Page 1

RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA del 02-12-2010 BOLOGNA_______________________________________pag. 2 - 5 REGGIO EMILIA_________________________________pag. 6 PARMA__________________________________________pag. 7 RAVENNA______________________________________pag. 8 - 11 FERRARA_______________________________________pag. 12 RIMINI__________________________________________pag. 13 - 16 PIACENZA______________________________________pag. 17 - 19 AGENZIE________________________________________pag. 20 - 34


2

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

BOLOGNA - ilCARLINO


3

Crusel (Pratello), Stop al degrado (via Petroni), l’associazione Scipio Slataper (zoRassegna Stampa EmilianaRomagna Universitaria).02-12-2010 Una mosDecibel alle stelle sa bocciata dalla ConfeserLe rilevazioni fatte lo scorso centi, che ha tra i suoi tesgiugno confermano il troppo serati molti locali di via del chiasso già riscontrato nel 2004 Pratello. «È una strada estree 2005, e Arpa parla di “un mamente tranquilla, non veclima acustico notevolmente do perché alimentare quesuperiore ai limiti previsti” sta polemica inutile - dice il presidente di ConfesercenDa 15 anni in lotta ti, Sergio Ferrari - Da molto I residenti di via del Pratello tempo quella via non soffre ricordano 15 anni di lotta: di particolari problemi e esposti contro i locali, rilevazioni questo è dovuto anche grache hanno attestato 70 decibel zie agli esercenti molto ate contro i 55 consentiti, diffide tenti». Il problema, stando ai a sindaco, questore, prefetto residenti, è il rumore prodotto dagli avventori dei locali. «La gente si convinca ri: «È una strada tranquilla, non vedo che si deve anche lavorare questo paese - chiosa Fertare questa polemica inutile, da molto in rari - Occorre buon senso da Il tour Il commissario Anna Maria Cancellieri nel giugno scorso in via del Pratello via non soffre di particolari problemi» entrambe le parti». assieme a Sergio Ferrari e Loreno Rossi, i vertici della Confesercenti (c.z.)

BOLOGNA - ilDOMANI

Sono gli immobili in via Sant’Isaia

Saranno riqualificati gli alloggi dell’Acer

Con 19 voti a favore (Pd, Idv, Fds e Pagnetti-gruppo misto) e 14 astenuti (Pdl, Fli, Udc, Lega e Tartarini-gruppo misto) il Consiglio provinciale di Bologna ha approvato lo schema di convenzione per affidare ad Acer la realizzazione dell’intervento di manutenzione straordinaria e gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica del complesso di proprietà di Palazzo Malvezzi Provincia di via Sant’Isaia. Ora lo schema va approvato anche dal cda di Acer. Il costo totale dell’intervento è stimato in 2.682.332 euro (comprensivi di 134.081 euro accontonati per imprevisti).

Nord

Contrari anche Verdi, Prc e Sel. Giordano: «Lo shopping non ha la precedenza sulla salute dei bolognesi»

dal Civis rcianti»

Le accuse di Democratici: «Sbagliata la logica che più macchine equivalgono a più commercio»

Il comitato l comitato “No Civis” chiede che i cantieri rino al massimo ei mesi: «I nove previsti sono troppi, vanno pesare troppo sulle attività commerciali»

Sirio spento a Natale, centrosinistra in rivolta P

d, Verdi, Sel e Prc contestano la scelta del commissario Anna Maria Cancellieri di spegnere Sirio per favorire lo shopping natalizio. «Ancora una volta si spegne Sirio secondo la logica che più macchine equivalgono a più commercio. È una scorciatoia inutile, che si ripete stancamente senza portare alcun reale beneficio», affermano in una nota i democratici Daniele Ara e Andrea Colombo (Forum Ambiente Pd). «Aprire il centro storico alle auto durante il periodo natalizio è una scelta contro la nostra salute. Il Commissario dopo averci raccontato che l’apertura estiva era una sperimentazione e che non si sarebbe ripetuta, getta la maschera e ci mostra il

cittadini «solo se si punterà con decisione alla qualità urbana di strade e piazze, e al potenziamento del trasporto pubblico e della mobilità di pedoni e ciclisti», sostengono Ara e Colombo convin-

modalità con cui si è arrivati a queste decisioni, «ovvero interpellando solo le associazioni dei commercianti e non, per esempio, le associazioni ambientaliste perlomeno per trovare una me-

ne. Duro anche il commento di Ugo Mazza, dell’esecutivo di Sel: «Il commissario Cancellieri prima di ogni altra cosa dovrebbe rispettare le direttive europee e quindi non si capisce per quale ra-


finesi fanrcole. ssario Ancone per cento n coretti in sbarQualra e il sono l loro o un no alno un ncello iuso e rbani tti. Ci Cansituato del lazzo i maa loro obietMotor

come e per orma l’auti con nti alti scemunompiolte il cono Stenza) e ell’orresso rtono Luigi Berludetto quelli udiailiare, ecchi, ando a cosa stru-

4

vagano per i corridoi del palazzo, poi torna il sereno con l’intervento del Commissario. «Non ho nulla contro gli studenti che manifestano — commenta alla fine la Cancellieri — hanno il diritto di farlo. Ma al diritto dovrebbe corrispondere anche un dovere. Oggi hanno occupato il Comune e danneggiato il cancello: per questo abbiamo avuto difficoltà ad aprirlo». Palazzo d’Accursio deciderà se chiedere i danni agli autori del blitz. «Il Comune è un bene pubblico — continua — una massa di gente così rischiava di fare molti danni. La responsabilità civile avrebbe voluto che gli studenti avessero fatto la loro assemblea in cortile e poi una loro delegazione fosse salita a portare uno striscione».

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

BOLOGNA - REPUBBLICA I manifestanti in Sala d’Ercole mentalizzato. Era meglio se quei ragazzi restavano a casa a studiare. Vedo segnali di decadenza che riguardano non solo questa città, ma tutto il Paese». Dopo il raduno alle 12 in piazza Verdi, si capisce subito

che il Comune sarà la tappa successiva. L’intenzione dei manifestanti è salire tutti al primo piano ma l’ingresso principale è sbarrato. Inizia l’attesa nel cortile. Gli studenti provano a buttare giù il cancello con la forza, davanti allo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso

Bloccata la distribuzione gratuita di condom per la giornata mondiale di lotta all’Aids

Ingegneria, il preside anti-preservativi “In aula entra solo materiale cartaceo” INTERROTTA ieri la distribuzione di preservativi nella facoltà Ingegneria per la giornata mondiale di lotta all’Aids, gli studenti protestano ma il preside spiega: «In facoltà si può dare solo materiale cartaceo». Mentre il mondo dell’università è in fermento in tutta Italia, sulla facoltà guidata da Paolo Diotallevi si scatena un caso politico legato alla distribuzione di condom per sensibilizzare gli studenti sui rischi della malattia. «La presidenza della facoltà di Ingegneria non ha arbitrariamente inter-

O

pia metratura ominante con mato disposta con ascensoRif. C152

La decisione di Diotallevi “Nulla in contrario, applico solo le regole” rotto la campagna di sensibilizzazione per il «World Aids» Day per la quale si dà il massimo sostegno e si esprimono sentimenti di condivisione — ha spiegato Diotallevi ieri sera — ma ha semplicemente impedito la distri-

I I INTERIM INTERMEDIATORI

LAURA BASSI Esclusiva ed elegante villa indipendente di circa 750 mq disposta su tre livelli con ascensore interno ampie terrazze e giardino privato. Rif. C183 ESM

IMMOBILIARI

R

buzione di preservativi non certo in quanto essa sia stata ritenuta scomoda e inopportuna, ma in quanto tutte le organizzazioni studentesche, come peraltro a loro è noto, sono tenute a distribuire all’interno della Facoltà solo materiale di tipo cartaceo». Un regolamento seguito alla lettera, che ha impedito la distribuzione di preservativi gratis agli studenti e scatenato le polemiche. «Questa decisione manifesta in modo palese l’incapacità delle istituzioni di farsi carico di un drammatico problema

che vede soprattutto nei giovani l’area più disinformata — ha detto il consigliere regionale Idv Franco Grillini, leader di Arcigay — l’Aids da noi è un problema grave, l’Emilia Romagna si colloca al quinto posto in Italia per incidenza dell’epidemia». A denunciare il divieto a distribuire preservativi tra i banchi dell’università erano stati ieri mattina gli studenti del Sindacato degli universitari che si preparavano a regalare 15 mila condom ai compagni di studi. «Abbiamo proseguito comunque l’iniziativa fuo-

ri dai locali della facoltà, nonostante la pioggia e il gelo — hanno raccontato gli studenti — ma è incredibile che nel 2010 non sia possibile distribuire dei preservativi senza che questo diventi oggetto di scandalo e strumentalizzazione politica, noi vogliamo semplicemente fare quello che facciamo ogni giorno: proteggere gli studenti». La distribuzione di profilattici ai giovani che arrivavano a lezione, associata allo slogan «Usa il preservativo, goditi la vita», era in programma ieri in molti licei e

Sede di Via Indipendenza, 63 Tel.

051-24.12.24

VIA DI CASAGLIA Splendida villa divisibile in due unità con ampio parco panoramico e piscina. Condizioni perfette. Rif. C189

CASTELLO DI SERRAVALLE all’interno delle mura di cinta del borgo storico medioevale del Castello, rustico completamente e finemente ristrutturato disposto su tre livelli con piscina e parco di 1100 mq. Il contesto suggestivo, la cura, la ricercatezza dell’intervento e gli ambienti creati rendono l’oggetto unico. Rif. C185

VIA OBERDAN AD.ZE. Appartamento di 90 mq con ingresso arredabile, soggiorno con angolo cottura, due camere, bagno, balcone, cantina, riscaldamento autonomo e condizionamento. Ideale per investimento. Rif. C171 MAR


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

BOLOGNA Cronaca -11CORRIERE BO

Ingegneria

Preservativi in facoltà: stop del preside

Una vicenda che recentemente ha avuto nuovi sviluppi con la contestazione da parte della Procura di abusi edilizi e il sequestro del cantiere Cipea-Idroter. Nei giorni scorsi ventisei dei trenta appartamenti sono stati dissequestrati mentre sono rimasti i sigilli alle case che secondo i magistrati e la squadra mobile sarebbero state oggetto di preassegnazioni poco trasparenti.

Preservativi distribuiti tra le aule dell’Alma Mater? Il preside di Ingegneria non ha gradito e ha interrotto, ieri mattina, la distribuzione gratuita di 15 mila condom che gli studenti del Sindacato degli universitari stavano facendo in occasione del «World Aids day», organizzato con la collaborazione di Condomix. A denunciare l’intervento «arbitrario» della presidenza gli stessi studenti del Sindacato: la distribuzione di condom è stata interrotta, scrivono in una nota, perché «ritenuta scomoda e inopportuna». Loro, però, non si sono persi d’animo e hanno proseguito comunque l’iniziativa fuori dalla facoltà. «È incredibile che nel 2010 non sia possibile distribuire dei preservativi senza che questo diventi oggetto di scandalo. Contro il «divieto» si è subito scagliato il consigliere regionale dell’Idv, Franco Grillini, presidente emerito dell’Arcigay di Bologna, ma si è difeso il preside di Ingegneria Pier Paolo Diotallevi: «Nelle facoltà dell’Alma Mater si può distribuire solo materiale cartaceo ed è per questo che la distribuzione di preservativi è stata interrotta, non certo perché ritenuta scomoda e inopportuna».

Gianluca Rotondi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ettore del Cipea e presidente di Confartigianato

sse»

a ggi San zano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5


36

6

vicinanza agli studenti, ai ricercatori e ai docenti dell’ateneo della nostra città impegnati nella protesta. Ma io faccio una domanda: ma Romagna cosa c’entra il Consiglio Rassegna Stampa Emilia 02-12-2010

comunale di Reggio con la riforma universitaria? Il Consiglio si deve occupare di altre

REGGIO EMILIA - REGGIO24ore

''Indagati nell'Idv reggiana? Letame mediatico'' - R... http://www.reggio24ore.com/S cose, della riformaBarbati: universitaria si occupa il parlamento della Repubblica italiana, non il Consiglio comunale di Reggio, che farebbe bene invece ad occuparsi dell’inquinamento e

del traffico. Ciascuno in questo paese deve fare il suo mestiere, quindi trovo la cosa Mercoledì veramente incredibile.

Ore 13

REGGIO 24 ORE "Quella di martedì 30 novembre è stata una giornata Barbati: ''Indagati nell'Idv reggiana? Letame tragica per le giovani generazioni": così la definisce Liana mediatico'' Barbati, capogruppo dell'Italia dei Valori in Regione, commentando l'approvazione alla Camera del ddl Gelmini. A seguito degli articoli apparsi su alcune testate "Un decreto legge - ha sottolineato l'ex vicesindaco di giornalistiche di Reggio, i quali sostenevano che alcuni Reggio - che annienta il sistema i suoi indagati, è arrivata la membri dell’istruzione dell’Idv localecon fossero ingenti tagli, indirizzati per lo più borse di studio e risposta dellaa coordinatrice provinciale, Liana Barbati. “La ricerca. E pensare che proprio oggi è stato stimato che, ala Barbati - è quella di mia intenzione – ha dichiarato causa della fuga dei cervelli all’estero, l’Italia una ha perso mettere a tacere, volta laper tutte, queste voci ingiustificate che in stanno gettando ragguardevole cifra di 4 miliardi di euro brevetti che, fango su un partito che, quando è nato, ha della della trasparenza nello specifico, avrebberodarappresentato unafatto vera e legalità propriae manovrina economica. i suoi non cavalli di battaglia”. La coordinatrice ha proseguito Naturalmente le scuole private sono state minimamente penalizzate dalla ministra sottolineando come: “I tesserati di Idv, al momento della D-istruzione, andando a confermare nuovamente il trend berlusconiano secondo dell’iscrizione, oltre che a Italia dei Valori, aderiscono ad un Codice Eti cui, se puoi permettertela, avrai un’ottima istruzione, in caso contrario sarà meglio comportamenti consoni al partito di Antonio Di Pietro, pena l’automati sposare un PierSilvio”.

nel in cui qualcuno delinquesse dopo l’iscrizione, sottolineiamo che l decadrebbe immediatamente”.

“Come ex insegnante e come politica all’opposizione - ha concluso la Barbati - sono doppiamente addolorata. Distrutta che ha “false massacrato l’Italia con La Barbatinel ha vedere definitoun le Governo notizie circolate e pretestuose, paragona scelte politiche subdole e più scellerate e distrutta nel vedereei ha giovani italiani privati del che semplice letame mediatico” invitato “ chiunque a dimostrare loro futuro e depredati anche del diritto al dissenso. Ragazzi, lo hanno chiedo infranto col cuore, non l’esistenza di presunti iscritti all’IDVve che la legge”. L perdete la speranza. Italiaprovinciale dei Valori sarà sempre al che vostro fianco per combattere ha evidenziato “l'Idv, al contrario di altri, contro non candida personetutta indagate o addirittura “Infine – ha conc questi tagli all’istruzione ecandidato per restituirvi la dignità che vicondannate”. meritate. Lavoreremo l’elenco iscritti IDV è soggetto alla legge sulla privacy, ci risulta senza sosta per fare in modo che degli almeno la Regione possa aiutarvi laddove il Governo qualcuno si sia permesso di dichiarare che abbiamo persone condann non è stato in grado di farlo”. tesserati”.

Ore 9 Dalla votazione di martedì 30 novembre tra gli occupanti è emersa la decisione di proseguire nella protesta ("perchè la riforma resta una non-riforma",

02/12/10 1


ly

Cerca

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010 Politica e società Costume e... Cultura e spettacoli

Cerca

Cerca su ParmaDaily

PARMA - PARMADAILY

2010

7

"Il ce

"Il co sull'i

Pres

Tutte le parole "Al r

Hora gioc

Dirig dei C

Sport Scuola e Università

"Com di pr

Musica

Tep, lincia

Servizi utili ParmaDaily

"I pr

"Il comportamento di Iren sull'inceneritore è sconcertante" ___

nceneritoreIntervista è sconcertante" a Cristiano Giordano, membro Le altre notizie pubblicate oggi (non più in homepage) di Parma: "Sarebbe opportuna ___ per valutare nuove tecnologie". 02/12/2010

dei Valori direttivo provinciale dei Rifiuti

ro del dell'Italia a una revisione del Piano Provinciale Intervista a Cristiano Giordano, ". Parma.

"Vie

del direttivo provinciale dell'Italia una revisione del Piano Provinciale

"Il centrodestr membro del direttivo provinciale dell'Italia dei Valori di

"Il comportam sull'incenerito

Qualche giorno fa la segretaria provinciale dell'IDV ha preso posizione in merito di un a Stu all'inceneritore di Parma. In pratica, siete contrari alla costruzione Prestito inceneritore... o siete favorevoli a determinate condizioni? "Alpochi rogo l'ince Innanzitutto voglio farle i ringraziamenti perché il suo giornale web è stato uno dei organi di informazione, se non l’ unico, che correttamente ha fornito ai lettori copia integrale Horacio San M del nostro comunicato stampa effettuando in tal modo esercizio di vera informazione egiocatore non di deg strumentalizzazione come verificatosi su altri fronti giornalistici. Dirigenti Una precisazione poi in merito alla sua domanda è doverosa: la presa di posizione sul Provi dei Conti termovalorizzatore non ricade in capo alla sola segretaria Zilli ma a tutto il coordinamento provinciale IDV, me compreso. "Completato il "Il comportamento di Iren La nostra evidente presa di posizione è stata il frutto di una lunga e responsabile analisi di di pregio?" sull'inceneritore è sconcertante" tutti gli elementi a nostra disposizione (legislativi, tecnico-scientifici, politici ed economici). Tep, "nessuno "Il centrodestra ha perso la bussola" Personalmente, alla luce del lavoro fin qui svolto, ritengo che purtroppo nell’immediato (e linciaggio" sottolineo purtroppo) a Parma sia difficile considerare la tematica del ciclo integrato di "Against [image vs. behaviour] lobotomy" smaltimento dei rifiuti senza dover attribuire ai termovalorizzatori od inceneritori che dir si esis "I precari voglia la debita ma comunque relativa importanza. Rassegna stampa del 02/12/2010 "Viero non dic Tutti i Paesi occidentali e nord europei che spesso decantiamo per svariati motivi ne fanno ___casi anche molto largamente (Danimarca, Belgio, Francia, Svizzera, Norvegia Prestito a Stu Authority uso, in taluni Le altre notizie pubblicate etc…);oggi ciò non toglie che diverse sono le migliorie che potrebbero essere portate anche nel "Rosa di fuoco" a Parma (non più in homepage) “breve” termine sui cicli di smaltimento e recupero dei rifiuti sia qui a Parma che in tutta la "Porco rosso" ___ nazione. Sulla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti la nostra linea è chiara: il carico dei rifiuti deve 02/12/2010 Dirigenti Provincia, esposto alla Corte dei Conti essere ridotto già alla produzione e alla distribuzione; i rifiuti sono trasformabili in materie “seconde”; raccolta differenziata spinta porta a porta con tariffe commisurate alla quantità di "Completato il censimento Intervistadegli a alberi Cristiano Giordano, membro del direttivo provinciale dell'Italia dei Valori di rifiuti prodotti ed al loro grado di differenziazione; esistono collaudate tecnologie e solide di pregio?" Parma. filiere produttive che consento di riciclare quasi integralmente i rifiuti. Guerra dalla bocca delle prostitute Questa è la nostra scelta, a cui però potremo dar seguito solo con l’adeguato consenso dei Qualche la segretaria provinciale dell'IDV ha preso posizione in merito Primo raduno delle befane agiorno Fornovo facittadini.

"Il centrodestra ha perso la bussola"

età

tacoli

"Il comportamento di Iren sull'inceneritore è sconcertante" Prestito a Stu Authority

ersità

"Al rogo l'inceneritore"

Horacio San Martin è un nuovo giocatore degli Aironi

Dirigenti Provincia, esposto alla Corte dei Conti

"Completato il censimento degli alberi di pregio?" Tep, "nessuno sconto e nessun linciaggio"

all'inceneritore

di

Parma.

In

pratica,

"I precari esistono"

siete

contrari

alla costruzione

di

un

Tep, "nessuno sconto e nessun Venendo a Parma… inceneritore... o siete favorevoli a determinate condizioni? linciaggio" A Parma, “giocando” conperché regole ile suo scenari (ormaiweb contingenti) e pochi considerando la Innanzitutto voglio farle i ringraziamenti giornale è stato attuali uno dei A tutta birra su una sedia da ufficio totalità, la molteplicità e le complessità chimico-fisiche ed anche strutturali dei rifiuti prodotti organi di informazione, se non l’ unico, che correttamente ha fornito ai lettori copia integrale dall’attività antropica, ritengo sia quasi utopico chiudere il ciclo di smaltimento senza ricorrere del nostro comunicato stampa effettuando in tal modo esercizio di vera informazione e non di seppur in modo molto più marginale alla termovalorizzazione considerando altresì che questa strumentalizzazione contingenza come verificatosi su altri fronti giornalistici. è alimentata anche dal fatto che tutte le discariche che abbiamo sul territorio Una precisazione poi in merito alla sua ed domanda è quindi doverosa: la presa posizione sul regione. provinciale sono esaurite esportiamo tutti i nostri rifiuti di in altre zone della termovalorizzatore non ricade in capo alla sola segretaria Zilli ma a tutto il coordinamento Alla luce di una situazione così intricata ed in presenza comunque di novità legislative provinciale IDV, me importanti compreso.(vedi prossima abolizione degli ATO nel 2011) sarebbe utile una sospensione nto di Iren ovvero di una moratoriaè di alcuni mesi nei quali lunga effettuare una valutazione complessiva del La nostra evidente presa posizione stata il frutto di una e responsabile analisi di e è sconcertante" su scala regionale. tutti gli elementi a problema nostra disposizione (legislativi, tecnico-scientifici, politici ed economici).

"Viero non dice la verità"

ha perso la bussola"

Personalmente, alla luce del lavoro fin qui svolto, ritengo che purtroppo nell’immediato (e

Come dei è notoValori in Italia per direttivo provinciale dell'Italia dilegge si è deciso di considerare l'incenerimento dei rifiuti sottolineo purtroppo) a Parma sia difficile considerare la tematica del ciclo integrato di

e vs. behaviour]

come una fonte rinnovabile, al pari dell'energia eolica, geotermica, solare, ecc. e

smaltimento dei rifiuti senza dover prendono attribuire contributi ai termovalorizzatori od inceneritori dirfavorevoli si quindi i gestori pubblici, i famosi CIP 6? Voiche siete a voglia la debita ma comunque relativa importanza. questi incentitivi? mpa del 02/12/2010 Tutti i Paesi occidentali e nord europei che spesso per l’Italia, svariati motivi ne fanno Relativamente agli incentivi CIP 6 (edecantiamo certificati verdi), unica nazione in Europa, è nel Authority mirino molto della da svariati anniFrancia, per una Svizzera, procedura Norvegia di infrazione. Sono in taluni casi anche largamente (Danimarca, Belgio, e dell'IDV ha uso, preso posizione inCommissione meritoEuropea incentivi che “drogano” il liberochemercato, distorcono la concorrenza, ciò non toglie che diverse sono le migliorie potrebbero essere portate anche nelinfluenzano " a Parma contrarietc…); siete alla costruzione di un negativamente lo sviluppo delle energie rinnovabili e quindi danneggiano livellolaeconomico, “breve” termine sui cicli di smaltimento e recupero dei rifiuti sia qui a Parma che inatutta ma non solo, i cittadini. 12:08 nazione. ate condizioni?


8

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RAVENNA - CORRIEREdiROMAGNA


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

9

RAVENNA - CORRIEREdiROMAGNA


10

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RAVENNA - laVOCE


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RAVENNA - laVOCE

11


12

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

FERRARA - CARLINO


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RIMINI - laVOCE

13


14

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RIMINI - CORRIEREdiROMAGNA


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RIMINI - CORRIEREdiROMAGNA

15


16

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

RIMINI - laVOCE


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

PIACENZA - LIBERTA’

17


18

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

PIACENZA - LIBERTA’


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

PIACENZA - CRONACA

19


20

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE COPASIR. MURA (IDV): PRINCIPIO DI QUAGLIARIELLO SINGOLARE (DIRE) Roma, 1 dic. - “Il principio, sostenuto dal senatore Quagliariello, di sospendere l’attivita’ del Copasir a seguito dell’uscita dalla maggioranza da parte di Fli e’ singolare perche’, se vale per il Copasir, non si capisce perche’ non debba valere anche per l’attivita’ della Camera dove e’ stata approvata la contestatissima riforma dell’universita’ e dove oggi si vota il decreto sicurezza. Visto che e’ aperta una crisi politica il cui epilogo si avra’ il 14 dicembre, o si sospendeva tutto in attesa di quella data approvando solo la legge di stabilita’, oppure tutti gli organi parlamentari debbono funzionare”. Lo dichiara Silvana Mura deputata di Idv. (Com/Tar/ Dire) 13:45 01-12-10 Universita’, Barbati (Idv): Ragazzi, non perdete la speranza Roma, 01 DIC (Il Velino) - “Ieri e’ stata una giornata tragica per le giovani generazioni: migliaia di ragazzi si sono raccolti nelle principali piazze italiane e hanno occupato i luoghi simbolo delle citta’ per manifestare a gran voce il proprio dissenso contro il ddl Gelmini”. Lo dichiara Liana Barbati, presidente del gruppo Idv in Emilia Romagna. “Un decreto legge - spiega Barbati - che annienta il sistema dell’istruzione con i suoi ingenti tagli, indirizzati per lo piu’ a borse di studio e ricerca. E pensare che proprio oggi e’ stato stimato che, a causa della fuga dei cervelli all’estero, l’Italia ha perso la ragguardevole cifra di 4 miliardi di euro in brevetti che, nello specifico, avrebbero rappresentato una vera e propria manovrina economica. Naturalmente le scuole private non sono state minimamente penalizzate dalla ministra della D-Istruzione, andando a confermare nuovamente il trend Berlusconiano secondo cui se puoi permettertela, avrai un’ottima istruzione; in caso contrario, sara’ meglio sposare un Pier Silvio”. “Come ex insegnante e come politica all’opposizione - prosegue Barbati


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE - sono doppiamente addolorata: distrutta nel vedere un governo che ha massacrato l’Italia con scelte politiche subdole e scellerate e distrutta nel vedere i giovani italiani privati del loro futuro e depredati anche del diritto al dissenso”. “Ragazzi, ve lo chiedo col cuore: non perdete la speranza. L’Italia dei Valori sara’ sempre al vostro fianco per combattere contro questi tagli all’istruzione e per restituirvi tutta la dignita’ che vi meritate. Lavoreremo senza sosta per fare in modo che almeno la Regione possa aiutarvi laddove il governo non e’ stato in grado di farlo”. (com/ant) 011355 DIC 10 NNNN Copasir, Mura (Idv): Principio sostenuto da Quagliariello e’ singolare Roma, 01 DIC (Il Velino) - “Il principio, sostenuto dal senatore Quagliariello, di sospendere l’attivita’ del Copasir a seguito dell’uscita dalla maggioranza da parte di Fli e’ singolare perche’, se vale per il Copasir, non si capisce perche’ non debba valere anche per l’attivita’ della Camera, dove e’ stata approvata la contestatissima riforma dell’universita’ e dove oggi si vota il decreto sicurezza”. Lo dichiara la deputata dell’Idv Silvana Mura. “Visto che e’ aperta una crisi politica il cui epilogo si avra’ il 14 dicembre, o si sospendeva tutto in attesa di quella data approvando solo la legge di stabilita’ - oppure tutti gli organi parlamentari devono funzionare”. (com/ant) 011359 DIC 10 NNNN Copasir, Mura (Idv): Principio sostenuto da Quagliariello e’ singolare Roma, 01 DIC (Il Velino) - “Il principio, sostenuto dal senatore Quagliariello, di sospendere l’attivita’ del Copasir a seguito dell’uscita dalla maggioranza da parte di Fli e’ singolare perche’, se vale per il Copasir, non si capisce perche’ non debba valere anche per l’attivita’ della Camera, dove e’ stata approvata la contestatissima riforma dell’universita’ e dove oggi si vota il decreto sicurezza”. Lo dichiara la deputata dell’Idv Silvana Mura. “Visto che e’

21


22

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE aperta una crisi politica il cui epilogo si avra’ il 14 dicembre, o si sospendeva tutto in attesa di quella data approvando solo la legge di stabilita’ - oppure tutti gli organi parlamentari devono funzionare”. (com/ant) 011359 DIC 10 NNNN (ER) CASA BOLOGNA. OK PROVINCIA A RECUPERO ALLOGGI DI VIA S.ISAIA SE NE OCCUPERÀ ACER; INTERVENTO PER NUOVA EDILIZIA POPOLARE (DIRE) Bologna, 1 dic. - Con 19 voti a favore (Pd, Idv, Fds e Pagnetti-gruppo misto) e 14 astenuti (Pdl, Fli, Udc, Lega e Tartarini-gruppo misto) il Consiglio provinciale di Bologna ha approvato lo schema di convenzione per affidare ad Acer la realizzazione dell’intervento di manutenzione straordinaria e gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica del complesso di proprieta’ di Palazzo Malvezzi Provincia di via Sant’Isaia. Ora lo schema va approvato anche dal cda di Acer. Il costo totale dell’intervento e’ stimato in 2.682.332 euro (comprensivi di 134.081 euro accontonati per imprevisti). Duplice l’obiettivo del finanziamento: recuperare l’edificio e destinare all’edilizia residenziale pubblica gran parte delle unita’ immobiliari dello stabile di Sant’Isaia. Palazzo Malvezzi, in una nota, ricorda che nel Programma di reinvestimento dei ricavati dalle vendite di immobili di proprieta’ della Provincia di Bologna, approvato dalla Regione nel 2002, veniva individuato come unico edificio l’ex Maternita’ di via D’Azeglio. La Provincia nel 2007 ha ritenuto di spostare l’intervento di edilizia residenziale pubblica dall’ex Maternita’ all’immobile di via Sant’Isaia, scelta che ha ottenuto il parere favorevole del Tavolo di concertazione, come richiesto dalle modifiche al Programma apportate dalla Regione nel 2006. (Com/Red/ Dire) 14:29 01-12-10 NNNN


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE UNIVERSITA’: BOLOGNA; DOPO BLOCCO VIALI, CORTEO SI CONCLUDE (V. ‘UNIVERSITA’: BOLOGNA; PROTESTA...’ DELLE 16.12 CIRCA) (ANSA) - BOLOGNA, 1 DIC - Verso le 16.30, dopo aver nuovamente bloccato il traffico e invaso i viali di circonvallazione di Bologna, la manifestazione dei collettivi universitari anti-Gelmini si e’ conclusa. Il corteo, dopo la tappa davanti alla sede del Pdl, ha imboccato i viali da via Dante. Da li’ li ha percorsi fino a porta San Vitale, poi ha fatto ritorno in zona universitaria, nella facolta’ di Lettere di via Zamboni 38, che da alcuni giorni e’ occupata. A quel punto gli studenti rimasti erano un centinaio. La manifestazione, partita in tarda mattinata, si e’ sempre svolta sotto gli occhi della Digos e della Polizia Municipale. Fabio Garagnani, coordinatore cittadino del Pdl, ha definito la protesta e il lancio di uova sotto la sede di via Santo Stefano ‘’un ennesimo atto di intolleranza’’. Per il deputato ‘’le reazioni a livello bolognese mi confermano sempre piu’ la giustezza del progetto di riforma dell’universita’ che ha coraggiosamente innovato il settore nell’interesse di quegli studenti che ora protestano inutilmente’’. Appoggio ai manifestanti, invece, da Liana Barbati, capogruppo Idv nell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna: ‘’Ragazzi, ve lo chiedo col cuore, non perdete la speranza. Italia dei Valori sara’ sempre al vostro fianco per combattere contro questi tagli all’istruzione e per restituirvi tutta la dignita’ che vi meritate. Lavoreremo senza sosta per fare in modo che, almeno la Regione, possa aiutarvi laddove il Governo non e’ stato in grado di farlo’’. (ANSA). Y9C-NES 01-DIC-10 17:17 NNNN

23


24

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE REGIONI: E-R; OK DELLA COMMISSIONE A NORME SU FOTOVOLTAICO (ANSA) - BOLOGNA, 1 DIC - La commissione territorio, ambiente e infrastrutture dell’assemblea regionale dell’Emilia-Romagna, presieduta da Damino Zoffoli, ha licenziato (favorevoli Pd, Idv, Sel-verdi, Fds; astenuti Udc e Lega) la delibera che contiene una prima individuazione dei luoghi idonei all’installazione di pannelli solari per produrre energia elettrica. La giunta - ha spiegato l’assessore Sabrina Freda- per recepire fondate osservazioni (presentate in udienza conoscitiva e in commissione) senza pero’ minare la coerenza interna dell’atto, ha deciso di riformulare, attraverso un maxi-emendamento, l’intera delibera. Sostanzialmente, oltre alla transitorieta’ del provvedimento (viene ribadito che sara’ valido fino all’ entrata in vigore delle linee guida che disciplineranno gli impianti di energia prodotta da tutte le fonti rinnovabili), il nuovo testo precisa due questioni: il futuro delle autorizzazioni in corso al momento dell’ entrata in vigore della delibera e la potenza degli impianti fotovoltaici a terra su suolo agricolo idoneo. Riguardo ai procedimenti autorizzativi, l’assessore ha precisato che le nuove norme non si applicano ai procedimenti gia’ conclusi al momento dell’entrata in vigore della delibera; a quelli che sono formalmente avviati (hanno cioe’ presentato l’istanza di autorizzazione unica o il sostitutivo titolo abilitativo) e a quelli che sono gia’ stati ammessi a finanziamento pubblico. Per la potenza degli impianti su suolo agricolo idoneo invece, se la superficie occupata dai pannelli solari non e’ superiore al 10% di quella agricola nella disponibilita’ di chi chiede l’autorizzazione, i 200 kw per azienda si possono aumentare di 10 kw per ogni altro ettaro destinato all’agricoltura, fino ad un massimo di 1mw, in analogia a quanto previsto dalle norme fiscali per il reddito agricolo proveniente dalla produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica. Fabio Filippi (Pdl) ha espresso soddisfazione per l’attenzione mostrata dalla giunta alle proposte presentate dal Pdl, e ha preannunciato un voto d’astensione. Il nuovo testo e’ stato apprezzato anche da Silvia Noe’ (Udc), perche’ e’ transitorio, tiene conto delle osservazioni mosse da piu’


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE soggetti e, in particolare, delle legittime aspettative di quanti sono in attesa di autorizzazione. Le innovazioni introdotte nel testo hanno convinto Monica Donini (Fds), che ha comunque ribadito l’urgenza di avere rapidamente una disciplina per gli impianti che producono energia da tutte le fonti rinnovabili. A parere di Gabriele Ferrari (Pd) questo e’ un primo passo per mettere ordine in un settore privo di regole, per la lunga latitanza del Governo. Un settore - ha aggiunto- complesso e delicato, dove si confrontano e si scontrano interessi diversi, (ad esempio tutela del territorio e gli investimenti privati) e dove bisogna saper trovare un equilibrio tra conservazione e innovazione. Contrario invece Giovanni Favia (Mov.5stelle) per il quale non c’erano motivi di legittimita’ per cambiare la delibera; non e’ con questo provvedimento che si precludono gli affari alle grandi compagnie. Per il consigliere poi il problema non e’ la percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili, ma quello del risparmio e della dismissione di impianti di produzione energetica da fonti fossili. D’accordo sul nuovo testo, che e’ transitorio e salvaguarda i diritti, Paola Marani (Pd), se non si vuole il nucleare- ha aggiunto la consigliera - vanno costruite politiche energetiche alternative e va assunta la responsabilita’ di governare i processi nel settore delle fonti rinnovabili. Il provvedimento non e’ perfetto, ha detto Gabriella Meo (Sel-verdi), ma e’ comunque una prima disciplina. Il problema infatti non e’ l’espansione dell’ uso del solare, che anzi va incentivato, come quello delle altre fonti rinnovabili, ma quello della mancanza di regole del settore . Il caos normativo e un mercato drogato dagli incentivi per Sandro Mandini (Idv) impongono un intervento urgente e non procrastinabile. La giunta ha rispettato l’iter del provvedimento ed ha prodotto rapidamente un buon testo. In questa regione - ha evidenziato Luca Bartolini (Pdl) non si vuole il nucleare, ma si e’ molto restrittivi anche nella normativa per gli impianti di energia da fonti rinnovabili. Bisogna invece sostenere i produttori, soprattutto i piccoli proprietari agricoli, e risparmiare loro complicati iter burocratici. Manes Bernardini (Lega) ha giudicato il testo migliore del

25


26

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE precedente, ha pero’ chiesto maggiore chiarezza nella parte relativa alle autorizzazioni in corso. L’assessore Alfredo Peri ha ringraziato la commissione, gli enti locali, le associazioni di categoria, quelle socio-economiche e ambientaliste, per l’impegno ed i contributi dati. Il solare - ha tenuto a precisare - occupa lo 0,2 % del territorio regionale, ed anche se fossero realizzati tutti gli impianti che ne hanno fatto richiesta si arriverebbe al massimo allo 0,3%. Il testo, che e’ perfettibile - ha aggiunto- e’ pero’ importante perche’ nasce da un impegno corale, consente di mandare un segnale chiaro a chi ha buone intenzioni, dimostra che in Emilia-Romagna il governo del territorio c’e’. (ANSA). COM-NES 01-DIC-10 18:37 NNNN (ER) ATENEO BOLOGNA. PRESERVATIVI GRATIS, INGEGNERIA DICE ‘NO’ SINDACATO UNIVERSITARI DENUNCIA: FERMATI PERCHÈ ‘INOPPORTUNI’ (DIRE) Bologna, 1 dic. - Preservativi distribuiti tra le aule dell’Alma mater a Bologna? Il preside della Facolta’ di Ingegneria non ha gradito e ha interrotto, questa mattina, la distribuzione gratuita di 15.000 condom che gli studenti del Sindacato degli universitari stavano facendo in occasione del ‘World Aids day’, organizzato con la collaborazione di Condomix. A denunciare l’intervento “arbitrario” della presidenza (guidata da Pierpaolo Diotallevi) sono gli stessi studenti del Sindacato degli universitari: la distribuzione di condom e’ stata interrotta, scrive in una nota il presidente del sindacato degli universitari dell’Alma Mater, Raffaele Serra, perche’ “ritenuta scomoda e inopportuna”. Loro, pero’, non si sono persi d’animo. “Gli studenti hanno scelto di proseguire comunque nell’iniziativa fuori dai locali della facolta’, nonostante la pioggia e il gelo” si legge nella nota. Non risparmiano, pero’, un duro affondo: “E’ incredibile che nel 2010 non sia possibile distribuire dei preservativi senza che questo diventi oggetto di scandalo e strumentalizzazione politica, noi vogliamo semplicemente fare quello che facciamo ogni giorno: proteggere gli studenti, sempre” si legge nella nota. La distribuzione di condom ai giovani che arrivavano a lezione, associata allo slogan


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE “Usa il preservativo goditi la vita”, spiegano gli studenti, era un’iniziativa organizzata dal sindacato e dalla Rete degli studenti dell’Emilia-Romagna in collaborazione con Condomix, in occasione del World Aids Day che ricorreva oggi. La distribuzione dei 15.000 preservativi era programmata “in tante scuole superiori dell’Emilia Romagna e nelle facolta’ dell’Ateneo bolognese”. Sono state inoltre distribuite le brochure dal titolo “Chi si protegge gode”, realizzate “dagli studenti per gli studenti”.(SEGUE) (Com/Pir/ Dire) 18:38 01-12-10 NNNN

(ER) ATENEO BOLOGNA. PRESERVATIVI GRATIS, INGEGNERIA DICE ‘NO’ -2(DIRE) Bologna, 1 dic. - Contro il “divieto” di distribuzione imposto a Ingegneria si e’ subito scagliato il consigliere regionale dell’Idv, Franco Grillini, presidente emerito dell’Arcigay di Bologna. “E’ molto grave che la presidenza di ingegneria abbia impedito la distribuzione di profilattici agli studenti in occasione dell’1 dicembre, giornata mondiale della lotta all’Aids- afferma Grillini- perche’ manifesta in modo palese l’incapacita’ delle istituzioni di farsi carico di un drammatico problema che vede soprattutto nei giovani l’area piu’ disinformata”. Tra l’altro, prosegue Grillini, “proprio ieri in Regione ho invitato l’assessore alla Sanita’ Carlo Lusenti a istituire un capitolo di bilancio sulle Malattie a trasmissione sessuale e, in particolare, nella lotta all’Aids”. L’Aids, ricorda ancora Grillini, “rappresenta tuttora un grave problema anche nella nostra regione che si colloca al quinto posto in Italia per incidenza dell’epidemia” per cui “e’ necessario investire maggiori risorse nella prevenzione” e favorire “campagne di informazione non episodiche, incentrate sulla distribuzione e sull’invito all’uso di profilattici, unico presidio certo contro la diffusione per via sessuale dell’infezione da Hiv”.

27


28

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE (ER) ACQUA. MURA (IDV) A CHIARINI: REFERENDUM DÀ VOCE ALLA GENTE “GIUSTO INVESTIRE, MA VISTO STIPENDIO AD, I PROFITTI CI SONO” (DIRE) Bologna, 1 dic. - Non e’ vero che la campagna per il referendum sull’acqua pubblica annebbia la verita’. E poi se “Hera riesce a pagare il suo massimo dirigente con stipendi superiori a quello del presidente Obama, vuol dire che di profitti ne deve fare parecchi”. Silvana Mura, deputata e coordinatrice regionale di Idv, se la prende con l’amministratore delegato di Hera, Maurizio Chiarini, che oggi alla tavola rotonda sull’acqua, organizzata da Legacoop, ha spiegato alcuni equivoci sulla questione dell’acqua pubblica. “In un paese come il nostro dove di balle purtroppo se ne raccontano tante, uno strumento di democrazia diretta come il referendum non puo’ mai annebbiare la verita’, ma consente ai cittadini di esprimersi su una questione ben precisa”. Il referendum, del quale Idv e’ uno dei promotori, e’ stato sottoscritto da “migliaia di cittadini” in Italia, e in Emilia-Romagna, aggiunge Mura. Con la volonta’ di garantire che la gestione dell’acqua rimanga pubblica. Dunque, “pur rispettandole, le affermazioni dell’amministratore delegato di Hera non ci trovano affatto d’accordo”, prosegue la numero uno regionale dei dipietristi. “Le aziende private hanno legittimamente come fine il profitto economico, proprio per questo noi riteniamo che un servizio indispensabile come quello idrico debba essere gestito da societa’ a guida pubblica”, afferma ancora la dipietrista. Un conto, insomma, sono i costi che “certamente debbono essere sostenuti per l’efficienza delle reti, un altro i profitti”. (Com/Asa/ Dire) 18:41 01-12-10 NNNN


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

29

AGENZIE (ER) LAVORO BOLOGNA. AUMENTA DISCRIMINAZIONE DONNE, SPECIE MAMME LICENZIATE O DEMANSIONATE DOPO MATERNITÀ; NEL 2010 28 CASI APERTI (DIRE) Bologna, 1 dic. - Complice anche la crisi, sono in aumento i casi di discriminazione delle donne sui luoghi di lavoro. In particolare contro le donne al rientro dalla maternita’, che spesso di trovano demansionate o addirittura vengono licenziate al compimento del primo anno di vita del figlio. A denunciarlo sono le consigliere di parita’ della Provincia di Bologna, che hanno presentato oggi la loro nuova campagna pubblicitaria per sensibilizzare i cittadini al problema. Dal 2005 a oggi, l’ufficio delle Consigliere di parita’ ha raccolto oltre 120 casi di discriminazione. Nel 2010 sono aperti ancora 28 casi, di cui quattro in giudizio (due gia’ vinti in primo grado): uno per demansionamento e tre per licenziamento, tutti contro donne appena tornate dalla maternita’. Il 90% delle discriminazioni riguardano infatti le lavoratrici, il 70% dei casi pesa sulle spalle di donne con figli. Il 40% delle discriminazioni arrivano appunto in seguito alla gravidanza, accompagnati quasi sempre da mobbing “non solo da parte del datore di lavoro ma anche delle stesse colleghe”. A disegnare il quadro sono Barbara Busi e Giorgia Campagna, le due consigliere di parita’, che sottolineano come quest’anno “i casi segnalati al nostro sportello sono aumentati dell’80% rispetto all’anno scorso”. Le discriminazioni riguardano ogni categoria professionale: operai, commesse e anche dirigenti d’azienda. I casi sono piu’ frequenti nel privato (80% contro il 20% del pubblico) e riguardano aziende di ogni dimensione.(SEGUE) (San/ Dire) 18:45 01-12-10 NNNN


30

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE (ER) LAVORO BOLOGNA. AUMENTA DISCRIMINAZIONE DONNE, SPECIE MAMME -2(DIRE) Bologna, 1 dic. - Con dicembre parte dunque la campagna di comunicazione delle Consigliere di parita’, che proseguira’ per tutto il 2011 con messaggi sugli autobus, pensiline comprese, e su ogni genere di media. “E’ una campagna che serve a denunciare il fenomeno- spiega Busi- e a sensibilizzare le persone ad avere un atteggiamento attivo di fronte a casi di discriminazione sul lavoro, che siano coinvolti direttamente oppure no”. I messaggi si rivolgono soprattutto alle donne, lavoratrici e madri, ma il target sono anche le aziende, per invitarle a “mettere in atto buone prassi di conciliazione dei tempi di vita e lavoro”. Si tratta in altre parole di una battaglia soprattutto culturale. “La crisi morde- analizza Gabriella Montera, assessore alle Pari opportunita’ della Provincia- e nelle aziende ci si organizza per espellere le donne che tornano dalla maternita’”, senza capire che “la conciliazione dei tempi non mette in discussione la produttivita’ della lavoratrice e il profitto dell’azienda. Anzi”. Anche l’assessore provinciale al Lavoro, Giuseppe De Biasi, sottolinea che “la crisi e i tagli alla scuola sono fattori che complicano il lavoro delle donne, nonostante a Bologna abbiamo un dato piu’ alto della media europea per quanto riguarda l’occupazione femminile”. (San/ Dire) 18:45 01-12-10 NNNN

(ER) BOLOGNA. “UOMINI LOGORROICI”, FRASCAROLI SFERZA PRIMARISTI LASCIA DOPO UN’ORA PRIMO MATCH IDV- MEROLA: AUTO SOTTO I VIALI (DIRE) Bologna, 1 dic. - Primo dibattito ‘monco’ fra i tre candidati alle primarie del centrosinistra di Bologna. Amelia Frascaroli ha infatti abbandonato dopo circa un’ora l’incontro promosso dall’Idv oggi pomeriggio al quartiere Savena perche’


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE impegnata con la presentazione di un libro: quando si alza dal palco, non senza uno scambio di battute con i suoi avversari, e’ stato trattato appena uno dei quattro “macrotemi” sottoposti dai dipietristi ai tre pretendenti alla poltrona di sindaco. “Voglio farvi notare quanto siano chiacchieroni gli uomini”, si rivolge al pubblico l’ex funzionaria Caritas che ha potuto prendere la parola solo due volte. Replica di Benedetto Zacchiroli: “Ma tu te ne vai prima”. Un dibattito dunque poco illuminante, come rilevano alla fine gli stessi simpatizzanti Idv, impegnati a cogliere le differenze tra i tre. “Io non ho l’ansia di differenziarmi”, mette in chiaro Frascaroli prima di lasciare la sala. Certo, l’ex assessore comunale Virginio Merola e’ forse colui che ha dettagliato meglio alcune proposte soprattutto sul fronte urbanistico e delle infrastrutture. People mover fino alla Fiera con i soldi della metrotranvia, un ufficio ad hoc dedicato ai problemi del centro storico, assessorato unico per sanita’ e welfare e “verifichiamo- abbozza alla fine, ad una domanda sui parcheggi- se e’ possibile fare passare le auto sotto i viali in alcuni tratti”, lasciando bici e autobus in superficie. Una soluzione che Merola vedrebbe bene ad esempio per l’incrocio di Porta Saragozza ma anche, piu’ esternamente rispetto alla cerchia dei viali, per quello dei Prati di Caprara. Merola pensa poi a parcheggi sotterranei, in particolare “in via Emilia levante e ponente”. (SEGUE) (Bil/Dim/ Dire) 20:41 01-12-10 NNNN (ER) BOLOGNA. “UOMINI LOGORROICI”, FRASCAROLI SFERZA... -3(DIRE) Bologna, 1 dic. - Tra l’altro, Frascaroli inciampa proprio sulla mobilita’ quando sostiene che People mover e Civis corrono su “sistemi di rotaie diversi” (per quanto il Civis sia di fatto un filobus) e invita a “mettere tutto in rete”. Zacchiroli dal canto suo torna all’assalto con le sue corsie preferenziali

31


32

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE “dinamiche”, cioe’ percorribili da chiunque dalle 20.30 alle 6.30 del mattino dopo e in sala c’e’ un mormorio di approvazione quando obietta che certe piste ciclabili, realizzate dalle precedenti amministrazioni, “sono un esercizio pittorico sui marciapiedi”. Uno dei momenti clou del dibattito, una volta uscita di scena Frascaroli, e’ quando sul welfare Zacchiroli attacca il commissario Anna Maria Cancellieri: “Nessuno se lo intesti questo commissariamento, lasciatelo alla Cancellieri”, arringa. E chiede al centrosinistra di riconvocare “immediatamente” l’istruttoria sui servizi sociali aperta dall’amministrazione. Replica di Merola: “Non farei del commissario il parafulmine di tutti i nostri guai”. La priorita’ di Merola e’ difendere i servizi sociali e la scuola, ma riformando il sistema. “Non sono per un welfare che ci coccola. I sussidi vanno rinnovati- aggiunge poi- ma non sono il fine” che invece e’ portare le persone ad andare sulle “proprie gambe”. Se il dibattito in casa Idv e’ stato ‘zoppo’, le occasioni per approfondire non mancheranno. Oggi, il comitato per le primarie si e’ riunito informalmente insieme ai candidati e ha stabilito di far svolgere di qui al 23 gennaio “almeno nove dibattiti, uno per quartiere. Li abbiamo chiamati ‘tribattiti’”, annuncia Zacchiroli. (Bil/Dim/ Dire) 21:00 01-12-10 NNNN (ER) BOLOGNA. “UOMINI LOGORROICI”, FRASCAROLI SFERZA... -2(DIRE) Bologna, 1 dic. - Che Merola sia impegnato a costruirsi un identikit ‘civico’, cosi’ come gli ha suggerito Maurizio Cevenini, risulta chiaro fin dalle prime battute del confronto: ricorda gli esordi politici nel gruppo del Manifesto, le esperienze di precariato lavando vetri per l’Operosa, o al casello di San Lazzaro, poi come sindacalista. Frascaroli rivendica invece la propria idoneita’ alla candidatura. “Prima di tutto una mamma” certo, ma anche 30 anni nel sociale: “Questo


Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE sembra un limite da voci che sento, ma non lo e’. Anzi e’ una grande ricchezza, mi da’ uno spaccato grande e particolare sulla citta’”. Chi ha piu’ verve forse e’ Zacchiroli, capace di strappare anche qualche sorriso al centinaio di presenti (nella sala non certo stipata, c’e’ anche qualche sedia vuota). “Io sono nato quando Merola era al Minghetti, ma mi sono laureato solo due anni dopo”, attacca l’ex responsabile delle relazioni internazionali del Comune ai tempi di Cofferati, l’unico a criticare apertamente il Pd, che “da via Barberia e’ andato fino a via Rivani, sembra che si sia allontanato tanto dalla citta’ pulsante”. Un accenno anche al comportamento “inopportuno e irresponsabile” che ha portato alle dimissioni dell’ex sindaco Flavio Delbono e al commissariamento del Comune. Nel corso del dibattito era percepibile la rivalita’ in particolare tra Frascaroli e Merola. “Amo la bicicletta, la uso non solo in centro storico, ripartiamo dalle due ruote”, invita l’ex consigliera comunale (allora in quota Pd). “Amo molto la bici, ma non credo che assumere un punto di vista particolare ci aiuti. Questo crea contrapposizioni”, obietta pero’ Merola, anch’egli favorevole alla pedonalizzazione del centro (come pure Zacchiroli), ma in base a “progetti condivisi”. (SEGUE) (Bil/Dim/ Dire) 20:49 01-12-10 NNNN

33


34

Rassegna Stampa Emilia Romagna 02-12-2010

AGENZIE BOLOGNA: PRIMARIE; 1/O CONFRONTO A TRE, VINCE IL FAIR-PLAY ZACCHIROLI ATTACCA IL COMMISSARIO, FRASCAROLI LASCIA DOPO UN’ORA (ANSA) - BOLOGNA, 1 DIC - Pochi guizzi e molto fairplay, nonostante gli inviti a differenziarsi, nel primo confronto a tre tra i candidati alle primarie del centrosinistra di Bologna. Il dibattito, organizzato dall’Idv al quartiere Savena, e’ rimasto presto monco: Amelia Frascaroli, civica sostenuta da Sel, lo ha lasciato dopo un’ora per partecipare alla presentazione di un libro. ‘’Questi uomini sono logorroici’’, ha detto rivolta a Benedetto Zacchiroli e Virginio Merola, ironizzando sul poco tempo avuto a disposizione per esporre le proprie idee. ‘’Sei tu che te ne vai’’, le ha replicato a stretto giro Zacchiroli. Sempre quest’ultimo, poco prima, aveva attaccato il commissario Anna Maria Cancellieri rispondendo a una domanda sul welfare: ‘’Ha ridotto il dibattito sulla citta’ al Civis e ai graffiti, l’istruttoria sui servizi sociali e’ stata fatta e lasciata li’’’. Per Zacchiroli, dunque, per far fronte ai tagli che gravano sul Comune, ‘’il centrosinistra ha il dovere di riaprirla e coinvolgere tutti i cittadini per trovare insieme delle soluzioni’’. Piu’ cauto Merola (che in mattinata ha incontrato i lavoratori dell’Inps): ‘’La Cancellieri non deve essere il parafulmine dei nostri guai, non possiamo chiedere a lei di prendere decisioni politiche’’. Prima di lasciare il dibattito la Frascaroli aveva fatto in tempo a proporre ‘’la bicicletta come simbolo dello stile dei trasporti’’ e ad auspicare ‘’il dialogo per progettare e sperimentare novita’ rispetto alla chiusura del centro storico’’. A partire dalla pedonalizzazione delle due torri, di piazza della Mercanzia, di Santo Stefano e della prima parte di via Rizzoli. Un’ipotesi di lavoro che a Merola ha fatto sottolineare come ‘’non sia il caso di arrivare a una contrapposizione tra automobilisti arrabbiati per il blocco alle auto e ciclisti per lo smog: dobbiamo ragionare in termini di regia’’. Anche per Zacchiroli ‘’dal primo settembre la T si puo’ pedonalizzare progressivamente: li’ succederebbero cose meravigliose’’. (ANSA). Y8C-MR 01-DIC-10 21:17 NNNN


Rassgna Stampa del 2 12 2010  

Rassgna Stampa del 2 12 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you