Issuu on Google+

ide@campania.it il quindicinale on line fondato da Giuseppe Pietro Maisto anno I numero 0 - lunedì 11 giugno 2011 - www.ideacampania.it Intervista al Presidente della Regione On. Stefano Caldoro

CRESCITA DELLE AREE INTERNE Confrontarsi RILANCIO PORTI FASCIA COSTIERA e crescere insieme.

S

icuramente  un  modo  per  essere in  sintonia,  per  restare  in  con-­‐ ta2o,  ...  per  crescere  insieme. Si,  perché  la  crescita  di  ognuno  di  noi è  de2ata  da  una  serie  di  condizioni, tra  queste,  non  ul;ma,  quella  di  inte-­‐ ragire  e  conoscere  il  pensiero  degli altri,  confrontarsi  e  ricercare  quella sana  mediazione  che  resta,  insieme ad  altri,  un  sano  ingrediente  della  de-­‐ mocrazia   compiuta   e   rappresentata. Lo   scopo,   dunque,   sopra2u2o, quello  di  ascoltare.  Il  giornale  quale strumento   di   ascolto   e   riproposi-­‐ zione.  Interce2are  le  esigenze  della gente   resta   ancora   oggi   uno   degli scopi  primari  della  poli;ca  con  la  “P maiuscola”.   Una   poli;ca   non   autoreferenziale che  esce  fuori  dal  regale  per  confron-­‐ tarsi   quo;dianamente   con   il   reale. Ovviamente  questo  non  l’unico  stru-­‐ mento,   ma   senz’altro   efficace,   ed ecco  perché  si  è  già  pensato  dal  pros-­‐ simo  numero  a  una  rubrica  quindici-­‐ nale  aperta  a  chiunque  lo  vorrà  per so2oporre   alle   Is;tuzioni   e   ai   loro uomini,  le  richieste  e  domande  che spesso  restano  senza  risposta.  Uscire dal  palazzo,  questo  il  nostro  mo2o, per  incontrare  e  per  rendere  la  poli-­‐ ;ca   a   “misura   d’uomo”.   Chiariamo subito,   però,   senza   indugi,   che   un giornale  o  un’associazione,  pur  meri-­‐ tevole  che  sia,  non  può  e  non  deve col;vare  ambizioni  velleitarie  di  so-­‐ s;tuzione   di   soggeK   cos;tuzional-­‐ mente   rilevan;   come   i   par;;.   Può svolgere,  però,  senza  alcun  dubbio, un   ruolo   essenziale   nella   ricerca   e nell’apporto  di  tuK  quei  traK  miglio-­‐ ra;vi  capaci  di  rendere  i  par;;  stessi al   passo   con   i   tempi   specie   so2o l’aspe2o  della  comunicazione  e  del-­‐ l’offerta  poli;ca.  In  questo  frangente, dove,   tra   l’altro   troppo   perentoria-­‐ mente  e,  per  alcuni  aspeK  anche  in-­‐ gius;ficatamente,  si  sta  celebrando  il de-­‐profundis   della   poli;ca   noi   ci siamo   e   vogliamo   tes;moniare,   da uomini   impegna;   nelle   Is;tuzioni, una   poli;ca   che   sia   capace   di   racco-­‐ gliere  anche  dalla  rabbia  quo;diana della  gente  le  condizioni  per  ridare all’an;ca  arte  della  polis,  il  suo  giusto ruolo  di  mezzo  per  il  raggiungimento del  bene  comune  troppo  spesso  di-­‐ men;cato.   Ci   riusciremo?   Non   lo sappiamo  ma  almeno  potremmo  af-­‐ fermare  di  averci  tentato. Giuseppe  Pietro  Maisto

«Il rigore è la precondizione per lo sviluppo e la crescita in Campania» Rigore  e  sviluppo  questo  il  binomio  sul quale  si  incanale  questa  amichevole  di-­‐ scussione  con  il  Governatore  della  Cam-­‐ pania,  On.  Stefano  Caldoro. Presidente,   un   quadro   congiunturale economico   estremamente   nega3vo per   la   Campania,   la   domanda   d’ob-­‐ bligo  é:  uscire  dal  tunnel  si  può? Si  può.  Occorre  però  tanto  lavoro.  La  si-­‐ tuazione  ereditata  dalla  preceden7  Am-­‐ ministrazioni   è   ben   nota.   Appena insediata  la  Giunta  regionale  ha  dovuto affrontare  gli  effe@  dello  sforamento del  paBo  di  stabilità  nell’anno  2009  per oltre  un  miliardo  e  le  conseguen7  san-­‐ zioni.  I  bilanci  2010  e  2011  hanno  per-­‐ tanto   dovuto   necessariamente uniformarsi  a  rigorosissimi  principi  di  ri-­‐ sanamento.   In   tale   difficile   scenario, inoltre,  si  sono  aggiun7  i  ripetu7  inter-­‐ ven7     di   riequilibrio   dei   con7   nazionali che  hanno  determinato  pesan7  tagli  ai trasferimen7   verso   le   Regioni   compro-­‐ meBendo  ulteriormente  la  situazione  di cassa.  La  situazione  del  Paese  è  nota  a tu@,  nessuno  nasconde  le  cri7cità.  In questo  contesto  ci  s7amo  muovendo. Non  è  facile  ma  andiamo  avan7  con  la buona   amministrazione   e   consapevoli di   aver   riacquistato   credibilità   in   Italia ed  in  Europa. Se   e   come   è   possibile   coniugare   le poche   risorse   economiche   e   concrete idee  di  sviluppo? Puntando   sulla   qualità.   Il   rigore,   che   è la  precondizione  per  lo  sviluppo  e  la  cre-­‐ scita,  ci  ha  permesso  di  ridurre  sensibil-­‐ mente  il  deficit  sanitario  e  di  contrarre le  spese  improdu@ve.  Abbiamo  ridoBo di   molto   la   spesa   corrente.   Ci   concen-­‐ triamo   sulle   buone   par7che.   Le   risorse liberate,  insieme  ai  fondi  europei  a  no-­‐ stra   disposizione,   saranno   inves7te, principalmente,   per   potenziare   il   si-­‐ stema   infrastruBurale   e   valorizzare   le

nostre  potenzialità.  Sviluppo  delle  aree interne,  rilancio  dei  due  por7,  quello  di Napoli,  ''grande  asset  della  Campania'' e   quello   di   Salerno.   Con   i   protocolli   del Più   Europa,   des7na7   alla   riqualifica-­‐ zione  delle  ciBà,  s7amo  riqualificando  i centri   urbani.   La   Giunta,   inoltre,     ha posto  in  essere  diverse  azioni  per  rilan-­‐ ciare   l'immagine   della   Campania   nel mondo.  I  grandi  even7,  il  rilancio  del San   Carlo,   il   grande   progeBo   Pompei. Abbiamo   straordinari   risulta7   nel   set-­‐ tore   della   alta   tecnologia   e   della   inno-­‐ vazione:   significa7ve   risorse   per   il sistema  produ@vo. Grandi  progeB  per  iniziare  una  vera fase  di  sviluppo,  come  ricercare  l'equi-­‐ librio   con   la   quo3dianità   ed   i   suoi   bi-­‐ sogni? Abbiamo  dato  una  importante  svolta nella   programmazione   dei   fondi   euro-­‐ pei.  Non  più  parcellizzazione  degli  inter-­‐

ven7  ma  concentrazione  delle  risorse  su pochi  e  mira7  “Grandi  Proge@”  che  in-­‐ teresseranno   tuBa   la   regione.   Dalla   ri-­‐ qualificazione   ambientale   alle   opere infrastruBurali.   La   Campania   di   domani   nell'ambito contestuale  del  Governo  e  dell'UE? L'  Unione  europea  riconosce  gli  sforzi messi  in  campo  da  questa      amministra-­‐ zione.  E'  mo7vo  di  soddisfazione  perchè vuol   dire   che   la   strada   intrapresa   e' quella   giusta.   Abbiamo   impegnato,   ad oggi,  fino  all'ul7mo  euro  a  disposizione. La   Regione   Campania,   prima   in   Italia, ha  scelto  di  agire  in  partenariato  con  la Commissione   europea   e   il   Governo, chiedendo  la  cos7tuzione  di  una  task force   interis7tuzionale.   E'   stata   una scelta   giusta.   Dobbiamo   proseguire   in questo  percorso,  con7nuando  a  lavo-­‐ rare   d'intesa   con   le   forze   sociali   e   con0nua  a  pag  .  2

primo  piano

Tempo di ascolto momento di incontro iniziativa del gruppo regionale federato “Caldoro Presidente” pag.  2

Passi significativi, soluzioni lontane rilancio della Regione, tempi maturi

pag.  3

Diabete Junior, volontariato in prima fila sostegno alle famiglie

pag.  4


2

ide@campania.it -­‐      quindicinale      -­‐      n.  0    -­‐  lunedì  11  giugno  2012 Parla il consigliere regionale Gennaro Salvatore

TEMPO DI ASCOLTO, MOMENTO DI INCONTRO L’idea di “Caldoro Presidente” nasce per semplificare l’organizzazione dei lavori in Aula

L

’idea   di   “Caldoro   Presidente” nasce  per  semplificare  l’organiz-­‐ zazione  dei  lavori  in  Aula  e  rafforzare la  maggioranza  consiliare.  Si  tra2a  di una   sorta   di   intergruppo,   che   ab-­‐ braccia   Nuovo   Psi,   PdL,   Dc,   Ci2à Nuove,  e  che  ne  salvaguarda  l’iden-­‐ ;tà.  L’ul;ma  adesione  in  ordine  di tempo,  quella  del  collega  Maisto,  ha fa2o  sì  che  la  maggioranza  raggiun-­‐ gesse   quota   39   consiglieri:   un   im-­‐ portante   riconoscimento   per   il Presidente  Caldoro,  che  vede  accre-­‐ scere  il  proprio  consenso  in  Consi-­‐ glio   regionale,   in   ragione   della ba2aglia   meridionalista   portata avan;  con  impegno  quo;diano. Tra  i  tan;  risulta;  che  vedono  impe-­‐ gnata   la   nostra   squadra,   “Tempo

d’ascolto”   è   uno   di   quelli   di   cui siamo   par;colarmente   orgogliosi, perché   ci   dà   l’opportunità   di   incon-­‐ trare  a  viso  aperto  gli  amministratori locali,  per  ascoltare  e  condividere  le istanze   del   territorio   e   che,   nelle tappe  di  Capua,  Avellino  e  Policastro ha   fa2o   registrare   una   massiccia adesione  ed  una  convinta  partecipa-­‐ zione  da  parte  delle  classi  dirigen; locali.  E’  fondamentale,  oggi  più  che mai,   uscire   dal   Palazzo   e   incontrare i  ci2adini  per  confrontarsi  realmente con  i  tan;  problemi  che  impegnano gli  amministratori  quo;dianamente e  per  tradurre  in  aK  concre;  le  so-­‐ luzioni   possibili,   anche   a2raverso l’aKvità  legisla;va  del  Consiglio  re-­‐ gionale.  La  campagna  d’ascolto  del

Il Governatore: «Sui grandi progetti, avanti con caparbietà».

Intervista al Presidente della Regione Campania

I   protocolli   di   intesa   sottoscritti tra   la   Regione   Campania,   il   Co-­‐ mune  di  Napoli,  la  Mostra  d'Oltre-­‐ mare,   l'arcidiocesi   di   Napoli,   il ministero   dei   Beni   Culturali   per   il polo   fieristico,   il   centro   storico   di Napoli   e   un   tratto   della   linea   6 della   metropolitana   sono   solo l'avvio  perché,  ha  assicurato  il  go-­‐ vernatore  della    Regione  Campa-­‐ nia,   Stefano   Caldoro,   «andremo avanti   fino   in   fondo   con   capar-­‐ bietà.   I   grande   progetti   sono   la grande  scommessa  -­‐  ha  detto  an-­‐ cora   il   Presidente   Caldoro   -­‐   per l'utilizzo  dei  fondi  strutturali.  Va-­‐ luteremo  insieme  quello  che  pos-­‐ siamo  fare  e  quello  che  in  corso d'opera  dovremo  cambiare». «L'Europa  e,  soprattutto,  la  Com-­‐ missione  Europea  -­‐  ha  concluso  il Governatore  -­‐  e  gli  organismi  pre-­‐ posti,  ed  in  qualche  caso  troppi, devono  però  capire  che  di  fronte a  questa  sfida  ci  devono  stare  vi-­‐ cini».  

www.santivodibretagna.it info@santivodibretagna.it

Gruppo   “Caldoro   Presidente”   toc-­‐ cherà   tu2e   le   province   campane, perché   ciascuna   ha   le   proprie   ri-­‐ sorse,   le   proprie   peculiarità,   le   pro-­‐ prie   problema;che,   che   il   Consiglio e     la   Giunta   sono   chiamate   ad   af-­‐ frontare,  pra;camente  ogni  giorno-­‐ .Gli   incontri   di   “Tempo   d’ascolto” rappresentano  l’occasione  per  pre-­‐ sentare  l’aKvità  legisla;va  del  no-­‐ stro  Gruppo,  che  spazia  dalla  tutela e   la   valorizzazione   delle   bo2eghe   e dei   locali   storici   all’is;tuzione   del Consiglio  regionale  dell’economia  e del  lavoro  o  dell’albo  di  manager  per l’internazionalizzazione  delle  piccole e  medie  imprese  regionali;  nonché dalla   riorganizzazione   delle   aree prote2e  e  dei  parchi  regionali  alle

disposizioni   per   incen;vare   inter-­‐ ven;   di   “ristru2urazione flessibile”degli  immobili  industriali dismessi  da  des;nare  a  nuove  aK-­‐ vità  produKve.   Gennaro  Salvatore Consigliere  regionale  della  Campania  

«Rigore e sviluppo, un binomio inscindibile. Nel 2013 consolidare l inversione già iniziata» segue  da  pag  1

imprenditoriali  della  Campania,  consa-­‐ pevoli  che  si  può  fare  sempre  meglio. Dobbiamo  collaborare  con  il  Governo  e quando  è  necessario  far  sen7re  la  no-­‐ stra  voce.  E'avvenuto  così  per  i  conprov-­‐ vedimen7   sulle   compensazioni,   sul fondo  di  garanzia  e  sul  ritardo  dei  paga-­‐ men7.  Era  ingiusta  l'esclusione  delle  im-­‐ prese  della  Campania  e  ci  siamo  baBu7 per  spiegare  le  nostre  ragioni  e  per  cam-­‐ biare  l'impostazione  delle  misure.  Ab-­‐ biamo  vinto  noi,  ha  vinto  la  Campania che  non  si  è  arresa  e  che  si  è  impegnata a  trovare  soluzioni. L’anno  2013  quello  della  possibile  in-­‐

versione  di  tendenza? Si  deve  lavorare  tanto.  Ma  una  inver-­‐ sione  si  è  già  registrata.  Abbiamo  messo i   con7   in   regola,   abbiamo   recuperato credibilità,  abbiamo  bloccato  l'indebita-­‐ mento.  La  regione  con  la  nostra  guida non   ha   faBo   un   euro   di   debito.     Ab-­‐ biamo  messo  in  campo,  dopo  circa  ven7 anni,  il  piano  regionale  sui  rifiu7,  siamo sta7   fra   le   prime   regioni   a   lanciare   il “piano   casa”,   abbiamo   ridoBo   i   cos7 della  poli7ca  –  la  migliore  performance in  Italia-­‐,  con  tu@  gli  en7  locali  e  con  le forze  preposte  avviato  tuBe  le  misure per   garan7re   massima   trasparenza nella  struBura  pubblica.  E'gia  par7ta  la

riorganizzazione  della  macchina  ammi-­‐ nistra7va   della   regione.   Poi   ancora   i primi  a  misurarsi  sul  'Piano  Lavoro'.  E' confortante  poi  che  le  nuove  poli7che del  lavoro  e  dell'occupazione  messe  in campo   dalla   Giunta,   pur   in   presenza delle    gravi  difficoltà  finanziarie  che  ab-­‐ biamo   ricordato,   s7ano   consentendo alla  nostra  Regione  di  reggere  la  crisi che  ha,  in  tuBo  il  Paese,  dimensioni  pre-­‐ occupan7.  Viviamo  un  momento  delica-­‐ 7ssimo,   la   nostra   regione   ha   grandi sofferenze,  ma  la  nostra  azione,  incisiva e   determinata,   ci   consente   di   guardare con  mo7vato    o@mismo  al  futuro. Ciro  Montella

“CAMPANIA EXPORT”, DDL IN DISCUSSIONE

UN’OPPORTUNITA’ PER I GIOVANI L

a  proposta  di  is;tuire  un  Albo  regio-­‐ nale   per   l’internazionalizzazione delle   piccole   e   medie   imprese   cam-­‐ pane  è  senz’altro  meritevole  di  grande a2enzione  da  parte  di  tu2e  le  forze  po-­‐ li;che  presen;  nel  territorio. Le  risorse  del  territorio  e  le  sue  produ-­‐ zioni  vanno  valorizzate  e  contemplate anche  dal  punto  di  vista  della  new  eco-­‐ nomy.  Nell’erra  della  globalizzazione, riuscire  a  supportare  le  imprese  in  ma-­‐ niera  innova;va,  per  quanto  concerne l’export,  diviene  fondamentale  ed  oc-­‐ casione  di  sviluppo  economico  ed  oc-­‐ cupazionale.  La  Regione  Campania  è  la prima  Regione  d’Italia  ad  is;tuire  un Albo  di  manager  a  supporto  dell’inter-­‐ nazionalizzazione  delle  piccole  e  medie imprese,  “l’idea”  di  valorizzare  giovani laurea;  campani,  a2raverso  un  corso di   alta   formazione,   risulterà   sicura-­‐ mente   vincente   nel   favorire   l’incre-­‐ mento  degli  scambi  commerciali  con l’estero  e  lo  sviluppo  della  crescita  pro-­‐

duKva  regionale.L’obieKvo  della  for-­‐ mazione  è  quello  di  sviluppare  tu2e  le competenze  di  ;po  economico  e  finan-­‐ ziario,  u;li  per  affrontare  con  successo

“valorizzare le professionalità presenti in Campania” le  dinamiche  di  merca;  nuovi  ed  in  co-­‐ stante  evoluzione.I  vantaggi  per  le  pic-­‐ cole   e   medie   imprese   potrebbero essere  notevoli,  infaK,  da  studi  effet-­‐ tua;,  risulta  che  le  aziende  che  per  la prima   volta   si   affacciano   al   mercato estero,  addiri2ura  raddoppierebbero  i loro  fa2ura;  in  pochi  anni.  Bas;  pen-­‐ sare  alle  aziende  campane  di  prodoK ;pici,    meri  prodoK  di  eccellenza  po-­‐ trebbero  le2eralmente  invadere  paesi

come  la  Cina,  l’India,  il  Brasile  e  altri, paesi  che  si  sono  impos;  di  prepotenza negli  ul;mi  anni  sulla  scena  mondiale grazie   al   “boom”   economico,   indu-­‐ striale  e  tecnologico.  I  vantaggi  per  il territorio  sarebbero  importan;  in  ter-­‐ mini  di  occupazione,  sviluppo  econo-­‐ mico  ed  industriale. Giovanni  Caso vice  presidente  ideacampania

ide@campania.it - quindicinale numero unico in attesa di registrazione presso il Tribunale di Napoli DIRETTORE RESPONSABILE: Ciro Montella REDAZIONE: Giovanni Caso, Pacella Giuseppe, Vincenzo De Angelis, Vittorio Merito, Marco Di Vaio Associazione IDEACAMPANIA Napoli, Centro Direzionale isola G8 80147 - c.f. 95166150631


3

ide@campania.it -­‐      quindicinale      -­‐      n.  0    -­‐  lunedì  11  giugno  2012 MATURO IL TEMPO PER UN RILANCIO PIÙ AMPIO DELL’AZIONE DELLA REGIONE

PASSI SIGNIFICATIVI MA SOLUZIONI LONTANE I n   una   recente   uscita   pubblica   il presidente   della   regione   Stefano Caldoro  ha  orgogliosamente  rivendi-­‐ cato  i  grandi  risulta;  o2enu;  nel  ri-­‐ sanamento   dei   con;   della   sanità campana.  I  risulta;  sono  davan;  agli occhi  di  tuK:  l’eredità  del  passato era  pesan;ssima,  in  termini  di  inde-­‐ bitamento   accumulato   e   di   disa-­‐ vanzo  corrente,  tanto  che  solo  pochi credevano   possibile   il   turnaround; troppe   erano   le   resistenze   poli;che e  sociali  da  dover  affrontare,  nulle  le risorse  aggiun;ve  disponibili  e  cio-­‐ nonostante  i  progressi  o2enu;  sono sta;   riconosciu;   finanche   dal   go-­‐ verno  nazionale.  Oltre  a  rivendicare, e  giustamente,  il  merito  per  quanto raggiunto,   il   Presidente   ha   aperto alla  prospeKva  degli  inves;men;  e delle  nuove  assunzioni,  al  fine  di  ele-­‐ vare   gli   standard   delle   prestazioni erogate,  annunciando  una  sorta  di “fase  due”  nella  ges;one  della  sanità regionale. Quanto  accaduto  per  la  sanità  può essere  considerato  come  paradigma dell’approccio  scelto  da  questo  go-­‐ verno  regionale  nell’affrontare  la  si-­‐ tuazione   cri;ca   ereditata   dal

bassolinismo:  casse  vuote,  monta-­‐ gne  di  debi;,  amministrazione  ineffi-­‐ ciente,   economia   in   difficoltà,   alta disoccupazione. E’  maturo  il  tempo  per  un  rilancio più  ampio  e  globale  dell’azione  della regione,   oltre   i   confini   del   fonda-­‐ mentale   e   delica;ssimo   comparto della  sanità.

“Solo lo sviluppo garantisce migliore qualità della vita” Il  sistema  di  trasporto  pubblico  si  è a2estato  su  livelli  di  spesa  insosteni-­‐ bili  ed  è  gravato  da  una  pesante  ere-­‐ dità  di  debi;  già  contraK  ed  opere pubbliche  incomplete,  la  ques;one ambientale,   tra   territori   da   bonifi-­‐ care  e  ges;one  del  ciclo  dei  rifiu; non  ancora  a  regime,  la  formazione professionale  che  ancora  non  riesce a  colmare  il  gap  tra  esigenze  delle imprese   e   qualificazioni   degli   ad-­‐ deK.  In  tuK  ques;  se2ori  la  giunta Caldoro   ha   compiuto   significa;vi

passi  avan;:  rompendo  con  le  prassi e  le  caKve  abitudini  del  passato,  ha a2accato  dire2amente  le  cause  dei problemi.   Tu2avia   le   soluzioni   sono ancora  molto,  troppo  distan;. L’approccio   riformista,   ispirato   al contenimento   della   spesa,   al   rior-­‐ dino  e  al  risanamento  dell’ammini-­‐ strazione,  ha  prodo2o  i  suoi  fruK, ma  le  ques;oni  più  sco2an;  sono ancora  sul  tappeto. Più  di  tuK,  pare  distante  la  soluzione dell’eredità   più   pesante   del   bassoli-­‐ nismo:  il  so2osviluppo  economico.   Solo   lo   sviluppo   garan;sce   qualità della  vita  ai  ci2adini;  solo  lo  sviluppo può  garan;re  maggiori  afflussi  di  ri-­‐ sorse  anche  alle  casse  della  regione, risorse  da  impiegare  nel  taglio  del-­‐ l’enorme  pressione  fiscale  locale  o  in inves;men;   in   grado   di   sostenere ulteriormente  lo  sviluppo. Lo   sviluppo   può   essere   sostenuto anche  a2raverso  interven;  non  di-­‐ spendiosi,  a2raverso  leggi  di  sistema che  indichino  agli  imprenditori  per-­‐ corsi  cer;  entro  cui  istradare  le  pro-­‐ prie   scelte   imprenditoriali, a2raverso  strumen;  is;tuzionali  che favoriscano  la  cooperazione  leale  a

svantaggio  delle  pra;che  compe;-­‐ ;ve  scorre2e. Ancor  di  più  lo  sviluppo  può  essere sostenuto  se,  con  la  collaborazione del   governo   tecnico   da   o2enere   fa-­‐ cendo   valere   il   proprio   capitale   di credibilità  is;tuzionale,  si  riuscisse  a costruire  un  piano  straordinario  per impegnare  il  fiume  di  risorse  euro-­‐ pee  che  a2ende  a  Bruxelles  proprio per  sostenere  la  riduzione  del  diva-­‐ rio  economico  con  il  resto  del  con;-­‐ nente. Ma  c’è  da  essere  fiduciosi,  perché  un rilancio   dell’azione   di   governo   se-­‐ condo  queste  coordinate  non  è  solo indispensabile,   ma   è   anche   possi-­‐ bile. Prof.  Raffaele  Fiume ordinario  di  Economia  aziendale

PROBLEMA OCCUPAZIONE AL FEMMINILE NEL MEZZOGIORNO

DONNE E LAVORO, ANCORA UN TABÙ A lle   falde   del   Kilimangiaro?   No, alle   pendici   del   Vesuvio,   del-­‐ l'Etna,   dello   Stromboli,   delle   Mado-­‐ nie,  della  Sila...  La  realtà  lavora;va delle  donne  meridionali  ha  delle  pe-­‐ culiarità.  Alcune  da  guiness  dei  pri-­‐ ma;.  Secondo  uno  studio  presentato a   luglio   del   2010,   “Il   Sud   e   la   condi-­‐ zione  delle  donne”  in  occasione  della kermesse  FestAmbiente  Sud  organiz-­‐ zata  da  Legambiente:    “Con  la  crisi,  la già  modesta  quota  di  donne  meridio-­‐ nali  con  occupazione  si  è  rido2a,  ma sopra2u2o   si   sono   inesorabilmente chiuse  le  porte  di  accesso  al  lavoro per   le   giovani   donne   del   Sud   (...) Troppo  spesso  le  giovani  meridionali studiano   per   stare   a   casa,   o   quando va  bene  per  emigrare  (...)    ragazza  di 15-­‐29  anni  su  3  che  risiede  nel  Mez-­‐ zogiorno   non   ha   svolto   nel   2009   né aKvità  di  studio    né  lavora”.  Si  scopre così   l'esistenza   di   una   nuova   tribù:   i NEET.  Chi  aderisce  non  ha  nulla  in  co-­‐ mune   con   gli   hyppies   o   con   gli   yup-­‐ pies   ma   è   più   vicino   alla   sfigat genera;on.   NEET   è   infaK   l'acroni-­‐ smo   di   Not   in   Employment,   Educa-­‐ 3on  or  Training.  Non  si  studia,  non  si lavora,  non  si  segue  alcun  ;po  di  aK-­‐ vità  forma;va.  Come  si  trascorre  il tempo  allora?  Le  risposte  si  diversifi-­‐ cano  per  fasce  di  età  e  appartenenza di   genere.   Se   si   tra2a   di   giovane   e

il  cambio  di  residenza.  Ci  sono,  poi,  le presa   sono,   per   il   sistema   credi;zio, coraggiose  che  non  solo  decidono  di le  meno  affidabili,  le  più  pericolose. Angela  Uliano non  par;re  ma,  addiri2ura,  di  fare  le pari  opportunità  Regione  Campania imprenditrici.   Quest'ul;me   operano in  un  contesto  vischioso.  La  princi-­‐ pale  vischiosità  la  incontrano  nell'ac-­‐ cesso  al  credito.  Il  denaro  al  Sud  costa di  più.  Ma  questo  è  vero  per  tuK,  uo-­‐ mini   e   donne.   Quello   che   invece   è vero  solo  per  le  donne,  sull'intero  ter-­‐ Ad  aprile  2012  gli  occupa;  sono ritorio   nazionale,   è   che   per   loro   il 22.953  mila,  in  diminuzione  dello tasso   di     interesse   è   superiore   dello 0,1%   (-­‐28   mila   unità)   rispe2o   a 0,3%   rispe2o   a   quello   pra;cato   per marzo.  Il  calo  è  determinato  dalla gli  uomini.  Il  costo  più  elevato  non  si contrazione  dell’occupazione  ma-­‐ gius;fica  né  con  un  maggior  insuc-­‐ schile.  Nel  confronto  con  lo  stesso cesso  dele  imprese  femminili  né  per mese  dell’anno  precedente  l’occu-­‐ l'appartenenza  a  se2ori  ritenu;  a  ri-­‐ pazione  segna  un  aumento  dello schio.  No,  la  maggiorazione  si  gius;-­‐ 0,1%  (23  mila  unità). fica  solo  per  il  fa2o  che  a  chiedere  Il  tasso  di  occupazione  è  pari  al credito  sia  una  donna  imprenditrice. 57,0%,   invariato   in   termini   con-­‐ E  che  questo  sia  l'unico  mo;vo  è  di-­‐ giunturali   ma   in   aumento   di   0,2 mostrato   dal   differenziale   tasso   ap-­‐ pun;   percentuali   nel   confronto plicato   in   ragione   del   genere   del tendenziale. garante.  Se  il  garante  dell'operazione  Il  numero  dei  disoccupa;,  pari  a credi;zia   è   un   uomo   il   tasso   è   più 2.615   mila,   cresce   dell’1,5%   (38 mila   unità)   rispe2o   a   marzo.   Su basso  se  è  una  donna  è  più  alto.   Quindi  se  a  creare    un'impresa  è  una base  annua  il  numero  di  disoccu-­‐ donna  che  ha  come  garante  un'altra pa;  aumenta  del  31,1%  (621  mila donna   è   doppiamente   penalizzata: unità). l'interesse  è  dello  0,6%  (fonte  CNEL).  Il  tasso  di  disoccupazione  si  a2e-­‐ Capitani  coraggiosi  di  impresa  siete  i sta   al   10,2%,   in   aumento   di   0,1 benvenu;  nel  sistema  credi;zio,  le pun;  percentuali  rispe2o  a  marzo donne,  gen;lmente,  si  presen;no  ac-­‐ e  di  2,2  pun;  su  base  annua. compagnate!  Le  donne  che  fanno  im-­‐

Dati Istat preoccupanti

giovanissime   (la   precisione   è   di   ob-­‐ bligo  poiché  il  conce2o  di  gioventù tende  oggi  a  dilatarsi  con  l'allungarsi della  vita  media  e  la  necessità  di  as-­‐ secondare   l'umano   rifiuto   all'invec-­‐ chiamento)  il  tempo  è  scandito  dalle comode   aKvità   assicurate   dal   poter prolungare  lo  stato  di  “figlio  di  fami-­‐ glia”  accompagnate  da  un  galleggia-­‐ mento  assicurato  dai  lavori  saltuari  e invisibili.  Per  chi  non  può  più  benefi-­‐ ciare  dell'ombrello  proteKvo  fami-­‐ liare   l'appartenenza   alla   tribù   si traduce  con  lo  svolgimento  di  lavoro irregolare.    Se  si  è  donne,  infine,  è possibile  una  ulteriore  declinazione: cura   della   famiglia,   quella   già   in   es-­‐ sere   o   quella   da   creare.   La   difficoltà di  inserimento  nel  mondo  del  lavoro delle   donne   del   sud   si   manifesta anche  a2raverso  un  fenomeno  defi-­‐ nito   “pendolarismo   di   lungo raggio”ovvero   una   emigrazione   così precaria   da   non   prevedere   neanche


4

ide@campania.it -­‐      quindicinale      -­‐      n.  0    -­‐  lunedì  11  giugno  2012 “PER NULLA DIVERSI, PIUTTOSTO SPECIALI”, IL MOTTO DELL’ASSOCIAZIONE CAMPANA

DIABETE JUNIOR, SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE L ’Associazione   Diabete   Junior nasce  dalla  volontà  di  un  gruppo di  genitori,  che  hanno  figli  con  dia-­‐ bete  di  ;po  1  cioè  insulino  dipen-­‐ den;,  di  rendere  il  futuro  dei  loro ragazzi   migliore.   L’organizzazione opera  senza  scopo  di  lucro  con  fina-­‐ lità  di  solidarietà  sociale  e  socio-­‐sa-­‐ nitaria  con  associa;  volontari    che me2ono  a  disposizione  degli  altri  la propria   esperienza,   il   proprio   vis-­‐ suto,   le   proprie   competenze,   con-­‐ vin;   che   l’unione   faccia   la   forza   e per  me2ere  in  pra;ca  quello  che  è  il nostro  mo2o:  “Per  nulla  diversi,  ma piu2osto  speciali”  .  Crediamo  che  la vita  non  è  ora  (  life  is  now  ),  ma  è  do-­‐ mani,   dopodomani,   nel   divenire   e nelle  capacità  di  programmare  degli obbieKvi   e   tentare   di   realizzarli   . Quando  si  avverte  l’esigenza  di  fare di  più  o  che  non  tu2o  sia  svolto  nel modo  dovuto,  quando  si  crede  che le  is;tuzioni  siano  lontane  da  quelle che  sono  le  problema;che  e  le  esi-­‐ genze  degli  individui  è  allora  che  na-­‐ scono  le  associazioni  di  volontariato per  cercare  di  realizzare  ciò  che  al-­‐ trimen;   rimarrebbe   sospeso   nel limbo   dell’indefinito.   Il   diabete   è

una   malaKa   cronica cara2erizzata   dalla presenza   di   eleva; livelli  di  glucosio  nel sangue   (iperglice-­‐ mia)   e   dovuta   a un’alterata  quan;tà  o funzione   dell’insu-­‐ lina,   ormone   pro-­‐ do2o  dal  pancreas, che   consente   al glucosio   l’in-­‐ gresso   nelle   cel-­‐ lule   e   il   suo   conseguente   u;lizzo come   fonte   energe;ca.   Quando questo   meccanismo   è   alterato,   il glucosio  si  accumula  nel  circolo.  La progressiva  carenza  di  insulina  fa  in-­‐ nalzare   il   livello   di   glucosio   nel   san-­‐ gue  (glicemia)  e,  quando  la  glicemia supera   i   180   mg/dl   compare   gluco-­‐ sio  nelle  urine.  La  comparsa  del  glu-­‐ cosio  aumenta  la  quan;tà  di  urine escrete   ed   il   bambino   comincia   a presentare  poliuria  (molte  –  urine) con   conseguente   aumento   della sete  e  della  quan;tà  di  liquidi  inge-­‐ rita  (polidipsia).Sono  proprio  la  po-­‐ liuria  (spesso  anche  no2urna)  e  la polidipsia   i   primi   sintomi   che   aK-­‐

rano   l’a2enzione dei   genitori   e fanno   sì   che ques;   si   rivol-­‐ gano  al  pediatra.     La  nostra  associa-­‐ zione,   infaK, vuole   essere   di sostegno,   so-­‐ pra2u2o   al-­‐ l’esordio  della malaKa,   alle famiglie  alle  quali é   diagnos;cata   questa   patologia, che  vengono  travolte  da  un  vero  tzu-­‐ nami  emo;vo  ed  organizza;vo  che altera  gli  equilibri  e  le  dinamiche  fa-­‐ miliari.  L’associazione,  inoltre,  indi-­‐ rizza  le  famiglie  nello  svolgimento  di tu2e  le  pra;che  burocra;che  rela-­‐ ;ve   alla   patologia,   si   impegna   nelle aKvità   previste   dalla   legge   regio-­‐ nale;  si  impegna  per  l’organizzazione di   campi   scuola   aK   all’addestra-­‐ mento   del   bambino   per   renderlo autonomo  nella  ges;one    della  pa-­‐ tologia.   L’associazione,   tra   i   suoi compi;  primari,  proprio  per  questo, si  impegna  a  mantenere  streK  i  con-­‐ taK   con   gli   en;   sanitari   nazionali

per   garan;re   la   prestazione   delle cure.  La  diagnosi,  così  come  raccon-­‐ tano   mol;   giovani   con   diabete   ed anche  i  loro  genitori,  rappresenta  un momento  determinante  nella  vita  di una  persona. Da  quel  momento  la  vita  cambia  per sempre  e  i  primi  sen;men;  che  si provano,  sono  angoscia,  paura,  di-­‐ sperazione,  senso  di  inadeguatezza.   Per  questo  è  importante  che  il  dia-­‐ betologo  e  ,  sopra2u2o,  il  team  cu-­‐ rante   il   giovane   non   si   preoccupi solo  di  somministrare  la  terapia,  ma dedichi  il  tempo  necessario  alla  edu-­‐ cazione  del  paziente  e  della  famiglia, al   fine   di   perme2ere   loro   di   ges;re il  diabete  e  di  convivere  con  questa patologia,  mantenendo  al  più  alto  li-­‐ vello  possibile  la  qualità  di  vita.  La nostra  idea,  infaK,  è  quella  che  un buon  team  che  segua  i  nostri  ragazzi non  si  debba  “preoccupare”  per  loro ma  “occuparsi”  di  loro,  al  fine  di  ga-­‐ ran;re  una  soddisfacente  qualità  di vita  ed  un  benessere  psico-­‐fisico-­‐so-­‐ ciale  dei  ragazzi  nella  quo;dianità  di tuK  i  giorni  della  loro  vita  . Olimpia  Cimmino v.  presidente  Ass.  Diabete  Junior

LA SFIDA PER SCOPRIRE CHEF E PIATTO MIGLIORE

LE ECCELLENZE DELLA REGIONE ... A TAVOLA Certificazione L a  sfida  per  scoprire  lo  chef  e  il piatto  migliore  della  Campania ha  già  i  suoi  primi  tre  finalisti.   La  serata  inaugurale  del  “Gala  dei sapori   campani”   ha   infatti   decre-­‐ tato   la   terna   per   la   provincia   di Terra  di  Lavoro.  Si  tratta  di  Daniele Roviezzo,   chef   ventisettenne   di Montesarchio  al  quale  è  andata  la medaglia  d'oro,  seguito,  al  secondo posto,  da  Fabrizio  Anzini  e,  al  terzo, da  Francesco  Restivo.   «Attraverso  l’enogastronomia  -­‐    ha voluto   precisare   il   consigliere   re-­‐ gionale  Giuseppe  Maisto  -­‐  si  può senz’altro   proseguire   lungo   il   vir-­‐ tuoso  percorso  che  porta  la  nostra regione   attraverso   le   sue   eccel-­‐ lenze  a  riprendersi  il  giusto  ruolo che  le  compete  tra  le  regioni  ita-­‐ liane  a  più  alta  vocazione  turistica. Non   si   può,   infatti   -­‐   ha   concluso

l’esponente   politico   campano   -­‐ solo  predicare  il  turismo,  bisogna, invece,   promuoverlo   seriamente con  iniziative  concrete  e  mi  sembra che  il  Galà  dei  sapori  campani  pos-­‐ segga  tutte  queste  caratteristiche.   Per   il   consigliere   regionale   del gruppo   federato   Caldoro   Presi-­‐ dente,  Angelo  Marino,  «l’evento    è un  esempio  concreto  della  volontà di  molti  giovani  di  esaltare  le  capa-­‐ cità  e  la  fantasia  personale  in  uno dei   principali   settori   qualificanti della  nostra  regione,  l’Enogastro-­‐ nomia,  non  vi  è  dubbio  che  bisogna proseguire   lungo   questo   per-­‐ corso».   Soddisfatti   dell’esito   della   sfida   il direttore   dell'Accademia,   Sergio Angrisano,   e   il   presidente   Gian-­‐ franco  Anzini.  «Lo  scopo  dell'Acca-­‐ demia   professionale   della

crediti anche per la Campania

ristorazione  -­‐  dicono  -­‐  non  e'  solo quello  di  formare  e  preparare  dei professionisti.   L'Accademia   e'   un marchio  di  qualità  che  rappresenta l'Italia  a  tavola.  Noi  formiamo  dei testimonial  del  gusto  e  della  cucina italiani''.  Prossima  sfida  a  settem-­‐ bre  in  Costiera  sorrentina. Vincenzo  De  Angelis

L'emendamento,  che  era  stato  già approvato   la   scorsa   settimana dalle  Commissioni  Bilancio  e  af-­‐ fari  Costituzionali,  introduce  a  ca-­‐ rico   delle   Aziende   del   Sistema sanitario   nazionale   l’obbligo   di certificazione   dei   crediti   su istanza  del  creditore.   In  base  a  una  legge  del  2009  que-­‐ sti  Enti  erano  esclusi  dalla  possi-­‐ bilità   di   certificare.   Quindi l'imprenditore,  potrà  cedere  alle banche  i  propri  crediti,  che  hanno ora  la  garanzia  dello  Stato,  otte-­‐ nendo  così  liquidità.   Ma  la  novità  vera  è  che  la  certifi-­‐ cazione   arriva   anche   per  i   crediti vantati  verso  le  Regioni  sottopo-­‐ ste  a  piano  di  rientro  da  extra-­‐de-­‐ ficit  nella  sanità,  articolato  in  un programma  di  pagamenti  plurien-­‐ nali


Idea Campania N°0