Page 1

Anno 4 N°45 AGOSTO 2011

www.ilbrindisino.it Direttore Responsabile Giovanni Cannalire

DISTRIBUZIONE GRATUITA

"Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB S1/BR"

FRANCAVILLA/VIAGGIO NELLE CONTRADE

LA RABBIA DI BAX!

I cittadini delle contrade ubicate lungo la via per Ceglie, sono letteralmente "inviperiti" e protestano contro il sindaco Vincenzo della Corte, in primis. Ma anche contro i politici in genere. Richiesta, anche, una maggiore “presenza” ed “attenzione” di tutti, verso queste zone. “Attenzione” che però - loro sostengono - non si limiti solo durante le votazioni, ed in genere, nel periodo elettorale. Intanto "tuona" anche don Franco Galiano che delle contrade è il padre spirituale. Sua infatti la "cura" della chiesetta dedicata a Santa Maria Goretti e posta ai mar-

gini della pericolosa strada Francavilla-Ceglie e lungo la quale sfrecciano le auto a velocità sostenuta incuranti anche (spesso) del semaforo quando è rosso. Sono 3 le grosse denunce adesso poste sul "piatto", e tutt’ora senza risposta: il bisogno di sicurezza, anzitutto; la necessità, poi, di servizi essenziali; "l’abbandono", infine, dell’ambiente. Riusciranno il sindaco Vincenzo della Corte (primo destinatario della delusione di tanta gente) ma anche i politici e gli amministratori a risollevare le sorti di questa, come di tante altre zone divenute spesso invivibili della "Città degli Imperiali"?

pag. 4 e 5

POLITICA/ SCOOP D'ESTATE

SCATTA IL TOTO-SINDACO!

CALCIO/ IL RUGGITO DELLA VIRTUS FRANCAVILLA

FRANCAVILLA FONTANA

Maurizio Bruno, assessore provinciale del PD, secondo alcuni, potrebbe candidarsi a sindaco alle Amministrative del 2014 che interesseranno la città di Francavilla. «Parlare ora di candidature e nomi sarebbe un errore imperdonabile. Io candidato sindaco? Sarà scelto con lo strumento delle "Prima-

rie". Occorre però individuare prima ancora metodi e percorsi improntati alla massima apertura per non continuare ad essere amministrati dalla destra», precisa Bruno. Noi, però, vi "sveliamo" alcuni dei prossimi candidati. La sfida a della Corte è partita con largo anticipo!

Tutto pronto per il debutto della Virtus in Prima categoria. «In tutto quello che faccio ci metto passione e impegno. Quindi alla squadra di calcio chiederò risultati positivi», dichiara il patròn Antonio Magrì. pag. 26

sono aperte le iscrizioni pag. 6

Asilo Nido

TEMPO PARZIALE 7:30 - 13:00 TEMPO PIENO 7:30 - 16:00 Via San Lorenzo, 244 - Francavilla Fontana (BR) Cell. 338.7600966 - 328.0932963 - 339.2433981

Il centro dispone di un giardino interno, laboratori, ampi spazi adibiti al gioco, al pranzo, al riposo e di una zona morbida per i più piccoli. Il tutto in un intenso clima di affettività e giocosità ludica, un ambiente sicuro e ricco di stimoli.

SERVIZI POMERIDIANI: BABY PARKING - LUDOTECA DOPOSCUOLA - FESTE DI COMPLEANNO


redazione@

.it

II

TERRAZZA ALL’ESTERNO

NOVITÁ Impasti a lunga lievitazione per una massima digeribilità Si organizzano feste di compleanni per tutte le età

Per i più piccoli intrattenimento con Clown Ogni Lunedi tutti i tipi di pucce + bevanda al tavolo solo

€ 4,50

Ogni Martedì e Mercoledì pizza (da menù) + bevanda al tavolo

€ 5,00

Consegne a domicilio

VINCITA A GARANTIT

Via Bachelet, 18/20 Ceglie Messapica (BR) - cell. 333.7890649 APERTO TUTTI I GIORNI (ANCHE IL VENERDI) AD AGOSTO E SETTEMBRE


redazione@

FRANCAVILLA/ ATTUALITÁ

.it

III

di Maria Angelotti

Comune e Provincia dialogano negli studi di Quarto Canale Radio su diversi nodi irrisolti

Su Fiera ed Itis, c'è intesa tra Ferrarese e della Corte Per l'Industriale Fermi è in arrivo un nuovo sito. Per la Fiera la nuova area arriverebbe dalla vendita del quartiere "edificatorio"

L

• DA SINISTRA: IL SINDACO VINCENZO DELLA CORTE ED IL PRESIDENTE MASSIMO FERRARESE. AL CENTRO IL GIORNALISTA GIANNI CANNALIRE.

a sintonia fra l’amministrazione provinciale di Brindisi e quella comunale di Francavilla Fontana viaggia sulle frequenze di Quarto Canale Radio. Una sintonia che suona bene (tanto che, radiofonicamente parlando, viene voglia di metterla fra le hit del momento, con la speranza divenga un classico e non una canzone da suonare giusto il tempo fugace d’una estate) e che potrebbe essere foriera di grandi passi avanti per la città degli Imperiali. Sintonia forse non su tutta la linea (tanti distinguo e tanti differenti punti di vista permangono) ma su alcune questioni importanti gli intendimenti dei due enti quasi coincidono. Due su tutte: Itis Fermi e Fiera dell’Ascensione. Cominciamo dal primo. Ai microfoni di Gianni Cannalire, nel corso di una delle ultime puntate del settimanale di approfondimento “Franca… mente”, tanto il sindaco della Corte quanto il presidente della Provincia Ferrarese hanno reso noto che è giunta l’ora di procedere concretamente all’individuazione di un nuovo sito (compito questo del Comune). Dal canto suo la Provincia aspetterà che il Comune metta a disposizione il suolo. Nel mentre darà incarico ai tecnici di realizzare il progetto del nuovo plesso scolastico. “Il Fermi è una scuola d’eccellenza e deve rimanere a Francavilla. – ha affermato il sindaco della Corte - Come è ben noto il Comune ha messo a disposizione un suolo sin dal 2004. Poi è sorta la “questione traliccio”. Abbiamo com-

missionato uno studio di fattibilità e richiesto un preventivo per lo spostamento del famigerato elettrodotto. Per toglierlo da lì occorre una cifra altissima: 1.200.000euro. Il buon senso ci dice che non conviene e che dobbiamo trovare dunque un nuovo sito. Al momento sul tavolo ci sono due ipotesi. Stiamo lavorando. Su questo siamo d’accordo con il Fermi e con la Provincia”. “Ritengo la scelta di non procedere con lo spostamento del traliccio fatta dall’amministrazione della Corte una scelta assolutamente giusta e condivisibile. – la replica di Ferrarese - Aspetteremo dunque l’individuazione di una nuova area. La volontà è di realizzare a Francavilla il nuovo Itis Fermi. Nel frattempo ho già dato mandato ai miei tecnici di realizzare il progetto”. Convergenza d’opinioni tra i due amministratori anche sul destino della Fiera dell’Ascensione. “Lì dove è la Fiera non ha più alcuna ragione d’essere. – ha dichiarato il presidente Ferrarese Già da presidente di Confindustria Brindisi più volte mi sono rifiutato di andare ad inaugurare quella che tutto era meno che una fiera degna di questo nome. Quella logistica non può più essere utilizzata per una campionaria. Se davvero si vuole rilanciare la Fiera dell’Ascensione occorre trovare un sito fuori dalla città”. “Nel Pug, che è in fase di realizzazione, oltre che occuparci della nuova sede dell’Itis Fermi – ha detto il primo cittadino ai microfoni di Can-

• QUI SOPRA, LA FIERA DI FRANCAVILLA FONTANA (FOTO DI ARCHIVIO). NELLA FOTO A DESTRA, UNA VEDUTA DELL'ITIS FERMI DI FRANCAVILLA.

nalire - stiamo anche pensando al nuovo quartiere fieristico. Escluderei, come pur qualcuno ha suggerito e ancora suggerisce, che esso possa essere allocato dove ora è il Centro di Carico Intermodale (che deve restare con quella destinazione d’uso per cui è sorto con una affine). Certo lavoreremo al nuovo quartiere fieristico, individueremo una nuova area, anche potendo contare sulle risorse scaturite della vendita del suolo in cui esso sorge ora”. Intanto, un'ultim'ora poco prima di andare in stampa. Al vaglio infatti del sindaco e del presidente della Provincia, la proposta per un rilancio del polo fieristico francavillese, avanzata dal Commissario straordinario dell'ente fiera di Francavilla, Donato de Carolis: e cioè quella di dare vita ad un laboratorio economico-culturale jonico-salentino del quale potranno entrare far parte tutte le forze sociali del territorio. Sindaco della Corte e presidente Ferrarese hanno colto infine l’occasione per porgere a tutti i francavillesi ed i brindisini in genere il loro augurio per una estate serena. In particolar modo Ferrarese ha invitato tutti all’ottimismo. “Davanti alle difficoltà economiche ed alla crisi non bisogna mai scoraggiarsi. Dobbiamo lavorare sodo, approfittare di ciò che abbiamo. Investiamo nel turismo, valorizziamo il nostro territorio, le sue bellezze naturali, la cultura, l’enogastronomia. Investiamo sul nostro territorio, che è la nostra ricchezza più grande”.

L'OTTIMISMO DI FERRARESE "Dobbiamo lavorare sodo ed approfittare di ciò che abbiamo. Investiamo sul nostro territorio che è la nostra ricchezza più grande, ad iniziare dalle nostre bellezze naturali, dalla cultura e dall'enogastronomia".

LA PROGRAMMAZIONE DI DELLA CORTE "Nel Pug, che è in fase di realizzazione, oltre che occuparci della nuova sede dell’Itis Fermi stiamo anche pensando al nuovo quartiere fieristico".

Masseria Torricella Ristorante - Sala Ricevimenti via per Carosino, Km. 3.00 - Tel./Fax 0831 812623 72021 Francavilla Fontana (BR)

Ristorante Sala Ricevimenti

PER OGNI OCCASIONE: MATRIMONI, BATTESIMI, COMUNIONI... O PER UNA SEMPLICE SERATA TRA AMICI

Aperto tutte le sere con sistemazione tavoli all’aperto a pranzo su prenotazione


redazione@

.it

IV

di Giovanni di Noi

FRANCAVILLA

Fotoservizio: Giovanni di Noi

Delusi i residenti in contrada Bax e zonali, stanchi di sentirsi abbandonati

«Sindaco, basta con le tue promesse: una volta per tutte, adesso portaci fatti!» Nell'occhio del "ciclone", le generiche tante carenze ed i politici "fantasma", molti dei quali compaiono o scompaiono "a piacimento", magari in occasione e concomitanza delle campagne elettorali • "IL PERICOLO IN AGGUATO": CONSUETO RADUNO DI RESIDENTI IN PIAZZETTA, MENTRE A POCHI METRI SFRECCIANO A TUTTA VELOCITÁ LE AUTO.

• DA SINISTRA: L'INCROCIO TEATRO DI MOLTI INCIDENTI MORTALI; LA BACHECA; LA PROTESTA DI LUIGI MARINOSCI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE; L'IMMONDEZZAIO: PER TERRA, DAVANTI AD UN BIDONE.

• "RIUNIONE" DI RESIDENTI DELLA CONTRADA ALLA "PRESENZA" DEL GIORNALISTA, CHE LI RITRAE.

Q

uello che in contrada “Bax” i residenti chiedono è anzitutto più sicurezza. Ad essere carente poi anche l’illuminazione, per la verità molto scarsa. Da qui la loro richiesta anche di una maggiore “presenza” ed “attenzione” dei politici, tutti, verso queste zone. “Attenzione” che non si limiti - si badi bene - solo a quella morbosa, costante, serrata e per certi versi anche forse un pò petulante come invece avviene, fisiologicamente, durante le votazioni ed in genere nel periodo elettorale. Ed è così che con queste “surriscaldate premesse” delle quali siamo venuti a conoscenza, siamo andati - per verificarle, anzitutto - ad incontrare i residenti delle contrade di Bax e vicinali. Residenti, che al sindaco di Francavilla - Vincenzo della Corte - agli amministratori comunali competenti ed ai politi-

ci tutti - «di tutti gli schieramenti, di quelli che vengono qui, quando ci sono le elezioni e la campagna elettorale...» - hanno qualcosa da dire e che ha a che fare con il fatto di sentirsi completamente “abbandonati”. «Bella schifezza! – esordisce in coro un nutrito gruppo di residenti di contrada Bax sceso in strada per gridare le ragioni della loro protesta contro sindaco, amministratori ed i politici locali, appena saputo che c’era un giornalista (noi, ndr) che si stava interessando ai problemi da loro sollevati e che li attanagliano oramai da tempo -. Qui - ci spiega Cosimo Lodedo – la zona è molto bella, però ci hanno abbandonati! É un “macello” (la parola è stata “edulcorata”, ndr) perché qui non si vede una pattuglia, niente: la nostra paura e preoccupazione è infatti anzitutto

rivolta tutta verso i nostri figli, i nostri bambini quando devono attraversare la strada magari perché vogliono giocare. Qui per la verità spazi aperti e disseminati non ne mancano certamente! Il problema piuttosto sono le auto che sfrecciano a velocità elevata e per di più molto spesso passano anche con il rosso, all’incrocio semaforizzato sulla Francavilla-Ceglie». C’è poi - anche qui - il problema legato all’inciviltà di molti. «Molti sconosciuti sono soliti venire qui in questa zona - denunciano i residenti di Bax - e abbandonare i rifiuti in terra, per strada o vicino ai cassonetti dell’immondizia. Magari anche vicino alle nostre case!». «Il sindaco, i politici, come i consiglieri e gli assessori, vengono qui solo a prenderci in giro a tutti: a promettere, promettere, ma poi non mantengono – la denuncia di Luigi Marinosci -. Sindaco, dov’è la luce che manca? Sindaco lei lo sa che non possiamo mandare fuori da casa i bambini di sera a giocare o passeggiare perché manca la luce? É da tempo poi – sono 30

anni – che abbiamo questo pozzo dell’acqua... che non funziona! Sindaco lei lo sa questo? Sindaco della Corte, ci aveva promesso di fare qualcosa per la piazzetta qui... che fine ha fatto sindaco della Corte e le sue promesse?», sono le domande “urlate” alla volta al sindaco - in primis - dai residenti che manifestano così tutto il loro disappunto e contrarietà circa quello che secondo loro risulterebbe essere il “non buon-operato” del sindaco Vincenzo della Corte almeno per quel che concerne la carenza di attenzioni ed iniziative nei confronti di queste contrade composte da cittadini – 850 anime circa – che qui dimorano estate ed inverno. Ed allora a questo punto, da qui decidiamo di approfondire. I collegamenti, tanto per cominciare, come sono?, chiediamo. «Purtroppo qui – ci rispondono – servirebbero più corse giornaliere di collegamento con i bus verso la città. Quelle che ci sono per la verità risultano scarse e carenti e poi sono tutte solo di giorno. Alla sera niente, purtroppo!», ci spiegano

alcuni di loro ormai quasi in preda alla rassegnazione. Per la verità, tra le altre, notiamo anche che non ci sono manifesti pubblici comunali sulla bacheca del luogo. «La zona secondo me è stata abbandonata completamente dal Comune di Francavilla - ci conferma Angelo Colucci - qui sopra non arriva niente. Basta pensare che non ci sono neppure i manifesti del Comune e se vogliamo sapere qualcosa dei manifesti pubblici dobbiamo andare a leggerceli in città a Francavilla». «Sulla zona, perché non ci mettono le telecamere per sanzionare chi passa con il rosso al semaforo – suggerisce Pietro Filomena –. Abbiamo paura che ci mettono sotto con le macchine: i vigili, che venissero qui a mettere le telecamere così tolgono un pò di patenti!», l’amaro commento di questo signore davvero molto contrariato e preoccupato per come vanno male le cose qui in questa zona, “abbandonata da sindaco e dagli amministratori”. Insomma la gente residente e la

pubblica opinione attende adesso che chi di competenza si sbrighi ad operare e venga qui ad intervenire con quello che deve essere fatto. La gente ha bisogno di risposte concrete, che finalmente (si spera!) possano arrivare dopo – parole della gente di qui – le tante parole date dal sindaco e dai diversi politici in campagna elettorale tutte le volte (tante, sembrerebbe) che, invece, in campagna elettorale sindaco e politici sono andati a “trovare” queste persone per verificare come stavano i residenti e come fosse la situazione di queste contrade. Se insomma fosse necessario risolvere i problemi che affliggono la zona. Parole, però, fin qui – fino a prova contraria – ed almeno fino a questo momento, di fatto non mantenute. Adesso – per dovere di cronaca – però attendiamo di conoscere il parere del sindaco di Francavilla e di quanti si sentano “chiamati” ad intervenire per risolvere i problemi che attanagliano - da tempo immemore ormai – la gente in queste zone.


redazione@

.it

V

di Giovanni di Noi

FRANCAVILLA

Fotoservizio: Giovanni di Noi

A colloquio con il giornalista, il parroco della zona manifesta le sue preoccupazioni

«Necessario “ridisegnare il giardino dell’uomo”» Parla don Franco Galiano, dei residenti delle Contrade il "pastore"; ma anche l'unico, forse, concreto punto di riferimento Sono 3 le grosse denunce avanzate da don Franco Galiano, e tutt’ora senza risposta: il bisogno di sicurezza; la necessità di servizi essenziali; infine, l’abbandono dell’ambiente • UN PRIMO PIANO DI DON FRANCO GALIANO.

«

Bax è la zona rurale residenziale più estesa di Francavilla Fontana. L’anagrafe cittadina indica la residenza di oltre 850 abitanti sparsi su un territorio che va dal casello ferroviario di via Ceglie Messapica alla masseria Castelluccio e dalla via dell’Agriturismo della Tredicina, alla superstrada per Taranto. Le contrade più abitate sono quelle di Bax e Capece, numerose sono anche le famiglie di Palmarino e di Carlo Di Noi Inferiore, seguono infine le contrade di Carlo di Noi Superiore e di Pane e Passole. Contrariamente a quanto si pensa, la popolazione che

• GIOVANI ED ANZIANI, DISCUTONO TUTTI INSIEME.

fa parte della Parrocchia Santa Maria Goretti, eretta in Bax nel 1984, dal Vescovo Mons. Armando Franco, è costituita da famiglie prevalentemente giovani» dichiara il parroco, don Franco Galiano. Ed aggiunge: «Oltre i 2/3 della popolazione è al di sotto dei cinquant’anni e oltre 1/3 al di sotto dei trent’anni. Per quanto le nascite nell’ultimo decennio siano diminuite del 20% il decennio 2000/2010 conta 80 bambini. Bax, si può, quindi, considerare una piccola, ma giovane e vitale comunità civica e parrocchiale. Quanto alla sua considerazione nell’ambito civico, non si riscontra da decenni un’attenzione adeguata né rispetto alle persone, né all’ambiente, né alla sicurezza, né, infine alla promozione e integrazione del territorio alla vita civica. Chi ha provato ad interpellare gli abitanti, ha dovuto subire delle chiare e precise denunce di abbandono, di fronte alle quali, non hanno mai ricevuto una risposta concreta, ma solo promesse, svanite nel tempo e subito dopo ogni tornata

elettorale. Il rettilineo che attraversa il territorio della contrada Bax, è privo di segnaletica adeguata, che possa allertare e obbligare ad un necessario rallentamento della corsa incosciente e incontrollata dei veicoli che piombano sull’incrocio principale, quello di Bax, magari incoraggiati a premere ancor più l’acceleratore, avvistando a distanza un semaforo verde, quando non riesce a fermarli neanche col rosso, che nasconde le insidie di uno snodo di centro abitato, sul quale insistono un Luogo di Culto, addirittura sede parrocchiale, con regolare frequenza di fedeli di ogni età e particolarmente di bambini e anziani. Nonostante il ripetersi di incidenti, anche mortali, i reclami e le denunce della popolazione da decenni non vedono risposte concrete, sia nella segnaletica stradale, negli accorgimenti presenti in altre località del territorio, in una illuminazione che renda vivibile anche di sera il Centro di Culto e l’annessa piazzetta, unico luogo di aggregazione della comunità». Ma la sicurezza non è solo quella stradale. «Dovremmo guardare dichiara a tal proposito il prete - alla sicurezza nelle nostre case, nelle nostre contrade. Non c’è mai stata una festa, una ricorrenza che non abbia lasciato (...) non si riscontra da decenni un’attenzione adeguata né rispetto alle persone, né all’ambiente, né alla sicurezza, né, infine alla promozione e integrazione del territorio alla vita civica ( ... );

un po’ di amaro in bocca a qualcuno che ha voluto rischiare di lasciare la propria abitazione senza opportuna vigilanza. Le difficoltà dei parrocchiani di Bax non sono diverse da quelle degli altri cittadini. Considerato il contesto, certamente esiste qualche difficoltà in più per le distanze, la mancanza di servizi, la viabilità mantenuta a livelli di

sentieri impraticabili con le auto, indispensabili, e senza scampo negli spostamenti da una abitazione all’altra. Non è certamente sufficiente vedere affacciarsi le Forze dell’Ordine e della Polizia Municipale, esclusivamente per i controlli di rito o per consegna di atti d’ufficio». Sotto accusa l'aspetto urbanistico della zona. «Manca una rete stradale - precisa don Franco - che dia dignità di sito residenziale alle contrade della Parrocchia e la carenza di marciapiedi, di illuminazione, di piste ciclabili, che ridurrebbero la necessità dell’auto, anche per brevi percorsi e sempre per mancanza di sicurezza e di agibilità delle sconnesse stradine di campagna, impediscono la fruibilità degli spazi e delle contrade, non solo a chi potrebbe meglio valorizzare la caratteristica geologica del territorio nei periodi estivi, ma soprattutto per chi ne è legato da sempre e ne sente un’appartenenza, che neanche l’assenza di servizi indispensabili, riesce a spezzare». C'è poi anche la necessità della definizione e realizzazione di spazi identificativi della contrada. «Come la Piazzetta - conclude don Franco Galiano in attesa di permuta, per la realizzazione di un salotto vivibile e dignitoso accanto alla Chiesetta Parrocchiale di Santa Maria Goretti, sogno nel cassetto di piccoli e grandi da generazioni che si susseguono e che è puntualmente deluso. La disponibilità dell’acqua potabile, poi. Almeno la messa in funzione del Pozzo Artesiano la cui torre fantasma incombe da decenni sulla Piazzetta!».

• LUOGO DI CULTO E AGGREGAZIONE SOCIALE: LA CHIESA DEDICATA A SANTA MARIA GORETTI, PUNTO DI RIFERIMENTO.


redazione@

FRANCAVILLA/ POLITICA

.it

VI

di Maria Angelotti

Bruno (PD): «Io candidato sindaco? A sceglierlo saranno le Primarie»

Q

• L'ASSESSORE PROVINCIALE MAURIZIO BRUNO.

• I BANCHI DI ALCUNI DEI CONSIGLIERI DURANTE I LAVORI DELLA CIVICA ASSISE A FRANCAVILLA.

uattro chiacchiere sotto l'ombrellone con un giovane -veterano della politica di casa nostra: l'assessore provinciale Maurizio Bruno. Che qualcuno vede quale prossimo candidato sindaco per il centro-sinistra, più o meno unito, della "Città degli Imperiali". Da qualche tempo è presa a circolare la notizia secondo cui lei, Maurizio Bruno, potrebbe essere il prossimo candidato sindaco del centrosinistra per le elezioni amministrative del 2014. Tra l'altro non sarebbe questa la prima volta che nel gioco del "totosindaco" spunta fuori il suo nome. Cosa c'è di vero in questa notizia? E se vera è, chi ha proposto la sua candidatura? Il suo partito? Il suo elettorato? O è lei che si è autocandidato? “La ringrazio della domanda perché mi offre l'opportunità di chiarire una vicenda che si trascina da ormai troppo tempo sulla stampa. Parlare in questo momento di candidature e di nomi sarebbe un errore imperdonabile, perché ciò vorrebbe dire che nulla si è imparato dagli errori commessi nel recente passato. Per questo smentisco qualsiasi ipotesi di candidatura o autocandidatura. Detto ciò approfitto dell'occasione per chiarire un punto che ritengo assolutamente determinante. La stesura del programma di governo, la costruzione della coalizione ed infine l'individuazione del candidato sindaco dovranno essere processi caratterizzati dalla massima apertura e partecipazione dei cittadini. Il candidato sindaco, per tornare in modo specifico alla sua domanda, dovrà essere scelto attraverso le primarie. Il tempo delle decisioni partorite nelle segrete stanze è terminato da un pezzo. In questo quadro ognuno ovviamente farà le proprie valutazioni, compreso il sottoscritto. Credo che fare il sindaco della città in cui si è nati e cresciuti, nella città in cui si è speso da sempre il proprio impegno politico e la propria passione civica, rappresenti il sogno più

grande per chiunque. Tuttavia, lo ripeto, prima di parlare di nomi e candidature occorre individuare metodi e percorsi improntati alla massima apertura e partecipazione, per non incappare negli stessi errori che hanno consegnato la città ancora una volta nelle insipienti mani della destra”. Da quello che potrebbe essere il futuro prossimo a quello che è il presente: qual è il bilancio di questi primi due anni alla Provincia? Soddisfatto del suo lavoro? “Sono pienamente soddisfatto, il bilancio di questi primi due anni è assolutamente positivo sia sotto il profilo amministrativo che sotto quello squisitamente politico. Nonostante i tagli massicci imposti dal Governo centrale che hanno penalizzato fortemente l'Ente, siamo riusciti, attraverso una puntuale opera di programmazione, a rispondere alle esigenze più cogenti manifestate dal territorio. Nello specifico l'assessorato che ho l'onore e l'onere di guidare è intervenuto in maniera sensibile sulla sicurezza stradale, attraverso numerosi interventi che hanno riguardato una rete viaria troppo spesso teatro di dolorose tragedie. Chiunque avrà notato le numerose rotatorie realizzate che, unitamente ad interventi mirati di rifacimento e rettifica di numerosi tratti stradali, hanno indubbiamente aumentato il livello di sicurezza per tutti i cittadini. Ovviamente siamo perfettamente coscienti che c'è ancora tanto da fare, nonostante il nostro compito sia reso sempre più difficile dalla continua riduzione delle risorse a cui dobbiamo far fronte. Sempre rimanendo sul tema amministrativo, un grande impegno è stato profuso nel capitolo dell'edilizia scolastica, vero fiore all'occhiello dell'amministrazione provinciale. Abbiamo introdotto un principio molto semplice, ma estremamente innovativo: destinare i soldi spesi per gli affitti di edifici adibiti ad istituti scolastici nel-

la costruzioni di nuovi e moderni istituti. Il Flacco di Brindisi, il nuovo Itis di Francavilla, il Fermi ed il Maiorana di Brindisi, l'Istituto professionale femminile di Fasano rientrano tutti in questa originale politica di gestione ed investimento delle risorse. A ciò si aggiungono gli interventi che ammontano a circa sei milioni di euro, effettuati per mettere in sicurezza numerosi edifici scolastici della Provincia. Sul piano squisitamente politico sono soddisfatto doppiamente perché ho creduto sin dal primo momento al progetto del "Laboratorio Brindisi", verificando successivamente che è possibile costruire una coalizione che metta insieme forze riformiste e moderate in un quadro di governo del territorio virtuoso e per molti aspetti innovativo ed efficace”. Recentemente nel suo partito, il Pd, non sono mancate le fibrillazioni. Voci di dimissioni e malcontenti vari sono circolate senza smentite. Qual è lo stato di salute del Pd a Francavilla? E' un partito unito? “Il Pd è un partito assolutamente unito. In questi anni, grazie allo straordinario lavoro del Segretario Marcello Cafueri e di tutto il gruppo dirigente, si è ricostruito e rilanciato un partito uscito indubbiamente malconcio dalle elezioni amministrative del 2009. Ovviamente le discussioni non mancano, ma ciò avviene perché il Pd è un partito e non una "corte" dove a decidere è sempre ed esclusivamente il Re di turno. Il Pd ha una sede aperta tutti i giorni, un gruppo dirigente laborioso e competente, una splendida organizzazione giovanile, è un partito in cui si celebrano puntualmente congressi e momenti di confronto. Non credo che esistano ad oggi movimenti o partiti che possano affermare, senza tema di smentita, le stesse cose”. Candidato sindaco a parte, nel 2014, quando cioè si tornerà a votare, bisognerà lavorare anche sulle alleanze e sulle coalizioni. E' realismo o fantapolitica pensare a Francavilla ad una larga coalizione che veda il Pd assieme all'Udc, Noi Centro e a Sel? “Il tema delle coalizioni, come ho già detto, deve rientrare in un processo più ampio di confronto e partecipazione. Ritengo che per diventare forza di governo il centrosinistra debba necessariamente avviare un processo politico inclusivo che, partendo dall'elaborazione e dalla condivisione di un programma di governo fortemente innovativo e dall'esperienza maturata in Terra di Brindisi, si presenti all'appuntamento del 2014 con una coalizione in grado di mandare a casa una destra che in 20 anni di governo della città ha dimostrato tutta la sua incapacità amministrativa. Per questi motivi ritengo che l'allargamento della coalizione rappresenti non un'ipotesi, ma una condizione necessaria. Francavilla non può permettersi altri anni di malgoverno della destra. In quest'ottica il "Laboratorio Brindisi" è indubbiamente un modello positivo che può essere importato con successo anche a Francavilla”.

Scatta il toto sindaco (d’estate!)

L

• VINCENZO DELLA CORTE.

PDL

• MAURIZIO BRUNO.

PD

• MARIO FILOMENO.

IDV, DEMOCRATICI PER LA COSTITUZIONE

• GIANNI CAPUANO.

UDC

e prossime Amministrative si celebreranno nel 2014. In queste assolate giornate d’estate (con a tratti rovesci temporaleschi), abbiamo fantasticato sulle prossime candidature a sindaco per quanto riguarda la città degli Imperiali. Ecco cosa ha “partorito” la nostra mente, frutto dei “colpi

di sole”. Alla sicura riconferma del dott. Vincenzo della Corte quale candidato sindaco alle amministrative future si aggiungono, i primi aspiranti alla poltrona di Primo cittadino. Primarie a parte, la domanda è una sola: il centro sinistra si presenterà ancora diviso?

NEW MEDICAL TREND s.r.l. via Mons. A.Franco, 9 - 72021 Francavilla Fontana (Br) www.newmedicaltrend.it - TEL.FAX. 0831.842215 - info@newmedicaltrend.it


redazione@

.it

VII


redazione@

FRANCAVILLA/ ATTUALITÁ

.it

VIII

di Gianni Cannalire

Niente climatizzatori in diverse stanze. Quelli esistenti sono pure rumorosi

Vigili colpiti da zanzare ed afa Unica nota lieta, l'arrivo di otto rinforzi provvisori

A

• LUNGO LA VIA PER SAN VITO, ECCO COME APPARE LA FACCIATA ESTERNA DELLA SEDE DEL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE A FRANCAVILLA.

soffrire l’afa e l’umidità in estate non sono solo le persone anziane e quanti in casa non hanno la possibilità di trovare refrigerio con un buon condizionatore. Ma anche i tanto bistrattati (spesso dai cittadini per via delle multe) vigili urbani. Niente aria condizionata in diverse stanze del comando di Polizia municipale. Addirittura da tempo uno dei due gros-

si condizionatori installati lungo il corridoio risulta essere spento. Il motivo è semplice. Occorre un sistema, un piccolo marchingegno in grado di sopportare il peso della potenza di energia elettrica. “Il Comune non ha soldi”, è la laconica risposta che sarebbe stata fornita ai vigili. Ragion per cui non si può accendere il grande condizionatore. A Francavilla in questi giorni si sono su-

• CORRIDOI NELLA SEDE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI FRANCAVILLA.

perati anche i 40 gradi di temperatura esterna, con tassi di umidità elevatissimi. Il comando di Polizia municipale, i cui uffici sono tutti posti al piano terra, in-

siste su una strada con elevato traffico e su di un’area dove a pochi passi scorre il Canale Reale, l’antico fiume navigabile citato da Plinio il Vecchio. Il mantenimento del normale microclima in questo particolare periodo dell’anno è affidato per alcune stanze a vecchi e rumorosissimi condizionatori. “Tanto è il rumore che a volte preferiamo sopportare l’afa” bisbiglia qualche vigile. Negli uffici viabilità e notifiche il climatizzatore è un optional. Non lo si è mai visto. E’ come cercare un ago in un pagliaio. Non sono, invece, un optional le fastidiosissime zanzare che volteggiano in assoluta libertà in quelle che un tempo erano le celle dei carcerati. Questo comando prima dei vigili ha ospitato i detenuti, essendo stata Francavilla, sede del carcere mandamentale, poi soppresso. Una ripulita, o meglio una disinfestazione della vasta area esterna al comando di Polizia municipale sarebbe auspicabile. Verrebbero così assicurate migliori condizioni di salubrità e di igiene in tutta la zona, “Reale” permettendo. Per fortuna sono arrivati - notizia lieta - i rinforzi sia pure “a tempo”. Si tratta di otto vigili assunti con un contratto a tempo determinato per quattro mesi.

www.cervellera.it

Porte e Finestre

NOVITÁ

L’INNOVATIVA FINESTRA IN LEGNO e ALLUMINIO

SHOWROOM APERTO ANCHE LA DOMENICA

Viale del Commercio, Z.I. S.S. 7 BR/TA - uscita Zona Ind. 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. 0831 1816309 Cell. 349 6273196


redazione@

.it

IX


redazione@

.it

X

Dal Nostro Inviato Giovanni di Noi

S. MICHELE SALENTINO

Fotoservizio: Giovanni di Noi

Ecco il punto di vista del dott. Fabrizio Guglielmi, Segretario cittadino della “Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista”, in vista delle prossime elezioni amministrative

«Qui (forse) vivono bene commercianti e professionisti» Dice Guglielmi: «Peccato che nella cartolina da agenzia di viaggi, costruita meticolosamente dal sindaco e dalle sue Giunte in questi anni, mancano i volti, i nomi e le storie dei sanmichelani»

M

• FABRIZIO GUGLIELMI SEGRETARIO CITTADINO DELLA “FEDERAZIONE DELLA SINISTRA – RIFONDAZIONE COMUNISTA”.

a cosa ne pensano i cittadini? É questa forse la domanda che più sovente sorge spontanea, alla luce del fatto che a San Michele Salentino l’anno prossimo si vota per il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale. Una domanda generica e generalista, al fine proprio di dare spazio e libero sfogo al “pensiero” di tutti i cittadini di San Michele Salentino. Alla maggior parte, per lo meno. E lo vogliamo fare ascoltando di volta in volta chi rappresenta – nella maggior parte dei casi – il modo di pensare di una co-

munità di gente. I partiti ed i politici. Dopo che nello scorso numero abbiamo “dialogato” con il Primo Cittadino Alessandro Torroni, tempo di “bilanci” e di “dialoghi” anche con e per tutti gli altri partiti a San Michele Salentino che cominciano a pensare in positivo e soprattutto a prepararsi in vista delle prossime elezioni amministrative in programma per il 2012. Ospitiamo in questo numero Fabrizio Guglielmi, Segretario cittadino della “Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista” di San Michele

Salentino ed il sen. dott. Euprepio Curto, Coordinatore provinciale dell’UDC (nella terza delle pagine su San Michele Salentino). Il dott. Fabrizio Gugliemi, attualmente (e sino al prossimo Congresso) è il Segretario cittadino della “Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista” circolo “A. Gramsci” di San Michele Salentino. Trentasei anni è Assistente Sociale, laureato presso l’Università di Lecce. Lavora a San Michele Salentino presso una comunità riabilitativa psichiatrica dove si occupa anche di associazionismo e progettazione sociale partecipata. Per sua stessa ammissione convive felicemente ed ha un bimbo di circa tre anni. Quali sono le iniziative più significative che la “Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista” porta avanti nel corso dell’anno? Negli ultimi dieci anni abbiamo cercato di riportare su scala locale le grandi questioni promosse dal movimento altermondialista: la pace, i diritti umani, la giustizia sociale ed i beni comuni. Un percorso culturale e politico articolato che ci ha visto impegnati, quest’anno, nella promozione del Comitato Referendario Locale e nell’animazione della campagna referendaria. Un impegno condiviso che ci ha consegnato un bellissimo risultato anche a livello locale. Per l’autunno invece partirà la

campagna del tesseramento 2011, in concomitanza con il lancio della Campagna Nazionale “La Soluzione C’è”, attraverso la sperimentazione di forme innovative di partecipazione ed azione politica. Porteremo per le vie e le piazze del paese la brezza dolce e fresca del mediterraneo in rivolta. Dott. Guglielmi, la “Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista” di San Michele Salentino come intende muoversi in occasione della prossima tornata elettorale? In maniera pragmatica, coerente e partecipata. Mentre altri litigano sul candidato sindaco, noi cercheremo di realizzare le “primarie sul programma”, coinvolgendo tutti i cittadini di buona volontà. Cercando di andare oltre i partiti, coinvolgendo la società civile locale, in maniera diretta, su questioni concrete che riguardano immediatamente da vicino la qualità della vita nella nostra comunità: il bilancio partecipato, la filiera corta agro-energetica, il salario sociale municipale, la mobilità sostenibile, la convivialità popolare. Parliamo di tattica politica: restare a guardare le mosse ufficiali degli avversari oppure agire d’iniziativa per batterli sul tempo? Tattica, strategia, competizione, forza …. È il linguaggio militaresco della vecchia politica, non ci affascina né ci appartiene. Preferiamo la chiarezza e

la concretezza delle idee e dei fatti. Per noi la politica non è una gara, quanto il lento costruire l’alternativa allo stato di cose presenti. Le giovani generazioni in rivolta del mediterraneo hanno dimostrato, ancora una volta, che è possibile cambiare il mondo senza prendere il potere. Lasciamo perciò ad altri gli affanni e le ansie della rincorsa a tutti i costi alle poltrone ed ai

Panificio Focacceria

Martinelli

Pane Azzimo senza lievito Frise senza lievito Pane e Focacce con farine varie:

Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Farro Soia Cereali Orzo Avena Kamut

Via Tasso, 3 San Michele Salentino (Br) Cell. 328 75 44 270 / 328 93 193 21


redazione@

S. MICHELE SALENTINO privilegi annessi. Abbiamo iniziato da diversi anni un percorso politico, culturale e sociale, che intendiamo proseguire, per cui le scadenze elettorali passano, il nostro lavoro per il cambiamento continua. Dott. Guglielmi, come si vive a San

Michele? La qualità della vita a San Michele è buona: raccolta differenziata, spazi verdi, esercizi commerciali. Si vive bene a San Michele, se hai un lavoro regolare, se non sei una donna, se non sei un disabile, se non sei un immigrato, se non sei un giovane, se non hai la pensione sociale. Chi vive bene a San

.it

XI

Dal Nostro Inviato Giovanni di Noi Fotoservizio: Giovanni di Noi

Michele? Forse, solo, i commercianti ed i liberi professionisti. Venite a vivere a San Michele, i due terzi delle case sono vuote…. ed in vendita. Ha letto le parole del sindaco nello scorso numero? Secondo lei questa città di cosa ha realmente bisogno e che, invece, manca? Si, ho letto l’intervista al nostro sindaco. Concordo pienamente con lui, il nostro paese è il più bello del mondo. Tutti sono ricchi e felici e spensierati. Si vive bene, immersi nel paesaggio senza tempo della provincia salentina. Un’oasi di pace e cose buone da mangiare. Una cartolina quasi perfetta per i turisti. Se a ciò ci aggiungiamo la cattedrale comunale, i campi da golf, la stazione ferroviaria, il molo per gli yacht e l’aeroporto internazionale, il quadro è perfetto. Peccato che nella cartolina da agenzia di viaggi, costruita meticolosamente dal sindaco e dalle sue Giunte in questi anni, mancano i volti, i nomi e le storie dei sanmichelani. Non poteva essere altrimenti, per un sindaco che si autodefinisce manager e che considera il paese una azienda, l’umanità che popola la nostra cittadina non può che essere invisibile, muta e scodinzolante. Questo manca e per questo facciamo politica: per riappropriarci del senso di umanità e del futuro, dei beni comuni e della solidarietà, per ridare senso all’essere cittadini, liberandoci dalle leggi di mercato. La gente ha sete di notizie ed è giusto che i lettori sappiano: vogliamo lanciare qualche previsione su vostri candidati e programmi in occasione delle prossime elezioni amministrative? Come ho già spiegato, candidati e

SAN MICHELE

Estate

• LA PUBBLICA PIAZZA IN CENTRO A SAN MICHELE SALENTINO. AL CENTRO, NELLA FOTO A SINISTRA: LA SEDE DEL COMUNE, CON ANNESSO IL COMANDO DELLA POLIZIA MUNICIPALE.

programma saranno il risultato di un percorso di ascolto attivo, partecipato, accogliente e condiviso che inizierà in autunno. Un percorso aperto, dagli esiti non prevedibili, che scavalca le logiche di partito per riconsegnare ai cittadini il diritto/piacere di fare politica e di prendere decisioni. In questo quadro di chiarezza metodologica, lasceremo maturare quella che ad oggi è solo una piacevole suggestione, ispirataci da alcuni amici grillini, ovvero la nascita della Lista Civica San Michele a 5 Stelle, dove ad ogni stella corrisponde un punto programmatico. Costruiamo insieme il nuovo municipio, la libertà è partecipazione. • DA SINISTRA: FABRIZIO GUGLIELMI, INSIEME CON ALCUNI MILITANTI NEL CORSO DI UNA MANIFESTAZIONE LOCALE.

X EDIZIONE “FIERA DELLA FICA MANDORLATA”

26 - 27 - 28

AGOSTO 2011


redazione@

S. MICHELE SALENTINO

.it

XII

Dal Nostro Inviato Giovanni di Noi Fotoservizio: Giovanni di Noi

Parla il sen. dott. Euprepio Curto, nella sua veste di Coordinatore provinciale dell’UDC, in merito alle prossime amministrative

L'UDC metterà in campo candidati credibili e capaci Il programma - dice Curto - sarà concordato tra i soggetti politici che si uniranno all’Udc nell’importante competizione elettorale "Non siamo abituati a fare la corsa sugli altri. E quindi non adotteremo una tattica politica consequenziale alle mosse di coloro che nella tornata amministrativa si troveranno sull’altro versante politico".

S

enatore Curto, voi dell’UDC come intendete muovervi su San Michele Salentino in occasione della prossima tornata elettorale? Cercheremo di proporre un progetto di città capace di coinvolgere sul piano della razionalità, ma anche sotto il profilo emotivo una opinione pubblica che intendiamo far diventare protagonista del proprio destino. Parliamo di tattica politica: restare a guardare le mosse ufficiali degli avversari oppure agire d’iniziativa per batterli sul tempo? Non siamo abituati a fare la corsa sugli altri. E quindi non adotteremo una tattica politica consequenziale alle mosse di coloro che nella tornata amministrativa si troveranno sull’altro versante politico. Cercheremo invece di veicolare idee, progetti e uomi-

• UNA IMMAGINE IN PRIMO PIANO DEL SEN. DOTT. EUPREPIO CURTO, COORDINATORE PROVINCIALE DEL PARTITO DI PIERFERDINANDO CASINI: L'UDC.

ni capaci di raccogliere la fiducia della popolazione di San Michele Salentino. Qualche previsione su candi-

dati e programmi? Il programma sarà concordato tra i soggetti politici che si uniranno all’Udc nell’importante

competizione elettorale. Su ipotesi di candidati non ho intenzione, almeno per il momento, di pronunciarmi.

Ma non c’è dubbio che già nell’ultima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio provinciale l’Udc riuscì a mettere in campo esponenti politici credibili e capaci di conseguire dignitosissimi risultati sotto l’aspetto del consenso. Pensa con favore ad una ipotesi di alleanza “PD - UDC NOI CENTRO - SINISTRA ECOLOGIA”? Penso con favore a tutte quelle alleanze che consentano all’Udc di farsi onore in una competizione che sarà sicuramente molto impegnativa.

Carni Bovin e, Suine e P ollami

. . . à t i l a u q i d e n r a La C arne Preparati di c

Via V.Emanuele III° ang. L. da Vinci San Michele Salentino (BR) - cell. 366.5982399


redazione@

.it

XIII

di Giovanni di Noi

FRANCAVILLA/ PROTEZIONE CIVILE

Fotoservizio: Giovanni di Noi

Si tratta del SEF e della PROCIV-ARCI

Ecco chi sono i nostri Angeli custodi • UNA FOTO DI GRUPPO CON ALCUNI DEI VOLONTARI DELLA PROCIV-ARCI DI FRANCAVILLA.

QUI PROCIV-ARCI

T

empo d’estate, spesso si torna a parlare di volontari come di “angeli” che sovente affiancati a forze dell’ordine, sanitari, ed operatori di pronto soccorso, talvolta provvedono a garantire anche prontezza e sicurezza nei soccorsi, in generale. Ed il pensiero molto spesso si riferisce alla “Protezione civile”. Ci siamo posti allora un quesito ben specifico: ma allora nella “Città degli Imperiali” ci sono volontari della Protezione civile? E come operano? E nel caso di calamità naturali, sono pronti ad intervenire? Abbiamo così deciso di fare un giro e dopo averne verificato l’esistenza (non una, ma addirittura ben due associazioni di Protezione civile) abbiamo allora incontrato chi di Protezione civile si occupa a Francavilla Fontana e che nella Protezione civile opera in qualità di volontario. I presidenti di “Prociv-Arci” (Mimmo Lupo) e “Sef” (Fernando Pantaleo). La Prociv-Arci Francavilla Fontana onlus è guidata da Mimmo Lupo, da molti anni nel mondo del volontariato. «Sono dipendente di un Ente Pubblico locale - ci spiega, preliminarmente, Mimmo Lupo -. Sono felicemente sposato con Ada che mi ha dato uno splendido bambino di nome Pierpaolo. Da noi in associazione contiamo circa 60 unità tra risorse operative e d’ufficio. Ma non siamo tutti di Francavilla. Siamo anche di Villa Castelli dove vi è circa il 60% dei volontari, dove è abilitato un distaccamento sempre da me gestito con la collaborazione di 2 volontari che lo

gestiscono in mia assenza e sono i signori Cosimo Carrieri e Adriano Bellanova. Del direttivo fanno parte Cosimo Sardiello (vice presidente), Caterina Marangia (segretaria), Giuseppe Costantino (tesoriere) e Cosimo Alfonzetti (responsabile vestiario). Attualmente ci occupiamo quotidianamente del servizio A.I.B. antincendio e avvistamento (antincendio boschivo) h/24 con la collaborazione delle forze dell’ordine Carabinieri, Polizia Forestale, Polizia Stradale, Vigili del Fuoco (che ringrazio per la massima disponibilità e collaborazione sugli eventi), vigili urbani, ecc.». Presidente, perché entrare a farne parte? Ci credo, per me è una missione che mi spinge a farne parte, sono entrato nel mondo del volontariato prima nella croce Rossa Italiana come V.D.S. (volontario di soccorso), strada facendo sono diventato vice Ispettore di gruppo dei V.D.S., successivamente sono entrato a far parte della più grande organizzazione del soccorso in qualità di Autista Soccorritore del 118 dove collaboro con la postazione di San Pancrazio Salentino. Ricorda un episodio particolare che le è capitato mentre era in servizio? Episodi ne avrei tanti da raccontare ma in senso generico posso dire che nelle emergenze (incendi, terremoti, alluvioni ecc..) le immagini delle persone che hanno bisogno di aiuto, rimangono indelebili. In cosa consiste attualmente la vostra attività?

• DA SX, MIMMO LUPO CON UN VOLONTARIO.

Coordinare e soprattutto formare i volontari più giovani. Quanto conta la formazione? Ogni quanto vi aggiornate? É basilare la formazione ed è molto importante essere sempre aggiornati in tal senso a breve personalmente vorrei partecipare ad un corso di formazione per Di.Ma. Ma quand’è che la protezione civile entra in azione? A Francavilla, ad esempio quali le occasioni tipo che vedrebbero scattare la macchina della Protezione civile? Al manifestarsi di rischi dovuti ad emergenze incendi, rischio idrogeologico, calamità naturali, rischio antropico e rischio epidemie. Insomma possiamo dire che con voi al fianco delle forze dell’ordine e di pronto intervento e soccorso, i cittadini possono sentirsi più tranquilli? Con molta umiltà e sicuramente si, speriamo solo che ci vengano donate più attrezzature e mezzi per rendere più efficienti ed efficaci i nostri interventi, siamo anche dotati di una ambulanza, i volontari sono ed è la spina dorsale dell’Italia.

QUI SEF

A

guidare invece il Servizio Emergenza Francavilla (Sef) c’è Fernando Pantaleo, Commissario della Polizia di Stato in pensione, sposato, con 2 figli di cui uno in Polizia e l'altro anche lui volontario di Protezione Civile specializzato nel soccorso 118. Del direttivo del SEF Francavilla (52 soci in tutto e tutti di Franca-

• FOTO DI GRUPPO CON ALCUNI DEI VOLONTARI DEL SEF FRANCAVILLA.

villa, per Statuto) fanno parte Annarita Pastorelli, vice presidente; Sergio Di Castri, segretario; Francesco Balestra, consigliere; Francesco Ligorio, consigliere; Sara Camposeo, consigliere; Damiano Balestra, consigliere; Pompea Pastorelli, tesoriere. «La protezione civile - ci spiega Fernando Pantaleo - si occupa quotidianamente delle esigenze che nascono e dalle varie richieste che pervengono sia da privati che da enti istituzionali, offrendo collaborazione anche ad altre associazioni che perseguono gli stessi fini, facciamo parte del coordinamento provinciale di cui sono consigliere, nonché della F.I.R.C.B. nazionale di cui sono segretario provinciale, siamo sempre pronti a partire per ogni luogo con una squadra che assicura la pronta disponibilità, facciamo parte della colonna mobile di pronto intervento provinciale e regionale». Insomma parole intrise di amore e soprattutto passione per ogniuna delle cose fatte e da fare. «Ho deciso di entrare a far parte dei volontari nella Protezione Civile - egli precisa - alla metà degli anni 70, quando si costituì a Francavilla l'associazione con il nome di “Servizio Emergenza Radio”: sin dall'ora anche se ero in servizio effettivo il tempo libero lo dedicavo all'associazione, dopo aver visto il terremoto del Friuli e la sofferenza delle persone. Il mio convincimento si è radicato maggiormente per alleviare tali sofferenze e mi ha portato a fare il volontario per cercare di donare un briciolo di speranza ed essere gratificato dal semplice sorriso delle persone a cui si e' portato aiuto. Per farne parte - fa notare il presidente del SEF Francavilla Fernando Pantaleo - innanzi tutto bisogna sentirlo dentro il bisogno di aiutare gli altri, quando si vede la sofferenza in ogni circostanza si sente il bisogno di donare qualcosa, magari un'ora del proprio tempo che non sembra nulla ma è enorme per coloro a cui lo doniamo e non c'e' miglior riconoscenza

• FERNANDO PANTALEO.

che vedere il timido sorriso delle persone nel dirti grazie». Ricorda un episodio particolare che le è capitato mentre era in servizio? Gli episodi da raccontare sono moltissimi per i molti servizi prestati, ma l'ultimo in ordine di tempo è stato bellissimo per il tempismo con cui è stato realizzato grazie alla generosità del nostro presidente della provincia Massimo Ferrarese il quale nel giro di 2 ore è stato in grado di farmi allestire presso il campo di Manduria una ludoteca completa di televisore da 50 pollici con accluso dvd, un manto erboso enorme e una infinità di giochi. Avrei voluto che tutti avessero visto gli occhi dei bimbi brillare di gioia nel vedere quello che era il loro intrattenimento quotidiano, era così bello ed inaspettato e dicevano a me grazie ma sono io che devo ringraziare chi e' stato l'artefice di questa gioia. Ma il dovere, prima di tutti, chiama in ogni momento ed in ogni momento bisogna rispondere con prontezza di riflessi ed azione. Attualmente siamo impegnati presso il campo di Manduria ove per incarico diretto del Dipartimento di Protezione civile rivesto la qualifica di responsabile della segreteria a cui tutte le associazioni devono fare riferimento per partecipare ai servizi, inoltre, siamo impegnati anche nel dare collaborazione a tutte le altre associazioni provinciali, regionali e nazionali. E per quel che concerne la vostra formazione? La formazione del volontario e' molto importante, ed e' la base essenziale per svolgere con competenza tutti i servizi ai quali siamo chiamati a svolgere, l'aggiornamento avviene periodicamente partecipando a corsi di formazione organizzati sia dall'associazione che dalla provincia o dalla regione, attualmente nella nostra associazione vi sono volontari specializzati nei settori contaminazione NBCR (nucleare-batteriologica-chimica e radiogena);

ricerca di persone scomparse; corso di 118 e primo soccorso sanitario e BLSD; psicologia dell'emergenza; antincendio; logistica (muratori, carpentieri, elettricisti e montatori di impianti e tende); ricetrasmissioni. Quand’è che entrate in azione? A Francavilla, ad esempio quali le occasioni tipo che vedrebbero scattare la macchina della Protezione civile? Innanzi tutto bisogna tener conto che Francavilla e' a basso rischio sismico, anche se in passato qualche evento si e' verificato (vedasi il terremoto che distrusse in parte la nostra città) ma lo stesso non si può dire per quello idrogeologico, la nostra città purtroppo trovandosi in pianura subisce lo scarico di acque proveniente da zone limitrofe e sia le campagne che le strade si inondano di acque, molto spesso in inverno siamo chiamati ad intervenire al fianco dei vigili del fuoco per rimuovere situazioni di allagamento. Insomma Presidente Pantaleo, anche per lei possiamo dire che con voi al fianco delle forze dell’ordine e di pronto intervento e soccorso, i cittadini possano sentirsi più tranquilli? Certamente il nostro lavoro al fianco degli enti istituzionali e' di supporto, ma gli stessi enti devono capire che le associazioni oltre ai volontari non hanno altre risorse in special modo economiche e per questo che da sempre mi batto per indicare a chi e' preposto alla guida della città che sostenere le associazioni di protezione civile dovrebbe essere un impegno prioritario da parte loro, dei quali il Sindaco è il primo responsabile di protezione civile della città, inoltre, Francavilla e' sede del COM. 3 a cui fanno riferimento altri 4 comuni (San Michele, Villa Castelli, San Vito e Oria) ma le attrezzature a disposizione delle associazioni sono scarse per non dire nulle, sarebbe auspicabile che i comuni dotassero la protezione civile di mezzi ed attrezzature idonee per affrontare ogni emergenza.

38,00

EL 15% SCONTO D I NFEZIONA SULLE COPA RASSIT RI TI N A LI EG D

SERVIZIO TOILETTATURA e ARTICOLI PER: Cani, Gatti, Pesci e Uccelli roditori S.S. 16 per Ostuni (nei pressi Hotel Villa Jole) - Carovigno (BR) Tel. 0831 99 07 79

ZYZEK PLUS

ESCLUSI I PRODOTTI IN OFFERTA

€ 14,99


redazione@

.it

XIV

Dal Nostro Inviato Giovanni di Noi

CEGLIE MESSAPICA

Fotoservizio: Giovanni di Noi

L’INCHIESTA/ Nella sua “ricetta” per l’occupazione, ecco cosa ne pensa Angelo Leo, cegliese doc, e segretario generale del “Nidil” della Cgil-Brindisi

Le operaie del tessile ed i braccianti agricoli erano un tempo il motore del paese La gente intanto manifesta preoccupazione per “cattedrali nel deserto” e “desertificazione” che possano far perdere posti di lavoro in progetti che non vedano impiegate professionalità della gente del posto Lo andiamo ad incontrare, e lo intervistiamo in un pomeriggio assolato di una Ceglie dai colori che rasentano quelli classici dell’imbrunire e che qui è possibile vedere brillanti e lucidi come difficilmente. Appena lo si sente parlare appare chiara una cosa: Angelo Leo non parla solo con la “mente” ma anche e soprattutto con il “cuore”, di cegliese. Anche se chi lo conosce bene sa che affronta quotidianamente tutte le sfide del mondo del lavoro con lo stesso impegno e pathos come se si trattasse sempre della sua Ceglie, dei suoi concittadini cegliesi.

P

Quando ciò invece, non è più nemmeno lontanamente immaginabile visto quello che sta accadendo ad altri Paesi poco lontani dall’Italia. Insomma più che mai ci vuole alto senso di responsabilità e scelte oculate. «Viviamo - spiega Angelo Leo - nel pieno di una crisi generale che colpisce in modo particolare un piccolo paese di provincia come Ceglie Messapica. Un Comune che si è retto fino a poco più di una decina d’anni fa sulle rimesse dei pensionati anzitutto; poi delle braccianti agricole ed infine delle operaie del tes-

• IL SEGRETARIO GENERALE DEL NIDIL-CGIL, ANGELO LEO.

rosegue l’inchiesta su Ceglie Messapica che chi scrive porta avanti. Di recente infatti abbiamo ampiamente descritto tutto quello che di ufficiale si sa e che dovrebbe essere poi l’oggetto formale del “Piano di sviluppo turistico del Comprensorio - Terra dei Trulli”, per la realizzazione di ben 20 campi da golf. Attraverso anche alcune interviste ai “protagonisti”, sappiamo che del comprensorio - lo ricordiamo - sono 5 i Comuni che hanno fatto cordata e si accingono adesso a gettare le fondamenta di quello che potrebbe passare alla storia come la più grossa impresa destinata a creare – nelle more soprattutto – ottima occupazione stabile e slancio più che rilancio del territorio di riferimento. Oltre a Ceglie Messapica (Comune capofila), ci sono Fasano, Ostuni, San Michele Salentino e Carovigno. Intanto però proprio perché “inchiesta” la curiosità ci spinge a porci alcune domande specifiche ed approfondire così alcune “sfumature” che spesso potrebbero risultare essere più importanti dell’essenziale. E così visto che si parla - principalmente - di occupazione e di posti di lavoro, abbiamo suonato e chiesto “udienza” a chi di “lavoro” si occupa per professione. L’inviato che scrive si è così fermato ad intervistare Angelo Leo, cegliese doc, ma anche segretario generale del “Nidil” della Cgil-Brindisi.

• UNO SCORCIO CARATTERISTICO, "CATTURATO" NEL CENTRO DI CEGLIE MESSAPICA.

Dunque sgomberato il campo “a-priori” da una eventuale “accusa” di campanilismo, si capisce subito che Angelo Leo è fortemente preoccupato. In generale. Ci troviamo infatti in un periodo storico poco felice, ci dice. E poco avvezzo - sembra di percepire dal senso delle sue parole - agli errori, anche in termini di scelte politiche di rilancio del territorio e del lavoro, che se sbagliate potrebbero portare la situazione a peggiorare drasticamente, fino al collasso ed al tracollo.

sile abbigliamento e delle rimesse degli emigrati che fecero fiorire fino agli anni 90 l’edilizia abitativa». Leo, cosa resta oggi allora, di tutto questo “ben di Dio”? «Oggi ci troviamo invece con le operaie del tessile abbigliamento che sono state falcidiate per la delocalizzazione delle loro aziende dal sud (dopo esservi arrivate dal nord nei decenni passati al sud) nel resto del mondo, fino in Cina e nord Africa; le braccianti agricole a causa

della crisi dell’agricoltura diminuiscono di anno in anno; l’edilizia abitativa si è quasi del tutto bloccata ed il paese si regge quasi esclusivamente sui pensionati che tra un decennio saranno il 30% in meno di quelli attuali. Restano per fortuna alcuni settori che reggono ancora, come la gastronomia legata in modo particolare al flusso turistico». Leo, ha seguito la nostra inchiesta non ancora terminata - sul turismo? Qual è il suo punto di vista in merito? «Il mio punto di vista è che o si punta su un turismo duraturo di massa (che deve essere peraltro soprattutto “accessibile” ai più) oppure anche questa “pregevole” presenza di ristoratori può nel tempo soffrire a vantaggio di altri posti pugliesi». Nell’inchiesta, si è toccato il tasto dell’occupazione: la cosa - ritengo - la vede interessato particolarmente in considerazione del suo ruolo di segretario generale del NIDIL della CGIL. Dal suo punto di vista, cosa dovrebbe fare e cosa invece non dovrebbe fare, l’Amministrazione comunale e più in generale il Consorzio di Comuni (con Ceglie, Comune capofila) al fine di creare effettivamente nuovi posti di lavoro e salvaguardare quelli a rischio, preesistenti? «Intanto non dovremmo fare gli errori che hanno fatto altre regioni. E cioè mega impianti che sono delle cattedrali nel deserto e che non occupano manodopera locale. Insomma, premetto che qualunque progetto che porti occupazione ben venga: ma ad alcune condizioni. Che cioè non vada a stravolgere anzitutto il sistema ambientale; che si basi su un investimento duraturo che impieghi manodopera locale ed infine deve assolutamente evitare di essere un “appetito” per la criminalità organizzata». E dalle parole di Angelo Leo la preoccupazione maggiore e principale è anche un’altra. «Non si capisce bene perché si voglia realizzare questi campi da golf in una zona

che è “patria” e “teatro” invece di trulli, masserie, alberi di ulivo, di mandorli, fichi, muretti a secco secolari, territorio parcellizzato con tanti mini fazzoletti di terra (sotto un ettaro) legati da un comune denominatore famoso in tutto il mondo: il trullo appunto. Per non parlare poi dei tanti percorsi ciclabili e per le passeggiate in bici ed a piedi immersi ed a diretto contatto nella natura. Insomma non vorrei si facesse la fine della Sardegna: con un mega impianto dove ci vanno tutti i ricchi della terra ma che al territorio non danno nulla. Infatti per realizzarli ci vuole manodopera specializzata che non è quella autoctona, tipica di altri posti. Qui da noi invece gli operai, gli artigiani, i professionisti si trovano per la realizzazione dei muretti a secco, tanto per citarne alcuni. Cosa “c’iazzeccano” i campi da golf (con piscine e magari alberghi) con le nostre tipicità: trulli, agriturismi e maestranze locali specializzate in altro?». Da qui la preoccupazione che Angelo Leo manifesta altrettanto pubblicamente affinché si evitino errori macroscopici. «Infatti oltre al fatto che sicuramente le maestranze da impiegare non saranno quelle locali, mi pongo anche problemi legati al timore che chi andrà materialmente ad operare per creare i campi da golf possa “inavvertitamente” danneggiare o peggio, abbattere, la realtà ambientale locale: muretti a secco, alberi, uliveti, vigneti, ecc.». Come dire, allora, che forse si potrebbe pensare a progetti che tendano invece a puntare e rivitalizzare quanto già preesistente. Ad esempio, i trulli che potrebbero accrescere la loro potenzialità ricettiva inserendosi nei circuiti dell’agriturismo, tanto per fare un esempio. Insomma - secondo l’dea di Angelo Leo - progetti che tutto sommato «mirino più che a spiantare, invece a recuperare e valorizzare le stesse peculiarità del luogo. IL NOSTRO CENTRO BENESSERE

SPECIALE IL NOSTRO RISTORANTE... PASQUA GRANDE E PRIMOGASTRONOMIA MAGGIO OGNI GIORNO... SALETTA ALLA CARTA ANCHE I TUOI GIORNI € 60,00PER VINI INCLUSI SPECIALI, RICEVIMENTI SALONE DELLE FESTE E FESTE € 37,00 VINI INCLUSI

m. 9,00 contrada Palagogna incrocio S.S. 581 Ceglie M. - San Vito dei N. x +39 0831 380933 - www.lafontanina.it - info@lafontanina.it S.P. 28 Ostuni - Francavilla F.na - km. 9,00 contrada Palagogna incrocio S.S. 581 Ceglie M. - San Vito dei N. tel. +39 0831 380932 fax +39 0831 380933 - info@lafontanina.it

www.lafontanina.it RICEVIMENTI di Classe e Gusto


redazione@

.it

XV

Dal Nostro Inviato Giovanni di Noi

CEGLIE MESSAPICA

Fotoservizio: Giovanni di Noi

• CORSO GARIBALDI NEL CENTRO DI CEGLIE MESSAPICA: RINOMATO VIALE DEL PASSEGGIO.

A vantaggio di tutti indistintamente e non – come speriamo non accada mai nel

caso specifico – con alti steccati a tutelare il sollazzo e la privacy a beneficio di

pochi eletti, d’elite e danarosi». Già perché oltre a ciò, la preoccupazione di Angelo Leo (nella sua veste anche di “cittadino” Angelo Leo) è quella di tanti altri cittadini di Ceglie. Fare cioè non solo in maniera tale da scongiurare la costruzione di “cattedrali nel deserto” che oltre a non portare a nulla potrebbero comportare il rischio - non tanto remoto poi – di una vera e propria desertificazione e depauperamento delle peculiarità del posto. Come nel caso di specie dei trulli e dei loro “antichi” proprietari, che stufi di tenersi tali proprietà in mano senza che fruttino, sarebbero invogliati a venderle ai turisti (a volte anche per un valore impari a quello realepotenziale). Forse si potrebbe cominciare – bisbiglia qualcun altro, al momento solo “in sordina” – a “motivazionare” i proprietari di trulli non solo a non vendere questo bene autoctono ma anzi - magari stimolarli a

creare occupazione più naturale per il territorio di Ceglie - dando vita, ad esempio (mediante contributi e progetti con fondi nazionali ed europei) ad agriturismi, ecc. Le Amministrazioni locali o gli stessi proprietari dei trulli molto spesso purtroppo non riescono a “percepire” che con la vendita dei trulli è vero che si vende, da un lato, ma si perdono - di fatto – pezzi unici al mondo, particolari come solo questi trulli come qui a Ceglie possono essere e sono. Con essi infatti si vende, di fatto, un patrimonio storico, culturale e archeologico unico al mondo. E allora, i campi da golf? Bene: ma ci si è chiesti e domandati per caso, se dovesse fallire o - nella migliore delle ipotesi - quando la richiesta dovesse calare, di tutto quel “terremoto” fatto a scapito e sul territorio di Ceglie ormai “stravolto” cosa resterebbe? Evitare, allora, ipotetiche e potenziali cattedrali nel deserto e desertificazione!

Per "San Rocco" è festa grande!

• IL COMITATO PER LA FESTA IN ONORE DI SAN ROCCO.

T

utto pronto a Ceglie per le solenni celebrazioni in occasione della festa in onore del santo Compatrono “San Rocco” che si terrà dal 16 al 17 agosto. Ma chi è l’artefice, l’organizzatore di tutto “l’ambaradàn” messo in cantiere per onorare come si deve il culto del santo patrono davvero molto sentito?

Alla guida del coordinamento del comitato (ed in qualità di direttore della festa) c’è infatti Marcello Antelmi, che “ilbrindisino” ha già avuto modo ed occasione di ospitate e conoscere: Antelmi è infatti il presidente di Confcommercio Ceglie. «Si, è quasi tutto pronto - aveva detto Marcello Antelmi nel corso dell'intervista realizzata recentemente - grazie a tutti i componenti del comitato, a tutti i miei collaboratori, alle istituzioni locali e non, ma soprattutto a tutte le attività produttive che ancora una volta e soprattutto in un momento non facile hanno contribuito attivamente ed economicamente alla realizzazione di questa Festa Compatronale che rappresenta la storia e le tradizioni di questa città. Sono sincero: senza di loro la festa avrebbe avuto grosse difficoltà a realizzarsi! La festa - egli prose-

gue - si divide in due programmi: quello religioso spettante al Parroco Don Angelo Principalli, e quello civile, spettante al comitato da me rappresentato con la collaborazione di altre associazioni come Casarmonica, Zion e Ceglie nel Cuore. Quest’anno la festa compatronale si è avvalsa di un comitato giovane con le idee chiare e precise il mio desiderio ma soprattutto quello della confcommercio è quello dell’associazione che riunisce le associazioni con l’integrazioni di giovani con tutte le idee e le innovazioni che comporta, ad esempio l'integrazione di un percorso nel centro storico e sulle mura di cinta della nostra città dove saranno presenti per la prima volta un mercatino di Antiquariato di alto livello, Madonnari che disegneranno delle figure sacre, artisti di strada composti da Uni-

tà circense di altissimo livello, tutto ciò sarà fatto senza modificare, anzi evidenziare ancora più le tradizioni che questa festa mantiene da moltissimi anni, come le Luminarie presenti lungo tutto il percorso, le Bande e i Fuochi Pirotecnici. Il programma poi è già pronto ed è distribuito in tutte le attività produttive della nostra città. Il comitato poi, quest'anno è composto dal Presidente, il Parroco Don Angelo Principalli (che si occupa del programma religioso avvalendosi di suoi collaboratori all'interno della parrocchia), dal tesoriere avv. Riccardo Manfredi già Presidente Pro Loco (che si occupa oltre alla parte organizzativa e contabile anche dell'organizzazione di eventi sportivi con associazioni sportive giovanili), infine ci sono io in qualità di coordinatore e direttore dell'evento civile

Questa la parola d’ordine di molti cittadini che chiedono cautela nelle scelte. Come dire? Una vera e propria “stonatura”, altrimenti, a scapito della stragrande maggioranza.

MA SONO IN TANTI ADESSO AD ESSERE PREOCCUPATI

Non si capisce bene perché si voglia realizzare questi campi da golf in una zona che è “patria” e “teatro” invece di trulli, masserie, alberi di ulivo, di mandorli, fichi, muretti a secco secolari...

avvalendomi del mio proprio staff composto all'interno della Confcommercio e di altre associazioni come Casarmonica (ass. Culturale composta di musicisti rappresentata dal presidente musicista di stimata fama Mirko Lodedo), dell'associazione Zion (gruppo di giovani rappresentati egregiamente dal presidente Riccardo Filomena) e dell’associazione Ceglie nel Cuore (gruppo di giovani che si occupano della promozione del territorio rappresentati in modo eccellente dal Presidente Antonello La veneziana)». Ma ecco nel dettaglio chi sono tutti i componenti del Comitato, edizione 2011. Parroco Don Angelo Principalli Presidente; Giuseppe Andrisani componente religioso; Michele Laveneziana componente religioso; Damiano Leo componente religioso; avv. Riccardo Manfredi Tesoriere; Marcello Antelmi, Coordinatore Direttore (Pres. Confcommercio); Riccardo Filomena Presidente ass. ZION; Mirko Lodedo Presidente Ass. Casarmonica; Antonello Laveneziana Presidente Ass. Ceglie nel Cuore.

Ceglie

Estate


redazione@

FRANCAVILLA/ ...DI TUTTO UN PÓ

XVI

di Gianni Cannalire

Occhi puntati sul sansificio Gli acidi grassi superano i limiti imposti

.it

INTERMODALE Si continuano a spendere soldi per colpa dei vandali

Troppi rifiuti in discarica La Provincia manda tutto in Procura

I

• L'IMPIANTO UBICATO LUNGO LA VIA PER GROTTAGLIE, A FRANCAVILLA FONTANA.

D

a Palazzo Imperiali è arrivato l’ordine di “ripristinare lo stato dei luoghi” e di adeguare le emissioni in atmosfera. Si ritorna a parlare a Francavilla del sansificio dei fratelli Rubino ed in particolare delle lamentele dei cittadini circa gli odori nauseabondi provenienti dallo stabilimento. Dalle analisi effettuate dai tecnici dell’Arpa risulta “che gli acidi grassi emersi superano sia singolarmente (per quanto riguarda l’acido acetico, propionico e butirrico) che come miscela i limiti imposti”. Il controllo ha riguardato la rilevazione di acidi organici nei fumi di processo emessi dal camino “E1”. Il Comune ha ordinato

ai titolari della società un intervento per un adeguamento delle emissioni in atmosfera. Alla luce della relazione tecnica dell’Agenzia trasmessa il 23 giugno al Comune dalla Polizia municipale, il dirigente Pietro Incalza ha emesso una ordinanza nella quale si ordina alla società in questione di “attenersi e rispettare i limiti stabiliti dalla legge regionale .7 del 1999 e del decreto legislativo n.152 del 2006 in materia di emissioni odorifere derivanti da sansifici”. Il dirigente comunale ricorda nell’ordinanza emessa il 12 luglio scorso, a supporto di un’altra notificata sempre nel marzo di quest’anno, la “rimessa in pristino dello stato dei luoghi”.

Nel corso del sopralluogo effettuato a gennaio dai tecnici dell’Arpa furono riscontrate alcune anomalie. Le sanse vergini erano stoccate all’aperto e senza alcuna protezione. Da qui il sospetto di possibili emissioni di sostanze odorigene “in funzione delle quantità e del grado di irrancidimento”. L’Arpa ha invitato i responsabili del sansificio a predisporre “adatte misure impiantistiche e organizzative finalizzate, fra l’altro, a migliorare ed ottimizzare i sistemi di abbattimento delle emissioni odorigene, a contenere la produzione di emissioni diffuse da parte dei cumuli delle sanse vergini ed a ridurre il tempo di stoccaggio prima della lavorazione”.

l Centro di Carico Intermodale: una cattedrale nel deserto (costato 12 miliardi di vecchie lire) che continua a far spendere tanti soldi al comune di Francavilla. L'ultimo “stanziamento” è di pochi “spiccioli” rispetto alle cifre sborsate finora. Ma pur sempre di soldi pubblici si parla. 335 euro, stavolta, per murare porte e finestre. Da un ultimo sopralluogo effettuato nei giorni scorsi si è infatti constatato che ancora una volta la struttura di contrada Rosea ha subito atti di vandalismo, consistenti nell'apertura di alcuni locali precedentemente murati. Il Comune di Francavilla dal 2008 è costretto a vigilare sull’Intermodale, una struttura ultimata nel 1998 e mai entrata in funzione per lo stoccaggio di prodotti ortofrutticoli: oltre al danno anche la beffa. Per il servizio di pattugliamento della struttura sono già stati già spesi oltre 25mila euro negli ultimi tre anni. A questa somma andranno ora ad aggiungersi altri 5.212,80 euro stanziati per il prosieguo della vigilanza per il periodo compreso tra l’1 febbraio ed il 31 luglio 2011. Al costo di 28,80 euro sono previsti 9 passaggi ispettivi giornalieri (tre di mattina, tre di pomeriggio e tre notturni) con ronde interne ed esterne. Mesi addietro sono stati murati pure gli uffici ed i capannoni presenti nell’area. Costo dell’intervento per questi lavori oltre 16mila euro.

S

• LA DISCARICA UBICATA LUNGO LA VIA PER SAN VITO, A FRANCAVILLA FONTANA.

ulla discarica di Francavilla chiusa dal gennaio scorso la Provincia di Brindisi ha chiesto “lumi” alla Procura della Repubblica sulla sopraelevazione oltremisura inerente lo scarico dei rifiuti solidi urbani. “Alle porte della città di Francavilla abbiamo una bomba ecologica”, tuonarono già nel 2005 gli ambientalisti e vari esponenti politici della sinistra. La Provincia di Brindisi nella denuncia ha chiesto che siano accertate eventuali irregolarità circa la sopraelevazione dei rifiuti nella discarica di via San Vito. I rifiuti dei nove Comuni

dell’Ato/Br 2 (Francavilla, Ceglie, Erchie, Latiano, Oria, San Michele, San Pancrazio, Torre Santa Susanna e Villa Castelli) vengono attualmente smaltiti presso la discarica di Autigno a Brindisi. Ferrarese nel corso della puntata di “Franca…mente” del 21 luglio scorso in onda su Quarto Canale Radio, (presente come ospite il sindaco Vincenzo della Corte), annunciò l’invio della denuncia in Procura. “Sono stati scaricati – esordì in trasmissione il presidente della Provincia - in modo esagerato rifiuti nella discarica di Francavilla ecco perché è stato chiesto alla Procura di inda-

gare nel merito. Chi ha consentito questa sopraelevazione di circa quattro metri? E’ stato chiesto il ripristino dello stato dei luoghi. Questa denuncia, inoltrata dal nostro dirigente, è un atto dovuto”. A metà gennaio scorso il presidente della Provincia disse no alla sopraelevazione della discarica nella Città degli Imperiali. Per far fronte all’emergenza, dispose che i rifiuti dell’Ato/Br2 “Un progetto di questo tipo risolverebbe il problema solo per qualche mese e comporterebbe un ulteriore scempio ambientale”, disse Ferrarese in un vertice sul problema-rifiuti.

2 SERVIZI IN ESCLUSIVA!

Capelli crespi e ricci? Novitˆ prodotto non chimico

BRASICA: Effetto Liscio e Naturale SODDISFATTI O RIMBORSATI! Specialista in cute e capelli Via Filippo DÕAngi˜, 68 Francavilla Fontana (BR)

Tel. 0831 854518 cell. 328 3527722


redazione@

FRANCAVILLA/ ATTUALITÁ

A Palazzo Imperiali nessun bar o ristorante

P

XVII

di Maria Angelotti

LA SMENTITA DEL SINDACO

L'OPPOSIZIONE Non c'è programmazione nemmeno sul restauro

• MARCELLO CAFUERI.

«

Sull’utilizzo di Palazzo Imperiali ci sono tante idee, ma nulla di concreto. Come al solito c’è molta improvvisazione. Manca una seria programmazione»: tuona il segretario del Partito Democratico l’avvocato Marcello Cafueri. E non è l’unica critica mossa dai gruppi politici di opposizione.

Il conto alla rovescia per l’inaugurazione del monumento-simbolo di Francavilla, vale a dire Palazzo Imperiali è offuscato da altri lavori non previsti nel contratto d’appalto, definiti dall’ingegnere comunale Pasquale Basile “indispensabili ed auspicabili”. Agli oltre 3 milioni e mezzo di euro (tanto è costato l’appalto) ed ai 900mila euro frutto di un concordato tra

il Comune e l’impresa “Lattanzi Srl” per sanare ritardi e contenziosi, andranno ora ad aggiungersi più di 104 mila euro per opere non previste. C’è chi scalpita (è il caso dell’avvocato Mario Filomeno del gruppo Italia dei Valori-Democratici per la Costituzione) avanzando non poche perplessità per tutti questi lavori “aggiuntivi”. Ma non è tutto.

• IL PALAZZO DEGLI IMPERIALI, COSÍ COME "APPARVE" A POLITICI E GIORNALISTI IL GIORNO IN CUI VENNE APERTO ALL'ESCLUSIVO "TOUR".

alazzo Imperiali tra dubbi e certezze. Certezze: i lavori di restauro della splendida dimora che fu dei principi Imperiali sono terminati. Dubbi: a settembre, forse, si terrà la solenne cerimonia di inaugurazione del bel palazzo. «Non c’è ancora una data certa – conferma il sindaco Vincenzo della Corte – Questo perché vogliamo che a tagliare simbolicamente il nastro sia una personalità del mondo delle Istituzioni di un certo profilo, al momento non possiamo fissare date. La data dipenderà dalla disponibilità della persona con cui siamo in contatto». Se dunque una data ancora non c’è (tempo addietro ci si era spinti comunque a fissarla attorno alla metà del mese di settembre, il giorno 13 per la precisione), c’è invece di sicuro che alcun ristorante o bar verrà allocato nelle pertinenze di Palazzo Imperiali. «Torno a smentire per l’ennesima volta questa voce secondo cui saremmo intenzionati a concedere l’uso

.it

di alcuni locali del castello per attività di ristorazione», dichiara sempre il sindaco. Niente pane per il corpo ma tanto nutrimento invece per l’anima, a Palazzo Imperiali. Qui infatti troverà ospitalità la biblioteca comunale. «Una biblioteca che però per essere viva ed il più possibile fruibile dovrà essere al passo coi tempi e dotata di strumenti multimediali», ancora il sindaco. Ristorante o non ristorante, biblioteca multimediale o no, date per l’inaugurazione a parte, un’ultima certezza c’è: quando il castello sarà riaperto al pubblico quello cui si assisterà sarà uno spettacolo mozzafiato. Il restauro ha infatti permesso di riportare alla luce gioielli di cui si ignorava persino l’esistenza. Uno su tutti: una magnifica cappella del Cinquecento, completamente affrescata e finora nascosta da strati e strati di intonaco. Insomma nel complesso un’opera splendida pronta a trasformarsi nel contenitore culturale d’eccellenza della città.

SERVIZIO TOILETTATURA

OFFERTA SUI MANGIMI CANE - GATTO ACQUISTANDO UN SACCO DA 12 KG.

TONUS

Via Don Gnocchi, SN 72018 San Michele Salentino e-mail: waterworldfishing@libero.it Cell. 346 150 62 54

BIDONE IN OMAGGIO

• MARIO FILOMENO.

L’amministrazione comunale molto presto sarà chiamata ad individuare nuove risorse (la bellezza di 400mila euro) per far fronte ad altre spese riguardanti il pagamento di parcelle a diversi professionisti che hanno prestato, a vario titolo, la loro opera in questa lunga fase di restauro.


redazione@

FRANCAVILLA/ TURISMO

.it

XVIII

di Pietro Filomeno

Qual è l’impatto e che giudizio si fa chi viene da fuori?

La Città degli Imperiali vista da un forestiero Traffico lento e caotico, cantieri aperti in contemporanea, tombini-trappole, tavolini selvaggi, guano dei piccioni, discariche e altro ancora

C

ome si presenta, in questi mesi estivi, la città degli Imperiali agli occhi di un forestiero? Per forestiero è da intendersi sia chi arriva da località vicine o lontane per motivi di lavoro, sia un oriundo che ritorna a passare le ferie coi parenti e sia un raro turista di passaggio. Dall’impatto, che impressione riceve e che giudizio si fa? Si sa, l’occhio di un estraneo o di chi manca da tempo coglie meglio di quello di chi vive sempre in un posto. È rimasto famoso l’articolo di Antonello Caporale, inviato di punta del quotidiano “la Repubblica”. Si era all’epoca dello scandalo di Parentopoli. Attacco da maestro di giornalismo: «La città dei raccomandati è grassa e pigra. Ricca, tredici sportelli bancari, ma dolente. Gli abitanti sono dediti al commercio …» (20 gennaio 2003, p.1). E via per una pagina intera, nella cronaca nazionale, con inizio in prima. Grassa e pigra, ricca e dolente. Quattro aggettivi, tre concetti: pancia piena, lamentio e incapacità a reagire. Una fotografia perfetta. Immaginiamo quindi un forestiero che entra in città. Da qualsiasi direzione pro-

• UN PARTICOLARE DELLA CHIESA MADRE A FRANCAVILLA FONTANA. NEL RIQUADRO IN ALTO A SINISTRA, IL PROF. PIETRO FILOMENO.

venga, è subito accolto da un traffico lento e caotico. La colpa è dei numerosi cantieri stradali aperti contemporaneamente, ma soprattutto da un piano del traffico irrazionale (mancanza di zone di parcheggio libero, parcheggi a pagamento senza criterio, vie chiuse alla viabilità senza valide soluzioni alternative eccetera). Come se non bastasse, le strade sono veri e propri percorsi di guerra. Per evitare danni ai normali mezzi di trasporto, si dovrebbe circolare a bordo di robusti fuori strada. E le poche strade riasfaltate di recente (a spese dell’Acquedotto pugliese) sono più pericolose di prima: i tombini di colore grigio scuro, spesso a dislivello (in rilievo o, peggio, sotto-

Specialità di Norcia Salumi di Cinghiale Mozzarella di Bufala D.O.P. CONSEGNA SPESA A DOMICILIO Via XXIV Maggio - San Michele Salentino (BR) Tel. 328 735 49 26

stanti) rispetto al manto ribituminato, si mimetizzano bene con il catrame diventando trappole inevitabili. Non ci sono piste ciclabili e chi si avventura in bici è un aspirante suicida. Dopo essere riuscito avventurosamente a parcheggiare l’auto, il forestiero si avvia a piedi. E qui nota una serie di cose strane che non s’aspettava: difficoltà a camminare sui marciapiedi quasi interamente invasi dai tavolini selvaggi dei numerosi bar; bidoni multicolorati e maleodoranti in dotazione agli esercizi commerciali; bidoncini e buste di rifiuti un po’ ovunque, in particolare nelle ore serali; guano di piccioni lungo i bordi delle strade; centro storico pieno di cantieri avviati in

contemporanea (uno fermo da qualche settimana, un altro addirittura da anni) che eseguono lavori diversi, con stili e materiali incompatibili con il contesto urbano circostante. Basta, il forestiero riprende l’auto e decide di andare a trovare un parente o un amico in campagna. Dove spera che si viva meglio. Altra delusione: i bordi delle strade e i terreni non recintati sono invasi da sacchetti di plastica sventrati e trasportati dal vento e, di quando in quando, gli si parano davanti vere e proprie discariche a cielo aperto. Non solo: deve anche incassare gli improperi e gli strombazzamenti degli altri automobilisti che lo sorpassano di continuo. Lui, come si è capito, è un tipo virtuoso: si ostina a rispettare i segnali stradali che vietano di superare i cinquanta chilometri orari. Si capisce che proviene da un altro mondo. Eppure non chiede la luna nel pozzo. Non cerca la sensibilità e la raffinatezza di una città d’arte. O, ancor più esigente, l’esclusività di una città slow. Cerca solo una città normale: che, purtroppo, non trova. Così stressato e sconfortato, siamo sicuri che ritornerà a trovarci?

Prodotti Caseari di Filiera Corta

Biscotto Cegliese

Pasticceria Locale

Yogurt Artigianali

Pasta Fresca Artigianale


redazione@

.it

XIX


redazione@

.it

XX

SPECIALE CULTURA & TEMPO LIBERO

SAN MICHELE SALENTINO/ Il 14 agosto, per gli eventi estivi

In scena, il “Prometeo Paladino”

I

l cartellone degli eventi estivi del Comune di San Michele Salentino si arricchisce quest’anno di un momento di spettacolo di alta professionalità che coniuga il teatro con l’ambiente, la tragedia greca con l’innovazione artistica. L’Amministrazione comunale ha infatti voluto proporre uno spettacolo realizzato dalla compagnia teatrale Gruppo Mòtumus (www.motumus.it) che presenta un libero adattamento del Prometeo di Eschilo, rivisto e rimodernato attraverso una messa in scena originale e di forte impatto emotivo. Domenica 14 agosto in piazza Marconi va in scena il “Prometeo Paladino” per la regia di Maurizio Ciccolella con Giovanni Di Lonardo, Francesca Danese, Vittoria Orlando, Giovanni Roma, Altea Chionna e Fabio Saccomanno. E’ un Prometeo moderno quello portato in scena dal Gruppo Motumus di Brindisi, per la regia di Maurizio Ciccolella. Un Prometeo che si stacca dal passato della tragedia eschilea per entrare nel presente di una realtà in cui l’ambiente è minacciato e utilizzato come fonte di arricchimen-

to personale. Una metafora non troppo velata di quello che può essere la realtà locale con tutte le sue contraddizioni nel rapporto tra uomo e natura, tra una sostenibilità richiesta da molti e un inquinamento che coinvolge tutti. Un Prometeo che non è più incatenato, come nel titolo della tragedia eschilea, ma prigioniero, costretto ai lavori forzati, e che da titano si trasforma in paladino della libertà in nome di una giustizia più alta, dove l’uomo diviene nuovamente il centro dell’attenzione rispetto alle logiche economiche e politiche. Uno spettacolo che nell’interpretazione degli attori, e sotto le direttive registiche di un grande professionista quale Maurizio Ciccolella, diplomato al Picccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa, trova il suo migliore compimento, in una concretezza a tratti fisiologica che muove e commuove lo spettatore in un crescendo di emozioni fino alla catarsi finale di una speranza nel cambiamento che diventa tangibile e corona gli sforzi di questo straordinario Prometeo. Lo spettacolo, scritto dal giornalista Sal-

vatore Vetrugno insieme al regista Maurizio Ciccolella, vuole essere nella sua vocazione di ricerca anche una forma di denuncia nei confronti delle politiche economiche moderne, che relegano gli esseri umani ad un’impossibilità di poter agire direttamente e in modo efficace sulla propria vita. È uno spettacolo che porta alla luce quei sentimenti muti eppure potenti, sottesi allo sfruttamento del lavoro e delle risorse dell’ambiente, ricostruendo sulla scena una concretezza che sfugge a quella dimensione astratta che spesso appartiene a temi così generali. Lo spettacolo offre diversi spunti di riflessione attraverso una messa in scena a tratti inquietante con personaggi estremi quali il generale Cratos o la giovane Io, prigioniera di Cratos usata come cavia di esperimenti efferati. Accanto a questi estremi si muove il personaggio di Prometeo che non è più incatenato, come nel titolo della tragedia eschilea, ma prigioniero, costretto ai lavori forzati in un campo di concentramento. Un Prometeo che da titano si trasforma in paladino della libertà in nome

di una giustizia più alta, dove l’uomo diviene nuovamente il centro dell’attenzione rispetto alle logiche economiche e politiche. Se il generale Cratos rappresenta il potere assoluto sulle cose e sulle persone; l’accentramento e la personificazione di un concetto che, in quanto tale, sfugge al giudizio umano, di contro Prometeo rappresenta la volontà, la lotta contro i massimi sistemi, il sacrificio in nome di un’ideale, il carburante di una ribellione che non è limitata all’atto di rivolta ma presuppone un cambiamento delle coscienze non più disposte a essere “governate” dall’esterno. Il duello tra Prometeo e Cratos rivela che la volontà è

ARTE

FRANCAVILLA FONTANA/ Parlano sindaco e vice sindaco

Città estate, un cartellone ricco

«

• IL PALAZZO DEGLI IMPERIALI, UNO DEI "SIMBOLI" STORICI A FRANCAVILLA FONTANA.

Abbiamo pensato ad una Città Estate arcobaleno, all’insegna cioè di tutti i colori, dove ad ogni colore corrisponde un genere artistico. Tanti eventi per rappresentare il ritrovato piacere alla socialità». Con queste parole il vice sindaco, nonché assessore con delega tra le altre al Turismo e Spettacolo, Mimmo Bungaro descrive il cartellone delle iniziative estive messe a punto dall’amministrazione comunale. Un cartellone ricco e pensato in ogni minimo dettaglio per soddisfare al meglio i gusti di tutti. Nonostante la crisi economica e le mai floride casse comunali. «Attraversiamo un periodo storico di grande difficoltà per tante famiglie – ha spiegato dal canto suo il sindaco Vincenzo della Corte – il che si traduce con una riduzione del periodo di vacanza lontano

Laura Carone "vola" in Grecia

dalla città. Questo ci ha spinto a stilare un programma estivo che potesse essere di svago per tutti coloro che resteranno in città». E ancora, il vice sindaco Mimmo Bungaro: «La Città di Francavilla Fontana, con i suoi momenti di convivialità, non è altro che una famiglia allargata dove trovano posto tutti: dai bambini agli anziani, dai giovani agli adulti. E Città Estate ne è forse l'esempio più popolare ed atteso. Anche quest'anno offriamo ai numerosi francavillesi che trascorrono le loro vacanze in città, ma anche ai turisti che arrivano a Francavilla Fontana, un programma vario di iniziative e manifestazioni capaci di accontentare ogni esigenza. Tanti eventi, insomma, attraverso i quali rappresentiamo il ritrovato piacere alla socialità. Un programma ricco e vario che animerà Francavilla Fontana fino a tutto il mese di settembre e che ci consente di promuovere un'offerta culturale e turistica di rilievo. Un'estate piena di gioia a tutti». Rincalza poi, il sindaco della Corte che nel fare eco al suo vice, precisa: «È un buon programma che viene offerto gratuitamente a tutti. Un programma che si arricchisce anche della programmazione della Festa Patronale che in qualche modo chiude i festeggiamenti dei 700 anni della nascita della nostra Città. Colgo l'occasione per ribadire l'impegno di questa Amministrazione Comunale per la Città e nel pieno rispetto degli impegni presi. Siamo abituati a parlare chiaro senza alcuna ipocrisia, questo talvolta disturba. Auguro ai francavillesi ed ai sempre più numerosi ospiti una buona estate». (Maria Angelotti)

S

• LAURA CARONE.

ituata sulla terraferma, circa 40 km a Sud di Igoumenitsa, Parga è un piccolo villaggio della Grecia che si affaccia su di una bellissima baia. E’ definita la “perla dello Jonio”. Qui in questa località marina l’artista

francavillese esporrà i suoi quadri. La personale si terrà dal 21 al 26 agosto all'interno del Castello. Laura Carone, gallipolina d’origine, risiede ed opera a Francavilla Fontana. Nel corso della sua carriera artistica ha ottenuto lusinghieri riconoscimenti tanto che la sua “Persefone Gaia” ha vinto nel 1996 a Venezia il Primo Premio per la Biennale Mediterranea d’Arte grafica multipla diretta dal prof. Vittorio del Piano. E’ stata il logo ufficia-

OFFERTISSIMA!

Collezione Lolite

Carne Plasmon

Tettarelle Tigex 3pz

Û 3,50

Û 69,00

Succhietti fisiologici Tigex 2pz

Û 4,50

OFFERTA !

Prodotti

Tutti i Clienti che si presenteranno con questo BUONO avranno diritto ad un ulteriore SCONTO OFFERTA VALIDA FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

Plasmon Frutta tutt i gusti

Û 0,99

le per diverse manifestazioni svolte in tutta Italia sotto l’alto patrocinio dei Ministeri degli affari Esteri e dei Beni Culturali ed Ambientali. Sul colore delle sue opere così si esprime Giovanni Antonio Pozzessere: “Piace per quella tavolozza che la contraddistingue e quei “ricami d’altri tempi” che rievocano il culto della casta bellezza e del puro dialogo interiore, sublimando con candore quel suo dire: voglio vivere il colore”.

PASSEGGINO CON 5 POSIZIONI DI SCHIENALE IN 3 COLORI

Prodotti

Giocattoli - Dietetica - Prima infanzia - Bomboniere - Liste Nozze 3 PUNTI VENDITA

LISTE NOZZE BOMBONIERE PER TUTTE LE OCCASIONI

più forte del potere, che l’uomo in quanto espressione di libertà, verità, saggezza e amore può sovvertire anche ciò che a prima vista può sembrare ineluttabile. Uno spettacolo dalle innumerevoli chiavi di lettura e che abbraccia diverse tematiche coniugando l’intrattenimento con la riflessione, l’Arte con la Natura, il Teatro con la Vita. Un appuntamento da non perdere per poter riflettere su tematiche così importanti attraverso un momento di spettacolo tra i più suggestivi del panorama pugliese. Lo spettacolo sarà replicato il 16 agosto in piazza Duomo a Brindisi e il 17 agosto nella riserva naturale di Torre Guaceto.

Scarpe Balducci 50% di sconto

LETTINO DA CAMPEGGIO CON BORSONE DA VIAGGIO


redazione@

.it

XXI

FRANCAVILLA/ URBANISTICA Parla l'arch. Gabriella Verardi, uno dei progettisti

Rimarrà sepolto per sempre

Addio al "foggiaro"

Centro Storico, ecco la verità sulle "chianche" ed anche sul cantiere

I

• L'ARCHITETTO GABRIELLA VERARDI.

lavori di riqualificazione del Centro Storico di Francavilla Fontana rappresentano concretamente un’occasione unica e importantissima per la città di ripristinare le funzioni civiche e pubbliche degli spazi storici più significativi e belli del paese. Come spesso accade i cambiamenti agitano e confondono, in particolare quando riguardano l’opinione pubblica diffusa e i luoghi cari ai cittadini. Credo sia questo il motivo di tanto parlare e polemizzare sui lavori in corso da diversi mesi nel Centro Storico di Francavilla, di cui la sottoscritta, assieme all’architetto Angelo Fedele e all’Arch. Stefano Serpenti è Direttore dei Lavori e prima ancora progettista. Recuperare la città storica è sempre un’operazione complessa, il cui esito dipende da un insieme di fattori, di pareri e di possibilità concrete operative che condizionano fortemente il processo di progetto e di realizzazione dell’opera. Nel caso di Francavilla, molti sono stati i fattori esterni che hanno influito sulla soluzione definitiva del progetto da realizzarsi (diverso da quello vincitore del concorso di idee), ed in particolare hanno pesato i numerosi pareri espressi dalle due Soprintendenze coinvolte: la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Paesaggistici e la Soprintendenza ai Beni Archeologici. In alcuni passaggi i due enti hanno addirittura espresso suggerimenti divergenti e contrastanti tanto da rendere difficile, e quindi rallentare, la definizione del progetto esecutivo (in particolare di Piazza Umberto I interessata dagli scavi archeologici). Purtroppo i cittadini francavillesi e gli operatori economici interessati dai cantieri, che lamentano disagi, sono stati poco coinvolti sia nella comprensione delle dinamiche relative ai vincoli ricadenti sull’intervento, sia nella possibile proposizione di suggerimenti e proposte riguardanti le scelte progettuali e la gestione temporale ed organizzativa dei cantieri. D’altra parte i lavori si devono realizzare al di là delle scadenze temporali di festività, stagioni, riti religiosi ed ogni altro evento cittadino che si debba svolgere nelle aree interessate dai lavori, anche in relazione alle scadenze imposte

dall’Ente che cofinanzia il progetto, ossia la Regione Puglia, secondo un cronoprogramma definito. In ogni caso credo che l’Amministrazione abbia cercato in tutti i modi di venire in contro alle esigenze dei ristoratori e dei bar presenti nelle aree interessate dagli interventi, riducendo al minimo i giorni di inagibilità delle aree a loro destinate, a volte anche contro la volontà della stessa DL che avrebbe preferito lavorare con una pressione minore sulle aree di cantiere. Appare doveroso fare una precisazione per sconfessare ciò che si dice in giro rispetto al recupero (o no!!!??) delle chianche. Tutto il basolato storico divelto e che era presente sulla viabilità carrabile e sui marciapiedi, è stato riutilizzato nelle operazioni di recupero e di ricollocamento. Tutte le chianche presenti nell’area di intervento sono rimaste nel Centro Storico e sono state recuperate. Una parte di tali basole (circa il 20-25% in totale), non è stata recuperabile poiché eccessivamente danneggiata (su Via Dante si può ancora vedere quante basole sono rotte e danneggiate e quindi non facilmente riutilizzabili). Ad integrazione di quella superficie di basole non recuperabili, su prescrizione della Soprintendenza BAP, si è integrato un nuovo basolato in pietra calcarea dura, miscelando nuove e vecchie basole in un’unica pavimentazione; ciò è facilmente riscontrabile e visibile in Via S. Giovanni, Piazza Giovanni XXIII, Largo S. Marco, ecc. Per questo motivo nessuna basola è stata regalata, venduta o riutilizzata altrove come si sente dire in giro da qualche tempo, anzi, il nostro più grande sforzo è stato quello di riuscire a salvarne il più possibile e mantenerle in loco riutilizzandole al meglio. Invito tutti i cittadini interessati a prendere visione delle prescrizioni impartite dalle Soprintendenze così da comprendere quanto il progetto possa essere stato condizionato, e a volte “ingessato”, da tali enti. Un esempio per tutti, di un tale condizionamento progettuale, può essere il verde da noi previsto in progetto, di Piazza Umberto I e Piazza Giovanni XXIII, poi eliminato del tutto a seguito delle suddette prescrizioni della Soprintendenza. Infine vorrei fare un appello ai cittadini di Francavilla invitandoli ad una maggiore collaborazione nella gestione dei cantieri ancora in corso, al rispetto del lavoro e delle risorse spese in tutti questi mesi, a una maggiore consapevolezza che lo spazio pubblico appartiene a tutti noi e che tutti noi abbiamo il diritto ed il dovere di rispettarlo, preservarlo, mantenerlo pulito, integro e decoroso e di difenderlo anche con critiche serie e costruttive. Architetto Gabriella Verardi

NOSTRA INCHIESTA SUL PROSSIMO NUMERO

• I LAVORI DI COPERTURA TEMPORANEA DEL FOGGIARO.

C

he ne è del foggiaro rinvenuto anni or sono in Piazza Umberto I? Per ironia della sorte proprio quelle fogge per cui la piazza fu chiusa al traffico veicolare e “violentata” dal famigerato “gazebone” (orrenda gabbia metallica messa a protezio-

ne degli scavi e rimasta a deturpare la piazza per alcuni anni) e cui forse va ascritto il merito (o il demerito) di aver dato l’imput per il progetto di riqualificazione del centro storico, non saranno più visibili. Le basole sono già state montate sullo strato di bitume con cui si disse che “provvisoriamente” si coprivano le fogge per evitare che si danneggiassero in attesa che la piazza intera fosse riqualificata. Per poco tempo, sempre si disse, poi sarebbero state riportate alle luce e coperte con lastre trasparenti e calpestabili. La Sovrintendenza ha infine espresso parere diverso ed il progetto è stato modificato. Le foggie sono solo un vecchio ricordo, custodito ora sotto la piazza.

• IN PRIMO PIANO LA "VORAGINE" DEL FOGGIARO.

Le foto, "datate", sono state realizzate dalla giornalista Maria Angelotti e mettono bene in evidenza la situazione relativa al "Foggiaro" in Piazza Umberto I, nell'allora mese di aprile dell'anno 2008

) ) )

) )

) )


redazione@

.it

XXII

ESTATE & CONSUMI

Le vacanze dei brindisini, con un occhio al portafoglio Visti i tempi in tanti ricorrono al classico “mordi e fuggi”

Dall’indagine a cura dell’Adoc di Brindisi (l’Associazione per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori)

L

’Adoc provinciale di Brindisi ha reso noti i risultati dell’indagine conoscitiva sulle tendenze delle vacanze estive dei brindisini su un campione di trecentocinquanta intervistati. Dai dati riassunti viene fuori una realtà fortemente condizionata dalle difficoltà economiche delle famiglie che riscoprono il proprio territorio dopo anni di vacanze anche se pur brevi in altre realtà. Solo il 15% degli intervistati dichiara di aver prenotato una vacanza. Un dato al netto delle partenze che nulla hanno a che vedere con la stagione estiva ma altresì legate a ricorrenze o altro. Numerosi gli indecisi, il 35%, attenti al portafoglio e pronti a cogliere l’occasione o l’offerta del momento senza condizionamenti circa durata e località da raggiungere, l’importante

è che non comporti lunghi e costosi spostamenti. Il 45%

strutture libere. Il 40% di chi ha prenotato una vacanza, lo

dichiara di non partire e di optare per il “mordi e fuggi” presso località turistiche o strutture presenti in zona, forte la propensione a fruire delle

ha fatto tramite agenzia, in largo anticipo, potendo usufruire delle agevolazioni e degli sconti proposti dai vari tour operator. Solo il 20%, per dif-

fidenza, ha prenotato tramite internet nonostante l’introduzione di nuove forme di tutela anche per questo tipo di contratti. Il passaparola o le conoscenze la fanno da padrona nella scelta e nella conferma della vacanza estiva con il 35% degli intervistati che dichiara di avere provveduto direttamente a contattare le strutture turistico ricettive senza l’uso di intermediari. Il 60% dei partenti ha scelto il villaggio come sistemazione per le proprie vacanze, una scelta quasi d’obbligo per le famiglie con bambini al seguito e per gli amanti del relax senza pensieri di sorta: è tutto organizzato basta alleggerire un po’ il portafoglio. Il 20% ha scelto la sistemazione in albergo volendo vivere in libertà il territorio senza condizionamenti. Il 15% sceglie gli appartamenti mentre per gli amanti della natura e della vacanza in libertà il camping ha sempre un suo riscontro: il 15%. Per gli spostamenti i brindisini prediligono l’auto, il 55%, nonostante il caro benzina, e l’aereo per il 15%, un dato in aumento visto il potenziamen-

to dei collegamenti da e per l’aeroporto di Brindisi e Bari con rinomate località a prezzi low cost anche se di difficile reperimento nel pieno della stagione estiva. Un classico sono i collegamenti marittimi con la Grecia e la Croazia utilizzati dal 10%. Tra le destinazioni il 55% non riesce a rinunciare al mare in Italia e all’estero, il 35% si rifugia in collina alla ricerca di bellezze artistiche e gastronomiche, il 5% la montagna e solo il 5% è disposto ad affrontare il caldo per visitare le città d’arte. Il pagamento delle vacanze è frutto per il 45% di risparmi di un anno e più, per il 35% di finanziamenti possibilmente a tasso zero, e solo per il 15% di disponibilità economiche. Se chi parte deve fare bene i conti con il proprio portafoglio non va certo meglio per chi ha deciso di restare in città utilizzando le strutture esistenti. Il 30% opta per gli stabilimenti balneari, il 10% per gli appartamenti, il 10% per i camping ma il dato che deve far più riflettere è il 40% che fruisce delle spiagge libere. Non ci resta che augurare buone vacanze a tutti!

Animals’ Outlet Outlet

by

su articoli per Prezzi da Cani, Gatti, Pesci e Uccelli Roditori

Servizio Toilettatura con ritiro e consegna a domicilio Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 10 - Ostuni (Br) Tel. 0831 34 22 52


redazione@

diritti dei cittadini

.it

XXIII

di Marina della Corte

Quando una vacanza da sogno, diventa un incubo Tutto quello che c'è da sapere sui danni da vacanza rovinata

N

el periodo estivo molta gente si allontana dai luoghi di lavoro e dalle afose città per raggiungere località di vacanza presso le quali trascorrere del tempo all’insegna del relax dimenticando l’ordinaria e frenetica routine giornaliera. Assai frequentemente, però, le aspettative di questi turisti vengono disattese dagli innumerevoli disservizi o dalla mancanza dei conforts pattuiti al momento della prenotazione della vacanza. Tali inconvenienti si configurano alla stregua di veri e propri danni subiti dai consumatori. Difatti, il danno da vacanza rovinata viene in rilievo quando, a causa dell’inadempimento e della cattiva esecuzione del contratto da parte dell’organizzatore o del venditore di un viaggio “tutto compreso”, o anche da parte dei singoli fornitori di servizi turistici, non si realizza quel fine di piacere e di svago che spinge il consumatore all’acquisto del pacchetto turistico. Tale

danno si configura anche quando la vacanza non corrisponde alle aspettative del turista ingenerate dai depliants pubblicitari, dal contratto e dagli opuscoli informativi determinandosi, in tal caso, una lesione dell’interesse a godere della vacanza intesa come occasione di benessere psicofisico. Il danno da vacanza rovinata rappresenta, dunque, una tipologia di danno non patrimoniale di natura contrattuale (art. 93 Codice del Consumo) che presuppone la concreta difformità dal punto di vista qualitativo e/o quantitativo rispetto a quanto garantito e pubblicizzato nei depliants, tenuto conto che le informazioni in essi contenute risultano vincolanti per il tour operator e per il venditore e sono atte all’individuazione delle prestazioni principali e accessorie con riferimento anche alla qualità ed alla misura di queste ultime. Orbene, in caso di mancata realizzazione della finalità turistica, intesa come occasione di piacere, di svago o di riposo, il consumatore, unitamente al risarcimento dovuto a titolo di danno non patrimoniale, avrà diritto anche al risarcimento del danno patrimoniale subìto che si identifica con il pregiudizio di natura economica sofferto in conseguenza dell’inadempimento o

dell’inesatto adempimento degli obblighi contrattuali da parte del tour operator o del venditore del pacchetto turistico, come espressamente previsto dall’art. 93 del Codice del Consumo. Sussisterà, pertanto, responsabilità del tour opertator qualora si verifichino difformità qualitative o quantitative tra le prestazioni garantite e quelle concretamente offerte al turista e responsabilità del venditore a fronte di imprecisioni, negligenze e difformità rispetto a quanto previsto e contrattualizzato (ad es. per mancata assistenza a terra dei clienti in relazione ai servizi aereoportuali, per errata prenotazione di un servizio di trasporto, per negligente espletamento degli adempimenti doganali, valutari o nell’esecuzione delle pratiche relative all’espatrio o all’ingresso in determinati Paesi o, ancora, per inosservanza di obblighi informativi relativi al viaggio). Dal punto di vista normativo il danno da vacanza rovinata trova per la prima volta specifica e formale regolamentazione nell’art. 47 del Codice del Turismo (d.lgs.79/2011), entrato in vigore lo scorso 21 giugno. Ivi si legge che nel caso in cui l’inadempimento o l’errata esecuzione delle prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico

Avv. Marina della Corte Unione Nazionale Consumatori

acquistato non Info: 331/6123800 marina.dellacorte@libero.it siano di scarsa importanza, il turista ha diritto ad un risarcimento del danno, la cui entità sarà naturalmente correlata al tempo di vacanza inutilmente trascorso e alla irripetibilità dell’occasione perduta. Tale richiesta di risarcimento del danno è soggetta tuttavia ad un termine di prescrizione di tre anni, decorrenti dalla data del rientro del turista nel luogo di partenza, decorso il quale il diritto stesso al risarcimento si estingue e la domanda non potrà pertanto essere accolta. Tutti i danni che invece attengono al contratto di trasporto (es. viaggio aereo, treno, etc.) eventualmente compreso nel pacchetto turistico, si prescrivono nel termine di un anno (ovvero diciotto mesi se il trasporto ha inizio o termine fuori dai confini dell’Europa), applicandosi in tal caso l’art. 2951 c.c. Va ricordato che le domande di risarcimento del danno da vacanza rovinata rientrano tra quelle per le quali è previsto il tentativo obbligatorio di conciliazione, disciplinato dal D. Lgs. 28/10, che costituisce condizione di procedibilità per il vero e proprio giudizio avanti all’Autorità Giudiziaria.

NOVITÀ

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

Noleggio mini pa le e mini scavatori Noleggio bagni ch imici

TEL. 0831.812527 339.5063809 fax 0831.1810991

FARINA geom. DOMENICO Via per Grottaglie Km 0,050 - Tel 0831.812527 Fax 0831.1810991 72021 Francavilla Fontana (Brindisi) Iscr. albo Naz.le Gestione Rifiuti n. BA580/O del 18/07/2006


redazione@

SPAZIO OPINIONI

di Elisabetta Santoro

DISTURBI DELL’IDENTITÀ DI GENERE

Gli abusi sessuali

PEDOFILIA Dott.ssa Elisabetta Santoro Educatore Professionale elisabetta_santoro85@libero.it

L

a sessualità è una delle sfere più personali e private della vita di un individuo. Ognuno di noi è un essere sessuato con preferenze e fantasie che talvolta possono sorprendere e persino scandalizzare gli altri. Quando però quest’ultime hanno su noi stessi e sugli altri effetti dannosi, essi cominciano a qualificarsi come disturbi patologici. É il caso della pedofilia. Spesso prendiamo coscienza di fenomeni di cronaca, da cui emerge un forte bisogno da parte dell’adulto di ottenere una gratificazione sessuale, scegliendo come vittima chi è più giovane. I pedofili sono degli adulti, che traggono gratificazioni dal contatto fisico e spesso sessuale con bambini prepuberi; non sempre ledono fisicamente le loro vittime, più frequentemente spaventano il bambino minacciandolo.

Talvolta il pedofilo si accontenta di accarezzare i capelli del bambino, ma può anche manipolarne i genitali, incoraggiare il bambino a manipolare i suoi, e più raramente tentare la penetrazione. Le molestie possono protrarsi per settimane, mesi o anni se non vengono scoperte da un adulto o se la vittima non protesta. Per un bambino, denunciare l’abuso sessuale può essere estremamente difficile. Tendiamo a dimenticare quanto indifeso e dipendente si senta un bambino e come possa essere spaventato all’idea di raccontare ai genitori che è stato toccato da uno sconosciuto.

Quando i genitori sospettano di un possibile abuso sul proprio figlio/a è necessaria una notevole abilità per garantire che il racconto sia accurato, per evitare di influenzare il bambino e per ridurre al minimo lo stress psicologico che accompagna la rivisitazione di un’esperienza che è fonte di grave turbamento. E’ la famiglia che in tali circostanze detiene un ruolo importante, poiché il bambino, soltanto accompagnato dalla sicurezza del nido famigliare, può prendere coscienza dell’accaduto, evitare il senso di colpa e fare un passo in avanti per riconquistare la fiducia prima in se stesso e poi negli altri.

.it

XXIV


redazione@

.it

XXV

Concluso il 26 luglio il primo campionato di calcio aziendale organizzato da Nuovarredo

La Soavegel_Soave vince il primo scudetto aziendale Grazie a tutti ! Si è appena concluso il primo campionato aziendale a 6 e il successo è senz'altro dovuto a tutti coloro che ci hanno creduto e con le loro tifoserie lo hanno ben animato. Grazie a tutti! Ricordiamo che tutte le partite si sono disputate presso il campo di calcetto “Fumagalli” situato sulla via per Ceglie a Francavilla Fontana e cogliamo l’occasione per ringraziare il Sig. Alfonso Fumagalli per la cordiale ospitalità. Il primo scudetto 2011, offerto dalla ditta Effebi di Francavilla Fontana è stato assegnato alla Soavegel_Soave; Distante si è posizionato al secondo posto, mentre la Nuovarredo ha conquistato il terzo.

Capocannoniere: Ivan D’Imperio Coppa disciplina assegnata a Magrì Casa

CLASSIFICA GENERALE

Miglior Portiere: Cosimo Russo

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Soavegel_Soave Distante Nuovarredo Magrì Arreda Novimpianti Gea Magrì Casa Pubbliservice Icem Fanelli_Dipral Artigian Russo Mercatone Uno Ga.Mi.

Soavegel_Soave

FINALISSIMA

Soavegel_Soave L’organizzatore Antonio Magrì premia il Dott. Bianco della ditta Soavegel

1° scudetto offerto da:

media partner

VS

Distante

4-1

Miglior Giocatore: Damiano di Lena

FINALE PLAY-OFF Soavegel_Soave

VS

PLAY-OFF 1° INCONTRO MagrìArreda Soavegel_Soave 4-5

Nuovarredo

6-2

PLAY-OFF 2° INCONTRO Novimpianti 10-6 Nuovarredo


redazione@

SPORT/ CALCIO, "VIRTUS" FRANCAVILLA

.it

XXVI

di Maria Angelotti e Giovanni di Noi Fotoservizio di Domenico Cavallo e Giovanni di Noi

Presentato l'organigramma societario e tecnico, oltre al logo, alle magliette, al sito internet ed all'inno ufficiale

Tutti pazzi per la Virtus Magrì (patròn): «Mi attendo passione ed impegno» Ligorio (direttore): «Puntiamo al vertice» • DA SINISTRA: FABIO ARPA (RESPONSABILE AREA MEDICA), LEO DI PUNZIO (PORTIERE), ANTONIO MANISCO (PREPARATORE ATLETICO), DANIELE COCCIOLI (ALLENATORE JUNIORES).

• MIMMO LIGORIO DIRETTORE GENERALE.

E

• ALFREDO PARADISI ALLENATORE 1ª SQUADRA.

ntusiasmo, voglia di fare (e magari fare bene), curiosità. Questi, fra gli altri e più degli altri, sono i sentimenti e gli stati d’animo che suscita attorno a se la neonata “Virtus Francavilla”. Entusiasmo e voglia di far bene caratterizzano soprattutto la società e lo staff tecnico. La curiosità invece è tutta per gli appassionati di

• MIMMO BUNGARO VICE SINDACO.

• ANTONIO MAGRÍ PRESIDENTE.

sport in generale. E di calcio in particolare. Prova di ciò anche la folta rappresentanza di spettatori accorsi alla conferenza stampa di presentazione del nuovo sodalizio sportivo, svoltasi a fine luglio nella sala conferenze dell’azienda NuovArredo. Una conferenza in cui si è parlato appunto della Virtus Francavilla. O meglio del

• PRESENTAZIONE DELLE MAGLIE UFFICIALI DELLA VIRTUS FRANCAVILLA.

• GIANNI CANNALIRE DIRETTORE DELLE NEWS.

“Progetto Virtus Francavilla”. Un progetto che, in attesa che nel prossimo futuro sappia e faccia parlar da solo di sé, lasciamo ora sia illustrato da alcuni dei suoi “artefici”: il presidente Antonio Magrì, il direttore generale Mimmo Ligorio e l’allenatore Alfredo Paradisi. Presidente Magrì, qual è stato il desiderio suo più grande tanto da averla spinta a concretizzare un energico sodalizio, di fatto la squadra di calcio della “Virtus Francavilla”? L’iniziativa nasce da un progetto aziendale: fino allo scorso anno abbiamo sponsorizzato diverse compagini sportive, dal calcio al basket alla pallavolo. Adesso c’è l’intenzione di creare un progetto che sia gestito direttamente dall’azienda. Dunque un cambio di programma che ci vede impegnati in modo diretto e non più attraverso sponsorizzazioni esterne. Da qui è nato il progetto “Virtus Francavilla”. Abbiamo deciso di investire nel calcio perché riteniamo che sia lo sport che dia una visibilità maggiore a 360° e che sia anche più vicino a quello che è il nostro target di clientela e di prodotto.

Cosa non smetterà mai di chiedere ai suoi? Non smetterò mai di chiedere risultati positivi. Sono abituato ad ottenere sempre grandi risultati nel mio lavoro; in tutto quello che faccio ci metto passione e impegno. Quindi alla squadra di calcio chiederò risultati positivi. Quanto conta per lei, la tifoseria? Sicuramente conta tanto. Se si fanno queste iniziative è perché si vuole coinvolgere il maggior numero di persone possibile. Mi auguro pertanto che questo progetto sia seguito con interesse da tantissimi tifosi e appassionati e semplici persone che vogliono sostenere questo progetto, che ha bisogno di numerosi sostenitori. Abbiamo anche realizzato un sito internet già online dove tutti coloro che si vogliono interfacciare lo possono fare tranquillamente. Ci sono delle sezioni dedicate proprio alla tifoseria che può lasciare dei messaggi e consultare lo stesso sito per ricavarne tutte le informazioni possibili. Mister Paradisi, la rosa è completa: soddisfatto degli acquisti? Sicuramente sì. Anche perché la maggior parte di questi sono stati da me indicati o comunque avallati. Da valutare ci sarà attentamente l’eventualità di qualche “colpo” che possa dare ulteriore spessore ad una squadra che però è già abbastanza completa.

Qualche “nome” che ha destato particolare attenzione sotto il puro profilo tecnico e sul quale contate in particolare per il futuro della squadra? Non mi piace fare nomi, soprattutto sugli “over”. Posso dire che la società ha investito su alcuni giovani importanti come Gennari, Frascella che sicuramente avranno modo di mettersi in mostra non solo quest’anno ma anche e soprattutto in futuro. In porta, c’è poi sicuramente un “signor portiere”, che tra l’altro entra a far parte dello staff tecnico. Una garanzia: il suo nome è Leo di Punzio, che non sto certo a scoprire io. Direttore Ligorio, in considerazione della sua esperienza pregressa in materia (Ligorio è stato presidente dell’Imperial Francavilla, costola della Virtus nata appunto dalla fusione tra l’Imperial e l’Erchie, ndr), quali le reali potenzialità di questo nuovo sodalizio sportivo? Sicuramente le ambizioni sono elevate e ci sono tutte le prospettive per poter fare un campionato di vertice. Stiamo peraltro anche puntando su giocatori molto vicini alla città di Francavilla anche per evitare sprechi e cercare di ottenere un livello medio alto dei giocatori. Insomma tutti pazzi per la Virtus. Una sana follia pronta a contagiare tutti.

• IL PUBBLICO IN SALA, ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO "VIRTUS FRANCAVILLA".


.it

redazione@

di Maria Angelotti Foto: di Giovanni di Noi

QUI CALCIO

XXVII

QUI BASKET

Alla presidenza arriva Donzelli, per la squadra si riparte da Olive

Il cuore non basta al Francavilla calcio L'iscrizione all'Eccellenza garantita da Distante

ECCO TUTTE LE NOVITÁ DENTRO E FUORI DAL PARQUET

• IL COACH DAVIDE OLIVE IN "AZIONE". A DESTRA, IL NEO PRESIDENTE GIANNI DONZELLI.

I

• DA SINISTRA: TONINO DONATIELLO (FRANCAVILLA CALCIO) E ANTONIO MAGRÍ (VIRTUS FRANCAVILLA): ANTAGONISMO SANO E DI STILE.

l Francavilla Calcio non se la passa bene. L’amore dei suoi tifosi non può bastare, e non basta, per consentirgli un futuro, se non propriamente roseo, perlomeno sereno. Non è un’indiscrezione ma quanto dichiarano i tifosi ed uno sconsolato ma non domo presidente Tonino Donatiello. «La nostra squadra è ridotta in pessime condizioni. Fortunatamente la gente, i tifosi ci sono comunque vicino. Ma mancano i soldi. L’auspicio è che gente nuova si avvicini al Francavilla Calcio perché, senza nulla togliere alle altre squadre cui va tutto il nostro rispetto, il Francavilla Calcio è la squadra della nostra città». Situazione difficile dal giorno dell’addio del presidente Mino Distante. Distante che, pur avendo lasciato la presidenza lo scorso anno, non si è tirato indietro quando si è trattato di iscrivere la squadra al campionato di Eccellenza. «Ancora una volta dobbiamo ringraziare Distante per la sua generosità», dichiara sempre Donatiello. Un ringraziamento che arriva anche dalla tifoseria. «Non possiamo dimenticare come Distante ha portato avanti la squadra con dovizia e senso di responsabilità. Ancora oggi, che si è dimesso dal suo incari6x3 Gioffredi.pdf

1

24/06/2011

11:20:59

co, ha voluto iscrivere la squadra permettendo cosi che proseguisse il sogno del Francavilla Calcio». «Per questo - scrivono rivolgendosi direttamente a Distante - ti siamo grati, Mino, perchè grazie a te possiamo andare avanti, possiamo ancora crederci, e quello che di buono hai fatto rimarrà indelebile nella storia, stanne certo». Poi da parte dei tifosi un incoraggiamento all’attuale presidente, Tonino Donatiello. «Donatiello, un uomo che da sempre c'è. E che da sempre ci crede. Con convinzione e caparbietà. Con costante presenza. Lui, che nel Francavilla Calcio ha messo il cuore, ora ha bisogno di sostenitori ed è pronto a far posto a chiunque voglia entrare in prima linea per la salvezza del nostro calcio». Quindi da parte dei tifosi l’appello alla città ed ai cittadini: «Il Francavilla Calcio ha bisogno di voi, del vostro contributo, di chi ancora ci crede, di chi non molla perchè voi, tutti voi, siete l'anima del Francavilla. Ricordate che anche il vostro contributo, per quanto piccolo possa essere, può fare la differenza e può farci sperare ancora».

N

ovità in “casa” Soave: dopo sei anni di successi e soddisfazioni, l’avv. Francesco Bianco lascia la presidenza della Soavegel Basket Francavilla continuando, comunque, la sua collaborazione con la società biancazzurra nella veste di vicepresidente. Al suo posto, Gianni Donzelli ora pertanto nuovo presidente della Soavegel Basket Francavilla. Sicuramente positivo il bilancio di questo periodo di gestione dell’avv. Bianco, un uomo che con il suo costante impegno e la sua dedizione ha contribuito alla grande crescita degli ultimi anni da parte della società cestistica francavillese; sotto la sua guida la Società della “Città degli Imperiali” ha ottenuto eccellenti risultati, centrando negli ultimi quattro anni due promozioni (dalla C2 alla B dilettanti) e una semifinale play off alla prima apparizione in serie B. «Dopo sei anni intensi come pochi, ricchi di soddisfazioni ed al contempo di problemi, ho ritenuto che fosse giusto assicurare un'alternanza alla guida della

società» afferma l’avv. Bianco nel passare il testimone “Auguro un buon lavoro a Gianni Donzelli, uomo di basket cui va tutta la mia stima e amicizia, consapevole di aver lasciato in buone mani il progetto intrapreso sei anni or sono. Rivolgo un abbraccio ideale a chi mi è stato vicino e a chi mi ha osteggiato ed un invito a chi ha davvero a cuore le sorti del basket. Il cambio al vertice per la società del patron Massimo Bianco giunge un po’ a sorpresa ma senza traumi, inteso solo come un naturale passaggio di consegne nel segno della continuità, con la presidenza che passa ad un uomo ormai da anni all’interno dell’entourage biancazzurro: si tratta di Gianni Donzelli, rampante giovane imprenditore francavillese (titolare dell’azienda Tecno Proget) possiamo dire nato e cresciuto nel Basket Francavilla. «Vorrei in primo luogo ringraziare l'amico Francesco Bianco per il suo splendido operato alla guida della società, il Dott. Massimo Bianco per la fiducia

accordatami e tutto il gruppo dirigenziale che ha appoggiato unanimemente la mia candidatura. Sono sicuro che la nostra Città abbia fame di pallacanestro e questo ci stimola a lavorare per il bene del basket francavillese e di tutti coloro che amano questo splendido sport. Ho avuto modo in questi giorni di interloquire con i vari settori del tessuto cittadino, da alcuni imprenditori ai tifosi ed ho avuto un appoggio, per ora, morale da parte di tutti ad intraprendere questo cammino. Il difficile momento attuale non risparmia la pallacanestro ed in generale lo sport». La Soavegel Basket Francavilla, anche per la nuova stagione 2011-2012, conferma alla guida della squadra coach Davide Olive, il tecnico mesagnese che guida da ben 11 anni brillantemente la formazione biancazzurra. Coach di assoluto valore che negli ultimi quattro anni, dopo le due promozioni che hanno portato la formazione dalla C2 alla serie B dilettanti, è riuscito, al primo anno nella prestigiosa categoria, a centrare la scorsa stagione l’importante risultato delle semifinali playoff, mettendo a disposizione la sua grande professionalità non solo per quanto riguarda la prima squadra ma contribuendo in modo rilevante anche agli ottimi risultati ottenuti dal settore giovanile francavillese.


redazione@

.it

XXVIII

PUBBLIREDAZIONALE Waterworld, un mondo di servizi per la cura professionale dei migliori amici dell'uomo

Professionalità, esperienza e passione. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono “Waterworld”, azienda leader di San Michele Salentino, specializzata nel settore degli articoli da pesca, toilettatura, giardinaggio, ed altro. L’attività è nata ufficialmente nel 2005 come azienda di articoli per la pesca, successivamente, da quattro anni, si è estesa e specializzata nel “mondo animale” grazie al dinamismo della responsabile dell’azienda, la signora Elena Menga. Offre un accurato servizio toilettatura al “fido”

amico dell’uomo. Sulla base delle crescenti richieste di mercato la “Waterworld” ha concentrato negli ultimi tempi ogni attenzione e dedizione agli animali e per tutto ciò che riguarda la loro cura e la loro bellezza. Tale servizio, vero e proprio fiore all'occhiello, è nato per caso, dalla semplice vendita di sacchetti di mangime per cani e gatti, per poi diventare una vera e propria attività. Il personale, qualificato e cortese, è sempre a disposizione per consigliare il giusto acquisto e per supportare ogni tipo

scelta, dare consigli e informazioni sui vari servizi e prodotti offerti. Questi nel dettaglio i servizi offerti: • animali da compagnia • accessori • mangimi • giardinaggio • insetticidi, prodotti e concimi • servizio toilettatura (attività recente sulla base delle richieste di mercato) • specializzazione PET. Tra gli obiettivi dell’azienda, a medio e lungo termine c’è senza dubbio un ampliamento delle attività. Occhi puntati pure sulla formazione professionale per acquisire esperienza e professionalità nel settore, mantenendo così un’elevata qualità dei prodotti e dei servizi offerti. La variegata gamma di

prodotti di altissima qualità permette agli operatori di questa azienda di scegliere e utilizzare il prodotto più idoneo al tipo di manto dell’animale, quindi ogni trattamento è assolutamente mirato a ottimizzare la salute del pelo e della pelle. Per fare tutto ciò ci si

avvale di attrezzature all'avanguardia e di prodotti dalle migliori aziende nel campo. Se cercate un luogo pulito ed accogliente dove il vostro animale sarà trattato come un “Re” affidatelo allora a mani sicure, vale a dire a “Waterworld” per lavarlo e tosarlo.


redazione@

.it

XXIX


annunci@

É possibile inviare i vostri annunci ai seguenti indirizzi: www.ilbrindisino.it - email: annunci@ilbrindisino.it - fax: 0831-843550 LAVORO OFFERTA GEOMETRA almeno 25 anni di età, con pratica su cantieri settore infissi; zona Francavilla Fontana. Cell. 320 0403738 SOCIETÀ PRIMARIA leader nella distribuzione di prestiti personali, cessioni del quinto e mutui cerca neo laureata discipline giuridico/ economiche per assunzione a tempo indeterminato , residente provincia di Brindisi. Sede di lavoro: Francavilla Fontana. Inviare curriculum vitae a: collaboratori.br@libero.it AGENZIA DI COMUNICAZIONE e web ricerca grafici dotati di creatività, intraprendenza e organizzati. Il candidato ideale ha una formazione come web designer/grafico pubblicitario e ha già maturato un'esperienza lavorativa. E' richiesta la conoscenza approfondita dei programmi contenuti nel pacchetto Adobe. La candidatura dovrà pervenire completa di una presentazione dei lavori realizzati (portfolio grafico). Inviare cv a: info@2elledesign.com AGENZIA DI COMUNICAZIONE e web ricerca programmatori informatici dotati di intraprendenza, elasticità mentale, ordinati e organizzati. Il candidato ideale ha una formazione come programmatore e ha maturato già un'esperienza lavorativa nel settore. E' richiesta la conoscenza approfondita dei linguaggi PHP, HTML, CSS, ASP, ASP.NET, JAVASCRIPT. La candidatura dovrà pervenire completa di una presentazione dei lavori realizzati. Inviare cv a: info@2elledesign.com Telefax: 0831.812576

AGENZIA OPERANTE NEL SETTORE GRAFICA pubblicitaria, web, comunicazione e marketing cerca agenti-venditori con esperienza nella ricerca di nuovi clienti per le province di Brindisi, Taranto e Lecce. Si richiedono esperienza nel settore, buone capacità di relazionarsi con il cliente e possesso di auto propria. Inviare cv con foto a: info@2elledesign. com Telefax: 0831.812576 AUTO & MOTO ACQUISTO 126 BIS da rottamare ma il motore ed altri pezzi sono in perfetto stato contattatemi pago rottamazione più compenso. Cell. 346 23 46 724 FURGONE O CAMPER SU FIAT 238 da rottamare ma con cabina o tetto, portiere, parabrezza siano intatti esenti ruggine. Pago rottamazione più compenso in caso altre parti da recuperare o la cabina con l'intero telaio. Cell. 346 2346724 VENDESI SCARABEO APRILIA cilindrata 50 cc, anno 94 prezzo 300€. Cell. 389 5851417 FIAT PANDA 1.2 emotion 5 posti, anno 2004 full optional abs clima city cerchi in lega portapacchi radio cd tagliandata 4600€. Cell. 3276354478 FIAT 126 personal 4 anno ’77 colore bianco tenuta benissimo, iscritta all’Asi. € 1000. Cell. 331 3350299

OROSCOPO

YAMAHA VMAX anno 2003 carbon-look km 9000 ottimo stato. Prezzo 5.000 €. Cell. 331 3350299 SUZUKI GSX-F 750 anno ’98 colore verde scuro km. 16.000, buono stato prezzo 1.600 €. Cell. 331 3350299 MOTO GUZZI 650 Florida con parabrezza anno ’90 colore grigio metallizzato km 24.000 ottimo stato. Prezzo 3.000 €. Cell. 331 3350299 MAREA JTD SW anno 2001 colore nero met. buono stato da poco tagliandata. Km 162.000. Prezzo 2.000 €. Cell. 331 3350299 MERCEDES CLK 220 CDI anno 2005 come nuova. Colore grigio metallizzato cerchi in lega 18" sedili in pelle nera, vari accessori, full optional 80.000 Km. Per info: 63cosma@libero.it MERCEDES BENZ SLK 200 kompressor navi 1.8 full optional perfetta 26.000 km anno 2009 argento metallizzato visibile in tutta la Puglia. Cell. 392 0867745 ALFA 147 150 Cv - anno 2006 - km 46.000 - 6 marce. Cell. 339 8568778 FIAT UNO SX 5P anno 1993 in eccellenti condizioni privato vende per mancato utilizzo. Tel. 393 0009090 OFFERTE VARIE VENDESI GAZZETTA DELLO SPORT campionato mondiale 1982 - 21 copie. Cell. 331 8728780

ATTIVITÀ negozio di parrucchiera; pluriaccessoriato, comprensivo di 3 postazioni lavaggio, 7 postazioni lavoro, 1 tavolo centrale con 4 specchiere mobili, 2 postazioni casco, 1 cassa, 4 vetrine retrocassa più due vetrine esterne. Mobili firmati Sassi (anno 2005). Francavilla F.na zona centrale. Info (ore pasti) 335 6315413. ATTREZZATURE negozio per parrucchiera per chiusura attività, attrezzature nuove (piastre in ceramica, foni paralux, lampada luxura V7 doccia solare, carrelli porta utensili, rasoio Panasonic accessoriato, forbici professionali da taglio, ecc.). Info (ore pasti) 335 6315413. CAMERA DA LETTO più cucina (come nuove un anno di vita) marca Scavolini vero affare. Cell. 331 3678965

TERRENO 3000 mq uliveto e mandorlato, contrada Carlo di Noi superiore. Cell. 327 4971377

MACCHINA CAFFÈ ESPRESSO potenza 750 W capacità 300ml, nuovissima € 40. Tel. 0831 819097 ore pasti

ULIVETO SECOLARE esteso su 2 ettari contrada Buontempo - Francavilla Fontana. Info 368 7791876

CAPPOTTO Lord /For pura lana Moessmer Tg 50, nuovissimo 120 €. Tel. 0831 819097 ore pasti.

AFFITTASI BOX AUTO affittasi in via Zara, libero da subito. Cell. 339 5786240.

FORNETTO 1380 W termostato, indicatore potenza, selettore, timer ed altri accessori; mai usato € 55. Tel. 0831 819097 ore pasti.

SAN MICHELE SAL. centro appartamento pianterreno ristrutturato 150 mq: 5 vani + servizi (con 2 bagni nuovi), garage, cortile, loggia, veranda: 400 € . Cell. 333 9869016

SALA DA PRANZO in mogano composta da vetrina tav.tondo, 6 sedie € 300,00. Cell. 328 0866201

LOCALE COMMERCIALE metri quadrati 220 circa, anche frazionabile. Via C. Pisacane, angolo via Di Summa a Francavilla Fontana. Info 346 9858333

CAMINI in marmo, pietra e legno, stile Luigi XVI, scolpiti a mano più camini prefabbricati. Svendo per cessata attività. Cell. 333 9251199

MOBILE CUCINA dodici scomparti tre cassetti legno formica – tavolo 130 x 70 cm quattro sedie ripiani legno multistrato €300. Tel. 0831 819097

ACQUISTO CAVETTO per collegare al pc il cellulare lg u 250 e cavetto per coll al pc cell u 830. Cell. 346 2346724

MESAGNE via Verona - tre camere, ampio salone, doppi servizi, cucina, termoriscaldato, balconi, 2 verande, e lastrico solare. Tel. 0831 819097

CONGELATORE come nuovo. Marca wegawhite alto 90 cm x 150 cm più frigo con cella congelatore. Cell. 331 3678965

IMMOBILIARE

CERCASI BRINDISI, O MESAGNE zone centrali o semicentrali, casa indipendente o semi indipendente piano terra rialzato abitabile, non ammobiliato per due persone 100 120 mq max 400eur mensili. tel 346 2346724

TELEVISORE 19-20 pollici shaub lorenz presa scart e telecomando nuovo 16:9. Cell. 346 2346724 MACCHINA DA SCRIVERE portatile solo se in perfetto stato. Cell. 346 2346724

SAGITTARIO Godrete di un mese di Agosto pieno di soddisfazioni tanto se andrete in vacanza con l'idea di trascorrere qualche giorno piacevole di dolce far niente come se vi tufferete nel lavoro e impegnerete tutti i vostri sforzi nelle questioni economiche. La buona sorte vi accompagnerà durante questa fase, in maggiore o minor misura, e saprete avvantaggiarvi di questa speciale armonia planetaria. L'amore e amicizia balzeranno in primo piano.

TORO I nati in Toro viaggeranno con il vento in poppa per tutto questo mese di Agosto 2011, grazie all'ottima posizione di Giove nel vostro segno, l'astro di maggior fortuna e successo tra tutte le stelle dello zodiaco. Il destino vi mostrerà quindi il suo lato più dolce e sorridente, anche perché potrete contare sull'appoggio e l'influenza positiva di altri pianeti, in particolar modo Marte, in buon aspetto di sestile dal segno del Cancro.

VERGINE Il favore di Giove, in transito nel segno amico del Toro, indica che questo mese sarà centrato molto sui temi economici e materiali in generale, per ragione o per un'altra. In certi casi sarà perché realizzerete attività significative nel settore del lavoro e degli affari, e in altri casi semplicemente perché la fortuna comincia a ricordarsi finalmente di voi. Sicuramente sarà un periodo di armonia in cui le faccende di lavoro non vi impediranno di rilassarvi.

CAPRICORNO L'oroscopo del mese di agosto 2011 del Capricorno è segnato da due elementi astrologici di rilievo. In primo luogo, sarà un periodo significativo a causa del transito di Marte nell'opposto segno del Cancro. Si tratta quindi di una fase delicata per quanto può accadere soprattutto nella vita sociale e in campo professionale. Agite con prudenza, saggezza e realismo negli affari mondani, del lavoro, e nelle questioni economiche e sociali.

GEMELLI In questo mese di agosto tumultuoso e turbolento sarete molto fortunati ad avere un significativo numero di pianeti in buon aspetto. Il Cielo appare benigno verso i nati in Gemelli, in questo mese di agosto 2011, soprattutto per i nati nel mese di maggio, ossia della prima decade. Questo insieme di energie astrali armoniose e costruttive vi aprirà nuove strade e, soprattutto, vi proteggerà di fronte alle avversità che potrebbe portare questo periodo estivo in cui i pianeti presentano tensioni notevoli.

BILANCIA Il severo e austero Saturno prosegue la sua lenta marcia nel vostro segno, per molti di voi questo comporta qualche difficoltà in più nella vita sociale o forse anche in campo sentimentale, ma in certi casi può anche significare una maggiore maturità, una tendenza a prendere le cose più seriamente e ad essere più prudenti, ragionevole o realistici. Questa particolare propensione ad accentuare gli aspetti negativi di quanto vi accade potrà manifestarsi in modo più intenso per i nati a settembre.

ACQUARIO Sarà uno dei segni più influenzati dalle stelle in questo tumultuoso mese di agosto, grazie ad alcuni elementi astrologici di rilievo. Sarà un periodo delicato per le relazioni nel campo del lavoro e dei rapporti sociali, mentre le cose andranno decisamente meglio nella sfera più intima e privata della vostra vita sentimentale. Non è il momento migliore per fondare associazioni o per stabilire nuovi rapporti professionali con persone che conoscete da poco.

CANCRO Innanzi tutto va detto che Agosto 2011 sarà un mese molto importante per voi del segno del Cancro. Marte transita nel vostro segno per quasi tutto il mese, e questo vi porterà un livello più alto di visibilità e protagonismo rispetto a quanto abituale. Un pianeta interessa l'area della famiglia e della vita intima e l'altro riguarda i settori occupazionali e sociali. Pertanto, questo sarà un momento chiave.

SCORPIONE Agosto 2011 sarà un mese importante per i nati in Scorpione, dato che il Sole transita in casa X, dove si trova in posizione di esaltazione. Un aspetto che da un lato vi porterà fortuna e vi aiuterà a brillare nel sociale, nell'ambiente lavorativo o semplicemente nelle questioni mondane, mentre d'altro canto potrebbe favorire la possibilità di ottenere un certo successo, in termini di riconoscimento professionale ed economico.

PESCI Il periodo si presenta abbastanza mosso, ma questo non significa che sarà brutto o dovrebbe portare sfortuna. Più che altro si presenteranno preoccupazioni e inquietudini. Nel corso del mese alcune questioni economiche diventeranno salienti e la vostra condizione generale sotto questo profilo potrebbe registrare un miglioramento significativo, in certi casi grazie a un'entrata improvvisa.

· MPS Via Capitono di Castri · Edicola Ai Portici P.zza Umberto I · Bar L'Angolo Via B. Forleo, 45 · Stazione di Servizio ERG Via per Ceglie · Colorstudio Picardi Via S. Francesco, 211

SPECCHIERA OVALE con mensola luci laterali singole 45 € Tel. 0831 819097 ore pasti

FOTOVOLTAICO in comodato d’uso gratuito, 12 mq per kw, installazione gratuita e benefici economici. Cell. 328 0137052

LEONE Questo mese di agosto 2011 potrà essere per voi il momento più brillante di un anno stellare. Il Sole transita nel vostro segno per la maggior parte di questo mese, andando a rafforzare e intensificare la vostra personalità e il vostro destino, che già di norma tendono ad essere più notevoli rispetto al resto dello zodiaco. La prima metà del mese sarà più favorevole ai grandi traguardi sociali e la seconda più concentrata sulla sfera personale ed emotiva.

· Antica Caffetteria Via Suor A.Zullino, 13 · Cin Cin Bar Viale Lilla, 48 (ang. via D’Angiò) · Biblioteca Comunale Via Dante Alighieri · Deutsche Bank Via Roma

XXX

C. & G. APRE NUOVO UFFICIO A BRINDISI, SELEZIONIAMO 8 AMBOSESSI PER CENTRO ASSISTENZA E GESTIONE CLIENTI. I CANDIDATI POSSONO FISSARE UN COLLOQUIO DAL 21/08/2011 AL NUMERO 0831542262. DISPONIBILE ALLOGGIO AGLI ESTERNI E FORMAZIONE PER PRIMA ESPERIENZA.

ARIETE I nativi che si dedicano alle professioni di carattere artistico o creativo si troveranno assistiti da un'insolita fortuna e baciati da incessante ispirazione, almeno fino al 24 agosto. Grande protagonismo nella vita di relazione e nella sfera mondana per i nati nella prima decade. Particolarmente favoriti sotto questo aspetto, saranno coloro che lavorano nelle pubbliche relazioni o comunque in un settore dove prevale l'aspetto della comunicazione.

FRANCAVILLA FONTANA

.it

VENDESI GARAGE di 33 mq in via R. Caniglia a Francavilla Fontana. Cell. 328 3482633 TERRENO 3000 mq uliveto e frutteto con casa da 8 mq e con forno a pietra esterno. Cell. 320 5794177 BOX AUTO 17 mq via Occhi Bianchi, 22. Prezzo 15.000 €. Cell. 327 1245763

POSTO AUTO via Fratelli Bandiera 63, a Francavilla Fontana. Info 339 2296034

CASA ABITABILE zona centro piano terra mq 150 circa più ortale o giardino in Francavilla Fontana. Cell. 339 3769484

Direttore Responsabile: Giovanni Cannalire - Redazione: Giovanni di Noi, Maria Angelotti Impaginazione: Giovanni di Noi - Periodico mensile della provincia di Brindisi Distribuito gratuitamente - Reg. Trib. di Brindisi n° 06/08 del 21/11/2008 Edito da: Quarto Canale Radio s.r.l. Piazzale del lavoro, Z.I. Francavilla Fontana (BR) Telefono: 0831 844559 · Fax: 0831 843550 Commerciale: Antonio Lonoce - Email: commerciale@ilbrindisino.it - Pubblicità: 339.3977111 website: www.ilbrindisino.it - Chiuso il: 02/08/2011 - Stampa: Galeati Industrie Grafiche s.r.l. · "Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB S1/BR"

Distribuzione porta a porta ...e nelle attività commerciali di Oria, San Vito, su Francavilla Fontana Ceglie e Carovigno e San Michele Salentino


redazione@

.it

XXXI


IL NOSTRO

SHOW ROOM

Via I Maggio, 21 - San Michele Salentino (BR) Tel./Fax 0831 966 905 e-mail: info@nisamceramiche.com - www.nisamceramiche .com

il Brindisino 45  

il Brindisino