Page 1

GRUPPO

GRUPPO

alessandria

alessandria

CENTRALCAR

CENTRALCAR

Concessionaria

Concessionaria

SHOWROOM ALESSANDRIA VIA MARENGO 155 TEL. 0131 231250

SHOWROOM ALESSANDRIA VIA MARENGO 155 TEL. 0131 231250

QUINDICINALE DI CALCIO... E NON SOLO • Direttore Massimo Taggiasco

Anno XI n. 11•7 giu. 2019

Fabio Artico è il nuovo Direttore Sportivo dell’Alessandria Calcio

BENTORNATO CAPITANO www.hurragrigi.it

Hurrà Grigi

Corso Roma, 122 - Alessandria

Hurra Grigi

hurragrigi

Piazzale Berlinguer - Alessandria

Corso Acqui, 2 - Alessandria

APERITIVI - GELATERIA - CAFÉ - LOUNGE BAR - PASTICCERIA Tel. 338 1184536 - lokobaralessandria@gmail.com


2

7 giu. 2019

HURRÀ GRIGI

L’INTERVISTA a Silvio Bolloli

BOLLOLI: “Per Fabio Artico inizia un nuovo viaggio: buona fortuna!” MASSIMO TAGGIASCO

S

ilvio, non c'eri alla conferenza stampa di presentazione del nuovo organigramma societario dell'Alessandria. Purtroppo i miei giudiziari presso il Tribunale di Novara me lo hanno impedito. Avrai letto comunque letto dai giornali le novità. Ovviamente e inevitabilmente. Che cosa pensi? L'unica vera notizia che mi sento di commentare, e che per altro è la più importante, è la nomina di Fabio Artico quale nuovo Direttore Sportivo. Volendo gettare subito una spruzzata di pepe sull'argomento molti sostengono che si sia trattato di una mossa “politica” di Di Masi per recuperare un rapporto incrinato con la tifoseria. A mio avviso questa componente esiste sicuramente ma non è l'unica. Comunque esiste. Beh, Fabio Artico è uno dei miti della tifoseria dell'Alessandria Calcio, forse il giocatore che negli ultimi quaranta anni ha lasciato il solco più

@GSM Photo profondo nei cuori unitamente al mitico Ciccio Marescalco. Quindi, l'aver voluto in società un uomo di questo genere rappresenta sicuramente un grande gesto di avvicinamento della

Nuovo HURRÀ GRIGI HURRÀ GRIGIGRIGI Nuovo HURRÀ GRIGI Nuovo HURRÀ Sisifo Edizioni di Paolo Baratto Organo dell’Associazione Culturale Orso Grigio Organo dell’Associazione Culturale Orso Grigio Corso Roma 85 - 15121 Alessandria - Tel./Fax 0131 510490 Organo dell’Associazione Culturale Orso Grigio Corso Roma 85 - 15121 Alessandria - Tel./Fax 0131 510490 Registrazione Tribunale Alessandria del Registrazione al Tribunale di di Alessandria n.n.52 6270131 del 22.03.19 28/09/2009 Corso Roma 85 -al15121 Alessandria - Tel./Fax 510490 Registrazione al Tribunale di Alessandria n. 627 del 28/09/2009 redazione@nuovohurragrigi.com info@nuovohurragrigi.com redazione@hurragrigi.it - pubblicita@hurragrigi.it Registrazione al Tribunale di Alessandria n. 627 del 28/09/2009 redazione@nuovohurragrigi.com - info@nuovohurragrigi.com Pubblicità: Tommaso 347.8944708 Stampa: CSQ CentroPastorini Stampa Quotidiani redazione@nuovohurragrigi.com - info@nuovohurragrigi.com Stampa: CSQ Centro Stampa Quotidiani Via dell’Industria, 52 -Centro 25030 Erbusco (BS) - Tel. 030 7725511 Stampa: CSQ Stampa Quotidiani Via dell’Industria, 52 - 25030 Erbusco (BS) - Tel. 030 7725511 Via dell’Industria, 52 - 25030 Erbusco (BS) - Tel. 030 7725511

società stessa nei confronti della Curva Nord, del cuore dei tifo. Che ricordo hai di Artico come giocatore? Principalmente una presenza di grande carisma in mezzo al campo: ho seguito Artico (che, per altro, è mio coetaneo) negli ultimi anni della sua carriera, anni fondamentali per l'Alessandria percheèavevano visto il ritorno tra i professionisti dei grigi dopo cinque anni di purgatorio nel dilettantismo e addirittura il salto di categoria dalla C2 alla C1 respirando quali aria di alta classifica. E Artico come era, ai tuoi occhi?

Come detto, ricordo un giocatore di grandi qualità tecniche, efficacissimo nella difesa del pallone, con un eccellente visione di gioco e una grande abilità nei calci piazzati ma soprattutto ricordo il carisma di un uomo che, seppure fisicamente non più al passo con i più giovani proprio per inevitabili ragioni anagrafiche, continuava a fare la differenza: un giocatore, tanto per fare un esempio, che, di cui, in una stagione quale quella appena terminata, si è sentita enormemente la mancanza. Adesso però il buon Fabio dovrà fare il Direttore Sportivo.

Ristorante

Fedelissimi ai Grigi e... alla buona tavola ALESSANDRIA - Via Milano 35 - Tel. 0131 260043

Corso Crimea 67 ALESSANDRIA Tel. 0131 445005

Il punto è proprio questo: per Artico si apre una stagione completamente nuova e in cui dovrà capire che tutto quanto fatto da giocatore non avrà quasi nessun peso (fatta eccezione per l'inestimabile valore dell'esperienza) perchè dovrà imventarsi un ruolo completamente nuovo. Pensi che Di Masi abbia fatto la scelta giusta? Questo sarà solamente il tempo a dirlo, il tempo e i frutti del lavoro di Fabio Artico. Però posso dire che il compito che lo aspetta sarà tutt'altro che semplice. Perché? Prima di comprendere quale è il compito che attende un Direttore Sportivo, bisogna comprendere quali sono le esigenze del patron, in altre parole quasi sono le linee guida che solo il proprietario della società è in grado di dettare. E nel caso di Di Masi? Senza voler sminuire il ruolo dei predecessori di Artico, come Magalini e Sensibile, devo dire che finchè Di Masi metteva a disposizione ingenti risorse finanziarie per assicurarsi il meglio del mercato (che fosse il capocannoniere in carica come Fischnaller, uno dei più talentuosi come Iocolano o addirittura un giocatore dai trascorsi di Serie A come Gonzalez) il lavoro del Direttore Sportivo poteva essere abbastanza semplice, paragonabile (non voglio apparire irriguardoso) a quello di un soggetto che entra in concessionaria e ha le disponibilità economiche per poter scegliere i modelli migliori.

Pizzeria


7 giu. 2019

Adesso la situazione appare cambiata. Cioè? Nel momento in cui il Presidente ha impostato una linea basata sui giovani, finalizzata a ottenere la migliore qualità senza sperperi, il lavoro del Direttore Sportivo diventa assolutamente determinante e si può costruire solo attraverso una capillare presenza sul mercato e la capacità di fare la scelta giusta al momento giusto. In altre parole credo che Fabio Artico sia atteso ad un compito ben più arduo rispetto a quello di chi lo ha preceduto, fatta forse eccezione per il solo Massimo Cerri che già aveva dovuto operare in condizioni simili. Però Artico non sarà solo perchè, staff tecnico a parte, dovrà anche confrontarsi con l'allenatore. Certo questo è l'altro aspetto fondamentale del lavoro che si profila all'orizzonte: il nuovo Direttore Sportivo, infatti, non dovrà solamente farsi efficacissimo interprete delle volontà del Presidente, ma dovrà anche muoversi in sinergia con un tecnico che sia in grado di accontentare, che sappia dargli i giusti suggerimenti in relazione alle sue esigenze di gioco e che, al tempo stesso, sappia tesaurizzare gli uomini che arriveranno. L'allenatore sarà sempre fondamentale? L'allenatore è fondamentale perchè, oltre a dover materialmente gestire il gruppo, dovrà, a seconda dei casi, essere buon suggeritore del Direttore Sportivo oppure ottimo utilizzatore delle risorse umane che il Direttore Sportivo gli metterà a disposizione. Ecco quindi che la scelta del nuovo allenatore sarà fondamentale, anzitutto avuto riguardo alle sue caratteristiche tecniche ma anche al suo capitale umano e alla sua capacità di saper bene interagire con Artico. Quale pensi sia stato il maggior

3

HURRÀ GRIGI

errore di Di Masi in questi anni che, alla fine dei conti, ha impedito il tanto sospirato accesso alla Serie B? Di Masi, a mio avviso, ha commesso un solo grande errore che, per altro, ho già avuto modo da parecchio tempo di rimarcare: quello di non aver posto le premesse per una continuità. Puoi spiegarti meglio. Certo, da quando Di Masi è Presidente dell'Alessandria, cioè a dire da sei anni, se non ho fatto male i conti si sono succeduti: undici allenatori ed è in procinto di arrivare il dodicesimo mentre, dietro la scrivania, ho contato la bellezza di sei Direttori Sportivi con Artico (Fabio Artico compreso). Credo che il punto sia proprio questo, quando cambi quasi due allenatori ed un Direttore Sportivo all'anno, in media, senza contare le rivoluzioni nella rosa dei giocatori che si sono susseguite ad ogni stagione, non riesci a dare continuità ad alcun progetto di respiro pluriannuale ed è molto più difficile che tu vinca. Tutti i club che hanno ottenuto risultati importanti, ci sono arrivati con il tempo e con un lavoro di formazione e di sedimentazione, esattamente ciò che è mancato all'Alessadria di Di Masi che, forse, non a caso, pur avendo fatto cose molto importanti, non ha mai portato a casa la promozione in Serie B. Pensi che sia arrivato il momento giusto per ottenere questo risultato? Lo spero: spero con tutto il cuore che con Fabio Artico dietro la scrivania e l'allenatore che verrà in panchina, si possa costruire un tandem destinato a durare nel tempo e che, con i giusti innesti in rosa, anche la squadra possa finalmente avere quella stabilità e quella tranquillità che consentano a una piazza troppo affamata di potersi finalmente saziare.

a Vienirci trova

Carlo Sacco, figlio del Presidentissimo Remo, ultimo protagonista di una promozione dell’Orso Grigio in serie B nonché vincitore della prima edizione della Coppa Italia di serie C e collaboratore di Hurrà Grigi commenta, con noi le prime novità sulla nuova Alessandria

SACCO Voglio dire grazie al Presidente

C

arlo, sei già pronto per la nuova stagione dell’Alessandria? Eccoci di nuovo in “fervida attesa” per iniziare un’ altra stagione calcistica per il campionato 2019/2020. Puntualmente, è arrivato il consueto saluto del Presidente Luca Di Masi che lunedì 3 giugno 2019 ha fatto il punto della situazione e ha presentato il nuovo DS Fabio Artico. Che impressione hai ricavato da questo primo atto pubblico della nuova Alessandria? Innanzitutto faccio un doveroso “In bocca al lupo” al mio Pres. e a Fabio per questa nuova stagione!!! Io comincerei dalla bella notizia che siamo l’unica squadra in Italia senza una lira, anzi scusate, un Euro di debiti grazie all’oculata amministrazione voluta da Luca Di Masi e dei suoi collaboratori..bravissimi !!!

Ho notato che ha finito di ristrutturare anche il rettilineo con la sostituzione dei seggiolini certamente più comodi con lo schienale e con la scritta d’assalto “Addoss Grison “: grazie anche di questo !!! E la conferenza stampa? Nella conferenza stampa, come ormai tutti sappiamo, ha presentato Fabio Artico come DS: sicuramente e giustamente vuole avere vicino a lui un uomo che ha giocato a calcio, anche con la maglia grigia. Secondo me sarà sicuramente un aiuto molto utile e importante durante il campionato che inizierà a fine agosto ... era quello che volevamo e il Presidente ci ha accontentato. Quindi la scelta di Artico ti pare azzeccata? Personalmente lo vedo come un sal-

to di qualità perché, ripeto, avere un uomo di calcio in società è importantissimo. Non basterà, però, solamente la scelta di Artico per rimediare alle tante delusioni che hanno generato malumore tra i tifosi dell’Orso Grigio! A questo proposito, permettetemi un piccolo consiglio: basta con le critiche alla società. In questi cinque anni ce ne sono state fin troppe anche perché, e lo dico sulla base delle mie esperienze passate, è più difficile fare il Presidente che il tifoso !!! E per questo dico che ci vuole comprensione e fiducia perché il calcio è una materia parecchio difficile ed è difficile accontentare tutti . Ora aspettiamo con tranquillità la campagna acquisti e la nomina del nuovo allenatore .

@GSM Photo

APERTO il MARTEDì e il sabato

dalle ore

8 alle ore 14

via guasco angOLO via savonarola alessandria

qualità e stagionalità di tutti i prodotti alessandrini a km 0 www.campagnamica.it


4

7 giu. 2019

HURRÀ GRIGI

Fabio Artico è il nuovo Direttore Sportivo dell'Alessandria Calcio LUCA STURLA

Chi è Fabio Artico, il nuovo DS dei Grigi

E

ravamo stati i primi a darne la notizia lo scorso 3 maggio. Da lunedì è ufficiale: Fabio Artico è il nuovo Direttore Sportivo dell’Alessandria Calcio “per i prossimi due anni e a venire, almeno fino al 2021”. “Ho scelto Fabio - ha detto il Presidente Di Masi nella conferenza stampa - perché ho visto in lui una crescita di conoscenza di cosa serve ad una squadra di Serie C e l’ho visto molto pronto. Ovviamente la conoscenza della piazza, che lui ha benissimo, aiuta. Penso che sia la persona corretta per portarci dove vogliamo arrivare. So che è amato da tutti qua, ma a me interessa la qualità. Ed in lui l’abbiamo trovata”. “Ringrazio il presidente che mi dà una grossa occasione - ha detto Fabio Artico visibilmente commosso -. È tutto molto emozionante e io mi sento un privilegiato. Non occorre nemmeno che spieghi cosa per me è l'Alessandria, è chiaro che qui la spinta emotiva fa la differenza. Con la massima trasparenza e correttezza lavorerò per questa squadra. Sarà proprio il lavoro a dire quello che saprò fare e per prima cosa ci sarà da scegliere il nuovo mister. Colombo ha fatto bene ma vorrei iniziare con una scelta mia, con un mister che abbia recepito la politica della società. A ogni modo ci sarà un allenatore esperto, con idee chiare e che sappia lavorare anche con i giovani: vogliamo però una mentalità vincente”. Ma oltre all’allenatore Artico sarà chiamato a costruire una squadra che sia un mix perfetto di giovani (alcuni dei quali proverranno dal settore giovanile grigio) ed esperti. “Ci sono 15-16

N

@GSM Photo giocatori sotto contratto. Valuteremo tutte quelli che ci sono (e con qualcuno di loro ha già parlato anche di un allungamento del contratto n.d.r.) ma inseriremo anche figure nuove. Ho già iniziato a fare qualche telefonata e sono fermamente convito che potremmo fare bene ma prima di fare nomi aspettiamo che finiscano i campionati (ad esempio i playout n.d.r.). Qualche prestito dalla A e dalla B è possibile, ma ci saranno anche ragazzi dal nostro settore giovanile, ma il mercato,

come detto, si svilupperà più avanti”. Tornerà sicuramente Sciacca che sarà molto più valorizzato. Molto probabile l’inserimento in rosa di Marco De Vito della Lucchese, con il cui procuratore Artico ha già parlato alcune volte. E De Vito infatti corrisponde in pieno alla descrizione dei giocatori che Artico vuole per la sua Alessandria: “gente umile che corre e mena per 90 minuti. Da aggiungere c’è poco”. Allora non resta che dire semplicemente: bentornato a casa, Fabio!

on avrebbe bisogno di presentazione ma per quei pochi che non lo conoscono ancora forniamo una breve biografia di Fabio Artico, il nuovo Direttore Sportivo dell'Alessandria Calcio. Nasce calcisticamente nelle giovanili della Juventus per poi giocare dal 1993 al 1997 nella Pro Vercelli dove nel 1994 vince il Campionato Dilettanti. Nel 1997 viene ceduto all'Empoli dove esordisce in Serie A ma nel mercato invernale viene mandato in prestito in Serie C1 nel Giulianova. La stagione successiva viene girato in prestito nella Reggina, che porta in Serie A segnando 15 reti in 29 partite giocate. Nella stagione 2000/2001 viene acquistato dal Pescara per essere mandato in prestito, nel mercato invernale, nel Piacenza dove contribuisce alla promozione in Serie A. Poi gioca due stagioni nella SPAL. Nel 2004 gioca una stagione nell'Ivrea e poi due stagioni nella Pro Patria. Dal 2007 al 2012 c'è la sua esperienza più grande che gli cambia la vita. Fabio gioca nei Grigi. E il suo sangue diventa Grigio. Alessandria è la sua casa e lui riesce a legarsi agli alessandrini. Basta dire che in grigio ha giocato 162 partite segnando 62 goal. Diventa anche il Capitano della squadra, quel capitano con la C maiuscola. Perché altri come Fabio, in Alessandria, non ne sono più arrivati. Nel 2007 mette la sua firma per la promozione in Serie C2 dell'Alessandria. Con la rete del 18 febbraio 2012 diventa

il primo marcatore del secondo secolo della storia grigia. Il 6 maggio 2012, sul campo del Lecco, gioca la sua partita di addio al calcio. Giocherà, poi, ancora una stagione (2015-2016) in Terza Categoria nell'Ivrea. Ma in Alessandria Fabio non è stato solo un calciatore. A maggio 2012, infatti, viene eletto anche Consigliere Comunale della Città di Alessandria. Il 26 luglio 2012 firma un contratto con la società di Via Bellini come Osservatore del club. Nella stagione 2013-2014 diventa il Direttore dell'Area Tecnica del Cuneo. Poi una breve esperienza nel Portotolle come DS fino a quando riceve la chiamata della Juventus dove diventa il responsabile degli osservatori europei del club. Da ieri, però, Artico è il nuovo Direttore Sportivo dell'Alessandria per le prossime due stagioni. “Di sicuro in questa piazza che sento mia, la spinta emotiva mi porterà a fare di più che in altre parti” ha detto nella conferenza di presentazione. [Luca Sturla]

Gli uomini giusti al posto giusto... ...e noi torniamo a sognare! iano ti Aurelm Ca ura

COLAZIONI • APERITIVI PAUSA PRANZO (tavola calda/fredda e panini gourmet)

GIOIELLERIA

Alessandria • Via Dante 122 • Tel. 0131 260927 • www.gioielleriacamurati.it

Alessandria • Via Gramsci 48 • Tel. 333 4979385 Lunedì / Venerdì 6,30 / 19,30 • Sabato 6,30 / 14,00 • Domenica riposo


7 giu. 2019

La grande responsabilità del nuovo DS

MATTEO LONGHI “Artico riporterà entusiasmo e formerà un gruppo per lottare per qualcosa di importante”

Q

MASSIMO TAGGIASCO

@GSM Photo

F

inalmente l’Alessandria Calcio ha un “vero” Direttore Sportivo. Fabio Artico era molto atteso: piace ai tifosi e, ovviamente, al Presidente Di Masi. Non lo possiamo considerare solo un ex calciatore dei grigi, beniamino dei tifosi: lui è un conoscitore di calcio, direi sia dell’ambiente che dei singoli protagonisti, in campo e fuori. Soprattutto conosce l’Alessandria ed il suo “habitat”: i tifosi, le aspettative, le tensioni, la crisi decennale di risultati, e con questo intendo solo ed esclusivamente la promozione in serie B. Il suo è un compito veramente difficile, perché la dirigenza ha confermato che i tempi delle spese folli sono finiti: adesso bisogna essere capaci di costruire una squadra con un giusto equilibrio di giocatori giovani e bravi ed altri più esperti, spendendo meno che in passato, ma meglio. Non è facile, ma abbiamo visto in questi anni che altre società hanno messo in pratica questo “credo” raggiungendo risultati molto più lusinghieri dell’Alessandria. Artico è l’uomo giusto per questo progetto? Noi crediamo che, se lui ha accettato l’incarico, significa che ritiene di poter onorare l’impegno con soddisfazione di tutti, a partire da noi tifosi. Noi siamo i primi a dargli fiducia perché siamo sicuri che, a differenza della

5

HURRÀ GRIGI

stagione appena conclusa, con lui il progetto giovani sarà qualcosa di vero e concreto, su cui porre le basi per il futuro. Ora, purtroppo, deve partire praticamente da zero: una responsabilità veramente grande, proprio perché tutta

la piazza alessandrina si attende molto da lui. Adesso, devono parlare i fatti, a partire dalla scelta del nuovo Mister. Sarà il primo passo che ci permetterà di capire quale strada si intende percorrere.

uesta settimana la redazione di Hurrà Grigi ha incontrato il centrocampista Matteo Longhi, protagonista di tre stagioni in Maglia Grigia dal 2007/2008 e di due promozioni. Nella prima stagione, Longhi ha fatto parte di quella squadra battuta solo due volte nel campionato e che ha conquistato ben 76 punti con la promozione dalla Serie D alla C2. In quella squadra, oltre a Longhi, c'erano Fabio Artico ed Angelo Casadei. “Il ricordo di quella stagione - racconta Longhi - è stato quello di una cavalcata trionfale all'interno di un gruppo formato da grandi giocatori e grandi uomini. In poco tempo abbiamo capito la forza del gruppo ed il privilegio e la bellezza di giocare in una piazza che non aveva niente a che fare con la Serie D. Sicuramente l'emozione più bella è quella provata per la festa promozione dopo Lavagna (il 30 marzo 2008 n.d.r.) con la piazza gremita all'arrivo del pullman. Da pelle d'oca! Sembrava di aver vinto la Champions”. Longhi, appunto, ha giocato con Fabio Artico che, da pochi giorni, è stato ufficializzato come Direttore Sportivo dell'Alessandria Calcio. “Fabio ritorna in una piazza che ama e che lo accoglierà a braccia aperte - continua Longhi -. Sicuramente la sua competenza calcistica porterà benefici. Il suo principale obiettivo penso sia quello di riportare entusiasmo dopo un anno di transizione e formare un gruppo competitivo per poter lottare per qualcosa di importante. Non devo dire niente ai tifosi perché conosco l'amore che hanno per questa squadra. La scelta di Artico penso che rappresenti il primo passo anche di avvicinamento verso loro! A loro posso dire di continuare a stare vicino a questa società ed alla

squadra perché il calore che trasmettono i tifosi può fare la differenza”. Ma in questa stagione, allora, cosa non ha funzionato? “Forse - spiega l'ex giocatore grigio - avere inizialmente illuso i tifosi per un progetto giovani poi non rivelatosi tale”. Invece per Longhi ha funzionato “la scelta di Mister Colombo, che ha lavorato molto bene”. L'ex centrocampista grigio non ha dubbi su cosa augurare alla sua vecchia squadra. “Più che un pronostico - prosegue -, ai Grigi voglio fare l'augurio di rivedere un'Alessandria competitiva che possa lottare per traguardi che le competono e, magari, di festeggiare finalmente una promozione che una piazza così merita così da poter ritornare in piazza a festeggiare da tifoso”. Magari in futuro le strade di Longhi e dei Grigi si riuniranno, come si è riunita quella di Artico e potrebbe riunirsi a breve quella di Casadei. “Ho iniziato ad allenare appena ho smesso di giocare - conclude Longhi - perché non posso stare senza calcio. Per ora alleno nel settore giovanile ma non nego che, dopo un po' di giusta gavetta, mi piacerebbe provare con i grandi! Ed ad una chiamata da Alessandria come farei a dire di no?”. [Luca Sturla]

IL PANE COME SI FACEVA UNA VOLTA ...E SFIZI! Via XX Settembre, 22/24 - T.388 7318613 Piazza Garibaldi, 14 - T. 339 4278506 Via Maria Bensi, 65 - T. 333 4922580 Via Marengo, 81 - NUOVA APERTURA ALESSANDRIA Via Sale, 47 - T. 392 3808235 CASTELCERIOLO


6

7 giu. 2019

HURRÀ GRIGI

Manuel DE LUCA: “Spero di aver lasciato qualcosa ad Alessandria” M

anuel De Luca, eletto dai nostri lettori come miglior giocatore dell’Alessandria di questa stagione ha voluto commentare il successo ottenuto. “Mi rende felice sapere che tanta gente mi ha votato come miglior giocatore – ha detto il giovane attaccante –. Spero di avere lasciato qualcosa ad Alessandria ed auguro ai tifosi grigi il meglio”.La sua è stata una stagione giocata con continuità e con molti goal in maglia grigia. “Sono molto soddisfatto delle mie prestazioni e finalizzazioni – prosegue De Luca –. Un grazie va naturalmente alla società, ai compagni e, sopratutto, ai due mister, D’Agostino e Colombo, che mi hanno messo in condizione di esprimermi al meglio”. De Luca arrivava in grigio in prestito dal Toro, di cui conserva un grande ricordo. “Senza dubbio – rivela – l’esordio allo Juventus Stadium nel derby. Una sensazione meravigliosa ed un momento indimenticabile”. Come tutti i calciatori, anche De Luca ha un sogno. “Sono un ragazzo ambizioso e lavoro ogni giorno per migliorarmi – conclude De Luca –. Sono concentro sul mio obiettivo che fin da piccolo sogno: quello di giocare in serie A. Mi immagino un Manuel che ha voglia di stupire e molto determinato”. È Manuel De Luca il migliore giocatore scelto dai lettori di Hurrà Grigi Alle 16 di mercoledì si è chiuso il nostro sondaggio per eleggere il miglior giocatore dell'Alessandria Calcio della

stagione appena conclusa. Il risultato non ha lasciato dubbi. Per i nostri lettori, infatti, è l'attaccante classe 1998 Manuel De Luca il giocatore migliore dell'Alessandria Calcio. Su 238 voti, De Luca ha ricevuto il 24% dei consensi (56). Dopo De Luca, al secondo posto c'è il difensore Fabio Delvino con il 18% dei voti (43) seguito da Alessandro Gazzi con il 17% (40). Al quarto posto, poi, troviamo Matteo Gerace con l’11% dei voti seguito da Erik Panizzi con il 10%. Poi in ordine ci sono Giu-

seppe Agostinone e Riccardo Chiarello (5 voti), Andrea Badan, Tommaso Cucchietti e Tommaso Tentoni (4 voti), Ionut Pop, Giuseppe Prestia, Daniele Rocco, Francisco Sartore ed Edoardo Sbampato (3 voti), Franklyn Akammadu ed Alessio Scatolini (2 voti) e Tommaso Bellazzini, Luca Checchin, Claudio Coralli, Emanuele Gatto, Andrea Gemignani, Kleto Gjura, Xavier Usel, Vasileios Zogkos (1 voto). Non sono stati votati dai tifosi Dario Maltese e Claudio Santini.

73.524 volte GRAZIE!

N

@Museogrigio

LUCA STURLA

el mese di maggio, come evidenziato dal grafico che pubblichiamo, il sito www.hurragrigi.it ha fatto registrare 73.524 visualizzazioni. Voglio ringraziare i nostri lettori che, ormai, ci seguono fedelmente non solo sulle pagine della nostra edizione “cartacea”, ma anche sui più moderni e popolari mezzi di comunicazione, come, appunto, il sito internet o la pagina e il gruppo Facebook. Un successo che, sinceramente, non mi aspettavo, che premia giustamente l’attività di una redazione molto giovane, che lavora con passione, entusiasmo e, soprattutto, amore per la maglia grigia. Sappiamo di dare fastidio perché

non siamo omologati, non siamo la voce ufficiale di nessuno, non dobbiamo rendere conto a nessuno delle nostre idee ed opinioni: siamo tifosi dell’Alessandria e diciamo quello che pensiamo, cercando, in più, di tenere aggiornati i nostri lettori su tutte le novità che riguardano l’Alessandria calcio. E diamo voce a tutti i tifosi che vogliono esprimere la loro opinione (non dimenticando, a tal proposito, la trasmissione radiofonica hurràalex, in onda su Alex 89.9) Possiamo sbagliare, e accettiamo le critiche di tutti, ma lo facciamo in perfetta buona fede. Quindi, grazie a tutti, continuate a seguirci! Il Direttore Massimo Taggiasco


7 giu. 2019

7

HURRÀ GRIGI

In occasione del Torneo Andrea Riva che si svolgerà mercoledi 12 giugno, dalle ore 21.00, la redazione di Hurrà Grigi ha incontrato Gianluca Tedesco, collaboratore dell'organizzatore Antonio Frisina

TEDESCO "Il torneo Andrea Riva è giunto alla settima edizione" IL BASTIAN CONTRARIO di Mao

PAOLO BARATTO

T

Davvero incredibile!!!

S

@Tony Frisina

edesco, dove si svolgerà il torneo di mercoledi 12 giugno? Il torneo si svolgerà al Circolo OrtiIncontra in Via Santorre di Santarosa. La manifestazione è organizzata da Antonio Frisina con la collaborazione di Gianluca Tedesco. Quest'anno l’appuntamento è giunto alla settima edizione. Quante squadre parteciperanno? Saranno presenti 25 squadre. E' un torneo di calcio a cinque. Come sarà strutturato? Ci saranno cinque gironi da cinque squadre tra cui passeranno al turno successivo le prime tre classificate e la migliore quarta classificata. Poi si disputeranno gli ottavi di finale, i quarti di finale, le semifinali ed infine la finale. Il limite previsto, per i giocatori, è quello della Prima Categoria con la possibilità di avere due fuori quota. Come è strutturato il montepremi? La squadra vincitrice del torneo incassa 1200 Euro, la seconda classificata 700 Euro, il terzo classificato 350 Euro. Oltre a questo torneo ci sarà una importante giornata di beneficenza allo stadio Moccagatta. Si. Sabato 8 giugno si svolgerà un triangolare benefico presso lo stadio Giuseppe Moccagatta di Alessandria a cui parteciperanno la squadra “Radio Sala Prove”, che avrà l’onore di avere tra le sue fila Fabio Artico neo Direttore Sportivo dell’Alessandria, l'Inter Club

di Alessandria e il Mondo della Notte: ogni partita avrà la durata di quarantacinque minuti. Tutto l'incasso che

verrà raccolto sarà devoluto al papà di un ragazzo non vedente. Il costo del biglietto è di cinque Euro.

ono passati appena 12 mesi da quando la società con un comunicato ha annunciato di avere firmato un contratto con Fabio Artico come direttore sportivo. Sembrava una mossa importante, una svolta per la tifoseria e per la società. Tutti abbiamo pensato che finalmente un direttore sportivo con il cuore grigio potesse risvegliare quell'interesse che negli ultimi 2 campionati era mancato alla tifoseria. L' anno di Stellini e ancor più quello seguente avevano azzerato l'umore anche ai tifosi più irriducibili, ma nessuno avrebbe mai pensato di poter cancellare tutto il malumore e soprattutto di poter cominciare una storia completamente diversa da quella che per 45 anni aveva caratterizzato i campionati dei nostri grigi. Era arrivato anche per noi FINALMENTE il momento di cominciare a godere calcisticamente. Dopo l'arrivo di Artico e l'ingaggio come allenatore di Guardiola sono cominciati gli acquisti di giocatori di una certa rilevanza, e finalmente con un campionato in testa dalla prima all'ultima giornata finalmente si è AVVERATO IL SOGNO...... Riuscire a vincere il campionato con 4 giornate di anticipo e soprattutto raggiungere la matematica certezza nella trasferta di Novara non ha eguali come goduria. Rivedere

una colonna di 71 pullman e migliaia di macchine, era dai tempi della TIM CUP che non si riusciva a fare. Avere dominato il campionato togliendosi delle soddisfazioni come la doppia vittoria per 4 a 0 con la Pro Vercelli, o con l'invasione di Como(46 pullman) e dopo essere passati in svantaggio con 2 rigori contro, vincere per 3 a 2. Finalmente è il nostro turno!!!! Riuscire nell'impresa mancata ormai troppe volte è un sogno... La gente per i 10 giorni dopo la promozione non era ancora riuscita a smaltire la sbornia di felicità. Le sbronze, i voti alla Madonna, le promesse che avevamo fatto in questi anni finalmente si concretizzavano. Chi aveva la barba si sbarbava, chi era un po' vicciottello... sembrava ammalato di anoressia, tutti avevamo realizzato un sogno. Qualche giorno dopo anche la Juventus riusciva a vincere la coppa dei campioni contro il Liverpool!!! È quando anche questo sogno si era avverato... Ci siamo tutti guardati attorno abbiamo detto la Juve ha vinto la champions??? Abbiamo strabuzzato gli occhi... Abbiamo pensato " è impossibile???". Ed abbiamo capito che era solo un sogno.... ...E speriamo che prima o poi si avveri....

di GIULIO FULVIO SCUVERA

OROLOGERIA • OREFICERIA

Promozione Estate 2019 Sconti del 20% - 30% sulla gioielleria • 15% sull’orologeria • 10% sull’oreficeria

Corso Acqui 88 • Alessandria • Tel. 0131 341627

CALCIO DI INIZIO DATO DA CICCIO MARESCALCO MERCOLEDÌ 12 GIUGNO 2019

Millefiori Ogni fiore che sboccia do ci ricorda che il mondei colori... non è ancora stanco

Sabato 29 giugno: Notte Bianca in corso Acqui con tante sorprese

Alessandria • Corso Acqui 63 Tel./Fax 0131 342665


8

7 giu. 2019

HURRÀ GRIGI

L'INTERVISTA Questa settimana la redazione di Hurrà Grigi ha incontrato Giuseppe Zappella,

difensore dell’Alessandria nelle stagioni 2007/2008 e 2008/2009

ZAPPELLA "Vestire la maglia dei Grigi è una responsabilità enorme" PAOLO BARATTO

Nel centro storico di Alessandria un nuovo spazio per la spesa a Km 0: rima città del Piemonte ad ospitarne uno

Z

appella, quale sono i suoi ricordi delle due stagioni in cui ha vestito la maglia dell'Alessandria? Sono ricordi stupendi in quanto quando un calciatore veste la maglia dei grigi ha una responsabilità enorme verso tutta la città perché credo che l’attaccamento del tifoso grigio alla squadra è paragonabile alle più grosse piazze del calcio italiano. La gente gira con la sciarpa dei grigi! Pensiamo alla bellezza di tutto ciò in una categoria più consona alla città, ai tifosi ma soprattutto a questa società, guidata da Luca Di Masi, che negli ultimi anni ha investito molto sia dal punto di vista tecnico che da quello organizzativo. La stagione 2007/2008 è stata una cavalcata trionfale in un campionato dominato dall'inizio alla fine: quale è stata la vostra forza? Sicuramente il gruppo. Braghin e Ferrero hanno costruito quella squadra partendo dalla fiducia che avevano in alcuni giocatori cardine. Il feeling con il coach Iacolino è stato perfetto e lui ha guidato sapientemente la squadra riuscendo a farci esprimere sempre al 100% delle nostre abilità, dimostrando di essere uno di migliore tecnici tra Serie D e Lega Pro di quel periodo. Fabio Artico è, da pochi giorni, il nuovo Direttore Sportivo dell'Alessandria. Lei che lo conosce bene come lo vede in questa nuova veste? Penso non ci sia mai stato giorno

Mercato Coperto di Campagna Amica: trovare la campagna in città da oggi è più facile

C in cui io e Artico ci siamo incontrati o parlati al telefono che non abbiamo rammentato i Grigi. Credo che per Artico, Alessandria, sia come una seconda casa. Posso assicurare che ce l’ha nel cuore e che darà il meglio di sé per la causa Grigia. Alla fine Artico è tornato a casa e spero tanto che per lui sia l’inizio di una carriera piena di soddisfazioni. Ha seguito le ultime stagioni dell'Alessandria? Che idea si è fatto? Seguo sempre le gesta dei Grigi, come ho detto in precedenza se hai avuto la fortuna di indossare la casacca Grigia non puoi poi, non informarti dell’Alessandria. Ci sono state un paio di stagioni dove la promozione è sfuggita per poco o in modo beffardo, però come direbbero gli Inglesi: “this is football”. La mia personale idea è che con questa società l’Alessandria abbia fatto un passo avanti a livello di strutture ed organizzazione. Per fare calcio in una

certa maniera ci vogliono strutture ed investimenti. Arriverà il momento della promozione dei Grigi e sono sicuro che quel giorno, ci saranno già delle basi solide per consolidare la categoria e non improvvisare come fanno in tanti. Cosa c'è nel presente di Giuseppe Zappella? C’è che sto rispondendo alle domande di Hurrà Grigi, da una camera d’albergo di Saigon, meglio nota ora come Ho Chi Minh City nel sud del Vietnam. Non sono qui in vacanza ma per lavorare in nuovo progetto Juventus International Academy. Sono molto contento dei primi giorni qui in Vietnam, la compagnia per cui lavoro sta investendo molti soldi per lo sviluppo del calcio vietnamita. In progetto c’è di rimanere almeno un anno ma spero, se le condizioni rimarranno queste di continuare. Sarebbe bello poter portare una squadra della nostra Academy a fare un amichevole coi Grigi.

La prima Spa Ecobio in città Alessandria • Via A. Cassola 3 • 0131 482433 • 388 4646703

FACE&BODY SUN LUI&LEI

entinaia i consumatori che hanno preso d’assalto il nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica acquistando frutta e verdura, formaggi, carne, salumi, miele, ma anche confetture, farine e prodotti da forno, tutto rigorosamente a km0. Il primo ad aprire in Piemonte, si aggiunge alle varie altre iniziative settimanali all’aperto firmate Campagna Amica, dislocate sia in città che in tutta la provincia: è strutturato per essere un punto fisso di vendita diretta rispetto ai temi legati al cibo, alla sana alimentazione, alla tutela del territorio rurale, al turismo in campagna e alla salvaguardia dell’ambiente. Nasce per promuovere la conoscenza della stagionalità dei prodotti che non devono percorrere lunghe distanze e per diffondere, grazie ai consigli degli agricoltori, i metodi migliori per conservare e utilizzare i tesori agroalimentari locali. "Aggiungiamo un solido tassello nel percorso che da anni perseguiamo per la crescita dell’agricoltura e la tutela del vero Made in Italy" ha sottolineato Mauro Bianco, presidente

provinciale Coldiretti Alessandria nel rilevare anche l’elevato valore sociale dell’iniziativa. Abbiamo scelto Borgo Rovereto, cuore del centro storico alessandrino, per contribuire a rivitalizzare una parte importante della città, ora confidiamo nella risposta degli alessandrini per quello che non vuole essere solo uno sbocco commerciale, ma anche un luogo vitale di agricoltura di prossimità e di aggregazione”. “Il mercato coperto rappresenta una grande opportunità per i produttori locali di mostrare le loro eccellenze, e per i consumatori di acquistare cibo vero e sano. Non è solo un luogo di acquisto, ma diventa un luogo di incontro, cultura, scambio, relazioni. Rappresenta un momento autentico di conoscenza vera del territorio”, ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo. Il Mercato Coperto di Campagna Amica annovera una quindicina di postazioni di vendita diretta destinate ai produttori, in parte anche fornite di banco frigo, e un’area eventi: apertura al pubblico prevista due giorni a settimana, martedì e sabato, con orario dalle 8 alle 14.

GRAFICA PUBBLICITARIA PROGETTAZIONE ARTISTICA SOCIAL MEDIA MARKETING FOTOGRAFIA WEDDING DESIGN IRIS Visual Design Lab di Serena Russello +39 339 59 78 436 | irisvisualdesignlab@gmail.com

SOLO

€ 29,00 € 59,00

Prepara il tuo viso e il tuo corpo al sole per avere un’abbronzatura perfetta

PRENOTALO SUBITO!

DISPONIBILE IN QUESTO ISTITUTO SOLO PER IL MESE DI GIUGNO

O IUGN 29 G BIANCA E I NOTT SO ACQU R O O C M A IN PETTI VI AS TANTE CON RESE! SORP

AGENZIA GENERALE DI ALESSANDRIA SPALTO MARENGO 52 - 15121 (AL) Tel. 0131 252614 | E- mail: alessandria@cattolica.it SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE ...VIENI IN AGENZIA!


7 giu. 2019

9

HURRÀ GRIGI

Coppa del Mondo Francia 2019: inizia l'avventura delle Azzurre ROBERTA SACCO

Bella e vincente!

L

’ultima volta che la nostra nazionale femminile ha giocato un mondiale di calcio, in Italia circolava ancora la lira e nel mondo veniva prodotto il primo Blackberry a tastiera completa. Vent’anni sono passati da quel lontano 1999 e le eredi di Rita Guarino e Patrizia Panico sono pronte a battersi nuovamente contro le squadre più forti del mondo. Se in giro per il globo il calcio in rosa è tenuto in grande considerazione da anni, in Italia solo negli ultimi mesi l'interesse generale è cresciuto esponenzialmente grazie all’entrata in campo delle società professionistiche maschili che hanno messo a disposizione di queste ragazze strutture, professionalità, staff tecnici e medici qualificati per crescere. In paio anni il risultato più evidente è proprio questa qualificazione al mondiale che si giocherà in Francia e vedrà le azzurre partecipare con l’obiettivo in primis di passare il primo girone di qualificazione che le vedrà affrontare in ordine Australia (domenica 9 giugno ore 13), Giamaica (Venerdì 14 giugno ore 18) e Brasile (Martedì 18 giugno ore 21) ma con un grande sogno nel cassetto: la prima qualificazione alle olimpiadi. Un’impresa titanica. Se chiedete alle nostre azzurre quale sia il loro punto di forza, la risposta sarà sempre la stessa ovvero il gruppo. Un gruppo che gioca insieme da anni fatto per la quasi totalità da atlete che giocano per le 3 squadre più forti italiane: Juventus (8), Fiorentina (3) e Milan (6). Chi affronterà le azzurre in Francia dovrà principalmente fare attenzione a Barbara Bonansea, attaccante pinerolese, classe 1991, l’undici sulle spalle

e numeri da fuoriclasse, cercata un paio di anni fa anche dalla squadra pluricampione di Champions, il Lyon. Talento cristallino che fa della progressione palla al piede e del tiro la sua arma migliore, una spacca partite che può scardinare qualsiasi difesa quando è in giornata. Ma Bonansea non è l’unica stella della squadra ottimamente allenata dalla coach Milena Bertolini: il capitano della Fiorentina Alia Guagni, un terzino o meglio un treno a destra con il vizietto del gol, la nostra numero dieci Cristiana Girelli, piedi raffinati e grande visione di gioco o ancora la juventina Valentina Cernoia dal sinistro fatato… Un capitolo a parte lo merita il capitano sia della nazionale sia della Juventus cioè Sara Gama, elemento essenziale della nostra difesa già orfana di Salvai con cui forma una della coppie di centrali più forti in Europa. Le nostre azzurre si ritroveranno di fronte atlete prima che calciatrici eccezionali che giocano nei migliori campionati del mondo. Se parliamo di calcio femminile non si può non nominare Team USA, campionesse del mondo in carica e super favorite anche per questa edizione. Tutte le sue calciatrici giocano nel campionato di casa, NWSL insieme a stelle di altre nazioni come Marta, attaccante bra-

siliana delle Orlando Pride e riconosciuta come una delle giocatrici più forti nella storia del calcio femminile. Mai come in questa edizione, quella che si annuncia la più bella e seguita di sempre, ci sono però tante squadre che possono aspirare a detronizzare le fortissime americane. Chi può essere considerata a pieno titolo una delle favorite, è senza dubbio l’Olanda campionessa d’Europa due anni fa che può contare su una squadra giovane piena di talento. Nel Mondiale più bello di sempre, altre nazioni, oltre alla già citate, proveranno ad alzare il trofeo sotto il cielo di Lione il 7 luglio. Come la Francia padrona di casa o al Giappone campione otto anni orsono e finalista della corsa edizione ed ancora Inghilterra, Germania, Canada, Svezia… Sarà uno spettacolo incredibile che per la prima volta in Italia potrà essere visto sulle reti di Skysport che coprirà tutte le partite della competizione mentre le gare delle azzurre e alcune delle fasi finali del torneo (15 in totale) saranno trasmesse anche su mamma Rai. È tutto pronto, l’attesa è finita. E come dice il nostro capitano Sara Gama non facciamo promesse, diciamo solo: guardateci, imparate a conoscerci. Vi innamorerete di noi che siamo ragazze Mondiali!

C

’è anche un’Alessandria del calcio bella e vincente. Il football femminile  che porta il nome della nostra città è in Serie C, dopo aver ottenuto la promozione con una giornata di anticipo sulla conclusione del campionato. Le ragazze di  Mister Barbesino  hanno travolto l’A.S.D. Rupinaro Sport con un perentorio 7-0, risultato che ha portato ad oltre 100 le reti segnate nella stagione, segno di un  predominio assoluto e meritato che non ha mai registrato segni di cedimento. Quali e ragioni di questo successo? Ovviamente la superiorità tecnica delle nostra ragazze, ma anche il carattere, l’impegno e la dedizione. Inutile dire che, a questi livelli, non si gioca per i soldi o la gloria televisiva, ma solo per passione ed entusiasmo, con tanti sacrifici sul campo e fuori. Un bell’esempio per i colleghi ma-

schi che, a suon di milioni, non sono riusciti a regalarci la tanto agognata promozione in serie B. Faccio anche un’annotazione personale: Hurrà Grigi e la trasmissione radiofonica HurràAlex hanno seguito, supportato e pubblicizzato i risultati di queste splendide atlete, alcune delle quali sono state anche ospiti della nostra trasmissione. Siamo orgogliosi di averlo fatto e continueremo a farlo. Ora l’ACF ALESSANDRIA  è attesa da impegni più gravosi perché la serie C vedrà ai nastri di partenza formazioni di grande spessore a livello interregionale: ci auguriamo che la squadra venga supportata anche dalle istituzioni per mettere la ragazze nelle migliori condizioni, anche ambientali, per tenere alto il nome della nostra città. Un’ultima annotazione: la partita decisiva per la promozione è stata seguita da oltre 200 tifosi che hanno assistito a questo trionfo, segno che anche ad Alessandria si incomincia ad apprezzare e valorizzare la qualità del calcio femminile. Stanno per iniziare le partite del Campionato Mondiale, dove l’Italia vuole e deve essere protagonista, anche per trascinare e potenziare tutto il movimento. Il calcio femminile sta esplodendo ed Alessandria vuole essere protagonista: forza ragazze, questo è solo l’inizio! [Massimo Taggiasco]

Quale sarà la tua storia? Scopri le loro e prenota un Test Drive su storiediguidavera.it

GAMMA SUBARU ciclo misto WLTP: consumi da 8,0 a 8,9 (l/100km); emissioni CO2 da 180 a 202 (g/km). Immagini vetture indicative. Negli Showroom Subaru possono essere presenti eventuali stock di vetture, di produzione antecedente, non omologate secondo i nuovi standard WLTP. Per maggiori info rivolgersi in concessionaria. Le storie sono reali e raccontate da e con i commenti e le opinioni dei clienti Subaru protagonisti del presente messaggio promozionale.

NOME SHOWROOM VIA PAOLO ROSSI 53, MILANO - TEL. 031 3333333333

SUBARU CONSIGLIA

SEGUI SUBARU ITALIA


10

7 giu. 2019

HURRÀ GRIGI

L'INTERVISTA Questa settimana la redazione di Hurrà Grigi ha incontrato Cristiano Camillucci,

centrocampista dell'Alessandria nella stagione 2010/2011

CAMILLUCCI "Ad Alessandria uno degli anni più belli della mia carriera"

C

amillucci quali sono i suoi ricordi della stagione 2010/2011 in cui ha vestito la maglia dell'Alessandria? É stato uno degli anni più belli della mia carriera da calciatore. Ho vissuto una stagione fantastica sia a livello di gruppo, sia di squadra ma che nel rapporto con i tifosi e con la città: si era creata una alchimia positiva e bella. A livello di risultati la nostra squadra ha fatto un grande campionato chiuso al terzo posto alle spalle di Gubbio e Sorrento, raggiungendo playoff. Sono passati tanti anni ma ancora adesso, quando mi capita di parlare con qualche interprete di quella squadra, abbiamo tutti il rammarico della partita persa, al Moccagatta, con la Salernitana, soprattutto sull'episodio del rigore concesso per il fallo commesso da Cammaroto nettamente fuori area. La nota negativa

di quella stagione è stata sicuramente il Presidente, con i problemi che tutti quanti sappiamo che si sono venuti a creare. A gennaio Giorgio Veltroni andò via e ci furono grossi problemi. Al termine della stagione 2010/2011 c'è stato il suo approdo al Sorrento: non vi erano prospettvie per poter continuare a rimanere ad Alessandria? Ci sono stati diversi giorni di attesa e di riflessione. C'erano molti problemi, come detto precedentemente, con il Presidente Veltroni a cui si è aggiunta la retrocessione per il calcio scommesse. Siccome la situazione societaria non era ben chiara fui uno dei primi che mister Sarri contattò per raggiungerlo a Sorrento, feci la scelta di seguirlo, di continuare a lavorare con lui. Se fosse stato tutto più chiaro, anche a livello societario, io credo che sia il mister che alcuni giocatori di noi saremmo rimasti ben volentieri per riprendere la cavalcata e cercare di vincere il campionato. Fabio Artico è stato nominato Direttore Sportivo dell'Alessandria: come vede Artico calato in questa nuova realtà? Sono molto contento per lui. Sia come compagno di squadra che come Direttore Sportivo, oltre ad Alessandria faci sei mesi nel Cuneo contattato proprio da Fabio Artico, abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto: oltre ad essere un grande giocatore è una persona umile, per bene e farà benissimo nel calcio. In più è amatissimo dalla piazza di Alessandria e, secondo me, sarà l'ambiente migliore dove poter fare il Direttore Sportivo. Ha seguito l'Alessandria negli ultimi

anni? Che opinione si è fatto? Ho sempre seguito l'Alessandria: ritengo che ci sia una società molto solida. E' una piazza importante Alessandria con un pubblico che segue molto la squadra, al 100%. La squadra, negli anni precedenti, per poco non è riuscita a raggiungere la promozione in Serie B. I grigi hanno fatto delle ottime cose e sicuramente dispiace non aver ottenuto la vittoria del campionato. Spero sempre il meglio per la città e per i suoi tifosi. Cosa c'è nell'attualità di Cristiano Camillucci? Ho disputato il campionato di Serie D alla Sangiustese, girone F ed abbiamo raggiunto i playoff, le semifinali, dove siamo stati sconfitti dal Matelica: i playoff sono stati vinti dal Cesena. Alla Sangiustese c'è una grande famiglia e una società molto solida. Vedremo per la stagione prossima cosa succederà. Che effetto le ha fatto vedere Maurizio Sarri alzare l'Europa League alla guida del Chelsea. Ho avuto mister Sarri, per l'ultima volta come allenatore, ad Empoli, nella stagione 2014/15. Ho sempre avuto un bel rapporto ed ha dimostarto di avere molta considerazione di me: mi ha portato ad Alessandria, poi a Sorrento e ad Empoli. Per me è un motivo di orgoglio averlo visto vincere l'Europa League con il Chelsea. Oltre ad essere un grandissimo allenatore è un gran lavoratore e una persona per bene: è partito dal basso, ha fatto la gavetta ed ha raggiunto traguardi e vittorie importanti.

Lettera di un tifoso ai tifosi @GSM Photo

PAOLO BARATTO

O

rmai per i Grigi il campionato finito, senza infamia e senza lode. Se consideriamo che il turno di playoff giocato non è stato favorevole alla maglia Grigia, possiamo però dire che perlomeno ha dato a noi tifosi qualcosa di cui gioire, visto l'andamento deludente che solo il cambio del mister ha in parte mimetizzato, pur mantenendo i pochi pregi e i tanti difetti. Il popolo Grigio ha voluto dimostrare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che la voglia di esultare non è mai stata in discussione. Spero quindi che il prossimo campionato parta con altri obbiettivi, che diano a tutti noi quelle vittorie che sono mancate per tanti motivi in un girone che definirlo osceno è il minimo. La società a cui bisogna fare un

plauso per una tranquillità di gestione senza problemi , ha ulteriormente reso lo stadio degno di altra categoria con gli ultimi interventi: questo fa sperare in ciò che noi tutti desideriamo da anni. Anche l’arrivo di Fabio Artico è un buon segnale che noi tifosi accogliamo con entusiasmo. Lasciamoci alle spalle le ultime delusioni e voltiamo pagina, sostenendo sempre la maglia che a oggi vive anche grazie a chi investe in un sogno che solo tutti Noi insieme a LdM & C possiamo raggiungere. Forza Presidente non molli, il popolo grigio è con Lei e vedrà che quell'entusiasmo passato e sfumato, quest'anno ritornerà più forte di prima. Grazie ancora di tutto e Forza Grigi. Rossin Mauro


7 giu. 2019

11

HURRÀ GRIGI

SECONDO ME... Colloquio con Marcello Marcellini

MARCELLINI É ora di ricominciare con un simbolo della nostra storia

M

arcello, lunedì è stato il Fabio Artico day: come lo vedi nel ruolo di Direttore Sportivo dell’Alessandria? Vedo un Fabio Artico speranzoso di far bene in una piazza a lui molto cara. Il calcio alessandrino ha bisogno di ritrovare entusiasmo e risultati. Fabio, rispetto a tanti altri Direttori che si sono susseguiti in questi anni, ha sicuramente meno esperienza ma ha un fattore che garantirà che tutto ciò che farà sarà finalizzato soprattutto al bene della squadra. È risaputo che i Direttori Sportivi da professionisti quali sono devono si operare per far ottenere alla società i risultati prefissati, ma spesso però interessi personali finiscono per confondere il bene della squadra con finalità diverse. Tutto ciò non credo proprio che possa succedere con Fabio Artico. Ha lasciato per fine carriera l’Alessandria di cui non

un certo tipo di rapporto attraverso il quale allestire la nuova squadra. Quando tu eri Team manager dell’Alessandria, nella stagione 2010/2001, come era Fabio Artico da giocatore e come era all’interno del-

Bar dello Stadio

mpio del calcio te l e n è ff a c a s u La tua pa

Aperto tutti i giorni dalle 7,30 alle 20

Via Vincenzo Bellini - ALESSANDRIA

sotto la tribuna centrale del Moccagatta

abbigliamento bambini e ragazzi da 0 a 16 anni via San Lorenzo 52 ALESSANDRIA tel. 0131 252383

lo spogliatoio? Prima di tutto gli va riconosciuta l’onestà di avere fatto un passo indietro, non rivendicando mai il ruolo che gli sicuramente sarebbe ancora piaciuto recitare: quello di titolare fisso. Si è

@GSM Photo

MASSIMO TAGGIASCO

è stato solo il capitano, ma anche una bandiera. Non penso proprio che rischierà la sua immagine. Ovviamente il ruolo presuppone anche la possibilità di commettere degli errori, inoltre va convenuto che non ha ancora maturato una grande esperienza nel ruolo. Una cosa è però certa: se errori verranno commessi, saranno da addebitare esclusivamente o a un’esperienza ancora da formarsi o alla casualità. Artico, molto amato dai tifosi, arriva ad Alessandria in un periodo in cui la tifoseria si sono molto allontanati dalla squadra: può essere una figura che riavvicinerà il pubblico ai grigi? Penso proprio di si. Credo che con questa scelta, il Presidente Di Masi abbia pensato anche a questo. Nella stagione appena ultimata la tifoseria si è distaccata dalla società, un po’ meno dalla squadra, abbandonando in più occasioni gli spalti del Moccagatta. Per potere ricompattare il tutto, quale miglior medicina poteva esserci che proporre alla “piazza” un personaggio dai più ben voluto. L'Alessandria 2019/2020 non ripartirà con in panchina da Alberto Colombo: come giudichi questa scelta? A suo tempo avevo espresso la convinzione che Colombo fosse arrivato per volontà di Alessandro Soldati. Gli va sicuramente riconosciuto il merito di aver risollevato le sorti di una stagione deficitaria. Ora Soldati, il suo mentore, non c’è più e ritengo comprensibile e logico che il nuovo Direttore Sportivo voglia affidarsi ad una guida tecnica che conosce, che gli garantisce

messo umilmente a disposizione dello staff tecnico accettando sempre tutte le loro scelte. E’ diventato il collante tra i vari compagni di squadra e il gestore, collaboratore dello staff. Ricordo ancora alcuni suoi gol indimenticabili: quello su punizione in casa contro il Verona e quello ancora su punizione a Pavia. Non ultimo il gol allo scadere fatto di furbizia e di tempestività sotto l’uragano a Ravenna. Personalmente l’ho ringraziato tante volte perché era stato bravo e capace a risolvere alcune partite che sembravano problematiche. Calciatore a parte ho anche scoperto in lui una semplicità ed un’umiltà che non si evidenziavano nel calciatore ma che invece emergevano nell’uomo. Un’ultima considerazione: su Maurizio Sarri. Hai lavorato quotidianamente al suo fianco per una stagione intera, che effetto ti ha fatto vederlo conquistare l'Europa League con il Chelsea? A 60 anni dopo una storia calcistica partita da molto lontano dal punto di vista delle categorie ed approdata in una società importante come il Chelsea, dopo avere conosciuto anche momenti sicuramente poco felici, con diversi esoneri, il vederlo alzare al cielo un trofeo cosi importante mi ha riempito di gioia. Ho toccato con mano quanta intensità, quanta serietà, quanta pignoleria e quanta attenzione mette nel suo lavoro. Il vedere che tutto ciò è servito a fargli ottenere un successo cosi strepitoso non solo mi ha fatto piacere, ma mi ha fatto anche capire che prima o poi il lavoro serio e vero paga.

ristorante - pizzeria - Prova il nostro GiroPizza - Scopri i piatti partenopei, come la pizza fritta o i paccheri - Deliziati coi dolci preparati artigianalmente - Assapora la pizza Tramonti, con impasto ad alta lievitazione e stesura speciale Tel: 0131 25 37 36 Piazzetta Bini 9 – 15121 Alessandria

di Ponzano A. e C. SISTEMI COMPUTERIZZATI PER RISTORANTI•BILANCE REGISTRATORI DI CASSA•ACCESSORI PER L’UFFICIO Via Trotti, 102 - Alessandria Tel. 0131 262614 • Fax 0131 326732 ponzano@unodinoicom.it sc.ponzano@gmail.com


AL TUO E R E S S E BEN O M A I S CI PEN I NO

TORTI IMPIANTI 105 anni di idraulica e solidarietà Centro assistenza autorizzato

INSTALLAZIONE E GESTIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

Assistenza tecnica autorizzata Haier climatizzazione

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E VENTILAZIONE

PIÙ RISPARMIO MENO INQUINAMENTO MAGGIOR BENESSERE PER TUTTI PREVENTIVI GRATUITI SENZA IMPEGNO ALESSANDRIA • VIA DONIZETTI 25 ANGOLO VIA VINZAGLIO • TEL. 0131 222041 FAX 0131 222140 • EMAIL: info@tortiimpianti.it • www.tortiimpianti.it

Profile for hurrà grigi

Numero Speciale Artico  

Numero Speciale Artico

Numero Speciale Artico  

Numero Speciale Artico

Advertisement