Issuu on Google+

Giovedì 03 Dicembre 2009 Anno XII - Numero 333

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

POLITICA

REGIONE

COMUNI

Pdl furioso, l’ora dei conti e delle spiegazioni di Fini

Un miliardo di euro per una vita migliore in Calabria

In 135 denunciano Tributi Italia. Scalea tra i più colpiti

di Adelmo Greco a pag » 4

di Roberto Carli a pag » 22

di Gaia Mutone a pag » 15

Il presidente di Confindustria De Rose non ha dubbi già da queste prime battute in commissione Bilancio: il Governo ha altre priorità

La Finanziaria aiuta le banche ma non il Sud Ma altri calabresi, come Francesco Cicione, sono meno pessimisti per il salvataggio delle Zone franche

IL COMMENTO

Difendiamo il vino bevanda nobile

In realtà Tremonti si è battuto per salvare la Banca del Sud, quasi cancellata martedì, e recuperata con altri emendamenti e correzioni: ma fino all’arrivo in aula il 9 dicembre c’è ancora spazio per fare giustizia per noi di Bassi e Caruso a pag » 7,8 e 23

ROMA ONORA GIANNA MARIA CANALE

di Luca Zaia ministro delle Politiche Agricole

UN ANTICIPO... Lavoratori Phonemedia Protesta a Catanzaro

Una delle cause minoritarie, seppur gravi, degli incidenti è percepita come la causa principale. E questo potrebbe spingere a pericolose campagne demagogiche contro il vino, bevanda nobile della nostra storia, perdendo ogni giorno una buona occasione per indagare le reali cause di incidenti e combatterle alla radice. Il vino non può diventare il capro espiatorio di un fenomeno drammatico come quello delle morti sulle strade, che pure, dal 1997 al 2007 si è ridotto del 24%, ad un tasso medio annuo del 2,1%. La stanchezza, i decibel dello stereo in auto, parlare al telefonino guidando, il fumo e farmaci come ansiolitici, anti-allergenici e tranquillanti sono altri, importanti fattori causa di incidenti mortali che vanno esaminati, approfonditi e contrastati. segue a pag » 2

CATANZARO - E’ stato rinviato il Consiglio comunale di ieri a causa dell’occupazione dell’aula da parte di un centinaio di lavoratori del call center Phonemedia. a pag » 16

Zero aiuti, continua la protesta degli agricoltori

L’attrice reggina ricordata con grande emozione Gianna Maria Canale, la donna che ha fatto sognare le giovani delle generazioni del primo dopoguerra, è stata ricordata ieri a Roma nel corso di un evento che si è svolto presso la sala Kodak della Casa del Cinema.

di Giuseppe Tetto a pag » 28

La mobilitazione degli agricoltori calabresi continuerà nella capitale per protestare contro la scarsità di interventidella finanziaria.Intanto chiedono la convocazione di un tavolo alimentare al governatore Agazio Loiero: «L’emendamento del Governo alla manovra economica del prossimo anno - dicono le maggiore sigle associative agricole - non è proprio quello che ci aspettavamo». di Carmen Mirarchi a pag » 14

L’INTERVENTO

Le nostre primarie sono una cosa seria di Agazio Loiero presidente Giunta regionale Le primarie in Calabria sono una cosa seria, molto seria. Non per nulla, si è deciso di istituirle con legge, come è avvenuto in una sola altra regione, la civilissima Toscana. Ma visto che ci viene rivolto un invito alla trasparenza e viene sollevata impropriamente una questione di conflitto d’interessi, è bene sgomberare il campo da argomenti pretestuosi. Nel sistema delle primarie, l’unico potere attribuito al Presidente della Regione Calabria riguarda la fissazione della data per le elezioni. Non si tratta di un potere senza limiti, perché la legge prescriverigidamenteilperiodoentro il quale le elezioni si devono tenere. Tale potere io l’ho esercitato due volte. Infatti, con un primo decreto del 14 novembre, sentito sul punto anche il Presidente del Consiglio regionale Bova, avevo fissato la data il 20 dicembre 2009, ultima domenica utile dell’anno, salvo che non si volesse portare i cittadini alle urne tra Natale e Capodanno. E però, l’impossibilità materiale di pubblicare il decreto sul Burc nei 35 giorni precedenti la data delle elezioni, come impone la legge, ha comportato l’adozione di un secondo decreto, in rettifica del precedente, con lo slittamento al 10 gennaio 2010, prima data utile successiva. Tengo a precisare che prima della fissazione di entrambe le date, ho interpellato la Giunta, che ha condiviso la scelta. Non si capisce, dunque, in che cosa possa configurarsi un conflitto di interessi in quanto ognuno può liberamente partecipare alle primarie e concorrere democraticamente alla candidatura, con tutte le garanzie di legge. segue a pag » 2


2

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI di Luca Zaia Difendiamo il vino, bevanda nobile E invece nessuno li considera e su essi nessuno si interroga. Nell’ottobre del 2007 è stato emanato un provvedimento che vieta la somministrazione di bevande alcoliche dopo le due di notte negli esercizi di intrattenimento. In quella occasione molti, fra coloro che oggi vorrebbero far chiudere le nostre aziende vitivinicole, si eressero a paladini delle discoteche, contro quella norma. La ricerca Piepoli ha evidenziato che, nel 2008, la mortalità negli incidenti si è ridotta del 7,8% rispetto all’anno precedente. Un valore inferiore a quello registrato in diversi anni in cui il provvedimento in questione non era in vigore. Quindi la sua efficacia diretta sulla mortalità stradale è discutibile e certamente non esaustiva. Bandire facili criminalizzazioni è il primo passo per diffondere una sana cultura del bere e combattere il binge drinking, cioè il bere per sballarsi, fra i più giovani. Proibire, senza spiegare, capire o controllare, non serve a molto. Serve educare, responsabilizzare e insegnare che il vino va bevuto durante i pasti, ha alle

di Agazio Loiero Le nostre primarie sono una cosa seria

spalle secoli di storia e il lavoro di migliaia di produttori. Bisogna interrogarsi seriamente sul divario enorme che esiste fra la percezione della realtà e la realtà stessa, fra ciò che la gente avverte come un possibile rischio e le reali cause degli incidenti. Soltanto così si potrà definire una campagna di sensibilizzazione dei giovani al buon bere e spiegare loro la differenza fra lo sballarsi e l’assaporare un bicchiere di vino, quasi un familiare che tutti siamo abituati a vedere sulle nostre tavole imbandite sin da bambini.

SUA SANITA’

Voglio chiarire, infatti, ove mai fosse necessario essendo già nero su bianco che il procedimento elettorale, dopo la presentazione delle liste e dei candidati, è tutto in mano ai sindaci dei 409 comuni della Calabria, i quali devono nominare un responsabile dell’ufficio elettorale che, a sua volta, individuerà i seggi dove si andrà a votare e nominerà per sorteggio i Presidenti dei seggi stessi, attingendo dalle liste della Corte d’appello. Gli scrutatori, invece, sono individuati dai rappresentanti delle liste e quindi dai partiti o dalle coalizioni in competizione. Non vedo, quindi, dove risiederebbe il conflitto d’interessi del Presidente della Regione o addirittura del Presidente del Consiglio regionale. Il procedimento di voto a partire dalla individuazione dell’elettorato passivo, ricalca interamente quello delle elezioni regionali e nazionali, cui l’on. Lo Moro ha partecipato, senza sollevare particolari obiezioni. Per quanto riguarda, in particolare, il divieto di propaganda

elettorale per i mafiosi, che - come l’on. Lo Moro ricorderà - la Giunta di cui anche lei allora faceva parte, sin dal 2005 ha chiesto di introdurre al Parlamento nazionale, esso potrà essere applicato solo una volta che esso sia diventato legge nazionale, posto che si tratta di norma che incide su diritti soggettivi individuali, che possono essere conculcati solo da una legge di rango statale.

LETTERE SAUDITE

di Francesco Pungitore

Carlo Bassi

Mormanno è il modello da seguire

Dear Ciccio this is a country for figs (fichi!?)

«Un modello di quel che saranno alcuni interventi che prevediamo con il Piano di rientro è rappresentato da Mormanno». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero durante una pausa dell’ultimo Consiglio Regionale, rispondendo alla domanda di un giornalista che gli chiedeva del futuro di alcuni piccoli ospedali. «L’ospedale di Mormanno - ha aggiunto Loiero - la sua riconversione l’ha gia fatta da tempo e il territorio ne ha tratto solo benefici. Nel caso specifico la struttura di Mormanno non solo manterrà quello che oggi ha, ma sarà addirittura potenziata in alcuni servizi per potere meglio dare risposta alle esigenze dei cittadini». Non si può che essere d’accordo con quanto sostenuto dal Governatore. E la considerazione parte da una vicenda personale che riflette con chiarezza il modello di efficienza raggiunto a Mormanno. Una struttura che ho visitato personalmente e all’interno della quale ho trovato ambienti puliti, moderni e accoglienti. Il tutto accompagnato da servizi di altissima qualità. In poche parole, una sanità pubblica che compete a testa alta con quella privata. E allora ecco di cosa ha bisogno la Calabria: di tante piccole Mormanno.

Caro Peppe, la cosa più difficile qui certe volte è capire. Sto scoprendo piano piano che molte parole che sembrano uguali a quelle italiane sono diverse... Dear Ciccio, it’s very simple. Noi orecchiamo. L’abbiamo sempre fatto. Qualcuno ha sentito dire smoking jacket e ha creduto che fosse l’abito da sera e infatti noi lo chiamiamo smoking, ma in inglese si chiama dinner jacket (e smoking jacket era la giacca da camera). Pensa che slip è la sottoveste e non le mutande, frac si chiama evening dress, e così via per centinaia di esempi. Succede pure oggi. La Agostini associati ha scoperto che le parole inglesi in italiano sono aumentate del 773 per cento nel mondo degli affari. Lì si può pure capire e almeno sono parole in uso in tutto il mondo. Ma nel resto della lingua? Pensa che hanno chiamato switch off il passaggio al digitale terrestre, che semmai doveva essere switch on (passare a qualcosa d’altro). Lascia perdere che poi è risultato giusto perché qualcuno è stato proprio switched off (cioè spento) del tutto. Ma che vuoi, noi abbiamo perfino un ministero del Welfare! Vuoi sapere le parole inglesi più usate? Performance, che vuol dire prestazione, fashion, che vuol dire moda, look, che vuol dire aspetto, competitor che vuol dire

concorrente,missionchevuoldire missione od obiettivo, brand, che vuol dire marca, annual report, che vuol dire rapporto annuale. Come vedi erano facilissime da tradurre. Solo che non faceva più fico. A me una volta hanno chiesto di schedulizzareun rèport, alla angloromana. Ah, se almeno le pronunciassero bene: si dice repòrt. E non parliamo di manàgement che naturalmente si accenta sulla prima A. Stay there, dear Ciccio, almeno lì non sono in fissa come da noi sull’essere fichi a tutti i costi. Naturalmente fico si dice cool in inglese.

:: www.ildomani.it ::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio) ::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312

roma@ildomani.it redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Guido Talarico Amministratore

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

PRIMO PIANO

La Giunta regionale ha approvato il Piano d’azione per il raggiungimento di standard di qualità nei servizi pubblici

Il miliardo di euro per migliorare la qualità della vita in Calabria di Adelmo Greco ROMA - È opinione oramai diffusa che la competizione tra territori non si giochi più sull’entità degli incentivi finanziariconcessi alle aziende, ma piuttosto sulla capacità che ogni regione offre in termini di affidabilità delle infrastrutture, rispetto delle regole, velocità di risposta dei tempi burocratici e qualità dei servizi pubblici e privati. Negli ultimi dieci anni, la Calabria, contrariamente a quanto si può pensare, non è stata immobile dal punto di vista dello sviluppo generale dell’economia regionale. I fondi pubblici comunitari e nazionali investiti sul territorio in questo periodo l’hanno infatti mantenuta in linea con la media della crescita del Pil italiano, e il dato recente dell’Istat evidenzia che la variazione del Pil dal 1998 al 2008 è stato ampiamente positivo e superiore a quello di molte altre regioni italiane. Quello che però risulta evidente è che, nonostante i fondi pubblici,

10,30

Nel periodo 1998-2008 la Calabria ha avuto una variazione di crescita del Pil pari a 27,4 mld di euro (+10,30%)

la Regione non è riuscita a migliorare i propri livelli di servizio e pertanto essa risulta essere zavorrata dalla scarsa efficienza delleattivitàdellapubblicaamministrazione locale, dei servizi bancari, di quelli scolastici, sanitari e di trasporto. La nuova programmazione

Obiettivo 2) aumentare i servizi dicuraallapersona,alleggerendo i carichi familiari per innalzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro; Obiettivo 3) tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al servizio idrico integrato;

dionali agli investimenti esterni e il continuo ritardo nella crescita sociale delle regioni del Sud. Dunque le Regioni del Mezzogiorno dovranno operare anche per raggiungere obiettivi di carattere sociale e se lo faranno potranno ottenere risorse aggiuntive all’attuale dotazione di fondi, at-

A tale proposito, la Giunta regionale ha approvato, con delibera 848 dell’11 novembre 2009, il “Piano d’azione per il raggiungimentodegliobiettividiservizio” con lo scopo di indicare su quali obiettivi, linee di interventoe strumenti > segue >

2007-2013, facendo tesoro di tali negative esperienza, ha indicato quali siano - alla lunga - gli obiettivi strategici da perseguire attraverso il pieno utilizzo dei Fondi strutturali comunitari e dei Fondi per le aree sottoutilizzate. Essi sono: Obiettivo 1) elevare le competenze deglistudentie l’apprendimento della popolazione;

Obiettivo 4) tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al sistema di gestione dei rifiuti urbani. Sono questi gli obiettivi, trascurati dalle precedenti programmazioni comunitarie troppo concentrate sul perseguimento della crescita economica a tutti i costi, la cui assenza ha determinato la scarsaattrattivadeiterritorimeri-

traverso un meccanismo premiale legato al conseguimento di risultati verificabili in termini di erogazione di servizi collettivi negli ambiti riguardanti: - l’istruzione; - i servizi per l’infanzia e di cura per gli anziani; - il ciclo integrato dei rifiuti urbani; - il servizio idrico integrato.

11,95

Nel periodo 1998-2008 la crescita media italiana è stata del 11,95%, di poco superiore a quella calabrese


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani

5

PRIMO PIANO

> segue > si muoverà la Regione Calabria per aumentare la qualità della vita sul territorio, attraverso l’attuazione della programmazione comunitaria e nazionale unitaria. Il Piano, che consta di 293 pagine dense di dati ed informazioni,

per aumentare i servizi di cura alla persona, alleggerendo i carichi familiari per innalzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro (Obiettivo II), 481 milioni di euro; per tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al servizio idrico inte-

vranno evidenziare il raggiungimento dei target finali previsti nel 2013 e i responsabili delle verifiche saranno quattro dipartimenti (cultura e istruzione, lavoro, ambiente e infrastrutture) coordinati dal dipartimento Programmazione comunitaria e nazionale. Il Piano dovrà garantire il rag-

prevede che per i quattro Obiettivi suddetti, la Calabria investa 1.191 milioni di euro, così suddivisi: per elevare le competenze degli studenti e le capacità di apprendimento della popolazione (Obiettivo I), 344 milioni di euro;

grato (Obiettivo III), 193 milioni di euro; per tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al sistema di gestione dei rifiuti urbani (Obiettivo IV), 402 milioni di euro. Saranno 11 gli indicatori che do-

giungimento della soglia minima di diffusionedei servizie assicurare ai cittadini calabresi un’equa opportunità di accesso ai servizi. Il raggiungimento dei target consentirà alla regione Calabria di accedere a una premialità di 303,9 milioni di euro.

La strada dunque è tracciata e le strategie sono pronte. La sfida da vincere sarà l’attuazione degli interventi, consapevoli che un più alto valore aggiunto nei servizi implica un più alto livello di qualità della vita. Vale a dire, ciò che ancora scarseggia nella nostra regione.

Il Piano prevede che per i 4 Obiettivi la Calabria investa 1.191 milioni di euro: - per elevare le competenze degli studenti e l’apprendimento della popolazione (Obiettivo I) 344 milioni di euro; - per aumentare i servizi di cura alla persona, alleggerendo i carichi familiari per innalzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro (Obiettivo II) 481 milioni di euro; - per migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al servizio idrico integrato (Obiettivo III) 193 mln di euro; - per migliorare la qualità dell’ambiente, in relazione al sistema di gestione dei rifiuti urbani (Obiettivo IV), 402 milioni di euro

NEWS A Lamezia si parla di Europa. Filo diretto con i cittadini sui progetti Fse CATANZARO - Il Dipartimento lavoro e formazione professionale dell’assessorato alla Programmazione nazionale e comunitaria alle Politiche del lavoro e alle Politiche sociali della Regione Calabria organizza oggi un evento regionale che ha come obiettivoquello di rendere noti a tutti cittadini calabresi i progetti attivati e già realizzati attraverso il contributo del Fondo sociale europeo e, soprattutto, i nuovi assi di finanziamento Fse legati al POR 2007 2013 che sono i seguenti: 1. ADATTABILITÀ 2. OCCUPABILITÀ 3. INCLUSIONE SOCIALE 4. CAPITALE UMANO 5. TRANSAZIONALITÀ E INTERREGIONALITÀ 6. ASSISTENZA TECNICA 7. CAPACITÀ ISTITUZIONALE Si tratta di un evento fortemente voluto e sostenuto dall’assessore Maiolo, condiviso dal governatore Loiero,promossoecoordinatodalla dirigente del dipartimento 10 dott.ssa Marinella Marino. Nel mese di giugno la Calabria ha già aperto le porte a Bruxelles, con una due giorni a Sibari in cui si sono stati messi in mostra, sotto i riflettori della Commissione europea, i risultati ottenuti nel recupero della programmazione 2000 2006. «Oggi, e finalmente in grande stile - fa sapere la Regione - l’amministrazione regionale vuole mostrare a tutti i cittadini calabresi e di nuovo alla Commissione che quei progressi non erano fine a se stessi, ma vengono inquadrati in una serie di pianificazioni con scadenze precise che stanno portando al raggiungimento di importanti traguardi. Nuove imprese, nuovi posti di lavoro, nuove possibilità per le fasce sociali svantaggiate, e tanto altro sono argomento di discussione nella giornata che apre, per la Calabria, il filo diretto con l’Europa, nella cornice progettata dall’agenzia di comunicazione integrata lacosa di Cosenza».


6

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

PRIMO PIANO

A Cosenza esiste l’Istituto nazionale di ricovero e cura anziani, punto di riferimento d’eccellenza

Una struttura della sanità pubblica che diventa un modello di efficienza di Saverio Paletta COSENZA - Esiste da quasi 35 anni. Eppure è una realtà poco pubblicizzata. Non ha generato scandali, cosa rara nella nostra sanità. In compenso ha prodotto numeri importanti: su cento posti letto convenzionati tra cure e ricerca, i pazienti che ogni anno ne frequentano i quattro reparti oscillano tra 1.400 e 1.600, calabresi e non. Tutto ciò accade in una struttura della sanità pubblica calabrese. L’Inrca, Istituto nazionale di ricovero e cura anziani, è un presidio sanitario situato a Muoio Piccolo, una frazione di Cosenza vicina a Mendicino. A vederla da fuori, sembra una clinica di lusso. All’interno, è pulita, ordinata e ben tenuta. Vi operano 21 medici, 6 ota e 50 infermieri. Si articola su tre piani, nei quali funzionano le unità operative di Geriatria, con due posti letto per la terapia sub intensiva cardiovascolare (in pratica, la cura degli ictus); quella di car-

Attività ospedaliera secondo l’Aiop la Calabria si conferma maglia nera di Renzo Massi

diologia con sei posti letto per l’Utic (la cura intensiva delle coronarie); quella per la medicina del dolore (destinata non solo ai malati terminali) e l’unità operativa di radiologia. A queste si aggiunge un laboratorio di analisi che funziona pure come laboratorio di ricerca ed è collegato con l’Unical. Perché, ed è questo il dato che rende particolare la struttura, l’Inrca è pure un centro di ricerca. Il presidio di Muoio Piccolo è una delle sette articolazioni dell’istituto, nato ad Ancona agli albori del regionalismo, sul territorio nazionale. "Ci stiamo attrezzando per diventare un polo geriatrico completo. Prevediamo, a breve, l’avvio di attività di recupero del paziente, per creare una continuità assistenziale dalla fase acuta alla riabilitazione", dichiara Vincenzo Damiano, il direttore generale della struttura cosentina. Da quasi due anni l’Inrca ha dato vita all’Agenzia nazionale per l’invecchiamento. In pratica un’ulteriore "proiezione" delle sue

ROMA - Maglia nera alla Regione Calabria, bollino verde come regione più virtuosa in fatto di sprechi alla Lombardia. E’ questa la novità principale che emerge dall’analisi del VII rapporto Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) sull’attivita ospedaliera, presentato ieri mattina alla Camera.Ilrapportoannuale,infatti, si sofferma sull’entità e la qualificazione dei servizi sanitari offerti da ospedali pubblici e privati, sui costi, sulle difficoltà di accesso e sullaqualitàpercepitadaicittadini, ma analizza nello specifico l’inefficienza sommersa di sei regioni (Lombardia, Piemonte, Toscana, Marche, Puglia e Sicilia), indicando dunque il tasso di inefficienza, in sintesi lo spreco, facendo la differenza tra il valore dei servizi prodotti (che comprende anche le atti-

Il laboratorio di analisi funziona pure come laboratorio di ricerca

vità non tariffabili) e il costo effettivo ripianato dallo Stato. E dall’indagine emerge appunto che i più spreconi sono gli ospedali calabresi, (47,2% di inefficienza, pari a 614,2 mln di euro), seguiti da quelli del Piemonte (39,4%-1263 mln), delle Marche (31,1%-425,6 mln), della Toscana (30%-716,7 mln), e della Puglia (24,9%-507 mln). Positiva al contrario la situazione della Lombardia, che registra un tasso di inefficienza del 19,4% e uno spreco in termini di risorse economiche pari a 1263,1 milioni di euro. Riguardo invece alla soddisfazione dei pazienti in merito alle strutture utilizzate, il 92,9% si dichiara soddisfatto delle case di cura accreditate, il 92,8% delle cliniche private e l87,5% degli ospedali pubblici.

attività istituzionali in altri comunque legati alle problematiche della salute: quelli del "sociale" in senso ampio. Una ricetta, se si vuole, già sperimentata in altri settori della sanità. I fondatori, oltre l’Inrca, sono l’istituto Politecnico delle Marche, l’istituto Mario Negri e altri politecnici in ambito nazionale, per un totale di dieci soggetti. Non mancano i collegamenti con l’estero: nello specifico con il National institute of ageing di Baltimora. Anche la sede Calabrese, grazie a un recente accordo con la Regione, si prepara a inserire il nostro territorio in questa particolare rete, in cui ricerca e terapia si muovono di pari passo. Il criterio di accesso a questo singolare presidio è il limite minimo di età: 70 anni. E, si badi bene, non si tratta di una medicina "residuale", soprattutto se si pensa che da qui a 30 anni il 40% della popolazione nazionale sarà over 65. "Ciò che conta, soprattutto in questo delicato settore, è l’umanizzazione delle terapie. Noi miriamo a creare attorno al paziente un ambiente sereno e confortevole. Un malato è soprattutto una persona. E i suoi bisogni vanno oltre quelli strettamente terapeutici", ci dice Santino Garofalo, il dirigente sanitario. Ma le novità che l’inserimento della Calabria in questa agenzia potrebbe portare vanno ben al di là dell’aspetto medico. Sarebbe, infatti, l’occasione per apprendere il nuovo modello di governance dell’Inrca, basato sui controlli reciproci tra il consiglio di indirizzo e verifica, il direttore generale e quello sanitario. Un sistema di gestione efficientistico ma non autoritario, aperto al dialogo paritetico tra soggetti pubblici senza esclusione dei privati. Sarà pure roba per anziani. Ma non è roba vecchia.


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani

7

PRIMO PIANO

La commissione Bilancio tiene in scacco le zone franche urbane A Lamezia poco allarmismo. Cicione: «Lo stanziamento di bilancio dovrebbe restare in piedi»

di Alessandro Caruso ROMA — Le zone franche urbane (zfu), salutate a fine ottobre come un trampolino di lancio per lo sviluppo di alcune zone del Sud, potrebbero trasformarsi in un mero proclama del Governo. Almeno per quanto concerne l’entità del fondo perequativo che dovrebbe compensare le entrate fiscali abbonate alle zone "prescelte". È in atto, infatti, in commissione Bilancio, un intenso dibattito su vari emendamenti tra cui uno, presentato appunto dal Governo, che ridurrebbe sensibilmente la portata del progetto iniziale delle zfu. Sulla base dell’impianto che aveva portato alla firma dei contratti con 22 città, lo Stato alleggeriva tali zone da alcuni oneri fiscali. Dando uno sguardo al contratto stipulato dalla città di Crotone (una delle tre zone franche calabresi oltre a Rossano e Lamezia Terme), che segue lo schema di tutti gli altri, si legge chiaramente: "le piccole e micro imprese, (..) che iniziano, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2008 e il 31 dicembre 2012, una nuova attività economica nelle Zfu, nei limiti delle risorse disponibili e dei decreti ministeriali previsti dalla normativa e propedeutici all’attuazione del dispositivo, fruiscono delle seguenti agevolazioni: esenzione dalle imposte sui redditi; esenzionedall’Irap;esenzionedall’Ici;

esonero dal versamento dei contributiprevidenziali.Perle imprese esistenti al 1° gennaio 2008 le agevolazioni sono concesse nel limite del de minimis". Nel caso di Crotone, ad esempio, la cifra concordata era di 4.856.769,19. Va aggiunto che questo progetto era stato già previsto dalle leggi finanziarie 2007 e 2008 e concretizzato dal ministero dello Sviluppo economico guidato da Claudio Scajola. Tutto questo adesso è messo a repentaglio dall’emendamento presentato dal Governo, che vorrebbe eliminare sostanzialmente l’esenzione dalle impo-

22 Sono le zone franche urbane individuate dal ministero, tra cui Crotone, Lamezia Terme e Rossano ste sui redditi e dall’Irap. Resterebbe in vita solo un contributo su pagamento di Ici e contributi previdenziali. L’allarme lanciato dai giornali di due giorni fa è stato, tuttavia, ridimensionato dall’assessore alla Programmazione del Comune di Lamezia Terme, Francesco Cicione. Per quanto riguarda il suo comune di appartenenza, sono stati previsti 4.759.927,29 euro, ma «questa cifra - ci spiega Cicione - non rappresenta l’intera portata delle zone franche urbane. Nella peggiore delle ipotesi, nel caso in cui la Finanziaria dovesse rivedere le

Francesco Cicione

cifre programmate, è vero che ci troveremmo di fronte a una diminuzione della fiscalità di vantaggio. Ma il contributo della Regione di circa 15 milioni di euro per le politiche attive resterebbe in piedi. E questo stanziamento fa sempre parte del programma delle zfu». Questi fondi regionali derivano, come ci ha spiegato l’assessore, dall’utilizzo del Por, e rientrano nella voce Sviluppo delle politiche attive", quelle politiche, cioè, finalizzate allo sviluppo e all’occupabilità delle zone individuate comezone

Quello che potrebbe succedere in commissione è solo un ridisegno dello spettro di attuazione della fiscalità di vantaggio

4

Sono esattamente 4.759.927,29 i milioni di euro che sono stati previsti per il Comune di Lamezia Terme

franche urbane. Quello che potrebbe succedere in commissione Bilancio, dunque, non è una soppressione dello stanziamento di bilancio, bensì un ridisegno soltanto dello spettro di attuazione della fiscalità di vantaggio. «Chiaramente - ha aggiunto Cicione - è auspicabile che l’impianto iniziale delle zone franche urbane venga mantenuto, per due ragioni. Innanzitutto perché sarebbe un segnale di concretezza da parte dell’attuale Governo, che si era detto molto soddisfatto a fine ottobre, per questo intervento a favore delle zone svantaggiate del Paese. In più perché le zfu erano previste nelle due finanziarie precedenti e mi auguro che non si interrompa un processo già avviato da tempo».

La commissione Bilanacio della Camera dei Deputati


8

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO

Il Presidente degli industriali calabresi De Rose commenta la manovra. «Fuori dall’agenda anche le piccole imprese, spina dorsale del sud»

«La Finanziaria aiuta le banche Bocciato invece il Mezzogiorno» ROMA - Fra dichiarazioni di Ministri e decisioni della Commissione Bilancio si avvia la discussione della Legge Finanziaria dello Stato per il 2010. «Dalle prime indicazioni - ha dichiarato Umberto De Rose, Presidente degli Industriali calabresi - ci sembra di vedere un film già visto e che pensavamo, o meglio, speravamo fosse andato definitivamente in soffitta. Rispuntano gli incentivi auto e gli aiuti fiscali alle banche e si bocciano le misure sul Mezzogiorno o si bloccano le possibili economie di spesa sulla politica. In questo modo chi, come le Banche, ha contribuito a mettere in ginocchio ed in crisi l’intero sistema economicoe finanziarioviene premiato, mentre chi, , come le piccole e medie imprese, con grande sofferenza, ha dovuto reggere non solo la propria azienda ma anche la tenuta complessiva dell’economia, viene penalizzato! Il quadro - continua - è inquietante: tutti parlano di Mezzogiorno, tutti sostengono la necessità dello sviluppo del sistema delle Piccole e medie imprese ma, al momento di decidere, le scelte vanno in tutt’altra direzione. Ancora una volta, infatti, misure a favore della grande industria, nonostante si paventino chiusure di stabilimenti (guarda caso al Sud), e nessun intervento per il Mezzogiorno, la sua Banca dedicata e le Zone Franche urbane. A ciò si aggiunga che anche misure di risparmio sui costi della politica, il taglio dei

Il risultato vero è che, fra problemi tecnici, posizioni politiche ed altre storie, il tema dello sviluppo del Mezzogiorno, così come quello delle piccole imprese, rimane di secondaria importanza nell’agenda del Governo nazionale

consiglieri comunali e provinciali piuttosto che il tetto sugli stipendi dei regionali, non hanno trovato "legittimità" in Commissione parlamentare. Il risultato vero - ha però evidenziato De Rose - è che, fra problemi tecnici, posizioni politiche ed altre storie il tema dello sviluppodel Mezzogiornocosìcome quello delle piccole imprese, aldilà dei proclami, rimangono di secondariaimportanzanell’agenda politica del Governo nazionale. Ed è triste, dover ripetere ancora una volta che tutto il sistema delle piccole e medie imprese costituisce la spina dorsale del sistema economico meridionale e che, senza una mirata politica su di esse e sul Mezzogiorno in generale, questo Paese continuerà ad andare avanti a due velocità (anzi ad una sola). Del resto il Presidente della Repubblica e lo stesso Governatore Draghi, non più tardi di qualche settimana fa, erano autorevolmenteintervenutisultema Mezzogiorno e sulla necessità di predisporre azioni di sviluppo su quest’area che sta sempre più allontanandosi dal resto del Paese. Vorrei augurarmi - ha concluso De Rose - che gli appelli non cadano nel vuoto, come troppo spesso è successo e che si possa, a partire da questa Finanziaria ragionare in termini concreti e di prospettiva sul futuro e sullo sviluppo del Sud, del suo sistema economico e, complessivamente, dell’intero Paese».

Arilotta, Movimento Cristiano Lavoratori «Ora serve soddisfare i bisogni concreti» di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - "Primato del lavoro, partecipazione, responsabilità: Mcl per un blocco sociale che orienti una stagione di riforme". Questo il tema del congresso del Movimento Cristiano Lavoratori di Reggio Calabria che ha elettoPaoloArilottapresidenteprovinciale. Avvocato Arilotta, l’organizzazione che lei presiede si prefigge di intraprendere un nuovo cammino a fianco dei cittadini. «L’obiettivo è quello di rafforzare la presenza nel nostro territorio di una esperienzache ha costituitofin dal suo varo, avvenuto negli anni ’70, un punto di riferimento importante per chi intende vivere la propria esperienza umana e lavorativa uniformando le sue azioni ai dettami della Dottrina Sociale della Chiesa, all’interno della Comunità ecclesiale,di cui il Movimentoè parte integrante. Un primo importante appuntamento è già fissato per il prossimo anno, quando nella nostra città si terrà la 46esima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, ed alla quale il Movimento è chiamato a dare il proprio contributo». Come primo atto lei ha riconosciuto l’impegno dei suoi predecessori, i quali hanno lavorato tra tante difficoltà affinché l’esperienzarimanessevivainuncontesto in cui il richiamo a valori superiori, alla gratuità del servizio, alla volontà di spendere parte del proprio tempo per il soddisfacimento di interessi generali sembra essere fuori dal mondo.

«Pensodiinterpretareil pensierodi tutto il Movimento quando affermo, per amor di sintesi, la necessità di operare in due direzioni. La prima, suscitare le sensibilità. Nonostante le apparenze, non si può credere sul serio che indifferenza ed egoismo siano tanto penetrati nelle coscienze da renderle così irreversibilmente devastate. Bisognerebbe ammettere l’idea di un’umanità senza più anima: un’umanità inumana. La seconda, soddisfare bisogni concreti. E qui entrano in campo i servizi che il Movimento offre, alcuni dei quali già operanti su tutto il territorio provinciale con l’apporto di qualificati operatori dei diversi settori (patronato, Caf), altri in corso di attivazione (Caa), altri ancora oggetto di una riflessione all’interno di tutti gli organismi neoeletti per la loro ristrutturazione ed il loro rilancio». Dall’11 al 13 dicembre prossimi, a Roma, si celebrerà il congresso nazionale del Movimento, al quale prenderà parte anche la delegazione reggina da lei guidata. «La scelta congressuale è di estrema attualità.Oggi sembra che ci sia una società senza voce, e che chi la dirige debba farlo non cogliendo le pulsioniche interagiscononella comunità, ma riuscendo (potrebbe dirsi meglio, pretendendo) di interpretarlesenzaascoltarnelesfaccettature che, se pure infinitesimali, servono alla ricchezza ed all’esattezza della sintesi. E’ questo un meccanismo consacrato nella Costituzione, fortemente ispirata dall’idea cristiana di società, che sembra essere desueto».


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani

9

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO In Germania la Corte costituzionale mette un freno allo shopping: il riposo è un diritto Confesercenti: da noi c’è la corsa ai centri commerciali, paesi e città restano deserti

Apertura domenicale dei negozi «In Calabria troppa deregulation» di Carmela Mirarchi CATANZARO - La Germania ha deciso: i negoziapertidi domenicasonoanticostituzionali. La Consulta tedesca ha accolto il ricorso della Chiesa. L’essere umano viene prima del profitto e la domenica e le festività sono, secondo la Corte Costituzionale tedesca, giorni di riposo per tutti i lavoratori che hanno il diritto di riposarsi, di partecipare alle vita sociale e familiare. In Italia la questione è stata discussa più volte. La domenica per la Chiesa è il giorno del Signore e del riposo e dunque i negozi devono stare chiusi. La polemica impazza in mezza Europa. Ma cosa accade nella nostra regione? Prima di tutto c’è da precisare che in Italia il decreto Bersani ha introdotto una sorta di liberalizzazione degli orari delle attività commerciali, che sono rimesse alla libera determinazione del singolo operatore, nel rispetto esclusivamente delle seguenti regole:l’apertura dell’esercizio non può avvenire prima delle ore 7. La chiusura dell’esercizio deve avvenire non oltre le ore 22. Il tempo di apertura dell’esercizio non può essere superiore alle 13 ore giornaliere. L’esercente è tenuto a rendere noto solo al pubblico l’orario effettuato. L’esercizio deve rispettare la chiusuCATANZARO - «Aiutare le imprese oggi, in presenza di una crisi come quella attuale, non significa solo intervenire sul piano economico perché, infatti, di vitale importanza per chi intraprende è l’accelerazione dei meccanismi burocratici». Lo ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive, Francesco Sulla, presentando a Catanzaro, nel corso di una conferenza stampa, il progetto "Pianificazione e strumenti per le politiche di semplificazione e riduzione dei tempi delle procedure autorizzatorie per le imprese". All’incontro ha partecipato anche Francesca Ferrara, del Formez, organismo con il quale il Governo centrale ha sottoscritto un progetto per il rafforzamento della capacità di programmazione ed implementazione delle politiche di sem-

ra nei giorni festivi, tranne nelle otto festività individuate dal Comune quali deroghe all’obbligo di chiusura. E’ da notare però che questo impianto fortemente vincolistico per l’esercente viene mitigato con l’art.. 13 "Disposizioni speciali", tramite cui è possibile andare in deroga a tutta la disciplina generale in tema di orari. A spiegare bene qual è la situazione in Calabria è stato Nino Marcianò, presidente regionale di Confesercenti.

Apertura e chiusura dei negozi, qual è la situazione in Calabria? «Abbiamo assunto da sempre una posizione chiara in relazione al decreto Besani. E’ stato stabilito che l’apertura deve essere la massimo di otto domeniche all’anno ma in Calabria c’è una situazione anomala che tutti accettano.Molti comuni ( 90-95%) hanno chiesto di essere indicati come città d’arte e come città d’interesse turistico. Lo scopo era poter acquisire le caratteristiche previste dal decreto Bersani per ottenere la deroga e poter decidere senza vincoli l’apertura e la chiusura delle attività commerciali. Le varie giunte hanno concesso le denominazioni ai comuni calabresi e nessuno ha accettato i nostri consigli e i nostri avvertimenti». Ma l’apertura domenicale giova a tutte le attività commerciali? «Assolutamente no. Infatti i piccoli commercianti fino a quando sono riusciti a resistere hanno avuto dei piccoli benefici. Ma per questi non è facile sopportare i costi del personale nei giorni festivi e dunque sono stati obbligati a chiudere la domenica. Chi ne trae vantaggio sono i grandi centri commerciali e la grande distribuzione in generale. Il suo tipo di organizzazione permette infatti questo genere di apertu-

Il progetto sulla semplificazione è stato presentato ieri da Sulla

Sportelli unici, accordo Regione-Formez plificazione, misurazione e riduzione degli oneri amministrativi e dei tempi burocratici. «Siamo nelle condizioni, come regione inserita tra le quattro dell’Obiettivo Convergenza - ha detto Sulla dipoterutilizzareun’opportunità mirata al potenziamento della rete degli sportelli unici. Abbiamoperquestocontattatosubito il Formez per concretizzare l’attività. Il coinvolgimento riguarderà i Comuni, le Aree di sviluppo industriale e le Province che dovranno coordinarel’attuazioneconcretadelleiniziative

mirate alla velocizzazione degli iter». La convenzione tra Regione e Formez avrà durata semestrale e si occuperà di rendere operativa la strategia e gli interventi di sostegno agli Sportelli unici delle attività produttive comunali; dare attuazione alle linee guida sul Suap emanate dalla Regione e creare lo sportello unico regionale Surap. Nell’ambito dell’intesa è prevista la predisposizione del monitoraggio e della mappatura dei comuni in relazione allo stato di attuazione del Suap.

ra». E la Chiesta calabrese cosa ha fatto per evitare che si creasse una situazione in cui il profitto ha superato l’uomo e le sue necessità? «La chiesa calabrese ha preso atto della posizione del Vaticano e ha cercato di dare indicazioni. Ma alla fine c’è stato il silenzio». Dunque sono gli amministratori locali dei comuni e della Regione a dover ora regolamentare la situazione per evitare che i piccoli commercianti siano schiacciati dai grandi centri commerciali? «Sì, ma non lo ha fatto nessuno. L’apertura domenicale e nei giorni festivi fa comodo a tutti ma ne trae vantaggio solo il centro commerciale. Si dovrebbe discutere di più della questione». Ci sono anche altri tipi di risvolti? «Certo. Il principale è di tipo sociale e culturale. Il consumatore può avere dei vantaggi ma alla fine si avranno delle conseguenze negative per il cittadino. Ci sarà la desertificazione dei centri storici, l’imbarbarimento dei rapporti sociali. I Comuni dovrebbero organizzare iniziative per il tempo libero e per evitare che tutti diventi legato al meccanismo del consumo». Dello stesso avviso di Marcianò anche il direttore commerciale di una nota catena di supermercati Gianni Sgrò che ha commentato: «Con l’apertura indiscriminata i rapporti sociali si annullano. Bisogna chiudere le attività la domenica e nei giorni festivi. L’anomalia calabrese fa arricchire solo la grande distribuzione e ha conseguenze negative per i piccoli commerciati che rischiano di diventare prigionieri delle loro attività. Inoltre - ha concluso Sgrò - per il cittadino c’è da dire che anche se ne può trarre beneficio da consumatore certamente da lavoratore si troverà legato alle decisioni dei pochi grandi imprenditori che lo obbligheranno a lavorare di domenica e son orari impossibili decisi da pochi senza nessun genere di consultazione». In questa assenza di regole quello che ora tutti si aspettano èun intervento forte della chiesa e dei sindacati.


10

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

POLITICA REGIONALE ELEZIONI REGIONALI 2010 Intervista a Gianpaolo Catanzariti segretario provinciale dei Socialisti Uniti. Appello al centrodestra

«Il Pdl dovrà essere capace di invertire davvero la rotta» REGGIO CALABRIA - Quale il ruolo dei Socialisti Uniti in vista delle prossime Regionali? A questa e ad altre domande risponde il segretarioprovinciale,Gianpaolo Catanzariti. «I Socialisti Uniti - dice - intendono lavorare per offrire ai calabresi una nuova classe dirigente in grado di affrontare le emergenze regionali, indicando loro che una reale discontinuità nell’alternanza non solo è possibile, ma è necessaria se vogliamo che la Calabria non venga abbandonata ad una pericolosa deriva». Anche i Socialisti Uniti parlano di discontinuità e di primarie. «La discontinuità non è solo alternanza all’attuale maggioranza. Lo è anche nei contenuti e nei metodi. Mi auguro che il Pdl esca dalle dispute nominalistiche per costruire un programma ed una squadra all’altezza della situazione. Per far questo, ritengo utile la partecipazione alle primarie. Al di là della bontà o meno dell’istituto e delle ragioni che ci stanno dietro, le primarie rappresentano un momento per ragionare sulle emergenze calabresi». Appare scontata la vostra partecipazione alle elezioni regionali... «Lo faremo partendo dal Garofano, un simbolo che richiama a prima vista la tradizione riformista dei socialisti calabresi e che deve rappresentare anche un riferimento per quelle forze produttive della società coscienti della necessità dell’impegno politico». La Calabria, nel contesto della crisi globale, è una delle regioni che più delle altre vive delle difficoltà. In più è alle prese con gravi emergenze. «Occorre dare una risposta credibile nel campo della sanità. Un buco nero non solo per i nostri conti, ma anche della nostra con-

Gianpaolo Catanzariti

«Mi auguro che si costruiscano un programma e una squadra all’altezza della situazione» vivenza civile e democratica che dimostra quanto sia stata fallimentare per la Calabria la Giunta Loiero: una maggioranza che invece di rivoltare la nostra regione come un calzino, come aveva promesso, lo lascerà bucato. Occorre incalzare le istituzioni centrali per il superamento del gap infrastrutturale calabrese. Per-

ché, anche in questa terra dimenticata, si porti l’alta velocità, si trasformi la Strada Statale106 in una seconda autostrada, si rilancino i porti calabresi - Gioia Tauro su tutti - gli aeroporti, si completi al più presto la A3 e si realizzi il collegamento stabile con la Sicilia. L’adesione della Giunta regionale alla manifestazione indetta dalla Rete “No Ponte, No Tav” è il segnale che l’attuale classe dirigente è inadeguata. In effetti, piuttosto che guidare e progettare la crescita e lo sviluppo calabrese sembra di retroguardia e conservatrice. Forse perché è troppo interessataa conservarelo stato neo-feudale nel quale è stata spinta la Calabria».

Angela Latella

Il consigliere regionale del Pdl chiede lumi sui Pisr

Interpellanza di Nicolò

Alessandro Nicolò

REGGIO CALABRIA - Il consigliere regionale del Pdl, Alessandro Nicolò, con una interpellanza al presidente della Giunta regionale e all’assessore alla Programmazione comunitaria, ha chiesto di «conoscere i criteri utilizzati per l’individuazione delle proceduredi selezionedeicoordinatori tecnici di unità per i Progetti strategici integrati di sviluppo regionale (Pisr)». Tra i progetti richiamati da Nicolò riguardano il “Contrasto allo Spopolamento delle Aree Interne e Periferiche”; il “Sistema delle Aree Urbane Regionali”; il “Sistema Ferroviario metropolitano regionale”; il “Piano regionale per le infra-

strutture produttive” etc, etc. «I bandi per coordinatore tecnico sostiene il consigliere Nicolò prevedono figure di esperti dotati di specifiche professionalità. La preoccupazione discende dal fatto che l’effettuazione di scelte così impegnative viene a coincidere con la transizione della legislatura, in uno scorcio temporale, quindi,limitato e molto delicato che potrebbe determinare criteri di assegnazione degli incarichi non sempre efficaci o, addirittura, suggeriti da interessi elettoralistici. E’ indispensabile affidarne l’esecuzione alle migliori professionalità senza il condizionamento dell’appartenenza partitica».

Pdl, lunedì coordinamento regionale LAMEZIATERME-Èstatoconvocatoperlunedi7dicembre alle ore 9,30, all’Hotel Ashley di Lamezia, il coordinamento regionale del Pdl. Alle ore 12,00 si terrà poi una conferenza stampasull’avviodellacampagnaditesseramento.

Sicurezza a Lamezia, D’Ippolito: «Giunta Speranza inadeguata» LAMEZIA TERME - «Mi pare un’abitudine oramai consolidata di questa Amministrazione di sinistra lasciar correre fino a che i problemi non sfociano nel dramma. Lo abbiamo visto con l’abusivismo e lo vediamo adesso con la polizia municipale e ben presto, visto che l’andazzo è questo, lo vedremo con i rom. Le forze di polizia di Lamezia devono essere messe in grado di aiutare i cittadini. E questa Amministrazione a sta facendo il contrario, tagliano le risorse e non mettono in condizione i nostri vigili di lavorare serenamente per il bene di tutti i lametini». E’ questo il commento della candidata sindaco del Pdl, Ida D’Ippolito di fronte alla notizia dello stato di agitazione proclamato ieri dalla Polizia municipale di Lamezia Terme, costretta a fare straordinari, sotto organico e con alcuni vigili che ricoprono funzioni per cui sarebbe necessaria una qualifica e un compenso superiori. «Il fatto - prosegue Ida D’Ippolito - è che il problema della legalità e della sicurezza in città sembra non interessare questa amministrazione. Non bastano i convegni, bisogna agire, e agire per tempo. Sulla vicenda abusivismo, il problema non è mai stato dividersi tra posizioni dure e posizioni morbide. Il problema era agire per tempo, prima che la magistraturafossecostrettaadintervenire per sopperire all’ inerzia dell’Amministrazione. Ma d’altrapartemipareun’abitudine oramai consolidata di questa Amministrazione di sinistra: lasciar

Ida D'Ippolito

correre fino a che il problema non sfocia nel dramma. Lo abbiamo visto con l’abusivismo e lo vediamo adesso con la polizia municipale e ben presto, visto che l’andazzo è questo, lo vedremo con i Rom La gestione della sicurezza - conclude Ida D’Ippolito - è tanto più centrale in questa terra che chiede legalità come un assetato chiede l’acqua. E parlare di sicurezza e legalità significa parlare dello sviluppo economico della città, della qualità della vita dei cittadini, del futuro dei nostri ragazzi. La questione della polizia, come l’atteggiamento di fronte all’abusivismo sono il simbolo di come chi amministra s’immagina (o meglio non si immagina) il futuro di Lamezia: una città che aspetta, che attende, ferma, incapace di uscire dal vicolo cieco in cui l’attuale amministrazione l’ha portata. Ecco io voglio per questa città l’esatto contrario: una città che guarda al futuro e che è in grado di competere a livello nazionaleed europeo.Saper gestire la sicurezza e la legalità qui a Lamezia significa avere a cuore il futuro dei lametini e del Sud».

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

La Metis S.p.A. Agenzia per il lavoro,

con autorizzazione a tempo indeterminato rilasciata in data 26/11/04 Prot. n. 1121/SG,

r i c e r c a

e

s e l e z i o n a

per azienda cliente le seguenti figure professionali:

AGENTI DI VENDITA

Requisiti: - agenti monomandatari; - automuniti; - esperienze nel settore grafico-editoriale; - buona conoscenza del territorio calabrese; - ottime capacità organizzative e relazionali; - diploma di scuola media superiore o cultura equivalente; Si offre: - formazione e affiancamento; - fisso + provvigioni; - bonus al raggiungimento di obiettivi prefissati. Zona di lavoro: CALABRIA L’offerta di lavoro è riferita ad entrambi i sessi (Legge 125/91, art. 4, comma 3) e gli interessati possono inviare il proprio C.V. ai seguenti recapiti: Metis S.p.A. - Via A. Scopelliti, n.1 - 88100 Catanzaro catanzaro@eurometis.it - fax 0961/775715 Prima di inviare il curriculum, ai sensi della D. lgs. 196/03, si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali reperibile all’indirizzo http://www.eurometis.it/pdf/InformativaPrivacy.pdf


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 11

POLITICA REGIONALE

“Urban Center. Rete Calabria” Ovvero, partecipazione è legalità Oggi a Reggio la presentazione dell’iniziativa con l’assessore Tripodi e il presidente di Field, Muzzì CATANZARO - “Urban Center. Rete Calabria. Partecipazione è legalità”. Questo il tema della manifestazione che si svolgerà oggi a Reggio Calabria, nella sede della Provincia, con inizio previsto alle ore 16, 00. L’iniziativa è stata presentata, nel corso di una conferenza stampa, dall’assessore regionale all’Urbanistica Michelangelo Tripodi e dal presidente della Field, Mario Muzzì, Fondazione con la quale è stato costituito un gruppo di lavoro per sollecitare e supportare i Comuni allarealizzazionedeilaboratoridi partecipazione. «Crediamo molto - ha affermato l’assessore Michelangelo Tripodi - nella possibilità di creare una rete di Urban Center: laboratori di partecipazione per realizzare il principio fondante della strumento innovativo della legge urbanistica 19 del 2002 e, in particolare, con la modifica apportata nel 2006 che prevede, appunto, la creazione di laboratori urbani, di quartiere e territoriali per una pianificazione partecipata per il governo del territorio. Partecipazione è legalità. È verbo - ha precisato altresì Tripodi - perché i processi siano trasparenti, affinché gli Urban Center siano lo strumento per contrastare la criminalità mafiosa, per promuovere la democrazia, per favorire la realizzazione degli obiettivi, per rendere strutturale la partecipazione come elemento fondante dell’attività delle amministrazioni comunali». E ancora, sempre secondo quanto dichiarato dall’essossore, Tripodi «oggi in Calabria si sta viven-

Una veduta panoramica di Reggio Calabria

do una fase di pianificazione urbanistica impensabile solo pochi anni fa, in cui tutti gli enti territoriali sono impegnati nella creazione del proprio strumento urbanistico. Personalmente sono orgoglioso di potere affermare che oggi la Calabria si avvia ad essere annoverata fra le Regioni più solerti per avere affrontato i temi della pianificazione sollecitando i Comuni ad attuare le loro scelte urbanisticheattraversolapartecipazione dei cittadini realmente interessati. Ciò in Calabria assume un significato estremamente più importante che in altre regioni poiché gli Urban Center possono rappresentare un elemento che si contrappone alla organizzazioni criminali e mafiose

nella gestione del territorio. Domani (oggi, ndr) - ha detto infine l’assessore Michelangelo Tripodi - alla “Giornata della Partecipazione” illustreremo le iniziative messe in campo in un anno di lavoro e collaborazione stretta con la Fondazione guidata da Mario Muzzì e getteremo le basi per una nuova cultura in Calabria fase della gestione del territorio condivisa». Il presidente della Filed, dal canto suo, ha parlato delle iniziative messe in campo dal gruppo di lavoro con azioni di supporto senza entrare nel merito della linea programmatica dell’assessorato all’Urbanistica. «È necessario - è stato l’auspicio di Muzzì - che si continui su ques-

ta strada e che le amministrazioni comunali comprendano appieno l’importanza di questi strumenti di partecipazione voluti con tenacia e convinzione dall’assessore Tripodi». Al termine, il presidente della Fondazione Field, Muzzì ha detto che oggi sarà anche annunciata ufficialmente la nascita del primo laboratoriopartecipatonelcomune di San Luca. Inoltre sarà sottoposto ai Comuni la bozza di un protocollo d’intesa per la costituzione di un’associazione che ha l’obiettivo di promuovere la rete degli Urban Center e la gestione condivisa dei territorio. r.c.

ARSSA Ricevuti dal capo Gabinetto della Giunta regionale, Bruni

Lavoratori Sial a Palazzo Alemanni In forse, secondo i dipendenti, ci sarebbero il rinnovo del contratto e la proroga della convenzione che scade il 15 dicembre

CATANZARO - Una rappresentanza dei cinquantadue dipendenti della Sial, società che per conto dell’Arssa svolge attività di monitoraggio in ambito sanitario e veterinario, è stata ricevuta ieri mattina dal capo di Gabinetto della presidenza della Giunta regionale, Ottavio Bruni, dopo un sit in di protesta davanti la sede di Palazzo Alemanni. I dipendenti hanno manifestato a Bruni la loro preoccupazione per il rinnovo del contratto, visto che la società Sial, già nei mesi precedenti, ha licenziato parte dei lavoratori.In forse, secondo i dipendenti, ci sarebbe anche la proroga della convenzione con l’Arssa, il cui termine

Ottavio Bruni

scade il prossimo 15 dicembre, e dunque la sopravvivenza della società stessa. Il capo di Gabinetto ha dimostrato ampia vicinanza ai dipendenti della Sial, cercando di tranquillizzarli sul loro futuro. «L’attenzione da parte del presidente Loiero c’è, e c’è sempre sta-

ta - ha detto Bruni- il presidente ha preso a cuore sin dall’inizio la vostra situazione dando incarico agli uffici competenti di valutare attraverso quali percorsi sia possibile tutelare il vostro posto di lavoro. Noi siamo dalla vostra parte - ha continuato Bruni - e ci impegniamo a seguire la vostra vicenda per cercare di arrivare ad una soluzione». Un incontro dai toni pacati nonostante la comprensibile preoccupazione dei dipendenti Sial che, al termine dell’incontro,hannoringraziatoil capo di Gabinetto della Regione per la «cortesia e la delicatezza dimostrata nell’affrontare l’argomento» e nel rendersi disponile per ulteriori confronti.

Corbelli denuncia «C’è un grave caso Oliverio...» COSENZA - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, denuncia quello che definisce il “caso Oliverio” e parla di «una politica che tradisce e non rispetta l’etica, la moralità, la coerenza, la lealtà», manifesta «grande stupore per quella che considera una squallida campagna acquisti di consiglieri in atto alla Provincia di Cosenza condotta dal presidente nel nome del più becero trasformismo, per obiettivi e interessi personali, di potere, e di partito». Corbelli ricorda «la recente polemica per la mancata assegnazione di un assessorato provinciale ad Idv, e, soprattutto, la mancata smentita da parte dello stesso presidente della Provincia di Cosenza, a distanza di diverse settimane dalla diffusione della notizia (resa nota dal partito di Di Pietro e pubblicata con ampio risalto sui quotidiani calabresi), della assegnazione di un assessorato provinciale addirittura all’Udc, partito che alle elezioni provinciali del giugno scorso ha fatto l’apparentamento, al ballottaggio, con il candidato alla presidenzadelcentrodestra,PinoGentile. Inoltre con la indecente campagna acquisti di consiglieri provinciali condotta personalmente da Oliverio, e con la recente negazione di un assessorato a Idv, il presidente della Provincia completa l´opera iniziata con il varo della giunta il 1 agosto scorso, quando ha di fatto costituito un monocolore Pd (il suo partito) cancellando (e tradendo) quasi tutti gli altri partiti e movimenti che lo avevano sostenuto. Oliverio continua ad utilizzare la Giunta provinciale (fantasma, muta e semisconosciuta quella attuale, forse perché così la vuole lo stesso presidente della Provincia) esclusivamente in funzione dell’accaparramento del potere. Tanti i fatti gravi e vergognosi iniziati con la prima operazione-inciucio, culminata con l’elezione di Orlandino Greco (Mpa) alla presidenza del Consiglio provinciale. C´è sicuramentedarestareallibiti,indignati e offesi. Di fronte a questo quadro desolante, si registra purtroppo anche il silenzio di quasi tutti i partiti». r.c.


12

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

ATTUALITA'

Sorical: «Nessun comune rimarrà senza acqua»

La conferenza stampa di ieri mattina presso la questura di Catanzaro

Operazione della questura di Catanzaro. Immobili riconducibili al 34enne Vincenzo Perri

Lamezia, sequestrati e confiscati beni per un valore di 10 milioni di Stefano Benincasa

CATANZARO - Importante operazione della questura catanzarese a seguito a un’indagine avviata nei mesi scorsi. E così, dopo il sequestro è arrivata anche la confisca dei beni per un valore di circa 10milioni dieuro, riconducibili a Vincenzo Perri, 34 anni, di Lamezia Terme. Ad illustrare l’operazione, durante una conferenza stampa, è stato il responsabile dell’Ufficio misure di prevenzione della questura di Catanzaro, Salvatore Barilaro. La proposta di sequestro della confisca dei beni era stata fatta nei giorni scorsi al Tribunale dal questore di Catanzaro, Arturo De Felice presente alla conferenza di ieri insieme al vicedirigente del commissariato lametino, Saverio Mercurio. Il presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale, Adalgisa Rinardo, nel valutare positivamente il quadro di responsabilità emerso dalle indagini della polizia ha emesso prima il decreto di sequestro e poi quello della confisca. I beni oggettodel provvedimento consistono in aziende, esercizi commerciali, terreni, fabbricati, mezzi e una villa con piscina in fasedi costruzione. I beni sono stati sequestrati e con-

Vincenzo Perri

fiscati perché, è stato spiegato dall’esame dei dati raccolt irelativi all’indagine economico-patrimoniale del Perri, agli investigatori è apparso evidente «non solo l’assenza di elementi certi e idonei a giustificare la lecita provenienza dei beni accumulati, ma è altresì palese la sperequazionetra il valore del patrimonio accumulato dal Perri e la capacità reddituale delle stesso e dei suo familiari». In ostanza, Perri a fronte della disponibilità di un patrimonio di circa 10milioni di euro aveva dichiarato al fisco un reddito lordo di circa 3.223.00 euro. Per gli inquirenti il Perri avrebbe percepito redditi di lieve entità e in alcuni casi in maniera non continuativa, certamente non idonei a giustificare il possesso di cotanti beni e immobili. Secondo i dati

forniti dalla questura, Perri, che abita in contrada Annunziata nel quartiere Bella di Lamezia est, ha «condanne per estorsione, riciclaggio, ricettazione in concorso, usura continuata in concorso, violenza privata, sottrazione di atto pubblico, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici e falsità materiale commessa dal privato in atto pubblico». Lo stesso, è sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nelcomune di residenza. Inoltre secondo la polizia, «ha precedenti penali e di per associazione a delinquere finalizzata alla perpetrazione di reati quali truffa, riciclaggio, estorsione ricettazione e falso ideologico in concorso, associazione a delinquere finalizzata alla perpetrazione di delitti di usura, estorsione, truffa e minacce in concorso, furto aggravato, truffa e falsità ideologica in concorso». A Perri, definito dagli inquirenti come un soggetto «dalla grande capacità organizzativa aziendale», sono stati prima sequestrati e poi confiscati “un bar e una tavola calda, un esercizio commerciale sito di fronte la stazione di Lamezia Terme Centrale, in cui figurano socio accomandatario: Vincenzo Perri e Socio Accomandante lamoglie Sandra Margherita Torcasio”;

un’impresa di costruzionigenerali denominata “Co.Ge.Pe.-Srl” con sede a Lamezia Terme in via Roberta Lanzino. II capitale sociale di 210.000.00 euro è detenuto da Vincenzo Perri e dalla moglie Sandra Margherita Torcasio al 50% ciascuno”. Tra i beni sequestrati e confiscatiun esercizio di distributore carburante Q8 con annesso autolavaggio di proprietà della moglie registrato come impresaindividuale “Torcasio Sandra Margherita, sita a Lamezia Termein via Marconi”. Inoltre sono stati confiscati cinque appezzamenti di terreno per un totale di circa diecimila metriquadrati; 2 ville di cui una con annessa una piscina; un complesso residenziale in via dei Sanniti composto da: 10 appartamenti; 2 villette; 12 magazzini; un edificio in corso di costruzione; immobili facenti parte di residence in contrada Ginepri: 3 appartamenti; 3 magazzini. E ancora sono stati confiscati un fabbricato adibito a residence in corso di completamento a Roggiano Gravina, in provincia di Cosenza; altri 3 appartamenti e 5 magazzini siti nella provincia di Catanzaro. Sequestrati, infine, 3 autovetture; 8 autocarri e diversi conti correnti bancari.

Truffa alla Ue, a Cosenza confiscati beni per 70 milioni COSENZA - Beni mobili e immobili per un valore di circa 70milioni di euro sono stati confiscati dalla Guardia di finanza a tre professionisti di Cosenza, Ferdinando Marini, titolare di uno studio di commercialista, e Giovanni Lupo e Gennaro Mortati, entrambi odontoiatri, nell’ambito di un’inchiesta ai danni dello Stato e dell’Unione europea nella gestione dei fondi della legge 488. La confisca fa seguito alla condanna dei tre professionisti, 13 anni a Lupo e sei anni e sei mesi a Mortati e Marini, nel settembre scorso da parte del Tribunale di Cosenza. Il collegio aveva disposto la confisca dei beni di Lupo, Mortati e Marini per un importo di 70 milioni di euro, corrispondente all’ammontare delle truffe di cui i tre professionisti si sarebbero resi responsabili. Il Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro della Guardia di finanza ha svolto poi altre indagini individuando altri beni nella disponibilità di Lupo, Mortati e Marini. I beni confiscati consistono in 35 immobili tra edifici e locali commerciali tra cui una villa a Cosenza, due abitazioni nel centro di Milano ed altri immobili a Torino e Vicenza; trenta terreni; un’imbarcazione da diporto di 21 metri; 250 orologi da collezione, quadri d’autore, cento armi antiche e nuove e quote di partecipazione in quattro società di capitali. Le imprese che avrebbero beneficiato illecitamente dei contributi europei sono 15.

CATANZARO - In relazione alla nota inviata dal Codacons , a firma del vicesegretario nazionale, Francesco Di Lieto, la Sorical precisa quanto segue : «Nessun comune calabrese rimarrà senzacqua come viene. Le riduzioni di fornitura idrica (e non le interruzioni ) che saranno operate riguarderanno quei comuni inadempienti e morosi, refrattari a qualsiasi piano di rientro rispetto agli obblighi contabili derivanti dalla fornitura stessa e che nello stesso tempo richiedono quantità idriche ben superiori ad ogni ragionevole livello di dotazione d’acqua .Sorical ha più volte ricordato come i suoi crediti nei confronti delle amministrazioni siano , ormai, insostenibili..Si tratta di somme che, si presume, siano state già pagate dalla cittadinanza utente e che rappresentano un vincolo di bilancio inderogabile per ogni ente locale ( unitamente al pagamento degli stipendi e degli oneri previdenziali ) La società ha sempre operato nel massimo rispetto istituzionale nei confronti degli enti locali , ricercando con i comuni debitori una concertazione che prevenisse qualsiasi possibilità di ricorso ad azioni traumatiche del recupero dei crediti , imposte peraltro dalla natura pubblica di Sorical. E’ opportuno ricordare come l’acqua rimanga un bene primario, gestito secondo principi e doveri che rispondono ai criteri di pubblica utilità e per questo deve essere oggetto di corretta amministrazione da parte di tutti gli operatori in campo. Non a caso la tariffazione delle forniture è disposta annualmente, con atto pubblico, dalla Regione Calabria ed è, per inciso, tra le più basse d’Italia. Riguardo alla perdite delle condotte idriche, pur trattandosi di materia devoluta alle competenze comunali, la società ha sempre offerto la massima collaborazione tecnica agli Enti locali. Sorical ha un sistema di controllo che investe sia la Regione che la Corte dei Conti e le sue procedure rispondono ai criteri più elevati di efficienza e di efficacia, oltre che di trasparenza amministrativa. Sarebbe oltremodo interessante poter stabilire se analoga correttezza riguarda alcuni Comuni debitori, considerando che una sana e normale contabilizzazione delle entrate e delle uscite ( ripetiamo vincolate) relative al settore idrico non comporterebbe alcun ritardo nei pagamenti».


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 13

ATTUALITA'

Presentati il calendario e l’agenda storica dell’Arma Il colonnello Claudio D’Angelo in conferenza stampa ha illustrato le immagini, i simboli e il tema scelto quest’anno di Oriana Tavano CATANZARO - Un appuntamento ormai consolidato e atteso a livello nazionale, quello della presentazione annuale del nuovo calendario e dell’agenda storica dei carabinieri, che anche quest’anno si è svolto a Catanzaro nella sede del Comando provinciale del capoluogo. Il contenuto del calendario storico 2010 è stato illustrato dal comandante provinciale dei carabinieri di Catanzaro, il colonnello Claudio D’Angelo, che ha esposto le sue preziose pagine, ricche di immagini, simboli e figure di personalità valorose molto care alla tradizione nazionale dell’Arma, stampato in oltre un milione di copie da regalare alle famiglie italiane. Il tema scelto quest’anno è quello del giuramento e ripercorre l’evoluzione delle modalità con cui i giovani dell’Arma compievano questa prima e importante azione

solenne dopo l’arruolamento. «Un tema molto forte - ha detto il comandante Claudio D’Angelo -, il momento in cui si assume l’impegno morale e si garantisce il massimo sacrificio per il benessere della collettività e dello Stato, sono l’occasione per far conoscere alle famiglia la storia e i valori dell’Arma». Le tavole e i testi che si susseguono mese per mese raccontano il giuramento attraverso quasi due secoli di storia dell’Arma: dal rito individuale della cerimonia degli ufficiali davanti al sovrano nelle sale del

2010

Quest’anno il tema prescelto è quello del giuramento, la prima azione che ogni militare compie dopo l’arruolamento

Un momento della conferenza del colonnello Claudio D'Angelo.

Palazzo Reale di Torino, a quello collettivo dei carabinieri della Legione Allievi di Roma. Viene spiegata e immortalata l’evoluzione della "Lucerna", il tipico copricapo da carabiniere ribattezzato così dalla fantasia popolare insieme ai vari copricapi in uso per i vari reparti. Sono raffigurati i volti eroici dell’Arma, come quello del carabiniere Giovanni

Battista Spadaccino vissuto nell’ottocento ma ricordato fino ai nostri giorni per il suo valore militare, il tenente Carlo Alberto Dalla Chiesa, eroe immortale della Resistenza. Vere e proprie pagine storiche della storia d’Italia, personificate attraverso le immagini raffiguranti il vice brigadiere Salvo D’Aquisto che si immolò per salvare dalla fucilazione

22 ostaggi catturati dai tedeschi e nomi illustri come quello dei carabinieri Fulvio Sbarretti, Alberto La Rocca e Vittorio Marandola. Infine viene riproposto il rituale dell’attuale giuramento, che implica nella cerimonia la presenza di un’arma, che è l’emblema della vigilanza armata, mai disgiunta dalla missione di difesa e soccorso della cittadinanza.

La cultura del ricordo Gli amici del Domani sono vicini al presidente Soriero per la perdita della cara mamma ITALIA CHIARAVALLOTI Roma, giovedì 3 dicembre 2009

Nella ricorrenza del Trigesimo della morte del Signor ANGELO ROMEO Sarà celebrata una messa in suffragiovenerdi4dicembrealle ore 18,00 nella Chiesa di San Antonio di Padova, Lamezia Terme. Nella ricorrenza del Trigesimo della morte del Signor ANTONIO MUTO Sarà celebrata una messa in suffragio giovedi 3 dicembre alle ore 18,30 nella Chiesa Matrice di Curinga, CZ. Nella ricorrenza dell’Anniversario della morte del Signor ANGELO DE SARRO Sarà celebrata una Messa in suffragio della sua anima benedetta giovedi 3 dicembre alle ore 18,00 nella Chiesa della Pietà in Lamezia Terme. Nella ricorrenza del Trigesimo della morte del Signor Avv. VINCENZO NOTARIANNI

Sarà celebrata una messa in suffragio venerdi 4 dicembre alle ore 18,00 nella Chiesa della Pietà, Lamezia Terme. Nellaricorrenzadell’Anniversario della morte del Signor PINO FIOCCA Sarà celebrata una Messa in suffragio della sua anima benedetta giovedì 3 dicembre alle ore 18,00 nella Chiesa di Santa Maria Madre della Speranza in Acconia di Curinga (CZ).

NECROLOGIE-PARTECIPAZIONI-TRIGESIMI-ANNIVERSARI Accettazione telefono

0961 996.80 ORARIO: 9,00-13,00 | 15,00-18,00

E’ venuto a mancare all’affetto dei suoi cari la Signora CATERINA MEDAGLIA I funerali si svolgeranno giovedi 3 dicembre alle 15,00 nella ChiesaImmacolataConcezione di San Pietro Lametino. Nellaricorrenzadell’Anniversario della morte del Signor PASQUALINO ROCCA Sarà celebrata una Messa in suffragio della sua anima benedetta venerdi 4 dicembre alle


14

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

AMBIENTE E AGRICOLTURA

Irrisorio il sostegno all’agricoltura Nella capitale proseguirà la protesta Le associazioni calabresi a Roma: scarse le misure della finanziaria. Al Governatore Loiero chiesta la convocazione di un tavolo alimentare di C.M. CATANZARO - La mobilitazione degli agricoltori calabresi continua perché alcune prime misure contenute nella proposta governativa, inserita conunemendamentoallaleggefinanziaria per il 2010, sul finanziamento del Fondo di solidarietà nazionale sulle calamità naturali e le notizie per un possibile utilizzo di alcune risorse provenientidalloscudofiscalepermisure a sostegno dell’agricoltura, sono assolutamente irrisori e inadeguati rispetto alle esigenzedell’agricoltura.Questa la comunicazione di: Cia, Confagricoltura, Copagri e le Centrali Cooperative Legacoop / Agroalimentare,Confcooperative/FedagrieAgci. «L’emendamento del governo alla manovra economica per il prossimo anno (51,9 milioni di euro per il 2010 e16,7milionidieuroperciascunanno del biennio 2011 e 2012), attualmente in discussione dalla Camera, non è quello che ci aspettavamo - continuano le associaizoni-. Sono interventi che non danno risposte valide. Oltretutto, viene escluso il pregresso. Così il 2009 resterà completamente scoperto.Perquantoriguardalerisorse dallo scudo fiscale, è una tesi non accettabile perché subordina spese dovute ad entrate incerte.Stesso discorso per la fiscalizzazione degli oneri sociali per le zone svantaggiate e di montagna. La proroga al 31 luglio 2010 non risolve i gravissimi problemi delle imprese. Oltretutto -proseguono le associazioni -, non siamo in presenza di soldi veri per l’agricoltura. Sono risorse che vengono sottratte da altre voci già destinate al settore. Insomma, da una parte si dà e dall’altra si toglie. Il classico gioco delle tre car-

te, al quale non ci prestiamo nella maniera più assoluta.Ancora una volta il governo pare non abbia compreso la gravità della situazione dell’agricoltura italiana. Le aziende sono alle prese con una crisi profonda, con insostenibili costi produttivi, contributivi e burocratici e con prezzi sui campi in caduta verticale. Agli altri settori si guarda con più attenzione. In questi mesi sono state adottate misure anche importanti, mentre per il mondo agricolo continua ad esserci una vera e assurda discriminazione».Una nutrita delegazione di diverse centinaia di agricoltori calabresi, insieme a migliaia di loro colleghi provenienti da tutte le altre Regioni italiane, nei prossimi giorni, manifesteranno a Roma con specifiche iniziative. Intanto, ai presidenti della Giunta regionale e del Consiglio regionale, le Organizzazioni Professionali Agricole: Cia, Confagricoltura, Copagri e le Centrali Cooperative Legacoop / Agroalimentare, Confcooperative / Fedagri e Agci ribadisconolarichiestadideliberarelo stato di crisi dell’agricoltura calabrese. Al Governatore inoltre, chiedono la convocazione immediata del Tavolo Agroalimentare per discutere sui provvedimenti da adottare, come Regione, in favore dell’agricoltura.

«L’emendamento del governo alla manovra economica per il prossimo anno non è quello che ci aspettavamo»

Questione rifiuti la relazione dell’assessore provinciale di Reggio Vallecrati, Greco incontra i sindacati L’assessore all’Ambiente Silvio Greco ha incontrato a Catanzaro, nella sede del dipartimento, i sindacati provinciali e i rappresentanti sindacali dell’azienda Vallecrati spa, per discutere della situazione dei lavoratori e delle prospettive a medio termine. All’incontro era presente l’assessore provinciale all’Ambiente di Cosenza Ferdinando Aiello. L’assessore Greco ha assicurato un’accelerazione dei tempi burocratici riguardo al controllo e all’approvazione dei progetti presentati in materia di raccolta differenziata dai Comuni e dalle unioni di Comuni per fare in modo che entro l’inizio del prossimo mese di marzo siano già esecutivi i progetti e che i dipendenti della Vallecrati spa possano, così, iniziare le loro attività lavorative.Greco si è anche impegnato a costituire un tavolo tecnicoassiemeall’assessoreregionale

alle Politiche Sociali, Mario Maiolo, affinché si affronti e si discuta il tema degli ammortizzatori sociali in deroga, facendo così ripartire sia la raccolta differenziata che l’indifferenziata nelle zone di pertinenza della Vallecrati. L’assessore Greco ha rassicurato i presenti anche del fatto che ha già espletato, per quanto di competenza del suo assessorato, l’iter burocratico indirizzato al passaggio di competenze sulla raccolta dei rifiuti alle province.

L’Assessore provinciale all’Ambiente, avv. Giuseppe Neri, ha relazionato sulla questione rifiuti in occasione della audizioni della Commissione parlamentare ecomafie, presieduta dall’on. Gaetano Pecorella. Evidenziata la situazione del territorio reggino, l’Assessore ha rappresentatotutta l’attività svolta, e quella già in programma, a seguito del passaggio delle competenze alle Province avvenuto con le delibere della Giunta Regionale. «Per potere attuare in modo efficace il piano e rendere sempre più efficiente il servizio - ha dichiarato l’Assessore Neri - la Provincia, la Regione e l’Ufficio del Commissario devono lavorare in sinergia e snellire in modo significativo tutto l’iter burocratico inerente il sistema autorizzativo degli impianti. E’ necessario abbreviare i tempi, così come ha già fatto la Provincia, evitando così che le lungaggini burocratiche siano causa di situazioni emergenziali».

La soddisfazione di Macrì, Presidente dell’associazione regionale degli allevatori

Approvato il nuovo statuto dell’Ara Macrì: «Da oggi si apre una nuova fase caratterizzata soprattutto dal coinvolgimento degli allevatori nei programmi di rilancio del settore»

CATANZARO - Nel corso dell’Assemblea Straordinaria, tenutasi a Catanzaro, è stato approvato all’unanimità il nuovo statuto dell’Associazione Regionale Allevatori della Calabria. Grande la soddisfazione espressa dal Presidente dell’Organismo Francesco Macrì, il quale rimarca come «la collaborazione, la sinergia e l’identità di vedute all’interno dell’Ara abbiano consentito una rapida approvazione del nuovo documento statutario». La modifica dello statuto rappresentaunatappafondamentalenel processo di riorganizzazione del sistema Ara che diventerà il soggetto principale erogatore di servizi per tutto il comparto zootecnico calabrese.

«Da oggi - continua Francesco Macrì - si apre una nuova fase per il sistema allevatoriale calabrese, caratterizzata soprattutto dal coinvolgimento degli allevatori nei programmi e nelle attività di rilancio del settore, tenendo conto delle mutate condizioni dei mercati e delle nuove esigenze delle aziende zootecniche. La nostra priorità - evidenzia il Presidente dell’Ara - sarà quella di ottimizzare i servizi di assistenza tecnica alle aziende, cercando di contribuire concretamente alla tutela del comparto zootecnico calabrese e a ridurre i costi gestione». Il Presidente Macrì rivolge, quindi, un ringraziamento ai rappresentanti delle Organizzazioni

Professionali Agricole «per l’impegno e la collaborazione profusi nella fase di predisposizione del nuovo Statuto». Lancia, inoltre, un appello a tutte le componenti del mondo zootecnico calabrese, auspicando il massimo sostegno nell’attuazione delle iniziative dell’Ara per mantenere e migliorare i risultati fino ad ora ottenuti, ma soprattutto «per fronteggiare una crisi che rischia di distruggere il patrimonio di qualità e tradizione della zootecnia calabrese». Da segnalare infine che il nuovo Statuto dell’Ara entrerà in vigore dopo il completamento delle operazioni di fusione delle Apa provinciali all’interno dell’Associazione Regionale.

Una tappa fondamentale per Ara che diventerà il soggetto principale erogatore di servizi per tutto il comparto zootecnico


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 15

TRIBUTI E WELFARE

Tributi Italia Spa sospesa per mancati riversamenti ai Comuni La commissione Finanze della Camera sospende dall’albo la società privata di riscossione delle imposte comunali

di Gaia Mutone ROMA — Il 9 dicembre, mercoledì prossimo, si conosceranno le sorti di Tributi Italia Spa, la società privata che gestisce la riscossione dei tributi per conto degli Enti locali oggetto di una risoluzione della Commissione sul federalismo fiscale del Dipartimen-

89 milioni di euro. È il "buco" accertato dalla commissione delle Finanze su un totale di 135 comuni coinvolti to delle finanze del ministero dell’Economia che stabilisce la sospensione della società dall’albo del ministero, con divieto di riscossione, in attesa di una decisione definitiva.TributiItalia è accusata di non aver versato nelle casse di 135 Comuni imposte come Ici, Tarsu, Tosap e via dicendo. Secondo le stime del Tesoro si tratterebbe di un ammanco di 89 milioni di euro, ma c’è anche chi parla di 200 o addirittura di 500 milioni di euro. Nella lunga lista degli enti che hanno denunciato i

mancati versamenti figurano Comunidistribuitisull’interoterritorio nazionale: in un articolo di martedì scorso apparso su La stampa sono elencate le città di Bari (2,2 milioni), Bergamo (2,2), Bologna (2), Forlì (2) e Cagliari (1,6), ma sono soprattutto le realtà minori a soffrire maggiormente: Pomezia è in credito per 21,4 milioni (anche se per la Finanza il «buco» sarebbe addirittura di 137), Aprilia per 20 (solo per il 2008), e poi ci sono Augusta (5 milioni), Nettuno (3,2) e Fasano (1,9) e si prosegue ancora dalla Sicilia al Lazio (15 almeno i comuni inguaiati), dalla Puglia (Foggia, Fasano, Bisceglie) alla Campania, dal Piemonte (Vercelli, Rivalta, Grugliasco, Saluzzo)

1200 dipendenti di Tributi Italia sono in sciopero per il mancato pagamento degli stipendi negli ultimi quattro mesi

alla Lombardia (Trezzano e Meda), all’Emilia e alla Liguria (Spotorno, Noli). Come avevano commentato gli stessi deputati al termine della seduta della commissione del ministero dell’Economia, si tratta di "uno scenario inquietante" che rischia di avere dei pesanti effetti sia sulle finanze dei Comuni, che in molti casi rischiano la bancarotta, sia sul destino degli stessi dipendenti di Tributi Italia, in sciopero poiché senza stipendio da quattro mesi e senza la sicurezza del pagamento dei contributi. A tremare infatti sono anche queste 1200 persone per le quali i risvolti potrebbero essere drammatici. Se, come è molto probabile che sia, si deciderà per la definitiva cancellazione di Tributi Italia Spa dall’albo dei riscossori, il fallimento sarà praticamente inevitabile e sia per i dipendenti che i per i Comuni, sommersi da una marea di debiti, si prospettano tempi bui.Diverse decine di Comuni hanno dato disdetta "per mancato riversamento dei tributi", ma Tributi Italia non ha mai riconosciuto la decisione continuando, come nel caso del comune di Caserta, a inviare cartelle esattoriali an-

che dopo essere stata dichiarata decaduta, causando generando confusione nei cittadini e caos nella gestionedei tributi.Il Comune di Aprilia ha chiesto l’elenco delle cartelle esattoriali inviate, coi nomi dei destinatari e gli importi, sospettando l’emissione di «cartelle pazze» allo scopo di gonfiare i crediti. È andata in causa, Tributi Italia ha schierato l’avvocato Niccolò Ghedini, il legale di fiducia di Berlusconi, ed ha vinto ottenendo 15 milioni di risarcimento per danno di immagine. Va detto comunque che in altri casi la vicenda di Tributi Italia si innesta su inefficienze amministrative clamorose: il caso di Scalea, dove i cittadini si stanno mobilitando per sapere la verità sugli ammanchi del Comune e spingono affinché si trovi una situazione, fa davvero scuola. Al centro delle polemiche lo stesso sindaco pro tempore di Scalea Mario Russo, il quale aveva dichiarato pubblicamente in consiglio comunale che in caso di fallimento della società Tributi Italia il Comune era garantito per un milione di euro, mentre ciò non risponde al vero poiché le polizze (fideiussorie a garanzia degli in-

cassi delle società di riscossione Ausonia, San Giorgio, Ipe e Tributi Italia) garantivano solo 159.725 euro. Quelle stesse polizze, tra l’altro, risultano scadute il 9 aprile 2008 e non rinnovate per i periodi correnti. «Ad oggi - come denunciano insieme la federazione dei Verdi e Rifondazione comunista della sezione di Scalea, l’associazione Scalea Eu-

2,2

milioni circa. È il credito che il comune di Scalea vanta nei confronti di Tributi Italia Spa ropa - periodico il Faro e l’Associazione la Scossa - sono trascorsi più di trenta giorni dall’interrogazione inerente la questione dei tributi, presentata da alcuni consiglieri comunali di minoranza, ma nonostante questo c’è ancora silenziosull’interavicenda».Scalea è tra i primi dieci creditori della società (per l’esattezza al settimo posto) per un valore di 2.170.000 euro, più di Bologna, Cagliari e quasi come Bari e Bergamo. Tributi Italia avrebbe nascosto al comune di Scalea 1.840.000 euro.

Contro gli attacchi "populisti e strumentali" a lavoratori pubblici, polizia e giudici

Uilpa per il riscatto del pubblico impiego Denunciato il disinteresse del Governo nei confronti della macchina giudiziaria: carenza di magistrati e di personale amministrativo

di G.M. ROMA — Si è svolto nei giorni scorsi, dal 30 novembre al primo dicembre presso il Benny Hotel di Catanzaro, il terzo congreesso Uilpa. I lavori sono stati dominati dal dibattito sull’emergenza giustizia che ha posto in primo piano il rapporto, spesso conflittuale, tra il Governo e il sistema giudiziario catanzarese e calabrese. In particolare, i sindacati hanno lamentato un grave disinteresse di base dell’esecutivo soprattutto alla luce dei molti problemi che da anni affliggono la Giustizia: la cronica carenza di magistrati, le difficoltà di inquadramento dei

Giudici onorari e «la proibitiva deficienza di personale amministrativo,ormai esaustonel tentativo di assicurare, senza mezzi, senza retribuzioni adeguate e in assenza di prospettive per una riqualificazione lavorativa, il puntuale svolgimento dei processi». Altro argomento al centro della discussione è stato il ruolo della Polizia penitenziaria per la quale si è ravvisata la necessità di riscattarne e rivalutarne l’impegno poiché - sempre secondo i partecipanti del congresso - «ingiustamente fatta oggetto di una bieca criminalizzazione ignorando, in malafede, il sacrificio di vite umane che, quotidianamente, colpisce questo delicato comparto di

servitori dello Stato». Numerose critiche sono state rivolte all’onorevole Ichino, del Partito democratico, e dal ministro Renato Brunetta per i continui attacchi ai dipendenti pubblici che il congresso definisce «populisti e strumentali in quanto finalizzato a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalla valutazione concreta della incapacità di questo Governo e di quello precedente di affrontare e risolvere i gravissimi problemi del Paese contraddistinti da una disoccupazione ormai esponenziale e dall’impossibilità dei lavoratori pubblici e privati di raggiungere, con i miseri salari di cui dispongono la quarta settimana del mese».

Rivendicazione del diritto ad un’equa retribuzione, ad un giusto e celere percorso formativo e di carriera e al recupero del confronto


16

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

LAVORO E SINDACATI Un centinaio di operatori del call center hanno manifestato il loro forte disagio per una vicenda che rischia di provocare un grave danno sociale e occupazionale non solo nella città capoluogo

Lavoratori Phonemedia occupano l’aula consiliare di Catanzaro di Michele Riso CATANZARO - E’ stato rinviato il Consiglio comunale di ieri pomeriggio a causa dell’occupazione dell’aula da parte di un centinaio di lavoratori del call center Phonemedia. La decisone è stata presa congiuntamente dai capigruppo dopo che il presidente del ConsiglioFrancoPassafaroaveva chiesto una sospensione per decidere sul da farsi. Il civico consesso ha stilato, in modo unitario, un documento dopo che il sindaco Rosario Olivo e gli stessi capigruppo hanno ricevuto una delegazione di lavoratori. Di seguito il testo. "La vertenza Phonemedia costituisce per la nostra Città un’importante priorità. Sono infatti oltre 2000 i lavoratori catanzaresi e della provincia, oltre agli innumerevoli in tutta Italia, che

ormai da mesi non ricevono stipendio e che, nello stesso tempo, non riescono ad avere rassicurazioni sul proprio futuro occupazionale. Anche la data del 5 dicembre fissata dal Governo, entro la quale l’azienda avrebbe dovuto far fronte all’impegno di corrispondere gli stipendi, pena l’avvio delle procedure per l’amministrazione controllata, pare non sarà onorato. Alla luce di tutto questo, il Consiglio Comunale unito esprime solidarietà ai lavoratori dichiarandosi disponibile a sostenere le varie manifestazioni che gli stessi organizzeranno per sensibilizzare l’opinione pubblica e le altre istituzioni. Inoltre, pur non avendo responsabilità dirette e pur trattandosi di una iniziativa imprenditoriale privata, l’intero Consiglio Comunale ribadisce ai mini-

Il civico consesso ha stilato, in modo unitario, un documento dopo che il sindaco Rosario Olivo ha ricevuto una delegazione di lavoratori stri del Lavoro e delle Attività produttive la volontà di essere parte attiva nel cercare una soluzione positiva della vicenda, alla luce anche di un probabile commissariamento dell’azienda. Infine il civico consesso assume l’impegno di interloquire anche con la Regione affinché possa incentivare nuovi imprenditori a farsi carico dell’azienda".


18

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

SANITA'

Qualità di vita e complicanze Studio sul paziente oncologico di Mario Mirabello CATANZARO - "La qualità di vita e le complicanze del paziente oncologico" sono stati gli argomenti centrali della quarta ed ultima giornata, delle quattro in programma, del "II corso di formazione in Oncologia", voluto dal dr. Stefano Molica, direttore di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera Pugliese - Ciaccio di Catanzaro, nonché coordinatore scientifico del corso, svoltosi nei saloni del Guglielmo Hotel di Catanzaro.Labiologiadell’anemiae l’impatto sul paziente, l’applicazione delle linee guida al singolo paziente, il futuro della terapia con fattori eritropoietici, il tumore della mammella, il ruolo del farmacista ospedaliero e la chirurgia ricostruttiva: questi i temi trattati dai vari relatori, tra i quali i dottori Luciano Levato, Guido Carillo, Francesco Leone, FrancescoAbbonante,Francesco Iuliano e le dott.sse Fabiola Rizzuto, Esther Oliva, Rosanna Mirabelli e Gabriella Serrao. La quarta ed ultima giornata del corso ha offerto ai partecipantiun aggiornamento sulle principali

Un corso di formazione voluto dal dott. Stefano Molica, direttore di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese - Ciaccio” di Catanzaro

ROMA - Regioni e Governo sono al lavoro in queste ore per cercare un’intesa definitiva sul Patto della salute 2010-2012, così che il testo possa essere inserito in Finanziaria con le coordinate sui finanziamenti per la politica sanitaria relativi al prossimo triennio. Incontri informali si sono svolti in questi giorni e sono tuttora in corso. Per oggi alle 9 il presidente della conferenza delle Regioni, Vasco Errani, ha convocato una conferenza straordinaria sul Patto, mentre la conferenza Stato-Regioni che era in calendario ieri alle 18, dovrebbe slittare al primo pomeriggio di oggi. Ieri, invece, era inprogramma un ultimo incontro politico a cui avevano annunciato la partecipazione il ministro per gli Affari regionali Raffaele Fitto, rappresentanti del ministero dell’Economia e delle

problematiche che riguardano i malati affetti da tumore, che si sottopongono a specifici trattamenti e sulle terapie che vengono somministrate allo scopo di prevenirne e di curarne gli effetti collaterali, tutti di grande impatto per la

qualità di vita dei pazienti oncologici attraverso la correzione della "fatigue", un sintomo particolarmente invalidante. Le nuove chemioterapie orali sono molto gradite dai pazienti. A parità di efficacia terapeutica, i nuovi farmaci

qualità di vita del paziente oncologico. L’oncologo dispone oggi di una serie di fattori di crescita eritropoietici in grado di correggere l’anemia tumore-correlata, contribuendo così al miglioramento significativo della

orali hanno trovato oggi un largo impiego nelle neoplasie del tratto gastrointestinale e nei tumori della mammella. A tal proposito anche la chirurgia della mammella tiene conto della qualità di vita delle pazienti. Le donne infatti ri-

cevono oggi una chirurgia meno demolitiva e possono avvantaggiarsi di una efficace chirurgia ricostruttiva. L’obiettivo finale dell’evento è stato quello di stimolare i partecipanti a fare della pratica clinica quotidiana un’attività di studio per approfondire le possibilità di prevenire e trattare molti sintomi correlati alla malattia "cancro". Le quattro sessione dell’ultima giornata del corso, moderate dai dottori Magro, Cerra, Molinaro, Ciacci, Consarino e Lazzaro, hanno avuto come comune denominatore la discussione di particolari casi clinici. L’evento, lo ricordiamo, è stato riservato a sessanta medici di oncologia medica, radioterapia, ematologia, chirurgia e medicina generale, dieci farmacisti ospedalieri e del territorio, trenta infermieri professionali di discipline attinenti. Al termine dell’odierna giornata, dopo i test di valutazioni, sono stati consegnati i relativi attestati. Anche in questa seconda edizione - ha sottolineato il

Fazio: il Governo aumenta le risorse ROMA - «Questo è uno dei pochissimi Governi che ha aumentato le risorse per la sanita e, in un periodo di crisi, uno dei pochi settori della pubblica amministrazione che non solo non è stato penalizzato ma è stato incentivato». Lo ha affermato il vice ministro della Salute, Ferruccio Fazio, a margine della presentazione del rapporto Aiop sull’attivit ospedaliera. «Mediamente, se andate a vedere quelli che sono i dati del Patto per la Salute - ha aggiunto Fazio - si vedrà che la sanità ogni anno avrà 2.400 milioni di euro in più, tutto compreso». «Ieri ero a Bruxelles con i ministri della Salute - ha spiegato Fazio - e posso garantire che noi non siamo quelli messi peggio: ci avviamo a superare la crisi in maniera relativamente positiva e siamo uno dei pochissimi governi che ha aumentato le risorse per la salute». Il Governo si impegnerà peraltro per realizzare un vero sviluppo dell’assistenza territoriale. E’ uno degli impegni del sottosegretario alla salute Ferruccio Fazio secondo il quale: una migliore assistenza territoriale porta a una riduzione dei ricoveri e quindi a un risparmio efficente delle risorse. «Quello del territorio è un problema al centro dell’azione di Governo - ha affermato Fazio -. Credo sia necessario tracciare l’intero percorso del cittadino, da quando inizia ad avere bisogno dello Stato che pensi alla sua salute a quando viene dimesso dall’ospedale».

IL PATTO DELLA SALUTE

Le Regioni e il Governo al rush finale

Regioni proprio per definire nel dettaglio l’intesa sul Patto, in vista degli appuntamenti di oggi. I nodi da sciogliere riguardano in particolare la riconferma dello sconto da 800 milioni per la farmaceutica e le regole sui commissariamenti

per le Regioni con la sanità in rosso. Con il Patto si intende ricondurre sotto controllo la spesa sanitaria, dare certezza di risorse per il Servizio SanitarioNazionalesu un arco pluriennale, sollecitare e soste-

nere le azioni necessarie a elevare qualità e appropriatezza delle prestazioni, riequilibrare le capacità difornireservizidianalogaqualità ed efficacia su tutto il territorio nazionale. Oggi si evidenziano la necessità e

dr. Stefano Molica, al termine del corso - si è ritenuto di dovere privilegiare gli aspetti della formazione di differenti figure professionali, che operano nell’ambito delle strutture di oncologia medica attraverso un approccio integrato. Circa gli argomenti affrontati particolare rilevanza è stata data alle neoplasie, nelle quali un approccio integrato è più frequentemente utilizzato, come i tumori del colon-retto, del polmone non a piccole cellule e del distretto cervico-facciale. Diciamo anchechel’innovazionefarmacologica in oncologia, negli ultimi dieci anni, è stata molto importante per la scoperta e la possibilità di utilizzo clinico dei nuovo farmaci target, che hanno permesso di incrementare il tasso di guarigione per alcuni tumori (mammella, neoplasie ematologiche, GIST) e quello di sopravvivenza (colon, polmone, ecc). Tuttavia - ha concluso Molica - è necessario legare l’uso dei farmaci più innovativi e più costosi alla loro efficacia:utilizzarli,cioè, unicamente nei casi in cui sia certo il loro impatto sulla malattia".

L’obiettivo finale dell’evento è quello di stimolare i partecipanti a fare della pratica clinica quotidiana un’attività di studio l’opportunitàdioperareunasvolta che all’attenzione ai deficit ed alla modalità della loro copertura affianchi la costruzione di procedure che evitino il formarsi dei deficit medesimi, nel rispetto della piena erogazione dei Livelli essenziali di assistenza. Il Governo e le Regioni hanno dunque ritenuto necessario individuareinmodocondiviso,nel Patto, le regole e le procedure di verifica e controllo delle attività delle Regioni per garantire i Lea su tutto il territorio nazionale e modalità di finanziamento che diano certezza di risorse, nonché sancire la necessità di istituire un’apposita sede per definire nuove regole sulla politica del personale e sulla farmaceutica. Il miglioramento delle prestazioni richiede un significativo rafforzamento dell’attività di prevenzione, la riorganizzazione e il potenziamento delle cure primarie.


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 19

UNIVERSITA' E SCUOLA Il rapporto Censis sugli anziani dice che l’Italia è insieme al Giappone tra i paesi sviluppati con la popolazione più anziana. L’Istat conferma che in Italia nell’arco di 30 anni siamo passati dal 13,1% di over 65 al 20%, il 17,7% al Sud

Il rettore Costanzo ha presentato la prima tavola rotonda italiana dedicata alla terza età. I numeri fanno pensare alla nascita di un network: ci saranno 500 relatori e 2000 partecipanti

Il Forum De Senectute dell’Umg Così nasce la città universitaria di Carmela Mirarchi CATANZARO - E’ stato presentato ieri dal Rettore Francesco Costanzo l’evento organizzato dall’Università Magna di Catanzaro "De Senectute- Age and health forum". La manifestazione ha lo scopo di analizzare diverse tematiche che riguardano il paziente anziano. Si tratta del primo forum in Italia dedicato alla terza età e si terrà dal 5 al 7 dicembre in diversi luoghi della città di Catanzaro. Saranno interessati all’evento il Comune, il teatro Politeama, il Campus Salvatore Venuta e il Complesso del San Giovanni. Il forum sulla terza età si pone infatti come un ulteriore passo per la trasformazione definitiva del capoluogo di regione in una vera città universitaria. I numeri ora ci sono davvero tutti. A presentarel’iniziativadedicataalla terza età sono stati il rettore Francesco Costanzo, Stefano De Franciscis, principale ideatore della manifestazione, e Luigi Grandinetti, direttore amministrativo. Ad aprire la conferenza di presentazione è stato il Rettore. «Il rapporto Censis dice che l’Italia è insieme al Giappone tra i paesi sviluppati con la popolazione più anziana. Ci conferma questo dato l’Istat che ci dice che in Italia nell’arco di un trentennio siamo passati dal 13,1% della popolazione di ultrasessantacinquenni al 20% - ha reso noto Costanzo -. Di questo 20% il 17,7% è al sud. Il fenomeno che ci troviamo ad affrontare e dunque diventato un obiettivo sensibile per il terzo millennio e come tale non può essere affrontato in maniera mono disciplinare. Ecco quindi che il nostro ateneo, grazie al dinamismo culturale dei suoi partecipanti, ha dato vita a questo forum, ideato da De Franciscis e dal direttore Grandi-

netti. Non è un convegno medico, parteciperanno molti medici di diversi settori, ma ci saranno anche tutti gli ordini professionali, dai tecnici radiologi agli infermieri che si stanno specializzando in un settore che sta diventando una realtà ed un’emergenza sanitaria. Abbiamo pensato di af-

frontare la questione con un respiro un pò più vasto e abbiamo. Ci sarà dunque chi, come Romano del Nord (professore universitario di tecnologia dell’Architettura dell’Università di Firenze) parlerà del ruolo che l’architettura ha per un miglioramento delle condizioni di vita di particolari categorie di anziani. Ci sarà poi chi relazionerà sull’aspetto giuridico della questionecomeLuigiVentura(Professore di diritto Costituzionale all’Università di Catanzaro), il professore Cleto Corposanto parlerà invece dell’aspetto sociologico. C’è chi parlerà dei serivizi come Michele Mangano, Presidente nazionale Auser e infine il dottor Guglielmo Pepe, editorialista di Repubblica salute, affronterà la questione dal punto di vista culturale». I numeri sono grandi: 44 societàscientifichenazionalihan-

no aderito al Forum, circa 500 sono relatori, la partecipazioneattesa è di 2000 persone. Ma tra i dati da evidenziare c’è anche la creazione di un buon rapporto con il Comune e la Provincia. «Ringrazio - ha proseguito il Rettore - infatti il Comune, la Fondazione Politeama, la Provincia,

l’Usr, l’azienda Ospedaliera Mater Domini, il Centro Oncologico d’Eccellenza e tante altre associazioni attente a coadiuvarci in quella che speriamosarà la prima di una serie di una serie di manifestazioni che speriamo di portare avanti. Domenica pomeriggio poi nella sala del Comune alcuni relatori affiancati da un membro dell’Accademia Lancisiana, professore Michele de Medici, e da un membro dell’Accademia Pontaniana, Beniamino Tesauro, ci parleranno dei temi di grande respiro che coinvolgono il De Senectute. Tema del social meeting del 6 dicembre è: "L’anziano, welfare, società e ambiente". Grazie alla partecipazione dei partner istituzionali ma anche grazie all’idea del professore De Franciscis abbiamo anche portato avanti un concorso fotografico che ha visto coinvolti migliaia di ragazzi.

I corsi sono stati tenuti da grandi fotografi e sono stati seguiti con interesse, le aule erano sempre piene. Una manifestazione di successo che sarà completata domenica quando al Politeama ci sarà al presentazione dei lavori che sono tutti incentrati sugli anziani e ci sarà poi la premiazione. L’insieme di questi enti ha dato vista ad una iniziativa che sono certo saràsignificativaancheintermini di risultato, di confronto su questo argomento. La Calabria è una delle regioni che anche per le ottime condizioni climatiche ha uno dei tassi di longevità più alti. E’ un servizio - ha concluso Costanzo che tutti insieme offriamo al territorio». Il professor De Franciscis ha precisato invece che l’importanza dell’iniziativa è legata anche ai rapporti tra università e città. «Non è un caso - ha detto che abbiamo iniziato prinma della manifestazione con la "Univercity Photo Challenge" che è stato una possibilità formativa al di fuori del percorso universitario normale. Gli studenti hanno gradito le lezioni e la formazione sulla fotografie. E’ stata una forma di apertura mentale che li ha portati con i grandi della fotografia in giro per la città. Sono andati in una casa di riposo a fotografare gli anziani, questo è imparare a contattare una realtà diversa da quella delle aule. Abbiamo avuto una risposta sincrona da parte delle istituzioni cittadine, Comune e Provincia hanno recepito l’importanza di un momento di confronto su un problema che ci accompagnerà nei prossimi 60 anni. Questo ci aiuta a ribadire che la città universitaria non è solo la città con una università vicina ma è una città che ha un rapporto continuo e diretto con l’università, un rapporto di reciprocità non monetizzabile. C’è stata poi una sorpresa. Infatti - ha raccontato

De Franciscis - questo forum non doveva essere di questa portata. Eravamo partiti con un congresso di chirurgia degli anziani. Da qui tutti i colleghi hanno chiesto di fare qualcosa nell’ambito di questo congresso. In tre mesi è diventato un forum multidisciplinare che vede coinvolte quasi tutte le società scientifiche che si occupano di questo problema, in 48 hanno deciso di portare la loro testimonianza.E’unforumfondante per la creazione di un network sugli anziani. Siamo stati i primi ad organizzare un forum sugli anziani. Tutto quello che abbiamo detto non ha riguardato solo i medici, ma più del 60% dei partecipanti che si rivolgono alle professionisanitarieche sulterritorio devono accompagnare e gestire il paziente anziano». «La struttura sociale è cambiata - ha proseguito l’ideatore del Forum De Senectute -. L’anziano ora viene assistito dalla badante mettendo così insieme due solitudini. Noi medici siamo stati bravi a far invecchiare la popolazione ma l’intero sistema non si è adeguato. Ci sono problemi di diverso tipo, anche assicurativ e assistenziali». Il forum sarà occasione per avere proposte per la soluzione di alcuni problemi degli anziani.Ma sarà ancheun’occasioneper far capire che l’università è un luogo dove in tre mesi può nascere un progetto di grande portata. «Spesso università e città hanno proceduto in modo divergente, questo non ha senso» ha affermato De Franciscis. «Questa città ha le basi per diventare una città universitaria e potrebbe rappresentare per la regione un opportunità. Catanza-

La manifestazione ha lo scopo di analizzare diverse tematiche che riguardano gli anziani. Avrà luogo dal 5 al 7 dicembre in diversi luoghi di Catanzaro: Comune, Politeama e San Giovanni ro ha voglia e spazio per crescere. L’università è formazione, e questo forum sarà una occasione per dimostrarlo». Il forum per la nostra regione avrà inoltre un significato sociale. Gli anziani nel centro nord sono considerati come un peso o al massimo cittadini alla pari. Al sud, in particolare in Calabria, l’anziano è una risorsa anche manuale ed economica. Lo loro pensione spesso rappresenta una integrazione importante. C’è in più un dato nascosto, il sud è terra di emigrazione per motivi lavoro ma è qui che da anziani si torna e dunque la terza età pesa più nel meridione che al nord. terza età, rappresenta dunque in particolare per la Caalbria un obiettivo "sensibile" del Terzo Millennio.


AsteInfoappalti

20

il Domani

Giovedì 3 Dicembre 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dottor Cava Nella procedura esecutiva n. 229/97 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto, con riduzione di 1/4 del prezzo a base d’asta, dei seguenti beni: Lotto n. 3: quota di 1/3 di abitazione in Davoli Superiore Traversa S. Francesco. In Catasto al F. 11 p.lla 261 sub 1; Prezzo base d’asta Euro 1.157,21 Lotto n. 5: quota di 1/3 di proprietà indivisa di locale di sgombero, sito al vicolo traversa S. Francesco di Davoli Superiore. In Catasto al F. 11 p.lla 265 sub 1; Prezzo Base d’asta: Euro 17,79 Lotto n. 6: Terreno destinato a zona verde privato sito in agro di Davoli Superiore adiacente Chiesa di S. Caterina e Fiume Peramo. In Catasto al F. 11 p.lla 43 superficie ha13 ca10; - terreno agricolo sito in Davoli Superiore adiacente Chiesa di S. Caterina e Fiume Peramo. In Catasto al F. 11 p.lla 1008 ha00 ca80; Prezzo Base d’asta: Euro 831,33 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 24 gennaio 2010 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenete domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo; fotocopia del documento d’identità nonchè un Assegno Circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. N 229/97 di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In casa di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 200,00. L’aggiudicatario dovrà versare in cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto. Si dispone, altresì, che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it; Quotidiano “Il Domani” Catanzaro, li 7 ottobre 2009 Il Giudice °°°°°°°°°° Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott.ssa Andricciola nella procedura esecutiva n. 30/03 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO UNICO: Appartamento in Amaroni alla via S.A. Argata n.10, composto da dieci vani mq. 349,5. Riportato in Catasto al foglio 4, p.lla 509. Prezzo base d’asta euro 14.673,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 3 febbraio 2010, ore 9.30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno poste a carico dell’aggiudicatario. La presente ordinanza deve pubblicarsi per estratto, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto, mediante le seguenti inserzioni: Quotidiano “Il Domani”; www.aste.eugenius.it; rivista mensile “Aste”. °°°°°°°°°° Prima sezione civile Fallimento n. 6/06 Il Giudice delegato, dott. Giuseppe Cava, Vista la richiesta di vendita del curatore del 3.11 09 e la documentazione allegata; Dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: lotto 1 “capannone industriale con deposito e area annessa sito in Sellia Marina in catasto al fg 9 part, 289” al prezzo base di euro.640.000,00; lotto 2 “magazzino commerciale in Cropani Marina in catasto al fg. 29 part. 223 sub 1 “ al prezzo base di euro 210.000,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 26.01.2010 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l’udienza del 27.01.2010 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro Procedura fallimentare n. 6/06” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche in relazione alla situazione energetica e di conformità degli impianti,; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura; Dispone che il curatore provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonchè alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet “www.aste.eugenius.it” e diffusione sul quotidiano “il Domani”. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 4.11.2009 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava °°°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 133/06 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Quota ideale di 1/2 della proprietà di appartamento in Catanzaro, via Magenta, in catasto FG 89, plla 285, sub 14; - PREZZO BASE: euro 31.876,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - “Procedura n. 133/06” portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 2.000,00 è fissata in data 27/01/2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonchè sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 8/10/09. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 27/04 R.E. SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura n. 27/04 R.E. promossa da Intesa Gestione Crediti s.p.a., con ordinanza del 21.10.2009, ha disposto la vendita dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: Lotto Unico - “locale magazzino sito in Soveria Mannelli, alla Via dei Vespri, snc, con superficie di mq. 272 (seminterrato oltre corte esclusiva), riportato nel NCEU di detto comune al foglio 8, p.lla 1182, sub 4, cat. A/3, classe 3”; Prezzo base euro 39.015,00. FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 02 febbraio 2010, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 03 febbraio 2010, ore 9.30 e segg,; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 16 febbraio 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; per il giorno 17 febbraio 2010, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO ED A NORMA DEL VIGENTE TESTO DELL’ART. 571 C.P.C. STABILISCE CHE ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo,

A CURA DELLA

MEDIATAG

del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; L’OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; L’OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che: essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 39.015,00; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 2.500,00; ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane Spa”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; STABILISCE, ALTRESI’, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa”, in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme 06.11.2009 Il Cancelliere (C/1) TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 138-95 promossa

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

da FORF LEASINF - richiesta da INAIL, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di proprietà su una porzione (alloggio e mansarda) di fabbricato in Africo (RC), identificato nel NCEU al foglio di mappa n. 34, particella 174 sub 4 e 5” PREZZO BASE: Euro 74.700,00 - Cauzione 10% del prezzo PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l’ordinanza di vendita del 07.12.2006 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 04.02.2010, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita DA RIBASSARE DI 1/4; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Emma MAIO (Tel. 0964.29073). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 20 novembre 2009 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 138/1995 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS.... , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonchè ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. A. MEGALE) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonchè l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) L’OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) L’OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini


AsteInfoappalti

21

www.aste.eugenius.it ::

Giovedì 3 Dicembre 2009

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

23)

24)

l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 28.09.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Africo e Bianco (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonchè mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 28.03.2008 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonchè l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, ind”ce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 26 maggio 2007 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione, DR Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 2/1990 promossa da CARICAL. ORDINA LAVENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Diritti vantati in ragione di 1/2, sul terreno sito nel Comune di Locri località Moschetta, catastalmente riportato alla partita 604012, foglio di mappa 32, particella 306, di are 00.13.90, vigneto, classe 1^, r.d. £.35.445, r.a. £. 15.985 e particella 307, di are 00.63.20 vigneto, classe 3^, r.d. £. 94.800, r.a. £. 53.720, in ditta... proprietario per e.... proprietario per ... Prezzo Base del lotto euro 20.658,28 Deposito per cauzione euro 2.065,83 Deposito per spese euro 3.098,74 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5, all’udienza del 04/02/2010 ore 9.00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data... alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino l’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a : euro 1.032,91. L’aggiudicatario dovrà depositare entro di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.02.2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 15.10.2009 Esatte: euro14,62 per bollo - euro 7,10 per diritti F.to Il Cancelliere °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 35/1990 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SPA ORDINA la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: Ordinanza di vendita del 03.01.2008 LOTTO UNICO: “Piena proprietà dell’immobile sito in Siderno alla via Torrente Garino 20, adibito a civile abitazione , comprendente piano sottostrada, piano terra, piano primo e secondo, riportato nel NCEU al foglio di mappa 30, particella n. 1162 sub 1e2 PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 150.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE Euro 15.000,00 DEPOSITO PER SPESE Euro 22.500,00 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 22.01.2010, ore 9,00, davanti a sè nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it

A CURA DELLA

MEDIATAG

Custode Giudiziario: Avv. Maria Francesca CARBONARO (Tel. 0964.20306) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il Custode Giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 22.01.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 21 ottobre 2009 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Ordinanza di vendita N. 125/04 R.E. Il G.E. Dott.ssa Vincenzina Andricciola - esaminati gli atti; - letti gli artt. 569 ss c.p.c.; - vista la richiesta di vendita; - visto l’art. 591 c.p.c.; dispone la vendita senza incanto dei beni indicati in calce alla presente ordinanza. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno precedente l’udienza sotto fissata con una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). L’offerente depositando offerta dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 19.01.2010. Nel caso in cui non siano proposte offerte nel termine stabilito, ovvero nel caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c. ovvero nel caso in cui si verifichi una delle circostanze di cui all’art. 572 co. 3 c.p.c. ovvero nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi ragione si procederà alla vendita con incanto del bene in data 16.2.2010 alle ore 11,00. Aumento minimo in caso di gara euro†1.000,00. In tal caso entro le ore 11,00 del giorno precedente la vendita, ciascun offerente dovrà presentare domanda e versare in cancelleria il 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15 % in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto dedotta la cauzione già versata entro il termine di gg. 60 dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Le spese di trasferimento e cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario. Il Cancelliere curerà la pubblicità legale; il creditore istante, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte ed, in caso di vendita con incanto, almeno 45 giorni prima della data fissata per l’incanto, provvederà a pubblicare la presente ordinanza e la relazione di stima su “Il Domani Progetto Aste” e sul sito internet www.aste.eugenius.it, farà notificare la presente ordinanza ai creditori iscritti non intervenuti e al debitore (il Cancelliere e il creditore dovranno omettere l’indicazione del nome del debitore nell’effettuare tali forme di pubblicità, a norma dell’ultimo comma dell’art. 490 c.p.c.). Se ne ricorrono i presupposti, il pagamento, previa autorizzazione del G.E., dovrà avvenire, in tutto o in parte, direttamente a favore dell’Istituto di Credito Fondiario ai sensi della speciale normativa “fondiaria” (l’Istituto, entro 15 giorni dall’aggiudicazione, dovrà allegare chiaro e dettagliato conteggio ex art. 2855 c.c.). BENI IN VENDITA Lotto in vendita: appartamento per civile abitazione sito nella frazione Calimera del Comune di San Calogero, via XXIV maggio n. 5, piano terra e piano primo, vani 6. Identificato al catasto di detto comune al foglio 12, p.lla 186 sub. 8 cat. a/4 classe 1. Prezzo base: euro 60.450,00. °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura di espropriazione immobiliare n. 20/91 SI RENDE NOTO che il G.E. con ordinanza ha disposto la vendita in un unico lotto per l’udienza del giorno 26/01/2010 ore di rito dei seguenti beni pignorati Lotto 1: Fabbricato adibito ad uso civile abitazione sito in Maierato via Provinciale per Filogaso, località Piturrom composto da un piano seminterrato adibito a cantina garage e vano caldaia e da un piano primo costituito da quattro vani utili oltre cucina doppi servizi e ripostiglio e dispensa confinante con detta via provinciale strada. Riportato in catasto di detto comune al foglio di mappa n. 32 p.lla 487 sub 1) e 2) partita catasto 1390. Il bene pignorato sarà offerto in unico lotto al prezzo base di euro 67.676,52. Le offerte non potranno essere inferiori a euro 516,46 L’ammissione all’incanto è subordinata al deposito di apposita domanda entro il giorno precedente a quello fissato per la vendita, e al deposito della somma che fissa nella misura del 10% a titolo di cauzione e il 20 % a titolo di spese salvo conguaglio, su libretto di deposito giudiziario intestato alla procedura con vincolo d’indisponibilità del G.E. Ulteriori informazioni presso la cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia. Vibo Valentia Lì, Il cancelliere C1 dott.sa Liliana Addesi °°°°°°°°°° Ufficio esecuzioni immobiliari Procedura Esecutiva Immobiliare N. 97/94 Il sottoscritto Cancelliere responsabile dell’Ufficio Esecuzione Immobiliare dell’intestato Tribunale comunica che il G.E. ha disposto di procedersi alla vendita con incanto dei beni pignorati alle condizioni richieste dei seguenti beni così individuati Lotto 1: terreno sito in Pizzo località Calamaio, in catasto al foglio 6 p.lla 18 classe 1 di mq 3090, p.lla 19 classe 2 di mq 8820, partita 450, p.lla 78 partita 760. - Fabbricato rurale adibito ad abitazione in catasto al foglio 6 p.lla 137. - Fabbricato adibito a magazzino e deposito,in catasto al foglio 6 p.lla 191

Per informazioni 0961 996802

Prezzo base d’asta: euro 186.016,67 Lotto 2: terreno sito in Pizzo località Calamaio, in catasto al foglio 6 p.lla 62 classe 2 di mq 6520. - Prezzo base d’asta: euro 29.800,60 Lotto 3: terreno sito in Pizzo località Calamaio, in catasto al foglio 5 p.lla 28 classe 1 di mq 310, p.lla 27 classe 1 di mq 3510. Prezzo base d’asta : euro 17.459,86. La vendita avrà luogo all’incanto, in un unico lotto, il giorno 02/02/2010 ore 11,00 con seguito davanti al G.E. dell’intestata procedura in sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Vibo Valentia. -Entro le ore 11,00 del giorno precedente la vendita, ciascun offerente dovrà presentare domanda e versare in Cancelleria il 20% del prezzo base ( 10% per cauzione e 10 % in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). -Le spese di trasferimento e di cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario. -L’aggiudicatario dovrà, entro trenta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva, versare il prezzo dell’aggiudicazione, detratto l’importo della cauzione su libretto ordinario di risparmio, vincolato al giudice dell’esecuzione, presso la Banca di Roma - Capitalia - Filiale di Vibo Valentia -Maggiori informazioni potranno essere richieste presso la cancelleria del Tribunale, Ufficio Esecuzione Immobiliare di Vibo Valentia. Vibo Valentia Lì, Il cancelliere C1 dott.sa Liliana Addesi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura Esecutiva Immobiliare n. 125/01. Il Cancelliere addetto all’Ufficio Esecuzione Immobiliare dell’intestato Tribunale comunica che il G.E. ha disposto, il 19/05/09 di procedersi alla vendita con incanto dei beni pignorati, alle condizioni richieste, dei seguenti beni così individuati: “Lotto n. 01”: Appartamento di mq. 50 nel Comune di Maierato alla Via Bellavista 16, composto da 2,5 vani, articolato su due livelli. Riportato al NCEU del Comune di Maierato al foglio 36 particella 475. - Terreni siti nel Comune di Filogaso e così individuati nel NCT del suddetto Comune: 1) terreno di cui al foglio 1, particella 23; 2) terreno di cui al foglio 1 particella 24; 3) terreno di cui al foglio 1, particella 155. La vendita avrà luogo all’incanto il giorno 02/02/2010, ore di rito con seguito davanti al G.E. dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Vibo Valentia. L’immobile verrà posto in vendita in un unico lotto sopra descritto al prezzo base di euro. 8.800,00. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro. 500,00. -Entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, ciascun offerente dovrà presentare domanda e versare in cancelleria il 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). -Le spese di trasferimento e di cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario. -L’aggiudicatario dovrà, entro trenta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva, versare il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo della cauzione, su libretto ordinario di risparmio, vincolato al giudice dell’esecuzione, presso la Banca di Roma - Capitalia - Filiale di Vibo Valentia. -Maggiori informazioni potranno essere chieste presso la Cancelleria del Tribunale, Ufficio Esecuzioni Immobiliari di Vibo Valentia. Vibo Valentia, 22/05/09. °°°°°°°°°° SEZ. ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’esecuzione, letti gli atti della procedura esecutiva n. 42/86 R.G. Es. promossa da Banca Nazionale del Lavoro c/... ORDINA la vendita con incanto all’udienza del 02/02/2010, dei beni immobili pignorati distinti nei seguenti lotti: Lotto n.1: fabbricato sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino composto da tre piani fuori terra ancora in corso di costruzione. In catasto al fg. 18 p.lla 592 sub 2 PT in corso di costruzione, 592 sub 3 P.1 vani 8 A/3, 592 sub 4 P.2 in corso di costruzione. Prezzo base d’asta euro 71.254,80 Lotto n.2: capannone adibito ad uso stalla, per una superficie pari a mq 500 e fienile di mq 350, sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino. In catasto al fg. 18 p.lle 488 e 480. Prezzo base d’asta euro 92.288,00 Lotto n.3: terreno edificabile sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino rientrante in zona di completamento B e spazi pubblici attrezzati. In catasto al fg 18 p.lla 538 mq 5250, 480 di mq 100 e 453 di mq 1200 per i terreni edificabili in zona B, e la rimanente part. 453 di mq 5290 per i terreni in zona S.P.A.. Prezzo base d’asta euro 130.712,92 Lotto n.4: terreno agricolo in media collina località Giardino, in catasto alla fg. 18 p.lla 479 di mq 12.530, 480 di mq 2710, 488 di mq 6940, 538 di mq 9687, 252 di mq 2180. Prezzo base d’asta euro 48.220,84 Lotto n.5: terreno agricolo collinare sito nel comune di Vazzano. In catasto al fg. 21 p.lla 180 in parte in località Mandra per mq 7030, al fg. 24 in località Pietra p.lle 51,52,99 e 100. Prezzo base d’asta euro 7.278,02 Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad euro 1.000,00 Ciascun offerente dovrà depositare entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base da versarsi mediante deposito su un libretto bancario di cui 10% a titolo di cauzione e 15% a titolo di spese. Entro 30 gg. dall’aggiudicazione definitiva l’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione dedotta la cauzione, su un libretto bancario intestato alla procedura con vincolo al G.E. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria del Tribunale.


22

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Oro: ancora un record tocca 1.216,5 dollari

Nokia: 10% crescita globale 2010 Nokia, leader mondiale nella produzione di cellulari, vede il mercato globale dei telefonini in crescita del 10% nel 2010, stima superiore alle previsioni degli analisti di settore. La società finlandese si aspetta un margine operativo in linea con i livelli raggiunti quest’anno, ovvero tra i 12 e i 14%. Nokia, come diverse concorrenti, ha sofferto nel 2009 gli effetti della crisi economica.

Nuovo record di tutti i tempi per la seconda seduta successiva per il metallo giallo, in rialzo di oltre l’un per cento grazie all’impostazione ribassista del dollaro e al clima di permanente incertezza sulle prospettive economiche che incoraggia gli acquisti rifugio. Le quotazioni dello spot mostrano il nuovo massimo di 1.216,25 dollari l’oncia dopo la chiusura di ieri a 1.196 dollari, mentre quelle del futures Comex a febbraio volano a 1.216,90 dollari per poi cedere leggermente a 1.212,40.

Dopo la telefonata a Ballarò, il presidente della Camera conferma che non ha nulla da dire

Pdl furioso: chiede chiarimenti Fini non demorde e non si pente ROMA - Se la pensi così, sii coerente e vattene. Questo in soldoni il pensiero del ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola dopo il fuori onda con cui Gianfranco Fini ha criticato Silvio Berlusconi e il suo rapporto con la magistratura: il presidente della Camera non è in linea con il Pdl e Gianfranco Fini deve essere coerente fino in fondo. Le parole del presidente della Camera «dimostrano una considerazione e una linea diverse da quella del Pdl», ha detto Scajola. «Credo che ognuno debba mantenere la coerenza fino in fondo. Il ministro ha anche specificato che è troppo tempo che ci sono distinguo fuori dalla linea di programma del Pdl». Del fuori onda di Fini ha parlato da Milano anche il ministro della giustizia Angelino Alfano, auspicando che gli equivoci siano superati. .Ma il portavoce Daniele Capezzone, pur non commentando direttamente il fuori onda, ha fatto capire che tutto quello che dice e pensa il presidente della Camera è molto lontano da quanto il gruppo dirigente del Pdl ha appena ribadito come linea guida del partito. Capezzone: «Non commentiamo i fuorionda. Nell’ultimo ufficio di presiden-za del Pdl ci siamo espressi all’ unanimità sull’utilizzo dei co-siddetti ’pentiti’, sull’uso poli-tico della giustizia, sul tentati-vo in atto di ribaltare il risulta-to della ultime elezioni politi-che. Quel documento per tutti noi esprime la linea di fondo del Pdl. Tocca ora al presidente della Camera spiegare il senso delle sue parole rese

note da Repubblica Tv e se con quelle ragioni è ancora d’accordo». Incredulo, ferito, umiliato, offeso. E furioso, co-me mai con l’alleato, che oggi vede come un nemico. Lo de-scrivono così Silvio Berlusco-ni, in un resoconto del Corriere della Sera che tuttavia non cita fonti, ma spiega: in collegamento te-lefonico con il gruppo dirigen-te del partito, ha sfogato tutta la sua rabbia perché «quell’in-grato si permette di

parlare di me in quei termini» e lo fa con «un procuratore della Repub-blica! Cose da pazzi! E io do-vrei fidarmi di lui, quando di-ce quelle cose sui pentiti che in-fangano il mio nome? Eh no, così non si va avanti, adesso chiarisce e chiede scusa, o fa marcia indietro o io non lo vo-glio più vedere, per me è fuo-ri ».

Roberto Carli

Il numero degli scettici cresce dopo le rivelazioni degli hacker ma il mondo può correre il rischio?

Tassi Ue: fermi all’1% ma si frena sulla liquidità Sui tassi di interesse dell’area euro è attesa una conferma al minimo storico dell’uno per cento, ma la Banca centrale europea potrebbe iniziare una progressiva rimozione di alcune delle misure supplementari che nei mesi scorsi ha approntato per aiutare l’economia, che prevalentemente fanno leva sulla liquidità. Oggi torna a riunirsi il Consiglio direttivo, mentre nell’Unione monetaria si è appena riaffacciata l’inflazione. La cautela è d’obbligo, sia per la perdurante fragilità dei mercati appena evidenziata dall’effetto che hanno avuto le difficoltà sui debiti di Dubai World; sia per la situazione dell’economia reale. La disoccupazione si consolida ai massimi storici, al 9,8 per cento a ottobre nell’area, valore, secondo i dati Eurostat, che equivale a tre milioni di disoccupati in più rispetto ad un anno fa. La decisione sui tassi verrà comunicata alle 13 e 45, mentre alle 14 e 30 il presidente Jean-Claude Trichet terrà la consueta conferenza stampa esplicativa. Per fronteggiare la crisi, nei mesi scorsi la Bce ha assicurato al sistema creditizio abbondante liquidità a condizioni molto più favorevoli del normale. Ma nelle ultime settimane diversi esponenti dell’istituzione di Francoforte hanno espresso la preoccupazione che continuare troppo a lungo potrebbe favorire l’insorgere di nuove destabilizzazioni o crisi.

Clima: interminabile conferenza di 12 giorni, forse per nulla ROMA - Sarà una conferenza interminabile quella sul clima di Copenaghen e uno sforzo titanico che alla fine lascerà con ogni probabilitàtutti scontenti.Uno sforzo che alcuni hacker hanno contribuito a vanificare fin dall’inizio rivelando la "più grande frode scientifica della storia", come ormai molti la chiamano, intercettando la posta elettronica del Cru (Climate research unit) dell’università dell’East Anglia, monopolista mondiale dei dati sulla temperatura del pianeta e fornitrice dell’Onu, e scoprendo che gli stessi scienziati del Cru sanno benissimo che i loro dati sul riscaldamento globale sono

fasulli, perché sono loro che li truccano. La rivelazione, due anni dopo che fior di scienziati avevano già creato grossi dubbi sul collegamento emissioni Co2 e riscaldamentoglobale, ha ingrossato le file degli scettici. Ma, ammoniscono climatologi "neutrali", a metà strada fra negazionisti e catastrofisti, chi ha il coraggio di ignorare il rischio di distruggere l’unico pianeta che abbiamo? È qui il punto. Il vertice (comincia il 7 dicembre ma entrerà nel vivo nella seconda settimana e dal 14 al 18 assisterà

all’arrivo di capi di Stato e di Governo, compresi Barack Obama e Silvio Berlusconi), è chiamato se non altro a porre dei limiti seri all’emissione di Co2. Lo stesso Obama e il primo ministro cinese Wen Jiabao si sono già lan-

ciati in promesse. Ma molti temono risultati scarsi. Fortunatamente, i dati indicano che il costo delle misure non dovrebbe essere proibitivo, anzi sarebbero modesti secondo. l’ultimoWorldDevelopment Report della Banca mondiale. Come osserva la Banca, i poveri emettono poca Co2. Sostituire i Suv americani basterebbe a compensare la fornitura di energia elettrica a un miliardo e 600 milioni di persone che oggi ne sono privi.

La sede della Bce a Francoforte


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 23

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

Banca del Sud, Zone franche Il Governo riesce a rientrare Battaglia in commissione Bilancio per salvare gli emendamenti sulla Banca del Mezzogiorno e per le Zone franche urbane

di Carlo Bassi ROMA - Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti l’ha spuntata: ieri sera per la discussione in sede di Commissione Bilancio della Camera è riuscito a salvare il suo progetto per la Banca del Sud, che era stato bloccato parzialmente la sera prima nella stes-

43

le migliaia di politici degli enti locali che perderebbero il posto sa sede insieme a vari altri emendamenti, a cominciare da quello sulle Zone franche (che interessa direttamente tre città calabresi comeRossano,Crotone,Lamezia Terme). Ma su tutti questi temi, compreso il taglio agli emolumenti delle regioni e al numero dei politici degli enti locali (il 27% ovvero 43.200 politici), il Governo è tornato alla carica con emendamenti diversamente formulati. Per la Banca del Mezzogiorno, su 22 commi ne erano stati dichiara-

ti inammissibili sei poiché «perseguono un obiettivo di carattere strategico per l’economia nazionale» ma allo stesso tempo «risultanodinaturamarcatamente ordinamentale e non appaiono riconducibili al contenuto proprio della legge finanziaria». Bocciato il comma 12 che recava una disciplina in materia di emissioni di azioni di finanziamento da parte delle banche di credito cooperativo, il comma 13 sulla possibilità per gli enti e le società partecipate dal ministero dell’Economia a contribuire alla sottoscrizione del capitale delle predette banche complessivamente sottoscrivibili dai soci finanziatori e le norme sulla cessione delle azioni di finanziamento, il comma 15 sulla rappresentanza dei soci finanziatori in seno ai consigli di amministrazione e nel collegio sindacale, il comma 16 sul rimborso delle azioni di finanziamento e liquidazione di partecipazioni, il comma 17 che rimanda a un decreto del ministero dell’Economia il compito di

Via la maggior parte dei consigli circoscrizionali, i difensori civici comunali e i direttori generali

to dal Governo che concede sgravi fiscali alle banche che aderiscono all’accordo. Nella relazione, tenendo conto del tetto europeo "de minimis", si considera che l’agevolazione agli istituti di credito in termini di competenza costerà 8,7 milioni nel 2009 e 20,4 nel 2011. Come cassa, invece, sono previsti oneri di 17,4 milioni nel 2010, 32,1 nel

L'aula della commissione Bilancio della Camera

stabilire l’attuazionedelle disposizioni.Malemodifichehanno ovviato agli inconvenienti. Riformulato l’emendamento con i tagli agli enti locali. «Verrà ripresentato in commissione e sarà integralmente riformulato» l’emendamento sui tagli ai consigli e alle giunte comunali e per gli enti locali. Lo ha detto il ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli, dopo la bocciatura per inammissibilità dell’emendamento del governo. L’emendamento tagliava giunte e consigli negli enti locali, cancellando il posto al 27% dei 160mila politici, chiudendo moltissimi consigli circoscrizionali, eliminando i difensori civici comunali e i direttori generali nelle città con meno di 100mila abitanti, affidando a leggi regionali per la soppressione o il ridimensionamento delle comunità montane. Leinammissibilitàriscontrateda-

gli uffici riguardavano la natura «ordinamentale» delle disposizioni attualmente previste e anche i dubbi sotto il profilo della costituzionalità sulla stretta sugli stipendi dei consiglieri regionali. I tecnici della Camera avevano quantificato gli effetti dell’emendamento: garantiva risparmi di 300 milioni in tre anni. I tecnici ritenevano necessario che il Governo fornisse chiarimenti in merito alla compatibilità dei tagli «con il mantenimento degli equilibri di bilancio degli enti e con il necessario conseguimento degli obiettivi del patto di stabilità interno». Era già stato invece approvato, martedì, l’emendamento sui finanziamenti alle Pmi interessati dalla moratoria Abi per un totale di 275 miliardi. La stima sull’ammontare è della Ragioneria generale dello Stato nella relazione tecnica sull’emendamento alla Finanziaria, presenta-

6

su 22, i commi dichiarati inammissibili nell’emendamento sulla Banca 2011 e un incremento di gettito di 20,4 milioni nel 2012. Nella stessa propostadel Governoc’è anche la proroga a giugno 2010 del termine per la sospensione tributaria e contributiva per i terremotati in Abruzzo e l’allungamento della rateizzazione e il cedolino unico per gli impiegati pubblici. Per il sisma si prevede un costo di 196,6 milioni nel 2010 e 153,9 nel 2011 e un incremento di gettito di 102,6 milioni a partire dal 2012.

Altri Paesi che hanno sforato avranno anche fino al 2015 contro il nostro 2012

La Ue ci chiede di rientrare al 3% in 3 anni In ogni caso, i ministri dell’Ecofin sono d’accordo nel dare il via alle manovre di rientro a partire dal 2011 al più tardi

di Cab BRUXELLES - La riunione dei ministri economici dell’Unione europea ha fissato i limiti temporali per la riduzione dei deficit di bilancio di alcuni Paesi membri, muovendo il primo passo verso lo smantellamento degli incentivi all’economia in vista dell’uscita dalla crisi. Entro le scadenze, fissate tra il 2012 e il 2015, i governi dei 13 paesi coinvolti dovranno riportare il deficit entro la soglia del tre per cento del Prodotto interno lordo, come previsto dal Patto di stabilità degli accordi di Maastricht.

L’Italia è tra i paesi con meno margine di manovra, avendo - insieme al Belgio - il 2012 come limite per la manovra. All’anno successivo è fissata la scadenza per Germania e Francia, le prime economie continentali, con Spagna, Olanda e una serie di altri Paesi. A Parigi è stata data la possibilità di un tasso di riduzione annuale del deficit leggermente inferiore alle linee guida Ue, nel rispetto della scadenza finale. La Gran Bretagna potrà impiegare fino all’anno fiscale 2014-15 per rimettersi in linea. In ogni caso, i ministri dell’Ecofin sono d’accordo nel dare il via alle manovre di rientro a partire dal

2011 al più tardi. Le stime della Commissione prevedono che il deficit aggregato della zona euro salga al 6,4 per cento quest’anno e al 6,9 per cento nel 2010, dal 2,0 per cento del 2008. Ancora da definire la situazione della Grecia, al di là del consenso sul fatto che Atene non ha dato corso ad azioni efficaci per riportare il disavanzo in linea con le raccomandazioni espresse dall’Ecofin in precedenza. Tale posizione apre la strada a un procedimento disciplinare nei confronti di Atene che puà arrivare all’adozione di sanzioni - una possibilità prevista dai trattati ma finora mai verificatasi concretamente.

Il deficit aggregato della zona euro salirà al 6,4 per cento quest’anno e al 6,9 per cento nel 2010, dal 2,0 per cento del 2008


24 GiovedĂŹ 3 Dicembre 2009 il Domani

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

23.008,51 0,06 22.572,88 0,08 24.522,90 -0,16 23.874,62 0,33 22.768,77 -0,88 11.085,11 0,29

METALLI

VAL. ACQUIST

VAL. VENDITA

Euro/Dollaro

1,5043

1,5045

ORO

Euro/Sterlina

0,9033

0,9036

ARGENTO

Euro/Yen

131,22

131,28

PLATINO

1,507

1,5078

PALLADIO

VAR. %

CHIUSURA

Euro/Franco Sv.

USD/on

EURO/gr

1211,45

25,84

19,34

0,415

1514,50

32,64

397,50

8,75

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bouty Healthcare Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

0,827 1,327 7,365 3,7525 63,49 1,716 1,085 3,8975 0,2145 0,5375 4,85

-0,12 +0,00 -3,16 +0,81 +0,46 -2,55 +0,37 +1,10 -0,88 +0,84 -0,87

16.30.42 17.30.50 17.30.10 16.30.37 17.30.36 16.30.36 16.30.37 17.30.09 16.21.57 16.37.28 14.19.32

8,81 0,338 2,31 0,50 83,85 3,00 13,36 0,7995 0,43 0,0447 0,599 99,50 1,535 6,565 17,74 8,455 9,635 16,71 16,38 9,075 87,90

+3,65 -0,29 +1,99 +1,32 -0,53 -0,58 -0,30 -0,06 +3,61 +1,59 +0,00 -0,10 +0,00 +0,54 +0,57 -0,41 +0,26 -0,18 -0,18 +2,31 +0,01

15.56.15 16.30.50 16.30.10 16.30.27 17.12.19 17.30.47 17.30.48 16.30.16 16.30.08 16.30.36 16.30.40 15.33.00 17.30.24 17.30.15 17.30.01 17.30.01 17.30.22 16.30.08 14.33.17 17.30.02 15.51.01

8,81 0,335 2,285 0,4935 83,80 2,97 13,33 0,7825 0,42 0,0438 0,582 99,20 1,522 6,485 17,63 8,395 9,50 16,51 16,16 8,76 87,50

8,81 0,34 2,3125 0,50 84,77 3,0475 13,54 0,8175 0,435 0,0464 0,603 99,60 1,548 6,68 17,79 8,53 9,68 16,74 16,40 9,215 87,90

8,205 7,50 3,15 2,01 5,60 11,63 41,49 1,834 1,985 53,35 50,00 1,905

+0,55 +0,07 +0,00 -0,37 -0,88 +0,69 +1,42 -0,43 -1,73 +2,40 +2,15 -0,88

17.30.24 17.30.59 16.30.39 17.18.54 17.30.04 17.24.44 17.14.06 16.30.01 14.40.51 17.16.35 17.18.06 17.30.06

8,055 7,46 3,12 1,989 5,51 11,42 41,35 1,811 1,96 52,53 49,40 1,879

8,265 7,65 3,185 2,03 5,76 11,70 41,92 1,835 2,015 53,67 50,00 1,929

120,65 0,6195 1,298 4,595 10,08 4,07 5,195 6,37 0,693 4,26 4,165 10,15 0,4515 0,705 5,98 97,49 0,6095 1,445 0,55 1,431 6,055

-0,73 +0,73 -1,52 -0,54 -0,10 -4,07 -1,89 -0,47 -0,07 -0,81 -4,69 -0,10 -2,48 +2,17 -4,78 +0,14 -0,08 -1,03 +0,00 +0,07 +0,75

14.37.21 17.30.16 17.30.21 16.17.52 17.30.47 17.30.18 17.30.30 17.30.02 16.30.53 15.33.16 16.30.23 16.30.40 16.30.45 16.30.32 17.30.40 17.24.53 17.30.54 16.15.10 15.42.07 16.30.54 17.30.20

120,65 0,6095 1,292 4,50 9,94 4,07 5,165 6,30 0,685 4,26 4,165 10,13 0,448 0,685 5,975 97,13 0,594 1,442 0,54 1,43 5,925

0,811 0,834 0,834 1,316 1,337 1,326 7,34 7,63 7,585 3,72 3,85 3,72 62,04 63,49 1,71 1,79 1,765 1,04 1,085 1,04 3,84 3,905 3,905 0,213 0,219 0,2175 0,522 0,5375 4,85 4,875

-1,77 17.23.24 31,49 -1,62 17.30.51 53,90

32,17 55,76

1,539 35,01 1,459

+0,39 16.52.02 1,501 -1,38 16.30.18 35,01 -0,48 15.14.20 1,455

1,539 35,60 1,459

+0,35 +0,02 +0,59 +1,02 +1,81 -0,50 +1,04 +0,47 +0,15 -3,38 +0,49 -0,19 +1,77 -0,91 -0,80 +1,81 +1,56 -1,52 -0,67

16.30.42 17.01.03 14.56.10 17.30.21 16.30.42 17.30.06 17.30.21 17.30.34 17.30.22 17.30.35 17.30.32 16.30.44 16.30.59 16.30.21 16.30.27 17.30.35 16.24.58 15.18.16 16.30.00

0,34 0,4945 84,77 3,0475 13,43 0,8175 0,421 0,0438 0,603 99,50 1,529 6,58 17,72 8,495 9,61 16,74 8,86 87,89 8,20 7,55 3,16 5,68

1,924

121,05 0,6245 0,6245 1,325 1,319 4,62 4,62 10,14 10,00 4,27 4,26 5,34 5,30 6,42 6,37 0,698 0,698 4,2925 4,26 4,375 4,30 10,25 0,4645 0,452 0,7085 0,7085 6,30 6,24 97,50 0,61 0,603 1,45 0,559 0,559 1,477 1,458 6,06 6,025

31,60 54,58

0,995 101,60 104,86 5,43 0,197 5,95 1,169 10,77 6,55 5,29 2,59 1,048 2,4425 1,848 0,309 7,33 0,325 89,31 2,235

Apertura

55,65 35,50

0,993 0,995 101,41 101,60 101,60 104,17 104,90 104,90 5,265 5,45 5,40 0,1914 0,197 0,1959 5,76 6,02 6,00 1,14 1,169 1,151 10,52 10,88 10,79 6,45 6,61 6,54 5,265 5,41 2,54 2,5975 2,54 1,006 1,05 2,40 2,445 1,82 1,85 1,82 0,3055 0,315 0,314 7,16 7,39 7,24 0,318 0,335 89,31 90,64 2,2175 2,31 2,2525

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Comune Mi-A2A 09 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Credito Valtellinese Axobcv+W Crespi Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb

Ora

Min

Max

Apertura

24,10 2,0875 0,729 4,795 3,095

24,46 2,145 0,7225 4,79 3,0625 2,3375 0,599 0,2049 0,3095 0,9085 1,686 0,703 1,993 0,595 0,889 105,35 99,90 1,232 23,60 5,42 13,83 1,822 5,605 0,204 0,207 0,758 1,066 6,225 35,29 1,07 17,76 8,87 40,80 4,0975 3,30 1,30 48,70 10,36 24,70 2,21 5,34 14,77 27,22 1,049 1,30 1,02 11,95 1,839 3,22 4,085 1,409 25,77 17,00 5,16 9,775 0,647 0,4565 7,945 0,158 2,93 0,374

+1,07 +4,51 +0,98 -0,10 -2,16 +0,54 -0,08 +7,84 +0,98 +2,08 -0,65 +1,22 -0,15 -1,49 +4,96 -0,14 +0,01 +0,16 -2,03 +0,65 -1,78 -0,22 -2,69 +1,75 +0,68 +1,07 -0,09 +0,08 +1,82 -0,37 -0,78 -1,22 +2,00 -0,06 +4,18 +1,88 -1,48 +2,37 +0,82 -1,78 +6,80 -0,13 +1,34 +1,35 +2,69 -2,30 +0,25 +1,60 -0,92 +0,37 +1,88 +0,66 +0,12 +0,10 -0,25 -0,31 +1,22 +4,20 -0,13 -1,51 -5,44

17.30.23 16.30.27 16.30.52 16.32.20 17.30.53 16.59.37 16.30.00 16.30.20 16.30.18 16.30.17 17.30.28 16.30.22 17.30.56 16.30.37 16.30.44 16.30.59 16.42.50 16.30.26 17.30.11 17.30.15 17.15.11 16.30.01 17.30.00 17.30.12 16.30.24 16.09.57 17.30.44 17.30.52 12.06.19 16.19.51 16.30.00 16.30.00 15.40.56 17.30.28 16.30.07 17.30.20 17.22.25 16.47.24 17.30.55 17.30.11 17.30.23 17.30.34 17.21.44 17.30.23 17.13.52 17.30.20 17.30.31 17.30.16 12.19.15 17.30.09 15.18.55 17.30.59 17.30.26 17.30.00 17.30.47 16.30.12 16.24.53 17.30.28 16.30.52 17.30.07 16.30.35

23,92 2,07 0,713 4,6975 3,0425 2,3375 0,5895 0,2007 0,3095 0,88 1,663 0,6905 1,971 0,593 0,8545 104,99 99,88 1,20 23,16 5,20 13,80 1,811 5,605 0,198 0,20 0,718 1,05 6,07 35,29 1,06 17,76 8,755 40,80 4,04 3,19 1,278 47,80 10,18 24,37 2,21 5,05 14,52 27,08 1,02 1,267 1,017 11,65 1,77 3,22 4,0575 1,409 25,29 16,91 5,105 9,685 0,642 0,4455 7,62 0,158 2,91 0,3685

24,48 2,165 0,729 4,80 3,12 2,35 0,599 0,2235 0,3095 0,92 1,71 0,7065 2,00 0,606 0,895 105,40 99,99 1,238 23,73 5,425 14,04 1,83 5,75 0,215 0,21 0,758 1,075 6,27 35,29 1,114 18,14 9,00 40,80 4,11 3,30 1,313 49,54 10,36 24,80 2,285 5,35 14,93 27,26 1,062 1,30 1,058 12,00 1,86 3,25 4,10 1,41 25,80 17,13 5,255 9,965 0,68 0,4655 8,045 0,1635 2,985 0,40

13,14 7,42 10,08 1,17 19,63 10,32 6,09 6,525 4,6875 4,7925 0,45 0,1925 11,25 4,83 0,59 11,14 7,495 2,89 17,66 1,295 0,6425 6,21 28,50 2,18 0,568 1,692 17,76 4,6025 2,78 2,1775 3,55 7,97

-1,35 -0,40 +1,00 +3,63 +0,82 -0,29 -1,14 -1,73 +4,17 -0,16 +3,45 +0,79 +1,26 -1,43 +0,00 -1,07 -0,53 +2,39 +0,11 +1,17 -1,15 +1,39 +1,97 +2,11 +3,27 -1,91 +0,34 -2,18 +5,30 -1,02 -0,56 +0,50

17.30.14 17.30.47 17.30.04 17.30.03 17.30.25 17.30.52 17.30.29 17.30.07 17.22.48 17.30.18 16.30.30 15.58.26 17.30.01 14.53.36 16.30.15 17.30.41 17.30.05 17.16.09 17.24.05 15.29.26 16.30.05 16.30.30 16.11.23 16.19.49 17.30.13 16.37.49 17.30.57 17.30.08 16.30.54 17.30.32 17.30.42 16.30.17

13,07 7,30 9,755 1,128 19,32 10,14 6,02 6,42 4,445 4,72 0,4385 0,1925 11,08 4,82 0,5835 11,00 7,39 2,8025 17,64 1,248 0,6425 6,07 28,50 2,14 0,5395 1,612 17,61 4,59 2,665 2,145 3,50 7,75

13,47 13,38 7,535 7,48 10,10 1,18 1,135 19,79 19,41 10,45 10,33 6,23 6,16 6,715 6,64 4,6875 4,8475 4,8475 0,45 0,1928 11,29 11,08 4,90 4,90 0,5925 11,35 11,23 7,65 7,54 2,90 17,71 1,297 0,6535 0,65 6,21 6,07 28,50 2,18 0,568 0,555 1,692 1,612 17,92 17,68 4,7375 4,7375 2,78 2,6875 2,21 2,20 3,60 3,60 8,095 7,75

0,2122 0,88 1,70 1,975 0,60 0,8545 105,00

5,425 1,83 5,74 0,2067 0,21

17,99 8,96 3,20 1,313 24,60 5,15 14,93 1,03 1,058 1,835 4,075 16,98 5,20 9,835 0,68 0,46 7,62 0,1635 2,975 0,3905

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

+0,00 16.30.29 4,75 -2,37 16.30.07 4,2725

Max

Apertura

4,80 4,53

4,75 4,465

Grup Minerali Maffei Gruppo Coin

4,75 4,33

Hera I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mirato Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie

1,609 0,987 12,30 1,565 0,97 2,02 0,844 2,2575 8,75 7,44 7,87 6,295 0,30

-0,31 +0,87 -1,20 +4,13 +1,20 +0,00 -1,86 -2,27 +2,94 -2,36 +2,47 -2,63 +1,70

17.30.04 15.08.43 17.30.44 17.30.21 10.00.19 16.03.30 16.30.09 17.30.58 13.26.38 17.30.02 14.59.42 17.23.42 16.30.34

1,604 1,622 1,615 0,95 0,9895 12,24 12,46 12,45 1,463 1,595 1,463 0,9695 0,97 2,0025 2,045 2,025 0,8355 0,868 0,8655 2,2475 2,315 2,3025 8,44 8,75 8,75 7,40 7,725 7,685 7,485 7,87 6,135 6,555 6,48 0,2925 0,309 0,293

3,4625 2,9525 2,2225 0,0666 1,559 1,289 3,40

+5,56 +0,00 -0,34 -3,20 -1,70 -2,35 -1,59

17.30.22 17.30.45 17.30.07 16.30.51 15.40.00 17.30.46 16.12.58

3,335 3,53 3,3625 2,925 2,975 2,94 2,2025 2,2475 2,2325 0,0661 0,069 0,0689 1,553 1,586 1,553 1,289 1,328 1,31 3,3725 3,47

3,675 9,295 4,935 29,92 21,90 1,971 0,914 0,1584 8,76 2,115 0,447 0,879 71,51 2,34 3,0375 13,42 17,15

+0,07 +1,31 +2,02 +2,08 +0,41 +0,00 +2,47 +2,79 +0,23 -0,24 +1,94 +0,00 -0,68 +1,63 -1,22 -2,26 +2,02

17.30.52 17.30.49 17.30.16 17.30.41 17.30.36 16.30.27 17.30.42 16.30.42 17.30.53 16.24.26 16.30.23 13.54.23 15.39.29 17.30.31 17.30.24 17.30.15 17.30.04

3,60 3,79 9,185 9,37 4,8525 4,95 29,06 30,05 21,70 22,13 1,971 1,998 0,8925 0,914 0,154 0,1625 8,71 8,95 2,07 2,1175 0,433 0,449 0,879 0,885 71,51 71,51 2,31 2,3775 3,0375 3,12 13,42 13,80 16,80 17,22

2,2725 0,138 1,595

-0,55 17.30.14 2,245 2,305 2,28 -1,07 16.30.36 0,1361 0,1399 0,1394 -0,12 16.30.43 1,571 1,595 1,571

5,945 3,25 5,265 8,115 4,535 2,665 0,60 13,00 1,949 2,14 5,395 3,3525 1,66 2,995 0,1593 8,20

-0,08 -3,42 +0,19 -0,73 +0,50 +1,24 -10,45 -8,45 -1,17 +0,94 +0,00 +1,59 -2,29 +2,92 -2,81 -0,30

17.30.43 13.31.11 17.30.14 17.30.39 17.30.20 16.30.29 16.30.35 16.30.45 17.30.05 17.30.53 17.15.40 16.30.44 16.30.54 17.30.41 16.12.14 17.30.40

5,89 3,25 5,18 8,075 4,43 2,60 0,5745 13,00 1,922 2,095 5,39 3,3225 1,63 2,91 0,1585 8,05

0,1458 0,252 1,468 106,31 5,305 2,69 2,97

-1,88 -1,75 -0,88 +1,54 -1,39 +1,13 -4,58

16.04.07 16.30.25 15.26.03 10.25.19 17.30.53 17.08.17 17.30.45

0,1429 0,149 0,252 0,252 1,441 1,513 106,31 106,31 5,46 5,305 2,5625 2,69 2,97 3,165

-2,19 17.24.31

0,154 8,72 0,44

3,04 13,69 16,86

5,99 5,96 3,30 5,31 5,245 8,275 8,225 4,585 4,5175 2,6675 2,64 0,6585 0,593 13,00 1,997 1,997 2,15 5,395 3,3825 1,71 1,71 3,00 2,9325 0,1645 8,225 8,225

8,68

9,12

0,5155

-2,55 16.17.11 0,5065

0,529

1,981 1,964 12,96 19,43 1,767 4,68 3,08 1,156 0,4395 0,454 0,512 12,00 0,474 0,838

-0,95 -0,56 +0,39 +2,00 -0,62 -0,11 -1,28 -2,69 +0,80 +0,89 -1,06 -0,08 +0,85 +1,76

17.30.54 17.30.36 16.30.48 17.16.31 16.30.04 16.30.24 16.21.19 16.16.34 17.30.23 17.14.43 17.30.47 16.53.21 15.20.18 17.30.31

0,9995 1,05 1,00 8,75

+2,41 -0,94 +3,09 -2,23

16.30.28 0,9615 0,9995 16.30.19 1,037 1,09 13.04.49 1,00 1,00 9,20 17.30.15 8,75

8,71

9,255 4,865 29,31 21,70

0,149 1,47 5,38 3,03

1,981 1,982 1,961 1,988 1,975 12,92 12,97 18,88 19,44 19,08 1,744 1,843 1,82 4,65 4,685 4,685 3,035 3,1425 1,146 1,197 1,146 0,4335 0,4415 0,4375 0,447 0,46 0,45 0,506 0,522 0,5175 11,96 12,00 0,451 0,4745 0,468 0,831 0,851 0,8355 0,989 1,09


il Domani Giovedì 3 Dicembre 2009 25

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

11,90 +1,71 17.30.49 11,66 11,97 11,91 0,375 +19,05 16.30.21 0,3155 0,375 0,3495 1,017 +2,99 16.30.50 1,017 1,017 1,368 +0,15 17.30.29 1,322 1,369 1,355 0,79 -0,50 14.47.24 0,761 0,79 2,16 -0,80 17.30.35 2,13 2,1775 2,13 2,49 +0,20 14.47.22 2,4875 2,49 2,4875 5,535 -1,16 17.30.36 5,45 5,645 5,60 33,02 -1,43 16.56.29 33,02 34,50 0,2525 -0,20 17.30.09 0,2485 0,2535 0,2525 16,10 +0,88 17.30.09 16,09 16,10 0,44 -2,22 16.30.22 0,43 0,455 0,454 0,1014 -0,49 16.30.03 0,099 0,1019 0,442 +0,80 16.30.22 0,43 0,442 0,43 1,30 -1,51 16.30.27 1,26 1,345 62,83 +2,05 16.19.20 62,83 62,83 0,34 -1,16 16.30.56 0,3355 0,341 0,3405 17,42 -0,46 17.30.17 17,29 17,49 17,30 0,442 +0,91 16.30.39 0,4345 0,442 0,44 6,525 +0,39 17.30.26 6,335 6,525 5,215 +0,29 17.30.47 5,16 5,285 0,6025 -4,44 16.30.04 0,6025 0,645 0,64 22,03 -0,04 17.30.54 21,94 22,28 22,12 52,73 2,1325 10,06 5,69 0,713 0,1678 1,13 5,37 6,08 91,70 67,17

+1,52 17.09.04 51,95 +2,77 -4,01 +3,27 +0,28 +2,88 -0,44 +0,37 -2,41 -0,05 -0,09

17.30.58 16.24.48 16.30.47 16.30.52 17.30.09 17.30.14 17.30.00 17.30.14 16.36.16 17.07.36

52,77

2,115 2,2175 10,02 10,42 5,525 5,69 0,705 0,72 0,161 0,1691 1,13 1,13 5,23 5,45 6,065 6,365 91,00 91,70 67,17 67,94

2,20 5,525 0,71 0,164 6,195 67,33

AZIONI

Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Telecom It Media R Telecom It-10 Cv1,5% Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

3,03 3,4725 0,1248 92,00 0,1267 47,18

-0,16 +2,59 +1,38 +2,22 -5,87 -0,57

16.30.37 17.30.50 16.30.12 15.12.40 16.30.43 11.47.02

2,9325 3,0775 3,035 3,39 3,4725 3,3975 0,1216 0,1255 0,1255 90,00 92,00 90,00 0,1235 0,14 0,1264 47,18 47,19

1,66 3,945 72,20 1,328 0,359

+5,06 -0,13 -0,44 +3,27 +1,84

17.30.20 14.31.59 16.19.41 16.30.37 16.21.10

1,58 3,855 71,56 1,295 0,3525

1,663 3,945 72,20 1,335 0,363

5,565 1,29 14,20 0,1011 118,10 1,087 0,1066 0,776 19,60 13,66 2,83 1,63 0,1684 51,10 1,247 42,51 11,68

+0,36 +0,00 +4,34 -0,88 +0,04 -0,55 +1,14 +0,78 +2,73 +1,26 +0,71 +0,87 +7,13 -1,03 -0,64 +0,78 +2,19

17.30.02 16.30.22 16.30.15 16.30.28 16.10.09 17.30.39 16.30.33 17.30.09 17.21.48 17.30.40 17.30.29 16.30.19 17.30.31 17.30.16 15.56.16 16.54.42 16.30.28

5,465 1,28 13,60 0,0981 118,03 1,078 0,1036 0,7645 18,91 13,49 2,805 1,604 0,156 50,86 1,247 42,25 11,25

5,58 1,30 14,20 0,1011 118,15 1,101 0,1066 0,777 19,72 13,74 2,83 1,642 0,1715 51,87 1,247 42,51 11,75

7,795 9,80 110,25 0,8705 2,34

+1,50 +1,34 +0,13 +0,12 -0,74

16.46.53 17.30.42 17.23.01 17.24.36 17.30.33

7,55 7,975 9,545 9,865 9,605 110,15 110,50 110,40 0,8655 0,8805 2,3225 2,385 2,375

1,60 1,30 0,355 5,545 1,29 0,0981 1,09 0,1036 0,7735 13,49 2,81 1,64 0,1569 51,87 11,35

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Ora

Min

2,835

+0,09 16.51.45

0,927 0,593 4,455

+0,05 17.30.04 0,9135 -0,42 17.30.09 0,59 +1,37 11.25.25 4,455

1,415 4,6275 3,55

Max

Apertura

2,83 2,8775 2,8775 0,94 0,606 4,455

0,932 0,60

+0,78 16.30.32 1,415 1,418 +1,54 16.30.09 4,50 4,6275 -1,66 17.30.51 3,52 3,67

20,25

+1,56 16.33.08 19,28

0,067 0,073 5,005 0,099 0,145

+0,00 -8,75 -1,86 -4,81 -5,84

16.30.46 17.21.18 17.17.48 15.15.57 16.30.24

0,031 -11,93 15.42.07 0,0105 -3,67 16.10.10 0,0939 +9,19 16.30.29 0,03 +36,36 16.30.12 0,1025 -6,73 17.30.14

0,0665 0,0688 0,0725 0,08 0,0799 5,00 5,26 0,0975 0,105 0,0975 0,143 0,157 0,147 0,031 0,0101 0,0939 0,0207 0,1008

0,9665

-0,67 17.30.15 0,962

0,10 0,0062 0,0052 0,0518 0,20 4,12 0,45 0,747

+2,04 -1,59 +8,33 +0,58 -2,10 +0,49 -3,54 -2,22

14.50.15 16.30.54 17.23.33 17.18.48 16.24.48 17.30.30 16.30.48 16.30.11

20,25

0,10 0,006 0,0047 0,0506 0,197 4,09 0,45 0,715

0,0326 0,032 0,0105 0,0939 0,03 0,024 0,1143 0,1114 0,998 0,10 0,0063 0,0055 0,0528 0,206 4,1875 0,4695 0,757

0,0063 0,0048 0,0506 0,2001 0,4695 0,7295

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Az. Italia Cl. L Allianz Az. Italia Cl. T Allianz Azioni Italia All Stars Arca Azioni Italia Bim Az. Italia Bim Az. Small Cap Italia Bipiemme Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Az. Italia Carige Az. Italia Cl. A Carige Az. Italia Cl. B Carismi Dynamic Italia Cl. A Carismi Dynamic Italia Cl. B Ducato Geo Italia Cl. A Ducato Geo Italia Cl. Y Eurizon Azioni Italia 130/30 Eurizon Azioni Pmi Italia Eurizon Focus Azioni Italia Eurom. Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel Pmi Fondit. Eq. Italy Cl. R Fondit. Eq. Italy Cl. T Gestielle Italia Cl. A Gestielle Italia Cl. B Gestnord Azioni Italia Imi Italy Interf. Eq. Italy Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam Partners Az. Italia Optima Az. Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Az. Crescita Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia C.To Az. Italia Symphonia C.To Az. Italia Small Cap Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pramerica Azioni Italia Vegagest Az. Italia Cl. A Vegagest Az. Italia Cl. B Zenit Azionario Cl. I Zenit Azionario Cl. R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Bancoposta Az. Euro Bipiemme Euroland Caam Azioni Qeuro Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. A Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. Y Epsilon Qeq. Eurizon Azioni Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Azioni Euro Fondo Alto Az. Intra Az. Area Euro Leonardo Euro Symphonia C.To Az. Euro Ubi Pramerica Azionario Etico Ubi Pramerica Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro Cl. A Vegagest Az. Area Euro Cl. B AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Az. Europa Cl. L Allianz Az. Europa Cl. T

+0,03 -0,79 -0,86 -0,87 -0,54 -0,93 -1,00 -0,89 -0,94 -0,92 -0,84 -0,85 -0,95 -0,94 -0,58 -0,64 -0,93 -0,92 -0,94 -0,89 -0,90 -0,83 -0,98 -0,57 -0,97 -0,96 -0,92 -0,93 -0,96 -0,87 -0,93 -0,72 -1,00 -0,95 -0,93 -0,82 -0,97 -1,00 +0,00 -0,97 -0,85 -0,89 -0,76 -0,99 -0,83 -0,82 -0,72 -0,74 -0,95 -0,79 -0,78 -1,09 -1,09 -0,94 -0,92 -1,08 -1,05 -1,01 -0,71 -0,77 -0,97 -0,73 -0,89 -0,92 -0,57 -0,57

-0,04 -1,14 -1,16

14,25 6,008 20,128 19,814 4,071 19,181 6,954 6,931 15,132 17,087 5,174 4,681 5,204 5,254 3,577 3,281 13,279 13,613 16,465 4,565 11,716 19,513 18,266 14,546 10,854 10,926 12,643 12,903 10,121 21,473 8,45 8,735 16,251 4,57 5,42 5,437 12,791 17,153 5,00 10,975 3,613 5,994 5,65 4,824 6,111 6,169 9,22 9,126

4,274 3,892 4,19 4,25 11,998 6,019 6,169 4,294 25,367 13,173 14,262 5,514 5,187 5,448 4,789 5,299 6,962 6,962 5,11 14,671 14,477

VARIAZ. QUOT.

VARIAZ. QUOT.

+0,13 6,699 Fondit. Euro Defen. Cl. T Allianz Multieuropa -0,97 Anima Europa -0,69 3,72 Fondit. Euro Tmt Cl. R -0,86 Arca Azioni Europa -1,26 8,75 Fondit. Euro Tmt Cl. T -0,85 Bim Az. Europa -0,87 9,275 Fondit. U.S. Tmt Cl. R -0,21 Bipiemme Europa -1,25 11,902 Fondit. U.S. Tmt Cl. T -0,20 -1,02 6,098 Interf. Inter. Securities New Economy -0,04 Bipiemme Iniziativa Europa Bnl Azioni Europa Crescita -1,14 10,594 Optima Tecnologia -0,08 -1,21 2,773 Vegagest Mobiliare Re Cl. A -0,38 Bnl Azioni Europa Dividendo Bpvi Az. Europa -0,90 3,617 Vegagest Mobiliare Re Cl. B -0,38 Caam Europe Eq. +0,59 3,901 AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI -0,22 Carige Az. Europa Cl. A -0,98 5,138 Ducato Etico Geo Cl. A -0,22 Carige Az. Europa Cl. B -1,41 5,243 Ducato Etico Geo Cl. Y 4,153 Eurizon Azionario Internazionale Etico +0,12 Carismi Dynamic Europe Stocks Cl. A -0,98 3,918 Pioneer C.I.M. - Global Gold And Mining -1,77 Carismi Dynamic Europe Stocks Cl. B -1,14 Consultinvest Azione -0,76 8,138 BIL. AZIONARI Ducato Geo Europa Cl. A -1,16 10,024 Aureo Primaclasse Crescita +0,28 Ducato Geo Europa Cl. Y -1,16 10,279 Bipiemme&Co - Comp. 70 +0,07 Ducato Geo Europa Pmi Cl. A -1,34 17,185 Ducato Mix 50-100 Cl. A +0,39 -1,33 17,608 Ducato Mix 50-100 Cl. Y +0,41 Ducato Geo Europa Pmi Cl. Y -1,23 4,89 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. A Epsilon Qvalue -0,13 Eurizon Azioni Europa Multimanager +0,23 5,171 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. Y -0,13 Eurizon Azioni Pmi Europa -1,40 7,068 Eurom. Dinamico -0,28 Eurizon Focus Azioni Europa -1,11 7,643 Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. A -0,32 -0,96 13,095 Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. B Eurom. Europe Eq. F. -0,20 Fms - Equity Europe -0,81 8,157 Imindustria -0,14 Fondaco Eu Sri Eq. Beta -1,22 82,182 Ubi Pramerica Portafoglio Aggressivo -0,20 Fondersel Europa -1,19 12,153 Ubi Pramerica Privilege 4 +0,04 Fondit. Eq. Europe Cl. R -1,28 8,485 BIL. BILANCIATI -1,28 8,54 Abn Amro Master Bilanciato Fondit. Eq. Europe Cl. T -0,02 Gestielle Europa Cl. A -1,09 6,511 Allianz Multi50 -0,13 -1,10 6,635 Arca Bb Gestielle Europa Cl. B -0,10 Gestnord Azioni Europa -1,10 7,893 Arcacinquestelle Comp. C 50 +0,07 Imi Europe -1,27 16,98 Aureo Primaclasse Dinamico +0,21 Interf. Eq. Europe -1,26 5,418 Azimut Bilanciato -0,35 Investitori Europa -0,90 4,714 Bancoposta Mix 2 -0,21 Laurin Eurostock -1,09 3,538 Bim Bilanciato -0,31 +0,18 6,082 Bipiemme Inter. +0,00 Mc Fdf Europa Cl. A Mc Fdf Europa Cl. B +0,15 3,453 Bipiemme&Co - Comp. 50 -0,21 Mediolanum Amerigo Vespucci -0,84 5,34 Carige Bilanciato 50 Cl. A -0,73 -0,67 13,928 Carige Bilanciato 50 Cl. B Mediolanum Europa 2000 -0,70 Nextam Partners Az. Europa -0,99 4,606 Consultinvest Bilanciato +0,04 -1,30 2,734 Ducato Mix 30-70 Cl. A Optima Az. Europa +0,37 Pioneer Az. Europa -0,90 13,856 Ducato Mix 30-70 Cl. Y +0,37 Pioneer Az. Valore Europa A Dist. -1,16 6,292 Ducato Mm Equity 30-70 Cl. A -0,10 -1,17 37,327 Ducato Mm Equity 30-70 Cl. Y Ras Lux Eq. Europe -0,12 Sai Europa -0,97 9,694 Epsilon Dlongrun -0,68 -1,00 3,779 Eurizon Bilanciato Euro Multimanager +0,00 Soprarno Dj Euro Stoxx 50 Symphonia Multi S. Europa +0,12 5,02 Eurizon Soluzione 40 +0,03 -0,80 5,793 Eurizon Soluzione 60 Synergia Az. Europa -0,03 Talento Comp. Europa +0,37 110,825 Eurom. Bilanciato -0,47 Ubi Pramerica Az. Europa -1,16 5,209 Fideuram Performance +0,15 Unibanca Az. Europa -1,18 5,536 Fondersel -0,23 -0,84 4,366 Fondit. Core 1 Cl. R -0,28 Vegagest Az. Europa Cl. A -0,79 4,393 Fondit. Core 1 Cl. T Vegagest Az. Europa Cl. B -0,28 Fondit. Core 2 Cl. R -0,33 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME -0,33 Eurizon Azioni Energia E Materie Prime -0,23 8,371 Fondit. Core 2 Cl. T Fondit. Core 3 Cl. R -0,36 AZ. SALUTE -0,35 Eurizon Azioni Salute E Ambiente -0,49 13,459 Fondit. Core 3 Cl. T Fondo Alto Bilanciato -0,38 AZ. FINANZA +0,06 Eurizon Azioni Finanza +1,00 16,434 Gestielle Global Asset 2 -0,26 Fondit. Euro Finan. Cl. R -1,14 5,973 Gestnord Bilanciato Euro -0,08 -1,14 5,997 Imi Capital Fondit. Euro Finan. Cl. T -0,03 Mc Fdf Bilanciato Cl. A AZ. INFORMATICA -0,05 Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate +0,26 3,43 Mc Fdf Bilanciato Cl. B Mediolanum Elite 60 L -0,02 AZ. ALTRI SETTORI -0,02 Alpi Risorse Naturali -0,32 5,549 Mediolanum Elite 60 S -0,22 Ducato Immobiliare Cl. A +1,98 7,982 Nextam Partners Bilanciato -0,36 Ducato Immobiliare Cl. Y +1,99 8,191 Sai Bilanciato -0,14 -0,92 9,843 Sai M. L. Din. Fms - Equity Gl. Resources -0,32 Fondit. Euro Cycl. Cl. R -1,02 9,903 Symphonia C.To Patrim. Globale +0,17 Fondit. Euro Cycl. Cl. T -1,01 9,978 Symphonia Multi S. Largo -0,60 -0,97 10,896 Synergia Bilanciato 50 Fondit. Euro Defen. Cl. R

10,978 5,195 5,219 2,426 2,443 29,141 2,367 3,936 3,936

2,688 2,75 5,203 8,196

3,554 4,008 3,582 3,631 3,727 3,776 31,377 4,367 4,405 11,69 4,895 4,896

17,22 4,55 29,882 4,358 3,819 23,202 5,818 21,334 11,47 4,691 5,716 5,798 4,84 4,064 4,121 4,123 4,174 6,005 33,814 5,888 22,737 26,02 11,008 43,379 10,039 10,093 9,536 9,591 9,349 9,415 14,996 11,798 14,66 29,338 5,864 4,362 4,801 9,20 5,822 3,307 4,173 4,938 5,264 5,49

VARIAZ. QUOT.

Ubi Pramerica Portafoglio Dinamico -0,12 5,208 Ubi Pramerica Privilege 3 +0,10 5,139 Val. Resp. Bilanciato -0,71 6,197 Vegagest Sintesi Dinamico -0,19 5,38 BIL. OBBLIGAZIONARI -0,02 9,27 Abn Amro Master Bilanciato Obbl. Allianz Multi20 +0,04 5,632 +0,14 15,573 Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp. A/B 25 +0,04 5,218 Aureo Primaclasse Valore +0,14 4,844 Azimut Scudo -0,05 7,464 Bancoposta Inv. Protetto 90 +0,04 5,446 -0,44 5,624 Bipiemme Mix -0,39 4,892 Bipiemme Pià Bilanciato 30 Bipiemme Visconteo -0,34 33,301 Bipiemme&Co - Comp. 30 -0,14 5,017 Bnl Protezione -0,27 22,495 Caam Qbalanced -0,42 8,442 -0,47 5,079 Carige Bilanciato 30 +0,05 3,966 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 +0,08 3,965 Ducato Mix 10-50 Cl. A +0,44 4,789 Ducato Mix 10-50 Cl. Y +0,43 4,855 -0,02 4,475 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. A Ducato Mm Equity 10-50 Cl. Y -0,02 4,514 Eurom. Moderato -0,06 6,375 Gestielle Global Asset 1 -0,03 8,633 Mediolanum Elite 30 L +0,00 4,995 -0,07 9,628 Mediolanum Elite 30 S Symphonia C.To Bilanciato Equilibrato Italia-0,32 5,366 +0,14 5,645 Symphonia Multi S. Adagio Synergia Bilanciato 30 -0,34 5,34 Ubi Pramerica Bilanciato Euro A Rischio Contr.-0,38 5,778 Ubi Pramerica Portafoglio Moderato -0,05 5,65 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,00 5,403 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,06 5,325 -0,13 5,339 Vegagest Sintesi Audace OB. EURO GOVERNATIVI BT Abn Amro Master Monetario +0,04 10,15 +0,00 15,807 Allianz Monetario Arca Mm - Monetario +0,00 14,772 -0,02 6,172 Bancoposta Monetario Bg Focus Monetario +0,06 16,25 Bim Obbl. Bt +0,00 6,504 +0,01 12,10 Bipiemme Monetario Bipiemme Tesoreria Fondo Per Le Imprese+0,01 6,878 +0,03 7,442 Bnl Obbl. Euro Bt Bpvi Bt +0,00 6,283 +0,01 7,454 Caam Breve Termine Carige Monetario Euro Cl. A +0,00 11,525 Carige Monetario Euro Cl. B +0,00 11,272 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. A +0,00 5,462 +0,02 5,503 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. B +0,04 4,992 Consultinvest Bt Cr Cento Monetario Plus -0,02 5,76 -0,01 7,739 Credit Suisse Monetario Cl. B Credit Suisse Monetario Cl. I -0,01 7,789 Ducato Fix Euro Bt Cl. A +0,00 6,293 Ducato Fix Euro Bt Cl. Y +0,00 6,333 Eurizon Focus Obbl. Euro Bt +0,01 15,287 Eurom. Prudente -0,01 8,447 +0,00 9,554 Fideuram Security +0,01 14,157 Fondersel Reddito Fondit. Euro Bond St Cl. R +0,03 7,841 Fondit. Euro Bond St Cl. T +0,03 7,869 Fondit. Euro Currency Cl. R +0,01 7,859 Fondit. Euro Currency Cl. T +0,01 7,883 Fondo Alto Monetario -0,01 7,061 7,555 +0,01 Gestielle Bt Euro Cl. A Gestielle Bt Euro Cl. B +0,01 7,60 Gestielle Cedola +0,03 6,593 -0,01 16,889 Imi 2000

VARIAZ. QUOT.

+0,01 6,676 Interf. Euro Currency Intra Obbl. Euro Bt +0,02 5,636 Laurin Money +0,01 6,923 Leonardo Monetario +0,07 6,047 Mediolanum Risparmio Corrente -0,01 13,771 +0,03 8,989 Nordfondo Obbl. Euro Bt Optima Reddito B.T. +0,00 6,674 +0,02 5,28 Optima Riserva Euro Passadore Monetario +0,03 7,132 Pioneer Monetario Euro +0,01 13,099 Soprarno Pronti Termine +0,06 5,161 Synergia Obbl. Euro Breve Termine +0,00 5,039 +0,01 7,466 Teodorico Monetario +0,04 6,702 Ubi Pramerica Euro Bt Unibanca Monetario +0,00 5,736 Val. Resp. Monetario +0,00 5,836 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. A +0,02 5,83 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. B +0,00 5,86 7,506 +0,01 Zenit Monetario Cl. I +0,01 7,473 Zenit Monetario Cl. R OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERMAbn Amro Master Obbl. Euro M-Lt -0,03 5,81 Allianz Reddito Euro Cl. L +0,14 32,186 +0,14 31,576 Allianz Reddito Euro Cl. T Anima Obbl. Euro +0,06 7,042 Arca Rr +0,12 8,939 Azimut Reddito Euro +0,06 15,762 Bancoposta Obbl. Euro +0,13 6,835 +0,06 6,79 Bim Obbl. Euro Bipiemme Europe Bond +0,10 7,372 +0,02 5,388 Bipiemme Pià Obbligazionario Bnl Obbligazioni Euro M-L T +0,19 6,72 Bpvi Obbl. Euro +0,12 6,657 Carige Obbl. Euro Cl. A +0,07 10,605 Carige Obbl. Euro Cl. B +0,07 10,696 Carige Obbl. Euro Lt Cl. A +0,20 5,486 +0,22 5,563 Carige Obbl. Euro Lt Cl. B Carismi Bond Euro Cl. A +0,11 5,534 Carismi Bond Euro Cl. B +0,11 5,589 +0,04 5,158 Consultinvest Obbl. Consultinvest Obbl. Mt +0,00 5,056 +0,18 7,643 Ducato Fix Euro Mt Cl. A Ducato Fix Euro Mt Cl. Y +0,19 7,723 Epsilon Qincome +0,19 7,405 +0,19 14,025 Eurizon Focus Obbl. Euro Eurom. Reddito +0,12 15,326 +0,22 118,954 Fondaco Euro Gov Beta Fondersel Euro +0,29 7,999 7,215 +0,53 Fondit. Euro Bond Lt Cl. R Fondit. Euro Bond Lt Cl. T +0,53 7,261 Fondit. Euro Bond Mt Cl. R +0,17 10,829 Fondit. Euro Bond Mt Cl. T +0,17 10,88 8,167 +0,13 Gestielle Lt Euro Cl. A +0,15 8,235 Gestielle Lt Euro Cl. B Gestielle Mt Euro Cl. A +0,06 15,015 +0,07 15,131 Gestielle Mt Euro Cl. B Imi Rend +0,13 9,446 Interf. Euro Bond Lt +0,53 8,148 Interf. Euro Bond Mt +0,17 8,149 Interf. Euro Bond St 1-3 +0,00 6,913 Interf. Euro Bond St 3-5 +0,07 11,395 +0,12 5,888 Intra Obbl. Euro +0,12 8,50 Italfortune Euro Bond Leonardo Obbl. +0,05 7,539 Mediolanum Euromoney +0,05 6,422 Mediolanum Italmoney +0,09 6,568 Nordfondo Obbl. Euro Mt +0,19 17,306 Optima Obbl. Euro +0,10 6,945 +0,12 15,013 Pioneer C.I.M. - Euro Fixed Income Ras Lux Bond Europe +0,06 56,44 Sai Eurobbligazionario +0,17 12,773 5,107 Synergia Obbl. Euro Medio Termine +0,04

VARIAZ. QUOT.

+0,15 6,837 Ubi Pramerica Euro M-Lt Unibanca Obbl. Euro +0,09 5,802 Vegagest Obbl. Euro Cl. A +0,09 6,454 Vegagest Obbl. Euro Cl. B +0,11 6,513 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. A +0,10 6,254 +0,10 6,254 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. B Vgr Coro Obiettivo Reddito +0,34 5,612 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Bond Corporate -0,02 4,991 Arca Bond Corporate +0,03 6,904 Bipiemme Corporate Bond -0,04 7,165 Caam Corporate 3 Anni +0,00 104,448 +0,00 5,195 Caam Corporate Giugno 2012 -0,02 6,324 Carige Corporate Euro Cl. A Carige Corporate Euro Cl. B -0,02 6,368 Ducato Etico Fix Cl. A -0,02 5,27 Ducato Etico Fix Cl. Y -0,02 5,322 Ducato Fix Imprese Cl. A -0,02 6,381 -0,02 6,445 Ducato Fix Imprese Cl. Y Eurizon Focus Obbl. Euro Corporate -0,05 5,502 Eurizon Obbl. Euro Corporate Bt -0,04 7,411 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. R -0,01 8,236 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. T -0,01 8,267 +0,00 4,896 Interf. Euro Corporate Bond Nordfondo Obbl. Euro Corporate +0,05 7,487 Pioneer Obbl. Euro Corporate Etico A Dist.-0,04 4,915 Sai Obbl. Corporate -0,03 6,452 Synergia Obbl. Corporate +0,02 5,32 +0,00 7,614 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD -0,12 7,243 Ducato Fix High Yield Cl. A Ducato Fix High Yield Cl. Y -0,11 7,353 Eurizon Focus Obbl. Euro High Yield -0,06 6,787 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. R -0,09 13,191 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. T -0,09 13,233 Interf. Bond Euro High Yield -0,10 7,268 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -0,14 8,097 Azimut Reddito Usa -0,13 5,421 -0,11 5,614 Bnl Obbl. Dollaro M-L T Ducato Fix Dollaro Cl. A -0,13 6,877 -0,13 6,942 Ducato Fix Dollaro Cl. Y Fondit. Bond Usa Cl. R -0,09 7,594 Fondit. Bond Usa Cl. T -0,09 7,635 -0,13 8,229 Gestielle Bond Dollars Cl. A Gestielle Bond Dollars Cl. B -0,12 8,316 -0,09 6,591 Interf. Bond Usa Nordfondo Obbl. Dollari -0,11 12,797 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Abn Amro Master Obbl. Inter. +0,01 8,52 Allianz Redd. Gl. Cl. L +0,15 14,917 Allianz Redd. Gl. Cl. T +0,15 14,648 7,173 +0,03 Alpi Obbl. Inter. +0,07 5,668 Arca Anfiteatro Global Bond Arca Bond - Obbl. Estere +0,11 11,967 +0,09 8,022 Aureo Obbligazioni Globale Bim Obbl. Globale -0,09 5,575 Bipiemme Pianeta +0,15 9,061 Bpvi Obbl. Inter. -0,23 5,603 Carige Obbl. Inter. Cl. A -0,22 5,498 Carige Obbl. Inter. Cl. B -0,32 5,573 -0,15 5,858 Carismi Bond Internaz. Cl. A -0,19 5,698 Carismi Bond Internaz. Cl. B Ducato Fix Globale Cl. A +0,06 8,198 Ducato Fix Globale Cl. Y +0,06 8,266 Ducato Mm Global Bond Cl. A -0,04 5,032 Ducato Mm Global Bond Cl. Y -0,04 5,057 Eurizon Obbl. Internazionali +0,07 8,084 +0,08 8,286 Eurom. Inter. Bond Fondersel Inter. -0,21 13,126 Fondo Alto Inter. Obbl. +0,10 5,901 6,154 +0,11 Gestielle Obbl. Inter. Cl. A


26 Giovedì 3 Dicembre 2009 il Domani

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

+0,11 6,224 Gestielle Obbl. Inter. Cl. B Imi Bond +0,20 15,133 Mc Fdf Global Bond Cl. A +0,02 5,257 Mc Fdf Global Bond Cl. B +0,02 5,21 Mediolanum Intermoney +0,05 6,147 Optima Obbl. Euro Glob. +0,09 6,928 Sai Obbl. Inter. -0,16 7,662 Ubi Pramerica Obbl. Globali +0,09 5,456 Vegagest Obbl. Inter. Cl. A -0,22 5,506 Vegagest Obbl. Inter. Cl. B -0,29 5,556 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Corporate Breve Termine -0,02 5,121 Caam Multicorporate Dicembre 2012 +0,00 5,00 Ubi Pramerica Obbl. Globali Corporate +0,09 6,581 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Mc Fdf High Yield Cl. A -0,47 6,776 Mc Fdf High Yield Cl. B -0,47 4,908 Ubi Pramerica Obbl. Globali Alto Rend. -0,30 8,057 OB. YEN Ducato Fix Yen Cl. A +0,30 4,655 Ducato Fix Yen Cl. Y +0,30 4,696 Fondit. Bond Japan Cl. R +0,30 8,971 +0,30 9,014 Fondit. Bond Japan Cl. T Interf. Bond Japan +0,30 5,395 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emerg. -0,15 12,839 Bipiemme Em. Markets Bond -0,02 5,825 Bnl Obbl. Emerg. -0,23 19,851 Ducato Fix Emerg. Cl. A -0,14 12,501 Ducato Fix Emerg. Cl. Y -0,13 12,713 Eurizon Focus Obbl. Emergenti -0,08 10,804 Eurom. Emerg. Mkts Bond -0,50 6,394 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. R -0,16 9,921 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. T -0,15 9,951 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. A -0,18 9,758 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. B -0,18 9,888 Interf. Bond Global Emerg. Mkts -0,17 10,222 Nordfondo Obbl. Paesi Emerg. -0,13 7,903 Optima Obbl. Emerg. Mkts -0,26 6,639 Pioneer Obbl. Paesi Emerg. A Dist. -0,21 8,887 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. A -0,35 6,83 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. B -0,35 6,902 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI -0,08 6,223 Anima Conv. Azimut Trend Tassi +0,03 9,001 +0,13 5,516 Caam Obbligazionario Euro Ducato Fix Conv. Cl. A -0,09 8,652 -0,10 8,763 Ducato Fix Conv. Cl. Y -0,02 6,112 Eurizon Focus Obbl. Cedola Eurizon Obbligazionario Etico +0,13 5,465 Fondit. Inflation Link. Cl. R +0,26 13,68 +0,26 13,737 Fondit. Inflation Link. Cl. T -0,09 6,859 Gestielle Obbl. Corporate Cl. A Gestielle Obbl. Corporate Cl. B -0,07 6,938 Groupama Italia Bond Sel. Fund -0,05 5,688 +0,45 13,535 Interf. Inflation Linked Mediolanum Risparmio Reddito +0,02 11,078 Mediolanum Vasco De Gama +0,04 10,111 Nordfondo Obbl. Conv. -0,21 5,22 Pioneer C.I.M. - Euro Conv. Bonds -0,38 5,837 Pioneer Obbl. Euro A Dist. +0,12 6,554 Ras Lux St Dollar +0,00 145,035 Ras Lux St Europe +0,03 66,013 Symphonia C.To Obbl. Area Europa +0,04 9,271 Ubi Pramerica Obbl. Dollari -0,16 4,484 OB. MISTI +0,05 19,36 Anima Fondimpiego Arca Obbl. Europa -0,06 8,225 -0,04 5,202 Azimut Contofondo 7,819 -0,03 Azimut Solidity +0,02 5,768 Bancoposta Mix 1 Bim Corporate Mix +0,02 5,42 5,162 -0,19 Bipiemme Pià Bilanciato 15 9,63 -0,12 Bipiemme Sforzesco +0,04 5,709 Bnl Per Telethon Carige Bilanciato 10 -0,17 5,395 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. A -0,13 5,424 -0,11 5,522 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. B Cr Cento Misto Best +0,00 5,824 Eurizon Diversificato Etico +0,01 7,788 Eurizon Rendita -0,17 5,98 -0,09 6,882 Eurizon Soluzione 10 +0,13 5,523 Fondo Alleanza Obbl. Fondo Alto Obbl. +0,08 8,721 Fucino Dynamic -0,16 4,438 -0,08 6,298 Gestielle Etico Per Ail Cl. A Gestielle Etico Per Ail Cl. B -0,06 6,336 Intesa Casse Del Centro Prot. Din. -0,07 5,624 Leonardo 80/20 -0,12 6,039 Nextam Partners Obbl. Misto +0,03 5,93 Nordfondo Etico Obbl. Misto Max 20% Az.+0,17 6,609 Pioneer Obbl. Pià A Dist. -0,02 8,166 Sai M. L. Prud. -0,17 4,702 Sai Performance +0,09 16,90 7,018 Symphonia C.To Patrim. Glob. Reddito -0,09 -0,13 5,206 Synergia Bilanciato 15 -0,20 4,431 Total Return Obbl. Ubi Pramerica Portafoglio Prudente +0,03 5,969 -0,12 5,934 Val. Resp. Obbl. Misto Vegagest Sintesi Moderato -0,07 5,376 +0,04 8,084 Zenit Obbligazionario Cl. I Zenit Obbligazionario Cl. R +0,01 8,052 OB. FLESSIBILI Arca Cedola Corporate Bond +0,00 5,306 +0,00 4,997 Arca Cedola Corporate Bond Ii Arca Cedola Governativo Euro Bond +0,12 5,171 Arca Cedola Governativo Euro Bond Ii +0,02 4,996 Aureo Cash Dynamic +0,02 5,224 Bg Focus Obbligazionario +0,03 6,687 Bipiemme Premium +0,02 6,485 +0,04 7,825 Bipiemme Risparmio Bnl Target Return Liquidità +0,02 9,922 Caam Liquidità +0,01 8,952 -0,04 4,975 Caam Soluzione Tassi Civ. Forum Iulii Strategia Cl. A -0,06 5,379

VARIAZ. QUOT.

VARIAZ. QUOT.

+0,39 -0,04 5,467 Bim Flessibile Civ. Forum Iulii Strategia Cl. B -0,33 Consultinvest High Yield -0,17 5,154 Bipiemme Flessibile -0,05 Consultinvest Monetario +0,00 5,394 Bipiemme Obiettivo Rendimento -0,02 Consultinvest Reddito -0,06 7,178 Bnl Target Return Conservativo -0,01 Ducato Fix Rendita Cl. A -0,01 18,321 Bnl Target Return Dinamico +0,48 Ducato Fix Rendita Cl. Y -0,01 18,581 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Asia Eurom. Total Return Flex 2 -0,02 6,524 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Europa +0,02 -0,14 Ritorni Reali -0,05 5,864 Bnp Pa. Equipe Attacco -0,13 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. A +0,02 5,203 Bnp Pa. Equipe Centrocampo +0,00 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. B +0,02 5,218 Bnp Pa. Equipe Difesa +0,00 Ubi Pramerica Active Duration +0,04 5,632 Caam Absolute +0,14 Ubi Pramerica Total Ret. Prudente +0,04 10,48 Caam Azionario Trend -0,23 Vegagest Obbl. Flessibile +0,00 5,268 Caam Dynamic Allocation +0,04 Vgr Coro Obiettivo Rendimento +0,00 5,322 Caam Equipe 1 -0,08 Volterra Total Return Obbl. -0,02 5,136 Caam Equipe 2 Caam Equipe 3 -0,12 LIQUIDITA' AREA EURO -0,15 Agora Cash -0,02 5,547 Caam Equipe 4 +0,00 Allianz Liquidità Cl. A +0,00 5,592 Caam Eureka Bric Ripresa 2014 +0,00 Allianz Liquidità Cl. At +0,00 5,071 Caam Eureka China Double Win +0,00 Allianz Liquidità Cl. B +0,02 5,706 Caam Eureka Double Call +0,00 Anima Liquidità +0,00 6,591 Caam Eureka Double Win +0,00 Arca Anfiteatro Tesoreria +0,02 5,671 Caam Eureka Double Win 2013 +0,00 +0,01 8,753 Caam Eureka Dragon Arca Bt - Breve Termine +0,00 Arca Bt - Tesoreria +0,02 5,765 Caam Eureka Ripresa 2014 Aureo Liquidità +0,02 5,712 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 Azimut Garanzia +0,01 12,313 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013+0,00 +0,00 Bnl Cash +0,02 22,135 Caam Formula Gar. 2012 +0,00 Caam Eonia +0,00 101,893 Caam Formula Gar. 2013 +0,00 Carige Liquidita' Euro Cl. B +0,02 6,357 Caam Formula Gar. Due 2013 Carige Liquidità Euro Cl. A +0,00 6,306 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2013 +0,00 Carismi Liquidita' Cl. A +0,00 5,28 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2014 +0,00 Carismi Liquidita' Cl. B +0,02 5,297 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2013 +0,00 Ducato Fix Monetario Cl. A +0,00 8,507 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2014 +0,00 Ducato Fix Monetario Cl. I -0,01 8,594 Caam Formula Gar. Eq. Recall Due 2013 +0,00 +0,00 8,575 Caam Formula Gar. High Diversification 2014 +0,00 Ducato Fix Monetario Cl. Y Epsilon Cash +0,02 6,248 Caam Formula Gar. Mercati Emerg. +0,00 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. A +0,01 7,648 Caam Formula Private Dividend Opp. +0,00 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. B +0,01 7,679 Caam Pià -0,05 Eurizon Liquidità Cl. A +0,00 7,292 Caam Premium Power -0,14 Eurizon Liquidità Cl. B -0,01 7,457 Caam Private Alfa +0,00 Eurom. Conservativo -0,02 11,089 Caam Qreturn -0,67 Eurom. Contovivo -0,01 11,833 Caam Soluzione Azioni -0,04 Fideuram Moneta -0,01 14,615 Caam Strategia 95 -0,04 +0,01 115,807 Carige Flessibile Cl. A Fondaco Euro Cash -0,02 Fondo Liquidità +0,01 7,579 Carige Flessibile Cl. B -0,02 +0,00 7,042 Carige Flessibile Piu' Cl. B Gestielle Cash Euro Cl. A -0,04 Gestielle Cash Euro Cl. B +0,01 7,074 Carige Flessibile Pià Cl. A -0,04 -0,02 5,493 Carismi Absolute Perf. Cl. A Mediolanum Risparmio Monetario -0,21 +0,03 5,819 Carismi Absolute Perf. Cl. B Nextam Partners Liquidità -0,18 Nordfondo Liquidità +0,06 6,201 Carismi Pratico Cl. A +0,00 Optima Money +0,02 6,153 Carismi Pratico Cl. B +0,00 +0,00 5,915 Consultinvest Alto Dividendo Pensplan Invest Cash +0,06 +0,00 5,059 Consultinvest Mercati Emergenti Pioneer Liquidità Euro +0,19 Sai Liquidità +0,02 11,53 Consultinvest Multimanager Flex -0,13 Symphonia C.To Monetario +0,01 7,412 Consultinvest Plus -0,02 +0,02 5,023 Cr Cento Premium Synergia Monetario -0,03 Synergia Tesoreria +0,02 5,042 Ducato Etico Flex Civita Cl .A -0,12 Ubi Pramerica Euro Cash +0,01 7,291 Ducato Etico Flex Civita Cl. Y -0,12 Vegagest Monetario Cl. A +0,03 5,862 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. A -0,28 Vegagest Monetario Cl. B +0,02 5,895 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. Y -0,28 Vgr Coro Tesoreria +0,02 5,63 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. A -0,27 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. Y -0,27 LIQUIDITA' AREA DOLLARO -0,32 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,19 11,269 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. A -0,32 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro ($) +0,04 16,918 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. Y Ducato Mm Cash Premium Cl. A +0,00 FLESSIBILI -0,02 8a+ Gran Paradiso +0,04 5,075 Ducato Mm Cash Premium Cl. Y -0,20 4,992 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. A +0,00 8a+ Latemar 8a+ Monviso -0,04 4,978 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. Y -0,02 +0,02 5,599 Ed. De Roth. Multigestion - Trend Global +0,15 Abis Flessibile -0,67 -0,08 5,15 Epsilon Qreturn Abn Amro Expert A-Rt100 +0,04 +0,02 4,94 Eurizon Focus Gar. Dicembre 2012 Abn Amro Expert A-Rt200 +0,02 Abn Amro Expert A-Rt400 -0,09 4,66 Eurizon Focus Gar. Giugno 2012 -0,06 16,36 Eurizon Focus Gar. I Sem. 2006 +0,00 Abn Amro Expert A-Rt50 +0,00 4,12 Eurizon Focus Gar. I Trim. 2007 +0,00 Adb Globale Quantitativo -0,02 -0,17 4,745 Eurizon Focus Gar. Ii Sem. 2006 Agora Selection +0,04 Agora Valore Protetto -0,03 6,312 Eurizon Focus Gar. Ii Trim. 2007 +0,04 Agoraflex -0,16 6,847 Eurizon Focus Gar. Iii Trim. 2007 +0,00 -0,51 4,298 Eurizon Focus Gar. Iv Trim. 2007 Alarico Re +0,04 Allianz F100 Cl. L +0,05 3,762 Eurizon Focus Gar. Marzo 2013 Allianz F100 Cl. T +0,05 3,699 Eurizon Focus Gar. Settembre 2012 +0,04 +0,12 Allianz F15 Cl. L +0,06 5,299 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,10 +0,04 5,229 Eurizon Focus Profilo Moderato Allianz F15 Cl. T -0,02 +0,10 5,027 Eurizon Focus Profilo Prudente Allianz F30 Cl. L -0,02 Allianz F30 Cl. T +0,08 4,96 Eurizon Focus Rend. Ass. 2 Anni -0,06 Allianz F70 Cl. L +0,09 25,79 Eurizon Focus Rend. Ass. 3 Anni +0,00 +0,08 25,295 Eurizon Focus Rend. Ass. 5 Anni Allianz F70 Cl. T +0,00 Anima Fondattivo +0,39 12,909 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,03 Aqqua -0,30 4,993 Eurizon Team 1 Cl. A +0,03 Arca Anfiteatro Bond Plus -0,02 5,903 Eurizon Team 1 Cl. G +0,13 Arca Anfiteatro Conservative Flex -0,29 5,483 Eurizon Team 2 Cl. A +0,13 Arca Anfiteatro Corporate Absolute Return-0,04 5,601 Eurizon Team 2 Cl. G +0,09 Arca Anfiteatro Total Return +0,00 3,154 Eurizon Team 3 Cl. A +0,09 Arca Capitale Gar. Dicembre 2013 +0,08 5,144 Eurizon Team 3 Cl. G +0,11 Arca Capitale Gar. Giugno 2013 +0,16 5,13 Eurizon Team 4 Cl. A +0,11 -0,02 5,489 Eurizon Team 4 Cl. G Arca Corporate Bt -0,03 +0,02 5,097 Eurizon Team 5 Cl. A Arca Rendimento Assol T3 +0,00 +0,00 4,793 Eurizon Team 5 Cl. G Arca Rendimento Assol T5 -0,40 Aureo Defensive -0,02 5,051 Eurom. Flex Dividend +0,12 -0,10 6,033 Eurom. Real Assets Aureo Finanza Etica -0,22 Aureo Flex Euro -0,61 9,633 Eurom. Strategic -0,04 -0,59 17,077 Eurom. Total Return Flex 3 Aureo Flex Italia -0,06 Aureo Flex Opportunity -0,06 4,828 Eurom. Total Return Flex 4 +0,00 Aureo Plus +0,03 5,97 Federico Re +0,10 Aureo Primaclasse Flessibile +0,06 5,338 Fms - Absolute Return +0,00 +0,16 5,585 Fondaco Absolute Return Aureo Rendimento Assoluto +0,00 Azimut Strategic Trend +0,06 4,881 Fondersel Duemila -0,03 Azimut Trend +0,20 17,908 Fondit. Flexible Dynamic Cl. R -0,03 Azimut Trend America -0,06 7,989 Fondit. Flexible Dynamic Cl. T -0,37 Azimut Trend Europa -0,69 11,696 Fondit. Flexible Growth Cl. R -0,40 Azimut Trend Italia -0,81 15,247 Fondit. Flexible Growth Cl. T +0,00 +1,90 5,728 Fondit. Flexible Income Cl. R Azimut Trend Pacific +0,01 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,02 5,219 Fondit. Flexible Income Cl. T Bancoposta Centopià -0,02 5,265 Fondit. Flexible Multimanager Cl. R -0,04 -0,03 +0,00 5,198 Fondit. Flexible Multimanager Cl. T Bancoposta Extra +0,03 Bg Focus Azionario -0,11 22,59 Fondit. Flexible Opportunity Cl. R

3,89 2,731 5,723 4,961 12,299 5,468 5,062 4,374 4,714 5,404 5,192 98,58 5,161 5,203 5,115 5,017 4,593 4,946 5,412 5,329 5,537 4,999 5,714 5,085 4,48 4,525 5,012 4,887 4,874 4,985 4,979 4,849 5,154 4,881 4,806 5,643 4,959 5,561 5,046 4,774 5,51 4,901 4,97 5,163 5,153 4,556 4,526 4,788 4,864 6,073 6,118 3,082 4,795 4,668 5,182 3,805 4,186 4,271 2,16 2,169 13,078 13,114 4,62 4,654 4,732 4,789 4,176 4,246 4,787 6,25 5,085 5,104 5,253 5,145 5,235 5,104 5,064 5,165 5,122 5,079 4,927 5,159 5,413 5,209 5,449 4,876 8,015 5,966 5,966 5,586 5,586 4,60 4,609 3,777 3,787 3,578 3,588 13,096 4,117 3,13 4,532 6,80 5,163 9,26 92,93 92,71 6,185 6,191 8,787 8,825 8,50 8,524 9,551 9,607 7,829

VARIAZ. QUOT.

+0,04 Fondit. Flexible Opportunity Cl. T Formula 1 Balanced -0,17 Formula 1 Conserv. -0,03 Formula 1 High Risk -0,35 Formula 1 Low Risk +0,00 Formula 1 Risk -0,17 Gestielle Global Asset Plus +0,00 Gestielle Harmonia Dinamico -0,11 Gestielle Harmonia Moderato -0,10 Gestielle Harmonia Vivace -0,10 Gestielle Total Return -0,16 Gestnord Asset Allocation +0,09 Igm Fdf Flessibile Cl. A -0,02 Igm Fdf Flessibile Cl. B -0,02 Interf. System 100 -0,18 Interf. System 40 -0,10 Interf. System Flex -0,01 Intra Assoluto -0,21 Intra Flessibile -0,20 Investitori Flessibile -0,03 Kairos Partners -0,45 Kairos Partners Income +0,00 -0,48 Kairos Partners Small Cap Mc Fdf Flex High Volatility Cl. A -0,90 Mc Fdf Flex High Volatility Cl. B -0,94 Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. A +0,06 Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. B +0,04 Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. A +0,44 Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. B +0,44 Nextam Partners Flessibile -0,47 Obiettivo Nordest Sicav +0,74 Open Fund Ritorno Assoluto Var 2 -0,31 Open Fund Ritorno Assoluto Var 4 -0,40 Paritalia Orchestra -0,36 +0,04 Pioneer Target Controllo Pioneer Target Equilibrio +0,00 Pioneer Target Sviluppo -0,01 Profilo Best Funds -0,31 Profilo Elite Flessibile -0,07 Sofia Flex -0,15 Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. A +0,58 Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. B -0,08 Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. A +0,42 +0,41 Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. B Soprarno Contrarian Cl. A +0,06 +0,64 Soprarno Contrarian Cl. B Soprarno Global Macro Cl. A +0,61 +0,61 Soprarno Global Macro Cl. B +0,26 Soprarno Inflazione +1,5% Cl. A Soprarno Inflazione +1,5% Cl. B +0,28 Soprarno Relative Value Cl. A -0,04 -0,06 Soprarno Relative Value Cl. B +1,14 Symphonia C.To Asia Flessibile Symphonia C.To Bond Flessibile +0,08 Symphonia C.To Fortissimo -0,25 -0,34 Symphonia C.To Italia Flessibile Synergia Total Return +0,00 Total Return -0,44 Ubi Pramerica Active Beta -0,15 Ubi Pramerica Alpha Equity -0,02 Ubi Pramerica Total Ret. Dinamico -0,16 Unibanca Plus -0,08 Vegagest Flessibile -0,22 Vegagest Mb Absolut -0,22 Vegagest Mb Strategic -0,22 Vegagest Rendimento -0,15 -0,12 Volterra Dinamico Volterra Total Return Globale -0,17 +0,13 Zenit Absolute Return Cl. I +0,11 Zenit Absolute Return Cl. R -0,24 Zenit Zerocento Fdf ASSICURATIVI Allianz Ras S.p.a. -0,20 Allianz Conservativo -0,20 Allianz Conservativo Gold Allianz Flessibile -0,53 Allianz Flessibile Gold -0,52 -0,01 Allianz Monetario Allianz Rifugio -0,24 Allianz Sviluppo -0,51 Ras America -0,74 +1,07 Ras Azionario Europa -0,78 Ras Azionario Globale Ras Bilanciato Europa +0,52 Ras Bilanciato Globale -0,38 -0,22 Ras Commodity Ras Equilibrato -0,34 Ras Europa +0,74 Ras Formula Dinamica +0,00 Ras Gestione Attiva +0,00 Ras Globale -0,40 Ras Obbligazionario +0,36 Ras Obbligazionario Europa +0,03 Ras Obbligazionario Plus Europa +0,32 -0,02 Ras Obbligazionario Protetto -1,23 Ras Oriente -0,04 Ras Quota Attiva Ras Quota Protetta +0,00 +0,04 Ras Technology & Research AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. -0,32 Meieaurora Balanced Meieaurora Bond -0,28 Meieaurora Unit Share -0,55 New Balanced -0,63 -0,29 New Bond New Share -0,93 Unietic -0,15 Winvest Linea Bilanciata -0,38 Winvest Linea Dinamica -0,60 Winvest Linea Prudente -0,13 BCC VITA S.P.A. Comp. Assic. Vita Bcc Vita Equity America -0,45 Bcc Vita Equity Asia -2,08 -0,96 Bcc Vita Equity Europa Bcc Vita World Global Bond +0,15

7,857 6,486 6,518 6,841 6,705 6,532 5,243 5,226 5,211 5,257 13,928 4,63 4,003 4,032 9,284 11,052 10,334 5,678 6,049 6,291 5,526 6,686 9,143 4,071 3,466 5,206 5,197 5,462 3,626 4,649 4,11 4,516 3,75 72,388 5,298 5,233 22,158 5,736 5,335 0,683 5,033 5,092 5,076 5,082 3,53 3,145 4,75 4,793 5,401 5,425 5,231 5,274 5,401 5,032 2,426 5,003 5,185 2,484 4,703 5,035 4,942 5,20 7,295 3,232 3,185 5,241 5,187 5,432 5,583 5,528 4,527 10,725 107,54 9,494 95,54 10,268 10,565 10,075 2,964 4,172 3,32 5,748 4,976 3,675 4,347 3,951 5,814 5,501 4,181 5,07 7,788 6,859 5,921 4,654 5,332 5,254 2,302 9,566 8,609 8,47 9,934 9,802 10,336 10,515 10,948 9,409 12,167 3,95 4,376 4,555 5,257

BNL VITA S.P.A. Bnl Vita Capital Unit 30 Bnl Vita Capital Unit 60 Bnl Vita Capital Unit 90 B.P.V. VITA S.P.A. Aletti Linked Difensivo 15 Aletti Linked Fondi Azionario Aletti Linked Moderato 40 Bpv Vita - Bilanciato Bpv Vita - Dinamico Bpv Vita - Prudente Creberg Sim Life Brillante Creberg Sim Life Moderato Multicrescita Bilanciato Multicrescita Conservativo Multicrescita Dinamico Multicrescita Global Equities Multicrescita Sicura Settembre Risposta Dinamica Plus Risposta Pronta Dinamica Risposta Pronta Monetaria Risposta Pronta Prudente Risposta Pronta Vivace Risposta Prudente Plus Risposta Sicura Risposta Vivace Plus Scegliere Conservativo Scegliere Dinamico Scegliere Prudente Scegliere Vivace Spazio Protetto Maggio 2004 CARDIF Assicurazioni S.P.A. Azionario Rimini 2 Bds Valore Azionario Bds Valore Bilanciato Bds Valore Obbligazionario Cardif Azionario Cl. A Cardif Azionario Cl. B Cardif Bilanciato Cl. A Cardif Bilanciato Cl. B Cardif Obbligazionario Cl. A Cardif Obbligazionario Cl. B Flexible Profilo Cl. A Obbligazionario Misto Rimini 2 Pargest Globale 60 Cl. A Spazio Effervescente Spazio Naturale DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic Duomo Unit Moderate GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio Aptus I Aptus Ii Aptus Iii Bg 2005- 2015 Bg 2005- 2020 Bg 2005- 2025 Bg 2005- 2030 Bg Azionario I Bg Azionario Ii Bg Bilanciato I Bg Bilanciato Ii Bg Dinamico Espansione Espansione 2000 Sviluppo Sviluppo 2000 Tirreno Unit Equilibrio Tirreno Unit Protezione Tirreno Unit Sviluppo Valore INA VITA Fondo Ina Valore Attivo Fondo Valute Estere Nuovo Fondo Ina INTESA VITA S.P.A. Accumulazione Crescita Dinamica Eurounit Azionario Eurounit Dinamico Eurounit Equilibrato Eurounit Prudente Gpa Accordo Gpa Accordo 2 Gpa Acuto Gpa Acuto 2 Gpa Armonia Gpa Armonia 2 Gpa Motivo Gpa Motivo 2 Gpa Private Bond Gpa Private Global Guaranteed Gpa Private Global High Gpa Private Global Low Gpa Private Global Medium Intesa Vita Azionario America Growth Intesa Vita Azionario America Value Intesa Vita Azionario Cina Intesa Vita Azionario Europa Growth Intesa Vita Azionario Europa Value Intesa Vita Monetario Dollaro Intesa Vita Monetario Euro Intesa Vita Obbligazionario Euro MEDIOLANUM VITA S.P.A. Az. Dinamismo Az. Dinamismo Bis Az. Fedeltà Az. Intraprendenza Az. Intraprendenza Bis Az. Protezione Balanced Balanced Bis Country

VARIAZ. QUOT.

-0,21 -0,61 -1,10

-0,07 +0,00 +0,00 -0,53 -0,96 -0,30 -0,99 -0,17 -0,29 -0,07 -0,46 -0,91 -0,05 +0,05 -0,04 -0,03 +0,11 -0,09 +0,02 -0,08 -0,14 -0,08 -0,45 -0,21 -0,68 +0,00 -1,58 -1,54 -0,54 -0,05 -1,62 -1,54 -0,89 -0,83 +0,07 +0,07 -1,59 +0,09 -0,19 -1,53 +0,08 -1,12 -0,25

-0,42 -0,18 -0,33 -0,50 -0,03 -0,04 -0,63 -0,97 -0,70 -0,61 -0,46 -0,27 -0,97 -0,43 -0,52 -0,40 -0,39 -0,21 -0,07 -0,66 +0,00 +0,05 +0,66 +0,21

-0,20 -0,05 -0,31 -1,12 -0,62 -0,33 +0,05 -0,10 -0,10 -0,83 -0,82 -0,43 -0,44 -0,19 -0,19 +0,57 +0,51 -0,37 +0,51 +0,42 -1,82 -1,29 -2,25 -1,47 -0,76 -0,63 -0,01 +0,05

-0,71 -0,75 +0,00 -0,84 -0,87 -0,12 -0,38 -0,38 -0,86

VARIAZ. QUOT.

-0,85 3,625 Country Bis 10,067 Dinamic -0,52 3,823 7,924 Dynamic Bis -0,52 4,199 5,86 Eurobond Breve Termine +0,04 6,738 Eurobond Opportunità +0,04 6,683 9,657 Eurobond Sviluppo +0,10 6,678 6,612 Euroequity Opportunità -0,83 3,844 11,275 Euroequity Protezione -0,09 6,372 9,159 Euroequity Sviluppo -0,72 4,143 7,622 -0,20 4,929 9,952 Moderate -0,18 4,927 7,333 Moderate Bis 8,654 Obbligazionario Breve Termine Bis +0,04 5,529 +0,05 6,569 9,734 Obbligazionario Crescita +0,08 5,282 11,211 Obbligazionario Crescita Bis -0,10 5,147 8,501 Obbligazionario Evoluzione Bis +0,05 6,65 6,723 Obbligazionario Liquidità 10,886 Obbligazionario Moderazione +0,11 6,58 11,31 Obbligazionario Moderazione Bis +0,09 5,433 9,865 Opportunity -0,90 3,431 10,809 Opportunity Bis -0,90 3,758 11,41 Prudent +0,05 6,196 7,738 Prudent Bis +0,04 5,497 11,088 Sector -0,78 3,054 10,437 Sector Bis -0,78 3,801 11,163 5,243 MILANO ASSICURAZIONI -0,33 2,749 4,836 Previlink Azionario -0,19 4,12 5,352 Previlink Bilanciato -0,02 6,172 4,245 Previlink Monetario +0,09 5,50 9,855 Previlink Obbligazionario POPOLARE VITA S.P.A. -0,19 10,55 63,297 Bpn Poseidon 93,619 Bpn Unit Blue -0,57 8,78 133,485 Bpn Unit Futura -0,37 2,70 176,851 Bpn Unit Green -0,20 9,76 86,135 Bpn Unit Overland +0,00 5,24 131,454 Bpn Unit Red -1,05 7,51 123,124 Bpn Unit Technology -0,74 1,35 185,398 Glob. Unit Bpn Allegro -0,69 4,34 165,472 Glob. Unit Bpn Andante +0,20 5,04 214,712 Glob. Unit Bpn Brioso +0,37 5,36 75,203 -0,84 3,53 107,912 Glob. Unit Bpn Vivace 179,771 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. -1,14 3,308 105,316 Crfc Gentile Dinamico -0,38 5,722 171,986 Crfc Gentile Equilibrato Eurolink - C.V. Dinamico -0,55 12,416 +2,99 12,73 2,029 Eurolink - C.V. Equilibrato 4,861 Eurolink - C.V. Risparmio -0,39 11,826 Formula Link In Prima +0,08 10,256 5,983 Formula Link In Seconda -0,10 8,897 5,00 Formula Link In Terza 7,224 -0,69 4,554 Gestivita Azionario -0,19 8,045 3,798 Gestivita Bilanciato -0,04 9,708 10,238 Gestivita Obbligazionario +0,31 11,614 9,537 U.L. Patavium Dinamico -0,99 7,365 8,678 -0,40 9,025 8,206 U.L. Patavium Equilibrato 2,134 SARA VITA S.P.A. -0,99 7,217 2,455 Multistrategy Az. Intern. -0,84 7,567 3,874 Multistrategy Az. Intern. G.A. -0,22 9,209 5,114 Multistrategy Obbl. Europeo +0,16 9,591 7,798 Multistrategy Obbl. Globale +0,00 9,94 2,801 Profilo Guardian 2,847 Società Cattolica di Assicurazione Coop. a R.L. 4,26 Bpbari Freeway Country -1,25 3,567 3,786 Bpbari Freeway Desert -0,65 3,519 5,578 Bpbari Freeway Jungle -0,39 0,253 5,694 Cattolica Azionario -1,44 3,835 4,804 Cattolica Bilanciato -1,03 4,115 6,172 Cattolica Fondo Protetto -0,13 5,278 Cattolica Obbligazionario -0,38 4,698 4,084 Cividale Percorso Azionario +0,26 10,491 1,075 +0,21 11,181 7,768 Cividale Percorso Obbligazionario Creberg Sim Formula Life Azionario -0,32 4,105 5,067 Creberg Sim Formula Life Bilanciato +0,04 4,508 -0,98 3,131 5,922 Ferrara Investire Azionario -0,04 5,496 4,461 Ferrara Investire Obbligazionario -0,44 4,347 2,83 Fuoriclasse Balanced +0,09 5,481 4,771 Fuoriclasse Bond 5,40 Fuoriclasse Equity -1,39 2,914 6,304 Fuoriclasse High Tech -0,67 1,339 676,10 Nuove Rotte -0,29 5,49 650,20 Progetto Attivo Bond -0,40 4,455 369,63 Progetto Attivo Equity -1,51 3,53 314,83 Progetto Attivo Mix -1,03 4,138 490,75 Soluzione Dinamica -0,20 4,969 431,71 Soluzione Prudente +0,00 6,103 616,64 Soluzione Vivace -0,64 3,428 579,76 716,52 Unipol - Compagnia Assicuratrice S.P.A. -0,13 119,14 576,45 Uninvest Arcosereno -0,22 105,219 310,28 Uninvest Azioni Pià -0,43 13,298 655,00 Uninvest Crescita -0,57 11,908 522,81 Uninvest Equilibrio -0,65 6,429 7,64 Uninvest Flessibile 8,35 Uninvest Grande 7 -0,22 105,363 20,057 Uninvest Grande Vita -0,42 100,854 9,594 Uninvest Mach 7 -0,30 110,76 10,793 Uninvest Otto&Mezzo -0,71 103,447 8,309 Uninvest Performance Europa -1,05 7,384 10,866 Uninvest Risparmio -0,06 13,355 11,039 Uninvest Valore -1,06 11,517 ZURICH LIFE AND PENSION 3,232 -0,89 5,143 3,709 Dws Controllo -0,66 6,023 2,213 Dws Crescita -0,95 7,115 2,957 Dws Equilibrio -1,03 4,507 3,633 Dws Evoluzione -0,74 7,657 5,786 Dws Protezione -0,82 5,476 4,422 Dws Prudenza -0,63 5,367 4,496 Dws Sicurezza -0,76 3,398 3,101 Dws Sviluppo


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 27

CULTURA E ASSOCIAZIONI Esposizione presso la Galleria del Corso, il neonato spazio espositivo gestito dai “Verduci juniores”. La fonte d’ispirazione più importante per questo artista è la sua stessa vita

Colori brillanti e figure paffute nelle opere di Claudio Pistoia CATANZARO — Colori brillanti, figure paffute, ironia. È questa la terna vincente diClaudio Pistoia. Artista che in questi giorni espone a Catanzaro con una sua personale. Noi siamo andati a trovarlo alla Galleria del Corso, il neonato spazio espositivo gestito dai “Verduci juniores”. Qui Claudio ci ha illustrato le sue opere una a una, con la semplicità e il sorriso che lo caratterizzano. La prima tela che ci fa notare, “Attesa”, rappresenta una signora adiposa in costume da bagno; stranamente ha sul volto una maschera bianca, quasi fosse una teatrante ellenica. «Le donne hanno tantefacce»-ci spiega il pittore-«indossano mille travestimenti. Solo alla fine a noi uomini è concesso sapere chi sono veramente». Quando chiediamo a Pistoia quale sia la sua fonte più importante d’ispirazione, ci risponde: «La mia vita». E c’è davvero un pezzo di esistenza racchiusa nelle cornici… “Matrimonio calabrese in campagna”, per esempio, ricorda le nozze dei genitori di Claudio (avve-

La Calabria torna a far parlare di sé e finalmente lo fa in positivo. Presso lo splendido Palazzo delle Esposizioni di Faenza, infatti, nell’ambito della 13esima edizione del Mei - Meeting delle Etichette Indipendenti - svoltosi da venerdì 27 novembre a domenica 29 novembre scorsi - è stato assegnato ad un lavoro discografico calabrese (il cd “L’Isola della Pomice” uscito per la Picanto Records a nome del trio Omparty di Leon Pantrarei) il prestigioso “Premio Suoni di Confine” (che, tra l’altro, lo scorso anno è stato vinto da Teresa De Sio con il progetto “Riddim A Sud”). Il premio, patrocinato come ogni anno da Amnesty International è nato per valorizzare l’incontro tra musiche provenienti da diversi paesi del mondo ma prodotte in Italia, prevedeva un riconoscimento ai migliori progetti di musica multietnica realizzati nel nostro Paese da ottobre 2008 ad ottobre 2009, evidenziando l’attenzione della musica nei confronti di importanti temi sociali come l’uguaglianza, il rispetto delle diversità e l’attenzione per i diritti umani. Oltre al multi percussionista cosentino Leon Pantarei (collaboratore di jazzisti come Salis, Lutte Berg, Mccandless ecc. e noto anche in ambito pop per le sue collaborazioni con Pino Daniele, Mango, Mariella Nava ed altri), che alla guida del trio Omparty (di cui fanno parte il pianista castrovillarese Roberto Cherillo e il

Nelle foto, alcune opere in esposizione

Claudio Pistoia: «Ho scelto di non dipingere più gli occhi perché ho capito che non sono quel tanto decantato specchio dell’anima»

nute nel podere in cui la madre lavorava). Lo sposo è stretto in improbabili pantaloni a righe; il papillon verde a pois, la mano sinistra sulla pancia debordante. La moglie, invece, regge fra le dita un paniere di fichidindia, portando sulla testa un otre voluminoso. La scena, nella sua simpatia,fa rifletteresullacondizione delle donne calabresi: una vita sacrificata per la terra fino a qualche decennio fa. “Gita in campagna”, invece, è una satira borghese. Ritrae una famiglia agghindata con cravatta, perle, fiocchi e fiocchetti per una semplice scampagnata. Altri oli vedono protagonista un bagnino; si presenta con tanto di petto villoso, catenella attaccata al collo e canottiera a strisce. «Con questo personaggio ho voluto ricordare il mestiere che ho svolto per molto tempo» ci chiarisce Pistoia. Infine siamo incuriositi dai ritratti di generali: figure baffute con stemmi e stemmini sull’uniforme. Si tratta di vere e proprie caricature, che esprimono l’avversione per ogni

Ad essere premiato è un lavoro calabrese,“L’Isola della Pomice”

Il trio Omparty di Pantarei protagonista al Mei di Faenza

Copertina del cd che ha vinto il premio

chitarrista di Tortora Pasqualino Fulco) si è aggiudicato il premio per l’incontro musicale di culture con l’album “L’isola della pomice” (17° lavoro discografico della label calabrese diretta da Sergio Gimigliano), “sbaragliando” più di 50 concorrenti provenienti da ogni parte d’Italia, nel corso dell’evento sono stati premiati anche i Radiodervish (con l’album

Leon Pantarei

forma di guerra da parte dell’artista. Nel complesso non c’è spazio per profili da copertina, né per tinte tenui. Gli “eroi” di Claudio vantano infatti carnagione scura, corporatura massiccia, capelli corvini. E gli occhi? Quelli non si vedono. Le teste sono ruotate. In bella vista ci sono i menti tondeggianti e i nasi aguzzi. «Ho scelto di non dipingere più gli occhi perché ho capito che non sono quel tanto decantato specchio dell’anima. Non basta guardare qualcuno nelle iridi (blu, nere, verdi…) per afferrarne l’essenza. L’ho sperimentato sulla mia pelle, accumulando delusioni bugie false promesse». La commedia della vita che, con tanta ironia, Claudio Pistoia porta in scena, si rivela così un piccolo dramma. La storia di un uomo che scava nel suo passato, perché non si riconosce nelle false apparenze della società attuale. Che sceglie l’arte per comunicare col mondo. Teresa Lara Pugliese

“Beyond the Sea” - Princigalli Produzioni/ilManifesto),vincitori nella speciale categoria del “Premio alla carriera”. Dopo la consegna del premio, Pantarei e il suo trio, che di recente si sono esibiti anche sul palco principale - degli 8 presenti - dell’importantissimo European Jazz Expo di Cagliari (dopo artisti del calibro di Enrico Rava, Horacio “el negro” Hernandez, Uri Caine, Paolo Fresu ecc.), hanno dato un piccolo assaggio dei loro splendidi brani ai tantissimi presenti, mandando letteralmenteinvisibilioilcompetente ed esigente pubblico del MEI. Grande soddisfazione è stata espressa, a caldo, da Sergio Gimigliano, direttore artistico della Picanto Records, etichetta nata nel 2005 dall’esperienza organizzativa del Peperoncino Jazz Festival (ad oggi, senza dubbio, uno dei maggiori eventi culturali e turistici calabresi, come dimostra la recentissima presentazione a livello nazionale al Festival of Festivals di Bologna, evento al quale hanno preso parte gli operatori dei principali eventi culturali italiani, tra cui il Festival del Cinema di Venezia, il Festival di Spoleto, Umbria Jazz, il Festival della Filosofia di Mantova ecc.), che anche grazie alla distribuzione internazionale curata dalla Egea Distribution si è conquistata un posto di tuttorispettonel panoramadiscografico europeo.


28

il Domani Giovedì 03 Dicembre 2009

CALABRESI A ROMA L’evento è stato organizzato dall’Assessorato Grandi Eventi reggino assieme all’associazione “Trapobana”

Reggio e Roma rendono omaggio al mito dell’attrice reggina Gianna Maria Canale creeremo una "Film commision" che puo diventare un palcoscenico importante per i futuri giovani artisti. Il che comporterebbe un aumento di occupazione: «Si è sempre detto che le film commission in giro per l’italia danno risposte importantie noi non vorremo perdere questa opportunità. Quello che ha fatto la mia città sul versante della cultura è stata un’azione davvero importante che ha dato e darà fiducia ai giovani». Non poteva mancare a margine della manifestazione un riferimento alla presunta candidatura di Bernardo Misaggi come rappresentante Pdl per le prossime elezioni reginali. «No comment» è stata la risposta lapidaria del sindaco reggino.

di Giuseppe Tetto ROMA -La capitale rivive gli anni d’oro della "Dolce vita". E lo fa grazie al comune di Reggio Calabria che ieri ha ricordato, presso la Sala Kodak della Casa del Cinema di Roma, la figura indimenticata di Gianna Maria Canale, la donna che ha fatto sognare le giovani delle generazioni del primo dopoguerra. L’evento, per rendere omaggio all’attrice reggina nata nel 1927 e morta morta il 13 febbraio di quest’anno a Firenze all’età di 81 anni, è stato patrocinato dai comuni di Roma e Reggio Calabria nel contesto del "gemellaggio arti-

Nel corso della carriera la Canale lavorò con attori come Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Amedeo Nazzari e Totò

stico e culturale tra le due città", che ha avuto uno dei momenti più significativi con il video "La diva"diOrazioGarofalo,dedicato "all’incredibile mito dell’attrice calabrese, il cui percorso si è articolato in venti anni di carriera da Reggio Calabria ad Hollywood". Partita, infatti, dalla polis dello Stretto, dopo la sua elezione a Miss Calabria, Gianna Maria Canale, appena ventenne, giunse a Stresa per prendere parte al concorso di Miss Italia dove arrivò seconda dopo Lucia Bosè, ma la sua bellezza aggressiva, grazie al regista Riccardo Freda, le spalancò le porte del cinema. Tante pellicole girate, rispetto alle poche opportunità che le furono offerte per dimostrareil suo talento. Ma nel corso della carriera lavorò accanto ad attori del cinema italiano: Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Amedeo Nazzari, Totò. Ed è indimenticata anche dal presidente del C3 International, Peppino Accroglianò, presente all’incontro per ricordarla e farla ricordare a tutti gli italiani: «Un’attrice brava che ha fatto cose

splendideche. Ha lavorato con tanti attori importanti e spesso lo dimentichiamo. Devo essere riconoscente al comune di Reggio al sindaco che hanno promosso questa iniziativa». L’evento, organizzato dall’Assessorato Grandi Eventi, retto da Antonella Freno, di Palazzo San Giorgio assieme all’associazione "Trapobana", ha visto la presenza, oltre che dall’assessoreFrano, del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, il consigliere comunale di Roma, Domenico Naccari e di Valeria Mangani, delegato del sindaco capitolino Gianni Alemanno. Per l’assessore Freno, l’omaggio nella capitale alla diva reggina suggella il valore delle sinergie istituzionali, create dai sindaci Scopelliti e Alemanno in direzione di un contributo alla crescita del patrimoni culturale delle due città: «La fiaba di una donna del Sud divenuta mito della cinematografia internazionale, diviene ora l’emblema di un meridione ricco di talenti e alte professionalità». «L’intento di Reggio Calabria - ha detto Scopelliti - è stato quello di recuperare figure cosi importanti e prestigiose del mondo del cinema e dello spettacolo, per dimostrare che questa è una terra ricca di tante figure importanti e

dare un messaggio anche ai giovani per dire che ci sono state donne come la Canale che hanno avuto un ruolo prestigioso nel cinema che è nata a Reggio e che sono cittadini di questa nostra comunità». E sulla tutela dei giovani registri reggini, il sindaco tiene a sottolineare come «se dovesse toccare a noi governare la Calabria

«La fiaba di una donna che diviene l’emblema di un meridione ricco di talenti e alte professionalità» afferma Antonella Freno Giuseppe Scopelliti

«L’intento di Reggio è di dimostrare che la Calabria è ricca di personaggi illustri del mondo dello spettacolo» dice Scopelliti


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 29

CALABRESI A ROMA Decine di giovani si ritrovano attorno ai valori comuni dello studio della civiltà classica Tra i progetti in cantiere l’avvio di corsi tematici sul pitagorismo ed il platonismo

Storia, filosofia e archeologia sono le passioni della “Pietas” LA SCHEDA Finalità dell’associazione Pietas è promuovere, diffondere e rivalorizzare le tradizioni greco-romane e in particolare i molteplici aspetti della cultura antica. L’associazione, per il raggiungimento dei suoi fini, promuove attività culturali accessibili a tutti: convegni, conferenze, ricerche, dibattiti, seminari, mostre, viaggi culturali nell’Europa storica, attività di formazione ed aggiornamento e periodiche pubblicazioni editoriali. Le informazioni sulle attività dell’associazione vengono comunicate anche tramite il sito ufficiale. L’organo ufficiale di informazione delsodalizioèlarivistaomonimache è disponibile presso le sedi associative. Si può avere anche per spedizione postale. Basta ordinarla per posta elettronica.

di Francesco Pungitore

ROMA - Unirsi attorno alla passione condivisa per lo studio della civiltà classica. È ciò che lega decine di giovani calabresi a Roma, appassionati cultori della storia, dell’archeologia, della filosofia. Per mettere in risalto questa esperienza, hanno dato vita ad una associazione e ad una rivista trimestrale che porta lo stesso nome del sodalizio: “Pietas”. Il presidente dell’associazione, Giuseppe Barbera, è stato ospite presso la sederomanadelDomaniinsiemealle sue collaboratrici Fulvia Giubilei e Giovanna Audia, e ha illustrato le nuoveiniziativeincantiere.«Innanzitutto - ha sottolineato - puntiamo a migliorare il nostro prodotto editoriale. La rivista Pietas mira a conquistare sempre nuovi lettori, affermandolesuedotipeculiari:lascientificità, l’obiettività,lariflessione.Uninsieme di caratteristiche che hanno fatto sì che, dopo l’esperimento del numero zero, questo percorso potesse continuare. Un particolare merito, in questo, va rivolto al direttore responsabile, Vitaliano Marino, che ha assunto su di sé l’onore di condurre in porto l’iniziativa. Adesso stiamo lavorano sul prossimo numero che contiamo di dare alle stampe entro la fine di dicembre. Vorremmo, in futuro, arricchirla anche con altre sezioni.

Giuseppe Barbera

Barbera, Audia e Giubilei nella sede romana del Domani

Ad esempio, oltre alla storia ed alla medicina, potremmo aprire una finestra sull’architettura moderna che si ispira ai modelli del passato. La bio architettura, ad esempio, può trarre grandi insegnamenti dalla civiltà classica. In più, non mancheranno i messaggi di crescita culturale e sociale: il dialogo, la tolleranza, la necessità vitale del confronto libero e senza dogmi». L’associazione Pietas, oltre ad organizzare visite guidate a Roma, svolge delle attività estive in Calabria focalizzate sulla valorizzazione dei siti storici magnogreci. Ma il vero salto di qualità - spiega il presidente - sta per arrivare. «A breve annuncia - inaugureremo la nostra nuova sede di Roma. Un ampio edificio che ci consentirà di svolgere importanti attività. Uno dei primo obiettivi è quello di avviare dei corsi sulle discipline filosofiche antiche, il pitagorismo, il platonismo, la storia e l’archeologia. Una occasione davvero importante per divulgare una conoscenza tanto profonda quanto radicata nello spirito della nostra identità culturale».

Oltre alla storia ed alla medicina vorremmo aprire una finestra sull’architettura moderna. La bio architettura, ad esempio, può trarre grandi insegnamenti dalla civiltà classica

www.apietas.org infopietas@tiscali.it


Giovedì 03 Dicembre 2009 il Domani 31

APPUNTAMENTI Presentazione de “Tempo Nuovo: quando le piccole realtà incontrano i grandi personaggi” a Chiaravalle

“Vita di Galileo” a Lamezia

Mostra di pittura allestita da Barberio e Merlotti a Taverna • CATANZARO Festivald’Autunno Programma della settima edizione del Festivl d’Autunno fino al 5 dicembre : sabato 5 dicembre ,presso Teatro Politeama ore 21.00, Alex Britti - Neffa. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol, Amici Dell’Opera Lirica "Jussi Bjorling" presenta il programma 2009/2010:12 dicembre,introduzioneal "Nabucco", pressoCircolo Unione, ore 17.30; 13 febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor",presso CircoloUnione,ore17.30;27febbraio2010 , concerto in ricordo del Maestro Florida Cilurzo, presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" presso Circolo Unione ore 17.30; 22 maggio 2010, 2° incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30. • CHIARAVALLE(Cz) Iniziativa"Tempo Nuovo" L’associazione culturale Tempo nuovo invita a partecipare alla pubblicazione dello studio"Tempo Nuovo: quando le piccole realtà incontrano i grandi personaggi"chesiterràdomenica6dicembre , alle ore 17.30, presso l’auditorium della scuola media "Corrado Alvaro" di Chiaravalle C.le. Programma: interventi: Fabrizio Montanari, docente università Bocconi master per lo sviluppo dipartimento di management; Claudia Tacchino, docente università Bocconi masterperlospettacolodipartimentodianalisiistituzionaleemanagementpubblico; Antonio Walter Rauti, relatore del progetto; Ulderico Nisticò, storico; Wanda Ferro,presidenteeassessoreallacultura amm.provincialeCatanzaro;Domenico Cersosimo, assessore alla cultura regione Calabria; Franco Candiloro, presidente ass. culturale "Tempo Nuovo". • GIOIOSA J. (Rc) “Gioiosa Città Mercato” Organizzata dall’amministrazione Comunale, assessorato alle Attività Produttive e dalla Pro Loco, riapre i battenti la Fiera “Gioiosa Città Mercato”. La manifestazione è diventata una vetrina del commercio e dell’economia di Gioiosa Ionica, compresa la vasta area territorialecircostante. L’allestimento di spazi espositivi con ingresso gratuito, è previsto all’interno di una “tecnostruttura” (appositamente realizzata), di circa mille metri quadri, capace di accogliere comodamente 2.500 persone. La struttura, fornita di energiaelettrica,saràinternamentedivisacon“box”assemblabiliinbasealleesigenze dei singoli operatori ed ospiterà anche intrattenimenti musicali, performance artistiche e convegni. Parallelamente alla Fiera ci saranno opportunità di confronto su progetti, idee e prodotti innovativi delle aziende del territorio. Programma della fiera: venerdì 18

dicembre : ore 16,00, apertura stands; ore 21,00, spettacolo della “Scuola di ballo Gioiosa Dance”; sabato 19 dicembre, ore 10,00, inaugurazione ufficiale, ed a seguire, esibizione del Complesso Bandistico “G. Rossini” Città di Gioiosa Ionica ed apertura stands; ore 22:00, in Piazza Vittorio Veneto, concerto del gruppo etno-pop “TaranProject” con Mimmo Cavallaro & Cosimo Papandrea;domenica20dicembre,ore09,00, apertura stands; ore 21:00, spettacolo musicale d’intrattenimento. Tutti i giorni, convegni a tema all’interno del Palazzo Amaduri; trenini turistici gratuiti per ammirare i siti Storici del Comune. In Corso Garibaldi e via Cavour, piccoli mercatini del Natale e rievocazione storica in costume. Per informazioni e prenotazione e costi degli spazi espositivi, contattare Nicodemo Vitetta, presidente della Pro Loco di Gioiosa Jonica (Rc), ai seguenti numeri telefonici: 328-1091455; 0964-410039; 0964-369685; fax Comune di Gioiosa Jonica: 0964410520. Per contatti: affarigenerali@gioiosajonica.it proloco_gioiosa@yahoo.it. • LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa ProgrammaTeatrocomunalePoliteama di Lamezia Terme, stagione di prosa 2009/2010, direzione artistica Angela Dal Piaz: lunedì 7, martedì 8dicembre2009,TeatrodeGliIncamminati,Vita diGalileo di Bertolt con Franco Branciaroli e con Giancarlo Cortesi,Nicola Ciulla, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Dora Romano, AlessandroAlbertin, Giulia Beraldo,Tommaso Cardarelli, Emanuele Fortunati,Jacopo Venturiero, Nicole Vignola, scene Pier Paolo Bisleri, costumiElenaMannini,musicheGermano Mazzocchetti, luci Gigi Saccomandi,regia Antonio Calenda; sabato 12, domenica 13 dicembre 2009 , Khora srl Amleto di WilliamShakespeare traduzione diEugenio Montale con Alessandro Preziosi e con Mino Manni, FrancescoBiscione, Giovanni Carta, Ugo Maria Morosi, CarlaCassola, SilviaSiravo, Marco Trebian, Simone Ciampi, Marco Zingaro,Marco Trebian,Yaser Mohamed, Vito Facciola, Giovanni Carta, YaserMohamed, scene Andrea Taddei, costumi Silvia Polidori, disegno luci Valerio Tiberi, musiche Massive attack e Zero Pm, riduzione,adattamentoeregia Armando Pugliese; Sabato 19,domenica 20 dicembre2009,nuovoallestimento,produzione Idue della città delsole srl Lafortunaconl’effemaiuscola,commediain2 parti diEduardo De Filippo e Armando Curcio, con Luigi De Filippo e conStefaniaVentura,MicheleSibilio,MarisaCarluccio, FelicianaTufano, Paolo Pietrantonio,Marianna Mercurio, Giorgio Pinto, LucaNeuroni, Alberto Pagliarulo,Flavio Furno, scene Salvatore Michelino, costumi Maria Laura di Monterosi, regia di Luigi De Filippo; sabato 16, domenica 17 gennaio 2010, produzione Indie Occidentali srl, Col piede giusto, una commedia di Angelo Longoni, con Amanda Sandrelli, Blas

Roca Rey, Eleonora Ivone, Simone Colombari, scene Alessandra Panconi e Leonardo Conte, costumi Marco Maria della Vecchia, disegno luci Stefano Stacchini, regia Angelo Longoni; mercoledì 27, giovedì 28 gennaio 2010 , in esclusiva per la Calabria, produzioni teatrali Paolo Poli culturale con il contributo di RegioneToscanasistemaregionaledello spettacolo - Ministero per i beni e le attività culturali - direzione generale per lo spettacolo dal vivo, Sillabari, due tempi di Paolo Poli, liberamente tratti da Goffredo Parise con Paolo Poli, e con Luca Altavilla, Alfonso De Filippis, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco, scene Emanuele Luzzati, costumi Santuzza CalÏ, consulenza musicale Jazqueline Perrotin, coreografie Alfonso De Filippis, regia Paolo Poli; sabato 6, domenica 7 febbraio 201 0, artisti riuniti, Il giuoco delle parti, di Luigi Pirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante, Franco Ravera, Ferruccio Ferrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò,regiaElisabettaCourir.giovedì18, venerdì19febbraio2010,ilteatroEliseo - Arca Azzurra teatro - Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini - Comunedi San Casciano Val di Pesa, Le conversazioni di Anna K, liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti,GiulianaColzi,LuciaSocci,Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini,sceneDanieleSpisa,costumiGiuliana Colzi, luci Marco Messeri, musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti, testo e regia Ugo Chiti; sabato 27, domenica 28 febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi,econSilvanaDeSantisealtri4attori, scene Alessandro Chiti, musiche DanieleD’Angelo,luciLuigiAscione,costumi Maria Rosaria Donadio, regia FrancescoTavassi. • REGGIO CALABRIA Mostra sul Futurismo Reggio riscopre il Futurismo grazie alla mostra “L’idrovolante di Marinetti”. Villa Genoese Zerbi come location futurista grazie alla convenzione stipulata il 4 marzo di quest’anno tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù) ed i comuni di Reggio, Brescia e Cagliari. L’obiettivo dell’iniziativa è la divulgazione del Movimento Futurista, soprattutto tra le giovani generazioni, in sintonia con lo spirito marinettianodell’esaltazionedeigiovani nell’arteenellavita.Trelesezioniespositive: “Bulloni, grazie e bastoni. Il libro futurista”; “L’obiettivo futurista. Fotodinamismo e fotografia”; e “Fortunato Depero. L’officina futurista”. Il Futurismo, movimento intellettuale, politico ed editoriale, ebbe in Filippo Tommaso Marinetti il capo storico, ma ha anche radici reggine con Umberto Boccioni. La pubblicazione del Manifesto su Le Figaro (20 febbraio 1909), dopo di alcuni quoti-

diani italiani, conferì a questo movimento un carattere internazionale. Un centinaio di fotografie sono esposte nel piano superiorediVillaZerbi,immaginiaffiancate da una ottantina di libri dell’epoca. LaraccoltaprovienedallacollezioneDemanins e si avvale della collaborazione di appassionati d’arte che hanno permessodiarricchirelaselezionedellefoto proposte. Nel visitarla si viene a contatto conimmaginioriginali,lamaggiorparte inedite: Tato Masoero, Wultz, Bragaglia, Dapero, Thayaht, Russolo, Ambrosi, Di Bosso, Luxard. Anche i libri provengono dacollezioniprivate,moltideiqualisono opere dei grandi protagonisti del movimento: Boccioni, Soffici, Russolo, Severini, Trampolini. Ed ancora: raccolte di poesie e manifesti dai toni colorati, con “impaginazionierilegaturainnovative,a testimonianza del leit motiv dei futuristi della lotta al passatismo”. C’èunasaladedicataalprincipalecartellonista pubblicitario della Campari, Fortunato Depero, che accoglie ventidue tavole firmate in originale, incisioni di questo pittore – poeta “che è stato pioniere di un settore che non era annoverato tra le arti: la grafica pubblicitaria”. I disegni originali erano raccolti in un volume, “un libro d’artista in cui ritroviamo tutti gli stilemi peculiari del Futurismo: dall’ebbrezza della velocità all’esaltazione della macchina”. “L’idrovolante di Marinetti – Reggio Calabria riscopre il futurismo” rimarrà aperta fino al 3 gennaio prossimo. • REGGIO C. Programma Anassilaos L’associazione Anassilaos presenta il programma dicembre 2009. Sabato 5 dicembre, ore 18.00, presso la sala San Giorgio, Fatti e protagonisti del 20° secolo. Enrico De Nicola, Primo Presidente dellaRepubblica(9 novembre1877/1ottobre 1959) nel 50° della morte. Relaziona il prof. Tito Lucrezio Rizzo, consigliere capo servizio della Presidenza della Repubblica e titolare della cattedra di storia del pensiero giuridico; sabato 12 dicembre , ore 18.00, presso la salaSanGiorgio,presentazionedelvolume di Maria Rita Calisti per il romanzo "Hollywood? No grazie. Le avventure di un ragazzo calabrese che voleva conquistare il mondo" (Laruffa Editore); martedì 15 dicembre , ore 18.00, presso la sala San Giorgio, incontri d’arte. "Vita e opere di un artista maledetto: Francis Bacon" nel centenario della nascita (1909/1992). Intervengono Stefano Iorfida e Gloria Oliveti. Videoproiezione sul tema "Bacon, un artista sopra le righe" a cura di Giacomo Marcianò; martedì 22 dicembre , ore 19.15, presso la chiesa San Giorgio, Natale 2009. Giornata Mondiale della Pace. Inaugurazione della mostra di pittura, grafica e scultura sul tema "Gloria in altissimis Deo, et super terram pax in hominibus bonae voluntatis" (Luca, 2,14) a cura delle prof.ssa Gloria Oliveti. Allestimento prof. Filippo Pizizmenti; martedì 29 dicembre , ore 18.00, presso la sala San Giorgio, fatti e

protagonisti dello sport del XX secolo. "OmaggioaFaustoCoppi"(15settembre 1919/2 gennaio 1960) nel 50° anniversario della morte. IntervieneBiagioD’Agostino;mercoledì 30 dicembre , ore 16.45, presso la sala Vitriolo della biblioteca comunale l’associazione Anassilaos e Cis Calabria presentano "Pensieri e parole. Versi e riflessioni sull’anno che è andato e sull’anno cheverrà".Incontrocongliamicidell’associazione Anassilaos e del Cis Calabria. Scambio di auguri. In dono una speciale cartolinaper il nuovo anno. • SOVERATO (Cz) "Incontriamocia teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Di seguito il programma completo delle due rassegne: 5 dicembre , “Uomo e Galantuomo” con Francesco Paoloantoni, ore 21.00; 11 gennaio , “Tradimenti” con Nicoletta Braschi, ore 21.00; 5febbraio,“L’ebreo”conOrnellaMutie Pino Quartullo,ore 21.00; 11 febbraio, “Fiore di catus” con EleonoraGiorgi,ore21.00;22febbraio, “Vogliamoci tanto bene” con Carlo Buccirosso,ore 21.00; 3 marzo , “Dal Derby al Nuovo” con Teo Teocoli, ore 21.00; 12 marzo , “Le Nozze di Figaro” di Gregorio Calabretta, ore 21.00; 19 marzo , “Ciak si suona” del Classic Movies Quartet con Katia Ricciarelli, ore 21.00. Primi passi a teatro: 12 dicembre ,Peter Pan ore 18.30; 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30 ; 13 febbraio , Odissea,ore 18.30; 13 marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il mago di OZ, ore 18.30. • TAVERNA (CZ) Mostra di pittura Sarà visitabile fino all’11 aprile 2010 la grande mostra “Cavalieri, dai templari a Napoleone”, allestita a cura di Alessandro Barberio e Andrea Merlotti, nella monumentale reggia di Venaria Reale (Torino), alla quale è stato prestato dal MuseoCivicodiTaverna,inaccordocon l’Amministrazione Comunale e la competenteSoprintendenzadellaCalabria,il capolavoro di Mattia Preti raffigurante “La Predica di San Giovanni Battista conl’Autoritrattodell’Artista”.Ilprestito, curato dal direttore del museo prof.Giuseppe Valentino che ha inoltre redatto la scheda per il catalogo pubblicato da Electa, pone il Cavalier Calabrese, assieme ad autori quali Rubens, Tiziano e Goya, tra i più importanti protagonisti della storia dell’arte europea. La mostra racconta le vicende degli ordini cavallereschi,daiTemplarie Teutonici,finoagli ordini di merito, in un viaggio che dal medioevo all’illuminismo è ripercorribile nelle nuove Sale delle Arti, appositamente allestite ai piani alti della fastosa Reggia piemontese. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il seguente sito internet : www.lavenaria.it.



il domani