Page 69

Chimica per il giardinaggio

ViSTi dai BuYer Da quanto tempo avete in assortimento queste merceologie? Da sempre, diciamo vent’anni. Quali sono i vostri target di riferimento? Vendiamo questa tipologia di prodotti ai rivenditori di ferramenta generici, ai rivenditori di ferramenta specializzati in agricoltura e ai piccoli garden center. Quanti fornitori avete e con quali criteri li avete scelti? Abbiamo un solo fornitore e i criteri di scelta dipendono fondamentalmente dalla despecializzazione del settore a cui vendiamo, quindi è fondamentale la notorietà del marchio. Deve essere conosciuto ad una utenza non professionale, e quindi rassicurante. Inoltre noi gestiamo 35.000 referenze e la notorietà genera richieste spontanee. Altro aspetto importante è poter fornire un prodotto a prezzo medio, che incontri le esigenze anche del consumatore privato e saltuario, questo anche perché il sud Italia non ha ancora visto uno sviluppo significativo del garden come

sta avvenendo nel nord. Un’altra caratteristica che deve avere il fornitore è quella proporre unità di vendita non elevate, in grado di essere Enrico Auda, responsabile acquisti veicolate direttamente A.Capaldo - – distribuzione ingrosso al rivenditore. ferramenta Per esempio per i concimi universali possono andare bene 12 confezioni, per quelli per piante grasse 24 sono troppe. L’obiettivo è la veloce rotazione ,esigenza che ha una ulteriore motivazione nei prodotti chimici perché hanno una scadenza. Altro aspetto chiave è avere prodotti con una forte immagine, la confezione deve essere facilmente riconoscibile per il pubblico non specializzato, deve essere una “confezione parlante” dove anche le modalità di utilizzo sono espresse in modo semplice e chiaro.

a PrOPOSiTO

di auTOriZZaZiOni Sui prodotti per la difesa esiste un po’ di confusione, alcuni infatti parlano della necessità di conseguire un patentino per l’abilitazione alla vendita, cosa necessaria in realtà solo nel mondo dell’agricoltura professionale, dove anche l’acquirente deve possedere tale documento. Per quanto riguarda il mercato hobbistico non vi è questa esigenza in quanto i prodotti commercializzati, normalmente, non hanno classificazioni di sicurezza tali da richiedere questo adempimento.

69 67

iFerr Magazine - n.2 2013  

iFerr Magazine la nuova rivista dedicata al mondo della ferramenta e degli ambienti ad essa conness

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you