Page 1

21 Ottobre

2001 IL GIORNALE DELLA GENTE Quindicinale di attualità, cultura, politica ed informazione locale

Iscritto presso il Tribunale di Lagonegro al n° 2/98 - Diffusione gratuita -

Redazione: Parco Manfredelli n° 62 85045 Lauria (PZ) - Tel / Fax 0973 / 823136 Stampa: Centro Grafico Lucano

TROPPI CONFLITTI D’INTERESSE NEL COMUNE I Consiglieri di Forza Italia chiedono la Commissione di Indagine sui Lavori Pubblici nel territorio Comunale e l’applicazione dell’incompatibilità tra attività professionale e attività di governo.

… Serv. a pag. 2

CRONACA

POLITICA

I Surgelati del Sindaco Pittella Restano surgelati i futuri assessori Socialisti. I Popolari al palo. L’Udeur si scolla con A. Messuti. La carretta del mare di Pittella si arena sulla Comunità Montana.

ASSE Pici - Viceconte : “ per lo sviluppo ” Il Consigliere Regionale di Forza Italia Mariano Pici Incontra il Vice-Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti On. Guido Viceconte del Governo Berlusconi

… Serv. a pag. 2

La Sindrome Rossa di Seluci Si condiziona il voto libero, con un lobby politica-clientelare. “Troppo interesse per la politica, troppi interessi nella politica”. … Serv a pag. 2

PROVE TECNICHE DI OPPOSIZIONE

DA

MARATEA:

Elezioni Amministrative del 13 Maggio 2001 a Maratea ...

Elezioni Amministrative del 13 Maggio 2001 a Maratea ...

… a pag. 3

… a pag. 3

Ritorna l’Ammiraglio: “che gioia” E’ la settimana dell’Ammiraglio G. Pittella? Sorprende la figura di questo Padre - Padrone del passato. … Serv a pag. 2

LINEE PROGRAMMATICHE : un contenitore vago e generico … Serv a pag. 2

SOLITO VANDALISMO Imbrattata di vernice nera la facciata del Municipio. Danneggiati impianti, si apre un inchiesta. … Serv a pag. 4

Festa del Cacciatore a Seluci di Lauria … Serv a pag. 4

… Dentro e Fuori …


IL CORSARO

2

Tremolite: allarme rosso.

continua da …

Inoltre ha chiesto di conoscere quali piani di sorveglianza e di screening sanitari mirati sono stati avviati, quali piani di controllo delle attività estrattive vengono effettuate per evitare l’abusivismo risultato rischioso e quali iniziative sono state avviate, a distanza di sei mesi, per la mappatura delle aree a rischio. Alla luce dei risultati dell’indagine epidemiologica, svolta dal Dipartimento di Prevenzione dell’ASL3 del 22.07.02, in cui sono emersi 3 casi di Mesotelioma Maligno della pleura accertati dal 2000 al 2002 avvenuti nelle Comunità rurali di Seluci di Lauria e Castelluccio Superiore conseguenti alla probabile esposizione ambientale a fibre di amianto, provenienti dalla frammentazione naturale e accidentale delle cosiddette “Pietre Verdi” largamente diffuse in alcune aree del territorio in oggetto; Considerato che, lo studio svolto ha dimostrato la presenza di fibre di amianto (tremolite), altamente cangerogene, in insediamenti civili e in aree di attività estrattiva della Contrada Seluci e del continua da …

Da…

per dare una svolta ad un turismo auto-propulsivo nel Lagonegrese. L’Area Prodotto Maratea-Sirino è un progetto turistico che con una gestione pubblico-privata, finalmente ottimizzando gli investimenti, crea nuovi posti di lavoro. Il Consigliere Regionale Mariano Pici ha annunciato una forte iniziativa politica, nelle prossime settimane, per promuovere promuovere e sostenere il progetto in Consiglio Regionale.

Che fine ha fatto la Clinica ?

Da

anni siamo stati bombardati da annunci della costruzione di una Clinica privata specialistica a Lauria, in occasioni di campagne elettorali o sulla stampa locale, addirittura, recentemente, si promettevano assunzioni di circa 20 infermieri da impiegare al più presto. Non si hanno più notizie e qualcuno ha cominciato a mormorare che si è trattato dell’ennesima bufala per coltivare speranze e illusioni di posti di lavoro, inesistenti. O forse si è trattato di un occasione classica per racimolare qualche consenso elettorale perduto. I cittadini attendono qualche risposta sulla misteriosa clinica da costruire, anche in ragione del fatto che si era diffusa “ad arte” la notizia dell’acquisto di un terreno agricolo in località Ospedale San Giuseppe in

O gni

territorio collinare di Castelluccio Superiore, le pietre verdi, chiamate scientificamente Ofioliti, con la presenza di notevoli quantitativi di fibre di Amianto e in uno stato di disgregazione tale da essere facilmente inalabili sono una sicura fonte di esposizione. Visto che, Dal 1995 è stato redatto un Piano Amianto Regionale dove doveva essere riportato la presenza di queste rocce magnetiche basiche contenenti fibre di amianto nel territorio di Lauria e di Castelluccio Superiore; Visto che, la Giunta Regionale e l’Amministrazione Comunale di Lauria hanno previsto un intervento di risanamento ambientale urgente consistente nell’asfaltare le strade di Seluci per coprire il materiale contenente tremolite con evidenti strumentalizzazioni clientelari. Inoltre, l’Istituto Superiore della Sanità ha dichiarato la disponibilità ad inviare i propri tecnici per partecipare alla progettazione e alla realizzazione degli interventi e non si comprende la latitanza del Governo Regionale.

Il turismo può creare occupazione.

Per rendere concreto e produttivo il progetto, ha continuato il Consigliere Pici, è fondamentale promuovere un soggetto gestionale collettivo che garantisca l’attività alberghiera, ristorativa, con le attività di servizio e dei trasporti, dell’informazione, dell’accoglienza da svolgere naturalmente sia nel periodo invernale che estivo. La volontà dei soggetti economici privati ad aderire all’Area Prodotto Maratea-Sirino si deve coniugare con una forte volontà politica di sostenere l’iniziativa

Da…

22 DICEMBRE 2002

agro di Lauria per lo scopo. Tutto tace sulla struttura da costruire per la terapia del dolore e per l’assistenza ai malati terminali della “Fondazione Amicla onlus”, mentre il 2002 volge al termine. Si registra nell’opinione pubblica una grande delusione, specialmente tra coloro che avevano partecipato politicamente e moralmente alla nobile iniziativa. Certo non conosciamo i motivi di questo ritardo anzi di questo silenzio, sicuramente, sarebbe stato più corretto non utilizzarlo per campagne elettorali con l’obiettivo di raccogliere soltanto voti per personaggi del centro-sinistra. Aspettiamo con ansia il proseguo della telenovela. D’Artagnan

Dopo aver speso soldi dei contribuenti per realizzare il Presepe del Ruscello, l’Amministrazione dimentica, anche nel periodo natalizio, di far fare la manutenzione per la pulizia dello stesso. Risultato: uno squallido stato di abbandono dell’intera area.

Da…

Nuovo Statuto a Lauria.

Riscrivere lo Statuto Comunale è la volontà di tutto il Consiglio Comunale. A presiedere la Commissione Speciale che elaborerà la proposta è il Consigliere Comunale di Forza Italia dott. Nicola Messuti, che ha dichiarato: “Il Comune di Lauria si dovrà dotare di uno Statuto che ri- Il Cons. Com. Dott. N. Messuti sponda a tutte le esigenze della società civile, rimarchi e riaffermi il democratico confronto tra la maggioranza e l’opposizione nel rispetto dei ruoli. Il rispetto delle regole, la trasparenza degli atti, l’efficienza e la partecipazione sono alla base della vita democratica. Tutte le forze politiche saranno impegnate a raggiungere questo risultato”. Ha concluso il Cons. Presidente Messuti, “tutte le forze sociali, culturali e economiche dovranno essere coinvolte in questo importante percorso di riscrittura delle regole”. Quindi la stagione delle riforme è iniziata a Lauria, auguriamo un proficuo lavoro alla Commissione.

Palazzo Pisani: pericolo di crollo, intervenire subito, rischio disastro.

cittadino di Lauria che osserva il famigerato Palazzo Pisani, ingabbiato da anni, avverte la profonda delusione verso i nostri amministratori comunali che impotenti lasciano scorrere il tempo senza assicurare una fine del problema. Ad ogni sopralluogo dei Vigili del Fuoco si conferma il pericolo di crollo con tutti i rischi connessi per i cittadini e dopo un consueto “palleggiamento” tra le varie istituzioni, il Comune di Lauria si rende latitante. Nessuno decide, tutti teorizzano, le consulenze tecniche imperversano e, intanto, il Palazzo Pisani diventa un “monumento arrugginito”. A pensare che anni fa il Sindaco Pittella, con

alcuni amministratori, fu protagonista di una ridicola manifestazione, organizzando un presidio con una tenda nei pressi del palazzo per protestare contro i ritardi del post-sisma e i responsabili erano amici di partito. Ora, la Giunta Pittella dovrebbe inscenare la stessa manifestazione, pernottando in tenda, per protestare contro lo stesso Comune di Lauria che non ha risolto il problema. Si annunciano iniziative politiche dei Consiglieri Comunali di Forza Italia dell’opposizione per “stanare” la maggioranza e chiarire definitivamente la situazione dl Palazzo Pisani per giungere alla conclusione. Panoramica del fatiscente Palazzo Pisani al Rione Superiore di La Redazione Lauria, esempio di un evidente stato di abbandono e degrado.


IL CORSARO “ MARATEA ”

3

22 DICEMBRE 2002

QUALE VERITA’ SULL’INAIL ? R itengo doveroso e giusto che la popolazione di

Maratea sia correttamente informata sulla politica sanitaria regionale in relazione, principalmente, alla nostra A.S.L. di appartenenza. Soltanto il buon senso e la diligenza dell’amm.ne Schettino hanno impedito, sin d’ora, il consumarsi di atti gravemente dannosi per il nostro ospedale che, sicuramente, in caso di sconfitta elettorale, sarebbero già stati consumati. Il Dipartimento Sicurezza Sociale e Politiche Ambientali della Regione Basilicata, in data 07/10/98, faceva pervenire all’Inail una lettera di proposta indirizzata anche al Ministero della Sanità (protocollata in Regione il 07/10/98 al n.6841) attraverso la quale manifestava la volontà di cedere il presidio ospedaliero di Maratea per una sua destinazione a polo di riabilitazione, impegnandosi, in caso di accoglimento della detta proposta, a “sclassificare” l’Ospedale di Maratea per poterlo negoziare. Vista la lettera / proposta protocollata in Regione il 07/10/98, si riuniva successivamente (anzi lo stesso 07/10/98 ! ! ! ) la Commissione Consiliare dell’Inail per l’esame delle questioni attinenti alla gestione del patrimonio esprimendo il parere di prendere in considerazione le proposte della Regione Basilicata formulate con la più volte richiamata lettera. Vista sempre la lettera / proposta protocollata in Regione il 07/10/98, si riuniva successivamente (anzi ancora lo stesso 07/10/98 ! ! ! ) il Consiglio di Amministrazione dell’Inail il quale deliberava di prendere in considerazione la le proposte della Regione Basilicata formulate con la più volte richiamata lettera. Questa si, cari amici, è rapidità ed efficienza! In data 27/09/99, la Regione Basilicata proponeva all’Inail un progetto sanitario preliminare “Ospedale specializzato di riabilitazione di Maratea” per una valutazione. Questa è la prima ipotesi progettuale Inail per Maratea nella quale si prevedevano 109 posti letto + svariate attività scientifiche, di ricerca, ecc..A tale ipotesi è rimasto ancora oggi stranamente fermo l’allora Sindaco Di Trani. Tale ipotesi progettuale fu esaminata ed apprezzata dall’Inail che si sarebbe attivato per definire gli sviluppi dell’iniziativa e concordare la data degli incontri (tanto l’Inail comunicava alla Regione in data 20/10/99). L’asse Regione - Inail funziona perfettamente. Vi renderete conto cari cittadini, già da questa prima esposizione, come nessuna attività competeva e compete alla Amm.ne comunale.

A far data dal 20/10/99, non si ha contezza di ciò che accade e degli eventuali atti posti in essere per addivenire alla effettiva attivazione del polo di riabilitazione. Sembra evidente che niuno atto concreto viene in tale periodo consumato. Bisogna attendere il 02/04/01 (ben 18 mesi ! ! !) per vedere riprendere ufficialmente il cd. progetto Inail per Maratea. In tale data, infatti, viene emanata la Delibera di Giunta Regionale n.699, delibera che l’allora Sindaco Di Trani sembra oggi aver dimenticato o, addirittura, mai conosciuto. In tale Delibera è segnato il futuro della nostra struttura ospedaliera. Del progetto dei 109 posti letto, ecc., ecc., non c’è più traccia. I posti letto si sono ridotti a 48 insieme alla cancellazione di altre attività precedentemente previste (povero il caro Mario !). Nonostante tale notevole ridimensionamento, i metri quadri di struttura ospedaliera di cui l’Inail ha ancora bisogno non cambiano. Infatti è prevista, come in precedenza, l’alienazione all’Inail degli stessi migliori 9299 m.q. dell’ospedale oltre agli stesi 3080 m.q. di spazi di uso comune e la gestione del centro di riabilitazione allo stesso Istituto. Questo è quanto la Regione prevede per Maratea in data 02/04/01. Chiediamoci: -i posti letto diventano 48 per giustificare il mantenimento dei posti di riabilitazione a Lauria?; -detto ridimensionamento avviene perché il centro da realizzare a Maratea l’Inail lo ha realizzato, a causa dei ritardi regionali, a Lamezia Terme?; -come avrebbe potuto l’Inail accettare la riabilitazione di Lauria se, da sempre, aveva richiesto, e in tal senso si era impegnata, l’esclusiva della riabilitazione dell’area?( a proposito CARO SINDACO PITTELLA finiscila di prendere in giro i tuoi concittadini !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!). I dubbi sono molti e crescono alla luce delle notizie raccolte e di una attenta analisi della normativa che interessa la vicenda. In realtà, da una corretta lettura della L.549/95 e del D.M. Min.San.23/12/98, l’Inail deve acquistare per accedere ai fondi previsti dalla L.549 cit. ma, nello stesso tempo, deve locare la struttura acquistata. Di tale importante passaggio, negli atti in nostro possesso non v’è mai traccia. Ma vi è di più, in virtù del D.M.23/12/98 non è più possibile che l’Inail gestisca, come dalla Regione previsto, il centro riabilitativo. Quindi, ad oggi, la situazione è la seguente: l’Inail, se ancora interessata e se la Regione Basilicata (non il comune di Maratea) si attivasse (essendo già gravemente ritardataria) redigendo un progetto

Ultimissime Amministrazione Comunale Maratea. Sono iniziati nel mese di novembre i lavori di costruzione delle aree di parcheggio nella zona dei “Cappuccini”e in “Piazza Europa”.Tali lavori sono partiti in ritardo in quanto hanno dovuto subire delle modifiche di progettazione perché in precedenza erano stati appaltati ma, non erano cantierabili.Tale precisazione è doverosa farla nei confronti dei cittadini che ora, come mai si era verificato in passato, sono sempre attenti e giudici dell’attuale operato di questa nuova amministrazione.Convinti che nessuna critica ingiusta possa fermare l’intento di quanti si sono impegnati a risolvere i tanti problemi che affliggono il nostro paese, con altrettanta certezza affermiamo che nel più breve tempo, inizieranno i lavori nel centro storico di arredo urbano in quanto già si è provveduto agli appalti degli stessi. Sono stati stanziati anche dei fondi per i commercianti del centro storico, fondi che serviranno per il rifacimento di vetrine e facciate. A dover di cronaca, il Sindaco Schettino, nella veste anche di Consigliere Provinciale, comunica ai suoi cittadini che nella seduta Consiliare Provinciale del 13\11\2002 è riuscito a far approvare un intervento in garanzia di 250.000 euro dal credito sportivo: tale somma sarà utilizzata per il rifacimento del manto erboso e per altri interventi strutturali per lo stadio “Europa”.Infine sono iniziati i corsi di formazione professionale per il progetto spiagge sicure in collaborazione con l’APOF provinciale che vede impegnati alcuni ragazzi di Maratea.

esecutivo sugli aspetti gestionali del centro riabilitativo, potrebbe investire quei famosi fondi esclusivamente per riconvertire l’Ospedale di Maratea in centro riabilitativo per poi locarlo all’ASL dietro pagamento di un canone da definire che non dovrebbe, presumibilmente, essere inferiore al 4-5% dell’investimento. Pensate un po’: progetti esecutivi sugli aspetti gestionali del centro di riabilitazione non ve ne sono per gravi inadempienze regionali; la Regione dovrebbe vendere gran parte dell’ospedale all’Inail per poi pagargli un cospicuo canone di locazione diventando parte conduttrice. Su tali processi / procedure la competenza dell’Amm.ne comunale è assolutamente nulla. Pertanto, quando l’assessore Straziuso accusa, a mezzo stampa, il Sindaco Schettino per i ritardi nella vicenda Inail, farebbe meglio ad assumere prima le dovute informazioni e, soprattutto, riflettere un po’ sulle sue dichiarazioni e su chi gli relaziona in merito…. Qualcuno ha notizia del riscontro avuto da Straziuso dopo il tanto enfatizzato sollecito (dettato sicuramente dalla volontà di recuperare il tempo dalla Regione perduto) telegrafico all’Inail? La verità è che, ancora una volta, è stato il Sindaco Schettino a farsi promotore, sempre in virtù di quel buon senso e quella diligenza del buon padre di famiglia che accompagna la sua Amm.ne, della idea di creare un tavolo di concertazione (Regione – Inail – Comune - Ministero) presso il Ministero della Sanità per verificare l’effettivo stato della questione, ma a ben tre telegrammi (ultimo in ordine di tempo spedito giorno 5/12/2002), non si è avuto riscontro. Si esca finalmente allo scoperto e finiamola con il gioco delle tre carte !!!!!!!!!!!!!!! Vorrei chiudere, spostandomi dalla problematica Inail, ricordando ai nostri cittadini e alle Autorità competenti che i reparti e le attività avviate a Lagonegro attraverso il trasferimento dei reparti di Maratea sembrano non essere autorizzarti. Non sembra, infatti, essere stato rispettato il processo di verifiche ed autorizzazioni previsto dal D.P.R.14/01/97 e dalla L.R.28/00. Il Presidente Bubbico è stato invitato per iscritto a prendere atto di quanto denunciato e ad applicare l’art.13 della L.R.28/00 che prevede la chiusura delle attività aperte senza il rispetto delle procedure di verifica ed autorizzazione di cui alla L.R. citata. Ovviamente a tanto non è stata data alcuna risposta. MEDITATE GENTE !!!!!! MEDITATE !!!!!!!!

La sanità che funziona. Il giorno 9 novembre del 2002, presso l’Ospedale di Maratea si è verificato un fatto abbastanza increscioso denunciatoci da un parente di un ricoverato e che è doveroso per noi, Marateoti veraci, legati da un affetto profondo verso il nostro “De Lieto” dover a nostra volta inoltrare. Il Sig. B.V. ricoverato diversi giorni prima insieme ad altri due signori, di cui uno di Lauria e l’altro del Porto, nelle stanze occupate anche da ricoverate donne con un unico bagno in comune, dopo quattro giorni di degenza si vede verbalmente aggredire dalla signora, gelosa ovviamente del bagno in questione. Presente una congiunta del Sig. B.V. anziano d’età e sofferente, dopo essersi rivolta al capo del personale il quale con molta diplomazia, la solita usata da sempre nella gestione delle situazioni che non sono purtroppo insolite e risolutive per i malati, si rivolge dietro insistenza anche al responsabile del reparto, il quale a sua volta, dopo quattro giorni di ricovero, non sapeva ancora la reale situazione sanitaria del Sig. B.V. perché

mai presentatosi in camera, forte del fatto che un altro medico adempiva al proprio compito. Fatto presente questo la sig. congiunta, avvalendosi del fatto che la struttura ospedaliera marateota, rimasta vuota, ha a disposizione stanze e servizi sanitari a volontà, minacciando una immediata denuncia ai Carabinieri dopo qualche ora ha visto il padre spostato in un’altra stanza con un bagno a propria disposizione, mentre gli altri due malati, non difesi da nessuno sono rimasti allo stesso posto e con un disagio notevole irrisolto,cioè l’utilizzo di un bagno in comune con le donne. Approfittiamo di questo episodio per informare i cittadini che da oggi su questo giornale si aprirà una finestra sulle problematiche e sui diritti dei malati che se calpestati, saranno puntualmente difesi fino a portare le loro questioni davanti alla giustizia ordinaria, visto che medici (non Marateoti) come quelli che operano attualmente nel nostro nosocomio hanno dimenticato il “Giuramento di Ippocrate”!!! La Redazione


IL CORSARO

4

SERIE “A” & SERIE “B”

Lettera Aperta:

C he il principio dell’uguaglianza degli uomini non

A lta

SARTORIA

Rosita

r ra Pe Se di an te Gr

M o-

sia dei nostri tempi era ed è risaputo, ma che non fosse nelle usanze di chi per proprio vanto lo promuove, logicamente mi lascia un tantino perplesso. Mi riferisco ai cassintegrati. Premetto che parlare di cassa integrazione è triste e lo è sovrappiù di cassaintegrati in prossimità delle festività di Natale. Periodo che si vorrebbe per tutti sereno e gioioso, ma quanto è successo nella scorsa settimana mi fa pensare che anche in quella sfortunata categoria vi sono Cassaintegrati più cassaintegrati degli altri. Tutto l’establischiment Diessino si è ritrovato a Matera in una manifestazione di sostegno per gli operai della FIAT. Vi erano tutti: il Presidente Bubbico, il Senatore Grosso, il Segretario Regionale Folino con la significativa e importante presenza dell’ex Ministro Bersani. Nulla da eccepire, anzi, mi associo, se mi è permesso alle motivazioni che l’hanno prodotta. Ma, mi chiedo, per i cassaintegrati non marcati FIAT perché non si fanno simili mobilitazioni ? In particolare per quelli prodotti dal famigerato “Polo della Scarpa” aldilà di qualche intervento isolato non vi è stata nessuna riunione dei rappresentanti il Partito dei Lavoratori. Eppure questi sfortunati cittadini sono cassaintegrati DOC. Mi ha risposto qualcheduno: si sono cassaintegrati DOC. prodotti dall’amministrazione di sinistra della nostra regione e pertanto i vari Bubbico, Grosso, Folino e Bersani avrebbero dovuto sensibilizzare del problema loro stessi, e mica sono masochisti. Antonio Carboni

Via Roma n°22 - Lauria Sup. (PZ)

AUGURA BUONE FESTE AUGURI DI BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO DA

rte e f Of

“LAGONEGRO”

“ L’orgoglio di essere di Forza Italia ”

C

ari Lettori, il ruolo che rivesto come Coordinatore Cittadino di Forza Italia a Lagonegro, è per me solo motivo di orgoglio. Appartenere a questo Partito che vedo crescere sempre di più sia a livello locale, con un incremento del 30% circa di iscritti in rapporto allo scorso anno, sia a livello Regionale, sia a livello Nazionale. Questo perché all’interno del Partito sono state valorizzate persone giuste al posto giusto. L’ultima riguarda la nomina avuta direttamente dal Presidente Berlusconi all’Amico Vincenzo Taddei che ora riveste il ruolo di Coordinatore Regionale. Uomo navigato in politica pronto insieme al Consigliere Regionale Pici, al Senatore Ponzo, al Sottosegretario Viceconte e insieme ad altri Amici pronti a portare questo Partito alla conquista di altre prestigiose postazioni. Altro motivo di orgoglio e di ottimismo, è il fatto che le cose a Lagonegro cominciano ad andare bene. Non voglio fare propaganda ma se volessi farla mi riuscirebbe bene, perché l’Amministrazione Costanza ha molti punti a suo favore, infatti in 18 mesi di amministrazione molteplici sono le cose fatte, come da programma elettorale: dal metano, all’acqua, al Sirino, all’area cimiteriale, alla ricostruzione, all’edilizia scolastica, all’attività produttive, all’attività di spettacolo, cultura e sport, al Parco Giada, all’Ospedale Unico, mentre per quanto riguarda i lavori pubblici il nostro Assessore Ing. Carboni ha impresso una concreta vitalità al settore. La vera sfida su cui questa amministrazione è nata è quella dell’alternanza alle sinistre. La politica della sinistra ormai la conosciamo, è a politica di chi punta esclusivamente a mantenere il potere, senza saper, volere e potere affrontare alcuno dei problemi del nostro paese.

Letteta aperta di un cittadino:

S

AUGURA BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO

propone la continuità delle vecchie tradizioni LAURIA (PZ) Mercato Coperto (rione sup.) Tel. 340 7932453

Sono certo che si t r a t t a d i un’Amministrazione di persone capaci, competenti e appassionate o, per parlare con tono più ufficiale una compagine di tutto rispetto, un’Amministrazione fatta da forze Il Coord. Citt. di F.I. Lagonegro nuove alla guida di Domenico Camardo questo paese, e per questo preciso motivo politico, che chiedo venga giudicata sui fatti e non sui pregiudizi. E’ ovvio non sarà facile rimettere il paese sulla via dello sviluppo dopo anni di stagnazione, ma di una cosa potete essere certi, ce la faremo. Lagonegro ha bisogno di fiducia e stabilità. FIDUCIA vuol dire che occorre una perfetta corrispondenza tra la realtà sovrana degli elettori e l’amministrazione , senza di questo un clima di sfiducia continuerà ad “avvelenare” la vita politica e civile della nostra cittadinanza. STABILITA’ vuol dire un’amministrazione di legislatura, capace di durare e di raggiungere grandi obiettivi, rimettendo il cittadino al centro della vita pubblica, restituendo speranza a chi oggi si vede negato il diritto al lavoro. Personalmente come Coordinatore Cittadino userò le capacità che dispongo, cercherò di mantenere un clima di serenità, di reciproco rispetto nei rapporti tra amministrazione e partito, tra classe dirigente e i cittadini. Accetto un gioco duro ma corretto, lavorerò con tutta l’energia di cui dispongo per il bene del Partito. Auguri di Buon Natale e Buon Anno 2003. Domenico Camardo Coordinatore Cittadino F.I. Lagonegro

“Un Cimitero più decoroso”.

ignor Direttore, mi chiamo Salvatore Tronfio. Colgo questa opportunità che ci è offerta dal giornale “Il Corsaro” dove finalmente anche noi possiamo dire “LA NOSTRA”. Parto subito con l’esporre un problema che sicuramente interessa a tutti i Lagonegresi, ovvero il problema del Cimitero. L’annuale ricorrenza della festività dei defunti ripropone un problema che dovrebbe stare a cuore a tutti: il decoro del Cimitero cittadino. Chi ha modo di visitare i cimiteri di altri comuni, anche di quelli a noi vicini può notare facilmente in quanta cura essi siano tenuti. Non esiste comune per quanto piccolo e con poche disponibilità economiche, che non abbia badato a spese per fare del proprio cimitero un luogo decoroso per l’esercizio della pietà verso i defunti, consapevole pure che tale luogo è lo specchio della civiltà di un paese. A Lagonegro da più di venti anni si è provveduto si ad ampliare l’area cimiteriale, ma senza pensare a completare ciò che si è realizzato, in modo che al visitatore il cimitero appare desolatamente come un

Via Prov. Melara, 3 - Tel. 0973.629309 LAURIA (PZ)

C/DA CARROSO - LAURIA INFERIORE (PZ) TEL. 0973.822378

22 DICEMBRE 2002

cantiere aperto. Nessuna pavimentazione, scale di accesso ai vari livelli senza passamano ed intere scarpate lasciate pericolosamente senza un muretto o una ringhiera di sicurezza, mancanza si scoli per le acque piovane, neppure qualcosa che assomigli a delle aiuole, fontanelle fatte squallidamente da tubi di plastica con un rubinetto attaccato alla sommità. L’ingresso è poi assolutamente anonimo e senza un punto di riferimento per un custode. Stesso discorso per la Chiesa, le pareti, il pavimento, il tutto…… danno il senso di un “obitorio” più che un luogo di culto. Spero che questo brevi suggerimenti siano da stimolo per gli amministratori a prendere in considerazione questi problemi, e si auspica che per il prossimo anno si sia almeno provveduto a completare il parcheggio esterno. Un’ultima cosa, davanti a tutti i cimiteri e soprattutto nel mese di novembre, sono presenti numerosi fiorai, anche da noi sarebbe opportuno migliorare questo servizio.

prova il corsaro lucano  

prova il corsaro lucano

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you