Issuu on Google+

24 dicembre


IL TIRRENO Pagina 7 - Grosseto

Pane e bottoni sui tavoli delle vestaglie azzurre raccolti oltre 14mila euro Cena nella sala mensa della Mabro e tombola finale per il fondo di solidarietà dei dipendenti dell’azienda FRANCESCA GORI GROSSETO. Cestini di pane e bottoni sparsi sul tavolo. Il marchio della fabbrica appeso al muro della grande sala mensa dell’ex Mabro, seduti un centinaio di dipendenti e quasi duecento tra rappresentanti delle istituzioni, politici, cittadini. Tutti alla cena organizzata dalle vestaglie azzurre. A coordinare tutti e tutto l’assessore alle Pari opportunità della Provincia Tiziana Tenuzzo, di rosso vestita. Di rosso perché è Natale e perché, non si sa mai, magari porta anche bene a quelle donne che hanno attraversato una delle crisi più profonde della loro azienda. Mercoledì sera la sala mensa delle vestaglie azzurre, quella delle assemblee e delle lacrime, delle decisioni prese, delle manifestazioni da organizzare si è trasformata nella sala di una festa. Una cena di sottoscrizione, per creare un fondo che dovrà essere ora gestito da una commissione di cinque vestaglie azzurre per far fronte alle emergenze in un periodo di cassa integrazione e di contratto di solidarietà. Antipasto, primo e secondo cucinato dal Camst, i dolci preparati dalle dipendenti. Brindisi, uno dietro l’altro. Bicchieri di plastica pieni di vino alzati e cori per cercare, almeno per una sera, di gettarsi dietro le spalle l’amarezza e le lacrime ingoiate e piante in questi lunghi mesi di vertenza. Seduto a tavola lo stato maggiore del Pd con il segretario Barbara Pinzuti e il deputato Sani in testa, il sindaco e il presidente della Provincia, qualche assessore. Ma anche il candidato del Pdl Mario Lolini, consiglieri dell’opposizione e il direttore di Fidi Toscana, Giovanni Ricciardi che per questa cena ha fatto Firenze-Grosseto e ritorno, i sindacalisti che ormai in quella fabbrica quasi ci sono tornati di casa. Nel tavolo in cima alla sala, quello vista cucina dove venivano smistati i piatti, il liquidatore Marco Milanesio, il sindaco revisore Gianluca Ancarani, il presidente dell’ordine dei Commercialisti Mario Morandini. Pochi gli interventi delle rappresentanti sindacali che si sono limitate a ringraziare chi era lì con loro. E chi lo è stato in questi mesi difficili. I soldi raccolti durante la serata sono stati tanti: 14mila euro. Ai quali si aggiungono 740 euro dell’iniziativa Arancia Metalmeccanica, organizzata da Rifondazione. Ora è Natale. Natale anche per le vestaglie azzurre. Tanti auguri.



http://www.toscana.italiadeivalori.it/images/Documenti/Rassegna/20101224rassegnatoscana