Issuu on Google+

L’‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO. IL RUOLO DEI FORNITORI, DEI MEDIATORI E DEI RESTAURATORI

ROSELLA CARLONI

La documentazione riguardante il museo Pio-Clementino, che si conserva negli archivi romani1, è stata la base per una ricerca, attualmente in corso, sugli acquisti di oggetti antichi riconducibili ai culti orientali e al mondo esotico2, effettuati dal museo tra i primi anni settanta del XVIII secolo, quando fu istituito, fino al 1796, anno in cui si può considerare conclusa quella esperienza, a causa delle note vicende politiche3. Lo I documenti redatti dal direttore del museo, Giovanni Battista Visconti, si conservano nella versione ufficiale presso l’Archivio di Stato di Roma e nella versione privata presso la Biblioteca Apostolica Vaticana e presso l’Archivio Storico dei Musei Vaticani. Una ricognizione delle fonti citate ai fini dell’identificazione dei pezzi esposti nel museo è in PIETRANGELI 1987, 1988, 1989, 1991. 2 Al momento sono esclusi da questa anticipazione sui risultati della ricerca le figure zoomorfe, in attesa del completamento dei dati. 3 Con il trattato di Tolentino del 1797 molte opere furono trasferite dal museo Vaticano a Parigi. L’anno successivo si avrà l’occupazione francese e la Repubblica Romana (1798-1799). Sulle vicende del museo anche durante questo periodo cfr. PIETRANGELI 1985, pp. 39-113. 1


R. CARLONI

scopo è di accertare, attraverso le fonti, in particolare “Le Note di spesa” redatte dal direttore del museo Giovanni Battista Visconti4, quali pezzi antichi entrarono in quegli anni, il ruolo che in proposito hanno avuto i fornitori, i mediatori ed i restauratori del museo ed infine verificare se le opere furono destinate ad un’esposizione che illustrasse il mondo orientale. In questa sede si comunicano i primi esiti relativi al periodo che va dal 1772 al 1787, in attesa di un prossimo completamento dei dati. La ricognizione dei pagamenti effettuati dal Visconti in quegli anni ha portato a considerare per primo l’andamento delle acquisizioni. Il numero dei pezzi acquisiti dal museo nei primi anni e che rientrano nella categoria dei soggetti pertinenti al mondo orientale è piuttosto limitato, cresce a partire dal 1778, registra un forte aumento nei primi anni ottanta per calare subito dopo. Si tratta di un ritmo spezzato che va attribuito ad una serie di fattori, il primo dei quali è legato alla costruzione del museo. Occorre ricordare che il museo Clementino, dal nome del suo fondatore Clemente XIV, si articolava nella Galleria delle Statue (1772) e nel Cortile Ottagono (1774), pensato allora come il nucleo centrale del museo5. Dopo la sua morte e la breve pausa, legata all’elezione del pontefice Pio VI (1775), ci fu un’accelerazione nei lavori di costruzione degli ambienti voluti dal nuovo papa, cioè il prolungamento della Galleria delle Statue, la Sala degli Animali, la sala delle Muse, la sala Rotonda, che divenne il perno della struttura museale Piana, lo scalone monumentale, la sala a Croce Greca, seguita dalle altre stanze6. Questi interventi comportarono di conseguenza un aumento della domanda di antichità, nel momento stesso in cui si doveva allestire adeguatamente l’interno degli stessi ambienti, una volta completati i lavori. “Le “Note di spesa” si conservano presso l’Archivio di Stato di Roma, Camerale II, Antichità e Belle Arti (=d’ora in poi Camerale II, ABA). Sul Visconti e sulla sua famiglia cfr. GALLO 1994, pp. 77-90. 5 CONSOLI 1996, pp. 40-46; GALLO 2010, pp. 237-238. 6 GALLO 2010, p.238; CONSOLI 2010, pp. 143-145. 4

152


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

L’interesse per le antichità di gusto orientale, in particolare egizio, di cui il collezionismo romano vantava illustri esempi7, era intanto cresciuto grazie ad una serie di avvenimenti, quali furono il ritrovamento del tempio di Iside a Pompei (1764), la pubblicazione del volume del Winckelmann sull’antico Egitto ed il clima culturale che si era creato a Roma. Qui Giovanni Battista Piranesi svolse un ruolo determinante per la diffusione della moda egizia con le sue incisioni (figg. 1-2) e soprattutto con la realizzazione degli affreschi del Caffè degli Inglesi (1760). Anche la decorazione con motivi ispirati alla cultura nilotica della Sala dei Papiri nel palazzo Vaticano, la costruzione e l’allestimento di sale egizie nelle ville romane e l’innalzamento degli obelischi davanti al Quirinale (1786) e sulla piazza di Trinità dei Monti (1787)8 contribuirono a stimolare l’interesse per quel mondo, tanto che all’inizio degli anni ottanta aumentò la richiesta di tali antichità sul mercato antiquario romano9. Gli acquisti di sculture riguardanti i culti orientali, effettuati dal Visconti per il museo Clementino (1770-1774) non erano numerosi ed appartenevano alle nobili famiglie dello Stato Pontificio (Mattei, Fusconi, Albani, Jacobilli)10 e ai maggiori scavatori e collezionisti di quel momento (Gavin Hamilton, Sul fascino dell’esotico nel collezionismo romano a Roma si veda ora PALMA, PICOZZI 2010, pp.64-78. 8 Mi riferisco alla presenza di antichità egizie a villa Albani (1764), alla realizzazione del tempietto all’égyptienne della marchesa Margherita Boccapaduli nella propria villa romana per contenere un “idolo egizio” (1770), alla formazione della sala egizia a villa Borghese (1778-1780) con la commissione da parte del principe allo scultore Antoine-Guillaume Grandjaquet di sculture moderne, l’Iside (1780ca) e l’Osiride (1780), oggi conservate al museo del Louvre di Parigi. Sul clima culturale romano di quegli anni cfr. MASTROIANNI 2008, pp. 198-207. Sul reimpiego urbano degli obelischi cfr. CARBONARA POMPEI 2008, pp. 177-179. 9 Risale al 1781 il primo acquisto di un’opera egizia da parte del cardinal Stefano Borgia (POMIAN 2001, p. 24). Nel 1784 Carlo Antonio Pullini comprava a Roma una gemma con un’Iside da Carlo Antonini (CARLONI 2010, p. 152). 10 Tabella I. Sugli acquisti effettuati da Clemente XIV presso queste famiglie si veda in generale PIETRANGELI 1985, p. 44. 7

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

153


R. CARLONI

Thomas Jenkins, Giovanni Battista Piranesi)11. Erano pezzi significativi, consistenti in rilievi, busti e statue, provenienti dalla villa Celimontana dei Mattei (fig. 3) e da villa Adriana, passati alla collezione di Giovanni Battista Piranesi, e dalla raccolta Rolandi Magnini poi Jacobilli (figg. 4-6)12. Nello stesso periodo arrivarono al museo poche opere egittizzanti selezionate tra quelle portate alla luce dagli scavi promossi dalla Reverenda Camera Apostolica per volere pontificio13, in particolare quelli diretti da Venceslao Pezzolli e da Giuseppe Bettini al Foro Romano (1774-1776), ad Otricoli (1776-1777), a Tivoli (1779), a S. Giovanni in Laterano (17851787) e “nell’Orto del Sancta Sanctorum” (1787)14. Erano poche unità, in parte frammentate e oggi non tutte identificabili a causa della genericità delle descrizioni documentarie. Altrettanto limitati furono i doni di tale gusto offerti ai pontefici. Il cardinal Federico Marcello Lante regalò un bel busto di Antinoo (1772) a Clemente XIV, acquistato dal Jenkins tramite lo scultore Gaspare Sibilla15, mentre la Curia vescovile di Tivoli cedette i grandi telamoni egizi (1778-1779), un tempo disposti ai lati del portale di accesso al palazzo vescovile di Tivoli, a Pio VI che li destinò al nuovo ingresso monumentale del museo Piano (fig. 7)16. Il maggior contributo alle acquisizioni di antichità relative ai culti orientali avvenne attraverso le maestranze attive nel cantiere del museo, in particolare tramite gli scultori Filippo Tabella II. Sulle figure di questi scavatori, collezionisti e antiquari cfr. BIGNAMINI, HORNSBY 2010, ad indicem. 12 Per il Piranesi cfr. GASPARRI 1982, pp.91-107. Sugli Jacobilli e la loro raccolta di pezzi egizi, provenienti da quella Rolandi Magnini si veda LOLLIO BARBERI, PAROLA, TOTI 1995, pp. 150-156. 13 Per le diverse campagne di scavi a Roma e dintorni si veda il sempre valido studio di PIETRANGELI 1958. 14 Tabella III. 15 RANDOLFI 2010, pp. 259-280. 16 Il pontefice Pio VI, in cambio del gradito dono, versò 1000 scudi per l’acquedotto cittadino. Sulla vicenda e sul restauro dei telamoni cfr. PIVA 2007, pp. 241-261. 11

154


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

Tenti (1778) (fig. 8), Giuseppe Angelini (1780), Nicola La Piccola (1781), Antonio Gastaldi (1781), Gioacchino Falcioni (1781) e Giovanni Volpato (1781), tutte figure di primo piano del mondo artistico e dell’antiquariato romano, con funzioni di restauratori e di fornitori all’interno del museo17. La domanda di materiale esotico stimolò l’offerta da parte dei cosiddetti fornitori occasionali di antichità, come Francesco Alfieri18 (1773), Andrea Romanelli (1778), Pietro Terra (1778), Antonio Antiseri (1779)19. A questi occorre aggiungere il nome del mercante Giuseppe Denham20, personalità di spicco del traffico antiquario che, nel 1783, vendette al museo quattro statue egizie, provenienti dagli acquisti che il conte Henrich Leopoldo Pasch, barone di Krienen21, aveva compiuto in Oriente, e dagli scavi che aveva promosso nelle isole del mar Egeo. I pezzi egizi e quelli relativi ai culti orientali furono scelti da Giovanni Battista Visconti e, dopo la sua morte, dal figlio, con gli stessi criteri utilizzati nella selezione di tutte le altre antichità entrate nel museo, per esaltare l’unicità e la singolarità o rarità di ogni oggetto esposto.

Sulle antichità egizie cedute al musei da questi artisti si veda Tabella V. Per un loro profilo cfr. PIETRANGELI 1985. Sulla loro attività di restauro nel museo si rinvia, invece, a PIVA, 2007, ad indicem. Sullo scultore Angelini e sul pittore La Piccola si vedano rispettivamente SILVAN 1998, pp. 56-69; LEONE 1999, pp. 4-16 e GUERRIERI BORSOI 2010, pp. 4 -21, con bibl. prec. Riferimenti all’attività del Gastaldi e del Falcioni sono in CARLONI 1993, pp. 207-208, EADEM 2003, pp. 334-335. Una ricostruzione dell’attività del Volpato in riferimento alla riproduzione dell’antico è ora in TEOLATO 2010, pp. 233-238, con bibl. prec. 18 Una breve scheda su questo scultore è in SAUR, II, 1992, p.337. 19 I pagamenti a questi fornitori, non altrimenti documentati, sono indicati in BOTTI, ROMANELLI 1951, pp. 136-137. 20 Una ricostruzione della vita dell’irlandese Giuseppe Denham, enfiteuta delle terre di Onano, Proceno e Centeno, è in CRYAN 2005, pp. 53-55. La “giustificazione” per le sue vendite al museo è riportata in BOTTI, ROMANELLI 1951, p. 137 e ora in BIGNAMINI, HORNBY, 2010, I, p. 262. 21 PASCH VON KRIENEN 1773. 17

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

155


R. CARLONI

Nel pagamento al duca Giuseppe Mattei della mezza figura a bassorilievo “d’una Gran Sacerdotessa di Iside” si specificava che era un “soggetto rarissimo, che corrisponde in qualche modo all’Arcigallo del museo Capitolino”, mentre in quello riguardante la statuina di Cleopatra “coll’aspide al petto”, appartenente allo scultore Francesco Alfieri, si sottolineava la sua unicità “in tutta l’antichità”22. Questo concetto era ribadito in modo particolare per l’iconografia della figura egizia in basalto verde, ceduta dal Denham, di cui nella “giustificazione” dell’acquisto si evidenziava l’“abito rarissimo”. L’attenzione riguardo a questo aspetto, però, non faceva venir meno l’interesse per la fattura artistica del manufatto. Infatti quella stessa opera era giudicata necessaria al museo, in quanto si trattava di “monumento unico di bellissima maniera”23. Talora, però, la raffigurazione presentava un’eccezionalità tale da far passare in secondo piano la fattura scultorea, come avvenne per una statua “alata con testa di leone e quattro segni del zodiaco Solstiziali ed Equinoziali quasi compita di ristaurare pregiabilissima scultura, ma per gli simboli ed erudizione”24. In quegli anni i mediatori per la fornitura di opere antiche al museo acquistano sempre più importanza. Un documento dell’ottobre 1779, relativo al pagamento ad Antonio Antiseri, chiarisce come si arrivava all’acquisto di un’opera: “Ad Antonio Antiseri scudi dieci e b.25 per una scimia Egizia mancante delle gambe della grandezza naturale d’una specie di granito verde, e ad Antonio Contini suo compagno scudi uno e b. 40 per senseria che in tuto sommano scudi undici, e b. 65”25. Queste mediazioni erano incoraggiate non solo per ottenere i pezzi ASR, Camerale II, ABA, b. 17, cc.12, 26. Ibidem, b. 23, n. 52. 24 Ibidem, b. 20, c.10. La scultura fu acquistata con altre due da Tito Fabbri, agente degli Albani (cfr. tabella I). Un leontocefalo, proveniente da Ostia e appartenente a Robert Fagan, passato nello studio di Francesco Antonio Franzoni, dimostra la fortuna del tipo (CARLONI 1993, p. 189 e n. 62; GRANIERI 2008, p. 211). 25 Ibidem, b. 19, c.67. 22 23

156


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

antichi destinati all’allestimento museale, ma anche per riuscire ad avere quei materiali lapidei policromi, spesso rari, che occorrevano per ripristinare le sculture egizie e di gusto esotico in modo tale che non fossero visibili le integrazioni compiute durante gli inevitabili restauri. L’acquisto delle pietre utili a tale scopo andava di pari passo con quello delle antichità. Nel 1779 il Visconti comperava da Michelangelo Orsini un pezzo di “verde simile al marmo della scimia”, ceduta nello stesso mese al museo dall’Antiseri. Temendo che il materiale non fosse sufficiente il direttore acquistava poco dopo dal Radi un altro pezzo di materiale lapideo verde “somigliante alla scimia”26. A Lorenzo Cardelli pagava nel 1785 un rocchio di colonna di granito rosso che serviva “per restaurare due sfingi egizie, prese da poco tempo per il museo”27. A Carlo Albacini versava un compenso per sette pezzi di pietra egizia per “ristaurare vari idoli per il museo” e a Bartolomeo Cavaceppi per altri cinque piccoli pezzi di basalto verde “per li sudetti restauri28. La ricerca di informazioni sui materiali lapidei era ritenuta dal direttore del museo molto importante e ne erano consapevoli le stesse maestranze, che si servivano delle notizie in loro possesso per ottenere corrispondenti gratifiche. Lo scalpellino Silvestro Finievoli Colombi inviava nel 1785 una lettera al tesoriere, monsignor Fabrizio Ruffo, dove chiedeva “la ricognizione promessa”, per aver fornito la notizia sull’esistenza di una pietra di porfido presso la chiesa dei SS. Nereo e Achilleo, poi effettivamente tolta dallo zoccolo, sotto la colonna29. Proprio la necessità di lavorare marmi colorati per integrare in modo adeguato gli idoli egizi, spinse il Visconti ad impiegare spesso scultori specializzati in questo settore, come avvenne per la scultura di basalto verde, venduta dal Denham, che fu

Ibidem. Ibidem, b.24, fasc. n.86. 28 Ibidem, b. 25 n.66. 29 Ibidem, b. 24, n. 44: 30 giugno 1785. 26 27

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

157


R. CARLONI

restaurata da Nicola Valentini, un abile intagliatore, considerato un vero e proprio virtuoso di quei materiali lapidei30. In questa prima fase della ricerca è apparso molto significativo il ruolo svolto dalle maestranze e dalla rete di informatori, messa in atto dal Visconti e dai suoi collaboratori ai fini della fornitura dei pezzi. Furono loro, infatti, a rendere possibile l’entrata di un gran numero di antichità egizie e di gusto esotico nel museo Pio-Clementino, dove dovevano trovar posto, in un primo momento con uno scopo prevalentemente decorativo, nella sala a Croce Greca e nella Galleria dei Candelabri31.

Ibidem, b. 23, fasc. 76. Sulla stima goduta dal Valentini cfr. PIVA 2007, p. 21 n.40. 31 GALLO 2006; GALLO 2010 sottolinea il carattere ornamentale della collezione egizia presentata nel museo Pio-Clementino. 30

158


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

Tabelle Le antichità relative ai culti orientali e di soggetto esotico Elenco degli acquisti del museo Pio-Clementino negli anni 1770-1787 I. Da collezioni storiche Anno di acquisto 1770

Soggetto

Proprietari

Provenienza

Museo

Fonte

Rilievo di Galatea, sacerdotessa di Iside Stele funeraria di Laberia Felicla, sacerdotessa massima della Magna Mater Busto di Serapide

Duca Giuseppe Mattei

Villa Celimontana

Loggia scoperta inv. 840

Chir. pont. del 12.9.1770

Idem

Idem

Galleria delle Statue, inv. 552

ASR, Camerale II, ABA, b. 17, c.12.

Museo Gregoriano Egizio, inv. 689

Ibidem

1770

2 Sfingi di granitello

Monache di S. Cosimato come sostituti nell’eredità Fusconi

1780

Busto con testa velata di Iside

Carlo Albani, agente Tito Fabbri

Ritrovamento nel 1779 accanto a S. Pietro in Vincoli

Sala dei Busti, inv. 684

Famiglia Jacobilli di Foligno, agente Luigi Tronci

Collezione Magnini Rolandi

Museo Gregoriano Egizio, inv. 22679

1781

“Statua di marmo egizio con tre simboli, o produzione d’Egitto sul capo” Amon Ra

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

Idem

Archivio Storico Musei Vaticani, b. III, fasc. 1, p.11. ASR, Camerale II, ABA, b. 20, c.10 Ibidem

ASR, Camerale II, ABA, b.21, c.58, 59.

159


R. CARLONI

1779

Falcone

Idem

Idem

naoforo

Idem

Idem

Sfinge in giallo antico con testa di vacca

Villa Montalto Negroni Massimo o dal Conservatorio delle Mendicanti

Museo Gregoriano Egizio, inv. 22703 Museo Gregoriano Egizio, inv. 22689 Sala degli Animali, inv. 340

Ibidem

Ibidem

II. Acquisti da noti antiquari 1771 1772

1772

1779

1779

160

Busto con ritratto di Tolomeo Busto colossale di Serapide Helios Statua di giovane schiavo con testa non pertinente di fanciullo etiope Torso di statua antropomor fa del dio Apis

Gavin Hamilton

Busto di Osiride in basalto

Idem

Due sfingi

Idem

Idem

Idem

Francesco Piranesi

Scavo dell’Hamilton al Colombaro sulla via Appia Scavi a La Storta o Acqua Traversa

Villa Adriana, poi collezione Giovanni Battista Piranesi

Sala dei Busti, inv. 688 Sala Rotonda, inv.245 Galleria dei Candelabri, sez. V, inv. 2752 Museo Gregoriano Egizio, inv. 22808 (busto), inv. 22872, sostegno Museo Gregoriano Egizio, inv.22799 Portico Est, inv. 988, inv.

ASR, Camerale II, ABA, b. 19, c.9.

Ibidem

ASR, Camerale II, ABA,


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO 991 1779

Busto di donna rappresentata come personificazione dell’Africa

Thomas Jenkins

b.19, c.2

Sala dei Busti, inv. 691

III. Antichità provenienti dagli scavi promossi dalla Camera Apostolica 17741776

Figurina egizia frammentata

Scavi di Venceslao Pezzolli e Giuseppe Bettini

17761777

Rilievo votivo di Valerio Marino con Mithra che sacrifica il toro Idolo egizio

Scavi di Otricoli

Busto con testa di fanciullo devoto a Iside Busto di Iside

Scavi nei pressi di S. Giovanni in Laterano da Venceslao Pezzolli Scavi nell’orto del Sancta Sanctorum, dietro la “Spezieria dell’Archiospedale lateranense”

1779

17841785

1787

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

ASR, Camerale II, ABA, b. 17, c.108 Loggia scoperta, inv. 839

Scavo in “un oliveto del Collegio di Tivoli e seminario” Sala dei Busti, inv. 610 Sala dei Busti, inv. 697

ASR, Camerale II, ABA, b. 19, s.p. (maggio 1779). ASR, Camerale II, ABA, b. 25, n.13 Ibidem, n. 107

161


R. CARLONI IV Doni al pontefice 1772

Busto di Antinoo

17791782

Telamoni egizi di granito, detti Cioci

Cardinal Federico Marcello Lante Vescovado di Tivoli

Villa Adriana

Sala dei Busti, inv. 636

Canopo di villa Adriana

Sala a Croce Greca, inv. 196197

V. Acquisti da maestranze attive nel cantiere del museo Pio-Clementino 1778

Medaglione moderno con busto antico di Giove Ammone Iside Fortuna Busto di Iside Bassorilievo della dea Cibele Canopo di Alabastro

Filippo Tenti

Gastaldi Antonio

Scavo a piazza Venezia nel 1780

1781

Diana Efesina

Idem

Rinvenuta a Pantanello da Gavin Hamilton dopo il 1769

1781

Osiride sedente, minore del naturale Statua di basalto con scimmia egizia

Luigi Tronci

1780 1781 1781 1781

1781

162

Sala Busti, inv. 641

Giovanni Volpato Nicola La Piccola Gioacchino Falcioni

Luigi Tronci

ASR, Camerale II, ABA, b. 18, c.79. Ibid., b. 21, c. 75 Ibidem, c. 19 Ibidem, c.75.

Sala a Croce Greca, inv. 202 Galleria dei Candelabri, sez. II, inv. 2505

Ibidem, c. 41. Ibidem, c. 30


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO VI. Acquisti da fornitori occasionali. 1773

Cleopatra

Francesco Alfieri

1778

Frammento di bassorilievo del dio Mitra Due mezze figure egizie di basalto verde e di basalto ferrigno Scimmia egizia

Andrea Romanelli

Naoforo senza testa (poi di restauro) Statuetta del dio Month

Giuseppe Denham

Arpocrate

Idem

Idem

Naoforo

Idem

Idem

1779

1779 1783

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

Galleria delle Statue, inv. 545

ASR, Camerale II, ABA, b. 17, c.26 Ibidem, b. 18, c. 76

Pietro Terra

Ibidem, b. 18, c.76

Antonio Antiseri

Ibidem, b. 19, c. 67. Ibidem, b. 23, n. 52

Idem

H. L Pasch von Krienen che l’acquistò in Oriente H. L. Pasch von Krienen

Museo Gregoriano Egizio inv. 196 Museo Gregoriano Egizio Museo Gregoriano Egizio inv. 109 Museo Gragoriano Egizio inv. 111

Ibidem

Ibidem

Ibidem

163


R. CARLONI

Bibliografia AMENTA 2010 = A. AMENTA, Il museo Gregoriano Egizio e la nascita dell’Egittologia, in I Musei Vaticani. Storia, collezioni, percorsi didattici, Atti del II Seminario di Formazione per gli Insegnanti, 2, 2010, Città del Vaticano, pp.17-33. BALDASSARRI 1988 = P. BALDASSARRI , L’opera grafica di Agostino Penna nella villa Adriana (mss. Lanciani 138), in “Rivista dell’Istituto Nazionale d’Archeologia e Storia dell’Arte”, III serie, XI, 1988 (1989), pp. 31-33, 187, 197-198. BIGNAMINI AND HORNSBY, 2010 = I. BIGNAMINI AND HORNSBY, Digging and Dealing in Eighteenth Century, Rome, New Heaven and London, 2 voll. 2010. BOTTI, P. ROMANELLI , 1951 = G. BOTTI, P. ROMANELLI, Le sculture del Museo Gregoriano Egizio, Città del Vaticano, Roma 1951. CARLONI 1993 = R. CARLONI , I fratelli Franzoni e le vendite antiquarie del primo Ottocento al museo Vaticano, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, XIII, 1993, pp.171-226. CARLONI 1998 = R. CARLONI , Franzoni Francesco Antonio, in “Dizionario Biografico degli Italiani”, vol. 50, Roma 1998, pp.283-287. CARLONI 2003 = R. CARLONI , Falcioni Gioacchino, in K. G. SAUR, Allgemeines Kunstler-Lexikon, vol. 36, Munchen-Leipzig 2003, pp.334-335. CARLONI 2005 = R. CARLONI, Per Gioacchino Falcioni, Ferdinando Lisandroni e Gaspare Sibilla, in “Antologia di Belle Arti, Studi Romani”, I, nn.67-70, 2005, pp.96-110. CARLONI 2010 = R. CARLONI , L’abate Carlo Antonio Pullini, in B. PALMA VENETUCCI (a cura di), Il fascino dell’Oriente nelle collezioni e nei musei d’Italia, catalogo della mostra (Frascati, Scuderie Aldobrandini, 12 dicembre 2010-27 febbraio 2011, Roma 2010, pp. 150-154. CARBONARA POMPEI 2008 = S. CARBONARA POMPEI, La città degli obelischi: simbologia e rimpiego urbano, in E. LO SARDO (a cura di), La Lupa e la Sfinge. Roma e l’Egitto dalla storia al mito, catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale di Castel S. Angelo, 11 luglio-9 novembre 2008), Milano 2008, pp. 172-179. CONSOLI 1996 = G. P. CONSOLI , Il museo Pio-Clementino. La scena dell’antico in Vaticano, Modena 1996. CONSOLI 2010 = G. P. CONSOLI , Mostrare l’antico: dal Campidoglio al Vaticano, in M. FAGIOLO , M. TABARRINI, Giuseppe Piermarini: tra 164


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

Barocco e Neoclassicismo: Roma, Napoli, Caserta, Foligno. Catalogo della mostra (Foligno, Palazzo Trinci, 5 giugno-2 ottobre 2010), Perugia 2010, pp. 139-145. CRYAN 2005 = M. J. CRYAN, La saga dei Denham: una famiglia irlandese nel Lazio settentrionale, in “Biblioteca e Società”, 24, 2005, nn.3-4, pp.53-55. GALLO 1994 = D. GALLO, I Visconti, una famiglia romana al servizio dei Papi, della Repubblica e di Napoleone, in “Roma moderna e contemporanea”, II, n.1, genn.-aprile 1994, pp. 77-90. GALLO 2006 = D. GALLO, Quale storia dell’arte antica nel Museo PioClementino (1770-1796)?, in B. MAX-K. REHBERG (a cura di), Sammeln als Institution. Von der fürstlichen Wunderkammer zum Mäzenatentum des Staates, München Berlin 2006, pp. 153-162. GALLO 2010 = D. GALLO, Il Museo Clementino tra novità e tradizione, in M. ROSA, M. COLONNA (a cura di), L’età di Papa Clemente XIV Religione, politica, cultura, Città di Castello 2010, pp. 237-258. GASPARRI 1982 = C. GASPARRI , La Galleria Piranesi da Giovan Battista a Francesco, in “Xenia”, 3, 1982, pp. 91-107. GRANIERI 2008 = F. GRANIERI , Gli scavi nel mitreo Fagan ad Ostia, in B. PALMA VENETUCCI (a cura di), Culti orientali tra scavo e collezionismo, Roma 2008, pp. 208-219. GRENIER 1993 = J. C. GRENIER, Museo Gregoriano Egizio, Roma 1993. GUERRIERI BORSOI 2010 = M. B. GUERRIERI BORSOI , Nuove considerazioni su Nicola La Piccola, in “Esperide”, 2, 2009 (2010), 3 /4, pp. 4-21. LEONE 1992 = R. LEONE, Il Catalogo Settecentesco del Museo PioClementino, Roma 1992. LEONE 1999 = F. LEONE, Giuseppe Angelini (1738-1811): storia, committenze e rapporti con l’Europa nel culto della classicità, in “Ricerche di Storia dell’Arte”, Scultori nella Roma dell’Ottocento, 68, 1999, pp. 4-16. LIVERANI 1999 = P. LIVERANI , Il Museo Gregoriano Egizio, in “Aegyptus. Rivista italiana di Egittologia e di Papirologia”, LXXIX, 1-2, genn-dic. 1999, pp.45-64. LOLLIO BARBERI , PAROLA, TOTI 1995 = O. LOLLIO BARBERI , G. PAROLA, M. P. TOTI, Le antichità egizie di Roma Imperiale, Roma 1995. MASTROIANNI 2008 = A. MASTROIANNI , Suggestioni massoniche: l’Egitto tra moda ed esoterismo nel XVIII secolo, in E. LO SARDO (a cura di), La Lupa e la Sfinge. Roma e L’Egitto dalla storia al mito, Horti Hesperidum, II, 2012, 1

165


R. CARLONI

catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale di Castel S. Angelo 11 luglio-9 novembre 2008), Milano 2008, pp. 196-207. PALMA, PICOZZI 2010 = B. PALMA, M. G. PICOZZI , Il fascino dell’esotico dal collezionismo agli studi antiquari, in B. PALMA VENETUCCI (a cura di), Il fascino dell’Oriente nelle collezioni e nei musei d’Italia, catalogo della mostra (Frascati, Scuderie Aldobrandini 12 dicembre 2010-27 febbraio 2011), Roma 2010, pp. 64-78. PASCH VON KRIENEN 1773 = H. L. PASCH VON KRIENEN, Breve descrizione dell’arcipelago e particolarmente delle diciotto isole sottomesse l’anno 1771 al 1773 dominio russo, del conte Pasch de Krienen con un ragguaglio esatto di tutte le antichità da esso scoperte e acquistate e specialmente del sepolcro d’Omero e d’altri personaggi. In Livorno 1773. PIETRANGELI 1958 = C. PIETRANGELI , Scavi e scoperte di antichità sotto il pontificato di Pio VI, Roma 1958. PIETRANGELI 1985 = C. PIETRANGELI , I Musei Vaticani. Cinque secoli di storia, Roma 1985. PIETRANGELI 1987 = C. PIETRANGELI, La provenienza delle sculture dei Musei Vaticani, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, VII, 1987, pp.115-149. PIETRANGELI 1988 = C. PIETRANGELI, La provenienza delle sculture dei Musei Vaticani, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, VIII, 1988, pp.139-210. PIETRANGELI 1989 = C. PIETRANGELI, La provenienza dlle sculture dei Musei Vaticani”, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, IX, 1989, pp. 85-140. PIETRANGELI 1991 = C. PIETRANGELI, La provenienza delle sculture delle sculture dei Musei Vaticani, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, XI, 1991, pp. 163-178. PIVA 2007a = C. PIVA, Il restauro dei “Telamoni Egizi “ nel museo Pio Clementino, la parcellizzazione di un mestiere, in R. POSO (a cura di), Riconoscere un patrimonio I. Storia e critica dell’attività di conservazione del patrimonio storico artistico in Italia meridionale (1750-1950). Atti del Seminario di Studi (Lecce 17-19 novembre 2006), Galatina 2007, pp. 241-261. PIVA 2007b = C. PIVA, Restituire l’antichità. Il laboratorio di restauro della scultura antica del Museo Pio-Clementino, Roma 2007. POMIAN 2001 = K. POMIAN, Una collezione al crepuscolo dei Lumi, in A. GERMANO, M. NOCCA, La collezione Borgia curiosità e tesori da ogni parte del mondo, catalogo della mostra (Velletri, Palazzo Comunale 31 marzo-3 giugno 2001; Napoli, Museo Archeologico 166


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

Nazionale, 23 giugno-16 settembre 2001), Napoli 2001, pp. 2129. RANDOLFI 2010 = R.RANDOLFI , Un dono prezioso: il mezzo busto di Antinoo del Museo Pio Clementino e i rapporti tra Clemente XIV, il cardinale Federico Marcello Laute e Gaspare Sibilla, in M. ROSA, M. COLONNA (a cura di), L’età del Papa Clemente XIV. Religione, politica, cultura, Città di Castello 2010, pp. 259-280 SILVAN 1998 = G. SILVAN, Giuseppe Angelini (1735-1811) scultore, restauratore ed antiquario e i suoi contatti con la “colonia” degli artisti veneti a Roma, in “Neoclassico”, 1998, 13, pp. 56-69. SPINOLA 1996-2004 = G. SPINOLA, Il museo Pio Clementino, voll. 13, Città del Vaticano 1996-2004. TEOLATO 2010 = C. TEOLATO, Artisti imprenditori: Zoffoli, Righetti, Volpato e la riproduzione dell’antico, in C. BROOK, V. CURZI (a cura di), Roma e l’antico, catalogo della mostra, 2010, pp. 233-238. TEOLATO 2010 b = C. TEOLATO, Roma e l’antico. Realtà e visione nel ‘700. Catalogo della mostra (Roma, Palazzo Sciarra, 30 novembre 2008-8 maggio 2011), Milano 2010. VISCONTI 1819 = E. Q. VISCONTI, Il museo Pio-Clementino illustrato e descritto da E. Q. Visconti, voll. 2, 3, Milano 1819.

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

167


R. CARLONI

Didascalie Fig. 1 G.B. Piranesi, Delle diverse maniere di adornare i camini, 1769, frontespizio. Fig. 2 G.B. Piranesi, Spaccato della bottega ad uso di caffè degli inglesi, 1769, incisione ad acquaforte. Fig. 3 F. Morghen, Busto di Serapide, da Monumenta Mattheiana, 1776; “Busto di Plutone, creduto di Serapide grande più del naturale scolpito in basalte riattato di bigio nella spalla destra”, acquistato nel 1770, oggi al Museo Gregoriano Egizio. Fig. 4 V. Dolcibene-G. Perini, Simulacro Egizio sedente, incisione. Fig. 5 Amon Ra, granito scuro, Egitto XIX dinastia, acquistato nel 1781, Museo Gregoriano Egizio. Fig. 6 Falcone, basalto, Egitto XXX dinastia, Museo Gregoriano Egizio. Fig. 7. B. Nocchi (attr.), La scala Simonetti, fine XVII sec., tempera sul muro, Città del Vaticano, Museo Gregoriano Etrusco, emiciclo inferiore. Fig. 8 Medaglione moderno con testa antica di Giove Ammone, acquistato dal Tenti nel 1778, Museo Pio-Clementino.

168


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

1

2 Horti Hesperidum, II, 2012, 1

169


R. CARLONI

3

4

170


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

5

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

171


R. CARLONI

6

172


L’ ‘ORIENTE’ E GLI ACQUISTI DEL MUSEO PIO-CLEMENTINO

7

8

Horti Hesperidum, II, 2012, 1

173


R. Carloni, L''Oriente' e gli acquisti del Museo 'Pio Clementino'