Issuu on Google+

Giornale settimanale di informazione e annunci - Spedizione in abb. postale, art. 2 com. 20/b, leg. 662/96 - Filiale RE. Contiene I.P. - Editrice Reporter srl Redazione, amministrazione e pubblicità: via Emilia Ospizio, 23 - 42122 Reggio Emilia - tel. (0522) 45.50.50 r.a. - Fax (0522) 45.35.15

internet: www.reporter.it • e-mail: redazione@reporter.it Anno 23 • numero 40 • 15 ottobre 2010

VALUTIAMOÊ ILÊ TUOÊ OROÊ 18Ê Û Ê alÊ grÊ

PURO

€ 1,90

Mafia: seconda puntata della nostra inchiesta in una città che cerca l’antidoto

Reggio si ribella

di Muzzi Massimo e Trenti Bruno s.n.c.

Lavorazioni meccaniche di tornitura e fresatura con macchine tradizionali e CNC costruzione di attrezzature e prototipi minuteria varia, esecuzione di piccola e media serie

Via Galvani 7/C • Montecchio Emilia (RE) Tel. e Fax 0522.864954 • omeclm@virgilio.it

Val d’Enza

Viaggi

GABRIELE CANTARELLI ALLE PAGINE 6 E 7

ALL'INTERNO L’ASCENSORE I buoni e i cattivi di questa settimana A pagina 2

DELRIO E BONARETTI I nodi del Pd vengono al pettine A pagina 4

NELL'INSERTO L’ALTRO SPORT “Ho marcato Michel Platini” A pagina 32

- Specializzati in viaggi di nozze - Last minute - Viaggi su misura - Biglietteria aerea e navale - Ferroviaria NOLEGGIO PULLMAN G.T. CON AUTISTA E AUTOBLU

REPORTER WEEKEND Musica, arte e libri L’agenda per il tempo libero

P.zza Repubblica, 24 - Montecchio E. (RE) Tel. 0522 861361 - Fax 0522/861666 e-mail: info@valdenzaviaggi.it

www.valdenzaviaggi.it

Produzione serramenti in alluminio SCURETTI BLINDATI

Serramenti in alluminio a giunto aperto, a taglio termico ossidato, verniciato ed elettrocolorato Monoblocchi con cassonetto in alluminio, VETRINE PER NEGOZI Persiane fisse, ORIENTABILI E SCURETTI Porte e portoncini d’ingresso in alluminio Vetrate e pareti divisorie Serramenti in LEGNO/ALLUMINIO Zanzariere

Via Galilei, 41 - 42027 MONTECCHIO EMILIA (RE) Tel. 0522/86.46.17 Fax 0522/86.50.69 e-mail: info@daliaserramenti.it


Pag.

2

venerdì

Ascensore

L'

MANGIAR REGGIANO

M

angiar Reggiano, un successo che si consolida con il passare del tempo. Il volume edito da Reporter, giunto alla settima edizione, è stato accolto con grande entusiasmo dal numeroso pubblico che ha partecipato alla presentazione che si è svolta nel salotto enoletterario di Casa&Tavola alla presenza dell’assessore all’Agricoltura della provincia di Reggio Emilia, Roberta Rivi. L’elegante guida si conferma come un prezioso appuntamento editoriale, uno strumento indispensabile per chi desideri intraprendere un viaggio alla scoperta della gastronomia reggiana. Un libro per tutti, “gastronauti” e cultori della buona cucina.

PAOLO GANDOLFI

D

a un lato si presenta come un inflessibile decisionista (leggi rotonda dell’Orologio), dall’altro come un malleabile amministratore piegato alla volontà dei cittadini (ha dichiarato che a Cadè hanno voluto il semaforo della discordia e che se non lo vogliono più è disposto a toglierlo). O ancora, cade dalle nuvole come se fino ad ora avesse vissuto in un’altra città: “La coda in via Emilia Ospizio? Colpa del McDonald’s”. Che, però, stava lì anche prima. Non stupisce che i residenti della zona stiano pensando ad un “No Gandolfi Day”. Ma forse è meglio farne almeno tre, vista la personalità multipla dell’assessore alla mobilità.

MATTEO RIVA

P

rove tecniche di trasformismo. In consiglio comunale il quasi ex consigliere dell’Italia dei Valori Matteo Riva ha votato con il Pdl, e contro la posizione del suo partito, su un emendamento riguardante gli asili della Fism. Non una novità per Riva, passato con disinvoltura da un partito all’altro negli ultimi anni. E, comunque, una strategia che evidentemente paga, visto che Riva continua a prendere preferenze a livello personale. Certo che, però, la politica dovrebbe essere un’altra cosa.

DON PAOLO CUGINI

C

apita, a volte, che qualcuno voti contro il proprio “partito” non già per calcolo o per volontà di cambiare... parrocchia. Ma solo per esprimere le proprie opinioni in buona fede, con la voglia di contribuire ad aprire un dialogo. È il caso di Don Paolo Cugini, missionario reggiano, che ha criticato duramente la Chiesa italiana, accusata di essere troppo ricca per essere credibile. Evidentemente, dopo anni passati nel Terzo Mondo, Cugini deve aver capito che certe risorse potrebbero essere usate meglio per combattere la miseria.

Lo Sfregio OPINIONI Il commento acido e sub partes alla politica reggiana

È la politica, baby

DI

AL VETRIOLO

C

redevo, come cittadino, di avere il diritto di difendere le mie ragioni. Diritto che, in concreto, mi viene negato per via del mio ruolo. Questa, parafrasando, la lettera inviata da Mauro Bonaretti al sindaco nella quale il direttore generale del Comune rinunciava al ricorso contro la multa da 20mila per l’abuso edilizio della ormai famosa terrazzina fatta murare dal proprietario. Il direttore generale del Comune se ne faccia una ragione: le cose stanno proprio così! Un dirigente comunale non è mai al livello degli altri cittadini, specie in un’amministrazione di centrosinistra che ha, o dovrebbe avere, un posto nella top ten delle priorità riservato alla questione morale. Bonaretti non deve essere solo innocente, ma anche irreprensibile, specie quando si tratta della sua materia. Traducendo: Bonaretti ha commesso una leggerezza incredibile (e la buona fede, viste le competenze del suo ufficio, in questo caso è quasi un’aggravante) e avrebbe dovuto limitarsi ad accettare

N

TUTTO PER UNA TERRAZZA Mauro Bonaretti, Direttore Generale del Comune

la multa, magari imprecare in privato, ma chiudere lì la vicenda. Non tentare il ricorso, togliendosi la giacca da direttore comunale per indossare quella del normale cittadino, stupendosi poi della reazione dell'opinione pubblica. Certo, 20mila euro sono una bella cifra, ma sarebbero potuti diventare un ottimo investimento in comunicazione. Pagando senza fiatare quella cifra, Bonaretti avrebbe contribuito a dare un’ottima immagine di sé stesso e dell’amministrazione pubblica. E, invece, come sempre e come tutti, assistiamo ad

un privilegiato (per meriti, s’intende, ma pur sempre un privilegiato e pagato con soldi pubblici) pronto a piangere quando il suo privilegio e la sua vicinanza alla politica gli intralciano la strada.É la politica, baby, e se la si accetta per gli aspetti positivi, non ci si deve lamentare quando, occasionalmente, mette il politico o il tecnico in condizione di dover dare la precedenza al bene comune rispetto a quello personale. Bonaretti si consoli, non è una cosa che capita così spesso...

Redazione: Via Emilia Ospizio 23/b - Reggio Emilia. Tel. (0522) 45.50.50 Fax 45.35.15. E-Mail: redazione@reporter.it. Internet: http://www.reporter.it

Giornale quotidiano iscritto al n° 3831 del Registro Nazionale della Stampa Iscritto al R.O.C. al n° 2075 Autorizzazione del Tribunale di Reggio E. n° 686 del 8/3/1988 Editore: Reporter srl Direttore Responsabile: Emanuele Iannuccelli Direttore Editoriale: Giampaolo Corradini g.corradini@reporter.it Redazione cultura e spettacoli: Sabrina Basoni s.basoni@reporter.it In redazione: Gabriele Cantarelli g.cantarelli@reporter.it Francesca Sestito f.sestito@reporter.it

FIORELLO TAGLIAVINI uovi spazi da valorizzare e nuove nomine. La città di Guastalla, nel costante impegno di qualificazione delle risorse culturali, ha iniziato una serie importante di azione relative il Museo di Palazzo Ducale. La prima di queste è stata la nomina come direttore del dottor FiorelloTagliavini, attualmente direttore del Teatro Comunale e responsabile dell’area cultura. Il suo primo impegno sarà destinato all’allestimento della nuova sezione museale, dedicata al Settecento guastallese. Una sfida importante da realizzare in un momento particolarmente difficile per mancanza di risorse finanziarie destinate ai Beni culturali.

15 ottobre 2010 - REPORTER

Segreteria di redazione: Simona Alberti, Paola Ferrari, Elisa Fiaccadori, Paola Simonini Fotocomposizione: Reporter srl Stampa: Galeati Industrie Grafiche - Imola www.galeati.it Fotografie: Foto Studio Artioli, Fotostudio 13, Foto Superstudio Paola Simonini Concessionaria pubblicità: Reporter srl, via Emilia Ospizio 23/b Reggio Emilia. Tel. 0522/455050 Reporter Web: reporter@reporter.it ASSOCIATO ALL'USPI UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA

Collaboratori: Mariangela Anceschi, Francesca Baboni, Paolo Bardelli, Massimo Bassi, Alessandro Bertolotti, Mara Bianchini, Gigi Cavalli Cocchi, Chiara Celada, Orlando Corradini, Claudia Ferretti, Enrico Finocchiaro, Monica Franzoni, Francesca Galafassi, Alessandro Gandino, Gianluca Grassi, Giulia Gualtieri, Girolamo Ielo, Matteo Iori, Franco Meglioli, Saverio Migliari, Diego Oneda, Enrico Lusetti, Ludovico Parenti, Silvia Parmeggiani, Egle Prati, Lorenzo Reggiani, Sabrina Rosati, Luana Salvarani, Vittorio Severi, Sebastiano Simonini, Carlo Vanni, Gianni Verzelloni, Gigi Vinceti. Reporter offre esclusivamente un servizio, non riceve tangenti sulle contrattazioni, non effettua commerci. La Direzione si riserva il diritto di rifiutare la pubblicazione delle inserzioni, a suo insindacabile giudizio. Gli inserzionisti dovranno rifondere all'Editore ogni spesa eventualmente da esso sopportata in seguito a malintesi, dichiarazioni, violazioni di diritti ecc., a causa dell'annuncio. Si precisa che tutte le inserzioni relative a richieste od offerte di lavoro si intendono riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata, ai sensi dell' art. 1 della legge 9/12/77 n° 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività. L'Editore si riserva il diritto di perseguire legalmente tutti coloro che, abusando della buona fede nostra e dei lettori, effettuano annunci non veritieri, o con prezzo o merce diversi da quanto dichiarato nell'annuncio stesso. Si rende noto che tutte le pubblicità studiate e realizzate da Reporter srl per la pubblicazione su Reporter non possono essere usate per scopi personali nè essere riprodotte su altri mezzi stampa senza autorizzazione scritta di Reporter srl.

.it


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

NOTIZIA ANSIA

Dopo il Biblio-days il comune lancia come prossima manifestazione CULturale il Bid• days: una performance in cui i reggiani saranno protagonisti e interpreti assoluti esibendosi sul tema nella Fontana del Valli. Il commento dellÕ assessore Giovanni Catellani: Ò Per spacciare certe iniziative come culturali ci vuole la faccia cul...turale. Ma noi ci siamo abituati e possiamo dare la colpa alla crisiÓ .

Pag.

REV LVER ARMATA A MANO SATIRA LA REGGIANA CRONACA DI FARSE E COMMEDIE ISPIRATE AI FATTI

POLITICA, CINEMA E FANTASCIENZA

2010: Odissea nell’Ospizio

Presentato alla stampa il programma di Cinetica. Mimmo Spadoni nei panni dell’astronauta che porta la sua navicella spaziale oltre l’ignoto, il computer Hal 9000 sarà interpretato da Pierluigi Castagnetti, mentre all’assessore alla mobilità Paolo Gandolfi toccherà la parte del gorilla che diventa (quasi) umano venendo a contatto con il monolito nero, interpretato ovviamente dal sindaco Graziano Delrio. Nella parte degli alieni gli abitanti di via Emilia Ospizio, che tanto sono già alienati dalla nuova viabilità. Il bimbo stellare, che impersona il futuro dell’umanità, nato da questo caos sarà... Angelo Alessandri! Un film che ha suscitato la reazione entusiastica del cugino del figlio del fratello dello zio del nonno del giardiniere dell’avvocato del commercialista del vicino di casa di Stanley Kubrick. La visione è consigliata solo ai forti di stomaco... Mentre per l’anno prossimo, da fonti anonime ma bene informate si apprende che il comune ha già pensato ad un altro remake ispirato a Kubrick: Banana Meccanica, pellicola che mescola il grottesco futuribile della pellicola originale con quello attuale della politica reggiana. Nella parte del protagonista Mauro Bonaretti, mentre ai cittadini reggiani tocca, come al solito, quasi meccanicamente, la parte dell’ortolano...

VERITÀ

SUPPOSTE

Il Pd sempr e pi• vicin o ai nomadi: i iscritti ed suoi i s elettori es uoi cono di casa e s e ne vanno verso altri partiti...

Il NUOVO INNO DELLA SINISTRA ITALIANA

Niky, Niky (Fiky Fiky)

(Musiche di Gianni Drudi. Testo di Landini, Cofferati, Vendola) Nella sinistra che scotta Ci siam presi una cotta Per un gay che ci spetta Alla faccia di Letta.

HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME… Ha battuto D’Alema Che pure è uno che mena A Veltroni non piace Bersani invece è meglio se tace... HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME… Le primarie vogliamo Dalla Puglia a Milano Torneremo a Palazzo? Come no! Con 'sto c...!! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME…

CENTRO RECUPERO FAUNA SELVATICA LIPU CROCE ALATA

CRAS LIPU Reggio Emilia “Croce Alata” Centro Recupero Uccelli Via Olimpia 1/c Reggio Emilia (zona polveriera) Contatti:

347 8047298 croce.alata@libero.it

oppure contattateci sulla pagina facebook:

Croce Alata SIAMO APERTI PER LE VISITE L’ULTIMA DOMENICA DI OGNI MESE!!!

CERCHIAMO VOLONTARI ANCHE PER LAVORI NON A CONTATTO CON GLI ANIMALI

3


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

NOTIZIA ANSIA

Dopo il B. Bdays il comune lancia come prossima manifestazione CULturale il Bid• days: una performance in cui i reggiani saranno protagonisti e intepreti assoluti esibendosi sul tema nella Fontana del Valli. Il commento dellÕ assessore Giovanni Catellani: Ò Per spacciare certe iniziative come culturali ci vuole la faccia cul...turale. Ma noi ci siamo abituati e possiamo dare la colpa alla crisiÓ .

Pag.

REV LVER ARMATA A MANO SATIRA LA REGGIANA CRONACA DI FARSE E COMMEDIE ISPIRATE AI FATTI

POLITICA, CINEMA E FANTASCIENZA

2010: Odissea nell’Ospizio

Presentato alla stampa il programma di Cinetica. Mimmo Spadoni nei panni dell’astronauta che porta la sua navicella spaziale oltre l’ignoto, il computer Hal 9000 sarà interpretato da Pierluigi Castagnetti, mentre all’assessore alla mobilità Paolo Gandolfi toccherà la parte del gorilla che diventa (quasi) umano venendo a contatto con il monolito nero, interpretato ovviamente dal sindaco Graziano Delrio. Nella parte degli alieni gli abitanti di via Emilia Ospizio, che tanto sono già alienati dalla nuova viabilità. Il bimbo stellare, che impersona il futuro dell’umanità, nato da questo caos sarà... Angelo Alessandri! Un film che ha suscitato la reazione entusiastica del cugino del figlio del fratello dello zio del nonno del giardiniere dell’avvocato del commercialista del vicino di casa di Stanley Kubrick. La visione è consigliata solo ai forti di stomaco... Mentre per l’anno prossimo, da fonti anonime ma bene informate si apprende che il comune ha già pensato ad un altro remake ispirato a Kubrick: Banana Meccanica, pellicola che mescola il grottesco futuribile della pellicola originale con quello attuale della politica reggiana. Nella parte del protagonista Mauro Bonaretti, mentre ai cittadini reggiani tocca, come al solito, quasi meccanicamente, la parte dell’ortolano...

VERITÀ

SUPPOSTE

Il Pd sempr e pi• vicin o ai nomadi: i iscritti ed suoi i s elettori es uoi cono di casa e s e ne vanno verso altri partiti...

Il NUOVO INNO DELLA SINISTRA ITALIANA

Niky, Niky (Fiky Fiky)

(Musiche di Gianni Drudi. Testo di Landini, Cofferati, Vendola) Nella sinistra che scotta Ci siam presi una cotta Per un gay che ci spetta Alla faccia di Letta.

HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME… Ha battuto D’Alema Che pure è uno che mena A Veltroni non piace Bersani invece è meglio se tace... HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME… Le primarie vogliamo Dalla Puglia a Milano Torneremo a Palazzo? Come no! Con 'sto c...!! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? VOGLIAMO SEGRETARIO VENDOLA! HEY CI STAI NIKY NIKY CON NOI? FACCIAMO NIKY NIKY INSIEME…

CENTRO RECUPERO FAUNA SELVATICA LIPU CROCE ALATA

CRAS LIPU Reggio Emilia “Croce Alata” Centro Recupero Uccelli Via Olimpia 1/c Reggio Emilia (zona polveriera) Contatti:

347 8047298 croce.alata@libero.it

oppure contattateci sulla pagina facebook:

Croce Alata SIAMO APERTI PER LE VISITE L’ULTIMA DOMENICA DI OGNI MESE!!!

CERCHIAMO VOLONTARI ANCHE PER LAVORI NON A CONTATTO CON GLI ANIMALI

3


Pag.

4

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Specchio Segreto

I nodi del Pd

Regione o Parlamento: quale sarà il futuro di Graziano Delrio? Il caso Bonaretti sembra chiuso, ma si apre quello D’Andrea

S

ono due i temi forti che agitano il Pd in queste settimane: il futuro del sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, e il caso relativo al direttore generale, Mauro Bonaretti. Sul caso del direttore generale il Pd non sembra essersi spaccato, più che altro scosso da un grande imbarazzo. L’unico a estrinsecare la posizione di criticità nei confronti del partito è stato il consigliere Ernesto D’Andrea, che già qualche mese fa aveva votato contro il proprio partito. I maligni dicono che i mal di pancia di D’Andrea siano stati scatenati anche da accordi pre elettorali non mantenuti. Al punto che il consigliere starebbe seriamente prendendo in considerazione l’ipotesi di lasciare il partito. Il fatto che ultimamente sia intervenuto su questioni afferenti la legalità porterebbero a pensare all’Idv come suo naturale approdo, specie se Matteo Riva dovesse davvero abbandonare il partito di Di Pietro. Meno credibili le voci che vorrebbero un avvicinamento tra D’Andrea e i finiani di Futuro e Libertà. Per Bonaretti, invece, la vicenda potrebbe essere chiusa qui, senza che il direttore generale

Caro sindacoti scrivo È il turno di Guastalla Il prossimo ad essere intervistato dai lettori sarà il primo cittadino Giorgio Benaglia

C

Graziano Delrio

Giuseppe Pagani

Ernesto D'Andrea

paghi dazio (al di là dei ventimila euro di multa): il sindaco Delrio non pare minimamente intenzionato a rimuoverlo dal suo ruolo. Ma quanto ancora a lungo Graziano Delrio resterà sindaco di Reggio? Ci sono stati molti commenti “informali” all’indiscrezione pubblicata sul numero scorso di Reporter che paventava la possibilità che Delrio potesse decidere di dimettersi per candidarsi al Parlamento in caso si andasse

a votare la prossima primavera. C’è chi ritiene l’ipotesi probabili, altri che la escludono del tutto, soprattutto perché sarebbe difficile giustificare l’abbandono della guida della città con tre anni di anticipo rispetto alla scadenza del mandato “solo” per andare a fare il Parlamentare. Il discorso sarebbe diverso se Delrio venisse nominato ministro. Chi sostiene questa linea è anche convinto che Delrio possa davvero diventare il prossimo presidente della

Regione, esaurito il mandato di Vasco Errani nel 2015. Che rispetti la naturale scadenza del mandato oppure no, tutti concordano su un punto: il prossimo candidato sindaco di Reggio per il Pd verrà scelto attraverso il meccanismo delle primarie. E le quotazioni di Giuseppe Pagani, possibile candidato di Pierluigi Castagnetti al dopo Delrio, sembrano essere in discesa: il prossimo candidato sindaco del Pd difficilmente sarà un ex Margherita...

Carta Canta Accadeva 10 anni fa A cura di Orlando Corradini

Il “sindaco” di Santa Croce

GABRIELE CANTARELLI

Ottobre 2000

DI

Dieci anni fa, nel mese di ottobre, ricorreva il 50° anniversario della occupazione delle Officine Reggiane. Una tragedia che portò alla chiusura della più grande fabbrica di Reggio Emilia.Tutto ebbe inizio dalle difficoltà del dopoguerra e dalla necessità di ristrutturare e riconvertire la fabbrica impegnata, negli anni precedenti,a produrre armamenti bellici.Riconversione che,come conseguenza, doveva imporre il licenziamento di 2.000 operai. Decisione contro la quale si sollevò tutto l’apparato lavorativo dell’officina e che diede inizio al più lungo sciopero che la storia di Reggio Emilia ricordi. Furono 300 giorni di sciopero ininterrotto dove gli operai, anche quelli raggiunti dalla disposizione del licenziamento, arrivarono ad occupare interamente la fabbrica. La fabbrica, di proprietà dello Stato, abbandonata dalla direzione, venne occupata dalle maestranze che cominciarono così una lotta durissima nel tentativo di mantenere un posto di lavoro. Senza salario ma con la solidarietà di tutta la città, gli operai difesero quell’occupazione anche contro i tentativi di sgombero della polizia. Poi la lotta ebbe fine e tutto terminò con il fallimento coatto delle Officine Reggiane. I 5.000 lavoratori rimasti senza lavoro furono indennizzati con 50.000 mila lire a testa.Il primo ottobre del 1951 il segretario nazionale della Fiom, Attilio Roveda che aveva avuto molta parte nella trattativa con la proprietà dell’azienda, presiedeva la manifestazione del “dopo lotta” che vide sfilare, in piazza della Vittoria, tre trattori R60 prodotti da operai e tecnici nella lunga occupazione. Magra consolazione.

C

Sono passati tanti anni da quell’evento storico al quale i lavoratori reggiani hanno dato forma e consistenza. E’ un evento superato ormai da una generazione nelle sue conseguenze più drammatiche.Un evento negativo che però ha avuto la capacità di sollecitare la grande sapienza operativa e manageriale di molti di coloro che furono operai delle Officine Reggiane. Da quella che si può senz’altro

integralmente. In ogni caso, anchei lettoriche abitano in altri comuni della provincia possono già mandare le domande per i propri sindaci. Bando a timidezza e clemenza quindi, non risparmiatevi e inviateci subito le vostre domande a: carosindaco@reporter.it oppure via fax allo 0522/323 000.

Viaggio alla scoperta dei consiglieri comunali: IVANO BALLARINI (PD)

Una storia straordinaria

g.cantarelli@reporter.it

considerare una tragedia nacque, infatti, una moltitudine di artigiani che, nel tempo, sono diventati la forza e la concretezza dello sviluppo industriale della nostra provincia e non solo. La storia straordinaria delle lotte operaie alle Officine Reggiane diventa di monito e di attualità anche ai nostri giorni. Siamo in un periodo di crisi economica, se non mondiale, sicuramente europea per cui, come nel caso delle Officine Reggiane, diventano rilevanti i termini ristrutturazione e conversione.Qui è la Fiom che deve riflettere. A volte l’intransigenza sindacale non ha come risultato finale il vantaggio degli operai. Ci rendiamo conto che quella delle Officine Reggiane è stata una lotta politica e sindacale complessa ma il risultato raggiunto è stato non la ristrutturazione e la conversione dell’officina ma il suo fallimento con la conseguenza che, anziché 2.000, hanno perso il lavoro tutti i 5.000 dipendenti.Oggi c’è anche il pericolo aggiuntivo del trasferimento produttivo in Paesi meno burocratizzati e meno sindacalizzati. Quindi “la storia straordinaria delle Officine Reggiane”, per certi versi, mantiene ancora la sua validità per i moniti che può riversare sul mondo operaio,politico e sindacale. Delle Officine Reggiane oggi, materialmente, non rimane più niente. Se ne preservi almeno la storia quella vera, quella reale, quella obiettiva perché si capisca da parte di chi, direttamente od indirettamente ci governa, dove si è sbagliato e dove si continua a sbagliare.E’vero: la storia insegna e, a maggior ragione, quando la storia è una storia straordinaria come lo è stata quella delle Officine Reggiane.

Giorgio Benaglia

Fuori dall'aula

IPSE DIXIT Fatti, persone, dichiarazioni di dieci anni or sono

Ottobre 2010

aro sindaco, ti scrivo” continua il suo viaggio nei Comuni della Provincia reggiana, spingendosi verso la Bassa. Il prossimo a finire sotto torchio per diretto mandato dei cittadini, dopo il sindaco di Reggio, quello di Quattro Castella e quello di Cadelbosco, sarà il primo sindaco leghista nella storia del territorio reggiano: Giorgio Benaglia risponderà alle domande che guastallesi e non vorranno sottoporgli. Per inviarci le vostre domande basta mandare una mail all’indirizzo carosindaco@reporter. it oppure un fax allo 0522/323 000. I servizi, la cultura, lo sport, le strade, la scuola: qualsiasi argomento e qualsiasi domanda è valida e consentita. Le più interessanti tra quelle inviate dai lettori verranno rivolte al sindaco nel corso dell’intervista realizzata dai nostri giornalisti: le risposte verranno riportate

ontinua il viaggio di Reporter alla scoperta dei 40 consiglieri comunali reggiani. Il protagonista di questa settimana è Ivano Ballarini, 56 anni, storico esponente del quartiere di Santa Croce. Attuale presidente del Circolo Pigal, una laurea in Architettura a Venezia, Ballarini è stato per cinque anni presidente di circoscrizione prima di entrare nel 2004 in Consiglio comunale. Ex Pci (“Ma non sono più comunista dai tempi di piazza Tien an men”), Ballarini, che si autodefinisce “riformista”, ha negli anni sposato le varie evoluzioni della sinistra italiana, dal Psd al Pd, di cui è esponente nella corrente bersaniana. “Allearsi con Udc o Idv? Non importa. La priorità è mandare a casa Berlusconi”. Ballarini, lei è considerato un po’ il “simbolo” politico di Via Adua. “In realtà sono nato nel quartiere di Bainsizza. Però mi sono trasferito a Santa Croce che avevo appena 7 anni. Ora vivo a Pratofontana, ma il mio quartiere è e resterà sempre Santa Croce”. Com’è cambiato il quartiere in questi 50 anni? “E’ molto diverso da quello in cui sono cresciuto da bambino, quando si andava a giocare al vecchio Cairo, le case degli operai delle Reggiane. Ci sono state due grandi trasformazioni, una negli anni ’70 e una tuttora in

Ivano Ballarini

corso soprattutto sul versante della viabilità”. Come sono i suoi rapporti con il Comitato di Nadia Borghi? “Pessimi. Le mie battaglie con Nadia Borghi sono note. Però ho deciso che io non rispondo più ai suoi attacchi, soprattutto quando sono personali. Mi limito a rivendicare la mia posizione che è quella di chi cerca di fare gli interessi di tutta, e non solo una parte, della comunità di Santa Croce”. Ma non avete mai provato a fare pace? “Non è che non ci parliamo. Anzi, la vedo sempre in Consiglio comunale. Purtroppo per lei ha preso solo 24 voti e le tocca stare sugli spalti…” Lei Ballarini di voti ne ha presi 211 ed è al suo secondo mandato. Differenze tra i due Consigli? “Questo è decisamente meglio, quasi di un altro pianeta rispetto al precedente dove si perdeva molto tempo a parlare del nulla

a causa di una maggioranza troppo variegata. Ora si bada molto di più alla sostanza”. Un voto per Delrio? “E’ un buon sindaco, che negli anni ha acquisito sensibilità non riconducibili alle sue origini di provenienza politica”. Da architetto, come giudica… i ponti di Calatrava? “Siamo in presenza di un’opera realizzata da un ‘maestro’ di livello mondiale. Sono sempre stato favorevole ai Ponti e lo sono tuttora”. La nuova fontana del Valli? “Ottima” La rotonda di via Emilia Santo Stefano? “Interessante” Il restyling del Parco Cervi? “Molto buono, anche se si potrebbero fare delle migliorie”. Lei è anche fondatore e presidente del circolo Pigal. “Una realtà che ho visto nascere e crescere negli anni. Ora abbiamo 1.200 soci e facciamo tante iniziative, tra cui le serate anni ’70 con i vecchi dj del Marabù, da Irish a Paolo Tamagnini, che sono molto partecipate”. Ai tempi ci furono grandi polemiche sulla scelta del nome, Pigal… “Una polemica nata da un equivoco. Non c’era nessun riferimento al quartiere a luci rosse, ma era semplicemente la crasi delle iniziali di Pistelli e Galileo”. Ma non potevate chiamarlo “Galpi”? “Sì. Ma era troppo brutto…”


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

5

LA COCCINELLA Siam sempre lì

I misteriosi Dolmen

Il periodo è ancora tranquillo. Si attendono i 3Q e i movimenti che porteranno

Fenomeni paranormali s’insediano nel traffico urbano ed extraurbano

È

VIA AL RECUPERO SE C’È IL BREAK OUT Sopra,il grafico dell’indice Nikkey DI FRANCO

MEGLIOLI

f.meglioli@reporter.it

L

e borse, più o meno, sono sempre lì. Piccoli scarti percentuali da una parte o dall’altra. L’SP500 rimane abbondantemente sopra 1.100 e ciò significa che il suo trend rimane tranquillamente al rialzo; l’obiettivo nei pressi di 1.200 è ancora a portata di mano. Il nostro Ftse/ Mib 40, invece, rimane racchiuso all’interno del trading range segnalato innumerevoli volte; potremo stappare il lambrusco soltanto quando (se) riuscirà a superare 21.200. Non prima. Rimane altresì valido il suggerimento di preferire le azioni tedesche in caso di break-out rialzista. Il livello di supporto rimane attorno a 19.900: finché i prezzi rimangono sopra non c’è alcun pericolo. Occorre sottolineare che siamo in periodo di trimestrali: nei prossimi giorni le principali corporation americane presenteranno i conti del 3Q; quasi sicuramente ci saranno forti movimenti percentuali sui singoli titoli. Alcoa, leader dell’alluminio, pubblica i dati per prima: il mercato l’ha premiata con un +5%. Una rondine, purtroppo, non fa primavera e questa anticipazione non ci può aiutare più di tanto. Colgo l’occasione per ricordare un indice che da tempo non segnalo: il Nikkey. Sul grafico giornaliero si sta formando un Testa e Spalle rialzista e l’eventuale break-out sopra 9.700 dovrebbe dare il via

al recupero. È probabile che se ripartirà lo farà insieme alla discesa dello Yen; in questo momento, però, quest’ultimo elemento è latitante. L’Oro, seppur lentamente, supera anche i 1.350$; non ci rimane che mantenere eventuali posizioni al rialzo alzando il livello di trailing stop man mano che i corsi toccano nuovi record storici. Al momento l’ipotesi bearish che mi sembrava aver possibilità di successo perde sempre più consenso. Sulle singole azioni ci sono stati movimenti d’interesse. Su Fondiaria Sai, per esempio, su cui leggiamo di un forte interessamento del finanziere francese Bollorè. Il suo triplo minimo storico=7,2 ha retto e da lì i corsi sono esplosi al rialzo accompagnati da volumi oltre la media. È probabile che attorno a 8,8 possa tirare un po’ il fiato; su un’eventuale correzione, però, cercherei di comprarla. Storicamente questo titolo si muove sempre con forza da una parte all’altra. Nel 2007 era arrivata a 40 ed ha perso quasi l’80% del suo valore. Solo che ne recuperi una parte sarebbe già grasso che cola. Devo segnalare il falso break-out di Mediaset. In tempi non sospetti ho descritto il testa e spalle rialzista che si stava completando. I corsi sono arrivati fino a 5,37 e tutto sembrava procedere per il meglio. La fase bullish, purtroppo, si è interrotta improvvisamente. Ritengo sia utile correre ai ripari e tagliare eventuali posizioni in portafoglio. Mi

aspetto un peggioramento in caso di discesa sotto 4,95. Telecom Italia, invece, ha reagito proprio a cavallo di 1 dove l’aspettavo; se tornerà sopra 1,06 dovrebbe muoversi verso 1,15 che sembra un obiettivo piuttosto difficile da superare al primo tentativo. Unipol mi sembra una delle blue chip più interessanti; dovrebbe esplodere al rialzo al superamento di 0,56. Mi raccomando, però: è indispensabile che non scenda sotto i minimi storici attorno a 0,5. In quest’ultimo caso, infatti, l’ipotesi bullish non si realizzerà di certo. Unicredit è rimasta tranquillamente sopra 1,8; se riuscirà a superare 1,9 il pericolo di uno scivolone verso 1,5 diventerà ancora più remoto. Molto bello il grafico di Ubi Banca: i corsi hanno formato un doppio minimo a 7 e sono ripartiti. Il nuovo break-out sopra 7,6 farà scattare un nuovo segnale d’acquisto con primo obiettivo nei pressi di 8,5. Stm è ancora in fase ribassista ma si sta avvicinando all’importante supporto=5: potrebbe diventare un’ottima opportunità d’acquisto. Da seguire con molta attenzione. Lottomatica continua a pazzeggiare qua e là senza una direzione precisa: mi aspetto che possa rialzare con forza non appena riuscirà a superare i 12. Occhio anche a Geox che ha rotto al rialzo sopra 4,1 e poi ha fatto un classico pull back. Nuovo segnale rialzista sopra 4,2 (prima) e 4,3 (ulteriore forte conferma bullish).

PARCHEGGI GRATIS NELLE DOMENICHE DI DICEMBRE Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro richiesto dal gruppo direttivo di Cna Commercio, guidato dalla presidente Annarella Ferretti e dal responsabile Mauro Panizza, all’assessore Paolo Gandolfi. Al centro del confronto la viabilità cittadina e l’accessibilità del centro come elementi strategici per favorire il rilancio del commercio e della città storica in generale: CNA ha formulato le proprie proposte e i propri suggerimenti direttamente all’assessore alla mobilità del Comune di Reggio, partendo dai temi caldi dei parcheggi, ma anche con segnalazioni di problemi puntuali e circostanziati di alcune vie (via Garibaldi/Emilia S.Stefano, Via Roma) per concludere sul programma delle opere pubbliche impattanti su traffico e viabilità (Via Dalmazia/ cantiere Crostolo, via Adua, Parcheggi via Cecati /Polvieriera). Qualcuno convintamene afferma, anche nell’amministrazione comunale, che le difficoltà del commercio in centro storico dipendano solo in parte dai temi della mobilità. “Ma è sicuro – sostiene Annarella Ferretti, presidente provinciale di CNA Commercio - che solo consentendo

maggiore facilità d’accesso al centro piuttosto che dalla semplicità nell’accedere ai parcheggi si possa tentare di contrastare la migrazione di molti negozi dal centro in altre zone della città”. Cna Commercio ha illustrato all’assessore Gandolfi le proprie proposte: senza la pretesa di volere rimettere in discussione il piano mobilità del comune, Cna ha spiegato come alcune parziali modifiche possano alleggerire attuali situazioni di criticità che producono pesanti disagi per gli operatori e dei cittadini. L’Assessore Gandolfi ha accolto la richiesta di Cna Commercio in merito ai parcheggi nelle domeniche di dicembre: quest’anno, nelle giornate festive con i negozi aperti in vista delle festività natalizie, superando quanto avvenuto gli scorsi anni, i parcheggi nei controviali saranno completamente gratuiti. Altre proposte lanciate da Cna Commercio all’assessore Gandolfi, riguardano la possibilità di far cessare i parcheggi a pagamento nei controviali alle ore 18 anziché alle ore 20 per facilitare l’accesso ai negozi del centro per chi esce dal lavoro. Cna ha poi espresso apprezzamento per l’espe-

rienza del parcheggio gratis il mercoledì pomeriggio e ha chiesto di insistere su questa iniziativa attraverso un’opera di sensibilizzazione della cittadinanza da effettuarsi con l’utilizzo dei pannelli elettronici a messaggio variabile sparsi per la città. Sulle opere pubbliche, l’incontro è servito per chiarire tempi e modi con i quali si attueranno previsioni del piano della mobilità: i parcheggi di via Cecati e Polveriera, ad esempio, rimarranno liberi e serviti dai minibù, dato che sono i più vicini al centro e servono la zona sud della città. Sul cantiere Crostolo si è condivisa la preoccupazione segnalata da CNA sulla necessità di un migliore coordinamento tra uffici municipali - Enia/ Iren e le ditte esecutrici dei lavori. Per ultimo, ma non per importanza, Cna ha posto la questione della sicurezza di coloro che – rappresentanti o fornitori – accedono al centro con merce di valore al seguito. È necessario che chi trasporta preziosi piuttosto che articoli dall’alto valore possa accedere al centro rapidamente e senza lasciare veicoli incustoditi, esponendosi al rischio di furti e rapine.

di piena attualità il tema della (im)mobilità urbana con quanto ne consegue in termini di penalizzazione delle attività produttive e, dunque, di sviluppo sostenibile. La Confcommercio cittadina si è pronunciata, in modo pubblico e deciso, contro il solito simulacro di panacea costituito dai blocchi del traffico. Pessimo rimedio che, senza ridurre il male, provoca ulteriori limitazioni alla mobilità ed allo sviluppo delle attività economiche. “Confcommercio Reggio Emilia – conclude la presidente Prampolini Manzini - conferma la piena disponibilità a lavorare insieme agli enti locali per definire soluzioni condivise che prevedano il coinvolgimento dei privati su progetti dedicati alla sostenibilità ambientale, tutelando al tempo stesso le attività economiche delle nostre città”. Il messaggio è chiaro ma altrettanto evidente è l’ottusa sordità di chi dovrebbe saper cogliere le istanze e lo spirito di collaborazione profferto dalle parti sociali più produttive. La presa di posizione è oramai trasversale e non può essere ricondotta a partigianeria politica di sorta. Le trappole spartitraffico, le piste ciclabili ad alto rischio, le piste ciclo-pedonali “toboga”, la canalizzazione blocca traffico, i semafori e le rotonde o multirotonde a gogo, i dossi spacca sospensioni o ammazza centauri ed ogni altra sorta di diavoleria che viene partorita dalla fervida mente dell’Assessore hanno sortito l’effetto di coagulare esponenti degli opposti schieramenti con una coralità che fa riaffiorare alla memoria la singolare coesione

delle legazioni occidentali a Pechino durante la rivolta dei Boxer in Cina. I cerchi “paranormali” di Villa Cella sono la ciliegina sulla torta cucinata dal baldo Assessore, un’autentica “chiccheria” che contraddistinguerà la nostra città ancor meglio dei ponti di Calatrava. Le P.m.i. manifestano patemi sulla consistenza ed effettività stessa della ripresa per le piccole industrie. Confindustria sollecita a gran voce l’adozione di misure efficaci tese a favorire la ripresa economica. Confcommercio, come premesso, lamenta il soffocamento delle attività correlato a misure di portata soltanto demagogica che denotano miopia ed incompetenza. I lavoratori, se non vogliono perdere i benefici della copertura Inail per il rischio in itinere, devono rinunciare a farsi gasare in bicicletta. Per evitare che i veicoli privati possano “sorpassare” i mezzi pubblici si è optato per canalizzare tutti i veicoli in carreggiate sempre più ristrette fino al punto da congestionare la mobilità di ogni genere di trasporto. Soltanto gli sparuti ciclisti che hanno il coraggio di fare lo slalom in mezzo ai pedoni hanno acquisito il diritto

di “suicidarsi” impegnando gli attraversamenti ciclo-pedonali rigorosamente semi-occultati da siepi ed altre limitazioni alla visuale che favoriscono l’allenamento al bowling dei conducenti dei veicoli a motore. La nostra Amministrazione deve essersi convinta che “innovazione” significa ricercare nuove forme di ostracismo alla mobilità urbana e che “incentivazione” della economia si traduca in attuazione di tecniche imbalsamatrici del traffico. Qualcuno che abbia conservato un minimo di raziocinio dovrebbe pur porsi alcuni interrogativi: chi acquisterà i veicoli allorquando, presto, si sarà giunti al collasso della viabilità; chi, senza approvvigionamenti, potrà svolgere attività economiche produttive, chi garantirà l’occupazione dei commercianti che dovranno abbassare le serrande, dei prestatori di servizi esonerati dalle esigenze di manutenzione dei veicoli, dei lavoratori che passeranno il loro tempo in interminabili attese sui mezzi di locomozione, degli studenti increduli davanti ai cerchi paranormali dal significato ancor più imperscrutabile dei Dolmen di Stonehenge. (l.m.)


Pag.

6

venerdì

ANTIMAFIA REGGIANA Uniti contro la criminalità Anche gli esercenti in prima linea. Sotto accusa le banche E il Questore pronostica: “Il 2011 sarà l’anno della svolta”

di

Gabriele Cantarelli

R

L’OTTIMISMO DEL QUESTORE “Il 2011 sarà l’anno della svolta nella lotta alla criminalità organizzata sul territorio reggiano”. Parola di Domenico Savi. Il questore di Reggio, intervenuto al convegno di Confesercenti, non ha nascosto i problemi (“Ho lavorato tanti anni a Prato, conosco bene anche il problema della mafia cinese che allunga le mani sulla rete commerciale”), ma ha espresso la propria personale soddisfazione per una realtà reggiana “consapevole e attenta sul fronte della lotta alla criminalità organizzata come difficilmente se ne trovano sul territorio nazionale”. “Con la collaborazione della società civile reggiana, abbiamo già profuso uno sforzo straordinario per impegno e risultati ottenuti. Il dibattito avviato in queste settimane, grazie anche al lavoro del Presidente della Camera di Commercio Bini non può che fare bene. Non importa quanti agenti avrò a disposizione nei prossimi mesi, sono convinto che ci siano tutte le condizioni per dare un’ulteriore svolta investigativa, preventiva e

I NUMERI 1300 Reati subiti ogni giorno in Italia da commercianti e imprenditori

g.cantarelli@reporter.it

eggio e la mafia. Sono state tantissime le reazioni alla prima parte dell’inchiesta di Reporter dedicata al fenomeno delle infiltrazioni mafiose nel tessuto economico, politico e sociale reggiano (“Cappelletti connection, Reporter 1 ottobre 2010). Tra queste quelle dei commercianti che da anni si ritrovano a fronteggiare quel particolare aspetto del fenomeno mafioso che va sotto il nome di racket e usura. Due problemi che non sono sconosciuti alle nostre latitudini. Tanto che lo scorso 11 ottobre in Confesercenti è stato promosso un convegno dall’emblematico titolo “Impresa e Legalità” che ha visto un’affluenza record di associati. Segno che le tematiche relative alla sicurezza e alla legalità, pur con i mille distinguo tra gli addetti ai lavori che stentano ad attenuarsi, sono diventate quanto mai attuali in tempi di crisi economica.

15 ottobre 2010 - REPORTER

Domenico Savi

Lino Busà

repressiva sul fronte della lotta piccoli e medi imprenditori alla alle mafie”. mercé di chi non ha problemi di liquidità anche se di dubbia provenienza». GIOCHI PERICOLOSI L’usura, per esempio: “Il proLino Busà, presidente nazionale blema è che i commercianti si di Sos Imprese, ha poi messo in rivolgono agli usurai non quando luce quello che è diventato uno hanno debiti di 30-40.000 euro, dei nuovi mercati d’assalto della ma quando devono rientrare per criminalità organizzata: il gioco. pochi soldi, anche solo 1.000 “Non sto parlando delle attività euro. Colpa delle banche che non illecite, come il gioco d’azzardo, ti aiutano e dei fornitori o clienti ma di quelle rese legali dallo Sta- che ti pagano sempre più tardi”. to, come il Bingo o le scommesse. Andate a vedere chi c’è dietro le E LE BANCHE STANNO società che gestiscono in Italia A GUARDARE… le agenzie di scommesse”. Ma in concreto, come si configu- L'appello alle banche è prontarano i principali reati legali alla mente raccolto dal presidente commistione affari e criminalità della Camera di Commercio Enriorganizzata? «Si tratta di processi co Bini, presente al convegno, che complessi – spiega Busà - che poi, tra gli applausi dei presenti, riguardano il modo di essere e di rilancia accusando apertamente pensare di strati enormi della so- le banche. cietà e dell’economia meridionale “Quello del credito è un problema e che oggi interessano sempre di reale, anche perché le banche più anche quella del nord e del spesso vengono tenute fuori centro, più ricche e proprio per dalla querelle che vede coinvolquesto più appetibili per i capitali gere economia sana ed economia derivati dai traffici illeciti. inquinata, ma spesso proprio le Questo tanto più in un momento banche hanno gli strumenti per in cui la stretta creditizia delle controllare la provenienze di certi banche rischia di mettere tanti capitali”.

Non usa giri di parole Bini che però poi concorda con il Questore nel riconoscere un aumento di consapevolezza sul problema Mafia a Reggio Emilia. “Da due anni a questa parte – dice Bini - la situazione è decisamente cambiata. Oggi nessuno più può pensare che la nostra provincia sia immune dalla penetrazione di soggetti imprenditoriali di matrice. È ovvio che è necessario attrezzarsi con tutti i metodi per rendere il nostro sistema imprenditoriale il più possibile reattivo nei confronti di questi tentativi. La Camera di Commercio come Casa delle imprese può e deve svolgere un ruolo fondamentale di coordinamento, controllo e prevenzione del tessuto imprenditoriale reggiano. In questo senso ci stiamo attrezzando mettendo in rete i dati che possediamo e implementando la collaborazione con le forze dell’ordine e le altre associazioni. Perché è fondamentale avere un quadro il più possibile completo della realtà economica locale per poter sperare di dare risposte concrete ai problemi che ci si pongono innanzi”.

50 Reati subiti ogni ora in Italia da commercianti e imprenditori 100 Miliardi di euro: fatturato della criminalità organizzata legata al racket e all’usura (7% del Pil) 10-40.000 euro al mese Stipendio medio di un Capoclan 5-10.000 euro al mese Stipendio medio di un Capozona

La mafia nei negozi. Ma pochi la vedono… Confesercenti propone l’apertura di un tavolo permanente per la tutela dei commercianti Confcommercio: “Mancano prove e dati certi”. Rct: “I politici si sono mossi in ritardo”

A

conclusione del convegno su “Impresa e Legalità”, il presidente provinciale di Confesercenti Ermes Anigoni, ha chiesto formalmente alla Camera di Commercio di aprire un tavolo permanente su legalità ed impresa al fine di coordinare tutte le forze impegnate nella protezione della nostra economia dalla criminalità organizzata. Appello che ha trovato pronto il presidente dell’ente camerale Bini che ha prontamente rilanciato con la proposta di aprire un punto di ascolto, discreto e competente, proprio all’interno della sede di Isolato San Rocco: “Potrebbe essere un valido sostegno per venire incontro ai commercianti fin dalle prime difficoltà. Spesso infatti le aziende che si rivolgono agli usurai escono allo scoperto quando ormai è troppo tardi”. Secondo il presidente regionale Roberto Manzoni, il problema della legalità per i commercianti è secondo soltanto a quello delle tasse nella classifica delle priorità. “La lista delle problematiche che legano commercio a sicurezza e legalità è infinito – spiega Manzoni - ma quello che maggiormente preoccupa la nostra categoria è il senso di scollamento che ora si avverte tra cittadino e Stato. Per questo ritengo che la politica debba fornire regole certe, comprensibili e di facile applicazione, altrimenti diventa estremamente difficile dare sicurezza alle categorie impren-

Ermes Anigoni

ditoriali”. E le altre associazioni di commercianti? Abbiamo interpellato Confcommercio e Reggio Commercio Terziario. “Sul problema della Mafia a Reggio Emilia – attacca Alessandro Grande di Confcommercio - si dicono sempre tante parole, ma mancano dati e prove certe. Per quanto mi riguarda, sia direttamente che indirettamente, non ho mai avuto segnalazioni di casi che vedano la criminalità organizzata controllare attività commerciali a Reggio. D’altronde ci sono tanti controlli sulle attività commerciali e nonostante questo non mi risulta sia mai stato emesso un provvedimento di chiusura

Roberto Manzoni

per questioni legate alla mafia”. “Qualche anno fa – continua Grande - aprimmo in Confcommercio un numero verde contro il pizzo. Io ero l’addetto che rispondeva alle chiamate. Ne sono arrivate solo 3-4 e in tutti i casi non si trattava di racket, ma di commercianti che avevano avuto problemi con il gioco d’azzardo”. E i cinesi? “Quello dei cinesi è non è una novità. Risalgono a 30 anni fa le prima acquisizioni di negozi da parte di cittadini asiatici. A chi paventa la nascita di una ‘Prato 2’ rispondo che non ci sono elementi per sostenere questa tesi. Mancano dati ufficiali, ma an-

che ufficiosi. Più che un fenomeno, parlerei di una sensazione. Il fatto è che i commercianti non stanno attraversando un gran momento e quindi sono meno ‘appetibili’ dalla criminalità organizzata. Si sta verificando un rientro di una quota consistente di immigrati italiani nei propri paesi d’origine. Una specie di controesodo che investe – conclude Grande - non solo il settore del commercio, ma anche e soprattutto quello immobiliare”. Non nascondono il problema neanche a Reggio Commercio Terziario, l’ultima associazione di commercianti nata in città che però raggruppa già quasi 300 associati. “Era ora

Alessandro Grande

che le istituzioni e la politica si muovessero su questo versante – spiega la presidente di RCT Genziana Razzini – Lo si è sempre saputo, fin dagli anni Sessanta, che le zone ricche come la nostra attirano le infiltrazioni mafiose, basti pensare che qui da noi si trovavano già allora molti boss mafiosi al confino”. “Noi commercianti queste cose le conosciamo, bene, molto meglio dei politici che spesso ci snobbano. Non siamo stati neppure convocati dal Comune per partecipare alle iniziative messe in piedi contro la mafia in questi ultimi giorni. E poi a monte c’è l’errore del

Genziana Razzini

Comune che, concedendo le aperture indiscriminate di fast food e kebab, ha di fatto abbassato la soglia di selezione dei gestori dei locali”. Ma come avviene il contatto tra il commerciante e il malavitoso? “Il copione è sempre il solito. Prima diventano clienti, poi iniziano a scambiare qualche chiacchiera e se avvertono lo stato di difficoltà del commerciante si propongono con prestiti o aiuti di vario genere. Ai nostri associati – conclude la Razzini – diciamo di rivolgersi a noi che possiamo dare loro coraggio e forza nel denunciare eventuali situazioni di tipo mafioso”.


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

7

L'INTERVISTA “Mai avuto segnalazioni”

DELLA MAFIA

Cigarini (Legacoop): “In caso di episodi mafiosi nelle nostre associate sarei il primo a denunciarli”

500-1.000 euro al mese Stipendio medio di una sentinella/palo 1.500-2.000 euro Stipendio medio esattore 2.500-25.000 euro Compensi autori attentati e omicidi 9.261 Persone indagate per riciclaggio nel 2008 131 Donne detenute per reati di tipo mafioso 165.000 Attività commerciali chiuse in Italia nel triennio 2006-2009 50.000 Attività turistiche chiuse in Italia nel triennio 2006-2009 *Fonte: VII Rapporto Sos Impresa 2009

di

Gabriele Cantarelli

g.cantarelli@reporter.it

C

on oltre 1.480 soci e un valore di circa 1.150.000.000 di giro d’affari (dati 2008), il comparto dell’edilizia e delle costruzioni rappresenta uno dei pilastri del mondo Legacoop a Reggio Emilia. Unieco, Coopsette, Orion e Coop Muratori Reggiolo sono quattro società ai vertici nazionali del settore con appalti e lavori commissionati in tutta Italia. Ecco perché diventa importante conoscere il punto di vista di chi, come Ildo Cigarini, presiede dalla sede provinciale di via Ruini il variegato mondo delle coop “rosse” reggiane. Cigarini, la mafia a Reggio Emilia è un sistema consolidato o si tratta soltanto di poche mele marce? “E’ una disputa che francamente non mi appassiona. Perché comunque anche poche mele marce, se lasciate nel cesto, possono far marcire tutte le altre. Quindi il problema va affrontato con molta attenzione e serietà. Legacoop e le sue cooperative considerano un quotidiano dovere civico la lotta alla criminalità e all’illegalità. Un dovere al quale noi non deroghiamo. Siamo sul pezzo e le nostre coop sono impegnate a svolgere un’azione di interdizione”. I magistrati impegnati chiedono alle aziende di aiutarli segnalando e denunciando. Avete notizie che qualche vostra associata ha avuto problemi? “Noi non abbiamo notizie in questo senso. Ho fatto recentemente una direzione di Legacoop apposita per parlare di questo problema direttamente con le cooperative. Mi sono raccomandato di segnalarci qualsiasi atto che in qualche modo possa fare riferimento a episodi di illegalità o criminalità organizzata. Al momento non abbiamo segnalazioni di fatti concreti. Qualora li avessimo, io stesso mi recherei direttamente dal

magistrato a denunciarli”. Quali sono gli strumenti per evitare l’infiltrazione della criminalità organizzata? “Serve una denuncia dei fatti concreti da parte di chi ne è a conoscenza. Serve un forte lavoro di investigazione come già stanno facendo magistratura e forze dell’ordine. Serve un forte impegno istituzionale, il protocollo d’intesa siglato da Comune e Provincia mi pare un buon viatico per andare in questa direzione. Ma serve anche un’iniziativa quotidiana che metta nel mirino il lavoro nero, l’evasione fiscale, l’usura, l’economia sommersa, tutto quel brodo di cultura dentro il quale può germinare la criminalità organizzata e l’illegalità. C’è un tema sul quale poco si riflette: quello degli appalti al massimo ribasso, penso che sia assolutamente necessario uscire da questa logica, perche gli appalti al massimo ribasso possono portare al proprio interno le tossine per una possibile infiltrazione da parte di capitali non puliti”. A Reggio questo impegno è significativo? “Avverto nella nostra provincia un forte senso civico e un forte impegno della società civile contro criminalità organizzata e illegalità. Ci sono già strumenti

operativi con i quali giorno per giorno si potrebbe davvero condurre combattere una lotta specifica per debellare questo ‘cancro’. Legacoop partecipa a tutti questo strumenti operativi. Ci sentiamo assolutamente impegnati. Oltre a fare questo, però, è bene che le istituzioni, le forze sociali ed economiche della nostra città sentano forte l’impegno verso quelle zone come la Sicilia e Calabria dove la lotta alle mafie è battaglia dura e quotidiana, e dove ci sono forze economiche che reagiscono, cooperative come Libera che prendono in gestione terreni confiscati e che rappresentano

degli insediamenti importanti di legalità in territori dove le scorrerie della mafia e della ndrangheta sono molto forti”. Tornando a Reggio, quale può essere il ruolo delle banche? “Siccome la criminalità organizzata viaggia anche per i canali finanziari, perche usa attività come ‘lavanderie’ e fa girare capitali, è necessario una vigilanza molto forte sui flussi finanziari. In questo senso un contributo molto forte sul nostro territorio potrebbe darlo il sistema bancario. Devono esserci dei fatti e un lavoro quotidiano per alzare il livello di consapevolezza della società civile”.

“Ma dobbiamo tenere alta la guardia” Mussini (Cna): “Ognuno faccia la sua parte”. Carbognani (Api): “Mettere in rete le informazioni” Alessandro Palermo (Aier): “Alle nostre imprese chiediamo sempre il certificato antimafia”

L

e associazioni di categoria non si sottraggono alla chiamata alle armi contro la mafia proposta dagli enti locali e dalle forze dell’ordine. “Esiste sicuramente un alto rischio di infiltrazione nel sistema produttivo da parte di gruppi organizzati in particolare da parte di N’Drangheta e Camorra – spiega il presidente di Cna Tristano Mussini - Il periodo di crisi che stiamo attraversando acuisce sicuramente i rischi di infiltrazioni pericolose perché può comportare un indebolimento delle difese tradizionali che consentono alle imprese di fronteggiare il problema. Indubbiamente i settori dell’autotrasporto, dell’edilizia ma anche della moda e del tessile sono quelli a maggior esposizione nei confronti di questi fenomeni”. “Negli ultimi anni però – aggiunge Mussini si registra anche un incremento nel tentativo di controllo delle attività commerciali nella nostra provincia”. Cna da anni si batte per la legalità in uno dei settori più a rischio, quello dell’autotrasporto. “Ci siamo fatti carico – spiega Mussini - di presentare denunce agli organi competenti ed è evidente che in questa opera di controllo e successiva allerta, la rete delle segnalazioni provenienti dalla nostra base associativa gioca un ruolo importante. Per quanto ci riguarda noi aderiamo a tutti i Tavoli che le diverse istituzioni hanno attivato sul problema delle infiltrazioni criminose”. Anche sugli strumenti utili a

contrastare il fenomeno mafioso, Mussini ha le idee chiare: “Ogni componente del tessuto sociale deve fare la sua parte, questo rappresenta infatti la garanzia che, se tutti esprimono il proprio impegno, il tessuto sociale resista meglio ai tentativi di infiltrazione criminosa. E’ del resto strategico l’impegno di tutti i soggetti locali per contrastare fenomeni che passano anche attraverso l’usura e di conseguenza la gestione del credito ed è pertanto altrettanto importante che anche gli istituti di credito mantengano costantemente un alto livello di guardia”. Tra allarmisti e negazionisti, Mussini si schiera con i primi. “Meglio correre il rischio di esagerare con l’allarmismo piuttosto che sottovalutare il problema salvo accorgersi troppo tardi di una situazione compromessa. Ci pare comunque che il livello di attenzione verso questi fenomeni, anche grazie all’azione che Cna portata avanti da diversi anni, cominci ad assumere connotati adeguati. Non bisogna comunque abbassare la guardia e si deve continuare a lottare per affermare sempre più sul nostro territorio la cultura della legalità”. Anche la presidente di Confapi, Cristina Carbognani sostiene che “bisogna tenere alta la guardia per portare avanti attività di prevenzione e repressione del fenomeno. L’impegno comune delle istituzioni e dell’intera società civile reggiana, tramite le varie iniziative messe in atto in

questi mesi, oltre alla pubblica testimonianza della condivisa volontà di far fronte a questa emergenza, confermano il senso civico del nostro territorio per contrastare il fenomeno, tristemente famoso soprattutto in altre zone d’Italia, del silenzio omertoso sulle consuetudini dei sistemi criminali”. “Fortunatamente ad oggi – continua la Carbognani – non abbiamo avuto segnalazioni da parte dei nostri associati di atti di tipo mafioso, ma le nostre imprese sanno che qualora fossero vittime di tali episodi avranno il pieno sostegno dell’associazione nel denunciare tali episodi e nel portare avanti ogni azione a loro tutela. Le Pmi devono stare in guardia in qualunque settore operino (dalla meccanica e meccatronica alla chimica e gomma-plastica all’alimentare, ecc), perché l’interlocutore infiltrato può rinvenirsi nel fornitore di servizi a basso costo, nell’esecutore di opere a basso valore aggiunto, nel vicino di stabilimento e la pericolosità sociale di tali contatti è pari a quella delle connivenze nei settori più tradizionalmente accomunati alla criminalità”. La strada da seguire, secondo la Carbognani, è quella della “messa in rete di informazioni e notizie, all’interno dell’Associazione, come tra le diverse Associazioni di rappresentanza, il mondo bancario e le realtà professionali che può agire da cassa di risonanza delle imprese virtuose e progressivamente può

Tristano Mussini

emarginare le imprese che hanno fatto dell’illegalità il loro modus operandi, pur con la chiara consapevolezza che ciò avviene se ogni soggetto ‘fa la sua parte’, impegnandosi direttamente nel segnalare l’interlocutore ‘sospetto’ alle autorità, ovvero ad espellerlo dal proprio sistema”. “Le Pmi sono tradizionalmente imprese vocate alla cultura del fare, ed è proprio a questa concretezza imprenditoriale – conclude la Carbognani - che la nostra associazione intende ispirarsi, al di là delle dichiarazioni di principio sulla lotta alle infiltrazioni mafiose, per prevenire l’ulteriore diffusione del sistema criminoso nella nostra città. Confapi inoltre è da sempre impegnata nel dialogo con tutte le realtà in campo nella lotta

alla mafia, infine partecipiamo attivamente con rappresentanti e la presentazione di contributi alle iniziative organizzate per questo scopo”. Spesso tirati in balli nel turbine delle polemiche, anche gli oltre 300 imprenditori dell’Aier, la neonata associazione di edili presieduta da Antonio Rizzo, riconosce l’esigenza di tenere alto il livello di guardia. “Ad ogni nostro associato – spiega il direttore dell’Aier Alessando Palermo – noi chiediamo di presentare il certificato antimafia proprio per essere certi della moralità delle imprese che ci chiedono l’iscrizione. Non vogliamo imprese colluse o legate ad ambienti di tipo mafioso. Purtroppo avvertiamo anche noi la sensazione che ci siano realtà che si sono

Cristina Carbognani

rivolte al giro dell’usura”. L’edilizia è uno dei settori più esposti alle infiltrazioni mafiose: “C’è solo una strada da percorrere – spiega Palermo – ed è quella di smettere di costruire alloggi finchè ci saranno degli invenduti. Purtroppo il Comune sembra aver preso l’altra strada, quella che porta a nuove costruzioni”. L’Aier partecipa ai tavoli messi in piedi dal Comune, ma non a quelli proposti dalla Camera di Commercio: “Non si possono attaccare in mondo indiscriminato le imprese calabresi, i nostri imprenditori meritano il massimo rispetto, soprattutto chi lavora a Reggio ormai da 30-40 anni. Finchè non cadrà questo pregiudizio nei nostri confronti, difficilmente potremo avere un dialogo costruttivo”. (gaca)


Pag.

8

venerdì

L'

15 ottobre 2010 - REPORTER

Inchiesta della Settimana SICUREZZA

Non ci sono solo Polizia e Carabinieri ad assicurare la vivibilità del territorio

FORZE DELL’ORDINE

Paladini dell’ambiente Il Corpo Forestale dello Stato: un’istituzione a difesa delle aree naturali DI

VALERIO BENASSI

N

on sono sicuramente tra i peggiori incubi dei nostri automobilisti sulle strade, normalmente impauriti dai colori blu e bianco Parliamo della ‘Forestale’, meglio detta Corpo Forestale dello Stato (Cfs), e della Polizia Provinciale, le cui rare Jeep punteggiano la nostra provincia. Nello specifico, andremo ad indagare sulle attività dei corpi, sulle loro priorità sui compiti assegnati e soprattutto sulle modalità di intervento congiunto, perché, diciamolo, quante volte ci siamo posti domande sul loro operato? Siamo abituati ad associarli a passi alpini, boschi e pascoli, e molte persone magari penseranno che per la maggior parte del tempo debbano presidiare i boschi correndo dietro a qualche animale selvatico, oppure spegnendo qualche raro

di Polizia e Carabinieri. Infatti hanno un più rilassante verde, e la loro presenza è legata ad un altro aspetto fondamentale del nostro territorio: la cura e la tutela dell’ambiente che ci circonda.

incendio, ma come scopriremo non c’è niente di più sbagliato. C’è molto di più. La parola ‘ambiente’ ingloba miriadi di temi, problematiche... e spese. Sapevate che il Cfs è più antico dell’Italia e oggi compie 188 anni? Viene fondato infatti il 15 ottobre del 1822 su istituzione del re di Sardegna Carlo Felice di Savoia, allora si chiamava “Amministrazione forestale per la custodia e la tutela dei boschi”. Durante il fascismo, nel 1926, il corpo, chiamato allora “Corpo Reale delle Foreste”, viene soppresso e nasce la Milizia Nazionale Forestale. Nella seconda guerra mondiale due

legioni furono impiegate per il rifornimento di legna e carbone per le forze armate e i centri urbani sul fronte alpino e quello jugoslavo. Il Corpo Forestale dello Stato, così come lo conosciamo oggi, viene istituito il 12 marzo 1948, e gli sono affidati i compiti di salvaguardia e sviluppo delle aree boschive. Nel 1981 è stato incluso, con la legge 1º aprile 1981, n. 121, tra le cinque forze di polizia con compiti anche di protezione civile e nel 1986 con la legge n. 349, istitutiva del Ministero dell’Ambiente, è stato chiamato espressamente a difendere le aree naturali.

Azione a largo raggio

Il comandante Menia: “Con il nuovo ordinamento saremo più presenti anche in pianura”

A

nche un cittadino distratto può notare la forte ramificazione del Corpo Forestale dello Stato nella provincia. In montagna è di casa, ma anche nella nostra pianura ci si inizia ormai ad imbattere nei mezzi bianco verdi del Cfs. Infatti è allo studio una proposta di radicale trasformazione della gestione del territorio da parte del Corpo, che aumenti (finalmente) le unità di controllo e ottimizzi la gestione. Ne parliamo con il Comandante Provinciale del Cfs, Dott. Attilio Menia da Dante di Cadore, Belluno, in Emilia ormai dal lontano 1995. Comandante, ci parli di questa novità nella gestione e nel numero delle unità. “Nel corso degli anni la competenza del corpo forestale è cambiata. Una volta eravamo un corpo tecnico con funzioni di polizia, adesso invece siamo un corpo di polizia con funzioni tecniche. È cambiata la filosofia del servizio, ai tempi noi operavamo come gestori del territorio (con la legge Fanfani) ed eravamo l’amministrazione che gestiva le problematiche del territorio, dalla gestione idrogeologica fino all’ economia. C’è stato un periodo in cui avevamo 500 cantieri aperti in contemporanea di cui gestivamo tutto, dalla progettazione alla realizzazione. Davamo lavoro alla popolazione in montagna, quindi abbiamo avuto anche un risvolto sociale. Ora per quelle problematiche siamo un organo di consulenza, e

"ALLARGHIAMO LE MAGLIE DELLA NOSTRA STRUTTURA" Il comandante del Cfs Provinciale Attilio Menia

curiamo anche i rifiuti, commercio di animali, aree golenali, incendi, flora e fauna. Essendo un organo di polizia giudiziaria, possiamo effettuare anche sanzioni e contravvenzioni stradali”. La nuova struttura è operativa? “Non ancora, deve ancora arrivare a Roma al Ministero delle Politiche Agricole. Con il nuovo ordinamento saremo più presenti anche nelle aree di pianura, pur mantenendo i nostri presidi nelle aree montane. Noi veniamo storicamente da lì, ma negli ultimi anni i problemi correlati alla pianura sono molto aumentati, di pari passo con l’antropizzazione dei luoghi”. Al momento come siete organizzati? “Abbiamo 9 comandi stazione in provincia coordinate dal comando provinciale a Reggio Emilia, con 42 unità operative. In più, a Cervarezza, è presente un coordinamento territoriale per l’ambiente, il quale a sua volta ha alle sue dipendenze alcune stazioni di comandi. È una struttura prevista dal nostro Ministero dell’ambiente,

in cui il Cfs espleta attività di vigilanza sul parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano. Adesso stanno lavorando bene, nonostante siano solo in 20. Dopo la riorganizzazione avremo 50 unità, verrà aperta una nuova stazione e avremo comandi con non meno di 5 agenti”. Ha parlato di “antropizzazione della pianura”. Ci spieghi meglio “Storicamente siamo nati in montagna, ma con la nostra specificità stiamo progressivamente lavorando in pianura. La montagna è in una situazione antropica molto ridotta, quindi c’è meno probabilità di danni all’ambiente in pianura, comunque allarghiamo le maglie della nostra struttura. Le attività principali dell’uomo sono sulla bassa collina e sulla pianura e si può immaginare quanto di anomalo possa essere provocato dall’uomo . La pianura è in grossa difficoltà per questo”. La nostra montagna però non è privo di problemi idrogeologici, basti pensare agli smottamenti

della statale 63. “Ripeto, noi manterremo i nostri presidi nelle comunità montane. Noi ora abbiamo il compito di segnalare i problemi agli enti competenti, come Comune o gestori della viabilità. Il ripristino è a carico loro. Noi non curiamo più la parte tecnica direttamente, pur avendo compiti di consulenza, a causa della legge 616 che ha delegato molti compiti dello Stato alle Regioni, le quali hanno fatto la stessa cosa con le Province”. Come si entra nel Cfs? “Negli ultimi anni, per l’assunzione in tutti i corpi di polizia ci si deve rivolgere all’esercito per entrare in ferma breve come volontari. Durante questo periodo si sostiene un concorso per passare ai vari corpi di polizia. Una volta entrato, l’agente Cfs frequenterà un corso interno della durata di un anno. Posso dire di essere soddisfatto, dalla ferma breve arriva personale ben formato”. Quanto guadagna un membro del Cfs? “Un agente del Cfs guadagna come tutti i corpi di polizia, Penitenziaria, di Stato, Guardia di Finanza e Carabinieri. Tutti i contratti sono fatti da una base comune, che parte da 1200 euro netti e poi a salire con i vari scatti di anzianità, di 50 euro l’uno”. (vb)

SEMPRE PIÙ SUL PO

La polizia Forestale in pianura? Il comandante Menia ha spiegato molto bene il nuovo profilo dell’agente Cfs, portato a basse quote anche da nuove problematiche che spesso trovano punto di convergenza nel nostro grande fiume. “Quando sono arrivato, ho aperto subito un comando stazione sul Po. Allora, nessuno controllava. C’erano degli individui che con delle motodraghe andavano a prelevare la sabbia

del fondo, molto pregiata per le costruzioni. Poi abbiamo istituito una multa per i trasgressori che va da 9 a 48 milioni”. Di lire? “No, di euro”(!).Molte persone sono andate a giudizio l’anno scorso, e a breve ne andranno a giudizio altre. Oltre alla sabbia c’è anche il problema della pesca, dove il pesce siluro è molto ricercato. Ci sarà bisogno sempre più di controlli mirati nelle aree golenali. (vb)


venerdì

L'

15 ottobre

Pag.

2010 - REPORTER

9

Inchiesta della Settimana SICUREZZA

Pur essendo meno conosciuti, Corpo Forestale e Provinciale hanno compiti fondamentali

FORZE DELL’ORDINE

Una squadra, tanti problemi Al Cfs spettano oggi numerosi compiti di polizia e di controllo DI

VALERIO BENASSI

I

l compito della Forestale si è notevolmente evoluto nel corso degli anni, ed è lo stesso comandante, Attilio Menia, ad evidenziarlo. Anche i danni all’ambiente hanno subito purtroppo un’evoluzione, spostandosi dai “semplici” incendi a veri e propri traffici di rifiuti. Comandante, qual è la tendenza attuale riguardo ai reati ambientali? “La legge 36 dell’ex-ministro Alemanno ha delegato al Cfs molte attività di polizia e di controllo. Con la questura facciamo servizi congiunti, perché viene richiesta una collaborazione per i corpi di polizia. Abbiamo quindi lavorato con la Questura per settori balzati anche recentemente agli onori della cronaca, come il commercio delle traversine ferroviarie in disuso, che è stato anche rilanciato dai tg nazionali”. Quali sono i rischi? “Abbiamo sanzionato un’azienda che non smaltiva le vecchie traversine ferroviarie, potenzialmente impregnate di una sostanza cancerogena, nel comune di Castelnuovo Ne’ Monti. È un discorso simile all’eternit in sfacelo, anche se da quel versante la situazione sta molto migliorando. Invece abbiamo recentemente sventato un traffico illegale di prodotti elettronici

dismessi, nella nostra collina. Vecchi computer, frigoriferi ormai inutilizzabili, componenti meccanici e informatici, sono riciclati nei mercati africani: quello keniota, congolese, ghanese e nigeriano, come hanno accertato i nostri uomini guidati dall’ispettore Claudio Rossoli. Una volta espatriato, il materiale viene smontato da bambini operai, assolutamente senza protezioni e con rischi enormi per la salute”. Altri interventi degni di nota? “Una problematica che stiamo seguendo intensamente è il motocross e il fuoristradismo in generale. Sono sempre di più le persone che fanno offroad con moto, quad o 4x4. Ci sono fuoristradisti correttissimi, ma anche quelli che creano danni ai boschi, alle colture e alla viabilità secondaria a rischio pioggia. Per questo stiamo collaborando con la Stradale per circoscrivere aree vaste

in modo da scoprire i trasgressori. Poi stiamo consigliando le amministrazioni per creare percorsi ad hoc, autorizzati una tantum, per questo tipo di attività”. Per quanto riguarda le aree boschive, come vi ponete riguardo

al sovraffollamento di animali? È una problematica non facile da approfondire, ci sono troppi interessi. L’animalista, il verde, il cacciatore sono tutti in contrapposizione e arrivano a conclusioni agli antipodi. Da

una visione puramente tecnica, dobbiamo dire che abbiamo un surplus di animali sul territorio. Oggettivamente dobbiamo contenerli, in primis per la sanità stessa degli animali e anche per una corretta gestione del

territorio. ungulati arrecano danni alle colture e alle piante. È stato fatto un controllo di tipo veterinario, dal quale risulta che moltissimi animali avevano una sommatoria di problemi legati a consanguineità. Non vogliamo prendere decisioni drastiche, la competenza amministrativa è della Provincia. Indubbiamente bisogna prendere in mano la problematica in maniera abbastanza forte. Se c’è un dato tecnico inconfutabile, bisogna agire. Se possiamo avere 10mila capi sul territorio, dobbiamo arrivare a contenerli il più possibile. E poi c’è un altro problema”. Quale? Quello degli incidenti stradali, che è un problema di sicurezza pubblica. Abbiamo fatto un report dettagliato a questo proposito, il problema è a conoscenza ma è difficile porvi rimedio. A nessuno piace veder ammazzare caprioli ai lati della strada, ma se muore una persona è molto grave. Ci vuole coraggio e comprensione da parte di tutti. Qui a Reggio Emilia ho trovato in ogni modo un bellissimo ambiente, dove c’è il gusto di lavorare insieme, e i risultati si vedono”.

Solo 19, ma a 360 gradi Il comando di Polizia Provinciale: pochi ma preparati a svolgere mansioni diverse

D

iciamolo in tutta sincerità: a chi non è mai capitato di incrociare un fuoristrada recante la scritta “Polizia Provinciale” e abbia cercato capire le mansioni di questo corpo di Polizia e gli aspetti che lo distinguono dagli altri? Per questo abbiamo incontrato il comandante Alessandro Merlo, nella sede di Via Gorizia. “La Polizia Provinciale è stata istituita nel 1986 tramite decreto legge, anche se in alcune zone d’Italia esistevamo già come Vigili Provinciali. Nel 2001, con apposita legge, le Regioni sono state rese

autonome nella gestione del Corpo. Nel 2003 l’Emilia Romagna ha dichiarato di fatto l’esistenza del corpo , che dipende dalla Provincia nella persona dell’assessore Gennari, delegato direttamente dalla presidente Sonia Masini”. Quali sono le vostre mansioni? “Polizia ambientale e faunistica, con facoltà di controllo e vigilanza, e rilasciamo la certificazione, dopo apposito corso, per i cacciatori. Collaboriamo con la Polizia municipale e i Carabinieri quando c’è bisogno, come nelle campagne di sicurezza stradale. Siamo

pubblici ufficiali e quando c’è una qualsiasi infrazione possiamo intervenire, qualora altri colleghi di altre forze speciali non riescano ad intervenire. Su richiesta del prefetto o di enti competenti, oltre che della direzione provinciale, possiamo fare interventi a 360 gradi”. Altri esempi? “Siamo gli unici in grado di catturare gli animali pericolosi con il fucile lancia-siringhe”. La gente però non vi conosce molto. “Ci piacerebbe essere più visibili,

pi qualche dubbio è lecito. Sinceramente non vediamo quanto sia utile mantenere contemporaneamente due macchine burocratiche in funzione, visto anche l’assai esiguo numero di poliziotti provinciali in azione. Non stiamo dicendo di inglobare i due Corpi, ma centralizzare la stazione operativa per massimizzare l’efficienza delle risorse umane potrebbe essere una soluzione. Ma pare proprio che questo dualismo Forestale – Provinciale sia figlio dell’ennesimo pasticcio burocratico che rappresenta la malattia più difficile da sconfiggere per le amministrazioni italiane. (vb)

A SERVIZIO DELLA PROVINCIA L'immagine del corpo provinciale insieme alle autorità

Due corpi a confronto

VICINI, NEL BENE E NEL MALE Da una prima analisi su Corpo Forestale e Polizia Provinciale, emergono molti lati positivi: gli incendi in netto calo, un controllo organico sull’area del Po, grande collaborazione tra le Forze di polizia e monitoraggio costante del territorio. Lascia un po’ perplessi la coabitazione quasi forzata tra due corpi per molti versi speculari. Stando a quello che traspare dalle parole dei comandanti, il rapporto è ottimo, e ci possiamo credere. Ma, data la similitudine che è stata fatta con il dualismo Polizia- Carabinieri, pensando ai rapporti non proprio idilliaci tra questi ultimi cor-

certo, ma tutto questo dipende dall’amministrazione provinciale e dalle mansioni che ci fa svolgere. Siamo in 19, quattro ufficiali e 15 agenti, più molti volontari”. Come si entra a far parte del corpo? “Tramite concorso provinciale, ma è molto tempo che non ne esce uno”. Quanto si guadagna? “Il contratto è da dipendente provinciale, cioè circa 1500 euro, con in più l’indennità a per la detenzione d’arma a scopo lavorativo”. (vb)

Provinciale e Forestale hanno funzioni simili, ma le organizzazioni restano separate

L

a domanda sorge spontanea: il corpo della Polizia Forestale e quello della Polizia provinciale non rischiano di “pestarsi i piedi” a vicenda? Dopotutto sono molte le mansioni in comune alle due Forze. Attilio Menia lo spiega così: “Noi ci sovrapponiamo come Polizia e Carabinieri. Loro hanno le qualifiche per certi aspetti simili alle nostre: caccia, pesca e in parte ambiente. Ma sul territorio in alcuni contesti facciamo servizi congiunti. In altri ognuno va per la propria strada. Loro sono gli ex guardiacaccia e guardiapesca,e in questi contesti fanno cose che

siamo abilitati a fare anche noi, che però possiamo spaziare a 360 gradi, salvo la parte tributaria. In ogni caso c’è un ottimo rapporto tra noi”. Cosa che ci ha riferito anche Alessandro Merlo: “è ovvio che possiamo cozzare contro il Cfs, ma siamo stati figliati da Enti diversi (Provincia e Ministero dell’Agricoltura), che per particolari contingenze si possono trovare in ‘concorrenza’, se così possiamo chiamarla”.Ma entrambi i corpi rispondono alle emergenze del 118? Il Comandante Menia puntualizza: ”Noi rispondiamo al numero

nazionale 1515, e abbiamo pattuglie in servizio 24h su 24”. La polizia Provinciale è diversa: “Il nostro meccanismo di attivazione è condizionato dai pochi operatori “ – precisa il comandante Merlo – “ e non possiamo quindi avere una centrale operativa

sempre aperta 24 ore al giorno: negli orari d’ufficio rispondiamo al 0522-792222. Può capitare di avvalersi della preziosa collaborazione di altre centrali operative (carabinieri, polizia, 118) a seconda del tipo di intervento che viene richiesto”.(vb)


Pag.

10

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE QUATTRO CASTELLA

Ritorna l’autunno arancione Domenica mercatini, spettacoli, luna park e stand gastronomici nel borgo castellese

T

Via G. di Vittorio, 9/B Puianello - Tel. 347 0002425

Rossi Carlo

empo di fiera a Quattro Castella. Domenica 17 ottobre si rinnova infatti l’appuntamento con la Fiera di Ottobre, tradizionale kermesse che richiama ogni anno nella cittadina matildica migliaia di persone da tutta la provincia. Ricco il programma messo a punto dall’Amministrazione comunale. Si inizia alle 10.30 con l’inaugurazione ufficiale e il taglio del nastro in piazza Dante alla presenza del sindaco Andrea Tagliavini seguito da uno spettacolo medievale curato dal Consorzio “Rievocandum” con la sfilata per le vie del paese di tutte le contrade castellesi con esibizioni di musici e sbandieratori. Nell'occasione è prevista l'inaugurazione di un mezzo per il trasporto dei disabili offerto da Gesta Spa al Servizio aiuto alla persona di Quattro Castella. Alle 11 è in programma il taglio della maxi-torta della Fiera offerta da Sigma con assaggi

i clown truccabimbi. Ricco anche il programma degli spettacoli con la scuola di danza “Armonia in Movimento” di scena in piazza Garibaldi e le contrade di “Rievocandum” ad alternarsi per tutto il pomeriggio lungo le strade e le piazze del centro. Grande novità quest’an-

PROGRAMMA FIERA DI OTTOBRE

RECINZIONI • BALCONI IN ACCIAIO INOX

DOMENICA 17 OTTOBRE

Spettacolo medievale

Dalle 9 Piazza Dante Luna Park e i clown truccabimbi

Inaugurazione mezzo per il trasporto disabili donato da Gesta Spa

Centro del paese 150 bancarelle

Ore 11 Taglio della maxi-torta della Fiera offerta da Sigma con assaggi gratuiti per tutti i presenti

COSTRUZIONE SERBATOI E BOTTI IN ACCIAIO INOX

via Roma Artigianato artistico via De Gasperi e Piazza Garibaldi Centri del mercatino enogastronomico

RECINZIONI BALCONI IN ACCIAIO INOX ROSSI CARLO 42020 QUATTRO CASTELLA (RE) Via Don Milani, 5/a Tel. 0522 887069 Fax 0522 888302 E-mail: info@effe-erreinox.it

gratuiti per tutti i presenti. Sono oltre 150 le bancarelle che riempiranno il centro del paese di Quattro Castella con via Roma dedicata all’artigianato artistico, via De Gasperi e Piazza Garibaldi centri del mercatino enogastronomico e piazza Dante dedicata ai più piccoli con il Luna Park e

no: tutti i negozianti del paese tingeranno le proprie vetrine e i propri negozi di arancione, il colore che caratterizza da qualche anno la Fiera D’Ottobre di Quattro Castella. ���La fiera rappresenta un momento importante di socialità per la cittadinanza nel corso del quale è possibile esibire le eccellenze delle produzioni e dell’artigianato castellese - commenta l’Assessore comunale al Turismo Giacomo Bertani – Per i commercianti si tratta di un’opportunità di far conoscere i propri prodotti anche oltre Quattro Castella e per le famiglie e un’occasione di trascorrere una piacevole giornata, grazie anche a tutta la programmazione rivolta ai bambini. Con tutte queste novità – conclude l’assessore - sono sicuro che quella di quest’anno sarà una edizione di grande successo”. Per informazioni: 0522-249342.

Ore 10.30 piazza Dante Inaugurazione ufficiale e taglio del nastro alla presenza del sindaco Andrea Tagliavini

Via XXV Aprile, 1/B - ALBINEA (RE) Tel. 0522/347426 Chiuso il martedì pomeriggio

Via G. di Vittorio, 39/H - Le Forche di Puianello Tel. 0522/885818 Chiuso il giovedì pomeriggio

Via F. Cervi, 28 - MONTECAVOLO Tel. 0522 886179 Chiuso il martedì pomeriggio

LaÊ qualitˆ .Ê LeÊ nostreÊ radici.

Ore 15 Piazza Garibaldi Spettacoli della scuola di danza “Armonia in Movimento” Strade e piazze del centro Esibizioni delle contrade di “Rievocandum”

Zona industriale Montecavolo (RE) - Tel. 0522-245058

Benzina Gasolio GPL Bancomat - Visa - Master - Multicard

Bar Tavola calda Autolavaggi:

Tunnel con operatore - Lavaggio furgoni Lavainterni self - Lavaggio Self 24 ore Idropulitrice self Risciacquo con acqua distillata


settimana dal 15 al 21 ottobre

eporterWeekend www.reporter.it

Un caffè con... Andrea Villani pagina II

La straordinaria voce di Diamanda Galás pagina III

pagina VII

Dall'Oriente all'Emilia con Davide Benati pagina V

Tutto il gusto in una guida Presentata con successo a Casa & Tavola la settima edizione di Mangiar Reggiano CULTURA - SPETTACOLI - MOSTRE MUSICA - LIBRI - VIAGGI

SCOPRI TUTTI GLI APPUNTAMENTI SU

.it


Pag.

II

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

A sinistra,un'immagine scattata nel salotto enoletterario di Noveventi, all'interno di Casa & Tavola. Andrea Villani, preferisce il buon vino rosso al caffè. A destra, lo scrittore con il suo ultimo romanzo "La strategia del destino", edito da Mursia

Andrea Villani Scrittore e un po' mascalzone

Un Caff è con...

Da Caracas a Salsomaggiore. Incontro con l'istrionico conduttore di Noveventi DI

Tu che cosa ne pensi di questo paragone gastronomico? “Mi offende come emiliano prima che come scrittore. La mortadella è una cosa seria. Di origini storico gastronomiche da non sottovalutare. Si paragoni alla Simmenthal semmai”. Sei stato spesso ospite di Rai Notte di Gabriele La Porta, una trasmissione che però ora è stata eliminata, nonostante il successo di ascolti. Secondo te, perché hanno deciso di tagliarla? “Rai Notte era involontariamente un programma politico. Mi spiego meglio: in realtà non si è mai accennato alla politica una sola volta, ma si è sempre parlato d’Arte, Poesia, Letteratura. E in una democrazia di mercato che è costretta a rifiutare la Bellezza per vendere altri tipi di merce questo è addirittura eversivo”.

SABRINA BASONI

s.basoni@reporter.it

A

vent’anni decisi di passare metà della mia vita in modo mascalzone, e anche un po’ sciagurato, godendo di ogni cosa, poi mettermi a raccontare. Fare lo scrittore. Mi è riuscita benissimo la prima parte del mio piano...” svela di sé Andrea Villani. Che in realtà sta riuscendo con successo anche nella seconda parte del suo proposito. “La strategia del destino”, il suo ultimo romanzo, ha convinto pubblico

La provincia italiana è fiacca nelle idee e ha rinunciato alla propria identità morale e critica, grazie alla sua scrittura divertente e precisa e a una trama intrigante, in cui l’autore ha descritto la crisi etica ed estetica della provincia italiana. Una provincia malata agli occhi di Villani, che ha vissuto a Caracas, Londra, Parigi e Costa Rica per poi riapprodare nel paese natale, Salsomaggiore. “La strategia del destino” è soltanto l’ultimo traguardo artistico dello scrittore che ha pubblicato, tra gli altri, anche il romanzo “La notte ha sempre ragione”, ha scritto per il teatro e per diverse antologie e riviste, ha fondato il periodico «Terre Verdiane News» e diretto diversi festival e rassegne letterarie tra i quali Diciottoeventi e lo Psicofestival. Lo scrittore salsese in questi giorni è diventato un volto noto anche per i tanti reggiani che hanno affollato nell’ambito di Casa & Tavola il salotto enoletterario Noveventi. Andrea Villani, direttore artistico della rassegna e conduttore, ha messo in scena ogni sera un vero e proprio talk show, accompagnando il pubblico alla scoperta di scrittori, giornalisti e musicisti. Istrionico, brillante, un po’ giullare, un po’ saggio si è divertito a conversare con personaggi come Andrea G. Pinketts, Roberto Freak Antoni, Lucio Nocentini, Elisabetta Bucciarelli creando un connubio riuscito tra letteratura, ottima musica e buon vino. Capace come pochi di “dare del tu” indistintamente a musicisti, sommelier e colleghi, grazie alla sua verve riesce con leggerezza e ritmo a parlare di cultura, arte e poesia. Lo abbiamo incontrato davanti a uno squisito bicchiere di vino rosso reggiano nel salotto di Noveventi pochi minuti prima di andare in scena con il suo format.

UN CIRCOLO VIRTUOSO

Un momento della serata con Lucio Nocentini, Patrizia Debicke Van Der Noot e Alfredo Collitto

Scrittore, opinionista, direttore artistico, oggi. Ieri godereccio mascalzone. Siamo troppo curiosi di conoscere qualche avventura della tua prima parte di vita. “Te la racconterò quando la prima parte della mia vita potrà dirsi definitivamente conclusa”.

L'ironia è l'ultimo filo che ci sostiene, acrobati, ai margini di questa cosidetta valle di lacrime Le tue avventure umane ora diventano avventure narrative. Andrea Pinketts nella prefazione “La notte ha sempre ragione” ti paragona a Tom Sawyer aggiungendo però “Andrea Villani ci fa percepire lo stupore indignato di Tom Sawyer deluso dal pacco della vita. Eppure Andrea Villani, il suo alter ego, ha ancora il coraggio melanconico di scoprire il mondo ogni mattina”. Ti riconosci in questa immagine? “Andrea G. Pinketts è uno dei migliori “inventori del vero” che io conosca e le sue invenzioni le preferisco alla stessa verità. In questo caso ha prodotto entrambe le cose”. Nel tuo ultimo romanzo “La strategia del destino” ambien-

tato in un immaginario borgo della provincia parmense, nell’arco di una notte, quattro storie, apparentemente slegate tra loro, si intrecciano e alla fi ne convergono in un unico finale catastrofico - catartico. Una sorta di rivincita del narratore sui mali della provincia italiana?

“Si tratta di un sacrosanto “contrattacco” della Natura nei confronti di un’umanità invasiva e subdola che prova a umiliarla e soggiogarla. Ma anche la metafora, neanche troppo sottile, di ciò che potrebbe accadere a questa provincia fiacca nelle idee che ha saputo rinunciare alla propria identità morale per

ULTIMI INCONTRI VENERDÌ 15 OTTOBRE Michele Giuttari, Remo Bassini, Stefano Zurlo. Musica dal vivo con Fabio Debbi

SABATO 16 OTTOBRE

Dado Tedeschi, Eva Clesis, Alessandro Di Nuzzo. Musica dal vivo con Caterina Ciriolo e Gabriele Cantarelli

DOMENICA 17 OTTOBRE (INIZIO ALLE 18,20) Mauro Marcialis, Villarino Gancia e Marco Balestri. Musica dal vivo con Giampaolo Corradini

Le serate si terranno a Casa & Tavola nella Sala dei Libri nel padiglione D, quello dedicato all’arredamento ogni sera alle 21,20. Domenica 17 ottobre, giornata conclusiva, l’orario d’inizio è fissato per le 18,20. La rassegna è realizzata in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier e il Muzik Station

vivere le stesse contraddizioni della città. Senza neppure beneficiare del fermento, crescita, e velocità intellettuale e artistica, che si suppone capiti nei grandi centri”. In molti hanno scritto che “La strategia del destino” si legge tutta d’un fiato, grazie alla narrazione brillante dove all’atmosfera di mistero e di delitto, si mescolano spunti divertenti, ironici e persino comici. Quanto è importante nel tuo essere scrittore l’ironia? “Più importante di quanto si pensi. E’ l’ultimo filo che ci sostiene, acrobati, ai margini di questa cosiddetta valle di lacrime. Già tutte versate. E che mantiene aggrappati, ognuno di noi, alla propria intelligenza”.

Federico Moccia mi offende come emiliano nel paragonarsi alla mortadella Pochi in Italia riescono a vivere solamente con il mestiere di scrittore. Fra questi Federico Moccia, che ha dichiarato di essere consapevole di non rappresentare nel panorama letterario italiano il caviale, ma piuttosto la mortadella.

Arte, poesia e letteratura sono eversive in una democrazia di mercato costretta a rifiutare la bellezza Stai scrivendo la biografia di Luciano Lutring. Come appare ai tuoi occhi il bandito più famoso degli anni Settanta? “Il fatto che uno scrittore, per raccontare il senso vero dell’onore e del rispetto, debba narrare la vita di un ex criminale, la dice lunga sullo stato di decadenza della civiltà in cui viviamo”. Noveventi si sta avviando alla conclusione. Restano ancora soltanto tre serate della rassegna che hai diretto e condotto a Casa & Tavola. Come sono i reggiani visti da un cittadino della provincia di Parma? “Oddio, non riesco a generalizzare di intere nazioni figuriamoci una città. Mi ritengo un cittadino del mondo che momentaneamente è tornato a vivere nel posto in cui è nato. E se proprio dovessi scegliere un’appartenenza sceglierei quella emiliana. Saremmo ancora sotto allo stesso tetto. Di solito mi piacciono i reggiani. Anche se in verità preferisco di gran lunga le reggiane”. Sulla Gazzetta di Parma hanno scritto: “Se Villani andasse a un funerale vorrebbe essere il morto”. Quale epitaffio vorresti? “Vorrei rubare quello di Walter Chiari: ‘Non preoccupatevi, è tutto sonno arretrato’”.


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

III

spettacoli Festival aperto

Una voce diversa Diamanda Galás in concerto al Valli venerdì 15 ottobre

di Luana

SaLvarani

F

in da quando i dischi di Diamanda Galás, tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta, circolavano come icone tra gli appassionati del genere dark, era chiaro che ci si trovava di fronte a un nuovo genere musicale, con al proprio centro una rinnovata consapevolezza della voce, che suonava davvero inconsueta (e, per alcuni, eccessiva ed urtante) nell’epoca delle tastiere e dell’elettronica a tutto campo. Alcuni di noi tesaurizzavano i vinili, con le copertine dove il volto dell’artista si imponeva in primo piano, con le chiome corvine, nello scaffale delle grandi voci femminili del punk-rock e della new-wave, da Siouxsie a Lisa Gerrard; altri preferivano lo scaffale della “musica contemporanea”, nella cui linea sembravano inserirsi le sperimentazioni vocali della Galás, e tuttavia il

suo melodizzare libero e, per quanto oscuramente, lirico, faceva uno strano contrasto col cantare (ostinatamente) a salti spezzati della musica colta. Oggi che la transizione tra i generi musicali è un fatto assodato, e la musica trae dalla mescolanza e dall’ibridazione le proprie ispirazioni più vive, Diamanda Galás può finalmente trovare il posto che le spetta: quello del Gesamtkunstwerk. Artista wagneriana, la Galás, che sceglie in prima persona o compone tutti i testi, scrive le musiche e si accompagna al pianoforte, ma anche con l’abbigliamento, le movenze e il trucco di scena crea il proprio teatro totale della voce. Ma anche artista mediterranea, ché l’origine dello stile vocale della Galás è evidentemente il patrimonio melodico della Grecia e del Medio Oriente, capace di contenere in una sola linea archi

ampi, cantillazioni minime, suoni gutturali, impennate e lunghe ruminazioni nel fondo cupo dei suoni più gravi. Per questo il canto della Galás è sempre consapevole ma mai distaccato: indugia volentieri nell’espressione forte, violenta, creaturale. Al di lá dei temi che sceglie – in questo caso, l’esilio come situazione politica ed esistenziale - e delle sue battaglie per popoli e tragedie dimenticate, questa artista colpisce per il suo linguaggio, perché semplicemente il suo modo di cantare e di comporre non assomiglia a nient’altro, in un mondo sonoro finalmente di nuovo ricco e però sempre minacciato dal terrore di aver giá “sentito tutto”. E quando il nichilismo creativo serpeggia tra il disincanto e il postmoderno, la musica di Diamanda Galás, col suo pensiero forte, è un’esperienza da non perdere.

CARISMA SCENICO E STRAORDINARIE DOTI VOCALI

Diamanda Galás, una delle artiste più sorprendenti del nostro tempo

Dodici ore di spettacolo con i Demoni di Dostoevsky

All’insegna di Bach

Alla Cavallerizza sabato 16 e domenica 17 ottobre

Con Terni e la Capella regiensis

N

N

ove ore di spettacolo, più due pause da un’ora per pranzo e cena e quattro brevi intervalli, quasi 30 attori in scena, 950 pagine di un romanzo miliare della modernità: sono questi alcuni dei numeri dell’impresa che Peter Stein ha messo caparbiamente a segno con I Demoni di Fëdor Dostoevskij, presentato a maggio 2009 in Umbria, nell’antico borgo di San Pancrazio, in forma di workshop e che andrà in scena al Teatro Cavallerizza sabato 16 e domenica 17 ottobre nell’ambito del Festival Aperto, in collaborazione con Teatro Festival Parma. Per I Demoni, vincitore del Premio Ubu 2009, si è subito parlato di uno spettacolo

“storico”: una realizzazione unica che il grande regista ha fortemente voluto, accettando una sfida non facile e che lo ha portato ben oltre il teatro cui siamo convenzionalmente abituati. Dodici ore di spettacolo. si comincia alle ore 11, si finisce alle 22,30 circa: due pause di un’ora per il pranzo e la cena alle ore 14.10 e 18.50; e quattro pause di 15 minuti alle ore 12.30, 16.30, 17.50, 20.40. L’idea è quella di portare in scena, con una recitazione “alla russa”, più simile a quella cinematografica, quasi integralmente la storia del capolavoro di Dostoevskij, rivedendo totalmente il rapporto con il pubblico che, nella giornata di “vita insieme all’opera”, ne

diventa quasi partecipe e non solo osservatore. E così diventano anche più familiari, più facili da riconoscere dentro di noi, quei Demoni con cui Dostoevskij indicava le malattie di una generazione di cui siamo i figli. Peter Stein ha continuato il lungo progetto avviato, cui si è intanto affiancata la produzione di Tieffe Teatro Milano, e conclude a Reggio una tournée italiana e mondiale, che ha visto la presenza del kolossal teatrale nei maggiori festival internazionali, tra cui il Lincoln Center Festival di New York, l’Hollandfestival di Amsterdam, il Festival di Atene, il Wiener Festwochen di Vienna, il Festival d’Automne di Parigi, il Ravenna Festival e il Napoli Teatro Festival.

Partecipazione. Condivisione. Catarsi. Non solamente semplice visione, osservazione. Con “I Demoni” di Peter Stein si entra in contatto diretto con il teatro: come essere in uno spazio parallelo, per pochi e fortunati privilegiati. Il nichilismo dei personaggi del romanzo russo diventa quello di ognuno dei presenti; la pazzia consumata sul palco è la stessa che coglie lo spettatore; l’ironia velata ma tagliente contagia l’intera platea. Per dodici ore si condivide uno spazio in cui la realtà esterna perde di importanza. Si viaggia verso uno stadio dell’anima che estranea dalla routine di un qualunque e anonimo sabato o domenica. info www.iteatri.re.it

ell’ambito di Soli Deo Gloria, la rassegna promossa dal Comune di Reggio Emilia e dalla Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla - Ufficio beni culturali, a Reggio Emilia si propone un doppio appuntamento assolutamente unico nel suo genere. Venerdì 15 ottobre, alle 18.00, nella chiesa di San Filippo Neri (via San Filippo 16) è in programma una conferenza del noto musicologo e conduttore di programmi radio Paolo Terni. Sabato 16 alle 21.00, sempre nella chiesa di San Filippo Neri, sale sul palco l’affermata Cappella Regiensis, la formazione musicale che fa della reggianità il proprio tratto distintivo. Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Due serate che riuniscono, in un’azione sinergica, il discorso teorico sul compositore di Eisenach e l’esecuzione pratica della sua musica. Venerdì 15 ottobre Paolo Terni condurrà un’appassionante cavalcata intorno ai tratti più importanti e meno noti del grande Johann Sebastian Bach. Paolo Terni, dopo numerose esperienze in ambito culturale, compreso un lungo impegno con la casa editrice Einaudi, focalizza la propria attività essenzialmente nel campo della musica. È una delle voci storiche e maggiormente seguite di Radio 3, per cui conduce vari programmi musicali, autore di numerosi saggi e romanzi, ricopre la cattedra di Drammaturgia Musicale all’Accademia

nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico. Sabato 16 ottobre il discorso teorico lascia il posto alla musica. La Cappella Regiensis, con Monica Piccinini (soprano), Cristina Calzolari (contralto), Matteo Bellotto (basso) e la direzione del maestro di concerto Renato Negri, in collaborazione con Studium Regiense – Fondazione per l’Università degli studi nella città di Reggio Emilia eseguirà musiche ovviamente di Johann Sebastian Bach. La Cappella Regiensis (Cappella Musicale di Reggio Emilia) nasce nel 2009 per volontà dell’organista Renato Negri come naturale sviluppo della rassegna concertistica “Soli Deo Gloria. Organi, Suoni e Voci della Città”, nonché a seguito del concerto di inaugurazione della Cattedrale di Reggio Emilia nel novembre 2008, in cui l’esecuzione integrale della Messa in si minore di Johann Sebastian Bach ha dato l’impulso a questa nuova esperienza. Allo sponsor storico di Soli Deo Gloria, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, quest’anno si aggiungono G.T. SRL Simonazzi Group e Iren. La rassegna gode inoltre del sostegno della Fondazione Manodori e della collaborazione dell’ Hotel Posta di Reggio Emilia. Per informazioni: www.solideogloria.eu info@solideogloria.eu


Pag.

IV

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

teatro Fabbrico

Si alza il sipario con Mascagni “La Cavalleria Rusticana” inaugura sabato 23 la nuova stagione del Pedrazzoli

I

l capolavoro di Pietro Mascagni “Cavalleria Rusticana”, che vedrà la presenza di grandi nomi della lirica tra i quali Claudia Marchi (Santuzza) e Maurizio Saltarin (Turiddu), inaugurerà la nuova stagione teatrale del “Pedrazzoli” di Fabbrico, sabato 23 ottobre alle ore 21. La data di nascita di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni (17 maggio 1890) è stata assunta dalla storia come termine di riferimento, anzi come spartiacque per disegnare l’evoluzione del melodramma italiano di fine Ottocento. Tra i motivi che determinarono la fortuna di Cavalleria rusticana si debbono annoverare il drammatico soggetto, la sua passionalità accesa, l’ambiente popolare: le teste coronate del melodramma romantico venivano soppiantate da una classe proletaria dai sentimenti elementari e violenti come amore, vendetta, tradimento, a cui finalmente rivolgeva una qualche attenzione il genere operistico, convenzionale e paludato; i poveri personaggi, diseredati sociali, ‘vinti’, secondo la qualificazione verghiana - soprattutto Santuzza, ma anche Turiddu e Mamma Lucia - trovano udienza sulla scena lirica, grazie a un com-

positore che sa interpretarne i moti più profondi e tradurli in un linguaggio essenziale ed efficace. Ma Mascagni si faceva apprezzare anche per la bella sicurezza con cui manovrava le masse corali, ricorrenti in tutto l’atto, a rafforzare il senso di una presenza di massa, di un popolo in scena; e soprattutto per gli ampi squarci sinfonici, inseriti quasi a dimostrazione che un musicista che volesse essere ‘moderno’ non poteva non affidare all’orchestra un ruolo di spicco, in una rinnovata concezione dell’opera in musica. Precederà la rappresentazione dell’Opera di Mascagni il breve Intermezzo Buffo “La Serva Padrona” di Giovanni Battista Pergolesi, piccolo capolavoro divertente e caratterizzato della tradizione barocca, che vedrà protagonisti Silvia Felisetti (soprano) nel ruolo della furba servetta Serpina e Luca Gallo (basso), ricco e non più giovane padrone di casa. La produzione è di Fantasia in RE, con l’Orchestra e il Coro “Cantieri d’Arte” diretti dal Maestro Stefano Giaroli, sotto la regia di Pierluigi Cassano; scene e costumi sono di Artemio Cabassi.

N

LA CAVALLERIA RUSTICANA DI PIETRO MASCAGNI CON CLAUDIA MARCHI E MAURIZIO SALTARIN SABATO 23 OTTOBRE ORE 21 TEATRO PEDRAZZOLI - FABBRICO INFO: 0522.667062 - www.TEATROPEDRAZZOLI.IT

Corsi

Tra potere e vanità Le miserie di oggi nel nuovo laboratorio di SS9 Teatro di

A Novellara

Etoile

Omaggio ai grandi

Esilarante e assurdo

Venerdì 22 con Cosi - Stefanescu

Rossella PoRcheddu

S

ullo sfondo di una città in cui sono proibiti gli specchi, simboli della vanità umana, si muovono predicatori e folli, detentori del potere e uomini comuni. Personaggi grotteschi e caricaturali quelli che affollano “La commedia della vanità” di Elias Canetti, testo attuale e metaforico scelto dalla Compagnia SS9 teatro per la stagione teatrale 2010/2011. È prevista per fine ottobre, infatti, l’apertura di un corso di specializzazione per attori professionisti e allievi attori con esperienza, che prevede sia un articolato percorso formativo che un’ambiziosa messa in scena. Fulcro del laboratorio è il lavoro dell’attore, secondo una metodologia trasversale a diverse scuole novecentesche. L’attività fisica, gestuale e vocale, coadiuverà l’artista nel processo creativo e nello sviluppo del personaggio. “A Reggio ci sono tanti corsi teatrali, alcuni improvvisati, amatoriali - ci dice Franco Brambilla, direttore artistico e regista della compagnia - si incontrano delle difficoltà anche nel reperire gli attori. Questo laboratorio vuole porsi ad un livello più alto. È professionalizzante ed intenso, segue una dinamica che stimola il lavoro teatrale”. Attori esperti ed allievi si troveranno ad affrontare temi di grande attualità, l’apparenza e la corruzione, la

E

ricchezza e l’ambizione, miserie umane di ieri e di oggi. Luogo di incontro e di crescita, e punto di riferimento per gli attori che vorranno intraprendere un interessante percorso formativo sarà il Teatro Artigiano di Massenzatico. “Non ci sono selezioni, nella prima fase il lavoro sarà comune - continua il regista - e improntato sui personaggi, sul testo, sulle maschere acustiche di Canetti. È possibile poi che tra i partecipanti al corso, qualcuno venga selezionato per la messa in scena de ‘La commedia della

vanità’. Io trovo che questa sia la strada più interessante, per non incappare nelle dinamiche degli spettacoli-fiction”. Più importante della rappresentazione, infatti, è il processo laboratoriale, basato sulla formazione e la ricerca. Continua dunque con questo nuovo progetto il percorso della compagnia reggiana, interessata in particolar modo agli orizzonti culturali e ai linguaggi della scena contemporanea. Per informazioni visitare il sito www.ss9teatro.com o chiamare il numero 3485747939.

toile Centro Teatrale Europeo presenta, sabato 16 ottobre alle 21, presso la sede di via Tiarini 7 (laterale di via Adua), lo spettacolo “Coloretti&Co”, interpretato dal Teatro dei Folli, per la regia di Francesca Bianchi. “Coloretti&Co” è un atto unico, liberamente ispirato a “Il rilegatore Wanninger”, del drammaturgo tedesco Karl Valentin, definito il precursore del teatro dell’assurdo. Il protagonista assoluto dello spettacolo è il telefono. Telefoni che squillano ripetutamente nei vari uffici dell’improbabile azienda, a cui rispondono personaggi spogliati di ogni realismo, che travolgono il rilegatore Coloretti, dall’altra parte della cornetta, in dialoghi esasperati ed assurdi. Una commedia dell’assurdo esilarante, in cui ci si può perdere. Per informazioni: 333 - 9055604 e www. centroetoile.eu

I

l Teatro della Rocca di Novellara ospiterà la Compagnia Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu per uno spettacolo di danza venerdì 22 ottobre alle ore 21. Lo spettacolo rientra in un Tour che la Compagnia Balletto Classico sta compiendo nella nostra Provincia per diffondere specie tra i giovani, il balletto, quale espressione di arte e di cultura, strumento di elevazione e liberazione, oltre ogni confine sociale e nazionale, momento dell’armonia e della bellezza che l’anima di ogni uomo ricerca. Lo spettacolo “Balletto d’Europa” su musica di autori vari e coreografie di Marinel Stefanescu, è una sorta di omaggio ad alcuni grandi artisti di tutta Europa che con la loro arte immortale hanno arricchito la nostra storia. La serata vuole anche ricordare le radici europee del balletto classico, che inizia alla corte francese per arricchirsi

del linguaggio popolare di molti paesi europei. Le bellezze, le diversità, le culture di tutta Europa offrono lo spunto per un linguaggio artistico universale. Lo spettacolo presenterà nella prima parte un vasto panorama di autori, generi e stili diversi che daranno allo spettatore un’idea di quanto può esprime l’arte del balletto classico e terminerà nella seconda parte che sarà tutta dedicata al capolavoro italiano shakespeariano, musicato da uno dei maggiori compositori russi “l’Ouverture fantasie Romeo e Giulietta” di Ciaikovski. I biglietti – 18 Euro l’intero e 15 ridotto con uno sconto speciale per gli allievi delle scuole di danza a soli Euro 12 - sono già in vendita a Novellara presso Ottica Reggiani in Via Cavour 16 – tel. 0522/654127 e presso la Compagnia Balletto Classico a Reggio Emilia in Via Bernini 17 tel. 0522/517234.


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

V

arte Musei Civici

Dall’Oriente all’Emilia Una grande esposizione ripercorre la lunga carriera di Davide Benati

Di Rossella PoRcheDDu

S

tende la carta, profumata di natura e ricordi. Adagia colori puri su fibre vegetali. Delinea una forma semplice, fatta di petali e foglie, steli e corolle. Un rito che Davide Benati esegue quotidianamente, rafforzando il legame intimo tra la mano e la tela, il pittore e la sua opera. A questo grande artista, che ha girato il mondo per tornare a casa, il Comune di Reggio Emilia dedica “Dipinti in palmo di mano”, ampia esposizione che ripercorre gli ultimi trent’anni di carriera del pittore, dal 1980 al 2010. I Chiostri di San Domenico, prestigioso spazio cittadino, la Galleria Parmeggiani, dimora-museo dal fascino misterioso, e la Sinagoga, ricca di storia e spiritualità, ospiteranno dal 16 ottobre al 21 novembre oltre sessanta opere, dittici e trittici, tele e libri d’artista, opere grafiche e acquatinte. In un momento di incertezza e crisi della cultura, la città riserva uno spazio alla bellezza e invita amanti dell’arte e comuni spettatori a riempire gli occhi e nutrire lo spirito con le immagini di Benati. “Rinunciare all’arte equivale a privarci del nostro futuro - ha sottolineato il sindaco Graziano

Delrio nel presentare la mostra - oltre che del nostro presente. Abbiamo bisogno della cultura per l’abbellimento esteriore e interiore, ma soprattutto per conoscere il mondo, perché l’arte è universale”. Ci racconta mondi lontani e orizzonti nostrani la pittura di Davide Benati. Odorano di fiori intrecciati e giallo di cadmio, lapislazzuli e zafferano i grandi acquerelli, memoria dei viaggi in Nepal. Le tele lievitano come il pane cotto nel forno di Masone. In quella strada

N

Dipinti in palmo Di mano Reggio emilia ChiostRi di san domeniCo sinagoga - galleRia PaRmeggiani dal maRtedì al veneRdì 16 - 19 sabato, domeniCa, festivi 10 -13 / 16 -19 biblioteCa Panizzi lunedì, veneRdì e sabato 9-19 maRtedì, meRColedì e giovedì 9-22

dove giocava da bambino ora dipinge, con la luce che dalla via Emilia irrompe negli ampi spazi del suo studio, antico mulino intriso di ricordi. Ai Chiostri di San Domenico, dove si terrà l’inaugurazione, alle ore 18 del 15 ottobre, il pubblico potrà ammirare opere inedite in Italia, lavori realizzati negli Ottanta e Novanta del secolo scorso, esposti alla Biennale di Venezia e negli spazi della Galleria Marlborough di Monaco, che dal 2004 rappresenta in esclusiva il pittore reggiano.

Accanto alle opere più significative, con le quali Benati ha conquistato fama internazionale, grandi trittici, dittici e opere singole, elementi della produzione più recente. L’antico tempio della comunità ebraica reggiana, la Sinagoga, oggi spazio prestato all’arte, ospiterà nell’ampia sala tre opere in dialogo con la sacralità e il silenzio. Sulle pareti rosso pompeiano della Galleria Parmeggiani, nelle sale intitolate a Cesare Detti e Leon Y Escosura, troveranno spazio piccole opere, frutto della ricerca sulla luce e sul vuoto. La Biblioteca Panizzi, infine, esporrà taccuini di viaggio e acquatinte, libri d’artista e opere grafiche. Promossa dai Musei Civici e realizzata con il contributo di Car Server, Ccpl, Par.co e Ppi & Partners, la mostra è accompagnata da una splendida monografia, edita da Skira. Il volume bilingue, inserito nella collana “Artisti del nostro tempo”, è arricchito da un testo del pittore, che racconta con parole appassionate un mondo fatto di colori puri e ritmi orientali, memorie private e silenziose ritualità. Un universo che appare lontano eppure così familiare. “L’arte ha sempre accettato le lingue degli altri - dice Davide Benati - le ha fatte proprie e ha saputo restituire bellezza”.

Strictly Groove

ZENONEcontemporanea

Variazioni materiche

Un artista naif

In mostra le ultime sperimentazioni di Fabio Iemmi

Le fantastiche creature di Jon Carling

L

egno e metallo. Vetro e tessuti. Strati di materia si depositano e sedimentano nelle opere di Fabio Iemmi. Affreschi su tela e installazioni di legno e resina occupano gli spazi della Galleria 1.1_ZENONEcontemporanea fino al 17 ottobre. “In principio” non è una mostra adatta ad una visione fugace e disattenta. Ad un primo sguardo, infatti, non è facile comprendere. Le creazioni di Iemmi, realizzate tra il 2009 e il 2010, reclamano un’osservazione cosciente. È necessario soffermarsi per cogliere le trame larghe della juta, non costretta in cornici, libera di uscire dagli stretti confini del quadro. Lo sguardo deve indugiare sulle campiture di colore, le stratificazioni di intonaci, gli squarci di vetro e le crepe resinate. Sono mani sapienti quelle di Fabio Iemmi, restauratore e profondo conoscitore di materiali tessili e fibre ottiche, vetro e pigmenti, metalli e legno. Dalla Cina all’Italia, dalla Grecia alla Spagna, ha viaggiato alla scoperta di materiali e colori, intervenendo su cicli pittorici e storici edifici. Una carriera eterogenea, che vanta la partecipazione a progetti di cooperazione internazionale, la conservazione e documentazione di materiali

di scavo, e la ricerca creativa per un’originale linea di abbigliamento. Esperienze che sono alla base delle sperimentazioni dell’artista reggiano e che si declinano in molteplici forme. L’intonaco si fa quadro e trittico, per raccontare una storia intima, sussurrata attraverso un ordito naturale e profondi tagli impressi nella materia. La resina diventa ruota e monolite, accoglie la luce, naturale e artificiale, restituendo una sensazione di pace e quiete, solennità e sospensione. “Le dimensioni dei miei lavori possono essere infinite - spiega Fabio Iemmi - posso operare anche su una grande superficie architettonica. Ciò che mi interessa è la trasformazione e la rigenerazione della materia”. Situata in centro storico, in via San Zenone, la galleria 1.1_ZENONEcontemporanea è attiva dal 2009. Luogo di incontro e riflessione sull’arte, lo spazio espositivo apre le porte a curiosi ed appassionati. Venerdì 15 ottobre alle ore 21 si terrà, infatti, “Pigmenta”, un incontro-conversazione con Fabio Iemmi. Un racconto per indagare il passato e la storia e per recuperare il senso del lavoro che, con differenti modalità, ha permesso all’uomo di lasciare incise le più profonde tracce del proprio passaggio. (rp)

I

mmagini e musica per un evento firmato YouthlessFanzine. Sabato 16 Ottobre alle ore 18.30 presso lo Strictly Groove, in via Guido da Castello a Reggio Emilia, Jon Carling presenterà la sua prima personale italiana, “The Devil and his friends” e darà vita a uno speciale live set musicale. L’open space ospiterà fino al 13 novembre l’esposizione dell’apprezzato illustratore americano, dallo stile naif e visionario, che ha collaborato anche con diversi gruppi musicali (tra i quali The Brian Jonestown Massacre) e si è cimentato in differenti discipline artistiche, dalla poster art alle video proiezioni. Originario della Bay Area di San Francisco in California, Jon Carling è cresciuto sulle colline di El Sorbante e attualmente vive a Oakland, dove progetta mobili e disegna. Molte delle sue illustrazioni, realizzate con il solo uso di penna e matita e una sporadica goccia di colore, sono state descritte come “imperfettamente precise e fuori dal mondo”. L’immagine infantile predomina nei suoi disegni, che spaziano dalla fantasia pura al terrore totale. Traccia creature e ambienti che sembrano uscire da un libro d’illustrazione del XIX secolo ma che includono qualcosa di trascendentale e sinistro. Le illustrazioni esposte allo Strictly Groove di Reggio Emilia sono un mix di luce e oscurità. Rappresentazioni del diavolo,

amici eccentrici e animali fantastici popolano il mondo di Jon Carling, che realizza le sue opere su vecchi fogli o documenti. “Mi piace la sensazione della nostalgia che quei vecchi documenti e carte danno alle mie immagini. Provo affetto nel vedere il diavolo mentre si rilassa nel suo giardino, dopo un’intera giornata trascorsa a fare il cattivo. Quando disegno - racconta Carling - voglio che le persone abbiano una risposta emotiva che ricordi loro di quando erano bambini. Quando certi dettagli vengono tralasciati nel complesso di un’immagine, usiamo una speciale parte del cervello per riempire quei vuoti e credo sia questa la chiave per attrarre chi guarda, lasciargli scrivere la storia da solo.”


Pag.

VI

venerdì

Posiz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Autore Ken Follett Giampaolo Pansa Andrea De Carlo Umberto Veronesi Corrado Augias Tiziano Terzani Irene Nemirovsky Maj Sjowall - Per Wahloo Edmondo Berselli Banana Yoshimoto

narrativa straniera

Posiz. Autore

Ken Follett Irene Nemirovsky Maj Sjowall - Per Wahloo Banana Yoshimoto Nicholas Evans P. C. Cast K. Cast Torsten Pettersson Philip Roth Anne Holt Michel Houellebecq

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Titolo La caduta dei giganti I vinti non dimenticano Leielui Dell’amore e del dolore delle donne I segreti del Vaticano Un mondo che non esiste più Il malinteso La camera chiusa L’economia giusta Un viaggio chiamato vita

Titolo La caduta dei giganti Il malinteso La camera chiusa Un viaggio chiamato vita Solo se avrai coraggio Hunted A l’alfabestista La controvita La vendetta La carta e il territorio

prezzo

Û 25,00 Û 12,00

Û 14,00 Û 13,00 Û 18,50 Û 16,50 Û 9,90

Û 21,00 Û 18,00

Û 20,00

2010 - REPORTER

l’angolo del lettore

libri i libri più venduti

15 ottobre

prezzo

Û 25,00 Û 19,50 Û 18,50 Û 18,00 Û 19,50 Û 22,00 Û 12,00 Û 14,00 Û 10,00 Û 13,00

editore Mondadori Rizzoli Bompiani Einaudi Mondadori Longanesi Adelphi Sellerio Einaudi Feltrinelli

narrativa italiana

editore

Posiz. Autore

Mondadori Adelphi Sellerio Feltrinelli Rizzoli Nord Newton & Compton Einaudi Einaudi Bompiani

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

il libro più venduto

a cura della libreria all'Arco di Reggio Emilia

Titolo

Andrea De Carlo Michela Murgia Andrea Camilleri Diego De Silva Simonetta Agnello Hornby Giancarlo De Cataldo Erri De Luca F. Abate - S. Mastrofranco Alessandro D’Avenia Diego De Silva

settimana dal 4 al 10 ottobre 2010

prezzo

Leielui Accabadora L’intermittenza Mia suocera beve La monaca I traditori Il peso della farfalla Chiedo scusa Bianca come il latte rossa come il sangue Non avevo capito niente

Û 18,50 Û 18,00 Û 18,00 Û 18,00

Û

Û 17,00 Û 21,00

7,50 Û 17,50 Û 19,00 Û 11,00

editore Bompiani Einaudi Mondadori Einaudi Feltrinelli Einaudi Feltrinelli Einaudi Mondadori Einaudi

IL LIBRAIO CONSIGLIA

Un’avvincente epopea

“Luce del Nord” un lavoro monumentale che vi piacerà ... se superate le prime 90 pagine DI

CARLO VANNI

C

’è stato un tempo, remotissimo, ci pare, in cui a uno scrittore andava già bene se le idee per il libro che aveva in mente riusciva a metterle su carta. Poi è venuta l’era del conformato: un romanzo, hanno da ésse per forza quattrocento, quattrocentoquaranta pagine, uno standard si direbbe in gran parte studiato a tavolino considerando la capacità di una Billy Ikea e la resistenza del metacarpo del lettore medio (non certo da decatleta). In seguito, siamo arrivati alle Trilogie, che dopo il Signore degli Anelli sono dilagate senza più freno; oggi, a

nessuno viene più in mente che una storia potrebbe concludersi in un solo romanzo. Poi, i formati sono lievitati: da Ken Follett in poi, ogni libro – specie se Fantasy, o romanzo storico – non teme di raggiungere le 1.000 pagine. Sono testi pericolosi, per addormentarcisi sotto. Oggi, rotti tutti gli argini, un autore può rifilarti eptalogie da 10.000 pagine come niente fosse, e ridere dei tuoi tentativi di sopravvivere ad esse. “La luce del Nord”, di Donna Gillespie (Aliberti editore, 1.084 pagine per Euro 21,90) ci sembra appartenere a quest’ultima schiatta; l’epopea dell’eroina Auriane, alla quale già in un libro accadono

più cose che agli Ingolls nell’intera serie “La casa nella prateria”, ha già avuto un seguito in patria con “Lady of the Light” (2006, mentre il presente è del 1994), ed è attualmente in cantiere il terzo capitolo. Essendo la Gillespie ancora giovane e in piena forma, avrà, presumiamo, tutto il tempo per proseguire a lungo. Se poi sperarlo, o temerlo, va a gusti. Dare un giudizio su “La luce del Nord” è infatti cosa piuttosto ardua. Tralasciando la ponderosità del lavoro, che non ha mai spaventato nessun lettore degno di questo nome, fin dall’inizio ci sono cose che ci lasciano un po’ sconcertati. La copertina scelta da Aliberti, pur veramente ben

Quale futuro per la Chiesa?

Domande e proposte nel libro di Paolo Cugini DI FEDERICO

BRAGLIA

D

alla quarta copertina: “Dal Nordest del Brasile un missionario fidei donum propone un nuovo rapporto tra chiesa e mondo, tra la vita cristiana e il tempo che si definisce ‘postmoderno’. E’ un’altra prospettiva per riflettere sulle domande che stanno a cuore ai cristiani responsabili è possibile realizzare una parrocchia dal volto missionario? Quali sono i ‘poveri’ da evangelizzare? Quali presupposti per una pastorale giovanile? E’ possibile e giusto concepire la parrocchia come una rete di comunità? E che fare, con la penuria di ministri ordinati? Esiste uno spazio per la contemplazione?” Sono tante le domande si pone Paolo Cugini e tante le risposte che da nel suo libro: Il futuro del Vangelo, Dal Brasile domande e proposte per la Chiesa, prefazione di Giorgio Campanini, EMI, Bologna, 2010. Nato a Reggio Emilia nel 1962 Paolo Cugini, dopo aver conseguito a Reggio il diploma magistrale, si

è laureato in pedagogia a Parma e in filosofia a Bologna. E’ sacerdote diocesano e, dal 1999, fidei donum, in Brasile dove è parroco e professore di filosofia. I suoi interessi si sono rivolti alla cultura postmoderna in relazione soprattutto al problema della Nuova Evangelizzazione. L’autore non può che constatare che: “Dal punto di vista numerico la chiesa sta perdendo terreno non solo in Occidente, colpita dal fenomeno dell’indifferenza

religiosa e dall’espansione progressiva del mondo musulmano, ma anche in America Latina, dove gli evangelici crescono a vista d’occhio”. Che fare? La chiesa brasiliana ha ovviato alla scarsità di sacerdoti con la valorizzazione dei laici e delle piccole comunità e don Paolo, che partecipa da anni con entusiasmo a questa esperienza, ne trae spunto: “Non si tratta di promuovere una nuova crociata, ma semplicemente di riflettere e di stimolare una nuova azione pastorale… Tutta la chiesa è chiamata ad essere soggetto evangelizzatore, non solo qualcuno. La gerarchia della chiesa da una parte e i laici dall’altra sono chiamati a sedersi attorno a un tavolo e a guardarsi in faccia per ascoltare che cosa lo Spirito dice alla chiesa nell’attuale frangente della storia”. Però, spesso, in Italia fedeli e uomini di chiesa si trovano in parrocchia in tanti attorno ad un tavolo… a mangiare gnocco fritto e salume. L’autore desidera vedere “un po’ più di coraggio, di creatività pastorale…”.

scelta, reca infatti una dicitura “bestseller internazionale” che a noi, appassionati di romanzi storici e fantastici, lascia un po’ in dubbio: non ne avevamo mai sentito parlare prima d’ora. E come mai, dal 1994 solo oggi è arrivata fin qui? Attribuiamo questa apparente incongruenza ai misteri delle maree del mercato editoriale, capace in Italia di tagliare un autore come Scott Lynch al primo libro “perché non vende quanto sperato” (Editrice Nord: statt’accuort!), e proseguiamo. Fin dalle prime pagine si notano quelli che saranno assieme i punti di forza e di debolezza del romanzo: avvenimenti incalzanti descritti

in maniera convulsa e confusa, romanticizzazione dei soggetti degna di un Sandro Mayer, ottimo approfondimento psicologico dei personaggi, ricostruzione storica tra lo stereotipato e l’onirico, dialoghi da flagellazione, grande ricchezza del soggetto e trama estremamente articolata. Un po’ un mix tra Marion Zimmer Bradley, Ken Follett, McCullough e Candy Candy (un bel po’), con una spruzzata di Beautiful. Attenzione, però: se resistete alla lettura delle prime 90 pagine (sì, non è uno scherzo) vi troverete coinvolti in una storia che, benché si capisca benissimo dove andrà a parare, lieto fine compreso,

crea una fortissima dipendenza. Non prendete troppi impegni mondani, se comprate questo libro. Vi piacerà.

I laboratori culinari di Gnam Gnam, l’orco alieno Sabato 16 ottobre alla Biblioteca “San Pellegrino”

DI

MONICA FRANZONI

G “

nam Gnam, il mangiabambini” è sorto come libro per l’infanzia scritto da Riccardo Geminiani, edito “Coccole e Caccole”. Presentato in anteprima alla Fiera del libro di Torino e diffuso nelle librerie di tutta Italia, si è presto evoluto, dando vita ad una serie di laboratori creativi riservati ai bambini dai 3 ai 9 anni, accolti con entusiasmo da radio e tv. Ed è proprio a Reggio Emilia che si terrà il debutto ufficiale dell’iniziativa, sabato 16 ottobre alle 16, presso la biblioteca di “San Pellegrino”. Gnam-Gnam è una sorta di orco moderno: un orco spaziale, per la precisione. Più simpatico e buffo degli orchi tradizionali, è anche estremamente astuto. La sua specialità? Catturare bambini, che cucinerà assieme ai partecipanti ai suoi laboratori, svelando loro ogni segreto delle sue fantasiose ricette. Diretti dalla nota animatrice reggiana Manuela Chiaffi, i ragazzi sa-

ranno coinvolti in spettacolari attività che faranno rivivere ai partecipanti le gesta del simpatico alieno. A bordo di una traballante astronave, Gnam Gnam atterra sulla terra e inizia la caccia… Si tratta solo della scena iniziale di una movimentata avventura che passando attraverso momenti esilaranti si concluderà in un finale a sorpresa dalla preziosa morale. Ma il fulcro dell’officina ruoterà attorno a divertenti laboratori

gastronomici, in cui anche i più piccoli potranno cimentarsi in prima persona nella creazione di simpatiche ricette, imparando i trucchi di Gnam-Gnam. Il tour proseguirà con l’autunno in diverse città della penisola, approdando dal prossimo gennaio anche nei teatri italiani con uno spettacolo. L’orchetto che si è imposto in libreria tra le novità più curiose della letteratura infantile della stagione, invita i suoi piccoli ospiti ad una campagna adozioni dai contenuti decisamente insoliti: portarsi a casa il golosone mangiabambini. Già autore di “Teresa è nervosa” e “Nuvolando”, Riccardo Gemianini solletica la curiosità e stimola il divertimento col suo alieno paffuto e birichino. E non a caso è già stato tradotto in più lingue. Sarà un ottimo connubio, il suo, con la spensierata vivacità di Manuela Chiaffi, che ha visto tra i suoi tanti progetti, collaborazioni col Teatro delle Briciole.


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

VII

libri Presentazioni

Un viaggio nel gusto

Accolta con successo la 7a edizione di Mangiar Reggiano, una guida ai ristoranti con ricette e approfondimenti

NELLA SALA DEI LIBRI

Sopra, un momento della presentazione, con l'Assessore all'Agricoltura della Provincia, Roberta Rivi, Pietro Scapinelli e Mariella Bertozzi Della Salda

T

radizione e innovazione. Eccellenza dei prodotti e promozione del territorio. Questi gli ingredienti della settima edizione di Mangiar Reggiano, preziosa guida presentata a un interessato e caloroso pubblico nella Sala dei libri, nell’ambito di Casa e Tavola, martedì 12 ottobre. Presenti fra i relatori, oltre agli autori, l’assessore all'Agricoltura Roberta Rivi, il presidente della Congrega dei Liffi, Pietro Scapinelli e la delegata del Club il Fornello di Reggio Emilia, Mariella Bertozzi Della Salda. Edito da Reporter, il volume ritorna con una veste grafica accat-

tivante e succulente novità. Fulcro dell’edizione 2011 le ricette della terra reggiana, tra grandi classici e originali sperimentazioniSempre fedeli alla tradizione le signore del Club Il Fornello, cuoche raffinate ed estrose, che propongono piatti dal sapore antico. Dai cappellacci d’anatra alla faraona farcita, dal pollo con salsa di fichi alla crema catalana al caffé. Stuzzicanti antipasti e secondi piatti raffinati per i giovani chef del Convitto Rinaldo Corso di Correggio. Involtini, misticanze e vellutate, per palati curiosi e sopraffini. Stuzzicanti ed insolite le ricette della Congrega

dei Liffi, che incorona re della tavola il pesce. Al forno, fritto, crudo, il pesce si sposa con crema di lime e finocchio selvatico, gorgonzola e crema di cocco. Utile per i reggiani doc, per i cittadini acquisiti e per i ghiotti turisti, Mangiar Reggiano è una guida da portare sempre con sé. Utile per scegliere la trattoria per un pranzo fra amici o il ristorante di montagna per un tête-à-tête romantico. Dall’Appenino alla Bassa una ricca selezione di punti di ristoro, dove poter assaporare il buon vino delle terre emiliane e consumare gustose pietanze, dallo gnocco alla

La cultura vien leggendo deborA GrAsselli

U

na stanza senza libri è come un corpo senza anima” diceva Cicerone. Prendendo in prestito le sue parole si potrebbe dire che, anche “una città senza biblioteche non ha un’anima”. Ma niente paura, perché continuerà fino a domenica 17 ottobre la terza edizione dei “BiblioDays- I giorni delle Biblioteche Reggiane”, iniziativa culturale grazie alla quale il Comune di Reggio Emilia e diversi Comuni della provincia, intendono promuovere e far conoscere i servizi bibliotecari alla cittadinanza ed anche sensibilizzare l’opinione pubblica alla lettura e alla frequentazione di un luogo di cultura come la biblioteca. Le biblioteche comunali (della città e della provincia) e quelle speciali tematiche saranno aperte straordinariamente fino al 17 ottobre e organizzeranno numerose attività per bambini, ragazzi e adulti: narrazioni, letture animate, presentazioni di libri, spettacoli teatrali, incontri con autori, musica, arte, giochi, e molto altro. Numerose biblioteche la domenica mattina offriranno la colazione da accompagnare alla lettura del

giornale. Alla Biblioteca Panizzi, per citare solo alcune delle iniziative del fine settimana, segnaliamo: “Un album di storie, rime e parole”, narrazioni recitate di libri a cura del teatro dell’Orsa il 15 e 17 ottobre nel pomeriggio; la mostra del pittore Davide Benati “Pitture in palmo di mano” dal 16 ottobre al 21 novembre nella saletta esposizioni della biblioteca. Per valorizzare al meglio il patrimonio che caratterizza tutto il nostro territorio, rendendolo unico, saranno inoltre organizzate visite guidate all’interno dei luoghi nascosti e solitamente inaccessibili della biblioteca: “Visita guidata alla biblioteca nascosta” il 16 e il 17 ottobre al mattino dalle ore 11 e al pomeriggio dalle ore 15. Con l’iniziativa “La biblioteca si svela: un percorso tra i fondi antichi e speciali della biblioteca Panizzi” dall’11 ottobre al 13 novembre, saranno invece mostrati al pubblico alcuni dei pezzi librari e documentari più importanti del patrimonio storico e locale conservati nella biblioteca. Da non perdere dunque, questa opportunità di scoprire o ri-scoprire le biblioteche del nostro territori.

le tracce dei piatti più amati dai reggiani. Dall’incontro tra culture, quella ebraica e quella reggiana, nasce l’Erbazzone, la più celebre torta salata del territorio, sempre presente sulle tavole nostrane. Forse non tutti sanno che lo Gnocco Fritto, pietanza semplice e gustosa, affonda le sue radici nella tradizione dei Longobardi, ghiotti consumatori di strutto. Ha fatto un lungo viaggio, attraversando il mare, la Zuppa Inglese. Dalla Corte d’Este, dove giunse per mano di un diplomatico italiano, è approdata in terra reggiana, dove da quasi un secolo si producono i veri

Savoiardi. Memoria, tradizione, cultura e gusto si fondono in questo volume. Complice di ottimi pranzi casalinghi, tra tortelli e spongate, ispiratore di impedibili serate tra amici, Lambrusco sulla tavola e salame piccante nel piatto, e promotore di domeniche in paese, tra funghi, castagne, zucche e tartufi. Disponibile all’Infoshop e nello stand del Parmigiano Reggiano di Casa e Tavola a un prezzo di lancio (15 Û anzichè 18 Û ), alla conclusione della manifestazione Mangiar Reggiano potrà essere acquistato in tutte le librerie cittadine. Buona lettura e buon appetito!

Riviste

Le rivelazioni di Reggio Storia

Fino al 17 ottobre i BiblioDays a Reggio Emilia di

selvaggina. Prelibatezze che sono orgoglio ed eccellenza del territorio. “Mangiar Reggiano è un lavoro prestigioso, nei contenuti e nella forma - tiene a sottolineare Roberta Rivi, Assessore provinciale all’Agricoltura - è importante dire che dietro un ottimo ristorante c’è una buona agricoltura. La valorizzazione della nostra cultura e il recupero di prodotti locali garantisce il mangiar bene”. Novità di quest’anno l’agenda del gusto, calendario delle feste enogastronomiche che animano per tutto l’anno i comuni della provincia. E non manca un pizzico di storia, per ricostruire

Un documento londinese del 1804 offre nuovi dati per cercare quadri di illustri pittori di

AureliA FrestA

U

n antico verbale, inedito, ci aiuta a seguire la pista di un misterioso percorso di opere d’arte che da Novellara porta fino a Londra. E’ quanto ci racconta un articolo di Francesco Jacinto nel nuovo numero di Reggio Storia, il 128, attualmente in edicola e nelle librerie: si tratta di un verbale della Casa d’aste londinese Christie, che offre ulteriori dati per conoscere l’itinerario e la destinazione dei dipinti gonzagheschi inventariati nel 1783 e confiscati da Napoleone a Maria Beatrice, ultima erede dei Gonzaga di Novellara. La Casa di Londra ha fornito all’autore dell’importante studio copia del verbale del battitore, nel quale figurano - annotati durante l’asta - il prezzo di aggiudicazione dei lotti con i corrispondenti nomi degli assegnatari; un documento quindi interessante, così come lo sarebbe stato quello indicante coloro che avevano incaricato la casa d’aste di vendere i quadri del catalogo delle collezioni gonzaghesche di Novellara, la cui ricerca è però ormai impossibile a causa di un incendio e dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, come già riferito nel n.126 di Reggio Storia. Ma il verbale di

Christie aggiunge nuova luce sulla vicenda. Al tempo delle aste francesi del 1797 si era formata a Modena una società fra il restauratore e pittore Biagio Manfredi, Gianbattista Panelli e Consiglio Levi, la quale acquistò la quasi totalità delle collezioni gonzaghesche. Dopo solo due anni, con la breve restaurazione austriaca del 1799, i dipinti furono restituiti ai legittimi proprietari, ma dopo la vittoria francese a Marengo i soci riebbero definitivamente il possesso dei quadri, che non fanno però registrare più loro notizie fino al bando d’asta di Christie del 1804, alla quale partecipò (personalmente o per mezzo di mandatari) proprio il Manfredi, accompagnato da due personaggi, Montanari e Saltarelli, di cui sono noti solo i cognomi. E Reggio Storia ci fornisce così l’elenco dei dipinti acquistati dai tre italiani, che annovera tra l’altro due pitture di Nicolò dell’Abate, Un soggetto della Gerusalemme liberata e Passaggio del Mar Rosso; Il Diluvio di Velasquez; di Tiziano Riposo (dalla fuga in Egitto) serenità e armonia e Un grandioso e vivace schizzo che rappresentano la Sacra Famiglia, san Cristoforo, san Sebastiano e altri santi (studio generale per il grande dipinto, con il medesimo soggetto, che

fu venduto da Francesco duca di Modena alla galleria di Dresda); Riposo (dalla fuga in Egitto) con angeli sotto una palma nel suo primo stile di Raffaello; Giove e Semele di Giulio Romano; La Madonna col Bambino nella culla san Giuseppe sullo sfondo, del Parmigianino; Il ritrovamento di Mosè di Salvator Rosa; di Michelangelo un Bassorilievo: la caduta dei giganti in legno. Quindi dati preziosi, tutti corredati, come si diceva, dai relativi prezzi, che possono offrire spunti di lavoro agli studiosi di storia dell’arte per la ricerca dei dipinti , se ancora esistenti. Il nuovo numero di Reggio Storia ci porta anche ad una nuova ri-

lettura di Silvio D’Arzo grazie al contributo di Luciano Serra, alla Reggio romana con Paolo Magnani, ci fa muovere tra sculture lignee e policrome con Roberta Notari e rileggere diari di guerra curati da Pietro Ferri, apprezzare artisti come Padre Fiorenzo Gobbo e ritornare alle patrie battaglie rispettivamente con Adriana Toffanetti ed Ercole Camurani, rivivere il Medioevo con il mondo della scuola ritornando a Canossa. Infine le rubriche: Diario reggiano maggio-agosto 2010; La memoria del futuro, con ricordi di Romolo Fioroni ed Ermanno Peterlini; Libri e reggianità; Strade di Reggio, a cura del direttore Gino Badini. (Aurelia Fresta)


Agenda PER SEGNALARE CONCERTI E SPETTACOLI:

S P E T TA C O L I 

agenda@reporter.it

SAB

I demoni

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

cabaret concerti danza dialettale feste festival fier e

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

DOMENICA

Di Fëdor Dostoevskij - Regia di Peter Stein - Lo spettacolo dura 11 ore e 30 minuti

ottobre

Teatro Cavallerizza

DOM

alle 11 - Viale Allegri, 8/A - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it

ottobre

Lavorare

MERCOLEDÌ

ottobre DOMENICA

Aidoru - Arzan! - Tre Allegri Ragazzi Morti - triplo concerto Zodiaco Elettrico

Teatro Cavallerizza

alle 20:30 - Viale Allegri, 8/A - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it

ottobre GIOV

Fiorello Show

ottobre

ottobre DOMENICA

alle 21 - Via G. di Vittorio, 6 - Assago - Milano 199128800 - www.forumnet.it

ottobre

Il flauto magico

SABATO

ottobre MARTEDÌ

Direzione artistica e musicale di Mario Tronco

Teatro Valli

alle 20:30 - Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

ottobre

Natureboy

DOMENICA

ottobre GIOVEDÌ

M E R C AT I N I 

ottobre

Mercatino d’antiquariato

SABATO

ottobre GIOVEDÌ

Circa 30 espositori

Scandiano

ottobre

P.zza Spallanzani - 0522 981782

Ai portici dell’antico

SABATO

Correggio

ottobre

C.so Mazzini - 0522 641817

Mercatino dell’antiquariato

SABATO

San Giovanni in Persiceto - Bologna

ottobre

Vie e piazze del centro storico - 800 069678

Mostra scambio d’altri tempi

SABATO

Mirabello - Ferrara

ottobre

Piazzale delle Giostre - 0532 847339

Antiquariato e artigianato

SABATO

Ravenna

ottobre

Piazza Garibaldi e vie adiacenti - 0544 482025

Mercatino dei prodotti biologici

SABATO

Reggio Emilia

ottobre

P.zza Fontanesi - 0522 456443

Mercatino dei prodotti biologici

SABATO

Modena

ottobre

Centro storico - 059 206210

Mercatino dell’antiquariato

DOMENICA

ottobre SABATO

ottobre SAB

ottobre

DOM

ottobre SAB

ottobre

DOM

ottobre DOMENICA

Fontanellato - Parma

Piazza della Rocca dei Sanvitale - 0521 822346

Mercatino dell’antiquariato

DOMENICA

Cavriago

ottobre

0522 373474

Mercatino di antiche carte, suoni e colori

DOMENICA

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

Guastalla

P.zza Mazzini e Via Garibaldi - 0522 839711

Mercatino dell’antiquariato

DOMENICA

Casalecchio di Reno - Bologna

selezioni ottobre

Lungo i viali dei giardini adiacenti al Teatro Comunale - 051 6192084

Spilamberto - Modena Centro storico - 059 789961

Mercatino dell’antiquariato Fontanellato - Parma

Piazza della Rocca dei San Vitale - 0521 822346

3^ edizione del Mercatino Fabbrico

Vie del centro - 0522 751923

Mercatino del vintage Bologna Piazza Verdi

Antiquariato, oggettistica Parma

Via Massimo d'Azeglio, porticato dell'ospedale vecchio - 0521 2181

Celo' celo' mamanca Bologna

Piazza VIII Agosto - 051 563236

Mercatino di prodotti biologici Reggio Emilia

P.zza Fontanesi - 0522 456443

Antiquariato e Bologna Bologna

Pala nord Parco Nord via Stalingrado,81 - 0545 27548

Cosantiche Imola - Bologna

Centro storico e lungo la via Emilia - 0542 602402

Rocca e Natura Fontanellato - Parma

Piazza della Rocca Sanvitale, attorno al Castello e nelle vie porticate

Mercatino d'antiquariato Montecchio Emilia 0522 864639

Borsa scambio - mercatino d'antiquariato

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

Esposizione di stampe e libri antichi, cartoline e santini, incisioni e disegni, riviste, fumetti, antichi spartiti

ottobre

‘800 e dintorni

Prodotti naturali con sezioni dedicate ad hobbisti, maestri dell'ingegno,artisti del raku e del vetro soffiato

Uno dei più importanti e qualificati mercati del Nord Italia

ottobre

prosa pub&disco sagre spettacoli sport teatro ragazzi tempo libero

e curiosità

Casbah Arci

Via Roma, 20 - Pegognaga - Mantova - 0376 559368 casbahclub@gmail.com - www.casbahclub.net

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

del Ri-uso

Mediolanum Forum

VEN

incontri lirica live mercatini mostre musical operetta

ottobre DOMENICA

ottobre

Brescello 0522 482523

Chi cerca trova Pieve di Cento - Bologna

Piazza Costa e vie adiacenti - 051 974593

Il vecchio e l'antico Marignano - Forlì

Piazza Silvagni a San Giovanni

Mercatino delle cose d'altri tempi Traversetolo - Parma

Piazza Marzabotto - 0521 842841

Mostra mercato ricordi del passato Caorso - Piacenza

Via Roma e vie adiacenti - 0523 821256

A cura di Alessandro Gandino (K-Rock)

I

l plus questa volta sono le parole, ed infatti l’album esce corredato dal suo bel libretto. Ben Folds, da solo o con i Five, ha sempre creato pop

song di pregevole qualità un po’ Costello e un po’ Billy Joel. Questa volta con un’operazione via mail ai testi ci pensa l’autore di “Febbre a 90°” e “Alta fedeltà”. Le canzoni sono belle e funzionano, l’album benché Folds sia americano, suona inglese al 100% e i testi sono a tratti esilaranti, studiati tutti in forma racconto. Operazione bella e meritoria che però richiede un minimo di applicazione. Come una volta.

CONSIGLIATO: a chi oltre la musica vuole i testi

BEN FOLDS/NICK HORNBY - “Lonely Avenue” (Nonesuch)


ottobre

Via Alta, 23 - San Michele della Fossa - Bagnolo in Piano 0522 954454 - arcilatteria@libero.it - www.lalatteria.com

Aria Precaria

LUNEDÌ

Con Ale & Franz. Di Alessandro Besentini e Francesco Villa

Teatro Comunale di Carpi

ottobre

Piazza Martiri, 72 - Carpi - Modena - 059 649263 teatro.comunale@carpidiem.it - www.carpidiem.it/teatrocomunale

Andrea Vasumi

SABATO

La Latteria

ottobre

Via Alta, 23 - San Michele della Fossa - Bagnolo in Piano 0522 954454 - arcilatteria@libero.it - www.lalatteria.com

Giobbe Covatta

SABATO

Fuori Orario

ottobre

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Hip Hop TV - B-Day Party

VENERDÌ

P R O S A  DIALETTALE

La Latteria

VENERDÌ

ottobre MARTEDÌ

Via Vittorio Veneto, 13 - Nonantola - Modena - 059 564979 info@voxclub.it - www.voxclub.it

Leeroy Thornhill

SABATO

Circolo Onirica

ottobre

alle 22 - Piazzale Lunardi, 25/A - Parma www.myspace.com/circolonirica

My Friday

VENERDÌ

Dj Alex@px e Antenna Uno Djcrew

ottobre

Vibra

Via 4 Novembre, 40/A - Modena - www.vibra.tv

Gallery Animal Instinct

SABATO

Con Luca Agnelli

Vox Club

ottobre

Via Vittorio Veneto, 13 - Nonantola - Modena 059 564979 - info@voxclub.it - www.voxclub.it

Darkphobia

SABATO

Circolo Onirica

ottobre

Piazzale Lunardi, 25/A - Parma www.myspace.com/circolonirica

100% Jamaica

SABATO

Vibra

ottobre

Via 4 Novembre, 40/A - Modena www.vibra.tv

Casa&Tavola

FINO AL

ottobre SABATO

ottobre VENERDÌ

AL

ottobre

novembre DAL AL

ottobre ottobre

SAB

ottobre

DOM

ottobre SAB

ottobre

DOM

ottobre SAB

ottobre

DOM

ottobre

ottobre MERCOLEDÌ

SABATO

ottobre SABATO

DAL AL

ottobre ottobre

Vezzano sul Crostolo

Quello che gli uomini (ci) dicono Teatro del Fiume

Via Roma, 31 - Boretto - teatro@comune.boretto.re.it

Processo a Cavour

del tartufo nero di Fragno

Calestano-Parma

www.tartufonerofragno.it

Il Mondo di Pippi

L'appuntamento per bimbi, ragazzi e famiglie

Gonzaga - Mantova www.fieramillenaria.it

Mostra Regionale Elettronica Prodotti d'elettronica ed elettricità, telefonia, surplus

Ente Fiere Scandiano

Piazza Prampolini, 1 - Centro Fieristico - Scandiano 0522 857436 - entefiere@comune.scandiano.re.it

Animali della corte in festa

ottobre VENERDÌ

ottobre VENERDÌ

ottobre SABATO

Cena di solidarietà per il Pakistan Via Roma, 20 - Pegognaga - Mantova - 0376 559368 casbahclub@gmail.com - www.casbahclub.net

Cena di solidarietà con Libera Terra Via Roma, 20 - Pegognaga - Mantova - 0376 559368 casbahclub@gmail.com - www.casbahclub.net

Michele Giuttari, Remo Bassini, Casa & Tavola alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511

Dado Tedeschi, Eva Clesis, Alessandro Di Nuzzo

ottobre DOMENICA

Casa & Tavola alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511

Marco Balestri, Mauro Marcialis, Massimo Picozzi

ottobre

ottobre VENERDÌ

Casa & Tavola alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511

A cena con... il Giudice Priore Fuori Orario

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico - 0522 671970 - www.arcifuori.it

Cappella Regiensis

Conferenza-concerto con Paolo Terni (musicologo)

Teatro Valli

ottobre VENERDÌ

alle 18 - Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

Diamanda Galas Voce e pianoforte - Songs of Exile

Teatro Valli

ottobre SABATO

alle 20:30 - Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

Cappella Regiensis

M. Piccinini (soprano), C. Calzolari (contralto), M. Bellotto (basso)

ottobre DOMENICA

Chiesa di S. Domenico alle 21 - Reggio Emilia

Coro Polifonico "Mavarta" Ensemble da camera "Amici della Musica"

ottobre MARTEDÌ

Fiera dell'elettronica

Chiesa parrocchiale di S.Silvestro alle 21 - Mancasale di Reggio Emilia

Variazioni Goldbach Teatro Valli

Polo Fieristico Palabam

Mantova - 0547 415674 info@italfiere.net - www.electronicdays.it

alle 16 - Rubiera

Sara Di Antonio

Fiere di Reggio Emilia

Electronic Days

Biblioteca Comunale

Casbah Arci

1° rassegna avicola del giovane riproduttore

Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

B-days: i giorni delle biblioteche

e Giovanni Fasanella

Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

XX Fiera nazionale

alle 21 - Piazza Martiri della Libertà, 2 - Casalgrande 0522 998570 - info@teatrodeandre.it

Casbah Arci

ottobre DOMENICA

bianco pregiato

ottobre

Teatro Manzoni

Storia a colori per piccoli lettori

MERCOLEDÌ

Fiera nazionale del tartufo

FINO AL

Prognosi riservata

Di Francesca Reggiani e Valter Lupo

Fiere di Reggio Emilia DAL

alle 21 - Piazza Martiri della Libertà, 2 - Casalgrande 0522 998570 - info@teatrodeandre.it Tratto da “Gli allegri chirurghi” di Ray Cooney. Compagnia della Chiocciola” di Reggio

Mostra-mercato di arredamento e prodotti alimentari tipici

ottobre

Adelmo Adelmo ritorna in ospedale Teatro De Andrè

ottobre

Vox Club

ottobre

Via Roma, 8 - Sant'Ilario - 0522 674748

Teatro De Andrè

Via Valtellina, 25 - Milano 02 69016352 - www.alcatrazmilano.com

Selecta: Hip Hop Night

SABATO

Teatro Cinema Forum

Autobiografia di una nazione o "Addio, mia bella addio" di Corrado Augias e Giorgio Ruffolo

I N C O N T R I  TEMPO LIBERO

ottobre

Fin che la roda gira Con Antonio Guidetti

Alcatraz

CONCERTI

CABARET

PUB&DISCO

FIERE

Enrico Zambianchi

SABATO

alle 20:30 - Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

Atmosfere 2

Pezzi brevi, Fuga e Primavera - Maratona pianistica

Teatro Cavallerizza

Sant’Agata Feltria

ottobre

Rimini - 0541 848022

Saie

LUNEDÌ

Salone Internazionale dell'Edilizia

alle 19 - Viale Allegri, 8/A - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it

Marco Frezzato (violoncello piccolo) Concerto promosso ed organizzato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Reggio Emilia

Bologna Fiere S.p.a.

Via della Fiera, 20 - Bologna - 051 282111 bolognafiere@bolognafiere.it - www.bolognafiere.it

ottobre

Sagrestia della Cattedrale alle 21 - Reggio Emilia

i CD consigliati (o sconsigliati...) a chi ama la musica

P

robabilmente la ricetta migliore è fare quello che ti senti. E Robert Plant, una delle più grandi voci rock di sempre, sente il blues. Dopo lo splendi-

do “Raising Sand” realizzato con Alison Krauss, arriva adesso “Band Of Joy” album che crea un ponte tra gospel, blues, folk e rock and roll degli inizi. Gli Zeppelin sono il passato ma lui guarda ancora più indietro. Però il risultato più che retrò appare unico nel suo genere, con arrangiamenti incredibilmente “innovativi” se tale parola ha ancora un senso. In breve un ottimo album, degno di un artista che sta realizzando ciò che ama davvero.

CONSIGLIATO: a chi non segue nessuna moda

ROBERT PLANT - “Band Of Joy” (Mercury)


LIVE

A/R

VENERDÌ

SABATO

Fenice

ottobre

alle 21:30 - Prato di Correggio

Jonny Barber & The Rhythm Razors

VENERDÌ

ottobre SABATO

ottobre

Fabio Debbi

VENERDÌ

ottobre SABATO

Casa & Tavola

alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

ottobre

Levinhurst

VENERDÌ

Viale Zagabria, 1 - Bologna - 051 505801 www.covoclub.it

Voodoo Lounge

VENERDÌ

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

ottobre

Achtung Babies

VENERDÌ

ottobre SABATO

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

ottobre

Perturbazione/...A Toys Orchestra

VENERDÌ

ottobre

Riff Raff

VENERDÌ

SABATO

ottobre SABATO

The Fumana Hobo

VENERDÌ

ottobre SABATO

ottobre

Fata

VENERDÌ

ottobre DOMENICA

ottobre

The crazy crazy world of Mr. Rubik

VENERDÌ

ottobre DOMENICA

ottobre

Black and Brown

VENERDÌ

ottobre DOMENICA

ottobre

Skiantos

VENERDÌ

ottobre LUNEDÌ

Calibro 35

VENERDÌ

ottobre MARTEDÌ

ottobre

La Pegatina

SABATO

ottobre MARTEDÌ

Via Stalingrado, 83 - Bologna 051 323490 lele@estragon.it - www.estragon.it

Oracle King

SABATO

Cicci Blues Bar

ottobre

alle 20 - Via Mazzini - Viadana - Mantova

Caterina Ciriolo e Gabriele Cantarelli

SABATO

MERCOLEDÌ

alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

Bologna Violenta

SABATO

ottobre MERCOLEDÌ

ottobre

Flowers Blues Band

SABATO

GIOVEDÌ

ottobre

ottobre GIOVEDÌ

VENERDÌ

alle 18:20 - Fiere di Reggio Emilia - Via Filangieri, 15 Reggio Emilia - 0522 503511 - www.fierereggioemilia.it

Pier Luigi Salami Trio

Piazza Garibaldi - Cavriago - 0522 372065 osteria@cantinagaribaldi.it - www.cantinagaribaldi.it

Carlos Santana Via G. di Vittorio, 6 - Assago - Milano 199128800 - www.forumnet.it

Baou Tribe Via Mascarella, 1 - Bologna 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Paul Armfield Via per Rubiera, 36/A - Arceto di Scandiano www.myspace.com/lasalumeriadelrock

Horacio El Negro Hernandez "Italuba" Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Avenged Sevenfold Via Valtellina, 25 - Milano 02 69016352 - www.alcatrazmilano.com

Sananda Maitreya & The Nudge Nudge Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Amor Fou Covo Club

ottobre VENERDÌ

Viale Zagabria, 1 - Bologna 051 505801 - www.covoclub.it

Fragil Vida Batard Music and Wine

ottobre

Ò IN FONDA IN FONDA, I BARIGå S ë N DI BREV RAGå SÓ Sabato 16 ottobre a stagione teatrale del “San Prospero”, si apre sabato 16 ottobre alle 21, (replica domenica 17 alle 16) con “In fonda in fonda, i Barigâs în di brev ragâs” commedia in dialetto reggiano di Gianfranco Boretti e Guglielmo Cusi, presentata da “Qui d’Puianel”, compagnia teatrale presente con successo anche nelle passate stagioni del teatro. La divertente trama contrappone i Barigazzi, famiglia che non naviga nell’oro, ma i cui membri si lasciano andare volentieri alle seduzioni di un mondo che privilegia le spese superflue, agli Iemmi, vecchi amici dei Barigazzi, famiglia invece parsimoniosa, capitanata da un Luciano guardingo su ogni spesa e refrattario alle costose innovazioni della vita contemporanea. La famiglia Barigazzi naviga a vista tra gli scogli dei dissesti causati dal figlio Roberto e degli imbrogli subiti dall’ingenua Bianca, mentre i metodici Iemmi, fattisi investitori finanziari, si preparano ad una spettacolare scalata sociale. Nel teatro della vita però nulla è come sembra e spesso le vicende prendono una piega imprevista che costringe i protagonisti a vedere il mondo sotto una luce diversa. Gli interpreti sono: Lauro Magnani, Marta Cavalli, Lorenzo Barili, Paolo Fiordelisi, Tiziano Munari, Sandra De’ Pietri, Vainer Da Grava, Lionella Morelli, Paola Gualdi, Ivan Fontanesi, Loredana Guidi, Maria Marsigliante, Roberto Doronzo e Gianfranco Boretti anche coautore e regista della commedia. Informazioni e prenotazioni: 0522/439346 – teatrosanprospero@tiscalinet.it

R E G G I O E M I L I A - T E AT R O S A N P R O S P E R O

Giampaolo Corradini

Bravo Cafè

ottobre

 D I A L E T TA L E

L

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Alcatraz

Batard Music and Wine

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

Apocalyptica

Bravo Cafè

ottobre

Covo Club

Viale Zagabria, 1 - Bologna - 051 505801 www.covoclub.it

Via Rodolfo Pio, 4 - Carpi - Modena - 059 219449 mattatoiolive@gmail.com - www.myspace.com/mattatoyocultureclub

La Salumeria del Rock

Casa & Tavola

ottobre

Matt Elliott

Bravo Cafè

ottobre

Estragon

ottobre

San Bernardino di Novellara betateatrodeitamburi@tiscali.it - www.myspace.com/teatrodeitamburidibeta

Mediolanum Forum

Vibra

Via 4 Novembre, 40/A - Modena www.vibra.tv

The Tumbleweeds

Cantina Garibaldi

Circolo Onirica

alle 22 - Piazzale Lunardi, 25/A - Parma www.myspace.com/circolonirica

Via 4 Novembre, 40/A - Modena www.vibra.tv

Direttamente da Boston il musicista reggiano torna a casa col suo trio americano

Dio ci deve delle spiegazioni

ottobre

Statuto

Casa & Tavola

Bravo Cafè

Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Alcatraz

Arcitom

alle 22 - P.zza Tom Benetollo, 1 - Quartiere Borgochiesanuova Mantova - 0376 2853 - info@arcitom.it - www.arcimantova.it

Groove Island Trio

Mattatoio

Kalinka Club

Via Tassoni, 6 - Carpi - Modena info@kalinkaclub.it - www.kalinkaclub.it

alle 22 - Piazza Tom Benetollo, 1 - Quartiere Borgochiesanuova Mantova - 0376 2853 - info@arcitom.it - www.arcimantova.it

Teatro dei Tamburi

Teatro dei Tamburi

San Bernardino di Novellara betateatrodeitamburi@tiscali.it www.myspace.com/teatrodeitamburidibeta

Music Live 2010

Vibra

Vox Club

ottobre

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Bravo Cafè

Ac-Dc Tribute

Via Vittorio Veneto, 13 - Nonantola - Modena 059 564979 - info@voxclub.it - www.voxclub.it

Tra Liga e Realtà

Arcitom

ottobre

Fillmore

Via Giacomo Matteotti, 2 - Cortemaggiore - Piacenza 0523 836471 - www.myspace.com/fillmorecortemaggiore

Via Giacomo Matteotti, 2 - Cortemaggiore - Piacenza 0523 836471 - www.myspace.com/fillmorecortemaggiore

Tour organizzato dall’ASL

Tributo agli U2

Fuori Orario

Antani Project

Alcatraz

Tributo ai Rolling Stones

Batard Music and Wine

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Tributo a Ligabue

Covo Club

ottobre

Fuori Orario

Fillmore

La Salumeria del Rock

Via per Rubiera, 36/A - Arceto di Scandiano www.myspace.com/lasalumeriadelrock

Beautiful: Marlene Kuntz Maroccolo - Howie B

Acustico Rock

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it


Fuori Orario

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

ottobre

Skiantos

VENERDÌ

Fillmore

Via Giacomo Matteotti, 2 - Cortemaggiore - Piacenza 0523 836471 - www.myspace.com/fillmorecortemaggiore

ottobre

Fabio Supernova

VENERDÌ

Alcatraz

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

ottobre

Cheap Wine

VENERDÌ

Teatro dei Tamburi

San Bernardino di Novellara betateatrodeitamburi@tiscali.it www.myspace.com/teatrodeitamburidibeta

ottobre

Roipnol Witch Eva Mon Amour

VENERDÌ

Kalinka Club

Via Tassoni, 6 - Carpi - Modena info@kalinkaclub.it - www.kalinkaclub.it

ottobre

Raphael Gualazzi "Ragtime"

VENERDÌ

Bravo Cafè

Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

ottobre

Bud Spencer Blues Explosion

VENERDÌ

Jolene - Wild Clouds of Rainbow

Circolo Onirica

alle 22 - Piazzale Lunardi, 25/A - Parma www.myspace.com/circolonirica

ottobre

Motel Connection

VENERDÌ

Estragon

alle 22:30 - Via Stalingrado, 83 - Bologna 051 323490 - lele@estragon.it - www.estragon.it

ottobre

Miguel Bosè

SABATO

Mediolanum Forum

Via G. di Vittorio, 6 - Assago - Milano 199128800 - www.forumnet.it

ottobre

The Manges

SABATO

Covo Club

Viale Zagabria, 1 - Bologna 051 505801 - www.covoclub.it

ottobre

Dora Lee

SABATO

S P O R T  FESTIVAL MUSICAL OPERETTA D A N Z A 

Rio

VENERDÌ

Sospesi in sogno

SABATO

Danza acrobatica, compagnia La Trottola

Teatro De André

alle 20:45 - Piazza Martiri della Libertà, 2 - Casalgrande 0522 998570 - info@teatrodeandre.it

ottobre VEN

Come un respiro Compagnia Aterballetto

ottobre

Teatro Valli

SAB

Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

ottobre

La vedova allegra

DOMENICA

Di Franz Lehár, Compagnia Corrado Abbati

Teatro Comunale di Carpi

alle 16 - Piazza Martiri, 72 - Carpi - Modena - 059 649263 teatro.comunale@carpidiem.it - www.carpidiem.it/teatrocomunale

ottobre

Maria Stuarda

SAB

novembre

Teatro Comunale Luciano Pavarotti

DOM

Via del Teatro, 8 - Modena - 059 2033020 info@teatrocomunalemodena.it

novembre

Hairspray

SABATO

Compagnia ArtistiSenzaNome. Regia Emanuele Valla

Teatro De André

alle 21 - Piazza Martiri della Libertà, 2 - Casalgrande 0522 998570 - info@teatrodeandre.it

ottobre DAL

Jesus Christ Superstar

novembre

Teatro Ventaglio Smeraldo

AL

Piazza XXV Aprile, 10 - Milano - 02 29006767 www.teatrosmeraldo.it

novembre

VIE Scena Contemporanea Festival

FINO AL

Spettacoli e compagnie scelte tra le migliori espressioni della scena contemporanea mondiale

ottobre

Modena - Carpi - Vignola

Aperto Festival

FINO AL

Teatro Municipale Valli Teatro Ariosto - Teatro Cavallerizza

novembre

Reggio Emilia - www.iteatri.re.it

Trenkwalder - Mazzeo San Severo

DOMENICA

Palasport "G. Bigi"

alle 18:15 - Via Guasco, 8 - Reggio Emilia - 0522 435637 www.pallacanestroreggiana.it

ottobre

35ª Camminata La Modolena

DOMENICA

Gara podistica, Km. 5 – 12

Circolo ARCI Pieve Modolena

ottobre

Via F.lli Cervi, 216 - Reggio Emilia

Reggiana-Cremonese

DOMENICA

Blues Band

Stadio Giglio

Batard Music and Wine

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

ottobre

Bandaliga

SABATO

P.le Atleti Azzurri d'Italia, 1 - Reggio Emilia - 0522 926111 www.reggianacalcio.it

ottobre

8ª Camminata di Re Lamizzo

DOMENICA

Gara podistica, Km 4 – 10

Fillmore

Via Giacomo Matteotti, 2 - Cortemaggiore - Piacenza 0523 836471 - www.myspace.com/fillmorecortemaggiore

Mett-A e le Souluzioni e Andre

SABATO

Williams and the goldstars!

Casbah Arci

Via Roma, 20 - Pegognaga - Mantova - 0376 559368 casbahclub@gmail.com - www.casbahclub.net

ottobre

The Youngs

SABATO

Tribute to Neil Young

Teatro dei Tamburi

San Bernardino di Novellara www.myspace.com/teatrodeitamburidibeta

ottobre

Moka Republik

SABATO

Circolo Arci Lemizzone

ottobre

SAGRE

ottobre

alle 9:15 - Correggio

SAB

Festa dei Sapori e del cioccolato I sapori tipici della tradizione culinaria autunnale di Crevalcore

ottobre

DOM

Crevalcore - Bologna

ottobre

Fiera di San Luca

DOMENICA

Centro storico

ottobre

Correggio

Fiera di Ottobre

DOMENICA

Degustazione e vendita di prodotti gastronomici tipici, luna park, mercato, cottura del formaggio Parmigiano-Reggiano

La Salumeria del Rock

Via per Rubiera, 36/A - Arceto di Scandiano www.myspace.com/lasalumeriadelrock

ottobre

Electric Flag feat. Emiliano Pintori

SABATO

Bravo Cafè

Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

ottobre

A toys orchestra

SABATO

Centro Storico

ottobre

Gualtieri

Festa della Castagna

DAL AL

ottobre

Marola

ottobre

Sagra del marrone

FINO AL

Calamita

Via Guardanavona, 11 - Cavriago - 338 1222640 info@calamita.net - www.calamita.net

ottobre

TBA

SABATO

ottobre

Castel del Rio - Bologna

Fiera del Riso

FINO AL

Stand gastronomici con menù a base di risotti mantovani

Circolo Onirica

alle 22 - Piazzale Lunardi, 25/A - Parma www.myspace.com/circolonirica

ottobre

Statuto

SABATO

Estragon

alle 23 - Via Stalingrado, 83 - Bologna 051 323490 - lele@estragon.it - www.estragon.it

ottobre

Piazzale Levoni

ottobre

Mantova

SAB

Fiera di San Simone

Dal 1824, una fiera di tradizione con prodotti della nostra terra

ottobre

DOM

Rolo in Festa

ottobre

 DA N Z A

Centro Storico - Rolo

 CA BA R E T

SOSPESI IN SOGNO Sabato 16 ottobre

S

abato 16 ottobre alle ore 20,45 al Teatro De Andrè di Casalgrande, la Compagnia di Danza Acrobatica “La Trottola” di Castelfranco Emilia presenta “Sospesi in sogno” su coreografie di Patrizia Marletti. La serata è favore del progetto “Rio della Speranza”, che vuole promuovere sviluppo tra le popolazioni indigene dell’Amazzonia ed evitarne la migrazione verso le città. L’associazione crea occupazione e reddito attraverso professioni sostenibili, artigianato ecoturismo, produzione biologiche, offrendo formazione professionale e la creazione di micro imprese famigliari e cooperative. Amazzonia Sviluppo ha già costruito una scuola, allestito un’ infermeria, attivato una falegnameria ed una struttura per l’ecoturismo, aperto un allevamento ittico. Il tutto per salvare migliaia di giovani dalle favelas urbane. Ingresso 15 euro adulti 10 euro bambini e incasso devoluto a “Rio della Speranza” www.amazzonia90sviluppo.org. Per informazioni: Teatro De André - Piazza Roberto Ruffilli, 1; Casalgrande - Reggio Emilia; Tel. 0522.1880040; info@teatrodeandre.it; www.teatrodeandre.it.

CA S A L G R A N D E - T E AT R O D E A N D R È

ENRICO ZAMBIANCHI Sabato 16 ottobre

E

nrico Zambianchi approda sabato 16 ottobre alle 22,30 al circolo La Latteria con una delle sue performance più esilaranti nella quale inscena il personaggio della morte. ‘Casadei Ermete... c’è? E’ diventato uno dei tormentoni dell’intera Romagna e oltre. Merito di Enrico Zambianchi, un comico forlivense dalla gestualità sopraffina e dai monologhi pungenti. Impossibile non trascinare il pubblico in un continuum di risate e di applausi. Una rivisitazione umoristica della Morte (con tanto di falce e costume nero) che ironizza sulla vita dell’essere umano con allegria, leggerezza ma soprattutto con quella sorprendente genialità che lascia stupefatto chiunque si trova a fronteggiarla! San Michele della Fossa - Bagnolo in Piano. Per info: 0522-954454

B AG N O L O I N P I A N O - S A N M I C H E L E D E L L A F O S S A


MOSTRE

FINO AL

Il suono ritrovato - Tra passato

Antologica dell'artista Gilberto Re

FINO AL

e presente: l'epigòneion

dicembre FINO AL

novembre FINO AL

Casa del suono

Piazzale Salvo d'Acquisto - Parma - 0521 03103

Improvvisazioni tra luoghi e persone

Palazzina Iveco

ottobre

Viale Zonta - Mantova - 0376 535593

Goya - Battaglia - Samorì

FINO AL

Collettiva di questi tre diversi artisti che riflettono sulla realtà del male

Raccolta Lercaro

La Taverna dell'Aquila

Via dell'Aquila,6/A - Reggio Emilia - 0522 452956 - 347 6641835

Segni dal cielo: le nuvole

gennaio '11

Il sogno di Salvador Dalì a Milano

FINO AL

di Bertoldi in mostra alla Einaudi

ottobre FINO AL

Galleria espositiva Libreria Einaudi

C.so Vittorio Emanuele II, 19 - Mantova - 0376 365854

Paralleli

Palazzo Reale

gennaio '11

FINO AL

Palazzo Ducale di Sabbioneta Mantova - 0375 52599

24 artisti a Villa Verde

Mostra pittorica di Benedetto Croci

novembre

novembre FINO ALL'

Viale Lelio Basso,1 - Reggio Emilia - 0522 328611

Architetture d'arte

Caffè del Prato

P.le S. Francesco, 1 - Parma - 0521 031118 officinaprato@libero.it

ottobre

Frammentazioni - materia alla deriva

FINO AL

Mostra fotografica di Stefano Sturloni

Casa del Mantegna FINO ALL'

Via Giovanni Acerbi, 47 - Mantova - 0376 360506 casadelmantegna@provincia.mantova.it

Renato Guttuso - Passione e realtà

Bar Blank

ottobre

Via Panciroli, 4/C - Reggio Emilia - 0522 436730

Sensazioni Padane

FINO AL

Mostra personale di Fabio Rota

Fondazione Magnani Rocca

dicembre FINO AL

Via F. Magnani Rocca - Mamiano di Traversetolo - Parma 0521 848327 - info@magnanirocca.it

William Cobbing: Man in the planet

novembre

FINO AL

Via Procaccini, 4 - Milano info@fabbricadelvapore.org - www.fabbricadelvapore.org

Feminine

Galleria San Francesco

ottobre

Via Bardi, 4/B - Reggio Emilia - 0522 440458

Luzzara e Zavattini - Un legame lungo una vita

L'Ariete arte contemporanea

novembre FINO AL

Dado Schapira - Silenzio Tensione

gennaio '11

FINO AL

Piazzale Antonio Balamonti, 2 - Milano - 02 6596532 info@fabbricaeos.it - www.fabbricaeos.it

Le bandiere della fortuna

FINO AL

Palazzo del Pio

Piazza Dei Martiri - Carpi - Modena - 059 649955 - musei@carpidiem.it

Simone Ferrarini - Andiamo

novembre

ottobre FINO AL

Piazzale Domenico Gazzadi, 4 - Sassuolo - Modena magazzinicriminali@libero.it

Anni 60 a Modena

FINO AL

Ex Ospedale di Sant'Agostino Via Emilia Centro, 28 - Modena

Just Below the surface

gennaio '11

ottobre FINO AL

Via San Pietro Martire,16/A - Reggio Emilia - 0522 1970864

Alessio Bolognesi

novembre

FINO AL

Via Castello - Varano de' Melegari - Parma

Luigi Leonidi - Paper faber

novembre FINO AL

Via Mascherella, 36 - Modena - 059 239459 amphisbaena@libero.it - www.amphisbaena.it

Saletta Galaverni 1960 - 2010

Galleria Parmeggiani

ottobre

C.so Cairoli, 2 - Reggio Emilia - 0522 451054

Incontri

FINO AL

Galleria Torno Subito

P.zza XXIV Maggio, 1/H - Angolo P.zza Fontanesi - Reggio Emilia 347 8231189 - riccardovarini@alice.it

ottobre

GD4 PhotoArt. La fotografia s'industria Mostra fotografica colletiva dedicata alla fotografia industriale

novembre

FINO AL

Via Dell'Aquila, 6/C - Reggio Emilia - 0522 434878 info@galaverni.com - www.galaverni.com

Alfabeto delle Pianure

FINO AL

Galleria del nuovo teatro

novembre

Veritas - l'arte è una bugia che Palazzo Bentivoglio

ottobre

Gelataria Romana

Vicolo del Folletto,1 - Reggio Emilia - 347 6641835

Il Resto del Carlino: 45.000 notti

FINO AL

passate a scrivere la storia

Mostra dedicata all'anniversario dei 125 anni del quotidiano

Palazzo Magnani

Corso Garibaldi, 29 - Reggio Emilia - 0522 454437

Verdi in mostra: il disco e Verdi

FINO AL

Esposizione di edizioni discografiche dei primi decenni del Novecento

ottobre

Piazza IV Novembre - Gualtieri

Via Ferrari Bonini, 6 - Reggio Emilia - 0522 541934 Mostra fotografica di Franco Soliani

permette di svelare la verità

novembre

Museo dei Frati Cappuccini

Passato e presente

FINO AL

ottobre

Soragna - Parma

Via Delle Belle Arti, 56 - Bologna - 051 4209411

Mostra multimediale con videoinstallazioni di Macchinazioni Teatrali

Mostra personale del fotografo Enrico Bedolo

ottobre

Pinacoteca Nazionale

L'oro del povero

FINO ALL'

Saletta Corniceria Galaverni

ottobre

Via L. Ariosto, angolo Piazza Diaz (Porta Castello) - Reggio Emilia

I luoghi della follia

fortunae suae

Amphisbaena

Il Baretto

Fotografie di Bruno Cattani

FINO AL

FINO AL

Castello Pallavicino

Corso Umberto I°, 22 - San Martino in Rio - 0522 636709 Mostra pittorica di Agata Falbo

Mostra personale del giovane artista ferrarese

ottobre

Rocca Estense

Il corpo e l'anima

FINO AL

Personale dell'artista americana Sandra Moss

CSART Comunicazione per l'arte

C.so Cavour, 7 - Correggio - 0522 693296

radio da Guglielmo Marconi al transistor

Oltre 100 foto sulla stagione cruciale degli anni Sessanta

novembre

Palazzo dei Principi

A tutti coloro che sono in ascolto... la

FINO AL

a cercar Fortuna!

Magazzini Criminali

Ex convento degli Agostiniani - Via Villa Superiore, 32 - Luzzara Edizioni illustrate della Biblioteca Comunale Giulio Einaudi di Correggio

Installazione a cura di Betta Frigieri e Luca Panaro

ottobre

Museo Nazionale delle Arti Naives

Tesori di carta

FINO AL

Fabbrica Eos

ottobre

Via G. Lorca - Masone di Reggio Emilia Mostra personale di pittura di Andrea Paganini

FINO AL

Via d'Azeglio, 42 - Bologna - 348 9870574 info@galleriaariete.it - www.galleriaarte.it

Ristorante La Gnoccheria

Respiro Lieve

FINO AL

Fabbrica del Vapore

ottobre

Via Vittorio Veneto, 5 - Reggio Emilia Mostra fotografica personale di Linda Vukaj

Mostra personale dell'artista Marcello Morandini

novembre

Caffè Venezia

Pezull

FINO AL

Opere pittoriche di Marina Burani, Umberto Giorgione e Ludmila Kazinkina

Casa di cura Villa verde

Piazza del Duomo,12 - Milano - 02 875672 www.comune.milano.it/palazzoreale

Lifepainting

FINO AL

Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea

novembre

Via Riva di Reno, 57 - Bologna - 051 6566210 segreteria@raccoltalercaro.it - www.raccoltalercaro.it

Casa del suono

Piazzale Salvo d'Acquisto - Parma - 0521 03103

INCONTRI FIABE A MERENDA E LETTURE CONDIVISE Venerd“ 15 e sabato 16 ottobre

R

itornano i B-Days,“I giorni delle biblioteche” con cui la Provincia, il Comune di Reggio Emilia e diversi comuni della nostra provincia intendono promuovere i servizi bibliotecari per renderli ancora più visibili e popolari. Anche Guastalla partecipa a questa iniziativa con l’apertura straordinaria della Biblioteca di Palazzo Frattini e una serie di appuntamenti da non perdere. Venerdì 15 ottobre alle ore 16,30, FOLA, FULETA, FILO’, fiabe della tradizione che parlano di un mondo ricco di accadimenti magici e straordinari. Narra Marco Bertarini. Sabato 16 ottobre alle ore 17 Donato Ungaro presenta il suo ultimo libro EGREGIO INGEGNER Giuseppe Bottazzi edito dalla casa editrice Battei. Dialoga con l’autore Gabriele Maestri. Legge Fiorello Tagliavini. Domenica 17 ottobre dalle ore 9.00 alle 12.30. Colazione offerta dalla Biblioteca di Palazzo Frattini. Domenica 17 ottobre alle ore 17 Lettura condivisa: Mal di pietre di Milena Agus sarà letto da: Giovanna Soresina, Stefania Codamo, Sara Giuberti, Claudia Codeluppi, Gioia Ferrari, Paola Berni, Loide Codamo, Maddalena Chierici, Sara Celiberti, Lucia Pecorini, Elena Mancini, Anna Codeluppi, Isa Morgotti, Angela Zavattini, Giulia Zaniboni.

G U A S TA L L A - B I B L I O T E CA


Nabucco: Mostra fotografica

FINO AL

FINO AL

di Graziella Vigo

Portici del Grano

ottobre

Strada della Repubblica, 1 - Parma - 0521 218352

Gregorio Botta: la forma dell'acqua

FINO AL

Una mostra omaggio dedicata all'artista nel cinquantenario della scomparsa

Arianna Sartori Arte & Object Design

ottobre FINO AL

Galleria Studio G7

Via Val d'Aposa, 7/G (centro storico) - Bologna - 051 266497 info@galleriastudiog7.it - www.galleriastudiog7.it

Confine

FINO AL

ottobre FINO AL

Palazzo Borzacchi

Via Emilia S. Stefano,14 - Reggio Emilia - 0522 432103 - galleriavv8@alice.it

Il respiro del fuoco - Giuseppe Spagnulo

FINO AL

ottobre FINO AL

Mostra personale dello scultore

Via Emilia S. Pietro, 21 - Reggio Emilia - 0522 580143 duemilanovecento@tin.it - www.duemilanovecento.it

Cesura Inprint

FINO ALL'

novembre FINO AL

novembre

Piazza XXV Aprile, 2 - Reggio Emilia - 0522 451552

Maria Chiara Zarabini - Corredo per Daphnae

FINO AL

Officina delle Arti

Via Brigata Reggio, 29 - Reggio Emilia - 0522 554711

Terre

FINO AL

dicembre FINO AL

Centro Culturale Mavarta

Via Piave, 2 - S. Ilario d'Enza - 0522 671858

Luci ed emozioni

FINO AL

Torre Civica Medievale dell’Orologio San Polo d’Enza - 0522 241771

Tutta una vita - Francesco Barilli

FINO AL

Mostra personale dell’artista

Galleria S. Andrea

ottobre

Strada Cavestro Giordano, 6 - Parma

Salvador Dalì

FINO AL

In esposizione diverse produzioni dell’artista sul tema: “La divina commedia”

SEDA - Spazio arte

ottobre

Via Don Minzoni, 6/C - Reggio Emilia - 0522 944347

Lidia Bagnoli - Featurig art gallery

FINO AL

Mostra personale di arte contemporanea dell'artista

Grafique Art Gallery

Via Ferrarese, 57 - Bologna grafique@grafique.it - www.grafique.it

ottobre

Percorsi di luce

FINO AL

Mostra personale di Fiorella Pierobon

Palazzo Giordani

novembre

FINO AL

Sergio Breviario - L'erba del re non fa crescere i fiori

Fabio Tiboni Arte Contemporanea

dicembre

ottobre FINO AL

Sandra Kranich - Firework 8.10.2010

Car Projects

novembre

Viale Pietro Pietramellara, 4/4 - Bologna - 051 6592522

Scarpette rosse - Julia Bornefeld

FINO AL

Personale dell'artista tedesca vincitrice del Premio Icona ad ArtVerona 2006

Galleria 8,75 - Artecontemporanea

Corso Garibaldi, 4 - Reggio Emilia - 0522 556806 - 340 3545183 info@875.it - www.875artecontemporanea.it

novembre

La Pelle dell'Anima

FINO AL

Il nudo femminile in 50 opere che affrontano il genere tra Otto e Novecento

Villa Soragna

novembre

Parco Nevicati - Via Valli, 3 - Collecchio di Parma - 0521 302502/503

Quadrivio - Il paesaggio svelato

FINO AL

Collettiva di pittura con opere dei giovani artisti Mirko Baricchi, Josè Demetrio, Pietro Iori, Simone Pellegrini

Galleria Bonioni Arte

novembre

Corso Garibaldi, 43 - Reggio Emilia - 0522 435765

Tracce di luce

FINO AL

Mostra di Tina Sgrò con lavori inediti che prendono ispirazione da una realtà familiare

Grafique Art Gallery

Via Ferrarese, 57 - Bologna grafique@grafique.it - www.grafique.it

ottobre

Ernesto Treccani - Disegni inediti

FINO AL

La mostra celebra il grande maestro del Realismo italiano

Pivarte - Galleria d'arte

ottobre

Via Azzo Gardino, 8 - Bologna - 051 6494293 - www.pivarte.eu

LIVE

Otto Gallery

Via D’Azeglio, 55 - Bologna - 051 6449845

Ross Bleckner - Meditation and time Via Nazario Sauro, 62 - Modena - 059 243455 info@galleriamazzoli.com - www.galleriamazzoli.com

Finito e infinito - l’uomo di fronte alla natura Via Emilia S. Pietro, 30 - Reggio Emilia - 0522 540338 - 580178 info@studiodebonis.com - www.studiodebonis.com

La ferrovia Reggio-Ciano 1910 - 2010 Teatro Matilde di Canossa Ciano d’Enza

Sant’Ilario in 20 scatti

Originali, istantenee del centro storico. Opere di: Elisa Arleoni, Elena Dall’Argine, Chiara Ranzieri, Valentina Vergalli, Andrea Manghi e Gianni Salati

ottobre DAL AL

ottobre

novembre DAL AL

ottobre

dicembre DAL AL

ottobre ottobre

DAL AL

ottobre ottobre

DAL AL

ottobre ottobre

Via del Porto, 50 - Bologna - 051 6494586 - www.fabiotiboni.it

FINO AL

Arcangelo - Kenya Masai

Mostra immagini storiche e documenti della ferrovia, provenienti dalla collezione privata del Sig. Renzo Masoni

Viale Martiri della Libertà,15 - Parma - 0521 931963

FINO AL

Piazza Prampolini - Castelnuovo Sotto - 0522 683780

Galleria De Bonis

novembre

Mostra personale dell’artista Iaures Oleari, oltre cinquanta opere

ottobre

Chiesa della Madonna

Opere su carta di Hyena e sculture dell’artista romano Cristiano Alviti

Mostra di pittura di Bruno Barani

ottobre

Salvare la natura per salvare la vita

Emilio Mazzoli galleria d’arte contemporanea

Mostra fotografica dell'artista

novembre

Strada Cairoli, 11 - Parma - 0521 281142

Una mostra sui flower paintings realizzati dall’artista statunitense

Mostra fotografica con opere di: Arianna Arcara, Gabriele Micalizzi, Alice Pavesi, Andy Rocchelli, Alessandro Sala, Luca Santese, Gabriele Stabile

Spazio Gerra

Galleria d'arte Il Sipario

Mostra che presenta la testimonianza di un viaggio traslato su tela di emozioni scaturite dal contatto con la natura

2000 & Novecento - Galleria d'Arte

dicembre

Piero Pizzi Cannella - Mario

Una celebrazione della vita sulla terra e del valore della diversità biologica per la nostra esistenza

Mostra personale di Alberto Zamboni

ottobre

Via Ippolito Nievo, 10 - Mantova 0376 324260 - info@sartoriarianna.191.it

Schifano - Ut Pictura

Personale dell'artista con grande installazione e nuovi lavori a parete

novembre

Vito Vaccaro - Sculture e dipinti

DAL AL

ottobre

dicembre DAL AL

ottobre

novembre DAL AL

ottobre

gennaio '11 DAL AL

ottobre

novembre DAL AL

ottobre

dicembre DAL AL

ottobre

gennaio '11

Itinere

Via Ferrari, 7 - S. Ilario d’Enza - 0522 902174

Davide Benati - Pitture in palmo di mano 1980 - 2010

Galleria Parmeggiani

C.so Cairoli, 2 - Reggio Emilia 0522 451054

Paola Pezzi - Antologica piccola Mostra personale con una raccolta di quasi una cinquantina di opere

Artema

Corso Canalchiaro, 34 - Modena

Scripta Manent

Una selezione di opere fotografiche tratte dalla serie “Scripta manent”, realizzata nel corso del 2010

Carlo Maestri

P.zza G. Galilei, 6 - Guastalla - 0522 826736

Marianne Bargiotti - Look at me! Animals portraits

Circolo artistico Iterarte

Corte Isolani, 7/A - Bologna - 051 229490 - www.iterarte.com

Zeno Giglietti - Le case fiaba e non solo Mostra personale dell’artista

Galleria Arianna Sartori

Via Cappello, 17 - Mantova 0376 324260 - info@sartoriarianna.191.it

Passioni e misteri

Mostra personale dell’artista Elisabetta Manghi

La Raquette

Via Racagni, 13 - Parma - 0521 252164

Nino Bandiera - Io so chi sono Mostra fotografica personale dell’artista

Oltre Dimore

Via Urbana, 6 - Bologna - 051 331217 info@oltredimore.it - www.oltredimore.it

Naufragio con spettatore

Esposizione dedicata a Claudio Parmiggiani, grande protagonista del panorama artistico internazionale

Palazzo del Governatore

Piazza Giuseppe Garibaldi - Parma - 0521 218929

Il viaggio

Mostra personale dell’artista Barbara Pecorari

Artekostia

Via Rodolfo Morandi, 1/B - Albinea 347 5758019 - artsfactory@libero.it

Emanuela Fiorelli - Permutazioni Mostra personale dell’artista, una decina di nuovi lavori

Galleria Spazia

Via dell’Inferno,5 - Bologna - 051 220184 info@galleriaspazia.com - www.galleriaspazia.com

Kara Tanaka - A sad bit of fruit, pickled in the vinegar of grief

Collezione d’Arte Contemporanea Maramotti Via F.lli Cervi, 66 - Reggio Emilia - 0522 382484

INCONTRI

THE YOUNGS Sabato 23 ottobre

N

APERITIVO LETTERARIO Domenica 17 ottobre

C

on manca certo la grande musica al Teatro dei Tamburi di San Bernardino che sabato 23 ottobre alle 22,30 si affida a suoni divenuti ormai dei classici: sul palco del locale salirà il tributo reggiano a Neil Young. The Youngs, questo il nome della band, celebreranno la ultraquarantennale carriera del rocker canadese, proponendo brani che dipingono le molteplici anime di uno dei mostri sacri del rock. Veterani della scena musicale reggiana, The Youngs offrono uno spettacolo coinvolgente che, pur rispettando le sonorità che sono alla base del marchio di fabbrica del sound del canadese, riesce anche ad essere personale, e non si limita ad una pura replica dell’originale.

on la simpatica e inedita formula dell’“Aperitivo letterario”, il circolo culturale “Giovanni Paolo II” dell’Unità Pastorale di Bagnolo in Piano, inaugurato il mese scorso dal vescovo Adriano Caprioli assieme alla libreria intitolata a don Paolo Morelli, inaugura la sua attività proponendo letture e riflessioni sui grandi temi della Chiesa e della Società. Il primo appuntamento è per domenica 17 ottobre alle ore 19,15 presso l’ex-refettorio parrocchiale di Bagnolo: con l’accompagnamento musicale curato dal Maestro Primo Iotti, sarà offerta la possibilità di ascoltare la lettura di brani tratti dalle opere e dai discorsi di Giovanni Paolo II. L’incontro diventerà l’occasione per appuntare l’attenzione su grandi e attuali temi, quali la famiglia, i giovani, la pace e l’impegno sociale. L’iniziativa, che avrà la durata di circa un’ora, sarà dunque un modo originale e snello per avvicinare in maniera diversa arte e riflessione, non solo coinvolgendo emotivamente lo spettatore ma regalando preziosi spunti di meditazione. Al termine della lettura il Circolo sarà lieto di offrire un piacevole aperitivo ai partecipanti, che i responsabili auspicano particolarmente numerosi.

N OV E L L A R A - S A N B E R N A R D I N O

B AG N O L O - C I R C O L O C U LT U R A L E “ G I O VA N N I PAO L O I I ”


Al cinema

in collaborazione con

LA PROGRAMMAZIONE DELLA SETTIMANA DEI CINEMA DI REGGIO E PROVINCIA

>

in città

CINEMA

al corso corso garibaldi, 14 tel. 0522.437721

www.cinemaalcorso.it

CINEMA Da Venerdì 15 a Domenica 17 Ottobre:................... ...................................................VIAEMILI@DOCFEST Martedì 19 Ottobre_ore 16:00 - 18:00 - 20:30 22:30 ....................................MATRIMONI E DISASTRI

uci cinestar p.zza atleti azzurri d'italia, 1 tel. 0522.278511

www.ucicinemas.it

via gian battista vico, 68 tel. 0522.944006

spettacolo notturno ore 00:50 ..... INNOCENTI BUGIE Martedì 19 Ottobre_ore 18:30 - 21:30 ....................... ................................................MANGIA, PREGA, AMA Da venerdì 15 Ottobre_ore 19:00 - 22:10 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 15:50 ..... INCEPTION Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:15 - 19:45 tutti i gior-

CINEMA

jolly

Da venerdì 15 Ottobre_ore 22:15 tutti i giorni; sabato

ni escluso martedì; sabato e domenica anche ore

Da Venerdì 15 a Giovedì 21 Ottobre_ore 20:30 -

14:45 ............... L'ULTIMO DOMINATORE DELL'ARIA 3D

22:30 feriali, 18:30 - 20:30 - 22:30 festivi ..................

Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:15 - 18:45 - 19:55 -

.................................UNA SCONFINATA GIOVINEZZA

21:20 - 22:30 tutti i giorni; sabato e domenica anche

www.cinemajolly.it

ore 14:35 - 16:05; sabato spettacolo notturno ore 00:10 - 01:00 ................................ BENVENUTI AL SUD Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:30 - 20:00 - 22:30 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 15:00; sabato spettacolo notturno ore 01:00 ................ STEP UP 3D Sabato 16 e Domenica 17 Ottobre_ore 14:00 .......... ............................................................... TOY STORY 3 Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:00 - 19:40 - 22:20 tutti i giorni escluso martedì; sabato e domenica anche ore 14:15; sabato spettacolo notturno ore 01:00; martedì ore 19:40...................................... THE TOWN Da venerdì 15 Ottobre_ore 18:20 - 20:30 - 22:40 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 14:00 - 16:10; sabato spettacolo notturno ore 01:00 ...........BURIED Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:10 - 19:40 - 22:15 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 14:30; sabato

CINEMA

olimpia via tassoni, 4, tel. 0522.292694

spettacolo notturno ore 00:45 .................................. ....................... MISS ADELE E L'ENIGMA DEL FARAONE

Lunedì 18 Ottobre_ore 18:00 - 20:30 - 22:30 ............

Da venerdì 15 Ottobre_ore 18:30 - 20:40 - 22:45 tutti i

....................................................................... ADAM

giorni; sabato e domenica anche ore 16:20; sabato spettacolo notturno ore 01:00 .............. GORBACIOF

www.cinemaolimpia.com CINEMA

rosebud via medaglie d'oro della resistenza, tel. 0522.555113

www.municipio.re.it/cultura

Da venerdì 15 Ottobre_ore 17:30 - 19:50 - 22:05 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 15:15; sabato

Da Venerdì 15 a Martedì 19 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 sabato, 22:30 domenica, 21:00 venerdì e martedì.......... ...............................................................LO ZIO BOONMEE Lunedì 18 Ottobre_ore 20:30.................................... ...LA MARCIA SU ROMA - A SEGUIRE: PANE AMORE E Mercoledì 20 Ottobre_ore 21:00 ................... NAKED

ADÈLE E L'ENIGMA DEL FARAONE

spettacolo notturno ore 00:20 ...CATTIVISSIMO ME 3D Da venerdì 15 Ottobre_ore 18:20 - 20:30 - 22:40 tutti i giorni; sabato e domenica anche ore 14:00 - 16:10; sabato spettacolo notturno ore 01:00 ...................... ....................................................CATTIVISSIMO ME 3D

Nelle sale

BURIED - SEPOLTO

INNOCENTI BUGIE

› Titolo originale: Les aventures extraordinaires d’Adèle Blanc-Sec › Nazione: Francia › Anno: 2010 › Durata: 105’ › Genere: Avventura, Fantastico › Regia: Luc Besson › Produzione: Europa Corp., Apipoulaï, TF1 Films Production › Distribuzione: Medusa › Cast: Louise Bourgoin, Mathieu Amalric, Gilles Lellouche, Jean-Paul Rouve, Jacky Nercessian, Philippe Nahon, Nicolas Giraud, Frédérique Bel, Laure de Clermont-Tonnerre

C

onclusa la trilogia di “Arthur e il popolo dei Minimei”, Luc Besson adatta le tavole a fumetti di Jacques Tardi, dando vita ad una Indiana Jones in corsetto e cappello piumato. 4 novembre 1911: avvengono strani fenomeni a Parigi, tutti riconducibili all’intrepida avventuriera e scrittrice d’appendice Adèle Blanc Sec. La donna è pronta a tutto pur di recuperare un importante sarcofago egiziano. Il film resta visivamente fedele al baloon in un pastiche dall’innata ironia, capace di coniugare spirito d’avventura e grotteschi toni sanguinari.

› Titolo originale: Knight and Day › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Durata: 109’ › Genere: Azione, Commedia › Regia: James Mangold › Distribuzione: 20th Century Fox › Cast: Tom Cruise, Cameron Diaz, Peter Sarsgaard, Maggie Grace, Paul Dano, Marc Blucas, Viola Davis, Jordi Mollà, Liam Ferguson, Stream, Nicole Signore › Noi la pensiamo così: Due ore di intrattenimento puro

› Titolo originale: Buried › Nazione: Spagna, U.S.A. › Anno: 2010 › Durata: 94’ › Genere: Thriller › Regia: Rodrigo Cortés › Produzione: Versus Entertainment › Distribuzione: Moviemax › Cast: Ryan Reynolds, Robert Paterson, José Luis García Pérez, Stephen Tobolowsky, Samantha Mathis, Warner Loughlin, Ivana Miño, Erik Palladino

D

iretto dal Rodrigo Cortès di “Red Lights”, un thriller mozzafiato di matrice spagnola. Paul si ritrova rinchiuso in una cassa di legno a tre metri sotto terra. Ha in tasca un telefono cellulare, un accendino e una matita. Nei novanta minuti di aria a sua disposizione dovrà capire com’è finito in quel feretro nel deserto iracheno, guidando i soccorritori fino a lui per poterlo salvare. Azzardato nello spunto, ambizioso nella sfida di immobilità ed eterna penombra, un film interamente girato in una bara, dal volto di Ryan Reynolds.

I

l James Mangold di “Ragazze interrotte” e “Quando l’amore brucia l’anima” affianca Cameron Diaz a Tom Cruise in un action comedy dal ritmo incalzante. All’aeroporto di Wichita, Kansas, il misterioso Roy Miller si scontra con la bionda June Havens, in partenza per un matrimonio. Affascinata da Roy, la ragazza si troverà braccata da servizi segreti e malavita, perché coinvolta nel furto del potente Zefiro. Il regista si lascia fagocitare dal personaggio di Ethan Hunt (“Mission Impossible”), in un intrigo spettacolare tra il glamour ed ammiccanti location.


> CINEMA

emiro RUBIERA_via togliatti, 1 tel. 0522.626644

www.emiro.net

CINEMA

in provincia

Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:30 - 21:30 mercoledì e venerdì; 15:00 - 17:40 - 20:20 - 22:50 sabato; 15:30 - 18:30 - 21:30 domenica; 21:30 lunedì, martedì e giovedì........ INCEPTION Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:15 - 20:40 - 21:30 - 22:45 mercoledì e venerdì; 15:00 - 16:00 - 17:15 - 18:15 - 19:10 - 20:40 - 21:30 - 22:50 sabato e domenica; 20:40 - 21:30 - 22:45 lunedì, martedì e giovedì........................ BENVENUTI AL SUD Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:15 - 20:40 - 22:45 mercoledì e venerdì; 16:00 - 18:15 - 20:40 - 22:50 sabato e domenica; 20:40 - 22:45 lunedì, martedì e giovedì................THE TOWN Da Venerdì 15 Ottobre_ore 20:45 - 22:45 mercoledì e venerdì; 16:50 - 18:50 - 20:45 - 22:50 sabato e domenica; 20:45 - 22:45 lunedì, martedì e giovedì............. INNOCENTI BUGIE Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:15 - 20:40 - 22:50 mercoledì e venerdì; 15:45 - 18:15 - 20:40 - 22:50 sabato e domenica; 20:40 - 22:45 lunedì, martedì e giovedì.............. STEP UP 3D Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:30 - 21:00 - 22:50 mercoledì e venerdì; 15:00 - 17:00 - 19:00 - 21:00 - 22:50 sabato e domenica; 21:00 - 22:50 lunedì, martedì e giovedì.... CATTIVISSIMO ME 3D Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:15 - 20:30 mercoledì e venerdì; 15:00 - 16:50 - 18:40 - 20:30 sabato e domenica; 20:30 lunedì, martedì e giovedì..........................CATTIVISSIMO ME Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:20 - 21:00 - 22:45 mercoledì e venerdì; 15:00 - 17:00 - 19:00 - 21:00 - 22:50 sabato e domenica; 21:00 - 22:45 lunedì, martedì e giovedì. .ADELE E L'ENIGMA DEL FARAONE Da Venerdì 15 Ottobre_ore 18:20 - 22:45 mercoledì e venerdì; 15:10 22:45 sabato e domenica; 22:45 lunedì, martedì e giovedì....BURIED

MULTISALA

novecento CAVRIAGO_via del cristo, 5

tel. 0522.372015

www.multisala900.it

CENTRO

polivalente GATTATICO_p.zza cervi, 34

tel. 0522.477912

CINEMA TEATRO

boiardo SCANDIANO_via XXV aprile,3

apollo ALBINEA_via r. morandi, 1 www.cinemaapolloalbinea.it

...................................................... IO SONO L'AMORE

www.cinemateatroboiardo.it

CINEMA

Da Venerdì 15 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 sabato, 15:30 - 17:15 - 19:00 - 21:00 domenica; 21:30 venerdì e mercoledì ............................... CATTIVISSIMO ME Martedì 19 e Giovedì 21 Settembre_ore 21:30 ......... ....................CHE FINE HA FATTO OSAMA BIN LADEN?

CINEMA

tel. 0522.597510

eden

PUIANELLO_p.zza gramsci, 8/1 tel. 0522.889889 CINEMA

nuovo roma CASALGRANDE_via canale,2

tel. 0522.846204

www.cinemaromacasalgrande.it

Martedì 19 e Mercoledì 20 Ottobre_ore 21:15..........

Da Venerdì 15 a Giovedì 21 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 sabato, 15:00 - 17:00 - 19:00 - 21:00 domenica; 21:00 feriali (lunedì riposo) ...................BENVENUTI AL SUD

CINEMA

kaleidos

POVIGLIO via bologna,1 tel. 0522.969386

tel. 0522.611876

bre_ore 15:00 - 17:00 - 21:00 .......................SHREK IV

tel. 0522.854355

metropolis BIBBIANO_via gramsci, 4

Da Venerdì 15 a Lunedì 18 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 sabato, 15:00 - 16:40 - 18:30 - 20:30 domenica; 21:00 venerdì e lunedì ............................ CATTIVISSIMO ME

Mercoledì 20 Ottobre_ore 21:15 ............... FISH TANK

tel. 0522.882769

www.metropolisbibbiano.it CINEMA TEATRO

forum S.ILARIO D’ENZA_via roma, 8

Martedì 19 Ottobre_ore 21:00 ..........LA NOSTRA VITA

tel. 0522.674748

www.forumcinema.it CINEMA

Domenica 17 Ottobre_ore 14:45 - 16:40 - 18:30 ....... .......................... SHREK E VISSERO FELICI E CONTENTI

excelsior RUBIERA_via trento, 3/D

Sabato 16 Ottobre_ore 21:00 ..............MINE VAGANTI

tel. 0522.626888

www.cinemateatroexcelsior.it

CINEMA TEATRO

bismantova CASTELNOVO M._via roma,75

Sabato 16 ottobre_ore 21:00 e domenica 17 otto-

www.comune.gattatico.re.it

Da Venerdì 15 Ottobre_ore 15:15 - 17:15 - 19:15 - 21:15 domenica, 20:30 - 22:30 sabato, 21:15 feriali ...........BENVENUTI AL SUD

SALA ROSSA - Venerdì 15 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 ........... ........................................................... CATTIVISSIMO ME 3D SALA VERDE - Venerdì 15 Ottobre_ore 20:15 - 22:30 ............ ............................................................... BENVENUTI AL SUD SALA ROSSA - Sabato 16 Ottobre_ore 20:30 - 22:30 ........... ........................................................... CATTIVISSIMO ME 3D SALA VERDE - Sabato 16 Ottobre_ore 20:15 - 22:30 ............ ............................................................... BENVENUTI AL SUD SALA ROSSA - Domenica 17 Ottobre_ore 20:00 - 22:00 ...... ........................................................... CATTIVISSIMO ME 3D SALA VERDE - Domenica 17 Ottobre_ore 15:30 - 17:45 20:00- 22:15 ........................................... BENVENUTI AL SUD SALA ROSSA - Lunedì 18 Ottobre_ore 21:00 .CATTIVISSIMO ME 3D SALA VERDE - Lunedì 18 Ottobre_ore 20:45 ..BENVENUTI AL SUD SALA ROSSA - Martedì 19 Ottobre_ore 21:00 .CATTIVISSIMO ME 3D SALA VERDE - Martedì 19 Ottobre_ore 21:15 ....................... ...........................................APPUNTAMENTO CON L'AMORE SALA ROSSA - Mercoledì 20 Ottobre_ore 21:00 .................. ...........................................APPUNTAMENTO CON L'AMORE SALA VERDE - Mercoledì 20 Ottobre_ore 20:45 .BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Giovedì 21 Ottobre_ore 20:00 - 22:30 ........... ...........................................APPUNTAMENTO CON L'AMORE

CINEMA TEATRO Da Venerdì 15 a Martedì 19 Ottobre_ore 21:00 ........ ......................................................BENVENUTI AL SUD

www.teatrobismantova.it

pedrazzoli FABBRICO_corso roma, 64

Martedì 19 Ottobre_ore 21:15 ......... I GATTI PERSIANI

tel. 0522.667062

www.teatropedrazzoli.it

GORBACIOF - IL CASSIERE COL VIZIO DEL GIOCO

a cura di Monica Franzoni e Carlo Vanni

CATTIVISSIMO ME

BENVENUTI AL SUD › Titolo originale: Benvenuti al Sud › Nazione: Italia › Anno: 2010 › Durata: 101’ › Genere: Commedia › Regia: Luca Miniero › Produzione: Medusa Film › Distribuzione: Medusa Film › Cast: Claudio Bisio, Alessandro Siani, Angela Finocchiaro, Valentina Lodovini, Nando Paone, Giacomo Rizzo,Teco Celio, Fulvio Falzarano, Nunzia Schiano, Alessandro Vighi, Francesco Albanese, Salvatore Misticone, Riccardo Zinna, Naike Rivelli › Noi la pensiamo così: Un susseguirsi di scene prevedibili e scontate

L

a versione italian-style di Miniero dell’apprezzato “Giù al Nord” delude per la noia, i numerosissimi luoghi comuni e il moralismo impellente che si spande a macchia d’olio. Bisio, le cui capacità artistiche sono sempre più traballanti, è l’impiegato presso le Poste Italiane mandato in Campania, per punizione nonostante avesse chiesto posto a Milano. Giunto a Castellabate però scoprirà che la camorra non esiste, al sud tutti fanno la raccolta differenziata, si amano cantano danzano, non conoscono la gorgonzola, mentre Bisio non sapeva che esistesse il limoncello. Alla fine il Bisio Redentore ci salverà dal nostro ostinato razzismo settentrionale, saremo in pace con noi stessi e sotto sotto immagineremo come sarebbe andata davvero, nel mondo reale.

› Titolo originale: Gorbaciof › Nazione: Italia › Anno: 2010 › Durata: 85’ › Genere: Drammatico › Regia: Stefano Incerti › Produzione: Devon Cinematografica, Surf Film, The Bottom Line › Distribuzione: Lucky Red › Cast: Toni Servillo, Salvatore Ruocco, Mi Yang, Nello Mascia, Geppy Geijeses quindici anni dal David di Donatello vinto con “Il verificatore”, l’italiano Stefano Incerti si cimenta in un gangster movie metropolitano, ambientato a Napoli. Marino Pacileo, detto Gorbaciof, è il contabile del carcere di Poggioreale. Ha la passione per il gioco d’azzardo e per la giovane Lila, la figlia del cinese che mette a disposizione il tavolo per le carte. Quando scoprirà che l’uomo è incapace di saldare un debito di gioco, ruberà l’occorrente dalla cassa del carcere, restando coinvolto in un giro di tangenti e rapine. Una storia d’amore dall’estrema drammaticità, interpretata da Tony Servillo.

A

› Titolo originale: Despicable Me › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Durata: 95’ › Genere: Animazione › Regia: Pierre Coffin, Chris Renaud, Sergio Pablos › Produzione: Illumination Entertainment › Distribuzione: Universal Pictures Italia › Cast: Jason Segel, Russell Brand, Steve Carell, Kristen Wiig, Miranda Cosgrove, Ken Jeong, Julie Andrews, Will Arnett, Danny McBride, Mindy Kaling, Jemaine Clement artoon francese di produzione hollywoodiana, “Cattivissimo me” è un film di animazione moderno in cui i concetti di bene e male restano in bilico sul filo del rasoio. In un ridente quartiere fuori città abita Mr Gru, ladro esperto con un piccolo esercito di schiavi al seguito. Ha un colpo ambizioso nella mente: rubare la luna! Armato di razzi e veicoli di ogni tipo, Mr Gru è abituato a travolgere ogni ostacolo sulla sua strada, finché non incontrerà tre orfanelle che vedranno in lui un potenziale papà. Film d’animazione dai tanti riferimenti cinematografici e dalla sottile ironia, è più idoneo ad un pubblico adulto.

C


Pag.

XVI

venerdì

settimana

musica

live

La festa del progressive

VENERDÌ 15 OTTOBRE

l Fuori Orario di Taneto A di Gattatico Achtung Babies, al Valli Diamanda Ga-

Tagliapietra, Pagliuca e Marton il 27 al Tunnel

las, allo Shannon di Castenovo Sotto Let It Beat, alla Salumeria di Arceto Johnny Barber, a Modena Vibra Calibro 35, a Parma Onirica Skiantos.

CalibroÊ 35

15 ottobre 2010 - REPORTER

SABATO 16 OTTOBRE

Al Fuori Orario Beautiful, alla Latteria di Bagnolo Enrico Zambianchi, alla Fenice di Prato di Correggio A/R Acustico Rock, all’Estragon di Bologna La Pegatina, a Parma Onirica Leeroy Thornhill, a Modena Vibra Statuto.

Statuto

DOMENICA 17 OTTOBRE A Firenze palasport Vasco Rossi.

C'ERANO UNA VOLTA... LE ORME

Tony Pagliuca, Tolo Marton e Aldo Tagliapietra: un trio prog al Tunnel DI

MARIANGELA ANCESCHI

D

VascoÊ Rosso

LUNEDÌ 18 OTTOBRE A Cavriago Cantina Garibaldi Pier Luigi Salami Trio.

a Le Orme, Aldo Tagliapietra, Tony Pagliuca e Tolo Marton, si esibiranno in concerto mercoledì 27 ottobre al Tunnel per far rivivere tutta la magia del rock progressive anni '70. Aldo Tagliapietra e Tony Pagliuca sono i componenti storici più rappresentativi del gruppo le Orme, la voce, il basso e l’organo Hammond e sono soprattutto

A Milano Forum Carlos Santana.

CarlosÊ Santana

MERCOLEDÌ 20 OTTOBRE Alla Cavallerizza Aidoru, Arzan! e Tre Allegri Ragazzi Morti, alla Salumeria di Arceto Paul Armfield, a Ravenna Teatro Rasi Manuel Agnelli, Hugo Rage, Giorgio Cavalli, John Parish, Steve Wynn e altri.

TreÊ Allegri RagazziÊ Morti

Tunnel, in un appuntamento imperdibile che li vedrà per la prima volta di nuovo on stage insieme. Anticipazione di un tour a cui seguirà un disco di brani inediti. Tra le tante band derivate dall'era beat, Le Orme è quella che ha avuto la più convincente evoluzione. Ha rappresentato per l’Italia ciò che Emerson, Lake & Palmer e i Quatermass sono stati per la Gran Bretagna. Tre straordinari musicisti insieme

come nel 1975, anno di uscita dell’album “Smogmagica” registrato negli studi di Burbank in California. Alla ricerca della magia non più nello smog di Los Angeles ma nelle città venete in cui vivono. Dopo trentacinque anni tornano a suonare insieme Aldo Tagliapietra, Tony Pagliuca e Tolo Marton. Tre illuminanti percorsi che si incrociano di nuovo dal vivo al circolo Arci di via del Chionso.

Rockabilly ad Arceto

PierÊ LuigiÊ SalamiÊ Trio

MARTEDÌ 19 OTTOBRE

coloro che hanno scritto tutte le più belle canzoni. Un giorno incontrano Tolo Marton, chitarrista conosciuto in tutto il mondo, collaboratore importante delle Orme nel LP del ’75 e successivamente nei live del gruppo e nelle attività solistiche. Insieme decidono di voler scrivere ancora una pagina importante nella storia della musica. Il loro nuovo spettacolo verrà proposto in anteprima proprio al

Il trio di Johnny Barber alla Salumeria del Rock il 15 ottobre

A

ppuntamento da non perdere venerdì 15 ottobre ad Arceto per tutti gli appassionati di musica rockabilly. Sul palco dalla Salumeria saliranno infatti Jonny Barber & The Rhythm Razors, band di Denver che si esibisce chiedendosi: “Cosa suonerebbe Elvis se fosse ancora vivo oggi?”. Jonny Barber (chitarra e voce), Symphony Tadwell (contrabbasso) e Randee McKnight (batteria) formano i The Rhythm Razors ispirandosi fondamentalmente a Bill Haley & The Comets, così come da tutti gli artisti della Sun Records degli anni ‘50. Prendendo quindi ispirazione dagli insegnamenti di Elvis, Johnny Cash e Carl Perkins, il gruppo cita anche

influenze neo-billy come gli Stray Cats e gli Hillbilly Hellcats. Le canzoni, scritte da Jonny, uniscono le influenze del sound

rockabilly tradizionale con testi che hanno a che vedere con temi contemporanei. Ballerete sulle vostre seggiole, scoprirete

un gruppo che suona finché il tetto non crolla, e ascolterete il sound che nutriva le leggende del primissimo rock ‘n roll.

GIOVEDÌ 21 OTTOBRE a Modena Off Dente.

I DISCHI CHE HANNO FATTO LA STORIA (ALTERNATIVA) DEL ROCK di Enrico Rossi

Dente

VENERDÌ 22 OTTOBRE Al Teatro dei Tamburi di San Bernardino Cheap Wine, al Fuori Orario Rio, al Marasma 51 di Luzzara Controllo Totale, all’Onirica di Parma Bud Spencer Blues Explosions, a Carpi Kalinka Roipnol Witch, a Bologna Estragon Motel Connection, a Firenze Mandelaforum Michael Bublè.

MichaelÊ Bubl•

PSYCHEDELIC JUNGLE THE CRAMPS

SABATO 23 OTTOBRE

Supertramp

Al Corallo di Scandiano Pino Scotto, alla Latteria di Bagnolo Andrea Vasumi, al Fuori Orario Giobbe Covatta, a Bologna Giostrà Federico Poggipollini, a Bologna Covo Manges, all’Estragon Statuto, a Torino palasport Supertramp.

Pubblicazione: 1981 14 canzoni Tracklist:

“Greenfuz” – 2:09 “Goo Goo Muck” – 3:06 “Rockin’ Bones” – 2:48 “Voodoo Idol” – 3:39 “Primitive” – 3:32 “Caveman” – 3:51 “The Crusher” – 1:47 “Don’t eat stuff off the Sidewalk” – 2:04 “Can’t find my mind” – 3:01 “Jungle Hop” – 2:07 “Natives are Restless” – 3:00 “Under the Wires” – 2:44 “Beautiful Gardens” – 3:59 “Green Door” – 2:35

La storia dei Cramps è prima di tutto una storia d’amore tra Lux Interior e Poison Ivy. Senza quella scintilla, che li fece innamorare lungo l’autostrada dove lei faceva l’autostop e lui se la raccattò in macchina, non ci sarebbe mai stata quella loro visione distorta della musica e del mondo. E la creatura con i “crampi” non sarebbe mai stata concepita. Come una Yoko Ono e un John Lennon senza capacità musicali e completamenti persi, scarti umani usciti direttamente da un fumetto della DC Comics degli anni ruggenti. Si inizia con due cover, “Greenfuz”(2:09) e “Goo Goo Muck”(3:06) che sono proprio allegre, leggere, e deviate al punto giusto senza essere per niente minacciose. Ma lentamente la pazzia pro-

gredisce, e Lux Interior inizia ad atteggiarsi con la voce, tentando di emulare un Elvis malconcio da film da drive-in. Lo senti ancheggiare, e te lo puoi immaginare a torso nudo con il petto sporco di sangue infilato in attillati pantaloni di pelle in “Primitive”(3:32) o in “Caveman”(3:51). E poi c’è Ivy, ammiccante e prepotente nel suo essere una meretrice di gran lusso in “The Crusher”(1:47). Rimandi industrial quando ancora l’industrial manco si sapeva cosa fosse in “Can’t find my mind”(3:01), ripetitiva e noiosa. Un suono che nasce dall’America degli anni cinquanta, quando il rockabilly scanzonato era sovversione ma anche costume, un genere senza pretese che i Cramps hanno fatto loro rilanciandolo con un innesto di nichilismo

- Erick Purkhiser adottò il nome Lux Interior da una pubblicità per auto, mentre Poison Ivy aka Kristy Wallace scelse il suo pseudonimo dopo che le apparì in sogno. - Nel 1985 i Cramps registrarono un pezzo (Surfin’ Dead) per la colonna sonora del film “Il Ritorno dei Morti Viventi”. - La foto nel retro dell’album “Psychedelic Jungle” fu realizzata dal noto fotografo Anton Corbijn.

proto-punk. Psicotico appunto, come una giungla infestata da trogloditi.


venerdì

15 ottobre 2010

Pag.

- REPORTER

la playlist

musica Black Friday... di giovedì La band che rifà classici del blues il 21 ottobre a Vignola di

XVII

Paolo Bardelli

Mavis staples

1

“You are not alone”

C

'è un gruppo che va molto di moda, e il cui nome è Bud Spencer Blues Explosion. Sono un duo di Roma e fanno musica molto testosteronica. Noiosissima, almeno a parere di chi scrive. Meglio dunque che uno dei due componenti dei B.S.B.E. abbia messo su un altro progetto, i Black Friday, con cui suonerà giovedì 21 ottobre a Vignola (MO) allo Stones Cafè: probabilmente ci si divertirà di più. I Black Friday nascono dalla collaborazione tra Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion e Luca Sapio dei Quintorigo e il loro repertorio, immortalato anche nel loro album di debutto, “Hard Times”, comprende classici del blues come “Trouble Soon Be over” di Blind Willie Johnson, “Death Letter Blues” di Son House e composizioni originali come l’impetuosa “Strange Gal”, classici del soul come “The Dark End Of The Street” di James Carr, fino ad una reintepretazione di “School” dei Nirvana.

Brian Wilson

“Reimagines Gershwin”

3 neil young “Le Noise”

RIVISITANDO IL BLUES

Dal Missisipi al Po, i Black Friday aggiornano la musica del Delta

I Black Friday si prefiggono dunque di viaggiare nel tempo, nelle terre del delta del Mississipi, attraverso un lungo pellegrinaggio scandi-

to dalle battute del blues. In realtà sempre di cover si sta parlando, per cui si dovrebbe guardare e passare oltre. In realtà la scelta delle stesse

diventa in questo caso progetto oculato, altro che solita cover band. Prima da vedere e poi da giudicare. Info: www. stonescafe.it.

Bentornati 99 posse

C

Dopo dieci anni un nuovo disco. E il 23 live al Tempo

ontinua alla grande la programmazione rock del Tempo di Gualtieri. Sabato 23 ottobre tornano a Reggio dopo anni di assenza i 99 Posse, la band napoletana che sul finire degli anni Ottanta fu protagonista della scena rap arrabbiata all’italiana al grido di “C’ho un rigurgito antifascista”. Quasi venti anni di attività per una band nata tra l’aroma squat delle case occupate e i centri sociali del panorama napoletano, dove fare musica significa da sempre condividere un sentimento popolare attraverso un canto che intesse di senso il mondo che crolla attorno nella mancanza dei valori più elementari. Quest’estate i concerti del trio napoletano guidato dal sempre

sCissor sisters “Night Work”

5 JoHn legend & tHe roots

6 inCognito “Transatlantic R.P.M”

7 Best Coast più leader Zulu (alias Luca Persico) hanno registrato il tutto esaurito, con oltre 70 mila accorse ai live show del trio.

Sul palco i 99 Posse proporranno anche la recente “Antifa”, una canzone controcorrente scritta nel 2010 che si ricol-

lega idealmente al rigurgito antifascista, diventato nel corso degli anni un simbolo inequivocabile della band.

Ritorno a casa per il polistrumentista Pier Luigi Salami

unedì 18 ottobre appuntamento alla Cantina Garibaldi di Cavriago con un’autentica anteprima per gli amanti della musica jazz. Per un breve tour torna in Italia dagli Stati Uniti Pier Luigi Salami con il suo trio. Nato nel 1987 a Correggio ha messo le mani sul pianoforte per la prima volta a sei anni ed e’ stato amore a prima vista. La sua trainante passione per la musica lo ha presto portato a successi e riconoscimenti. Formandosi da autodidatta, ha avuto la possibilita’ di sviluppare uno stile ed un’ identita’ musicale molto personale, caratterizzata da forte energia e comunicazione trasparente. All’eta’ di 14 anni scopre la sua passione per il jazz: una passione che tuttora spinge Pier Luigi a percorrere terreni non battuti e a raggiungere nuove

4

“Wake Up”

Jazz reggiano in Cantina

L

2

“Crazy for you”

8 Mike patton “Mondo Cane"

9 tHe gasligHt antHeM “American Slang”

10 frontiere musicali. Nel 2007 riceve una borsa di studio dalla prestigiosa universita’ “Berklee College of Music” di Boston, che attualmente frequenta a

tempo pieno. Dal suo arrivo negli Stati Uniti, Salami ha collaborato con musicisti di talento provenienti da tutto il mondo, essendo

molto richiesto come pianista/ fisarmonicista, compositore e produttore. Piano basso e batteria per il ritorno a casa di un talento emergente

Folds-HornBy “Lonely Avenue”


Pag.

XVIII

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

cinema Benvenuti al sud

Dallo stereotipo all’utopia

Miniero riadatta all’Italia il francese “Giù al nord” eccedendo in banalità e sfociando nell’irreale DI

ELISA ADELGARDI

Innocenti bugie

S

i chiamava “Bienvenue chez les Ch’tis”, ovvero “Giù al Nord” in Italia. Lo abbiamo visto, apprezzato, come idea originale e divertente, espressione delicata del cinema europeo in lotta per la sopravvivenza. Bastava quello, era perfettoimperfetto così, anche se tutti noi ci siamo chiesti nell’intimo come sarebbe stato in una ipotetica versione italian-style. Purtroppo Luca Miniero ci ha letto nel pensiero, e visto che questa volta doveva fare a meno dell’amico Paolo Genovese, ha pensato bene di comprare la sceneggiatura francese e naturalmente di capovolgere la situazione geografica. Il risultato è una noia mortale, luoghi comuni a palate e il moralismo impellente, già colpevole di avere rovinato il finale francese, qui si espande a macchia d’olio. Bisio, le cui capacità artistiche sono sempre più traballanti, è l’impiegato presso le Poste Italiane (non quelle che conosciamo noi, no, ma quelle pulite efficienti e senza risse agli sportelli) mandato al sud, anzi in Campania, per punizione nonostante avesse chiesto posto a Milano. Castellabate è un borgo sotto Napoli, col sole

Un intrigo glamour e divertente DI

T

il mare e tutti i comfort di una località turistica. Basta una piccola ricerca su internet per rendersene conto, e invece no, partono subito gli allarmismi da campanilista uomo del nord, sempre pieno di pregiudizi. Ogni scena è prevedibile, scontata, priva di un senso che oltrepassi il “volèmose bene” urticante. La camorra non esiste, al sud tutti fanno la raccolta differenziata, si amano cantano

danzano, non conoscono la gorgonzola, mentre Bisio non sapeva che esistesse il limoncello. Alla fine il Bisio Redentore ci salverà dal nostro ostinato razzismo settentrionale, saremo in pace con noi stessi e sotto sotto immagineremo come sarebbe andata davvero, nel mondo reale.Da notare la scena-spot pubblicitario delle Poste Italiane, che tristezza.

Da Sabato 9 a domenica 17 ottobre, Fiere di Reggio Emilia Sabato 9 ottobre, Tunnel, Reggio Emilia

LOREDANA BERTÈ

I

MONICA FRANZONI

SERVIZI

NOVEVENTI

FOTOGRAFICI COMPLETI

DEGLI

alvolta capita che un regista impegnato, premiato da critica e kermesse, abbia voglia di divertirsi. Cosicché il James Mangold di “Quel treno per Yuma” e “Quando l’amore brucia l’anima” si lascia fagocitare dal personaggio di Ethan Hunt (“Mission impossibile”) per rendere di nuovo protagonista Tom Cruise, come agente speciale dal grilletto facile e dalle location da sogno. Niente meno che al fianco di Cameron Diaz, a nove anni da “Vanilla Sky”. Roy Miller è un agente segreto che durante l’ultima missione ruba lo Zefiro, una batteria perpetua, desiderata ai quattro poli del pianeta. All’aeroporto si scontra volutamente con June, se la ritrova sul volo, la droga di Brotin Zero. Fino a travolgerla nella sua vita a costante rischio di morte su treni austriaci, motoscafi nelle Azzorre, elicotteri su isole deserte. Il film è un action comedy, tra l’intrigo spettacolare e la risata leggera. Tom Cruise rende chiara

Martedì 12 ottobre, Casa & Tavola, Fiere di Reggio Emilia

PRESENTAZIONE DI MANGIAR REGGIANO, EDIZIONE 2011

EVENTI DELLA SETTIMANA

fin dalla prima inquadratura, la natura del ruolo che interpreterà, con l’occhiale da sole scostato e lo sguardo alla James Bond sulla biondina nella hall dell’aeroporto. Automobili da sogno si alternano a paesaggi innevati, fino al fascino di alberghi cinque stelle nei vicoli di Salisburgo e a strumenti ultratecnologici su isole deserte. La coppia è affiatata, diverte senza pretese di verosimiglianza, rendendo il tanto discusso oggetto del desiderio, il MacGuffin, effettivamente una scusa attor-

no a cui far ruotare inseguimenti glamour, interrogatori beffardi, torture allucinate, sparatorie convulse. L’obbiettivo è l’intrattenimento allo stato puro: il film scoppietta adrenalina mentre l’ambiguità tra il bene e il male è ammiccante. Mangold stacca la spina, strizzando l’occhio al grande pubblico, in una pellicola chiacchierata per il limitato uso di stuntman da parte del protagonista. Dopo tanti ruoli similari, Tom Cruise deve aver acquisito una certa esperienza…

Domenica 10 ottobre, Palasport Bigi, Reggio Emilia

Sabato 9 ottobre, Palahokey, Reggio Emilia

TRENKWALDER - CASALPUSTERLENGO

BOXE TRICOLORE

E TANTO

ALTRO... SUL NOSTRO

SITO

www.repor ter.it

eggiani, Reggio Emilia

Sabato 9 ottobre, Galleria Parm

MORIRE D'AMORE PER VIVERE D'AMORE

Domenica 10 ottobre, Via Balla, Reggio Emilia

10° COMPLEANNO DI EDEN BENESSERE

Sabato 9 ottobre, Galleria 8,75, Reggio Emilia

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DI JULIA BORNEFELD


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

29

animali

Un certificato per difenderli Finalmente un testo unico tutelerà gli animali contro i maltrattamenti FRaTEllI DI SaNGuE

P

er la prima volta finalmente si viene riconosciuta agli animali la natura di essere senzienti e la necessità di tutelarli legalmente contro i maltrattamenti. È pronto infatti il testo unico che tutelerà gli animali contro soprusi e abbandoni. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Salute con delega alla tutela del benessere animale, Francesca Martini, che ha aperto pochi giorni fa a Perugia i lavori del Convegno nazionale “La tutela giuridica degli animali e la Legge 20 Luglio 2004, n.189" organizzato dal Ministero della Salute in collaborazione con il Comune ed il Tribunale degli animali

“MOLTI REATI APPAIONO ANCORA IN UNA SORTA DI LIMBO DI IMPUNITà” Sopra, il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini

di Perugia. Il Convegno ha affrontato, per la prima volta, la tematica dei reati in danno agli animali coinvolgendo tutte le Autorità competenti e la Magistratura. Nel corso del suo intervento il Sottosegretario ha annunciato un testo unico che regola l’intera materia di tutela giuridica e controllo degli animali in Italia. “Credo - ha sottolineato Martini - siamo tutti consapevoli che, nel contesto europeo ed internazionale, l’Italia abbia raggiunto un considerevole corpus normativo per quanto attiene la tutela degli animali. Esempio emblematico ne e’ il fatto che siamo stati i primi al

mondo ad introdurre il divieto di uccisione degli animali d’affezione, anche se randagi, e quindi il riconoscimento esplicito del valore della loro vita. Sono state quindi poste le basi per il riconoscimento giuridico degli animali in quanto esseri senzienti e non più ‘res’. Mentre da una parte abbiamo assistito allo sviluppo di norme evolute ed alla crescita della coscienza civile e della censura morale rispetto ai delitti contro gli animali; dall’altra, purtroppo, la cronaca e gli atti ispettivi che costantemente portiamo avanti ci evidenziano il perpetrarsi di reati e ci costringono ad affrontare una illiceità diffusa

su tutto il territorio nazionale, con drammatica rilevanza al centro-sud. Ciò che più emerge come criticità del sistema è che, malgrado la flagranza, molti reati appaiono in una sorta di ‘limbo di impunità’ che lascia i soggetti maltrattati in balia dei loro aguzzini. Risulta improrogabile rafforzare la messa in rete delle competenze e delle risorse del Ministero della Salute con gli Organi di Polizia Giudiziaria e le Procure. Auspico pertanto anche la collaborazione con una magistratura illuminata che guardi al progresso del nostro Paese nelle sentenze su questi temi”.

Qua la zampa! BIRILLO maschietto, adulto, piccola taglia, bisognoso di compagnia e di giardino, sempre rimasto in canile ma abituato al guinzaglio ed ha pure partecipato ad un corso con un educatore.

Anche i nostri amici animali potrà presto essere data la possibilità di ricevere sangue in caso di necessità. È stato infatti aperto a Milano il primo centro medico dedicato alle trasfusioni di sangue per animali. Il nuovo centro è stato aperto presso la sezione di Clinica medica e diagnostica di laboratorio del dipartimento di Scienze cliniche veterinarie, facoltà di Medicina veterinaria dell’Università degli Studi di Milano. Grazie a questa struttura, dunque, sarà possibile anche per cani, gatti e ogni tipo di animale effettuare donazioni di san-

gue. L’animale dovrà avere un’età compresa tra 1 e 7 anni, con un peso minimo che è fissato in 25 chilogrammi per i cani e 5 per i gatti. Il tutto si svolgerà col massimo rigore e nel massimo rispetto delle caratteristiche psico-fisiche degli animali donatori: prima di ogni trasfusione gli animali saranno ovviamente sottoposti ad ogni genere di test medico, dopodichè dovranno essere messi sul “lettino” e tenuti tranquilli visto che la trasfusione dura almeno una decina di minuti. E alla fine seguirà un meritato spuntino!

qualazampa@reporter.it

KEN segugio adulto di tre anni, tg. media, vivace ma dolce, si cerca adozione ma non per la caccia… non ne è capace... Soltanto compagnia.

KIKO maschio adulto, tg.media, meglio se solo senza bambini, molto dolce con le persone

LEO maschio, adulto, anche lui ha partecipato al corso con educatore, abituato al guinzaglio ed alle persone, ha bisogno di un po’ di spazio perché ha sempre voglia di giocare e correre.

LILLY femmina adulta, era stata adottata, poi per imprevisti famigliari è stata riportata al canile, ma lei è abituata al guinzaglio ed alla casa.

MOLLY femmina, segugia di 3 anni, molto timida… Non ha avuto belle esperienze con le persone, ma è fiduciosa. Chi vorrà prenderla con sé dovrà armarsi di un po’ di pazienza per conquistarla, ma sicuramente non se ne pentirà. Non è adatta alla caccia. Solo compagnia.

PIERRE maschio di tg. media di 2 anni, è già abituato a vivere in appartamento ed è un’ottima compagnia per i bambini

SHAKIRA è una femmina di 4 anni, di taglia grande, incrocio con bob tail, molto docile e tranquilla con i bambini. Bisognosa di spazio.

SNOOPY maschietto adulto, di taglia piccola. Noè mai uscito dal canile, occorrono perciò persone speciali e con tanta voglia di guadagnarsi il suo affetto. È molto timoroso.

TATA è una femmina di taglia media di 3 anni, dal pelo mediolungo. È Molto giocherellona, e adora la compagnia,è quindi possibile inserirla in una famiglia in cui siano presenti bambini o altri cani.

TEO maschio adulto, incrocio pointer, qui in versione estiva nella vasca da bagno. Timoroso verso chi non conosce, ma molto docile ed affettuoso.

“Gli amici di Marta”- Canile di Bagnolo via Lazzari 55 Bagnolo in Piano,Loc san Tommaso della Fossa Tel 347 9201637


Pag.

30

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

CALCIO

“Non molliamo mai” Parla mister Mangone: “Se ci distraiamo veniamo puntualmente puniti” DI

ANDREA VACCARI

L

a Reggiana è una squadra che non può permettersi di specchiarsi e di cullarsi sugli allori: solo quando riuscirà a trovare una continuità “mentale”, allora si potrà iniziare a pensare in grande. Questo, in sintesi, il pensiero dell'allenatore granata Amedeo Mangone, che comunque mostra soddisfazione per gli ultimi risultati della squadra: risultati che sono arrivati anche e soprattutto grazie alle sue scelte, che hanno cambiato in parte l'assetto della Reggiana ma che si sono rivelate vincenti. La vittoria con la Paganese (arrivata al termine di una prestazione non idilliaca ma senz'altro ordinata ed efficace) ha rilanciato le chances di una Reggiana che si ritrova nuovamente nei quartieri alti. E domenica si va a Gubbio, contro una squadra a pari punti e che dunque va presa con le molle.

“Mister Mangone, come giudica sin qui il campionato della Reggiana? “Contro la Paganese siamo stati molto determinati nel voler ottenere il risultato e allo stesso tempo, dal punto di vista del gioco, non siamo stati efficaci come altre volte. A Lumezzane invece era successo proprio il contrario, dove avevamo offerto un’ottima prestazione per poi essere raggiunti nel finale. Sintomo che siamo ancora alla ricerca dell’equilibrio migliore, anche se la strada imboccata è quella giusta”. Pensa che la squadra possa porsi un obiettivo di prestigio? “Non facciamo proclami, per adesso è giusto vivere alla giornata. Quello che più conta è non mollare mai, perché non appena ci distraiamo un attimo veniamo puniti inesorabilmente. Una volta che avremo trovato il giusto equilibrio dal punto di vista mentale allora i nostri obiettivi potranno delinearsi con maggiore chiarezza”. Veniamo ai singoli: domenica scorsa è rientrato tra i pali Manfredini. “Ha offerto una prestazione positiva, come tutti i compagni. E devo sottolineare anche l’atteggiamento positivo di Offredi, che si è mostrato partecipe, a testimonianza che il nostro è un gruppo unito”.

A centrocampo non si può non evidenziare il buon momento di Romizi e la nuova posizione di Saverino, che gioca più arretrato per aiutare la difesa. “Romizi è un giocatore che ha qualità, forse ad aiutarlo è anche la posizione più avanzata che ricopre, nella quale può esprimersi meglio. Per quanto riguarda Saverino, ci abbiamo lavorato per qualche tempo e alla fine siamo riusciti a trovare la soluzione migliore. In quella posizione sa essere più funzionale per la squadra”. La difesa prende qualche gol di troppo ma le cose stanno migliorando, anche a sinistra. Concorda? “Come dicevo, siamo alla ricerca dell’equilibrio migliore, ed è inevitabile che gli errori in difesa si notino maggiormente che quelli in altre zone del campo. A sinistra D’Alessandro si sta comportando bene ma deve trovare maggiore confidenza con il piede mancino”. Le statistiche dicono che la sua partenza sia migliore di quella dei suoi predecessori. “Preferisco pensare a quest’anno, non mi sembra giusto fare paragoni con il passato”di Mangone hanno l'occasione per effettuare il definitivo salto di qualità.

LA GRINTA DEL MISTER Amedeo Mangone guida i suoi giocatori dalla panchina dello stadio Giglio

APPROVATO IL BILANCIO DEI GRANATA Il Consiglio d’Amministrazione della A.C.Reggiana 1919 S.p.A. ha approvato il 12 ottobre il progetto di bilancio dell’esercizio chiuso al 30 giugno 2010, dal quale emergono perdite d’esercizio pari a 1.653.605 euro, al netto di 53.842 euro di imposte, ed un patrimonio netto di 238.691 euro. Anche l’esercizio 2009/2010 sconta principalmente il grande sforzo compiuto dalla società granata nella ricerca della promozione in Serie B, concretizzatosi soprattutto negli esborsi per

WikiregiA

Matteo Iori di diMatteo Iori

La (rigorosamente falsa) libera enciclopedia granata

il pagamento degli ingaggi ai giocatori. Pur in un’ottica di continuo monitoraggio ed ottimizzazione, la voce “costo del lavoro”, comprensiva del costo dei dipendenti, rappresenta infatti oltre il 55% dei costi operativi dell’esercizio che, nel loro complesso, ammontano a 4.854.318 euro. Sul fronte dei ricavi, attestatisi a 3.616.066 euro, assumono rilevanza le plusvalenze realizzate dalle operazioni di mercato (776.000 euro) che, da sole, rappresentano oltre il 21% circa dei proventi

M

La storia Prima di salire ai vertici della Serie C, Macalli per 24 anni – dal 1962 al 1986 – era stato vice presidente del Pergocrema. Per la sua capacità di restare attaccato alle poltrone, qualche tempo fa è stato ingaggiato dal collante Saratoga come testimonial degli spot pubblicitari al posto della bonazza in costume, superando la concorrenza dei colleghi Matarrese, Carraro e Abete. Da bambino frequentò un prestigioso collegio del Canton Ticino dove fece amicizia con un robusto ragazzino svizzero, un certo Joseph Blatter, appassionatissimo di calcio come lui: essendo però scarsamente dotati, anziché giocare sul pratino della scuola insieme ai compagni, i due trascorrevano lunghi pomeriggi in biblioteca a fingere di inventarsi nuove regole per l’amato sport. Una volta diventati adulti entrambi sono riusciti a trasformare in realtà le loro fantasticherie. Delle balzane proposte di Blatter si sa quasi tutto. Ma anche il ragionier Macalli, da grande capo della Serie C, ha introdotto notevoli cambiamenti. Il più eclatante riguarda il nome: dal giugno del 2008 la Lega Nazionale Serie C è infatti diventata Lega Pro e i campionati di C1 e C2 rispettivamente

Prima Divisione e Seconda Divisione. Scimmiottando le categorie superiori e i campionati esteri, ha introdotto il pallone ufficiale unico per tutte le partite e la toppa della Lega Pro da applicare sulle maniche delle divise. Non gli è tuttavia riuscito il miracolo di replicare i contratti miliardari legati ai diritti televisivi: inspiegabilmente Sky e Mediaset non hanno voluto saperne di pagare per trasmettere in diretta le partite di Südtirol, Virtus Entella, Sambonifacese, Giacomense e Isola Liri.

Le innovazioni Tra le più recenti regole introdotte dal vulcanico ragioniere milanese, spicca quella fondamentale che vieta ai giocatori in panchina di riscaldarsi in più di tre alla volta. In compenso, è stato siglato un accordo con la Protezione Civile che provvederà a portare per l’inverno in tutti gli stadi coperte di lana e termos bollenti di tè per evitare l’assideramento degli atleti costretti a restare seduti. Qualche anno fa Macalli, dalla sua torre d’avorio dell’ufficio della Lega di Firenze, introdusse poi il nuovo criterio di suddivisione dei gironi, non più in orizzontale ma in verticale rispetto alla conformazione della pur stretta Penisola Italiana. Un colpo di genio patriottico che ha favorito lo scambio di culture calcistiche e tradizioni diverse, mettendo insieme formazioni degli altipiani veneti con quelle salentine, squadre delle valli lombarde con quelle siciliane, alla faccia delle minacce secessioniste sbandierate da un’altra Lega. Peccato però che quegli ingrati dei club e dei tifosi non abbiano

apprezzato lo sforzo, lamentandosi immotivatamente per quelle trasferte da 1.700 chilometri tra andata e ritorno da organizzare e pagare.

I giovani Macalli ha molto a cuore il lancio dei giovani e per questo ha introdotto l’obbligo per le sue società di schierare almeno due baby classe ’89 se vogliono maggiori contributi federali. Ma al vice presidente della Federcalcio Demetrio Albertini, che ha proposto di inserire in Lega Pro le squadre “B” dei club di A (sul modello spagnolo), ha risposto con questa sibillina frase: “Se vogliono far maturare le loro poche ‘zucchette’, è inutile che vengano a bussare alla nostra porta, perché non apriremo mai”. Pensando alla situazione delle casse delle compagini dell’ex serie C, tra debiti e fallimenti, ha però subito aggiunto: “Comunque se le ‘zucche’ pagano, allora noi le facciamo maturare…”. Il prossimo sponsor della

Lega Pro dovrebbe quindi essere Cagna&Benelli.

Gli altri campi L’inventiva del ragioniere non si limita comunque solo al calcio. Nelle sue vesti di grande innovatore, è stato recentemente chiamato come consulente dal ministro Gelmini per la riforma della scuola e dal ministero dei trasporti per le modifiche al codice della strada: chi pensate abbia introdotto il ritiro della patente anche per chi viene beccato un po’ alticcio in bicicletta?

settore giovanile e 400.000 per la compartecipazione di calciatori), con attività a breve termine per 2.042.282 euro. Tenuto conto delle passività a breve e medio termine, il capitale investito si attesta a 600.091 euro. Il Consiglio d’Amministrazione ha inoltre fissato per il prossimo 28 ottobre l’Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti per l’approvazione del bilancio, l’approvazione della situazione patrimoniale al 30/9/2010 e gli adempimenti conseguenti.

Così per Sport Buon lavoro, Presidente

IL PRESIDENTE MACALLI

ario Macalli, 73 anni, milanese, diplomato ragioniere, è il presidente della Lega Italiana Calcio Professionistico (l’ex Serie C) dal 1997, nonché vice presidente della Federcalcio, ma è soprattutto un grande innovatore del mondo del pallone.

della società. Analizzando inoltre la composizione dei ricavi emerge come le entrate pubblicitarie (1.596.440 euro) e gli interventi federali (233.904 euro) risultino entrambi in lieve incremento rispetto all’esercizio precedente, così come pure i proventi derivanti dalla vendita dei biglietti per le gare in casa. Dal punto di vista patrimoniale, il capitale immobilizzato ammonta a 1.618.664 euro (di cui 91.164 relativi al marchio, 917.782 relativi al patrimonio calciatori prima squadra ed all’intero

DI

ENRICO LUSETTI

B

uon lavoro. Presidente. Buon lavoro. Intanto grazie. Perchè chi spende tempo, denaro, salute e vagonate di passione per la mia amata Reggiana, beh, merita solo un grazie. Glielo dico subito. Non le farò nessuno sconto. Come non li feci al compianto senatore Sacchetti, che addirittura mi querelò e mi trascinò in tribunale. Come non li feci a Franco Dal Cin, quando lo criticai per essersi lasciato scappar via i Fantinel e per l'inizio della fine che fu lo stadio Giglio, tanto che il manager friulano mi tolse perfino il saluto e mi negò ripetute richieste di interviste. Come non li feci all'amico Chiarino Cimurri, tanto che il fratello Giorgio un pomeriggio, sotto la pioggia battente, vicino al Grattacielo, mi fece una testa così che ancora me la ricordo. Come non li feci a quel bagolone di Foglia. L'ho scritto mille volte, qui su Reporter. Io lo attaccavo, ma la curva lo amava. Presi perfino un pugno in faccia, poi scopri che il tempo è galantuomo e pochi giorni fa il bell'Ernesto è stato condannato a 4 anni di reclusione per il fallimento del club. Come non li feci ad Iniziativa Tricolore,

rea di aver gettato a monte un progetto societario che ci poteva far vivere veri sogni di gloria. Come non li ho fatti in queste ultime settimane alle coop, che secondo me potevano benissimo tenersi e gestire senza patemi e con ambizioni il giocattolino granata. No, non le farò alcun sconto, dottor Barilli. Anche perchè, dai, diciamoci la verità. Lei ha uno sponsor molto forte al suo fianco, che è il primo cittadino. Non ha bisogno anche di un addetto stampa. E poi, e peraltro giustamente, lei ha legato la sua avventura in granata ad un'iniziativa imprenditoriale personale, quella dell'ormai famoso terreno edificabile in Romania. Sconti no, ma una mano grande così certamente. E ad occhi chiusi. Lei adesso è il padrone di una fanciulla a cui voglio un mondo di bene. Puoi avere dei dubbi, può piacerti oppure no, ma non puoi non voler bene al papà della tua fidanzata, se la ami per davvero. E allora in bocca al lupo presidente. Per quel poco che potrò fare, sono al suo fianco. So che sarà un duro lavoro. So che la telenovela ha finito solo la sua prima, interminabile puntata. Ora via, uno spot pubblicitario e si ricomincia. Ci sono da cercare dei nuovi partners. Campani e Villirillo

sono un ottimo inizio, questo sì. Due imprenditori seri e capaci. Il primo ha una galassia di società che fatturano più di 80 milioni di euro all'anno, mica bruscolini, il secondo è uno dei costruttori edili più apprezzati a Reggio, tanto che il nuovo Mc Donald in città lo costruirà proprio lui. Però non bastano, siete voi i primi a saperlo. Bisogna reclutare forze nuove, è del tutto evidente. C'è chi sussurra che parecchi industriali, al primo approccio ricevuto, abbiano reagito più o meno così:”Con le coop non vogliamo assolutamente trattare. Voi intanto compratela, poi passate di qui che ne riparliamo”. Un salto nel buio? Forse. Un'avventura straordinaria? Di sicuro. Non siamo né ottimisti né pessimisti, cari amici di Reporter, vi diciamo la verità. Saremo solamente spettatori e cronisti attenti. Senza sconti, ma pure senza pregiudizi. A 40 anni oramai si dice addio alle fantasie e alle illusioni. Ma si può ancora amare. E, perchè no, innamorarsi. E allora il bigliettino che, quasi di nascosto, come si faceva a scuola, le infilo in tasca, riporta una sola, ma sincera e sentita frase. Buon lavoro. Presidente.


venerdì

15 ottobre

Pag.

2010 - REPORTER

31

BASKET

Quanti “ex” in serie A Ben undici reduci biancorossi in massima serie. Faccia a faccia tra Infante e Boscagin

DI

VALERIO BENASSI

Q

uella che sta per cominciare sarà una stagione cruciale per il basket italiano. La nostra credibilità europea è ai minimi storici, dopo la bocciatura

LUCA INFANTE

(ENEL BRINDISI)

Dieci anni di legame con Reggio non si cancellano con un colpo di spugna. Luca Infante da Nocera Inferiore si è guadagnato il rispetto di tutti combattendo sul campo e dando tutto per la casacca biancorossa, con la quale ha passato i momenti più belli, che non ha dimenticato, come traspare dalle sue parole. Ora ‘O guerriero’ è pronto a tornare in campo dopo il trionfale campionato di Legadue vinto lo scorso anno.

di Torino per le Final Four di Eurolega 2011 e la possibile mancata candidatura dell'Italia per gli Europei 2013. Senza contare le numerose pastoie burocratiche-legali che attanagliano l’ambiente da anni (e Reggio ne sa

qualcosa, Lorbek vi dice niente?). A noi però interessa il basket giocato: e domenica 17 ottobre parte la serie A con ben 11 ex giocatori biancorossi in campo, da Melli a Ranniko, da Casoli a Cittadini, da Mordente a Gigli. Per

“Sto bene, non vedo l’ora di iniziare. Tra l’altro esordiremo contro Roma, esattamente come le mie due stagioni in serie A a Reggio Emilia, sempre con la Lottomatica. Pare quasi un segno”.

QUALI SONO LE TUE SENSAZIONI ALL’INIZIO DEL CAMPIONATO?

“Sono molto contento, abbiamo lavorato bene. Stiamo allenandoci con costanza, e abbiamo la volontà per iniziare alla grande. Esordiremo contro Milano, e abbiamo l’obbligo di fare bene”.

“Il roster è di buon livello. Anche se abbiamo Kris Lang che è arrivato da pochissimo, e Monroe non si è ancora allenato. Dobbiamo ancora trovare l’amalgama, ma il materiale umano c’è”.

COME VEDI LA TUA NUOVA SQUADRA?

“Il nostro punto di forza è l’insieme, il collettivo. Se troviamo il giusto amalgama possiamo fare bene. Dobbiamo trovare l’equilibrio giusto, e per fare ciò dobbiamo aiutarci a vicenda. Poi parlerà il campo”.

“Noi puntiamo alla salvezza, non QUALI SONO di più, siamo una neopromossa. Quindi ti posso dire Teramo, Pesaro, LE VOSTRE AVVERSARIE Cantù. Poi, quello che c’è d’avanzo, DIRETTE? lo accettiamo volentieri”.

“Il campionato, Siena a parte, lo vedo molto equilibrato, di livello medioalto. Secondo me ci saranno molte partite difficili, che si concluderanno punto a punto”.

“E’ ancora la favorita. Certo, quest’anno ha perso elementi importanti e potrebbe cambiare l’assetto di gioco. Ma sarà sempre la squadra da battere”.

SIENA È ANCORA UNA CORAZZATA INVINCIBILE?

“Siena è cambiata, ma non ha perso lo spirito di lottare e vincere contro tutto e tutti. L’ho vista in finale di Supercoppa. Magari non avrà più un gioco fluido come i quintetti degli anni passati, ma rimane temibilissima”.

“Certo, come no. Domenica ero al palazzetto, e mi ha fatto male vedere la squadra perdere in quel modo. Ma ci può stare, all’inizio del campionato bisogna trovare equilibrio. Meglio perdere queste partite adesso che nella fase cruciale, a metà campionato”.

SEGUI ANCORA LA TRENKWALDER?

“Certo, ho ancora molti amici. Sarei anche rimasto, ma la società ha deciso di dare un taglio diverso alla squadra dell'anno scorso, e quindi ho accettato la proposta di Teramo. Ma ogni domenica guardo il risultato della Trenk”.

“Ovvio, certo che si! Reggio è sempre nel cuore”.

SE A FINE CARRIERA TI PROPONESSERO DI TORNARE A REGGIO, ACCETTERESTI?

“Bosca, fà o’ brav’, can’ e’ pecr! Traduco: Fai il bravo, cane di pecore. E sai cosa voglio dire!”.

SALUTATEVI

Ascensore Sportivo

“Attualmente non penso al fine carriera. Sono contentissimo di essere tornato in serie A, e ora il mio obiettivo è dimostrare il mio valore qui a Teramo. Poi, vale il banale ‘mai dire mai’”. “Infa sei un grande! Abbiamo fatto tante battaglie insieme. Però contro di noi non fare il ‘solito’ e regalaci i due punti!”

N

ove punti per l’ex biancorosso Jamar Smith nel suo esordio in ProA, il massimo campionato di basket francese. Partito dalla panchina, Smith ha contribuito al prestigioso successo di Orleans sul campo del Limoges con 4-9 nel tiro da due (e 0-1 da tre!), 9 rimbalzi, 4 assist e 4 palloni rubati. Chiamatelo… il “pulzellone di Orleans”.

ANGELO GREGUCCI

U

na sconfitta invece per Angelo Gregucci al suo esordio sulla panchina del Sassuolo Calcio. Chiamato da patron Squinzi per risollevare le sorti dei neroverdi, l’ex giocatore e allenatore granata non ha saputo far meglio del predecessore Arrigoni andando a perdere in quel di Pescara. Visto il terzultimo posto in classifica, l’unica consolazione è che difficilmente potrà far peggio.

CLAUDIA ANASTASIO artenza super per la Memar. La squadra di basket femminile della nostra città “demolisce” Usmate per 88-41 nella prima giornata del campionato di serie B di eccellenza. Sugli scudi Claudia Anastasio, autrice di un’ottima partita e top scorer della gara con 16 punti. Ora le ragazze di Giroldi sono attese dalla trasferta di Valdarno per confermarsi al primo posto in classifica.

GIORGIO BOSCAGIN

1.775 Gli abbonamenti della Trenkwalder per la stagione 2010-2011

(TERCAS TERAMO)

22 I palloni persi dalla Trenkwalder nella partita contro Casalpusterlengo

11 I punti segnati da San Severo nel primo quarto contro Barcellona

Capitano, Mio capitano. Una vera ‘bandiera’ biancorossa, e capitano della stagione scorsa, il “Bosca” è pronto a tornare in campo con la sua duttilità e il suo solito agonismo, come ben sanno molti giocatori che se lo sono trovati di fronte. La rivoluzione in casa Trenkwalder non lo ha risparmiato, e Boscagin si è accasato a Teramo, compiendo di nuovo il grande balzo verso la serie A.

9 Le stoppate del centro di Pistoia Jarmis Varnado nella partita contro Casale Monferrato

Focus

JAMAR SMITH

P

saperne di più, abbiamo messo a confronto in un’intervista doppia due ex ‘bandiere’ della pallacanestro Reggiana che quest’anno fanno ritorno nella massima serie: Luca Infante (Brindisi) e Giorgio Boscagin (Teramo).

E

Tutti a “Casa&Tavola”

dilesse e Trenkwalder, tra salotti e gnocco dritto. Come ogni anno la Pallacanestro Reggiana ha fatto visita a “Casa&Tavola”. La comitiva biancorossa, composta da Piero Coen, Alessandro Frosini, Donatas Slanina, Rudi Valenti e Patrizio Verri, è stata accolta inizialmente nello stand della Cna dal vice Presidente dell’associazione di via Maiella Aldo Avosani, con cui i biancorossi hanno brindato alla nuova stagione. Per l’occasione si è unita al brindisi anche Eleonora Riccò, Miss Reggio 2007, impegnata nello Spazio Sposi del padiglione di Cna. Dopo aver fi rmato autografi e posato per foto ricordo, la Trenkwalder ha poi fatto visita agli stand delle altre aziende sostenitrici presenti alla manifestazione come espositori di Casa & Tavola: Consorzio Del Parmigiano Reggiano, G.A.B. Tamagnini e Antica Trattoria Cognento. Ultima tappa infine lo stand di Pam Legno alla Galleria

BRINIDISI A CASA & TAVOLA Coen, Frosini e Valenti allo stand della Cna

ingresso sud nel padiglione D. La formazione biancorossa si è recata presso lo stand del Comitato Italiano Paralimpico dove ha posato per le foto insieme ad alcuni membri del CIP tra cui il presidente Vincenzo Tota. Durante tutto il corso della visita i giocatori hanno firmato autografi ai tifosi e posato per foto ricordo. Sull’esempio biancorosso, anche l’Edilesse Volley è andata a “Casa&Tavola”. I ragazzi di Marco Bonitta sono stati

ospiti dello stand di Reggiana Gourmet, partner storico del club giallonero che ha deliziato Luppi e compagni con tortellini e cappelletti di ogni genere. E con un Fefè Garnica letteralmente scatenato, l’evento è diventato ancor più gradevole, con il palleggiatore dell’Edilesse Conad protagonista in mezzo ai fornelli, quale chef d’eccezione assieme al titolare dell’azienda reggiana, Mirco Salsi.


Pag.

32

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

NELLA REGGIANA DI VANDELLI E SANTIN Fabio Casoni nel ritiro granata del 1986. Si riconoscono, tra gli altri, Facciolo, Dominissini, Albi, D'Agostino, Tanzi, Mossini, Gadda, Cocca e Cacciatori

L’ALTRO SPORT

Un reggiano sulle orme di Platini Fabio Casoni 20 anni nel calcio. E un esordio da leggenda contro la Juve a Torino di

Mara Bianchini

C

’è chi inizia marcando un anonimo avversario. E chi Michel Platini. Come Fabio Casoni, ex giocatore della Reggiana che tirò i suoi primi calci da professionista in Coppa Italia seguendo le orme di Le Roi Michel in un Reggiana-Juventus di 25 anni fa. La carriera di Fabio Casoni inizia negli anni ’80 in Interregionale nel Roteglia insieme a giocatori come Giorgio Redeghieri, Guido Battilani, Stefano Zironi e altri che oggi sono diventati stimati allenatori di squadre dilettantistiche. “Dopo il Roteglia sono passato alla Reggiana – spiega Fabio Casoni – dove sono stato due anni. Nel primo ho giocato prettamente nella Beretti dove abbiamo vinto il campionato ma perso le fasi finali di serie C. L’anno dopo, nella stagione 1987-88 ho esordito con la prima squadra: al Comunale di Torino”. Casoni, ci parli del suo “indimenticabile” esordio tra i professionisti? “Partita di Coppa Italia fra Juventus e Reggiana al Comunale di Torino. Durante l’intervallo, mister Nello Santin mi disse che dovevo scendere in campo perché Restelli si era infortunato. “Vai su Platini, tanto corre poco”: questo fu il suo incitamento. Io ci provai. Era vero che Platini correva poco, ma il problema era che giocava di prima per cui era impossibile da marcare”. Quali sono state le altre tappe della sua carriera? “Dopo la Regia, sono stato un paio d’anni a Sassuolo e poi in Sicilia a Partinico dove avevo Delneri come allenatore, davvero un bravo tecnico. Una bella esperienza, quella in Sicilia. Ho giocato un anno in Interregio-

nale e due in C2 con stadi pieni zeppi di persone”. Dopo Partinico, il ritorno a casa. “Prima a Brescello in Interregionale poi a Castellarano in Promozione. Ho giocato anche a Fiorano (vincendo tre campionati, dalla Seconda alla Promozione), Real Sassuolo, Casalgrande, Cerredolo Salvaterra fino ad arrivare al Montefiorino in Seconda Categoria. Dopo ho appeso le scarpette al chiodo. Avevo 35 anni”. Quando è iniziata la sua carriera di allenatore? “Subito dopo. Ho preso il patentino per allenare fino alla serie D ma sono rimasto deluso da tutti quei giocatori della juniores che vogliono tutto e subito e non capiscono che bisogna fare la gavetta e bisogna impegnarsi per emergere. Guardano troppa televisione e sono convinti di essere

dei mostri del calcio quando non sanno neppure come si stoppa una palla”. Da qui la decisione di fare il direttore sportivo? “E’ un ruolo che mi piace di più. Ho iniziato ad Arceto ed ora sono il diesse del Casalgrande, una società molto organizzata con un presidente, Gottardi, che da 17 anni la dirige”, Oltre a fare il diesse si occupa anche di altro? “Lo scorso anno ho collaborato con Andrea Carnevale dell’Udinese per i giovani talenti. Poi collaboro con diversi procuratori e per loro vado a visionare i giovani”. Nella sua carriera qual è il giocatore più forte che ha incontrato? ”Ruud Gullit, mi ha massacrato portandomi in giro come una bandierina!”. Il compagno più forte che ha avuto? “Luigi Apolloni”. Qual è l’annata che più le è rimasta nel cuore? “Le annate sono state due, quelle di Roteglia. C’era un gruppo fantastico tanto che non vedevo l’ora di andare ad allenamento. Tante persone con più esperienza che davano consigli senza erigersi a maestri. Sono stati due anni bellissimi. E’ stato grazie a Walter Balestrieri e Giorgio Redeghieri che mi sono innamorato di questo sport”. L’annata più bella invece?

CASONI, IERI E OGGI Dopo il match contro la Juve (con Massimo Bonini) e nella redazione di Reporter

“Alla Reggiana il secondo anno”. Qual è stato il miglior allenatore che ha avuto? “Non ce n’è stato solo uno ma diversi. Quelli ai quali sono più affezionato sono Nello Santin che ora è il responsabile del settore giovanile della Sampdoria

e Walter Balestrieri”. Lei oltre ad occuparsi di calcio si occupa anche di sociale. “Sono un volontario dei Guerrieri del Signore. Questa associazione è nata in Brasile ma da diversi anni opera anche in Italia. Si occupa prevalentemente di bambini che, soprattutto nei

paesi sudamericani, vivono in realtà difficili. Negli ultimi mesi ho iniziato anche una collaborazione, se così la vogliamo chiamare, con il Don Bosco di Scandiano per organizzare assieme alla Casalgrande Padana e la Ceramica Serenissima degli eventi sportivi”.

IL SOGNO: “VORREI RIGIOCARE UNA PARTITA CONTRO PAOLO MALDINI” Nome? Fabio Cognome? Casoni Nato il? 19/03/1969 A? Sassuolo Ha un soprannome? No, ma da piccolo mi chiamavano Tempesta Single o sposato? Fidanzato Figli? No A quanti anni ha iniziato a giocare a calcio? A 6 anni nelle giovanili del Roteglia Perché? E’ troppo bello Pratica altri sport? Tennis Cosa avrebbe fatto se non il professionista? Non lo so In viaggio mai senza?

Bermuda Una partita con? Rigiocare contro Paolo Maldini Cosa non deve mai mancare nella borsa da calcio? Scarpe da calcio Ruolo? Centrocampista Colore? Nero Film? Forest Gump Piatto? Spaghetti alle vongole Città? Firenze Che musica ascolta? Italiana Canzone? Tutte, non ne ho una preferita E’ dipendente da qualcosa? No Di quale capo di

abbigliamento non può fare a meno? Scarpe da ginnastica Mattiniero o nottambulo? Tutte e due Tecnologico? Abbastanza Ha paura di? Niente, che il mondo stia andando troppo veloce Se le offrissero di partecipare ad un reality quale? In una casa non resisterei, ma all’Isola ci andrei perchè c’è il mare Il più bel regalo che ha ricevuto? Una dedica da parte di un ragazzo disabile che ho aiutato

Che cosa ha fatto una volta nella vita e non rifarebbe? Aver rifiutato una proposta di Morini del Reggiolo Quale potere sovrumano vorrebbe avere? Tanti Ha animali? Sì, 2 cani, Stella e Ketty: quest’ultima è una trovatella Cosa non manca mai nel suo frigorifero? Cipolline sott’olio L’auto dei suoi sogni? Maserati Qual è la domanda che non vorrebbe mai che le fosse fatta? Tutte e nessuna

Casoni con Maldini dopo un Milan-Reggiana


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

33

SPECIALE MONTECCHIO 881 FIERA DI SAN SIMONE O

SABATO 16 E DOMENICA 17 OTTOBRE

Centro Storico CioccolaTour 2010 L’arte del cioccolato scende in piazza – 1° edizione Fiera del cioccolato con artigiani cioccolatieri provenienti da tutt’Italia. Laboratori ludici e didattici, intrattenimenti musicali, spettacoli e giochi Spettacoli di quad e trial acrobatico

In collaborazione con Istituto Tecnico Agrario “F. Bocchialini” di Parma “I funghi del reggiano” In collaborazione col gruppo micologico”R. Franchi” di Reggio Emilia “Maioli Piante” Salvaterra

Dalle 10 alle 20 Castello Medievale 47° Rassegna di Antiquariato “San Simone” Qualificati espositori reggiani e parmigiani con mobili rustici della Val d’Enza

SABATO 23 OTTOBRE Piazzale Mercato Nuovo Luna Park Tradizionali giostre per bambini Contrada Grande Mercatino delle opere dell’ingegno e della creatività Mostra mercato con il fascino del “fatto a mano” Via Zannoni Mercato contadino Esposizione e vendita di prodotti della terra Dalle 9.30 alle 12.30 Edificio Ex Capolo – a fianco del Palazzetto dello Sport Sapori e colori di un tempo “Mostra del frutto antico”

Percorsi di scambi territoriali con i Comuni italiani accomunati dal nome di Montecchio Esposizione dei prodotti tipici dei Comuni di Montecchio (Terni), Montecchio Maggioree Montecchio Precalcino

Portici di Piazza della Repubblica, 14 Emozioni a colori Collettiva di pittori montecchiesi Luigi Garano, Graziano Gilli, Dilio Iotti Palazzetto dello Sport – Via F.lli Cervi Mostra Agricola Commerciale Mostra delle macchine agricole e nuove tecnologie per l’agricoltura Stand con produzioni locali agroalimentari, prodotti commerciali e artigianali Via XXV aprile e cortile Scuole Medie Mostra Auto Camper e Barche Via F.lli Cervi Montecchio d’Italia

Ore 10 Palazzo Vicedomini Cavezzi Ritrovo delle autorità Partenza del corteo inaugurale delle iniziative della fiera Ore 10.30 Piazza della Repubblica Proclamazione d’apertura della 881° edizione della Fiera di San Simone Performance teatrale a cura dell’Associazione Sipario Aperto

di Grasselli Loris & C.

ZONA

MONTECCHIO

Nuova palazzina a 4 alloggi indipendenti MAISONETTE di grandi dimensioni composta da soggiorno, cucina, 3 camere, 2 bagni, ampia tavernetta, lavanderia, doppio garage, giardino privato e loggia. APPARTAMENTO composto da soggiorno, cucina, bagno, 2 camere matrimoniali, doppio garage Tutte con ottime finiture

Per info Grasselli geom. Loris cell. 335 84.89.103


Pag.

34

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE MONTECCHIO Dalle 15 alle 18.30 Edificio Ex Capolo – a fianco del Palazzetto dello Sport Sapori e colori di un tempo “Mostra del frutto antico” In collaborazione con Istituto Tecnico Agrario “F. Bocchialini” di Parma “I funghi del reggiano” In collaborazione col gruppo micologico”R. Franchi” di Reggio Emilia “Maioli Piante” Salvaterra

A PASSION FOR

HAIR

di Sandra Carretti MARTEDÌ E MERCOLEDÌ 8,30 - 12,00 15,00 - 19,30 GIOVEDÌ E VENERDÌ 9,00 - 17,00 - SABATO 8,00- 19,00

Piazzale Cavour, 24/A - 42027 MONTECCHIO E. (RE)

Tel. 0522.862334

DOMENICA 24 OTTOBRE

Via Prampolini, 84 - Tel. 0522/863225 Montecchio Emilia (RE)

Bertani & C.

Piazzale Mercato Nuovo Luna Park Tradizionali giostre per bambini Contrada Grande Mercatino delle opere dell’ingegno e della creatività Mostra mercato con il fascino del “fatto a mano”

DI BERTANI & BONI

Via Spallanzani, 3 Tel. (0522) 864866 42027 MONTECCHIO E. (Reggio Emilia)

dalle 15alle 18.30 Edificio Ex Capolo – a fianco del Palazzetto dello Sport Sapori e colori di un tempo “Mostra del frutto antico” In collaborazione con Istituto Tecnico Agrario “F. Bocchialini” di Parma “I funghi del reggiano” In collaborazione col gruppo micologico”R. Franchi” di Reggio Emilia “Maioli Piante” Salvaterra

Via Zannoni Mercato contadino Esposizione e vendita di prodotti della terra

snc

FRESATURA A CONTROLLO NUMERICO

Dalle 10 alle 20 Castello Medievale 47° Rassegna di Antiquariato “San Simone” Qualificati espositori reggiani e parmigiani con mobili rustici della Val d’Enza Portici di Piazza della Repubblica, 14 Emozioni a colori Collettiva di pittori montecchiesi Luigi Garano, Graziano Gilli, Dilio Iotti

PA R R U C C H I E R I

T.I.M. ARROTINO - AFFILATORE

Sapori e colori di un tempo “Mostra del frutto antico” In collaborazione con Istituto Tecnico Agrario “F. Bocchialini” di Parma “I funghi del reggiano” In collaborazione col gruppo micologico”R. Franchi” di Reggio Emilia “Maioli Piante” Salvaterra

Via Achille Grandi Mercatino Cambio e Scambio Tanti espositori per immergersi nel fascino delle piccole cose belle di una volta Organizzato da “La Vecchia Montecchio” Ore 8 Laghetto di pesca sportiva Trofeo San Simone Gara a coppie di pesca sportiva alla carpa Dalle 9.30 alle 12.30 Edificio Ex Capolo a fianco del Palazzetto dello Sport

Ore 17 Chiesa della Madonna del Popolo (Chiesa nuova) Coro Estense di Montecchio Emilia Prova aperta alla cittadinanza

LUNEDÌ 25 OTTOBRE Piazzale Mercato Nuovo Luna Park Tradizionali giostre per bambini

CENTRO ASSISTENZA PER COMMERCIANTI ED ARTIGIANI

CONFARTIGIANATO S.R.L.

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

Piazza Repubblica, 33 - Montecchio E. Tel. 0522-866549/40 - Fax 0522/864323


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

35

SPECIALE MONTECCHIO Palazzetto dello Sport – Via F.lli Cervi Mostra Agricola Commerciale Mostra delle macchine agricole e nuove tecnologie per l’agricoltura Stand con produzioni locali agroalimentari, prodotti commerciali e artigianali Via XXV aprile e cortile Scuole Medie Mostra Auto Camper e Barche Via F.lli Cervi Montecchio d’Italia Percorsi di scambi territoriali con i Comuni italiani accomunati dal nome di Montecchio Esposizione dei prodotti tipici dei Comuni di Montecchio (Terni), Montecchio Maggiore e Montecchio Precalcino Dalle 15 alle 20 Castello Medievale 47° Rassegna di Antiquariato “San Simone” Qualificati espositori reggiani e parmigiani con mobili rustici della Val d’Enza

GIOVEDÌ 28 OTTOBRE dalle 10 alle 20 Castello Medievale 47° Rassegna di Antiquariato “San Simone” Qualificati espositori reggiani e parmigiani con mobili rustici della Val d’Enza Portici di Piazza della Repubblica, 14 Emozioni a colori Collettiva di pittori montecchiesi Luigi Garano, Graziano Gilli, Dilio Iotti

PROSSIMI EVENTI GIOVEDÌ 11 NOVEMBRE Ore 21 Castello Medievale Sala della Rocca “C’era una volta la Banca Popolare di Montecchio” Presentazione della ricerca storica a cura di Franco Boni Associazione Culturale “La Vecchia Montecchio”

Portici di Piazza della Repubblica, 14 Emozioni a colori Collettiva di pittori montecchiesi Luigi Garano, Graziano Gilli, Dilio Iotti

DICEMBRE Castello Medievale Sala della Rocca “Don Giuseppe Alai e la nascita della Capolo” Convegno celebrativo dei cento anni della nascita della Capolo

FINO A LUNEDÌ 1 NOVEMBRE Sabato e festivi: dalle 10 alle 20 Feriali: dalle 15 alle 20

CARROZZERIA

MAZZONI RUBIN

90 ANNI IN ACQUERELLO C’è tempo fino a domenica 17 Ottobre per visitare la personale “Acquerelli” che celebra i 90 anni dell’artista montecchiese William Catellani. La mostra,organizzata dal Comune di Montecchio in collaborazione con lo studio bibliografico “Le Muse”, è allestita nella Sala Comunale della Rocca, sarà visitabile nei consueti orari di apertura della Biblioteca Comunale e del Castello medievale e presenterà oltre 50 opere, rappresentative della cifra stilistica dell’autore.

CENNI BIOGRAFICI William Catellani nasce a Montecchio Emilia nel 1920.

Ancora adolescente lavora come operaio litografo e contemporaneamente segue le lezioni alla scuola serale di disegno diretta dallo scultore Armando Giuffredi, suo maestro e amico. Durante la guerra, in servizio militare a Napoli, entra in contatto con l’ambiente artistico partenopeo (Monteleone, Romeo, Iodice), dove può ottenere scambi fondamentali per la sua maturazione culturale. Diplomatosi all’Istituto d’Arte di Modena, frequenta poi i corsi di decorazione e di incisione, sotto il maestro Giorgio Morandi, all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove ha modo di conoscere

Contini, De Vita, Leoni e Damiani. In campo artistico espositivo, Catellani è presente fin dall’immediato dopoguerra con mostre personali e con la partecipazione a collettive di importanze regionale e nazionale. Nel 1951 inizia l’insegnamento, più che trentennale, di materie artistiche nella Scuola Media Statale. Da questa attività collaterale può trarre motivazioni creative originali e spunti di affinamento espressivo. Dal 1987 è socio della “Xilon Italiana” di Genova, associazione con la quale partecipa a collettive di grafica in Italia e all’estero. Vive ed opera a Montecchio Emilia.

BIGI IMPIANTI

snc

di Bigi Iuri e C.

Installazione di impianti metano e GPL Ganci traino per autovetture

ATTIVATI INCENTIVI STATALI PER IMPIANTI A GAS VILLA AIOLA - Montecchio Emilia - Tel. (0522) 87.11.26

• Verniciatura a forno • Banco di riscontro con dima universale • Sostituzione cristalli • Riparazione accurata auto grandinate e bolli in genere senza verniciare o rovinare la vernice originale Via del Cacciatore, 10/A 42027 Montecchio Emilia (R.E.) tel. 0522/864721 - fax 0522/864721

PREVENTI VI GRATUITI

Borghi Roberta PULIZIE CIVILI ED INDUSTRIALI IN APPARTAMENTI DI NUOVA COSTRUZIONE E ABITATI. PULIZIE AZIENDE, UFFICI E CONDOMINI. SGRASSATURE CIVILI E INDUSTRIALI.

CELL. 335 1423288 Strada Montegrappa, 27 - Villa Aiola - Montecchio Emilia (RE) Tel. e Fax 0522.871298 - E-mail: borghi.pulizie@libero.it


Pag.

36

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE MONTECCHIO

Un successo sicuro Arriva alla sua 881^ edizione la fiera più attesa della Val d’Enza

C

ome ogni anno e come è già successo in altre 880 occasioni nelle prossime settimane Montecchio Emilia sarà protagonista della 881esima fiera di San Simone. Si tratta sicuramente di uno degli eventi più importanti per il paese ed il suo circondario ma si tratta anche di una delle fiere più rilevanti per la provincia di Reggio Emilia. Oltre al mercato, al luna park, ad una delle Rassegne di antiquariato più antiche, quest’anno ospitata all’interno della prestigiosa cornice del castello medievale, alle innumerevoli occasioni culturali e commerciali sarà un momento di grande coinvolgimento dell’intera comunità montecchiese, del suo centro storico e di tutto il suo territorio. A Montecchio convergeranno cittadini di località vicine e più lontane, commercianti ed espo-

sitori di tante province, merci e prodotti di tutti i tipi, iniziative e proposte più diverse per creare quell’insieme variopinto ed eterogeneo che anche nel dire comune va sotto il nome di fiera.

Accanto agli aspetti più folkloristici e spettacolari esiste un lavoro complesso e difficile di organizzazione e predisposizione degli spazi e degli eventi che richiedono impegno ed espe-

rienza per far sì che tutto si svolga nel miglior modo possibile. Affluendo decine di migliaia di visitatori con migliaia di automezzi il coordinamento non è semplice né facile e che possano

crearsi problemi l’unica cosa certa. Proprio per continuare a migliorare la qualità della Fiera anche quest’anno verrà consolidato il progetto, già sperimentato lo scorso anno,

che ha nella sicurezza dei cittadini residenti, nella sicurezza dei visitatori ed operatori il suo punto principale perché ogni luogo dell’evento sia accessibile ai mezzi di soccorso.

EMOZIONI A COLORI

L’edizione 2010 della Fiera di San Simone conferma l’ormai tradizionale attenzione dell’Amministrazione Comunale nei confronti dei Pittori Montecchiesi, ospitando, nella centrale saletta espositiva sotto i Portici di Piazza della Repubblica, la mostra “Emozioni a Colori". Luigi Garano, Graziano Gilli e Dilio Iotti, diversi per età, esperienza di vita e di cultura, diversi nella tecnica pittorica e nella interpretazione della realtà sono però accomunati dalla passione per l’arte figurativa . Le loro opere si fanno interpreti dei loro sentimenti, della loro memoria, della loro

personale visione della natura e del piccolo mondo quotidiano che ci circonda . Attraverso i diversi usi del pennello, della spatola e delle infinite variazioni del colore, ci accompagnano in uno scorrere di immagini che coinvolgono la nostra fantasia e la nostra sensibilità. L’Amministrazione Comunale ringrazia i pittori ed augura loro successo di pubblico e continuità nel coltivare il loro interesse per l’arte. La mostra si terrà da sabato 23 ottobre a lunedi 1 novembre e effettuerà i seguenti orari : festivi: 9.30- 12.30 / 15-19 feriali: 10-12


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

37

SPECIALE MONTECCHIO

Una tradizione che continua Dal 23 ottobre al 1 novembre al Castello Medievale la 47° edizione della rassegna di antiquariato

N

onostante le gravi diffi coltà che interessano il mondo antiquario e che hanno messo in crisi diverse esposizioni del settore, la Mostra di Antiquariato di Montecchio conferma il suo ruolo di rassegna principe del mobile rustico reggiano. Saranno circa 20 gli espositori collocati quest’anno nel cuore del paese, nella prestigiosa cornice degli spazi espositivi del castello medievale. La fidelizzazione e lo straordinario attaccamento degli espositori alla rassegna consente il rinnovarsi di una tradizione che mantiene Montecchio ai vertici della piccola grande storia dell’antiquariato italiano, grazie anche alla sua data di origine che la identifica come la più longeva di tutte. L’intimità delle atmosfere, la qualità dei pezzi proposti e la possibilità di entrare in stretta

UN MERCATINO “GENIALE”

relazione e familiarità con l’antiquario di riferimento fanno della rassegna montecchiese un luogo privilegiato per acquisti mirati e di sicuro valore. La manifestazione resterà aperta al pubblico dal 23Ot-

Robi Vec’ a Montecc

Il paese ripercorre la propria storia attraverso gli oggetti

N

ella rosa delle manifestazioni della prestigiosa Fiera di San Simone l’ Associazione “La Vecchia Montecchio” sarà presente con il Mercatino dell’Antiquariato, consueto appuntamento della quarta domenica del mese, domenica 24 ottobre. Gli espositori verranno disposti lungo via A.Grandi partendo dal cortile, gentilmente messo a disposizione dal Sig: Friggeri Carlo e dalla Sig. Brindani Tiziana. L’Associazione “La Vecchia Montecchio” si prefigge di tenere viva nella memoria e valorizzare la nostra storia, le nostre tradizioni con il mercatino e con la pubblicazione del giornalino “Montecc”. Il contributo economico degli associati e quello dei mercatini viene devoluto in beneficenza. Sui banchi e nelle distese variegate degli espositori ritroviamo oggetti di “antichi mestieri”, il vecchio mobile degli avi, l’attrezzo oggi sconosciuto del contadino o della “resdora” ma anche il prezioso servizio di porcellana della famiglia ricca , il “bibelot” di raffinata fattezza, il polveroso ma pregiato volu-

me, il vecchio disco della nostra giovinezza, la “lingerie” della nonna... una ridda di ricordi per i più anziani, una scoperta per i giovani avidi di curiosità e interessati a conoscere le cose del passato. Il mercatino è solo uno degli strumenti dell’Associazione per alimentare il ricordo, la curiosità e anche un pizzico di nostalgia. Molto apprezzato è il fascicolo “Montecc”, che viene pubblicato una volta all’anno dopo Natale e raccoglie innumerevoli articoli scritti con dovizia dai nostri concittadini. Ricerche storiche, simpatici aneddoti, personaggi del passato, poesie, illustrazioni, eventi dimenticati, storie allegre e storie tristi: un susseguirsi di racconti, di testimonianze che riportano alla ribalta la vita montecchiese. Il Mercatino “Robi Veci” prosegue ogni quarta domenica del mese, fino al mese di giugno del 2011. Nel periodo estivo diventa l’appuntamento serale del giovedì. Per informazioni e nuove iscrizioni : lavecchiamontecchio@ libero.it

tobre al 1 Novembre Orari Festivi: dalle 10 alle 20 (orario continuato) Feriali: dalle 15 alle 20 Giovedì 28 ottobre: dalle 10 alle 20

In via Reverberi hobbisti e maestri di creatività esporranno al pubblico le loro “opere d’ingegno”. Le innumerevoli richieste di partecipazione da parte degli espositori e il vasto consenso di pubblico confermano il successo del mercatino delle Opere di ingegno, che arricchisce il ventaglio delle manifestazioni di una delle Fiere più importanti della provincia. In via Reverberi, lungo tutto il percorso della “Contrada grande” verrà quindi nuovamente accolto un gruppo qualificato di hobbisti, maestri di fantasia e creatività che offrirà ai visitatori una variegata gamma di oggettistica, frutto del loro ingegno artistico.

Materiali diversi, a volte insoliti: legno, vetro, carta, tessuto, pasta di mais, radici, pelle ... e quant’altro danno vita a forme, colori, composizioni di notevole suggestione.

Da queste opere, rigorosamente realizzate dell’espositore emana tutto il fascino, la magia del lavoro “fatto a mano” e tutta la passione che l’hobbista vive nell’esecuzione del proprio lavoro.


Pag.

38

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE MONTECCHIO

Una corte di lunga vita Palazzo Vicedomini Cavezzi è tornato all’antico splendore. Migliaia di visite nel periodo estivo, altrettante previste per la fiera

S

ono stati oltre un migliaio i visitatori che hanno avuto la possibilità di visitare, nel corso dell’estate il restaurato Palazzo Vicedomini Cavezzi, storica dimora quattrocentesca appartenuta a importanti casati nobiliari. Questo grazie all’apertura straordinaria e gratuita del palazzo tutti i giovedì sera dei mesi di giugno e luglio, e agli importanti eventi che hanno trovato sede in questa meravigliosa cornice, tra cui le due serate di Montecchio Unplugged. Palazzo Vicedomini, sarà inoltre aperto e visitabile gratuitamente nei giorni della Fiera di San Simone di sabato 23, domenica 24 e lunedì 25 ottobre con orario continuato dalle 10 alle 19. Collocato nel cuore del centro storico di Montecchio, il recupero strutturale e funzionale dell’edificio rappresenta riconsegna a Montecchio uno dei suoi simboli monumentali più importanti che testimonia in modo inequivocabile la lunga e prestigiosa storia di questo comune e costituisce uno straordinario elemento di valorizzazione della struttura medievale del centro del paese, già fortemente caratterizzato dalla presenza del Castello. L’edificio, appartenente al tipo delle case a corte, rappresenta infatti uno dei più significativi e meglio conservati esempi di questo particolare stile architettonico dell’intera provincia. Oltre all’edificio è stata allestita

e visitabile per tutto il periodo estivo la mostra di Artisti italiani del ‘900, esposizione di grande interesse e che comprende oltre 20 pezzi dei più rappresentativi artisti dello scorso secolo dell’intera provincia e di Montecchio in particolare. Tra le opere pittoriche si contano quadri molto significativi degli anni 60/70 di artisti figurativi come Bruno Olivi, Gino Gandini, Rina Ferri, Nello Leonardi, Claudio Melioli, Carlo Destri, Remo Tamagnini e Alberto Manfredi ma anche opere di pittori contemporanei e di diversa matrice stilistica: Graziano Pompili, Omar Galliani, Angelo Davoli, Franco Bonetti, Alfonso Borghi, solo per citarne alcuni. Menzione speciale per il delicato olio, rappresentativo di tutta la sua arte, di William Catellani. Oltre ai dipinti la sede espositiva di Palazzo Vicedomini ospita una piccola ma incantevole collezione di vasi, si tratta di importanti vetri (coppe, coppette, bottiglie e vasi) della celebre ditta Venini realizzati da grandi artisti dell’arte vetraria e non, quali Paolo Venini, Fulvio Bianconi, Monica Guggisberg, Tapio Wirkala, Ettore Sottsas e Gae Aulenti. Incorniciati dalle belle mura del palazzo trovano risalto anche pregevoli mobili antichi di varie epoche, tra cui un inginocchiatoio ligure del ‘500 e una coppia di poltrone emiliane di stile “barocco”.

TRA FRUTTI ANTICHI E FUNGHI REGGIANI

Anche quest’anno all’interno della fiera, presso il Piazzale del Palazzetto dello Sport in Via F.lli Cervi sarà possibile visitare la Mostra del Frutto Antico, un itinerario tra le antiche varietà che hanno allietato la mensa dei nostri avi. Un viaggio condito non solo di nostalgia ma del senso della scoperta, un viaggio nella bellezza dei colori e delle forme, nell’intensità

dei profumi, nelle varietà di frutta che l’impegno di secoli per una attenta selezione ha arricchito fino all’inverosimile. La mostra sarà allestita nell’area antistante il Palazzetto dello Sport in Via F.lli Cervi. Adiacente a questa mostra troverà spazio, come ormai di consuetudine, la “ Mostra dei Funghi del Reggiano”, un appuntamento da non

perdere! La micologia è una scienza appassionante e difficile, per l’infinita varietà dei funghi presenti anche sulla nostra terra. Anche in questo caso una mostra per esperti ma anche per semplici cultori o appassionati. La visita ad entrambe le esposizioni sarà guidata da personale molto disponibile e competente.

Elettrauto PATTACINI GIANCARLO & C. s.n.c.

Via G. Galilei, 5 - MONTECCHIO (RE) - Tel. (0522) 864688

AUTORIZZATO SERVIZIO

TAKIGRAFI

M.I.C.A. RE 025

CONDIZIONATORI LIMITATORI

OFFRE PROFESSIONALITA' e COMPETENZA PER ASSISTENZA


Pag.

38

venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE MONTECCHIO

Una corte di lunga vita Palazzo Vicedomini Cavezzi è tornato all’antico splendore. Migliaia di visite nel periodo estivo, altrettante previste per la fiera

S

ono stati oltre un migliaio i visitatori che hanno avuto la possibilità di visitare, nel corso dell’estate il restaurato Palazzo Vicedomini Cavezzi, storica dimora quattrocentesca appartenuta a importanti casati nobiliari. Questo grazie all’apertura straordinaria e gratuita del palazzo tutti i giovedì sera dei mesi di giugno e luglio, e agli importanti eventi che hanno trovato sede in questa meravigliosa cornice, tra cui le due serate di Montecchio Unplugged. Palazzo Vicedomini, sarà inoltre aperto e visitabile gratuitamente nei giorni della Fiera di San Simone di sabato 23, domenica 24 e lunedì 25 ottobre con orario continuato dalle 10 alle 19. Collocato nel cuore del centro storico di Montecchio, il recupero strutturale e funzionale dell’edificio rappresenta riconsegna a Montecchio uno dei suoi simboli monumentali più importanti che testimonia in modo inequivocabile la lunga e prestigiosa storia di questo comune e costituisce uno straordinario elemento di valorizzazione della struttura medievale del centro del paese, già fortemente caratterizzato dalla presenza del Castello. L’edificio, appartenente al tipo delle case a corte, rappresenta infatti uno dei più significativi e meglio conservati esempi di questo particolare stile architettonico dell’intera provincia. Oltre all’edificio è stata allestita

e visitabile per tutto il periodo estivo la mostra di Artisti italiani del ‘900, esposizione di grande interesse e che comprende oltre 20 pezzi dei più rappresentativi artisti dello scorso secolo dell’intera provincia e di Montecchio in particolare. Tra le opere pittoriche si contano quadri molto significativi degli anni 60/70 di artisti figurativi come Bruno Olivi, Gino Gandini, Rina Ferri, Nello Leonardi, Claudio Melioli, Carlo Destri, Remo Tamagnini e Alberto Manfredi ma anche opere di pittori contemporanei e di diversa matrice stilistica: Graziano Pompili, Omar Galliani, Angelo Davoli, Franco Bonetti, Alfonso Borghi, solo per citarne alcuni. Menzione speciale per il delicato olio, rappresentativo di tutta la sua arte, di William Catellani. Oltre ai dipinti la sede espositiva di Palazzo Vicedomini ospita una piccola ma incantevole collezione di vasi, si tratta di importanti vetri (coppe, coppette, bottiglie e vasi) della celebre ditta Venini realizzati da grandi artisti dell’arte vetraria e non, quali Paolo Venini, Fulvio Bianconi, Monica Guggisberg, Tapio Wirkala, Ettore Sottsas e Gae Aulenti. Incorniciati dalle belle mura del palazzo trovano risalto anche pregevoli mobili antichi di varie epoche, tra cui un inginocchiatoio ligure del ‘500 e una coppia di poltrone emiliane di stile “barocco”.

TRA FRUTTI ANTICHI E FUNGHI REGGIANI

Anche quest’anno all’interno della fiera, presso il Piazzale del Palazzetto dello Sport in Via F.lli Cervi sarà possibile visitare la Mostra del Frutto Antico, un itinerario tra le antiche varietà che hanno allietato la mensa dei nostri avi. Un viaggio condito non solo di nostalgia ma del senso della scoperta, un viaggio nella bellezza dei colori e delle forme, nell’intensità

dei profumi, nelle varietà di frutta che l’impegno di secoli per una attenta selezione ha arricchito fino all’inverosimile. La mostra sarà allestita nell’area antistante il Palazzetto dello Sport in Via F.lli Cervi. Adiacente a questa mostra troverà spazio, come ormai di consuetudine, la “ Mostra dei Funghi del Reggiano”, un appuntamento da non

perdere! La micologia è una scienza appassionante e difficile, per l’infinita varietà dei funghi presenti anche sulla nostra terra. Anche in questo caso una mostra per esperti ma anche per semplici cultori o appassionati. La visita ad entrambe le esposizioni sarà guidata da personale molto disponibile e competente.

Elettrauto PATTACINI GIANCARLO & C. s.n.c.

Via G. Galilei, 5 - MONTECCHIO (RE) - Tel. (0522) 864688

AUTORIZZATO SERVIZIO

TAKIGRAFI

M.I.C.A. RE 025

CONDIZIONATORI LIMITATORI

OFFRE PROFESSIONALITA' e COMPETENZA PER ASSISTENZA


venerdì

15 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

39

SPECIALE MONTECCHIO Informazione pubblicitaria

Aiutaci a servirti meglio! Diventare volontario per la Croce Arancione è facile e gratificante DI

CLAUDIA GANAPINI*

L

a Pubblica Assistenza Croce Arancione con sede a Montecchio Emilia e Cavriago è ormai una realtà conosciuta in tutto il territorio di competenza dei Comuni di Bibbiano, Cavriago, Montecchio e San Polo d’Enza. Spesso, la cittadinanza conosce la nostra associazione per il servizio che è stato erogato ad un famigliare, un amico o ad una persona cara; perché ci si è imbattuti in un incidente stradale e si è vista l’ambulanza arrivare e gli operatori prestare soccorso o perché tutti i giorni vediamo un pulmino che viene a prendere un vicino di casa. In realtà, la moltitudine dei servizi che la Croce Arancione effettua fa spesso dimenticare, anche a noi stessi che ne facciamo parte, tutti gli ambiti in cui siamo attivi. Accanto, infatti, alle ben note attività di soccorso, di assistenza a gare o manifestazioni ludico-sportive, ai trasporti di barellati per visite, esami, terapie, emodialisi o al servizio di automedica, ci occupiamo anche di trasporto disabili e anziani con pulmino attrezzato, consegna dei referti del laboratorio di analisi dell’Ospedale Franchini di Montecchio, progetto Remida Food nel Comune di Montecchio per la raccolta e la distribuzione di alimenti ai cittadini meno abbienti, di protezione civile, di formazione con corsi di

primo soccorso ai cittadini, nelle scuole, alle aziende e altro ancora. Il numero dei volontari è oltre le 300 unità, ma siamo ancora pochi per poter soddisfare tutte le richieste che quotidianamente ci arrivano, perché accanto ai servizi, c’è da mantenere la quotidianità nelle attività di centralino, dell’ufficio segreteria o nell’amministrazione, nel riordino, la pulizia dei mezzi e dei locali, dell’area cortiliva, ecc. Ognuno di noi è in grado di poter essere attivo nella Croce Arancione, perché se l’emotività può divenire ostacolo o paura per lo svolgimento dei servizi di soccorso o problematiche di natura fisica lo possono essere per il trasporto dei pazienti nei servizi ordinari, altri spazi possono essere colmati come il centralino, l’accompagnamento, la distribuzione dei referti all’Ospedale, degli alimenti all’interno di Remida Food, l’attività di ufficio e molto altro ancora, tenendo anche presente il tempo che ognuno può o vuole dedicare. La sospensione dell’obiezione di coscienza prima, la mancanza per i numerosi tagli che vengono imposti del Servizio Civile ora, che non ci garantisce continuità dei ragazzi assegnati, ha ridotto fortemente le potenzialità di erogazione del servizio di associazioni che, come la nostra, sono al servizio della persona, lasciando

enormi lacune, colmate solo dall’impegno crescente dei volontari esistenti. Per rispondere alle esigenze di chi ha bisogno di noi, necessitano volontari che abbiano voglia di dedicare anche una

sola ora alla settimana a questa attività. Se siamo in grado di aumentare il numero degli aderenti ai nostri progetti basta veramente un impegno minimo da parte di tutti per poter offrire un servizio efficace.

Per informazioni riguardanti il servizio di volontariato in Croce Arancione potete rivolgervi al numero telefonico 0522/861226, recarvi nelle nostri sedi di Montecchio e Cavriago, scrivere a crocea-

rancione@crocearancione. re.it oppure visitare il nostro sito www.crocearancione.re.it Ti aspettiamo, un’ora del tuo tempo può servire a migliorare il servizio. *(Croce Arancione)

assistenza pubblica

MONTECCHIO EMILIA e CAVRIAGO

Servizio Civile Volontario Hai dai 18 ai 28 anni? Vuoi essere utile nel sociale ricevendo un compenso di 433 € al mese per un intero anno? Allora, la risposta che fa per te è:

Servizio civile volontario Per informazioni chiama il n. tel. 320/1705757 oppure 0522/861226


Siamo aperti domenica 24 ottobre dalle 15 alle 19


Reporter Giornale 15 Ottobre 2010