Issuu on Google+

Capitale Sociale € 120.000,00 i.v. Iscrizione UIF Banca D’Italia 5003983

Giornale settimanale di informazione e annunci - Spedizione in abb. postale, art. 2 com. 20/b, leg. 662/96 - Filiale RE. Contiene I.P. - Editrice Reporter srl Redazione, amministrazione e pubblicità: via Emilia Ospizio, 23 - 42122 Reggio Emilia - tel. (0522) 45.50.50 r.a. - Fax (0522) 45.35.15

VALUTIAMOÊ ILÊ TUOÊ OROÊ 27Ê €Ê alÊ grÊ

PURO

internet: www.reporter.it • e-mail: redazione@reporter.it Anno 24 • numero 35 • 16 settembre 2011

€ 1,90 NUMERO VERDE

Reggio e gli omicidi in famiglia. La cronaca, le cause, i protagonisti di trent’anni di storie di ordinaria follia

800078538

Sangue del proprio sangue APERTO LA DOMENICA MATTINA VENERDI’ PESCE

A Rubiera una risposta per le tue esigenze. UN MIX DI ESPERIENZA, PROFESSIONALITÀ  E SERIETÀ DI UN LAVORO BEN RIUSCITO E CONFORME ALLE RICHIESTE.

ROSSELLA PORCHEDDU E ANDREA VACCARI DA PAGINA 4 A 6

ALL'INTERNO L’ASCENSORE I buoni e i cattivi di questa settimana A pagina 2

SPECCHO SEGRETO Delrio sostituirà Errani? I rumors della politica A pagina 3

PEGGIO EMILIA Via Emilia Ospizio la coda è take away A pagina 7

NELL'EDIZIONE DI QUESTA SETTIMANA DI REPORTER ANNUNCI ECONOMICI TROVERETE GLI SPECIALI DEDICATI A

GUASTALLA CASTELNOVO NÈ MONTI ARTE IN FIERA CADELBOSCO RUBIERA PRATICELLO

REPORTER WEEKEND Tutti gli appuntamenti per il tempo libero Nell’inserto

DIVISIONE UNO • Tinteggio • Verniciature ed affini • Cartongesso • Controsoffittature Civili ed Industriali

DIVISIONE DUE • Ristrutturazioni • Restauri conservativi • Rivestimenti a cappotto • Rasatura armate

Via Salerno, 5 - 42048 RUBIERA (RE) Tel. 0522.628019 - Fax 0522.261455 - Cell. 329.2733394 www.tinta3edilizia.it - E-mail: info@tinta3edilizia.it

Impianti elettrici e sistemi integrati

S.r.l. CERAMICHE - COTTO KLINKER - LEGNO SANITARI - ARREDO BAGNO

DIVISIONE IMPIANTI: • Installazione pompe sommerse • Impianti di antintrusione • Impianti di automazione cancelli • Impianti fotovoltaici DIVISIONE AUTOMAZIONE: • Consulenza di studio • Preventivi e progettazione • Costruzione attrezzature e macchinari

A RICHIESTA SI EFFETTUA LA POSA IN OPERA

ELETTRO-T s.a.s. di Severi Giovanni Via Platone n. 20 – Rubiera (Reggio Emilia) Tel. 0522/626109 Fax 0522/ 261944 Cell. 335-5327490 337-584160 - Email elettro.t@tin.it

Preventivi e Consulenza Gratuiti Via Togliatti, 9/1 - RUBIERA (RE) Tel. e Fax 0522/627218

UN GRANDE GRUPPO UN GRANDE ORGOGLIO AL VOSTRO SERVIZIO

CONCESSIONARIA

Pitture Interne ed Esterne Rivestimento a Cappotto Ristrutturazioni Cemento Armato Restauri e Cartongesso Gianluca Corradini Cell. 329.3023030 CONCESSIONARIA FIAT - LANCIA Via Cartesio, 4/ABCDEF 42100 REGGIO EMILIA Tel. 0522 340672 - 345105 Fax 0522 345242

www.bonacini.fiat.com bonacini@fiatweb.com

CONCESSIONARIA ALFA ROMEO Via Curie, 4 42100 REGGIO EMILIA Tel. 0522 558493 Fax 0522 268025

Gian Luca Duzzi Cell. 335.1901070

C.M. Tinteggi di Gianluca Corradini e Gian Luca Duzzi Rubiera RE - Via Togliatti, 9 - E-mail:ciemmetinteggi.re@libero.it


Pag.

2

venerdì

Ascensore

L'

CONSIGLIO COMUNALE

I

l clima di antipolitica che pervade il Paese dev’essere veramente molto forte. Almeno a giudicare da quanto successo all’ultima seduta del Consiglio Comunale. Esponenti del centro destra che chiedono di tagliare i costi, mentre quelli del centrosinistra replicano difendendo i costi della democrazia, anzi, rilanciando per salvare la festa del Patrono (importante per la coesione sociale e per il sentimento religioso) mentre dal centrodestra si dicono disponibili ad appoggiarli, a patto che venga tolta la frase relativa al valore commerciale della manifestazione. Ci sarà anche la crisi, ma almeno le occasioni per farsi due risate non mancano mai.

16 settembre 2011 - REPORTER

Ascensore dei lettori

L'

TA

VO

LE NOMINATION DI QUESTA SETTIMANA Andate sul sito www.reporter.it per votare il vostro ascensore della settimana entro martedì 20 settembre (i risultati saranno pubblicati sul numero di Reporter in edicola da venerdì 23 settembre)

DONATO VENA

D

imezzare le sedute del consiglio comunale per tagliare del 50% i gettoni di presenza. Per di più chiedendo ai consiglieri di fermarsi per 6, 8 ore di lavoro a buon ritmo e non per le 4 di ritmi blandi che si fanno oggi. Questa la ragionevole proposta di Donato Vena (Comunisti Italiani) che, secondo i suoi calcoli, consentirebbe al Comune di risparmiare circa 80mila euro l’anno. Una buona idea, che va incontro alla richiesta popolare di abbattere gli sprechi. Chissà se a Reggio Emilia decideranno di adottarla. Complimenti a Vena per averla quantomeno lanciata.

DONATO VENA VALERIA MONTANARI SAN PROSPERO DONATO VENA PROPONE DI DIMEZZARE LE SE“VOLETE TORNARE AL PODESTÀ? LA DEMOCRAZIA HA DEI SI DIBATTE IN CONSIGLIO COMUNALE PER DUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI REGGIO PER RISPARMIARE 80MILA EURO L’ANNO DI GETTONI, RIMBORSI E STIPENDI: SIETE D’ACCORDO OPPURE VI SEMBRA DEMAGOGIA?

COSTI”. COSÌ LA CONSIGLIERA COMUNALE DEL PD VALERIA MONTANARI HA RISPOSTO ALLE OPPOSIZIONI CHE CHIEDEVANO DI TAGLIARE ASSESSORI,DIRIGENTI,CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE E COMPENSI PUBBLICI.VOI COSA NE PENSATE?

SALVARE LA FESTA DEL PATRONO DI REGGIO. GIUSTO MANTENERE LA FESTIVITÀ IN OCCASIONE DI SAN PROSPERO?

MAURO DEL BUE

C

’era anche l’assessore allo sport Mauro Del Bue alla festa di inaugurazione del nuovo stadio della Juventus. Del Bue è andato anche per sottolineare, cartello scritto a mano bene in vista, che non è la Vecchia Signora la prima società italiana con uno stadio di proprietà in quanto la Reggiana nel 1995 realizzò il Giglio. Vista com’è andata a finire, non sembra una cosa di cui vantarsi, specie con un cartello scritto a pennarello che certo non è il massimo dal punto di vista del marketing. Ma è anche vero che per la storia sarà la Juve ad aver avuto il primo stadio di proprietà, con buona pace della Reggiana.

ROSY BINDI “L’ANAGRAFE NON BASTA!” HA TUONATO ROSY

CINEMA CAPITOL ABBATTUTO LO STORICO LOCALE CHEVIDE LA NASCITA DEI

BINDI DA FESTAREGGIO NELLA SERATA CONCLUSIVA IN UN FORTISSIMO ATTACCO AL ROTTAMATORE MATTEO RENZI. CHI HA RAGIONE?

CINEFORUM A REGGIO EMILIA. STATE CON I NOSTALGICI CHE LO RIMPIANGONO O CON CHI SOSTIENE CHE ERA ORA DI FAR POSTO A UNA STRUTTURA PIÙ MODERNA?

I VERDETTI DEI LETTORI DI WWW.REPORTER.IT

RCF

Q

uella di Del Bue non era l’unica presenza reggiana allo stadio della Juventus: l’impianto sonoro, infatti, è stato realizzato dalla Rcf di Mancasale. L’azienda reggiana ha infatti vinto l’appalto per realizzare l’impianto audio dello stadio bianconero, con le casse acustiche made in Reggio Emilia che da anni sono famose ed apprezzate in tutto il mondo. Complimenti all’azienda reggiana, che ha fatto un’impresa, questa sì, di cui vantarsi.

NOTTE BIANCA DI GUASTALLA

A

Reggio Emilia non si sono messi d’accordo, a Guastalla invece sì, e l’hanno fatta. Ed è stata un successo. La notte bianca edizione 2011 del comune della Bassa si è tenuta sabato 10 settembre, proprio quando avrebbe dovuto avere luogo quella di Reggio se non fosse che il Comune ha deciso di non realizzarla. La partecipazione dei guastallesi dimostra come la voglia della gente di eventi è ancora alta e non servono cartelloni costosi o progetti “altissimi” per convincere la gente ad uscire di casa.

REPORTER DIVENTA

QUOTIDIANO SUL WEB

www.r epor ter.it Politica, economia, cronaca, sport, agenda spettacoli, rubriche e opinioni, annunci: tutte le notizie su Reggio Emilia aggiornate ogni giorno in tempo reale. Sul nuovo sito di Reporter trovi tutto, ma proprio tutto sulla tua città.

ON LINE

PROMOSSI

RIMANDATI

Pallacanestro Reggiana Notte bianca

Festareggio Cgil-Cisl

BOCCIATI Reggiana

Una buona campagna acquisti, un buon inizio di campagna abbonamenti e prove convincenti nelle amichevoli estive: sono questi gli ingredienti di una ricetta che piace ai lettori del nostro sito. Sull’ascensore dei lettori di www.reporter.it, infatti, la Pallacanestro Reggiana ha fatto il record di frecce verdi in salita. Insomma, dopo la difficile stagione passata i nostri lettori sembrano intenzionati a dare fiducia alla Pallacanestro Reggiana in questo campionato che sta per andare a cominciare. Lettori che hanno anche sentito la mancanza della Notte Bianca di Reggio Emilia, vero evento clou dell’estate che quest’anno ha allietato praticamente tutti i comuni della provincia ma non il capoluogo. Tra i rimandati, invece, Festareggio che ha ricevuto giudizi contrastanti tra l’esaltazione di una tradizione di confronto e la bocciatura di una formula secondo alcuni da rivedere e da svecchiare. Opinioni decisamente contrastanti anche per quanto riguarda l’atteggiamento di Cgil e Cisl nei confronti della manovra finanziaria: al di là delle posizioni, c’è chi premia i sindacati ma anche chi sostiene che pensino troppo a fare politica e non abbastanza ai diritti dei lavoratori. Decisamente bocciata dai nostri lettori, invece, la Reggiana: se dopo la prima schizofrenica prova di campionato il giudizio restava comunque sospeso, dopo la deludente sconfitta casalinga contro il Monza i giudizi dei nostri lettori sono diventati decisamente negativi. Ma siamo certi che basteranno alcune prove convincenti per far cambiare idea agli sportivi di www.reporter.it

Redazione: Via Emilia Ospizio 23/b - Reggio Emilia. Tel. (0522) 45.50.50 Fax 45.35.15. E-Mail: redazione@reporter.it. Internet: http://www.reporter.it

Giornale quotidiano iscritto al n° 3831 del Registro Nazionale della Stampa Iscritto al R.O.C. al n° 2075 Autorizzazione del Tribunale di Reggio E. n° 686 del 8/3/1988 Editore: Reporter srl Direttore Responsabile: Emanuele Iannuccelli Direttore Editoriale: Giampaolo Corradini g.corradini@reporter.it Redazione cultura e spettacoli: Sabrina Basoni s.basoni@reporter.it Redazione cronaca e sport: Gabriele Cantarelli g.cantarelli@reporter.it Segreteria di redazione: Simona Alberti, Elisa Fiaccadori, Zahira Jarmouni Fotocomposizione: Reporter srl Stampa: Galeati Industrie Grafiche - Imola www.galeati.it Fotografie: Fotostudio 13 Concessionaria pubblicità: Reporter srl, via Emilia Ospizio 23/b Reggio Emilia. Tel. 0522/455050 Reporter Web: reporter@reporter.it ASSOCIATO ALL'USPI UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA

Collaboratori: Elisa Adelgardi, Mariangela Anceschi, Gloria Annovi, Paolo Bardelli, Valerio Benassi, Alessandro Bertolotti, Nico Biagianti, Andrea Bianchi, Mara Bianchini, Chiara Celada, Maria Laura Chiodera, Pietro Cittamanda, Orlando Corradini, Pietro Corradini, Claudia Ferretti, Lucio Ferri, Emanuele Filini, Federico Fornara, Monica Franzoni, Alessandro Gandino, Debora Grasselli, Matteo Iori, Franco Meglioli, Diego Oneda, Enrico Lusetti, Ludovico Parenti, Silvia Parmeggiani, Rossella Porcheddu, Sabrina Rosati, Enrico Rossi, Luana Salvarani, Francesca Sestito, Francesco Tedeschi, Andrea Vaccari, Carlo Vanni, Gianni Verzelloni, Al Vetriolo, Gigi Vinceti. Reporter offre esclusivamente un servizio, non riceve tangenti sulle contrattazioni, non effettua commerci. La Direzione si riserva il diritto di rifiutare la pubblicazione delle inserzioni, a suo insindacabile giudizio. Gli inserzionisti dovranno rifondere all'Editore ogni spesa eventualmente da esso sopportata in seguito a malintesi, dichiarazioni, violazioni di diritti ecc., a causa dell'annuncio. Si precisa che tutte le inserzioni relative a richieste od offerte di lavoro si intendono riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata, ai sensi dell' art. 1 della legge 9/12/77 n° 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività. L'Editore si riserva il diritto di perseguire legalmente tutti coloro che, abusando della buona fede nostra e dei lettori, effettuano annunci non veritieri, o con prezzo o merce diversi da quanto dichiarato nell'annuncio stesso. Si rende noto che tutte le pubblicità studiate e realizzate da Reporter srl per la pubblicazione su Reporter non possono essere usate per scopi personali nè essere riprodotte su altri mezzi stampa senza autorizzazione scritta di Reporter srl.


venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

Pag.

Carta Canta 10 anni fa

A cura di Orlando Corradini orlandocorradini@libero.it

Specchio Segreto Delrio al posto di Errani?

IPSE DIXIT Fatti, persone, dichiarazioni di dieci anni or sono

Il gioco che droga

Settembre 2011

Evidentemente il male ha radici profonde e tende, oltre che a resistere, anche a diffondersi. Così possiamo dire della dipendenza dal gioco d’azzardo. Non abbiamo dati statistici sul numero di persone che oggi,

Rumors indicano il sindaco di Reggio come prossimo presidente della Regione

L

Settembre 2001

Passare una serata a giocare a scopa o a briscola era, al tempo dei nonni, il modo migliore per socializzare e per divertirsi. Diciamo che era perché questa consuetudine ha perso di frequenza e giocare oggi probabilmente non vuole dire socializzare ma rinchiudersi in un divertimento individuale dove a prevalere non sempre è la gioia. La modernizzazione degli strumenti e la diffusione di internet ha sviluppato la possibilità di giocare anche da soli e, a volte, senza nemmeno conoscere l’avversario.Già dieci anni fa a Reggio Emilia in occasione dell’allora Festa dell’Unità si teneva un dibattito dal tema: “Giochi d’azzardo crescono: dipendenza o divertimento, socialità o solitudine” coordinato dal Coordinamento nazionale gruppi giocatori di azzardo in cui si metteva, sul banco degli imputati, il gioco d’azzardo. A quei tempi si registravano a Reggio Emilia già ventiquattro persone in terapia per gioco d’azzardo. Due erano in cura al Sert e ventidue seguite dal centro sociale Papa Giovanni XXIII. L’età media delle persone in cura era di 40 anni ed in maggioranza risultavano essere lavoratori autonomi e imprenditori.Si diceva a quei tempi che il gioco d’azzardo era un fenomeno in crescita che non risparmiava nemmeno gli adolescenti. Tra le cause la rapidità tra una giocata e l’altra e la diffusione e l’accessibilità dei giochi. Nel gioco d’azzardo si evidenziava che si raggiungono livelli di perturbazione dove, escluso che esista divertimento, rimangono solo angoscia e frustrazione. Al giocatore dipendente non importa più vincere o perdere ma solo giocare. Giocare diventa per alcuni una specie di droga alla quale è difficile rinunciare. Nelle valutazioni statistiche dei colpiti da dipendenza da gioco si rilevava come le donne lo fossero in percentuale molto inferiore. Un fatto che sarebbe interessante sviluppare per vedere quale tipo di anticorpo possiede la donna contro questa micidiale malattia moderna.

3

per problemi di dipendenza dal gioco, ricorrono al Sert o alla Comunità di Papa Giovanni XXIII. Ci basta affacciarci in uno qualsiasi dei tanti locali di Reggio Emilia, siano essi bar, tabaccherie o altro per vedere la moltitudine delle macchine elettroniche che offrono l’occasione del gioco d’azzardo. Non solo le macchinette ma anche i giocatori possiamo vedere sempre più numerosi e sempre più assorti. Il fenomeno quindi si è sviluppato raggiungendo dimensioni sicuramente superiori a quelle di dieci anni fa. Il gioco come droga si è inserito nella nostra vita sociale e spesso abbiamo riscontro delle vittime che produce. Il dramma, per certi versi, è sì nell’entità del fenomeno ma anche nel fatto che è gestito dallo Stato.Sicuramente non vale il concetto del proibizionismo e lasciare la gestione del gioco d’azzardo in mani private è, forse, più pericoloso. Detto questo, però, sapere che è lo Stato che propone, gestisce e lucra sul divertimento o sulla debolezza dei propri cittadini fa un certo effetto. Lo Stato dovrebbe legiferare, controllare e punire con senso di responsabilità,coerenza e giustizia.Forse gestire da parte dello Stato il gioco d’azzardo potrà essere anche il male minore ma anziché gestire potrebbe impegnarsi, in prima persona, a prevenire.

a voce è talmente potente che ormai nessuno sembra più nemmeno prendersi la briga di cercare di smentirla. Tra gli addetti ai lavori ormai si dà per scontato che quella di Graziano Delrio a presidente della Regione nel 2015 sia una candidatura probabilissima, anzi, naturale. Un po’ per il peso del sindaco (vicepresidente Anci e finito sulle cronache nazionali in questa estate calda della manovra finanziaria lacrime e sangue con conseguente protesta dei comuni), un po’ per il peso della provincia di Reggio (che è ancora il maggiore bacino di voti per il Pd anche se non ha mai contato tantissimo a Bologna, più attenta agli interessi del capoluogo di regione e della riviera), un po’ per la tempistica. Proprio sulla tempistica si giocano molte delle possibilità. In primo luogo, la scadenza naturale del secondo mandato di Delrio è giugno 2014. Le elezioni regionali si terranno un anno dopo. Un anno in politica rischia di essere lungo quanto un’era geologica, e Delrio stando senza incarico così a lungo rischierebbe di bruciarsi. Questo almeno sostiene chi non crede in questa ipotesi. Però è anche vero che il Pd farebbe le primarie per i candidati regionali, che si terrebbero ad ottobre 2014. Ed ecco che i tempi sembrano tornare. A meno che, naturalmente, il Governo Berlusconi non vada

a cadere prima del previsto e Delrio non venga tentato da una candidatura al Parlamento. Tentazione che il sindaco non sembra avere, ma che, nel caso, probabilmente verrebbe osteggiata dal Pd: il partito probabilmente farebbe di tutto per convincere Delrio a non abbandonare l’incarico due anni prima della scadenza del mandato. Diverso il discorso qualora Berlusconi completasse il mandato. Se ci fossero le politiche nell’estate del 2013, e se Delrio esprimesse il desiderio di candidarsi per il Parlamento, allora il Pd farebbe fatica ad opporsi. Uno scenario che, comunque, non sembra probabile, dal momento che Delrio punterebbe ad un ruolo amministrativo e non ad un incarico parla-

mentare. Diverso il caso in cui il sindaco di Reggio fosse chiamato ad un incarico da sottosegretario se non addirittura da Ministro in caso di vittoria del centrosinistra, ma qui si entra nel campo delle illazioni. E chi sarebbe il nuovo sindaco di Reggio? Difficile dirlo ora. Oltre ai nomi soliti che già circolano da tempo (Luca Vecchi, Beppe Pagani, Paolo Gandolfi), c’è chi è pronto a scommettere in una candidatura da parte di Sonia Masini, ma l’ipotesi sembra abbastanza remota. In ogni caso, prima delle primarie per le amministrative reggiane si svolgeranno quelle per le candidature al Parlamento, che porteranno ad una prima scrematura dei possibili candidati alla successione di Delrio.

ALTRI SPECCHI SEGRETI SULLA POLITICA SUL SITO WWW.REPORTER.IT


Pag.

4

venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

L'INCHIESTA

Morte in famiglia

In Italia c’è un omicidio in famiglia ogni quattro giorni, un trend in aumento Nemmeno Reggio fa eccezione. Quali sono le cause? La prevenzione funziona? DI

ROSSELLA PORCHEDDU

T

re nell’arco dell’estate, l’ultimo è stato riportato dalle cronache qualche giorno fa, esattamente il 5 settembre. Non è esente la provincia reggiana dall’aumento di omicidi in famiglia che si rileva nell’intera penisola. Secondo i dati raccolti dal Centro documentazione dell’Eurispes nel biennio 2009/2010 si sono registrati 235 delitti, uno ogni tre giorni. La maggior parte degli omicidi, per la precisione 97 nel 2009 e 81 nel 2010, hanno visto coinvolti membri dello stesso nucleo familiare. Sono stati 57, 25 nel 2009 e 32 nel 2010, gli omicidi di relazione, che hanno visto implicati fidanzati, amanti, ex coniugi o ex conviventi. Circa la metà dei fatti delittuosi si sono consumati al Nord, in una percentuale del 52,5% nel 2009 e del 47,8% nel 2010; al Centro la percentuale è del 21,3% nel 2009 e 18,6% nel 2010, mentre al Sud e nelle Isole gli atti criminosi sono stati il 26,2% e il 33,6% rispettivamente nel 2009 e nel 2010. Continuano ad essere gli uomini gli autori degli omicidi, in una percentuale che ammonta all’85,7% nel 2009 e all’84,9% nel 2010. Nel 34,1% dei casi si tratta di coniugi o conviventi, nell’11,1% di padri e nel 7,9% di figli. Se nel 2009 sono stati i fidanzati e gli amanti a commettere i delitti, nel 2010 sono stati invece gli ex coniugi o ex compagni i maggiori responsabili delle uccisioni. Si registra però una percentuale del 29,5% nel 2009 e del 37,2%

nel 2010 in cui sono stati gli uomini, figli, padri, mariti o ex conviventi, le vittime. Restano comunque le donne, al 70,5% nel 2009 e al 62,8% nel 2010, le vittime privilegiate dei casi di cronaca consumatisi tra le mura domestiche. Si tratta di mogli o conviventi (34,4% nel 2009 e 20,3% nel 2010), figlie (8,2%) e madri (6,5% all’8,8%). Si sono invece macchiate di un delitto nell’8,7% dei casi le madri, e nel 3,2% le figlie. Sono aumentati gli infanticidi, 11 nel 2009 e 18 nel 2010. I minori fino ai 17 anni sono per lo più vittime, solo nel 2,6% dei casi un minore è stato l’autore di un omicidio in famiglia. Con una percentuale del 14,3% nel 2009 e del 7,6% nel 2010 (quindi in decrescita) i giovani tra i 18 e i 24 anni sono stati più autori che vittime (10% nel 2009 e 2,7% nel 2010). Un incremento si registra inoltre nella fascia d’età tra i 25 e i 34 anni, con il 9,5% di autori nel 2009 e il 16% nel 2010, contro il 7,4% di vittime nel 2009 e 14,1% nel 2010. Bisogna inoltre sottolineare che nel 2009 sono stati il 15,9% e nel 2010 il 9,2% gli anziani che hanno commesso il crimine.In linea con il panorama nazionale, il territorio reggiano non è certo immune dalla tragedia. Ricordiamo in queste pagine alcuni episodi delittuosi consumatisi, nell’arco degli ultimi dieci anni, all’interno delle sicure mura domestiche. E cerchiamo di capire, grazie all’aiuto dei professionisti intervistati, quali possano essere le cause degli omicidi in famiglia.

Gli omicidi in famiglia in Italia – biennio 2009/2010 Numero di omicidi Omicidi domestici Omicidi di relazione Percentuale al Nord Percentuale al Centro Percentuale al Sud e nelle Isole Uomini autori del delitto Uomini vittime dell’omicidio Donne autrici del delitto Donne vittime dell’omicidio Minori (0-17 anni) vittime del delitto Giovani (18-24 anni) autori dell’omicidio Adulti (25-34 anni) autori del delitto Adulti (35-44 e 45-64 anni) autori dell’omicidio

122 nel 2009 e 113 nel 2010 97 nel 2009 e 32 nel 2010 25 nel 2009 e 32 nel 2010 52,50% nel 2009 e 47, 8% nel 2010 21,3% nel 2009 e 33,6 % nel 2010 26,2 % nel 2009 e 33,6% nel 2010 85,7% nel 2009 e 84,9% nel 2010 29,5% nel 2009 e 37,2% nel 2010 12,7% in tutto il biennio 70,5% nel 2009 e 62,8% nel 2010 17,2% nel 2009 e 12,4% nel 2010 14,3% nel 2009 e 9,2% nel 2010 9,5% nel 2009 e 16% nel 2010 30,6% nel 2009 e 29% nel 2010

I dati riportati sono stati raccolti ed elaborati dal Centro di Documentazione Eurispes e sono relativi al biennio 2009/2010. L'analisi e la selezione di articoli di cronaca, estratti da quotidiani di diffusione nazionale, hanno rilevato un maggiore numero di omicidi domestici nel Nord Italia. Ad agire violenza sono nella maggior parte dei casi gli uomini, per lo più coniugi o conviventi. Le donne restano le vittime dei soprusi, ma, dove si registrano degli omicidi agiti da figure femminili, questo sono madri o figlie. Di conseguenza, quando sono gli uomini le vittime, ad essere colpiti sono padri o figli. Mentre i minori fino ai 17 anni sono per lo più vittime dell'evento delittuoso, per le fasce d'età successive, dai 18 ai 64 anni, si conta un numero maggiore di autori, anche tra gli anziani. Aumenta inoltre nel biennio 2009/2010 il numero degli infanticidi, che nel 2010 sono stati 18, uno ogni venti giorni.

Informazione pubblicitaria

CCR, Una nuova sede nel cuore di Scandiano

Domenica 18 settembre grande festa di inaugurazione del Credito Cooperativo Reggiano

I

naugurerà domenica 18 settembre con una festa aperta a tutta la cittadinanza, la nuova Sede Centrale di Scandiano del Credito Cooperativo Reggiano. Un traguardo fondamentale di un percorso di crescita graduale e ponderato fortemente perseguito fin dal primo giorno di operatività della Banca. Era il 4 luglio del 1988, e l’aspirazione massima degli allora Amministratori e Soci era quella di poter disporre di idonee strutture e di conseguire una dimensione atta ad assicurare piena autonomia e indipendenza. Un obiettivo realizzato grazie anche a politiche gestionali da sempre contraddistinte da prudenza e trasparenza; politiche che hanno permesso alla Banca di ampliare la propria compagine sociale e di crescere con ottimi indici di sviluppo generando nuove risorse mirate al consolidamento del patrimonio aziendale. Oggi, a distanza di più di vent’anni, la banca può affermare di esserci riuscita, continuando a registrare favorevoli indici di sviluppo e a generare nuove risorse che mirano ad accrescere costantemente il patrimonio aziendale. “In uno scenario da più parti considerato ‘in fragile ripresa’ - spiega il Presidente di CCR Emmore Canelli - ma ancora marcatamente segnato da un passato che mostra evidenti cicatrici, la nostra banca vuole dare un segnale di fierezza e

L'INTERVENTO

La prepotenza dei trinariciuti

DI FABIO FILIPPI*

I

ottimismo. Uno sforzo corale, il nostro, necessario e doveroso, per offrire ai nostri Soci e Clienti una moderna ed efficiente struttura che consentirà di raggruppare i vari uffici interni della banca, ottimizzando così i tempi di risposta e altresì migliorando i servizi alla clientela”. La nuova struttura di notevole pregio architettonico, sorge in zona centrale di Scandiano ed è stata progettata e realizzata con

l’utilizzo di moderne tecnologie e materiali. “Nonostante il momento delicato, il progresso non deve fermarsi. Abbiamo bisogno di continuare a crescere - continua Luciano Aguzzoli, Direttore Generale di CCR - Una crescita coerente agli scopi aziendali e volta a divulgare un modello di banca di grande attualità ovvero il modello della Banca Cooperativa”.

Il Credito Cooperativo Reggiano, che oggi conta una Compagine sociale di oltre 5.500 Soci, ha chiuso il 2010 con dati molto positivi: Raccolta (+ 16,65%), Impieghi (+7,91%), Utile netto (+7,05%), Sofferenze nette/ Impieghi (0,57%). Anche i dati del primo semestre 2011 confermano l’ottimo stato di salute dell’Istituto che ha in programma di aprire a breve nuovi sportelli in città.

l metodo usato dall’accoppiata Pd-Cgil per contrastare con ogni mezzo tutto ciò che da loro fastidio è lo stesso di sempre: mandano in avanscoperta i manifestanti dei centri sociali e le ali più estremiste del partito per impedire qualsiasi evento non gradito alla sinistra. Emblematica a questo proposito è stata la contestazione del Ministro Frattini, in occasione della sua visita, su mio invito, a Reggio Emilia: gli agitatori del centro sociale AQ16 hanno svolto anche in quella circostanza il ruolo di “truppe cammellate” del Pd. I comunisti, alla prova dei fatti, si dimostrano, ogni volta, insofferenti rispetto ai valori della democrazia e della libertà di espressione. A loro invece tutto è concesso: a Reggio Emilia il Pd, due anni fa, decise, unilateralmente, di usare l’area interna al poligono di tiro per svolgervi una manifestazione politica di parte, nonostante il poligono stesso sia di proprietà del Ministero della Difesa ed adibito esclusivamente ad attività sportiva; coloro che allora ebbero il coraggio di contestare tale decisione, chiedendo che lo sport restasse estraneo alla politica, sono stati etichettati come nazisti. Ogni qualvolta che a Reggio Emilia, il centro desta orga-

Fabio Filippi

nizza eventi di natura politica o culturale la sinistra invia le sue truppe cammellate per contrastarle, attraverso atti di violenza, come è avvenuto nel caso della presentazione del libro di Gianpaolo Pansa “Il sangue dei vinti”, o attraverso scritte offensive sulle strade o le facciate delle case, come avvenuto in occasione di feste di partito promosse dal Pdl. Noi del centrodestra, a differenza della sinistra, pratichiamo e non solo enunciamo, i principi della democrazia e della liberta di pensiero e di espressione; per questo non ci permetteremmo mai di sabotare o contrastare, in forma violenta o no, le iniziative promosse dalla sinistra. Proprio in questo sta la differenza: nel nostro Dna vi è la libertà e la tolleranza, nel loro la prepotenza e l’intolleranza. (*Consigliere regionale Pdl)


venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

Pag.

5

L'INCHIESTA

Dieci anni di stragi Dal delitto di Boretto nel 2001 a quello di Reggiolo dello scorso 6 settembre Sedici casi che hanno sconvolto la cronaca della nostra provincia

QUANDO

DOVE

CHI E COME

LE CAUSE

27-08-01

Santa Croce di Boretto

Il 68enne Romano Bianchi uccide la madre 95enne Irma Cipriati a coltellate

Non riusciva più ad accudirla, era ammalata

14-10-02

Borzano di Albinea

18-12-02

Noce di Poviglio

3-05-03

Massenzatico

Corrado Baraldi taglia la gola al figlio 29enne Andrea e poi si ucccide

Aveva paura di restare solo, il figlio stava per diventare papà

29-02-04

Albinea

Aldo Bertolani uccide la moglie Dina Maria Bertolini colpendola con un coltello mentre dormiva poi tenta di uccidersi ma si ferisce soltanto

La donna aveva un tumore in fase terminale

8-05-04

Montecchio

Il pensionato 76enne Francesco Bertozzi soffoca la nipote 18enne Elisa Freschi

Non sopportava più la malattia mentale della ragazza

8-05-04

Castelnovo Sotto

Il 20enne Cristian Schiavi uccide a coltellate la madre Anna Previato mentre dorme

Voleva rubare dei soldi in casa

30-08-05

Salvarano di Quattro Castella

30-11-06

Reggiolo

17-10-07

Reggio Emilia

23-08-08

Luzzara

30-06-09

Correggio

31-08-09

Sabbione

Biagio Cazzetta prima narcotizza la moglie Angela De Biasi poi la soffoca con un cuscino, poi prova due volte a togliersi la vita ma non ne ha il coraggi e va a costituirsi Francesca Brandoli insieme all’amante Davide Ravarelli uccide l’ex marito Christian Cavaletti In tribunale Clirim Fejzo, appena prima dell’inizio dell’udienza di separazione dalla moglie uccide proprio la moglie, il cognato e ferisce un avvocato. Muore in un conflitto a fuoco con la polizia Il marocchino Hicham Nouni uccide a coltellate la moglie russa Liana An-Nuni dopo averla sorpresa a chattare al computer La guardia giurata Salvatore Ciocia uccide la moglie Elvira Bombara, soffocandola col nastro adesivo. Si spara, ma rimane in vita e dopo cinque mesi si risveglia dal coma Il 47enne Davide Duò uccide la moglie Sandra Pattio, i figli Thomas e Marco e riduce in fin di vita l’anziana padrona di casa

18-08-10

Boretto

La 71enne Albina Vecchi uccide il marito Massimo Pecchini poi si impicca

Problemi derivanti dal pignoramento della casa

20-07-11

Luzzara

Rodolfo Moretti viene freddato da due colpi di pistola di fronte all’azienda agricola dove lavora. A sparare è il cognato Matteo Zanetti, marito di una delle sorelle

Rapporto conflittuale con figlia e moglie

6-09-11

Reggiolo

Ivano Ferrais spara due colpi di fucile alla moglie Beatrice Mantovani poi si uccide

La separazione

Il colonnello della Finanza Renzo Finamore uccide il fidanzato della figlia, la figlia e la moglie poi si toglie la vita sparandosi a sua volta. Con una telecamera immortala la scena Il 54enne Francesco Sacco brandisce un coltello e si avventa sulla figlia 17enne, uccidendola. Poi prova ad ammazzare anche la moglie e il figlio di 6 anni, ma non vi riesce. Si costituisce

Gelosia, vendita della villa Follia

Un litigio Lui aveva ottenuto il giorno stesso la custodia dei due figli La separazione Gelosia Litigio Disagio di natura psichica aggravata dalla disoccupazione

“La società amplifica i contrasti” Il dottor Francesco Micella, dell’Azienda Usl di Reggio Emilia, delinea il cambiamento in atto “Se prima veniva la famiglia, oggi viene l’individuo e i conflitti emergono con più velocità” DI

La fatica di vivere

ROSSELLA PORCHEDDU

“ segnali di disagio sono prece-

I

denti all’episodio di violenza, fisica o verbale, ma nessuno è in grado di leggerli perché non c’è lucidità e la natura del problema è distorta. L’individuo che agisce non sopporta il cambiamento, e può arrivare all’esasperazione”. Senza toccare casi specifici e tenendosi lontano dalle semplificazioni, il dottor Francesco Micella, Direttore del Programma di Psicologia Clinica e di Comunità dell’Azienda Usl di Reggio Emilia, affronta il tema degli omicidi familiari e delle violenze domestiche, delineando il cambiamento in atto nella nostra società, cambiamento che si ripercuote all’interno di nuclei familiari eterogenei. “Se prima veniva la famiglia, oggi viene l’individuo e i conflitti emergono con più velocità. La vita civile oggi è più rumorosa e la società amplifica ed esaspera la contraddizione. Si parla di rilevazioni internazionali. Negli Stati Uniti c’è un alto numero di atti di violenza, forse perché sono maggiormente evidenziati. Anche l’Italia, divenuta un paese industriale, sta cambiando. La necessità di conciliare è venuta meno. Le liti di condominio, ad esempio, sono in aumento. La società è mobile e gli assetti familiari si muovono con essa”. Questo vale per tutte le fasce di età? Le coppie più giovani sono maggiormente predisposte al conflitto? “Vale per gli individui dai quarant’anni in giù. Prima i problemi si tenevano sopiti, oggi i giovani li fanno emergere prima. C’è

Solitudine e paura caratterizzano il nostro tempo Lucilla Cabrini illustra le strategie comunali

M

chi sopporta la contraddizione e chi non regge la tensione del dialogo”. Continuano ad essere gli uomini gli autori delle violenze. Cosa ci può dire a questo proposito? “Posso dire che l’uomo che vede fallire il proprio progetto di amore, sentendosi escluso dalla donna e non riconoscendosi nei figli, non accetta il cambiamento e attribuisce la colpa all’altro. La famiglia unita di fronte alla difficoltà si compatta, quella smembrata, che mette in gioco visioni diverse, arriva all’esasperazione. Quando il destino non è ancora scritto, devono essere le famiglie a parlare delle proprie difficoltà, del dolore comune e allora l’esito può essere differente”. Come funziona l’accesso ai servizi dell’Azienda Usl? Come agisce il Dipartimento “Il Dipartimento di Salute Mentale Dipendenze Patologiche si articola nei servizi di Psichiatria Adulti,

Servizio Dipendenze Patologiche, Servizio Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza. La psicologia opera trasversalmente in tutti i servizi e in raccordo, integrazione, con altri dipartimenti e con il servizio sociale degli enti locali”. L’offerta sul territorio è equilibrata alla richiesta? Si riesce oggi, e si riuscirà nel 2012, considerando i tagli alla Sanità, a rispondere a tutte le famiglie in difficoltà? “Avremmo bisogno di più tempo per fare ciò che facciamo. Oggi nel Dipartimento gli psicologi sono una cinquantina, ma siamo comunque in affanno. Divenuti deboli i quartieri, le parrocchie, gli organismi cioè dove si discute dei problemi, il servizio pubblico deve garantire l’ascolto. Anche perché non tutte le famiglie hanno il budget per accedere al privato, e il volontariato non professionale o l’assistenza sociale di strada non possono certo supplire al servizio pubblico”.

ediazione familiare. Accoglienza e orientamento dei cittadini. Presenza in progetti sui territori. Sono alcuni degli ambiti di cui si occupa il servizio Politiche per la Coesione e la solidarietà sociale del Comune di Reggio Emilia. “È uno sguardo articolato sul territorio, una lettura dei problemi della ‘convivenza’ a 360 gradi - ci dice Lucilla Cabrini, membro dello staff - il Comune ha puntato negli ultimi anni ad un riposizionamento dei servizi strutturati per corrispondere a nuove problematiche. I servizi sociali operano in cinque Poli territoriali, accogliendo le richieste dei cittadini e agendo all’interno dei contesti comunitari; inoltre gli operatori sociali e sanitari oggi lavorano a stretto contatto. Salute e benessere sociale vanno di pari passo, sotto il profilo professionale e operativo si traduce in percorsi a forte integrazione sociosanitaria a favore dei cittadini”. Quali sono le difficoltà di chi si rivolge ai Servizi sociali del comune ? “Innanzitutto bisogna dire che ci troviamo in un momento particolare, acutizzato dalla crisi economica, e che oggi ci sono forti trasformazioni in atto nella società che mettono a dura prova la dimensione intrafamiliare: solitudine relazionale, paura del futuro e di ciò che è diverso da noi. La sfera sociale ha forti ripercussioni sulla vita dei singoli individui, e le ten-

sioni possono sfociare in episodi di violenza sia all’interno del nucleo familiare come pure all’esterno”. Com’è cambiata la famiglia negli ultimi anni? La valorizzazione personale oggi è spinta all’estremo: la realizzazione del sé va a discapito del progetto di famiglia. Mentre i nostri genitori viaggiavano su binari predefiniti, oggi si riconfigura tutto, la dimensione interna alla coppia, le aspettative legate al matrimonio, le dinamiche della genitorialità come pure le relazioni sociali e di vicinato. Il contesto sociale induce alla competizione e alla necessità di sentirsi adeguati ai modelli sociali dominanti come ideali a cui tendere. Se l’identità della famiglia si costruisce su modelli esterni, il patto è più fragile”. È possibile individuare delle tipologie familiari maggiormente predisposte al contrasto o si parla piuttosto di problematiche eterogenee? “Le tensioni di coppia vedono

protagonisti uomini e donne di differenti livelli culturali, di età e fasce sociali diverse. Ad esempio se prima era la famiglia italiana a manifestare maggiormente problemi di coppia, oggi anche le famiglie straniere vivono le stesse difficoltà. In anni recenti sono aumentate le separazioni tra ultrasessantenni, che forse oggi si sentono autorizzati o più liberi di sciogliere quello che un tempo era un vincolo. Ci sono delle complessità di coppia che vedono protagonista il denaro, sia che manchino i soldi per i bisogni primari o per acquistare quegli oggetti che ci consentono di essere socialmente esclusi o inclusi. Si vive una forte ambivalenza fra il programmare per avere successo, piena realizzazione e l’incertezza e la paura legate al futuro. In questo contesto c’è una fatica di vivere, di relazionarsi con l’altro, di essere genitori. Ma non ci sono categorie più a rischio di altre, c’è un filo rosso che ci lega tutti”. (rp)


Pag.

6

venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

L'INCHIESTA

1984, annus horribilis Ventisette anni di omicidi in famiglia a Reggio Emilia e provincia

di

AndreA VAccAri

S

e negli anni Duemila gli omicidi in famiglia hanno conosciuto una forte impennata, è altrettanto vero che anche nei decenni precedenti la nostra provincia è stata interessata di casi altrettanto efferati e clamorosi. Una spirale preoccupante si era avviata a metà degli anni Ottanta, quando a Reggio si erano verificati alcuni omicidi nel giro di pochissimi mesi. Nello specifico, parliamo del 1984, vero “annus horribilis” per quanto riguarda le violenze in famiglia. Le cronache riportano infatti di un uomo con problemi mentali che il 9 aprile, nella frazione di Sesso, decapitò la madre a colpi di roncola. Altrettanto folle l’omicidio commesso il 2 maggio da un giovane che, dopo essersi allontanato da una struttura nella quale era assistito, torna a casa e strangola la madre, temendo che un giorno avrebbe potuto ucciderlo. Esattamente due mesi dopo, il 2 luglio, il 16enne Gianfranco Bonacini a Montecavolo strangola la madre nel sonno. Poi, come se niente fosse, trascorre la mattinata in paese, torna a casa per il pranzo e cerca di uccidere il padre. Poi scappa in riviera, dove verrà arrestato. Si passa quindi al 1990, a Montecchio, dove un 39enne schizofrenico prende a randellate il padre, fino a ucciderlo. Nel 1995, in via Accursio in città, è un marito a uccidere la moglie: Silvano Guidetti soffoca Renza Montanari, poi prova ad avvelenarsi. Anche il 1996 è

costellato di episodi efferati. Il 13 gennaio, in città, Gennaro Agnello ammazza a coltellate la moglie Angela e tenta di togliersi la vita. Si torna a Montecavolo la notte di Pasqua, dove, in preda alla gelosia, il 50enne Ottavio Dughetti uccide con un coltello la moglie Maria Grazia Arduini, 39 anni, e ferisce la figlia ventenne. C’è invece la follia dietro al gesto compiuto da un agricoltore 29enne che in luglio, a Vogno di Toano, spara più volte alla sorella, alla quale era morbosamente legato, e ferisce il padre. Una lite è all’origine dell’omicidio compiuto a San Polo il 21 settembre 1997, dove un operaio comunale spara al padre e lo uccide. Nel 1998 è Vezzano a essere tristemente protagonista: il 20 aprile un omicidio-suicidio con protagonista un marito che prima di togliersi la vita accoltella e uccide la moglie, malata incurabile, mentre il 22 luglio il giovane Oser Zambonini accoltella a morte madre e sorella. Nel marzo del 1999 una tragedia colpisce Selvapiana: un giovane prende a coltellate la madre, e aspetta che arrivi la polizia. Un’altra banale lite potrebbe essere all’origine della violenza compiuta da Mariano Del Piano verso la sorella Clelia (entrambi sordomuti), presa a seggiolate in via Roma nel maggio dello stesso anno. Infine, nel gennaio 2000, Sebastiana Guzzone è vittima delle coltellate del marito Augusto Basso, che l’aveva ritrovata dopo che era scappata dalla Lombardia.

La strage in tribunaLe Se tutte le stragi sono avvenute all’interno delle mura domestiche, quella compiuta il 17 ottobre 2007 si è svolta in un luogo pubblico per eccellenza, rischiando di coinvolgere anche persone estranee alla vicenda. Quella mattina, in tribunale, l’albanese Klirim Fejzo, nel corso dell’udienza di separazione

dalla moglie, spara proprio alla testa della consorte, Vyosa Demcolli, poi uccide il cognato Arjan Demcolli, che aveva provato a disarmarlo. Nella sparatoria resta coinvolto anche l’avvocato Giovanna Fava, presente in aula, che fortunatamente se la caverà. L’omicida, invece, non fa molta strada:

un agente di polizia lo fredda mentre tenta di scappare e il suo cadavere rimane coperto da un telo bianco, intriso di sangue, in mezzo alle aule giudiziarie, dove gli avvocati cercano riparo senza credere ai loro occhi. All’origine di tutto profondi dissidi nella coppia, che avevano portato la donna a trasferirsi in

Finamore, il più clamoroso Il colonnello della Finanza nell’ottobre 2002 uccise la moglie e la figlia

è

stato uno dei casi più efferati della storia di Reggio. Sia per il numero delle vittime che per l’autore di quella strage, molto conosciuto per il ruolo militare che occupava. E’ la mattina del 14 ottobre 2002 quando il colonnello 58enne della Guardia di finanza, spegne il suo passato, il suo presente e il suo futuro sterminando la famiglia: prima uccide il fidanzato della figlia, il carabiniere Fabrizio Naitana, poi la moglie Alberta Ratti e la figlia Valentina. Infine, si spara un colpo alla tempia. Tutta la mattanza è arricchita da un macabro dettaglio: l’uomo, appassionato videoamatore, aveva ripreso l’uccisione delle due donne con una telecamera, poi ritrovata dagli inquirenti. Lui e Naitana non moriranno subito, arriveranno agonizzanti in ospedale ma poi per loro non ci sarà nulla da fare. Ed è proprio il video che aiuta a ricostruire l’esatta dinamica della follia commessa dal finanziere: dopo le due pallottole sparate in testa al fidanzato della figlia (l’arma utilizzata è una calibro 38), l’uomo costringe le donne a mettersi sul divano, in pigiama. La prima a perdere la vita è la moglie, alla quale spara al petto, poi è la volta della giovane, colpita alla testa. Infine, l’ex comandante delle Fiamme Gialle di Reggio rivolge l’arma contro se stesso. Quella splendida villetta si trasforma così nel teatro di un massacro che a Reggio ha lasciato impietrita l’opinione pubblica per la ferocia con il quale è stato commesso. Gli omicidi si consumano poco dopo le 9.40, ma passeranno alcune ore prima che qualcuno si accorga di ciò che è accaduto. La macabra scoperta tocca purtroppo a uno dei figli, Simone, che nel pomeriggio passa per un saluto. Dopo aver suonato il campanello e non aver ricevuto risposta sceglie quindi di arrampicarsi da una finestra, dalla quale scorge Naitana in una pozza di sangue. Da lì, la chiamata

una struttura d’accoglienza. Da quel momento, in tribunale vennero applicate severe misure di controllo, in quanto l’assassino era entrato liberamente con una pistola. Questa rimane una delle vicende di cronaca più cruente e clamorose della storia di Reggio. (a.v.)

Quando ad uccidere sono le donne Sono solo due i casi negli ultimi 30 anni

I casi Duò e Moretti si potevano evitare?

Davide Duò egli infiniti episodi di violenza familiare che si sono susseguiti nel corso degli anni a Reggio e provincia, alcuni potevano forse essere “previsti”, o perlomeno essere messi nel conto in quanto figli di situazioni “al limite”.

D

FOLLIA A SABBIONE Renzo Finamore

ai carabinieri, che alle 16.30 si troveranno davanti a una scena agghiacciante. In quanto al movente, sono un paio le piste che gli inquirenti hanno seguito. I perché della strage possono essere ricondotti o a una depressione dell’uomo legata alla vendita della villa (a un prezzo inferiore di quanto era stata pagata, e alla quale pare che la moglie fosse contraria) o alla gelosia. Tra i dettagli rivelati dal filmino, infatti, emerge anche una sorta di monologo recitato da Finamore prima di uccidere Valentina, nel quale l’uomo mette in discussione la fedeltà della moglie. Escluso, invece, ogni legame con le traversie giudiziarie passate: il colonnello, infatti, era stato condannato per concussione nel 1997 nell’ambito di due compravendite immobiliari, ma poi la Cassazione aveva annullato la sentenza. (av)

Tra questi, la cosiddetta “strage di Sabbione” avvenuta il 31 agosto 2009, nella quale Davide Duò trucidò la moglie Sandra Pattio e i figli Thomas e Marco (quest’ultimo di quattro anni). Nella mattanza rimase coinvolta anche l’anziana padrona di casa, che però si salverà. Dopo aver sterminato la famiglia, l’uomo ha provato a farla finita lanciandosi nel vuoto da un’altezza di circa nove metri, ma è sopravvissuto. Duò all’epoca lavorava come operaio ceramico, ma era in mobilità. Il fatto di non lavorare aveva accresciuto in lui la sensazione di essere un “fallito” e questo disagio aumentava anche a causa degli incitamenti e dei rimbrotti da parte della moglie e del figlio, che lo incitavano a uscire da una situazione d’impasse. Da circa due anni era seguito dal Centro di salute mentale di Reggio, anche se non era mai stato ricoverato in ambito psichiatrico. Ma la moglie era

Rodolfo Moretti preoccupata della depressione del marito e del suo stato psichico che si aggravava di giorno in giorno.

UCCISO AL SECONDO TENTATIVO A dir poco clamorosa la vicenda di Rodolfo Moretti, luzzarese ucciso il 20 luglio. Il 43enne era scampato ad un agguato nel gennaio 2010, quando un giovane lo aveva ferito alla schiena ma lui, in virtù della sua robustezza, aveva saputo difendersi e farlo fuggire. Le indagini rivelarono qualcosa di clamoroso: l’aggressore era stato assoldato dalla figlia 19enne Ylenia che, con l’appoggio della madre, voleva sbarazzarsi del genitore, per lei troppo autoritario e opprimente. Una storia fatta di bugie e inganni che a luglio di quest’anno (con le due donne agli arresti domiciliari) trova il suo epilogo: Moretti viene ucciso a colpi di fucile poco lontano dalla porcilaia dove lavorava. A sparare è il mantovano Matteo Zanetti, marito di una delle sorelle di Rodolfo. Zanetti ha dichiarato che negli ultimi mesi tra lui e la nipote era nata una relazione (Ylenia scontava la pena a casa sua), e che in un certo senso lo aveva “manipolato”, fino a fargli perdere la testa. (a.v.)

I

l dato che emerge nell’analisi di tutti gli omicidi in famiglia (il discorso si estende ben al di là della realtà reggiana) è che sono quasi sempre gli uomini protagonisti di queste violenze. Gelosie, tradimenti, follia sono solo alcune delle cause che spingono gli uomini a troncare per sempre l’esistenza della compagna di una vita (spesso anche la propria), in preda a veri e propri raptus. In questo lungo excursus dei delitti famigliari degli ultimi trent’anni emerge come, soltanto in due casi, le organizzatrici del piano diabolico siano state le donne. Seppur con efferatezza e motivazioni diverse.

BRANDOLI LA TERRIBILE Ha fatto e continua a far parlare di sé, anche a distanza di tanti anni dall’omicidio del marito Christian Cavaletti, commesso insieme all’amante Davide Ravarelli (dal quale, all’epoca, aspettava un figlio). Francesca Brandoli, infatti, di recente è ritornata a popolare le pagine dei giornali in quanto protagonista di un matrimonio tutto particolare: in carcere ha sposato Luca Zambelli, che alcuni anni fa aveva ucciso la moglie. Un’unione che ha scatenato non poche polemiche. A costare l’ergastolo ai due assassini è stato l’omicidio di Christian Cavaletti, commesso il 30 novembre 2006, in un agguato premeditato. I due, sapendo che

Francesca Brandoli

la vittima sarebbe scesa in cortile per rinchiudere il cane in garage, lo hanno aspettato e aggredito alle spalle. La Brandoli lo ha colpito alla testa con un martello, Ravarelli lo ha accoltellato alla schiena. Sul movente pochi dubbi: la donna non ha digerito l’affidamento dei figli al marito, decretato proprio quella mattina dal giudice. Una personalità, la sua, ossessiva e manipolatrice.

IL PIANO DI ALBINA Era il 19 agosto 2010. In una calda giornata, una vicina della famiglia Pecchini si avvicina verso la loro casa di via Fermi per chiedere un po’ di verdura in prestito. Avvicinatasi alla villetta, vede spuntare dalla finestra un braccio penzolante. E’ stato scoperto così l’omicidio-suicidio di Albina Vecchi e Massimo Pecchini, coppia di anziani di Boretto sulla quale gravava una difficile situazione legata al pignoramento della casa. Una difficoltà mal accettata soprattutto da Albina che quella mattina effettuerà un’iniezione letale al marito (che ogni giorno doveva farsi delle punture per curare il diabete) per poi impiccarsi alla tapparella della finestra della cucina. In una lettera, Albina spiegherà poi le motivazioni del gesto. In tutta la vicenda resta da chiarire un particolare: il marito era consenziente? (a.v.)


venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

Pag.

7

Peggio Emilia

Tutti in coda. Per un panino… Caos e ingorghi in via Emilia dopo la riapertura del Mc Drive LO STRISCIONE ANACRONISTICO

CODA TAKE AWAY Ecco come si presenta la Via Emilia all'orario di cena

Q

uesta settimana per la rubrica “Peggio Emilia” torniamo ad occuparci di via Emilia Ospizio. Sarà anche colpa della vicinanza con la sede del nostro giornale, ma è indubbio che i cittadini di questo quartiere siano letteralmente scatenati nel segnalarci magagne o situazioni di pericolo o degrado. L’ultima “chicca” in ordine di tempo sono le due foto arrivate in redazione la scorsa settimana. Si tratta di due immagini scattate la prima

domenica sera di settembre, all’incirca verso le 8 di sera. Come si può facilmente dedurre dai fari delle auto, ci troviamo di fronte a veri e proprio ingorghi. Con l’aggravante di essere un giorno festivo all’orario di cena. Ed è proprio a causa di una cena che questo ingorgo si forma. Secondo i residenti, infatti, la riapertura del Mc Drive del Mc Donald, dopo i lavori di ristrutturazione, ha riproposto i medesimi problemi di traffico precedenti la tempo-

ranea chiusura. A distanza di un anno, e nonostante i costosi interventi messi in atto dalla Giunta comunale, la situazione del traffico in via Emilia Ospizio nelle ore del pasto serale è sempre la stessa. Per chi non lo sapesse, il Mc Drive è un servizio del McDonald’s che consente ai clienti di ordinare e acquistare i pasti direttamente dalla propria auto, senza neppure alzarsi dal sedile della vettura. Lo spazio all’interno del Mc Drive è molto limitato, consentendo la sosta

contemporanea solo a poche vetture, e il risultato è che le auto si accodano sulla via Emilia cercando, alcune, di sostare sul lato destro della corsia di marcia ma inutilmente. Anche perché, e qui la rabbia dei cittadini si trasforma in protesta, le isole spartitraffico volute dall’assessore Gandolfi hanno ristretto la carreggiata che può quindi ospitare una sola automobile. E, allora, tutti in coda anche chi il pasto lo vuole consumare altrove.

A proposito di Via Emilia Ospizio. Migliaia di automobilisti in transito, alzando la testa per leggere il suo contenuto, si saranno chiesti il perché della permanenza, quasi stoica, dello striscione che reclamizza una festa organizzata nel vicino parcheggio della Polveriera il 29… maggio! Proprio così sono ormai passati quasi quattro mesi, ma lo striscione di “Bentornata

Polveriera” resiste teso e ben tirato sopra la via Emila. La prima domanda è: chi deve rimuovere lo striscione? La seconda domanda è: perché lo striscione è ancora appeso a distanza di quattro mesi dall’evento? La terza domanda infine è: ma che succederà nel maggio del 2012 quando si terrà la nuova edizione di Bentornata Polveriera? Sostituiranno lo striscione quattro mesi prima?

I CASI PIÙ SCOTTANTI

UN INCROCIO PERICOLOSO

DEGRADO DAVANTI ALL'ESSELUNGA

SLALOM SPECIALE IN VIA CISALPINA

PATTUMIERA A CIELO APERTO IN VIA ADUA

DA DISCOTECA A DISCARICA IL TRISTE DECLINO DELLO ZOE CAFÈ

MORTADELLE ABBANDONATE NELLO STABILIMENTO DELL'EX SISE

ATTRAVERSAMENTI PERICOLOSI PEDONI A RISCHIO

VIA BLIGNY, CHE DEGRADO! TRA BUCHE E SPORCIZIA

UN ECO-MOSTRO IN CENTRO STORICO

GRAN PREMIO DI PAPPAGNOCCA LA CHICANE DI VIA CROCE

UNA STRADA “GRUVIERA” LE BUCHE DI VIA RIVALTELLA

STRISCE ROSSE DI VERGOGNA

ASFALTO GRUVIERA IN PIENO CENTRO

LE ZEBRE NASCOSTE ATTENTI ALLE AUTO

ZONA INDUSTRIALE A SINGHIOZZO


Pag.

8

venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

INVESTIMENTI

A scuola di finanza Anche a Reggio Emilia nascono progetti legati alla formazione degli investitori

L’esperienza di Banca d’Italia Intervista ad un responsabile della formazione della sede di Bologna

S

DI

CHIARA CELADA

D

all’esperienza degli ultimi tre o quattro anni di storia del mondo finanziario, dall’esplosione dei fatti legati ai mutui subprime, è sorta in tutto il mondo l’esigenza di sensibilizzare le persone a riconoscere l’importanza dell’argomento economico all’interno di un percorso di vita. Statistiche e studi fatti qua e là su scala internazionale (toccando l’intero mondo occidentale), mostrano come soltanto una piccolissima fetta della popolazione sia in grado di pensare alle proprie necessità di programmazione finanziaria. Questo vuol dire, in pratica, che i giovani non si preoccupano di assicurarsi una rendita per il proprio futuro, che chi deve fare debiti non sa valutare bene l’impatto che questi debiti avranno sul bilancio personale e familiare, e, dulcis in fundo, che molti approcciano la borsa ed il mercato senza conoscere la differenza di rischio fra un Bot ed un’azione. Niente di strano, se si pensa che, a differenza del latino, l’educazione finanziaria non è materia di studio e, una volta usciti dalla scuola, ognuno si deve arrangiare come può, reperendo qualche mezza informazione dagli amici, dal sentito dire e facendosi consigliare da professionisti che usano magari termini di cui loro non

conoscono il significato. Asimmetria informativa, sentenziano gli esperti. Ecco perchè ora qui e là si sente parlare di interventi nelle scuole, di formazione per gli adulti e si vedono intere colonne di quotidiani nazionali che contengono glossari della finanza e che con metodi quasi didattici (vignette, schemi, esempi, ect..) provano a far nascere nei cittadini il dubbio di non saperne abbastanza. Sì, perchè, nonostante sondaggi di un certo taglio come quelli di Patti Chiari rivelino che il 70% degli italiani si senta autonomo nello scegliere ed impostare l’allocazione dei propri risparmi, la realtà dei fatti porta alla luce un contesto in cui il comportamento finanziario del nostro paese è inadeguato rispetto al livello necessario per un buon funzionamento delle dinamiche economiche nazionali. La fotografia dei primi tentativi di rimediare questa preoccupante discrepanza fra il mondo della finanza moderna e le conoscenze reali delle persone che la approcciano come utenti, presenta una molteplicità di esperienze formative, più o meno approfondite. Si va dai progetti pensati da Banca d’Italia per la scuola dell’obbligo a quelli, anche se ancora in via di aggiustamento, di Patti Chiari, volti a tutto il percorso scolastico (università compresa); ci sono enti come la Caritas reggiana

che chiedono ai bancari qualche ora di volontariato per seguire le famiglie in difficoltà nella tenuta del bilancio di casa, oppure ci sono associazioni di consumatori (in città Adiconsum, per esempio) che realizzano dei piccoli progetti per adulti; Si sono organizzate le associazioni di promotori finanziari, come Anasf, che mandano i loro professionisti nelle scuole per insegnare i concetti base del risparmio e delle problematiche relative alla pensione. Gli Istituti bancari stessi concordano momenti formativi nelle scuole (Cariparma, iniziativa su Reggio legata ai progetti nelle scuole di Patti Chiari) e anche alcuni quotidiani come il Sole 24 Ore che hanno istituito alcune pagine in cui consigliano letture e si calano nella materia in modo semplificato, se non altro almeno per quel che riguarda il linguaggio utilizzato. La gran parte di tutte queste iniziative sono volte alla creazione di una maggior consapevolezza nelle persone quando approcciano al mondo bancario, almeno nelle sue forme più semplici e di uso comune. Ognuno fa la propria parte, anche se non esiste un coordinamento di questo pullulare di progetti (quasi tutti ancora in fase di sperimentazione) i cui obiettivi sono interessati alla difesa del consumatore.

i parla della necessità, in ambito internazionale e non solo italiano, a seguito delle recenti crisi finanziarie, di aumentare il livello di cultura finanziaria delle persone, in particolar modo dei giovani. Come vedete la situazione in Emilia Romagna? “E’ bene che gli intermediari finanziari si siano svegliati per istruire i loro clienti sulle tipologie di prodotto e sui rischi che corrono. Molti consumatori sono privi degli strumenti di base che permettono loro di fare scelte ponderate e opportune. Ecco perchè organismi come l’Ocse, la Bce e Banca d’Italia, nel caso del nostro paese, si sono mossi per avviare programmi di formazione ed educazione finanziaria già nelle scuole elementari (per poi proseguire fino al termine del ciclo di studio): perchè si è visto come oggi le persone diventano adulte senza la conoscenza di come gestire il proprio reddito familiare, la necessità di farsi una pensione etc... E’ una formazione che non si può risolvere nel giro di qualche lezione, al contrario, sono basi che si possono sedimentare solo attraverso un processo di formazione che duri il più a lungo possibile nel tempo. Per quanto riguarda l’iniziativa promossa da Banca d’Italia, in Emilia Romagna ad oggi non abbiamo ancora un campione rappresentativo per poter fare dei ragionamenti, ma il progetto è ancora in via di espansione... “. Come pensate di sviluppare nel tempo questo progetto? “Banca d’Italia, insieme al Ministero dell’Istruzione e ai governatori, auspica che l’educazione finanziaria venga adottata dalla

scuola come materia di studio. Avere dei cittadini informati aiuta il perseguimento dei compiti della Banca centrale Europea. Facciamo un esempio: Uno degli obiettivi primari dell’Europa è la stabilità dei prezzi. I cittadini sanno cosa vuol dire? Se i cittadini capiscono cosa significa e quali implicazioni comporta, è molto più facile da ottenere realmente. Nel 2007, con la crisi finanziaria che ha scosso i mercati, si è visto bene come sia importante la diffusione di una conoscenza di base da parte della popolazione”. Si parla di vari progetti di educazione finanziaria, attualmente posti in essere, effettuati da associazioni di categoria, sindacati, fondazioni, istituti bancari, ect.. cosa ne pensa di questa molteplicità di fonti educative? Esiste una traccia “ufficiale” di programma che è obbligatorio seguire? Cosa ritiene utile fare per avere una vera tutela dei risparmiatori? “No, non esiste un programma ufficiale. La Banca Centrale Europea fissa i principi base, poi le Banche Centrali di ogni paese decidono i programmi di alcuni corsi, oltre a fornire sul proprio sito materiale didattico e strumenti per l’apprendimento da potersi scaricare. Sfugge tuttavia alla nostra competenza, la capacità di controllo di tutti i programmi in essere e del livello di coinvolgimento delle scuole. Queste sono cose che riguardano il Ministero dell’Istruzione. Anche per quanto riguarda la molteplicità di interventi anche extra-scolastici, al momento non ci sono forme di controllo, ma almeno per oggi non è un

problema. L’educazione finanziaria non si esaurisce con questi corsi, continua quando una persona chiede consigli di natura finanziaria, perchè questi, se svolti correttamente, dovrebbero essere momenti formativi, così pure la consulenza finanziaria stessa. Qui gli istituti di vigilanza sono tenuti a verificare che ci sia trasparenza nella vendita dei servizi da parte degli intermediar e che il cliente venga informato circa i rischi e non solo le opportunità legate ad una certa operazione finanziaria, e aiutato a pianificare le proprie scelte in funzione degli obiettivi che vuole raggiungere: per legge sono richiesti comportamenti etici da parte degli istituti. Ci sono anche degli indirizzi cui il cliente può rivolgersi per denunciare eventuali mancanze da parte degli intermediari”. Quali scuole sono interessate dal vostro progetto? Quali i risultati dopo il primo periodo di attività? “Il nostro è un processo di formazione previsto per essere ampliato, sia nel numero delle scuole, che negli argomenti trattati nel corso degli anni (si è partiti con concetti di base: moneta, uso di strumenti alternativi al contante, stabilità dei prezzi...). A oggi in Emilia Romagna sono coinvolte una ventina di scuole, nessuna per ora in Provincia di Reggio Emilia, è presto per dire se siamo soddisfatti. I risultati non si possono vedere che prima di qualche anno. L’ampliamento del progetto va di pari passo con le decisioni e i fondi stanziati a questo scopo dal Ministero dell’Istruzione”. (cc)

OAS I I N C I T TÀ PER I PENNUTI

CENTRO RECUPERO FAUNA SELVATICA UN’ LIPU CROCE ALATA

Il Centro di recupero faunistico “Croce Alata” della Lipu ha sempre bisogno della generosità e della sensibilità dei reggiani. È possibile donare contributi in denaro effettuando tramite versamento intestato a “Lipu - sezione di Reggio Emilia” Iban IT55D 02008 12814 000 100141794. Sono importanti anche le donazioni di materiale utile al ricovero degli uccelli, come vecchi giornali, scatolame di carne per animali, detergenti, garze, siringhe, sacchi di granaglie.

PER OFFRIRSI COME VOLONTARI O PER MAGGIORI INFORMAZIONI

telefonare al numero 347 8047298

LIPU. Centro Recupero Fauna Selvatica Croce Alata Viale Olimpia, 1/c 42100 Reggio Emilia - Tel 347 8047298 mail: croce.alata@libero.it IBAN IT55D 02008 12814 000 100141794 - intestato a LIPU sezione di Reggio Emilia


venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

Pag.

9

CALCIO

Regia, quanti problemi per Mangone La difesa a tre, la sterilità offensiva e la mentalità: tre rebus per il tecnico DI

MICHELE ZUELLI

I

tifosi presenti domenica allo stadio a fine partita avranno pensato “troppo brutta per essere vera”. Non fa una piega, la Reggiana vista contro il Monza è stata la copia sbiadita di quella squadra gagliarda e coriacea che aveva pareggiato, 9 contro 11, una settimana prima sul campo del Pavia. Una squadra dai due volti, capace di sacrificarsi e lottare in terra lombarda per poi dilapidare tutto in modo sciagurato contro la modesta compagine brianzola. Non siamo ancora ai

DA TRE A QUATTRO Tre partite disputate, sei gol incassati (quattro tra le mura amiche) e tre fatti. Questi sono i fatti. Inutile girarci intorno, la difesa a tre fin qui non ha convinto. Nemmeno a Pavia, dove dopo le due espulsioni si è passati ad un modulo a quattro, dando così prova di una buona solidità che ha retto senza grossi affanni agli assalti azzurri. Per sbrogliare il bandolo della matassa, e visto lo stato di forma non eccellente, con alcuni giocatori a corto di preparazione, sarebbe forse più opportuno vagliare l’ipotesi, magari temporanea, di affidarsi ad un assetto più prudente: inutile parlare di numeri, 4-3-1-2 o 4-4-1-1 poco importa, ma a Benevento servirà maggior copertura, altrimenti avremo bisogno del pallottoliere.

COPERTA CORTA Non mancano le attenuanti, ma, dopo la gara di domenica, è stata la prima a salire sul banco degli imputati. Le cessioni di Stefani e D’Alessandro, gli infortuni di Lanna e Carlini, le squalifiche di Mei e Sperotto, l’arrivo all’ultimo minuto di Aya oltre all’inesperienza di alcuni baby come Siragusa e Bettati hanno fatto del reparto arretrato un vero e proprio re-

processi né al grido di allarme, ma, da un avvio di campionato che pareva decisamente abbordabile, era lecito aspettarsi qualcosa in più da Alessi e compagni, tanto più contro un avversario modesto come il ripescato Monza, annichilito sette giorni fa dal Sorrento, che alla vigilia appariva più come l’avversario ideale a cui chiedere i tre punti per rilanciare le ambizioni granata e annullare l’handicap della penalizzazione. E’ andata, invece, come tutti sappiamo e, dopo una settimana passata a leccarsi le ferite, tra i tifosi cominciano a serpeggiare incertezze e qualche malumore.

bus. La verità è che il solo Zini sembra avere carisma, mezzi e sagacia tattica per disputare un campionato ad alti livelli. La sensazione, comunque, è che sia costante un occhio rivolto al mercato nel caso la situazione non dovesse raddrizzarsi.

CALZI, NON SOLO CALCI… Fin qui, il centrocampo è sembrato il reparto più solido e meglio assemblato. Gli uomini, d’altronde, ci sono: il Calzi visto fin qui pare un ottimo acquisto, assai diverso dal “portatore d’acqua” che molti pensavano; su Viapiana non ci sono dubbi, sappiamo qual è il bagaglio a disposizione dell’ex Lugano; Matteini farà bene, nonostante sia ancora in ritardo di condizione e nelle due partite ha dimostrato di avere corsa ed esperienza. L’unico appunto che forse si può muovere alla linea mediana è una certa lentezza nei ribaltamenti dell’azione e nei rifornimenti offensivi che ci hanno costretto a portare gli attacchi contro retroguardie completamente schierate.

PUNTE “SPUNTATE” Tutti hanno puntato il dito contro i tre dietro, ma in pochi hanno evidenziato la sterilità del nostro reparto avanzato. In tre partite ufficiali finora disputate, una di Coppa Italia

e due di campionato, abbiamo raccolto la miseria di tre gol, tutti su palla inattiva (due rigori ed uno su corner). Gurma, complice la stazza, è ancora lontano dalla forma migliore. Rossi, reduce da un anno e mezzo travagliato, deve ancora calarsi al meglio nel ruolo di seconda punta. Due punte, è vero, che si completano al meglio ma che devono ancora trovare l’amalgama giusta per scardinare le difese avversarie. Urge l’ispirazione di Alessi. I DUBBI DEL MISTER Un perplesso Amedeo Mangone assiste alla partita

SU LA TESTA Nel day after Reggiana-Monza, il coro di tifosi e addetti ai lavori è stato unanime: l’approccio è stato disastroso e la mancanza di carattere ha fatto il resto. Il mea culpa giustamente recitato da Mangone nell’immediato post-partita, però non è sufficiente e non può essere un alibi per i giocatori. Il mister dovrà far dimenticare ai suoi blasone e tradizione, far giocare la squadra in modo operaio e provinciale, mantenendo l’indispensabile umiltà contro tutti gli avversari per creare quella mentalità vincente che è ingrediente base se si vogliono covare ambizioni da play off. Passino quindi gli errori individuali, passi qualche elemento che forse non si mostrerà all’altezza, passi l’inesperienza della linea verde, passi anche una

Ascensore Sportivo

coperta che, falcidiata da infortuni e squalifiche, è sembrata un po’ corta; ciò che non può passare, invece, è un atteggiamento imbelle e presuntuoso, altrimenti si rischieranno altre figuracce. Nel frattempo, la Reggiana è tornata al lavoro in vista dalla proibitiva trasferta sul campo dello spauracchio Benevento, unica squadra a punteggio pieno, capace di andare a vincere a Foggia in rimonta e travolgere poi il malcapitato Lumezzane. Mister Mangone avrà nuovamente a disposizione Salvatore Lanna, pienamente recuperato, oltre a Mei e Sperotto, che hanno scontato il turno di squalifica. Certo, servirà un’impresa per portare a casa punti, ma a Zini e soci si chiede almeno una reazione d’orgoglio.

B

HUGO CONTE

U

na grande impresa, che non può che esaltare i tifosi di una splendida Edilesse Conad, che a due settimane dall’inizio del campionato ha vinto il prestigioso “Trofeo delle Stelle” di Carpi battendo due formazioni di serie A1 del calibro di Roma e Piacenza. Il lavoro di coach Hugo Conte comincia quindi nel modo migliore. Al campionato l’ardua sentenza sulla bontà dell’operato del tecnico argentino.

ANDREA CATELLANI

E

venne finalmente il giorno dell’esordio in serie A per Andrea Catellani. Domenica scorsa il golden boy di Cadelbosco ha giocato i suoi primi minuti nella massima serie subentrando a Lanzafame al 14’ del secondo tempo nel match Catania-Siena terminato poi 0-0. La sensazione è che Catellani piaccia a mister Montella. Le occasioni per mettersi in mostra al fianco di Maxi Lopez non mancheranno…

Se il campo è stato fin qui avaro di soddisfazioni, un motivo per sorridere viene dall’accordo stipulato tra la Reggiana Calcio e il Banco San Geminiano e San Prospero, che consentirà agli sportivi reggiani l’acquisto in prevendita dei biglietti relativi alle partite casalinghe nelle oltre sessanta filiali dell’istituto di credito sparse sul nostro territorio. Dal Po al crinale, passando per il capoluogo fino a Viadana e Modena, il tifoso granata potrà acquistare fino a un massimo di quattro biglietti, presentando i relativi documenti di identità. Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente Barilli, per un’iniziativa che mira al riavvicinamento degli sportivi allo stadio: oltre ad eliminare

il problema delle lunghe code al botteghino, si potranno acquistare i biglietti ad un prezzo inferiore (dai due ai tre euro a seconda del settore) rispetto a quelli della biglietteria. L’accordo, della durata di un anno, entrerà in vigore a partire dal prossimo impegno interno, Reggiana – Como di domenica 25/09, con i biglietti acquistabili a partire da lunedì 19 fino a venerdì 23. Il rapporto di collaborazione non si ferma qui: a lato dell’iniziativa è stata presentata la speciale carta-bancomat per i tifosi granata, denominata ‘Picture’ e personalizzata con un’immagine della Reggiana, è disponibile gratuitamente per tutti i correntisti della banca che ne faranno richiesta.

Focus Rombo d’epoca

BEATRICE TORELLI eatrice Torelli si è laureata campionessa d’Italia Under 14 nel doppio femminile. L’albinetana, in coppia con Alessia Ercolino del Club Atletico Faenza nel tabellone del doppio, ha vinto in finale contro la coppia Ploner-Mordegan. Beatrice Torelli, classe 1997, è tennisticamente nata e cresciuta nella scuola del Circolo Tennis Albinea e rappresenta da quattro anni a questa parte una delle punte di diamante del “Progetto Young Team”.

LA PREVENDITA ARRIVA IN PROVINCIA

Domenica si corre la “100 Miglia delle Terre gonzaghesche”

P

enultimo appuntamento del Campionato di Regolarità “Torri & Motori” che, con la “100 Miglia delle Terre Gonzaghesche”, si avvia verso il gran finale. La gara si preannuncia combattuta e suggestiva: 48 prove cronometrate lungo un percorso di 150 chilometri attraverso le terre gonzaghesche, tra vecchi casali e antichi borghi, alla scoperta del Parmigiano-Reggiano. Si parte domenica 18 settembre alle 9.30 da Guastalla in via Gonzaga, all’altezza della chiesa di San Francesco. Apripista d’eccezione, il collezionista Emilio Bariaschi su Giulietta Sprint Veloce del 1957. Un’auto che riporta alla memoria l’ultima Mille Miglia ufficiale, prima della sospensione. Furono cinque le vetture dello stesso modello che parteciparono all’edizione del 1957 e conquistarono i primi cinque posti di categoria. L’itinerario del mattino prevede il passaggio da Pomponesco, Viadana, Sabbioneta, Rivarolo Mantovano, Gazzuolo, San Matteo delle Chiaviche, Dosolo

e rientro a Guastalla per il pranzo curato dalla pro loco che si terrà al Palazzo Ducale. Ripartenza della prima vettura alle 13. Rinnovata, anche per questa edizione, la collaborazione con il Consorzio del Parmigiano-Reggiano sezione di Reggio Emilia, sponsor ufficiale della manifestazione. Nel primo pomeriggio, dopo aver fatto tappa a Reggiolo, le auto giungeranno a Bagnolo in Piano dove, alla Latteria Sociale, è previsto il controllo timbro più gustoso: a tutti gli equipaggi verrà consegnata una punta di Parmigiano-Reggiano. In piazza Garibaldi si terrà la degustazio-

ne riservata ai concorrenti e per tutti gli intervenuti verrà allestito un punto vendita dove acquistare i prodotti della Latteria Sociale Bagnolo in Piano. Poi via, verso Novellara, ed infine Guastalla con l’arrivo della prima vettura alle 16.30 in piazza Mazzini. Durante tutta la giornata sarà possibile visitare il Piccolo Museo della Moto Bariaschi che ospita 170 esemplari che hanno fatto la storia della motorizzazione popolare italiana del ventennio 1945-1965. Le premiazioni si svolgeranno al Palazzo Ducale a partire dalle 17.


Pag.

10

venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

SPORT

Eccellenza, in 15 per la vittoria è iniziato il torneo dilettantistico che vede al via tante squadre reggiane di

Mara Bianchini

S

ono quindici le squadre reggiane impegnate quest’anno nel campionato di Promozione. Agli inizi di un campionato che, domenica scorsa ha segnato la sua prima giornata, andiamo ad analizzare le prospettive e gli obiettivi di ognuna di loro. Nel girone A, quello più difficile, sono state inserite ben nove squadre reggiane. Andando in ordine alfabetico è stata inserita

Una squadra che non ha cambiato granché e che ha visto il rientro dell’attaccante Roberto Zappulla a dare man forte al reparto offensivo. Diverse variazioni invece in casa Falk dove Federico Zanotti non avrà più a disposizione Falbo migrato a Bibbiano mentre potrà contare sull’acquisto di Chianese per cercare di bissare il risultato dello scorso anno. Un solo inserimento ma mirato per il Lentigione dove è rientrato, dopo la parentesi Bibbiano, alla corte di mister Massimo Bizzi il bomber Elia Lorenzini. Parola d’ordine “cambiare” per la Meletolese. Un nuovo diesse, o meglio un gradito rientro quello di Gianni Cavalmoretti, un nuovo allenatore Marco Paganelli e tutta una serie di giocatori che faranno la differenza come il centrocampista Michele Di Lillo e l’attaccante Manuel De Luca. Cambiamenti anche a Montecchio dove alla corte del diesse Ivano Rossi è arrivato l’allenatore Leonardo Pioli. Se lo scorso anno il Montecchio si era salvato all’ultima giornata quest’anno si punta a fare un buon campionato e ad una salvezza anticipata. Punta invece un po’ più in alto la Pol.

in questo girone la ripescata Arcetana che per la prima volta affronterà le squadre parmensi e piacentine. Un inserimento non molto consono che deriva da una classifica stilata dalla Federazione nella quale “la prima ripescata verrà inserita nel primo posto libero”, per cui all’Arcetana è toccato il girone A. Continuando si trova la Castelnovese che dopo il brillante risultato dello scorso anno cercherà di bissare e migliorare la decima posizione.

Brescello che, dopo diversi anni di corteggiamento, è riuscita ad inserire in rosa l’attaccante Andrea Tinelli. Rinforzi arrivati anche in casa Povigliese che ha inserito i fratelli Luigi e Maycol Gualtieri come pure i fratelli Andrea e Matteo Attolini. Pochi innesti invece per la Sampolese dove è rimasto alla guida di Alessandro Piscina. Pochi ma buoni e soprattutto nei reparti dove necessitavano, per arrivare alla salvezza possibilmente senza giocarsi play out. Lo scorso anno si è salvata ai play out e per questo campionato 2011/2012 gli obiettivi sono più ambiziosi. La Casalgrandese ha investito parecchio sia nella squadra sia nel nuovo campo sintetico e i programmi sono quelli di arrivare in Eccellenza. Innesti importanti e mirati serviranno per arrivare, nel giro di un paio d’anni agli obiettivi. Ha confermato il gruppo ed inserito solo i giovani obbligatori il Fabbrico di Stefano Golinelli che dopo il settimo posto dello scorso anno cercherà di migliorare non tanto la classifica quanto le prestazioni. Punta ad un campionato medio/alto la neo promossa Folgore Bagno che

ha confermato alla guida della squadra Pier Antonio Torroni. Una Folgore che da metà agosto ha iniziato una collaborazione con il San Faustino per le prime squadre ma soprattutto per il settore giovanile. Fusione avvenuta fra Castelnovo né Monti e Casina che hanno dato vita all’AC Montagna. Guidata da Paolo Vinceti anche la formazione montana non ha effettuato grandi cambiamenti se non l’inserimento dei giovani. E dopo anni torna in Promozione il blasonato Reggiolo. La squadra trainata da mister Cesare Vitale dopo aver trascorso un’annata da ricordare spera di confermarsi in questa categoria. E per mantenere fede agli obiettivi ha inserito alcuni giocatori importanti come l’attaccante Daniele Margini che ha già militato nel Fiorano e nel Fabbrico. Ultima delle quindici ma non certo come aspettative è la Rubierese. Confermato alla guida della squadra Roberto Antonioli ha creato una squadra per vincere il campionato e tornare in Eccellenza. Acquisti importanti come Suprani e Aruta sembrano essere un pass da non sottovalutare.

I PROTAGONISTI In alto, Cesare Vitale e il suo Reggiolo. Sotto Aruta, Paganelli e Falbo

Melissa e Federica, due modelle in forma Bellezza e sport a braccetto con l’ex di Balotelli e la nuova Miss Reggio

BELLE E TIFOSE Melissa Castagnoli, Miss Reggio 2009 con la maglia della Reggiana e Federica Giuliano, Miss Reggio 2011, con la maglia della Dinamo Rock

F

ederica Giuliano, 21 anni, seconda a Miss Emilia 2011 e Miss Reggio in carica, e Melissa Castagnoli, 20 anni, Miss Reggio 2009 nota anche per la storia col calciatore Mario Balotelli, hanno voluto dire la loro sulla nuova stagione sportiva, indossando le maglie delle squadre e dei campioni reggiani. E tra gossip e curiosità, un canestro e un beach volley sui campi del Fit Village, abbiamo scoperto che lo sport per loro è

una vera passione. “Sono una sportiva nata, nel senso che ho sempre fatto tanta attività fisica, perché sono molto golosa – attacca Federica – Adoro le lasagne, anche se cerco di starne alla larga, mentre mi abbuffo di carne e insalate. Ho praticato tennis a buon livello per 5 anni, ma ora faccio soprattutto corsi di tonificazione. L’evento che non posso perdermi? I Mondiali di calcio”. “Io ho iniziato praticando pallavolo – replica Melissa – poi

basket, pattinaggio e tennis. Adesso faccio aerobica, danza e fitness. Sono golosa, adoro il gelato, ma non rinuncio mai a niente, e se mi sento in colpa vado in palestra! Seguo tutti gli sport, ma vado matta per il calcio”. Conoscete giocatori di squadre reggiane? “Qualcuno, ma solo di vista – risponde Federica Però mi piacerebbe conoscere Francesca Ferretti ed eguagliare i suoi successi fuori da Reggio nella moda come lei

ha fatto nel volley”. Più approfondita la conoscenza dei calciatori da parte di Melissa “Della Reggiana, oltre a Stefani, i giovani D’Alessandro, Romizi e Arati. Del basket Nicolò Melli. E ovviamente Giuliano Razzoli, col quale sono parente alla lontana”. Veline e calciatori sono destinati a mettersi insieme? “Premesso che ognuno è libero di fare ciò che vuole – spiega Federica - è triste vedere storie combinate e persone

che escono insieme solo per farsi notare”. “Io non ci vedo niente di male: frequentando gli stessi ambienti è normale”, è invece il giudizio di Melissa che, a proposito della sua storia con Mario Balotelli precisa: “Non sono un’ipocrita. So che la storia con Mario (Balotelli, ndr) mi ha cambiato la vita e reso popolarissima. E’ stata come un tornado, ma non sono pentita, e continuerò a frequentare questo ambiente. Anche adesso mi sto sentendo

con uno sportivo, vedremo... Se è di Reggio? No. Ma non voglio dire altro, anche perché sono molto gelosa, nonostante non lo faccia vedere”. E con Balotelli ti senti ancora? “No, e quando chiama non gli rispondo. Non penso che tornerà a giocare in Italia, perché prendersi Mario è un rischio: è fatto a modo suo, è una testa calda, tutti pensano di mettergliela a posto ma nessuno finora c’è riuscito”.


settimana dal 16 al 22 settembre

eporterWeekend www.reporter.it

Pagina XIII

Afterhours per cominciare... La band capitanata da Manuel Agnelli inaugura la nuova stagione del Fuori Orario

Al Festival Francescano da Giovanni Allevi a Niccolò Fabi Pagina II

REPORTER DIVENTA

Due capolavori di Guido Reni ritornano a Reggio Emilia Pagina III

QUOTIDIANO

SUL WEB www.reporter.it

Tutti gli appuntamenti per il tempo libero Pagine VI-IX

Politica, economia, cronaca, sport, agenda spettacoli, rubriche e opinioni, annunci: tutte le notizie su Reggio Emilia aggiornate ogni giorno in tempo reale. Sul nuovo sito di Reporter trovi tutto, ma proprio tutto sulla tua cittĂ .

ON LINE

Fra anteprime e rassegne i film da non perdere Pagine X-XI


Pag.

II

venerdì

speciale

16 settembre 2011 - REPORTER

Festival Francescano

Programma Eventi Spaccio aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle 8 alle 13. Solo su prenotazione Via Degola, 18 - Villaggio Crostolo - Reggio Emilia

Tel. e Fax 0522/455398

Se prendi una Crèpe

la Bibita te la regaliamo noi! Presenta questo coupon alla cassa

Via Emilia S.Pietro 35/d - Reggio Emilia

VENERDÌ 23 SETTEMBRE Ore 9.15 Sagrato della Chiesa San Francesco Inaugurazione “Festival Francescano 2011” A seguire “Il messaggio di Francesco: strumento di pace oggi” Incontro con Ernesto Olivero Teatro San Prospero “Lu Santo Jullare Françesco” Spettacolo teatrale di Dario Fo Con Mario Pirovano (Repliche sabato 24 e domenica 25 settembre) Ore 11 Musei Civici, Sala Marmi “L’economia può essere francescana oggi?” Conferenza di Vera Negri Zamagni Ore 15 Cinema Cristallo “Italica 150” Film documentario di Enrico Brizzi e Serena Tommasini Degna (Replica sabato 24 settembre) Ore 19 Sagrato della Chiesa San Francesco “Caro Stato” Incontro con Gian Antonio Stella

abbigliamento bambino

firmato, nuovo e vintage anni '70 '80 '90

stock calzature

Ore 21 Piazza della Vittoria Concerto di Niccolò Fabi

SABATO 24 SETTEMBRE

ritiriamo l'usato come nuovo dei vostri bambini e lo rivendiamo per voi ORARI: 10-13 16,30-19,30 chiuso lunedì tutto il giorno e giovedì pomeriggio REGGIO EMILIA Via San Pietro Martire 2f info 335.6915111

Ore 9.30 Sagrato della Chiesa San Francesco “I valori francescani in Costituzione” Conferenza di Valerio Onida Ore 15 Sagrato della Chiesa San Francesco “Il mondo di domani” Conferenza di Romano Prodi

Ore 16.30 Sagrato della Chiesa S. Francesco “La legalità nella cultura italiana” Conferenza di Giuseppe Pisanu Ore 17 Area del Teatro Municipale “Gli italiani visti da un viandante?” Incontro con Enrico Brizzi Ore 21 Piazza della Vittoria “Alien Tour” Giovanni Allevi in concerto

DOMENICA 25 SETTEMBRE Ore 9.15 Area del Teatro Municipale “La Chiesa degli ultimi 150 anni” Conferenza di Alberto Melloni Ore 12 Biblioteca Bartolomeo Barbieri Aperitivo musicale Matteo Ranellucci al pianoforte Ore 16 Piazza della Vittoria Concerto dell’Antoniano Ore 17 Sagrato della Chiesa S. Francesco “Se non tornerete come bambini...” Conferenza di Maria Rita Parsi Ore 17.30 Piazza della Vittoria “Franciscan Music Contest” Finale Ore 18.30 Piazza della Vittoria “In tutti i giorni eroi” Controtempo in concerto Tutte le iniziative del Festival sono a ingresso libero e gratuito

L'arte per amica

SETTIMANA GRATUITA DAL 19/09/11 PRIME LEZIONI SEMPRE GRATUITE

TANTE NOVITA' PER IL 2011

 danza e movimento  pittura, trucco e fumetto  musica e canto  mini regia d'animazione  teatro e recitazione Orari Segreteria: dal Lun. al Ven. dalle 16:30 alle 19:30 Via Daniele da Torricella, 44 - Zona Buco del Signore, sopra il ristorante La Giungla - Reggio Emilia - Tel. 0522/337624 - Cell. 346/8769161 www.vivarte.org - info@vivarte.org


venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

Pag.

III

eventi Mostre

Due capolavori ritornano a casa Dal 22 settembre la cattedrale e il Museo Diocesano ospiteranno le tele di Guido Reni

R

itornano a Reggio Emilia, dal 22 settembre al 12 dicembre prossimo, due opere di Guido Reni realizzate per la città ma ora conservate altrove. Il Crocifisso e la Madonna e San Francesco verranno esposte in Cattedrale e al Museo Diocesano, rendendo merito al loro valore e ricostruendo una vicenda storica e artistica che ha attraversato il nostro territorio. È innegabile che vedere un’opera d’arte nel suo contesto ambientale originario ne consenta una più articolata lettura. È con questo intento che il dipinto di Guido Reni raffigurante il Crocifisso verrà ricollocato nella pregevole ancona marmorea che un tempo lo incorniciava. Realizzata per l’oratorio del SS. Sacramento di Reggio nel 1636, l’opera venne poi requisita nel 1783 da Ercole III d’Este e trasferita nella Galleria ducale di Modena. L’ancona di marmo nero di Portovenere, dopo la demolizione dell’antico oratorio, è stata rimontata nella cappella

estense della Cattedrale ed è in questo contesto architettonico, restaurato di recente, che si potrà apprezzare il quadro nella splendida unità artistica originaria, ricomposta dopo oltre due secoli. Parallelamente sarà esposta, presso il Museo Diocesano, la tela raffigurante la Madonna e San Francesco eseguita dal Reni per l’altare della cappella Brami nella basilica della Ghiara e mai giunta a Reggio a causa della morte del pittore nel 1642. Acquisito dallo Stato, il dipinto viene oggi conservato presso la Pinacoteca Nazionale di Bologna. L’esposizione reggiana offre l’occasione di accostarsi al raffinato stile dell’ultimo periodo del Reni, anche alla luce dei nuovi studi emersi sulle opere realizzate dall’artista per le chiese

N

della città. A promuovere il progetto sono la Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia Romagna, le due Soprintendenze ai beni storici artistici ed etnoantropologici di Modena e Reggio Emilia e di Bologna e Ferrara, l’Ufficio per i beni culturali della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, la Fondazione Manodori. Con il supporto di Comune e Provincia di Reggio Emilia, Palazzo Magnani, Festival Francescano, Comitato per il restauro della Cattedrale. Sponsor dell’iniziativa, Ccpl, Coopsette, Ina Assitalia, Tecton. Il catalogo - edito da Step - è a cura di Stefano Casciu, soprintendente per Modena e Reggio Emilia, e Tiziano Ghirelli, direttore Ufficio Diocesano beni culturali.

ingresso gratuito inFo 0522 402210 - 430541 orari da lunedì a sabato 9-12,30 - 16-19 domenica 16-19 - giovedì chiuso

PREGEVOLI OPERE D'ARTE

"La Madonna e San Francesco" e il "Crocifisso" di Guido Reni

Il silenzio della pianura

Fotografia

Obiettivo Africa

Tre esposizioni raccontano i conflitti del continente nero allo Spazio Gerra

S

abato 17 settembre, alle 18.30, saranno inaugurate allo Spazio Gerra di Reggio Emilia tre esposizioni fotografiche dedicate all’attualissima situazione africana. Eclats d’Afrique è il titolo del progetto, promosso dal Comune di Reggio Emilia in partnership con Boorea, che si propone, attraverso le esposizioni fotografiche e un ciclo di incontri, di documentare l’attualità dei “clamori” africani e contemporaneamente di riannodare il filo di un dialogo che la città di Reggio Emilia ha tenuto, a partire dagli anni Settanta, con il Mozambico e altri paesi africani, di cui oggi rimane il segno nei tanti progetti di cooperazione, negli scambi e nei gemellaggi.Per la giornata inaugurale (sabato 17 settembre), in programma alle 18.30 nello Spazio Gerra di Reggio Emilia, sarà presente Mohamed Dahir, autore delle 50 immagini di una delle tre esposizioni dedicate alla tragedia somala. Il giovane fotografo ha documentato, per i più importanti organi di informazione del mondo, le recenti vicende della Somalia e della sua capitale Mogadiscio, vincendo due impor-

tanti premi come miglior giovane fotoreporter al festival di Bayeux Calvados e al festival europeo del Giornalismo di Angers. Alle 20 seguiranno le video proiezioni dai Recontres di Bamako, già presentati nell’ambito della V° edizione di Fotografia Europea. I Rencontres africaines de la photographie, conosciuti anche come la Biennale di Bamako, è una manifestazione organizzata a Bamako, in Mali, dal 1994 e dedicata alla fotografia africana. A seguire il concerto di Sourakata Dioubate e Lancei Dioubate. Dalla mostra dedicata alla tragedia somala, Eclats d’Afrique propone un’esposizione dedicata alla Tunisia dal titolo Artocracy in Tunisia. Arte, Persone e Libertà, uno dei più ambiziosi e coraggiosi progetti di street-art contemporanea che ha voluto sostituire le più persuasive fotografie presidenziali con un mosaico di foto di vita quotidiana di tunisini anonimi, diventati gli autentici protagonisti delle immagini. In mostra 24 fotografie e ritratti di uomini e donne, giovani e vecchi, del Nord, Sud, Est o Ovest, ricchi o poveri, funzionari pubblici, imprenditori, operai, contadini,

disoccupati. Il progetto è del famoso artista di strada francese conosciuto come JR, avviato da Slim Zeghai e Marco Berebi, realizzato insieme a un gruppo di sei fotografi: Sophia Baraket Tunisia, Rania Dourai, Wissal Dargueche, Aziz Tnani, Hichem Driss e Hela Ammar. È dedicato invece ad uno sguardo generale sulla parte settentrionale del Continente africano l’originale progetto fotografico e video del collettivo piacentino CesuraLab, dal titolo Ado che documenta i tumulti del cosiddetto ‘uprising nordafricano’spaziando dalla Tunisia al Libano, dall’Egitto all’Italia con

Lampedusa, dall’Algeria alla Libia con i lavori di Arianna Arcara, Gabriele Micalizzi, Andy Rocchelli, Gabriele Stabile e Luca Santese. I tre progetti fotografici saranno accompagnati, dal 26 settembre al 28 ottobre, da workshop, incontri con i fotografi coinvolti, con giornalisti ed esperti di geopolitica come Lucio Caracciolo, direttore di Limes, Federico Cresti, docente dell’Università di Catania, Arrigo Pallotti, scrittore e professore associato di Storia e istituzioni dell’Africa presso l’Università di Bologna (sede di Forlì), Costantino Di Sante (ISMLM) e Amos Conti (Istoreco).

Ai Chiostri di San Domenico

A

L’antica arte dell’ago e del filo

i Chiostri di San Domenico è tornata l’antica arte del ricamo, una delle più antiche tecniche di manualità femminile che ha conservato nel tempo il fascino discreto della propria bellezza, in un insieme quasi magico di creatività, passione, abilità, pazienza e silenzio. Il ricamo dunque, più vivo che mai, fa bella mostra di sé con la decima edizione della

mostra biennale del Circolo culturale Reggio Ricama, ‘Il Ricamo Ritrovato’. Negli ampi spazi della prestigiosa sede espositiva saranno esposti manufatti totalmente nuovi, eseguiti dalle 300 socie del Circolo nel corso degli ultimi due anni di attività con le più svariate tecniche, quali hardanger, filet ad ago,

reticello, sfilature, punto madama, ars canusina, punto parma, fondini, punto colbert, ars bizantina ecc., e ambientati con gusto e perizia nelle varie sale dei Chiostri. L’associazione Reggio Ricama non si limita a organizzare l’esposizione ma per tutto l’anno tiene corsi di base e avanzati, corsi personalizzati

per non residenti e corsi intensivi nel fine settimana. I corsi si tengono nelle sedi di Reggio Emilia, Novellara e Bibbiano. La mostra resterà aperta fino al 25 settembre con i seguenti orari: 10 –12.30 /15.30-19.00; il lunedì chiusura. Ingresso libero. INFO: Reggio Ricama - tel. e fax 0522 301670 - www.reggioricama.org - reggioricama@libero.it

Fabio Vezzani alla Galleria San Francesco

di

Rossella PoRcheddu

C

ase diroccate e grandi architetture industriali nell’ultima personale di Fabio Vezzani, ospitata dalla Galleria San Francesco “La Casa gialla” di Reggio Emilia, in via Bardi 4/b, fino al 25 settembre. In linea con le precedenti esposizioni, il fotografo reggiano presenta scatti in bianco e nero privi della presenza umana. Protagonisti dell’esposizione “La solitude du silence” sono edifici dismessi, fotografati nella campagna reggiana in giornate temporalesche, e fabbriche in attività disseminate nella Pianura Padana. Se da un lato è lo sfascio a farla da padrone, dall’altro invece ad emergere è il fervore industriale. Gli scatti, realizzati tra il 2008 e il 2011, non sono frutto di una scelta oculata, quanto piuttosto di casualità. Complice la stagione fredda, carica di nubi, Fabio Vezzani si è spinto alla

scoperta dei paesaggi padani, lasciandosi suggestionare dagli edifici incontrati sul cammino. Non tralasciando né il cielo, che minaccioso sovrasta gli stabili, né la vegetazione, che spesso avvolge le strutture. Attivo dal 2004, il fotografo reggiano ha orientato il proprio obiettivo su cattedrali francesi ed ex ospedali psichiatrici, sculture funerarie e cimiteri monumentali. Costanti della sua ricerca, dal sapore gotico e malinconico, sono il silenzio, che può farsi gravoso e incombente, e la solitudine, triste compagna delle giornate invernali. Si apre dunque con la fotografia la stagione della Galleria San Francesco, che dal 2008 espone negli spazi un tempo adibiti a stalla, le opere di artisti del territorio. Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni, esclusi il lunedì e il giovedì, dalle 16 alle 19. Per info www.galleriasanfrancesco. com


Pag.

IV

venerdì

16 settembre 2011 - REPORTER

eventi A Castelnovo ne’ Monti

Sulle cime del gusto Domenica 18 camminate e degustazioni con la Magnalonga del Parmigiano reggiano

S

apori d’appennino, camminate o cavalcate equestri: questi gli ingredienti per una ricetta riuscita di un evento multidisciplinare, la III^ Magnalonga del Parmigianoreggiano, che torna nella sua terza edizione, il 18 settembre el suggestivo contesto naturalistico della Pietra di Bismantova a Castelnovo ne’ Monti, nel cuore dell’appennino reggiano. L’evento sportivo gastronomico, Memorial di Azzio Benassi, affiancato da un Equiraduno del comitato regionale FitetrecAnte, per la prima volta attorno alla Pietra di Bismantova, viene proposto al pubblico con questo ulteriore elemento di valorizzazione ed attratività turistica. Si potrà partecipare alla manifestazione a cavallo o a piedi, percorrendo la sentieristica attorno a quest’antica roccia arenaria di eccezionale ricchezza naturale, degustando in 4 tappe gastronomiche, un intero menù a base di Parmigiano Reggiano della latteria di Carnola e della latteria Casale di Bismantova, protagonista delle eccellenze gastronomiche del territorio. L’evento itinerante, si snoderà in quattro differenti tappe

gastronomiche gestite grazie alla collaborazione di svariate associazioni di volontariato del territorio, dall’Associazione sportiva Cavalieri del Gigante che gestirà le tappe equestri del percorso, da diverse realtà di operatori gastronomici e commerciali, dal Consorzio del formaggio Parmigiano–Reggiano, dall’Istituto Alberghiero e della Ristorazione A. Motti e da diverse cooperative. I patrocinatori dell’evento sono il consorzio del formaggio Parmigiano-Reggiano, il Centro Cuore & salute, la Comunità Montana dell’appennino emiliano, il Comune di Castelnovo ne’ Monti e la Provincia di Reggio Emilia. Gli iscritti alla manifestazione potranno degustare piatti tradizionali ed innovativi tra cui: bignè farciti con crema di ricotta, mascarpone, tonno, pomodorini, accompagnati da cialdina croccante di parmigiano reggiano, il tortino di patate ai funghi, le lingue di parmigiano-reggiano con crema di aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia, le lasagne con scaglie di parmigiano-reggiano, le crostate con marmellata ai frutti di bosco, la

ricotta fresca di latteria di montagna con la confettura ecc. La partenza è prevista alle 9,30 dalla latteria del Casale di Bismantova dove, dopo avere parcheggiato il proprio automezzo e portato il proprio cavallo, si inizierà il percorso lungo circa 10 km ( a cavallo si prevede un tragitto più esteso fino alle fonti naturali di acqua sorgiva di Poiano, e ai gessi triassici) che farà tappa anche nella latteria di Carnola, e terminerà sempre a Casale, dove si potrà assistere all’ antica cottura a legna di una forma di Parmigiano-Reggiano. Il costo della sola Magnalonga è di 18 euro a persona (16 per i bambini fino a 10 anni ) mentre il pacchetto di due giorni, con arrivo il pomeriggio precedente, comprendente la cena, il pernottamento, la prima colazione, la posta ed il fieno e l’acqua per il cavallo, oltre alla Magnalonga stessa, costa 86,00 euro (prezzo praticabile fino ad esaurimento posti). Il termine ultimo per iscriversi alla sola Magnalonga è il 15 settembre e per la prenotazione del pacchetto l’8 settembre (info Monica 3393965678, monica. benassi68@gmail.com).

Prodotti tipici

Trionfa il Pan de Re

4

0 quintali di pane, 32 quintali di farina, 16.000 pagnotte, 550 crostate di prugna zucchella, 650 ciambelle vendute, scorte esaurite del furmaìn: sono i numeri della seconda edizione di Pan de Re, la rassegna dedicata al nuovo pane reggiano. “Un risultato che ci riempie di soddisfazione, frutto del lavoro di tutti quelli che hanno creduto assieme alla Provincia di Reggio Emilia nel valore di questo progetto” – commenta l’assessore all’Agricoltura della Provincia Roberta Rivi esprimendo un ringraziamento a tutti i fornai ed in particolare ai signori Cervi e Folloni che tanto si sono spesi

Oroscopo

per la riuscita dell’iniziativa. Con Pan de Re per sette giorni i reggiani, in occasione della Giareda, hanno avuto l’opportunità di conoscere meglio la specialità reggiana, il valore alimentare del buon pane, i nuovi prodotti tutti reggiani come il furmaìn e la crostata di prugna zucchella e i pani di altre aree geografiche oltre ai valori culturali e simbolici di un alimento presente nella cultura di tutti i tempi e di tutti i popoli. “I numeri relativi alla vendita dei prodottti e la buona partecipazione dei reggiani alle proposte culturali e di spetta-

 

dal 16 al 22 settembre

Le indicazioni delle stelle su AMORE

oARIETE

A M ORE: S E SSO: L AVORO:

TORO  ★★ ◆◆◆

A MO RE: SESSO : LAVO RO :

GEMELLI  ★★★★★ ◆◆◆

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

 ★★ ◆◆◆◆

SESSO LAVORO

CANCRO

LEONE

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

AMOR E : ★★ LAVORO:

 ★ ◆◆◆

SE SSO: ◆◆◆

AMORE - Con Venere favorevole vi sentirete molto attraenti e sensuali. Ottimi i rapporti sociali e le nuove prospettive che si apriranno in ambito affettivo e amoroso. Nuove conoscenze interessanti. LAVORO - Anche se non avrete riconoscimenti importanti, riuscirete comunque a raggiungere piccoli successi, ottenuti senza troppo vociare ma sempre molto importanti per la vostra soddisfazione, grazie alla stelle positive. LA LUNA CONSIGLIA - Evitate musi e puntigli.

AMORE - In questa settimana con Venere e il Sole negativi, potra' esserci malinconia sia per i single che per le coppie. I nervi saranno tesi, quindi contate fino a dieci prima di parlare. LAVORO - Tutti i passi compiuti in questo periodo avranno una conclusione positiva e, quel che piu' conta, daranno luogo a risultati duraturi, destinati a consolidarvi sempre di piu' nel tempo nel vostro ambito lavorativo. LA LUNA CONSIGLIA - Rilassatevi con un bel libro.

comunicazione e ritroverete voi stessi!

AMORE - Se siete in coppia in questa settimana chiarirete senza timore con il partner cio' che non funziona nel rapporto e tutto andra' per il meglio. Per i single nessuna novita' in arrivo. LAVORO - Cercate di spingere al massimo il pedale della creativita', senza farvi fuorviare da situazioni intorno a voi che non vi piacciono proprio. Tutto sta nel ricominciare a sentirsi creativi ed ispirati. Favoriti i viaggi all'estero. LA LUNA CONSIGLIA - Evitate chi ha vedute troppo ristrette.

BILANCIA

SCORPIONE

SAGITTARIO

CAPRICORNO

ACQUARIO

A M ORE: S E SSO: L AVORO:

A MO RE: SESSO : LAVO RO :

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

AMO RE: ★ L AVO RO :

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

AMORE - Avrete l'opportunita' di avere nuovi contatti e ricche prospettive in amore, vi troverete dinanzi a situazioni decisamente esaltanti, a sfide stuzzicanti. Una sorpresa in arrivo. LAVORO - Qualche banale contrattempo, specie all'inizio della prossima settimana, potra' irritarvi piu' del dovuto: non cadete nella trappola di cedere ad una provocazione di un socio. Attenti a rispettare le scadenze. LA LUNA CONSIGLIA - Difendete le vostre idee.

 ★★★★ ◆◆◆

AMORE - Stelle intriganti brillano nel cielo e promettono incontri destinati a mettere radici. Venere sostiene la vostra ripresa emotiva, Marte suggerisce qualche interessante trasgressione. LAVORO - Evitate di assumervi ulteriori responsabilita' nella vita professionale: correrete il rischio di ritrovarvi sommersi di lavoro senza piu' spazio per i sentimenti e la vita di coppia. Buono il rapporto con i vostri titolari. LA LUNA CONSIGLIA - Non accettate incarichi extra...

 ★★ ◆◆

AMORE - I pianeti dell'amore sono schierati dalla vostra parte. Potrete, finalmente, dichiararvi soddisfatti del vostro rapporto di coppia, anche se siete reduci da un periodo difficile. LAVORO - Dovrete approfittare di questo momento fortunato per condurre in porto i progetti che vi stanno a cuore. Non sara' difficile trovare qualcuno disposto a sostenere la vostra iniziativa visto la vostra voglia di fare. LA LUNA CONSIGLIA - Attenzione a brevi momenti di insicurezza.

AMORE - Potrebbero crearsi disagi e liti nella coppia, quindi cercate di essere calmi ed evitate azioni avventate di cui poi, con il tempo, potreste pentirvi. Abbiate pazienza perchè tra poco tutto cambiera'. LAVORO - Il Sole vi obblighera' ad ammettere l'importanza e la necessita' di collaborare con il prossimo, anche se non avete una vera attivita' di gruppo. Il confronto con altri puo' essere un arricchimento per il vostro lavoro. LA LUNA CONSIGLIA - Apritevi alla

VERGINE

AMORE - Il proprio partner riconoscera' i propri errori e promettera' solennemente di cambiare atteggiamento. Il sorriso tornera' sulle vostre labbra: concedetegli di corteggiarvi e di farsi perdonare. LAVORO - Vi sentirete in prima linea, grazie anche a Giove e Marte favorevoli, in questo periodo, volete vedere risultati concreti per i vostri sforzi. Non siete disposti a pazientare o dilazionare oltre. La pazienza è una virtu' apprezzabile. LA LUNA CONSIGLIA - Coltivate i vostri interessi con intelligenza.

 ★★★ ◆◆

colo - sottolinea la Rivi - dimostrano come i cittadini oggi siano sempre più consumatori consapevoli, rispettosi dell’ambiente e attenti alla cura della propria salute attraverso l’alimentazione”. Il Pan de Re non termina qui il suo percorso e lo si può trovare nei 37 forni di Reggio Emilia e provincia che hanno attivato il percorso di certificazione così come a suo tempo hanno fatto gli agricoltori all’atto delle semine e le aziende molitorie. (I recapiti dei forni sono disponibili su www.provincia.re.it e-mail: s.viani@mbox.provincia. re.it tel. 348 4048171).

S ES S O : ◆◆

AMORE - Sara' un periodo in cui dal piano sentimentale potrebbero arrivare confusione ed ansia, ma nel quale avrete la possibilita' di rimettere un po' in discussione il vostro rapporto di coppia. LAVORO - Agirete in accordo con i vostri bisogni piu' profondi e non correrete il rischio di buttarvi in imprese inadatte a voi. Molto bene per il settore del commercio e delle attivita' imprenditoriali, grazie alle stelle positive. LA LUNA CONSIGLIA - Scegliete con piu' oculatezza chi frequentare.

 ★★★★ ◆◆◆

AMORE - Per i single periodo veramente pieno di novita' e incontri speciali. Cercate di divertirvi fin che potete e nel migliore dei modi e sicuramente non rimarrete delusi. Per le coppie nessuna novita' in arrivo. LAVORO - Guarderete con orgoglio e senso di sfida alcuni cambimenti professionali che avete messo in atto. La vostra autostima salira' alle stelle! Favorito il settore commerciale e dell'editoria. Scarso il rapporto con un collega. LA LUNA CONSIGLIA - Non insistete per qualcosa se ci sono divergenze.

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★★★ ◆

AMORE - Dopo le tensioni causate da Saturno e Plutone, rilassatevi con un fine settimana in assoluto relax con il partner. Per i single potrebbe iniziare una stimolante love story con la complicita' di Nettuno. LAVORO - Socievoli, dinamici, volenterosi, convincenti: sul lavoro farete faville, qualunque sia il settore in cui operate. Mercurio accentuera' la prontezza, mentre Marte vi trasmettera' un'energia da leoni. LA LUNA CONSIGLIA - Organizzate una cena con i vostri familiari.

 PESCI

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★ ◆◆

AMORE - Evitate di lasciarvi prendere da un entusiasmo momentaneo e di fare promesse, se non siete sicuri di poterle mantenere: potreste deludere la persona che vi è accanto. LAVORO - Svolgerete un lavoro troppo pesante e purtroppo non potreste tirarvi indietro. Meno male che le stelle saranno benevole e vi consentiranno comunque di portarlo a termine senza troppi drammi. LA LUNA CONSIGLIA - Mandate a monte un piano...un'insidia di nasconde!


venerdì

16 settembre

Pag.

2011 - REPORTER

libri i libri più venduti

Posiz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Autore Marcela Serrano Gian Antonio Stella - Sergio Rizzo Donato Carrisi Ruta Sepetys Stefano Benni Vanessa Diffenbaugh Nicolas Barreau Vito Mancuso Rafael Nadal - John Carlin Melissa Hill

Titolo Dieci donne Licenziare i padreterni Il tribunale delle anime Avevano spento anche la luna La traccia dell’angelo Il linguaggio segreto dei fiori Gli ingredienti segreti dell’amore Io e Dio Rafa - La mia storia Un regalo da Tiffany

narrativa straniera

Posiz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Autore Marcela Serrano Ruta Sepetys Vanessa Diffenbaugh Nicolas Barreau Melissa Hill Robert Harris Haley Tanner Edmund De Waal Alexandra Adornetto Allison Pearson

Titolo Dieci donne Avevano spento anche la luna Il linguaggio segreto dei fiori Gli ingredienti segreti dell’amore Un regalo da Tiffany L’indice della paura Cose da salvare in caso di incendio Un’eredità di avorio e ambra Rebel Ma come fa a far tutto?

prezzo editore 18,00 Feltrinelli 18,00 Garzanti 18,60 Garzanti 15,00 Feltrinelli 9,90 Newton & Compton 19,90 Mondadori 16,60 Longanesi 18,00 Bollati Boringhieri 16,90 Nord 17,90 Mondadori

V

l’angolo del lettore prezzo 18,00 9,00 18,60 18,00 11,00 18,60 15,00 18,60 18,00 9,90

editore Feltrinelli Rizzoli Longanesi Garzanti Sellerio Garzanti Feltrinelli Garzanti Sperling & Kupfer Newton & Compton

narrativa italiana

Posiz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Autore Donato Carrisi Stefano Benni Andrea Molesini Roberto Costantini Edoardo Nesi Michela Marzano Margaret Mazzantini Susanna Tamaro Mario Coloretti Mauro Corona

il libro più venduto

settimana dal 5 all'11 settembre 2011 a cura della libreria all'Arco di Reggio Emilia

Titolo Il tribunale delle anime La traccia dell’angelo Non tutti i bastardi sono di Vienna Tu sei il male Storia della mia gente Volevo essere una farfalla Nessuno si salva da solo Per sempre L’ultima volta che ci vediamo La fine del mondo storto

prezzo 18,60 11,00 14,00 22,00 14,00 17,50 19,00 18,00 18,00 18,00

editore Longanesi Sellerio Sellerio Marsilio Bompiani Mondadori Mondadori Giunti Miraviglia Mondadori

IL LIBRAIO CONSIGLIA

In viaggio con un grande giornalista

“Montanelli Reporter” di Iacopo Bottazzi: una divertente e insolita guida bio-geografica DI

NICO BIAGIANTI

D

alla Francia all’America, dall’Estonia ad Addis Abeba, da Helsinki all’Albania, da Milano a Roma. Ecco un’appassionante guida a tutti i luoghi in cui Montanelli è stato cronista, e allo stesso tempo protagonista. Dagli anni della scuola, al ventennio fascista; dall’amore per il giornalismo alla guerra. E poi per tutta la carriera: le molte avventure editoriali, i successi, i fiaschi, fino alla fine, nella clinica “La Madonnina” di Milano, dove quattro giorni prima di morire, volle scriversi

il suo necrologio. “Montanelli Reporter” rende l’idea di quanto possa essere stata intensa la vita del grande giornalista, e insieme somma tutta quella serie di eventi, belli o tragici, che hanno reso profondo il suo carattere, più acuto e disincantato il suo sguardo, più lucido e pulito il suo inconfondibile stile. Un’intelligenza unica conquistata sul campo, tra mille incarichi in giro per tutto il mondo, attraverso le tragedie del suo tempo: la guerra, il terrorismo (che lo colpì gambizzandolo “e mi aggrappai alla cancellata perché volevo morire in piedi, questo mi salvò

la vita”). Tutte vissute con quel suo caratteraccio da toscano di Fucecchio: incapace di non dire quello che pensava, sempre e comunque. E sempre in modo magnifico. Fresca e intelligente la composizione del volume: diviso tra lettori da divano o con scarpe da ginnastica. I primi liberi di scorrere i capitoli, seguendo l’ordine casuale dell’impaginazione oppure scegliere di seguire le tracce degli anni, mettendo in fila gli avvenimenti come in una biografia classica. I lettori “dinamici” invece hanno a disposizione una guida veloce e pratica per fare del turismo “montanel-

STORIA

T

liano”. Siete a Milano? Andate in Piazzale Loreto, là Montanelli era presente (forse) quando esposero la salma di Mussolini appesa a un distributore, là scrisse che la folla che vituperava quelle spoglie gli ricordava quella che lo osannava fino a pochi giorni prima. Lì, in quel luogo oggi c’è un McDonald. Oppure andate in via Solferino e visitate la sede del “Corriere della Sera” dove fu giornalista di spicco o quella poco lontana del “Giornale”, del quale fu direttore dalla sua nascita fino alla “discesa in campo” di Berlusconi. Spostiamoci in Africa, dove fu ufficiale alla

guida del XX Battaglione e sposò una quattordicenne. Andiamo a Cetinje, in Montenegro, dove “invase” uno Stato. O all’Hotel Excelsior a Roma, dove incontrò Gelli. Oppure alle Giubbe Rosse di Firenze, o a Cortina dove frequentava gli intellettuali che avrebbero influenzato le idee di una generazione. Un libro agile e divertente, che descrive storie e aneddoti di una vita che di storie e aneddoti ne ha visti e raccontati molti. Consigliato a chi vuole conoscere o approfondire un grande del giornalismo italiano senza essere costretto a impaludarsi in saggi noiosi.

NEWS

Sopravvivere all’Inferno

L’Italia dei fantasmi in dvd

I ricordi di una bambina in “Praga Caslavska 15”

I racconti di Rumiz in un documentario di Scillitani

ra il 1945 e il 1946, ben 13 milioni di tedeschi furono espulsi dall’Est e mandati forzatamente nella quasi totalmente distrutta Germania. Questa fu la più imponente pulizia etnica della storia mondiale. […] Quanti di questi morirono non si sa e probabilmente non si saprà mai”. Il libro, di Erika Hartl Coccolini, praghese di nascita e reggiana d’adozione, parla di una strage dimenticata del ‘900. Una delle tante che ci ha lasciato in eredità il secolo breve. Quella che subirono i tedeschi sudeti alla fine della seconda guerra mondiale, quando furono cacciati dal popolo ceco e dalle truppe sovietiche dai luoghi in cui avevano vissuto fino ad allora (e cioè tra l’odierna Polonia e la Repubblica Ceca). Da Est al nulla di una Germania rasa al suolo dai bombardamenti e divisa tra le forze che avevano vinto la guerra, e già si preparavano a spartirsi le zone occupate e a ingabbiare il mondo nell’equilibrio del terrore che furono gli anni tra il 1945 e il 1989. La cosiddetta guerra fredda: combattuta ferocemente e senza risparmio di morti, in zone periferiche degli imperi e sotto lo spauracchio dell’olocausto nucleare. Quando i nazisti occuparono

Praga Erika era una bambina di sette anni. Abitava con la madre, impiegata di banca di origine boema, in via Caslavska 15. Il padre, di origine tedesca, aveva lasciato il Paese, divorziando e rifacendosi una vita altrove. I ricordi di Erika sono quelli di un’infanzia felice, coccolata in un mondo borghese e pieno di attenzioni, in una bellissima città: la Praga colta e cosmopolita, fiore all’occhiello della Mitteleuropa. Poi la tragedia. Senza avere colpe, se non quella di parlare la stessa lingua dei nazisti, Erika e sua madre furono derubate di tutti i loro averi, internate in un Lager e alla ���ne deportate. Praga divenne capitale della Repubblica Cecoslovacca. I tre milioni di tedeschi che lì avevano vissuto avevano perso tutti i loro diritti: erano fantasmi da scacciare lontano. Negli anni ’80 Erika torna nella sua città, il libro descrive intensamente il rapporto tra la protagonista e Praga, città d’oro, città dei ricordi: ne traccia una storia e ne indica le eccellenze letterarie e architettoniche (nella bibliografia viene poi doverosamente citato “Praga Magica” di Ripellino), ma sono le pagine sulla guerra a rimanere impresse: quelle dall’insurrezione

È

di Praga in poi. Quella preziosa testimonianza di dolore, quella incredibile presa di coscienza dell’orrore costituiscono il senso di questo libro: la sua forza. Cosa prova una bambina nell’abisso della coscienza umana, nella sospensione di ogni pietà: in un campo di concentramento. E’ per questo che vale la pena di leggere “Praga Caslavska 15”. Non lo dimenticherete facilmente. In questa nuova edizione il secondo ritorno di Erika a Praga: liberata anche dalla cappa grigia del comunismo sovietico. (nb)

uscito il 14 settembre con La Repubblica (7,90 euro più il prezzo del quotidiano) Le Dimore del vento. Un documentario, prodotto dalla Tico Film per la regia di Alessandro Scillitani, tratto dai racconti di viaggio “Le case degli spiriti” di Paolo Rumiz pubblicati su “la Repubblica” nell’agosto 2011: un’indagine sui tanti luoghi abbandonati d’Italia, un lavoro poetico che, attraverso la memoria delle pietre, riflette l’immagine del nostro presente. Città morte, fabbriche dismesse, ferrovie e miniere abbandonate, relitti di terra o di mare. È la mappa dei luoghi perduti, abbandonati e posseduti dagli spiriti, costruita da Paolo Rumiz nel corso del suo viaggio 2011. Il tradizionale viaggio estivo di Paolo Rumiz si trasforma, quindi, per la prima volta in un documentario. La voce fuori campo è quella di Monica Morini. Le musiche dello stesso Scillitani e di Tommi Prodi. Si tratta di una delle prime realizzazioni italiane cross platform: il documentario, infatti, prevede non solo la distribuzione home video in edicola, ma la sua uscita è stata anticipata daapprofondimenti giornalieri sul web in concomitanza con gli articoli di

Paolo Rumiz su La Repubblica. Il DVD è prodotto dalla Tico Film Company (www.ticofilm.com) ed ha la durata di 56 minuti arricchiti da circa un’ora di contenuti extra che approfondiscono e documentano alcuni momenti del viaggio e che ripropongono le pillole pubblicate su repubblica.it nel corso del mese di agosto. Un viaggio di oltre due mesi raccontato e filmato dal Mediterraneo alle Alpi Svizzere: oltre quaranta ore di riprese riassunte in un film particolarmente intenso, due sguardi – quello del giornalista e narratore e quello del regista – sulla stessa avventura. Un incontro nato dalla comune passione per i luoghi della memoria e dell’incuria. Ricordiamo, infatti, che Scillitani ha di recente firmato la regia di un documentario sulle Case abbandonate (di-

stribuzione www.trelunerecords. it). “Quest’anno per la prima volta ho viaggiato con un regista, abbiamo filmato la nostra missione in questi luoghi del terzo tipo. Era unacosa che mi chiedevano di fare già nei viaggi precedenti perché erano tuttimolto filmici, questa volta abbiamo lavorato in modo capillare, abbiamo raccolto una quarantina di ore di girato, dando vita a un vero e proprio film.” “La febbre dei luoghi perduti mi prese anni fa. Ma fu soprattutto quando conobbi Paolo, un innamorato dei fari.Ne cercava uno abbandonato per vivere.Amava le rovine, diceva che contenevano più vita di qualsiasi spazio abitato della modernità.Le chiamava “dimore del vento” e prediligeva quelle sul mare.Mi svelò un mondo di fortezze, stazioni, fabbriche, ville nobiliari, miniere, relitti dimenticati sui fondali. L’Italia ne era piena.Parlavamo per ore. Poi, un giorno, venne a morire accanto a un faro, nella mia città, e mi lasciò scaffali di libri. In uno, mesi dopo, trovai una mappa disegnata a mano. Conteneva indicati alcuni luoghi.Non seppi mai se l’aveva fatto apposta. Fatto sta che da allora non ebbi pace e cominciai a cercare.”


Agenda PER SEGNALARE CONCERTI E SPETTACOLI:

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

DOMENICA

settembre SAB 25 settembre DOM 26 settembre

25

settembre

Casalgrande via A. Moro

RigoMade in Modena Righetti, Mel Previte, Lucio Bruni, Lele Leonardi, Alberto Arena del Lago e Festa Provinciale Pd a Modena 21:00 - Modena

Elio - Figaro il barbiere Festival della Filosofia Modena

Voce,Sabrina canta Piaf - La Vita in Rosa Sabrina Paglia Cinema - Teatro Metropolis

21:00 - Via Gramsci, 4 - Bibbiano - Tel. 0522 882769 - www.metropolisbibbiano.it

Speciale Modena City Ramblers guest star Maurizio Solieri - Jimi Hendrix tribute band Festa Democratica

21:00 - Castelfranco Emilia - Modena

Hendrix Day - Vintage Guitar Show Kaleidos

17:30 - Via Bologna, 1 - Poviglio - Tel. 0522 969386

Omaggio Ti amo Peggy Sue alla musica anni '50 Cantina Garibaldi

Piazza Garibaldi - Cavriago - Tel. 0522 372065 - www.cantinagaribaldi.it

Niccolò Fabi Festival Francescano Reggio Emilia

Gaetano Generazione di fenomeni Curreri, Fabrizio Foschini (pianoforte) Teatro Arena del Sole 21:30 - Roccabianca - Parma

Afterhours Fuori Orario

21:30 - Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico - Tel. 0522 671970 - www.arcifuori.it

Rio Ipercoop Grandemilia

17:30 - Via Emilia Ovest 1480 - Modena

Ma noi no Festa della birra Laghi Tibia 21:30 - Rivalta - Reggio Emilia

Nobraino in concerto Fuori Orario

21:30 - Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico - Tel. 0522 671970 - www.arcifuori.it

Borghi Bros in concerto Matterello Pizza e Musica

Via Emilia Ovest, 4/B - Rubiera - Tel. 0522 628577 - info@matterello.it - www.matterello.it

Zucchero Arena di Verona www.arena.it

Ma noi noi Festa l'Aisiwh

16:00 - Campo sportivo di Ciano d'Enza - Reggio Emilia

■ concerti

■ lirica

■ pub&disco

■ danza

■ live

■ sagre

■ dialettale

■ mercatini

■ spettacoli

■ feste

■ mostre

■ sport

■ festival

■ musical

■ teatro ragazzi

■ fiere

■ operetta

■ tempo libero

DAL 09 settembre AL 18 settembre DAL 12 settembre AL 21 settembre DAL 16 settembre AL 18 settembre

Mongolfi Ferrara Balloons Festival 2011 ere, eventi sportivi, musicali, concorsi e showcase

Raf, Albertino dj e le Iene bugs

F E S T I VA L 

settembre

■ prosa

SABATO

16 17 17 17 18 18 20 23 23 23 23 24 24 24

A.n.i.a., Casal Jamming Festival live music Noise su-pressor, Pepi's angels, Tania Tavoni, Sempre Anomali, Rainero, Muddy fly, The Smokers

■ incontri

17

Parco urbano "Giorgio Bassani" Ferrara

Rassegna di prosa per compagnie reggiane Teatro Piccolo Orologio Via Massenet, 23 - Reggio Emilia

www.festivalfi Festival Filosofia losofia.it Modena, Carpi, Sassuolo

Spalto Bresciani

settembre

21:00 - Via B.Campi - Sabbioneta - Mantova

DAL 17 settembre AL 4 novembre DAL 23 settembre AL 25 settembre DAL 23 settembre AL 25 settembre DAL 10 settembre AL 18 settembre SAB 17 settembre DOM 18 settembre DAL 17 settembre AL 20 settembre

Rassegna Traiettorie 2011 di musica moderna

DAL 17 settembre AL 25 settembre

FieraProgetto Casa dell'arredamento, dei complementi d'arredo e dell'edilizia

DAL 23 settembre AL 25 settembre DAL 23 settembre AL 26 settembre SAB 24 settembre DOM 25 settembre SAB 24 settembre DOM 25 settembre SAB 24 settembre DOM 25 settembre

Pittura, Arteinfiera scultura, materiali e attrezzature del settore

FIERE

SABATO SABATO SABATO VENERDÌ VENERDÌ VENERDÌ VENERDÌ MARTEDÌ DOMENICA DOMENICA

SABATO

SABATO

SABATO VENERDÌ

LIVE

grafica2@reporter.it

■ cabaret

Luoghi vari Parma

Festival Francescano Centro storico Reggio Emilia

Cinema, Festival Uguali_Diversi teatro, mostre, laboratori didattici dedicati a bambini e ragazzi sulle energie rinnovabili Bassa Reggiana

Novellara, Correggio e Bagnolo in Piano

Il salone del camper Fiere di Parma

Via Rizzi, 67/A - Baganzola - Parma T- el.0431 659854 - www.fiereparma.it

Le antiche Fiera della Zucca corporazioni artigiane, mercanti di erbe, espongono le loro mercanzie. Rocca Medievale Reggiolo

Mostra Bibbiano produce mercato del miglior Parmigiano-Reggiano, dei prodotti DOP e IGP Matildici Bibbiano

Reggio Emilia

Centro Fiere

Brescia - tel. 060 961148

Parco Fiere Scandiano

Presentazione MI Milano prét-à-porter internazionale collezioni donna e accessori, Primavera/Estate 2012 Fieramilanocity

Piazzale Carlo Magno, 1 - Milano - www.fieramilano.it

Convegno Erboristeria Espositivo Professionale di Erboristeria Fiere di Parma

Via Rizzi, 67/A - Baganzola - Parma - Tel. 0431 659854 - www.fiereparma.it

Le antiche Fiera della Zucca corporazioni artigiane, mercanti di erbe, espongono le loro mercanzie. Rocca Medievale Reggiolo

a cura Fiera di S. Matteo del gruppo volontari di S. Maria e S. Giovanni

 S AG R E ARTE IN ORTO Domenica 18 settembre

I

l giardino del Castelletto di Villa Arnò ad Albinea ospita il 18 settembre la prima edizione di “Arte in Orto”, mostra-mercato le cui parole chiave sono: ecodesign, riciclo e riuso creativi. La mostra-mercato accoglierà espositori italiani che lavorano con materiale di recupero e sarà perciò possibile trovare oggetti unici, realizzati con grande estro, originalità e attenzione verso l’ambiente. La giornata sarà arricchita dalla presenza di due vivaisti d’eccezione, Rose Barni e Vivai Priola e dell’associazione “La Papilla Brilla” con uno stand gastronomico all’insegna dell’autunno e della natura. Per la gioia di grandi e piccini, i giardini saranno la cornice di due laboratori a partecipazione gratuita : dalle ore 10 alle ore 13: “Il pesce in bottiglia” per realizzare simpatici pesci d’arredo utilizzando bottiglie di plastica usata e dalle ore 15 alle ore 18: “Il cappellaio matto” per inventare copricapi usando vecchi giornali, foglie e materiale verde raccolto nel giardino. La manifestazione Arte in Orto permetterà per la prima volta di ammirare i giardini del Castelletto, firmati dalla paesaggista Silvia Ghirelli e nati dalla passione per il verde di Caroline Salomon, fondatrice dell’Associazione di promozione sociale “Arte in Orto”, che organizza visite guidate, lezioni tematiche, laboratori e mostre per tutto l’arco dell’anno, con lo scopo di rendere i giardini fruibili al pubblico e trasmetterli alle future generazioni.

ALBINEA VILLA ARNñ

S. Maria Novellara


SABATO

VariRally Alto Appennino eventi legati alla beneficenza, tra cui un concerto diretto dal Maestro Fio Zanotti Monzuno

8:00 - Bologna

Visite guidate al Castello di Bianello

settembre

settembre

settembre

DAL

16

settembre

17 settembre DOM 18 settembre

SAB

SABATO SABATO SABATO

17 17 17

settembre

settembre

settembre

17 settembre DOM 18 settembre

DOMENICA

SABATO

SAB

17 18

settembre

settembre DAL 23 settembre AL 25 settembre

8:00 - via Gonzaga

Sensibilizzare Pallone Etico l'opinione pubblica verso il problema dello sfruttamento del lavoro minorile Piazza della Vittoria 9:30 - Reggio Emilia

Festa ecologica alle Acque Chiare Parco Centro Sociale Buco Magico 15:00 - Reggio Emilia

Arco in settembre La Razza - Agriturismo

10:00 - Via Monterampino, 6 - Canali - Tel. 0522 599 342 - agricola@larazza.it

Reggiana-Como Stadio Giglio

P.le Atleti Azzurri d'Italia, 1 - Reggio Emilia - Tel.0522 926111

Castello di Bianello

Orari di visita: 15:00 - 19:00 - Via Bianello, 1 - Quattro Castella - Reggio Emilia

Di Reggio Dal Mauriziano alla Reggia in Reggia e Dalle Acque Chiare al Mauriziano Reggia di Rivalta e Mauriziano

Reggio Emilia - www.comune.re.it/reggiadirivalta - www.comune.re.it/parcodelrodano

Un La lunga calza verde mediometraggio a cartoni animati sull'epopea risorgimentale firmato Zavattini Biblioteca Panizzi

Via Farini, 3 - Reggio Emilia - Tel.0522 456055 - panizzi@comune.re.it

3° Concorso Fotografico Torre dell'Orologio sull'Aia del Mandorlo 20:30 - Castellarano

Costruiamo un forno in argilla Eco Parco Vezzano

10:00 - Vezzano sul Crostolo

Serata Boccali in Rocca dedicata alla promozione e alla valorizzazione della birra artigianale Rocca dei Boiardo

21:00 - Viale della Rocca - Scandiano

A pranzo insieme

settembre

settembre

settembre

settembre DAL 04 settembre AL 25 settembre DAL 15 settembre ALL' 18 settembre

16

settembre SAB 24 settembre DOM 25 settembre DAL 15 settembre AL 18 settembre DAL 15 settembre AL 18 settembre

12:30 - via san rigo 2/1 - Reggio Emilia

Open day Scuola Comics dalle 10 alle 18.30 - Via Roma, 20

Palio di Parma Centro storico Parma

musica Trio Canossa e Amici e canzoni Campo privato angolo via Canaletto Via Berlinguer a Casalgrande - Reggio Emilia

Magnalonga del Parmigiano Reggiano Castelnovo Monti

dalle 10 alle 17 lungo l'anello sentieristico della Pietra di Bismantova

Incontri Incontri sulla scena sulla scena Spazio Factory

Via A. Tiarini, 11 - Reggio Emilia - www.centroetoile.eu

Carpinetti - Appennino Reggiano

Mostra Piante e Animali Perduti Mercato di varietà tradizionali di frutti, fiori, ortaggi, sementi e razze di animali rurali Centro Storico Guastalla

Passeggiate Asinando al Parco di Roncolo guidate alla scoperta dei sentieri del parco, insieme agli amici asini Parco Roncolo

Quattro Castella - Tel. 0522 247502 - volare@parcodironcolo.it - www.parcodironcolo.it

a cura Pedalata "Fiera della Zucca" di 9Padali Novellara

Reggio Emilia

Palio dell'Angelica Centro Storico Scandiano

TourMerende al Castello storico e gastronomico Castello di Felino

www.castellidelducato.it - Felino di Parma

Valtidone Winefest Piazza Madonna

Pianello Val Tidone - Piacenza turismo@valtidoneluretta.it

Festa dell'uva Castellarano Reggio Emilia

Cena Autografata da Carla Gozzi Villa Giorgia

20:30 - Albinea - Reggio Emilia

diVINI sorsi d'ARTE San Giovanni In Persiceto

P.zza Carducci - San Giovanni In Persiceto - Bologna - www.miniaturarte.com

Avvenimenti Sagra Provinciale dell'Uva culturali ed enologici Riolo Terme Ravenna

Le migliori Sagra della Pera specialità della cucina Ferrarese Vigarano Pieve Ferrara

17 settembre AL 25 settembre

Sagra dell'Uva e del Lambrusco Grasparossa

17 settembre DOM 18 settembre SAB 17 settembre DOM 18 settembre

StageFalchi e Archi e torneo a premi di tiro con l'arco medievale "long bow"

SAB

Reggio Emilia

Castaneda

Sagra di Sant'Eufemia

DAL

Centro Sociale Biasola

Escursioni Tra ruscelli e castagne di Nordic Walking

16 settembre AL 18 settembre

DAL

DOMENICA

settembre

Guastalla

18

settembre

23 settembre AL 25 settembre

DAL

DOMENICA

settembre

25 25 25 25

DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA

24 aprile AL 10 ottobre DAL 07 maggio AL 23 settembre DAL 03 settembre ALL' 08 ottobre

DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA

18 18 18 25 25

24

settembre SAB 24 settembre DOM 25 settembre

Info: 335 8026447

100 miglia delle Terre Gonzaghesche

VENERDÌ

TEMPO LIBERO

Guastalla

DOMENICA

settembre SAB 17 settembre DOM 18 settembre

S A G R E  INCONTRI F E S T E 

SABATO

SPORT

17

ASDRegolarità Auto Storiche Storiche "Campanon"

25

settembre

Pecorile

Vezzano sul Crostolo - Reggio Emilia

Castelvetro

info 059-758880 - Modena

Meldola

14:00 - Forlì Cesena

Festa della Tagliatella Ponticelli

info 0542 602207 - Imola

MezzaCastelnovo Favolare: Viva l'Italia maratona fotografica; concorso fotografico aperto a tutti i fotografi professionisti e non Castelnovo Sotto

13:00 - Parco Rocca, piazza IV Novembre 1

Manifestazione Sagra della salamina da sugo al cucchiaio culinaria dell'insaccato più famoso della provincia di Ferrara Vigarano Mainarda Ferrara

Capodanno del Vino San Giovanni in Marignano Piazza Silvagni - Rimini

 S AG R E PARMIGIANO REGGIANO DAY Sabato 17 e domenica 18 settembre

D

ue giorni dedicati alla nascita, allo sviluppo e alla cultura del Parmigiano-Reggiano. La “Strada dei Vini e dei Sapori” di Reggio organizza una kermesse per entrare ed apprezzare ulteriormente il prodotto tipico che più caratterizza la nostra zona. Si parte sabato 17 con “Merenda & Cultura”. Dalle ore 16 visita in latteria con alla fine buffet a base di Parmigiano Reggiano, aceto balsamico tradizionale, vini e prodotti tipici Reggiani. Ecco le Latterie che aderiscono all’iniziativa: latteria sociale di Rubbianino, latteria Cvpar vacche rosse c/o istituto agrario Zanelli a Reggio Emilia, latteria Valle a Cavriago, latteria Dotti a Barco, azienda agricola Scalabrini al Ghiardo di Bibbiano, latteria la Razza a Canali di Reggio Emilia. Alle ore 18 in Piazza Martiri del VII luglio davanti al Teatro Valli cottura a legna della Forma e spettacolo comico di improvvisazione dell’associazione culturale “Impropongo” dal titolo“In forma all’improvviso”. Dalle ore 20 in tutti i ristornati associati alla “Strada dei Vini e Dei Sapori” il parmigiano reggiano a tavola con menù fisso certificato a base di parmigiano reggiano e prodotti tipici reggiani. Domenica 18 due diversi percorsi

sulle vie del Grana: dalle ore 9 al Museo Cervi di Campegine pedalata amatoriale del parmigiano reggiano con ritrovo al Museo Cervi per una colazione a base di burro e marmellate reggiane e “Pan de Re” e visita al museo della cultura contadina. Quindi si parte in bicicletta in direzione Villa Aiola per la visita al museo del parmigiano reggiano con alcuni assaggi e punto ristoro, vini tipici reggiani; alle ore 9 da Corso Garibaldi, davanti a Palazzo Allende, tour sul London Bus con colazione musicale di “Oracle King blues band & Mel Previte”. Si sale sul bus con la band in direzione Montecchio per la visita, con assaggi, alla “tenuta La Rampata “ di Medici Ermete con particolare attenzione all’Aceto Balsamico. Quindi si prosegue in direzione Aiola per la visita al Museo del Parmigiano Reggiano con degustazione. Il ritorno a Reggio davanti a palazzo Allende è previsto per le ore 12,00. Dalle ore 10 presso l’enoteca della camera di commercio degustazione guidata da sommelier di vini locali. Alle 12,30 apertura di tre forme tricolori accompagnate da vini reggiani. Il pomeriggio proseguirà a Bibbiano con cottura serale della forma.

TERRE DI CANOSSA - REGGIO EMILIA


settembre

DAL

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

SABATO

SABATO

SABATO

SABATO

SABATO

SABATO

16 17 17 17 17 17 17

settembre

settembre

SAB 17 settembre DOM 18 settembre

DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA SABATO

17 18 18 18 18

settembre

settembre

settembre

settembre

21:00 - Piazza XX Luglio

I Senso Doppio Casalgrande

21:00 - P.zza Martiri della Liberta

Musica Coro l'Estudiantina intorno al Fiume Casalmaggiore

Piazza Battisti - Pieveottoville - Zibello - info@serassi.it - www.serassi.it

Quintetto Bozen Brass Quintett di ottoni Michael Jackson, Sting Latteria Sociale Il Fornacione

21:00 - Via Fornacione, 3 - Felina - Tel. 0522 814401

Mirella Freni Teatro Asioli

Corso Cavour, 9 - Correggio - Tel. 0522 637813 info@teatroasioli.it

San Martino in Rio Via Rubiera,5

L'Antico in Pilotta Parma

Piazzale della Pace - Info: 0521/218889

Mercato del contadino Reggio Emilia

Dalle ore 7 alle 14 - Piazza Fontanesi - info: 0522 456319

Mercatino d'antiquariato Scandiano

Piazza Spallanzani - info: 0522 981782

Ai portici dell'antico Correggio

corso Mazzini - info: 0522 63711

Mercatino dell'antiquariato San Giovanni in Persiceto Bologna

Mostra scambio d'altri tempi Mirabello

Ferrara - info: 0532 847339

Mercatino dell'antiquariato Vignola

Info: 059 777566 - Modena

Antiquariato e artigianato Piazza Garibaldi Ravenna

Mercato del contadino Centro Storico Casalgrande

Mercato dei piccoli animali Ente Fiere

Dalle 7 alle 12 - Via Filangeri,15 a Mancasale di Reggio Emilia. Info: 0522 503511

Mercato del contadino Castelnovo Monti

dalle 8 alle 13 Piazza Peretti. Info: 0522.611797

Mercatino dell'antiquariato Cavriago

Piazza Zanti - Info: 0522 373474

Mercatino di antiche carte, suoni e colori Guastalla

selezioni settembre

Piazza Mazzini e via Garibaldi - info: 0522 839711

18 18 18 18 22 22 22 24

GIOVEDÌ GIOVEDÌ GIOVEDÌ DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA

GIOVEDÌ

settembre

settembre

VENERDÌ

M E R C AT I N I 

settembre

Castellarano

SABATO

Mercatino missionario

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

Info: 051 6906811 - Molinella - Bologna

Mercatino dell'antiquariato Fontanellato

Info: 0521 822346 - Piazza della Rocca dei Sanvitale - Parma

Arte in oro Villa Arnò

Via Vittorio Emanuele 44 - Albinea - Info: 347.5636595

Portobello's Correggio

Corso Mazzini - Info: 0522.641817

Mercato del foraggio Reggio Emilia

dalle 7 alle 13 in Via Filangeri,15 Info: 0522 503511

Celò Celò Ma manca Bologna

Piazza VIII Agosto - info: 051 563236

Antiquariato, oggettistica e curiosità Parma

Via Massimo d'Azeglio, porticato dell'ospedale vecchio a Parma. Info: 0521 2181

Mercato del contadino Reggio Emilia

dalle ore 7 alle 14 - Piazza Fontanesi. Info: 0522 456319

SAB 24 settembre DOM 25 settembre

Fierantiquaria

25 25 25 25 25 25 25 25 25

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

Imola

Lungo la via Emilia e centro storico Info: 0542 602402

Parco Novi Sad Modena Info: 059 206544

Mercato dei piccoli animali Ente Fiere

Dalle 7 alle 12 - Via Filangeri,15 a Mancasale di Reggio Emilia. Info: 0522 503511

Mercato del contadino Castelnovo Monti

dalle 8 alle 13 - piazza Peretti info: 0522.611797

Cose di altro case Scandiano

Parco della Resistenza

Mercatino del passato Rio Saliceto

piazza Carducci Info: 0522 647811

Mercatino d'antiquariato Montecchio Emilia Piazza della Repubblica Info: 0522 864639

Borsa Scambio Brescello

p.zza Matteotti Info: 0522 482523

Chi cerca trova Pieve di Cento

Piazza Costa - Bologna

Il vecchio e l'antico San Giovanni in Marignano piazza Silvagni Forlì

Mostra mercato ricordi del passato Caorso

in via Roma e vie adiacenti - Piacenza Info: 0523 821256

A cura di Alessandro Gandino (K-Rock)

V

voi ditelo piano. Annie Clarck in arte St Vincent, regina del cantautorato

indie, fa venire due... a mongolfiera. La chitarra in almeno metà dei brani è uno strumento di pura tortura e quando entrano le tastiere peggiorano la situazione. Non fatevi incantare dalle sue collaborazioni con Bon Iver o David Byrne, qui siamo nel pericoloso terreno dell’onanismo musicale. E quando riesce ad azzeccare qualcosina, vedi “Champagne” oppure “Surgeon” quasi ci si rimane male. Non basta incidere per la 4AD per emulare I Cocteau Twins...

St Vincent “Strange Mercy ” (4AD)

Centro storico

Cosantiche

isto che quelli che se ne intendono dicono di lei che è bravissima, allora

CONSIGLIATO: ....ma anche no...

Mercatino dell'antiquariato e dell'hobbistica

SAB 24 settembre DOM 25 settembre

DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA DOMENICA

25 gennaio AL 31 dicembre

SABATO VENERDÌ DOMENICA VENERDÌ

C O N C E R T I  C AB AR ET

16 18 18 19 22

conCome un tornado Antonio Guidetti


21:00 - via Emilia Levante 138 - Bologna - tutti i giovedì

A spasso per il mondo Musei Civici

Via Spallanzani, 1 - Reggio Emilia

18 18 17 25 18 30 10 10 30 01 01 02 25 04 18 25

settembre

settembre

settembre

settembre

settembre

novembre

ottobre

ottobre

settembre

novembre

ottobre

novembre

settembre

ottobre

settembre

settembre

Giralastoria Reggia di Rivalta

9:00 - Via dei Combattenti, 1 Reggio Emilia

Musifavolando Casalgrande

Via S. Rizza a Casalgrande - Reggio Emilia

Usure. Le vite dei muri Spazio Audiomedica

Strada della Repubblica, 49 - Parma

Arte essenziale Collezione d'Arte Contemporanea Maramotti Via V.Monti, 25 - Reggio Emilia - Tel. 335 6097304 info@dispariedispari.org

Fountain Show Dispari & Dispari - Galleria d'Arte Centro storico - Vignola - Modena Info: 059 777566

Richard Datre - Electric Colours BFMR & Partners Dottori Commercialisti

Piazza Antonio Vallisneri, 4 - Reggio Emilia - Tel. 0522 455000 info@bfmr.it

Christian Zucconi - Cena in Emmaus Chiostri di San Pietro

Via Dante Alighieri,11 - Reggio Emilia - Tel. 0522 437327

54ª Esp Int d'arte della Biennale di Venezia Chiostri di San Pietro

Via Dante Alighieri,11 - Reggio Emilia - Tel. 0522 437327

Tracce d'infinito Trattoria Caffetteria Sipario Viale Allegri,1/A Reggio Emilia

Cambio vita Bar Teatro

Via Bixio, 62/A Parma

Visioni Mascotte Cafè

Via Ariosto, 2/A - Reggio Emilia Tel.0522 430829

Lo specchio dell'anima Museo Guareschi

Via Felice Cavallotti 24 - Brescello - tel. 0522 482564 a.ferrarini@comune.brescello.re.it

Mostre in torre Torre Civica Medievale dell'Orologio 18:00 - San Polo d'Enza - Reggio Emilia Tel. 0522 241771

Sonia Possentini Il Mauriziano

Via Scaruffi, 1 - Loc. San Maurizio - Reggio Emilia Tel. 0522 554711

Visibile Invisibile Palazzo Bentivoglio

Piazza IV Novembre - Gualtieri - Reggio Emilia

Sandro Negri - Omaggio a Virgilio Errepi Arte

Via dell'Accademia,17 - Mantova - Tel. 0376 366027 - www.errepiarte.com

31 25 11 23 02 08 25 18 29 02 23 09 25 30 30 12 15 04 08

FINO AL FINO AL FINO AL

Villa Paradiso

DAL 5 settembre AL 16 settembre

DOMENICA DOMENICA

piazza Marzabotto Info: 0521 842841

Teatro estivo dei burattini

19 maggio AL 30 settembre

FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL

Traversetolo

FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL

DOMENICA

settembre

DAL

FINO AL FINO AL FINO AL FINO AL

M O S T R E  T E AT R O R A G A Z Z I 

25

Mercatino delle cose d'altri tempi

gennaio

settembre

dicembre

settembre

ottobre

gennaio

settembre

settembre

gennaio

ottobre

ottobre

ottobre

ottobre

ottobre

ottobre

dicembre

novembre

dicembre

gennaio

Silvia Anselmi - Pro-Fili Magazzini Criminali

Piazzale Domenico Gazzadi, 4 - Sassuolo - Modena - magazzinicriminali@libero.it

Mostre in Torre 2011 Reggia di Colorno

Piazza Garibaldi, 26 - Colorno di Parma - 0521 312545/313336

Toulouse-Lautrec e la Parigi della Belle Epoque Fondazione Magnani Rocca

Via F. Magnani Rocca - Mamiano di Traversetolo - Parma - 0521 848327 info@magnanirocca.it

La solitude du silence Galleria San Francesco

Via Bardi, 4/B - Reggio Emilia - Tel. 0522 440458

Donne di luna e di sortilegi Il Mauriziano

Via Scaruffi, 1 - Loc. San Maurizio - Reggio Emilia - 0522 554711

Gli anni folli Palazzo dei Diamanti

Corso Ercole I D'Este, 21 - Ferrara - 0532 209988 diamanti@comune.fe.it - www.palazzodiamanti.it

Il Ricamo Ritrovato Chiostri di San Domenico

Via Dante Alighieri, 11 - Reggio Emilia - Tel. 0522 456477

Nicoletta Boris - Paperparking Palazzo Ducale

Piazzale Della Rosa - Sassuolo - Modena - Tel. 0536 184480

Giuseppe Polverari - Cantico Delle Creature Magazzini Criminali

Piazzale Domenico Gazzadi, 4 - Sassuolo - Modena - magazzinicriminali@libero.it

Ad Hoc 2: Oreste Baccolini Palazzo del Pio

Piazza Dei Martiri - Carpi - Modena - Tel.059 649955 musei@carpidiem.it

Zaelia Bishop - Misfortunes And Minor Victories Spazio Meme

Via Giordano, 4 - Carpi - Modena

Mirco Denicolò - Historia naturalis Magazzini Criminali

Piazzale Domenico Gazzadi, 4 - Sassuolo - Modena magazzinicriminali@libero.it

Fluxus Chiesa dei SS. Agata e Carlo Via S.Carlo - Reggio Emilia

Eclats d'Afrique Spazio Gerra

Piazza XXV Aprile, 2 - Reggio Emilia - 0522 451552

Poiesis Palazzo Bentivoglio

Piazza IV Novembre - Gualtieri

Lo specchio dell'anima Museo Diocesano

Piazza Virgiliana, 55 - Mantova Tel. 0376 320602

A passo d'uomo Museo dei Frati Cappuccini Via Ferrari Bonini, 6 - Reggio Emilia Tel. 0522 541934

Da Parmigianino a Piazzetta Palazzo Ducale Piazza Garibaldi

Guastalla

Shozo Shimamoto Palazzo Magnani

Corso Garibaldi, 29 - Reggio Emilia Tel. 0522 454437

i CD consigliati (o sconsigliati...) a chi ama la musica

S

trano caso di album quasi perfetto se non per la durata. Se ci si limitasse a dieci dei sedici brani contenuti nella nona prova dell’americano, si potrebbe parlare di uno degli album migliori del nostro. Le chitarre funky di “Come On Get it” o rock della title track sono esempi perfetti di congiunzione tra soul e pop come il buon Lenny, soprattutto in passato, faceva alla grande. Poi nel lungo si perde e tutto diviene manierato e di stile, ma anche abbastanza lungo e noioso. Giocatore di talento Kravitz, che però tende al dribbling di troppo o al colpo ad effetto con il concreto rischio di perdere il pallone. Ma siamo sempre in serie A e almeno metà album ne è la conferma.

CONSIGLIATO: perchè è bravo ma esagera

Lenny Kravitz “Black and white America” (Warner)


Al cinema Da

Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:30 sabato e domenica, 17:10 - 19:45 - 22:20 tutti i giorni, 00:55 spettacolo notturno IL DEBITO

in collaborazione con

LA PROGRAMMAZIONE DELLA SETTIMANA DEI CINEMA DI REGGIO E PROVINCIA

in città

> CINEMA

al corso corso garibaldi, 14 tel. 0522.437721

CINEMA Da Venerdì 16 Settembre ................................... CARNAGE Martedì 20 Settembre_ore 16:00 - 18:00 - 20:30 - 22:30 feriali e festivi .................. COME L'ACQUA PER GLI ELEFANTI

www.cinemaalcorso.it

uci cinestar p.zza atleti azzurri d'italia, 1 tel. 0522.278511

www.ucicinemas.it

CINEMA

jolly via gian battista vico, 68 tel. 0522.944006

PER INFORMAZIONI ......................... WWW.CINEMAJOLLY.IT

www.cinemajolly.it CINEMA

olimpia

PER INFORMAZIONI: .......... WWW.CINEMAOLIMPIA.IT

via tassoni, 4, tel. 0522.292694

www.cinemaolimpia.com CINEMA

rosebud via medaglie d'oro della resistenza, tel. 0522.555113

www.municipio.re.it/cultura

Venerdì 16, Sabato 17, Domenica 18 e Martedì 20 Settembre_ore 21:00 ..........................................THIS IS ENGLAND Lunedì 19 Settembre_ore 21:00.....WHEN YOU'RE STRANGE Mercoledì 21 Settembre_ore 21:00 ......................L'ALBERO

CINEMA

cristallo via ferrari bonini, 4 tel. 348.3633818

PER INFORMAZIONI: .. WWW.CINEMACRISTALLO-RE.IT

Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:40 sabato e domenica, 17:10 - 19:40 - 22:00 tutti i giorni, martedì in sala per rassegna con orari: 18:30 - 21:30 ........................................................... KUNG FU PANDA 2 Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 00:10 spettacolo notturno ..............................QUESTA STORIA QUA Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:30 15:10 - 17:35 sabato e domenica, 17:05 - 20:10 - 22:35 tutti i giorni, 00:55 spettacolo notturno ....................... .............................................................................I PUFFI Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 20:00 22:25 tutti i giorni, 00:50 spettacolo notturno.............. ................................................................... CONTAGION Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:35 sabato e domenica, 17:15 - 19:50 - 22:25 tutti i giorni, 01:00 spettacolo notturno ............................ THE EAGLE Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:20 14:55 sabato e domenica, 17:00 - 17:30 - 19:30 - 20:00 - 22:00 - 22:30 tutti i giorni, 00:30 spettacolo notturno .......................................................................... SUPER 8 Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 15:40 sabato e domenica, 18:00 - 20:20 - 22:40 tutti i giorni, 01:00 spettacolo notturno ........................................... ................................................................BOX OFFICE 3D Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:30 sabato e domenica, 17:10 - 19:45 - 22:20 tutti i giorni, 00:55 spettacolo notturno ..............................IL DEBITO Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:20 sabato e domenica, 17:00 - 19:40 - 22:20 tutti i giorni, 00:55 spettacolo notturno ........................................... .........................................................CRAZY, STUPID, LOVE Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:25 sabato e domenica, 17:05 tutti i giorni ....................... .............................................................. GREEN LANTERN Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 19:40 22:20 tutti i giorni, 00:20 spettacolo notturno.............. ................................................................BOX OFFICE 3D Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 14:05 16:15 sabato e domenica, 18:25 - 20:35 - 22:45 tutti i giorni, 00:55 spettacolo notturno.................. CARNAGE

www.cinemacristallo-re.it

Nelle sale

IL DEBITO

CRAZY, STUPID, LOVE

BAD TEACHER: UNA CATTIVA MAESTRA

› Titolo originale: Crazy, Stupid, Love › Nazione: U.S.A. › Anno: 2011 › Genere: Commedia › Durata: 118’ › Regia: John Requa, Glenn Ficarra › Cast: Emma Stone, Kevin Bacon, Ryan Gosling, Crystal Reed, Steve Carell, Julianne Moore, Marisa Tomei, Joey King, Julianna Guill, John Carroll Lynch › Produzione: Carousel Productions › Distribuzione: Warner Bros Italia

› Titolo originale: The Debt › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Genere: Drammatico, Thriller › Durata: 114’ › Regia: John Madden › Cast: Sam Worthington, Ciarán Hinds, Helen Mirren, Tom Wilkinson, Marton Csokas, Jesper Christensen, Jessica Chastain, Romi Aboulafia, Adar Beck, Nitzan Sharron › Produzione: Marv Films, Pioneer Pictures › Distribuzione: Universal Pictures Italia

D

l regista John Madden di “Proof - La prova” firma il remake dell’israeliano “Ha-Hov”. 1966, Berlino Est. Tre giovani agenti del Mossad sono incaricati di catturare il criminale nazista Vogel. Durante la cattura un imprevisto costringerà Rachel ad uccidere il ricercato. Ma a trent’anni di distanza, la ricomparsa del delinquente costringerà la donna a tornare in Ucraina per saldare un vecchio debito con la propria coscienza. La pellicola punta tutto sulla qualità attoriale, offrendo un intricato thriller alla “Munich”.

opo il successo di “Colpo di fulmine”, la coppia d’autori John Requa e Glenn Ficarra, gira una commedia di lacrime amare e sorrisi beffardi. Cal Weaver ha un buon lavoro, una bella casa e una famiglia invidiabile. Il sogno crollerà quando la moglie gli chiederà il divorzio, rivelandogli il proprio tradimento. Spaesato e solo, l’uomo troverà consiglio nel trentenne donnaiolo Jacob. Julianne Moore fa da contraltare a Steve Carrell, in una commedia emozionante velata di malinconia.

I

› Titolo originale: Bad Teacher › Nazione: U.S.A. › Anno: 2011 › Genere: Commedia › Durata: 90’ › Regia: Jake Kasdan › Cast: Cameron Diaz, Lucy Punch, Jason Segel, Justin Timberlake, Phyllis Smith › Produzione: The Weinstein Company, Mosaic Media Group › Distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia › Noi la pensiamo così: Una sincerità al limite dell’indecenza

D

opo aver screditato Santa Klaus in “Babbo bastardo”, e rivisto in chiave underground il ruolo dell’insegnante in “School of rock”, il cinema sgretola l’immagine dell’educatore esemplare con una commedia dissacrante, che strizza l’occhio ai fratelli Farrelly. Elizabeth Halsey è un’insegnante di letteratura sboccata e spesso sbronza. Lasciata dal riccone di turno, farà di tutto per accalappiare il supplente d’algebra, ereditiero disinteressato. Ma l’uomo si fidanzerà con la collega Amy... La biondina di Hollywood si trasforma in intrigante Crudelia Demon in un One Woman Show meschino e controcorrente: divertentissimo.


>

in provincia

CINEMA

emiro RUBIERA_via togliatti, 1

MULTISALA PER INFORMAZIONI: ............................ WWW.EMIRO.NET

tel. 0522.626644

novecento CAVRIAGO_via del cristo, 5

tel. 0522.372015

www.emiro.net

www.multisala900.it

CINEMA

eden

PUIANELLO_p.zza gramsci, 8/1 tel. 0522.889889

SALA ROSSA - Venerdì 16 Settembre_ore 20:30 - 22:30 ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Venerdì 16 Settembre_ore 20:30 - 22:30 . ...................................................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Sabato 17 Settembre_ore 20:30 - 22:30 ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Sabato 17 Settembre_ore 20:30 - 22:30 . ...................................................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Domenica 18 Settembre_ore 16:00 18:00 - 20:00 - 22:00 ...................................... CARNAGE SALA VERDE - Domenica 18 Settembre_ore 16:00 18:00 - 20:00 - 22:00 ..................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Lunedì 19 Settembre_ore 21:00 ............. ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Lunedì 19 Settembre_ore 21:00 .............. ...................................................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Martedì 20 Settembre_ore 21:00 ......... ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Martedì 20 Settembre_ore 21:00 .......... ...................................................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Mercoledì 21 Settembre_ore 21:00 ..... ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Mercoledì 21 Settembre_ore 21:00 ...... ...................................................................TERRAFERMA SALA ROSSA - Giovedì 22 Settembre_ore 21:00 .......... ....................................................................... CARNAGE SALA VERDE - Giovedì 22 Settembre_ore 21:00 .......... ...................................................................TERRAFERMA

Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 19:00 21:00 domenica, 20:30 - 22:30 sabato, . 21:30 feriali, lunedì riposo ...............................................CARNAGE Martedì 20 e Giovedì 22 Settembre_ore 21:30 ......... .................................................................... BRONSON

CINEMA TEATRO

boiardo SCANDIANO_via XXV aprile,3

PER INFORMAZIONI ...WWW.CINEMATEATROBOIARDO.IT

tel. 0522.854355

www.cinemateatroboiardo.it CINEMA TEATRO

forum S.ILARIO D’ENZA_via roma, 8 tel. 0522.674748

www.forumcinema.it CINEMA

apollo ALBINEA_via r. morandi, 1 tel. 0522.597510

www.cinemaapolloalbinea.it

Venerdì 16, Sabato 17, Domenica 18, Lunedì 19 e Mercoledì 22 Settembre_ore 19:00 - 20:45 sabato, 16:00 - 17:45 - 19:30 domenica, 19:45 venerdì, lunedì e mercoledì ..................................................................I PUFFI Venerdì 16, Sabato 17, Domenica 18, Lunedì 19 e Mercoledì 22 Settembre_ore 21:30, domenica 22:30 ........ ................................................................... CONTAGION

Martedì 20 e Mercoledì 21 Settembre_ore 21:15 ..... ............................................................THE TREE OF LIFE

Da Venerdì 16 a Giovedì 22 Settembre_ore 19:00 -

21:00 domenica, 20:30 - 22:30 sabato, 21:00

venerdì,martedì e giovedì, lunedì e mercoledì riposo ..................................................... CRAZY, STUPID, LOVE

CINEMA

nuovo roma CASALGRANDE_via canale,2

PER INFORMAZIONI ..... WWW.CINEMAROMACASALGRANDE.IT

tel. 0522.846204

www.cinemaromacasalgrande.it CINEMA TEATRO

bismantova CASTELNOVO M._via roma,75 tel. 0522.611876

Da Sabato 17 a Lunedì 19 Settembre_ore 21:00 ...... ........................................................................SUPER 8

www.teatrobismantova.it

THE EAGLE

a cura di Monica Franzoni

I PUFFI

CARNAGE › Titolo originale: Carnage › Nazione: Francia, Germania, Polonia, Spagna › Anno: 2011 › Genere: Commedia, Drammatico › Durata: 79’ › Regia: Roman Polanski › Cast: Kate Winslet, Christoph Waltz, Jodie Foster, John C. Reilly › Produzione: SBS Productions, SPI Poland › Distribuzione: Medusa › Noi la pensiamo così: da non perdere

R

icorda il “Rope” hitchcockiano, l’ultimo dramma da camera diretto da Roman Polanski. Due undicenni fanno a pugni nel parco, con conseguenti labbra gonfie e denti rotti. I genitori degli adolescenti si troveranno per sbrigare civilmente l’accaduto, ma con l’incedere della conversazione ognuno di loro si rivelerà per ciò che è. Versione cinematografica della piéce teatrale di Yasmina Reza, un’introspezione dissacrante, che coniuga il piacere narrativo a quello estetico.

› Titolo originale: The Eagle › Nazione: U.S.A., Regno Unito, › Anno: 2011 › Genere: Drammatico › Durata: 114’ › Regia: Kevin Macdonald › Cast: Channing Tatum, Jamie Bell, Donald Sutherland, Denis O’Hare › Produzione: Toledo Productions, Film4, Focus Features › Distribuzione: Bim Distribuzione l Kevin Macdonald de “L’ultimo re di Scozia” torna al film in costume, affiancando Jamie Bell a Donald Sutherland. 140 a.C. Britannia. L’Aquila della IX Legione è scomparsa. Il giovane centurione Marcus Flavio oltrepasserà i confini dell’impero romano, battendosi con coraggio contro i Celti per recuperare il vessillo simbolo di Roma. Un dramma spettacolare, in memoria del padre, capace di avvincere tra combattimenti spartani e patriottismo primordiale.

I

› Titolo originale: The Smurfs › Nazione: Belgio, Stati Uniti › Anno: 2011 › Genere: Animazione › Durata: 90' › Regia: Raja Gosnell › Produzione: Columbia Pictures, Sony Pictures Animation, Kerner Entertainment Company › Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia

L

o stregone cattivo Gargamella insegue i Puffi fuori del villaggio in cui abitano e loro, attraverso un portale magico, cadono nel nostro mondo, nel bel mezzo di Central Park, a New York. Alti solo tre mele o poco più, si ritrovano proprio nella Grande Mela e devono sbrigarsi a tornare a casa prima che Gargamella li rintracci.


Pag.

XII

venerdì

settimana

musica

live

una voce tutta reggiana

VENERDì 16 SEttEMbRE

A

Verona Arena Jovanotti, a Bologna Afterhours, Julie’s Haircut, a Parma Onirica Zeffjack.

Valentina, la 17enne “rivelazione” del concerto di Radio Bruno di

Marianna Fantini

I

Zeffjack

Sabato 17 SEttEMbRE A Bologna Mauro Ermanno Giovanardi, a Modena Festa Pd Rigo, Mel Previte e Alberto Beto Carra, a Verona Arena Jovanotti.

MauroÊ E.Ê Giovanardi

DoMENica 18 SEttEMbRE Al Prestige Lucio Vallisneri, a Milano Teatro Parenti Banda Osiris, a Modena Festa Pd Modena City Ramblers.

Lucio Vallisneri

LuNEDì 19 SEttEMbRE A Brescia Alessio Lega.

reggiani hanno imparato a conoscerla lo scorso 5 settembre quando è salita sul palco del “concertone” di Radio Bruno in piazza della Vittoria. Ma Valentina Albertini, in arte Valentina, la 17enne reggiana che ha vinto il contest della radio carpigiana “Fammi sentire la voce” superando la concorrenza di decine di avversari con la canzone “Anima”, non ha certo intenzione di fermarsi a quel, comunque memorabile, concerto. Il 5 settembre per lei non è un punto d’arrivo, ma un trampolino di lancio nel mondo della musica e dello spettacolo. Valentina, cosa hai provato a stare sul palco con artisti affermati come Paolo Belli? “Purtroppo non ho conosciuto i big, dietro le quinte non è stato possibile parlare con loro. Ma è stato veramente bello ed emozionante poter cantare su un palco così importante davanti a tanta gente: non ti nascondo che prima di salire ho anche versato qualche lacrima. E il pubblico mi ha accolto come se fossi già famosa”. Tu sei una ragazza giovane, studi ancora, come suddividi il tuo tempo? “Il mio sogno è cantare e cerco di dividere il mio tempo tra musica,

MaRtEDì 20 SEttEMbRE

John Scofield

MERcoLEDì 21 SEttEMbRE A Carpi Mattatoio Laura Stevenson & The Cans.

LauraÊ StevensonÊ &Ê TheÊ Cans

aura Stevenson, una stella in divenire del panorama indie folk americano, sarà al Mattatoio di Carpi mercoledì 21 settembre. Figlia d’arte, suo nonno, il pianista e compositore Harry Simeone, include tra i suoi lavori due piccoli capolavori della musica americana come “The Little Drummer Boy” e “Do You Hear What I Hear?”. Nata e cresciuta nella musica, ha cominciato a suonare solo molto tardi, introducendosi nell’ambiente universitario di Rockwell, dapprima unendosi ai Bomb the Music Industry! e poi partorendo il proprio progetto solista che avrebbe da lì a poco preso il nome

BeÊ Forerst

Sabato 24 SEttEMbRE

GiovanniÊ Allevi

Al Fuori Orario Nobraino, a Reggio Festival Francescano Giovanni Allevi, a Bologna Covo Art Brut, a Faenza Teatro Masini Andrea Mirò, Nathalie, Beatrice Antolini,Quintorigo, Roy Paci e Paolo Belli.

corso di teatro, perché la musica è spettacolo e mi appassionano le scenografie e gli show nel loro insieme. Cerco di dare un’immagine frizzante di me e anche divertente, è per questo che ho scelto di colorarmi i capelli di un fucsia acceso”. Quali sono i cantanti che non possono mancare nel tuo I-Pod? “Sicuramente Lady Gaga, Alicia Keys e per gli italiani Mina che è un mito. Non rispecchia il mio stile. Come genere io sono più disco ed elettronica, ma ha una voce fantastica”.

di Laura Stevenson & The Cans (o più semplicemente The Cans), aggiungendo corpo e sonorità alle sue canzoni con il basso di Mike Campbell dei Latterman e la tromba di Alex Billig dei The Best

Thing Ever. L’esordio sulla lunga distanza è del 2008, seguito da “A Record” nel 2010 che la porta in tour in Europa e nel Regno Unito, finendo per trovarsi accanto a numerosi nomi emergenti della

scena indipendente internazionale come Maps & Atlases e Cults. “Sit Resist” è il suo ultimo lavoro, una vera e propria celebrazione della sua voce calda, suadente e avvolgente. L’album mischia l’indie rock al folk e lo rende molto scorrevole all’ascolto, adatto sia ai momenti di relax che a quelli di riflessione. Canzoni che decollano dalla sua voce ed esplodono letteralmente con il sound dei musicisti che l’accompagnano. Confeziona performance ineccepibili da gustare preferibilmente accompagnati dalle prime piogge autunnali. (m.a.)

il mito rivive

Domenica 18 settembre a Poviglio Hendrix Memorial Day

U

VENERDì 23 SEttEMbRE

posso nemmeno girare tanto, però a Reggio, con gli amici, riesco a divertirmi lo stesso e la città mi piace, soprattutto per il calore delle persone”. Pensando al panorama musicale attuale è sempre più evidente che i cantanti sono icone fashion, tu ti senti pronta a diventarlo e come definisci il tuo stile? “Nella musica l’immagine è la cosa più importante, io ho sempre pensato che la musica non si ascolta solo, ma si guarda, infatti sono appassionatissima di videoclip. Frequento anche un

L

A Milano MiTo Jazzanova, a Milano Alcatraz The Specials & Casino Royale.

Al Fuori Orario di Taneto di Gattatico Afterhours, al Reggio Festival Francescano Niccolò Fabi, a Milano Blue Note Nicola Conte sempre a Milano Arcimboldi PFM, a Faenza Teatro Masini Paolo Benvegnù, Massimo Volume, Be Forerst, I Cani, Erica Mou e altri.

GIOVANI prOmesse

Valentina Albertini ha vinto il contest della radio carpigiana

La Stevenson in concerto a Carpi il 21 settembre

gioVEDì 22 SEttEMbRE

Jazzanova

amici e scuola (Liceo artistico a Parma). Questa estate ho sacrificato un po’ gli amici per cercare posti dove poter cantare e farmi conoscere”. Nel futuro desideri fare la cantante o hai altri sogni? “Io voglio fare la cantante e sono pronta a rinunciare anche alla scuola per poterlo fare e i miei insegnanti mi capiscono e mi sostengono, per esempio l’anno scorso mi sono assentata per partecipare alle selezioni di Sanremo giovani e loro mi hanno aiutata”. Per il futuro hai in programma un tour o un disco? “Per ora no, ma sto cercando di trovare spazi per farmi conoscere”. Tuo padre è il tuo manager, questo rende le cose più facili o più difficili? “Entrambe: più facili perché moralmente mi è molto vicino e mi sostiene, come tutta la mia famiglia, più difficili perché è con me sempre e spesso critica l’uso che faccio del mio tempo, ma capisco che lo fa per il mio bene”. Avere 17 anni a Reggio Emilia e fare la cantante cosa vuol dire: Reggio è un posto divertente e stimolante oppure no? “Io studio a Parma e vivo a Bagno in provincia di Reggio. Conosco tutte e due le città, di divertimento non ce n’è molto. Poi non ho ancora la patente e quindi non

il rock di Laura nel Mattatoio

AlessioÊ LegaÊ

A Cavriago Cantina Garibaldi Ti Amo Peggy Sue, a Milano Teatro Smeraldo John Scofield e Enrico Rava, a Milano Blue Note Arisa.

16 settembre 2011 - REPORTER

n tuffo nel passato, per ascoltare il miglior rock di sempre: l’appuntamento è per domenica 18 settembre a Poviglio, per la seconda edizione dell’Hendrix Memorial Day. Dopo il grande successo dell’anno scorso, ritorna dunque la manifestazione in onore del grande Jimi Hendrix, per omaggiarne la memoria e farne rivivere il mito: l’evento è organizzato dalla “Vintage Authority” di Cris Maramotti e Simone Falavigna in collaborazione con l’Amministrazione Comunale – Assessorato alla cultura, con il Centro “Kaleidos” e il Centro Giovani di Poviglio. Si comincia alle 14,00, presso il centro culturale “Kaleidos”di via Bologna 1: apertura della mostra al piano terra con chitarre e amplificatori vintage anni 50-60-70, dischi, memorabilia, vestiti d’epoca legati al grande Hendrix oltre alla presenza di numerosi altri espositori del settore; al 1° piano sempre alle 14,00

l’inizio del contest band “Allievi” presso la sala Auditorium. Aseguire, alle 17,30, Clinic: Cris Maramotti introduce Maurizio Solieri, tra racconti e aneddoti dello storico chitarrista di Vasco. Non mancheranno chicche e particolari emozionanti, a cominciare dai ricordi sullo storico tour italiano di Hendrix in Italia: correva l’anno 1968 e Solieri era tra i fortunati che assistettero alla tappa bolognese del musicista. All’incontro saranno presenti anche numerosi altri ospiti, tra i quali Mauro Negri e Simone Guiducci del Conservatorio di Mantova, Rigo Righetti, Roby Pellati e Marina Santelli. Alle 21,30 esplosiva conclusione della giornata con il concertone finale “Moris Tribute tu Jimi at Vintage Authority night live”, special guest Maurizio Solieri e Cris Maramotti: on stage la Jimi Hendrix Tribute Band, formata da Moris Pradella - chitarra e voce, Stefano Cappa – basso, e Lele

Borghi – batteria. “Un evento di notevole valore culturale e sociale, che consente di ripercorrere la storia di un mito del rock e di vederne la vitalità attuale” ha dichiarato l’Assessore alla Cultura del Comune di Poviglio, Filippo Ferrari. “I protagonisti di un’indimenticabile stagione musicale e le generazioni più recenti si confrontano per un tributo a Hendrix,

dimostrando che la musica ha una imprescindibile funzione di collante intergenerazionale. L’Hendrix Day, alla seconda edizione, si candida a divenire un punto fermo della proposta culturale povigliese”. “Quest’anno, il Memorial raddoppia la sua capacità espositiva e l’offerta di intrattenimento, sia in quantità, sia soprattutto per qualità, a confermare che quello che l’anno scorso era iniziato come una scommessa, si è ormai trasformato in una certezza” è il commento del direttore artistico dell’evento Cris Maramotti. Durante la giornata sarà inoltre possibile ascoltare le esibizioni delle band “maestri” e gustare gnocco fritto e salumi tipici presso lo stand gastromico. Da non perdere, infine, il murales che sarà realizzato a cura del Centro Giovani e il quadro dedicato all’evento del pittore locale Davide “rock” Pini. Per info: www.vintageautority. com, info@vintageautority.com.


venerdì

16 settembre 2011

Pag.

- REPORTER

la playlist

musica afterhours per cominciare… Il Fuori Orario riapre alla grande con la band milanese di

Mariangela anceschi

R

ipartono venerdì 23 settembre le serate alla stazione del Fuori Orario. Sul palco per inaugurare la stagione saliranno gli Afterhours che con il loro rock graffiante hanno saputo inventare naturali inni alla fragilità dei sentimenti. Questa sarà la prima fermata di una corsa ricca di sorprese che fino a fine anno vedrà succedersi al circolo Arci di Taneto nomi come al solito di gran pregio. Scorrendo un po’ il programma saltano all’occhio Guè Pequeno dei Club Dogo, Francesco De Gregori, La Pegatina, Grido dei Gemelli Diversi, i Casino Royale, Dente, I Soliti Idioti, Marta Sui Tubi e i Ministri. Dopo il successo del Summer Tour 2010 che ha collezionato più di 28 mila spettatori in sette date e il doppio appuntamento live a Shanghai lo scorso ottobre, gli Afterhours sono attualmente in studio per la realizzazione del nuovo attesissimo album. Le registrazioni sono state interrotte solo in occasione del tour europeo che ha toccato le città di Berlino, Amsterdam, Bruxelles, Lussemburgo e Londra e per un tour estivo che da giugno li sta vedendo calcare i più importanti palchi e festival

d’Italia. Dal loro debutto negli anni ’90 con “During Christine’s sleep”, di strada ne hanno fatta parecchia. E’ del 1995 “Germi” riconosciuto dalla critica musicale come uno dei migliori esempi di rock fatto in Italia. Nel corso del 1997 firmano un contratto discografico con

la Mescal e registrano l’album “Hai paura del buio?”, una bella manciata di canzoni nelle quali sviluppano completamente il teorema “After”: marchiare con la loro personalità ed il loro suono la ballata rock come l’urlo hardcore, la sperimentazione su quattro piste e l’hi-fi più evoluto. Successivamente arriva

XIII

“Non è per sempre”, “Siam tre piccoli porcellin”, “Quello che non c’è”, sempre con la stessa intensità. Il successivo “Ballata per piccole iene”, nella sua versione inglese o italiana che sia, è una conferma di come alcuni artisti made in Italy non hanno davvero nulla da invidiare a quelli stranieri. Con “I milanesi ammazzano il sabato” propongono quattordici ricette di quotidiana macabra felicità in musica. Il loro ultimo lavoro “Il paese è reale” è un album di brani tutti inediti, condiviso in ugual misura da una rosa di diciannove artisti per un progetto teso a promuovere le realtà indipendenti e underground del panorama musicale italiano. Si spazia da Paolo Benvegnù, a Marco Parente, a Cesare Basile, ai Marta Sui Tubi, agli A Toys Orchestra, a il Teatro Degli Orrori, agli Zen Circus senza mai perdere di vista l’impronta di chi la musica la fa con l’anima e con il cervello. Gli Afterhours con il loro Summer Tour 2011 supportano lo Human Right Tour di Amnesty International. Per tutti quelli che sono dipendenti dalla filosofia Afterhours e dal loro perfetto mix di melodia, rumore, sperimentazione pop ed ironia l’appuntamento è al Fuori Orario.

nevermind 20 anni dopo…

1

Destroyer “Kaputt”

2

Fitz anD the tantrums “Pickin'up the pieces”

3 the excitements “The Excitements”

4 neiL younG “A Treasure”

FLeet Foxes

“Helplessness Blues”

Al Fermata 23 si festeggia l’album dei Nirvana di

6

Paolo Bardelli

N

on sembra siano passati 20 anni, ma questa affermazione non va letta nel senso che di solito assume nei ricordi nostalgici di chi non è più giovanissimo. “Nevermind” dei Nirvana compie 20 anni il 24 settembre, e ciò che intendiamo è che da allora probabilmente - non è uscito un disco così importante, uno spartiacque tra il prima e il dopo (musicale). Forse dischi più belli sì, ma non così “seminali”. Proprio sabato 24 settembre 2011, alle ore 22, il circolo Fermata 23 a Camposanto (MO) dedica una serata all’indimenticato album di Kurt Cobain e soci, con una jam session con diversi ospiti ad alternarsi sul palco. Non solo “Smells Like Teen Spirit”: le canzoni di “Nevermind” sono tutte importanti alla stessa maniera, “Smells...” ha sì avuto

5

Bon iver “Bon Iver”

7 the pains oF BeinG pure at heart “Belong”

il compito di rompere il muro delle radio verso questa musica che allora era grandemente alternativa (grunge, si diceva...), però ciascun brano ha una sua vita e una sua statura artistica che, oggi, a distanza di così tan-

to tempo, risulta non scalfita. Tra tutte personalmente adoro “Drain You”, con Kurt che canta in maniera sbiascicata “I Like You”, oppure “On A Plain” con quell’indimenticabile confessione disarmante e disarmata:

“I love myself better than you i know it’s wrong so what should i do”. Nella serata proiezioni, commenti e dischi a cura di dj Vanni Neri di Krock. Ingresso gratuito con tessera arci. Info: www.myspace.com/fermata23.

8 Brunori sas “Vol 2. Poveri Cristi”

ciak, si… suona

Al Prestige sound & video con Lucio Vallisneri

S

econdo compleanno per il Bar Prestige e domenica 18 si entra in un film. “Ciak si Gira” il titolo della serata” durante la quale verrà girato un video celebrativo dei due anni del locale reggano. Dalle ore 19 in consolle Lucio Vallisneri che ha recentemente curato le selezioni degli album “Milano Marittima Midnight Cafè” e “Sali & Tabacchi”. Grande appassionato di musica e da sempre interessato a quanto di bello la musica può proporre,

Lucio ha un passato da rocker con due dischi alle spalle ma soprattutto è apprezzato speaker radiofonico nelle emittenti rock reggiane, prima con Radio Montecroci 3 poi dalle ceneri di Mondoradio fino a K-Rock Radio Station con la quale a tutt’oggi collabora. Dal 2003 inizia la ricerca nei suoni della lounge Moderna e nel mondo del Cocktail party passando attraverso l’elettronica e l’house Attualmente è considerato una sorta di “Nick

the nightfly” emiliano. Nel 2010 ha curato la compilation “Milano Marittima Cocktail Music”. Tra le sue scelte brani di Mario Biondi, Alessandro Magnanini, Jenny B. Gli album sono disponibili su tutte le piattaforme musicali, nei negozi di dischi e in tutti grandi Media Store. Per la serata del Prestige sarà accompagnato da Mirco “Moko” Tagliazucchi all tromba e da Giacomo Fantoni alla chitarra. Info 340-7602400.

9 raphaeL saaDiq “Stone Rollin'”

10 Booker t. Jones “The Road From Memphis”



Reporter Giornale 16 settembre 2011