Page 1

LUGLIO 2018

IDROTIRRENA

FESTEGGIA

FATTURAZIONE ELETTRONICA

DISTRIBUZIONE ARIA CANALIZZATA

LE REGOLE SULLA VERIFICA DI TENUTA DEGLI IMPIANTI A GAS


La Spezia

Norcia

La Spezia (SP)

Via Sardegna, 11 Tel. 0187 1740225 Fax 0187 1740228 banco.laspezia@itfspa.it

Norcia (PG)

Via della Stazione, 27 tel. 0743 817906 Fax 0743 824334


Editoriale TREND POSITIVO DEL MERCATO

IDROTERMOSANITARIO +3,40 PERCENTO RISPETTO ALL’ ANNO PRECEDETE

Sommario Luglio 2018

Attualità

SI FESTEGGIA NELL’ANNO IN CORSO IL VENTENNALE IDROTIRRENA

4 L’Osservatorio Vendite di ANGAISA (Associazione Nazionale Commercianti Articoli Idrosanitari, Climatizzazione Pavimenti, Rivestimenti ed arredo bagno), che periodicamente monitora l’attività dei rivenditori associati ed elabora i dati relativi al mercato Italia, ha rilevato anche per il primo trimestre del 2018 un incremento del mercato idrotermosanitario del +3,40 percento rispetto allo stesso periodo di osservazione dell’anno precedete, a sua volta nel 2017 si rilevava un incremento del +4,99%. Estendendo l’analisi agli ultimi 12 mesi si evidenzia, sempre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, un incremento del + 3,77%, a dimostrazione di un’ulteriore conferma di un processo di stabilizzazione e di lento recupero del mercato in atto da un paio d’anni a questa parte. Suddetti dati sono riferiti su base nazionale, analizzando le singole realtà regionali si individuano situazioni discordanti, per alcune regioni gli incrementi sono positivi con punte anche dell’8%, mentre per altre si registrano valori negativi, ma in generale, in entrambe le situazioni, il trend è positivo rispetto al passato. Per una visione globale è doveroso anche uno sguardo all’andamento del mercato edilizio, precettore di un movimento che con una certa latenza si rispecchia anche nel settore idrotermosanitario. Anche in campo di compravendite immobiliari i dati sono positivi +4,9% nel 2017, certo molto distanti dai valori riscontrati nei primi anni 2000, ma comunque un mercato che è in aumento, ripresa iniziata da circa tre anni, accompagnata da una discreta condizione del mercato del credito, che fa bene sperare anche per gli anni a venire. In controtendenza i prezzi degli immobili continuano a calare. A livello nazionale i valori delle case sono diminuiti dello 0,2%, segni positivi si registrano solo nei capoluoghi con più di 250 mila abitanti, come Firenze dove la risalita dei prezzi ha un trend consolidato. Le nuove costruzioni sono praticamente un ricordo del passato, a vantaggio di un imponente mercato di ristrutturazioni che mostra un trend positivo da ormai qualche anno, al riguardo i benefici e le detrazioni fiscali hanno permesso lo sviluppo di questo settore. L’aumento di confort richiesto dall’utente, la sensibilizzazione verso l’utilizzo di fonti ad energia rinnovabile, l’avanzare di nuove tecnologie che garantiscono costi di esercizio minori anche a discapito di elevati costi di impianto, ha spinto e sta spingendo il mercato delle ristrutturazioni a incrementi di fatturato notevoli. Da non sottovalutare che per opportunità e necessità questo è un mercato alimentato anche dalla necessità di mettere a reddito seconde case che mentre fino a qualche anno fa potevano essere lasciate in disuso, oggi ciò sta diventando insostenibile. In questo quadro generale di forte spinta verso la ristrutturazione del patrimonio edilizio, con uno sguardo rivolto anche all’efficientamento degli impianti termici e l’inserimento di impianti di climatizzazione estiva, non possiamo far altro che ipotizzare anche che il trend positivo del mercato idrotermosanitario, oggi rilevato, si protrarrà, rinforzandosi, con incrementi interessanti sia nell’immediato che negli anni a venire.

È datata 29 Settembre 1998 la fondazione del gruppo Idrotirrena

7

In primo piano

FATTURAZIONE ELETTRONICA Alcuni dettagli di come funziona la fatturazione elettronica

NUOVI MODULI PER DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ GAS

8

Il MITSUBISHI MOBILE STORE IN TERMOMARKET Un’ innovativa gamma di prodotti a disposizione della clientela

RB CHALLENGE E ARTEBAGNO Due eventi dedicati al divertimento e alla progettazione

9

I CORSI DI IDROTIFORMA Una nuova sessione di corsi per ottenere nuovi patentini

ITF ALLARGA I CONFINI E SBARCA A LA SPEZIA Due eventi dedicati al divertimento e alla progettazione

GARA DI GOLF, V OPEN GRUPPO MARTINELLI Un appuntamento per gli amanti del golf che quest’anno si svolgerà il 1 Luglio 2018

10

Impiantistica

DISTRIBUZIONE ARIA CANALIZZATA Glii impianti che garantiscono una sanificazione dell’aria che respiriamo

Il prodotto

13 14

MITSUBISHI ELECTRIC SISTEMI VRF - HVRF CITY MULTI “NEXT STAGE” YNW La nuova gamma “Next Stage” raggiunge livelli di efficienza al top

Normativa

LE REGOLE SULLA VERIFICA DI TENUTA DEGLI IMPIANTI A GAS Linee guida per la verifica e per il ripristino della tenuta di impianti interni

HYDRA è disponibile anche on-line sul sito www.hydraclub.org

3


Attualità

SI FESTEGGIA NELL’ANNO IN CORSO IL VENTENNALE IDROTIRRENA È DATATA 29 SETTEMBRE 1998 LA FONDAZIONE DEL GRUPPO IDROTIRRENA

IDROTIRRENA

FESTEGGIA

È datata 29 settembre 1998 la fondazione del gruppo voluta da Roberto Martinelli, Paolo e Sirio Lena e Angelo Bernardini.

4

A quell’epoca CLLAT di Altopascio e Lena di Livorno si unirono al Gruppo Martinelli, che operava su Lucca e la Garfagnana, in un progetto nuovo ed unico per il settore. Ci si proponeva di integrarsi nella scelta dei partners fornitori acquisendo da loro condizioni commerciali univoche, cosa impensabile per il periodo, se consideriamo che le tre aziende, a livello di vendita, andavano anche se parzialmente a sovrapporsi.

Dopo i primi anni di convivenza e soddisfazione professionale, i vecchi fondatori hanno invitato al loro tavolo, con reciproca soddisfazione, Termomarket (Firenze) andando a gettare le basi per l’inizio del processo di espansione territoriale verso l’area nord della Toscana, la struttura si dotò del direttore generale Marcello Bianchini e successivamente si ebbe l’ingresso di Ticchioni (Perugia) e Scarpellini (Pisa). Nel 2004 sì è costituita l’Idrotirrena Commerciale, una nuova società che ha iniziato ad operare con un primo punto vendita ad Arezzo, per poi aprire punti vendita anche su Grosseto e più recentemente a Montevarchi.

Filiale Lena di Piombino

Filiale Termomarket di Bronzino

Nel contempo si voleva creare una sinergia che andasse ad individuare nella neonata Idrotirrena, un punto di riferimento del settore idraulico nelle province di Lucca e Livorno, ma con l’obiettivo, o tramite acquisizione di nuovi associati o tramite apertura di nuovi punti vendita, di estendere la strategia a tutto il territorio toscano. Aziende che, se prima erano considerate concorrenti sul mercato, con l’avvento di Idrotirrena si sono trasformate in aziende associate che, nella concretezza del lavoro quotidiano, si sono unite per ottenere un risultato comune.

I punti vendita sono passati da sette agli attuali quarantanove, dimostrazione di un tangibile successo dell’idea iniziale. L’evoluzione del mercato di questi venti anni ha insinuato parecchie difficoltà che il gruppo ha affrontato e superato in maniera egregia, altre difficoltà probabilmente ce le dovremmo aspettare per il prossimo futuro, sia per la complessità del mercato che per gli aspetti


normativi che evolvono continuamente, ma la struttura si è solidificata nel tempo affiancando ai punti vendita anche servizi aggiuntivi di formazione e informazione per i propri clienti, a dimostrazione del forte temperamento della struttura di affrontare, risolvere e prevenire potenziali difficoltà. Quest’anno, 2018, Idrotirrena ha voluto festeggiare l’importante traguardo raggiunto con tutti i propri clienti organizzando giornate promozionali per l’acquisto di merce a prezzi vantaggiosi. La prima giornata si è svolta a maggio e una seconda è in previsione, all’interno dei magazzini i clienti hanno potuto constatare la forza di Idrotirrena e quanto la sua presenza sia impostante e coesa su tutto il territorio toscano, umbro e ligure. Idrotirrena è stata orgogliosa di aver avuto l’occasione di festeggiare con tutti i propri clienti, sperando di poter far fronte alle loro esigenze sia nell’immediato che nel lungo periodo. Filiale Lena di Livorno Nord

Filiale Lena di Isola d’Elba

Filiale Lena di Venturina

Filiale Termomarket di Bagno a Ripoli

Nell’anno del ventennale Idrotirrena il direttore generale del gruppo, Marcello Bianchini, si è ritirato in pensione, traguardo conquistato con impegno e deduzione. A valle di un esperienza in Union, Marcello entrò come direttore generale in Idrotirrena nell’aprile 2001 contribuendo ben 17 anni alla crescita e al successo del gruppo Idrotirrena. I soci e collaboratori tutti, con affetto, lo salutano e gli augurano di portare avanti i desideri rimasti nel cassetto.

UN SALUTO IN POESIA di Giancarlo Lena

Cari amici der gruppo nostro che si ‘iama Idrotirrena, ir mi’ pensiero è anche ir vostro siamo ancora sulla scena. Siamo pochi, boni e belli ma si ‘ontinua a fa’ sfracelli. Filiale Termomarket di Sesto F.no

Un sonetto ho dedicato al nostro gran cerimoniere: quanto tempo è passato, ma ora su il bicchiere per un brindisi a Marcello, che ormai è come un fratello. E’ arrivato ir momento dei ricordi e dei saluti, con le rime mi cimento e siete tutti benvenuti. Sì ragazzi, è stato bello, un grazie immenso a Marcello. Filiale Termomarket di Via Grosseto (FI)

5


COMFORT ALWAYS ON

OGNI GIORNO, L’ACQUA CALDA COSTA LA METÀ

A

LYDOS HYBRID IL PRIMO SCALDACQUA ELETTRICO CON TECNOLOGIA IBRIDA IN CLASSE A

SEMPLICITÀ INSTALLATIVA

100%

PERFETTA COMPATIBILITÀ CON GLI ATTACCHI DEI PIÙ DIFFUSI SCALDACQUA TRADIZIONALI

FATTO PER DURARE

STAFFE DI ANCORAGGIO

100%

ALTA EFFICIENZA

GARANTITO DA ARISTON

100%

DETRAZIONE FISCALE 50%

i-MEMORY

VERIFICATO E TESTATO

CONNESSIONI IDRAULICHE

SCALDACQUA TRADIZIONALE LYDOS HYBRID 80

ACQUA CALDA | RISCALDAMENTO | RINNOVABILI | CLIMATIZZAZIONE

0732.633528

ariston.com


In primo piano FATTURAZIONE ELETTRONICA

ALCUNI DETTAGLI DI COME FUNZIONA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

A seguito della legge di bilancio 2018 in Italia le fatture elettroniche entreranno in vigore a partire dal prossimo primo luglio per le cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori e per le prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nel quadro di un contratto di appalto di lavori pubblici. E’ in fase di approvazione un decreto legge che rinvia l’obbligo di fatturazione elettronica nella cessione dei carburanti al primo gennaio 2019. A partire dal 1° gennaio 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica sarà esteso a tutte le fatture aventi ad oggetto cessioni di beni e prestazioni di servizi, anche verso privati. Non vi è obbligo di emettere la fattura elettronica nei confronti di soggetti non residenti, sia comunitari che extracomunitari, non identificati ai fini IVA nel territorio nazionale. Le pubbliche amministrazioni accettano le fatture elettroniche dal 31 marzo 2015. L’agenzia delle entrate con la circolare n.8 del 30 aprile 2018, ha chiarito le modalità operative in Disponibile sul sito dell’Agenzia tema di fatturazione e delle Entrate il servizio per pagamento delle cessioni generare il QR-Code, il “biglietto di carburanti, e con da visita” digitale con tutti i dati apposito Provvedimento relativi alla propria partita IVA, e sono state stabilite le quello per registrare l’indirizzo “Regole tecniche telematico prescelto su cui per l’emissione e la ricevere le fatture elettroniche. ricezione delle fatture elettroniche”. Le fatture elettroniche dovranno essere prodotte in un formato digitale chiamato “XML”, ovvero un linguaggio marcatore basato su un meccanismo sintattico (insieme di regole base) che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento. Caratteristica fondamentale dell’ XML è quella di occuparsi del contenuto dell’informazione e non la sua rappresentazione.

Il contenuto della fattura, che dovrà essere firmato digitalmente, è composto dalle informazioni rilevanti ai fini fiscali e dai dati, come il codice destinatario, finalizzati alla corretta trasmissione della fattura al soggetto destinatario attraverso il Sistema di Interscambio: codice identificativo o indirizzo di posta certificata. Il sistema di Interscambio, gestito dall’Agenzia delle Entrate, è un sistema informatico in grado di ricevere le fatture (sotto forma di file XML), effettuare controlli sui file ricevuti e inoltrare le fatture al destinatario; non ha compiti relativi all’archiviazione e conservazione, sviluppa solo una funzione di controllore. La trasmissione del file verso il sistema di Intercambio (SDI) può essere effettuato attraverso la posta certificata o attraverso sistemi di trasmissione telematici gestiti direttamente dall’agenzia delle entrate o da specifici sistemi di trasmissione dati. Il sistema di interscambio, una volta effettuate le verifiche previste, trasmette al destinatario la fattura tramite posta elettronica certificata o altro sistema di trasmissione accreditato. Le modalità di invio e ricezione della fattura sono quindi dettagliatamente definite, ogni fattura passerà attraverso il sistema di interscambio nel quale confluiranno tutti i documenti, permettendo all’amministrazione finanziaria di conoscere in tempo reale i dati relativi alle operazioni rilevanti ai fini dell’IVA, in modo da eseguire tempestivi controlli automatici per accertare la coerenza tra gli importi IVA dichiarati e quelli versati. La decorrenza della nuova modalità è praticamente imminente, considerato l’impatto pratico sarà opportuno non sottovalutare tale cambiamento e iniziare sin da subito a definire l’impostazione che possa essere la più adatta alle proprie esigenze, nel rispetto dei termini e degli adempimenti fiscali. Il presente articolo si conclude sul Blog Hydra Club dove si è cercato di rappresentare il processo visualizzando il contenuto originale di una fattura elettronica e il contenuto elaborato attraverso un sistema di formattazione della fattura stessa.

NUOVI MODULI PER DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ GAS A maggio 2018 sono state aggiornate le linee guida CIG, di aiuto per la compilazione delle dichiarazioni di conformità e degli allegati tecnici obbligatori per impianti alimentati a combustibile gassoso. Le linee guida intendono fornire un contributo agli operatori del settore gas per la generazione della documentazione tecnica da fornire a corredo degli impianti, siano essi di nuova realizzazione che sottoposti ad interventi di manutenzione straordinaria. Rispetto alle precedente edizione, in quest’ultimo aggiornamento, sono state introdotte schede tecniche che unificano gli elaborati a vantaggio di una maggior chiarezza, sia per chi le deve interpretare che per chi le redige. La nuova impostazione, subito da un primo impatto, risulta chiara e ben organizzata, la scheda materiali e componenti suddivide con chiarezza la parte esterna e interna

all’unità immobiliare, dedicando anche un’apposita sezione all’interno di parti comuni. Sufficientemente esplicative anche le schede apparecchi, sistemi fumari e schede a corredo. Degne di nota sono anche le istruzioni alla compilazione dei singoli punti delle schede, che curate nei minimi particolari, esemplificano in maniera esaustiva, le modalità di compilazione. Non mancano un paio di esempi di dichiarazione che eseguiti in entrambi i metodi, compilazione a schede e compilazione a sezioni, confrontano diverse modalità di compilazione di allegati obbligatori per uno stesso impianto. Nella sezione MODULISTICA di Hydra Club è possibile scaricare il nuovo format per allegati obbligatori dichiarazione di conformità, comprensivo del modello ministeriale.

7


Il Il MITSUBISHI MITSUBISHI MOBILE MOBILE STORE STORE IN TERMOMARKET IN IN TERMOMARKET TERMOMARKET

UN’ INNOVATIVA GAMMA DI PRODOTTI A DISPOSIZIONE DELLA CLIENTELA UN’ UN’ INNOVATIVA INNOVATIVA GAMMA GAMMA DI DI PRODOTTI PRODOTTI A A DISPOSIZIONE DISPOSIZIONE DELLA DELLA CLIENTELA CLIENTELA Grande successo per la presenza del MITSUBISHI MOBILE STORE Grande per MITSUBISHI MOBILE STORE Grandelasuccesso successo per la la presenza presenzadidel del presso Filiale TERMOMARKET ViaMITSUBISHI Barazzuoli a MOBILE Firenze. STORE presso la Filiale TERMOMARKET di Via Barazzuoli a Firenze. presso la Filiale TERMOMARKET di Via Barazzuoli a Firenze.

climatizzazione e, soprattutto, ha dato l’opportunità di accedere a climatizzazione e, soprattutto, ha di a climatizzazione soprattutto, ha dato dato l’opportunità l’opportunitàche, di accedere accedere tutta una serie die,iniziative economico-commerciali sempre dia tutta una serie di iniziative economico-commerciali che, sempre di tuttasono una gradite serie dialiniziative più, mercato.economico-commerciali che, sempre di più, più, sono sono gradite gradite al al mercato. mercato. Piacevole conclusione con l’aperitivo svoltosi la sera del 7 giugno, Piacevole conclusione con l’aperitivo svoltosi la 7 Piacevole conclusione cone cordiale, l’aperitivoabbiamo svoltosi brindato la sera sera del del 7 giugno, giugno, dove in maniera informale al successo dove in maniera informale e cordiale, abbiamo brindato al successo dove maniera informale abbiamo brindato al a successo di unainmanifestazione che, ecicordiale, auguriamo, potremo ripetere breve. di di una una manifestazione manifestazione che, che, ci ci auguriamo, auguriamo, potremo potremo ripetere ripetere aa breve. breve.

Per quindici giorni, Per quindici giorni, Per quindici giorni, dal 25 Maggio all’ 8 Giugno, dal 25 Maggio all’ 8 Giugno, dal 25 Maggio all’ 8 Giugno, I migliori tempi delle due la clientela ha potuto accedere la clientela ha potuto accedere la clientela ha potuto accedere classifiche locali alla struttura che, in un ambiente alla struttura che, in un ambiente alla struttura che, in un ambiente climatizzato ee confortevole climatizzato climatizzato e confortevole confortevole LENA Venturina 19 aprile 2018 di circa 20 mq, ha permesso di circa 20 mq, ha permesso di visionare circa 20 mq, haracerName permesso raceTime di l’innovativa gamma di visionare l’innovativa gamma di visionare l’innovativa gamma dei prodotti professionali 1° Mirko Becorpi 1:38.420 dei prodotti deiMITSUBISHI prodotti professionali professionali di ELECTRIC. 2° Andrea Falorni 1:38.619 di di MITSUBISHI MITSUBISHI ELECTRIC. ELECTRIC.

3° Simone

Mastroleo

I prodotti esposti, tutti dotati di etichetta energetica e di scheda II prodotti esposti, tutti di etichetta energetica ee di scheda prodotti tutti dotati dotati etichetta energetica di da scheda tecnica di esposti, presentazione, oltre di che visibili su due monitor 40” tecnica di presentazione, oltre che visibili su due monitor da tecnica di presentazione, oltre che visibili su due monitor da 40” 40” con filmati in loop, sono stati supportati nella loro spiegazione con filmati in loop, sono stati supportati nella loro spiegazione con fi lmati in loop, sono stati supportati nella loro spiegazione dal personale dell’Agenzia che, con la consueta preparazione dal personale che, con preparazione personale dell’Agenzia dell’Agenzia con la la consueta consueta preparazione edal professionalità, ha contribuitoche, ad accogliere la clientela. ee professionalità, ha contribuito ad accogliere la clientela. professionalità, ha contribuito ad accogliere la clientela.

1:42.397

La presenza inoltre della Sig.ra Maria Sole Lunati, responsabile del La inoltre della Sig.ra Lunati, responsabile del La presenza presenza inoltre dellaPROFESSIONAL Sig.ra Maria Maria Sole Sole Lunati, responsabile del Nunzio Lucido MITSUBISHI ELECTRIC TEAM ha permesso a tutti MITSUBISHI ELECTRIC PROFESSIONAL TEAM ha permesso a tutti MITSUBISHI ELECTRIC PROFESSIONAL TEAM ha permesso a tutti gli interessati di ricevere informazioni sul progetto CLUB che, negli gli di informazioni sul progetto CLUB negli gli interessati interessati di ricevere ricevere CLUBdiche, che, negli ultimi due anni, ha datoinformazioni la possibilitàsula progetto tutti gli iscritti ricevere ultimi due anni, ha dato la possibilità a tutti gli iscritti di ricevere ultimi due anni, ha dato la possibilità a tutti gli iscritti di ricevere un’ampia serie di comunicazioni tecniche inerenti il settore della un’ampia un’ampia serie serie di di comunicazioni comunicazioni tecniche tecniche inerenti inerenti ilil settore settore della della

I migliori tempi delle due I migliori tempi classifiche localidelle due classifiche locali

Challenge Livorno RB aprile 2018 RB18 Challenge LENA Venturina 19 aprile 2018 LENA Venturina 19 aprile 2018 Name raceTime racerName raceTime e 19 aprile, nei punti vendita Lena di Livorno racerName raceTime e 19 aprile, nei punti vendita Lena di Livorno Mirko Becorpi 1:38.420 nzio RB nturina, si è Lucido svolto l’evento1:44.320 RB Challenge,E in ARTEBAGNO1° CHALLENGE 1° Mirko Becorpi 1:38.420 2° Andrea Falorni 1:38.619 nturina,RB si è svolto l’evento RB Challenge, in CHALLENGE E ARTEBAGNO borazione con Rubinetterie Bresciane. ssandro Cristiglio 1:45.004 DUE EVENTI DEDICATI AL DIVERTIMENTO EE ALLA PROGETTAZIONE 2° Andrea Falorni 1:38.619 DUE EVENTI DEDICATI AL DIVERTIMENTO ALLA PROGETTAZIONE 3° Simone Mastroleo 1:42.397 borazione con Rubinetterie Bresciane. E ALLA PROGETTAZIONE DUEcoinvolgenti, EVENTI DEDICATI ALhanno DIVERTIMENTO 3° Simone Mastroleo 1:42.397 giornate che visto er D'ascenzo 1:45.130 RB Challenge: il 18 e 19 aprilehanno si è svolto l’evento, giornate coinvolgenti, che visto

Challenge RB Challenge: ilRB 18 e di 19 aprile si svolto l’evento, vendita Lena diguida Livorno Venturina. ggiare,nei supunti un simulatore dieèFormula vendita diguida Livorno Venturina. ggiare,Due su diediFormula Ilnei 18 punti eun 19 simulatore aprile, nei Lena puntidi vendita Lena Livornodie Venturina, si Mirco Becorpi giornate coinvolgenti, in collaborazione Rubinetterie n nutrito gruppo di installatori, per èDue svolto l’evento RB clienti Challenge, in collaborazione con giornate coinvolgenti, in di Rubinetterie Rubinetterie Bresciane, che hanno visto gareggiare, su un simulatore di guida n nutrito gruppo hanno di clientigareggiare, installatori, per di guida Bresciane, su un simulatore re i piùdiBresciane. veloci1,che eunclassificarsi primi tre Formula nutrito visto gruppo di tra clientii installatori, per essere i più Nunzio Lucido Due giornate coinvolgenti, che hanno visto gareggiare, su i un re i più veloci classificarsi tra primi tre di Formula 1,eun nutrito gruppo clientiitempi installatori, per essere più veloci e classifi carsi tra i primi tre di migliori italiani. Nunzio Lucido ori tempi italiani. Anche se i partecipanti ai simulatore di guida di Formula 1, un nutrito gruppo di clienti veloci eseclassifi carsi tra i -primi tre migliori Anche i partecipanti ai quali vanno tempi i nostriitaliani. ringraziamenti per ori tempi italiani. Anche se i partecipanti ai installatori, essere i- più veloci eper classificarsi trameeting primi treLivorno Anche se i per partecipanti ai quali vanno i nostri ringraziamenti per avanno Livorno, nella nuova sala Lena,18 aprile in 2018 i nostri ringraziamenti essere essere intervenuti - non si sono classifi cati nelle prime treiLENA posizioni migliori tempi italiani. Anche se i condiviso partecipanti -essere ai quali i nostri vanno i nostri ringraziamenti per essere intervenuti - non si sono classifi cati una nelle primevanno tre posizioni LENA Livorno 18 aprile 2018 assolute, hanno sicuramente giornata ricca di racerName raceTime venuti -divertimento non si sono nelle prime tre ringraziamenti perclassificati essere intervenuti - non siuna sono classificati nelle assolute, hanno sicuramente condiviso giornata ricca di ng e Distribuzione SA e Pozzi Ginori, un workshop ed emozioni. racerName raceTime venuti -prime nontre si sono classificati nelle prime tre 1° Nunzio Lucido 1:44.320 posizioni assolute, hanno sicuramente una divertimento ed emozioni. ioni assolute, hanno sicuramente condivisocondiviso 1° Nunzio Lucido 1:44.320 giornata ricca di divertimento ed emozioni. 2° Alessandro Cristiglio 1:45.004 zioni assolute, hanno sicuramente condiviso bagno dalla all’arredo. Tecnologie, I migliori tempi delleprogettazione classifi che locali: giornata ricca di divertimento ed emozioni. 2° Alessandro Cristiglio 1:45.004 3° Peter D'ascenzo 1:45.130 I migliori tempi delle classifiche locali: giornata ricca di divertimento ed emozioni. Lena Venturina - 19 Aprile 2018 - Mirko Becorpi - 1:38,420 3° Peter D'ascenzo luppato il tema del bagno, analizzandolo da diverse 1:45.130

arredo

LenaLivorno Venturina--18 19Aprile Aprile2018 2018--Nunzio Mirko Becorpi 1:38,420 Lena Lucido --1:44,320 Lena Livorno - 18 Aprile 2018 - Nunzio Lucido - 1:44,320

ci, a curaildibagno, Luca dalla Fasulo e Valentinaall’arredo Lombardi, sono rtebagno: progettazione rtebagno: bagno, dalla progettazione all’arredo Evento il Artebagno:

Nunzio Lucido Nunzio Lucido

Mirco Becorpi Becorpi MircoMirko Becorpi Mirko Becorpi

a progettazione intelligente che non fa rumore, Venerdì 11Artebagno: maggio è tenuto a Livorno, nella nuova sala meeting Lena, in ilEvento bagno,Artebagno: dalla progettazione all’arredo. Evento il si bagno, dalla progettazione all’arredo. Venerdì 11a Livorno, maggio è sala tenuto sala meeting Lena, in il bagno, dalla progettazione all’arredo. Venerdì 11 maggio si è tenuto nellasi nuova meetinga Livorno, nella nuova Venerdì 11 maggio si è tenuto aworkshop Livorno, nella collaborazione con Geberit Marketing e Distribuzione SA e Pozzi Ginori, un con Lena, Venerdì 11 maggio si è tenuto a Livorno, nella nuova sala meeting in collaborazione con Geberit con Marketing e Distribuzione SA e Distribuzione SA e Pozzi Ginori, un workshop collaborazione Geberit Marketing nuova sala meeting Lena, in collaborazione con collaborazione conrivolto Geberit SA rivolto agli architetti, daledalDistribuzione titolo bagno dalla progettazione all’arredo. Tecnologie, eLena, PozziinGinori, un workshop agliMarketing architetti, titolo “Il “Il bagno Geberit Marketing e Distribuzione SA e Pozzi aglirivolto architetti, daldaltitolo “Il bagno dalla progettazione all’arredo. Tecnologie, e di dalla e Pozzi Ginori,rivolto un workshop agli architetti, titolo “Il bagno progettazione all’arredo. Tecnologie, materiali e design». materiali e design». L’evento ha sviluppato il tema del bagno, analizzandolo da diverse Ginori, un workshop rivolto agli architetti, dal dalla progettazione all’arredo. materiali eha L’evento ha sviluppato il tema delTecnologie, bagno, analizzandolo da design». diverse materiali e design». L’evento sviluppato il tema del bagno, analizzandolo da diverse titolo “Il bagno dalla progettazione all’arredo. prospettive: con due interventi tecnici, a cura di Luca Fasulo e Valentina Lombardi, sono ento prospettive: L’evento ha sviluppato il tema del bagno, analizzandolo da diverse con due interventi tecnici, a cura di Luca Fasulo Tecnologie, materiali e design». prospettive: con dueainterventi tecnici, a cura di Luca Fasulo e Valentina Lombardi, sono con due interventi tecnici, cura di Luca Fasulo eprospettive: Valentina Lombardi, sono state affrontate le tematiche della progettazione state affrontate le tematiche della intelligente che non fa rumore, L’evento ha sviluppato il tema del bagno, n le progettazione e Valentina Lombardi, sono state affrontate le tematiche della intelligente che non fa rumore, l’approfondimento state affrontate le tematiche della progettazione intelligente non fa rumore, analizzandolo che da diverse prospettive: con nell’impianto tecnico - con progettazione intelligente non fa rumore, l’approfondimento delle tipologiedell’acustica di strutture che e dei valori di isolamento acustico due interventi tecnici, a cura di Luca Fasulo dell’acustica nell’impianto tecnico - con mart. per delle tipologiel’approfondimento di strutture e dei valoriristrutturazione didelle isolamento acustico - di concludersi con le soluzioni per una smart. tipologie e Valentina Lombardi, sono state affrontate per concludersi con le soluzioni per una ristrutturazione smart. l’approfondimento delle tipologie di le tematiche della progettazione intelligente la pausa lavori, i presenti hannovalori potuto apprezzare i prodotti strutture e dei di isolamento enti Durante che non fa rumore, dell’acustica nell’impianto la pausa lavori, i presenti hanno potuto apprezzare i prodotti eDurante gli allestimenti presentati nello showroom Lena Artebagno, soluzioni strutture e dei valori di isolamento tecnico - con l’approfondimento delle tipologie - showroom per concludersi con le e gli allestimenti presentati nello Lena Artebagno, innovative e diacustico design pensate per il professionista ed il soluzioni privato. acustico per concludersi con le a Artebagno, soluzioni innovative e di design pensate di strutture e dei valori di isolamento acustico per concludersi con le soluzioni per una ristrutturazione smart. innovativesi eè di design pensate perl’intervento il ristrutturazione professionista edco,il privato. L’evento quindi concluso scientifi asmart. cura soluzioni percon una Durante lasi pausa lavori, i presenti hanno potuto apprezzare i prodotti e gli allestimenti presentati nello showroom Lena Artebagno, L’evento è quindi concluso con l’intervento scientifi co, a cura dell’arch. Tomas Ghisellini, “Tomas Ghisellini architetti: progettare il soluzioni perpensate una ristrutturazione smart. soluzioni innovative e didell’arch. design per ilarchitetti: professionista ed il privato. L’evento si è quindi concluso con l’intervento scientifico, a cura cientifico, aTomas cura Tomas Ghisellini, Tomas Durante la pausa lavori, iprogettare presenti dell’arch. Ghisellini, “Tomas Ghisellini il futuro, il progetto della compatibilità cosciente”.

dell’arch. Tomas Ghisellini, “ Tomas Ghisellini Architetti ”: iprogettare il futuro, il progetto della compatibilità cosciente. Durante la pausa lavori, presenti futuro, il progetto della compatibilità cosciente”. dotti e gli allestimenti presentati nello showroom Lena Artebagno, soluzioni innovative e di design pensate dotti e88gli allestimenti presentati nello showroom Lena Artebagno, soluzioni innovative e di design pensate to. L’evento si è quindi concluso con l’intervento scientifico, a cura dell’arch. Tomas Ghisellini, Tomas 8 ato. L’evento si è quindi concluso con l’intervento scientifico, a cura dell’arch. Tomas Ghisellini, Tomas


I CORSI DI IDROTIFORMA

UNA NUOVA SESSIONE DI CORSI PER OTTENERE NUOVI PATENTINI

Patentino Frigoristi Idrotiforma promuove un ulteriore sessione per corso e prova d’esame finalizzata all’ottenimento della certificazione F-Gas FL3 Categoria I, “patentino frigoristi” secondo il DPR 43/2012. Ricordiamo che il patentino personale, unito alla certificazione aziendale, è obbligatorio per la predisposizione, installazione e manutenzione di impianti contenenti gas fluorurati, queste certificazioni sono necessarie per poter rilasciare una dichiarazione di conformità alla normativa vigente su impianti installati o modificati. Il corso ed esame si svolgeranno da mercoledì 18 a venerdì 20 luglio 2018 presso la sede di Idrotiforma a Guamo, Capannori (LU). Patentino saldatura polietilene Presso la sede di Guamo, a Capannori (Lu), è stato fissato per questo autunno un corso di qualifica di saldatura polietilene in conformità alla norma UNI 9737 per l’ottenimento della qualifica 3PE – 3.6 + 3.8. Processo di saldatura ad elettrofusione di giunti ottenuti con

manicotto (ad inserimento) di tubi e/o raccordi. L’indice 3.6 indica la saldatura per elettrofusione con diametro ≤ 315 mm, mentre il 3.8 indica la saldatura con metodo ad elettrofusione di selle, qualsiasi diametro. Il corso è previsto per l’ultima settimana di ottobre, al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti lo staff Idrotiforma è a disposizione attraverso il contatto mail info@idrotiforma.it

ITF ALLARGA I CONFINI E SBARCA A LA SPEZIA

UN’ ALTRA IMPORTANTE APERTURA IN LIGURIA A vent’anni dalla nascita della propria attività ecco un’altra importante meta raggiunta dalla società con l’apertura di una nuova filiale al centro del capoluogo di provincia ligure. Salgono perciò a sei i punti vendita della società che è nata sotto le Alpi Apuane, e che ha visto estendersi il proprio raggio d’azione negli anni collocando la seconda bandiera in Liguria.

Con il taglio del nastro avvenuto in data 14 maggio 2018, un ampio magazzino di 1000 mq rinnovato e ristrutturato è a disposizione degli installatori della zona. La filiale che ha la sede in via Sardegna 11, in località Bragarina a pochi passi dal cuore della città, è dotata di spazi ampi e confortevoli per la clientela e nasce in una zona importante e facilmente raggiungibile da ogni punto della Spezia. Ai ragazzi della filiale un grosso “in bocca al lupo” per questa avventura.

GARA DI GOLF, V OPEN GRUPPO MARTINELLI

UN APPUNTAMENTO PER GLI AMANTI DEL GOLF CHE QUEST’ANNO SI SVOLGERÀ IL 1 LUGLIO 2018 Anche quest’anno verrà svolto presso il Circolo Golf Club di Tirrenia il giorno 1 luglio 2018 l’ormai tradizionale appuntamento per gli amanti del Golf e sarà un’occasione per incontrare amici che si confronteranno sulle 18 buche di uno dei più affascinanti percorsi d’Italia. Il principio dello Spirit of the Game nel golf non deve essere intesa come una forma di distinzione di un’élite, come spesso si pensa quando si parla di questo sport, ma si riferisce alla considerazione nei confronti del prossimo e alla conservazione del campo. L’ignoranza delle regole può causare imbarazzo mentre la loro osservanza crea rispetto rendendo il gioco più divertente per tutti. Il golf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all’integrità dell’individuo nel dimostrare riguardo verso gli altri giocatori e nel rispettare le Regole. Tutti i giocatori dovrebbero comportarsi in modo disciplinato, dimostrando sempre cortesia e sportività, indipendentemente da quanto competitivi possano essere.

Questo è lo “Spirit of the game” del golf, questo è lo Spirito del Gruppo Martinelli che da oltre 120 anni è presente nel mercato dell’idrotermosanitario e arredobagno con serietà e correttezza. Al termine della gara verrà organizzata per tutti i partecipanti e gli ospiti un gran buffet.

9


Impiantistica

DISTRIBUZIONE ARIA CANALIZZATA

GLI IMPIANTI CHE GARANTISCONO UNA SANIFICAZIONE DELL’ARIA CHE RESPIRIAMO

Un sistema di ricambio d’aria che garantisce la salubrità dell’ambiente Sistemi di ventilazione meccanica puntiforme. Nell’ultimo numero di Hydra abbiamo trattato di ventilazione meccanica controllata, sistema di ricambio d’aria finalizzato a garantire la salubrità dell’ambiente attraverso l’estrazione dell’aria viziata dai locali di servizio (bagno, cucina, ripostiglio) e la reimmissione di aria pulita e filtrata negli ambienti nobili quali soggiorni, camere da letto, sale studio. Gli impianti più performanti di ventilazione meccanica sono in grado, nella stagione invernale, di recuperare il calore dell’aria estratta dai locali per cederlo passivamente all’aria di rinnovo in ingresso preriscaldandola. Nella stagione estiva il sistema offre la possibilità di recuperare l’energia frigorifera di un impianto di condizionamento aumentandone l’efficienza attraverso la funzione “free cooling”, sistema utilizzato per raffreddare gli ambienti tramite l’immissione, durante le ore notturne, di aria esterna fresca. Con la stessa filosofia di funzionamento dei sistemi più evoluti di ventilazione, stanno prendendo mercato sistemi di ventilazione meccanica puntuale che, a differenza del sistema completo, che incrocia i flussi entranti con quelli uscenti, recuperando il calore uscente, si limitano ad immettere aria esterna nelle zone nobili e ad estrarre aria interna dai locali di servizio. Questa tipologia di impianto non è dotata di sistemi di canalizzazione, necessita solo del foro sulle pareti esterne per posizionare le bocchette di estrazione/immissione, sistema che nella scala dell’efficienza energetica si pone poco sopra il sistema di ricambio aria manuale effettuato 10

attraverso la gestione degli infissi. Volendo incrementare l’efficienza della ventilazione meccanica puntuale, mantenendo il vantaggio dell’installazione senza sistema di canalizzazione, il mercato ha recentemente proposto sistemi di immissione/ estrazione puntuale a funzionamento intermittente. Il doppio funzionamento è garantito da un piccolo ventilatore che a intervalli di tempo prestabiliti inverte il flusso dell’aria.

Nel periodo invernale quanto il sistema è in fase di estrazione, un recuperatore di calore interno si carica energeticamente, accumulando calore nel pacco ceramico interno e rilasciandolo successivamente all’aria entrante nella successiva fase di immissione, ottenendo un vero e proprio preriscaldamento dell’aria immessa nel locale. L’alternanza abbastanza frequente della funzione immissione/estrazione permette al recuperatore di calore di raggiungere efficienze del sistema che variano dal 70% al 90%. Suddetti apparecchi, generalmente tramite sistema di controllo remoto, possono funzionare, oltre che in modalità alternata, in solo estrazione o solo immissione, ottenendo l’effetto “free cooling” già visto nel sistema di ventilazione meccanica controllata completo. La funzione principale dei recuperatori è quella di immagazzinare energia termica, dall’aria viziata presente nell’ambiente, trasferendola all’aria fresca e pura in ingresso, consentono un elevato risparmio energetico. Mediante l’azione combinata dei filtri con il pacco di


scambio energetico, vengono trattenute le polveri rinnovando così l’aria nel rispetto di una corretta percentuale di umidità, sia in estate che in inverno. I recuperatori possono essere dotati anche di un sistema igienizzante battericida che elimina i micro-organismi (batteri, virus, muffe), odori e composti organici volatili ripristinando i valori ottimali di ossigeno e di idrogeno. Un ultima interessante funzione di questi sistemi puntuali è la modalità di mantenimento umidità prescelta all’interno dell’ambiente, che mantiene il dispositivo in stand-by fino a quando l’aria dell’ambiente raggiungerà l’umidità preimpostata dall’utente, dopodiché entrerà in funzione regolando l’umidità sfruttando le caratteristiche di temperatura e umidità dell’aria esterna. La ventilazione meccanica puntuale effettua il ricambio d’aria sanificandola e al tempo stesso risolve i problemi di condensa superficiale che portano alla formazione di muffe. Gli interventi edilizi richiesti per l’installazione di apparecchi puntiformi sono estremamente modesti, la rapidità di installazione, e l’assenza di caratteristiche specifiche del sito di destinazione, rende l’intervento realizzabile su qualsiasi edificio, anche in esercizio.

parete, attraverso diffusori circolari, quadrati e lineari, tubi flessibili, e sistemi di coibentazione è possibile realizzare qualsiasi combinazione di impianto mantenendo elevato il rendimento e l’efficienza. Punto forza per l’installazione dei sistemi di climatizzazione sono i kit ideati per facilitare la messa in opera, dotati di tutti gli accessori necessari per canalizzare in maniera corretta l’aria prodotta dall’unità interna e distribuirla in modo ottimale in ogni singolo ambiente. Questi kit nascono anche con lo scopo di agevolare la scelta del prodotto completo, evitando errori nella selezione dei componenti. A corredo della rete di distribuzione e emissione sono disponibili svariati sistemi di regolazione, da innovativi cronotermostati con la centralina che permettono di comandare le serrande o con le bocchette motorizzate, permettono di ottenere il clima ideale in ogni zona.

Condizionamento con aria canalizzata. Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e la distribuzione di calore; in ambito residenziale si intende il sistema utilizzato per riscaldare ambienti abitativi o lavorativi. Qualora l’esigenza fosse quella di raffrescare l’ambiente, l’impianto dovrà essere in grado di fornire refrigerio attraverso un fluido termovettore quale acqua o aria. Il tipico impianto di riscaldamento è costituito da un sistema di caldaie e radiatori o pannelli radianti a pavimento, in ambito di riscaldamento/ raffrescamento residenziale spesso il sistema è costituito da split. Un impianto che permette il controllo della temperatura, dell’umidità relativa all’ambiente e che garantisca una buona qualità dell’aria è definito impianto di climatizzazione.

Per il controllo della purezza dell’aria ambiente l’impianto deve intervenire direttamente sull’aria (impianto aeraulico) garantendo la velocità dei flussi entro i limiti richiesti dal benessere degli occupanti. Gli impianti di questo tipo sono rivolti soprattutto agli edifici del cosiddetto settore terziario (ospedali, teatri, centri commerciali, uffici, banche, alberghi, ristoranti, etc.), ma oggi sempre di più utilizzati anche in ambito residenziale, a questa tipologia di distribuzione/emissione si allineano svariati sistemi di generazione. Particolare attenzione è stata posta in questi ultimi anni nello sviluppo di prodotti terminali con elevato contenuto estetico abbinato a tecniche di installazione veloci per agevolare l’installatore nella fase di posa e per eseguire un lavoro alla regola d’arte nel minor tempo possibile. In commercio sono disponibili bocchette di mandata e griglie di ripresa che si integrano perfettamente sia nei controsoffitti che in

La gestione della temperatura di ciascuna zona può essere controllata oltre che dai sistemi tradizionali, tramite rete di cablaggio, da centraline con i termostati in radiofrequenza che garantiscono affidabilità ed efficienza all’impianto, nonché rapidità di installazione. I diversi modelli di cronotermostati touch a parete ad incasso cablato con schermo retroilluminato risultano particolarmente eleganti con un design innovativo appositamente studiato per integrarsi perfettamente nel mondo arredo-casa. Tra i vantaggi di un impianto di climatizzazione canalizzato, oltre alla completa gestione del clima, va sicuramente annoverato l’aspetto estetico, che grazie alle limitate dimensioni del sistema di emissione agevola l’integrazione con l’ambiente, a differenza di altri sistemi di emissione a parete che rischiano di interferire sia con la linearità delle geometrie che con la disposizione degli arredi. Lo svantaggio principale è lo spazio da destinare alla rete di distribuzione, generalmente gestita attraverso l’utilizzo di un controsoffitto; un ulteriore disagio di un sistema ad aria (aeraulico), rispetto ad un sistema idronico, è nella maggior rumorosità, la quale però, se gestita sia in fase di progettazione che di installazione, non desta particolari problemi lasciando spazio a tutti i vantaggi del condizionamento con aria canalizzata. 11


L’arte giapponese la senti nell’aria. DA MITSUBISHI ELECTRIC UNA SERIE DI SOLUZIONI DEDICATE AI GRANDI EDIFICI Spazio alla qualità con tecnologia all’avanguardia e risparmio energetico. Scopri l’offerta completa di Mitsubishi Electric per riscaldamento, raffreddamento e produzione di acqua calda sanitaria, con soluzioni ideali per hotel, condomini, palazzi e attività di terziario. Una serie di impianti a basso impatto ambientale e alto risparmio energetico, con gestione e monitoraggio in remoto grazie al cloud. Innovazione, eco-sostenibilità ed esperienza per un comfort senza paragoni.

climatizzazione.mitsubishielectric.it


Il prodotto

MITSUBISHI ELECTRIC

SISTEMI VRF - HVRF CITY MULTI “NEXT STAGE” YNW LA NUOVA GAMMA “NEXT STAGE” RAGGIUNGE LIVELLI DI EFFICIENZA AL TOP

La nuova gamma “NEXT STAGE” dei sistemi VRF - HVRF CITY MULTI di Mitsubishi Electric Climatizzazione è stata completamente riprogettata nel design e con un layout ottimizzato per l’efficienza energetica. La gamma è, infatti, riprogettata sia nel layout (nuova batteria di scambio termico disposta su 4 lati) sia nella componentistica e raggiunge livelli di efficienza al top del mercato che consentono di ottemperare alla direttiva ErP già con i limiti del 2021. Il compressore, cuore del sistema di climatizzazione, è stato completamente riprogettato: per la prima volta viene introdotto un sistema di eliminazione della forza centrifuga ed un sistema di parzializzazione dei carichi chiamato “Multiporta”. Anche il motore è completamente nuovo con un rendimento ancora più alto. L’effetto sinergico di queste nuove tecnologie incrementa le prestazioni e l’efficienza del compressore garantendo prestazioni al top per l’intero sistema.

È inoltre possibile controllare la temperatura di evaporazione in funzione della temperatura e dell’umidità in ambiente grazie alla modalità “High sensible heat”: quando è attivata il sistema riduce la potenza elettrica assorbita incrementando l’efficienza di funzionamento (maggior risparmio energetico). Grazie al collegamento di un sensore di umidità (non di fornitura Mitsubishi Electric), la temperatura di evaporazione dell’unità esterna può essere gestita in funzione del valore di umidità rilevato in ambiente o da un segnale (contatto) esterno. Con una vasta gamma di unità interne connettibili (tra VRF e RAC), i sistemi VRF – HVRF CITY MULTI, per la climatizzazione e la produzione di acqua calda per i medi/grandi edifici dalle svariate applicazioni, rappresentano la soluzione ideale per chi punta al risparmio energetico e al rispetto per l’ambiente, senza però rinunciare al massimo del comfort.

La nuova gamma è dotata di funzioni avanzate di controllo e regolazione, come il controllo della temperatura di Evaporazione (ETC), che tiene conto automaticamente delle condizioni di carico del sistema, e la funzione “low-noise” avanzata, che può adesso essere selezionata sulla base di 5 differenti impostazioni. L’attenuazione della rumorosità è direttamente configurabile dalla control board dell’unità esterna. Le differenti impostazioni possono essere scelte sulla base delle esigenze installative (in applicazioni con particolari vincoli di rumorosità). 13


Normativa

LE REGOLE SULLA VERIFICA DI TENUTA DEGLI IMPIANTI A GAS

LINEE GUIDA PER LA VERIFICA E PER IL RIPRISTINO DELLA TENUTA DI IMPIANTI INTERNI

Il rapporto di prova determinerà la buona riuscita della verifica Nell’ultima edizione di HYDRA del 2016 abbiamo parlato del collaudo di impianto per l’utilizzo di gas combustibili, analizzando le modalità operative da mettere in campo per una corretta realizzazione della verifica di tenuta, sia per impianti domestici e similari che per impianti extradomestici. Suddetto articolo, che invitiamo a rileggere, focalizzava l’attenzione sulle norme di installazione UNI 7129 e 11528. A corredo delle norme dedicate all’installazione è doveroso parlare anche della norma UNI 11137 dal titolo: Linee guida per la verifica e per il ripristino della tenuta di impianti interni, questo testo normativo fornisce i requisiti di tenuta degli impianti in esercizio e i limiti di accettabilità di eventuali dispersioni, individuando le circostanze che necessitano verifica, le modalità di esecuzione e le metodologie per determinare il valore di dispersione, consentendo di attestare l’idoneità o la non idoneità dei requisiti di tenuta per la messa in servizio o il funzionamento dell’impianto. La norma di riferimento è la UNI 11137:2012, che è stata pubblicata in gazzetta ufficiale nel dicembre del 2015, la precedente versione, per molti aspetti simile, fu pubblicata in versione integrale sulla Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2006 ed è consultabile nella sezione normativa del portale Hydra Club. Il primo aspetto da evidenziare è che a differenza delle norme riguardanti l’installazione, dove la verifica di tenuta deve essere effettuata con aria o gas inerte, su impianti in esercizio la verifica può essere condotta anche con gas combustibile. Una seconda importante distinzione è il parametro da determinare, su impianti di nuova realizzazione non è ammessa perdita (o comunque la tolleranza è modesta), mentre per impianti in servizio si ammette perdita di gas combustibile dall’impianto configurando tre scenari distinti. Nel primo scenario l’impianto è idoneo al funzionamento se la perdita è contenuta entro 1 dm3/h per gas naturale o 0,4 dm3/h per GPL, lo scenario opposto è rappresentato da valori che eccedono i 5 dm3/h per gas naturale e 2 dm3/h per GPL, risultati che denunciano l’impianto non idoneo al funzionamento. L’ultimo scenario è quello che riporta valori intermedi di dispersione, in questo caso, viene determinata una tenuta idonea al funzionamento temporaneo: per il tempo necessario ad effettuare i dovuti interventi di ripristino della tenuta. Gli interventi di messa in sicurezza dell’impianto dovranno essere effettuati in tempi ragionevolmente brevi e comunque non oltre 30 giorni dalla data di verifica. Nel caso di un impianto in esercizio, per stabilire se l’impianto è idoneo o non idoneo, il termine di confronto non è la perdita di 14

pressione, riscontrabile con un manometro, ma la perdita di gas sull’unità di tempo. Il fine è quello di stabilire quanti litri di gas sono dispersi dall’impianto su base oraria e solo conoscendo questo valore si individua il percorso da intraprendere per la messa in sicurezza, aspetto sostanzialmente diverso rispetto alle modalità di verifica per un impianto nuovo dove le perdite non sono ammesse e le verifiche si possono condurre con modesta strumentazione quali manometri ad acqua. La perdita oraria è riscontrabile solo con strumenti in grado di misurare una portata, come ad esempio il contatore posto a monte dell’impianto, (purché in grado di calcolare piccole portate) o altro strumento idoneo. Sistemi di rilevamento di caduta di pressione sono idonei per la prova solo tramite un post-trattamento dei dati, in funzione della differenza di pressione e del volume dell’impianto è possibile ricavare la perdita nel tempo. Le prove effettuate sugli impianti in esercizio sono condotte alla pressione di servizio, se la pressione di servizio dovesse differire leggermente da una pressione di riferimento normativamente prefissata, è necessario “normalizzare” il risultato, correggendo il valore di dispersione riscontrato con il valore di riferimento corretto. Esemplificando, per flussi capillari quali quelli che si verificano per filettature non a tenuta, la portata delle eventuali dispersioni di gas, riscontrate sugli impianti stessi, risulta direttamente proporzionale alla sovrappressione. Un raddoppio della pressione di prova provocherebbe una dispersione di gas pari al doppio di quella eventualmente rilevata. La norma permette di effettuare una verifica preliminare tramite caduta di pressione, ma solo per impianti con volume inferiore a 18 litri, per tutte le tipologie di impianto sarebbe possibile fare la verifica al contatore, ma i contatori devono essere estremamente sensibili e quelli installati sulla nostra rete generalmente non lo sono. Gli altri metodi si avvalgono principalmente di idonei strumenti, generalmente elettronici, che indicano all’operatore le fasi da seguire per la prova, questi strumenti sono in grado di operare anche secondo la norma UNI 7129 e 11528 o il Decreto Ministeriale. Gli esiti delle verifiche devono essere documentati mediante un rapporto di prova che deve essere rilasciato al proprietario o, se diverso da questi, all’occupante dell’unità immobiliare sottoposta a verifica. Il rapporto di prova deve contenere dettagliatamente le informazioni relative all’ubicazione dell’impianto, al tipo di prova effettuato, agli strumenti e ai materiali impiegati. Sul portale HydraClub, nella sezione modulistica, è possibile scaricare il modulo per la compilazione del rapporto di prova, compilato da personale avente specifica competenza tecnica in materia.


HYDRA luglio 2018  
HYDRA luglio 2018