Page 1

Martedì 03 Agosto 2010

Anno XIII - Numero 211

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

AMBIENTE

LAVORO

Parco del Pollino: 4,7 milioni di euro In Sila 1,6 e per l’Aspromonte 2,6

UNIONCAMERE

Stagisti: da Brunetta e Ichino ancora una sonora bocciatura

a pag » 8

Nel secondo trimestre 2010 flessione delle imprese artigiane a pag » 6

a pag » 8

Il leader degli industriali calabresi, Umberto De Rose, contesta la preannunciata rimodulazione delle risorse per il Sud, dirottate altrove

«Bloccare lo scippo dei fondi Fas» «Sottrarre risorse al Mezzogiorno ed alla Calabria equivale a depotenziare tutto il lavoro che si sta facendo» IL COMMENTO

Crescita del territorio e sviluppo dell’Università

Confindustria spera che si tratti «dell’abituale schizofrenia estiva che porta a voler, a tutti i costi, criminalizzare il Sud ed ancor più la nostra regione, prima definita canaglia, poi cialtrona, e oggi ancora penalizzata» a pag » 7

AEROPORTI

L’INTERVENTO

Gli assetti contrattuali vanno difesi

di Rocco Reina

di Cesare Damiano

docente università Magna Graecia

responsabile Unità aziende in crisi del Pd

E’ un periodo particolare quello che l’Università italiana sta affrontando; parimenti, nonostante l’appartenenza al club del G8, i tempi dell’economia italiana non sono dei più felici, proprio a causa di quella crisi internazionale dei mercati che dopo essersi fatta conoscere meglio altrove, comincia a farsi "apprezzare" anche nel nostro sistema produttivo. Perché però accostare i due fenomeni, che originano e dimostrano situazioni differenti di partenza, ambiti ed impatti diversi e/o quantomeno indipendenti? La tesi di chi scrive è evidentemente condizionata da un favor personale per un approccio contingente e di sistema rispetto ai fenomeni economici in osservazione, tanto da finire con il legare... segue a pag » 2

Riforma del credito: Microcredito e no-profit

Scopelliti: potenzieremo tutti gli scali CATANZARO - «Caratterizzare le realtà aeroportuali calabresi per rendere omogeneo il tutto attraverso la definizione di sistema Calabria». Lo ha detto il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, presentando a Catanzaro i nuovi voli che la compagnia aerea Eagles Airlines offrirà nelle prossime settimane per l’aeroporto di Venezia.

È stato approvato dal Consiglio dei ministri del 30 luglio 2010 il decreto sulla riforma del credito al consumo. Tra le novità si rileva l’estensione della concessione di finanziamenti, per un importo massimo di 25.000 euro, ai soggetti giuridici senza scopo di lucro. Con appositi decreti attuativi, il Ministero dell’Economia preciserà i requisiti dei beneficiari e le forme tecniche dei finanziamenti.

a pag » 6

a pag » 16

CROTONE Imprenditore vinicolo arrestato dalla Gdf con l’accusa di truffa aggravata e falso a pag » 34

COSENZA L’assessore regionale Caridi: raggiunta l’intesa tra l’Asi e gli imprenditori a pag » 30

REGGIO CALABRIA Nicolò: la fase politica in atto merita l’impegno del gruppo del Pdl al Comune a pag » 33

Per rispondere alla sfida della competitività posta da Sergio Marchionne per il settore dell’auto non si deve andare nella direzione della distruzionedegliassetticontrattuali a partire dal contratto nazionale di lavoro. Né si deve, come conseguenza, minare la forza delle associazioni storiche del lavoro e dell’impresa. Per evitare questa scelta è necessario comprendere che i contratti nazionali, nella loro attuale configurazione plurimerceologica, sono in genere troppo grandi per fotografare le specificità dell’organizzazione del lavoro nei singoli settori, e troppo piccoli per cogliere le dinamiche della globalizzazione. Per questo sarebbe utile ricavare, nell’ambito degli attuali contratti nazionali, specifiche normative di settore, a partire da quello dell’auto, per fotografare i problemi specifici di produttività e di competitività. Così come sarebbe necessario una azione sovrannazionale del sindacato, a livello europeo e mondiale, per stabilire standard di tutele e di modelli organizzativi che evitino un ricorso senza fine a logiche di dumping sociale. Se, come pare, Federmeccanica ha intenzione di aprire un confronto su questi temi per il settore dell’auto, questa scelta potrebbe andare nella giusta direzione. Sarebbe però un gravissimo errore escludere dal tavolo la Cgil. Una scelta di questo genere non fa parte della storia delle relazioni industriali di Federmeccanica né tanto meno lo è stata nel passato, della Fiat.


2 2

il Domani Martedì 03 Agosto 2010 lili Domani 201oL 1i4M ulgdeìolrce

D2 L ETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI D2 - L ETTERE , R UBRICH E , I NTERVENTI IL COMMENTO di Rocco Reina Crescita del territorio e sviluppo dell’Università LC IOMMENTOLdB ugiiuoalt Roigranziaerltospedesaircln:aetiuledbli

... e considerare interdipendenti dellensidaimprese della dimondo com ,ati ci si emmondo aotn iblio a ricerca e dell’innovazione. Infatti, se d efsai di queost o qrau ot’lel ospedadiretello esviluppo d ogni proeconomico ceso di dipende rao zinzaialtamente dal dinamismo e dalle capao zine anche dael ret ospedeairl delperchésistema veincità e innovative nietrot, subenratnimprendio raetltoriale olgcihe di un territorio, ed raitl nietre.siè senza dubCòi subio ccede vero che ed èsolo succeso attraverso ni Calbiari, processia di m ancheosmosi ni atnettra università raetl regoin.i ed azienTuot de, diviene possibile da còi oastcoal, atrida e scrihai un lato di m irafforzare la ricerca applicata e l’innopedrei li necesaori proceso di camindustriale, baivazione menot e al programmao zinedall’altro offrire ed autcompetenze ao zine di utet e quel professionalità urgenit m-i sucoerenti re che con occoronoi fabbisogni per diu rteistpersonarichieste del creàle tdibli delle aziende al regoeinecon le C albari ed del acsmercato iurare ai lavoro. calbresi un estm ia sai casi, natorIn i entrambi adeguaot. Saimotali processi sol ni-i’al finiil o ziscono di unper proceso,corroborare ormai e rafforzare nieavteb il,i permetdisistema rao zinzaialo zine produttivo e quindi dael sanàti catere lbrese da u etfare coraggoi indirettamente laconcrescita del edterritorio, oneàst n u eitlael giustificando e conpertanto senso dila resp onsàatibli da paert degil iniziale. aotri di ratio del ragionamento Ma aetlcon pirocesotempi , ma crisi, anche tale da meccanipaert di della utitsmocolvirtuoso ro che sembra sono comsubire unque c o n i un arrevo itsto, l od nietresait cesure traali due probelmacontesti, . creando Stanto embra da dfar overoso dimenticare driure spese le elnecessaafrm aceucihte, interdipendenze, così come sembrastresrie viceversa ao zine prevenviat bolccare li utrn

sando solo apparenti diffie deldi ocoltà ver delcomunicative asuno zini confronto. Ma tutto questo personael ospedeairol, ni rappresentare afinisce etsa deper l orirdn io dael vizioso, rquel et ospecircolo deairl, e conet- che direttamente o n ere li atso di meno ospedza-il contribuisce ad le capacità zindebolire ao zine, ae vlimitare anatggoi del poetn- di crescita del territorio. D’altronde, la azimenot ade’stn liza dom airceli. crisi che si sta affrontando appare La Calbari ha un estm ia sanatori una nitecnicamente cenratot su unacome seri di ospedailcrisi del ed meccanico-efficientista-omodello sped,aietl eredati da anni ni cu,i gquantitativo raezi a nifanazimenit per come ,ail’abbiamo fcli spunat- covnosciuto, ano come apprezzato ufnghi ni zone e poi ed are odiato anorganizzacnelle he m ilroteif,singole applicazioni i codsidiet o"spedail oftive, tcopa,i" a vantaggio ni un pdi eorido un modello ni cui siispi-ri rato alla valorizzazione delle persoetneva che baastse corsu trei u n osne, stakehop edael allapersoddisfazione sorivlere i prodegli belmi san-i della qualità. atder, ri daelalla ricerca popoalo zine, e non si Ilpenprismo ava èad fortemente una ret di afocalizzato estn iza eotri- su sé produttivo, aerstesso il, ale sulmesistema dcnia di base, al attenprevto eno zine, nel recupero ec;c. cosìdi costi, si corsu tvia, forse tradusi asscibili umevano - a discrezione medc,i niefrme,irdell’imprenditopersore di prezzo; l’altro inn ael - in vantaggi auo irls,i ammnrisvatiot, vece, appare più m agari anche senza attento concorso al sistema e utat q ueast peoltra territoriale, di persone otvisat cui trae economico dacu b acnio oetlrael di mercato, dei vari ma p citoilanche indicazioni olsuggerimenti c.ail Cosi a poper chi migliorare ch olm i erit rotlasi provano ospedail con el estse spe-

STUDENTI FUORI DAL &COMUNE INSEGNANTI

di Oriana Tavano di Carmela Mirarchi

Lavorare nella legalità: sfide del mondo del lavoro nseTipca,usivcgtrodigasirt La Commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare e L’estate è arrivata e i furbetti cheCalabria cercanodiventano di truffare protagonisti i turisti sonodi giàun all’opera. Per l’Ordine dei giornalisti della imcombattere questo fenomeno Adiconsum ha messo a punto un vademecum che portante progetto di sensibilizzazione dei giovani delle scuole su come riassume tuttelelesfide regole sull’accesso spiagaffrontare e le insidie delalle mondo del lavoro. L’obiettivo è quello ge. di L’associazione ha scritto anche ai fornire agli studenti le conoscenzePresiutili denti Conferenza delledel Regioni all’Anperdella accedere al mercato lavoroe con la ci, perché facciano rispettare i diritti dei conconsapevolezza dei propri diritti, doveri e sumatori. I turisti devono comunque sapere strumenti di tutela e, allo stesso tempo, che:sensibilizzare l’accesso allagli spiaggia libero e gratuito. studentiè sulle conseguenGli stabilimenti balneari devono consentire il ze che scaturiscono dall’illegalità in transito alla battigia. La battigia è a disposigenerale e nel mercato del lavoro in partizione di tutti. La pulizia delle spiagge libere è a colare. Il protocollo di collaborazione sticarico del Comune. E’ stabilito, per legge, un pulato tra la Commissione per l’Emerequilibrio tra spiagge in concessione e spiagge sione e l’Ordine dei giornalisti calabresi fa libere. I prezzi sono liberi e dovrebbero essere di questi ultimi gli artefici di un programrapportati alla qualità dei servizi. In caso di ma di educazione alla legalità e di promoviolazioni gravi è prevista anche la revoca zione di una cultura del lavoro regolare, dell’autorizzazione. In caso di violazione dei sano, sicuro, positivo e propositivo, stimodiritti dei bagnanti rivolgersi alla Polizia Mulando nei giovani interesse, curiosità e nicipale, ai Carabinieri, alla Capitaneria di porto e alle sedi di Adiconsum. In vista coinvolgimento rispetto alle opportunità di crescita personale dunque delle partenze di luglio e agosto i consumatori devono conoscereche i loro diritgarantisce l’ingresso nel mondo del lavoro. «Tanto più è alto livello di sono ti in spiaggia, diventata ormai "terreno privato". Visti i costi che i ilconsumatori legalità in un territorio - ha detto presidente Scopelliti tanto maggiore costretti a sostenere per godersi un il po’ di vacanza è giusto-che facciano valere fino è il grado di sicurezza». in fondo i loro diritti. Così come è loro diritto / dovere denunciare ogni sopruso che possa ledere le bellezze delle nostre spiagge.

manetnere apert modest rsu ttre ospedeairel che sopravviono, -ail menatndo crio"veri m i prop,"ri oasi non cgu iaftis da egsienze sanateri, ma iulit per documenatre ciasti-t menet al vdàaitl di un ospedael. La driuo zine a cnique del A,sl crionducendoel a voiel provnicaeil, non ha soritl li probelma, perché non si è voulot raofnatre li vero Rocco nodo daelReina sanàti regoinael che griuarda a’blnorme numero di osped.ail E’ ìl che si anndia atnat spesa. E’ ìl che pm ria o poi si dovrà afre i conit per sp rie-t atre i vnicoil nifanaz,ir autam l enet motl elv.ait Ma qui sorge li probelma elgaot nis’oalrgere di campa-n ili smi e, purotppo, di personsm ail i ni quanot si ninescano crocaeit per mero popu sm il o, ecinslm eitl o, per d efnidere rsu ttre niulit ed a vo etl ofnet di scrih,i non per garanreit li otdri al saulet dei atcdini,i ma magari per garanreit li poost di alvoro vcnio casa al personael, ginorando el vere neceàtsi ed li bsoigno di una reael ed cein efet aestn iza sanatri. Da qui reis’plonsàatibli di p citoil che a vari viel di governo si ergono a paldnii dael saulet dei -cti

paldndi ii Simonetta di olro Bonomi* est.si Occore nivece che el ofrze p cihtoiel, nsidac,ail el vIn aeri merito ofrmao zini all’affermazione socail caolbonrio, del DiretlaValorizzazione gtore il addietGenerale ai alvper ori daoilghnio, si cdel onrofnito Patrimonio con Culturale unàcti didelnietn,it Minim etndo per idaBeni paert e leAttività perverse e persostero Culturali, n cMario ih staile olgcihe, mraindo lcioquale i Resca, secondo lau’an oBronzi vbieot di sarinaredovrebbero al andare sanàti di Riace rein goinael. giro perché Occore afre un Calabria monotia Reggio rastanno ggoi approfndoti "a prendere saul polvere", d brsitusolo la o zSoprintendenza ine dael retper i ospedeairlBeni Arrecheologici goinael, suldella suo Calabria ufno zinamenot, precisa seu l i dedi i Riace su raitl it dicem-if che: iragoinBronzi dalnegva23 nbre ora 2009 conseg.uiti sono provvisoriamenteospiDovremo smetre dtati i pensarea Palazzo che Campanella asi guiost avere a Reggio sot cCalabria asa un ospedin ael; un laboratorio occore afredirestauro i conit cperfettamente on el sorirse dspion ,attrezzato ibli cgrazie on u’etln- alla zgenerosa a ream l enet disponibilitàdel maoteb il,i al Consiglio m anagàetairl da Calabria, garanrei.t Nael ha stisaRegionale della che npulato àt,i dovremocon la aDirezione breve èc(’ Regionale una comm osine i Beni etcncia Culturali al alvoro e Paesaggistici a suppoort per ddellaCalabria ael Conefrenza Satore-goin,i ni un’apposita convenqzione; ueast d r e i o z i n e ) m s u i r a r c i c o n p u n i Bronzi di Riace sono inseriti utin ail unpercorsipercorso di con vergenza dei co-al espositivoaperto istpubblico e dei afbbsoigndal i martedì astndard, alla domenica avendo cdalle ome ore em frienot 9 alle ore 20, el che peorfrmancecomprendde el anche regoini altrepùi opere cein efit significative L (ombardel dMuseo ai, Em ai,li Nazionaledella ec,)c. una Magna condo zine Gremotl dastinet da quael calbrese, al cia, molto apprezzato dai numerosisnoet del auotrefrenàtazil sempre simi visitatori italiani e stranieri; i ofirt ni queost come ni atnit raitl se-t Bronzi di Riace sono attualmente ogotri di àvtait pubcbial che caraetgetto di un’approfonditacampagna zriano al regoine. Si dovranno pesadi analisi diagnostiche condotta re utet el spese soestnuet e dovranno dall’Istituto Superiore per la Conseresere preivsti seri con.riotl Lo sprevazione ed il Restauro con la collaboco non dovrà esere pùi eotlraot, anrazione dellaSoprintendenza; da setzi dovrà esere sano zinaot, ed è tembre saranno sottoposti ad interauguraebli che còi posa rappresenventiunaconservativi; nel dmarzo 2011 atre del occaosini i svo atl ne-l troveranno nuovamente posto al spesa pubcbial che abbat al spe-nel Nazionale saMuseo aefc"li quanot m idella prodvuiat Magna Greecocia. nomciamenet, ma prcoiufa p ciatoi-l menet e accresca quael nizfaialt a archeologo creare un*Soprintendente conetos pvoitsi per ol sv-i ulppo socaeil ed economcio, cond-i o zini enratmbe, di cui al Calbari e pùi ni generael niet’rol Paese hanno ersetmamenet bsoigno. La disfa oggi per ogni organziao zine èm oitziare el sorirse per produre vaolre e -ri dure ol spreco. La soal cein efza dei procesi non serve, se queast non produce ciaefcai an’o zeline od’r-el ganziao zine. Il cambaimenot ciaefce nel etmpo m ip cial un cambaimenot dael men àtail e dael cutlra organzivait che, a sua vo at,l mocd iafi i compoartmenit anche etnendo conot del aspvaeti dei dviersi pub-bil ci nietrn,i ed estrn.i Il cambaimenot produce vaolre e accresce al cielnza di operare od’rgelanziao zine. E di queost cambaimenot al Calbari ne ha un enorme, urgenet bsoigno.

www dlo i.ma tin.i

6 1 Rb:n4 1d-T:.ei9 7 9 5gr-l7 .::

li Domani

T&PEd so tlrir

Derizoine

GdcuoTiarl Amoam ertsni

O anldroRotndersao(prones)albi

Redazoine

FarncescoPucon(eatgrpoi)zisevir

G usieppG eanpgà(e)tuacblibl A eoD sliG earnPo(rduM ctanage)r CneasinM efrzao()laurl

Recetalo p fita n if-cxie-mali Calbari 0T9e.6l19.968F0a2|0x9613.098239

a@ bcialrdlom itian.i Roma

orma@ dlom itian.i

apa@ um ntintdeom il.iani @ iratdaom riel.iani @ odnreazitdom il.iani

Puàb tcibl

Eodteri

GdcuoTiarl

0T64e.5l42717F 0/a1|0x64.5427172

àtca,il con personael a vo-l etpria pùi offerta. numeroso dei criover,Nel ait senzaprimo apparecchau it- si attivano rrelazioni e adeguaet, speso obsoelunidirezionali e etautocentrate , non ni grado suldi acsiusistema rproduttivo, are servzi di quàta,il il restomacatutto a l c u i g o e i s t n e , manuesviluppatnpita. Nel secondo vengono o z i n e h a u n c o o s t che te relazioni multi-direzionali, il focus dvienatè sull’esterno sempre p ù i o a t l s p r i o e t ai e ed il futuro si osserva servzi si governa. ed ai benceif Nel primo ni etrmnii l’Università di asestn izaesiste in erogat. quantoTuotoccupa còi degli serinet di spazi, unma modoelè concettualmente sanatori aqluanot distante superaotdall’organizzazione , dastinet, cd’impresa; omè,’ dal nel modsecondo erna conceo zil’Università ne di aetldeveservo zi, esistere basaot su pochi osped,ail conotrnait perché è partner della ricerca e della da reit eotrail di preveno zine e formazione del territorio, attore fonrotl.if Abbaimo ni soastnza un est-i damentale del sistema che non può ma sanatori che coast motl e protradire tale mission. duce serv,zi a paert el dovuet ecceSulla scorta di tali riflessioni, credo o zin,i compevlsiamenet non ceort sia utile uno sforzo comune per imeccesil oat’l( atso di emgirao zine maginare il secondo modello quale sanatri ol m etisona.i) Anche ni quello più "facilmente" percorribile queost soetre si è badaot a mp -o itl alle nostre economie industrializzacare personael pùi che ad acsiurare te; intestardirsi su altro, finisce per servzi iulit per al comunàL t.ia ret rappresentare solo una miopia orgaospedeairl ha svotl, qunid,i pùi al di produrre strasciufno zinenizzativa, di capace rsu ttra di vecioalo zine del chiconsensoe processi oetlrael, di rallentamento che di serv-i nel sentiero di crescita dell’interro o zi sanatori vero e propori. In nterrion torio. Per cui la crescita di un’area è pochi ca,si gil ospedail sono serivti lo sviluppo dell’università, creper m ailenatre i medp c-itoil b(ae focalizziamo ogni ast diamoci guardare al corposa rappresen- sforzo in comune. Il atnzauna sinergia di medci costruttiva niet’ran lo dael regoine,dado è tratto...a del provnice ciascuno e deifarecomla u- pron.)i pria Oggiparte.... è del utot aneictonomcio

LA NOTA - I Bronzi restano adi Reggio atdnii ma che, aoft, sono sol

Slo ie2l4OerSpaSysetm

DerizoineRedazoineAmmnsiartzoine LS ocae.rmonZdM eo-anC (ld aIir.aczl)rel 09T.6 el1 9.968F0ax29 |61 9.03801 RomA V acm irhied2 e0R 1(m) 06 4T.e5l42717F0ax16 |9 /.9700312 ietrdiiaslutcbrideLofuaitsenrit Laelgacglud7 eaigoo1 st992 n05,0

Satm b ilieno tTpiogarco ifDeRose coanrdtP aM an-loetainlri 8704M 0oU utgfnaC lfto(s)

oD ernzigeieA nean:rlderC aahpiponi oD ernziaeim va:iam rtsni M avioneo2 9trs0 1 a-,149M anloi CoondraimenoAterC aabilr

m SoC isneaoTirbclevi(a)oleurnlti FarncboA uaidnrzcsdeito()i vapS eno(lrD satorineia)l

CenorS tatmpa

Secvre ie spantresrhpi LumR s(aom A-TPae)rs

MedaiatgSpa S ocale.rmonZdM eo-anC (ld aIir.aczl)rel 0T9e.6l19.96802

Fa0x9619.03421/903784 w o@ n|ftw itiw m ai.gm tda.geitdei m affTo4 aidro6 um :l m 1x9mmh.

Commeaecluroi1r03 0,0-ccoasneiaeluo1r1L4 O e0g,e0-al SenetnzA euo1pri2 pta9 0 C Flod,0 m -riosiroanzieuor 129 0P R Q ,0-.euo7 .r8 0,0-eocergleiuo7r7 N 0,0cad.

Econoem uo0 6 cri,2paao.rl Supepm l enoC 4 t0oer% :l

09.8 etl49-34382

etandecro4 mlpieor

GdcuoTE iaS ertdlipR (aoma) Lap-erseaTn(gocie-fta)rgnizrif nR Vo(ieolm M I-ab)neiaorl M o-EeiaS rtdcievirs

S dàC tesoalsi SpeaN kerew tokr

FoaenuoidraopltnzeiI FondoanziFeaFeruotr FondoanziFeom rchie FondoanziR eoma


il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

ACRI Guarda le videointerviste su www.ildomani.it

Trematerra:«Il Governo non può penalizzare gli Enti locali» Andrea Celia Magno

Acri: città di altura ai piedi della Sila... Acri è un Comune di oltre 20000 abitanti situato ad un’altezza sul livello del mare di 720 metri. Il Comune prende il nome dal fiume omonimo, ed è posizionatao ai piedi della montagna della Noce, all’imbocco della Sila Grande. Dato il numero di abitanti e l’ampiezza del territorio (che conta all’incirca 160 frazioni e località), Acri è una vera e propria città d’altura, in cui risalta il verde dei suoi alberi e dei suoi giardini e le tante architetture, religiose o "laiche" (come il castello) di particolare interesse artistico. Il sindaco è una vecchia conoscenza della politica calabrese: il senatore Gino Trematerra, dell’UDC, eletto al ballottaggio nella tornata elettorale di marzo/aprile 2010, con 7053 voti, pari al 57, 23% degli aventi

«Solo una parte di quegli imprenditori del Nord che ha investito nel mezzogiorno ha dato un aiuto alla crescita. I "prenditori" sono scappati»

La crisi economica quali effetti tangibili ha avuto, al momento, sul Comune di Acri? La crisi ha investito tutti i Comuni, che vivono un momento di grandissima difficoltà. Ma, d’altra parte, ci rendiamo conto che è una crisi che investe tutto il mondo, per cui la Finanziaria che il Governo ha varato poteva spostarla su altri settori e tener fuori i Comuni. Se la crisi dovesse durare poco si può anche razionalizzare e tirare un po’ la cinghia. Ma se i sacrifici imposti dal Governo dureranno molto, vorrà dire che metteranno Comuni e Regioni con le spalle al muro, a scapito dei cittadini. Speriamo che la crisi sia solamente di passaggio, ma il Governo non può penalizzare gli Enti locali che danno i servizi alla comunità. Cosa pensa del federalismo fiscale? Il federalismo non sappiamo ancora cosa è. Per il momento è una scatola vuota, perché non sappiamo neanche cosa diranno i provvedimenti attuativi. Senza quei decreti non ci si può sbilanciare. Può darsi che con i decreti attuativi si possa dare un giudizio positivo, ma deve essere un federalismo solidale, non un federalismo che favorisce i potenti o il Nord che è stato più fortunato di noi. Perché nel mezzogiorno, purtroppo, non ci sono stati imprenditori seri del Nord, ma solo "prenditori". Solo una piccola parte di quegli imprenditori del Nord che ha investito nel mezzogiorno ha dato un aiuto alla crescita della nostra comunità. I "prenditori", invece, hanno costruito le cattedrali nel deserto e sono scappati. La scusa qual era? Una piccola bottiglia di benzina lanciata davanti allo stabilimento e così dicono: "non possiamo operare". Intanto hanno preso, hanno costruito e hanno guadagnato sulla costruzione e a noi è rimasta solamente una scatola vuota. Bisogna aiutare le industrie che vogliono investire in Calabria - anche se credo che le nostre industrie siano turismo, beni culturali, artigianato, piccole e medie imprese, agricoltura. Se il federalismo proibisce di spendere all’impazzata allora anche noi dovremmo saper spendere. Lei ha parlato del turismo come uno dei possibili campi di crescita della Calabria, ma non pensa che bisognerebbe migliorare le infrastrutture per favorirlo? Questo è fuori discussione. Sono stato uno di quelli che batte sulle infrastrutture. Anche qui ad Acri ho un contenzioso: doveva nascere una strada nuova fatta dall’Anas; erano partiti i lavori. Il cambio di amministrazione ha fatto sì che venisse accantonato il progetto della strada da 7 km in favore della costruzione di una galleria di 800 metri, quando le gallerie non si costruiscono più perché hanno un costo

eccessivo anche in manutenzione. Ho sempre creduto che la viabilità e le infrastrutture siano la ricchezza della società. Se non ci sono è inutile parlare di turismo. E quelle bisogna crearle. Lo sviluppo di turismo e agricoltura passa dall’investimento infrastrutturale. Un Governo serio non deve pensare ad altro che all’equazione costo-ricavo: è vero che è molto costosa la costruzione di infrastrutture, ma è anche vero che mi dà tanto in ricavo. Il turismo, qui in Calabria, non è solo quello estivo: ci sarebbe anche quello invernale, solo che, una volta che al Nord cade la neve sono soldi, quando cade da noi è una disgrazia. Dobbiamo armonizzare queste due componenti naturali e turistiche. E dobbiamo puntare sullo sviluppo di un’agricoltura moderna. Acri è riuscito ad usufruire di fondi comunitari? In parte sì, però in minima parte, perché la Regione non c’è stata in 5 anni. I fondi comunitari regionali, con la gestione Loiero sono stati assenti. Sono più quelli restituiti alla Comunità europea che quelli che abbiamo utilizzato. Speriamo che con questa nuova gestione regionale si organizzino progetti seri e ben fatti. Ed ho buone speranze che questa nuova amministrazione regionale approvi i progetti seri, non in base all’appartenenza politica. Bisogna amministrare tutta la comunità non appena finiscono le campagne elettorali. Se si parte con questa filosofia il colore politico non ha importanza. Pensa che avrà ancora fondi comunitari? Il Comune di Acri ha qualcosa di concreto in cantiere? Dobbiamo sistemare le zone rurali, perché abbiamo molte aziende agricole nella fascia silana che hanno bisogno di una nuova viabilità. Dovremmo creare una centrale biomassa e un parco eolico, perché portano benifici al Comune, facendo pagare di meno l’energia elettrica ai cittadini e dando qualche posto di lavoro. Con questo vorremmo creare due iniziative che vanno tutte a favore dei cittadini e di Acri. Inoltre stiamo per creare un consorzio con 7 o 8 Comuni limitrofi per la raccolta differenziata e la nettezza urbana. Poi ci sono tante altre iniziative: devono essere completati il Palazzetto dello Sport e la Caserma dei Carabinieri. Stiamo progettando una Casa dell’anziano che accolga in maniera ottimale gli anziani. Stiamo cercando di abbellire questo paese, continuando il "piano colore" che aveva cominciato la passata amministrazione. Stiamo creando un Piano regolatore generale, insieme agli ex sindaci di Acri. Sperando che finisca la crisi economica nazionale e cambi il modo di gestire la Regione, dove i fondi ci sono, ma dobbiamo saperli utilizzare e canalizzare. Ora uno spiraglio di speranza c’è. Senza piangersi addosso, ho un Comune che ha una certa quantità di debiti di gestione, che

Sen. Gino Trematerra, sindaco di Acri

sto provando a pagare dilazionandoli. Le tre cose migliori che ha fatto dal momento del suo insediamento? Anche se sono in carica da poco tempo ho stabilito con tutti i dipendenti comunali un rapporto di stima reciproca e simpatia. Dopo la mia elezione ho incontrato tutti i dipendenti invitandoli a cena, per stare insieme una serata e conoscerci meglio. Sto portando un po’ di ordine in paese, cercando di aumentare il verde pubblico e ristrutturando un anfiteatro di 4000 posti con pochi soldi, grazie ai nostri lavoratori, che adesso è pronto per le iniziative estive. Stiamo proiettandoci verso le altre opere: un piano di protezione civile, per rispondere alle necessità del paese, in caso di emergenza. Ci sono ancora molte cose in cantiere: migliorare i servizi sanitari; risolvere il problema della galleria, che è arrivata fino ad un costo di 40 milioni di euro, ma si era partiti da 22 milioni. Ecco la differenza fra costi e ricavi. Il progetto della strada era stato fatto a costo zero dall’Anas, ma la precedente amministrazione ha voluto cambiare per la "discontinuità". Anche qui ad Acri, per la "discontinuità" c’è una scala mobile che è un vero e proprio ecomostro, tanto che l’assessore regionale che è stato invitato a vederla, ha sospeso i finanziamenti. Se già abbiamo poche risorse e le spendiamo per i dispetti politici della "discontinuità" non si cresce più. Il mio in definitiva sarà un servizio per la comunità. Presenti le iniziative organizzate per la stagione estiva dal Comune di Acri. Ci sarà un cartellone senza nomi altisonanti, ma utile a fare stare la gente insieme: un totale di 15 spettacoli (3 a pagamento, 12 gratis). Un cartellone di ottimo livello, ma dai costi contenuti. Ovviamente sarebbe bellissimo avere un concerto di Renato Zero ad Acri, ma non si possono investire 300 mila euro solo per un concerto quando i problemi della nostra comunità sono sotto gli occhi di tutti.

«Ho sempre creduto che la viabilità e le infrastrutture siano la ricchezza della società. Senza, non può esserci turismo»

3


4

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

PRIMO PIANO Il presidente della commissione competente difende l’operato di Scopelliti

Sanità, Salerno: «Il Governo si fida del nostro Governatore» di Cesare Giraldi REGGIO CALABRIA - Un ritorno alla normalità, così il commissariamento della sanità è stato definito da Nazzareno Salerno, presidente della commissione Attività sociali e sanitarie. E la scelta di affidarlo a Scopelliti un «atto di fiducia del Governo nei confronti del lavoro del neogovernatore Giuseppe Scopelliti». A pochi giorni dalla decisione del Consiglio dei ministri in Calabria si continua a discutere e soprattutto a interrogarsi sull’opportunità di considerare tale provvedimento una vittoria o una sconfitta dell’attuale Giunta. Salerno a questo proposito non ha dubbi: «Scopelliti, già nei primi mesi della legislatura, ha dimostrato di poter dare vita ad un cambiamento che porterà beneficio a tutti i calabresi e che migliorerà gli standard di efficienza del comparto sanitario». La commissione di Salerno in questi giorni è impegnata a capire la situazione reale del comparto sanitario con un’intenzione: «verificare in maniera immediata quali sono le condizioni dei presidi superando quanto potrebbe emergere dalla mera documentazione». Lo ha chiarito lo stesso presidente, il quale non ha risparmiato una stoccata alla vecchia gestione: «Non si possono dimenticare prosegue l’esponente del Pdl - le logiche politiche che hanno cancellato la meritocrazia o le

scelte fallimentari testimoniate da fortissimi contrasti interni, dai cambi in corsa degli assessori al ramo, da decisioni improvvisate e non programmate. Dagli accreditamenti a pioggia nella provincia di Cosenza ai casi di malasanità, dalle vicende relative al ticket dei farmaci alle liste d’attesa senza fine, tutto - afferma Salerno indica un tracollo senza precedenti a cui oggi si pone rimedio». E Scopelliti, a suo giudizio «a differenza di chi lo ha preceduto, si è rimboccato le maniche per garantire il sacrosanto diritto alla salute dei cittadini. Ciò che ispira questa Giunta conclude Salerno - è la volontà di mettersi al servizio dei calabresi e questo implica anche l’impegno a combattere quei centri di potere che mirano al congelamento dello status quo».

Salerno: «Questa Giunta ha la volontà di mettersi al servizio dei calabresi»

Per l’Idv sulla sanità la Giunta è «poco credibile» REGGIO CALABRIA - L’Idv calabrese boccia l’operato sanitario della Giunta e vede nel commissariamento la presa d’atto del Governo che le cose non vanno, nemmeno con Scopelliti. Lo ha spiegato Giuseppe Giordano, capogruppo di Italia dei valori in Consiglio regionale, intervenendo ieri nel dibattito: «I primi mesi di governo della sanità da parte della giunta Scopelliti - ha detto Giordano -si sono dimostrati insufficienti e poco credibili per lo stesso governo amico di centrodestra, che ha ritenuto ,nel commissariare la sanità calabrese, inidonee le rassicurazioni del governatore sulla fattibilità del piano di rientro dal deficit sanitario». Come se non bastasse, puntualizza Giordano «è stata certificata l’incapacità dell’attuale gruppo dirigente regionale ad affrontare in autonomia il lungo e difficile percorso di risanamento, decidendo di affiancare il commissario con personale del corpo della guardia di finanza, che a noi di Italia dei valori, non può che far piacere, ma è una decisione governativa che si commenta da sola, che non pare interessi altre regione commissariate e la dice lunga sulle reali capacità di imprimere da parte di questo governo regionale una reale svolta allasanitàcalabrese».


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO La replica di Magno: «Loiero si cimenti in interventi costruttivi» REGGIO CALABRIA - Le parole di Agazio Loiero hanno scatenato un fiume di repliche dal centrodestra calabrese. Mario Magno, Pdl, ha attaccato l’ex governatore dicendo: «Il riposo forzato al quale gli elettori lo hanno – a furor di popolo – costretto, dovrebbe consigliare Loiero nella predisposizione di interventi costruttivi, utili allo sviluppo di un dibattito che, anche in materia di sanità, abbiano come obiettivo quello di favorire la risoluzione dei problemi». A suo giudizio Loiero, invece, stupisce quando getta ingiustificate ombre sull’operato del presidente Scopelliti e sulla decisione del Governo nazionale di commissariare la sanità calabrese. Una decisione, questa,

che Magno reputa ampiamente prevista e, soprattutto «caldeggiata dall’attuale Governatore al fine di iniziare, senza ombre, una forte azione di risanamento del settore. È evidente, infatti, come la rivoluzione sanitaria di cui Scopelliti si è assunto in prima persona la responsabilità - prosegue Magno- non possa prescindere da un preciso lavoro di chiarificazione che porti, in primis, a quantificare una volta per tutte il debito esistente e, quindi, a programmare le migliori strategie per rientrare dallo stesso». Il commissariamento, conclude Magno «faciliterà la realizzazione dell’imponente piano di rientro predisposto dalla Giunta Scopelliti».

L’ex Governatore dice la sua sul provvedimento del Governo sulla sanità

Loiero va all’attacco: «Hanno commissariato Scopelliti» di Alessandro Caruso CATANZARO - Parla Agazio Loiero ed esplode il traffico delle dichiarazioni. Il commissariamento della sanità, su cui l’ex Governatore aveva iniziato un lungo braccio di ferro col Governo, getterà via le "mele marce", probabilmente, ma non le polemiche. Soprattutto da parte di chi, come lui, viene visto oggi come il principale responsabile della malagestione. Ma Loiero non ci sta e si leva, come ha fatto spesso negli ultimi tempi, qualche sassolino dalle scarpe: «Scopelliti commissario? Sarebbe meglio parlare di Scopelliti commissariato. Sulla sanità il Governo lo ha abbandonato al suo destino. Gli hanno messo ad-

dirittura la Guardia di Finanza a controllare». Il consigliere regionale del Pd ha voluto ricordare di essere riuscito a scongiurare il provvedimento, quando a dicembre 2009 «avevamo concordato un piano di rientro con lo stesso Governo di centrodestra. Mi chiedo cosa sia successo in questi mesi per arrivare a un provvedimento chiaramente punitivo». Secondo Loiero la rispo-

Agazio Loiero

sta è semplice: la coppia Berlusconi - Tremonti se ne sarebbe servita come arma politica per demonizzare l’avversario dopo la vittoria elettorale di Scopelliti. L’impressione dell’ex presidente è «che si sia voluto commissariare il commissario. Noi avevamo concordato, tuttavia, un piano per risanare la situazione. Ma ora si sta procedendo con una espropriazione di competenze su cui bisogna riflettere perché finirà per scaricare tutto sulle spalle dei calabresi». E infine lancia la proposta: «Restano incagliati i fondi del cosiddetto art. 20, (milioni di euro essenzialiperpotenziaregliospedali che il Governo finora - a detta di Loiero - non ha inteso liberare). Perché non arrivano e che cosa fa Scopelliti per farli arrivare?».

Dal Pdl alla lista Scopelliti una pioggia di critiche a Loiero

Il centrodestra difende il suo presidente di Andrea Morrone REGGIO CALABRIA - Il fronte del centrodestra fa quadrato attorno al suo presidente dopo le dichiarazioni di Loiero sul commissariamento della sanità. Dalla lista Scopelliti al Pdl i capigruppo in Consiglio si sono schierati in sostegno del Governo e della Giunta e, soprattutto, in difesa dell’equilibrio e dell’intesa tra Governo e Giunta. «Se la sanità in Calabria é stata commissariata con Giuseppe Scopelliti significa che il Governo ha fiducia nelle capacità del Governatore del centrodestra di porre fine ai danni, agli sprechi, alle omissioni e agli illeciti provocati con lucida logica lobbistica e delittuosa dal centrosinistra». Giovanni Bilardi, capogruppo in Consiglio della lista - partito Scopelliti presidente ha commentato così il provvedimento del Cdm. A Loiero, secondo Bilardi «ormai privo di famiglia politica e di sodali, non restano altro che rabbiose dichiarazioni che evidenziano la sua solitudine e la certezza che è stato il peggiore amministratore del-

la Calabria di tutti i tempi, determinando, tra l’altro, la grande crisi d’identità, le risse e le fughe che ogni giorno si registrano nel centrosinistra». Pioggia di critiche anche dal Pdl. A sintetizzarle è stato ieri Luigi Fedele, capogruppo alla Regione: «Siamo increduli di fronte alle esternazioni dell’ex presidente della Giunta regionale. Attacchi gratuiti rivolti al neo Governatore da colui che rappresenta il maggior artefice dellostato disastroso in cui versa il settore della sanità in Calabria». Fedele non ha dubbi: è stata l’incapacità della Giunta precedente a determinare la situazione di tracollo del comparto sanitario. E cita le prove: Un’incapacità riconosciuta, in seno all’ultima seduta del Consiglio regionale contestualmente alla relazione del Governatore Scopelliti, anche dagli stessi esponenti del centrosinistra che hanno criticato aspramente l’operato della Giunta targata Loiero». In quest’ottica, conclude il capogruppo Pdl «la decisione del Cdm di commissariare la sanità al contrario di quanto dichiarato da Loiero appare, più che mai, opportuna per risollevare il settore».


6

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

PRIMO PIANO Ministro e senatore stroncano le stabilizzazioni oggi proposte da più parti

Stagisti: da Brunetta e Ichino ancora una sonora bocciatura di Luigi Fruci CATANZARO - Si torna a parlare dei super stagisti calabresi. La possibilità di una loro stabilizzazione è stata prospettata dal consiglio regionale. Ma il ministro Brunetta ha già dato un responso negativo sul merito della vicenda. Lo si evince dall’intervista a cura di Eleonora Voltolina, pubblicata sul sito larepubblicadeglistagisti, a seguito della risposta del ministro per la Funzione pubblica all’interrogazione del senatore Pietro Ichino sui superstages lucani. «Dopo ben tre interrogazioni parlamentari - scrive - finalmente un membro del governo, Renato Brunetta, risponde sul caso dei superstage e in particolare sulla (im)possibilità che essi si tramutino in assunzioni. Il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione ha voce in capitolo in quanIl ministro to sia i superstage promossi alla del 2008 dal consiglio Brunetta ha fine regionale calabrese (tuttora in corso), sia quelli ideati - ma ancogià dato un ra non avviati - dal consiglio responso regionale lucano all’inizio di prevedono che i tironegativo sul quest’anno, cinanti vadano a fare esperienza merito della all’interno di strutture pubbliche. E proprio il tallone d’Achille di vicenda. queste iniziative - cioè la loro duabnorme e contra legem: nel Lo si evince rata caso della Calabria di 24 mesi a fronte di un massimo di 12 previda una sto dalla normativa, nel caso della intervista Basilicata di 12 mesi a fronte di un massimo di 6 - riguarda da vion line cino il ministro: periodi di stage così lunghi danno luogo ad aspettative di stabilizzazione, come ampiamente dimostrato dalle pressanti richieste dei superstagisti calabresi sia alla fine dell’anno scorso, alla giunta di centrosinistra uscente, sia all’inizio di quest’anno, alla giunta di centrodestra appena subentrata. E la stabilizzazione è una patata bollente, sia perchè si tratterebbe di ingrossare gli organici della pubblica amministrazione (quando è in corso la manovra opposta, per cercare di ridurne il numero), sia perchè sarebbe condita da incentivi economici agli enti locali (quando anche qui è in corso una manovra opposta per ridurre la spesa pubblica), sia infine perchè i superstagisti finirebbero per godere di una corsia preferenziale secondo alcuni non costituzionale. La Repubblica degli Stagisti chiede direttamente

Eagles Airlines scatta il rilancio degli aeroporti CATANZARO - «Caratterizzare le realtà aeroportuali calabresi per rendere omogeneo il tutto attraverso la definizione di sistema Calabria». Lo ha detto il presidente della Regione,GiuseppeScopelliti, presentandoa Catanzaro i nuovi voli che la compagnia aerea Eagles Airlines offrirà nelle prossime settimane dagli scali di Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone per l’aeroporto di Venezia. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato, con Scopelliti, l’ad della compagnia Mauro Calvano, il consigliere regionale delegato ai Trasporti, Fausto Orsomarso, i presidenti delle società di gestione degli aeroporti di Lamezia Vincenzo Speziali (Sacal), e di Reggio, Pasquale Bova (Sogas), e Fortunato Roberto Salerno per Crotone. I voli, con aerei Fokker 100 da e

al senatore che ha presentato le interrogazioni, il giuslavorista Pietro Ichino, un commento alla risposta del ministro. Professore, rispetto alla risposta di Brunetta alla sua interrogazione parlamentare: che senso ha fare riferimento alle «eventuali leggi regionali adottate, in materia di tirocini formativi, dalla Regione Basilicata, nell’esercizio della propria autonomia legislativa» quando la Basilicata (così come la Calabria) non ha promulgato alcuna legge regionale in materia? Mi sembra che non abbia alcun senso. {Non è forse vero che, in mancanza di una legge regionale, bisognerebbe attenersi al dm del 1998? Sì, e prima ancora alla legge n. 196/1997, la "legge Treu", che contiene la disciplina della materia degli stage tuttora vigente». « Le parole del ministro Brunetta allontanano la possibilità che la Regione Calabria proceda a finanziare le stabilizzazioni dei 350 superstagisti? O Scopelliti e i suoi assessori hanno ancora margine per agire, destinando i famosi 10mila euro all’anno a quegli enti che decideranno di fare contratti a termine a qualche superstagista? Ho l’impressione che la nuova Giunta non abbia intenzione di dar corso agli incentivi, perché con gli ultimi tagli di Tremonti non ci sono più soldi neanche per pagare gli stipendi dei dipendenti già in forza. Ma anche perché, a fronte della mobilitazione degli stagisti, sta crescendo un diffuso malumore tra i giovani calabresi contro questa forma di job creation fuori mercato riservata ai 110 e lode. Il discorso sul "trattenere in Calabria i più bravi" non sta in piedi, se per trattenerli occorre creare dei posti in organico di cui non ci sarebbe bisogno». La vicenda, comunque, sembra destinata ad ulteriori polemiche.

«Il discorso di trattenere in Calabria i più bravi non sta in piedi, se per trattenerli occorre creare posti che non servono»

per lo scalo lagunare saranno tre lungo l’arco della settimana da Lamezia e Reggio e uno da Crotone «Da qui ad un mese - ha detto Scopelliti - partiranno i primi collegamenti. Si sta lavorando per l’acquisizione di altri voli per un’altra importante realtà del Nord Italia e per una destinazione estera. Anche con questo tipo di intervento - ha aggiunto Scopelliti - stiamo lavorando per creare una rete tra gli aeroporti calabresi. Per questo pensiamo a rafforzare e rilanciare lo scalo di Lamezia, potenziare Reggio evidenziando la sua peculiarità rispetto all’area mediterranea e a ritagliare un ruolo per Crotone, con il più un’ottica di potenziamento della charteristica». «Puntiamo ha aggiunto Scopelliti facendo riferimento anche all’ipotesi dell’aeroporto della Sibaritide su cui si sta lavorando anche se c’è qualche resistenza da parte dell’Enac - ad una visione d’insieme scevra da campanilismi che possa portare alla creazione di una rete tra gli scali, così come è la nostra filosofia di azione». Scopelliti ha messo in evidenza che la Eagles avvierà l’attività con le proprie forze e senza contributi anche se con il supporto della Regione «con la quale in questi mesi è stato avviato un dialogo che ha portato alla realizzazione dei voli». «Non siamo una low cost - ha detto l’ad Calvano - siamo nati da poco ma con idee chiarissime».


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Solidarietà a Soluri

Il leader degli industriali calabresi contesta le preannunciate rimodulazioni dei fondi Fas, dirottati altrove

«Il governo sottrae altre risorse al Sud» Duro atto d’accusa di Umberto De Rose di Francesco Pungitore COSENZA - «Di fronte ad uno scenario economico drammaticamente negativo per tutto il Mezzogiorno e per la Calabria in particolare, il Governo nazionale cosa fa? Continua a sottrarre risorse al Mezzogiorno attraverso l’ormai diffusa pratica delle "rimodulazioni finanziarie", utilizzando le risorse per lo sviluppo come una sorta di bancomat da cui attingere per ogni esigenza nazionale». E’ particolarmente duro il commento del leader degli industriali calabresi, Umberto De Rose, all’ipotesi di riconvogliare al Centro tutte le risorse Fas 2000/2006 non spese per riutilizzarle su progetti strategici unitari non ancora noti. «Voglio davvero augurarmi continua - che si tratti dell’ abitualeschizofreniaestivacheporta a voler, a tutti i costi, criminalizzare il Sud ed ancor più la nostra regione, prima definita "canaglia", poi "cialtrona" ed ora penalizzata da una nuova ed ennesima sottrazione di fondi. Mi chiedo: quando sarà mai messa la parola

fine a questo stillicidio di interventi che stanno producendo l’unico risultato di allontanarci sempre più dal resto dell’Italia e dell’Europa? Non v’è dubbio - ha affermato De Rose - che esista la necessità di "stringere" e valutare bene l’efficacia dei Fondi (a partire da quelli Fas): ma perché solo per le Regioni e senza verificare le cause che hanno determinato i ritardi di spesa (il più delle volte come nel caso dei Fas - imputabili ai ritardi dell’Amministrazione

RIFORME Patto Sud lancia la sua proposta per cambiare in meglio la politica

centrale nella sottoscrizione e nella gestione degli Accordi istituzionali di Programma).Ed inoltre una domanda sorge spontanea: perché rimodulare solamente le risorse a gestione regionale e non già anche quelle a gestione nazionale che non mi pare abbiano avuto una performance migliore di quella delle regioni? Ed ancora perché non ascoltare le voci e le ragioni dei Governatori delle regioni del Sud che invitano a valutare e riflettere in modo

approfonditoprima di ridestinare risorse già programmate? Sottrarre risorse al Mezzogiorno ed alla Calabria - ha concluso De Rose - equivale a depotenziare tutto il lavoro che si sta facendo con serietà e concretezza anche con l’attuale Amministrazione regionale per sviluppare un territorio che prima ancora di risorse finanziarie ha anche bisogno di recuperare fiducia e prospettive. Non vorremmo essere ancora una volta cattivi profeti, ma l’impressione è che anche queste risorse una volta rimodulate saranno utilizzate a vantaggio delle aree forti del Paese». Da qui, dunque, la dura denuncia di De Rose.

«Voglio davvero augurarmi che si tratti dell’abituale schizofrenia estiva che porta a criminalizzare il Sud»

CATANZARO - «Non pensiamo di chiamare a raccolta i partiti intermedi attorno al Pd. Ridurre la nostra proposta di riforma, avviata con il referendum per cambiare un sistema politicoormaipolverizzatoeasfittico, alla teoria del Pd e Pdl è fuorviante». E’ quanto afferma, in una nota, il segretario nazionale del Patto per il Sud per le riforme, Tonino Perrelli. «Attualmente gli italiani - prosegue Perrelli - non scelgono ma delegano ai partiti la decisione di intrecciare alleanze e formare coalizioni, senza tener conto delle primarie vere e non fasulle con candidature bulgare. Il loro è un voto al buio, già col porcellum, per questo motivo noi, pattisti referendari, abbiamo chiesto la modifica della legge elettorale ma niente è stato fatto. Una coalizione non è una combinazione di interessi in mancanza di meglio, ma l’impe-

gno per una strategia comune, un accordo di programma che illumina cittadini sulle iniziative di governo che la coalizione assumerà una volta ottenuto il consenso. Né stati di necessità, né fatti di potere, né durate bibliche, ma un onesto patto per vivere e per non sopravvivere, alla stregua di un’alleanza dotata di una strategia, risultato di una mediazione tra proposte politiche diverse, ma non al-

REGGIO CALABRIA - «Piena solidarietà per la professionalità e l’operato che da sempre lo contraddistingue, va al Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Calabria, Giuseppe Soluri, per il vile atto intimidatorio di cui è stato fatto oggetto». E’ quanto dichiara il consigliere regionale di "Insieme per la Calabria", Antonio Rappoccio che aggiunge: «Sono stati frequenti negli ultimi giorni, atti intimidatori nei confronti di quei giornalisti che con stile e coerenza descrivono quotidianamente la realtà calabrese». Conclude Rappoccio: «Invitiamo il PresidenteSoluri,LucioMusolino e tutti gli altri a proseguire nel loro lavoro, rassicurandoli che non saranno lasciati soli nella missione d’informare, missione che viene prima di ogni altra cosa, non dimenticando l’assoluta importanza del rispetto reciproco delle parti». Italia dei valori, in una nota congiunta a firma del Commissario regionale del partito Ignazio Messina e del capogruppo in Consiglio regionale, Giuseppe Giordano, esprime solidarietà al Presidente dell’Ordine dei giornalisti calabresi, Giuseppe Soluri, perleminaccericevute.«Quella parte di Calabria ancora sana - affermano - ha bisogno di giornalisti professionisti che svolgono il loro lavoro con dignità e senza timori o reverenze alcune. Questo fa paura e spaventa ma sono la nostra speranza. A Soluri giunga il nostro incoraggiamento».

ternative». Da qui la considerazione iniziale: «Non pensiamo di chiamare a raccolta i partiti intermedi attorno al Pd. Ridurre la nostra proposta di riforma, avviata con il referendum per cambiare un sistema politico ormai polverizzato e asfittico, alla teoria del Pd e Pdl è fuorviante». Dario Mungo


8

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

PRIMO PIANO

Lo stanziamento del ministero dell’Ambiente destinato a enti, istituti, associazioni, fondazioni e altri organismi per il 2010 è di circa 54 milioni di euro. Ai parchi nazionali vanno 48.424.479 di euro

Parco del Pollino: 4,7 milioni di euro In Sila 1,6 e per l’Aspromonte 2,6 di Ernesto Cuomo ROMA - Lo stanziamento del ministero dell’Ambiente destinato a enti, istituti, associazioni, fondazioni e altri organismi per il 2010 è di circa 54 milioni di euro (precisamente 53.946.331). Lo ha deliberato la commissione Ambiente del Senato su proposta dello schema di decreto ministeriale presentato dal ministero dell’Ambiente. Le risorse per i parchi nazionali per il 2010 ammontano a un totale di 48.424.479 euro. Alle riserve naturali vengono destinati in totale 3.060.779 euro. Al

Nel secondo trimestre 2010 flessione delle imprese artigiane CATANZARO - Anche nel secondo trimestre 2010 si registra una flessione nello stock delle imprese artigiane che perdono 144 unità attestandosi su un totale di 37.195 imprese. E’ quanto si afferma in una nota di Unioncamere Calabria. Le nuove iscrizioni (752) sono state vanificate dal numero elevato di cessazioni (869 - al netto delle cancellazioni di ufficio) facendo registrare un tasso di sviluppo negativo dello 0,38%. In valore assoluto gli In Calabria le nuove unici, seppure esigui, saldi positivi iscrizioni (752) sono si registrano nel state vanificate dal settore servizi di informazione e numero elevato di comunicazione e cessazioni con un tasso sanitàeassistenza sociale. Saldi nenegativo dello 0,38% gativi, invece, per le costruzioni, manifatturiero, commercio ingrosso e dettaglio, riparazione autoveicoli e motocicli, noleggio,

agenzie di viaggio, servizi supporto alle imprese e agricoltura, silvicoltura e pesca. Perdono un’impresa i settori fornitura di acqua, reti fognarie, attività e gestione rifiuti e quello delle attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. «Il comparto artigiano - afferma Fortunato Roberto Salerno - è composto prevalentemente da imprese operanti nelle attività di tipo tradizionale ed in particolare nel settore delle costruzioni il 25,56% nel manifatturiero, il 15,31% nelle altre attività di servizi. E’ fondamentale, dunque, cominciare a ragionare in termini di innovazione in un settore che è trainante per la nostra economia. Anche la forma giuridica dominante conferma tale tendenza, infatti la ditta individuale, sebbene in diminuzione rispetto all’ultima rilevazione dell’0,7% (-201 unità), rimane la forma giuridica più diffusa tra le imprese artigiane rappresentando l’85,68% del totale con ben 31.870 unità». I dati sono stati elaborati dall"Ufficio Studi di Unioncamere Calabria diretto dal segretario generale Donatella Romeo.

parco tecnologico ed archeologico delle colline metallifere grossetane 433.575 euro, al parco del museo delle miniere dell’Amiata 433.575 euro, al parco del museo minerario delle miniere di zolfo delle Marche 240.875 euro. Per le azioni di rilevanza nazionale ci sono risorse per 825.047 euro, per la Convenzione di Rio de Janeiro-Bonn 328.000 euro, per la Convenzione di Washington (Cites) 200.000 euro. Questa, nel dettaglio, la ripartizione per i parchi nazionali (in euro): - Parco d’Abruzzo, Lazio e Molise, 931.546,76; - Parco dell’Alta Murgia, 1.949.916; - Parco dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese, 550.000; Parco dell’Appennino Tosco Emiliano, 1.128.797; - Parco dell’Arcipelago della Maddalena, 998.070; - Parco dell’Arcipelago Toscano, 1.676.290; - Parco dell’Asinara, 496.446;-Parcodell’Aspromonte, 2.600.490; - Parco del Cilento e Vallo della Diana, 3.806.683; Parco delle Cinque Terre, 2.175.636; - Parco del Circeo, 824.398; - Parco delle Dolomiti Bellunesi, 1.330.966; - Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, 1.306.228; Parco del Gargano, 2.524.770; Parco del Gran Paradiso, 4.272.606; - Parco del Gran Sasso e Monti della Laga, 3.785.425; Parco della Maiella, 1.663.733; Parco dei Monti Sibillini, 1.788.601; - Parco del Pollino, 4.769.565; - Parco della Sila, 1.631.895; - Parco dello Stelvio, 5.464.173; - Parco della Val Grande, 988.270; - Parco del Vesuvio, 1.759.963. Secondo Wwf e Lipu si tratta comunque di fondi insufficienti. Entrambi si oppongono al taglio del 50% ai finanziamenti dei Parchi nazionali, una riduzione drastica prevista dalla manovra economica, che rischia di compromettere la sopravvivenza stessa di questi 23 scrigni di biodiversità, che consentono di difendere 1 milione 437 mila ettari di territorio, ovvero il 5% del territorio italiano e di tutelare decine di migliaia di specie animali e vegetali, tra cui specie simbolo del nostro Paese come l’orso o il lupo, garantendo allo stesso tempo i servizi naturali indispensabili alla vita- come la qualità dell’aria e dell’acqua, il cibo, la protezione dal rischio idrogeologico - e un importante indotto economico legato al turismo e ai posti di lavoro. I parchi rappresentano inoltre il cuore della protezione europea della biodi-

versità che si attua attraverso le rete europea Natura 2000. «Nel 2010 Anno della biodiversità sarebbe davvero assurdo cancellare i parchi con il colpo di scure di un taglio indiscriminato e irresponsabile, subito dopo la celebrazione della prima Conferenza nazionale per la biodiversità del maggio scorso, e proprio mentre sta per vedere la luce la Strategia nazionale, che assegna ai parchi un ruolo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di conservazione imposti anche all’Italia dagli accordi internazionali - dicono Wwwf e Lipu. - Il

Per le azioni di rilevanza nazionale ci sono risorse per 825.047 euro, per la Convenzione di Rio 328.000 euro taglio dei parchi è un pessimo biglietto da visita del nostro Paese in vista del vertice mondiale sulle biodiversità, che si svolgerà ad ottobre a Nagoja in Giappone, ed è un falso risparmio: il taglio è di solo 25 milioni di euro (mezzo caffè al giorno per ogni italiano). Wwf e Lipu, insieme a migliaia di dipendenti, professionisti, addetti alla vigilanza, educatori ambientali impegnati nei Parchi, chiedono a gran voce al Governo quanto pensi di investire nell’ambiente e nella biodiversità. Ma la risposta, purtroppo, appare evidente: già nei tagli alle spese dei dicasteri contenuti due anni fa nel primo decreto Tremonti (dl 112/2008), il Governo aveva deciso che dal 2009 al 2011 i fondi del Ministero dell’Ambiente sarebbero stati ridotti del 52%, con una riduzione di 678 milioni di euro sui 1.300 milioni di euro realmente disponibili nel 2008. E in occasione della discussione sulla Legge Finanziaria 2010, è emersa una situazione ben più preoccupante. A fine 2009 lo stesso Ministro Stefania Prestigiacomo denunciava un ulteriore ridimensionamento, oltre a quello già previsto nel decreto Tremonti, che stava facendo passare il bilancio del Ministero dell’Ambiente dai circa 1.700 milioni di euro garantiti nel 2008, ai 1.265 milioni del 2009, ai 738 milioni circa del 2010, per arrivare a


il Domani

|

AsteInfoappalti

9

Martedì 3 Agosto 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 195/93 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico: ""terreno in Borgia, Loc. Fiumarella - Forno (Foglio 23, particelle 229 - 231) prezzo base: Euro 1.143,81 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 6 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità, nonchè un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. ..." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell'aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche su Progetto Aste Mediatag. Catanzaro, 21 aprile 2010. Il Cancelliere Il Giudice °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 3706-04 R.G.E. pendente tra Intesa Gestione Crediti S.p.A. E … omissis … visti gli atti; attesa l'opportunità di procedere alla vendita dell'intero cespite non essendo lo stesso divisibile, DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: lotto 1: appartamento in Soverato, via Giovanni Bosco n. 190, mq 136, in catasto al foglio 12, p.lla 60, sub. 9, al prezzo euro 75.703,12. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "TRIBUNALE DI CATANZARO proc. n. 3706-04 RGE" un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12.00 del giorno 12 ottobre 2010 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 13 ottobre 2010. Aumento minimo in caso di gara euro

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

1.000,00. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in Cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata mediante inserzione mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista "Aste" e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, con esonero dalla pubblicità presso affissione al comune. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro 18 marzo 2010 F.to Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 148/05 R.G.E. pendente tra Pennisi Maria Giuseppina e visti gli atti: DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: fabbricato per civile abitazione in Comune di San Sostene, Vicolo 3 Roma 12 e 14, costituito da piano terra, piano primo, piano secondo e sottotetto, in catasto al foglio 12 p.lla 339 sub. 1 Prezzo Euro 13.519,24 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 148/05 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 12.10.2010, restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 13.10.2010. Aumento minimo in caso di gara euro 3.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Dispone che le spese di pubblicità siano poste a carico dell'erario Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 31.3.2010. Il Giudice (dott.ssa Giovanna Gioia) °°°°°°°°°° Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott.ssa Giovanna Gioia Nella procedura esecutiva n. 241/96 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto. Con riduzione di º sul prezzo a base d'asta, dei seguenti beni: Lotto n. 1: quota pari ad 1/2 do terreno agricolo sito nel comune di San Sostene, loc. Cacarella mq. 18.780. Riportato in Catasto al Foglio 36 p.lla 169 e 180. Prezzo base d'asta Euro 832,16 Lotto n. 2: quota pari ad 1/12 di terreno agricolo sito nel comune di Torre Ruggiero con piccola casa colonica in stato di abbandono, mq 28.010, in Catasto al foglio 15 p.lle 124, 158 159, 224, 425,598. Prezzo Base d'asta: Euro 216,72 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria.

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 13 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenete domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo; fotocopia del documento d'identità nonchè un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N 241/96" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In casa di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L'aggiudicatario dovrà versare in cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto. Si dispone, altresì, che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - Quotidiano "Il Domani"; - Rivista aste Catanzaro, li 25 novembre 2009 Il Giudice °°°°°°°°°° Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 64/95 R.G. Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all'udienza del 21.04.2010; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita. Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato descritto nell'allegato prospetto; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 5.10.2010 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a Euro 3.000,00, l'udienza del 6.10.2010 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 64/95" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonchè alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet " www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano " Il Domani ", con avvertimento che in ipotesi di mancato espletamento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interessi ad agire. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione del debitore. Catanzaro lì 21 Aprile 2010 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Procedura di Espropriazione Immobiliare n. 64/95 del R.G.E. PROSPETTO RIASSUNTIVO DEI BENI - LOTTO n. 1 - valore complessivo Euro 57.815,02 a) Qualità dell'immobile: Bar-ristorante ed annessi; b) Pertinenza: quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi Loc. “Querce"; d) Composizione: Superficie totale edificata mq. 329,20, annessi mq. 200. e) Descrizione catastale: Foglio n. 4, part.lla n. 10 sub. 1, 2, 3, 4, 5 e 6. f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 13.07.1988 per notaio Paola Gualtieri. g) Valore: Euro 77.086,69. Vi è servitù di passaggio sulla corte comune in favore dei proprietari limitrofi; la ditta benchè lo occupi, non è n possesso del titolo di proprietà relativo al sub 1; il tipo di frazionamento n. 2388 del 18.12.1987 che prevede la divisione dell'immobile in sei subalterni non è reperibile presso il Catasto. - LOTTO N. 2 - VALORE COMPLESSIVO Euro 17.079,61 a) Qualità dell'immobile: Oliveto - querceto; b) Pertinenza: quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Banda di Pietro"; d) Composizione: mq. 2.580; e) Descrizione catastale: foglio n. 1, part.lle n. 270, 348; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 10.09.1964, registrato a Catanzaro il 24.09.1964 al n. 1170, per Notaio Salvatore Le Pera; a) Qualità dell'immobile: Bosco seminativo; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/6, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. " Gonìa"; d) Composizione: ha 3,34; e) Descrizione catastale: foglio n. 2, part.lla n. 169; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione dell'8.10.1988, R.G. n. 19569; a) Qualità dell'immobile: Oliveto; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Fosso Umbro"; d) Composizione: mq. 1.630 e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla n. 170; f) Provenienza del bene: Atto notarile pubblico n. 18826, del 10.09.1971 per notaio Cosco; a) Qualità dell'immobile: Pascolo; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/24, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Umbro"; d) Composizione: mq. 5.350; e) Descrizione catastale: foglio n. 9, part.lle nn. 103, 104 e 156; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991 R.G. n. 11172; a) Qualità dell'immobile: Oliveto; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/12, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Graziano "; d) Composizione: mq. 3.180; e) Descrizione catastale: foglio n. 14, part.lla 243; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione dell'8.10.1988 R.G. n. 19569; a) Qualità dell'immobile: Terreno edificabile; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Salita Domenica"; d) Composizione: mq. 560; e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla 350; f) Provenienza del bene: Atto di divisione del 13.09.1963, registrato a Catanzaro l'1.10.1963 al n. 1250, per notaio Salvatore Le Pera; a) Qualità dell'immobile: Terreno edificabile; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis";

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

10

Martedì 3 Agosto 2010 c)

Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Querce"; d) Composizione: mq. 1248; e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla 396; f) Provenienza del bene: Atto notarile pubblico n. 18826 del 10.09.1971 per notaio Cosco; a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 3/32, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Firenze; d) Composizione: superficie mq. 8,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 54; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991, R.G. n. 11172; Dal sopralluogo eseguito sulla base del tipo di frazionamento disponibile (prot. n. 43188 del 27.6.1990) tale immobile risulta compreso in un fabbricato in possesso ad altra Ditta. a) Qualità dell'immobile: Appartamento e magazzini; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 3/32, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Firenze; d) Composizione: superficie mq. 152,00; mq. 66,70; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 56; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991, R.G. n. 11172; Fabbricato oggetto di concessione edilizia in sanatoria n. 106 del 27.04.1994, rilasciata dal sindaco di Simeri Crichi ai sensi della L. 47/85 e succ., che non riguarda, però, una porzione di detto fabbricato edificata successivamente su un terrazzo e oggetto di provvedimento di demolizione da parte dell'Amministrazione comunale. a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 39; d) Composizione: superficie mq. 36,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 395 sub. 1 ; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 29.12.1958, registrato a Catanzaro il 19.01.1959 al n. 2108, per notaio Antonio Teti; a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/2, "omissis"ed 1/2 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 41; d) Composizione: superficie mq. 42,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 387; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 21.04.1988, per notaio Paola Gualtieri; a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/2, "omissis"ed 1/2 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 45; d) Composizione: superficie mq. 22,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 390 sub. 2; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 9.05.1988, per notaio Paola Gualtieri; Le visure presso la Conservatoria dei RR.II. di Catanzaro, allegati in appendice, riportano per i beni considerati le seguenti formalità: verbale di pignoramento immobiliare del Tribunale di Catanzaro, rep. n. 2247/99 del 24.12.1999; atto di compravendita del 13.02.2002 n. rep. 126696, per notaio Gualtieri, relativo al magazzino di cui al foglio 3, part.lla 395/2; certificazione di denunciata successione, rep. n. 455/2000 del 9.05.2000, relativo ai beni di proprietà di "omissis". QUADRO DI SINTESI Valore lotto n. 1) Euro 57.815,02 Valore lotto n. 2) Euro 17.079,61 °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa GIOIA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Nel procedimento n. 1744/2003 R.G.E. pendente tra INPS E [OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Edificio adibito a civile abitazione, su due livelli fuori terra, composto da un appartamento al primo piano e un appartamento al secondo piano, in Botricello, Via Principe di Piemonte, in catasto foglio 35 part. 68 sub. 1 e 2 e 69 sub interlineato, su. Mq. 149; - PREZZO BASE: Euro 32.132,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d'acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l'udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 296/90" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell'aggiudicatario le spese di trasferimento L'udienza per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a Euro 1.000,00 è fissata in data 13/10/2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonchè sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 19/04/2010. °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell'esecuzione, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 36/06 R.G.E pendente tra - E - visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: lotto 1: Immobile In Catanzaro, fraz. Gagliano, loc. Timpone Buda comprendente locale a piano terra, piccolo deposito e corte annessa, in catasto al foglio 9 p.lla 286 sub. 1, 2 e 3 prezzo euro 118.693,12 lotto 2; appartamento in Gagliano di Catanzaro Via Orti 61, in catasto al foglio 17 p.lla 336 sub 2 prezzo euro 75.600,00 lotto 3: appartamento in Decollatura, Via Risorgimento, p.t; in catasto al foglio 21 p.lla 65 sub 2 prezzo euro 40.500,00 lotto 4: quota di 1/2 di appartamento in Catanzaro, Vicolo Scalella 10 in catasto al foglio 48 p.lla 1000 sub. 3 prezzo euro 14.400,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobìle. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 36/06 recante un importo pari

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 12.10.2010, sono a carico dei procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 13.10.2010 Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00 L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante Inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari A richiesta dell'ITALFONDIARIO SPA si comunica che il Giudice delle Esecuzioni Immobiliari Dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 29/96 r.g.e., ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene immobile: Lotto unico: Appartamento sito in Catanzaro, via Conti di Loritello, località Ragazzano, riportato nel NCEU di Catanzaro al foglio 74 Particella 286 Sub 7 Prezzo base Euro 89.089,50 Lë immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 6 OTTOBRE 2010, ore di rito. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione in bollo, fotocopia del documento di identità nonchè un assegno circolare non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 29/1996" di un importo pari al 10 % del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in Euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo d'acquisto, dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. MAGGIORI INFORMAZIONI PRESSO LO STUDIO LEGALE STANIZZI IN CATANZARO, VIA PASCALI, N. 6 - telefono 0961722176 .

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Ufficio esecuzioni immobiliari Il Giudice dell'esecuzione, Dott. Alessandro Brancaccio ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 38/2003 R.E. pendente tra Banco di Napoli E OMISSIS ravvisate le condizioni per procedere alla vendita coattiva del seguente bene: Lotto Uno: "terreni ubicati in Francavilla Angitola, Località Falco, estesi per Ha. 1.58.50, coltivati ad uliveto, actinidietro e bosco ceduo, riportati nel NCT di detto comune al foglio 18, particella 154, al foglio 24, p.lle 45,115 e 140" Lotto Due: "fondo agricolo coltivato ad agrumeto ed uliveto, ubicato in Francavilla

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Angitola, Località Scordari, esteso per Ha. 9.27.10, con piccoli fabbricati non accatastati. L'immobile è riportato nel NCT di detto comune al foglio 25, p.lle 3,28,29,31,32,33,57 e 100" DISPONE Quanto alla vendita senza incanto, da effettuarsi al prezzo base di Euro 26.156,25 per il lotto n. 1, di Euro 226.125,00 per il lotto n. 2, ciascun offerente, ai sensi dell'art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta; L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

11

Martedì 3 Agosto 2010 offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c.; in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d'ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonchè per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI: essa deve aver luogo al prezzo base di Euro 26.156,25 per il lotto n. 1, di euro Euro 226.125,00 per il lotto n. 2, le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a Euro 2.200,00 per il lotto n. 1, ad Euro 18.000,00 per il lotto n. 2; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonchè per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 05 OTTOBRE 2010, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; è fissata, per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del 06 OTTOBRE 2010, ore 12.00 e segg.; NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19 OTTOBRE 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 20 OTTOBRE 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita1 nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; °°°°°°°°°° ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Il Giudice dell'esecuzione nel procedimento n. 21/2004 R.G.E. con provvedimento del 19 maggio 2010 ha disposto procedersi alla vendita dei seguenti beni: OMISSIS ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005, e 51/2006, al prezzo di euro 9.450,00 per il lotto n. 1, di euro 6.862,50 per il lotto n. 2 e di euro 23.835,94 per il lotto n. 3, alla vendita coattiva dei seguenti beni immobili: Lotto 1: "Unità abitativa trilocale di fabbricato sito in Lamezia Terme, dalla superficie commerciale di circa mq. 80, riportata in catasto al foglio 37, p.lla 436, sub. 1, composta da due elevazioni fuori terra con diritto alla corte di cui al foglio 37, p.lla 436, sub. 4"; al prezzo base di euro 9.450,00 Lotto 2: "Unità abitativa bilocale di fabbricato sito in Lamezia Terme, dalla superficie commerciale di circa mq. 58, riportata in catasto al foglio 37, p.lla 436, sub 2, composta da una elevazione fuori terra con diritto alla corte di cui al foglio 37, p.lla 436, sub 4”; al prezzo base di euro 6.862,50 Lotto 3: "Unità abitativa quadrilocale di fabbricato sito in Lamezia Terme, dalla superficie commerciale di circa mq. 157, riportata in catasto al foglio 37, p.lla 436, sub. 3, composta in tutto da tre elevazione fuori terra con diritto alla corte di cui al foglio 37, p.lla 436, sub. 4"; al prezzo base di euro 23.835,94 - Ogni offerente, , dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l'indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - Essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 9.450,00 per il lotto n. 1, di euro 6.862,50 per il lotto n. 2 e di euro 23.835,94 per il lotto n. 3; - Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 800,00 per il lotto n. 1, ad euro 600,00 per il lotto n. 2 e ad euro 2.500,00 per il lotto n. 3; - Ogni concorrente, tranne il debitore, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedu-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

ra, il bene o il lotto cui l'istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - All'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessari, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - Con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - All'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - In ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell'istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 19 ottobre 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; Per il giorno 20 ottobre 2010, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell'immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI', CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: - Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, identità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - L'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a."; in mancanza, si provvederà a norma dell'art. 587 c.p.c.; - Soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell'aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; OMISSIS Lamezia Terme 19.5.2010 F.to Il Giudice

Info 0961 996802


12

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

IMPRESE E LAVORO A richiare il posto sono 260 operatori che prestano assistenza presso il Polo di Germaneto

Il personale del Centro oncologico: «Basta proclami, vogliamo certezze» di Oriana Tavano CATANZARO - «Il personale del Centro Oncologico di Eccellenza è estremamente preoccupato per la situazione di gravissimo dissesto finanziario nel quale si trova oggi la Fondazione Tommaso Campanella». È quanto si lamenta in una comunicato diffuso dal Comitato dei lavoratori del Coe di Germaneto. Tale dissesto, secondo i lavoratoti, sarebbe stato causato dai ripetuti tagli dei finanziamenti regionali ai quali, evidenzia il Comitato, «sino ad oggi non si è accompagnata nessuna misura diretta ad un effettivo contenimento «Sino ad oggi non dei costi attraverso misure razionalizzazione della si è stata adottata di struttura organizzativa del Coe, sollecitate ripetutanessuna misura mente dal presidente della diretta ad un Fondazione ai due soci fon- Regione e Univercontenimento dei datori sità - che soli hanno la possibilità di adottarle». Questi costi attraverso tagli alla Fondazione, promisure di segue la nota, «per un verso a rischio la proserazionalizzazione mettono cuzione dell’attività assistenziale rendendo incerta della struttura la prospettiva dei malati di organizzativa poter continuare il loro percorso di cure a Germadel Coe» neto e per altro verso dimostrano che non vi è alcuna volontà di impiegare tutte le risorse e le energie possibili per ottenere entro la ormai prossima data del 31 dicembre la trasformazione in Irccs». Secondo il personale del Coe, quest’ultima circostanza renderebbe oltremodo concreta l’evenienza che la Fondazione venga posta in liquidazione e che tutti i suoi dipendenti, soprattutto alla luce di quanto recentemente statuito dalla

Manifestazione dei lavoratori del Coe

Corte costituzionale, perdano il loro posto di lavoro. «Ciò significa mettere per strada 260 famiglie calabresi!» denunciano i lavoratori sottolineando che «è ferma in- È ferma intenzione tenzione del personale della Fondazione dare vita ad ogni forma di protesta nei del personale della confronti del disinteresse della Regione Fondazione dare per i malati oncologici e per il personale che ogni giorno con abnegazione presta vita ad ogni forma loro assistenza». Pur avendo in animo l’intenzione di porre in essere azioni di protesta nei eclatanti per fare conoscere all’opinione confronti del pubblica ciò che si sta perpetrando ai danni dei malati oncologici e dell’intera «disinteresse della collettività calabrese, il personale, rispondendo ad una precisa richiesta del Regione per i Consiglio di amministrazione della Fon- malati e per il dazione, il quale ha chiesto proprio su questi temi con la massima urgenza un personale che vi incontro al presidente della Regione, ha rinviato ogni decisione in merito alle for- presta assistenza» me di protesta da assumere successivamente alla riunione del Cda già programmata per mercoledì prossimo,, allorchè il

Consiglio stesso prenderà atto delle decisioni della Regione. «Appare chiara l’intenzione di far morire la Fondazione di inedia per mancanza di fondi», chiosano i lavoratori, giudicando questo atteggiamento «antitetico con i "proclami" del presidente della Giunta Scopelliti neo commissario della sanità calabrese, che per un verso - continua la nota - ambisce alla creazione di un centro oncologico regionale con il potenziamento del Centro di Germaneto e per altro, nei fatti, lo mette in liquidazione senza peraltro enunciarlo apertamente». I lavoratori chiedono a Scopelliti «se questo è il modello di sanità che immagina e se è questo il modello di ristrutturazione che intende disegnare, perché se così fosse la Calabria anziché una speranza avrebbe una certezza...il risparmio passa attraverso la chiusura dei servizi». Il personale del Coe fa sapere, infine, che attenderà gli esiti della riunione del Cda fissata per domani, confidando sulla capacità dei soci fondatori e della Regione di «produrre un futuro certo per le migliaia di malati oncologici che quotidianamente si rivolgono al Centro oncologico e che sono gli unici che pagherebbero le conseguenze di scelte scellerate», dicono. Il personale si dice «stanco anche dei gratuiti e continui attacchi ai danni della Fondazione che si traducono in una denigrazione delle professionalità esistenti in seno al Centro», giudicando «stucchevoli le appassionate polemiche sulla natura giuridica della Fondazione se pubblica, privata, mista o altro». «A noi basta il riconoscimento dei nostri pazienti - concludono i lavoratori - che ci dà la consapevolezza di svolgere il nostro delicato lavoro con abnegazione, in un luogo che è sì di sofferenza ma anche di speranza e che tutti noi siamo pronti a difendere con ogni mezzo».

Soveria Mannelli: apre sede zonale Cna SOVERIA MANNELLI - Numerose autorità istituzionali e religiose, rappresentanti di forze politiche e di associazioni, singoli cittadini e intere famiglie. Tuttipresentiall’inaugurazione della sede zonale della Confederazione nazionale artigianato, svoltasi nei giorni scorsi presso i locali della suddetta sede, in C.so Garibaldi a Soveria Mannelli. Folta la presenza dei rappresentanti dell’ammini-

Artigianato calabrese

strazione comunale di Soveria Mannelli, a conferma della sensibilità che la stessa nutre nei confronti dell’associazionismo in genere e del mondo delle attività produttive ma anche dei servizi di assistenza previdenziale, assicurativa e fiscale resa ai contribuenti ed alla collettività in genere. La nuova sede resterà aperta dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle 12:30 e dalle ore 15:30 alle 19:30 e si

configura come un punto di riferimento della piccola e media impresa, degli artigiani e dei commercianti, di quanti operano a diverso titolo nel comparto economicosull’interoterritorio montano. L’obiettivo,comeillustrainuna nota il presidente della Sede, Antonello Mauri, è quello di creare e consolidare una struttura giovane, dinamica, aperta e disponibile per realizzare un progetto ambizioso: offrire un’ampia gamma di servizi alle imprese ed ai cittadini residenti nell’areamontana,aprescindere dal settore o dalla categoria merceologica alla quale esse appartengono.Nonunascatola vuota o una sigla in più, dunque, ma un reale punto di riferimento per la risoluzione di problematiche quotidiane di carattere burocratico ed ammini-

strative. L’apertura della sede zonale nell’area montana nasce come risposta alle pressanti esigenze di numerose imprese del territorio, appartenenti in larga misura ai settori dell’artigianato, del commercio e della piccola impresa in genere aspiranti ad una maggiore visibilità ed alla necessità di avere un punto di riferimento sul territorio in termini di servizi ed opportunità. Numerosi i servizi erogati dalla

Soveria Mannelli

Sede zonale attraverso lo sportello patronato Epasa di cui la Cna è promotrice: assistenza, previdenza, gestione dei rapporti con gli enti pubblici, Caf, sportello telematico, modelli Isee, convenzioni per gli associati, ma soprattutto, attraverso il supporto dei Confidi, il credito alle imprese, che da sempre costituisce un concreto sostegno finanziario alle attività produttive che operano sul territorio.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO Consorzio di bonifica Ionio crotonese: interruzione idrica Lenze -Torre Cutro CROTONE - Il Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese, rende noto ai consorziati-imprenditori agricoli che a causa della rottura della condotta principale nella tratta Lenze -Torre Cutro (fondo Patia) sono in corso di esecuzione lavori di ripristino e manutenzione della condotta adduttrice principale danneggiata a causa di non prevedibili smottamenti del terreno e che pertanto presu-

mibilmente il prossimo mercoledì 4 agosto nella mattinata, verrà aperta l’erogazione idrica. Le zone interessate oltre al Comune di Cutro ricadono nei territori della diretta ovvero RositoPiano Lago - San Fantin- Campolongo- Ritani-Sant’Anna, Sant’Andrea, Concio, Vigne, Ovile Spinoso, Vermica, Saletta, Carbonara, Campione, Capocolonna, Bugiafro, Forgiano, Mari-

nella. Il Consorzio, come informa una nota del presidente Roberto Torchia, assicura la predisposizione di turni continuativi ed è impegnato ad accorciare i tempi di ripristino del servizio idrico per sopperire al più presto possibile al disagio arrecato alle imprese agricole e ai cittadini del territrorio.

Secondo il segretario generale della Cisl di Catanzaro si tratta di un buon avvio per gararantire nuove prospettive di sviluppo all’area centrale della Calabria

Piano territoriale di coordinamento provinciale, il plauso di Cubello di Vania Notaro CATANZARO - «Un buon avvio per dare sviluppo e prospettiva all’area centrale della Calabria». Così Domenico Cubello, segretario generale della Cisl di Catanzaro, plaude all’approvazione del nuovo Piano terrotoriale di coordinamento provinciale. «L’approvazione del Ptcp da parte dell’intero Consiglio Provinciale - afferma Cubello - è un fatto di estrema importanza, perché è la conclusione di una fase di proficuo confronto fra tutti i soggetti che hanno interesse e voce nella programmazione, forze produttive, AA.LL, forze sociali, associazionismo, gli stessi schieramenti politici e la società civile autorganizzata». Secondo Cubello si tratta di soggetti che sono riusciti a fare sintesi al di là delle contrapposizioni di schieramento e a individuare un percorso di elementi comuni da condividere che possano essere alla base di uno sviluppo vero dell’area centrale della Calabria, l’Istmo Ionio-Tirreno, ma anche dell’intera provincia. In un quadro generale di programmazione del territorio provinciale così definito, per il segreatario generale Cisl «è necessario che gli strumenti di programmazione che gli enti locali dovranno definire e far operare, attraversoipianistrutturali,siano coerenti con le indicazioni generali e stabiliscano obiettivi specifici e differenziati per le singole parti del territorio, evitando che lo stesso sia soggetto a frammentazioni e a un uso indiscriminato». Per la Cisl questo momento di scelte comuni e condivise, fatte attraverso il Ptcp, è un elemento importante e decisivo per il futuro perché consente di intravedere come strategica l’area centraledellaCalabria,dell’Istmo appunto, che è dotata di infrastrutture, ha una posizione geografica baricentrica per l’intera Regione e vede la presenza della più grossa area per insediamenti produttivi presente in Calabria (ex Sir). Inoltre, come evidenzato

da Cubello, nell’area è presente un nodo infrastrutturale, di trasporto, di comunicazione e di interconnessione a Lamezia Terme (vedi aeroporto, autostrada e ferrovia), un centro burocratico, di servizi e di ricerca di Germaneto, con la presenza della futura Cittadella, dell’Università Magna Grecia e del Centro di eccellenza Tommaso Campanella e un’area di raccordo con la fascia Ionica crotonese e l’alto Ionio reggino, che, secondo la Cisl, «consentirebbe di superare un isolamento territoriale che esiste nei fatti e

che può quindi essere cerniera unificante e identificativa dell’intera regione, dal punto di vista economico, burocratico e politico». «Questa idea di provincia sottolinea Cubello - supera visioni di parte e di campanile, guarda in modo unitario al proprio futuro, avendo la priorità di diventare sempre più e sostanzialmente elemento di riferimento di una regione che deve andare oltre divisioni e contrapposizioni per poter sperare, avere un futuro e un’idea».Comeevidenziailsegretario generale Cisl, la prospettiva

del federalismo fiscale, insieme alle varie manovre finanziarie, vedono una riduzione dei trasferimenti centrali alle aree dell’Obiettivo Convergenza, dando una minore disponibilità di risorse. Per questo motivo, dice Cubello, bisogna impegnarsi per sostenere un"associazionismoistituzionale" che possa consentire di razionalizzare le risorse disponibili, eliminare gli sprechi e garantire l’attuale welfare locale ad invarianza di tassazione «Questa è la sfida importante che in un’ottica generale deve pre-

vedere elementi di sostegno alle aree interne - prosegue Cubello che rischiano il completo spopolamento con perdita di ricchezza, di valori e tradizioni, ma soprattutto un abbandono dello stesso territorio». «Cambiare approccio si può e si deve - conclude - ma tutta la classe dirigente responsabile del territorio dovrà superare piccole beghe e interessi spiccioli e spendersi in un progetto di rinascita della comunità provinciale e regionale».


14

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

IMPRESE E LAVORO Nel locale le star del Magna Grecia Film Festival di Soverato e i Negramaro

Compleanno speciale per i Giovani imprenditori di Confcommercio di Stella Pisani CATANZARO - Serata di gala, sabato scorso, per il 1° Anniversario dei Giovani Imprenditori di Confcommercio Catanzaro nell’incantevole cornice del beach village "Blanca Cruz" di Caminia di Stalettì che ha ospitato l’evento. Come da spirito dell’associazione, non si è fatta distinzione di categoria ed hanno partecipato alla festa, anche alcuni membri dei giovani imprenditori di Confindustria. Il presidente Pietro Tassone non è di certo mancato all’evento ed ha sostenuto il gruppo giovani per Il presidente tutta la durata della festa con gioia e tanto entusiasPietro Tassone mo nel vedere un gruppo così forte ed unito. ha sostenuto «Sono orgoglioso - ha detto il gruppo giovani Tassone - perché siamo riua trasmettere un clima per tutta la durata sciti di forte unione in questi giovani che, a piccoli passi, della festa con stanno trovando il loro spagioia e tanto zio in un ambiente difficile e tortuoso come quello del entusiasmo nel commercio, creando imvedere un gruppo portanti opportunità di sviluppo e di crescita». così forte Francesco Leonardo, presidente del Gruppo e unito Giovani, ha dato inizio ai festeggiamenti con un ricco buffet di frutta e prosecco sulla lunga tavolata artisticamente realizzata dagli chef del ristorante. La serata è stata un momento di mondanità, una parentesi festosa per fare un punto sull’anno trascorso e gettare uno sguardo di speranza e buoni propositi per l’anno ancora tutto da riempire. La tanto attesa torta di compleanno non si è fatta troppo attendere e, passata la mezzanotte, è arrivata in sala,

I Giovani di Confcommercio al "Blanca Cruz" di Caminia

imponente e maestosa, con il logo dell’aquila di Calimala blu in alto e la scritta "Giovani Imprenditori Confcommercio Catanzaro - 1°Anniversario". Gianvito «Ringrazio tutto il mio direttivo ed il presidente Tassone - ha detto Francesco Casadonte, Leonardo - per questo primo anno tras- organizzatore del corso assieme e per la fiducia che anche questa sera dimostrano di avere in me Mgff, ha raggiunto con la loro calorosa e nutrita presenza. Spero che il lavoro fatto e tutto ciò che la festa al termine andremo a fare già dai prossimi giorni ri- della diretta cambi, almeno in parte, questo grande entusiasmo che stiamo vivendo come di Soverato gruppo unito e forte. Un ringraziamento particolare va anche a Salvatore Sangiu- assieme ad artisti, liano con il quale abbiamo lavorato in si- attori e registi, nergia per la realizzazione della festa e a tutto lo staff e la proprietà del Blanca in gara per Cruz che ci ha ospitato». Il 20- 21-22 agosto il Gruppo Giovani, darà il via alla il Festival seconda edizione dell’Expo al femminile sul lungomare di Soverato. Serata danzante a seguire, con ospiti d’eccezione. Gianvito

Casadonte, organizzatore del Magna Grecia Film Festival, ha raggiunto la festa al termine della diretta di Soverato assieme agli artisti, attori e registi, in gara per il Festival. Presenza inaspettata, quella del gruppo dei Negramaro. Di ritorno da un concerto, hanno fatto un salto al Blanca Cruz per rilassarsi un po’ quando invece, per la gioia di tutti i presenti, vip e non vip, si sono messi a suonare alcuni dei loro più famosi brani tra i quali, "Meraviglioso" e "Tra Nuvole e Lenzuola". Tra le più accanite nell’acclamare il gruppo, l’attrice Sabrina Impacciatore, con abito rosso e scarpa nero con tacco, tra gli altri vip presenti. Hanno partecipato alla serata, l’assessore provinciale alle attività produttive, Roberto Costanzo; l’assessore alle attività produttive di Soverato, Maurizio Gioviale; l’assessore al controllo del territorio di Soverato, Antonio Rattà; il presidente dell’Ente Bilaterale, Fernando Lobello; il vicario del Gruppo Giovani, Francesco Ciambrone; il vicepresidente Vitaliano Castagna e tutto il direttivo al completo.

Gli agricoltori attendono risposte ROMA - Il presidente della Cia Giuseppe Politi auspica che «le misure promesse dal responsabile delle Politiche agricole trovino l’appoggio dell’intero governo. Altrimenti le parole non si tradurranno in fatti concreti, come, purtroppo, è avvenuto fino ad ora. La mobilitazione proseguirà per far sentire la voce degli agricoltori e per sostenere l’impegno assunto dal ministro». «La manovra

economicaapprovatadefinitivamente alla Camera è discriminante e mortificante con l’agricoltura che vive uno dei momenti più difficili degli ultimi trent’anni. Avevamo chiesto due provvedimenti fondamentali per la sopravvivenza di migliaia di imprese: la proroga (che scade il prossimo 31 luglio) della fiscalizzazione degli oneri sociali per le aziende che danno manodoperanellezonesvantag-

giate e di montagna e la reintroduzione del "bonus gasolio" per le serre cancellato con la finanziaria del 2010. La risposta, come si sa, è stata negativa. Per questa ragione sollecitiamo il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Giancarlo Galan ad inserire queste vitali misure nel pacchetto anticrisi annunciato ieri durante l’audizione in Senato». Lo ha sostenuto il presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi per il quale servono immediati interventi per dare sostegni agli imprenditori agricoli che sono sempre più in grave difficoltà. «Abbiamo manifestato subito apprezzamento per le dichiarazioni del ministro Galan sui provvedimenti mirati per il settore agricolo. E’, però, essen-

ziale - ha avvertito - che si agisca in tempi rapidi e che soprattutto l’impegno del responsabile delle Politiche agricole sia assunto anche dall’intero governo, a cominciare dal ministro dell’Economia. Altrimenti, rischiamo di trovarci davanti all’ennesima promessa che, puntualmente, non viene

mantenuta. Quello che è avvenuto negli ultimi due anni è emblematico. A più riprese da parte dell’esecutivo - anche dallo stesso premier Silvio Berlusconi - si sono annunciate misure per dare un reale supporto all’agricoltura. Affermazioni che, tuttavia, sono rimaste tali».


16

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Riforma del credito: Microcredito e no-profit I finanziamenti saranno estesi anche ai soggetti senza scopo di lucro Con un decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri sulla riforma del credito al consumo, approvato il 30 luglio 2010, il Microcredito viene esteso ai soggetti giuridici senza scopo di lucro e dunque si estende al non profit e alle cooperative. Per la concessione dei finanziamenti sono previste determinate condizioni, infatti, si dovrà presentare un programma di attività, la forma dell’organizzazione in società di capitali e l’oggetto sociale limitato all’ attività dei micro finanziamenti. Per quanto concerne i requisiti dei beneficiari e le forme dei finanziamento, verranno comunicati successivamente con i decreti attuativi del Ministero dell’ Economia. Rispetto al decreto approvato in prima lettura dal Consiglio dei ministri, vengono ampliati i soggetti che possono erogare finanziamenti: Estensione del credito al consumo: a) Alle realtà del terzo settore e del mondo cooperativo; b) Possibilità di

questi organi di concedere finanziamenti. Per i soggetti giuridici senza scopo di lucro, è prevista la costituzione di un nuovo elenco, e gli stessi dovranno rispettare determinate condizioni per la concessione dei finanziamenti. I finanziamenti devono essere concessi a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato. Tali soggetti giuridici, dovranno rispettare inoltre requisiti di onorabilità e presentare un programma di attività. Il Ministero dell’economia, disciplinerà la forma dei finanziamenti, i limiti sul volume delle attività, le condizioni applicate e l’ammontare massimo dei singoli finanziamenti, anche modificando i tetti fissati dall’articolo 111 del D. Lgs sul microcredito. Viene prevista l’istituzione di un nuovo organismo di vigilanza che avrà come compito quello di vigilare sul nuovo elenco e inoltre: fissazione dei contributi a carico degli iscritti che, dovranno essere entro il limite dell’uno per cento

dell’ammontare dei crediti garantiti; potere sanzionatorio che può arrivare alla cancellazione dall’elenco se vengono meno i requisiti per l’iscrizione o non sia avvenuto il pagamento del contributo. Entrambe le due figure professionali possono svolgere la propria attività in maniera esclusiva. In più l’articolo 128-octies vieta la contestuale iscrizione nell’elenco degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. E’ prevista l’istituzione di due appositi elenchi la cui vigilanza è affidata alla creazione di un nuovo organismo. L’organismo di vigilanza potrà prevedere fino alla cancellazione dagli elenchi se sono violate le regole sull’aggiornamento professionale o ad esempiosul mancato pagamento dei contributi. Sono previste delle sanzioni pecuniarie dai 2.065 euro fino ai 129.110 nelcaso in cui l’agente in attività finanziaria ponga ostacolo alle funzioni di controllo.

Nuova stretta per l’antiriciclaggio

Manovra d’estate 2010 Le imprese che cessano l’attività entro un anno dalla data di inizio vedono innalzarsi il rischio di verifiche di controllo da parte di Entrate, Gdf e Inps

La manovra correttiva estiva 2010 (D.L. n. 78/2010 - art. 23 e 24) prevede, tra i vari interventi, nuove disposizioni che andranno a rendere più severo il comportamento da parte degli organi di controllo, sia finanziari che previdenziali, verso tutti quei soggetti imprenditoriali che aprono e chiudono entro l’anno, nonché nei confronti di quelli che sono sistematicamente in perdita. In primo luogo è opportuno fornire il concetto di "impresa apri e chiudi". In particolare, per tale tipologia di soggetto si intendono " [...] le imprese che cessano l’attività entro un anno dalla data di inizio della stessa [...] ". Saranno, dunque, questi i soggetti maggiormente esposti all’attenzione del fisco e non solo di esso, perché su tali imprenditori si acuirà anche il controllo da parte dell’istituto di previdenza sociale. Tale disposizione prende corpo dalla constatazione che

il fenomeno delle imprese apri e chiudi è un fenomeno non dovuto, nella maggior parte dei casi, da un errata valutazione della capacità imprenditoriale del soggetto e del business sottostante, bensì si tratta di una realtà ben studiata "a tavolino" e finalizzata all’occultamento di materia imponibile ai fini fiscali e previdenziali. La programmazione dei controlli fiscali dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza dovrà assicurare una vigilanza sistematica, basata su specifiche analisi di rischio, anche sulle imprese che presentano dichiarazioni in perdita fiscale. Per tali categorie di imprese, dunque, con l’entrata in vigore del D.L. 78/2010,diventa molto più alto il rischio di essere soggette a controlli. Ma vediamo, nel dettaglio, a quale platea è dedicata la novità normativa. Con l’articolo 24 del D.L. n. 78/2010 viene fornita la definizione di "impresa in perdita sistemica". In particolare, sono considerate tali, le imprese che presentano dichiarazioni in perdita fiscale, non determinata da compensi erogati ad amministratori o soci, per più di un periodo d’imposta e non abbiano deliberato e interamente liberato nello stesso periodo uno o più aumenti di capitale a titolo oneroso di importo almeno pari alle perdite fiscali stesse. Il legislatore ha evidentemente ritenuto non (o meno) fiscalmente pericolose le società i cui soci immettono nuovo capitale di rischio immediatamente dopo ilconseguimento della perdita garantendo la prosecuzione della attività. In questo senso, la norma pare correlarsi a quella di contrasto alle cosiddette imprese apri e chiudi. DT

La manovra economica (Dl 78/2010) e la sua conversione (legge 122/2010) hanno ulteriormente arricchito il quadro delle disposizioni antiriciclaggio. Le principali novità che interessano operatori e professionisti operano in 5 direzioni: 1) Limitazione uso del contante per somme pari o superiori a 5mila euro; 2) Incremento delle sanzioni minime in caso di violazioni alla limitazione dell’uso del contante; 3) Ricorso frequente o ingiustificato a operazioni in contante (prelievo o versamento in contante con intermediari finanziari) di importo pari o superiore a 15mila euro diventa elemento per far scattare la segnalazione di operazione sospetta; 4) Astensione (e se già in corso cessazione) da parte dei soggetti obbligati all’applicazione della normativa antiriciclaggio da rapporti continuativi, operazioni o prestazioni professionali di cui siano direttamente o indirettamente parte società fiduciarie, trust, società anonime o controllate attraverso azioni al portatore aventi sede in paradisi fiscali; 5) Autorizzazione del Mef alle imprese, con sede in paradisi fiscali, che intendono partecipare a procedure di aggiudicazione di contrati pubblici relativi a lavori. GC PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 17

BANDI & AVVISI DI GARA

Gara Regionale con procedura aperta per la Fornitura di Vaccini antinfluenzali anno 2010/2011 alle Aziende Sanitarie della Calabria Ente Appaltante: Regione Calabria - Autorità Regionale -Stazione Unica Appaltante Pubblicazione : G.U.R.I. n. 86 del 28 luglio 2010. Scadenza presentazione delle offerte: ore 12,00 del 15 settembre 2010 Contatti : -per informazioni - sig.ra Mariangela Giordano (R.P.), tel. e fax: 0961.857298; e-mail ma.giordano@regcal.it; marilenagiordano@libero.it arch. Walter Suriano (collaboratore), tel. 0961.857306; e-mail v.suriano@regcal.it arch. Concetta Caglioti (collaboratrice), tel. 0961.857306; e-mail c.caglioti@regcal.it

IMPORTO E DURATA DELLA FORNITURA L’importo complessivo del presente appalto e’ pari ad € 1.103.572,00000 I.V.A. esclusa. Gli importi a base d’asta previsti per i singoli lotti oggetto del presente appalto sono i seguenti: lotto n. 1 - importo a base d’asta = € 401.210,00000 oltre I.V.A. lotto n. 2 - importo a base d’asta = € 449.440,00000 oltre I.V.A. lotto n. 3 - importo a base d’asta = € 61.957,00000 oltre I.V.A. lotto n. 4 - importo a base d’asta = € 5.565,00000 oltre I.V.A. lotto n. 5 - importo a base d’asta = € 56.880,00000 oltre I.V.A. lotto n. 6 - importo a base d’asta = € 115.920,00000 oltre I.V.A. lotto n. 7 - importo a base d’asta = € 12.600,00000 oltre I.V.A. Fermo restando l’importo massimo spendibile, eventualmente incrementato ai sensi dell’articolo 4, comma 6, dello Schema di Convenzione, la durata si riferisce comunque alla campagna antinfluenzale 2010/2011. Il prezzo di aggiudicazione resterà fisso ed invariato per tutta la durata della fornitura.

QUALITÀ’ DELLA FORNITURA I vaccini offerti dovranno corrispondere a quanto descritto per ogni lotto nel precedente art. 1 del presente Capitolato; la precisa corrispondenza della qualità dei prodotti forniti a quanto richiesto costituisce elemento essenziale della fornitura. Dovranno, inoltre, essere conformi alle normative vigenti in campo nazionale e comunitario per quanto attiene le autorizzazioni alla produzione, all’importazione ed all’immissione in commercio. Condizione per l’affidamento della fornitura di ciascuno dei lotti di vaccino antinfluenzale all’operatore economico migliore offerente è che detto operatore economico sia autorizzato, per la stagione di che trattasi, all’immissione in commercio del prodotto offerto e che il prodotto sia compreso tra quelli indicati nel Decreto del Ministero della Salute in quanto rispondente per ceppi e composizione alle indicazioni dell’OMS; in caso contrario l’individuazione dell’operatore economico aggiudicatario decadrà e si passerà al secondo classificato e così di seguito. In particolare dovranno rispondere alle caratteristiche previste dalle specifiche monografiche riportate nella F.U.I. vigente; alla predetta F.U.I. dovranno rispondere, altresì, tutte le caratteristiche inerenti la forma farmaceutica.

CONFEZIONAMENTO I prodotti offerti dovranno essere confezionati in modo da

garantirne la corretta conservazione, anche durante le fasi di trasporto. All’esterno di ogni confezione dovranno risultare impressi, con scritte chiare e ben visibili: - la descrizione del contenuto; - il numero del lotto; - la quantità; - il dosaggio; - la data di preparazione; - la data di scadenza. Dette diciture dovranno figurare sia sul confezionamento primario, sia sull’imballaggio esterno; eventuali avvertenze o precauzioni particolari da attuare per la conservazione dei vaccini dovranno essere chiaramente leggibili. L’imballaggio usato deve essere conforme al D.Lgs. n. 540/1992 e s.m.i. e non dovrà presentare difetti e lacerazioni o tracce di manomissione. Le singole confezioni di prodotto dovranno essere quelle regolarmente autorizzate dal Ministero della Salute.

ORDINAZIONI E CONSEGNE L’operatore economico aggiudicatario dovrà eseguire le consegne a propria cura, rischio e spese, nelle quantità e secondo le modalità, i tempi ed i recapiti che saranno indicati nei singoli ordinativi di fornitura che saranno emessi dalle varie Aziende Sanitarie. Non saranno accettate offerte che prevedano un minimo d’ordine. I tempi di consegna dovranno essere quelli indicati nelle richieste di approvvigionamento. Rimane comunque fermo per le Aziende Sanitarie il diritto, nel caso di mancata consegna per qualsivoglia ragione, di acquistare presso altri operatori economici i prodotti occorrenti, a danno dell’aggiudicatario inadempiente; resterà quindi a carico dello stesso sia la differenza per l’eventuale maggior prezzo pagato rispetto a quello di Convenzione, sia ogni altro maggior onere o danno comunque derivante ad ogni Azienda Sanitaria a causa dell’inadempienza, oltre la rifusione di ogni eventuale spesa o danno. Al momento della consegna i prodotti dovranno avere una validità (periodo intercorrente tra la data di produzione e quella di scadenza) residua di almeno i 2/3 (in caso contrario l’accettazione della merce sarà rimessa al giudizio della singola Azienda Sanitaria destinataria della fornitura), fatti salvi i casi di estrema urgenza e/o carenza sul mercato, comunque previo accordo con il Responsabile del Servizio Farmaceutico dell’Azienda Sanitaria destinataria del prodotto. Durante il trasporto dovranno essere mantenute le idonee modalità di conservazione dei prodotti (continuità della catena del freddo). In particolare, sull’imballaggio esterno deve essere chiaramente specificata la temperatura di conservazione mantenuta durante tutto il periodo del trasporto ed anche nelle fasi intermedie di smistamento della merce. La consegna dei prodotti indicati nei singoli buoni d’ordine non potrà avvenire mediante consegne ripartite, salvo diverso accordo scritto tra il Fornitore ed il richiedente. La consegna della fornitura deve avvenire entro e non oltre 7 (sette) giorni solari decorrenti dalla data di ricezione della richiesta di approvvigionamento. In casi eccezionali, quando l’urgenza del caso lo richieda e sia espressamente indicato nei buoni d’ordine, ovvero dichiarata telefonicamente, ad insindacabile giudizio dell’Azienda Sanitaria, il Fornitore dovrà far fronte alla consegna con tempestività, mettendo a disposizione il materiale nel più breve tempo possibile e comunque entro 48 (quarantotto) ore naturali e consecutive dal ricevimento della richiesta medesima.

Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


18

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

AMBIENTE & SICUREZZA

di Giulio Crocitti

Gas, il via libera dal Consiglio dei ministri: ok definitivo a misure concorrenza Via libera definitiva dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dello sviluppo economico, al decreto legislativo che prevede un significativo aumento delle infrastrutture di stoccaggio di gas naturale consentendo di importare ampi volumi di gas quando i prezzi sono più bassi e utilizzarlo anche negli altri periodi dell’anno. È quanto informa il dicastero secondo cui le misure "porteranno a una maggiore concorrenzialità e vantaggi ai consumatori". «Il decreto legislativo sul gas dimostra che si può fare politica industriale rispettando la concorrenza». È questo il commen-

to di Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico con delega all’energia, in merito al provvedimento che regola la concorrenza nel mercato del gas e approvato in Consiglio dei ministri. «Le nuove regole - continua il sottosegretario - favoriscono infrastrutture e concorrenza e consentono alle pmi e alle industrie energivore di partecipare agli investimenti ottenendo prezzi migliori sul gas sin dal prossimo ottobre. L’apertura degli stoccaggi a soggetti diversi da Eni rappresenta un fatto storico rilevante». DT

Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro Stefania Prestigiacomo, ha approvato il decreto legislativo di recepimento della direttiva comunitaria sulla qualità dell’aria (2008/50/Ce), che disciplina l’intera materia della valutazione e gestione della qualità dell’aria nei paesi Ue. Il provvedimento interviene a fissare i valori e gli obiettivi di qualità dell’aria da raggiungere o da perseguire per biossido di zolfo, biossido di azoto, benzene, monossido di carbonio, piombo, particolato Pm10, particolato Pm2.5 e l’ozono. Il decreto legislativo modifica la normativa preesistente, realizzando un quadro normativo unitario aggiornato alla luce dello sviluppo delle conoscenze in campo scientifico e sanitario e delle esperienze maturate, che consentirà di superare le criticità che lo Stato e le regioni hanno incontrato nei dieci anni di applicazione della previgente normativa. Due gli obiettivi che vengono raggiunti: razionalizzare le attività di valutazione e di gestione della qualità dell’aria, secondo canoni di efficienza, efficacia ed economicità, e responsabilizzare tutti i soggetti inte-

Cdm: ok alle direttive Ue sulla qualità dell’aria

ressati all’attuazione delle nuove disposizioni sulla base di un preciso riparto delle competenze. Tali finalità sono conseguite attraverso un processo di ottimizzazione delle attività e delle gestioni esistenti,senzaprevedereoneriulteriori rispetto al passato. È prevista, inoltre, la possibilità di ricorrere a misure nazionali qualora da un’apposita istruttoria risulti che tutte le possibili misure

individuabili dalle regioni nei piani di qualità dell’aria non siano risolutive, in quanto i superamenti sono causati in modo decisivo da sorgenti di emissione su cui le regioni non hanno competenza amministrativa e legislativa. In tal caso si procede all’adozione di misure di carattere nazionale sulla base dei lavori di un comitato da istituire presso la presidenza del Consiglio dei ministri.

Rinnovabili: inviato a Bruxelles il Piano di azione nazionale di Giuseppe Tetto Entro l’anno 2020 l’Italia dovrà raggiungere l’obiettivo di andare a coprire il 17% dei propri consumi finali di energia attraverso la produzione da fonti rinnovabili. E a ribadirlo è stata la Direzione generale energia nucleare, energie rinnovabili e efficienza energetica, del Dipartimento energia del Ministero dello Sviluppo economico, al termine di Il Piano è stato redatto un’ampia conche in attuazione della nuova sultazione, ha inviato alla direttiva sulla promozione Commissione europea di Brudell’uso dell’energia da xelles il Piano di nazionale fonti rinnovabili, recante azione per le energie rinnovabili del modifica e successiva nostro Paese. abrogazione delle direttive Il Piano è stato in at2001/77/Ce e 2003/30/Ce redatto tuazione della nuova direttiva e della decisione della (2009/28/Ce)sulCommissione sulle fonti la promozione dell’uso rinnovabili dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/Ce e 2003/30/Ce e della decisione della Commissione del 30 giugno 2009 sulle

fonti rinnovabili ed è in conformità allo schema predisposto in sede europea. Nel 2020 il nostro Paese dovrà coprire il 17% dei consumi finali di energia mediante fonti rinnovabili, interessando non solo gli usi elettrici ma anche gli usi termici ed i trasporti. A tali obiettivi,

si arriverà attraverso strumenti settoriali e misure trasversali al fine di conferire una maggiore efficienza e sostenibilità alle politiche di sostegno per le fonti rinnovabili, con attenzione per le ricadute industriali ed occupazionali e contenendo gli oneri per i consumato-

ri. Il Pan predisposto dal Mse è stato sottoposto ad un’ampia consultazione pubblica che ha coinvolto soggetti istituzionali, associazioni ambientaliste, associazioni di categoria ed imprese, registrando grande interesse e partecipazione. La versione definitiva post-consultazione è infatti il frutto di un costante confronto tenuto in particolare con il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare e con il Ministero delle Politiche agricole, Nel 2020 il nostro alimentariefo- Paese dovrà coprire restali in ragione delle il 17% dei consumi loro specifiche competenze in finali di energia materia. mediante fonti Il Piano è stato, altresì, con- rinnovabili, diviso con gli interessando non Enti locali e con le Regioni solo gli usi che saranno coinvolte nelle elettrici ma anche fasi successive gli usi termici di attuazione, soprattuttoper ed i trasporti definire la ripartizione regionale dell’obiettivo nazionale (cd. burden sharing) e costituire un sistema di monitoraggio periodico sui risultati conseguiti.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE Oltre ai 3 membri di diritto, ci sono 16 membri togati e 8 laici dal Parlamento

Michele Vietti (Udc) nuovo vicepresidente del Csm di Carlo Bassi ROMA - Michele Vietti è il nuovo vicepresidente del Csm eletto nella prima riunione plenaria del Consiglio superiore della magistratura, eletto per il quadriennio 2010-2014. Sono state confermate dunque le previsioni della vigilia. L’ex presidente vicario dell’Udc, che succede a Nicola Mancino, è stato eletto con 24 voti su 27: lo scrutinio ha fatto registrare due schede bianche. Come da consuetudine il Capo dello Stato e presidente del Csm, Giorgio Napolitano non ha votato. Napolitano ha voluto subito rallegrarsi con Vietti sottolineando il ruolo unitario di "presidente di tutti" con il compito di armonizzare le diverse, libere voci e di stabilire con il Capo dello Stato un valido raccordo istituzionale. Il Capo dello Sato si è soffermato sui compiti del Csm chiamato a un effettivo controllo di professionalità e al più stretto e leale rapporto di collaborazione con il ministro della Giustizia.

Nel discorso fatto a ridosso della sua elezione, Vietti ha dettato il suo ‘programma’ e ha sottolineato l’esigenza per Csm, scosso dai recenti scandali, di riguadagnare prestigio e consenso con rigore e serietà, recuperando credibilità, imparzialità e terzietà della magistratura. Il nuovo vice presidente del Csm ha auspicato il superamento della contrapposizione tra politica e giustizia che debbono tornare a dialogare in un corretto equilibrio costituzionale. L’obiettivo per Vietti, che ha sottolineato l’importanza dell’ampia convergenza registrata sulla sua candidatura, è l’efficienza del funzionamento della giustizia, con particolare riguardo alla durata dei processi. Il nuovo Csm è composto da tre membri di diritto (Napolitano, il Presidente e il procuratore generale della Cassazione Ernesto Lupo e Vitaliano Esposito) a cui si aggiungono 16 togati e 8 laici (tra cui

Vietti) eletti dal Parlamento venerdì. In pole, oltre a Vietti, era anche Annibale Marini, ex presidente della Corte costituzionale. Gli altri 6 membri laici del Csm eletti venerdì dal Parlamento alla settima votazione sono Glauco Giostra, Guido Calvi, Filiberto Palumbo, Bartolomeo Romano, Nicolò Zanon e Matteo Brigandì. I 16 togati del rinnovato Consiglio

Il nuovo Csm è composto da tre membri di diritto: Napolitano, il Presidente e il procuratore generale della Cassazione Ernesto Lupo e Vitaliano Esposito

L’ex presidente vicario dell’Udc, che succede a Nicola Mancino, è stato eletto con 24 voti su 27: lo scrutinio ha fatto registrare due schede bianche Michele Vietti

superiore della magistratura sono Riccardo Fuzio, Mariano Sciacca, Pina Casella, Alberto Liguori, Giovanna Di Rosa e Paolo Auriemma di ‘Unita per la Costituzione’. Gli eletti di Magistratura democratica sono Vittorio Borraccetti, Francesco Cassano e Francesco Vigorito (uno in meno rispetto alla precedete consigliatura). Di Movimento per la Giustizia, Nello Nappi, Paolo Carfì e Roberto Rossi. Di Magistratura Indipendente, Tommaso Virga, Alessandro Pepe, Antonello Racanelli. Membro ‘indipendente’ Paolo Corder. Michele Vietti, 56 anni, piemontese, vice segretario nazionale dell’Udc, è stato Consigliere comunale nella città di Torino dal 1990 al 1997, Consigliere di amministrazione del Teatro Stabile di Torino e Consigliere di amministrazione del Museo del Cinema di Torino. Nel 1996 si è candidato alla Camera nel collegio di Chivasso: sostenuto dal centrodestra ma non dalla Lega Nord, ha ottenuto il 34,6 per cento dei consensi. È stato componente, dal 1998 al 2001, eletto dal Parlamento in seduta comune, del Consiglio superiore della magistratura dove è stato presidente della XII Commissione (Regolamento) e Vice Presidente della I Commissione. È stato sottosegretario al ministero della Giustizia (nel secondo Governo Berlusconi) e sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze (nel terzo Governo Berlusconi), prima di passare all’opposizione nell’ultima legislatura, in seguito all’uscita dell’Udc dalla maggioranza che fa capo a Berlusconi.

Ancora critiche per l’assenza dei politici che temevano i fischi

Napolitano ricorda le vittime mentre infuria la polemica di Daniele Tosatti ROMA - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato al presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna, dott. Paolo Bolognesi, il seguente messaggio: «Sono decorsi trenta anni da quel terribile 2 agosto 1980, quando il devastante attentato alla stazione centrale di Bologna provocò ottantacinque morti e oltre duecento feriti. A essi e ai loro famigliari va il mio pensiero commosso e partecipe. La vita di inermi cittadini fu quel giorno spezzata dalla violenza di ciechi disegni terroristici ed eversivi. La definizione delle loro matrici - aggiunge Napolitano - così come la individuazione dei loro ispiratori hanno dato luogo a una tormentata vicenda di investigazioni e processi non ancora esaurita. La trasmissione della memoria di quel tragico fatto e di tutti quelli che in quegli anni hanno insanguinato l’Italia non costituisce solo un doveroso omaggio alle vittime di allora,

ma impegna anche i magistrati e tutte le istituzioni a contribuire con ogni ulteriore possibile sforzo a colmare persistenti lacune e ambiguità sulle trame e le complicità sottese a quel terribile episodio. È un tale sforzo il modo migliore di corrispondere alle attese di tutta la nazione e all’ansia di giustizia di chi è sopravvissuto tra penose sofferenze e dei famigliari delle vittime. Altrettanto essenziale è adoprarsi per diffondere sempre di più nel Paese una cultura del confronto democratico e della tolleranza tale da prevenire il ripetersi di analoghi rigurgiti di violenza. Con questi sentimenti - conclude il capo dello Stato -, esprimo a lei, signor presidente, e a tutti i famigliari di chi ha perso la vita in quella orribile strage, la mia affettuosa vicinanza, interpretando i sentimenti di solidarietà dell’intero Paese». L’anniversario della strage di Bologna il trentesimo - è ancora occasione di polemiche e scontri politici. Dopo tre decenni la verità non è stata accertata e molti come in questi giorni ritengono a causa del "segreto di Stato". Quasi un ri-

tornello. In realtà il "segreto di Stato" non è mai stato posto e non ve n’è traccia negli atti dei processi. A chiarire l’equivoco sul "segreto" fu per primo, nel 2001, il ministro Franco Frattini. Alla Camera dei deputati era stata presentata una interrogazione parlamentare di tre deputati del gruppo dei Verdi, Mauro Bulgarelli, Paolo Cento e Marco Boato, con la quale si chiedeva «se il presidente del Consiglio e i ministri interpellati non reputino necessario mettere in atto, ognuno per la propria competenza, ogni iniziativa anche di carattere normativo, volta a promuovere e sostenere l’abrogazione del segreto di Stato nelle indagini sulle stragi e i delitti di terrorismo». Frattini, allora alla Funzione pubblica, rispose sciogliendo ogni dubbio: «Posso senz’altro dire che nel procedimento penale relativo alla strage di Bologna, in nessuna fase dell’indagine, è stato opposto il segreto di Stato; infatti, esiste già una norma processuale che stabilisce che non possono essere oggetto del segreto fatti, notizie e documenti concer-

nenti reati diretti all’eversione dell’ordinamento costituzionale. Quindi, in realtà, spetta al giudice, nelle sue attribuzioni, definire la natura eversiva del reato per cui si procede secondo quanto stabilito dal codice di procedura. In sostanza, l’opposizione del segreto di Stato in base alle norme vigenti - mi riferisco in particolare all’articolo 204 del codice di procedura penale - è già esclusa in tutti i processi in materia di stragi, delitti di terrorismo e di eversione dell’ordine costituzionale, e quindi anche in quello relativo alla strage di Bologna». Frattini aggiunse: «Se atti segreti sono stati rinvenuti, si tratta certamente di segretazioni dovute ad interventi della magistratura e non dei governi che dal 1980 in poi si sono succeduti».


20

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

SPECIALE Calcio d’estate: Totti brilla anche a Parigi Amichevoli d’estate per la Roma di Claudio Ranieri che incassa due ottimi pareggi in terra di Francia. In quel di Parigi brilla la stella di Totti che non segna ma regala sprazzi di gran classe. Impressioni molto positive, comunque, anche in vista della prima di fine agosto contro l’Inter in Supercoppa di Lega.


MartedĂŹ 03 Agosto 2010

il Domani 21

SPECIALE Schumacher si pente ma resta appiedato Michael Schumacher fa mea culpa sulla manovra con cui, per resistere a un attacco del brasiliano Barrichello per il decimo posto in Ungheria, lo ha stretto verso il muretto. Un duello scorretto che non è passato inosservato ai commisari di cara, che hanno affibbiato al sette volte campione del mondo 10 posizioni di penalizzazione sulla griglia di partenza del prossimo GP.


22

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

ECONOMIA BANCHE E BORSE

Crescita ai massimi dal maggio 2007 delle Pmi L’esigenza di aumentare la produzione ha spinto le aziende, soprattutto quelle di maggiori dimensioni, ad accrescere la forza lavoro: buon segno di Daniele Tosatti MILANO - Si rafforza ancora la crescita della manifattura italiana in luglio, sostenuta dal forte aumento dei livelli di produzione e dalla prima espansione dell’occupazione nel settore in circa due anni e mezzo. L’indice destagionalizzato Markit/Adaci, compilato interpellando i responsabili acquisti di settore, è salito il mese scorso a 54,4 da 54,3 di giugno, un incremento ridotto ma sufficiente da portare l’indice ai massimi da maggio 2007. A sostenere le condizioni del comparto manifatturiero è l’aumento

della produzione, in salita per il decimo mese consecutivo a luglio grazie al buon andamento della domanda. Sempre in crescita infatti si confermano i nuovi ordini, seppure a un passo meno vivace che in giugno, complice il robusto apporto delle commesse estere. «È indubbio che nella seconda metà dell’anno ci sarà l’attesa fase di moderazione della crescita, ma i dati fanno presagire che l’inversione del ciclo arriverà un po’ dopo rispetto alle previsioni iniziali, dell’inizio del terzo trimestre. D’altra parte anche l’ultimo sondaggio Isae va in questa direzione, di un possibile mi-

glioramento del quadro dei prossimi mesi, pur sempre in un contesto di rallentamento», spiega un analista. L’esigenza di aumentare la produzione ha spinto le aziende, soprattutto quelle di maggiori dimensioni, ad accrescere la forza lavoro. L’occupazione manifatturiera registra così il primo incremento da gennaio 2008, ponendo fine «alla più profonda e prolungata serie di perdite di posti di lavoro nel settore» nella storia del sondaggio. Le nuove assunzioni si sono concentrate nelle aziende produttrici di beni di investimento, sottolineano i compilatori dell’indagine. Nelle piccole e medie imprese si è invece continuato a registrare una limitata perdita di posti di lavoro. Sono diminuite in giugno le pres-

sioni sul fronte dei costi facendo scivolare l’indice dei prezzi d’acquisto ai minimi degli ultimi cinque mesi. L’indice resta in ogni caso su livelli sempre sostenuti tanto che le aziende che nel mese hanno aumentato i prezzi di vendita hanno citato la salita dei costi come principale motivazione. L’indice dei prezzi di vendita è salito per il quinto mese consecutivo accelerando da giugno ma restando sotto i picchi toccati in aprile. È il dato tedesco a sostenere la crescita in tutta Europa. Per la Germania l’indice Pmi finale di luglio mostra un incremento a

Sempre in calo, per il sedicesimo mese di fila, si sono confermate le scorte di prodotti finiti, sebbene a un passo rallentato 61,2 punti, da 58,4 di giugno. In salita anche l’indice di zona euro a 56,7 punti da 55,6 di giugno.

La Fiat sotto il 30% I dati confermano le anticipazioni: crollo di quasi il 26% ROMA - Il mercato dell’auto in Italia continua a perdere quota e segna a luglio un tonfo del 25,97%, a 152.752 unità. Si tratta del maggior calo da gennaio 2009, quando il settore viveva l’apice della crisi. Sui sette mesi le immatricolazioni segnano una variazione di -1,48%%, a 1.317.260 unità. A giugno le immatricolazioni avevano registrato

È il dato tedesco a sostenere la crescita della manifattura in tutta Europa. Per la Germania l’indice Pmi finale di luglio sale a 61,2 punti

Terremoto: 4 politici e imprenditori sono indagati per corruzione sugli appalti ROMA - Quattro persone tra politici e imprenditori sono state arrestate e un assessore regionale è indagato nell’ambito di un’inchiesta per corruzione della Procura dell’Aquila sulla ricoDaniela Stati, assessore struzione post-terremoregionale alla Protezione to in Abruzzo. Lo riferisce in una nota della civile e all’Ambiente, procura aquilana. Daniela Stati, assessore risulta indagata e ieri ha regionale alla Protepresentato le dimissioni al zione civile e all’Amgovernatore dell’Abruzzo biente,risultaindagatae ierimattinahapresentato le dimissioni al governatore dell’Abruzzo Gianni Chiodi, come si legge sul sito della

Regione. I quattro destinatari di misure cautelari sono il padre della Stati, Ezio, ex-assessore prima nelle file della Dc e poi in Fi, il compagno della Stati Marco Buzzelli, l’ex deputato di Forza Italia Vincenzo Angeloni e Sabatino Stornelli, ex amministratore delegato di Telespazio e attuale AD di Selex Service Management, società del gruppo Finmeccanica. Stornelli, precisa Finmeccanica, ha l’obbligo di dimora nella provincia di Roma. Non è stato possibile raggiungere per un commento gli altri destinatari delle misure cautelari. Secondo la nota diffusa dal procuratore capo dell’Aquila Alfredo Rossini, i cinque sarebbero coinvolti in "episodi di corruzione": avrebbero svolto un’attività illecita «al fine di ottenere il vantaggio di essere inseriti nella lista di beneficiari per fatti e atti connessi alla ricostruzione post sisma del 6 aprile 2009». La richiesta di misure cautelari, spiega Rossini, «si è basata sull’accertamento di favori e utilità ricevute per aver compiuto attività contrarie ai compiti e ai doveri connessi alla funzione pubblica ricoperta. Cab

una flessione del 19,12%. Male anche l’usato: sono stati registrati 394.050 trasferimenti di proprietà con una riduzione del 3,26%. Lo rende noto il ministero dei Trasporti. Il volume globale delle vendite (546.802 autovetture) ha dunque interessato per il 27,94% auto nuove e per il 72,06% auto usate. Torna nuovamente con una quota di mercato sotto il 30% Torna con una quota di la Fiat Group Automobiles che a luglio ha segnato il mercato sotto il 30% la 29,09% delle vendite in italia, Fiat Group Automobiles in calo rispetto al 33,55% di un anno fa. A giugno la quota che a luglio ha segnato era al 30,41% in lieve salita rispetto al 29,83% di maggio. il 29,09% delle vendite Tra i singoli marchi del Linin italia, contro il 33,55% gotto, Fiat ha segnato a luglio una quota del 21,11% (era al 25,84% un anno fa), Lancia è al 4,73% (era al 5,18%) e Alfa Romeo si è attestata al 3,25% (2,53% a luglio 2009). Sui sette mesi la quota del gruppo torinese è al 30,71% rispetto al 33,41% del pari periodo 2009. Gli effetti della fine degli incentivi si stann o facendo dunque sentire con pesantezza.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 23

POLITICA ED CONOMIA NAZIONALE

Caliendo, niente dimissioni Nulla di nulla contro di me

sulla mozione. «Credo che parte di loro (i finiani, ndr) voterebbe in mio favore", ha detto Caliendo nell’intervista, spiegando che finora i rapporti con Fini sono stati "normali" e improntati alla "correttezza"». In un’altra intervista alla Stampa ,

di Roberto Carli ROMA - Il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo, indagato dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta "P3" - una presunta associazione segreta che avrebbe cercato di influenzare illegalmente diverse istituzioni -, dice che non pensa di dimettersi perché contro di lui «non c’è nulla di nulla». «Se ci fosse su di me un fatto anche minimo, mi dimetterei. Ma siccome non c’è, credo che non sia giusto nemmeno nei confronti degli elettori», ha detto Caliendo in un’intervista al Corriere della Sera in edicola ieri. Nei giorni scorsi, quando il sottosegretariononeraancoraufficialmente indagato, l’opposizione di centrosinistra ha depositato una mozione di sfiducia contro di lui. Sulla mozione - che oggi la riunione dei capigruppo della Camera deciderà se mettere in calendario già questa settimana si giocherà il primo scontro tra il premier Silvio Berlusconi e il presidente della Camera Gianfranco Fini, dopo la rottura consumatasi

la settimana scorsa, che ha portato 33 deputati finiani a dare vita al gruppo autonomo "Futuro e Libertà". Gli occhi saranno tutti puntati sul voto della pattuglia di deputati "scissionisti", che hanno fatto della legalità uno dei loro cavalli di battaglia. Fini domenica ha spiegato di avere le idee "chiarissime" sul nodo Caliendo, senza tuttavia chiarire in quale senso, e ha detto che ne discuterà con il suo gruppo poco prima dell’eventuale voto

P3 Il nome dato alla presunta associazione o consorteria come l’ha chiamata il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Giorgio Conte, "reggente" di Futuro e Libertà a Montecitorio, spiega oggi che i finiani devono ancora discutere della questione, e che fra di loro "ci sono opinioni diverse".Dopolanotiziadell’iscrizione di Caliendo nel registro degli indagati, la scorsa settimana il ministro della Giustizia Angelino Alfano e il presidente del Consiglio Berlusconi gli hanno ribadito in due distinte note "fiducia e solidarietà". Nella stessa inchiesta risultano già indagati il coordinato-

Mercoledì alle 17 l’aula della Camera, in diretta tv, voterà la mozione presentata dal Pd e dall’ Idv - per le dimissioni del Sottosegretario re del Pdl in Campania Nicola Cosentino, che si è dimesso da sottosegretario all’Economia, e il parlamentare Pdl Marcello Dell’Utri, mentre l’8 luglio scorso sono stati arrestati l’imprenditore Flavio Carboni -- ora detenuto in una clinica --, il magistrato tributario Pasquale Lombardi e il costruttore Arcangelo Martino. L’indagine prende spunto da un altro dossier della magistratura, quello sui presunti appalti illeciti per l’energia eolica in Sardegna, nell’ambito della quale risultano indagati già alcuni dei protagonisti della cosiddetta vicenda "P3", a partire dallo stesso Carboni. Secondo i documenti relativi alla posizione di Caliendo, i magistrati gli contestano in particolare di aver partecipato a una riunione il 23 settembre 2009 a Roma, ospitata da Verdini, a cui parteciparono tutti gli indagati, oltre al magistrato Antonio Martone e al capo degli ispettori del ministero della Giustizia Arcibaldo Miller.


24

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

POLITICA ED ECONOMIA INTERNAZIONALE Ben Bernanke, realismo ma anche un raggio di speranza dal presidente

Restare all’erta ma il peggio è passato dice la Federal di Carlo Bassi WASHINGTON - Per l’economia americana, dopo la pesante crisi, la strada verso la piena ripresa è ancora lunga e accidentata. Con questo messaggio, il numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, ha suggerito alla politica e agli imprenditori degli Stati Uniti di non abbassare la guardia di fronte ai primi segnali di ripartenza della locomotiva americana. E tuttavia, il peggio è passato secondo il presidente della Fed, perché Bernanke ha comunque affermato, in un intervento in California pubblicato sul sito web della Fed, che il «peggio» della crisi finanziaria è ormai alle spalle, ma che i segnali per poter affermare che l’economa americana ha imboccato con decisione la via della ripresa sono ancora contraddittori e di modesta entità. E soprattutto esistono freni ancora difficili da rimuovere per il ritorno della macchina Usa alla «salute». L’economia sta comunque crescendo, e questo è un buon viatico per archiviare il peggior momento della Grande depressione degli anni ’30, ma ancora «troppi americani - ha detto il presidente della Fed - sono alle prese con disoccupazione, debiti e pignoramenti». I commenti di Bernanke alla situazione economia del Paese sono i primi dalla nota del governo federale della scorsa settimana in cui si sottolineava come la

ripresa avviata l’anno passato abbia perso di impulso nell’ultima primavera. La crescita dell’economia americana dovrebbe comunque beneficiare, secondo Bernanke, della ripresa di consumi e investimenti, che dovrebbero compensare il calo delle misure di sostegno pubblico: «La crescita dei consumi - si legge - dovrebbe risalire nei prossimi trimestri, rispetto all’attuale ritmo modesto, grazie al miglioramento dei redditi e alle migliori condizioni creditizie». Bernanke ha ribadito che la Fed è dell’opinionechel’inflationeresteràsotto controllo nei prossimi due anni e che le

’30

Mai così male da allora, ma per fortuna i segnali parlano di ripresa

Ma i segnali per poter affermare che l’economia americana ha imboccato con decisione la via della ripresa sono ancora contraddittori e di modesta entità Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve

aspettative di inflazione resteranno stabili. Riferendosi alle banche, Bernanke ha affermato che, sebbene la situazione sia in miglioramento, i bilanci di numerosi istituti restano in difficoltà a causa dei prestiti in sofferenza. Comunque, la Fed ritiene che le misure di sostegno finanziario adottate dalla Ue dopo la crisi greca, e gli stress test effettuati sulle banche europee, abbiano «ridotto le preoccupazioni dei mercati finanziari sulle prospettive europee».

Più di mille morti nella peggiore alluvione di sempre di Carlin ISLAMABAD - Le autorità del Pakistan stanno faticosamente tentando di soccorrere le vittime della peggiore inondazione mai registrata nel Paese che ha già ucciso più di mille persone, attirando aspre critiche sulle capacità di intervento del governo. Le alluvioni record che hanno devastato il nordest del Paese hanno messo in difficoltà il governo, fortemente dipendente dagli aiuti internazionali e poco efficace nella gestione delle crisi. «Abbiamo perso tutto. Siamo solo riusciti a salvarci la vita. Nessuno è venuto da noi. Siamo diventati mendicanti, in cerca di un pezzo di pane», ha detto Mihrajuddin Khan, un insegnante della valle dello Swat: «Siamo stati trattati come orfani, o come animali». I soccorritori stanno tentando di portare aiuto alle decine di migliaia di persone rimaste intrappolate nelle zone allagate, il cui accesso è ostacolato dalle strade distrutte e dai ponti crollati. Le autorità prevedono che il bilancio delle vittime sia destinato ad aumentare, mentre nuove intense piogge monsoniche sono attese in settimana. L’autorità pakistana per la Gestione dei Disastri ha detto cha più di 29,500 case sono state danneggiate.


il Domani Martedì 3 Agosto 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

21.975,78 21.547,84 23.661,23 21.648,46 22.178,82 10.598,40

2,39 2,50 1,63 0,83 0,26 1,54

Euro

METALLI

US $

UK £

USD/on

EURO/gr

1184,05

28,85

18,51

0,453

PLATINO

1612,00

39,63

PALLADIO

522,50

13,02

¥en

1 Euro

1.0

1.3173

0.82870 113.96

ORO

1 US $

0.75870

1.0

0.62890 86.480

ARGENTO

1 UK £

1.2061

1.5892

1 ¥en

1.0

137.45

0.0087699 0.011557 0.0072707

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma

Ultimo

Ora

Var. %

Bld

Ask

Apertura

Min

Max

AZIONI

Ultimo

Ora

Var. %

Bld

Ask

Apertura

Min

Max

AZIONI

0.9415 17:30 -0.16

0.932

0.942

0.943

0.935 0.9505

Bco Desio Brianza

3.8 17:30 0.66

0

0

0

3.75 3.8025

A2a

1.183 17:30 2.78

1.18

1.187

1.156

1.154 1.185

Bco Sardegna Risp

9.715 17:30 1.20

0

0

0

9.6 9.865

Acea

9.115 17:30 3.34

0

0

8.84

8.82

9.16

Bee Team

0.354 16:34 1.12

0

0

0

0.351 0.3635

Csp Int Ind Calze

Acegas-Aps

4.09 17:30 -1.21

0

0

4.2

4.04

4.23

Beghelli

0.66 17:30 0.76

0

0

0

0.655 0.6675

Dada

Acotel Group

50.99 17:30 1.96

50

51.5

0

Acque Potabili

1.72 17:30 1.18

0

0

1.643

0.944 16:26 0.00

0

0

0.92

0.92 0.946

2.815 17:30 0.18 2.7675

2.82

0

2.765 2.825

Acsm-Agam Actelios

50.11 51.44

Benetton Group

1.643

Beni Stabili

1.72

4.74 16:37 1.71

0

0

0

4.645 4.745

Bioera

12.9 09:00 3.86

0

0

0

2.1925 17:16 2.93

0

0

0

0.00

0

0

0

Aicon

0.27 16:27 0.56

0

0 0.2675 0.2625 0.271

Bolzoni

Alcatel-Lucent

2.28 17:23 -0.76

0

0

0

2.27 2.2925

Bonifiche Ferraresi

0.569 0.5985

0.592

0.576 0.593

Borgosesia

0

0

89.7 91.53

Borgosesia R

0.576 17:30 -3.03

Allianz

91.34 17:12 1.83

Amplifon

0

3.86 17:30 2.66 3.8275

3.86 3.7925 3.7825

0.9695 16:41 -0.51

0

0

0

0.951 0.9835

4.25 17:30 -2.30

4.25

4.39

0

4.25 4.365 41.06 41.06

1.064 17:30 0.19

1.06

1.076

0

Danieli & C

15.19 17:30 2.36

0

0

14.87

14.8

15.3

8.49 17:30 2.10

8.23

8.55

8.315

8.3

8.55

Danone

44.49 15:04 1.14

0

0

0

43.7 44.49

Datalogic

4.01 17:30 -0.56

3.95 4.0525 4.0725

3.97 4.0725

41.68 41.94

Dea Capital

1.207 17:30 1.60

1.205

1.209

0

1.181

1.21

54.32

De'longhi

3.785 17:30 1.20

0

0

3.79

3.73

3.79

Deutsche Bank

54.69 17:15 1.65

0

0

53.89

53.89

55

1.18

1.24

0 0.4195 0.4055 0.4195

0

0

0

55.61 17:24 5.30

0

0

54.32

0.00

0

0

0

1.43 1.466 5.3

5.5

55.7

1.99 11:53 0.76

0

2

0

1.932

29.15 17:30 2.17

0

0

0

28.95 29.15

0.9985 14:54 1.06

0.86

0

0 0.9805 1.039

Digital Bros

0.00

1

0

0

5.19 17:30 -0.57

5.19

5.225

0

5.125

1.99

Danieli & C Risp Nc

Deutsche Telekom

10.41 17:16 0.58

0

0

0

Diasorin

29.21 17:30 2.92

0

0

28.4

1.32 17:11 -1.42

1.3

1.365

1.345

4.045 17:30 1.12 3.7525

4.065

0

4 4.065

13.25

13.5

13.01

12.96 13.45

0

23.26 23.44

9.965 10.29

Brioschi

0.175 17:30 -2.23 0.1701

0.176

0.175 0.1735 0.1789

E.On

23.44 17:07 2.81

0

0

Antichi Pellettieri

0.536 17:24 -0.37

0

0

0

0.53 0.5395

Bulgari

6.085 17:30 1.08

6.08

6.095

6.035

Edison

0.919 17:30 2.00

0

0

0

0.404 0.418

Buongiorno

0.99 17:30 2.06

0.971

0.998

Buzzi Unicem

8.6 17:30 2.81

8.54

8.575

8.405

4.8775 17:30 0.10

0

0

4.32 17:19 1.47

4.15

2.6 17:30 2.36

2.57

1.034 16:27 0.39

0

2.09 17:30 0.36

Arkimedica Ascopiave Astaldi

0

0

0 0.0287 0.0282 0.0292

0.481 17:15 -0.41

0.475

0.503

1.55 17:30 0.65

0

0

0.481 0.4925

Buzzi Unicem Rnc

0

0

1.545

Cad It

4.7025 17:30 2.34 4.6875 4.7375

4.6

4.6 4.735 15.02 15.39

1.57

15.34 17:30 2.06

15.35

15.37

15.08

9.74 17:30 2.53

9.75

9.775

9.54

Autostrada To-Mi

10.53 17:30 0.38

10.46

10.57

10.47

10.42 10.57

Autostrade Merid

22.4 17:30 -0.40

0

0

0

22.4 22.68

Axa

14.68 17:11 2.66

0

0

0

Azimut

7.905 17:30 2.80

7.89

7.97

7.745

3 15:00 -2.44 2.8125

0

0

3

3

Atlantia Autogrill Spa

B&C Speakers

9.54

14.24

9.8

14.7

7.705 7.975

Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit

6.02 6.135

0.97 0.9515 0.994

Edison R

1.259 16:40 1.12

0

0

0

Eems

1.608 17:30 8.28

0

1.629

1.594

1.582 1.662

0

4.8 4.9375

El.En

11.73 17:30 2.45

11.22

0

0

11.58 11.73

4.34

0

4.15 4.325

Elica

1.68 17:30 2.88

1.622

0

0

1.616 1.682

2.62

0 2.5125 2.605

Emak

0.00

0

0

0

0

0

Enel

3.8425 17:30 1.99 3.8425

3.845

0

0

0

1 1.035 2.05

2.09

Enervit

1.88

Engineering

0

1.835

1.835

20.4 17:30 1.64

0

0

0

0

0

0.323

0.314 0.325

Eni

16.11 17:30 2.68

16.13

16.14

15.77

15.71

Campari

4.1375 17:30 2.35 4.1325

4.15

4.075

4.06 4.155

Erg

10.14 17:30 1.40

0

0

10.02

10.02 10.17

Erg Renew

0.8025 17:30 0.31

0

0

0.8

0.8 0.815

Ergycapital

0.5495 17:30 3.58

0

0 0.5245 0.5225

0.00

0

0

0

2.37 17:30 1.83

0

0

0

8.65

Carrefour

36.75 17:22 -0.38

0

0

0

Cape Live

2.32

2.38

8.6

8.5

Banca Ifis

5.14 17:18 0.59

5.04

0

5.15

5.085

5.18

Cattolica Ass

20.5 17:30 0.20

20.46

20.6

Banca Intermobiliare

4.16 14:24 -0.06

0

0

0 4.1575

4.16

Cdc

1.831 16:41 -2.09

0

0

Banco Popolare

5.05 17:24 3.06

5.035

5.045

4.94

4.91

5.06

Cell Therapeutics

0.314 17:23 0.81

0.312 0.3145

0.308

0.306 0.3185

Banco Santander

10.3 16:35 3.88

0

0

10.09

9.945

10.3

Cembre

4.855 16:18 0.10

0

0

0

4.77 4.855

Basf

46.2 15:54 3.01

0

0

0

46.2

46.2

Cementir Holding

2.325 17:30 0.00

0

0

0 2.2825

Basicnet

2.65 17:30 -1.85

0

0

2.7 2.6175 2.7225

Centrale Latte To

2.36 11:30 -1.04

0

0

0

2.355

1.761 16:47 -2.22

0

0

0.299 17:30 2.05 0.2945 0.3125

0.295

0.295

Ceramiche Ricchetti

45.9 16:00 3.94

0

0

0

45.9

Chl

Bb Biotech

41.88 17:12 1.67

40.5

42

0

41.3 41.99

Cia

Bca Carige

1.769 17:30 2.49

0

0

1.721

1.721 1.769

Bca Carige R

2.655 16:52 -2.84

0

2.745

0

Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna

2.65

2.7

0 0.5245

0.53

0.53 17:30 1.05

0

0

1.029 17:30 1.98

1.025

1.029

1.014

4.1 16:31 0.00

0

0

0

9.535 17:30 0.63

9.535

9.6

9.6

1.009 1.039 4.1

4.12

9.45 9.645

3.3 3.2525 3.3175

0

0 0.5075 0.5075 0.5285

Credit Agricole

0

0

Credito Artigiano

0

3.65 3.715

15.65

15.37

Exor Prv

12.14 17:30 2.79

12.14

12.19

11.8

2.37

Exor Rsp

13.18 17:30 2.57

0

0

0

2.39

Exprivia

0.95 17:30 2.93

0

0

0 0.9145

0.31

Fastweb

11.83 17:30 0.60

11.74

11.83

11.74

11.73 11.84

Fiat

9.745 9.945

3.5975 10:05 0.56

0

0

22.32 16:17 0.77

3.705 16:30 -0.47

15.59

6.185

Cr Bergamasco

0.518 17:30 1.47

15.66 17:30 2.22

6.285

0.899 16:48 2.34 0.8505

Credem

Exor

6.15

0.538 17:09 -1.28 0.5205

Bco Desio Bria Rnc

7.02

Eutelia

6.285 17:30 1.45

Conafi Prestito'

Bca Profilo

6.905

0

Fiat Risp

Cogeme Set

7.04

0

0.721 0.7575 0.7245 0.7245 0.7495

0

6.93

0

5.82

0

7.02 17:30 1.74

2.06 17:30 1.48

9.785

0.666 17:30 3.02

Bca Pop Sondrio

Eurotech

1.85

0

Cofide Spa

4.17 4.0975

20.36 20.63 1.811

9.895

1.3 17:30 0.46

4.16

0 0

0

0.488 17:30 0.93

4.1625 17:30 2.40

7.18

9.89

Class Editori

Bca Pop Milano

7.455

5.98 17:30 2.22

1.485 17:30 2.41

Cobra

7.42

9.895 17:30 0.66

Cir-Comp Ind Riunite

1.48

0.56

7.455 17:30 2.90

Fiat Priv

0

16.2

Esprinet

0.3

0

0.744 16:33 0.00

3.2975 17:30 0.53 3.2675 3.3025

6.97

0.3 17:30 -1.32

20.07 20.47

35.98 36.75

0.1303 17:30 1.72 0.1266 0.1309 0.1261 0.1261 0.1303

Ciccolella

Bca Pop Etrur-Lazio

4.07 4.185

0

0

0

44.49

1.4

3.79 3.7575 3.865

1.87 17:30 0.54

0

Bayer

1.15

1.26

0.3145 17:30 -1.72

Carraro

1.72 1.799

0.00

1.257

Camfin

8.65 17:30 1.35

0

0.908 0.9045 0.923

8.66

8.35

Banca Generali

Bastogi Spa

1.306 1.345

13.45 17:30 3.62

10.12

0

29.4

Dmt

10.19

0.411 17:30 0.12

10.33 10.48 28.28

Dmail Group

10.15

0.0286 17:23 -2.41

1.045 1.085

5.32

10.11 17:30 0.80

Arena

3.93

D'amico

1.24

Ansaldo Sts

Apulia Prontop

3.845

0

41.68 17:19 2.51

Brembo

0 0.1605 0.165

0 0.8835 0.8835

Bnp Paribas

3.86

0 3.8625 0

0

Bmw

Boero Bartolomeo

0 0

0

0

Aegon

3.92 17:30 2.22 0.165 09:46 -1.67

0

5.5

Biesse

Max

0

5.25

0.329 0.3845

Min

41.06 16:00 0.07

5.5 17:30 3.77

0.356

Apertura

0.8835 17:13 -1.83

0

0

Ask

Damiani

1.47

0

Alerion

0

Bld

Daimler

0.4

0.342 17:30 3.64

Ahold Kon

0

5.42

Var. %

5.56

1.43

Aeffe

12.9

1.24 10:32 0.81

5.425

Crespi

Ora

0.637 0.6285 0.642

0.417 15:55 1.95

0 0.2099 0.2055

12.9

0

1.465 17:30 0.34

0

2.145 2.1975

5.56

0

Biancamano

0.2099 17:30 1.94

Ageas

5.53

Bialetti Industrie

Aedes

Aeroporto Firenze

0.21

Best Union Company

5.54 17:30 2.97 0.637 17:30 0.39

Credito Valtellinese

Ultimo

0

0.292

7.18 7.575 2.015

2.06

15.31 15.78 11.8

12.2

12.82 13.19

5.785

0.96

5.98

6.11 6.285

1.481

1.469

1.454 1.489

0

0

0

0.48 0.492

Fiera Milano

4.175 17:30 1.58

4.06

4.2

1.25

1.314

0

1.29

Finarte Casa D'aste

0.121 17:30 -0.17

0

0

0

0.118 0.1219

8.58 17:30 1.78

8.58

8.6

8.505

8.38 8.645

0.00 2.0275

2.65

1.31

Fidia

0 0.6515 0.675

Finmeccanica

0.549

0

0.53 0.549

Fintel Energia Group

0

0

0.86 0.899

Fnm

0

0

0

22.32 22.33

5.03 17:30 2.65

0

0 4.9325

10.86 17:18 2.65

0

0

1.46 17:30 1.11

0

0

0 3.5975

3.6

0 4.0675 4.175

0

0.5275 17:30 0.76

0

0

0 0.5115 0.5275

Fondiaria-Sai

8.335 17:30 1.52

8.335

8.37

8.265

8.245

8.42

4.88 5.045

Fondiaria-Sai R

5.26 17:30 1.94

0

0

0

5.145

5.28

0

10.62 10.86

France Telecom

16.36 16:54 1.36

0

0

0

16.04

16.4

1.474

1.438 1.474

Fullsix

1.144 16:44 1.69

0

0

0

1.1 1.145


26 MartedĂŹ 3 Agosto 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Ultimo

Bld

Ask

Gabetti

0.362 17:20 1.69

0.352

0.375

0

0.361 0.378

Gas Plus

5.1 17:30 -0.68

5

5.14

0

5.02 5.145

Gdf Suez

26.11 15:54 -0.84

0

0

0

25.02 26.11

Gefran

2.5175 17:30 5.78

2.45

0

0 2.3775 2.535

Gemina

0.505 17:30 2.02

0.503

0.505

0.498 0.4945 0.508

Mid Industry Capital

Gemina Risp Port Nc

1.298 17:21 -1.07

0

0

1.299

1.24 1.299

15.8 17:30 2.20

15.8

15.81

15.58

15.42 15.87

Generali Ass Geox

Ora

Var. %

4.3575 17:30 1.34 4.3275

Apertura

4.235 17:30 -1.74

4.14

0

Gr Edit L'espresso

1.625 17:30 1.56

1.62

1.625

1.606

0 3.1775

0

2.98 17:30 1.02

Max

4.365 4.3075 4.2875 4.3575

Gewiss

Granitifiandre

Min

0 4.2225

4.39

1.606 1.637 2.92

3.07

Greenvision Amb

5.8 17:22 -0.68

0

0

0

Grup Minerali Maffei

4.8 17:23 1.69

0

0

0

4.8

4.8

6 17:30 1.95

0

0

5.99

5.885

6.02

1.494 17:30 2.61

1.494

1.497

1.466

1.463

1.51

Gruppo Coin Hera

5.65 5.855

House Building I Grandi Viaggi

AZIONI

Ultimo

Mediterranea Acque

2.995 16:28 0.00

Meridiana Fly

0 0.8815

0 0.8415 0.8595

1.124 16:56 -0.35

1.021

0.00

0

Milano Ass Ord

1.542 17:30 3.42

Milano Ass Risp Port

Mondo He Mondo Tv

3.645 3.6075

3.59 3.665

5.395 17:13 -0.09

5.355

5.55

0

0.00

0

1.58

0

Nice

2.98 16:04 -1.00 2.9325

3.12

Noemalife

5.84 16:03 0.50

5.4

7.3 17:30 2.82

0

0.336 0.3495

1.75 16:14 1.83

1.68

0

1.784

1.72 1.784

Parmalat

1.851 17:30 -0.38

1.851

1.853

1.863

7.47 7.805

Philips

24.15 15:35 2.77

0

0

0

Intek

0.463 17:30 -0.43

0

0

0

0.45 0.465

Piaggio

2.2375 17:30 2.17

2.215 2.2375

2.19

Intek R

0.6805 17:30 -5.49

0

0

0 0.6805 0.715

Pierrel

3.735 17:30 -0.40

3.615

3.84

0

3.735 3.8275

4.33 17:30 4.34

0

0

Pininfarina Spa

1.648 17:22 0.80

1.628

1.688

1.6

1.6 1.678

So Pa F Societe Generale

Omnia Network Panariagroup

1.844

1.87

24.15 24.18 2.155

2.25

0

Sorin

1.521 17:30 2.08

1.514

1.521

1.515

1.49 1.522

0.6415 17:30 -0.39

0.63

0.645

0.654

0.638 0.658

0.00

0

0

0

6.37 17:30 0.63

6.38

6.385

6.29

6.285

6.41

Tamburi

1.289 09:45 0.00

1.22

1.299

0

1.267

1.29

Tas

10.55 17:30 0.38

10.1

11.2

12.6

10.55

10.8

0.00

0

0

0

Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics

Tbs Group Telecom It Media R

0

0.372

0.372 0.372

1.016

0.981

0.973 1.018

0.193 17:30 1.79

0

0 0.1929

0.189 0.1966

0.8175 17:30 2.51

0

0 0.7975

0.792 0.818

Telefonica

17.89 17:01 2.46

0

0

0

17.35 17.89

Tenaris

15.81 17:30 3.13

15.75

15.77

15.45

15.41 15.85

Terna

3.19 17:30 0.00 3.1925

3.195

Ternienergia

3.39 17:30 0.67

Tesmec

0.61 17:30 0.00

1.47

1.433

1.47

5.375

5.31

5.43

Telecom Italia Media

Pirelli e C Risp Por

5.14 17:30 0.19

0

0

5.12

1.369 17:19 0.88

0

0

0

1.34 1.369

1.254 17:30 2.37

0

0

1.232

1.225 1.257

Isagro

2.7625 15:15 0.09

2.76

2.8

0

2.76 2.765

It Holding 3.3

Pirelli&C Real E

0.379 17:30 3.41

0

2.89 11:51 -0.34

0

2.95

0

Poligraf. S. F

10.12 15:29 0.00

0

0

0

10.11 10.12

Poligrafici Edit

0.51 12:14 1.59

0

0

0

0.51 0.511

0.00

0

0.715

0

0.7905 17:30 0.06

0.78

0.796

0

0.00

0

0

0

1.338 17:30 1.52

0

0

1.368

Pms

3.3 16:14 0.30

0

0

Poligrafici Printing

6.36 17:30 1.27

6.355

6.4

6.305

6.245 6.425

3.6425 17:30 -0.07

0

0

3.58

3.58 3.685

Ppr

25.8 17:30 1.57

0

0

25.4

25.4 25.89

Pramac

Poltrona Frau

16.51 16.94

Premafin Fin Hp

1.526

1.55

0.835 0.8525 0.08

4.45 4.535

3.42

0 0.6345

0.62

0.607

0.62

Tiscali

0.1117 17:30 0.63

0

0 0.1116 0.1112 0.1132

Tod's

60.25 17:30 3.08

59.88

60.25

59

58.99 60.47

Toscana Finanza

1.475 11:57 0.00

0

0

0

1.475 1.475

Total

39.78 17:03 2.05

0

0

0

39.4 40.09

Trevi Fin Ind

12.54 17:30 1.79

12.47

12.55

12.2

12.2 12.55

Txt E-Solutions

5.445 16:18 3.22

0

0

5.4

0

0

0 0.7205 0.7545

Prima Industrie

7.11 17:30 -0.28

7

7.345

0

13.42 17:30 3.39

13.45

13.46

13.1

Ratti

0.1752 16:47 0.46

0

0

0 0.1742 0.1792

Ubi Banca

8.42 17:30 2.25

8.36

8.445

8.285

8.22 8.475

0.7605 17:17 0.40

0

0

0 0.7305 0.7645

Uni Land

0.636 17:30 0.63

0.62

0.649

0

0.612 0.645

1.118 17:30 2.76

0

0

0.6835 17:13 2.32

0

2.1 17:30 0.00

1.805

0.282 17:30 0.71

0

0

0.28

0.28 0.286

Rcs Mediagroup

Kme Group Rsp

0.513 17:30 0.10

0

0

0

0.503 0.514

Rcs Mediagroup Rsp

La Doria

1.925 09:05 1.05

1.83

0

0

1.925 1.925

Rdb

Landi Renzo

3.475 17:30 -0.43

0

0

3.475

3.425

3.51

Recordati Ord

5.835 17:30 1.30

0.52 17:30 -1.70

0

0

0

0.495

0.53

Renault

0.00

0

0

0

Reno De Medici

11.6 17:30 2.02

11.61

11.63

11.39

11.27 11.68

Luxottica Group

20.27 17:30 1.55

20.21

20.22

19.99

19.9 20.46

Lvmh

95.85 16:39 1.71

0

0

0

95.85 95.85

Maire Tecnimont

2.8825 17:30 0.70

0

0

2.87

2.87 2.925

Risanamento

Management e C

0.1621 17:30 -1.16

0.162

0.165

0

0.16 0.164

2.84 17:30 -0.53

0

0

0

2.84

7.03

0.9

3.35

0.75 16:40 0.47

Prysmian

0.87

3.405

Premuda

Kme Group

7.14

12.96 13.42

1.099

1.083 1.118

Unicredit

0

0

0.665 0.685

Unicredit Rsp

0

2.1

5.805

5.84

5.74

5.74 5.845

33.82 16:52 -2.13

0

0

0

32.44 35.46

0.197 17:30 -1.01

0

Reply

15 17:30 -1.12

0

0

Retelit

0.3485 17:18 0.00

0

0

Richard-Ginori 1735

0.0501 17:04 0.20

0

0

0.05

0.05 0.0507

0.326 17:24 -0.31

0.322

0.33

0

0.325 0.3355

Rosss

1.51 17:30 0.67

0

0

1.509

Rwe

55.49 16:01 2.78

0

0

0

55.16 55.55

S.S. Lazio

0.306 15:37 -0.16

0

0

0

0.306 0.309

17.7 17:30 3.51

17.5

17.85

0

17.36 17.83

Yoox

0.407 0.419

Yorkville Bhn Zignago Vetro

Sabaf Sadi Servizi Industr

4.915 5.055

Saes Getters

6.895 7.085

Saes Getters Risp Nc

3.395

Safilo Group

3.45

1.32 1.391

3.39

0

Rcf Group

3.2

0.78 0.7905

3.35

3.19 3.1725 3.2025

0

0 2.2975 2.2325 2.2975

6.74

2.89

0

0

Mariella Burani F.G

2.89

Telecom Italia R

0.877 17:30 -0.34

2.25 16:29 -0.78

3

0 0.3705 0.3625 0.379

2.07 4.85

0

5.43

Iren

4.73

1.014

1.515

Irce

2.07 2.0325

0.40

5.425

5.11 5.215

2.04 2.0625

1.016 17:30 3.94

1.434

0.054 0.0529 0.0565

46.2

0

5.42 17:30 1.03

0

45.4

0

1.455 17:22 1.75

0

0

2.06 17:30 -0.24

Pirelli e C

0.0536 17:30 -2.01

0

4.77 17:30 -1.45

Piquadro

Invest e Sviluppo

0

Sol

2.05

2.0375 17:30 2.13 2.0375 2.0475

46 17:09 3.37

0 0.0625 0.0677

Sogefi

2.64

2.6325 17:30 3.64 2.6275

Intesa Sanpaolo Rsp

0.0641 17:30 -1.54 0.0636 0.0669

Socotherm

Telecom Italia

Intesa Sanpaolo

3.64

Snia

0

3.435 3.4125

2.88 3.0125

0

0

3.42

2.99

0

0

3.4325 17:30 1.40

2.945 2.9575

0

0

Mediolanum

75.85 77.57

0.00

0

6.905

0

3.6425 17:30 1.11

7.78 17:16 4.50

7.065

0

Snam Rete Gas

2

7.045

0

1.1

0

7.05 17:30 2.17

77.57 17:11 3.01

1.07

0

Mediobanca

7.47

0

0.345 17:11 -0.43

5.04 4.9375

7.285

0

2.015 11:48 -3.70

5.035 17:30 2.08 5.0175

7.285

0

Industria e Innovazione

Mediaset S.P.A

7.43

1.099 17:30 1.76

0

3.035

7.355

2.9475 17:30 -2.24

0

3.07

7.385 17:21 0.75

Snai

0

0

Sias

0.33

0

0

5.24

0.33

0

3.195 16:01 0.24

1.08

5.145

0

0

6.6

1.08

0

0

0.00

0

1.08

0

7.375 16:10 -0.07

0.145 0.1376 0.1376 0.1457 0

0.33 12:31 0.00

Indesit Company Rnc

0.616 0.649

0

Montefibre R

Olidata

7.15

0

Siemens

Nova Re

7

0

0 0.1645 0.1693

Nokia Corporation

Max

5.2 17:30 0.68

0

9.065

7.16

0.42 0.4365

Min

27.64 28.47

1.08 17:30 2.86

Servizi Italia

0

Munich Re

6.885

Seat Pagine Gialle R

0.168 17:23 -0.59

0

Mediacontech

0.128 0.1399

Montefibre

0

6.72

0.144 17:24 4.58 0.1433

0

8.95 17:30 -1.70

6.675

Seat Pagine Gialle

0

0

6.68 17:30 1.06

0

0

0

Marr

0

7.155

0

Marcolin

0

0

7.985 15:35 -0.13

Lottomatica

0.636 17:30 3.25

6.71

Impregilo Rp

L'oreal

0.133

7.37

4.53 4.5175

Screen Service

Save

Var. %

6.985 17:30 -0.71

2.075 17:30 1.72 2.0725 2.0875 2.0425

Le Buone Societa'

0.132 0.1391

2.52 2.5725

7.22

4.5275 17:30 0.78 4.5075

0

Sat

Ora

0.4365 17:30 2.11

Monrif

Impregilo

Kinexia

0.133 17:30 0.68

0 2.5225

7.22

Kerself

0

0

0

0.0775 17:30 0.13 0.0769 0.0778 0.0782 0.0759

0

2.54 17:30 0.59

0

K.R.Energy

7.09 17:30 0.00

Mondadori Edit

0

0.836 0.8465 0.8395

0

0.53

0

0.8465 17:30 1.99

0

0.49

0.809 17:30 1.13

Juventus Fc

0

0.52

Immsi

0

0.00

0.504

6.07

0

1.482 1.508

0.485

5.8

0

1.49

0.49 17:30 -4.48

0

1.526 17:30 0.13

0

Molmed

6.07

Iw Bank

0

3.23

0

16.53

1.493 17:30 0.74

3.18

0

0

35.35 35.45

0

0

0

0

3.22

1.425 17:30 6.98

16.94 17:30 1.44

0

3.165

Il Sole 24 Ore

Italmobiliare Rnc

0

3.2 17:18 0.55

Mittel

3

0 3.1975

-0.34

1.61 1.645

2.97

1.998

45.09 45.44

Saras

0

2.55 2.5425

0

1.641

0

2.015

0

0

0.89

4.39

0

0

0

4.19 4.1575

45.29 17:18 1.50

1.644 17:30 3.07

0.00

2.05

0

1.491 1.547

Ikf

2

0

1.515

5.45

7.36 7.375

0

0

5.355

9.11

0.00

Saipem Risp Cv

0

Neurosoft

8.82

27.8

Sap

Mutuionline

7.985 7.985

Apertura

28.39

1.124 1.126

13.72 13.87

2.09

Ask

28.37

0

1.159 1.194

2.04

Bld

28.38 17:30 2.83

0

1.17

0.815 0.8015 0.815

Ultimo

0

13.87

1.34 1.435

AZIONI

Saipem

1.222

0

Italmobiliare

0.0646 17:30 -4.30 0.0635 0.0675 0.0666 0.0635 0.067

Methorios Capital

13.87

Italcementi Risp

Max

Sanofi

0

Italcementi

Min

2.995 2.9975

0.365 0.385

13.68

It Way

2.995

0

13.85 17:30 0.36

2.63

Apertura

0

0

1.185 17:30 2.16

Interpump Group

Ask

0

0

Igd

Ing Groep

Bld

0.385 17:22 4.05

I.M.A

Indesit Company

Var. %

Meridie

Monti Ascensori 0.8595 17:30 -0.69

Ora

2.05

2.1

0.199 0.1956 0.1946 0.1989 15.21

15 15.44

0 0.3405 0.354

1.445

1.56

0.419 16:10 0.96

0

0

0

5.8 17:30 2.56

0

0

5.65

5.6

5.8

4.325 17:30 1.76

0

0

0

4.265

4.33

8.67 17:30 4.08

8.61

8.7

8.305

8.245 8.825

Unilever Unipol Unipol Priv

2.22 17:30 3.26 2.2225

5.15

5.45

2.225 2.1625 2.1575 2.2225

2.3575 17:22 0.85

0

0

22.6 15:23 2.26

0

0

0.586 17:30 1.12 0.5835 0.5845 0.3855 17:30 0.13 0.3845 0.3895

0

2.325

0

2.36

22.6

22.6

0.584 0.5775

0.59

0.385

0.384

0.39

4.05

4.15

4.05 17:30 -0.98

0

0

0

Vianini Industria

1.388 12:02 0.29

0

0

0

1.388 1.388

Vianini Lavori

4.235 17:30 -1.05

0

0

0

4.21 4.3175

3.62 3.7475

0

3.695 3.7475

Valsoia Viaggi Del Ventaglio

Vittoria Ass

3.7475 17:30 1.56 0.00

0

0

0

8.78 09:55 -2.23

0

9.8

0

6.335 17:30 2.67

6.3

6.34

6.2

6.2 6.335

0.0873 17:30 0.81

0

0

0.086

0.086 0.0873

4.475 17:30 2.70

4.4

4.485

4.3

Zucchi Spa

0.543 17:30 2.45

0.54

0.55

0

0.52 0.543

Zucchi Spa Risp Nc

0.517 16:17 3.30

0.483

0.525

0.517

0.483 0.517

Vivendi Vrway Communication

8.78

4.3

8.78

4.48


28

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

CRONACHE

Pugliese-Ciaccio, Rizzo: persone al servizio di altre CATANZARO - "Le persone al servizio di altre persone" : il commissario straordinario avv. Elga Rizzo ha sintetizzato così l’essenza del suo approccio nella gestione dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio,nell’incontrocon le organizzazioni sindacali tenutosi nelle scorse settimane, e questo a nostro parere ci conforta per il futuro della nostra Azienda. Infatti il neo Commissario ha tenuto a sottolineare che i suoi primi atti sono volti a "conoscere le persone" nella ferma convinzione che: «Nell’Azienda di servizio come la nostra, le persone (paziente-utente) sono al centro e le intendo quali persone al di altre Il commissa- servizio persone». «Su tali presuprio straorposti la dr.ssa dinario ha in- Rizzo Saprà certamente costruicontrato le re un lavoro siorganizzazio- nergico,dicondivisione e di conni sindacali sapevolezza sul quale tutti siamo chiamati a dare il nostro contributo alla progettazione e realizzazione di una Sanità più efficiente ed efficace», sostine GiampoaloMungodellasegreteria Ugl Sanità. «E questo - prosegue Mungo - impegno si è da subito materializzato in data 21 luglio 2010, infatti, i dottori Alfonso Ciacci e Vittorio Preianò sono stati delegati rispettivamente alla direzione dei servizi sanitari ed amministrativi dell’Azienda ospedaliera "Pugliese-Ciaccio" di Catanzaro. Tali deleghe mirano a privilegiare per quanto possibile l’utilizzo di figure interne e non creano vacatio poiche’ entrambi i dirigenti accorpano anche le funzioni che

svolgono, per ciò facciamo il nostro plauso al neo Commissario dott.ssa Rizzo, soprattutto perchè inoltre, l’istituto della delega, prescelto non prevede costi aggiuntivi per l’Azienda ospedaliera, tutto cio’ in piena linea con l’indirizzo del piano di rientro, che chiama i nuovi Commissari ad essere impegnati ad una gestione, riorganizzazione e miglioramento della quali-

ta’ erogata e percepita delle prestazioni sanitarie, unitamente ad una oculata allocazione delle risorse economiche; oltre che per la necessita’ di assicurare un coordinamento rispettivamente dei servizi amministrativi e sanitari in funzione della mission aziendale e del governo complessivo dell’azienda ospedaliera, comunque a costo zero».

Mungo: «Facciamo il nostro plauso al neo commissario perché l’istituto della delega non prevede costi aggiuntivi per l’Azienda»

I dottori Alfonso Ciacci e Vittorio Preianò sono stati delegati rispettivamente alla direzione dei servizi sanitari ed amministrativi

Al film di Edoardo Leo la colonna d’oro al Mgff di Soverato CATANZARO - "Diciotto anni dopo", il film di Edoardo Leo, si è aggiudicato la Colonna d’oro a Soverato in occasione della settimana edizione del Festival Magna Grecia. Eproprio questa pellicola è stata selezionata dalla giuriapresieduta da Ettore Scola per esser premiata con ladistribuzione internazionale di Rai Trade. La giuria del Festival, composta da Ugo Gregoretti, Emilio Bonucci, Silvia Scola, Silvia Bizio ha assegnato i seguenti premi Colonna d’Oro Magna Graecia Film Festival: migliore opera prima a ’Diciotto anni dopo’ di Edoardo Leo; migliore sceneggiatura ad Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo per la ’La Doppia Ora’ di Giuseppe Capotondi; miglior cast ad Edoardo Leo, Marco Bonini, Sabrina Impacciatore per ’Diciotto anni dopo’ di Edoardo Leo; Premio Rai Trade a ’Diciotto Anni dopo’; menzione speciale della giuria a ’Polvere’ di Massimiliano D’Epiro; migliore colonna sonora a Giuliano Sangiorgi per ’Una notte Blu Cobalto’ di Daniele Gangemi. «Un bilancio - è scritto in una nota - decisamentepositivo, quello conclusivo della settima edizione del Magna Graecia Film Festival, con la direzione di Gianvito Casadonte e la presidenza onoraria del maestro Ettore Scola, che ha confermato la crescita di attenzione da parte del mercato audiovisivo italiano ed estero e l’interesse di pubblico e media.

Il festival non ha comunque perso la sua vocazione ’popolare’, di essere il momento di incontro tra chi fa e chi guarda il cinema, ma ha ampliato lo spazio dedicato al mercato ed alla creazione di sinergie tra l’industria audiovisiva italiana, i mercati e festival esteri». E, dunque, l’opera di Edoardo Leo, "Diciotto anni dopo", si gode tutto il successo conseguito per essersi aggiudicato la Colonna d’oro a Soverato.

Marco Rotundo


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 29

CRONACHE

Il deputato del Pdl sostiene la carica del senatore alla guida del Cda

Sacal, Pittelli: «Speziali incompatibile? Errato» di Gianluca Ferrante CATANZARO - «E’ stato sostenuto da esponenti di Sinistra Ecologia e Libertà che la nomina del Senatore Ingegnere Vincenzo Speziali alla guida del consiglio d’amministrazione della Sacal comporterebbe l’insorgenza di due questioni: una di carattere giuridico e l’altra di ordine etico-morale. Non ho mai letto nulla di più errato». Lo afferma in una nota l’avvocato e deputato del Pdl, Giancarlo Pittelli. «Quanto alla prima proposizione, chi ha sollevato aggiunge- pretese ’incompatibilita’’ correlate al ruolo parlamentare, potrà verificare che la società di gestione dello scalo aeroportuale lametino ha ottenuto, durante la ges«Chi ha sollevato tione del Consiglio di pretese incompatibiAmministrazione presidedutodal Senatore Spelità, potrà verificaziali, la Concessione totale. Ciò vuol dire che la sore che la Società ha cietà non gestisce alcunottenuto la Concesché per conto dello Stato e che lo Stato, stanti i sione totale» divieti in materia, non contribuisce né direttamente né indirettamente,al suo finanziamento ed alla sua vita economica. Si tratta di una società per azioni privata, seppure parzialmente partecipata da enti pubblici, che gestisce, come è noto a tutti, i servizi di handling. Nessuna voce di bilancio riporta sovvenzioni a carico dei conti pubblici. A tutto ciò siaggiunge il parere della Giunta per le autorizzazioni

del Senato della Repubblica la quale, proprio su istanza del Senatore Speziali, ha verificato l’insussistenza di qualsivoglia impedimento e, dunque, di ogni ipotesi di incompatibilità». «Quanto alla questione etica - prosegue Pittelli - sollevatacon riferimento ad eventuali conflitti di interessi, e non poteva essere altrimenti attese le ben note connotazioni morali del personaggio, correlati alle gare d’appalto che necessariamente la Sacal (dotata di un business plan di grande respiro) dovrà bandire, ritengo che, così come è avvenuto in passato, il consiflio d’amministrazione ed il senatore Speziali, offriranno garanzie di assoluta correttezza e trasparenza: le società del gruppo con a capo Vincenzo Speziali, di rilevanza internazionale, non saranno neppure selezionate tra le possibili concorrenti. Senza gli appalti della Sacal sopravviveranno e progrediranno ugualmente.

La società costituisce una realtà straordinaria in continua crescita, dotata di dirigenti di grande livello e di dipendenti che hanno dato prova, negli anni, di competenza e di laborisosità delle quali sono stato, dieci anni or sono, testimone «La Società non gesdiretto. Ed è proprio di polemi- tisce alcunché per che, di qualsivoglia natura, che la Sacal non ha conto dello Stato e lo bisogno. Necessita di una Stato non contribuisce guida sicura, da parte di chi, sul campo, ha dimos- al suo finanziamento e trato capacità mamageriali non comuni alla sua vita economica» ed una visione aziendale moderna ed efficiente». «L’attuale consiglio di amministrazione, arricchitosi - conclude - del dinamismo di Giampaolo Bevilacqua, lametino doc, saprà analizzare i nuovi scenari del sistema aeroportuale europeo e mondiale e saprà individuare i nuovi percorsi da intraprendere».

Il deputato del Pdl, Giancarlo Pittelli

Verrengia: «A rischio la disputa di diversi campionati sportivi al Palagallo per il mancato inizio dei lavori di ristrutturazione» CATANZARO - «Siamo sempre alle solite: il mancato inizio dei lavori di ristrutturazione del "Palagallo" di Contrada Corvo, mette a rischio la disputa di diversi campionati di sport minori dal calcio a cinque, alla pallavolo, al basket penalizzando diverse società sportive di Catanzaro che da anni aspettano che i proclami dell’Amministrazione Comunale di Catanzaro sulla ristrutturazione del "Palagallo" vengono tradotte in

realtà», sostiene Emilio Verrengia, coordinamento provinciale del Pdl. «Per dovere di cronaca prosegue - bisogna ammettere che i lavori di manutenzione straordinaria sono stati appaltati e consegnati alla ditta aggiudicatrice, ma dell’inizio dei lavori - programmati per metà giugno nemmeno l’ombra». r. c.


30

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

CRONACHE

Approvate le modifiche portate avanti da Crispino e da Malavolta

Caridi: «Raggiunta l’intesa tra l’Asi e gli imprenditori» COSENZA - Pronte le modifiche del regolamento per la localizzazione delle attività produttive del Consorzio di sviluppo industriale della provincia di Cosenza. Le istanze portate avanti dal Presidente del Comitato degli Imprenditori di Piano Lago, Arturo Crispino e dal Presidente dell’associazione delle aziende di Corigliano, Claudio Malavolta, sono state dunque accolte e approvate dall’Asi di Cosenza durante l’assemblea che si è svolta sabato scorso. L’annuncio del positivo risultato raggiunto viene dato dall’Assessore regionale alle Attività Produttive, Antonio Stefano Caridi, il quale ha seguito costantemente la vertenza che si era aperta tra imprenditori e Consorzio, ancora prima dell’inizio del suo Caridi: per rilanciare le mandato. In un lasso di piccole e medie imprese temporelativamentebreve, grazie anche ad una calabresi bisogna crea- serie di proficui incontri con l’on. Tommasi e la re un contesto favorevo- d.ssa Frasca, per l’Asi, ed rappresentanti delle imle ed eliminare ciò che iprese, seguiti costantemente dallo stesso Assesostacola lo sviluppo sore, è stato possibile trovare, con reciproca soddisfazione delle parti interessate, un punto di incontro ed uno sbocco positivo alla vicenda. In merito all’intesa raggiunta Caridi ha detto che «per rilanciare le piccole e medie imprese calabresi bisogna creare un contesto favorevole ed eliminare di conseguenza tutto ciò che ostacola lo sviluppo, in particolare gli eccessi burocratici. Una maggiore libertà è necessaria per velocizzare la capacità delle impre-

se di uscire dalla crisi, ma anche per dare una forte spinta al nostro sistema produttivo. I troppi freni stanno diventando un fardello pesante in uno scenario globale. Si tratta di agire in due direzioni: da un lato liberare risorse per lo sviluppo, dall’altro mettere a punto tutti gli strumenti atti a determinare le condizioni utili per fare impresa». «L’obiettivo ultimo è, dunque, quello di concedere haaggiunto - a tutte le aziende, la possibilità di ricercare maggiore efficienza e competitività. Ci sono azioni che possono e devono essere realizzate in tempi brevi e senza oneri aggiuntivi, al primo posto la semplificazione e le liberalizzazioni. In altre parole, bisogna mettere i nostri imprenditori nelle stesse condizioni di quelli che operano nel resto d’Europa, per consentire loro di giocare una partita ad armi pari».

Pronte, dunque, le modifiche del regolamento per la localizzazione delle attività produttive del Consorzio di sviluppo industriale della provincia di Cosenza.

Mattia Brescia

Antonio Caridi

Inaugurata presso il centro visite Cupone la mostra “Impressioni e ricordi del paesaggio silano” di Manta COSENZA - Dopo il Festival della Fotografia di Corigliano Calabro, Antonio Manta e la sua "Bottega dell’Arte" hanno inaugurato ieri mattina presso il "Centro Visite Cupone", all’interno del Parco Nazionale della Sila, una mostra fotografica di eccezionale valore artistico denominata "Impressioni e Ricordi del Paesaggio Silano". La mostra accoglie una settantina di opere a firma di Antonio Manta, Paola Binante, Francesco Granelli,

Paolo Pagni, Pietro Vallone, e potrà essere visitata tutti i giorni, compresi i giorni festivi, dalle ore 9,00 alle 18,00, fino al 30 settembre 2010. Ad inaugurare la mostra, presenti gli artisti della "Bottega dell’Arte" capeggiati da Antonio Mantaè stata la Presidente dell’Ente Parco della Sila, prof.ssa Sonia Ferrari, accompagnata dal direttore, Michele Laudati.

La Calabria ha il maggior numero di coppie selvatiche COSENZA - Trenta giovani di cicogna bianca nati nel 2010 da sette coppie, di cui sei in provincia di Cosenza e una in provincia di Crotone. Si conferma straordinaria la presenza della specie secondo i dati della Lipu impegnata nell’osservazione e controllo dei nidi nell’ambito del "Progetto cicogna bianca" lanciato da Lipu di Rende (CS) nel 2003 con il supporto di Enel Calabria. Le sei coppie presenti in provincia di Cosenza, per l’esattezza nella Piana di Sibari (5 coppie) e nella valle del Crati (una coppia) hanno condotto con successo a termine la nidificazione: 24 i nuovi nati nella piana di Sibari e tre nella valle del Crati, tre nella valle del Neto - Kr) già tutti involati. Con questi numeri la Calabria si avvia a guidare la classifica delle regioni peninsulari con il maggior numero di coppie selvatiche. «Siamo

più che soddisfattidell’andamento riproduttivo dichiarano RobertoSantopaolo, delegato di Rende, e Salvatore Golia, responsabile dell’attività di monitoraggio dell’area di Sibari - I nuovi nati quest’anno sono 30, quattro in più rispetto all’anno scorso, per un successo riproduttivo alto, in particolare per la zona della Piana di Sibari, che da sola vanta 24 nuovi nati». In Calabria i volontari Lipu controllano i nidi ognisettimana per prevenire atti di disturbo o di bracconaggio.Grazie al Progetto cicogna bianca, supportato da EnelCalabria, sono 34 le piattaforme presenti sui tralicci dell’Enel di cui 30 in provincia di Cosenza e quattro in provincia di Crotone dal 2003 a oggi. Tutti i tralicci sono stati isolati per prevenire la possibilità di folgorazione (elettrocuzione).


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 31

CRONACHE Ridotta l’età alla laurea, quadruplicati i laureati in corso: alcuni dei punti emersi

Unical, profilo dei laureati 2009 Cammelli: «Dati confortanti» di Ilaria Gemelli RENDE - Il XII Profilo dei laureati presentato da AlmaLaurea ha coinvolto i 190mila laureati del 2009 dei 51 Atenei aderenti da almeno un anno al Consorzio Interuniversitario, tra cui l’Università della Calabria, e restituisce la documentazione articolata sino al singolo corso di laurea. «In generale emerge che in dieci anni una istituzione come quella universitaria, e questo vale anche per l’Ateneo della Calabria, ha raggiunto questi risultati: ridotto l’età alla laurea; quadruplicato i laureati in corso; aumentato la frequenza alle lezioni; migliorato il rapporto con il mondo produttivo triplicando le esperienze di stage durante gli studi. Mi pare che i risultati raggiunti, al di là delle tante cose di cui l’università si deve emendare, siano complessivamente assai più confortanti di quanto non vadano ripetendo i tanti cultori del flop della riforma - dichiara il professor Andrea Cammelli, direttore di AlmaLaurea - Una preoccupazione, invece, dovrebbe essere tenuta ben più presente: che questi giovani, anche i più preparati, rischiano di restare intrappolati fra un sistema produttivo che non assume e un mondo della ricerca carente di mezzi». I laureati dell’Università della Calabria coinvolti nel XII Profilo dei laureati sono i 4.276 laureati usciti dall’Ateneo nel 2009. Tra questi, 2.432 di primo livello e 1.071 specialistici, 277 a ciclo unico. I laureati di primo livello 2009 dell’Università della Calabria Il traguardo della laurea è raggiunto in media a 24,9 anni: un valore inferiore alla media nazionale che è di 26,2 anni. La regolarità negli studi per i laureati della Calabria è meno elevata della media nazionale: il 28% conquista il titolo in corso (con un 29% che si laurea al primo anno fuori corso)

Punto di accoglienza e di informazione Aimac al S. Francesco di Paola

contro il 39% del complesso dei laureati di primo livello. Il risultato è la sintesi di realtà molto diverse se si passa a una analisi per Facoltà: si va da un minimo di laureati in corso a Farmacia (19%), Ingegneria (22) ed Economia (26%) a un massimo del 40% a Scienze Politiche. Più elevata della media di Ateneo anche la regolarità dei laureati di Scienze (36%) e Lettere (30%). Particolarmente alta, più della media nazionale, l’assiduità alle lezioni: l’83% dei laureati triennali della Calabria ha frequentato oltre i tre quarti degli insegnamenti previsti, contro il 67% della media nazionale. L’81% dei laureati di primo livello della Calabria ha entrambi i genitori non laureati; la media nazionale è del 74%. La riforma all’Università della Calabria, più che in altri Atenei, ha allargato l’accesso agli studi accademici a fasce di popolazione tradizionalmente escluse. I laureati dell’Università della Calabria di primo livello che

PAOLA - Il cancro è una malattia ad altissimo impatto psicologico. Nonostante i grandi progressi fatti negli ultimi anni sia dal punto di vista medico scientifico (per affrontare e curare la malattia), sia dal punto di vista dei diritti sociali (per rendere sempre migliore la qualità della vita dei malati), il cancro rimane nell’immaginario collettivo - una delle malattie che fa più paura. Per questo motivo è importantissimo il sostegno che può essere assicurato al malato e alla sua famiglia. L’estate può rappresentare un momento particolarmente critico per chi soffre di cancro, proprio per l’impatto psicologico che ha il confronto tra una situazione difficile che sta vivendo ed il contesto esterno che tradi-

hanno svolto tirocini e stage sono il 54,5%, percentuale perfettamente in linea con la media nazionale. L’esperienza di studio all’estero coinvolge il 7% laureati di primo livello dell’Università della Calabria (4 con programma Ue). La media nazionale è del 10,6% (5,2% con Erasmus). L’89% dei laureati dell’Università della Calabria di primo livello si dichiara complessivamente soddisfatto del corso di studi (il 39,5% lo è "decisamente"). Alla domanda se si iscriverebbero di nuovo all’Università risponde "sì", ed allo stesso corso dell’Ateneo, il 69% dei laureati (la media nazionale è il 68%). Una percentuale che aumenta considerando anche i laureati che si riscriverebbero all’Università della Calabria, ma cambiando corso (10,5%).E dopo la laurea? L’82% dei laureati di primo livello della Calabria intende proseguire gli studi, più di quanto avviene nel complesso dei laureati (77%).

zionalmente richiama alle vacanze e alla spensieratezza. A questo si aggiunge che tutti i servizi che le città normalmente offrono subiscono una significativa rarefazione, proprio legata al periodo delle ferie collettive. «In questo contesto - afferma Francesco De Lorenzo, Presidente di AIMaC - il supporto che la nostra associazione può dare, attraverso i propri servizi ed, in particolare, il servizio di help line telefonico (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00), assume un’importanza ancora maggiore. Sapere di avere a disposizione una equipe qualificata composta da oncologi, psicologi, avvocati, in grado di rispondere a quesiti riguardanti la malattia, ma

Corbelli: primarie per scegliere il candidato a sindaco di Gessica Furla COSENZA - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, dopo aver annunciato, nel maggio scorso, la sua candidatura a sindaco di Cosenza, è intervenuto sabato sera, come osservatore, al dibattito, svoltosi nel salone di rappresentanza del comune, a Palazzo dei Bruzi, promosso dal Terzo Polo (Api di Rutelli, Socialisti di Nencini, Psdi, e altre forze e associazioni) e ha proposto, nel suo intervento, di far scegliere il candidato sindaco della città bruzia di questa vasta coalizione attraverso le primarie. «Se sarà accolta questa nostra proposta - ha detto Corbelli - Diritti Civili è pronto a fare un passo indietro, ritirare la mia candidatura a sindaco, far parte di questa aggregazione e misurarsi, con il suo coordinatore, alle primarie con gli altri candidati dei vari partiti del Terzo Polo alla carica di sindaco Corbelli ha detto di condividere questa iniziativa che, «se concreta, seria e con regole chiare, può rappresentare una valida alternativa, un vero, reale rinnovamento, una inversione di tendenza, una spallata alla vecchia politica (affaristica) e al finto, deleterio bipolarismo, a patto però che ci sia una rottura netta rispetto al passato, una condivisione tra le diverse forze sui programmi e sugli impegni che devono mirare esclusivamente alla trattazione e risoluzione dei problemi più gravi e urgenti di Cosenza».

anche di venire incontro a bisogni di sostegno psicologico è una preziosa fonte di tranquillità e sicurezza per i malati di cancro e i loro familiari». Naturalmente oltre all’help line telefonico (Numero verde 840 503579) rimangono attivi tutti gli altri servizi di AIMaC: Punto di accoglienza e di informazione. A Paola c’è un punto di accoglienza AIMAC dedicato ai malati ed ai loro familiari, presso l’ Ospedale San Francesco di Paola, Via Promintesta, c/o Oncologia medica, 1 piano. Nel punto di accoglienza prestano servizio per 30 ore a settimana volontari del servizio civile afferenti ad AIMaC, per facilitare il contatto con i malati oncologici e i loro familiari.


32

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

CRONACHE

Il candidato a sindaco della Città dello Stretto parla ai cittadini

«Vogliamo costruire la speranza di una città normale» di Massimo Gioia REGGIO CALABRIA - «La nostra Città sta attraversando una fase politica difficile rappresentata dallo scontro intestino vissuto in questi giorni dalla maggioranza di Governo e, parallelamente, dalla incapacità di elaborazione e proposta politica di cui è stato vittima lo schieramento di opposizione negli ultimi anni», sostiene Massimo Canale , candidato sindaco di Reggio Calabria. «Nell’uno e nell’altro caso a pagarne le conseguenze sono i Cittadini che assistono increduli all’inglorioso tramonto del cosiddetto "modello Reggio", che appare sempre più costruito esclusivamente intorno a meccanismi di «La nostra città sta potere e affari di denaro attraversando una fase piuttosto che a una prospettivadisviluppo.Intal politica difficile e i senso appaiono del tutto condivisibili le parole cittadini stanno assispronunciate sul tema tendo a un vero e proprio "Cattolici nell’Italia di oggi"daEdoardoPatriarca, inglorioso tramonto» segretario del Comitato organizzatoredellaSettimana sociale promossa dalla CEI che avrà luogo nel mese di ottobre nella nostra Città. Patriarca ha il merito di condurci alla riflessione, definisce senza mezzi termini il nostro Paese "privo di classe dirigente" e di una politica che non orienta, senza una visione e priva di obiettivi di medio e di lungo termine. Se ne trae l’idea, anche se non viene detto espressamente, che l’intera classe

impegni del Comune, ma esigeremo al contempo garanzie sulla correttezza nell’esecuzione delle opere, sui diritti dei lavoratori e sul rispetto delle procedure di appalto. In tale direzione ho avuto un primo incontro con il «Crediamo in un’imprePresidente provinciale dei costruttori edili a cui sa sana, libera, priva ne seguirà un secondo indi condizionamenti masieme a tutto il direttivo. Crediamo nell’assofiosi e più consapevole ciazionismo, quello sano, laico e cattolico, negli del proprio ruolo di vouomini e nelle donne impegnati nel terzo settore lano dell’economia» chelavoranoelottanoper il riconoscimento dei diritti dei più deboli e spesso trovano proprio nelle inadeguatezze della pubblica amministrazione l’ostacolo principale alla loro importante opera sociale. Parliamo a tutti e con tutti vogliamo costruire la speranza di una Città normale, una Città migliore».

politica privilegi gli aspetti legati al consolidamento del proprio potere, piuttosto che all’interesse collettivo. In altre parole, ciò che manca secondo la CEI è una prospettiva, una vera idea di Paese da costruire intorno ad obiettivi di ampio respiro e non funzionali al raggiungimento di scopi di parte o, peggio ancora, personali.Proprio in questi primi mesi di campagna elettorale partiti diversi, movimenti, associazioni e tanti cittadini onesti e senza sigle di appartenenza hanno condiviso e sostenuto la proposta che facciamo alla Città con la mia candidatura a Sindaco. Insieme abbiamo inteso proporre non solo un’alternativa di governo cittadino, quanto un vero e proprio cambio della classe dirigente.Crediamo in un’impresa sana, libera, priva di condizionamenti mafiosi e più consapevole del proprio ruolo di volano dell’economia reggina: garantiremo rispetto delle regole e puntualità negli

Piscioneri (Cisl): «Solidarietà al giornalista Musolino per la vile intimidazione di cui è stato fatto oggetto» REGGIO CALABRIA - «La Cisl di Reggio Calabria - sostiene Cosimo Piscioneri il segretario generale - manifesta la più ampia e sentita solidarietà alla redazione di Calabria Ora ed in particolare a Lucio Musolino, per la vile intimidazione di cui è stato fatto oggetto.La difesa della democrazia ed il riscatto del nostro territorio passano anche e soprattutto attraverso la libera espressione delle idee.Raccontare i fatti senza reticenze e nel-

la loro giusta dimensione, rafforza le coscienze e tiene vivo il sentimento di ribellione alla sopraffazione, alla dominazione della delinquenza organizzata sulla vita della città, cui Reggio ed i suoi onesti cittadini si oppongono».

Salice, il presidente Giuseppe Scopelliti incontra i giovani REGGIO CALABRIA - Il Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti è intervenuto ieri sera - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta - nell’area attrezzata del "Verde Pubblico" di Salice, a Reggio, all’incontro "Giovani in Campo", promosso dall’associazione "Nuova Solidarietà". Il Presidente della Regione ha risposto ad alcune domande spaziando su vari temi: sanità, infrastrutture, sport, politiche giovanili e cultura. «Bisogna lavorare tantissimo - ha detto Scopelliti - per quando riguarda le infrastrutture ed un primo passo importante sarebbe quello di chiedere alle grandi aziende di investire in Calabria. E’ necessario, poi, puntare sull’alta velocità sul ferrato, mentre dobbiamo fare di tutto affinché vengano completati i lavori, nel più breve tempo possibile, sulla Salerno-Reggio Calabria. La nostra

Regione - ha proseguito il Governatore - ha l’opportunità di crescere diventando, attraverso il miglioramento delle infrastrutture, un grande centro turistico». Scopelliti si è poi soffermato sullo sport: «E’ fondamentale promuovere lo sport come momento educativo e formativo. I giovani - ha sottolineato - devono avvicinarsi alle discipline sportive». Il Presidente della Regione ha, quindi, fatto un riferimento alla cultura: «Reggio è cresciuta sul fronte culturale. Il "Cilea", "Villa Zerbi" e l’apertura della Pinacoteca hanno rilanciato la nostra città che si avvia a diventare baricentrica nel Mediterraneo. In questi primi cento giorni - ha evidenziato ancora Scopelliti tante cose sono state fatte, a cominciare dal recepimento delle risorse per rilanciare l’aeroporto dello Stretto».

r. c.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 33

CRONACHE Dichiarazioni del vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò

«La fase politica in atto merita l’impegno del gruppo del Pdl» di Ignazio Vero REGGIO CALABRIA - «Credo che la fase politica in atto al Comune di Reggio Calabria meriti tutto l’impegno del gruppo dirigente del Pdl per essere riportata nel suo alveo di confronto naturale che non possono essere le pagine dei mass media». E’ quanto afferma il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò che aggiunge: «Le prese di posizione di questi giorni ed i toni accesi rischiano di avvalorare nell’opinione pubblica l’impressione di un salto indietro nel tempo rispetto a metodi e procedure politico-istituzionali. E’ impossibile credere che ci sia qualcuno che possa pensare di lucrare rendite di posizione, poiché il giudizio su come sapremo governare coinvolgerà tutti e comunque bisogna anche aver rispetto per gli organismi apicali del partito. Solo cosi si potrà uscire dall’attuale fase che caratterizza il quadro politico». «Con questa preoccupazione, ritengo prioritario il recupero del primato della politica che non può essere la conclamazione quotidiana di prese di posizione tra le più disparate - rilancia l’esponente del centrodestra -. In questo scenario, il Pdl non può fare a

meno del buon senso e di assumersi interamente tutte le responsabilità. Giuseppe Raffa, in questi pochi mesi di esperienza da sindaco, si è trovato a gestire una situazione amministrativa in maniera diretta e con il peso delle responsabilità che ne derivano. Sarebbe necessario, quindi, un maggior supporto politico-amministrativo, scongiurando il pericolo di disperdere un pa-

«E’ impossibile credere che ci sia qualcuno che possa pensare di lucrare rendite di posizione, poiché il giudizio su come sapremo governare coinvolgerà tutti»

trimonio di credibilità costruito durante anni di straordinario lavoro al servizio della gente. Una forte iniziativa politica continua Nicolò- non può fare a meno dell’intervento dei vertici del Pdl per riportare nei giusti ranghi una discussione che oggettivamente porta confusione ed incertezza non solo tra i nostri concittadini ma anche nella prassi amministrativa comunale». Nicolò conclude così: «Il mio non è un appello rivolto ad altri, quanto un impegno di responsabilità in prima persona per contribuire positivamente alla soluzione della crisi comunale con l’intento di far prevalere sempre e comunque gli interessi di Reggio. Con questo spirito fortemente costruttivo, intendo offrire la mia totale disponibilità al partito, affinché, fin da subito, cali il sipario su una vicenda che appare assolutamente incomprensibile e dannosa sia per il Pdl che per la civica amministrazione».

«Le prese di posizione di questi giorni rischiano di avvalorare nell’opinione pubblica l’impressione di un salto indietro nel tempo»

«Al giornalista minacciato piena solidarietà» di Monica Bella

REGGIO CALABRIA - Solidarietà al giornalista del Quotidiano Calabria Ora Lucio Musolino, davanti all’ abitazione del quale ignoti hanno lasciato una tanica di benzina, viene espressa, in una nota, dal sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa. «Il gesto nei confronti di Musolino - dice Raffa - evidenzia quanto sia difficile svolgere in Calabria la professione di cronista. La libertà di stampa è uno dei baluardi del nostro ordinamento democratico, piaccia o meno a quelle forze oscure che vorrebbero condizionare la vita di noi tutti». «A Musolino, oltre alla solidarietà personale edistituzionale conclude Raffa - rivolgo l’invito a proseguire nel suo impegno professionale». Il segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, componente della Giunta Esecutiva Fnsi, in una nota ha espresso solidarietà al giornalista di ’Calabria Ora’, Lucio Musolino, per le minacce ricevute. «E’ inammissibile - sostiene Parisi - continuare adassistere, quasi quotidianamente, ad episodi di violenza, palese o velata da vergognose minacce, nelle regioni del sud ed in particolare in Calabria». Parisi, insieme al segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, il 25 marzo scorso ha incontrato, al Viminale, il Capo della Polizia, Antonio Manganelli, che si è assunto l’impegno di dare «una risposta ai singoli episodi».

Alessandro Nicolò

Presentato il libro di Santo Alfonso Martorano dal titolo "La normativa antiriciclaggio”

REGGIO CALABRIA - "La normativa antiriciclaggio". Questo il titolo del libro presentato nei giorni scorsi nel salone delle Conferenze della Camera di Commercio di Reggio Calabria, nel corso di un convegno organizzato dalla Fenafi, Federazione nazionale delle società finanziarie, presieduta dall’avv. Santo Alfonso Martorano (che ha curato la prefazione del volume), unitamente all’Ordinedeidottoricommercialisti e degli esperti contabili di Reggio Calabria e all’ente camerale.Il volume, pubblicato dalla casa editrice Iiriti, affronta un tema di particolare attualità dal punto di vista giuridico, economico e sociale. Oltre a fornire una dettagliata disanima della normativa in materia di

antiriciclaggio, recentemente modificata, dei ruoli degli organi dei vigilanza e degli adempimenti, l’autore, esperto nel settore creditizio, si sofferma sull’apparato sanzionatorio previsto e sui rischi dell’inquinamento per l’economia dovuti al riciclaggio di denaro, in un momento in cui l’economia è particolarmente fragile. L’odierno ordinamento è caratterizzato da alcuni nuovi principi ispiratori e peculiarità tecniche che lo differenziano e qualificano marcatamente rispetto al precedente. Fra le numerose, significative innovazioni emergono istituti destinati ad assumere con il tempo crescente rilevanza, quali l’approccio al rischio, l’adeguata verifica della cliente-

la, la riduzione del novero dei soggetti abilitati, l’estensione ad ampie frange di destinatari dell’obbligo di contribuire i dati aggregati, la maggior responsabilizzazione degli organi interni di controllo, l’ingresso della normativa antiriciclaggio nel sempre più ampio ambito della c.d. responsabilità amministrativa degli enti. Giuseppe Roddi è autore di dodici volumi e di numerosi articoli scientifici: da trent’anni opera nel settore bancario e finanziario ed è giornalistapubblicista,oltrechepresidente del comitato tecnico scientifico della Fenafi.

Francesca Sulla


34

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

CRONACHE

In manette Nicola Cappa, ex presidente di Confagricoltura

Imprenditore arrestato con l’accusa di truffa aggravata CROTONE - Un imprenditore vinicolo, Nicola Cappa, di 52 anni, è stato arrestato a Crotone dalla Guardia di finanza con l’accusa di truffa aggravata e falso nell’ambito di un’inchiesta condotta dal pm Pier Paolo Bruni. All’imprenditore, ex presidente di Confagricoltura Crotone (carica dalla quale si era dimesso in seguito all’inchiesta in cui era coinvolto), che è stato posto agli arresti domiciliari, sono stati anche sequestrati dal gip di Crotone, Paolo De Luca, su richiesta del pm Bruni, beni mobili ed immobili per un valore di nove milioni di euro tra cui uno yacht ed alcune automobili di lusso. Bruni aveva chiesto per Cappa la custodia cautelare in carcere, ma il gip ha disposto gli arreCappa avrebbe utilizsti domiciliari. Secondo Cappa avrebbe zato finanziamenti del- l’accusa, utilizzato finanziamenti l’Unione europea eroga- dell’Unione europea erogatigli, attraverso la tigli, attraverso la Regione Calabria, per il sostegno all’attività della Regione Calabria, per sua azienda non per l’ acquisto, com’era stabilito, scopi personali di macchinari agricoli ma per scopi personali. Di conseguenza all’imprenditore sono stati sequestrati beni per un valore corrispondente all’importo del finanziamento utilizzato illecitamente. Nell’inchiesta nell’ambito della quale è stato arrestato Cappa sono indagati la sorella dell’imprenditore ed un funzionario della Regione, Luigi Vulcano, che, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe attestato falsamente il corretto utilizzo da parte dell’im-

All’imprenditore sono stati sequestrati beni per un valore corrispondente all’importo del finanziamento utilizzato illecitamente. Nell’inchiesta è indagata anche la sorella

prenditore dei fondi comunitari. Nei mesi scorsi le abitazioni di Cappa e Vulcano, su disposizione del pm Bruni, erano state perquisite dalla Guardia di finanza. Cappa è titolare di alcune aziende che producono vari tipi di vino, tra cui il Val di Neto. L’imprenditore, di recente, aveva chiesto l’erogazione di un altro finanziamento comunitario per un importo di cinque milioni di euro. (ANSA).

Morena Bellicchi

Adriano Musi: «Il male può essere sconfitto dalla presenza dello Stato e di tanti amministratori coraggiosi e onesti» CROTONE - «Esprimo la mia gratitudine al Procuratore Generale di Crotone Raffaele Mazzotta ed alle Forze dell’Ordine per l’importante operazione messa a segno il 31luglio nel Comune di Isola Capo Rizzuto». Lo afferma in una nota il commissario regionale del Pd, Adriano Musi. «A dimostrazione - aggiunge - che anche in una realtà difficile come quella del crotonese dove le forze del male - pur avendo una capacità pervasi-

va - possono essere sconfitte dalla presenza dello Stato e da tanti amministratori coraggiosi ed onesti come il Sindaco di Isola e la sua amministrazione , che con la loro quotidiana azione amministrativa rappresentano un punto di riferimento certo per tutti i cittadini onesti e le forze sane».

A Capocolonna via al “Magna Graecia Teatro Festival” CAPOCOLONNA - Da Mariano Rigillo, passando per la grande Lisa dagli occhi blu Lisa Gastoni a Alessandro Haber, sei spettacoli di elevato valore artistico animeranno il parco archeologico di Capocolonna nell’ambito del "Magna Graecia Teatro Festival". L’iniziativa si colloca nell’ampio festival teatrale che interesserà, dal 7 agosto al 14 settembre, i 13 più importanti siti archeologici della Calabria al fine di valorizzare luoghi spesso dimenticati e trascurati riempiendoli di contenuti di pari valenza culturale. Il calendario crotonese del "Magna Graecia Teatro Festival" è stato ufficialmente presentato questa mattina, sabato 31 luglio, presso la sala "Dionigi Caiazza" della Casa della Cultura, dal direttore artistico Angela Spocci, dall’assessore comunale alla Cultura, Silvano Cavarretta, e dal consigliere

comunale delegato al Turismo, Francesco Pesce. «Questa edizione sarà speciale perché realizzata da una delle più grandi direttrici artistiche italiane, un vero luminare del settore che ha subito accolto le esigenze di questo territorio», ha esordito Cavarretta. L’assessore alla Cultura ha infatti raccontato di aver raccomandato al direttore artistico, in occasione del loro primo incontro, di non dissociare il luogo della rappresentazione, l’anfiteatro del parco archeologico, dal contenuto della stessa. Richiesta, questa, che è stata subito esaudita da Angela Spocci che ha assegnato a Crotone due rappresentazioni che richiamano due miti della cultura greca: Pitagora ed Afrodite. La sensibilità del direttore artistico è stata sottolineata anche dal consigliere delegato al Turismo.

r.c.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 35

CRONACHE L’evento sarà presentato questa mattina presso la Camera di Commercio

Riflettori puntati sul premio internazionale “Il Faro” VIBO VALENTIA - A Vibo Marina si riaccende "Il Faro" - Il premio internazionale di grande successo per dare visibilità a Porto e territorio. Un grande evento per promuovere il territorio, le sue risorse e il sistema dei valori economici, sociali e culturaliadessoindissolubilmentelegati. Camera di Commercio, Comune, Provincia, Regione e la Piero Muscari Comunicazione, nella suggestiva location del Porto di Vibo Marina, martedì 10 agosto alle ore 21,00, propongono la seconda edizione del Premio Internazionale "Il Faro - Uomini che lasciano il segno", un’iniziativa di grande interesse e di provato successo che, come già in precedenza, con la presenza di personalità illustri del mondo economico, sportivo, culturale, politico e sociale e con personaggi e cast artistici di grande successo e notorietà, assicurerà al Porto e al territorio attenzione e visibilità. L’evento, nella sua struttura e nei dettagli di programma, sarà presentato nel corso di una conferenza stampa oggi alle ore 11,00 presso la Sala Consiglio della Camera di Commercio di Vibo Valentia. Presenzieranno all’incontro il direttore artistico del Premio Piero Muscari, il Commissario della Camera di Commer-

«Un’iniziativa di grande interesse e di provato successo che, come già in precedenza, con la presenza di personalità illustri assicurerà al territorio attenzione e visibilità»

cio Michele Lico, l’Assessore comunale al Turismo Pasquale La Gamba, l’Assessore provinciale al Turismo Gianluca Callipo, il Direttore Generale del Dipartimento Turismo della Regione Calabria Sergio Rio, il Presidente Gruppo Giovani Imprenditori Confindustria Calabria Se-

Presenzieranno all’incontro di stamattina, fra gli altri: il direttore artistico del premio Piero Muscari e il commissario della Camera di Commercio Michele Lico

“Charter Night” per il Leo club vibonese alla 39ma edizione

bastiano Caffo. Rosanna De Lorenzo responsabile informazione e comunicazione istituzionale Cciaa Vv.

Marika Giacoppo

«Si tratta di un grande evento per promuovere il territorio, le sue risorse e il sistema dei valori economici, sociali e anche culturali»

di Rossana Stillo VIBO VALENTIA - Nei giorni scorsi il Leo club di Vibo Valentia nella splendida cornice dell’Agriturismo l’Antico Palmento di Pizzo ha festeggiato la sua 39esima Charter Night e passaggio delle consegne. In tale occasione alla presenza del presidente del distretto Leo 108YA Carmine Nino, del direttivo del Distretto 108YA, del presidente del club Lions di Vibo Valentia Francesco Sammarco, il presidente uscente, avvocato Tonino Giofrè, ha consegnato le redini del Club vibonese all’avvocato Salvatore Pronestì. Una serata piena di emozioni per il Club vibonese che ha festeggiato il sul 39° compleanno sempre sotto il motto "We Serve" (Noi serviamo) al servizio della comunità vibonese. I Leo sono ragazzi dai 18 ai 30 anni che sotto l’acronimo LEO (Leadership, experience, opportunity) si dedicano al volontariato. Durante la cerimonia, come ogni anno il Direttivo del Distretto 108YA ha reso omaggio allo storico club vibonese con la sua presenza dimostrando anche l’affetto che lega questi ragazzi al di là di un semplice rapporto istituzionale. Tale evento, oltre a celebrare ogni anno l’anniversario della fondazione del club, si prefigge il compito di riassumere tutte le attività svolte nel precedente anno sociale e, consentire al nuovo presidente di presentare tutte le proposte per il nuovo anno sociale.


36

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

L'ex convento dei Minimi

La locandina del progetto Abituarsi al bello, fa riconoscere i Mostri

Al via Straniamenti 2010 106 Metamorfosi per la città Fino al 7 agosto a Roccella Jonica in programma la quarta edizione del festival Zoe Bellini Garantire un futuro di libertà e la possibilità di crescita alle nuove generazioni protagoniste del percorso di sviluppo di un territorio che vuole liberarsi dalla cultura mafiosa. Da questo importante obiettivo, parte e si sviluppa la IV edizione della rassegna Straniamenti 2010: 106 Metamorfosi che, da oggi sino al 7 di agosto, proporrà un carnet di eventi dove a primeggiare saranno le arti visive, la musica e il teatro. A fornire tutti i dettagli della kermesse diretta da Gabriella Maiolo e Adelaide Di Nunzio con l’organiz-

Obiettivo della kermesse quello di garantire un futuro di libertà e la possibilità di crescita alle nuove generazioni in un territorio libero dalla cultura mafiosa

zazione di Fabio Macagnino e la produzione dell’associazione culturale "Straniamenti" e il patrocinio della provincia di Reggio Calabria (Politiche sociali giovanili e pari opportunità) e dei comuni di Roccella Jonica e Gioiosa Jonica, durante la conferenza stampa nella sala Biblioteca di palazzo Foti, l’assessore provinciale Attilio Tucci insieme ai componenti della direzione artistica della rassegna. «È un’avventura iniziata da tre anni grazie all’entusiasmo di giovani organizzatori che hanno avuto voglia di tirar fuori il meglio della nostra terra - esordisce l’assessore Tucci - La IV edizione ha il valore della continuità in un rapporto costante con il territorio che diventa condizione essenziale per un cambiamento culturale e sociale. In questo caso, l’arte diventa strumento importante di denuncia e di legalità che guarda al futuro delle nuove generazioni. Nei giorni scorsi postilla l’assessore provinciale - siamo stati criticati dall’opposizione di aver utilizzato somme di avanzo bilancio per la cultura ma io credo che non sia uno spreco investire su operazioni culturali che rilanciano i nostri giovani, le nostre risorse, la nostra città». In uno spirito di convi-

L’assessore Attilio Tucci parla di un’avventura iniziata da tre anni grazie all’entusiasmo di giovani che hanno avuto voglia di tirar fuori il meglio dal luogo venza artistica ed umana che è oramai la cifra stilistica di Straniamenti, «la rassegna che porterà nello spazio dell’ex convento dei Minimi in via Roma Nuova a Roccella Jonica, attori, registi e talenti dell’Italia e dell’Europa, vuole essere - rimarca Gabriella Maiolo - un crocevia per artisti di varia provenienza che, attraverso linguaggi diversi, daranno forma ad un progetto d’insieme che va oltre l’esposizione del loro personale operato. Inoltre, la loro esperienza sarà materiale di scambio e di crescita». Quest’anno la rassegna che si articola nelle sezioni teatro e arti visive con uno sguardo alla musica,

Il museo Totò a Napoli

Suso Cecchi d’Amico

Il museo Totò a Napoli potrebbe finalmente aprire entro la fine del 2010, dopo anni d’inutile attesa. Il comune punta infatti a concludere i lavori a palazzo dello Spagnuolo, sede del museo, nel borgo Vergini, e inaugurare la struttura in occasione della presentazione della mostra "Totò l’italiano" che si svolgerà a Napoli e a Milano nel 2011. Figlio illegittimo del principe Giuseppe De Curtis e della giovane Anna Clemente, che solo nel 1921 riusciranno a sposarsi, Totò nasce a Napoli, nel famoso rione Sanità, nel 1898. Registrato all’anagrafe con il cognome materno, Totò verrà riconosciuto come figlio dal principe soltanto nel 1941. All’educazione del piccolo provvede la madre, che gli darà il nomignolo di Totò. Il grande attore e comico si spegne a Roma il 15 aprile del 1967.

Il festival Internazionale del film di Roma, su immediata e commossa proposta di Gian Luigi Rondi, celebrerà con uno dei suoi premi ufficiali, il Marc’Aurelio d’Oro, la memoria della sceneggiatrice Suso Cecchi d’Amico, scomparsa la settimana scorsa all’età di 96 anni, che ha scritto per oltre mezzo secolo le pagine più belle della storia del cinema italiano. La ricorderà Alessandra Levantesi che, insieme con il suo compianto marito, Tullio Kezich, aveva dedicato a lei un libro di grande significato, Una dinastia italiana, sui rapporti attraverso gli anni tra la famiglia di Emilio Cecchi e quella di Silvio d’Amico. Ai tre figli di Suso - Silvia, Masolino, Caterina consegnerà il premio uno degli autori che meglio e più a lungo ha collaborato con lei, Mario Monicelli.

propone temi sociali di denuncia e, partendo dal territorio calabrese, spazia su orizzonti che investono trame profonde dell’umanità. «Saranno esposte opere originali e sono previsti interventi artistici sui fenomeni di degrado urbanistico-ambientale quali l’abusivismo, l’ecomafia, l’inquinamento e l’abbandono storico-archeologico – aggiunge Di Nunzio – Ma, il tema di quest’anno è racchiuso in 106 Metamorfosi, intendendo per metamorfosi, una trasformazione profonda, in genere abbastanza rapida che può essere di natura fisica e morale.106 è il numero della strada statale che attraversa il territorio su cui Straniamenti opera da 4 anni: la Locride è una strada che è stata testimone di sviluppo ma anche di tragedie, costeggia piazze, case, resti di teatri greco-romani e scheletri di alberghi non finiti». Ma su tutto primeggia «l’idea di pensare alla rassegna come ad uno spazio aperto e libero in cui l’arte può svilupparsi nelle sue svariate forme - concludono le due direttrici dell’evento - In particolare quest’anno abbiamo puntato su temi di denuncia che coinvolgono la realtà calabrese e che, attraverso l’arte, possono essere indagati in modo diverso». Con l’ opera Abituarsi al bello, fa riconoscere i Mostri, Paola Ascone, Caterina Aversa, Mariagrazia Costa e Mariateresa Sorbara si prestano alla collaborazione con l’artista Rosaria Iazzetta per immortalare in uno scatto il senso dell’incompiuto tipico delle zone. L’ opera è installata sulla parete rocciosa del castello di Roccella Jonica, al fine di rendersi visibile anche a grandi distanze.

La sceneggiatrice Suso Cecchi d'Amico

Contemporaneamente si svolgerà un confronto fra le più note sceneggiatrici italiane di varie generazioni per illustrare il valore e la dimensione dell’eredità avuta in dono da chi, con geniale autorevolezza, le ha precedute. I funerali della grande sceneggiatrice, nata nella capitale nel 1914 figlia del critico letterario e storico d’arte Emilio Cecchi, si sono tenuti nella chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma.


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA In sala divertenti e colorate animazioni non solo per bambini. Tre gli appuntamenti con i film da non perdere: Panico al villaggio, il terzo capitolo di “Toy story” e l’atteso Shrek e vissero felici e e contenti

Furbe pellicole animate: l’estate al cinema predilige i cartoni per tutta la famiglia Annarita Guidi Sul cinema che fa troppo sul serio, l’estate si prende una rivincita a colpi di giocattoli. Rigorosamente animati. Sono loro i protagonisti della stagione: apparentemente semplici, visivamente sofisticatissimi, catturano menti capaci di sospendere l’incredulità. Un cowboy, un indiano e un cavallo aprono le danze con "Panique au village", presentato fuori concorso a Cannes nel 2009. Diretta da Stéphane Aubier e Vincent Patar, da oltre vent’anni sulla breccia dell’animazione d’Oltralpe, la pellicola ha vinto come miglior film d’animazione al Sitges, Catalonian international film festival. In questi giorni nelle nostre sale, i protagonisti di "Panique au village" sono giocattoli di plastica: per festeggiare il compleanno del loro amico cavallo, il cowboy e l’indiano scelgono di regalargli un barbecue fai da te. Si vedranno recapitare un miliardo di mattoni e un numero maggiore di disastri: dalla ricostruzione di case distrutte agli scontri con ladri di muri, dagli scienziati pazzi ai barracuda assetati di sangue. Il secondo appuntamento è con il terzo capitolo di "Toy story", suggello della saga che ha consacrato la Disney Pixar gotha dell’animazione mondiale. I protagonisti, in compagnia di altri giocattoli di culto come l’inossidabile coppia Barbie e Ken, verranno catapultati in un asilo popolato da una masnada che farebbe impallidire Vasco Rossi. Dirige Lee Unkrich, già coregista di "Toy story 2",

I protagonisti di Toy story

Panico al villaggio è stato presentato fuori concorso a Cannes nel 2009 ed è diretto da Stéphane Aubier e Vincent Patar Il gatto con gli stivali in Shrek e vissero felici e contenti

"Monsters, inc" e Alla ricerca di Nemo. Si resta in zona giocattoli ma tutto è cambiato con il 3d, se il pubblico statunitense assicura che questo "Toy story 3" rende i primi due degni di Shrek terzo. Ovvero, quasi nulli. Non resta quindi che sperare in una risalita dell’orco verde e politicamente scorretto, che arriva in sala il 25 agosto con Shrek, e vissero felici e contenti. La minaccia del titolo è reale: il protagonista dovrà vedersela con il concetto di uomo di casa. E riconquistare se stesso attraverso un patto con un nano diabolico e un’incursione in un mondo alla rovescia. Nel quarto capitolo infatti Shrek, dopo aver fatto un accordo con Rumplestiltskin per avere indietro il suo mojo per sentirsi nuovamente un vero orco, si trova in una versione bizzarra di Molto Molto Lontano in cui Shrek non è mai esistito. Ciuchino

non lo conosce, il gatto con gli stivali è grasso e pigro, Fiona viene cacciata e Rumplestiltskin è il re. Shrek, armato solamente del suo spirito sardonico e il suo accento scozzese, deve trovare un modo per mettere tutto a posto.

Gli occhi della memoria, in mostra a Bertinoro gli scatti di Terraneo Elena Mandolini

Il terzo capitolo di “Toy story” è il suggello della saga che ha consacrato la Disney Pixar gotha dell’animazione

Una fotografia di Beniamino Terraneo

Rigoroso nella tecnica e scrupoloso nella scelta delle immagini da fotografare. Beniamino Terraneo è uno di quegli artisti che immortalano un’emozione attraverso oggetti e paesaggi comuni. Guardando le sue opere, sembra quasi di immergersi in sensazioni evocate dall’utilizzo del bianco e nero, del seppia, dagli scorci di paesaggi, i dettagli di oggetti, i giochi di luce. Capace di fondere tutti questi elementi, Terraneo ricrea più che delle fotografie, dei veri e propri quadri. Cura personalmente ogni fase dallo sviluppo: la stampa manuale su carta ai sali d’argento,procedimential carbone,platino e carta salata. Ha studiato fotografia in Italia e Francia, seguendo i corsi di maestri come George Tice, Cole Weston, Reinhardt Wolf, Jean-Pierre e Claudine Sudre. Da questi grandi non impara solo l’arte della fotografia ma capisce quanto sia fondamentale la cura della stampa. Perfeziona le tecniche di camera oscura e studia a fondo le pratiche ottocentesche.

Un’occasione per apprezzare la sua arte è la rinnovata mostra, già in esposizione in passato e che gli valse un premio, Gli occhi della memoria all’associazione culturale acanto di Bertinoro. Dallenotedipresentazionescritte dall’artista: «Questo lavoro ha avuto inizio da un ricordo. Da bambino, quando venivo accompagnato in chiesa ero particolarmente impressionato; tutto mi sembrava magico, la luce del giorno penetrava appena, le statue mi sembravano enormi e mi aspettavo che da un momento all’altro si animassero, i dipinti mi parlavano di storia d’altri tempi. Il mio obiettivo è stato quello di ricreare queste emozioni e trasmettere l’energia spirituale che luoghi diversi in tutto il mondo hanno accumulato». Protagonista di importanti esposizioni in tutto il mondo, Terraneo è presente con numerose fotografie in diverse collezioni pubbliche e private. I suoi lavori sono diventati pubblicazioni e libri d’artista a tiratura limitata. Fino all’8 agosto. Info: www.acantofotografia.org.


38

il Domani

Martedì 03 Agosto 2010

MOTORI

Le vendite cominceranno dalla primavera 2011

Una nuova Kia, ma questa volta Optima Andrea Celia Magno

In vigore il nuovo Codice della Strada Èdiventatoleggeehainiziato ad essere in vigore dal weekend appena concluso il nuovo Codice della Strada che prevede, fra le altre misure, il divieto assoluto di bere alcolici per chi ha la patente da meno di tre anni e per tutti i lavoratori che al volante ci lavorano (tassisti, camionisti, autisti). Etilometri obbligatori intuttiiristoranti.

Triumph organizza la festa per i suoi 20 anni Si prepara a festeggiare i 20 anni di età la Triumph, famoso casa motociclista, produttrice di alcune motociclette diventate un vero e proprio culto per gli amanti delle due ruote. La festa, che si terrà a settembre sul circuito della casa a Mallory Park, in Inghilterra, prevede un tour nella fabbrica, concerti e la prova dellagammaTriumph2011. Kia Optima

Le aziende automobilistiche coreane sono state le meno colpite dalla crisi del mercato nell’annus horribilis 2009, riuscendo anzi a registrare incrementi nelle vendite che sono arrivati a toccare la doppia cifra, e utili record, soprattutto nel primo semestre 2010. Come Hyundai, ma un po’ di meno, anche la Kia non è sfuggita a questo trend e, forte degli incoraggianti risultati del mercato, Per rilanciarsi, ha in cantiere il lancio della nuova tre volumi per la dopo il flop della sua primavera del 2011. Si chiama Kia Optima (ma Magentis, nel non è escluso che possa segmento D, cambiare nome e chiamarsi, ancora, Magentis) e nelquello delle tre le intenzioni della casa coreana è la sostituta della volumi di alta mai fortunata Magentis, classe, Kia vettura di segmento D che Italia ha riscontrato davpunta su Optima in vero uno scarso successo, finendo depennata dal listicon due motori no già l’anno scorso. Con benzina da oltre Optima, comunque, Kia ha tutte le intenzioni di fare se200 CV ria concorrenza a vetture come l’Opel Insignia o la Volkswagen Passat. Con una lunghezza di quasi 5 metri (484 cm) ed un frontale piuttosto deciso, Optima lascia una buona impressione iniziale. Anche il design laterale non difetta di dinamicità, mentre solamente il retro risulta un po’ troppo squadrato. Nel complesso l’aspetto di Optima è comunque abba-

stanza gradevole. Anche gli interni sono ben fatti e uniscono una grande praticità e sobrietà, che non scade nella povertà di particolari, alla vocazione tecnologica che ormai non può mancare su nessuna automobile: Optima ha una predisposizione di serie per l’iPod, ma nelle versioni più dotate c’è anche un sistema multimediale UVO, realizzato con la partnership di Microsoft. Il quadro è particolarmente piacevole, tripartito e dall’aspetto che ricorda quello di una vettura

Harley Davidson: 4 novità in edizione limitata Harley Davidson ha presentato 4 modelli ad edizione limitata per la gamma del 2011.Il CVO Road Glide con navigatore satellitare; il CVO Street Glide dotato di sei altoparlanti montati in una nuova carenatura; il CVO Softail Convertible che monta un nuovo manubrio e l’ABS; infine il CVO Ultra Classic Electra Glide che ha nuove finiture cromate per gli specchietti e per i terminali.

Un luglio nero per il mercato dell’auto: -26% Gli interni di Kia Optima

sportiva. Sportive sono anche le due motorizzazioni fino ad ora disponibili (ma ci saranno anche le immancabili diesel e una versione 2.4 ibrida da 210 CV capace di fare i 16 km con 1 litro): un 2.0 da 275 CV, e un 2.7 V6 da 200 CV, che si può scegliere anche con il cambio automatico a 5 marce. Non è da escludere lo sbarco europeo del modello station wagon, mentre la versione berlina è pensata principalmente per il mercato americano. Anche sulle motorizzazioni la casa farà dei distinguo. In Europa sarà probabilmente solo un sogno vedere il 2.7 benzina, destinato probabilmente al solo, eccessivo, mercato nordamericano, mentre il diesel sarà prerogativa esclusiva dei clienti del vecchio continente.

La Federauto, Associazione dei concessionari italiani, ha anticipato i risultati delle vendite per quel che riguarda il mercato automobilistico di luglio. Brusco e preoccupante il calo, che registra un deprimente -26% (la Fiat segna un -35%): influirà, come mancati introiti per 2 miliardi di euro, sulle casse dello Stato e potrebbe avere negativi riflessi anche sui posti di lavoro del settore e quelli dell’indotto (tagli al personaleintornoalle40.000unità).


Martedì 03 Agosto 2010

il Domani 39

APPUNTAMENTI "De André canta De André" Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa. DECOLLATURA Manifestazione estiva "Ricomincio da tre" La Gdg Eventi in collaborazione con la Provincia di Catanzaro e il patrocinio del Comune di Decollatura, il 7 agosto , organizza la manifestazione dal nome da un noto film di Massimo Troisi (Ricomincio da tre). Live: Kele di grankio (rock band di Lamezia Terme), Manola Moslehi (Amici di Maria De Filippi), Mario Nunziante (Amici di Maria De Filippi). Inoltre, nell’ambito della serata verrà consegnato un premio in memoria di "Bruno Arcuri" il giovane sindaco di Carlopoli scomparso circa un anno fa. Infine, dopo l’esibizione delle "guest star" della serata sarà la volta dopo le 24:00 del terzo momento della festa, ovvero la discoteca all’aperto (a cura di D-dj, Diego Pargalia, giovane dj di Decollatura).. GASPERINA Esposizione Nicola Raspa Fino al 15 agosto , nei locali di Via Mazzini9/A, conil patrocinio delComune,ilpittoreNicolaRaspaespone nuove opere. LOCRI Rassegna Magna Grecia Teatro oggi - IV Corrinotte Città di Locri -Lungomare sud- (gara inserita nel calendario FIDAL 2010) Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro AntonioTrifoglio-PrimoPianoPalazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 Tappa del "Tour del Gusto" "Calabria Gusto Naturale" - P.zza Nosside Lungomare dalle ore 20.30 per tutta la notte Ciclo di conferenze dei ricercatori dell’Università di Torino - ore 19.00 Palazzo Nieddu Del Rio - Incontro con il Professore Diego Elia dal tema : "In viaggio verso le case di Ade. Identità sociale e rito nelle necropoli di Locri Epizefiri". 4 agosto - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 5 agosto - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 6 agosto - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore

Dopo un acclamatissimo inverno neiteatrieneipalasport,Cristiano De André torna in concerto in Calabria per un’altra estate di "De AndrécantaDeAndré":l’8Agosto sul lungomare di Soverato (ingresso libero), il 9 agosto all’Arena dello Stretto di Reggio Calabria (ingresso libero) e il 13 agosto all’Anfiteatro di Altomonte (biglietti euro 17.50 presso Inprimafila a Cosenza, tel. 0984795699). Inizio concerti ore 21.30. Nata come tournée estiva nel giugno del 2009 nel decimo anniversariodallascomparsa di Fabrizio De André, ottenuto il riconoscimento di "Migliortourdell’anno"al Mei 2009, "De André canta De André" ha ricominciato a riempire le platee e i cuori di emozioni con un nuovo calendariodiconcerti:unanuovamaratona di live con tappe in tutta Italia, tra cui la Villa Reale di Monza, il CastellodiUdine,ilBelvedereSan Leucio di Caserta e la Cavea dell’Auditorium di Roma. Rispet19.30 alle ore 22.00 Dal 6 al 12 Equinozio di Architettura Corte del Palazzo di Città Inaugurazione DESIGN X TERRITORI BID- BORSA IDEA DEL DESIGN Corte Palazzo di Città 7 agosto - Teatro Nazionale dei BurattinidiMauroApicella-Spettacolo "Evviva i Burattini vanno in Piazza"pressoPiazzaDeiMartiri-ore21.30. Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "Quando L’Arte Diventa Spettacolo" P.zza Nassiriya dalle 17.00 alle 22.00 Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione - Circolo Garden Club - incontri di qualificazioneMostra Personale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00MostraPitturaeSculturaFondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio - Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 8 agosto - Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione - Circolo Garden Club - incontri di qualificazione- Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "QUANDO L’ARTE DIVENTA SPETTACOLO" P.zza Nassiriya dalle 17.00 alle 22.00 Festa Patronale SS Immacolata - ore 22.00 Fanfara deiBersaglieri-ore00.30Spettacolo "LE FONTANE DANZANTI" lungomare Piazza Nosside Mostra Personale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale

to al progetto iniziale, il tour 2010 è dunque arricchito da alcune novità, in un ricordo senza tempo di un padre e di un poeta che ha lasciatolasuaimprontaindelebilesulla storia della canzone italiana: in-

sieme a Megu Megun, ‘A Çimma, Ho visto Nina volare, Don Raffaè, Cose che dimentico, Se ti tagliassero a pezzetti, Smisurata preghiera, Verranno a chiederti del nostro amore, Andrea, La Cattiva strada, Un Giudice, Creuza de ma, Amico fragile, Marinella, Quello che non ho, Fiume Sand Creek, Il Pescato"Due Mari": 7 e 28 agosto , ore 21.00, "Balliamo insieme?", estate danzante con V&V dance school. Il 14 agosto , ore 19.00, "Stessa spiaggia...stesso mare". Giorno 8 agosto , ore 19.00, "Bruce Ketta", direttamente da Zelig. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino. MOSOROFA Ottava edizione del Percorso Gastronomico Enogastronomia,arte,teatroemusica caratterizzeranno, sabato 7 agosto , VIIIª edizione del Percorso Gastronomico organizzato dall’accademia del fungo porcino d’Aspromonte in collaborazione con il Circolo Culturale Vivarium. La manifestazione, tra percorsi artistici e vie del palato, animerà le vie antiche di Mosorrofa ( paese collinare a pochi chilometri da Reggio Calabria). PAOLA Beach Volley Around the World Dal 5 all’8 agosto, si terrà il Beach Volley Around the World. Il programma prevede: giovedì 5 agosto , cerimonia d’apertura con esibizione di beach volley e spettacolo di cabaret; venerdì 6 agosto , 2x2 maschile e femminile, in serata inizio 3x3 misto notturno; sabato 7 agosto , 3x3 free (di pomeriggio); domenica 8 agosto , semifinali e finali dei vari tornei. Tutte le serate saranno allietate da gruppi musicali e cabarettisti di Zelig.Per info: 348/6260734 - 348/3576938. ROCCELLA JONICA Straniamenti 2010: 106 Metamorfosi Al via, dal 3 al 7 agosto 2010, la IV edizione della rassegna diretta da

re, Zirichiltaggia,... per le date 2010 sono in scaletta anche Anime salve, Lacollina,Boccadirosaestruggente La Canzone dell’amore perduto. Una piccola parte del vasto repertoriodiFabriziocheèormaidiventata repertorio di Cristiano,tantol’hafatta sua, l’ha valorizzata immergendola in un’anima rock, più vicina al suo sentire e al suo essere musicista, e in una più acustica e intimista, più personale. Un lavoro di rivisitazione di altissimolivellofattoda Cristiano e Luciano Luisi (già arrangiatore di Zucchero e Ligabue)cherendeciascun concerto qualcosa di unico. Cristiano De André, polistrumentista, compositoree cantautore,sulpalco suona di tutto, dalla chitarra al bouzouki,dalviolinoalpianoforteetastiere, accompagnato da quattro musicisti (Osvaldo Di Dio alle chitarre, Davide Pezzin al basso e contrabbasso, Davide Devito alla batteria), Luciano Luisi al piano, tastiere e programmazione. Gabriella Maiolo e Adelaide Di Nunzio con l’organizzazione di Fabio Macagnino e la produzione dell’associazione culturale "Straniamenti". E il patrocinio della Provincia di Reggio Calabria (Assessorato alla Formazione professionale-Sport-Politiche sociali) e dei Comuni di Roccella Jonica e Gioiosa Jonica ROSSANO Rossano la Bizantina....d’estate 2010 Ogni sabato e domenica fino al 28 agosto,ore19.00/24.00,pressol’AnfiteatroVialeMediterraneo-mercatinoartigianato a cura ass. Creare Insieme con Fantasia. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00Castello S.Angelo, Collettiva di Pittura Fino al 10 agosto , ore 20.00/22.00, Castello S. Angelo Mostra di Pittura Collettiva "I colori della Pace" a cura Scuola D’Arte di Milena Crupi. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00Castello S. Angelo, Collettiva di Pittura:espongono I. Sapia, R. Rizzuti,e R. Scalise. SOVERATO In scena l’opera lirica "Tosca" Andra’ in scena sabato 7 agosto , alle ore 22.00, presso il nuovo anfiteatrocomunalediSoveratol’operalirica di Giacomo Puccini "Tosca" diretta da maestro Giovanni Froio con l’Opera di Stato di Dniepropetrovsk-Ucraina. Prevendita biglietti presso disco express- Soverato. Euro 15.00. Info 338/4966980 SOVERIA SIMERI Festa della birra - 8 agosto L’unica, l’originale, la più grande,

bella e divertente della Calabria . All’internodelriccoprogrammadella serata uno spazio di rilievo sarà occupatodall’esibizionedeiModena City Ramblers, band storica del "combat folk" italiano che approderà in Calabria dopo il successo dell’undicesimo album "Onda libera". Tra le vie del centro storico scorreranno anche le sonorità balcaniche della "Zastava Orkestar". Anche quest’anno la serata rappresenterà la vetrina ideale per artisti emergenti del panorama locale che suoneranno dal vivo lungo tutto l’arco della manifestazione. Sul palco di Piazza Calvario si alterneranno le band Tuparuja (Roma), Terre aride (Soveria Simeri) e Frama (Lamezia Terme), mentre in Villa Cecilia Faragò troveranno spazio l’hip-hop di Don Diegoh da Crotone, il dj-set Cubo Rock Red & Spora e la migliore dance con la partecipazione di numerosi e affermati dj calabresi: Dj Sisaro e Dj Luca Cirillo da Radio Catanzaro Centro, Dj Tony Elle (Deep Detroit Experience di Milano), Dj Dag (Club 21), Dj Max e Dj Frankye.Tra i numerosi stand allestiti per l’occasione si potranno gustare le classiche "bionde", "rosse" e "crude", così come le specialità alla liquirizia e al peperoncino. Tra le altre iniziative promosse dalla Consulta giovanile di Soveria Simeri vi sono anche la lotteria della Festa della Birra - che mette in palio, come primo premio, un soggiorno per due persone in Europa - e la Gara della Birra, con le due competizioni "Litro in velocità" e "Gran fondo", i cui vincitori riceveranno in omaggio un biglietto per assistere al concerto dei "Litfiba" il 16 agosto all’Area Magna Grecia di Catanzaro Lido.Perfarsìcheildivertimentosia l’unicofiloconduttoredellaserata,la Consulta giovanile ha inteso aderire alla campagna nazionale di sensibilizzazione sulla guida sicura "Se bevi e guidi sei uno sbronzo": un messaggio forte che parte proprio dalle nuove generazioni per ribadire l’importanza di una corretta condotta al volante al fine di garantire la massima incolumità sulle strade. Per ulteriori informazioni: 331/8070540. SQUILLACE Rassegna "Taranta e Dintorni" Giorno 4 e 5 agosto , a partire dalle ore 17.00, rassegna di arte, musica e mestieri "Taranta e Dintorni", con stand artigianali ed enogastronomici, mostra di pittura, mostra di strumenti musicali d’epoca, artisti di strada. Concerti di musica etnica con i Parafonè e Canzoniere Grecanico Salentino. STALETTI’ "Notte di Note ... Live" al Blanca Cruz Beach Village Programma: sabato 7 agosto , ore 23.30, Ezio Sangiuliano (piano), Erica (voce); sabato 14 agosto , ore 23.30, Soul Mind Band, soul dance 70/80; sabato 21 agosto , ore 23.30, Liano Concolino, voce e tastiere; sabato 28 agosto , ore 23.30, New Talent


il domani  

Edizione del 03 Agosto 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you