Page 1


Ho visto piĂš lontano degli altri, perchĂŠ stavo sulle spalle di giganti. Isaac Newton


certificata ISO 9001

membro dei network europei:

Organizzazione Non Governativa in relazioni ufficiali con l'UNESCO. 2005: premio Micheletti - sotto l'egida del Consiglio d'Europa - come miglior museo scientifico Europeo. 2006: premio Descartes per la comunicazione scientifica - indetto dalla Commissione Europea - a Vittorio Silvestrini quale ideatore e realizzatore di CittĂ della Scienza. 2009: riconoscimento di CittĂ  della Scienza - da parte dell'Eurispes - quale una delle 100 Eccellenze Italiane.


sommario Città della Scienza

Il Science Centre 5 Le sezioni espositive del Science Centre 6 Le attività della Fondazione IdisCittà della Scienza 8 Website e Contact Centre 9 Il Club degli Insegnanti 11

Grandi eventi, novità, nuove mostre e appuntamenti del 2010-2011 I grandi eventi 3 Giorni per la Scuola Futuro Remoto. Un viaggio tra scienza e fantascienza

14 14

Progetto NTSE

28

Progetto TWIST

29

Visita alle aree espositive

Visite generali

32

La palestra della scienza

33

Nanomondo

34

34

Terra Inquieta

Il Planetario

35

L’avventura dell’evoluzione

37

Scienza in vetrina

37

Visita alla mostra GNAM

38

16

I LES - Laboratori per l’Educazione alla Scienza

Le novità

19

Le nuove mostre Bulli e bulle Mondo microscopico Il filo della vita

20 20 21 22

Gli appuntamenti

23

Attività in ambito europeo 27 Progetto NetS-EU 27

Gli spazi dei LES

42

Laboratorio di Scienze Naturali e della Vita Laboratorio dell’Ambiente Laboratorio di Biologia Molecolare e Biotecnologie - LLC Laboratorio di Alimentazione Laboratorio di Scienze della Terra Laboratorio di Astronomia Laboratorio di Sport e Scienza Laboratorio di Arte e Scienza Laboratorio di Musica e Scienza - LAVIM Laboratorio dei Materiali Le mani e la mente

53 56 57 59 61 63 65 66 66 67

Informazioni generali Informazioni 70 Listino scuole 72 Pacchetti a tariffa agevolata per le scuole 73 Listino ordinario 74 Richiesta contatto 75

La proposta educativa

del Science Centre

43

Laboratorio di Fisica

45

Laboratorio di Matematica

51

La Carta dei Servizi 76

Laboratorio di Chimica

52

Città della Scienza e dintorni 77 3


il Science Centre Il Science Centre di Città della Scienza è il primo Museo Scientifico interattivo di ultima generazione d’Italia; uno strumento educativo di diffusione della cultura scientifica e tecnologica con l’obiettivo di stimolare nel visitatore la voglia di capire i fenomeni scientifici attraverso una metodologia innovativa. Non oggetti in mostra da guardare e non toccare, ma esperienze da fare. I visitatori divengono protagonisti attivi del ‘fare scienza’. Il Science Centre - con le sue aree espositive affacciate sul mare, e che si estendono per oltre 15.000 mq - accoglie ogni anno oltre 350.000 visitatori, ma si apre soprattutto a docenti e studenti con nuovi stimoli. L’offerta didattica è ampia e articolata e prevede interventi di diverso tipo: attività nelle aree espositive, visite guidate, attività didattiche e laboratoriali, aggiornamento docenti, allestimento di laboratori nelle scuole.


le sezioni espositive del Science Centre La palestra della scienza Viaggio alla scoperta della fisica e non solo: esperienza, interazione, divertimento!

Terra inquieta

Il planetario

I fenomeni vulcanici: la potenza, l’impatto sul territorio, le attività dell’uomo.

...le stelle ...i pianeti ...le galassie ...l’universo: un vero e proprio spettacolo del cielo!


le sezioni espositive del Science Centre L’avventura dell’evoluzione Vite elementari... vite complesse: è l’avventura dell’Evoluzione!

Scienza in vetrina Alla scoperta del collezionismo scientifico per rivivere lo stile delle Wunderkammer.

Gnam Informazione ed educazione alimentare: i segreti del mangiar sano.


Le attività di Fondazione Idis Città della Scienza Città della Scienza è un centro di promozione e diffusione della cultura scientifica e dell’innovazione tecnologica, posto in un luogo in cui scienza, arte, natura, tecnologia, tracce del passato e prospettive future si incontrano, dove il sapere scientifico diventa patrimonio della collettività e volano per uno sviluppo sostenibile sociale e culturale. Città della Scienza coniuga diffusione della cultura scientifica, formazione e attività congressuale articolandosi in: • Science Centre: unico museo scientifico interattivo di ultima generazione in Italia. • Spazio Eventi e Congressi: offre ampie aree e

8

servizi altamente specializzati per organizzare congressi e convention aziendali. Dispone di 11 sale congressuali con capienza variabile da 10 a 820 posti, un anfiteatro all’aperto da oltre 1500 posti, aree espositive e fieristiche, spazi per servizi e catering. • Area Sviluppo e Formazione: attiva iniziative nel campo della diffusione scientifica, dell’educazione permanente, dell’orientamento, della didattica delle scienze. L’area compie continuamente analisi dei fabbisogni formativi; predispone moduli di orientamento per gli studenti e azioni di aggiornamento docenti e di innovazione del sistema della didattica.


Website e Contact Centre

Nell’epoca della comunicazione integrata il nostro website è più che mai un importante veicolo di informazioni sulle attività della Fondazione IdisCittà della Scienza. Nel nostro sito il mondo della scuola ha molto spazio, a partire dal Club degli Insegnanti. Attraverso il sito si naviga all’interno delle aree espositive del Science Centre, così da preparare in anticipo la scaletta delle aree da visitare con gli alunni e le lezioni introduttive e propedeutiche alla visita. Attraverso un’apposita sezione del sito e sarà possibile prenotare la visita direttamente da casa.

Oltre che attraverso il sito, è possibile avere informazioni sulle opportunità offerte dal nostro Science Centre (visite guidate, visite spettacolo, planetario e attività didattiche) anche contattando direttamente il Contact Centre all’indirizzo mail contactcentre@cittadellascienza.it o telefonando al numero 081.24.200.24. I nostri operatori rispondono: • dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00 • il sabato dalle 8.30 alle 15.00. In orari diversi sarà comunque possibile lasciare un messaggio telefonico in segreteria per essere contattati.

SCIENCE CENtrE via Coroglio, 104 - 80124 Napoli

CoNtACt CENtrE tel. 081.24.200.24 - fax 081.24.200.25 contactcentre@cittadellascienza.it www.cittadellascienza.it 9


Club degli Insegnanti I Docenti protagonisti di Città della Scienza

Il Club degli Insegnanti offre al mondo della scuola informazioni e approfondimenti su temi scientifici e sociali di stringente attualità e si propone come un luogo di scambio e confronto fra gli insegnanti e Città della Scienza, anche al fine di arricchire le stesse proposte didattiche del Science Centre. L’iscrizione al Club è gratuita e aperta ai dirigenti scolastici e agli insegnanti di tutte le discipline delle scuole di ogni ordine e grado. Gli iscritti fruiscono dei seguenti servizi e di particolari agevolazioni: • ingresso gratuito al Science Centre per i titolari della tessera, anche in occasione di mostre temporanee; • consulenza di esperti in didattica e formazione per lo sviluppo di progetti e iniziative; • spedizione a casa del catalogo delle proposte educative del Science Centre all’inizio di ogni nuovo anno scolastico; • n ewsletter elettronica del Club per ricevere periodicamente informazioni su iniziative speciali ed eventi di particolare rilievo.

Agli iscritti sono dedicati i Martedì degli Insegnanti, pomeriggi tematici con incontri e iniziative su problematiche di interesse scolastico. Unitamente ai martedì, si svolgono inoltre i “Salotti d’Eccellenza”, momenti di approfondimento metodologico realizzati d’intesa con l’assessorato all’Istruzione della Regione Campania e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania. Il programma aggiornato degli appuntamenti è inviato periodicamente ai docenti attraverso la Newsletter. Il Club degli Insegnanti, inaugurato nel 2004 con l’adesione del Socio Onorario Alberto Angela, conta attualmente migliaia di iscritti e decine di docenti partecipanti agli appuntamenti tematici del Martedì.

Per iscriversi al Club degli Insegnanti occorre compilare il modulo di iscrizione disponibile online sul sito web (www.cittadellascienza.it) oppure cartaceo in distribuzione presso l’Info Point del Science Centre di Città della Scienza. Le tessere del Club degli Insegnanti sono spedite ai titolari o consegnate personalmente. 11


Grandi eventi, novità, nuove mostre e appuntamenti del 2011-2012

Anche per quest’anno Città della Scienza propone un articolato calendario di mostre temporanee dedicate ad argomenti di grande attualità scientifica e di eventi che s’inseriscono in progetti e iniziative di respiro nazionale e internazionale. Nell’ambito delle mostre sono stati programmati moduli di visita, approfondimenti e laboratori, rivolti alle scolaresche e ai gruppi organizzati in generale, elencati nelle pagine seguenti. Le informazioni relative alle modalità di prenotazione si trovano in questo catalogo a pagina 69.


12, 13 e 14 ottobre 2011

grandi eventi

3 Giorni per la Scuola

Convention nazionale dedicata al mondo della scuola e della didattica IX edizione


L’ingresso alla convention 3 Giorni per la Scuola è gratuito. Per iscrizione, convenzioni alberghiere e informazioni generali: www.3giorniperlascuola.it Contact Centre tel. 081.24.200.24 contactcentre@cittadellascienza.it La 3 Giorni per la Scuola è rivolta ai docenti e ai dirigenti scolastici, ai rappresentanti delle istituzioni, degli enti e delle associazioni che operano nei settori dell’insegnamento, della formazione, della ricerca e dell’educazione non formale. Come ogni anno, negli spazi di Città della Scienza, la manifestazione propone • un’area espositiva dove istituzioni, enti, aziende, associazioni e scuole presentano progetti didattici e metodologie • un articolato calendario di eventi: conferenze, workshop, laboratori, seminari • “La parola alle scuole”, una rassegna realizzata con la partecipazione attiva dei docenti, attraverso la selezione delle candidature alla Call for proposal inviata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca a tutte le scuole d’Italia. Un momento di aggiornamento, di confronto e di scambio tra docenti e dirigenti scolastici provenienti dalle diverse regioni italiane e un’occasione per visitare il Science Centre e conoscere tutte le novità in programmazione a Città della Scienza riservate alle scuole.

I temi dell’edizione di Ottobre 2011 Il miglioramento della qualità dell’educazione e della didattica attraverso l’uso di tecnologie innovative, l’educazione scientifica e le scienze sperimentali, la cultura della sostenibilità e l’educazione ambientale, il rapporto tra ricerca, scuola e società e l’educazione alla convivenza civile, il turismo scolastico, e ancora… Donne e Scienza - progetti e iniziative realizzate con l’obiettivo di accrescere l’interesse delle studentesse ad intraprendere carriere scientifiche, promuovendo e valorizzando le differenze di genere nell’apprendimento attivo, veicolando una nuova immagine della scienza e delle donne nella scienza. L’Europa per i giovani e per la scuola - le esperienze realizzate sui programmi attivi dell’Unione Europea per sostenere l’apprendimento, la mobilità e la partecipazione attiva dei giovani alla cittadinanza Europea.

15


11 – 27 novembre 2011 Un viaggio tra scienza e fantascienza - XXV edizione

VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA!

Da Città della Scienza parte un affascinante viaggio nelle profondità della Terra! L’occasione per immergersi in ambienti inesplorati, scoprire le bellezze sepolte del nostro Pianeta, rivivere l’emozione di un’eruzione vulcanica e di un terremoto e scoprire come difendersi in caso di catastrofe naturale Cosa è Futuro Remoto. Un viaggio tra scienza e fantascienza, è una delle più importanti manifestazioni di divulgazione della cultura scientifica e tecnologica del panorama italiano ed europeo. Nata nel 1987 e imperniata ogni anno attorno alla presentazione di un tema monografico diverso, la manifestazione multimediale, ideata e organizzata dalla Fondazione Idis-Città della Scienza, contribuisce significativamente ad avvicinare alla scienza e all’innovazione tecnologica studenti, addetti ai lavori e cittadini campani, italiani e stranieri, coinvolgendo ogni anno circa 60.000 visitatori di tutte le età. La manifestazione, che gode da molti anni dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, prevede una grande mostra, incontri, conferenze, laboratori scientifici e di creatività, spettacoli e una rassegna di film e documentari. Il tema di quest’anno Viaggio al centro della Terra! propone un’avventura per (ri)vivere da protagonisti alcuni importanti eventi 16

naturali che hanno segnato la storia dell’umanità… e non solo di questa! Catastrofiche eruzioni vulcaniche e sconvolgenti terremoti sono lo spunto per intraprendere un viaggio verso le “profondità” della Terra, alla scoperta dei suoi segreti più intimi, per indagare le origini della sua “turbolenza” e… per incontrare i sorprendenti esseri che hanno abitato il nostro Pianeta nel passato. Futuro Remoto 2011 è anche l’occasione per scoprire come oggi l’uomo può minimizzare i rischi che derivano dalle eruzioni vulcaniche e dai terremoti e come il rischio stesso possa rappresentare anche una possibilità di crescita, sia essa tecnologica, economica e culturale! La mostra La “Terra” che accoglie i giovani visitatori di Futuro Remoto 2011 è il palcoscenico di “spettacoli” naturali in grado di suscitare emozioni e sentimenti diversi, dallo stupore e la meraviglia di fronte alle bellezze che emergono dalle sue profondità, allo sgomento e al terrore che nascono da eventi estremi in grado di sconvolgere gli equilibri del Pianeta.


Straordinarie eruzioni vulcaniche, potenti terremoti e giganteschi tsunami ancora vivi nella memoria di tutti sono lo scenario che introduce al viaggio, indietro nel tempo, attraverso alcuni degli eventi naturali che hanno segnato la storia dell’umanità e di tutto il Pianeta. In una passeggiata per le strade di Pompei, gli studenti assisteranno in diretta all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Vedranno cadere dal cielo le pomici e le ceneri che seppellirono la città e saranno “travolti” dalla nube ardente che sigillò case, strade e azioni dell’uomo. Vivranno poi l’emozione di ritrovarsi all’interno di una capanna dell’Età del Bronzo, prima che questa venisse distrutta da un’eruzione ben più antica, datata circa 3.800 anni fa! Catastrofi planetarie dalle conseguenze ancora più drammatiche per gli esseri viventi si sono verificate in tempi sensibilmente più remoti, prima ancora della comparsa dell’uomo sulla Terra. Gli studenti faranno, così, la conoscenza degli animali e delle piante che sono scomparsi durante le grandi estinzioni di massa del passato. In particolare, incontreranno i dinosauri, scomparsi alla fine del Cretaceo a causa dei cambiamenti ambientali seguiti a megaeruzioni vulcaniche o all’impatto di un meteorite con la Terra. Non mancheranno, quindi, alcuni dei dinosauri più famosi ed impressionanti. Tra questi, provenienti dalla Patagonia, i giganteschi Giganotosaurus carolinii - il dinosauro carnivoro più grande e feroce del T-Rex! - e Rebbachisaurus tessonei, un dinosauro erbivoro dal muso particolarmente simpatico! Alcuni organismi sono stati, però, capaci di sopravvivere ai cambiamenti che hanno interessato il nostro

Pianeta nel corso della sua storia geologica. Si tratta di organismi adattati a condizioni di vita estrema, i Mai Estinti che saranno esposti vivi in mostra! Eventi catastrofici, come terremoti ed eruzioni vulcaniche, hanno condizionato non solo il rapporto tra uomo e natura, ma anche il modo in cui l’uomo ha pensato a se stesso nel mondo, determinando, a volte, delle vere e proprie svolte nella storia. Da sempre l’uomo ha avuto bisogno di trovare spiegazioni e dare un senso a ciò che avviene in natura. Per questo, il viaggio di Futuro Remoto continua tra miti e credenze popolari ma, soprattutto, svela le risposte che la scienza moderna dà agli interrogativi più importanti e più curiosi sulle ragioni dell’inquietudine del nostro Pianeta! Gli studenti potranno scoprire i segreti più “intimi” della Terra lungo un viaggio che parte dallo Spazio, da dove il nostro Pianeta è monitorato costantemente grazie ai satelliti, e che continua con l’esplorazione di grotte di tutto il mondo nelle quali si immergeranno per scoprire le bellezze e le ricchezze custodite dalle viscere della Terra. Scenderanno, poi, sempre più in profondità grazie alle trivellazioni con le quali gli scienziati penetrano lì dove è altrimenti impossibile arrivare. Gli studenti potranno conoscere, in particolare, cosa gli esperti si propongono di investigare con il “Campi Flegrei Deep Drilling Project”, un esperimento particolarmente importante, in quanto per la prima volta si perforerà una caldera di collasso, come quella del complesso vulcanico dei Campi Flegrei. E ancora più giù per comprendere i meccanismi che generano le eruzioni vulcaniche e quelli all’origine dei terremoti che scuotono la superficie terrestre. E 17


proprio la superficie delle Terra vibrerà in una simulazione realistica di terremoti di diversa energia, per dare la scossa agli studenti in visita! In mostra anche i risultati di tanti altri progetti di ricerca e le tecnologie più innovative per lo studio della struttura e della dinamica della Terra. I disastri naturali sono spesso eventi improvvisi ed inaspettati; gli effetti che ne derivano sono talvolta devastanti, con perdita di vite umane e danni economici, culturali e sociali. Proprio la scienza e la tecnologia hanno conferito all’uomo visioni e possibilità nuove, che consentono di “vivere il rischio” connesso a questi eventi con consapevolezza e responsabilità, alle quali anche, e forse soprattutto, i giovani non possono sottrarsi. Gli studenti scopriranno, così, che un rischio accettabile è l’obiettivo comune di scelte tecniche, sociali, politiche ed individuali alle quali potranno partecipare, dando il loro contributo, grazie ad una conoscenza condivisa e ad una corretta informazione.

L812 Sismologia (14-18 anni, durata 150’)

Laboratori scientifici I laboratori propongono esperienze che aiutano a comprendere i meccanismi interni della Terra e a svelare, così, i segreti degli eventi spettacolari e a volte drammatici, che si verificano sulla superficie del Pianeta.

Un’avventura nelle profondità del Pianeta da affrontare con lo spirito dell’esploratore e dello scienziato, per rivivere le grandi crisi del passato, per comprendere la furia della Terra e per progettare e costruire un futuro più sicuro.

L808 I vulcani (11-13 anni, durata 75’) L811 I vulcani della Campania (14-18 anni, durata 150’) L810 Terremoti: come e perché (11-13 anni, durata 75’) 18

Incontri Come ogni anno, Futuro Remoto è una imperdibile occasione di incontro con protagonisti – italiani e internazionali – della scienza e della cultura, ospiti delle conferenze, dei workshop e dei seminari che si svolgeranno durante l’evento. Film e documentari Le eruzioni vulcaniche, i terremoti e altri disastri naturali sono il soggetto di interessanti ed emozionanti documentari scientifici e storici ed, allo stesso tempo, hanno ispirato un intero filone cinematografico che, al di là della spettacolarità degli effetti speciali, ha spesso consentito di riflettere sul rapporto tra scienza, società e politica.

Futuro Remoto 2011 Viaggio al centro della Terra!

Contact Centre tel. 081.24.200.24 per prenotare la visita alla mostra e le attività di laboratorio * Il programma è in via di definizione Per aggiornamenti consultare il sito www.cittadellascienza.it


le novitĂ

Il science centre si rinnova Continua il progressivo rinnovamento del Science Centre. Alcune aree espositive saranno arricchite di nuovi contenuti o aggiornate dal punto di vista scientifico, altre saranno una vera novitĂ per il nostro Science Centre!


Bulli e Bulle

le nuove mostre

né vittime né prepotenti dal 20 settembre al 31 ottobre 2011 (11-13 anni)

Una mostra interattiva per affrontare il delicato tema del bullismo. Un percorso laboratoriale con moduli espositivi immersivi per aiutare i ragazzi a conoscersi meglio e a riconoscere chi all’interno del gruppo dei pari ha una tendenza a prevaricare o chi è costretto a subire. Con modalità ludiche e divertenti, attraverso giochi di ruolo i partecipanti sperimenteranno possibilità di sostegno, aiuto e cooperazione per stare insieme bene tutti nella quotidianità della vita di gruppo. La nostra proposta per le scuole A550 Visita guidata alla mostra

20


mondo microscopico R

e gi

e Moni t oragg onal io

Pa

ra

to ssi

si

C en t ro

da dicembre 2011

CREMOPAR

Una nuova, inedita, mostra, organizzata in collaborazione con il Dipartimento di Parassitologia della Facoltà di Veterinaria dell’Università degli Studi di Napoli e del Centro Regionale per il Monitoraggio delle Parassitosi (CReMoPar), conduce adulti e ragazzi alla scoperta dei parassiti e degli insetti sociali, affascinanti animali dotati di una complessa interazione con i loro conspecifici. I parassiti accompagnano l’uomo dalla sua comparsa sulla Terra, con un successo evolutivo che ha seguito la via della semplificazione progressiva, specializzando solo le strutture atte a parassitare. Dai nematodi ai protisti, numerosi sono i parassiti che hanno l’uomo come ospite finale. Ma i parassiti non sono solo temibili organismi; la necessità di non provocare la morte del soggetto parassitato ha determinato l’instaurarsi d’interessanti interazioni tra ospite e parassita, inoltre recenti ricerche sembrano smentire la natura esclusivamente negativa di questi organismi.… Per scoprirne di più, la mostra Micromondo accompagna il visitatore in un divertente, interattivo, percorso tra pannelli, video, microscopi per l’osservazione diretta dei parassiti e modelli in grande scala. L’esposizione, articolata in varie sezioni, mostra cosa sono i parassiti ed i loro cicli vitali, quali sono i più comuni parassiti che si possono incontrare in Italia e quali sono le tecniche di indagine per studiarli. L’ultima

parte della mostra ospita uno spazio dedicato agli insetti sociali, in particolare api, formiche e bombi. Tra webcams collegate in diretta ad un’arnia, un vero formicaio, modelli, interazioni multimediali ed oggetti derivanti dall’apicoltura, il visitatore viene immerso nell’affascinante struttura sociale di questi animali, che hanno modalità di comunicazione particolarissime. Miele, propoli e pappa reale sono alcuni dei prodotti sfruttati dall’uomo e creati dall’operosità instancabile delle api. Come si differenziano queste sostanze e perché vengono prodotte dalle api? La visita alla mostra risponderà a queste e a tante altre curiosità. Il formicaio Uno speciale exhibit mostrerà dal vivo le straordinarie formiche tagliafoglie della foresta pluviale centroamericana. Queste formiche tagliano pezzi di foglie che utilizzano come concime per la coltivazione di un fungo di cui si nutrono. Con il contributo di ECO FRIENDLY COMPANY

La nostra proposta per le scuole Nell’ambito del tema trattato dalla mostra, a partire da dicembre 2011, è possibile svolgere: A360 Visita guidata alla mostra (11-18 anni) Approfondimenti: A361 Api e apicoltura (11-18 anni) Il mondo delle Api, la loro società e i prodotti dell’apicoltura. A362 I parassiti, i loro cicli vitali e le interazioni con l’uomo e gli animali domestici (11-18 anni) Cosa sono i parassiti, quali caratteristiche hanno e come convivono con l’uomo e gli animali domestici. 21


Il Filo della Vita da marzo a luglio 2012

Approda finalmente a Napoli, città dove è nata, la mostra “Il Filo della Vita”, un’imperdibile esperienza per entrare nel mondo della genetica e capirne i lati noti e meno noti. La mostra che sarà presentata al Festival della Scienza di Genova in occasione dell’Anniversario dell’Unità d’Italia, vanta la collaborazione di importanti soggetti che hanno contribuito al procedere delle conoscenze in questo fondamentale campo della scienza: CNR (IGB, IBP), Istituto di Chimica e Tecnologia dei Polimeri, Stazione Zoologica “Anton Dohrn”, Università Federico II, Seconda Università di Napoli, Tigem. Una grande molecola di RNA o DNA, il filo della vita, guiderà adulti e ragazzi alla scoperta dei segreti della genetica, trasformando un argomento apparentemente ostico e lontano dal quotidiano in una divertente ed avvincente passeggiata tra cromosomi, geni e loro effetti. Perché si studiano i topi per conoscere meglio l’uomo? La genetica può concretamente rivoluzionare le nostre vite nel prossimo futuro? Giocando con gli elementi costituenti il DNA, creando un moscerino della frutta

22

personalizzato e toccando con mano il perché siamo così simili ma allo stesso tempo diversi, il visitatore acquisirà una progressiva familiarità con i concetti chiave della genetica ed imparerà a riconoscere le frequenti mistificazioni cui è soggetta questa scienza. In un viaggio tra passato e futuro, la mostra ripercorre i principali apporti dati alla genetica dagli scienziati partenopei, in prima linea nella ricerca finalizzata alla conoscenza della molecola della vita, e propone alcune delle appassionanti sfide che attualmente uniscono i più significativi laboratori di ricerca, impegnati nel carpire i numerosi segreti che, ancora oggi, il DNA ci riserva e la cui conoscenza potrebbe avere ripercussioni positive sulla vita di noi tutti. La nostra proposta per le scuole Nell’ambito del tema trattato dalla mostra, a partire da marzo 2012, è possibile svolgere: A750 Visita guidata alla mostra (14-18 anni) Informazioni e prenotazioni 081.24.200.24.


16 ottobre 2011

Giornata Mondiale dell’Alimentazione “Prezzi degli alimenti - dalla crisi alla stabilità”: questo il tema scelto per la Giornata mondiale dell’Alimentazione del 2011. è possibile produrre più cibo per farlo arrivare nelle bocche di coloro che ne hanno più bisogno? O per il bene del nostro pianeta sarebbe meglio ridurre gli sprechi per garantire un’equa distribuzione degli alimenti? In un momento in cui non ci sono mai state così tante persone che soffrono la fame al mondo, riflettiamo sul futuro. Il programma della giornata, realizzato con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania - Settore S.I.R.C.A. nell’ambito del progetto ‘Comunicazione ed educazione Alimentare’, prevede incontri con esperti, visite-spettacolo alla mostra GNAM, attività ludico-didattiche per bambini.

20 novembre 2011

Giornata internazionale dei diritti per l’infanzia Una data per ricordare la firma della Convenzione Internazionale dei Diritti per l’Infanzia avvenuta nel 1989 a New York sottoscritta dai rappresentanti di Stati di tutto il mondo e approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il programma della giornata prevede laboratori e attività ludico-creative sul gioco di

gli appuntamenti


epoche e popoli diversi per avvicinare i bambini ad uno spirito di comprensione, tolleranza, amicizia, pace e fratellanza... nella speranza che un domani possano vivere in un mondo libero da violenza e soprusi.

12 febbraio 2012

Darwin Day Come ogni anno, in questa giornata, Fondazione Idis rende onore e riconoscimento a uno dei massimi pensatori di tutti i tempi: il grande naturalista britannico Charles Darwin. Il Science Centre dedica al Darwin Day un fitto programma di conferenze, incontri, dibattiti, animazioni scientifiche e laboratori ludico-creativi per i bambini per diffondere la conoscenza della teoria dell’evoluzione e celebrare i valori della ricerca scientifica e del pensiero razionale.

13 marzo 2012

12-19 marzo 2012

Settimana del Cervello Dal 12 al 19 marzo si celebra in tutto il mondo la “Settimana del Cervello” per sottolineare l’enorme importanza di questo organo nella nostra vita, per diffondere i risultati più interessanti della ricerca scientifica sulle neuroscienze e per dare utili consigli su come preservare le nostre cellule cerebrali, i neuroni, allungarne la vita e tenerle sempre in forma. Queste giornate, ideate dalla Dana Alliance for Brain Initiatives e coordinate dalla International Brain Research Organization sono frutto di un intenso coordinamento internazionale tra centri di ricerca, mass media e musei della scienza. Anche Città della Scienza aderisce all’iniziativa proponendo ai suoi visitatori laboratori, seminari e attività interattive, condotte da studiosi ed esperti del settore, per parlare del cervello e del suo funzionamento.

18 marzo 2012

Giornata Internazionale sui Cambiamenti Climatici

Giornata Internazionale dei Planetari

Piante che anticipano la fioritura, zanzare anche in autunno, uccelli che non migrano, pesci esotici nel nostro mare... Napoli, così come tutta l’Italia, già sta sperimentando gli effetti del riscaldamento globale! Parlando di clima, quali sono le prospettive future? In che modo l’uomo influenza la temperatura del pianeta? Possiamo fare qualcosa per non peggiorare la situazione? Ne parliamo il 13 marzo a Città della Scienza.

In questa ricorrenza i Planetari in tutto il mondo aprono le loro porte con l’intento di avvicinare il pubblico ai misteri e al fascino dell’astronomia. Per questa iniziativa Città della Scienza propone un programma ricco di laboratori, eventi e, naturalmente, numerosi spettacoli al Planetario che, per l’occasione, saranno gratuiti. Dalle stelle proiettate sulla cupola del planetario alla

24


stella a noi più vicina: gli esperti dell’Unione Astrofili Napoletani in mattinata guideranno i visitatori di Città della Scienza nell’osservazione al telescopio del Sole dell’Equinozio (in luce bianca ed in H-alfa), per indagare la superficie turbolenta della nostra stella, con le sue macchie, protuberanze e brillamenti.

22 marzo 2012

Giornata Mondiale dell’Acqua XIX edizione della giornata dedicata alla tutela dell’acqua, bene comune di tutti gli abitanti della Terra e patrimonio dell’umanità. Dimostrazioni scientifiche sulle proprietà chimicofisiche dell’acqua faranno da spunto per parlare della più preziosa risorsa del nostro pianeta.

22 aprile 2012

Giornata Mondiale della Terra È la giornata simbolo della sensibilità ambientale collettiva; con oltre 12.000 organizzazioni e 6.500 educatori impegnati, in 174 Paesi diversi, nella creazione di eventi e manifestazioni che promuovano i temi della tutela dell’ambiente e della protezione del pianeta. Anche il Science Centre aderisce all’iniziativa proponendo ai suoi visitatori una serie di dimostrazioni scientifiche e laboratori per conoscere e riflettere sul diritto di tutti gli uomini di oggi e di domani a vivere in un ambiente sano che possa essere consegnato integro alle generazioni future.

28 aprile 2012

Astro Day 7 aprile 2012

Giornata Internazionale per la Salute Per celebrare la giornata il Science Centre allestisce le tavole della salute: i visitatori sono invitati ad accomodarsi ad alcune tavole “imbandite” con strumenti scientifici, reperti naturali, preparati artificiali e sostanze naturali per discutere sul tema salute-ambiente, declinato in tutte le sue diverse sfaccettature.

Un’altra giornata dedicata all’Astronomia con approfondimenti scientifici, laboratori ludico-didattici per i più piccoli e spettacoli non registrati al planetario. Non mancheranno inoltre osservazioni astronomiche con gli esperti dell’Unione Astrofili Napoletani.

9 maggio 2012

Festa dell’Europa Il 9 maggio 1950 Robert Schuman presentava la proposta di creare un’Europa organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra gli Stati che la componevano. La ‘dichiarazione Schuman’ è considerata l’atto di nascita dell’Unione eu-

25


ropea: la Festa dell’Europa, che ricorre il 9 maggio, è diventata così un simbolo europeo, al pari della bandiera, dell’inno e della moneta unica. In questa giornata Città della Scienza propone una serie di eventi e attività di animazione rivolti in particolare al mondo scolastico e giovanile.

22 maggio 2012

Giornata Internazionale della Diversità Biologica Per conoscere la biodiversità e per accrescere la consapevolezza dei cittadini sugli aspetti che la contraddistinguono, in tutto il mondo in questa data viene celebrata la Giornata Internazionale per la

26

Biodiversità. La Giornata rappresenta quindi l’occasione per ‘festeggiare’ il valore della biodiversità e riflettere sul problema della sua progressiva riduzione attraverso attività di animazione e laboratori scientifici.

8 giugno 2012

Giornata Mondiale dell’Oceano Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con il mare. Spettacoli, mostre e soprattutto tanti laboratori e animazioni scientifiche ci sveleranno il mondo sommerso, le sue incredibili forme di vita e le azioni da intraprendere per la protezione dell’ecosistema Oceano.


Progetto NetS-EU Network to improve non-formal science teaching in Europe Un Network per la diffusione della didattica non formale delle scienze Cosa è: NetS-EU è un progetto europeo nato per raccogliere, elaborare, diffondere e valorizzare in Europa esperienze innovative sui metodi di apprendimento non formale nelle scienze, con un focus particolare su un approccio Inquiry-Based Learning. Il progetto NetS-EU dura tre anni (2011-2013) e coinvolge otto partner provenienti da diversi paesi europei, tra cui la Fondazione Idis-Città della Scienza che ne è ideatore e coordinatore.

A chi si rivolge: Il progetto è rivolto a docenti, operatori e ricercatori che lavorano nell’ambito della didattica e della ricerca didattica in campo scientifico.

Cosa si fa: L’obiettivo è quello di creare un network tra istituzioni, associazioni, centri di ricerca e, più in generale, tutte quelle organizzazioni che collaborano con il mondo della scuola per l’educazione scientifica. La nostra proposta per le scuole: Le attività di rete a cui tutti i docenti interessati sono invitati a prendere parte sono:

un social network - http://netseu.ning.com, una piattaforma per mettere in rete tutti i soggetti e le persone interessate alla didattica non formale delle scienze; tre conferenze internazionali Comenius (13 e 14 ottobre 2011 a Napoli, Italia; 2012: Lisbona, Portogallo, 2013: Bruxelles, Belgio) per la connessione e lo scambio di informazioni tra tutte le attività dei progetti Comenius che lavorano nel campo dell’educazione scientifica; workshops rivolti agli insegnanti per la diffusione dei risultati della ricerca sulla didattica non formale delle scienze; tre rapporti annuali sullo stato dell’arte della didattica delle scienze, resi disponibili sulla piattaforma online.

Tutte le informazioni sulle Conferenze internazionali Comenius e sui workshop per i docenti sono disponibili al sito del progetto http://netseu.ning.com. Per informazioni rivolgersi all’ufficio Progetti e attività di innovazione didattica e comunicazione scientifica della Fondazione Idis-Città della Scienza. 081.73.52.268. 27

attività in ambito europeo


Progetto NTSE Nano-Tech Science Education Un laboratorio virtuale online per l’apprendimento delle nanotecnologie Cosa è: Nano-Tech Science Education è un progetto multilaterale sviluppato nell’ambito del programma europeo Lifelong Learning e finalizzato a supportare l’insegnamento delle scienza nella scuola e a stimolare nei più giovani l’interesse per le discipline scientifiche e in particolare le nanotecnologie. A chi si rivolge: Gli studenti di scuola superiore, gli insegnanti di scienze e gli studenti di facoltà scientifiche che rappresentano i potenziali gli insegnanti del prossimo futuro. Cosa si fa: NTSE è partito a gennaio 2011 e terminerà a dicembre 2013, e vede coinvolte, oltre alla Fondazione Idis, altre istituzioni educative operanti in Turchia, Bulgaria, Romania e Grecia. Il progetto intende realizzare dei prodotti creativi e innovativi di supporto all’insegnamento delle scienze integrando tra loro risorse educative e tecnolo-

28

giche già disponibili, e focalizzando l’attenzione sul tema delle nanotecnologie La nostra proposta per le scuole: L’obiettivo principale di NTSE è la realizzazione di un’area di apprendimento virtuale, un laboratorio didattico a disposizione di tutti sul web, che contribuisca ad accrescere l’interesse dei beneficiari per le scienze e le nanotecnologie. Inoltre per l’autunno 2013 è previsto lo svolgimento a Lozen, in Bulgaria, del primo Nano-Science Camp nel corso del quale studenti e insegnanti provenienti dai paesi delle organizzazioni partner del progetto potranno partecipare a corsi divulgativi, dimostrazioni scientifiche ed altri eventi dedicati al tema delle nano scienze. Per informazioni rivolgersi all’ufficio Progetti e attività di innovazione didattica e comunicazione scientifica della Fondazione Idis-Città della Scienza. 081.73.52.245.


Progetto TWIST Towards Women In Science & Technology Promuovere ed accrescere l’interesse delle donne per la scienza e la tecnologia Cosa è: TWIST è un progetto finanziato dalla Commissione Europea che mette in luce il ruolo e la rappresentazione delle donne negli ambiti scientifici creando consapevolezza circa i persistenti stereotipi di genere. A chi si rivolge: Studenti ed insegnanti delle scuole medie e superiori. Cosa si fa: Il Science Centre di Città della Scienza offrirà per l’anno 2011 e 2012 un programma coordinato di attività sulle tematiche di genere: incontri, dibattiti, test, laboratori. La finalità generale è quella di veicolare una nuova immagine della scienza e delle donne nella scienza, incoraggiando un avvicinamento dei giovani verso le professioni e le carriere scientifiche, favorendo

il confronto con modelli positivi e contro stereotipi di ruolo in cui, in particolare le ragazze, possano identificarsi, riflettendo su se stesse come possibili scienziate di domani. La nostra proposta per le scuole: le attività, progettate con i partner del progetto e disseminate in sette Science Centre europei, saranno offerte gratuitamente. Il programma dettagliato delle attività sarà pubblicato sul sito www.cittadellascienza.it. Inoltre da luglio 2011 è prevista l’apertura di uno spazio espositivo dedicato, con istallazioni interattive e multimediali. Per informazioni rivolgersi all’ufficio Progetti e attività di innovazione didattica e comunicazione scientifica della Fondazione Idis-Città della Scienza. 081.73.52.205.

29


Visite alle aree espositive Un museo tutto da vivere e da scoprire


Visite generali

A001 Visita al Science Centre (per tutte le età) Una panoramica generale su tutte le sezioni espositive del Science Centre. Un’avventura alla scoperta dei fenomeni scientifici presenti in natura e nella nostra vita quotidiana che può anche essere integrata con visite di approfondimento nelle diverse sezioni tematiche. Sono previsti percorsi per i diversamente abili. A002 Visita alla fabbrica di Città della Scienza (per tutte le età) Gli edifici di Città della Scienza presentano un duplice interesse storico: sono uno dei rarissimi esempi di archeologia industriale presenti nel Mezzogiorno d’Italia e costituiscono una sorta di “catalogo” dell’evoluzione della tipologia di edifici industriali dall’inizio dell’800 a oggi. Il percorso all’interno del Science Centre prevede una panoramica sulla storia, sui macchinari e sui luoghi della vita dell’antico opificio chimico.


La palestra della scienza Viaggio alla scoperta della fisica: esperienza, interazione, divertimento

A101 Visita guidata alla sezione (11-18 anni) Nel corso del tempo gli scienziati hanno costruito le proprie teorie attraverso l’osservazione, la riproduzione e l’analisi dei fenomeni. Questo modulo di visita propone un percorso sulla conoscenza scientifica costruita attraverso l’esperienza sperimentale.

Approfondimenti Visite di approfondimento dedicate a diversi temi della fisica. A102 Elettricità e magnetismo (11-18 anni) Le cause e gli effetti dei fenomeni elettrici e magnetici, e le loro reciproche interazioni.

A104 Luce colore visione (11-18 anni) L’incanto della luce e dei colori esaminati in relazione alle loro proprietà e al nostro modo di percepirli. A105 Forze (11-18 anni) Le forze nelle loro diverse manifestazioni e le grandezze a esse correlate. A106 Oscillazioni e onde (11-18 anni) Le proprietà delle onde elastiche: il trasporto dell’energia ma non della materia, l’interferenza tra le onde, la risonanza dei corpi elastici. A107 Spazio Tempo Percezione (11-18 anni) Lo spazio e il tempo esaminati attraverso esperienze scientifiche e paradossi percettivi.

A103 Fluidi e vuoto (11-18 anni) Gli inusuali effetti dell’assenza di aria e del comportamento dei gas e dei liquidi in movimento.

33


Il Nanomondo

Terra Inquieta

Il bello del piccolo!

I fenomeni vulcanici: la potenza, l’impatto sul territorio, le attività dell’uomo

La mostra-laboratorio si sviluppa nel Science Centre come un intreccio originale tra il contributo delle punte più avanzate della ricerca scientifica, la diffusione della cultura scientifica al grande pubblico ed il coinvolgimento degli attori sociali attraverso procedure partecipative. Essa avrà lo scopo non solo di informare su nanotecnologie e nanoscienze e sulle loro applicazioni ma sarà anche il luogo in cui raccogliere la percezione che il pubblico ha di questa nuova tecnologia. Nella mostra, oltre a concetti di base per accedere al “nano-mondo”, verranno esposti anche oggetti realizzati con l’aiuto di materiali nanotecnologici, come celle solari fotovoltaiche, chip nanometrici, materiali anti-macchia e anti- ossidazione, impianti biocompatibili, cosmetici, ferrofluidi e tanto altro ancora.

Le eruzioni vulcaniche da sempre esercitano un fascino irresistibile sull’uomo, segnando la storia, le tradizioni e lo sviluppo dei luoghi. Exhibit, filmati, testi e “rocce parlanti” illustrano i meccanismi chimico - fisici del vulcanesimo con particolare attenzione a quello dell’area napoletana. Il percorso espositivo è stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Osservatorio Vesuviano, il Dipartimento di Scienze Fisiche dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

A350 Visita guidata alla sezione (11-18 anni)

34

A203 Visita guidata alla sezione (11-18 anni)


Il Planetario ...le stelle ...i pianeti ...le galassie ...l’universo: un vero e proprio spettacolo del cielo

Il planetario è un “simulatore di cielo”: tante luci proiettate sulla cupola riproducono fedelmente le costellazioni, quello che è visibile a occhio nudo e i moti della volta celeste. Il planetario di Città della Scienza è stato rinnovato per combinare al meglio gli effetti delle nuove tecnologie offerte dal Digistar 3 e la riproduzione della volta celeste del proiettore ottico Zeiss, coniugando valore didattico e spettacolarità. Oltre allo spettacolo, “Vita, morte e... miracoli delle stelle”, è possibile prenotare tre filmati a grafica tridimensionale altamente immersivi, proiettati a tutta cupola, anche nella versione in inglese.

Lo spettacolo A501 Vita, morte e... miracoli delle stelle (durata 25’) In questo spettacolo impareremo a ritrovare alcune delle costellazioni che popolano i nostri cieli e a orientarci con esse, proprio come gli antichi navi-

gatori. Ma il titolo non inganna, sapremo di tutto e ancor di più sulle stelle: come nascono, come vivono e persino come muoiono in funzione della loro massa. Si parlerà dunque di supernovae, pulsar e buchi neri.

I filmati A502 Due piccoli pezzi di vetro (durata 25’) Con due giovani studenti parteciperemo a uno “star party” per conoscere lo strumento astronomico più importante subito dopo l’occhio umano: il telescopio. I nostri giovani amici ci parleranno del funzionamento, della storia del telescopio e delle incredibili scoperte di Galilei, Huygens, Newton, Hubble e di tutti gli studiosi che l’hanno utilizzato, spinti dal desiderio di svelare i misteri dell’Universo. Guardando attraverso il telescopio, i protagonisti condurranno il pubblico del planetario sulle lune galileiane di Giove, attraverso gli anelli di Saturno e ancora oltre... fino nel cuore della galassia.

35


A503 I segreti del Sole (durata 21’) Uno spettacolo avvincente ci porterà a vedere da vicino la nostra stella e a scoprire il suo ruolo fondamentale nella vita del sistema solare. Dall’interno, dove le forze nucleari agitano il nucleo, fino alla superficie e alle potenti espulsioni di materiale solare nello spazio circostante, ci renderemo conto dell’enorme potenza del Sole, del suo impatto sui pianeti e - soprattutto - sulla vita terrestre. Anche il Sole ha una sua evoluzione, e potremo vedere, indietro nel tempo, com’è nata la nostra stella, e, proiettandoci nel futuro, vedere cosa succederà, tra miliardi di anni, nelle fasi finali della sua “vita”. A504 L’universo (durata 23’) Uno sguardo storico sull’osservazione del cielo. Come immaginavano l’Universo gli uomini nel passato? E come siamo arrivati alle splendide immagini dell’astrofisica di oggi? Visiteremo alcuni siti in cui i nostri antenati hanno eretto strutture gigantesche per l’osservazione e la previsione dei fenomeni astronomici, fino ad arrivare, ai giorni nostri, nei luoghi di osservazione della scienza moderna che scruta il cielo attraverso gli occhi dei grandi telescopi. Un viaggio attraverso il Sistema Solare, la nostra galassia e ancora più lontano verso splendidi panorami celesti.


L’avventura dell’evoluzione

Scienza in vetrina

Vite elementari... vite complesse: è l’avventura dell’Evoluzione!

Alla scoperta degli antichi laboratori scientifici ottocenteschi

A301 Visita guidata alla sezione (11-18 anni) Il mistero che ancora avvolge la vita, la sua origine e le sue incessanti trasformazioni. Dalle prime forme di vita alla scoperta e alla codifica del DNA, un avvincente racconto sui grandi temi della biologia.

Un viaggio nel tempo attraverso strumenti ed apparati presenti nei gabinetti scientifici antichi. Il gabinetto scientifico, i cui strumenti sono presenti nell’area espositiva, custodisce la storica collezione di strumenti scientifici del Liceo dei Padri Vincenziani. Uno scorcio sulla storia dei laboratori scientifici e sulla didattica della fisica nelle scuole napoletane attraverso numerose riproduzioni degli strumenti che hanno fatto la storia della scienza. Le attività sono svolte in collaborazione con Bottega Scientifica, società che opera nel campo della didattica delle materie scientifiche.

Approfondimenti A302 La cellula (11-18 anni) Le principali teorie sull’origine della vita, la scoperta e la codifica del DNA, il passaggio dalla cellula procariota a quella eucariota con osservazioni al microscopio di cellule vegetali e animali. A303 L’evoluzione (11-18 anni) Le teorie dei padri dell’evoluzionismo, l’osservazione di forme di vita unicellulari e più complesse. Un percorso che vi aiuterà a conoscere le modalità con cui la vita si evolve.

A304 Riproposizione di esperimenti “storici” di Fisica (16-18 anni) Grazie all’esperienza accumulata nel ripristino e valorizzazione di collezioni tecnico scientifiche, la società Bottega Scientifica srl ha ricostruito alcuni apparati ‘storici’ integrandoli con la moderna tecnologia on line. In particolare nel percorso di visita sarà possibile effettuare esperimenti con il banco ottico detto ‘del Melloni’, la macchina di Atwood e il Sonometro o Monocordo. Ognuno di questi strumenti è collegato ad un Datalogger e un computer per l’esecuzione dell’esperimento ed analisi dei dati sperimentali. 37


Visita alla mostra GNAM Informazione ed educazione alimentare: i segreti del mangiar sano Nell’ambito delle attività svolte con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania - Settore S.I.R.C.A., si propone la visita alla Mostra GNAM, afferente al Progetto “Comunicazione ed Educazione Alimentare”. Mangiare: un atto apparentemente naturale, in realtà estremamente complesso, articolato com’è in funzioni fisiologiche e significati sociali e culturali, quei significati che ogni cultura associa all’atto dell’alimentarsi. Ma cosa mangiamo? Cosa mangiavano gli antichi Romani? E nel ‘500 cosa c’era in tavola? Questo complesso legame tra natura, cultura, cibo e società accoglie il visitatore nella prima sezione della mostra Forchetta e Pennello, dove si evidenzia come da sempre il mondo dell’arte ha visto il cibo quale stimolo per parlare della società del proprio tempo. Si passa poi alla sezione Parla come Mangi, e qui un breve viaggio tra i proverbi racconta di una cultura alimentare come patrimonio di conoscenze e credenze, dove il cibo si lega al territorio e all’evoluzione dei costumi, diventando una chiave di lettura della storia locale e del proprio territorio. Il cibo è anche calorie, è anche energia, 38

proteine, acqua... Dunque cosa vuol dire un corretto apporto di principi nutritivi? Nella sezione Mangia e Muoviti l’invito è a una riflessione sul tema del rapporto tra alimentazione e salute e quindi la trasformazione del cibo in energia, l’importanza di effettuare scelte alimentari corrette. Quale cibo e per quale bellezza? Bello sarai tu è la sezione che descrive come ogni epoca esprima un’idea di bellezza, come sono cambiati i canoni di bellezza nel tempo, specchio delle trasformazioni della società. Ma come arriviamo al cibo? Dalla natura i prodotti. E la sezione Doc, doc: chi è? guida il visitatore/consumatore alla scoperta dei prodotti agroalimentari certificati campani, al riconoscimento del significato di sigle come DOP, DOC, DOCG ...per portare nella cucina didattica una spesa ricca di prodotti tipici campani e certificati. Così nella Cucina Didattica la sezione Stai fresco! Fai i conti con la freschezza parla dei diversi alimenti freschi di stagione, in particolare pesce azzurro, frutta e ortaggi, perché mangiare alimenti freschi e di stagione significa assumere sostanze fondamentali per la nostra salute e mantenere il legame con la tradizione culinaria del proprio territorio.


La sezione Se mi conservi parla invece della conservazione degli alimenti e di come e in quale misura la tecnologia viene applicata alla produzione alimentare. Dunque come dovrebbero essere conservati correttamente gli alimenti? Nel frigorifero o in credenza? Cosa significa congelare e surgelare? Altro passaggio fondamentale è come il cibo viene cucinato. Così nella sezione Se mi cucini molte azioni che meccanicamente si compiono senza porsi domande trovano una spiegazione scientifica. Perché la bistecca può essere mangiata al sangue e invece l’hamburger ben cotto? E perché tempi di cottura si riducono usando la pentola a pressione? E infine il ritorno alla natura nella sezione Raccolti in tavola: coltivazione intensiva, integrata o biologica? Uno sguardo sulle agricolture possibili, una riflessione sull’impatto ambientale che esse generano e sul rispetto dell’ambiente.

La nostra proposta per le scuole Le scuole della Campania che prenoteranno le attività afferenti alla mostra GNAM, usufruiranno di uno sconto sul biglietto di ingresso, offerto dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania. A803 Visita guidata (11-16 anni) Dopo una breve presentazione del progetto, la visita alla mostra ha inizio con uno spettacolo teatrale sulla frutta e gli ortaggi. A seguire, i ragazzi, accompagnati da guide scientifiche esperte, effettuano il percorso di visita alla mostra affrontando le tematiche trattate. Con immagini, exhibit, miti e proverbi, curiosità storiche, gli studenti saranno stimolati, con un approccio ludico, a riflettere ed acquisire comportamenti critici e consapevoli in campo alimentare.

39


i les laboratori per l’educazione alla scienza Progetta, costruisci, collabora, rifletti, impara: l’apprendimento non è mai stato così innovativo Nel Science Centre di Città della Scienza studenti e docenti possono partecipare alle attività dei LES-Laboratori per l’Educazione alla Scienza, in cui esperienze didattiche a carattere sperimentale si svolgono in ambienti di apprendimento non formali. In questi ambienti ogni elemento è orientato perché l’apprendimento sia attivo, collaborativo, conversazionale, riflessivo, contestualizzato, intenzionale e, infine, costruttivo.

Negli spazi espositivi e nei laboratori non solo chi apprende è invitato a giocare, costruire, con altri, ma anche i conduttori progettano, realizzano, espongono collaborando con gli studenti e i docenti. Viene così offerta una molteplicità di modi di fare e di punti di vista che tende a favorire il confronto, la partecipazione attiva e la comprensione di fenomeni anche complessi.


Le attività didattiche laboratoriali dei LES si svolgono in vari spazi attrezzati del Science Centre dalle differenti caratteristiche:

spazi dei LES

• i due Laboratori MultIdisciplinari (Fisica, Matematica, Scienze della Vita e della Terra, ecc.), dotati di attrezzature didattiche tradizionali e di computer con sensori in linea; • il Life Learning Center (LLC) per le Biotecnologie, dotato di strumentazioni specifiche come celle elettroforetiche, micropipettatori, termociclatore; • il Bar di Chimica in cui si svolgono attività sperimentali in una cornice di laboratorio chimico di inizio ‘900; • l’APL (Attività e Progetti Laboratoriali) ambiente multimediale e variamente configurabile grazie ad arredi mobili; • il giardino e la serra spazi all’aperto per attività naturalistiche; • l’Officina dei Piccoli dotata di vari ambienti-laboratorio e di una serie di installazioni dedicate ai sensi, alla percezione e alla manualità; • il Planetario per lo svolgimento di attività legate all’osservazione e allo studio della volta celeste; • le aree espositive del Science Centre dove gli studenti in attività possono osservare direttamente i fenomeni riprodotti dalle installazioni presenti.


La proposta educativa del Science Centre L’attività didattica del Science Centre è proposta alle scuole con diverse opzioni:

Le attività di laboratorio Singoli incontri o brevi cicli di attività, così come dettagliato nelle descrizioni dei vari ambiti di intervento dei LES. Ogni attività affronta un particolare argomento attraverso l’osservazione e lo svolgimento di esperimenti, proponendo percorsi alternativi alla didattica frontale allo scopo di superare le eventuali difficoltà di insegnamento/apprendimento. Le attività rivolte a studenti di fascia d’età allargata sono fortemente differenziate nella conduzione a seconda dell’effettiva età dei partecipanti.

Le attività in convenzione Se una scuola desidera svolgere un gran numero di attività di laboratorio, può stipulare con Città della Scienza una convenzione che prevede degli sconti sui costi previsti.

L’aggiornamento dei docenti La Fondazione Idis-Città della Scienza è soggetto riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la formazione del personale della scuola. L’aggiornamento dei docenti concerne la progettazione e la gestione di attività sperimentali, l’uso di nuove tecnologie per la didattica della scienza, la riflessione su sperimentazioni didattiche in corso, la progettazione e la valutazione di attività didattiche tese al miglioramento dell’insegnamento e dell’apprendimento delle Scienze. L’offerta formativa è rivolta a docenti di scuole di ogni ordine e grado.

L  ’allestimento di laboratori a scuola I progettisti del Science Centre di Città della Scienza offrono un servizio di consulenza per la progettazione, l’allestimento e l’attivazione di laboratori didattici a scuola. La progettazione dei laboratori si caratterizza per lo spirito di apertura al territorio e la flessibilità organizzativa e didattica.

43


I progetti di innovazione didattica A beneficio di istituti scolastici che vogliano intraprendere percorsi più complessi sulla didattica sperimentale delle Scienze, è possibile progettare interventi che integrino alcuni dei punti già riportati: l’allestimento di uno spazio laboratoriale a scuola, lo svolgimento di attività di laboratorio a Città della Scienza e presso l’Istituto, l’aggiornamento dei docenti sulle modalità di utilizzo delle strumentazioni e i metodi educativi non formali a sostegno dei percorsi di istruzione formale. Per stipulare convenzioni, pianificare corsi di aggiornamento docenti e progetti di innovazione didattica o altro, è possibile contattare lo staff Progetti e Attività di Innovazione Didattica e Comunicazione Scientifica del Science Centre.


Laboratorio di Fisica Forze ed energia L102 Passeggiate davanti al sonar una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Si fanno passeggiate davanti ad un sonar, un rivelatore di posizione collegato ad un calcolatore. In tempo reale, mentre un ragazzo si muove, viene costruito il grafico della distanza rispetto al tempo. L’interpretazione collettiva di allontanamenti, avvicinamenti, soste diventa un gioco istruttivo che mette alla prova abilità nel descrivere sia con parole sia con grafici. L103 Forze, deformazione e movimento da una a tre attività (11-13 anni, durata 75’) Partendo dall’idea del “fare forza” come oggetto di esperienza percettiva e cognitiva, si gioca per riconoscere le azioni di vita quotidiana nelle quali si esercitano delle forze. Si eseguono esperienze allungando e schiacciando molle, spugne, elastici, direttamente o attraverso degli oggetti pesanti, e si discute su ciò che i ragazzi “vedono” o “sentono” in varie situazioni sviluppando così la capacità di descrivere i fenomeni osservati in termini delle leggi della meccanica.

L104 Le macchine semplici una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Qualsiasi macchina è riconducibile a un insieme di macchine semplici, cioè dispositivi che consentono di equilibrare una determinata forza con un’altra forza di minore intensità o di direzione più conveniente. Il percorso prevede l’analisi del comportamento di una bilancia a bracci e delle leve dei tre generi.

L132 Giocare con la scienza (11-14 anni, durata 75’) In questa attività si affronteranno problemi ed argomenti scientifici attraverso l’utilizzo di giocattoli. Si scoprirà come non far cadere una lattina sfruttando la pressione atmosferica, come realizzare delle bolle di sapone che non si rompono, come funziona il miraggio, come è nato il cinema, come funzionavano i primi barometri, se il legno galleggia o va a fondo se messo in un vaso pieno d’acqua. Un approccio informale ad alcuni degli argomenti più complessi della fisica. In collaborazione con

45


L133 Costruisci e... sperimenta (11-14 anni, durata 75’) In questa attività i ragazzi vengono coinvolti nella costruzione, utilizzando parti preformate, di veri strumenti scientifici, pronti per poter essere utilizzati in laboratorio. Gli strumenti che si realizzeranno sono: un telescopio galileiano, un piano inclinato per studiare le leggi della meccanica, una bilancia, uno spettroscopio per osservare diverse sorgenti luminose. Con gli strumenti realizzati i ragazzi eseguiranno semplici esperimenti raccogliendo i dati e discutendoli insieme ai conduttori.

La misura L108 Facciamo una misura una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Il percorso mira all’acquisizione di abilità operative sulla misura. Si parte da valutazioni soggettive e da stime; lavorando insieme, si cerca di capire quali sono le regole che implicitamente i ragazzi hanno applicato per assegnare un numero ad una grandezza. Con sistemi di campioni convenzionalmente scelti si misurano lunghezze, superfici, volumi, masse, ecc. Vedi anche in Laboratorio di Matematica: L207 Probabilità e misura 46

L105 Movimento da una a tre attività (14-18 anni, durata 150’) Iniziando con moti con traiettorie diverse, le attività di questo percorso trattano poi, in maniera strettamente integrata, la descrizione cinematica di moti su traiettoria rettilinea. Nelle attività è utilizzato un sonar in linea al calcolatore: in tempo reale, mentre si svolge il movimento (di una persona, di un carrello, ecc.) davanti al sonar, sono visualizzati i grafici cinematici sullo schermo del calcolatore. L106 Forze e Movimento una o due attività (14-18 anni, durata 150’) Partendo dalla fenomenologia quotidiana e utilizzando concetti legati al senso comune, si mira a rendere plausibili i principi della meccanica newtoniana. Con dinamometri a molla e trasduttori in linea al calcolatore vengono proposti esperimenti qualitativi e quantitativi che permettono di aggredire difficoltà note di apprendimento relative al concetto di forza, alla composizione vettoriale, all’utilizzo dei tre principi. L107 Energia (14-18 anni, durata 75’) Si mira a fare acquisire i modi di descrivere i fenomeni fisici in termini di conservazione e dissipazione dell’energia meccanica, di trasformazione e di trasferimento di energia, per definire i concetti di lavoro, di potenza, di efficienza e il primo principio della termodinamica.


Laboratorio di Fisica Luce e colore L111 La Città della luce da una a tre attività (11-13 anni, durata 75’) Il percorso si propone di mettere in evidenza in modo sistematico fenomenologie di base quali: la propagazione rettilinea, l’assorbimento, la riflessione, la diffusione, la dispersione, la rifrazione, la composizione dei colori. I ragazzi lavorano su tavoli dotati di sorgenti puntiformi ed interpongono al “cammino della luce” materiali differenti come lastrine trasparenti, riflettenti, colorate, ecc. L112 L’acqua e la luce (11-13 anni, durata 75’) I ragazzi lavorano in piccoli gruppi svolgendo esperienze che mirano alla scoperta delle proprietà ottiche dell’acqua: l’acqua è trasparente ma per vedere sott’acqua c’è bisogno della maschera, l’acqua può piegare la luce, l’acqua può far comparire e scomparire oggetti, l’acqua può ingrandire, l’acqua può far comparire l’arcobaleno. L113 Luce, colore e visione da una a tre attività (14-18 anni, durata 150’) In questo percorso ci si propone di mettere in evidenza, in modo sistematico anche se qualitativo, la compresenza e la sovrapposizione di alcune fenomenologie di base dei fenomeni luminosi. La

propagazione rettilinea, la riflessione, la diffusione, l’assorbimento, la rifrazione, la dispersione, la polarizzazione, ecc. sono introdotti in esperimenti che appaiono piacevoli “da vedere”. Le stesse esperienze sono riprese poi in modo quantitativo utilizzando sia luce bianca, sia laser.

Calore e temperatura L114 Che caldo, che freddo da una a tre attività (11-13 anni, durata 75’) Nel percorso, lavorando con oggetti di uso comune, con sorgenti di calore, con termometri e sonde collegate al computer si rivisitano i fenomeni termici, mirando ad una riorganizzazione dei modi di pensare e di descrivere fatti di realtà, imparando a distinguere tra calore e temperatura e a caratterizzare materiali e sistemi in base alla capacità di scambiare calore e alla velocità ed efficienza del trasferimento. L115 Calore e temperatura da una a tre attività (14-18 anni, durata 150’) Le attività di questo percorso si propongono di costruire i concetti-base dei fenomeni termici insieme a competenze sperimentali con l’obiettivo di aggredire le difficoltà note d’apprendimento. Partendo da fenomeni quotidiani e realizzando poi 47


esperienze quantitative si lavora con i concetti di sistema, equilibrio termico, temperatura, calore, trasformazione. Le attività utilizzano strumentazione tradizionale (termometri, thermos, cronometri, ecc.) e sensori di temperatura in linea al calcolatore.

Elettricità e magnetismo L116 Lampadine e batterie una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Si inizia con l’accensione di una lampadina e con l’analisi accurata del sua struttura e del suo funzionamento. L’inserimento nel circuito di oggetti diversi permette di distinguere tra conduttori e isolanti, di cominciare a costruire le grandezze corrente e resistenza e di caratterizzare batterie. Si costruiscono e si analizzano circuiti elettrici combinando in serie e in parallelo batterie e lampadine. L117 Elettricità e magnetismo (11-13 anni, durata 75’) Questa attività mira al confronto e alla distinzione operativa di due tipi di interazione (magnetica, elettrica); la distinzione dei materiali in base al loro comportamento elettrico e magnetico; l’osservazione di fenomeni di induzione magnetica. Le esperienze proposte sono di facile riproduzione e prevedono per lo più l’impiego di materiale di uso comune. 48

L118 Elettromagnetismo (14-18 anni, durata 75’) Si parte dall’osservazione degli effetti prodotti dalla corrente in un circuito elettrico. Utilizzando bussole, generatori, amperometri, ecc. si realizzano esperimenti che riguardano la legge di Biot e Savart, l’interazione tra correnti, tra correnti e magneti, l’induzione magnetica. Si analizzano le applicazioni negli apparecchi e congegni (trasformatore, elettrocalamita ecc.) di uso comune.

L119 Circuiti elettrici da una a tre attività (14-18 anni, durata 150’) Il percorso parte dalla costruzione di circuiti resistivi con l’uso di batterie e di lampadine in diverse configurazioni in serie e in parallelo. Poi si analizzano gli stessi circuiti con amperometri e voltmetri e si indaga la relazione tra tensione e corrente, la relazione tra la resistenza e i parametri geometrici di un filo conduttore, l’effetto Joule. Il percorso mira alla integrazione tra concetti-base e abilità operative che possono risultare utili in molti campi.

Fluidi L121 L’aria intorno a noi (11-13 anni, durata 75’) Durante l’attività i ragazzi svolgono semplici esperienze alla scoperta delle proprietà dell’aria: l’aria occupa uno spazio che può variare al variare della


Laboratorio di Fisica pressione e della temperatura, l’aria spinge, l’aria ha un comportamento elastico e fa rallentare gli oggetti in moto. Con l’uso di siringhe, contenitori sotto vuoto e una pompa da vuoto si osserverà cosa succederebbe se non ci fosse l’aria. L122 Alla scoperta delle proprietà dell’acqua (11-13 anni, durata 75’) L’acqua è un elemento con cui si acquista familiarità sin da piccoli, sperimentando e scoprendo alcune delle sue proprietà. Nel corso dell’attività, attraverso giochi ed esperimenti, si indagano i comportamenti dell’acqua, confrontandoli con quelli di altri liquidi, e cercando regole che esplicitino e colleghino comportamenti apparentemente diversi alla stessa proprietà. L123 Galleggiamento da una a tre attività (11-13 anni, durata 75’) Davanti ad un mucchio di oggetti e ad una vaschetta piena d’acqua, i bambini cominciano a giocare facendo previsioni su cosa andrà a fondo e cosa rimarrà a galla. Gli oggetti vengono poi messi nell’acqua, spinti sul fondo, uno per volta o con combinazioni di essi. Le discussioni sulle osservazioni fatte mirano alla scoperta di regole che descrivono aspetti significativi delle esperienze svolte.

L124 La fontana di Erone (11-13 anni, durata 75’) Molte sono le esperienze della vita quotidiana legate alla pressione idrostatica: quando si va sott’acqua e si sentono le orecchie fischiare, quando si beve da una cannuccia, quando si apre una fontana. Obiettivo dell’attività è trovare un modo comune di descrivere e di interpretare queste esperienze apparentemente così diverse e di individuare i parametri da cui dipende la pressione idrostatica.

Onde e oscillazioni L125 Onde e oscillazioni (14-18 anni, durata 150’) A partire dalla perturbazione che viaggia su lunghe molle e su corde, sono studiate le onde meccaniche e le loro caratteristiche (lunghezza d’onda, ampiezza, frequenza, ecc.) anche in dipendenza del mezzo in cui si propagano (velocità e indice di rifrazione). Si realizzano e si analizzano esperimenti sui fenomeni dell’interferenza, della riflessione, della rifrazione, delle onde stazionarie, della risonanza, ecc. L126 La fisica del suono (14-18 anni, durata 150’) Questo incontro ha l’obiettivo di esplorare in modo approfondito il campo dell’acustica. Gli esperimenti e le osservazioni si riferiscono ai fenomeni 49


di produzione e propagazione dell’onda sonora, al concetto di frequenza e a tutti gli eventi correlati quali i suoni complessi, la trasformata di Fourier, l’analisi spettrografica e la sintesi additiva.

La fisica moderna In collaborazione con

L127 La nascita della fisica moderna: studio degli spettri a righe (16-18 anni, durata 75’) Durante l’attività verrà mostrato uno spettroscopio ottico e si osserverà una sorgente luminosa attraverso lo strumento. Successivamente si utilizzerà un moderno spettrofotometro collegato ad un computer e si acquisiranno gli spettri di sorgenti luminose di vario tipo. Gli spettri verranno analizzati dagli studenti tramite un software specifico e dall’esame si individuerà il tipo si sorgente luminosa e le sue caratteristiche. Partendo dal risultato della misura si giustificherà il modello atomico di Bohr.

50

L128 Lo studio dei fenomeni radioattivi (16-18 anni, durata 75’) Con questa attività si scoprirà quali sono gli strumenti utilizzati per studiare le reazioni che avvengono nel nucleo. Si eseguiranno, on line, una misura del fondo di radioattività ambientale con un Geiger Muller e si otterrà lo spettro di un radionuclide con un sistema multicanale. Si metteranno a confronto i risultati degli esperimenti discutendo sul tipo di rappresentazione grafica del risultato e sulle informazioni che si possono ricavare dall’utilizzo di strumenti con caratteristiche diverse. L129 La fisica del nucleo atomico: scattering Compton, produzione di coppie ed annichilazione (16-18 anni, durata 75’) Attraverso l’utilizzo di uno strumento che permette di misurare l’energia in gioco nei processi di decadimento nucleare, si acquisiranno, in tempo reale, informazioni su diversi radionuclidi. Il risultato sarà analizzato dai gruppi di studenti attraverso un apposito software. Da questa analisi si trarranno importanti conclusioni relative alla correttezza della meccanica quantistica ed alla esistenza dell’antimateria.


Laboratorio di Matematica L130 Studio del decadimento radioattivo (11-18 anni, durata 75’) Con questa attività si simulerà il decadimento radioattivo di atomi instabili. Attraverso il lancio di appositi dadi si studierà prima il decadimento di diversi radionuclidi, poi il comportamento di un decadimento multiplo. Infine, si studieranno le variazioni indotte nella materia dalla esposizione alle radiazioni nucleari. L131 Energie rinnovabili: efficienza di un pannello fotovoltaico e di una cella PEM ad idrogeno (16-18 anni, durata 75’) Attraverso l’utilizzo di un pannello solare fotovoltaico ed una cella ad idrogeno collegati ad un pannello contenente diversi strumenti di misura (voltmetro, amperometro, barometro, termometro, cronometro digitale), si trarranno importanti conclusioni sul concetto di “rendimento energetico” di questi due importanti dispositivi per la produzione di energia.

L206 Le proporzioni nel quotidiano (11-15 anni, durata 75’) Come bisogna cambiare le dosi di una ricetta se aumentano o diminuiscono gli invitati? Come si fa un disegno in scala? Come devo cambiare la velocità se devo percorrere la stessa distanza in meno tempo? In questa attività scopriamo come la matematica sia presente nel nostro quotidiano, e come molti problemi che incontriamo trovano risposta applicando le proporzioni. L207 Probabilità e misura una o due attività (14-18 anni, durata 150’) Si acquisisce familiarità durante l’attività con i concetti di frequenza e probabilità e si deduce la “legge empirica del caso”. Si impara a lavorare con insiemi di dati per interpretarne il significato e per rappresentarli attraverso istogrammi di frequenza e probabilità. Nel secondo incontro si studiano alcuni metodi di elaborazione di dati sperimentali e si ricostruisce il significato di distribuzione binomiale e di distribuzione gaussiana. L208 Derivate e integrali in meccanica (18 anni, durata 150’) Utilizzando un sonar collegato al calcolatore si realizzano esperimenti di meccanica che sono in51


Laboratorio di Chimica terpretati attraverso l’analisi di grafici ottenuti in tempo reale. L’analisi dei grafici temporali di spazio, velocità, accelerazione e la correlazione tra essi permette di dare significato alle operazioni di derivazione e di integrazione e ai punti di minimo, massimo, flesso, ecc. Vedi anche in Laboratorio di Fisica: L105 Movimento Laboratorio di Astronomia: L909 Misura del raggio terrestre con il metodo di Eratostene Laboratorio di Arte e Scienza: L006 I numeri e la geometria nell’arte

I colori della chimica L301 L’arcobaleno in provetta (11-16 anni, durata 75’) Quali sono i meccanismi molecolari che regolano il cambiamento di colore associato ad alcune reazioni chimiche? L’attività prevede la sperimentazione e la comprensione delle più colorate reazioni chimiche (precipitazioni, complessazioni, cambiamento di colore degli indicatori acido-base, ossidoriduzioni...). L302 Il bar di chimica (11-16 anni, durata 75’) Un percorso alla scoperta del mondo della chimica tra racconti, osservazioni ed esperimenti. Un sorprendente viaggio alla scoperta di composti e reazioni capace di affascinare grandi e piccoli. L303 La chimica delle reazioni di ossidoriduzione (16-18 anni, durata 75’) Le reazioni di ossidoriduzione rappresentano una categoria di fenomeni di fondamentale importanza nello studio della chimica. Nel corso dell’attività si costruisce una cella elettrolitica e si svolgono esperimenti sull’elettrolisi dell’acqua e di un sale di iodio.

52


Laboratorio di Scienze Naturali e della Vita La chimica delle cose

Il mondo vegetale

L304 Materiali a sorpresa (11-16 anni, durata 75’) Sabbia che non si bagna in acqua, colori che cambiano con la temperatura o la luce, un sottile filo di nylon generato da due liquidi che non si mescolano tra loro. Un percorso alla scoperta delle proprietà dei materiali sintetici.

L401 Dal fiore al frutto (11-13 anni, durata 75’) I fiori e i frutti portati dai ragazzi verranno sezionati per osservarne i componenti e tracciare il percorso di trasformazione dal fiore al frutto. Particolare attenzione verrà data all’impollinazione e ai principali agenti responsabili di tale processo.

L305 La chimica del quotidiano (14-18 anni, durata 75’) Il percorso didattico prevede la comprensione dei fenomeni chimici legati all’utilizzo di sostanze di uso quotidiano. Gli argomenti trattati comprendono la chimica dei saponi, l’effetto nocivo derivante dalla miscelazione di detersivi e i saggi chimici utili per rivelare la composizione di leghe metalliche.

L402 Laboratorio Natura (11-13 anni, durata 75’) L’attività si propone di esplorare il mondo dei vegetali attraverso l’osservazione di reperti freschi e secchi e scoprire come “funzionano” le piante mediante dimostrazioni, attività pratiche ed esperimenti eseguiti utilizzando materiale di uso comune.

Dentro l’atomo L307 Alla scoperta della tavola periodica (11-18 anni, durata 75’) Costruendo semplici modellini della configurazione elettronica di alcuni elementi fino alla costruzione di composti chimici, si impara a leggere e interpretare la tavola periodica degli elementi.

L403 Come riconoscere le piante (11-13 anni, durata 75’) Nel corso dell’attività si imparerà a riconoscere le specie vegetali più comuni tipiche dell’ecosistema della macchia mediterranea evidenziando le loro strategie di adattamento all’ambiente. Inoltre, si acquisirà la tecnica di allestimento di un erbario. L404 Algario (11-15 anni, durata 75’) Il percorso didattico prevede la costruzione di 53


un algario e diverse esperienze finalizzate alla comprensione della biologia delle alghe. Durante l’attività saranno effettuate osservazioni macroscopiche e microscopiche di reperti naturali. L420 Laboratorio funghi (11-14 anni, durata 75’) L’attività si propone di esplorare il mondo dei funghi. I ragazzi saranno guidati alla scoperta dei loro particolari anatomici mediante l’ausilio di stereomicroscopio ottico, l’allestimento di preparati a fresco, l’osservazione diretta delle strutture biologiche.

 La vita animale L406 Animali in Città (11-13 anni, durata 75’) Nella nostra Città, tra smog e cemento, si nasconde un ecosistema popolato da animali e piante di ogni genere. Impariamo a riconoscere, scoprire e proteggere gli animali che vivono intorno a noi attraverso l’osservazione di reperti naturali. L407 Scopri le tracce (11-13 anni, durata 75’) Impariamo ad individuare ed a riconoscere i segni e le tracce lasciate dagli animali più schivi allo scopo di migliorare le capacità di osservazione dei ragazzi. Verranno utilizzate metodologie scientifiche per identificare resti alimentari, piume e reperti ossei. 54

Evoluzione L408 Fossili (11-13 anni, durata 75’) Cos’è un fossile? Il percorso didattico mira alla definizione di fossile e all’analisi dei processi attraverso i quali un organismo si trasforma in fossile. Successivamente i ragazzi riproducono fossili in argilla utilizzando calchi positivi e negativi. L409 Momenti di vita preistorica (11-14 anni, durata 75’) L’attività consiste nella simulazione di uno scavo in un sito neolitico per ricavare, a partire dall’analisi dei reperti trovati nel terreno, informazioni sulla vita dei nostri antenati. In caso di pioggia l’attività sarà sostituita con un’attività in tema. L410 L’origine dell’uomo (13-18 anni, durata 75’) L’analisi e la comparazione di crani di ominidi con quelli dell’homo sapiens serviranno per valutare le differenze più rilevanti fra le specie. Risalendo ai siti di ritrovamento dei reperti fossili più noti, saranno ipotizzate le rotte di migrazione degli ominidi. L411 Evoluzione in corso (14-18 anni, durata 75’) Mediante dati geologici, geografici, morfologici e biomolecolari, si analizza un tipico caso di evoluzione”in atto”. Al termine dell’attività gli studenti sapranno ricostruire alberi filogenetici partendo da dati reali.


Laboratorio di Scienze Naturali e della Vita Ecologia L412 Mimetismo (11-13 anni, durata 75’) Molti animali si nascondono in maniera quasi perfetta, altri si fingono pericolosi o si “mascherano” in vari modi. Attraverso osservazioni, simulazioni e giochi si potrà scoprire cosa c’è alla base di questo fenomeno ecologico. L413 Macro e microcosmo vitale (11-16 anni, durata 75’) Il percorso didattico consiste nell’esplorazione del mondo vegetale e animale attraverso osservazioni microscopiche e macroscopiche. Verranno osservati al microscopio diversi organismi e materiale raccolto nel giardino. L414 Ecosistemi da ricostruire (11-13 anni, durata 75’) Una simulazione per valutare gli impatti che le attività umane esercitano sugli ecosistemi “fragili” e i tentativi per ripristinarne l’equilibrio alterato. Con semplici gesti è possibile migliorare la salute del nostro pianeta.

Microbiologia L415 Costruiamo le cellule (11-13 anni, durata 75’) Dopo l’osservazione di modelli macroscopici e di

organismi unicellulari e pluricellulari al microscopio ottico, i ragazzi riprodurranno con l’argilla cellule vegetali o animali al fine di memorizzare la struttura e la funzione dei diversi organelli cellulari. L416 Virus e superbatteri (11-14 anni, durata 75’) Molte minacce alla salute umana vengono oggi da virus e batteri che mutano continuamente e si adattano per resistere ai farmaci. L’attività mira a studiare i meccanismi alla base di questa resistenza e ad analizzare possibili contromisure.

Il corpo umano L418 Siamo fatti così: esploriamo il corpo umano (11-13 anni, durata 75’) Cuore, polmoni, cervello, stomaco ed altro. Sono solo una parte degli organi che si trovano dentro di noi. Attraverso giochi, esperimenti ed attività pratiche proviamo a imparare e discutere su come funziona il nostro corpo. L419 Cervello e Memoria (11-13 anni, durata 75’) Durante l’attività saranno illustrate l’anatomia del cervello e le sue funzioni investigandone la fisiologia e il funzionamento dei neuroni. Un test per valutare le capacità mnemoniche completerà l’attività. 55


Laboratorio dell’Ambiente L503 L’Acqua come risorsa una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Attraverso la scoperta del viaggio che l’acqua compie a partire dai luoghi nei quali si accumula naturalmente (laghi, fiumi, ecc.) per arrivare al rubinetto di casa nostra, questo percorso intende promuovere comportamenti consapevoli e responsabili nell’uso quotidiano della risorsa acqua. L504 Gli “organismi sentinella” per la lotta all’inquinamento (11-14 anni, durata 75’) Attraverso semplici esperimenti è possibile illustrare alcuni principi alla base del funzionamento degli ecosistemi e delle dinamiche di popolazione. Insieme scopriremo le piante e gli animali che aiutano l’uomo nella lotta all’inquinamento. L505 Gli organismi mangia-spazzatura (11-15 anni, durata 75’) Una parte dei rifiuti che quotidianamente produciamo può essere riciclata per produrre compost. Quali sono i processi chimici e biologici che trasformano la spazzatura in terreno fertile? Un percorso per conoscere alcuni organismi e tecniche necessari per produrre in proprio il compost.

56

L506 Ossigeno disciolto in acqua (11-18 anni, durata 75’) Il percorso è centrato sulla presenza dell’ossigeno disciolto in acqua, sulla misura della sua concentrazione e sulle variabili che l’influenzano. La presenza di ossigeno in acqua è di fondamentale importanza per la qualità degli ecosistemi acquatici in quanto rende possibile in essi la vita animale e vegetale. L507 Le piante come Bioindicatori ambientali (11-18 anni, durata 75’) Sfruttando la fisiologia vegetale scopriamo se in un campione d’acqua o di suolo si celano sostanze tossiche. Allestendo test di tossicità su semi di piante superiori approfondiamo i concetti di inquinamento e biomonitoraggio. L509 Misura della concentrazione di sostanze colorate (16-18 anni, durata 75’) Nel corso dell’attività, utilizzando reagenti e misurando l’intensità di colore della soluzione mediante l’impiego di un apposito strumento, si impara a misurare la concentrazione di metalli pesanti in acque inquinate.


Laboratorio di Biologia Molecolare e Biotecnologie - LLC In collaborazione con: Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale, Dipartimento di Scienze Biologiche, Facoltà di Scienze Biotecnologiche Università degli Studi di Napoli Federico II. Il Life Learning Center di Napoli, membro del Life Learning Center Network, ha come obiettivo principale quello di avvicinare i docenti e gli studenti alla genetica, alla biologia molecolare e alle biotecnologie assicurando un aggiornamento continuo per i docenti e l’opportunità della sperimentazione per gli studenti.

cos’è una cellula, come è fatta, quali sono le sue funzioni principali, cosa sono i caratteri ereditari e in che modo vengono trasmessi. L603 Crime Lab (11-13 anni, durata 75’) È un piccolo laboratorio di investigazione scientifica in cui gli studenti si cimenteranno a risolvere dei “casi” polizieschi. I ragazzi analizzeranno gli indizi a loro disposizione e, per ricostruire l’accaduto, svolgeranno esperimenti scientifici e osservazioni macro e microscopiche.

L601 Alla scoperta del DNA (11-13 anni, durata 75’) Un’attività per conoscere la struttura e le funzioni del DNA. Durante il percorso didattico gli studenti svolgeranno un esperimento semplificato di estrazione del DNA da tessuti vegetali al termine del quale l’acido nucleico sarà visibile ad occhio nudo sotto forma di “flocculo”.

L604 DNA fingerprinting (14-18 anni, durata 180’) La tecnica del DNA fingerprinting permette di comparare frammenti di DNA provenienti da individui diversi e di risolvere indagini poliziesche e casi di paternità. I ragazzi visualizzeranno frammenti di DNA, ottenuti dalla digestione enzimatica di plasmidi, per mezzo dell’elettroforesi su gel di agarosio e li confronteranno con un campione dato.

L602 Entriamo in una cellula! (11-13 anni, durata 75’) Un percorso didattico per scoprire, attraverso lo svolgimento di esperimenti, giochi interattivi e multimediali e osservazioni al microscopio, che

L605 Estrazione e visualizzazione di DNA (14-18 anni, durata 180’) Inizialmente i ragazzi estrarranno dall’epitelio boccale il proprio DNA che, se ottenuto da un numero sufficiente di cellule, formerà una massa visibile. 57


Quindi conosceranno e sperimenteranno l’elettroforesi, una delle principali tecniche biotecnologiche, allestendo un gel di agarosio per visualizzare dei campioni di DNA plasmidici. L606 Digestione DNA del fago lambda (14-18 anni, durata 180’) L’attività si propone di sperimentare l’azione di alcuni degli enzimi di restrizione più usati nelle tecniche di biologia molecolare. Tali enzimi, capaci di tagliare il DNA a doppia elica in punti specifici, saranno utilizzati per digerire il cromosoma del fago lambda ottenendo frammenti che si visualizzeranno con la tecnica dell’elettroforesi. L607 La PCR - analisi del DNA estratto da un capello (14-18 anni, durata 180’) La tecnologia della PCR - reazione a catena della polimerasi - consente di ottenere in vitro un elevato numero di copie di una specifica sequenza di DNA ed è utilizzata nelle indagini poliziesche e nella diagnostica clinica. Nel corso dell’attivi-

58

tà verrà amplificato un tratto specifico di DNA estratto dal bulbo di un capello. L608 DNA tracciante - identificazione della specie carnea dal DNA (14-18 anni, durata 180’) L’obiettivo di questo percorso didattico è l’identificazione della specie di provenienza di diversi campioni alimentari di carne, mediante l’analisi di polimorfismi. Lo studente imparerà ad allestire una reazione di PCR e a digerire i prodotti ottenuti con enzimi di restrizione che tagliano diversamente il DNA a seconda della specie. L609 Esercitazioni di bioinformatica (14-18 anni, durata 150’) Investigando una banca dati bioinformatica, si imparerà a cercare sequenze e strutture di proteine e ad elaborare i dati per ottenere la struttura tridimensionale delle proteine. Successivamente si proporrà lo studio di specifiche sequenze nucleotidiche e la simulazione della loro frammentazione mediante enzimi di restrizione.


Laboratorio di alimentazione Nell’ambito delle attività svolte con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania Settore S.I.R.C.A., si effettuano le attività didattiche descritte di seguito, afferenti al Progetto “Comunicazione ed Educazione Alimentare”.

Fattoria didattica GNAM Le attività hanno l’obiettivo di avvicinare il mondo della Scuola alle Fattorie Didattiche iscritte all’albo della Regione Campania. La “Fattoria” didattica GNAM prevede lo svolgimento della seguente attività: L702 Il piccolo grande coltivatore biologico (11-13 anni, durata 75’) I ragazzi, attraverso un gioco di ruolo, rappresentano gli elementi fondamentali per la vita della pianta, comprendendo il processo di fotosintesi clorofilliana e imparando che i vegetali non vivono isolati ma in un ecosistema complesso. L’attività terminerà con la fase della semina e i ragazzi potranno portare a casa un vasetto con l’orto tascabile.

Alimentazione e Agricoltura L702 Il piccolo grande coltivatore biologico (11-13 anni, durata 75’) I ragazzi, attraverso un gioco di ruolo, rappresentano gli elementi fondamentali per la vita della pianta, comprendendo il processo di fotosintesi clorofilliana e imparando che i vegetali non vivono isolati ma in un ecosistema complesso. L’attività terminerà con la fase della semina e i ragazzi potranno portare a casa un vasetto con l’orto tascabile. L704 Il magico mondo delle api (11-13 anni, durata 75’) Dal fiore al miele. Attraverso un’arnia didattica i bambini imparano a conoscere la vita delle api e a scoprire i loro preziosi prodotti: il miele, la cera, la pappa reale, ecc. Un esperto li aiuterà nella fase della smielatura e nel riconoscimento dei diversi tipi di miele. L706 Dal campo alla tavola (11-13 anni, durata 75’) Dal seme di pomodoro al pelato in scatola, dall’oliva all’olio, dall’agricoltura biologica ai prodotti certificati. Cos’è un marchio di qualità? Cos’è un prodotto tipico? 59


L707 Alla scoperta del latte e dei suoi derivati (11-13 anni, durata 75’) Si lavora con le diverse qualità del latte per capire come utilizziamo i nostri sensi e per scoprire come questi talvolta possano ingannarci! L’attività termina con la manipolazione della cagliata e la produzione della ricotta. L708 Tieni d’occhio le porzioni! (14-18 anni, durata 75’) L’alimentazione deve essere sana e corretta non solo dal punto di vista qualitativo, ma anche quantitativo. I ragazzi dovranno costruire una giornata tipo della loro alimentazione per poi valutare “come mangiano” e dare vita ad una discussione accennando ai rischi di una cattiva alimentazione quali: obesità, diabete, malattie cardiovascolari. L709 Sulle tracce dei carboidrati (14-18 anni, durata 75’) Attraverso esperimenti e manipolazioni gli studenti scopriranno le caratteristiche chimiche - fisiche biologiche di un alimento antichissimo: il pane. Sarà data loro la possibilità di rintracciare i carboidrati che costituiscono questo alimento e che sono alla base della nostra “piramide alimentare”. 60

Alimentazione Cultura e Salute L710 Alimentazione e sviluppo (11-13 anni, durata 75’) I ragazzi, in gruppo, lavorano sul ruolo e sull’importanza degli alimenti, per lo sviluppo corporeo e intellettuale, ponendo l’attenzione sui costituenti degli alimenti (proteine, carboidrati, ecc. fino ai sali minerali) e sulle loro funzioni, imparando ad associare i principali nutrienti agli alimenti che li contengono. Il percorso si conclude con una discussione sul Modello Alimentare Mediterraneo. L711 La scienza in cucina (11-13 anni, durata 75’) Attraverso vere e proprie attività di laboratorio, questo percorso si propone di incuriosire i ragazzi sulla “composizione” degli alimenti e sui principi chimici responsabili delle loro proprietà e del loro comportamento, con particolare riferimento alle principali modalità di cottura. L712 I segreti di una buona preparazione e conservazione dei cibi (11-13 anni, durata 75’) Durante l’attività i ragazzi sperimentano reazioni chimiche e trasformazioni fisiche per comprendere il significato della presenza di microrganismi negli alimenti. Si sperimenteranno le principali tecniche di conservazione - trasformazione casalinga e


Laboratorio di Scienze della Terra industriale e le corrette procedure igieniche per la gestione del rischio microbiologico. L713 È questione di etichetta (11-13 anni, durata 75’) Un percorso alla scoperta delle “etichette”. Imparare a leggere le diverse informazioni riportate nelle etichette, in particolare quelle nutrizionali, al fine di stimolare corrette scelte, non solo alimentari. L714 La vitamina C (11-13 anni, , durata 75’) Tutti ne parlano e tutti ci invitano ad assumere una gran quantità di vitamina C, perché? Con piccoli esperimenti si studieranno le proprietà di questo “fattore” così importante per il corpo umano. L’attività si conclude con un accenno al ruolo anche delle altre vitamine e ai principali alimenti che le contengono. L716 Per un acquisto ecocompatibile (14-18 anni, durata 75’) Un percorso che educa gli studenti all’acquisto ecocompatibile. Partendo da un prodotto di consumo si risale alle sue origini (rintracciabilità) evidenziando, anche attraverso la lettura dell’etichetta, il suo impatto ambientale. Scopo dell’attività è prendere coscienza della necessità di acquistare prodotti che riducano al minimo i danni sull’ambiente.

Topografia e cartografia L802 Non perdiamo la bussola! (11-13 anni, durata 75’) Le tecniche e gli strumenti per l’orientamento, i punti di riferimento in cielo e sul territorio, l’interpretazione delle carte topografiche per non perdere mai la bussola. L803 Topografia (14-18 anni, durata 150’) A partire dal confronto tra una carta topografica e il plastico a essa corrispondente, si definiscono i concetti di quota, di isoipsa, di pendenza e di morfologia, per imparare poi a tracciare un profilo lungo una sezione della carta e a leggere i simboli cartografici.

La materia della Terra L804 Cristalli e minerali (11-13 anni, durata 75’) A partire dall’osservazione di campioni di roccia, si riconoscono i diversi minerali che li compongono. Successivamente gli studenti ricostruiscono i modelli dei reticoli che determinano la forma dei cristalli. L805 Osserviamo le rocce (11-13 anni, durata 75’) Le rocce presentano una incredibile varietà di aspetti, strutture e forme. In questa attività gli stu61


denti, riuniti in piccoli gruppi, esaminano campioni di rocce prelevate in diversi luoghi e apprendono i criteri di classificazione delle rocce stesse. L806 L’eruzione di Pompei (11-13 anni, durata 75’) Le tracce dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. continuano a impressionare anche gli osservatori contemporanei. Attraverso esperimenti e osservazioni, in questa attività sono ricostruite le fasi salienti della più antica eruzione esplosiva documentata storicamente. L807 La tettonica delle placche (11-13 anni, durata 75’) Utilizzando delle sagome in polistirolo, si ricostruisce il movimento dei continenti avvenuto nell’arco di milioni di anni, si definiscono i meccanismi che generano questo movimento e le conseguenze che esso determina sulla superficie terrestre. L808 I vulcani (11-13 anni, durata 75’) I meccanismi di risalita del magma, lo svuotamento della camera magmatica, la deformazione del suolo che precede l’eruzione, la formazione di una caldera attraverso una serie di piccoli esperimenti per scoprire la natura del vulcanismo, uno dei fenomeni più spettacolari del nostro pianeta. 62

Vulcanismo e sismologia L809 Escursione geologica a Monte Nuovo una o due attività (11-18 anni, durata 75’) Nella prima attività gli studenti si muovono sul vulcano di Monte Nuovo attrezzati con strumenti per il rilevamento geologico. I più grandi possono completare il percorso con un’attività in aula in cui si realizza il profilo topografico del vulcano inserendovi le informazioni raccolte durante l’escursione. L810 Terremoti: come e perché una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Un percorso dedicato alla distribuzione dei terremoti nel mondo in riferimento alla teoria della tettonica delle placche, alla propagazione delle onde sismiche, alla definizione del significato di magnitudo. L811 I vulcani della Campania (14-18 anni, durata 150’) Allo scopo di classificare il grado di pericolosità dei vulcani campani, l’attività mira a definire i parametri che condizionano il “rischio vulcanico” partendo da semplici esperienze finalizzate a comprendere i meccanismi che regolano la risalita dei magmi e gli effetti che ne conseguono.


Laboratorio di Astronomia L812 Sismologia una o due attività (14-18 anni, durata 150’) Le prime attività del percorso sono dedicate all’esame delle onde elastiche, delle loro caratteristiche di propagazione e degli effetti da esse indotte nella materia. L’attività prosegue con l’elaborazione e l’interpretazione di sismogrammi registrati dalla stazione sismica di Città della Scienza.

L’acqua e la terra L813 Il ciclo dell’acqua (11-13 anni, durata 75’) Un percorso per ricostruire il ciclo delle acque a partire dall’evaporazione dal mare e dagli specchi d’acqua dolce, proseguendo con le precipitazioni, l’infiltrazione e la percolazione sotterranea fino al completamento del ciclo. L814 Il terreno e l’acqua (11-13 anni, durata 75’) Alla scoperta delle interazioni fra il terreno e l’acqua esaminando le caratteristiche di terreni differenti: il comportamento macroscopico, la granulometria, la permeabilità. Alcune delle esperienze sperimentali proposte in questa attività sono proposte anche nell’attività “il ciclo dell’acqua”.

L904 Facciamo le costellazioni (11 anni, durata 75’) Dopo aver osservato, nel Planetario dei piccoli, il cielo notturno e le costellazioni più importanti, con la narrazione delle storie della mitologia ad esse collegati e seguendo le descrizioni dei classici i bambini riproducono essi stessi gli asterismi visti. Vedremo Cassiopea seduta sul trono, Andromeda legata allo scoglio, Perseo che la salva a cavallo di Pegaso, ecc. L905 Srotoliamo il sistema solare! (11-13 anni, durata 75’) Un gioco per ragionare con i ragazzi sulle dimensioni nel nostro Sistema Solare e sulla riduzione in scala. Srotolando un rotolone di carta igienica, il cui primo tagliando rappresenta il Sole, utilizzando la stessa scala per le dimensioni e per le distanze, troviamo le posizioni dei vari pianeti, per renderci conto di come il Sistema Solare sia sostanzialmente spazio vuoto! L906 Il gioco del Sole, della Terra e delle stelle (11-13 anni, durata 75’) Un bambino rappresenta il Sole, un altro la Terra e gli altri (in “girotondo”) le costellazioni dello Zodiaco: così si riproducono i moti di rotazione e rivoluzione

63


della Terra, per comprendere come mai si alternano il dì e la notte e anche perché le costellazioni di notte si “spostano” e il cielo cambia con le stagioni. L907 Il gioco del Sole, della Luna e della Terra (11-13 anni, durata 75’) È consigliabile aver svolto l’attività “Il gioco del Sole, delle Terra e delle stelle”. I ragazzi, rappresentando personalmente il Sole, la Terra e le costellazioni zodiacali, riproducono il moto della Luna attorno a se stessa e attorno alla Terra, chiarendo il “funzionamento” delle fasi lunari e delle eclissi di Sole e di Luna. L909 Misura del raggio terrestre con il metodo di Eratostene (14-18 anni, durata 150’) Da prenotarsi con largo anticipo sulla data di svolgimento. Se in periodo di ora solare si svolge dalle 11.00 alle 13.00; se in ora legale, dalle 12.00 alle 14.00. Questa attività viene svolta contemporaneamente anche da un’altra classe in una Città a qualche centinaio di chilometri di distanza, con cui si scambiano i dati (o si utilizzano dati precedentemente registrati su Internet). I ragazzi, misurando la lunghezza dell’ombra proiettata da uno gnomone, calcolano l’angolo di incidenza dei raggi del Sole per riprodurre la celebre misurazione di Eratostene.

64

L910 Osservazione del cielo con il Planetario (14-18 anni, durata 75’) Nel Planetario si mostra il cielo notturno e il moto della sfera celeste. Si vede il cielo al Polo Nord e all’equatore. Utilizzando la proiezione dell’eclittica (percorso del Sole lungo la volta celeste) si ricostruisce il meccanismo dell’alternarsi delle stagioni. Con l’ausilio di carte del cielo, si impara come riconoscere le costellazioni e si individuano alcuni oggetti celesti interessanti (ammassi aperti, ecc.). L911 Le Coordinate Celesti con il Planetario (14-18 anni, durata 75’) Nel Planetario si mostra il cielo notturno, il moto della sfera celeste, l’alternarsi delle stagioni e delle costellazioni più importanti. Proiettando equatore, eclittica e meridiano locale si lavora con i diversi sistemi di coordinate celesti. L912 La classificazione delle galassie (15-18 anni, durata 150’) Utilizzando un semplice software possiamo analizzare sia qualitativamente, sia quantitativamente, bellissime immagini di galassie e classificarle secondo i criteri di Hubble. Scopriremo vari tipi di galassie e i fenomeni fisici che portano alla loro formazione.


Laboratorio di Sport e Scienza L913 “Pesiamo” una galassia e scopriamo la materia oscura! (15-18 anni, durata 150’) Usando dati reali e applicando pochi concetti fisici di base (legge di Newton, effetto Doppler, ecc.), i ragazzi misurano la massa di una galassia a spirale con la stessa procedura che usano i ricercatori astronomi. In questo modo si ottiene anche un’evidenza sperimentale della materia oscura, la cui natura è tuttora sconosciuta agli scienziati. L914 Le immagini dell’Astronomia (15-18 anni, durata 150’) Come fanno gli astronomi a effettuare misure su oggetti tanto lontani? Cosa sono i CCD e i pixel di cui tanto sentiamo parlare per le foto digitali? Utilizzando un apposito software e immagini astronomiche, scopriamo come funzionano le immagini digitali, la composizione di immagini ottenute con filtri colorati e le informazioni scientifiche che contengono.

L161 Fisiologia e sport (11-15 anni, durata 75’) Nel corso dell’attività si illustreranno la struttura e la funzione degli apparati circolatorio, respiratorio e tegumentario e i loro adattamenti all’attività fisica; la struttura e la funzione del muscolo striato e i sistemi energetici da esso utilizzati durante l’esercizio fisico; la composizione corporea e la sua stretta relazione con lo sport praticato. L162 Fisica e sport (11-16 anni, durata 75’) Molte delle cose a cui si assiste o che si vivono in prima persona praticando uno sport (il rimbalzo del pallone, il volo della freccia, il tuffatore che rotea in area, la stabilità della bicicletta) hanno una spiegazione scientifica. Durante questo laboratorio i ragazzi svolgeranno esperimenti alla scoperta del legame esistente fra fisica e sport.

65


Laboratorio di Arte e Scienza

Laboratorio di Musica e Scienza - LAVIM

L003 Arte, luce e colore (11 anni, durata 75’) L’impiego della sintesi additiva della luce e sottrattiva dei colori nell’arte. Dopo aver osservato e commentato alcune opere d’arte si elaborano disegni e si realizzano dei tableaux vivants per sperimentare le osservazioni svolte.

L156 Le note: segni e suoni una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Attraverso lo svolgimento di giochi ed esperienze il percorso mira a spiegare, anche se in modo piuttosto intuitivo, la notazione musicale tradizionale. Ci si confronta con notazioni alternative evidenziando la necessità di ricevere dalla notazione il maggior numero possibile di informazioni sul suono (corrispondenti a determinati suoi parametri) necessarie per eseguire un brano musicale.

L004 I colori della natura (11-13 anni, durata 75’) Attraverso procedimenti chimici e fisici sono estratti da vegetali le tinture naturali con le quali, nell’antichità e in alcuni casi ancora oggi, si realizzano i prodotti per la creazione di opere pittoriche. Seguono alcuni esempi riguardanti la realizzazione di oggetti artistici mediante le tinture ottenute. L005 Arte e percezione (11-13 anni, durata 75’) Un’analisi dei processi percettivi che si attuano nella visione dello spazio e del movimento sia nella realtà quotidiana, sia in alcune opere d’arte. Segue l’esame di codici visivi. L006 I numeri e la geometria nell’arte (11-16 anni, durata 75’) Nel corso dell’attività si analizzano, anche attraverso momenti sperimentali, opere di artisti che nel loro lavoro hanno fatto riferimento a concetti della matematica e della geometria. 66

L157 La natura del suono una o due attività (11-13 anni, durata 75’) Utilizzando alcune delle postazioni presenti nel Science Centre e una serie di esperimenti al computer su software appositamente realizzati viene esplorato il campo dell’acustica. Agli studenti vengono proposti i concetti di forma e spettro d’onda, suoni armonici, risonanza, timbro, ampiezza e intensità, frequenza e lunghezza d’onda. L158 Conoscere gli strumenti musicali (11-13 anni, durata 75’) Il percorso prevede l’osservazione delle caratteristiche costruttive e acustiche di diversi strumenti musicali, tra i quali violino, viola, violoncello, flauto, tromba, chitarra. Per questa attività è possibile lo svolgimento propedeutico del percorso “La natura del suono”.


Laboratorio dei Materiali Le mani e la mente L159 Giocare con il suono (11-14 anni, durata 75’) In questa attività i ragazzi saranno coinvolti in una performance con strumenti musicali non comuni. Suoneranno muovendo le mani in aria utilizzando il Theremin, primo strumento elettronico della storia. Attraverso un software potranno comporre un brano musicale utilizzando una immagine a colori acquisita con uno scanner. Scopriranno che anche il nostro orecchio, come l’occhio, può essere ingannato attraverso una “illusione acustica”. Useranno il tamburo del mare, strumento suggestivo che ricrea il suono delle onde che si infrangono sulla spiaggia. In collaborazione con

L353 Vasellame (11 anni, durata 75’) Attraverso l’antica tecnica del colombino, combinata ad altre metodologie di lavorazione e alla conoscenza delle proprietà dei materiali argillosi, si sperimenta la composizione tridimensionale, ricercando equilibri statici e formali degli oggetti realizzati. L356 Tecniche di modellazione (11-12 anni, durata 75’) Una esercitazione pratica di laboratorio per conoscere i prodotti ceramici, le proprietà delle argille, le tecniche di modellazione e i tempi di lavorazione.

67


Informazioni generali


informazioni

 rari e giorni di apertura O del Science Centre • Da martedì a sabato ore 9-17 (dal 1 marzo al 31 maggio aperto anche il lunedì) • Domenica ore 10-19 Per l’orario estivo consultare il sito: www.cittadellascienza.it

Come prenotare una visita • Telefonicamente al numero 081.24.200.24 tutti i giorni dalle 8.30 alle 15 • A mezzo fax compilando il modulo di Richiesta Contatto (a pag. 75) e inviandolo al numero 081.24.200.25 • Online su: www.cittadellascienza.it Per ulteriori richieste o chiarimenti i nostri operatori saranno lieti di fornire tutte le informazioni per rendere più agevole la vostra visita a Città della Scienza. 70

Notizie utili • Visite guidate, approfondimenti e attività didattiche sono organizzate per gruppi di max 23 persone, e si svolgono in fasce orarie prestabilite. • La prenotazione è gratuita ma obbligatoria. In assenza di prenotazione confermata non potrà essere garantito lo svolgimento della visita. • Le procedure di prenotazione si intenderanno confermate solo dopo che il Contact Centre avrà ricevuto firmato e timbrato per accettazione il modulo con i servizi richiesti, inviato alla scuola all’atto della prenotazione. • Il modulo dovrà pervenire ai nostri operatori almeno 7 giorni prima della data concordata della visita. In caso di inoltro tardivo non sarà garantita l’accettazione della prenotazione. • Si raccomanda inoltre di esibire lo stesso modulo in biglietteria al momento della visita. • Si invitano i gruppi prenotati a presentarsi in biglietteria in anticipo rispetto all’orario di inizio della visita, presentando contestualmente il modulo di prenotazione confermata. In caso di ritardo la direzione del Science Centre non potrà


garantire la visita pur adoperandosi, laddove possibile, per consentirlo. • Per consentire la migliore accoglienza possibile ai diversamente abili è consigliabile segnalare la loro graditissima presenza all’atto della prenotazione. • La prenotazione per i LES va effettuata almeno 15 giorni prima. • è possibile stipulare convenzioni per più attività di laboratori.

 isdette e variazioni D di prenotazione • In caso di impossibilità ad effettuare la visita prenotata, la disdetta dovrà pervenire a mezzo fax al nostro Contact Centre almeno 7 giorni prima della data programmata per la visita.

Penale • In assenza di disdetta della prenotazione entro il termine di 7 giorni, Fondazione Idis-Città della Scienza si riserva il diritto di emettere, all’indirizzo della scuola, una fattura compensativa forfettaria pari a € 50 a titolo di penale.

Modalità di pagamento • è possibile effettuare i pagamenti sia in contanti presso la biglietteria, al momento della visita, che con bonifico bancario (copia da inviare a mezzo fax al nostro contact centre) intestato a Fondazione Idis-Città della Scienza c/o Banca Nazionale del Lavoro, codice iban IT37T0100503408000000010013.

Ed inoltre... scopri il nostro servizio di Bar tavola calda e ristorante in collaborazione con

71


Listino scuole

Laboratori Educazione alla Scienza

INGRESSO SCIENCE CENTRE

Ingresso studenti

€ 5,00

Attività Didattiche - durata 75’

Costo* individuale

€ 2,50

Costo* forfettario (gruppi inferiori alle 18 unità) € 44,00

PLANETARIO - durata show 25’

Ingresso* studenti

€ 2,50

VISITE GUIDATE - durata 75’ Costo* individuale per percorso o approfondimento prenotato (gruppi superiori alle 18 unità) € 2,00 Costo* forfettario ( gruppi inferiori alle 18 unità) € 35,00

VISITE GUIDATE IN LINGUA - durata 75’

Attività Didattiche - durata 150’ Costo* individuale € 5,00

Costo* forfettario (gruppi inferiori alle 18 unità)

€ 88,00

Attività Didattiche Life Learning Center durata 180’

Costo* individuale per attività

€ 7,00

Costo* individuale per percorso o approfondimento prenotato (gruppi superiori alle 18 unità) € 2,50

Costo* forfettario (gruppi inferiori alle 18 unità) € 123,00

Costo* forfettario (gruppi inferiori alle 18 unità) € 44,00

GRATUITà Docenti accompagnatori (1 ogni 10 studenti per le visite, 1 ogni 25 studenti per il Planetario)

VISITE SPETTACOLO - durata 150’ Costo* individuale (gruppi min 50 pax.) € 3,50 * da aggiungere al biglietto d’ingresso 72

Diversamente abili e loro accompagnatori

Speciali convenzioni per cicli di attività

Tutte le scuole che prenoteranno una serie di attività nel corso dell’anno, godranno di agevolazioni proporzionali al numero di attività prenotate.


Listino a tariffa agevolata pacchetti per le scuole ARCHIMEDE* durata 2h e 30’

Ingresso + 2 visite guidate

€ 7,50

KEPLERO* durata 2h Ingresso + visita guidata + Planetario

€ 8,50

NEWTON* durata 2h e 30’ Ingresso + visita guidata + attività didattica

€ 8,50

GALILEI* durata 3h Ingresso + 2 visite guidate + Planetario

€ 10,00

LEONARDO* durata 3h Ingresso + attività didattica + vista guidata + Planetario

€ 11,00

* tariffe valide solo per gruppi superiori alle 18 unità


Listino ordinario

speciale ottobre-febbraio

(con esclusione di Futuro Remoto)

Ingressi ordinari Adulti € 7,50 Ridotto (3-18 anni)

visita meglio paghi meno Una visita organizzata in questo periodo di minore affollamento ha infatti anche il vantaggio di un ingresso a prezzo ridotto!

Planetario Planetario**

€ 3,00

Gruppi non scolastici***

KEPLERO* durata 2h Ingresso + visita guidata + Planetario

€ 7,00

anziché € 8,50

NEWTON* durata 2h 30’

(minimo 25 persone) Prezzo unico adulti e bambini

€ 5,50

Visita guidata

€ 2,00

Visita guidata in lingua

€ 2,50

Planetario**

€ 3,00

Ingresso + visita guidata + attività didattica

€ 7,00

anziché € 8,50 ** da aggiungere al biglietto d’ingresso

* tariffe valide solo per gruppi superiori alle 18 unità 74

€ 5,50

*** solo su prenotazione


Richiesta contatto

scuola indirizzo n° cap città provincia automatico si

nazione tel. fax

no

persona da contattare cell. Sono interessato a prenotare: codice modulo

RICHIESTA DI CONTATTO PER ATTIVITA’ AL SCIENCE CENTRE SCHEDA DI ISCRIZIONE ALLA BANCA DATI DI FONDAZIONE IDIS – CITTA’ DELLA SCIENZA Inviare questo modulo via fax. al n. 081.24.200.25 o per info rivolgersi al contact centre tel .081.24.200.24 Informativa trattamento dati La Fondazione Idis – Città della Scienza, titolare del trattamento, desidera informarla che il D.lgs. n.196 del 30 giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, questo trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Tali dati sono oggetto di trattamento per le seguenti finalità: invio di materiale informativo a mezzo posta elettronica o invio postale di materiale cartaceo; inviti a manifestazioni o convegni

descrizione

numero allievi

presso nostra sede a mezzo posta, a mezzo posta elettronica o telefono; per finalità statistiche. Modalità di trattamento, comunicazione e diffusione: I dati verranno trattati principalmente con strumenti elettronici e informatici. Possono venire a conoscenza dei dati in questione in qualità di responsabili o incaricati nostri collaboratori e/o nostro personale dipendente, società enti o consorzi che forniscono alla nostra società servizi di elaborazione dati o che svolgono attività strumentali o complementari a quella della nostra società; da soggetti ai quali la facoltà di accedere ai vostri dati sia riconosciuta da disposizioni di legge o di normative regolamentari o comunitarie; da soggetti cui la comunicazione dei vostri dati sia necessaria o sia comunque funzionale alla gestione dei nostri rapporti. I suoi dati non saranno oggetto di diffusione Titolare del trattamento dei Suoi dati personali è Fondazione Idis – Città della Scienza. I dati identificativi di tutti i responsabili del trattamento, designati ai sensi dell’articolo 29 del D.lgs.196/2003, sono riportati in un elenco costantemente tenuto aggiornato presso la sede della società. In ogni momento potrà esercitare i suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell’art.7 del

data visita

D.lgs.196/2003, nei limiti ed alle condizioni previste dagli articoli 8, 9 e 10 del citato decreto legislativo. A tal fine può inoltrare le richieste anche mediante posta elettronica all’indirizzo: privacy@ cittadellascienza.it o mediante posta ordinaria presso la nostra sede Fondazione Idis – Città della Scienza ufficio privacy, via Coroglio 104 – 80124 Napoli. La scrivente/Lo scrivente dichiara di aver ricevuto completa informativa ai sensi dell’art. 13 D.lgs. 196/2003 ed esprime il consenso al trattamento ed alla comunicazione dei propri dati qualificati come personali dalla citata legge nei limiti, per le finalità e per la durata precisati nell’informativa. Consapevole che l’eventuale rifiuto impedirebbe l’iscrizione al servizio richiesto. TIMBRO DELLA SCUOLA E FIRMA del dirigente

75


Il nostro impegno per la Qualità

la carta dei servizi

A partire da maggio 2010, la Fondazione Idis-Città della Scienza si è dotata di uno strumento fondamentale per migliorare la qualità delle proprie attività: la CARTA DEI SERVIZI del Science Centre, che risponde all’esigenza di fissare principi e regole chiare e trasparenti nel rapporto tra chi eroga i servizi e i propri utenti. La Carta della Qualità dei Servizi costituisce un vero e proprio “patto” con i visitatori, uno strumento di comunicazione e di informazione che permette loro non solo di conoscere i servizi offerti, le modalità e gli standard di qualità promessi, ma soprattutto di verificare che gli impegni assunti siano rispettati, segnalando eventuali scostamenti nei servizi di cui si è usufruito. Lo scopo è quello di creare una forte interazione con il proprio pubblico, finalizzata - attraverso la costruttività della critica e l’immediatezza e l’efficacia della risposta - a un miglioramento continuo della qualità dei servizi offerti. Con la CARTA DEI SERVIZI, in definitiva, la Fondazione Idis vuole mettere una guida a disposizione dei visitatori, per aiutarli ad usufruire, alle migliori condizioni possibili, dei servizi museali e di educazione scientifica erogati dal suo Science Centre. Scarica la Carta dei Servizi su www.cittadellascienza.it


Città della Scienza è situata in un punto strategico della Città di Napoli, alle porte dei Campi Flegrei e a soli dieci minuti dai principali siti di interesse turistico e culturale della città. Quest’anno Città della Scienza, in collaborazione con esperti operatori turistici fornisce alcuni spunti di soggiorno e possibili riferimenti per i servizi necessari, verificati e convenzionati, per programmare una o più giornate indimenticabili.

2° giorno Tour guidato alla scoperta dei siti più rappresentativi dei Campi Flegrei: dagli scavi del Rione Terra di Pozzuoli, al castello di Baia sede del museo archeologico dei Campi Flegrei, all’acropoli di Cuma. Pranzo a sacco o in ristorante.

Campania Felix e Città della Scienza 3 giorni/2 notti

Napoli e Città della Scienza 1 giorno Ingresso e visita guidata a Città della Scienza. Pranzo in pizzeria/ristorante. Visita guidata della città alla scoperta dei siti più rappresentativi. In alternativa visita guidata di un sito dell’area flegrea.

Città della Scienza e i luoghi di Virgilio 2 giorni/1 notte 1° giorno Ingresso e visita guidata a Città della Scienza. Pranzo in pizzeria. Visita guidata della città attraverso i siti più rappresentativi. Cena e pernottamento.

1° giorno Visita guidata di Palazzo Reale o altro museo a scelta. Pranzo in pizzeria/ristorante. Visita guidata della Napoli Monumentale. Cena e pernottamento. 2° giorno Ingresso e visita guidata a Città della Scienza. Pranzo a sacco presso il belvedere del Parco Virgiliano a Posillipo. Tour guidato alla scoperta dei siti più rappresentativi dei Campi Flegrei. Cena e pernottamento. 3° giorno Visita guidata degli scavi di Pompei o Ercolano. Pranzo in ristorante. Visita guidata del cratere del Vesuvio.

77

Città della Scienza e dintorni


Da non perdere In Città: Palazzo Reale; Museo Archeologico; Museo di Capodimonte; i castelli di Napoli; Napoli sotterranea; Turtle Point della Stazione Zoologica A. Dohrn. Fuori Città: Scavi di Ercolano e Pompei; Reggia di Caserta; le isole del golfo. Nei Campi Flegrei: Acropoli di Cuma; Scavi del Rione Terra; Vulcano Solfatara; Anfiteatro Flavio. Servizi disponibili: Sistemazioni alberghiere; noleggio bus e minibus; guide turistiche autorizzate; minicrociere didattiche; escursioni e pacchetti tematici. Le proposte indicate sono da considerare a titolo esemplificativo. I programmi di visita potranno essere concordati sulla base delle esigenze specifiche dei gruppi, in base all’età ed al ciclo di studi, inserendo le mete e le escursioni che meglio rispondono agli interessi dei partecipanti. Per informazioni e approfondimenti contattare il nostro Contact Center al numero 081.24.200.24.


Le nuvole 26.a teatro stabile d’innovazione ente di alta cultura in Campania

stagione 2011 2012

TEaTRO & scienza nanOMETaMORFOSi dai 14 anni e pubblico adulto Possiamo scoprire cos’è la nanoscienza, senza sentirci ridicoli e sciocchi come il protagonista? Scoprirete che si può comprendere divertendosi. testo e messinscena Fabio Cocifoglia con Enzo Musicò / 30 minuti BiODiVERSiTY

dagli 11 anni e pubblico adulto

Il pubblico si porrà delle domande su cos’è la biodiversità, come e perché va tutelata, quali sono le capacità di recupero e di sostenibilità degli ecosistemi, esiste ancora il rischio di estinzioni di massa? testo e messinscena Fabio Cocifoglia con Enzo Musicò / 30 minuti

Premio di drammaturgia scientifica sostenuto dal MiUR - settima edizione scadenza 30 aprile 2012

CO_scienze vuole sollecitare la scrittura teatrale per nuove opere letterarie, scientifiche e divulgative CO_scienze si propone di segnalare ed individuare autori teatrali contemporanei. Le opere, di breve durata, dovranno ispirarsi rigorosamente ad argomenti scientifici prendendo spunto dal passato, dall’attualità e immaginando il futuro, potranno essere volutamente rivolte all'infanzia, ai ragazzi, agli adulti. Il testo va inviato via mail entro e non oltre il 30 aprile 2011 all’indirizzo: <lenuvole@cittadellascienza.it> Il PREMIO, a giudizio degli organizzatori, sarà la pubblicazione del testo nella collana editoriale denominata CO_scienze o la messa in scena del lavoro teatrale a cura de LE NUVOLE.

info 081 2428.518 - 735.2203 info@lenuvole.com www.lenuvole.com

SU GaLiLEO

dagli 11 anni e pubblico adulto

Il nostro breve viaggio seguirà in particolare le scoperte sulle leggi della caduta dei gravi, fondamentali compagne nelle lunghe notti d’osservazione de l’infinito cielo stellato. testo e messinscena Fabio Cocifoglia con Massimiliano Foà / 30 minuti

LOTTERia nUCLEaRE dagli 11 anni e pubblico adulto Premio CO_scienze 2005 - Un ingegnere nucleare è inviato a Cernobyl 19 anni dopo l’incidente: sarà un’esperienza che gli cambia la vita. testo di F. Feola messinscena Carlo Bellamio con Enzo Musicò / 30 minuti

PROCESSO alla SORa CESaRina dagli 11 anni e pubblico adulto Premio CO_scienze 2008 - Una semplice portinaia del Regio Istituto di Fisica di via Panisperna a Roma, il 22 ottobre 1934 è complice di una scoperta scientifica destinata a cambiare il mondo, che fruttò al fisico Enrico Fermi il premio Nobel. testo M. Pina Settineri regia Fabio Cocifoglia con nunzia Schiano / 30 minuti

Un PianETa Da FaVOLa

dai 9 anni e pubblico adulto

Uno spettacolo che vuole incuriosire, fondendo scienza, avventura, filosofia, poesia e musica. testo e messinscena Carlo Bellamio con Enzo Musicò e Loredana Piedimonte / 40 minuti Agli spettacoli si possono abbinare lezioni a tema della durata di 30 minuti; appositamente studiati per musei, science centre, mostre, eventi, scuole; poche e semplici esigenze tecniche


Catalogo 2011-2012 - scuola secondaria di primo e secondo grado  

Catalogo delle attività e visite 2011-2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you