Page 11

IL RILIEVO DI GALLUS AI MUSEI CAPITOLINI

Il secondo dato utile, e consequenziale all’individuazione della vigna in cui avvenne il ritrovamento, riguarda il contesto di provenienza e quindi anche l’interpretazione del rilievo, che, anche a causa della confusione finora fatta sul luogo di rinvenimento, è talvolta oscillata tra l’ambito sacrale-votivo36 e l’ambito sepolcrale37. La probabile ubicazione proposta in questa sede porta ad ipotizzare che il rilievo, rinvenuto sembra in giacitura secondaria, fosse pertinente ad un monumento situato lungo la fascia prospiciente la via Appia, forse già distrutto in epoca post-antica, verosimilmente da identificare con un edificio sepolcrale. Questa identificazione è confermata dalla presenza di altri monumenti funerari disposti lungo la strada. Infatti, non lontano dal sito in cui si ipotizza in questa sede che sia stato rinvenuto il rilievo, nello stesso lasso di tempo avvennero altri ritrovamenti, anche in questo caso frutto di lavori agricoli, la cui descrizione, rintracciata in alcuni documenti inediti38, permette di riconoscervi lo scavo di un monumento funerario, non altrimenti noto, individuato e demolito nel 1735 nella vigna Sorbini, gravata da canone a favore del Duca. Sebbene l’individuazione della vigna sia resa alquanto problematica dai numerosi passaggi di proprietà e dalle permute che interessarono l’eredità Sorbini, famiglia detentrice nel XVII-XVIII sec. di diversi terreni situati tra Genzano e Lanuvio, alcuni privati e altri in enfiteusi, tuttavia la descrizione del sito in cui avvenne la scoperta impone di ricercare la vigna in questione lungo la via Appia, anche in questo caso tra Genzano e Lanuvio, probabilmente nella stessa contrada Palmetane in cui si trovava la vigna di Bartolomeo Marcone. Tra i terreni in possesso di questa famiglia nella prima metà del lanuvina). Reminiscenza della presenza della villa antonina nell’ager Lanuvinus è costituita dalla menzione nel Liber Censuum (LC I, ed. Duchesne, pp. 351352) di un fundus Antoninianus se si accetta la correzione del toponimo Antinianus proposta dal Galieti (1946-1948, pp. 119-125; cfr. DONATI 1971, p. 237; MARAZZI 1990, pp. 124-125; DE FRANCESCO 2004, p. 241). 36 Ad esempio in BALDASSARRI 2008, p. 104. 37 Ad esempio in ENSOLI 2000, p. 515 n. 142. 38 Per una trattazione più ampia vd. DELLA GIOVAMPAOLA cs.

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

513

Profile for Horti Hesperidum

I Della Giovampaola, La provenienza del rilievo di Gallus ai Musei Capitolini  

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

I Della Giovampaola, La provenienza del rilievo di Gallus ai Musei Capitolini  

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

Advertisement