Issuu on Google+

portfolio

gianluca petronelli


Gianluca Petronelli

indirizzo: via Giovanni de Agostini, 75 Roma, RM 00176 telefono: 328-4797021 e-mail: gianlucore@hotmail.it

Studi

Design Projects

2010 - 2013 Roma

IED Istituto Europeo di Design CdL Interior Design

2009 - 2010 Roma

Roma 3, Conservazione e restauro dei Beni Culturali

2004 - 2009 Francavilla Fontana, Brindisi

Liceo Classico Vincenzo Lilla

Shop Design Exhibit Design Interaction Design

Public Design Furniture Design Lightining Design

Interessi Architettura, Interior e Product design. Inoltre mi interessa molto il mondo della grafica e dell’illustrazione. Appassionato di fotografia..

Competenze

Informazioni aggiuntive

Esperienze con programmi di modellazione 3d come Studio Max, Rhinoceros e i corrispettivi V-Ray. AutoCAD. Photoshop, Illustrator, InDesign, Premiere Pro, After Effects e Office. Utilizzo entrambi i sistemi operativi: Mac e Windows. Buone capacita’ organizzative e di lavoro in gruppo.

ECDL (European Computer Driving Licence) English: English B2 Certified (Trinity College London)


Mercati Traianei

Il progetto verte sull’ utilizzo di elementi deformanti o smaterializzanti che andranno a modificare o ad “obbligare” determinate viste e percorsi all’ interno dello spazio dei Mercati Traianei. Lo spazio da noi utilizzato e’ quello della grande aula centrale, le sue aule laterali e altri tre spazi che culminano con l’esedra. Quello di cui ci siamo serviti sono stati semplici elementi come l’acqua, pannelli e specchi. Gia’ dall’esterno possiamo notare una vecchia riproduzione della vecchia porta dei Mercati. Entrando il percorso comincia sul lato destro, in cui abbiamo deciso di allagare completamente tutte le stanze attraverso delle apposite vasche.

pianta generale_ assonometria grande aula_ assonometria esedra_


Dopodiche’ possiamo dirigerci nelle tre stanze antecedenti l’esdra, nelle quali abbiamo deciso di utilizzare un particolare tipo di pellicola che permette la visione dei reperti in maniera crescente. Da una visione opaca si arriva una completamente nitida. Attraverso l’oscuramento di tutti i punti luce vogliamo inoltre mettere l’accento sui vari elementi presenti all’interno dei nostri spazio, dalla seduta posta centralmente a dividere lo spazio della grande aula, ai vari filtri utilizzati. L’aspetto fondamentale del progetto e’ sicuramente portare il visitatore a fare un percorso progressivo e di continua scoperta alternato vedute completamente “indecifrabili” ad altre in cui si può osservare la bellezza vera e proprio di questi reperti archeologici

grande aula_ salette_ esedra_


raw smooth

Il nostro progetto e’ nato dall‘ idea che ci potesse essere una doppia lavorazione della pietra. Coniugare quindi un tipo di modellazione a taglio di sega con una piu’ artigianale, per mettere in evidenza la possibile convivenza tra i diversi stili. Alcuni tagli effettuati su questi blocchi verranno poi riempiti con un materiale plastico, il quale verra‘ retroilluminato da apposite strisce LED. Il risultato sara’ di grande effetto, in quanto verra‘ combinata la pesantezza e la ruvidita’ della pietra con la morbidezza della plastica, che verra’ usata con diversi interventi in ogni singolo oggetto. L’uso di questo materiale plastico sara’ sia strutturale come nel caso della seduta, che identificativo come negli altri due casi.

60

200

40 80

80

Seduta composta da un blocco con faccia anteriore, posteriore ed inferiore tagliate a filo di sega e laterali e superiore lavorate in modo grezzo. Sono presenti dei tagli trasversali che serviranno all’incastro della colata di materiale plastico.

60

Porta bibiclette composto da un blocco con tagli trasversali di diverse dimensioni. Il taglio centrale e’ rivestito da materiale plastico e servira’ come alloggio della ruota della bicicletta

80

oggeti in un parco_ schema tecnico_

50

50


623 dpi

Il nostro progetto si sviluppa intorno ad una matrice ricavata da una semplice rete plastica usata nell’edilizia. La rete avra’ 6x23 buch per lato e serviranno per insere i vari tubi di cartone. Questi ultimi hanno una dimensione di H90 x 5,7 di diametro. Noi per raddoppiarne la loro resa abbiamo pensato di dividerli in due parti uguali e di sviluppare varie combinazioni con questo modulo. Delle infinite possibilia’ che possono svilupparsi da questa matrice ne abbiamo pensato tre esempi.

matrice 623_ tavolino 21_ sgabello 14 sdraio 10


Per ridurre i costi di spedizione abbiamo pensato di rendere disponibile la semplice matrice con un libretto. Sgabello, sdraio o tavolino saranno solo tre delle possibilita’ contenute fra le istruzioni di montaggio. Questo avra’l anche una lista di copisterie da cui attingere per recuperare ii tubi di scarto. I buchi da utilizzare nel libretto saranno identificati con dei segni grafici. La forma di questa matrice, che lavora sui semplici incastri, ne rendera’ ancora piu’ duttile il suo utilizzo..

x 60

x1

COSTO

x1

ECO

90 cm

materiali_ sdraio 10 sgabello 14

45 cm x1


Two Dogs In A House

Il nostro progetto e’ nato dal pensiero di poter unire una cuccia per i cani e una seduta-appoggio. Abbiamo sviluppato l’idea di un modulo cubico in legno, scavato a ll’interno da una struttura tubolare che simula il profilo di una casa. La parte esterna in legno ha varie funzioni, che vanno dal semplice tavolino alla seduta. La struttura interna funge da cuccia per il cane, quando viene tirata fuori dal modulo. Inoltre agganciando delle cinture , comprese nel kit, si puo’ anche usare come zaino da trasporto per il cane. Da esterno puo’ essere anche utilizzata come seduta

box compatto

cuccia estesa

box compatto usato come

box esteso cuccia_seduta

cuccia usata singolarmente come zaino

cuccia usata come seduta da esterno

struttura in legno tubolare d’acciaio

40 cm

40 cm

40 37,5 cm

m

,5 c

37

35 cm

modalita’ d’impiego_ composizione struttura_ silmulazione struttura in un parco_

2,5

cm

cm


Opacity 20%

Il progetto verte sulla realizzazione di un playground-strutturada inserire in un contesto di disagi causato da catastrofi naturali .La struttura realizzata utilizza la forma pentagonale per la creazione del modulo base del playground. Questa struttura tubolare viene poi ricoperta con dei pannelli di diverse tipologie a seconda dei bisogni del singolo modulo.(legno-metallo-plexiglass). Allineando ed unendo diversi moduli si crea una sorta di tunnel-percorso di gioco, che permette di unire giochi ed ostacoli di differente natura, permettendo cosi uno sviluppo del bambino in maniera crescente. La luce interna e’ garantita da neon inseriti in delle canaline e da moduli in cui la parte superiore e’ rivestita da pannelli in plexiglass opaco.

modulo_ percorso frontale_ vista laterale_


La luce interna e’ garantita da neon inseriti in delle canaline e da moduli in cui la parte superiore e’ rivestita da pannelli in plexiglass opaco. I moduli vuoti sono moduli in cui la struttura e’ rivestita internamente con diversi materiali (es. tappeto d’erba, spugna ecc) e che permettono un cambio continuo della scena di gioco; situazione di gioco che puo’ essere creata dallo stesso bambino con l’aiuto del genitore..

telaio

x 10 x5

x 10 pannelli

x5

canaline

x1

composizione struttura_ illuminazione_

schema montaggio


step/food

Il progetto consiste nel creare uno spazio ristorazione nella nuova struttura della stazione Tiburtina. L’idea prende forma da una attenta analisi dello spazio, la vista esterna diviene cosi il fulcro centrale del progetto attraverso una scalinata che si sviluppa e occupa gran parte dell’ambiente. Delle quinte dividono lo spazio a meta’ ricreando due fronti proiettati in direzioni opposte: la zona della cucina e’ rivolta verso l’interno, mentre le scalinate permettono di apprezzare la vista esterna. Il concetto di street food viene riproposto all’interno di uno spazio circoscritto ed insolito.

pianta_ esploso spazio_


Questo questo grande palcoscenico che va a comporsi sulla parte della vetrata che da all’esterno della struttura ricrea un ambiente inusuale e “di strada”. Infatti e’ possibile consumare comodamente un piccolo spuntino sulla scalinata munendosi dell’apposito pacchetto dato all’interno del ristorante. Dalla parte opposta invece troviamo l’ambiente cucina e il bar che permette anche un consumo veloce di quelunque tipo di bevanda.

render_


sens/azioni 5 azioni di senso

Questa installazione interattiva e’ nata con lo scopo di guidare il fruitore attraverso diverse esperienze tattili, visive e uditive. Attraverso l’utilizzo di una semplice forma come quella del cilindro ho deciso di creare un oggetto cavo al suo interno e che contenesse diversi tipi di materiale. Con il semplice tocco di questo materiale possono scatenarsi diversi tipi di esperienza cha vanno dalla proiezioni di determinati video, all’ascolto di suoni che richiamano il materiale stesso. Per creare tutto questo mi sono servito di alcuni elementi importanti come i sensori di sensibilita’ arduino che permettono la creazione di suoni e proiezioni sulle pareti circostanti.

cilindro interattivo_ esperienze sensitive e tattili_


Ultimo Orizzonte prospettive reali, percepite, immaginate

L’evoluzione del progetto ha portato a focalizzare l’attenzione non sui materiali, ma sulle persone che attraversano lo spazio, Il tentativo e’ quello di creare un’installazione temporanea costituita da pannelli, che colegati fra loro, non permettono la visuale di cio’ che c’e’ oltre ad essi. Il concetto di spazio espositivo si arricchisce di mistero e di attesa e il restringimento della prospettiva attraverso le pareti indurra’ a cambiare direzione e ridurre la velocita’.

brainstorm_ percorso espositivo_


Dai diversi panneli andranno a spuntare diversi piani espositivi. La struttura e’ molto semplice e costituita da pannelli si multistrato legati tra di loro di diverse cerniere. L’altezza massima non andra’ a superare i 5 m di altezza e vediamo come questi diverse superfici sovrapponendosi fra di loro vanno a creare un divertente gioco di prospettive.

modellino_


Tecnologia dei materiali ristrutturazione interni

Cabina armadio

2 Pareti attrezzate

Pareti attrezzate

Lavabo in corian da incasso a parete 48

1

63,94

68,3

33,54

9

1

Ristrutturazione e nuovo layout dei diversi ambienti, dagli arredi interni ai diversi spazi,. L’idea di base e’ quella di voler creare un unico ambiente centrale comprendente cucina , sala da pranzo e soggiorno, diviso in parte da un unico elemento circolare posto al centro della stanza. Questo elemento andra’ a formare uno dei bagni presenti all’interno dell’appartamento.

Lavatrice

3

62 72

3

67,11 6 31

48,05

113,51

25,87

Sistema modulare 40x40 con maniglie a tasca

1

20,75 20,75 71,56 37,5

48,04 83 59

Lavatrice

60

60,62

23 39

pianta_ sezione cucina_ dettaglio bagni_

Vaso e bidet sospesi 34.1x49x25H

Cucina BOFFI WK6

150

Vasca 150x67,11x55H

Skygarden di FLOS

Lavabo da appoggio in CRISTALPLANT 62x44x15H

28,49

58

44,31

2

Tavolo e sedie Lario di Porro

42,05


Green Bike

Un negozio total green che offre, oltre al servizio di vendita di biciclette anche quello di affitto e riparazione. Un negozio che si relaziona con l’ambiente circostante attraverso la completa integrazione tra interno ed esterno. Una vera pista ciclabile a due sensi di marcia, percorribile comodamente sia in bicicletta che a piedi, attraversa il nostro negozio suddividendo le diverse zone funzionali. Anche i diversi oggetti all’interno sono pensati per essere riciclati, a partire dalla struttura importante dei tubi di cartone, alla cassa.

planimetria_ prospetti_ legenda_


prosetto_ modellino_


Gianluca Petronelli