Issuu on Google+

Mercoledì 04 Novembre 2009 Anno XII - Numero 304

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

Province povere

E-mail certificate

Vibo Valentia e Crotone sono le ultime nella classifica delle più ricche d’Italia

Dal 28 novembre potrebbe arrivarvi una Pec: avvocati, ma siete davvero pronti?

Emergenza influenza A

Se la Calabria era al 15mo posto nella classifica delle regioni per ricchezza patrimoniale, le due province calabresi sono ultimissime.

La Posta elettronica certificata introdotta dalla Pubblica amministrazione è destinata a sostituire la raccomandata cartacea. Ce la farà?

Disagi in Calabria: a Cosenza riscontrate pesanti difficoltà dovute alla mancanza di medici e infermieri.

Gaia Mutone Pag » 12

Cab Pag » 22

Giuseppe Tetto Pag » 18

Nel centrosud è caccia al vaccino Caos e ritardi nella distribuzione

PROCESSO CIVILE. La riforma introduce la possibilità di evitare il contenzioso per alcuni tipi di lite

Debutta la conciliazione, i dubbi degli avvocati Un milione di cause potrebbero sbloccarsi. Parlano gli avv. Arnoni, Gualtieri e Falcomatà

L'EDITORIALE

Il gruppo Unicredit accorpa e taglia

Il Consiglio dei ministri della scorsa settimana ha approvato il decreto che introduce la conciliazione obbligatoria per alcune cause civili. Si apre il dibattito fra gli addetti ai lavori. Alleggeriti i tribunali, ma regna lo scetticismo di Alessandro Caruso segue a pag. » 6

segue a pagina » 2

Nave dei veleni, Angela Napoli invoca chiarezza La parlamentare Angela Napoli, componente della commissione nazionale Antimafia, sollecita la magistratura a rendere note le risultanze investigative e l’attendibilità del pentito Fonte dopo la deposizione del 2005 presso la Dda: «Il problema dell’inquinamento ambientale ha sempre destato in me grandi inquietudini e perplessità che oggi più che mai sono diventate non più sopportabili».

UN GRAZIE A GIORGIA MELONI

di Guido Talarico

Svolta epocale nell’organizzazione del Gruppo Unicredit,che, per precisa volontà dell’a.d Alessandro Profumo, semplifica la struttura del gruppo attraverso la fusione nella holding delle cinque banche controllate. Il progetto di banca unica, che all’interno del gruppo tutti hanno ribattezzato o’ bancone, è stato varato dal comitato strategico riunitosi ieri a Milano, che ha lavorato su un documento preparato da una commissione tecnica. Si tratta di un cambiamento importante perché ridisegna la fisionomia di uno dei grandi gruppi bancari italiani, cambiandone al contempo morfologia e sistemi di lavoro. Il risvolto di questa medaglia sono i preannunciati tagli occupazionali (circa settemila) che potrebbero riguardare anche la Calabria.

IN BREVE

pag.10

Tutti i meccanismi delle moratorie debiti

Riconoscimento per il Talent Prize Il premio della Guido Talarico Editore inserito nel catalogo Young Blood

IlministerodellaGioventùdiGiorgiaMelonihapresentatoilcatalogoconlemiglioriideecreativeprodotteinItalia. Tra queste, inserito anche il Talent Prize, premio ai miglioriartisticontemporaneitargatoTalarico. di Giorgia Bernoni a pagina » 28

Via i crocifissi dalle aule La Corte europea di Strasburgo dà ragione a una signora italiana: il crocifisso nelle aule viola i diritti dei non cattolici e degli atei. L’Italia fa ricorso. di Carlo Bassi a pag » 22

Teatro entusiasmante a Soverato Presentato a Villia Ersilia, a Soverato, “IncontriAmoci a teatro”, la rassegna 2009/2010 del teatro comunale della cittadina del Basso Jonio.Si parte con Gianfranco Jannuzzo. di Rosaria Ionà a pag » 29

Il rapporto con le banche è sempre più difficile e costoso. Non mancano le possibilità di reagire da parte delle piccole e medie imprese calabresi. Uno dei modi più utilizzati in questo momento è la moratoria sui debiti, iniziativa a livello nazionale grazie all’accordo tra il ministero dell’Economia e Finanze, l’Abi e le più importanti associazionidi categoria, che tocca i punti più critici del problema numero uno, il credito. di Alessio De Grano a pag 4-5

Sequestro per 5 milioni all’ex consigliere Crea I beni di Mimmo Crea sono stati sequestrati. Un tesoro di 5 milioni sottratto dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino. di Antonio Latella a pag » 9

Pd, come rifare il partito nasce "Area Democratica" Si è svolta a Lamezia la riunione regionale degli eletti alle assemblee nazionale e regionale del Pd in rappresentanza della mozione Franceschini in Calabria. a pag » 11


2

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI O’ bancone Unicredit, accorpamenti e tagli Al momento in cui scriviamo la notizia non è stanta ancora confermata dalla Banca, ma fonti bene informate ci confermano che l’operazione è sostanzialmente conclusa. Ma sono proprio i ventilati tagli al personale che hanno agitato le acque alla vigilia del varo dell’accorpamento. Non a caso il

Per l’accorpamento il sindacato Fiba Cisl ha già lanciato l’allarme ipotizzando appunto che siano almeno settemila gli esuberi sindacato Fiba Cisl ha già lanciato l’allarme ipotizzando appunto che siano almeno settemila gli esuberi. L’accorpamento arriva ad una settimana dal consiglio d’amministrazione sulla trimestrale e a meno di due dall’assemblea sull’aumento di capitale da 4 miliardi di euro. Questo forse spiega anche perchè l’amministratore delegato Alessandro Profumo insieme ai rappresentanti dei maggiori soci in Cda hanno voluto varare ora il progetto di questo maxiaccor-

FUORI DAL COMUNE

pamento. Riassetto al quale i vertici di Piazza Cordusio per altro stavano lavorando da più di un anno. Ma vediamo quali sono i punti salienti del programma di riorganizzazione approvato ieri. Stando alle indiscrezioni, perchè, ripetiamo al momento da Piazza Cordusio non sono ancora emerse comunicazioni ufficiali, il piano prevede una profonda semplificare l’organizzazione aziendale. L’idea dalla quale è partito il progetto di accorpamento è quella che di fatto muove ogni imprenditore: semplicazione, riduzione dei costi, ottimizzazione delle risorse, efficienza. Per raggiungere questi obiettivi gli uomini di Profumo hanno comunque tentato di garantire all’organizzazione una forte autonomia territoriale, attraverso l’accorpamento nella holding delle cinque banche controllate: Unicredit Banca (retail con sede a Bologna), Unicredit Banca di Roma, Banco di Sicilia, Unicredit Private Banking (a Torino) e Unicredit Corporate Banking (Verona). Non sarà comunque una cosa breve, nel senso che la banca unica dovrebbe essere definitivamente pronta non prima di novembre del 2010, data emblematica essendo in coincidenza con

di Carmela Mirarchi

Sprovincializzarsi per guardare all’Europa

la scadenza dei patti parasociali che Unicredit ha ereditato quando ha acquistato Capitalia e con essa il Banco di Sicilia. Proprio la lunga digestione del boccone Capitalia e l’esplodere della crisi, prima finanziaria poi economica, hanno evidenziato un’eccessiva complessità della struttura del gruppo in Italia. Dopo le valutazioni positive da parte del comitato strategico, l’obiettivo ora è di portare il progetto o’ bancone sul tavolo del consiglio di amministrazione della holding di Piazza Cordusio all’inizio dell’anno prossimo, quindi all’assemblea dei soci di aprile con un passaggio obbligatorio anche dai consigli delle cinque banche. Questi ultimi con la fusione sono destinati a sparire con beneficio anche sui costi per il venir meno dei compensi di presidenti e consiglieri. Il piano peraltro preoccupa i sindacati. «L’operazione - sostengono Camillo Bongiovì e Gabriele Urzi della Fiba Cisl - genererebbe migliaia di esuberi, almeno 5.000 a seguito della unificazione delle banche retail e 2.000 per la fusione di Corporate e Private nella banca unica». Cifre che ancora non trovano conferme nel quartier generale di Milano, dove viene rilevato che numeri sugli esuberi non ci so-

MEDITERRA NEO

no ancora. Nel frattempo in vista del Cda del 10 novembre il consensus degli analisti indica per il terzo trimestre un utile netto di 302 milioni, un utile ante imposte di 752 milioni, un risultato lordo di gestione di 2.893 milioni e un margine di intermediazione di 6.755 milioni. Questa ri-

A farne le spese saranno i cittadini ordinari e gli stessi dipendenti sui quali inevitabilemente verranno scaricati i costi di tutte queste situazioni negative strutturazione di Unicredit è in qualche modo un’altro segno indiretto sulle difficoltà del sistema bancario che negli ultimi 24 mesi ha dovuto affrontare crisi strutturali interne, crisi finanziarie e ora anche una gravissima crisi economica. E, come al solito, a farne le spese saranno i cittadini ordinari e gli stessi dipendenti sui quali inevitabilemente verranno scaricati i costi di tutte queste situazioni negative. Guido Talarico

di Alessio De Grano

Un’area di libero scambio per il Mediterraneo

In un momento di grande attenzione per la salvaguardia dell’ambiente fa piacere sottolineare che un’amministrazione comunale calabrese, quella di Cosenza ha deciso di impegnarsi seriamente per migliorare la vivibilità della città grazie alla mobilità sostenibile. Ed è un vero spiraglio di luce in una regione dove spesso ambiente e vivibilità sono messe in secondo piano, anche a causa dei tanti problemi che l’affliggono. L’impegno del Comune è segno che Cosenza non si è fatta intimidire dai dati negativi relativi al numero di auto inquinanti che hanno invece stimolato l’amministrazione ad

assumere l’impegno di migliorare l’offerta per il trasporto pubblico per garantire una vita migliore ai cittadini di Cosenza. Infatti se le auto che circolano in centro sono davvero troppe, la città bruzia può però vantare di essere tra le prime 10 per quanto riguarda la mobilità sostenibile. Ottima anche la pedonalizzazione del centro cittadino. L’idea del Comune è quella di fare del trasporto pubblico il fiore all’occhiello della città, attraverso un miglioramento dei servizi e delle politiche tariffarie. E’ un punto di partenza importante per una citta che vuole sprovincializzarsi guardando all’Europa.

La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona sono accomunati dalla stessa data di scadenza e dalla parziale delusione che hanno generato per gli scarsi risultati raggiunti finora. Secondo i programmi, entro il 2010 dovrebbe giungere a compimento la strategia di Lisbona. Nello stesso anno è anche prevista la realizzazione dell’area di liberoscambio euro-mediterranea, la più grande al mondo, con oltre 40 Paesi e quasi 800 milioni di persone. Tutti e due i progetti sembrano lontani dall’essere completati, ma è stato recentemente rilanciato il ruolo dell’area mediterranea da personaggi

illustri quali il presidente Napolitano, Azeglio Ciampi, Nicolas Sarkozy e Federica Guidi presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria. Sembra infatti chiaro che per aiutare le imprese ad agganciare la ripresa che si consoliderà a partire dal 2010 sono necessari interventi non solo in ambito nazionale. Oltre ad abbassare la pressione fiscale sulle aziende tagliando la spesa improduttiva, infatti, bisogna dire no al protezionismo in ambito Ue e fare del Mediterraneo «un grande suk senza barriere né dazi». Se ciò avenisse sarebbe una vera opportunità per l’economia della nostra regione.

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio)

redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it roma@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801

:: www.ildomani.it ::

Guido Talarico Amministratore Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) Roma Via archimede 201 (Rm) reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

PRIMO PIANO

Ecco gli aiuti per le Pmi in difficoltà finanziarie di Alessio De Grano ROMA - Se il rapporto con le banche è diventato sempre più difficile e costoso, non mancano le possibilità di reagire da parte delle piccole e medie imprese calabresi. Uno dei modi più utilizzati in questo momento è la moratoria sui debiti, iniziativa attuata a livellonazionalegrazieall’accordotra il ministero dell’Economia e Finanze, l’Abi, Associazione Bancaria Italiana, e le più importanti associazionidi categoria, che tocca i punti più critici del problema numero uno, il credito: rate dei mutui e dei leasing, credito a breve, sostegno finanziario per chi aumenta il patrimonio aziendale. L’accordo, denominato “Avviso Comune per la sospensione dei pagamenti delle piccole e medie imprese nei confronti del sistema bancario” è stato sottoscritto il 3 agosto scorso, ma solo ora sta diventando pienamente operativo. Quasi tutte le banche vi hanno aderito (per conoscere quali si veda il sito www.abi.it/avviso): la finalità è quella di definire le misure per la sospensione dei pagamentirelativiafinanziamenti bancari a medio-lungo termine (mutui), operazioni di leasing e crediti a breve termine in essere al 3 agosto 2009 (data della firma dell’avviso), con l’esclusione di finanziamenti e operazioni creditizie e finanziarie con agevolazione pubblica, nella forma del contributo in conto interessi e/o in conto capitale. In particolare, sono previste operazioni di: sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate di mutui; sospensione per 12 mesi ovvero

per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente “immobiliare” ovvero “mobiliare”; allungamento fino a 270 giorni delle scadenze del credito abreve termine per sostenere le esigenze di cassa, con riferimento alleoperazioni di anticipazione su crediti certi e esigibili. Le modalità con cui si attuano le operazioni previste sono le seguenti: le rate devono essere in scadenza o già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da non più di 180 giorni alla data di presentazione della domanda; il pagamento può essere sospeso per una rata se annuale o per periodo analogo se la rata è scadenzata su frazione d’anno; il rimborso delle rate sospese avviene al termine del periodo di ammortamento - che dunque viene allungato per un periodo pari a quello della sospensione con lo stesso tasso contrattuale e la stessa periodicità; durante il periodo di sospensione la quota interessi viene corrisposta alle scadenze originarie;

nel caso del leasing, verrà coerentemente postergato anche l’esercizio dell’opzione di riscatto; in presenza di garanzie saranno adottate, se necessarie, le azioni utili all’attuazione dell’Avviso. Le operazioni descritte non possono comportare, ai sensi dell’Avviso,un aumentodei tassipraticati rispetto al contratto originario e non determinano l’applicazione di interessi di mora per il periodo di sospensione. Inoltre, non sono applicabilicommissioniespesedi istruttoria e l’impresa è tenuta solo a rimborsareeventualispese vive sostenute dalle banche nei confronti di terzi connesse con l’ope-

Le imprese interessate potranno presentare la domanda di attivazione delle operazioni descritte fino al 30 giugno 2010

Possono beneficiare delle misure dell’«Avviso Comune per la sospensione dei pagamenti delle piccole e medie imprese nei confronti del sistema bancario» le piccole e medie imprese che secondo la normativa comunitaria hanno meno di 250 dipendenti, un fatturato inferiore a 50 milioni di euro o un attivo di bilancio non eccedente i 43 milioni di euro razione, di cui dovrà essere fornita adeguata evidenza. Ma chi può beneficiare delle misure dell’Avviso? Le piccole e medie imprese che, secondo la normativa comunitaria hanno meno di 250 dipendenti, un fatturato inferiore a 50 milioni di euro o un attivo di bilancio non eccedente i 43 milioni di euro. Le condizioni perché queste possano aderire sono: una situazione economica e finanziaria che possa garantire la continuità aziendale, ma che a causa della crisi presentino difficoltà finanziarie temporanee; risultino “in bonis” (senza problemi di pagamento) alla data del 30 settembre 2008 e che, al momento della richiesta di una delle operazioni previste, non abbiano posizioni classificate come “ristrutturate” o “in sofferenza” o procedure esecutive in corso. Le imprese interessate potranno presentare la domanda di attivazione delle operazioni descritte fino al 30 giugno 2010. Le banche deliberano sulla ammissibilità della sospensione dopo aver valutato la capacità dell’impresa di assicurare la continuità aziendale.

Unico impegno delle imprese sarà quello di comunicare le eventuali informazioni richieste dalla banca, che sarà tenuta a fornire una risposta entro 30 giorni lavoratividallapresentazionedella domanda, completa delle informazioni richieste. Una sorta di automatismo è stato introdotto per le imprese che alla data della presentazione della domanda sono ancora classificate “in bonis” e che non hanno ritardati pagamenti:per questeimprese la richiesta si intende ammessa salvo esplicito e motivato rifiuto da parte della banca che ha aderito all’Avviso.

Le banche deliberano sulla ammissibilità della sospensione dopo aver valutato la capacità dell’impresa di assicurare la continuità aziendale

L’impresa deve inviare apposito modulo a Mediocredito Centrale

Proroga anche per il Fondo di garanzia Ecco le modalità per chiedere la proroga a Mediocredito Centrale entro sei mesi dalla avvenuta sospensione dei pagamenti

di Alessio De Grano ROMA - Il 2 ottobre 2009, a seguito dell’Avviso Comune per la sospensione dei pagamenti delle piccole e medie imprese nei confronti del sistema bancario del 3 agosto 2009, anche Mediocredito Centrale ha attivato un intervento di analogaportata,deliberandodi prorogare la scadenza della garanzia del Fondo per le piccole e medie imprese di cui alla legge 662/96, art. 2, comma 100 lett.a) per le operazioni ammesse all’accordo sottoscritto da ministero dell’Economia e Finanze, l’Abi, Associazione bancaria italiana, e le più importanti associazioni di

categoria rappresentative delle imprese italiane. In particolare, la circolare informativa n. 560 del Comitato per la gestione del Fondo di Garanzia prevede che la proroga della

scadenza per la garanzia prestata dal Fondo, per la sola variazione della durata, venga concessa automaticamente, senza ulteriori valutazioni da parte del Comitato. La proroga verrà concessa a fronte della comunicazione, da parte dell’impresa interessata, della variazionedelladurataattraverso la compilazione di un modulo (Allegato13 delledisposizionioperative) compilato in ogni sua parte e sottoscritto. Tale comunicazione andrà spedita a Mediocredito Centrale: la spedizione dovrà avvenire entro sei mesi dalla data dell’atto di sospensione dei pagamenti a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o fax (06.4791.2557).

Anche Mediocredito Centrale ha ha prorogato la scadenza della garanzia del Fondo per le piccole e medie imprese


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani

5

PRIMO PIANO

Diverrà operativo da gennaio del prossimo anno il Piano Famiglie per i clienti in difficoltà finanziaria

Moratoria dei debiti anche per le famiglie in crisi di Alessio De Grano

ROMA - Non solo le imprese, ma anche le famiglie calabresi in difficoltàpotrannoora rinviaresia la rata del mutuo sia del prestito. L’Associazione bancaria italiana ha dato il via libera al "Piano Famiglie", che bloccherà - a partire dal gennaio 2010 - le rate del mutuo per chi si trova in difficoltà economiche. Vediamo cosa prevede il “Piano famiglie”. Abi ha deciso di offrire la possibilità di sospendere il rimborso delle operazioni di mutuo per un tempo di 12 mesi, nei confronti di famiglie disagiate, che abbiano affrontato le seguenti situazioni: - perdita del posto di lavoro dipendente a tempo indeterminato o termine del contratto di lavoro dipendente a tempo determinato, parasubordinato o assimilato; - cessazione dell’attività di lavoro autonomo; - morte di uno dei componenti il nucleo familiare percettore del reddito di sostegno della famiglia; - interventi di sostegno al reddito per la sospensione del lavoro (Cig e Cigs). Con questo provvedimento, l’Abi intende fare in modo che le banche aderenti mettano a disposizione dei territori in cui esse

L’Associazione bancaria italiana ha dato il via libera al "Piano Famiglie", che bloccherà le rate del mutuo per chi si trova in difficoltà economiche

2

Come superare la crisi: dieci consigli de Il Domani sulla base del documento elaborato dal ministero del Tesoro. Oggi, la risposta alla seconda domanda a cura di Lu.Cas.

Charlie Chaplin ai tempi de "Il Monello". Anche allora non c'era granché per cui stare allegri

operano un ulteriore efficace strumento di sostegno per le finanze delle famiglie in difficoltà. Gli obiettivi principali del “Piano famiglie” sono essenzialmente tre: - innalzare la sostenibilità finanziaria delle operazioni di credito alle famiglie, adottando una misura di sospensione dei rimborsi di mutui in essere per i nuclei in situazioni di difficoltà oggettiva; - gestire il confronto con i principali interlocutori pubblici e privati; - coordinare e comunicare efficacemente gli strumenti di incentivazione già esistenti, molti dei quali costruiti in partnership con le pubbliche amministrazioni. Il Piano si focalizza sulle misure oggi attive e relative alla sosteni-

bilità della rata di mutuo per le famiglie che abbiano perso il reddito a causa della crisi; all’accesso a

nuovo credito per garantire alcuni consumi primari; al sostegno per l’avvio di micro attività im-

Abi ha deciso di offrire la possibilità di sospendere il rimborso delle operazioni di mutuo per un periodo di 12 mesi, nei confronti di famiglie disagiate

Ho una piccola impresa e ho difficoltà ad accedere a un finanziamento. Posso trovare chi mi aiuta a fornire maggiori garanzie? Si. Con una disponibilità che nel corso del 2009 è stata portata a 2 miliardi di euro, il "Fondo Centrale di Garanzia per le PMI" può attivare circa 30 miliardi di euro di finanziamenti. È un fondo pubblico, che opera per molte tipologie di imprese, anche artigiane. Il Fondo garantisce una parte del finanziamento per qualsiasi tipo di operazione finanziaria - ricorso al credito a breve, medio e lungo termine, operazioni di piccolo importo, acquisizione di partecipazioni, prestiti partecipativi, ecc. - che sia collegata allo sviluppo delle piccole e medie imprese e in particolare

prenditoriali o alla ricerca di nuova occupazione. Alcune di questi strumenti sono messi a disposizione dall’industria bancaria in modo autonomo (portabilità e rinegoziazione dei mutui), altri derivano da partnership con il Governo, le Regioni, i Comuni e la Conferenza Episcopale Italiana, che hanno istituito appositi fondi di garanzia o fondi a copertura di determinati oneri (interessi, commissioni ecc.), altri ancora da accordi con le parti sociali (convenzione per l’anticipazione Cig-Cigs). Ma quanto costerà ai clienti la moratoria sui mutui? Un particolare che ancora non è stato deciso e che verrà determinato nel corso dei confronti che l’Abi avvierà anche con le associazioni dei consumatori. Si tratterà infatti di stabilire come verranno recuperati dalla banca gli interessi maturati durante la sospensione delle rate. Un particolare di non poco conto, che sarà la cartina di tornasole per arrivare a comprendere l’effettiva volontà del sistema bancario di aiutare chi, senza alcuna colpa oggettiva,si ritrova sull’orlo del fallimento.

a progetti di innovazione di prodotti, servizi e processi aziendali. L’importo garantito per azienda arriva sino a 1,5 mln di euro. Inoltre, se sei titolare di un’impresa a prevalente partecipazione femminile, se aderisci a iniziative di "programmazione negoziata" o hai sede nel Mezzogiorno, troverai condizioni di ulteriore favore. >Il vantaggio è ottenere più facilmente credito, grazie al contributo della garanzia statale. >Rivolgiti alla tua banca o al tuo Confidi e chiedigli di attivarsi per te presso questo Fondo. Oppure consulta www.fondidigaranzia.it


6

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

PRIMO PIANO

I tempi della giustizia si riducono con la conciliazione obbligatoria Il Cdm inserisce un’alternativa al contenzioso. Ora mettersi d’accordo diventa un obbligo per molte controversie civili

di Alessandro Caruso Quando per una controversia civile inerente a una lite condominiale o a una locazione si attendono anni per una decisione giudiziale la prima domanda che viene da farsi è: ma valeva la pena di spendere tanti soldi e tempo? Per una risposta che cerchi di conciliare questa esigenza degli utenti della giustizia e allo stesso tempo la necessità di alleggerire i tribunali è stato approvato al scorsa settimana in Consiglio dei ministri il decreto che introduce la conciliazione obbligatoria per molte cause civili. Il funzionamento della conciliazione è semplice, quanto efficace. Il mediatore avanza una proposta, entro un massimo di 120 giorni (contro i dieci anni canonici previsti in Tribunale). Se le parti l’accettano la lite si interrompe. Altrimenti si va in tribunale. E se il giudice fa propria la proposta del mediatore, la parte che l’aveva precedentementerifiutata viene obbligata al pagamento delle spese processuali e legali anche della controparte oltre a tasse aggiuntive. Si tratta di un chiaro tentativo di ridurre i tempi biblici della giustizia con l’ingresso di una figura stragiudiziale che può costituire un’alternativa al giudizio ordinario. Le controversie per

le quali diventa obbligatoria la conciliazione sono quelle relative a: condominio, diritti reali (proprietà, usufrutto, ipoteca ecc.), divisione, successioni ereditarie, pattidi famiglia,locazione,comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e da diffamazione a mezzo stampa e contratti assicurativi, bancari e finanziari. La mediazione sarà poi suddivisa in tre modelli: mediazione obbligatoria, facoltativa e demandata dal giudice. Nel primo caso, sarà condizione necessaria per poter avviare un processo e ri-

1 milione È questo il numero delle cause in cui diventa obbligatorio tentare la via della cinciliazione

soluzione conciliativa. In questo modo, entro quattro mesi di tempo, un milione di cause si dovranno chiudere o con una stretta di mano o con un arrivederci in tribunale. Il tutto nel nome della rapidità e del risparmio. O, almeno, questa è la speranza del Guardasigilli. Qualche dubbio, tuttavia, resta. A porlo sono soprattutto gli avvocati, molti di loro ancora in attesa dei corsi di forma-

Si tratta di un chiaro tentativo di ridurre i tempi biblici della giustizia con l’ingresso di una figura extragiudiziale, alternativa al giudizio ordinario

zione per mediatori e quindi ancora incerti sulla funzionalità del nuovo impianto giuridico. In Calabria, in particolare, come in altre regioni del Mezzogiorno, la tendenza all’ "inciucio" rappresenta per molti uno spauracchio da evitare in una fase di trattativa per raggiungere un accordo condiviso. In questi casi la figura super partes del giudice "naturale" continua a simboleggiare la massima figura di garanzia. Altro punto: nelle vertenze di lavoro la conciliazione obbligatoria è già prevista e non dà risultati particolarmente incoraggianti. Questo è l’altro baluardo degli scettici. Talvolta, infatti, nelle cause di lavoro, in cui la conciliazione è considerata una condizione di procedibilità,le partinemmenosi presentano davanti al mediatore.

guarderà le situazioni elencate prima. Nella mediazione facoltativa, invece, le parti scelgono liberamente la via della composizione stragiudiziale della lite. Mentre in quella demandata dal giudice, quest’ultimo può invitare le parti a risolvere il loro conflitto davanti agli organismi di conciliazione, quando la natura dalla causa e le risultanze dell’istruttoria lo suggeriscano. In questo caso il giudice darà 120 giorni di tempo alle parti per trovare una

Le azioni collettive, da decreto, possono sottrarsi alla condizione di procedibilità

Class action per evitare la mediazione Se si vuole evitare la mediazione nei casi in cui questa è obbligatoria è possibile proporre una azione collettiva

di Cesare Giraldi Secondo il decreto sulla conciliazione le azioni collettive sono sottratte alla condizione di procedibilità, cioè la mediazione non è mai un passaggio necessario prima di proporre la domanda al giudice. Se dunque si vuole evitare la mediazione nei casi in cui questa è obbligatoria è consigliabile proporre una class action. Un termine, quest’ultimo, che spesso anche tra gli addetti ai lavori non è particolarmente in voga. La class action è un’ azione legale condotta da uno o più soggetti che, membri della classe, chiedo-

no che la soluzione di una questione comune di fatto o di diritto avvenga con effetti super partes per tutti i componenti presenti e futuri della classe. Gli altri soggetti della medesima possono chiedere di non avvantaggiarsi dell’azione altrui (esperendoneunapropria)esercitando l’opt-out right, oppure possono rimanere inerti avvantaggiandosi dell’attività processuale altrui che avviene sulla base del modello rappresentativo. Con l’azione collettiva si possono ancheesercitarepreteserisarcitorie, ad esempio nei casi di illecito plurioffensivo, ma lo strumento oltre alle funzioni di deterrenza realizza anche vantaggi di econo-

mia processuale e di riduzione della spesa pubblica. L’azione collettiva è il modo migliore con cui i cittadini possono essere tutelati e risarciti dai torti delle aziende e delle multinazionali, in quanto la relativa sentenza favorevole avrà poi effetto o potrà essere fatta valere da tutti i soggetti che si trovino nell’identica situazione dell’attore. Un modello che è spesso servito come punto di riferimento è quello statunitense. La particolarità di quest’ultimo di tutela dei consumatori si incentra soprattutto su due aspetti: la possibilità di ricorrere ad una azione collettiva a fini risarcitori e quella di ottenere i cosiddetti danni punitivi.

Con la azione collettiva si possono anche esercitare pretese risarcitorie in vari casi di illecito civile plurioffensivo


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani

7

PRIMO PIANO

Qui Cosenza. Arnoni: «Noi avvocati vediamo svuotato il nostro ruolo» di Alessandro Caruso La disciplina è ancora in fase di studio da parte degli addetti ai lavori e del resto non è ancora entratain vigore.Tuttaviail dibattito è aperto e non mancano critiche al progetto riformatore. Su un punto si è tutti d’accordo. La volontà riformatrice del processo civile rappresenta un importante punto di partenza per mettere mano seriamente in un sistema troppo farraginoso, che necessita di maggiore funzionalità e velocità. Ne abbiamo parlato con tre avvocati delle tre principali province calabresi. Per Cosenza abbiamo sentito l’avvocato Michele Arnoni. Avvocatocosa ne pensadi ques-

«Non basta classificare le cause in base alla materia normativa, si dovrebbero dividere considerandone il valore economico» to intervento legislativo? «È un buon tentativo riformatore che mette mano finalmente ad una macchina della giustizia troppo lenta e poco efficiente. Tuttavia nutro alcuni dubbi sulla fattibilità e realizzabilità del progetto». Che genere di dubbi? «Non mi è molto chiaro il ruolo del mediatore con l’avvocato, i costi della mediazione. Ad esempio se un cittadino si reca dal mediatore e la mediazione non

porta a nessun rislutato positivo bisognerà recarsi dal giudice. E le spese per la mediazione? Inoltre non credo che la gente possa essere persuasa facilmente dall’idea della conciliazione. Il ruolo e la figura incarnati dal giudice naturale sono ancora il punto di riferimento più stabile per avere giustizia». Qual è il punto che ritiene più ambiguo? «Si svuota la figura del giudice. Deve essere più chiaro quando ci si possa rivolgere al mediatore su indicazione del giudice. Credo che si possa generare il rischio di situazionidi disparitàtra le cause. Un’integrazione necessaria da fare è dunque quella che stabilisca un maggiore ordine nella classificazione delle cause».

Qui Catanzaro. Gualtieri scettico: «Nel diritto del lavoro non ha funzionato» Non è una novità. La conciliazione obbligatoria è un istituto giuridico già esistente nella procedura civile, nelle cause di lavoro. Nei rapporti di lavoro del pubblico impiego però, solo il 14% delle controversie portate per la conciliazione davanti alle Direzioni provinciali del lavoro è stato conciliato. Il numero delle controversie conciliate rappresenta solo il 2,8% sul totale. Nei rapporti di lavoro privati le cose sembrano andare un po’ meglio, perché il datore di lavoro può decidere per la transazione in maniera più rapida rispetto al datore di lavoro pubblico. Nei fatti, tuttavia, la conciliazione davanti alla Dpl riesce quando gli avvocati portano in quella sede una transazione già raggiunta che deve essere solo ratificata.

Se potesse suggerire una modifica cosa si sentirebbedi proporre? «La classificazione delle cause non per argomento, bensì per valore. Da cittadino non me la sentirei di tentare di dirimere una causacondominialediunmilione di euro di fronte al mediatore. Dunque non basta la natura della controversia, ma la integrerei con dei criteri quantificativi».

«Il risultato è negativo perché solo una percentuale millesimale è soddisfatta con la conciliazione»

Su quale aspetto si dovrebbe insistere allora per riformare il sistema giustizia? «Una delle cause della lunghezza ddei processi civili è anche l’enorme numero di leggi. Per questo è di fondamentale importanza insisteresullasemplificazionelegislativa, in modo da rendere più funzionale il nostro complesso nor-

Il sistema del tentativo obbligatorio di conciliazione sarebbe dunque controproducente, perché oltre a non favorire una risoluzione rapida della lite, complicherebbe ulteriormente l’iter procedimentale. Considerataquestaesperienza l’avvocato Gualtieri di Catanzaro ha espresso il suo scetticismo. Avvocato la conciliazione obbligatoria anche nel contenzioso civile non la convince. «No. Questo metodo già esiste. Nel diritto del lavoroc’è già ed è intesa come condizione di procedibilità dell’azione, cioè non si può procedere al giudizio ordinario se prima non si è fatto il tentativo di conciliazione. Nell’intento del legislatore era stato pensato come un filtro per non affollare i tribunali». E cosa non ha funzionato? «L’esperienza dice che il risultato è negativo perchè solo una percentuale millesimale di persone ricorre alla concessione con successo. Non solo. la conciliazione è vistacomeunrallentamentodella giustizia perchè se la controparte

Qui Reggio. Falcomatà: «La conciliazione obbligatoria è un buon passo in avanti»

non aderisce si può andare davanti al giudice ordinario solo dopo 90 giorni». Lei è d’accordo con chi ritiene cheilruolodell’avvocatopotrebbe essere intaccato con la conciliazione? «Chi sostiene questa ipotesi lo fa perchè sostanzialmente ritiene di vedere snellito il suo carico di lavoro, con le ovvie conseguenze sul proprio portafoglio. Io non sono di questa opinione. Per me la mia funzione deve essere quella di contribuire e di far contribuire a che la giustizia sia sempre più efficiente e veloce». Allora secondo lei qual è un intervento che è necessario per rinnovare il sistema giustizia? «Il Governo è già intervenuto con

L’intervento del Governo sulla conciliazione obbligatoria trova approvazione da parte dell’avvocato Falcomatà di Reggio Calabria. Lei si sta anche preparando per seguire il corso di formazione per mediatori. Avvocato è soddisfatta della svolta al contenzioso civile data dal decreto approvato dal Governo? «Decisamente. Credo che sia un passo in avanti, anche se dal punto di vista pratico dobbiamo ancora vedere. È difficile pensare che un sistema complesso come quello in cui dobbiamolavoraresi possa alleggerire in poco tempo». E l’avvocato ci ricorda che ha una causa che la Corte d’appello le ha fissato l’udienza per una causa al 2019, tanto per citare un esempio della tempistica dei processi.

14%

È questa la percentuale delle controversie conciliate di quelle portate davanti alla Dpl

un testo di cui apprezzo in particolar modo una misura di vitale importanza: la calendarizzazione delle udienze con relativa sanzione per chi non la rispetta. È importante che i termini vengano rispettati rigorosamente. A.C

Per le cause di lavoro però la conciliazione non ha avuto molto successo. Non trova? «Il rito del lavoro è più veloce di per sè, i termini sono abbreviati e ha un rito semplificato. Il contenzioso civile ordinario segue delle dinamiche diverse. Tutto sta a capire se nel modo in cui sarà strutturata, la conciliazione metterà le parti nelle condizioni diarrivare a un accordo. Ma il procedimento ordinario non sarà sostituito». Teme uno svuotamento del ruolo dell’avvocato? «No. Il ruolo dell’avvocato è fondamentale in ogni caso. Esistono parcelle adeguate. La nostra deontologia impone di trovare una mediazione». C.G


AsteInfoappalti

8

il Domani

Mercoledì 4 Novembre 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Sez. Esecuzioni immobiliari AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il Sig. G.E. della procedura esecutiva rubricata al n. 85/2001 R.G. Es., dr. G. Cava, ha disposto la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano e che comunque l’offerente depositando l’offerta dichiara di conoscere, stato meglio descritto nelle relazioni tecnicoestimative in atti consultabili in Cancelleria e a cui si rinvia: Lotto unico: Quota ideale pari ad un mezzo (1/2) della proprietà di Appartamento e locale garage siti nel Comune di Guardavalle. In catasto al foglio 64 p.lle 221 sub 5 e 9. PREZZO BASE: euro 7.497,25 UDIENZA di vendita ex art. 572 cpc e eventuale gara tra gli offerenti 13.01.2010 AUMENTO MINIMO in caso di gara = euro. 3.000,00 DEPOSITO cauzionale per essere ammesso alla vendita = 10% del prezzo base o proposto, da depositare unitamente all’offerta di acquisto in busta chiusa e sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente la domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un A.C. non trasferibile intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n∞ 85/2001 RGE”, entro le ore 12.00 del giorno antecedente alla vendita presso la Cancelleria dell’intestato Tribunale” DEPOSITO PREZZO residuo = entro 60 gg. dalla data di aggiudicazione presso la Cancelleria dell’intestato Tribunale Spese di trasferimento a carico dell’aggiudicatario. Maggiori informazioni sono acquisibili presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari. °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, all’udienza del 30.09.2009 ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 262/92 R.G.E., pendente tra ...OMISSIS visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: capannone artigianale in Petrizzi, mq 323,00 in catasto al foglio 15, p.lla 668, sub 2,3,4,5 Prezzo euro 78.132,00 Lotto 2: magazzino in Petrizzi, corso Umberto 93, in catasto al foglio 11, p.lla 448, sub 2 Prezzo euro 3.570,00 Lotto 3: appartamento in Montepaone Via nazionale 186, in catasto al foglio 10, p.lla 80, sub 1 Prezzo euro 42.075,00 Lotto 4: box cantina in Montepaone via nazionale, 186, in catasto al foglio 10, p.lla 80, sub 2 Prezzo euro 7.140,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 262/92 RGE di importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 19.01.2010 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. é fissata in data 20.01.2010.Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00 per il lotto 1 e euro 500,00 per i restanti lotti. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria.Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 30.09.2009 Il Giudice TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 15/99 Registro Esecuzioni Immobiliari Il professionista delegato AVV. ALESSANDRO CORTESE, con studio legale in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, nella procedura esecutiva promossa da CARICAL S.p.A (ora Italfondiario S.p.A.), visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 27.02.2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; - visto il provvedimento, datato 17.11.2008, con cui il Giudice dell’Esecuzione ha autorizzato la riduzione di un quarto del prezzo base d’asta, ai sensi dell’art. 591, comma 2, c.p.c.; -visto l’esito negativo dei precedenti esperimenti di

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

vendita; - visto il provvedimento, datato 23.09.2009, con cui il Giudice dell’Esecuzione ha autorizzato l’ulteriore riduzione di un quarto del prezzo base d’asta, ai sensi dell’art. 591, comma 2, c.p.c.; - ritenuto necessario fissare, ai sensi dell’art. 591 c.p.c., una nuova vendita dei beni pignorati;visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c., AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO UNICO: Appartamento per civile abitazione, facente parte del 2∞ fabbricato sito in Lamezia Terme alla Via Pitagora traversa, con accesso da Via Marconi, ubicato al piano quarto (sottotetto), int. 5, scala A. Superficie netta di mq 132,35, composto da quattro vani, un ripostiglio, una cucina e due servizi igienici. Identificazione catastale all’U.T.E. del Comune di Lamezia Terme, Sezione di Sambiase: Foglio: 84; particella: 475; sub 8; zona censuaria: 1; categoria: A3; classe: 2; consistenza: 6,5 vani; rendita: euro 352,48. Il bene risulta occupato dai debitori. PREZZO BASE: euro 71.438,00 (euro settantunomilaquattrocentotrentotto/00). Data dell’esame delle offerte: 15 gennaio 2010, ore 17. Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). AVVISA ALTRESI’ che nelle ipotesi in cui: -non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito; -le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.;-si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572,comma 3, c.p.c.; -la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto del medesimo bene nella seguente data e luogo: LOTTO UNICO come sopra descritto. Prezzo base: euro 71.438,00 (euro settantunomilaquattrocentotrentotto/00).Rilancio minimo: euro 3.600,00 (euro tremilaseicento/00). Data dell’incanto: 22 gennaio 2010, ore 17. Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo dell’importo sopra indicato. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell’Arch. Rosa Viceconte del 18.11.2004, che deve essere consultata dall’offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa é consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19, previo avviso telefonico, e sul sito internet www.aste.eugenius.it. Si avvisa, in ogni caso, che la vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; che la vendita é a corpo e non a misura; che eventuali differenze di misura non potranno dal luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; che la vendita forzata non é soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO: - A norma dell’art. 571 ognuno, tranne il debitore, é ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art 579, ultimo comma, c.p.c.; - le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del 14 gennaio 2010. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì negli orari d’ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l’esame delle offerte; - l’offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l’indicazione del numero di RGE della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita -, l’identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento d’identità dell’offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. pro-

A CURA DELLA

MEDIATAG

cura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l’indicazione di quello, tra questi, che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - all’offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del documento d’identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo offerto, pena l’inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto; - l’aggiudicatario potrà ottenere per l’acquisto dei beni posti all’asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; - in caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base dell’offerta più alta, a norma dell’art. 573 c.p.c.; - la validità e l’efficacia dell’offerta d’acquisto é regolata dall’art. 571, comma 2, c.p.c.; - l’offerta é irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell’art. 571, comma 3, c.p.c.;- le modalità di vendita senza incanto sono regolate dagli artt. 572 e seguenti c.p.c.; - il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita é di 60 giorni dall’aggiudicazione mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme; - in caso di inadempimento l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate;- le spese di trasferimento del bene sono a carico dell’aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. QUANTO ALLA VENDITA CON INCANTO - A norma dell’art. 579 ognuno, tranne il debitore, é ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art 579, ultimo comma, c.p.c.; - le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del 21 gennaio 2010. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì di ogni settimana, negli orari d’ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l’esame delle offerte; - l’offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l’indicazione del numero di RGE della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita -, - l’identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento d’identità dell’offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l’indicazione di quello, tra questi, che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - all’offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del documento d’identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d’asta come sopra determinato, pena l’inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto; - l’aggiudicatario potrà ottenere per l’acquisto dei beni posti all’asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; - la validità e l’efficacia dell’offerta d’acquisto é regolata dall’art. 571, comma 2, c.p.c.; - l’offerta é irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell’art. 571, comma 3, c.p.c.; - le modalità di vendita all’incanto sono regolate dagli artt. 581 e seguenti c.p.c.; - il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita é di 60 giorni dall’aggiudicazione mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme;

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

- in caso di inadempimento l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate;- le spese di trasferimento del bene sono a carico dell’aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità.Offerte in aumento di un quinto:a norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte d’acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto, l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo é trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. Lamezia Terme, 12.10.2009 Il Professionista Delegato Avv. Alessandro Cortese TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA R.G.E. 42/04. Procedura di espropriazione immobiliare promossa da International Credit Recovery (5) srl Estratto di ordinanza di vendita per pubblicazione ex art. 490 c.p.c. Si rende noto che il Giudice dell’Esecuzione - DR. FABIO REGOLO - ha disposto di procedersi alla vendita dei seguenti beni immobili: 1. LOTTO N. 1: Piena proprietà dell’appartamento ubicato in Comune di Serra San Bruno, località Scorciatina, al piano primo interno 5; é composto da n. 3 vani più servizi; confina con altra proprietà e scale condominiali; é riportato nel NCEU al foglio 4 part. 581 sub. 5 cat. A/3 classe 1 rend. euro 244,03; vi é Concessione Edilizia n. 17 del 9/6/1980 in variante della concessione edilizia n. 3 del 6/5/1978, cui é conforme lo stato dei luoghi. Occupato dai debitori. PREZZO A BASE D’ASTA euro 37.924,84 (trentasettemilanovecentoventiquattroeuro/ /84). La vendita SENZA INCANTO é fissata per il giorno 12.01.2010 ore 9,00 presso il Tribunale di Vibo Valentia nell’aula delle pubbliche udienze a ciò destinata, precisando che tutte le buste saranno aperte lo stesso giorno alle ore 9,30. L’offerente entro le ore 12:00 del giorno precedente la vendita dove presentare in Cancelleria Esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia domanda per partecipare alla vendita senza incanto in busta chiusa. Sulla busta dovrà essere indicato ESCLUSIVAMENTE: il nome di chi deposita materialmente l’offerta (che può anche essere persona diversa dall’offerente), il nome del Giudice titolare della procedura Dr. Fabio Regolo e la data di vendita. Nessuna altra indicazione né il nome delle parti, né il numero della procedura, né il bene per cui é stata fatta l’offerta, né l’ora della vendita o altro, deve essere apposta sulla busta. L’offerta dovrà contenere l’indicazione del prezzo che si vuole offrire che non potrà essere inferiore a pena di esclusione al prezzo minimo, la data della vendita, il numero della procedura ei dati identificativi dell’immobile, le generalità proprie, le indicazioni circa il tempo (non inferiore a 60 gg.) ed il modo di pagamento, copia valida del documento di identità, l’indicazione della volontà di avvalersi dei benefici fiscali per la prima casa, la dichiarazione o l’elezione di domicilio nel Comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione. L’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione, 15% per spese) da versarsi mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura. L’udienza di vendita CON INCANTO, nei soli casi previsti dall’art. 569 c.p.c. come novellato, é fissata per il giorno 09.02.2010 ore 12.00. L’aumento minimo in caso di gara tra gli offerenti o di vendita con incanto é pari ad euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto dedotta la cauzione entro il termine di gg. 60 dall’aggiudicazione. Maggiori informazioni potranno essere reperite presso il CUSTODE AVV. MARIA LIMARDO con Studio in Vibo Valentia alla via L.Razza n. 31 tel. 0963/42977 Vibo Valentia, 13.10.2009 Il Cancelliere Dr.Ssa Liliana Addes


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani

ATTUALITA'

9

SCANDALE Due arresti per droga

CATANZARO Maltempo, intervengono i vigili CATANZARO - Un forte vento sta interessando da ieri Catanzaro, provocando notevoli disagi. I vigili del fuoco hanno già dovuto fare una ventina di interventi per alberi e tegole pericolanti, mentre un’altra decina sono già programmati. Per far fronte alle richieste sono state richiamate squadre anche dai distaccamenti di Soverato e Sellia Marina.

SCANDALE - Due persone sono state arrestate nel corso di un’operazione condotta a Scandale dai carabinieri del Comando provinciale di Crotone. I carabinieri, nel ripostiglio dell’abitazione hanno trovato oltre quattro chili di marijuana.

Il provvedimento che ha coinvolto Domenico Crea riguarda l’inchiesta “Onorata Sanità” Tra i reati ipotizzati vi sono anche truffa e falso nella gestione della clinica “Villa Anya”

Sequestrati beni per 5 milioni ad ex consigliere regionale di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - Tutti i beni di Mimmo Crea sono stati sequestrati. Un tesoro di cinque milioni di euro che la sezione Misure di PrevenzionedelTribunalediReggio, su richiesta della Dda, ha deciso di togliere dalla gestione dell’ex consigliere regionale e della sua famiglia. Il concreto pericolodidispersione,sottrazioneed alienazione del patrimonio ha indotto la magistratura ad emettere un decreto d’urgenza. Tra i beni sottoposti a sequestro anche la residenza di Crea, una villa, ubicata a Melito Porto Salvo, lungo la statale 106, composta da una

Secondo l’accusa avrebbe avuto rapporti con le cosche reggine per procurarsi voti in occasione delle regionali del 2005

ventina di stanze, con piscina ed arredi di pregio. Stessa sorte è toccata alla struttura che ospita la clinica "Villa Anya", le cui partecipazioni erano state preventivamentesequestratenelgennaiodel 2008, in occasione dell’arresto dell’ex consigliere regionale. Il provvedimento riguarda anche lotti di terreno e conti correnti. Crea viene indicato come concorrente esterno alla potente cosca Morabito - Zavettieri,operante ad Africo e Roghudi, con il coinvolgimento dei Cordì di Locri e dei Ta-

lia di Bova Marina. Associazione finalizzata a procurare voti, «in occasione delle consultazioni elettorali del maggio 2005, per l’elezione dei componenti del Consiglio Regionale della Calabria, nonché alla realizzazione di interessi economici attraverso l’acquisizione diretta o indiretta del controllo di attività economiche, di appalti e servizi pubblici, con particolare riferimento alla gestione del settore della sanità pubblicadella Regione Calabria». L’indagine del Reparto Operativo

del Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio ha disegnato una situazione «oggettiva e completa dell’evidente sproporzione tra le entrate dichiarate dalla famiglia Crea e la loro complessiva possidenza patrimoniale e come ha evidenziato il tribunale giudicante- esistono i presupposti per affermare che una parte assai consistente della disponibilità finanziaria accumulata negli anni da Crea, poi da questi utilizzata direttamente sia di provenienza illecita».

Un’operazione della Dia ha portato agli arresti di esponenti della cosca Barbaro-Papalia

Le mani della ’ndrangheta sull’imprenditoria del Milanese di Maria Teresa Folino MILANO - Una vasta operazione condotta dalla Direzione Investigativa Antimafia di Milano con il Comando Provinciale dei carabinieri di Milano, il Gico e la Finanza ha portato all’esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare ed oltre 50 perquisizioni e sequestri di beni, in relazione agli esiti di un’indagine diretta dai sostituti procuratori della Dda di Milano nella quale risultano indagate 48 persone. In manette sono finiti esponenti della ’ndrangheta’ calabrese. L’operazione, denominata Parco Sud riguarda, in particolare, soggetti

legati alla cosca della ’ndrangheta Barbaro-Papalia, e ha dimostrato l’infiltrazione dell’organizzazione criminale mafiosa nel tessuto economicoimprenditorialelombardoe nelle istituzioni. Tra i soggetti coinvolti nell’inchiesta, infatti, ci sono imprenditori del settore edile e immobiliare e amministratori o personale di comuni, addetto a rilascio di pratiche edilizie. E’ quanto è emerso dalla conferenza stampa che si è tenuta ieri nella sede della Direzione investigativa antimafia. Tra le personecoinvoltenell’inchiesta c’é anche un perito nominato dal Tribunale di Milano, che si sa-

rebbe fatto corrompere per aiutare la consorteria mafiosa. Tra i soggetti destinatari delle 17 ordinanze di custodia cautelare in carcere figura il boss Domenico Barbaro, 72 anni detto l’Australiano, già in carcere e sotto processo a Milano per associazione mafiosa nell’ambito di un’inchiesta del luglio 2008 sul monopolio della cosca nel settore della movimentazione terra. Raggiunti in carcere dall’ordinanza anche i figli di Domenico Barbaro, Rosario e Salvatore, anche loro sotto processo con il padre. Sono stati arrestati anche gli imprenditori Andrea Madaffari e Alfredo Iorio,

Ridata protezione alla testimone Cordopatri CATANZARO - «L’esemplare sentenza con cui il Consiglio di Stato, accogliendo il mio appello, ha annullato il provvedimento di revoca del mio programma speciale di protezione rende possibile il prosieguo della difesa della legalità cui ho ispirato la mia battaglia». Lo afferma la testimone di giustizia Giuseppina Cordopatri.

oltre a Fortunato Startari, custode della latitanza di Paolo Sergi, arrestato l’8 giugno 2008 in un appartamento di Assago nella disponibilità della famiglia Barbarao. Il procuratore capo di Milano, Manlio Minale, riferendosi alla cosca Barbaro-Papalia, ha parlato di «unaterzagenerazionespuria,perché legata fortemente alla seconda generazione, che non opera solo nel mondo imprenditoriale, ma anche in quello della droga e delle armi». E’ un gruppo, secondo Minale, «che ancora non è passato totalmente nel campo imprenditoriale».

Erano in migliaia per salutare Natuzza Evolo di Maria Teresa Folino MILETO - Tra le lacrime di commozione le migliaia di persone che hanno assistito ai funerali di Natuzza Evolo hanno commentato la morte della mistica di Paravati con una frase comune «abbiamo perso una mamma». I funerali si sono svolti, a Paravati, con una cerimonia sobria e con l’assenza di fiori. La bara di Natuzza, in noce chiaro, è stata posizionata al centro del palco tra quattro composizioni floreali bianche. Sul palco anche decine di gonfaloni dei comuni e carabinieri e poliziotti in alta uniforme a fianco del feretro. I figli e i nipoti hanno letto alcuni messaggi per rendere il loro ultimo saluto alla mistica di Paravati. Tra la gente in lacrime c’era un pensiero comune: «Natuzza lascia un vuoto incolmabile. Avremmo voluto che questo momento non arrivasse mai». Ed è poi un lungo applauso a salutare Natuzza per l’ultima volta dopo la lettura dei numerosi messaggi letti da familiari ed amici. Natuzza sarà sepolta nella sede fondazione da lei costituita ma si potrà visitare la sua tomba solamente a partire da domenica prossima perché ci sarà bisogno di eseguire in questi giorni alcuni lavori di allestimento della cappella. «Ci ha lasciato una grande donna calabrese che ha svolto una funzione sociale importantissima», ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, a margine dei funerali. «Ha lenito tante sofferenze - ha aggiunto - ed ha sciolto tanti dubbi a molte persone. Tanta gente ha trovato in lei un conforto e un richiamo sul fatto che c’é un’altra vita al di là di quella che viviamo quotidianamente. E nel contesto sociale di oggi questo suo messaggio è molto importante». «Un simbolo di speranza che rimarrà nel cuore di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerla - ha dichiarato Pippo Callipo».

Neonata uccisa, slitta il processo CATANZARO - Il periodo di astensione degli avvocati dalle aule ha fatto saltare ieri l’udienza preliminare a carico di Morena Loprete, 20 anni, di Catanzaro, arrestata lo scorso dicembre con l’accusa di avere ucciso Annarita, la figlioletta di due settimane.


10

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

POLITICA REGIONALE La parlamentare del Pdl, componente della commissione nazionale Antimafia, sollecita la magistratura a rendere note le risultanze investigative e l’attendibilità del pentito Fonte dopo la deposizione resa nel 2005 presso la Dda

Sulla nave dei veleni ancora dubbi Angela Napoli invoca chiarezza... CATANZARO -«Il problema dell’inquinamento ambientale della Calabria ha sempre destato in me grandi inquietudini e perplessità che oggi più che mai, alla luce delle ultime vicende delle navi deiveleni,sono diventatenon più sopportabili». Angela Napoli del Pdl, componente della commissione Antimafia, esprime molta preoccupazione per quanto accade intorno alle vicende della nave dei veleni, alle “mezze” verità. Ma soprattutto pone una serie di interrogativi per ciò che attiene le risultanze investigative. «Ho deciso - continua - di spogliarmi momentaneamente delle vesti di politico e di assumere i panni di normale cittadina che vive in quella martoriata terra. Pre-

Angela Napoli del Pdl, componente della commissione parlamentare Antimafia

metto che parto dalla certezza che la ’ndrangheta, come la camorra, trae grandi profitti dal settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani e tossici e che per poter praticare tale illecita attività deve trovare complicità in ambienti istituzionali di varia natura». La Napoli, quindi, affonda i colpi sulla vicenda della nave dei veleni. «Gradirei sapere se c’è stata attività di infagine, e in caso affermativo le relative risultanze, dopo la deposizione nel 2005 presso la Dna del memoriale del collaboratore Fonti. Se e chi ha avuto la possibilità di comparare le immagini realizzate dalla Geolab con quelle della Copernaut. Perché la magistratura competente non haprovveduto a sequestrare i relitti reperiti al fine di accertare

l’identità e l’eventuale uguaglianza degli stessi.Chi può garantire chiede altresì la parlamentare del Pdl - che al largo delle coste calabresi non giacciano navi affondate dalla ’ndrangheta e contenenti rifiuti radioattivi? Chi mi garantisceche le morti del capitano Natale De Grazia e della giornalista Ilaria Alpi non siano avvenute perché entrambi vicini alla scoperta di verità? Perché le indagini nel merito finiscono ogni volta che le stesse passano per competenza dalle procure ordinarie alle Dda? Perché a distanza di anni qualcuno tentadi riavviare le indagini e qualcun altro fa si che le stessevenganoimmediatamente chiuse?».

Cinque calabresi eletti nel coordinamento della Federazione giovanile dei comunisti

Stati Generali dell’Udc, è stato approvato il documento finale del segretario Talarico

CATANZARO - Cinque componenti della delegazione calabrese sono entrati a far parte del nuovo coordinamento della Federazione giovanile dei comunisti italiani eletto a conclusione della terza Conferenza nazionale della Fgci. Si tratta di Luca Lombardi, Michele Cosentino, Agostino Casile, Romina Arena e Stefano Perri. Quest’ultimo, in passato coordinatore provincialediReggioCalabriaecoordinatoreregionale dellaFgcicalabrese,èstatonominatoancheresponsabile nazionale dell’organizzazione, all’internodelnuovoesecutivonazionale. «Un’attenzione particolare dunque - è scritto in una nota - dedicata da parte dell’intero corpo nazionale della Fgci ad una regione importante comelaCalabria,nell’otticadiunaritrovatacentralità delle questioni e delle problematiche che

LAMEZIATERME-Nonsièancoraspental’eco degli Stati Generali dell’Udc, tenutisi a Gizzeria nelLametino.LoScudocrociato,dunque,guardaprimaaiprogrammiepoiallealleanze,anche se è mlto probabile che l’Udc possa correre da sola. Al termine dei lavori di Gizzeria, alla presenza dei massimi esponenti del partito: il leader Pierferdinando Casini e il segretario nazionale Lorenzo Cesa, è stata approvata sia la relazione delsegretarioregionale,FrancescoTalaricocon al centro la “proposta programmatica”, la cui condivisione costituirà presupposto indispensabile per l’avvio del confronto con le forze politiche interessate a costruire un governo e una maggioranza capaci di determinare quel cambiameno di cui la Calabria ha assoluto bisogno. Leprimecinqueprioritàindividuatesono:Fami-

più da vicino investono i cittadini della nostra regione. A cominciare dalla lotta contro tutte le mafie, patrimoniopoliticoassolutamenteessenziale per tutta la Fgci nazionale, per continuare con la questione ambientale, la disoccupazione,

Soddisfatti gli organismi locali: segno di grande attenzione verso la regione il sottosviluppo, lo sfruttamento delle risorse territoriali, in generale una nuova questione meridionaledaanalizzareattentamenteedaaffrontarecondecisione».

SaVis

glia e Welfare; Salute; Ambiente e Governo del Territorio; Sviluppo, Imprese e lavoro; InnovazioneeRiformadell’Amministrazioneregionale. «Sitratta-èscrittoneldocumentofinale-diuna reale svolta politica con al centro i contenuti di una concreta piattaforma programmatica, che specificaitempielemodalitàdegliinterventi,rispetto alle tradizionali formule basate sui nominalismi e gli equilibri di potere. L’obiettivo dell’Udcèoraaprireilconfrontoconquelleforze politiche che dimostrino, nei fatti, di voler intraprendere un nuovo percorso in netta discontinuità rispetto all’operato dell’attuale e delle precedenti maggioranze, animate dalla comune volontà di tradurre in azioni concrete le enunciazionidiprincipio,affinchéquestenoncadano nel dimenticatoio delle facili, quanto inutili, promesse».


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 11

POLITICA REGIONALE A Lamezia riunione degli eletti alle assemblee nazionale e regionale dei rappresentanti della mozione Franceschini «Auspichiano un’aggregazione pluralista e aperta, con una forma organizzata innovativa e radicata sul territorio...»

Pd, come fare il nuovo partito È nata “Area democratica” di SaVis LAMEZIA TERME - La riunione regionale degli eletti alle assemblee nazionale e regionale del Pd in rappresentanza della mozione Franceschini in Calabria, svoltasi a Lamezia Terme, ha sancito la costituzione di “Area democratica, «che - spiega una nota - non si propone come una corrente organizzata, ma come soggetto propulsore di una iniziativa politico-culturale, finalizzata a caratterizzare il profilo identitario del Pd. Non il “se” ma il “come” essere Pd è il tema su cui la maggioranza del partito sarà incalzata affinché non si disperdano e non vengano offuscate le ragioni che hanno ispirato la nascita dello stesso Pd». Nella riunionedi Lamezia Terme è stato deciso che nei prossimi giorni sa-

ranno indette nelle province calabresi le assemblee dei delegati alle convenzioni provinciali, aperte a simpatizzanti, dirigenti e amministratori pubblici. «L’impegno - si legge nel documento inviato alal stampa - è rivolto a proiettare la rappresentanza dei circa 34000 elettori che in Calabria, alle primarie del 25 ottobre, hanno votato la mozione Franceschini., oltre la fasecongressuale: l’obiettivo è fare pesare e rendere questaconsiderevoleforzacapace d’incidere e condizionare ilpercorso fondativo del Pd, nel segno dell’innovazione e di un forte riformismo politico e culturale». Area Democratica sarà organizzata in reti tematiche «finalizzate ad un rapporto osmotico con le diverse sensibilità del partito e soprattutto con realtà esterne ed autonomedallo stesso Pd. E’ stato deciso che l’area promuova la

Dario Franceschini

pubblicazione di un periodico d’informazione da utilizzare come permanente tribuna di confronto e comunicazione tra i territori e le diverseesperienze sociali, culturali e politiche che si

collocanonell’alveo del riformismo democratico». Nella riunione di Lamezia, inoltre, sono stati affrontati i temi relativi all’insediamento della nuova assemblea regionale e l’avvio della fase del Pd diretto dal segretario Carlo Guccione. «Area Democratica persegue una forma organizzata innovativa per un partito aperto e radicato sul territorio. Un partito il cui pluralismo è un valore se interpretato come un principio teso ad esaltare il vincolo dell’appartenenza e della responsabilità individuale e collettiva. Un partito plurale ma dal corpo unitario e non una confederazione di gruppi e correnti che agiscono come autonomi e separati soggetti politici. La disponibilità di protagonismo e piena collaborazione di Area Democratica è condizionata alla responsabilità della maggioranza del partito a lavorare

“Non vogliamo essere una corrente ma un soggetto propulsore con un profilo politico-culturale” con coerenza e trasparenza a questo progetto organizzativo. In questo senso si tratta di superare ogni forma di ambiguità di quelle forze che nel mentre partecipano e condizionano la fase congressuale, si esprimono nel contempo conrappresentanzecompetitivee esterne al Pd, sia in sede istituzionale che politica».

Zone Franche Urbane, ancora polemiche Napoli e Nucera criticano la Regione

Parla lo zio di Diana Blefari Melazzi: «Adesso voglio sapere tutta la verità»

REGGIO CALABRIA - Prosegue la querelle sull’istituzione delle Zone Franche. Dal consigliereregionaledelPdl,GiovanniNuceraedalla deputataAngelaNapoli,ancoraforticriticheper l’esclusionedelportodiGioiaTauroepenalizzazionediReggioeprovincia.«Solol’istituzionedi una Zona franca nel porto di Gioia Tauro - sostiene la Napoli - avrebbe rappresentato uno strumento capace di creare sviluppo in sinergia conattivitàportualiediTransphiment.Abbiamo appreso che nell’ambito delle 22 zone franche urbane italiane, la Regione Calabria non avrebbe fatto inserire proprio quella di Gioia Tauro, propendendo per altre zone calabresi e finendo cosìcon l’agevolarezonedelterritorioregionale sicuramente meno disagiate di quelle della Piana. Mi appaiono davvero non più accettabili la disattenzione e le equivocità che fino ad oggi

AMENDOLARA (Cs) -Ad Amendolara sono rimastiintre,iBlefariMelazzi.Unafamigliailcui doppiocognomevantapiùdiunsecolo,cispiega Mario, l’anziano zio di Diana Blefari Melazzi, la quarantenne uccisasi in cella il 31 ottobre. Ad Amendolara di questa antica famiglia sono rimastiMario,suocuginoTeofiloesuasorellaDianadicuilagiovanedetenutaeraomonima.Non è per nulla infastidito dalla stampa, Mario. Tutt’altro. «Magari i giornali avessero tenuto lo stesso atteggiamento durante l’arresto. Adesso cheafarenotizianonèpiùilfattochemianipote partecipòall’omicidiomalasuamorte,iochiedo tuttalaverità».DiDianasisannoalcunecose.Si sa che non stava bene, tant’è che lo psichiatra chel’avevavisitatapochigiorniprimadellasentenza l’aveva trovata “molto provata”. Una malattia che, secondo l’anziano zio, «ricordava

sono ruotate attorno al porto, nonché la mancanzadiadeguatiinterventiutiliafarrappresentarelo scaloqualevolanoper lo sviluppodell’interaCalabria».E Nucera,dalcantosuo,rincara ladose:«Ancheinquest’ultimoscorciodilegislatura regionale stiamo assistendo ad un “modus operandi”tendenteadattuareundisegnopreordinatoefinalizzatoall’acquisizioneecontrollodi ognisettoreistituzionaleed amministrativoe ad impostazionigestionalidichiarostampopreelettorale.Atalelogicanonèsfuggital’istituzionedelle Zone Franche Urbane, individuate per la Calabria nei comuni di Rossano, Crotone e Lamezia Terme, a cui dovrebbe aggiungersi in un prossimo futuro Vibo Valentia. Senza nulla togliereaicomunicitati-aggiungeNucera-non ci si può esimere dall’affermare che ciò costituiscel’ennesimaanomalia».

molto da vicino quella di mia cognata (Ornella Sidoti,ndc)echesieramanifestatadatantianni. Io stesso ricordo di aver avvisato mio fratello (Tommaso, il padre di Diana) dicendogli che le “tappe”delmalesseredimianipoteeranouguali a quelle di Ornella. Ci sono dei punti oscuri, ancoradachiarire».Diana,secondolozio,eral’unicaadaverdatosegniallarmanti.«Levolevomoltobene.Anchesenonlavedevodaquasivent’anni, dopo che la madre aveva fatto di tutto per allontanarla da noi, i parenti del marito». Certo è «che,comunque,Diananonavevamaifattocapire di avere passioni politiche estreme. Niente. NemmenolamagliettadiCheGuevaraosimboli vari». Il suo male, Diana se l’è portato nella tomba.Comelasuatragediaprivata,forsediventatalacausadell’ultimodramma. Saverio Paletta (Ediratio)


12

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

FINANZA E TRIBUTI

Le province più ricche d’Italia: ultime Vibo Valentia e Crotone E dire che eravamo 15mi fra le regioni con un patrimonio di 8,2 miliardi di Gaia Mutone ROMA —Se la Calabria, con 8,2 miliardi di euro di portafogli finanziari, occupava il 15mo posto nella classifica delle regioni più ricche stilata dall’Associazione italiana private banking e da Prometeia, prese singolarmente le sue province segnano purtroppo record molto negativi. Considerando gli 8,2 mliardi rilevati, la ricchezza della regione si concentra prevalentemente in tre province: a Cosenza (con 2,8 miliardi circa), a Reggio Calabria (con 2,6 miliardi) e a Catanzaro (con 1,8 miliardi). Seguono Crotone e Vibo Valentia che raccolgono rispettivamente 600milioni e mezzo e 377 milioni di euro. Proprio queste ultime due risultano essere fanalino di coda anche rapportate a livello nazionale dove troviamo nettamente al primo posto Milano (con quasi 138 miliardi di asset) città in cui si concentra il 55 per cento della ricchezza della regione Lombardiae il 16,5 per cento di quella italiana. Per quanto riguarda il sud, Napoli (22,3 miliardi di euro cor-

rispondenti al 59 per cento della ricchezza dell’intera regione Campania, dove seguono a grande distanza le province di Saler-

no, Caserta e Avellino rispettivamente a quota 7 miliardi, 4,7 miliardi e 2,5 miliardi) è la sesta provinciapiù ricca dell’interapenisola. Nel complesso, ripercorrendo i dati del rapporto Private banking che considera i contribuenti con

In Calabria solo l’un per cento della ricchezza nazionale (8,2 miliardi di euro) Vibo Valentia e Crotone nei panni di Cenerentola

un portafoglio finanziario di più di 500mila euro, si conferma una concentrazione della ricchezza nel facoltoso nord il quale, dete-

nendo il 67,19 per cento della torta, registra anche una crescita del 4,11 per cento rispetto al 2008. Il centro, con il 18,38 per cento cresce un po’ meno (3,56 per cento), ma costituisce una eccezione poiché il Lazio può vantare la città in cui è localizzato il 63 per cento della ricchezza nazionale. Nella capitale vi è inoltre la più alta concentrazione di paperoni su base regionale:ben l’85,3per cento della ricchezza regionale. Al secondo posto Frosinone (4,2 miliardi). Il sud, che insieme alle isole, costituisceil 13,7 per cento della ricchezza ed evidenzia una crescita del 3,68 per cento. La Calabria, dove è localizzato l’un per cento dei super patrimoni, è al quarto posto nel sud Italia essendo preceduta dalla Campania, che come si è detto può vantare la sesta provincia più ricca in assoluto, dalla Sicilia e dalla Puglia.

I paperoni calabresi si concentrano a Cosenza (33,7%), a Catanzaro (22,3%) e a Reggio Calabria (32%).

Richieste rimborso Irap: tutto quello che c’è da sapere sull’iter da seguire Dopo il rinvio di giugno e quello di settembre, parte finalmente la procedura di rimborso del 10 per cento dell’Irap non dedotta per gli anni 2004-2007. L’Agenzia delle Entrate ha confermato il calendario del cosiddetto click day, ma ormai dura due mesi, la procedura che permette ai contribuenti, alle associazioni di categoria e agli ordini professionali di presentare la richiesta di rimborso dell’Imposta regionale sulle attività produttive. Il nuovo provvedimento dell’amministrazione fiscale prevede scaglioni regionali, sulla base del domicilio fiscale del contribuente, per la presentzione della domanda di rimborso e definisce nuovi criteri di assegnazione dei fondi. Le prime regioni a partire il 17 novembre (dalle ore 12:00) saranno Molise, Basilicata

velocità, non garantiva una corretta valutazione dei requisiti e una meritocratica assegnazione. Al contrario, con le nuove modalità non si attueranno discriminazioni sulla tempistica di erogazione dei rimborsi che avanzeranno dunque, a seconda della regione, in tempi diversi. Si tratta di concessioni ragionevoli dato che il meccanismo iper selettivo del click day rischiava di lasciare molti ingiustamente a secco. A questo proposito si ricorda che con l’entrata in vigore dell’art 6 del dl n. 185 del 2008 è stato stanziato un fondo pari a 100 milioni di euro per l’anno 2009, di 500 milioni per il 2010 e 400 milioni per il 2011, ed è previsto che per l’eventuale completamento dei rimborsi, si provvederà all’integrazione delle risorse con succes-

e Calabria che dovranno invare l’ultimo modello di domanda entro la mezzanotte del 18 gennaio 2010, mentre l’ultima sarà la Lombardia l’11 dicembre. L’obiettivo dell’agenzia è quello di "evitare una concentrazione delle trasmissioni telematiche nelle prime ore di avvio della procedura, con potenziali difficoltà tecniche di gestione". Le nuove regole, infatti, tengono conto delle numerose proteste degli ordini professionali e delle associazioni di categoria che denunciavano la natura discriminatoria della procedura di richiesta di rimborso la quale, ridotta a una gara di

sivi provvedimenti legislativi. Nel provvedimento dell’Agenzia delle entrate è stabilito, inoltre, un criterio di priorità secondo il quale saranno rimborsate prima le annualità più remote (dal 2004), con rilevanza della data di presentazione e, qualora i fondi dovessero risultare insufficienti, un criterio distributivo proporzionale rispetto all’ammontare complessivo dei rimborsi liquidati. Si ricorda che è possibile scaricare il modulo per la richiesta di rimborso dal sito dell’Agenzia delle entrate, unitamente al calendario aggiornato G.M.


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 13

AGRICOLTURA E PESCA Nel 2010 l’Italia, come il resto d’Europa, dovrà decidere a chi continuare a erogare i finanziamenti previsti dalla politica agricola comune (Pac)

Aiuti comunitari solo a chi lavora effettivamente la terra di Camillo Caruso Nel2010l’Italia,comedelrestoanche tuttiglialtripaesimembridellaUe,dovràdecidereachicontinuareaerogareifinanziamentiprevistidallapolitica agricola comune (Pac). In effetti l’art. 28 del regolamento comunitario n.73/2009 prevede che gli Stati membripossonoprevederecriterioggettivi enondiscriminatoripergarantireche gli aiuti previsti dalla PAC vengano concessiallepersonefisichelecuiattivitàagricolecostituiscanounaparterilevante delle loro attività economiche globali ed alle società la cui attività principale o il cui obiettivo sociale sia l’eserciziodiun’attivitàagricola.Questa nuova impostazione, che prevede l’indicazione di requisiti minimi per il percepimentodegliaiuti,consentiràdi escluderedaipossibilibeneficiaricoloroperiqualil’attivitàagricolaèmarginale sia per quanto concerne i redditi ricavati sia per quanto concerne la quantità di tempo dedicata all’attività agricola.Inbuonasostanzasivuolelimitare l’erogazione degli aiuti comunitari soltanto agli imprenditori agricoliprofessionali. Ma cosa si intende per imprenditore agricolo professionale? La figura dell’imprenditore agricolo professionale(IAP)èstataintrodottadaldecreto legislativo n. 99 del 29 marzo 2004 che ha individuatol’IAPin "...colui il quale, in possesso di conoscenze e competenzeprofessionaliaisensidell’articolo 5 del regolamento (CE) n. 1257/1999delConsiglio,del17maggio 1999, dedichi alle attività agricole, di cui all’articolo 2135 del codice civile, direttamenteoinqualitàdisociodisocietà,almeno il cinquanta per cento del proprio tempodilavorocomplessivoechericavidalle attività medesime almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da

denaro andrà destinato alle politiche nazionali di settore. L’intento di riservaregliaiutiPacsoltantoallevereimpreseparealmomentochesiadatutti condiviso; si tratta di verificare se poi, quando si passerà dalle affermazioni dibuonavolontàalleassunzionidiresponsabilità, questa attuale unanimità reggerà. In quella circostanza il partito delle clientelee degli oboli siamo sicuri che nonsimetteràditraverso?C’èdaauspicarechele associazionidi categoria sostenganolescelteannunciateinpro-

Dal nuovo decreto sono esclusi coloro per i quali l’attività agricola è marginale

La scelta di individuare i beneficiari della Pac fra gli agricoltori veri resta ai singoli Stati

lavoro...". Inoltre ai sensi dello stesso decreto legislativo la eventuale perdita dei requisitisoggettivineicinqueannisuccessivi alla erogazione delle agevolazioni comunitarie, che erano statericevuteinqualitàdiimprenditore agricolo professionale, comporta unaspecificacausadidecadenzadalle agevolazioniottenute. Insostanzasiintendeerogaregliaiuti soloallevereimpreseagricole,achiviveveramentediagricoltura.Delresto si stima (fonte "Agrisole") che oggi il 70% delle risorse finanziarie europee destinateallaPACvaachinonvivedi agricoltura.Malasceltadiindividuare ibeneficiaridellaPACfragliagricoltori veri resta di competenza dei singoli Stati.Sel’Italiaadotteràilcriterioindicatodalregolamentocomunitario,riservando particolare attenzione alle istanze reali del comparto, molto più

positodalministroZaia,ilqualeinpiù occasioni si è dimostrato attento alle esigenze legittime degli autentici produttori agricoli. In questa partita sarà fondamentale la posizione che andranno ad assumere le Regioni, sia per quanto concerne la politica di svilupporurale,siaperquantoconcerne il sistemadeipagamentidiretti.Evitare la dispersione dei finanziamenti verso rivoli non agricoli deve diventare un imperativo categorico per tutti coloro che a diverso titolo hanno a cuoreilfuturodellanostraagricoltura. Equestoavrebbeanchel’effettobeneficodialleggerirelaburocraziaagricola,dicorreggerestortureeinefficienze, dievitareilfinanziamentodiiniziative scandalose,comel’erogazionediaiuti agricoliacircolisportivilacuiparentela con l’agricoltura risiedeva nel fatto che le attività si svolgevano all’aria apertaesucampierbosi.

Sentenza della Corte per la salvaguardia del settore

Cassazione in tutela dell’agriturismo E’ bene che i beneficiari di aiuti tengano conto della sentenza per evitare contenziosi con la pubblica amministrazione

Una sentenza chiara e lapidaria quella emessa dalla Corte di Cassazione il 2 ottobre 2008 (n.24430) con la quale è stato affermato quanto segue: "Il riconoscimento della qualità agrituristica dell’attività di ricezione ed ospitalità richiede la contemporanea sussistenza della qualifica di imprenditore agricolo da parte del soggetto che la esercita, dell’esistenzadi un rapporto di connessione e complementarietà con l’attività propriamente agricola e della permanenzadella principalitàdi quest’ultima rispetto all’altra, con la conseguenza che non potrà essere considerata agrituristica un’attività di ricezione e di ospitalità svolta da un imprenditore che non possa qualifi-

carsi agricolo ovvero che non sia o non sia più nel detto rapporto di connessione e complementarietà con l’attività agricola o, comunque, che releghi quest’ultima in posizione del tutto secondaria". Si tratta di una puntuale affermazione di principi apparentemente scontati, ma che spesso o per ignoranza o per convenienza vengono disattesi. E’ bene che i beneficiari di aiuti, erogati in attuazione di norme finalizzate a sostenere l’agriturismo, ne tengano conto per evitare di incorrere in eventuali contenziosi con la pubblica amministrazione. C.C

Pesce sequestrato dato in beneficenza IcarabinieridelservizionavaledelgruppodiOstia,hannosequestrato15Kgdiprodottiitticidiunpescherecciochetransitavaacirca2migliadallacosta.Ilcontenutoèstatodonatoin beneficenzaaunentereligiososenzascopidilucro.

Protocollo di intesa sulla cassa integrazione per il settore ittico di Domenico Cilea ROMA-«Unrisultatoimportantealdi làdell’emergenzacheperoltre1mese haparalizzatoleattivitàdelcomparto ittico calabrese». Commentano così Agci-Agrital Calabria e Federcoopesca/Confcooperative Calabria il protocollo di intesa sulla cassaintegrazioneinderogaperilsettoreittico,siglatoallapresenzadeipresidentiregionali,rispettivamenteAntonio Orlando e Katia Stancato e del direttore della Federcoopesca/ConfcooperativeGilbertoFerrari. «Questa volta - sottolineano le due associazioni-lamacchinaamministrativahafunzionatointempirapidigrazie allasensibilitàdell’assessoreregionale al lavoro Mario Maiolo, che ha compreso le difficoltà in cui verte l’economia ittica locale penalizzata dalla vicendalegataallanavedeiveleni». Soddisfazione per l’accordo raggiunto, anche se ci sono dei nodi da sciogliere. Le richiestedelle due organizzazioniprevedonoinfattiche,nellemore

della firma del contratto collettivo nazionaledilavoro,oggettoditrattative, la cassa integrazione in deroga si applichi anche ai soci lavoratori dipendenti delle cooperative, prendendoariferimentoretributivoilminimo monetario garantito per il segmentodiattività"pescacostieralocale" delCcnldisettore. L’obiettivo è arrivare ad estendere la coperturaanche agli autonomi,attraverso la nascita di nuove cooperative che aggreghino questi operatori al momento non coperti dai benefici previstidagliammortizzatorisociali.

La cultura del ricordo Nella ricorrenza del trigesimo della morte del Signor VINCENZOPALAZZO Sarà celebrata una Messa a suffragio giorno04 novembrealleore18.00nella Chiesa della Pietà a Lamezia T.

Nella ricorrenza del trigesimo della scomparsadel Signor MARIO PRINCIPATO Sarà celebrata una Messa a suffragio giorno 04 novembre alle ore 16.00 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro.

Nellaricorrenzadell’Anniversariodella scomparsadella Signora DOTT. MIRIAM TALLARICO Sarà celebrata una Messa a suffragio oggi 05 novembre alle ore 16.30 nella Chiesa San Pio X Catanzaro.

Nella ricorrenza del trigesimo della scomparsadella Signora LIVIA ELIA Sarà celebrata una Messa a suffragio giorno 04 novembre alle ore 16.00 nella Chiesa di PontegrandeCatanzaro.


14

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

OPPORTUNITA'

Pronti tutti gli avvisi relativi ai coordinatori specializzati per i Pisr. Tra le iniziative quella del contrasto allo spopolamento dei territori

Piani per lo sviluppo regionale Pubblicati i bandi per i tecnici di Carmela Mirarchi CATANZARO-LaRegioneCalabria ha pubblicato i bandi relativi alla selezione dei Coordinatori tecnici delle unità di progetto di alcune iniziative sui piani strategici integrati di sviluppo regionale. Il primo è relativo alla selezioni di un esperto esterno per l’incarico di coordinatore tecnico dell’unità progetto integrato di sviluppo regionale di valenza strategica contrasto allo spopolamento delle aree interne e periferiche.Nell’ambitodellaProgrammazione Regionale Unitaria 2007/2013, la Regione Calabria ha individuato, in specifici settori, il Progetto Integrato di Sviluppo Regionale quale strumento di governance della relativa policy determinando il percorso amministrativo relativo alla istituzione delle sede di confronto, agli strumenti ed alle modalità di definizione, realizzazione, governance ed attuazione del Pisr. Per la realizzazione del Progetto integrato

di sviluppo regionale è prevista, presso ciascun dipartimento regionale competente per materia, la costituzione di una Unità di Progetto ai sensi della normativa regionale vigente. Il coordinatore tecnico dell’unità dovrà svolgere, in collaborazione con il responsabile amministrativo dell’unità di progetto e per le parti di propria competenza, le seguenti attività: supportare il Dipartimento "Dipartimento 3 Programmazione Nazionale e Comunitaria" nella realizzazione delle seguenti attività:supportareilDipartimento "Programmazione nazionale e comunitaria"nella definizionedel Progetto Integrato di Sviluppo regionale di valenza strategica "Contrasto allo spopolamento delle aree interne e pPeriferiche. Per rafforzare le strutture e gli strumenti tecnici e amministrativi necessari per migliorare l’attuazione del Por Calabria Fas 2007-20013 la Regione ha anche indetto un bando per la selezione di un esperto che coordini il progetto "Sistema delle arre urbane

regionali". Per quanto riguarda il progetto del "Sistema ferroviario metropolitano regionale" l’avviso della Regione è relativo ad un coordinatore che dovrà svolgere attività di supporto al Dipartimento "Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale. Politiche della Casa, Autorità di Bacino, Infrastrutture". Tra i progetti previsti dal Por anche il Piano di modernizzazione della pubblica amministrazione regionale. In questo caso l’esperto avrà la funzione di supportare il dipartimento "ProgrammazioneNazionaleeComunitaria". Altri avvisi sono invece relativi alla ricerca di esperti per l’attuazione dei progetti: "Polo logistico intermodale di Gioia Tauro", "Legalità e sicurezza in Calabria" e "Piano regionale per le infrastrutture produttive - Parchi impresa regionale". Il ruolo e le attività rientrano nell’ambito della assistenza tecnica alla programmazione regionale unitaria 2007/2013.

Emersione lavoro, una short list per incarichi a giovani laureati e diplomati di Alessio De Grano La commissione regionale della Calabria per l’emersione del lavoro non regolare, organo istituzionale della regione Calabria ha pubblicato una manifestazione di interesse per il conferimento di incarichi di collaborazionesuprogettidellaCommissione, compresi quelli finanziati dalla nuova programmazione regionale dei Fondi Comunitari 2007/2013, realizzati anche su incarico della Regione stessa, in qualità di soggetto attuatore o beneficiario finale di iniziativea titolaritào a regia dell’ente Regione o di altri Enti.La costituzione della Short List è finalizzata, in particolare, ad individuare i seguenti profili professionali, di cui avvalersi per lo svolgimento delle attività: 1)Di scouting, di assistenza e di consulenza di cui la Commissione dovesse aver bisogno per candidarsiai bandi che verranno emanati nonché per la realizzazione dei progetti di emersione, di sviluppo locale ed altro, qualora finanziati. 2) Di progettazione ed attuazione di interventi di informazione economica, formativi ed informativi, di innovazione e di internazionalizzazione delle imprese, di promozione dello Sviluppo locale e dell’imprendito-

rialità, di Piani di Emersione e Sviluppo locale e di valorizzazione delle produzionilocali,di Attivitàdi Studio, Analisi e Monitoraggio sull’Economia sommersa ed il lavoro irregolare. 3) Di comunicazione istituzionale della commissione, nonché della gestione del proprio portale internet e di eventi pubblici. I requisiti per l’iscrizione sono abbastanza semplici. Possono richiedere l’iscrizione nella Short List i cittadini italiani o appartenenti ad uno degli Stati membri dell’Ue, in possesso, alla data della presentazione della domanda, anche del diploma di laurea (laurea quadriennale o magistrale per Lista Senior) o in sostituzione del diploma di maturità di scuola superiore e/o laurea triennale (per Lista Junior); naturalmente non deve mancare un buona conoscenza, scritta e parlata, della lingua inglese e esperienze, documentabili, idonee ai profili professionali. Inoltre per i candidati di nazionalità straniera costituisce ulteriore requisito d’ammissibilità la buona conoscenza della lingua italiana scritta e parlata. L’iscrizione nella short list può essere richiesta anche da società di consulenza. In tal caso i requisiti dovranno essere posseduti dal legale rappresentante.


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 15

TRASPORTI

Nel nostro Paese soltanto il 10% delle merci viaggia su treno. La media europea è invece del 25%

Mino Giachino: «L’Italia è il Paese europeo che ha più bisogno di intermodalità»

Dal 2010 incentivi per trasferire le merci dalla strada alla ferrovia di Giuseppe Tetto ROMA -In Italia soltanto il 10% circa delle merci viaggia su treno - e la quota tende a ridursi - contro una media del 15% nell’Europa dei 15. Un aumento del trasporto merci su rotaia migliorerebbe la sicurezza delle strade e la qualità dell’aria, consentirebbe un forte risparmio energetico, ottimizzerebbe la capacità dell’Italia di sfruttare la sua posizione geografica, aumenterebbe la capacità di trasportodella rete nazionalee favorirebbe maggiori sinergie tra le diverse modalità di trasporto. Questo è l’argomento principale del documento presentato ieri a Roma dai rappresentanti del Freight Leaders Council, riunisce i maggiori operatori del trasporto merci, al sottosegretario ai Trasporti, Mino Giachino il quale ha assicurato che «il ministro Matteoli è impegnato ad attivare fin

Segreterie Regionali Calabria: «Rafforzare il trasporto ferroviario per lo sviluppo economico e produttivo nel Sud del Paese»

Teatro Politeama

REGGIO CALABRIA - «Da oltre due mesi andiamo ripetendo che, in occasione del nuovo orario invernale di ferrovie dello Stato, non ci saranno soppressioni di treni in Calabria e a Reggio. Ora c’é la conferma ufficiale da parte dell’ad del gruppo Fs Mauro Moretti. E’ necessario, ora più che mai, rafforzare la richiesta di un tavolo nazionale per affrontare i nodi strutturali del trasporto in Calabria e nel Mezzogiorno». A sostenerlo, in una nota, sono i sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Ugl-Trasporti, Fast-Ferrovie e Orsa. In modo particolare, la "Vertenza trasporti Calabria e Mezzogiorno", avviata con l’iniziativa del 20 ottobre scorso a Lamezia assieme ai sindacati siciliani e pugliesi, è orientata a rivendicare i collegamenti necessari per garantire la continuità territoriale nel nostro Paese e rilanciare il trasporto ferroviario nel Mezzogiorno. Inoltre tende a utilizzare, sfruttandone le potenzialità d’esercizio, i circa

mille Km di linea ferrata insistente sul territorio calabrese richiedendo interventi ed investimenti mirati. Altro punto essenziale è quellodi manteneree potenziarei servizi treno nazionali con la prerogativadell’efficienza(velocizzare i tempi di percorrenza) e della fruibilità puntando in maniera decisa sull’integrazione vettoriale e tariffaria. Infine migliorare ed integrare i servizi di trasporto pubblico locale estendendoli ai collegamenti veloci nello Stretto di Messina e velocizzare l’ ammodernamento della Salerno-Reggio Calabria e tutto il sistema di collegamento stradale. Secondo i sindacati per conseguire questiobiettivistrategiciè assolutamente insufficiente mantenere la vertenza sui tavoli locali e diventa, appunto, indispensabile conquistare un tavolo nazionale col Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, gruppo F.S., Anas e Regioni interessate. «E proprio ora, - concludono - ri-

chiamiamo tutti al senso di responsabilità unificando le iniziative rivendicative, di lotta e di proposta». A.M

dal 2010 il "ferro-bonus", gli incentivi al combinato ferroviario, per trasferire quote di merci dalla strada alla ferrovia». Per Giachino i punti fissati dal ministro dei Trasporti «sono importantissimi, perché l’Italia è il Paese europeo che ha più bisogno di intermodalità. Per noi la congestione del traffico incide più del doppio della media europea e da sola ci costa almeno 2 punti di Pil. Se tutti insieme - dai porti agli interporti, dalle autostrade alle società di logistica - ci impegniamo a migliorare l’efficienza logistica del Paese del 10%, l’anno il Paese può recuperare quasi mezzo punto di Pil». Il sottosegretario ha anche precisato che il «ferro-bonus» sarà inserito nella legge finanziaria per il prossimo anno, attraverso un emendamento in corso di predisposizione da parte del governo. «La copertura», ha precisato Giachino, «è stata già individuata, destinando a questa misura una quota delle risorse che saranno recuperate con il provvedimento del cosiddetto scudo fiscale». Giachino ha anche assicurato che l’incentivo sarà coerente con le linee del Piano generale della logistica, il cui «aggiornamento partirà nei prossimigiorni,non appena completata e resa operativa la composizione della Consulta per la logistica e l’autotrasporto», proprio per «evitare una erogazione ‘a pioggia’ del contributo pubblico che ne disperderebbe l’efficacia e per finalizzarlo ad un reale riequilibrio dell’assetto concorrenziale tra le varie modalità di trasporto, anche in coerenza con gli orientamenti indicati dall’Unione Europea». «L’obiettivo del governo di far ritornare a crescere la nostra economia più di quanto non sia cresciuta negli ultimi quindici anni», ha concluso Giachino, «si potrà raggiungere attraverso un forte sviluppo della logistica e della intermodalità».

Utilizzare, sfruttando le potenzialità d’esercizio, i mille Km di linea ferrata esistente sul territorio calabrese


18

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

SANITA' E WELFARE Disagi in Calabria: a Cosenza riscontrate pesanti difficoltà dovute alla mancanza di medici e infermieri. Intanto a Vibo Valentia si corre ai ripari: già definite le linee guida per la somministrazione delle dosi

Nel centrosud è caccia al vaccino Caos e ritardi nella distribuzione di Giuseppe Tetto ROMA - Continua la caccia ai sieri contro il virus H1N1. La vaccinazione infatti procede a macchia di leopardo con seri ritardi nel centro sud. Così tra la confusione generale della popolazione, i tanti che in questi giorni si sono messi in fila sono dovuti tornare a casa senza iniezione. Non sono servite a molto le rassicurazioni su tempi e modi di consegna dei vaccini per l’influenza A del vice ministro alla Salute Ferruccio Fazio perché il milione di dosi uscito dagli stabilimenti della Novartis ancora non ha raggiunto i centri di stoccaggio. E intanto l’influenza A fa altre quattro vittime. Tra loro un bambino di dieci anni, morto ieri presso l’ospedale Villa San Pietro di Roma. È deceduta la bambina bolzanina di 11 anni contagiata dal virus H1N1 e ricoverata alla Clinica universitaria di Innsbruck. Altre due vittime sono due donne, entrambe di Napoli. E così le regioni del centro sud entrano in fibrillazione. Ritardi e caos ovunque. In Calabria, anche se la si-

Il milione di dosi uscito dagli stabilimenti della Novartis ancora non ha raggiunto i centri di stoccaggio

le donne in gravidanza e i bambini con patologie. «Vacciniamo regolarmente, ma so di ospedali come il Santo Spirito fermi perche non ci sono le dosi». E intanto regna la confusione su chi abbia diritto alla priorità. Ieri a Palermo, infatti, in Tanti si sono riversati nelle strutture pubbliche: «Non sappiamo se possiamo farlo a tutti o se ci sono limitazione. Non abbiamo i moduli da compilare». Su questo versante a Vibo Valentia si è fatto un passo avanti. Il Direttore Generale dell’Azienda sanitaria, Rubens Curia, d’intesa con il Direttore Sanitario Aziendale Franco Petrolo ed il Direttore del Dipartimento di Prevenzione, Cesare Pasqua, hanno stabilito alcune linee guida da seguituazione è stata temporaneamente tamponata con la distribuzione di 60 mila dosi, in attesa del rimpolpo previsto per il 15 novembre, i disagi sono all’ordine del giorno. A Cosenza si sono riscontrate pesanti difficoltà dovute alla mancanza di medici e infermieri che per i cittadini ha significato interminabili ore di attesa. Anche in Campania la situazione non è delle migliori. Dopo l’ultimodecessoall’ospedaleCotugno, il sindaco Rosa Russo Iervolino ha annunciato: «Chiederò di dare priorità per Napoli per l’invio delle dosi». Intanto ieri sono arrivati altre 106mila dosi per le Asl campane , per un totale di 11 distretti sanitari coperti in tutta Napoli. Accelera l’epidemia nel Lazio. Previsti in questi giorni 100mila dosi e altre 350mila a metà novembre per il personale sanitario,

A Vibo Valentia soministrazione del vaccino per soggetti a rischio di età compresa fra 6 mesi e 65 anni re. È stato deciso, infatti, che la vaccinazione contro l’influenza A si effettua, allo stato attuale, a persone affette da patologie a rischio e di età compresa tra 6 mesi e 64 anni e a donne incinte a partire dal 4 mese di gestazione. Sono esclusi i soggetti di età superiore a 65 anni, pur affetti da patologie.

Il sindaco di Reggio Calabria presenta una medaglia per identificare malati di diabete di Claudio Ciraolo REGGIO CALABRIA - Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, ha presentato ieri unamedaglia,ideatadaGiovannaRitaCatanoso,cherichiamaildiabete,malattiamoltopiùdiffusaalsudrispettoalcentroealnorddellanostra penisola. Nel corso di una conferenza stampa, Rita Catanoso,diabetica,haillustratoimotivichel’hanno portata a ideare questa medaglia. L’obiettivo, è scritto in una nota, è mirato a stimolare tutte quellepersone,affettedadiabetee,inmodoparticolare gli insulinodipendenti, a portare al collo questamedagliaconsuscritto:"Hoildiabete".La medaglia, che raffigura il bergamotto, simbolo della città di Reggio Calabria, con il suo fiore, le sue foglie e un’ape che succhia il nettare, prose-

guelanota,intendesimboleggiarel’aspettodella malattia che priva continuamente il corpo della sua vitalità ed energia, mentre sul lato opposto della medaglia vi è riportato il 2009 che rappresenta l’anno della sua creazione. «Portando questa medaglia al collo - ha detto la Catanoso abbiamola possibilitàdi poteresserefacilmente individuati dai soccorritori e ricevere la somministrazionedi eventualifarmaci compatibilicon lamalattia». Per Scopelliti è un’iniziativainteressanteperché è rivolta a persone colpite da una malattia che bisognaaverelacapacitàdigestireperlimitarne idanni.«Inprimavera-haconclusoScopelliti-è nostra intenzione divulgare la conoscenza di questo progetto tra i bambini perché sappiamo quanto diffusa sia questa malattia anche tra gli adolescenti».


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 19

UNIVERSITA' E SCUOLA La Gelmini continua a mietere vittime. I docenti saranno abilitati ad insegnare in più cattedre per evitare sprechi. Si tratterebbe di un controsenso che minaccia di creare confusione a fronte di una riforma nata per semplificare

Raggruppamento delle classi di concorso A rischio 5000 professori di matematica Carmen Mirarchi

CATANZARO- La riforma della scuola è ormai in piena attuazione. L’ultimo tassello mancante de cambiamento avviato con il decreto legge è quello del raggruppamento delle classi di concorso, che dovrà consentire di avere insegnanti pluriabilitati in grado di sortire un doppio effetto: insegnare su più cattedre, evitando sprechi e duplicazioni, e rispondere alle indicazioni didattiche delle nuove scuole superiori. Questo causerà, come già era ampiamente noto tagli agli organici del personale docente. Ed è il Sud ch viene penalizzato due volte: per la mancanza di servizi e per i posti che perde. I numeri, del resto, dicono tutto. Su 9.967 cattedre di scuola primaria che sono saltate 6.141 (pari al 62 per cento) si sono perse nelle otto regioni meridionali: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. L’effetto si attenua se si considera il taglio complessivo (su scuola primaria, media e superiore): su 36.854 cattedretagliate20.311salterannoal Sud. Il taglio più consistente si sta abbattendo sulla scuola secondaria di primo grado che sta vedendo svanire di botto 15.541 cattedre. Il regolamento, inviato al consiglio nazionale per la pubblica istruzione per il prescritto parere, presenta alcune incongruenze. Prima fra tutte quella della classe di concorso di Matematica (A047) che verrebbe soppressa in quanto tale nei licei per diventare Matematica e Fisica. Anche perché l’insegnamento della Fisica, proprio con la riforma delle superiori, è stato esteso al primo biennio del liceo scientifico, che invece oggi prevedeva la sola Matematica. In questo modo però i professori di liceo abilitati all’insegnamento delle scienze

Le cattedre saltate nelle scuole primarie italiane sono 9.967 delle quali 6.141 (il 62%) solo al Sud Il Ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini

matematiche andrebbero in esubero nel proprio istituto di titolarità. In assenza di adeguate misure transitorie, secondo le prime stime, la situazione di soprannumerarietà potrebbe interessare circa 5 mila insegnanti di ruolo. Le classi separate di Matematica e Fisica resterebbero invece per gli istituti tecnici e professionali. Una differenza che, secondo l’Unione matematici italiani, non può essere motivata da argomentazioni culturali e didattiche. Sul piede di guerra anche i docenti di Filosofia e psicologia (classe 36/A), che vedrebbero assegnato l’insegnamento della Teoria della comunicazionesiaallaloroclasse di concorso che a quella di nuova istituzione (A-58): un controsenso che minaccia di generare confusione a fronte di una riforma che invece mira a semplificare e rafforzare classi di concorso omogenee. Insomma, i fronti per unripensamentononmancanoal ministro dell’istruzione, Mariastella Gelmini. Che intanto, però, può procedere alla riforma delle superiori: la scorsa settimana la conferenza stato-regioni ha promosso la ristrutturazione degli istituti tecnici e professionali

Insegnanti di matematica, presto saranno 5000 in meno

mentre ha bocciato quella dei licei. Ma pur sempre ha espresso il suo parere e così nei prossimi giorni le commissioni parlamentari di camera e senato potranno dire la loro. Entro fine anno, se tutto andrà per il verso giusto, la Gelmini potrà presentare la riforma completa delle secondarie per il decollo dal prossimo anno scolastico. La riforma prevede una riduzione di indirizzi e di classi, che dovrà produrre entro il 2012 un risparmio di docenti per oltre 2.500 posti nei licei, oltre 10.300 nei tecnici e 4.300 nei professionali.

Nella scuola secondaria svaniranno 15.541 cattedre. In totale al Sud ci saranno a breve 20.311 insegnanti in meno

Università, chiusura sede di Locri Oggi manifestazione degli studenti di C.M. LOCRI - Immatricolato il 12 settembre 2003 alla Facoltà di Scienze politiche, corso di laurea Servizio sociale, Gianluca Congiusta è stato tra i primi a essere iscritto alla sede distaccata di Locri dell’Universitàdegli studi di Messina. Anche per questa ragione l’associazione Gianluca Congiusta Onlus parteciperà oggi alla manifestazione indetta dagli studenti per evitare la chiusura della struttura. «Condividiamo - afferma Mario Congiusta padre di Gianluca - la lotta dei ragazzi per il diritto allo studio nella propria terra, un diritto che diventa ancora più importante e imprescindibile quando si è, come era Gianluca, studenti lavoratori. Anche Gianluca era, e potrebbe essere ancora, uno di loro: ecco perché saremo in prima linea a sostenere la protesta dei tanti nostri figli che rischiano di dover abbandonare l’università per ragioni burocratiche, mancati pagamenti, inadempienze, mancanza di fondi. A chi ha deciso di investire su se stesso per portare professionalità e conoscenza in questa terra che ha bisogno di progredire e di nuova linfa vitale non possiamo rispondere con blocchi burocratici, che non possono e non devono compromettere il loro futuro». L’associazione"GianlucaCongiustaOnlus" aveva previsto di indire una borsadi studiointitolataa Gianluca: dalla fine dell’estate stava lavorando per individuare modi e tempi di questo programma, ma era unanime la volontà di appog-

giarsi alla sede di Locri.«Faremo il possibile - prosegue - affinché l’istituenda Fondazione, in cui 19 comuni hanno già deliberato di entrare, e comunque aperta anche ai privati, possa raccogliere la somma da affiancareallostanziamentodella Provincia di Reggio Calabria, che ha deliberato di pagare circa il 50% del debito richiesto dall’Università di Messina. Gianluca, impegnato come imprenditore, si sarebbe potuto laureare solo grazie ad un corso di laurea nella Locride. Come lui anche molti altri giovani di questo territorio, alcuni dei quali privi della possibilità economica di andare a Messina, non avrebbero questa possibilità se la sede fosse chiusa. Gianluca, purtroppo, non potrà mai terminare i propri studi, ma l’associazione che lavora in suo nome farà il possibile e l’impossibile perché il maggior numero di giovani possano raggiungere il traguardo che a lui è stato negato. Lo dobbiamo ai nostri figli, lo dobbiamo alla nostra terra, ma lo dobbiamo, soprattutto, a noi».

Alla manifestazione sarà presente anche la Fondazione Congiusta che lotta per il diritto allo studio dei ragazzi. Molti rischiano di dover lasciare l’università


20

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

AMBIENTE

Il Ministero dell’Ambiente sta esaminando da tre settimane il piano straordinario nazionale. Legambiente ha intanto dato vita all’iniziativa Fiumi e la prima tappa è stata a Cavallerizzo

Zone a rischio idrogeologico Parte l’opera di prevenzione Carmela Mirarchi ROMA- E’ da tre settimane all’esame del Consiglio dei Ministri uno schema di decreto legge per un piano straordinario nazionale contro il rischio idrogeologico da circa 3-4 miliardi. A riferirlo il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo in audizione in Commissione Ambiente alla Camera. Lo schema del decreto legge prevede che il ministero dell’Ambiente predisponga un piano straordinario per le situazioni più a rischio: si potrebbero, per esempio,affrontarei primi 150 interventi più urgenti. Il problema principale è legato alle risorse, dice la Prestigiacomo, ma «ho fatto richiesta al governo di poter contrarre un mutuo, anche decennale, per un totale di 3-4 miliardi di euro» che corrisponderebbero ai 300 milioni all’anno. Per mettere a punto il piano, il decreto prevede la costituzione di

Il piano straordinario del Ministero contro il rischio idrogeologico sarà di circa quattro miliardi

Legambiente a Cavallerizzo

una commissione che dovrà presentarlo entro 60 giorni dal suo insediamento. Questa settimana, osserva Prestigiacomo, «spero si possa trovare una soluzione con il Tesoro per sbloccare il decreto». Intanto in Calabria è già partita l’operazione Fiumi. Prima tappa è s stata Cavallerizzo. Si tratta della prima iniziativa della campagna itinerante di Legambiente e del Dipartimento della Prote-

In testa c’è Crotone, seguita da Cosenza, Reggio, Vibo e Catanzaro

Auto ecologiche, nella regione sono il 2,25% CATANZARO- Delle 1.156.601 auto che circolano in Calabria solo 26.041 (2,25%) sono ecologiche cioé a metano, Gpl o elettriche. La stragrande maggioranza delle autovetture (97,75%) è infatti costituita da auto a benzina (57,49%) ed a gasolio (40,26%). Questi dati emergono da un’analisi condotta dall’Osservatorio sulla Mobilità sostenibile dell’associazione italiana ricostruttori pneumatici su dati Aci. L’analisi contieneanche la graduatoriaper

densità di auto ecologiche delle singole province calabresi. In testa alla classifica Crotone (2,52%), seguono Cosenza (2,46%), Reggio Calabria (2,09%), Vibo Valentia (2,07%) e Catanzaro (2,04%) che chiude la graduatoria delle province calabresi. A livello nazionale delle 36.071.883 auto che circolano in Italiasolo1.647.050sonoecologiche, mentre la maggioranza è costituita da auto a benzina (59,94%) ed a gasolio (35,50%).

zione Civile dedicata alla prevenzione del rischio idrogeologico. Protagonisti sono stati i volontari del Cigno Verde, alcuni cittadini, associazioni locali e il paese di Cavallerizzo, frazione di Cerzeto. L’iniziativa è stata realizzata ieri mattinadall’equipaggiodiOperazione Fiumi e con l’evento inaugurale della tappa calabrese, Legambiente ha così voluto accendere i riflettori sul futuro di questa frazione di Cerzeto, abbandonata da circa quattro anni perché dichiarata inagibile a seguito della frana che colpì il paese la notte tra il 6 e il 7 marzo 2005. I volontari si sono impegnati in un’opera di pulizia e manutenzione del sistema di recupero dell’acqua piovana, rimuovendo decine di sacchi di terra e foglie. «Prevenzione del rischio idrogeologico - ha sostenuto Paola Tartabini,portavocedellacampagna - è soprattutto una corretta gestione del suolo, dei versanti franosi e dei corsi d’acqua. Proprio in virtù della fragilità del territorio calabrese, dovrebbe rientrare a pieno titolo tra le priorità di Regione, Comuni ed Enti Locali una lungimirante politica di prevenzione e mitigazione del rischio di frane e alluvioni».

La Calabria sarà a Venezia per Urbanpromo C.M. CATANZARO - La Regione Calabria con l’assessorato all’Urbanistica e Governo del Territorio partecipa anche quest’anno all’appuntamento di marketing urbano e territoriale "Urbanpromo - Città trasformazioni investimenti", che si terrà a Venezia da oggi al 7 novembre. L’evento - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - si propone di fare crescere la cultura della fattibilità urbanistica, economica e ambientale dei progetti, migliorando la qualità dei processi di pianificazione e progettazione, e rendendo il mercato più aperto e concorrenziale. La Regione sarà presente con una mostra i cui contenuti saranno oggetto di approfondimento in due distinti momenti della manifestazione internazionale attraverso la partecipazione dell’assessore regionale all’Urbanistica Tripodi. Il primo intervento è in programma all’interno dei lavori del convegno "Tutela e valorizzazione del paesaggio: nuove esperienze di pianificazione" dove l’assessore Tripodi relazionerà sui temi inerenti "Il Quadro territoriale regionale Paesaggistico della Calabria"; il secondo è previsto all’interno dei lavori del convegno "Le politiche regionale in materia di rigenerazione urbana", su invito della Regione Puglia, in cui Tripodi relazionerà sulle esperienze Calabresi in corso. «La nostra Regione ha detto l’assessore Michelangelo Tripodi - vuole rappresentare le strategie ed i programmi in atto sui temi dell’urbanistica con l’obiettivo di confermare una ritrovata visibilità nello scenario nazionale per la nuova politica urbanistica e del paesaggio messa in atto in questi ultimi anni dalla Calabria».


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 21

COMMERCIO ED ENTI LOCALI Per il docente di Politica dell’Unione Europea, Falcone sono necessari fondi aggiuntivi a livello di Por e di Fas

«Le Zfu da sole non servono se non interviene la Regione» CATANZARO - «Voglio dare un contributo concreto ed operativo al vostro encomiabile impegno di sperimentare un nuovo modello di crescita d’area nel contesto del ’progetto’ Zone Franche Urbane attivato dal Governo e di cui le città da voi amministrate sono parti attive». Lo afferma il docente di Politica dell’Unione Europea Università Magna Grecia di Catanzaro, Vincenzo Falcone, in una lettera aperta ai sindaci di Lamezia terme, Crotone e Rossano. «Come voi ben sapete - aggiunge Falcone - i cinquanta milioni di euro destinati, a livello nazionale, per tutte le Zone Franche Urbane sono ben poca cosa rispetto alle reali esigenze dei quartieri delle vostre città. In particolare, una media di due milioni di euro (2,4 milioni per Lamezia, 2,2 milioni per Crotone e 1,9 milioni per Rossano) per le Zone Franche Urbane sono irrilevanti rispetto al vero obiettivo per il quale sono nate le Zone Franche Urbane. L’esperienza francese (che ho seguito da vicino durante la mia esperienza e Bruxelles) dimostra che i ’sacrifici’ di bilancio che voi dovrete affrontare, in termini di ’sconti’ sulle tariffe locali che avrete l’obbligo di applicare,si trasformerebbein un grosso boomerang se la Regione non interverrà, in una logica di contesto, con fondi aggiuntivi a livello di Por e di Fas, per consentire effetti diretti ed indotti significativi a livello di benefici economici e sociali nei confronti delle imprese e dei cittadini all’interno del sistema urbano da voi amministrato». «Inoltre, voi siete chiamati - prosegue Vincenzo Falcone - a diven-

tare i ’piloti’ di una ’buona pratica’ che potrà essere esportata, nel breve periodo, in altre Zone della Calabria se la Regione attiverà, attraverso l’utilizzo dei fondi comunitari, il credito d’imposta quale agevolazione sostitutiva ai contributi a fondo perduto che tanto male hanno fatto alla nostra Regione e che, purtroppo, tanti illeciti arricchimenti hanno provocato a favore dei cosiddetti ’prenditori’ di contributi. Un ’progetto speciale’ per le Zone

Franche Urbane, - conclude il docente - quale contenitore integrato di sostegno alle imprese, di accesso al lavoro per gli abitanti e di rivitalizzazione dei quartieri non solo, quindi, si dimostrerà utile ed indispensabile, ma costituirà l’avvio di un modello di governance multilivello, già sperimentata in altre regioni d’Europa, e foriero di quel gioco di squadra senza il quale si continuerà a vivere di interventi ’incompiuti’, temporanei e privi prospettiva».

Rende, chiusura attività commerciali IlComunediRendeharesopubblical’ordinanzarelativaagli esercizicommercialidivenditaaldettaglioinsedefissa.Questi possonoderogareall’obbligodichiusuraneigiornidomenicaliefestivi.Lachiusuradovràavvenireentroleore22.

Avviato il progetto Field in favore dello sviluppo dei piccoli Comuni CATANZARO - I piccoli comuni si sentono spesso isolati e abbandonati al loro destino. Spesso non vengono coinvolti nelle scelte e ancora spesso vi sono sindaci che urlano la loro solitudine ma non vengono ascoltati. Era questa la sintesi di un allarme lanciato poco tempo fa dall’Anci, l’associazione dei comuni italiani, fatto proprio dai vertici della Fondazione Field, che con una apposito progetto di riqualificazione e aggiornamento intende mettere a disposizione delle amministrazioni locali il proprio bagaglio di esperienza maturata sul campo nei suoi sei anni di attività. Un programma formativo che, ha fatto sapere il componente del comitato scientifico di Field, Rosaria Amantea, nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro, «non è quello tradizionale, ma punta a fornire agli enti locali gli strumenti per un efficiente governo del territorio e una incisiva quanto mirata spesa delle risorse. I processi di spesa talvolta sono sganciati dalla programmazione effettuata e spesso si riscontrano problematicheche non portano alla completa realizzazione dei programmi». Un motivo per dare agli enti locali il supporto necessario a superare le criticità. I comuni rappresentano l’anello debole della catena istituzionale esistente in Italia, e soprattutto in realtà come quella calabrese, essi rappresentano il punto di riferimento più vicino ai cittadini. In sintesi: più funzionano i comuni, più si erogano servizi su misura, più gira bene la ruota della so-

cietà civile. Ne è convinto Mario Muzzì che esprime soddisfazione per l’attenzione mostrata dai comuni su questo delicato tema. «Su 409 comuni presenti in Calabria - ha detto - sono finora una quarantina le amministrazioni che hanno aderito alla nostra iniziativa. L’auspicio è quello di una maggiore partecipazione. Il nostro è un progetto di accompagnamento ambizioso con cui vogliamo andare incontro a tanti piccoli comuni in difficoltà, che per una molteplicità di fattori sono spesso impossibilitati a promuovere corsi di aggiornamento interno. Il primo problema é quello dei tagli economici che gli enti locali loro malgrado, sono costretti a registrare. Poi c’é l’aspetto della burocrazia, che pesa e non poco sulla pubblica amministrazione. Talvolta gli interessi della politica, che sono poi quelli dei cittadini, non coincidono con quelli dell’apparato burocratico che aderiscono invece alla carta e alla miriade di norme amministrative. Noi siamo per una sintesi tra le due esigenze che possa soddisfare sia gli indirizzi politici che quelli amministrativi con un unico obiettivo: ottenere il massimo dei risultati in termini di sviluppo locale, che poi è la nostra mission. Per questo intendiamo usare il modello Field, già consolidato in Calabria, per promuovere una costante e proficua azione sinergica sul territorio. Con questa iniziativa vogliamo individuare i contesti di debolezza e raccogliere i fabbisogni per tentare di fornire risposte immediate».

L’obiettivo dell’Amministrazione comunale di Cosenza e dell’Amaco

«Migliorare i servizi di trasporto urbano» Ieri mattina c’é stata la presentazione delle nuove agevolazioni finanziarie previste per tutti i cittadini

COSENZA - L’Amministrazione comunale di Cosenza e l’Amaco sono fortemente impegnate nell’incrementare il numero di utenti degli autobus cittadini e migliorare complessivamente la vivibilità cittadina. In questa direzione ieri mattina c’é stata la presentazione delle nuove agevolazioni finanziarie previste per tutte le categorie di cittadini è stata anche occasione per ampliare il discorso a quanto si stafacendo su tutti i fronti possibili. Ad iniziare è stato l’Assessore alle Politiche del Trasporto Agostino Conforti che ha fornito un’esauriente informativa sul lavoro in corso, cominciando da un bilan-

cio scaturito dalla lettura del 16/mo Rapporto sull’ecosistema urbano di Legambiente. «Il rapporto ha detto Conforti - costituisce una voce terza per dire alla città cosa abbiamo fatto. Ci sono dati negativi come il numero di auto inquinanti, che ci pone a livelli bassi della classifica, ma ci sono anche indicatori molto incoraggianti. In particolare, va segnalato l’indice della mobilità sostenibile che ci vede primi in Calabria e fra le prime 10 piccole città in Italia. Ottimo anche il dato relativo alla pedonalizzazione del centro, con Cosenza al 22° posto, la prima nel Sud dopo Bari. E, ancora, è positivo il 39° pos-

to su 103 capoluoghi di provincia quanto a capacità dell’Amministrazione di attivare strumenti a favore della mobilità sostenibile». Conforti ricorda che «mobilità sostenibile non significa solo meno inquinamentoma è uncomplesso sistema del quale il trasporto collettivo è il fiore all’occhiello, da incrementare attraverso più servizi e migliori politiche tariffarie». Anche il Piano della sosta, che è stato attuato in buona parte passando da 3466 a 9508 posti auto tariffati, concorre allo scopo ed è stato capito dalla popolazione. Basti pensare che su 3800 posti disponibili in zona blu sono state rilasciate 3600 parking card.

Ad iniziare la discussione l’assessore alle Politiche del Trasporto, Conforti che ha fornito un bilancio delle azioni intraprese


22

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE L’india compra 6,7 miliardi di oro

Fabbisogno Stato 30,7 miliardi più del 2008 Nei primi dieci mesi del 2009 il fabbisogno del settore statale è salito a 83,4 miliardi, circa 30,7 in più rispetto a quello dell’analogo periodo 2008, pari a 52,685 miliardi. Lo comunica il Tesoro, aggiungendo che a ottobre si è registrato un fabbisogno di 10,8 miliardi, inferiore di circa 2,2 rispetto a quello del mese di ottobre 2008, pari a 12,988 miliardi.

Il Fondo Monetario Internazionale ha venduto all’India 200 tonnellate d’oro. L’Fmi ha precisato che la cessione alla banca centrale indiana è avvenuta a un prezzo medio di 1.045 dollari l’oncia, per un incasso di 6,7 miliardi di dollari.

Calpestato il diritto dei genitori di educare i figli come vogliono, dice la Corte europea dei diritti dell’uomo, accogliendo l’istanza di una italiana di origine finlandese: l’Italia fa ricorso

Strasburgo: no al crocifisso in aula, l’Italia viola i diritti laici Carlo Bassi «La presenza del crocefisso, che è impossibile non notare nelle aule scolastiche - si legge nella sentenza dei giudici di Strasburgo - potrebbe essere facilmente interpretata dagli studenti di tutte le età comeunsimboloreligioso.Avvertirebbero così di essere educati in un ambiente scolastico che ha il marchio di una data religione». Tutto questo, proseguono, «potrebbe essere incoraggiante per gli studenti religiosi, ma fastidioso per i ragazzi che praticano altre religioni, in particolare se appartengono a minoranze religiose o sono atei». La Corte, nell’accogliere il ricorso di una cittadina italiana di origine finlandese, aggiunge di non «essere in grado di comprenderecomel’esposizione,

Non capiamo come l’esposizione... possa servire al pluralismo educativo di società democratiche

Strasburgo (da non confondere con la Corte europea di giustizia del Lussemburgo che è chiamata a dirimere le controversie fra stati) ha accolto l’istanza della signora Soile Lautsi Albertin che dal 2002 era in lotta con la scuola dei figli ad Abano Terme ed era passata da un Tar all’altro e per i tribunali prima di approdare a Strasburgo, ormai l’ultima speranza di soddisfazione per migliaia di cittadini italiani. mentre il giudice Nicola Lettieri, che difendeva l’Italia, ha già annunciato ricorso. Se la Corte lo accoglierà, il caso verrà ridiscusso nella Grande Camera. Se respinto, la sentenza diverrà definitiva tra tre mesi, e spetterà al consiglio dei ministri decidere. nelle classi delle scuole statali, di un simbolo che può essere ragionevolmente associato con il cattolicesimo, possa servire al pluralismo educativo che è essenziale per la conservazione di una società democratica così come è stata concepita dalla Convenzione europea dei diritti umani, un pluralismo che è riconosciuto dalla Corte costituzionale italiana». I sette giudici della autori della sentenza sono Francoise Tulkens (Belgio, presidente), Vla-

dimiro Zagrebelsky (Italia), Ireneu Cabral Barreto (Portogallo), Danute Jociene (Lituania), Dragoljub Popovic (Serbia), Andras Sajò (Ungheria), e Isil Karakas (Turchia). Secondo la loro interpretazione la presenza dei crocefissinelleaulescolastichecostituisce «una violazione del diritto dei genitori a educare i figli secondo le loro convinzioni» e una violazione alla «libertà di religione degli alunni». La Corte europea dei diritti dell’uomo di

La Corte europea dei diritti dell'uomo

Le cinque controllate non saranno più autosufficienti ma tutte parte di un’unica grande banca

Unicredit: ristrutturazione del gruppo, con solo tre divisioni Giornata campale per il Comitato strategico di Unicredit guidato dall’amministratore delegato Alessandro Profumo e dal presidente Dieter Rampl, chiamato ad una radicale trasformazione del proprio assetto di gruppo, con importanti ripercussioni per cinque banche controllate Banco di Sicilia, Unicredit Banca di Roma, Unicredit Banca, Unicredit private banking e Unicredit corporate banking: . Al momento sono strutture completamente autosufficienti ma il piano prevede la creazione di una struttura unica sottol’unico nome di Unicredit, con tre divisioni: corporate, private, retail - che avranno, nelle in-

Dieter Rampl, presidente Unicredit

tenzioni, un rapporto molto più forte con i territori e dieci milioni di clienti, ma faranno capo a strutture centrali semplificate e specializzate. Spariranno (con delicatezza) i consigli di amministrazione, ma resteranno i marchi, e il rapporto con la politica locale assumerà un maggior distacco. Già si aprono le prime ipotesi: in Sicilia si parla della cessione dello 0,5% delle azioni che la Regione siciliana ha in carico nella holding Unicredit in cambio del 76% dell’Irfis (Istituto di mediocredito siciliano).Il disegno complessivo trae fondamento dall’esperienza della fusione con Capitalia,avvenutaun paio di

anni fa. E ha, come ossatura, la semplificazione di prodotti, servizi e sistemi informatici. Il rapporto con la clientela dovrebbe trarre benefici dal percorso decisionale più snello. Chi conosce l’organizzazione di Unicredit dall’interno ammette che è diventata «troppo articolata»: i modelli organizzativi vanno periodicamente reintepretati perché cambiano le condizioni esterne con cui questi sono in relazione. E la crisi economica ha complicato ancora di pù le cose.Non si tratta di un progetto a breve: l’iter verso la banca unica dovrebbe concludersi il 1º novembre del 2010, cioè fra un anno.

Miccichè fonda il Pdl-Sicilia Cacciari via da Pd Cab È nato, ieri, poco dopo le 11, nella sala stampa dell’Assemblea regionale siciliana, il Pdl-Sicilia, il risultato dello strappo definitivo di Gianfranco Miccichè e un passo verso la chiarezza nella struttura del Pdl in Sicilia che lo stesso autore dell’ammutinamento definisce come un tentativo di fare chiarezza nella Torre di Babele di un partito "ricco di leader e leaderotti che parlano, ognuno, linguaggio politico differente; dove regna l’incoerenza di coloro che sventolano la bandiera della semplificazione politica, ma non si preoccupano di attaccare a piè sospinto un governo dove siedono anche assessori di loro riferimento». Ad annunciare il lieto evento con Miccichè, i parlamentari nazionali del Pdl Fabio Granata e Dore Misuraca e i parlamentari regionali che entreranno a far parte del nuovo gruppo e diversi parlamentari nazionali tra cui Pippo Fallica, Nino Lo Presti, Ugo Grimaldi, Nino Minardo e Francesco Stagno d’Alcontres. «È da qui, cioè dalla coerenza dei comportamenti che deve cominciare quel processo, senza dubbio virtuoso, di semplificazione della politica ed è da qui, dalla nostra esigenza di coerenza, che nasce il gruppo del Pdl-Sicilia: perché la gente rischia di non capirci più nulla». «A me interessa - prosegue che la gente sappia che c’è una parte consistente, anzi maggioritaria, del Pdl siciliano che, pur mantenendosi fedele al progetto Berlusconi, sente il bisogno di distinguersi da una gestione del partito che è da definire ribelle, perché assolutamente antitetica ai valori di coerenza, lealtà, libertà e capacità...». «Non intendo più candidarmi a nulla. Nel 2010 non farò più il sindaco di Venezia, né il deputato. Basta. Quante volte occorre essere sconfitti in una vita?». Massimo Cacciari si ritira? «Continuerò a dire la mia, ma non accetterò più impegni organizzativi. Ho già dato, serve realismo. Trent’anni fa speravo con altri di poter imprimere una svolta al Pci. Poi ci ho provato con Occhetto, quindi con il partito dei sindaci, con l’Asinello di Prodi, con la Margherita e infine con il Pd... ».


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 23

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Uno studio su 35 nazioni dimostra che anche per dieci Paesi del G-20 la crescita dei salari reali è scesa dall’1% del 2007 a -0,2%

Forte il calo della crescita dei salari dal 4,3% 2007 all’1,4% di Gaia Mutone

ROMA —Il nuovo rapporto dell’Ilo conferma i poco incoraggianti dati sull’andamento del mercato del lavoro. Secondo l’ultimo report dell’Organizzazione internazionale del lavoro, che verrà discusso dal 5 al 20 novembre per valutare lo stato di attuazione del Patto Globale per l’occupazione adottato a giugno dalla Conferenza internazionale del lavoro, si avrà un calo dei salari malgrado i segnali di ripresa dell’economia. Il Global Wage 2009 è il risultato di uno studio condotto in 35 paesi nei quali è stato possibile raccogliere dati certi ed evidenzia che la crescita dei salari reali medi si è ridotta dal 4,3 per cento del 2007 all’1,4 per cento nel 2008. Per quanto riguarda i dieci paesi del G-20 inclusi nello studio, invece, la crescita dei salari reali medi nel paese mediano è scesa dall’un per cento del 2007 al meno 0,2 per cento del 2008. In circa la metà dei 35 paesi selezionati la riduzione dei salari mensili avvenuta nel primo trimestre del 2009 è attribuibile ad un calo complessivo delle ore di lavoro. C’è da aspettarsi quindi un ulteriore peggioramento della situazione ed è auspicabile l’adozione di una certa prudenza nel valutare le prospettive di ripresa economica. Su questa linea le dichiarazioni di Manuela Tomei, direttrice del Programma dell’Ilo sulle condizioni del lavoro e dell’occupazione, per la quale "il continuo deteriorarsi dei salari a livello globale" rischia di diventare serio "specialmente se i governi interrompono troppo presto i piani di ri-

Indice manifatturiero Usa in crescita Dopo il Pil, anche l’industria americana dà segnali forti di uscita dalla crisi. L’indice Ism in ottobre è salito a 55,7 punti dai 52,6 di settembre.Intanto la Ford, senza aiuti, fa un miliardo di utili nel III trimestre.

Dal 28 novembre potrebbe arrivarvi una Pec: avvocati, ma siete pronti? di Cab

Joaquin Almunia, commissario per gli Affari economici e finanziari

Forti le preoccupazioni dell’International Labour Organisation per l’arresto e addirittura la diminuzione della crescita dei salari reali

Avvocati, commercialisti, iscritti agli Ordini professionali: dal 28 novembre potrebbe arrivarvi una Pec (posta elettronica certificata), il moderno equivalente di una raccomandata, con tanto di ricevuta di ritorno. Ma siete pronti? Qualcuno non lo è tanto che dall’Ordine dei medici è già partita la prima richiesta di proroga alla scadenza del 28, introdotta con il decreto anti-crisi, in quanto la nuova disciplina ha subìto una serie di rinvii e confuso un po’ la gente. L’obbligo di avere la Pec riguarda circa due milioni di professionisti, oltre alle società e alle pubbliche amministrazioni. Per tutti gli altri per ora è facoltativa: ma non è difficile averla perché già dal mese scorso può essere richiesta gratuitamente al sito dell’Inps e dell’Aci. È gratuita proprio per facilitarne la diffusione e nonostante le incertezze ci sono già quasi 17mila indirizzi di posta elettronica certificata dei privati e quasi 1.750 sono già attive, secondo i dati dello Cnipa, il Centro nazionale per l’informati-

lancio dell’economia" soprattutto perché "la deflazione dei salari priva le economie nazionali della domanda necessaria e incide negativamente sulla fiducia". Gli strumenti per tamponare gli effetti del calo generale delle economie e per ridurne l’impatto negativo sulla società rimangono "i salari minimi, il dialogo sociale e la contrattazione collettiva".

ca della Pubblica amministrazione . Ma perché funzioni davvero bisogna che siano certificati sia il mittente che il destinatario: quindi se un’ente della pubblica amministrazionemi spedisceuna e-mail certificata, potrà sostenere di avermi inviato l’equivalente legale di una raccomandata, ma se io non sono certificato non avrà certo il valore di ricevuta di ritorno, che è prevista automaticamente nel caso entrambi siano certificati.SempresecondoilCnipa, le Pec già in uso sono già più di 585 mila.L’obbligo di registrarsi per le società di capitali, per le società di persone, per i professionisti iscritti in Albi o elenchi e per le pubbliche amministrazioni scatterà in tre tempi.Per tutti i professionisti iscritti ad albi o elenchi è obblitgatorio dal 28 novembre. .Per le imprese di nuova costituzione l’obbligo parte al momento di iscrizione alla Camera di Commercio, mentre per quelle già esistenti il termine ultimoèil29novembre2011.L’indirizzo Pec dovrebbe costituire a breve l’unico mezzo di comunicazione con le pubbliche amministrazioni, compresi gli organi giudiziari ed il consiglio dell’Ordine di appartenenza. La comoditàdi questa nuova forma di comunicazione ufficiale e la chimera dell’eliminzione della vecchia raccomandata con ricevuta di ritorno salta agli occhi di chiunque. Ma non tutti sono convinti che sarà un passaggio facile o semplice anche se tutti lo sperano.E c’è un problema: il sistema funziona solo in Italia.

Ue preoccupata per il debito italiano nel 2011 sarà il 117,8% del Pil

Dal I trimestre 2008 Pil ridotto del 6,5% "2011 più 1,4% del Pil. Nel 2010 e nel 2011 l’attività economica dovrebbe riprendersi gradualmente".

di R.C.

Il rapporto d’autunno della Commissioneeuropeasull’andamento dell’economia conferma il miglioramento delle prospettive per l’Unione, Italia compresa, come avevamo anticipato ieri. Secondo il commissario agli Affari Economici e Monetari Joaquin Almunia ciò è dovuto molto alle ambiziose misure prese dai governi, dalle banche centralie dall’Ueche hanno non solo evitato un crollo del sistema "ma hanno anche fatto partire la ripresa". In conseguenza dei miglioramenti, "proporremo all’Ecofin di confermare il 2011 come l’annoper applicarele

Joaquin Almunia, Affari economici

exit strategy per tutti". In questo caso più che di exit strategy sarebbe più giusto parlare di strategia di rientro, nei parametri di Maastricht, i cui limiti molti Paesi hanno stravolto a causa dell’emergenza crisi. Adesso è essenziale, dice Almunia, attuare "pienamente tutte le misure annunciate" e completare "la rifor-

ma del sistema bancario". Inoltre sulle prospettive di ripresa pesa la disoccupazione, che aumenterà nei prossimi mesi. E per l’Italia un grosso freno è rappresentato dal debito pubblico, ancora in crescita. "Il livello del debito pubblico italiano è preoccupante anche con tassi di interesse così bassi come quelli attuali". Per l’Italia, la Commissione migliorato le stime sul Pil dell’Italia per il 2009, portandole da -5 per cento a -4,7 per cento. Nelle previsioni d’autunno pubblicate ieri, per il 2010 l’Italia registrerà una leggera ripresa con un più 0,7 per cento del Pil, che, a politiche invariate, dovrebbe consolidarsi.

Debito 2008 al 105.8% del Pil, nel 2009 al 114,6%, nel 2010 al 116.7%, e addirittura al 117,8% nel 2011


24 MercoledĂŹ 4 Novembre 2009 il Domani

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

22.400,66 21.946,91 23.988,44 24.199,27 23.461,53 10.864,74

-1,56 -1,58 -1,70 -1,47 -0,92 -1,08

METALLI

VAL. ACQUIST

VAL. VENDITA

EURO/gr

USD/on

Euro/Dollaro

1,4655

1,4658

ORO

1 080,00

23,66

Euro/Sterlina

0,8944

0,895

ARGENTO

17,01

0,375

Euro/Yen

132,28

132,39

PLATINO

1353,00

29,98

Euro/Franco Sv. 1,5102

1,5112

PALLADIO

332,00

7,,55

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bouty Healthcare Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,727 1,249 7,745 4,0275 60,50 1,365 1,158 4,07 0,2145 0,562 4,7725 14,26

-3,13 -0,87 -1,96 -1,77 -3,94 +0,37 -0,77 +0,49 -3,60 -1,32 -1,04 -1,52

16.30.47 17.30.33 17.30.55 16.30.50 17.30.51 16.30.13 14.35.30 17.30.09 16.30.42 16.30.33 17.24.11 11.33.26

0,72 0,7675 0,7675 1,246 1,267 1,256 7,745 7,90 7,895 4,025 4,09 4,0625 59,85 63,00 63,00 1,332 1,392 1,332 1,114 1,158 1,114 3,87 4,07 4,0625 0,208 0,2197 0,2197 0,545 0,562 4,6625 4,775 14,26 14,26

0,33 2,50 0,5145 78,49 2,5625 12,86 0,79 0,448 0,0555 0,67 98,65 1,649 6,04 16,58 7,77 8,595 15,90 16,38 7,785 87,50 2,60 7,75 7,95 3,49 2,0125 5,72 10,65 36,49 1,83 2,14 47,09 47,47 1,914 2,92 120,63 0,6345 1,269 4,65 9,435 4,4225 4,925 6,345 0,636

-3,23 -3,85 -2,92 -0,65 +0,39 -1,38 -2,47 -2,18 +6,73 -2,19 +0,15 -0,30 -1,63 +1,41 -0,06 -0,92 -0,31 -3,65 -5,52 -0,91 -0,95 -2,27 +3,31 -2,79 -2,31 -3,38 -4,48 -0,11 -2,14 -0,70 +0,41 -0,02 -1,19 -1,60 -0,14 +1,60 -2,91 -2,10 -1,31 -1,78 -3,62 -1,93 -0,62

16.30.38 17.22.46 16.30.31 16.55.14 17.30.40 17.30.01 16.30.00 16.09.20 16.30.52 16.30.33 16.10.46 17.30.26 17.30.27 17.30.57 17.30.47 17.30.59 16.23.44 17.21.10 17.30.03 15.10.44 16.24.27 17.30.32 17.30.00 15.42.42 17.30.06 17.30.28 16.56.53 17.22.38 16.30.02 16.30.22 17.22.10 17.13.00 17.30.59 17.22.39 13.29.20 17.24.56 17.30.29 13.25.36 17.30.10 17.30.04 17.30.06 17.30.42 16.30.28

0,32 2,47 0,5115 75,20 2,4525 12,77 0,775 0,4355 0,0501 0,6695 98,55 1,627 6,00 16,19 7,465 8,50 15,80 16,15 7,78 87,50 2,57 7,615 7,62 3,49 1,98 5,655 10,64 35,89 1,782 2,06 46,56 46,51 1,903 2,92 120,63 0,62 1,262 4,60 9,18 4,37 4,925 6,30 0,6115

4,47 10,42 0,4005 0,682 6,53 97,70 0,609 1,48 0,535 1,321 6,055 1,739 31,67 51,00

+0,90 +1,07 -3,73 -1,16 -0,61 -0,10 -2,87 +0,00 -4,29 -0,97 -4,34 +2,60 -5,57 -3,74

16.30.15 16.30.39 16.30.51 16.30.47 17.30.24 16.09.33 17.30.15 15.20.54 16.24.11 16.30.11 17.30.13 16.30.12 17.17.59 17.30.08

4,25 4,48 4,3875 10,22 10,42 10,30 0,4005 0,4335 0,6635 0,6885 0,6705 6,505 6,72 6,595 97,57 97,94 97,60 0,6015 0,623 0,614 1,48 1,48 0,5275 0,544 1,33 1,35 1,31 6,00 6,20 6,20 1,739 1,747 31,00 32,17 50,75 52,54 52,54

1,686 35,22 1,479 1,391 0,85 101,52 104,70 5,23 0,2079 5,515 1,169 11,40 6,65 5,92 2,5075 0,958 2,4975 1,98 0,477 6,47

+0,72 -2,17 -0,74 +0,00 +3,66 -0,17 -0,19 +0,58 -2,49 -1,52 -1,18 -2,15 -2,63 -1,91 -0,69 -0,62 -1,09 -1,00 +1,49 +0,00

17.30.52 16.30.33 16.02.58 11.11.14 16.30.58 16.54.12 16.47.42 17.30.13 16.30.58 17.30.19 17.30.37 17.30.48 17.30.05 16.23.22 17.30.16 16.30.06 16.30.16 16.30.22 16.30.07 17.30.57

1,634 35,22 1,478 1,391 0,82 101,43 104,32 5,05 0,2021 5,38 1,158 11,21 6,57 5,87 2,46 0,90 2,45 1,97 0,457 6,40

91,00 2,5425 30,78

+0,00 14.39.54 90,50 -5,13 16.30.58 2,5425 +2,16 16.02.26 30,78

0,3375 2,525 0,5345 78,55 2,58 13,04 0,80 0,456 0,0569 0,70 98,77 1,665 6,17 16,65 7,795 8,795 15,99 16,74 8,195 88,00 2,60 8,065 7,95 3,56 2,06 5,855 10,82 36,49 1,859 2,18 47,09 47,59 1,943 2,9275 120,63 0,6355 1,305 4,8675 9,68 4,495 5,11 6,495 0,638

1,698 35,92 1,479 1,391 0,85 101,69 105,67 5,24 0,21 5,595 1,19 11,55 6,825 6,00 2,52 0,958 2,4975 2,0475 0,477 6,515

0,3305 0,53 2,58 12,94 0,7905 0,0536 0,70 6,10 16,25 7,68 8,645 15,96 16,74 8,195 8,065 7,78 3,52 5,81 1,821 2,18 47,59 1,93 0,635 1,298 4,8675 9,68 4,495 5,045 6,45 0,6205

35,80

5,20 0,21 5,535 11,55 6,825 6,00

1,981 0,463 6,43

91,00 2,60 2,5775 30,78

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

22,19 2,1875 0,654 4,69 3,24 2,43 0,62 0,193 0,325 1,03 1,549 0,7185 2,195 0,597 1,022 105,00 100,09 1,085 25,46 4,4975 13,20 1,839 6,28 0,222 0,75 1,132 7,025 32,56 1,083 16,76 8,60 41,97 4,15 2,80 1,351 48,58 9,285 23,86 2,19 5,65 15,78 25,68 1,04 1,289 0,7485 13,31 1,988 3,2875 4,1525 1,419 24,50 17,06 4,875 10,16 0,7495 0,50 6,80 0,153 3,0625 0,438

22,19 2,105 0,645

Gruppo Coin Hera I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mirato Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Comune Mi-A2A 09 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Everel Group Axa Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix

21,29 2,08 0,648 4,67 3,1075 2,35 0,62 0,1831 0,32 0,98 1,528 0,703 2,16 0,5865 1,022 105,00 99,85 1,061 25,19 4,36 13,10 1,825 6,21 0,22 0,75 1,11 7,00 31,74 1,06 16,10 8,45 41,97 4,14 2,72 1,351 47,52 9,22 22,62 2,1375 5,385 15,72 25,54 1,023 1,289 0,715 12,78 1,933 3,16 4,09 1,409 24,30 16,86 4,8725 10,11 0,731 0,50 6,505 0,153 3,02 0,418

-3,14 -6,31 -1,07 +1,52 -2,66 -3,29 -0,96 -6,29 -2,88 -2,68 -2,55 -2,90 -1,82 -3,46 -0,78 +0,10 -0,15 -5,94 -2,55 -3,43 -2,38 -1,67 -0,24 +0,00 +2,95 -2,03 -0,92 -4,40 -1,49 -5,96 -4,63 +4,59 -0,48 -3,55 -2,10 -3,61 -1,28 -4,27 -3,28 -6,02 +7,08 -1,20 -1,63 -1,60 -4,79 -4,98 +0,94 -1,79 -0,97 -0,70 -1,98 -1,69 +0,21 +1,00 -2,53 +0,00 -3,77 -0,06 +0,67 -6,07

17.30.04 16.30.32 16.30.59 15.43.36 17.30.35 15.52.23 16.21.11 16.30.47 16.30.03 16.30.56 17.30.36 16.02.34 17.30.17 16.30.21 16.30.08 15.17.07 16.26.02 16.30.31 16.38.46 17.30.10 17.00.29 16.10.38 17.30.37 16.30.19 16.30.22 17.30.14 17.23.23 16.51.34 16.52.38 16.30.30 16.30.13 16.12.03 17.30.57 16.30.13 17.30.45 17.23.03 17.24.16 17.30.18 17.30.27 17.30.35 17.30.54 15.18.07 17.30.19 13.05.23 17.30.52 17.30.19 17.30.34 17.30.05 17.30.30 13.23.47 17.10.03 17.30.41 17.30.59 17.30.02 16.30.31 15.05.36 17.30.29 16.30.06 17.30.22 16.30.32

21,28 2,0725 0,635 4,58 3,03 2,35 0,5855 0,1819 0,32 0,9635 1,507 0,703 2,085 0,5755 1,002 104,90 99,80 1,055 24,65 4,325 12,75 1,812 6,12 0,22 0,72 1,08 6,955 31,63 1,06 15,97 8,255 39,66 4,075 2,66 1,31 46,90 9,20 22,50 2,1075 5,38 14,41 25,46 1,018 1,257 0,711 12,62 1,874 3,16 4,0825 1,371 24,05 16,74 4,755 9,935 0,7215 0,49 6,33 0,1485 2,985 0,415

0,0075 13,31 7,55 10,14 1,17 19,66 10,34 6,31 6,525 4,5425 4,895

-44,44 -1,33 -0,85 -0,10 -2,34 -0,71 -1,15 -1,02 -1,66 -3,40 +0,51

16.30.34 17.30.58 17.30.38 17.30.32 17.30.19 17.30.03 17.30.06 17.30.20 17.30.21 17.30.55 17.30.32

0,0075 0,0125 0,0082 13,11 13,53 13,53 7,45 7,70 7,665 9,92 10,41 10,41 1,155 1,183 19,26 19,75 19,65 10,22 10,56 10,52 6,18 6,375 6,37 6,68 6,625 6,50 4,54 4,7425 4,825 4,95 4,95

0,2039 11,62 5,295 0,5845 12,18 8,01 2,79 16,85 1,28

+0,00 -0,17 +3,82 -1,18 -2,72 -3,61 -3,12 -2,15 -3,76

16.16.58 17.30.30 16.30.33 16.02.53 17.30.08 17.30.45 17.30.13 16.12.35 16.30.22

0,19 0,2039 0,2037 11,41 11,68 11,55 5,10 5,295 0,57 0,5845 12,07 12,69 12,43 8,00 8,275 8,25 2,7325 2,89 2,89 16,80 16,96 1,28 1,341 1,33

Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei

0,72 6,88 28,11 2,2075 0,5515 1,86 16,91 5,17 3,00 1,922 3,35 10,01

-2,37 -1,01 -3,96 -2,86 -1,96 +5,09 -1,97 +0,78 -0,66 -1,44 -4,29 -1,57

16.30.30 14.53.08 11.33.17 17.30.16 17.30.39 17.30.57 17.30.00 17.30.42 16.30.06 17.30.34 17.30.12 15.06.00

0,704 0,755 0,73 6,85 6,90 6,85 28,11 28,11 2,19 2,23 0,538 0,5625 0,5625 1,74 1,86 16,77 17,10 16,93 5,055 5,195 5,115 2,9175 3,0575 2,9175 1,88 1,951 1,951 3,30 3,545 3,545 10,01 10,03

3,24 0,62 0,191 0,998 1,549 0,704 0,5965 1,008 1,083

1,839 6,28 1,112 7,025 16,50 8,53 40,13 2,7575 1,35 9,255 23,75 5,54 15,00 1,04 1,257 0,7485 1,874 4,15 1,419 17,03 10,05 0,7215 6,80 0,15 0,4315

Prezzo ultimo contr. Var %

4,0275 1,504 1,00 12,94 1,38 0,95 2,215 0,8965 2,315 7,755

-0,56 -2,08 -1,28 -0,46 -4,70 -4,86 -0,22 -3,60 -2,11

Ora

16.30.37 17.30.09 15.46.28 17.30.00 17.30.05 14.55.54 16.30.15 16.30.18 17.30.21

-2,45 17.30.27

8,88 0,302 0,6195 3,84 2,8075 2,1575 0,0754 1,668 1,229 3,74

+0,11 -0,33 -1,20 -4,00 -2,52 -2,71 +0,53 -0,06 -1,21 -1,38

17.24.54 16.30.58 16.19.06 17.30.29 17.30.40 17.30.14 16.30.06 11.06.16 17.30.05 17.30.15

4,1025 9,565 5,00 31,02 21,90 1,98 0,969 0,18 9,00 1,97 0,4745 0,87

-1,14 -2,30 -1,38 -4,52 -2,01 +0,41 +1,47 +1,01 -0,66 -1,50 -2,67 -3,33

17.09.07 17.30.41 17.30.09 17.30.33 17.30.51 16.18.48 17.30.42 16.30.08 17.30.19 16.30.13 16.30.39 14.40.49

2,19 2,85 14,34 16,34

-2,12 +0,35 +1,41 -2,21

17.30.23 17.30.05 17.30.38 17.30.46

Min

Max

Apertura

4,00 4,0825 4,05 1,504 1,536 1,53 1,00 1,018 12,85 13,10 12,90 1,38 1,465 1,465 0,94 0,9655 2,14 2,22 2,175 0,8915 0,9095 0,9095 2,265 2,375 2,335 7,50 8,515 0,301 0,60 3,775 2,78 2,155 0,0681 1,65 1,20 3,73

7,89

7,83

8,90 0,3085 0,301 0,6195 3,985 2,8575 2,85 2,2075 2,1925 0,0795 0,0724 1,668 1,242 1,242 3,785

4,08 4,20 9,44 9,755 9,745 4,965 5,085 30,31 32,37 32,28 21,15 22,20 22,20 1,96 1,998 1,984 0,92 0,969 0,96 0,17 0,1807 0,1795 8,89 9,07 9,07 1,96 2,045 2,0125 0,467 0,4745 0,47 0,841 0,87 2,125 2,2525 2,7775 2,90 14,11 14,51 16,17 16,67

14,13 16,67

2,82 0,1463 1,60

-0,18 17.30.07 2,7525 2,875 2,84 -0,68 16.24.50 0,1463 0,1499 0,1465 -3,67 13.16.30 1,60 1,60

5,90 3,10 4,3875 8,43 4,1075 2,1825 0,626 15,50 2,185 2,2975 5,39 3,35 1,80 3,1375 0,165 7,35 0,411 0,1453 0,258 1,625 105,34 5,20 2,49 3,5075

+0,86 -3,05 -0,68 -2,88 -2,67 -0,79 -4,43 +3,47 -0,68 -1,82 +0,00 -3,32 +2,04 -0,55 -2,54 +0,55 -4,42 -3,07 +3,20 -1,99 -2,12 -2,26 +1,53 +9,61

5,92 5,895 3,1025 4,4175 4,3775 8,655 8,63 4,22 4,17 2,1825 2,1475 0,6555 15,50 2,19 2,2225 2,33 5,395 3,405 3,405 1,80 1,749 3,145 3,10 0,165 0,1611 7,65 7,405 0,4195 0,406 0,1499 0,258 1,699 105,34 5,41 2,5075 3,515 3,49

17.30.07 15.54.51 17.30.58 17.30.31 17.30.32 16.30.53 16.30.58 16.30.19 17.30.31 16.27.41 14.25.55 16.17.07 16.30.12 17.30.26 16.03.05 16.50.38 16.30.30 16.09.30 16.30.54 16.30.41 12.38.56 17.30.04 17.30.04 17.30.28

5,83 3,00 4,3525 8,42 4,10 2,1475 0,626 15,50 2,17 2,25 5,39 3,30 1,658 3,06 0,1603 7,35 0,406 0,1451 0,242 1,62 105,34 5,20 2,4025 3,14

8,655

-1,03 17.18.14

8,55

8,69

0,519

-2,07 16.30.37 0,511

0,526

2,09 1,868 13,03 17,00 1,80 4,85 3,1625 1,146 0,3795 0,4025 0,524 12,31 0,43 0,863 77,83 1,067 1,099 0,935 9,20 11,79 0,4415 1,064

+0,60 +1,19 -0,15 -1,73 -2,17 -2,90 +0,72 -1,21 -1,94 +1,13 -4,38 +1,40 -2,60 -4,75 +3,77 -1,29 +0,37 -3,56 -1,39 -2,16 -11,70 +0,00

17.30.03 17.30.22 16.30.09 14.53.11 16.30.08 16.30.16 16.30.04 16.30.57 17.30.26 16.46.20 17.30.55 12.53.46 16.22.00 17.30.00 12.08.49 16.22.19 16.30.41 15.39.53 17.30.37 17.30.32 16.30.15 11.00.57

2,005 1,828 12,93 17,00 1,78 4,85 3,05 1,12 0,3735 0,397 0,523 11,90 0,4215 0,8615 77,83 1,022 1,08 0,935 9,00 11,62 0,425 1,064

0,526

2,14 2,095 1,876 1,839 13,03 12,93 17,00 1,819 1,815 5,00 5,00 3,1625 3,05 1,16 0,385 0,3845 0,4025 0,544 0,5365 12,33 0,4445 0,4215 0,8995 77,83 1,081 1,023 1,119 1,09 0,968 9,25 12,00 11,91 0,49 0,429 1,064 1,064


il Domani Mercoledì 4 Novembre 2009 25

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia

Prezzo ultimo contr. Var %

1,202 0,74 2,32 2,48 5,26 30,40 0,255 15,50 0,4755 0,1005 0,444 1,449 59,00 0,352 15,16 0,4895 6,995 5,795 0,5225 20,30 49,26 2,1675 10,31 5,00 0,668 0,1899 1,10 5,74 6,07 91,10 60,84 3,08 3,2525 0,1325

-1,88 -1,33 -0,21 +0,00 -0,19 -0,36 +2,16 -1,65 -7,67 +0,50 -6,13 +2,04 -1,16 -4,61 -0,07 -0,81 -0,50 -0,09 +0,48 +0,40

Ora

Min

17.30.14 16.44.48 17.30.22 14.08.00 17.30.49 15.56.23 17.30.33 17.30.18 16.30.50 16.30.27 16.30.53 15.16.18 16.38.40 16.30.55 17.30.48 16.24.57 17.30.12 17.21.45 16.30.23 17.30.50

1,185 0,73 2,24 2,48 5,14 29,99 0,2424 15,50 0,4755 0,1003 0,44 1,36 59,00 0,3505 14,91 0,468 6,845 5,695 0,507 20,05

-0,98 17.07.40 48,32 -3,45 +0,78 -3,66 -1,18 -2,26 -12,00 +0,00 +1,25 -0,33 -1,41 -0,56 -0,31 -5,36

17.30.51 14.21.18 16.30.31 16.30.28 17.30.48 17.30.07 17.30.07 17.30.51 17.04.05 16.12.54 16.30.17 17.30.26 16.20.23

Max

Apertura

1,232 1,22 0,741 2,345 2,2975 2,48 2,48 5,315 5,30 30,40 0,255 15,87 15,56 0,5075 0,5075 0,1055 0,1025 0,479 0,473 1,449 1,40 59,49 0,365 0,365 15,26 15,10 0,4955 7,395 5,945 0,5255 0,517 20,70 20,55 49,26

2,1625 2,235 2,22 9,915 10,31 10,23 4,9025 5,15 5,12 0,65 0,67 0,659 0,1871 0,194 0,194 1,10 1,10 5,575 5,74 5,90 6,07 91,06 91,48 91,48 60,00 60,99 3,00 3,1075 3,08 3,24 3,285 3,2525 0,1321 0,1374 0,1345

AZIONI

Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Telecom It Media R Telecom It-10 Cv1,5% Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

90,25 0,1455 44,15

+0,28 12.06.08 90,25 92,00 -2,68 16.30.36 0,1411 0,1465 0,1451 -3,77 16.48.54 42,85 44,35

1,47 4,00 74,70 1,27 0,3665

+0,00 -0,99 +0,57 +0,32 -4,68

17.30.09 1,44 1,528 16.13.56 3,92 4,00 16.23.42 74,00 74,90 16.30.44 1,21 1,277 16.17.19 0,353 0,3775

5,44 1,324 13,90 0,1193 118,20 1,085 0,116 0,7535 18,80 12,89 2,675 1,569 0,1757 46,21 1,262 41,21 11,26

-1,18 -0,67 -1,07 -0,50 -0,02 -2,78 -2,19 -3,46 -1,88 +2,87 -0,28 -0,06 -3,46 -1,47 +0,08 -0,05 -1,40

17.30.33 16.30.05 11.00.07 16.30.29 17.23.14 17.30.46 16.30.11 17.30.40 12.26.58 17.30.55 17.30.36 16.30.39 17.30.29 17.30.08 15.07.54 17.23.35 16.30.52

5,36 1,301 13,90 0,1131 118,05 1,085 0,115 0,7525 18,80 12,26 2,67 1,472 0,1722 45,51 1,261 40,50 11,00

7,95 9,715 110,36 0,952 2,2675 2,74

+2,58 -0,87 +0,04 -1,60 -2,47 -2,58

17.30.35 17.30.08 16.55.18 17.30.15 17.30.18 16.41.12

7,54 7,95 9,585 9,765 9,71 110,20 110,74 0,937 0,967 0,967 2,2375 2,31 2,29 2,70 2,89 2,8025

0,969

5,465 1,325 13,90 0,1199 118,25 1,113 0,1214 0,7785 18,80 13,03 2,6925 1,569 0,1865 46,79 1,27 41,21 11,35

-2,27 17.30.47 0,962 0,9875

1,489 4,00 74,00 1,238 5,43 1,31 13,90 0,1131 118,05 1,102 0,1214 0,7755 12,47 2,685 0,18 46,34 1,27 11,10

0,973

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Ubi 09-11 Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Max

Apertura

0,6315 4,22

-2,92 17.30.06 0,6265 +2,18 12.27.13 4,22

Ora

Min

0,649 4,22

0,647

1,517 4,9675 3,85

+0,00 11.00.00 1,517 +0,10 16.30.03 4,80 +1,05 17.11.31 3,78

1,517 4,995 3,865

18,54 9,59 0,0679 0,091 5,00 0,1303 0,1993

-0,32 +8,85 -4,50 -3,50 -5,66 -4,40 -0,60

17.10.03 16.27.03 16.30.12 17.09.34 17.19.05 14.41.26 15.44.53

18,52 18,70 9,00 9,80 9,80 0,0646 0,0699 0,0692 0,0892 0,094 0,0899 4,83 5,25 5,25 0,1295 0,1305 0,19 0,20 0,1993

0,0378 0,0132 0,116 0,0313

-5,02 -7,69 -0,85 -9,01

16.30.47 15.15.25 16.30.15 13.55.49

0,036 0,0398 0,036 0,0132 0,0132 0,0132 0,0975 0,116 0,0975 0,0311 0,0314 0,0311

0,10 0,8765 0,28 0,145 0,0071 0,0654 0,1734 3,90 0,421 1,07

+0,00 +0,40 -15,15 -2,36 -8,97 +0,62 -6,12 +0,39 -4,86 -4,12

16.30.02 17.30.35 15.32.53 16.30.04 16.19.06 17.24.36 16.30.56 17.12.01 16.30.04 16.30.15

0,10 0,10 0,85 0,877 0,27 0,28 0,28 0,1337 0,1484 0,145 0,007 0,0077 0,0071 0,062 0,066 0,0659 0,1734 0,195 0,1859 3,84 3,94 0,42 0,4305 0,4305 1,07 1,083

3,80

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Az. Italia Cl. L Allianz Az. Italia Cl. T Allianz Azioni Italia All Stars Arca Azioni Italia Bim Az. Italia Bim Az. Small Cap Italia Bipiemme Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Az. Italia Carige Az. Italia Cl. A Carige Az. Italia Cl. B Carismi Dynamic Italia Cl. A Carismi Dynamic Italia Cl. B Ducato Geo Italia Cl. A Ducato Geo Italia Cl. Y Eurizon Azioni Italia 130/30 Eurizon Azioni Pmi Italia Eurizon Focus Azioni Italia Eurom. Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel Pmi Fondit. Eq. Italy Cl. R Fondit. Eq. Italy Cl. T Gestielle Italia Cl. A Gestielle Italia Cl. B Gestnord Azioni Italia Imi Italy Interf. Eq. Italy Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam Partners Az. Italia Optima Az. Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Az. Crescita Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia C.To Az. Italia Symphonia C.To Az. Italia Small Cap Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pramerica Azioni Italia Vegagest Az. Italia Cl. A Vegagest Az. Italia Cl. B Zenit Azionario Cl. I Zenit Azionario Cl. R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Bancoposta Az. Euro Bipiemme Euroland Caam Azioni Qeuro Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. A Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. Y Epsilon Qeq. Eurizon Azioni Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Azioni Euro Fondo Alto Az. Intra Az. Area Euro Leonardo Euro Symphonia C.To Az. Euro Ubi Pramerica Azionario Etico Ubi Pramerica Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro Cl. A Vegagest Az. Area Euro Cl. B Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. I Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa

-2,06 -1,42 -2,19 -2,18 -1,37 -2,44 -2,08 -1,09 -2,33 -2,57 -1,90 -2,33 -2,29 -2,29 -2,32 -2,29 -2,26 -2,25 -2,40 -1,68 -2,39 -2,30 -2,50 -1,96 -2,41 -2,41 -2,37 -2,40 -2,51 -2,40 -2,33 -1,76 -2,39 -1,74 -2,43 -1,63 -2,59 -2,43 +0,00 -2,31 -1,15 -2,21 -1,16 -2,43 -2,27 -2,17 -1,64 -1,66

14,261 6,171 20,203 19,893 4,111 19,162 7,047 7,088 15,156 16,994 5,175 4,659 5,241 5,288 3,627 3,327 13,293 13,612 16,542 4,624 11,764 19,498 18,602 14,642 10,832 10,899 12,70 12,946 10,155 21,413 8,429 8,826 16,284 4,57 5,417 5,494 12,825 17,201 5,00 11,093 3,688 6,074 5,772 4,825 6,24 6,304 9,30 9,209

-1,89

5,042

-2,79 -1,06 -1,91 -2,08 -2,05 -2,34 -2,32 -2,08 -2,60 -2,26 -1,58 -2,17 -1,86 -1,94 -2,24 -1,87 -2,22 -2,51 -1,06 -1,06

4,247 3,934 4,111 4,188 11,824 5,924 6,065 4,23 24,958 13,024 14,181 5,496 5,129 5,45 4,712 5,241 7,003 7,107 4,672 4,648

VARIAZ. QUOT.

VARIAZ. QUOT.

-2,75 -1,77 14,48 Fondit. Euro Cycl. Cl. T Allianz Az. Europa Cl. L -1,77 Allianz Az. Europa Cl. T -1,82 14,282 Fondit. Euro Defen. Cl. R -1,77 Allianz Multieuropa +0,46 6,711 Fondit. Euro Defen. Cl. T -2,16 Anima Europa -1,48 3,728 Fondit. Euro Tmt Cl. R -2,15 Arca Azioni Europa -1,79 8,682 Fondit. Euro Tmt Cl. T -1,80 -1,34 9,372 Fondit. U.S. Tmt Cl. R Bim Az. Europa -1,74 Bipiemme Europa -1,91 11,799 Fondit. U.S. Tmt Cl. T -1,40 6,062 Interf. Inter. Securities New Economy -1,25 Bipiemme Iniziativa Europa -1,32 Bnl Azioni Europa Crescita -1,77 10,465 Optima Tecnologia -0,33 Bnl Azioni Europa Dividendo -2,08 2,736 Vegagest Mobiliare Re Cl. A -0,33 Bpvi Az. Europa -1,65 3,579 Vegagest Mobiliare Re Cl. B Caam Europe Eq. +1,01 3,907 AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI -1,16 -1,67 5,051 Ducato Etico Geo Cl. A Carige Az. Europa Cl. A -1,17 5,106 Ducato Etico Geo Cl. Y -2,43 Carige Az. Europa Cl. B Carismi Dynamic Europe Cl. A -1,52 4,144 Eurizon Azionario Internazionale Etico -1,55 Carismi Dynamic Europe Cl. B -1,61 3,91 Pioneer C.I.M. - Global Gold And Mining -2,09 Consultinvest Azione -1,80 8,078 BIL. AZIONARI +0,51 Ducato Geo Europa Cl. A -1,89 9,85 Aureo Primaclasse Crescita -0,70 -1,89 10,09 Bipiemme&Co - Comp. 70 Ducato Geo Europa Cl. Y +0,31 -1,07 17,167 Ducato Mix 50-100 Cl. A Ducato Geo Europa Pmi Cl. A +0,34 Ducato Geo Europa Pmi Cl. Y -1,06 17,568 Ducato Mix 50-100 Cl. Y +0,13 Epsilon Qvalue -1,73 4,822 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. A +0,16 Eurizon Azioni Europa Multimanager +0,56 5,169 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. Y -0,34 -1,21 7,10 Eurom. Dinamico Eurizon Azioni Pmi Europa -0,37 Eurizon Focus Azioni Europa -1,89 7,526 Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. A -0,39 Eurom. Europe Eq. F. -1,76 12,932 Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. B -1,14 Fms - Equity Europe +0,70 8,187 Imindustria Fondaco Eu Sri Eq. Beta -1,89 81,088 Ubi Pramerica Portafoglio Aggressivo -1,18 +0,14 -1,76 12,051 Ubi Pramerica Privilege 4 Fondersel Europa Fondit. Eq. Europe Cl. R -1,87 8,41 BIL. BILANCIATI -1,86 8,462 Abn Amro Master Bilanciato +0,80 Fondit. Eq. Europe Cl. T Gestielle Europa Cl. A -1,84 6,44 Allianz Multi50 +0,71 Gestielle Europa Cl. B -1,86 6,555 Arca Bb -0,82 Gestnord Azioni Europa -1,95 7,851 Arcacinquestelle Comp. C 50 -0,81 Imi Europe -1,79 16,859 Aureo Primaclasse Dinamico +0,53 Interf. Eq. Europe -1,97 5,385 Azimut Bilanciato -0,45 -1,62 4,68 Bancoposta Mix 2 -0,24 Investitori Europa Laurin Eurostock -1,66 3,504 Bim Bilanciato -0,89 Mc Fdf Europa Cl. A +0,58 6,106 Bipiemme Inter. -0,65 +0,55 3,469 Bipiemme&Co - Comp. 50 -0,58 Mc Fdf Europa Cl. B Mediolanum Amerigo Vespucci -0,97 5,282 Carige Bilanciato 50 Cl. A -1,08 -1,31 13,864 Carige Bilanciato 50 Cl. B -1,06 Mediolanum Europa 2000 Nextam Partners Az. Europa -1,16 4,592 Consultinvest Bilanciato -0,60 Optima Az. Europa -1,73 2,72 Ducato Mix 30-70 Cl. A +0,40 -1,76 13,625 Ducato Mix 30-70 Cl. Y +0,39 Pioneer Az. Europa Pioneer Az. Valore Europa A Dist. -1,72 6,23 Ducato Mm Equity 30-70 Cl. A +0,34 -1,85 36,946 Ducato Mm Equity 30-70 Cl. Y +0,36 Ras Lux Eq. Europe Sai Europa -1,52 9,574 Epsilon Dlongrun -1,61 -2,42 3,708 Eurizon Bilanciato Euro Multimanager +0,05 Soprarno Dj Euro Stoxx 50 Symphonia Multi S. Europa +0,56 5,004 Eurizon Soluzione 40 -0,48 Synergia Az. Europa -1,52 5,828 Eurizon Soluzione 60 -0,82 Talento Comp. Europa +1,26 111,783 Eurom. Bilanciato -1,11 5,178 Fideuram Performance -0,25 -1,78 Ubi Pramerica Az. Europa -2,04 5,486 Fondersel Unibanca Az. Europa +0,34 Vegagest Az. Europa Cl. A -1,67 4,309 Fondit. Core 1 Cl. R -0,14 -1,68 4,33 Fondit. Core 1 Cl. T Vegagest Az. Europa Cl. B -0,14 Fondit. Core 2 Cl. R -0,28 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME -0,28 Eurizon Azioni Energia E Materie Prime -1,95 8,139 Fondit. Core 2 Cl. T Fondit. Core 3 Cl. R -0,60 AZ. SALUTE -0,60 Eurizon Azioni Salute E Ambiente -0,51 12,871 Fondit. Core 3 Cl. T Fondo Alto Bilanciato -0,67 AZ. FINANZA -0,46 -1,99 16,383 Gestielle Global Asset 2 Eurizon Azioni Finanza -0,78 -2,44 6,029 Gestnord Bilanciato Euro Fondit. Euro Finan. Cl. R -0,88 Fondit. Euro Finan. Cl. T -2,45 6,05 Imi Capital Mc Fdf Bilanciato Cl. A +0,27 AZ. INFORMATICA +0,27 Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate -1,14 3,392 AZ. Mc Fdf Bilanciato Cl. B Mediolanum Elite 60 L +0,46 ALTRI SETTORI +0,39 Alpi Risorse Naturali -0,72 5,508 Mediolanum Elite 60 S -0,43 +1,12 8,042 Nextam Partners Bilanciato Ducato Immobiliare Cl. A -1,24 Ducato Immobiliare Cl. Y +1,13 8,242 Sai Bilanciato +0,07 Fms - Equity Gl. Resources +1,86 9,857 Sai M. L. Din. -1,02 9,574 Symphonia C.To Patrim. Globale -2,75 Fondit. Euro Cycl. Cl. R

9,641 10,778 10,853 5,167 5,188 2,352 2,368 28,62 2,321 3,954 3,954

2,648 2,706 5,138 7,554

3,533 3,96 3,547 3,593 3,713 3,76 31,233 4,31 4,345 11,584 4,85 4,867

17,078 4,526 29,721 4,292 3,798 23,177 5,783 21,294 11,286 4,652 5,683 5,76 4,809 4,029 4,083 4,106 4,155 5,927 33,715 5,83 22,469 25,959 10,84 43,356 10,016 10,066 9,488 9,538 9,266 9,327 15,012 11,702 14,509 29,204 5,888 4,382 4,777 9,152 5,816 3,265 4,156 4,926

VARIAZ. QUOT.

+0,48 5,266 Symphonia Multi S. Largo Synergia Bilanciato 50 -0,93 5,455 Ubi Pramerica Portafoglio Dinamico -0,69 5,16 Ubi Pramerica Privilege 3 +0,29 5,113 Val. Resp. Bilanciato -0,73 6,15 -0,56 5,331 Vegagest Sintesi Dinamico BIL. OBBLIGAZIONARI +0,34 9,225 Abn Amro Master Bilanciato Obbl. Allianz Multi20 +0,31 5,586 Arca Te - Titoli Esteri -0,13 15,44 Arcacinquestelle Comp. A/B 25 -0,33 5,167 Aureo Primaclasse Valore +0,46 4,828 7,433 +0,13 Azimut Scudo +0,18 5,433 Bancoposta Inv. Protetto 90 Bipiemme Mix -1,05 5,571 Bipiemme Pià Bilanciato 30 -0,65 4,868 Bipiemme Visconteo -0,63 32,966 Bipiemme&Co - Comp. 30 -0,18 4,98 -0,94 22,272 Bnl Protezione -1,07 8,36 Caam Qbalanced Carige Bilanciato 30 -0,63 5,066 Carismi Dynamic Mix 15 +0,13 3,955 Carismi Dynamic Mix 30 +0,05 3,948 +0,55 4,75 Ducato Mix 10-50 Cl. A Ducato Mix 10-50 Cl. Y +0,54 4,813 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. A +0,54 4,455 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. Y +0,54 4,491 Eurom. Moderato +0,32 6,336 -0,28 8,601 Gestielle Global Asset 1 Mediolanum Elite 30 L +0,10 4,964 +0,09 9,583 Mediolanum Elite 30 S Symphonia C.To Bilanciato Equilibrato Italia-0,81 5,375 Symphonia Multi S. Adagio +0,30 5,638 Synergia Bilanciato 30 -0,54 5,316 Ubi Pramerica Bilanciato Euro A Rischio Contr.-0,73 5,735 Ubi Pramerica Portafoglio Moderato -0,20 5,604 +0,06 5,378 Ubi Pramerica Privilege 1 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,19 5,30 Vegagest Sintesi Audace -0,41 5,299 OB. EURO GOVERNATIVI BT Abn Amro Master Monetario +0,04 10,143 +0,09 15,788 Allianz Monetario Arca Mm - Monetario +0,09 14,765 Bancoposta Monetario -0,02 6,173 +0,04 16,257 Bg Focus Monetario Bim Obbl. Bt +0,03 6,498 +0,00 12,087 Bipiemme Monetario Bipiemme Tesoreria Fondo Per Le Imprese+0,00 6,874 7,418 +0,07 Bnl Obbl. Euro Bt Bpvi Bt +0,03 6,282 Caam Breve Termine +0,11 7,452 Carige Monetario Euro Cl. A +0,05 11,521 +0,08 11,261 Carige Monetario Euro Cl. B +0,04 5,449 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. A Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. B +0,05 5,486 -0,02 4,995 Consultinvest Bt Cr Cento Monetario Plus +0,03 5,762 Credit Suisse Monetario Cl. B +0,00 7,74 Credit Suisse Monetario Cl. I +0,00 7,787 Ducato Fix Euro Bt Cl. A +0,03 6,291 Ducato Fix Euro Bt Cl. Y +0,03 6,33 +0,02 15,282 Eurizon Focus Obbl. Euro Bt +0,01 8,441 Eurom. Prudente Fideuram Security +0,00 9,554 Fondersel Reddito -0,01 14,16 Fondit. Euro Bond St Cl. R +0,14 7,827 Fondit. Euro Bond St Cl. T +0,14 7,853 Fondit. Euro Currency Cl. R +0,00 7,863 7,884 +0,00 Fondit. Euro Currency Cl. T Fondo Alto Monetario +0,01 7,064 Gestielle Bt Euro Cl. A +0,07 7,541 7,584 +0,07 Gestielle Bt Euro Cl. B

VARIAZ. QUOT.

+0,09 Gestielle Cedola Imi 2000 -0,01 Interf. Euro Currency +0,00 Intra Obbl. Euro Bt +0,04 Laurin Money +0,07 +0,03 Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente -0,01 +0,03 Nordfondo Obbl. Euro Bt Optima Reddito B.T. +0,09 Optima Riserva Euro +0,02 Passadore Monetario +0,01 Pioneer Monetario Euro +0,02 +0,02 Soprarno Pronti Termine Synergia Obbl. Euro Breve Termine +0,04 Teodorico Monetario +0,01 Ubi Pramerica Euro Bt +0,07 Unibanca Monetario +0,02 Val. Resp. Monetario +0,02 +0,05 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. A +0,07 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. B Zenit Monetario Cl. I +0,00 Zenit Monetario Cl. R +0,01 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM +0,19 Abn Amro Master Obbl. Euro M-Lt Allianz Reddito Euro Cl. L +0,35 Allianz Reddito Euro Cl. T +0,36 Anima Obbl. Euro +0,10 Arca Rr +0,32 +0,10 Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbl. Euro +0,33 +0,28 Bim Obbl. Euro Bipiemme Europe Bond +0,12 Bipiemme Pià Obbligazionario +0,04 Bnl Obbligazioni Euro M-L T +0,30 Bpvi Obbl. Euro +0,24 Carige Obbl. Euro Cl. A +0,28 +0,35 Carige Obbl. Euro Cl. B Carige Obbl. Euro Lt Cl. A +0,59 Carige Obbl. Euro Lt Cl. B +0,60 +0,29 Carismi Bond Euro Cl. A Carismi Bond Euro Cl. B +0,29 +0,16 Consultinvest Obbl. Consultinvest Obbl. Mt +0,10 Ducato Fix Euro Mt Cl. A +0,24 +0,22 Ducato Fix Euro Mt Cl. Y Epsilon Qincome +0,15 +0,25 Eurizon Focus Obbl. Euro Eurom. Reddito +0,24 +0,34 Fondaco Euro Gov Beta Fondersel Euro +0,18 Fondit. Euro Bond Lt Cl. R +0,70 Fondit. Euro Bond Lt Cl. T +0,71 +0,35 Fondit. Euro Bond Mt Cl. R +0,35 Fondit. Euro Bond Mt Cl. T Gestielle Lt Euro Cl. A +0,51 +0,51 Gestielle Lt Euro Cl. B Gestielle Mt Euro Cl. A +0,23 Gestielle Mt Euro Cl. B +0,23 Imi Rend +0,07 Interf. Euro Bond Lt +0,70 Interf. Euro Bond Mt +0,37 +0,07 Interf. Euro Bond St 1-3 +0,20 Interf. Euro Bond St 3-5 Intra Obbl. Euro +0,41 Italfortune Euro Bond +0,35 Leonardo Obbl. +0,07 Mediolanum Euromoney +0,20 Mediolanum Italmoney +0,17 +0,29 Nordfondo Obbl. Euro Mt Optima Obbl. Euro +0,26 Pioneer C.I.M. - Euro Fixed Income +0,43 +0,29 Ras Lux Bond Europe

6,58 16,897 6,676 5,604 6,912 6,045 13,76 8,992 6,672 5,279 7,129 13,093 5,156 5,034 7,465 6,681 5,736 5,828 5,825 5,854 7,495 7,464

5,803 31,962 31,363 7,037 8,906 15,731 6,789 6,752 7,32 5,369 6,675 6,641 10,587 10,671 5,452 5,526 5,511 5,562 5,13 5,057 7,606 7,681 7,377 13,969 15,252 118,295 7,959 7,148 7,192 10,779 10,826 8,089 8,153 14,941 15,051 9,415 8,071 8,108 6,908 11,362 5,856 8,49 7,526 6,409 6,541 17,229 6,923 14,875 56,141

VARIAZ. QUOT.

+0,26 12,756 Sai Eurobbligazionario Synergia Obbl. Euro Medio Termine +0,32 5,077 Ubi Pramerica Euro M-Lt +0,28 6,79 Unibanca Obbl. Euro +0,16 5,793 Vegagest Obbl. Euro Cl. A +0,31 6,426 +0,33 6,482 Vegagest Obbl. Euro Cl. B Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. A +0,53 6,211 +0,53 6,211 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. B Vgr Coro Obiettivo Reddito +0,43 5,607 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Bond Corporate +0,00 4,994 Arca Bond Corporate +0,28 6,833 +0,10 7,144 Bipiemme Corporate Bond +0,00 104,167 Caam Corporate 3 Anni Caam Corporate Giugno 2012 +0,00 5,181 Carige Corporate Euro Cl. A +0,21 6,325 Carige Corporate Euro Cl. B +0,20 6,365 Ducato Etico Fix Cl. A +0,31 5,234 +0,30 5,284 Ducato Etico Fix Cl. Y +0,30 6,336 Ducato Fix Imprese Cl. A Ducato Fix Imprese Cl. Y +0,30 6,397 Eurizon Focus Obbl. Euro Corporate +0,24 5,484 Eurizon Obbl. Euro Corporate Bt +0,08 7,415 +0,27 8,19 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. R Fondit. Euro Corporate Bond Cl. T +0,28 8,219 Interf. Euro Corporate Bond +0,27 4,867 Nordfondo Obbl. Euro Corporate +0,32 7,41 Pioneer Obbl. Euro Corporate Etico A Dist.+0,27 4,893 +0,31 6,409 Sai Obbl. Corporate Synergia Obbl. Corporate +0,21 5,283 +0,20 7,561 OB. Ubi Pramerica Euro Corporate EURO HIGH YIELD Ducato Fix High Yield Cl. A +0,00 7,291 Ducato Fix High Yield Cl. Y +0,00 7,396 Eurizon Focus Obbl. Euro High Yield +0,10 6,795 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. R +0,02 13,263 +0,02 13,302 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. T Interf. Bond Euro High Yield +0,04 7,305 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM +0,83 8,131 Arca Bond Dollari Azimut Reddito Usa -0,07 5,423 +0,82 5,631 Bnl Obbl. Dollaro M-L T Ducato Fix Dollaro Cl. A +0,80 6,923 Ducato Fix Dollaro Cl. Y +0,79 6,985 +0,91 7,621 Fondit. Bond Usa Cl. R Fondit. Bond Usa Cl. T +0,91 7,659 +0,95 8,22 Gestielle Bond Dollars Cl. A Gestielle Bond Dollars Cl. B +0,96 8,302 6,614 +0,90 Interf. Bond Usa Nordfondo Obbl. Dollari +0,80 12,843 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Abn Amro Master Obbl. Inter. +0,62 8,474 +0,89 14,726 Allianz Redd. Gl. Cl. L +0,89 14,463 Allianz Redd. Gl. Cl. T Alpi Obbl. Inter. +0,64 7,128 +0,02 5,676 Arca Anfiteatro Global Bond Arca Bond - Obbl. Estere +0,71 11,86 Aureo Obbligazioni Globale +0,34 7,951 Bim Obbl. Globale +0,25 5,538 Bipiemme Pianeta +0,63 8,964 Bpvi Obbl. Inter. +0,25 5,557 +0,35 5,426 Carige Obbl. Inter. Cl. A +0,37 5,495 Carige Obbl. Inter. Cl. B Carismi Bond Internaz. Cl. A +0,38 5,784 Carismi Bond Internaz. Cl. B +0,37 5,626 Ducato Fix Globale Cl. A +0,51 8,147 Ducato Fix Globale Cl. Y +0,49 8,211 Ducato Mm Global Bond Cl. A +0,32 4,993 5,016 +0,32 Ducato Mm Global Bond Cl. Y Eurizon Obbl. Internazionali +0,60 8,022 Eurom. Inter. Bond +0,06 8,195 +0,05 13,045 Fondersel Inter.


26 Mercoledì 4 Novembre 2009 il Domani

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fondo Alto Inter. Obbl. +0,69 5,849 Gestielle Obbl. Inter. Cl. A +0,73 6,087 +0,74 6,153 Gestielle Obbl. Inter. Cl. B Imi Bond +0,74 14,938 Mc Fdf Global Bond Cl. A +0,13 5,235 Mc Fdf Global Bond Cl. B +0,12 5,189 Mediolanum Intermoney +0,59 6,092 Optima Obbl. Euro Glob. +0,23 6,885 Sai Obbl. Inter. +0,29 7,604 +0,77 5,392 Ubi Pramerica Obbl. Globali Vegagest Obbl. Inter. Cl. A +0,37 5,442 Vegagest Obbl. Inter. Cl. B +0,37 5,493 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Corporate Breve Termine +0,04 5,111 Ubi Pramerica Obbl. Globali Corporate +0,39 6,512 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Mc Fdf High Yield Cl. A +0,50 6,783 Mc Fdf High Yield Cl. B +0,49 4,915 Ubi Pramerica Obbl. Globali Alto Rend. +0,09 8,01 OB. YEN Ducato Fix Yen Cl. A +1,15 4,505 Ducato Fix Yen Cl. Y +1,16 4,543 Fondit. Bond Japan Cl. R +1,21 8,673 Fondit. Bond Japan Cl. T +1,21 8,711 Interf. Bond Japan +1,20 5,215 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emerg. +0,13 12,759 Bipiemme Em. Markets Bond +0,42 5,787 Bnl Obbl. Emerg. +0,40 19,945 Ducato Fix Emerg. Cl. A +0,10 12,418 Ducato Fix Emerg. Cl. Y +0,11 12,619 Eurizon Focus Obbl. Emergenti +0,07 10,712 Eurom. Emerg. Mkts Bond +0,35 6,37 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. R +0,23 9,832 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. T +0,24 9,86 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. A +0,30 9,683 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. B +0,32 9,805 +0,24 10,135 Interf. Bond Global Emerg. Mkts Nordfondo Obbl. Paesi Emerg. +0,41 7,918 Optima Obbl. Emerg. Mkts +0,42 6,677 Pioneer Obbl. Paesi Emerg. A Dist. +0,25 8,897 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. A +0,07 6,811 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. B +0,09 6,878 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Anima Conv. -0,15 6,186 Azimut Trend Tassi +0,14 9,01 Caam Obbligazionario Euro +0,33 5,488 Ducato Fix Conv. Cl. A -0,27 8,527 -0,27 8,632 Ducato Fix Conv. Cl. Y +0,08 6,111 Eurizon Focus Obbl. Cedola Eurizon Obbligazionario Etico +0,28 5,44 +0,42 13,496 Fondit. Inflation Link. Cl. R Fondit. Inflation Link. Cl. T +0,43 13,549 Gestielle Obbl. Corporate Cl. A +0,16 6,832 Gestielle Obbl. Corporate Cl. B +0,16 6,905 Groupama Italia Bond Sel. Fund -0,16 5,713 Interf. Inflation Linked +0,45 13,314 Mediolanum Risparmio Reddito +0,20 11,057 +0,16 10,067 Mediolanum Vasco De Gama Nordfondo Obbl. Conv. -0,49 5,233 -0,46 5,781 Pioneer C.I.M. - Euro Conv. Bonds Pioneer Obbl. Euro A Dist. +0,39 6,503 +0,00 145,049 Ras Lux St Dollar Ras Lux St Europe +0,02 65,74 Symphonia C.To Obbl. Area Europa +0,28 9,217 +0,85 4,505 Ubi Pramerica Obbl. Dollari OB. MISTI +0,11 18,871 Anima Fondimpiego Arca Obbl. Europa +0,11 8,211 -0,04 5,199 Azimut Contofondo Azimut Solidity +0,08 7,831 Bancoposta Mix 1 +0,09 5,737 Bim Corporate Mix +0,19 5,388 Bipiemme Pià Bilanciato 15 -0,29 5,139 -0,08 9,569 Bipiemme Sforzesco Bnl Per Telethon +0,16 5,665 -0,20 5,367 Carige Bilanciato 10 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. A -0,28 5,405 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. B -0,22 5,50 Cr Cento Misto Best +0,10 5,792 Eurizon Diversificato Etico -0,06 7,768 Eurizon Rendita -0,37 5,966 Eurizon Soluzione 10 -0,19 6,865 -0,04 5,595 Fondo Alleanza Obbl. -0,46 8,706 Fondo Alto Obbl. -0,02 4,396 Fucino Dynamic -0,21 6,254 Gestielle Etico Per Ail Cl. A Gestielle Etico Per Ail Cl. B -0,22 6,288 Intesa Casse Del Centro Prot. Din. -0,32 5,616 Leonardo 80/20 -0,28 6,056 Nextam Partners Obbl. Misto +0,14 5,915 Nordfondo Etico Obbl. Misto Max 20% Az.+0,11 6,574 8,117 +0,40 Pioneer Obbl. Pià A Dist. -0,13 4,679 Sai M. L. Prud. Sai Performance +0,22 16,849 7,015 Symphonia C.To Patrim. Glob. Reddito -0,17 -0,19 5,187 Synergia Bilanciato 15 Total Return Obbl. -0,37 4,53 Ubi Pramerica Portafoglio Prudente -0,02 5,928 Val. Resp. Obbl. Misto -0,07 5,895 Vegagest Sintesi Moderato -0,28 5,351 Zenit Obbligazionario Cl. I +0,11 8,062 Zenit Obbligazionario Cl. R +0,12 8,035 OB. FLESSIBILI Arca Cedola Corporate Bond +0,23 5,264 Arca Cedola Corporate Bond Ii +0,00 4,998 Arca Cedola Governativo Euro Bond +0,17 5,163 Arca Cedola Governativo Euro Bond Ii -0,02 4,999 Aureo Cash Dynamic +0,08 5,218 Bg Focus Obbligazionario -0,19 6,674 Bipiemme Premium +0,03 6,489 Bipiemme Risparmio +0,08 7,791 Bnl Target Return Liquidità +0,05 9,907 Caam Liquidità +0,01 8,951

VARIAZ. QUOT.

Civ. Forum Iulii Strategia Cl. A +0,21 Civ. Forum Iulii Strategia Cl. B +0,20 -0,15 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,13 Consultinvest Reddito +0,00 Ducato Fix Rendita Cl. A +0,00 Ducato Fix Rendita Cl. Y -0,01 Eurom. Total Return Flex 2 +0,02 Ritorni Reali +0,05 +0,12 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. A Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. B +0,12 Ubi Pramerica Active Duration +0,21 Ubi Pramerica Total Ret. Prudente +0,11 Vegagest Obbl. Flessibile +0,00 Vgr Coro Obiettivo Rendimento -0,13 Volterra Total Return Obbl. -0,04 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,02 Allianz Liquidità Cl. A +0,00 Allianz Liquidità Cl. At +0,00 Allianz Liquidità Cl. B +0,00 Anima Liquidità +0,02 Arca Anfiteatro Tesoreria +0,02 Arca Bt - Breve Termine +0,01 Arca Bt - Tesoreria +0,00 Aureo Liquidità -0,02 Azimut Garanzia +0,02 Bnl Cash +0,01 Caam Eonia +0,00 Carige Liquidita' Euro Cl. B +0,08 Carige Liquidità Euro Cl. A +0,05 Carismi Liquidita' Cl. A +0,00 Carismi Liquidita' Cl. B +0,00 Ducato Fix Monetario Cl. A +0,01 Ducato Fix Monetario Cl. I +0,01 Ducato Fix Monetario Cl. Y +0,00 Epsilon Cash +0,03 +0,00 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. A Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. B +0,00 Eurizon Liquidità Cl. A -0,01 Eurizon Liquidità Cl. B -0,01 Eurom. Conservativo -0,01 Eurom. Contovivo +0,01 Fideuram Moneta -0,01 Fondaco Euro Cash +0,02 Fondo Liquidità +0,01 Gestielle Cash Euro Cl. A -0,01 Gestielle Cash Euro Cl. B -0,01 +0,00 Mediolanum Risparmio Monetario +0,02 Nextam Partners Liquidità Nordfondo Liquidità -0,02 +0,02 Optima Money Pensplan Invest Cash +0,00 Pioneer Liquidità Euro +0,00 Sai Liquidità +0,05 Symphonia C.To Monetario +0,01 Synergia Monetario +0,00 Synergia Tesoreria +0,00 +0,00 Ubi Pramerica Euro Cash Vegagest Monetario Cl. A +0,00 +0,00 Vegagest Monetario Cl. B Vgr Coro Tesoreria +0,00 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,39 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro ($) -0,05 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,14 -0,70 8a+ Latemar 8a+ Monviso +0,20 +0,00 Abis Flessibile Abn Amro Expert A-Rt100 -0,04 Abn Amro Expert A-Rt200 +0,39 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,19 Abn Amro Expert A-Rt50 -0,04 +0,07 Adb Globale Quantitativo Agora Selection +0,15 +0,10 Agora Valore Protetto Agoraflex +0,36 Alarico Re -1,13 Allianz F100 Cl. L -1,24 Allianz F100 Cl. T -1,27 Allianz F15 Cl. L +0,04 Allianz F15 Cl. T +0,02 -0,14 Allianz F30 Cl. L -0,16 Allianz F30 Cl. T -1,03 Allianz F70 Cl. L -1,03 Allianz F70 Cl. T Anima Fondattivo -0,69 Aqqua +0,00 Arca Anfiteatro Bond Plus +0,02 Arca Anfiteatro Conservative Flex +0,04 Arca Anfiteatro Corporate Absolute Return+0,00 +1,24 Arca Anfiteatro Total Return -0,06 Arca Capitale Gar. Dicembre 2013 Arca Capitale Gar. Giugno 2013 -0,02 +0,00 Arca Corporate Bt -0,10 Arca Rendimento Assol T3 Arca Rendimento Assol T5 -0,88 +0,00 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica -0,03 Aureo Flex Euro -1,43 Aureo Flex Italia -1,62 Aureo Flex Opportunity -0,38 Aureo Plus +0,07 +0,23 Aureo Primaclasse Flessibile Aureo Rendimento Assoluto -0,14 Azimut Strategic Trend -0,72 -1,22 Azimut Trend -1,25 Azimut Trend America Azimut Trend Europa -0,87 Azimut Trend Italia -2,09 Azimut Trend Pacific +1,23 -0,08 Bancoposta Centopiu' 2007 -0,23 Bancoposta Centopià

5,374 5,456 5,224 5,405 7,196 18,335 18,583 6,512 5,868 5,19 5,204 5,612 10,452 5,274 5,324 5,131

5,548 5,593 5,073 5,705 6,588 5,671 8,757 5,765 5,711 12,319 22,128 101,866 6,348 6,303 5,28 5,296 8,509 8,594 8,573 6,244 7,649 7,678 7,298 7,462 11,09 11,837 14,618 115,705 7,576 7,037 7,068 5,493 5,824 6,20 6,155 5,911 5,058 11,539 7,41 5,025 5,043 7,294 5,862 5,894 5,629 11,44 16,879

5,126 4,997 4,99 5,597 5,166 4,945 4,678 16,383 4,12 4,737 6,32 6,888 4,48 3,729 3,667 5,267 5,198 4,985 4,92 25,307 24,828 12,914 5,014 5,874 5,511 5,594 3,175 5,12 5,133 5,481 5,093 4,752 5,038 6,021 9,521 17,106 4,782 5,954 5,32 5,545 4,814 17,518 7,801 11,74 15,319 5,779 5,21 5,264

VARIAZ. QUOT.

Bancoposta Extra +0,02 Bg Focus Azionario -1,45 -0,38 Bim Flessibile Bipiemme Flessibile -0,66 Bipiemme Obiettivo Rendimento +0,02 Bnl Target Return Conservativo -0,02 Bnl Target Return Dinamico -0,32 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Asia +0,31 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Europa +0,06 +0,46 Bnp Pa. Equipe Attacco Bnp Pa. Equipe Centrocampo +0,43 Bnp Pa. Equipe Difesa +0,04 Caam Absolute +0,00 Caam Dynamic Allocation -0,60 Caam Equipe 1 +0,15 Caam Equipe 2 +0,14 Caam Equipe 3 +0,24 Caam Equipe 4 +0,17 Caam Eureka China Double Win +0,00 Caam Eureka Double Call +0,00 Caam Eureka Double Win +0,00 Caam Eureka Double Win 2013 +0,00 Caam Eureka Dragon +0,00 Caam Eureka Ripresa 2014 +0,00 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013+0,00 Caam Formula Gar. 2012 +0,00 Caam Formula Gar. 2013 +0,00 Caam Formula Gar. Due 2013 +0,00 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2013+0,00 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2014+0,00 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2013 +0,00 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2014 +0,00 Caam Formula Gar. Eq. Recall Due 2013 +0,00 Caam Formula Gar. High Diversification 2014 +0,00 Caam Formula Gar. Mercati Emerg. +0,00 Caam Formula Private Dividend Opp. +0,00 +0,13 Caam Pià Caam Premium Power +0,44 Caam Private Alfa +0,00 Caam Qreturn -1,43 Caam Strategia 95 -0,32 Carige Flessibile Cl. A +0,06 Carige Flessibile Cl. B +0,06 Carige Flessibile Piu' Cl. B +0,15 Carige Flessibile Pià Cl. A +0,15 Carismi Absolute Perf. Cl. A +0,44 Carismi Absolute Perf. Cl. B +0,45 +0,13 Carismi Pratico Cl. A +0,13 Carismi Pratico Cl. B Consultinvest Alto Dividendo -0,97 -0,88 Consultinvest Mercati Emergenti Consultinvest Multimanager Flex -1,12 Consultinvest Plus +0,00 Cr Cento Premium +0,03 Ducato Etico Flex Civita Cl .A -0,64 Ducato Etico Flex Civita Cl. Y -0,63 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. A -0,05 -0,05 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. Y Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. A -0,49 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. Y -0,49 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. A -0,66 -0,66 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. Y Ducato Mm Cash Premium Cl. A +0,51 Ducato Mm Cash Premium Cl. Y +0,52 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. A +0,60 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. Y +0,59 Ed. De Roth. Multigestion - Trend Global +0,25 Epsilon Qreturn -1,43 +0,10 Eurizon Focus Gar. Dicembre 2012 Eurizon Focus Gar. Giugno 2012 +0,04 Eurizon Focus Gar. I Sem. 2006 +0,02 Eurizon Focus Gar. I Trim. 2007 -0,04 Eurizon Focus Gar. Ii Sem. 2006 -0,04 +0,02 Eurizon Focus Gar. Ii Trim. 2007 Eurizon Focus Gar. Iii Trim. 2007 +0,04 +0,02 Eurizon Focus Gar. Iv Trim. 2007 Eurizon Focus Gar. Marzo 2013 +0,14 Eurizon Focus Gar. Settembre 2012 +0,06 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,23 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,31 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,02 Eurizon Focus Rend. Ass. 2 Anni +0,00 +0,02 Eurizon Focus Rend. Ass. 3 Anni -0,37 Eurizon Focus Rend. Ass. 5 Anni -0,16 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,03 Eurizon Team 1 Cl. A Eurizon Team 1 Cl. G +0,03 Eurizon Team 2 Cl. A +0,04 Eurizon Team 2 Cl. G +0,04 Eurizon Team 3 Cl. A +0,22 +0,20 Eurizon Team 3 Cl. G +0,40 Eurizon Team 4 Cl. A +0,40 Eurizon Team 4 Cl. G Eurizon Team 5 Cl. A -0,08 -0,08 Eurizon Team 5 Cl. G -0,44 Eurom. Flex Dividend Eurom. Real Assets +0,34 +1,34 Eurom. Strategic Eurom. Total Return Flex 3 +0,22 Eurom. Total Return Flex 4 +0,19 Federico Re +0,04 Fms - Absolute Return +0,27 Fondaco Absolute Return +0,00 +0,00 Fondersel Duemila Fondit. Flexible Dynamic Cl. R -2,02 Fondit. Flexible Dynamic Cl. T -1,94 -0,39 Fondit. Flexible Growth Cl. R -0,43 Fondit. Flexible Growth Cl. T Fondit. Flexible Income Cl. R -0,07 Fondit. Flexible Income Cl. T -0,07 Fondit. Flexible Multimanager Cl. R +0,31 Fondit. Flexible Multimanager Cl. T +0,31 -0,14 Fondit. Flexible Opportunity Cl. R

5,179 22,322 3,89 2,692 5,70 4,949 12,261 5,448 5,05 4,376 4,721 5,398 5,173 5,101 5,204 5,127 5,025 4,602 4,972 5,338 5,521 4,976 5,738 5,065 4,453 4,502 4,997 4,875 4,863 4,967 4,968 4,872 5,179 4,90 4,789 5,638 4,954 5,556 5,054 4,754 5,457 4,969 5,152 5,134 4,549 4,524 4,848 4,92 6,145 6,186 3,069 4,751 4,607 5,126 3,801 4,166 4,247 2,162 2,17 13,063 13,093 4,636 4,667 4,735 4,791 4,179 4,246 4,78 6,187 5,074 5,097 5,238 5,14 5,231 5,098 5,076 5,153 5,111 5,071 4,895 5,142 5,409 5,207 5,451 4,866 8,011 5,961 5,961 5,564 5,564 4,578 4,585 3,763 3,771 3,556 3,564 13,039 4,083 3,107 4,531 6,792 5,153 9,219 92,521 92,745 6,107 6,114 8,786 8,822 8,49 8,511 9,507 9,559 7,809

VARIAZ. QUOT.

Fondit. Flexible Opportunity Cl. T -0,14 7,834 Bcc Vita Equity Europa Formula 1 Balanced -0,31 6,481 Bcc Vita World Global Bond -0,25 6,488 BNL VITA S.P.A. Formula 1 Conserv. Formula 1 High Risk -0,56 6,795 Bnl Vita Capital Unit 30 Formula 1 Low Risk -0,22 6,685 Bnl Vita Capital Unit 60 Formula 1 Risk -0,72 6,498 Bnl Vita Capital Unit 90 Gestielle Global Asset Plus -0,51 5,246 B.P.V. VITA S.P.A. Gestielle Harmonia Dinamico +0,04 5,221 Aletti Linked Difensivo 15 Gestielle Harmonia Moderato +0,04 5,202 Aletti Linked Fondi Azionario +0,10 5,249 Aletti Linked Moderato 40 Gestielle Harmonia Vivace Gestielle Total Return +0,01 14,03 Bpv Vita - Bilanciato Gestnord Asset Allocation -1,12 4,609 Bpv Vita - Dinamico Igm Fdf Flessibile Cl. A +0,13 3,994 Bpv Vita - Prudente Igm Fdf Flessibile Cl. B +0,15 4,023 Creberg Sim Life Brillante Interf. System 100 +0,09 9,319 Creberg Sim Life Moderato Interf. System 40 -0,26 11,017 Multicrescita Bilanciato Interf. System Flex +0,25 10,307 Multicrescita Conservativo Intra Assoluto +0,45 5,775 Multicrescita Dinamico Intra Flessibile +0,11 6,113 Multicrescita Global Equities Investitori Flessibile -0,03 6,333 Multicrescita Sicura Settembre Kairos Partners -0,45 5,548 Risposta Dinamica Plus Kairos Partners Income +0,00 6,686 Risposta Pronta Dinamica Kairos Partners Small Cap -0,93 9,171 Risposta Pronta Monetaria Mc Fdf Flex High Volatility Cl. A -0,38 4,152 Risposta Pronta Prudente Mc Fdf Flex High Volatility Cl. B -0,39 3,537 Risposta Pronta Vivace Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. A +0,04 5,204 Risposta Prudente Plus Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. B +0,04 5,195 Risposta Sicura Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. A +0,20 5,437 Risposta Vivace Plus Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. B +0,19 3,611 Scegliere Conservativo Nextam Partners Flessibile -0,49 4,636 Scegliere Dinamico Obiettivo Nordest Sicav +1,71 4,17 Scegliere Prudente Open Fund Ritorno Assoluto Var 2 -0,46 4,525 Scegliere Vivace Open Fund Ritorno Assoluto Var 4 -0,90 3,756 Spazio Protetto Maggio 2004 Paritalia Orchestra -0,52 72,493 CARDIF Assicurazioni S.P.A. Pioneer Target Controllo +0,08 5,288 Azionario Rimini 2 Pioneer Target Equilibrio +0,06 5,201 Bds Valore Azionario Pioneer Target Sviluppo +0,03 22,034 Bds Valore Bilanciato +0,19 5,685 Bds Valore Obbligazionario Profilo Best Funds Profilo Elite Flessibile +0,17 5,357 Cardif Azionario Cl. A Sofia Flex +0,00 0,682 Cardif Azionario Cl. B Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. A +0,42 5,051 Cardif Bilanciato Cl. A Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. B -0,08 5,092 Cardif Bilanciato Cl. B Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. A +0,43 5,096 Cardif Obbligazionario Cl. A Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. B +0,43 5,099 Cardif Obbligazionario Cl. B Soprarno Contrarian Cl. A -0,98 3,523 Flexible Profilo Cl. A Soprarno Contrarian Cl. B +0,64 3,145 Obbligazionario Misto Rimini 2 Soprarno Global Macro Cl. A +0,36 4,754 Pargest Globale 60 Cl. A Soprarno Global Macro Cl. B +0,38 4,796 Spazio Effervescente +0,47 5,391 Spazio Naturale Soprarno Inflazione +1,5% Cl. A +0,45 5,413 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Soprarno Inflazione +1,5% Cl. B Soprarno Relative Value Cl. A +0,36 5,289 Duomo Unit Dynamic +0,36 5,331 Duomo Unit Moderate Soprarno Relative Value Cl. B Symphonia C.To Asia Flessibile +0,04 5,483 GENERTELLIFE S.P.A. Symphonia C.To Bond Flessibile +0,20 5,02 Adria Equilibrio Symphonia C.To Fortissimo -1,86 2,433 Aptus I Symphonia C.To Italia Flessibile -0,59 5,072 Aptus Ii Synergia Total Return +0,02 5,219 Aptus Iii Total Return -2,14 2,701 Bg 2005- 2015 -0,47 4,701 Bg 2005- 2020 Ubi Pramerica Active Beta Ubi Pramerica Alpha Equity +0,48 5,075 Bg 2005- 2025 -0,22 4,941 Bg 2005- 2030 Ubi Pramerica Total Ret. Dinamico Unibanca Plus +0,29 5,203 Bg Azionario I +0,47 7,411 Bg Azionario Ii Vegagest Flessibile Vegagest Mb Absolut -0,09 3,281 Bg Bilanciato I Vegagest Mb Strategic -0,09 3,23 Bg Bilanciato Ii +0,09 5,305 Bg Dinamico Vegagest Rendimento Volterra Dinamico +0,04 5,181 Espansione +0,00 5,478 Espansione 2000 Volterra Total Return Globale Zenit Absolute Return Cl. I +0,22 5,56 Sviluppo +0,20 5,509 Sviluppo 2000 Zenit Absolute Return Cl. R Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Tirreno Unit Equilibrio Zenit Zerocento Fdf -0,59 4,549 Tirreno Unit Protezione Tirreno Unit Sviluppo ASSICURATIVI Valore Allianz Ras S.P.A. +0,14 10,733 INA VITA Allianz Conservativo Allianz Conservativo Gold +0,14 107,603 Fondo Ina Valore Attivo -3,00 9,293 Fondo Valute Estere Allianz Flessibile Allianz Flessibile Gold -2,98 93,479 Nuovo Fondo Ina Allianz Monetario +0,01 10,271 INTESA VITA S.P.A. Allianz Rifugio +0,09 10,578 Accumulazione Allianz Sviluppo -1,94 9,961 Crescita Ras America +1,20 2,945 Dinamica Ras Azionario Europa +1,74 4,161 Eurounit Azionario +1,26 3,304 Eurounit Dinamico Ras Azionario Globale +0,79 5,721 Eurounit Equilibrato Ras Bilanciato Europa +0,51 4,946 Eurounit Prudente Ras Bilanciato Globale -0,44 3,599 Gpa Accordo Ras Commodity Ras Equilibrato +0,53 4,323 Gpa Accordo 2 Ras Europa +1,16 3,932 Gpa Acuto Ras Formula Dinamica -0,03 5,813 Gpa Acuto 2 Ras Gestione Attiva -0,05 5,479 Gpa Armonia 4,157 Gpa Armonia 2 +0,75 Ras Globale +0,44 5,045 Gpa Motivo Ras Obbligazionario -0,19 7,748 Gpa Motivo 2 Ras Obbligazionario Europa Ras Obbligazionario Plus Europa +0,34 6,828 Gpa Private Bond -0,07 5,92 Gpa Private Global Guaranteed Ras Obbligazionario Protetto -0,30 4,69 Gpa Private Global High Ras Oriente Ras Quota Attiva -0,15 5,32 Gpa Private Global Low +0,00 5,257 Gpa Private Global Medium Ras Quota Protetta Ras Technology & Research -0,27 2,239 Intesa Vita Azionario America Growth Intesa Vita Azionario America Value AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Meieaurora Balanced -0,85 9,463 Intesa Vita Azionario Cina Meieaurora Bond -0,58 8,564 Intesa Vita Azionario Europa Growth Meieaurora Unit Share -1,06 8,365 Intesa Vita Azionario Europa Value -1,09 9,837 Intesa Vita Monetario Dollaro New Balanced New Bond -0,21 9,767 Intesa Vita Monetario Euro New Share -1,57 10,205 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,11 10,514 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Unietic -0,68 10,987 Az. Dinamismo Winvest Linea Bilanciata Winvest Linea Dinamica -0,87 9,463 Az. Dinamismo Bis Winvest Linea Prudente -0,51 12,167 Az. Fedeltà BCC VITA S.P.A. Comp. Assic. Vita Az. Intraprendenza +0,05 3,934 Az. Intraprendenza Bis Bcc Vita Equity America -0,02 4,597 Az. Protezione Bcc Vita Equity Asia

VARIAZ. QUOT.

-2,03 +0,08

-0,77 -1,41 -2,13

-0,12 +0,00 +0,00 -0,95 -1,74 -0,46 -1,59 -0,44 -0,64 -0,05 -0,97 -1,65 +0,06 -0,18 -0,01 +0,02 +0,10 -0,09 +0,01 -0,01 -0,34 -0,02 -0,93 -0,30 -1,44 +0,00 -0,92 -0,87 -0,49 -0,22 -0,99 -0,88 -0,58 -0,52 -0,08 -0,07 -0,93 -0,05 -0,70 -0,88 -0,07 -1,95 -0,08

-0,22 -0,30 -0,97 -1,40 +0,14 +0,24 +0,10 -0,15 -1,36 -1,23 -0,64 -0,21 -0,92 -1,18 -0,89 -0,56 -0,65 -0,41 -0,21 -0,56 +0,11

+0,05 +0,56 +0,16

-0,39 -0,24 -0,54 -1,31 -0,59 -0,22 +0,10 -0,13 -0,13 +0,02 +0,03 -0,16 -0,16 -0,10 -0,10 +0,02 +0,14 +0,64 +0,14 +0,25 -2,09 -1,98 -0,55 -3,28 -3,06 +0,30 -0,01 +0,15

+1,00 +1,06 +0,00 +1,10 +1,06 +0,16

VARIAZ. QUOT.

+0,53 4,402 4,493 Balanced 5,215 Balanced Bis +0,49 4,478 Country +1,15 3,09 9,91 Country Bis +1,12 3,615 7,769 Dinamic +0,79 3,806 5,737 Dynamic Bis +0,72 4,182 Eurobond Breve Termine -0,06 6,732 9,618 Eurobond Opportunità -0,09 6,642 6,612 Eurobond Sviluppo -0,11 6,656 11,275 Euroequity Opportunità +1,11 3,836 9,081 Euroequity Protezione +0,14 6,366 7,531 Euroequity Sviluppo +1,05 4,135 9,901 Moderate +0,25 4,908 7,263 Moderate Bis +0,25 4,905 8,566 Obbligazionario Breve Termine Bis -0,07 5,525 9,67 Obbligazionario Crescita -0,09 6,529 11,16 Obbligazionario Crescita Bis -0,11 5,249 8,433 Obbligazionario Evoluzione Bis +0,16 5,145 6,657 Obbligazionario Liquidità -0,06 6,644 10,888 Obbligazionario Moderazione -0,12 6,558 11,26 -0,15 5,411 9,829 Obbligazionario Moderazione Bis +1,03 3,421 10,808 Opportunity +1,02 3,751 11,372 Opportunity Bis -0,06 6,19 7,725 Prudent -0,05 5,493 11,054 Prudent Bis +1,16 3,045 10,453 Sector +1,17 3,789 11,147 Sector Bis 5,248 MILANO ASSICURAZIONI +0,37 2,725 4,778 Previlink Azionario +0,17 4,087 5,314 Previlink Bilanciato +0,00 6,174 4,179 Previlink Monetario +0,20 5,471 9,855 Previlink Obbligazionario POPOLARE VITA S.P.A. +0,19 10,54 64,762 Bpn Poseidon -0,91 8,71 95,692 Bpn Unit Blue -2,58 2,64 134,028 Bpn Unit Futura -0,41 9,70 176,599 Bpn Unit Green 88,343 Bpn Unit Overland +0,00 5,19 134,36 Bpn Unit Red -1,85 7,42 124,864 Bpn Unit Technology -2,24 1,31 187,437 Glob. Unit Bpn Allegro -2,47 4,34 165,145 Glob. Unit Bpn Andante +0,40 5,00 214,255 Glob. Unit Bpn Brioso 5,29 +0,76 77,009 Glob. Unit Bpn Vivace -1,69 3,50 107,595 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. 178,756 Crfc Gentile Dinamico -1,48 3,45 107,52 Crfc Gentile Equilibrato -0,70 5,807 171,552 Eurolink - C.V. Dinamico -1,03 12,585 Eurolink - C.V. Equilibrato -0,76 12,855 2,013 Eurolink - C.V. Risparmio -0,35 11,869 4,859 Formula Link In Prima -0,52 10,15 Formula Link In Seconda -0,57 8,85 6,008 Formula Link In Terza -0,57 7,271 5,02 Gestivita Azionario -0,59 8,024 4,602 -0,51 9,625 Gestivita Bilanciato 3,861 Gestivita Obbligazionario -0,33 11,493 10,195 U.L. Patavium Dinamico -0,72 7,439 9,486 -0,38 9,088 8,634 U.L. Patavium Equilibrato 8,17 SARA VITA S.P.A. -2,96 7,024 2,177 Multistrategy Az. Intern. -2,86 7,325 2,497 Multistrategy Az. Intern. G.A. +0,40 9,285 3,908 Multistrategy Obbl. Europeo +0,27 9,543 5,125 Multistrategy Obbl. Globale -0,10 9,96 7,935 Profilo Guardian 2,838 Società Cattolica di Assicurazione Coop. a R.L. -1,58 3,726 2,881 Bpbari Freeway Country -0,75 3,565 4,288 Bpbari Freeway Desert -0,39 0,254 3,818 Bpbari Freeway Jungle -2,07 3,83 5,563 Cattolica Azionario -1,32 4,113 5,686 Cattolica Bilanciato +0,04 5,26 4,809 Cattolica Fondo Protetto -0,64 4,684 6,158 Cattolica Obbligazionario Cividale Percorso Azionario -2,70 10,316 +0,03 11,148 4,054 Cividale Percorso Obbligazionario 1,069 Creberg Sim Formula Life Azionario -0,93 4,056 7,707 Creberg Sim Formula Life Bilanciato -0,96 4,439 -1,77 3,099 Ferrara Investire Azionario 5,052 Ferrara Investire Obbligazionario -0,09 5,48 5,896 Fuoriclasse Balanced -0,23 4,331 4,456 Fuoriclasse Bond -0,20 5,451 2,794 Fuoriclasse Equity +0,27 2,945 4,737 Fuoriclasse High Tech -0,30 1,349 5,381 Nuove Rotte -0,15 5,476 6,299 Progetto Attivo Bond -0,65 4,446 673,47 Progetto Attivo Equity -2,14 3,529 647,67 Progetto Attivo Mix -1,38 4,137 371,55 Soluzione Dinamica -0,34 4,934 316,60 Soluzione Prudente -0,13 6,056 490,38 Soluzione Vivace -0,50 3,414 431,45 Unipol - Compagnia Assicuratrice S.P.A. 614,53 Uninvest Arcosereno +0,28 119,02 577,80 Uninvest Azioni Pià -0,51 104,531 712,43 Uninvest Crescita -0,59 13,206 573,50 -1,04 11,792 311,43 Uninvest Equilibrio -1,20 6,358 651,66 Uninvest Flessibile -0,53 104,663 520,63 Uninvest Grande 7 -0,42 100,439 7,549 Uninvest Grande Vita -0,21 110,563 8,171 Uninvest Mach 7 -0,21 103,682 19,893 Uninvest Otto&Mezzo -1,90 7,291 9,49 Uninvest Performance Europa -0,06 13,294 10,69 Uninvest Risparmio -1,58 11,442 8,366 Uninvest Valore 10,868 ZURICH LIFE AND PENSION +0,00 5,144 10,973 Dws Controllo +0,70 6,057 Dws Crescita +0,22 7,131 3,227 Dws Equilibrio -0,13 4,512 3,703 Dws Evoluzione -0,05 7,653 2,371 Dws Protezione +0,13 5,479 2,952 Dws Prudenza -0,09 5,365 3,624 Dws Sicurezza 5,784 Dws Sviluppo +0,00 3,404


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 27

SPAZIO EXTRA

@provincia.catanzaro.it - al numero di fax 0968 - 21470 Per ulteriori informazioni contattare il CPI di Lamezia Terme: tel. 0968/448644,fax 0968/21470 e-mail centroimpiegolamezia @provincia.catanzaro.it

AZIENDA MECCANICA CERCA: N. 1 SALDATORE PER LAVORAZIONI SU CARPENTERIA PESANTE N. 2 MECCANICI PER MACCHINE MOVIMENTO TERRA SI RICHIEDE: - ESPERIENZA PLURIENNALE NEL SETTORE - MASSIMA AFFIDABILITA’ - DISPONIBILITA’ IMMEDIATA - ISCRIZIONE CENTRI PER L’IMPIEGO OFFRE: ASSUNZIONE CON CONTRATTO TEMPO INDETERMINATO SECONDO CCNL SEDE LAVORO: CATANZARO N.B. SARANNO INVIATI ALL’AZIENDA SOLTANTO I CURRICULA CHE CORRISPONDONO A TUTTI I REQUISITI RICHIESTI GLI INTERESSATI IN POSSESSO DEI REQUISITI SOPRA RIPORTATI DEVONO PRESENTARE DOMANDA DI ADESIONE E CURRICULUM DETTAGLIATO (se trasmesso tramite fax deve essere firmato) CORREDATO DI AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003, N. 196 "CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI" ARTICOLO 13 - ALLO SPORTELLO INCROCIO DOMANDA/OFFERTA LAVORO DEL CENTRO PER L’IMPIEGO DI

CATANZARO, - AL FAX 0961/753627 - ALL’INDIRIZZO MAIL : centroimpiegocz @provincia.catanzaro.it ENTRO LE ORE 12.00 DEL 05/11/2009- INDICARE COD. RIF. 23356 SOCIETA’ LEADER NELLA GESTIONE DI SERVIZI DI CALL CENTER RICERCA 200 CONSULENTI TELEFONICI ENEL ENERGIA Si richiede: - Spiccata motivazione alla vendita telefonica; - Ottime capacita’ negoziali e di gestione delle trattative commerciali; - Comunicazione chiara ed efficace; Si offre: - Inquadramento part-time; - formazione a carico dell’azienda. CONSEGNARE LE ADESIONI ALLO SPORTELLO ACCOGLIENZA INCROCIO DOMANDA OFFERTA DI LAVORO Come aderire Gli interessati in possesso dei requisiti possono aderire entro il 30/11/2009, riportando il codice LT-3586 e inviando il proprio curriculum ad uno dei seguenti riferimenti: - allo sportello incrocio Domanda Offerta Lavoro del Centro Impiego di Lamezia Terme - all’indirizzo mail centroimpiegolamezia

ORI PREZIOSI CERCA AGENTI IN TUTTA LA CALABRIA Data di Scadenza: 19-11-2009 Azienda leader nella produzione di gioielli in argento, seleziona agenti ambosessi, per distribuzione proprio marchio MAEVA. Si richiede: provenienza dal settore, disponibilità immediata, auto propria, spiccate capacità comunicative e relazionali, serietà e motivazione professionale. Si offrono: pacchetto clienti, elevate provvigioni e interessanti premi al raggiungimento di target. Per la candidatura inviare C.V. all’indirizzo mail: oripreziosi.maeva @libero.it Indirizzo e-mail protetto dal bots spam, deve abilitare Javascript per vederlo o al fax: 0952861642 SD SERVICE CERCA PERSONALE PORTALETTERE Data di Scadenza: 15-11-2009 Cerchiamo personale motomunito per consegne di corrispondenza nel comune di Rggio Calabria info. 0965035781 orario ufficio. AUTOSCUOLA BORRELLO CERCA ISTRUTTORE Data di Scadenza: 15-11-2009 Per chi fosse interessato si prega recarsi presso l’autoscuola sita in Reggio Calabria in "Via Stadio a Valle 20/22" Fissando appuntamento tramite email o Telefono.

LA SEGNALAZIONE DI OGGI TRIBUNALE DI CATANZARO SEZIONE FALLIMENTARE Fall. 15/08 LOTTO N. 1 - TRATTORE STRADALE IVECO EUROSTAR-MAGIRUS/440 E52 T35 targato CN 612 CC, Fabbr. 1998, Km. 1.097.456. Prezzo base: euro 15.147,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 2 - TRATTORE STRADALE IVECO STRALIS 540-MAGIRUS/ AS 440 ST targato CW504KM, Fabbr. 2005, Km. 560.000. Prezzo base: euro 37.080,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 3 - TRATTORE STRADALE IVECO-MAGIRUS/440 E53 T/L-35 targato DC082KS, Fabbr. 1994, Km. 1.299.906. Prezzo base: euro 10.152,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 4 - TRATTORE STRADALE IVECO TURBOSTAR - FIAT / 190 42 T 34 targato CC934HG, Fabbr. 1990, Km. 1.088.584. Prezzo base: euro 4.010,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 5 - TRATTORE STRADALE IVECOUNIC 190-36 targato BD875JA, Fabbr. 1999, Km. 1.232.312. Prezzo base: euro 5.184,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 6 - AUTOCARRO IVECO /35E 12 CTG N1 targato CV880KT, Fabbr. 2005, Km. 165.083. Prezzo base: euro 6.552,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 7 - AUTOVETTURA FIAT MAREA SW targata BH919EW, Fabbr. 2000, Km. ND - Prezzo base: euro 900,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 8 - AUTOVETTURA FIAT PUNTO targata AH050GW, Fabbr. 1996, Km. 198.046. Prezzo base: euro 936,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 9 - SEMIRIMORCHIO BARTOLETTI/L221 T3 targato AA24129, Fabbr. 1991. Prezzo base: euro 4.200,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 10 - SEMIRIMORCHIO BERTOJA/SR36 RSA targato AC94271, Fabbr. 2005. Prezzo base: euro 28.350,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 11 - SEMIRIMORCHIO ACERBI/AP01TL targato RC005862, Fabbr. 1988. Prezzo base: euro 672,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 12 - SEMIRIMORCHIO BART/3S22 targato CZ004584, Fabbr. 1980. Prezzo base: euro 1.305,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 13 - MATERIALE VARIO DA UFFICIO (…). Prezzo base: euro 1.105,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 14 - POSTAZIONE DI LAVORO INFORMATICA N. 1 (…). Prezzo base: euro 200,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 15 - POSTAZIONE DI LAVORO INFORMATICA N. 2 (…). Prezzo base: euro 180,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 16 - POSTAZIONE DI LAVORO INFORMATICA N. 3 (…). Prezzo base: euro 240,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 17 - MOBILIO POSTAZIONE DI LAVORO N. 1. Prezzo base: euro 470,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 18 - MOBILIO POSTAZIONE DI LAVORO N. 2. Prezzo base: euro 270,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 19 - MOBILIO POSTAZIONE DI LAVORO N. 3. Prezzo base: euro 440,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 20 - SALA RIUNIONE. Prezzo base: euro 180,00 OLTRE IVA come per legge. LOTTO N. 21 - MATERIALE DI CANCELLERIA. Prezzo base: euro 58,00 OLTRE IVA come per legge. Vendita il giorno 18 NOVEMBRE 2009 alle ore 17,30 presso lo Studio del Curatore in Catanzaro, Via A. Lombardi n. 6. Cauzione: 10% del prezzo proposto (non comprensivo di IVA). Catanzaro, li Il Curatore, Avv. Paola Arbitrio


28

il Domani Mercoledì 04 Novembre 2009

CULTURA E ASSOCIAZIONI Prestigioso riconoscimento per il premio ai giovani artisti contemporanei creato da Insideart, magazine della Guido Talarico Editore

Alcuni dei giurati del Talent Prize 2009 con al centro il vincitore

Presentata a Palazzo Chigi la II edizione dell’annuario che raccoglie 190 storie di talenti emergenti italiani

Young Blood premia le idee migliori Tra i selezionati anche il Talent Prize Giorgia Bernoni ROMA — Negli anni ’80 tra le mura della competitiva palestra del serial televisivo Fame (spietata metafora dell’universo umano e lavorativo) ci voleva il sudore per emergere e affermare il proprio talento artistico. Oggi, in tumultuosi tempi di crisi, il sudore non basta decisamente più ed è necessario addirittura il sangue.E proprio il sangue dei giovani creativi italiani è l’ingrediente fondamentale di questo «elenco del telefono per menti illuminate», com’è stato definito dal ministro della Gioventù Giorgia Meloni in occasione della conferenza stampa di presentazione che si è tenuta ieri a Roma, nell’affollatasala stampa di palazzo Chigi. Young blood 08 è un prezioso annuario dei talenti italiani premiati nel campo della creatività, una mappaturadei creativiche hanno ricevuto meriti e riconoscimenti internazionali nei diversi campi dell’arte. Giunto alla sua seconda edizione, il volume è dunque la prima esauriente raccolta dei

Incontro fra operatori culturali che badano alla Propedeutica musicale della Calabria

Andrea Galvani, L'intelligenza del male #5, courtesy Galleria Artericambi, Verona

concorsi di arte e creatività insieme con le aziende che li sostengono. Entusiasta la Meloni che durante il suo concitato intervento ha elogiato: «Tutte le iniziative culturali che contribuiscono a mettere in luce i tanti e carismatici “invisibili di successo”, di cui poco si parla, che attivamente contribuiscono al successo di molti progetti. Questo annuario vuole anche essere una risposta concreta a un recente attacco della stampa estera che, con una vena polemica e

L’annuario è curato dalla cooperativa di giornalisti che pubblica la rivista Next Exit ed è patrocinato dal ministero della Gioventù Marco Di Lauro, foto tratta dal reportage Islamic

CROTONE — Un incontro quanto mai interessante e proficuo, quello che si è tenuto, nei giorni scorsi, presso l’auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” , fra tutti gli operatori culturali che si occupano di Musicoterapia e Propedeutica Musicale della Calabria.Ad organizzarlo è stata la direzione artistica della Società Beethoven e della Scuola di Danza “I.Perrone” . Il tema trattato è stato: “La musica e la danza come veicolo di crescita culturale, sociale e terapeutico nelle giovani generazioni” .Erano veramente in tanti i partecipanti provenienti, in particolare dalla fascia Ionica, esperti e meno esperti che hanno offerto un validissimo contributo al dibattito e allo sviluppo di nuove ed interessanti idee, in un momento così difficile della nostra società. La relazione introdut-

tiva è stata tenuta dalla prof.ssa Mariarosa Romano, esperta di Musicoterapia e Propedeutica Musicale, che ha illustrato ai presenti le notevoli opportunità e risultati raggiunti dalla fusione e collaborazione fra la Società beethoven, che gestisce il Liceo Musicale convenzionato con il Conservatorio di Vibo Valentia, e al Scuola di Danza “I.Perrone”.Due sinergie che fuse insieme possono offrire validi aiuti e una formazione completa ai giovani discenti. Una realtà unica in Calabria. Interessanti e costruttivi gli interventi dei partecipanti che alla fine dell’incontro hanno deciso di costruire un organismo che operi in stretto contatto con tutti coloro che si interessano di problematiche inerente lo sviluppo dei giovanissimi discenti e dei diversamente abi-

li. Una realtà molto sentita nella comunità calabrese che ha dimostrato ancora una volta la necessità di un riscatto sociale attraverso la crescita culturale.

forse anche un po’ d’invidia, insinuava un calo della creatività italiana e un consequenziale affievolimento del nostro famigerato made in Italy. Young blood dimostra invece che il made in Italy oggi è più che mai vivo e vegeto». Daniela Ubaldi, curatrice dell’annuario, ha illustrato la genesi del progetto. «L’idea è nata da un’attività di giornalismo sul campo, diretta conseguenza del nostro lavoro su Next Exit. I ragazzi devono assolutamente informarsi perché per alcune professioni nel nostro paese non esistono uffici di collocamento, è molto difficile trovar lavoro, e il concorso diventa quindi l’unico modo per avere l’opportunità di farsi conoscere e per accedere a una carriera. Dall’analisi dei dati abbiamo riscontrato un fruttuoso corto circuito tra domanda e offerta, un fitto dialogo tra ricerca di cultura e investimento privato che ha fatto triplicare negli ultimi anni i premi d’arte indetti dagli enti e dalle aziende». In oltre 500 pagine sono raccolti i nomi dei giovani italiani che hanno vinto un premio o hanno ottenuto un riconoscimento internazionale nell’arco dell’anno. Composta da oltre duecento schede, in italiano e in inglese, che contengono la biografia dei premiati e trenta schede dedicate al profilo dei premi più rilevanti, la pubblicazione è una lente d’ingrandimento sul nuovo corso dell’economia culturale italiana e sull’evoluzione della sua fiorente industria in tutte le sue sezioni: arte, architettura, design, moda, pubblicità, fotografia, grafica, illustrazione, fumetto, cinema, video, comunicazione e web, ricerca. Il volume, edito da Iron, è distribuito nei migliori book shop di arte e creatività e, da quest’anno, viene indirizzato anche ai centri d’informazione per i giovani, nelle biblioteche, negli uffici di comunicazione istituzionale in Italia e all’estero. Info: www.young-blood.eu.

Notevoli i risultati raggiunti dalla fusione tra “Beethoven” e “I. Perrone”


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI L’assessore alla Cultura Sonia Munizzi ha presentato lo staff che porterà avanti questa operazione culturale

“IncontriAmoci a Teatro”, al via a Soverato stagione entusiamante di Rosaria Ionà

SOVERATO — E’ stato presentato, nei giorni scorsi, nella splendida cornice di Villia Ersilia, a Soverato, “IncontriAmoci a teatro”, la rassegna 2009/2010 del teatro comunale della cittadina del Basso Jonio. Erano presenti all’importanteavvenimento:l’assessore alla Cultura Sonia Munizzi, che ha presentato lo staff che porterà avanti questa valente operazione culturale; il vicesindaco Teo Sinopoli, il sindaco Raffaele Mancini e alcuni componenti della Giunta comunale. La presentazione del nuovo direttore artistico, Gregorio Calabretta, già esperto del settore in quanto presente sulle scene da oltre quindici anni nelle vesti di autore, attore e regista, apre i lavori della conferenza. A specificare un aspetto assolutamente non trascurabile di questa stagione teatrale ci pensa l’assessore comunale alla Cultura, Sonia Munizzi, che sostiene: «Abbiamo aumentato la qualità riducendo i prezzi. Abbiamo, infatti, dimezzato gli abbonamenti che sono di 125 euro per la platea e 110 euro per la galleria. Questo grazie all’Amministrazione comunale di Soverato e alla Provincia di Catanzaro, in pratica unici sponsor della manifestazione. Questo perché vogliamo che la cultura sia il fiore all’occhiello della nostra amministrazione e che tutti possano avere accesso al teatro in un periodo di crisi come quello attuale» . Conoscere meglio Gregorio Calabretta, il nuovo direttore artistico del Teatro Nuovo di Soverato, può aiutare a capirne di più anche sulla rassegna che prenderà il via il 23 novembre.Ha 49 anni, è autore, attore e regista. Ha scritto e messo in scena oltre venti commedie, tutteversatealla Siae, dove risulta iscritto dal 1993. Ha rappresentato i suoi lavori in tante città calabresi con oltre 1.200 repliche. Inoltre, ha portato alcuni suoi lavori nelle stagioni di prosa di Firenze, Caltanissetta, Giarre, Napoli. Ha curato oltre 40 laboratori teatrali nella regione per scuole, enti e Comuni, e dal 2001 per il Ministero della Giustizia, dirige presso la Casa Circondariale di Catanzaro un laboratorio teatrale rivolto ai detenuti. Ha realizzato un film, Oggi come Ieri, coprodotto con l’Amministrazione provinciale di Reggio Calabria e con l’Amministrazione comunale di Bivongi. Ha curato la direzione di 12 stagioni teatrali in Calabria, di cui tre a Soverato, dal 2001 al 2004. Parliamo con un esperto di Tea-

tro, iniziamo con il conoscere qualcuna delle numerose commedie che ha scritto e messo in scena… «Carca oja e carca domana, Quasi quasi mi spusu, Una famiglia quasi normale, Tutte queste miserie (poi Raffaelino), Per sé o per gli altri?, ‘U prezzu do’ bisògnu,AspettandoancoraGaribaldi (‘Nc’era ‘na vota ‘u paìsa mèu), L’avaro arde (liberamente tratto da “L’avaro” di Molière), Nel silenzio una luce, Servi si nasce, Quasi quasi gliela combino, Don Rua - tutto a metà con don Bosco, Ho incontrato Mamma Nostra, Elie e Lisl, Essere o non essere (da Amleto di Shakespeare), Quando matura il grano, Sberto dalla nascita... Queste sono solamente alcune, appunto». Dando uno sguardo al cartellone della stagione che prenderà il via tra poco, i grandi nomi in cartellone catturano immediatamente l’attenzione. Quest’anno avete puntato unicamente alla prosa, ci spieghi le ragioni di questa scelta... «La risposta è semplice e cioè per il fatto che Soverato ha sempre dimostrato un interesse spiccato e particolare verso questo genere di spettacoli. Solo la serata finale

Un momento della presentazione della stagione teatrale a Soverato

Gregorio Calabretta

Vittorio Puntieri

Ornella Muti

Teo Teocoli

Eleonora Giorgi

Carlo Buccirosso

Francesco Paolantoni

Carlo Buccirosso

sarà di diversa specie, la serata in cui a dilettare il pubblico ci penseranno le più belle colonne sonore, con la partecipazione straordinaria di Katia Ricciarelli e anche del tenore Franco Zingariello. E’ ponderata la scelta di partire con Gianfranco Jannuzzo in “Girgenti amore mio”, oppure l’ordine degli spettacoli che andranno in scena è assolutamente casuale? «No, non è assolutamenteun caso che si parta con Gianfranco Jannuzzo. Questo attore ha fatto della sua identità culturale un mezzo per comunicare le grandi tradizioni del Meridione. Attraverso l’utilizzo dei vari dialetti, come quello della Sicilia, della Calabria e della Campania, ha voluto descrivere le realtà del Sud. E’ un artista, Jannuzzo, che porta dentro di sé una forte connotazione meridionale, per cui chi meglio di lui avrebbe potuto esaltare la nostra terra». Lei ha già diretto tre stagioni teatrali, dal 2001 al 2004, a Soverato presso il Supercinema, conosce dunque bene il pubblico del posto. Un aggettivo per descrivere la platea soveratese... «La gente qui ha sempre dimostrato un grande interesse verso il Teatro. Ciò, è dimostrato dal fatto che numerosi abbonamenti sono stati fatti in poche ore». E a proposito di abbonamenti, si è cercato di andare in ogni modo incontro alla gente… « Abbiamo scelto una via strategica, anche grazie all’impegno del direttore organizzativo e consulente degli spettacoli, Vittorio Puntieri; all’assessore alla Cultura, Sonia Munizzi; al sindaco Raffaele Mancini e alla Provincia di Catanzaro. Abbiamo, cioè, scelto di mantenere altissima la qualità degli spettacoli mantenendo, però, i prezzi dei biglietticontenuti per consentire a tutti di potere accedere a teatro». Cosa si augura per il futuro? «Mi auguro certamente che ci sia un seguito. L’intenzione di questa Amministrazionecomunaleè, comunque, quella di avviare collaborazioni artistiche ed eventuali produzioni con i maggiori teatri stabili della regione, come il Politeama di Catanzaro, il Rendano di Cosenza e il Cilea di Reggio Calabria. Il sindaco Mancini e l’assessore Munizzi hanno potuto constatare che la gente anche d’inverno gradisce recarsi a teatro, tant’è che quest’amministrazione ha organizzato tre stagioni teatrali al Supercinema quando ancora il Teatro Nuovo non era completato, questo per fare capire quanto sia attenta alla tematica. Un’altra persona che vorrei ringraziare, oltre ovviamente al già citato direttore organizzativo e consulente degli spettacoli, Vittorio Puntieri, è il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro, che ha sempre sostenuto il cartellone teatrale e le iniziative che l’Amministrazione comunale di Soverato ha portato avanti».


Mercoledì 04 Novembre 2009 il Domani 31

APPUNTAMENTI “Adesso insegno io”, finale nazionale dell’opera teatrale per bambini e adulti nella Città dei Tre Colli

In ricordo di Emilia Zinzi...

Prenderà il via il 14 novembre la stagione di prosa a Lamezia • CATANZARO Festivald’Autunno Sièconclusaconsuccessolaprimasettimanadellacampagnaabbonamentidella VII Edizione del "Festival d’Autunno". Abbonamento ai 6spettacoli: platea: euro 160 anziché euro 180;Primo e secondo ordine di palco: euro 140 anziché euo 160; prezzi singolospettacolo: Noa primo settore: euro 30; secondo settore: euro 20;Ambrogio Sparagna & Orchestra Pizzicata biglietto unico: euro 30; Stefano Bollani, Shel Shapiro Uomini in Frac Alex Britti - Neffa, platea: euro 30;primo e secondo ordine di palco: euro 25; terzo ordine di palco: euro 20; quarto ordine di palco euro 15; quinto ordine di palco euro 10; unica biglietteria autorizzata: C.so Mazzini - Catanzaro; info e vendita on line: www.festivaldautunno.com 389.0931362. Ingresso ore 20.30. Inizio spettacoliore21.00.ConcertodiNoa:ingresso ore 19.30; inizio spettacolo ore 20.00. Programma fino al 5 dicembre : "Sud e tradizioni", sabato 7 novembre ,pressoMuseoS.Giovanni,ore18.00,incontro con AmbrogioSparagna su: "La musica popolare nel Sud Italia"; "Sud e tradizioni", sabato 7 novembre , presso Auditorium "A. Casalinuovo", ore 21.00, Ambrogio Sparagna & Orchestra Pizzicata "Taranta in festa"; "Sud e tradizioni" domenica 8 novembre , presso il Conservatorio Popolare di Isca, visita guidataalMuseodegliStrumentiedellaMusica Popolare di Isca sullo Ionio, ore 12.00;"Ilgrandejazzdalmondo"sabato 14 novembre, presso il Teatro Politeama, ore 21.00, Stefano Bollani trio "Stone in the water", Stefano Bollani pianoforte; Jesper Bodilsen contrabbasso; Marten Lund batteria; "Gli anni della beat generation" sabato 21 novembre , presso il Teatro Politeama, ore 21.00, prima rappresentazione assoluta in Calabria Shel Shapiro "Sarà una bella società"; "Gli anni della beat generation" domenica 22 novembre, ore 11.30, presso Museo S. Giovanni I ‘60 attraversola voce dei protagonistidell’epoca;"Mostra di Antoni Tàpies" a cura di Alberto Fiz presso Museo Marca dal 21 novembre ; "I 50 anni di volare" sabato 28 novembre , presso il Teatro Politeama ore 21.00, "Uomini in frac - Omaggio a Domenico Modugno"; "Chitarra, parole e soul" sabato 5 dicembre , presso Teatro Politeamaore 21.00, Alex Britti - Neffa. • CATANZARO "Adesso insegnoio" Si terrà oggi , alle ore 10.30,all’auditorium Casalinuovo la finale nazionaledell’operateatraleperbambini eadulti“Adessoinsegnoio”,liberamente ispirataallafavoladiPinocchio.Prodotta dalla Roma Touring di Francesco Corea e realizzata a Catanzaro con l’AmministrazionecomunaleAssessoratoallaCultura, quella del 4 novembre sarà la puntata conclusiva di una serie di selezioni che nelle scorse settimane si sono svolte in tutta Italia. Anche al Casalinuovo infatti parteciperanno bambini scelti provenienti da varie città: questo perché oltre agli attori in scena, i veri protagonisti sono i bambini chiamati a dimostrare

ciò che sanno fare in quanto a ballo, canto, imitazioni e quant’altro. Nel corso dello spettacolo infatti si creerà l’atmosfera di una scuola – il Casalinuovo sarà magicamente trasformato in una mega aula, ma le materie saranno quelle di una scuola d’arte -, con il personaggio di Collodiormaicresciutoe diventatoa sua volta maestro nella stessa scuola in cui studiava, interpretato da Giacomo Battaglia del duo Battaglia e Miseferi. Insieme a lui sul palco ci saranno Francesca Grenci nel ruolo della direttrice della scuola, ma regista e autrice di “Adesso insegnoio”,eladodicenneEmiliaMallamaci nella parte della “grilla”. • CATANZARO In ricordo di Emilia Zinzi Il 5 novembre alle ore 16,30, nella sala conferenze dell’istituto tecnico industriale “Ercolino Scalfaro” di Catanzaro, convegno su “ Catanzaro con gli occhi di Emilia Zinzi”. La manifestazione è stata organizzata dalla Fidapa in collaborazione con il Comune e la BPW Italy. Porteranno i saluti il sindaco, Rosario Olivo, l’assessore alla cultura, Antonio Argirò, l’assessore alle pari opportunità, TommasinaLucchetti,ilpresidentedellaProvincia, Wanda Ferro, il presidente della Camaera di commercio, Paolo Abramo, il presidente dell’ordine degli architetti, Biagio Cantisani e la presidente del distretto Sud-ovest della Fidapa, Linda Napoli. Introdurrà i lavori, Marisa Fagà. Interverranno: la scrittrice, Maddalena Barbieri, l’archeologo dell’università Mediterranea di Reggio Calabria, Francesco Cuteri, Maria Mariotti della Deputazione di storia Patria per la Calabria, Guido Mignolli, presidente della Fondazione, Lucia Porteghesi, archeologa e storica del costume, Pierluigi Rotunodo, dello studio Zinzi, Fabio Tassone, bibliotecario. Le conclusioni sono state affidate a Matilde Zinzi, storica dell’arte e a Eufemia Ippolito, vice presidente nazionale. • CATANZARO Recital Aznavour E’ partita,al botteghinodel Politeama,la campagna abbonamenti 2009-2010, ma soprattuttolavenditadeibigliettiperl’attesissimo recital di Charles Aznavour, in programmail 6 novembre. La vendita dei biglietti per Aznavour è stata aperta a quasi due mesi dall’evento inconsiderazionedellenumeroserichieste che sono arrivate da tutte le province calabresie anche dalla Sicilia. Il recital di Aznavour, come è noto, chiuderà la rassegna internazionale “La grandemusicaper il cinema”chesi svolgerà al Politeama di Catanzaro fino al 6 novembre e che vedrà la partecipazione di quattro tra i più grandi compositori di tutti i tempi (Morricone, Sakamoto, Piovani e Ortolani), nonché dei registi Giuseppe Tornatore e Pupi Avati, oltre che della testimonialJo Champa. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol, Amici Dell’Opera Lirica "Jussi Bjorling" presenta il programma 2009/2010: 28novembre , Schegge

d’Opera"LaCabaletta",pressoCircoloUnione, ore 17.30; 12 dicembre , introduzioneal "Nabucco", pressoCircolo Unione, ore 17.30; 13febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor",presso Circolo Unione, ore17.30;27febbraio2010,concertoin ricordodelMaestroFloridaCilurzo,presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scened’Opera"Lapazzia"pressoCircolo Unioneore17.30;22maggio2010,2°incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30. • CATANZARO Diagonal Jazz 2009 DiagonalJazz2009,16esimaedizione,Il Contemporaneo Sub/lime, presenta New York renaissance. Forms of sonic diasporas8 - 16novembre,a cura di Riccardo Maria Mottola, presso ilComplesso Monumantale del San Giovanni, con il contributo di RegioneCalabria, assessorato turismo, Provincia di Catanzaro, assessoratocultura,Comune di Catanzaro, assessorato cultura. Inizio concerti ore 21.00. Ingresso 10.00 euro, abbonamento ai tre concerti 25 euro. Info: 333/5622110 - vivariumupc@tiscali.it. Il Programma: lunedì 2 novembre, Mary Halvorson/Jessica Pavone duo, in Elegies for Dead Poets, Mary Halvorson (chitarra, voce) Jessica Pavone (viola, voce); domenica 8 novembre, Eri Yamamoto Trio plays The Cinema Of Ozu, dal vivo le musiche appositamente composte per il film muto "I was born, but..." (1932) di Yasujiro Ozu, Eri Yamamoto,pianoforte,DavidAmbrosio, contrabbasso, Ikuo Takeuchi, batteria; lunedì 16 novembre, Pyramid Trio, Roy Campbell, tromba, William Parker, contrabbasso,Michael Wimberly,batteria. •CATANZARO Canto per te Franco Domenica29novembre,ore17.00,presso il Teatro Politeama di Catanzaro, si terrà Canto per te Franco ( memorial Franco Franconieri) 3°edizione. Canterannotutti gli artistidi Catanzarofra cui: Ulisse, Mimmo Mancini, Tony Schito, Michele Tosi, Mimmo Cristina, il tenore Francesco Carmine Fera e il soprano AnnaMariaBagnato,Annalaura,Rosalba Chiarella, Anna Folino, Lucrezia, Adriano Fasano, Stefano Greco, Pino Colao, Gino Celli, Giovanna Dardano, Ilaria&GiulianaGrande,ValentinaCiarlo, MaraFranconieri,ToninoLaSalvia,AntonellaRanieri, Salvatore Chiefalo, Ettore Capicotto, Sarino Libico, Tonino Angeletti, Serena Cristofalo, Pino Arcuri. Gliartisti canteranno tutti dal vivo e saranno accompagnati dalla gdlband: al basso Piero Dardano, alla chitarra Sergio Turcomanni, allatastiera Antonio Gallelli e alla batteria Gianfranco Caroleo. Presenta Giagià Rubino. Ospite d’onore, direttamente dal Bagaglino, il noto attore cabarettista ed imitatore Gabriele Marconi. Costo del biglietto 5,00. Incasso devoluto in beneficenza a favore delle vittimediMessina.Perulterioriinformazioni contattare l’associazione Franco Franconieri ai numeri 328/9192363 -

338/2993213; o consultare il sito www.francofranconieri.it -caroleomusica@libero.it. • LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa ProgrammaTeatrocomunalePoliteama di Lamezia Terme, stagione di prosa 2009/2010, direzione artistica Angela Dal Piaz: sabato 14 e domenica 15 novembre 2009 , nuovo allestimento, Komiko production in collaborazionecon Augusteo produzioni Uomo e GalantuomodiEduardoDeFilippo,con Francesco Paolantoni, Nando Paone e con Fulvia Carotenuto,Patrizia Spinosi, Tonino Taiuti e la partecipazione di Mimmo Esposito, musichePaolo Coletta,costumiSilviaPollidori,regiaArmando Pugliese; sabato 28, domenica 29 novembre 2009 , in esclusiva per la Calabria, compagnia Bustric snc di Sergio Bini Nuvolo scritto da Sergio Bini con la collaborazione di Gianfilippo Pedote, con Sergio Bini in arte Bustric,sonorizzazione Benni Atria,musiche a cura di Roberto secchi,organizzazione Alda Vanzini; sabato 28 (matinèe), domenica 29 (pomeridiana) novembre 2009 , in esclusiva per la Calabria, cartellone stagione teatro ragazzi 2009-2010, compagnia Bustric snc di Sergio Bini, Pierino e il lupo, musica di Sergio Prokofiev, con Sergio Bini in arte Bustric, ideazionescenicaBustric;lunedì7,martedì 8 dicembre 2009 , Teatro de Gli Incamminati, Vita di Galileo di Bertolt con FrancoBranciarolieconGiancarloCortesi,NicolaCiulla,DanieleGriggio,GiorgioLanza,DoraRomano,AlessandroAlbertin,GiuliaBeraldo,TommasoCardarelli, Emanuele Fortunati, Jacopo Venturiero, Nicole Vignola, scene Pier Paolo Bisleri,costumiElenaMannini,musiche GermanoMazzocchetti,luciGigiSaccomandi, regia Antonio Calenda; sabato 12,domenica13dicembre2009,Khora srl Amleto di William Shakespeare traduzionediEugenioMontaleconAlessandro Preziosi e con Mino Manni, Francesco Biscione, Giovanni Carta, Ugo Maria Morosi, Carla Cassola, Silvia Siravo, Marco Trebian, Simone Ciampi, Marco Zingaro,Marco Trebian, Yaser Mohamed, Vito Facciola, Giovanni Carta, Yaser Mohamed, scene Andrea Taddei, costumi Silvia Polidori, disegno luci Valerio Tiberi, musiche Massive attack e Zero Pm, riduzione,adattamentoe regia Armando Pugliese; Sabato 19,domenica 20 dicembre2009 , nuovo allestimento, produzione Idue della città delsole srl Lafortuna con l’effe maiuscola, commedia in 2 parti diEduardo De Filippo e Armando Curcio, con Luigi De Filippo e conStefania Ventura, MicheleSibilio, MarisaCarluccio,FelicianaTufano,Paolo Pietrantonio,Marianna Mercurio, Giorgio Pinto, LucaNeuroni, Alberto Pagliarulo,Flavio Furno, scene Salvatore Michelino, costumi Maria Laura di Monterosi, regia di Luigi De Filippo; sabato 16, domenica 17 gennaio 2010, produzione Indie Occidentali srl, Col piede giusto, una commedia di Angelo Longoni, con Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey, Eleonora Ivone, Simone Colombari, scene Alessandra Panconi e

Leonardo Conte, costumi Marco Maria della Vecchia, disegno luci Stefano Stacchini, regia Angelo Longoni; mercoledì 27, giovedì 28 gennaio 2010 , in esclusiva per la Calabria, produzioni teatrali Paolo Poli culturale con il contributo di RegioneToscanasistemaregionaledello spettacolo - Ministero per i beni e le attività culturali - direzione generale per lo spettacolo dal vivo, Sillabari, due tempi di Paolo Poli, liberamente tratti da Goffredo Parise con Paolo Poli, e con Luca Altavilla, Alfonso De Filippis, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco, scene Emanuele Luzzati, costumi Santuzza CalÏ, consulenza musicale Jazqueline Perrotin, coreografie Alfonso De Filippis, regia Paolo Poli; sabato 6, domenica 7 febbraio 201 0, artisti riuniti, Il giuoco delle parti, di Luigi Pirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante, Franco Ravera, Ferruccio Ferrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò,regiaElisabettaCourir.giovedì18, venerdì19febbraio2010,ilteatroEliseo - Arca Azzurra teatro - Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini - Comunedi San Casciano Val di Pesa, Le conversazioni di Anna K, liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti,GiulianaColzi,LuciaSocci,Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini,sceneDanieleSpisa,costumiGiuliana Colzi, luci Marco Messeri, musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti, testo e regia Ugo Chiti; sabato 27, domenica 28 febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi,econSilvanaDeSantisealtri4attori, scene Alessandro Chiti, musiche DanieleD’Angelo,luciLuigiAscione,costumi Maria Rosaria Donadio, regia FrancescoTavassi. • CALABRIA Prim’olio,decima edizione Prim’Olio, alla sua decima edizione, è diventata in Italia una delle manifestazioni di punta del settore oleicolo-elaiotecnico, con l’obiettivo prioritario di valorizzare e promuovere le produzionioleicoletipiche e di qualità. Eventi previsti in PrimOlio 2009. Oggi,ore15.30,convegnoenogastronomia calabrese "La medicina del cuore" direttore scientifico del convegno dr. VincenzoMontemurro;7novembre,festa dell’olio nuovo, nei frantoi calabresi gastronomia, antiche tradizioni, artigianato,culturaemusicapopolare;8-15 novembre, 3° edizione di frantoi aperti. Visite guidate negli oleifici regionali con possibilità di degustazione e acquisto degli oli extra vergini d’oliva di nuova produzione; 23-30 novembre , l’olio di Calabrianella granderistorazionedi Milano; dicembre, San Giorgio Morgeto, presso la Biblioteca comunale, tavola rotonda L’olio dei Castelli, premiazione delle migliori aziende olivicole calabresi, mostra fotografica sulla civiltà contadina, rappresentazioneteatrale.



il domani