Issuu on Google+

www.metel.it

ewspaper Trimestrale di informazione aziendale

Numero 07 28 Dicembre 2009

Fare Sistema mantenendo la propria individualità Fare sistema potrebbe apparire uno slogan fin troppo abusato, ne hanno parlato, in questi ultimi anni, politici, dirigenti della pubblica amministrazione, opinion leader e imprenditori ma se molto si è detto non altrettanto si è realizzato. La nostra individualità come persone e come imprenditori che si trasforma, spesso, in una rivendicazione della propria autonomia, rappresenta un freno importante al concretizzarsi di sistemi integrati. La distribuzione del materiale elettrico, per il suo forte radicamento sul territorio, è forse tra i sistemi a più elevata identità locale. Pochi gruppi nazionali, una moltitudine di PMI di ambito regionale o sovraregionale limitato, un contesto che non si presta a fare sistema ma bensì a sviluppare continue competizioni, sovente di prezzo, senza pensare al futuro e a una filiera integrata ed eccellente sul piano dei servizi. È con orgoglio che ho cercato di tradurre la volontà dei soci Metel di sviluppare prodotti e servizi che potessero essere utilizzati per fare della filiera del materiale elettrico un sistema di eccellenza a livello nazionale.

EVENTO

Nella foto: Giorgio Casanova

IN QUESTO NUMERO: ●

Intervista all’esperto Alessandro Guglielmi

La nuova piattaforma

Interventi di: -

Carlo Carrara Osvaldo De Paolini Maria Antonietta Portaluri Por taluri Antonio Franceschi Giampaolo Ferrari Giorgio Confente Alessandro Perego Giorgio Casanova

Glossario

ElectroCod

Metel comunica attraverso il web

Il tracciato barcode di Metel

‘09

FARE SISTEMA Palazzo Mezzanotte 11 novembre - ore 17.00 Piazza degli Affari n.6 - Milano

Siamo ancora distanti da una situazione ottimale in cui il fare sistema sia un valore culturale di tutti coloro che operano lungo la filiera ma sono convinto che i passi fatti sino ad oggi ci possano consentire di dar vita ad un modello unico sul piano nazionale e forse anche internazionale. Gli strumenti sono pronti e in linea con i risultati da tutti auspicati, occorre adesso una forte volontà imprenditoriale per trasformare le buone intenzioni in buone pratiche. Le persone di Metel sono a disposizione di tutti gli attori della filiera per realizzare un sogno “fare sistema”.


S O L U Z I O N I M E T E L P E R FA R E S I S T E M A Intervista all’esperto Alessandro Guglielmi

L’ E V E N T O M E T E L 2 0 0 9 Carlo Carrara (Presidente Metel)

L’invio e lo scarico di questi documenti viene fatto oltre col mondo “webedi Metel” anche con altre piattaforme dedicate presenti in altri Paesi come Edicomm Francia, PTL Spagna e qualsiasi VAN internazionale. Non tutti i miei clienti/fornitori lavorano con l’EDI? Il Biom gestisce l’invio del documento trasformato in PDF via mail e fax. Il layout del documento è facilmente personalizzabile partendo da un standard. I destinatari possono essere gestiti con delle regole di consegna molto flessibili che permettono la personalizzazione per singolo destinatario.

Cosa fa e a chi si rivolge? Il Biom è un’applicazione che permette ad un’azienda della filiera di interfacciarsi con i suoi client/fornitori e scambiare ordini,conferme,bolle e fatture. Facilita in particolare quelle aziende che hanno necessità di importare ed esportare lo standard Metel nel proprio gestionale. Che formati supporta? I formati più diffusi come l’IDOC Sap, EDIFACT, X12, XML,CSV nonché formati Legacy e proprietari. In aiuto alla traduzione il Biom dispone di varie tabelle di trascodifica per gestire anagrafiche, codici punti consegna, codici iva, sconti, metodi pagamento ecc.

Quanto tempo m’impegna al Giorno? L’obbiettivo del Biom è di automatizzare il processo e di svincolare l’utente da controlli manuali. Una volta installato il Biom scambierà automaticamente i dati in entrata ed uscita. Il sistema è in grado di allertare l’utente via mail con una serie di messaggi facilmente leggibili che spaziano da segnalazioni di warning non bloccanti legati alla qualità del dato, cioè se lo standard non è rispettato, a documenti in errore per problemi di anagrafica non censita o errori di contenuto o struttura. L’utente avrà a disposizione un’ergonomica interfaccia Web per analizzare il suo traffico e potrà generare dei report. Cos’altro offre? Il Biom permette delle personalizzazioni molto spinte e specifiche di ogni Azienda. Sicuramente è interessante sapere che permette di Gestire più aziende come ad esempio gruppi d’acquisto, nonché la gestione degli agenti facilitando la gestione dei ordini tramite data entry web.

La nuova piattaforma Il 2010 sarà l’anno in cui verrà varata la nuova piattaforma MetelWebEDI, una importante evoluzione tecCesare Ferretti nologica, che disporrà di elementi unici nel mondo EDI come: • un livello di sicurezza e privacy superiore al precedente • una maggiore qualità ed accuratezza nel controllo dei dati scambiati con una comunicazione tempestiva delle non conformità • un’interfaccia più user-friendly • maggiore rapidità nell’elaborazione dei documenti

Da gennaio 2010 sarà possibile partecipare ad un progetto pilota finalizzato alla migrazione verso la nuova piattaforma. I seminari saranno gratuiti. Contattaci per ulteriori informazioni

Metel Srl - Via Govone,66 - 20155 Milano - Italia Tel. +39 02 34536118 - Fax +39 02 34934145

In uno scenario di mercato sempre più competitivo ha senso parlare di cooperazione per perseguire una finalità comune e condivisa? Le parole “libera concorrenza” sembrano totalmente in antitesi con “finalità comuni e condivise”, ma Anie, Fme, Arame dieci anni fa hanno raccolto la sfida di dimostrare che questa contraddizione non è totalmente vera. Sono state approcciate quelle componenti della gestione aziendale che hanno una comune rilevanza e una perfetta analogia, lascian-

do una competizione aperta dove i migliori comunque possono raccogliere un maggiore successo. Metel è nata per trovare soluzioni gestionali innovative capaci di affrontare e risolvere il tema della gestione automatizzata delle informazioni. Ha iniziato con gradualità a costruire una “rete” che vede ormai connesse la maggior parte delle aziende operanti nel contesto della filiera del materiale elettrico ed è Metel ora a parlare di Sistema perché nelle realizzazioni più avanzate sono già operanti i meccanismi di controllo automatico del flusso di documenti e questo è possibile solo in una logica “Sistemica”. L’interconnessione di sistemi in formativi di aziende nate in modo totalmente autonomo ed indipendente è un processo difficile ma indispensabile per “Fare sistema” ed a questo proposito Metel ha deciso di destinare in permanenza risorse altamente professionalizzate alla gestione dei cosiddetti problemi di “qualità dei dati”. Un ulteriore rilevante risultato lo si potrebbe conseguire attraverso la gestione della classificazione Elettrocod che consentirebbe analisi statistiche di ottimo livello qualitativo. Metel, infatti, potrebbe garantire la gestione di un ottimo sistema di informazioni offrendo nel contempo tutti i necessari requisiti di riservatezza.

Osvaldo De Paolini (Direttore di Milano Finanza) Parlare di come “fare sistema” è difficile in quanto di queste parole si è spesso molto abusato, e perché nel nostro paese non c’è l’abitudine a fare sistema anzi la storia passata ci insegna che erano spesso soltanto parole vuote. Oggi ho scoperto una nuova realtà, la vostra, sono entrato in contatto con i risultati dello studio che è stato affidato al Politecnico e a cui ha partecipato Metel e dopo 35 anni di analista economico-finanziario sono rimasto impressionato dai risultati della ricerca ma soprattutto da una realtà, la filiera del materiale elettrico, decisamente interessante sul piano dell’integrazione e dell’approccio sistemico. L’espressione “fare sistema” nei prossimi anni sarà sempre più essenziale per il nostro paese se vogliamo superare questa difficile situazione di crisi. I giornali sempre più spesso parlano di exit strategy, di strategia di uscita dalla crisi ma occorreranno molta più efficienza, impegno e rapidità. Quando penso alle nostre imprese che operano in territori stranieri mi tornano alla mente brucianti sconfitte per la nostra incapacità di fare sistema. La nostra responsabilità di giornalisti è quella di è porre in essere azioni informative che favoriscano il confronto e l’integrazione del mondo della politica con il mondo del sindacato e il mondo delle imprese nonché di presentare al mercato le esperienze positive e Voi siete un

esempio ben riuscito, un piccolo miracolo. Il fatto stesso che siate così numerosi questa sera ne è la prova. La crisi è decisamente dura e senz’altro la più difficile dopo quella del 1929 però è anche un crisi che sta generando opportunità che non pensavamo esistessero, è vero che la disoccupazione è cresciuta fortemente è vero che le aziende hanno perso anche il 30/40 % del fatturato e fanno fatica a portare a casa nuovi ordini è vero che sopravviveranno le imprese più forti ma è altresì vero che stanno avendo successo imprese di piccola media dimensione come la Vostra qualificate dal loro modo di agire.

iscriviti alla newsletter delle notizie Metel®, sul sito www.metel.it per essere aggiornato su tutte le iniziative e novità

Numero 07

Metel®NewsPaper 28 Dicembre 2009


L’ E V E N T O M E T E L 2 0 0 9

L’ E V E N T O M E T E L 2 0 0 9

Maria Antonietta Portaluri (Direttore Generale Federazione ANIE) Fare sistema, per ANIE, significa ricercare nuove sinergie e rafforzare quelle già esistenti per aumentare la competitività delle aziende. Usufruire delle potenzialità di METEL può rispondere alla necessità del produttore, interessato a conoscere le reali esigenze dei mercati territoriali in merito alle tipologie di prodotti da proporre alla clientela. Il sistema METEL diventa per i produttori uno strumento informatico semplice ed autogestibile utile per decidere prima di produrre o distribuire i prodotti che poi il mercato territoriale deve accettare. L’attuazione di un sistema di monitoraggio del mercato confrontato come si diceva all’inizio, con altri indicatori qualificati, è il primo elemento su cui costruire un programma di qualificazione del mercato. L’attivazione di questo circolo virtuoso consentirebbe al Metel di diventare una vera e propria lente d’ingrandimento sul mercato elettrico ed elettronico. È quindi importante avere “codificatori” e “decifratori” ovvero professionisti che sappiano leggere tutti i segnali che arrivano dal mercato, recependo e trasmettendo i messaggi agli attori della filiera elettrica. Il processo di automazione, dematerializzazione e ottimizzazione dei processi è fondamentale e necessario, in quanto facilità la comunicazione fra le varie parti in gioco. Inoltre in un momento così difficile di forte diminuzione dei margini, è necessario abbattere tutti quei costi improduttivi che gravano sulle nostre imprese.

Giampaolo Ferrari (Presidente FME) Fare sistema dovrà diventare la parola d’ordine di tutta la Filiera. Dobbiamo imparare a rispettarci di più, a non travalicare i confini propri di ognuno. Il rispetto reciproco genera quel plus valore di cui tutti, noi Distributori, Produttori e Agenti, abbiamo bisogno. Metel è uno strumento di cui, primo di tutto, andare fieri per avere contribuito tutti assieme alla sua realizzazione; uno strumento che nessuno al mondo può vantare e che è in grado di generare dei servizi dalle enormi potenzialità. “Fare sistema” significa anche spingere tutti nella stessa direzione affinchè un numero sempre maggiore di utenti (e mi riferisco soprattutto ai Produttori) utilizzi Metel a vantaggio di tutta la catena. Troppo spesso infatti viene lamentato un non funzionamento adeguato alle reali potenzialità di Metel dovuto soprattutto all’incompletezza dei dati che non consentono di gestire la logistica in modo ottimale, come sarebbe non solo auspicabile, ma soprattutto possibile grazie a Metel. Un cenno forse andrebbe anche fatto ad Electrocod, altro strumento che se correttamente implementato ed aggiornato, consentirebbe, assieme a Metel l’elaborazione di un sistema di rilevazione dati sul mercato,

aggiornati ed attendibili, che davvero sarebbe un patrimonio preziosissimo per tutti noi nella gestione delle nostre aziende. Proprio in tale ottica mi sono fatto promotore di un incontro a breve tra i Soci Metel, Anie, Arame e FME, per definire quanto necessario per l’ottimizzazione della resa del servizio.

Giorgio Confente (Avvocato)

Antonio Franceschi (Presidente ARAME) I risultati sono formidabili, Metel è stato per la filiera un buon investimento e l’evento di oggi è un’occasione per scambiarci pareri, su questo tema, alla ricerca di una più stretta collaborazione fra le nostre realtà. È ora necessario proseguire e completare l’opera, “fare sistema” ed aprirci al futuro. “FARE SISTEMA”, evitando di chiuderci nelle nostre abitudini, decidendo in fretta, pur coscienti che, a volte, nelle nostre strutture, ci sono delle comprensibili resistenze al cambiamento, resistenze che dobbiamo saper affrontare positivamente. “FARE SISTEMA” per non farci sopraffare dagli eventi, ma cercando di gestirli al meglio, nell’interesse di ognuno di noi e di tutti. Metel già oggi ci offre, con BIOM una unica interfaccia che facilita moltissimo il ruolo dell’intermediazione, identificandone il ruolo operativo nel rispetto delle esigenze delle nostre mandanti e questo è essenziale, perché di tutti i documenti del ciclo dell’ordine, l’Agenzia è comunque protagonista. “FARE SISTEMA” quindi deve diventare un programma prioritario per tutti i componenti la filiera, definendo gli obiettivi comuni, senza trascurare però la condivisione delle aree di competenza, con un chiaro e trasparente riconoscimento dei rispettivi ruoli.

Il mio intervento si riferirà ad una risoluzione uscita questa estate e che ha segnato un punto di svolta nella fatturazione elettronica perché ha fatto cadere alcune limitazioni di ordine filosofico-giuridico. La fatturazione elettronica voluta a livello comunitario e da noi l’abbiamo accettata imponeva la firma digitale in quanto garanzia di affidabilità del dato per tutto il sistema industriale. Ma quali sono Le regole di conservazione del documento analogico?. La normativa afferma che prima di tutto devi acquisire l’immagine del documento che vuoi archiviare effet-

Metel Srl - Via Govone,66 - 20155 Milano - Italia Tel. +39 02 34536118 - Fax +39 02 34934145

tuando se necessario la scansione o acquisendo direttamente l’informazione direttamente dal flusso informativo se presente la firma elettronica. La fatturazione passiva che non aveva firma digitale non poteva essere automaticamente conservata doveva essere scansionata, stampata e portata in conservazione sostitutiva. Questo empasse è stato recentemente superato con la risoluzione 158 del 15 giugno 2009 che ha detto che se ricevi un documento non firmato all’origine devi stamparlo, È possibile, comunque, procedere all’acquisizione dell’immagine di un documento trasmesso in via elettronica (senza firma digitale) a condizione che l’immagine così acquisita rispecchi in maniera, fedele, corretta e veritiera il contenuto rappresentativo del documento.

iscriviti alla newsletter delle notizie Metel®, sul sito www.metel.it per essere aggiornato su tutte le iniziative e novità

Numero 07

Metel®NewsPaper 28 Dicembre 2009


L’ E V E N T O M E T E L 2 0 0 9 Alessandro Perego

(Prof. Politecnico di Milano)

S O L U Z I O N I M E T E L P E R FA R E S I S T E M A Giorgio Casanova

Glossario

ElectroCod

Fare sistema significa mettere da parte tutti gli ostacoli che ci limitano. Più utenti utilizzano il sistema maggiori saranno i benefici della filiera. Dobbiamo partire dal nostro comune linguaggio, un dizionario costruito dalle

Apriamo con questo numero una piccola rubrica che definiremo “glossario” all’interno della quale ricorderemo il significato di alcuni termini utilizzati ma non sempre ben conosciuti e declineremo il significato di nuovi termini tecnici. Apriamo la rubrica con due vecchi amici:

Anie e FME definirono un sistema di classificazione merceologica comune per i prodotti della filiera elettrica realizzando un sistema aperto a tutti i Produttori, fossero essi associati o meno all’ANIE e a tutti i Grossisti, o fossero associati o meno alla FME. La funzione principale di questo sistema di classificazione è quello di organizzare i prodotti ordinatamente in gruppi e sottogruppi merceologici che contengono i codici dei Produttori permettendo innumerevoli applicazioni già utilizzate dal mercato e sono in fase di studio altre applicazioni che potrebbero rappresentare un ulteriore valore aggiunto di notevole interesse per tutti coloro che operano nella filiera. Il modulo di adesione è scaricabile dal sito www.electrocod.it.

(Direttore Commerciale Metel)

• Famiglia di sconto È un codice assegnato dal produttore a uno o più articoli. Tale codice corrisponde ad uno sconto che verrà comunicato direttamente dal produttore al cliente senza passare attraverso Metel. Il cliente potrà pertanto caricare gli sconti ottenuti dal produttore associandoli alla famiglia di sconto in maniera automatica. • Famiglie statistiche Servono a identificare aggregati di prodotti omogenei (esempio terminali civili) per fini statistici e commerciali.

La fatturazione è parte centrale di un processo più esteso, che va dall’allineamento dei dati anagrafici e commerciali alla riconciliazione dei pagamenti. La fatturazione elettronica non è in primis un problema di conformità alla normativa fiscale ma una grande opportunità di ottimizzazione dei processi aziendali e interaziendali. Da benefici netti di 2-3 euro per fattura – con tempi di payback comunque inferiori all’anno in media - nel caso della conservazione sostitutiva della fattura, a benefici netti compresi tra 4 e 12 euro per fattura nel caso della fatturazione elettronica a norma di legge, a benefici netti fino a 65 euro per ciclo nel caso della completa integrazione del ciclo ordine-pagamento. I benefici “massimi” nei diversi settori possono variare da 30 a 80 euro/ciclo e rappresentare dall’1 al 3% del fatturato. I benefici e la redditività sono estremamente interessanti anche per le medie e le piccole imprese, anche grazie alla disponibilità di servizi in outsourcing. Prima regola: puntare all’integrazione dell’intero processo in quanto i benefici al crescere dell’estensione diventano 20 volte maggiori. Seconda regola: attenzione alla qualità del processo in quanto la maggior parte degli errori in fattura dipende da errori commessi nella fasi a monte del processo. Gli ostacoli (veri o presunti) che frenano la diffusione dei progetti di fatturazione elettronica e di integrazione del ciclo dell’ordine, possono essere ricondotti a cinque tipologie principali: la confusione normativa; la mancanza di standard; la scarsa consapevolezza del valore: la frammentazione del ciclo ordine-pagamento; le difficoltà a collaborare con l’esterno.

aziende stesse per trasmettere i dati al meglio, significa riempire al meglio le caselle dei nostri standard. Abbiamo ancora molto da lavorare sulla qualità del dato per fare tutti un sistema di eccellenza. I produttori debbono costruire listini completi in tutte le loro parti e i distributori debbono effettuare gli ordini con una grande attenzione ai dettagli, ambedue i partner poi debbono utilizzare l’intero processo per ottenere un sistema logistico ad elevata efficienza. Metel dispone oggi di una serie di strumenti che possono dare vantaggi importanti agli utilizzatori ed all’intera fliera, strumenti costruiti da e per gli attori delle filiera stessa, ma il nostro obiettivo a tendere è quello di fornire sempre nuovi e più perfezionati tool alla filiera ed a questo proposito a fine maggio avremo la nuova piattaforma metel web edi che ci assicurerà più qualità e accuratezza nel controllo dei dati e da gennaio 2010 sarà possibile visionare il traffico EDI per gni trading partner verificando lo stato dell’arte e i possibili miglioramenti che si possono ottenere.

Contattate Metel per gli approfondimenti che ritenete più opportuni.

Metel comunica attraverso il web Metel per essere più vicino alle persone che utilizzano gli standard METEL ha pensato di essere presente anche sui più importanti SOCIAL NETWORK come FACEBOOK, TWITTER, FLICKER, BLOG nella certezza che attraverso un rapporto diretto e informale si possa migliorare l’utilizzo della tecnologia.

Ecco dove ci trovate:

Facebook Flickr

Metel on the Web Blog Twitter

Il tracciato Barcode di Metel La generazione del tracciato Barcode che riesca a contenere tutte le informazioni utili per una gestione logistica è un patrimonio di inestimabile valore per tutti gli attori della filiera. Disporre di un tracciato barcode completo e compilato correttamente consente una gestione rapida e senza errori di tutto il processo del ciclo dell’ordine. La cresci-

Metel Srl - Via Govone,66 - 20155 Milano - Italia Tel. +39 02 34536118 - Fax +39 02 34934145

ta esponenziale degli articoli gestiti con Metel nel ciclo dell’ordine e la qualità, sicurezza, e tempestività delle informazioni sugli articoli, compresi pesi e imballi, sono oramai una necessità imprescindibile per le aziende della filiera. Per questi motivi il produttore che genera il tracciato barcode in maniera corretta e completa sarà evidenziato sul sito Metel.

iscriviti alla newsletter delle notizie Metel®, sul sito www.metel.it per essere aggiornato su tutte le iniziative e novità

Numero 07

Metel®NewsPaper 28 Dicembre 2009


www.metel.it

Il club dei produttori eccellenti

Le new entry

“Excellent Metel®” è il titolo con cui attualmente ci rivolgiamo ai produttori che utilizzano il sistema Metel®: dal listino alla fatturazione attraverso gli ordini, le conferme d’ordine e gli avvisi di spedizione. A breve “Excellent Metel®” diventerà il titolo con cui i produttori utilizzeranno il sistema Metel® nella sua completezza utilizzando i seguenti documenti sempre certificati con l’ultima release dei manuali presenti nell’area riservata:

Elenchiamo di seguito i nuovi associati:

Listino Barcode ■ Famigle di sconto ■ Famiglie statistiche ■ Ordine (l’excellent deve gestire l’ordine con gli extra sconti) ■ Conferma d’ordine ■ Avviso di spedizione ■ Fatture ■ Note di credito ■ Electrocod ■ ■

I documenti RAEE e RICODIFICA (compariranno se gestiti) Questi produttori che contribuiscono ad una crescita dell’efficienza e dell’efficacia dell’intera filiera del materiale elettrico vengono presentati in tutte le principali attività di comunicazione che Metel® realizza al fine di consentire un confronto con i migliori, condizione per una crescita dell’intero comparto. Gli effetti dei loro comportamenti si riflettono sull’intera filiera sviluppando non solo una consistente riduzione dei costi per tutti gli operatori ma garantendo altresì informazioni più complete e sicure per tutti.

Excellent Metel®

al 28/12/2009

■ LAZIO:

C ENTU E NTURY RY ITALI ITAL IA A SSRL RL V E TRO B OX VETROB O X SRL ■ LIGURIA:

V .M .E . E V.M.E. ELLE ETTROF TTRO FO ORNITU RNI TURE RE (*) ■ LOMBARDIA:

ARTEC ARTE CH H SSRL RL B RAGA F.LLI F .L L I SNC FFAND ANDIS IS SPA I LMAS IL MAS SSRL RL S TATUSS SRL STATU V ARTA B ATTE VARTA ATTERIE RI E SSRL RL ■ MARCHE:

E L ETTROMATIC EL E TTRO M ATI C SR SRLL (*) ■ SAN MARINO:

L IGHT IG H T STUD STU DIO I O SRL ■ SICILIA:

DI.M.E.R. D I .M.E .R. SO SOC C . CO C ONS. NS . ARL S PE L UXC SPEL U X C T SRL ■ TRENTINO:

E L ETTROZETA EL E TTRO ZE TA SRL ■ UMBRIA:

E L ETTROTEC EL E TTRO TEC A S.C.A.R.L. S.C .A.R.L . ■ VENETO:

IITEM TE M SRL S E NE CA SENEC A SRL (*) aziende che hanno attivato solo il portale È possibile visionare la lista completa delle aziende sul sito www.metel.it


Metel News Paper 07