Issuu on Google+

RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA del 11-03-2011 MODENA________________________________________pag. 2 FORLI’ CESENA_________________________________pag. 3 - 5 PARMA__________________________________________pag. 6 - 7 PIACENZA______________________________________pag. 8 RAVENNA______________________________________pag. 9 - 12 AGENZIE_______________________________________pag. 13 - 21


2

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

MODENA - Gazzetta


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

FORLI’ CESENA - Carlino

3


4

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

FORLI’ CESENA - Carlino


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

FORLI’ CESENA - Carlino

5


6

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

PARMA - ParmaOk.it


7

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

PARMA - Gazzetta Gazzetta di Parma 03/11/2011

a, ne n nlci er to io nhe cle n-

-

InBreve STASERA INCONTRO DEL PD

La situazione del Comune  Il

circolo «Parma est» del Partito democratico, organizza per stasera alle 21 nel Teatro di via Ugoleto un incontro con i cittadini nel corso del quale il capogruppo del Pd in consiglio comunale Giorgio Pagliari esporrà i tratti salienti della situazione «di assoluta precarietà economico-finanziaria nella quale l’Amministrazione Vignali ha ridotto il comune di Parma».

VENERDÌ 11 MARZO 2011

RIVOLUZIONE WEB GRAZIE ALL'USO DELLA RETE

Spese postali dimezzate per la Provincia L'assessore Zannoni: «Ridurre gli sprechi e utilizzare le risorse per la cittadinanza» II Dai 177 mila euro del 2006 ai 54

DOPO LA CULLA TERMICA

Progetto «ninna ho» Opuscoli in 5 lingue  Dopo l’inaugurazione della culla termica nell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, lo scorso 20 dicembre, prende il via la campagna d’informazione in 5 lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo e russo) del progetto «ninna ho», iniziativa nazionale a tutela dell’infanzia abbandonata promossa dalla Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus e dal network KPMG in Italia. L'obiettivo è far conoscere alle donne in difficoltà le garanzie loro offerte dalla legge italiana. In questa prima fase sono stati distribuiti circa 5000 opuscoli e 50 locandine (all'ospedale Maggiore, nei cup, in presidi ospedalieri e ambulatori Ausl e al servizio relazioni con il pubblico del Comune) che informano sulla possibilità di parto anonimo negli ospedali e sulle culle per la vita, fornendo un

mila del 2010, con un calo che sfiora il 70% in 5 anni. E soprattutto con un vero e proprio dimezzamento delle spese negli ultimi due anni: per l'esattezza, dai 104.356,29 euro del 2009 ai 54.817,16 euro del 2010 (-49.540 euro, -47,5%). Sono i numeri delle spese di spedizione della corrispondenza della Provincia di Parma: numeri che come si può notare sono in costante diminuzione. Il calo è certo dovuto all’utilizzo sempre più massiccio degli strumenti di comunicazione digitale, quali la posta elettronica e, più recentemente, la posta elettronica certificata (pec), un sistema di posta elettronica che offre, da un punto di vista normativo, le stesse garanzie della raccomandata con ricevuta di ritorno. «La Provincia di Parma da tempo lavora per integrare l’uso della posta elettronica certificata nei propri flussi di lavoro e per diffonderne l’utilizzo anche nelle altre pubbliche amministrazioni, nelle imprese e fra i cittadini. Nel 2009, proprio per favorirne il più possibile la diffusione, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa con la Prefettura, e a novembre 2009, dopo una fase sperimentale, con una circolare interna la Provincia ha stabilito che le comunicazioni verso le pubbliche amministrazioni avrebbero do-

Assessore Roberto Zannoni

vuto essere inviate solamente tramite posta elettronica certificata», spiega l’assessore provinciale al Bilancio Roberto Zannoni. Il 2010 è stato quindi il primo anno in cui questa decisione ha dispiegato in pieno i suoi risultati, che sono decisamente molto positivi. «L’introduzione di questi sistemi ha comportato una riorganizzazione interna tutt’altro che semplice – osserva Zannoni e dimostra l’impegno della Provincia nell’utilizzare gli strumenti dell’innovazione principalmente nell’ottica di ridurre gli sprechi e recuperare così risorse a vantaggio della cittadinanza». I documenti inviati tramite posta elettronica certificata dalla Provincia nel corso del 2010 sono stati oltre 12 mila, e si sono sostituiti ad altrettante spedizioni tradizionali. «L’indirizzo istituzionale di posta elettronica certificata della Provincia di Parma – dice ancora l’assessore Zannoni – è protocollo@postacert.provincia.parma.it. Invitiamo tutti i soggetti che ne sono dotati a utilizzarla per le comunicazioni con la Provincia, perché anch’essi possano avvantaggiarsi dei risparmi che ne conseguono».


8

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

PIACENZA - Cronaca

3

lettere e interventi

iche e competenze moderne. on solo; c’è anche la fatica, che non odioso, ma stimolante il o e poi l’elemento più forte, che spaventa più di tutto; lo municato un pastore di Ozieri: tà verso il lavoro. proponete il lavoro onesto per uare la storia... potete solo esdei sovversivi per coloro che no sul lavoro degli altri per are se stessi! ori sardi, coraggio! aggio deriva da cuore... e voi ete tanto, ne avete tanto anche hi ha il coraggio negativo delglio e dell’indifferenza. auguro e, soprattutto, vi augule vostre istanze trovino un riro favorevole. In ogni caso a o avete manifestato per la ve“la verità è figlia del tempo” afferma il professor Andrea già sindaco di Bultei, e sono che il tempo renderà merito al valore. Dio vi benedica! Maria Emma Piacevoli amica della Sardegna (località Marazzini di Vernasca)

0/03/2011

ERENALOTTO kpot 28.700.000 euro di Giovedì 10/03/2011

AZIONE VINCENTE 21 - 47 - 58 - 71 ly 43 - SuperStar 61

SUPERENALOTTO nti 6" nti 5+" nti 5" 30.920,70 nti 4" 217,13 nti 3" 14,39

OTE SUPERSTAR stella" stella" 21.713,00 stella" 1.439,00

V ENERDÌ 11

MARZO

2011

Si vuol fare la rivoluzione coi... carabinieri Gentile direttore, con la scusa del risparmio di spesa, Di Pietro e la sinistra volevano l’accorpamento dei referendum con le amministrative di maggio. E ora attaccano il ministro Maroni, colpevole di non averlo concesso. Dimenticando, da parte loro, l’illustre precedente di Napolitano che nel ‘97, da ministro dell’Interno, fissò i referendum al 15 giugno, senza election day (e non è che allora si navigasse nell’oro: era l’epoca dell’eurotassa per entrare nell’euro). Per Di Pietro e la sinistra, il governo, stavolta, avrebbe dovuto dare una mano ai referendari per raggiungere il quorum. Su un quesito (quello riguardante il legittimo impedimento) che in pratica si propone di sfiduciare e mandare a casa Berlusconi. La solita storia: in Italia si vuol fare la rivoluzione, ma con l’appoggio dei carabinieri. R.A

La poesia Vita Vita... meravigliosa, ogni giorno ne assaporo dolcemente il suo gusto etereo... solo appoggiando la mia testa candida su un bianco cuscino soffice che accarezza l'anima mia, della luce infinita dell'amor Divino! Assia El btaouri (Castelsangiovanni)

METEO IL TEMPO A PIACENZA OGGI MIN

2

MAX

13

DOMANI MIN

7

MAX

13

DOMENICA MIN

7

MAX

10

Oggi addensamenti al nord, con qualche pioggia in Liguria. Nubi anche in Sardegna, senza piogge. Bel tempo altrove. Domani nubi sui settori di ponente, ma con precipitazioni solo sporadiche. Ancora bel tempo altrove. A Piacenza oggi nubi sparse; domani coperto; domenica pioggia.

VIABILITA’ STRADALE A causa dei lavori per la realizzazione della rete gas e acquedotto è istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 20 di Polignano, attivo da lunedì fino al 31 marzo, dalle 8 alle 18, lungo tratte di cantiere non superiori ai 100 metri, dalla progressiva 2+045 alla progressiva 2+427. QUALITA’ DELL’ARIA Pm10 oltre la soglia mercoledì a Piacenza (Pubblico Passeggio, 67; via Ceno, 67; Montale, 51) e a Lugagnano (51); dati accettabili a Parco Montecucco (47) e a Cortebrugnatella (27).


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

RAVENNA - Corriere

9


10

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

RAVENNA - La Voce


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

RAVENNA - Corriere

11


12

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

RAVENNA - Carlino


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE FOCUS IDV EMILIA ROMAGNA del 10 Marzo GIUSTIZIA: MURA (IDV), GOVERNO NON PENSA A VERI PROBLEMI (ANSA) - ROMA, 10 MAR - ‘’Il governo ancora una volta pone al centro dell’agenda politica il tema della giustizia, dal quale e’ evidentemente ossessionato, e si disinteressa delle vere emergenze che affliggono il paese e i cittadini’’. Lo afferma Silvana Mura (Idv). ‘’Aver varato una legge di riforma costituzionale, se non si tratta della solita propaganda, vuol dire che il Parlamento sara’ impegnato per gran parte del suo tempo da qui alla fine della legislatura per approvare questa legge con la procedura prevista dall’articolo 138 della costituzione. Se a questo si aggiungono le leggi ‘ad personam’ ordinarie sempre in tema di giustizia, che il governo cerchera’ di far approvare ad ogni costo, e’ evidente che non ci sara’ spazio per gli urgentissimi provvedimenti a sostegno delle famiglie italiane, in tema di lavoro e per rilanciare l’economia. Se invece si vuole mettere mano alle vere urgenze della giustizia - rileva Mura - queste non consistono nel mettere sotto tutela i Pm, bensi’ nel destinare nuove risorse ai tribunali e nello snellire lo smaltimento della montagna di cause che ingolfano la giustizia italiana’’.(ANSA). FLB 10-MAR-11 12:35 NNNN

DONNE: IDV, PENALIZZATE AL LAVORO E NELL’ACCESSO AL CREDITO (ANSA) - BOLOGNA, 10 MAR - ‘’Le donne in Italia lavorano di meno rispetto agli uomini, guadagnano di meno, pagano tassi di interesse piu’ alti per accedere al credito e anche per questo faticano a diventare imprenditrici, sono escluse dalle posizioni dirigenziali, sono maggiormente gravate dagli impegni domestici e familiari’’. Cosi’ la capogruppo dell’Idv in Regione, Liana Barbati, presenta una risoluzione, che ha voluto depositare dopo l’otto marzo perche’ ‘’non cerchiamo soluzioni di facciata - ha commentato in una nota - ma interventi che possano realmente migliorare la vita delle donne in quanto persone, lavoratrici e madri’’. Invece abbiamo una situazione in cui ‘’le donne - prosegue -

13


14

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE sono prive dei basilari diritti di pari opportunita’ e il Paese rinuncia a risorse di straordinaria importanza’’. Se approvata, la risoluzione dell’Idv impegnera’ la Giunta regionale ‘’a favorire la diversificazione delle scelte professionali e la formazione imprenditoriale delle donne’’; a ‘’garantire equita’ di trattamento tra uomo e donna nell’erogazione del credito da parte di fornitori e banche’’, oltre alle ‘quote rosa’ (‘’una presenza minima di donne nei Cda delle aziende partecipate, delle cooperative e nelle istituzioni’’). I dipietristi propongono anche incentivi fiscali per ‘’le aziende che mettono in pratica in maniera virtuosa gli strumenti di conciliazione come il part-time temporaneo e reversibile, e le misure di flessibilizzazione dell’orario per i genitori di figli piccoli’’. (ANSA). SE 10-MAR-11 17:23 NNNN (ER) SCUOLA IMOLA. SABATO IN PIAZZA PARTITI, SINDACATO E COMITATI APPUNTAMENTO DALLE 16.30 ALLE 18 IN PIAZZA CADUTI PER LA LIBERTÀ (DIRE) Bologna, 10 mar. - Si allunga l’elenco delle adesioni alla manifestazione organizzata anche a Imola, sabato, in difesa della scuola pubblica. “Sulla sua difesa dagli ultimi attacchi del premier c’e’ trasversalita’ e volonta’ di difesa comune”, sottolinea in una nota il Comitato a difesa della Costituzione di Imola: “Dopo avere minacciato giudici e giornalisti, ora vorrebbero imbavagliare professori, studenti e famiglie, per questo sotto i simboli del tricolore e della Costituzione chiunque abbia a cuore la legalita’ repubblicana sara’ in piazza”. A Imola l’incontro e’ previsto dalle 16,30 alle 18 in piazza Caduti per la liberta’, “per leggere articoli della Costituzione, sottolinearne l’attualita’- spiega il Comitato- e condividere pensieri sulla scuola italiana”. Sul territorio imolese hanno gia’ aderito Anpi, Cgil, Giovani comunisti, Giovani democratici, Federazione della Sinistra, Idv, Rete degli studenti, Pd, Sel, Verdi, Comitato Acqua pubblica. “E’ importante partecipare a questa mobilitazione per dire chiaramente che la scuola e la Costituzione sono pilastri fondamentali della vita democratica del Paese”, scrivono Fabrizio Castellari e Silvia Sassi, rispettivamente segretario e responsabile Scuola del Pd imolese. In casa Cgil anche la Flc aderisce alla manifestazione: “Respingiamo con sdegno e con forza l’attacco alla Costituzione


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE che sistematicamente viene sferrato dal presidente del Consiglio”, recita una nota. “I temi della valorizzazione del sapere e della conoscenza, della difesa del ruolo centrale della scuola pubblica, il valore e il riconoscimento del lavoro svolto dagli insegnanti, della liberta’ di informazione, del rispetto per le istituzioni- continua la nota- sono il cuore pulsante della nostra democrazia”. (Com/Pam/ Dire) 18:02 10-03-11 NNNN

(ER) ENERGIA. RINNOVABILI, IDV: POLITICA GOVERNO INACCETTABILE BARABATI: BLOCCARE IL DECRETO CHE TAGLIA FONDI A FOTOVOLTAICO (DIRE) Bologna, 10 mar. - Anche l’Italia dei valori si unisce al Pd in Regione per chiedere di bloccare il decreto del Governo sulle energie rinnovabili. “È inaccettabile- scrive la capogruppo di viale Aldo Moro, Liana Barbati, in una nota- il fatto che questo Governo abbia stretto accordi con personaggi del calibro di Gheddafi per favorire gli interessi personali dei soliti noti e delle lobby petrolifere, e al contempo faccia di tutto per tagliare le gambe a un settore come quello delle energie rinnovabili che, solo in Emilia-Romagna, genera migliaia di posti di lavoro e rappresenta una delle maggiori opportunita’ per il futuro delle prossime generazioni, sia dal punto di vista economico che ambientale”. Per la dipietrista e’ “evidente l’intento del Governo Berlusconi di sabotare un’industria, l’unica in tutta l’economia italiana, che si dimostra in forte crescita per fatturato, posti di lavoro e utili, per sostenere invece gli interessi delle lobby petrolifere e per lasciare spazio al folle progetto di reintrodurre l’energia nucleare in Italia”. E “a tal proposito, ribadiremo anche con il referendum il nostro secco no a questa politica energetica scellerata”, conclude Barbati. (Com/Red/ Dire) 18:11 10-03-11 NNNN

15


16

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE

RINNOVABILI: PD E IDV, GIU’ LE MANI DAL FOTOVOLTAICO RISOLUZIONE IN REGIONE E-R, GOVERNO MODIFICHI IL DECRETO (ANSA) - BOLOGNA, 10 MAR - Ancora critiche per il decreto del Governo sulle energie rinnovabili: venti consiglieri regionali del Pd hanno depositato una risoluzione che esprime ‘’forte preoccupazione per l’approvazione del decreto legislativo di attuazione della direttiva europea (2009/28/CE) sulla promozione dell’uso di energia da fonti rinnovabili’’, che ‘’rendera’ molto difficile il perseguimento degli obiettivi europei’’. Una risoluzione condivisa dall’Idv: ‘’concordiamo con il Pd sottolinea la capogruppo dipietrista Liana Barbati - sulla necessita’ di un intervento della Giunta regionale per sollecitare il Governo a bloccare quanto prima lo schema di decreto legislativo approvato il 3 marzo, che taglia i fondi a sostegno dell’energia fotovoltaica’’. Gli obiettivi Ue indicano per l’Italia il raggiungimento nel 2020 del 17% di energia prodotta da fonti rinnovabili, ma il decreto ‘’non consentira’ di ridurre la dipendenza da fonti energetiche tradizionali - prosegue la risoluzione Pd - e mettera’ in crisi uno dei pochi settori floridi della nostra economia, segnando pesantemente il destino di migliaia di aziende, imprenditori e lavoratori’’. Il Pd invita cosi’ a rispettare le indicazioni della Conferenza delle Regioni, ‘’correggendo storture e sottovalutazioni e riaprendo il dialogo con le istituzioni e le parti economiche interessate’’, per dare ‘’certezze ad un settore che non puo’ essere lasciato senza direttive chiave e programmazioni certe fino al 30 aprile’’, data indicata per l’emanazione di nuove norme sulle misure di sostegno, concedibili pero’ dopo il 31 maggio, con ‘’enormi ripercussioni sulla filiera imprenditoriale delle rinnovabili’’. Secondo la Barbati ‘’appare evidente l’intento del Governo Berlusconi di sabotare un’industria, l’unica in tutta l’economia italiana, che si dimostra in forte crescita per fatturato, posti di lavoro e utili, per sostenere invece gli interessi delle lobby petrolifere e per lasciare spazio al folle progetto di reintrodurre l’energia nucleare in Italia, che, diversamente da quanto vogliono farci credere, non e’ economica, non e’ sostenibile e non e’ rinnovabile: ribadiremo anche con il referendum il nostro secco No a questa politica energetica scellerata’’. (ANSA). SE


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE 10-MAR-11 18:19 NNNN

(ER) TEATRO COMUNALE BOLOGNA. UN AIUTO ARRIVA DA COMMERCIALISTI ORDINE FORMERÀ GRATIS GLI AMMINISTRATIVI DELLA FONDAZIONE LIRICA (DIRE) Bologna, 10 mar. - Un primo aiuto per il Teatro comunale di Bologna arriva dai commercialisti. L’incontro del 28 febbraio scorso tra il presidente dell’Ordine bolognese, Gianfranco Tomassoli, e il sovrintendente Francesco Ernani ha subito prodotto frutti. L’Ordine dei commercialisti si e’ impegnato a formare e riqualificare gratuitamente gli amministrativi del Teatro comunale, per “fornire loro gli strumenti tecnici necessari che li metteranno in condizioni di far fronte a questa situazione difficile” e soprattutto di “riacquistare credibilita’ nei confronti degli interlocutori economici con i quali si interfacciano quotidianamente”. I commercialisti si sono anche impegnati a sensibilizzare i propri iscritti perche’ destinino il 5 per mille all’ente lirico bolognese. “Abbiamo risposto senza indugi alla chiamata di Ernaniafferma Tomassoli in una nota- perche’ consideriamo quantomeno doveroso un nostro contributo per risollevarne le sorti. I commercialisti, con le loro competenze, sono i professionisti piu’ deputati di tutti a fiancheggiare il Teatro comunale in questa situazione di difficolta’ economica”. Il presidente dell’Ordine confida quindi che “la nostra collaborazione possa fare da volano e coinvolgere, gradualmente, tutto il tessuto del professionismo locale”. Insomma, “il ghiaccio e’ rottosottolinea Tomassoli- e il dialogo e’ aperto. Stiamo lavorando per trovare la migliore delle soluzioni possibili”. Nelle prossime settimane sono in programma altri incontri con Ernani. Nel frattempo il consigliere provinciale dell’Idv, Paolo Nanni, si complimenta con il commissario di Bologna, Anna Maria Cancellieri, per la proposta di una legge nazionale per salvare il Teatro comunale. Secondo Nanni e’ l’unica soluzione e Cancellieri “l’ha capito” al contrario di chi “si e’ limitato a chiedere un’inattuabile legge regionale o un contentino dalla Provincia”. (Com/San/ Dire) 18:56 10-03-11 NNNN

17


18

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE

GRILLINI TORNA AL MATTARELLO, E’ RELATORE LEGGE PER SFOGLINE PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO PER TUTELARE ANTICO MESTIERE (ANSA) - BOLOGNA, 10 MAR - Franco Grillini, storico leader del movimento gay che anni fa promosse piu’ di una iniziativa brandendo il mattarello a tutela del difficile mestiere di ‘sfoglina’, oggi mette a frutto la sua esperienza anche in qualita’ di consigliere regionale: la commissione Politiche economiche, di cui e’ presidente, lo ha designato all’unanimita’ relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per la valorizzazione e la promozione della sfoglia emiliano-romagnola e disciplina della relativa professione’. Si tratta di una proposta da inviare al Parlamento, perche’ i mestieri sono di competenza nazionale. ‘’Quello di sfoglina o sfoglino - precisa - e’ un mestiere che esiste da cinquecento anni, ma non e’ mai stato riconosciuto al punto da creare notevoli problemi per chi lo esercita, soprattutto gli aspetti tra produzione artigianale e sanita’ pubblica’’. Grillini, che intende ascoltare in Regione ‘’gli operatori del settore e le imprese interessate’’, punta cosi’ a ‘’salvaguardare un’importante tradizione storica del nostro territorio, favorendo contemporaneamente lo sviluppo di nuove imprese alimentari e il turismo enogastronomico’’. (ANSA). SE 10-MAR-11 16:56 NNNN

ESERCITAZIONE IN SCUOLA DEL BOLOGNESE SU CUI CADDE AEREO NEL 1990 MORIRONO 12 STUDENTI. E’ PROVA DI CORSO SPERIMENTALE (ANSA) - BOLOGNA, 10 MAR - Una scelta non casuale ma per esprimere ‘’un forte valore simbolico perche’ proprio in questo istituto e’ ancora viva la ferita insanabile’’. Quella della tragedia che il 6 dicembre 1990, quando un aereo militare precipitando sull’istituto Salvemini di Casalecchio di Reno, nel Bolognese, uccise 12 alunni di 2A e ‘’mise alla prova tutti, studenti e insegnanti, nel gestire l’evacuazione dall’edificio colpito’’. Cosi’ l’assessore provinciale all’Istruzione, Giuseppe De Biasi, partecipando alla simulazione di evacuazione dell’edificio scolastico dell’Istituto (la sede nel frattempo e’ stata spostata in un altro edificio, ndr) che oggi ha coinvolto circa 950 studenti, e 125 persone fra docenti e personale in


Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE servizio. Alla simulazione ha partecipato anche il sindaco di Casalecchio, Simone Gamberini. L’operazione e’ stata organizzata nella sperimentazione - prima in Italia - di un corso per personale docente, Ata e studenti sulle tecniche di evacuazione di massa da edifici scolastici della Protezione Civile, che si e’ appena svolto nell’Istituto, organizzata dalla Provincia con l’Unione Nazionale Arma Carabinieri ed esperti del settore. Durante la simulazione sono state attuate tutte le variabili pianificate, mettendo in atto i comportamenti adatti a emergenze come terremoto, incendio, collasso delle strutture e alluvioni. Particolare attenzione e’ stata data alla gestione del panico e all’aiuto ai disabili. Sono stati simulati il trasporto di infortunati, percorsi di fuga interrotti (con conseguente scelta di nuove soluzioni) e situazioni di affollamento. I cani addestrati anti-calamita’ hanno simulato la ricerca di persona rimasto nella struttura. Per De Biasi la sicurezza e’ un concetto che bisogna introdurre sui banchi di scuola perche’ diventi non solo un automatismo comportamentale, ma anche perche’ predispone i giovani ‘’ad un’attenzione consapevole nei confronti del rispetto delle norme di tutela della propria incolumita’ sul posto di lavoro’’. (ANSA). BNT 10-MAR-11 17:00 NNNN

(ER) SCUOLA BOLOGNA. SALVEMINI EVACUATO, MA SOLO PER SIMULAZIONE IL TEST HA COINVOLTO 950 STUDENTI E 125 TRA DOCENTI E DIPENDENTI (DIRE) Bologna, 10 mar. - Evacuati 950 studenti e 125 tra docenti e personale in servizio dell’Istituto Salvemini di Casalecchio. Ma solo per una simulazione, a cui hanno partecipato anche l’assessore provinciale all’Istruzione, Giuseppe De Biasi, e il sindaco di Casalecchio, Simone Gamberini. Nel corso del test sono stati messi in atto i comportamenti da assumere nei casi di emergenza (terremoto, incendio, collasso delle strutture, alluvioni, pericoli sanitari), con una particolare attenzione all’aiuto ai disabili e alla gestione di paura e panico. Presente anche personale cinofilo Unac con cani addestrati anti-calamita’. “Quello della sicurezza- sottolinea De Biasi- e’ un concetto che bisogna introdurre fin dai banchi di scuola. La scelta del Salvemini, poi, non e’ casuale. Proprio in questo istituto-

19


20

Rassegna Stampa Emilia Romagna del 11 - 03- 2011

AGENZIE ricorda l’assessore- il 6 dicembre 1990 una tragedia spezzo’ la vita di 12 giovani e mise alla prova tutti, studenti e insegnanti, nel gestire l’evacuazione dell’edificio colpito da un aereo militare impazzito”. L’operazione e’ stata organizzata nell’ambito della sperimentazione, prima del genere in Italia, di un corso informativo, formativo e di addestramento rivolto al personale docente e Ata e agli studenti.

SANITA’: ORLANDO CHIEDE CHIARIMENTI SU MORTE DONNA A MODENA (ANSA) - ROMA, 10 MAR - Il presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, Leoluca Orlando (Idv), ha chiesto all’Assessore alla Sanita’ della Regione Emilia Romagna, Carlo Lusenti, una relazione in merito alla morte di una donna che aveva appena subito l’estrazione di un dente del giudizio, presso uno studio dentistico di Modena. Loretta Bertoni, 61 anni, due giorni fa si era sottoposta all’intervento nello studio del suo dentista di fiducia, ma pochi minuti dopo essere uscita dall’ambulatorio, si e’ sentita male accasciandosi sul marciapiede. Trasportata all’ospedale di Baggiovara, la donna e’ morta due ore dopo. La Procura ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia che servira’ a stabilire se sia stato l’intervento in anestesia locale a provocare il decesso. Il dentista e’ ora indagato per omicidio colposo. ‘’In questo, come in altri casi di presunta malasanita’, la Commissione d’inchiesta che presiedo, senza pregiudizio per le indagini in corso - ha commentato il Presidente Orlando intende acquisire ogni dato utile a valutare se il dentista abbia operato correttamente e se, nell’episodio denunciato, siano state riscontrate eventuali criticita’ funzionali e organizzative tali da determinare il verificarsi dell’evento. Nella lettera inviata all’Assessore Lusenti abbiamo inoltre chiesto notizie in ordine ad iniziative amministrative, di tipo sanzionatorio e/o cautelare, assunte a fronte di eventuali responsabilita’ individuali. La documentazione acquisita - ha concluso Orlando - sara’ valutata per ulteriori adempimenti di competenza’’.


Rassegna stampa regionale del 11-03-2011