Page 1

tutto quello che serve per il vostro giorno più bello

Preparativi Enzo Carotti Editore | anno V n° 08 | Pubblicazione periodica | Gennaio ’08 | 6 4,00

La sposa del nuovo millennio

Casa

Arredamento. A casa degli sposi

Vademecum Agenda per il vostro matrimonio


Ph: Roberto Mazzola


Ph: Roberto Mazzola


Show-room Via Martiri di Belfiore, 109 62012 Civitanova Marche tel. 0733.773262

www.francesca.it

Sartoria Via Romagna, 37 62010 Morrovalle tel. 0733.222923


Show-room Via Martiri di Belfiore, 109 62012 Civitanova Marche tel. 0733.773262

www.francesca.it

Sartoria Via Romagna, 37 62010 Morrovalle tel. 0733.222923


Editoriale

Care lettrici, gentili lettori, a voi gli auguri più sentiti per il nuovo anno e i miei ringraziamenti per averci sostenuto nel nostro progetto editoriale. Anche per l’anno 2008 la nostra rivista ha dimostrato di incontrare un ampio consenso tra i molti lettori che gradiscono i contenuti e lo stile grafico ad un costo molto contenuto. Potrei dire che il merito è in gran parte vostro perché avete continuato a seguire le novità che vi abbiamo scelto per voi, senza mai essere scontati. Del resto la rivista IdeaSposi - e ne sono certo - è diventata uno strumento valido e un supporto indispensabile per tutti coloro che stanno per sposarsi o che hanno pianificato di farlo. Ma lo è anche per chi vuole innovare la tradizionale cerimonia del giorno delle nozze. In questo numero troverete consigli per arricchire il vostro abito da sposa con cristalli, l’accessorio più adatto per trasformare la giacca dei vostri invitati, tessuti per la casa per rendere la vostra futura abitazione più accogliente, la perfetta organizzazione del vostro banchetto nuziale, le bomboniere per sorprendere i vostri ospiti, le mete più fashiones per il vostro viaggio di nozze e molto altro. Un memorandum scandirà i giorni precedenti il matrimonio per indicarvi cosa fare e come organizzare la cerimonia di nozze. Troverete inoltre uno spazio dedicato allo shopping : fornendovi una guida di tutti i migliori negozi per i vostri acquisti. Colgo l’occasione di salutarvi e invitarvi ad una gradita lettura di Ideasposi! L’Editore e Direttore editoriale Enzo Carotti


Editoriale

Care lettrici, gentili lettori, a voi gli auguri più sentiti per il nuovo anno e i miei ringraziamenti per averci sostenuto nel nostro progetto editoriale. Anche per l’anno 2008 la nostra rivista ha dimostrato di incontrare un ampio consenso tra i molti lettori che gradiscono i contenuti e lo stile grafico ad un costo molto contenuto. Potrei dire che il merito è in gran parte vostro perché avete continuato a seguire le novità che vi abbiamo scelto per voi, senza mai essere scontati. Del resto la rivista IdeaSposi - e ne sono certo - è diventata uno strumento valido e un supporto indispensabile per tutti coloro che stanno per sposarsi o che hanno pianificato di farlo. Ma lo è anche per chi vuole innovare la tradizionale cerimonia del giorno delle nozze. In questo numero troverete consigli per arricchire il vostro abito da sposa con cristalli, l’accessorio più adatto per trasformare la giacca dei vostri invitati, tessuti per la casa per rendere la vostra futura abitazione più accogliente, la perfetta organizzazione del vostro banchetto nuziale, le bomboniere per sorprendere i vostri ospiti, le mete più fashiones per il vostro viaggio di nozze e molto altro. Un memorandum scandirà i giorni precedenti il matrimonio per indicarvi cosa fare e come organizzare la cerimonia di nozze. Troverete inoltre uno spazio dedicato allo shopping : fornendovi una guida di tutti i migliori negozi per i vostri acquisti. Colgo l’occasione di salutarvi e invitarvi ad una gradita lettura di Ideasposi! L’Editore e Direttore editoriale Enzo Carotti


Sommario

In copertina Abito collezione Perle di Delsa

IDEASPOSI Preparativi

19

La sposa del nuovo millennio

26

Abiti da cerimonia. Come rinnovare la tradizione!

Gioielli di cristallo per arricchire l’abito e rendere indimenticabile la promessa

Intramontabile il disegno italiano per l’abito di nozze. Da ripensare accessori e tessuti

IDEASPOSI Casa

33

Arredamento. A casa degli sposi

Colori dall’Oriente e dal Messico per riscaldare le stanze dell’abitazione.

IDEASPOSI Eventi

41

Fa il pieno la fiera del design e dell’eleganza Grande successo di pubblico per la Mostra Arredamento Casa - Salone Sposi tenutasi per la prima volta in contemporanea ad Ancona e Civitanova Marche

IDEASPOSI Vademecum

44 47 60 66

Ricordo del giorno più bello: la bomboniere I confetti più buoni nel sacchetto più bello

Agenda per il vostro matrimonio Ciò che dovrete sapere per realizzare un matrimonio da sogno…

Viaggio di nozze. Sai dove?

La vecchia Europa non si lascia scappare i neosposi. Ma anche U.S.A. e Polinesia

Stravaganza e allegria: ma dopo la cerimonia nuziale…

L’auto dei vostri sogni sarà la vittima degli scherzi degli amici

IDEASPOSI Shopping

71

Ideasposi consiglia

Una guida dei migliori negozi per gli acquisti degli sposi


Sommario

In copertina Abito collezione Perle di Delsa

IDEASPOSI Preparativi

19

La sposa del nuovo millennio

26

Abiti da cerimonia. Come rinnovare la tradizione!

Gioielli di cristallo per arricchire l’abito e rendere indimenticabile la promessa

Intramontabile il disegno italiano per l’abito di nozze. Da ripensare accessori e tessuti

IDEASPOSI Casa

33

Arredamento. A casa degli sposi

Colori dall’Oriente e dal Messico per riscaldare le stanze dell’abitazione.

IDEASPOSI Eventi

41

Fa il pieno la fiera del design e dell’eleganza Grande successo di pubblico per la Mostra Arredamento Casa - Salone Sposi tenutasi per la prima volta in contemporanea ad Ancona e Civitanova Marche

IDEASPOSI Vademecum

44 47 60 66

Ricordo del giorno più bello: la bomboniere I confetti più buoni nel sacchetto più bello

Agenda per il vostro matrimonio Ciò che dovrete sapere per realizzare un matrimonio da sogno…

Viaggio di nozze. Sai dove?

La vecchia Europa non si lascia scappare i neosposi. Ma anche U.S.A. e Polinesia

Stravaganza e allegria: ma dopo la cerimonia nuziale…

L’auto dei vostri sogni sarà la vittima degli scherzi degli amici

IDEASPOSI Shopping

71

Ideasposi consiglia

Una guida dei migliori negozi per gli acquisti degli sposi


IDEASPOSI anno v N° 8 Gennaio 2008 Direttore Responsabile Matteo Jovannelli Direttore Editoriale Enzo Carotti Collaboratori Luca Carotti, Tatiana Andreeva, Armando Carotti Coordinamento testi Andrea Carnevali Foto Giampaoli Astolfi Art direction e impaginazione Alberto Brandi - Studio Grafico www.liberacomunicazione.com Segretario di redazione Alberto Brandi Ufficio pubblicità 071 7390707 info@ideasposi.com Website www.ideasposi.com IDEASPOSI è un periodico ENZO CAROTTI Editore Stampa Artelito (MC) Autorizzazione del Tribunale di Ancona

N°. 23 RGP del 17 novembre 2003

La Direzione di IdeaSposi si riserva in ogni evenienza il diritto di rifiutare, sospendere o modificare un’inserzione a proprio insindacabile giudizio. L’Editore non risponde per ritardi o perdite causate dalla mancata pubblicazione per qualsiasi motivo, come non è responsabile per refusi. Gli insersionisti dovranno rifondere all’Editore ogni spesa da esso supportata nell’eventualità di malintesi, violazione di diritti e dichiarazioni etc., a causa dell’annuncio. Ogni diritto è riservato: è quindi vietato riprodurre totalmente o parzialmente disegni, foto, testi e l’impostazione grafica della pubblicazione.


IDEASPOSI anno v N° 8 Gennaio 2008 Direttore Responsabile Matteo Jovannelli Direttore Editoriale Enzo Carotti Collaboratori Luca Carotti, Tatiana Andreeva, Armando Carotti Coordinamento testi Andrea Carnevali Foto Giampaoli Astolfi Art direction e impaginazione Alberto Brandi - Studio Grafico www.liberacomunicazione.com Segretario di redazione Alberto Brandi Ufficio pubblicità 071 7390707 info@ideasposi.com Website www.ideasposi.com IDEASPOSI è un periodico ENZO CAROTTI Editore Stampa Artelito (MC) Autorizzazione del Tribunale di Ancona

N°. 23 RGP del 17 novembre 2003

La Direzione di IdeaSposi si riserva in ogni evenienza il diritto di rifiutare, sospendere o modificare un’inserzione a proprio insindacabile giudizio. L’Editore non risponde per ritardi o perdite causate dalla mancata pubblicazione per qualsiasi motivo, come non è responsabile per refusi. Gli insersionisti dovranno rifondere all’Editore ogni spesa da esso supportata nell’eventualità di malintesi, violazione di diritti e dichiarazioni etc., a causa dell’annuncio. Ogni diritto è riservato: è quindi vietato riprodurre totalmente o parzialmente disegni, foto, testi e l’impostazione grafica della pubblicazione.


vademecum


vademecum


La sposa del nuovo millennio Gioielli di cristallo per arricchire l’abito e rendere indimenticabile la promessa


La sposa del nuovo millennio Gioielli di cristallo per arricchire l’abito e rendere indimenticabile la promessa


la sposa

L’abito da sposa è unico. Perfetto in ogni dettaglio deve rappresentare il giorno più importante della propria vita di una donna. La scelta del vestito per le nozze ha una gran valore. È difficile scegliere il modello ed il tessuto più adatto allo stile della cerimonia. Ma – potremmo anche dire che - ogni donna ha il suo abito da sposa in relazione alla personalità ed alle proprie caratteristiche fisiche. L’abito, semmai, dovrà armonizzare e mettere in risalto sia il carattere estetico sia gli ideali di chi lo indossa. Gli accessori renderanno dell’abito nuziale d’effetto. Sarà indispensabile scegliere guanti, cappelli, borse che completino il vestito da sposa. Dovrete però fare attenzione a coordinare bene l’abito nuziale con gli accessori. Potrete indossare collane di cristallo, da sempre protagoniste del mondo del matrimonio e della haute couture, per rendere l’abito un po’ minimalista e nello stesso tempo un capo di grande ricchezza. Una collana di cristalli rende lo stile della sposa lieve e poetico, oppure ricco di fantasia, per chi sogna di diventare una bellissime principesse. Se vorrete, invece, intonare il vostro abito nuziale alle mode degli ultimi anni, potrebbe andare bene anche una lunga collana di cristalli per esibire la schiena nuda – durante il pranzo nuziale – o come catena per la cintura dell’abito. Gli abiti da sposa hanno molte caratteristiche. L’abito nuziale a palloncino è aderente sul busto e si allarga nella parte inferiore. Si rigonfia e dà un effetto a ‘palloncino’. I tessuti più utilizzati per la composizione dell’abito sono organza, taffetà e gazar. Più provocante è l’abito da sposa a sirena

22

ideasposi


la sposa

L’abito da sposa è unico. Perfetto in ogni dettaglio deve rappresentare il giorno più importante della propria vita di una donna. La scelta del vestito per le nozze ha una gran valore. È difficile scegliere il modello ed il tessuto più adatto allo stile della cerimonia. Ma – potremmo anche dire che - ogni donna ha il suo abito da sposa in relazione alla personalità ed alle proprie caratteristiche fisiche. L’abito, semmai, dovrà armonizzare e mettere in risalto sia il carattere estetico sia gli ideali di chi lo indossa. Gli accessori renderanno dell’abito nuziale d’effetto. Sarà indispensabile scegliere guanti, cappelli, borse che completino il vestito da sposa. Dovrete però fare attenzione a coordinare bene l’abito nuziale con gli accessori. Potrete indossare collane di cristallo, da sempre protagoniste del mondo del matrimonio e della haute couture, per rendere l’abito un po’ minimalista e nello stesso tempo un capo di grande ricchezza. Una collana di cristalli rende lo stile della sposa lieve e poetico, oppure ricco di fantasia, per chi sogna di diventare una bellissime principesse. Se vorrete, invece, intonare il vostro abito nuziale alle mode degli ultimi anni, potrebbe andare bene anche una lunga collana di cristalli per esibire la schiena nuda – durante il pranzo nuziale – o come catena per la cintura dell’abito. Gli abiti da sposa hanno molte caratteristiche. L’abito nuziale a palloncino è aderente sul busto e si allarga nella parte inferiore. Si rigonfia e dà un effetto a ‘palloncino’. I tessuti più utilizzati per la composizione dell’abito sono organza, taffetà e gazar. Più provocante è l’abito da sposa a sirena

22

ideasposi


ideasposi

la sposa

la sposa 24

aderenti sul corpo che segue le linee del busto, dei fianchi fino alle gambe. Seducente è lo strascico dell’abito con un effetto “sirena”. Gli abiti da sposa hanno anche un tono accesso: palline molto sottili, scollati davanti e sulla schiena. L’abito a palloncino potrà essere accompagnato da uno scialle o giacchino - ideali per matrimoni estivi e serali - . L’abito da sposa a tubino è spesso realizzato in pizzo macramè o seta. L’abito in stile bustier richiama lo stile imperiale con corpetti stretti impreziositi da ricami e gioielli. C’è poca differenza tra stile impero e stile bustier. L’evidenza più grande è nel tagliato del corpino, appena sotto il seno con un nastro di tessuto. Negli atelier ci sono molti altri modelli: corti o linguette, stile rendigotte, a tailleur ecc. Ma ad impreziosire l’abito da sposa sono i colori. Il bianco è il colore per eccellenza dell’abito da sposa. Esistono però molte sfumature di bianco che rendono l’abito diverso e in sintonia con la festa. Le tonalità del bianco potranno essere ghiaccio, avorio o crema. La scelta sarà fatta sulla base del modello dei tessuti utilizzati, ma anche in base alla carnagione della pelle, ai colori dei capelli, allo stile con cui ci si vuole presentare il giorno delle nozze ai nostri invitati. L’abito raccontare la gioia nel giorno di festa con colori pastello (rosa, azzurro, giallo) per lo più per la stagione primaverile. Eccentrico è l’abito nuziale: rosso bordeaux, rosa carico o glicine. Del resto questi colori si armonizzano bene con i tessuti cadi, chantilly chiffon, crepe, duchesse, georgette, macramè, mikado, organza, raso o satin, sangallo, shantung, taffettà, tulle e voile. Il vero primo ministro è il velo da sposa. Il velo è l’accessorio per eccellenza dell’abito nuziale. Il sottile ed impalpabile velo da sposa può essere lungo a strascico di circa tre metri, o corto a scialle portato sulle spalle. L’accessorio ingentilisce il cilindro dello sposo di solito nero, anche quando orna elaborate acconciature. Le ultime tendenze in fatto di abiti da sposa hanno abolito il velo, che rimane comunque un accessorio molto romantico e di grande effetto. E cosa mettere ai piedi? Le scarpe da sposa devono armonizzarsi perfettamente con l’abito, diventando così un dettaglio da non trascurare. In commercio ne esistono di tantissimi modelli, alte o basse, decoltè o sabot, semplici o decorate, in pelle o in raso, arrotondate od a punta, da non trascurare nella scelta è l’elemento comodità. Le scarpe potranno anche essere ricoperte con un po’ di tessuto dell’abito da sposa per rendere perfetto l’eleganza femminile.

Cosa indossare sotto l’abito? Reggiseni, body, slip, collant, autoreggenti e giarrettiere, la lingerie da sposa deve preziosa ed elegante, coordinata con l’abito, ma non segnarlo con cuciture troppo evidenti. Anche se nascosta, la biancheria intima da sposa è di estrema importanza. Per una volta è possibile lasciare da parte i “completino” di tutti i giorni e indossare qualcosa di nuovo, raffinato e fantasioso. La lingerie dovrà essere coordinata al vestito all’abito. Il bianco e le sue sfumature diventano i colori più adatti per completi intimi per il giorno delle nozze. Slip, reggiseno, o corpetti di pizzo sono indumenti di biancheria intima i più usati, ma è essenziale che i capi siano senza cuciture troppo marcate e profonde sui tessuti perché potrebbero segnare il vestito. Di grande tendenza sono i bustini di ispirazione settecentesca con coppe rinforzate con ferretti che accentuano il seno e fanno risaltare la scollatura dell’abito da sposa. Meglio se valorizzata con una collana di pietre dure o altri materiali. Per quanto riguarda le calze, sicuramente i più comodi sono i collant, leggeri ed impalpabili, trasparenti a rete, coprenti fino alla vita per dare ampia libertà al corpo di muoversi e sostenere i glutei, oppure la seducente calza da reggicalze che sempre più risulta essere elegante, femminile e intrigante. Le seducenti calze rete consentono di utilizzare le giarrettiere come vuole la tradizione (per essere regalate come simbolo di buon augurio). Anche le autoreggenti hanno ricevuto molti consensi tra le giovani spose (...).

ideasposi

25


ideasposi

la sposa

la sposa 24

aderenti sul corpo che segue le linee del busto, dei fianchi fino alle gambe. Seducente è lo strascico dell’abito con un effetto “sirena”. Gli abiti da sposa hanno anche un tono accesso: palline molto sottili, scollati davanti e sulla schiena. L’abito a palloncino potrà essere accompagnato da uno scialle o giacchino - ideali per matrimoni estivi e serali - . L’abito da sposa a tubino è spesso realizzato in pizzo macramè o seta. L’abito in stile bustier richiama lo stile imperiale con corpetti stretti impreziositi da ricami e gioielli. C’è poca differenza tra stile impero e stile bustier. L’evidenza più grande è nel tagliato del corpino, appena sotto il seno con un nastro di tessuto. Negli atelier ci sono molti altri modelli: corti o linguette, stile rendigotte, a tailleur ecc. Ma ad impreziosire l’abito da sposa sono i colori. Il bianco è il colore per eccellenza dell’abito da sposa. Esistono però molte sfumature di bianco che rendono l’abito diverso e in sintonia con la festa. Le tonalità del bianco potranno essere ghiaccio, avorio o crema. La scelta sarà fatta sulla base del modello dei tessuti utilizzati, ma anche in base alla carnagione della pelle, ai colori dei capelli, allo stile con cui ci si vuole presentare il giorno delle nozze ai nostri invitati. L’abito raccontare la gioia nel giorno di festa con colori pastello (rosa, azzurro, giallo) per lo più per la stagione primaverile. Eccentrico è l’abito nuziale: rosso bordeaux, rosa carico o glicine. Del resto questi colori si armonizzano bene con i tessuti cadi, chantilly chiffon, crepe, duchesse, georgette, macramè, mikado, organza, raso o satin, sangallo, shantung, taffettà, tulle e voile. Il vero primo ministro è il velo da sposa. Il velo è l’accessorio per eccellenza dell’abito nuziale. Il sottile ed impalpabile velo da sposa può essere lungo a strascico di circa tre metri, o corto a scialle portato sulle spalle. L’accessorio ingentilisce il cilindro dello sposo di solito nero, anche quando orna elaborate acconciature. Le ultime tendenze in fatto di abiti da sposa hanno abolito il velo, che rimane comunque un accessorio molto romantico e di grande effetto. E cosa mettere ai piedi? Le scarpe da sposa devono armonizzarsi perfettamente con l’abito, diventando così un dettaglio da non trascurare. In commercio ne esistono di tantissimi modelli, alte o basse, decoltè o sabot, semplici o decorate, in pelle o in raso, arrotondate od a punta, da non trascurare nella scelta è l’elemento comodità. Le scarpe potranno anche essere ricoperte con un po’ di tessuto dell’abito da sposa per rendere perfetto l’eleganza femminile.

Cosa indossare sotto l’abito? Reggiseni, body, slip, collant, autoreggenti e giarrettiere, la lingerie da sposa deve preziosa ed elegante, coordinata con l’abito, ma non segnarlo con cuciture troppo evidenti. Anche se nascosta, la biancheria intima da sposa è di estrema importanza. Per una volta è possibile lasciare da parte i “completino” di tutti i giorni e indossare qualcosa di nuovo, raffinato e fantasioso. La lingerie dovrà essere coordinata al vestito all’abito. Il bianco e le sue sfumature diventano i colori più adatti per completi intimi per il giorno delle nozze. Slip, reggiseno, o corpetti di pizzo sono indumenti di biancheria intima i più usati, ma è essenziale che i capi siano senza cuciture troppo marcate e profonde sui tessuti perché potrebbero segnare il vestito. Di grande tendenza sono i bustini di ispirazione settecentesca con coppe rinforzate con ferretti che accentuano il seno e fanno risaltare la scollatura dell’abito da sposa. Meglio se valorizzata con una collana di pietre dure o altri materiali. Per quanto riguarda le calze, sicuramente i più comodi sono i collant, leggeri ed impalpabili, trasparenti a rete, coprenti fino alla vita per dare ampia libertà al corpo di muoversi e sostenere i glutei, oppure la seducente calza da reggicalze che sempre più risulta essere elegante, femminile e intrigante. Le seducenti calze rete consentono di utilizzare le giarrettiere come vuole la tradizione (per essere regalate come simbolo di buon augurio). Anche le autoreggenti hanno ricevuto molti consensi tra le giovani spose (...).

ideasposi

25


redazionale

Un posto “Speciale” per il vostro evento “Speciale” L’Hotel Federico II° di Jesi offre veramente una soluzione da “Imperatore” per l’evento della vostra vita. Immerso nel verde di un grande parco con flora autoctona e prati all’inglese, un grande e comodo parcheggio privato per oltre 450 auto, ma potete arrivare anche in “elicottero”. Avrete a disposizione varie ed eleganti sale capienti sino a 350 posti per il pranzo ed altre per un sontuoso buffet per gli aperitivi che nella bella stagione sono serviti nella cornice del bellissimo “giardino degli olivi” con un impeccabile prato verde a bordo piscina.

26

ideasposi

Scegliete il menu che più vi aggrada fra le molteplici proposte di pesce fresco e carni, il servizio sarà curato e professionale e poi fatevi accompagnare dalla musica che preferite e scatenatevi nei balli sulla apposita pista da ballo e chiudete la festa degustando le dolci specialità della casa servite magari in giardino in una suggestiva penombra di luci e fiaccole, sotto una colorata cascata di stelle e magari con fuochi di artificio. Una “Suite nuziale” ed un brindisi con Champagne vi aspetterà per chiudere in bellezza la vostra indimenticabile giornata.


redazionale

Un posto “Speciale” per il vostro evento “Speciale” L’Hotel Federico II° di Jesi offre veramente una soluzione da “Imperatore” per l’evento della vostra vita. Immerso nel verde di un grande parco con flora autoctona e prati all’inglese, un grande e comodo parcheggio privato per oltre 450 auto, ma potete arrivare anche in “elicottero”. Avrete a disposizione varie ed eleganti sale capienti sino a 350 posti per il pranzo ed altre per un sontuoso buffet per gli aperitivi che nella bella stagione sono serviti nella cornice del bellissimo “giardino degli olivi” con un impeccabile prato verde a bordo piscina.

26

ideasposi

Scegliete il menu che più vi aggrada fra le molteplici proposte di pesce fresco e carni, il servizio sarà curato e professionale e poi fatevi accompagnare dalla musica che preferite e scatenatevi nei balli sulla apposita pista da ballo e chiudete la festa degustando le dolci specialità della casa servite magari in giardino in una suggestiva penombra di luci e fiaccole, sotto una colorata cascata di stelle e magari con fuochi di artificio. Una “Suite nuziale” ed un brindisi con Champagne vi aspetterà per chiudere in bellezza la vostra indimenticabile giornata.


Intramontabile il disegno italiano per l’abito di nozze. Da ripensare accessori e tessuti Stile o eleganza? Meglio distinguere. L’abito da cerimonia per l’uomo è un simbolo del successo. È legato ai tradizionali canoni dell’eleganza maschile, di origine inglese, ma di sartorialità italiana. Il made in Italy è un vero e proprio bon ton per il giorno delle nozze con gli amici o parenti. L’uomo giovane preferisce un abbigliamento sportivo – sempre che a sposarsi sia un suo amico - anche pseudo-tecnico, in gran parte di stile americano. Gli abiti da cerimonia si sono adeguati alle case di moda specializzate nella sartoria da sposi ed hanno recuperato linguaggi del fashion design e del prêt à porter. Le sartorie per rendere meno tradizionale la partecipazione di amici e parenti hanno pensato di trasformare la fattura dell’abito e rivalutare l’ironia con giacche gessate sopra i jeans strappati. Semmai arricchite da un fiore all’occhiello che donare allo sposo.

28

ideasposi

Diverso invece è il momento della cerimonia per lo sposo. Per lui è ritornato l’abito formale. Le nuove collezioni 2007/08 hanno rinnovato e migliorato la moda maschile da cerimonia. Ma sono state anche riviste le proposte per tutta la famiglia di lui e di lei. Più disinvolti saranno i parenti ed invitati alla festa nuziale che potranno scegliere tra giacche pull dalle rivoluzionarie soluzioni costruttive che le rendono calde e leggere; le giacche-caban che nobilitano in termini di eleganza il vestire, i relativi cappotti pull coats e big Coats ne rappresentano il corollario necessario per i rigori dell’inverno arricchiti, semmai, da una sciarpa rossa o bianca per la cerimonia. Anche il cappotto, infatti, si sta rapidamente modificando in termini di praticità e di peso come capo da cerimonia.

redazionale

lo sposo

Abiti da cerimonia. Come rinnovare la tradizione!


Intramontabile il disegno italiano per l’abito di nozze. Da ripensare accessori e tessuti Stile o eleganza? Meglio distinguere. L’abito da cerimonia per l’uomo è un simbolo del successo. È legato ai tradizionali canoni dell’eleganza maschile, di origine inglese, ma di sartorialità italiana. Il made in Italy è un vero e proprio bon ton per il giorno delle nozze con gli amici o parenti. L’uomo giovane preferisce un abbigliamento sportivo – sempre che a sposarsi sia un suo amico - anche pseudo-tecnico, in gran parte di stile americano. Gli abiti da cerimonia si sono adeguati alle case di moda specializzate nella sartoria da sposi ed hanno recuperato linguaggi del fashion design e del prêt à porter. Le sartorie per rendere meno tradizionale la partecipazione di amici e parenti hanno pensato di trasformare la fattura dell’abito e rivalutare l’ironia con giacche gessate sopra i jeans strappati. Semmai arricchite da un fiore all’occhiello che donare allo sposo.

28

ideasposi

Diverso invece è il momento della cerimonia per lo sposo. Per lui è ritornato l’abito formale. Le nuove collezioni 2007/08 hanno rinnovato e migliorato la moda maschile da cerimonia. Ma sono state anche riviste le proposte per tutta la famiglia di lui e di lei. Più disinvolti saranno i parenti ed invitati alla festa nuziale che potranno scegliere tra giacche pull dalle rivoluzionarie soluzioni costruttive che le rendono calde e leggere; le giacche-caban che nobilitano in termini di eleganza il vestire, i relativi cappotti pull coats e big Coats ne rappresentano il corollario necessario per i rigori dell’inverno arricchiti, semmai, da una sciarpa rossa o bianca per la cerimonia. Anche il cappotto, infatti, si sta rapidamente modificando in termini di praticità e di peso come capo da cerimonia.

redazionale

lo sposo

Abiti da cerimonia. Come rinnovare la tradizione!


lo sposo

da trasferire al telaio. Alcuni tessuti già incorporano fili di acciaio, altri sono di derivazione spaziale. Non c’è limite a tutte le novità che vedremo. Accontentiamoci, per adesso, del Cashmere lavato, che non è poco. Non di minore interesse è la tradizione del tight classico da cerimonia: giacca grigio scuro o nera che fascia i fianchi, corta sul davanti e con una coda di rondine nel retro che arrivi al palpaccio. I pantaloni dritti con lieve effetto gessato, il gilet sarà in tono o grigio perla con cinque bottoni la camicia bianca, rivalutato con un accessorio in cristallo o una sciarpa colorata. Anche mezzo tight ha la sua importanza, senza dimenticare la praticità. Per gli abiti più classici sarebbe consigliato prenotarlo in sartoria con molto anticipo. Almeno due mesi per essere sicuri di arrivare all’altare con indosso quanto si era scelto. Da non dimenticare che l’abito sia moderno e di tendenza sia classico dovrà rispettare la personalità degli invitati e degli sposi. Negli atelier specializzati troverete cataloghi e depliant dei vari modelli e case di moda.

La collezione per abiti da sposo sono sempre ricca di proposte eleganti sia nelle giacche sia negli abiti. Confermata la proposta super formale dei modelli di smoking e tuxedo di grande tendenza. L’abito su misura, un’altra delle particolarità della cerimonia. È sicuramente, in parte, ancora artigianale. Lo stile italiano ha deto cose importanti sia nel fashion design che nell’industria design. La ricerca continua ha coinvolto tutta la filiera del tessile e dell’abbigliamento. Gli ambiti per una cerimonia molto elegante potranno essere anche disegnate con tinte, lavaggi, invecchiamento e mirato ad effetti vintage per rendere più brillante e versatile lo stile degli invitati. Anche con accessori in agugliato che dà al capo aspetti ricamati bellissimi. Il linguaggio dell’eleganza maschile italiano è cosmopolita e per una cerimonia giovanissima si potrà miscelare i diversi linguaggi dell’eleganza maschile con l’idea di uno stile da cerimonia dai toni globali. Alla cerimonia nuziale di ispirazione orientale si potrà invece indossare un blazer o un abito grigio scuro che sono state nobilitate dalle interpretazioni da ricami con tessuti ricercati. Anche la tasca ha subito un cambiamento. È diventato un fenomeno di costume. I nuovi tessuti in cui la lana e cotone sposano la ceramica o il bambù con nuove soluzioni

30

ideasposi


lo sposo

da trasferire al telaio. Alcuni tessuti già incorporano fili di acciaio, altri sono di derivazione spaziale. Non c’è limite a tutte le novità che vedremo. Accontentiamoci, per adesso, del Cashmere lavato, che non è poco. Non di minore interesse è la tradizione del tight classico da cerimonia: giacca grigio scuro o nera che fascia i fianchi, corta sul davanti e con una coda di rondine nel retro che arrivi al palpaccio. I pantaloni dritti con lieve effetto gessato, il gilet sarà in tono o grigio perla con cinque bottoni la camicia bianca, rivalutato con un accessorio in cristallo o una sciarpa colorata. Anche mezzo tight ha la sua importanza, senza dimenticare la praticità. Per gli abiti più classici sarebbe consigliato prenotarlo in sartoria con molto anticipo. Almeno due mesi per essere sicuri di arrivare all’altare con indosso quanto si era scelto. Da non dimenticare che l’abito sia moderno e di tendenza sia classico dovrà rispettare la personalità degli invitati e degli sposi. Negli atelier specializzati troverete cataloghi e depliant dei vari modelli e case di moda.

La collezione per abiti da sposo sono sempre ricca di proposte eleganti sia nelle giacche sia negli abiti. Confermata la proposta super formale dei modelli di smoking e tuxedo di grande tendenza. L’abito su misura, un’altra delle particolarità della cerimonia. È sicuramente, in parte, ancora artigianale. Lo stile italiano ha deto cose importanti sia nel fashion design che nell’industria design. La ricerca continua ha coinvolto tutta la filiera del tessile e dell’abbigliamento. Gli ambiti per una cerimonia molto elegante potranno essere anche disegnate con tinte, lavaggi, invecchiamento e mirato ad effetti vintage per rendere più brillante e versatile lo stile degli invitati. Anche con accessori in agugliato che dà al capo aspetti ricamati bellissimi. Il linguaggio dell’eleganza maschile italiano è cosmopolita e per una cerimonia giovanissima si potrà miscelare i diversi linguaggi dell’eleganza maschile con l’idea di uno stile da cerimonia dai toni globali. Alla cerimonia nuziale di ispirazione orientale si potrà invece indossare un blazer o un abito grigio scuro che sono state nobilitate dalle interpretazioni da ricami con tessuti ricercati. Anche la tasca ha subito un cambiamento. È diventato un fenomeno di costume. I nuovi tessuti in cui la lana e cotone sposano la ceramica o il bambù con nuove soluzioni

30

ideasposi


la casa

Arredamento. A casa degli sposi Colori dall’Oriente e dal Messico per riscaldare le stanze dell’abitazione Lo stile della casa dei neocoppia è hep. Lo dicono il disegn e lo stile multietnico. Colori, righe, strisce e morbidi tessuti arredano, da alcuni anni, le camere degli sposi. Il gusto è senz’altro di origine esotico. Legno beige o nero per rendere la casa più moderna e confortevole. Gli ambienti sono in stile plurietnico. La linearità delle case moderne sono rese più accoglienti da oggetti orientali, anche nella stanza da letto in cui troviamo cesti di vimini, scendiletto, sedie o appendi abiti di legno. Un tocco di rosso spezzerà il bianco della parete più lucente e renderà più armonioso l’arredamento. I tessuti disegnati con fiori rossi su fondo bianco rendono gli spazi stretti di mansarde più caldi ed allegri. Ritornano di moda ricami su imbottite o piumini che riscaldano la stanza delineata da mattoni a blocchetto di cemento di ispirazione metropolitana. Le linee dei tessuti di ispirazione messicane si inseriscono negli arredi di salotti che rispecchiano ambienti morbidi ed accoglienti. Sono i disegni decorati con motivi floreali, cactus, agavi e euforbie. Le decorazioni dei tessuti ricalcano le forme di vasi o ciotole degli aztechi. La multietnicità dei tessuti non perde la sua eleganza. Così anche copri divano sono lavorati e molto spesso disegnati su materiali: di spugna o di cotone e tono su tono. Compaiono nei tessuti anche elementi decorativi della cultura spagnola come il plantaresco con elementi ispirati al churrigerresco e dai caratteristici motivi floreali. La casa delle neocoppie ha sempre più questa impronta che si abbina bene agli elettrodomestici moderni ed ai grandi centri commerciali. Tutto ciò dà allo spa-

zio abitativo un tono romantico senza dimenticare la modernità che non sembra mai ritardare. La regolarità delle linee di mobili ed altri oggetti sono intervallati da vasi in vetro o porcellana e da lampade bianche o in acciaio. Lo stile dei tessuti è spesso messicano. È un elemento decorativo ormai molto presente in case dove ci sono camini in muratura con mattoni a blocchetto su fondi bianchi di stile minimalista. La casa di oggi richiedere i colori dell’oriente per spezzare la rigidità della progettazione e divisione delle stanze. Il rosso o il bordeaux sono i colori più richiesti anche per ambenti di ufficio case abitazioni e salotti. Lo stile minimalista di tavoli di vetro, poltrone rigide, sedie nere, lampade di acciaio e vetro scuro con fili di ferro appesi alle pareti non fanno altro che confermare che la casa ha bisogno di un tocco di colori.

ideasposi

35


la casa

Arredamento. A casa degli sposi Colori dall’Oriente e dal Messico per riscaldare le stanze dell’abitazione Lo stile della casa dei neocoppia è hep. Lo dicono il disegn e lo stile multietnico. Colori, righe, strisce e morbidi tessuti arredano, da alcuni anni, le camere degli sposi. Il gusto è senz’altro di origine esotico. Legno beige o nero per rendere la casa più moderna e confortevole. Gli ambienti sono in stile plurietnico. La linearità delle case moderne sono rese più accoglienti da oggetti orientali, anche nella stanza da letto in cui troviamo cesti di vimini, scendiletto, sedie o appendi abiti di legno. Un tocco di rosso spezzerà il bianco della parete più lucente e renderà più armonioso l’arredamento. I tessuti disegnati con fiori rossi su fondo bianco rendono gli spazi stretti di mansarde più caldi ed allegri. Ritornano di moda ricami su imbottite o piumini che riscaldano la stanza delineata da mattoni a blocchetto di cemento di ispirazione metropolitana. Le linee dei tessuti di ispirazione messicane si inseriscono negli arredi di salotti che rispecchiano ambienti morbidi ed accoglienti. Sono i disegni decorati con motivi floreali, cactus, agavi e euforbie. Le decorazioni dei tessuti ricalcano le forme di vasi o ciotole degli aztechi. La multietnicità dei tessuti non perde la sua eleganza. Così anche copri divano sono lavorati e molto spesso disegnati su materiali: di spugna o di cotone e tono su tono. Compaiono nei tessuti anche elementi decorativi della cultura spagnola come il plantaresco con elementi ispirati al churrigerresco e dai caratteristici motivi floreali. La casa delle neocoppie ha sempre più questa impronta che si abbina bene agli elettrodomestici moderni ed ai grandi centri commerciali. Tutto ciò dà allo spa-

zio abitativo un tono romantico senza dimenticare la modernità che non sembra mai ritardare. La regolarità delle linee di mobili ed altri oggetti sono intervallati da vasi in vetro o porcellana e da lampade bianche o in acciaio. Lo stile dei tessuti è spesso messicano. È un elemento decorativo ormai molto presente in case dove ci sono camini in muratura con mattoni a blocchetto su fondi bianchi di stile minimalista. La casa di oggi richiedere i colori dell’oriente per spezzare la rigidità della progettazione e divisione delle stanze. Il rosso o il bordeaux sono i colori più richiesti anche per ambenti di ufficio case abitazioni e salotti. Lo stile minimalista di tavoli di vetro, poltrone rigide, sedie nere, lampade di acciaio e vetro scuro con fili di ferro appesi alle pareti non fanno altro che confermare che la casa ha bisogno di un tocco di colori.

ideasposi

35


redazionale

la casa Perché? La luce è un fattore di stile. Ormai si arreda quasi tutto con materiali alternativi. Il mobilio della casa è di ferro, di plastica e di molti altri materiali. Il legno è utilizzato – quasi completamente - nella pavimentazione. Le stanze spesso sono inondate di luce che rendono ancora più forte il contrasto tra l’acciaio e il bianco della stanza. Il rosso rischiara lo spazio e diventa un vero e proprio toccasana per gli spazi della casa. La soluzione potrà nascere dalla fantasia. L’arte delle capitali europee entrerà nelle case delle coppie: copriletto con disegni scuri su fondo chiaro di stile parigino, contrasti tra bianco e blu di gusto orientale, fiori ed elementi ornamentali su teli bianchi del costume indiano. La stanza da letto è un mix di modernità e tradizione ornamentale. La sponda del letto in ferro a forma di graticola – di tradizione cristiana - e pelle nera sono gli accostamenti più frequenti che gli arredatori propongo a giovani coppie in cera di uno stile diverso nella loro casa. Arte etnica alla parete, inoltre, con canne e aste di legno scuro su pareti bianche – di derivazione isolana - saranno interpretati con tocchi di colore rosso e blu oppure con disegni e fantasie di sapore orientale oppure tessuti a fondo bianco e beige. Del resto la forza del colore si scopre anche nella composizione dei tessuti e nel loro abbinamento con materiali diversi. Lo stile sudamericano e il legno nella nostra casa pos-

36

ideasposi

sono donare un’atmosfera intima. Le pareti dietro il letto potranno anche essere rivestite con stoffe e tessuti di provenienza orientale e di sapore multietnico. Anche i cuscini del letto si potranno rivestire con tessuti colorati in contrasto con i colori degli arredi. Lo stile - se lo si crede - si estenderà alle molte applique orientali a braccio lungo e al posto delle solite abatjour. I mobili della cucina potranno essere ricoperti da tessuti di ispirazione messicana o indiana che sappiano di antico e di lontano. I bellissimi teli colorati stesi sulla tavola della cucina entrano in sintonia con sedie impagliate al colore di caffé o in vimini. Il rosso scalderà tutta la casa degli sposi. Dalla libreria alla sedia, dal piatto di legno da portato alla lampada; dai pannelli con fiori e motivi floreali alle comode poltrone con grandi braccioli sagomati da mettere nel centro della stanza. E che dire di vasi in vetro soffiato a bocca e lavorati a mano da mettere sopra il tavolo da pranzo o sopra una bella tovaglia di cotone indiano? È un ingrandimento della voglia dell’Oriente. Si ricostruisce così nelle abitazioni delle giovani coppie paesi lontani nella superficie delle stanze, attraverso giochi di luce, di colore e geometrie. Gli sposi potranno trasformare questo nuovo aspetto della loro casa sui singoli segni visivi: colori, materiali, disposizione, facendolo diventare un marchio personale.


redazionale

la casa Perché? La luce è un fattore di stile. Ormai si arreda quasi tutto con materiali alternativi. Il mobilio della casa è di ferro, di plastica e di molti altri materiali. Il legno è utilizzato – quasi completamente - nella pavimentazione. Le stanze spesso sono inondate di luce che rendono ancora più forte il contrasto tra l’acciaio e il bianco della stanza. Il rosso rischiara lo spazio e diventa un vero e proprio toccasana per gli spazi della casa. La soluzione potrà nascere dalla fantasia. L’arte delle capitali europee entrerà nelle case delle coppie: copriletto con disegni scuri su fondo chiaro di stile parigino, contrasti tra bianco e blu di gusto orientale, fiori ed elementi ornamentali su teli bianchi del costume indiano. La stanza da letto è un mix di modernità e tradizione ornamentale. La sponda del letto in ferro a forma di graticola – di tradizione cristiana - e pelle nera sono gli accostamenti più frequenti che gli arredatori propongo a giovani coppie in cera di uno stile diverso nella loro casa. Arte etnica alla parete, inoltre, con canne e aste di legno scuro su pareti bianche – di derivazione isolana - saranno interpretati con tocchi di colore rosso e blu oppure con disegni e fantasie di sapore orientale oppure tessuti a fondo bianco e beige. Del resto la forza del colore si scopre anche nella composizione dei tessuti e nel loro abbinamento con materiali diversi. Lo stile sudamericano e il legno nella nostra casa pos-

36

ideasposi

sono donare un’atmosfera intima. Le pareti dietro il letto potranno anche essere rivestite con stoffe e tessuti di provenienza orientale e di sapore multietnico. Anche i cuscini del letto si potranno rivestire con tessuti colorati in contrasto con i colori degli arredi. Lo stile - se lo si crede - si estenderà alle molte applique orientali a braccio lungo e al posto delle solite abatjour. I mobili della cucina potranno essere ricoperti da tessuti di ispirazione messicana o indiana che sappiano di antico e di lontano. I bellissimi teli colorati stesi sulla tavola della cucina entrano in sintonia con sedie impagliate al colore di caffé o in vimini. Il rosso scalderà tutta la casa degli sposi. Dalla libreria alla sedia, dal piatto di legno da portato alla lampada; dai pannelli con fiori e motivi floreali alle comode poltrone con grandi braccioli sagomati da mettere nel centro della stanza. E che dire di vasi in vetro soffiato a bocca e lavorati a mano da mettere sopra il tavolo da pranzo o sopra una bella tovaglia di cotone indiano? È un ingrandimento della voglia dell’Oriente. Si ricostruisce così nelle abitazioni delle giovani coppie paesi lontani nella superficie delle stanze, attraverso giochi di luce, di colore e geometrie. Gli sposi potranno trasformare questo nuovo aspetto della loro casa sui singoli segni visivi: colori, materiali, disposizione, facendolo diventare un marchio personale.


C O U T U R E

ALTA MODA SPOSI · CERIMONIA UOMO DONNA · PRÊT-À-PORTER BAMBINO · BOMBONIERE Dalle più antiche tradizioni sartoriali “Il Centro degli Sposi” propone alle future coppie le sue collezioni di abiti da sposa e sposo, cerimonia uomo donna per tutta la famiglia, vestendo così al meglio uno dei giorni più importanti della loro vita. Esclusivista di zona

AT E L I E R

C O U T U R E

Abito EGò

Atelier e Sartoria Via Albertini, 3 · Uscita A14 Ancona Sud · Tel. 071.2868622 www.ilcentrodeglisposi.it - info@ilcentrodeglisposi.it


C O U T U R E

ALTA MODA SPOSI · CERIMONIA UOMO DONNA · PRÊT-À-PORTER BAMBINO · BOMBONIERE Dalle più antiche tradizioni sartoriali “Il Centro degli Sposi” propone alle future coppie le sue collezioni di abiti da sposa e sposo, cerimonia uomo donna per tutta la famiglia, vestendo così al meglio uno dei giorni più importanti della loro vita. Esclusivista di zona

AT E L I E R

C O U T U R E

Abito EGò

Atelier e Sartoria Via Albertini, 3 · Uscita A14 Ancona Sud · Tel. 071.2868622 www.ilcentrodeglisposi.it - info@ilcentrodeglisposi.it


eventi

Fa il pieno la fiera del design e dell’eleganza

Foto: M. Calisti

Grande successo di pubblico per la Mostra Arredamento Casa - Salone Sposi tenutasi per la prima volta in contemporanea ad Ancona e Civitanova Marche Più che positivo il bilancio finale della Mostra Arredamento Casa e dell’annesso Salone Sposi che per la prima volta si è tenuta contemporaneamente nei quartieri fieristici di Ancona e Civitanova. Un bilancio che conferma come questa manifestazione sia la più amata dal grande pubblico della regione che nell’ultimo fine settimana di ottobre e nel primo week-end di novembre non è voluto mancare a questo doppio appuntamento con lo stile e l’eleganza. Quindicimila metri quadrati per quasi 200 espositori complessivi in un susseguirsi di emozioni, idee e proposte per tutti i gusti e tutte le tasche.

ideasposi

43


eventi

Fa il pieno la fiera del design e dell’eleganza

Foto: M. Calisti

Grande successo di pubblico per la Mostra Arredamento Casa - Salone Sposi tenutasi per la prima volta in contemporanea ad Ancona e Civitanova Marche Più che positivo il bilancio finale della Mostra Arredamento Casa e dell’annesso Salone Sposi che per la prima volta si è tenuta contemporaneamente nei quartieri fieristici di Ancona e Civitanova. Un bilancio che conferma come questa manifestazione sia la più amata dal grande pubblico della regione che nell’ultimo fine settimana di ottobre e nel primo week-end di novembre non è voluto mancare a questo doppio appuntamento con lo stile e l’eleganza. Quindicimila metri quadrati per quasi 200 espositori complessivi in un susseguirsi di emozioni, idee e proposte per tutti i gusti e tutte le tasche.

ideasposi

43


eventi

“La Mostra Arredamento Casa ed il Salone Sposi - ha spiegato il presidente dell’Ente regionale fieristico, Dante Merlonghi - sono tradizionalmente gli appuntamenti più apprezzati ed è dunque verso questa manifestazione espositiva che abbiamo voluto puntare per celebrare degnamente i 10 anni di attività fieristica. Raddoppiare la manifestazione, utilizzando tutti e due i quartieri fieristici che noi gestiamo, ha permesso alle aziende espositrici di scegliere a quale delle due mostre partecipare (con l’opzione di essere presenti ad entrambe) e garantire a un pubblico ancora più numeroso di visitare, con un unico biglietto, le due esposizioni”. Un appuntamento, dunque, che si è elevato a vetrina di riferimento del centro Italia sia per la considerevole e qualificata presenza di espositori, sia per una affluenza di pubblico ancor più significativa rispetto a quella che già ne ha consacrato il successo in questi anni. Una prestigiosa vetrina dentro cui è stato possibile ammirare il meglio della produzioni e delle tendenze per le più svariate categorie di visitatori: “Mostra Arredamento Casa-Salone Sposi” è stata infatti, in entrambi i quartieri fieristici, un susseguirsi di cucine, sale, camere, bagni, complementi di arredo per l’interno e per il giardino: per tutti i gusti e tutte le tasche. E poi ancora gli abiti da cerimonia, sposo e da sposa, con le immancabili sfilate delle migliori case di moda e show-room che hanno fatto da splendida cornice ad un Salone dove è stato possibile trovare i migliori servizi per il giorno più importante: dal ristorante al catering, dalle foto ai video, dalle bomboniere agli addobbi floreali, fino alle auto d’epoca. Insomma due fiere particolarmente apprezzate, non solo per sognare ma per toccare con mano e concretizzare le aspettative più belle. Due fiere tra l’altro visitate con un unico biglietto (a prezzo simbolico) che ha consentito tra l’altro di ottenere anche un gadget griffato Guzzini.

44

ideasposi


eventi

“La Mostra Arredamento Casa ed il Salone Sposi - ha spiegato il presidente dell’Ente regionale fieristico, Dante Merlonghi - sono tradizionalmente gli appuntamenti più apprezzati ed è dunque verso questa manifestazione espositiva che abbiamo voluto puntare per celebrare degnamente i 10 anni di attività fieristica. Raddoppiare la manifestazione, utilizzando tutti e due i quartieri fieristici che noi gestiamo, ha permesso alle aziende espositrici di scegliere a quale delle due mostre partecipare (con l’opzione di essere presenti ad entrambe) e garantire a un pubblico ancora più numeroso di visitare, con un unico biglietto, le due esposizioni”. Un appuntamento, dunque, che si è elevato a vetrina di riferimento del centro Italia sia per la considerevole e qualificata presenza di espositori, sia per una affluenza di pubblico ancor più significativa rispetto a quella che già ne ha consacrato il successo in questi anni. Una prestigiosa vetrina dentro cui è stato possibile ammirare il meglio della produzioni e delle tendenze per le più svariate categorie di visitatori: “Mostra Arredamento Casa-Salone Sposi” è stata infatti, in entrambi i quartieri fieristici, un susseguirsi di cucine, sale, camere, bagni, complementi di arredo per l’interno e per il giardino: per tutti i gusti e tutte le tasche. E poi ancora gli abiti da cerimonia, sposo e da sposa, con le immancabili sfilate delle migliori case di moda e show-room che hanno fatto da splendida cornice ad un Salone dove è stato possibile trovare i migliori servizi per il giorno più importante: dal ristorante al catering, dalle foto ai video, dalle bomboniere agli addobbi floreali, fino alle auto d’epoca. Insomma due fiere particolarmente apprezzate, non solo per sognare ma per toccare con mano e concretizzare le aspettative più belle. Due fiere tra l’altro visitate con un unico biglietto (a prezzo simbolico) che ha consentito tra l’altro di ottenere anche un gadget griffato Guzzini.

44

ideasposi


vademecum

vademecum

in argento, in vetro, in cristallo che vengono donate, accompagnate da confetti bianchi, confezionati con nastri di raso o velluto, sacchettini di stoffa, tulle o pizzo. Oggi sono diffuse soluzioni che si discostano dall’uso classico e puntano su scelte etniche, floreali o sull’equo e solidale. Ai confetti, sempre di numero dispari – o tre o cinque – si accostano oggetti più o meno utili come: portaritratti, piccoli vassoi, utensili vari, agendine, ciondoli, portagioie, piattini, tazzine….. In altri casi a prevalere è l’estetica più che l’utilità (soprammobili, vasetti…). Quello che rende una bomboniera diversa da tutte le altre e personale, è come la si confeziona. L’estetica è sinonimo di buon gusto, da ricercare nell’accostamento dei materiali e dei colori. Le confezioni possono richiamare i colori del bouchet della sposa e dell’allestimento floreale, utilizzato nella cerimonia. A tal scopo i negozi specializzati vengono incontro alle esigenze più disparate, mettendo a disposizione dei clienti una vasta scelta di oggetti opportunamente personalizzati.

Ricordo del giorno più bello: le bomboniere I confetti più buoni nel sacchetto più bello La parola bomboniera si può facilmente associare al matrimonio e a qualsiasi altra cerimonia di cui si intende lasciare un ricordo. L’origine del termine viene fatta risalire alla lingua francese, dove la parola bonbon significa caramella, dolcetto, confetto. Pare che questa usanza si diffuse nel VIII secolo, quando si iniziò a donare agli invitati ai matrimoni un piccolo cofanetto che conteneva i confetti, la bonbonniere appunto. Divenne poi consuetudine offrire agli invitati, in occasione di un particolare evento gioioso, non necessariamente un matrimonio, questo prezioso cofanetto. Nascevano così oggetti in qualche caso particolarmente preziosi, realizzati su richiesta di famiglie agiate da abili artigiani e orafi che arricchivano il piccolo scrigno con pietre preziose. In Italia nel XV secolo, in occasione del fidanzamento, i futuri sposi e le loro famiglie si scambiavano preziosi cofanetti portaconfetti. Era tradizione italiana che il fidanzato donasse alla futura sposa la coppa amatoria, un piatto in ceramica che raccoglieva nella concavità centrale alcuni confetti nuziali, dipinto con volti femminili e con il nome della promessa. In Inghilterra, già nel XVI secolo erano apprezzate le sweetmeat box, realizzate in materiali preziosi: argento dorato, oro con cristalli o pietre preziose. Le bomboniere al giorno d’oggi sono per lo più oggetti in porcellana,

46

ideasposi

Di norma le bomboniere vanno acquistate tre o quattro mesi prima del matrimonio e vengono consegnate dagli sposi al termine del ricevimento. Ne va distribuita una per ogni nucleo familiare. Le bomboniere devono esser consegnate a tutti coloro che hanno partecipato al ricevimento o al regalo. E’ bene, invece, distribuire il sacchettino con i confetti a chi ha inviato gli auguri. I confetti per lo più vengono raccolti in un sacchettino di tessuto, tulle o pizzo, accompagnato da un bigliettino con i nomi degli sposi e il giorno delle nozze. Se si opta solo per il sacchettino di confetti, si preferisce posizionarlo sulla tavola apparecchiata, in modo che la decorazione della mensa nuziale sia più suggestiva. Possono essere alla mandorla, al pistacchio, al cioccolato. I confetti per gli sposi devono essere sempre speciali come l’evento che ricordano, pertanto devono essere morbidi, con un gusto pieno. Il numero deve esser dispari, cioè indivisibile come il matrimonio dovrebbe presentarsi. È tradizione utilizzare cinque confetti per simboleggiare cinque qualità che non dovrebbero mai mancare nella vita di una coppia: salute, ricchezza, felicità, lunga vita, fertilità. Il colore per antonomasia è il bianco. Agli invitati saranno serviti anche sciolti, ma messi in un contenitore – cestino, vassoio o piatto di porcellana – con un cucchiaio d’argento.

ideasposi

47


vademecum

vademecum

in argento, in vetro, in cristallo che vengono donate, accompagnate da confetti bianchi, confezionati con nastri di raso o velluto, sacchettini di stoffa, tulle o pizzo. Oggi sono diffuse soluzioni che si discostano dall’uso classico e puntano su scelte etniche, floreali o sull’equo e solidale. Ai confetti, sempre di numero dispari – o tre o cinque – si accostano oggetti più o meno utili come: portaritratti, piccoli vassoi, utensili vari, agendine, ciondoli, portagioie, piattini, tazzine….. In altri casi a prevalere è l’estetica più che l’utilità (soprammobili, vasetti…). Quello che rende una bomboniera diversa da tutte le altre e personale, è come la si confeziona. L’estetica è sinonimo di buon gusto, da ricercare nell’accostamento dei materiali e dei colori. Le confezioni possono richiamare i colori del bouchet della sposa e dell’allestimento floreale, utilizzato nella cerimonia. A tal scopo i negozi specializzati vengono incontro alle esigenze più disparate, mettendo a disposizione dei clienti una vasta scelta di oggetti opportunamente personalizzati.

Ricordo del giorno più bello: le bomboniere I confetti più buoni nel sacchetto più bello La parola bomboniera si può facilmente associare al matrimonio e a qualsiasi altra cerimonia di cui si intende lasciare un ricordo. L’origine del termine viene fatta risalire alla lingua francese, dove la parola bonbon significa caramella, dolcetto, confetto. Pare che questa usanza si diffuse nel VIII secolo, quando si iniziò a donare agli invitati ai matrimoni un piccolo cofanetto che conteneva i confetti, la bonbonniere appunto. Divenne poi consuetudine offrire agli invitati, in occasione di un particolare evento gioioso, non necessariamente un matrimonio, questo prezioso cofanetto. Nascevano così oggetti in qualche caso particolarmente preziosi, realizzati su richiesta di famiglie agiate da abili artigiani e orafi che arricchivano il piccolo scrigno con pietre preziose. In Italia nel XV secolo, in occasione del fidanzamento, i futuri sposi e le loro famiglie si scambiavano preziosi cofanetti portaconfetti. Era tradizione italiana che il fidanzato donasse alla futura sposa la coppa amatoria, un piatto in ceramica che raccoglieva nella concavità centrale alcuni confetti nuziali, dipinto con volti femminili e con il nome della promessa. In Inghilterra, già nel XVI secolo erano apprezzate le sweetmeat box, realizzate in materiali preziosi: argento dorato, oro con cristalli o pietre preziose. Le bomboniere al giorno d’oggi sono per lo più oggetti in porcellana,

46

ideasposi

Di norma le bomboniere vanno acquistate tre o quattro mesi prima del matrimonio e vengono consegnate dagli sposi al termine del ricevimento. Ne va distribuita una per ogni nucleo familiare. Le bomboniere devono esser consegnate a tutti coloro che hanno partecipato al ricevimento o al regalo. E’ bene, invece, distribuire il sacchettino con i confetti a chi ha inviato gli auguri. I confetti per lo più vengono raccolti in un sacchettino di tessuto, tulle o pizzo, accompagnato da un bigliettino con i nomi degli sposi e il giorno delle nozze. Se si opta solo per il sacchettino di confetti, si preferisce posizionarlo sulla tavola apparecchiata, in modo che la decorazione della mensa nuziale sia più suggestiva. Possono essere alla mandorla, al pistacchio, al cioccolato. I confetti per gli sposi devono essere sempre speciali come l’evento che ricordano, pertanto devono essere morbidi, con un gusto pieno. Il numero deve esser dispari, cioè indivisibile come il matrimonio dovrebbe presentarsi. È tradizione utilizzare cinque confetti per simboleggiare cinque qualità che non dovrebbero mai mancare nella vita di una coppia: salute, ricchezza, felicità, lunga vita, fertilità. Il colore per antonomasia è il bianco. Agli invitati saranno serviti anche sciolti, ma messi in un contenitore – cestino, vassoio o piatto di porcellana – con un cucchiaio d’argento.

ideasposi

47


vademecum

Agenda per il vostro matrimonio Ciò che dovrete sapere per realizzare un matrimonio da sogno… Per organizzare la festa del matrimonio la preparazione è molta lunga. Per un giorno così importante ci vogliono mesi e mesi di impegno e di ricerche affinché tutto sia perfetto. Ma cosa fare? Ecco tanti pratici appunti per fare in modo che gli sposi non si accorgano, all’ultimo momento, di aver dimenticato particolari importantissimi o di quel tocco in più che renderà la giornata indimenticabile. Documenti essenziali per potersi sposare… • Estratto dell’atto di nascita in carta da bollo • Certificato contestuale (è quello che racchiude in sé i certificati di stato civile, di cittadinanza e di residenza) • Presentazione della copia integrale dell’atto di nascita, oppure dichiarazione da parte dei genitori degli sposi che questi ultimi non siano consanguinei. • Consenso di matrimonio (da ottenersi presso l’ufficio competente del comune). Documenti integrativi per il matrimonio religioso… • Certificato di battesimo • Certificato di cresima • Certificato di stato libero ecclesiastico • Attestato di frequenza ai corsi prematrimoniali. • Dispensa da parte dell’autorità religiosa competente nel caso esistessero impedimenti particolari. Pubblicazioni matrimoniali Si tratta dell’esposizione in municipio di un foglio recante i dati anagrafici degli sposi e l’indicazione del luogo delle nozze. Le pubblicazioni devono essere

esposte al pubblico nei comuni di residenza degli sposi per otto giorni consecutivi, tra cui siano comprese due domeniche. Matrimonio all’estero Sono valide le stesse regole italiane, tenendo comunque presente anche la legge del Paese in cui si è scelto di celebrare le nozze, o dello Stato a cui appartiene uno degli sposi. Periodi consigliati Da sempre, la stagione preferita in cui celebrare il matrimonio è la tarda primavera, specialmente il periodo tra maggio e giugno, che permette di indossare abiti più comodi e leggeri, e di ottenere più facilmente un maggior numero di fiori freschi per gli addobbi e le decorazioni. In ogni caso, autunno ed inverno possono rivelarsi delle scelte originali e convenienti, soprattutto per chi desideri una cerimonia diversa dal solito o una migliore opportunità di trovare chiese, locali e ristoranti specializzati che non siano già stati prenotati. Naturalmente, il momento più opportuno per gli sposalizi è il fine settimana, per dar modo agli invitati di essere liberi da impegni di lavoro. L’ora migliore Generalmente viene scelta la tarda mattinata, perché consente di recarsi subito dopo al pranzo o al cocktail. Se ci si sposa nella stagione più calda, viene consigliata la cerimonia nel tardo pomeriggio, a cui far seguire un rinfresco o la cena.

ideasposi

49


vademecum

Agenda per il vostro matrimonio Ciò che dovrete sapere per realizzare un matrimonio da sogno… Per organizzare la festa del matrimonio la preparazione è molta lunga. Per un giorno così importante ci vogliono mesi e mesi di impegno e di ricerche affinché tutto sia perfetto. Ma cosa fare? Ecco tanti pratici appunti per fare in modo che gli sposi non si accorgano, all’ultimo momento, di aver dimenticato particolari importantissimi o di quel tocco in più che renderà la giornata indimenticabile. Documenti essenziali per potersi sposare… • Estratto dell’atto di nascita in carta da bollo • Certificato contestuale (è quello che racchiude in sé i certificati di stato civile, di cittadinanza e di residenza) • Presentazione della copia integrale dell’atto di nascita, oppure dichiarazione da parte dei genitori degli sposi che questi ultimi non siano consanguinei. • Consenso di matrimonio (da ottenersi presso l’ufficio competente del comune). Documenti integrativi per il matrimonio religioso… • Certificato di battesimo • Certificato di cresima • Certificato di stato libero ecclesiastico • Attestato di frequenza ai corsi prematrimoniali. • Dispensa da parte dell’autorità religiosa competente nel caso esistessero impedimenti particolari. Pubblicazioni matrimoniali Si tratta dell’esposizione in municipio di un foglio recante i dati anagrafici degli sposi e l’indicazione del luogo delle nozze. Le pubblicazioni devono essere

esposte al pubblico nei comuni di residenza degli sposi per otto giorni consecutivi, tra cui siano comprese due domeniche. Matrimonio all’estero Sono valide le stesse regole italiane, tenendo comunque presente anche la legge del Paese in cui si è scelto di celebrare le nozze, o dello Stato a cui appartiene uno degli sposi. Periodi consigliati Da sempre, la stagione preferita in cui celebrare il matrimonio è la tarda primavera, specialmente il periodo tra maggio e giugno, che permette di indossare abiti più comodi e leggeri, e di ottenere più facilmente un maggior numero di fiori freschi per gli addobbi e le decorazioni. In ogni caso, autunno ed inverno possono rivelarsi delle scelte originali e convenienti, soprattutto per chi desideri una cerimonia diversa dal solito o una migliore opportunità di trovare chiese, locali e ristoranti specializzati che non siano già stati prenotati. Naturalmente, il momento più opportuno per gli sposalizi è il fine settimana, per dar modo agli invitati di essere liberi da impegni di lavoro. L’ora migliore Generalmente viene scelta la tarda mattinata, perché consente di recarsi subito dopo al pranzo o al cocktail. Se ci si sposa nella stagione più calda, viene consigliata la cerimonia nel tardo pomeriggio, a cui far seguire un rinfresco o la cena.

ideasposi

49


I gioielli della sposa La tradizione vuole che la sposa indossi pochi gioielli, piccoli e discreti, quali semplici orecchini di brillanti e un girocollo raffinato ed essenziale, generalmente se l’abito possiede un décolleté.

L’importanza dei testimoni I testimoni vengono generalmente scelti tra persone che rivestono una particolare importanza di ordine affettivo nei confronti degli sposi, ed è proprio per questo che la loro presenza avrà sempre un ruolo speciale nella vita della nuova famiglia. Il numero consentito Anche se non vi è un limite codificato alla presenza dei testimoni, essi sono abitualmente quattro, due per la sposa e due per lo sposo. È bene rivolgere l’invito ai testimoni almeno un mese prima del matrimonio. L’abito della sposa Si consiglia di iniziare a cercare l’abito da sposa con un discreto anticipo rispetto alla data delle nozze: l’ideale sarebbe almeno nove mesi prima, soprattutto se si ha l’intenzione di farsene cucire uno su misura. In alternativa al bianco puro, sempre molto classico e raffinato, ora si è libere di scegliere anche altri colori, decisamente eleganti, quali l’avorio e il bianco panna, o tenui tinte pastello. Molto richieste ed apprezzate sono le sfumature del rosa. In ogni caso, nulla vieta di indossare colori dai toni più decisi, soprattutto se il taglio dell’abito è sobrio ed essenziale, o se si opta per la cerimonia in municipio.

50

vademecum

vademecum

L’abito per lo sposo Se si decide per un abito di sartoria, fatto quindi su misura, è meglio iniziare con circa cinque mesi di anticipo. Specialmente per chi è abituato ad uno stile moderno e sportivo, è consigliato un completo comodo e discreto che faccia sentire a proprio agio per tutta la giornata. L’abito dello sposo dovrebbe essere quanto più possibile in sintonia con lo stile di quello della sposa. Molto raffinate sono le tonalità di grigio scuro, a cui abbinare particolari in grigio argento o che richiamino il colore dell’abito o degli accessori della sposa.

ideasposi

Il corredo L’antica usanza del corredo come parte della dote, che si tramandava di generazione in generazione, viene al giorno d’oggi sempre più spesso sostituita dalla scelta personale della sposa, aiutata e consigliata dalle proprie familiari e dalle amiche. Le fedi nuziali Simbolo di unione indissolubile e fedeltà reciproca, le fedi degli sposi devono adattarsi comodamente alla forma delle dita. All’interno delle fedi sono incisi il nome degli sposi e la data delle nozze. Il materiale più usato è l’oro, seguito dal platino: sono i metalli più preziosi, duraturi e…ipoallergici! Chi le deve acquistare? È tradizione che l’incarico sia affidato allo sposo, che il giorno delle nozze le recherà con sé in una tasca della giacca, o le affiderà ad uno dei suoi testimoni.

E se per sbaglio si lasciano a casa? Se al momento del fatidico sì ci si accorge di aver dimenticato le fedi, basta farsi prestare quelle dei propri genitori o di una coppia sposata di amici. Le partecipazioni In passato erano i genitori ad annunciare lo sposalizio dei propri figli, soprattutto perché i matrimoni avvenivano spesso in giovane età. Adesso invece è sempre più frequente l’annuncio del proprio matrimonio direttamente da parte della coppia di sposi. È sempre meglio stampare un numero abbondante di partecipazioni, in caso si debba spedirne ancora all’ultimo momento. Generalmente si sceglie un cartoncino doppio aperto a libretto, di colore bianco o avorio, dalla linea semplice e regolare o delicatamente lavorato. È meglio usare caratteri slanciati ed eleganti, mentre la stampa può essere piana o in rilievo. Nelle partecipazioni devono essere riportati i nomi e i cognomi degli sposi, ed eventualmente anche quelli dei loro genitori, senza però aggiungere titoli professionali o accademici. Un’eccezione sembra essere quella circa i titoli dei militari di carriera. È importante non dimenticare di riferire la data esatta della cerimonia, completa di ora, giorno, mese ed anno; il nome e l’indirizzo della chiesa o del municipio; l’indirizzo della sposa, dello sposo e della loro futura abitazione congiunta. Quando spedire le partecipazioni Le partecipazioni dovrebbero essere pronte circa sessanta giorni prima della data del matrimonio, inviate quindi per posta o consegnate a mano. Esse si dovrebbero spedire: • circa quarantacinque giorni prima della cerimonia se indirizzate all’estero

• circa trenta giorni prima se devono raggiungere città lontane o sono corredate da invito • circa quindici giorni prima se senza invito • il giorno stesso se la cerimonia si svolge in forma strettamente privata. A chi spedire gli inviti? In genere, solo ai parenti, ai testimoni e agli amici. L’invito va scritto su di un cartoncino a parte, che verrà inserito nella busta delle partecipazioni. Bisogna ricordarsi di apporre in basso a destra la sigla RSVP (“Répondez, S’il Vous Plait”, cioè “ Siete Pregati di Rispondere”) Come scrivere gli indirizzi sulle buste Gli indirizzi vanno scritti a mano con inchiostro grigio o blu su carta dalla tonalità bianca o avorio. Potreste anche rivolgervi ad un calligrafo, per ottenere un risultato più rapido ed uniforme. Gli indirizzi vanno apposti sul lato destro della busta, lasciando in alto lo spazio necessario per i francobolli. I nomi e i cognomi non vanno preceduti da nessun titolo accademico o professionale. Alcuni esempi pratici di intestazioni corrette: • Gentilissima Signora Bianchi • Egregio Signor Rossi • Gentilissimi Signori Bianchi • Gentilissimo Signor Rossi e Signora La lista di nozze È ormai divenuta un’abitudine piuttosto diffusa, che permette agli sposi di scegliere gli oggetti che più desiderano e dei quali abbiano veramente bisogno senza incorrere nel rischio di superflui “doppioni”. Il galateo matrimoniale ritiene di pessimo gusto in-

ideasposi

51


I gioielli della sposa La tradizione vuole che la sposa indossi pochi gioielli, piccoli e discreti, quali semplici orecchini di brillanti e un girocollo raffinato ed essenziale, generalmente se l’abito possiede un décolleté.

L’importanza dei testimoni I testimoni vengono generalmente scelti tra persone che rivestono una particolare importanza di ordine affettivo nei confronti degli sposi, ed è proprio per questo che la loro presenza avrà sempre un ruolo speciale nella vita della nuova famiglia. Il numero consentito Anche se non vi è un limite codificato alla presenza dei testimoni, essi sono abitualmente quattro, due per la sposa e due per lo sposo. È bene rivolgere l’invito ai testimoni almeno un mese prima del matrimonio. L’abito della sposa Si consiglia di iniziare a cercare l’abito da sposa con un discreto anticipo rispetto alla data delle nozze: l’ideale sarebbe almeno nove mesi prima, soprattutto se si ha l’intenzione di farsene cucire uno su misura. In alternativa al bianco puro, sempre molto classico e raffinato, ora si è libere di scegliere anche altri colori, decisamente eleganti, quali l’avorio e il bianco panna, o tenui tinte pastello. Molto richieste ed apprezzate sono le sfumature del rosa. In ogni caso, nulla vieta di indossare colori dai toni più decisi, soprattutto se il taglio dell’abito è sobrio ed essenziale, o se si opta per la cerimonia in municipio.

50

vademecum

vademecum

L’abito per lo sposo Se si decide per un abito di sartoria, fatto quindi su misura, è meglio iniziare con circa cinque mesi di anticipo. Specialmente per chi è abituato ad uno stile moderno e sportivo, è consigliato un completo comodo e discreto che faccia sentire a proprio agio per tutta la giornata. L’abito dello sposo dovrebbe essere quanto più possibile in sintonia con lo stile di quello della sposa. Molto raffinate sono le tonalità di grigio scuro, a cui abbinare particolari in grigio argento o che richiamino il colore dell’abito o degli accessori della sposa.

ideasposi

Il corredo L’antica usanza del corredo come parte della dote, che si tramandava di generazione in generazione, viene al giorno d’oggi sempre più spesso sostituita dalla scelta personale della sposa, aiutata e consigliata dalle proprie familiari e dalle amiche. Le fedi nuziali Simbolo di unione indissolubile e fedeltà reciproca, le fedi degli sposi devono adattarsi comodamente alla forma delle dita. All’interno delle fedi sono incisi il nome degli sposi e la data delle nozze. Il materiale più usato è l’oro, seguito dal platino: sono i metalli più preziosi, duraturi e…ipoallergici! Chi le deve acquistare? È tradizione che l’incarico sia affidato allo sposo, che il giorno delle nozze le recherà con sé in una tasca della giacca, o le affiderà ad uno dei suoi testimoni.

E se per sbaglio si lasciano a casa? Se al momento del fatidico sì ci si accorge di aver dimenticato le fedi, basta farsi prestare quelle dei propri genitori o di una coppia sposata di amici. Le partecipazioni In passato erano i genitori ad annunciare lo sposalizio dei propri figli, soprattutto perché i matrimoni avvenivano spesso in giovane età. Adesso invece è sempre più frequente l’annuncio del proprio matrimonio direttamente da parte della coppia di sposi. È sempre meglio stampare un numero abbondante di partecipazioni, in caso si debba spedirne ancora all’ultimo momento. Generalmente si sceglie un cartoncino doppio aperto a libretto, di colore bianco o avorio, dalla linea semplice e regolare o delicatamente lavorato. È meglio usare caratteri slanciati ed eleganti, mentre la stampa può essere piana o in rilievo. Nelle partecipazioni devono essere riportati i nomi e i cognomi degli sposi, ed eventualmente anche quelli dei loro genitori, senza però aggiungere titoli professionali o accademici. Un’eccezione sembra essere quella circa i titoli dei militari di carriera. È importante non dimenticare di riferire la data esatta della cerimonia, completa di ora, giorno, mese ed anno; il nome e l’indirizzo della chiesa o del municipio; l’indirizzo della sposa, dello sposo e della loro futura abitazione congiunta. Quando spedire le partecipazioni Le partecipazioni dovrebbero essere pronte circa sessanta giorni prima della data del matrimonio, inviate quindi per posta o consegnate a mano. Esse si dovrebbero spedire: • circa quarantacinque giorni prima della cerimonia se indirizzate all’estero

• circa trenta giorni prima se devono raggiungere città lontane o sono corredate da invito • circa quindici giorni prima se senza invito • il giorno stesso se la cerimonia si svolge in forma strettamente privata. A chi spedire gli inviti? In genere, solo ai parenti, ai testimoni e agli amici. L’invito va scritto su di un cartoncino a parte, che verrà inserito nella busta delle partecipazioni. Bisogna ricordarsi di apporre in basso a destra la sigla RSVP (“Répondez, S’il Vous Plait”, cioè “ Siete Pregati di Rispondere”) Come scrivere gli indirizzi sulle buste Gli indirizzi vanno scritti a mano con inchiostro grigio o blu su carta dalla tonalità bianca o avorio. Potreste anche rivolgervi ad un calligrafo, per ottenere un risultato più rapido ed uniforme. Gli indirizzi vanno apposti sul lato destro della busta, lasciando in alto lo spazio necessario per i francobolli. I nomi e i cognomi non vanno preceduti da nessun titolo accademico o professionale. Alcuni esempi pratici di intestazioni corrette: • Gentilissima Signora Bianchi • Egregio Signor Rossi • Gentilissimi Signori Bianchi • Gentilissimo Signor Rossi e Signora La lista di nozze È ormai divenuta un’abitudine piuttosto diffusa, che permette agli sposi di scegliere gli oggetti che più desiderano e dei quali abbiano veramente bisogno senza incorrere nel rischio di superflui “doppioni”. Il galateo matrimoniale ritiene di pessimo gusto in-

ideasposi

51


vademecum

serire il biglietto col nome del negozio presso il quale è stata stilata la lista di nozze nella stessa busta delle partecipazioni e degli inviti, perché devono essere gli invitati a richiedere alle famiglie degli sposi i nomi e gli indirizzi dei negozi scelti. Spesso il galateo è contrario alle liste nozze in generale, perché possono costringere alcuni degli invitati a spendere più di quanto possano permettersi, e non lasciano loro il piacere di scegliere liberamente i regali che ritengono più adatti a dimostrare i propri sentimenti. Ad ogni modo, parecchi invitati sono felici di poter scegliere i regali da una lista di nozze, soprattutto quando non abbiano idea di cosa possa servire davvero agli sposi. Quando e come stilare la lista di nozze Bisognerebbe iniziare almeno due mesi prima del matrimonio, in modo di avere il tempo necessario per consultare riviste specializzate e visitare numerosi negozi, potendo così individuare meglio gli oggetti che interessano. Parecchi negozi sono in grado di offrire un aiuto specifico nel compilare la lista, che dovrebbe includere oggetti di diverso valore, molti dei quali non troppo impegnativi, per venire incontro alle esigenze di tutti gli invitati. L’addobbo floreale Per fare la scelta giusta bisogna considerare soprattutto lo stile e la grandezza della chiesa, adeguandovi il tipo e la quantità degli addobbi, non tralasciando di chiedere comunque il parere del parroco. Se nella stessa giornata la chiesa ospiterà più matrimoni, si può organizzare la scelta dei fiori insieme alle altre coppie e condividere con loro le spese.

L’acconciatura Un’acconciatura semplice e classica è sempre molto raffinata ed elegante, anche se uno stile insolito e personalizzato può essere a volte di grande effetto. L’ importante è scegliere ciò che risulti più adatto ai lineamenti del viso, generalmente abbinando taglio di capelli e pettinatura allo stile dell’abito.

Se si è optato per la separazione dei beni in seguito cambiare idea è permesso? Sicuramente, anche se cambiare stato patrimoniale può richiedere tempo, e risultare difficile e costoso.

Borsa e guanti Una piccola borsetta in tinta con il vestito può essere utile per contenere il necessario per ritoccare il trucco, uno specchietto, dei fazzolettini… Comunque bisogna ricordarsi di lasciarla in consegna ad una parente o ad un’amica durante la cerimonia e subito dopo, perché le mani devono essere libere per poter reggere il bouquet e ricevere l’anello. Proprio per ricevere l’anello, i guanti si devono sfilare prima della cerimonia. Essi possono essere corti o lunghi, di pizzo, di raso o persino in pelle se il matrimonio si celebra nella stagione fredda. Naturalmente vanno sempre abbinati al vestito.

Quando la sposa è in dolce attesa Anche se in passato la tradizione vietava l’abito bianco, oggi le regole in merito sono meno rigide. In alternativa al bianco, si potrebbe optare per una delicata tinta pastello, ma l’importante resta comunque scegliere un abito in cui ci si senta comode e a proprio agio.

Gli occhiali Il galateo matrimoniale suggerisce di sostituire gli occhiali con le lenti a contatto, data l’odierna possibilità di utilizzare quelle morbide del tipo “usa e getta”. È meglio evitare gli occhiali principalmente perché possono causare antiestetici riflessi in fotografia. Co-

Quando il matrimonio si celebra in intimità A volte si può decidere di celebrare le nozze in intimità. Ciò accade quando uno o entrambi gli sposi non sono al loro primo matrimonio, se c’è stato un lutto recente in famiglia, oppure nel caso in cui i genitori degli sposi non accettino la loro unione.

52

Il velo Il velo viene indossato durante la cerimonia religiosa, e copre il viso della sposa fino all’altare. Generalmente di tessuto leggerissimo e quasi trasparente, può essere di pizzo nel caso sia antico o di famiglia.

ideasposi


vademecum

serire il biglietto col nome del negozio presso il quale è stata stilata la lista di nozze nella stessa busta delle partecipazioni e degli inviti, perché devono essere gli invitati a richiedere alle famiglie degli sposi i nomi e gli indirizzi dei negozi scelti. Spesso il galateo è contrario alle liste nozze in generale, perché possono costringere alcuni degli invitati a spendere più di quanto possano permettersi, e non lasciano loro il piacere di scegliere liberamente i regali che ritengono più adatti a dimostrare i propri sentimenti. Ad ogni modo, parecchi invitati sono felici di poter scegliere i regali da una lista di nozze, soprattutto quando non abbiano idea di cosa possa servire davvero agli sposi. Quando e come stilare la lista di nozze Bisognerebbe iniziare almeno due mesi prima del matrimonio, in modo di avere il tempo necessario per consultare riviste specializzate e visitare numerosi negozi, potendo così individuare meglio gli oggetti che interessano. Parecchi negozi sono in grado di offrire un aiuto specifico nel compilare la lista, che dovrebbe includere oggetti di diverso valore, molti dei quali non troppo impegnativi, per venire incontro alle esigenze di tutti gli invitati. L’addobbo floreale Per fare la scelta giusta bisogna considerare soprattutto lo stile e la grandezza della chiesa, adeguandovi il tipo e la quantità degli addobbi, non tralasciando di chiedere comunque il parere del parroco. Se nella stessa giornata la chiesa ospiterà più matrimoni, si può organizzare la scelta dei fiori insieme alle altre coppie e condividere con loro le spese.

L’acconciatura Un’acconciatura semplice e classica è sempre molto raffinata ed elegante, anche se uno stile insolito e personalizzato può essere a volte di grande effetto. L’ importante è scegliere ciò che risulti più adatto ai lineamenti del viso, generalmente abbinando taglio di capelli e pettinatura allo stile dell’abito.

Se si è optato per la separazione dei beni in seguito cambiare idea è permesso? Sicuramente, anche se cambiare stato patrimoniale può richiedere tempo, e risultare difficile e costoso.

Borsa e guanti Una piccola borsetta in tinta con il vestito può essere utile per contenere il necessario per ritoccare il trucco, uno specchietto, dei fazzolettini… Comunque bisogna ricordarsi di lasciarla in consegna ad una parente o ad un’amica durante la cerimonia e subito dopo, perché le mani devono essere libere per poter reggere il bouquet e ricevere l’anello. Proprio per ricevere l’anello, i guanti si devono sfilare prima della cerimonia. Essi possono essere corti o lunghi, di pizzo, di raso o persino in pelle se il matrimonio si celebra nella stagione fredda. Naturalmente vanno sempre abbinati al vestito.

Quando la sposa è in dolce attesa Anche se in passato la tradizione vietava l’abito bianco, oggi le regole in merito sono meno rigide. In alternativa al bianco, si potrebbe optare per una delicata tinta pastello, ma l’importante resta comunque scegliere un abito in cui ci si senta comode e a proprio agio.

Gli occhiali Il galateo matrimoniale suggerisce di sostituire gli occhiali con le lenti a contatto, data l’odierna possibilità di utilizzare quelle morbide del tipo “usa e getta”. È meglio evitare gli occhiali principalmente perché possono causare antiestetici riflessi in fotografia. Co-

Quando il matrimonio si celebra in intimità A volte si può decidere di celebrare le nozze in intimità. Ciò accade quando uno o entrambi gli sposi non sono al loro primo matrimonio, se c’è stato un lutto recente in famiglia, oppure nel caso in cui i genitori degli sposi non accettino la loro unione.

52

Il velo Il velo viene indossato durante la cerimonia religiosa, e copre il viso della sposa fino all’altare. Generalmente di tessuto leggerissimo e quasi trasparente, può essere di pizzo nel caso sia antico o di famiglia.

ideasposi


vademecum

munque, se proprio non riuscite a farne a meno, sceglieteli con una struttura leggera, trasparente o metallizzata nei classici colori oro o argento, oppure del colore del vestito, ricordandosi di scegliere lenti antiriflesso, e magari di toglierli in occasione delle fotografie. Cosa indossare sopra l’abito bianco, soprattutto nella stagione fredda Durante la cerimonia sarebbe bene non indossare nulla sopra l’abito da sposa, mentre in seguito è possibile ricoprirlo con una cappa, una mantellina o un mantello dello stesso colore, oppure persino una giacca o un cappotto di taglio elegante. Come sempre, è importante che si armonizzino con la linea, lo stile e il colore dell’abito. Le scarpe Con l’abito lungo, le scarpe col tacco fanno subito apparire più alte e slanciate. Una scelta ideale sono le classiche décolleté, naturalmente bianche o in tinta con l’abito e gli accessori. È preferibile scegliere un tacco proporzionato alla statura fisica della sposa, che sia comunque comodo, in modo da garantire sempre un portamento aggraziato e naturale. La biancheria intima Deve essere sempre nuovissima, perfetta se bianca e di seta pura. Le calze sono velate e intonate al colore delle scarpe e del vestito. La giarrettiera, che si dice porti fortuna, non va mai indossata sopra il collant, ma piuttosto abbinata a calze autoreggenti molto raffinate. Il trucco Meglio scegliere un trucco semplice, leggero e naturale; di buona qualità affinché sia più duraturo e facile da ritoccare. Accertarsi che sia “waterproof” in modo che possa resistere alle lacrime di commozione. Ricordarsi di effettuare una manicure accurata, e di mantenere le proprie mani morbide e lisce. Questo riguarda anche le mani dello sposo, dato che proprio le mani sono al centro dell’attenzione generale nel momento dello scambio delle fedi.

54

ideasposi

I profumi Il profumo e il deodorante personale devono essere molto delicati e in armonia tra di loro. Ricordarsi di usarne sempre in quantità molto moderate. Nei mesi più caldi è meglio ridurre quasi del tutto l’uso di profumi, perché uniti all’alta temperatura ambientale e allo stress di un giorno tanto particolare possono provocare senso di nausea, vertigini e mal di testa. Il lancio del bouquet da parte della sposa Ormai da qualche tempo un’usanza largamente diffusa è quella di lanciare il bouquet all’indietro in direzione delle amiche nubili, all’uscita della chiesa o alla fine del ricevimento. Chi di loro riesca ad afferrarlo leggenda vuole che si sposi entro l’anno. In passato, però, era tradizione che la sposa conservasse quel mazzolino di fiori come portafortuna per un matrimonio felice e duraturo. Le bomboniere Una volta le bomboniere venivano spedite dieci giorni dopo il matrimonio, mentre oggi si preferisce consegnarle personalmente al momento dei saluti alla fine del ricevimento. Inizialmente, come dice la parola stessa, si trattava di oggetti che potessero contenere piccoli dolci quali i confetti, perciò erano sovente in porcellana, in cristallo o in altri materiali preziosi. Adesso le bomboniere si limitano ad accompagnare i confetti, perciò possono essere costruite nelle forme e nelle materie più diverse. Da qualche anno è molto di moda cercare soluzioni alternative alle bomboniere, quali ad esempio il regalare libri, vasetti di piantine grasse, oggettini fatti a mano dagli sposi o articoli prodotti dal mercato equo e solidale, oppure devolvere la cifra equivalente alla spesa per le bomboniere ad un ente benefico senza fini di lucro (come la Lega del Filo d’Oro). Gli invitati riceveranno una piccola pergamena o un biglietto a testimonianza e ricordo della donazione. Il mezzo di trasporto per raggiungere la chiesa Oltre alla classica berlina scura o all’auto di famiglia, si possono utilizzare i mezzi di trasporto più dispa-


vademecum

munque, se proprio non riuscite a farne a meno, sceglieteli con una struttura leggera, trasparente o metallizzata nei classici colori oro o argento, oppure del colore del vestito, ricordandosi di scegliere lenti antiriflesso, e magari di toglierli in occasione delle fotografie. Cosa indossare sopra l’abito bianco, soprattutto nella stagione fredda Durante la cerimonia sarebbe bene non indossare nulla sopra l’abito da sposa, mentre in seguito è possibile ricoprirlo con una cappa, una mantellina o un mantello dello stesso colore, oppure persino una giacca o un cappotto di taglio elegante. Come sempre, è importante che si armonizzino con la linea, lo stile e il colore dell’abito. Le scarpe Con l’abito lungo, le scarpe col tacco fanno subito apparire più alte e slanciate. Una scelta ideale sono le classiche décolleté, naturalmente bianche o in tinta con l’abito e gli accessori. È preferibile scegliere un tacco proporzionato alla statura fisica della sposa, che sia comunque comodo, in modo da garantire sempre un portamento aggraziato e naturale. La biancheria intima Deve essere sempre nuovissima, perfetta se bianca e di seta pura. Le calze sono velate e intonate al colore delle scarpe e del vestito. La giarrettiera, che si dice porti fortuna, non va mai indossata sopra il collant, ma piuttosto abbinata a calze autoreggenti molto raffinate. Il trucco Meglio scegliere un trucco semplice, leggero e naturale; di buona qualità affinché sia più duraturo e facile da ritoccare. Accertarsi che sia “waterproof” in modo che possa resistere alle lacrime di commozione. Ricordarsi di effettuare una manicure accurata, e di mantenere le proprie mani morbide e lisce. Questo riguarda anche le mani dello sposo, dato che proprio le mani sono al centro dell’attenzione generale nel momento dello scambio delle fedi.

54

ideasposi

I profumi Il profumo e il deodorante personale devono essere molto delicati e in armonia tra di loro. Ricordarsi di usarne sempre in quantità molto moderate. Nei mesi più caldi è meglio ridurre quasi del tutto l’uso di profumi, perché uniti all’alta temperatura ambientale e allo stress di un giorno tanto particolare possono provocare senso di nausea, vertigini e mal di testa. Il lancio del bouquet da parte della sposa Ormai da qualche tempo un’usanza largamente diffusa è quella di lanciare il bouquet all’indietro in direzione delle amiche nubili, all’uscita della chiesa o alla fine del ricevimento. Chi di loro riesca ad afferrarlo leggenda vuole che si sposi entro l’anno. In passato, però, era tradizione che la sposa conservasse quel mazzolino di fiori come portafortuna per un matrimonio felice e duraturo. Le bomboniere Una volta le bomboniere venivano spedite dieci giorni dopo il matrimonio, mentre oggi si preferisce consegnarle personalmente al momento dei saluti alla fine del ricevimento. Inizialmente, come dice la parola stessa, si trattava di oggetti che potessero contenere piccoli dolci quali i confetti, perciò erano sovente in porcellana, in cristallo o in altri materiali preziosi. Adesso le bomboniere si limitano ad accompagnare i confetti, perciò possono essere costruite nelle forme e nelle materie più diverse. Da qualche anno è molto di moda cercare soluzioni alternative alle bomboniere, quali ad esempio il regalare libri, vasetti di piantine grasse, oggettini fatti a mano dagli sposi o articoli prodotti dal mercato equo e solidale, oppure devolvere la cifra equivalente alla spesa per le bomboniere ad un ente benefico senza fini di lucro (come la Lega del Filo d’Oro). Gli invitati riceveranno una piccola pergamena o un biglietto a testimonianza e ricordo della donazione. Il mezzo di trasporto per raggiungere la chiesa Oltre alla classica berlina scura o all’auto di famiglia, si possono utilizzare i mezzi di trasporto più dispa-


vademecum

TAPPEZZERIE TENDAGGI dal 1908 Vendita, montaggio, assistenza, tende per la casa e per l’ufficio verticali, veneziane, americane, plissè, pacchetti, carta da parati

rati, da quelli più lussuosi ed eleganti (quali carrozze trainate da cavalli bianchi, automobili d’epoca, Rolls-Royce e Limousine), a quelli più stravaganti ed originali, come ad esempio carrettini rurali trainati da asini o buoi. Bisognerebbe comunque utilizzare un mezzo che non rovini o gualcisca troppo l’abito della sposa. L’ingresso in chiesa della sposa Oltre che dal padre, la sposa ora può essere accompagnata all’altare anche da un fratello o da un altro parente, oppure persino da un amico purché sia circa dell’età del padre. Requisiti per poter contrarre matrimonio • La maggiore età • La sanità mentale • La certezza di nessun precedente vincolo matrimoniale ancora valido • L’inesistenza di un legame di parentela inviolabile tra gli sposi Usanze che sarebbe più elegante evitare Alcune usanze legate al momento del matrimonio sono considerate di cattivo gusto dal bon ton, e non solo. Ad esempio, sarebbe meglio evitare di lanciare il riso addosso agli sposi con troppa violenza, perché potrebbe causare pericolosissimi inconvenienti, soprattutto se finisse negli occhi di qualcuno, negli orecchi o nei polmoni. Inoltre, sarebbe consigliabile non gettarne mai in quantità eccessive, e ricordarsi di ripulire tutto al più presto, perché, contrariamente a quello che si crede, agli uccelli il riso è indigesto e può causare gravi problemi. Altre usanze che bisognerebbe evitare sono il taglio della cravatta dello sposo, un gesto inutile e in certo modo offensivo (soprattutto perché si tratta spesso di un oggetto molto elegante e costoso), oppure l’asta per l’acquisto della giarrettiera della sposa da parte degli invitati di sesso maschile e tutti gli scherzi troppo pesanti e volgari che possano

MACERATA - Via Trento, 12 - Tel/Fax 0733.232712 enrico.maroni@tiscali.it

causare disagio agli sposi e incidere negativamente sul ricevimento o sul viaggio di nozze (come quelli che possano sporcare o bagnare gli abiti e i capelli). Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo Un’antica tradizione di origine inglese vuole che la sposa indossi qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato e qualcosa di blu oppure “Something old, something new, something borrowed, something blue”, come augurio di felicità e serenità per i giorni a venire. In alcune regioni si aggiunge anche qualcosa di rosso, a simboleggiare il fuoco di un’infinita passione amorosa. Damigelle e paggetti Un’usanza molto romantica e beneaugurante è quella che la coppia venga accompagnata prima e dopo la cerimonia da bambini, generalmente vestiti in abitini che richiamino in miniatura quelli degli sposi, perciò è la sposa che dovrebbe provvedere alla loro scelta e al loro acquisto. Le fotografie e le riprese video Si può scegliere sia di utilizzare fotografi e videooperatori professionisti che l’aiuto di parenti o amici. Le fotografie possono essere sia quelle classiche che le nuovissime digitali, l’importante è ricordarsi sempre di ridurre il formato a poco peso prima di spedirle via e-mail. Inoltre, la presenza di telecamere e macchine fotografiche in chiesa deve essere sempre il più discreta possibile. La torta nuziale La sua composizione può variare a seconda della stagione. In estate, ad esempio, può essere a base di frutta fresca, tenendo presente però che alcuni frutti come i kiwi, le fragole e i frutti di bosco (e la buccia delle pesche) possono causare allergia ad alcune persone, perciò è bene evitarli, o informarsi prima sulle eventuali intolleranze alimentari (di ogni genere) degli invitati.

ideasposi

57


vademecum

TAPPEZZERIE TENDAGGI dal 1908 Vendita, montaggio, assistenza, tende per la casa e per l’ufficio verticali, veneziane, americane, plissè, pacchetti, carta da parati

rati, da quelli più lussuosi ed eleganti (quali carrozze trainate da cavalli bianchi, automobili d’epoca, Rolls-Royce e Limousine), a quelli più stravaganti ed originali, come ad esempio carrettini rurali trainati da asini o buoi. Bisognerebbe comunque utilizzare un mezzo che non rovini o gualcisca troppo l’abito della sposa. L’ingresso in chiesa della sposa Oltre che dal padre, la sposa ora può essere accompagnata all’altare anche da un fratello o da un altro parente, oppure persino da un amico purché sia circa dell’età del padre. Requisiti per poter contrarre matrimonio • La maggiore età • La sanità mentale • La certezza di nessun precedente vincolo matrimoniale ancora valido • L’inesistenza di un legame di parentela inviolabile tra gli sposi Usanze che sarebbe più elegante evitare Alcune usanze legate al momento del matrimonio sono considerate di cattivo gusto dal bon ton, e non solo. Ad esempio, sarebbe meglio evitare di lanciare il riso addosso agli sposi con troppa violenza, perché potrebbe causare pericolosissimi inconvenienti, soprattutto se finisse negli occhi di qualcuno, negli orecchi o nei polmoni. Inoltre, sarebbe consigliabile non gettarne mai in quantità eccessive, e ricordarsi di ripulire tutto al più presto, perché, contrariamente a quello che si crede, agli uccelli il riso è indigesto e può causare gravi problemi. Altre usanze che bisognerebbe evitare sono il taglio della cravatta dello sposo, un gesto inutile e in certo modo offensivo (soprattutto perché si tratta spesso di un oggetto molto elegante e costoso), oppure l’asta per l’acquisto della giarrettiera della sposa da parte degli invitati di sesso maschile e tutti gli scherzi troppo pesanti e volgari che possano

MACERATA - Via Trento, 12 - Tel/Fax 0733.232712 enrico.maroni@tiscali.it

causare disagio agli sposi e incidere negativamente sul ricevimento o sul viaggio di nozze (come quelli che possano sporcare o bagnare gli abiti e i capelli). Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo Un’antica tradizione di origine inglese vuole che la sposa indossi qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato e qualcosa di blu oppure “Something old, something new, something borrowed, something blue”, come augurio di felicità e serenità per i giorni a venire. In alcune regioni si aggiunge anche qualcosa di rosso, a simboleggiare il fuoco di un’infinita passione amorosa. Damigelle e paggetti Un’usanza molto romantica e beneaugurante è quella che la coppia venga accompagnata prima e dopo la cerimonia da bambini, generalmente vestiti in abitini che richiamino in miniatura quelli degli sposi, perciò è la sposa che dovrebbe provvedere alla loro scelta e al loro acquisto. Le fotografie e le riprese video Si può scegliere sia di utilizzare fotografi e videooperatori professionisti che l’aiuto di parenti o amici. Le fotografie possono essere sia quelle classiche che le nuovissime digitali, l’importante è ricordarsi sempre di ridurre il formato a poco peso prima di spedirle via e-mail. Inoltre, la presenza di telecamere e macchine fotografiche in chiesa deve essere sempre il più discreta possibile. La torta nuziale La sua composizione può variare a seconda della stagione. In estate, ad esempio, può essere a base di frutta fresca, tenendo presente però che alcuni frutti come i kiwi, le fragole e i frutti di bosco (e la buccia delle pesche) possono causare allergia ad alcune persone, perciò è bene evitarli, o informarsi prima sulle eventuali intolleranze alimentari (di ogni genere) degli invitati.

ideasposi

57


vademecum

Nei mesi freddi potrà invece essere più elaborata senza però risultare pesante. La torta va tagliata generalmente a fine pranzo, con un preciso cerimoniale, ma è permesso farlo anche all’inizio, soprattutto per dare l’opportunità ai fotografi di essere liberi di andare via prima. La musica Molto importante per creare l’atmosfera adatta, la musica accompagna tutti i momenti più importanti della cerimonia, ma può essere presente anche in seguito, come sottofondo al ricevimento. In chiesa, per accompagnare la processione in entrata, i brani classici più famosi sono la marcia nuziale del “Lohengrin” di Wagner, “Le Nozze di Figaro” di Mozart, il Canone di Pachelbel. A seguire il corteo in uscita, le musiche più usate sono la marcia nuziale dal “Sogno di una Notte di Mezza Estate” di Mendelssohn, l’“Inno alla Gioia” di Beethoven e l’“Halleluja” di Handel. Bellissimi e molto utilizzati anche diversi brani di Schubert, Gounod, Bach e Liszt, soprattutto gli “Ave Maria”. Possono comunque essere adottate anche composizioni di musicisti più moderni o contemporanei, previa consultazione con il parroco. Il banchetto La scelta più frequente è quella del pranzo seduto, in cui bisognerebbe seguire una particolare etichetta nella disposizione dei posti. Una possibile soluzione sarebbe quella di fare accomodare gli sposi in un piccolo tavolo al centro della sala, per permettere loro di vedere ed essere visti da tutti gli ospiti. Il pranzo seduto è in genere molto lungo, occupa infatti diverse ore ed è la soluzione più tradizionale. In estate è preferibile una cena, o un rinfresco in piedi. In ogni caso, durante il pasto sarebbe bene astenersi dal fumare. Visita medica prematrimoniale É sempre consigliabile, soprattutto per chiarire eventuali dubbi su possibili problemi di natura genetica o comunque ereditaria.

58

ideasposi

Suddivisione principale delle spese Secondo la tradizione, alla famiglia della sposa spettano le spese per: il corredo personale e quello della casa, le partecipazioni, gli inviti e i ringraziamenti, i confetti e le bomboniere, l’abito, il noleggio dell’automobile di rappresentanza, il rinfresco e gli addobbi floreali. Invece la famiglia dello sposo dovrebbe pagare: le fedi nuziali, il bouquet, i fiori freschi all’occhiello dei testimoni l’offerta alla chiesa, il viaggio di nozze, l’acquisto (o l’affitto) della casa e di ciò che riguarda il suo arredamento… In ogni caso le famiglie sono libere di accordarsi in maniera diversa, tenendo conto delle reciproche condizioni economiche e della disponibilità. Il discorso! Sebbene sia un’usanza di origine anglosassone, il discorso è un’idea molto simpatica e divertente che da qualche tempo viene introdotta anche nei ricevimenti di nozze italiani. Consiste principalmente in una serie di brevi monologhi da parte del padre della sposa, dello sposo, del testimone dello sposo ed eventualmente anche di altri invitati. Ogni discorso deve essere simpatico e scorrevole, contenere i propri ringraziamenti ed auguri agli sposi e non superare i cinque minuti circa. I ringraziamenti… Non sono meno importanti delle partecipazioni e degli inviti, infatti rappresentano una sorta di “firma conclusiva” che deve chiudere in bellezza il matrimonio. Si devono ringraziare tramite un biglietto tutte le persone che hanno inviato regali o telegrammi agli sposi. È la sposa che ha il compito di preparare i biglietti di ringraziamento, scritti a mano in uno stile simile a quello delle partecipazioni, e recanti una osservazione gentile nei confronti del dono ricevuto, in modo da far sapere che non è passato inosservato. Nel caso in cui un regalo sia stato fatto da un gruppo di persone, gli sposi devono ricordarsi di ringraziare personalmente tutti coloro che vi hanno preso parte. Ai parenti stretti e agli amici più cari si può inviare una foto degli sposi insieme al biglietto dei Ringraziamenti.


vademecum

Nei mesi freddi potrà invece essere più elaborata senza però risultare pesante. La torta va tagliata generalmente a fine pranzo, con un preciso cerimoniale, ma è permesso farlo anche all’inizio, soprattutto per dare l’opportunità ai fotografi di essere liberi di andare via prima. La musica Molto importante per creare l’atmosfera adatta, la musica accompagna tutti i momenti più importanti della cerimonia, ma può essere presente anche in seguito, come sottofondo al ricevimento. In chiesa, per accompagnare la processione in entrata, i brani classici più famosi sono la marcia nuziale del “Lohengrin” di Wagner, “Le Nozze di Figaro” di Mozart, il Canone di Pachelbel. A seguire il corteo in uscita, le musiche più usate sono la marcia nuziale dal “Sogno di una Notte di Mezza Estate” di Mendelssohn, l’“Inno alla Gioia” di Beethoven e l’“Halleluja” di Handel. Bellissimi e molto utilizzati anche diversi brani di Schubert, Gounod, Bach e Liszt, soprattutto gli “Ave Maria”. Possono comunque essere adottate anche composizioni di musicisti più moderni o contemporanei, previa consultazione con il parroco. Il banchetto La scelta più frequente è quella del pranzo seduto, in cui bisognerebbe seguire una particolare etichetta nella disposizione dei posti. Una possibile soluzione sarebbe quella di fare accomodare gli sposi in un piccolo tavolo al centro della sala, per permettere loro di vedere ed essere visti da tutti gli ospiti. Il pranzo seduto è in genere molto lungo, occupa infatti diverse ore ed è la soluzione più tradizionale. In estate è preferibile una cena, o un rinfresco in piedi. In ogni caso, durante il pasto sarebbe bene astenersi dal fumare. Visita medica prematrimoniale É sempre consigliabile, soprattutto per chiarire eventuali dubbi su possibili problemi di natura genetica o comunque ereditaria.

58

ideasposi

Suddivisione principale delle spese Secondo la tradizione, alla famiglia della sposa spettano le spese per: il corredo personale e quello della casa, le partecipazioni, gli inviti e i ringraziamenti, i confetti e le bomboniere, l’abito, il noleggio dell’automobile di rappresentanza, il rinfresco e gli addobbi floreali. Invece la famiglia dello sposo dovrebbe pagare: le fedi nuziali, il bouquet, i fiori freschi all’occhiello dei testimoni l’offerta alla chiesa, il viaggio di nozze, l’acquisto (o l’affitto) della casa e di ciò che riguarda il suo arredamento… In ogni caso le famiglie sono libere di accordarsi in maniera diversa, tenendo conto delle reciproche condizioni economiche e della disponibilità. Il discorso! Sebbene sia un’usanza di origine anglosassone, il discorso è un’idea molto simpatica e divertente che da qualche tempo viene introdotta anche nei ricevimenti di nozze italiani. Consiste principalmente in una serie di brevi monologhi da parte del padre della sposa, dello sposo, del testimone dello sposo ed eventualmente anche di altri invitati. Ogni discorso deve essere simpatico e scorrevole, contenere i propri ringraziamenti ed auguri agli sposi e non superare i cinque minuti circa. I ringraziamenti… Non sono meno importanti delle partecipazioni e degli inviti, infatti rappresentano una sorta di “firma conclusiva” che deve chiudere in bellezza il matrimonio. Si devono ringraziare tramite un biglietto tutte le persone che hanno inviato regali o telegrammi agli sposi. È la sposa che ha il compito di preparare i biglietti di ringraziamento, scritti a mano in uno stile simile a quello delle partecipazioni, e recanti una osservazione gentile nei confronti del dono ricevuto, in modo da far sapere che non è passato inosservato. Nel caso in cui un regalo sia stato fatto da un gruppo di persone, gli sposi devono ricordarsi di ringraziare personalmente tutti coloro che vi hanno preso parte. Ai parenti stretti e agli amici più cari si può inviare una foto degli sposi insieme al biglietto dei Ringraziamenti.


curiosità

curiosità

Viaggio di nozze. Sai dove? La vecchia Europa non si lascia scappare i neosposi. Ma anche U.S.A. e Polinesia

Liste di nozze in agenzie viaggio. Perché? La nuova famiglia ha uno stile diverso. Si vive prima insieme e poi ci si sposa. Così è nata l’idea di regalare agli sposi un viaggio. Le agenzie più specializzate offrono pacchetti da mille e una notte. Sono molti gli accorgimenti per una coppia che cerca di conoscere le nuove abitudini e stare in relax. Ma la meta? L’Europa. La romantica Parigi è tra le destinazioni più richieste. La città si è trasformato. Alcuni giorni a Parigi sarà l’occasione, durante il viaggio di nozze, di scambiarsi idee su opere d’arte e celebri personaggi del mondo della cultura. Nella Nuova Parigi troviamo caffè-ristoranti, boutiques, i musei e molto divertimento. Dalle vetrine del centro storico, ridisegnate in forma geometrica, si affacciano opere d’arte. Del resto Parigi è città di cultura. Anche l’Istituto del Mondo Arabo un moderno labirinto è un polo culturale. Soprattutto per chi vuole viaggiare in inverno. Parigi è Città delle Scienze e dell’Industria e Città della Musica che invita a trascorrere la luna di miele. Anche la Spagna è una meta piena di calore. Probabilmente per i più giovani. Da Madrid all’Andalusia troviamo: movida, feste di quartiere e vie affollate da spagnoli. La movida, infatti, significa proprio libertà di comportamento esuberanza giovanile, culto della strada desiderio di rock. Le coppie più giovani si potranno scegliere una sistemazione nel centro storico di Madrid o di Barcellona. Le due capitali della cultu-

62

ideasposi

ra hanno un sapore esotico. S’incontrano nel centro storico mercatini nelle vie più romantiche e giardini con opere d’arte. L’Andalusia fa respirare il passato. La decadenza delle città le dona un tono romantico e un po’ malinconico. La guida del nostro viaggio di nozze sarà la descrizione desolata dell’Andalusia dai bianchi paesi e delle ampie distese ad uliveti ed a vigneti di Garcia Lorca. Nelle serate a lume di canale si respira il passato tra gli spettacoli e la musica piena di folclore. Tra le nuove mete c’è il Portogallo. Meta esotica. Si senta l’oriente, la libertà l’Oceano. È tra i paesi, negli anni, più ricercati. Scoprire il Portogallo in viaggio di nozze è una sorpresa. Molto suggestive sono le scenografie di Praga, Budapest, Bucarest e Sofia. Un viaggio tra ponti, fiumi, scorci indimenticabili. Il viaggio nel caldo delle saune e tra i piaceri della buona tavola sapranno suscitare nella coppia molte emozioni nuove. Il Sudafrica rappresenta la destinazione ideale: servizio curato e strutture di sogno, colori e sapori tradizionali. Da lasciarci senza fiato sono le crociere. Sono viaggi senza limite. Anche dall’Italia si può partire. Molte compagnie di navigazione battono i battenti dai porti italiani più grandi con diverse destinazioni in Europa e in Sud America. A completare l’offerta per la neo-coppia anche crociere fluviali. Ci si potrà orientare anche attraverso un rapido servizio di Web agency specializzato in e-business. I servizi si

potranno subito prenotare on line - un albergo per una o più notti - a prezzi veramente convenienti. Nei cataloghi dei migliori Tour operator ci sono le offerte più convenienti ed i migliori confort per il viaggio di nozze. Vantaggi sulle crociere e la percentuale di sconto e tutti gli altri viaggi. Un viaggio da vip? Sì, lo dicono le offerte dalle più stravaganti alle tradizioni popolari. Alla coppia sarà comunque offerto un servizio diverso: frutta, fiori e dolci per la luna di miele. Anche le piccole attenzioni sono davvero indimenticabili. La nostra agenzia ci potrebbe proporre anche viaggi nei porti del Mediterraneo e Carabi, oltre a Crociere last minute anche viaggi in treno di lusso come l’Orient-express. È il viaggio del passato. Del resto la coppia sogna la magia di un posto incantato. Certo molto dipende dalla destinazione che si sceglie ed anche dalle disponibilità economiche che si è disposti ad investire. Ma in fondo, se si è veramente innamorati, qualunque posto va bene e diventa unico. Completato l’offerta dei viaggi di nozze le isole tropicali Seychelles e Mauritis e la Polinesia dal mare incantato e dallo scenario paradisiaco. L’immaginario è anche simbolico. Le isole Mauritius, perla dell’Oceano Indiano, sono raggiungibile con comodi voli settimanali diretti da Roma e Milano. Nell’isola il mare è cristallino. È una località paradisiaca, con molte spiagge dove rimanere sotto il sole e fare sport acquatici, escursioni in catamarano, giocare a golf e trekking lungo i rilievi montuosi ricoperti di una lussureggiante foresta. Il viaggio di nozze per antonomasia è la Polinesia. Collegamenti aerei settimanali da Roma e Milano vi

permettono di raggiungere questa destinazione leggendaria per gli sposi e per chi ama il meglio della vita. Una volta giunti all’Aeroporto Faa’a a di Tahiti, troverete numerosi collegamenti aerei, o con nave, tra le isole degli arcipelaghi Polinesiani. Le isole, sospesa tra leggenda e realtà, sono nell’immaginario collettivo. Il Viaggio di Nozze nelle isole Marchesi, isole Tuamotu, Isole Gambier, Isole Australi e Isole della Società è una sorpresa. E che dire dell’America? È un paese che non finisce mai di stupire. New York, Washington, Niagara e la Florida: sole, mare e vita notturna Gran Canyon, Death Valley, Bryce Canyon; i luoghi simbolo del mito americano. Il loro fascino viene subito da molte giovani coppie per lo spirito di libertà che si trova in molti stati americani. A pensarci proprio bene è il Sun Shine State cioè la Florida è quello che gode più di altri il consenso dei giovani. La Florida è la tipica regione a vocazione turistica per la mitezza del clima per la lussureggiante natura per le bianche spiagge per i numerosi laghi, lagune isole, flora e fauna. La parte più divertente è la visita di penisola che si prolunga in miglia di isolette coralline che sono collegate fra loro alla terra ferma da un’ampia autostrada che corre su ponti e viadotti.


curiosità

curiosità

Viaggio di nozze. Sai dove? La vecchia Europa non si lascia scappare i neosposi. Ma anche U.S.A. e Polinesia

Liste di nozze in agenzie viaggio. Perché? La nuova famiglia ha uno stile diverso. Si vive prima insieme e poi ci si sposa. Così è nata l’idea di regalare agli sposi un viaggio. Le agenzie più specializzate offrono pacchetti da mille e una notte. Sono molti gli accorgimenti per una coppia che cerca di conoscere le nuove abitudini e stare in relax. Ma la meta? L’Europa. La romantica Parigi è tra le destinazioni più richieste. La città si è trasformato. Alcuni giorni a Parigi sarà l’occasione, durante il viaggio di nozze, di scambiarsi idee su opere d’arte e celebri personaggi del mondo della cultura. Nella Nuova Parigi troviamo caffè-ristoranti, boutiques, i musei e molto divertimento. Dalle vetrine del centro storico, ridisegnate in forma geometrica, si affacciano opere d’arte. Del resto Parigi è città di cultura. Anche l’Istituto del Mondo Arabo un moderno labirinto è un polo culturale. Soprattutto per chi vuole viaggiare in inverno. Parigi è Città delle Scienze e dell’Industria e Città della Musica che invita a trascorrere la luna di miele. Anche la Spagna è una meta piena di calore. Probabilmente per i più giovani. Da Madrid all’Andalusia troviamo: movida, feste di quartiere e vie affollate da spagnoli. La movida, infatti, significa proprio libertà di comportamento esuberanza giovanile, culto della strada desiderio di rock. Le coppie più giovani si potranno scegliere una sistemazione nel centro storico di Madrid o di Barcellona. Le due capitali della cultu-

62

ideasposi

ra hanno un sapore esotico. S’incontrano nel centro storico mercatini nelle vie più romantiche e giardini con opere d’arte. L’Andalusia fa respirare il passato. La decadenza delle città le dona un tono romantico e un po’ malinconico. La guida del nostro viaggio di nozze sarà la descrizione desolata dell’Andalusia dai bianchi paesi e delle ampie distese ad uliveti ed a vigneti di Garcia Lorca. Nelle serate a lume di canale si respira il passato tra gli spettacoli e la musica piena di folclore. Tra le nuove mete c’è il Portogallo. Meta esotica. Si senta l’oriente, la libertà l’Oceano. È tra i paesi, negli anni, più ricercati. Scoprire il Portogallo in viaggio di nozze è una sorpresa. Molto suggestive sono le scenografie di Praga, Budapest, Bucarest e Sofia. Un viaggio tra ponti, fiumi, scorci indimenticabili. Il viaggio nel caldo delle saune e tra i piaceri della buona tavola sapranno suscitare nella coppia molte emozioni nuove. Il Sudafrica rappresenta la destinazione ideale: servizio curato e strutture di sogno, colori e sapori tradizionali. Da lasciarci senza fiato sono le crociere. Sono viaggi senza limite. Anche dall’Italia si può partire. Molte compagnie di navigazione battono i battenti dai porti italiani più grandi con diverse destinazioni in Europa e in Sud America. A completare l’offerta per la neo-coppia anche crociere fluviali. Ci si potrà orientare anche attraverso un rapido servizio di Web agency specializzato in e-business. I servizi si

potranno subito prenotare on line - un albergo per una o più notti - a prezzi veramente convenienti. Nei cataloghi dei migliori Tour operator ci sono le offerte più convenienti ed i migliori confort per il viaggio di nozze. Vantaggi sulle crociere e la percentuale di sconto e tutti gli altri viaggi. Un viaggio da vip? Sì, lo dicono le offerte dalle più stravaganti alle tradizioni popolari. Alla coppia sarà comunque offerto un servizio diverso: frutta, fiori e dolci per la luna di miele. Anche le piccole attenzioni sono davvero indimenticabili. La nostra agenzia ci potrebbe proporre anche viaggi nei porti del Mediterraneo e Carabi, oltre a Crociere last minute anche viaggi in treno di lusso come l’Orient-express. È il viaggio del passato. Del resto la coppia sogna la magia di un posto incantato. Certo molto dipende dalla destinazione che si sceglie ed anche dalle disponibilità economiche che si è disposti ad investire. Ma in fondo, se si è veramente innamorati, qualunque posto va bene e diventa unico. Completato l’offerta dei viaggi di nozze le isole tropicali Seychelles e Mauritis e la Polinesia dal mare incantato e dallo scenario paradisiaco. L’immaginario è anche simbolico. Le isole Mauritius, perla dell’Oceano Indiano, sono raggiungibile con comodi voli settimanali diretti da Roma e Milano. Nell’isola il mare è cristallino. È una località paradisiaca, con molte spiagge dove rimanere sotto il sole e fare sport acquatici, escursioni in catamarano, giocare a golf e trekking lungo i rilievi montuosi ricoperti di una lussureggiante foresta. Il viaggio di nozze per antonomasia è la Polinesia. Collegamenti aerei settimanali da Roma e Milano vi

permettono di raggiungere questa destinazione leggendaria per gli sposi e per chi ama il meglio della vita. Una volta giunti all’Aeroporto Faa’a a di Tahiti, troverete numerosi collegamenti aerei, o con nave, tra le isole degli arcipelaghi Polinesiani. Le isole, sospesa tra leggenda e realtà, sono nell’immaginario collettivo. Il Viaggio di Nozze nelle isole Marchesi, isole Tuamotu, Isole Gambier, Isole Australi e Isole della Società è una sorpresa. E che dire dell’America? È un paese che non finisce mai di stupire. New York, Washington, Niagara e la Florida: sole, mare e vita notturna Gran Canyon, Death Valley, Bryce Canyon; i luoghi simbolo del mito americano. Il loro fascino viene subito da molte giovani coppie per lo spirito di libertà che si trova in molti stati americani. A pensarci proprio bene è il Sun Shine State cioè la Florida è quello che gode più di altri il consenso dei giovani. La Florida è la tipica regione a vocazione turistica per la mitezza del clima per la lussureggiante natura per le bianche spiagge per i numerosi laghi, lagune isole, flora e fauna. La parte più divertente è la visita di penisola che si prolunga in miglia di isolette coralline che sono collegate fra loro alla terra ferma da un’ampia autostrada che corre su ponti e viadotti.


L’auto dei vostri sogni sarà la vittima degli scherzi degli amici L’auto è sempre più fantasiosa, mentre la cerimonia offre più spunti agli sposi e agli invitati per rendere la cerimonia originale con scherzi e buon umorismo! Come arriva in chiesa? Le coppie di sposi scelgono sempre più spesso trasporti fuori dalla tradizione: si può arrivare in Ape trasformato in carrozza di nozze con fiocchi e fiori oppure sfilare davanti amici e parenti con un’auto d’epoca da sogno. Ma è sempre bene non trascurare i dettagli della cerimonia. Gli sposi dovranno tenere in conto alcuni semplici accorgimenti per non creare dissonanza nella cerimonia che hanno organizzato con tanta cura. L’arrivo nella piazza antistante alla chiesa - per rispettare l’etichetta – sarà sobrio e discreto in moda da celebrare il momento solenne. Lo scherzo va sempre bene, ma se il mezzo di trasporto è insolito, potrete utilizzarlo una volta usciti dalla chiesa per dirigersi al ristorante. Per scegliere il mezzo va poi tenuto conto di vari fattori come la stagione in cui il matrimonio avviene (niente moto in inverno, per capirsi!), l’ora in cui si svolge, il tipo di tragitto che deve essere fatto e che non gualcisca o rovini i vestiti, soprattutto quello della sposa, sempre molto delicato.

68

ideasposi

Comunque vi sembrerà impossibile cambiare la tradizione: è il padre ad accompagnare la ragazza all’altare. Quindi nessun accoppiamento stravagante come skateboard o altro in questa situazione. Poiché sovente sono gli amici a organizzare questa parte della cerimonia, che viene intesa quasi come un anticipo degli scherzi, sarà bene che gli sposi si accordino prima, se desiderano essere accompagnati con una classica berlina o intendano lasciare carta bianca. Il controllo finale per accertarsi che tutto sia stato rispettato spetta al testimone, che ha, infatti, anche questa funzione di trait d’union tra gli sposi e i convitati. Variazioni sul tema La vostra storia d’amore si potrà trasformare in una fiaba con una bella carrozza, che potrete affittare presso privati che si sono specializzati nel noleggio proprio per questo genere di occasioni. Se si abita o ci si sposa in città dove la tradizione delle carrozzelle è ancora viva (come non pensare a Roma, ad esempio), è sufficiente contattare uno o più vetturini, nel caso si voglia organizzare un corteo nuziale, che provvederanno ad addobbare adeguatamente sia il mezzo che i cavalli da traino. Decisamente più giovanile e sportiva la scelta di servirsi di un due ruote. La Vespa ha sempre il suo

redazionale

vademecum

Stravaganza e allegria: ma dopo la cerimonia nuziale…

fascino e per certi versi un film come “Vacanze romane” l’ha fatta diventare il nuovo mezzo romantico per eccellenza. In questo caso la sposa dovrebbe tener conto che per l’abito dovrà rinunciare a uno strascico eccessivo e sedere di lato per evitare pieghe o acciaccature e avere comunque un aspetto di maggiore sobrietà. Si ricordi ancora che il casco è obbligatorio in qualsiasi occasione e quindi da evitare se l’acconciatura è elaborata. Andrà benissimo invece se la sposa ha un taglio corto o non particolarmente sfarzoso. Il colore? Bianco, naturalmente, sia per la Vespa che per i caschi. Ci sono poi i patiti della moto. In questo caso comprensibilmente c’è poco da suggerire, se non di fare a meno per quel giorno della amata tuta e fare attenzione ad olio, grasso e quant’altro possa rovinare i vestiti. Particolarmente originale potrebbe essere la scelta di un sidecar. Per chi si sente ecologista la bicicletta è il mezzo ideale. Un tocco di originalità può essere dato dall’affitto di un tandem con cui gli sposi potranno lasciare la chiesa in direzione del ristorante. Sempre che questi siano a poca distanza l’uno dall’altro. La scelta dell’auto Fare un piccolo ritardo da parte della sposa è ormai divenuto tradizione, ma vi metterà al centro dell’attenzione. Un motivo in più perché sia il caso di scegliere un mezzo adeguato e sobrio: dopotutto è il giorno più importante della vostra vita. L’automobile sarà addobbata con fiori all’interno e nastri rigorosamente bianchi o perlati lungo la carrozzeria. La sposa siede sempre sul sedile posteriore, alla destra del genitore; sarà premura del padre di scendere prima, aprire la portiera e aiutare la figlia ad uscire sostenendola ed evitando che possa inciampare nel vestito. All’uscita dalla cerimonia, entrambi gli sposi saliranno sulla vettura con cui è arrivata lei e siederanno dietro, lo sposo alla sinistra della sposa. In genere, se si affitta un’auto d’epoca viene fornito anche uno chauffeur, altrimenti l’auto può essere guidata da un fratello di uno dei due, da un parente o da un amico. Non dal testimone, che deve restare fino alla fine a sincerarsi che tutti gli invitati abbiano avuto alloggiamento nei mezzi a disposizione. Sarà lo sposo ad aprire la portiera per far salire la sposa. Con un vestito sicuramente molto ricco di veli e strascichi e dalle gonne ampie, la sposa dovrà fare attenzione all’entrata nell’abitacolo; l’ideale è che sieda lasciando entrambe le gambe fuori, per poi ritirarle congiuntamente traendo a sé subito dopo lo strascico, magari aiutata da una damigella.

L’auto degli sposi guiderà il corteo nuziale che, come da galateo, dovrebbe evitare di usare i clacson. Se gli sposi vogliono attenersi per educazione a questa regola, sarebbe bene informare prima tutti coloro che guidano le singole macchine del corteo. La vettura, una volta giunti al luogo del banchetto, resterà per tutto il tempo a disposizione della coppia, che se ne servirà alla fine per lasciare il ristorante. Se si decide di scegliere l’automobile come mezzo per arrivare in chiesa, è opportuno effettuarne la scelta con cura. Nel prenotarla è bene sincerarsi delle condizioni della carrozzeria, degli interni, valutandone anche la spaziosità e il comfort, da tenere in conto soprattutto per accogliere tranquillamente il vestito della sposa. Se il matrimonio avviene in estate, è consigliabile che l’auto sia munita di aria condizionata e tettuccio apribile. Niente profumi forti o deodoranti che possono dar fastidio: la sposa deve arrivare all’altare in perfetta forma. Non dimenticate che l’auto lo dovrete prenotare con almeno due mesi di anticipo. Si consiglia di stipulare un contratto di noleggio dove sono riportate tutte le voci utili per evitare problemi dell’ultimo minuto: modello, marca e colore, targa, giorno e ora della consegna e lista degli optional desiderati.

ideasposi

69


L’auto dei vostri sogni sarà la vittima degli scherzi degli amici L’auto è sempre più fantasiosa, mentre la cerimonia offre più spunti agli sposi e agli invitati per rendere la cerimonia originale con scherzi e buon umorismo! Come arriva in chiesa? Le coppie di sposi scelgono sempre più spesso trasporti fuori dalla tradizione: si può arrivare in Ape trasformato in carrozza di nozze con fiocchi e fiori oppure sfilare davanti amici e parenti con un’auto d’epoca da sogno. Ma è sempre bene non trascurare i dettagli della cerimonia. Gli sposi dovranno tenere in conto alcuni semplici accorgimenti per non creare dissonanza nella cerimonia che hanno organizzato con tanta cura. L’arrivo nella piazza antistante alla chiesa - per rispettare l’etichetta – sarà sobrio e discreto in moda da celebrare il momento solenne. Lo scherzo va sempre bene, ma se il mezzo di trasporto è insolito, potrete utilizzarlo una volta usciti dalla chiesa per dirigersi al ristorante. Per scegliere il mezzo va poi tenuto conto di vari fattori come la stagione in cui il matrimonio avviene (niente moto in inverno, per capirsi!), l’ora in cui si svolge, il tipo di tragitto che deve essere fatto e che non gualcisca o rovini i vestiti, soprattutto quello della sposa, sempre molto delicato.

68

ideasposi

Comunque vi sembrerà impossibile cambiare la tradizione: è il padre ad accompagnare la ragazza all’altare. Quindi nessun accoppiamento stravagante come skateboard o altro in questa situazione. Poiché sovente sono gli amici a organizzare questa parte della cerimonia, che viene intesa quasi come un anticipo degli scherzi, sarà bene che gli sposi si accordino prima, se desiderano essere accompagnati con una classica berlina o intendano lasciare carta bianca. Il controllo finale per accertarsi che tutto sia stato rispettato spetta al testimone, che ha, infatti, anche questa funzione di trait d’union tra gli sposi e i convitati. Variazioni sul tema La vostra storia d’amore si potrà trasformare in una fiaba con una bella carrozza, che potrete affittare presso privati che si sono specializzati nel noleggio proprio per questo genere di occasioni. Se si abita o ci si sposa in città dove la tradizione delle carrozzelle è ancora viva (come non pensare a Roma, ad esempio), è sufficiente contattare uno o più vetturini, nel caso si voglia organizzare un corteo nuziale, che provvederanno ad addobbare adeguatamente sia il mezzo che i cavalli da traino. Decisamente più giovanile e sportiva la scelta di servirsi di un due ruote. La Vespa ha sempre il suo

redazionale

vademecum

Stravaganza e allegria: ma dopo la cerimonia nuziale…

fascino e per certi versi un film come “Vacanze romane” l’ha fatta diventare il nuovo mezzo romantico per eccellenza. In questo caso la sposa dovrebbe tener conto che per l’abito dovrà rinunciare a uno strascico eccessivo e sedere di lato per evitare pieghe o acciaccature e avere comunque un aspetto di maggiore sobrietà. Si ricordi ancora che il casco è obbligatorio in qualsiasi occasione e quindi da evitare se l’acconciatura è elaborata. Andrà benissimo invece se la sposa ha un taglio corto o non particolarmente sfarzoso. Il colore? Bianco, naturalmente, sia per la Vespa che per i caschi. Ci sono poi i patiti della moto. In questo caso comprensibilmente c’è poco da suggerire, se non di fare a meno per quel giorno della amata tuta e fare attenzione ad olio, grasso e quant’altro possa rovinare i vestiti. Particolarmente originale potrebbe essere la scelta di un sidecar. Per chi si sente ecologista la bicicletta è il mezzo ideale. Un tocco di originalità può essere dato dall’affitto di un tandem con cui gli sposi potranno lasciare la chiesa in direzione del ristorante. Sempre che questi siano a poca distanza l’uno dall’altro. La scelta dell’auto Fare un piccolo ritardo da parte della sposa è ormai divenuto tradizione, ma vi metterà al centro dell’attenzione. Un motivo in più perché sia il caso di scegliere un mezzo adeguato e sobrio: dopotutto è il giorno più importante della vostra vita. L’automobile sarà addobbata con fiori all’interno e nastri rigorosamente bianchi o perlati lungo la carrozzeria. La sposa siede sempre sul sedile posteriore, alla destra del genitore; sarà premura del padre di scendere prima, aprire la portiera e aiutare la figlia ad uscire sostenendola ed evitando che possa inciampare nel vestito. All’uscita dalla cerimonia, entrambi gli sposi saliranno sulla vettura con cui è arrivata lei e siederanno dietro, lo sposo alla sinistra della sposa. In genere, se si affitta un’auto d’epoca viene fornito anche uno chauffeur, altrimenti l’auto può essere guidata da un fratello di uno dei due, da un parente o da un amico. Non dal testimone, che deve restare fino alla fine a sincerarsi che tutti gli invitati abbiano avuto alloggiamento nei mezzi a disposizione. Sarà lo sposo ad aprire la portiera per far salire la sposa. Con un vestito sicuramente molto ricco di veli e strascichi e dalle gonne ampie, la sposa dovrà fare attenzione all’entrata nell’abitacolo; l’ideale è che sieda lasciando entrambe le gambe fuori, per poi ritirarle congiuntamente traendo a sé subito dopo lo strascico, magari aiutata da una damigella.

L’auto degli sposi guiderà il corteo nuziale che, come da galateo, dovrebbe evitare di usare i clacson. Se gli sposi vogliono attenersi per educazione a questa regola, sarebbe bene informare prima tutti coloro che guidano le singole macchine del corteo. La vettura, una volta giunti al luogo del banchetto, resterà per tutto il tempo a disposizione della coppia, che se ne servirà alla fine per lasciare il ristorante. Se si decide di scegliere l’automobile come mezzo per arrivare in chiesa, è opportuno effettuarne la scelta con cura. Nel prenotarla è bene sincerarsi delle condizioni della carrozzeria, degli interni, valutandone anche la spaziosità e il comfort, da tenere in conto soprattutto per accogliere tranquillamente il vestito della sposa. Se il matrimonio avviene in estate, è consigliabile che l’auto sia munita di aria condizionata e tettuccio apribile. Niente profumi forti o deodoranti che possono dar fastidio: la sposa deve arrivare all’altare in perfetta forma. Non dimenticate che l’auto lo dovrete prenotare con almeno due mesi di anticipo. Si consiglia di stipulare un contratto di noleggio dove sono riportate tutte le voci utili per evitare problemi dell’ultimo minuto: modello, marca e colore, targa, giorno e ora della consegna e lista degli optional desiderati.

ideasposi

69


shopping

consiglia... ABITI & ACCESSORI

LA CERIMONIA

happy days u Piazza G. Leopardi, 20 Recanati (MC) 3 071.982710

Delsa u Belforte del Chienti (MC) 3 0733.906544 ! www.delsa.it

ANTICA FIORERIA u Corso Amendola, 49 Ancona 3 071.206671

Happy Day alta moda sposi u Via Manzoni, 37 Osimo (AN) 3 071.7109026 ! www.hdsposi.it

AUTOCarrozzeria Sport u Via Farfisa, 32/b Camerano (AN) 3 071.7304085 ! autocsport@freefast.it

Il centro degli Sposi u Via Albertini, 3 Uscita A14 Ancona Sud 3 071.2868622 - 071.2868035 ! www.ilcentrodeglisposi.it

CASA OGGI u Via Parisani, 30 - Tolentino (MC) Via Garibaldi, 24 - Macerata 3 0733.968469-233786 ! www.casaoggitolentino.it

La Sposa Boutique u Via Vignati 8/a Passo di Treia (MC) 3 0733.541752

Catering & Banqueting Italia u Viale Milano, 11 Riccione (RN) 3 0541.695490 ! www.catering-banqueting.com

Luciana Bastarelli & C. u Via Campania, 5/A Fermo (AP) 3 0734.226087 4 347.2974689

Fashion Flower u Matelica 3 0737.787840 4 338.8261592

M&G Laboratorio Artistico orafo u Via Pergolesi, 18 (via degli Orefici) Jesi (AN) 3 0731.57333 ! www.artemg.it

Le Spose di Cristina u Ancona 3 071.2073135 ! www.lesposedicristina.com Le spose di Francesca u Show Room Via Martiri di Belfiore, 109 Civitanova Marche (MC) 3 0733.773262 ! www.francesca.it Le spose di Mariella Burani u Showroom Via De Amicis, 45 Milano 3 02.8357654 ! www.bellantuono.it

fiori d’arte u Via pastrengo, 65 Recanati (MC) 4 349.1870458 Fiorista Latini - Addobbi Floreali u Via Mirabelli Pesaro 3 0721.390715

Ricospose u Via Martiri delle Foibe, 14/h Civitanova Marche (MC) 3 0733.814574 ! www.ricospose.it

GIAMPAOLI ASTOLFI PRODUction u Via De Gasperi, 19 Ancona 3 071.891211 ! www.giampaoloastolfi.com

Sartoria Due A u Via Tevere, 3 Padiglione di Osimo 3 071.7241001

golosità u Via Rossini, 3 Castelfidardo (AN) 3 071.7808006

il bel regalo u V.le Europa, 13/15 - Loreto (AN) Via Loreto, 21 - Recanati (MC) 3 071.970349 - 071.7591811 ! www.ilbelregalo.com la bottega dei fiori u C.so Matteotti Porto Recanati (AN) 3 071.7591753 L’Idea oggetti & regali u Via Loretana, 169 Camerano (AN) 3 071.731888

Noleggio Vicarelli u Via Montefanese, 22 Osimo (AN) 3 071.716975 4 337.636407 ! www.noleggiovicarelli.com pensiero u Via Fermana Nord, 12 Montegranaro (AP) 4 328.4710021 rossarancio fotografia u Piazza Leopardi, 9 Loreto (AN) 3 071.7500930 ! www.rossarancio.it studio d’arte mario palma u Via Cavour, 2/4 Castelfidardo (AN) 3 071.7822961 ! www.mariopalma.it

ideasposi

73


shopping

consiglia... ABITI & ACCESSORI

LA CERIMONIA

happy days u Piazza G. Leopardi, 20 Recanati (MC) 3 071.982710

Delsa u Belforte del Chienti (MC) 3 0733.906544 ! www.delsa.it

ANTICA FIORERIA u Corso Amendola, 49 Ancona 3 071.206671

Happy Day alta moda sposi u Via Manzoni, 37 Osimo (AN) 3 071.7109026 ! www.hdsposi.it

AUTOCarrozzeria Sport u Via Farfisa, 32/b Camerano (AN) 3 071.7304085 ! autocsport@freefast.it

Il centro degli Sposi u Via Albertini, 3 Uscita A14 Ancona Sud 3 071.2868622 - 071.2868035 ! www.ilcentrodeglisposi.it

CASA OGGI u Via Parisani, 30 - Tolentino (MC) Via Garibaldi, 24 - Macerata 3 0733.968469-233786 ! www.casaoggitolentino.it

La Sposa Boutique u Via Vignati 8/a Passo di Treia (MC) 3 0733.541752

Catering & Banqueting Italia u Viale Milano, 11 Riccione (RN) 3 0541.695490 ! www.catering-banqueting.com

Luciana Bastarelli & C. u Via Campania, 5/A Fermo (AP) 3 0734.226087 4 347.2974689

Fashion Flower u Matelica 3 0737.787840 4 338.8261592

M&G Laboratorio Artistico orafo u Via Pergolesi, 18 (via degli Orefici) Jesi (AN) 3 0731.57333 ! www.artemg.it

Le Spose di Cristina u Ancona 3 071.2073135 ! www.lesposedicristina.com Le spose di Francesca u Show Room Via Martiri di Belfiore, 109 Civitanova Marche (MC) 3 0733.773262 ! www.francesca.it Le spose di Mariella Burani u Showroom Via De Amicis, 45 Milano 3 02.8357654 ! www.bellantuono.it

fiori d’arte u Via pastrengo, 65 Recanati (MC) 4 349.1870458 Fiorista Latini - Addobbi Floreali u Via Mirabelli Pesaro 3 0721.390715

Ricospose u Via Martiri delle Foibe, 14/h Civitanova Marche (MC) 3 0733.814574 ! www.ricospose.it

GIAMPAOLI ASTOLFI PRODUction u Via De Gasperi, 19 Ancona 3 071.891211 ! www.giampaoloastolfi.com

Sartoria Due A u Via Tevere, 3 Padiglione di Osimo 3 071.7241001

golosità u Via Rossini, 3 Castelfidardo (AN) 3 071.7808006

il bel regalo u V.le Europa, 13/15 - Loreto (AN) Via Loreto, 21 - Recanati (MC) 3 071.970349 - 071.7591811 ! www.ilbelregalo.com la bottega dei fiori u C.so Matteotti Porto Recanati (AN) 3 071.7591753 L’Idea oggetti & regali u Via Loretana, 169 Camerano (AN) 3 071.731888

Noleggio Vicarelli u Via Montefanese, 22 Osimo (AN) 3 071.716975 4 337.636407 ! www.noleggiovicarelli.com pensiero u Via Fermana Nord, 12 Montegranaro (AP) 4 328.4710021 rossarancio fotografia u Piazza Leopardi, 9 Loreto (AN) 3 071.7500930 ! www.rossarancio.it studio d’arte mario palma u Via Cavour, 2/4 Castelfidardo (AN) 3 071.7822961 ! www.mariopalma.it

ideasposi

73


redazionale

shopping

IL BANCHETTO NUZIALE Excelsior Hotel “La Fonte” u Portonovo (AN) 3 071.801470 ! www.excelsiorlafonte.it Fortino Napoleonico Hotel Ristorante u Baia di Portonovo (AN) 3 071.801450 ! www.hotelfortino.it Hotel Federico II u Via Ancona, 100 Jesi (AN) 3 0731.211079 ! www.hotelfederico2.it hotel monteconero badia san pietro u Via Monteconero, 26 Sirolo (AN) 3 071.9330592 ! www.hotelmonteconero.it la cantina di palazzo bello u Ctr. S. Agostino, 7 Recanati (MC) 3 071.7573333 ! www.palazzobello.it RISTORANTE ORSO u C.da Foce Asola, 28/a Civitanova Marche (MC) 3 0733.70220 ! www.ristoranteorso.com Villa Collio u Via Settempeda, 91 San Severino Marche (MC) 3 0733.638780 4 335.6611249 ! www.villacollio.com Villa San Nicolino u Via Fonte Murata, 2 Morrovalle (MC) 3 0733.564653 4 348.3836675 ! www.sannicolino.com

SALUTE & BELLEZZA Eterea Centro estetico u Piazza Kennedy, 58 Villa Musone Loreto (AN) 3 071.978689

74

ideasposi

LA CASA AMBIENTI di RIMINI MARIO u Via IV Novembre Appignano (MC) 3 0733.579741 ! www.riminimobili.it BS INFISSI DUE u Via C. Marx, 107 - Villa Musone Castelfidardo (AN) 3 071.7820788 ! www.bsinfissi2.it cecconello salotti u Via Ceccaroni - zona ex Eko Recanati (MC) 3 071.980699 CONCEPT HOUSE srl u Via De Amicis, 51 Civitanova Marche (MC) 3 0733.810141 ! www.concettocasa.com Desuite u Via XXIX Giugno, 124 ! www.desuite.it F.B. IMBOTTITI u Via G. Marconi, 45/47 Appignano (MC) 3 0733.57387 garofoli arredamenti u Via E. Mattei, 2 Castelfidardo (AN) 3 071.780300 ! www.garafoliarredamenti.it G.F. Mobili u Via Milano, 9 Chiesanuova di Treia (MC) 4 348.8285727 - 348.8285729 ! www.gfmobili.it GM maroni u Via Trento, 12 Macerata 3 0733.232712 Guidi Arredamenti u Via Cecchetti, 49 Civitanova Marche (MC) 3 0733.770595 ! www.arredamentiguidi.it Lineaquattro Cucine S.p.a. u Showroom Via R. Sanzio, 5 Moie di Maiolati Spontini (AN) 3 0731.813676

magie d’interni u Via IV Novembre, 111 Appignano (MC) 3 0733.57145 Nova ILLUMINAZIONE u Via Villafranca, 8 (angolo via Palestro/p.zza Roma) Ancona 3 071.201216 ! www.novaonline.it PIERDOMINICI CASA Arredo Service Arredamenti u Via Aspio Terme Uscita A14 Ancona Sud 3 071.7201720 ! www.pierdominicicasa.it

VIAGGI teorie & vacanze u C.so Vittorio Emanuele, 16 Civitanova Marche (MC) 3 0733.811444

SERVIZI FIERA NON SOLO SPOSI 3 0721.1812922 ! www.fierecentroitalia.com MAC 2008 E.R.F. Ente regionale per le manifestazioni Fieristiche u L.go Fiera della Pesca , 11 Ancona 3 071.58971 - Ancona 0733.780811 - Civitanova Marche ! www.erf.it


redazionale

shopping

IL BANCHETTO NUZIALE Excelsior Hotel “La Fonte” u Portonovo (AN) 3 071.801470 ! www.excelsiorlafonte.it Fortino Napoleonico Hotel Ristorante u Baia di Portonovo (AN) 3 071.801450 ! www.hotelfortino.it Hotel Federico II u Via Ancona, 100 Jesi (AN) 3 0731.211079 ! www.hotelfederico2.it hotel monteconero badia san pietro u Via Monteconero, 26 Sirolo (AN) 3 071.9330592 ! www.hotelmonteconero.it la cantina di palazzo bello u Ctr. S. Agostino, 7 Recanati (MC) 3 071.7573333 ! www.palazzobello.it RISTORANTE ORSO u C.da Foce Asola, 28/a Civitanova Marche (MC) 3 0733.70220 ! www.ristoranteorso.com Villa Collio u Via Settempeda, 91 San Severino Marche (MC) 3 0733.638780 4 335.6611249 ! www.villacollio.com Villa San Nicolino u Via Fonte Murata, 2 Morrovalle (MC) 3 0733.564653 4 348.3836675 ! www.sannicolino.com

SALUTE & BELLEZZA Eterea Centro estetico u Piazza Kennedy, 58 Villa Musone Loreto (AN) 3 071.978689

74

ideasposi

LA CASA AMBIENTI di RIMINI MARIO u Via IV Novembre Appignano (MC) 3 0733.579741 ! www.riminimobili.it BS INFISSI DUE u Via C. Marx, 107 - Villa Musone Castelfidardo (AN) 3 071.7820788 ! www.bsinfissi2.it cecconello salotti u Via Ceccaroni - zona ex Eko Recanati (MC) 3 071.980699 CONCEPT HOUSE srl u Via De Amicis, 51 Civitanova Marche (MC) 3 0733.810141 ! www.concettocasa.com Desuite u Via XXIX Giugno, 124 ! www.desuite.it F.B. IMBOTTITI u Via G. Marconi, 45/47 Appignano (MC) 3 0733.57387 garofoli arredamenti u Via E. Mattei, 2 Castelfidardo (AN) 3 071.780300 ! www.garafoliarredamenti.it G.F. Mobili u Via Milano, 9 Chiesanuova di Treia (MC) 4 348.8285727 - 348.8285729 ! www.gfmobili.it GM maroni u Via Trento, 12 Macerata 3 0733.232712 Guidi Arredamenti u Via Cecchetti, 49 Civitanova Marche (MC) 3 0733.770595 ! www.arredamentiguidi.it Lineaquattro Cucine S.p.a. u Showroom Via R. Sanzio, 5 Moie di Maiolati Spontini (AN) 3 0731.813676

magie d’interni u Via IV Novembre, 111 Appignano (MC) 3 0733.57145 Nova ILLUMINAZIONE u Via Villafranca, 8 (angolo via Palestro/p.zza Roma) Ancona 3 071.201216 ! www.novaonline.it PIERDOMINICI CASA Arredo Service Arredamenti u Via Aspio Terme Uscita A14 Ancona Sud 3 071.7201720 ! www.pierdominicicasa.it

VIAGGI teorie & vacanze u C.so Vittorio Emanuele, 16 Civitanova Marche (MC) 3 0733.811444

SERVIZI FIERA NON SOLO SPOSI 3 0721.1812922 ! www.fierecentroitalia.com MAC 2008 E.R.F. Ente regionale per le manifestazioni Fieristiche u L.go Fiera della Pesca , 11 Ancona 3 071.58971 - Ancona 0733.780811 - Civitanova Marche ! www.erf.it


redazionale

Ideasposi  

ideasposi magazine 2008

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you