Issuu on Google+

09

ArneJacobsenJeanProuvéGiusep peTerragniGioPontiLeCorbusier 09 AlvarAaltoCarloScarpaCharlesEa mesRichardNeutra ArneJacobsen JeanProuvéGiuseppeTerragniGio PontiLeCorbusierAlvarAaltoCarlo ScarpaCharlesEamesRichardNeu traArneJacobsenJeanProuvéGius eppeTerragniGioPontiLeCorbusi erAlvarAaltoCarloScarpaCharles


2009


La casa è il luogo del fantastico, dell’intimità, dei sogni. In ogni spazio – in cucina per esempio – si ritrova un frammento di vita, un segno di chi la abita. Le case sono il nostro specchio, qualche volta deformato. Ecco perché vi si entra con discrezione, bussando. Ma la casa, e la cucina, sono anche lo specchio di chi le ha pensate, progettate, costruite. Ecco perché, questa volta, abbiamo bussato alla porta dei grandi maestri dell’architettura, per entrare con un po’ di immaginazione nelle case di Gio Ponti, Charles Eames, Carlo Scarpa, Giuseppe Terragni, Le Corbusier, Alvar Aalto, Richard Neutra e Jean Prouvé. Anzi nel cuore delle loro case, in cucina. Per ritrovare un filo tra la storia e il presente, tra l’eternità dei classici e il tempo moderno. Al modo delle “Interviste impossibili” che la Rai trasmetteva con successo negli anni ’70, quando Umberto Eco parlava con Muzio Scevola. Questo, invece, è un incontro tra i protagonisti del ’900 e l’universo architettonico contemporaneo, il mondo di Dada. Progettare la propria casa, per un architetto, vuol dire sperimentare “in corpore vili”, come diceva Carlo Scarpa, rifacendosi al motto attribuito ai medici che, secondo l’opinione popolare, facevano le loro esperienze su persone di poco valore. Certo, lo diceva in modo ironico. Costruire la propria casa, per un architetto, significa misurarsi con i propri limiti ma anche oltrepassarli, inventare nuove soluzioni, plasmare la materia secondo i propri desideri. Rincorrere un sogno. Come fa Dada, quando crede in un nuovo progetto. Perché “solo se sappiamo abitare possiamo costruire”, secondo il filosofo Martin Heidegger. E senza dimenticare che le case sono soprattutto fatte per essere abitate.

The home is a place of imagination, of intimacy, of dreams. In every space – for example in the kitchen – we find a fragment of life, a sign of the people who live there. Our home is our mirror, at times deformed.That’s why we should enter with discretion, knocking first. But the home, and the kitchen, are also the mirror of the people who dreamed them up, who designed and built them.That’s why this time we knocked on the doors of the great masters of architecture, entering with a little imagination into the homes of Gio Ponti, Charles Eames, Carlo Scarpa, Giuseppe Terragni, Le Corbusier, Alvar Aalto, Richard Neutra and Jean Prouvé.To be more accurate, into the hearts of their homes, the kitchen.To rediscover a thread running between history and the present, between the eternity of the classics and modern times. Something like the successful “Impossible Interviews” broadcast by Italian TV RAI during the seventies, when Umberto Eco spoke to Muzio Scevola. This, however, is a meeting between protagonists of the twentieth century and the world of contemporary architecture, that of Dada. When he designs a house for himself, the architect does something very similar to those doctors who according to legend carried out their experiments on people considered of little worth,“in corpore vili”, as Carlo Scarpa used to say. Of course he was ironic.To build a house to live in for an architect means recognising his own limits, but also going beyond them, inventing new solutions, modelling material according to his wishes. Chasing a dream. Like Dada does when it believes in a new design. Because “only if we know how to live can we build”, as the philosopher Martin Heidegger said. And let’s not forget that houses are above all meant to be lived in.


6

36

66

94

130

158

184

214

250

Trim TivalĂŹ Vela Aluminium Vela Banco Vela Quadra Nuvola Hi-Line Nomis


ArneJaco bsenArne “L’elemento fondamentale

“T he fundamental factor is

è la proporzione. La proporzione

proportion. Proportion is precisely

è ciò che rende belli gli antichi

what makes the old Greek temples

templi greci”.

beautiful”.

Arne Jacobsen

Arne Jacobsen


Trim

11


Con la leggerezza e la trasparenza degli acquerelli,Arne disegna un mondo fluido e gentile. Lui, che tutti chiamano “the fat man”, vuole togliere peso, alle architetture e agli oggetti, evitare che la materia ci schiacci. Sette chili per la Swan Chair, un guscio solido e lieve come una conchiglia. La solleva in alto, con una mano sola, per dimostrarlo. Questa è la libertà, la stessa che prova Arne quando viaggia con la sua macchina sportiva, a gran velocità, verso la casa di Søholm, sulla costa di Copenhagen.

Arne designs a fluid, gentle world with the lightness and transparency of watercolours. Known to all as the “the fat man”, he aims to reduce the weight of architecture and objects, avoiding excessive pressure on the materials.The Swan Chair, light and solid as a seashell, weighs seven kilos. He lifts it high with one hand as proof.This is freedom, the same that Arne feels when he drives at high speed in his sports car to his house in Søholm, on the Copenhagen coast.

La cucina disegnata da Dante Bonuccelli unisce l’elevata tecnologia alla funzionalità: tutto può essere facilmente riposto e scomparire dietro le ante a tapparella. The kitchen by Dante Bonuccelli combines advanced technology with functional design: everything can be easily put away and hidden behind the roller blind doors.

14

15


raddoppiare la mensola e ridistribuire gli oggetti

16

17


Lo spazio della cucina è organizzato in modo razionale: dal lavello multi tank, composto da una grande vasca con ripiani spostabili, ai ripiani scorrevoli per scolare, tagliare e riporre. The kitchen space is organised rationally: from the multi tank sink, with a large basin with mobile surfaces, to the sliding surfaces for draining, chopping and storing.

18

19


ArneJaco bsenArne “L’architettura tende a

“A rchitecture tends to consume

consumare tutte le cose,

everything else, it has become

a diventare vita” .

one’s entire life”.

Arne Jacobsen

Arne Jacobsen


La linea dell’orizzonte, dove mare e cielo si confondono rimanendo distinti, Arne la ricrea nelle stanze, per dilatare la percezione dello spazio. La natura è da sempre la sua fonte d’ispirazione, il giardino è il laboratorio, dove sperimentare colori e materiali. La luce, i tessuti e gli oggetti della casa evocano la tattilità lussureggiante di un paesaggio naturale. Se avesse una nuova vita, gli piacerebbe fare il giardiniere.

The horizon, where sea and sky blend into one another but somehow stay distinct, is recreated by Arne in his rooms, to increase the perception of space. Nature has always been an inspiration to him, a garden and laboratory where he can experiment with colours and material. Light, fabrics and objects in the home evoke the luxurious tactile nature of a natural landscape. If he could live another life, he’d like to be a gardener.

Linearità del piano in quarzite nero puro con finitura grain. Linear top in pure black quarzite with grain finish.

22

23


Con un solo gesto si azionano i pensili a tapparella.

Sistema schienali, mensole e mobile a tapparella. Contenimento differenziato e funzionale.

A single gesture commands the wall cupboard roller blinds.

Backs, shelves and roller blind container system. Divided, functional container space.

24

25


27


Comode ante in vetro e schienali attrezzati con illuminazione. Convenient glass doors and accessorised backs with lighting.

28

29


Materiali naturali e forme gentili. I suoi oggetti sono semplici e ironici, disegnati per la vita quotidiana. Ma Arne è un perfezionista, li modifica fino all’ultimo dettaglio, non è mai soddisfatto. In lui “la leggerezza si associa con la precisione e la determinazione, non con la vaghezza e l’abbandono al caso”, come sostiene Italo Calvino.

Natural materials and gentle forms. His objects are simple and ironic, designed for everyday living. But Arne is a perfectionist, he chops and changes even the most minute detail, he is never satisfied. In him,“lightness combines with precision and determination, not with vagueness and abandoning to chance,” in the words of Italo Calvino.

31


I dettagli sono la piccola rivoluzione di Trim: anta di spessore importante e profilio superiore in alluminio brillantato. Details are at the heart of Trim’s own personal revolution: thick doors and upper edging in shiny aluminium.

32

33


JeanProu véJeanPr “Amo il legno,la porta scivola

“I love wood,doors that

con una semplice spinta. La gente

open at a touch. People love

va sempre in cerca di complicazioni,

to complicate things, but it’s

ma è solo una questione

simply a question of respect

di rispetto delle proporzioni”.

for proportions” .

Jean Prouvé

Jean Prouvé


TivalĂŹ

39


Una jeep per trasportare in cantiere gli elementi prefabbricati, tanto sono leggeri, come ama Jean. CosĂŹ abbiamo costruito in soli quattro mesi la nostra casa, su 50 metri di terreno scosceso, fuori Nancy. Tutto era stato disegnato molti anni prima da Jean, quando dirigeva la fabbrica e aveva 250 operai che costruivano case, scuole e prototipi. Un ingegnere-imprenditore.

A jeep transports the prefabricated pieces to the construction site, so light are they.That’s how Jean loves them.That’s how we built our house in just four months, on 50 metres of sloping ground outside Nancy. Jean had designed everything years before, when he was in charge of the factory and had 350 workers that built houses, school, prototypes.An entrepreneur and engineer.

43


JeanProu véJeanPr “Ogni cosa egli tocchi e disegni

“E verything he touches

prende immediatamente

immediately takes on an elegant,

un’elegante forma plastica,

plastic form, while at the same

mentre, al tempo stesso, indica

time he finds brilliant solutions

brillanti soluzioni ai problemi

to problems regarding the

concernenti la forza dei materiali

strength of materials and their

e la fabbricazione”.

construction”.

(dice Le Crobusier a proposito di Jean Prouvé)

(says Le Corbusier about Jean Prouvé)


48

49


TivalĂŹ, disegnata da Dante Bonuccelli, si integra nello spazio esistente: le ante scompaiono nella struttura, ripiegandosi a libro, e lasciano in vita il piano di lavoro. Acciaio inox per le basi interne e il piano di lavoro, laccato bianco lucido per le ante. TivalĂŹ, designed by Dante Bonuccelli, integrates perfectly into existing spaces: the folding doors disappear into the structure and leave the work top open. Stainless steel for the interior bases and the work top, glossy white lacquer for the doors.

50


53


Qui la tecnica ha un ruolo importante, vince su tutto la praticità. Per il tetto, per esempio, si serve di larghi pannelli di tavole laminate, ricoperti di strisce di alluminio, al tempo stesso resistenti e molto flessibili.“Come una canna da pesca”, ripete Jean.

Technique plays an important part here,practical ability is the winning element.The roof for example uses large panels of laminate covered in strips of aluminium, which are both strong and flexible.“Like a fishing rod,” says Jean.

54


Sotto il piano di lavoro, due basi da 60 cm si aprono ad estrazione. Under the work top two 60cm bases open by extraction.

56

57


Nuovo elemento per TivalÏ è la colonna aperta, a battente, attrezzata internamente con cassetti e ripiani posizionabili. TivalÏ boasts a new element: the column with hinged door and interior accessories including drawers and adjustable shelves.

60


Una casa costruita con“avanzi”,prodotto dell’osservazione attenta di Jean,servendosi dei materiali preesistenti: legno, alluminio, pannelli per facciate, vecchie finestre e una veranda destinata a una scuola. Un lavoro nato in cantiere, non disegnato a tavolino. Leggerezza e fluidità nate dal suo ingegno nel trattare i materiali.

A house built of “leftovers”, a result of Jean’s careful observation, using existing materials: wood, aluminium, façade panels, old windows and a veranda meant for a school.A creation born in a construction site, not on a drawing board. Lightness and fluidity flow from his genius with materials.

62

63


64

65


Giuseppe TerragniG “Nuove forme architettoniche

“New forms of architecture

che, nei loro rapporti di vuoto e

which create relationships

di pieno, di masse pesanti

between space and fullness,

e di strutture leggere, abbiano a

heavy masses and light structures,

donar all’osservatore un’emozione

and so give the observer an

artistica”.

artistic emotion”.

Giuseppe Terragni

Giuseppe Terragni


Vela Aluminium

69


72

73


Le sue giornate le trascorre in cantiere – dicono sia fatto di “cemento armato”. Spezza a martellate le lastre difettose per evitarne il montaggio. Con la stessa forza lotta per l’affermazione dell’architettura razionalista in Italia. La notte lavora in una stanza disordinata, piccola “cella progettuale” dove sta chiuso per ore. La sigaretta tra le labbra, il gatto sul tavolo o sulle ginocchia, schizza i suoi progetti su carta minuta e li trasferisce su carta millimetrata. Giuseppe vive di assoluto, si consuma, ribelle e caparbio.

Terragni spent his days on building sites – they said he was made of “reinforced concrete”. He smashed faulty slabs with a hammer to avoid their being used. With the same force he fought for rationalist architecture in Italy. By night he worked in a small, untidy room, a “design cell” where he shut himself away for hours. His cigarette hanging from his mouth, the cat on the table or on his knees, he sketched his designs on loose pieces of paper and then transferred them to checked paper. Giuseppe lived absolutes, he wore himself out, a proud rebel.

75


Leggero, duttile e resistente, l’alluminio dà il nome a questa versione della cucina Vela, elegante e pratica, progettata in ogni dettaglio per contenere gli accessori in modo ordinato. Light, yielding but resistant, aluminium gives its name to this version of the kitchen Vela, elegant and practical, designed in every detail to keep accessories in order.

76

77


Giuseppe TerragniG “La Casa di Lissone testimonia

“The Lissone House is a statement

senza debolezze o ambiguità

without weakness or ambiguity

contro quel pericoloso

that stands against the

ondeggiamento conformista

dangerous wave of conformism

che sembra avere la propria

apparently based in the shade

cattedra all’ombra della

of the most perfect, structural,

più perfetta, strutturale, razionale

rational cupola of the Florentine

cupola del Rinascimento a Firenze”.

Renaissance”.

Giuseppe Terragni

Giuseppe Terragni


Per illuminare il tavolo da disegno dello studio, disegna una lampada sospesa. L’unico oggetto pensato per sÊ, tra i tanti progetti, 86 in soli 18 anni, in gran parte non realizzati. I mobili sono per lui come architetture, macchine ambientali. Gli interessa la casa moderna, non l’ornamento: promette ai bambini asili dove abitare, agli operai case felici, alle città piani regolatori efficienti.

He designed a hanging lamp to light his drawing table.The only object he created for himself among many designs, 86 in only 18 years. Most of them have never seen the light of day. Furniture for him was like architecture, objects for an environment. He was interested in the modern house, not ornaments: he promised children nursery schools where they could live, he promised workers happy homes, he promised towns efficient urban planning.

80

81


82

83


Razionali l’anta con apertura a compasso verticale dei pensili, il lavello con vasca integrata nel top e il sistema illuminante. Rational solutions: the vertical compass opening door for the wall cupboard, the sink with tank integrated into the top and the lighting system.

84

85


Luce-colore,nuovi materiali,vetro e cemento,elementi di rottura,recupero del futurismo e del costruttivismo sovietico. Un astratto ritmo che permette di leggerne le opere come un quadro di Mondrian. Precorrere i tempi è la sua cifra.

Light and colour, new materials, glass and concrete, breakage, recovery of Futurism and Soviet Constructivism. An abstract rhythm which allowed a reading as if of a painting by Mondrian.Running ahead of the times was his trademark.

Macchine architettoniche anche gli elettrodomestici integrati nei mobili. Architectural criteria for the household appliances too, integrated into the furnishings.

86

87


88

89


Continua a disegnare – episodi di vita militare, luoghi, incontri, progetti come la Casa del Fascio a Roma – quando, a trentacinque anni, è richiamato alle armi, inviato nei Balcani e sul fronte russo. Combatte una guerra in cui crede. Viene rimpatriato per un grave esaurimento nervoso.

He was busy drawing – episodes of army life, places, encounters, designs like the Casa del Fascio in Rome – when at thirty-five he was called up, sent to the Balkans and the Russian front. He fought a war in which he believed. He was sent home after a serious nervous breakdown.

90

91


“Dalle mani pesanti e goffe usciva con gran stupore della matita stessa grossolanamente mozzata, un segno esile, un filo sottilissimo, vibrante e netto”, racconta il pittore Mario Radice.

“From his clumsy hands, from his rough stub of a pencil, flowed a delicate line, vibrant and clear,” recounts the painter Mario Radice.

93


GioPontiP ontiGioPo “Quando sorse in me,dieci anni or sono

“When,about ten years ago,I felt inside

l’immagine «l’architettura è un cristallo»

me the image that “architecture is a

non c’era che l’attesa, o l’intuizione

crystal”, it was just a question of waiting

di architetture come queste di Mies van

for, or intuiting, architecture like that of Mies

der Rohe (e con lui di Philip Johnson): era

van der Rohe (and also Philip Johnson): it

come esprimere un’ideale di essenzialità;

was like expressing an ideal of the essential;

era una metafora per inseguire una

it was a metaphor chasing a image

immagine di purezza, di ordine, dì slancio

of purity, of order, of movement and

e di immobilità, di perennità, di silenzio e

stillness, of eternity, of silence and song

di canto (incanto) nello stesso tempo:

(enchantment) at the same time:of closed

di forme chiuse,dove tutto fosse consumato

forms, where everything was consumed

nel rigore dei volumi e d’un pensiero”.

in the rigour of the volumes and thought”.

Gio Ponti

Gio Ponti


Vela

97


98

99


Ordine e spazio per Vela, anche in rovere scuro con maniglia in acciaio. Order and space for Vela, in dark oak too, with steel handle.

101


La casa è il suo regno.Per tutta la vita non ha fatto altro che ripensarla,per noi,la sua famiglia, e per gli altri, i committenti. Non una casa qualunque ma la casa italiana, l’interno borghese. Lo scrive nel primo numero della rivista “Domus”, nel 1928:“La casa italiana è di fuori e di dentro senza complicazioni, accoglie suppellettili e belle opere d’arte e vuole ordine e spazio fra di esse e non folla o miscuglio”. Come nella nostra casa in via Dezza, a Milano. Disegna spazi e arredi con la stessa cura, attento a creare un’armonia di progetto.

The home is his kingdom. His whole life has been spent rethinking it, for us, for his family, and for other, for his clients. Not just any house, but the Italian home, the middle class interior. He wrote in the first number of the magazine “Domus” in 1928:“The Italian home is outside and inside free of complications, it welcomes furnishings e works of art and desires order and space among them, not crowding or confusion”. Like in our house in via Dezza in Milan. He designs spaces and furnishings with the same care, concentrating on the harmony of the design.

Elementi semplici e lineari come le mensole in vetro. Simple, linear elements like the glass shelves.

102

103


104

105


106

107


GioPontiP ontiGioPo “Bellissima parola degli spagnoli

“There’s a beautiful Spanish

per dire casa… Vivienda, è umano,

word to say home… Vivienda, it’s

tanto umano: non è ‘La-Casa-del-

human, so human: it isn’t ‘

l’Uomo’, ma la casa per i bambini,

The-House-Of-Man’, but the home

le donne, i vecchi, il sonno, il riposo, i

of children, women, the elderly,

sogni, le indulgenze, gli abbandoni,

sleep, rest, dreams, indulgence,

il dolore, le pigrizie, gli ozi, le passioni,

abandonment, pain, laziness, rest,

l’amore, la nascita e la morte”.

passion, love, birth and death”.

Gio Ponti

Gio Ponti


Con un gesto solo, le ante si aprono, senza maniglie. A single gesture opens the doors, without handles.

111


Piccole invenzioni anche per il lavello Dada Multitank a ripiani scorrevoli. Little inventions like the Dada Multitank with sliding surfaces.

112

113


Nella nostra casa sperimenta soluzioni nuove: pareti scorrevoli, mobili ‘autoilluminanti’, pannelli ‘organizzati’, colore unico per tutta la casa, sedie e letti uguali per tutti. Passa dalla scala architettonica all’oggetto di design, senza soluzione di continuità. Progetta la sedia Superleggera e il grattacielo Pirelli, uno degli edifici in cemento armato più alti del mondo, 120 metri di leggerezza e trasparenza.

He tries out new ideas in our house:sliding walls,“self-lit”furnishing, ‘organised’ panels, a single colour for the whole house, identical chairs and beds for everyone. He moves from architecture to object, as he pleases. He designs the Superleggera chair and the Pirelli skyscraper, one of the highest concrete buildings in the world, 120 metres of light transparency.


La cappa è integrata nel mobile, le luci e i filtri possono essere facilmente sostituiti. The hood is integrated into the unit, the lights and filter area easy to change.

116

117


E pensare che la passione per la casa la eredita da un grande classico, Palladio. Diceva di avere “dormito dentro Palladio”, nelle ville palladiane addormentate e deserte, durante la prima guerra mondiale. Da lì proviene la cultura del bianco, del neutro glaciale della pietra di Verona e degli stucchi lucidi riflettenti con polvere di marmo.

To think that he inherited his passion for the house from a great classic master, Palladio. He said he had “slept inside Palladio”, in the Palladian villas, sleepy and deserted, during the First World War. That’s where his love of white came from, of the neutral ice of Verona stone and the shiny plasterwork reflecting off its marble powder.

Pietra e legno, i materiali naturali per eccellenza, danno alla cucina un aspetto caldo e confortevole. Stone and wood, the basic natural materials, give the kitchen a warm, comfortable look.

118

119


120

121


122

123


Per questo, per Gio, amare l’architettura è un segno di civiltà, è amare il proprio Paese.“L’Italia l’han fatta metà Iddio e metà gli Architetti”, diceva.

This is why for Gio to love architecture is a sign of civilisation, it means loving your country. “Italy was made half by God and half by architects,” he used to say.

124

125


127


128

129


LeCorbus Corbusier “Non v’è dubbio che io faccio

“There can be no doubt

uso abbondante della luce;

that I make huge use of light;

la luce è, a mio avviso, l’alimento

I believe that light is the

basilare dell’architettura.

basic food of architecture.

Io compongo con la luce”.

I design with light.”

Le Corbusier

Le Corbusier


Banco

133


134

135


Sono l’angelo custode del suo focolare.Lo sono stata per 36 anni.Charles-Edouard (Le Corbusier è il suo pseudonimo) mi ha regalato il Cabanon, il nostro rifugio sul mare, in Costa Azzurra. 16 mq, finiti all’esterno in tavole di pino, dove i mobili generano la partizione dello spazio. Un ambiente minimo, progettato con il “Modulor”, la scala di grandezze usata da Corbu, come tutti lo chiamano, per stabilire le proporzioni tra l’uomo e le architetture in cui vive.

I am the guardian angel of his home. I have been for 36 years. Charles-Edouard (Le Corbusier is his pseudonym) gave me Cabanon, our hideaway at the sea, on the Cote d’Azur. 16 square metres, finished outside with pine boards, where the furniture is the only division of space.A minimal environment, designed with the “Modulor”, the scale used by Corbu, as everyone called him, to fix the proportions between man and the architecture he lives in.

137


LeCorbus Corbusier “Non me ne vorrete,spero,

“I hope you won’t be offended with

per aver sviluppato sotto i vostri

me if I have developed these choices

occhi queste scelte di libertà.

of freedom before your eyes.They

Sono state prese perché acquisite,

are precise because they have

strappate alle sorgenti vive

been acquired,snatched,from live

della materia moderna. Poesia,

sources of modern material.Poetry,

lirismo, creati dalla tecnologia”.

lyricism,created by technology”.

Le Corbusier

Le Corbusier


L’idea di Le Corbusier è che la casa deve essere progettata come una macchina,in modo preciso e razionale. Una casa sollevata da terra, grazie al cemento armato, il tetto piatto per ospitare un giardino, lunghe finestre per catturare la luce. Architettura per vivere meglio, tutti.

Le Corbusier’s idea is that the house must be designed like a car, in a precise and rational manner. A house lifted from the ground, thanks to the concrete, the roof flat so as to become a garden, long windows to capture light.Architecture for a better way of life, for everyone.

Materiali moderni, laccato lucido per le ante, alluminio e vetro verniciato per la maniglia caratterizzano Banco, disegnata da Luca Meda. Modern material, gloss lacquer for the doors, aluminium and lacquered glass for the handles, are the main features of Banco, designed by Luca Meda.

140

141


Tecnologia in cucina per gli elementi incassati. Technology in the kitchen for the built-in elements.

142


La luce crea il gioco dei volumi, plasma uno spazio dinamico, anche se l’architetto usa materiali naturali come il legno, la pietra e i mattoni. Come nell’atelier di rue Nungesser et Coli, a Parigi, in cui Le Corbusier passa molto tempo a dipingere.

Light creates a play on volumes, a dynamic space, even if the architect uses natural material like wood, stone and brick. As in the studio in rue Nungesser et Coli, in Paris, where Le Corbusier spends much time painting.

144

145


L’uomo è per lui misura di tutte le cose.Quando costruisce edifici per 1.600 persone, come nelle Unités d’Habitation di Marsiglia, progetta case alte 17 piani, dominate da sole, spazio e verde. All’interno sceglie la pianta libera, vuole fluidità, perché la vita famigliare scorra senza cesure: le camere dei figli hanno la parete divisoria scorrevole e la cucina é separata dalla zona pranzo solo da bassi elementi di arredo.

Man is for him the measure of all things.When he creates buildings for 1,600 people, such as the Unités d’Habitation in Marseilles, he designs homes that are 17 floors high, dominated by the sun, by space and greenery. Inside he prefers open space, fluidity, so that family life can be lived without barriers: the children’s rooms have sliding dividing walls and the kitchen is separated from the dining area only by low furnishing.

Le cornici sono in alluminio, gli interni in vetro. Tutto prende vita grazie alla luce. The frames are in aluminium, the interiors in glass. Everything takes on life thanks to the light.

148

149


Un meccanismo brevettato per il pensile Futura che si apre verso l’alto, lungo i profili verticali.

La struttura del Banco è anche in alluminio brillantato.

A patented mechanism for the Futura wall cupboard which opens upwards, along vertical edging.

The structure of Banco is also in shiny aluminium.

150

151


152


154

155


I sistemi di cottura, a piastre indipendenti, non interrompono il profilo del piano. The cooking systems, with independent plates, don’t break the top profile.

157


AlvarAalt oltoAlvar “Architettura moderna

“M odern architecture does not

non significa usare nuovi materiali

mean the use of immature new

ma ridefinire i materiali esistenti

materials; the main thing is to refine

in una direzione più umana” .

materials in a more human direction”.

Alvar Aalto

Alvar Aalto


Vela Quadra

161


Rovere tinto bianco e quarzite nero per il piano di lavoro sono le nuove finiture della cucina disegnata da Ferruccio Laviani. White stained Oak and black quarzite for the work top are the new finishings in the kitchen designed by Ferruccio Laviani.

162

163


Il mare in primavera restituisce i tronchi e i rami. Il sole li asciuga e li sbianca. Bianchi, come i boschi del grande nord.Alvar, la mattina, li raccoglie sulla spiaggia. Di ritorno si ferma in cucina. La stanza è chiara, una luce morbida entra dalla finestra sul mare. Lo rivedo che fa scorrere le dita sul ramo appena raccolto. E poi sulla cucina, che è in legno di rovere, sbiancato. Cerca la traccia (il senso) di una storia, nella nostra casa di Munkkiniemi.

The sea in spring gives up its tree trunks and branches. The sun dries and bleaches them. White, like the forests of the far north. In the mornings Alvar collects them on the beach. Once home again he stops in the kitchen. The room is light, a soft light flows in from the window on the sea. I see him running his fingers over the branches he has just collected. And then on the kitchen furniture, in bleached oak wood. He’s looking for a feeling of a story, in our house in Munkkiniemi.

Solida e resistente, la quarzite non può essere scalfita e resiste a temperature elevate. Solid and resistant, quarzite cannot be scratched and is resistant to high temperatures.

164

165


Giochi di profili e spessori per le ante di Vela Quadra. Plays on profiles and thicknesses for the Vela Quadra doors.

166

167


AlvarAalt oltoAlvar “Ciò che è passato non ritorna

“What has passed cannot return.

più. Ma nemmeno sparisce

But it never totally disappears.

del tutto. Ciò che è stato riappare

What has been always comes

sempre ma in forme diverse.”

back, but in different forms” .

Alvar Aalto

Alvar Aalto


Gli oggetti rimangono. Come le architetture. Ma piccoli, mobili. Sono la memoria che ti sorprende.Li sposti,li accantoni,li ritrovi in spazi nuovi e ti riconosci nella loro storia.

Objects remain. Like architecture. But smaller, mobile. They are the memories that surprise you.You move them, you store them, you find them in new spaces and you find yourself in their story.

170

171


SĂŹ, avevamo una casa sul mare. Lo spazio, la luce e le forme della natura si allungavano fin nelle nostre stanze. Chiare, trasparenti ma forti. Come le onde.Alvar addomesticava le onde. Forse perchĂŠ Aalto in finnico significa onda. Le ridisegnava forti, con il legno, e trasparenti, con il vetro.

Yes, we had a house by the sea. Space, light, natural shapes invaded our rooms. Light, transparent, but strong. Like waves. Alvar dominated the waves. Perhaps because Aalto in Finnish means wave. He redesigned waves: strong, with wood, and transparent, with glass.

173


Dietro la porta a scomparsa, una colonna operativa ben illuminata, con piani e cassetti in acciaio inox. Behind the disappearing door, a well-lit operating column with shelves and drawers in stainless steel.

174

175


La betulla sembra un albero semplice, quasi casuale. Ma è complesso ed estremamente elegante. Resiste dove la terra si spacca di sete. Resiste al gelo che segna il tempo. Dà legno chiaro. È l’albero del nord. Sta tra la nostra casa e il mare. Mi ricorda Alvar.

The birch seemed a simple, almost casual tree. But it is complex and very elegant. It resists where the earth breaks up with thirst. It resists freezing temperatures which mark time. It gives light wood. It is the tree of the north. It stands between our house and the sea. It reminds me of Alvar.

Il pensile Futura, con anta che si apre a libro, rende più funzionale la cucina. The wall cupboard Futura with book-style opening door, makes the kitchen even more functional.

178

179


Lui pensava che gli scrittori sono piĂš fortunati degli architetti. PerchĂŠ non esiste un dizionario del costruire . Esiste invece un dizionario delle parole. Lui stava ore davanti ai fogli di carta. Diceva che Dio aveva creato la carta perchĂŠ ci disegnassimo sopra. Ogni altro uso, per lui, era uno spreco.

He thought that writers were luckier than architects. There is no dictionary for building but there is a dictionary for words. He sat for hours in front of pieces of paper. He said that God created paper so that we could draw on it. For him any other use was a waste.

180

181


Della nostra casa sul mare, dicevano che pareva modellata con la fantasia di un pittore e realizzata con la sapienza di un costruttore.

They said that our house at the sea seemed modelled with the imagination of a painter and made with the wisdom of a builder.

183


CarloSca rpaCarlo “Per me è stata una fortuna trovare il volume

“For me it was a stroke of luck to come

intitolato Vers une architecture di Le Corbusier

across the book Vers une architecture by

al termine della scuola: rappresentò

Le Corbusier at the end of school: he showed

un’apertura dell’anima; [...]Questo per

an opening of the soul;[…]This is to remember

ricordare le tappe di una piccola vita che

the steps in an unimportant life which does

non pretende di essere quella di un maestro,

not claim to be that of a master, if for no other

anche perché penso che i maestri, in questo

reason than that I think the masters are now

momento, sono tutti morti. Maestro, infatti,

all dead.A master, in fact, is a person who

è colui che esprime delle cose nuove che

can express new things so that others can

altri possono capire... E i grandi architetti

understand… And there are no more great

moderni non ci sono più. L’ultimo, Louis Kahn,

modern architects.The last, Louis Kahn,

se ne è andato in modo non bello – sono

left us in an unpleasant way – these people

perdite insostituibili”.

are irreplaceable.”

Carlo Scarpa

Carlo Scarpa


Nuvola

187


Le nostre case – ne abbiamo cambiate tante insieme – sono piene di parole, di amici, di libri, di conversazioni. Carlo ama spazi essenziali, temporanei, disadorni.Tiene molto al tavolo da disegno che gli ha regalato F.L. Wright. Gli altri arredi sono semplici: pannelli di compensato appoggiati su cavalletti o su telai di ferro. O prototipi, come gli armadi in perline di legno di abete, dipinte a china.

Our homes – we’ve shared so many – are full of words, of friends, of books, of conversation. Carlo loved minimal spaces, temporary and unadorned. He’s very attached to the drawing table F.L. Wright gave him.The other furnishings are simple: panels of chipboard on trestles or iron frames. Or prototypes, like the cupboards in fir wood panels, painted with ink.

191


192

193


CarloSca rpaCarlo “Eppure vi dico che c’è un momento in cui

“Yet there comes a moment when

dovrete pur immaginare il cromatismo

you have to imagine the colours

delle cosefarete pure un pavimento,

of things – you’ll create e floor, a ceiling,

un soffitto, delle pareti: le volete tutte bianche?

walls: do you want them all white?

Anche nella progettazione di un semplice

Even the design of a simple cube

spazio cubico intervengono dei piccoli

means reasoning, an alphabet,

ragionamenti, un alfabeto, forse una

perhaps a grammar.

grammatica. È una facoltà curiosa quella

It’s a strange ability, the one that allows

che ci permette di intuire che un preciso

us to grasp that a precise aspect

fatto dimensionale, uno spessore,

of size, a thickness, for example,

ad esempio, è una qualità eminente del

is a vital quality of the physical value

valore fisico delle cose”.

of things”.

Carlo Scarpa

Carlo Scarpa


Casa e studio sono lo stesso luogo per Carlo. Fogli, carte trasparenti, cartoni, tavolette e modelli in scala, sparsi ovunque. Il progetto è per lui un pensare per figure che si presentano attraverso frammenti, indizi, dettagli. Parte da disegni molto ricchi per semplificare. Dice:“Voglio vedere le cose, non mi fido che di questo [….] perciò disegno. Posso vedere le cose solo se disegno.” Un lavoro di lima, mai finito.

Home and studio are the same thing for Carlo. Papers, transparent sheets, card, boards and models to scale, scattered everywhere. Design for him is thinking for figures that are seen through fragments, clues, details. He starts with very detailed drawings and then simplifies. He says “I want to see things, I don’t trust anything else [….] so I draw. I can only see things if I draw.” An infinite whittling away, never finished.

196


Nuvola, disegnata da Luca Meda, è un piano in marmo e una parete attrezzata con mensole della serie Trim, utilizzate come una libreria a tutta altezza, in alluminio laccato bianco opaco. La maniglia è in metallo cromato. Nuvola, designed by Luca Meda, is a marble top and an accessorised wall with shelves from the Trim series, used as full height bookcase, in white matte lacquered aluminium. The handle is in chrome metal.

199


La parete si compone di pensili della serie Nuvola,laccati bianco lucido, e mensole della serie Trim opachi. Il marmo Grigio Carnico ha uno spessore di 4 cm. The wall consists of the Nuvola series of wall cupboards, gloss white lacquered and matte shelves from the Trim series.The Carnico Grey marble is 4 cm thick.

202

203


Gli piace sperimentare, nella nostra casa e nei suoi progetti, esercitarsi sui dettagli. Come all’inizio, con i vetri di Murano. Lavorare con il vetro, a contatto con i maestri artigiani, gli ha insegnato a modellare le superfici come il pittore usa i colori. Ogni sfumatura ha un significato, ogni piega racconta una storia. Il moderno non è per lui acciaio e cristallo ma educazione al passato.

He likes to experiment, in our house and with his drawings, practise on details. Like at the start, with the Murano glass. Working with glass, together with master artisans, taught him to model the surfaces as a painter uses colour. Every shade has a meaning, every fold tells a story. Modern for him is not steel and glass but education about the past.

204


Nell’elemento a isola il piano di cottura è incassato e il lavello presenta una soluzione originale, una piccola lavastoviglie in acciaio inox con capacità di lavaggio per 5 coperti. The island element has a built-in hob and the sink offers an original solution, a small dishwasher in stainless steel with a capacity of 5 place settings.

207


Originali gli elettrodomestici: una cantina per vini, un forno e un abbattitore di temperatura con funzione di raffreddamento rapido di bevande e di cibi, e funzione di congelamento rapido. The household appliances are original: a wine rack for wines, an oven and a cooler with rapid cooling function for food and drink, as well as rapid freezing function.

208


Certo, nascere a Venezia è un destino, ti obbliga a confrontarti con il passato, ad amare l’acqua, la terra, la pietra, l’argilla e i ritmi naturali. Ma anche a vivere nel mondo, a incontrare artisti e collezionisti come Carlo Carrà, Bruno Zevi, Peggy Guggenheim. Senza la collaborazione con la Biennale di Venezia non so se avrebbe incontrato Hoffmann, Neutra,Aalto, Kahn. I suoi maestri.

Of course, to be born in Venice is a destiny, it forces you to face the past, to love water, earth, stone, clay and natural rhythms. But also to live in the world, to meet artists and collectors like Carlo Carrà, Bruno Zevi and Peggy Guggenheim. Without the help of the Venice Biennial I don’t know if he would have met Hoffmann, Neutra,Aalto and Kahn. His masters.

210

211


212

213


CharlesE EamesCh “I dettagli non sono dettagli.

“Details are not details.

I dettagli sono il progetto”.

Details are the design”.

Charles Eames

Charles Eames


Hi-Line

217


Ci piace imparare facendo, un processo che chiamiamo “learn-by-doing”. Certo, non è come progettare un sedia, ma anche la nostra casa è nata così. Io e Charles abbiamo cambiato idea strada facendo. Non potevamo fare un banale errore degli architetti. Distruggere un luogo così bello, un prato tra gli eucalipti del Pacific Palisades, in California, dove “le montagne incontrano il mare”, con il nostro progetto.

We like to learn as we work,we call it“learn-by-doing”.Of course it isn’t like designing a chair, but our house was born that way. Charles and I changed our minds as we went along. We couldn’t make the same banal mistake as some other architects. Destroy such a beautiful place, a meadow among the eucalyptus trees of Pacific Palisades, in California, where “the mountains meet the sea”, with our new design.

221


CharlesE EamesCh “L e vere domande sono:

“The real questions are:

risolve un problema? Serve

does it solve a problem?

a qualcosa? Tra dieci anni

Is it useful? What will it look like

che apparenza avrà?”

in ten years?”.

Charles Eames

Charles Eames


L’idea era di usare per la nostra casa materiali esistenti in modo nuovo.Materiali che si potessero comprare in un qualsiasi catalogo. Acciaio, per esempio. Eravamo nel dopoguerra, nel periodo della riconversione industriale.Volevamo aiutare le persone a vivere meglio spendendo poco, senza dover comprare ogni singolo pezzo ma usando materiali già pronti,“off-the-shelf”, dicevamo.

The idea was to use existing material in a new way for our house. Material that could be bought in any catalogue. Steel for example. It was just after the war, the period of industrial reconversion. We wanted to help people to live better lives without spending too much, without having to buy every single piece but using material that was already available,“off-the-shelf”, we said.

227


Pareti in noce canaletto e interni in acciaio inox per Hi-Line, disegnata da Ferruccio Laviani. Walls in American walnut and interiors in stainless steel for the Hi-Line, designed by Ferruccio Laviani.

228

229


230

231


Così è nata la “Case-study #8”, l’ottava casa del nuovo progetto dell’editore di “Arts and Architecture”, John Enteza. Nove architetti avevano il compito di costruire altrettante case che rispondessero ai problemi e alle necessità della società californiana. Noi abbiamo progettato due semplici scatole, una destinata all’abitazione, l’altra allo studio, separate da un patio quadrato. La struttura è composta da portali d’acciaio alti più di 5 metri.

That’s how the house “Case-study #8” was born.The eighth house from the project by the editor of “Arts and Architecture”, John Enteza. Nine architects were given the task of building a house each which would answer to the problems and needs of Californian society.We designed two simple boxes, one to live in and the other as a studio, separated by a square patio.The structure is composed of steel portals more than 5 metres high.

232


Il top è in pietra basaltina e le ante in acciao inox. The top is in basalt stone and the shelves in stainless steel.

234

235


Charles diceva:“Chi ha mai detto che il piacere non può essere funzionale?”. Charles used to say:“Whoever said that pleasure can’t be functional?”.

236

237


238

239


Il sistema di mensole in alluminio anodizzato prevede ha un’anta scorrevole e uno schienale in noce canaletto. Gli elettrodomestici sono incassati: forni, macchina del caffè e autoclave per la cottura a vapore. The anodised aluminium shelving system has a sliding door and back in American walnut. The household appliances are built in: oven, coffee maker, and steam cooker.

240


Pannelli colorati all’esterno, quasi a disegnare un quadro di Mondrian, oggetti da collezione, fiori, tappeti, mobili la rendono calda e accogliente, lontana da certe fredde architetture moderne. Per noi il design deve servire a migliorare la vita, anche la nostra.

Coloured panels outside, almost a Mondrian painting, collector’s items, flowers, rugs, furniture that makes the house warm and welcoming, different from certain cold, modern architecture. For us design has to improve life, ours too.

243


Nel piano in basaltina sono incassati il lavello e il sistema di cottura. The sink and cooking system are built into the basalt top.

245


“…E diranno degli Eames le stesse che cose che dissero di Rietveld. Che cosa c’è di così straordinario nel loro lavoro? In fondo è una casa e un paio di seggiole”, diceva l’architetto Peter Smithson.

“…And they’ll say the same things about the Eames that they said about Rietvelds. What’s so extraordinary in their work? At the end of the day it’s a house and a couple of chairs,” the architect Peter Smithson would say.

247


RichardN rdNeutra “Q uelle molte esperienze infantili mi

“Many,many childhood experiences

insegnarono mute lezioni sull’apprezzamento

taught me silent lessons on appreciating

di spazio, valori tattili, luce ed ombra, odore

space, tactile values, light and shadow,

dei tappeti, calore del legno e freschezza

the smell of rugs, the warmth of wood

del focolare di pietra sito davanti alla nostra

and the freshness of the stone fireplace set

stufa di cucina.
Più tardi, le nostre lezioni

opposite our kitchen stove. Later, our

universitarie sull’architettura non

university lessons on architecture never

accennarono mai ad esperienze sensorie

mentioned such important sensory

così basilari, o al sottile rapporto che intercorre

experiences, or the subtle relationship

fra le strutture fisiche e il comportamento

between physical structures and man’s

nervoso dell’uomo. Sentii parlare molto,

behaviour. But you hear about beauty

però, di buon gusto e bellezza”.

and good taste”.

Richard Neutra

Richard Neutra


Nomis

253


254

255


Da piccolo trovava rifugio sotto il pianoforte a coda,uno spazio oscuro e intimo,ispirazione per molta della sua architettura: basse pensiline sporgenti, pavimenti e soffitti a quote diverse, per dare all’uomo calore e protezione.

As a child, he used to hide under the grand piano, a dark, intimate space which inspired much of his architecture: low jutting out roofs, floors and ceilings on different levels, offering warmth and protection.

Nuovi cromatismi per Nomis, disegnata da Hannes Wettstein: le ante dell’isola sono laccate al poliestere in colore nero, la grande maniglia è in metallo cromato. New colours for Nomis, designed by Hannes Wettstein: the island doors are lacquered in black polyester, the large handlein chrome metal.

256

257


Un’isola al centro dello spazio: la zona operativa, in acciaio inox con spessore 8 cm, integra lavello e piano di cottura stampati. An island in the centre of the space: the operating area, in 8 cm stainless steel, integrates moulded sink and hob.

260


264

265


Per la sua casa-studio a Los Angeles, di fronte al lago, Neutra usa materiali innovativi e a basso costo, pannelli di alluminio e vetro.Tecnologia dal volto umano. Il progetto è completato nel 1932 con meno di 8mila $. Lo chiama “Van der Leeuw Research House”, è un laboratorio che gli serve anche per dimostrare che si può vivere bene in uno spazio ristretto.

For his home-studio in Los Angeles, opposite the lake, Neutra used innovative low cost materials, panels of aluminium and glass. Technology with a human face.The design was completed in 1932 with fewer than 8 thousand dollars. It’s called the “Van der Leeuw Research House”, and it’s a laboratory which he used to show that it is possible to live well in a small space.

266

267


La cucina è molto piccola ma disegnata in modo efficiente in ogni dettaglio. Ci sono persino cassetti di metallo dove riporre il pranzo che può essere così servito in modo discreto in soggiorno. Nessun supplemento di gusto e di bellezza, nessun lusso inutile.Tutto è pensato per i bisogni reali della sua famiglia.“La creatività”, diceva, “è il principale mezzo con il quale gli esseri umani hanno per tanto tempo cercato di modificare il loro ambiente naturale, sia in piccolo che in grande stile. L’ambiente fisico si deve rendere più abitabile con aspirazioni che mirano ad un più alto livello qualitativo”.

The kitchen is very small but designed to be efficient in every detail. There are even metal boxes where the lunch can be stored so as to serve it discreetly in the living room. No extra for taste and beauty, no useless luxury. Everything is designed for the real needs of his family.“Creativity” he used to say,“is the main way that human beings have tried to change their natural environment for such a long time, both in minor and in major ways.The physical environment must become easier to live in and aspire to a higher level of quality.”

La parete di colonne è in laccato bianco opaco con il forno da 90 cm. Incassato. The wall of columns is in matte white lacquer with built-in 90 cm oven.

268

269


Dada spa Strada Provinciale 31 20010 Mesero (Milano) Italia T + 39 02 972.079.1 F + 39 02 972.895.61 www.dadaweb.it dada@dadaweb.it Export Division: T + 39 02 972.88.606 F + 39 02 972.850.23 dadaexport@dadaweb.it


progetto Studio Cerri & Associati Pierluigi Cerri Alessandro Colombo collaborazione Carla Parodi studio associati foto Tiziano Sartorio styling Melissa Dolfini styling assistant Ernesto Callegari

si ringrazia: ALTAI FONTANA ARTE GB Milano IITTALA GROUP distribuito da Finn Form LAGOSTINA LA STANZA DEL RE RAPSEL RICHARD GINORI VITRA T10 Poltrona a ferri piatti Progetto Giuseppe Terragni Designer per gentile concessione Centro promozione Brianza di Cabiate Prototipo Giorgetti spa, Meda

Pavimenti e rivestimenti: FLORIM Trim da p.11a p.35 pavimento e rivestimento Cerim collezione Le pietre, grigio Tao 20x60 TivalĂŹ da p.39 a p.65 pavimento Floor Gress collez. Ecotech ecodark, strutturato quadrato 60x120 Vela Aluminium da p.69 a p.93 pavimento e rivestimento Cerim collezione Le pietre, travertino classico 48x32 Vela da p.97 a p.129 pavimento Rex collezione Materre, colore noire 40,5x40,5 rivestimento casamood collezione circle ferro Banco da p.133 a p.157 pavimento casamood collezione Neutra, colore Avorio 40x40 Vela Quadra da p. 161 a p.183 pavimento e rivestimento casamood collezione Neutra, colore Moka 60x60 Nuvola da p.187 a p. 213 pavimento casamood collezione Neutra, colore Bianco 60x60 Hi-Line da p. 217a p. 249 pavimento casamood collez. Neutra, colore Bianco 60x60

stampa Grafiche Boffi - Giussano MI 04.2009.A20000


09

ArneJacobsenJeanProuvéGiusep peTerragniGioPontiLeCorbusier 09 AlvarAaltoCarloScarpaCharlesEa mesRichardNeutra ArneJacobsen JeanProuvéGiuseppeTerragniGio PontiLeCorbusierAlvarAaltoCarlo ScarpaCharlesEamesRichardNeu traArneJacobsenJeanProuvéGius eppeTerragniGioPontiLeCorbusi erAlvarAaltoCarloScarpaCharles


DADA 2009