli -. C’è chi ha maggiore dignità e chi no. Spero che questo valore prevalga, altrimenti la loro dignità sarebbe calpestata da questo loro stesso silenzio». Il suo ragionamento è stato diretto a dimostrare un atteggiamento omertoso da parte delle pidielline finalizzato alla difessa del "capo". E ha aggiunto: «Loro danno una giustificazione. Il ruolo della donna lo considerano mortificato o meno, a seconda del fatto che le cose siano commesse dal presidente del Consiglio o da qualcuno di un altro schieramento politico. L’essere donna dovrebbe comportare un sussulto di dignità, di rispetto, che qui non c’è stato. Mi sembra che alcune volte le colleghe, pur di essere rispettose di ciò che viene fatto da qualcuno della propria coalizione, stiano zitte». Le sue parole non potevano non suscitare la sollevazione del popolo femminile del Pdl, a nome del quale ha voluto parlare Jole Santelli, che ha chiarito: «Alla collega Angela Napoli probabilmente sono sfuggiti i nutriti commenti che molte colleghe del Pdl hanno fatto sulle recenti vicende che hanno coinvolto il presidente del

Consiglio». La vicepresidente del gruppo del Pdl alla Camera ne ha approfittato per rigirare l’accusa, quando ha affermato di non provare alcun imbarazzo, semmai indignazione, riguardo a questo micidiale network di procure e giornali dell’opposizione che è disposto ad usare qualsiasi mezzo pur di non combattere Berlusconi sul campo politico. La sua è la linea su cui da giorni il partito si è adagiato. Si grida al complotto. Un complotto che sarebbe creato artatamente da quei poteri che basano l’unica opposizione possibile sullo screditamento dell’immagine personale del premier e dei suoi. E aggiunge: «Berlusconi è lo stesso del 1994, del 1996, del 2001, del 2006 e del 2008 e in tutte queste competizioni elettorali l’onorevole Napoli, come molti altri suoi colleghi di Fli hanno chiesto ai propri elettori di votare Silvio Berlusconi come presidente del Consiglio». Un botta e risposta, dunque, nel perfetto stile di quelli a cui i futuri elettori stanno assistendo in questi ultimi giorni. E forse è da ricercarsi, come sostengono in molti, proprio in questo profilo la causa di quel 40 per cento che i sondaggisti stimano essere la quota degli indecisi. Coloro, cioè, che non trovano in questo teatrino la risposta alle loro richieste nei confronti della politica italiana.


4

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

PRIMO PIANO

Rubygate, la Napoli alle donne del Pdl: omertose

di Alessandro Caruso ROMA - Un nuovo possibile colpo di scena si apre sul caso Ruby. Per opera delle dichiarazioni della parlamentare calabrese Angela Napoli, che non ha escluso un ruolo della criminalità organizzata in questa vicenda: «Trovo la scelta delle Procure corretta perché potrebbe senz’altro essere giusto capire se Ruby, maggiorenne da qualche giorno, è

frutto di quella tratta dietro cui normalmente c’è la mano della criminalità organizzata», così ha dichiarato ieri la Napoli intervistata da Klaus Davi nella sua trasmissione radiofonica. E lo ha detto nelle sue vesti ufficiali di membro della commissione Antimafia e in qualità di responsabile giustizia di Futuro e libertà. Ma c’è dell’altro. Un’ulteriore stoccata l’ha lanciata nei confronti delle donne del Pdl, scatenando la reazione stizzita della

La Napoli: «Bisogna capire se Ruby, maggiorenne da qualche giorno, è frutto di quella tratta dietro cui normalmente c’è la mano della criminalità organizzata»

collega, e corregionale, Jole Santelli: «Se continuassero a tacere, sarebbe calpestata anche la loro dignità di donne. Le parlamentari Pdl non possono continuare a far finta di nulla di fronte all’umiliazione che stanno subendo le donne con il caso Ruby - ha detto la Napoli -. C’è chi ha maggiore dignità e chi no. Spero che questo valore prevalga, altrimenti la loro dignità sarebbe calpestata da questo loro stesso silenzio». Il suo ragionamento è stato diretto a dimostrare un atteggiamento omertoso da parte delle pidielline finalizzato alla difessa del "capo". E ha aggiunto: «Loro danno una giustificazione. Il ruolo della donna lo considerano mortificato o meno, a seconda del fatto che le cose siano commesse dal presidente del Consiglio o da qualcuno di un altro schieramento politico. L’essere donna dovrebbe comportare un sussulto di dignità, di rispetto, che qui non c’è stato. Mi sembra che alcune volte le colleghe, pur di essere rispettose di ciò che viene fatto da qualcuno della propria coalizione, stiano zitte». Le sue parole non potevano non suscitare la sollevazione del popolo femminile del Pdl, a nome del quale ha voluto parlare Jole Santelli, che ha chiarito: «Alla collega Angela Napoli probabilmente sono sfuggiti i nutriti commenti che molte colleghe del Pdl hanno fatto sulle recenti vicende che hanno coinvolto il presidente del

Consiglio». La vicepresidente del gruppo del Pdl alla Camera ne ha approfittato per rigirare l’accusa, quando ha affermato di non provare alcun imbarazzo, semmai indignazione, riguardo a questo micidiale network di procure e giornali dell’opposizione che è disposto ad usare qualsiasi mezzo pur di non combattere Berlusconi sul campo politico. La sua è la linea su cui da giorni il partito si è adagiato. Si grida al complotto. Un complotto che sarebbe creato artatamente da quei poteri che basano l’unica opposizione possibile sullo screditamento dell’immagine personale del premier e dei suoi. E aggiunge: «Berlusconi è lo stesso del 1994, del 1996, del 2001, del 2006 e del 2008 e in tutte queste competizioni elettorali l’onorevole Napoli, come molti altri suoi colleghi di Fli hanno chiesto ai propri elettori di votare Silvio Berlusconi come presidente del Consiglio». Un botta e risposta, dunque, nel perfetto stile di quelli a cui i futuri elettori stanno assistendo in questi ultimi giorni. E forse è da ricercarsi, come sostengono in molti, proprio in questo profilo la causa di quel 40 per cento che i sondaggisti stimano essere la quota degli indecisi. Coloro, cioè, che non trovano in questo teatrino la risposta alle loro richieste nei confronti della politica italiana.


6

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

PRIMO PIANO

Lo afferma Legambiente che in un dossier mette insieme gli stanziamenti dell’ultimo anno sull’emergenza suolo e calcola che sarebbe possibile "salvare" 600 Comuni ogni anno

Oltre 238 milioni di euro per i danni legati alle emergenze idrogeologiche ROMA - Oltre 238 milioni di euro pertamponare i danni delle principali emergenze idrogeologiche solo nell’ultimo anno; un miliardo di euro stanziato dal ministero dell’Ambiente per la messa in sicurezza "eppure con un milione e mezzo di euro si possono realizzare 7 diverse tipologie di intervento concreto sui fiumi minori per mettere concretamente in sicurezza un comune". Lo afferma Legambiente che in un dossier mette insieme gli stanziamenti dell’ultimo anno sull’emergenza suolo e calcola che con interventi mirati sarebbe

possibile ’salvare’ 600 comuni ogni anno. «Più che continuare a pensare a quanto può costare una generica messa in sicurezza complessiva del Paese - ha detto il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza - bisognerebbe cominciare ad agire concretamente e utilizzare il famoso miliardo di euro stanziato dal ministero dell’Ambiente per mettere in sicurezza 600 comuni ogni anno». La ricetta proposta da Legambiente prende in considerazione gli interventi possibili sul reticolo

idrografico minore, su quei fiumi, torrenti e fossi che sembrano rappresentare oggi la vera emergenza dell’Italia. «Senza considerare gli interventi sui grandi bacini, più complessi e costosi, con circa un milione e mezzo di euro - ha sottolineato Cogliati Dezza - è possibile intanto realizzare opere come la manutenzione ordinaria dei tratti cittadini, la stabilizzazione del movimento franoso, gli interventi di ingegneria naturalistica, la demolizione delle case in alveo ecc. Tutti interventi necessari e concretamente realizzabili».

Maltempo, il Wwf: 5 interventi per affrontare il dissesto idrogeologico ROMA - Autorità di distretto, finanziamenti per la difesa del suolo, interdisciplinarietà degli interventi, rinaturazione dei territorio, con il riferimento al bacino idrografico e non ai confini amministrativi. Sono i cinque interventi "fondamentali e necessari" secondo il Wwf per affrontare il dissesto idrogeologico. «La causa principale - afferma il Wwf - è la quoti«Le intense piogge di diana "malagestione" dei fiumi e questi giorni non basdei versanti, non tanto il fatto che tano infatti a giustifiin poche ore in care il continuo stato di molte parti d’Itaè caduta l’accalamità naturale in cui lia qua che sarebbe dovuta cadere in si trova il territorio» un mese. Le intense piogge di questi giorni non bastano infatti a giustificare il continuo stato di calamità naturale

in cui si trova il nostro territorio. I Comuni infatti continuano a costruire o a prevedere urbanizzazioni nelle naturali aree di esondazione dei fiumi togliendo lo spazio vitale alle acque. S’impermeabilizza il territorio e l’alveo dei corsi d’acqua viene ristretto e canalizzato, spesso, fin dalle sorgenti; la vegetazione ripariale, che difende le sponde dall’erosione e rallenta la furia delle acque, viene regolarmente tagliata; i boschi in montagna non sono governati, ma sono abbandonati o sfruttati all’eccesso perdendo l’importante capacità di trattenere le acque nel terreno». Il Wwf Italia quest’anno ha avviato una campagna "Liberafiumi" dalla quale è «purtroppo emerso un quadro allarmante: vi sono tratti di fiumi in gran parte canalizzati e tra questi il Lambro e il Seveso che ancora una volta hanno messo in ginocchio interi quartieri di Milano, piuttosto che l’Oreto in Sicilia, o il Sangro in Abruzzo».

In quasi 60 anni 9.000 vittime tra morti e feriti per "mano" del dissesto idrogeologico. Numeri da guerra che vedono nel periodo 1950-2008, da Nord a Sud, 6380 vittime (morti, dispersi, feriti) per frana, e almeno 2699 vittime di inondazioni. Questo il triste bilancio raccolto nel catalogo realizzato dall’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr-Irpi), unico per completezza e copertura temporale. Le regioni più esposte al rischio da frana per la popolazione sono state Trentino Alto Adige (675 vittime dovute a 198 eventi franosi), Campania (431 vittime in 231 eventi), la Sicilia (374 vittime in 33 eventi), e Piemonte (252 vittime in 88 eventi). In Veneto, il solo evento del Vajont del 9 ottobre 1963 causò oltre 1900 vittime. Sul fronte inondazione, le regioni più esposte al rischio per la popolazione sono state il Piemonte (235 vittime in 73 eventi alluvionali),laCampania(211vittime in 59 eventi), la Toscana (456 vittime in 51 eventi), e la Calabria (517 vittime in 37 eventi). In base a un recente rapporto del Consiglio nazionale dei geologi in collaborazione con il Cresme, le aree ad elevata criticità idrogeologica rappresentano il 10% della superficie italiana e riguardano l’89% dei Comuni. Secondo lo stesso studio sono circa 6 milioni gli italiani che abitano nei 29.500 chilometri quadrati del nostro territorio considerati ad "elevato rischio idrogeologico, ovvero dove eventi naturali possono determinare effetti nefasti

per cose e persone quando interferiscono con la sfera delle attività umane. In Italia, precisa lo studio, 1.260.000 edifici sono a rischio frane e alluvioni. Di questi oltre 6 mila sono scuole, mentre glio spedali sono 531, secondo un’elaborazione su dati Istat 2010 e ministero dell’Ambiente 2008. Sul fronte dei costi dell’emergenza, secondo un’elaborazione di Legambiente, oltre 238 milioni di euro sono serviti per tamponare i danni delle principali emergenze idrogeologiche solo nell’ultimo anno. Ma l’associazione mette in evi-

Dezza: con circa un milione e mezzo di euro è possibile intanto realizzare opere come la manutenzione ordinaria dei tratti cittadini, la stabilizzazione del movimento franoso e altro denza che con un milione e mezzo di euro si possono portare a termine sette tipologie diverse di interventi di prevenzione.

Maria Rita Viola


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani

7

PRIMO PIANO

L’ultimo episodio a Crotone. Una barca si è arenata sulla spiaggia del centro

Otto sbarchi di immigrati e un morto in due mesi CROTONE - Otto sbarchi di immigrati sulla costa ionica con un morto durante uno dei viaggi della speranza. E’ questo il bilancio degli ultimi due mesi sul fenomeno dell’immigrazione clandestina in Calabria che appare in netta ripresa rispetto agli anni scorsi. L’ultimo episodio si è verificato nei giorni scorsi a Crotone dove una imbarcazione si è arenata sulla spiaggia del centro abitato. A bordo del natante c’erano cinquanta immigrati di diverse nazionalità che sono stati soccorsi dai carabinieri e dalla polizia che hanno prestato loro assistenza. Gli immigrati sono stati poi accompagnati nel centro di Isola Capo Rizzuto, uno dei più grandi d’Europa, per essere sentiti dagli investigatori. Negli ultimi tempi in Calabria gli sbarchi hanno assunto anche una periodicità temporale, sempre che le condizioni del mare lo permettano.

Negli ultimi due mesi, infatti, si sono verificati arrivi con una scansione quasi settimanale. La serie di sbarchi ha inizio il 25 agosto quando a Guardavalle (Catanzaro) sbarca un veliero di lusso con a bordo 52 immigrati di diverse nazionalità. In quella circostanza fu trovato un ragazzo morto perché gettato in mare dagli scafisti nonostante non sapesse nuotare. Il 7 settembre a Cutro (Crotone) con una barca a vela arrivano 32 immigrati di

diverse nazionalità. A Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, il 15 settembre scorso è stata la volta di uno sbarco con 59 afgani. E sempre nel crotonese è poi la volta di un doppio sbarco, avvenuto il 6 ottobre scorso, quando furono rintracciati 102 stranieri. Il 7 ottobre, invece, durante uno sbarco nella Locride vengono rintracciati 20 curdi. A Crotone, invece, il 28 ottobre scorso con una imbarcazione arrivano 80 curdi. Quasi tutti gli immigrati iniziano il loro viaggio dalla Turchia e dura mediamente un paio di settimane. Agli scafisti, che molto spesso appartengono ad organizzazioni criminali dedite al traffico di esseri umani, ogni immigrato paga delle somme che variano dai settemila ai diecima dollari. Negli ultimi tempi è stato abbandonato l’utilizzo delle tradizionali carrette del mare in favore di imbarcazioni a vela oppure yatch di lusso. Uno stratagemma, quello di utilizzare imbarcazioni da diporto, utilizzato per ingannare i pattugliatori delle forze dell’ordine, soprattutto nel periodo estivo, quando lungo le coste calabresi sono decine le imbarcazioni di questo tipo.

Negli ultimi tempi in Calabria, gli sbarchi hanno assunto anche una periodicità temporale, sempre che le condizioni del mare lo abbiano permesso

La serie di sbarchi ha avuto inizio il 25 agosto quando a Guardavalle è sbarcato un veliero con a bordo 52 immigrati di diverse nazionalità. In quella circostanza fu trovato un ragazzo morto perché gettato in mare dagli scafisti

Maria Di Bello

Il dato è reso noto dall’assessore regionale al Lavoro, Francescantonio Stillitani

Oltre tremila richieste di aiuti alle imprese in sole 24 ore CATANZARO - «Dalla data utile della presentazione delle richieste per accedere alle agevolazioni previste dall’avviso pubblico per aiuti alle imprese attraverso la concessione di borse lavoro, di incentivi occupazionali sottoforma di integrazione salariale e formazione continua come adattamento delle competenze, in via Lucrezia della Vale, sede dell’assessorato al Lavoro, in sole 24 ore sono pervenute oltre tremila richieste. Un dato che di fatto impegna tutte le risorse disponibili messe a disposizione della regione per fra fronte alla crisi occupazionale». Lo rende noto l’assessore regionale al Lavoro Francescantonio Stillitani (Udc), protagonista insieme al presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, di quelle scelte strategiche messe in campo per contrastare gli effetti della crisi economica nella nostra regione. L’assessore non nasconde la sua soddisfazione per questo numero di domande presentate agli uffici dell’assessorato da altrettante imprese che una volta ammesse al finanziamento daran-

no lavoro ad oltre quattromila persone. La predisposizione dei bandi è stata anche influenzata dalla esperienza imprenditoriale dell’assessore al Lavoro che conosce le esigenze del mondo imprenditoriale. Infatti, spiega l’assessore «gli strumenti messi in campo puntano ad affrontare, nel breve periodo l’emergenza occupazione, ma nello stesso tempo guardano

in prospettiva al rafforzamento delle imprese, per sostenerle nelle difficoltà della competizione attuale e in quelle che arriveranno dopo la crisi. In sostanza con questo nostro sostegno diamo la possibilità alle imprese di creare delle basi per un rilancio dell’economia regionale nello scenario dopo crisi. L’arrivo negli uffici di via Lucrezia della Valle, nel primo giorno utile di oltre tremila richieste - commenta ancora l’assessore - significa che la filosofia che ha contraddistinto l’azione di programmazione nella predisposizione dei bandi ha in sostanza centrato l’obiettivo dando così la possibilità alla imprese di presentare le richieste per accedere al finanziamento. Ed inoltre - aggiunge - significa che i nostri progetti rispondono alle esigenze delle aziende che una volta ammesse al finanziamento potranno contribuire a risolvere i problemi occupazionali che in questo momento affiggono la nostra economia e la nostra regione». «L’elevato numero delle richieste,

superiori ad ogni attesa, significa - evidenzia Stillitani - che da parte nostra sono stati centrati gli obiettivi ai quali noi puntavamo. L’alto numero delle domande presentate, di fatto, ha già esaurito i fondi a disposizione, per questo singolo bando ed addirittura si prevede che nei prossimi giorni arriveranno un numero di domande superiore a quelle già pervenute». L’assessore infine si augura che analogo successolo ottenga anche il bando del microcredito le cui domande potranno essere presentate dal prossimo 15 novembre e potranno essere presentate da soggetti disoccupati, immigrati, ex detenuti che intendono avviare con l’aiuto della regione una propria attività.

Mirko Grande


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Giovedì 4 Novembre 2010

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 2/2004 R.G.E. G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto uno: Terreno agricolo di circa mq 62.920,00 sito nel Comune di Crotone in località Vitetto. Prezzo base: euro 70.000,00 Rilancio: euro 800,00 Lotto uno: Immobile sito nel Comune di Strongoli in Contrada Foresta. Prezzo base: euro 42.000,00 Rilancio: euro 300,00 Lotto uno: Terreno agricolo di circa mq 9.680 sito nel Comune di Casabona in Località Bartolo. Prezzo base: euro 2.400,00 Rilancio: euro 100,00 Lotto due: Terreno agricolo di circa mq 3.860 sito nel Comune di Casabona in Località Milito. Prezzo base: euro 160,00 Rilancio: euro 100,00 Lotto tre: Terreno agricolo di circa mq 39.730,00 sito nel Comune di Casabona in Località Simma o Santa Barbara. Prezzo base: euro 69.000,00 Rilancio: euro 400,00 Vendita senza incanto: 11/01/2011 Vendita con incanto: 25/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 7/2006 R.G.E. G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto: Piena proprietà di un capannone industriale sito nel Comune di Cutro (KR) Frazione Vattiato, Strada Provinciale per San Leonardo - Zona Industriale, con annesso fabbricato uffici e servizi che si sviluppa su due livelli. Prezzo base: euro 186.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: 11/01/2011 Vendita con incanto: 25/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 32/1991 R.G.E. G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto: Fabbricato ubicato in Cirò Marina alla via S. Domenico. Prezzo base: euro 35.000,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 19/01/2011 Vendita con incanto: 25/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 8/2006 R.G.E. G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto: Piena proprietà di complesso industriale sito nel Comune di Crotone Zona Industriale - Località Zigari, consistente in opificio e relativo impianto termico per attività di lavorazione, trasformazione e conservazione carni. Prezzo base: euro 237.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: 11/01/2011 Vendita con incanto: 25/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 90/2004 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto: Piena ed intera proprietà di terreni siti in Crotone, località Mutrò. Prezzo base: euro 248.695,00 Rilancio: euro 2.000,00 Vendita con incanto: 19/01/2011 Vendita con incanto: 26/01/2011 Lotto due: Piena ed intera proprietà di terreni siti in Crotone, località Mutrò. Prezzo base: euro 7.151,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita senza incanto: 19/01/2011 Vendita con incanto: 26/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h. 12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 53/1991 R.G.E. G.E.: Dr. Michele Sessa Lotto: Piena proprietà di appartamento sito in Petilia Policastro (Crotone) alla P.zza dei Martiri della Resistenza n.3. Prezzo base: euro 22.400,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: Vendita con incanto: 11/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 71/2008 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto: Piena ed intera proprietà di deposito sito in agro di Strongoli - frazione Tronga, viale Magna Grecia. Prezzo base: euro 10.500,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita senza incanto: 19/01/2011 Vendita con incanto: 26/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 46/2008 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto: La piena ed intera proprietà di stabilimento industriale per la produzione industriale di capi d'abbigliamento, sito in Cutro, località Vattiato - zona industriale. Prezzo base: euro 1.710.000,00 Rilancio: euro 10.000,00 Vendita senza incanto: 19/01/2011 Vendita con incanto: 26/01/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.85/2006 R.G.E., richiesta da TERSICORE FINANCE SRL SI RENDE NOTO che il giorno 12.01.2011 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all'incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base: euro 183.516,00 lotto unico ELENCO BENI IMMOBILI lotto unico: fabbricato a destinazione produttiva sito in Falerna, loc. Marevitano, alla via Brescia n.1, area P.I.P., lotto n.27, composto da seminterrato, piano terra e primo piano, per una superficie complessiva di mq. 1523 circa, riportato nel

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

NCEU di detto comune al foglio 9 part.lla 1420, sub 1, 2, 3, 4 e 5. é fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 11.01.2011, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3%; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comun-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

que apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita1 nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, il Giudice dell'Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio

Info 0961 996802


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani

CRONACHE

Bancarotta, sequestri della Gdf per un milione di euro di Rosa Voci VIBO VALENTIA - Nucleo di Polizia Tributaria di Vibo Valentia ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo - ex art. 321 c.p.p. - emesso dal gip presso il Tribunale di Vibo Valentia, riguardante un lotto di terreno ed uno stabilimento aziendale di proprietà di un’azienda vibonese operante nel settore dell’installazione di impianti elettrici. L’attività trae origine da complesse indagini di polizia economico finanziaria orientate nel settore dei reati fallimentari durante le quali sono state accertate violazioni al Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 (Legge Fallimentare). Nella circostanza, l’impresa in questione è stata destinataria del suddetto provvedimento in quanto il rappresentante legale, allo scopo di recare pregiudizio ai propri creditori, ha fittiziamente alienato ad altra azienda - nella quale rivestiva la carica di amministratore unico - un lotto di terreno ed uno stabilimento aziendale per l’importo complessivo, come riportato nelle scritture contabili, di 1.027.539,25 euro. Lo stesso, inoltre, al fine di procurare a sé un ingiusto profitto, ha distrutto parte dei libri contabili obbligatori in modo tale da non rendere possibile la ricostruzione sia del patrimonio aziendale che degli affari dell’azienda successivamente dichiaratafallita.Ilprovvedimento è stato emesso nel corso delle indagini condotte dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Vibo Valentia, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, che hanno permesso di acquisire elementi probatori tali da indurre

l’Ag ad emanare il decreto di sequestro preventivo finalizzato alla successiva confisca.In particolare, ai fini dell’individuazione dell’elemento soggettivo del reato di bancarotta fraudolenta per distrazione, si segnala la recente sentenza della Cassazione Penale n. 11899 del 14.01.2010 secondo la quale per la configurazione del reato non e’ richiesto il dolo specifico, ma il solo dolo generico, costituito dalla consapevole volontà di dare al patrimonio sociale una destinazione diversa da quella di garanzia delle obbligazioni

contratte.Allo scopo di salvaguardare, adeguatamente, la parità di trattamento dei creditori che hanno uguale diritto di essere soddisfatti sui beni del debitore e’ stata disposta l’applicazione del sequestro preventivo sui beni fittiziamente alienati. Il sequestro è stato, comunque, posto in essere con modalità tali da mantenere l’operatività dell’impresa "acquirente" e la prosecuzione dell’attività aziendale, per non porre a rischio i relativi posti di lavoro.

Operazione Par condicio creditorium: il sequestro è stato posto in essere con modalità tali da mantenere l’operatività dell’impresa “acquirente” e la prosecuzione dell’attività aziendale, per non porre a rischio i relativi posti di lavoro

Denunciati tre contrabbandieri di sigarette VIBO VALENTIA - Nuovo colpo al contrabbando di sigarette dai paesi dell’est Europa. Gli uomini della Stazione Carabinieri di Briatico hanno sorpreso 3 cittadini bulgari, mentre stavano trasportando, a bordo della propria macchina, 75 pacchetti di sigarette prive dei sigilli del monopoli di Stato. Gli uomini dell’Arma della Compagnia Carabinieri di ViboValentia, che negli ultimi mesi hanno inferto pesanti colpi al commercio illegale di bionde nella provincia, hanno sorpreso i tre in località La Pietra di Briatico e, insospettiti dal loro atteggiamento , hanno deciso di perquisire il veicolo sul quale viaggiavano scoprendo, all’interno di una busta nascosta nell’abitacolo, il carico illegale. I tre sono stati immediatamente deferiti con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati esteri mentre il carico, probabilmente destinato al

mercato illegale della zona, particolarmente diffuso tra gli immigrati, è stato sequestrato in attesa di essere distrutto. Carlo Sango

A Maierato una stazione per sistemi di allertamento della Protezione civile MAIERATO - Il Dirigente generale del Dipartimento regionale "Infrastrutture e Lavori Pubblici" Giovanni Laganà, nella sua qualità anche di Coordinatore della Struttura di supporto al PresidenteGiuseppeScopelliti,CommissarioDelegato per l’emergenza connessa ai dissesti idrogeologici del febbraio 2010, parlando di Ianò, Maierato e Gimigliano, ha detto che in questi centri sono state fatte non solo «opere ed interventi strutturali, ma anche nuovi sistemi di allertamento, di supporto ai piani comunali di protezione civile. La settimana scorsa - ha detto Laganà - il Centro Funzionale Multirischi della Regione, anticipando i tempi rispetto alla stipula della convenzione con il Commissario Delegato, prevista nei prossimi giorni, ha provveduto ad installare a Ianò, Maierato e Gimigliano, tre nuove stazioni meteorologiche, per la registrazione, in tempo reale ed in telemisura, delle precipitazioni che si verificano nei tre comuni tra i più pesantemente colpiti dagli eventi di febbraio 2010. Effet-

tuate le necessarie tarature, da ieri, gli apparati installati ci consentono di tenere sotto osservazione il principale "motore" (la pioggia) dei movimenti franosi nelle rispettive zone d’influenza». L’installazione delle nuove stazioni meteorologiche - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - è il primo passo verso la definizione dei sistemi di allertamento della popolazione di Ianò, Maierato e Gimigliano, che in una prima fase saranno basati sulla definizione di soglie pluviometriche, ma che, a regime, si avvarranno di un sofisticato modello di correlazione piogge-frane, in fase di sviluppo da parte del Camilab dell’Università di Cosenza, del Cnr - Irpi e dello stesso Centro Funzionale, che verrà tarato anche sul rilevamento di spostamenti superficiali e profondi, di livelli di falda e di pressioni interstiziali nel terreno. «Nei prossimi giorni- conclude il Dirigente generale dei Lavori Pubblici - verrà attivata, da parte del Centro Funzionale Multirischi, una specifica pagina internet, accessibile dal sito istituzionale della Regione, che consentirà di visualizzare, in tempo reale, per ciascuna delle tre stazioni pluviometriche di Ianò, Maierato e Gimigliano alcune informazioni semplici, chiare e comprensibili anche ai non esperti di pluviometria, relative alle condizioni meteo (pioggia - tempo asciutto; temperatura, umidità), nonché alla quantità di pioggia registrata nell’ultima settimana e nelle ultime 24 ore».

Valeria Bollino

9


10

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

CRONACHE

Il maltempo devasta la piana In centinaia dormono fuori di Carmela Mirarchi GIOIA TAURO - Due quartieri devastati e centinaia di abitazioni danneggiate dalla furia del fiume Budello che è esondato ieri allagando una vasta zona di Gioia Tauro. La situazione nella città della Piana flagellata martedì dal maltempo appare ancora più drammatica. L’acqua tracimata dal torrente in alcuni punti ha superato i due metri di altezza abbattendosi sulle case travolgendo arredi, suppellettili, mobili e quant’altro trovava davanti. Ieri si è lavorato per cercare di liberare le case e le strade dai detriti portati dal fiume. Sul posto, coordinati dalla Protezione civile, sono all’opera decine di uomini dei vigili del fuoco con idrovore, mezzi meccanici. Numerosi i volontari che, sotto l’occhio vigile di polizia e carabinieri che da ieri hanno attivato un servizio antisciacallaggio nelle zone sgomberate, lavorano per cercare di mettere in sicurezza la zona. Oltre cento cittadini questa notte hanno dormito in albergo mentre altrettanti sono stati ospitati dai parenti. La scena che si presenta davanti agli occhi sulla statale 18, nei rioni Tre Palmenti e Valle Amena, è impressionante, con centinaia di auto travolte dalla furia delle acque seppellite da fango e detriti. Ieri mattina, in Municipio, si è tenuta una riunione presieduta dal sindaco di Gioia Tauro, Renato Bellofiore,

con i funzionari della Protezione civile, i tecnici del Comune e i rappresentanti delle forze dell’ordine per fare il punto della situazione e pianificare la quantificazione dei danni. Da ieri notte opera a Gioia Tauro la colonna nazionale dei vigili del fuoco con squadre provenienti da Napoli, Salerno, Potenza, Vibo Valentia, Reggio Calabria e da tutti i distaccamenti della Piana. Iv vigili del fuoco, tra agli altriinterventi,stannoeffettuando la rimozione di carcasse di animali travolti dalla furia delle acque per evitare il rischio di problemi igenico-sanitari. Potenti idrovore sono in funzione per liberare dall’acqualecaseallagate.Richieste di intervento sono arrivate dai cittadini del rione Fiume.

La scena che si presenta davanti agli occhi sulla statale 18, nei rioni Tre Palmenti e Valle Amena, è impressionante, con centinaia di auto travolte dalla furia delle acque seppellite da fango e detriti

Provincia, istituita l’unità di crisi REGGIO CALABRIA - La provincia di Reggio Calabria ha istituito una propria unità di crisi per fronteggiare i danni del maltempo di martedì.. Del tavolo operativo, assieme al Presidente avv. Giuseppe Morabito fanno parte, il direttore generale dell’Ente, dr.ssa Elisabetta Madaffari, gli assessori, all’Ambiente, Giuseppe Neri ed alla Viabilità Mimmo Battaglia; l’ing. Domenico Italo Cuzzola, responsabile "difesa del suolo e ambiente", l’ing. Domenica Catalfamo, dirigente del settore viabilità, l’ing. Francesco Lamberti, funzionario dello stesso settore. Nel corso della riunione si è

fatto il punto dei danni presenti sulla viabilità provinciale, sulla quale fin dalle prime ore dell’emergenza stanno operando squadre di tecnici della provincia. La situazione così come si è prospettata è gravissima. Per questo motivo è stata chiesta l’istituzione immediata di un tavolo di concertazione con Prefettura di Reggio Calabria, Protezione Civile e Regione Calabria. La provincia di Reggio, nel limite delle proprie dotazioni finanziarie sta operando al massimo delle proprie possibilità ed ha risposto prontamente in occasione degli altrettanto eccezionali eventi alluvionali che

hanno colpito la provincia, sia nel dicembre 2008 che nel gennaio 2009 con una spesa di oltre 20 milioni di euro. Somme che la provincia ha anticipato, rispetto a erogazioni promesse da Protezione Civile e Regione Calabria finora rimaste tali. Occorre, inoltre precisare, che per le competenze delegate dalle Regione per la manutenzione delle aste fluviali e delle coste, questa amministrazione è sempre in attesa dei relativi trasferimenti finanziari. Tuttavia, nulla è stato lasciato al caso. Squadre di tecnici, stanno operando da ore e per l’intera nottata, in diversi punti del territorio provinciale. «Abbiamo esaurito le già scarse risorse di cui disponevamo - ha dichiarato Morabito trovandoci alla fine dell’anno finanziario dell’Ente. Tuttavia, come sempre non ci siamo tirati indietro. A questo punto, però serve un tavolo di concertazione nel quale concordare una nuova politica di confronto tra Enti ed istituzioni. Se necessario - ha concluso Morabito - siamo pronti a rimodulare il Piano di intervento delle opere pubbliche».

Torchia fa visita ai comuni interessati dal nubifragio REGGIO CALABRIA - Il sottosegretario alla Regione Calabria con delega alla Protezione Civile Franco Torchia ha fatto visita ieri ai luoghi del reggino interessati dalla perturbazione. Il nubifragio ha interessato in particolar modo i comuni della Piana di Gioia Tauro dove è tracimato il fiume Budello, ponendo il fiume Mesima, dove è crollato anche un ponte, a rischio di esondazione. «Già dalle prime ore della mattinata di martedì- ha detto il sottosegretario Torchia la sala operativa della Protezione Civile ha registrato numerose segnalazioni di allagamenti e di smottamenti dovuti agli elevati quantitativi di precipitazione. La situazione nella fascia tirrenica reggina - ha continuato Torchia - è molto delicata. Nella sola Gioia Tauro abbiamo dovuto evacuare circa 200 persone che sono state sistemate temporaneamente negli alberghi. I tecnici della Protezione civile, insieme alle Associazioni di volontariato e ai Vigili del Fuoco si sono prodigati per gli interventi di prima emergenza, garantendo alle famiglie danneggiate i beni di prima necessità compresi pasti caldi in attesa di poter ripristinare la situazione preesistente e consentire ai cittadini di rientrare al più presto nelle loro abitazioni. Insieme al Presidente Scopelliti abbiamo deciso - prosegue Torchia - di attivare anche i tecnici idraulici forestali dell’Afore già ieri pomeriggio una cinquantina di operai si sono recati a Gioia Tauro per aiutare la popolazione a ripulire le proprie abitazioni interamente devastate dal fango e dai detriti. Molte attività commerciali sono state gravemente danneggiate. Abbiamo voluto rassicurare i cittadini che le Istituzioni saranno loro vicino in questa drammatica circostanza con fatti concreti». In tutti gli incontri il sottosegretario Torchia ha rilevato come la nostra regione necessiti di una cura radicale che partendo dalla prevenzione arrivi nel giro di qualche anno a mettere in sicurezza il territorio calabrese. Per fare questo, secondo Torchia «occorre rapidamente mettere mano al Piano di Assetto idrogelogico (Pai) della Regione Calabria che va completamente rivisitato alla luce degli eventi alluvionali degli ultimi anni».

Sono arrivate le risorse per pagare il lavoro dei vigili del fuoco CATANZARO - «Al Prefetto di Reggio Calabria - Commissario delegato per l’emergenza determinatasi nei settori del traffico e della mobilità in relazione ai lavori di ammodernamento del tratto autostradale A3 compreso tra Bagnara-Reggio Calabria - sono state trasferite le risorse finanziarie, pari a 4 milioni di euro, individuate dall’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3891 del 4 agosto 2010. Il Prefetto di Reggio Calabria provvederà quindi, immediatamente, a pagare le spettanze dovute per il lavoro straordinario prestato dagli operatori impegnati nel presidio autostradale dal primo gennaio 2009 al 30 giugno 2010, tra cui circa 300 Vigili del Fuoco». Lo comunicala segretaria del sottosegretario all’Interno, Nitto Palma. «Tali pagamenti - è scritto in un comunicato - avverranno a soli tre mesi dalla protesta delle organizzazioni sindacali del personale dei Vigili del Fuoco che legittimamente rivendicavano il giusto riconoscimento per il loro gravoso lavoro svolto durante l’emergenza. Tutto ciò è stato possibile grazie all’impegno profuso dal Sottosegretario all’Interno Sen. Nitto Francesco Palma, eletto in Calabria, che, in ragione dei suoi compiti istituzionali, ha svolto un’intensa attività per assicurare al personale dei Vigili del Fuoco operante in quella regione il legittimo riconoscimento per il lavoro prestato. L’attività del Sottosegretario Palma - si specifica - è stata ovviamente svolta in stretto raccordo con il Ministro Maroni». Anna Bolle


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 11

CRONACHE

Centrale di Saline, Wwf: la Regione ribadisca il suo no di Filippo Marra REGGIO CALABRIA - «Dopo il parere positivo espresso dalla Commissione Via del Ministero dell’Ambiente in merito al progetto, proposto dalla elvetica Sei, di realizzare una centrale a carbone sul territorio dell’ex Liquichimica di Saline Joniche, la Giunta Regionale della Calabria e, in primis, lo stesso Presidente Scopelliti

«Si tratta di un gesto di coerenza che si deve ad un territorio in particolare, quale quello di Saline, che ha dovuto pagare le conseguenze di una scellerata politica» dovrebberoribadireconmaggiore forza e determinazione il no al progetto, già osteggiato apertamente quando l’attuale Governatore era sindaco di Reggio Calabria» si legge in una nota del Wwf. «Si tratta - continua - di un gesto di coerenza che si deve alla popolazione reggina e ad un territorio in particolare, quale quello di Saline. Il Governo nazionale non può continuare ad ignorare la voce delle popolazioni , delle associazioni , degli enti locali che si sono schierati contro il progetto di centrale a carbone, compresa la delibera di due anni fa con la quale la Giunta Regionale non aveva concesso il proprio nulla osta per la realizzazione della centrale. Del resto risulta sempre più inaccetta-

bile l’idea che mentre l’intera comunità internazionale ed europea in particolare sono indirizzati verso una riduzione dell’uso dei combustibili fossili e lo sviluppo delle energie rinnovabili, in Italia sicontinuinoaprogettarecentrali a carbone, che dei combustibili tradizionali è senz’altro il più inquinante: la stessa centrale riverserebbe in atmosfera milioni di tonnellate di Co2 all’anno. Ci si chiede allora come farà il nostro paese a rispettare gli impegni legalmente vincolanti che devono essere assolti entro il 2020. Il progetto della Sei appare ancor di più incomprensibile se si considera lo scenario energetico della Calabria che vede già un consistente surplus di energia prodotta (la regione genera circa il 63,6% di elettricità in più di quella che consuma) e dove tuttavia continuano ad accentrarsi le attenzioni di aziende del settore, senza che esista uno straccio di seria programmazione e dove anzi sono sempre più evidenti gli interessi della criminalità . A farne le spese, come sempre, le popolazioni locali e l’ambiente,

considerando gli effetti dannosi connessi all’uso dei combustibili fossili . La stessa definizione di "carbone pulito" appare impropria e fuorviante dal momento che i dati di emissione di questi impianti (e del combustibile carbone) presentano performance enormemente peggiori rispetto a quelle di un ciclo combinato a gas.La combustione del carbone costituisce poi una delle principali cause di inquinamento da mercurio che può penetrare nell’uomo attraverso la catena alimentare . Il processo di combustione del carbone rilascia anche svariate decine di sostanze tossiche inquinanti, tra cui Arsenico, Cromo e Cadmio che sono causa di gravi patologie. Nel valutare - conclude - l’impatto ambientale delle centrali a carbone si deve tenere conto di molti altri aspetti, ad iniziare dalla dispersione delle polveri durante le operazioni di approvvigionamento delle materia prime e della movimentazione dei materiali da smaltire. A questo si dovranno aggiungere gli enormi quantitativi di acqua che questi impianti sprecano, paragonabili a quelli delle centrali nucleari».

Asp 5, il Tribunale ha reintegrato con effetto immediato il dg Renato Carullo REGGIO CALABRIA- «L’arch. Renato Carullo è stato reintegrato con effetto immediato alla direzione generaledell’Asp 5 di Reggio Calabria. La Sezione Lavoro del Tribunale di Reggio Calabria, accogliendo le tesi difensive dell’avv.Francesco Mortelliti, ha statuito l’illegittimità del provvedimento amministrativo dello scorso 19.6.2010, con il quale la giunta regionale calabrese aveva disposto la nomina dei commissari straordinari al vertice dell’Asp reggina, con contestuale repentino allontanamento del D.g. Carullo». Lo ha comunicato il legale dell’interessato. «Il Tribunale, con un’articolata ordinanza, - è scritto - ha ritenuto che detto provvedimento, giunto a seguito della manifestazione della volontà di azzerare tutti i vertici delle aziende sanitarie calabresi precedentemente nominati, è stato adottato in violazione del divieto di "spoil system" in ambito sanitario, sancito costantemente dalla Corte Costituzionale. A nulla è valsa la difesa della Regione Calabria che aveva affermato la legittimità dei propri atti, anche poichè adottati alla lucedell’intervenutocommissariamentosanitariodaparte del Governo nazionale. Il Tribunale Ordinario ha ordinato la trasmissionedegli atti alla procura regionale presso la Corte dei Conti, affinchè essa possa valutare eventuali responsabilità per danno erariale». Carullo, secondo quanto riporta la nota del suo legale, «si è detto molto soddisfatto per l’esito del preannunciato giudizio, sottolineando che, come precedentemente dichiarato, avrebbe preferito, sin da subito, continuare a mettere a disposizione della comunità calabrese la propria esperienza amministrativa».

Sequestrate due aree demaniali, una era adibita a discarica abusiva REGGIO CALABRIA - Due aree demaniali marittime sono state sequestrate in località San Gregorio a Reggio Calabria dal personale della Capitaneria di Porto. Nel corso di controlli è stata individuata una piazzola in cemento con annesso un pontile in ferro. Dagli accertamenti è emerso che la struttura era abusiva ed in precarie condizioni. La seconda area è stata sequestrata perché era adibita a discarica abusiva. Nel terreno sono stati trovati pneumatici usati, materiale edile, elettrodomestici, ed altri oggetti in ferro. r.rg

Partiti i pagamenti alle imprese edili REGGIO CALABRIA - Si è tenuta mercoledì 27 ottobre, presso il Comune di Reggio Calabria, la prima riunione operativa del tavolo permanente di concertazione per le problematiche del comparto edile proposto dall’Ance di Reggio Calabria. Nel corso dell’incontro, il sindaco Raffa ed una delegazione di imprenditori del settore edile, guidata dal presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili di Reggio Calabria, ing. Andrea Cuzzocrea, hanno fatto il punto sullo stato dei pagamenti da parte dell’amministrazione comunale nei confronti delle imprese edili. Dalle verifiche effettuate nel corso del meeting è stata riscontrata l’esecuzione da parte del Comune di una prima tranche di pagamenti alle imprese edili per i crediti maturati, così come assicurato dallo stesso sindaco Giuseppe Raffa. «Prendiamo atto - dichiara il presidente dell’Ance reggina, Cuzzocrea - della reale volontà del Comune di Reggio Calabria di far fronte agli impegni presi per la soddisfazione dei crediti maturati dalle imprese edili; già dalla scorsa settimana, infatti, si è prov-

veduto da parte del Comune di Reggio Calabria ad effettuare i primi pagamenti secondo rigorosi criteri di anzianità del credito e contemperando l’esigenza di soddisfare il numero più ampio possibile di imprese. Anche se restano ancora irrisolte molte delle criticità da tempo fatte proprie e affrontate dall’Ance per i ritardati pagamenti alle imprese, si tratta di un primo ed importante segnale da parte del Comune che costituisce una vera e propria boccata di ossigeno per un sistema imprenditoriale alle prese con una generale crisi di liquidità. La disponibilità manifestata dall’amministrazione comunale, inoltre, risulta particolarmente apprezzabile per lo sforzo concreto compiuto dal Sindaco nel contesto della persistente crisi di liquidità in cui si trova il Comune di Reggio Calabria. Inoltre, grazie alla nostra proposta, accolta positivamente dal sindaco Raffa, di istituire un tavolo di confronto stabile sulle tematiche di interesse del comparto edile, si potranno affrontare questioni di maggiore respiro, creando una sede di dialogo permanente in cui orien-

tare e sviluppare in modo condiviso scelte strategiche per il rilancio del comparto. In tale ambito rientra certamente la questione del Commissario del Decreto Reggio, la cui individuazione dovrebbe segnare il ripristino efficace di questo importante strumento normativo che disciplina il rilancio degli investimenti ed il completamento dell’azione di riqualificazione della città. Anche rispetto a questa tematica, rappresentata quale ulteriore priorità dall’Ance, il sindaco Raffa ha garantito una pronta definizione della vicenda che risulta essenziale per la ripresa economica e sociale. Il tavolo di concertazione avviato per le problematiche del comparto edile concretizza certamente l’avvio di un percorso di dialogo che potrà efficacemente condurre a soluzione non solo la problematica specifica del recupero dei crediti maturati dalle imprese, ma anche allo sviluppo di nuove e più ampie modalità di collaborazione pubblico - privata che rafforzano il necessario rapporto fiduciario per lo sviluppo di un percorso più ampio di rilancio dell’economia».


12

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

CRONACHE

Sviluppo Italia, ieri partite le manifestazioni a Cosenza di Gioia Testa COSENZA - Le RSA Fisac Cgil Fiba, Cisl e Uilca, Uil di Sviluppo Italia Calabria, «in conseguenza della decisione dell’azienda di aprire le procedure di mobilitaà ex artt. 4 e 24 L. 223/91 (licenziamenti collettivi) nei confronti del personale, hanno proclamato ieri due ore di sciopere mentre hanno decisio di proclamarne quattro per la giornata di oggi con una manifestazionepressolasededell’Assessorato alle Attivita’Produttive della Regione Calabria». Ieri i dipendenti hanno anche dato vita ad una prima manifestazione a Cosenza. Lo si apprende da uncomunicato stampa. «Le Rsa - è scritto giudicano, infatti, tale atto grave ed irresponsabile, ritenendo inaccettabile chei soggetti istituzionali coinvolti (Governo, Regione edAgenzia) non siano riusciti in quasi quattro anni a concludere positivamente il piano di riordino dell’Agenzia, stabilito ed indirizzato da leggi e direttive che prevedono, tra l’altro, la salvaguardia occupazionale dei lavoratori coinvolti. E’ in atto un tentativo di

zione ed il supporto alle imprese è condizione indispensabile e prioritaria. Per tale motivo si richiede l’immediato ritiro della procedura ex artt. 4 e 24della Legge 223/91, l’immediata apertura di un tavolo a livello nazionale con Governo, Regione, Azienda e Sindacato per affrontare le possibili ricadute sui lavoratori e l’impatto sul territorio e che la Regione Calabria illustri alleorganizzazioni sindacali un progetto inerente Sviluppo Italia Calabria ed i suoi lavoratori». scaricare sui lavoratori gli effetti devastanti di anni di "incertezze decisionali da parte del Governo regionale e nazionale e gestionali e strategiche da parte dell’Agenzia"; cui vanno aggiunte le possibili ricadute sulterritorio e su altri soggetti "deboli", quali i destinatari delle misure gestite da Invitalia. Siamo viceversa favorevoli - prosegue la nota - a che si lavori a sostegno dello sviluppo territoriale e locale, soprattutto in una regione con una economia assai precaria, dove la gestione di strumenti atti a favorire l’occupa-

In conseguenza della decisione di aprire le procedure di mobilità oggi la protesta presso la sede dell’Assessorato regionale alle Attività Produttive

Da clandestino a sindacalista della Cgil CASSANO ALLO IONIO - E’ arrivato in Italia nel 2005 con un barcone. Per sfuggire a eventuali controlli si è buttato a mare rischiando di annegare. E’ stato salvato da un peschereccio che lo ha ripescato e lo ha portato sulla terra ferma. Adesso, dopo essere stato, per alcuni anni, invisibile, sfruttato, malpagato e discriminato, lavora regolarmente ed è diventato delegato sindacale della Fillea-Cgil. Lui è Samy, 27 anni, del Burkina Faso, che da circa un lustro vive stabilmente a Lauropoli, quartiere di Cassano allo Ionio dove gioca, come centrocampista, in una squadra locale che milita nel campionato di terza categoria. «Sono arrivato in Italia nella primavera - estate del 2005 con un barcone». Sami raccon-

ta la sua storia e ricorda che: «Dopo un breve periodo, trascorso a Napoli sono venuto a Sibari, insieme ad altri 17 immigrati. Lavoravamo più di 10 ore al giorno e i soldi che ci davano bastavano si e no a comprarci qualcosa da mangiare. Finita la raccolta delle angurie, siccome parlavo un po’ di italiano, mi è stato chiesto se volevo restare a Sibari per raccogliere i pomodori e poi gli agrumi. Nonostante tutto sono rimasto. Agli inizi del 2006 - ricorda Samy - ho conosciuto, sul posto di lavoro, alcuni ragazzi di Lauropoli che da subito mi hanno aiutato. Prima mi hanno trovato un’abitazione decente e poi, grazie anche a un’associazione di

Joe Manchin eletto al Senato americano, è originario di S. Giovanni in Fiore SAN GIOVANNI IN FIORE - Soddisfazione e tanta gioia a San Giovanni in Fiore per l’elezione al Senato americano del Governatore del West Virginia, Joe Manchin III, cittadino onorario sangiovannese nonché figlio di immigrati della città di Gioacchino. Il presidente del Consiglio comunale di San Giovanni in Fiore, Giuseppe Belcastro, dopo aver seguito con trepidazione i risultati che provenivano dal lontano West Virginia, ha inviato un messaggio al Senatore per esprimergli tutta la sua gioia unitamente e quella del consiglio comunale. Belcastro ha invitato Joe Manchin a far ritorno a San Giovanni in Fiore per «rafforzare il sentimento di appartenenza alle nostre comuni radici. Le assicuro - scriveva ancora Belcastro - di attendere la sua gradita visita con grande trasporto e con convinta trepidazione per l’onore che vorrà concederci. Sarebbe per noi una gioia ancora più grande poterla abbracciare da senatore della più grande democrazia del mondo». Belcastro ha anche voluto inviare ai tanti sangiovannesi del West Virginia un sentito ringraziamento per l’appoggio e l’entusiasmo che hanno profuso nella campagna elettorale per far trionfare Joe Manchin. «Ci uniamo alla vostra festa - ha concluso - e vi aspettiamo nella nostra amata San Giovanni in Fiore, insieme al nostro illustre senatore, per festeggiare un traguardo davvero importante per tutti noi. Noi non abbiamo dimenticato quanto avete fatto per questa città e ve ne saremo sempre grati».

Angelico Balsamo

Da domani a Cosenza il forum nazionale dei giovani

volontari di Cosenza che si occupa specificatamente di immigrati, mi hanno dato una mano per chiedere il permesso di soggiorno come rifugiato politico». Dopo circa un anno dall’arrivo in Italia, Samy ha deciso diuscire dalla clandestinità. «A luglio del 2006 afferma - la mia vita è cambiata. Mi è stato riconosciuto lo status di rifugiato politico. Da regolare ho iniziato a percepire una paga giornaliera che si aggirava intorno alle 30 euro. Ho continuato così per circa tre anni. In questo periodo ho avuto la fortuna di conoscere tante brave persone tra le quali alcuni esponenti della Cgil, i quali mi hanno dato una grossa mano per risolvere i problemi che quotidianamente mi si presentavano. A settembre dell’anno scorso sono stato assunto regolarmente da una grossa ditta e, adesso, sono anche delegato sindacale del mio cantiere. Ho ripreso conclude - anche a coltivare la mia grande passione che è il calcio. Comunque, nonostante mi sia integrato nella comunità dove vivo, c’é ancora chi mi guarda con disprezzo . La paura dello straniero, soprattutto se nero, é difficile da estirpare». A. I. e M.L.

COSENZA - «Nel fine settimana Cosenza ospiterà il forum nazionale dei giovani. La manifestazione si terrà da domani al 7 novembre nello splendido scenario della città dei Bruzi. «Siamo molto soddisfatti che il forum sia aperto, in rappresentanza della Regione Calabria, dall’On. Fausto Orsomarso che proviene dal movimento giovanile. E’ molto importante che con i suoi maggiori esponenti la regione inizi a parlare ai giovani e insieme a loro cominci a disegnare una nuova stagione di rinnovamento per la nostra terra». E’ quanto sostiene in una nota Angelo Brutto presidente provinciale della Giovane Italia.

Sibaritide, arrivano anche quest’anno gli stranieri per la raccolta degli agrumi CASSANO ALLO IONIO - In questi giorni d’autunno, come d’incanto, alcuni centri storici, ma soprattutto alcune località marine, compreso qualche villaggio turistico, della Sibaritide acquistano una vitalità speciale e diventano delle vere e proprie isole multietniche e multilingue. Alla già considerevole presenza di cittadini stranieri, tra regolari e irregolari, si aggiunge, per la imminente stagione di raccolta degli agrumi e delle olive, un nuovo esercito in cerca della pur minima possibilità di lavoro. Un esercito che non vive ghettizzato in baracche o in alloggi di fortuna. Anche la ricca e produttiva Piana di Sibari, quindi, è chiamata a confrontarsi con il fenomeno dell’immigrazione che registra un incremento, quasi costante, di considerevole ampiezza.


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 13

CRONACHE

Il Moscato di Una legge per liberare i Saracena su comuni invasi dall’amianto Slowine 2011 di S. Marrone

di Gianna Borromeo COSENZA - «In Italia, secondo il Cnr, le sole lastre di eternit ancora stese su vecchi capannoni industriali o sui tetti di normali abitazioni occupano una superficie pari a due miliardi e mezzo di metri quadrati» si legge in una nota del Consigliere regionale, Gianluca Gallo. «Il pericolo, reale - continua - è che tale pesante eredità possa incidere, aumentandone la diffusione, su gravi patologie dell’apparato respiratorio, quali mesoteliomapleuricoecarcinoma polmonari e bronchiali. E ciò anche in Calabria, dove secondo il Ministero dell’ambiente sarebbero ad elevata contaminazione da amianto diversi Comuni, tra i quali Casole Bruzio, Celico, Spezzano Sila e Zumpano, con situazioni ugualmente preoccupanti, anche se oggettivamente meno rilevanti, pure a Cassano Ionio ed in altri centri della Sibaritide e del Pollino». Perarginarel’emergenzaerisolvere il problema, il consigliere regionale Gianluca Gallo ha presentato un progetto di legge con il quale si intende far sì che la Regione Calabria possa adottare gli strumenti indispensabili alla salvaguardia della salute dei cittadini ed alla salvaguardia dell’ambiente attraverso la bonifica e lo smaltimento dell’amianto presente sul territorio regionale. «Tra gli scopi della proposta spiega Gallo - vi sono anzitutto la sperimentazione di tecniche per la bonifica dell’amianto e il recupero dei siti inquinati; il sostegno alla ricerca nel campo della prevenzione e della terapia sanitaria; la bonifica di siti, impianti, edifici e manufatti contaminati; la difesa della salute pubblica». Finalità da centrare, ag-

giunge Gallo, attraverso «la predisposizione di un piano decennale regionale di tutela dall’amianto, che sulla scorta di un censimento degli impianti, degli edifici, dei siti e dei manufatti contaminati, da effettuarsi a cura delle Asl in collaborazione con l’Arpacal ed i Comuni, definiscaleprioritàdegliinterventi di bonifica, attivando al contempo idonee misure di tutela della salute nei luoghi di vita e di lavoro». Iniziative da finanziare attingendo ai fondi europei, da impiegare anche per stimolare cittadini e le imprese a collaborare in proprio, secondo le direttive regionali e la normativa nazionale e comunitaria, alle attività di risanamento, da monitorare costantemente, precisa l’esponente dell’Udc, «mediante l’istituzione di un registro pubblico degli edifici industriali e ad uso abitativo, dimessi o in utilizzo; degli impianti, dei mezzi di trasporto

con presenza di amianto, oltre che delle imprese che effettuano attività di bonifica e smaltimento di amianto, da affidare ad un apposito nucleo, da istituirsi presso l’assessorato alla salute, composto da tecnici specializzati». Il progetto di legge targato Gallo è già stato affidato per la trattazione alla Commissione consiliare regionale ambiente e assetto del territorio.

Sarebbero ad elevata contaminazione da amianto: Spezzano Sila Zumpano, Cassano e altri centri della Sibaritide e del Pollino

SARACENA - Il Moscato di Saracena su Slowine 2011, la nuova guida Slow food interamente dedicata al vino. Con la menzione "Grande Vino" al moscato delle cantine "Feudo Sanseverino", la migliore e più preziosa identità enogastronomica di Saracena, la "Città del Moscato Passito", continua a far parlare di sé su scala nazionale. Per la qualità dei prodotti del suo terroir. Nell’unico box calabrese e per la prima volta Saracena entra nella prestigiosa Guida. E per la prima volta, oltre alle cantine di Luigi Viola non soltanto vengono indicati anche gli altri tre produttori di Moscato di Saracena (Mimmo Gallicchio Biagio Diana ed Elisabetta Ferrara) ma c’è una scheda ad hoc sul celebre Moscato. Insomma un record ed un successo del Pollino e della Calabria delle eccellenze. Dalla storia dei produttori al perchè della scelta di questo o quel nome; dalle vigne allo speciale vino, protagonista di riconoscimenti, premi e menzioni. È attraverso questi tratti che Slowine ridisegna il profilo del moscato della cantina della Famiglia Bisconte, meglio noto come "Feudo Sanseverino", dal nome del Casato che possedeva i territori che oggi ricadono nel comune di Saracena. La guida Slowine 2011, in questo momento la più importante guida del settore, quella che detta la tendenza, che cambia le carte in tavola e spinge al rinnovamento la

Primo Campionato del mondo dell’Olio extravergine di oliva RENDE - Il Primo Campionato del Mondo dell’Olio Extravergine di Oliva si è concluso felicemente a Shanghai, nel corso dell’Expò 2010, nel Padiglione Italiano. La manifestazione è stata organizzata dalla Fimetica nell’ambito della Nona Edizione della Fiera Itinerante 2010, con la collaborazione del Cra di Rende. Le categorie degli oli erano tre: per la Extravergine il primo classificato è risultato l’olio dell’Azienda Vanjia Dujc della Slovenia; seconda l’Azienda Romano di San Demetrio Corona; terzo la Ctra- A di Cordoba, Spagna; Per la categoria Dop il primo posto va alla Ctra- A di Cordoba Spagna; il secondo Az. Maria Constanca del Portogallo e terzo all’azienda Masseriola di Ascoli Satriano Foggia. Per la categoria Bio-

logico il primo posto è dell’azienda Ceraudo Roberto di Strongoli; il secondo dell’Azienda Librandi di Vaccarizzo Albanese e al terzo posto l’Azienda il Bicchieraio di Pomino, Firenze. Biagio Rizzuti, del Cra di Rende, ha dichiarato: «Gli oli pervenuti sono da esempio per qualità ed accuratezza della lavorazione, esempi da seguire per chi vuole affermarsi in un settore ormai anch’esso globalizzato. Il Padiglione Italia dell’Expò di Shanghai è stato lo scenario ideale per una manifestazione mondiale, l’olio di oliva è uscito dal l’ambito del mediterraneo, suo contesto naturale, per espandersi ovunque». Corrado Tropea, altro tecnico del campionato, ha aggiunto: «Il Primo Campionato del Mondo ha fatto emergere che vi sono diverse

nazioni che producono ottimo olio, in quelli pervenuti gli oli stranieri non avevano nulla da invidiare a quelli italiani, anzi, in alcune categorie sono risultati superiori. Quelli italiani hanno primeggiato nel settore Biologico, una categoria che si sta affermando sempre di più, ma anche qui non è il caso di adagiarsi sugli allori». Un campionato inedito, dai risultati soddisfacenti, l’olio di oliva è un patrimonio storico da tutelare, la Calabria è una Regione che ha tanto da dire e con autorità a riguardo. In Calabria l’olio di oliva ha radici che risalgono alla Magna Grecia, l’inedita manifestazione ha dato alla Regione il ruolo di leader che storicamente gli appartiene.

critica enologica, assegna la menzione in giallo di "Grrande vino" (per indicare l’elevata qualità organolettica) con il Moscato Passito al governo di Saracena 2005 della Cantina Feudo dei Sanseverino. Il Moscato di Saracena è stato testato e degustato da uno dei 200 collaboratori di Slowfood che hanno girato in lungo e largo l’Italia per visitare vigne e cantine, alla scoperta delle eccellenze. Tra queste, quelle custodite appunto sul Pollino calabrese.


14

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

CRONACHE

«Enoteca, non separare storia ed innovazione»

Affidato ha fuso l’oro per creare la corona che sarà presentata al Papa

di Carmelo Morise

CROTONE - Nuovo impegno artistico per il maestro orafo Michele Affidato, il quale nella giornata del 1 novembre, giorno della ricorrenza di "Ognissanti", ha proceduto nella chiesa dei S.S. Pietro e Paolo di Crucoli stracolma di fedeli alla presenza del sindaco Sicilia, del vicesindaco Vulcano e del comandante dei vigili urbani Madeo, alla fusione dell’oro e più in generale degli oggetti preziosi donati dai fedeli di Crucoli e di Torretta per la realizzazione della nuova corona del Bambinello posizionato tra le braccia della Vergine di Manipuglia alla quale è dedicato un santuario. Come si ricorderà proprio il bambinello era stato trafugato anni fa dalla cappella nella quale è custodita la statua della Madonna tanto cara ai fedeli crucolesi. La raccolta dell’oro dalla quale si è fatto promotore il parroco don Pino Mauro insieme al consiglio parrocchiale ha ricavato circa 2.800 grammi di oro lordo. Secondo un rito che affonda le sue radici nell’antica tradizione orafa, Michele Affidato insieme ai suoi collaboratori ha fuso una parte del metallo all’interno del forno fusorio creando quindi un lingotto grazie al quale si realizzerà la corona che, secondo un programma già stabilito sarà presentata in Vaticano alla presenza del Santo Padre Benedetto XVI per la sua particolare Benedizione, presumibilmente nel mese di aprile del 2011 e successivamente nel mese di maggio avverrà l’incoronazione. Non è la prima volta che il maestro orafo crotonese è stato chiamato a realizzare una fusione di oggetti preziosi per la statua della Vergine conservata a Crucoli, infatti Affidato ha realizzato nel 2002 la corona della Vergine e del Bambinello benedetta poi nel corso di un’udienza privata dal Santo Padre Giovanni Paolo II. Particolarmente apprezzato l’intervento dell’orafo crotonese seguito a quello del parroco Mauro e del sindaco Sicilia. «Io sono qui come orafo e voi come comunità cristiana, con l’obiettivo unanime di ricostruire quello che è stato portato via quattro anni fa. Ci ritroviamo insieme in questa solennità dedicata a tutti i Santi per compiere un primo passo e quindi raggiungere un risultato: quello di ridare alla B.V. di Manipuglia quanto era stato trafugato». Rosa Voci

Sbarco di 100 immigrati, arrestati i 12 stranieri ritenuti gli scafisti CROTONE - Dodici uomini, tutti di nazionalità egiziana, sono stati arrestati a Crotone perché ritenuti gli scafisti dello sbarco di 100 immigrati avvenuto martedì. Le indagini sono state compiute dai carabinieri, dalla polizia, dalla Guardia di finanza e dal personale della Guardia Costiera. Gli scafisti sono stati individuati attraverso le dichiarazioni degli immigrati clandestini che hanno anche ricostruito le fasi del viaggio. I 100 stranieri, di diversa nazionalità, sono giunti sulla costa crotonese a bordo di un motopeschereccio in ferro di 25 metri incagliatosi a dieci metri dalla spiaggia.

CROTONE - Enoteca regionale, non si possono separare storia ed innovazione. «Accogliamo con soddisfazione la notizia dell’istituzione della sede dell’enoteca regionale a Cirò Marina - sono le parole del Presidente della Camera di commercio di Crotone Fortunato Roberto Salerno - la sede naturale per l’enoteca regionale non poteva che essere collocata nel comprensorio cirotano, perché Cirò vanta un diritto che affonda le radici nella storia, nella qualità e nei numeri delle produzioni vitivinicole. Tuttavia, appare poco opportuna la separazione dell’enoteca in una sede storica da collocare a Cirò Marina ed una dedicata alla ricerca ed innovazione tecnologica con sede a Lamezia Terme. I due fattori cardine da padroneggiare per far sì che le nostre produzioni vincano le sfide internazionali sono tipicità ed innovazione, due aspetti strettamente connessi che devono sostenersi a vicenda. La storia - continua il presidente della Camera di Commercio - senza l’innovazione è semplicemente uno sguardo volto al passato, mentre l’innovazione senza la valorizzazione delle origini è solamente aria fritta, pertanto sarebbe opportuno riconsiderare la deci-

sione dando ambedue le competenze alla sede cirotana. La tradizione vitivinicola cirotana deve essere sostenuta con la creazione di appositi percorsi formativi e valorizzata con la creazione di centri di ricerca e di innovazione affinché produca gli effetti attesi dalla realizzazione dell’Enoteca regionale, ossia rendere i vini calabresi più competitivi sui mercati nazionali ed esteri. La creazione di due sedi nell’intento di non scontentare nessuno va, invece, in direzione contraria, rischiando di affossare una iniziativa proficua. E’ giunto il momento che i territori

Presidente Camera di Commercio Crotone

calabresi vengano valorizzati ciascuno per le proprie eccellenze e non per luce riflessa, anche e soprattutto nella provincia di Crotone dove lo stato di bisogno rispetto ad un’idea di sviluppo sull’agroalimentare vede il vino come protagonista su cui da anni la Camera di commercio sta puntando; si veda, uno fra tutti, il progetto di assistenza fitosanitaria che di anno in anno viene attuato e migliorato con il coinvolgimento delle imprese e della Facoltà di agraria dell’Università di Reggio Calabria. In relazione al settore vitivinicolo regionale vi è necessità di una programmazione a medio-lungo termine, sostenuta da adeguati finanziamenti, ed un’azione di controllo. L’attenzione degli amanti del buon vino e degli specialisti del settore è naturalmente proiettata verso l’area crotonese ed in particolare cirotana. I vini del cirotano parlano nel mondo e raccontano non solo di Crotone ma della Calabria intera. E’ giusto - coclude la nota che un testimonial così importante del nostro territorio e di prestigio per la nostra Calabria sia riconosciuto ufficialmente e valorizzato dalle istituzioni regionali in maniera univoca e coerente».

Uil: «Non c’è stata una battaglia comune» CROTONE - «Ed ecco che alla fine la montagna ha partorito il topolino, anzi i topolini. E perché mai avremmo dovuto realizzare una sola enoteca in Calabria? E che, magari, avrebbe avuto la velleità di mettere in evidenza la tipologia di una produzione, proprio in un’area caratterizzata da un’intensa attività e da un’alta qualità vitivinicola? E che, magari, avrebbe potuto creare una sorte di "grift" conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo eno-gastronomico, fino a tradursi in possibili vantaggi per l’intera produzione calabrese? E perché mai, poi, far convergere le migliori risorse umane in un’unica location proprio per, ed al di là di ogni campanile, marcare finalmente uno straordinario senso dell’appartenenza e della peculiarità dal punto di vista regionale?» si legge in una nota di Mimmo Tomaino - Segretario Generale Uil Crotone. «E’ assaidifficilecomprendereleragioni che hanno determinato tale ingegnosa e perversa scelta istituzionale continua -. Senza troppo preoccuparsi che si sarebbe ulteriormente penalizzato un territorio che, invece, aveva ed ha bisogno di segnali forti e di significative iniezioni di fiducia. Avremmo voluto, invece, vederli tutti insieme, maggioranza e minoranza,

combattere una battaglia che poteva conseguire davvero un risultato straordinario. Ed anche perché questa volta non c’erano da disturbare i governi nazionali ed europei; questa volta la soluzione era nelle nostre mani, alla nostra esclusiva portata, ed affidata, semmai, ad una scelta dettata soltanto dal buon senso. Ma se proviamo, poi, a metterci nei panni del Governatore, riusciamo anche ad immaginare ed a comprendere tutte le pressioni, il travaglio che ha dovuto patire, prima di compiere la salomonica scelta che in Calabria sarebbe stato utile

e necessario realizzare due enoteche regionali, anziché magari le quattro o cinque che facevano parte della poderosa proposta sostenuta dal sempre presente "branco selvaggio". Adesso, però, evitiamo di attardarci troppo in sterili polemiche di campanile, perché si tratta di ben altro. Questa è la politica che deve ancora consumare la sua peggiore ritualità e, riconosciamolo, probabilmente anche un altro tipo di governo regionale avrebbe adottato la stessa identica soluzione o forse peggio, visto che la vicenda era già sul tavolo della precedente legislatura da oltre due anni. Ma io - conclude - che sono un impenitente ottimista e sono portato a credere, a proposito di enoteca, che il....bicchiere sia sempre mezzo pieno, sono certo che il Presidente Scopelliti metterà a disposizione di Crotone e dell’intera provincia il massimo del suo ruolo politico ed istituzionale per sostenere l’ennesimo tentativo che il Sindacato Confederale compie, per uscire da una crisi economica e sociale che ormai ha assunto i connotati della drammaticità e sui quali non conviene più a nessuno cincischiare».


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 15

CRONACHE

Giovane ferito, controlli nelle case degli estremisti di destra di Carmela Mirarchi CATANZARO - Alcune perquisizioni sono state fatte dalla Digos di Catanzaro nell’ambito delle indagini sul ferimento di R.M., il giovane di 27 anni accoltellato nella tarda serata di sabato scorso davanti alla sede del collettivo sociale Riscossa. I controlli sono stati fatti nelle abitazioni di esponenti dell’estrema destra catanzarese, ma non hanno dato esito. Nessuna traccia del coltello usato per il tentato omicidio che non è stato trovato sul luogo del ferimento. A quattro giorni dall’aggressione, dunque, il nome dell’autore del ferimento resta ancora avvolto dal mistero. Sabato sera, un gruppetto di cinque giovani dell’estrema destra, ha lanciato una pietra contro una delle finestre del collettivo Riscossa, mandando in frantumi il vetro. I giovani di sinistra che erano all’interno della sede del collettivo per la presentazione di una rivista di controinformazione, sono usciti e ne è nata una rissa nel corso della quale ci sono stati alcuni contusi. Successivamente, dopo un paio d’ore, i giovani di destra si sono ripresentati in numero superiore ed uno di loro ha dato due coltellate alla schiena a R.M., provocandogli ferite giudicate guaribili in 30 giorni. Sulla vicenda è intervenuto il capogruppo comunale di "Nuova alleanza per Catanzaro", Franco Cimino, che ha espresso «orrore

di F. Marra

per il vile attentato al giovane di sinistra. E’ andata davvero bene - ha aggiunto - a quel giovane accoltellato da un gruppo di coetanei, politicamente rivali nella lotta estrema tra comunisti e neo fascisti. Quando, come hanno fatto questi ultimi, al confronto ci si presenta con coltelli, mattoni e bottiglie, il concetto di scazzottata rapidamente evolve in quello di violenza premeditata». Secondo Cimino, «a segnali preoccupanti, emersi da più tempo, non è stato dato il giusto peso. Una certa tolleranza verso gruppuscoli organizzati è stata concessa con qualche probabile strizzatina d’occhio di certi ambienti politici. Ed anche una certa timidezza quasi giustificazionista, come quella che si conferma in talune dichiarazioni rese da più parti sul grave fatto. La politica, ancora

Cimino: una certa tolleranza verso gruppuscoli è stata concessa con qualche strizzatina d’occhio di certi ambienti politici una volta è in ritardo. E certi silenzi dentro di essa assai strani, specialmente a certi livelli istituzionali. Bene ha fatto il Sindaco a chiedere un immediato incontro con i vertici della Questura e con il Prefetto. Nessuna concessione all’estremismo violento».

Donna infettata, chiesta la relazione CATANZARO - Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, Leoluca Orlando, ha scritto al Presidente della Regione Calabria con deleghe allaSanità,GiuseppeScopelliti,per chiedere una relazione in merito a quanto denunciato da una donna, rimasta tresettimane in ospedale a causa di un’infezione seguita ad un parto cesareo. Il 27 settembre scorso la donna, - è scritto inun comunicato della commissione - ricoverata nell’azienda sanitaria "Pugliese-Ciaccio" di Catanzaro, ha dato alla luce il suo secondo figlio ma una settimana più tardi, dopo numerose richieste di accertamenti dovute ai forti dolori avvertiti, le visite specialistiche hanno accertato la presenza di un’infezione della ferita e del peritoneo, dovuta, sembra, ad una mancata copertura antibioti-

Presentato il progetto per il Polo archivistico

ca prima dell’operazione. Sul caso l’azienda ospedaliera ha avviatoleprocedurepreliminariper la costituzione di un’apposita Commissionealfinediesaminare il percorso clinico della paziente, dal ricovero alle dimissioni. «La Commissione parlamentare che presiedo - ha detto il Presidente Orlando - resta in attesa delle risultanze delle indagini avviate dalla stessa azienda ospedaliera.

Di fronte a questo episodio - ha aggiunto - attendiamo di conoscere ogni elemento utile per accertare l’esistenza di responsabilità personali e/o l’esistenza di anomalie funzionali e organizzative, nonchè eventuali provvedimenti cautelari adottati».

Annamaria Rossi

CATANZARO - E’ stato presentato al sindaco Rosario Olivo e ad alcuni componenti della Giunta e del Consiglio comunale il progetto di massima che sarà attuato entro la fine del mese di marzo del 2011. Prosegue, quindi, l’iter per la realizzazione del Polo archivistico - culturale nei locali del centro "Le Botteghe" di via Milelli, secondo gli intendimenti dell’amministrazione Olivo che nell’agosto 2009 aveva individuato lo stabile e nel dicembre dello stesso anno aveva provveduto a stipulare la convenzione tra il Comune e la Direzione Generale degli Archivi. La filosofia dell’intervento si caratterizza per la volontà di restituire ai cittadini uno spa-

zio pienamente fruibile sia per ciò che riguarda le aree esterne, sia per quelle interne. Sarà Qui alcune porzioni della realizzato struttura saranno destina- nel centro te a ospitare "Le una sala stuBotteghe" dio, una piccola biblioteca, di via Milelli una sala convegni con una zona dedicata a esposizioni permanenti, uno spazio museale.

Incontro Idv a Lamezia: fissati i principi dell’agire del partito LAMEZIA TERME - «Svolta in Italia dei valori con un senso di responsabilità e di attaccamento al partito dimostrato dal Consigliere Regionale Giuseppe Giordano per aver favorito sempre più l’unità in seno al gruppo consiliare e dunque una maggiore coesione all’interno del partito calabrese. Il coordinamento ha inoltre pienamente condiviso la linea del segretario regionale circa la necessità di contenere il dibattito e confronto in merito alle questioni interne

in seno agli organismi preposti» si legge in una nota di Servello. «La costruzione dell’Idv calabrese procede a passo spedito e a Lamezia, in un clima di rinnovati entusiasmo ed unità, sono stati fissati fondamentali principi del suo agire, orientati a dare rapide risposte alle istanze della società calabrese e a superare le questioni sulle dinamiche interne. Solo con tale metodo e merito si sarà in grado di veicolare con forza e con voce univoca linea politica di Idv».

Usura, prestiti con tasso del 120% arrestato un 33enne CROPANI - Un uomo, Giuseppe Tropea, di 33 anni, è stato arrestato a Cropani dagli agenti della squadra mobile di Catanzaro per estorsione e usura ai danni di un imprenditore. A Tropea è stata notificata una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catanzaro, Tiziana Macrì, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Alessia Miele. Nei mesi scorsi i poliziotti hanno avviato le indagini ed hanno scoperto che Tropea aveva prestato ventimila euro ad un imprenditore applicandogli un tasso di interesse annuo pari al 120%. Tropea, per costringere l’imprenditore a restituire il denaro, ha anche minacciato la vittima picchiando il figlio di quest’ultimo. Quando i poliziotti hanno avviato le indagini l’imprenditore ha deciso di collaborare raccontando quanto stava accadendo. Dopo aver eseguito l’arresto gli agenti della squadra mobile hanno perquisito l’abitazione di Tropea dove hanno trovato alcuni assegni per un importo di 25.000 euro.


16

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

CRONACHE

«Nuovo ospedale a rischio perché il Comune è indeciso» di Carmela Mirarchi CATANZARO - «Il sindaco Olivo e la sua parte politica (non possiamo parlare di maggioranza perché sanno tutti che questa non esiste più) si stanno confermando come un "pugno di uomini indecisi a tutto", come ironizzava un grande scrittore» si legge in una nota di Domenico Tallini , Capogruppo Popolo della Libertà al Comune di Catanzaro. «Di fronte all’incapacitàdelcentrosinistra di prendere decisioni ci «Il vecchio sarebbe da ride“Pugliese” re, se non fosse che di mezzo c’è non sembra il destino del più adeguato nuovo ospedale di Catanzaro, al suo opera che rischia di non essere ruolo» realizzata perché il Comune non indica con chiarezza dove dovrà sorgere - continua Tallini -. Nel giro di pochi giorni abbiamo registrato ben tre posizioni diverse - e tra loro contrastanti - da parte della ex maggioranza: la Giunta è per la localizzazione a Germaneto, il presidente della commissione urbanistica è per una nuova area tra Santa Maria e Lido, il capogruppo del Partito Democratico è per l’area del "Ciaccio". Il centrosinistra al Comune sta ripetendo gli stessi tragici errori del centrosini-

stra alla Regione, quando il presidente Loiero, pur di non prendere posizione nei contrasti tra Università e Azienda ospedaliera, fece andare avanti i progetti degli altri quattro nuovi ospedali (Vibo, Gioia Tauro, Sibaritide e Cosenza), lasciando dietro l’ospedale del Capoluogo. Il Popolo della Libertà, accertata la ferma volontà del Governatore Scopelliti di realizzare il nuovo ospedale di Catanzaro, ha presentato in Consiglio comunale una mozione, sottoscritta da 22 consiglieri e quindi dalla reale maggioranza, per sollecitare la tempestiva indicazione dell’area. Se l’Amministrazione comunale non fornirà, con atti ufficiali, la sua definitiva scelta della localizzazione, il presidente Scopelliti non sarà nelle condizioni di mandare avanti l’iter per la costruzione del

nuovo ospedale. La confusione totale che si registra nel Partito Democratico e in quella che era la maggioranza ci fa pensare al peggio. Catanzaro non può permettersi di perdere l’opportunità di avere un nuovo ospedale, visto che il vecchio "Pugliese", nonostante tutti gli interventi di ristrutturazione, non sembra più adeguato al suo ruolo. Sento il dovere, come capogruppo del Popolo della Libertà, di rivolgere un appello al sindaco Olivo. Intervenga, con l’autorità che gli deriva dal suo ruolo, - conclude il consigliere comunale del Pdkl, Domenico Tallini - per portare a sintesi la ridda di proposte e di idee e venga al più presto in Consiglio comunale con una proposta unitaria e condivisa, come gli era stato chiesto nella mozione firmata da 22 consiglieri».

Iniziative per la ricerca sul cancro CATANZARO - «La lunga lotta contro il cancro avanza in tutti i centri di ricerca del mondo, senza interruzioni, è una partita a scacchi, un continuo potenziamento delle menti che muovono i pezzi a nostro favore». Così l’Airc presenta la Giornata per la ricerca sul Cancro. L’associazione sottolinea anche la novità rispetto al passato: «Si riduce il numero delle scacchiere su cui si gioca la partita: i tavoli dei laboratori di ricerca e dei luoghi di cura si fondono e a muovere i pezzi contro il cancro

sono i ricercatori e i clinici insieme». A questo evento si partecipa anche da Catanzaro, sabato prossimo, infatti, alle 10.30 nella sarà conferenza del palazzo della Provincia si terrà l’incontro: "Curare con la Ricerca". L’iniziativa sarà l’occasione per ricercatori e clinici di discutere delle "pedine" da muovere oggi e delle mosse da compiere in futuro. L’incontro prevede l’intervento di affermati ricercatori impegnati sul fronte della ricerca e della cura del tumori come la professoressa Adriana

Albini del Polo Scientifico e Tecnologico Irccs di Milano, il professor Ugo Cavallaro dell’Ifom di Milano e il professor Pierfrancesco Tassone dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e del College Institute of Science and Tecnology della Temple University di Philadelphia,Usa. Sarà presente anche Pino Brughellis - Architetto e Direttore della Fondazione Targetti, che ha collaborato attivamente alla realizzazione dell’evento. La presenza di Brughellis, che discuterà su "Arte e ricerca, valori condivisi", darà modo di evidenziare quanto l’impegno intellettuale profuso in ciascuna delle due discipline si traduca in uno sforzo competitivo teso a produrre nuovi valori. Sono previsti interventi da parte di altri ricercatori e oncologi che operano sul territorio ed un coinvolgimentodellasocietàcivile. Tutto è finalizzato alla discussione dei più importanti aspetti della moderna oncologia medica.

Muore dopo dimissione dal Sant’Anna Hospital, indagati quattro medici CATANZARO - Quattro medici della casa di cura Sant’Anna Hospital di Catanzaro sono stati indagati dalla Procura di Catanzaro nell’ambito delle indagini sulla morte di un autista, Ilario Niutta, di 59 anni, di Roccella Ionica (Reggio Calabria), deceduto il 31 ottobre scorso, 24 ore dopo essere stato dimesso dalla struttura sanitaria. Si tratta, è stato rilevato in ambienti giudiziari, di un atto dovuto per consentire la nomina di periti di parte in vista dell’autopsia che sarà effettuata oggi a Catanzaro. A far scattare le indagini è stata la denuncia presentata ai carabinieri della Compagnia di Locri dai familiari di Niutta. Secondo il loro racconto, l’uomo è stato ricoverato al Sant’Anna per circa una settimana per una patologia cardiaca ed era stato dimesso sabato scorso. Tornato a casa, Niutta ha avuto un malore nella sua abitazione di Rocella Ionica ed è morto durante il trasporto all’ospedale di Locri.

Caterina Umbria

Commissario Pugliese-Ciaccio: massima attenzione agli anziani CATANZARO - «L’innalzamento della vita media ed il conseguente invecchiamento della popolazione impongono strategie innovative nel trattamento dei pazienti anziani ricoverati negli ospedali». Lo ha affermato, parlando al congresso regionale della Sigos, l’associazione dei medici geriatri ospedalieri, il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera "Pugliese-Ciaccio", Elga Rizzo. «A questi pazienti - ha aggiunto - le strutture ospedaliere pubbliche devono dedicare il massimo delle attenzioni, garantendo un’assistenza, se possibile, personalizzata». Il congresso, che ha affrontato le nuove frontiere della geriatria ospedaliera, è stato promosso su iniziativa del dott. Giovanni Ruotolo, direttore di Geriatria dell’azienda ospedaliera "Pugliese-Ciaccio" e presidente regionale della Sigos. «Lo scopo dell’associazione - ha sostenuto Ruotolo - è quello di promuovere la lotta contro l’emarginazione, l’invalidità e la cronicizzazione del malato anziano ricoverato in ospedale e di attuare l’indispensabile collegamento con il territorio per realizzare una valida ed integrata rete di servizi»

Sandra Rebbia

Parte il Corso di formazione in oncologia, è la terza edizione di Mario Mirabello

to in quattro moduli, è diretto a 55 medici di oncoCATANZARO - Prevista per logia medica, radioterapia, domani alle ore 11presso ematologia, chirurgia e la Sala Radioterapia medicina generale; 10 fardell’Ospedale "Ciaccio" di macisti ospedalieri e del Catanzaro, la conferenza territorio; 35 infermieri prostampa di presentazione fessionali di discipline attidel 3° Corso di Formazione nenti. «Il Corso di Oncoloin Oncologia, organizzato gia - ha evidenziato il dr. dal Dipartimento di Onco- Stefano Molica - anche in logia, Ematologia e Medi- questa edizione, intende cina Trasfusionale dare risposte alla necesdell’Azienda Ospedaliera sità di aggiornamento Pugliese - Ciacciscientifico del personale o.L’evento, giunto alla sua medico, infermieristico e terza edizione ed articola- dei farmacisti ospedalieri».


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 17

CRONACHE

«Fc, totale impegno del Comune a difesa della bandiera cittadina» di Carmen Nunzi CATANZARO - «Le decisioni assunte dall’Amministrazione Comunale per evitare l’onta della cancellazione della lunga e gloriosatradizionecalcisticacittadina sono non solo ineccepibili sul piano formale e procedurale, ma soprattutto largamente condivise dall’intero arco delle forze politiche rappresentate nel Consiglio Comunale e dal Tavolo Istituzionale che in tutti questi mesi ha seguito con passione le vicende del Fc Catanzaro» si legge in una nota del Comune di Catanzaro. «Si è trattato - continua - di decisioni serie ed equilibrate che hanno tenuto conto innanzitutto della straordinaria funzione sociale che il calcio svolge a Catanzaro e dello smisurato amore che lega decine di migliaia di sportivi, sparsi in tutta Italia, ai colori giallorossi.Un’altra, essenziale motivazione è da ricercare nel fatto che la squadra di calcio veicola, da sempre, l’immagine della città in Italia e dovunque, in tutto il mondo, esistono comunità di calabresi. Non c’è stata alcuna "regalia" e non c’è stato alcun uso

Chiusa per i danni provocati dal maltempo la discarica di Pianopoli di Maria Mirante

distorto del denaro pubblico. Quanto alla somma destinata all’unanimità dal Consiglio Comunale all’Associazione di scopo "Tribuna Gianna" c’è da ricordare che questa è stata finalizzata alla regolare iscrizione al campionato di Seconda Divisione. In tal senso, sindaco e amministrazione comunale hanno raccolto l’accorato appello dell’assessore regionale Domenico Tallini che aveva invitato, con una dichiarazione sulla stampa, a non lasciare nulla di intentato per salvare il calcio professionistico a Catanzaro. L’Amministrazione comunale, sul presupposto che la squadra di calcio è un patrimonio che appartiene alla città non ha consentito che venisse disperso il titolo sportivo , nell’atte-

sa di nuove condizioni per un rilancio della compagine societaria. La rigorosità istituzionale del Comune ha impedito, e impedisce tuttora, di perseguire altrestrade,comel’immorale"fallimento pilotato" che viene invocato da alcuni settori che evidentemente sono interessati a rilevare a costo zero un Catanzaro che dovrebbe militare per chissà quanti anni tra i dilettanti. Per ben tre volte il sindaco di Catanzaro ha scongiurato l’ipotesi del fallimento e della chiusura del calcio a Catanzaro. Il Comune ha fatto il suo dovere per difendere non una semplice società di calcio, ma un’autentica bandiera della città».

PIANOPOLI - E’ chiusa per danni provocati dal maltempo la discarica di Pianopoli dove, fino a sabato scorso, sono stati conferiti i rifiuti provenienti dalla Campania. Nell’impianto, gestito dalla società Daneco, sono in corso i lavori per ripristinare il pieno funzionamento della discarica. Le attività dovrebbero riprendere tra domani e dopodomani anche se non sarà più possibile ricevere i rifiuti provenienti dalla Campania a seguito dell’ordinanza del sindaco di Pianopoli, Gianluca Cuda, con quale si impone il divieto di transito ai Tir nel territorio comunale. Una analoga ordinanza era stata emessa anche dal sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. L’ultimo conferimento a Pianopoli dei rifiuti campani è

avvenuto sabato scorso. La discarica è stata poi chiusa nei due giorni festivi del 31 ottobre e 1 novembre, mentre ieri non sono arrivati camion carichi di rifiuti a causa del maltempo. I danni provocati dalle abbondanti piogge hanno poi imposto l’attuale chiusura dell’impianto. Nella discarica di Pianopoli sono stati conferiti fino a sabato scorso i rifiuti provenienti dalla Campania così come previsto dall’ordinanza emessa dal Commissario delegato al superamento dell’emergenza rifiuti della Calabria, Giuseppe Scopelliti. L’operazione, secondo l’ordinanza, doveva durare dieci giorni fino al raggiunto della soglia di tremila tonnellate di rifiuti.


18

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

SPECIALE

Nell’esposizione si succedono, tra gli altri, gli abiti di Gianni Versace, Valentino, Roberto Capucci, Missoni, Fendi e Armani

L'onorevole Santo Versace

Oltre 100 costumi di scena delle più prestigiose firme sono esposti nella rassegna "Il teatro alla moda"

Santo Versace unisce moda e cultura nella mostra organizzata nella Capitale Un trionfo del made in Italy. L’onorevole: «Questo evento è l’espressione della modernità» di Sophie Cnapleynck Talarico ROMA - Roma celebra la moda ed il teatro e con essi la magia creativa di Gianni Versace e l’intuito dell’onorevole Santo Versace, ispiratore dell’evento. La manifestazione, promossa da Altaroma, dai Musei Mazzucchelli di Brescia e dalla Fondazione Roma, è stata inaugurata ieri l’al-

tro dal Presidente Emmanuele Emanuele, che ha ospitato l’evento presso il Museo del Corso. Alla serata d’apertura sono intervenuti il presidente di Altaroma, Silvia Venturini Fendi, il curatore della mostra, Massimiliano Capella, e, naturalmente, la persona che più di tutte ha voluto il progetto cioè Santo Versace. Per l’evento, battezzato appunto “Il Teatro alla

Moda”, sono stati recuperati 100 costumi di scena preziosi e raffinati realizzati appositamente per rappresentazioni teatrali o per opere liriche dai più grandi sarti d’Italia. «Questo evento è l’espressione della modernità - ha detto Versace - qualcuno dice che con la cultura non si mangia, ma non c’è sviluppo senza e viceversa». Un messaggio importante, quello del deputato reggino del Pdl, sia per il Paese e per la Calabria. Da sempre infatti Santo Versace insiste nel sostenere la cultura come strumento di crescita e di sviluppo. Gli abiti esposti sono stati suddivisi in otto sezioni, “Moda, teatro e grandi interpreti”, “Fendi:

Per l’evento sono stati recuperati 100 costumi di scena preziosi e raffinati realizzati appositamente per rappresentazioni teatrali

l’opera in pelliccia”, “Missoni, dalle nebbie della Scozia alla luce di Africa”, “Roberto Capucci e le primedonne del belcanto”, “Armani”, “Marras da sogno”, “Il Made in italy diventa teatro” ed infine “Versace Teatro”. Uno spazio quest’ultimo in cui emerge il grande talento del compianto maestro reggino e la sua straordinaria sensibilità nell’interpretare

le esigenze teatrali con gli occhi e la magia dell’alta moda. Nell’esposizione si succedono gli abiti di Gianni Versace, Valentino, Roberto Capucci, Missoni, Fendi, Giorgio Armani, Romeo Gigli, Alberta Ferretti, Emanuel Ungaro, Antonio Marras, Enrico Coveri. Ogni abito esposto è affiancato da un video che rappresenta l’abito in scena, dal bozzetto realizzato dallo stilista o ancora da una foto dell’epoca. In ogni sala una musica diversa accompagna la girandola gli abiti, dal mantelloinpellicciarosaindossato da Raina Kabaivanska nella Traviata all’abito di Alberta Ferretti per la Carmen di Bizet, o ancora le tuniche di Missoni indossate da Luciano Pavarotti o la gonna chiamata “Bata de Cola” disegnata da Giorgio Armani ed indossata da Joaquin Cortes mai esposta prima d’ora. Insomma una grande mostra che celebra due dei settori di maggiore tradizione e prestigio del patrimonio culturale italiano: il teatro e la moda.


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 19

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Mostra d’arte sulle note del tango L’evento avrà inizio con la presentazione della personale dell’artista argentino Salvador Gaudenti CROTONE - Sulle note sensuali e coinvolgenti del tango prenderà inizio, domani, la stagione 2010- 2011 dedicata all’arte promossa dalla Galleria d’arte Marano di Crotone, in via Torino 105. Sarà un venerdì ricco di emozioni in cui arte, musica e storia si fonderanno per dare vita ad un evento unico nel suo genere che vedrà coinvolta tutta la città. L’evento avrà inizio con la presentazione dellamostrapersonaledell’artistaargentino Salvador Gaudenti il quale, per questa occasione, ha realizzato venti opere inedite dedicate al più travolgente tra i balli latino-americani: il Tango. Accanto a queste opere saranno esposti anche alcuni dipinti realizzati negli anni passati che affrontano un tema sociale, oggi molto attuale, quello dei Desaparecidos. La mostra sarà presentata dal dott. Franco Rocca che inviterà i partecipanti alla lettura delle opere di questo straordinario artista il quale attraverso i suoi colori ci conduce in Argentina alla scoperta delle origini di questa terra affascinante e contraddittoria.In questo racconto pittorico, Gaudenti descrive la musicalità, le atmosfere, i colori delle vie di Buenos Aires. Santelmo, Boca, Caminito sono alcuni dei luoghi frequentati dai tangueros di Gaudenti: quartieri in cui, in passato, si concentravano gli immigrati italiani che

arrivavano da Genova, e dove l’artista ha trascorso la sua infanzia con la famiglia. Nelle forti tinte esplode la nostalgia e la malinconia di tre generazioni, compresa quella degli emigranti europei, che hanno dato vita ad un ballo intenso e passionale quale è il tango. Molto marcati gli anni tra la fine dei Settanta e gli inizi degli Ottanta, quando un’ intera generazione di intellettuali venne cancellata, per sempre. Infine, emerge la generazione attuale degli intellettuali argentini, a cui Gaudenti appartiene e, partendo dal proprio passato, cerca di ricostruirsi una propria identità culturale. Nelle sue opere, si rileva una ricerca storica e storiografica che merita essere indagata e che non si esaurisce nella descrizione dei luoghi e nelle suggestioni del tango. Gaudenti non è un ballerino, è un attento osservatore e nei suoi dipinti suggerisce un percorso, una storia, emozioni e tanti sogni. La mostra sarà visitabile fino al 30 novembre 2010.

Francesca Tolomeo

Una calabrese a “Ti lascio una canzone”

Polistena, cinema gratis per i più poveri

VIBO VALENTIA - Ieri sera nella trasmissione di Rai uno "Ti lascio un canzone" condotta da Antonella Clerici si è esibita un piccolo talento canoro. Viene dal Comune di Dasà (Vv) e si chiama Maria Consolazione Portaro. Scelta a settembre tra i 30 bambini che partecipano al programma, ieri Maria Consolazione si è espressa con le sue doti canore davanti al pubblico di Raiuno. Doti che le hanno permesso di riuscotere tanto successo a livello regionale (Bimbo show E Calabria Festival) .

POLISTENA - Cinema gratuito per le famiglie numerose e più bisognose: l’iniziativa è del sindaco di Polistena (Rc), Michele Tripodi: «A Polistena - spiega - vi sono diversi nuclei familiari numerosi e bisognosi che occorre coinvolgere nella vita sociale ed organizzata, e nelle iniziative che vengono promosse per migliorare i servizi. La rassegna cinematografica cinema a cinque stelle organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione culturale F.lli Lumiere, vuole essere un momento di intrattenimento e svago per tutti ed anche per coloro che non possono permettersi questa opportunità.

r. a.


20

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Il binomio violino-pianoforte questa sera di scena nella Città dei Bruzi. In programma brani di Mozart

Cosenza, musica classica al teatro Morelli con il duo Nordio-Bacchetti COSENZA - Si torna alla musica classica oggi al Teatro Morelli, con il duo formato da Domenico Nordio al violino e Andrea Bacchetti al pianoforte. Un duo che rappresenta il meglio della musica classica italiana per quanto riguarda il binomio violino pianoforte. In programma brani di Mozart, Chopin/Milstein, Mendelssohn/Heifetz,Beethoven, Szymanowski. Un affascinante percorso fra le suggestioni di melodie immortali. Domenico Nardio, nato a Venezia, studia violino con Corrado Romano e Michele Auclair. È professore di violino presso l’Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma e direttore artistico del Concorso Internazionale di violino che organizza la Fondazione Romano Romanini a Brescia. Domenico Nordio è considerato ormai da tempo uno degli artisti italiani di punta.Ex bambino prodigio (ha tenuto il suo primo recital a dieci anni), a sedici anni ha vinto il Concorso Internazionale "Viotti" di Vercelli con il leggendario Yehudy Menuhin Presidente di Giuria. Dopo le affermazioni ai

concorsi Thibaud di Parigi, Sigall di Viña del Mar e Francescatti di Marsiglia, il Gran premio dell’Eurovisione ottenuto nel 1988 gli ha dato immediata popolarità grazie anche alla finale trasmessa in tutta Europa in diretta televisiva dal Concertgebow di Amsterdam. Nordio è l’unico vincitore italiano nella storia del concorso. Nella sua ormai ventennale carriera si è esibito con London Symphony, la National de France, la National Symphony of Ireland, l’Orchestre de la Suisse Romande, la Sinfonica Verdi di Milano, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, la Camerata Bariloche, la Petrobras di Rio de Janeiro, l’Enescu Philharmonic di Bucarest, l’Orchestra Nazionale della RAI, la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, del San Carlo di Napoli e del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra Borusan di Istanbul, l’Orchestra Nazionale di Spagna. Tra i direttori con i quali ha collaborato vi sono Menuhin, Mercier, Maag, Flor, Steinberg, Tabakov, Lazarev, Tabachnik, Casadesus, Benedetti Michelangeli, Luisi,

Domenico Nardio, nato a Venezia, studia violino con Corrado Romano e Michele Auclair. È professore di violino presso l’Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma

Karabtchevskij, Aykal.Nordio è concertista molto noto all’estero e larga parte della sua attività si svolge in lunghi tour internazionali. Ha suonato, tra l’altro, a Tokyo (Suntory Hall), Ginevra (Victoria Hall), Madrid (Teatro Monumental), Dublino (National Concert Hall), Londra (Barbican Center), Parigi (Salle Pleyel), Mosca (Conservatorio Tchaikovskij e la Casa della Musica), New York (Carnegie Hall), Vienna (Konzerthaus),Zurigo(Tonhalle), Praga (Festival della Primavera), Milano (Teatro alla Scala), Buenos Aires (Teatro Colon).In Italia è presente in tutti i principali cartelloni. Particolarmente privilegiato è il suo rapporto con le serate musicali di Milano, che ogni anno ospitano suoi recital e che hanno coprodotto il suo debutto al Ravenna Festival 2010.Domenico Nordio è dedicatario di composizioni di Facchinetti, Semini, Scannavini. Ha tenuto a battesimo brani di Donatoni (durante la settimana musicale Senese) e Boccadoro (Cadillac Moon, concerto per Violino eseguito con l’Orchestra del Teatro Lirico di

Cagliari e registrato dal vivo per Rai Trade). Proprio Carlo Boccadoro ha recentemente scritto per lui "Grip", pezzo per violino solo che ha eseguito in prima assoluta al Teatro Bonci di Cesena. Ad aprile 2011 suonerà un nuovo pezzo di Michele dall’Ongaro commissionato dagli Amici della Musica di Ancona. Andrea Bacchetti, nato a Genova (Italia) nel 1977. Giovanissimo ha incontrato e raccolto i consigli di musicisti come Karajan, Magaloff, Baumgartner, Berio e Horszowski. Premiato con prestigiose borse di studio dal Mozarteum di Salisburgo, dalla Yamaha Music Foundation di Londra, dal conservatorio nazionale di Parigi che gli hanno consentito di frequentare maestri quali Dorenski, Kammerling, Perticaroli, Perahia, Goode, Lonquich, Weissenberg, ecc. Debutta a 11 anni a Milano con i

Andrea Bacchetti è nato a Genova nel 1977. Giovanissimo ha incontrato e raccolto i consigli di musicisti come Karajan e Magaloff Solisti Veneti diretti da C. Scimone. Da allora ha suonato frequentemente in festivals internazionali quali Lucerna, Salisburgo, Belgrado,Santander,Antibes,Vicenza, Bologna, Menorca, Brescia e Bergamo, Sermoneta, Camerino,Sorrento, Ravello, Torino, Como, La Coruna, Pesaro, Milano ecc. e presso importanti centri musicali come Konzerthaus, Berlino; Salle Pleyel, Salle Gaveau, Piano Parigi; Rudolfinum Dvorak Hall, Praga; Palais des Beaux Arts; Teatro La fenice, Venezia; Teatro alla Scala e Sala Verdi, Milano; Teatro Coliseo, Buenos Aires; Ateneo Rumeno, Bucarest; Rachmaninoff Saal.

Festa di colori, suoni, sapori e odori nell’Autunno silano. Celebrate le eccellenze enogastronomiche COSENZA - Con il conforto di un larghissimo seguito di pubblico, che ha fatto registrare ancora una volta il tutto esaurito nelle strutture ricettive dell’area, si è avviato a conclusione questo scintillante "Autunno Silano" che ha animato la vita dell’altipiano all’insegna del binomio prodotti tipici e musiche di tradizione, in un’inebriante festa di colori, suoni, sapori ed odori che ha avvolto i numerosi visitatori, di provenienza per lo più extra-regionale. Celebrate in diverse occasioni le eccellenze enogastronomiche che caratterizzano

la biodiversità, non solo alimentare, della Sila: funghi, ovviamente, di tutti i tipi e preparati in tutte le salse ma anche formaggi, salumi e sottolio offerti in degustazione dai numerosi stand allestiti dagli operatori dell’area nonché dalle principali aziende del settore. E la festa in onore dei frutti della terra si è arricchita di un "goloso" omaggio anche alla "patata della Sila" che ha ottenuto, dalla Comunità Europea, l’ambito riconoscimento Igp al fine di promuoverne e salvaguardarne la qualità e l’originalità rispetto ad altre produzioni.


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 21

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

L’iniziativa internazionale è organizzata dal Comune, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica

“Premio Pitagora”, nuova edizione domani al teatro Apollo di Crotone CROTONE - Torna il premio Pitagora. Il premio che porta il nome del personaggio simbolo della città di Crotone. Gli eventi legati al premio internazionale organizzato dal Comune di Crotone che si terrà il prossimo 5 novembre sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, del ministero dei Beni e le Attività culturali e del ministero dell’Istruzione - Università e Ricerca, sono stati presentati nei giorni scorsi nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso la sala "Dionigi Caiazza" della Casa della Cultura. Erano presenti l’assessore alla Cultura Silvano Cavarretta, il consigliere delegato al Turismo Francesco Pesce, il dirigente del settore cultura Vincenzo Scalera e la prof. Rita Lentini dell’Ats Krognosi, struttura che coadiuva il Comune di Crotone nell’organizzazione. Anche quest’anno, che per molti è il duemilacinquecentesimo dalla sua morte, il Comune di Crotone celebra la memoria di un personaggio cardine nella storia del pensiero occidentale, un perso-

naggio che ha fornito contributi determinanti nell’impostazione delle scienze odierne, nel senso unitario della parola, quello che per intenderci ingloba filosofia, matematica, fisica, medicina, architettura, musica e quant’altro, essendo poi uno dei pochi ad avere conciliato razionalità ed esoterismo. La serata in onore di "Pitagora" si terrà il 5 novembre al teatro Apollo e ad essere insignito del premio internazionale Pitagora - Città di Crotone sarà il prof. Yaroslav Sergeev Yaroslav Sergeev è nato in Russia a Gorky (l’attuale Nizhni Novgorod), il 28 agosto 1963. È attualmente professore ordinario presso la facoltà di Matematica Computazionale e Cibernetica dell’Università"N.I.Lobachevski" di Nizhni Novgorod e presso la facoltà di Ingegneria dell’Università della Calabria. Il professore Sergeev è autore di più di 180 pubblicazioni di cui 4 libri. Una prima linea delle sue ricerche riguarda lo sviluppo di nuovi metodi sequenziali e paralleli nel campo dell’ottimizzazione globa-

A essere insignito del premio internazionale Pitagora Città di Crotone sarà il professore Yaroslav Sergeev Yaroslav Sergeev, nato in Russia a Gorky

le, nonché l’elaborazione della corrispondente teoria di convergenza e delle stime di efficienza. Una seconda, determinante nella decisione della giuria tecnica che gli ha assegnato il premio, riguarda la costruzione di una nuova aritmetica che consenta l’esecuzione di calcoli con numeri infiniti ed infinitesimi, usando un nuovo tipo di calcolatore di cui il vincitore è titolare del brevetto per l’Europa, gli Stati Uniti e la Russia. I fondamenti di questa nuova aritmetica, che riprendono alcune delle impostazioni filosofiche della Magna Grecia, sono in netta contraddizione con quelli che affondano le loro radici nella teoria degli insiemi, teoria che ha pervaso la matematica del ventesimo secolo. Oltre a ricompensare la eccezionalità dei suoi lavori, peraltro comprovata da una serie di riconoscimenti ottenuti in Italia, in Russia, negli Stati Uniti e in Turchia, la giuria tecnica, ha inteso, con la sua scelta, coronare il coraggio dimostrato dal professore Yaroslav Sergeev nell’affrontare

Un concerto jazz per pianoforte del pianista e compositore Mazziotti al liceo “Stillo” di Crotone CROTONE - Una serata particolare è stata quella che ci ha regalato, nei giorni scorsi, il pianista e compositore Julio Mazziotti, presso l’auditorium del Liceo musicale "O.Stillo" di Crotone. Una sede, quello del liceo, che è ormai diventata un punto di riferimento culturale artistico, per la città di Crotone e per quanti vogliono ascoltare, dal vero, le più importanti novità artistico musicale che vi sono nel panorama internazionale. Il concerto era presentato come "Concerto jazz per pianoforte", organizzato dalla società Beethoven Acam di Crotone.

«Ci siamo però trovati di fronte ad una realtà artistica che non potevamo pensare così forte e volitiva allo stesso tempo. Julio Mazziotti - si legge in una nota - si è rivelato un musicista completo, oltre che un virtuoso del pianoforte. Musicista completo poiché ha saputo dare alle sue composizioni (l’intero programma era formato da composizioni originali dello stesso musicista) una particolare raffinatezza ed un taglio particolare che vedeva percorrere l’intero panorama dagli esordi ai giorni nostri della storia del Jazz.

in modo decisamente critico ed innovativo i problemi relativi ai fondamenti della matematica, rispondendo così pienamente allo spirito del premio internazionale Pitagora - Città di Crotone. La cerimonia di premiazione del professore Yaroslav Sergeev, vincitore dell’edizione 2010, che si terrà presso il Teatro Apollo il prossimo 5 novembre alle ore 20.30 verrà preceduta dalla lettura di un poema di Rosanna Iembo e seguita da un lavoro teatrale scritto da Elio Pecora dal titolo "Pitagora", per la regia di Adolfo Adamo. L’edizione 2010 conferma la volontà dell’amministrazione comunale di Crotone di voler porre costantemente al centro la cultura, come mezzo per la crescita economica e sociale del proprio territorio. «Pitagora rappresenta tutt’oggi una fonte inesauribile di sapere,

Cavarretta: «Pitagora rappresenta tutt’oggi una fonte inesauribile di sapere, di cui di anno in anno vengono scoperti nuovi aspetti» di cui di anno in anno vengono ancora scoperti nuovi aspetti e di conseguenza nuovi opportunità di legame tra Crotone ed il resto del mondo», così l’assessore comunale alla Cultura avv. Cavaretta, anticipando come l’amministrazione, nella consapevolezza delle profonde radici culturale che la città può a giusto titolo vantare, stia anche lavorando alla realizzazione dell’"Istituto mondiale della ragione", nel quale sono ad oggi già coinvolte 5 università distribuite tra Europa e Mediterraneo.

r. a.


22

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

APPUNTAMENTI Riunione “Comitato strada Archi – Ortì ” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Assemblea regionale Legacoop Oggi , alle ore 11.00, presso la Legacoop si terrà l’assemblea regionale delle cooperative per discutereil seguente ordinedelgiorno: elezione del responsabile regionale Legacoop Sociali; ufficio di presidenzadelsettore.SaràpresentePaola Menetti, responsabile Nazionale Legacoop Sociali. Tavola Rotonda su "Lo Stalking" Sabato 13 novembre , alle ore 17.00, presso la sala consiliare della provincia di Catanzaro si terrà la tavola rotonda su "Lo Stalking", a cura dell’associazione "Comitato di Quartiere Bambinello Gesù".Saluta: Wanda Ferro; moderatore: Giampaolo Mungo; intervengono: avv. Nunzio Raimondi; Salvatore Leotta; dott.ssa Rossella Nutile; prof. Danilo Russo. A conclusione una breve dimostrazione di tecniche di difesa personale. Convegno dei docenti di religione della Calabria La scuola italiana si trova oggi di fronte a numerose sfide culturali ed emergenze educative, mentre le indicazioni della Riforma Gelmini, fenomeni di bullismo, il disagio giovanile, la professionalità docente, le questioni giuridico – sindacali sono tutti nodi che attraversano l’universo scolastico.Per discutere di queste problematiche i docenti di religione della Calabria si sono dati appuntamento il 9 novembre , a Catanzaro Lido, per un convegno regionale di aggiornamento, inserito nel quadro di un progetto triennale di formazione dei docenti di religione approvato dal Miur, organizzato dell’Adr associazione nazionale deidocentidireligioneaccreditataal Miur come ente di formazione, in collaborazione con lo Snadir, Sindacato Nazionale degli Insegnanti di Religione.Tema dell’assise: “Le nuove indicazioni ministeriali per l’insegnamento della religione cattolica nella scuola primaria e secondaria”. COSENZA Presentazione “Dop Fichi di Cosenza” Il presidente della Camera di Commercio di Cosenza, Giuseppe Gaglioti, invita alla conferenza stampa di presentazione “Dop Fichi di Cosenza”chesiterràvenerdì5novembre, presso la Camera di Commercio di Cosenza, alle ore 10.30.Presiede: Giuseppe Gaglioti, presidente Camera di Commercio di Cosenza; interviene: Angelo Rosa, presidente consorzioficoessicatodelcosentino; partecipano:MarioZumpano,presidente Calab; Roberto Matragrano, presidente Promocosenza; conclude: Michele Trematerra, assessore regionale dipartimento Agricoltura foreste e forestazione. Meeting nazionale dei giovani Proprio dai temi della rappresentanza,dellavoro, dellalegalità, della formazione e della casa partiranno le

Il sindaco Giuseppe Raffa ha ricevuto a palazzo san Giorgio i componenti del “Comitato strada Archi – Ortì”. Insieme al Capo dell’Esecutivo Munciapale, ad ascoltare le istanze manifestate dai cittadini e dai rappresentati circoscrizionali delle due aree interessate, anche l’assessore Paolo Gatto ed i consiglieri Rocco Albanese, Bruno Ferraro e Giuseppe Agliano. In sintesi, il Comitato ha ringraziato il Sindaco per la tempestività con la quale si è concretizzata la riunione, e si è chiesto un intervento immediato affinché si eviti l’isolamento della zona preaspromontana a causa di un accesso non idoneo, divenuto per niente

sicuro soprattutto dopo gli ultimi, eccezionali, eventi alluvionali che hanno colpito la città. Un problema quello della viabilità, che come sostenuto dai presenti, riguarda anche l’aspetto socio – economico e la vitalità stessa dei quartieri interessati, dal momento, hanno spiegato, che il collegamento Archi – Ortì risulta fondamentale anche nell’ottica delle prospettiva turistica, poiché servirebbe in maniera molto più veloce chi si reca verso Gambarie. Una strada, quindi, strategica per tutto il territorio. Gli amministratori hanno ascoltato con interesse le necessità esposte dal Comitato, ed il sindaco Raffa ha manifestato la pro-

pria disponibilità, ribadendo come “il cittadino abbia il diritto – dovere di ricevere risposte adeguate. Per questo dobbiamo concentrarci – ha dichiarato – sull’unica, ad oggi, soluzione possibile, cioè mettere in sicurezza i punti critici di questa strada. I tecnici, ovviamente, faranno una valutazione approfondita, e proprio con gli esperti, ed insieme al Comitato, faremo un sopralluogo affinché vengano definiti i tempi necessari, che mi auguro siano molto brevi. Questo è l’impegno che ci assumiamo, così da poter cercare di alleviare i disagi che i residenti, e non solo, delle due frazioni hanno sottoposto alla mia attenzione”.

cinque proposte concrete che saranno elaborate nel corso dei lavori del Meeting nazionale della gioventù che la città di Cosenza ospiterà da venerdì 5 novembre a domenica 7 novembre nel centro storico, per individuare dei percorsi di uscita dalla crisiculturale,politicaedeconomica che attanaglia il Paese. Il Meeting si aprirà ufficialmente venerdì 5 novembre al Museo dei Brettii e degli Enotri, dopo un prologo oggi, alla Città dei ragazzi.

mendola; Giampiero Mazzei; relazionano: Pasquale Penza; Salvatore Sica.

Incontro dal tema "Azioni per il rilancio dell’economia calabrese" “Azioni per il rilancio dell’economia calabrese”: è questo il tema dell’incontro che si svolgerà venerdì 5 novembre , alle ore 18.00, presso il teatro Umberto di Lamezia ed al quale prenderanno parte l’assessore alle attività produttive Antonio Caridi ed il presidente della V commissione “Riforme e Decentramento” Mario Magno.

Incontro con l’Ambasciatore della Repubblica Somala Venerdì 5 novembre , alle ore 18.00, il presidente della Camera di Commercio di Cosenza, Giuseppe Gaglioti, incontrerà l’Ambasciatore della Repubblica Somala a Roma, Nur Hassan Hussein, presso la sala giunta della Camera di Commercio di Cosenza. LAMEZIA TERME Inaugurazione I Camera di Conciliazione Lametina Oggi , alle ore 16.30, in Via LeonardoDaVincin°15,siterràl’inaugurazione della I^ Camera di Conciliazione Lametina, Prospettive Future. Salutano: Francesco Talarico; Salvatore Cittadino; Antonello Mauro; introduce e modera: Giacinto Curcio; intervengono: Fulvio Am-

Tour Piano Casa 2010 Al via la quattordicesima tappa del Tour Piano Casa 2010, ideato ed organizzatodaEdilportale.com,Archiportale e Agorà. Si terrà il 5 novembre , alle ore 15.00, presso il Polo Convegnistico Fondazione Mediterranea Terina (Ex Centro Agroalimentare)inAreaIndustrialeExSiril quattoridicesimo dei 20 workshop itineranti,chestannopercorrendola penisola con l’obiettivo di chiarire, spiegare e approfondire le leggi Regionali per il Piano Casa. Fra i relatori, saranno presenti: Giuseppe Gentile (Assessore Regionale alle Infrastrutture e ai Lavori Pubblici), Giovanni Laganà (Direttore Generale Dipartimento Lavori Pubblici), Antonio Capristo (Dirigente Settore Casa),Francesco Cava (Presidente ANCE Calabria), Giovanni Bevacqua (Presidente Anaepa Associazione Nazionale Artigiani dell’Edilizia), Salvatore Perugini (Presidente Anci Calabria). Conduce i lavori Alfredo Martini (Direttore editorialediCostruttoriNews).Dalla platea: Rossella Calabrese (Redattore capo Edilportale.com) e Roberta Dragone (Redattore capo Archiportale.com).

Convegno Regionale "La dirigenza del futuro per l’ospedale del domani" Il presidente del Collegio Ipasvi di Catanzaro Pietro Comi ed il Coordinatore del Cid Calabria Corrado Tino, invitano al Convegno Regionale "Ladirigenzadelfuturoperl’ospedale del domani" che avrà luogo venerdì 12 novembre , alle ore 9.00, presso il T Hotel in località Garrube Lamezia Terme. REGGIO CALABRIA I edizione “Antiche Tradizioni dei Sapori e dei Saperi di Calabria” Si svolgerà a dal 5 al 7 novembre , la I Edizione della manifestazione culturale“AnticheTradizionideiSapori e dei Saperi di Calabria”, imperdibile appuntamento col gusto e la tradizione calabrese. L’evento, organizzato dalla Cooperativa Sociale Turi-

smo Per Tutti con il patrocinio della Camera di Commercio e del Comune di Reggio Calabria, avrà luogo presso il centro storico di Reggio Calabria, nella Piazza del Castello Aragonese. Nella giornata di sabato 6 novembre , inoltre, le Case Vinicole Criserà e Malaspina parteciperanno alla manifestazione facendo degustare ai visitatori, il Vino Novello, in conformità alla normativa vigente delMinisterodellePoliticheAgricole che consente, appunto, l’apertura e la degustazione del Novello.Il Vino Novello, accompagnato dalle caldarroste, sarà il protagonista della serata. Le tre giornate della Manifestazione Culturale “Antiche Tradizioni dei Sapori e dei Saperi di Calabria”sarannoaccompagnateda momenti di degustazione dei prodotti tipici calabresi, musiche e spettacoli folkloristici, esibizione della Corale Eliezer. II Convegno sul tema: “Il ponte galleggiante abitato” Il Circolo culturale "Apodiafazzi", per la difesa e la valorizzazione della linguaeculturaGreco-Calabraorganizza (in collaborazione con la Provincia di Reggio Cal.) il 2° convegno sul tema: “Il ponte galleggiante abitato” per il collegamento stabile Calabria/Sicilia, l’attraversamento viario e ferroviario e l’integrazione dell’area Metropolitana dello Stretto venerdì 5 novembre , alle ore 16.00, presso l’aula Magna –Facoltà Ingegneria- della Università Mediterranea di Reggio Calabria ROSSANO Ministero ambiente patrocina Ricicl’art Anche per l’edizione 2010, la quinta dall’avvio di questa singolare esperienzasocio-culturale,leambizioni,i progetti, lo staff ed il messaggio di Ricicl’Art viaggeranno sotto l’ombrello, autorevole e prezioso, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’on.StefaniaPrestigiacomo,infatti, ha concesso per la seconda volta il patrocinio del proprio Dicastero alla più grande mostra del riuso creativo organizzata nel Sud Italia in programma da venerdì 12 a domenica 14 novembre , Rossano, presso il Palazzetto provinciale dello Sport. SOVERATO Convegno Orientagiovani 2010 Oggi , alle ore 9.30, presso l’auditoriium dell’istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e della ristorazione, in Soverato, si svolgerà il convegno Orientagiovani 2010“Qualità nell’offerta turistica: la leva del successo” organizzato dai Giovani Imprenditori di Confindustria Catanzaro. L’incontro sarò introdotto da Paolo Riverso. L’incontro sarò introdotto dal dirigente scolastico Paolo Riverso, a cui faranno seguito introduzione di Andrea Abramo e gli interventi di Antonio De Septis, Domenico Totino, nonché la testimonianza di Caterina Froio.


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 23

APPUNTAMENTI In scena “Donna che parla in fretta” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CAMIGLIATELLO XX edizione Premio Sila 2010 Il comitato organizzatore del prestigioso Premio Sila, presieduto dal vice presidente dell’Uncem regionale Giuseppe Pipicelli, ha reso noti i nominativi dei personaggi e delle personalità che il 12 novembre , nella localitàturisticadiCamigliatellosilano in Provincia di Cosenza (c/o il Centro Operativo della Comunità Montana Silana), riceveranno il prestigioso encomio che anche quest’anno verrà realizzato appositamente dal noto orafo Michele Affidato. L’evento che giunge alla sua ventesima edizione, godrà del patrocinio istituzionale della Regione Calabria, del Parco Nazionale della Sila, delle province “silane” di Catanzaro,Cosenza e Crotone, dell’Uncem, della Comunità Montana Silana, dei comuni silani di San Giovanni in Fiore, Spezzano della Sila, Cotronei e Taverna. A condurre la cerimonia di consegna del premio, che sarà intervallata da momenti artistici e culturali, sarà il presentatore Domenico Milani con la partecipazione di Italia Caruso. Ogni anno il premio tratta tematiche che riguardano il territorio, quest’anno si parlerà dell’enogastronomia legata alla montagna. CATANZARO Festa dell’Uva Torna anche quest’anno più ricca di eventi la Festa dell’Uva programmata a Catanzaro dall’ 11 al 14 novembre . I edizione del Festival del vernacolo Andrà in scena fino a fine novembre la prima edizione del Festival del vernacolo Mercuri ammenzu ‘a simana,larassegnadedicataallecompagnie catanzaresi dall’assessorato alla cultura del Comune di Catanzaro e dalla Nave dei folli presso il teatro Masciari. Il Festival proseguirà con appuntamenti settimanali, ogni mercoledì. Per assistere ai sette spettacoli in programma basteranno solo 50,00 euro di abbonamento, mentre i singoli biglietti per le serate saranno di 10,00 euro. Programma: Il 10 novembre toccherà a Ottantotto 100, in scena con “Mi para ajeri”, il 17 ai Vecchi giovani con “Non ti pago”. Chiuderà la rassegna il 24 novembre Trivonà con “Occhiu non vida”. Nel foyer del teatro Masciari, inoltre, per tutta la durata del Festival, saranno esposte lelocandinedeglispettacoli,presenti e passati, che hanno portato in scena le sette compagnie coinvolte nel progetto; tra i manifesti troveranno spazio anche le opere del pittore Fernando Miglietta, “Le maschere della vita”. Inizio spettacoli alle ore 21.00. Incontro stampa con Marina Rei, Nada e Paola Turci E’ stato concordato con il management di Marina Rei, Nada e Paola Turci un incontro stampa che si terrà nel foyer dell’Auditorium "G. Casalinuovo" giorno 5 novembre ,

Marina Rei

Le cantanti Marina Rei, Nada e Paola Turci e l’attrice Mariella Lo Giudice saranno le protagoniste, giorno 5 novembre all’Auditorium “G. Casalinuovo” di Catanzaro, dello spettacolo “Donna che parla in fretta”, scritto da Francesco Barbaro e Gino Castaldo appositamente per la manifestazione diretta da Antonietta Santacroce. Marina Rei nel corso degli anni ha saputo farsi apprezzare oltre che per le sue proposte musicali e per le sue doti di batterista, anche per la sua poliedricità derivante dalle influenze ricevute dai genitori: classica dalla madre e jazz dal padre. Era il 1995, quando Marina Restuccia, questo il suo vero nome, è riuscita a mettersi in evidenza con il suo primo singolo, “Sola”, cui ha fatto seguito l’album “Marina Rei”. Da allora è stato un susseguirsi di successi e di riconoscimenti che l’hanno

alle ore 16.15. L’incontro durerà trenta minuti circa, in seguito ai quali le artiste potranno iniziare il loro sound check. Dipthycos Variations Al via giorno 6 novembre , le Dipthycos Variations di Diagonal Jazz & Visual che definiscono il programma autunno inverno della diciassettesima edizione della rassegna internazionale di musica ed arti visive. Concorso Enogastronomico L’Ufficio scolastico Regionale per la Calabria, d’intesa con Catanzaro Fiere Spa, promuove un Concorso Enogastronomico indirizzato agli studenti degli istituti professionali per i servizi alberghieri e ristorazione della regione Calabria. L’iniziativa prenderà il via all’interno della1^FieraEnogastronomicaMediterranea Food & Beverage - rassegnadell’agro-alimentareimprontata sul Made in Calabria - che si svolge dal 6 al 14 novembre , dalle ore 10.00 alle 20.00, presso il Parco Commerciale “Le Fontane” di Catanzaro Lido. Per la partecipazione

portata ad occupare un posto di rilievo nell’Olimpo della musica italiana ed internazionale. Basti ricordare il concerto tenuto in Messico nel 2008 nell’ambito dell’International Book Fair di Guadalajara, dove si è esibita in duo, batteria, chitarra e due voci, con Carmen Consoli. Un cammino costellato di grandi successi anche quello di Nada, debuttante a Sanremo nel lontano 1969, a soli quindici anni, con la canzone “Ma che freddo fa”, cantata nella prima versione da The Rokes. La sua giovane età e quel successo immediato avrebbero potuto crearle qualche problema, ma Nada è riuscita a bruciare le tappe evolvendosi continuamente come artista. Accantonata la canzonetta, la cantante toscana ha collaborato negli anni settanta con cantanti come Riccardo Cocciante, Antonello Venditti e Piero

occorre presentare, su apposito modello, entro e non oltre il 18 ottobre 2010, una relazione descrittiva della ricetta che si intende realizzare in estemporanea, completa di dosi,procedimento, prodotti tipici utilizzati e motivazione dell’accostamento della stessa ad un vino del territorio. COSENZA Appuntamenti concertistici Associazione culturale Jonica Continuano gli appuntamenti concertistici organizzati dall’associazione culturale Jonica in collaborazione con il comune di Cosenza. Si tornaallamusicaclassicaoggi,sempre al Teatro Morelli, con il duo formato da Domenico Nordio al violino e Andrea Bacchetti al pianoforte. Jazzalfemminilegiovedì18novembre , al Teatro Morelli con il Tania Maria Quartet. Mercoledì 22 dicembre,alteatroRendanoappuntamento con Bridgette Campbell & Windy Gospel Singers. Motra "Terra vento pietra" La Galleria Nazionale di Cosenza in-

Ciampi riuscendo a trovare una dimensione artistica nuova e più impegnata nell’ambito della musica e del teatro, dove si è fatta apprezzare per le sue qualità di interprete recitando con Giulio Bosetti ne “Il diario di Anna Frank” e con Dario Fo ne “L’opera dello sghignazzo”, tratto da “L’opera di tre soldi di Brecht. Cantante tra le più apprezzate della musica italiana è anche Paola Turci. Il suo ingresso nel mondo della canzone è stato segnato, anche per lei, da una partecipazione nel 1986 a Sanremo con il brano “L’uomo di ieri”, cui fanno seguito brani molto amati dal suo pubblico come “Ti amerò lo stesso”e“Frontiera”.Indimenticabile la sua collaborazione con Riccardo Cocciante con il quale duetta in “E mi arriva il mare”. Ma la vera anima di Paola Turci viene fuori nei concerti, durante i quali riesce a dare il meglio di sé grazie ad una grinta e ad una energia fuori dal comune. Ad affiancare le tre cantanti in “Donna che parla in fretta”, è l’attrice Mariella Lo Giudice che, sin dall’età di dieci anni, ha rivelato il suo grande talento, facendosi apprezzare subito da artisti come Turi Ferro ed Umberto Spadaro.In “Donna che parla in fretta”, Marina Rei, Nada, Paola Turci e Mariella Lo Giudice confermano le loro indubbie qualità artistiche abbinandole all’impegno sociale che le vede in prima linea costantemente. Il concerto verrà anticipato giorno 4 novembre dall’incontro – dibattito “Essere donna nel terzo millennio”, che si terrà alle ore 18 presso la Casa delle Culture di Catanzaro.

contra l’arte contemporanea. L’occasione è data dalla Sesta Giornata del Contemporaneo, promossa dall’Amaci - Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani. Palazzo Arnone, sede della Gnc, ospita, infatti, la mostra, a cura di FabioDeChiricoeAndreaRomoliBarberini, "Terra vento pietra", installazioni e sculture a parete di Angelo Aligia. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 7 novembre 2010 , dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 18.00. CROTONE Presentazione Krotone Salsa Festival - I Edizione Venerdì 5 novembre , alle ore 16.00, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Crotone e l’amministrazione Provinciale di Crotone, si terrà la conferenza stampa di presentazione del I Festival della Salsa e della Danza Latino Americana di Crotone denominato Krotone Salsa Festival. Il Festival, che si terrà a Crotone il 13 novembre , rientra tra i più importanti festival della danza e della cultura latino americana

della Calabria, promosso da Sandro Lerose e dall’Agenzia E20 Music di Crotone di Luca Campana con il patrociniodell’amministrazionecomunale e Provinciale di Crotone e di tutte le scuole di danza latino americane della Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Lombardia, ecc... L’evento sarà introdotto da Luca Campana e da Sandro Lerose, e presentato da Ottavio Belfiore direttore artistico del festival. Durante la conferenze verrannoillustratetuttelefasidelFestival. LAMEZIA TERME Presentazione del volume "La Calabria Sottosopra" Oggi , alle ore 17.30, presso il Teatro Umberto, Piazzetta San Domenico, si terrà la presentazione del volume "La Calabria Sottosopra" di Nino Amadore. REGGIO CALABRIA Iniziativa "Operazione fiumi 2010" "Operazione fiumi 2010" per 3 giorni di iniziative fino al 5 novembre . La campagnadiLegambienteeDipartimento della Protezione Civile per la prevenzione di frane e alluvioni accenderà i riflettori sulle fiumare di Reggio Calabria. Oggi sarà, invece, all’insegna di iniziativeconcretedimanutenzionedei corsi d’acqua, con una giornata di volontariato attivo che coinvolgerà i cittadini nella pulizia di una delle fiumare di Reggio. Il 5 novembre , a Reggio Calabria Operazione Fiumi presenterà in conferenza stampa i dati inediti di "Ecosistema rischio 2010", l’indagine di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile sulle attività dei comuni di tutta la Calabria finalizzate alla prevenzione delle alluvioni e alla sicurezza della popolazione. Vittorio Sgarbi protagonista di un incontro con l’autore Vittorio Sgarbi sarà protagonista, venerdì 5 novembre , alle ore 21.00, presso il Grand Hotel Excelsior di Reggio Calabria, di un incontro con l’autore, organizzato nell’ambito dei Premi Rhegium Julii 2010. Autore del volume Viaggio sentimentale nell’Italia dei desideri (Bompiani),conl’occasionericeverà ilpremio“UnaVitaperl’Arte”:(prestigioso riconoscimento già assegnato: alla poetes-sa Alda Merini e alla sen. Rita Levi Montalcini) “per il naturale senso estetico e l’amore per l’arte che hanno reso possibile la valorizzazione di opere meno cono-sciute in ogniangolo delnostro straordinario Paese.” TORRE DI RUGGIERO Mostra lavori Progetto Area a rischio “L’arte di non esser bullo” Fino al 5 novembre , presso l’edificio scolastico, Viale Vittorio Veneto, sarà possibile visitare la mostra dei lavori realizzati dagli allievi della primaria e secondaria di I grado nell’ambito del Progetto Area a rischio “L’arte di non esser bullo”Laboratorio di pittura e di scultura,


24

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Matt bianco

Un concerto della passata edizione

A Moncalieri con il festival jazz il Piemonte è in musica Ricco il cartellone della rassegna artistica in programma fino al 21 novembre Zoe Bellini Entra nel vivo della tredicesima edizione il Moncalieri jazz festival che si tiene annualmente in provincia di Torino: tredici anni di proposte musicali, e non solo, che hanno collocato la manifestazione tra le più originali, innovative e variegate del panorama nazionale e internazionale. Moncalieri jazz ha avuto inizio il 30 ottobre con il consueto sviluppo in due filoni di eventi paralleli: Aspettando il festival, con un ricco e variegato calendario di appuntamenti - in collaborazione con enti e locali che ogni anno, partecipano al

Tredici anni di proposte musicali che hanno collocato la manifestazione tra le più originali, innovative e variegate del panorama nazionale e internazionale

festival Moncalieri jazz - che durerà sino al 21 novembre, e con le quattro serate alle fonderie teatrali Limone di Moncalieri con grandi musicisti jazz italiani ed americani di livello internazionale. Uno degli obiettivi della manifestazione è quello di estendere ulteriormente il coinvolgimento del territorio della città di Moncalieri e delle aree limitrofe; quest’anno è infatti il comune di Carmagnola ad essere coinvolto nel progetto Incroci sonori, all’interno del circuito di Jazz in provincia. Come nelle edizioni precedenti, il festival propone un ricco calendario di avvenimenti e di tematiche per consolidare il rapporto con il grande pubblico e sviluppare ancora di più il coinvolgimento di realtà economiche e commerciali. Il "fenomeno" Moncalieri jazz offre diversi spunti di osservazione: primo fra tutti il pubblico, che oramai si è attestato contando nelle ultime edizioni oltre 30mila presenze nell’arco dei quindici giorni della manifestazione il forte incremento di presenze turistiche nel mese di novembre in città e quindi il grande incremento economico nelle attività commerciali del centro storico e non solo; infine la grande

Due gli omaggi importanti: il 4 agli ottanta anni della nascita di Ray Charles e il 13 con il concerto dedicato a Mina, eseguito dal gruppo ContaMinata risonanza mediatica che, per oltre 21 giorni, pone Moncalieri ed il suo festival al centro delle cronache culturali, regionali e nazionali, con troupe televisive e radiofoniche, giornalisti del piccolo schermo, della carta stampata e critici musicali. Sono numeri e presenze che stimolano e sollecitano delle riflessioni e, tra le tante, emerge prepotente la grande ricaduta economico/culturale che la rassegna ha portato sul territorio. L’avvenimento che ha dato il via al festival è stato la 4a Notte nera del jazz che, nelle tre passate edizioni, ha confermato un grande successo per l’altissimo numero di

Un festival per Rino

Cart apre a Monza

Una fabbrica della creatività e un festival internazionale della canzone d’autore intitolato a Rino Gaetano: sono le iniziative del comune di Crotone per ricordare la figura del cantautore nato 60 anni fa nella città calabrese e scomparso nella capitale nel 1981 vittima di un incidente stradale. «Rino Gaetano - afferma il sindaco di Crotone - è stato ed è tuttora molto amato dai giovani. E il comune intende dare opportunità logistiche come studi di registrazione, ai giovani crotonesi che intendono seguire le orme di Rino». Rino Gaetano, pseudonimo di Salvatore Antonio Gaetano, si trasferisce a Roma all’età di dieci anni, per motivi legati al lavoro dei suoi genitori. Nel 1962 venne mandato a studiare in una scuola Apostolica a Narni, in provincia di Terni.

Presentare ad un pubblico più vasto la propria collezione, dando concretezza e visibilità alla comune passione, e nel contempo offrire opportunità espositive a giovani artisti, interessandosi a pittura, scultura, fotografia, video e suoni. Questi gli obiettivi dei due collezionisti che a Monza hanno dato vita a Cart, nuovo spazio espositivo che affiancherà artisti e opere ormai storicizzate, a momenti più attuali di confronto e dibattito: "uno spazio libero capace di narrare il possibile ma anche l’impossibile, l’usuale ma anche l’inconsueto", dicono. Il programma della galleria, ubicata in una zona centrale della città, nelle vicinanze della Villa Reale, prevede inizialmente una ricognizione intorno all’arte italiana, senza comunque tralasciare incursioni e proposte della scena internazionale, anche attuale.

presenze. Sono previsti più di 200 musicisti che daranno vita ad una maratona musicale che porterà musica, musicisti, pubblico ed appassionati a visitare le vie e le piazze, ad entrare nei negozi, nei centri commerciali, nei ristoranti, negli hotel e nei teatri della città. Naturalmente anche il turismo beneficerà dell’evento potendo ammirare nel centro storico siti architettonici di particolare interesse storico/artistico come: la residenza sabauda del castello Reale di Moncalieri, che quest’anno sarà sede di due appuntamenti importanti, e tutte le altre perle medioevali del centro cittadino. Il primo appuntamento, dopo la Notte nera del jazz, è stato ieri sera con l’esibizione di Luca Casarotti, pianista non vedente, vincitore del premio Maurizio Lama, dedicato ai talenti emergenti della musica jazz, racconta la sua personale esperienza nell’aver trovato nel mondo della musica una formula di vita vincente. Inoltre quest’anno viene coinvolta un’altra sede prestigiosa della città, la sala della Regina del Castello Reale di Moncalieri, dove ci saranno due appuntamenti, uno il 4 novembre con l’omaggio agli ottanta anni della nascita di Ray Charles e l’altro il 13 novembre con il concerto dedicato a Mina in Jazz, eseguito dal gruppo ContaMinata quartet, capitanato dalla vocalist Paola Mei. Si conferma l’appuntamento Europe Jazz Night alla Famija Möncalereisa, per venerdì 5 novembre, Un Moncalierese per Moncalieri: il pianista Francesco Turrisi, moncalierese di nascita, ma che vive in Irlanda dove ha saputo farsi apprezzare per le sue doti artistiche.

Un'opera di Giulio Paolini

Debutto con una mostra sull’Arte Povera, con opere dei principali protagonisti, da una serie di specchi di Michelangelo Pistoletto a un grande lavoro di Alighiero Boetti, un multiplo di notevoli dimensioni di Giulio Paolini, un ferro di Jannis Kounellis, una Stella su cuoio di Gilberto Zorio. E ancora opere di Marco Gastini, Mario Merz e una "testimonianza" di Luciano Fabro. Info: www.galleriacart.com.


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

Claudia Scarsella, prima personale alla Frigerio I desideri dell’artista viterbese, classe 1979, in mostra a Milano Valentina Cavera Gli inizi d’autunno alla Barbara Frigerio gallery si trascorrono in quel bramante e malinconico stato esistenziale che caratterizza la stagione, mentre le foglie arrossiscono e cadono, sovente, insieme alla pioggia che come ruscello smuove sogni e pensieri; è tempo di " Desire: a life sentence " di Claudia Scarsella (Viterbo, 1979), è tempo di desiderare anche se a volte fa soffrire. Come afferma Kojève, lettore di Hegel, il desiderio evoca un vuoto: "Essendo la presenza dell’assenza di una realtà... il desiderio è rappresentato come una lacuna o un buco nello spazio, un vuoto, un nulla".

Il desiderio, però, è anche ciò che mantiene l’uomo in divenire, che rende l’azione del vivere una realtà. Infatti esistere significa "non essere quel che è (...) ed essere quel che non è". Non è possibile trovare un’equivalenza tra il desiderio e una cosa poiché si manifesta la presenza della negatività. In Claudia Scarsella è desiderio d’amore, di sesso, desiderio come un doppio che si capovolge, senza mai diventare un uno, come occhi che si guardano nell’attesa di quella conquista personale, completamente umana, che si chiama riconoscimento. Attraverso l’uso dell’arte digitale, l’artista elabora collage, specchi dei desideri individuali, di privati invasamenti, aiutandosi con materiali raccolti nel corso degli anni: da fotografie scattate nei musei dell’Eros

Erotic wall 05

del mondo a "sex toy", da materiali trovati nei mercatini delle pulci a varie tipologie d’immagini, provenienti da cataloghi, riviste, stampe e così via. Dopo aver esposto in varie collettive, da Barcellona a Berlino, alla Barbara Frigerio contemporary art Claudia Scarsella presenta la sua prima personale. Fino al 27 novembre. Info: www.barbarafrigeriogallery.it.

Alla galleria Mazzoleni, fino al 15 gennaio, un’antologica sull’artista udinese per celebrare il suo percorso attraverso una retrospettiva di più di 50 opere

Torino, la disomogeneità dell’astrattista Afro Basaldella Maria Letizia Bixio

Afro Basaldella è di sicuro tra i più noti astrattisti italiani del XX secolo. A celebrare il suo lungo percorso, la mostra antologica proposta dalla galleria Mazzoleni di Torino, che propone una retrospettiva di più di 50 opere, appartenenti per lo più alla florida produzione degli anni ‘50-’70. L’incontro tra la galleria e l’artista è ormai un binomio consolidato. Si ricordano, infatti, nel calendario espositivo, la mostra personale del 1989, la monografica del 2001 e la collettiva con Burri e Fontana del 2006, tutte occasioni per cercare di svelare l’immensa produzione del grande maestro. Oli, tecniche miste su tela dalla forte componente materica e disegni su carta scandiscono le fasi di una lunga crescita artistica che trova sbocco, in

particolare negli anni del dopoguerra, in una rigenerata fluidità neocubista. Le opere di Afro appaiono talvolta anche disomogenee, in quanto impregnate di molte esperienze, dalla scuola romana sino all’esodo statunitense dove entrò in stretto contatto con l’Informale. Tra i tanti artisti con cui lavorò a stretto contatto, significativa fu l’amicizia con De Kooning, testimoniata da una fitta corrispondenza tra i due artisti e da due acquerelli del 1960 che questi dedicò ad Afro. Sono di questo periodo le opere esposte: "Chicago waterfront", 1953, La città morta, 1953, Per guerra, ricostruzione e pace, 1954, Tre sotto chiave, 1957, Rosso, 1960, Senza titolo. Bianco-nero, 1964, lavori che preparano il terreno a quelle realizzate nell’ultimo periodo della sua vita Nero IV, 1969, Bandiera di contrada, 1974, Via Etnea, 1974 e Senza titolo, 1974.

Occasione gradita, quella di trovare così tante opere riunite, laddove gran parte della produzione dell’artista si disperde tra la Galleria nazionale d’arte moderna, il Mart di Rovereto, il Centre Pompidou, il Mathildenhohe institut. Una vera e propria rivoluzione del colore, quella operata da Afro, dove la pre-

Le opere di Afro appaiono talvolta contraddittorie in quanto impregnate di molte esperienze: dalla scuola romana sino all’esodo statunitense

Senza titolo, 1963

senza della forma come vita, è lo strumento necessario per parlare del mondo sulla tela. Lo stesso artista diceva: "Non voglio rappresentare ma trasferire" sulla tela. Nel 1954 il grande storico e critico dell’arte Lionello Venturi definiva così il lavoro di Afro: "Ciò che egli ha scoperto nel 1948 è il suo stile personale, che meglio risponde alla sua natura [...] La sua forma è astratta e il suo motivo è presentato anziché rappresentato. Ciò non toglie che le sue linee e le sue forme abbiano una propria vitalità di struttura o di moto. Lo spazio non è rappresentato, ma esiste come partecipazione all’immagine; ora lo si direbbe capace di creare l’immagine, ora ne è invece creato" (L.Venturi in Commentari, n.3, Roma, luglio-settembre 1954, p.8). Parole, queste, che tutt’oggi restituisco attualità e realismo alle poliformi tele del maestro.

L’altro cinema. Nuovi linguaggi e nuovi autori, il nome dell’evento

Oggi la maratona firmata Cinemonitor Ginevra Aleramo

La rassegna è introdotta dal direttore Roberto Faenza ed è strutturata in quattro aree di approfondimento

Cinemonitor, l’osservatorio cinema dell’università La Sapienza, in collaborazione con Roma Lazio film commission, presenta la maratona "L’altro cinema. Nuovi linguaggi e nuovi autori”, oggi dalle ore 15 alle 20 nello stand di Roma Lazio film commission, "Green house” del festival internazionale del Film di Roma. La maratona, introdotta dal direttore scientifico di Cinemonitor Roberto Faenza, è strutturata in quattro aree di approfondimento. La prima, dal taglio più istituzionale, presenta uno screening del censimento

Roberto Faenza

CensiAnimaCorto, ricerca sulla produzione indipendente di corti e documentari con conseguente mappatura dei festival nazionali dedicati a queste forme di espressione. Il contributo dei relatori più istituzionali porta nel vivo di una discussione dedicata tanto ai pro-

cessi creativi di questo cinema sommerso quanto alle nuove frontiere della produzione e distribuzione indipendente, intrecciando le "esperienze di pellicola vissuta" di produttori, registi e documentaristi, sceneggiatori, compositori e direttori artistici di nuovi spazi dedicati al cinema indipendente. "L’altro cinema. Nuovi linguaggi e nuovi autori” è dunque un incontro rivolto agli sviluppi e alle potenzialità di quelle esperienze cinematografiche che riescono a valicare frontiere economiche e tecniche, oltreché sperimentare nuovi linguaggi e contenuti per una diffusione sempre più crossmediale.

Dalle 15 alle 20 registi, autori attori e produttori si danno appuntamento al festival del film di Roma


26

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO In un’intervista il premier Silvio Berlusconi parla del futuro della maggioranza

«Fini si è autoescluso ma in politica mai dire mai» di Fabrizio Viscomi MILANO - Mentre Silvio Berlusconi riunisce i suoi a Palazzo Grazioli per un vertice del Pdl in vista della direzione nazionale prevista giovedì, altri due deputati lasciano il partito del premier per passare con "Futuro e Libertà": si tratta di Daniele Toto e Roberto Rosso. Li hanno presentati Italo Bocchino e Adolfo Urso nella sede della fondazione Farefuturo. Bocchino sottolinea che con questo ingresso il gruppo «ne guadagna in termini non solo parlamentari ma anche di radicamento» fornendo così ulteriori basi per la crescita del «partito-movimento che andiamo a costituire». Nel frattempo, escono altre anticipazioni del nuovo libro di Bruno Vespa. In un’intervista rilasciata 10 giorni fa, il premier risponde ad alcune domande sul futuro della maggioranza e, in particolare, sull’alleanza con Gianfranco Fini. Secondo il capo del governo, il presidente della Camera si è «autoescluso» dal Pdl sancendo una scissione «preparata da tempo». Stando così

le cose, sarà possibile continuare a essere alleati? «In politica mai dire mai» risponde Berlusconi. «C’è sempre la speranza dice però il presidente del Consiglio - che tutti gli elettori del centrodestra possano ritornare sotto un’unica bandiera per un vero cambiamento del Paese. Capisco che i parlamentari del nuovo gruppo si siano sentiti in dovere di seguire Fini che li aveva indicati personalmente nelle liste elettorali. Ma in loro esiste anche la consapevolezza di un dovere di lealtà nei confronti degli elettori che li hanno votati sotto il simbolo del Popolo della Libertà, un simbolo in cui compariva il nome di Berlusconi come candidato presidente. Anche recentemente alcuni di loro mi hanno confermato la loro lealtà: ’Stiamo con Gianfranco, ma mai contro Silvio’». «Il Popolo della Libertà, lo ripeto per l’ennesima volta, - sostiene Berlusconi non ha mai messo nessuno alla porta, ma ha subito una scissione che evidentemen-

Silvio Berlusconi

te era stata preparata da tempo e aspettava soltanto un pretesto per consumarsi. Dunque, non si tratta di un’espulsione, bensì di un’autoesclusione». «Fini non è mai stato cacciato - sostiene il premier. Noi parlavamo di Fini come presidente della Camera e non come componente del partito. L’unico elemento concreto di quel documento fu il deferimento ai probiviri dei tre elementi più oltranzisti

Bocchino: «Contro Fini è stato emanato un editto senza contraddittorio e discussione. Acqua passata. Ora c’è un movimento che sta crescendo»

Berlusconi: «Il Pdl non ha mai messo nessuno alla porta, ma ha subito una scissione preparata da tempo che aspettava un pretesto per consumarsi»

nell’azione critica nei confronti del governo. In ogni caso, quando una maggioranza nomina il presidente della Camera o del Senato, si aspetta, come minino, che essi condividano il programma legislativo che questa maggioranza e il suo governo presentano nella Camera di loro competenza». Non si fa attendere la risposta dei finiani. «A tutti gli italiani è chiaro che Gianfranco Fini è stato espulso dal Pdl» ribadisce Bocchino. «Contro Fini - precisa il caogruppo Fli alla Camera - è stato emanato un editto, che ne ha dichiarato l’incompatibilità con il partito senza contraddittorio e discussione. Per noi, però, è acqua passata, ora c’è un movimento che sta crescendo sul territorio e in Parlamento». Quali saranno le prossime mosse? È possibile l’appoggio esterno al governo? «Da Berlusconi e dalla direzione del Pdl - sottolinea Urso - attendiamo risposte sulle riforme annunciate, per le quali aspettiamo ancora l’agenda, e sul patto di legislatura con le altre forze di maggioranza», a partire da Pdl e Lega. «Berlusconi deve governare - aggiunge Bocchino. - Il nostro dovere non è staccare la spina ma ricordare al premier che il suo dovere è governare. Rischiamo però di apparire come quelli che chiedono l’accanimento terapeutico». «Ora bisogna capire cosa vuole fare - sottolinea Bocchino - ha risposto picche al patto legislativo proposto da Fini a Mirabello, ora aspettiamo. Gli chiediamo solo che governi il paese sulla base del programma elettorale. Se sarà quello, ci troverà disponibili».

Italo Bocchino e Gianfranco Fini

Sono le anticipazioni dell’Outlook sull’economia presentate dall’organizzazione di Parigi

Crisi, Ocse: ripresa fragile. A settembre inflazione a +1,7% di Cecilia Bartoli ROMA - Il passo della ripresa economica globale «é rallentato rispetto all’inizio dell’anno mentre il debito pubblico nella maggior parte dei Paesi Ocse ha toccato i livelli massimi da sempre». Lo sottolinea l’Ocse, nelle anticipazioni dell’Outlook sull’economia mondiale, definendo la ripresa "fragile" e stimando una crescita tra il 2,5 e il 3% quest’anno per l’intera area, tra il 2 e il 2,5% nel 2011 e tra il 2,5 e il 3% nel 2012. «I governi - dice l’Ocse - debbono bilanciare il recupero con il consolidamento fiscale». Nell’area Euro la ripresa risulta più debole rispetto a quella della media dei Paesi Ocse: è quanto emerge dalle anticipazioni dell’Outlook sull’economia presentate dall’organizzazione di Parigi. Nell’area euro infatti si stima per quest’anno e per il 2011 una crescita tra l’1,5% e il 2%, mentre per il 2012 tra 1,75 e 2,25%. Per gli Stati Uniti si stima un Pil nel 2010 in crescita tra il 2,5 e il 3%, nel 2011 tra 1,75 e 2,25% e per il

2012 tra 2,75 e 3,25%. Per il Giappone invece la crescita è vista, nelle previsioni dell’Ocse, tra il 2,75 e 3,25% nel 2010, tra l’1,5% e il 2% nel 2011 e tra l’1 e l’,5% nel 2012. I prezzi al consumo nell’area Ocse sono cresciuti dell’1,7% su base annua, rispetto all’1,6% che era stato registrato ad agosto. In Italia l’inflazione a settembre era all’1,6%, stabile rispetto ad agosto. Lo comunica l’organizzazione di Pa-

rigi. L’inflazione, sempre nel mese di settembre, è cresciuta rispetto al mese precedente dello 0,2% nell’area dei Paesi Ocse, mentre in Italia è diminuita dello 0,2%. Il lieve aumento dell’inflazione nell’area Ocse, registrato nel mese di settembre, "riflette principalmente l’aumento dei prezzi per alimentari ed energia, che sono aumentati rispettivamente del 2,3% e del 5,2%, rispetto al +1,4% e +4,8% di agosto", spiega l’Or-

ganizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. «Escludendo alimentari ed energia, il tasso di inflazione annuale - afferma L’Ocse - si sarebbe attestato a settembre, per il terzo mese consecutivo, all’1,2%». Per il Giappone si registra ancora, dopo parecchi mesi, deflazione con un calo dei prezzi, su base annuale, dello 0,6%. Stabile l’inflazione invece nel Regno Unito (3,1%), in Italia (1,6%) e negli Stati Uniti (1,1%), "mentre i prezzi risultano in crescita negli altri Paesi del G7". L’inflazione a settembre era all’1,9% in Canada (dall’1,7% del mese precedente), all’1,6% in Francia (ad agosto 1,4%) e 1,3% in Germania (da 1%). Nell’area Euro l’inflazione era a settembre all’1,8% rispetto all’1,6% di agosto. Su base congiunturale i prezzi sono cresciuti dello 0,3% in Giappone, dello 0,2% in Canada e dello 0,1% negli Stati Uniti, e sono rimasti stabili nel Regno Unito. Sono diminuiti invece, sempre in un mese, non solo in Italia (-0,2%) ma anche in Francia e in Germania (-0,1%).


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Si conferma l’avanzata in Senato ma non è sufficiente per assumerne la guida

Usa, elezioni di medio termine I repubblicani non trionfano di Vania Notaro WASHINGTON - Controllo della Camera dei rappresentanti con un’ampia maggioranza, forte avanzata al Senato ma non sufficiente per assumerne la guida. I risultati delle elezioni americane di medio termine confermano i sondaggi della vigilia per i repubblicani: un grande successo, ma non il trionfo sperato. Un successo, inoltre, condizionato dalla forza dell’ala destra dei conservatori, formata dai candidati del Tea Party, che elegge due senatori in Kentucky e Florida. E anche per quanto riguarda i governatori, i repubblicani ne strappano dieci ai liberals, ma perdono il più importante: la California di Arnold Schwarzenegger. Insomma, i democratici vacillano ma non crollano e Obama può guardare allo scampato pericolo di entrambe le Camere sotto il controllo repubblicano. Il presidente ha già chiamato John Boehner, il leader della nuova maggioranza repubblicana alla Camera, per complimentarsi con lui e, come dice una nota

della Casa Bianca, per «discutere di come lavorare insieme per concentrarsi sulle principali priorità degli americani», che Boehner ha individuato nella creazione di posti di lavoro e nel taglio delle spese. Obama ha chiamato anche altri leader politici: Mitch McConnell, capogruppo repubblicano al Senato, Nancy Pelosi, l’attuale speaker della Camera, Steny Hoyer, capogruppo democratico alla Camera. Restano ancora da assegnare tre seggi per il Senato: negli Stati di Washington, Colorado e i candidati hanno scarti ridotti a poche migliaia di voti. Lo riportano i media statunitensi. Nello Stato di Washington, l’uscente Patty Murray per i democratici è al 50%, con un distacco di circa 14 mila voti dallo sfidante repubblicano Dino Rossi. In Colorado, il testa a testa è tra Ken Buck, repubblicano, e l’uscente Michael Bennet per i democratici: il distacco è di circa 7.000 voti, e varia di minuto in minu-

to. Il Tea Party riesce a eleggere due candidati: Rand Paul (figlio del due volte candidato alla presidenza Ron Paul) in Kentucky e la stella Marco Rubio che ha superato l’indipendente Charlie Christ nella corsa alla scranno in Florida. In Delaware, invece, la candidata del Tea Party Christine O’Donnell non ce l’ha fatta a conquistare il seggio che era del vicepresidente Joe Biden: ha vinto con am-

Obama ha già chiamato John Boehner, il leader della nuova maggioranza repubblicana alla Camera, per «discutere di come lavorare insieme per le priorità degli americani»

Per quanto riguarda i governatori, i repubblicani ne strappano dieci ai liberals, ma perdono il più importante: la California di Arnold Schwarzenegger Barack Obama, John Boehner e Steny Hoyer

pio vantaggio il democratico Christopher Coons. I conservatori conquistano sei Stati: Indiana (lo Stato di Obama, determinante per la sconfitta dei democratici, il 3% andato al candidato del Green Party), Arkansas (lo Stato di Clinton), Wisconsin, Pennsylvania e Nord Dakota ma non sono sufficienti per raggiungere la maggioranza. Mantengono i seggi in Kentucky, Ohio, Georgia, Utah, Sud Carolina, Florida, New Hampshire, Alabama, Missouri, Oklahoma, Sud Dakota, Kansas, Louisiana, Idaho e Arizona (dove viene rieletto il candidato alla presidenza John McCain, sconfitto da Obama nel 2008). I democratici mantengono il loro seggio in Vermont, Delaware,Maryland,Connecticut,Iowa,Oregon, California (la repubblicana Carly Fiorina, ex numero uno di Hewlett Packard, non ce l’ha fatta contro la senatrice democratica uscente Barbara Boxer), Washington, West Virginia, Nevada, Hawaii e il doppio seggio a New York (l’unico Stato dove si votava per entrambi i senatori). Si profila con sempre maggiore nettezza la sconfitta democratica alla Camera Usa nelle elezioni di metà mandato: secondo le ultime proiezioni dei media Usa, i repubblicani hanno conquistato 238 seggi, contro i 182 dei democratici. Restano da assegnare 15 seggi, secondo quanto riportano i media Usa, dove si registrano distacchi tra i candidati di poche migliaia di voti, in taluni casi centinaia. Se i democratici conquistassero tutti i seggi ancora in bilico arriverebbero a quota 197, 58 in meno della precedente consultazione.

Il nuovo segretario generale è stato eletto con 125 voti favorevoli (79,1%), 21 contrari e 12 astenuti

Susanna Camusso succede ad Epifani alla guida della Cgil di Stella Pisani ROMA - Susanna Camusso è il nuovo segretario generale della Cgil. È stata eletta dal direttivo con 125 voti favorevoli (79,1%), 21 contrari e 12 astenuti. La Camusso succede a Guglielmo Epifani. Il mandato alla guida della Cgil «sarà un’avventura difficile non solo per gli attacchi alla Cgil, ma per lo stato in cui si trova l’Italia», ha detto il neo segretario della Cgil. Epifani ha sottolineato che Camusso ha «la capacità e l’esperienza per fare bene». «Sarà un’avventura difficile non solo per gli attacchi alla Cgil, ma per lo stato in cui è l’Italia». Sono queste le prime parole di Susanna Camusso da segretario generale della confederazione di corso d’Italia. Subito dopo la proclamazione, Camusso ha aggiunto: «Dobbiamo pensare ai lavoratori che attendono risposte». Susanna Camusso è dunque il nuovo segretario generale della Cgil. L’ha eletta il direttivo del sindacato. La sindacalista milanese, 35 anni di mili-

tanza nel sindacato più grande d’Italia (circa sei milioni di iscritti), è stata eletta segretario generale della Cgil dal direttivo nazionale della confederazione. Su 162 membri del direttivo, hanno votato 158 persone, pari al 97,5 per cento del totale. Centoventicinque, vale a dire il 79,1 per cento, ha votato a favore della Camusso, 12 gli astenuti. La Camusso prima donna alla guida della Cgil - prenderà il posto di Guglielmo Epifani al timone del sindacato da otto anni. «Con Susanna Camusso segretario generale

Susanna Camusso e Guglielmo Epifani

della Cgil sono fiducioso che riprenderanno le relazioni unitarie tra le organizzazioni sindacali come premessa per migliori rapporti anche con le istituzioni». Così il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, a margine di un incontro al ministero sulla Fiat, commenta l’elezione della Camusso alla guida della Cgil. Sacconi, inoltre, manda «un saluto affettuoso a Epifani» al quale è legato ancora «da un rapporto di amicizia che non è venuto meno nonostante le divergenze politico sindacali di questi

due anni». «Desidero rivolgere i miei migliori auguri a Susanna Camusso. Con la sua investitura, una donna è per la prima volta segretario del principale sindacato italiano: siamo di fronte ad una svolta epocale che, come ministro e come donna, mi riempie di orgoglio» ha detto il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna. «Susanna Camusso assume questo delicato incarico alla Cgil in un momento economico difficile per il Paese e, dunque, nel momento giusto per avere una donna, con il pragmatismo che le è proprio, al timone. Sono sicura che, grazie alle qualità che ha già saputo dimostrare, il nuovo segretario saprà lavorare per costruire un clima sociale più sereno e riannodare i fili del dialogo e della collaborazione», aggiunge Carfagna. «Con l’elezione di Susanna Camusso, che segue quella di Emma Marcegaglia a capo della Confindustria, cade un altro piccolo tabù: le donne hanno indiscutibilmente conquistato un ruolo di primo piano anche nel campo dell’economia», conclude Carfagna.


28

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

FOCUS

Natalità e motalità delle imprese artigiane registrate presso le Camere di commercio - III trimestre 2010

Artigiani: la ripresa è al rallentatore Il 70% del saldo è nelle costruzioni di Andrea Morrone

ROMA - La lieve aria di ripresa soffia con fatica tra le imprese artigiane che, pur prendendo fiato rispetto allo scorso anno, nel terzo trimestre del 2010 mettono a segno una crescita a scartamento ridotto (3.547 imprese, lo 0,25% in più rispetto a giugno), pari soltanto alla metà della crescita media generale delle imprese nel periodo (+0,5%). Il saldo positivo tra iscrizioni e cessazioni nasconde, però, un sapore agrodolce. A determinare questa piccola boccata d’ossigeno, infatti, non è la ritrovata vitalità del comparto (che con 23.302 nuove imprese fa registrare il numero di iscrizioni più basso degli ultimi dieci anni), quanto una ‘resistenza’ maggiore degli artigiani ad alzare bandiera bianca e abbandonare il campo: le chiusure tra luglio e settembre sono state infatti 19.755, duemila in meno rispetto al corrispondente trimestre del 2009. Oltre due terzi della crescita (per la precisione il 71,2% del saldo) sono dovuti alle costruzioni, dove si registrano 2.544 imprese artigiane in più rispetto alla fine di giugno. In termini relativi, a crescere di più sono state invece le attività del settore turistico (ristorazione e alloggio), aumentate nel trimestre dell’1,34%.

«L’uscita dalla crisi si conferma un percorso difficile soprattutto per le imprese più piccole, meno aperte ai mercati esteri e più isolate dalle reti e dalle filiere produttive del Made in Italy che, invece, anche in questo frangente stanno dando buona prova»

In campo più negativo restano i settori del trasporto e magazzinaggio (-404 imprese) e quello dell’industria manifatturiera (-354 unità). Al centro (+0,32%) e al Mezzogiorno (+0,29%) si registrano incrementi superiori alla media, con Lazio e Campania a fare da battistrada (rispettivamente 766 e 492 imprese in più nel trimestre). Unico segno “meno” quello del Trentino Alto-Adige, peraltro interamente

Ferruccio Dardanello

«È importante che nelle politiche di rilancio che il Governo ha in agenda possano trovare spazio iniziative che coinvolgano queste imprese in circuiti più virtuosi, a partire dal disegno di un fisco più a misura di piccola impresa» dovuto alla Provincia di Trento. Questi i dati principali relativi alla nati-mortalità delle imprese artigiane nel terzo trimestre dell’anno, diffusi da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione condotta da InfoCamere a partire dai dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Tutti i dati, come di consueto, sono disponibili online all’indirizzo www.infocamere.it. «L’uscita dalla crisi si conferma un percorso difficile soprattutto per le imprese più piccole, meno aperte ai mercati esteri e più iso-

late dalle reti e dalle filiere produttive del Made in Italy che, invece, anche in questo frangente stanno dando buona prova». Questo è stato il commento del presidente di Unioncamere, FerruccioDardanello,aidatiMovimprese. Dardanello ha poi anche tenuto sottolineare: «I segnali incoraggianti che vengono dai settori artigiani più rivolti all’innovazione, come i servizi alle imprese o quelli professionali e

tecnico-scientifici - ha aggiunto Dardanello - ci dicono che le opportunità di crescita per l’artigianato esistono e sono consistenti. Allo stesso tempo, il continuo restringimento degli spazi per la piccola impresa manifatturiera, spesso a conduzione famigliare come quella artigiana, rischia di disarticolare il tessuto produttivo di tanti territori che su queste impresehannocostruitoilbenessere di milioni di famiglie».

«È dunque importante che nelle politiche di rilancio della crescita che il Governo sta mettendo in agenda - ha quindi concluso il numero uno di Unioncamere - possano trovare spazio iniziative rivolte a facilitare il coinvolgimento di queste imprese nei circuiti più virtuosi, a partire dal disegno di un fisco più a misura di piccola impresa e di un credito più attento al territorio e meno prigioniero di mere logiche contabili».


Giovedì 04 Novembre 2010 il Domani 29

FOCUS

Dalla consultazione europea sul libro verde all’iniziativa "Youth on the move"

Unioncamere Calabria a favore della mobilità dei giovani in Europa di Andrea Morrone

LAMEZIA TERME - Nel settembre 2010 la Commissione europea ha reso noti i risultati della consultazione pubblica sul libro verde “Promuovere la mobilità dei giovani per l’apprendimento” che ha riscosso un notevole consenso in termini di interesse ed adesioni evidenziando la sostanziale necessità di espandere le opportunità di mobilità dei giovani in Europa. Proprio in tale direzione si colloca l’iniziativa "Youth on the Move" lanciata dalla Commissione europea per assicurare ai giovani una migliore istruzione e formazione e per aiutarli ad accrescere le proprie prospettive professionali, a formarsi e lavorare all’estero. «Concordo pienamente nel ritenere che l’Unione europea per mantenere la sua competitività e raggiungere gli obiettivi fissati dalla strategia Europa 2020 – dice Fortunato Roberto Salerno, presidente Unioncamere Calabria – debba disporre di un maggior numero di giovani altamente qualificati, informati e innovativi. A tale proposito, già nel 2009 la nostra Unioncamere Calabria, in quanto nodo della rete europea Enterprise Europe Network, ha promosso la Consultazione pubblica sulla mobilità dei giovani per l’apprendimento per conoscere le opinioni dei principali stakeholders sugli ostacoli alla mobilità e gli strumenti per superarli e per sostenere una mobilità organizzata sia transfrontaliera che intersettoriale». «Ben 73 i contributi sulla consultazione europea che abbiamo raccolto da scuole, organizza-

zioni e privati cittadini – commenta Donatella Romeo, segretario generale Unioncamere Calabria – dall’analisi dei questionari sono emersi numerosi spunti di

Fortunato Roberto Salerno

«Già nel 2009 Unioncamere Calabria, in quanto nodo della rete europea Enterprise Europe Network, promosse la Consultazione pubblica sulla mobilità dei giovani per l’apprendimento per conoscere le opinioni dei principali stakeholders sugli ostacoli alla mobilità e gli strumenti per superarli» riflessione. In particolare i soggetti appartenenti alla fascia di età inferiore ai 35 anni ritengono che per aumentare la mobilità siano predominanti l’informazione, la motivazione, la preparazione lin-

guistica e lo scambio di buone pratiche attraverso l’Ict. Mentre risulta che la conoscenza dei portali Internet europei sia ancora una prerogativa dei soggetti più adulti e che degli studenti dichiarano di averne una scarsa conoscenza. Quanto ai benefici derivanti dalla mobilità questi vengono riconosciuti in termini di miglioramento delle competenze linguistiche straniere, aumento delle conoscenze interculturali e dell’occupabilità futura nonché nel rafforzamento dell’identità europea.Inoltre,lamaggiorparte dei soggetti partecipanti alla consultazione ritiene che le opportunità di mobilità per insegnanti, formatori ed operatori sociali debbano essere ulteriormente incrementate all’interno dei programmi europei e concordano

«Quanto ai benefici derivanti dalla mobilità questi vengono riconosciuti in termini di miglioramento delle competenze linguistiche straniere, aumento delle conoscenze interculturali e della occupabilità futura nonché nel rafforzamento dell’identità europea» nel ritenere che gli obiettivi di mobilità fissati per il 2020 siano uno strumento utile per definirne una forte strategia a livello euro-

peo». «L’impegno del sistema camerale nel fornire agli studenti nuove opportunità per accrescere le proprie conoscenze e competenze – ricorda il numero uno di Unioncamere Calabria, Fortunato Roberto Salerno – si sostanzia anche nella progettazione, assistenza ed affiancamento alle scuole calabresi in tema di alternanza suola - lavoro». «Quest’anno - conclude - grazie alla nuova sensibilità della Regione Calabria stiamo implementando una modalità formativa propria di una didattica moderna che oltre a coinvolgere i protagonistinellesceltesiinquadra anche nel più ampio contesto delle linee di sviluppo dei programmi dell’Unione europea 2020».


30

il Domani Giovedì 04 Novembre 2010

ilD tec

a cura s.s.e. mediatag

Deciso restyling per il primo social network

Myspace: vocazione "social" e nuovo look Andrea Celia Magno Sembrava fosse lentamente arretrato dalla scena principale del web nascondendosi dietro le quinte, allontanato dalla vista (e dai profitti) dallo strapotere di Facebook e dalla dilagante mania dei "cinguettii" su Twitter, diventati una vera e propria moda soprattutto oltreoceano. Invece, Myspace , è tornato alla carica, cercando di rilanciare la propria immagine con un nuovo logo (personalizzabile dall’utente sulla base di quello proposto) e di ridiventare una specie di status symbol con un nuovo sito, centrato al momento soprattutto sulla cosiddetta generazione Y (dai 19 ai 35 anni). Puntando su ciò che è stato il suo punto di forza in questi anni, e cioè essere il social network ideale per i musicisti e per gli artisti in genere, perché più immediato, ad esempio, rispetto a Facebook, Myspace rinnoPer rilanciarsi sul va il proprio sito offrendo nuove funzionalità nella mercato (e versione Beta. Le novità partono non appena si enscongiurare la tra nella propria pagina vendita da parte di personale (dopo la visione di una home page più legMurdoch) gera e fatta di griglie su musica, video e sulle news Myspace ha del portale), in cui si apripresentato il suo ranno alcune pagine di contenuti personali in base nuovo sito, agli interessi dell’utente, che potrà catalogarli a prorendendolo più prio piacimento con uno facile da gestire dei tre differenti layout. Sono stati drasticamente rie più "social" dotti i templates: soltanto 7 modelli e due stili, adesso dal design semplice, contro gli oltre 100 della prima versione. In attesa che alla fine dell’anno arrivino anche le applicazioni per i dispositivi mobili che utilizzano iOS e Android, il social network di proprietà di Rupert Murdoch (che vorrebbe venderlo se non aumentano i profitti), inoltre, ha creato una nuova piattaforma con differenti funzionalità, che variano dagli argomenti di attualità ai consigli per gli utenti (che sfruttano i dati delle pagine visitate dai singoli e, s’immagina, che ingolosiranno parecchio le aziende e le agenzie di pubblicità), dalla solita condivisione di video alla creazione di un blog personale, per arrivare allo "stream", cioè la funzione che permette di fruire di un flusso di filmati o articoli sul trend del momento. La home page potrà essere personalizzabile anche nei dettagli, che partono dallo sfondo e finiscono

Ortustech presenta il più piccolo display full HD Ortustech, una società nata dall’unione di Casio e Toppan, ha presentato il display full HD più piccolo al mondo: una diagonale di 4,8 pollici e una risuoluzione di 1920 X 1080 il nuovo schermo riesce ad avere una densità di 458 per pollice, più dell’iPhone 4, che con una densità di 326 pixel per pollice è il migliore terminediparagone.

Blekko promette di essere più preciso di Google Dopo una fase di sviluppo durata tre anni si appresta ad essere lanciato in rete il nuovo motore di ricerca Blekko. Basato sulle segnalazioni degli utenti (che indicano archivi, blog e siti affidabili), Blekko promette di effettuare ricerchepiùpreciseeliminando lo spam, che inevitabilmente appare quando si effettuanoricerchesuGoogle.

Smart phone: + 95% le vendite nel 2010 Secondo una ricerca della società Canalys, le vendite di smart phone nel terzo trimestre del 2010 hanno segnato un + 95%, merito dell’enorme boom a livello mondiale, ma soprattutto nei paesi dalle economie emergenti, che ha avuto questo ti po di prodotti. Nello specifico, Nokia resta leaderdellevendite(33%delle quote), seguita da Android (25%), iPhone (17%) e Rim, cioèilBlackberry(15%). La nuova home page di Myspace

ai contenuti. Un portale che sfrutta al massimo, dunque, la voglia di condivisione degli utenti, con più di una strizzata d’occhio a possibili ricavi pubblicitari, necessaria per non sparire dal mercato. Novità nel modo di presentarsi e di proporre i contenuti che, tuttavia, sono quelli di sempre: musica, video e celebrità.

Il nuovo logo è personalizzabile (all'interno della parentesi)

Lo Iab forum punta la "Pisanu" Da ieri, e per tutta la giornata di oggi, si tiene a Milano lo Iab forum, dedicato alla comunicazione digitale. Punto nodale dell’iniziativa il tentativo di rilanciare l’utilizzo del wi-fi libero, chiedendo l’abrogazione della Legge Pisanu, che negli ultimi giorni è tornata al centro del dibattito parlamentare e potrebbe essere pesantemente e, finalmente, modificata. Alla campagna si può aderire anche su Facebook, sulla pagina "Libera il wi-fi in Italia"


il Domani Giovedì 4 Novembre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

Euro

VAR. %

21.800,44 -0,91 21.180,81 -1,01 24.185,57 -0,67 22.652,58 -0,57 21.928,96 -0,57 11.119,40 -1,16

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1358,66

31,08

25,09

0,576

PLATINO

1728,50

39,88

PALLADIO

655,52

15,28

1 Euro

1.0

1.4119

0.87730 114.56

ORO

1 US $

0.70790

1.0

0.62120 81.110

ARGENTO

1 UK £

1.1392

1.6090

1.0 130.52

1 ¥en

0.0087230 0.012322 0.0076572

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 1,231 -0,24 17.30.29 1,221 A2A 1,135 -0,96 17.30.55 1,133 Acea 8,71 -0,17 17.30.25 8,695 Acegas-Aps 4,1975 -0,06 17.24.02 4,165 Acotel Group 41,50 -1,19 17.02.23 41,00 Acque Potabili 1,611 -1,65 17.30.07 1,61 Acsm-Agam 1,13 -1,14 17.30.39 1,121 Actelios 2,25 +0,33 17.30.37 2,24 Aedes 0,2028 +0,15 17.30.52 0,202 Aeffe 0,425 -0,93 17.30.38 0,425 Aegon 4,5925 +0,60 15.11.47 4,59 Aeroporto Firenze 11,89 +0,00 14.58.29 11,38 Ageas 2,1925 -1,46 17.30.44 2,1925 Ahold Kon 0,2375 +2,33 17.30.34 0,2321 Aicon Alcatel-Lucent 2,5325 -0,39 17.16.11 2,5125 Alerion 0,516 +0,88 17.30.02 0,5105 Allianz 89,87 -0,49 17.20.00 89,83 Amplifon 3,7625 -1,31 17.30.06 3,75 9,46 -5,30 17.30.28 9,37 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,5215 -1,60 15.14.14 0,5215 Apulia Prontop 0,3965 +0,38 17.30.27 0,3925 Arena 0,028 -2,78 17.30.16 0,0277 Arkimedica 0,487 -3,56 17.30.49 0,487 Arkimedica 2012 Cv5% 98,51 +0,06 16.52.18 98,25 Ascopiave 1,638 -0,73 17.30.35 1,628 Astaldi 5,31 -0,19 17.30.41 5,24 Atlantia 16,30 -0,49 17.30.00 16,24 Autogrill Spa 9,46 +1,50 17.30.30 9,315 Autostrada To-Mi 10,13 -0,29 17.30.29 10,10 Autostrade Merid 22,19 -0,58 17.30.18 22,00 Axa 13,16 -0,45 16.58.01 13,11 7,06 -2,35 17.30.43 6,995 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 90,28 +0,26 15.33.21 90,28 B&C Speakers 3,65 +0,14 17.30.42 3,5375 105,80 +0,00 16.08.49 105,72 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali 9,40 -0,26 17.30.45 9,355 5,24 5,24 -1,13 17.30.59 Banca Ifis 4,17 4,18 +0,12 17.22.27 Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 107,30 -0,20 17.23.29 107,30 3,7025 -0,80 17.30.01 3,6775 Banco Popolare 109,10 -0,08 17.21.40 109,00 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander 8,62 -3,85 17.30.05 8,62 Basf 54,03 +0,47 17.30.23 54,00 Basicnet 2,88 -0,86 17.30.15 2,8625 Bastogi Spa 1,68 -0,59 16.37.33 1,67 Bayer 54,00 -1,67 17.30.05 54,00 44,61 -1,15 17.30.10 44,61 Bb Biotech Bca Carige 1,704 -1,56 17.30.48 1,692 Bca Carige R 2,77 -0,89 17.14.25 2,77 110,61 -0,79 10.38.41 110,61 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,506 -1,36 16.14.23 0,5025 Bca Mps 0,9515 -3,35 17.30.28 0,9465 3,845 -0,13 15.23.13 3,845 Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna 8,80 -0,28 17.30.37 8,775 3,2925 -1,05 17.30.43 3,28 Bca Pop Etrur-Lazio 3,225 -1,83 17.30.51 3,205 Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio 6,755 -1,17 17.30.47 6,725 0,469 -0,64 17.30.12 0,4655 Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc 3,885 +1,84 16.22.34 3,76 Bco Desio Brianza 4,05 -1,64 17.30.59 4,05 Bco Sardegna Risp 9,41 +0,75 17.11.58 9,30 Bee Team 0,4135 +0,36 17.30.36 0,411 Beghelli 0,6255 +0,32 17.30.34 0,6225 Benetton Group 5,525 -3,15 17.30.45 5,52 99,90 -0,03 17.03.28 99,90 Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili 0,6995 -1,96 17.30.16 0,6995 1,42 1,471 -0,47 17.21.19 Best Union Company 0,39 0,39 -0,89 16.14.05 Bialetti Industrie Biancamano 1,428 -0,14 17.16.36 1,415 5,14 -2,19 17.30.14 5,115 Biesse Bioera Sosp. Bmw 51,53 -1,75 16.50.58 50,95 Bnp Paribas 52,43 +0,36 17.24.54 52,20 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,99 -2,09 17.11.17 1,97 Bonifiche Ferraresi 29,78 -0,23 17.30.41 29,30 1,39 +0,65 10.52.09 1,383 Borgosesia Borgosesia R 1,52 -0,33 16.00.32 1,50 Bper 12 Cv Sub 3,7% 101,70 +0,15 16.08.38 101,32 7,795 +0,00 17.30.13 7,725 Brembo Brioschi 0,1602 -0,99 17.30.16 0,1602 Bulgari 7,75 -2,33 17.30.38 7,71 1,16 -3,17 17.30.10 1,153 Buongiorno Buzzi Unicem 8,365 +2,89 17.30.19 8,08 4,66 4,79 +1,97 17.30.56 Buzzi Unicem Rnc 4,40 4,4375 -0,50 17.30.27 Cad It Cairo Communication 2,6675 +0,09 16.58.52 2,65 1,05 +2,14 17.30.52 1,023 Caleffi 1,95 +0,15 15.47.07 1,906 Caltagirone 1,76 +0,06 17.30.36 1,732 Caltagirone Edit Camfin 0,4115 +0,37 17.30.54 0,3975 Campari 4,5025 -2,70 17.30.29 4,485 Cape Live 0,291 -2,35 17.30.02 0,29 Cape Live Cv 5% 2009-2014 87,98 +2,30 15.48.49 86,50 2,96 2,9775 -0,08 17.30.54 Carraro Carrefour 39,00 +1,30 17.30.07 37,11 Cattolica Ass 19,25 -1,03 17.30.55 19,09 1,76 1,76 +0,34 16.43.05 Cdc Cell Therapeutics 0,279 -1,06 17.30.17 0,279 5,46 5,54 +0,82 17.30.33 Cembre 2,4475 -1,51 17.30.41 2,4475 Cementir Holding Centrale Latte To 2,395 +0,00 17.30.55 2,35 0,2645 -0,19 17.30.24 0,2605 Ceramiche Ricchetti Chl 0,1423 -0,63 17.30.30 0,1416 0,2915 -0,68 17.30.03 0,2865 Cia 0,713 +0,42 17.30.50 0,7015 Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite 1,553 -1,96 17.30.22 1,545 Class Editori 0,4805 -1,54 17.30.13 0,4805 Cobra 1,22 +0,33 17.30.46 1,22 0,6645 +0,84 17.30.10 0,6505 Cofide Spa 0,406 -0,98 17.30.02 0,405 Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv 96,00 -1,04 16.59.28 95,13 Conafi Prestito' 0,998 -3,11 17.30.07 0,998 21,88 +0,37 14.58.32 21,61 Cr Bergamasco Credem 4,98 +0,96 17.30.06 4,9025 Credit Agricole 12,00 +0,76 16.01.28 12,00 Credito Artigiano 1,328 -0,30 14.13.48 1,32 Credito Valtellinese 3,495 -1,83 17.30.21 3,4725 0,1538 -0,26 13.41.43 0,1538 Crespi 100,75 -0,21 17.14.05 100,75 Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze 1,199 +0,93 17.30.20 1,18 D'Amico 1,059 -1,21 17.30.33 1,059 Dada 5,505 -2,31 17.30.13 5,505 48,36 -0,23 17.09.49 48,35 Daimler 0,88 0,895 +1,71 17.30.01 Damiani 19,27 +1,05 17.30.46 19,04 Danieli & C Danieli & C Risp Nc 10,95 +1,39 17.30.56 10,74 Danone 45,61 -0,63 16.58.14 45,61 Datalogic 5,36 -0,56 17.30.49 5,29 De'Longhi 4,165 +1,28 17.30.40 4,1125 Dea Capital 1,318 -1,27 17.30.12 1,31 Deutsche Bank 40,37 -1,90 17.24.52 40,30

Max

Apertura

1,249 1,221 1,154 1,148 8,75 8,70 4,225 42,00 1,627 1,131 2,41 2,24 0,2101 0,2025 0,436 4,605 11,90 2,23 0,245 2,555 0,516 91,39 3,825 10,03 0,53 0,4015 0,029 0,50 98,51 1,655 5,33 16,48 9,515 10,19 22,46 13,36 7,28 90,57 3,7125 106,00 9,425 5,35 4,18 107,52 3,78 109,18 8,99 54,53 2,9475 1,712 54,61 45,48 1,743 2,855 111,00 0,5095 0,9925 3,845 8,935 3,3275 3,31 6,855 0,474 3,885 4,0975 9,41 0,4155 0,639 5,77 99,98 0,718 1,471 0,395 1,435 5,28 54,40 53,28 2,00 29,81 1,39 1,60 101,70 7,85 0,1631 7,975 1,205 8,565 4,87 4,47 2,68 1,05 1,95 1,764 0,4125 4,6425 0,291 87,98 3,09 39,00 19,55 1,797 0,2835 5,54 2,5275 2,395 0,2665 0,1437 0,2915 0,714 1,592 0,492 1,231 0,667 0,415 96,69 1,05 21,88 4,98 12,13 1,329 3,595 0,154 101,00 1,235 1,079 5,775 49,16 0,8985 19,39 10,96 45,93 5,50 4,1975 1,343 41,23

0,2321 0,5105 3,81 10,02 0,0288 0,4955 5,305 16,37 9,36 10,19 7,25 3,65 9,425

3,7575 109,00 2,8775

1,739

0,99 8,885 3,31 3,305 6,795

5,70 0,71

52,95

1,53 7,78 7,94 8,165

1,906 0,41 4,64 2,96

0,283

0,2865 1,589 0,488 1,229

1,015 4,9025 1,324 3,5875 0,154 100,99 5,70 0,8985 19,32 10,85 5,495 1,335

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Sosp. Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel

Ora

Min

Max

Apertura

10,46 29,17 1,322 3,145 13,62 21,89 0,8735 1,269 1,475 13,26 1,47 4,47 4,075

-0,38 +0,00 -3,36 -1,02 -2,15 -2,93 -1,24 -0,24 +0,55 +3,92 -2,00 +0,00 -0,79

17.22.56 10,46 10,56 17.30.51 28,95 29,44 29,25 17.30.59 1,322 1,385 17.30.03 3,1375 3,24 3,1375 17.30.32 13,61 13,91 13,77 17.30.32 21,89 22,57 17.30.10 0,8735 0,8895 0,8865 17.08.26 1,266 1,283 17.30.17 1,455 1,486 17.30.19 12,61 13,33 17.22.38 1,468 1,50 17.30.04 4,4675 4,47 4,47 17.30.50 4,055 4,1275 4,1175

21,42 16,21 9,92 0,8275 0,505 7,05 2,26

-0,37 -0,37 -1,98 -0,78 +0,50 +1,00 -1,95

17.30.30 21,30 21,68 17.30.05 16,17 16,39 17.30.55 9,905 10,15 17.30.15 0,826 0,8385 17.30.57 0,505 0,515 17.30.58 7,00 7,20 17.30.16 2,2575 2,31

21,68 16,26 10,13 0,826

19,00 14,40 15,20 1,038 17,96 12,19 8,30 8,35 3,30 4,67

+3,15 +2,86 +2,15 -3,89 +0,00 +2,87 +1,65 +1,46 -2,87 -1,68

17.30.30 17.30.28 17.30.57 17.30.28 17.30.54 17.30.37 17.30.10 17.30.11 17.18.37 17.02.33

18,67 14,12 14,89 1,08 17,96 12,06 8,23 8,295

9,83 -1,70 17.30.30 0,555 7,57 4,63 17,45 1,133 0,381 4,58 27,75 3,6975 0,5745 1,129 15,58 4,175 4,02 1,935 3,1375 5,875 4,55 7,655 1,502

-0,89 -2,45 -1,80 +0,00 -0,18 -0,13 -0,49 -2,63 -1,27 -0,78 +0,09 -1,08 -1,01 +1,77 +1,47 -1,18 +3,16 +2,48 -0,39 -1,25

18,64 19,10 14,08 14,45 14,89 15,20 1,03 1,08 17,96 17,98 11,97 12,28 8,215 8,445 8,285 8,49 3,30 3,4375 4,67 4,83 9,82

10,08

17.30.29 0,55 0,5605 17.30.09 7,53 7,905 4,63 4,78 17.30.43 17.30.12 17,14 17,45 17.30.17 1,11 1,135 17.30.03 0,381 0,389 17.30.45 4,56 4,66 17.30.32 27,75 28,31 17.30.43 3,69 3,78 17.30.48 0,5705 0,5785 17.30.07 1,10 1,139 17.30.09 15,52 15,85 4,23 4,16 17.30.56 17.20.15 3,8925 4,035 17.30.24 1,903 1,958 3,19 16.58.00 3,1375 17.30.42 5,675 5,985 15.58.42 4,23 4,55 17.30.12 7,55 7,715 17.30.38 1,50 1,534

0,86 +0,53 17.30.21 0,8425 15,09 -0,40 17.30.47 15,04 1,463 +0,14 17.30.33 1,444

0,875 15,19 1,463

7,05 2,305

4,83 10,03 7,81 4,715

3,69 15,82 4,23 1,92 3,175 5,675 7,715 1,525 15,19

1,381 0,875 2,2625 7,75 9,015 7,12 2,2275 7,675 0,4175 0,73 4,69 2,455 1,952 0,0135 1,38 1,275 3,02 3,00 6,205 3,515 25,15 17,90 1,834 0,9545 0,0727 2,845 1,976 0,342 0,588 85,00 1,721 3,3675 0,47 11,74 20,96 116,00 3,0725 0,193 3,4025

-0,36 -1,85 -0,44 -1,02 -1,47 -0,42 -1,00 -3,28 +1,09 +8,07 -0,21 -2,48 -1,21 -1,46 -1,07 +1,27 -0,98 -0,66 +2,48 +0,43 -0,79 -0,72 -0,86 +1,22 -0,14 -1,47 -0,20 +0,59 +0,51 -2,57 +1,36 -1,61 -1,57 -0,93 -0,90 +0,92 -1,21 +0,00 -2,51

17.10.41 17.30.59 17.30.25 12.11.48 17.30.20 17.04.45 16.02.35 17.22.32 15.16.25 16.51.00 17.30.58 17.30.17 17.30.55 17.30.27 17.13.14 17.30.54 16.42.31 17.14.28 17.30.45 17.30.38 17.30.13 17.30.55 16.12.00 17.30.44 17.22.12 17.30.09 17.30.48 17.30.25 16.15.47 17.20.30 16.51.18 17.30.41 12.22.13 17.30.00 17.30.12 16.50.13 17.30.50 17.30.36 17.30.02

1,381 0,873 2,2525 7,75 8,97 7,01 2,21 7,65 0,4165 0,73 4,6525 2,4425 1,941 0,0135 1,38 1,26 3,0175 3,00 6,005 3,4725 25,05 17,83 1,834 0,948 0,0727 2,8275 1,97 0,3385 0,5655 85,00 1,672 3,3675 0,47 11,69 20,89 114,94 3,0525 0,19 3,3925

1,39 1,386 0,901 0,901 2,3025 2,275 7,75 7,75 9,20 9,155 7,12 2,2275 7,945 0,4175 0,73 0,73 4,73 4,70 2,5275 2,525 1,995 1,994 0,0139 1,396 1,279 1,261 3,0825 3,04 6,24 6,075 3,57 3,51 25,40 25,40 18,15 1,85 1,85 0,958 0,951 0,0736 2,96 2,9225 1,99 0,342 0,34 0,5885 85,75 1,721 3,435 3,4225 0,4785 11,92 11,87 21,24 21,17 117,00 3,13 3,13 0,194 3,46 3,50

7,74 2,61 5,33 7,30 3,3525 0,0507 0,314 1,214 10,00 1,439 1,697 3,2175 0,417 2,54 0,1395 6,26 0,434 0,151 0,309 1,00

-1,15 +0,39 +0,57 -0,81 -0,15 +0,60 -1,72 -1,14 -0,79 -1,30 -0,76 +1,26 +0,12 -1,26 -0,36 -0,56 +5,09 -1,88 +0,33 -0,20

17.30.49 17.30.25 17.30.28 17.30.55 17.30.36 17.30.32 17.18.12 12.45.01 17.30.16 17.30.37 16.37.10 17.30.42 17.30.49 17.30.12 17.30.32 17.30.44 17.30.31 16.49.12 11.37.56 15.23.36

7,735 2,5025 5,275 7,26 3,33 0,0497 0,314 1,167 9,995 1,436 1,667 3,18 0,416 2,53 0,134 6,16 0,4105 0,1496 0,295 0,983

7,865 7,77 2,6775 2,66 5,455 5,33 7,46 7,39 3,415 3,38 0,051 0,0504 0,32 0,32 1,214 10,29 10,01 1,472 1,467 1,71 1,71 3,2175 0,424 2,5875 0,1398 6,295 0,434 0,153 0,309 1,00

5,235 -1,69 17.30.23

5,235

2,8425 +0,09 17.20.03 6,505 +1,01 17.21.41 7,485 -1,45 17.24.21 0,655 1,575 1,944 22,20 2,525 3,4525

+8,26 -2,17 -0,77 -0,40 -2,88 +1,99

5,255

2,82 2,8775 6,355 6,51 7,475 7,68

2,82

17.30.01 0,60 0,658 17.30.24 1,575 1,61 17.30.16 1,939 1,974 17.30.36 22,12 22,25 17.30.25 2,4925 2,60 17.30.52 3,4525 3,7275

0,60 1,969 2,60

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Prelios Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sosp. Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp. Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Sosp. Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vita Societa Editoriale Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tamburi 2013 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Min

Max

17.30.02 15.52.33 17.30.51 17.30.04 17.23.03 17.03.41 17.30.35 16.36.53 17.30.16 10.04.15 17.30.13 17.30.34 17.30.37 17.30.01 15.59.54 17.30.14 17.30.21 17.14.23 17.30.44 17.08.13 13.54.30 17.30.27 17.02.46 17.30.25 17.30.20 17.30.45 17.30.05 17.30.02 15.55.41 16.52.51 17.30.01 17.30.50 17.22.49 17.30.14 17.30.25 17.30.09 17.30.18

3,275 1,845 6,06 5,855 3,5575 9,30 0,51 0,678 0,8805 117,53 1,045 0,41 0,9305 0,787 6,68 13,47 0,1713 0,90 1,128 0,75 2,02 7,11 38,88 0,253 16,92 0,3515 0,0491 0,2825 1,456 51,30 1,152 23,05 0,395 6,905 5,28 11,67 32,51

3,3625 1,939 1,935 6,22 6,22 5,98 3,68 10,11 9,93 0,52 0,52 0,678 0,916 0,896 117,53 1,088 0,4405 0,4175 0,9715 0,9715 0,819 6,89 13,84 13,83 0,1765 0,1732 0,92 1,145 1,144 0,763 2,05 7,30 7,20 39,76 0,261 0,258 17,12 0,365 0,0515 0,291 0,287 1,47 51,30 1,238 1,199 25,70 24,13 0,3995 7,02 5,34 5,335 12,09 12,05 33,09 32,61

50,50 -0,53 17.30.11

48,60

3,275 1,895 6,10 5,98 3,6375 9,72 0,513 0,678 0,90 117,53 1,045 0,4375 0,9305 0,787 6,78 13,52 0,1758 0,918 1,141 0,75 2,0475 7,30 38,88 0,2535 16,92 0,356 0,0498 0,2855 1,456 51,30 1,185 23,32 0,399 6,965 5,34 11,70 32,67

Ora -0,76 +3,10 -1,05 +1,01 -1,29 -2,70 -1,35 +0,44 +0,45 -0,40 -3,15 +4,79 -3,97 +0,58 -1,02 -1,89 -0,68 +0,38 +0,53 -0,20 -0,12 +0,34 -0,38 -1,74 -0,65 -1,11 +1,22 +1,42 -0,95 -0,06 +0,00 -2,83 -0,75 -0,57 +0,38 -1,85 +0,34

Apertura

50,53

1,527 9,77 7,025 0,638 0,1305 0,8005 5,48

-2,24 +0,10 -0,35 +0,00 -0,38 +0,00 +0,00

17.30.18 1,514 1,574 1,569 9,77 9,60 17.30.18 17.30.48 6,99 7,10 17.30.46 0,6305 0,638 17.30.28 0,1304 0,1325 0,1318 17.30.10 0,8005 0,8005 12.07.46 5,47 5,48

6,765 94,59 81,87 2,8075 3,8375

-0,07 +0,62 -1,31 -0,35 -1,03

17.30.55 6,75 17.21.31 94,10 16.31.52 81,87 17.30.04 2,79 17.30.20 3,8275

0,1013 -0,88 17.30.24 0,1013 43,00 +2,50 17.00.32 42,95

6,83 94,60 85,40 2,83 3,895

6,78 2,82 3,885

0,105 0,1015 44,08 43,00

2,49 4,725 65,33 1,668 0,671

+0,91 -0,53 -1,04 -1,53 -1,03

2,45 2,4975 2,4675 17.30.38 17.24.08 4,715 4,815 17.06.58 65,33 65,99 17.30.33 1,658 1,71 1,684 17.30.28 0,6675 0,68 0,672

6,37 1,352 10,50 1,85 0,345 1,102 0,26 0,8855 19,44 15,09 3,32 3,93 0,6635 0,1042 71,08 1,478 39,70 9,51 5,445 7,455 106,27 0,536 1,804 2,2425 21,18 0,546 0,407 4,23

+1,03 -1,67 +0,00 +2,78 -4,17 -1,08 -0,19 -0,51 -0,92 -0,46 -0,37 -0,76 -2,93 -0,76 +1,23 -0,27 +0,63 -0,10 -1,09 -1,58 +0,01 -0,92 -2,38 +0,56 -0,56 -1,44 -2,40 -0,12

17.30.06 17.05.55 11.23.21 16.59.50 17.30.07 17.30.31 17.30.26 17.30.46 17.23.12 17.30.14 17.30.51 17.30.16 17.30.13 17.30.49 17.30.18 9.57.38 17.30.16 17.30.36 17.30.54 17.30.39 16.54.49 17.30.14 17.30.41 17.30.30 17.30.28 17.30.16 17.30.35 13.29.36

6,305 1,352 10,50 1,85 0,345 1,093 0,2595 0,8815 19,42 15,06 3,305 3,9075 0,66 0,1042 70,22 1,478 39,48 9,505 5,445 7,425 106,26 0,536 1,803 2,20 21,18 0,544 0,407 4,2075

6,51 6,34 1,375 10,50 1,861 0,345 1,123 1,117 0,2655 0,264 0,896 0,8945 19,72 15,27 15,25 3,3475 3,3325 3,975 0,6825 0,1076 0,1056 71,67 70,39 1,478 40,33 39,91 9,59 9,59 5,45 7,68 7,61 106,43 0,548 1,86 1,856 2,26 2,20 21,55 0,5575 0,555 0,42 0,415 4,23

4,01 +0,00 17.30.46 3,9725 4,015 1,14 1,22 1,14 -4,36 17.22.14 3,65 +0,00 17.30.50 3,64 3,6725 20,09 -3,69 17.30.41 0,053 +0,57 0,0036 -2,70 2,18 -1,36 0,0788 +0,25 0,292 +0,34 0,0558 +0,00 0,148 +1,23 0,0908 +0,00 0,088 +10,00

17.13.58 17.01.23 16.53.31 17.30.05 17.17.55 13.59.32 17.08.49 11.02.12 11.30.08

0,4985 +2,78 16.57.13

20,09

1,19

20,80

0,0524 0,054 0,0032 0,0038 0,0035 2,18 2,265 2,20 0,0743 0,081 0,079 0,287 0,295 0,0555 0,0558 0,1411 0,148 0,0908 0,0908 0,0808 0,088 0,485 0,4995

0,0231 +0,00 0,0236 +7,76 0,011 -24,14 0,949 -0,37 0,19 -4,04 1,349 +3,77 0,0648 +1,25

12.57.06 0,0231 0,0231 17.30.49 0,0213 0,024 15.33.46 0,011 0,015 17.08.12 0,949 0,974 16.08.55 0,19 0,19 17.30.56 1,25 1,349 17.30.21 0,062 0,0648

0,0874 +90,00 0,0025 +0,00 0,0068 -8,11 0,0282 -0,70 0,0281 +0,36 7,85 -0,76 0,071 -2,61 4,84 +1,15 0,522 -1,42 0,499 -4,04

17.30.32 16.37.54 17.09.56 17.20.58 17.19.11 17.30.22 17.30.40 17.30.56 16.43.22 17.30.18

0,0874 0,0025 0,0068 0,0281 0,0273 7,82 0,0691 4,75 0,51 0,499

0,0874 0,0025 0,0073 0,0289 0,0283 7,99 0,0719 4,88 0,525 0,525

0,485

0,011

0,0071 0,0289 0,0283 7,99 4,7975



il domani