Issuu on Google+

il signor

Fox


Liberamente ispirata alla versione inglese di Barbabl첫 Illustrazioni ad acrilico e pastello di Ilaria N. Roglieri Testi di Ilaria N. Roglieri Composizione in Zwo 11/13,2 pt Laboratorio di Illustrazione I prof. Chiara Carrer ISIA Urbino AA 2008-2009


il signor

Fox


Lady Mary era giovane, Lady Mary era bella.


Aveva due fratelli e cosĂŹ tanti innamorati che

non

riusciva

neanche

a

contarli.

Tuttavia, fra tutti


il piÚ audace e galante era un certo signor Fox. Nessuno sapeva chi fosse questo Fox ma era l’unico a cui Lady Mary tenesse davvero.


Lady Mary chiese al signor Fox dove avrebbero vissuto

lui le descrisse il suo castello, e i dintorni

ma stranamente non invitò né lei né i suoi fratelli a visitarlo.


CosÏ un giorno, poco prima delle nozze, mentre i fratelli erano fuori e il signor Fox era via per affari Lady Mary andò alla ricerca del castello del signor Fox.

Si trovò dinanzi un edificio solido e imponente,


circondato da un profondo fossato

e con alte mura.


Quando giunse al castello, vide che sopra c’era scritto:

s

a

s

,

a .

Il cancello era aperto e lei entrò, ma non incontrò nessuno. Raggiunse il portone, e sopra c’era scritto:

s

o n a s

a

,

s

a

,

m

n

a

r

e

t

r

o

p

p

o .


Lei però proseguì, e giunse nell’ingresso, e salì lo scalone finché nella galleria si trovò davanti una porta chiusa su cui c’era scritto:

s

a

n

o

n

e r

o

p s

a

n

t

p

o l

r

. i

a

a

m

s

s

a ,

,

g

u

e

n

e

l

t

u

c u o r e . ..

s

i

g

e

l

e

r

à

d

i

b

o

t

t

o .


Lady Mary era una ragazza coraggiosa, cosĂŹ aprĂŹ la porta, e indovinate cosa vide? Corpi e scheletri di bellissime fanciulle tutte imbrattate di sangue.

Lady Mary decise che era arrivato il momento di filarsela da quel posto tremendo.


Perciò chiuse la porta e stava riattraversando la galleria, quando vide fuori il signor Fox trascinare una fanciulla svenuta al castello.


Fece appena in tempo a nascondersi dietro ad un barile in anticamera, prima che il signor Fox entrasse.


Il signor Fox notò che la ragazza aveva al dito uno splendido brillante, e cercò di tirarlo via. Ma l’anello era troppo stretto e non veniva via.

Fox allora sferrò un colpo netto di spada.


La mano volò dritta in grembo a Lady Mary.

Il signor Fox la cercò, ma non badò al barile. Lasciò perdere e si allontanò, trascinando la ragazza verso la camera del sangue.


Appena lo sentì allontanarsi

Lady Mary sgattaiolò fuori dalla porta in silenzio e corse dritta a casa più in fretta che poté.


Il giorno seguente dovevano porsi le firme per il matrimonio, e per l’occasione era stata imbandita una sontuosa colazione. Il signor Fox si sedette a tavola di fronte a Mary, la guardò in viso e disse: - Come sei pallida, stamattina, mia cara. -


- SĂŹ, - rispose lei - stanotte ho dormito malissimo. Ho fatto un sogno tremendo. - I sogni significano sempre il contrario, - rispose il signor Fox ma tu raccontacelo, e la tua dolce voce farĂ  volare il tempo fino al momento in cui saremo uniti. -


- Ho sognato di andare al tuo castello, e di trovarlo in mezzo al bosco, e tutto intorno aveva alte mura e un profondo fossato, e sul cancello c’era scritto: Osa, osa.- Non è così, né così è mai stato. - E poi arrivavo al portone, e sopra c’era scritto: Osa, osa, ma non osare troppo.- Non è così, né così è mai stato. - Poi salivo le scale, attraversavo la galleria, e arrivavo di fronte a una porta su cui c’era scritto: Osa, osa, ma non osare troppo, o il sangue nel tuo cuore si ghiaccerà di botto.- Non è così, né così è mai stato. -


- E poi... e poi aprivo quella porta, e vedevo una stanza piena di cadaveri di fanciulle, tutte imbrattate di sangue.- Non è così, né così è mai stato, e Dio non e proprio allora ti vedevo che attraversavi il cortile, trascinando una povera fanciulla, bella e ricca.- Non è così, né così è mai stato, e Dio non voglia che lo sia mai.- Facevo appena in tempo a nascondermi dietro a un barile. Ti vedevo cercare di toglierle un anello, ma non veniva via, e allora, mi è sembrato di vederti estrarre la spada, e di tagliarle via di netto la mano.-


- Non è così, né così è mai stato, e Dio non voglia che lo sia mai.disse il signor Fox, e stava per dire altro, mentre si alzava dalla sedia,

quando Lady Mary gridò: - È così, è stato così, lo dice proprio la mano che ho qui! e tirò fuori di tasca la mano, puntandola contro il signor Fox.


E in un lampo i suoi fratelli e gli amici presenti balzarono addosso al signor Fox


e lo tagliarono in mille pezzi.


fine



Mister Fox