Page 1

Autofficina

CONSULENTI GLOBALI DELL'AUTO

di Pagani Giorgio e Ferrari M.

Giornale settimanale di informazione e annunci - Spedizione in abb. postale, art. 2 com. 20/b, leg. 662/96 - Filiale RE. Contiene I.P. - Editrice Reporter srl Redazione, amministrazione e pubblicità: via Emilia Ospizio, 23 - 42122 Reggio Emilia - tel. (0522) 45.50.50 r.a. - Fax (0522) 45.35.15

internet: www.reporter.it • e-mail: redazione@reporter.it Anno 23 • numero 38 • 1 ottobre 2010

€ 1,90

Non solo edilizia: ora la criminalità organizzata a Reggio Emilia punta anche su sanità e commercio

CONTROLLO GAS DI SCARICO PREPARAZIONE ALLE REVISIONI BOLLINO BLU SERVIZIO E SOSTITUZIONE PNEUMATICI RICARICA CLIMATIZZATORI RIPARAZIONI SU QUALSIASI TIPO DI AUTOVEICOLO 42013 Casalgrande (RE) - Via Statale, 26 - Tel. (0522) 84.01.08

Cappelletti connection VALUTIAMOÊ ILÊ TUOÊ OROÊ 18Ê Û Ê alÊ grÊ

PURO

Assistenza e Vendita Macchine Utensili

CAMPANI OSCAR

Via Stalingrado, 15 - 42100 Reggio Emilia Tel. 0522 565115 - Fax 0522 302099

Ricambi e Riparazioni:

Trapani:

Bimak Audax Super Condor

Segatrici a nastro

Thomas MEP FMB Bianco

CANTARELLI E SESTITO ALLE PAGINE 6 E 7

ALL'INTERNO L’ASCENSORE I buoni e i cattivi di questa settimana A pagina 2

SPECCHIO SEGRETO Matteo Riva cerca partito Contatti con finiani e Pd A pagina 4

PEGGIO EMILIA Reporter, un altro successo Verrà abbattuto il chiosco A pagina 5

Installazione protezioni antinfortunistiche

REPORTER WEEKEND Musica, arte, spettacoli, eventi L’agenda per il tempo libero Nell’inserto

Centro Ricambi e Assistenza Regione Emilia

il valore dell’affidabilità

La guida completa alla ristorazione reggiana

Presentazione Martedì 12 ottobre ore 20 Sala dei Libri padiglione D

Fiere di Reggio Emilia

F L O R I C U LT U R A E V I V A I

CORRADINI MAURO & DANIELA

Vasto assortimento di piante da esterno ed interno

I NOSTRI SERVIZI: Balconi e Terrazzi Realizzazione prati Noleggio piante e consegna a domicilio Manutenzione, sfalci e potature ampio vivaio olivi secolari Progettazione e realizzazione giardini

Via Ugo Bassi I/A - (zona Fiera) - Reggio Emilia - Tel. 0522 53.19.36


Pag.

2

venerdì

Ascensore

L'

MAURO DEL BUE

U

n politico che mantiene le promesse: questa sì che è una notizia. E l’assessore allo sport del Comune di Reggio almeno una promessa l’ha mantenuta e ha riaperto i distinti dello stadio Giglio dopo anni in cui sono rimasti chiusi al pubblico. Complimenti. E in bocca al lupo, visto che dopo la partita della Reggiana col Verona Mauro Del Bue è stato ricoverato in ospedale per un problema di ittero. Ci si vede presto allo stadio, assessore.

ANDREA VIERO

S

icuramente ha perso la posizione di amministratore delegato, ma con la fusione tra Enìa e Iride Andrea Viero ha comunque avuto di che guadagnarci: lo stipendio del manager è infatti di circa 400 mila euro l’anno. Quasi ottocento milioni delle vecchie lire, giusto per dare un’idea. Uno stipendio che ci sembra francamente esagerato, anche in tempi di vacche grasse, figuriamoci poi in un periodo come quello attuale. Complimenti a Viero, ma i sindaci di Reggio e della Provincia non hanno nulla da dire?

ANDREA TAGLIAVINI

N

el silenzio assordante del Pd reggiano in merito ai compensi dei dirigenti Iren, si distingue la voce del sindaco di Quattro Castella Andrea Tagliavini che, già dal mese scorso, ha chiesto ai suoi colleghi di sostenerlo nel pretendere dal Cda di Iren un taglio ben più consistente del misero 10%. “Un segnale di sobrietà ed equità” lo ha definito Tagliavini che a supporto della sua richiesta ha portato gli esempi dei compensi previsti per i dirigenti delle altre multiutility del settore e anche di un certo Barack Obama che, incredibile ma vero, guadagna meno dei dirigenti Iren.

LO STEWARD

Lo Sfregio OPINIONI Il commento acido e sub partes alla politica reggiana

Primarie, Croci e delizia del Pd DI

AL VETRIOLO

U

n anno e mezzo fa è stato sonoramente bocciato alle primarie per la scelta del candidato sindaco del Pd a Sant’Ilario. Tre mesi dopo il partito lo ha candidato in un collegio blindatissimo per le elezioni del Consiglio provinciale. Un anno dopo lo stesso partito lo nomina capogruppo consiliare a Palazzo Allende. Nel suo primo discorso da capogruppo Paolo Croci ha ringraziato il partito e i consiglieri per la fiducia dichiarando che il suo compito sarà quello di mantenere il gruppo coeso, cercando anche spazi di mediazione con le opposizioni. In merito ai nuovi assessori, Croci ha poi aggiunto che si tratta di nomine di alto profilo alle quali si è arrivati dopo un'ampia consultazione(!). E poi c’è ancora qualcuno che si stupisce se nel Partito Democratico hanno paura delle primarie. Il caso di Paolo Croci è emblematico. Quello che la base boccia, il vertice promuove. E’ davvero uno strano partito il Pd. Che davvero non ce la fa proprio a dimenticare i vizi del passato. Difficile poi dare loro credibilità quando attaccano con volantini e comunicati stampa

MERITOCRAZIA Paolo Croci, bocciato dalla base, promosso dal vertice

il malcostume diffuso sull’altra sponda della barricata politica. Come hanno fatto nel caso della guerra Lusetti-Alessandri in casa della Lega. Dimenticando che almeno, in via dell’Aeronautica, il dibattito è uscito allo scoperto con tanto di dimissioni e commissariamenti. Chi sbaglia in casa Pd, invece, di solito viene lasciato fermo un turno, ma poi dopo trova il modo di rientrare nelle stanza dei bottoni. A proposito, per completare l’opera il Pd ha mandato in Consiglio al posto della Malavasi il primo dei non iscritti. Si tratta dell’ex sindaco del Comune di Casalgrande Luciano Branchetti,

U

na volta era prerogativa solo degli aeroplani. Oggi, invece, serve anche negli stadi e negli autobus, specie in quelli di Act, per impedire che gli studenti si facciano del male salendo sui tram alle fermate di fronte a scuola. Niente contro gli steward, per carità, che fanno il loro mestiere, ma davvero credevamo di averle viste tutte e, invece...

Fax 45.35.15. E-Mail: redazione@reporter.it. Internet: http://www.reporter.it

Giornale quotidiano iscritto al n° 3831 del Registro Nazionale della Stampa Iscritto al R.O.C. al n° 2075 Autorizzazione del Tribunale di Reggio E. n° 686 del 8/3/1988 Editore: Reporter srl

Direttore Editoriale: Giampaolo Corradini g.corradini@reporter.it Redazione cultura e spettacoli: Sabrina Basoni s.basoni@reporter.it

MIRELLA MARTINI

D

già presidente di quella Società della Casa che, nel Pd, ha fatto rotolare la testa di un’ex assessore comunale di Scandiano, Chiara Saccani. Una vicenda mai chiarita del tutto che, a questo punto, è passata in prescrizione politica. Dato che la Saccani è stata prontamente assunta dal partito. E Branchetti, dopo essere stato punito dagli elettori nelle urne, ora è di nuovo seduto su una poltrona, quella di consigliere provinciale. Con Paolo Croci a fargli da capogruppo. Per la serie, la quadratura del cerchio...

Redazione: Via Emilia Ospizio 23/b - Reggio Emilia. Tel. (0522) 45.50.50

Direttore Responsabile: Emanuele Iannuccelli

alla tornata di nomine dalla Regione risulta un ruolo di primo piano per i manager della sanità di Reggio. Prima fra tutti Mirella Martini, direttore generale dell’Ausl della nostra città, che è stata chiamata dall'assessore regionale alla Sanità Carlo Lusenti a ricoprire l'incarico di direttore generale dell'assessorato. A Mirella Martini - dal 1996 direttore sanitario dell’Ausl e dal 2000 direttore generale -, ora spettano compiti ancora più ardui e bilanci non facili da far quadrare. Certo non impossibili data la sua riconosciuta professionalità.

1 ottobre 2010 - REPORTER

In redazione: Gabriele Cantarelli g.cantarelli@reporter.it Francesca Sestito f.sestito@reporter.it Segreteria di redazione: Simona Alberti, Paola Ferrari, Elisa Fiaccadori, Paola Simonini Fotocomposizione: Reporter srl Stampa: Galeati Industrie Grafiche - Imola www.galeati.it Fotografie: Foto Studio Artioli, Fotostudio 13, Foto Superstudio Paola Simonini Concessionaria pubblicità: Reporter srl, via Emilia Ospizio 23/b Reggio Emilia. Tel. 0522/455050 Reporter Web: reporter@reporter.it ASSOCIATO ALL'USPI UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA

Collaboratori: Mariangela Anceschi, Francesca Baboni, Paolo Bardelli, Massimo Bassi, Alessandro Bertolotti, Mara Bianchini, Gigi Cavalli Cocchi, Chiara Celada, Orlando Corradini, Claudia Ferretti, Enrico Finocchiaro, Monica Franzoni, Francesca Galafassi, Alessandro Gandino, Gianluca Grassi, Giulia Gualtieri, Girolamo Ielo, Matteo Iori, Franco Meglioli, Saverio Migliari, Diego Oneda, Enrico Lusetti, Ludovico Parenti, Silvia Parmeggiani, Egle Prati, Lorenzo Reggiani, Sabrina Rosati, Luana Salvarani, Vittorio Severi, Sebastiano Simonini, Carlo Vanni, Gianni Verzelloni, Gigi Vinceti. Reporter offre esclusivamente un servizio, non riceve tangenti sulle contrattazioni, non effettua commerci. La Direzione si riserva il diritto di rifiutare la pubblicazione delle inserzioni, a suo insindacabile giudizio. Gli inserzionisti dovranno rifondere all'Editore ogni spesa eventualmente da esso sopportata in seguito a malintesi, dichiarazioni, violazioni di diritti ecc., a causa dell'annuncio. Si precisa che tutte le inserzioni relative a richieste od offerte di lavoro si intendono riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata, ai sensi dell' art. 1 della legge 9/12/77 n° 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di attività. L'Editore si riserva il diritto di perseguire legalmente tutti coloro che, abusando della buona fede nostra e dei lettori, effettuano annunci non veritieri, o con prezzo o merce diversi da quanto dichiarato nell'annuncio stesso. Si rende noto che tutte le pubblicità studiate e realizzate da Reporter srl per la pubblicazione su Reporter non possono essere usate per scopi personali nè essere riprodotte su altri mezzi stampa senza autorizzazione scritta di Reporter srl.

.it


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

NOTIZIA ANSIA

Giubilo in consiglio comunale, esulta Emanuela Caselli: Ò Missione compiuta! Come avevamo richiesto, Sakineh non sarˆ lapidata!Ó . Infatti, sarˆ impiccata...

Pag.

REV LVER ARMATA A MANO SATIRA LA REGGIANA CRONACA DI FARSE E COMMEDIE ISPIRATE AI FATTI

“SE LA TERRAZZA È MIA, NON MI DIMETTO LO STESSO” Ha suscitato grande scalpore il video pubblicato su YouTube dal segretario generale del Comune di Reggio Emilia Mauro Bonaretti in merito alla chiusura abusiva di una terrazza del suo appartamento in centro storico. In risposta al silenzio mediatico totale che ha circondato il caso, e ai piccoli mal di pancia all’interno del Pd (ma solo degli avversari di corrente) Bonaretti ha comunque deciso di dire la sua verità: “La terrazza non è mia, i lavori di chiusura della stessa sono stati eseguiti da una società off-shore, se si scopre che la terrazza è in realtà mia, non mi dimetto ugualmente perché lavoro come un matto tutto il giorno e mi merito un po’ di lusso”. Risposte entusiastiche sono arrivate da tutto il mondo politico reggiano. Stranamente, però, tutti i messaggi di solidarietà sono arrivati da un indirizzo mail dell’agenzia di comunicazione Blutharsky, che cura le pubbliche relazioni del Comune di Reggio, dal momento che un esercito di 150 addetti stampa sempre “oberati di lavoro” non è ritenuto all’altezza della situazione. Effettivamente, per comunicare il nulla serve davvero talento...

VERITÀ

SUPPOSTE

Montezemolo, in visita a Reggio Emilia, ha dichiarato : Ò La politica • immobile, gl i imprenditori invece sono attivi e tengono in pi da soli lÕ Ital edi iaÓ . Infatti, Montezemolo ha dato dimost razione di gr efficienza, sp ande ecie quando ha fatto avere in pochi gior ni una Ferrar i a Tulliani, su richiesta di Fini, per la quale di norma cÕ • un anno di at tesa...

Sarkozy caccia i Nomadi

Contro i rom, la Lega Nord rispolvera i Queen SCIO’, MUST GO HOME…

La Peerla

L’italiano, a volte, e’ un’opinione In seguito alla riapertura dei distinti allo stadio Giglio, Il Giornale di Reggio titola così un articolo a sei colonne nel numero di martedì 28 settembre

“Due Bue: siamo arrivati prima della Juve”

Che spettacolo! Il Giglio è il primo stadio polifunzionale d’Italia Per il titolista il nostro stadio è talmente polifunzionale da rendere possibile anche il verificarsi del raddoppio degli assessori… un po’ come prendere due piccioni con una fava, o due bue… con un titolo

3

Alessandri caccia i Ma Noi No

CENTRO RECUPERO FAUNA SELVATICA LIPU CROCE ALATA

CRAS LIPU Reggio Emilia “Croce Alata” Centro Recupero Uccelli Via Olimpia 1/c Reggio Emilia (zona polveriera) Contatti:

347 8047298 croce.alata@libero.it

oppure contattateci sulla pagina facebook:

Croce Alata SIAMO APERTI PER LE VISITE L’ULTIMA DOMENICA DI OGNI MESE!!!

CERCHIAMO VOLONTARI ANCHE PER LAVORI NON A CONTATTO CON GLI ANIMALI


Pag.

4

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Specchio Segreto

Riva cerca casa

Appuntamento a mezzo stampa

Approcci con Pd e Finiani: stop dai vertici reggiani, apertura da quelli regionali

Nadia Borghi scrive, Ugo Ferrari la convoca

E

videntemente una dote di 359 preferenze personali non sono abbastanza. Nemmeno se si sommano ad una poltrona da consigliere regionale appena conquistata, contro tutto e tutti e nonostante i vertici del partito che di certo non hanno fatto niente per dare una mano al candidato. Pare ormai terminata l’avventura di Matteo Riva nell’Italia dei Valori. I vertici del partito (ovvero la segretaria provinciale Liana Barbati e l’assessore provinciale Marco Fantini) parlano malvolentieri del loro compagno di partito, lasciando intendere che le loro strade presto si separeranno. Anzi, i vertici provinciale del partito di Di Pietro stanno cercando il modo di espellerlo ma senza trasformarlo in un martire politico. Una situazione facile da prevedere, visto il curriculum di Riva, già ciellino e in seguito comunista italiano entrato tra i dipietristi giusto qualche settimana prima delle elezioni comunali del 2009. Una previsione che Reporter mise nero su bianco già l’estate dell’anno scorso. Più difficile ipotizzare quale sarà il prossimo approdo politico di Riva. Di recente è uscita l’indiscrezione che Riva stesse corteggiando i finiani. Colpa di

Matteo Riva

una tavolata (al matrimonio di Emiliano Malato, ex consigliere comunale di Forza Italia, ex Udeur, ex lista civica) che ha visto seduti a fianco Riva e Tommaso Lombardini, esponente locale di Fli. Ma sia Riva sia i finiani hanno smentito questa ipotesi. La realtà è che i vertici dei finiani locali sono contrari a far entrare Riva nel partito, mentre in regione la prospettiva è diversa: l’ingresso di Riva consentirebbe ai finiani di avere un consigliere regionale e, di conseguenza, di avere molto più peso politico. Un’altra voce circolata negli ambienti era quella di un avvicinamento tra Riva ed il Pd. Voce

smentita categoricamente da alcuni alti esponenti del Partito Democratico, anche se sono in molti – in camera caritatis – ha confermare che Riva ha cercato un contatto col partito per sondare la disponibilità a lasciarlo entrare. Al punto che qualcuno addirittura ipotizza che Riva possa rompere gli indugi e formare una lista civica, come già successo nelle scorse legislature ad altri esponenti politici locali. Anche in questo caso, però, le posizioni dei vertici provinciali e regionali sono diverse: Roberto Ferrari, segretario provinciale del Pd, è assolutamente contrario all’ingresso di Riva, e con lui sta più o meno tutto il partito. Da Bologna, invece, il Pd non sarebbe contrario ad aprire le porte ad un consigliere regionale in più. Ma tutto questo calciomercato sembra vincolato alla prospettiva delle elezioni: se si dovesse andare alle politiche a breve, allora Riva potrebbe accasarsi in uno dei due partiti e magari portare voti a qualche compagno di partito candidato al Parlamento o al Senato. Se, invece, il Governo Berlusconi dovesse allontanare la prospettiva delle urne, Riva potrebbe decidere di restare dov’è, almeno per il momento.

Carta Canta Accadeva 10 anni fa A cura di Orlando Corradini

Caro sindaco ti scrivo

Altro giro altro Comune

C

aro sindaco, ti scrivo" continua il suo viaggio nei comuni della nostra provincia. La prossima settimana sarà possibile leggere l’intervista al primo cittadino di Cadelbosco Sopra, Silvana Cavalchi. Presto potremmo intervistare il sindaco del comune in cui vivete, approfittatene per inviarci le domande che vorreste fargli! Basta mandare una mail all'indirizzo carosindaco@reporter.it oppure un fax allo 0522/323000. I servizi, la cultura, lo sport, le strade, la scuola: qualsiasi argomento e qualsiasi domanda è valida e consentita. Le più interessanti tra quelle inviate dai lettori verranno rivolte al sindaco nel corso dell’intervista realizzata dai nostri giornalisti: le risposte verranno riportate integralmente. Mandate le vostre domande all'indirizzo mail carosindaco@ reporter.it oppure via fax allo 0522/323000.

Ugo Ferrari i serve un appuntamento con un assessore? Non c’è problema, basta chiederlo pubblicamente, attraverso i giornali. Questo è quanto è successo a Nadia Borghi, presidente del comitato di via Adiua, che la scorsa settimana, esasperata per non aver mai ricevuto risposta dall’assessore all’urbanistica Ugo Ferrari, ha scritto un comunicato ai giornali. Uscita la sua lettera, la segreteria dell’assessore ha immediatamente convocato il comitato di via Adua per i primi di ottobre. Il problema è che, probabilmente, ora è troppo tardi, dal momento che Nadia Borghi voleva parlare con Ferrari prima di andare in Sala del Tricolore a discutere del porta a porta. In più, la Borghi intendeva

V

Nadia Borghi portare all’attenzione di Ferrari il problema, finito poi sui giornali, dello scarico di Festareggio che finiva direttamente in bonifica. A tal proposito, la vicenda non è affatto chiusa, anzi. La Bonifica, verificato che gli scarichi di Festareggio non erano a norma, ha chiesto al Pd di intervenire per non far più passare i tubi sopra la passarella che porta al canale. In sostanza, tutto l’impianto va messo a norma, con tanto di scavi che finiranno per pesare parecchio sulle casse del Pd. Pd che deve incassare anche l’attacco di Giacomo Giovannini della Lega Nord, che ha accusato il partito di non aver pagato l’utilizzo della corrente elettrica sempre per la kermesse provinciale del campo volo.

Fuori dall'aula

IPSE DIXIT Fatti, persone, dichiarazioni di dieci anni or sono

Viaggio alla scoperta dei consiglieri comunali: ANDREA PARENTI (LEGA)

Bambini in perenne lista d’attesa

“Ai reggiani della Resistenza non gliene frega nulla” DI

Ottobre 2000 Il mese di ottobre, per tradizione, era il mese dell’inizio delle scuole. Adesso siamo evoluti e cominciamo molto prima sopratutto per i bambini destinati alla scuola materna o all’asilo. Ma purtroppo non c’è posto per tutti. Macchinosi sistemi di selezione sono stati inventati ma, alla fine, a Reggio Emilia, non tutti i bambini trovano posto, come invece dovrebbero,nelle scuole materne e negli asili. Già dieci anni fa le cronache cittadine riportavano:“Un piccolo esercito di grembiulini è pronto alla partenza. Sono 5.000 i bimbi che,lunedì,varcheranno la soglia di asili o scuole d’infanzia comunali. Ma sono quelli più‘fortunati’.A tutt’oggi,infatti,370 bambini sono in lista d’attesa. Per loro e le loro mamme il Comune sta cercando una soluzione.” In termini di soluzione rispondeva l’allora Assessore Sandra Piccinini che precisava: “Nel 1997 è stato predisposto un piano triennale di ampliamento con il quale sono stati ricavati 500 posti in più.Un dato positivo ma ancora insufficiente per coprire tutti i fabbisogni.Il nostro consiglio - precisava l’Assessore - è quello di aspettare altri tre mesi. Il tempo necessario per studiare il trend di eventuali ritiri dall’iscrizione.Solo così saremo in grado di valutare nuovi ampliamenti o aperture a gennaio”. In conclusione,purtroppo,una sola morale: affidiamoci al tempo che tutto cura e che a tutto pone rimedio. Ma attendere non piace a nessuno, specie se hai un figlio piccolo ed alla mattina vai a lavorare.

Ottobre 2010 Il tempo trascorso non ha risolto il problema. Anzi. A Reggio Emilia, città di radici socialiste, i bambini per andare alla materna ed all’asilo debbono ancora sottostare ad una incomprensibile lista

GABRIELE CANTARELLI

g.cantarelli@reporter.it

C

d’attesa. C’è qualcosa che “non quadra” nell’Amministrazione Comunale.Assicurare,per tempo,a tutti i bambini un posto nelle scuole infantili, oltre a dovere sociale, è, o dovrebbe essere, compito fondamentale di una Amministrazione Comunale che si richiama a principi di solidarietà e di qualificata e riconoscibile civiltà.Smettiamola di incolpare sempre i tagli del governo. Il Sindaco gestisca con coerenza il bilancio comunale. Il servizio ai bambini, alle madri alle famiglie ed alle persone che, con onestà di coscienza e non solo, ne dimostrano l’esigenza deve essere la base fondamentale e prioritaria di una amministrazione che si definisce di sinistra. Basta sprechi o spese superflue per consulenze non indispensabili e mirate a progetti mai realizzati.Basta avere la presunzione di una raccolta dei rifiuti a porta a porta che non si sa quanto sia costata all’Amministrazione Comunale e quanto, di conseguenza, ai cittadini. Basta fontane megagalattiche e platani firmati. Basta ponti di Calatrava o manifestazioni culturali che, per la nostra città, non hanno senso. L’immigrazione ci sommerge. Dare un posto a tutti i bambini nelle scuole dell’infanzia è il primo atto concreto di una possibile integrazione. Evitiamo odi e pregiudizi al loro nascere. Reggio Emilia sia civile partendo fin dai bambini e dalle famiglie.Poi tutto diventerà, per i cittadini, più comprensibile. Anche la fontana “surreale” di Piazza della Vittoria e le sue panchine psichedeliche. (orlandocorradini@libero.it)

ontinua il viaggio di Reporter alla scoperta dei 40 consiglieri comunali reggiani. Il protagonista di questa settimana è Andrea Parenti, 40 anni da compiere a novembre (“Ma vivo questo traguardo anagrafico con grande serenità”) di professione geometra termotecnico. Nato e cresciuto nel quartiere di Regina Pacis, Parenti si è iscritto per la prima volta a un partito (Lega Nord) il giorno dopo la sua elezione in Consiglio comunale. Appassionato di auto e moto d’epoca e di restauro, Parenti è balzato agli onori delle cronache recentemente per aver definito la Resistenza una “menata”. Parenti, è pentito di aver definito la Resistenza una “menata”? “Assolutamente no. Rifarei esattamente tutto quel che ho fatto”. Non ci sono andati giù teneri con lei: razzista, ignorante, fascista… “Guardi, pochi ci hanno fatto caso. Ma a parte gli insulti dei vari Sassi, Capelli e compagnia, nessuno dei cinque firmatari della mozione ha fatto polemiche. E nessuno di Istoreco e Anpi ha protestato con me. Ma le dirò di più…” Prego. “Neanche il Pd, inteso come partito, ha preso posizione sulle mie affermazione. Hanno paura. Perché in cuor loro lo sanno benissimo che i reggiani sono stanchi di questa retorica. Alla maggior parte

Andrea Parenti dei miei concittadini della Resistenza non gliene frega niente”. Perché è sceso nell’agone politico? “Perché mi sembrava giusto farlo. Ero esasperato. Non potevo più assistere al degrado della mia città senza fare qualcosa di concreto. Mi sono candidato con la Lega, ma la tessera l’ho presa soltanto il giorno dopo la mia elezione”. Un anno e mezzo in Consiglio comunale. Com’è stato l’impatto con la politica attiva? “Molto faticoso e anche piuttosto deprimente per l’assenza di pubblico alle sedute del Consiglio. In questo hanno ragione i Grillini, ci vogliono le dirette web. Che fine hanno fatto le promesse della Caselli dopo il caso Beltrami? Dov’è finita la webcam per la diretta video delle sedute?” Gandolfi o Sassi: chi butta giù dalla torre? “Sassi, senza dubbio. A Gandolfi riconosco un merito: lui ci crede in quello che fa. Il problema è che

proprio non ci arriva, poverino. Sassi invece è più malizioso. Mi ha definito fascista. Ma non ho ancora capito perché”. Lei è uno dei pochi politici reggiani non presente su Facebook. Come mai? “Non è il mio mondo quello. Mi sono iscritto e cancellato nell’arco di un giorno. Troppo dispersivo, troppo lesivo della privacy. Preferisco scandagliare giorno e notte i documenti e gli atti amministrativi”. Come ha fatto con i criteri di iscrizione agli asili reggiani? “Io e i miei compagni della Lega abbiamo trovato una situazione incredibile tra domande di iscrizione incomplete e criteri discriminatori per i reggiani. Qualche nostra obiezione è stata accolta”. Chi vede bene per il dopo Bossi? “Non mi occupo di politica nazionale. Da un anno e mezzo sono preso dalla politica locale”. Alessandri è ancora l’uomo giusto per fare il sindaco a Reggio? “Da qui a quattro anni tante cose possono cambiare. Certo che, se si andasse a votare in questo momento, Alessandri sarebbe un ottimo candidato sindaco”. E Parenti sindaco, come lo vede? “No, grazie. Io esaurisco il mio mandato di consigliere e poi torno a vita privata” Dia un voto a Delrio, da 0 a 10? “Zero”. Dovrà “sopportarlo” ancora per quattro anni: come pensa di fare? “La mia speranza è che si dimetta prima”.


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

5

Peggio Emilia Addio al chiosco “fantasma” Vittoria di “Peggio Emilia”: il Comune annuncia la demolizione della struttura DI

GABRIELE CANTARELLI

UNA VICENDA DURATA TREDICI ANNI

g.cantarelli@reporter.it

1997

U

n altro caso risolto da “Peggio Emilia”. Grazie ad un ordine del giorno presentato dal consigliere della Lega Nord Giacomo Giovannini, il caso del misterioso chiosco di via Picard segnalato da Peggio Emilia su Reporter dello scorso 2 luglio (“Il mistero del chiosco fantasma”) e ripreso nell’edizione del 23 luglio (“Cosa c’è dietro quel chiosco?”) sembra essere ormai prossimo alla sua risoluzione. Riprendendo quanto denunciato da Reporter, Giovannini ha portato all’attenzione di Sala del Tricolore il caso del chiosco-bar abbandonato ormai da mesi in un parcheggio in via Picard proprio di fronte alle Poste centrali. In risposta all’interpellanza dell’esponente leghista è stato l’Assessore Ugo Ferrari in persona a prendere la parola nella seduta dello scorso 20 settembre e a ripercorrere le tappe dell’intera vicenda. Si è venuti così a sapere che la prima apparizione del chiosco in città risale addirittura al 1997 quando con una concessione di uso di area pubblica del Comune si diede il permesso di collocare la struttura nel parcheggio della Caserma Zucchi per la somministrazione e vendita di panini e bibite soprattutto agli avventori di un noto locale da ballo presente in zona. Dopo diversi sub ingressi nella proprietà, nel 2005 il chiosco viene acquistato dalla società Immobiliare Nord che ne assume anche la gestione. Il progetto di recupero della Caserma Zucchi

Il Comune concede una concessione per la vendita di bibite e panini nel posteggio della Caserma Zucchi. Il chiosco fa la sua prima apparizione su suolo pubblico reggiano.

2005 Dopo vari passaggi di proprietà il chiosco è acquistato dalla società “Immobiliare Nord”

2008 A seguito del progetto di restyling della Caserma Zucchi viene ordinato lo spostamento “temporaneo” del chiosco in via Picard con determinazione dirigenziale previo consenso della Circoscrizione II

MARZO 2009 LA DENUNCIA DI REPORTER L'articolo dello scorso 2 luglio in cui si segnalava la presenza del chiosco

voluto dall’assessore Mimmo Spadoni e dall’architetto Massimo Magnani costringe il Comune ad emettere una determina dirigenziale che nel 2009 sposta provvisoriamente, con il consenso della Circoscrizione II, il chiosco nella zona di via Picard. L’assessore Ferrari ha quindi illustrato l’esito dei sopralluoghi compiuti sul posto dalla polizia municipale (l’ultimo risalirebbe allo scorso 10 febbraio) che ha infine portato ad avviare la pratica per la demoli-

zione del chiosco. “C’è da sperare – commenta Giacomo Giovannini – che non vada a finire come per lo sgombero dei nomadi in via Zannoni che, nonostante l’area sia stata acquisita al patrimonio comunale, continuano a sostare nella zona tra San Maurizio e Villa Curta”. Due considerazioni per chiudere la vicenda, si spera, in modo definitivo: la soddisfazione per aver contribuito, con la nostra denuncia, alla risoluzione di un problema di degrado urbano che

aveva scandalizzato più di un cittadino. Nello stesso tempo però non si può non restare che sconcertati davanti a una burocrazia che prevede tempi e passaggi interminabili per raggiungere soluzioni di carattere amministrativo. Senza contare il “muro di gomma” contro il quale in questa città, se non si è consiglieri comunali, si va puntualmente a sbattere ogniqualvolta si denunciano situazioni di mancanza o spreco da parte dell’Amministrazione comunale.

LA COCCINELLA Urbana (im)mobilità

Chiamati sul posto, gli agenti della Polizia Municipale accertano lo stato di abbandono e

e cronache degli ultimi tempi hanno posto l’accento sul degrado urbano che svilisce quella che un tempo era definita la “Reggio civile”. In effetti le situazioni di profondo degrado proliferano vieppiù e non risparmiano nemmeno i quartieri “nobili”. Un esempio per tutti è costituito dal fotogramma pubblicato in data il 27 Settembre su un quotidiano locale. Il rudere ripreso si trova sulla tratta più prestigiosa della circonvallazione a due passi dalla storica “Porta Castello” e limitrofa al Seminario Vescovile. Quel rudere, che un tempo delimitava un fondo coltivato con passione maniacale per i prodotti agricoli di eccellenza del territorio, è diventato il simbolo della rovina della tradizione culturale contadina e dello sfacelo verso cui sembra volgere il tessuto connettivo della nostra società. Se l’abbattimento del simbolo del degrado costituisce priorità mediatica ben altre sono le esigenze della nostra economia. Il recupero del patrimonio edilizio, in senso lato, è la scommessa per rimettere in moto il volano dell’economia.Il recupero del patrimonio edilizio, la riconquista della vivibilità del centro storico, la valorizzazione delle tradizioni, la rinascita dell’interesse per la cultura, sono i presupposti indispensabili per la catarsi e la palingenesi di quella che, con pomposo velleitarismo, viene definita la “città delle persone” e che sembra invece sempre più la “città fantasma” occupata da una folla caotica ed

irrazionale che evoca le lugubri atmosfere parigine del tardo medioevo alla Victor Hugo.In questo marasma di mormorii, si levano, con sempre maggior frequenza, le urla scomposte di coloro che dovrebbero traghettare la comunità verso mari meno tempestosi. Tutti contro tutti e nessuno per la città. La Cgil contro Confcooperative per la tutela del welfare, la Cisl contro Unicredit a difesa dei “poveri” funzionari che hanno chiuso gli occhi contro le decennali malversazioni, la Lega contro l’Amministrazione per il collasso della governabilità, il Comitato di Santa Croce contro l’Assessore Montanari in difesa dei primi timidi vagiti del Sindaco, i residenti di Codemondo contro le stravaganti politiche del trasporto pubblico di Act, gli ambientalisti contro l’inceneritore per la difesa delle prebende a favore della dissennata modalità di attuazione della raccolta differenziata, taluni sacerdoti iconoclasti contro le tradizioni più autentiche della Cristianità al punto da far impallidire il drammatico ricordo della distruzione della statua del Buddha a Bamiyan. La ripresa economica richiede stabilità politica e guida sapiente che sappia individuare ed intenda perseguire l’autentico interesse a lungo termine della città. È di questi giorni una stucchevole intervista rilasciata a un’emittente televisiva locale dall’Assessore alla (Im)mobilità Gandolfi. Questi, nel decantare

la bontà delle dissennate scelte urbanistiche con le quali ci sta gratificando, ha sancito che le piste ciclopedonali “possono” essere utilizzate dai ciclisti a condizione che procedano lentamente garantendo in tal modo l’incolumità dei pedoni a fronte di qualsiasi movimento questi ultimi possano effettuare. Probabilmente l’Assessore Gandolfi non ha ancora compreso che la cittadinanza non è formata soltanto da pensionati, disoccupati e turisti liberi dalla schiavitù dell’orologio. Orbene, per chi abbia esigenze lavorative, la riduzione di ampiezza delle principali arterie di scorrimento e la proliferazione di dossi scassa macchine o di isole spartitraffico stile rampa di lancio costituiscono una proditoria e sconsiderata eutanasia della circolazione. Dulcis in fundo l’Assessore vuole limitare, di fatto, l’utilizzo delle biciclette imponendo ai ciclisti l’imperativo categorico di dare sempre e comunque la precedenza ai “movimenti” scoordinati dei pedoni. Se Gandolfi scendesse dallo scranno per fare una escursione in bicicletta lungo la “riqualificata” via Emilia all’Ospizio, con tutti gli isolotti di recente inaugurati in pompa magna ed in parte già collaudati da qualche sventurato automobilista, potrebbe rendersi conto che i pochi ciclisti che osano sfidare lo smog non utilizzano quasi mai le quasi inagibili piste ciclopedonali preferendo rischiare la pelle in mezzo a quei “criminali” degli automobilisti che, tutto

sommato, nutrono verso gli stessi maggior rispetto dei pedoni (se non altro per il rischio di ritiro della patente in caso di investimento). Il risultato è che l’utilizzo della bicicletta è disincentivato, i flussi veicolari sono rallentati, il pericolo costituito dalla immissione in attraversamento dei ciclisti è decuplicato rispetto a quello della immissione – assai più lenta e prevedibile – dei pedoni; il conto che tutti noi dovremo pagare è dato dall’incremento delle difficoltà a svolgere le attività produttive, dall’affossamento dei pochi esercizi commerciali che resistono ancora con le serrande alzate, dall’incrementato disservizio dei mezzi di trasporto pubblico e dal peggioramento della qualità dell’aria dovuto alla congestione del traffico. La paralisi della mobilità urbana non è la ricetta che serve alla cifra produttiva per crescere e competere sui mercati globali. Il degrado del patrimonio edilizio del centro storico è figlio di questa dissennata politica della (im)mobilità e padre della depressione economica favorita dalla sporadicità della ricerca e della innovazione, entrambe rimesse alla buona volontà degli imprenditori più lungimiranti benché privi dell’apporto strategico e trainante che dovrebbe essere svolto dalla classe politica e dagli intellettuali. Reggiani, riprendiamoci la città, facciamo un centro di ritrovo e di cultura con tanto di agorà e di chiostri finalmente aperti e visitabili. (l.m.)

GIUGNO 2010 Su segnalazione di un lettore, Reporter pubblica nella rubrica “Peggio Emilia” le fotografie del chiosco in stato di degrado e abbandono.

AGOSTO 2010 Vengono presentate in Consiglio comunale due diverse interpellanze per chiedere al Comune delucidazioni, una del Pdl e una della Lega.

SETTEMBRE 2010 Approda in Consiglio comunale un’Odg presentato dal consigliere comunale Giacomo Giovannini (Lega). Nella sua replica, l’Assessore Ugo Ferrari annuncia l’avvio delle operazioni di demolizione del chiosco.

PER INVIARE LE VOSTRE SEGNALAZIONI SCRIVETE A:

PEGGIOEMILIA@REPORTER.IT OPPURE INVIATE UN FAX ALLO 0522-323000 PER VEDERE LE FOTOGALLERY COMPLETE E TUTTE LE PUNTATE PRECEDENTI CLICCA SU WWW.REPORTER.IT

La tradizione di un successo Dal 9 al 17 ottobre torna Casa & Tavola

Quando l’innovazione non passa per la paralisi del traffico stradale

L

la violazione di varie norme al Codice della strada del chiosco e trasmettono al Comando verbale e relazione di servizio.

È

la manifestazione più amata dal grande pubblico delle Fiere di Reggio Emilia. È l’appuntamento che più di ogni altro fonde il valore della tradizione con il gusto della novità. È uno degli eventi più longevi, e di maggior successo, del calendario fieristico reggiano. È Casa & Tavola, e da ventuno anni si conferma come la vera fiera d’autunno di Reggio Emilia. Anche nell’edizione 2010, Casa & Tavola si prepara ad offrire ai suoi visitatori un menù tagliato su misura per chi ama la tradizione culinaria reggiana, ma anche confrontarla con il meglio di quella provenienti da tutte (o quasi) le altre regioni italiane. Ma Casa & Tavola è anche e soprattutto la più importante vetrina sull’arredamento di qualità: da quello tradizionale fino al design più tecnologico e innovativo, gli espositori si preparano ogni anno per portare all’interno di Casa & Tavola solo proposte di alta qualità, abbinamenti che mescolano classico e trend, soluzioni che permettono ai visitatori di soddisfare ogni esigenza di spazio e di costo. Da quell’ottobre del 1989 che ha visto la nascita della manifestazione è letteralmente cambiato il mondo. E anche Casa & Tavola si è adeguata, pur mantenendo fede al format che l’ha resa vincente. Nella 22esima edizione, in programma dal 9 al 17 ottobre alle Fiere di Reggio Emilia, Casa & Tavola darà un’ulteriore accelerazione a questo processo. Confermando naturalmente la sua vena enogastronomica, ma anche puntando in maniera molto più decisa sul settore della casa e sulla sua evoluzione. Confermando, per prima cosa,

l’innovativo settore SpazioTempo, che ha debuttato in modo più che convincente lo scorso anno. Ma anche investendo energia e risorse su un calendario di eventi collaterali davvero significativi. Su tutti Noveventi, la rassegna eno-letteraria musicale, che vedrà scrittori di fama nazionale salire ogni sera sul palco del padiglione D (quello dell’arredamento) per essere intervistati dal direttore artistico Andrea Villani. Andrea Pinketts, Roberto Freak Antoni, Luciano Lutring, Gabriele La Porta, Valerio Varesi, Michele Giuttari, Marco Balestri, Mauro Marcialis e Massimo Picozzi: sono solo alcuni dei protagonisti di questa rassegna che abbina la letteratura con le degustazioni enogastronomiche e musica dal vivo. Ci sarà anche spazio per eventi organizzati in prima persona dalle Fiere di Reggio Emilia o direttamente dagli espositori privati per dare un respiro più ampio alla manifestazione: dalle sfilate dello spazio sposi alla presenza di personalità del mondo dello sport, della cultura e del costume nell’ambito della manifestazione. Un segnale davvero incoraggiante, specie in un momento come questo: seppur in un momento di crisi molto forte, gli espositori non solo hanno deciso di partecipare a Casa & Tavola, ma anche di crederci al punto di fare investimenti pesanti in prima persona per rendere più interessante la manifestazione. La migliore conferma di una fiera che, a ventidue anni dalla nascita, continua ad essere considerata una vetrina fondamentale per l’economia reggiana e non solo.


Pag.

6

venerdì

L'OMBRA DEI CLAN

La mafia della porta accanto Non solo cantieri. Le mani della criminalità su commercio e sanità E per la prima volta la questione reggiana sbarca all’Antimafia di

Gabriele cantarelli

g.cantarelli@reporter.it

C

i sono quelli che minimizzano. E quelli che lanciano l’allarme. Ci sono quelli che “a Parma la situazione è peggiore”. E quelli che “sì, ma a Modena stanno meglio”. Ci sono quelli che incendiano, e quelli che gettano acqua sul fuoco. Però tutti quanti ormai concordano: anche a Reggio la mafia c’è. Dove si apre il ventaglio dei distinguo e delle differenze è sulle forme e conseguenze che questa infiltrazione mafiosa assume nella nostra città: poche mele marce o sistema corrotto di intrecci tra affari e politica? Martedì 28 settembre, per la prima volta, una delegazione di politici e imprenditori reggiani, è stata ascoltata in Commissione Antimafia per fare il punto sulla situazione a Reggio Emilia. Ne è uscito un quadro poco rassicurante che dipinge ormai ampi strati dell’economia locale, dall’edilizia alla sanità privata, in mano alla criminalità organizzata. Ma quanto è profonda questa infiltrazione? E cosa stanno facendo le istituzioni per contrastarla?

SPQR (SONO PREOCCUPATI QUESTI REGGIANI) E’ la prima volta che a Roma si parla di Reggio Emilia in una Commissione Antimafia. Soltanto vent’anni sarebbe stato impensabile. Eppure è proprio agli albori degli anni Novanta, con gli obblighi di soggiorno di molti boss in Emilia (secondo il Ministero degli Interni, nel 1995 sono ben 2.305 i provvedimenti di sorveglianza speciale in regione), che bisogna risalire per trovare anche sul territorio reggiano le prime tracce di infiltrazione mafiosa. Operando nel traffico delle sostanze stupefacenti e delle estorsioni, le cosche di Cutro e Isola Capo Rizzuto hanno trovato nel reggiano le condizioni ideali per radicarsi con un’organizzazione stabile ed efficiente (Relazione Procura nazionale Antimafia. 2008). Grande Aracri, Arena, Dragone, Nicoscia: sono questi i clan che più spesso fanno capolino nelle relazioni della magistratura e nei fatti di cronaca che, complice anche qualche “collaborazione” della manovalanza locale (Paolo Bellini), spargono sangue e terrore tra gli imprenditori soprattutto del settore edile. E’ dal 2000 che la magistratura Antimafia lancia allarmi che, puntualmente, sono stati minimizzati, se non addirittura ignorati, dagli enti locali. Con la “missione” a Roma del prefetto Antonella De Miro, del presidente di CCIA Enrico Bini, del sindaco Graziano Delrio con l’assessore Franco Corradini e della presidente della Provincia Sonia Masini, questo allarme si è di fatto “istituzionalizzato”. Ormai nessuno minimizza più nul-

Maino Marchi

Angelo Alessandri

la. E anzi, il fenomeno mafioso, complice anche la crisi, sembra in espansione. Ma se la diagnosi è certa, le distinzioni riguardo alla terapia non mancano.

IL TEMPO DELLE MELE MARCE Soltanto poche settimane fa Antonio Olivo, consigliere comunale del Pd a Reggio, nonché probabile futuro sindaco di Cutro nel 2011, liquidava in un'intervista a Reporter le polemiche sulla ‘ndrangheta a Reggio sostenendo che “poche mele marce non possono costituire una prova che a Reggio ci sia la mafia”. La stessa presidente della Provincia Sonia Masini, in più occasioni, non ha mancato di polemizzare con i “grillini” rivendicando l’onestà e la civiltà di una comunità reggiana in grado di trovare al proprio interno gli anticorpi giusti per contrastare le infiltrazioni di stampo mafioso. Maino Marchi (Pd) è l’unico parlamentare reggiano in Commissione Antimafia: “Quella di Reggio - ci dice- è una situazione preoccupante, come lo è in tutto il settentrione. La delegazione reggiana ha dato prova di grande unità nel corso della riunione del Comitato incaricato di studiare il fenomeno della presenza mafiosa nel nord Italia. Prossimamente il procuratore distrettuale Antimafia di Bologna sarà in grado fornire un dettaglio più preciso in attesa che la Regione approvi le due importanti leggi sui beni confiscati e sulla certificazione edilizia”. Dal canto suo Angelo Alessandri (Lega), raggiunto telefonicamente, rivendica la

Marco Imperato

Margherita Salvioli

paternità dell’audizione (“Sono stato io ad attivarmi su richiesta di Bini per portare a Roma la questione reggiana”) ricordando che “già dodici anni fa denunciavo la presenza mafiosa a Reggio e tutti mi prendevano in giro negando l’evidenza. Non ho paura a definire quell’atteggiamento ‘omertà istituzionale’. Ora tutti si sono svegliati, meglio tardi che mai. Per fortuna che abbiamo un ministro come Maroni che contro la mafia fa poche chiacchiere e molti fatti”.

Romagna, e quindi anche a Reggio, è che spesso i giudici sono presi dal carico ordinario del lavoro e non riescono a dedicare adeguati tempi e risorse all’osservazione e all’individuazione di quei fenomeni che, sebbene non inizialmente rilevanti da un punto di vista penale, servono alla Mafia per attecchire in un determinato contesto socioeconomico. A fronte di questa esigenza mancano strumenti legislativi adeguati, basti pensare a uno dei reati spia della mafia, la ‘turbativa degli appalti’ che non è soggetto a intercettazioni ed è punito con due anni di reclusione. Per non parlare del reato di riciclaggio che al nord praticamente non si riesce più a perseguire”. L’allarme di Imperato è suffragato dai dati che testimoniano un “buco” investigativo e normativo sull’argomento riciclaggio punito al nord con una sentenza di condanna soltanto 30 volte negli ultimi 15 anni. La “via d’uscita” indicata dal giudice Imperato porta ad approfondire la conoscenza del fenomeno. “Enti locali, Polizia giudiziaria, Magistratura, Forze dell’ordine devono perfezionare

LE ARMI SPUNTATE DELLA MAGISTRATURA Denuncia però di avere “armi spuntate” contro la mafia il magistrato Marco Imperato, membro dell’Anm regionale, da tempo impegnato anche sul versante divulgativo con la partecipazione a una serie di lezioni di educazione alla legalità nelle scuole. “La Direzione distrettuale Antimafia di Bologna – ci spiega Imperato - è molto attiva grazie anche all’applicazione in Procura di magistrati preparati sul fronte delle investigazioni antimafia. Il problema in Emilia

1 ottobre 2010 - REPORTER

LA MAFIA GLI ATTI UFFICI “Il territorio dell’Emilia Romagna è minacciato dall’emergere di pericolose contaminazioni criminali con particolare riferimento alle province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Piacenza con influenza sia dei gruppi mafiosi originari del crotonese, della provincia di Palermo, sia soprattutto del potente cartello camorristico dei Casalesi”. Procura nazionale Antimafia Relazione annuale (2008) “In Reggio Emilia, le indagini succedutesi nel tempo hanno permesso di affermare con certezza un forte radicamento di affiliati alle aggregazioni mafiose di Cutro e Isola Capo Rizzuto rincoducibili alle cosche Arena-Dragone e Grande Aracri-Nicoscia” Relazione della Dda di Bologna (2008) “La famiglia Grande Aracri, secondo le indagini condotte dal 2002 da Polizia di Stato e Carabinieri, coordinate dalla DDA di Bologna, dirigerebbe un ampio disegno estorsivo nei confronti di molti imprenditori edili calabresi operanti nel reggiano attraverso incendi e danneggiamenti, consumati all’interno dei cantieri, nonché furti di materiali e beni strumentali”. Relazione della Dia di Bologna (2007) “Con l’operazione Grande Drago è emersa tutta la potenzialità criminogena della cosca, ben capace di esportare i suoi modelli operativi anche in realtà avulse da contesti di ‘ndrangheta, come la provincia di Reggio Emilia ove i suoi affiliati ponevano in essere attività finalizzate principalmente alla raccolta di fondi tra gli imprenditori operanti nel settore edile, loro corregionali, i quali opportunamente sollecitati con imboscate, contri-

e incrementare il coordinamento con l’obiettivo di raccogliere più dati possibili per poi risalire ai soggetti in grado di inquinare la vita economica della comunità.

“CRIMI-SANITà”, LA NUOVA FRONTIERA “Alla Cisl è dal 2000 che registriamo segnali di pericolo di infiltrazione mafiosa nel mondo del lavoro – ci spiega la segretaria provinciale Margherita Salvioli – Soprattutto nelle commissioni Edilizia e Trasporti abbiamo posto all’attenzione degli enti

competenti il tema della legalità e della regolarità del lavoro. La mafia ha sempre trovato nella droga e nell’edilizia i terreni più fertili. Ma ora tenta di conquistare nuove fette di mercato legale, come per esempio gli appalti nella Sanità o nell’Assistenza privata. Per questo motivo abbiamo sollecitato i sindaci dei comuni reggiani a contrastare le pratiche di maggior ribasso negli appalti. L’altro campo di intervento è quello sul Durc per i controlli nei cantieri. Qui i comuni, insieme alla Dpl, stanno facendo un grande lavoro. Ma forse servirebbero più risorse".

I giovani e gli artisti in prima linea Massimo Ghiacci (Mcr): “Se solo i musicisti più popolari si impegnassero di più…” di Francesca

sestito

f.sestito@reporter.it

M

ai come sul versante della lotta alla mafia, la società civile si dimostra un passo avanti rispetto alla classe politica. Di “passi” ne hanno parlato anche i Modena City Ramblers in una loro celebre canzone dedicata al giornalista Peppino Impastato (“I cento passi”), ucciso da Cosa Nostra nel 1978. “Al di là delle nostre canzoni – ci dice il bassista Massimo Ghiacci - abbiamo avviato con l’associazione Libera una collaborazione che ci ha portato a viaggiare in tutta Italia con loro, avendo come palcoscenico i luoghi e i terreni confiscati alla malavita. Siamo stati in più di una regione anche al centro e al nord, segno che la criminalità organizzata non è prerogativa esclusiva del meridione.

Fortunatamente, per quanto riguarda la nostra città, credo che il popolo reggiano abbia in sé gli anticorpi per reagire: una cultura che è eredità di una storia di solidarietà e coscienza collettiva e un tessuto sociale tale per cui l’individuo non viene lasciato a se stesso, come succede invece in luoghi in cui la mafia è radicata in maniera spesso indissolubile”. “Il ruolo di noi artisti – continua Ghiacci – è quello di toccare la sensibilità delle persone, invitandole a prendere coscienza delle problematiche. Ma l’arte non può nulla, se le persone non si attivano concretamente assumendo un atteggiamento ostile alle infiltrazioni della malavita, che a volte avvengono in maniera subdola, spesso nascoste sotto giacca e cravatta e colletti inamidati. Certo, se solo artisti con maggior popolarità di noi, si esponessero un po’ di più…”.

Daniele Menozzi è, con Simona Montanari, il referente di Libera a Reggio Emilia, una decina di associazioni con quasi 200 iscritti in due anni di vita (reggioemilia@libera. it): “Il nostro sforzo è quello di studiare i fenomeni, come quello del traffico di droga, che alimentano le mafie anche a Reggio. Dal nostro osservatorio la situazione è molto critica. Capisco che le istituzioni tendano a non voler enfatizzare, fanno il loro mestiere. Ma trovo più convincente il lavoro e il pensiero di Enrico Bini”. Rita Bertozzi (Associazione Colore – Cittadini contro le mafie) preferisce parlare di “mafie” al plurale “perché le infiltrazioni nel nostro territorio sono diffuse in molti settori della nostra economia. Ci vuole un’attenzione costante al problema e un lavoro di rete e sinergia tra i vari organismi pubblici preposti per la

I giovani di Libera

Massimo Ghiacci

trasparenza degli appalti, il rifiuto al pizzo, il monitoraggio dei flussi di denaro. Per questo stiamo promuovendo un Patto per la legalità insieme alle categorie economiche e sociali”. “I cittadini possono dare il loro contributo, per esempio richie-

dendo lo scontrino quando fanno la spesa – dice Nuccia Ciambrone (Giovani a Reggio Emilia contro le mafie) – La comunicazione e il dialogo sono le risposte da dare alla ‘Ndrangheta che ormai detiene il controllo del traffico di droga

non solo a Reggio, ma in tutta Europa. Noi giovani ci siamo costituiti in associazione nel 2009 e da questo anno scolastico stiamo promuovendo incontri sulle legalità per educare e informare anche i ragazzi più piccoli”.


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

L'INTERVISTA

A REGGIO:

“La mia lotta per la legalità”

ALI DELLO STATO buivano al finanziamento dell’organizzazione criminale, tramite dazioni di denaro contante o sub-appaltando a ditte vicine alle cosche, operanti nello stesso settore, lavori di sbancamento, demolizioni e forniture di materiali inerti nei vari cantieri edili della provincia reggiana. A Reggio Emilia, contrariamente a quello che normalmente accade quando opera fuori regione, la ‘ndrangheta ha dato vita a omicidi, per via della faida che contrappose i Dragone con i Vasapollo ed ha creato rapporti stabili con Paolo Bellini, bandito di origine reggiana e personaggio inquietante… Bellini racconta il suo incontro in carcere con un uomo di ‘ndrangheta Nicola Vasapollo di Cutro. Nacquero un legame e un’amicizia destinata a durare per anni..in carcere conobbe Giè, uomo d’onore che faceva parte della Commissione provinciale di Cosa Nostra. Ad un certo punto Bellini compare in Sicilia, in stretto contatto con i vertici di Cosa Nostra… Nello stesso periodo Bellini entra nell’orbita di Vasapollo e diventa killer di uno spezzone della ‘ndrangheta che ha come teatro la città di Reggio Emilia”. Commissione Antimafia Relazione sulla 'Ndrangheta(2008) “Gli interessi dell’organizzazione dei casalesi si estendono oltre la provincia di Caserta, anche ai territori dell’Emilia-Romagna, in particolare alle province di Modena, Reggio Emilia e Bologna. Si può dire che, vista la numerosa presenza di casalesi in quella zona, Modena e Reggio Emilia corrispondono a Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa” Deposizione giudiziaria del pentito Domenico Bidognetti (2008)

7

Enrico Bini: “C'è la crisi, ma i depositi bancari aumentano del 30%. Perchè?” di

Gabriele Cantarelli

g. cantarelli@reporter.it

D

a quando è alla guida della Camera di Commercio, Enrico Bini ha posto la questione “legalità” in cima alla sua agenda. Non si contano più gli incontri e le iniziative promosse, in tutta Italia, con personaggi in prima linea sul versante dell’antimafia, come Antonio Nicaso e Nicola Gratteri. Con il Consorzio Romero, Bini organizza inoltre lezioni di legalità nelle scuole reggiane. Ed è stato lui a chiedere a gran voce l’audizione in Commissione Antimafia che martedì scorso ha portato per la prima volta a Palazzo San Macuto la “questione emiliana”. Ma l’iniziativa che lo riempie più di orgoglio è la firma di un accordo contro la criminalità siglato insieme ai colleghi di Modena, Crotone e Caltanissetta e che presto verrà preso a modello da tutti gli enti camerali italiani. Bini, qual è l’obiettivo di questo accordo? “Quello di creare una rete delle Camere di commercio per la legalità e lo sviluppo. Mettere insieme le nostre conoscenze per rendere più efficace la lotta alle infiltrazioni criminali nei sistemi produttivi. La conoscenza, lo scambio e l’incrocio dei dati sono fattori decisivi”. Cos’ha in comune una città come Reggio con Caltanissetta o Crotone? “Anche se non si vede in giro gente con la ‘coppola’ sulla testa, la mafia c’è anche qui da noi, ormai lo riconoscono tutti. I settori sono i soliti: edilizia, trasporti e commercio dove quello della mafia cinese è diventato uno strapotere che sta trasformando Reggio in una Prato 2”. Già. Ma almeno qui la mafia non spara… “Non per questo è meno pericolosa. Anzi. Almeno in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia il nemico lo riconosci, sai chi è e quindi sai come affrontarlo e combatterlo.

Qui invece è invisibile. Per non parlare dei colletti bianchi, quella borghesia collusa che pure deve esserci anche qui da noi. Per fare le operazioni di riciclaggio, servono avvocati, commercialisti, consulenti finanziari”. Chi c’è al suo fianco in questa battaglia per la legalità? “Tanti cittadini e imprenditori che mi incoraggiano ad andare avanti. Voglio citare la Direzione provinciale del lavoro, Matteo Olivieri e il gruppo Cinquestelle, Mauro Ponzi, il Consorzio Oscar Romero e don Eugenio Morlini”. E i politici, le istituzioni: Comune, Provincia e Regione che fanno? “Gli assessori regionali Massimo Mezzetti e Gian Carlo Muzzarelli si stanno impegnando e dando molto da fare. E poi funziona il Tavolo messo in piedi tre mesi fa con Prefettura, Provincia, Questura, Ispettorato del Lavoro: il metodo di lavoro è quello giusto, la verifica costante sul campo grazie

"NON ABBASSIAMO LA GUARDIA" Enrico Bini invita a fare attenzione contro la mafia

a un database che monitora le imprese del territorio”. Qualcuno dice che lei esagera, che comunque quello della mafia a Reggio è un problema limitato, sotto controllo… “Quel qualcuno dovrebbe andarsi a vedere i flussi di compravendita delle aree edificabili negli ultimi dieci anni. Si dovrebbe chiedere perché ci sono a Reggio 7.000 appartamenti invenduti. O perché tanti appalti sono assegnati con il criterio del massimo ribasso. O perché, in tempi di crisi come questi, i depositi bancari siano aumentati di quasi il 30%”. La crisi renderà la lotta ancora

più complicata. “Per le aziende in difficoltà, che magari faticano a ottenere un credito, è meno facile resistere a chi si propone con denaro in contante. E’ in questo modo che la ‘ndrangheta si inserisce nel tessuto imprenditoriale”. Non si è mai chiesto chi glielo fa fare? “Sì. E ho sempre risposto nello stesso modo: è il mio ruolo che me lo fa fare. Il presidente della Camera di Commercio deve credere e impegnarsi nella legalità e nel rispetto delle regole per la trasparenza dei mercati”. Non ha paura? “No”.

Arrivano più controlli negli appalti pubblici Ma i Grillini incalzano: “Non basta. Bisogna fare attenzione anche ai circoli”

Matteo Olivieri (Cinquestelle)

E

i politici reggiani? Cosa ne pensano loro di quanto emerso dall’audizione in Commissione Antimafia dei vertici istituzionali della nostra città? Oltre ai commenti di Pd e Lega riportati nella pagina a fianco, ecco una breve rassegna di pareri che abbiamo raccolto tra le forze politiche. “A differenza di altre zone del nord Italia come la Lombardia - ci dice l'assessore comunale alla Sicurezza Franco Corradini - non mi risulta che a Reggio ci siano consiglieri o assessori indagati per mafia. Il Comune risponde con i fatti. Proprio in questi giorni abbiamo presentato nuovi e più rigorosi criteri nella subappaltazione dei lavori pubblici”. I primi a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico reggiano, scatenando, in alcune occasioni le reazioni stizzite delle istituzioni, sono stati gli esponenti di Reggio

Cinquestelle. “Ma ormai siamo oltre le infiltrazioni – rincara la dose Matteo Olivieri, consigliere comunale e leader dei grillini reggiani – Non siamo noi a dirlo, ma la Direzione distrettuale antimafia di Bologna che, in un documento del 2009, definisce Reggio una provincia dal ‘profilo crimimogeno’. Vuol dire che non siamo più soltanto una realtà buona per il riciclaggio di proventi illegali in realtà legali, ma una vera e propria base logistica da cui organizzare il malaffare altrove. E’ un salto di qualità pericoloso che non riguarda solo la ‘ndrangheta, ma anche la mafia cinese, che muove alla conquista della rete commerciale, e la camorra che è presente nella bassa reggiana. Per non parlare di Cosa nostra che da tempo ha messo le mani sui cantieri della Tav”. Olivieri denuncia “il ritardo culturale della classe politica, basti pensare che la Moratti di

Tommaso Lombardini (Fli)

recente ha detto che la mafia a Milano non esiste ignorando forse le decine di arresti effettuati negli ultimi mesi in tutta la Lombardia” e apre un nuovo fronte di attenzione, quello dei Circoli: “Spesso dietro questi circoli si nascondono attività di riciclaggio e di evasione fiscale: chiediamo di fare una normativa ad hoc per rendere obbligatoria la pubblicazione dei titolari di queste licenze. Infine, un plauso al lavoro di Enrico Bini: “Esemplare. La nostra Camera di Commercio si sta imponendo in tutta Italia come modello di legalità e trasparenza”. Sulla stessa lunghezza si muove anche Sinistra e Libertà, che per bocca di Gianfranco Riccò accusa i partiti principali di minimizzare sottovalutando il problema. “Hanno paura che ne esca un’immagine di Reggio diversa da quella che si vuol far credere – accusa Riccò – Ma è ovvio che la mafia nella nostra

Luca Damian (Udc)

provincia c’è. Basta ascoltare il procuratore capo di Modena quando afferma che, senza i soldi delle organizzazioni mafiose l’economia emiliana sarebbe in ginocchio. Questo non significa che gli amministratori pubblici siano collusi, ma certo non possiamo chiudere gli occhi. Credo comunque che la società civile sia molto più avanti della politica: ci sono associazioni come Libera e Colore che costruiscono quotidianamente rapporti di solidarietà, anche con le zone del sud Italia”. Riccò lancia anche un altro allarme: “Il vero problema nella nostra città è la mancanza di collaborazione tra gli enti locali e gli organi dello Stato. Perchè Polizia e Magistratura non forniscono alla comunità e alle associazioni le indicazioni utili per promuovere un’efficace politica di prevenzione?”. Anche Tommaso Lombardini

(Futuro e Libertà per l’Italia) riconosce che “il problema c’è, e già da un po’ di anni. D’altronde, pur in una fase di crisi come questa, la nostra resta una società ricca e sana che inevitabilmente attrae la malavita. E’ giusto che la gente sappia come stanno le cose, bisogna continuare a parlarne per fortificare i giusti anticorpi nel nome della legalità e del rispetto delle regole”. “Come consigliere comunale, ma soprattutto come giovane – dice Luca Damian dell’Udc – credo sia doveroso denunciare ogni comportamento illecito, ogni richiesta ingiustificata, ogni minaccia più o meno esplicita, ogni costrizione alle autorità preposte. Senza esitazioni. Bisogna sforzarsi di credere nella giustizia, nelle forze dell’ordine, nelle istituzioni, nelle forze sociali che nonostante le difficoltà e spesso esempi non troppo edificanti possono essere de-

Annamaria Terenziani (Pdl)

terminanti per garantire una maggiore giustizia, un futuro migliore degno di essere vissuto da uomini liberi. Il dibattito sulle infiltrazioni mafiose e della malavita organizzata in genere sul tessuto economico e sociale della nostra Provincia è di estrema attualità, interesse e merita grande attenzione soprattutto in un periodo di “grande crisi” strutturale dell’edilizia reggiana che ha provocato la chiusura di una miriade di aziende edili che ha provocato un drastico calo dell’occupazione nel settore”. “La mafia c’è. Lo testimoniano le indagini e gli arresti – spiega Annamaria Terenziani del Pdl – Credo che la strada da percorrere sia quella della collaborazione, anche tra le procure. Nella commissione consiliare Affari generali da me presieduta abbiamo elaborato un Codice antimafia sul modello di quello siciliano per garantire sicurezza e trasparenza nei subappalti”. (gaca)


Pag.

8

venerdì

L'

1 ottobre 2010 - REPORTER

Inchiesta della Settimana SCUOLA

Proseguirà con Officina Educativa la ventennale esperienza dei doposcuola reggiani

GRUPPI EDUCATIVI TERRITORIALI

Eccellenza o negligenza? Offerta extrascolastica a Reggio: quel che sappiamo e quel che non siamo riusciti a scoprire DI

ROSSELLA PORCHEDDU

L

o svolgimento dei compiti. La partecipazione a laboratori musicali e allenamenti sportivi. La sperimentazione di lavori artigianali e lo stimolo della creatività. Sono molteplici le attività svolte all’interno dei Get, Gruppi Educativi Territoriali del Comune di Reggio Emilia. Non semplici doposcuola ma momenti di incontro,

Un servizio utile, utilissimo, per quei genitori che non possono permettersi di pagare un professionista che segua costantemente il proprio figlio con difficoltà di apprendimento. Fondamentale spesso per quei bimbi che non hanno un solido sostegno familiare e per i figli dei cittadini immigrati, che imparano più facilmente la lingua e fanno un passo avanti nel processo di integrazione. Reggio Emilia si riconferma ancora una volta una città virtuosa, attenta al benessere dei suoi cittadini più piccoli e pronta a mettere la scuola tra le priorità e preservarla dai tagli che saranno attuati. Ma se il servizio è funzionante, e se, come tengono a sottolineare i

integrazione, coinvolgimento sociale. Per due pomeriggi a settimana i bambini della scuola primaria e gli adolescenti della secondaria di primo grado possono partecipare all’offerta formativa comunale, che comprende non solo l’assolvimento dell’obbligo scolastico ma anche momenti ricreativi e ludici in compagnia di coetanei ed educatori.

rappresentanti delle istituzioni, il progetto è molto apprezzato, in primis da insegnanti e genitori, perché gli educatori da noi contattati si mostrano reticenti al dialogo? Alcuni, a fronte di un’esperienza che descrivono positiva, preferiscono non rilasciare dichiarazioni. Altri ci dicono di aver rinunciato ad incarichi importanti pur di continuare a seguire i bimbi nel Get, ma non amano raccontare la loro esperienza. Altri ancora invece, sulla difensiva, scelgono di consultarsi con le loro cooperative, alcune delle quali peraltro non hanno voluto fornirci contatti e nominativi dei loro addetti. Spunta inoltre l’ombra di un Comitato, non ben definito e appena

costituito, che riunirebbe gli educatori reggiani e porterebbe avanti delle riflessioni sul ruolo dell’educatore, sulle professionalità e sulla nuova Officina Educativa. Non sappiamo certamente quali siano i loro obiettivi e le loro critiche, qualora ce ne fossero, e se le loro considerazioni riguardino in qualche modo i Get. Certo è che, dopo aver dato spazio alle istituzioni, avremmo voluto sentire l’altra parte, quella cioè che con i bambini lavora. Soprattutto per comprendere se coloro che sono destinatari di questo servizio, i piccoli studenti appunto, godono della giusta attenzione e traggono da quest’esperienza formativa dei reali benefici.

Eugenio Paterlini, Responsabile dei GET, ci illustra il progetto educativo

L

aboratori creativi e lezioni di informatica. Corsi di cucina e fotografia. Incontri sportivi e momenti ludici. Sono tante le attività che i bimbi e i ragazzi che partecipano ai Gruppi Educativi Territoriali possono svolgere. Il servizio è gratuito, coordinato dal Comune di Reggio Emilia, e ha come obiettivi principali l’integrazione formativa e la socializzazione. Ci aiuta a comprendere meglio il funzionamento dei Get Eugenio Paterlini, educatore fino al 2000 e oggi Responsabile dei Servizi Educativi e Diritti allo Studio all’interno del nuovo servizio di Officina Educativa del Comune di Reggio Emilia. Paterlini, quando sono nati i Gruppi Educativi Territoriali? “Nel 1988, su proposta dell’amministrazione comunale. Originariamente erano solo due, poi con gli anni sono diventati dieci, uno per ogni circoscrizione. Direi che oggi coprono tutta la città”. Il servizio è amministrato dal Comune? “Fino a qualche anno fa i Get erano a gestione diretta. Adesso sono curati da alcune cooperative sociali, la Reggiana Educatori, Solidarietà 90, San Giovanni Bosco e S. Antonio. Il Comune detta le linee d’indirizzo ed esprime le coordinate, ma i Get, an-

che se anche supervisionati, hanno una propria autonomia gestionale”. Chi vi può accedere? “I bambini delle classi terza, quarta e quinta della scuola

primaria e prima, seconda e terza della scuola secondaria di primo grado. I ragazzi che frequentano i gruppi sono segnalati dall’istituto o, in qualche caso, dai servizi sociali. Il

Non solo compiti bambino o ragazzo indicato può avere carenze in ambito artistico, espressivo, ludico e necessitare perciò di un’integrazione formativa. Per chi invece ha situazioni familiari problematiche oggi esistono i Cep, Centri Educativi Pomeridiani. A volte può esserci anche un’adesione volontaria ai Get, ma preferiamo sempre la mediazione della scuola”. I gruppi oggi esistenti riescono ad accogliere tutti gli alunni segnalati? “No, la richiesta è molto superiore. Il Comune ha deciso perciò di investire. All’interno di Officina Educativa, i Get non saranno dunque l’unica offerta pomeridiana, ma restano un’attività centrale sul territorio”. I ragazzi possono frequentare i gruppi tutti i giorni? “Le lezioni si svolgono tre pomeriggi a settimana e ogni ragazzo può accedere due volte. Diciamo che ogni giorno sono tra i 15 e i 20 gli alunni che frequentano le lezioni. Fanno i compiti e svolgono attività a carattere espressivo, ludico, manipolatorio. È un servizio molto apprezzato dalle scuole e che vede anche il coinvolgimento delle famiglie”. (rp)

UN NUOVO PROGETTO FORMATIVO Ampliare e mettere in rete tutti i progetti, i soggetti e gli strumenti di intervento pedagogicoeducativo del territorio. È questo l’obiettivo di Officina Educativa, il nuovo servizio del Comune di Reggio Emilia che ha assorbito al suo interno la ventennale esperienza di ‘Città educativa’. Unità organizzativa che ha gestito e coordinato numerosi progetti di rilevanza sociale, rivolti a bambini e adolescenti. Ma cos’è cambiato concretamente nel passaggio da un servizio all’altro? “La Città Educativa dipendeva dall’Assessorato Politiche Sociali - ci spiega Iuna Sassi, Assessore all’Educazione - l’Officina Educativa rientra invece nel settore educativo. Abbiamo svolto inoltre una verifica dei progetti e delle attività per le scuole di ogni ordine e grado, con lo scopo di portare la qualità che c’è nei Nidi e nelle Scuole dell’Infanzia nella scuola dell’obbligo”. Ma i tagli, imposti dal Patto di Stabilità, incideranno in qualche modo sulle attività extrascolastiche, che per quanto importanti, restano comunque un servizio aggiuntivo e per questo sacrificabile? “Vedremo cosa succederà nei prossimi Consigli. Il sindaco Delrio ha ribadito che la scuola rimane una priorità – dichiara l’Assessore Sassi - ci auguriamo che questa

Iuna Sassi

iniziativa ambiziosa vada avanti, un progetto di scuola e non una scuola di progetti. Si vogliono coinvolgere i quartieri, le famiglie, le società sportive, le parrocchie, il volontariato, con lo scopo di migliorare l’offerta formativa”. Sebbene ridotti da tre a due pomeriggi a settimana, i Gruppi Educativi Territoriali resteranno un’attività tra le più importanti in città, punto di riferimento per studenti e famiglie. “C’è la volontà di riportare i Get nella scuola, per ridurre la marginalità e introdurla nella normalità continua l’Assessore - cioè per coinvolgere nelle attività anche i ragazzi che non presentano problematiche, e gli insegnanti”. Un progetto più ampio insomma che sarà avviato nei prossimi mesi, presumibilmente tra novembre e dicembre. “Crediamo in una forte adunanza della città intorno alla scuola - conclude Iuna Sassi che deve diventare un centro di propulsione dei quartieri”. (rp)


venerdì

L'

1 ottobre

Pag.

2010 - REPORTER

9

Inchiesta della Settimana SCUOLA

Disomogenea la situazione in provincia tra servizi offerti dai privati e iniziative di giovani volontari

GRUPPI EDUCATIVI TERRITORIALI

L’extrascuola

Diverse tipologie di offerte educative nel Comune di Scandiano DI

ROSSELLA PORCHEDDU

S

e a Reggio i Get godono di una ventennale esperienza e si possono definire ormai un’istituzione radicata sul territorio, appare meno chiara la realtà provinciale. Cooperative sociali gestiscono servizi talvolta privati oppure mediati da enti pubblici, maestre in pensione organizzano pomeriggi di studio e divertimento, giovani volontari dedicano ben volentieri il loro tempo a bambini che hanno bisogno di un aiuto per i compiti e di un po’ di compagnia. Certo è che la situazione non si presenta omogenea in tutto il territorio provinciale, né sembra esserci un coordinamento da parte delle istituzioni.

IL COMUNE SALVA LA SCUOLA Alberto Pighini, Assessore alle Politiche Educative

Alberto Pighini, Assessore alle Politiche Educative del Comune di Scandiano, ha da poco fatto sentire la sua voce in merito al pre e post scuola attivo nei plessi cittadini. Il servizio infatti, che permette ai bambini di entrare a scuola alle 7,30 e uscire alle 13, a fronte di una situazione familiare che non consente l’accesso negli orari stabiliti dall’istituto, è stato salvato dall’intervento del Comune, che stanzierà dei fondi, non previsti e non

iscritti al bilancio, per l’anno scolastico 2010/2011. “Fino ad oggi il servizio è stato garantito con il personale Ata attraverso una convenzione che la stessa amministrazione stipulava di anno in anno con le Dirigenze Scolastiche per le funzioni miste - scrive l’Assessore Pighini nella lettera rivolta alle famiglie - e che permetteva di riconoscere al personale dello Stato anche una piccola indennità di natura economica. L’aumento

delle richieste registrato negli ultimi anni, combinato con la riduzione degli organici, rende di fatto impossibile garantire il servizio con il solo personale scolastico così come non è possibile, per ragioni normative, ipotizzare gestioni miste”. Per accedere al pre e post scuola, affidato a una cooperativa sociale, le famiglie dovranno pagare una cifra di 15 euro al mese, che non arriverà a coprire neanche la metà dei 50 mila euro preventivati per l’intero anno scolastico. Attento alle esigenze dei bambini della scuola primaria e dei ragazzi della secondaria di primo grado, il Comune stanzia dei fondi per progetti extrascolastici, gestiti negli ultimi dieci anni dalla Cooperativa Pangea di Rubiera. Il servizio è attivo da metà ottobre fino alla conclusione dell’anno scolastico ed è articolato in due tipologie. L’extrascuola

prevede piani di studio pomeridiani rivolti ad allievi della primaria e della secondaria di primo grado con difficoltà di rendimento e familiari. Il servizio ha un costo di euro 37,74 al mese e si svolge il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 14,30 alle 18. I bambini che ne usufruiscono sono in totale 42, divisi in tre gruppi che contengono un massimo di 14 bambini, seguiti da due educatori. La seconda tipologia di servizio è attiva soltanto nella scuola San Francesco e prevede il tempo prolungato. Ottanta bambini si trattengono a scuola dal lunedì al venerdì fino alle 16,30 e ricevono il sostegno degli educatori per fare i compiti. Questo servizio proseguirà fino a quando il tempo pieno, attivo già nelle classi prima e seconda dell’istituto, non sarà esteso a tutti gli anni scolastici.

Il benessere dei bambini

“Un progetto valido”

A Correggio uno spazio accogliente per pomeriggi di studio e divertimento

Forte la collaborazione tra la Scuola Collodi e il GET Don Bosco

S

I

mmersa nel silenzio e nella tranquillità della campagna correggese, la cooperativa sociale “Il Sorriso di Sophia” offre un servizio educativo ai bambini della scuola primaria e ai ragazzi della secondaria di primo grado. I doposcuola sono dedicati a chi ha disagi familiari e comportamentali o difficoltà di apprendimento. Essendo un’iniziativa privata, non dipendente né legata quindi alle istituzioni, e soggetta al pagamento di una quota, i bambini vi accedono per volontaria adesione oppure ci sono delle segnalazioni, da parte dei servizi sociali o delle scuole? “Sono le famiglie a rivolgersi a noi - ci dice Elsa

Schiatti, coordinatrice della Cooperativa - ma sono anche le maestre a consigliare ai genitori i nostri servizi, attivi dal 2007. Si lavora dunque in concerto con le scuole”. Attivo dal lunedì al venerdì, il doposcuola copre tutto l’anno didattico, anche se la maggiore concentrazione si registra dopo la conclusione del primo quadrimestre, quando cioè si palesano le difficoltà dell’alunno. C’è la possibilità per i bambini più problematici, o che hanno bisogno di attenzioni maggiori, di essere seguiti individualmente, spesso anche nelle proprie case. “Durante lo scorso anno scolastico mi sono

occupata per qualche mese di un bambino di otto anni - ci racconta l’educatrice Giulia Bertacchi - con problemi di dislessia. È stata un’esperienza molto positiva, tanto che è riuscito ad ottenere la certifi cazione per il suo disturbo”. Generalmente le lezioni sono collettive e i gruppi sono costituiti da un massimo di trenta allievi. “Quello che ci interessa - continua Elsa Schiatti - è la qualità del servizio e il benessere della famiglia. Organizziamo, infatti, anche dei corsi per i genitori, per favorire il loro ruolo e coadiuvarli nella relazione con se stessi e con i propri figli”. (rp)

petta agli insegnanti il compito di segnalare ai Gruppi Educativi Territoriali gli alunni che hanno bisogno di un sostegno extrascolastico. All’inizio dell’anno didattico vengono fatte le valutazioni e indicati gli allievi problematici. Ma secondo quali criteri i docenti operano le loro scelte? E che rapporto c’è tra educatori ed insegnanti? Non capita mai che si trovino in disaccordo gli uni con gli altri? Marianna Fantini, Docente di Scuola Primaria, nell’anno scolastico 2009/2010 insegnava presso la Scuola Collodi di Reggio Emilia, legata a un Get storico, il Don Bosco, nato nel 1988 nella VII Circoscrizione. “Lo scorso anno nella mia classe, una quinta - ci dice l’insegnante - sono stati segnalati cinque bambini. Le problematiche erano varie, c’era un alunno straniero che frequentava i gruppi per potenziare le capacità di socializzazione e un altro che aveva un Disturbo Specifico di Apprendimento. In generale, però, si segnala al Get chi ha bisogno di figure di riferimento, quelle stesse figure che mancano a casa”. In quest’ottica, dunque, potrebbe accedere al Get un alunno senza diffi coltà di apprendimento ma che ha una situazione familiare complicata ed essere estromesso invece chi ha problemi reali ma una solido nucleo alle spalle. “Posso dire, per quella che è stata la mia esperienza, - con-

LA PAROLA AI DOCENTi Marianna Fantini, Insegnante alla scuola primaria

tinua Marianna Fantini - che non vengono mai estromessi bimbi che hanno delle difficoltà certificate. È un progetto valido, sostenuto dall’impegno costante delle cooperative e degli educatori. Ma dovrebbe essere maggiormente controllato. Gli educatori spesso fanno fatica a gestire il gruppo. Capitava infatti all'istituto Collodi che gli insegnanti si recassero in visita. C’era una forte interazione tra scuola e Get”. Questi gruppi, che apporta-

no un sostegno al bambino, regalandogli anche delle ore di svago, hanno una reale funzione educativa, contribuiscono cioè al rendimento scolastico? Oppure sono utili soltanto a riempire un vuoto? “I bimbi migliorano se c’è la famiglia che li segue - conclude Marianna Fantini - ma le professionalità che curano il servizio sono, a mio parere, adeguate. Per i bimbi delle primarie l’educatore, spesso giovane, è una figura sottile, che sta metà tra l’insegnante e il genitore”.(rp)


Pag.

10

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Agire, senza troppe aspettative Si profila un periodo relativamente tranquillo, nessuno scossone all’orizzonte di Franco

Meglioli f.meglioli@reporter.it

L

’Oro è arrivato a 1.300$. Al momento, quindi, è lo scenario bullish che ha le maggiori probabilità di successo. Devo sottolineare che mi sarei aspettato un rally più violento non appena i corsi hanno superato il precedente massimo storico. Invece il metallo giallo è avanzato molto tranquillamente. Per questo motivo terrei ancora in seria considerazione l’ipotesi opposta; mi sono segnato il livello di 1.260$ come Stop Loss (chiusura di eventuali posizioni Long) e la discesa sotto 1.240$ per aprire una nuova posizione Short. Diversi colleghi fanno notare come storicamente (andando indietro anche di secoli) il rapporto tra Argento ed Oro sia sempre stato di 15-18 (1 oncia d’oro per 18 d’argento). Negli ultimi anni la relazione percentuale si è impennata ed oggi siamo addirittura a 65! La morale è che anche l’argento potrebbe diventare molto interessante, forse più del suo principale concorrente. Il cambio al rialzo tra Eur/Yen rimane il Best Cross e potrebbe migliorare se il rapporto tra Usd/Yen salirà sopra 86; vorrebbe dire, infatti, che la valuta nipponica si sta indebolendo ulteriormente. Il Franco Svizzero è salito forse troppo e potrebbe prendersi una pausa di riposo (nuovo supporto nei pressi di 1,28 contro Euro). Le borse si muovono millimetricamente ma sempre verso l’alto; ogni correzione viene sempre ripresa in

brevissimo tempo: buon segno. L’SP500 è riuscito a superare l’importante resistenza=1.130 e, finché rimarrà sopra 1.090 punti, possiamo soltanto ipotizzare che possa muoversi verso il nuovo obiettivo nei pressi di 1.200. Le borse europee (a parte l’Ftse 100 di Londra) rimangono ancora ingabbiate all’interno di una fase di trading range; non appena riusciranno a superare i loro massimi relativi (Cac40 > 3.800, Dax30 > 6.400, Ftse/Mib40 > 21.200) dovrebbero accelerare con forza. La borsa tedesca, però, rimane quella più forte: se i mercati punteranno verso l’alto è meglio comprare le loro azioni (per esempio sfruttando un fondo specializzato o, meglio, un ETF). Se, invece, prevarranno le vendite e lo scenario bullish verrà cestinato può essere interessante comprare un ETF che punta al ribasso sul mercato italiano (il peggiore). Un segnale in tal senso potrebbe concretizzarsi in caso di discesa del nostro indice sotto i 19.100 punti (al momento siamo ancora piuttosto lontani). Ci sono novità sulle azioni. Il segnale rialzista di Unipol s’abbassa e scatterà sopra 0,56 (anziché 0,57 della settimana scorsa). Rimane uno dei titoli con il miglior rapporto tra rischio (ridotto) e opportunità (molto elevate). Entrata a condizioni migliori anche per Ubi Banca in caso di break-out sopra 7,3: l’obiettivo di medio periodo è nei pressi di 8,5. La scorsa settimana il Credito Valtellinese ha toccato nuovi minimi storici e le convertibili hanno sfondato all’ingiù 101. In

questo momento se si comprano le obbligazioni vicino al loro valore nominale mi sembra che i rischi siano contenuti. Attenzione, però: non pensate a possibili exploit miracolosi! L’idea è di rivenderle 2/3 punticini sopra e nel frattempo godere del relativo tasso d’interesse. Telecom Italia ha sfiorato 1: era il livello atteso. Adesso chi non riesce a star fermo può iniziare a compricchiare; io preferirei aspettare la formazione di un pattern rialzista chiaro. Il Testa e Spalle rialzista su Mediaset si sta concretizzando anche se molto lentamente; i prezzi hanno superato 5,15 e si è formato un “uncino” di Ross a 5,37. Sopra quest’ultimo livello, teoricamente, dovrebbe accelerare con forza. L’obiettivo teorico di questa figura (anche se non ci credo molto) è nei pressi di 6. Per Lottomatica il punto di breakout è sopra 12: se riuscirà a superare questo ostacolo potremo sostenere che la fase ribassista è proprio finita. Le quotazioni di Geox scambiano sempre in un fazzoletto di centesimi: deve riuscire a portarsi sopra 4,1. Se sarà così, mi aspetto che i compratori escano dal letargo. Occhio sempre al Banco Popolare (la banca con il grafico più “compresso”): sopra 5 dovrebbe partire a razzo! Se si concretizzerà ciò, immagino che le sue convertibili potrebbero arrivare nei pressi di 110. Non credo di più. Muraglia cinese a 1,05 per il Monte Paschi Siena: anche qui, se verrà spazzata via, dovrebbe impennarsi almeno a 1,19.

Questioni di etichetta di

gianni Verzelloni

C

erchiamo questa volta di approfondire alcune “questioni di etichetta”, che non sono di forma come potrebbe sembrare, ma riguardano l’etichettatura degli alimenti, cosa di cui si discute da noi da anni, ed ora sembra che si arrivi a concretizzare. Qualche giorno fa, infatti, la Commissione agricoltura della Camera, approvando un disegno di legge che dovrebbe aiutare il rilancio della competitività del settore (senza incentivi, quindi è un rilancio a chiacchiere) ha inserito anche il tema dell’etichettatura d’origine dei prodotti agricoli ed alimentari, che a questo punto andrà in discussione in aula prima di ottobre. Prendiamo il commento del Ministro per le politiche agricole Giancarlo Galan: “…grazie all’impegno dimostrato sia dalle forze di maggioranza che di opposizione, ritengo di poter essere finalmente ottimista. Di fatto, la Commissione agricoltura della Camera ha deciso “di assicurare ai consumatori una completa e corretta informazione sulle caratteristiche dei prodotti alimentari commercializzati, trasformati, parzialmente trasformati o non trasformati, nonché di rafforzare la prevenzione e la repressione delle frodi alimentari. Queste parole costituiscono il senso vero di un’iniziativa culturale, politica e legislativa che in Senato era stata già approvata all’unanimità. Pertanto, il criterio adottato rende evidente l’intenzione di valorizzare la componente della produzione

agricola, all’interno della filiera dei consumatori? La mozzarella agroalimentare e nella comuni- tedesca che per prima è stata cazione alimentare. È chiaro che individuata con la colorazione, non appena il disegno di legge non ha risentito per niente sul verrà definitivamente approvato, piano del mercato del guaio, ne tutto ciò avrà valore e rilevanza ha risentito in qualche misura inin sede nazionale, ma ciò che vece la mozzarella nostra normale. l’Italia si attende è che tale norma Questo sta a dimostrare che c’è diventi scelta condivisa anche in una quota di consumatori (non sede europea. Ed è in quella sede proprio insignificante) che è quella che continuerò a farmi interprete che compra al discount, che bada di quanto ieri è stato approvato solo al prezzo, mentre la sensibilità agli allarmi riguarda un altro tipo presso la Camera dei deputati”. Un commento che ha il pregio di di consumatori, che a volte si almettere in chiaro cosa rappresenta larmano per nulla. L’altro esempio davvero l’etichettatura alimentare, è lampante: l’etichetta d’origine ovvero un elemento di chiarezza ce l’ha la carne bovina dai tempi nei confronti del consumatore. di “mucca pazza”, un decennio: Altre valenze, spesso sbandiera- questo ha forse fatto diminuire te, sono tutte da verificare: ad l’importazione dall’estero e fatto esempio, chi sostiene (Coldiretti in la fortuna degli allevamenti italiani particolare, ma è stata seguita da da carne? L’altra cosa importante molti in ambito agricolo, nell’asso- che dice Galan è che sosterrà ciazionismo e in politica) con par- l’etichettatura in sede europea, e ticolare accentuazione l’etichet- sarebbe ora! Perché, una cosa che tatura, tende a presentarla come pochi sanno è che si farà pure la la soluzione dei mali della nostra legge nazionale sull’etichettatura, agricoltura, contrastando il falso e ma questa non avrà efficacia, sostituendolo con i nostri prodotti. perché la materia è di competenza È per fare un esempio recentissimo, dell’Unione Europea. Quindi, in quanto afferma chi se la prende definitiva avremo una legge che con il “passaggio” in Italia di grandi sarà solo uno “spot” o sarà valida quantità di pomodoro cinese. La fino a quando qualcuno non farà cosa che al sottoscritto sembra ricorso ai tribunali, ed i ricorsi ci sbagliata ed illusoria, è far credere saranno, perché l’industria aliai consumatori, ma soprattutto ai mentare vede l’etichettatura come produttori, che un’etichetta risolva fumo negli occhi, e l’Europa non è i loro problemi ed apra spazi di certo contenta di farsi “scippare” mercato, che non è dimostrano ci competenze proprie. La morale? È alto il rischio che “il grande trasaranno mai. Mi spiego con due esempi: la guardo” di cui tra qualche tempo recente vicenda delle mozzarelle sentiremo parlare, non sia altro che blu, qualcuno ha osservato come un giochetto demagogico e senza ha mostrato strani comportamenti effetti pratici, all’italiana. Informazione pubblicitaria

Boschini Termoidraulica spegne 30 candeline

Grande festa e grande emozione per il 30° compleanno della Termoidraulica Boschini che si celebrerà sabato 2 ottobre alle ore 10,30 nello spazio attiguo allo stabilimento dell’azienda in Via Repubblica di Montefiorino 7 A/E a Toano. Alla celebrazione, a cui sono invitate le autorità locali e provinciali ed i rappresentanti del mondo del lavoro, farà seguito un incontro conviviale con pranzo, presso i locali della PRO LOCO di Toano in Via Matilde di Canossa. Per la CNA parteciperanno all’evento Tristano Mussini, Presidente Provinciale CNA e Fabio Bezzi,Direttore Generale CNA. Termoidraulica Boschini, storica associata CNA, ha una storia emblematica che illustra perfettamente lo spirito di iniziativa, la passione per il lavoro, l’ingegno e la capacità di programmazione del proprio titolare, Giordano

Boschini, tipico esempio di imprenditore “ self made man” che è riuscito ad imporsi e a qualificare ed espandere la propria impresa partendo da una situazione caratterizzata da pochi mezzi, ancor meno risorse ed un grande amore per il proprio lavoro. Boschini è molto noto in tutto il territorio montano anche per il suo molteplice impegno sociale che si concretizza nel lungo volontariato prestato con la Croce Rossa, nell’appoggio alla Associazione degli Alpini, nella sponsorizzazione di diverse attività sportive, con il calcio in prima linea. “ Mi spostavo con una vecchia 127 ed utilizzavo il garage di casa come magazzino” racconta infatti Boschini, ma da questi avventurosi esordi, che ci riportano agli inizi del 1980, l’azienda ne ha fatta di strada ed ora può vantare una ferramenta ed un punto vendita di materiale per l’edilizia a Toano, un centro per il risparmio energetico con mostra di stufe e camini a Baiso ed un

magazzino per il materiale edile a Cerredolo. Una vera e propria impresa industriale che estende la sua clientela nelle province di Reggio e Modena e che da lustro alla intera comunità montana per la quale rappresenta un punto di riferimento ed un esempio da seguire. Ancora il titolare Giordano Boschini: “ Soddisfazione, emozione, fiducia nel futuro nonostante la congiuntura attuale, sono sentimenti che si agitano in modo tumultuoso in questi momenti, ma resta la certezza di un impegno continuo rivolto al miglioramento del servizio nei confronti della clientela ed alla costante attenzione per gli sviluppi tecnologici e logistici che caratterizzano il nostro lavoro. Un ringraziamento sincero va a tutti i gli addetti, i collaboratori, i clienti che hanno consentito tutto questo”.


settimana dal 1 al 7 ottobre

eporterWeekend www.reporter.it

Pagina III

La voce della fratellanza

Ritorna il Festival Francescano con concerti, incontri e mostre. Attesissima la cantante Noa

A Casa&Tavola: Noveventi il salotto di scrittori e musicisti Pagina II

Giovani promesse allo Spazio Gerra Pagina IV

Teatro, si alza il sipario sulle nuove stagioni Pagina V

CULTURA - SPETTACOLI - MOSTRE MUSICA - LIBRI - VIAGGI

SCOPRI TUTTI GLI APPUNTAMENTI SU

.it

Settegiorni di appuntamenti da non perdere Pagine VIII-XVII


Pag.

II

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

manifestazioni A Casa&Tavola

Nel salotto di Noveventi Andrea Villani presenta la rassegna che coniuga vino, musica e cultura. Con ospiti di grande rilievo

FRA I PROTAGONISTI

Da sinistra, Roberto Freak Antoni, ex Skiantos, Massimo Ghiacci, Andrea Pinketts, con il direttore artistico di Noveventi, Andrea Villani di

Sabrina baSoni

s.basoni@reporter.it

L

etteratura, musica e vino. Una sinestesia perfetta che non può che crescere nell’ambito della manifestazione enogastronomia più importante di Reggio Emilia: Casa & Tavola. Magari nella Sala dei libri. Alle nove e venti. Quest’anno, infatti, la fiera darà spazio anche a un salotto, letterario e non solo, in cui tutte le sere scrittori, intellettuali, attori, sceneggiatori, autori televisivi e musicisti si daranno appuntamento e incontreranno il pubblico. Perfetto padrone di casa sarà Andrea Villani, direttore artistico della manifestazione, scrittore e opinionista televisivo, che porta a Reggio il suo format di successo: “Diciottoeventi è la rassegna già consolidata di Salsomaggiore, che coinvolge da giugno a settembre una cinquantina di ospiti di grande rilievo. Ogni incontro è una conversazione con tre autori intervallata da momenti musicali, al termine dei quali vengono offerti assaggi enogastronomici. Ora la madre “18eVenti” dà alla luce questo primogenito pasciuto “Noveventi” che sarà tenuto a battesimo nell’ambito della importante fiera Casa e Tavola – spiega Andrea Villani-. Tutte le sere dal 9 al 17 ottobre, dalle 21 e 20 alle 22 e

20, ospiterò personaggi come Andrea Pinketts, Valerio Varesi, Massimo Picozzi, Roberto Freak Antoni, Luciano Lutring, Gabriele La Porta, Marco Balestri per citarne soltanto alcuni. Nel salotto ‘enoletterario – musicale’ voci determinanti saranno anche musicisti del calibro di Massimo Ghiacci (bassista e fondatore dei Modena City Ramblers), Maria Teresa Lonetti, Caterina Ciriolo, Mustek, TconZero e N-Rose. Alla fine di ogni incontro, inoltre, si brinderà con gli invitati e il pubblico con i tesori enologici offerti dall’Associazione Italiana Sommelier”. Per nove sere, dunque, tanti ospiti di fama nazionale saranno accompagnati in un talk show culturale, al quale la simpatia e la verve di Andrea Villani sapranno dare ritmo e interesse, forte anche della sue esperienze maturate nelle frequentazioni televisive e radiofoniche. Opinionista in diverse trasmissioni, come L’Italia allo specchio, in cui era chiamato a commentare inchieste giudiziarie d’attualità oppure a Inconscio e magia su Rai notte, invitato dal professor Gabriele La Porta. “Una trasmissione quest’ultima in cui si parlava di poesia e di bellezza e che parossisticamente faceva più politica che non una diretta di Santoro – commenta Villani-. Perché

oggi, in un’epoca di evidente decadenza in cui il benessere è considerato stato morale, gli aspetti esteriori sono scambiati per quelli interiori e le passioni sessuali per amore, la “resistenza” per difendersi da questo sfacelo culturale è appunto parlare di letteratura, di arte, di musica”. E di arte e poesia, nuovi miti, valori e ambizioni di un Mondo Piccolo destinato a morire, Villani parla anche nel suo ultimo romanzo “La strategia del destino”, edito da Mursia. “Un libro che sentivo il bisogno di scrivere da diverso tempo per parlare di provincia malata, di vecchi partigiani, ma anche di travestiti, di artisti, di emigrati albanesi e di giovani griffati e drogati”. “Un romanzo di profonda critica sociale, ben scritto e strutturato in diverse storie che convergono verso un finale inatteso e mozzafiato – come ha scritto il giornalista di Repubblica e lo scrittore Valerio Varesi». E Andrea Pinketts sempre parlando di “La strategia del destino” ha scritto: “Ho scoperto, in Andrea Villani, un talento generoso e crudele”. Un talento che si metterà alla prova in Noveeventi alle Fiere di Reggio Emilia con una cinquantina di ospiti di grande prestigio nella Sala dei Libri. Incontri dedicati a chi vuol “fare resistenza”.

Noveventi

In cartellone

Andrea Pinketts

SAbATo 9 oTTobre

Andrea Pinketts, Franco Forte, Elisabetta Bucciarelli. Musica dal vivo con TconZero

DomeNICA 10 oTTobre

Paolo Colagrande, Barbara Gozzi, Luca Bertoletti. Musica dal vivo con N-Rose

LuNeDì 11 oTTobre

Roberto Freak Antoni, Eliselle, Andrea Bruni. Musica dal vivo con Massimo Ghiacci

mArTeDì 12 oTTobre

Luciano Lutring, Lucio Nocentini, Patrizia Debicke Van Der Noot. Musica dal vivo con Maria Teresa Lonetti

Numeri di Casa & Tavola 2010

E

dizione: ventiduesima Svolgimento: dal 9 al 17 ottobre 2010 Espositori totali: 220 (in linea con l’edizione 2009) 3 Padiglioni (più alcune strutture temporanee) Oltre 21.000 metri quadrati di superficie espositiva Quasi 75mila visitatori nel 2009 Inaugurazione sabato 9 otto-

bre ore 17,30 al centro esposizioni alla presenza dell’assessore Provinciale all’agricoltura Roberta Rivi GLI EVENTI NovEventi, salotto enoletterario musicale: incontri con scrittori, degustazioni di vini a cura dell’Associazione Italiana Sommerlier e musica dal vivo (Sala dei Libri, Padiglione D, quello dell’arredamento) Incontro con l’architetto Italo

Rota sul tema l’architettura della tavola SpazioTempo; le serate gastronomiche con gli assaggi gratuiti; le iniziative dei panificatori, lo spazio sposi Informazioni generali: Il biglietto d’ingresso costa 8,00 euro Settimana della coppia: se lui ha meno di 35 anni lei entra gratis. Promozione valida da lunedì

11 a venerdì 15 ottobre Orari: sabato dalle 17 alle 24; domenica dalle 10,30 alle 24; feriali dalle 19.30 alle 24 Informazioni: Siper - Fiere di Reggio Emilia Tel 0522/503511 fax 0522/503555 e-mail: info@fierereggioemilia.it sito internet: www.casaetavola.it

Gabriele La Porta

merCoLeDì 13 oTTobre

Gabriele La Porta, Davide Barilli, Gian Ruggero Manzoni. Musica dal vivo con Fabio Debbi

GIoveDì 14 oTTobre

Stefano Zurlo, Valerio Varesi, Licia Giaquinto. Musica dal vivo con Mustek

veNerDì 15 oTTobre

Michele Giuttari, Remo Bassini, Sara Di Antonio. Musica dal vivo con Fabio Debbi

SAbATo 16 oTTobre

Dado Tedeschi, Eva Clesis, Alessandro Di Nuzzo. Musica

Valerio Varesi

dal vivo con Caterina Ciriolo e Gabriele Cantarelli

DomeNICA 17 oTTobre (INIzIo ALLe 18,20)

Massimo Picozzi, Mauro Marcialis, Marco Balestri. Musica dal vivo con Giampaolo Corradini Le serate si terranno nella Sala dei Libri nel padiglione D, quello dedicato all’arredamento ogni sera alle 21,20. Domenica 17 ottobre, giornata conclusiva, l’orario d’inizio è fissato per le 18,20. La rassegna è realizzata in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier e il Muzik Station


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

III

eventi Festival Francescano

Fratellanza possibile

Tre giorni di concerti, dibattiti, mostre. Fra gli ospiti: Massimo Cacciari, Vincenzo Cerami e Noa di

debora Grasselli

F

ratelli è possibile? Questo lo slogan, provocatorio e attuale al contempo, della II edizione del Festival Francescano, che torna nelle piazze di Reggio Emilia dall’1 al 3 Ottobre. E’ ancora possibile attualizzare e rendere vivo il valore della fratellanza, in una società individualista come quella attuale, una società in cui si preferiscono contatti virtuali in rete a quelli reali tra le persone, un mondo dove si moltiplicano i conflitti e le intolleranze tra popoli e tra religioni? Il Festival Francescano cercherà di rispondere a questa controversa domanda proponendo numerosi eventi che graviteranno attorno ai temi della fratellanza, del dialogo e della parola. Temi importanti come questi, sono quanto mai urgenti e attuali nella nostra società, come sottolinea Padre Alessandro Caspoli, presidente del comitato direttivo del Festival. “Il titolo del Festival è volontariamente provocatorio: la fratellanza fra i popoli è ancora possibile o è semplice utopia? Il festival francescano torna a Reggio Emilia per portare il messaggio universale di San Francesco nelle strade, nelle piazze, tra la gente, per riproporre il dialogo come unico collante di un tessuto sociale sempre più disgregato”- afferma Padre Alessandro Caspoli. Dopo il successo della prima edizione del Festival, che registrò ben 25mila presenze, l’evento viene riproposto per la seconda volta a Reggio Emilia. Il programma che animerà il Festival Francescano è molto ricco: dibattiti, spettacoli e momenti spirituali tratteranno sotto diversi punti di vista il tema della fratellanza. Gli intellettuali presenti saranno moltissimi: lo psicologo Alessandro Meluzzi,

il giornalista Antonio Sciortino, l’economista Stefano Zamagni; tra gli appuntamenti più interessanti segnaliamo quello di Chiara Frugoni, medievalista di fama internazionale, che terrà una lezione venerdì 1 ottobre alle ore 9.30 e sabato 2 ottobre alle 9.30 e alle 16 presso l’Aula Magna dell’Università in cui analizzerà l’iconografia, la storia e i significati della famosa Pala Bardi, tavola conservata presso la basilica di Santa Croce a Firenze che rappresenta in maniera dettagliata la vita di San Francesco e le sue opere. Alla tavola fiorentina sarà poi dedicata una mostra multimediale intitolata “L’oro del povero. L’abbraccio col mondo nel Francesco della Pala Bardi”, presso il Museo dei Frati Cappuccini di Reggio Emilia dal 1 ottobre al 1 novembre. Altro incontro molto atteso, è quello con il noto filosofo Massimo Cacciari che metterà in relazione la figura di Francesco e del primo Umanesimo in una conferenza che si terrà venerdì 1 ottobre alle ore 18 nel sagrato della chiesa di San Francesco. Anche gli spettacoli saranno molti, tra i più importanti: venerdì 1 ottobre alle ore 21 presso la chiesa di San Domenico si eseguirà il Magnificat di Bach, il concerto sarà eseguito dall’orchestra sinfonica Arturo Toscanini. Sabato 2 ottobre alle 15 presso il sagrato della chiesa San Francesco, il noto scrittore e sceneggiatore Vincenzo Cerami, leggerà l’Ecclesiaste, accompagnato dal musicista Aidan Zammit. L’evento più atteso è certamente il grande concerto della cantante israeliana Noa che si terrà in piazza della Vittoria sabato 2 ottobre alle ore 21 (in caso di maltempo presso il teatro Ariosto). L’interprete della famosa colonna sonora del film ‘La vita è bel-

DIALOGHI FRA LE CULTURE

Da sinistra, il filosofo Massimo Cacciari e la cantante israeliana Noa

la’ di Roberto Benigni, è stata scelta per il Festival Francescano in quanto icona del dialogo fra culture; l’artista usa infatti da sempre la sua musica come mezzo per riavvicinare palestinesi e israeliani. Il programma per i più piccoli culminerà domenica 3 ottobre alle ore 16 con il concerto in piazza della Vittoria del Piccolo Coro “Mariele Ventre”, dell’Antoniano di Bologna che vedrà come protagonisti bambini e ragazzi dai 3 agli 11 anni. Tutte le iniziative del Festival Francescano sono a ingresso libero e gratuito. Gli eventi si terranno all’aperto ma prevedono una sede al coperto in caso di maltempo, per informazioni ci si potrà rivolgere all’Infopoint presso Piazza Martiri del 7 luglio.

Biblioteca vivente

L

Libri “in carne ed ossa”

a biblioteca vivente’ non è un’idea italiana, è infatti un’iniziativa inventata in Danimarca nel 2000, che si proponeva l’obbiettivo di sanare i conflitti e i pregiudizi tra le numerose minoranze etniche e religiose del paese attraverso il dialogo e il confronto. Il meccanismo della ‘biblioteca vivente’è molto semplice e funziona come una qualsiasi biblioteca: i visitatori avranno a disposizione un ‘catalogo’ dove potranno scegliere li-

bri che non saranno fatti di pagine da sfogliare, ma di persone in carne ed ossa da incontrare. Faranno parte del catalogo persone diverse da noi per esperienze di vita, provenienza etnica, geografica o religiosa; ogni libro rappresenta quindi una persona che solitamente è oggetto di pregiudizi o luoghi comuni nella vita di tutti i giorni (uno straniero, una suora, un frate, un ateo, un mussulmano, un cinese, un meridionale…).

Tutti questi ‘libri parlanti’ cercheranno di farsi conoscere, parleranno, racconteranno la loro storia, tentando in questo modo di mettere in discussione i pregiudizi che abitualmente portano addosso. Grazie al Festival Francescano, la Biblioteca Vivente approda per la prima volta a Reggio Emilia, in piazza Martiri 7 Luglio, Sabato 2 ottobre ore 9.00 - 12.00 e ore 15.00 - 18.00 e domenica 3 ottobre ore 15.00 - 18.00

A Massenzatico

Cibi e utopie per digerire l’esistente Le cucine del popolo: appuntamento con Mura, Maggiani, Giuglielmi

T

orna con “Le Cucine della Locomotiva” l’atteso appuntamento organizzato a Reggio Emilia dal Centro Studi Cucine del Popolo. Fra i protagonisti quest’anno Mura, Maggiani, Giuglielmi. A Massenzatico, dove nacque la prima Casa del Popolo italiana, voluta da Camillo Prampolini che profeticamente ricordava “Uniti siamo tutto, discordi siamo nulla”, da venerdì 1 a domenica 3 ottobre, saranno tre giorni dedicati al cibo ed ai suoi legami con la realtà, la politica e la vita quotidiana delle persone. Cibo come cartina tornasole del mondo in cui si vive e delle sue brutture come del mondo in cui si vorrebbe vivere e delle sue piacevoli e appetitose novità. A promuoverlo, come sempre, il Centro Studi Cucine del Popolo – quest’anno assieme alle locali Anpi, Arci, Cgil, FAI Reggiana, BUON APPETITO RIVOLUZIONE Rifondazione Comunista-FedeDall'1 al 3 ottobre incontri e pranzi a tema razione della Sinistra e Sinistra

Ecologia Libertà -, nato sull’onda dello straordinario successo della prima edizione di questa kermesse politico-culinaria. Un progetto biennale partito nell’ottobre 2004 con “Le Cucine del Popolo-La rivoluzione a tavola” e continuato nel 2006 con “Le Cucine Letterarie-Tavola proletaria e narrativa sociale” e nel 2008 con “Le Cucine dell’Utopista-Viaggi, sogni, bisogni, rivoluzioni”. L’edizione 2010 si intitola “Le Cucine della Locomitiva - Visioni, migrazioni, movimenti,liberazioni” e dopo avere esplorato i ricettari delle rivoluzioni, delle avanguardie letterarie e delle utopie più o meno realizzate, l’obiettivo è quello di approfondire la cucina dei viaggi e dei viaggiatori, di chi si mette in moto per fuggire da un mondo o per costruirne un altro. Da qui la Locomotiva motore di migrazioni e rivoluzioni, delitti, rivolte, amori ed emozioni, guidata dalla quella

categoria sulfurea di lavoratori che erano i ferrovieri, gli unici che sapevano domare quel mostro sbuffante e nel contempo propagandare idee di rivolta e di giustizia. Centinaia le persone che nelle precedenti tre edizioni hanno partecipato ai convegni, happening, mostre e presentazioni di libri che si concludono tradizionalmente con il “Veglionissimo Rosso” con menù socialista del 1901.. Dallo scomparso e indimenticabile Edoardo Sanguineti che proprio durante il convegno ripropose provocatoriamente, scandalizzando i media e i politici, la necessità dell’ “odio di classe”, agli scrittori Carlo Lucarelli e Paolo Nori sino ad arrivare a Maurizio Maggiani, atteso per l’edizione 2010, con un intervento su “La cucina dei viaggiatori notturni”. Insieme a loro, nel momento convegnistico che occupa la giornata di domenica, molti

dei principali studiosi di storia sociale e politica del nostro Paese quali Antonio Canovi, Giorgio Sacchetti, Alberto Capatti e Franco Schirone. “Spirito guida libero e libertario” del progetto resta l’enologo Luigi Veronelli che con i suoi stimoli contribuì alla nascita del progetto “Cucine del Popolo” e che sarà ricordato con l’apposizione di una targa sull’ex Cooperativa di Consumo nella serata di venerdì 1° ottobre dal giornalista Gianni Mura. Come da tradizione attesi partecipanti da tutta Italia, dalla Francia e dalla Svizzera. Nella scorsa edizione furono un migliaio quelli che vissero le tre giornate di cibo e politica e trecento quelli che affollarono il Teatro Artigiano per il Veglionissimo Rosso. Per informazioni e prenotazioni: 349.0080873 cucine@arealibertaria.org www.cucinedelpopolo.org


Pag.

IV

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

mostre Spazio Gerra

Nella culla delle idee

Sabato 2 ottobre si inaugura il nuovo progetto del collettivo Cesuralab

S

abato 2 ottobre 2010 alle ore 18.30 inaugura allo Spazio Gerra di Reggio Emilia il nuovo progetto “Cesura Inprint” di Cesuralab, collettivo di giovani fotografi. Il gruppo, che si riconosce nella ricerca di nuove strade per la produzione indipendente di fotografia di approfondimento e ricerca, espone fino al 1 novembre i progetti self -publishing dei suoi membri. “Quello che ci interessa non è tanto promuovere i nostri progetti fotografici, quanto adottare un metodo per le nostre produzioni che racchiude una serie di principi a cui facciamo riferimento nel nostro lavoro: indipendenza, autonomia, controllo dell’intero processo di produzione: dalla nascita dell’idea alla sua compiuta realizzazione”, affermano Agnese Da Col e Alessandro Sala, due dei membri del collettivo. In questo quadro il progetto “Cesura Inprint” pone in evidenza una nuova forma di fotogiornalismo che cerca di superare la crisi del mercato editoriale puntando verso le rete e il self publishing. Le opere

fotografiche in mostra testimoniano la diversità espressiva di ciascun artista. L’uso di diversi strumenti espressivi è volto a creare oggetti fotografici autoprodotti quali fanzine, ongoing book, installazioni, slideshow, poster e stampe limited edition. Alessandro Sala presenta tre gigantografie tratte dal progetto Johannesburg e una raccolta di Flip-book, libri animati con video tratti dai reportage dei membri del collettivo. Alice Pavesi propone 12 stampe del progetto The White Dance, accompagnate da un libro selfpublishing. Andy Rocchelli, con il progetto Kyrgyzstan editorial coverage, espone un progetto sulla copertura mediatica degli avvenimenti che hanno colpito il Kyrgyzstan nell’aprile del 2010. Arianna Arcara espone due stampe del progetto Po/ The River accompagnate da un libro ongoing self-publishing. Gabriele Micalizzi presenta il progetto Bangbangkok: un’installazione documentativa dei riot del maggio 2010 a Bangkok. Gabriele Stabile, con il progetto

Places_of_Sorrow, espone una decostruzione del copione che a Gaza si ripropone, da anni, ogni venerdì pomeriggio, in cui si verificano scontri tra i manifestanti palestinesi e la polizia israeliana. Luca Santese presenta una stampa del progetto Sado seguita da un prodotto self-publishing limited edition. L“interazione tra pubblico e immagine è un’altra componente essenziale della mostra “Cesura Inprint”. Il visitatore è invitato a manipolare, modificare ed entrare fisicamente in contatto con alcuni progetti, affinché possa essere parte integrante dei progetti stessi. L’inaugurazione di “Cesura Inprint” di sabato 2 ottobre 2010 alle ore 18.30 continua con una concerto del gruppo ambient punk My Silver Booster (www. myspace.com/mysilverbooster) . APPUNTAMENTI: Vernissage Sabato 2 ottobre ore 18.30 Alle ore 19.30 Live set di My Silver Booster e Video set di Luca Baioni

All'OdA

Sabato 9 ottobre “ Giornata del Contemporaneo” Alle ore 18.30 Incontro con gli autori e a seguire slideshow fotografiche in esterno Venerdì 15 ottobre ore 17.00

nell’ambito del ViaEmilia DocFest. Proiezione in anteprima del video Kyrgyzstan di Andy Rocchelli e incontro con l’autore Spazio Gerra - Piazza XXV Aprile - Reggio Emilia - www.spazio-

A Votigno

Il “Corredo per Dafnae” di Maria Chiara Zarabini

gerra.it; info@spaziogerra.it; www.cesuralab.com Tel. 0522 455716. ORARI : martedì - giovedì 10 -13; venerdì, sabato, domenica e festivi 18-23. Apertura straordinaria lunedì 1 novembre.

VV8

Tutti per John

Ai confini dell’arte

L’omaggio a Lennon di Vagnini

I paesaggi sfocati di Zamboni di

rossellA Porcheddu

F

A

Reggio Emilia all’Officina delle arti (via Brigata Reggio, 29) si inaugura sabato 2 ottobre alle ore 18, la mostra fotografica “Corredo per Daphnae” dell’artista bolognese Maria Chiara Zarabini. Il progetto, nato dalla collaborazione di alcuni spazi ed associazioni culturali pubbliche e private della Regione Emilia - Romagna, nell’arco del 2010 e del 2011 verrà presentato in varie sedi espositive e comprenderà anche sculture, video installazioni e performance dell’artista che ormai da anni vive nella campagna faentina. A Reggio Emilia l’artista, che si cimenta per la prima volta con le tecniche fotografiche attraverso una serie di autoritratti, proporrà una performance con propri brani poetici. Accompagnata dal vivo al pianoforte da Carlo Botti, concertista in Italia e a livello

internazionale e autore dei brani del video presente in mostra, l’azione nelle intenzioni della Maria Chiara Zarabini vuole coinvolgere il pubblico in una sorta di rito ritrovato. Durante il periodo espositivo all’Officina delle arti sono in programma alcune conferenze: sabato 9 ottobre Serena Simoni parlerà di Didattica della Storia dell’arte e prospettive di genere; sabato 23 ottobre Simona Bartolena interverrà su Gli Ateliers delle artiste fra Otto e Novecento. All’attività scultorea affianca da sempre contributi storico scientifici e poetici variamente pubblicati. Dal 2006 ha realizzato opere video con collaborazioni di compositori come Carlo Botti. Altre informazioni si possono reperire sul sito: www. mczarabini.net

di

I

AlessAndro Bertolotti

l 9 di ottobre di esattamente 70 anni fa nasceva a Liverpool John Lennon, una delle figure chiave della cultura popolare del secolo scorso, tra i massimi rappresentanti dell’arte del songwritng (sia con i Beatles che da solista). Ma anche originale uomo dei propri tempi, capace di sferzare l’opinione pubblica e la scena politica a cavallo tra i dorati anni sessanta e i turbolenti anni settanta in originali happening insieme all’inseparabile musa Yoko Ono. Per alcuni ha anche inventato il concetto di “reality show”, quando nel 1969 dà vita al celebre “bed-in” di Montreal, una settimana nel letto di un albergo per parlare di pace, fra mille obiettivi e telecamere, e scrivere incidentalmente anche l’inno pacifista definitivo “Give peace a chance”. Tra quei mille obiet-

tivi anche quello di un giovane aspirante fotografo reggiano, Brugno Vagnini, il quale con la sua Nikon nuova di zecca, riesce ad immortalare la leggenda di quei giorni in foto che poi hanno fatto il giro del mondo, finendo anche sulla edizione americana di Rolling Stone. Se volete vederle, basta recarvi proprio il prossimo 9 ottobre a Votigno di Canossa, dove, presso la Casa del Tibet verrà addirittura ricostruito il set della suite 1742 dove si tenne il bedin. Ma non finisce qui. Oltre alla importante esibizione, si parlerà dell’arte di John con Marco Moser di K.Rock e altri ospiti importanti tra i quali Danilo dei Nomadi e si ascolteranno rivisitazioni dei classici dei fab four grazie agli ottimi Let it Beat. Si può anche cenare (su prenotazione) con il menù di John & Yoko. Per info e prenotazioni : Jacopo di Maggie’s Farm: 3286597529

ioche e rarefatte. Evocative ed emozionanti. Le immagini di Alberto Zamboni ritornano alla Galleria VV8artecontemporanea di Reggio Emilia, a tre anni dall’ultima esposizione, nella personale “Confine”. Dal 2 al 31 ottobre, negli spazi di Via Emilia Santo Stefano 14, si potranno ammirare le ultime ricerche pittoriche del noto artista bolognese. In mostra circa dieci dipinti ad olio, che introducono in un’atmosfera soffusa e misteriosa, in bilico tra luce ed ombra. Paesaggi notturni, indefinite architetture che rivelano vaghe figure umane. Tra scorci urbani, popolati di viali e palazzi, e confuse strade di confine, affollate di alberi filiformi e minacciosi, si srotolano le storie di Zamboni. Suggestivi racconti che cambiano al mutare degli sguardi. Sagome solitarie, senza volto, attraversano notti fredde e nebbiose, alla ricerca di un luogo indefinito. Più importante della meta, infatti, è il tragitto. “La mia pittura nasce dall’idea di viaggio, una scoperta che si svela attraverso le luci e l’ombra - dice lo stesso pittore compie a volte rapidi sguardi su cose, figure e soggetti vari che vivono tutti intorno e finiscono in un contesto atmosferico, senza tempo”. L’artista bolognese offre uno sfondo crepuscolare per una storia tutta da scrivere, personale ed intensa. Contorni vaghi, un velo di foschia, figure indistinte, i perfetti ingredienti di un racconto noir. Una visione sfocata per una realtà sfuggente, che non si aggrappa ai rami cadenti degli alberi o alle facciate dei palazzi. Scivola, attraverso la notte, oltre

Alberto Zamboni

i confini, per divenire confortante sogno o minaccioso incubo. Protagonista, dal 2005 ad oggi, di numerose esposizioni, personali e collettive, Alberto Zamboni ha preso parte alle più importanti mostre mercato, da Arte Fiera Art First a MiArt. I suoi dipinti ad olio, esposti in Musei e Gallerie, da Roma a Milano, da San Marino a Basel, in Svizzera, sono custoditi anche nelle collezioni d’arte di UniCredit Private Banking e Fondazione Carisbo. Continua dunque il viaggio della galleria reggiana nel mondo dell’arte contemporanea, con la promozione di artisti emergenti e la presentazione di figure di spicco del panorama contemporaneo. Un’attività espositiva che ha visto alternarsi, dall’esordio, nel 2007, Xiong Wenyun e Fabrizio Cicconi, Chiara Tagliazucchi e Pazzi De Peuter, Urs Lüthi e Alberto Zamboni.


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

V

teatro Festival aperto

Nel segno della contemporaneità Dal 6 ottobre al 14 novembre musica, danza, arti visuali, installazioni ed elettronica

T

orna, nella sua seconda edizione, il festival Aperto organizzato dalla Fondazione I Teatri, e che si terrà nei tre teatri Valli, Ariosto e Cavallerizza di Reggio Emilia dal 6 ottobre al 14 novembre prossimi. Aperto è un festival di arti performative: la musica e la danza come spina dorsale; il teatro, le arti visuali, le installazioni, l’elettronica – e l’intersezione di tutto questo –, come sistema nervoso. Al centro, come un cervello, la contemporaneità. Aperto edizione 2010 incalza su questo terreno, con molte proposte, molto diverse: 21 in tutto, in poco più di un mese. Ma temi, figure, pensieri affini percorrono il mondo contemporaneo: le relazioni umane o di potere che percorrono una società sotto sforzo, così come si manifestano nel lavoro (Audioscan, Installazione Democratica, Arzan), nel capitale finanziario (Nasdaq Voices), nelle culture migranti (Cherkaoui/Maqoma, Oguike), nelle ingiustizie di ogni tipo (Galás, Parker, Chomsky), negli immaginari in crisi (Dostoevskij/Stein, Pasolini, Buňuel/Teshigawara, Bergonzoni), nel quotidiano dei

rapporti (Bausch, Sagna, Scott), nella grande arte occidentale (Atmosfere, Goldbach). Il Teatro Cavallerizza accoglie nei giorni 6 e 7 ottobre, alle ore 20,30, alla Cavallerizza, la prima assoluta di un talk opera, commissionata dalla stessa Fondazione I Teatri, dedicata alla figura di Noam Chomsky, docente di Linguistica al Massachusetts Institute of Technology, conosciuto in tutto il mondo oltre che per il fondamentale lavoro scientifico, per gli scritti su politica, mercato globale e mass-media. Conversazioni con Chomsky, “talk opera” in un atto è una singolare elaborazione drammaturgica che unisce opera, documentario giornalistico e talkshow televisivo. Uno spettacolo di teatro musicale che entra nel cuore delle dinamiche culturali, politiche ed economiche del nostro tempo, attraverso il pensiero di uno degli intellettuali più discussi e citati del Novecento: Noam Chomsky. Noam Chomsky, il personaggio principale, è interpretato da Edoardo Ribatto. Accanto a questi, Maria Pilar Pérez Aspa e Massimo Vinti, attori che ricoprono più ruoli (studenti,

ricercatori, giornalisti). Il ruolo cantato è affidato a Cristina Zavalloni, la cui funzione in scena è paragonabile a quella di un coro greco che commenta ed elabora i temi della vicenda in forma di “songs” o interludi. La regia è affidata a Francesco Micheli, autore e didatta, il compositore Emanuele Casale ha curato musica e testo, quest’ultimo in collaborazione con Roberto Fabbi. Ad inizio ottobre (8 e 9 ottobre, ore 20, Teatro Valli) un grande appuntamento con la danza di Pina Bausch in prima ed esclusiva italiana: uno dei suo capolavori, Kontakthof, eseguito da teenager dai 14 anni. Di nuovo in Cavallerizza nei giorni 16 e 17 ottobre per uno spettacolo-evento che comincia alle 11 del mattino a prosegue fino a sera tra recitazione e pause: sono i Demòni, visionario capolavoro di Dostoevskij, con la regia di Peter Stein, che giunge a Reggio al termine di una lunga tournée europea e americana. All’Ariosto debutta in prima assoluta il nuovo spettacolo di Alessandro Bergonzoni dal titolo significativo: Urge. Non mancheranno grandi nomi internazionali della canzone, del jazz e

FESTIVAL DELLE ARTI

Sopra, Alessandro Bergonzoni che sarà in prima assoluta al Teatro Ariosto

del rock, come William Parker, Christian Scott, Uri Caine e Diamanda Galás. E una straordinaria maratona pianistica di oltre 4 ore incentrata su compositori classici e moderni, con quattro grandi pianisti fra cui Alexander Lonquich e il ragazzo prodigio Kit Armstrong. Da segnalare

A Rubiera

infine le tre installazioni che riempiono atrii e spazi dei teatri: Audioscan, Nasdaq Voices, e l’Installazione Democratica Verticale. Interessante Nasdaq voices, un evento audio-video in cui il flusso di dati provenienti in tempo reale dalla Borsa titoli,

viene trasformato in suono per mezzo della più moderna liuteria digitale. Torna poi l’Installazione democratica verticale, viaggio attraverso il labirinto strutturale del teatro. Inaugurazione dell’installazione il 10 ottobre alle ore 16. Info www.iteatri.re.it

In Fonderia

Questa è la Corte Ospitale!

Danzare tra i banchi

Paolo Rossi inaugura la nuova stagione che propone 14 spettacoli

Laboratori e performance di Aterballetto per le scuole

di

Valerio Benassi

di

R

R

iparte alla grande la nuova stagione della Corte Ospitale di Rubiera, una felice parentesi teatrale persa nei campi nebbiosi della nostra bassa pianura. Il calendario prevede infatti ben 14 spettacoli, messi in scena al teatro Herberia di Rubiera. “ E’ una grande conquista - esordisce la vicepresidente Annalisa Masselli – riuscire tutti gli anni, nonostante i tempi grami, a fornire uno spazio nel quale ogni compagnia può provare a realizzare i proprio sogni. Questa è la Corte”. Il direttore Walter Zambaldi le fa eco: “E’ il primo anno che riusciamo ad avere 14 spettacoli in cartellone. Siamo un esempio di come sia possibile seguire l’intero ciclo di vita dello spettacolo e fare ricerca teatrale senza essere troppo avanguardisti. La Corte può essere una risorsa per tutti gli abitanti”. Lo confermano i temi, tutt’altro che scontati: si parte il 24 Ottobre con “Il Mistero Buffo di Dario Fo”, adattato e messo in scena da Paolo Rossi, per arrivare al 2 Dicembre con “Suicidi?” di e con Bebo Storti e Fabrizio Coniglio, sulle tre morti “eccellenti” dell’epoca Tangentopoli, Cagliari, Castellari e Gardini. E’ lo stesso Storti a sottolineare, tra un improperio e l’altro sugli attuali governanti : “Nessuno ha mai fatto uno spettacolo su Tangentopoli. Eppure tutte le nostre traversie italiane sono iniziate da lì. Fabrizio mi ha fatto leggere un libro scritto dal magistrato che ha indagato sui tre ‘suicidi’, e da lì tutto è iniziato”. Fabrizio

rossella Porcheddu

Coniglio spiega: “Di Tangentopoli mi ha sempre incuriosito soprattutto l’aspetto umano e la velocità con cui i casi sono stati casi archiviati dalla giustizia come ‘suicidi’. Appena ho letto il libro, ho contattato l’autore, il giudice Mario Almerighi, che si è mostrato subito entusiasta del progetto”. Bebo Storti è un fiume in piena e non si riesce a trattenere: “E’ uno spettacolo che vuole stare dalla parte opposta del potere e denuncia quello che succedeva in quegli anni: spreco del denaro pubblico da parte di una classe dirigente e politica che ha perso il senso dello Stato”. Da segnalare anche il pluripremiato Elio Germano, che l’8 dicembre metterà in

scena “Thom Pain (basato sul niente), e Stefano Massini, che il 18 Dicembre presenterà uno script sul crack Lehman Brothers. La conclusione spetta al vicesindaco di Rubiera, Emanuele Cavallaro: “E’ nostro motivo di orgoglio avere moltissime compagnie locali che provano e mettono in scena i propri spettacoli a Rubiera. E’ un po’ come avere, se mi passate il paragone, un teatro ’a chilometri zero’. I temi sono di strettissima attualità perché è questa che ha sempre tenuto vivo il teatro nei secoli”. La stagione si concluderà ad Aprile 2011, per il calendario completo consultare www.corteospitale. org.

ipercorrere la storia della danza. Liberare il movimento corporeo. Formare un pubblico giovane, attento e curioso. Questi gli obiettivi che si pone Aterballetto con le nuove attività dedicate interamente alle scuole, dall’asilo agli istituti superiori. La stagione 2010/2011 vedrà la Fondazione Nazionale della Danza impegnata in progetti che coinvolgono bambini e ragazzi nella visione degli spettacoli e in attività performative. “Vogliamo investire tempo ed energia nel settore scolastico - dichiara Giovanni Ottolini, direttore generale della Fondazione - e trasformare la Fonderia in una factory, un luogo in cui si viva la danza a 360 gradi”. Sono due i filoni in cui si articolano le attività. La prima sezione prende le mosse da un progetto realizzato nel 2004 in collaborazione con Reggio Children. Tre danzatori dell’Aterballetto diedero vita insieme ai bimbi delle scuole dell’infanzia Choreia allo spettacolo “Il corpo che narra. Trasformazioni”. Daniele Ardillo, Giulio Pighini e Andrea Tortosa Vidal sono gli interpreti della nuova messa in scena, che sarà rappresentata in alcuni mattinée per i bambini delle scuole dell’infanzia. È dedicato invece agli alunni delle scuole dell’obbligo Aterbaletto Suite, una sorta di etichetta che racchiude i pezzi di repertorio, coreografati da Mauro Bigonzetti, e offre una panoramica delle capacità interpretative

dei danzatori. Il secondo segmento, in collaborazione con I Teatri, si articola in tre attività dedicate ai ragazzi degli istituti superiori, che si svolgeranno in orario scolastico ed extrascolastico a partire da ottobre e fino a maggio 2011. “ABCDanza” è un viaggio nella storia della danza, da Re Sole a Maurice Bejart. È invece un percorso di analisi della rappresentazione “Le Stagioni della Danza”. Dopo la visione, gli studenti saranno guidati nella comprensione e decodificazione dello spettacolo. Si passa dalla didattica all’azione con “Da uno Studio a una Performance”. I ragazzi riscopriranno la propria fisicità

e il movimento corporeo, elaborando un codice per esprimere emozioni, esperienze e idee. Un progetto questo che coinvolgerà alcuni allievi delle scuole di danza reggiane. Sostenute dalla Fondazione Manodori, le attività didattiche partiranno i primi di ottobre e copriranno gran parte dell’anno scolastico, per un progetto che vuole essere innanzitutto un’esperienza di integrazione e condivisione. “La danza è un linguaggio che accomuna gli esseri umani dice Valerio Longo, coreografo e danzatore dell’Aterballetto - e che contribuisce alla formazione della persona oltre che dell’artista”.


Pag.

VI

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

cinema The American

Un killer da sbadiglio

Pessima scelta di regia da parte di un Clooney che si ostina a fare il produttore DI

MONICA FRANZONI

I mercenari - The Expendables

D

a quando George Clooney si è improvvisato produttore, è stata una discesa agli inferi per qualità e valore delle sue pellicole. Il grande attore si avvale di un noto regista di videoclip, Anton Corbjin, già al lungometraggio con “Control”, e mette in scena un film vagamente tedesco, fuori dal tempo e da qualsiasi logica, privo di realismo e dalla lentezza estenuante. Jack è un killer professionista, abile costruttore di armi. Dopo l’esito sanguinoso dell’ultima missione in Svezia, ha deciso di ritirarsi in un paese dell’Abruzzo per costruire un’arma di precisione. Alla ricerca di se stesso, stringerà amicizia con il parroco locale e con la bella Clara. Ma il passato tornerà a reclamare il suo conto. Il problema maggiore di quest’opera di Corbijn, tratta dal romanzo “A very private gentleman”, è l’inverosimiglianza delle situazioni, degli ambienti, la pessima recitazione del protagonista soprattutto nel finale. In un’Italia di stereotipi mai esistita, che guarda fi lm di Sergio Leone e canta “Tu vuò fa l’americano”, Jack

Nostalgia di Stallone DI

CARLO VANNI

S

beve caffè, cammina per strade deserte, percorre le rive del fiume, costruisce la sua arma, fa l’amore con la bella Clara: una Violante Placido sempre nuda. E per due ore il copione si ripete identico, indolente, quasi privo di action, dagli scarsi e prevedibili sviluppi. Mai visto un killer esperto rifugiarsi in un paese dagli abitanti contati, in cui il primo estraneo va subito all’occhio. Trovato e scoperto, resta imperturbabile nel suo

appartamento e continua a farsi braccare. Pur conoscendo chi ne vuole la morte, prosegue tranquillo col copione, andando di corsa incontro al finale. Niente torna in questa pellicola: lo sviluppo psicologico è nullo, gli ambienti belli ma inadeguati. Qualche dialogo spicca, ma nel complesso resta una pessima performance, per un’opera che nelle le giuste mani poteva rendere molto di più.

e si entra in una sala in cui viene proiettato un film dal titolo “I mercenari – The Expendables”, non si può poi rimanere sorpresi se la storia comprende combattimenti, esplosioni, uccisioni e pestaggi vari, in varia mescolanza e misura. Se poi si considera che sceneggiatura e regìa sono dell’inossidabile Sylvester Stallone, allora possiamo arrivare a preconizzare con una certa precisione persino lo svolgimento della storia, le azioni che la caratterizzano e persino buona parte dei dialoghi. Perché, allora, sacrificare i nostri sudati risparmi, vi chiederete? In linea di massima: perché ogni tanto c’è bisogno di film scemotti e fracassoni, poco complicati e movimentati, per dare libero sfogo al testosterone nel vedere un po’ di rodomontate. E con un cast come quello in cartellone – Jet Li, lo stesso Stallone, Jason Statham, Dolf “ti spiezzo in due” Lundgren, Mickey Rourke ed altri – si sa fin da subito che in questo si resterà soddisfatti.

Oroscopo

E poi, diciamocelo chiaramente: i buoni e i cattivi, in questi film, si sa da che parte stanno. I difetti maggiori stanno semmai nell’utilizzo errato del materiale a disposizione; primo fra tutti, le errate riprese delle scene di combattimento, che risultano confuse e poco visibili, ed è certo un peccato, per un film che al 50% si basa su cose simili. Poi, la sceneggiatura, sempre un po’ troppo enfatica, di Stallone, che ha certamente fatto il suo tempo. Lui, invece, in carne ed ossa, se la cava ancora con discreto onore. Stallone mette in campo una sorta di “operazione nostalgia” riesumando un bel cast di vecchi

 

dall'1 al 7 ottobre

Le indicazioni delle stelle su AMORE

ARIETE A M ORE: S E SSO: L AVORO:

TORO  ★★★★ ◆◆

A MO RE: SESSO : LAVO RO :

GEMELLI  ★★★ ◆◆◆◆

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

 ★★★ ◆◆

SESSO LAVORO

CANCRO

LEONE

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★★★ ◆◆◆

VERGINE  ★★★★★ ◆◆

AMORE - Le stelle vi renderanno più belli, per questo nella settimana che si sta affacciando dovreste cercare di mantenere a bada il vostro fascino per non approfittarne troppo o per ferire qualcuno! LAVORO - In questa settimana sarete particolarmente attivi e le persone potrebbero restare catturate dal vostro modo di parlare ed esporre le questioni. Approfittateper farvi conoscere a più persone possibili! LA LUNA CONSIGLIA - Esercitate di più la razionalità.

AMORE - Le coppie avranno molto tempo di qualità a propria disposizione, durante il quale riusciranno a capire meglio quali siano le loro priorità e quelle del partner, unendole ovviamente! LAVORO - In questa settimana potreste avvertire la necessità di rivolgervi a persone di grado più alto del vostro o con una esperienza maggiore della vostra, per affrontare una situazione da cui non riuscite a venirne a capo! LA LUNA CONSIGLIA - Non attaccate briga per niente.

AMORE - I single hanno tutta la settimana per prendere più sul serio alcune proposte. Certo è che, se non vi volete impegnare, dovrete essere schietti e sinceri da subito per non illudere nessuno! LAVORO - In questa settimana non sarebbe molto ortodosso spendere troppo tempo a fare polemiche o fare progetti senza combinare nulla! L'ordine è una cosa apprezzabile, ma deve essere accompagnato da qualcosa di più! LA LUNA CONSIGLIA - Cercate di essere più disinvolti, più “naturali”…

AMORE - La settimana migliore per amare è sicuramente questa, soprattutto nelle prime giornate, quindi se avete dei piani in proposito, metteteli assolutamente in atto, senza indugiare oltre! LAVORO - In questa settimana ci sarebbero tante questioni da prendere in considerazione dal punto di vista lavorativo, ma ovviamente vi sarà impossibile esaminarle tutte ed è per questo che un aiuto da parte di un collega vi potrebbe essere utile! LA LUNA CONSIGLIA - Non scappate di fronte alle difficoltà.

AMORE - Le coppie sono più positive del solito e questo potrebbe portarle a fare progetti ampliati rispetto a quello che la realtà permette. L'importante comunque è crederci, come sempre! LAVORO - Il vostro stato emozionale potrebbe essere un problema per il vostro lavoro.Tuttavia l'energia non vi manca, quindi sarete in grado di riprendervi da questo stato e di affrontare a testa alta i vostri problemi sforzi o sacrifici! LA LUNA CONSIGLIA - Non trattate male chi non la pensa come voi.

BILANCIA

SCORPIONE

SAGITTARIO

CAPRICORNO

ACQUARIO

A M ORE: S E SSO: L AVORO:

A MO RE: SESSO : LAVO RO :

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

AMO RE: S ES S O : L AVO RO :

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★★★ ◆◆

AMORE - I single saranno indubbiamente i più avvantaggiati in questa settimana, poiché si potranno divertire a più non posso, oppure scegliere di concentrarsi su una persona soltanto! LAVORO - Sarà facile, in questa settimana, persuadere clienti, fornitori o superiori e questo farà in modo che possiate aumentare le vendite, strappare qualche sconto o qualche giornata di ferie in più che non guastano mai! LA LUNA CONSIGLIA - Non tirate troppo la corda.

 ★★★★★ ◆◆◆

AMORE - La vostra energia in questo periodo, vi permette di essere molto attraenti e di piegare alla vostra volontà le persone che vi sono intorno! Cercate di non esagerare mai con le richieste però! LAVORO - Se vi fate venire una buona idea durante la settimana, cercate di svilupparla, almeno in parte, di parlarne a qualcuno di importante o di raccogliere fondi ed adesioni, insomma, datevi da fare! Avete Marte positiva. LA LUNA CONSIGLIA - Per essere piu’ sereni, dovrete dormire di più.

 ★★ ◆◆

AMORE - Le coppie dovranno usare la propria creatività latente, per reinventare il rapporto e per scoprire nuove situazioni da condividere divertendosi, altrimenti scadrete nella monotonia. LAVORO - Non siate troppo orgogliosi, permettete a qualcun altro di entrare nel vostro mondo e di prendere possesso di una piccola parte della vostra conoscenza ed esperienza! Favorito il settore dell'estetica. LA LUNA CONSIGLIA - Non perdete tempo dietro a un progetto sbagliato.

leoni sempre vivaci, ma lasciati indietro dalle logiche del jet set del film d’azione per manifesta obsolescenza: trattandosi di un suo film, la miscela non sempre riuscita di azione violenta, dialoghi ironici e sentimentalismo bieco e stereotipato è perfettamente lecito aspettarseli, ed è quello che si avrà. Nel complesso, un film traboccante di adrenalina e buoni sentimenti, molto distante da pellicole sull’argomento più serie ma perfettamente in grado di regalare una serata di onesto divertimento e tante chiacchiere, critiche e non, all’uscita dalla sala.

 ★★★ ◆

AMORE - I single non dovrebbero avere troppa fretta di impegnarsi ma dovrebbero passare le giornate a conoscere più approfonditamente la persona che hanno affianco! LAVORO - Qualcuno potrebbe avere qualcosa da ridire sul vostro lavoro. Non prendetevela perché queste persone potrebbero anche avere ragione ed essersi accorti, che continuando così, avreste intrapreso una strada sbagliata! LA LUNA CONSIGLIA - Sarete convincenti se sarete sicuri di voi stessi.

 ★★★★ ◆◆◆◆

AMORE - Grazie alla benevolenza delle stelle, sarete senza dubbio molto romantici in questo periodo speciale per i vostri sentimenti e per provarne di ancora più intensi, proprio come avevate sperato! LAVORO - Avrete l'oppotunità di portarvi avanti con il lavoro, di anticipare alcuni appuntamenti e quindi di consegenza, anche alcuni affari, che potrebbero essere conclusi a breve, con una bella gratifica! LA LUNA CONSIGLIA - Tirate fuori senza timori le vostre potenzialità.

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★ ◆◆◆

AMORE - Le coppie potrebbero anche pensare di non avere assolutamente nulla da perdere nel rivelare al partner ogni minimo disappunto. In realtà, anche se essere sinceri conviene, non sempre lo si può essere fino in fondo! LAVORO - Se siete in lista per una promozione o per prendere un progetto importante, non sarebbe saggio andare in vacanza e lasciarsi tutto alle spalle! Potrebbe essere scambiato come menefreghismo e scarsa attendibilità! LA LUNA CONSIGLIA - Osate e chiedete... la fortuna aiuta gli audaci.

 PESCI

AMOR E : SE SSO: LAVORO:

 ★★ ◆◆◆

AMORE - I single potrebbero ottenere molto di più con un po' di buon senso e con un leggero miglioramento in fatto di umore. Se siete sempre burberi non potete di certo sperare in niente! LAVORO - In questa settimana tutta l'attenzione dei colleghi si sposterà su di voi, ma a questo siete capaci di tenere testa, facendo venir fuori il vostro ego! Sarete così orgogliosi di quello che siete riusciti a fare in poco tempo e poterlo comunicare a loro. LA LUNA CONSIGLIA - Prendetevi quello che vi è dovuto!


venerdì

1 ottobre

Pag.

2010 - REPORTER

libri i libri più venduti Posiz. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Autore Edmondo Berselli Paolo Giordano Elizabeth Gilberth Corrado Augias Michela Murgia Massimo Gramellini Jo Nesbo Andrea Camilleri Pietro Citati Paulo Coelho

narrativa straniera

Posiz. Autore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Elizabeth Gilberth Jo Nesbo Paulo Coelho Wulf Dorn Maj Sjowall - Per Wahloo David Nicholls Frederick Forsyth Katie Hickman Alexander Lernet Holenia Maria Duenas

l’angolo del lettore

Titolo L’economia giusta La solitudine dei numeri primi Mangia prega ama I segreti del Vaticano Accabadora L’ultima riga delle favole L’uomo di neve L’intermittenza Leopardi Le valchirie

Titolo

prezzo

Mangia prega ama L’uomo di neve Le valchirie La psichiatra La camera chiusa Un giorno Il cobra Il diamante dell’harem Ero Jack Mortimer La notte ha cambiato rumore

Û 18,50

FRESCO DI STAMPA

Û 19,50 Û 18,00 Û 18,60

Û 14,00 Û 18,00 Û 19,50 Û 18,60 Û 17,00 Û 20,00

prezzo Û 10,00 Û 13,00 Û 18,50 Û 19,50 Û 18,00 Û 16,60 Û 19,50 Û 18,00 Û 22,00 Û 18,00

editore Rizzoli Piemme Bompiani Corbaccio Sellerio Neri Pozza Mondadori Garzanti Adelphi Mondadori

VII

editore Einaudi Mondadori Rizzoli Mondadori Einaudi Longanesi Piemme Mondadori Mondadori Bompiani

narrativa italiana

Posiz. Autore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

il libro più venduto

a cura della libreria all'Arco di Reggio Emilia

Titolo

Paolo Giordano Michela Murgia Massimo Gramellini Andrea Camilleri Alessandro D’Avenia Diego De Silva Silvia Avallone Isabella Bossi Fedrigotti Antonio Pennacchi Paolo Sorrentino

settimana dal 20 al 26 settembre 2010

La solitudine dei numeri primi Accabadora L’ultima riga delle favole L’intermittenza Bianca come il latte rossa come il sangue Mia suocera beve Acciaio Se la casa e’ vuota Canale Mussolini Hanno tutti ragione

prezzo

editore

Û 13,00

Mondadori Einaudi Longanesi Mondadori Mondadori Einaudi Rizzoli Longanesi Mondadori Feltrinelli

Û 18,00 Û 16,60 Û 18,00 Û 19,00

Û 18,00 Û 18,00

Û 15,00 Û 20,00 Û 18,00

La caduta degli dei

“Mariella Burani Fashion Group. Storia di un crack” di Stefano Campani e Paolo Pergolizzi DI

NICO BIAGIANTI

U

na storia incredibile. Una ditta a gestione familiare, nata a Cavriago negli anni ‘60 e specializzata in vestiti per bambini (Selene), diventa una delle firme più importanti della moda internazionale: Mariella Burani Fashion Group. Negli anni ‘90 arriva ad essere partner di griffe come Gai Mattiolo e Kelvin Klein, viene quotata in borsa, acquisisce marchi prestigiosi (uno per tutti: Antichi Pellettieri) e poi crolla su se stessa. Debiti insolvibili, operai in cassa integrazione, fallimento in tribunale.

Un buco da un miliardo di euro. Cosa è successo ce lo raccontano Stefano Campani (responsabile dell’Ufficio Studi della Camera del Lavoro di Reggio Emilia) e Paolo Pergolizzi (giornalista del Carlino), in questo libro edito da Ediesse, (Roma, 2010): Mariella Burani Fashion Group – storia di un crack. Il titolo va al centro del problema: il crack. Ma il volume parla anche di altro. E’ l’informata storia di tutto il miracolo imprenditoriale dei Burani fino alla sua dissoluzione finanziaria. Da quando Walter Burani girava l’Italia con la sua 600 a

vendere i prodotti disegnati dalla giovane moglie Mariella, alle girandole di quotazioni e acquisizioni degli anni 2000 fino appunto al fallimento, i libri in tribunale: la famiglia estromessa dall’amministrazione. Proprio la famiglia era l’anima e la direzione di Mariella Burani Fashion Group, anche quando questo era ormai un complesso universo di aziende quotate in borsa che agiva sul mercato internazionale. Mariella la stilista a gestire le sfilate. Walter, il marito, l’innovatore della tecnologia per l’ambiente (Bioera, Greenvi-

Quei folletti dimenticati

Dentro la pazzia Antonella Moscati presenta “Deliri” n occasione della quinta edizione della Settimana della Salute mentale, che si svolge a Reggio Emilia fino al 4 ottobre, sono in programma alla Libreria All’Arco di Via Emilia Santo Stefano alcuni eventi. Sabato 2 ottobre alle 11 si terrà la presentazione del libro “Deliri” di Antonella Moscati, edito da Nottetempo. Il libro prende le mosse dalla cronaca dei deliri che a intervalli regolari hanno accompagnato l’autrice intorno ai suoi trent’anni. Antonella Moscati racconta i pensieri e le parole rimasti nel ricordo dopo lo spegnimento di quei bagliori, la logica che diviene follia. La singolarità di quest’esperienza risiede nel fatto che l’autrice, filosofa per passione e professione, passata la crisi, ricorda e commenta quello che ha detto, pensato e fatto quando non era cosciente di sé, fornendoci una testimonianza unica sui processi tortuosi della mente; e porta alla luce quel grumo incandescente, quella sinapsi che si accende quando il pensiero filosofico e la

"Dove il vento si ferma a mangiare le pere" di Massimo Ferraguti DI

ELISA ADELGARDI

Q

speculazione religiosa entrano in contatto con un nucleo intimo e doloroso, il desiderio e l’impossibile ricerca di una nuova maternità immacolata. Dopo Una quasi eternità (nottetempo, 2006), che descriveva con insolita felicità il delicato epilogo dell’età fertile, Antonella Moscati conferma la sua capacità di cogliere la mente femminile nelle sue più misteriose debolezze, e di saper rivelare, con spregiudicato coraggio e la maestria del racconto, un’esperienza unica e vera. Partecipano, insieme all’autrice, Maria Cecilia Bortolani e Luigi Tagliabue.

procure (l’Opa del 2008 con cui la famiglia passa da 61% al 76% di MBFG). Il bilancio, così movimentato, sembra passare indenne dai controlli, particolarmente inefficaci: la Consob dichiara non conforme il bilancio del 2008 di MBFG solo un mese dopo la sentenza di fallimento per Burani Designer Holding (la cassaforte dell’universo Burani), nel 2010. Ecco che la patologia imprenditoriale (gestione troppo ambiziosa e spregiudicata) si lega con le patologie del sistema, evidenziate dalla crisi di questi ultimi due anni: mancanza di controlli e conflitti di interesse.

IL LIBRAIO CONSIGLIA

ALLA LIBRERIA ALL’ARCO

I

sion) a capo della gestione economica. I figli che ne ereditano il compito: Andrea si occupa del prodotto e dei mercati, Giovanni della finanza. E sembra proprio la finanza la principale accusata del crack. O meglio. Lo spregiudicato uso che ne è stato fatto. I Burani hanno cominciato ad ingrandirsi a dismisura, acquisendo società, quotandosi in borsa forti delle rivalutazioni per poi passare ad altre acquisizioni. L’esposizione verso le banche diventa enorme e alcune operazioni finanziarie diventano oggetto di indagine per le

uesta non è una storia qualsiasi. Questa non è neanche una storia, è la risposta a un’immagine ripetuta nella memoria. Tutto inizia sull’Appennino, quando il nostro autore Massimo Ferraguti, ancora bambino, vede con il padre una presenza misteriosa nella stalla fare le trecce alla coda della mucca. Il padre sconvolto chiede conferma al figlio di quello che ha visto, ma lui spaventato nega. Da qui, da questo no fanciullesco, dalla visione del padre impaurito, Massimo diventa adulto. E parte per tornare sulle montagne, per riuscire a capire cosa era successo quella notte, per dire finalmente sì a suo padre, l’ho visto, ho visto il folletto. Il percorso si arricchisce mano a mano in una concatenazione di elementi magici della tradizione montanara, dalle radici

celtiche legate alla spiritualità della natura, scoprendo di volta in volta un mondo perduto per l’uomo comune, ma ancora vivo nel sottosuolo. Maghe guaritrici, streghe e demoni, spiritelli e folletti: qualcuno avrà mantenuto il ricordo delle antiche leggende popolari, o dei racconti dei nonni. Durante il viaggio Ferraguti riesce a scovare le più svariate entità dei boschi, quelle più sconosciute al giorno d’oggi, un tempo seminatrici di terrore tra le comunità. Nella notte buia di montagna ogni suono diverso era presagio, le luci notturne non erano all’ordine del giorno e la quattro mura di casa a volte non bastavano a proteggere dall’ignoto. Camminando tra i monti ad ascoltare le storie della gente comune, a percorrere paesi e villaggi, a stupirci davanti ai colori della natura dimenticata, cominciamo passo dopo passo a realizzare la struttura

di una realtà nella realtà. Tutto è teso nel dubbio, tutto oscilla tra fantasia e verità, e quello che si vuole dare per scontato si trasforma in invenzione dei tempi moderni. La pragmaticità dell’uomo contemporaneo sta dimenticato le tradizioni orali tramandate da generazioni, e così facendo si ostina a uccidere i personaggi che hanno arricchito secoli di storia. Il racconto “Dove il vento si ferma a mangiare le pere” è pieno di poesia, con una sintassi musicale, quasi onirica, che porta dietro di sé come un ruscello leggero le esperienze vissute in prima persona da Ferraguti, i suoi ricordi e le testimonianze reali degli ultimi cantastorie, gli ultimi disposti a tramandare il mondo segreto dell’Appennino. In una breve dedica iniziale, l’autore tiene a precisare che “sembra incredibile ma tutto questo è successo davvero”. A pensarci bene incredibile lo

è senza ombra di dubbio, o meglio impossibile da credere a noi figli del ventunesimo secolo. A questo punto l’unica cosa da fare è unirci a Ferraguti e ringraziare con lui chi non ha dimenticato, e perché no anche i lupi che sono tornati.


Agenda

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

PER SEGNALARE CONCERTI E SPETTACOLI:

Casinò Vertical

VENERDÌ

Compagnia eVenti Verticali, Action Show mozzafiato appeso ai muri

Un Po - Festival d'Ottobre Palazzo Ducale - Guastalla www.biennaledelpaesaggio.it

ottobre

MMCompany

VENERDÌ

Coreografie da "La metà dell'ombra", "Mappe di amanti sperduti", "Storia di un fiore che Dio fece nascere per caso", "Con le labbra dipinte"

SPORT

DANZA

agenda@reporter.it

Un Po - Festival d'Ottobre

ottobre

DOMENICA

Nederlands Dans Theater II

ottobre DOMENICA

DOMENICA

Sleepless - Gods and Dogs - Minus 16

alle 21 - Via del Teatro, 8 - Modena 059 2033020 - info@teatrocomunalemodena.it

DOMENICA

Teatro Valli

SAB

alle 20 - Piazza Martiri del 7 luglio - Reggio Emilia - 0522 458811 uffstampa@iteatri.re.it - www.iteatri.re.it

ottobre

ottobre

Cesura Inprint

SABATO

DOMENICA

Presentazione del collettivo di giovani fotografi sotto la direzione artistica di Alex Majoli

ottobre

L'oca in dal bronson Presentazione del libro di Laura Zilocchu

Un Po - Festival d'Ottobre

ottobre

alle 16 - Brescello - www.biennaledelpaesaggio.it

A cena con... Serge Latouche

GIOVEDÌ

Fuori Orario

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

ottobre

Andrea G. Pinketts, Elisabetta

SABATO

CONCERTI

alle 19:30 - Piazza XXV Aprile, 2 - Reggio Emilia - 0522 451552

DOMENICA

VENERDÌ

ottobre DOMENICA

alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia 0522 503511 - info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

ottobre

Pignagnoli ballabile

SABATO

Un Po - Festival d'Ottobre

alle 16:30 - Ex Convento degli Agostiniani - Luzzara

Luzzara e Zavattini.

SAB

ottobre DOMENICA

ottobre GIOVEDÌ

ottobre VENERDÌ

Un Po - Festival d'Ottobre

ottobre

Ex Convento degli Agostiniani - Luzzara - www.biennaledelpaesaggio.it

Paolo Colagrande, Barbara

DOMENICA

ottobre DOMENICA

Gozzi, Luca Bertoletti

Fiere di Reggio Emilia

alle 21:20 - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

ottobre

selezioni

Campo Scuola “V. Camparada” alle 9 - Via Melato - Reggio Emilia

Reggiana-Paganese P.le Atleti Azzurri d'Italia, 1 - Reggio Emilia 0522 926111 - www.reggianacalcio.it

Trenkwalder - Assigeco Banca Palasport "G. Bigi"

alle 18:15 - Via Guasco, 8 - Reggio Emilia 0522 435637 - www.pallacanestroreggiana.it

27ª Camminata di S. Luca Centro Commerciale il Correggio Correggio

Coro Estense Chiesa parrocchiale di S. Margherita alle 21 - Calerno di S. Ilario

Musiche di Vivaldi alle 18 - Palazzo Ducale - Guastalla www.biennaledelpaesaggio.it

Osteria del Fojonco Un Po - Festival d'Ottobre

alle 17:30 - Oratorio Bacchi Mellini Lentigione - Brescello

Luciano Bologna (organo) Basilica della B. V. della Ghiara alle 21 - Reggio Emilia

Alberto Rossi (cornetto, flauto), M. Luisa Baldassari (organo)

Visite guidate alla mostra

DOM

49° Palio “Città del Tricolore”

Da un'idea di Andrea Bonacini, con I Violini di Santa Vittoria e con Riccardo Tesi e Claudio Carboni

Un legame lungo una vita

ottobre

alle 9:15 - Cavriago

Un Po - Festival d'Ottobre

Quattro scrittori Daniele Benati, Ugo Cornia, Paolo Nori e Marco Raffaini leggono le famigerate gesta di Learco Pignagnoli

ottobre

Piazza Zanti

Con Antonella Coppola (mezzosoprano) e Andrea Chezzi (clavicembalo)

Bucciarelli, Franco Forte

Casa & Tavola

28° Gir di Pos

Gara podistica, Km 3.8 - 11 - 21.097

Spazio Gerra

ottobre

prosa pub&disco sagre spettacoli sport teatro ragazzi tempo libero

Popolare di Lodi

Pina Bausch - Kontakthof

ottobre

INCONTRI

ottobre

Tanztheater Wuppertal

VEN

incontri ■ lirica ■ live ■ mercatini ■ mostre ■ musical ■ operetta ■

Stadio Giglio

Teatro Comunale Luciano Pavarotti

ottobre

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

Gara podistica, Km 4 – 11 – 21.097

ottobre

Cortile interno - Palazzo Ducale - Guastalla - www.biennaledelpaesaggio.it

SABATO

cabaret concerti danza dialettale feste festival fier e

Chiesa parrocchiale

alle 21 - San Donnino - Casalgrande

Mater et Filio

Corale San Francesco da Paola di Reggio Emilia

Teatro del Fiume

ottobre

alle 18 - Via Roma, 31 - Boretto teatro@comune.boretto.re.it

A cura di Alessandro Gandino (K-Rock)

I

l nuovo album di John Legend racchiude la spiegazione della sua grandezza artistica. Da macinatore di Grammy Awards e trionfatore di top

ten, Legend esce con una collaborazione forte e politica con The Roots tutta incentrata su canzoni d’impegno civile del periodo d’oro del soul. Ma attenzione il messaggio non mette in secondo piano la musica che si piazza tra l’eccellenza r&b e il soul old school. Partecipano alla festa Common e Melanie Fiona in quella “Wake up everybody” che dopo questo trattamento tornerà sicuramente in auge.

CONSIGLIATO: ai nostri cantanti da classifica

JOHN LEGEND & THE ROOTS - “Wake Up” (Columbia)


PROSA

F I E R E  D I A L E T TA L E 

M E R C AT I N I 

Il poema dei monti naviganti

SABATO

DOMENICA

Con Roberta Biagiarelli e Sandro

ottobre

Un Po - Festival d'Ottobre

alle 21 - Teatro Comunale Ruggero Ruggeri Via Verdi, 7 - Guastalla - 0522 839757

Extraripas919. Storie

GIOVEDÌ

ottobre DOMENICA

galleggianti per teatro allagato

ottobre

Teatro Sociale Gualtieri

alle 21:30 - P.zza IV Novembre - Palazzo Bentivoglio - Gualtieri - 329 1356183 info@teatrosocialegualtieri.it - www.teatrosocialegualtieri.it

Préma cal dòni

SABATO

ottobre

Cech mo cun dla gnegnà

MARTEDÌ

ottobre

ottobre

alle 21

DOMENICA

Due atti comici di Antonio Guidetti, con Antonio Guidetti ed Enzo Fontanesi

ottobre

Cinema Teatro Metropolis

alle 21 - Via Gramsci, 4 - Bibbiano - 0522 882769

Cersaie

FINO AL

ottobre DOMENICA

Bologna Fiere S.p.a.

DAL

ottobre AL

ottobre MER

ottobre GIOV

ottobre DAL

ottobre AL

ottobre

Via della Fiera, 20 - Bologna - 051 282111 bolognafiere@bolognafiere.it - www.bolognafiere.it

Mercanteinfiera Autunno

ottobre

Ambiente Lavoro Convention

ottobre

Modena Fiere

Viale Virgilio, 58/B - Modena - 059 848380 info@modenafiere.it - www.modenafiere.it

Casa&Tavola

ottobre

ottobre SAB

ottobre DOM

ottobre

ottobre

Fiere di Reggio Emilia

Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

Cesena - Forlì

ottobre MARTEDÌ

ottobre

Centro storico - 348 5522673

Reggio Emilia

MARTEDÌ

ottobre

P.zza Fontanesi - 0522 456443

Mercato dell'insolito Boretto

Porto turistico - 0522 965601

I portici dell'antiquariato Budrio - Bologna

Porticato di via Bissolati e via Marconi - 051 6928237

Mercato delle cose vecchie Centro commerciale La Cicogna Via Calindri - 051 6228145

Mercatino del passato Pavullo nel Frignano - Modena Piazza Toscanini - 0536 20358

Antiquariato e cose d'altri tempi Cortemaggiore - Piacenza

Via Roma, via Cavour, Largo Umberto I - 0523 839080

Mercatino d'antiquariato San Polo d'Enza 0522 241728

Collezionismo, mobili e oggettistica

Mostra-mercato di arredamento e prodotti alimentari tipici

GIOVEDÌ

Colorno - Parma Via Roma

Antichità e collezionismo Bologna

Porticato di Via Matteotti - 348 3557504

Mercatino del vintage Bologna Piazza Verdi

Antiquariato, oggettistica e curiosità Parma

Fidenza

ottobre

Piazza Garibaldi - 0373 965698

Mercato dei prodotti biologici

SABATO

DOMENICA

DOMENICA

Mercato del biologico

SABATO

ottobre

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro - Convention Nazionale

Mercatino di prodotti biologici

SABATO

DOMENICA

Fiere di Parma S.p.a.

Antichità in galleria

SABATO

ottobre

29ª Mostra internazionale di modernariato, antichità e collezionismo Via Rizzi, 67/A - Baganzola - Parma - 0431 659854 info@fiereparma.it - www.fiereparma.it

0522 655454

San Lazzaro di Savena - Bologna

Salone Internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno

ottobre

Novellara

Mercato con artigiani, pittori, scultori, oggetti di decoupage

DOMENICA

Praticello di Gattatico

Mercatino d'antiquariato

Modena

GIOVEDÌ

ottobre

Centro storico - 059 206210

Mercatino di cose d'altri tempi Ferrara

SABATO

Celo' celo' mamanca Bologna

Piazza VIII Agosto - 051 563236

Viaromantiquaria

Mercato dell'antiquariato e cose vecchie

ottobre

Piazza Trento e Trieste - 0532 765509

Via Massimo d'Azeglio Porticato dell'ospedale vecchio - 0521 2181

Reggio Emilia

Via Roma - 0522 456316

i CD consigliati (o sconsigliati...) a chi ama la musica

A

pprofittate della irreversibile crisi creativa del mercato. Se non fosse per questa ragione infatti difficilmente si potrebbe riassaggiare una

sciccheria come questo album del 1971 ristampato in limited edition. L’unico lavoro in coppia dei fratelli Ruffin, due autentici numeri uno del soul. Da una parte Jimmy un solista di clamoroso successo, e dall’altra David autore di “My Girl” e vocal dei Tempations nonchè invidiatissimo da un allora giovane Marvin Gaye. Voci splendide, arrangiamenti che hanno fatto la storia e una “Stand by me” che non assomiglia a quella di nessun altro.

CONSIGLIATO: se avete un'anima

THE RUFFIN BROTHERS - “I am my brothers keeper” (Motown)


ottobre SABATO

Mercatino d'antiquariato Castellarano

Piazza XX Luglio - 0536 850114

Mercato antiquariato

LIVE

SABATO

VENERDÌ

Fuori Orario

ottobre VENERDÌ

di Santo Stefano

ottobre SABATO

ottobre SABATO

ottobre SABATO

Bologna

Piazza Santo Stefano, antistante la Basilica - 051 204859

Mostra scambio d'antiquariato Massafiscaglia - Ferrara Piazza Garibaldi - 0533 654892

Fiera dell'antiquariato Forlì

Piazza Saffi e corso della Repubblica - 0543 722716

Antico a Carpi alla corte

SABATO

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

Carpi - Modena

Centro storico - 059 649405

Mercatino di prodotti biologici Reggio Emilia

P.zza Fontanesi - 0522 456443

Mercatino d'antiquariato Gualtieri

Piazza Bentivoglio - 0522 828696

Antiquari in piazza

ottobre VENERDÌ

DOMENICA

S. Ilario d'Enza

Piazza IV Novembre e piazza della Repubblica - 0522 901134

L'antico in piazza

ottobre VENERDÌ

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

0522 805110

Mirandolantiquaria Mirandola - Modena

Piazza Costituente e vie del centro storico - 0535 610944

La cassapanca San Secondo Parmense - Parma Porticato di Via Garibaldi - 0521 872138

Mostra-scambio d'antiquariato Pontenure - Piacenza

Piazza Re Amato - 0523 692041

Mercatino dell'antiquariato

ottobre SABATO

ottobre SABATO

ottobre

Piazza Municipio e Terme Berzieri - 0524 571957

ottobre SABATO

ottobre SABATO

ottobre SABATO

ottobre SABATO

Amnesia Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Wild Junkers Stadio Rugby

alle 19 - Viadana - Mantova

Kamafei alle 22:30 - Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Davide Ravera Salumeria del Rock Arceto di Scandiano

Fabio Debbi Gypsy Trio Circolo Betania Parma

Diaframma Via Emilia Ovest - Rubiera - 333 9958081 goldstaff@live.it

Band Of Skulls Covo Club

ottobre SABATO

Viale Zagabria, 1 - Bologna - 051 505801 www.covoclub.it

Zambra Mora Batard Music and Wine

ottobre SABATO

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena - 059 908061 info@batard.it - www.batard.it

Mr Pig Alcatraz

ottobre SABATO

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

My Silver Booster Spazio Gerra

ottobre

JAZZ D'AUTORE CON STEFANO BELLUZZI Luned“ 4 ottobre unedì 4 ottobre appuntamento alla Cantina Garibaldi di Cavriago con la musica jazz d’autore. Questa volta sarà Stefano Belluzzi accompagnato da Michele Morari e dal chitarrista di Mario Biondi Michele Bianchi ad animare la serata del jazz club. Stefano Belluzzi, classe 1959, correggese doc seppure nato nelle montagne del Trentino, è tornato a scrivere canzoni. Insegnante di musica e sensibile musicista jazz, ha suonato il contrabbasso per molti anni collaborando con prestigiosi artisti italiani e stranieri. Ha inoltre composto colonne sonore per importanti spot pubblicitari. Negli anni 90 si è dedicato ad una intensa attività compositiva di canzoni originali che lo hanno portato ad incidere due cd per la WEA. Nel 1994 esce “Sono note inutili?” con la produzione artistica di Luciano Ligabue, che in quel periodo e alla ricerca di un artista di talento per indirizzare la sua passione musicale al di fuori dell’ambito rock. Nel 1996 esce “Sono rosso di nascita”. Per una strana distorta politica di comunicazione Stefano Belluzzi ha partecipato ad alcune trasmissioni televisive (Roxy Bar, Costanzo Show e Segnali di Fumo) e a manifestazioni di nicchia come il Premio Tenco e Recanati. Quest’anno ha inciso “Voilà” ennesimo tassello di una carriera di qualità. Con lui alla batteria Michele Morari già con 900 Orkestra, Alexia e CB Band e Michele Bianchi allievo di Franco Cerri e chitarrista di fiducia di Mario Biondi.  

CAV R I AG O - CA N T I N A GA R I B A L D I

Viale Zagabria, 1 - Bologna - 505801 www.covoclub.it

Velvet Club

LIVE

L

A Toys Orchestra

Fuori Orario

Sulle tracce del passato

Salsomaggiore Terme - Parma

Via del Chionso, 20/E - Reggio Emilia info@arcitunnel.it - www.arcitunnel.it

Alcatraz

Mercato d'antiquariato

Cavola di Toano

Zen Circus

Covo Club

Mostra mercato

ottobre

alle 22:30 - Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Tunnel

di Re Astolfo

ottobre

Filippo Graziani canta Ivan Graziani

alle 21 - Piazza XXV Aprile, 2 - Reggio Emilia 0522 451552


Vasco Rossi

SAB

ottobre

Futurshow

DOM

ottobre

Via Gino Cervi, 2 - Casalecchio di Reno - Bologna

Massimo Ranieri

SAB

ottobre

Teatro Ventaglio Smeraldo

DOM

alle 20:45 - Piazza XXV Aprile, 10 (zona 1) - Milano 02 29006767 - www.teatrosmeraldo.it

ottobre

Ma Noi No

DOMENICA

VENERDÌ

ottobre VENERDÌ

ottobre

Bondeno di Gonzaga - Mantova

Un Po di Blues. Musiche e

DOMENICA

ottobre VENERDÌ

ottobre VENERDÌ

immagini sul Grande Fiume

Teatro del Fiume

alle 21 - Via Roma, 31 - Boretto - teatro@comune.boretto.re.it

Stefano Belluzzi Trio

LUNEDÌ

Piazza Garibaldi - Cavriago - 0522 372065 osteria@cantinagaribaldi.it - www.cantinagaribaldi.it

ottobre

Brandon Flowers

LUNEDÌ

ottobre

Amiina

MARTEDÌ

ottobre VENERDÌ

ottobre

August Burns, Bless the Fall,

MERCOLEDÌ

ottobre SABATO

Via Stalingrado, 83 - Bologna - 051 323490 lele@estragon.it - www.estragon.it

ottobre

Robin Williamson

MERCOLEDÌ

Cinema Eden

ottobre

Piazza Gramsci, 8/1 - 0522 889889 - Puianello

Shadow Gallery

MERCOLEDÌ

Alcatraz

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

ottobre

Goldfrapp

GIOVEDÌ

Magazzini Generali

Via Pietrasanta, 14 - Milano - 02 5393948 info@magazzinigenerali.it - www.magazzinigenerali.it

ottobre

Federico Stragà

GIOVEDÌ

ottobre SABATO

ottobre SABATO

Sabaton

GIOVEDÌ

ottobre SABATO

ottobre

ottobre SABATO

ottobre SABATO

TconZero

Fiere di Reggio Emilia alle 21:20 - Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

Loredana Bertè Via del Chionso, 20/E - Reggio Emilia info@arcitunnel.it - www.arcitunnel.it

Canadians Viale Zagabria, 1 - Bologna - 051 505801 www.covoclub.it

The Bigbossman & His Trio Batard Music and Wine

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

Asilo Republic Fuori Orario

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Motel Connection Fillmore

ottobre SABATO

Via Giacomo Matteotti, 2 - Cortemaggiore - Piacenza 0523 836471 - www.myspace.com/fillmorecortemaggiore

Gem Boy Alcatraz

ottobre SABATO

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Nessuna Pretesa Rewind Risto Lounge Bar

ottobre

UN WEEKEND NELLA NATURA Sabato 2 e domenica 3 ottobre orna il 2 e 3 ottobre all’Oasi Lipu del Bianello di Quattro Castella il “Week end europeo del Birdwatching”, l’evento che da anni coinvolge migliaia di amanti della natura tutta in Europa. La manifestazione prevede sabato 2 ottobre una prima parte dedicata alle scuole con l’escursione degli alunni delle scuole del Comune di Quattro Castella per conoscere e censire le specie di uccelli presenti nell’Oasi. Ad ogni bambino partecipante verrà data una scheda su cui segnalerà le specie avvistate o udite. Domenica 3 Ottobre alle ore 9.45 è in programma invece il ritrovo di tutti i partecipanti presso il Centro visite dell’Oasi LIPU Bianello e distribuzione delle schede di avvistamento. A seguire escursione all’interno dell’Oasi per l’osservazione degli uccelli. Si consiglia a chi possiede un binocolo di portarlo con se il giorno dell’escursione. Inoltre sono consigliate scarpe da trekking o da ginnastica e borraccia. Un’occasione unica per conoscere da vicino le specie di uccelli vicine a casa e per contribuire a scattare un’unica, grande “fotografia” del patrimonio naturalistico italiano. Per informazioni: 0522/887904 o 349-7116057. E-mail: oasi.bianello@lipu.it.

Q U AT T R O CA S T E L L A - OA S I L I P U D E L B I A N E L L O

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Tributo a Vasco

EVENTI

T

Settesotto

Ospite della serata: miss Roxy Rose

Alcatraz

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Via Don Minzoni, 96/B - Taneto di Gattatico 0522 671970 - www.arcifuori.it

Covo Club

Bravo Cafè

ottobre

Itallica

Tunnel

Tributo a Frank Sinatra

Via Mascarella, 1 - Bologna - 051 266112 - 333 5973089 info@bravocaffe.it - www.bravocaffe.it

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

Casa & Tavola

Of Mice & Men

Estragon

Giacomo Cantelli

Alcatraz

Covo Club

Viale Zagabria, 1 - Bologna www.covoclub.it

Viale Zagabria, 1 - Bologna - 051 505801 www.covoclub.it

Fuori Orario

Alcatraz

Via Valtellina, 25 - Milano - 02 69016352 www.alcatrazmilano.com

Mystery Jets

Tributo ai Metallica

Il cantautore in concerto con Michele Morari e Michele Bianchi

Cantina Garibaldi

alle 21:30 - Via Manzoni - Carpi - Modena

Batard Music and Wine

Con i più grandi bluesmen della bassa

ottobre

Cafè Manzoni

Covo Club

Concerto in ricordo dell'amica Silvia Ancellotti

Festa Bondeno in Piasa

Lara Puglia & Lucio Bruni

alle 22:30 - Via Persicetana, 880 - Crevalcore - 339 7125299 info@rewindristoloungebar - www.rewindristoloungebar.com


Rita Marcotulli Teatro del Fiume

ottobre DOMENICA

ottobre DOMENICA

alle 21 - Via Roma, 31 - Boretto teatro@comune.boretto.re.it

Dark Tranquillity, Insomnium Estragon

Via Stalingrado, 83 - Bologna - 051 323490 lele@estragon.it - www.estragon.it

MOSTRE

SABATO

N-Rose

FINO AL

e presente: l'epigòneion

dicembre FINO AL

ottobre FINO AL

CABARET

ottobre SABATO

Claudio Lauretta e Sandro Picollo

ottobre FINO AL

DOMENICA

ottobre SABATO

Via Alta, 23 - San Michele della Fossa - Bagnolo in Piano 0522 954454 - arcilatteria@libero.it - www.lalatteria.com

Antonio Guidetti Piazza

alle 15 - Felina di Castelnuovo Monti

Al Valenti

ottobre FINO AL

SAGRE

DALL'

ottobre AL

ottobre SAB

ottobre DOM

ottobre DAL

ottobre AL

ottobre DOMENICA

Via Alta, 23 - San Michele della Fossa - Bagnolo in Piano 0522 954454 - arcilatteria@libero.it - www.lalatteria.com

Tortellino Day

novembre FINO AL

051 239660 - www.bolognaincoming.it

Salami e salumi Piazza Erbe Mantova

Mortadella Please

ottobre FINO AL

I sapori dei cibi D.O.C. e D.O.P. Matildici

ottobre FINO AL

DOMENICA

Barco di Bibbiano

Festa della castagna

ottobre FINO AL

DOMENICA

Cecciola di Ramiseto

Novellara balsamica...

novembre FINO AL

novembre FINO AL

DOMENICA

ottobre

Novellara

Festa d'Autunno Sant'Ilario d'Enza

ottobre FINO AL

Via Torrione Stella Nord, 5 - Sarzana - La Spezia - 0187 626374 galleria@cardelliefontana.com - www.cardelliefontana.com

Improvvisazioni tra luoghi La Taverna dell'aquila

Via dell'Aquila,6/A - Reggio Emilia - 0522 452956 - 347 6641835

I segni della terra Palazzo Caffari

Via Emilia S. Stefano, 25-27 - Reggio Emilia - 0522 541742

Perna - Pizzolante - Strada Segno Simbolo Sintassi Via dell'Accademia, 17 - Mantova - 0376 366027 info@errepiarte.com - www.errepiarte.com

Segni dal cielo: le nuvole di Galleria espositiva Libreria Einaudi

C.so Vittorio Emanuele II, 19 - Mantova - 0376 365854

Paralleli

Palazzo Ducale di Sabbioneta Mantova - 0375 52599

24 artisti a Villa Verde Casa di cura Villa verde

Viale Lelio Basso,1 - Reggio Emilia - 0522 328611

Le carte della memoria Biblioteca Panizzi

Via Farini, 3 - Reggio Emilia - 0522 456055 - panizzi@comune.re.it

Collettiva

Mostra collettiva di arte contemporanea

ottobre FINO AL

Galleria Stefano Forni

Piazza Cavour, 2 - Bologna - 051 225679 arte@galleriastefanoforni.com - www.galleriastefanoforni.com

La narrazione del quotidiano Mostra fotografica di Valerio Tosi

ottobre

MOSTRA DEL DISCO, DEL CD E DEL DVD USATO E DA COLLEZIONE Domenica 3 ottobre rganizzata da 8 ball records e dall’Associazione Culturale Kolosseo, domenica 3 ottobre, si terrà a Reggio Emilia un nuovo appuntamento con la “Mostra del disco, del cd e del dvd usato e da collezione”. La manifestazione che  si svolgerà al “Palahokey” Fanticini – via Paterlini , sarà aperta al pubblico dalle ore 10,00 alle ore 19,00 (orario continuato) e vedrà la partecipazione di numerosi espositori. Alla mostra del disco è possibile trovare materiale che soddisferà il semplice ascoltatore o amante della buona musica ma anche il collezionista più esigente, alla ricerca del pezzo raro o della curiosità per completare o espandere la propria collezione. Gli amanti del rock più classico potranno trovare rarità di Beatles, Rolling Stones, Led Zeppelin, U2, Pink Floyd, o Bruce Springsteen, Elvis Presley, Patti Smith e tanti altri. Ultimamente però le ricerche di molti collezionisti si sono spostate verso sonorità particolari come le colonne sonore di film oscuri usciti tra la fine degli anni ’60 e la prima metà dei ’70 oppure i materiali utilizzati per sonorizzazioni di pubblicità e documentari fanno oggi la felicità di questi veri e propri ricercatori. Il genere, che alcuni definiscono lounge e altri più semplicemente pop, è caratterizzato da orchestrazioni, strumenti a fiato quali il flauto oppure il suono vellutato del Fender piano, batterie sincopate, il tutto a creare delle atmosfere molto particolari.  

R E G G I O E M I L I A - PA L A H O K E Y

Cardelli & Fontana Arte Contemporanea

recenti acquisizioni di storia locale

 M A N I F E S TA Z I O N I

O

Fabrizio Prevedello

Manoscritti, documenti storici, antiche edizioni, incisioni e disegni

Cottura del mosto, bancarelle degli agricoltori, degustazioni

ottobre

Palazzo Sanvitale - Strada Cairoli - Parma - 0521 228289 www.museobocchi.it

Opere pittoriche di Marina Burani, Umberto Giorgione e Ludmila Kazinkina

tra mosto, sughi e zucche

Piazza Unità d'Italia

Museo Amedeo Bocchi

Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea

Degustazione e vendita di caldarroste, vin brulè, dolci tradizionali, bancarelle di prodotti tipici e di artigianato artistico, musica e animazione

ottobre

Frammenti di emozioni

Bertoldi in mostra alla Einaudi

Rievocazione delle antiche tradizioni culinarie dei territori legati a Matilde di Canossa

ottobre

Via D'Azeglio, 50 - Bologna - 051 371272 la2000 45@giannitestoni.it - www.giannitestoni.it

Errepi Arte

Convegni, dibattiti, itinerari e gemellaggi enogastronomici, degustazioni e pranzi, mercatini con prodotti tipici e visite alle aziende

Zola Predosa - Bologna

Spazio Gianni Testoni LA2000 45

Mostra personale dello scultore Carlos Carlè

All'insegna del divertimento e della buona tavola con Itinerari artistici e menu dedicati, passando per lo "Sfoglino d'Oro"

Bologna

The best of

e persone

La Latteria

ottobre

Piazzale Salvo d'Acquisto - Parma - 0521 03103

Rendere parole alle parole

La Latteria

ottobre

Casa del suono

Studi di Amedeo Bocchi

Casa & Tavola

alle 21:20 - Fiere di Reggio Emilia Via Filangieri, 15 - Reggio Emilia - 0522 503511 info@fierereggioemilia.it - www.fierereggioemilia.it

Il suono ritrovato - Tra passato

Palazzo Giordani

Viale Martiri della Libertà, 15 - Parma - 0521 931963


FINO AL

Roberta Crocioni - Le luci dell'ombra

FINO AL

ottobre FINO ALL'

Palazzo Casotti

ottobre

P.zza Casotti, 1 - Reggio Emilia

Architetture d'arte

FINO AL

novembre FINO AL

ottobre FINO AL

Via Giovanni Acerbi, 47 - Mantova - 0376 360506 casadelmantegna@provincia.mantova.it

Gianni Moretti - Great expectations

Contemporary Concept

Via San Giorgio, 3 - Bologna - 051 5875311 info@contemporaryconcept.it - www.contemporaryconcept.it

Fabrizio Parachini - Tre Tempi

novembre FINO AL

FINO AL

Marco Petacchi - Mnemosyne

ottobre FINO AL

FINO ALL'

Il Mauriziano

Via Scaruffi, 1 - Loc. San Maurizio - Reggio Emilia - 0522 554711

Renato Guttuso - Passione e realtà

novembre FINO AL

FINO AL

ottobre FINO ALL'

Via F. Magnani Rocca - Mamiano di Traversetolo - Parma 0521 848327 - info@magnanirocca.it

Fabrizio Parachini. Tre tempi Galleria Biffi Arte Moderna e Contemporanea Via Chiapponi, 39 - Piacenza - 0523 327259

Aspettignoranti di Roberto

ottobre FINO AL

FINO AL

Punto Arte - Confartigianato Apla Viale Mentana, 139/A - Parma

William Cobbing: Man in the planet

novembre FINO AL

FINO AL

Via Procaccini, 4 - Milano info@fabbricadelvapore.org - www.fabbricadelvapore.org

Feminine

ottobre FINO AL

FINO AL

ottobre FINO AL

FINO AL

ottobre FINO AL

FINO AL

Via d'Azeglio, 42 - Bologna - 348 9870574 info@galleriaariete.it - www.galleriaarte.it

Dado Schapira - Silenzio

ottobre FINO AL

Magazzini Criminali

Piazzale Domenico Gazzadi, 4 - Sassuolo - Modena magazzinicriminali@libero.it

Anni 60 a Modena

Ex Ospedale di Sant'Agostino Via Emilia Centro, 28 - Modena

Just Below the surface CSART Comunicazione per l'arte

Via San Pietro Martire,16/A - Reggio Emilia - 0522 1970864

Opere recenti Artekostia

Via Rodolfo Morandi, 1/B - Albinea - artsfactory@libero.it

Roberto Rampinelli - Le nuvole le nuvole là lontano... le nuvole meravigliose

Via Cappello, 17 - Mantova - 0376 324260 info@sartoriarianna.191.it

Momenti

Fabbrica Eos

Piazzale Antonio Balamonti, 2 - Milano - 02 6596532 info@fabbricaeos.it - www.fabbricaeos.it

Haris Epaminonda - Daniel Gustav Museo di palazzo Poggi

Via Zamboni, 33 - Bologna - 051 2099398 www.museopalazzopoggi.unibo.it

ottobre FINO AL

FINO AL

Alessio Bolognesi Castello Pallavicino

Via Castello - Varano de' Melegari - Parma

Traccia (S)velata

Galleria d'arte Maison Olivier Via Bodoni,1/D - Parma - 0521 504407

Luigi Leonidi - Paper faber fortunae suae

Impronte Contemporary art

Via Montevideo, 11 - Milano - 02 48008983 info@impronteart.com - www.impronteart.com

Piazza D. Chiesa, 2 - Bibbiano

Mostra di dipinti dell'artista Valter Bernabucci

ottobre

Riti senza miti

L'Ottagono - Arte Contemporanea

Mostra personale del giovane artista ferrarese

Collettiva che si propone di indagare un carattere rituale

ottobre

Simone Ferrarini - Andiamo

Mostra personale di pittura dell'artista reggiana Naide Bigliardi

Cramer - The Infinite Library

ottobre

Via Solferino, 44 - Milano - 02 29060171 info@colomboarte.com - www.colomboarte.com

Galleria Arianna Sartori

Tensione

ottobre

Fantasilandia

Personale dell'artista faentino Giancarlo Montuschi

L'Ariete arte contemporanea

novembre

Piazza Dei Martiri - Carpi - Modena - 059 649955 - musei@carpidiem.it

Personale dell'artista americana Sandra Moss

Fabbrica del Vapore

ottobre

Palazzo del Pio

Oltre 100 foto sulla stagione cruciale degli anni Sessanta

Grignaffini

ottobre

Le bandiere della fortuna

a cercar Fortuna!

Fondazione Magnani Rocca

dicembre

Via Alessandro Stradella, 7 - Milano - 02 2043555 www.galleriaraffaellacortese.com

Antonio Colombo Arte Contemporanea

Personale dell'artista che ruota da anni attorno al tema della memoria

ottobre

William E. Jones. Alternative Version

Installazione a cura di Betta Frigieri e Luca Panaro

Biffi Arte - Moderna e contemporanea

ottobre

Via Carlo Farini, 2 - Milano

Galleria Raffaella Cortese

Mostra di arte contemporanea personale

Via Chiapponi, 39 - Piacenza - 0523 1720408 moderna.contemporanea@biffiarte.it - www.biffiarte.it

Galleria Ca' di Fra'

Prima personale a Milano dell'artista americano

Mostra personale dell'artista Marcello Morandini

Casa del Mantegna

Only love can leave such a scar - Carla Bedini

Mostra personale di pittura dell'artista

Amphisbaena

novembre

Via Mascherella, 36 - Modena - 059 239459 amphisbaena@libero.it - www.amphisbaena.it

 T E AT R O Ò FRAGILIMONDIÓ - FESTIVAL DI TEATRO CIVILE Da sabato 2 ottobre

I

nizia sabato 2 ottobre, alle 21.30, nella nuova sala polivalente di Pontenovo di San Polo (dietro al nuovo supermercato Sigma), la sesta edizione del Festival di Teatro Civile in Val d’Enza “Fragigilimondi”, quest’anno dedicato all’ambiente, con cinque spettacoli proposti in cinque comuni diversi: San Polo (2 ottobre), Montecchio (9 ottobre), Cavriago (15 ottobre), Canossa (16 ottobre) e Bibbiano (22 ottobre). Ed inizia subito con una novità, uno spettacolo che debutta in prima assoluta nella rassegna della val d’Enza. “Abbracciare un Albero”, voce e canto di Marina Coli, fisarmonica di Lorenzo Munari. Un debutto che affronta il tema dell’ambiente in modo poetico, partendo dai nostri “millenari amici”, gli alberi, perché, come scriveva Gibran,“gli alberi sono liriche che la terra scrive al cielo”. Ma senza negare i risvolti controversi e drammatici del rapporto fra l’uomo e la natura. Perché, se è vero che la simbiosi tra uomini e piante ha radici antichissime, è altrettanto vero che la nostra società sembra fare di tutto per cancellare questo legame strettissimo. Come fare per restituire dignità a questa vita, rispettando la terra che abitiamo, non così gratuitamente come crediamo? Si può iniziare ascoltando i racconti di Mario Rigoni Stern, raccolti nel suo “Arboreto salvatico”, dove le esperienze di un uomo di montagna si mescolano alle conoscenze botaniche e ambientali, oppure seguire il percorso del calendario celtico delle piante, patrimonio di antiche conoscenze... Il tutto intrecciato a musiche e canti del patrimonio tradizionale italiano, dove la sapienza tradizionale, che legava uomini e piante, è ancora viva e presente. Ingresso gratuito, rinfresco al termine dello spettacolo e offerta libera all’uscita. Prossimo appuntamento: sabato 9 Ottobre, alle 21.30, Cortile del Castello Medievale di Montecchio Emilia con “Angolo Somma Zero”, di e con Alessandro Langiu, musiche di Peppe Voltarelli. In scena Alessandro Langiu e Emiliano Deferrari. 

S A N P O LO - P O N T E N OVO


FINO AL

Marianna Costi - Le Cadavre Exquis

Respiro Lieve

FINO AL

Mostra personale di pittura di Andrea Paganini

Mostra fotografica personale dell'artista

ottobre FINO AL

Galleria d'arte Il Sipario

Galleria San Francesco

ottobre

Strada Cairoli, 11 - Parma - 0521 281142

Saletta Galaverni 1960 - 2010

Via Bardi, 4/B - Reggio Emilia - 0522 440458

Luzzara e Zavattini - Un legame

FINO AL

lungo una vita

Saletta Corniceria Galaverni

ottobre FINO AL

Via Dell'Aquila, 6/C - Reggio Emilia - 0522 434878 info@galaverni.com - www.galaverni.com

Museo Nazionale delle Arti Naives

gennaio '11

Alfabeto delle Pianure

Ex convento degli Agostiniani - Via Villa Superiore, 32 - Luzzara

Tra terra e acqua

FINO AL

Mostra fotografica con opere di 56 autori che hanno partecipato all'omonimo concorso fotografico dedicato al tema della Biodiversità

Mostra personale del fotografo Enrico Bedolo

ottobre FINO AL

Galleria del nuovo teatro

Centro culturale Imerio Cantoni

ottobre

Soragna - Parma

Veritas - l'arte è una bugia che

Via Amendola, 51 - Campegine

Tesori di carta

FINO AL

permette di svelare la verità

novembre FINO AL

Palazzo Bentivoglio

Piazza IV Novembre - Gualtieri

La mostra propone una cinquantina di edizioni illustrate della Biblioteca Comunale Giulio Einaudi di Correggio

Palazzo dei Principi

novembre

Antologica dell'artista Gilberto Re

C.so Cavour, 7 - Correggio - 0522 693296

Arte moderna

FINO AL

La mostra, che consolida il rapporto tra arte e lavoro iniziato nel 1948 con il premio Suzzara

ottobre FINO AL

Mostra d'arte moderna e contemporanea di grafica e multipli d'autore

Palazzina Iveco

Galleria Campanon

ottobre

Viale Zonta - Mantova - 0376 535593

All Strange Away

P.zza Matteotti - Guastalla - 0522 835446

A tutti coloro che sono in ascolto... la

FINO AL

radio da Guglielmo Marconi al transistor

Mostra collettiva di arte contemporanea

Neon Campobase

ottobre FINO AL

Via Francesco Zanardi, 2/5 - Bologna - 051 5877068 info@neoncampobase.com - www.neoncampobase.com

La storia della radio, attraverso le scoperte più importanti del '900

Rocca Estense

gennaio '11

Goya - Battaglia - Samorì

Corso Umberto I°, 22 - San Martino in Rio - 0522 636709

Fotografie di Bruno Cattani

FINO AL

I luoghi della follia

Collettiva di questi tre diversi artisti che riflettono sulla realtà del male

Raccolta Lercaro

gennaio '11 FINO AL

Via Riva di Reno, 57 - Bologna - 051 6566210 segreteria@raccoltalercaro.it - www.raccoltalercaro.it

Galleria Parmeggiani

ottobre

Il sogno di Salvador Dalì a Milano

C.so Cairoli, 2 - Reggio Emilia - 0522 451054

Incontri

FINO AL

Palazzo Reale

gennaio '11 FINO AL

Galleria Torno Subito

Piazza del Duomo,12 - Milano - 02 875672 www.comune.milano.it/palazzoreale

P.zza XXIV Maggio, 1/H - Angolo P.zza Fontanesi - Reggio Emilia 347 8231189 - riccardovarini@alice.it

ottobre

Lifepainting

GD4 PhotoArt. La fotografia

FINO AL

s'industria

Mostra pittorica di Benedetto Croci

novembre FINO AL

Caffè Venezia

Via Vittorio Veneto, 5 - Reggio Emilia

Mostra fotografica colletiva dedicata alla fotografia industriale

Pezull

Frammentazioni - materia

FINO AL

Personale dell'artista con grande installazione e nuovi lavori a parete

Galleria Studio G7

AL

Bar Blank

Via Val d'Aposa, 7/G (centro storico) - Bologna - 051 266497 info@galleriastudiog7.it - www.galleriastudiog7.it

novembre

Via Panciroli, 4/C - Reggio Emilia - 0522 436730

Sensazioni Padane

Confine

DAL

ottobre

Mostra personale di Alberto Zamboni

Palazzo Borzacchi

AL

Ristorante La Gnoccheria

Via Emilia S. Stefano,14 - Reggio Emilia 0522 432103 - galleriavv8@alice.it

ottobre

Via G. Lorca, Masone di Reggio Emilia

Andrea Cangemi - Dipinti. Incisioni

Il respiro del fuoco - Giuseppe Spagnulo

DAL

ottobre

Arianna Sartori Arte & Object Design

Mostra personale dello scultore

2000 & Novecento - Galleria d'Arte

AL

Via Ippolito Nievo, 10 - Mantova - 0376 324260 info@sartoriarianna.191.it

LIVE

Gregorio Botta: la forma dell'acqua

ottobre

Mostra personale dell'artista

ottobre

Via Ferrari Bonini, 6 - Reggio Emilia - 0522 541934

DAL

Mostra personale di Fabio Rota

novembre

Museo dei Frati Cappuccini

novembre

Mostra fotografica di Stefano Sturloni

FINO AL

Mostra multimediale con videoinstallazioni di Macchinazioni Teatrali

AL

P.le S. Francesco, 1 - Parma - 0521 031118 officinaprato@libero.it

alla deriva

ottobre

L'oro del povero

ottobre

Caffè del Prato FINO AL

Via Delle Belle Arti, 56 - Bologna - 051 4209411

DAL

Mostra fotografica personale di Linda Vukaj

ottobre

Pinacoteca Nazionale

novembre

Via Emilia S. Pietro, 21 - Reggio Emilia - 0522 580143 duemilanovecento@tin.it - www.duemilanovecento.it

dicembre

 M A N I F E S TA Z I O N I

LA NOTTE DELLA TARANTA DI KAMAFEI Sabato 2 ottobre

S

abato 2 ottobre al circolo Arci Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Reggio Emilia) va in scena la «Notte della taranta» dei KamaFei, band pugliese forte dell’etnomusica del suo ultimo cd «Spitte de focu». Il concerto inizia alle ore 22.30, preceduto alle 21.30 da immagini e proiezioni a tema, con ingresso riservato ai soci Arci e consumazione obbligatoria a 12 euro; alle 20 apertura del circolo, del punto ristoro (per il quale è consigliata la prenotazione allo 0522-671970 o 346-6053342) e degli aperitivi gratuiti fino alle 21 in compagnia della band; info www.arcifuori.it.

GAT TAT I C O - F U O R I O R A R I O

1¡ FESTIVAL DELL'APPENNINO Domenica 3 ottobre

D

omenica 3 ottobre, al Parco Tegge di Felina con inizio alle ore 15, “1° Festival Dell’Appennino”. Organizzato dalle Edizioni Radio Luna con il patrocinio della Comunità Montana, Comune di Castelnovo Monti, Ente del Turismo, il festival si basa su dodici produzioni originali ed inedite dell’autore Paolo Messori, interpretate da Ram, Loris Gilioli, Manuela, Sonia, D&G Cento, Enza degli Armony, Rossana della Nuova Epoca, Franchino, Mauro Bacchi di Emilia Mia, Mary Bassi, Roberto Sei e Paese Che Canta. L’orchestra sarà diretta dal Maestro Leonardi, presenta Giorgio Pregheffi con gli interventi comici di Antonio Guidetti. Per informazioni: Festival Dell’Appennino, Radioluna, Via Brolo Sotto, 52 Scandiano, 0522.1750868 - 49 Fax 0522/857084; info@radioluna.com.

F E L I N A - PA R C O T E G G E


ottobre

Mostra fotografica con opere di: Arianna Arcara, Gabriele Micalizzi, Alice Pavesi, Andy Rocchelli, Alessandro Sala, Luca Santese, Gabriele Stabile

AL

Spazio Gerra

novembre

Piazza XXV Aprile, 2 - Reggio Emilia - 0522 451552

Percorsi di luce

DAL

ottobre

Mostra personale di Fiorella Pierobon

AL

Palazzo Giordani

novembre

Viale Martiri della Libertà,15 - Parma - 0521 931963

Scarpette rosse - Julia Bornefeld

DAL

ottobre

Personale dell'artista tedesca vincitrice del Premio Icona ad ArtVerona 2006

Galleria 8,75 - Artecontemporanea

AL

Corso Garibaldi, 4 - Reggio Emilia - 0522 556806 - 340 3545183 info@875.it - www.875artecontemporanea.it

novembre

La Pelle dell'Anima

DAL

ottobre

Rappresentazione del nudo femminile in 50 opere che affrontano il genere tra Otto e Novecento

AL

Villa Soragna

novembre

Parco Nevicati - Via Valli, 3 - Collecchio di Parma - 0521 302502/503

Quadrivio - Il paesaggio svelato

DAL

ottobre

Collettiva di pittura con opere dei giovani artisti Mirko Baricchi, Josè Demetrio, Pietro Iori, Simone Pellegrini

AL

Galleria Bonioni Arte

novembre

Corso Garibaldi, 43 - Reggio Emilia - 0522 435765

Hot Rhythms

VENERDÌ

Con dj Memphis e dj Rapala

Batard Music and Wine

Via Canaletto, 35/C - San Prospero - Modena 059 908061 - info@batard.it - www.batard.it

ottobre

Vox Opening Party

VENERDÌ

Live band: Skambisti, dj Roker e dj Cecco

Vox Club

Via Vittorio Veneto, 13 - Nonantola - Modena 059 564979 - info@voxclub.it - www.voxclub.it

ottobre

Royal Baluardo Cafè

VENERDÌ

Il Baluardo della Cittadella

alle 22 - Piazza Giovani di Tien An Men - Modena 059 244309 - www.baluardodellacittadella.it

ottobre

Gigi D'Agostino vs Zoo di 105

SABATO

F E S T I VA L  TEATRO RAGAZZI S P E T TA C O L I  TEMPO LIBERO

PUB & DISCO

Cesura Inprint

DAL

FINO AL

Spettacoli, teatro, incontri, cinema, liberi, mostre

ottobre SAB

ottobre DOM

ottobre MER

ottobre GIOV

ottobre MARTEDÌ

alle 22 - Via Melchiorre Gioia - Mantova - 0376 224599 palabam@mantova.com - www.palabam.it

ottobre

Inaugurazione Corallo

SABATO

ottobre DOMENICA

Viale della Rocca, 4/E - Scandiano - 0522 981759 boss@krock.it - www.corallodisco.it

ottobre

Anima Mia

SABATO

ottobre DOMENICA

La Movida del Domingo

DOMENICA

Il Baluardo della Cittadella

Piazza Giovani di Tien An Men - Modena - 059 244309 www.baluardodellacittadella.it

ottobre

Gallery Animal Instinct

SABATO

novembre DALL'

ottobre AL

ottobre VENERDÌ

Via Vittorio Veneto, 13 - Nonantola - Modena 059 564979 - info@voxclub.it - www.voxclub.it

ottobre

ottobre DALL'

ottobre AL

ottobre SAB

ottobre DOM

ottobre MARTEDÌ

ottobre SAB

ottobre DOM

ottobre DALL'

ottobre AL

novembre

PIGIATURA IN PIASA Domenica 3 ottobre omenica 3 ottobre tutto il centro storico di San Martino in Rio verrà colorato di rosso, il rosso del mosto e del vino prodotto dalle vigne locali che, piene di grappoli in questi giorni, promettono un’ottima vendemmia. Le pigiatrici della Pro Loco, con la loro “Bussatura”, insieme ai giovani pigiatori in erba, pesteranno gli acini dell’uva per dimostrare come anticamente veniva condotta la vendemmia. La festa che coinvolgerà tutto il paese inizierà già dal primo mattino con l’esposizione di decine di agricoltori, che mantenendo la filiera corta, porteranno sui loro banchi prodotti freschi, di qualità e con un costo non ricaricato. Sarà possibile pranzare nel ristorante in piazza con un menù che propone dai cappelletti, alle penne alla norcina arricchite con il prezioso tartufo. Non mancheranno i pasticceri e le ricette di “strambe” dall’Alto Adige fino alle ciambelline siciliane. Tanti gli stand che offriranno: gnocco fritto, erbazzone, polenta fritta, sughi d’uva, zucca fritta, vin brulè, aceto balsamico e saba, tutti con servizio anche da asporto. Tutte le informazioni si possono trovare sul sito della Biennale del Paesaggio www.biennaledelpaesaggio.it.

SAN MARTINO IN RIO - CENTRO STORICO

Talk-Opera in un atto su Noam Chomsky - Musica di Emanuele Casale

Teatro Cavallerizza

alle 20:30 - Viale Allegri, 8/A - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it

Icarus trio & sMax: NASDAQ match 0.1 Teatro Cavallerizza

alle 20:30 - Viale Allegri, 8/A - Reggio Emilia 0522 458811 - uffstampa@iteatri.re.it

Ouverture des Saponettes alle 16 - Guastalla www.biennaledelpaesaggio.it

Pinocchio cantastorie Teatro De Andrè

alle 16 - Piazza Martiri della Libertà, 2 - Casalgrande 0522 998570

Un Po Festival d'Ottobre Boretto - Gualtieri - Guastalla Luzzara - Brescello

Festival di Internazionale Ferrara

www.internazionale.it

Festival Francescano 2010

Tre giorni di spiritualità, arte e spettacoli nelle piazze, tra la gente

Reggio Emilia

www.festivalfrancescano.it

CastelRock festival

Live di Folkband, TFR, Koppertoni, Mushrum, Deinonkus, Herbamate, Harem, Jonahasfiveglobes

Castel Bolognese - Bologna

Amarone in Jazz

Un mix fra Vino, tradizione, musica jazz e responsabilizzazione

 S AG R E

D

Conversazioni con Chomsky

Un weekend con i giornalisti di tutto il mondo

Con Eric Prydz

Vox Club

Via Rontano 35 - Castellarano - 340 9984844 www.rangeroverclassic.it

Compagnia Teatro dei Pazzi

Il Baluardo della Cittadella

Piazza Giovani di Tien An Men - Modena 059 244309 www.baluardodellacittadella.it

Azienda Agrifaunistica San Valentino

Un Po - Festival d'Ottobre

Musica anni '70, '80, '90

ottobre

V° Raduno Range Rover

Concerto per bolle di sapone ed attori di e con Michele Cafaggi

stagione invernale

Corallo

Reggio Emilia

Congresso grosso per Trio e Dati finanziari in tempo reale. Prima assoluta

"Il lento violento"

Palabam

Settimana della Salute Mentale

Verona

www.amaroneinjazz.it

VIE Scena Contemporanea Festival Spettacoli e compagnie scelte tra le migliori espressioni della scena contemporanea mondiale

Modena - Carpi - Vignola

Aperto Festival Teatro Municipale Valli Teatro Ariosto - Teatro Cavallerizza Reggio Emilia - www.iteatri.re.it


Al cinema

La programmazione della settimana dei cinema di Reggio e provincia

>

in città

CINEMA

al corso corso garibaldi, 14 tel. 0522.437721

www.cinemaalcorso.it

CINEMA Da Venerdì 1 Ottobre_ore 20:15 - 22:30 feriali, 15:45 - 18:00 - 20:15 - 22:30 festivi .......BENVENUTI AL SUD Martedì 5 Settembre_ore 16:00 - 18:00 - 20:30 22:30 .............................................. LA NOSTRA VITA

uci cinestar p.zza atleti azzurri d'italia, 1 tel. 0522.278511

www.ucicinemas.it

Da venerdì 1 Ottobre_ore 14:50 sabato e domenica; 17:15 - 19:45 - 22:10 tutti i giorni; 0:35 spettacolo notturno ................. UN WEEKEND DA BAMBOCCIONI Da venerdì 1 Ottobre_ore 16:30 sabato e domenica; 19:30 - 22:20 tutti i giorni .......MANGIA, PREGA, AMA Da venerdì 1 Ottobre_ore 15:10 sabato e domenica;

CINEMA

jolly

17:35 - 20:00 - 22:25 tutti i giorni; 0:45 spettacolo notturno .........................................SHARM EL SHEIKH

Da Venerdì 1 Ottobre_ore 21:00 feriali, 15:30 - 18:15

via gian battista vico, 68 tel. 0522.944006

Da venerdì 1 Ottobre_ore 14:00 - 16:05 sabato e

- 21:00 festivi...........................................INCEPTION

domenica; 18:10 - 20:15 - 22:20 tutti i giorni .......... ..................................................................MORDIMI

www.cinemajolly.it

Da venerdì 1 Ottobre_ore 15:00 - 16:10 sabato e domenica; 18:15 - 19:20 - 21:20 - 22:25 tutti i giorni; 21:20 martedì; 19:20 - 22:25; martedì, mercoledì, giovedì 0:30 spettacolo notturno ...... ................................................................. INCEPTION Martedì 5 Ottobre_ore 16:10 sabato e domenica; 19:20 - 22:25 tutti i giorni ........................ INCEPTION Martedì 5 Ottobre_ore 20:00 ......IL MONDO DI PATTY Mercoledì 6 e giovedì 7 Ottobre_ore 18:00 - 21:00 .. ....................................................IL MONDO DI PATTY Da venerdì 1 Ottobre_ore 14:50 sabato e domenica; 17:20 - 19:55 - 22:25 tutti i giorni; 0:50 spettacolo notturno ........................... L'ULTIMO DOMINATORE 3D Da venerdì 1 Ottobre_ore 14:10 - 16:20 sabato e domenica; 18:30 - 20:40 ...................................SHREK 4

CINEMA

olimpia via tassoni,4, tel. 0522.292694

Da venerdì 1 Ottobre_ore 22:50 tutti i giorni escluso Lunedì 4 Ottobre_ore 21:00......................................

il martedì ..................................... GIUSTIZIA PRIVATA

.................................. BASILICATA COAST TO COAST

Da venerdì 1 Ottobre_ore 15:05 sabato e domenica; 17:30 - 19:50 - 22:15 tutti i giorni; 0:35 spettacolo

www.cinemaolimpia.com

notturno ................................................... THE HORDE Da venerdì 1 Ottobre_ore 18:30 - 21:30 tutti i giorni

CINEMA

rosebud via medaglie d'oro della resistenza, tel. 0522.555113

www.municipio.re.it/cultura

.............................................................. I MERCENARI

Venerdì 1, Sabato 2 e Martedì 5 Ottobre_ore 20:30 -

Da venerdì 1 Ottobre_ore 14:35 - 16:05 sabato e do-

22:30, domenica anche 15:30 - 17:30 . LA PECORA NERA

menica; 17:15 - 18:45 - 19:55 - 21:20 - 22:30 tutti i

Lunedì 4 Ottobre_ore 20:00......................................

giorni; 23:50 - 1:00 spettacolo notturno....................

......................... I MOSTRI - A SEGUIRE ANIMA PERSA

..................................................... BENVENUTI AL SUD

Mercoledì 6 Ottobre_ore 21:00 ........... E LA NAVE VA

BENVENUTI AL SUD

Nelle sale

THE HORDE

THE AMERICAN

› Titolo originale: Benvenuti al Sud › Nazione: Italia › Anno: 2010 › Genere: Commedia › Regia: Luca Miniero › Produzione: Medusa Film, Cattleya › Distribuzione: Medusa › Cast: Claudio Bisio, Angela Finocchiaro, Luisa Ranieri, Alessandro Siani, Valentina Lodovini, Naike Rivelli, Nando Paone, Giacomo Rizzo, Teco Celio, Fulvio Falzarano, Nunzia Schiano, Alessandro Vighi emake del francese “Giù al nord”, la versione italiana è diretta da Luca Miniero (“Questa notte è ancora nostra”) e vede protagonista Claudio Bisio. Alberto è responsabile dell’ufficio postale di una cittadina della Brianza. Fintosi disabile per ottenere il trasferimento a Milano, verrà scoperto e punito con lo spostamento in Campania. Alberto vi troverà una popolazione ospitale ed affettuosa, che rimetterà in discussione i suoi pregiudizi. Una trasposizione del successo francese sul sempiterno conflitto tra meridione e settentrione italiano, per risate dal copione già visto.

R

› Titolo originale: The Horde › Nazione: Francia › Anno: 2009 › Genere: Thriller, Horror › Durata: 97’ › Regia: Yannick Dahan, Benjamin Rocher › Produzione: Capture The Flag Films › Distribuzione: Fandango › Cast: Eriq Ebouaney, Aurélien Recoing, Jean-Pierre Martins, Jo Prestia, Claude Perron, Yves Pignot, Antoine Oppenheim isposta francese all’horror di “zombie”, la pellicola dei due esordienti Yannick Dahan e Benjamin Rocher, richiama il Rodriguez surreale e incendiario, passando dal giustiziere allo splatter, attraverso l’hard boiled. Nella banlieue parigina, quattro poliziotti corrotti decidono di vendicare un amico. Giunti sul posto, si ritroveranno intrappolati nel palazzo, mentre orde di creature sanguinarie assedieranno la zona. Il mondo è invaso da centinaia di cadaveri che invadono una capitale incendiata. Revisione di un copione già visto, tra morti viventi e cinema d’apocalisse.

› Titolo originale: The American › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Genere: Thriller, Drammatico › Regia: Anton Corbijn › Produzione: Focus Features, Greenlit Rights, Smoke House, This Is That Productions › Distribuzione: Universal Pictures Italia › Cast: George Clooney, Bruce Altman, Thekla Reuten, Irina Björklund, Violante Placido, Paolo Bonacelli, Samuli Vauramo, Filippo Timi, Björn Granath › Noi la pensiamo così: Una pessima prova per Clooney

R

D

iretto dal noto regista di videoclip, Anton Corbijn, che ha già esordito al lungometraggio con “Control”, un thriller vecchio stampo prodotto dallo stesso Clooney. Jack è un killer professionista, deciso a compiere un’ultima missione e ritirarsi. Si rifugerà in un paese dell’Abruzzo a costruire un’arma di precisione, facendo amicizia col prete locale e innamorandosi della bella Clara. Ma il passato verrà a reclamarlo. Una spy story vagamente tedesca, fuori dal tempo e da qualsiasi logica, priva di realismo e dalla lentezza estenuante.


> CINEMA

apollo ALBINEA_via r. morandi, 1 tel. 0522.597510

www.cinemaapolloalbinea.it CINEMA

in provincia

Da Venerdì 1 Ottobre_ore 14:40 - 17:10 - 19:50 - 22:30 Domenica, 19:50 - 22:30 Sabato, 21:15 feriali ......INCEPTION Martedì 5 e Mercoledì 6 Ottobre_ore 21:15.............. ..........................................................LA NOSTRA VITA

emiro RUBIERA_via togliatti, 1

Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:10 - 20:30 - 22:45 Mercoledì e Ve-

www.emiro.net

Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:20 Mercoledì e Venerdì,

tel. 0522.626644

MULTISALA

novecento CAVRIAGO_via del cristo, 5

tel. 0522.372015

www.multisala900.it

nerdì, 15:45 - 18:15 - 20:30 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:30 - 22:45 Lunedì, Martedì e Giovedì......... MANGIA, PREGA, AMA 15:10 - 16:50 Sabato e Domenica............... SHREK 2D Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:15 - 20:00 - 21:40 - 22:50 Mercoledì e Venerdì, 15:00 - 16:40 - 18:15 - 20:00 - 21:40 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:00 - 21:40 22:50 Lunedì, Martedì e Giovedì ..................MORDIMI Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:30 - 20:20 - 21:30 - 22:50 Mercoledì e Venerdì, 15:00 - 15:30 - 17:40 - 18:30 - 20:20 - 21:30 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:20 21:30 - 22:45 Lunedì, Martedì e Giovedì.... INCEPTION Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:30 - 20:30 - 21:30 - 22:45 Mercoledì e Venerdì, 15:15 - 17:15 - 19:10 - 20:30 - 21:15 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:30 - 21:30 - 22:45 Lunedì, Martedì e Giovedì (non in programma alle 20:30 di martedì 5, mercoledì 6 e giovedì 7) . ULTIMO DOMINATORE DELL’ARIA 3D Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:30 - 20:45 - 22:45 Mercoledì e Venerdì, 15:00 - 17:00 - 19:00 - 21:00 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:45 - 22:45 Lunedì, Martedì e Giovedì. .................. UN WEEK END DA BAMBOCCIONI Da Venerdì 1 Ottobre_ore 18:15 - 20:40 - 21:30 - 22:45 Mercoledì e Venerdì, 15:00 - 16:00 - 17:15 - 18:15 - 19:10 - 20:40 - 21:30 - 22:50 Sabato e Domenica; 20:40 - 21:30 - 22:45 Lunedì, Martedì e Giovedì......BENVENUTI AL SUD Martedì 5, Mercoledì 6 e Giovedì 7 Ottobre_ore 20:00 Martedì, 18:10 - 20:30 Mercoledì; 20:30 Giovedì......... ...................................................... IL MONDO DI PATTY

CINEMA TEATRO

forum S.ILARIO D’ENZA_via roma, 8

Martedì 5 Ottobre_ore 21:00 ...................... INVICTUS

CINEMA

tel. 0522.626888

Sabato 2 Ottobre_ore 21:00 ...................................... ..................................... MATRIMONI E ALTRI DISASTRI

CINEMA TEATRO

tel. 0522.611876

Da Venerdì 1 a Domenica 3 Ottobre_ore 21:00 Vener-

nuovo roma CASALGRANDE_via canale,2

dì e Domenica, 22:15 Sabato ..................INCEPTION Sabato 2 e Domenica 3 Settembre_ore 20:30 Sabato, 14:30 - 16:30 - 18:30 Domenica ........ TOY STORY 3

CINEMA

www.cinemateatroexcelsior.it

bismantova CASTELNOVO M._via roma,75

CINEMA

eden

www.cinemaromacasalgrande.it

www.forumcinema.it

excelsior RUBIERA_via trento, 3/D

PUIANELLO_p.zza gramsci, 8/1 tel. 0522.889889

Da Venerdì 1 a Domenica 3 Ottobre_ore 20:30 22:30 Sabato, 17:00 - 19:00 - 21:00 Domenica; 21:30 Venerdì .........................................BENVENUTI AL SUD Martedì 5 e Giovedì 7 Settembre_ore 21:30 ............. ......................................................... I GATTI PERSIANI

CINEMA

tel. 0522.846204

tel. 0522.674748

SALA ROSSA - Venerdì 1 Ottobre_ore 20:15............... ..................... L’ULTIMO DOMINATORE DELL’ARIA (3D) SALA ROSSA - Venerdì 1 Ottobre_ore 22:30............... ......................................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Venerdì 1 Ottobre_ore 20:45 .. INCEPTION SALA ROSSA - Sabato 2 Ottobre_ore 20:15 ............... ..................... L’ULTIMO DOMINATORE DELL’ARIA (3D) SALA ROSSA - Sabato 2 Ottobre_ore 22:30 ............... ......................................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Sabato 2 Ottobre_ore 20:00 - 22:45 .... ..................................................................INCEPTION SALA ROSSA - Domenica 3 Ottobre_ore 15:30 .......... ..................... L’ULTIMO DOMINATORE DELL’ARIA (3D) SALA ROSSA - Domenica 3 Ottobre_ore 17:45 - 20:00 - 22:15 ...........................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Domenica 3 Ottobre_ore 15:15 - 18:00 - 20:45 .......................................................INCEPTION SALA ROSSA - Lunedì 4 Ottobre_ore 21:00 ................ ......................................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Lunedì 4 Ottobre_ore 20:45 INCEPTION SALA ROSSA - Martedì 5 Ottobre_ore 21:00 .............. ......................................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Martedì 5 Ottobre_ore 21:15 ............... ...................................... IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI SALA ROSSA - Mercoledì 6 Ottobre_ore 21:00 .......... ...................................... IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI SALA VERDE - Mercoledì 6 Ottobre_ore 20:45 .INCEPTION SALA ROSSA - Giovedì 7 Ottobre_ore 21:00 .............. ......................................................BENVENUTI AL SUD SALA VERDE - Giovedì 7 Ottobre_ore 20:00 - 22:30 ... ...................................... IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

kaleidos

POVIGLIO via bologna,1 tel. 0522.969386

Domenica 3 Ottobre_ore 14:45 - 16:40 - 18:30 ......... ............................................................... TOY STORY 3

CINEMA TEATRO Da Venerdì 1 a Lunedì 4 Ottobre_ore 21:00 .............. ..................................................................INCEPTION

www.teatrobismantova.it

pedrazzoli FABBRICO_corso roma, 64 tel. 0522.667062

Martedì 5 Ottobre_ore 21:15 ..................................... ...................................... IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

www.teatropedrazzoli.it

a cura di Monica Franzoni e Carlo Vanni

UN WEEKEND DA BAMBOCCIONI

LO ZIO BOONMEE CHE SI RICORDA DELLE SUE VITE PRECEDENTI

I MERCENARI - THE EXPENDABLES › Titolo originale: The Expendables › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Genere: Azione › Durata: 109’ › Regia: Sylvester Stallone › Produzione: Millennium Films, Nu Image Films, Rogue Marble › Distribuzione: 01 Distribution › Cast: Sylvester Stallone, Jason Statham, Jet Li, Dolph Lundgren, Eric Roberts, Randy Couture, Steve Austin, David Zayas, Giselle Itié, Terry Crews, Mickey Rourke, Arnold Schwarzenegger, Bruce Willis, Charisma Carpenter › Noi la pensiamo così: fracassone e a tratti trito, ma decisamente onesto

S

tallone mette in campo una sorta di “operazione nostalgia” riesumando un bel cast di vecchi leoni sempre vivaci, ma lasciati indietro dalle logiche del jet-set del film d’azione per manifesta obsolescenza: trattandosi di un suo film, la miscela non sempre riuscita di azione violenta, dialoghi ironici e sentimentalismo bieco e stereotipato è perfettamente lecito aspettarsela, ed è quello che si avrà. Nel complesso, un film traboccante di adrenalina e buoni sentimenti, molto distante da pellicole sull’argomento più serie ma perfettamente in grado di regalare una serata di onesto divertimento e tante chiacchiere, critiche e non, all’uscita dalla sala.

› Titolo originale: Grown Ups › Nazione: U.S.A. › Anno: 2010 › Genere: Commedia › Regia: Dennis Dugan › Produzione: Happy Madison Productions, Relativity Media › Distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia › Cast: Adam Sandler, Steve Buscemi, Salma Hayek, Maria Bello, Rob Schneider, Kevin James, Chris Rock, Maya Rudolph, Gary Busey, David Spade

A

firma del Dennis Dungan di “Zohan - Tutte le donne vengono al pettine”, una commedia generazionale in versione parodistica. Cinque amici, ex compagni di squadra, si ritroveranno adulti ad onorare la scomparsa dell’allenatore di basket. Trascorreranno il weekend del 4 luglio insieme alle famiglie nella casa sul lago dove avevano festeggiato la vittoria della squadra, scoprendo che crescere non significa necessariamente diventare adulti. Sulla scia di tanti film di genere, una pellicola sceneggiata, prodotta e interpretata da Adam Sandler, in cui spicca il cast femminile: Salma Hayek, Maria Bello e Maya Rudolph.

› Titolo originale: Lung Boonmee Raluek Chat › Nazione: Regno Unito, Tailandia, Francia, Germania, Spagna › Anno: 2010 › Genere: Commedia › Durata: 113’ › Regia: Apichatpong Weerasethakul › Distribuzione: BIM › Cast: Natthakarn Aphaiwonk, Sakda Kaewbuadee, Geerasak Kulhong, Jenjira Pongpas, Thanapat Saisaymar

I

l regista e artista thailandese Apichatpong Weerasethakul (“Gente luminosa”,“Tropical malady”), insiste sulla sua personale visione surreale e metafisica, in una pellicola che ha diviso la Croisette. Affetto da una grave forma di insufficienza renale, lo zio Boonmee decide di farsi riportare a casa ad attendere la morte al fianco degli affetti più cari. Qui ritroverà lo spirito della moglie defunta e il figlio scomparso sotto forma di scimmia dagli occhi rossi. Boonmee intraprenderà un viaggio nella giungla per giungere al luogo in cui è venuto al mondo: la prima di molte delle sue nascite. Il regista ripropone il tema della reincarnazione, trasponendolo in immagini.


Pag.

XVIII

venerdì

settimana

musica

live

É ancora una signora?

VENERDÌ 1 OTTOBRE

l Fuori Orario di Taneto A di Gattatico Filippo Graziani, a Ravenna Bronson The Black Angels, al Covo di Bologna A Toys Orchestra, a Milano Magazzini Generali Tricky.

Tricky

SABATO 2 OTTOBRE

A Gualtieri Tempo Airway e Vanilla Sky, al Fuori Orario Kamafei, a Bologna Estragon Apres La Classe, al Covo Band Of Skulls, a Rimini Velvet Diaframma, a Milano Arcimboldi Steve Winwood.

ApresÊ laÊ Classe

DOMENICA 3 OTTOBRE A Piumazzo Modena Paolo Toso, a Milano Teatro Smeraldo Massimo Ranieri.

MassimoÊ Ranieri

LUNEDÌ 4 OTTOBRE A Cavriago Cantina Garibaldi Stefano Belluzzi, a Milano Alcatraz Brandon Flowers.

1 ottobre 2010 - REPORTER

A 60 anni suonati, la Bertè torna sul palco. Il 9 ottobre al Tunnel DI

MARIANGELA ANCESCHI

D

a sempre uno dei personaggi più controversi della scena musicale italiana, agguerrita e intemperante, Loredana Bertè sarà al Tunnel sabato 9 ottobre per un concerto live che si preannuncia esplosivo. Autrice ed interprete dal 1974 a oggi di ventitre album e decine di successi indimenticabili, riproporrà i migliori brani della sua carriera e le ultime produzioni dell’album “Lola & Angiolina Project” scritto e cantato insieme ad Ivana Spagna. Provocatoria, originale, femminista e trasgressiva ma mai noiosa, Loredana è stata spesso censurata negli anni in alcuni testi delle sue canzoni perché troppo esplicita e all’avanguardia. Lei è una di quelle poche artiste che ha saputo unire nella sua lunga carriera un grande talento interpretativo ad una rara capacità di scrittura di testi. Al Festivalbar

POLITICAMENTE SCORRETTA

Loredana Bertè, una “per cui la guerra non è mai finita”

del 1982 ottiene un consenso clamoroso con “Non sono una signora”, un vero manifesto musicale che si spera non farà mancare in scaletta la sera del

9 ottobre in via del Chionso. Dal vivo propone sempre le sue versioni originali. Ora, a sessant’anni suonati, Loredana Bertè resta una vera e propria

icona del rock al femminile italiano, per dirla con i versi di una sua canzone “una per cui la guerra non è mai finita”. Imperdibile.

Nesli, quando il rap è arrabbiato BrandonÊ Flowers

MARTEDÌ 5 OTTOBRE A Bologna Covo Amiina.

Amiina

MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE A Puianello Cinema Eden Robin Williamson, a Trezzo D’Adda Grinderman, a Bologna Estragon August Burns Red, Bless The Fall e Of Mice.

AugustÊ Burns

Il fratellino di Fabri Fibra “live” da Tosi Dischi il 5 ottobre

A

ppuntamento da non perdere martedì 5 ottobre alle 17 da Tosi Dischi in via Emilia San Pietro, 45/D. Per presentare il suo nuovo disco, “L’amore è qui” (Universal Music), sarà infatti a Reggio il rapper marchigiano Nesli, balzato agli onori delle cronache musicale per il legame di parentela con Fabri Fibra (i due sono fratelli), ma anche per la sua rivalità con Marracash, altro esponente del rap italiano politicamente scorretto. Nesli, nome d'arte di Francesco Tarducci, ha iniziato a “rappare” nel 1999 quando con il più celebre fratello Fabri Fibra ha inciso il demo “Fitte

Da Latte”. Con il nome di Nesly Rice si presenta in quegli anni con uno stile simile a quello di Fibra, fatto di intrecci lirici e metrici, ma con un flow decisamente più scandito e riflessivo. Nel frattempo inizia a collaborare con i Sottotono e con le Piante Grasse. E’ datato 2003 il suo vero album di debutto come solista, “Ego”, seguito l’anno successivo dal secondo disco, “Home”, nel 2007 da “Le verità nascoste” e nel 2009 da “Fragile, Nesliving vol.2”. Nel 2010 apre per Mika al Forum di Milano, mentre in agosto pubblica il singolo “L’amore è qui” che dà il titolo al nuovo disco.

GIOVEDÌ 7 OTTOBRE A Milano Magazzini Generali Goldfrapp. I DISCHI CHE HANNO FATTO LA STORIA (ALTERNATIVA) DEL ROCK di Enrico Rossi

Goldfrapp

F

VENERDÌ 8 OTTOBRE

Al Fuori Orario Itallica, al Manzoni di Milano Enrico Ruggeri, a Bologna Covo Mistery Jets, a Roma Stadio Olimpico U2.

EnricoÊ Ruggeri

SABATO 9 OTTOBRE Al Fuori Orario Asilo Repubblic, alla Latteria di Bagnolo Al Valenti, a Bologna Estragon Hayseed Dixie.

AsiloÊ Repubblic

SO TONIGHT THAT I MIGHT SEE MAZZY STAR Pubblicazione: 1993 10 brani

Tracklist: Fade into you”- 4:55 "Bells Ring" – 4:32 "Mary of Silence" – 6:02 "Five String Serenade" – 4:24 "Blue Light" – 5:10 "She's My Baby" – 4:25 "Unreflected" – 3:42 "Wasted" – 5:31 “Into Dust”– 5:36 "So Tonight That I Might See" – 7:19

initi i Cure, morti i Joy Division ed esalato l’ultimo respiro del grunge, chi rimase a prendersi cura delle povere anime disperate nel mondo del rock? Proprio loro, i Mazzy Star e il loro folk rock disturbato con sprazzi di alt-rock da perfetti antieroi del romanticismo. “Fade into you”(4:55) è una gemma assoluta che risplende di luce propria, incantandoti fin da subito con quell’atmosfera sognante, passiva e disarmante. Una chitarra slide che sottolinea tristezza e perdita, cullandoti dolcemente mentre pensi alla persona che ami e che non avrai mai tra le tue braccia. “Into Dust”(5:36), invece, è un classico esempio di quel slowcore di cui i Mazzy Star

sono portatori sani. Un brano scuro quanto la notte, torbido come l’incubo nel quale ti scaraventa, quasi fosse una stanza senza luce che non ti permette di venirne fuori vivo. Ma non c’è solo folk acustico contaminato da ricchi feedback in questo album, anche chitarre ritmiche pastose che si insinuano “lente” e leziose nelle strofe di “Bells Ring”(4:32) o “Wasted”(5:31), quasi fossero una danza del ventre o il sottofondo per un rituale d’accoppiamento. Fastidiosi in “She’s my baby”(4:25), seducenti in “Unreflected”(3:42) e in generale l’unico antidoto contro il dolore per un amore non corrisposto. Una medicina per il cuore e l’anima.

- Prima di dare vita ai Mazzy Star, il chitarrista David Roback suonava negli Opal e, durante un tour con i Jesus and Mary Chain, si trovò senza la cantante del gruppo che venne sostituita da Hope Sandoval. - Sia “Fade into you” che “Into Dust” sono stati brani di enorme successo e inseriti in numerose colonne sonore di film e telefilm come: Starship Troopers, giovani carini e disoccupati, OC, Angus, Dr. House, Roswell, Cold Case, CSI… - Hope Sandoval ha recentemente collaborato con: Massive Attack, Chemical Brothers e Death in Vegas.


venerdì

1 ottobre 2010

Pag.

- REPORTER

la playlist

musica L’Ozzy Osbourne italiano L'ex cantante dei Vanadium Pino Scotto il 23 ottobre al Coralllo DI

XIX

MAVIS STAPLES

1

“You are not alone”

PAOLO BARDELLI

Q

uesta canzone è dedicata alla nostra tournée in Giappone, e si chiama Banzai". Potrebbe essere una battuta di Aldo, Giovanni e Giacomo, e invece è una frase realmente sentita nell'88, al concerto dei Vanadium di spalla ai Deep Purple. Chi la pronunciò era Pino Scotto, indimenticabile frontman della hard-rock band italiana per eccellenza e poi solista di lusso. Pino Scotto che sarà in concerto sabato 23 ottobre al Corallo di Scandiano (RE): è comunque un appuntamento. Sì perché Pino Scotto si è saputo riciclare come "vecchio rocker" italiano al pari di Ozzy Osbourne, uno di quelle che ne ha viste tante e che ora può raccontare i suoi aneddoti ai ragazzini, su MTV o su RockTv dove conduce una trasmissione, o sulle pagine del Rolling Stones. Una vera icona del rock pesante. Ma - visto che si sta parlando di un concerto - ci interessa

BRIAN WILSON

“Reimagines Gershwin”

3 THE GASLIGHT ANTHEM “American Slang”

IL RUGGITO DEL ROCKER

Pino Scotto, la risposta italiana alle band heavy metal americane

di più il suo lato da musicista: nel 2010 Pino Scotto ha fatto uscire un nuovo disco solista, intitolato "Buena suerte", segno che non si è stancato

per niente del rock'n'roll e di tutte le sue declinazioni. Buona strada, Mr. Scotto, con lo pseudonimo che si è scelto non avremmo scommesso un

cent su di lei, mentre dobbiamo attestare che è ancora qui a suonare il rock, e non è proprio poco. Info: www. corallodisco.it.

Giovani band al Fuori Orario

I

Inizia a Taneto la rassegna “OutOctoni” con gruppi di base

nizia venerdì 1 ottobre al Fuori Orario di Taneto “OutOctoni”, rassegna di band e artisti emergenti di Reggio Emilia e Parma che ha come obiettivo principale la valorizzazione del sottobosco musicale nostrano, con particolare attenzione alla dimensione giovanile. Gruppi e cantanti emergenti reggiani e parmigiani, selezionati da Arci Reggio, saranno dunque protagonisti di un concerto di 45-50 minuti sul palco del Fuori Orario a partire dalle ore 21.30 di quei venerdì e sabati in cui le loro esibizioni saranno tecnicamente compatibili con i contigui show degli artisti «headliner» alle 22.30. Il primo appuntamento di «OutOctoni» è fissato per venerdì 1 ottobre con il 33enne cantautorepolistrumentista Maurizio Pa-

2

rascandolo, che arriva da San Martino in Rio e può vantare un diploma in contrabbasso ottenuto al conservatorio Tomadini di Udine. Alla voce e alla chitarra classica amplificata, il raffinato Parascandolo porta in scena canzoni proprie, accompagnato dal vivo da Elisabetta Salerno al flauto traverso e Andrea Cerè al contrabbasso. Il concerto è posto in apertura del tributo dedicato a Ivan Graziani dai figli Filippo e Tommy Graziani. La rassegna continuerà in ottobre con altre quattro date: sabato 9 i Velodimaya, venerdì 15 gli Zeffjack, venerdì 29 le StereoType, sabato 30 i ManìnBlù. Ingresso riservato ai soci Arci, con consumazione obbligatoria a 12 euro e aperitivi gratuiti dalle 20 alle 21; info www.arcifuori.it.

SCISSOR SISTERS “Night Work”

5 JOHN LEGEND & THE ROOTS “Wake Up”

6 INCOGNITO “Transatlantic R.P.M”

7 TOM PETTY & THE HEARTBREKERS RUMORE ROSA

“Mojo”

Le Stereotype, giovane rock band al femminile

NACHO FEVER– “NERVOUS AS CHAINED MONKEYS” Sono ritornati i Nacho Fever con un nuovo album pieno zeppo di sfavillante surf brit’n’roll come solo loro sanno maneggiare. Ebbene sì, “Nervous as Chained Monkeys” sembra raccontare una storia ai limiti della fantascienza dove Troy Cotenna, Nigel Baboon e Violetto Kindergarden ne sono i protagonisti assoluti con il loro surf garage essenziale. Sembra proprio che un esercito di scimmie spaziali con tanto di kimono vaghi indisturbato nel lettore cd mentre si ascolta “Delivery of the Space Ape” e “Turn it Up”

4

incalza velocemente facendo diventare tutto piacevolmente soffocante. Dei Beach Boys deviati con quel ritornello solare che recita semplicemente:“papa-pa-papppa” in “Dating a Business Woman” e alla fine sai benissimo che lo canticchierai in macchina andando al lavoro o sotto la doccia. I Nacho Fever riescono così a trascinarti nel loro mondo fumettistico e folle dove dei Troggs più rovinati si incontrano per una jam session assieme a dei giovani Libertines senza la spocchia di Doherty. I Nachi si concedono anche un paio di strumentali giusto per sconcertare e sconvolgere nuovamente il loro sound utilizzando un organetto seventies e facendo il filo a una certa psichedelica squilibrata.

di Enrico Rossi

Il singolo “Time on my hands” sfodera un melodia semplice ma veramente accattivante che ti fa muovere la testa e urlare. Troppo breve e sei già lì a schiacciare play di nuovo. E se non bastasse c’è pure un gustoso video “black and white” animato su youtube che esprime al meglio anche l’immaginario visivo della band. Cori da giovani punkers convertiti al “garagesimo” nella conclusiva “Can’t Leave Me Out” che potrebbe essere la perfetta colonna sonora per un B-movie da drive-In. Un piacevole gioiellino di casa nostra, racchiuso in una piacevole confezione dalla grafica minimale, perché anche l’occhio vuole la sua parte.

8 MIKE PATTON “Mondo Cane"

9 PAUL WELLER “Wake up the Nation”

10 THE DIVINE COMEDY “Bang Goes The Knighthood”


CAMPIONATO ITALIANO PESI SUPERLEGGERI 10x3

Venerdì 24 settembre, Biblioteca delle Arti, Reggio Emilia

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI DAVIDE BENATI

I

PIANTE E ANIMALI PERDUTI

Martedì 28 settembre, Fonderia, Reggio Emili

a

IL CORPO CHE NARRA

SERVIZI

FOTOGRAFICI COMPLETI E TANTO

DEGLI

w w w. r e p o r t e r . i t

Sabato 25 e domenica 26 settembre, Guastalla (RE)

Venerdì 24 settembre, Palazzetto dello Sport, Parma

rico, Reggio Emilia

Mercoledì 22 settembre, Centro Sto

CINETICA 2010

EVENTI DELLA SETTIMANA

ALTRO ...

SUL NOSTRO

SITO

Mercoledì 22 settembre, Teatr

o Valli, Reggio Emilia

CONAF - XIII CONGRESSO NAZIONALE DE DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FOR I ESTALI

Martedì 21 settembre, Reggio Emilia

LA NUOVA VITA DEL "LOMBROSO"


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

31

SPECIALE SANT'ILARIO D'ENZA PROGRAMMA

FIERA DI OTTOBRE 2010 - “SANT’ILARIO SI VESTE D’ANTICO” DA VENERDÌ 8 A MARTEDÌ 12 OTTOBRE Nelle Piazze del Centro Luna Park

MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE Ore 21 Cinema Teatro Forum “Ci sono tanti modi per dirlo” Compagnia Teatro “L’attesa”, con Daniele Castellari e Luca Giovanni Luppi - Ingresso 3 €

SABATO 9 OTTOBRE Via Roma, e strade limitrofe Mercato settimanale Ore 18 Via Ferrari 7, sede dell’Associazione Itinere Inaugurazione della mostra “Sant’Ilario in 20 scatti” Esposizione delle opere degli allievi del laboratorio fotografico organizzato da Itinere e dal Comune di Sant’Ilario presso il Centro Culturale Mavarta Orari di apertura: sabato dalle 18 alle 19.30 domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19

PULIZIE UFFICI, CONDOMINI, CAPANNONI INDUSTRIALI APPARTAMENTI ANCHE ABITATI. CONSULENZA E PREVENTIVI GRATUITI

PRECISIONE E QUALITÀ

ELITE

DI TARONI FRIDA VIA CASONI, 10 - MONTECCHIO TEL. 0522.902036 - 337.569565 - frisail@libero.it


Pag.

32

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE SANT'ILARIO D'ENZA Ore 21 Via Roma “Aspettiamo la fiera sotto le stelle” Negozi Aperti – Musica ed attrazioni a cura dell’Associazione Meglio S.Ilario Centro Culturale Mavarta Premiazione del 4°Concorso Di Poesia In Dialetto Reggiano organizzato dal Comune di Sant’Ilario, dall’Associazione Culturale “Il Paese che Canta” e dalla Compagnia “Fóm la Fam”

DOMENICA 10 OTTOBRE Via Podgora e zona Grattacielo Mercato dell’antiquariato Via Roma e strade laterali Mercato straordinario fiera Via Roma, Cortile Simoni Una domenica allo stallo Pigiatura dell’uva all’antica. Cottura del mosto e preparazione del sugo a cura della Compagnia Fóm la Fam All’Osteria de “Il Paese che Canta” si mangia e si canta in compagnia “Il mercatino dello Stallo” in collaborazione con Auser Pane, dolci autunnali, prodotti tipici, sapori e profumi

della nostra terra Antonio e gli amici della fattoria Via Roma Presso lo studio Foto Fontax Il “Comitato Impresa Sensibile Cna Val d’Enza” organizza Insieme Per Solidarietà “Metti La Testa A Posto …. Ed Una Mano Al Cuore” Acconciatori – estetisti – fotografi di Sant’Ilario d’Enza insieme per una manifestazione di impegno sociale, solidarietà e professionalità a favore della Croce Bianca per il progetto della nuova sede “Realizziamo un Sogno … Insieme” Via Roma, P.le Mefa Esibizioni di arti marziali Ore 16 Karate e difesa personale Ass.ne Nishijama – M° Marco Chiminazzo Ore 17 Aikido Ass.ne Aikido insieme S.Ilario M° Nehme Michael 7° dan Via Roma 34 Mercatino della Caritas Cose di altri tempi e curiosità Via Roma 20 presso il Centro Sociale Airone I centri in festa Punto ristoro con gnocco, salumi e erbazzone esposizione di prodotti artigianali realizzati dal il laboratorio “La Tavernetta” Via Libertà L’angolo dei giochi di Dimitri e Nicoletta Dimostrazioni di Yu-Gi-Oh, Wizard of Mickey (WOM), Dungeon and Dragons (D&D) e tanto altro. Mercatino delle Carte e Centro Iscrizioni del “Mavarta Team” Via Matteotti Mostra fotografica Sant’Ilari ‘D’na Volta” Collezione di Giampietromaria Mantovani Via Carso Ore 10 10° torneo “Hospitale S.Ilarii” Gara di Tiro con l’Arco in costume a cura del gruppo Arcieri Val d’Enza ore 16.30 premiazioni Via Ferrari- angolo Via Podgora Cortile Itinere Punto informativo sui corsi di lingua , pittura, fotografia organizzati dall’Associazione in collaborazione con il Comune di Sant’Ilario

Via Emilia, 43/A - CALERNO di S. Ilario d’Enza - RE - Tel. 0522.679345 - Fax 0522.679843

Via Roma 84 Punto informazioni del comune Con le associazioni di volontariato


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

33

SPECIALE SANT'ILARIO D'ENZA Informazione pubblicitaria

Insieme per solidarietà Arriva anche a Sant’Ilario l’iniziativa che unisce bellezza e spirito di assistenza

A

ll’interno di quella che, da oltre cinquant’anni, è la maggiore festa del Paese,Domenica 10 ottobre 2010, per tutta la giornata, presso lo Studio fotografico Foto Fontax Situato proprio al centro del Paese si effettuerà la manifestazione “Insieme per Solidarietà”, un’iniziativa di impegno sociale,solidarietà e professionalità, per raccogliere fondi in favore della costruzione della nuova Sede della Croce Bianca di Sant’Ilario d’Enza. L’intento è quello di far diventare l’Iniziativa, nuova per Sant’Ilario ma già collaudata con successo in altri Comuni della Val d’Enza, un appuntamento fisso votato alla solidarietà, all’impegno sociale, alla ricerca di una maggiore sensibilità e qualità per il territorio. Fiduciosi del fatto che nei nostri territori non viene mai meno, l’impegno per tutto ciò che riguarda il tema del sociale inteso

nel senso più lato del termine. Diventa quindi di estrema utilità il concorso di tutte le componenti per raggiungere obiettivi importanti com’è quello della costruzione della nuova sede della Pubblica Assistenza, che comporterà un onere rilevante, alla copertura del quale siamo tutti chiamati a partecipare. Il Comitato è costituito da acconciatori, parrucchiere, estetiste, fotografi, con la collaborazione di sponsor e aziende sensibili. È data la possibilità di contribuire a tutti, possono avere un ruolo partecipativo anche studi medici, laboratori di prelievi, centri di cura e di terapie, e tutte quelle attività commerciali e non, che comunque abbiano a cuore il successo dell’iniziativa. Pensiamo che una comunità socialmente ed economicamente evoluta, come la nostra, diventa importante il buon funzionamento di un’attivi-

LE “TERRE” DI BARANI

Sabato 2 ottobre alle ore 17.00, presso il Centro Culturale Mavarta di S. Ilario, si terrà l’inaugurazione della mostra “Terre” dell’artista Bruno Barani. Il titolo al plurale si riferisce alla varietà complessa delle terre plasmate dall’opera incessante della natura, del tempo e dell’uomo. Terre segnate dalle città e dai campi arati e coltivati; terre bagnate dall’acqua e dalla rugiada; terre avvolte dal cielo stellato, lambite dal tramonto e dall’alba; terre colorate dal grano, dalle tinte calde dell’autunno o bianche di neve; terre illuminate dalla luna. Il lavoro di Barani vuole fissare e restituirci tutto ciò attraverso composizioni dove le carte, l’oro e le tecniche miste si fondono in opere di grande equilibrio e suggestione. A ognuno degli otto quadri di medie dimensioni viene accostata un’opera di piccolo, se non piccolissimo, formato in un intrigante gioco di citazioni e rimandi a volte cercati, più spesso casuali. “Terra la forma nata e lasciata / a dire se stessa in modo diverso.” Così scrive Catia Magni, poetessa e pittrice, nella intensa e illuminante lirica che ha

composto appositamente per il catalogo della mostra organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Sant’Ilario e aperta fino al 23 ottobre. Bruno Barani risiede a Montechiarugolo. Architetto e insegnate, dal 1982 si occupa di progettazione grafica. Dal 1996 espone in spazi pubblici e privati; tra le sue personali si ricordano, fra le altre, “L’oro, il nero” alla Galleria San Ludovico di Parma nel 2003 e “Vento leggero che parli” alla Correggio Art Home di Correggio nel 2009. Ha pubblicato e illustrato in edizioni fuori commercio (Edizioni Bruno e Manuela Barani) opere di artisti, scrittori e saggisti. La mostra, a ingresso gratuito, resterà aperta fino al 23 ottobre. Orari di visita: martedì, mercoledì e venerdì ore 15-19; sabato ore 15,30-18,30; domenica 10 (Fiera d’Ottobre) ore 10-12,30 e 14-18. Per informazioni: Centro Culturale Mavarta, via Piave 2 Sant’Ilario d’Enza. Tel. 0522671858 www.mavarta.it

LA PUBBLICA ASSISTENZA CROCE BIANCA

tà integrativa al servizio Sanitario, quale quella svolta dalla Pubblica Assistenza Croce Bianca. Per tutta la giornata del 10 ottobre 2010 dalle 9 alle 19 acconciatori ed estetiste si porranno al servizio di tutti coloro che vogliono ritoccare, rinnovare o trasformare la loro immagine. Chiunque potrà utilizzare l’abilità e l’esperienza di qualificati professionisti che

hanno accettato di operare per questa lodevole finalità. Gli organizzatori faranno visita agli imprenditori e a tutti coloro che vorranno aderire all’iniziativa, per una raccolta di fondi da destinare al progetto. Durante la fiera sarà presente nei pressi della manifestazione uno Stand della Croce Bianca dove chiunque potrà contribuire

Costituita nel 1981 per scelta di un piccolo gruppo di volontari, con il fine di operare nel settore dei trasporti sanitari e sociali, a favore della popolazione residente nella nostra zona, ha nel tempo registrato uno sviluppo, ed assunto dimensioni tali da rendere improcrastinabile

la realizzazione di una sede adeguata alle esigenze attuali e dell’immediato futuro. Nel prossimo anno 2011 la Croce Bianca in occasione dei festeggiamenti per il trentennale di Fondazione, se tutto procederà come ipotizzato, vi sarà l’inaugurazione della Nuova Sede.

direttamente. Tutto il ricavato dell’iniziativa (nessuna spesa sarà sottratta) sarà devoluto in favore del progetto “Realizziamo un Sogno…. Insieme” che ha per scopo, appunto, la costruzione della nuova sede della Croce Bianca di Sant’Ilario d’Enza già in via di realizzazione, visibile in via Fellini, vicino alla sede dei Vigili del Fuoco.

Per ulteriori informazioni su “Insieme per Solidarietà”: Marino Rossi Vice Presidente CNA Val d’Enza cell. 338.6523931 Mirco Pisi Responsabile CNA Rappresentanza Territoriale Cell. 333.2609775 Teresa Salvino Responsabile Provinciale CNA Benessere e Sanità cell. 340.1860995


Pag.

34

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

CALCIO

Una squadra in crescita Mister Mangone ha trovato la “quadra”. Aspettando il vero Beppe Alessi DI

ANDREA VACCARI

S

arà una Reggiana rinfrancata quella che scenderà in campo domenica allo stadio comunale di Lumezzane. Intendiamoci, il recente pareggio a reti inviolate ottenuto contro il Verona non ha certo fatto strappare i capelli ai tifosi (contentissimi però per la riapertura del settore distinti), ma ha confermato un dato innegabile: i granata sono in crescita. La squadra di Mangone infatti è reduce da tre risultati utili consecutivi, che hanno rilanciato la Reggiana in classifica, ora in piena zona play off a nove punti. Una Reggiana che ormai appare più solida rispetto all'inizio della stagione (quando la difesa era in apprensione costante), con un equilibrio ben preciso che è frutto dell'abile lavoro dell'allenatore, che ha saputo forgiare un “undici” dotato di una precisa identità. A questo punto della stagione non è ancora arrivata l'esplosione del fantasista Alessi, che quest'anno sembra faticare ad ingranare la marcia giusta. Con una squadra più quadrata, però, c'è da aspettarsi che Beppe torni prima o poi ad esprimersi sui suoi consueti livelli, regalando giocate da “numero dieci” a cui ha abituato i tifosi in questi anni.

FIRMA, NON FIRMA, FIRMA... Se ne parla da mesi, l'argomento tanto inflazionato ha quasi irritato i tifosi, stanchi di tira e molla che non si sono mai concretizzati. Eppure, questa volta ci siamo. In questi giorni sarà infatti definito una volta per tutte il passaggio della società nelle mani del gruppo con in testa il commercialista Alessandro Barilli. Si conclude così un'esperienza più che positiva condotta da un pool dirigenziale (quello composto da cooperative e industriali, seppur in modi e con pesi diversi) che in poche stagioni ha saputo (oltre che portare la squadra dalla C2 a un passo dalla B) fare della Reggiana una società pulita e appetibile.

TRE GOL, OTTO PUNTI La squadra guidata da Nicola (ex giocatore di serie A) staziona attualmente a metà classifica, e il suo rendimento

sinora è stato piuttosto altalenante. I rossoblù lombardi infatti hanno saputo alternare ottimi risultati a prestazioni più deludenti. ra l'altro, dopo aver incontrato la Reggiana, potranno “vantarsi” di aver già incrociato la strada, a questo punto della stagione, con le prime cinque della classifica. I bresciani sono stati in grado di battere la capolista Spal e di andare ad espugnare il non facile campo della Salernitana, mentre invece hanno dovuto soccombere sempre in casa contro l'Alessandria (batosta per 3-0) e nell'ultima trasferta di campionato, a Cremona. Questi risultati sono stati intervallati dai pareggi con Pavia e Pergocrema. Una curiosità? Gli otto punti in classifica sono frutto di soltanto tre reti segnate.

LAURIA, ANCORA TU? Ha giocato in granata soltanto una stagione, ma c'è da scommettere che gli sportivi

LEADER CERCASI Giuseppe Alessi sembra chiedersi il motivo di un inizio di campionato non all'altezza della sua fama

appassionati di calcio se lo ricordano bene. L'attaccante Fabio Lauria è uno dei giocatori rossoblù che domenica sfiderà la Reggiana, e a lui sono legati significativi ricordi dell'ultima stagione della “vecchia” Reggiana, portata

WikiregiA

Matteo Iori di diMatteo Iori

La (rigorosamente falsa) libera enciclopedia granata

al fallimento dalla gestione Foglia. L'attaccante di origine napoletana infatti è stato protagonista dell'ultima partita di quell'anno, la semifinale playoff che la squadra di Giordano disputò ad Avellino, mettendo a segno una doppietta. I suoi

Gli inizi Barilli, grande tifoso della Reggiana (suo nonno ne fu portiere negli anni ’20, suo figlio milita nelle giovanili granata e pare che abbia chiamato i suoi cani Boranga e Passalacqua), si è affacciato sulla scena la scorsa primavera. Il sindaco Graziano Delrio, dopo aver annunciato pubblicamente di avere a mano alcuni giovani imprenditori disposti ad entrare nella Reggiana per scongiurarne la cessione a Piero Santarelli o ad altri avventurieri forestieri, ha dovuto inventarsi qualcosa per coprire il palese bluff. Mentre spulciava sconfortato l'agendina, gli è saltato all'occhio il nome del vecchio amico dei tempi dell'oratorio. Con l'entusiasmo di un condannato a morte, Barilli ha risposto"Obbedisco" e si è messo a caccia di partner da arruolare nell'avventura per garantire un

futuro alla Regia.

La ricerca Il problema è che, appena si è sparsa la voce, gli imprenditori locali hanno cominciato a barricarsi in casa, staccare il telefonino, darsi malati, ordinare alle segretarie di dire che sono sempre in riunione, fuggire all'estero e, nei casi più estremi, fingere premature scomparse. Quando si dice la passione per i colori granata. Barilli tuttavia non si è dato per vinto e, travestendosi di volta in volta da postino, lettore dei contatori dell'Enel, venditore di spazzole, boyscout, testimone di Geova, ha continuato indefesso a bussare a centinaia di porte, purtroppo invano.

L’idea Così, dopo settimane di infruttuosa questua, il professionista si è ritrovato con appena un paio di adesioni - quelle di Claudio Campani, reuccio delle concessionarie d’auto, e del costruttore edile Tommaso Villirillo – con le quali sarebbe stato possibile iscriversi giusto al campionato amatori del C.S.I. Ecco allora il colpo di genio: offrire alle coop un terreno edificabile in Romania di proprietà di alcuni suoi amici imprenditori per ricavare le risorse da investire nella Reggiana. La prospettiva di andare a fare

affari in Transilvania non ha però mai entusiasmato Ildo Cigarini e la sua cerchia. Il segretario generale di Legacoop Mauro Degola, in una lettera inviata ai giornali locali all’inizio dell’estate, ha simpaticamente ribattezzato Barilli “Alfagaquell” rimproverandolo più o meno di voler fare anche lui – come i vari Santarelli, Agnello & company – il finocchio col culo degli altri, cioè di prendersi la Reggiana con i soldi delle coop.

La trattativa Un colpo durissimo, che tuttavia non ha scalfito la volontà del professionista reggiano, deciso a portare a compimento l’arduo mandato e stoicamente consapevole del pacco rifilatogli dall’amico sindaco. È cosi proseguita la telenovela con le cooperative, amori, intrighi e delitti all’ombra dello stadio Giglio, tra summit veri e presunti, bilanci da analizzare e subissanti telefonate da parte dei giornalisti smaniosi di poter annunciare che la Reggiana ha finalmente un nuovo padrone. Al motto di “La prossima settimana sarà quella decisiva” è terminato un campionato, è trascorsa l'state, è entrata nel vivo la nuova stagione agonistica e si è così giunti ai giorni nostri, con la firma ancora in sospeso, in attesa di rifinire gli ultimi (?) dettagli.

di recupero nella trasferta di Giulianova. I reggiani si ricorderanno anche di Andrey Galabinov, che tre stagioni fa giocava in serie D con la maglia del Castellarano. Per lui, in quel campionato, diciotto presenze e due reti.

Così per Sport Si può fare

LA CORDATA BARILLI Alessandro Barilli è un 46enne professionista reggiano specializzato nel settore della rendicontazione contabile in predicato di diventare il nuovo amministratore delegato della Reggiana, quale punto di riferimento della cordata che dovrebbe rilevare la proprietà del club. Da qualche tempo ha smesso di fare la spesa alla Coop.

due gol si rivelarono inutili ai fini della qualificazione, ma contribuirono a mettere in evidenza le sue qualità. Nel corso di quella stagione Lauria mise a segno anche un altro gol importante che decretò la vittoria nei minuti

DI

ENRICO LUSETTI

C

onfermo e rinnovo quanto già scritto, cari amici di Reporter, e detto. Al banchetto di questo orrido campionato di Lega Pro, uno dei tornei fin qui più brutti e improponibili che memoria d'uomo rammenti, ci può stare anche la nostra Reggiana. Spezia, Verona e Cremonese (io mi sono sorbito anche l'oscena pellicola andata in onda a Pavia) dal vivo, Spal in tivù. Beh, le prime tre valgono i granata. Sì, forse Cipriani e amici hanno qualcosina in più, questione però di mignoli, non certo di bicipiti. Ce la giocheremo. Soprattutto ora che abbiamo sistemato le cosucce là dietro. Dove Mei è un gigante, alla faccia di chi, cuore ingrato, gli ululava sul grugno robe da codice penale quando, l'anno passato, rispose obbedisco andando a ricoprire un ruolo non suo solo perchè la squadra ne aveva bisogno. Ah, perchè Saverino centravanti che figura di bida avrebbe ricoperto? E Pablito

Rossi difensore centrale, sicuri che sarebbe divenuto l'eroe della Sud? Dicevo di Mei, ma c'è anche capitan Zini in crescendo, un Iraci sempre più attento e intraprendente, un D'Alessandro fin qui lietissima sorpresa. Forse i rincalzi, soprattutto sulle corsie esterne, qualche dubbio ce lo lasciano, ma finora la truppa gode di ottima salute, per cui tocchiamo ferro. In mezzo c'è un Romizi super che addirittura costringe alla panca un vip come Viapiana, mentre in attacco parte dalle retrovie uno come Maritato che si è già regalato ben due gollettini. Insomma, abbiamo perso Girelli e Anderson, Stefani e Nardini, eppure l'impressione è che i play-offs anche quest'anno siano tutto tranne che una chimera. Merito del lavoro della società e dell'allenatore, certo. Demerito però, bisogna essere sinceri, anche dei nostri avversari, che sono tutto tranne che colossi. Altri due flash importanti, prima di lasciarvi. Non so come possa la Reggiana stimare che ci fossero 2.500 ragazzi domenica allo

stadio. Ve lo dico io. Hanno tirato ad indovinare. Esagerando. Ristabilita la verità, visto che orbi ancora non siamo, l'iniziativa ha comunque avuto un grande successo. Se Maometto non va alla montagna, bisogna portare la montagna da Maometto. E allora rifatelo. Le discoteche che fanno fatica ad attrarre pubblico, fanno entrare gratis le fanciulle. E tante fanciulle, come le api col miele, attirano tanti maschietti. Voi fate venire i bimbi gratis, cari dirigenti. Che, vedrete, portano come minimo i loro genitori. I quali, invece, pagano. Ultimo blitz sulla società. Ma quando si firma? Ma chi c'è dietro Barilli? Ma quanti sono esattamente i debiti del club? Ma per quanto tempo i fornitori non pagati da mesi porteranno pazienza? Ma perchè Barilli se la vuole acquistare? Ma perchè il sindaco e le coop, che fanno parte dello stesso schieramento politico, non si mettono d'accordo? Mamma mia quanti perchè...


venerdì

1 ottobre

Pag.

2010 - REPORTER

35

BASKET

“Critiche ingiuste” Piero Coen attacca i giornali e lancia la Trenkwalder: “A Jesi non partiamo battuti” DI

VALERIO BENASSI

N

on è stata una Coppa Italia all’altezza delle aspettative, dobbiamo ammetterlo. La Trenkwalder vista in via Guasco è apparsa una squadra abulica, senza nerbo e carattere e soprattutto priva di, tanto per citare qualcuno, Slanina, Kudlacek, il capitano Frosini e con Frassineti inutilizzabile per la maggior parte dei match per un problema alla caviglia. Insomma, il “solito” problema degli infortuni è arrivato di nuovo a bussare alla porta della Pallacanestro Reggiana. La squadra ha offerto uno spettacolo scarso, è vero, ma iniziare la stagione già privi delle pedine fondamentali non è di buon auspicio. Lo sa bene Piero Coen, il coach marchigiano che mal ha digerito le critiche piovute addosso alla squadra all’indomani del Q-Round di Coppa Italia, ed ora è ben deciso a dire la sua.

Coach, come vi sentite dopo le due sconfitte in Coppa Italia? “Sono state due brutte partite, lo ammetto, e non posso avere impressioni positive. Non cerco alibi, ma mi rimetto ai dati oggettivi: abbiamo giocato senza Slanina, Frosini, Kudlacek e Frassineti. A questi livelli si sente, eccome. Mi hanno dato molto fastidio le critiche di alcuni giornalisti, gli stessi che ci elogiavano dopo la partita con Pistoia e l’amichevole di Milano. Addirittura qualcuno ha scritto che non ho fatto giocare Kudlacek per motivi disciplinari. Assurdo”. Ma abbiamo visto anche una squadra priva di carattere nei momenti topici del match. “Ripeto, quando vengono a mancare pedine così importanti è difficile riorganizzare la squadra. Quando saremo al completo, allora potremo riparlarne”. Come è la situazione infortuni? “Non positiva. Slanina tornerà in palestra non prima della prossima settimana, Verri e Defant sono influenzati e stiamo tentando di recuperare Frosini e Kudlacek in tempo per Jesi. Ma in ogni caso non potranno garantire un rendimento alto, visto che vengono da un periodo di inattività. In ogni caso non partiamo battuti e proveremo comunque a vincere, come è ovvio”. Ha avuto modo di conoscere il

quintetto dei nostri avversari? “Jesi è sempre una cliente difficile, ha costruito un quintetto importante, e le qualità di Maggioli e Pecile le conosciamo tutti. In più, stanno bene, cosa da non sottovalutare”. E delle altre squadre di Legadue cosa ne pensa? “Vedo cinque squadre di prima fascia: Venezia, Barcellona, Veroli, Casale e la già citata Jesi (di cui è un ex, ndr). Poi il campionato è tutto ancora da giocare, e come ogni anno ci saranno sorprese, in negativo e in positivo”. E la Trenkwalder in pieno organico dove la colloca? “Posto che la squadra non è stata costruita per la promozione, avendo tutto il roster in forma potremmo diventare la sorpresa del campionato. Ma adesso sono solo parole, aspettiamo di trovare equilibrio e, soprattutto, i giocatori. Attualmente non riesco a lavorare al 100%”. Come è fino adesso il suo primo impatto con la Lega A? “Positivo, senza dubbio. Lavoro in una società seria, e cerco di dare il meglio. E’ meno positivo il fatto di questi infortuni che ci hanno tagliato le gambe e che siamo stati stroncati quasi senza appello dopo essere stati incensati solo pochi giorni prima. Ma fa parte del gioco. Dico solo una cosa: aspettiamo a giudicare”.

“IL POLLICE VERSO” DEL COACH Piero Coen boccia la stampa reggiana per le critiche dopo la sconfitta in Coppa Italia

AL VIA UN CAMPIONATO PIENO DI EX A scorrere i roster della nuova stagione di LegaDue sembra quasi di avere a che fare con un campionato di ex, perché praticamente in ogni squadra c’è un giocatore che in tempi recenti ha vestito la casacca biancorossa, da Alvin Young a Paul Marigney, da Filippo Masoni a Matteo Maestrello. A parte le analogie, dobbiamo registrare una novità da brividi, cui già abbiamo accennato nelle scorse settimane: non esiste più la promozione diretta in serie A, ma la squadra che termina al primo posto la regular season dovra passare di nuovo attraverso la gogna dei playoff. Le più accreditate, sulla carta, rispondono ai nomi di Venezia (con l’ex

Ascensore Sportivo

Paul Marigney

Filippo Masoni

Matteo Maestrello

Young, Di Giuliomaria e Slay), Barcellona (con il letale Crispin e Hicks) e la giustiziera di Reggio Emilia, Veroli. Un gradino più in basso troviamo Casale, la rediviva Rimini (con l’immancabile Scarone e il nuovo

acquisto Vukcevic) e la nostra prossima avversaria, Jesi. Come la storia insegna, le previsioni sono fatte per essere disattese, e il campionato di Legadue è noto per clamorose sorprese e ancor più clamorose debacle. E

la Trenkwalder? Ci sentiamo sulla stessa lunghezza d’onda di coach Coen: può diventare la sorpresa del campionato,a patto di avere tutta la squadra al 100%. Cosa che, al momento, appare un’utopia. (v.b.)

Focus

ALVIN YOUNG

A

ssistendo alla doppia sconfitta della Trenkwalder in Coppa Italia, forse qualche tifoso avrà rimpianto Alvin Young che, con 54 punti e 20 rimbalzi in due partite, ha trascinato Venezia alle final four confermando che, se supportato dalle migliori condizioni fisiche, l’ex capitano bianco-rosso è ancora uno dei migliori della categoria.

LUIGI APOLLONI

D

opo gli ottimi risultati ottenuti alla guida del Modena, arriva per Luigi Apolloni il primo esonero in carriera. L’ex difensore della Reggiana è stato infatti licenziato dal Grosseto, una società tradizionalmente propensa agli esoneri dei tecnici. Fatale per Apolloni la sconfitta nel derby contro l’Empoli maturata nell’ultima domenica di campionato.

LUCA FIUZZI

P

rimo gol in campionato per l’ex pupillo di Alessandro Pane, Luca Fiuzzi. Il difensore che giocò uno sprazzo di stagione nella Reggiana promossa in Lega Pro, ora in forza al Monza, ha segnato domenica scorsa il gol che ha permesso ai brianzoli di impattare 1-1 contro il Sorrento. Dopo un avvio di stagione stentato, finalmente una buona partita per Fiuzzi.

A

Auto storiche, che passione!

uto storiche di nuovo protagoniste nella nostra provincia grazie a due affascinanti manifestazioni: un concorso di eleganza che si terrà domenica 3 ottobre nella tenuta di caccia del barone Franchetti al Cavazzone (in occasione del 150esimo anniversario della sua nascita e dei 50 anni della Scuderia Tricolore di Reggio Emilia) e, soprattutto, il Gran Premio delle Terre di Canossa in programma il prossimo aprile tra Reggio Emilia, Parma e La Spezia. Quella in programma domenica al Cavazzone è una manifestazione ancora una volta orientata a portare a Reggio bellissime automobili (già una trentina i concorrenti, in arrivo da Firenze, Padova, Forlì, Ravenna ed Alessandria), ma soprattutto imprenditori, professionisti, personalità. Sarà presente anche Savina Confaloni del canale Nuvolari di Sky che è anche la presentatrice ufficiale della Mille Miglia. L’arrivo delle auto è previsto tra le 9.30 e le 10.30, alle 15.30 la cerimonia di premiazione. La prima edizione del Gran Premio delle Terre di Canos-

ROMBANO I MOTORI In provincia due manifestazioni a quattro ruote

sa – che si snoderà dal 14 al 17 aprile lungo le strade di Reggio Emilia (dal Po fino all’Appennino, Parma e La Spezia - è invece un progetto di portata internazionale, a cui parteciperanno bellissime auto, vere e proprie "opere d'arte su ruote", da tutto il mondo. “Possiamo già contare sull’adesione di appassionati tedeschi, inglesi, russi, di un americano e probabilmente di un giapponese”, ha detto Luigi Orlandini, sottolineando come il Gran Premio delle Terre di Canossa punti “a creare a Reggio, terra di motori, una manifestazione importante, diversa ma

del livello della Mille Miglia, il cui il passaggio negli ultimi tre anni in piazza Prampolini ha confermato la passione dei cittadini di Reggio e provincia per questi capolavori”. Il Gran Premio delle Terre di Canossa è già stato presentato in aprile 2010 alla fiera “TechnoClassica” di Essen e sarà promosso in particolare in Italia, Germania, Inghilterra e Russia, per poi espandersi via via agli altri paesi dove è forte la passione per l’automobile: dall’Argentina, al Giappone e alla Cina, con una presenza costante alle Fiere internazionali più importanti.


Pag.

36

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

animali

Un’oasi fuori dal Comune Il gattile di Villa Cella: la difficoltà di andare avanti senza aiuti esterni

di

Mille casi al mese

Marialaura Chiodera

U

na passeggiata in un’oasi verde, in compagnia di code all’insù e musetti desiderosi di strusciarsi contro la propria mano. Insieme al Presidente dell’ Enpa di Reggio Emilia, Mario Cattabiani, ( erroneamente citato come vicepresidente nello scorso articolo) abbiamo visitato l’Oasi Felina di Villa Cella, un luogo dove l’amore dei volontari è più tenero del cotone su cui farsi le unghiette. Giulio, Nestore, Sansone, sono solo alcuni dei tanti, tantissimi gatti, accuditi con incredibile affetto dai volontari dell’Enpa, nonché dalla grande generosità del sig.Cattabiani e di sua moglie, Caterina di Dio. “L’oasi”ci spiega, “ è nata per i gatti bisognosi, feriti, abbandonati. Troppe volte però gli stessi padroni, per liberarsi dei propri gatti, vengono qui fingendo di aver trovato l’animale per strada o nel cortile. Naturalmente qualsiasi gatto che giunga fin qui viene accolto, nutrito, visitato. Ma la presenza dell’oasi non è una scusa per abbandonare un animale, senza aver rimorsi di coscienza”. E, d’altra parte, se il canile, poco distante, è sovvenzionato e previsto dal comune, l’Oasi è totalmente gestita dai volontari. “C’è una profonda differenza tra cani e gatti ‘senzatetto’” prosegue Cattabiani “ I cani sono definiti randagi, i gatti vaganti. E se la legge prevede tuttoggi la presenza del canile e non del gattile, la spiegazione va cercata nel passato. Una volta, infatti, il randagismo era combattuto per

Da maggio ad agosto 4mila i maltrattamenti segnalati

S

ono state circa 4.000 le segnalazioni giunte nel periodo maggio-agosto 2010 al servizio Aidaa ''Io lo segnalo'' relative a casi di gravi maltrattamenti a cui vengono sottoposti i cani ed in particolare segnalazioni relative a cani che vengono quotidianamente sottoposti ad angherie e a cani che vengono picchiati e seviziati quotidianamente. In particolare le segnalazioni che riguardano cani picchiati e maltrattati gravemente (lasciati senza mangiare, sottoposti a lavaggi il getto di acqua fredda MOLTO PIù DEBOLI DEI CANI o rinchiusi per punizione in Sopra, Mario Cattabiani nell'oasi, insieme ad alcuni “amici ” piccoli recinti per giorni e giortimore che un cane potesse essere ri rischia di essere insufficiente”. pesanti. Per curarli e nutrirli, ni sotto il sole solo per citare portatore di malattie come la A questo, continua il sig. Catta- sono necessarie risorse adeguate, alcuni tipi di maltrattamento) rabbia. Ed è tristemente noto che biani, si unisce il serio problema spesso anche dispendiose. provengono prevalentemente “Il pensiero comune”, continua dalle regioni del centro sud Itaper l’epoca il canile era tutt’altro della sterilizzazione. che un luogo di salvezza. In appa- “ Solo quest’anno, insieme Cattabiani “vuole che i gatti lia ma non mancano gravi casi renza quindi, verrebbe da pensare all’USL, abbiamo sterilizzato più abbiano sette vite. Sappiamo segnalati anche in Lombardia e che il gatto se la cavasse meglio. di 700 gatti. Ma ancora non basta. bene che non è così. Per quanto Emilia Romagna. Molto spesso Il gatto non veniva ‘cacciato’, ma Abbandonare i gatti o lasciarli scaltri, indipendenti, a volte pur vagabondando per i campi, semplicemente vagabondare, anche sfacciati, i gatti possano i cani sottoposti a questo tipo questo non gli assicurava una vita non solo è un pericolo per la sembrare, sono molto più deboli di angherie sono cani di grossa più longeva. E ad oggi, per lui le loro stessa vita, ma anche per dei cani. Richiedono più cure, un’ taglia appartenenti alle razze che cose sono anche peggiorate. Se i quella delle sempre più numerose alimentazione a base di carne. Il rientravano nella ex lista delle canili infatti si sono trasformati cucciolate, che nascono nelle si- nostro centro dà soccorso alle razze pericolose. Futili anche le in ambienti di cura e attesa per tuazioni più pericolose e precarie. province, ma chi dà soccorso a motivazioni che vengono indigran parte dei cani, le nostre Approfitto quindi per lanciare un noi?”. Dietro questa osserva- cate quale motivo del maltratstrade, non sono più viottoli di appello ai padroni: non lasciate zione, traspare l’amarezza per il tamento dai segnalanti (il cane campagna e le probabilità che un che il vostro gatto vaghi da solo fatto di sentirsi abbandonati dalle abbaia troppo, non ubbidisce o gatto venga travolto da un’auto, per le strade. Mi rendo conto che istituzioni. Cattabiani aggiunge fa la pipì dove non dovrebbe). appena varcato il cancello di casa, provare l’esperienza di fare na- poi una riflessione, riferita alla In particolare sono ben 500 le scere dei cuccioli sia nei desideri necessità di prevenire il problema segnalazioni di maltrattamenti sono altissime. In questi ultimi anni molti canili si di tanti amanti dei gatti, ma per degli abbandoni. “Noi vacciniamo di cani da caccia nella stragrande sono dotati di uno spazio dedica- il loro bene, sterilizzateli sempre e gli animali, cerchiamo di darli in dei casi di proprietà di presunti to alla cura dei gatti trovatelli, ma teneteli in casa”. Sono tanti, trop- adozione, ma è essenziale educa- bracconieri che tengono specialsenza un riconoscimento da parte pi i gatti ospiti che portano i segni re le persone all’amore tra uomo mente nelle regioni del centro del Comune, il lavoro dei volonta- di maltrattamenti anche molto e animale”. Italia i cani in recinti molto pic-

Qua la zampa!

coli, in campagna e sotto il sole senza adeguato rifornimento di cibo ed acqua. Oltre 3.000 le segnalazioni che parlano di cani sottoposti a pestaggi quotidiani. In circa 900 casi Aidaa è riuscita in questi mesi a produrre segnalazioni e denunce sia alle forze dell'ordine che nei casi meno gravi alle diverse Asl. Negli altri casi la segnalazione o la denuncia diventava impossibile in quanto le segnalazioni erano anonime o non contenevano gli elementi necessari per la verifica. ''Quello di sottoporre i cani a pestaggio o di tenerli in condizioni pietose e di conseguenza compiere il reato di maltrattamento di animale e' un fatto purtroppo diffuso in maniera capillare, stando alle segnalazioni che abbiamo ricevuto- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di Aidaa- sarebbero migliaia le persone che ogni giorno sottopongono i loro cani alle peggiori angherie molto spesso solamente per sfogare le loro frustrazioni. Noi siamo pronti a denunciare ogni caso,come del resto facciamo sempre, ma abbiamo bisogno di informazioni precise, e non anonime, e soprattuttoconclude Croce- se possibile di segnalazioni corredate da filmati il più possibili eloquenti da inviare via email al nostro servizio di segnalazione reati contro gli animali''.

qualazampa@reporter.it

PHILIE Età 2 anni circa E' una dolce meticcia femmina dal mantello nero focato, di taglia medio/ piccola. E' buona, ma un po' spaventata. Una famiglia tutta sua l’aiuterebbe di sicuro a recuperare fiducia nelle persone e sicuramente saprebbe come ricambiare l’affetto.

TRILLER Età 2 anni circa E' un bellissimo meticcio di pastore tedesco dal mantello nero/grigio, di taglia grande. E’ stato recuperato ... non senza fatica ... a Castellarano in febbraio. Al primo impatto si rivela piuttosto impaurito e diffidente, ma non è cattivo e con chi dimostra di avere pazienza con lui, si rivela un cane che cerca solo affetto.

MAREMMO Età circa 9-10 anni. E' un bellissimo e buonissimo pastore maremmano maschio. E' arrivato in canile qualche mese fa in condizioni davvero pietose, ma si è ripreso alla grande. Tanto è grande la sua mole quanto è tranquilla la sua indole, adora coccole e carezze un vero gigante buono.

ALEXX E' un meticcio maschio dal pelo fulvo e dai bellissimi occhi color nocciola. Trovato a Viano in novembre, anche lui è arrivato in canile piuttosto spaventato e anche lui piano piano sta prendendo confidenza con le persone. E’ ancora piuttosto giovane e quindi ha molto tempo per essere aiutato a diventare un perfetto compagno a quattro zampe. Taglia MEDIA.

BENTENUTO Età 1 anno circa. Questo meticcio maschio di taglia medio/ piccola è stato trovato il 17/08 a RUBIERA ed è stato portato al canile in ottime condizioni, da qui il suo particolare. Purtroppo, però, è risultato sprovvisto di microchip, tatuaggio o qualsiasi altro segno di riconoscimento, per cui non è stato possibile risalire ai proprietari. E’ molto bello ed affettuoso, e sicuramente pronto ad essere adottato da una nuova famiglia che ne apprezzi la simpatia e la dolcezza.

ZARA Età 4 anni E’ una bellissima meticcia di taglia grande, giunta al canile al seguito dei suoi cuccioli, che fortunatamente hanno già trovato casa. Ora tocca a lei, infatti è pronta per trovare dei nuovi padroni. Da parte sua, oltre ad essere molto bella, offre anche un buonissimo carattere

JAMIRO Meticcio maschio di taglia media, di circa 6 anni. E’ nostro ospite dal 2003, quando è arrivato in seguito a ritrovamento. Al primo approccio con le persone può apparire un po’ timido, ma quando prende confidenza si rivela molto affettuoso. Tutta la sua bontà e dolcezza la esprime attraverso i suoi bellissimi occhi. Ultimamente ha avuto un problema al menisco della zampa posteriore destra, che si è risolto grazie ad un intervento chirurgico. Adatto a tutti, e data la sua indole tranquilla può essere gestibile anche in appartamento.

BATH Segugio Italiano maschio di circa due anni, nero focato, di taglia media. E’ stato portato al canile di Arceto in dicembre dell’anno scorso, quando ancora era un cucciolone. Data la giovane età ha un carattere molto vivace, espansivo e giocherellone. Vive in box con altri cani e non si fa certo mettere le “zampe in testa” o meglio, per rimanere nel linguaggio canino, “il muso sulla schiena” dagli altri. Con le persone è molto buono e manifesta la tipica dolcezza dei cani della sua razza.

CROCCANTINO bellissimo bracco pointer maschio di taglia media, di 5 anni. e’ stato trovato in zona cadiroggio di castellarano nel 2005. ha un indole buona con le persone, tipica dei cani da caccia. si fa notare per la sua perenne voglia di giocare, e spesso lo si può trovare che gironzola per il box portandosi dietro la sua ciotola, oppure si diverte a rovesciare la pentola dell’acqua. siete pronti a giocare con lui? adatto a tutti, ma non ai cacciatori.

VALENTE Età 2 anni E' un bellissimo meticcio maschio a pelo raso di taglia media. E' stato trovato a Castellarano e portato al nostro rifugio in marzo. Ha un buonissimo carattere con le persone, infatti cerca il contatto e apprezza molto le coccole, purtroppo non è altrettanto amichevole con gli altri cani.

Gli animali di questa settimana sono disponibili per l’adozione presso il Canile di Arceto, in via Franceschini 1, Arceto. E’ possibile contattare il Canile di Arceto al numero 0522-980505. La struttura è aperta al pubblico martedì e giovedì dalle 14.30 alle 16, sabato dalle 9 alle 16 e domenica dalle 9 alle 13. Per donazioni: Credito Emiliano Agenzia di Rubiera Iban IT55 A 03032 66470 010000007955.


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

37

SPECIALE POVIGLIO PROGRAMMA

FIERA D’AUTUNNO E DINTORNI SABATO 2 OTTOBRE Ore 17.30 Sala Civica “Rosina Mazzieri”, via Parma, 1 Inaugurazione della collettiva “ I mille volti della natura”, a cura dei fotografi del Circolo “Prisma” di Castelnovo di Sotto

SABATO 9 OTTOBRE Ore 17.30 Scuola Primaria “Giovanni Pascoli” Inaugurazione dei pannelli fotovoltaici di copertura della Scuola Primaria

DOMENICA 10 OTTOBRE ore 10.30 Piazza Umberto I Inaugurazione Fiera d’Autunno ore 11 Via don Pasquino Borghi Inaugurazione distributore acqua pubblica ore 11.30 Sala del Consiglio Inaugurazione della mostra “EssenzialMente” Personale del fotografo Matteo Colla

LUNEDÌ 11 OTTOBRE ore 21 Sala Civica “Rosina Mazzieri” “Povigliesi per esempio” In memoria di Dante Bigliardi Interventi di: Laura Salsi, Filef Reggio Emilia, Alessandro Carri, già Senatore, Silvia Bartolini, Presidente Aiccre Emilia Romagna, Antonio Canovi, storico.

MARTEDÌ 12 OTTOBRE ore 21 Bagnolo Teatro “Gonzaga-Ilva Ligabue” “Contratti” spettacolo teatrale a cura de “La Nave Europa”

MERCOLEDÌ 13 OTTOBRE Ore 21 Sala “Sergio Tagliavini” Centro “Kaleidos” Sara Loreni e il Battello Ebbro Jazz e chanson française

SABATO 23 OTTOBRE Ore 21 Sala “Sergio Tagliavini”, Centro “Kaleidos” “L’ombra di Rodolfo” Reading musicale con Marina Coli Dedicato all’A.V.O. di Castelnovo Sotto e Poviglio

FAVOLOSA VENDITA

CUCINE COMPONIBILI E MATERASSI VASTO ASSORTIMENTO DI MOBILI

Cucina compl. elettrod. m.l. 3 (12 colori a scelta) ..............€ 2.550,00 Cucina compl. elettrod. ante massello m.l. 3 noce o laccata avorio (si fanno anche su misura) ..........................................€ 2.990,00 Divano letto singolo .................................................... € 320,00 Divano letto singolo legno ............................................. € 480,00 Camera matrimoniale laccata o tinta noce .......................€ 2.680,00 Camera da letto completa tinta ciliegio (vari colori) ............€ 2.300,00 Armadi 6 ante diversi colori e misure ............................... € 780,00 Materasso TNT singolo anche su misura ..............................€ 50,00 Materasso TNT matrimoniale anche su misura .................... € 100,00 Materasso ortopedico singolo anche su misura .....................€ 90,00 Materasso ortopedico matrimoniale anche su misura ............ € 190,00 Rete a doghe...............................................................€ 45,00 Camera da studenti anche su misura, vari colori

PAGAMENTI RATEALI FINO A 5 ANNI MONT. E TRASP. ESCLUSI

Inoltre SCONTO EXTRA 20% per mobili in mostra

IMAGINE HOUSE “BERTOLINI”

GODEZZA DI POVIGLIO (RE) Tel. 0522 969515 Aperto tutti i giorni escluso Domenica, lunedì e martedì mattina Preventivi gratuiti anche su appuntamento

Cell. 347/7528744


Pag.

38

venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

SPECIALE POVIGLIO

L’Arte di Corpo e Natura Autunno povigliese in mostra: “EssenzialMente” e “I mille volti della Natura”

L

a fotografia sarà protagonista dell’autunno Povigliese: a breve, infatti, Poviglio ospiterà due interessanti mostre che, attraverso temi e stili diversi, ci porteranno ad osservare la realtà da nuovi punti di vista. La prima esposizione in ordine di tempo è “I mille volti della Natura” e presenta 60 scatti a tema naturalistico del Gruppo Prisma. In occasione di Poviglio Ambientale, ciascuno dei 12 autori ha scelto un ambiente naturale e lo ha fotografato, immortalando la flora e la fauna di quel particolare luogo del mondo, creando un vero e proprio

mosaico di luoghi e visioni. Un mosaico che il Gruppo vorrebbe portare anche nelle vie di Poviglio, esponendo una foto in ogni vetrina, per continuare a sorprendere con la bellezza della natura.

GRUPPO PRISMA Il Gruppo Prisma ha sede nel comune di Castelnovo Sotto, con il quale collabora, ed è stato fondato nel 1985. Aperto ad appassionati di ogni età, professionisti e non, si propone di diffondere la passione per la fotografia, così ben descritta dalle parole del fotografo H. Newton: desiderio di scoprire,

voglia di emozionare, gusto di catturare. L’inaugurazione è prevista per il 2 ottobre alle 17,30 presso la Sala civica, e la mostra rimarrà aperta fi no al 12 ottobre. Il corpo umano è invece il soggetto dell’esposizione presentata da Matteo Colla, “EssenzialMente”, che ospita istantanee su pellicola in bianco e nero, stampate a mano dall’autore in grande formato su carta baritata, e stampe su alluminio. Strumento fondamentale del lavoro di Colla è la luce, che rivela e scolpisce il soggetto sullo sfondo nero, astraendolo dal contesto e dal tempo, per mostrarne l’essenza agli occhi

dell’osservatore: ombre, luci e dissolvenze esaltano i dettagli di corpi senza volto, ma pieni di vita, come abbracciati dallo sguardo del fotografo.

L’AUTORE Matteo Colla, architetto, è nato nel 1971 e vive e lavora tra Poviglio e Reggio. Ha iniziato a fotografare nel 1996, e collabora con importanti fotografi quali Giuseppe Codazzi ed Ivano Bolondi. Da segnalare le partecipazioni a Fotografia Europea 2008 e Sguardi sulla realtà e Oltre (Roma 2010), la personale EssenzialMente a Roma, 2010, e pubblicazioni su

libri e riviste. L’inaugurazione si terrà domenica 10 ottobre alle 11,30 presso la Sala del consiglio, e la mostra sarà visitabile

fino al il 24 ottobre, da lunedì a sabato, dalle 9 alle 13, ed il giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 17.

B-DAYS. I GIORNI DELLE BIBLIOTECHE SABATO 16 OTTOBRE Apertura della biblioteca dallle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30 DOMENICA 17 OTTOBRE Apertura straordinaria della biblioteca dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.00

autotrasporti DiÊC

Ore 11 Colazione in biblioteca: pasticcini, caffè lettura dei quotidiani per tutti Ore 16.30 Storie cucinate: Mariangela Dosi racconta le favole di Laura Zilocchi (per bambini e non solo)

icco

diÊ ErnestoÊ DiÊ Cicco

Traslochi civili e industriali Trasporti in tutta Italia

Facchinaggio Deposito mobili

Stoccaggio merci Smontaggio e montaggio arredi ViaÊ CaseÊ Melli,Ê 74Ê -Ê CastelnovoÊ DiÊ SottoÊ (RE) Tel.Ê eÊ FaxÊ 0522Ê 682954Ê -Ê Cell.Ê 340Ê 0909838 e-mail:Ê ernestodicicco@hotmail.it


venerdì

1 ottobre 2010 - REPORTER

Pag.

39

SPECIALE POVIGLIO

Kaleidos docet Al via al centro culturale corsi di lingue e laboratori teatrali dedicati ai ragazzi

A

l Centro culturale Kaleidos prenderanno il via nei prossimi mesi una serie di corsi dal respiro davvero “internazionale”, e non solo: i bambini che sognano di calcare il palcoscenico potranno mettere alla prova la propria creatività con un laboratorio teatrale. Sono già partiti alcuni dei corsi di inglese tenuti dall’insegnante madrelingua Clare Arnold. I corsi sono suddivisi in vari livelli di difficoltà, in modo da poter rispondere alle diverse esigenze dei partecipanti: principianti, elementary, pre-intermedio, intermedio, avanzato. Ogni corso durerà 39 ore e sarà suddiviso in 26 lezioni da 90

L’insegnante è laureata in Scienze della formazione, ed ha studiato un anno in Spagna, continuando poi ad approfondire la lingua. Presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia ha appreso un nuovo metodo di insegnamento basato sulla musica. L’apprendimento verrà strutturato sull’ascolto di brani musicali cantati in spagnolo da artisti italiani come Laura Pausini o Biagio Antonacci, ma anche da cantanti di lingua spagnola contemporanei e tradizionali. Per informazioni, rivolgersi a Giada Guatteri, tel. 347/1151819. L'ultimo progetto è dedicato a tutti i bambini della scuola primaria di

minuti, che si terranno una volta la settimana, e termineranno nel mese di Aprile 2011. Il numero di partecipanti ad ogni corso è limitato a 12. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a Clare Arnold - arnoldclare@libero. it Cell . 340/3339973. Chi invece predilige sonorità più mediterranee, potrà iscriversi al corso di spagnolo che avrà inizio a Gennaio: conoscere un’altra lingua sarà certamente utile per chi ama viaggiare, o per arricchire il proprio curriculum. Il corso è condotto da Giada Guatteri ed è di livello base: la durata sarà di circa 40 ore, con lezioni serali di 2 ore, e si concluderà a Maggio.

A.V.O. SEDOTTA DA RODOLFO VALENTINO Al teatro Kaleidos va in scena una leggenda del cinema: in occasione della Festa Nazionale Avo, il 23 ottobre, l’Associazione Avo di Poviglio propone uno spettacolo davvero suggestivo dedicato a Rodolfo Valentino, dal titolo L’ombra di Rodolfo. Il celebre attore, di origine italiana, grazie al suo talento conquistò ad Hollywood una enorme fama che lo impose come icona di bellezza all’inizio del ‘900, e nonostante la morte prematura a 31 anni, la sua figura conserva intatto il suo fascino. Lo spettacolo musicale che an-

drà in scena al Kaleidos, ispirato al racconto di Pino Cacucci Questa voce un giorno fu mia... (dal libro Un po’ per amore, un po’ per rabbia, Feltrinelli) rievocherà dunque la breve ed avventurosa vita dell’attore durante gli spensierati anni della Belle Epoque e del primo conflitto mondiale, fino alla morte avvenuta nel 1926. Il testo, scritto da Gianni Furlani, Filippo Ferrari e Marina Coli, sarà interpretato da Marina Coli e dal fisarmonicista Lorenzo Munari, insieme ai ballerini di Barrio de Tango: la compagnia, sullo sfondo delle immagini

di Lidia Scalabrini, costruirà un’esperienza emozionante, in tutti i sensi. Interprete di grande intensità, l’attrice e cantante Marina Coli è anche regista e docente di teatro presso il Teatro Bismantova, e vanta una lunga esperienza teatrale. Tra i molti spettacoli da lei scritti e rappresentati, ricordiamo in particolare i testi dedicati alla vita nell’Appennino Tosco Emiliano e “Voci di vento”, dedicato alle anonime eroine della seconda guerra mondiale, di nuovo insieme a Lorenzo Munari. Per info: tel. 0522/969440.

Poviglio (6-10 anni): per loro tre educatrici hanno ideato un percorso creativo che attraverso la musica, la pittura e le arti visive possa stimolarne la creatività. Mariangela Dosi (Teatro di Pianura) ed Elena Viappiani (pittura e arti visive) daranno vita, insieme ai loro attori in erba, ad un vero e proprio laboratorio, senza lezioni tradizionali sulle varie materie, ma che consentirà ai bambini di mettere in scena uno spettacolo teatrale con scenografia, testi, personaggi e colonna sonora interamente creati dai bambini. Il laboratorio si svolgerà dal 14 ottobre ogni giovedì dalle ore 16.30 alle 18.30 presso il Centro Culturale di via Parma.


di Grasselli Loris & C.

ZONA

MONTECCHIO

Nuova palazzina a 4 alloggi indipendenti MAISONETTE di grandi dimensioni composta da soggiorno, cucina, 3 camere, 2 bagni, ampia tavernetta, lavanderia, doppio garage, giardino privato e loggia. Appartamento composto da soggiorno, cucina, bagno, 2 camere matrimoniali, doppio garage Tutte con ottime finiture

Per info Grasselli geom. Loris cell. 335 84.89.103


Reporter Giornale 1 Ottobre 2010  

Reporter Giornale 1 Ottobre 2010

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you