Issuu on Google+

Venerdì 01 Aprile 2011

Anno XIV - Numero 90

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

POLITICA

IMMIGRAZIONE

Triste spettacolo alla Camera fra un vaffa, lanci di oggetti e insulti vari

AMBIENTE Pugliano: attenzione massima in materia di tutela delle acque

Scopelliti a Uno Mattina: ospiteremo 1.800 profughi

a pag » 5

a pag » 10

a pag » 9

Era sospettato di essere vicino ad ambienti della ’ndrangheta Carmelo Morena, l’uomo assassinato ieri in pieno centro

Agguato mortale a Reggio Calabria Il killer è entrato in azione sparando numerosi colpi di pistola mentre la vittima si trovava in un bar L’INTERVENTO

Il governo mantiene la pressione al Sud

Secondo quanto hanno riferito i carabinieri, Morena era considerato vicino alla cosca Condello-Tegano, che ha il controllo delle attività illecite in una vasta zona di Reggio Calabria. Nel 2005 era stato coinvolto nell’operazione “Vertice” a pag » 3

BOMBA IN CASERMA

di Vasco Errani

Trasporto locale, c’è l’intesa ma la Lombardia non ci sta

presidente conferenza Regioni

Sulle modalità per affrontare l’emergenza immigrazione le Regioni hanno raggiunto una posizione unitaria. Ora però serve chiarezza. Le norme non consentono respingimenti collettivi per cui vanno individuate delle zone adeguate per l’accoglienza. Il Governo ha scelto ideologicamente di tenere la pressione al Sud. Alle Regioni è stato chiesto di accogliere solo i profughi. Mentre in questo momento l’emergenza riguarda gli immigrati. C’è bisogno di chiarezza vera, perché per legge non si possono fare respingimenti di massa. L’accordo Italia - Tunisia prevede che ne possano essere rimpatriati al massimo 3/4 al giorno. Quindi, è facile capire in quale gravissima situazione ci troveremo nei prossimi giorni: gli sbarchi non si fermeranno e non ci può essere raccontatochel’identificazionedegli immigrati verrà fatta sulle navi.

REGIONI

Grave un ufficiale della Folgore LIVORNO - Un pacco bomba è stato recapitato ed è esploso nella caserma Ruspoli, sede del Comando Brigata Paracadutisti Folgore di Livorno. L’ordigno ha ferito in modo grave il tenente colonnello di 41 anni Alessandro Albamonte: l’ufficiale ha riportato l’amputazione di cinque dita e anche ferite al volto e alle gambe. La pista della matrice anarchica è quella più probabile e ci potrebbe essere un legame con la lettera bomba spedita sempre ieri alla Swissnuclear.

Le Regioni hanno raggiunto l’accordo sul riparto delle risorse del Fondo per il trasporto pubblico locale, ma non all’unanimità. La Lombardia, infatti, non condivide i margini dell’accordo. Il presidente della Conferenza, Vasco Errani, ha specificato che dovranno essere fatte nei prossimi giorni alcune verifiche di tipo tecnico. Per ora il fondo ammonta complessivamente a circa 1 miliardo e 200 milioni e grazie all’accordo raggiunto con il Governo la scorsa settimana le Regioni hanno riottenuto i 425 milioni del Fondo che erano stati tagliati dalla manovra di luglio. Ma la Lombardia ha espresso il proprio parere contrario: lo ha spiegato l’assessore al Bilancio della regione lombarda Romano Colozzi. a pag » 8

CORIGLIANO Facevano prostituire minorenni tutte di famiglie indigenti, otto persone arrestate a pag » 20

LAMEZIA TERME Agguato in periferia: sette colpi di pistola contro vittime designate, salvi per miracolo a pag » 18

CROTONE Dorina Bianchi scrive al Garante della comunicazione per tutelare la par condicio a pag » 8

IL COMMENTO

Si può salvare la stagione turistica di Lampedusa M. V. Brambilla ministro del Turismo

Contiamo di riuscire a salvare la stagione turistica di Lampedusa, che vale più o meno 50 milioni di euro. I militari stanno provvedendo a ridare decoro e pulizia a tutte le aree che, in questi giorni, hanno subìto degrado. Entro pochi giorni Lapedusa sarà restituita alla sua normalità. Da lì, scatterà un piano che abbiamo già predisposto per promuovere questo bellissimo territorio. E’ chiaro che i canali saranno tutti mediatici, parliamo di spot istituzionali, di servizi che saranno trasmessi dalle televisioni, Rai e Mediaset. Ma parliamo, anche, di operazioni promozionali di tipo diverso, ad esempio, con la collaborazione di Alitalia e con tutti gli altri interlocutori e soprattutto l’estero. L’Italia sta gestendo completamente da sola, con l’ Europa praticamente inerte, quella che è un’emergenza umanitaria di proporzioni incredibili e i provvedimenti che potranno essere presi per Lampedusa sono di vario genere: dalla moratoria di tipo bancario, finanziario e previdenziale molto importante anche per l’economia dell’isola, l’investimento nelle infrastrutture quali strade, rete fognaria... tutta la promozione turistica ma anche un rimboscamento dell’isola che in questo momento non è molto verde e non molto curata sotto il profilo anche di immagine. Infine, sfrutteremo gli eventi che riusciremo ad organizzare. Il messaggio è questo: il Governo è vicino a Lampedusa, sta risolvendo il problema. Ci siamo e faremo la nostra parte.


2

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI Scorie nucleari: una bomba per le future generazioni di Giuseppe Candido Mentre a Fukushima il disastro nucleare annunciato si è ormai conclama salendo nella classifica al grado 7, il più alto della scala, attribuito in passato al disastro nella centrale ucraina di Chernobyl, e mentre Angela Merkel inverte la rotta a 180 gradi annunciando l’uscita della Germania dal nucleare che punterà tutto su rinnovabili (eolico e fotovoltaico), qui in Italia, nel paese dei Dante e dei Leonardo, nel Paese dove il sole spacca in due i sassi, il Governo italiano, dopo l’accordo italo francese sull’acquisto di centrali atomiche e il mega pacchetto anti crisi che avevano confermato il "ritorno alla grande" dell’Italia al nucleare, oggi sentiamo di una generica "moratoria" per un anno per fare una "pausa di riflessione". A calcio diremmo che così si fa melina per perdere tempo, sbollentando gli animi e magari invitando gli elettori a disertare il referendum che il prossimo 12 di giugno ci chiederà se vogliamo o meno confermare la dissennata scelta del governo di un "ritorno al nucleare". Ricordiamolo ancora una

PUNTI DI VISTA

volta, il nostro è un territorio, a differenza di quello della Francia e della Germania, assai pericoloso dal punto di vista sismico e che, già nel recente passato, abbiamo visto verificarsi eventi catastrofici, tsunami di Reggio Calabria compreso nel 1908. E non dimentichiamo che, rischio sismico a parte, il vero problema del nucleare (e anche il suo vero costo noscosto) di cui spesso però ci si dimentica è quello delle scorie, la monnezza nucleare che non si sa dove mettere. La spediamo sulla luna? Nell’Italia dei veleni industriali finiti sotto le questure e le scuole, delle navi a perdere e delle infinite e prorogate emergenze rifiuti, proprio le scorie di quel carburante nu-

Il nostro è un territorio, a differenza di quello della Francia e della Germania, assai pericoloso dal punto di vista sismico e già nel recente passato abbiamo visto verificarsi eventi catastrofici, tsunami di Reggio Calabria compreso nel 1908

cleare diventerebbero, per centinaia o forse anche migliaia di anni, la vera e tragica bomba ecologica per le future generazioni. E anche la guerra con la Libia e tutta la situazione d’instabilità nel mondo arabo, ci dovrebbe indurre a riflettere su quale tipo d’energia dovremo puntare per il futuro del nostro Paese convincendoci del fatto che, se lo fa la Merkel in Germania dove il sole scarseggia pure, un’Italia cento per cento rinnovabile è pure possibile. Fotovoltaico ed eolico ma non solo: geotermico a bassa entalpia per il riscaldamento domestico sino alle biomasse di compost prodotto con un ciclo integrato dei rifiuti. Per questo, senza contare su moratorie inedite ed anche per evitare di ammazzare del tutto lo strumento referendario che i padri costituenti ci avevano regalato, è giusto che, il 12 e il 13 giugno prossimi, ognuno di noi si rechi a votare per impedire di far scegliere ad altri il nostro domani e, soprattuto, quello dei nostri figli. Giuseppe Candido

di Stella Bianchi*

Fonti rinnovabili: la strada del futuro Ogni decisione sul ritorno al nucleare va presa tenendo in mente quello che il presidente dell’Autorità francese per la sicurezza nucleare ha detto in un’intervista a Le Monde: "Nessuno può garantire che non ci sarà mai un incidente grave in Francia". Quando prospettano un ritorno al nucleare in Italia, le forze politiche così come le organizzazioni dei lavoratori e delle imprese dovrebbero ricordarsi che quella scelta ha sul piatto della bilancia una sicurezza che è solo probabilistica. La sicurezza nucleare consiste nel ridurre la probabilità che possa avvenire un incidente e nel contenere le conseguenze se questo accade. Non eliminare la probabilità di un incidente, ma solo ridurla. Questo si aggiunge ai tanti motivi per cui il Pd ha detto no al piano nucleare del governo con la sua tecnologia vecchia, i costi enormi e incerti, i tempi lunghissimi, le scorie radioattive non gestite. Ognuno di noi, nel referendum del 12 e 13 giugno, dovrà decidere se vuole che nel proprio Paese si ritorni a costruire costosissime centrali nucleari per le quali nessuno può escludere che si verificheranno mai incidenti. Ogni cittadino sarà chiamato a decidere, sapendo che da noi pesa ancora il vecchio nucleare, con le centrali non ancora smantellate e messe insicurezza. E sapendo anche che, ad esempio, lo scorso anno la stessa potenza di una delle centrali nucleari che il governo prospetta è stata realizzata sfruttando le fonti rinnovabili. Risparmiare energia e prenderla dalle fonti rinnovabili: questa è la strada del futuro. *segreteria del Partito Democratico, responsabile Ambiente

Barbara Berlusconi ama Pato. E i due escono allo scoperto Su Novella 2000 le prime foto insieme, da soli, in pieno giorno: nessuna circostanza legata al Milan, squadra dove lui gioca e di cui lei è dirigente, ma una visita al padiglione di arte contemporanea di Milano. Sul giornale altri particolari del week end romantico della figlia del premier con l’attaccante brasiliano


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani

3

PRIMO PIANO

Assassinato in pieno centro in un bar di Reggio Calabria

di Francesco Pungitore REGGIO CALABRIA - Agguato in pieno giorno a Reggio Calabria. Un pregiudicato, Carmelo Morena di 64 anni, è stato ucciso ieri mattina mentre Morena si trovava in un bar del centro cittadino. A sparare una sola persona armata di pistola, che si è poi allontanata a piedi. La morte di Carmelo Morena è stata istantanea. Uno dei colpi sparati dall’as-

sassino lo ha raggiunto alla testa. Al momento dell’omicidio nel bar c’erano soltanto Morena, che era entrato per prendere un caffé, e il titolare del locale. Quest’ultimo, dopo la sparatoria, ha avvertito un malore. Sul fatto di sangue hanno avviato indagini i carabinieri della compagnia di Reggio Calabria che stanno approfondendo, in particolare, i rapporti e le conoscenze di Morena nei contesti criminali di Reggio Calabria. L’ipotesi investigativa che viene

presa in considerazione, infatti, è che l’omicidio sia da collegare ad una vendetta maturata negli ambienti della criminalità reggina. Morena era sospettato di essere vicino ad ambienti della ’ndrangheta. Secondo quanto hanno riferito i carabinieri, Morena era considerato vicino alla cosca Condello-Tegano, che ha il controllo delle attività illecite in una vasta zona di Reggio Calabria. Nel 2005, tra l’altro, Morena era stato coinvolto nell’operazione "Vertice" fatta dai carabinieri contro la cosca Tegano. L’uomo però, dal processo che ne era scaturito, era stato assolto. La vittima era titolare di un’impresa che effettuava lavori di pitturazione. I carabinieri hanno anche sentito il titolare del bar in cui è avvenuto l’omicidio. Ma l’uomo, anche a causa del malore che lo ha colpito dopo avere assistito all’assassinio, avrebbe fornito uno scarso contributo alle indagini. L’inchiesta sull’omicidio è condotta dal pm della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, Stefano Musolino. Il fatto di sangue, per le modalità cruente,hascossol’opinionepubblica reggina. Tra i primi ad intervenire, Demetrio Costantino, presidente del Comitato interprovinciale per il diritto alla sicurezza (Cids). «Reggio - ha dichiarato continua ad essere una città ad alta densità criminale come dimostra anche l’agguato a Carmelo

Morena. E’ questo un fatto di sangue di estrema gravità anche perché avvenuto all’interno di una bar, in una zona tra le più popolate della città per lo svolgimento quotidiano delle attività commerciali». «Bisogna dire che, nonostante brillanti risultati ottenuti dalle forze dell’ordine - ha aggiunto Costantino - in città e provincia preoccupa la presenza di

A sparare una sola persona, armata di pistola, che si è poi allontanata a piedi. La morte è stata istantanea agguerriti gruppi malavitosi facendo registrare tra i cittadini un clima di paura e di preoccupazione. Perciò occorre mantenere alta l’attenzione, non dare tregua e incalzare la criminalità organizzata non solo con una ampia azione repressiva, ma preventiva e di indagini e investigazioni adeguate ma anche con l’apporto e la collaborazione dei cittadini che spesso non vedono, non parlano, non sentono». Per Costantino «è urgente potenziare le forze dell’ordine e affrontare i gravosi problemi esistenti in Procura».


4

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

ITALIA Lampedusa, un gruppo di naufraghi parla di sette compagni morti in acqua. Iniziati i trasferimenti con le navi

Morti in un naufragio, non ci sono prove certe di Filippo Mammì LAMPEDUSA (AG) - Non c’è nessuna conferma al momento, ma solo angosciosi interrogativi sulla presunta morte di sette migranti finiti in mare nel tardo pomeriggio di mercoledì, almeno secondo il racconto di un gruppo di naufraghi giunto a Lampedusa nella tarda serata, i quali hanno raccontato che alcuni loro compagni fossero caduti in acqua durante la traversata. Si sono svolte per tutta la giornata di ieri le ricerche dei presunti dispersi, ma la stessa capitaneria di Porto si dice scettica sulla versione fornita dagli extracomunitari, in tutto 11. Intanto, si sono svolti tranquillamente i primi trasbordi dei profughi da trasferire in altri centri d’accoglienza; ieri mattina, è partita da Lampedusa la nave Excelsior, della compagnia Grandi Navi Veloci, con a bordo 1.450 migranti fatti salire per tutta la notte, in direzione di Taranto. È partita in tarda serata anche la nave della Grimaldi, ormeggiata al largo di Cala Pisana, che per tutto il giorno ha caricato altriextracomunitaridatrasferire verso altri lidi; la nave militare San Marco, invece, è rimasta ancora ferma davanti al porto dell’isola. Ma, in tutto questo, gli sbarchi non si sono certo fermati:

da mercoledì mattina fino a giovedì pomeriggio, sono arrivati a Lampedusa almeno 500 migranti e, nella notte di giovedì, è stato intercettato un natante con a bordo un centinaio di clandestini, al largo di molo Favaloro, da parte di una motovedetta della Guardia Costiera. Non ci sono stateulteriorisegnalazioni.Anche la politica, sulla questione immigrazione, resta sugli interrogativi e le risposte dure: il ministro degli Esteri Franco Frattini, intervistato da Maurizio Belpietro per Mattino Cinque , è tornato a sottolineare la «clamorosa» (parole sue) assenza di solidarietà da parte dell’Unione europea e di tutti gli stati membri, compresi quelli verso cui la maggioranza dei tunisini vorrebbe andare, in primis la Francia. Frattini aveva già puntato il dito contro i cugini d’Oltralpe

Il ministro degli Esteri Frattini, intervistato su Mattino Cinque, ha ribadito che i migranti vanno rimpatriati o trasferiti in altri Paesi

mercoledì, quando aveva accusato Parigi di mancanze gravi, avendo la polizia francese respinto un gruppo di tunisini che stavano cercando di entrare in territorio francese all’altezza della frontiera di Ventimiglia. Per quanto riguarda la linea di azione verso i clandestini, il ministro ha ribadito che: «devono assolutamente essere rimpatriati in Tunisia oppure distribuiti in altri paesi europei». Le autorità tunisine, comunque, sono riuscite a fermare in due giorni oltre 1.200 persone, per un totale di una ventina di imbarcazioni, in procinto di salpare verso le coste italiane. Dopo aver ribadito che il primo ministro tunisino ha assunto un "impegno formale" nei confronti dell’Italia, Frattini si è augurato che: «che nelle prossime ore si vedano ulteriori risultati concreti». Il ministro, infine, non è mancato di rispondere ancora una volta alle affermazioni del commissario Ue Cecilia Malmstrom (che aveva sostenuto che i migranti verso l’Italia si spostano "per motivi economici" e non vanno rimpatriati) facendo un distinguo tra "i migranti economici" che "vanno rimpatriati" e i disperati che arrivano dalla Libia, i quali hanno bisogno di "protezione internazionale" perché "veri e propri rifugiati".

Pesce d’aprile per i pendolari: previsto venerdì nero per lo sciopero nazionale ROMA - Pesce d’aprile con venerdì nero oggi per lo sciopero nazionale di 24 ore inel trasporto pubblico locale e ferroviario. A proclamarlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl,Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast per il mancato rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre due anUna dichiarazione di sciopero ni e per i tagli al trasporto pubblico locale. Ieri si «fuori misura, quella dell’ sono fermati tutti gli adai bus che effetintero universo dei trasporti detti tuano i servizi extraurbani mentre oggi la propubblici locali, che metterà testa interesserà il pera terra l’Italia per 48 ore sonale di bus, metro e dei servizi urbani, in un imbarazzante silenzio» tram secondo modalità stabilite da città a città. Gli addetti al trasporto ferroviario ed ai servizi e attività accessorie si sono fermati già dalle 21 del 31, fino alla stessa ora del 1 aprile. Le Ferrovie informano che cancellazioni e limitazioni di corse saranno possibili, ma durante lo sciopero, assicurano le Fs, circolerà comunque il 73% degli oltre 520 treni a lunga percorrenza previsti in orario e tutti i treni regionali necessari a garantire la mobilità nelle fasce di maggiore domanda, dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 del 1

aprile. Il programma completo dei treni nazionali in circolazione, messo a punto da Ferrovie dello Stato, è consultabile sul sito www.ferroviedellostato.it nonché al numero verde gratuito 800 892021, attivo fino alle 9 del 2 aprile. Durante lo sciopero, dal quale è escluso il personale di Trenitalia della Sardegna, sarà assicurato il collegamento tra Roma città e l’aeroporto internazionale di Fiumicino con il servizio Leonardo Express o con pullman sostitutivi. Informazioni potranno essere assunte anche presso le biglietterie e gli uffici di assistenza delle stazioni ferroviarie, nelle agenzie di viaggi convenzionate con Trenitalia, consultando il notiziario web, Fs News e ascoltando la web radio del Gruppo Fs: Fs News Radio. Una dichiarazione di sciopero «fuori misura, quella dell’intero universo dei trasporti pubblici locali, che metterà a terra l’Italia per 48 ore e lo farà nell’imbarazzante silenzio della Commissione di garanzia». Così Marcello Panettoni, il presidente di Asstra, l’associazione che rappresenta in Italia il 95% del trasporto pubblico locale e il 75% di quello extraurbano e regionale, nonché le ferrovie regionali esclusa Trenitalia.

I TRASFERIMENTI Incertezza dopo le dimissioni di Mantovano per i migranti a Manduria ROMA - Mondo politico a rumore, oltre che per il "vaffa" di Ignazio La Russa (vedi pagina a fianco), per le dimissioni di Alfredo Mantovano. Sorprendenti, in un Paese che certo non brilla nella sottile arte delle dimissioni, hanno provocto immediate reazioni a vari livelli. Lo stesso coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa, ha espresso la speranza «che siano dimissioni simboliche, che siano dimissioni di denuncia». «Mantovano - ha però ammesso - è la persona più adatta a valutare l’eccessivo numero di immigrati». Il ministro della Difesa ha spiegato ai giornalisti a Montecitorio che è necessario ascoltare le parole di Mantovano: «Se lui dice così, e cioè che il numero di immigrati trasferiti a Manduria è eccessivo io sono propenso ad ascoltarlo». C’è anche chi interpreta il fatto in altro modo: «Le dimissioni di Mantovano e del sindaco di Manduria (Paolo Tommasino, Pdl, ndr), - ha commentato Alberto Losacco, parlamentare pugliese del Pd - sono la prova delle finzioni e delle fratture in un governo che ha svenduto il Sud alla Lega in cambio del voto sul processo breve». I due, secondo Losacco, sono vittime di un «voto di scambio». Mentre per Livia Turco (Pd) «Mantovano, forse in un sussulto di dignità si è dimesso perché ha capito che il piano del governo Berlusconi è quello di spostare gli immigrati da Lampedusa alla tendopoli di Manduria». Il sottosegretario ha preso la decisione dopo aver saputo che la prima nave passeggeridel trasferimento degli immigrati da Lampedusa li ha portati a Taranto, e poi a Manduria, oltre 1.400 persone. Mantovano, eletto proprio in quella circoscrizione, aveva promesso alle autorità locali che non sarebbe stato superato il tetto di 1400 per la tendopoli di Manduria. Con i nuovi arrivi sono già il doppio, scavalcando un governatore quale Vendola, e un viceministro. Cab


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani

ITALIA Volano oggetti in Aula, Fini colpito da un giornale, Alfano lancia il tesserino

Pescrizione breve, slitta a martedì. Camera nel caos di Michela Mancini ROMA -L’esame del provvedimento sul cosidetto processo breve è slittato al prossimo martedì, lo ha deciso la Camera nel pomeriggio di ieri. Nel frattempo Montecitorio sprofonda nel caos. Gli avvenimenti degli ultimi due giorni - accaduti proprio in occasione della discussione sull’emendamento che riduce i tempi di prescrizione agli imputati incensuratihanno profondamente turbato gli equilibri istituzionali. I disordini, cominciati mercoledì pomeriggio fuori il Parlamento durante un sit-in convocato dalle forze di opposizione, si sono spostati all’interno dell’Aula. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, insultato da alcuni manifestanti fuori la Camera (ricordando tempi ormai lontani gli hanno anche lanciato delle monetine addosso) ha riferito sull’episodio appena è rientrato in Aula. In polemica con il rappresentante del Pd Dario Franceschini, il Ministro ha alzato i toni. Il tentativo del presidente della Camera Gianfranco Fini di richia-

marlo all’ordine si è concluso con uno sprezzante "vaffa..." che La Russa, alzando il braccio, ha rivolto a Fini. «Non le consento di offendere la presidenza della Camera» afferma al microfono il presidente della Camera prima di sospendere la seduta. Poi, lasciando l’Aula, sibila: «Curatelo». Al termine dei lavori La Russa chiarisce, prima con i giornalisti e poi scusandosi con una telefonata, che l’insulto non era rivolto al presidente della Camera ma a Franceschini. Il presidente della Camera è perentorio: «Non è stata una offesa alla persona ma all’istituzione». A criticarlo uno dei suoi alleati,il ministro Umberto Bossi: «Doveva stare zitto. Così si fa il gioco delle opposizioni. Un episodio così sarebbe meglio non ci fosse stato perché non bisogna perdere tempo ma accelerare». Sul comportamento del ministro della Difesa si è espresso ieri inanzitutto il Collegio dei questori della Camera giudicandolo «de-

plorevole», in seguito si è riunita la Giunta del regolamento per decidere eventuali sanzioni. Il caso non presenta, difatti, precedenti nella storia di Montecitorio. Al consiglio della giunta è seguito alle 18 quello dell’ufficio di Presidenza. Inoltre il ministro degli Interni Roberto Maroni dovrà riferire in aula su quanto avvenuto ieri fuori del palazzo della Camera. La giornata di ieri non è stata

«Ricordo all’aula che io non posso muovere le mani, ma se non posso applaudire con le mie, lo faccio con le mani di chiunque». Lo dichiara la deputata Pd Ileana Argentin

In seguito ai disordini di mercoledì pomeriggio il il ministro degli Interni Roberto Maroni dovrà riferire in aula su quanto avvenuto fuori da Montecitorio

meno faticosa. L’inizio dei lavori era stato fissato per le dieci. In seguito alle contestazioni di Pd, Udc e Idv- che richiedevano una nuova messa a verbale della giornata di mercoledì includendo l’episiodio relativo al Ministro La Russa - la Camera ha respinto con procedimento elettronico il processo verbale della suddetta seduta. La votazione si è conclusa in pareggio, di conseguenza il procedimento è stato respinto. Il presidente Fini è stato accusato di accelerare al massimo la votazione per impedire ad alcuni Ministri, che con molta fretta avevano abbandonato il Cdm in corso, di votare. L’opposizione e lo stesso presidente della Camera sembrano concordare sul fatto che la seduta sia durata fin troppo rispetto i tempi stabiliti. In ogni caso la maggioranza è andata sotto. Cosa poco gradita al ministro della Giustizia Angelino Alfano che, secondo quanto riferito dal leader dell’Idv, Antonio Di Pietro, ha infatti gettato la sua tessera della Camera contro i banchi dell’Italia dei valori. «È stato un gesto irresponsabile, immorale, illegittimo da parte del portantino di Berlusconi» ha detto Di Pietro davanti alle telecamere e mostrando tra le mani la tessera di Alfano, ha continuato «lo denuncerò al presidente della Camera». Ma lo spettacolo non finisce qui. Mentre Gianfranco Fini si allontanava dall’Aula, viene colpito in testa da un giornale, segue - dopo aver individuato "il lanciatore"- uno scambio di battute. Ma l’episodio più degno di nota riguarda la deputata Pd Ileana Argentin, che ha denunciato durante la seduta pomeridiana che un deputato del Pdl - Osvaldo Napoli - ha intimato al suo assistente di non applaudire durante le sedute. Subito dopo, Massimo Polledri, Lega, le ha rivolto epiteti offensivi ed è stato costretto dal presidente Fini a chiederle scusa. La deputata, disabile, ha chiuso il suo intervento dicendo: «Ricordo all’aula che io non posso muovere le mani, ma se non posso applaudire con le mie, lo faccio con le mani di chiunque».

Consiglio dei ministri breve ma intenso: un nuovo passo per fiscalità regionale

Via al decreto sul federalismo e a misure per i migranti di Carlo Bassi ROMA - «Evviva, da oggi il Federalismo diventa realtà! Questa riforma storica ed epocale, che trasforma un Paese centralista in uno federalista, si è concretizzata questa mattina, in Consiglio dei Ministri, dove è stato approvato definitivamente il quinto decreto legislativo attuativo del federalismo fiscale, il decreto sul federalismo di Regioni e Province, decreto che la settimana scorsa aveva ricevuto il parere favorevole delle competenti commissioni parlamentari». La frase di un entusiasta Roberto Calderoli, leghista ministro per la Semplificazione la dice lunga sul modo di interpretare la decisione di ieri mattina del Cdm. «Si tratta di una vera e propria rivoluzione copernicana, perché da oggi il cittadino saprà perché paga un tributo, a chi lo paga, dove vanno a finire i suoi soldi e per quale servizio vengono utilizzati e pertanto potrà giudicare con la massima trasparenza, secondo la regola: Si paga per quel che fai, per quel che dai e

non per quel che spendi. Ancora una volta questo Governo, grazie alla spinta propulsiva della Lega Nord, si è dimostrato il Governo del fare!». L’altra decisione molto attesa del Cdm era quella sui provvedimenti per l’emergenza migranti. I Ministri hanno deciso che i profughi saranno immediatamente ed equamente divisi fra tutte le Regioni italiane, fuorché l’Abruzzo (causa disagi post terremoto). Il flusso sarà coordinato da una cabina di regia nazionale, articolata nelle diverse Regioni e con il coinvolgimento delle Prefetture. Per i minori stranieri non accompagnati verranno stanziate risorse pluriennali a sostegno della loro collocazione in case famiglia, in sinergia con i Comuni. Il Presidente Berlusconi ha confermato che l’onere finanziario delle operazioni di gestione di questa emergenza sarà per intero a carico dello Stato. Il Governo, infine, avvierà un’iniziativa nei confronti dell’Unione europea per una doverosa condivisione, nel rispetto delle norme europee, dell’emergenza umanitaria. Ma il Cdm ha anche

discusso il comportamento della Tunisia mettendone in dubbio la volontà di cooperazione. Lo hanno detto sia il premier che il ministro dell’Interno Roberto Maroni. Il Presidente del Consiglio ha detto che sono stati discussi gli accordi con la Tunisia per i respingimenti degli immigrati sbarcati clandestinamente: «Il governo ha garantito impegni finanziari per la ripresa economica delle città tunisine e di contro il governo tunisino deve accettare il rimpatrio dei suoi concittadini. Si tratta di 5 mila tunisini che non sarebbero accettati perché noi sappiamo che dalle loro carceri sono evasi in 11 mila ed abbiamo il sospetto che possano arrivare da noi». Quanto ai clandestini provenienti dalla Libia, sono duemila circa finora (anche se l’Onu dice che sono prnti a partire in 60mila). Lo ha detto Maroni spiegando che sono però provenienti soprattutto da Eritrea e Somalia. Il ministro ha poi confermato: «Abbiamo concordato un piano di emergenza con le Regioni, che si impegnano a trovare siti per ospitarli». Subito dopo, il ministro Ignazio La Russa ha

confermato a sua volta che sono stati approvati siti nelle varie regioni, dei quali "sette al Nord". Maroni è stato chiarissimo su un fatto: «Atteggiamenti di rifiuto nell’accoglienza di profughi e immigrati non possono essere giustificati». Il piano messo a punto per accogliere i migranti sbarcati a Lampedusa prevede una disponibilità di diecimila posti, in tutte le regioni italiane ad eccezione dell’Abruzzo, come si è detto. Ma è stato ribadito che l’emergenza si risolve se e quando la Tunisia blocca i flussi e si riprende i clandestini, che devono essere rimpatriati». Il piano sarà illustrato oggi alle regioni e agli enti locali in una riunione al Viminale. Ma già ci sono distinguo. «L’accordo con il Governo raggiunto ieri riguarda i profughi. Le Regioni non hanno condiviso invece le questioni relative alle tendopoli per gli immigrati irregolari: quella è una scelta unilaterale del Governo», ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della seduta di ieri della Conferenza. Cosa che può far temere problemi,

5


6

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

ECONOMIA

Diventa "molto probabile" il rialzo dei tassi da parte della Bce

Inflazione record: al 2,6% in Europa e al 2,5% in Italia di Gaia Mutone ROMA – Un altro passo verso l’aumento del costo del denaro? «Molto probabilmente sì» secondo gli osservatori e secondo la stessa Banca centrale europea. In ogni caso, all’inizio della prossima settimana, quando si riunirà il comitato monetario della Bce, ogni dubbio sarà fugato e si potrà cominciare a fare stime sul possibile impatto che la mossa potrà avere sul mercato del credito e sull’attuale (debole) crescita economica, italiana ed europea. A marzo, la crescita dei prezzi su base annua al 2,6%, due decimali in più rispetto al mese precedente, ha infatti portato l’inflazione ai massimi livelli da ottobre 2008 (+3,2%) e oltre il I prezzi della benzina a consenso del mercamarzo hanno registrato to (+2,3%). Una dinamica che rafforun’impennata del 12,7% za la prospettiva di un aumento (forse di rispetto allo stesso 25 punti base) dei tassi di interesse fermi mese del 2010 e del da due anni all’1%: 3,4% rispetto a febbraio Juergen Stark, che siede nel Comitato esecutivo,haribadito in un articolo sul Financial Times l’intenzione di procedere con una stretta sul costo del danaro. Gli ultimi dati diffusi dall’Istat e da Eurostat hanno dato sostanza a tale ipotesi anche perché è il quarto mese consecutivo che il tasso di inflazione supera su base annuale il target di medio termine del 2% stabilito proprio dalla Bce. Dopo i dati sull’infla-

colare i trasporti e i servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona. Valutando l’andamento dei prezzi secondo gli standard europei (Ipca), invece, l’Istat registra un aumento del 2% rispetto a febbraio e del 2,6% rispetto a marzo 2010, con un’accelerazione di cinque decimi di punto percentuale rispetto a febbraio 2011 (+2,1%). La forte variazione congiunturale, spiega l’istituto di statistica, «è in gran parte In allerta i consumatori, dovuta al venir meno dei che lamentano gli effetti saldistagionali»,crollati. Per quanto riguarda l’in- di una speculazione flazioneacquisita,infine, il tasso calcolato è generalizzata e la scelta dell’1,8%. di finanziare il Fus con Semprepiùpreoccupate le associazioni dei con- l’aumento carburante sumatori, per le quali a questi aumenti andrebbero sommati anche «i rincari delle bollette luce e gas decisi due giorni fa dall’Autorità per l’energia, e l’effetto Libia che sta avendo ripercussioni pesanti per le tasche dei cittadini. Tutte voci che, sommate, determinano una stangata pari a 1.240 euro annui a famiglia», sostiene il Codacons.

zione in Eurozona, inoltre, l’euro è salito a un massimo di giornata 1,4233 dollari. Per quanto riguarda l’Italia, secondo le stime preliminari dell’Istituto nazionale di statistica (quelle definitive arriveranno verso metà aprile), l’indice dei prezzi al consumo nazionale (Nic) è aumentato dello 0,4% su base mensile e del 2,5% su anno, segnando l’aumento tendenziale più alto da quasi due anni e mezzo. Si tratta di un dato leggermente superiore alle attese. L’accelerazione dell’inflazione, spiega l’Istat, risente in primo luogo delle tensioni sui beni alimentari e sui beni energetici non regolamentati (carburanti, gasolio da riscaldamento ecc...). L’inflazione di fondo al netto di energetici e alimentari freschi è infatti pari all’1,8%, mentre esclusi solo i beni energetici l’indice è pari all’1,9%. A sostenere la dinamica dei prezzi contribuiscono però anche i servizi, in parti-

Via libera del Cdm alle norme anti scalata. Per proteggere Parmalat si guarda al modello francese ROMA – Il Consiglio dei ministri ha autorizzato il ministro dell’Economia a «predisporre ed attivare strumenti di finanziamento e capitalizzazione, analoghi a quelli in essere in altri Paesi europei, strumenti mirati ad assumere partecipazioni in società di interesse nazionale rilevante in termini di strategicità del settore, di livelli occupazionali, etc». Il comunicato stampa diffuso al termine della riunione di ieri precisa che Parmalat è inclusa

nella casistica di cui sopra. Si concretizza quindi quella traduzione in italiano delle legge "protezionistica" che già esiste in Francia e che proprio Guilio Tremonti aveva invocato pochi giorni fa. I punti cruciali: più poteri alla Consob in tema di cambiamenti proprietari, abbassamento del limite entro cui lanciare un’Opa, elenco dei settori industriali strategici in cui è possibile congelare i diritti di voto degli azionisti esteri.

Nessuna tregua per i debiti europei. Solvibilità a rischio BRUXELLES – Ancora una giornata di tensione per il debito sovrano europeo. A mettere sotto pressione Bce, istituti di credito e governi sono sempre le agenzie di rating. Ieri mattina Moody’s ha seminato una certa inquietudine tra gli investitori facendo sapere che, al momento, non esclude ulteriori declassamenti dei debiti sovrani dei Paesi euro dopo quelli già operati su Portogallo e Grecia. L’agenzia reputa infatti insufficienti le misure annunciate la scorsa settimana dall’Unione europea, misure che avevano proprio l’obiettivo di risolvere la crisi del debito. Pur avendo confermato l’impegno dei politici Ue sul fronte del fondo di salvataggio per i paesi in difficoltà, sarebbero ancora troppe le questioni lasciate in sospeso, una su tutte l’effettiva solvibilità dei meccanismi varati dagli Stati. Troppo mac-

chinoso il il nuovo Meccanismo di stabilità europeo (Esm), l’istituto permanente che - grazie ad una modifica nel Trattato - sostituirà a partire dal 2013 gli attuali e temporanei fondi di stabilizzazione (salvataggio), l’Efsf e Efsm. Per questa ragione rimangono sotto osservazione speciale Spagna, Portogallo, Grecia e Irlanda, Paese che ha effettuato gli stress test sulle proprie banche rivelando un ammanco di capitali per 20-25 miliardi di euro nei quattro maggiori istituti di credito irlandesi. Qualcuno teme addirittura che nel mirino delle agenzie possa finire anche l’Italia. Ipotesi tuttavia piuttosto remota poiché ancora ieri i rendimenti dei bond governativi italiani erano in lieve calo (lo spread, cioè il differenziale, fra il Bund decennale tedesco e il BTp è di 144 punti base).


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani

ESTERI Lo ha denunciato il vicario apostolico di Tripoli. La Nato ha aperto un’inchiesta

Libia, i primi raid dell’Alleanza fanno 40 vittime civili a Tripoli di Bruno Tosatti ROMA - Il leader libico Muammar Gheddafi ha perso uno dei suoi più fedeli uomini. Se è vero che la famiglia del rais ha dichiarato un portavoce del governo libico - rimarrà «fino alla fine», il ministro degli Esteri libico Moussa Koussa, arrivato mercoledì sera nel Regno Unito con un volo da Tunisi, ha fatto sapere ieri che «non desidera più» lavorare per il Colonnello. «È arrivato per sua scelta e ci ha detto che si è dimesso», ha spiegato un portavoce del Foreign Office britannico, citato dalla Bbc. «Un colpo significativo» per Gheddafi, come lo ha definito il portavoce del Consiglio nazionale dei ribelli, Goma Al Gamaty: «Pur non avendo con lui legami di sangue, Koussa era uno dei cinque o sei uomini in strettissimo contatto con il rais», l’uomo che rappresentava il regime a livello internazionale. Fatto sta però che sul campo di battaglia negli ultimi giorni, quelli della transizione del controllo delle operazioni militari dalla "coalizione dei volenterosi" alla Nato, gli uomini del regime si sono ripresi gran parte dei chilometri di costa persi dall’inizio della guerra. Una dietro l’altra, sotto i colpi dell’artiglieria e dei carri armati del regime ed orfani dei raid aerei stranieri, i ribelli (che erano arrivati alle porte di Sirte) hanno dovuto cedere le città di Nawfaliyah, Bin Jawad e Ras Lanuf, arretrando a consolidare la propria posizione ad Agedabia, 150 chilometri a sud di Bengasi, loro roccaforte. Ieri il fronte della guerra si è spostato a Brega: «Ci sono stati scontri con le

forze di Gheddafi intorno alla città all’alba», ha raccontato il ribelle combattente Rabia Ezela, in attesa 10 chilometri fuori da Brega, dove sono ammassati decine di pick-up con armi da guerra. La pericolosa controffensiva delle forze fedeli a Gheddafi avevano spinto mercoledì il presidente degli Stati Uniti Barack Obama a considerare l’ipotesi di fornire armi ai ribelli. La proposta, evidentemente in opposizione alla risoluzione Onu che impone un embargo totale delle armi, ha diviso le forze occidentali, contrapponendo l’Inghilterra e la Francia, d’accordo con Obama, alla Russia e, soprattutto, alla Nato, il cui segretario generale Anders Fogh Rasmussen aveva chiaramente fatto capire che l’Alleanza si trova in Libia «per proteggere le popolazioni e non per armarle». Intanto però, il capo della Casa Bianca, secondo l’agenzia Reuters, avrebbe già autorizzato, firmando un ordine segreto, opera-

zioni di appoggio ai ribelli da parte della Cia. Operazioni che secondo il New York Times sarebbero iniziate già «da alcune settimane», con agenti disseminati sul territorio libico per individuare obiettivi per i raid aerei. Ad ogni modo è prevedibile un ritorno a pieno regime del supporto aereo a favore dei ribelli, da quando alle 8 di ieri mattina è ufficialmente cominciata l’operazione Unified Protector (così è stata ribat-

Intanto Gheddafi ha perso uno dei suoi collaboratori più stretti, il ministro degli Esteri Moussa Koussa che, fuggito a Londra mercoledì, ieri ha dichiarato di essersi dimesso

Funerali di una vittima a Tripoli

Moussa Koussa

tezzata la missione) decisa domenica sera dai Paesi dell’Alleanza. Le operazioni dei raid aerei saranno d’ora in avanti dirette dal centro di comando della Nato a Napoli dal generale canadese Charles Bouchard, sotto l’autorità del quartier generale militare alleato centrale di Mons. Già giovedì era stato trasferito oltre l’80% delle operazioni militari sotto il comando unificato della Nato, e nella notte prima di venerdì aerei della coalizione internazionale hanno sorvolato il sobborgo di Salaheddin, a sudest della capitale libica. Esordio pessimo: secondo il vicario apostolico di Tripoli, monsignor Martinelli, hanno provocato almeno 40 morti: «I raid cosiddetti umanitari - ha dichiarato Martinelli all’agenzia Fides - hanno fatto decine di vittime tra i civili in alcuni quartieri. Ho raccolto diverse testimonianze di persone degne di fede al riguardo. In particolare, nel quartiere di Buslim, a causa dei bombardamenti, è crollata un’abitazione civile, provocando la morte di 40 persone». «Se è vero che i bombardamenti sembrano alquanto mirati, è pur vero - ha detto monsignor Martinelli - che colpendo obiettivi militari che si trovano in mezzo a quartiere civili, si coinvolge anche la popolazione». Una notizia che la Nato sta prendendo «molto seriamente», ha assicurato il generale Bouchard. «Condurremo un’inchiesta nella catena di comando per vedere se ci sono prove. Noi faremo quanto possiamo per determinare se qualcosa è successo». «Investigheremo per vedere se forze Nato siano state coinvolte».

Sul governo giapponese pressioni per estendere la zona di evacuazione

Fukushima, radioattività in mare a livelli record di C.Brangia ROMA - Cresce la pressione sul governo giapponese affinché estenda la zona di evacuazione intorno alla centrale nucleare di Fukushima, gravemente danneggiata dal terremoto e dallo tsunami dello scorso 11 marzo. Tecnici dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), dopo aver registrato livelli di radiazioni superiori al limite ad Iitate, villaggio a 40 chilometri dall’impianto, hanno chiesto alle autorità giapponesi «di monitorare la situazione sulla base di queste informazioni», come ha riferito il portavoce del governo Yukio Edano. All’Aiea si è aggiunta l’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare, affermando che sarebbe opportuno considerare di estendere la zona di evacuazione. Per ora oltre 70mila persone sono state evacuate da un raggio di 20 chilometri dalla centrale, mentre le altre 136mila che vivono nella fascia compresa tra i 20 e i 30 chilometri sono state invitate a non uscire di casa, se non indi-

spensabile. Eppure, interrogato su una possibile espansione della zona di evacuazione, Edano ha risposto: «Non penso che la situazione lo imponga», poiché «al momento non abbiamo ragione di pensare che le radiazioni avranno un effetto sulla salute della gente». Come la terra, così anche il mare nei pressi di Fukushima risulta sempre più contaminato: ieri nelle acque prelevate a 300 metri dalla costa antistante la centrale il tasso di iodio radioattivo è risultato 4.385 volte superiore al limite fissato per legge. Un nuovo record: questo dato, ogni giorno più alto, rafforza l’ipotesi che da Fukushima-Daiichi del materiale radioattivo continui a riversarsi (indirettamente) in mare, sebbene, secondo quanto spiegato dalla società ce gestisce l’impianto, la Tepco, questo si diluisca nelle acque e non comporti rischi importanti per flora e fauna marine. Purtroppo la battaglia contro la fuga radioattiva impone alle squadre di intervento ad accettare un grave compromesso: immettere ingenti quantità di acqua nel sistema di raffreddamento del

reattore, sapendo che una parte di questa verrebbe contaminata dalle barre di combustibile nucleare fuse e fuoriuscirebbe dal sistema (ormai danneggiato) contaminando il suolo circostante. D’altra parte - il governo lo ha ribadito più volte - la priorità va al raffreddamento del nucleo dei reattori. Ora però gli uomini della Tepco stanno incontrando grandi difficoltà nella rimozione dell’acqua estremamente radioattiva accumulatasi intorno a reattori ed edifici delle turbine, costituendo di fatto il vero ostacolo per far procedere i lavori. Anne Lauvergeon, presidente del colosso francese del nucleare Areva, ha raggiunto il Giappone con cinque esperti nucleari, per offrire il proprio aiuto al riguardo. Ieri inoltre le operazioni di dispersione di resina sintetica nella zona vicino ai reattori 4 e 6 sono state sospese a causa del maltempo: la Tepco aveva intenzione di spargere resina solubile in acqua sulla superficie del terreno per circa due settimane, nel tentativo sperimentale di trattenere la polvere radioattiva ed

evitarne la dispersione nell’aria. Ma per arginare la fuoriuscita di materiale dalla centrale di Fukushima non è esclusa nessuna strategia, e tra queste vi sarebbe anche il ricorso a coperture speciali per i tetti e le pareti degli edifici esterni del primo, terzo e quarto reattore, con l’impiego di strumenti di aerazione per scongiurare accumulo di gas e quindi nuove esplosioni. O anche l’impiego di una petroliera che potrebbe aspirare l’acqua radioattiva. Ad ogni modo la centrale nucleare di Fukushima deve essere smantellata. Lo ha affermato il primo ministro giapponese Naoto Kan durante un incontro con il leader del Partito comunista giapponese, Kazuo Shii. Il governo aveva già affermato che l’impiego di energie pulite sarebbe stato al centro dei piani di ricostruzione delle aree devastate dallo tsunami, e nel corso dell’incontro di ieri il premier ha aggiunto di voler «rivedere da zero il piano di costruzione di nuove centrali», che sarebbero dovute essere 14 entro il 2030.

7


8

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

APPROFONDIMENTI Caso Zappalà, i familiari ringraziano Corbelli per il suo interessamento

Il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani

La Conferenza delle Regioni ha raggiunto l’accordo sul Tpl, ma senza unanimità. Lombardi e campani non condividono il metodo

Trasporto locale, c’è l’intesa ma la Lombardia non ci sta di Cesare Giraldi ROMA - Le Regioni hanno raggiunto l’accordo sul riparto delle risorse del Fondo per il trasporto pubblico locale, ma non all’unanimità. La Lombardia, infatti, non condivide i margini dell’accordo. Il presidente della Conferenza, Vasco Errani, ha specificato che dovranno essere fatte nei prossimi giorni alcune verifiche di tipo tecnico. Per ora il fondo ammonta complessivamente a circa 1 miliardo e 200 milioni e grazie all’accordo raggiunto con il Governo la scorsa settimana le Regioni hanno riottenuto i 425 milioni del Fondo che erano stati tagliati dalla manovra di luglio. Ma la Lombardia ha espresso il proprio parere contrario: lo ha spiegato l’assessore al Bilancio della regione lombarda e coordinatore della commissione Bilancio della Conferenza delle Regioni, Romano Colozzi: «È passata una interpretazione assolutamente minimalista del concetto di virtuosità che è stato completamente stravolto: di qui il parere negativo della Regione Lom-

bardia. Riteniamo - ha aggiunto che in una fase di attuazione del federalismo fiscale, il principio di virtuosità debba iniziare a prendere corpo in termini reali». La Lombardia chiedeva l’attuazione del principio di virtuosità avendo fatto, a quanto si è appreso, una serie di investimenti nel settore senza attuare alcun aumento delle tariffe. D’accordo con lui anche Stefano Caldoro, governatore della Campania. Su punti diametralmente opposti, nel riparto delle risorse, si sarebbero trovate, infatti, secondo quanto ha riferito il governatore, le regioni Campania e Lombardia: «È giusto applicare i criteri dipremialità al riparto del Fondo per il trasporto pubblico

Colozzi: «È passata una interpretazione assolutamente minimalista del concetto di virtuosità che è stato completamente stravolto»

locale ma bisogna trovare indici condivisi e garantire, alla fine, la qualità del servizio. In questa fase iniziale - ha spiegato il governatore - la premialità va applicata ma va visto quale peso dare ad essa. Insomma, servono indici condivisi. L’accordo comunque alla fine è stato trovato». Si è discusso anche degli aspetti su cui basare la Conferenza della Repubblica, il nuovo organo, istituito dal Consiglio dei ministri dello scorso 18 febbraio, che dovrebbe assorbire le attuali Conferenza Stato-Regioni, Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali e Conferenza unificata. A tal proposito Michele Iorio, governatore del Molise, ha spiegato che le Regioni chiederanno un incontro al ministro per gliAffariRegionali,RaffaeleFitto, per avere garanzie sul funzionamento del nuovo organismo: «Vogliamo avere un ruolo significativo riguardo ad una serie di punti, dalle votazioni alla rappresentanza, alla decisioni sugli ordini del giorno. Incontreremo anche Anci e Upi e poi insieme andremo ad un confronto con il Governo».

COSENZA - Il leader del movimento Diritti civili, Franco Corbelli, informa di aver ricevuto ieri una lettera da parte dei familiari di Santi Zappalà, e ritorna a chiedere la scarcerazione dell’ex consigliere regionale del Pdl, arrestato alla vigilia di Natale nell’ambito della operazione “Reale 3” della procura reggina e attualmente detenuto in un carcere della Sardegna. La famiglia di Santi Zappalà Corbelli: «Perchè accanirsi scrive a Corbelli per ringraziarlo del suo intervento dei contro di lui? Non è giusto giorni scorsi e per raccontarche paghi con il lungo gli la loro odissea giudiziaria. Scrivono i familiari di Santi carcere preventivo, in attesa Zappalà: «Il suo intervento dei giorni scorsi, tuttavia, è di un regolare processo, stato per tutti noi fonte di solo il medico di Bagnara» speranza e fiducia nel prossimo in un momento così buio. A tal proposito oltre a rinnovarle la nostra stima». Corbelli, che denuncia il silenzio calato su questo caso politico-giudiziario e su questo dramma umano, dopo quello che gli stessi familiari di Zappalà hanno definito, nella missiva, uno stillicidio mediatico, un massacro, afferma che la scarcerazione dell’ex consigliere regionale Santi Zappalà, anche attraverso la concessione degli arresti domiciliari, sarebbe un atto di giustizia giusta e umana, viste anche le sue precarie condizioni di salute (Zappalà, pochi giorni dopo l’arresto ha accusato gravi problemi cardiaci ed è stato per questo trasportato d’urgenza agli ospedali Riuniti di Reggio). «Perchè accanirsi contro di

Franco Corbelli

lui? Non è giusto che paghi con il lungo carcere preventivo (in attesa di un regolare processo) solo il medico di Bagnara, per essere andato a chiedere voti ad un esponente della ndrangheta» sostiene Corbelli.

Dorina Bianchi scrive al Garante della comunicazione per tutelare la par condicio CROTONE - Il Comitato elettorale “Dorina Bianchi per Crotone”, in vista delle ormai imminenti elezioni per il rinnovo del consiglio comunale della stessa città pitagorica e tenendo in considerazione il periodo sottoposto al codice di regolamentazione della “par condicio”, ha inteso inviare una nota informativa al Garante della comunicazione, al fine di vigilare e di attuare un’accurata opera di controllo verso eventuali anomalie che potrebbero verificarsi all’interno di alcune emittenti televisive crotonesi. Come a livello nazionale, quindi, la polemica sulla copertura mediatica della campagna elettorale si sposta anche sui palinsesti locali. Nel pieno rispetto delle normative vigenti e per favorire un confronto rispettoso e sereno, fa sapere il Comitato: «%u0391bbiamo reputato oppor-

tuno interessare, come appena accennato, il Garante delle comunicazioni, al fine di tutelare le pari condizioni, di tutti gli schieramenti ed al di là dei colori politici, sia per quanto concerne il periodo cosiddetto della “par condicio” ed anche nelle settimane successive all’apertura ufficiale della campagna elettorale». A loro giudizio serve evitare e preservare, questa fase assai delicata e democraticamente importante per la città, da anomalie e da possibili sentori di non rispetto delle norme che, nella cittadinanza, albergano con una certa insistenza e preoccupazione. «In tal senso, ci siamo appellati al Garante della comunicazione che, ne siamo certi, saprà vigilare su tutto il percorso di questa campagna elettorale». A.M

Dorina Bianchi

C.G


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani

9

IN CALABRIA Tavolo Massicci a Roma, registrata una inversione di tendenza positiva

Il presidente della Regione è stato intervistato ieri da Rai Uno nella rubrica "Question time" condotta da Franco Di Mare

Scopelliti a Uno Mattina: ospiteremo 1.800 profughi di Ulderico Russo REGGIO CALABRIA - Dalla questione immigrati passando per la sanità, dalla depurazione al turismo. Questi alcuni argomenti affrontati dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti intervistato da Rai Uno, nella rubrica "Question time" condotta da Franco Di Mare, all’interno del programma "Uno Mattina". «La Calabria - ha detto - è pronta a fare la sua parte. Lo abbiamo ribadito ieri a Roma nel corso di una riunione a Palazzo Chigi, ospiteremo circa 1800 immigrati, ripartiti sulle 5 province. Abbiamo già un piano ed utilizzeremo, ad esempio, strutture sanitarie dismesse. La nostra regione è una terra di grande accoglienza, dalla Locride e da altre zone della Calabria, sono arrivati già segnali di disponibilità». Il Presidente ha anche parlato di turismo e depurazione: «In passato c’è stato un deficit di comunicazione, dalla lettera ad un quotidiano nazionale in cui il precedente governo regionale chiedeva scusa per la qualità delle acque, che non

ho condiviso poiché era una sorta di spot negativo, al caso della nave dei veleni, sul terreno cosentino, che poi si scoprì che non era per nulla radioattiva. Per quanto concerne la depurazione ad oggi abbiamo recuperato, in termini di mare pulito, un ulteriore 15% rispetto allo scorso anno e contiamo, prima dell’avvio dell’estate di compiere ulteriori progressi, stiamo lavorando molto sul tema della depurazione e contiamo di ampliare le zone con le cosiddette bandiere blu. C’è uno sforzo congiunto tra l’assessorato regionale ed i sindaci dei comuni interessati». Sulla questione mafia e pizzo, il Presidente della Regione ha evidenziato che «da Sindaco ho av-

«Abbiamo già un piano ed utilizzeremo, strutture sanitarie dismesse. La nostra regione è una terra di grande accoglienza»

viato un tavolo di confronto. Abbiamo segnali positivi, alcuni imprenditori hanno denunciato gli estortosi facendo arrestare i malavitosi. Come Regione Calabria abbiamo approvato un progetto di legge attraverso il quale, chi denuncia il pizzo, farà parte di una short list, d’accordo con Ministero e Prefetture, e la stessa Regione, assieme agli altri enti sub regionali, le province ed i comuni, potranno dare delle commesse sotto soglia. In pratica se si denuncia, gli enti non lasceranno soli gli imprenditori». Scopelliti ha concluso parlando di sanità. «Lunedì mattina a Cosenza presenterò i dati relativi ai primi 7 mesi di gestione, di tagli agli sprechi, alla razionalizzazione delle spese, alla buona sanità; una grande inversione di tendenza rispetto al passato. La settimana scorsa, girando per la Calabria, ho dimostrato come, nonostante lo scetticismo dei più, ho chiuso ospedali, che tutto erano tranne ospedali, che saranno riconvertiti in case della salute e punti di primo intervento. E’ stata una tappa storica per la mia regione».

Fedele (Pdl): una nuova sanità nella nostra regione REGGIO CALABRIA - «L’approvazione della proposta di legge che definisce la copertura finanziaria, pari a 80 milioni euro, per la costruzione dei quattro nuovi ospedali decisa dalla Massima Assemblea calabrese, costituisce un ulteriore passo in avanti verso la realizzazione della nuova sanità nella nostra regione». A dirlo, il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, Luigi Fedele. «Un’azione decisa e concreta - sostiene Fedele - quella messa in atto dal presidente Scopelliti e sostenuta dall’intera maggioranza in Consiglio, che mira al risanamento del comparto sanitario in Calabria grazie, anche, all’utilizzo di fondi da investire nella infrastrutturazione tecnologica dei nuovi nosocomi la cui realizzazione è propedeutica e funzionale alla riorganizzazione della rete ospedaliera regionale. Il percorso di

riorganizzazione della Sanità, infatti, sta procedendo in maniera spedita attraverso interventi determinati a fornire risposte tangibili ai cittadini. Il tutto in un’ottica di ammodernamento che si discosta dalle vecchie logiche adottate dalle passate amministrazioni regionali. Basti pensare che, fino all’insediamento dell’attuale Giunta di centrodestra, nulla era stato deciso sugli ospedali inefficienti e che subivano gli effetti di una politica obsoleta. È vero che alcune strutture stanno per essere riconvertite ma è vero, anche, che stiamo pensando al futuro con la costruzione di nuovi e moderni nosocomi». «Adesso - conclude il capogruppo del Pdl - stiamo assistendo alla fase operativa che ha messo in moto l’intero progetto di riorganizzazione nell’ambito del piano di rientro dal deficit sanitario».

CATANZARO - «La Calabria registra oggi una grande inversione di tendenza, un dato evidente la cui importanza è sotto gli occhi di tutti». Questo il commento del presidente della Regione Giuseppe Scopelliti - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale - al termine del tavolo Massicci, svoltosi ieri mattina al Ministero dell’Economia a Roma. «Abbiamo ricevuto complimenti Autorizzazione per da tutti i partecipanti per il lavoro fatto fin qui - aggiunge avviare le procedure per il Presidente - mettendo in lula copertura del debito ce come finalmente per la Calabria sia stato riconosciu- ante 2005, con la to un interlocutore valido con cui lavorare». Il presi- sottoscrizione dente Scopelliti aggiunge: dell’accesso al mutuo «Abbiamo anche avuto l’autorizzazione per avviare le procedure per la copertura del debito ante 2005, con la sottoscrizione dell’accesso al mutuo, che ci garantirà immediata liquidità, nonché si è stabilito la prossima definizione di un nuovo cronoprogramma che in riferimento a prossimi obiettivi da raggiungere competenti e condivisi con i ministeri, consentirà anche lo sblocco delle premialità sul Fondo sanitario nazionale non ancora erogate dallo Stato». «Siamo dunque passati - conclude il governatore - dagli insulti e dalla to-

tale mancanza di credibilità al tavolo Massicci ai complimenti alla Regione Calabria. La strada è ancora lunga, ma questo riconoscimento ci esorta a proseguire in questo grande sforzo compreso dai cittadini, per rendere la sanità calabrese più efficienteesicura».


10

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

IN CALABRIA «L’attenzione della Regione è massima in materia di tutela delle acque»

L’assessore regionale alla cultura, Mario Caligiuri, è intervenuto in videoconferenza alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna

«Leggere la democrazia e costruire l’economia» di Rocco Faga CATANZARO - L’assessore regionale alla cultura, Mario Caligiuri, è intervenuto in video conferenza alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna, per presentare il "Libro Verde sulla lettura in Calabria". La manifestazione si è svolta presso lo stand della Regione, durante la quale l’assessore ha avuto modo di interloquire con gli ospiti presenti, tra cui Maria Miceli (preside dell’I.C. "Don Milani" di Lamezia Terme), Gilberto Floriani (direttore del sistema bibliotecario Vibonese) e Armando Vitale (dirigente del liceo classico Galluppi di Catanzaro). L’idea del "Libro verde", unico del genere in Italia, nasce come strumento di coinvolgimento dell’intera società calabrese nelle politiche regionali per incentivare la lettura e si avvale del contributo culturale del professore, Tullio De Mauro, noto ed apprezzato linguista difama internazionale. «La lettura - ha affermato l’assessore Mario Caligiuri - è lo strumento fondamentale per leggere la de-

mocrazia e costruire l’economia. In una regione dove si legge troppo poco intendiamo muoverci per superare il ritardo che rischia di pregiudicare il futuro stesso della regione. Riteniamo fondamentale che tale strumento serva per una migliore lettura nelle scuole, che considero un luogo di speranza.IlpresidenteScopellitiha poi aggiunto l’assessore Caligiuri - sta investendo molto sulla lettura per migliorare la qualità della democrazia e dell’economia, offrendo la possibilità ai nostri studenti di poter apprendere sempre di più». L’attenzione dell’intervento dell’assessore Caligiuri si è rivolta principalmente all’educazione alla lettura,

«In una regione dove si legge troppo poco intendiamo muoverci per superare il ritardo che rischia di pregiudicare il futuro»

soprattutto in età scolare e prescolare che fa parte delle linee guida contenute nel "Libro Verde sulla Lettura in Calabria". Studi recenti hanno messo in evidenza una bassa percentuale di lettori in Italia, dato che si abbassa notevolmente nella nostra regione. Proprio per invertire questa tendenza la Giunta Regionale ha investito notevoli risorse nel settore culturale e nell’incentivo alla lettura. E’ già attivo un nuovo portale internet (bibliotechecalabria.it) che mette in rete 120 biblioteche della regione aderenti al Sistema Bibliotecario Regionale, che contengono circa un milione e duecentomila volumi. «Non è casuale la nostra presenza alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna. La Calabria - ha concluso l’assessore Caligiuri - mette in mostra la propria cultura e quindi il meglio di se. Si tratta di un’esperienza che ribadiremo anche alla Fiera del libro di Torino». A conclusione dell’incontro è stato presentato uno speciale spot tv, realizzato dagli alunni dell’Istituto comprensivo "Don Milani" di Lamezia, dal titolo "E’ tempo di leggere".

Trematerra: sinergie con l’Inps CATANZARO - L’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra, è intervenuto a seguito di alcune dichiarazioni di Michele Mastropasqua, presidente Inps. «La mole di contenziosi e debiti contributivi - ha detto Trematerra - che nel sud interessano numerose aziende agricole rappresentano, senza dubbio, un fattore di criticità i cui effetti negativi si riflettono su molti aspetti della vita economica di un territorio. Occorre, senza dubbio, uno sforzo maggiore nel cercare d’intercettare le cause e individuare le soluzioni più idonee per limitarne gli effetti collaterali: tutto

questo è necessario per procedere nella profonda operazione di rilancio di un segmento fondamentale per l’economia della nostra regione». «Anche in questo caso - ha aggiunto - ci vuole uno scossone culturale e il ruolo della politica è, senza dubbio, fondamentale. Sinergia è, come sempre, la parola chiave. Per attivarla, è necessario che tutti - istituzioni e imprese abbiano una predisposizione positiva e propositiva finalizzata alla risoluzione di alcune ataviche criticità radicate nel nostrotessutoeconomicoesociale». re. c.

CATANZARO - L’assessore regionale all’Ambiente Francesco Pugliano - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - commenta il dossier di Legambiente "Acque nere" presentato, nei giorni scorsi, nella sede della Provincia di Catanzaro. «Con attenzione, accompagnata da un pizzico di soddisfazione dichiara l’assessore Pugliano - ho letto il dossier di Legambiente "Acque Nere" , in quanto ciò che è stato proposto nel documento è oggetto di attenzione dell’Assessorato da me diretto sin dal mio insediamento e l’attività promossa è ormai in fase avanzata di attuazione. In effetti, a partire dallo scorso mese di maggio, avvio dell’attività dell’esecutivo Scopelliti, l’assessorato all’Ambiente da subito ha fronteggiato la stagione estiva 2010 attraverso la promozione e il finanziamento di piccoli interventi sugli impianti di depurazione per garantirne la funzionalità. All’attività straordinaria prosegue l’assessore regionale - si è immediatamente affiancata l’attività ordinaria di programmazione, attraverso incontri specifici con i Comuni e le cinque Autorità di Ambito per conoscere, dapprima, le criticità presenti nel territorio in materia di trattamento delle acque reflue urbane per poi definire, di concerto con il Ministero dell’Ambiente, un programma di interventi finalizzato ad individuare prioritariamente le infrastrutture necessarie a superare i deficit presenti negli agglomerati superiori ai 15.000 abitanti equivalenti oggetto di contenzioso con l’Unione Europea.Superata con successo questa attività di programmazione gli sforzi oggi sono rivolti all’attuazione degli interventi attraverso l’individuazione delle necessarie risorse finanziarie. Inoltre, accanto all’impegno profuso nell’attività programmatoria, il Consiglio Regionale, ha rafforzato la nuova strategia Regionale approvando una norma innovativa per rafforzare gli aspetti gestionali legati alla riscossione degli oneri connessi al servizio di depurazione, mediante intervento sostitutivo di un commissario ad acta per le amministrazioni inadempienti in maniera tale da rendere sicuro e costante il funzionamento di tutti gli impianti di depurazione. Da ultimo - afferma ancora Pugliano - a partire dal 4 marzo scorso ho pubblicamente dichiarato che si sarebbe predisposto, in aderenza con il programma politico del Presidente Scopelliti, il Piano operativo di intervento finalizzato all’individuazione delle attività prioritarie e necessarie a migliorare lo stato qualitativo delle acque marine costiere, che sulla base dei controlli effettuati dall’Arpacal e pubblicati dal Ministero della Salute, sono classificate sufficienti o scarse. Anche per questa ulteriore attività messa in campo in questi primi nove mesi di legislatura, il Dipartimento Politiche dell’Ambiente ha organizzato una fitta agenda di incontri sempre con i Comuni e con le Autorità di Ambito per raccogliere tutte le istanze del territorio al fine di sintetizzarle e contemplarle in uno specifico piano di attuazione. Riconoscendo il valore strategico che la risorsa mare ha per questa Regione, le attività sopra descritte hanno visto l’interessamento anche di tutte le autorità deputate al controllo del rispetto delle leggi vigenti in materia ambientale nella piena convinzione che ciascun apporto e/o conoscenza avrebbe costituito un contributo valido per migliorare e rendere più efficaci gli interventi.Appare evidente - sottolinea l’assessore Pugliano - che l’attenzione da parte della Regione è massima in materia di tutela delle acque anche perché c’è la convinzione che attraverso una gestione partecipata dei processi decisionali si riuscirà finalmente a porre fine alle carenze infrastrutturali che il territorio oggi manifesta e si potrà così restituire a tutti i cittadini un ambiente sempre più pulito e all’altezza delle loro aspettative.Per raggiungere tali obiettivi - dichiara infine Pugliano -, visto il ritardo accumulato nel corso degli anni passati, e per dare piena attuazione al Servizio Idrico Integrato, la Regione ha proposto ed approvato nell’assemblea Consiliare un nuovo modello organizzativo più snello ed efficiente attraverso l’istituzione di un unico Ambito Territoriale Ottimale Regionale al fine di raggiungere più rapidamente gli ambiziosi obiettivi in materia di tutela delle acque che si è postaepercuisièimpegnatacontuttiicittadinicalabresi».


12

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE CATANZARO - L’ex consigliere provinciale Raffaele Rolli si candida al Comune di Catanzaro nella lista "Traversa Sindaco". Quarantaquattro anni, dipendente Enel, eletto per tre consiliature alla Provincia di Catanzaro e già vice presidente della Sacal, Rolli spiega la sua scelta mettendo in evidenza che «Catanzaro ha necessità di un’amministrazione decisa, capace di mettere sul tappeto progetti chiari e credibili. Nell’ultimo decennio si è accentuato il distacco fra l’istituzione municipale ed i problemi dei catanzaresi. Le amministrazioni comunali succedutesi sottolinea Rolli - si sono caratterizzate per scarsa lungimiranza e poca capacità propositiva e Catanzaro ha continuato a

L’ex consigliere provinciale Rolli si candida con Traversa perdere terreno. Basti pensare che, per i 40 anni dell’istituzione regionale e della designazione a capoluogo, non si è pensato neanche di organizzare un evento da dedicare ad una riflessione sul ruolo della città e sull’esperienza regionalista. Ritengo - aggiunge - che Michele Traversa sia la persona capace di rilanciare ruolo ed immagine del capoluogo, con opere concrete ed iniziative politiche che ne rilanci-

no la leaderhip. Il suo impegno politico, del resto ha lasciato segni tangibili, apprezzati dai catanzaresi. Avendo lavorato con lui per un decennio, sono stato testimone diretto della sua competenza e dell’attaccamento alla comunità catanzarese». C.M.

Tutto il gruppo catanzarese dell’Mpa lascia il partito per una nuova esperienza

Gallippi sostiene Traversa: scelto percorso alternativo CATANZARO - «Per correttezza nei confronti dell’elettorato e dei sostenitori che ci hanno sempre seguito con grande attenzione, riteniamo giusto chiarire la posizione che il gruppo dirigente del Movimento per le Autonomie della Provincia di Catanzaro vuole assumere in fase pre-elettorale» si legge in una nota di Carmine Gallippi. «La scelta di agire con celerità e non a seguito di un risultato amministrativo deriva dalla necessità di offrire coerenza a tutti coloro che sceglieranno di sostenerci nella campagna elettorale per il comune di Catanzaro continua -. Da diversi mesi, all’interno della struttura provinciale, è in corso un dibattito sul futuro del Movimento e sulle azioni. Facendo un’analisi del percorso "regionale", il partito dopo una prima parentesi di crescita e radicamento sul territorio, ha subito una chiara flessione dovuta principalmente alla mancanza di obiettivi comuni e alla continua fram-

mentazione della struttura dirigente. Tutt’oggi non è chiara la posizione occupata dal partito in ambito di governo nazionale e regionale. MpA prosegue in un progetto di tutela e di salvaguardia esclusiva del governo siciliano. Proprio per queste motivazioni il gruppo provinciale catanzarese, sentitosi tradito

Carmine Gallippi

dall’azione che doveva supportare una crescita collettiva, è giunto alla conclusione di prendere le distanze dal partito siciliano. Questo segnale che si vuole lanciare è necessario per definire la diversità di azione tra la struttura catanzarese e quella regionale/nazionale. Il gruppo catanzarese oramai da diversi anni è riconosciuto sul territorio per le battaglie fatte e per l’azione esercitata dai suoi aderenti. La decisione di dare seguito a ciò che è stato avviato per il proprio territorio porterà il gruppo a proseguire il percorso iniziatoconmaggioredecisione e incisività. Il gruppo dirigente pur rassegnando le proprie dimissioni a tutti i livelli - conclude Carmine Gallippi - garantirà il proprio sostegno al candidato a sindaco Michele Traversa, unica e reale scelta per il popolo catanzarese ». r.c.

Completamento sede della Municipale CATANZARO - La Giunta ha approvato, su relazione dell’assessore alla sicurezza Raffaele Salerno, la delibera di lavori urgenti per il completamento di opere edili ed impianti elettrici della sede di via Daniele destinata al comando della Polizia municipale. Si tratta di 99.000 euro che serviranno a rendere immediatamente fruibile la struttura. «Un’operazione - ha detto l’assessore Salerno - che ci consente di dare risposte immediate dal punto di vista logistico sia alle esigenze del corpo dei vigili urbani, sia alla cittadinanza che avrà un punto di riferimento per l’interlocuzione con gli stessi vigili urbani».

La lezione "Uniti da un secolo e mezzo" CATANZARO - Domani, nella sala del "dopo lavoro ferroviario" di Catanzaro Lido, alle 18, la dottoressa Anna Pascuzzo, componente della Commissione per le Pari Opportunità di Catanzaro, terrà la lezione-spettacolo "Uniti da un secolo e mezzo", da lei stessa scritta e interpretata per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia. «Sarà come stare a tavola insieme con loro - ha concluso l’autrice - a ragionar d’impegno e disimpegno, d’amore e di lotta, di diritti e di doveri».


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 13

CRONACHE L’episodio risale al 2003, nessun ferito ma le aree interessate furono sequestrate

Crollo cantiere della Girifalco Maida, indagati tutti prosciolti di Carmela Mirarchi CATANZARO - Sono state tutte prosciolte le nove persone finite in un’inchiesta, a Catanzaro, a seguito del crollo di un tratto dell’allora costruenda strada provinciale Girifalco-Maida, avvenuto otto anni fa. Era l’inverno del 2003 quando, nel corso dei lavori per la realizzazione della strada di collegamento alla statale 280 dei "Due Mari", il cantiere subì notevoli danni in due distinti punti, uno nel comprensorio catanzarese, e l’altro in quello lamentino. Nessuno rimase ferito, ma a seguito dei danni prodotti furono aperte due inchieste secondo le zone di competenza, e dunqueuna dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, e l’altra da quella di Lamezia Terme, con tanto di sequestro delle aree interessate dalle indagini. Al termine delle indagini, in entrambi i procedimenti, sono rimaste coinvolte le stesse nove persone, tutte accusate di "crollo di costruzioni", per le quali a Lamezia il giudizio è ancora in corso - precisamente per quattro in sede di dibattimento, e per

di Anna Bolle

cinque in sede di rito abbreviato -, mentre a Catanzaro si è concluso ieri, davanti a giudice dell’udienza preliminare Antonio Rizzuti, dove le contestazioni sono cadute. Il processo era stato chiesto per Venanzio Raffaele Greco, ingegnere esecutore deicalcoli per la ditta "Merlo Adriano spa" cui la Provincia appaltò i lavori (difeso da Guglielmo Sabatini); France-

Tutti sono stati prosciolti dall’accusa principale relativa al crollo della strada tranne Pingitore e Barberio, i cui difensori hanno chiesto il giudizio nel merito ottenendo una pronuncia "per non aver commesso il fatto"

sco Catanese e Paolo Barberio, il primo procuratore speciale ed il secondo geometra della stessa ditta (difesi da Francesco Gambardella e Giovanni Cefaly); Franco Bilotti, responsabile unico del procedimento (difeso da Lanfranco Calderazzo); e poi S alvatore Pingitore (difeso da Saverio Loiero e Wanda Bitonte), Lanfranco Bilotti (difeso da Emilio Vitaliano), Luigi Guadagnolo e Francesco Maida (difesi da Giuseppe Spinelli), e Benito Raso (difeso da Angelo Grandinetti e Aurelio Paola), tutti direttori dei lavori. Tutti sono stati prosciolti dall’accusa principale relativa al crollo della strada per intervenuta prescrizione del reato contestato, tranne Pingitore e Barberio, i cui difensori hanno espressamente chiesto il giudizio nel merito ottenendo una pronuncia "per non aver commesso il fatto". Lanfranco Bilotti, infine, è stato rinviato a giudizio per una contestazione marginale relativa ad un’ipotizzata omissione di atti d’ufficio. Il giudice, da ultimo, ha dissequestrato il tratto di strada interessato dal rollo per cui si procedeva.

Lanfranco Bilotti è stato rinviato a giudizio per una contestazione marginale relativa ad un’ipotizzata omissione di atti d’ufficio. Il giudice, da ultimo, ha dissequestrato il tratto di strada interessato dal crollo per cui si procedeva

CATANZARO - «Fli è una forza politica giovane, non solo per la recente costituzione, ma anche e soprattutto perché accoglie tra le sue fila una folta rappresentanza di giovani che, in buona parte, occupano posizioni di rilievo tra i quadri dirigenti e che sono desiderosi di dimostrare di poter concorrere al cambiamento ed al progresso del Paese». E’ quanto afferma, in una nota, Luigi Ciambrone, candidato a sindaco di Catanzaro. «E’ con questi convincimenti che Fli, anche a Catanzaro - prosegue la nota - ha deciso di misurarsi elettoralmente solo con la propria sigla, avendo registrato l’impossibilità di costituire il Polo unitario con Udc ed Mpa che, ancora prima di conoscere il programma del Pdl catanzarese, hanno deciso di stringere con tale partito una alleanza esclusivamente di potere. Il capoluogo di Regione rappresenterà per noi una affascinante sfida e opportunità che ci consentiranno di misurare, all’indomani del voto del 15 e 16 maggio, quanti cittadini catanzaresi desiderino veramente uscire dalle secche di quella politica messa in atto dal Pd e dal Pdl, spesso rissosa, muscolare e alla ricerca di sterili supremazie individuali a scapito della buona amministrazione e del futuro della città. Al cospetto degli elettori catanzaresi intendo ripagare la fiducia accordatami con impegno» conclude il candidato sindaco per Fli.

Successo per il corso di "Eurotalenti"

«Cnc non ha un candidato di riferimento» CATANZARO - «Alle imminenti elezioni Amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Catanzaro il nostro movimento non sarà presente con una propria lista e con il proprio simbolo, e soprattutto non esiste alcun candidato che possa anche lontanamente ritenersi espressione diretta o indiretta del gruppo» si legge in una nota di Catanzaronelcuore. «Nessun accordo, inoltre, è stato stipulato con chicchessia né relativamente ai candidati che aspirano alla poltrona di sindaco, né con i vari schieramenti che affronteranno la competizione elettorale. Chiunque ostenti il sostegno del nostro gruppo o è in malafede o ha interloquito con la perso-

Ciambrone: comunali, per il Fli una sfida e una opportunità

na sbagliata, giacché gli unici delegati a rappresentare "Catanzaronelcuore" sono il Presidente e il Direttivo. Eventuali voci non corrispondenti a quanto sopra sono infondate o strumentalmente buttate in piazza con lo scopo di millantare credito, sempre utile nel battage elettoralistico. Le ragioni per le quali "Catanzaronelcuore" ha deciso di mantenere tale posizione possono essere ascritte a programmi e visioni distinguibili dai ricavi di "potere" immediati: riteniamo che qualche volta la rinuncia ad un tronetto rappresenti la misura della dignità, della coerenza e dell’amore che si porta alla politica». r.c.

CATANZARO - Il Centro Formazione Europea "Eurotalenti" ringrazia i professionisti che hanno partecipato alla prima edizione del Corso di specializzazione in Europrogettazione, svoltosi nel prestigioso salone della giunta della Cciaa di Catanzaro. «Numerosi sono stati i giudizi positivi rilasciati alla fine del seminario da chi ha partecipatoai lavori oltre che dal Presidente Paolo Abramo, che si è complimentato per l’interessanteiniziativa che colma una colpevole mancanza, l’assenza di europrogettisti che supportinole tante richieste delle imprese e delle Istituzioni» si legge in una nota. «Questi risultati positivi ci hanno indotto a proseguire

con nuove edizioni del corso in variecittà Calabresi. Chi è interessato può connettersi al nostro sito: www. eurotalenti. it per conoscere le date e le località in cui si svolgeranno le lezioni. Vogliamo evidenziare che il master seminarile vuole fornire le competenze tecniche ed operative per realizzare progetti di sviluppo ed innovazione nei contesti regionali e nazionali. Il ruolo di consulente e progettista comunitario è determinante per il mondo produttivo e per gli Enti locali nel reperimento degli eurofinanziamenti» si legge infine nella nota. r.c.


14

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE

CATANZARO - «I provvedimenti portati in aula dalla Giunta Regionale riguardo la Fondazione Campanella richiedono un’attenta ed ampia valutazione». E’ quanto afferma il consigliere regionale di Idv, Giuseppe Giordano. «Coerenti con quanto già espresso - prosegue Giordano - in sede di Commissione, dove avevamo chiesto adeguate delucidazioni e dove giace da qualche mese una interrogazione a risposta immediata all’attenzione del Presidente della Giunta, abbiamo deciso di votare contro l’ennesima proroga che impegna ulteriori risorse, mentre è in itinere il piano di rientro sanitario. Questo organismo di cui non si conosce, ancora, l’esatta configurazione giuridica, è al centro di una vicenda complessa. La Fondazione Campanella è stata un auten-

«Fondazione Campanella Buco nero della sanità» tico buco nero della sanità calabrese - riporta ancora la nota - avendo drenato risorse in tantissimi anni che hanno contribuito ad appesantire il deficit della sanità calabrese. Non si rinviene la contezza dei finanziamenti che eroga la Regione ed a quale titolo la trasformazione in Istituto di ricerca a carattere scientifico. Gradiremmo sapere incarichi e compensi dei dirigenti, incarichi retribuiti e non retribuiti, contratti integrativi e premi distri-

buiti ai dipendenti, servizi erogati agli utenti finali, dati sui lavori, servizi, forniture. Noi di Idv intendiamo salvaguardare le eventuali eccellenze presenti all’interno di questo organismo ma è necessario fare chiarezza per garantire a tutti un adeguato livello di informazione e legalità».

r.c.

Il consigliere comunale Gigliotti: fare presto e passare alla fase esecutiva delle opere

Dissesto Janò: oggi tavolo tecnico con la Regione CATANZARO - «Si discuterà oggi, al tavolo tecnico convocato dall’ing Pasquale Gidaro, responsabile della struttura tecnica di supporto al commissario per l’emergenza, presidente Giuseppe Scopelliti, la problematica riguardante il dissesto idrogeologico del quartiere Ianò». Lo ha reso noto il consigliere Antonio Gigliotti, presidente della commistione lavori pubblici. Alla riunione prenderanno parte l’ing Giuseppe Cardamone, responsabile dei procedimenti delle opere da definire ed i progettisti incaricati dall’amministrazione comunale per il risanamento idrogeologico di località Ianò - Rombolotto di Gelso - Scala, via Corrado Alvaro, del consolidamento del centro abitato di Catanzaro (via Siciliano e via Carlo V) e del quartiere Gagliano (via Smaldone e via Gradoni Giglio). «Nel corso della riunione - ha proseguito Gigliotti - verranno affrontate e dibattute le tematiche tecniche e la procedura da adottare per snellire l’iter procedurale che dovrà consentire la redazione dei progetti esecutivi e quindi, i relativi appalti. L’incontro dovrà, inoltre, chiarire tempi e modi dell’erogazione dei fondi

necessari per la messa in sicurezza dei territori interessati da fenomeni di dissesto idrogeologico. «E’ passato, infatti, un anno - ha aggiunto Gigliotti - da quando le persistenti precipitazioni che hanno interessato la Calabria hanno messo in ginocchio il quartiere Janò e numerosi altri siti del territorio di Catanzaro. L’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31 marzo 2010 tarda a trovare completa e concreta applicazione. Ma i ritardi riguardano anche la Protezione civile che, ad oggi, non ha stabilito ufficialmente quanti e quali siano i nuclei familiari che potranno tornare in sicurezza nelle loro abitazioni».Secondo Gigliotti, «bisogna, al più presto, recuperare i ritardi e mettere mano concretamente agli interventi di messa in sicurezza del territorio, prima del prossimo inverno, utilizzando subito i finanziamenti disponibili e attivandosi a recuperare ulteriori risorse, assolutamente necessarie vista l’estensione e la gravità del fenomeno franoso». A certificare i ritardi è il fatto che solo lo scorso 26 novembre la Regione Calabria ha autorizzato il Comune ad eseguire le indagini geognostiche propedeutiche ai

Catanzaro 2011 a sostegno di Rizza CATANZARO - "Tutto il potere nella tua matita": è questo lo slogan scelto da "Catanzaro2011" per lanciare la campagna "Desidero, Credo, Voglio, Sogno" a sostegno della candidatura di Roberto Rizza alle prossime elezioni comunali. Il Comitato Elettorale ha ufficializzato da poco la sua nascita e dopo solo pochi giorni, registra un sostanzioso incremento nel numero di sostenitori e volontari, spiega così il significato dell’iniziativa: «L’obiettivo è quello di evidenziare l’importanza dell’appuntamento elettorale che attende i cittadini catanzaresi». r.c.

progetti di consolidamento del dissesto franoso di Gelso-Scala del quartiere Janò, mentre era necessario approvare i progetti esecutivi e mandare in appalt i lavori entro il 31 dicembre per l’importo programmato di 1 milione 600mila euro proprio per evitare che il prossimo inverno peggiori ancor di più la situazione. Per Gigliotti «occorre ripartire dalla recente comunicazione dell’assessore regionale ai lavori pubblici, Gentile, con cui viene annunciato il finanziamento di 2 milioni 100mila euro nell’ambito dell’Accordo di Programma sull’ambiente, in modo da riordinare tutta la "partita" dei finanziamenti disponibili e passare , al più presto, alla fase di esecuzione dei lavori. «L’appello che mi sento di lanciare - conclude Gigliotti - è quello di uno sforzo congiunto Governo- RegioneProvincia-Comune per mettere in sicurezza un comparto territoriale molto importante della città e restituire serenità e fiducia agli sfortunati cittadini di Janò».

Anna Bolle

Sel a manifestazione contro il precariato CATANZARO - Il gruppo giovani di Sinistra Ecologia e Libertà, e la Fabbrica di Nichi di Catanzaro, aderiscono con entusiasmo all’iniziativa del Comitato ’’Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta", che sabato 9 aprile porterà in tutte le piazze italiane milioni di persone a dire No al precariato. Sel giovani e Fabbrica di Nichi Catanzaro saranno presenti sabato in Piazza Prefettura alle 17 e 30, assieme a persone, comitati, reti, associazioni, per esprimere le ragioni di una protesta diffusa e profondamente radicata nel tessuto sociale, e dire No al precariato e alla precarizzazione di cui una intera generazione è vittima. r.c.


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 15

CRONACHE

Estorsione, condannato imprenditore di 51 anni SOVERATO - Si è concluso con una condanna a cinque anni e quattro mesi di reclusione il giudizio abbreviato celebrato mercoledì a Catanzaro a carico di Maurizio Tripodi, 51 anni, imprenditore, già noto alle forze dell’ordine, originario di Mongiana (Vibo), ma residente da tempo a Soverato, accusato di estorsione aggravata. Il giudice distrettuale Emma Sonni ha ritenuto colpevole l’uomo - difeso dagli avvocati Luigi Gullo e Salvatore Staiano -, per il quale

comunque il pubblico ministero Gerardo Dominijanni aveva chiesto una condanna a dodici anni di galera. Nel giugno scorso Tripodi era stato raggiunto, assieme ad un artigiano originario di Guardavalle, da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nell’ambito di indagini seguite all’inchiesta "Mythos", diretta contro il clan Gallace-Novella di Guardavalle. r.c.

Gli uomini finiti in manette sono tutti di nazionalità indiana e domiciliati a San Sostene

Immigrazione, 3 arresti e 2 denunce nel Soveratese DAVOLI - Nel tardo pomeriggio di mercoledì militari della Stazione Carabinieri di Davoli, già indirizzata dal Superiore Comando Compagnia di Soverato in mirati servizi di controllo del fenomeno dell’immigrazione clandestina, hanno tratto in arresto Manjinder Singh classe 89, Kulbir Singh classe 76 e Pargat Singh classe’73, tutti di nazionalità indiana e domiciliati a San Sostene, per non aver ottemperato all’ordine di espulsione dal territorio nazionale. I tre indiani, infatti, erano stati già identificati e denunciati dagli stessi militari della Stazione Carabinieri di Davoli, nell’ambito di attività volte a contrastare il fenomeno in argomento, il 23 marzo scorso poiché trattenutisi nel territorio nazionale privi di documento di riconoscimento. Nella stessa circostanza sono stati altresì denunciati L.N. Cl. ’41, italiano e S.K. Cl. ’70 di nazionalità indiana, entrambi residenti a Davoli, per aver ceduto a titolo oneroso immobili ai tre indiani sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. I tre

BOTRICELLO - Abolizione dei divieti di sosta lungo la strada statale 106 che attraversa l’abitato di Botricello e modifica dei sensi unici alternati nel centro della cittadina. Sono questi i punti salienti del Piano del traffico rivisitato dall’Amministrazione comunale di Botricello nel corso di una riunione che si è svolta nel palazzo municipale. Le modifiche influiranno notevolmente sulla situazione della circolazione stradale lungo la strada statale 106 ionica, a cavallo tra le province di Catanzaro e Crotone. r.c.

Mancini lascia la politica attiva?

indiani arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso le camere di sicurezza della locale Compagnia dei carabinieri. Ieri mattina sono comparsi dinanzi al gip di Catanzaro che ha convalidato gli arresti disponendo la traduzione presso la Questura di Catanzaro per le operazioni di esplulsione.

SOVERATO - Il sindaco uscente Raffaele Mancini lascia la politica attiva, sia comunale sia quella dei partiti. Il sindaco ha infatti deciso di non candidarsi come consigliere comunale in nessuna lista. Termina cosi, almeno per il momento, la vita politica. Il primo cittadino si dedicherà alla sua professione di medico. Ci sarà spazio pr un futuro ripensamento? Questo ancora non si sa. Ma la notizia potrebbe anche solo essere utile per far tacere chi parla di uan sua lista ala comune lontana dal Pdl. La verità verrà alal luce solo il giorno ufficiale della presentazione delle liste elettorali, quindi il 15 aprile.

Anna Bolle

r.c.

Matozzo si dimette da ogni ruolo all’interno della Cia SOVERATO - Francesco Matozzo, Componente la giunta provinciale della Cia di Catanzaro, ha rassegnato le sue dimissioni dalla Cia. Matozzo ha inviato una lettera al presidente Cia nazionale, Giuseppe Politi, al presidente Cia regionale Calabria Dr. Mauro D’Acri e al presidente Cia provinciale di Catanzaro Mario Maiorana. «Sono entrato nella Cia nel 1997, da giovane imprenditore e presidente della cooperativa "Verde oro". Il progetto di autoriforma della Cia, approvato nel 2009 e che doveva assegnare la rappresentanza agli agricoltori è stato anch’esso un momento esaltante. Oggi, però, i risultati attesi non si stanno conseguendo e

Botricello, rivisitato il piano del traffico

la situazione peggiora progressivamente. L’organizzazione sta dimostrando una notevole incapacità a portare avanti l’iniziativa politica, sindacale e professionale e ad affrontare i problemi delle aziende. Devo evidenziare che la situazione risente anche da quanto è avvenuto a livello regionale. Dopo un congresso lungo ed estenuante, la Cia è stata privata, in malo modo, di dirigenti storici di grande valore e, oggi, essa versa in una profonda crisi. Ci sono voluti 5 mesi per nominare il direttore regionale che, alla fine, è stato nominato con un mandato inferiore ad un anno (scadenza 31/12/2011), non è stato eletto il vice presidente, non sono stati

svolti i congressi regionali delle associazioni di persona: giovani, pensionati e donne. Da ciò ne è scaturita una situazione finanziaria gravissima. L’irriverenza, la prevaricazione, i personalismi, gli interessi economici, non possono accordarsi con valori positivi che devono essere di un’Organizzazione Professionale. Da parte mia oggi è venuta meno la fiducia, l’entusiasmo e la passione. Per questo, rassegno le mie dimissioni inderogabili da tutti gli organismi di cui faccio parte della Cia» conclude la lettera.

r.c.


il Domani

|

AsteInfoappalti

16

Venerdì 1 Aprile 2011

TRIBUNALE DI CASTROVILLARI Esecuzioni Imm. n. 89/90 R.G.E. G.E. Dott.ssa Teresa Reggio Professionista Delegato: Dott. Vincenzo Cerbini Lotto 1: terreno di complessivi mq. 6155 circa censito in catasto al fg. 42 p.lla 61 su cui insiste un fabbricato di circa 160 mq. composto da due piani fuori terra oltre la soffitta. Prezzo base: euro 52.425,00 Rilancio fissato nella misura di 1.50% del prezz base Vendita senza incanto: 18/05/2011 Vendita con incanto: 20/05/2011 Lotto 4: terreno censito in catasto al fg. 42 p.lla 60 avente un superficie complessiva di mq. 5.300 circa e su cui sono presenti i seguenti immobili: - fabbricato per civile abitazione di tre piani fuori terra di mq. 150 circa - capannone munito di piazzale per deposito materiali occupante un uperficie lorda di mq. 210 Prezzo base: euro 55.969,00 Rilancio fissato nella misura di 1.50% del prezz base Vendita senza incanto: 18/05/2011 Vendita con incanto: 20/05/2011 Le vendite saranno effettuate presso lo studio del professionista Delegato: Dott. Vincenzo Cerbini sito in Castrovillari (cs) Via delle Peonie 24/c tel. 0981/483226 Presentare le offerte entro h. 13.00 del giorno precedente la vendita presso lo studio del Professionista delegato Maggiori informazioni presso lo studio sito in Castrovillari (cs) Via delle Peonie 24/c tel. 0981/483226

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE D.ssa Song Damiani nella procedura esecutiva 186/88 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: UNITA' IMMOBILIARE AL PIANO SEMINTERRATO E PIANO RIALZATO CON CORTE IN CATANZARO. In catasto al F. 1, P.lla 422, p.lla 327 la corte Euro 145.131,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 è fissata per il giorno 25 maggio 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569, in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. …" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo dì deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta,dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 2.000,00. L'aggiudicatario dovrà versare, in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente,la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia

vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eusenius.it; - Il Domani Catanzaro, 26 gennaio 2011 Affissione Albo Tribunale °°°°°°°°°° Procedura esecutiva n. 1/09 R.G.Espr. Udienza del 15.04.2010 IL Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1 "quota ideale di 1/2 della proprietà di terreno in Sellia Marina in catasto al fg.14 part. 938" al prezzo base di euro 3.037,50; lotto 3 "appartamento in Sellia Marina in catasto al fg. 12 part.1053 sub 2" al prezzo base di euro 48.170,81; lotto 4 "appartamcnto in Sellia Marina in catasto al fg. 12 part. 1053 sub 3" al prezzo base di euro 54.411,75; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 24.05.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull' offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 2.000.00, l'udienza del 25.05.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 1/09" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario , anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall' aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva per i lotti 3) e 4); Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazone delle offerte; alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 cpc non comparsi nonchè alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executvis. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità sia omessa l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Il Giudice °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 11/05 R.G.Es. Il Giudice dell'Esecuzione, dott. Giuseppe Cava, vista la richiesta di vendita, dispone la vendita con incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto 1: Villa sita in Catanzaro Via Solferino 26 identificata in catasto al fg 83 mapp. 232 sub. 2, 3, 4, 5, al prezzo di euro 250.479,85; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 24.05.2011 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l'u-

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

dienza del 25.05.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 11/05" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore onerato degli adempimenti pubblicitari provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il domani". Catanzaro, 02.02.2011 Il Giudice °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Procedura esecutiva n. 85/08 R. G. Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dott. ssa Damiani, all'udienza del 19/01/2011, visti gli artt. 569 e ss c.p.c, ha disposto la vendita senza incanto del seguente bene: unità abitativa sita in Catanzaro in catasto al fg. 72 part. 638 al prezzo di euro 30.540,00 prezzo così ridotto ulteriormente di 1/4 rispetto alle precedente vendite risultate infruttuose; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 24/05/2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l'udienza del 25/05/2011 ore 9.30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 85/08" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano " Il Domani" con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executvis. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rilevare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. IL G.E. Damiani Song

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 46/2008 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto: La piena ed intera proprietà di stabilimento industriale per la produzione industriale di capi d'abbigliamento, sito in Cutro, località Vattiato - zona industriale. Prezzo base: euro 1.282.500,00 Rilancio: euro 10.000,00 Vendita senza incanto: 08/06/2011 Vendita con incanto: 15/06/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 57/99 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto unico: Piena ed intera proprietà di terreno agricolo sito in Mesoraca, frazione Santa Quaranta fondo Giulia della superficie complessiva di ha 12.59.20 circa. Prezzo base: euro 40.125,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: 08/06/2011 Vendita con incanto: 15/06/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o presso il custode giudiziario avv. Vincenzo Bianchi (tel.0962.21898 cell.333.4575505 340.1155066), nonchè consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 32/2001 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA PROFESSIONISTA DELEGATO IL NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da ITALFONDIARIO S.p.A. (già INTESA GESTIONE CREDITI S.p.A.) Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 27/04/2007 nella procedura n. 32/01 R.E.; Considerato che non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base; Visto l'art. 569 c.p.c.; AVVISA che in data 25 maggio 2011 alle ore 11,30, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell'Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: Porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto in Lamezia Terme, sezione Sambiase alla via Rossini (già località "Savutano"), e precisamente il locale magazzino adibito ad attività commerciale sito al piano terra, della consistenza catastale di mq.130 (metri quadrati centotrenta): riportato nel Catasto Fabbricati del medesimo Comune al foglio di mappa n. 85, particella 1076/subalterno 3, via Savutano, P.T., Categoria C1, classe 2, piano terra, consistenza mq.130, rendita catastale euro 812,39. Il fabbricato è munito di regolare concessione edilizia e di certificato di abitabilità, mentre per l'immobile posto

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

17

Venerdì 1 Aprile 2011 in vendita sono state riscontrate delle difformità interne, sanabili entro 120 giorni dal decreto di trasferimento, di cui è stato tenuto conto nella valutazione del bene. Prezzo base: euro 63.281,25 (euro sessantatremiladuecentoottantuno virgola venticinque) Cauzione euro 6.328,13 (euro seimilatrecentoventotto virgola tredici) Aumento Minimo euro 3.164,10 (euro tremilacentosessantaquattro virgola dieci) L'immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell'edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (ed eventuale regolamento di condominio). Il bene di cui sopra è meglio descritto nella relazione di stima a firma dell'esperto arch. Carla Isabella, che può essere consultata dall'offerente (ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni) sul sito internet www.portaleaste.com e su "Il Domani" (Edizione Regionale). E' possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all'intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro, a cui potranno rivolgersi direttamente. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Custode giudiziario del bene è il dottor commercialista avv. Emanuela Vitalone con studio in Lamezia Terme, cui tutti gli interessati all'acquisto potranno rivolgersi per visitare i beni. Se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell'intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l'offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell'intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell'art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l'aggiudicatario, qualora l'immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanato-

ria, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell'aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle ´Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegateª allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 23 marzo 2011 il professionista delegato f.to dottor Mario Bilangione notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa contenente domanda di partecipazione in carta legale, entro le ore 12,00 del giorno 20 maggio 2011. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l'offerta, che può anche essere persona diversa dall'offerente, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione - né il bene per cui è stata fatta l'offerta o altro - deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva. L'offerta dovrà contenere: - Il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l'immobile, il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Non sarà possibile intestare l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta. Se l'offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art.179, co. 1∞, lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2∞ co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Se l'offerente è minorenne, l'offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare.

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Se l'offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l'atto di nomina che giustifichi i poteri. - I dati identificativi del bene per il quale l'offerta è proposta. - L'indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita, a pena di esclusione. - L'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All'offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell'offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.32/2001 R.E.", per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell'acquisto. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L'offerente è tenuto a presentarsi all'udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art.583. co.1∞, c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare. In caso di aggiudicazione, l'offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall'aggiudicazione mediante due distinti assegni circolari non trasferibili intestati a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva 32/2001 R.E.", uno quale differenza prezzo di aggiudicazione e uno pari al venti per cento del prezzo stesso quale presumibile importo per spese. In caso di inadempimento, l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere -

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. L'immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e saranno cancellate a spese e cura dell'aggiudicatario. Se l'immobile è occupato dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione sarà effettuata a cura del Custode Giudiziario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell'aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l'aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva 32/2001 R.E." nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva 32/2001 R.E." quale presumibile importo per spese. Tali offerte potranno essere depositate presso l'indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell'Esecuzione.

Info 0961 996802


18

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE LAMEZIA TERME - Tonino Meliti della Cgil Fp e Antonio Bevacqua della Cisl Fp hanno inviato una nota: al Prefetto, al Presidente della Giunta regionale, all’Assessore regionale, al sindaco di Lamezia, al Commissario Asp, alla Direzione Provinciale del Lavoro e alla Casa di Cura Privata"Villa Michelino". Oggetto della missiva è licenziamento personale dipendente Casa di Cura Privata "Villa Michelino. «"Villa Michelinos.r.l."conraccomandata ha inviato la comunicazione preventiva per l’avvio delle procedure per la messa in mobilità ed il

Villa Michelino, avviate le procedure per licenziamenti licenziamento collettivo di 8 unità lavorative per riduzione dell’attività, nonché la connessa procedura di collocazione in mobilità - si legge nella lettera -. Le Organizzazioni Sindacali sono fortemente allarmate. E’ impensabile che in una Regione con altissimo tasso di disoccupazione, si perdano i posti di lavoro esistenti. Le Ooss fanno appello affinché si trovino

le giuste soluzioni per garantire la continuità nell’assistenza e cura ai malati e vengano salvaguardati gli 8 posti di lavoro messi in discussione dalla Casa di Cura Privata "Villa Michelino" di Lamezia Terme. Per cui ad ognuno - conclude la lettera - si metta in atto per scongiurare la perdita di posti lavoro e l’attivazione di un tavolo congiunto».

Agguato in periferia, le vittime salve per miracolo di Carmela Mirarchi LAMEZIA TERME - Sono vivi per miracolo i due giovani, Egidio Muraca, 31 anni, e Angelo Paradiso, 25 che mercoledì sera, intorno alle 20, sono riusciti a sfuggire, grazie alla tempestiva reazione dei Muraca, ad un agguato, teso loro in contrada Lagani di Lamezia Terme, all’estrema periferia della città, da due ignoti killer che hanno esploso contro l’auto sulla quale si trovavano le vittimedesignate, alcuni colpi di pistola. Gli attentatori erano nascosti nelle vicinanze della abitazione di Muraca e sono entrati in azione nel momento in cui hanno avvistato l’auto sulla quale i due bersagli si trovavano. L’auto era guidata da Muraca che è stato ferito alla mano sinistra da una scheggia del vetro anteriore frantumato da un colpo di pistola. Complessivamente i sicari hanno esploso sette colpi di pistola calibro 9, contro l’auto guidata da Muraca che, con un prontezza di spirito, ha accelerato la corsa varcando precipitosamente il cancel-

lo di casa che si era aperto automaticamente. Sul duplice tentato omicidio stanno indagando gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Lamezia Terme, diretto da Pasquale Barreca. Non sono chiare le circostanze in cui è avvenuto il fatto e non ci sono testimoni. A dare l’allarme agli uomini della Polizia è stato Muraca. Per gli investigatori, tutte le ipotesi dall’agguato sono da valutare con attenzione. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Domenico Galletta.

Due ignoti killer hanno esploso contro l’auto sulla quale si trovavano le vittime designate, alcuni colpi di pistola Gli attentatori erano nascosti nelle vicinanze della abitazione di Muraca

Approvato disciplinare su scarichi attività LAMEZIA TERME - L’Amministrazione comunale di Lamezia Terme ha approvato il disciplinare per l’autorizzazione agli scarichi delle attività produttive al fine di fornire ai cittadini le linee guida semplificative con cui procedere, in maniera autorizzata, allo scarico delle acque reflue domestiche, urbane ed industriali. Il provvedimento, elaborato in collaborazione con la Regione Calabria, la Provincia di Catanzaro, l’Arpacal e il confronto con le diverse categorie produttive, garantirà, fino all’applicazione del regolamento regionale sugli scarichi e l’approvazione definitiva del Piano Regionale di tutela delle acque, la corretta modalità

di trattamento degli scarichi provenienti dalle attività produttive, la razionale utilizzazione delle risorse idriche e la tutela delle acque dall’inquinamento. Il Comune ha predisposto, in questo modo, le attività di prevenzione e controllo al fine di garantire un adeguato livello di tutela del sistema ambientale del territorio lametino, adottando i provvedimenti necessari alla salvaguardia della salute dei cittadini.

Carmelo Morise

Sacal, ieri colloquio Speranza - Grandinetti LAMEZIA TERME - Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha incontrato il consigliere comunale Francesco Grandinetti, il quale lo ha informato, in qualità di rappresentante del Comune in seno al Consiglio di amministrazione della Sacal, della situazione determinatasi nella società aeroportuale lametina. «Nei giorni scorsi, infatti, - è scritto in un comunicato stampa del comune - - il consigliere Grandinetti ha chiesto chiarimenti, all’interno del Consiglio di amministrazione della Sacal, relativamente alle procedure adottate per la selezione e il reclutamento di personale a tempo determinato addetto allo scalo aeroportuale. Secondo le informazioni in possesso del consigliere le procedure in questione potrebbero essere state molto discutibili e non supportate dalle decisioni dell’organo di amministrazione. In ogni caso ha chiesto a Grandinetti di continuare a farsi portatore della posizione dell’Ente». r.c.

Minniti: rom, il Governo risponda a richieste dell’amministrazione LAMEZIA TERME - «L’intervento del tutto motivato della procura della Repubblica lametina mette tutti di fronte alla necessità di assumere decisioni responsabili e impegnative». Così Marco Minniti, deputato calabrese del Pd, è intervenuto sulla situazione determinatasi a Lamezia Terme a seguito del decreto di sequestro e sgombero del campo Rom di località Scordovillo. «Ora però ci si trova di fronte a tempi stretti e interventi di grande portata che, come ha giustamente sottolineato il sindaco di Lamezia, necessitano di risorse adeguate e di poteri straordinari affidati al Prefetto, così come è già stato fatto per altre città. Per questo - ha annunciato Minniti - sto predisponendo un’interrogazione parlamentare sull’argomento».


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 19

CRONACHE

Il messaggio è stato lanciato durante la presentazione del libro di Norberto Tonini

Turismo, il futuro è puntare su quello etico e sociale

Michele Filippelli: «Assessore Mancini si candidi con Occhiuto»

di Carmela Mirarchi COSENZA - "Il turismo etico, sociale e sostenibile è il vero turismo da proporre". E’ questo il messaggio lanciato durante la presentazione del libro di Norberto Tonini, "Etica e turismo", promossa dall’Assessorato comunale al turismo. Un altro turismo è possibile. Non quello animato dalla logica del profitto ad ogni costo, ma il turismo che diventa importante fattore di sviluppo sostenibile, di coesione sociale, di solidarietà e promozione umana. Lo dice e lo teorizza a gran voce Norberto Tonini, membro (unico italiano) del Comitato Mondiale di Etica del Turismo e Presidente del Bits (Bureau International du Tourisme Social), nel suo libro "Etica e turismo", pubblicato dalle edizioni "San Paolo" e presentato questa mattina al Caffè Letterario di Cosenza, alla presenza dell’autore. A promuovere l’iniziativa, l’Assessorato al turismo del Comune di Cosenza, guidato da Marco Ambrogio, e il Comitato Provinciale del Centro turistico giovanile. «Per vincere la sfida della socialità - sostiene Tonini nel libro, confermandolo ieri mattina davanti ad una platea formata prevalentemente da studenti del corso di laurea in scienze turistiche dell’Università della Calabria - bisogna far sì che il turismo sia un turismo per tutti anche se, statistiche alla mano, il 40% dei giovani europei (e il 47% della popolazione europea) non va in vacanza, complice anche la crisi economica in atto». Tonini ha ricordato come la questione etica del turismo, con alcuni richiami anche all’enciclica "Caritas in veritate" di Benedetto XVI, sia stata af-

frontata da diversi organismi nazionali e internazionali che hanno adottato dichiarazioni, regolamenti deontologici, carte e codici etici, tutti volti ad orientare più correttamente l’esercizio e lo sviluppo dell’attività turistica. Alla presentazione del volume hanno partecipato anche il Vice Presidente Nazionale del Centro turistico giovanile Paolo Sessa, il Prorettore dell’Università della Calabria Pietro Brandmayr, delegato al Centro residenziale e il Prof.Tullio Romita, docente di Scienze turistiche e valorizzazione dei sistemi turistico-culturali dell’Università della Calabria. Brandmayr ha evidenziato le difficoltà dell’Università della Calabria a finanziare i viaggi di istruzione degli studenti, a causa dei tagli ai finanziamenti decisi dal Governo. Il prof. Romita ha ricordato, invece, l’excursus storico della nascita e dello sviluppo del corso di laurea in scienze turistiche sottolineando la necessità di formare professionali in grado di leggere il territorio e le opportunità economiche.

«E’ significativo che questa iniziativa - ha affermato Ambrogio - sia approdata anche a Cosenza, città d’arte e a forte vocazione turistica, ricca di un patrimonio storico, artistico e culturale fatto di tracce materiali e immateriali che rappresentano certamente un altissimo potenziale ancora inespresso».

«Per vincere la sfida della socialità bisogna far sì che il turismo sia un turismo per tutti anche se il 40% dei giovani europei non va in vacanza, e il 47% della popolazione europea, complice anche la crisi economica in atto»

COSENZA - «Il centrodestra calabrese non può permettersi passi falsi alle prossime elezioni amministrative. Bisogna essere uniti e compatti offrendo tutte le risorse disponibili per ottenere un risultato positivo». E’ quanto afferma, in una nota, il presidente del movimento Difendiamo la libertà, Michele Filippelli. «Pensiamo ad esempio - prosegue Filippelli - al comune di Cosenza. L’assessore regionale Giacomo Mancini spero stia già formando una sua lista elettorale a sostegno del candidato sindaco Mario Occhiuto. Una lista di giovani professionisti, con lui stesso candidato al consiglio comunale, pronta a raccogliere tutti quei consensi che derivano da un anno di amministrazione positiva del bilancio regionale e della programmazione comunitaria, grazie in particolar modo all’ausilio di tutti quei giovani professionisti che formano il suo staff di lavoro. Credo sia il minimo che possa fare Mancini - sostiene ancora Filippelli - dopo essere stato chiamato a ricoprire un ruolo così importante per il governo regionale e dopo essersi sacrificato ritirando la candidatura a sindaco di Cosenza». r.c.

Nasce la lista per Sergio Nucci sindaco CORSO IN

EUROPROGETTAZIONE Si svolgerà il corso in EUROPROGETTAZIONE a COSENZA, il 14, 15 e 16 APRILE 2011, per diventare esperti in progettazione comunitaria ed utilizzare le innumerevoli opportunità offerte dai fondi europei nella programmazione 2007/2013. E’ un’occasione irripetibile: le condizioni promozionali per attivare questo ruolo molto richiesto dal mercato. Il corso e' rivolto a professionisti, universitari, tecnici e funzionari di Enti pubblici e privati, che vogliono attivare i fondi europei per lo sviluppo locale e imprenditoriale. Affrettarsi ad iscriversi sono disponibili ancora pochi posti. www.EUROTALENTI.it - TEL. 330.266500

COSENZA - La lista civica Orizzonti democratici, coordinata da Giuseppe Barbiero e composta da 32 candidati per il Consiglio comunale di Cosenza, cambia denominazione: si chiamerà "Per Sergio Nucci sindaco". La decisione è stata adottata nella sede di Buongiorno Cosenza, il movimento che fa capo al candidato sindaco Sergio Nucci. «Dal dibattito - è scritto in un comunicato di Buongiorno Cosenza - è emerso come il cambio di denominazione rappresenti un’ulteriore testimonianza a sostegno di una candidatura, quella di Sergio Nucci appunto, del tutto autonoma rispetto alle logiche partitiche ed incentrata sulla forte personalità di un personaggio noto nella società civile per la sua moralità, il suo impegno e la sua onestà. Nel corso del dibattito si è ravvisata anche la necessità di proseguire con più vigore nell’opera di propaganda e proselitismo a favore del candidato a sindaco Sergio Nucci, autentico e unico rappresentante della società civile, interprete genuino delle spinte di rinnovamento e cambiamento provenienti da tutte le fasce della popolazione. Il nuovo logo che consta di due se-

micerchi, uno giallo e uno azzurro - prosegue la nota - riporta in tre differenti livelli le scritte ’Per Sergio Nucci Sindaco’. Questa iniziativa - ha detto Nucci - mi ha piacevolmente sorpreso perché testimonia anche la stima e la considerazione che questi candidati ripongono nella mia persona e confermano che l’impegno di questi anni ha prodotto genuino interesse e disinteressata solidarietà». r.c.


20

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE

A condurre l’operazione i carabinieri. Le bambine provengono da famiglie indigenti

Facevano prostituire minorenni, otto arresti di Carmela Mirarchi CORIGLIANO CALABRO - I carabinieri hanno arrestato a Corigliano Calabro otto persone accusate, a vario titolo, di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile. Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari della compagnia di Corigliano, gli otto arrestati avrebbero fatto prostituire ragazze dall’età di dodici anni, facendole incontrare con uomini di età compresa tra i 50 e i 70 anni forniti di consistente disponibilità economica. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del tribunale di Rossano su richieste dei sostituti procuratori, Maria Vallefuoco e Vincenzo Quaranta. Le indagini che hanno portato agli arresti erano state avviate nell’agosto dello scorso anno. Due delle minori vittime del giro di prostituzioni scoperto dai carabinieri del comando provinciale di Cosenza con l’operazione "Flash market", che ha portato all’arresto di otto persone, avrebbero svolto un ruolo attivo nell’attività illegale gestita dagli arrestati, facendo prostituire anche le sorelle minori. Le ta-

riffe applicate dagli organizzatori del giro di prostituzione erano più alte nel caso di incontri con minori senza alcuna esperienza sessuale. Secondo le indagini, una delle persone coinvolte nell’operazione procurava ai suoi clienti anche prostitute non minorenni, una delle quali sarebbe stata anche violentata.

Gli otto arrestati avrebbero fatto prostituire ragazze dall’età di dodici anni, facendole incontrare con uomini di età compresa tra i 50 e i 70 anni forniti di consistente disponibilità economica

Sono cinque, hanno un’età compresa tra i 12 ed i 13 anni e sono tutte di nazionalità italiana le bambine coinvolte nel giro di prostituzione scoperto dai carabinieri con l’operazione fatta ieri mattina che ha portato all’arresto di otto persone. Non è escluso, secondo quanto è emerso dalle indagini, che le minori fatte prostituire siano di più ed in questo senso sono in corso altri accertamenti da parte dei militari della Compagnia di Corigliano calabro. Il giro di prostituzione durava da dieci anni ed alcune delle vittime hanno già raggiunto, nel frattempo, la maggiore età. Gli incontri con le bambine avvenivano o in casa delle persone che pagavano gli organizzatori del giro di prostituzione o in automobile. I genitori delle bambine che venivano fatte prostituire, stando a quanto riferito dai carabinieri, non erano a conoscenza di quanto facevano le figlie.

Due delle minori vittime del giro di prostituzione scoperto dai carabinieri con Flash market avrebbero svolto un ruolo attivo nell’attività illegale gestita dagli arrestati, facendo prostituire anche le sorelle minori

COSENZA - Un sacerdote dell’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano, don Franco Spadafora, è indagato per truffa e appropriazione indebita dalla Procura cosentina. I magistrati lo ritengono coinvolto nella cessione fraudolenta di beni ecclesiastici, e l’accusano d’avere seguito strade non lecite per la gestione di loculi cimiteriali affidati dal Comune alla parrocchia per la sepoltura dei meno abbienti. La notizia è stata rivelata ieri dalla stampa, in un articolo nel quale si aggiunge che don Spadafora si è avvalso della facoltà di non rispondere dinanzi al pm Giuseppe Cozzolino, che conduce le indagini coordinate dal procuratore Dario Granieri e dal suo Aggiunto Domenico Airoma. Il nuovo scandalo che colpisce la Chiesa cosentina ruota intorno alla scomparsa di beni del valore complessivo di 30 mila euro, sottratti al patrimonio della chiesa di Santa Maria delle Grazie di San Giovanni in Fiore, di cui don Spadafora era parroco prima d’essere trasferito a Cellara. Qualcuno s’e’ impossessato di ostensori, tele, pissidi, candelabri e arredi sacri finiti nel mercato italiano delle opere d’arte e dell’antiquariato. Il coperchio sul caso è stato scoperto dai carabinieri del Nucleo di Tutela del Patrimonio culturale, coordinati dal capitano Raffaele Giovinazzo, e dagli esperti della Soprintendenza.

r.c.

Tra i violentatori uno è da identificare

Bimba sottoposta a violenza di gruppo CORIGLIANO CALABRO- Una delle cinque bambine vittime del giro di prostituzione scoperto dai carabinieri a Corigliano Calabro è stata anche vittima, in un’occasione, di una violenza di gruppo. E’ quanto è stato riferito dai carabinieri nel corso dell’incontro con i giornalisti nella sede del Comando provinciale di Cosenza. Ad organizzare il giro di prostituzione, secondo l’accusa, è stato Pietro Berardi, di 47 anni, nullafacente. Berardi è anche accusato della violenza di gruppo commessa ai danni di una minorenne insieme ad un’altra persona che i carabinieri stanno tentando di identificare. A Berardi, per il fatto specifico, viene contestato anche il

Sacerdote indagato per appropriazione indebita e truffa

reato di sequestro di persona. Altri due arrestati, Giuseppe Russo (58) e Natale Musacchio (42), avrebbero gestito gli incontri con le minori organizzando gli appuntamenti con i loro clienti. Altri tre arrestati, Alberto Falbo (70), imprenditore, Leonardo Malfarà (69), commerciante, e Damiano Collefiorito (51), operaio, sono accusati di avere avuto incontri con le bambine coinvolte nel giro di prostituzione.Tutti gli arrestati sono stati portati nel carcere di Castrovillari (Cosenza) ad eccezione di Alberto Falbo, per il quale, a causa dell’età avanzata, il gip ha disposto la detenzione domiciliare. r.c.

CORIGLIANO CALABRO - Tra i violentatori c’è anche una persona non ancora identificata. Secondo i militari, i genitori delle bambine non erano a conoscenza dei fatti. «Le indagini non possono dirsi concluse, ma abbiamo voluto lo stesso bloccare quanto avveniva, per salvaguardare per quanto possibile le bambine» ha detto il Tenente Colonnello Vincenzo Franzese, Comandante del Nucleo Operativo dei carabinieri di Cosenza. «C’era un vero tariffario: da 50 a 250 euro, che venivano pagati se la bambina era al suo primo rapporto sessuale» ha detto il capitano Pietro Paolo Rubbo, Comandante della Compagnia dei carabinieri di Cori-

gliano Calabro . Indagini iniziate da un anno, poi i militari non ce l’hanno fatta più a sapere cosa accadeva senza intervenire.«E non possiamo raccontare tutto, non vi diciamo neanche i nomi delle ragazze coinvolte, che adesso sono maggiorenni ma che sono state prima vittime e poi carnefici delle loro sorelline più piccole». Un turpe traffico di carne umana, che veniva ceduta a maturi imprenditori della zona.

r.c.


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 21

CRONACHE

L’Amministrazione ha redatto una relazione che certifica lo stato attuale

Il Comune di Parghelia lancia l’allarme: il turismo è a rischio di Giuseppe Pio PARGHELIA - «L’estate è vicina ma mancano le risorse per intervenire sui danni causati dalle alluvioni». A poche settimane dall’inizio della stagione turistica, le principali spiagge di Parghelia sono ancora ingombre di detriti e rifiuti, tra cui molti copertoni d’auto e materiale plastico di vario genere, che si sono accumulati a causa delle abbondanti piogge e delle numerosemareggiatechehannocaratterizzato l’inverno appena concluso. Una situazione che preoccupa molto gli amministratori del Comune costiero, che hanno redatto una dettagliata relazione che certifica, anche grazie alle numerose immagini, la situazione attuale.Il documento è stato sottoposto all’attenzione del presidente della Provincia Francesco De Nisi e degli assessori Gianluca Callipo (Turismo) e Martino Porcelli (Ambiente), affinché sostengano presso la Regione la richiesta di trasferimento urgente dei fondi per avviare gli interventi necessari,

a cominciare dalla pulizia degli arenili e dal ripristino degli accessi al mare. «Le alluvioni che si sono verificate nei mesi autunnali e invernali hanno causato numerosi danni nel Vibonese, soprattutto sulla fascia costiera - spiega De Nisi -. In questo periodo, però, tutte le amministrazioni locali devono fare i conti con la grave penuria di risorse determinata dalla continua contrazione dei trasferimen-

De Nisi: «Le alluvioni che si sono verificate nei mesi autunnali e invernali hanno causato numerosi danni nel Vibonese, soprattutto sulla fascia costiera»

ti. Una situazione complessiva, dunque, che può compromettere il buon andamento della stagione turistica. Ecco perché è urgente che la Regione prenda coscienza di questo problema e intervenga per garantire i fondi necessari. Pretendere che i Comuni facciano da soli, in un momento come questo, non è ipotizzabile». Concetti ribaditi dall’assessore Callipo, per il quale la salvaguardia della risorsa turistica vibonese deve essere una priorità.«Nella nostra provincia esiste la più alta concentrazione di posti letto di tutta la Calabria e il turismo balneare rappresenta una delle principali voci dell’economia locale - afferma Callipo -. La pulizia delle spiagge e il ripristino degli accessi al mare in vista dell’estate non può essere qualcosa di aleatorio, legato alla maggiore o minore disponibilità finanziaria dei singoli Comuni, ma deve rappresentare una certezza, perché questa problematica si riverbera sull’intero settore turistico calabrese».

Violenza a pubblico ufficiale e oltraggio Arrestato un uomo VIBO VALENTIA - Lo fermano ad un posto di controllo e lui, invece di favorire i documenti, comincia ad insultare e minacciare i militari tentando poi di allontanarsi senza farsi controllare. L’assurda vicenda è accaduta ieri a Pizzo quando una pattuglia della locale Stazione Carabinieri ha fermato Vito Sciarrone, cl. ’53, nullafacente e ben conosciuto in paese ed alle forze dell’ordine. I militari, che stavano espletando un normale servizio di pattuglia, alla vista della macchina dell’uomo hanno deciso di intimargli l’alt e di verificare la regolarità dei documenti di circolazione e guida, ma questa volta l’uomo, invece di consegnare quanto richiesto ha cominciato ad insultare i Carabinieri tentando anche di allontanarsi senza farsi controllare. Ne è nata una piccola colluttazione al termine della quale lo Sciarrone è stato immobilizzato e dichiarato in arresto con l’accusa di violenza a pubblico ufficiale ed oltraggio.


22

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE

La candidatura di Bova sarà proposta agli alleati di una coalizione civica e subito dopo ufficializzata insieme a quella di Pietro Fuda

Si candida a sindaco l’ex presidente Giuseppe Bova di Vittorio Viola REGGIO CALABRIA - L’ex presidente del Consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Bova, si candida a sindaco di Reggio Calabria. Lo ha deciso mercoledì sera, per aclamazione, il movimento Democratici in movimento, composto dadissidenti del Pd e di cui lo stesso Bova, adesso nel gruppo misto alla Regione, è il leader. La candidatura di Bova sarà proposta agli alleati di una coalizione civica e subito dopo ufficializzata insieme a quella del candidato presidente alla Provincia, Pietro Fuda. Bova e Fuda saranno candidati in alternativa a quelli ufficiali del Pd che non sono stati ancora indicati. Sono state le altre forze che compongono il Polo civico ad assegnare la titolarità della scelta del candidato sindaco a Democratici in movimento che riunisce dissidenti del Pd tra i quali Pino Caminiti, ex

Bitumazione strada, Raffa risponde REGGIOCALABRIA-«Lamancatabitumazionediuntratto distradadi qualchecentinaiodimetrinonpuòenondevein alcun modo condizionare l’attività di un’iniziativa imprenditorialecosìimportante».E’ quantoaffermailsindacodiReggio, Giuseppe Raffa intervenendo «sulla protesta di Eduardo LambertiCastronuovo-riportaunanota-chehalamentatoil mancatointerventodiripristinodell’arteria».

Ribadita la necessità di affrontare il nodo dell’accoglienza

Cgil: favorire il trasferimento dei migranti verso la Locride

presidente del partito regionale e Liliana Frascà, ex assessore regionale. Pare dunque scontato che la candidatura di Bova sarà sostenuta dalle altre forze. Della coalizione fanno parte il Polo di centro, movimento che fa capo al consigliere regionale dell’Udc Pasquale Tripodi e che riunisce iscritti al partito di Casini che non condividono l’alleanza fatta in Calabria tra Udc e Pdl; Api; la li-

sta I Riformisti, composta da iscritti al Pd che hanno chiesto al segretario nazionale Bersani la deroga per poter partecipare con un candidato diverso da quello ufficiale del partito e che hanno annunciato la loro adesione al progetto del Polo civico a prescindere dalla risposta del segretario nazionale; un’aggregazione che fa riferimento all’esperienza dei Verdi.

REGGIO CALABRIA - In un bel libro di Chiara Sasso, "Trasite, Favorite", sul modello dell’accoglienza dei migranti affermatosi a Riace, Caulonia ed anche Stignano, viene messo in evidenza come sia possibile poter "dar corpo ai sogni", poter "lanciare il cuore oltre l’ostacolo". «Dopo quei sindaci che hanno condiviso un progetto comune - si legge in una nota della Cgil -, una comune politica dell’immigrazione - fatta di aiuto concreto, mutualità e vicendevole sostegno ed emancipazione tra migranti e comunità - anche altri primi cittadini della Locride hanno deciso di buttare il cuore, l’impegno civile, il senso di responsabilità oltre gli ostacoli della demagogia politica, della disattenzione istituzionale, della enfasi mediatica, della indifferenza e della rabbia di una società civile sempre più incline o, perlomeno, persuasa alla politica del respingimento. E così, è nuovamente la Locride a voler riaprire le case svuotate dell’emigrazione e gli edifici abbandonati, a mostrarsi disponibile a dar riparo ed accoglienza a profughi, giovani, migranti che dall’altra sponda del Mediterraneo cercano di inseguire la speranza di una vita diversa, fuggendo da dittature, carestie, rivolte, guerre. I poveri, ancora, vorrebbero accogliere i più poveri ed è qui che la Calabria può riscoprire la sua vera anima, in storie che non parlano di ‘ndrangheta, mala politica, solitudine ed arretratezza, ma di accoglienza, solidarietà, scambio tra culture diverse. Come Cgil, nel sottolineare le scelte coraggiose ed innovative dei sindaci della Locride, auspichiamo che anche altri sindaci, di tutta la Regione, contribuiscano con identico slancio a rendere l’intera Calabria terra di accoglienza per contrastare il processo di disumanizzazione cui sono costretti i migranti, per porre un argine reale al montante razzismo ed al cinico modo di liquidare la questione migranti con uno sbrigativo ed irresponsabile "fora de ball". La Cgil è dalla parte dei migranti, vittime due volte, delle ragioni per cui sono in fuga dalle loro patrie in fiamme, in un momento epoca-

le per l’Africa e il Medio Oriente, e per l’atteggiamento aggressivo e sensazionalistico di certa stampa e di alcuni amministratori. Ma la Cgil è anche dalla parte dell’isola di Lampedusa, lasciata alla deriva da un governo che l’ha abbandonata per inseguire l’istinto della emergenza, della propaganda e della gestione irrazionale della crisi umanitaria, primo fra tutti il cosiddetto villaggio della solidarietà di Mineo. Prima che si inizi a progettare una "Politica del Mediterraneo", va affrontata questa emergenza migratoria, ed occorre farlo promuovendo e sostenendo prima di tutto la politica della solidarietà. Per ora, l’unica politica praticabile sembra essere quella fattiva e semplice dell’accoglienza diffusa, quella che apre piccoli centri come i 42 Comuni della Locride, ma anche come il borgo agricolo di Melicuccà, all’accoglienza dei rifugiati, senza preclusioni o selezioni. Per queste ragioni chiediamo che venga al più presto individuato la soluzione organizzativa e gestionale per rendere operativo un coordinamento istituzionale che possa favorire il trasferimento dei migrantidaLampedusaaiComuni della Locride che già hanno manifestato la disponibilità all’accoglienza e che possa recepire e gestire le eventuali richieste che dovessero essere avanzate da altri Comuni».

re re.


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 23

CRONACHE

Il presidente Cerrato tornerà nella Città dello Stretto per incontrare i giornalisti

Consultazione dei vertici della Casagit mercoledì 6 di Marco Benevento REGGIO CALABRIA - Nuovo giro di consultazione dei vertici Casagit in tutte le regioni d’Italia. Mercoledì 6 aprile, alle ore 11, il presidente Daniele Cerrato tornerà a Reggio Calabria per incontrare i giornalisti nella sede del Sindacato regionale di categoria, che ospita anche la Consulta regionale Casagit, in Via Biagio Camagna, 28. Parteciperà all’assemblea regionale anche il direttore generale della Casagit, Francesco Matteoli. Accanto a loro Carlo Parisi, segretario del Sindacato dei giornalisti della Calabria, Luisa Lombardo, fiduciario Casagit della Calabria, e il delegato della Casagit Pierpaolo Cambareri. L’iniziativa, che sarà occasione di confronto sullo stato dei conti della Cassa, alla luce dell’incidenza delle manovre realizzate nel 2010, servirà anche a costruire un percorso di ascolto sul progetto di riforma della Casagit 2 e, più in generale, sulle proposte di modifica dello Statuto, che verranno presentate, a maggio, all’Assemblea nazionale convocata in seduta straordinaria. Come ha spiegato il presidente Cerrato, la Casagit intende "ampliare la capacità di solidarietà a favore di tutti i colleghi

iscritti all’Ordine del giornalisti attraverso la rivisitazione completa ed innovativa della formula della Casagit 2. Vi è la volontà di dare un’opportunità concreta a quanti oggi non possono permettersi un "ombrello Casagit". In tal senso, i vertici della Cassa autonoma di assistenza integrativa dei giornalisti italiani, intendono registrare suggerimenti, richieste e critiche utili per mettere a punto una for-

mula che sia la più rispondente alle esigenze dei colleghi. All’Assemblea regionale sono, dunque, invitati a partecipare tutti i colleghi. Importante, infatti, sarà il contributo dei free-lance e di quanti siano comunque iscritti all’Ordine dei giornalisti (come professionisti o pubblicisti), oggi non soci della Casagit, ma in ogni caso interessati ad una copertura delle spese sanitarie.

Parteciperà all’assemblea regionale anche il direttore generale della Casagit, Francesco Matteoli. Accanto a loro Carlo Parisi, segretario del Sindacato dei giornalisti della Calabria, Luisa Lombardo, fiduciario Casagit della Calabria, e il delegato della Casagit Pierpaolo Cambareri. L’iniziativa sarà anche occasione di confronto sui conti

«Importante sarà il contributo dei free-lance e di quanti siano comunque iscritti all’Ordine dei giornalisti, come professionisti o pubblicisti»

Il Pulmino del cambiamento” fra le strade per visitare la città

REGGIO CALABRIA - Il Pulmino del Cambiamento, il suo conducente Massimo Canale con il sostegno dell’infaticabile Comitato Promotore, sono di nuovo per la strada a visitare la città ed i suoi quartieri degni di particolare attenzione. «Martedì 29 marzo - si legge in una nota giunta in redazione - è toccato al quartiere di Sbarre, tra i più estesi e popolati della città. Il percorso è iniziato dall’ex Rione Ceci, dove un largo enorme, con campetto di basket annesso, dopo essere stato abbandonato senza un progetto per anni, è stato recintato, e sottratto al godimento della collettività e soprattutto ai ragazzi del quartiere. Resta difficile comprendere come la stessa area sia indicata come luogo di raduno in

caso di calamità nel piano della protezione civile locale. Passando per il Rione Cusmano/Marconi, area di edilizia popolare con problemi di manutenzionedeglispazipubblici,il pulmino si è diretto all’area dell’ex Caserma 208 dove dal 2007 a tutt’oggi nessun progetto è stato realizzato, a parte l’eliminazione dei cumuli di detriti rimasti dopo la demolizione delle baracche e lo sgombero dei Rom. L’amministrazione aveva fissato dei tempi ristretti per riconsegnare alla città l’area riqualificata con un anfiteatro e parco giochi attrezzato previsti dal progetto ma qui il tempo si è fermato. Altro gioiellino che diventa esempio di degrado e di emergenza sanitaria è Villa Guarna un tempo edificio padronale, poi

Idv: azzerare certe candidature presentate sinora di Marco Brescia REGGIO CALABRIA - Italia dei valori ha proposto l’azzeramento di tutte le candidature presentate sino ad ora da alcuni partiti del centrosinistra e l’avvio di una nuova discussione per la scelta dei nomi da proporre alle cariche di sindaco e di presidente della Provincia di Reggio Calabria. Il dato è emerso dalla riunione del centrosinistra acui hanno partecipato i rappresentanti provinciali di Pd, Idv, Sel, Pdci, Prc e socialisti. La discussione si sposta adesso al tavolo romano. Per oggi, infatti, è previsto un incontro nella sede nazionale del Pd. Nei giorni scorsi Idv, Sel e Verdi hanno annunciato la candidatura di Aldo De Caridi, segretario cittadino di Idv, a sindaco, e di Giovanni Nucera, segretario provinciale di Sel, alla presidenza della Provincia. Inoltre per la carica di sindaco c’é la candidatura di Massimo Canale, anche lui dell’area del centrosinistra. Idv, al tempo stesso, ha chiesto al Pd di azzerare la proposta di ricandidare il presidente uscente della Provincia, Giuseppe Morabito. La riunione, ha riferito il coordinatore provinciale del Pd, Girolamo De Maria, è stata quindi aggiornata.«Domattina - ha detto De Maria - informerò il commissario regionale del partito Adriano Musi di quanto emerso stasera in vista dell’incontro romano con Idv e Sel». Nel corso della riunione Prc e socialisti avevano condiviso l’impostazione del PddiriconfernareMorabito.

adibita ad asilo ed a centro di formazione, da almeno 20 anni viene occupata abusivamente da chi non ha un tetto. Demetrio Delfino e Pasquale Neri, accompagnati da altri abitanti del quartiere Tonino Mazza e Roberto Parlagreco, ci hanno illustrato la condizione di degrado in cui versa il rioni Guarna e Caridi, che dai primi anni ’90 dovevano essere riqualificati con l’abbattimento delle case popolari ormai fatiscenti, senza luce e senza fognature comunali, e con il trasferimento dei loro abitanti nei complessi popolari di via Palmi e di via Sbarre superiori».


24

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CRONACHE

Teresa Liguori si rivolge al ministro Biasini perché intervenga in favore della struttura

«Il lungo percorso del futuro parco archeologico crotonese» di Marta Pio CROTONE - «Vorremmo chiedere al ministro Biasini, sensibile com’è ai problemi della tutela dei Beni Culturali, di intervenire perché a Crotone, antica città della Magna Grecia, venga realizzato il parco archeologico, che permetterebbe di mettere in luce un patrimonio di notevole interesse, senza consentire che dei "cavilli" burocratici e delle scadenze imminenti (il decreto di esproprio dell’area scadrà il 28 ottobre 1980) tolgano alla collettività un parco di tale importanza», sostiene Teresa Liguori, consigliere nazionale e presidente della sezione di Crotone . Così scriveva la presidente della sezione di Italia Nostra-Crotone (dal Corriere della Sera, 14 giugno 1980). Tempestiva la risposta del ministro dei Beni Culturali ed Ambientali Oddo Biasini, che era subentrato da pochi mesi all’on.le Dario Antoniozzi, che aveva seguìto già con grande attenzione le vicende dell’area e la successiva creazione del parco archeologico urbano... «Vorrei rassicurare gli amici di Italia Nostra e tutti gli estimatori italiani e stranieri del significativo patrimonio archeologico di Crotone che non esistono ostacoli insormontabili alla nascita del parco. Certamente di cavilli burocratici ce ne sono

stati, come sempre avviene in tutte le cause di esproprio»... (dal Corriere della Sera, 18 Giugno 1980).«L’ area in questione - dichiara La relazione scientifica interpretativa a cura del prof. Lorenzo Quilici, direttore archeologo del C.N.R., attestò il notevole interesse archeologico di tutta la superficie indagata, che fu sottoposta a vincolo dal ministro dei Beni Culturali ed Ambientali Dario Antonioz-

«Dopo lunghi anni di silenzio, da alcuni mesi si riparla del parco. L’amministrazione comunale ha annunciato che saranno appaltati a breve i lavori di bonifica»

zi. «Dopo lunghi anni di silenzio, da alcuni mesi si riparla del parco. L’amministrazione comunale di Crotone e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria (organo del MiBAC) hanno annunciato che saranno appaltati a breve i lavori di bonifica e poi di messa in luce di un primo settore (circa mq 3.000) dell’area archeologica del quartiere settentrionale dell’antica Kroton. Questa notizia, se confermata dai fatti, non può che riempire di soddisfazione Italia Nostra, Gruppo Archeologico Krotoniate e coloro che nelle Istituzioni hanno creduto in un progetto culturale innnovativo di tutela e conservazione del patrimonio archeologico, tra l’ostilità di quanti optavano per l’ampliamento di un’attività industriale fortemente impattante sull’ambiente e l’indifferenza della maggioranza, certamente presa da problemi economici», sostiene Teresa Liguori .

«Non bisogna assolutamente consentire che dei "cavilli" burocratici e delle scadenze imminenti tolgano alla collettività un parco di tale importanza»

Denunciato per taglio e furto aggravato di alberi dal Corpo forestale dello Stato

CROTONE - Gli uomini del CFS, di Petilia Policastro nei giorni scorsi, hanno denunciato una persona per abbattimento e furto di alberi nella località Manche di Barone in agro di Cotronei e di proprietà del Comune di Mesoraca. L’uomo è stato sorpreso con la refurtiva appena tagliata e trafugata. La stazione forestale di Petilia Policastro, nei giorni scorsi, durante un servizio di controllo del territorio, e precisamente in località Manche di Barone, in agro di Cotronei e di proprietà del Comune di Mesoraca, ha proceduto a segnalare alla autorità giudiziaria competente una persona, identificata in F.R., di anni 43, di Petilia Policastro per taglio e furto piante di essenze quercine.

A seguito delle indagini e dei relativi accertamenti è emerso che F.R., munito di tutto punto di una autocarro e di relativa motosega, aveva proceduto all’abbattimento di alcune piante di essenze quercine, per poi trafugare il relativo materiale legnoso. Le predette piante erano radicate all’interno di un vasto complesso bo-

Bianchi: Comune incapace in materia di spazzatura

CROTONE - «Per la gestione dei rifiuti il sindaco Vallone ha aspettato che la goccia facesse traboccare il vaso». Lo ha detto la senatrice dell’Udc Dorina Bianchi, candidata a sindaco di Crotone per il centrodestra. «Lo stato emergenziale in cui è stata precipitata la città di Crotone, in queste ultime settimane - ha aggiunto - la dice lunga sull’incapacità amministrativa di questa giunta anche in materia di spazzatura. Si sono persi cinque anni per organizzare e ottimizzare la raccolta differenziata, l’unica soluzione possibile affinché si riducano drasticamente i prodotti da portare in discarica. La gestione della differenziata non è un problema tecnologico ma organizzativo». «Il Comune - ha detto ancora Dorina Bianchi - avrebbe dovutoavviare su tutta la città la raccolta porta a porta, l’unica in grado di risolvere definitivamente il problema».

scato costituito prevalentemente dalla specie "Leccio", le stesse erano state abbattute e trascinate con un verricello su una pista sterrata, per essere depezzate e caricate sull’ autocarro. La località Manche di Barone è sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico-ambientale, pertanto, F.R. è stato segnalato alla autorità giudiziaria competente per i reati di furto e deturpamento di bellezze naturali. Il CFS invita tutti i cittadini a segnalare tempestivamente eventuali abusi al numero ad accesso gratuito 1515.

r. c.


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 25

APPUNTAMENTI

Il karateca Alessandro Giorgio ha conquistato il titolo di campione interregionale Fedka ed ora guarda agli Europei

«Cercherò di ottenere un buon piazzamento e magari salire su uno dei gradini del podio» COSENZA - Quasi 2 mesi e si infiamma la sfida per l’atleta calabrese, Alessandro Giorgio, che si sta allenando duramente in vista dei campionati Europei Fedka il prossimo 4 e 5 Giugno a Livorno. Noi, come al solito attenti alle performance agonistiche del noto campione orgoglio calabrese per tutti noi. L’abbiamo incontrato per voi. Alessandro cosa si prova a ritrovarsi campione interregionale e a prepararsi in vista di un Europeo? «Una grande emozione perché portare in Calabria, la mia terra, il titolo di Campione interregionale Fedka è sempre una sensazione speciale; Ovviamente in vista di un importantissimo impegnocomel’europeo,bisogneràaffrontare duri allenamenti come al solito con sacrificio, passione e umiltà. Qualità che mi hanno aiutato moltissimo nel mio cammino ai Mondiali Ikf 2008, dove ho conquistato il 9° posto». Quindi parti con esperienze che ti aiuteranno in questo nuovo cammino, cosa ti aspetti da questa nuova ed emozionante

sfida? «Sicuramente mi aspetto di far bene, cercare di ottenere un buon piazzamento tra le prime dieci posizione e magari salire su uno dei gradini del podio, ma ogni gara, si sa, fa storia a se, dunque il mio impegno è quello di allenarmi con costanza, in maniera dura e cercare di ottenere il massimo dalle mie qualità». Qualità che vorremmo ricordare ti hanno portato nei Campionati Italiani Assoluti Fedka dal 2006 al 2009 vedendoti sempre presente nelle prime 8 posizioni, sfiorando il podio nel 2008 con un 4° posto, che lascia l’amaro in bocca... Ecco, nella tua carriera d’atleta, tanti sacrifici e poi arrivare a un 4° posto a pochi centesimi da una medaglia, quante delusioni e quante soddisfazioni? «Sicuramente le soddisfazioni prevalgono sulle delusioni, mi reputo fortunato poiché nella mia carriera ho vinto tanto, riuscendo a rialzarmi anche dopo gravi infortuni, ma lo sport è anche questo, gioia e dolori, lacrime e sorrisi, ma sicuramente la vittoria più

«Mi reputo fortunato, nella mia carriera ho vinto tanto, riuscendo a rialzarmi anche in seguito a gravi infortuni»

L'atleta calabrese Alessandro Giorgio

Quasi 2 mesi e si infiamma la sfida per l’atleta calabrese che si sta allenando duramente in vista dei campionati Europei che si terranno il prossimo 4 e 5 Giugno a Livorno

bella è quella di fare dello sport che amo il mio lavoro». Lavoro, vogliamo dunque annunciare ai nostri lettori il nuovo progettochestaiportandoavanti con l’Asd Polisportiva nella tua terra, con dei giovani talenti che si stanno avvicinando grazie al tuo impegno a questa stupenda Arte Marziale? «Per me è una grande soddisfazione poter formare dei giovani atleti, trasferendogli oltre alla mie competenze tecniche, quelle morali di un sano vivere cordiale evitando agli stessi ragazzi di intraprendere brutte

Ritorna a Cosenza Davide Burani: il concertista modenese illustra e suona la musica per arpa COSENZA - Il maestro Davide Burani, concertista e docente di arpa, è nuovamente ospite del Conservatorio di Cosenza. Notevole successo aveva avuto il concerto tenuto da Burani nel chiostro del Conservatorio lo scorso 5 luglio, come presentazione del cd Prière- Meditazioni musicali per arpa, pubblicato dalle Edizioni Paoline di Roma. Burani, apprezzato concertista nato a Modena, dove cominciò gli studi e ora è docente presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra, ritorna al "Giacomantonio" con un doppio impegno, didattico e concertistico. La master class è programmata nei giorni

31 marzo, 1e 2 aprile. Domani alle ore 20 terrà un concerto, sempre nell’Aula Magna del Conservatorio, in cui eseguirà un ampio programma. Nella prima parte saranno eseguiti brani originali per arpa composti da Hasselmans, Corri Dussek, Godefroid, Parish Alvars. Nella seconda parte saranno protagoniste trascrizioni ed elaborazioni di celebri passi d’opera, alcune delle quali realizzate dallo stesso Burani, come "Vissi d’arte" dalla Tosca e il Valzer di Musetta dalla Bohème, entrambe di Puccini, e la Barcarola da "I racconti di Hoffman" di Offenbach. L’ingresso è libero.

Davide Burani

strade. Ed è oltremodo emozionante vedere i progressi dei miei piccoli allievi. Ci tengo a ricordare due cose, la prima è che chiunque volesse avvicinarsi al karatè i corsi sono tenuti nelle giornate di martedì, giovedì e sabato presso la palestra dell’Itis "Enzo Ferrari"; e che il prossimo maggio avrò l’onore di ospitare a Chiaravalle una colonna portante della Fedka il Maestro Consilio Galati 6° Dan Docente Federale, che terrà una stage per tutti gli allievi oltre a supervisionare la mia preparazione in vista della competizione continentale più importante.Ciao e grazie di cuore a tutti. Ci si vede a Livorno!»


26

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

CARTELLONE

Svolta la II edizione “Sport e Alimentazione” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Conferenza stampa di Giuseppe Scopelliti e degli assessori Trematerra e Caridi Oggi , alle ore 11.30, nella sede di pal. “Alemanni”, il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e gli assessori all’agricoltura, Luigi Trematerra, ed alle attività produttive, Antonio Caridi, ed il presidente di Unioncamere Calabria Roberto Salerno terranno un conferenza stampa. Verrà presentato l’evento “Vinitaly” 2011 che si terrà a Verona dal sette al dodici aprile. Seminari di diritto costituzionale sulla responsabilità Il dipartimento di studi giuridici della facoltà di giurisprudenza dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, organizza un ciclo di “Seminari sul tema della responsabilità”. Le conferenze si terranno presso l’aula “Giovanni Paolo II” dell’edificio dell’area giuridica del campus Salvatore Venuta (Loc. Germaneto). Mercoledì 13 aprile , alle ore 11.00, ilprof.GaetanoSilvestri,relazionerà su “Responsabilità e separazione dei poteri”. Mobilitazione “Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta” Il 9 aprile in ogni capoluogo di regione ci sarà una mobilitazione generazionale contro la precarietà. L’iniziativa dal nome “Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta”. Anche Catanzaro scenderà in piazza il 9 aprile perché rappresenta una realtà dilaniata oltremodo dalla precarietà, così tanto interiorizzata in ogni singola persona d’aver creato uno stato di torpore apatico. Sabato 9 aprile , ore 17.30, in piazza Prefettura. COSENZA VII convegno scientifico della fondazione Lilli La Fondazione “Lilli Funaro” rinnova l’appuntamento annuale con il convegno scientifico, arrivato alla sua settima edizione. Quest’anno si svolgerà oggi e 2 di aprile , presso la Biblioteca Nazionale di Cosenza. Il tema su cui verterà la due giorni di lavori, affronta una questione di grandeattualità:“Ricercaeserviziin oncologia: approfondimenti di alcuni servizi innovativi”. Francesco Storace a Cosenza Oggi , Francesco Storace segretario nazionale La Destra, sarà al Comune di Cosenza, alle ore 18.00, presso la sala di rappresentanza del Comune con il convegno; ore 19.30, inaugurazione nuova sede de La Destra – Via Caloprese (angolo P.zza Fera). Lav contro test cosmetici su animali I test cosmetici su animali hanno una data di scadenza (2013), la Lav: l’Ue deve rispettarla! Sabato 2 e sabato 9 aprile , la Lav di Cosenza sarà presenteinpiazzaXISettembre,dalle ore 10.00 alle ore 20.00, per chiedere ai consumatori e alle istituzioni di orientare le loro preferenze d’acquisto verso i prodotti cosmetici non

Nei giorni scorsi presso il centro sportivo della Polizia di Stato di Catanzaro – via Barlaam da Seminara 5/b, sotto l’ egida della FIGC, si è svolta la II^ edizione della manifestazione ludico-sportiva sul tema “Sport e Alimentazione” che ha visto la partecipazione di circa 70 bambini di fascia d’ età 5-8 anni, tesserati con la scuola di calcio ASD.GS ANPS Catanzaro (organizzatrice dell’ evento) e dalle società calcistiche del settore giovanile e scolastico di Catanzaro SPORT SOCCER E MOLE’. L’ evento ha avuto inizio con una breve conferenza didattica presieduta dal Medico nutrizionista Prof. Vincenzo CAPILUPI, docente in dietofarmacia presso l’ Università Magna Grecia di Catanzaro che ha fornito la sua decennalecompetenzainmateriadi alimentazione dietetica al folto ed

testati su animali e sostenere la petizione a difesa del bando europeo ai test su animali che, previsto per il 2013, rischia ora di slittare nuovamente. CROTONE Corso su esempio di microzonazione sismica L’associazione "TerrA 360" - Territorio e Ambiente, organizza per sabato 2 aprile , ore 8.30, presso il complesso turistico Atlantis (Via per Capocolonna), il corso di aggiornamento professionale "Un esempio di microzonazione sismica - L’area bersaglio nel comune di Crotone" LAMEZIA TERME Convocazione consiglio comunale Lunedì 4 aprile , alle ore 15.00, presso la sala consiliare ex comune di Nicastro è convocato in seduta di prima convocazione il consiglio comunale, per la trattazione del seguente ordine del giorno: discussione ed eventuali proposte sulla problematica dei rom. LOCRI Convocazione consiglio comunale Il sindaco della Città di Locri, Francesco Macrì, invita a presenziare al Consiglio Comunale aperto indetto per oggi , alle ore 12.00, presso la sala della adunanze del Palazzo di

attento pubblico, con particolare richiamo ai genitori dei piccoli atleti. L’Istruttore dell’ Anps Vito SAMA’ ha proseguito il dibattito coinvolgendo i piccoli atleti con alcuni filmati a tema ed ha introdotto i giochi ludici che i ragazzi nella stessa mattinata si accingevano a praticare. Alla manifestazione sono intervenuti con un breve saluto: il Questore di Catanzaro Dr. Vincenzo ROCA, il Presidente dell’ Anps di Catanzaro Emilio VERRENGIA e il Presidente della Scuola Calcio dell’ Anps Salvatore TOMASELLI. Erano presenti il Direttore Sportivo Luigi BIGAGNOLI, gli istruttori di calcio Pino ARABIA e Luigi TOMASELLI ed inoltre il Vice Presidente dell’ Anps Francesco MINIO, il Segretario Economo dell’Associazione Giuseppe CANNISTRA’, i Consiglieri Giovanni

Città. Unico punto all’ordine del giornol’accorpamentodelliceoclassico “Ivo Oliveti” e l’istituto d’arte “P. Panetta”. REGGIO CALABRIA Iniziativa sulla filiera del sapere Oggi , alle ore 17.00, presso la sala consiglio provinciale di Reggio Calabria si terrà un’iniziativa pubblica scuola e università di qualità per costruireilfuturoinCalabriaeinItalia. Intervengono: Giovanni Crotti; Francesco Barillà; Daniela Iacopino; Domenico Marino; Roberto Vinci; Ercole Nucera; Nino Spezzano; Leo Stilo; Nino Zumbo.

DE FALCO e Antonio MAUROTI e tutti i Dirigenti delle scuole calcio ospiti. La manifestazione è stata impreziosita dalla presenza del Presidente Nazionale dell’ Anps Dr. Claudio SAVARESE e dei Presidenti e Consiglieri Sezionali Anps della Calabria che hannomanifestatovivoapprezzamento per le attività socio-sportive che la Sezione provinciale di Catanzaro da tempo organizza. Molto gradita è stata la presenza del Presidente del Comitato Regionale della FIGC-LND Calabria Saverio MIRARCHI. Sul vicino campetto i piccoli giocatori hanno messo in atto le indicazioni fornite dai rispettivi istruttori e si sono confrontati nei giochi e in un minitorneo di calcio al termine del quale sono stati tutti premiati con coppe e gadget.

ppo". Un percorso partecipato di "legalità organizzata" per promuovere crescita sociale e sviluppo economico. L’evento ha come oggetto la presentazione dei dati che emergono dall’"Analisi sui comportamenti e la percezione dei fenomeni dell’illegalità" realizzata dalla Camera di Commercio di Reggio Calabria e da Sos impresa associazione antiracket della Confesercenti, con il supporto tecnico-scientifico dell’istituto Guglielmo Tagliacarne e dell’istituto Piepoli. Workshop “Stop ‘ndrangheta - La meglio Gioventù” Il workshop di 3 giorni, presso l’aula magna di ateneo A. Quistelli prosegue giorno 13 e 21 aprile . Il Workshop è denominato “Stop ‘Ndrangheta realizzato con il finanziamento dell’agenzia nazionale giovani all’interno del programma della Commissione Europea “Gioventù in Azione” ed il Forum Nazionale dei Giovani. Tavola rotonda: educazione, speranza, città: in ascolto per servire Il 13 aprile , alle ore 18.00, presso l’aula magna "Quistelli" dell’Università "Mediterranea" di Reggio Calabria, si terrà la tavola rotonda "Educazione, Speranza, Città: in ascolto per servire. Presentazione di “Educare alla vita buona del Vangelo” - Orientamenti Pastorali dell’Episcopato Italiano per il decennio 2010-2020" organizzata dall’ufficio Diocesano Educazione, scuola, Università.

"L’uso politico della giustizia"che si terrà sabato 2 aprile , alle ore 16.00, presso la sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio. Oltre l’on. Fabrizio Cicchitto, autore del libro, sarà presente l’on. Nino Foti. A fare gli onori di casa il dr. Giuseppe Raffa, sindaco della Città di Reggio Calabria. L’incontro sarà moderato dal giornalista dr. Pino Toscano

Presentazione libro "La giustizia è una cosa seria" Sabato 2 aprile , alle ore 10.30, presso l’auditorium "Nicola Calipari", palazzoCampanella,NicolaGratteri "La giustizia è una cosa seria" conversazione con Antonio Nicaso. Interverranno: Francesco Talarico; Salvatore Magarò; Adriana Musella. Modera: Gianfranco Manfredi. Saranno presenti gli autori.

Convention “Pace incontra la città” Sabato 2 aprile , alle ore 10.30, presso la sala G. Versace del Cedir di Reggio Calabria, si terrà la convention organizzata dal Movimento politico Patto Cristiano Esteso Pa.C.e. Nel corso della convention, saranno presentate le linee programmatiche del movimento per le prossime elezioni amministrative. Interverranno gli esponenti nazionali e provinciali di Pace, ed i candidati tra i quali il presidente dei Rumeni del Sud Italia, Ion Dascalescu, candidato nella lista Pace al Comune. Saranno inoltre presenti i rappresentanti di tutte le forze politiche locali.

Presentazione del libro "L’uso politico della giustizia" La Fondazione Magna Grecia e la FondazioneRelinvitanoallapresentazione del libro dell’on. Cicchitto

Progetto "Legalità=Sviluppo" Giorno 8 aprile 2011 , alle ore 9.30, presso il salone della Camera di Commercio, Via T. Campanella, 12 si terrà il progetto "Legalità=Svilu-

RENDE Convocazione assemblea dei soci Cus Cosenza Si terrà il 13 aprile , in doppia convocazione, l’elezione del Consiglio Direttivo del Cus Cosenza, alla scadenza del mandato triennale. Il consiglio direttivo del Cus, ha convocato l’assemblea per giorno 13 aprile, alle ore 17.00, in prima convocazione, e alle ore 18.00 in seconda convocazione. L’Assemblea si svolgerà presso la sede sociale, sita in via Pietro Bucci a Rende. VIBO VALENTIA Conversazioni del Venerdì Venerdì 15 aprile , ore 17.45, presso Auditorium Sistema Bibliotecario incontro con Mario Toso, "Uomo, ambiente e territorio. Le scelte necessarie" CALABRIA Campagna “Fiori d’Azzurro 2011” Sabato 16 e domenica 17 aprile , contro l’abuso, la violenza fisica, sessualeepsicologicasuibambini,Telefono Azzurro sarà nelle piazze calabresi con le ortensie, simbolo della tradizionale campagna “Fiori d’Azzurro” che vedrà 10.000 volontari impegnati in oltre 2200 piazze italiane per raccogliere i fondi necessari al sostegno delle Linee d’Ascolto. Per conoscere le piazze di Fiori d’Azzurro: www.azzurro.it - 800.090.335


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 27

CARTELLONE

Presentato “Religiosità e tradizioni popolari” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CARDETO "Saperi e sapori della nostra arte bianca" La Comunità del Grano in Aspromonte della Condotta Slow Food Reggio Calabria, Area Grecanica invita a partecipare ad un nuovo evento conviviale che avrà luogo a Cardeto domenica 3 aprile 2011 , “Saperi e sapori della nostra arte bianca”. Info: 0965/343696 - 329/3436179 iltipicocalabrese@libero.it CASTROVILLARI XII Stagione Teatrale Comunale "A’ Ciarra" Sabato 2 e domenica 3 aprile , alle ore 21.00, al Teatro Sybaris di Castrovillari, il Teatro Della Sirena presenta “A’ Ciarra”, libera elaborazione drammaturgica e regia di Giuseppe M. Maradei, con Rosario Rummolo e Fabio Pellicori. CATANZARO Torna al Marca la grande pittura Torna al Museo Marca di Catanzaro la grande pittura internazionale, con “Berlino anni 80”. E’ su l’irrepetibile fase vissuta dall’arte a Berlino che si concentra l’esposizione proposta dal Marca.Larassegna,acuradiAlberto Fiz, s’inaugura il 30 aprile per rimanereapertasinoal9ottobreedèpromossa dalla Provincia di Catanzaro –assessoratoallaculturaconilsostegno della Regione Calabria, del Ministero per i beni e le attività culturali e della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria.La mostra sarà accompagnata da un’ampia monografia in italiano e inglese curata da Alberto Fiz. Mostra "Sensazioni" Fino al 30 aprile , sarà possibile ammirare le opere dell’artista Radu Vincenzo Chiarella in arte Harceus, presso il Cafè Ine tutti i giorni, con il patrocinio dell’agenzia Cantelmi Network. COSENZA Concerto e master class per arpa Il M° Davide Burani, concertista e docente di arpa, è nuovamente ospite del Conservatorio di Cosenza. La master class è programmata per oggi e 2 aprile . Il 2 aprile , alle ore 20.00, terrà un concerto, sempre nell’aula Magna del Conservatorio, in cui eseguirà un ampio programma. L’ingresso è libero. Commedia "Una volta nella vita" L’associazione culturale Arte Senza Tempo in collaborazione con Teatro della Luna Storta presenta "Una volta nella vita" di Giovanni Clementi, regia di Francesco Tosti presso il teatroCinemaItaliasabato2aprile,alle ore 21.00. Ingresso euro 10,00 (parte del ricavato viene devoluto in beneficenza) Cerimonia di consegna del Day Hospital di Ematologia Cerimonia di consegna sabato 2 aprile , del Day-Hospital di Ematologia del Presidio Ospedaliero di Cosenza. Alla cerimonia di consegna,

“Isola, Isola mia, tu si a cchjiu beddra chi nci sia” canta il gruppo Folk più longevo e più numeroso di Isola di Capo Rizzuto, il “Magna Graecia” che sabato 26 marzo ha presentato il proprio lavoro davanti all’affollatissimo salone del Palazzo Vescovile. “Un progetto molto ampio di ricerca e di riscoperta di tradizioni religiose e culturali di cui la raccolta di 10 canzoni presentate è solo una

tappa”hadichiaratoPasqualeScerbo, presidente onorario del gruppo a cui si è associato anche il Presidente Leonardo Pacenza e il direttore artistico Santo Pullano che hanno introdotto e salutato la presentazione. Oltre a loro hanno partecipato il Sindaco di Isola di Capo Rizzuto, Carolina Girasole, il Consigliere Provinciale Gianluca Bruno, l’assessore alla Cultura Guglielmo Liò

prevista per le 11.00, ci sarà il taglio del nastro, l’apertura del presidente Ail, i saluti di Paolo Maria Gangemi, Gianfranco Scarpelli e di Fausto Orsomarso. Subito dopo, la benedizione del cappellano dell’ospedale civile dell’Annunziata, frate Ugo Brogno e il brindisi augurale. Sarà inoltre distribuita ai presenti, una cartolina ricordo con le manifestazioni più importanti che l’Ail porta avanti ormai da anni.

20.30, nel recital “Volare - Omaggio a Domenico Modugno”, Regia: Marco Mete; Trio Bucci. Organizzata da Rete Imprese Italia, dall’Aeroporto Sant’Anna e patrocinata dalla Camera di Commercio di Crotone, la serata andrà a sostegno dell’orfanotrofio di Crotone. Il prezzo del biglietto è stato fissato a euro 10 e può essere ritirare presso il botteghino stesso del “Teatro Apollo”.

"La Divina Commedia" al Teatro Rendano A Cosenza e in tutta la provincia è esplosa una vera "dantemania". Continua, la corsa al biglietto per la colossale Opera Musicale "La Divina Commedia" che andrà in scena il 5 e 6 aprile al Teatro Rendano di Cosenza, organizzata dalla Show Net di Ruggero Pegna con il Patrocinio del Comune di Cosenza. Verso il tutto esaurito le due repliche mattutine riservate agli studenti, mentre prosegue a gran ritmo la vendita dei biglietti per le repliche serali delle ore 21.00, per le quali l’organizzazione ha previsto anche sconti per gruppi cattolici e comitive.(Per informazioni: 0968441888, fax 0968449005, oppure email info:ruggeropegna.it). Inprimafila (tel. 0984795699).

LAMEZIA TERME Progetto Pic Sabato 2 aprile 2011 , alle ore 10.30, presso la sala convegni Formazione e Qualità Ospedale “Giovanni Paolo II”-Viale Perugini,siterrà lapresentazione del progetto Pic, Prevenzione Ictus Cerebrale. Ore 10.30, inizio lavori. Saluti di benvenuto Antonio Giacobbe; Gianni Speranza; Gerardo Mancuso. Interventi Antonio Giacobbe; Francesco Esposito; Giovanni Paola. Dibattito. Conclusioni Michelangelo Ambrosio.

Retrospettiva dedicata a Mario Monicelli “Mario Monicelli. La Storia in forma di Commedia”. E’ il titolo della retrospettiva-tributo, fortemente voluta dal Presidente del Consiglio comunale Antonio Ciacco, e dedicata dall’Amministrazione comunale di Cosenza al grande regista, in programma fino al 21 aprile al Cinema Italia-Tieri e alla Casa delle Culture. CROTONE “Volare - Omaggio a Domenico Modugno” Gennaro Cannavacciuolo sarà al Teatro Apollo di Crotone, oggi , ore

MARCELLINARA I concorso regionale per Musicalizadores di Tango Argentino L’associazione culturale "Humus Vitae" presenta l’evento dal titolo: Primo concorso regionale a premi per musicalizadores, al fine di promuovere in Calabria, attraverso la musica, la cultura del tango argentino, con la speciale partecipazione di FelixPichernainqualitàdipresidente di giuria. La data di realizzazione del concorso è sabato 9 aprile , piazza Scerbo, alle ore 20.00. Le iscrizioni scadono il 7 aprile. Info: 338/1480684 MORANO CALABRO La commedia “Il Medico dei pazzi” Continua con successo e senza sosta la stagione di Teatromusica 2010-2011. Il nuovo spettacolo, in programma per domenica 3 aprile ,

e il Vice Governatore della Misericordia di Isola di Capo Rizzuto Franco Maiolo. Il Parroco don Edoardo Scordio ha esortato il gruppo a continuare a perseverare sull’importantissimo lavorodiricerca,raccomandandosi di tenere sempre in considerazione oltre che la trentennale esperienza anche la capacità a trasmettere la gioia dello stare insieme, elemento fondante della nostra associazione. Il gruppo folklorico “Magna Graecia” che oggi è legato alla Misericordia di Isola di Capo Rizzuto, nasce addirittura qualche anno prima, nel lontano 1981 per volontà di don Giorgio, e oggi conta più di 100 membri divenendo un pilastro della tradizione popolare calabrese nel panorama internazionale. Il lavoro presentato contiene brani classici della tradizione popolare calabrese ed isolitana, alcuni di questi, come Madunnuzza mia, appartiene al patrimonio storico religioso del paese. Durante la suggestiva presentazione gli appartenenti al gruppo hanno suonato e cantato inscenando balletti coloratissimi a ritmi irresistibili.

alle 19.00, all’Auditorium comunale è “Il Medico dei pazzi”, commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta nella rivisitazione della compagnia Aprustum di Castrovillari. La stagione di TeatroMusica è ideata e organizzata dalla compagnia moranese “L’Allegra Ribalta”, presieduta da Massimo Celiberto, sotto la direzione artistica di Franco Guaragna REGGIO CALABRIA Anassilaos incontro con la poesia Lunedì 4 aprile , ore 16.45, presso la Biblioteca Comunale sala Giuffrè, incontro con la poesia. PresentazionedellaraccoltadiMassimoScrignoli “Vista sull’angelo” con l’intervento di Francesca Neri e presentazione della raccolta di Daniela Pericone “ Il caso e la ragione” con l’intervento di Massimo Scrignoli. Personale pittorica di Kreszenzia Gehrer Die Erde la terra e il cemento. Personale pittorica di Kreszenzia Gehrer, 9 - 17 aprile 2011 . Orari di apertura: 10.00/13.00; 16.00/19.00. Vernissage 9 aprile 2011, alle ore 19.00, presso Spazio Culturale Nonsense, Via Pio XI. Introduce: Katia Colica. Concorso di “Miss Bellezza Mediterranea 2011” Il coordinamento amici della sagra dell’Alalunga, ha indetto il concorso di “Miss Bellezza Mediterranea 2011”. Le concorrenti dovranno avere un’età compresa tra i 16 e i 35 anni, un’altezza minima di 160 cm ed essere residenti in provincia di Reggio Calabria. La vincitrice sarà premiata con un prezioso gioiello “Miluna”, della rinomata gioielleria bagnarese “Saffioti & Carrara”. Il bando è disponibile presso il portale www.sagradellalalunga.it. Si ricorda che il termine per l’invio dei moduli è il 30 aprile 2011 .

Maratona Antimafia Nell’ambito della giornata della "Gerbera Gialla 2011" organizzata dal Coordinamento Nazionale Antimafia "Riferimenti", istituzionalizzatacomeGiornataRegionaleAntimafia e prevista per il 3 maggio , a Reggio Calabria con la partecipazione del Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso, si comunica che sono aperte le iscrizioni per la maratona contro la mafia che si correrà dal rione Archi attraversando le vie del Centro di Reggio.Tutti potranno comunicare la propria adesione a correre contro la mia mafia tutte le mattine dalle 9.00 alle 13.00, alla sede di "Riferimenti" in Via XXV Luglio 1/A, al numero di telefono 0965-312841 segreteria@riferimenti.org Premio Internazionale d’arte e cultura “Omaggio a Cilea” Venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 maggio , il Teatro Comunale Francesco Cilea di Reggio Calabria, ospita la XVII edizione del Concorso Internazionale per cantanti lirici “Francesco Cilea”, organizzato dall’associazioneGrandiEventiTeatrali . RENDE Unical Via Crucis Sarà S.e. Rev.ma Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, vescovo di Locri-Gerace, e delegato della Conferenza Episcopale Calabra per la Pastorale Giovanile, a presiedere la Via Crucis in programma per venerdì 15 aprile , sul ponte "Pietro Bucci" del Campus Universitario di Arcavacata di Rende. L’evento è organizzato dai sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù Dehoniani e dalle suoremaestrediS.Dorotea.IlSacro RitochesisvolgerànelCampus,presieduto dal vescovo Morosini, avrà inizio esattamente nell’area delle pensiline universitarie, dalle quali si procederà lungo tutto il ponte dell’Ateneo, dove verranno collocate le quattordici "Stazioni". SIDERNO Premio letterario Città di Siderno Emanato il bando dell’ottava edizione del Premio Letterario Città di Siderno “Armando La Torre”. Le opere dovranno pervenire entro la data del 30 aprile . CALABRIA XIII Settimana della Cultura Nell’ambito delle iniziative connesse alla XIII Settimana della Cultura, l’Archivio di Stato di Catanzaro apre al pubblico, dal 9 al 17 aprile , ed in particolare alle scuole medie di ogni ordine e grado, i propri locali. A tale scopo, nei giorni e negli orari sotto indicati,pressolesedidiCatanzaroe di Lamezia Terme, sarà possibile effettuare visite guidate volte ad illustrare le funzioni proprie di un Archivio di Stato ed i principali fondi archivistici disponibili alla consultazione. Catanzaro: Piazza del Rosario, 6. Tel.: 0961/72633; ore: 9.00- 13.00. Lamezia Terme: Viale Aldo Moro,40 (Pal. Gigliotti). Tel.: 0968/22048; ore: 9.00- 13.00


28

il Domani

Venerdì 01 Aprile 2011

IL DOMANI DELLA CULTURA

La basilica di Massenzio, sede della manifestazione

Sandro Veronesi

Dieci anni di Storie, torna alla basilica di Massenzio il festival Letterature Presentata la decima edizione della manifestazione capitolina in programma dal 19 maggio al 23 giugno Maurizio Zuccari Dieci anni di Storie. È questo il titolo della decima edizione del festival Letterature di Roma, atteso alla basilica di Massenzio dal 19 maggio al 23 giugno. Ad anticipare i temi del tradizionale appuntamento capitolino con il panorama letterario internazionale sono stati, nella sala Pietro da Cortona in Campidoglio, l’ideatrice Maria Ida Gaeta, l’assessore alla Cultura Dino Gasperini e Fabriazio Arcuri. Regista delle dieci serate che vedranno alternarsi sul palco ai Fori capitolini una ventina di autori italiani e stranieri, oltre

Questa edizione sarà anche l’occasione per ricordare la storia del festival nei nove anni passati, durante i quali circa 300mila spettatori hanno incontrato 200 scrittori

alla cinquina del premio Strega che leggerà brani delle opere finaliste. Spazio ad artisti - ogni serata vedrà un artista protagonista con le sue opere - attori e musicisti, come di consueto, ma se la serata finale, dedicata alla memoria di Elsa Morante, vedrà la partecipazione della nipote Laura Morante e Carlo Cecchi, con le musiche di Nicola Piovani, la rosa dei partecipanti sarà resa nota successivamente.Come di consueto, gli autori protagonisti leggeranno al pubblico brani che stavolta affronteranno il rapporto tra letteratura e storia, verità letteraria e storica, realtà e immaginazione. Questa edizione sarà anche l’occasione per ricordare la storia del festival nei nove anni passati, durante i quali circa 300mila spettatori hanno incontrato sotto le volte della basilica quasi 200 scrittori e altrettanti tra musicisti e attori. Tra le novità del 2011 un ciclo di eventi collaterali nelle piazze romane, preannunciati dall’assessore Gasperini che ha sottolineato come sarà proprio l’arte a farla da protagonista in quella che ha definito «una festa dell’arte, in queste serate più uniche che rare». La serata inaugurale di

Inaugurano la prima serata Sandro Veronesi e lo statunitense Don De Lillo a seguire Gianrico Carofiglio Attesa per Giancarlo De Cataldo e Wilbur Smith giovedì 19 maggio vede ospite Sandro Veronesi, uno dei più amati scrittori italiani, che si è da sempre cimentato nella scrittura di fiction e di non-fiction narrativa, autore ma anche traduttore e editore (ha fondato la casa editrice Fandango insieme a Domenico Procacci) nonché sceneggiatore. Il suo quinto romanzo Caos calmo, vincitore del premio Strega 2006, tradotto in 20 paesi, ha ispirato l’omonimo film diretto da Nanni Moretti. Il suo ultimo romanzo XY, caso editoriale del 2010, narra la storia di un terribile evento che sconvolge la vita di un piccolo villaggio del Trentino. Accanto allo scrit-

Dacia Maraini finalista

In viaggio nella mente

La scrittrice italiana Dacia Maraini è entrata nella rosa dei tredici finalisti del Man Booker international prize, il più prestigioso premio letterario di lingua inglese destinato a coronare la carriera di un autore. Con l’autrice di Bagheria e La lunga vita di Marianna Ucria, figurano nomi illustri come gli scrittori britannici John Le Carré (che però ha già fatto sapere di non essere interessato) e Philip Pullman, gli statunitensi Philip Roth, Anne Tyler e Marilynne Robinson e per la prima volta due cinesi, Wang Anyi e Su Tong. Figlia dello scrittore e antropologo Fosco Maraini, Dacia Maraini è nata a Fiesole nel 1936. È stata a lungo compagna di Alberto Moravia con cui visse dal 1962 al 1983, accompagnandolo nei suoi viaggi intorno al mondo. Esordisce nel 1962 con il romanzo La vacanza.

Prosegue a Roma il progetto In viaggio: al centro della mente nato con l’obiettivo di sollecitare l’attenzione della comunità medico-scientifica delle istituzioni e della società civile nei confronti delle problematiche connesse sulla salute mentale, con particolare attenzione alle psicosi schizofreniche. Organizzato da Clinical forum, sotto l’egida della Società Italiana di psichiatria con il supporto non condizionato di Janssen Italia, la campagna di sensibilizzazione prevede una serie di incontri nelle principali piazze di 10 città italiane, iniziate lo scorso 24 febbraio, che proseguiranno fino al 29 aprile, a bordo di un mezzo speciale, il truck In viaggio. Si tratta di momenti di dibattito e formazione per specialisti e rappresentanti del management sanitario, oltre ad iniziative rivolte al pubblico, come la mostra "Out-

tore italiano Don De Lillo. uno dei maggiori scrittori contemporanei americani. Autore di culto, considerato il grande maestro della narrativa postmoderna americana, attraverso una scrittura che distrugge e ricompone immagini e linguaggi, De Lillo ha costruito nei suoi romanzi un monumentale, labirintico ritratto critico della nazione americana. Il suo nuovo romanzo La stella di Ratner è in corso di pubblicazione per l’editore Einaudi. Il 24 maggio è la volta di Gianrico Carofiglio , magistrato, scrittore, senatore della Repubblica. Autore di "legal thriller” di grande successo. Esordisce nel 2002 con Testimone inconsapevole per l’editore Sellerio, il primo di una lunga serie di romanzi in cui l’abilità narrativa si fonde con l’esperienza di magistrato. Si dimostra abilissimo nel ricostruire la tensione nei dialoghi, nel raccontare la routine del lavoro dei magistrati, la logica serrata e incalzante dei discorsi degli avvocati, l’atmosfera tesa delle aule dei tribunali. Nel maggio 2010 Rizzoli pubblica il suo ultimo libro Non esiste saggezza. Info: www.festivaldelleletterature.it.

L'allestimento della mostra

sider art", per far conoscere le opere di artisti affetti da patologie psichiatriche, destinate altrimenti a rimanere fuori dai canali consueti dell’arte "ufficiale". Dopo le tappe di Milano, Genova, Torino, Treviso e Ancona, il truck In viaggio e la mostra "Outsider art" sosteranno a Roma dal 31 marzo al 2 aprile nella piazza di porta San Giovanni, per proseguire poi a Bari, Catanzaro, Palermo e Cremona.


Venerdì 01 Aprile 2011

il Domani 29

IL DOMANI DELLA CULTURA

Un'opera di Irma Blank

Fino al 30 aprile nel capoluogo piemontese la mostra lega il percorso dei tre artisti come metafora dell’essere, del nulla e del pensiero

Le linee di Soresen, Blank e Gaspare alla De Chirico la collettiva Linea mentis Silvia Ussia La nuova mostra dal titolo Linea mentis, ospitata dalla Raffaella De Chirico galleria d’arte a Torino, è una collettiva che lega il percorso di tre artisti: Eva Soresen , IrmaBlankeGaspare.Nonostante un’autonoma e specifica ricerca, i tre vedono la linea come metafora dell’essere e del nulla, del pensiero e dell’azione. Le linee segnano il punto di rottura e di cambiamento tra fasi diverse, traccianola differenza nelprocesso ripetitivo di sedimentazione. Linea mentis indaga il tempo, lo spazio e la memoria personale, registra lo svolgersi del pensiero e il suo radicamento nel corpo. Eva Soresen ha inciso per decenni frammenti di marmo e granito, i suoi disegni, realizzati a partire dagli anni Sessanta, tessono una relazione forte tra linea grafica e minerale. È nei fasci di linee tese, disegnate in maniera continua, ri-

gorosa, tracciata senza possibilità d’errore, che il tempo stratificato della pietra incontra il tempo del corpo e il movimento della terra quello della mano. Irma Blank ha iniziato nello stesso periodo la sua ricerca sulla conoscenza del sé e del mondo in senso ontologico e antropologico attraverso la scrittura "asemantica", cioè liberata dal peso del significato. Le sue opere sono state esposte nei principali musei del mondo e in manifestazioni internazionali come la Biennale di Venezia del 1978 e "Documenta" di Kassel nel 1977. Per Linea mentis sono esposte sia opere di grande formato che di più piccole dimensioni, tra cui alcune recentemente entrate a far parte della collezione permanente del centre Pompidou di Parigi. Gaspare, artista e critico d’arte, scrive e sovrascrive uno stesso testo per quattro volte ruotando il foglio finché i segni non perdono la loro leggibilità e il foglio non è

Esposte sia opere di grande formato che di piccole dimensioni alcune entrate nella collezione del Pompidou

saturo. Il testo, che originariamente aveva un significato logico-razionale, si trasforma in un groviglio di inchiostro nero, riuscendo a creare un ordine all’interno del caos. L’originalità e la forza dei lavori dei tre artisti risiede nel fatto che questi traccino una linea lasciando che sia

Alla galleria Franco Soffiantino di Torino si riflette con Jens Haaning su temi molto attuali come l’immigrazione, la categorizzazione, il razzismo, il dialogo interculturale e l’interscambio tra capitalismo globale ed economia locale. Ciò che interessaall’artistainfattiè la società contemporanea e come il potere, dalle mille sfaccettature, si manifesti al suo interno. Con l’installazione "Thai body massage, Aalborg", Jens Haaning mostra attraversounadinamicadello spostamento differenti prototipi economici e sociali legati all’immigrazione e altresì coinvolge gli spettatori mettendo in luce i rapporti che intercorrono tra la gente comune e questi contesti.

Un’altra opera si concentra sullo studio di massaggi tailandesi: sedie, lettini, oli profumati, oggetti che seppur decontestualizzati mantengono la propria funzionalità. Una grande scritta, "Italia 2011", sulla parete, fa parte della serie di lavori intitolati "wall painting", che ritraggono il nome del paese dove viene realizzata una particolare esibizione. Italia 2011 è un’opera che allude anche al 150esimo anniversario dell’unità d’Italia. In un altro lavoro è esposto un passaporto, "Danish passport, valid Until 28.04.2017", è un passaporto valido che farà riflettere sul valore delle origini e della cittadinanza, sull’importanza di appartenere a una nazionalità piuttosto che a un’altra. Nella sua ultima installazione in mostra a Torino, intitolata "Albanian pigeons" (2008), l’artista si concentra

su tematiche legate alla legalità, sul far parte di una determinata comunità oppure sul sentirsene esclusi: quattro scatole di cartone con all’interno escrementi di piccione, a simboleggiare un trasporto illegale di volatili.

Alla Soffiantino di Torino una personale dell’artista danese Jens Haaning sui temi dell’oggi Valentina Cavera

Un'opera di Eva Sorensen

Jens Haaning, Passport, 2010

questa a scriversi. Insieme al processo di stratificazione, la sintesi è il secondo punto di forza che attraversa le opere di Linea mentis. Esse riuniscono variazione e ripetizione, ordine e caos, ricerca di controllo e apertura all’imprevisto, a ciò che viene e non si può dominare. Fino al 30 aprile.

Fino al 23 aprile le tematiche del potere e del razzismo nella società contemporanea


il Domani Venerdì 1 Aprile 2011 31

SPETTACOLI-TV CANALE

06:25 - Sabrina, vita da strega 06:55 - CARTONI ANIMATI Pixie e Dixie 07:00 - CARTONI ANIMATI Pixie e Dixie 07:10 - CARTONI ANIMATI Titi e Silvestro 07:15 - Le avventure di Piggley Winks 07:35 - Marco dagli Appennini alle Ande 08:00 - CARTONI ANIMATI Doraemon 08:20 - CARTONI ANIMATI C'era volta... Pollon 08:45 - TELEFILM C.S.I. New York 10:35 - TELEFILM Fringe 12:15 - RUBRICA Cotto e mangiato - Il menù del giorno - di gastronomia 12:25 - TELEGIORNALE Studio aperto 12:58 - NEWS Meteo 13:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 13:02 - NEWS Studio sport 13:40 - TELEFILM I Simpson 14:05 - TELEFILM I Simpson 14:30 - SITUATION COMEDY How i met your mother 14:55 - SITUATION COMEDY Camera cafè 15:25 - SITUATION COMEDY Camera café ristretto 15:35 - CARTONI ANIMATI Naruto Shippuden 16:05 - Sailor moon e il mistero dei sogni 16:35 - TELEFILM Merlin 17:25 - TELEFILM Smallville 18:15 - Cotto e mangiato - Il menù del giorno 18:28 - Studio aperto - Anticipazioni 18:30 - TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 - NEWS Meteo 19:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 19:02 - NEWS Studio sport 19:30 - TELEFILM C.S.I. Miami 20:30 - GIOCO Trasformat 21:10 - TELEFILM Dr House - Medical division 22:00 - TELEFILM Grey's anatomy 23:50 - TELEFILM The closer 00:40 - SPORT Grand Prix - Prove sintesi 01:30 - RUBRICA Capo sud - Il Kenya 01:55 - SHOW Poker1mania 02:45 - Studio aperto - La giornata 03:00 - TELEFILM Beverly Hills, 90210 03:40 - TELEFILM Beverly Hills, 90210

06:00 - ATTUALITÀ RAI News - Morning News 06:30 - ATTUALITÀ Il caffè di Corradino Mineo 07:00 - RUBRICA TGR Buongiorno Italia 07:30 - RUBRICA TGR Buongiorno Regione 08:00 - Rai 150 anni. La storia siamo noi 09:00 - RUBRICA Dieci minuti di... programmi dell'accesso: - di attualità 09:10 - RUBRICA Agorà - di attualità 11:00 - RUBRICA Apprescindere 11:10 - TELEGIORNALE TG 3 Minuti 12:00 - TELEGIORNALE TG 3 12:25 - RUBRICA TG3 Fuori TG 12:45 - RUBRICA Le storie - Diario italiano 13:10 - TELEFILM La strada per la felicità 14:00 - TELEGIORNALE TG Regione 14:20 - TELEGIORNALE TG 3 14:50 - RUBRICA TGR Leonardo - di cultura 15:00 - TELEGIORNALE TG3 L.I.S. 15:05 - TELEFILM Wind at my Back 15:50 - RUBRICA TG3 GT Ragazzi - per ragazzi 16:00 - RUBRICA Cose dell'altro Geo 17:40 - RUBRICA Geo & Geo 18:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 3 19:00 - TELEGIORNALE TG 3 19:30 - TELEGIORNALE TG Regione 20:00 - ATTUALITÀ Blob 20:10 - RUBRICA Cotti e mangiati 20:35 - SOAP OPERA Un posto al sole 21:05 - FILM Leoni per agnelli - con Robert Redford, Meryl Streep, Tom Cruise - regia di Robert Redford (USA) - 2007 22:45 - RUBRICA Rai 150 anni. La Storia siamo noi - di storia 00:00 - TELEGIORNALE TG3 Linea notte 00:10 - TELEGIORNALE TG Regione 01:00 - RUBRICA Appuntamento al cinema - di cinema 01:10 - RUBRICA Rai Educational Crash - di cultura 01:40 - RUBRICA Aprirai - di cinema 01:50 - RUBRICA Fuori orario. Cose (mai) viste di cinema

06:00 - TELEGIORNALE Prima pagina 07:55 - NEWS Traffico 07:57 - NEWS Meteo 5 07:58 - NEWS Borse e monete 08:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Notte 08:40 - SHOW Mattino cinque 09:57 - REALITY SHOW Grande fratello pillole 10:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Ore 10 Federica Panicucci e 10:05 - Mattino cinque Claudio Brachino condu11:00 - RUBRICA Forum cono la terza e dizione di “Mattino cinque” 13:00 - Tg5 13:39 - NEWS Meteo 5 13:41 - SOAP OPERA Beautiful 14:07 - REALITY SHOW Grande fratello pillole 14:10 - SOAP OPERA Centovetrine 14:45 - TALK SHOW Uomini e donne 16:15 - SHOW Pomeriggio cinque 18:05 - TELEGIORNALE Tg5 - 5 minuti 18:50 - GIOCO Chi vuol essere milionario 19:44 - TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione 20:00 - TELEGIORNALE Tg5 20:30 - NEWS Meteo 5 20:31 - SHOW Striscia la notizia - La voce dell'improvvidenza 21:10 - SHOW Zelig - 12a puntata Torna un nuovo appuntamento con lo show comico di Canale 5 e torna la coppia di presentatori più divertente della tv: Claudio Bisio e Vanessa Incontrada. Forte dei cento talenti comici finora scoperti, Zelig si riconferma, anche quest'anno, il maggior successo della stagione.

00:00 - SHOW Chiambretti night - Solo per numeri uno 01:30 - TELEGIORNALE Tg5 - Notte 01:54 - NEWS Meteo 5 notte 01:55 - SHOW Striscia la notizia 02:16 - TELEFILM Squadra med 03:34 - TELEVENDITA Media shopping

RETE 06:25 - TELEVENDITA Media shopping 06:40 - TELEVENDITA Media shopping 06:55 - TELEFILM Charlie's angels 07:55 - TELEFILM Nash bridges I 08:50 - TELEFILM Hunter 10:15 - TELEFILM Carabinieri 11:25 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 11:30 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 11:54 - NEWS Meteo 11:58 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 12:00 - NEWS Vie d'italia - Notizie sul traffico 12:02 - TELEFILM Wolff un poliziotto a Berlino 12:50 - TELEFILM Distretto di polizia 13:50 - RUBRICA Il tribunale di forum - Anteprima 14:05 - RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di forum 15:35 - SHOW Speciale tempesta d'amore 15:42 - FILM La caduta delle aquile - con George Peppard, James Mason, Ursula Andress regia di John Guillermin (USA) - 1966 18:50 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 18:55 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:19 - NEWS Meteo 19:23 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:35 - TELEFILM Tempesta d'amore 20:30 - TELEFILM Walker Texas ranger 21:10 - NEWS Quarto grado 23:25 - SHOW I bellissimi di r4 23:30 - FILM The mothman prophecies - Voci dall'ombra - con Richard Gere, Laura Linney, Will Patton - regia di Mark Pellington (USA) 2002 01:50 - TELEGIORNALE Tg4 night news 02:13 - SHOW Speciale tempesta d'amore 02:20 - FILM Belli e brutti ridono tutti con Walter Chiari, Luciano Salce, Olga Karlatos regia di Domenico Paolella (Italia) - 1979 03:55 - TELEVENDITA Media shopping 04:10 - SITUATION COMEDY Casa Vianello 04:35 - SITUATION COMEDY Casa Vianello 05:05 - SHOW Peste e corna e gocce di storia 05:12 - SHOW Come eravamo 05:15 - TELEGIORNALE Tg4 night news 05:35 - TELEFILM Questa casa non è un albergo

06:00 - Tg La7/meteo/oroscopo/traffico 06:55 - RUBRICA Movie Flash 07:00 - RUBRICA Omnibus - di attualità 07:30 - TELEGIORNALE Tg La7 09:55 - RUBRICA (ah)IPiroso 10:50 - RUBRICA Life 11:25 - TELEFILM L'ispettore Tibbs 12:30 - TELEFILM Due South 13:30 - TELEGIORNALE Tg La7 13:55 - FILM Fantomas 70 - con Jean Marais, Louis de Funés - regia di André Hunebelle (Francia) - 1964 15:55 - DOCUMENTI Atlantide 17:40 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 17:45 - TELEFILM Mac Gyver 18:45 - TELEFILM Jag - Avvocati in divisa 19:40 - RUBRICA G Day 20:00 - TELEGIORNALE Tg La7 20:30 - RUBRICA Otto e mezzo 21:10 - RUBRICA Le invasioni barbariche 00:15 - TELEGIORNALE Tg La7 - Informazione 00:25 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 00:30 - RUBRICA Complotti 01:30 - RUBRICA Prossima fermata 01:45 - TELEFILM Cold Squad 02:35 - FILM La corona di ferro - con Massimo Girotti, Gino Cervi, Elisa Cegani - regia di Alessandro Blasetti (Italia) - 1941

1

ITALIA

06:00 - RUBRICA Secondo Canale 06:10 - TALK SHOW Maurizio Costanzo Talk 07:00 - RUBRICA Cartoon Flakes - per ragazzi 07:01 - CARTONI ANIMATI Stitch! 07:25 - CARTONI ANIMATI Il libro della giungla 07:35 - CARTONI ANIMATI Pop Pixie 07:50 - CARTONI ANIMATI Larva 07:55 - RUBRICA L'Albero Azzurro - per ragazzi 08:15 - CARTONI ANIMATI Pocoyo 08:20 - CARTONI ANIMATI La casa di Topolino 08:45 - Le principesse del mare 09:15 - RUBRICA TGR - Montagne - di ambiente 09:45 - RUBRICA Rai Educational - Cantieri d'Italia 10:00 - RUBRICA Tg2punto.it - di attualità 11:00 - SHOW I Fatti Vostri 13:00 - NEWS TG 2 - GIORNO 13:30 - NEWS TG 2 - Costume e Società 13:50 - RUBRICA Eat Parade 14:00 - RUBRICA Pomeriggio sul 2 - di attualità 16:10 - TELEFILM La signora in giallo 17:00 - TELEFILM Top Secret 17:45 - NEWS TG 2 Flash L.I.S. 17:50 - NEWS Rai TG Sport 18:15 - NEWS TG 2 18:45 - TALK SHOW Maurizio Costanzo Talk 19:40 - REALITY SHOW L'Isola dei Famosi 20:30 - NEWS TG 2 - 20.30 21:05 - TELEFILM N.C.I.S. Los Angeles 21:50 - TELEFILM Blue Bloods 22:40 - TELEFILM Past Life 23:25 - NEWS TG 2 23:40 - RUBRICA L'ultima parola - di attualità 01:10 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 01:20 - REALITY SHOW L'Isola dei Famosi 01:55 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 2 02:00 - RUBRICA Appuntamento al cinema 02:05 - FILM Cypher - con Jeremy Northam, Lucy Liu, Nigel Bennet - regia di Vincenzo Natali 03:40 - RUBRICA Secondo canale 04:15 - RUBRICA Università Telematica Internazionale Uninettuno - di didattica 04:16 - RUBRICA Diritto dell'Unione Europea 05:00 - RUBRICA Economia industriale e applicata

CINEMA

06:00 - NEWS Euronews 06:10 - RUBRICA Aspettando Unomattina - di attualità 06:30 - TELEGIORNALE TG 1 06:45 - RUBRICA Unomattina - di attualità 07:00 - TELEGIORNALE TG 1 07:30 - TELEGIORNALE TG 1 L.I.S. 07:35 - NEWS TG Parlamento 08:00 - TELEGIORNALE TG 1 09:00 - TELEGIORNALE TG1 09:30 - TELEGIORNALE TG1 Eleonora Daniele FLASH conduce 10:00 - SHOW Verdetto Finale Unomattina e da quest’anno sarà 10:50 - RUBRICA coadiuvata da Appuntamento al cinema Michele Cucuzza 11:00 - TELEGIORNALE TG1 che così torna in tv dopo 10 anni 11:05 - RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 - La prova del cuoco 13:30 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 14:00 - RUBRICA TG1 Economia - di economia 14:10 - RUBRICA Se...a casa di Paola - di attualità 16:10 - RUBRICA La vita in diretta 16:50 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 17:00 - TELEGIORNALE TG 1 17:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 - GIOCO L'Eredità 20:00 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 20:30 - RUBRICA Qui Radio Londra 20:35 - GIOCO Affari Tuoi 21:10 - MINISERIE Storia di Laura 23:00 - RUBRICA TV 7 - di attualità 00:00 - MUSICALE Concerto della Banda Musicale dell'Arma dei Carabinieri 00:55 - TELEGIORNALE TG 1 - NOTTE 01:25 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:30 - RUBRICA Qui Radio Londra 01:35 - RUBRICA Appuntamento al cinema - di cinema 01:40 - RUBRICA L'Appuntamento 02:10 - RUBRICA Rai Educational - Cantieri d'Italia - di cultura 02:35 - RUBRICA Mille e una notte - Teatro 05:05 - VIDEOFRAMMENTI DA DA DA 05:45 - NEWS Euronews

07:00 - TELEGIORNALE News 07:05 - MUSICALE Only Hits 08:00 - TELEFILM Ninas Mal 09:00 - SHOW Made 10:00 - MUSICA Only Hits 12:00 - NEWS MTV News - Attualità 12:05 - MUSICA Only Hits 13:00 - NEWS MTV News - Attualità 13:05 - SHOW Disaster Date 14:00 - NEWS MTV News - Attualità 14:05 - SHOW If You Really Knew Me 15:00 - NEWS MTV News - Attualità 15:05 - TELEFILM Ninas Mal 16:00 - SHOW Made 17:00 - SHOW Teen Cribs 18:00 - MUSICA TRL The Battle 19:00 - NEWS MTV News - Attualità 19:05 - TELEFILM Flight Of The Conchords 19:30 - NEWS Speciale MTV News - Attualità 20:00 - TELEFILM Ninas Mal 21:00 - SHOW I Used to Be Fat 22:00 - SHOW If You Really Knew Me 23:00 - TELEFILM Skins 00:00 - NEWS Speciale MTV News 00:30 - SHOW I Soliti Idioti 01:30 - MUSICA Mtv World Stage 02:30 - MUSICA Only Hits 05:45 - TELEGIORNALE News

06:20 A Single Man 04:15 La concessionaria piu' pazza 08:00 Main St. - L'uomo del futuro d'America 09:30 Professione inventore 05:50 Boris - Il film - Speciale 11:05 Il mio amico Eric MATRIMONI E ALTRI DISASTRI 13:05 Carlito's Way n film di Nina Di Majo. Con Margherita Buy, Fabio 15:30 Oggi e' gia' domani Volo, Luciana Littizzetto, Francesca Inaudi, Marisa 17:05 La concessionaria piu' pazza d'America Berenson. Genere: Commedia Durata 95 min. Italia 2010. 18:35 Natale a Beverly Hills - Speciale Nanà è la primogenita di una ricca famiglia fiorentina e, al contrario della sorella, non è mai stata fortunata con 19:00 Codice Genesi gli uomini. Dapprima un'adolescenza da bruttina stu20:55 Sky Cine News - Grande Weekend diosa e poi un lungo rapporto culminato con la presa 21:10 Matrimoni e altri disastri dei voti da parte del partner. Ora è una cinquantenne insoddisfatta. E come se non bastasse l'insoddisfazione di una vita priva d'a22:50 Biondina more (e di sesso, come non manca di ricordargli il suo pc), adesso dovrà 23:15 Sugar - Il giovane campione anche organizzare il matrimonio della sorella minore, carina e spigliata, con un uomo che già le sta poco simpatico ma che ha conquistato tutta la famiglia. I 01:15 Salvate il soldato Ryan giorni che la separano dalla cerimonia saranno un'unica lunga presa di 04:00 Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo coscienza.



il domani