Page 1

numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 1

sabato 08 settembre 2012 Anno IV n. 15

periodico di attualità, politica, cultura e sport

Idee in libertà Consorzio cimitero Raucci si dimette Diretto da:Umberto Setola

www.ideeinliberta.info

L’Editoriale

Cardito

Urbanistica e rifiuti sotto il cono d’ombra

di UMBERTO SETOLA

Gli italiani ricevono l’ennesima stangata sulle tariffe Cardito, in arrivo la nuova giunta

A PAGINA 2

C

oncluse le vacanze estive idee in libertà riprende la consueta cadenza delle uscite quindicinali. Non cambiano i contenuti del nostro peridico con un occhio sempre attento su quello che accade nella politica locale e nel microcosmo della società in cui viviamo. Gli italiani dal ritorno delle vacanze hanno trovato la consueta sorpresa dei rincari delle tariffe delle utenze domestiche (luce e gas) per non parlare dell’aumento del costo dei carburanti con la benzina verde che sfonda la soglia dei due euro a litro. Se a questo si aggiunge l’incertezza sulla situazione politica con un Governo che pensa solo a fare cassa siamo davvero messi male con un autunno alle porte che non promette nulla di buono. Intanto a Cardito la nuova maggioranza di centro sinistra sembra aver trovato la quadra sulla nuova giunta politica che verrà probabilmete presentata nel prossimo consiglio comunale del 21 settembre. Fumata grigia per quanta riguarda la la presidenza dell’assise cittadino. All’interno di questo numero tutti i retroscena che hanno portato alle dimissioni del presidente del Cda del consorzio cimitero Nunziante Raucci oltre che l’analisi politica con i possibili sviluppi futuri su giunta e presidente del consiglio comunale. Buona lettura

Crispano

Bilancio, arriva il ‘sì’ in Assise A PAGINA 5

Sport - Calcio Napoli

Insigne, il gioiellino di Frattamaggiore Nunziante Raucci

A PAGINA 5


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 2

2 Cardito Politica

<< Politica Cardito

Idee in libertà Sabato 08 settembre 2012

Sul tavolo anche l’elezione del presidente del Consiglio

Ombre sull’appalto dei rifiuti e urbanistica La nomina della nuova giunta è in arrivo

C

ARDITO - Le piogge di questi giorni sembrano aver segnato la linea di demarcazione tra la fine dell’estate e il ritorno alla quotidianità. Un’estate calda e afosa che è andata di pari passo con una situazione politica carditese che per il momento non riesce a far decollare l’amministrazione di centro sinistra uscita vincitrice dalle elezioni amministrative dello scorso maggio. È stata una prima parte di anno difficile e faticosa culminata appunto con le elezioni amministrative che hanno visto Giuseppe Cirillo (centro-sinistra) succedere a Giuseppe Barra alla guida di Cardito, quest’ultimo giunto alla fine del suo mandato decennale alla guida del paese. Il primo atto del neo sindaco è stato quello di nominare una ”minigiunta” peraltro formata da tecnici, tre in tutto, e affrontare le prime tematiche amministrative una su tutte la stesura del bilancio di previsione 2012 e la questione dell’appalto per la racolta dei rifiuti. Nelle settimane che hanno preceduto la pausa estiva si sono intensificati gli incontri tra i partiti del centro sinistra per riuscire a varare un nuovo esecutivo politico, il secondo dell’era Cirillo. Il sindaco Cirillo dal canto ha ascoltato tutti i partiti della coalizione per la nomina della giunta politica e per l’elezione del presidente del consiglio comunale. Quest’ultimo argomento sembra essere al momento l’stacolo più grande per la maggioranza di centro sinistra. Gli incontri svoltisi prima della pausa estiva non hanno prodotto alcun risultato. Quindi si è passato alla discussione di temi importanti quali l’ecologia e la formazione del documento economico finanziario dell’Ente. Quest’ultimo ha superato anche l’approvazione in giunta ora tocca al consiglio comunale che dovrà discutere e approvare lo strumento finanziario con eventualmente la possibilità di emendare

lo stesso. Per quanto concerne l’ecologia vi sono enormi difficoltà, nonostante negli scorsi mesi la nomina di un nuovo dirigente con la chimera di una riduzione dei costi ancora tutta da dimostrare e il preoccupante calo delle percentuali di raccolta differenziata. Se dovessimo continuare su questa falsa riga ci sarebbe la spada di Damocle del commissariamento visto che la legge prevede il raggiungimento del 50% di differenziata entro fine anno. Il Comune di Cardito si attesta su una percentuale che a luglio era del 33% mentre a maggio scorso con la vecchia ditta le percentuali si attestavano oltre il 50%. Vuoi vedere che i cittadini carditesi hanno dimenticato come fare la raccolta diffrenziata? Ad inizio settimana si sono intensificati gli incontri tra i partiti della neo maggioranza di centro sinistra. Gli argomenti al centro

del tavolo sono sempre gli stessi: giunta politica, presidente e programmazione. Voci di corridoio sostengono che solo sulla giunta c’è stata una soluzione. Probabilmente sarà composta dai primi non eletti ad eccenzion fatta per il partito del sindaco che opterebbe per un autorevole esponente del Pd. Se dovessero essere confermate queste prime indiscrezione si creerebbe le prime crepe nel partito di Bersani. Il consigliere anziano ha riunito i capigruppo di maggioranza per la convocazione del consiglio: l’Assise si riunirà il 21 settembre alle ore 09.00 prima convocazione e, in seconda battuta, alle ore 10.00. Dalla stessa è emersa la volontà da parte della maggioranza di coinvolgere le minoranze sull’indicazione del presidente e del vice presidente del Consiglio nonché e sulla composizione delle commissioni consiliari. La seduta del consiglio del consunale si preannuncia a tratti infuocata per le interpellanze presentate da alcuni consiglieri: suscitano maggiore interesse quella sull’appalto rifiuti (affidamento ad una nuova ditta) con un cambio degli accordi dopo poche settimane causando, probabilmente, un aumento dei costi per le casse comunali, sott’osservazione anche la questione urbanista dopo la nomina - con bando pubblico - del nuovo dirigente al settore Edilizia pubblica e privata. Il settore urbanistico è finito da qualche giorno sotto il cono d’ombra dell’opposizione consiliare. Due tematiche che potrebbero creare uno aspro dibattito in consiglio comunale tra la minoranza e i partiti di maggioranza. All’ordine del giorno del civico consesso anche il bilancio di previsione, redatto dall’assessore tecnico dell’esecutivo Cirillo. Un bilancio che dovrebbe prevedere l’aumento di alcune aliquote comunali - Tarsu e Imu -.


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 3


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 4

Politica Cardito

Idee in libertà Sabato 08 settembre 2012

4

Consorzio cimitero, Raucci lascia Il presidente: gli obiettivi sono stati raggiunti al di là delle polemiche

C

ARDITO – “I tempi sono maturi per lasciare”. Lo ha dichiarato Nunziante Raucci, presidente del consiglio di amministrazione del Consorzio cimiteriale Cardito-Crispano e consigliere anziano del Comune di Cardito – eletto in Assise con 653 voti alla tornata elettorale di maggio scorso sull’onda di un consenso popolare larghissimo che ha sbaragliato i suoi avversari politici -. Un atto politico forte. “Gli obiettivi ha aggiunto -– sono stati ultimati al di là delle polemiche e delle divisioni politiche. Abbiamo quasi completato l’iter che porterà all’inizio dei lavori per la costruzione dei nuovi loculi manca solo il collaudo statico della struttura esistente”. Raucci ha poi spiegato il perchè delle sue dimissioni: “Mi dimetto perchè è cambiato il quadro politico locale – Giuseppe Cirillo è stato eletto sindaco -. È giusto lasciare in questo momento, per pemettere alla neo maggioranza di indicare un nuovo rappresentante dell’Ente”. Al posto di Nunziante Raucci nelle prossime settimane dovrà essere nominato dal sindaco di Cardito – Giuseppe Cirillo - e Crispano – Carlo Esposito – un altro presidente. Una decisione, quella di Raucci, maturata con serenità eludendo ii cintunui attacchi strumentali Raucci ha sempre dimostrato senso di responsabilità nell’azione amministrativa e attaccamento al territorio. Ma non sono stati i continui attacchi incrociati del fuoco nemico e, soprattutto di quello amico a maturare la sua decisione, anzi le ragioni che hanno portato a questo atto di responsabilità, sono squisitamente politiche e come egli stesso ha affermato: “non nutro rancore per nessuno, sono e resto a disposizione come sempre dei miei cittadini, non solo di coloro che hanno sempre creduto in me, ma soprattutto per coloro i quali non hanno riposto la loro fiducia nella mia persona”. La campagna denigratoria verso “mister preferenze” inizia con la sua nomina a presidente del Consorzio cimiteriale

– datata novembre 2010 con decreto lunga chiacchierata ringrazia il firmato dall’ ex sindaco Giuseppe sindaco Giuseppe Barra per “la Barra e da Carlo Esposito – con la fiducia nell’avergli conferito l’incarico e a quanti con il loro prezioso lavoro svolto con altissima professionalità e impegno profuso hanno collaborato durante la sua p r e s i d e n z a ” . Sul territorio ci sono persone che possono far rinascere la voglia nel cittadino di seguire la buona politica al servizio del nostro amato paese. Nunziante Raucci è uno di questi. Da queste colonne pubblichiamo il testo integrale della lettera di dimissioni della lettera del presidente del consorzio cimitero: “Il sottoscritto Nunziante Raucci, nominato presidente del Consiglio d’amministrazione del Consorzio cimiteriale Cardito-Crispano con decreto firmato dall’ex sindaco di Cardito Giuseppe Barra e dal questione dell’incompatibilità sindaco di Crispano Carlo Esposito, sollevata – nel febbraio 2011 – dal rassegna le dimissioni dalla carica di gruppo civico “Centro per Cardito” presidente. Una decisione maturata fino a quella della sua ineleggibilità già all’indomani del verdetto di giugno 2012, posta in essere dal elettorale del maggio scorso e che gruppo delle liste civiche del solo per senso di responsabilità candidato a sindaco Mormile. istituzi non aveva ancora rassegnato Vicende che non mancheranno di le dimissioni. Un incarico svolto in suscitare commenti e prese di questi mesi con passione ed posizione perché una parte della città, entusiasmo, nonostante la figura soprattutto quella che ha tributato il apicale del Consorzio sia stata consenso elettorale a Nunziante sempre, in questi mesi, al centro di Raucci, si sente in qualche modo polemiche e attacchi strumentali, tradita dalle prese di posizioni di chi oggi decide di lasciare l’incarico in campagna elettorale mostrava senza rancori e, soprattutto, perché tutt’altra personalità. “Rimettere il l’ultima tornata elettorale di Cardito l’assetto politico alla mandato da presidente – spiega l’ex ha cambiato presidente, davanti ad una tazza guida dell’Ente carditese con d’orzo nel bar centrale di piazza l’elezione di Giuseppe Cirillo a Garibaldi, tra chi lo saluta con una sindaco. Ringrazia chi, fortemente, pacca sulla spalla e chi invece, con ha voluto la sua nomina a presidente una stretta di mano, – non significa del Consorzio e a quanti hanno tirarsi indietro, anzi sono pronto a collaborato con dedizione ed collaborare per completare l’azione abnegazione nello svolgere il suo amministrativa portata avanti in compito istituzionale. questi anni per la risoluzione dei Il Consorzio Cimitero ora ha bisogno loculi. In questi anni di presidenza – di una spinta propulsiva, soprattutto continua il consigliere anziano per la questione dei nuovi loculi, Raucci – ho svolto il mio mandato questione già in via di risoluzione dal con la massima trasparenza e lealtà. C.d.A. e che si augura venga portata E’ stata una esperienza amministrati- a compimento. Pertanto, resta la va unica e significativa in un totale disponibilità per la soluzione momento di crescita personale e del problema tanto auspicato dai politica”. Nunziante Raucci, nella cittadini.


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 5

5 Crispano Politica

Idee in libertà Sabato 8 settembre 2012

Nunzio cennamo: “Abbiamo potenziato alcuni capitoli, in particolare quello delle borse agli studenti universitari”

Crispano, l’esecutivo Esposito approva all’unanimità il bilancio partecipativo

C

RISPANO - Nel documento finanziario è stato l’assessore Nunzio Cennamo: “Il bilancio, come diceva anche prima il sindaco, nella sua interezza, rispetto anche al cosiddetto patto di stabilità, che è diventato un parametro stavolta veramente determinante perché gli altri comuni che non lo rispettano stavolta non solo non potranno fare assunzioni e cose del genere, ma saranno anche decurtati di una percentuale pari proprio alla percentuale con cui si è sforato il patto di stabilità. L’impianto complessivo mira quindi a rispettare questo patto di stabilità e dobbiamo dire che rispetto agli anni passati sono state confermate un po’ tutte le voci di spesa,

quindi non ci sono tagli se non in quei capitoli dove non si era speso”. Sono stati ottimizzati vari capitoli senza tagliarne nessuno. Anzi, si sono aggiunti alcuni capitoli molto importanti, per esempio quello sul servizio navetta che è stato quello votato nel bilancio partecipativo che quest’anno, rispetto all’anno precedente, ha avuto un incremento di 8 punti percentuali. E’ stato chiesto di potenziare la raccolta differenziata; l’amministrazione, l’intero consiglio comunale si è mosso in tal senso con l’introduzione dell’umido, a seguito della campagna di sensibilizzazione, a seguito di una serie di progetti, con cui si è veramente riusciti ad entrare tra i cosiddetti comuni virtuosi nella rac-

colta differenziata. “Abbiamo potenziato alcuni capitoli, in particolare quello delle borse agli studenti universitari - continua l’assessore Cennamo - poi abbiamo raddoppiato il capitolo per quanto riguarda l’assistenza agli indigenti Poi ci sono altri capitoli che sono stati potenziati, come quello della manutenzione delle fogne. Quindi rispetto all’anno precedente non ci sono tagli ma va visto in un’ottica migliorativa, sono stati introdotti nuovi servizi e questo senza aggiungere un euro in termini di tassazione: i tributi non sono stati aumentati, anzi per quanto riguarda la Tarsu sono state introdotte delle agevolazioni, quindi il tutto è stato fatto nell’ottica di non aumentare nessun tipo di tributo.

Calcio Napoli, il gioiellino Insigne infiamma il S.Paolo

G

li azzurri soffrono e ottengono la seconda vittoria consecutiva in avvio di campionato cosa che peraltro non avveniva da venti anni. Una vittoria da grande squadra. Di certo non si può affermare che sia stata la migliore gara giocata dagli azzurri ma, il Napoli riesce lo stesso a piegare la Fiorentina con due gol nella ripresa di Hamsik e Dzemaili sugli sviluppi di due calci piazzati e raggiunge in vetta alla classifica Juventus e Lazio a punteggio pieno dopo due giornate. Onore delle armi alla formazione di Montella. Il tecnico azzurro Mazzarri può affrontare la sosta con il sorriso, perché nonostante la prestazione al di sotto degli standard mostrati nella Supercoppa contro la Juve, nella prima gara a Palermo e nei test estivi, il Napoli

mostra maturità. Su un campo ai limiti della praticabilità, gli azzurri non si disuniscono quando è la Fiorentina a rubare l’occhio al San Paolo e soprattutto non perdono la bussola quando i viola accorciano le distanze ad una manciata di minuti dalla fine del tempo regolamentare. Gol firmati da Hamsik, e Dzemaili, ma la palma di migliore in campo va a Lorenzo Insigne. Al debutto da titolare in campionato al San Paolo, il furetto di Frattamaggiore mette lo zampino in tutte le azioni pericolose del Napoli. A conferma di quanto detto arriva la chiamata in nazionale maggiore da parte di Cesare Prandelli per le due gare di qualificazione ai mondiali di calcio che, si terranno in Brasile nel 2014, contro Bulgaria e Malta.

Idee in libertà Autorizzazione Tribunale di Napoli n° 12 del 03 febbraio 2009 Anno IV - n° 15 Editore: Associazione “ Idee in Libertà” Direttore Responsabile: Umberto Setola E-mail: ideeinliberta@email.it tel. 3495803842 Sede Legale: Via Piave, 11 - Cardito (Na) Stampa: Litografia Buonaurio Via IV Novembre, 6 - Casoria (Na) chiuso in tipografia: 7 settembre 2012 Ci trovi anche su Facebok e sul sito www. ideeinliberta.info


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 6

Gi

6

Rubrica Cardito

<< L’avvocato risponde... Idee in libertà Sabato 08 settembre 2012 Rubrica curata dagli avv. Francesco Castaldo e Mario Setola

Egregio Avvocato, mi chiamo Matteo e vi scrivo da Grumo Nevano. Rientravo da una vacanza con un volo di una nota compagnia low cost tedesca. All’aeroporto di destinazione apprendevo che il mio bagaglio era stato smarrito. La compagnia mi ha indennizzato con un importo che non copre neanche il valore della valigia. All’interno c’erano capi di vestiario ed oggetti personali per un valore decisamente superiore. E’ corretto il comportamento assunto dalla compagnia aerea? Gentile sig. Matteo, le compagnie dell’Unione Europea (qual è il suo caso), hanno aderito alla Convenzione di Montreal del 1999 che prevede, in caso di smarrimento definitivo del bagaglio, un risarcimento calcolato sul contenuto dello stesso. Il limite massimo del risarcimento è di euro 1.167,00, ma può essere superato se il passeggero effettua, prima della registrazione del bagaglio, una dichiarazione speciale di maggior valore, con il pagamento di un supplemento previsto da appositi tariffari, che il personale della compagnia deve far visionare al passeggero. Ai fini del risarcimento, occorre che il passeggero documenti in modo dettagliato sia il bagaglio che il suo contenuto. Il risarcimento irrisorio da lei ricevuto probabilmente è dovuto all’assenza di prove a proposito. Spesso, infatti, le compagnie riescono a farla franca per la difficoltà del passeggero di produrre apposita documentazione dimostrante il valore di ciò che è stato smarrito. Buona norma è quella di conservare gli scontrini dell’acquisto della valigia e di ciò che viene introdotto, benché la cosa sia abbastanza problematica, me ne rendo conto. Altra alternativa potrebbe essere quella di presentare copia della dichiarazione di smarrimento resa al Commissariato di Polizia o ai Carabinieri, dichiarazione che deve essere veritiera, a pena di responsabilità penale. La compagnia aerea è esente, in tutto o in parte, da responsabilità se dimostra di aver preso tutte le misure possibili per evitare il danno o che è stato impossibile adottare tali misure, o che lo smarrimento sia imputabile al passeggero o che lo stesso vi abbia contribuito per negligenza, atto illecito o omissione. La prova del verificarsi delle prime due circostanze evidenziate è molto difficile da produrre, tant’è che si parla di prova diabolica. Il reclamo deve essere presentato immediatamente entro e non oltre 7 giorni dall&rsquo;accaduto, a pena di decadenza. E’ consigliabile, dopo aver esposto il reclamo direttamente in aeroporto presso l’apposito ufficio, inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno direttamente alla sede legale della Compagnia. In questo caso, il diritto al risarcimento si prescrive in due anni. Non avendo preso visione di eventuale documentazione e/o liberatoria sottopostale dalla Compagnia e da lei firmata, non posso esprimermi su eventuali azioni, che potrebbe esperire al fine di ottenere un’integrazione del risarcimento. In simili circostanze, comunque, il disagio e lo stress subiti, sono validi motivi per richiedere alla Compagnia aerea l’ulteriore risarcimento per il cd. danno da vacanza rovinata argomento che magari approfondiremo nei numeri successivi. Cordiali Saluti

Raffaele Auriemma

Giovanni Setola

Carmine Ciccarelli

Raffaele, giovedì scorso hai raggiunto la maggiore età l’augurio che questo sia l’inizio di una vita costellata di succcessi personali e professionali. Mamma Antonietta e Papà Luigi.

Auguri al piccolo Giovanni Setola con l’auspicio che il Signore ti possa accompagnare nel percorso della vita... da parte di mamma Rosaria e papà Umberto

Auguri al piccolo Carmine Ciccarelli che lo scorso 27 luglio si è affacciato alla vita. Da parte di nonna Pina e nonno Carmine


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 7


numero15_Layout 1 08/09/2012 11:00 Pagina 8

numero 15  

idee in liberta

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you