Issuu on Google+

Testi e musica: Andrea Volontè Produzione: Ivo Grasso, Bicio Grenghi per Massive Arts Records & Fratelli Calafuria. Registrazione: Bicio Grenghi @ Massive Arts Studios Milano Mix: Marco Barusso @ Massive Arts Studios Milano Mastering: Alberto Cutolo @ Massive Arts Studios Milano Edizioni: Sony Music Publishing / Massive Arts Italy Sas Management: Ivo Grasso – mailto: ivog@massivearts.com Booking live: Sapharydeluxe www.sapharydeluxe.it – mailto: booking@sapharydeluxe.it Grafica: Heartfelt www.heartfelt.it

Senza titolo. “Del fregarsene di tutto e del non fregarsene di niente”

12 tracce Stereo. Milano 2008.


LA NOBILE ARTE

01

Ci vuole stile per andare in manicomio yeah. E non capisco perché e non capisco perché. Bisogna farsi attraversare dalle cose yeah. E non capisco perché e non capisco perché. Se c’ho il fisico non ho lo stimolo. Se c’ho lo stimolo non c’ho lo stomaco. No non so come fare a non uscire di me. Per cui mi dedico alla nobile arte nobile arte di non fare un zzoca da mattina a sera. Ci vuole il fisico per andare in manicomio yeah. E non capisco perché e non capisco perché. Bisogna fare le cose attraversarle yeah. E non capisco perché e non capisco perché. Se c’ho lo stomaco non c’ho il fegato. Se c’ho il fegato non c’ho il fisico. Oh sono troppo alternativo andate senza di me. Che io mi dedico alla nobile arte nobile arte di non fare un zzoca da mattina a sera.

DI GETTO

02

Le decisioni nella vita vanno prese di getto. Per dare un senso a questa vita voglio fare il dj. La soluzione alternativa è dare fuori di matto. Oppure stringere una vite fino a quando fa uo uo uo. Adesso che sono da solo. Mi viene un attacco di panico. Mi metto la giacca e vado. Per ascoltare questi qua è venuto fuori un disastro. Adesso vado alla consolle così mi faccio il dj. Se c’è qualcosa che non quadra ci mettiamo del nastro. È come stringere una vite fino a quando fa uo uo uo. Adesso che sono da solo. Mi viene un attacco di panico. Mi metto la giacca e vado al party tonight. Nella vita c’è chi dice di si. Oppure chi ti dice di no. Io me ne frego e faccio. Io me ne frego e faccio. Io me ne frego e faccio eh oh.

TIEPIDO

03

J’ai peur de savoir comment je peu reagir à certain chose. Par suite ma vie est une pièce ou regne la penombre. Je sai que tu aime quand le sans s’en va. J’aurai bien envie de. Mi sa che salta il fusibile rapido. Ma il risultato è tiepido ma il risultato è tiepido. Intraprendendo il percorso ripido. Ma il risultato è tiepido ma il risultato è tiepido. Io c’ho paura di saper la mia reazione a certe cose. Per ciò vivo una vita di penombre. Io c’ho paura di mostrarmi. Io c’ho paura di saper la mia reazione a certe cose. Perché so già com’è che va a finire. E c’ho una voglia matta di uo uo uo. Tiepido. Tiepido. Tiepido.


RICCARDO

10

L’altra mattina passeggiavo col mio amico Riccardo. A un certo punto salta fuori che quest’uomo è gay. La mia reazione incontrollabile mi portò all’ospedale. Se devo essere sincero non lo rifarei. Se devo essere sincero non lo rifarei. Se devo essere sincero lo rifarei. Yeah yeah paura lo sbalzo d’umore. Solitamente la domenica mi chiudo in casa. Combinazione proprio ieri mi ha chiamato lui. Se devo fare un passo falso è meglio farlo adesso. Ho perso un treno a quindici anni e mi ritrovo ad inseguire l’autista. Ho perso un treno a quindici anni e mi ritrovo ad inseguire l’autista. Ho perso. Ho perso. Yeah yeah paura lo sbalzo d’umore.

SIGNORA NON INSISTA

11

Il vero coraggio si misura in pollici. Il vero coraggioso si mette i pollici in culo. La verità ha un sovrapprezzo che non so calcolare. Se attende in linea le passo l’ufficio contabile. Signora non insista non dipende da me. Se fosse per me sarei il capo del mondo. Signora non insista non ho tempo da perder con lei. Signora non mi spinga potrei anche uscire fuori di me. Adesso chiudo. Non ho più niente. Mi rimetto in coda e aspetterò. La verità ha un sovrapprezzo che non so calcolare. Se attende in linea le passo l’ufficio contabile. Il vero coraggio è una questione di numeri. Si compra al mercato e si rivende agli angoli.

12 Io sono uno che gli piace l’inesatto perché. Stavo aggiungendo alla mia vita due strati quando. L’imperfezione suscita in me qualcosa di magico. Stavo traducendo gli sguardi che si posano su me. Io mi sa che cambio posto. E portami via. Stavo valutando alcuni aspetti e vaffanculo ancora. Ho sempre fretta sempre i giovani nello stomaco da. I sentimenti della gente non capisco sempre. È come quando ti ritrovi nella merda. Ti ho promesso tutto quello che ho. Sto valutando alcuni aspetti ancora. Al mio processo colpevole yeah. I sentimenti della gente non capisco. Sempre.


AMICO DI PLASTICA

04

Ho conosciuto questo tipo allucinante. Sembrava uscito dal mondo degli uomini a pile. La mia ignoranza mi portò ad emarginarlo. Perché la gente ha paura della verità? Difatti superato l’imbarazzo iniziale. Ci ho instaurato una friendship costruttiva e stimolante. Io ho un amico di plastica. Ma perché ho preso una decisione drastica. Ora devo fare un po’ di ginnastica. Per allenarmi a sopravvivere ma ormai è troppo tardi ancora. Andava tutto a gonfie vele quando un giorno. L’amico a pile cade morto in un lago di liquido. Praticamente che cos’è venuto fuori. Che lui negli ultimi tempi non ci stava inside. Ma poi pensando bene all’accaduto realizzo. Che il soggetto non è morto e che non è mai stato vivo. Perché la gente ha paura della verità? Perché la gente ha paura delle cose a colori?

CALODIS E ROTONINA

05

Praticamente il mio cervello si è spostato di sede. Mi viene da mi viene da. Sono ubriaco della musica adesso vomito. Lo svenimento è dietro l’angolo hei. C’ho il calo di serotonina. Praticamente il mio cervello si è spostato di sede. Mi viene da mi viene da. Come se ti mettono uno sgabello nel. Lo svenimento creativo oh. C’ho il calo di serotonina. Ho avuto il calo di serotonina. Ci sono calodis e cotonina. Ora vi faccio vedere il mio ipotalamo. Si evince che è tutto ok e allora perché? C’ho il calo. C’ho il calo.

NON SO PERCHÈ

06

Non so perché la mia vita è così vuota. Non so perché uo uou. Non so perché sto diventando pazzo. Non so perché. Mi appare tutto veloce. Mi sembra tutto una follia. Qualcuno ascolti per favor. Qualcuno ascolti per favor. Non so perché il mio stile è così strano. Non so perché uo uou. Forse perché c’è stato un imprevisto. E non so perché. Mi appare tutto veloce. Mi sembra tutto una follia. Qualcuno ascolti per favor. Qualcuno ascolti per favor.


CRESICO MEMÈ

07

Quando faccio le cose sono molto metodico. Cerco sempre di lasciare fuori. Tanto non serve a niente farsi prendere dal panico. Molto meglio tenersi tutto dentro. E diventare cresico memè. E diventare cresico memè. Penso a te che sei mio amico e sono felice. Penso a te o mio nemico e sono felice. Penso a felice un mio amico e sono te. Forse è meglio non pensare a niente. E diventare cresico memè. E diventare cresico memè.

LE CICATRICI

08

C’era un periodo della mia fuckin’ life che ero perennemente insoddisfatto. Questo fatto noceva gravemente alla mia già non fantastica salute. La cute della mia testa non reggeva più come un tempo i miei capelli. Che belli che erano quei tempi quando avevo molti meno pensieri. Le cicatrici danno la sensibilità. Le persone che hanno molte cicatrici sono quelle che io reputo miei amici. Con la bici puoi andare più veloce della luce se ci credi ma non è vero. Franco Nero e Franco Parenti hanno in comune il loro nome di battesimo. Questo è l’ennesimo tentativo di guarir dalla follia che dolcemente invade il mio cervello. Le cicatrici danno la sensibilità. Le cicatrici le cicatrici le cicatrici.

09 Mi sento un dio ma non sono io. Mi sembra di collassare. Il desiderio di una cosa. Mi lascia attonito. Uachi la merendina. Uachi col cioccolato. La merendina è proprio buona. Mi sento un’altra persona. I miei problemi non ci sono più. Adesso diventerà una droga. Uachi la merendina. Uachi col cioccolato. Uachi la merendina. Uachi colla crema. Tu per merenda devi mangiare uachi.


Andrea Volontè – voce, chitarra Paco Vercelloni – voce, basso Antonio “Tato” Vastola – batteria Andrea ringrazia: la mia famiglia, Franco, Dianella, Ivanovich, Ivo Bicio Alberto Barux & Massivearts crew, Alice, Irene, Marcello, Christian, Diego, Eleonora, Marco Fra Carletto & Tdl, Marti, Vale, Roberta, Adriano, Paolo, Brunetto, Enzo, Alberto & Museokabikoff, Mantica, Jacopo, Rocktv crew, Sandòr, Poncho Simo Fabri & Sapharydeluxe crew, Sacha, Guerra, Boba, Fatmike, Adramelch, Agatha, Driverdeniro, Ilmarchese, Psychovox. Paco ringrazia: Leopoldo, Adriana, Cinzia, Lucrezia, Ilaria, Angelo Moro, Gerolamo, Enzo Lana, Ivanovic, Maurizio AH, doc Franco A., Mantas studio, Paolo V., loro, Ivo, Bicio, Alberto, Barux, Frank, Adriano, Warin, Ivan FP, Zap, Mescalina, Stefano C., Cozzi E., Odd1 rules, Nazareno e Museo K., Dianella, Kia R., Karin, Indino L., Gianluca e Adramelch, Luciano, Evìta, Alix, Sacha e Fede, Brunetto (Gengy), Dragone, Nutranuggets rules, il bulgaro e Conco, la ditta Andreazzi e Tatuzzo, Oggioio Baffetti Cocchio Lopile, Brachelis, l’essere Baù. Tato ringrazia: mia madre, mio padre, i Vastola, i Lucarini, i Bonizzi, ecc. la cascina, gli amici, le amiche, i Kaoslord, i Settevite, tutte le persone che mi hanno aiutato e quelle che mi hanno insegnato.


copertina