Issuu on Google+

RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA del 05-01-2011 BOLOGNA_______________________________________pag. 2 - 4 REGGIO EMILIA________________________________pag. 5 - 8 PARMA_________________________________________pag. 9 MODENA_______________________________________pag. 10 - 12 PIACENZA_____________________________________pag. 13 - 15 AGENZIE_______________________________________pag. 16 - 19


2

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

BOLOGNA - ilDOMANI


3

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

BOLOGNA - ilDOMANI CRONACA DI BOLOGNA

L’INFORMAZIONE il Domani I PRECEDENTI

Le prime: trionfo e tonfo Nel 1999 le primarie furono un trionfo: 21.668 elettori il doppio di quelli attesi dai Ds. Silvia Bartolini le vinse ma poi perse le successive amministrative.

MERCOLEDÌ 5 GENNAIO 2011

Le ultime: trionfo e tonfo/2 Primarie partecipate anche nel 2008: 24.920. Vittoria non dilagante di Delbono, costretto poi al ballottaggio nel 2009 e alle dimissioni per le note vicende.

Nelle precedenti consultazioni performance nelle roccaforti Borgo Panigale, Reno e Navile

Primarie, è tutto nelle mani del Pd L’affluenza è più forte dove i Democratici hanno i voti di Cristiano Zecchi

L’

affluenza alle urne delle primarie saranno un test per il Pd. C’è chi scommette già sul flop, e qualcuno sta facendo persino il tifo affinché i bolognesi disertino i seggi (anche all’inter no del partito). Il segretario del Pd dal canto suo non vuole fissare l’asticella, Raffaele Donini dice solo che più saranno i votanti, meglio sarà per tutti. Del resto dopo il caso Delbono, lo scetticismo che a

livello nazionale si respira sull’utilizzo delle primarie e i vari casi Puglia e Milano (dove non hanno vinto i candidati del Pd), a Bologna l’esito delle consultazioni è appeso a un filo e avrà un significato particolare. Ma, storicamente, sono gli elettori del Pd a deciderne le sorti (non solo gli iscritti, dunque). Le pr imar ie del 2008, quelle vinte da Flavio Delbono, furono consultazioni del Pd (quelle del prossimo 23 gennaio

saranno di coalizione), ma confrontando le percentuali dell’aff luenza nei nove quartieri cittadini con i voti presi dal Pd sei mesi dopo alle elezioni amministrative il risultato è chiaro: nei territori dove il Pd è forte, maggiore è l’affluenza alle urne alle primarie. Nel 2008 alle consultazioni (potevano votare tutti i bolognesi) andarono a votare alle primarie 24.920 persone, il 6,65% rispetto all’intera popolazione bo-

7

Le attuali Tre candidati: Merola (Pd), Frascaroli (sostenuta da Sel e parte della sinistra radicale) e il “civico” Zacchiroli. Si vota il 23 gennaio dalle 8 alle 22.

QUARTIERE

AFFLUENZA PRIMARIE

VOTI PD ELEZIONI*

BORGO PANIGALE

9,1%

51,2%

RENO

7,7%

46,5%

NAVILE

7,6%

46,5%

SAVENA 7,3% 42,9% lognese. Il quartiere che ottenne l’affluenza magI dati giore fu la “roccaforte rosSAN DONATO 7,26% 44,6% La tabella sa” Borgo Panigale: compara 9,11%; (dove Delbono, l’affluenza alle SAN VITALE sostenuto dalla stragran5,46% 36,1% urne riferita alle de maggioranza dei diriprimarie del genti Pd, fece il pieno) sei 5,38% 33,1% dicembre 2008 PORTO mesi dopo alle elezioni amministrative in quel con le percentuali dei voti ottenute territorio il Pd prese il 5,00% 28,7% dal Pd alle SANTO STEFANO 51,2% dei voti. Reno e Naelezioni vile si attestarono a un’afamministrative SARAGOZZA fluenza alle primarie ri4,94% 31,2% spettivamente al 7,7% e del giugno 2009 7,6%, in entrambi i terri* VOTI DEL PD ESPRESSI PER LA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 2009 tori il Pd prese il 46,5% dei voti alle amministrative. Giù dal podio, ma qua- coda i due quartieri da testò mediamente al 4%, a si appaiati, Savena e San sempre difficili per il cen- “ c a s a s u a ” o t t e n n e i l Donato, a braccetto con trosinistra: Saragozza e 17,5%. Insomma, questa l’affluenza (7,3%, 7,26%) Santo Stefano, qui l’a f- volta le primarie potrane con i voti presi dai De- fluenza alle primarie si no contare sul sostegno mocratici (42,9%, 44,6%). fermò al 5%, mentre alle di partiti come Idv e Sel, L’affluenza a Savena ven- amministrative al Santo ma i veri trascinatori done trascinata dalla presen- Stefano il Pd prese il vranno essere il Pd e il za alle primarie di Virgi- 28,7% mentre a Saragozza mondo dei suoi sostenitonio Merola ri. Difficile che di quel invece fare Così dodici anni fa quartiere fu paragoni Nelle primarie del 1999 andarono al voto pre side nte con le prif i n o a l marie di 21.688 persone, il doppio rispetto 2004. A Saco ali zio ne vena infatti del 1999, in alle previsioni dei Ds: 10.000 Merola prequell’o c c ase il 31,64% sione andadei voti rono al vocontro la media del 20% il 31,2%. A Santo Stefano to 21.688 persone, dopdegli altri territori. A San però le primarie, rispetto piando le previsioni fatte Vitale parteciparono alle ai voti presi dal Pd, fecero dai Ds (all’epoca il segreprimarie il 5,5% dei resi- registrare una miglior tario Ramazza fissò l’astidenti, il Pd prese il 36,1% performance perché l’al- cella a 10.000). Primarie dei voti mentre a Porto al- lora presidente del Quar- vinte da Silvia Bartolini le consultazioni parteci- tiere, Andrea Forlani, par- con l’80% (i restanti voti parono il 5,3% dei resi- tecipò alle votazioni e se se li divisero Maurizio Cedenti e il Pd conquistò il il suo risultato nei vari venini, Giuseppe Paruolo 33,1% degli elettori. In quartieri bolognesi si at- e Giorgio Celli).

Il 13 gennaio la direzione nazionale deciderà il futuro della conta interna Così Merola sul rischio astensione. Oggi sarà al Pavese con Nadia Urbinati

Premier, scontro Bersani-Vendola? «Rimbocchiamoci tutti le maniche Ora il partito potrebbe “congelarle” non stiamo a prevedere la sfiga»

L’istituto di ricerca Demos&Pi di Ilvo Diamanti ha pubblicato sul suo sito e sul quotidiano La Repubblica una rilevazione che indica come le primarie abbiano perso appeal. Sostanzialmente solo il 45% degli intervistati crede che le primarie vadano fatte sempre (a qualsiasi livello: dalle politiche alle amministrative) e già un 30-35% le mette in discussione dicendo che andrebbe valutato di volta in volta il loro utilizzo. Tra chi vuole le “primar ie s em p re ” c’è Sel in testa (42%) mentre il sostegno ca-

anche al congelamento delle primarie per la scelta del futuro premier, evitando così uno scontro aperto tra Pierluigi Bersani e Nichi Vendola. La cosa però potrebbe avere ripercussioni anche su Bologna, anche se le primarie sono garantite - al voto le Due Torri ci andranno dopo dieci giorni la direzione del partito - potrebbero però subire contraccolpi per la perdita di valore dello strumento stesso. Insomma, se nemmeno il Pd ci crede più all’uso delle primarie, di fatto depotenziandole con il congela-

Il dibattito sul rischio di astensione alle primarie del centrosinistra a Bologna fa sorridere il candidato del Pd Virginio Merola. «Rimbocchiamoci le maniche, non stiamo a prevedere la sfiga, cerchiamo di prevenirla, sennò ci trasformiamo tutti in Tafazzi», avverte il presidente del consiglio provinciale, intervistato ieri mattina da è-Tv. «Temo chi preannuncia il rischio di astensione alle primarie. Le profezie che si autoavverano, soprat-

mo di spiegare alla gente che è importante andare a votare, preoccupiamoci dopo del numero», è il messaggio di Merola, che giudica “bizzarra” la discussione in corso nel centrosinistra. Oggi pomeriggio alle 18 parteciperà assieme alla politologa Nadia Urbinati all’iniziativa “Bologna, una città come le altre?” al circolo Cesare Pavese, in via del Pratello. L’incontro prende a riferimento l’intervista a Nadia Urbinati pubblicata nel libro


4

ariffe su tutti i fronti, dagli asili su, legate a un bilancio da 50 miE gli automobilisti ritroverrano auto inquinanti (da lunedì) e i Civis in via Mazzini: già da mar-

nuovo inquilino di Palazzo D’Accursio decidere, come su molte altre questioni “sospese” nell’anno del vuoto politico. Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011 (e. c.)

BOLOGNA - REPUBBLICA 23 gennaio © RIPRODUZIONE RISERVATA

26 gennaio

issea del tram la zona Mazzini

I tre candidati al rush finale sognando 25 mila elettori

ArteFiera così ci pot

riparte dal Civis, il tram su a essere realizzato entro il 28 vece, oramai, il simbolo delcittà. La data da segnarsi ora ndo partiranno i lavori in via a chiudersi a ottobre. Il tratcantieri andrà da via Lenin a Atc ha già distribuito 100 mivoli sulle modifiche dei senrranno cambiati da martedì di percorso di alcuni bus. I o la chiusura di via Mazzini tevecchio, con senso unico azzaro fino all’incrocio Pontro fino all’intersezione Paeriodo, saranno deviate ane Atc 19, 25, 27, 37, 62 e 180, la 4 e le extraurbane 101, 106,

obus ha portato nel 2010 la rare 6 mezzi parcheggiati al ad indagare 4 dirigenti Irioduttrice) per i ritardi nella ri. Per questo Atc ha già chiele s’aggira sui 2 milioni. (b.p.)

GENNAIO darà pure il candidato della coalizione formata da Pd, Idv e Sel, ossia quello che uscirà vincente dalle primarie. Il 23 gli elettori di centrosinistra saranno infatti chiamati a scegliere tra Virginio Merola del Pd, la prodiana Amelia Frascaroli (che gode del sostegno di Sel e dell’appoggio esterno della Federazione della sinistra) e l’outsider Benedetto Zacchiroli, ex collaboratore di Cofferati. Dopo il ritiro per motivi di salute di Maurizio Cevenini e la sconfitta a Milano del candidato Pd, l’odierno incubo dei Democratici bolognesi è un flop alle urne, com’è avvenuto a Milano, Rimini e Ravenna. Non a caso, la quota 25 mila votanti, registrata alle primarie 2008, pare oggi in città una chimera. Segnali di freddezza si sono registrati nella scarsa affluenza ai “tribattiti” che ha portato Merola ad accantonarli per concentrarsi sugli incontri nei quartieri. Frascaroli conferma la ricetta delle torte e del the nel salotto di casa sua, approdo dei simpatizzanti, Zacchiroli gira la città col salotto itinerante e dopo il centro toccherà la periferia. Infine, i tre comitati dei candidati preparano le feste di chiusura della campagna, a pochi giorni dal voto. (b.p.)

SONO i due a speranza agli il nome d’un che da quest’ la sua prima della rossa d Campiglio, a l’accoppiata si e pure buo gnese: l’arrivo immagine, in puntamento importanti a edizione si ter oltre 200 gal 15000 mq, pe temporanea zione di ques mance” Mari 28 per presen metraggio di 9 bato 29, dalle bianca in ce delle installaz palazzi storic

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA


sul sexy gate partito dalla dichiarazioni della escort Rachele sia diretta a Reggio. Nel mirino il sito internet “4minuti.com” che per primo ha raccolto e pubblicato il racconto della escort che ha parlato di presunti incontri sessuali con il leader di Fli. «Notizie false ed infamanti riguardanti una donna di Reggio Emilia dai facili costumi», secondo l’onorevole Gianfranco Fini che ha dato mandato ai suoi legali

Fini querela sito internet Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011 reggiano

danti». Oltre ai reati di diffamazione a mezzo stampa, nella querela «si ipotizzano quelli assai più gravi di estorsione, di attentato ad un organo costituzionale e di cospirazione politica». Il Presidente della Camera chiede quindi alla Procura di Roma di verificare anche l’ipotesi che dietro allo scandalo sessuale ci sia un complotto messo in piedi per screditare la terza carica dello Stato. Ed

REGGIO EMILIA - INFORMAZIONE

5

«Non lo pensiamo ma neppure escluderlo», h di Fini, Giuseppe Cons studia il modo in cui la diffusa e si chiede com a Rachele sia stata lan da un sito vicino ad am un partito che è uno d nato dopo la rottura d lusconi.

Zeno Panarari: «Raccogliamo simpatizzanti che chiedono trasparenza nella gestione» di Simone Russo

L’

Idv, scossone De Magistris

Idv avrà una “cor rente De Magistris” anche a Reggio. Le diverse vedute divenute evidenti nel partito all’ultimo congresso del luglio scorso, maturano in una vera dialettica interna, che vede Matteo Riva e Zeno Panarari assumere una posizione di controcanto rispetto a locale. Si tratta di un obiettivo quella della segretaria provin- che va raggiunto superando ciale Liana Barbati. le divisioni e le legittime di«La posizione di De Magi- versità di vedute». strisi io l'ho sempre valutata Al movimento di De Magicon molta attenzione - spiega stris guarda con interesse anil consigliere comunale Mat- che Zeno Panarari del coorditeo Riva - ed è stata un bel se- namento provinciale Idv e gnale nel 2009 quando l’Idv leader della mozione di oppodecise di candidarlo. Fu un sizione alla Barbati all’ultimo fatto che fece decidere anche congresso: «De Magistris, ma me, nel senso che sulla scia di anche la Alfano, hanno il mequella scelta maturai la mia rito di aver finalmente strac- Matteo Riva decisione di passare all’Idv». ciato un velo di ipocrisia intolSecondo Riva «la richiesta di lerabile in partito che fa della MERCOLEDÌ anche di 5argomenti che altroGENNAIO 2011 trasparenza di De Magistris trasparenza una delle sue mis- ve sarebbero tabù, tanto che deve trovare una risposta an- sioni. Ora, io sono orgoglioso alla questione sarà dedicato a Reggio. Ilperfatto che tutto di una denunad hoc un naè proprio su quest’ipotesi e suicoordinamento possibili arrivato nulla che di ufficiale la presentazione il potere inchiede u- «l’identificazione zionale.gliAnche perché non è mandati si sono scatenati osservatori to che una delle querelesia concentrato cia-querela che La corrente na sola persona riferimennascondendo politici. Oltre al nome di Berlusconii -problemi che Presidente della Camera dei(il responsabili e degli eventuali man«Non lo pensiamosima non possiamo artito dalla dichiarazioni danti».ndr) Oltre ai reati a declinata to è alla Barbati, com - di diffamazione risolvono, così come non è nazionale chele sia diretta a Reggio. mezzo stampa, neppure escluderlo», ha detto l’avvocato prese le informazioni suglinella i- querela «si ipodemonizzando chi fa la dein disalsa to internet “4minuti.com” quelli assai più gravi estor- reggiana: di Fini, Giuseppe nuncia Consolo -che c’è il anche chi scritti e sullatizzano applicazione problema scomsione, di attentato ad un organo costudia il modo in cui la notizia è stata ha raccolto e pubblicato il delle regole, non è positivo. pare, ed i problemi denunciaai verticismi stituzionale e di cospirazioneno politica». diffusa e si chiede come mai l’intervista escort che ha parlato di c'è unadella per-Camera chiede quindi a Rachele sia stata ti da De Magistris Il Presidente lanciata su internetsono fattuali ri sessuali conDiil fatto leaderadiReggio sona che fa il alla bello e cattivo Procura di Roma di verificare anche da un sito vicino e adspesso ambientievidenti, dell’Udc, in parte anse ed infamanti riguardanti che alloche in IdV ci siano persone chedei nella nostra l’ipotesicredo che dietro scandalo sessuale un partito che è uno “terzo polo” Reggio». Reggio Emilia tempo, dai facili per questo ci sia un complotto in piedi per e Denato dopo la rotturaPanarari di Fini conannuncia Berndo l’onorevole la Gianfranco questione De Magistris, la messo come l'Alfano Magistris, poi l’ascreditare la terzaacarica dello Stato. Ed lusconi. to mandato aisua suoirichiesta legali di trasparenza e sono orgoglioso che in IdV pertura di un circolo semi - ufDi Pietro, valga anche a livello si possa liberamente parlare ficiale dell’idv a Reggio: un’i-

Te al l’a

Riva lancia la corrente, minoranza interna apre circolo L

ONACA DI REGGIO

9

Zeno Panarari

Liana Barbati

niziativa che guarderà con interesse alle battaglie di De Magistris: «Ci sono dei "fans" del-

scesse anche a Reggio un circolo del movimento che fa riferimento a lui. Anche perché dopo aver scoperto che il nostro circolo che voleva essere IdV non potrà esserlo (perché lo statuto IdV non prevede circoli misti tra iscritti e non iscritti, dura lex, sed lex), siamo liberi di scegliere la strada che più ci aggrada, e l'assonanza con le posizioni di De Magistris è forte, ma da qui a parlare di adesione ufficiale al movimento per il momento è prematuro».

dei avv di (ter Emi Pe zion orar Me 19\ 20 a Il no all’i po par Scil duc pre sco Pe par chi seve sui mag nel ste. Un re d serv di c iscr

Modena e Reggio - l’applicazione delle scienze naturali e biomolecolari in campo investigativo e forense ha acquisito nuovi strumenti, maggiore precisione e al tempo stesso visibilità sui mass media. L’entomologia forense trova applicazione, soprattutto, in quei casi in cui le tecniche classiche utilizzate dai medici legali per la stima del Pmi (Post Mortem Interval) non risultano

più uti esemp giacen si di co Tra i la pre France profes neo, c zionale aver se re rilev ni e is forense

Nel mirino la gestione Barbati, considerata troppo decisionista la posizione di De Magistris a Reggio? Credo ben più di quanto si pensi, tanto che non mi stupirei se a breve na-

simpatizzanti trasparenza nella gestione» ALL’Uche NIVchiedono ERSITA’ Aperte le iscrizioni per il corsoTedissspecializzazione organizzato ad Agraria eramento

al via per Insetti sulla scena del sone De Magistris l’anno 2011crimine

Per tre giorni Reggio sarà la capitale L dell’entomologia forense

nte, minoranza interna apre circolo A

nche gli insetti presenti sulla scena di un crimine possono derivare informazioni utili alle indagini. Non è una citazione da C.s.i. ma l’assunto del corso di specializzazione in entomologia forense organizzato dall’Università di Modena e Reggio che per tre giorni porterà in città i massimi esperti del settore. Le iscriZeno Panarari zioni sono aperte fino a sabato 15 gennaio. omenti che altro- niziativa che guarderà con inL’iniziativa didattica o tabù, tanto che teresse alle battaglieorgadi De Manizzatagistris: da ricercatori ne sarà dedicato «Ci sono deidell’A"fans" delteneo ordinamento na- e dal Gief - Gruppo Ihe perché non è taliano perNel l’Entomolog mirino la ia o i problemiForense che - si terrà alla facoltà così come non è gestione Barbati, di Agraria. ndo chi fa la deL’entomologia forense si considerata troppo problema scomoccupa dello studio degli inoblemi denunciadecisionist a setti associati ai cadaveri stris sono fattuali con denti, in parte an- lo scopo primario di deil tempo intercorstra Reggio».terminare la posizione di De Magistris a nnuncia poisol’a-dalReggio? Credo ben più di decesso al ritrovan circolo semimento, - uf- quanto si pensi, tanto che nonché di ricavare dv a Reggio: ogni un’i- altra noninformazione mi stupirei se a breve utile naai fini legali, come prove di

Liana Barbati

scesse anche a Reggio un circolo del movimento che fa riferimento a lui. Anche perché dopo aver scoperto che il nostro circolo che voleva essere IdV non potrà esserlo (perché lo statuto IdV non prevede circoli misti tra iscritti e non iscritti, dura lex, sed lex), siamo liberi di scegliere la strada che più ci aggrada, e l'assonanza con le posizioni di De Magistris è forte, ma da qui a parlare di adesione ufficiale al movimento per il momento è prematuro».

a campagna tesseramento dell'Italia dei Valori per il 2011 è avviata presso la sede di via Premuda 30 (terzo piano) a Reggio Emilia Per rinnovare l'iscrizione o iscriversi Gli orari e i giorni sono: Mercoledì 12\01, 19\01, 26\01 dalle ore 20 alle 22,30. Il tesseramento è uno dei temi scottanti all’interno dell’idv dopo che con i voti dei parlamentari Razzi e Scilipoti è passata la fiducia al Governo del premier Silvio Berlusconi. Per questo da più parti si è levata la richiesta di maggiore severità nel controllo sui tesserati e una maggiore selettività nel valutare le richieste. Un occhio particolare dovrebbe essere riservato al curriculum di chi fa la richiesta di iscrizione.

Lo scopo primario della disciplina è determinare il tempo intercorso dal decesso al ritrovamento del cadavere trasferimento del cadavere (dal luogo del decesso a quello del ritrovamento), presenza di droghe o veleni e, ancora, eventuali occultamenti messi in opera prima dell’esposizione del corpo. «Negli ultimi anni – hanno dichiarato gli organizzatori, il dottor Stefano Vanin, segretario del Gief la dottoressa Lara Maistrello, ricercatrice della Facoltà di Agraria dell’Università degli studi di


6

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

REGGIO EMILIA - INFORMAZIONE


7

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

REGGIO EMILIA - INFORMAZIONE L’INFORMAZIONE il Domani

CRONACA DI REGGIO

MARTEDÌ 4 GENNAIO 2011

11

Nella tabella qui a lato una proiezione dell’Ifel sugli effetti del federalismo fiscale sui conti dei Comuni della nostra regione; nella foto piccola l’assessore comunale al Bilancio Filomena De Sciscio

Studio della fondazione Ifel sugli effetti della riforma sulla contabilità comunale

L’

Ifel è la fondazione dell’Anci (Associazione nazionale dei Comuni) che studia i trasferimenti statali agli enti locali. Sullo sfondo c’è l’annunciata riforma federale che ruota su nuove, temute, tassazioni sugli immobili per far fronte a certe e annunciate sforbiciate nei trasferimenti pubblici: 2,5 miliardi - è la stima dell’Ifel - sugli effetti della riforma, che i primi cittadini contestano a monte. Di qui il grido d’allarme: stanno per sfumare, a livello italiano - come ha dimostrato ieri un’inchiesta pubblicata da il Sole 24 Ore, il 10% delle somme in gioco. Non bisogna dimenticare, fanno notare gli esperti, che nel passaggio verso l’autonomia prevista dal federalismo, una delle leve più importanti sarà quella dei frutti fiscali sul mattone. Sul tappeto rimarrà solo l’Imu (imposta municipale unica) che finirà per assorbire alcune voci (registro, imposte ipotecarie e catastali, bolli, tri-

I conti del federalismo 2014

Per Reggio uno sbilancio positivo (ma fanalino di coda)

buti catastali, cedolare secca sugli affitti...). Tutto dal 2014. Incrociando i dati riferiti

alle possibilità di far quadrare i conti dei singoli comuni, emerge tuttavia una fotografia articolata.

LAVORO Novità operative per facilitare gli accessi agli uffici

Sono “on line” gli sportelli Inps

Basta guardare la tabella qui sopra per vedere che le situazioni sono diverse, comune per comune.

Il confronto è stato fatto sulle risorse disponibili per il 2010 e quelle, alla luce delle previste modificazioni,

nel 2014. Per il Comune di Reggio, le previsioni non sono negative. Stando ad una base attuale di 79,4 milioni di euro (dato 2010) lo studio realizzato dall’Ifel sulla base dei dati forniti dal ministero dell’Economia fa lievitare questo valore a 80,2 milioni per il 2014. A questa cifra, tuttavia, viene assegnata un ulteriore recupero dell’evasione che per il nostro comune capoluogo viene pesato intorno ai 4,4 milioni. Fatte le dovute somme, il totale delle risorse stimate sulla proiezione del 2014 è 84,6 miliioni di euro, cioè 5,1 milioni in più rispetto alla contabilità chiusa al 2010 (in percentuale un aumento del 6%). Un dato in sè non grave comunque migliore di altre città italiane - ma non esaltante rispetto alla stessa analisi condotta su altri capoluoghi della nostra regione e che possono vantare, secondo lo stesso studio dell’Ifel, aumenti più considerevoli quanto a risorse disponibili.

Dopo la nascita del “Laboratorio provinciale” di area centro-destra

«Mettiamo il lavoro al centro»

Per le domande di disoccupazione ordinaria, mobilità e posizione contributiva Ferrarini suona la sveglia: «Passiamo dalle parole ai fatti concreti»

A

partire dal 1° gennaio 2011, è previsto che alcune domande di prestazione/servizio siano presentate all’Inps in via esclusiva attraverso il canale telematico, collegandosi al sito www.inps.it. Utilizzando un collegamento internet, i cittadini e le aziende accederanno ai servizi dell’Istituto senza recarsi presso la Sede. L’acquisizione delle relative domande di prestazione/servizio nel sistema informativo dell’Istituto avverrà automaticamente, attraverso la procedu-

L’acquisizione delle relative domande di prestazione/servizio nel sistema informativo dell’Istituto avverrà automaticamente, attraverso la procedura telematica di presentazione

nità di mobilità ordinaria, di disoccupazione ordinaria e l’accentramento della posizione contributiva delle aziende. Il processo di digitalizzazione delle varie domande di prestazione avverrà comunque con gradualità. è previsto, infatti, un periodo transitorio di tre mesi durante il quale saranno garantite le consuete modalità di presentazione. Al termine del periodo transitorio i tre canali sopracitati diventeranno esclusivi ai fini della presentazione delle domande.

«O

biettivi condivisi mettendo da parte ambizioni, gelosie e rivalità personali». Il lavoro è al centro dell’intervento che Nicole Ferrarini ha fatto a corollario della nascita del Laboratorio provinciale sul lavoro. Oltre alla Ferrarini il laboratorio vede la partecipazione di altri membri del Pdl e i segretari provinciali di Uil, Luigi Angeletti, e Stefania Bianco e Maurizio Polini e Simone dell’Elce, componente la se-

Se molte sono le responsabilità di chi ininterrottamente da 60 anni regge città e provincia, occorre però rilevare che il Pdl è ben lontano dall’avere compiuto il salto di qualità necessario


REGGIO EMILIA - GAZZETTA


Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

PARMA - PARMADAILY

9


10

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

MODENA - GAZZETTA


storia ‘capitaBasile, hanno pre-unitarie è un errore storile’ del Ducafatto il punto co, una discriminazione inact o r i c o n osulla situazio- cettabile. Ho scritto lettere a Rassegna 2011 sciuta rispet- Stampa Emilia Romagna n e i05 n v i-a 01l e Napolitano, al governatore to a realtà coMartiri dove del Piemonte e presidente me Palermo hanno incon- del Comitato ‘Italia 150’ Roo Bologna t r a t o i r a p- berto Cota, al garante delle che non lo fu- Sopra, il senatore Carlo Giovanardi p r e s e n t a t i celebrazioni Giuliano Amato rono almeno In basso a destra, due esempi delle associa- e anche al ministro dei Beni n e g l i a n n i di Modena Capitale, anche d’arte z i o n i e d e i culturali Sandro Bondi ma da pre-unitari (e circoli cultu- nessuno è ancora arrivata una che invece hanno già i pan- rali modenesi, dell’Uf ficio risposta. Interrogato sulla vinelli riservati nell’allestimen- scolastico provinciale, della cenda, il curatore di ‘Bella Ito nelle splendide Scuderie Soprintendenza ai beni arti- talia’ Paolucci ha fornito riJuvarriane) - , non è stata chia- stici, del Comitato incaricato sposte inaccettabili dal punto mata a partecipare dal curato- di organizzare gli eventi per di vista storico, culturale e arre Antonio Paolucci. La stessa festeggiare l’anniver sario tistico. Modena e Parma - ha sorte è toccata a Parma. Una dell’Unità d’Italia nel Mode- concluso il sottosegretario «svista» tanto «inspiegabile» nese e anche i rappresentanti devono essere incluse nella

11

assoluta eccellenza che in una mostra simile non solo non sfigurerebbero ma sarebbero sicuramente al primo posto». (Sara Ferrari)

MODENA - INFORMAZIONE

IL CAPOGRUPPO PD Luca Gozzoli traccia il bilancio del 2010 in Consiglio

«Provincia, costruito il futuro con Idv e Udc»

L’

attività del gruppo consigliare del partito democratico nell’anno che si è appena concluso è stata caratterizzata da un’intensa e continua attenzione ai problemi più importanti che hanno coinvolto la nostra provincia, la testimonianza del lavoro svolto dalle consigliere e dai consiglieri Pd la potete verificare negli oltre 60 ordini del giorno proposti e sulle oltre 50 interpellanze presentate. Lavoro, scuola, servizi sociali, ricerca, attività a favore dell’impresa e dell’economia sono stati i temi che come gruppo consigliare abbiamo privilegiato. Nelle 42 sedute del 2010 abbiamo seguito i temi legati all’occupazione ponendo più volte l’attenzione sui casi di crisi aziendali che hanno messo a rischio posti di lavoro e la sussistenza di tante famiglie; ci siamo impegnati in una verifica costante dell’evoluzione della crisi economica proponendo un osservatorio provinciale per monitorare

tutti i servizi compromessi dalla pesante manovra imposta dal governo di centro destra ribadendo che non è possibile mettere in discussione l’e sistenza di servizi essenziali soprattutto alla vita dei cittadini più deboli come l’assistenza domiciliare ai malati e ai disabili, il trasporto pubblico, le scuole dell’infanzia. L’impegno e l’attenzione verso tutti i territori della nostra provincia ci permette di intravedere un 2011 ancora difficile sul fronte della crisi economica e proprio per questo abbiamo sostenuto con convinzione i contenuti del bilancio preventivo approvato a fine dicembre, nonostante la forte riduzione delle entrate e la totale assenza di tra-

sferimenti abbiamo rifiutato la logica proposta da Tremonti dei tagli lineari indiscriminati optando per scelte nette e coraggiose a favore del rilancio dell’economia e dell’occupazione, sostenendo la ricerca e l’insediamento delle sedi del Tecnopolo regionale nel nostro territorio, rilanciando l’investimento sulle infrastrutture (Cispadana e Pedemontana) e l’impegno sulla scuola. Abbiamo costruito un progetto le cui linee sono contenute nelle proposte del bilancio del 2011 e su questa comunione di intenti e di volontà che oltre al nostro gruppo e a quello dell’Idv anche il consigliere dell’Udc ha espresso un voto favorevole che permette di continuare un confronto concreto nell’interesse dei cittadini per la risoluzione dei problemi. (Luca Gozzoli, capogruppo Pd)


12

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

MODENA - INFORMAZIONE


sindaco annuncia controlli a tappeto oom, nel 2010, per gli impianti sui tetti

13

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

vero e proprio boom nel 2010. Se infatti nel 2008 sono stati 33 i Kw installati e nel 2009, invece, poco più di 27, nell’anno appena concluso sono stati installati sui tetti di Caorso 383,79 Kw. Il valore è più che decuplicato nel giro di tre anni e, in definitiva, dal 2008 ad oggi sono stati installati sui tetti 448,69 Kw di potenza, pari a un milione 827mila e 461 euro di investimento privato, dove il Comune ha contribuito per il 10%. Per quanto ri-

guarda il solare termico, sono stati installati 79metri quadrati di pannelli, con un investimento privato di 89.990 euro e un contributo comunale di 21.583 euro. 57 caldaie sono state sostituite (234.469 euro e un contributo dal Municipio di 57mila euro) mentre le auto passate da benzina a gpl sono state 19. A BREVE IL BANDO 2011 A breve, inoltre, dopo l’approvazione in bilancio comunale, si riaprirà il bando previsto per gli

Il sindaco di Caorso Fabio Callori annuncia controlli a tappeto sugli impianti a terra (f.Lunardini)

PIACENZA - LIBERTA’ incentivi 2011: «Abbiamo un residuo di circa 30mila euro, sarà un fondo che andremo a implementare. Aspettiamo inoltre di sapere con precisione i dettagli degli incentivi statali – precisa Callori – Questa

politica è partire anche dal contributo del tesoretto per incentivare le famiglie e le aziende a un fotovoltaico “responsabile”, come quello sui tetti». Elisa Malacalza

Callori:un freno noi lo abbiamo messo «Adottato regolamento e spedito in Provincia ma non è tornato indietro» CAORSO - La spina nel fianco re-

sta quella del fotovoltaico a terra. Il sindaco di Caorso, Fabio Callori, ha tentato di “blindare” il territorio con un regolamento ad hoc adottato dal consiglio comunale lo scorso 14 giugno (si legge, ad esempio, che gli impianti devono essere collocati ad almeno 100 metri dalle case e a una distanza di almeno 500 metri l’uno dall’altro) un apripista preso a modello da molti altri Comuni, non solo piacentini. «La nostra proposta - ha detto il sindaco - è stata inviata in Provincia ma, di fatto, non è ancora tornata indietro per l’approvazione definitiva». La strada del sindaco Callori, in ogni caso, è stata tracciata. In assenza di un piano energetico provinciale e con l’arrivo solo a settembre di linee guida nazionali e a dicembre di una delibera “tampone” dalla Regione, «noi ha dichiarato ieri - abbiamo cercato di tutelarci con questo regolamento comunale. Era tut-

CAORSO Materiale per realizzare fotovoltaico a terra a Fossadello; gli abitanti della corte residenziale hanno fatto ricorso al Tar prima di Natale

to quello che potevamo fare per bloccare future richieste: altre domande, infatti, non ne sono arrivate da giugno. Chiedevamo inoltre una polizza fideiussoria di 50 euro a Kw di potenza autorizzata per evitare di trovarci con brutte sorprese in caso di bonifica dei terreni. Ho scritto all’assessore regionale Giancarlo Muzzarelli e al sottosegretario Stefano Saglia, quest’estate, per ribadire la necessità di una

regolamentazione chiara». Gli abitanti della corte residenziale a Fossadello di Caorso, intanto, hanno fatto ricorso al Tar prima di Natale, dal momento che si sono trovati, senza preavviso, a convivere con un parco fotovoltaico a tre metri da casa. Una parte del progetto è stata realizzata, in corso c’è un altro cantiere e in previsione ci sono altri tre appezzamenti di terreno pronti ad essere coltiva-

ti a “specchio”. Il sindaco Callori precisa di aver fatto tutto il possibile, per quanto di sua competenza. «Tra gennaio e giugno del 2010 erano arrivate in Comune 14 richieste di installazione di impianti fotovoltaici a terra. Abbiamo sempre sostenuto che il terreno agricolo dovesse restare tale». Il primo cittadino replica infine a quanto affermato la scorsa settimana su Libertà dall’assessore regionale Sabrina Freda: «L’assessore prima di confrontarsi con associazioni e comitati dovrebbe confrontarsi con i sindaci e il territorio. L’8 ottobre del 2010 la giunta provinciale ha invitato il Comune a recepire nel Psc l’articolo 99 del Ptcp, riferendosi al Ptcp 2007. Il comma 17 bis prevede la limitazione del suolo previsto ad uso fotovoltaico di un ettaro ma è una direttiva, non una prescrizione. Ribadisco: in questo momento di vuoto normativo, abbiamo fatto tutto il possibile». malac.

del Po,nuova impresa dieci trasferte nelle Americhe (Canada, Stati Uniti, Brasile, Argentina), quattro in Egitto (Canale di Suez, Porto Said, Maratona del Nilo, Alessandria d’Egitto), due in Medio Oriente (Israele, Syria), in Africa (Camerun) e in Europa, per poi essere insignito della carica di consigliere Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia. «Mi dedico a traversate umanitarie in Italia e nel mondo ma domani (giovedì 6 gennaio), - sottolinea il Caimano del Po - con l’amore e l’entusia-

D

C i

C

c s p c s c t c s p v e m o t p b

S

C p

ia con partenza a Ponticello di Castelvetro «Per la forte corrente del fiume partirò dalla sponda piacentina di fronte alla Canottieri Flora e traversando integralmente il fiume mi porterò sulla sponda cremonese fino alla Canottieri Baldesio dove toccherò le zattere per le ore 12» spiega Cozzoli. Il Caimano del Po nella nuotata dell’Epifania indosserà una muta in neoprene speciale che gli permetterà di far fronte ai 4 gradi delle acque del Grande Fiume. Maurizio Cozzoli ha rappresentato l’Italia nel nuoto di

C M Q r I d g d G le s c s d p s n 2 m d v d « n r s lo q p K c n r s c s t d

S

Maurizio Cozzoli al termine di una delle sue “avventure”nel Grande Fiume

rerò la Maglia Azzurra e tutti gli atleti che in questi cento anni l’hanno onorata nel

sa dell’Accoglienza di Cremona, Donatori Tempo Libero e Associazione Fairplay

p p S n d in la p b a c a n s e d


PIACENZA - LIBERTA’

Accordi Fiat

L’Italia dei Valori di Piacenza è vicina alla lotta della Fiom

G

li accordi che la Fiat sta facendo passare in questi giorni, a Mirafiori ma anche a Pomigliano, violano la Costituzione repubblicana e per questo sono inaccettabili e irricevibili. L’art. 40 della Costituzione afferma che lo sciopero è “un diritto individuale ad esercizio collettivo”. Significa che la decisione di scioperare o meno è una decisione individuale che ogni lavoratore deve poter prendere in piena e assoluta libertà. L’intesa di Mirafiori, che obbliga ogni dipendente a firmare un accordo in cui si impegna a non scioperare contro l’accordo stesso o contro qualche sua parte, viola la Costituzione. L’art. 39 della Costituzione assicura sia la libertà sindacale che la rappresentatività delle varie organizzazioni sindacali “in proporzione dei loro iscritti”. A Mirafiori, invece, d’ora in poi non ci saranno più rappresentanze sindacali liberamente elette dai lavoratori ma “nominate” dai sindacati che firmano gli accordi. Siccome da che mondo è mondo gli accordi si firmano in due, sarà l’a-

zienda a decidere chi può avere rappresentanza sindacale e poco male se si arriva al paradosso per cui il sindacato con la rappresentanza più numerosa finisce fuori dalla porta. Così, oltretutto, si sostituirà alla elezione diretta e democratica una burocrazia sindacale nominata dall’esterno che nel medio e lungo periodo finirà per avere costi sull’azienda e ne indebolirà anche l’autonomia, perché sarà vincolata agli apparati sindacali. Sarà un bel danno per tutti, anche per la democrazia italiana di cui l’autonomia del sindacato è stata un pilastro. Oggi Maurizio Landini e la Fiom combattono contro l’instaurazione di un regime e noi dell’Idv combatteremo questa battaglia con loro. Al Senato Idv ha già presentato una legge sulla rappresentanza sindacale e sulla democrazia che chiede la piena applicazione dell’art. 39 della Costituzione, proprio uno di quelli che l’accordo di Mirafiori vorrebbe stracciare una volta per tutte. Segreteria provinciale Italia dei Valori Piacenza

L’ANGO

14

che una buona programmazio- gomenta occorre trasparenza e ne della gestione del territorio disponibilità nell’ottica del bee del patrimonio pubblico con- ne comune saremo ben lieti di sente. Compatibilmente Rassegna con le affrontare il problema in 05 un - 01- 2011 Stampa Emilia Romagna difficoltà nella gestione di un confronto in Comune, rimaniaComune (e non sono poche) e mo in attesa di essere convocacon le disponibilità finanziarie ti (anche tutti e 400) e non ocsono stati ottemperati alcuni corre sottoscrivere questa lettecompiti nell’adeguamento del- ra con 400 nomi perché sono Il no all’e le strutture e dei servizi sul ter- già depositati in Comune. Alcuni genitori di Niviano. ritorio, ma alcune cose non so-

La Gi aderi “Vitti

I

n questi l’estradiz riomicid sti ci costrin all’ennesim una giustizi biamo const rezza che ag sidente Lula dito le farne terrorista, ri stizia reale, q ta alle famig sofferto prim dei loro car punità dei c per la decisio dente che sc timo atto p dimissioni, nei confron paese. Il caso di C pluriomicid all’ergastolo cia, non è l’u di quei tan macchiato l rosso come vittime, ma s so come la v certa sinistr to a garant pericolosi te


eenti macon rivalati. ertasale to da me pistohe e-

noranza un punto qualificante sarebbe la posizione del centro socioriabilitativo che si trova in pieno centro storico, mentre se venisse spostato a Borgonovo

uno spreco di risorse pubbliricerche in tutta la periferia di momento mercoledì mattina, il giorno pricrisi o un di depres-checaro, ma senza trovare unaa spienedì commercianti, rappresenRoma Nibbiano. che. chiediamo cheGrazie maPer chequesto sparisse – dice l’amico – sione. Anzi ta spesso lo sentivo gazione plausibile. «Tra di saranno noi corpr Castelsangiovanni. alle ula novità di quest’anno, la vincitori l’amministrazione comunale e e nulla, ma proprio nulla, parlare dei suoi progettidei come la abbiamo parlato emani ancoraalle parlanità cinofile la lasciasalma dell’uomo rassegna presepi organizza11 al55en ter l’Ausl ci ripensino». va presagire quello che sarebbe sistemazione della casa in mon- to – dice la figlia Jlenia – i pensie- mem è stata trovata aimil. margini del rio ta a Trevozzo riserva una seziomessa nella chiesa m. successo.Carona, Io, lui e un altro amico tagna e poi le corse cui parteciri in questo momento sono tandella accanto la pistola. ne anche alle Infamiglie, cuifine ogni le di Santa siamo stati in giro per Castel- pava ogni fine settimana. ti e alla ci siamo detti che è Maria vi. «L Ermanno Mariani anno viene rivolto l’invito ad al- Trevozzo. sangiovanni, abbiamo bevuto somma ancora adesso se penso inutile continuare a interrogarci la fig un caffè e ciascuno parlava del- a quello che ha fatto resto ester- in continuazione. Se questa era term Antonio Barbieri; le commissioni che doveva fare. refatto e, come me, anche tutti la sua volontà nostro malgrado il rico a sinistra la Ricordo bene che Antonio dice- gli amici con cui ho parlato in dobbiamo rispettarla». ta, se va di dover comprare alcune co- queste ore e che non sanno proL’allarme per la scomparsa di sua p pistola trovata DOMANI A BORGO se che leun’imponente aveva chiesto la comprio spiegarsi il perché». Barbieri aveva fatto scattare dai carabinieri macchina dei accanto soccorsi cui hanno preso parte DOMANI IN CHIESA alla salma decine e decine di uomini e don(foto Bersani) BORGONOVO di - (mm) SARMATO - Discussione in consiglio sull’intervento dem che per 48 ore hanno battuto SARMATOne - I lavori di demoliziobattenti venerdì a Bo ne dell’ex zuccherificio Sar- il territorio palmo a palmoditutto CASTELSANGIOVANNI - (mm) la rassegna “Dicemb mato? Adesso anche la minodi Castelsangiovanni. Torna anche quest’anno a Ganoi” che per un mes ranza vuole vederci Trachiaro. questiDoanche nume- naghello di Castelsangiovanni mato la vita del paes ta dell’operaio, allontanatosi da TREVOZZO - (m. m.) Sono una lestire Natività come simpo launa notizia di possibili infil-cinofili, corosi gruppi casa il 30 dicembre scorso era decina i commercianti di Tre- bolo del Natale. Quest’anno soil tradizionale concerto lirico tellone predisposto trazioni mafiose nella ditta inme ilingruppo La dell’Epifania. stato trovato l’altro pomeriggio vozzo di Nibbiano che per la nocaricata cinque alla le famiglie gara. dismissione (sol- cinofilo ti accumulati senza essere staL’appuntamento ne con associazioni Lupa del intorno alle 15.30 accanto al Rio prima volta quest’anno parte- Sialevata per le famiglie che perCoordinameni in consiglio provinciale ti ancora triturati. Verranno è per domani alle 16 nella locali terminerà con to di Samuele Protezione Civile di tutti Carona lungo la strada di Pasa- cipano al concorso dei presepi commercianti le creazioni vendal consigliere Idv conservati gli edifici più chiesa parrocchiale dedicata a certo alle 21 in audit racco, dietro la ditta Manzella, a organizzato dai volontari della gono Piacenza che hastabili: parteciinserite dai giurati nelle Raggi e culminata in un sopraluno dei due grossi silos Santa Caterina di Alessandria. penne nere del coro poche centinaia di metri da do- parrocchia. A loro la commis- categorie artigianale, luogo deipresepe carabinieri all’ex Eri(quello più vecchio), la casa in pato con le proprie unità Ad esibirsi saranno nure si esibiranno in ve pagna. l’uomo abitava con laeconvisione cheCome giovedì de- iartistico, verista, tecdania), creativo, “Uniti perinsieme Sarmato” ha stile liberty, cabina elettrica e il soprano Era allegro scherzoso gli6 gennaio amici anche famicinofile a numerose al- laDaniela Borgognoni, il tene delle festa Tricolo vente. Antonio Barbieri creteràliari i nomi dei vincitori nico ed etnico. Infinedell’ultimo gli chiesto, nelsquadre corso vecchia IFavi lavori si come sempre, nullaaveva in lui55lasciahanno tentatodeldi dare un tre di orgasoccorsolagrazie a ciminiera. nore Lorenzo Decaro, il barisua volta segnerà l’in anni e lavorava come operaio al- l’ormai tradizionale rassegna nizzatori consiglio comunale, informadovrebbero concludere entro il hanno pensato ad una va trasparire che ci ilfosse perché al tragico gesto del loro cui nel primo pomeriggio di lu- tono Valentino Salvini, il basso la Elecar. Probabilmente de- una eventi borgonovesi l zioni suldedicata proseguimento dei la- maggio del 2011, ma è possibidedicata alla memoria di Paola sessione alle scuole crisirisale o unalmomento di deprescaro,e ma senza spienedìalè territorio stato sul possibile il Franco cesso giorno stesso in Solenghi, vori, specialmente tema li una proroga di 12-18 mesi:accompagnati voluta daltrovare nipoteunaappartenenti co- ritrovare Federici celebrazioni per i 15 Anzi spesso lo sentivo gazionee dai plausibile. «Tra munale didella noi di corpo, purtroppo senza vita, del cuisione. si era allontanato da casa. E- Paolo Truffelli bonifica dell’amianto, qualche mese fa ci sono stati familiari, ha Nibbiano cui si agda Raffaella Bianchini all’arpa dall’Unità d’Italia. Il parlare comeaffidato la abbiamo parlato e ancora giunge parla55enne operaio alla Elecar e e da ra uscito didei casasuoi nel progetti pomeriggio sulle parti che saranno derallentamenti perNelio problemi fail compito di realizzare anche la non scuola primaPavesi al pianoforsarà offerto dal cent casanon in monto – dice la figlia ilJlenia delsistemazione 30 dicembre edella da allora del consiglio direttivo emembro su alcune dichiaraziomiliari del direttore dei lavori un presepe utilizzando mate-– i pensieriamolite di Pecorara, i cui alunni hante. Il concerto, con brani che nati di viale Fermi. I aveva più edato di sé. del sindaco rilasciate ai gior- di(poi sostituito) ». tagna poinotizie le corse cuiI faparteciin questo tandella Società Operaia via Calriale o ri i prodotti chemomento più rappre-sono noni partecipato all’iniziativa spaziano dalla tradizione naun delegato del Com migliari non ve- Innali.è «Levi. opere diGli demolizione capogruppo di minoranza sentavano la tipicità dell’attiscolari pavapreoccupati ogni fine per settimana. ti e alla fine ci siamo detti“ScuoleInsieme”. che «La salma di mio padreLa – dice taliziatuttavia, ai classici festeggiamenti spieg derlo rientrare avevano dato l’alsono quindi concordate e verificate o- Sabrina di-del repertorio vità. Tra i primi ad aver aderito hanno realizzato somma ancora adesso se penso inutile continuare a interrogarci la figlia Jlenia -un unau-volta che saràGallinari, lirico, è organizzato dall’assosenso della Festa de larme e da giorni carabinieri con gni 15 giorni da Arpa e Usl» ha chiara di aver ricevuto «una ci sono bar, panetterie, farmanico, suggestivo presepe colloa quello che ha fatto resto ester- in continuazione. Se questa era terminato l’iter per l’autopsia e ciazione Vis Ganaghello e si unità cinofile, vigili del fuoco e cia, fioristi, parrucchiere ecc. cato La Pro loco, i cui rap spiegato l’assessore Canzio nota di Arpa del 4 giugno 2010 all’aperto, e quindi visitarefatto e, come me,avviato anche tutti la sua volontà nostro malgrado il riconoscimento verrànella cremaSARMATO - Proseguono i lavori di demolizione molti volontari avevano Marchesi. «L’amianto è stato quale l’azienda si lamenavvale del patrocinio dell’amtanti fanno parte de Oltre alla sezione dedicata ai bile in ogni momento, lungo via gli amici conlacui ho parlato in dobbiamo rispettarla». ta, seguendo quella che era una ricerche in tutta periferia di commercianti, quasi completamente asportata di non aver ricevuto l’aggiorche rappresen- Roma a Nibbiano. I nomi dei ministrazione comunale di to, donerà un tricolo queste ore e che non alle sanno L’allarme per la scomparsa di sua precisa volontà». Castelsangiovanni. Grazie u- proto, con le modalità dettate dalnamento quindicinale dal Co2009 e fino ad aprile 2010 non che ta la novità di quest’anno, la vincitori saranno resi noti doCastelsangiovanni. sociazioni di volonta mar. mil. prio spiegarsi il perché». Barbieri aveva fatto scattare nità cinofile la salma dell’uomo rassegna le leggi mentre ladella mag- mune. Una sollecitazione che era ancora statasportive, data; masociali in men dei presepi organizzamani allevigenti, 11 al termine e cu è stata trovata ai margini del rio ta a Trevozzo riserva una sezio- messa gior parte inerti sono sta- parte fin dal settembre del quel periodo, chi garantisce effet nella degli chiesa parrocchiaCarona, accanto la pistola. ne anche alle famiglie, cui ogni le di Santa Maria Assunta di Mariani anno viene rivolto l’invito ad alTrevozzo. SARMATOErmanno -

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

del 55enne.Amici sconvolti

Domani una commissione sceglierà i vincitori

Commercianti e famigliePIACENZA in gara a Trevozzo preso la pistola? al concorso dei presepi

mistero

ra ai riee sia iano mi ad

In breve LIBERTA’

«Era allegro e pieno di progetti l’ultima volta che ci siamo visti»

ati Inuto ha ma. ulla no canter’oseneva visti prioeva priico – ale sciavi-

ebbe mico stelvuto delfare. dicee cocom-

izio-

eri; Sar-

15

tori dei ragazzi che frequentano la struttura, non si riscontrerebbero nella nuova destinazione. Inoltre un terzo aspetto è quello economico: sposta-

Concerto a Ganaghello

Ex Eridania,polemiche

Discussione in consiglio sull’intervento di demolizione in corso dello storico zuccherificio

In breve Ex Eridania,polemiche sulla dismissione

inoDOMANI A BORGONOVO Do- un’imponente macchina dei nfil- soccorsi cui hanno preso parte DOMANI IN CHIESA Serata col coro alpino a in- decine e decine di uomini e donBORGONOVO - (mm) Chiude i Concerto a Ganaghello (sol- ne tiche accumulati senzabattuto essere staper 48 ore hanno battenti venerdì a Borgonovo ciale palmo ti ancora Verranno a palmo triturati. tutto il territorio CASTELSANGIOVANNI - (mm) la rassegna “Dicembre con di Castelsangiovanni. uele conservati tutti gli edifici più Torna anche quest’anno a Ganoi” che per un mese ha aniTra uno questi anche pral- stabili: dei due numegrossi silos naghello di Castelsangiovanni mato la vita del paese. Il carrosi gruppi cinofili, cox Eri- (quello più vecchio), la casailin tradizionale concerto lirico tellone predisposto dal Comume il gruppo cinofilo La o” ha stile liberty, la cabina elettrica e dell’Epifania. L’appuntamento ne con associazioni e sponsor Lupa del Coordinamen- è per domani alle 16 nella locali terminerà con un contimo la vecchia ciminiera. I lavori si to di Protezione Civile di chiesa parrocchiale dedicata a certo alle 21 in auditorium. Le rma- dovrebbero entro il Piacenzaconcludere che ha parteciSanta Caterina di Alessandria. penne nere del coro Ana Valei la- maggio ma unità è possibipatodel con2011, le proprie Ad esibirsi saranno il soprano nure si esibiranno in occasioema cinofile li una proroga di 12-18 miinsieme a numerose al-mesi: Daniela Favi Borgognoni, il tene delle festa Tricolore, che a anto, fa cigrazie sono un trequalche squadre dimese soccorso a stati nore Lorenzo Decaro, il barisua volta segnerà l’inizio degli oro nel primo pomeriggio di lu- fao de- cuirallentamenti per problemi tono Valentino Salvini, il basso eventi borgonovesi legati alle ie- nedì è statodel possibile ritrovare aziomiliari direttore dei illavori Franco Federici accompagnati celebrazioni per i 150 anni noi senza gior- corpo, (poipurtroppo sostituito) ». vita, del da Raffaella Bianchini all’arpa dall’Unità d’Italia. Il concerto la- 55enne operaio alla di Elecar e e da Nelio Pavesi al pianoforione La capogruppo minoranza sarà offerto dal centro pensioie- membro del consiglio direttivo te. Il concerto, con brani che nati di viale Fermi. In serata te oSabrina Gallinari, tuttavia, dian- della Società Operaia di via Cal- spaziano dalla tradizione naun delegato del Comitato per i didiaver ricevuto el»èha vi. chiara «La salma mio padre – dice «una talizia ai classici del repertorio festeggiamenti spiegherà il nzio la figlia notaJlenia di Arpa 4 che giugno arci - unadel volta sarà 2010 lirico, èSARMATO organizzato dall’asso- i lavorisenso della Festadell’ex del Tricolore. - Proseguono di demolizione Eridania (f.Brusamonti) stato nella quale si lamenera terminato l’iter l’azienda per l’autopsia e ciazione Vis Ganaghello e si La Pro loco, i cui rappresenortata di non aver ricevuto l’aggiordo il riconoscimento verrà cremaavvale del patrocinio dell’amtanti fanno parte del comitaseguendo quella che era una dal- ta, namento quindicinale dal Co2009 e comunale fino ad aprile 2010 le demolizioni e il trattaministrazione di to,non donerà che un tricolore alle asdi suamune. precisaUna volontà». magsollecitazione che era ancora stata data; ma in mento degli inerti siano stati Castelsangiovanni. sociazioni di volontariato, mar. mil. del oare sta- parte fin dal settembre quel periodo, chi garantisce effettuati a norma di legge, risportive, sociali e culturali.

etti isti»

o di demolizione in corso dello storico zuccherificio

che sulla dismissione

demolizione dell’ex Eridania (f.Brusamonti)

on in sce

che le demolizioni e il trattamento degli inerti siano stati effettuati a norma di legge, ri-

spettando la salute degli abitanti? ». E poi contesta una frase «infelice» del sindaco Anna Tanzi a proposito delle possibili infiltrazioni mafiose in Ecoge srl. «Il sindaco ha escluso responsabilità del Comune, parlando di un “rapporto privato” tra Ecoge e Italia Zuccheri: anche se il paragone è forte, si può dire che anche tra cliente e spacciatore il rapporto è “privato”, ma non per questo da sottovalutare». In tempi di neonate e sempre più frequenti Unioni di Comuni, Sarmato non sembra essere interessato alla cosa. Il problema è stato sollevato, ancora una volta, dalla minoranza. «Alla luce della recente adesione di Ziano all’Unione con Pianello e Pecorara, l’ammini-

strazione sta valutando la possibilità di costituire un’unione, visti gli indirizzi ministeriali per la gestione associata di servizi per i comuni sotto i tremila abitanti? » si chiede la Gallinari. «Sarebbe alquanto difficile, visto che Sarmato confina con comuni tutti al di sopra dei tremila abitanti» ha risposto il consigliere Michael Bridio. «L’unico sarebbe Ziano, ma ha caratteristiche troppo diverse da noi: non esistono altre prospettive». Inoltre, sono stati prelevati del fondo di riserva ulteriori 17mila euro per il pagamento dei ricorsi persi dal Comune (e vinti dagli automobilisti) presso il giudice di pace, nella vicenda del semaforo con sistema Traffiphot sulla via Emilia. Infine critiche dalla minoranza anche per la cessazione del servizio di difensore civico: «Almeno avreste potuto annunciarlo alla popolazione». Cristian Brusamonti

Serata col coro al

spettando la salute degli abitanti? ». E poi contesta una frase «infelice» del sindaco Anna Tanzi a proposito delle possibili infiltrazioni mafiose in Ecoge srl. «Il sindaco ha escluso responsabilità del Comune, parlando di un “rapporto privato” tra Ecoge e Italia Zuccheri: anche se il paragone è forte, si può dire che anche tra cliente e spacciatore il rapporto è “privato”, ma non per questo da sottovalutare». In tempi di neonate e sempre più frequenti Unioni di Comuni, Sarmato non sembra essere interessato alla cosa. Il problema è stato sollevato, ancora una volta, dalla minoranza. «Alla luce della recente adesione di Ziano all’Unione con Pianello e Pecorara, l’ammini-

strazione sta valuta sibilità di costituire visti gli indirizzi m per la gestione asso vizi per i comuni so la abitanti? » si chie nari. «Sarebbe alqu le, visto che Sarma con comuni tutti al tremila abitanti» ha consigliere Micha «L’unico sarebbe Z caratteristiche trop da noi: non esiston spettive». Inoltre, sono sta del fondo di riser 17mila euro per il dei ricorsi persi dal vinti dagli automob so il giudice di pac cenda del semafor ma Traffiphot sulla Infine critiche dall za anche per la ces servizio di difens «Almeno avreste nunciarlo alla popo

Cristia


16

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

AGENZIE CASO BATTISTI: MURA (IDV), DA NUOVO GOVERNO BRASILIANO SEGNALI NON CONFORTANTI = Roma, 4 gen. (Adnkronos) - “Dal nuovo governo brasiliano, per bocca del ministro della Giustizia, purtroppo giungono segnali tutt’altro che concilianti in merito alla vicenda Battisti. Anzi, rivendicando la sovranita’ interna si manda a dire senza mezzi termini all’Europa di farsi gli affari propri e di non intromettersi nella questione”. Lo afferma la parlamentare Idv Silvana Mura. “Di fronte a questa posizione di totale chiusura -aggiunge Murale affermazioni del premier Berlusconi sul fatto che in ogni caso i rapporti con il Brasile non si modificheranno appaiono intempestive e, oltre che non in sintonia con l’azione che proprio in queste ore sta svolgendo la Farnesina, rischiano di indebolire l’effetto delle manifestazioni di protesta che proprio oggi si svolgeranno in diverse parti d’Italia con la partecipazione delle forze politiche e dei cittadini”. “E’ evidente che nessuno pensi di dichiarare guerra al Brasile e che bisogna chiedere con una sola voce l’estradizione di Battisti, ma allo stesso tempo e’ necessario evitare messaggi che possano essere interpretati come volonta’ da parte dell’Italia di accantonare quanto prima la vicenda, trasferendola -conclude Mura- dalla sede politica a quella dei ricorsi e alle carte bollate”. (Pol/Ct/Adnkronos) 04-GEN-11 15:19 NNNN BATTISTI: MURA, DA NUOVO GOVERNO NON ARRIVANO BUONI SEGNALI (ANSA) - ROMA, 4 GEN - ‘’Dal nuovo governo brasiliano, per bocca del ministro della giustizia, purtroppo giungono segnali tutt’altro che concilianti in merito alla vicenda Battisti. Anzi rivendicando la sovranità interna si manda a dire senza mezzi termini all’Europa di farsi gli affari propri e di non intromettersi nella questione. Di fronte a questa posizione di totale chiusura le affermazioni del premier Berlusconi sul fatto che in ogni caso i rapporti con il Brasile non si modificheranno appaiono intempestive e, oltre che non in sintonia con l’azione che proprio in queste ore sta svolgendo la Farnesina, rischiano di indebolire l’effetto delle manifestazioni di protesta che proprio oggi si svolgeranno in diverse parti d’Italia con la partecipazione delle forze politiche e dei cittadini’’. Lo dichiara Silvana Mura deputata di Idv. ‘’E’ evidente - prosegue - che nessuno pensi di dichiarare guerra al Brasile e che bisogna chiedere con una sola voce l’estradizione di Battisti, ma allo stesso tempo e’ necessario


Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

AGENZIE evitare messaggi che possano essere interpretati come volontà da parte dell’Italia di accantonare quanto prima la vicenda trasferendola dalla sede politica a quella dei ricorsi e alle carte bollate’’. (ANSA). SPA 04-GEN-11 15:29 NNNN BATTISTI. MURA (IDV): BERLUSCONI INTEMPESTIVO, OSTACOLA FARNESINA (DIRE) Roma, 4 gen. - “Dal nuovo governo brasiliano, per bocca del ministro della Giustizia, purtroppo giungono segnali tutt’altro che concilianti in merito alla vicenda Battisti”. Lo dice Silvana Mura, deputata di Idv, che spiega: “Anzi, rivendicando la sovranita’ interna, si manda a dire senza mezzi termini all’Europa di farsi gli affari propri e di non intromettersi nella questione. Di fronte a questa posizione di totale chiusura le affermazioni del premier Berlusconi sul fatto che in ogni caso i rapporti con il Brasile non si modificheranno appaiono intempestive e, oltre che non in sintonia con l’azione che proprio in queste ore sta svolgendo la Farnesina, rischiano di indebolire l’effetto delle manifestazioni di protesta che proprio oggi si svolgeranno in diverse parti d’Italia con la partecipazione delle forze politiche e dei cittadini”. (Com/Anb/ Dire) 15:30 04-01-11 NNNN

Battisti, Mura: Da nuovo governo Brasile nessun segnale conciliante Roma, 04 GEN (Il Velino) - “Dal nuovo governo brasiliano, per bocca del ministro della giustizia, purtroppo giungono segnali tutt’altro che concilianti in merito alla vicenda Battisti. Anzi rivendicando la sovranita’ interna si manda a dire senza mezzi termini all’Europa di farsi gli affari propri e di non intromettersi nella questione. Di fronte a questa posizione di totale chiusura le affermazioni del premier Berlusconi sul fatto che in ogni caso i rapporti con il Brasile non si modificheranno appaiono intempestive e,

17


18

Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

AGENZIE oltre che non in sintonia con l’azione che proprio in queste ore sta svolgendo la Farnesina, rischiano di indebolire l’effetto delle manifestazioni di protesta che proprio oggi si svolgeranno in diverse parti d’Italia con la partecipazione delle forze politiche e dei cittadini”. Lo ha detto Silvana Mura deputata di Idv. “E’ evidente che nessuno pensi di dichiarare guerra al Brasile e che bisogna chiedere con una sola voce l’estradizione di Battisti, ma allo stesso tempo e’ necessario evitare messaggi che possano essere interpretati come volonta’ da parte dell’Italia di accantonare quanto prima la vicenda trasferendola dalla sede politica a quella dei ricorsi e alle carte bollate”. (com/fae) 041607 GEN 11 NNNN

FIAT: BARBATI, CONFINDUSTRIA E-R NON ATTUI CONTRATTI EXTRA (ANSA) - BOLOGNA, 4 GEN - La capogruppo dell’Idv in Regione, Liana Barbati, teme l’estensione di contratti tipo Mirafiori e spera ‘’che la Confindustria dell’Emilia-Romagna esca allo scoperto e non attui contratti extra associativi dove ognuno fa quello che vuole’’. ‘’Il caso Mirafiori ci serva come campanello d’allarme scrive -. Oggi e’ la Fiat, domani a chi tocchera’? Chi saranno i prossimi lavoratori a dover rinunciare ai propri diritti per poter lavorare?’’. Per la Barbati serve ‘’una profonda riforma delle relazioni industriali attraverso una legislazione completa che regoli in maniera democratica la rappresentativita’ sindacale e imponga la misura della reale rappresentanza su base proporzionale’’. E annuncia che sollevera’ la questione in Consiglio regionale: ‘’Italia dei Valori e’ pronta a scendere in piazza al fianco dei lavoratori per sostenerli fino a che non sara’ restituita loro tutta la dignita’ che si meritano’’. (ANSA). SE 04-GEN-11 17:31 NNNN


Rassegna Stampa Emilia Romagna 05 - 01- 2011

AGENZIE

FIAT: BARBATI (IDV), CONFINDUSTRIA EMILIA ROMAGNA NON ATTUI CONTRATTI EXTRA ASSOCIATIVI = A MIRAFIORI E POMIGLIANO VIOLATA COSTITUZIONE, PRONTI A SCENDERE IN PIAZZA Bologna, 4 gen. - (Adnkronos) - “Spero che la Confindustria dell’Emilia Romagna esca allo scoperto e non attui contratti extra associativi dove ognuno fa quello che vuole”. Cosi’ il capogruppo dell’Idv nell’assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, Liliana Barbati, commenta gli accordi sindacali siglati da Fiat a Mirafiori e Pomigliano dove, a suo avviso “l’attacco ai diritti dei lavoratori rappresenta un caso lampante di violazione della Costituzione italiana”. Tutto cio’, aggiunge la consigliera, “e’ reso ancora piu’ inaccettabile dal fatto che la fabbrica torinese e’ stata piu’ volte salvata dal baratro del fallimento grazie a faraonici investimenti a fondo perduto da parte dello Stato”. Secondo Barbati “e’ necessario attuare una profonda riforma delle relazioni industriali attraverso una legislazione completa che regoli in maniera democratica la rappresentativita’ sindacale e imponga la misura della reale rappresentanza su base proporzionale”. Annunciando poi un intervento sul tema nell’aula di Viale Aldo Moro, Barbati assicura che “l’Idv e’ pronta a scendere in piazza al fianco dei lavoratori per sostenerli fino a che non sara’ restituita loro tutta la dignita’ che si meritano”. (Mcb/Ct/Adnkronos) 04-GEN-11 20:23 NNNN

19


Rassegna del 5 01 2011