Issuu on Google+

RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA 08-10-2010 BOLOGNA_______________________________________pag. 2 - 5 PIACENZA_______________________________________pag. 6 REGGIO EMILIA_________________________________pag. 7 MODENA________________________________________pag. 9 - 10 RIMINI___________________________________________pag. 11 AGENZIE DI STAMPA___________________________pag. 12 - 14


2

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

BOLOGNA la Repubblica

LE SCELTE DEI PARTITI CRONACA

VENERDÌ 8 OTTOBRE 2010

BOLOGNA

� II

Verso il voto CEVENINI

ANSELMI

GRILLINI

Maurizio Cevenini, super favorito alle primarie, scenderà in campo la prossima settimana

L’italianista Gian Mario Anselmi è orientato a candidarsi dopo qualche giorno di riflessione

Il dipietrista ed ex presidente di Arcigay Franco Grillini non esclude di candidarsi per l’Italia dei Valori

I protagonisti

Primarie, ecco tutti gli avversari del Cev E Dalla sponsorizza Zacchiroli: “Mi piacerebbe vederlo sindaco” BEPPE PERSICHELLA APERTA la corsa alle primarie, scendono in campo uno dopo l’altro i “candidabili” a Palazzo D’Accursio. Tutti tranne Maurizio Cevenini, “strafavorito” dopo il polemico ritiro dell’ex assessore regionale Duccio Campagnoli. Quella da correre diventa quindi una gara di posizionamento per Amelia Frascaroli, Benedetto Zacchiroli, e Gian Mario Anselmi, che più che a vincere sembrano puntare a un buon risultato da spendersi nel dopo elezioni. Magari per salire sulla poltrona di vicesindaco. Ieri a fare un passo avanti è stato il “misterioso” candidato “no Cev” Zacchiroli. L’ex collaboratore di Sergio Cofferati, oggi consu-

Spunta in platea Giorgio Prodi, figlio di Romano: io però faccio il tifo per Maurizio lente a Fortaleza, in Brasile, ha fatto il suo passo avanti ieri sera al Lab16 di via Zamboni, dopo una campagna pubblicitaria a forza di Flash mob e volantini no-Cev. «Mi candido perché c’è un inganno che va svelato — ha spiegato durante la sua presentazione-show all’americana — c’è chi da anni disegna Bologna come una città brutta, ma non è vero Bologna è una città bella». In piedi su un palco rosso, sullo sfondo uno scher-

mo dove scorrono i post-it, gli stessi già distribuiti in Piazza Maggiore, Zacchiroli, che fu in lizza nel 2009 anche per un posto in giunta con Alfredo Cazzola, assicura: «Dietro di me non c’è nessuna lobby, solo tanta gente». Anche la campagna elettorale allestita finora, precisa, «è costata solo 1.669 euro». Sette le parole d’ordine di Zacchiroli: connettere, scommettere, aprire, progettare, rispondere, proteggere, guardare. Tra il pubblico molti giovani e molti creativi, tra cui anche Lucio Dalla: «Certo che mi piacerebbe se diventasse sindaco. Mi piacciono i giovani che come lui si danno da fare per far tornare Bologna come quella di una volta. Poi se è un altro a farlo va bene lo stesso». Presenti anche la sfidante Frascaroli,

E Donini annuncia una direzione Pd a porte chiuse sui temi della laicità il filosofo Stefano Bonaga e Giorgio Prodi, figlio dell’ex premier, che precisa però di sostenere il Cev. Il Pd resta a guardare, anche se ieri il segretario Raffaele Donini ha avvertito Zacchiroli: «Va bene che si candidi, purché la campagna elettorale sia corretta, costruttiva e per il bene della città, che si sottoscriva il documento della coalizione e ci si impegni a sostenere poi lealmente il candidato che dovesse prevalere». Do-

po Zacchiroli verrà la volta della Frascaroli, che scenderà in campo il 10 ottobre. Mentre l’italianista Anselmi si prenderà qualche altro giorno, fino all’inizio della prossima settimana. Resta vuota solo la casella del favorito Cev, incalzato ieri anche dall’ex Popolare Angelo Rambaldi («Decida cosa fare, altrimenti rischia l’effetto Zelig») e atteso al varco dall’Idv, che potrebbe sostenerlo. «Stiamo aspettando che sciolga la riserva» dice la coordinatrice Silvana Mura. Ma l’attenzione dei dipietristi si sposta anche sul tema della laicità e dei diritti, di cui il Pd, dopo la polemica di otto delegati sul programma “filo-gay”, discuterà in una nuova direzione ad hoc. Questa volta a porte chiuse. © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’ALLIEVO Benedetto Zacchiroli (a sinistra) con Sergio Cofferati

������ �� ���������� ����������� � �������� ��������� ����� ������ �� ��������� �� ������� �� ���� ����������� ����������������������� ����������� ��� ������ ����� ��������� � �������� ����� ���� ����������

���� �������� ����� �������

�� �������� ����� ��������

�� ����� �� ����������� ��� ���������� � ����� �� ����� � �� ��������� ��� �������������� �� ����������� �������� ����������� ���� ����� �� ����� ����������� � ����� � �� ������� � ��� ��� �������������� � �������� ��� ������ �� �� ������� ���� � ����������� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

���� �������� ����� �������

�� �������� ����� ����������� ���� ��������� �� ����������� ��� ��� ���������� �������� � ��������� ��� ������� �� ����������� ����� ���������� � ��������������� ���� �� ���������� �� ���������� ���������� ������������� ��� ����������� �� �� ������� ���� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

���� ���������

� ������ � �� ����������������� ������� ������ ���� ����� ��������� ��� ���������� �� ������ ��� ������ � �� ����������������� �������� ��� ������� ������� ��� ������ �� �������� �� ������� ��� ����� �� �������� � �� ��� ����������� �������������� ���������� ��������������� ����������� ����� ��������� ��� �� ������������ ��� ������ �� �� ������� ���� � ����������� �� ������ ������������ �� ����� ����������������� � ������ � ���

���� ����������

������ � �������� �� ������������� �� �������� �������� ��������� ��� ������������ �� ���������� �� �������� ��� ����������� ����� ������� � ����� ������������� ��� ������� ������� �� �������� ������������ �� ����������� ���������� ������� ��� ������ �� �� ������� ���� � ����������� ���������� ������ ����������� � ������ �������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

��� �������� �������������� ����� ���� �������� � �������� ��� ���������� �� ��������� �� ����� ����� ��������� ��������� ��� �������� �� �������� ����� �������������� ����� ��������� � ��� �������� ������������� �� ��� �� ������ ���� �������� ����� ������� ��� ����������� �� �� ������� ���� ����� �������� ����������� ������� �� ������ ���� ���������� ������������� �� ������� �� ������� �� ����� ����������������� � ������ � ��� ��� ������� �� ������ �������� ��� �� �������� ������� ����� ������� ����� �� ������� ��� ����� �� �������������� �� ����������� ����������� �� ���������� � �� ����������� ����� ������� ����� ������ ���������������� ��� ���������� ������ ��� ������ �� �� ������� ���� � ���� �������� ����� ������� ����������� �� ������ ���� ���������� �� ���������� ���� ��������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

� ������������� ���������

���� ����������� ������������������

���� ��������������� � ���������

������ ��������� ���� ��������� � ����� ���������������� ��� �������� ���������

�� �������� ��������� ��� ���������

��� ���������� �� ���� �������������� ��� �������� �� �������������� � ������ ��� ����� ���������������� ��������� ����� ���� �� ������� �� ������� ���� ���� ����������� ����� ��������� �� ��������� ������������� ��� ����������� �� �� ������� ���� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

��� ������� ������ � �������� ��� ���������������� ��� �������� �� ��������� �� ����� ��������������� �� �������� ������������� ��������� ��� ������ �� �� ������� ���� � ����������� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

��� ����������� ��� ������� ������� ����������� �� �������� ��� ���������� �� ���� �� ����������� �� ��������� ����� ������ �� ��������� ������������� �� ����������������������� � �� ���������������������� ��� ������ �� �� ������� ���� � ����������� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

���� ������

�� ������ ��� ������ � ��� �������� ����������� ��� ��������� ��������� ���������� ����� ��������������������� ����� ���� ����� ����������� ��������������� ������������������ ������������� �� ��������� �������� �� ��������� �� ������� �� ��������� ���� ������ ����� ������� �� ��������� �� �������� � �� ������� ��� �������� ���� ������������ ��� ����������� �� �� ������� ���� �� ������ ���� ���������� �� ����� ����������������� � ������ � ���

��� ��������� ������������ ��� ����������� �������� ���������� ������ �� ���������� ��� ��� � ������� ������ � ������ ������������ �� ��� � ����� ������� ������� �������������������

�������� ��� ������� � ������� ������� ��� ������� ������� ��������������������� ���� ����������� ���������������������

������ �� ��������� ��������� ����������� � ����������� �� �������

��������� ������������ � ����� ������ ����������� ������ �������������


3

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

18 CRONACHE

COSCIENZA TARDIVA di BEPPE BONI

L’ESAME di coscienza arriva sempre tardi. Dopo che qualcuno lo ha chiesto. Comodo. Dopo che ieri mattina la consigliera regionale Udc, Silvia Noè, ha sollevato il dubbio che 1 milione di euro per mantenere l’amicizia con gli emiliano romagnoli all’estero (molti dei quali di seconda o terza generazione), la Regione ha fatto capire che forse qualcosa da rivedere c’è. Nessuno se n’era mai accorto prima? Ha ragione da vendere la Noè. Nelle settimane scorse la Regione, anche per bocca del presidente Vasco Errani, ha protestato furiosamente contro la finanziaria di Tremonti minacciando tagli ai servizi, licenziamenti di precari, sforbiciate alla scuola. Poi si scopre che nessuno ha pensato di risparmiare sul giochino della Consulta che negli anni passati ha previsto molti (e costosi) viaggi all’estero bipartizan con membri della maggioranza e dell’opposizione. Beh, oggi con l’aria che tira sarà meglio pensare agli emiliano romagnoli che abitano qui. Con quelli che sono sparsi per mondo ci accontenteremo di dialogare con skipe e internet. Gratis. Meglio dirottare qualche centinaio di migliaia di euro alla scuola e all’assistenza sociale. La stessa presidente della Consulta, Silvia Bartolini, storica sfidante (e perdente) del duello elettorale con Giorgio Guazzaloca, dice che forse è meglio eliminare il super gettone di 100mila euro al presidente. Fino a ieri però ha incassato in silenzio. E’ proprio così: in certi enti nessuno si accorge di nulla finchè qualcuno all’esterno solleva il caso. Come per lo scandalo della Parentopoli all’Anci (Associazione dei comuni) dove il direttore generale Antonio Gioiellieri si è dimesso per aver assunto, senza grandi necessità, la moglie e la zia di questa. Il presidente Anci, Daniele Manca, sindaco di Imola, ha apprezzato la scelta delle dimissioni. Già, ma prima che il Carlino sollevasse il caso lui dov’era? Sulla luna? C’era ma stava zitto, come ha fatto prima di lui l’altro presidente dell’Anci, Flavio Delbono, a sua volta trascinato alle dimissioni da sindaco di Bologna a causa del «Cinzia Gate». E anche delle sue imbarazzanti note spese nessuno in Regione, fino allo scoppio del caso, ha mai visto nulla. Vien da pensare che la moralità spunta solo quando la frittata è fatta e non se ne può più fare a meno. Tornando alla Consulta da 1 milione di euro: non abbiamo sentito promesse di rinuncia ai viaggi studio, agli importanti convegni, ai meeting all’estero quando Tremonti ha annunciato i sacrifici. Attendiamo con curiosità (e fiducia) lo sviluppo degli eventi.

IL RESTO DEL CARLINO - LA NAZIONE - IL GIORNO

VENERDÌ 8 OTTOBRE 2010

«Emiliani all’estero, l’amicizia costa alla Regione un milione»

IL COMMENTO

Noè (Udc): «Non ce lo possiamo permettere, subito i tagli» LA CONSULTA

BOLOGNA

Circa 1 milione di euro l’anno è la spesa fatta

A dalla regione negli ultimi tre anni. La cifra messa a disposizione del presidente è di 100mila euro

Silvia Noè, consigliera Udc, ieri ha sollevato il caso dinanzi all’assemblea regionale. «Questo è un terreno dove possiamo risparmiare»

I membri della Consulta per gli emiliani nel

B mondo sono 52; di questi, 22 non risiedono in

Italia. L’organismo si riunisce due volte l’anno Attraverso la Consulta vengono organizzati

C stages e corsi di italiano da svolgere all’estero oppure in Italia. Collaborano molte aziende

di ALESSANDRO GOLDONI — BOLOGNA —

L’ULTIMA notizia riguarda la cena a base di prelibatezze regionali doc, che ha riunito un gruppo di emiliano romagnoli di Francoforte. Nell’Italia dove dilagano richieste di convocazioni di «tavoli» di varia natura, una tavola vera e anche apparecchiata fa quasi sorridere. Il fatto è che la gustosa libagione, di cui si parla sul sito regionale degli emiliani romagnoli all’estero, arriva proprio mentre esplode la polemica sui costi e gli scopi della Consulta e di tutta l’organizzazione che sta dietro il sostegno dei nostri “corregionali” sparsi per il mondo. I viaggi fatti nel recente passato soprattutto in Sudamerica sono sotto gli occhi di tutti e stridono in un momento in cui la Regione strilla minacciando di tagliare i servizi a causa della finanziaria . La prima a lanciare il sasso nello stagno con un’interrogazione è stata Silvia Noè. Ma è mai possibile, chiede il capogruppo Udc in consiglio regionale che la Regione spenda in media un milione all’anno (si parla di 2.890.000 euro nel triennio 2007-2009), per un organismo che rappresenta ormai figli e nipo-

ti di ex cittadini di casa nostra residenti in altri Paesi. «Perchè invece di quelli oltre confine non ci occupiamo degli emiliani che abitano qui?». «Con la crisi che morde e i tagli imposti della politica e dell’amministrazione — dice Noè — bisogna eliminare il lussodell’ altruismo verso i nostri con-

Il sito Internet, una grande finestra aperta sul mondo AL DI LÀ delle polemiche, la Regione Emilia Romagna ha allestito un portale internet molto ben fatto che raccoglie informazioni, tiene i contatti con i concittadini sparsi nel mondo e racconta storie umane e professionali di cui sono protagonisti gli emiliani. Le associazioni di emiliani all’estero oggi sono 112, distribuite in tutti i continenti eccetto l’Asia.

cittadini emigrati e mettere queste risorse dove mancano: per i precari, per i disabili, per i pendolari». Il «lusso» si manifesta soprattutto in quei circa 900 mila euro, un terzo di tutte le risorse, che si spenderebbero solo per pagare i gettoni di presenza dei 52 componenti della Consulta (si riunisce due volte all’anno), tra i quali 22 «espatriati», e dunque anche per le spese di viaggio di questi ultimi e per tutte le iniziative e le missioni in partenza e in arrivo. Poi ci sono oltre 450 mila euro per conferimento di borse di studio, stages, e master in convenzione con Università straniere e centomila euro l’anno a disposizione del presidente della Consulta, Silvia Bartolini (in carica fino ad oggi e in attesa della probabile riconferma). «Una somma, quest’ultima che si potrebbe eliminare — dice la stessa Silvia Bartolini — poichè è previsto dalla Statuto che il compenso sia da attribuire solamente nel caso che il presidente sia esterno all’amministrazione, condizione che non è obbligatorio riproporre nella prossima nomina». La Bartolini, smentisce che il suo compenso sia così alto, ma intan-

to sulla necessità di rivedere i costi della Consulta si esprimono: Monica Donini, (Federazione della sinistra) che, da presidente della commissione politiche sociali, ha annunciato la richiesta di una relazione annuale; Mauro Manfredini capogruppop della Lega Nord («serve un maggior controllo»); Giovanni Favia del Movi-

DIBATTITO Anche Lega, 5 Stelle e Idv annunciano battaglia «Abbassiamo i costi» mento 5 stelle che ha messo sotto accusa l’intero budget; Liana Barbati dell’ Idv, che chiede di «dimezzare quei 100 mila euro destinati alla presidenza». Si capirà nei prossimi giorni come la Giunta intenderà affrontare il tema. Intanto, Alfredo Bertelli, sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale, pur convenendo sulla necessità di rivedere le risorse, giudica importante il ruolo della Consulta degli emiliano romagnoli perchè favorisce «relazioni e sinergìe con i Paesi in cui risiedono».

LA PRESIDENTE SILVIA BARTOLINI DIFENDE L’IMPORTANZA DELLA CONSULTA DEGLI EMIGRATI

«Nessuna spesa allegra, ma possiamo ridurre ancora» — BOLOGNA —

Silvia Bartolini, sono troppi 100 mila euro per il suo incarico?

«Parliamo di cifre sballate. La mia indennità netta mensile, definita per legge, è di 2500 euro, meno della metà di quanto prende un consigliere regionale».

non conosco il numero esatto. Abbiamo fatto quelle programmate e approvate dall’organo collegiale della Consulta. In ogni caso bisogna cominciare a sfatare certi luoghi comuni».

«Quello è il fondo previsto, al quale si attinge per i rimborsi delle spese di viaggio, il vitto e l’alloggio, se ci sono missioni». Una cospicua somma, in ogni caso...

«Ma un fondo non è obbligatorio sfruttarlo per intero. Infatti quest’anno buona parte di queste risorse sono rimaste inutilizzate». Quante missioni avete fatto?

Nessun ’gitificio’, che cosa allora?

Quali?

«Intanto che ci siano spese allegre e fuori

Eppure il «lordo» annuale iscritto a bilancio è di 100 mila..

«In questo momento

controllo: quando vado all’estro viaggio in Economy come tutti i consiglieri, e poi che la Consulta faccia attività turistiche».

Silvia Bartolini (Pd)

I COMPENSI «I gettoni di presenza dei consiglieri sono pagati poche decine di euro» «Esaltiamo le attività delle nostre comunità all’estero che non sono poca cosa: si parla di 15 mila emiliano romagnoli che fanno capo a ben 100 associazioni. Ma di questo, se interessa, parlerò in modo ampio e diffuso se riotterrò l’incarico». Non ritiene lecite le critiche verso i costi troppo

alti della Consulta, soprattutto nel pieno di una crisi e di tagli imposti a tutti?

«Nel corso del 2010 abbiamo già ridotto le spese di funzionamento. Per il resto io applico le leggi e la programmazione richiesta» Cinquantadue consiglieri per altrettanti compensi e 23 di loro che vengono dall’estero: non è un ente sovraffollato?

«Si può sempre aumentare o diminuire il numero ma non diciamo che la Consulta costa troppo: si parla di poche decine di euro per gettone di presenza, per due sedute complessive l’anno. Abbiamo già provato a evitare le trasferte dei rappresentanti esteri con le teleconferenze, ma spesso il sistema va in tilt e non funziona» Quali soluzioni?

«Sarò pronta a parlarne quando e se verrò rieletta. Adesso, per correttezza, mi limito a rettificare sperse e costi per quello che mi riguarda». Alessandro Goldoni


4

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

BOLOGNA 4 BO

Cronaca

Venerdì 8 Ottobre 2010 Corriere di Bologna

Viale Aldo Moro Gli eletti con stipendi medi di 7.600 euro sono tornati a riunirsi dopo 75 giorni di pausa estiva

Regione, quattro leggi in cinque mesi

Il nuovo consiglio ha tenuto otto sedute da maggio. L’ultima ieri, tra gli insulti E con quella di ieri siamo a quattro. Sono le leggi che l’assemblea regionale ha approvato in cinque mesi di lavoro. La prima convocazione di questa nona legislatura risale allo scorso 10 maggio. L’ultima al 7 ottobre ed è stata vivacizzata da un sonoro «vaffa» che il capogruppo Pdl Luigi Villani ha rivolto all’assessore Gian Carlo Muzzarelli. Oggetto del contendere, l’emendamento di Mauro Malaguti (Pdl), poi respinto, che voleva privilegiare nell’accesso alle case popolari, i cittadini residenti da più tempo sul territorio. Poi il leghista Mauro Manfredini se l’è presa con Liana Barbati dell’Idv: «Tra le tue orecchie c’è il vuoto», le ha detto. Non ha brillato per fair-play questa ottava seduta dell’assemblea. Facciamo un bilancio fin qui: una legge ogni 37 giorni. Media non proprio da stakanovisti. Dovuta anche al ritardo con cui il governatore Vasco Errani, eletto il 29 marzo, ha ufficializzato i nomi della sua giunta (a fine aprile). Ma un consigliere, più ironico che indulgente, ce l’ha con i tempi morti: «Cosa vuole, l’ultima assemblea prima dell’estate si è tenuta il 21 luglio...». Data ideale, in effetti, per iniziare le vacanze, che si sono concluse solo ieri, quando i consiglieri, dopo 75 giorni sabbatici sono finalmente tornati sui banchi di viale Aldo Moro. E hanno approvato questa loro quarta legge: un’intesa fra Marche ed Emilia-Romagna in ambito sanitario. Vediamo le altre tre, licenziate l’ultimo giorno prima delle vacanze: la legge 6 del 2010 è un intervento a favore delle piccole e medie imprese agricole per la «prevenzione e l’eradicazione di fitopatie e infestazioni parassitarie». Ci sono poi la finanzia-

ria regionale (legge numero 7 del 2010) e un assestamento di bilancio (legge numero 8). Nota bene: sono tutte norme venute fuori per «iniziativa della giunta», che i consiglieri si sono limitati ad approvare. Nel frattempo, però, nonostante la pausa estiva e le sedute dilazionate (una ogni 19 giorni dal-

l’inizio del mandato), hanno preso lo stipendio pieno. Cinque mensilità. Considerando una media (indennità più, indennità meno), di 7.600 euro al mese per consigliere, la busta paga dei 50 inquilini di viale Aldo Moro è già costata alle casse della Regione un milione e 900 mila euro.

�� Il berlusconiano

L’assemblea? È un ente inutile, fa tutto la giunta (G. Bignami)

Senza contare che gli eletti del consiglio precedente, pur non essendo più in carica, hanno continuato a ricevere la paga fino a maggio. I numeri, si sa, sono sempre ingannevoli. Qualcuno potrebbe obiettare che, sotto il sole, non c’è niente di nuovo. Nonostante il nome, l’assemblea legislativa dell’Emi-

�� Il Democratico

Non si giudica sulla quantità ma sulla qualità (M. Monari)

Primo giorno I consiglieri regionali alla prima seduta della nona legislatura Dal maggio scorso ne hanno tenute otto

�� Il grillino

Vorremmo ridurre gli stipendi ma non se ne discute (A. Defranceschi)

lia-Romagna, non ha mai brillato per il numero di leggi prodotte. Nel 2009 si è riunita 29 volte e ha approvato 29 testi, nel 2008 ci sono state 27 sedute e 23 leggi approvate. Più corpose, da sempre, le attività collaterali come le interrogazioni, gli ordini del giorno, le interpellanze e gli atti amministrativi. «Non è dalla quantità delle leggi che si giudica il lavoro dell’assemblea — dice il capogruppo Pd Marco Monari —. Bisogna puntare sulla qualità e noi lo stiamo facendo. Non sono mai stato un fan della proliferazioni legislativa. E poi ricordiamoci che un avvio a rilento è fisiologico: ci sono i meccanismi di ambientamento e altre attività che ci vedono impegnati». Galeazzo Bignami, però, vicecapogruppo Pdl, approdato per la prima volta in Regione dopo l’esperienza tra i banchi del consiglio comunale, appare letteralmente choccato dall’aria che si respira in assemblea, e arriva a dire: «Il consiglio regionale? Vuole la verità? È un ente del tutto inutile. Così com’è non serve a niente perché l’attività legislativa è tutta spostata sulla giunta e sugli apparati». Poi va oltre: «Se una lavora così poco dovrebbe guadagnare molto di meno. Merita di più un consigliere comunale, che si dà da fare e non prende mai più di 1700 euro al mese». Sulla stessa linea il grillino Andrea Defranceschi: «C’è poco da fare. Qui è la giunta che legifera. Il consiglio può fare ben poco». Un esempio? «La nostra proposta per ridurre del 50 per cento lo stipendio dei consiglieri è stata presentata il 28 maggio. E ancora non è stata mai discussa».

Pierpaolo Velonà © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’annuncio

Emiliani all’estero, tagli in vista per la Consulta Tagli in vista per la Consulta degli emiliano-romagnoli all’estero. Li annuncia Alfredo Bertelli, sottosegretario alla presidenza della giunta regionale, durante la seduta di ieri dell’assemblea legislativa: «Proporremo una revisione delle risorse per le attività della Consulta». L’organismo, finanziato dalla Regione e presieduto da Silvia Bartolini, potrebbe fare i conti con una consistente cura dimagrante. Sempre ieri l’assemblea ha eletto i tre membri che le spettano nella Consulta: Roberta Mori (Pd) Gian Guido Naldi (Sel) e Andrea Pollastri (Pdl). Ma tutto il dibattito si è concentrato sul taglio dei costi. La più agguerrita è stata Silvia Noè (Udc), che ha proposto di ridurre i membri (attualmente 52), perché, in tempi di crisi «dobbiamo occuparci degli emiliano-romagnoli che vivono nella nostra regione». Noè ha attaccato anche il compenso, a suo dire 100 mila euro annui, destinato alla presidente Bartolini, che ha ribattuto esibendo la busta paga: «Il mio stipendio è di 2.500 euro al mese, che mi viene corrisposto 12 volte all’anno. Il fondo da 100 mila euro di cui parla la Noè è lo stesso che copre anche i rimborsi per i viaggi che faccio con le stesse modalità di un dipendente regionale». Anche Liana barbati (Idv) si è detta favorevole a tagliare lo stipendio. A chiedere una revisione del budget complessivo, invece, è stata anche Monica Donini (Prc). Il grillino Giovanni Favia ha messo sotto accusa i 2,9 milioni di euro che la Consulta ha ricevuto come budget nell’ultimo triennio.

P.V. © RIPRODUZIONE RISERVATA


Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

BOLOGNA

5


6

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

PIACENZA 08/10/2010 - PAG. 16

■ (mir) Alloggi a canone sostenibile e miglioramento della zona sud della città, buone notizie da Bologna. L’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna ha approvato un Programma integrato di interventi pubblici per le politiche abitative e la riqualificazione urbana, che utilizza le risorse assegnate alla Regione (quasi 22,5 milioni di euro) dal Piano nazionale per la realizzazione di un programma integrato di promozione di edilizia residenziale sociale e di riqualificazione urbana. Per Piacenza è si prospetta la concreta possibilità

||| ||| ||| ||| |||

Alloggi a canone sostenibile,finanziato un progetto nella zona dello stadio di finanziare la graduatoria del bando Pruacs (Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile) a cui Comune e privati aveva partecipato con un progetto che prevedeva la realizzazione di alloggi a canone sostenibile nell’area tra via Martiri della Resistenza e via Silva.

Palazzo Mercanti (tramite l’allora assessore comunale, oggi in Regione, Sabrina Freda) aveva promosso un bando, la proposta giudicata prima classificata era stata quella di Casa Siulp (iscritta a Confcooperative). Il progetto vincente prevede la costruzione di ventiquattro alloggi, dodici dei quali da assegnare in locazione permanente, mentre l’altra metà sarà concessa in locazione temporanea, vale a dire per 25 anni. Al piano terrà saranno anche realizzati quattro locali per uso commerciale e terziario, la particolarità della proposta giudicata migliore sta nel fatto che ciascuna unità (tanto gli appartamenti quanto i

negozi/uffici) avrà a disposizione un’autorimessa. L’investimento complessivo sarà di quasi cinque milioni di euro, se la Regione giudicherà il progetto presentato dal Comune di Piacenza adatto a essere finanziato, potranno giungere a Casa Siulp fino a due milioni 300mila euro. Gli operatori potevano presentare progetti riguardanti qualsiasi parte del territorio già urbanizzato, anche se la precedenza per il finanziamento (come previsto dalle direttive regionali) era per interventi che riguardassero comparti già esistenti di edilizia popolare. Il Comune metterà a disposizione il terreno in questione per 99 anni, il corrispettivo che dovrà essere riconosciuto a Palazzo Mercanti sarà di 800mila euro, da compensare sotto forma di opere: la rotatoria all’incrocio tra via Boselli e via Martiri della Resistenza con completamento della ciclabile verso corso Europa (400mila euro), la rotatoria tra via Damiani e via Leornardo (150mila euro) e la riqualificazione dell’area sotto le mura attigua al palazzetto dello sport di via Alberici (250mila euro).


Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

REGGIO EMILIA

7


8

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

MODENA

22

VENERDÌ 8 OTTOB

Sassuolo ••

& ZONA DELLE CERAMICHE

IL CASO DOPO CHE IL TAR DEL LAZIO HA DICHIARATO ILLEGITTIMA LA RIDUZIONE

Scuola, l’Idv: «Caos orari» Ma l’assessore dà garanzie

gnante abilitato. Mentre — aggiunge Orienti — sono stati assunti già una parte degli insegnanti precari, sia a livello provinciale che attingendo nelle graduatorie d’Istituto». Per quanto concerne Sassuolo e i suoi Istituti superiori, l’assessore spiega che «le scuole eventualmente interessate potrebbero risultare gli Istituti superiori Baggi, Morante, Volta e Don Magnani, limitatamente alle classi seconde, terze e quarte. La giunta comunale – secondo l’assessore Orienti non deve poi recepire niente, dato che l’ente locale che ha competenza al riguardo è la Provincia».

IL TRIBUNALE amministrativo regionale del Lazio ha confermato l’illegittimità della riduzione dell’orario delle classi intermedie d’istituti tecnici e professionali. Lo sostiene Raffaele Del Sante, esponente dell’Italia dei Valori di Sassuolo, che evidenzia come «si paghi in tal modo la fretta della Gelmini che, in risposta alle sollecitazioni di Tremonti che chiedeva alla scuola più sacrifici di quelli previsti dalla riforma, aveva anticipato i tagli d’orari previsti per quest’anno solo alle prime classi

ORIENTI «Mi paiono improbabili rivoluzioni in questo senso Competenza della Provincia» anche alle classi successive». Secondo Raffaele Del Sante «la celerità della ministra avrà grosse conseguenze anche sul piano locale, essendo gli istituti tecnici e quelli professionali la maggior parte degli istituti presenti sul territorio sassolese: il rischio — spiega — è che le nostre scuole, ad anno scolastico in corso, siano costrette a rivoluzionare tutti gli orari dalle seconde classi in poi e a rifare le cattedre. Per non parlare dei problemi connessi con il tra-

LEZIONI L’ingresso del polo scolastico. Le eventuali variazioni agli orari potrebbero riguardare le classi intermedie delle superiori

sporto pubblico». Da qui la richiesta alla Giunta comunale, ed in particolare all’assessore Orienti, «quali scuole sassolesi siano soggette alla ricezione di questa sentenza» e se la giunta «ha intenzione di recepirla e quanti docenti saranno riabilitati». L’esponente dell’Italia dei Valori ha preannunciato, sul tema, un’interrogazione in consiglio comunale.

INTANTO, da noi interpellato, l’assessore alla Pubblica istruzione Antonio Orienti asserisce che non gli risultano, a tutt’oggi, «né mi appaiono come probabili rivoluzioni sia per quanto riguarda modifiche all’orario generale, né tantomeno per quanto riguarda cambiamenti nelle assegnazioni delle cattedre. Dato che questo non riguarda il personale inse-

L’AMMINISTRAZIONE comunale sassolese, ad ogni modo, si riserva di approfondire ulteriormente la materia «sulla base degli eventuali riflessi che potrebbero derivare da un’eventuale applicazione di una Sentenza di un Tar». Antonio Orienti, concludendo, ricorda come, a fronte di simili evenienze, «il Ministero interessato, in questo caso quello della Pubblica Istruzione, è generalmente in grado di apportare le dovute modifiche tecniche tali da recepire o attenuare gli effetti di una sentenza». Luigi Giuliani

LA POLEMICA I

«Associazio tassate senza motiv alle Fiere»

«QUEST’ANNO le associazioni di volontariato che partecipano alle Fiere d’Ottobre a Sassuolo n saranno più esentate d tassa sul suolo pubblic La segnalazione arriva Susanna Bonettini, capogruppo Pd in Consiglio comunale. «Nessuno può mettere dubbio l’importanza d volontariato nella soci moderna — dice —. E queste attività hanno bisogno di raccogliere soldi, innegabilmente Fiere d’Ottobre hanno sempre rappresentato opportunità essenziale il volontariato sassole soprattutto per quanto riguarda l’autofinanziamento. D quest’anno, inspiegabilmente — prosegue l’esponente Pd — l’amministrazio destra ha deciso di gra su questa raccolta fon mentre in passato le amministrazioni di centrosinistra avevano sempre deliberato di esentare da questa tas associazioni di volontariato. Stavolta invece il pagamento è richiesto in anticipo».

IL FESTIVAL

L’ANNIVERSARIO

LA FESTA STAND E INCONTRI PER RIFLETTER

PRENDE il via anche a Sassuolo, questa sera alle 21 nella prestigiosa cornice del Palazzo Ducale, il Festival musicale ‘Grandezze e Meraviglie’, importante

NOZZE d’argento per i corsi di ginnastica organizzati dal circolo Ottavio Tassi: dal 1985 vengono organizzate lezioni ludico-motorie presso la sede di via Repubblica 32. Numeri importanti testimoniano il

GIORNATA interamente dedicata al volontariato quella di domani, a Sassuolo. L’importante appuntamento è inserito, come ogni ano, nel programma delle Fiere d’Ottobre: dalle 1 alle 20, in piazza Garibaldi, ci saranno gli stand promoziona delle associazioni di volontariato di ogni settore; alle 10,30 a sala conferenze dell’Oratorio don Bosco si terrà l’incontro d

Palazzo Ducale «Sulle spalle dei giganti»

Circolo Tassi, 25 anni di salute e novità continue

Sabato in piazza Garibal con tutto il volontariato


Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

9

MODENA Progetto deposito gas di Rivara, Costi (Pd): approvata risoluzione della maggioranza per ribadire il no della Regione Emilia-Romagna 07 ott 10 • Categoria Bassa modenese,Politica No al progetto di stoccaggio gas di Rivara. È questo l’oggetto della risoluzione, proposta dal Partito Democratico (prima firmataria Palma Costi) e sottoscritta anche dai colleghi di maggioranza di IdV, Sel-Verdi e Fed. Sinistra, che è stata discussa e approvata oggi dall’Assemblea legislativa regionale. Per l’occasione sono giunti in pullman da San Felice sul Panaro e dai comuni limitrofi circa 150 cittadini degli oltre 15mila che hanno sottoscritto la petizione dei comitati per contrastare il progetto. “La nostra posizione di contrarietà al deposito – ha affermato la consigliera Costi – è frutto del lavoro di tavoli tecnici provinciali e regionali che hanno stabilito che il progetto non garantisce il principio di precauzione e sicurezza che va particolarmente assicurato per un progetto di stoccaggio di gas di questo tipo (primo caso in Italia di deposito in un acquifero), in una zona sismicamente attiva ed abitata da più di 80 mila abitanti. Per di più la Regione Emilia-Romagna si è dotata di un piano energetico regionale nel rispetto dei criteri stabiliti dall’Unione Europea che punta sulla diversificazione delle fonti energetiche e che non prevede la realizzazione di un impianto di stoccaggio gas a Rivara”. “È inoltre poco rassicurante – aggiunge l’esponente Pd – che la società proponente E.R.S. (Erg, Rivara, Storage), nonostante i due anni trascorsi dall’esito della precedente VIA, non sia riuscita a fornire chiarimenti rispetto alle osservazioni precedentemente richieste, riconfermando anzi le medesime lacune e su alcuni fronti aggiungendo addirittura ulteriori elementi di preoccupazione”. Nel documento si chiede quindi alla giunta regionale di: monitorare con attenzione gli sviluppi della procedura di Via e richiedere il massimo di trasparenza; investire con forza sulle energie rinnovabili ed in particolare sulla Geotermia che potrebbe rappresentare una importante alternativa per sfruttare il calore dell’acqua che si trova a 3000 metri di profondità nel sottosuolo dell’Area Nord; continuare a sostenere i processi di efficientizzazione energetica degli edifici civili e delle attività industriali, per ridurre l’uso di energia e orientare fortemente la nostra economia verso la green economy, come già previsto dai programmi del Presidente della Giunta. Inoltre si chiede con forza al Governo di: elaborare un piano energetico nazionale che coordini l’impegno delle Regioni con lo scopo di rispettare gli impegni presi con la stipula del protocollo di Kyoto; investire con forza sulle energie alternative e rinnovabili; o non rilasciare titoli di concessione mineraria per l’impianto di stoccaggio gas in acquifero a Rivara. “Siamo convinti – conclude Costi – che la Commissione nazionale non potrà che confermare il parere negativo di Regione e Provincia e chiediamo quindi che il Governo smetta di considerare strategico il sito di Rivara e intervenga piuttosto per sostenere gli investimenti nella geotermia, un’opportunità di sviluppo sostenibile per il nostro territorio”.


10

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

MODENA Italia dei Valori Sassuolo circa l’ordinanza del Tar su legge Gelmini: la giunta ci dia risposte 07 ott 10 • Categoria Politica,Sassuolo,Scuola Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio ha confermato l’illegittimità della riduzione dell’orario delle classi intermedie di istituti tecnici e professionali. Si paga in tal modo la fretta della Gelmini che, in risposta alle sollecitazioni di Tremonti che chiedeva alla scuola più sacrifici di quelli previsti dalla riforma, aveva anticipato i tagli di orari previsti per quest’anno solo alle prime classi anche alle classi successive. Riteniamo questa sentenza sacrosanta, sentenza che dimostra ancora una volta (come se non bastassero le manifestazioni degli insegnanti precari della scuola, ora disoccupati, gli scioperi della fame, le proteste degli studenti e dei ricercatori, i tagli all’offerta formativa delle università e delle scuole, etc.) l’inadeguatezza della Gelmini. Siamo anche dell’idea che la celerità della ministra avrà grosse conseguenze anche sul piano locale, essendo gli istituti tecnici e quelli professionali la maggior parte degli istituti presenti sul territorio sassolese: il rischio è che le nostre scuole, ad anno scolastico in corso, siano costrette a rivoluzionare tutti gli orari dalle seconde classi in poi e a rifare le cattedre. Per non parlare dei problemi connessi con il trasporto pubblico. Chiediamo quindi alla giunta, ed in particolare all’assessore Orienti quali scuole sono soggette alla ricezione di questa sentenza, se la giunta ha intenzione di recepirla e quanti docenti saranno riabilitati. Presenteremo una interrogazione in consiglio comunale su questo tema.

Raffaele Del Sante, Italia dei Valori Sassuolo


Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

RIMINI

11


12

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

AGENZIE


Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

AGENZIE

13


14

Rassegna Stampa Emilia Romagna 08-10-2010

AGENZIE


Rassegna Stampa 8 10 2010