Issuu on Google+

Fondato da LUCIANO PARISINI

ANNO

12 OTTOBRE N° 10

2015

Evento

La bellezza è lusso quotidiano

Ethos–Kinéo bellezza in cinema

Look

Spedizione in A.P. - 45% - art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Filiale di Milano - € 2,50 - Copia omaggio

School Sweet School

SEGUICI SU: WWW.DAILYLUXURY.IT

Arte

È come incontrare due Balla


dior.com

Dior OnLine 02 38 59 88 88


INNANZITUTTO L U C I A N O PA R I S I N I

Mangiando cultura

U

N MINISTRO DI UNA PASSATA LEGISLATURA, autorevole (almeno...) nell’incarico e negli studi personali, disse in atmosfera di crisi incipiente, durante il solito avvilente, ignorante, ciarlatano talk show, che la cultura non si mangia, rivelando necessari tagli a tutto ciò che non è pane, seppur periodicamente azzimo. Ricordo e grugnisco di silente critica senile, mentre su un palcoscenico della Mostra del Cinema di Venezia, due signore che da sempre mangiano cultura alla faccia dell’ex-ministro, chiamano alla cattedra di un nobile premio come il Kinéo, tanti scolari di cultura: quella del cinema tra le più... mangiabili e spesso gioiosamente saziabili. Grugnisco perchè nell’ultima fila dell’evento dove sempre mi piace parcheggiare, ho nelle sedie a fianco, signore di vistosa età e ragazze d’altrettanta fascinosa verve, che scandagliano il display del cellulare per farsi... uno spuntino di cultura. Cercano insomma il tutto dei personaggi che vanno in cattedra, sul palco, tra applausi scroscianti, così accentuando lo... spuntino e quindi facendosi un’autentica scorpacciata di cultura cinematografica, la più saziabile, ripeto, per gusto e digeribilità. Grugnisco: un po’ di fastidio tecnico per quella ricerca di colorate icone “pasteggiate” a capo chino come un panino consumato di sotterfugio all’ultimo banco di scuola; grugnisco oltre che di fastidio senile, di soddisfazione senza età, da sempre viva allorchè c’è un connubio di cultura come questo, tra un premio, già icona del festival veneziano e un Gruppo di Profumerie che sta compiendo diversi lustri d’età-cultura, non foss’altro che per quel nome, Ethos, di nobile significato greco e per questa partecipazione in sapere cinematografico, mangiando in oltre 240 negozi, cultura cosmeti■ ca, profumata di storie più che mai acculturate.

4

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

Prestigio Gabriele Salvatores, Massimo Zonca (d.g. Ethos Profumerie) e Rupert Everett con, in primo piano, Nastassja Kinski.


#SaySì

armanibeauty.it - N° Verde 800.916.484

Cate Blanchett


AVA N T GARDE u n o sc i a m

ed

i no

l ...

’a

Pagine in avanguardia

t i z ie v e r s o

re a e e lavr lv’ae

DaDialyily

l

“Magnolia” Charme Regina più blu

N

L

on discende solo dalla regale dinastia delle “Nobili” ma ne è la Regina: il suo nome d’investitura è “Magnolia Nobile Edizione Speciale”. Così ha voluto il Regno di Acqua di Parma rendendole prezioso omaggio di una veste tutta d’oro (oro 24 k, insistono i sudditi...), davvero decoro trionfale a petali di magnolia d’oro incisi artigianalmente, manualmente, abito per abito, pardon: flacone per flacone. E quindi una Magnoglia Nobile che riflette tutta la sua nobiltà, regalità, preziosità. Anche perchè in cuor suo racchiude gelosamente inebrianti note di rosa, gelsomino e tuberosa, sfoggiando in testa una “tiara” di bergamotto, limone, cedro e fiori; in fondo adagiandosi su un “trono” di legno di sandalo, patchouli, vetiver e vaniglia.

a Dream Girl di MarC Jacobs è in profumeria con questa versione più intensa del jus originale (mora, glicine blu e legni bianchi). Ha in testa mora, pompelmo e pera; nel cuore gelsomino, litchi, glicine blu; nel fondo, legni bianchi, muschi, acqua di cocco. Il tutto nel più blu dello charme. E... per sempre: Daisy Dream Forever.

Alaïa Paris in tour

Estée Lauder: magnifica in Centrale

A

lla scoperta dell’emozione Alaïa Paris: allestimento apposito di uno spazio con video, suoni, accessori Couture, così da immergere i partecipanti nei prestigiosi trainingtours effettuati nel mese di settembre toccando le principali città italiane.

Accoppiata Nadal TH Bold

P

F

ino al 31 ottobre questo splendido Temporary Store terrà aperto in Stazione Centrale a Milano. È il primo di Estée Lauder, non solo in Italia ma in tutta Europa. Dice Fulvia Aurino direttore della Divisione Estée Lauder in Italia: “... location perfetta per offrire alle donne una consulenza e un servizio personalizzati...”.

omelo, mandarino tangerino, bergamotto, lavanda e cardamomo; proseguendo con gelsomino, fiore di mandarino e accordo di baronia legnoso; concludendo con assoluto di fiore d’arancio, cedro, legno di sandalo e vetiver: Ecco la nuova “pozione” di Tommy Hilfiger, TH Bold, per l’uomo protagonista fiero di se stesso. E chi poteva testimoniarla se non il protagonista dei protagonisti, la racchetta… di grido Rafael Nadal, ambasciatore globale del brand? Ecco, in foto “convincente”, l’accoppiata Rafael - TH Bold.

Una sera di luna…

È

un’edizione limitata a soli 6000 pezzi in tutto il mondo e in un formato unico da 100 ml. È un gioiello di poesia fragrante: nel flacone, nella grafica e naturalmente nel fantastico jus. Hubert e Isabelle d’Ornano l’hanno voluta così, per Sisley e per chi ama il superlativo: bleu, in una notte bleu sotto una cascata di stelle.

Ciao Mauro

R

icordando Mauro Peressoni. Papà Armando, un’icona della profumeria italiana, ha scritto: “Nella notte di San Lorenzo è caduta la stella più luminosa: ora a Mauro non serve più il paracadute... Al suo 881° lancio gli sono spuntate le ali”. Anche questo Bambi non lo dimenticherà.


La “femme Biotherm”

“L

ive more”, vivere intensamente: una filosofia che accomuna Biotherm e Christy Turlington, madre, moglie, imprenditrice impegnata nel sociale, maratoneta, fondatrice di Every Mother Counts per “rendere sicura gravidanza e parto di ogni madre”. È la “femme Biotherm” declama Patrick Kullenberg, International General Manager della Marca.

Nastro Rosa: Estée Lauder con l’AIRC

P

arte (ottobre) la XXIII Campagna Breast Cancer Awareness di Estée Lauder Companies Italia, dedicata alla prevenzione del tumore al seno. Per la prima volta in partner con l’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Madrina, come annunciato, Antonella Clerici. Cinque gli euro devoluti per ognuno dei prodotti scelti per la Campagna e venduti nel mese di ottobre. “Sconfiggiamo il tumore al seno: ogni azione conta” è il tema della Campagna “Nastro Rosa”.

Sì Huile de Parfum

I

nterpretando una tradizione davvero consacrata nei tempi, ecco il gesto più efficace del fantastico “Sì” Giorgio Armani: l’Huile de Parfum, privo di alcool così da non seccare la pelle che mantiene morbida e profumata con i suoi oli vegetali di macadamia, mandorle dolci, argan e rosa canina. “Avvolge la donna in una scia sottile e persistente...” di puro piacere.

Perfezione 24 ore

U

n’efficacia 24 ore, una mousse modellante, sopracciglia definite, un unico gesto, una garanzia Clinique: Just Browsing Brush-on Styling Mousse”.

Rouge Pur Couture 2015

R

ouge Pur Couture è una stupenda, affascinante, straordinaria storia a colori nata in Yves Saint Laurent nel 1978: ora la si riscrive con una palette di tonalità a sublimazione di una vera icona senza tempo. 38 le varianti di rossetto, emblematiche le quattro Le Rouge, Le Orange, Le Fucsia e Le Nu. A corona della loro suggestione le Vernis a Lèvres e Le Laque Couture The Mats.

Pitti: caleidoscopio olfattivo

L’

immagine… caleidoscopica che pubblichiamo ha fatto da “manifesto” a Pitti Fragranze 13. Alla “Leopolda” di Firenze è andato in scena il “Caleidoscopio olfattivo”, tema davvero suggestivo dei giorni della rassegna “profumeria artistica internazionale”, che ha avuto protagonisti ben 230 marchi da tutto il mondo. Eccezionale il successo del progetto speciale “Oggetti d’Arte. Forma, Colore. Profumo” curato in esclusiva dal geniale Chandler Burr, presenza costante al Pitti.

OPI in tono veneziano

U

n autentico “quadro” di stupenda sceneggiatura a toni veneziani per l’evento presentazione della OPI Venice Collection, tenutasi nella residenza Vignale a Milano. Atmosfera nobile per una nobile collezione.

B&L Alta Profumeria

Q

uando un comunicato ufficiale esprime chiarezza assoluta, entrarvi solo per distoglierne originalità non è comunicazione esatta. Ecco perché torniamo su quanto Beauty and Luxury ha già proposto, riportandone i brani dell’essenzialità. Così dettagliatamente e ufficialmente specificando ciò che “contiene” la nuova divisione B&L ALTA PROFUMERIA: “…Con una strategia che si basa su un modello rispettoso di determinati parametri qualitativi e scelte distributive e commerciali, l’azienda si propone di entrare in un segmento di mercato che, In Italia, ha assunto una dimensione rilevante in termini di fatturato, di distributori dedicati e negozianti appassionati. L’esclusività delle proposte di B&L Alta Profumeria, destinate ad un consumatore in cerca di creazioni di grande originalità, carattere e valore artistico, si avvale di una distribuzione estremamente selettiva e di qualità che comprende diverse profumerie artistiche e concept stores. L’attenzione ai dettagli, all’estetica e alla qualità delle materie prime, sono i segni distintivi delle collezioni proposte. La Divisione debutta con una gamma di marche ricercate, firme internazionali dell’avanguardia creativa. Progetti anticonvenzionali e inaspettati, tra fashion, design e una certa bizzarria eclettica: MIN NEW YORK, vere e propri racconti olfattivi creati per ispirare e provocare forti emozioni. Ogni opera invita ad un personale viaggio nella memoria, in cui il profumo diventa esperienza di vita. Una collezione di fragranze non convenzionali, prodotti di lusso in edizione superlimitata. THIRDMAN, un collettivo di profumieri fondato da Jean-Christophe Le Greves ha creato les Eaux Contemporaine, una nuova generazione di fragranze per una nuova era. Una categoria innovativa in cui ingredienti di altissima qualità, composizioni minimaliste e moderne come anche il packaging, rompono gli schemi dei codici delle fragranze classiche. ULRICH LANG NEW YORK, nasce nel 2002 dalla fusione tra la passione di Ulrich Lang per i profumi e la fotografia contemporanea utilizzata come ispirazione per l’immagine e il design del packaging. Fragranze di ricerca, eclettiche, persistenti, contemporaneamente minimaliste. DEBORAH LIPPMANN, direttamente dai red carpet Hollywoodiani, una lussuosa linea di smalti e trattamenti per le mani e i piedi, formulata dalla manicurist delle celebrities USA…”.


SOMMARIO

N°10 OTTOBRE 2015

4

EDITORIALE

Le considerazioni di Luciano Parisini

36

RIBALTA

Azzedine Alaïa

Sublimazione in... profumo

8

AVANT GARDE

Prime pagine

in anteprima

CULTURA

Giacomo Balla

Astrattista futurista

58

56

SPECIALE

Paco Rabanne

SPECIALE

Armani

3 lustri di genialità in bellezza

Olympéa, jus per dee moderne

18 RUBRICHE

48

STILE

DIEGO DALLA PALMA

20 DALLA FRANCIA

SILVIA MANZONI

22 DAGLI USA

CAROLE HALLAC

DAILY LUXURY • Mensile di HIGH PUBLISHER EDITORIALE Direttore responsabile: Luciano Parisini • Direttore generale: Diana Baravelli • Caporedattore: Marina Santin • Redazione: Lucio Chiari, Giulia Zoni, Paola Cardona • Progetto grafico: Denni Poletti • Fotografo: Graziano Ferrari • Collaborano: Diego Dalla Palma (stile) • Rebecca Belize (food) • Lorena Poletti (design) • Supplementi: Lucia Parisini (Daily Accessories) Estero: Silvia Manzoni (FRANCIA) • Carole Hallac (USA) • Autorizzazione del Tribunale Bologna n° 7396 in data 15/01/2004.


SOMMARIO

N°10 OTTOBRE 2015

84 LOOK

Moda & Accessori di tendenza

66

94

SPECIALE

BELLEZZA

Lauder

Le novità

trattamento new dimension

dell’universo beauty

DESIGN

BENESSERE

Allegria Resort quando il wellness è “multi-tasking”

RUBRICHE

FOOD

Mudec Design Store

Foodscapes: Carl Warner

22

26

creatività... on sale

STILE CINETIME

ANNAROSA SETTELLI

@COPYRIGHT

110 114 118 paesaggi da... mangiare

DALLA FRANCIA CARNET

MARINA SANTIN

VISITA IL NOSTRO SITO WWW.DAILYLUXURY.IT

E SCARICA L’APPLICAZIONE

GRATUITA

SU iTUNES

SEGUICI SU

Sede: Via G. Tinozzi, 3 - 40137 Bologna • Tel. +39 051 5878850 • Fax +39 051 5878860 • e-mail: info@high-publisher.it • info@dailyluxury.it Abbonamento annuo per l’Italia: 20€ da effettuarsi con bonifico bancario a: Credem - ABI: 03032 - CAB: 02400 - c/c: 010000009830 - CIN: M IBAN: IT 03 M 030 3202 4000 1000 000 9830; o sul c/c postale n° 50673359 intestato a: HIGH PUBLISHER, Via G.Tinozzi, 3 - 40137 Bologna E-MAIL PER ABBONAMENTI: abbonamenti@dailyluxury.it • Sped. in abb. post. Pubblicità inferiore al 45% Stampa: GRAPHICSCALVE SpA - Località Ponte Formello, 1/3/4 - 24020 Vilminore di Scalve (BG) - ITALY Egregio abbonato, ai sensi dell’art. 10 della legge 675/96, La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel nostro archivio informatico, vengono utilizzati esclusivamente per l’invio della pubblicazione e non vengono ceduti a terzi per alcun motivo. La informiamo, inoltre che, ai sensi dell’art. 13 della legge, Lei ha il diritto di conoscere, aggiornare, rettificare i Suoi dati o opporsi all’utilizzo degli stessi, se trattati in violazione della legge.


Lo sguardo che rivela la tua bellezza

www.shiseido.com


Chic & Shock

STILE D I E G O DA L L A PA L M A

Naike Valentina Rivelli CHIACCHIERE Cervi SHOCK CHIACCHIERE SHOCK

Valentina Cervi, nipote del grande e indimenticabile Gino Cervi, pensa di farsi notare rilasciando inutili dichiarazioni anticonformiste al fine di distrarre chi legge dal suo discutibile talento.

Naike Rivelli, nipote di una donna di valore che ho conosciuto, la nonna materna tedesca, cerca di stupire rilasciando dichiarazioni qua e là per fare intendere quanto sia mobile e trasgressivo il suo pensiero. Probabilmente, per compensare l’immobilismo inquietante del viso della madre.

Jasmine Trinca Bianca Brandolini d’Adda SILENZIO CHIC Bianca Brandolini D’Adda, silenziosa come si conviene quando si è portatori di eleganza. E pensare che argomenti per il gossip, ne avrebbe. E tanti.

18

|

DAILYLUXURY

SILENZIO CHIC La si vede raramente, Jasmine Trinca, ma le poche e mirate occasioni sono solo di ordine professionale. Non ama chiacchiere né salotti perché conosce i raffinati effetti del silenzio e della discrezione.


DA L L A F R A N C I A

“Corolle” di luce e profumo

S I LV I A M A N Z O N I

C

REATA NEL 2003 dal “naso” Olivia Giacobetti, la griffe

di profumi Iunx si è subito contraddistinta per l’originalità delle composizioni, per la loro sobria eleganza e per l’approccio design. Tutte qualità oggi riaffermate dalla boutique inaugurata di recente sulla Rive Gauche, nel quartiere dell’Odeon, creata per permettere di scoprire l’universo di questo brand di nicchia. Il nuovo negozio è l’occasione per rimettere sotto i riflettori tre dei profumi “cult”: l’Eau Ivre, l’Eau Aztèque e l’Eau qui Pique. Per annusarli, dei tester di nuova generazione: una “corolla” che si illumina quando il viso si avvicina. Un’esperienza da provare per tutti i fragrance lovers. Iunx, 13 rue de Tournon 75006. www.iunx-parfums.com

Parfum d’Empire. Sarà prodotto in serie li-

Officine Universelle Buly. Radersi è un’arte. Ne è convinto Ramda-

ne Touhami, fondatore di questa profumeria fuori dal tempo che distribuisce unguenti, creme e profumi moderni ispirandosi ad antiche ricette. Ramdane ha ritrovato un manuale del 1723 che, probabilmente per la prima volta, insegna a radersi con precisione, e ha deciso di tradurre i consigli dell’esperto in prodotti “ad hoc”. In particolare, una crema per i moderni gentlemen: la Pommade Pogonotomienne (dal greco “tagliare la barba”) profumata al legno di Hinoki, che rende più morbida la pelle e facilita il passaggio della lama. Tra le novità di questa insegna diversa da tutte le altre anche sei pot-pourri “su misura”, perchè la loro profumazione rifletta i gusti e l’umore di chi li compra o di chi li riceverà in regalo. Da qualche mese, la profumeria ha anche un sito internet per i fan che non abitano in Francia: www.buly1803. com. Officine Universelle Buly, 6 rue Bonaparte 75006.

20

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

mitata (per la rarità di alcuni ingredienti) e venduto solo in alcune profumerie che distribuiscono il marchio. È Tabac Tabou, nuovo profumo della Maison, un’esplosiva composizione di Marc-Antoine Corticchiato, mix di narciso, miele, immortelle (l’elicriso) e naturalmente la nota tabacco, voluttuosa e sacra, che giustifica il nome. “Quasi tutti i popoli indiani, prima dell’arrivo di Colombo, utilizzavano il tabacco per purificare, guarire o suscitare delle visioni”. La quantità degli ingredienti naturali rende la fragranza particolarmente viva sulla pelle e capace di trasformarsi progressivamente con l’avanzare delle note di fondo. Le volute del tabacco e quelle più verdi e animali conferiscono una personalità forte e decisa a questo jus che non passa inosservato ed è destinato ad un pubblico di “iniziati” come spiega lo stesso creatore. Disponibile da ottobre solo in versione estratto (50ml, 140 €).

Cosmetic 360 360°.

A Parigi una nuova fiera dedicata ai cosmetici, allestita all’insegna dell’innovazione nelle formule, nelle tecnologie e nei servizi. L’organizza, il 15 e 16 ottobre al Carrousel di Louvre, la Cosmetic Valley, il distretto industriale che riunisce la filiale cosmetica e ha sede nelle regioni centrali della Francia, intorno a Chartres. Accanto a ogni stand, un totem illuminato attira l’attenzione sulla novità presentata, perchè il visitatore possa costruirsi un itinerario e avere subito un’idea delle principali news. Il salone proporrà anche uno spazio consacrato ai giovani talenti, conferenze e riconoscimenti ai prodotti più promettenti. Scopo di questa iniziativa, fortemente sostenuta dalle autorità francesi, è “rimettere Parigi al centro del mercato mondiale della profumeria-cosmesi e posizionare l’industria francese sul terreno dell’innovazione”. ■


DAG L I U SA C A RO L E H A L L AC

L’onestà beauty di Jessica

J

ESSICA ALBA amplia il portfolio di Honest Company

(l’azienda di prodotti eco-friendly per bambini e per la cura della persona co-fondata con Chrostopher Gavigan) debuttando nella bellezza. La nuova gamma, Honest Beauty, comprende 83 prodotti tra skincare e makeup, ed è priva di ingredienti potenzialmente nocivi per la salute in linea con la filosofia green del brand. Peccato che la crema protettiva solare, lanciata di recente, abbia ricevuto critiche da parte di diversi consumatori in seguito alla comparsa di scottature indesiderate dopo l’esposizione.

M.A.C.

La Casa cosmetica lancerà una collezione ispirata a Selena Quintanilla, l’iconica cantante di musica latina degli anni ’90, assassinata in giovane età. L’idea della nuova linea, che debutterà nel 2016, è stata data dai fans che, con una petizione sul sito change.org, hanno chiesto a M.A.C. renderle omaggio con un makeup. Una nuova petizione è ora in corso per una collezione dedicata ad Aaliyah, artista R&B, anche lei scomparsa giovanissima all’apice del successo in seguito a un incidente aereo.

Pamela Anderson.

L’attrice, invece, è furiosa con M.A.C. La Casa cosmetica, parte del gruppo Estée Lauder, che da sempre vanta di essere “cruelty-free”, deve testare i suoi prodotti sugli animali per poterli esportare in alcuni mercati che lo richiedono come la Cina. Nonostante una lettera della sex-symbol, un tempo testimonial della casa, M.A.C. non torna indietro, promettendo però di continuare a promuovere la sua filosofia “cruelty-free”.

Katy Perry. La popstar

ha lanciato il suo nuovo profumo “Mad Potion” (realizzato in collaborazione con Coty). L’ha presentato ai suoi 72 milioni di fans su Twitter offrendo loro la possibilità di acquistarlo direttamente. Molte altre celebrities debutteranno in autunno con le loro

22

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

fragranze, tra cui Sofia Vergara, Rihanna e Pitbull, che hanno creato i loro jus in partnership con Parlux.

Ricky’s.

La catena di bellezza e accessori newyorkese, apre un negozio a Soho. Il nome? “#”(si pronuncia “hashtag”) e vende unicamente marchi di nicchia popolari su Instagram.

Lip Ink. È questo il lipstick dalla

tenuta più duratura. Almeno secondo la diva del burlesque Dita Von Teese e… le pornostar. Più di un semplice rossetto, Lip Ink è un kit di tre prodotti che prevede un’applicazione in cinque step: esfoliazione, pulizia, contour, idratazione e stesura del colore, la cui consistenza è quella di un gel.

Anthropologie.

La linea di prêt-à-porter casual americana, allea l’universo delle fragranze e quello della letteratura. La sua collezione “Fictions” propone tre Eau de Toilette racchiuse in cofanetti a forma di libro con tanto di copertina.

Givenchy.

Inaugura una nuova boutique a New York in Madison Avenue, a pochi passi da dove si trovava nel 2006 la location precedente. Il piano principale è dedicato alle collezioni donna, il mezzanino alla linea ■ uomo.


COLLEZIONE Autunno Inverno 2015


dior.com

Dior OnLine 02 38 59 88 88


L E N O U V E AU PA R F U M


Il 13 di KINÉO... in ETHOS

P

A N N A RO S A S E T T E L L I

er il secondo anno consecutivo, la bellezza a connubio con il cinema d’autore, nel a contesto altisonante della 72 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Ancora il più prestigioso Gruppo Profumerie made in Italy al fianco dell’unico, autentico Premio al Cinema Italiano designato dagli spettatori in sala. Rupert Everett tra i premiati.

U

na folla di premiati sul palcoscenico della prestigiosa location allestita sulla spiaggia dell’Excelsior Venezia Lido, e ancor prima sul red carpet di una applauditissima celebrazione: due immagini del trionfo numero 13 del Premio Kinéo Diamanti al Cinema Italiano a rendere speciali queste pagine che sbocciano di colore e di prestigio dal contesto della 72°

26

|

DAILYLUXURY

|

Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. E un flash di gioiosa soddisfazione per questo rinnovato successo, sul volto di Rosetta Sannelli, direttore di Kinéo, di Tiziana Rocca, General Manager, e di Massimo Zonca, direttore generale di Ethos Profumerie, loro fautori della crescita esponenziale di questo Kinéo che sa riunire, edizione per edizione, un cast di premiati

N°10 OTTOBRE 2015

d’alta caratura. Questo quindi, ad immagini, il colore, il calore, la passione, che avvolge, coinvolge, un evento (gemellato con il Taormina Film Festival per un eclatante connubio cinema-arte “Art Award”) a crescita esponenziale: addirittura 18 i premi e tutti presenti i premiati nell’atmosfera eclatante di una cerimonia infinita conclusa con un galà partecipato da un autentico parterre di invitati eccellenti. ■


72a. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia - settembre 2015

Premi Kinéo “Diamanti al Cinema” 2015

Il Ludovico invisibile visto al Kinéo

M

i sono aggirato tra i partecipanti alla conferenza stampa che ha preceduto al mattino la cerimonia di premiazione del Kinéo, per scrutare il volto di questo ragazzo, del quale il genio di Salvatores ha reso invisibilità. Vero: film e interpretazione a parte, Ludovico è invisibile, quasi il suo volto indossi una maschera perfetta, nascondendo una identità che non si vede. Ludovico è dietro quella maschera, la sua espressione sembra dilatarsi e restringersi come per nascondere una vera personalità, individuata esclusivamente da Salvatores per poi renderla invisibile. Quell’aria un po’ scanzonata che questo piccolo medaglione di LUDOVICO GIRARDELLO “Kinéo Giovani Rivelazioni”, fissa sulla carta dopo il filtro di un intuitivo obiettivo, è soltanto sceneggiatura. Ecco il perchè della straordinaria “rivelazione” del regista e della scaltra mutazione dell’”interprete”; ecco perchè entrambi han vinto il Kineo. Lui, Ludovico, ha la magia visibile e invisibile che la natura gli ha regalato, quel poter cangiare quando e come vuole. Ecco perchè aggirandomi tra i tanti della conferenza stampa ho visto in lui “un” futuro del cinema italiano. Non il futuro generico che molto spesso non futura, ma quello che diventa leggenda. Non ti inorgoglire, Ludovico: stai così, invisibile. Vedrai: non solo un genio dal buon occhio come Salvatores saprà vederti, rivelandoti capolavoro. L.P.

1 Massimo Zonca direttore generale Ethos Profumerie e Mara Zanotto (col pancione...) premiano Natassja Kinski con il Classic Kinéo&Ethos Profumerie. 2 Gabriele Salvatores Premio Kinéo per il miglior film: “Il ragazzo invisibile”. 3 Francesco Munzi, regista di “Anime Nere”

• Miglior Film - "Il ragazzo invisibile" di GABRIELE SALVATORES Produzione Indigo Film - Distribuzione 01 Distribution • Miglior Regia - MATTEO GARRONE per "The Tale of the Tales - ll racconto dei racconti" Produzione Rai Cinema/Archimede/Le Pacte - Distribuzione 01 Distribution • Miglior Opera Prima - "Se Dio Vuole" di EDOARDO FALCONE Produzione Wildside - Distribuzione 01 Distribution • Kinéo&Taormina FilmFest Art Award assegnato per il teatro MONICA GUERRITORE • Premio Kinéo&Rai Com al miglior film distribuito all'estero "Anime Nere" di FRANCESCO MUNZI - Produzione Cinemaundici, Babe Film, Rai Cinema - Distribuzione Good Films • Miglior attore protagonista - ELIO GERMANO per "Il giovane favoloso" • Miglior attrice protagonista JASMINE TRINCA per "Nessuno si salva da solo" Kinéo&SNCCI • Pubblico&Critica - "Hungry Hearts" di SAVERIO COSTANZO • Miglior attore non protagonista -

FRANCESCO SCIANNA per "Latin Lover" • Miglior attrice non protagonista ANNA MOUGLALIS per "Il giovane favoloso" • Kinéo&Best Movie Talento dell'anno - ALBA RORWÄCHER • Kinéo International Movie Award - RUPERT EVERETT • Kinéo International Movie Award e Kinéo&Ethos Profumerie Premio Classic - NASTASSJA KINSKI • Kinéo Giovani Rivelazioni Ludovico Girardello per "Il ragazzo invisibile" - SURINA • Kinéo Giovani Rivelazioni AURORA RUFFINO - Foti • Menzione Kinéo Giovani Rivelazioni - MOISE CURIA • Kinéo Speciale 15 anni Rai Cinema - PAOLO DEL BROCCO • Kinéo Art Award assegnato per le arti visive - Venezia Pop di ANTONELLO SARNO • Madrina del Premio Kinéo 2015 GIORGIA SURINA • Madrina di Intervita We World GABRIELLA PESSION

1

con il trofeo Kineo e il prezioso cadeau-bellezza (profumi e cosmesi) di Ethos a tutti i premiati. 4 Francesca Marradi, ufficio Marketing Ethos Profumerie, Maurizio Sabbioni, presidente, e Yasmin Trinca vincitrice del Premio Kinéo come miglior attrice protagonista nel film “Nessuno si salva da solo” di Sergio Castellitto.

2

3

4

5

5 Rosetta Sannelli, Alberto Barbera, direttore della Mostra del Cinema di Venezia, Rupert Everett, Nicola Berrelli, direttore generale Cinema del Ministero e Tiziana Rocca.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

27


L’arte in mostra MARINA SANTIN

E

state finita. Per l’universo dell’arte inizia una lunga, nuova stagione che ci proietta già nell’anno che verrà.

VICENZA: Mostra inedita e

PAVIA: Indaga i protagonisti e l’evoluzione VENEZIA: Dedicata alla

Serenissima e alla complessa rete di sistemi di sussistenza che la città ha sviluppato nel corso dei secoli per mantenersi, crescere e prosperare, “Acqua e cibo a Venezia. Storie della laguna e della città”, mostra ricca ed eterogenea in perfetto tema di Expo 2015. ■ PALAZZO

DUCALE, APPARTAMENTO DEL DOGE, FINO AL 24 FEBBRAIO 2016. ■ INFO: TEL. 848082000, INFO@FMCVENEZIA.IT, www.

palazzoducale.visitmuve.it

 

dell’importante movimento artistico, fondamentale per la nascita della pittura italiana, raccontandone la storia, i rapporti con la scena francese, le novità tecniche e la quotidianità, “I Macchiaioli. Una rivoluzione d’arte al Caffè Michelangelo”. ■ SCUDERIE DEL PALAZZO VISCONTEO, FINO AL 20 DICEMBRE 2015. ■ INFO: TEL. 0382.33676

FIRENZE: Propone una

riflessione sul rapporto tra arte e sacro dalla metà dell’800 a metà ‘900 attraverso oltre 100 opere di grandi autori italiani e internazionali, “Bellezza divina. Tra Chagall e Fontana”. ■ PALAZZO STROZZI,

FINO AL 24 GENNAIO 2016. ■ INFO: TEL. 055.2545155,

www.palazzostrozzi.org

 

surreale e fantastica sul rapporto tra cibo e ornamento, interpretata da gioielli, bijoux e accessori moda di ieri e di oggi, “Gioielli di gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi”.

■ PALAZZO MORANDO,, FINO ALL’8 DICEMBRE 2015.

info@mostragioiellidigusto.com www.mostragioiellidigusto.com

 

|

DAILYLUXURY

|

FINO AL 1 NOVEMBRE 2015. ■ INFO: TEL. 0444.222114 – 222101.

info@scuderiepavia.com - www.scuderieavia.com

MILANO: Mette in scena un riflessione sia seria che

30

originale, “FLOW_1 – Arte contemporanea italiana e cinese in dialogo”, presenta le opere di 25 artisti che, invitati a realizzare lavori capaci di esprimere al meglio la propria poetica e la propria visione del mondo, narrano 25 differenti realtà. ■ BASILICA PALLADIANA,

N°10 OTTOBRE 2015

ROMA: Per la prima volta in Italia, “James Tissot”, una retrospettiva dedicata al grande artista francese le cui opere celebrano la vita dell’alta borghesia tra influenze impressioniste e istanze preraffeallite. ■ CHIOSTRO DEL BRAMANTE, FINO AL 21 FEBBRAIO 2016. ■ INFO: TEL. 06.916508451.


MILANO: Riunisce per la prima volta in un unico

percorso 13 capolavori del Maestro, fondatore della cultura figurativa italiana, tratteggiando il suo viaggio compiuto attraverso la penisola in circa 40 anni d’attività “Giotto. L’Italia”.

■ PALAZZO REALE, FINO AL 10 GENNAIO 2016. ■ INFO: TEL. 02.875672, www.comune.milano.it/palazzoreale

VICENZA: Terzo

FIRENZE: Un raffinato

gioco di confronti tra antico e contemporaneo per “Jeff Koons In Florence” mostra d’eccezione in cui le opere del geniale artista americano rivaleggiano con i capolavori di Donatello e Michelangelo.

■ PALAZZO VECCHIO E PIAZZA DELLA SIGNORIA, DAL 26 SETTEMBRE AL 28 DICEMBRE 2015. ■ INFO: TEL. 055.2768465

 

MILANO: Accoglie 76

opere provenienti giunte per l’occasione dall’Ungheria, “Da Raffaello a Cézanne. Dal Museo di Belle Arti di Budapest”, un viaggio attraverso la storia dell’arte dal ‘500 al ‘900 scandita da capolavori di Tintoretto, Durer, Velasques, Goya, Canaletto, Gauguin e molti altri. ■ PALAZZO REALE, FINO

AL 7 FEBBRAIO 2016. ■ INFO: TEL. 02.875672, www.comune.

milano.it/palazzoreale

PIAZZOLA SUL BRENTA: La vita

popolare, gli scorci lagunari e agricoli dell’entroterra veneto con le vedute delle campagne e delle grandi ville dai lussureggianti giardini, sono i protagonisti di “L’armonia del vero. Vita e paesaggi tra terre e acque 1842-1932”, omaggio alla pittura veneta di genere e paesaggio tra l’800 e il ‘900.

Presidente degli States, fu l’americano che più contribuì a dare un volto alla nazione attraverso l’arte, l’architettura, il disegno del territorio. Ma fu soprattutto un grande palladianista. Lo testimonia “Thomas Jefferson e Palladio. Come costruire un mondo nuovo”.

■ PALLADIO MUSEUM, FINO AL 28 MARZO 2016. ■ INFO: TEL. 0444.323014,

www.palladiomuseum.org/ exhibitions/jefferson

■ VILLA CONTARINI, FINO AL 30 NOVEMBRE 2015. ■ INFO: www.villacontarini.eu

 

ROMA: Sculture, disegni, acquerelli e stampe per un totale di 75 opere firmate dallo scultore inglese, animano “Henry Moore”, monografica d’eccezione che rende omaggio al suo talento a vent’anni dall’ultima mostra nel nostro paese. ■ TERME DI DIOCLEZIANO, GRANDI AULE, FINO AL 10 GENNAIO 2016. ■ INFO: TEL. 06.39967700,

www.coopculture.it

32

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

 VERONA: Racconta l’avventura creativa dell’artista più amata e discussa del ‘900, dagli anni ’20 agli anni ’50, leggendo le sue opere attraverso la musica dei suoi tempi e dei suoi luoghi, “Tamara de Lempicka”. ■ AMO MUSEO FONDAZIONE ARENA, PALAZZO FORTI, FINO AL 31 GENNAIO 2016. ■ INFO: TEL. 045.8538154.


CHANEL . COM

La Linea di CHANEL - Numero con addebito ripartito 840.000.210 (0,08€ al minuto).

IL NUOVO MASCARA LE VOLUME ULTRA-NOIR DE CHANEL LES 4 OMBRES


RIBALTA Quando notizie ed eventi accendono la luce... L U C I A N O PA R I S I N I

Alaïa Paris sublimazione

Come una “creazione” divina. Non solo un profumo ma anche e soprattutto il “modus” per uno straordinario racconto di vita, di genio, di socializzazione bellezza. Con Azzedine Alaïa al centro di un autentico cenacolo di virtù.

D

EVO A BPI DI ESSERE INDOTTO A CONSAPEVOLE ONESTÀ PROFESSIONALE.

Potrei dire che non mi capita spesso, anzi! ma non ha importanza: importante che mi faccia da parte col mio mestiere critico, e proponga doverosamente, e con encomio, il testo fornitomi in originale di queste pagine, dedicato non solo a un profumo, “il” profumo di Alaïa, ma allo stesso Azzaedine Alaïa, per capirne, “sentirne” profondamente la straordinaria magia, riversata ovunque. E ora anche entro un flacone-emozione con accanto l’“interprete” (non una testimonial) di tanta eccellenza e nell’atmosfera altrettanto emozione, creata da un talento universale come Paolo Roversi.

Dalla moda al profumo Potremmo forse

sorprenderci se, per la genesi del suo primo profumo, Alaïa Paris, Azzedine Alaïa abbia adottato un approccio simile a quello riservato a tutte le sue creazioni? Si tratta ancora una volta di un percorso rigorosamente personale, tracciato con una sicurezza ferrea e una massima responsabilità. L’estetica Alaïa è un manifesto, una vera e propria dichiarazione dei diritti della donna.

36

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

“Se Azzedine Alaïa scolpisce il corpo delle donne - dice Carla Sozzani - è perché con loro ha un rapporto speciale: le vede belle, le rende belle e dà loro fiducia nel loro corpo. Sicurezza da bellezza”. Quella da lui attuata è stata una vera e propria metamorfosi rivoluzionaria: inserendosi nella dinamica sociale cominciata verso la fine degli anni Sessanta, e accompagnandola con abiti innovativi, Azzedine Alaïa ha trasgredito i limiti della moda convenzionale, affermando pubblicamente di essere l’alleato della donna attiva, modificandone, nella quotidianità, il comportamento in materia di abbigliamento e la loro identità, impegnandosi attivamente in una reale operazione di empowerment. Con i suoi tessuti stretch rivoluzionari all’alba degli anni Ottanta, i tulle stampati di gomma, le lane tessute, poi ricamate e bruciate - prima da artigiani giapponesi, poi da italiani e francesi – le applicazioni su mussola, le pelli tagliate con il laser, ha sviluppato materiali che si nutrono del presente. La sua creatività incontra quin-


di le scoperte della fisica o della meccanica, come quei tessuti in origami che non si possono torcere ma soltanto allungare. Imboccando tornanti tecnici particolarmente audaci, avanza, inarrestabile, ritrovando, nelle sue produzioni, le domande dei saggi della sua epoca. Al di là della sua affascinante tecnicità, rimane architetto e poeta, continuando sulla sua strada, tra strutturazione e creatività. Così, imponendo ancora una volta la Bellezza come assoluto, attraverso la sua Eau de Parfum, Alaïa Paris, l’universo incantato di Azzedine Alaïa continua il proprio cammino proponendo, in un gesto sempre altrettanto baudelairiano, un eterno invito al viaggio.

sieur Alaïa (l’odore dell’acqua fredda sulla calce bollente), si mette immediatamente alla ricerca. “Molto velocemente - spiega - ho trovato una formula evocatrice di questa sensazione: sono note fresche, acquatiche, minerali; ho creato l’accordo con getti successivi, in una giornata, e poi ho avuto l’intuizione di lavorarla in chiaroscuro, in modo meno innocente, aggiungendo una parte animale circondandola da muschio”. Tra i vari progetti proposti ad Azzedine Alaïa, solo quello di Marie cattura la sua attenzione. “L’accordo chiesto da Alaïa - afferma Marie Salamagne - non assomiglia affatto a quelli che troviamo nelle tendenze di oggi”.

Il progetto Come sempre, anche in questo proget-

La piramide olfattiva Un’impressione fresca:

note aeree e pepe rosa. Un’impressione floreale: fresia e peonia. Un’impressione pelle: note animali e muschio. Il profumo Alaïa Paris è la continuazione di un lungo percorso di complicità, di un’intimità inalterabile tra Azzedine Alaïa e Carla Sozzani che accompagna Alaïa nel suo cammino di creatore da vari decenni: insieme, hanno pianificato l’Eau de Parfum; insieme, ne hanno deciso tutte le fasi.

Il flacone? È l’opera del designer Martin Szekely che l’ha voluto “come un oggetto feticcio destinato alle donne”. Come il suo Black Mirror puro, compatto e insolito, Szekely ha ideato un corpo di vetro nero traslucido, pesante e prezioso (a metà strada tra un meteorite e un sasso levigato), che ha ornato, sul davanti e sul dietro, con il laser-cut Alaïa, il motivo emblematico che è apparso per la prima volta sul corsetto di pelle negli anni Ottanta. Il tappo? In contrasto con il flacone e come per

impreziosirlo, è un omaggio al lavoro di Alaïa-l’artigiano, una bobina di filo d’oro evanescente che sembra spiccare il volo, in metallo lavorato e oro rosa.

L’astuccio? Delicatamente foderato di nero, riprende uno dei colori preferiti dello stilista, il nude, un beige rosato intenso, sul quale si distinguono sobriamente lettere di colore nero. Il profumo AlaïaParis è anche la storia di una collaborazione con BPI (Beauté Prestige International), il partner privilegiato dei grandi nomi della moda, che ha firmato fragranze cult, conosciute e diffuse in tutto il mondo. Nathalie Helloin-Kamel, Chief Brands Officer BPI e le sue équipe hanno apportato al progetto la loro expertise nell’universo della bellezza e la loro lunga esperienza nella realizzazione di profumi di stilisti.

to, Azzedine Alaïa controlla minuziosamente, di persona, i minimi dettagli, avvalendosi di un’équipe di esperti che, attorno a lui, rivaleggiano per eccellenza. Ancora una volta, riuniti intorno al tavolo siedono amici cari e nuove conoscenze, Nathalie Helloin Kamel, Nicolas Godin, Paolo Roversi, Carla Sozzani, Guinevere van Seenus, Martin Szekely, Marie Salamagne, Julien d’Ys, per elaborare tutti gli elementi che caratterizzano la creazione del profumo finalizzando l’intero progetto. Nell’evocazione dei molteplici flussi che costituiscono l’universo Alaïa e ricordano, tanto da trarre in inganno, la nozione baudelairiana di sinestesia, faremo ricorso ancora una volta alla voce del poeta: “Come lunghi echi che da lontano si confondono in una tenebrosa e profonda unità, vasta come notte e come luce, i profumi, i colori e i suoni si rispondono”. Con la sua scelta di un accordo freddo e sorprendente, proponendo uno shock, una sorpresa olfattiva, il creatore dà un’impronta precisa della sua personalità. Di nuovo, avanza da pioniere, aprendo la porta a sensazioni inedite. Decisamente moderna, la piramide olfattiva della sua Eau de Parfum si definisce quindi, nel finale, grazie a un’impressione fresca. “Non è un profumo, è un’Eau de Parfum”, insiste. “Poiché profumarsi è come rinfrescarsi, un gesto naturale”. La mistica Alaïa continua il suo cammino. Il profumo Alaïa Paris è anche la storia in un incontro inaspettato con una giovane donna parfumeur, Marie Salamagne, rappresentante della generazione rampante dei parfumeur di Firmenich. È entusiasta, volitiva, combattente e, informata del brief di Mon-

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

37


RIBALTA

La pubblicità Le vesti ondose hanno riflessi d’iride, quando cammina par che muova a danza. Nel visuel, Azzedine Alaïa ha selezionato uno dei suoi abiti mitici, così detto “houpette”, in maglia stretch e mousse de viscose vellutata, della collezione primavera-estate 1994. Un abito che faceva seguito ai primi abiti a righe, ispirati alle mummie egizie, dalla metà degli anni Ottanta. Di questo abito lungo e sinuoso ricordiamo la scollatura maestosa che denuda le spalle, isola il portamento della testa e si basa sull’asse bianco centrale, da cui si irradiano anche piccole bande nere, oblique o orizzontali, che disegnano la curva dei fianchi, rivelando la vita snella, trasformando la donna in dea fatale, come se scrivesse per lei un poema d’oro e di nero corvino. La presentazione suggerisce un parallelismo tra donna e flacone, tra tappo e capigliatura. È messa in risalto dall’eccezionale talento del fotografo Paolo Roversi, vero e proprio orafo della luce. Così, emergendo lentamente dal nero e rivelando misteriosamente la loro esperienza preziosa e rara, la donna e il flacone sembrano dare accesso alle porte pesanti di un mondo mitico, quello del creatore. Paolo Roversi, uno dei fotografi di moda più originali della sua epoca, descrive la sua tecnica come una successione di sottrazioni. “Ci si dice arrivederci, si sorride, si ha paura. Tento di cancellare ognuna di queste maschere per giungere alla purezza. A una sorta di abbandono, a una sorta di assenza”. In qualità di orafo della luce, ha creato per l’occasione la Bellezza allo stato puro. Julien d’Ys, creatore di acconciature oniriche per sfilate di moda, ma anche pittore e arredatore, ha lavorato non solo sui capelli stessi ma ha creato per Guinevere l’acconciatura: sua l’idea magistrale della testa e della collana rivestite d’oro. Guinevere van Seenus, la top-model originaria di Boston, presta la sua bellezza gotica, conturbante e leggermente androgina al visual pubblicitario del profumo. Infine, Nicolas Godin, il compositore del gruppAir a firmare la musica del film. Della sua formazione da architetto ha mantenuto un talento per scolpire i suoni, alla frontiera dell’elettronica e del rock psichedelico. Accompagna la nascita dell’Eau de Parfum Alaïa Paris con scie sonore sorprendenti, un’eco alla piramide olfattiva ■

La Bellezza come assoluto

I

neluttabilmente, silenziosamente, in pochi decenni, nel periodo tra il ventesimo e il ventunesimo secolo, Azzedine Alaïa si è imposto nel mondo della moda come creatore cult per eccellenza. Ma come accostarsi al suo universo, come avvicinarsi al suo mito senza evocare le parole di Charles Baudelaire? “Sono bella e ordino che per amor mio non amiate che il Bello”. Nella sua epoca, il poeta celebrava con clamore l’onnipotenza della donna. A sua volta, imponendo la Bellezza come assoluto, Alaïa ha rivelato a tutti la donna del nostro tempo. Abbiamo ammirato con stupore capi intramontabili, dal taglio perfetto, classici e audaci al tempo stesso: abiti aderenti o volteggianti, tailleur strutturati, corsetti traforati, nei quali, giocando con zip, pelli, maglie e mussole, lo stilista si è espresso con virtuosità magistrale, in un avvincente contrasto tra precisione architettonica e raffinatezza voluttuosa. Sottolineando il busto, la vita, i fianchi, Alaïa ha ridisegnato il corpo femminile, valorizzandolo come una scultura antica, insistendo sulla sensualità delle curve, rivelando la potenza delle forme, conferendo alla donna una condizione nuova, quella di dea dei tempi moderni. In seguito il suo stile è stato associato alla bellezza assoluta: le immagini delle modelle da lui scoperte sono nella memoria di tutti. Chi non ricorda Naomi Campbell, Stéphanie Seymour, Linda Evangelista, Veronica Webb, Linda Spierings, Farida Khelfa o Iman, nelle pose scultoree accanto al creatore, simile a un folletto malizioso, vestito di nero, accovacciato o a loro appoggiato? Per queste donne è diventato un confidente o guru, per il rispetto ed il riguardo nati dall’ammirazione o dalla gratitudine. Attraverso di loro, si può delineare la donna Alaïa: attiva, alla moda, femminile, esultante, sicura di sé, che gioca con il proprio corpo e i propri abiti come fossero strumenti supremi. Se è vero che oggi è osannato da tutti, compresi i suoi pari fatto rarissimo in un ambiente del genere - se i mercati, a uno a uno, si aprono a lui in uno sviluppo globale, il personaggio rimane comunque discreto, misterioso, quasi inaccessibile e i segreti del suo successo si nascondono in un percorso singolare e profondamente atipico. Perché Alaïa non si è mai adeguato né agli schemi, né ai ritmi, né agli appuntamenti del mondo della moda: ha effettuato un percorso solitario, senza compromessi. Questo comincia con una gestione molto particolare del tempo: “Alcuni sostengono che io sia insofferente alla cronologia”, afferma. “Posso cominciare un abito o una giacca un anno, e avere la voglia di terminarlo dieci anni dopo, opponendomi al ritmo superficiale e ai diktat delle “stagioni”. Se è vero che Alaïa è fondamentalmente atipico, lo è anche nella sua gestione innovativa dei rapporti di lavoro. Nello spazio che ha scelto dietro l’Hôtel de Ville - un immenso deposito costruito nel XIX secolo - lavora come in un altoforno, giorno e notte, con l’ossessione di un artigiano. “Nella moda, ciò che mi interessa prima di tutto è il taglio”, afferma semplicemente. “Alla Scuola di Belle Arti, nel corso di scultura, ci insegnavano a girare attorno al modello. Bisogna sempre girare attorno al modello”. Con ditale, spilli e metro, perfeziona il taglio e gira attorno al suo modello, nella celebrazione della Bellezza. Da anni, questo spazio industriale illuminato da una grande vetrata, dove hanno luogo le sfilate, diventa allo stesso tempo atelier, casa privata, boutique, hotel e persino galleria d’arte. È qui che si attiva costantemente il suo entourage: assistenti, colleghi, amici, collaboratori, clienti. È qui che, riunendo persone di ogni età e cultura, come una vera e propria torre di Babele, in una lieta convivenza, funziona a tempo pieno una strana istituzione ispirata a un modello perfettamente democratico, unita da alcuni principi essenziali, come integrità ed eccellenza. Tuttavia, non coglieremmo il significato profondo di questo spazio singolare se non prendessimo coscienza dell’importanza della sua stanza centrale, la cucina, vero e proprio cuore di questa comunità dove, tutti i giorni, in modo rituale, all’ora di pranzo, l’équipe di “Monsieur Alaïa” si unisce a lui intorno al grande tavolo rettangolare in vetro, circondato da sedie bianche di Mallet-Stevens, al pianoterra della sua casa-fabbrica. Seduto a capotavola, Azzedine Alaïa fa sedere l’ospite d’onore alla sua destra, gli presenta gli altri invitati, introducendo la funzione di ciascuno. I pranzi sono brevi e tutti scompaiono rapidamente per ritornare al loro lavoro. Per quanto riguarda invece le cene serali, è un’altra storia, perché Alaïa non ha nulla del creatore onnipotente isolato nella sua torre d’avorio. È un uomo di contatti e di scambi. Ammira più di ogni altra cosa al mondo i creatori contemporanei - scrittori, pittori, designer, musicisti, ballerini, registi, accademici e scienziati - nutrendosene, ricaricandosi con la loro energia, lasciandosi trasportare nel loro mondo. Così, lo spazio-cucina di Azzedine Alaïa è diventato progressivamente, nel cuore della capitale francese, un luogo di incontri magici, ciò che viene definito un “salotto” nella grande tradizione francese. ANNIE COHEN-SOLAL scrittrice accademica francese


“I LOVE IT WHEN I CATCH YOU LOOKING AT ME. THEN YOU SMILE AND LOOK AWAY.” UNKOWN

FLIRTATION IS ON NEW REVLON PHOTOREADY INSTA-FIX™ MAKEUP n co ok ta lo tin o o m tu d al il on B a F il et O d so pl V e iu o m UO ido ult cid Co il N iqu m tilu l an

Revlon crea il fondotinta correttore in stick istantaneo. Grazie all’ esclusiva tecnologia luce-riflettente, mimetizza ogni imperfezione, donando alla pelle istantaneamente una perfetta finitura. Da usare su tutto il viso per nascondere imperfezioni o per i piccoli ritocchi – sempre ed ovunque. EMMA STONE INDOSSA NUDE.


R RIBALTA I B A L TA

Quando notizie ed eventi accendono la luce... L U C I A N O PA R I S I N I

Rivivere, in cronaca, l’evento lancio internazionale di Colonia Club, Acqua di Parma. Cronaca in sublimazione cultura, a battesimo di un profumo che ha dentro e fuori un flacone Art Déco, il senso della realtà nel più straordinario, sofisticato cocktail dell’allora e dell’ora.

Quel fragrante dressage 40

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015


“M

ANDACI UN PEZZO SUL DRESSAGE: pare che ci sia

possibilità di medaglia. Spiega anche cosa sia questa cosiddetta nobiltà dell’equitazione”. È la mia prima Olimpiade da inviato speciale e vivo in Messico giorni, oltre che di sport, di estrema burrasca politico sociale, con gli elicotteri dell’esercito che stanano, di giorno in giorno, le contestazioni al Governo di Diaz Ortaz. Ci sono anch’io, e con Oriana Fallaci, quel giorno maledetto (2 ottobre ’68) alla Plaza de Las Tres Culturas riparandomi “coraggioso” dietro una colonna del porticato. Ma una scheggia di cemento sollevata da una pallottola, mi becca lo stesso, di striscio, al piede sinistro. Davvero poca cosa ma tanta paura. Ad Oriana va peggio, ma non troppo; quel tanto che poi sarebbe bastato per scriverci un libro, e intanto per uscire dall’ospedale della Ciudad, con in braccio le rose rosse del Presidente nostro, Saragat, in comprensibile trepidazione per la vulcanica icona del sommo giornalismo: di guerra, avventura, letteratura, filosofia.

Ma che c’entra tutto questo, che forse ho già

raccontato suscitando scarsa comprensione del mio “coraggio” olimpico? C’entra. È relativo a quella nota di servizio ricevuta dal giornale, circa il dressage. Un “mondo”, certo; non solo una variante nobile dell’equitazione; un “mondo” vissuto ad ore di noia personale anche per aver inavvertitamente incoraggiato mia figlia all’amore… equino e quindi a innumerevoli concorsi lungo l’esclusività emozionale (e socialchic…) del cavallo, trasmessa a chi del cavallo… virtù s’adegua. Virtù di nobiltà coinvolgente che ti conquista sino a far parte bramosamente del… Club. Sì del Club: di assoluta riservatezza, dove lo sport soccombe spesso alla cultura di maggior elezione e di maggior pretesa, portandoti progressivamente al piacere di esserci, di confrontarsi, di assorbire e di influenzare, come nel più sofisticato gioco della vita.

Risentire, rivedere, “riassaporare”: ma anche e soprattutto - finalmente! - godere dell’effluvio di una Colonia sofisticata, esclusiva come questa Acqua di Parma Colonia Club, il Club dell’elettività che per un giorno meraviglia è convocato a Grazzano Visconti, nel parco che fu della storia nobilissima dei Visconti di Modrone. E il tutto - signore affascinanti in paramenti seicenteschi tra un flûte di Dom Perignon e una leccornia della local tradizione culinaria - mentre il dressage svolge le sue meraviglie toccando appena il verde di quel prato “leccato” di verdissimo, cogliendo applausi continui, cavalli e cavalieri in perfezione assoluta. E concluso il dressage dell’equitazione ecco in scena il dressage della cultura con Giovanni Gastel, il genio dell’immagine, discendente di Filippo Maria Visconti di Modrone (ultimo dei sette figli di Giuseppe Gastel, in moglie Ida Visconti di Modrone) che intervista, il letterato, poeta, attore Massimiliano Finazzer Flory su un passato d’emozione da declamare forte, urlante, avvincente in lingua rinascimentale cavalcando un destriero irrequieto (così come Gastel) imbrigliato nello steccato già del dressage. Argomenti di tragedia (giugno 1440) come la famosa battaglia (giugno 1440) di Anghiari, paesino vicino a Grosseto (migliaia di uomini e calli morti) voluta da Filippo Maria Visconti contro Lorenzo de’ Medici e immortalata anche da un quadro di Leonardo, Firenze, Palazzo Vecchio; argomenti di sottile artistica astuzia per quella lettera che Leonardo invia a Ludovico il Moro avido di cambiare… squadra passando da quella di seconda fascia dei Medici a quella da scudetto degli Sforza (e mi si perdoni, Massimiliano, tanta irrive▲

E il dressage? Il dressage è l’espressione più nobile del Club. Al dressage partecipano i cavalli e i cavalieri nel più coinvolto dei connubi uomo-natura,

la natura del cavallo con il valore, la precisione, l’eleganza di ogni suo esercizio, frutto della scuola della perfezione e sviluppato nel “campo” d’erba leccata di verde intenso, anch’esso come sublimazione della natura. D’aristocrazia, ovviamente. Ecco perché se sei del Club puoi “sentire” l’emozione di una prova di dressage. Se poi il dressage addirittura partecipa alle discipline nobili dell’Olimpiade quasi in paragone di raffinatezza ed eleganza con la scherma, allora il “pezzo” che mandi al giornale deve risentire di tutto questo.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

41


RIBALTA

…Una composizione unica e raffinatissima. Come in un’affascinante performance di dressage, ciò che conta è l’orchestrazione impeccabile dei movimenti, il perfetto connubio fra emozione e stile. In apertura di Colonia Club le caratteristiche note agrumate di bergamotto, limone, petit-grain e mandarino e poi subito, una dimensione olfattiva inaspettata: la sofisticata freschezza della menta sprigiona, insieme al neroli, un dinamismo nuovo e originale, capace di appassionare. È il preludio perfetto al cuore della composizione, dove si fondono le note aromatiche di geranio e lavanda e dove il sofisticato ed inedito carattere della menta risuona nella altrettanto raffinata freschezza del galbano. Conclusione perfetta, a suggellare i toni dinamici e sofisticati della fragranza, gli accenti asciutti e legnosi del vetiver haitaiano che incontrano nel fondo le note prezioIn “cercine” se del muschio e l’opulento È dressage a Grazzano Visconti. ■ accordo di ambra grigia. Con una coppia di campioni

renza calcistica…); argomenti di follia letteraria, citando Cervantes e il suo Don Chisciotte e Borges, l’accademico argentino che nel suo romanzo “Il Memorioso”, tutto tra memoria e oblio, definisce la memoria un deposito di rifiuti; argomenti più vicini come il Racconto dei Racconti” di Matteo Garrone; e qui Massimiliano recitando se stesso a conclusione del suo colloquio di poeta con un imperatore si lascia uccidere perché, cito, c’eravamo tutti voi, tutti noi a Grazzano, ad ascoltarlo...

Ma quanto può, mi chiedo alla fine dell’evento battesimo internazionale di questa Colonia Club, magistralmente concepito e realizzato da Acqua di Parma secondo espressione e passione culturale del suo Presidente mondiale, Gabriella Scarpa (mi son permesso di pubblicarne, sia pur di spalle, l’attenta grazia a una fase del dressage di Grazzano Visconti) quanto può tanta elettività così sublimare una fragranza?. Può. Perché dentro quel flacone Art Déco che sta davvero alla staffa e al frustino di queste pagine c’è, riscrivo integralmente…

42

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

in campo, ammirati da una Gabriella Scarpa, Presidente mondiale di Acqua di Parma, spettatrice attenta, coinvolta, e in copricapo “cercine”, tipico del Trecento.


RIBALTA Quando notizie ed eventi accendono la luce... L U C I A N O PA R I S I N I

Gli occhi della scienza

Per ottenerli, per avere il loro contorno di rara “purezza e vitalità”, Cosme Decorte, la scienza che viene dal Sol Levante (via Beautimport), propone l’eccezione: “AQ Meliority Intensive Eye Cream”. E noi la sbattiamo in prima pagina...


S

E QUESTA È FINALMENTE L’ETÀ DEGLI OCCHI, nel senso di

un’autentica, perseverante rivalutazione dei punti focali dell’anima, come mai si era così perseguita, non poteva mancare un intervento profondamente scientifico della cosmesi d’altissimo lignaggio. Così ridonando densità, purezza e vitalità all’epidermide del contorno occhi, attraverso una rivitalizzazione del “contorno” stesso... per numero di cellule turgide e ben riempite; per assenza di stagnazione, di eccessi di melanina, di ristagni di sangue e di lipidi perossidati; per capacità di rispondere e di proteggere efficacemente le cellule da irritanti esterni, capacità di assorbire ingredienti attivi tanto da raggiungere gli strati profondi della pelle.

Riporto in corsivo la chiave d’intervento pro-

fondamente scientifico della cosmesi che ho definito d’alto lignaggio, cui ho subito fatto riferimento entrando nel prodotto, nella sua texture, nella sua identità che ha il nome altisonante di Cosme Decorte AQ Meliority. Come a dire il garante da tempo di quanto possa ad alto livello la ricerca che viene dall’Oriente. Ricerca profonda, se è vero com’è vero, che questa Intensive Eye Cream per mantenere quanto promette si avvale di ben 21 attivi meticolosamente selezionati, primo fra tutti lo straordinario (ecco la forza di ricerca scientifica di Cosme Decorte, questo gioiello esclusivo da Beautimport), lo straordinario (ripeto per eccellenza di ingredienti) complesso di estratto della radice di Acanthopanax Senticosus, come a dire Eleuterococco senticosus e più esplicitamente Ginseng siberiano a funzione rinvigorente, così da stimolare la proliferazione delle cellule tridimensionabilmente; eppoi di Adenosina, effetto rivitalizzante; e di Stemrise iPG a incremento cellule progenitrici; nonchè di Cell Energizer a fortificazione della parete cellulare.

E con il complesso Acanthopanax Senticosus, l’Adenosina, lo Stemrise iPG e il Cell Energizer, un’autentica immensità di altri ingredienti attivi: • Palmitoyl petapeptide-4, idratante, stimolante

produzione di collagene; • CTP, idratante, stimolante produzione di collagene; • Estratto di soia idrolizzato, come ormone femminile, antiossidante, idratante; • Tocoferolo, stimola circolazione del sangue, antiossidante, emoliente; • Fitosteroli di riso sbramato, a rinforzo dello strato corneo, emoliente; • Acqua di betulla bianca, idratante attivo, antiossidante; • Acqua di radice di Cnidium officinale, idratante attivo; • Water, idratante attivo; • Squalano, emoliente; • Maltosio, idratante; • Phytosteryl/Octydodecyl Lauroyl glutammato, idratante; • DLF combats saggin, idratante; • Ascorbyl tetraisopalmitato, sbiancante, emolliente; • Estratto di foglia di menta piperita, a stimolazione produzione endorfine, idratante; • Glicosaminoglicano, combatte occhiaie, protegge la matrice dermica, idratante; • Lecitina idrogenata, altamente purificata/ colesterolo/alcohol oleico, ammorbidente, facilita il rilascio degli ingredienti attivi; • Glicerina, idratante.

E con tanta proprietà scientifica, che promette, per mantenere, AQ Meliority Intensive Eye Cream? Cito alcuni fondamentali: • durante la notte rinvigorisce la pelle attorno agli occhi... • ripristina turgore dall’interno; ha effetto lifting sugli angoli esterni degli occhi... • texture ricca e spessa che si scioglie penetrando immediatamente... • facilità d’impiego con la spatolina in dotazione a ■ diverso intervento...

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

45


Incontrando

Balla...

48

|

DailyLuxury

|

Noi 4 allo specchio n°10 ottobre 2015

1945


.

cultura

i “Giacomo Balla. Astrattista Futurista” Forze di paesaggio + cretonne e turchesi 1917

m a r i na sa n t i n

E

una storia d’arte, di grandi uomini, di visioni, di idee, di passioni, di progetti e di… case. Protagonisti, Luigi Magnani, grande collezionista e uomo d’arte; e Giacomo Balla, artista, tra i primi protagonisti del Divisionismo divenuto poi esponente di spicco del Futurismo. Ad accomunarli - oltre ovviamente alla loro passione - ma al tempo stesso a rendere impossibile un loro incontro artistico, “la casa”, vero e proprio “autoritratto” dei proprietari. s

Luigi Magnani, grande collezionista, non aprì mai la sua “casa” alle opere di Giacomo Balla. Lo fa oggi la “sua” Fondazione che, in occasione del centenario del Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo, firmato dal celebre Maestro, fa incontrare i due grandi protagonisti dell’arte in una mostra d’eccezione.

Fondazione Magnani Rocca Mamiano di Traversetolo (Parma) Fino all’8 dicembre 2015 Info: Tel. 0521.848327-848148 info@magnanirocca.it www.magnanirocca.it

n°10 ottobre 2015

|

DailyLuxury

|

49


La guerre

cultura

1916

P

er Magnani, era “la casa della vita” in cui raccontare di sé e dove concretizzare il suo progetto, un museo vivo, un museo dell’anima (l’attuale Fondazione Magnani Rocco a Mamiano di Traversetolo), uno spazio specchio della sua personalità che lui stesso arreda e vive. Le opere che vi entravano dovevano corrispondere alla sua idea dell’arte e della qualità nell’arte; un’idea aristocratica e personalissima, che non variava tra pittura, musica e letteratura, gli interessi culturali che Magnani coltivava alla ricerca di “correspondances” baudelairiane. Qui, i quadri dei grandi maestri del passato accanto ad antichi e rari arredi, raccontavano di sé e della vita di chi li ha raccolti e custoditi, in dialettica formale con alcune delle opere simbolo dell’età contemporanea. Le sale portavano il nome della tinta che le caratterizzava, alcune porte erano rosse, i tendaggi erano sontuosi e coloratissimi, un Pantheon dell’arte ma anche un caleidoscopio, un tratto distintivo che ci porta al primo parallelo con la casa del nostro secondo primattore, quella di Giacomo Balla. Ma non solo. Ad avvicinarli anche il desiderio di ricerca formale. Magnani stesso spiega così il suo approccio con le opere d’arte: “Il rapporto che amo con l’opera d’arte è quello che si riferisce esclusivamente alla forma. Un quadro pieno di contenuti, anche belle storie, non mi interessa affatto. Mi preme solo ciò che riguarda l’aspetto formale, se no resto indifferente”. Per Giacomo Balla, invece, innovativo, anticipatore e geniale, la casa doveva essere un laboratorio di sperimentazione futurista, campo d’azione del suo lavoro d’artista. Contaminava col proprio genio ogni elemento dell’abitare e del vestire, dalle piastrelle del bagno ai paraventi, ai fiori futuristi, alle cravatte, un fuoco d’artificio infinito che si sovrapponeva ai tanti dipinti. Casa quindi come opera d’arte totale, uno scenario teatrale, con tanto di regolare apertura al pubblico. Una casastudio, testimonianza della sua personalità, in cui anche in questo caso come per Magnani, il colore è l’elemento caratterizzante, con la sua capacità di esaltare il dinamismo e il movimento delle linee delle pitture murali che decorano alcuni ambienti. Ma dicevamo che ad avvicinare il collezionista e l’artista c’è anche la ricerca formale. Balla si preoccupa della vita che circola nelle forme della materia, studia le forze celate nello spazio quotidiano e nell’universo, ne elabora la percezione visiva e svolge una ricerca per esprimere come le forme creino

50

|

DailyLuxury

|

Sorge l’idea n°10 ottobre 2015

1920


l’estate

1918 circa

Forze di paesaggio + sera 1918

1907-1908

s

dubbio

uno stato d’animo e come quest’ultimo possa essere a sua volta tradotto in colori e forme. Due figure di spicco quindi, vicine per certi aspetti e certe visioni ma, sono proprio queste similitudini che rendono improbabile il loro incontro artistico e collezionistico: entrambi perseguivano un progetto personale, ogni opera di Balla era un passaggio di un grande racconto in divenire, di una costruzione demiurgica, la tessera di un mosaico di estrema complessità e di mutevole progettualità che difficilmente si sarebbe adattata a un altro progetto, quello museale che Magnani si proponeva di realizzare a Mamiano. Ma l’interesse collezionistico di Magnani per senza includere Balla non escluse il Futurismo, un “precedente” che oggi cancella le distanze e fa finalmente “incontrare” i nostri protagonisti. In occasione del Centenario della pubblicazione del Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo firmato nel 1915 da Giacomo Balla e Fortunato Depero, la Fondazione Magnani Rocca, apre le sue porte a una mostra d’eccezione: “Giacomo Balla. Astrattista Futurista”, che prende l’avvio proprio da questo testo, uno degli scritti teorici più rivoluzionari dell’arte del ‘900. Così, accanto alle opere celeberrime di Tiziano, Van Dyck, Goya, Monet e tanti altri, le sale della “Villa dei Capolavori” accolgono oltre settanta lavori di Balla che ne documentano l’intero percorso artistico, dall’inizio del XX secolo, con le opere divisioniste, agli anni’30 e ‘40, col ritorno, in chiave modernissima, della figura. Allestiti in sequenza tematica i lavori firmano nove sezioni, che traggono spunto proprio dai punti di sviluppo del Manifesto del 1915. Percorriamole ad una ad una.

maggio (trittico) 1906 circa


cultura

Figlia del sole 1933

astratto - Dalla luce nei pastelli d’inizio ‘900 realizzati a Villa Borghese (in particolare Fontana (che piange), mai esposto in precedenza) e negli studi dell’iride del 1912, all’affascinante Finestra di Düsseldorf, l’ultimo documento pittorico del tormentato trapasso tra pittura oggettiva e astrattismo, ritrovato dalle figlie Luce ed Elica Balla nel 1968. dinamico - Il dinamismo nel volo delle rondini, nell’automobile che corre, nella velocità astratta. trasparentissimo - I cicli delle Stagioni e delle Trasformazioni Forme e Spirito. coloratissimo e luminosissimo - Il paesaggio artificiale con Linee forze di paesaggio + sera del 1917-‘18, mai visto in una mostra prima d’ora, Feu d’artifice e i Fiori in 3D. autonomo - Autoritratti dell’artista, come Ecce Homo. trasformabile - Il vestito e il mobile futurista dalla caleidoscopica Casa Balla.

Autoritratto in veste di cuoco 1922

Autoghigno 1938

52

|

DailyLuxury

|

n°10 ottobre 2015


Fanciullettera 1930 circa

Abito da uomo giallo e verde

Feu d’artifice, complesso scenico

(anni ‘20)

drammatico - L’interventismo in guerra, con Dimostrazione interventista del 1915 recentemente riscoperto sul retro del dipinto Verginità del 1926. volatile - La figura femminile: dal primo pastello con Elisa che cuce (1898) al Dubbio (1907-1908), dai ritratti femminili degli anni Venti al celebre Noi 4 allo specchio (1945). scoppiante - La linea della velocità nelle sculture: dal rossissimo Pugno di Boccioni al Complesso plastico (studi e progetti da Casa Balla). Un iter che testimonia la poliedricità, la modernità e l’attualità di Balla, frutto del nomadismo della sua ricerca in tutti gli ambiti, in perfetta corrispon-

denza con la volontà del Futurismo, espressa proprio nel Manifesto che porta la sua firma, di ridefinire ogni campo artistico secondo le sue teorie e di rifondare le forme stesse del mondo esterno fino a coinvolgere anche gli oggetti e gli ambienti della vita quotidiana. L’arte non è più fine a se stessa e non ha come obiettivo la pura esperienza estetica ma diviene uno strumento per affermare una diversa concezione della vita e un suo rinnovamento. I campi della ricerca appaiono illimitati: arredo, oggettistica, scenografia, moda, editoria, grafica pubblicitaria. E nulla sembra essere estraneo al genio e al talento del nostro artista. n

n°10 ottobre 2015

|

DailyLuxury

|

53


56

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015


SPECIALE

ARMANI 3 LUSTRI IN BELLEZZA

È COMINCIATA NEL 2000 L’EPOPEA DI GIORGIO ARMANI BEAUTY. IN ATMOSFERA 40° DELLA SUA TOTALE GENIALITÀ, ECCO, “PASSANDO” DAL SILOS, NOVITÀ “DEDICATE”, A SUBLIMAZIONE DI QUINDICI ANNI DI ACCLARATI SUCCESSI.

“H

L U C I A N O PA R I S I N I

O SCELTO DI CHIAMARLO SILOS perché in questo edificio veni-

va conservato cibo, che è materiale per vivere. Per me, come il cibo, il vestire fa parte della vita”. Così Giorgio Armani a definizione del capolavoro che custodisce, costantemente rinnovandolo, il defilé della sua opera di architetto della bellezza. Il magazzino che fu di cereali negli anni Cinquanta, annovera su piani immensi, dovuti a una geniale ristrutturazione, una selezione di 600 abiti e 200 accessori realizzati dal 1980 a oggi secondo le tematiche che hanno ispirato (e continuano ad ispirare) la creatività di Giorgio Armani. “Continuano ad ispirare” chiunque voglia documentarsi, perché l’ultimo piano di questo autentico mondo bellezza ospita e magnifica “L’Archivio Digitale”, consultabile gratuitament su prenotazione avvalendosi di un sistema di catalogazione sviluppato appositamente per il Silos”. Davvero un progetto unico in Italia: workstation, tavoli touchscreen e un’area proiezioni a disposizione per consultazione e studio.

“Un’emozione” ho titolato la mia nota editoriale sull’Armani Silos, nel numero di luglio: ribadisco. E tornando in argomento, associo a questa sublimazione dell’opera di Armani in un maestoso quarantennio di emblematici successi, la giusta esaltazione del 15° di Giorgio Armani Beauty, tre lustri di “genialità” in bellezzacosmesi-profumo-make-up. Proponendo quanto di nuovo è stato realizzato in occasione di tanta celebrazione. Soprattutto il nuovo di un’autentica icona: il fondotinta Luminous Silk che Giorgio Armani ha lanciato nel 2000 conquistando l’universo femminile, ora trasformato in una cipria compatta a doppio uso - Luminous Silk Compact - evolvendo la tecnologia Micro-fil del fondotinta liquido, in tecnologia Micro-Silk per il compatto. Quindi un’icona sul volto di un’altra icona della bellezza: l’attrice canadese Sarah Godon, in primo piano in queste pagine. E ancora nel segno del 15°, ecco per questo settembre la collezione make-up Eclipse, ispirata all’eclisse solare. Una collezione - cito testualmente - vero tributo al colore, radioso come il sole, scuro come la notte. ■

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

57


SPECIALE

ANCORA UN’AVVINCENTE ESTROSITÀ DI PACO RABANNE: NEL JUS, NEL FLACONE, NELL’INTERPRETE. E SOPRATTUTTO NEL CONCETTO, QUASI UNA SFIDA FEMMINILE A UN VINCITORE MASCHILE COME… INVICTUS.


OLYMPÉA IL MAGNIFICAT DI PACO P L U C I A N O PA R I S I N I

UÒ ANCORA SORPRENDERE L’INVENTIVA

inesauribile di questo genio dell’impossibile? Me lo chiedo pur avendo assistito lungo un’autentica epopea di successi ai suoi “colpi” di opposizione e contrapposizione. Aver sfoggiato per anni il suo primo orgoglioso capolavoro (dopo il Calandre del 1969), una fragranza maschile quanto mai personale sia per il nome, il suo nome, quel “Paco” che sembrava uscito da una corrida, la corrida della sua evoluzione, significata anche da abiti di metallo, sia per la straordinarietà di un jus fuori d’ogni confronto; e ancora aver provato la rivoluzione parigina del lancio di Black XS e subito di Black XS pour Elle; essere poi coinvolto da un seguito echeggiato da altri “colpi” come 1 Million e Lady Million e dal frastornante, improvviso, “opposto”, Invictus; niente di Paco può sorprendermi. Può continuare ad affascinarmi, come già affascina l’autentica folla di fans “rabanniani” che il mondo del profumo, dello stile, dell’originalità, annovera ovunque, questa Olympéa che ha la seduzione nel jus, nel flacone e nell’immagine di lei moderna Cleopatra. Non una testimonial, ma un’interprete fascinosa più nella sua disinvolta semplicità ventenne che nel tratto di una seduzione giovane, sottile. Luma dea olimpica dal successo dentro quindi, l’opposto di Nick l’eroe di Invictus prepotentemente vincitore anche nell’espressione di un volto che da anni fora i piccoli e grandi schermi. Un tutto, eccezionalmente tutto Paco Rabanne insomma. Che alla seduzione dell’esteriorità - il flacone quasi una corona d’alloro olimpico, l’immagine di Luma come vestale d’Olympialeggenda - aggiunge quella “dentro” cui non puoi resistere, il dentro di un elaborato olfattivo che ha chiamato ad esecuzione geni di IFF come Loc Dong, Anne Flipo e Dominique Ropion. Che hanno fatto d’Olympéa una composizione olfattiva misteriosa per la quale mi piace citare a elezione uno straordinario gelsomino acquatico, davvero coltivato nell’acqua. È in questa diversità che s’accende la fantasia di chi si affaccia a un effluvio di Olympéa: il resto è certo d’eccellenza ma il “colpo” di Paco è qui nel diverso, nel suo interminabile ■ diverso sempre proiettato al successo.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

59


SPECIALE

CLINIQUE E’ SMART... 6

|

DailyLuxury

|

n°10 ottobre 2015


S

ubito una considerazione,

gno e la qualità di un siero, ma anche e soprattutto una riflessione, un’emozione anche, da un’immagine nuova di Clinique che cresce nell’aspetscrivano-bellezza di ben lungo corso: vedo to, come fosse, ripeto, una giovane effervescente, ora Clinique come un’effervescente, brilbrillante, in determinata carriera. lante giovane in… carriera e non secondo Il lancio di questa Smart, sottolinea giustamensuo carisma, come una esperta d’alto rango quale, in te Simona Luraghi è ricreare il vero Dna di Clinique e effetti è, e si mostra, da sempre. Certo, risente come cioè una simply amazing experience. Nella semplicità di una specie di autoefficacia, del valore innegato di certo, ma soprattutto nella straordinarietà scientifica. quanto produce, dei suoi generosi gioielli in bellezza Sarebbe comunque immenso elencare i componenti, scientifica, ma c’era, e finalmente c’è, qualcosa di per ciascun prodotto, di un cocktail di ingredienti ad molto di più: una governance, anche e soprattutto alta efficacia. E allora… italiana, che ha misura, sensazione, “voglia” della …eccolo questo complesso Clinique Smart che marca, tanto da costruirle attorno, di volta in volta, a aggiunge al Custom-Repair Serum già esistente (al ogni evento, un alone di… convinzione, da assorbire e centro della foto-complesso): da trasmettere a chi sta al banco e a chi al banco si rivolge per • Clinique Smart ...così ricreandone conoscere, sapere, della sua auTreatment Oil: olio il vero DNA, tentica qualità. leggero ricco di ingredienti sostiene a ragione anti-invecchiamento. Per Sensazione di un passo Simona Luraghi, nutrire intensamente, costruire avanti, insomma. Già approcdirettore generale ciato in occasione del lancio del Italia della Divisione l’idratazione, levigare, rimpolpare, fermare trucco… E ora reso spedito dalla Clinique. E intanto l’invecchiamento, proteggere presentazione mirata del comsfoggiandone dalle aggressioni quotidiane. pletamento di una linea Smart questo ricco, per assecondare le donne, tutte • Clinique Smart le donne, nel loro essere multi- efficace, convincente Custom-Repair Eye complesso Smart. tasking (chiamate a diversi imTreatment: illumina, pegni contemporaneamente) solleva, distende i segni di L u c i a n o Pa r i s i n i per una stressante conduzione stanchezza riducendo le linee di vita. sottili attorno agli occhi. Allevia le irritazioni, ripara i danni, rimpolpa, dona Se il viso è - e lo è - l’espressione del multitaluminosa radiosità. sking della donna, ebbene in nome e fatto di una puntuale, quasi benevolmente aggressiva governance (da • Clinique Smart Spf 15 CustomSimona Luraghi, direttore generale Italia della diviRepair Moisturizer: prodotto multi-tasking sione Clinique, ai suoi preziosi e incisivi collaboratoper il giorno. Aiuta a riparare e prevenire i danni ri, con, in primis, l’Education Manager Antonio Dimicausati dai raggi UV e dalle aggressioni ambientali. trio), questa Clinique ha preso l’impegno di essere Protegge, costruisce, ripara, promuove e essa stessa multitasking assecondando in bellezza le massimizza l’idratazione almeno quattro cose tutte insieme cui la donna è chiamata a salvaguardia del suo viso. E lo fa con una • Clinique Smart Night Custompresentazione-prodotto a intelligente, accattivante Repair Moisturizer: combatte inestetismi evento, così portando alla considerazione positiva, della pelle come linee e rughe, apportando una alla riflessione lusinghiera, all’emozione anche, di cui riparazione visibile e mirata durante la notte. all’inzio di questa nota. D’accordo: prodotti a compleMassima idratazione. Ripara e fortifica. Radiosità e tamento di una linea nata lo scorso anno sotto il seluminosità. n

n°10 ottobre 2015

|

DailyLuxury

|

61


speciale

Per questo straordinario Miu Miu, ecco uno straordinario “manifesto” fragrante. Con stesura a evidente, intelligente, apporto di Miuccia Prada. Un’altra straordinarietà che ci piace copiare e trascrivere.

L’oggetto del desiderio L u c i a n o Pa r i s i n i

T

utto secondo Miuccia Prada. Poteva essere altrimenti? Que-

sto è davvero il “suo” profumo, figlio della creatività, della straordinarietà, dell’intuizione ovunque riflessa. E di moda: della “sua”, mai di moda, sempre di moda. Intuizione ovunque riflessa, dico: e da qui in avanti trascrivo solo, letteralmente rubando dall’ufficialità di un intelligente “manifesto” Prada, al quale non oso contrappormi.


“Miu Miu - intona il “manifesto” - è un brand inna-

morato delle donne ricche di contraddizioni, intelligentemente ironiche, coraggiosamente divertenti, seriamente spensierate, femministe ma femminili.

Riconoscere, stravolgere e infrangere le regole è prerogativa della donna Miu Miu. Il suo stile incarna queste qualità. Stile delicato ma al contempo forte. Raffinato, ma naturale. Misurato ma stravagante. Con Miu Miu niente è mai esattamente ciò che sembra, perché i codici del vero e del finto, della fantasia e della realtà, del classico e del moderno, sono continuamente stravolti ed elaborati. La prima fragranza per Miu Miu è una sorta di chimera. Non si può catalogare perché rifiuta di essere catalogata. Fragranza sfuggente proprio come la personalità di Miu Miu che rifiuta lo scontato. Sfuggenti anche le qualità che evoca: giovinezza, femminilità e libertà, Daniela Andrier, celebre profumiera - continuo

matt, è al contempo tradizionale e pop. Un disco rosso traslucido dona un tocco grafico giocoso ed eccentrico: le cromie calde compensano la freschezza del flacone.

Stacy Martin è un grande talento. Dotata di una intelligenza ironica e di un rigore artistico che rappresenta l’essenza di Miu Miu. Scattata dal celebre fotografo Steven Meisel, la campagna pubblicitaria della prima fragranza del marchio cattura la natura straordinaria di Stacy: al contempo delicata, estremamente femminile e lievemente provocatoria. I suoi occhi grandi, i capelli raccolti e l’abito Miu Miu con motivi azzurro cielo - che si sposa perfettamente con il flacone tutto richiama l’ottimismo del cinema dei primi anni ’60 e l’anima spensierata e giocosa del brand. Questa leggerezza di spirito cambia inaspettatamente nello scatto finale con un vero colpo di scena: Stacy si ritrova naso a naso con un gattino bianco e nero perfettamente in stile Miu Miu. L’incontro ha una svolta imprevista: Stacy e il suo gattino si contendono il flacone del profumo, l’oggetto del desiderio”. ■

a trascrivere letteralmente - prendendo spunto dall’ispirazione di Miuccia Prada, ha realizzato una ricerca sui contrasti. Partendo dal mughetto - elegante sensuale e floreale - per poi armonizzarlo con autentico gelsomino, essenza assoluta di rosa e note verdi sintetiche. Una fragranza morbida, fresca e naturale che si contrappone a un sottofondo che richiama le intense sfumature della terra: legno e pepe Akigalawood, un estratto di patchouli.

L’Akigalawood aggiunge alla fragranza un alone di mistero alla sottile vivacità delle note floreali. Un abbinamento sorprendente che tuttavia risulta naturale e senza tempo - fiori e terra - mentre l’effetto creato da questo processo variegato è altamente contemporaneo. Un alchemico gioco di prestigio. Il risultato finale è scintillante e un po’ ribelle: assolutamente Miu Miu. Proprio come la fragranza anche il flacone Miu Miu rappresenta una vera e propria contraddizione. Sensuale e delicato in vetro opaco azzurro - che richiama l’iconico tessuto matelassé di Miu Miu - e con un collare bianco

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

63


SPECIALE

BELLEZZA NEW DIMENSION


L U C I A N O PA R I S I N I

“…A

IUTA A CREARE UN OVALE STUPENDO

dal profilo visibilmente rimodellato…”: questa affermazione non può che suscitare estrema lusinga alla femminilità, e la mia attenzione, sempre sollecitata dal “nuovo” cosmetico a profonda ricerca scientifica, non può che voler approfondire. E allora… Estée Lauder New Dimension Transformative Collection. E cioè “una collezione per donare una nuova dimensione alla pelle” agendo, si specifica, ad ogni livello degli strati epidermici aumentandone il volume visibile e rafforzandone il tessuto connettivo. Una trasformazione poliedrica, immediata e nel tempo. Ma come? Quale segreto per creare un ovale stupendo? Creando volume, certo ma… Ed è qui che mi viene in aiuto la dottoressa Nadine Pernodet, vice presidente Skin Biology Research & BioActives, R&D: “Sapevamo - scrive - che il tessuto connettivo cutaneo aiuta a conferire la densità e la definizione tipica di una pelle giovane, ma grazie alle nostre ultime ricerche adesso sappiamo che è essenziale migliorare anche il volume visibile per creare una vera trasformazione”

• New Dimension Shape + Fill Export Serum, siero sublime rimodellante ridensificante, una potente formula concentrata - assicura Estée Lauder che aiuta a rimodellare l’ovale conferendo un effetto lifting visibile a guance e linea del mento, migliorandone volume e struttura;

• New Dimension Export Liquid Tape, fluido sublime effetto tensore, trattamento che agisce sostiene Estée Lauder - con accurata precisione per favorire il rassodamento dell’ovale, aiutando a rimodellare e tonificare l’aspetto dell’area perioculare;

• New Dimension Shape + Sculpt Face Kit, un kit viso rimodellante effetto sculpting, un duo all-in-one che scolpisce il viso - assicura Estée Lauder - creandone all’istante il profilo ideale grazie a due tonalità cremose sapientemente coordinate.

• New Dimension Shape + Sculpt Eye Kit, un kit rimodellante occhi effetto sculpting che, scolpendo il contorno occhi, lo aiuta a ritrovare forma e aspetto ideali. È il primo contouring occhi sul mercato. ■

E quindi viene spontaneo considerare che sia il volume a dimensionare la pelle, migliorando certo l’aspetto dell’ovale se si migliorano struttura di supporto e soprattutto volume visibile. Ecco allora questa New Dimension di Estée Lader declinata in:

ESTÉE LAUDER CON LA SUA STRAORDINARIA TRANSFORMATIVE COLLECTION RIDÀ ALLA PELLE - MIGLIORANDO VOLUME VISIBILE E STRUTTURA - UNA NUOVA DIMENSIONE, RIMODELLANDO COSÌ OVALE DEL VISO E PROFILO. EVA MENDES CONFERMA… N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

67


SPECIALE

IL SENSO DELLA FEMMINILITÀ


SPECIALE

I

L FASCINO CHE TI AGGREDISCE. Da quegli occhi pene-

tranti, da quella femminilità coinvolgente, da quella seduzione che intriga con forza: tutto contribuisce senza scampo a togliere lo sguardo da un flacone che pur ha l’alterigia del gioiello “personale”. Ecco l’impeto davvero inarrestabile che sboccia da questa creatività sublime di Tom Ford. Questo non è il progetto di un profumo, ma piuttosto l’espressione del vero, innegabile e immediato, della femminilità. Non un teorema quindi, ma una creatività palpabile; non foss’altro che per quel flacone che all’eleganza, allo stile, alla caratura Tom Ford, aggiunge il fascino dell’immediatezza, il piacere indeclinabile del bello autentico.

Mi accorgo alla fine di tanta elucubrazione di aver rasentato il teorema, anziché negarlo. Perché suppongo, anzi ne sono certo, che Tom Ford declinando il suo splendido Noir maschile in Noir pour Femme ha voluto sollecitare il vero magnetismo del profumo: la seduzione. Il cui diapason altro non può essere che femminile. Ma da quel flacone, da quello sguardo, cosa in effetti sgorga a

piena seduzione? Faccio un… copia e incolla e m’inchino all’alchimia, rovistando nel suo crogiolo.

Le note di testa rivelano la presenza di agrumi e spezie e creano un

iniziale preludio intrigante alla distintiva fioritura che segue. La luminosità dell’olio di mandarino, dell’arancia amara italiana e dell’estratto di zenzero si uniscono l’uno contro l’altro per creare un’aura, una luce il cui contorno è sfumato come le stelle che brillano nel cielo notturno.

DECLINANDO IL SUO GIÀ COINVOLGENTE NOIR IN NOIR POUR FEMME, TOM FORD HA ESALTATO IL VERO, INCONFONDIBILE MAGNETISMO DEL PROFUMO: LA SEDUZIONE DELLA DUALITÀ FEMMINILE. LU C I A N O PA R I S I N I

Nel cuore sensuale palpita un provocante bouquet di essenze di fiori dal sentore quasi peccaminoso nella sua decadenza e che rivela la medesima cura artigianale degli abiti Tom Ford per delineare il corpo flessuoso che si cela sotto. L’effetto voluttuoso è amplificato dalla preziosa assoluta di rosa, dal gelsomino e dai fiori d’arancio: questi nobili fiori sono abbinati a uno squisito accordo di Kulfi indiano ispirato all’antica ghiottoneria regale riservata agli imperatori indiani del XVI secolo. Dolce lattiginoso che coniuga un tocco di pistacchio, interpretato nella fragranza da una nota resinoide di lentisco, alla presenza di ghiaccio tritato, tradizionalmente importato dai laghi ghiacciati dell’Himalaya. Dal bouquet floreale emerge il calore magnetico delle note di fondo. Una deliziosa vaniglia e la seducente ambra arricchiscono il profumo di un fascino irresistibile che si completa con il calore sensuale ed esclusivo della presenza vellutata del legno di sandalo. L’impressione generale è di una femminilità elegantemente sicura ma anche audacemente sensuale: un’inebriante danza di raffinatezza e intimità. L’emulsione idratante è una lozione lussuosa per il corpo la cui texture satinata regala un’impalpabile sensualità al tatto. Stende sulla pelle un velo di levigatezza e morbidezza da cui promana la scia ine■ briante della fragranza”

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

69


SPECIALE

NELLA INTERMINABILE AFFASCINANTE, DELIZIOSA “SAGA” DI FLOWER BY KENZO, ECCO UN ELIXIR CHE IL GENIO DI ALBERTO MORILLAS HA VOLUTO IN… ROSA BULGARA. REALIZZANDO UN’ALTRA DELLE SUE STRAORDINARIE ALCHIMIE.

IL PAPAVERO IN... ROSA L U C I A N O PA R I S I N I


E

DAVVERO UNA SAGA FLOWER BY KENZO. Che avrà continuità infinita

finchè questo “fiore” continuerà a sbocciare di qualità, di poesia, di creatività affascinante. Certo: tutto ebbe inizio da quell’immagine che ha fatto una commovente storia di pace. Lei, Jean Rose Kamir che partecipa davanti al Pentagono a una manifestazione di protesta contro la guerra in Vietnam, offrendo ai soldati, armati, già in minacciosa difesa-baionetta, un fiore, candido, come il suo spontaneo candore. È il 21 ottobre 1967, la guerra poi finirà, e intanto dalla sensibilità del magico Kenzo sboccia, a guisa di quel fiore immortale, un papavero che invaderà di dolce, poetica fragranza l’universo che sa capire. E continuare a emozionarsi per questa “saga” che ora ha raggiunto il suo elisir, raccolto in quel flacone così nuovo, ma ancora e sempre meravigliosamente Kenzo. Alto, come teso al cielo dell’infinito, gambo di papavero a invocazione. La sua… fioritura è nuova: un Flower che nasce dal genio di Alberto Morillas, ispirato da un’immensità di rosa bulgara.

…il gesto degli addetti alla raccolta che selezionano

corolla per corolla, i sacchi pieni di fiori, i campi a perdita d’occhio… Tutto sboccia da questa ispirazione del Maître Parfumeur: un tutto geniale come sempre geniale è l’intuizione-fragranza di Alberto Morillas. Ma è il lampone polposo a entrare in scena per primo, sollecitato dal mandarino frizzante. Poi l’essenza di rosa bulgara esaltata dall’assoluta di fiori d’arancio compone un’alchimia - sostiene

Morillas - soave e inebriante dal prezioso cuore floreale. Quindi l’assoluta di vaniglia bourbon infonde sensualità sottile, per poi concedere all’accordo di pralina di creare un fondo delizioso e irresistibile, anche per le note poudrées, tocco fondamentale nella composizione tradizionale di Flower by Kenzo.

E Morillas vuole aggiungere: “… la rosa bulgara è per me la più bella tra tutte. Ogni sua goccia è femminilità. Emana un profumo unico, a molteplici sfumature”. Flower by Kenzo L’Elixir è dunque un condensato straordinariamente “vibrante” anche, e soprattutto per le note golose, carnali che ottiene dalla rosa bulgara. Questo fiore senza limiti di pregevolezza. Un… elisir di meraviglia anche il flacone gioiello,

opera sublime di Serge Masau. Una filante colonna di vetro, ora rosso intenso, con il papavero vestito d’oro puro a fiancheggiarne la maestosità:

Ming Xi, la top model cinese che testimonia questo autentico… elisir, sembra anch’essa una torre d’eleganza e di determinazione davanti a quelle (a… fondale) di Brasilia, Congresso Nazionale del Brasile. Un tocco di eccezionalità che emerge dal genio di Patrick Guedj direttore creativo di Kenzo Parfums. ■


SPECIALE

SUPREMO BALSAMO SISLEY SI SUPERA ANCORA INCENTIVANDO L’EFFICACIA DI UNA SUPREMŸA CHE NON FINISCE PIÙ DI STUPIRE, ANCHE E SOPRATTUTTO PER UNA DERIVAZIONE SCIENTIFICA SEMPRE PIÙ APPROPRIATA ALLA DIFESA DELLA PELLE NELLA GUERRA ANTI-ETÀ. ECCO QUINDI: SUPREMŸA BAUME LA NUIT GRAND SOIN ANTI-AGE.

U

LU C I A N O PA R I S I N I

NA… SUPREMA VOLONTÀ DI AIUTARE LA PELLE a

sconfiggere il divenire, un processo anti-età che passi la notte a combattere sino all’alba: questa Supremÿa Baume aggiunge ancor più al valore Sisley, già sublimato in anni di acclarato successo mondiale, con l’esordio nel 2009 di Supremÿa La Nuit, trattamento di rara efficacia contro l’invecchiamento genetico della pelle sfruttando il periodo notte, percorso più efficace per ripare i danni subiti durante il giorno. E quattro anni dopo, nel 2013, ecco Sisley superarsi, come costantemente accade, proponendo il “miracolo” di Supremÿa Yeux La Nuit a visibile trasformazione del contorno occhi. occhiaie, borse, zampe di gallina.

72

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015


vamento delle cellule “madri” in cellule “figlie”, purtroppo rallentato giorno e notte dal procedere del tempo. E non solo Phyto-Complexe LC12. Supremÿa Baume ha in sé otto attivi a supporto dell’idratazione e nutrimento della pelle: glicerina di origine vegetale, fito ceramidi di riso, estratto di Padina pavonia. pro-vitamina B5, fitosqualene, burro di karité, olio di girasole, olio di prugna.

E ancora: per la pelle profondamente secca,

Oggi? Anzi, stanotte? Ecco Il “miracolo” scientifico di un... Baume, Supremÿa Baume La Nuit, Grand Soin Anti-Age. “Miracolo” per sottolineare la sorprendente efficacia del prodotto, e “scientifico” per accentuarne il valore nutritivo idratante, riparatore, a formulazione di ricerca, ricerca Sisley. Così da pemettere, da favorire alla pelle il sogno, pardon il suo Grand Soin Anti-Age “notturno”. Come? Anzitutto sottolineando l’importanza fondamentale nella formula di Supremÿa Baume La Nuit del Phyto-Complexe LC12 (Longevity Concentrate 12h) a contrasto degli effetti visibili anti-invecchiamento della pelle. Un… supremo brevetto Sisley. Insomma, che si avvale dell’associazione di 4 attivi vegetali a profondo sostegno del processo di rinno-

così terribilmente disidratata (non sto esagerando…) e sulla via di un invecchiamento precoce, un arricchimento di Supremÿa Baume La Nuit Grand Soin Anti-Age con due oli a limitare una evidente perdita di idratazione soprattutto durante la notte: • olio di nocciola, ricco di fosfolipidi naturali, che contiene acido oleico (Omega 9), acido linoleico (Omega 6) e acido palmitico a delicatezza e confort della pelle; burro di kokum, apportatore di morbidezza per la sua ricchezza di acidi grassi emolienti, pelle protetta, nutrita, rivitalizzata; • olio di macadamia, ricco di acido palmitoleico, un Omega 7 tra i principali costituenti del sebo, la cui produzione subisce progressiva diminuzione con l’età. L’olio di macadamia facilita idratazione e morbidezza della pelle fragile e secca.

Texture? Supremÿa Baume La Nuit la vanta

fondente, dolce, a confort immediato della pelle. Il suo contenitore - precisa Sisley - è un pot sfacettato dove la luminosità del vetro e la preziosità dell’oro la sublimano voluttuosamente. E per soddisfare ogni tipo di pelle… Le Grand Soin Anti-Age si declina in due versioni viso e una contorno occhi: Supremÿa, texture siero-crema delicata e sensoriale: Supremÿa Baume, texture morbida, avvolgente; Supremya Yeux, texture siero fondente. ■

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

73


SPECIALE

BIOTHERM… ACCELERA

SCIENZA BIOTHERM COMUNQUE E SEMPRE CONTRO L’INVECCHIAMENTO. ECCO IL NUOVO BLUE THERAPY ACCELERATED E LA NUOVA CREMA BLUE THERAPY ACCELERATED SILKY REPAIR. SI AVVALGONO ENTRAMBI ANCHE E SOPRATTUTTO DEGLI EFFETTI DI UN’ALGA CHE VIENE DALLA GROENLANDIA: L’ALARIA ESCULENTA. IN… ACCELERAZIONE CON LORO UNA SUPER TESTIMONIAL: CHRISTY TURLINGTON. LU C I A N O PA R I S I N I

P

REDISPORRE UN… INVECCHIAMENTO DI SUCCESSO

basandosi sul processo di invecchiamento biologico, per contrastare l’invecchiamento “accelerato”.

Non è un teorema ma una soluzione raggiunta da Biotherm che ha bene in evidenza: • si vive una settimana in un giorno, • tutti cediamo a qualche debolezza, • sotto pressione diamo il meglio di noi stessi, • la vita va vissuta. Ecco allora un nuovo Blue Teraphy Accelerated che Biotherm formula a contrasto dei segni dell’invecchiamento dovuti per il 20% a fattore cronologico ma per il restante 80% ad ambiente, stile di vita e in particolare ai raggi

UV. Eppoi il fumo, lo stress e anche il calore che determinano la produzione di radicali liberi causa di un progressivo “inflamm-aging” e cioè invecchiamento precoce: rughe, macchie scure e perdita di compattezza della pelle. Quindi…

… prevenire

l’inflamm-aging con il nuovo Blue Therapy Accelerated e la nuova Crema Blue Therapy Accelerated Silky Repair. In entrambe le formulazioni l’estratto di Alaria Esculenta un’alga in grado di contrastare l’inflamm-aging favorendo il metabolismo cellulare. Un’alga per la prima volta usata da Biotherm soprattutto per la sua resistenza alle condizioni più estreme tanto da resistere alle acque ghiacciate della sua Groenlandia.

Segni del tempo attenuati, pelle più elastica e morbida sin dalla prima applicazione, liscia e luminosa dopo due settimane e ulteriori miglioramenti dalla quarta e dall’ottava settimana. Christy Turlington con la sua bellezza spontanea, senza tempo, lo dimostra con disinvolta convinzione e fascino intramontabile in queste pagine. ■


78

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015


SPECIALE

PIÙ CHE UN DIAMANTE

ANCOR PIÙ DEL DIAMANTE CHE HA SEGNATO IL CENTENARIO DI MONTBLANC: IN QUESTA SUA LADY EMBLEM, LA MAISON DEL LUSSO HA INFATTI UN GIOIELLO STRAORDINARIAMENTE FRAGRANTE PER UNA NOTA… DIAMANTE SPECIALMENTE PREZIOSA. E UNA LESLY MASSON CHE HA GLI OCCHI… DIAMANTE DELLA PIÙ INTRIGANTE SEDUZIONE.

I

L U C I A N O PA R I S I N I

L DIAMANTE EMBLEMA DELLA RAFFINATEZZA-GIOIELLIERA.

Montblanc ne ha fatto testimonianza nel 2006, in occasione del suo centenario, sfoggiandolo “eccezionale”, impossibile, creandolo a quasi somiglianza di un picco innevato delle sei valli-ghiaccio del Monte Bianco. Poi facendone logo, il logo stilizzato con cui Montblanc segna ogni declinazione della sua opera d’arte primaria: lo strumento scrittura. Declinazioni in orologi, occhiali, pelletteria, gioielli e fragranze. Quest’ultimi due spesso in pregevole, affascinante connubio, così da essere una Lady Emblem subito sfoggio di se stessa per le facce di un blocco di cristallo tagliate a somiglianza fedele del diamante-centenario. Flacone-gioiello insomma e quanto mai!

che aggredisce, come d’improvviso, di fascinosità, lucentezza, iridescenza, catturando immediatamente l’attenzione, per irrorarla di un effluvio fragrante che ha cuore voluttuoso d’accordo Ssakè. Seduzione pura, avvolgente per saper cangiare da sentore floreale a fruttato nell’enfasi di un tocco lievemente metallico di lichi in connubio con erba tagliata. Tanto… cuore insomma, ma anche tanta “testa”, seduzione a nota speziata: pepe rosa coinvolto dal pompelmo. E quindi, spazio al melograno e al gelsomino sambac per far… sbocciare la rosa. Che quasi languisce all’avvolgente sandalo in connubio con ambra e muschio per un fondo di sensualità un tantino perversa. Certo: una Lady profondamente Lady, emblematica, intrigante così come quegli occhi di Lesly Masson, fotografata al… momento giusto da Carlotta Manaigo. ■

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

79


speciale

Come un proclama… “Una “Donna Prodigiosa” può essere famosa oppure una sconosciuta, irradia un carisma naturale e ha una luce speciale negli occhi. È bella e piena di vita. Spinta da un obiettivo, ha una missione che guida ogni sua azione. È un’aspirante leader, che porta sempre alla luce il meglio degli altri. La sua sconfinata forza di volontà le permette di essere all’altezza di ogni sfida. Non si arrende mai, non importa quali ostacoli incontri sulla sua strada. Che il suo campo sia l’arte, la politica, il business, la scienza, lo sport o l’intrattenimento... va sempre avanti e vive la vita al massimo. Come Helena Rubinstein ha fatto a suo tempo”.


Proclama in… C3 HR, Helena Rubinstein in straordinaria evolution: con Isabella Ferrari a testimoniarla e con l’incentivazione di una “prodigiosa” routine di bellezza per Prodigious Woman. L u c i a n o Pa r i s i n i

D

avvero “il” proclama 2015 di un brand HR pro-

digiosamente nuovo che si affaccia all’eccellenza del suo prestigio, della sua tradizione, dei suoi valori d’alta qualità con un volto, una donna, una personalità che ha il segno del mito, il segno di lei che seppe essere in bellezza seguendo un meraviglioso romanzo di vita straordinariamente vissuta.

Ecco perché Isabella Ferrari. Perché in lei c’è davvero il segno del mito; ecco perché chiamata a testimoniarlo, ecco perché non solo attrice, donna realizzata, moglie e madre di tre figli, è… Helena Rubinstein. Perché… “Quando interpreto un personaggio lascio la mia vita a parte. Quando torno alla mia vita vera, mi sembra quasi di non essere invecchiata. Attraverso le vite degli altri credo di essermi salvata”. Così la “mia” HR, meglio: la “mia” Helena Rubinstein di tante membranze, la donna, i valori, la qualità delle sue geniali creazioni in bellezza. Che ora, anche per questa nuova sfida (complimenti Roberto Serafini e al tuo grintoso e prezioso staff!...) continuano ad aver nome di “prodigi”. Ah! quel giorno che conversai con lei assieme ad Elena Melik (non solo omonimia nel nome ma davvero un’altra Rubinstein in costruttiva polemica di vita e giornalistica…); Ah! quel giorno! che mi avrebbe detto della possibilità di domare la vitamina C togliendo al suo ineguagliabile valore di molecola fondamentale quella fragilità che l’ha sempre resa in “debole bio-disponibilità”? Mi avrebbe spalancato gli occhi della sua diffidenza contemporanei alla sua ostinazione. Ostinazione, poi, dei laboratori HR per vent’anni di ricerca, così da togliere alla vitamina C la sua “debolezza” realizzando, cito testualmente: “FORCE C 3, il primo fluido booster HR concentrato per una pelle rimpolpata e radiosa: 10% di pura vitamina C crono rilasciata e quindi un attivo dalla potente azione antiossidante. Alla fine della giornata, pelle levigata e idratata. Dopo un mese il viso luminoso e rimpolpato”. Perché “C3”? Per la combinazione di tre tipi di vitamina C e quindi rilascio distribuito a rilento per un’azione che duri tutta la giornata. Anche perchè nella formula di Force C3 lavorano un paio di attivi per permettere un assorbimento della vitamina C sino al cuore della pelle. Poiché all’applicazione il fluido Force C3 scalda la pelle quanto basta per facilitare l’assorbimento, l’efficacia dei trattamenti HR aumenta, così da rendere lo stesso Force C3 il primo fluido booster della marca. Efficacia continua, tanto da ottenere alla fine della giornata una pelle più nutrita e quindi più liscia. E dopo n un mese? HR assicura tonicità, incarnato splendente, viso rimpolpato.

n°10 ottobre 2015

|

DailyLuxury

|

81


MASCARA

DA OGGI ANCHE

N°1

IN PROFUMERIA*

VOLUME SMISURATO CIGLIA ESAGERATE

*

Dati N.P.D. - Ytd Luglio 2015 - Mascara Volume - Mercato Profumerie Selettive

EXTREME

VOLUME ESTREMO IMMEDIATO EFFETTO SCENOGRAFICO


LOOK


M A R I NA SA N T I N

A

G I OVA N N I G I A N N O N I

RCHIVIATO IL CAPITOLO VACANZE,

si apre quello del rientro a scuola. Inutile negarlo. “Remigini” a parte, entusiasti per essere entrati a far parte dei “grandi”, per tutti gli altri tornare dietro i banchi non è proprio una festa. A rendere meno “amaro” il rientro ci pensa il look fashion. Si cresce e i vestiti dell’anno scorso non entrano più. Urge un nuovo guardaroba super trendy. Cosa scegliere? Le girls, saranno un po’ moderne Alice nel Paese delle Meraviglie con abiti “à la parisienne” e bon ton e mood che mixano materiali contrastanti (la felpa con il tulle, il denim strech con il velluto), declinati in tonalità neutre con incursioni di blu, azzurro, arancio e fucsia, stampe ispirate alla natura e tocchi d’oro. I boys, ruberanno gli outfit a papà mixando formale e sportivo tra downsweater, parka, capi spalla, T-shirt e blazer, spesso nella palette del grigio e dell’azzurro. Non mancano però le citazioni al british style tipico dei college, al rock’n’roll e allo streetwear. Per scoprire quanto può essere “sweet” (dolcetti esclusi…) il suono ■ della campanella basta voltare pagina.


GRANT GARÇON

LOOK

YCLÙ

SARABANDA

YCLÙ PHILIPP PLEIN JUNIOR

YCLÙ


FUN & FUN

GRACI

SO TWEE

PHILIPP PLEIN JUNIOR


LOOK

IL GUFO YCLÙ

MISS GRANT COUTURE MISS GRANT EASY & CHIC

SARABANDA


IL GUFO LU LU

MISS GRANT COUTURE

FUN & FUN

PHILIPP PLEIN JUNIOR

FUN & FUN


IL GUFO

LOOK

BARCAROLA

SARABANDA

DESIGUAL CND BY CONDOR

BOBOLI


TUC TUC

IL GUFO

MISS GRANT EASY & CHIC SARABANDA

TUC TUC


AC C E S S O R I

LE EL IN CC CO

Trends

POLO - RALPH LAUREN

B&N

CATARZI

CARTA DA PARATI

CUOIO

ANIMALIER

JUDARI

GRANDE FREDDO

POMIKAKI

ENGLISH MOOD

FRAU

COCCINELLE

MASCHILI

GLITTER PATCHWORK ALBERTO PREMI

GRAPHIC DESIGN

SARENZA SARENZA

ROCK CULT

BIJOUX

WHITE MOOD RADÀ FULLSPOT


AC C E S S O R I

Colori

CATARZI

RALPH LAUREN

PIGNAREA

PETROLIO

BORDEAUX ROSSO

VERSACE

VIOLA POMIKAKI

FRAU

GRIGIO

ROSA

HOOPS

ALBERTO PREMI

BLU

ERBA

POMIKAKI

CAMMELLO

PREMIATA

ORO

AZZURRO

10BAGS


ANTEPRIMA BELLEZZA

JENNIFER “ADDICTED” ALLO SHINE


“SE QUESTO ROSSETTO CREA DIPENDENZA... CREA DIPENDENZA ALLA VOGLIA DI VIVERE”. COSÌ AFFERMA PETER PHILIPS, DIRETTORE DELLA CREAZIONE E DELL’IMMAGINE DEL MAKE-UP DIOR PARLANDO DEL NUOVO DIOR ADDICT LIPSTICK, ROSSETTO “ILLUMINATO” A EFFETTO TOP COAT IDRATANTE CHE SUBLIMA ÉCLAT E COLORE. M A R I NA SA N T I N

“S

HINE, DON’T BE SHY!”.

Così Jennifer Lawrence invita le donne a mettere in luce il proprio glamour con il nuovo “gioiello” makeup Dior.Innovativo e dall’eleganza audace, è l’espressione dello stile della Maison: moderno, dallo chic innato e dall’irriverenza provocatoria. Proprio come lei che ne è l’icona, emblema di femminilità, raffinatezza, seduzione, sicurezza e nonchalance. Il “gioiello” è Dior Addict Lipstick. Nato nel 2001, primo rossetto concepito come un accessorio di moda che offre la possibilità di inventarsi e reinventarsi infrangendo le convenzioni e rispondendo solo alle leggi della verve creativa, oggi si rinnova per portare oltre ogni limite éclat e colore. Diventa il primo rouge ad azione top coat idratante, accogliendo nel suo stick un “cuore” morbido. Un monogramma CD traslucido tono su tono che si rivela un gel top coat ultra-brillante e ultra-umettante capace di fondersi sulle labbra vestendole con un film riflettente e trasparente che sublima le cromie, offre un effetto ottico volumizzante e assicura una tenuta ideale. Il tutto grazie alla sua formula composta per il 93% di tre oli preziosi: nutritivo, che leviga, idrata e rende più polposo il sorriso; schermante, che ottimizza l’aderenza e la durata del finish; e sensoriale, che rende setosa e scorrevole la texture. Rivisitato anche il packaging, più sottile ed essenziale, caratterizzato dalla chiusura magnetica e dell’abito riflettente che gioca con la luce. E ben 35 le nuances, declinate in tre “palette” (Glow, sfumature “daily” e naturali; Flash, toni pop ed elettrici; Glitter, tinte con la massima concentrazione di madreperle), tra cui quattro “It-Shades”: Be Dior, rosa lampone iridato, Wonderful, rosa baby con guizzi d’argento, Tribale, corallo perlato dai riflessi azzurrati, e Smile, rosa antico, da indossare anche sulle unghie con gli smalti Dior ■ Vernis coordinati.

GIRA PAGINA E SCOPRI LE NOVITÀ DELL’UNIVERSO BEAUTY

|

DAILYLUXURY

|

95

▲ ▲

N°10 OTTOBRE 2015


BELLEZZA

DIOR

SGUARDO A 360°

D

ior pensa allo sguardo e amplia la linea Capture Totale con Sérum Yeux, trattamento ridensificante illuminante apertura a 360°. Alla base della sua efficacia, una scoperta della Scienza della Maison che ha individuato un fattore unico all’origine dei 6 criteri di bellezza e giovinezza della zona perioculare: la materia densa. Fondamentale quindi, per un contorno occhi luminoso e fresco, riattivarne la produzione agendo su borse, occhiaie, difetti della grana, rughe, cedimento delle arcate sopraccigliari, perdita di tono delle palpebre. La sua formula associa così alla Longoza, basic della gamma che sincronizza le cellule staminali perché tornino a produrre materia densa, l’estratto di Sigesbeckia orientalis, che agisce in profondità levigando i segni d’espressione, schiarendo le occhiaie, riducendo il rilassamento delle palpebre e migliorando l’architettura dello sguardo. Studiati per ottimizzarne le performance poi, l’applicatore “double face” (un lato liscio per distendere, levigare e attivare la microcircolazione, uno zigrinato per ravvivare, modellare e aprire il contorno occhi a 360°) e la texture, con un complesso di tre gel per un effetto tensore immediato, una scorrevolezza estrema e un migliore assorbimento degli attivi, associati a polveri ottiche illuminanti.

CHANEL

ELISIR ORO ROSA

ragranza di una dea moderna che rivela e sublima l’aura delle donne, Dahlia Divin di Givenchy si declina in una nuova dimensione olfattiva. Diventa un’Eau de Toilette sensuale e preziosa che avvolge la silhouette come un abito Haute Couture dalla freschezza delicata e dalla morbidezza sensuale rivelando un jus floreale e boisé. Radioso e dalla personalità decisa, annunciato dall’iconico scrigno declinato in versione oro rosa, debutta con guizzi di arancia rossa e pesca della vigna per poi affermarsi con un bouquet che intreccia gelsomino rosato, legno di sandalo e muschio vanigliato.

GIVENCHY

UN “RITMO” IN BLUE

C

F

elebra il blu in tutte le sue nuances Blue Rhythm di Chanel, una collezione “in crescendo” che interpreta questa nuance come una partitura jazz dal ritmo incalzante per vestire il volto con accordi vibranti e note pure. Per lo sguardo, gli ombretti Les 4 Ombres, Tissé Smoky, che rivisita il nero, e Tissé Jazz, bianco e nero unito a turchese e blu notte; Ombre Essentielle, Swing e Midnight, blu stellato e black; e Illusion d’Ombre Velvet Melody e Mystério, pesca e platino; il tratto della matita Stylo Yeux Waterproof Perle de Lune e dell’eyeliner Ligne Graphique Dream Blue; e il guizzo del mascara Le Volume Blue Night o Ultra-Noir (rinnovato nella formula e con pigmenti Carbon Black per un effetto khol alla base delle ciglia) illuminati dal top coat turchese Cils Scintillants Jazzy Blue. Per le labbra, Gloss Volume, cristallino, rimpolpante e dall’éclat estremo (estratto di bacca rosa, oli emollienti, menta, derivato di vitamina E). Per le unghie, infine, Le Vernis Fortissimo o Vibrato, blu profondo o vivace.


LAUDER

UNA “POZIONE” PER LE LABBRA

A

GUERLAIN DETERSIONE DI BEAUTÉ

G

uerlain reinventa la detersione e la trasforma in un rito di bellezza dall’azione di trattamento che purifica, elimina makeup e impurità, cura e dona freschezza ed éclat all’epidermide. Presenta Les Démaquillants de Beauté, linea completa le cui formule si avvalgono di fiore di nigella che neutralizza le reazioni di ossidazione causate da inquinamento e raggi Uv rinnovando il tasso di glutatione (un antiossidante naturalmente presente nella cute) così da diminuire l’ossidazione cellulare e la produzione di radicali liberi, lenire le infiammazioni e riattivare l’attività delle cellule. Cinque le formule, suggellate da una firma olfattiva inebriante esclusiva: Eau de Beauté, acqua micellare che strucca, deterge e rinfresca in un solo gesto; Crème de Beauté, crema ricca e confortevole per un benessere assoluto; Lait de Beauté, fluido leggero ma setoso e avvolgente; Beauté des Yeux, olio bifase con un attivo fortificante che rinforza le ciglia; e Mousse de Beauté, schiuma leggera che si trasforma in crema a contatto con l’acqua.

“L’ORA” DELL’ETERNITÀ

C

alvin Klein scrive un nuovo capitolo della saga profumata di Eternity per catturare l’atmosfera e le suggestioni di un istante preciso: un’ora e un adesso. Quello in cui nasce un nuovo amore e si percepisce che sarà per sempre… per l’eternità. Da vivere in coppia, debuttano così due jus per lui e lei. Femminile, floreale e luminoso, Eternity Now, che intreccia guizzi freschi di pesca noce, litchi e sorbetto di mela cotogna rivelando un cuore di peonia, fiori di pesco e petali di neroli soffusi da un’eco di velo di cashmere, ambrox e muschio sensuale. Virile, orientle e fougère Eternity Now for Men, vibrante di zenzero piccante, acqua di cocco e anice stellato, anfitrioni di un carattere deciso, sapiente mix di carambola, foglie di cedro e patchouli enfatizzato da un sillage sensuale di legno di cedro marocchino, fava tonka e vaniglia del Madagascar.

CALVIN KLEIN

llea l’intensità cromatica di un rossetto, la morbidezza luminosa di un gloss e il comfort di un balsamo, Pure Color Envy Liquid Lip Potion di Estée Lauder, makeup fluido che veste le labbra con un finish intenso, volumizzante e levigato, impeccabile per 8 ore. Alla base delle sue performance, la Tecnologia Advanced True Vision™, con pigmenti strutturali di “liquido concentrato” per offrire volume, definizione e colore deciso; e il Time Release Encapsulated Moisture Complex abbinato ad acido ialuronico e oli di avocado, jojoba e girasole, per idratare, assicurare un effetto rimpolpante e nutrire. Sedici le nuances (da nude a marroni, da coralli a rossi, da rosa a sottobosco e da malva a prugna), custodite in un pack elegante in blu e oro dotato di applicatore curvo e anatomico per una stesura impeccabile. A perfetto complemento di Lip Potion, ma ideale da indossare anche da solo, Pure Color Envy Lip Volumizer, con il complesso Hyla-Fill (sfere ialuroniche e agenti idratanti), che idrata, volumizza e scolpisce.


BELLEZZA

NUOVI LIFT

I

spirata all’epigenetica, una scienza che tiene conto della storia individuale di ognuno, per offrire un soin personalizzato, la linea Le Lift di Chanel si amplia con due nuove formule. La loro efficacia è frutto di attivi mirati associati all’attivo star della gamma, il 3.5-DA, estratto da una pianta tropicale, l’edulis, che inibisce l’espressione dei miRs, frammenti di Rna implicati nel processo di invecchiamento cutaneo, favorendo la sintesi delle proteine della giovinezza. Concentré Yeux Lissant Instantané, dedicato al contorno occhi, è un trattamento antirughe e antiocchiaie intensivo che assicura un’azione distensiva immediata e uno sguardo più fresco e giovane avvalendosi di un attivo d’origine marina che neutralizza le aggressioni esterne, leviga e contrasta le ombre scure, e di un complesso drenante che attenua borse e gonfiori. Masque de Massage Tonifiant, è una maschera che rinforza, tonifica e dona vitalità. Al 3.5-DA, che assicura un’azione tensiva e ricompatta i tessuti, si associa l’estratto di neroli che regola la microcircolazione e decongestiona il tessuto connettivo. Ulteriore plus, la texture concepita per il massaggio che rende l’applicazione un rituale in 2 fasi: un momento rilassante, per il profumo e la consistenza cremosa che si trasforma in olio e regala un effetto levigante; e un’azione tonificante grazie alla gestualità creata dalla Maison declinata in quattro gesti.

CLINIQUE

“INTENSA” FELICITÀ

D

ichiarazione profumata di felicità e messaggio positivo universale che conquista fin dal primo istante, La Vie est Belle di Lancôme, declina in suo bouquet in una nuova dimensione olfattiva. Debutta l’Eau de Parfum Intense, più vibrante, caratterizzata da una maggiore densità e corposità e arricchita da due note inedite dalla raffinata femminilità e gourmandes: tuberosa e nocciola. Così, al debutto, un guizzo di freschezza che intreccia bergamotto, arancio, pera, germoglio di ribes nero e pepe rosa; nel cuore, il sentore dell’iris pallida, firma inconfondibile del jus duetta con la tuberosa, con una corbeille floreale di ylang ylang, gelsomino sambac e fiore d’arancio e con l’effluvio “goloso” della nocciola; e, a sfumarne il sillage, un accordo boisé di patchouli e fava tonka. Rivisitato anche lo scrigno che si veste ora di riflessi violetto e malva.

LANCÔME

98

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

SGUARDO AD EFFETTO

O

ffre una nuova dimensione al make-up dello sguardo Pure Color Eye Defining Singles di Estée Lauder, una collezione di ombretti mono pensata per un look personalizzato da molteplici effetti: dai finish mat, a quelli luminosi fino alle cromie più vibranti. Alla base delle loro performance la Tecnologia Advaced True Vision™, una formula tri-composta che abbina in un solo gesto la proprietà di una crema, di una polvere e di un gel assicurando un perfetto equilibrio di purezza, trasparenza e colore che resiste impeccabile per 6-8 ore a seconda che sia applicato asciutto o inumidito. Dalla texture vellutata, veste le palpebre con un velo uniforme e serico che si sfuma in tutta facilità minimizzando anche le imperfezioni. Ricchissima la gamma delle nuances, ben 30, declinate in quattro palette: Nudi-Marroni, Verdi-Azzurri, Pesca-Rosa e Malva-Prugna.

LAUDER


GIVENCHY

YSL

NUOVA AVVENTURA IN… BLACK

N

uova avventura notturna per l’eroina di Black Opium, l’essenza capace di creare dipendenza di Yves Saint Laurent. Il jus dall’anima rock che gioca sui contrasti di chiaroscuri olfattivi tra intensità e luminosità, debutta in una nuova dimensione che prende le distanze dall’Eau de Parfum originaria per disegnare un percorso differente tra sensualità, mistero e femminilità. Debutta l’Eau de Toilette, che attinge al primo bouquet coffee floral ma si afferma con un suo carattere arricchendosi di note verdi e fruttate. Ribes nero, pera, scorza di mandarino verde e agrumi al debutto, e un cuore di floreale e solare punteggiato di petali di gelsomino e fiore d’arancio, sublimato dalla firma dei chicchi di caffè velati di muschio bianco cremoso e di legno bianco. A racchiuderlo, ancora lo sgrugno quadrato con il cerchio di cristallo al centro ispirato all’abito iconico del primo Opium del Couturier, nero laccato ornato da polvere di diamante ma ora ancor più scintillante grazie a paillettes d’oro rosa.

CLINIQUE

VOLTO COUTURE

“T

ra colore e materia c’è sempre una ricerca di trasparenza, comfort e luminosità. Mi piacciono i materiali impercettibili che rivelano la luce, l’espressione stessa del colorito”. Così Nicolas Degennes, direttore artistico make-up Givenchy racconta Teint Couture Balm, balsamo sfumante per l’incarnato effetto pelle nuda. Assolutamente innovativo, si avvale di una formula esclusiva. È meno coprente di un fondotinta, ma uniforma la grana cutanea, leviga i tratti, non lascia traccia e assicura un finish perfetto per 12 ore; è più correttivo di una BB cream: con il complesso Light & Blur (polvere di diamante riflettente incapsulata in un polimero trasparente) sfuma le imperfezioni e “desatura” il grigiore del colorito; è confortevole come un balsamo-trattamento: poiché assicura idratazione ottimale e un’azione antiossidante e protettiva (idro-calamite, estratto di fiore di gelsomino, vitamina E, Spf 15). Complice di perfezione, Teint Couture Concealer, copri-occhiaie “contouring” 2 in 1 che in un solo gesto nasconde le imperfezioni, corregge le ombre e dona éclat grazie alla sua mina bicolore che libera pigmenti correttivi beige e un illuminante rosa.

PERFEZIONE INVISIBILE

R

egala un incarnato perfetto mimetizzando ogni imperfezione rimanendo però invisibile ala vista e al tatto, Beyond Perfecting Powder Foundation + Concealer di Clinique, fondotinta compatto in polvere e correttore 2 in 1 dal finish modulabile e vellutato. Le sue performance sono frutto della sinergia di una texture setosa ottenuta con un processo di doppia lavorazioe che rende le particele della poudre ancora più sottoli per una sensazione di leggerezza estrema, e di una formula che si avvale di una miscela di glicerina, phytosqualane e burro di murumuru per idratare e donare comfort alle zone più aride del volto, e di particelle illuminanti di differenti forme e dimensioni che perfezionano il colorito in tutte le angolazioni e controllano l’effetto lucido per tutto il giorno. Sei le nuances disponibili, racchiuse in un boîter e da stendere con l’apposito applicatore sagomato a goccia a doppio lato che permette diverse modalità make-up: da una coprenza media a una più decisa, dal ritocco sulle singole imperfezioni alla definizione di dettagli fino al raggiungere le aree difficili da truccare.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

99


BELLEZZA

RUBINSTEIN

POUDRE DI LUCE E VELLUTO

UN “SACRO” PRODIGIO

T

rattamento globale anti-età, la linea Prodigy di Helena Rubinstein segna un nuovo traguardo nel soin e pensa alle pelli aride e secche, che, caratterizzate dall’assenza di comfort e da un’esfoliazione 2,5 volte più rapida delle epidermidi normali, mostrano precocemente i segni del tempo e invecchiano più velocemente. Debutta Sacred Oil, olio riparatore anti-età e anti-disidratazione che ridensifica, compatta, leviga, idrata e dona luminosità a viso, collo e décolleté. Alla base della sua formula, l’olio di Tamaru (estratto dall’albero di Takamaka), che, ricco di acido di Calophyllun, Omega 6 e 9, acido oleico e linoleico e acidi grassi, svolge un’azione riparatrice, nutritiva e relipidante. Accanto poi la Bio-Sap, l’attivo star della gamma, un complesso vegetale di linfa biorivitalizzante incapsulato in particelle d’acqua attiva che offre densità, compattezza, idratazione ed éclat agendo in profondità.

100

|

DAILYLUXURY

|

SISLEY

N°10 OTTOBRE 2015

C

eromplice “segreta” per un make-up perfetto e un incarnato serico, impeccabile e satinato, da Sisley,PhytoPoudre Libre, cipria in polvere impalpabile che sublima il côté naturale della pelle, dissimula le imperfezioni, affina la grana cutanea e leviga con un immediato effetto foto-ritocco. La sua formula si avvale infatti di estratto di fiore di ibisco, di malva e di tiglio più vitamina E, per un’azione soin che idrata, dona morbidezza e comfort e contrasta i radicali liberi, mentre la sue texture micronizzata veste il volto con un velo trasparente, mat, vellutato e luminoso che resta perfetto per tutto il giorno senza appesantire o creare un finish poudré. Ulteriore plus, il pack, un boîtier compatto elegante e chic con specchio “all over” e completo di houpette in velluto giapponese che attira la poudre e permette un’applicazione precisa.

MIYAKE

JUS IN CHIAROSCURO

E

logio all’audacia e alla libertà del suo uomo, il virile jus di Nuit d’Issey di Issey Miyake, si declina in una nuova dimensione olfattiva ancor più intensa e vibrante. Diventa Eau de Parfum, un’essenza decisa e magnetica che reinterpreta in chiaroscuro la costruzione olfattiva della fragranza originale. Al debutto, pompelmo e bacche rosa, anfitrioni di un cuore raffinato che intreccia un accordo cuoio e nuances di vaniglia valorizzato da un sillage avvolgente e ricco, mélange sapiente di assoluto di fava tonka a patchouli. A racchiuderlo, lo scrigno iconico dei jus del designer ma nero profondo che sfuma da un finish delicatamente striato ad uno monocromatico.


LANCASTER TRIPLICE PROTEZIONE

N

uovo nome, nuovo look e nuova formula per 365 Elixir di Lancaster. Creato per offrire la migliore protezione e riparazione all’epidermide rivelandone la radiosità e la giovinezza tutto l’anno, oggi si attualizza attingendo all’epigenetica. Nuovo nome: 365 Skin Repair, per dichiarare subito la sua “vocazione”. Nuovo look: declinato in marron cioccolato. E nuova formula: combatte tutti i fattori dell’invecchiamento con una triplice azione. Ripara il Dna, con un liposoma specifico connubio di quattro enzimi dalle proprietà riparatrici, che ne rafforzano la rigenerazione naturale e ne ristabiliscono la funzionalità. Protegge Dna, con il complesso RPF originale con melograno associato all’estratto di ciliegio micronizzato per neutralizzare i danni causati dalle aggressioni ambientali e i radicali liberi. Protrae la giovinezza della pelle e livello epigenetico agendo sull’epigenoma (il sistema di regolazione dei geni) ricordando alle cellule il comportamento da giovani e permettendo ai geni della gioventù di esprimersi correttamente con un complesso unico (estratto di riso rosso dell’Himalaya, di vino rosso e di banano) che interviene su tre fattori che possono alterare l’espressione del codice genetico cutaneo: metilazione del Dna (un processo in cui le basi di nucleotidi subiscono delle modifiche); Rna inibitori (interferiscono nel funzionamento del genoma); e modifica della struttura degli istoni (le proteine attorno alle quali è avvolto in Dna).

DOLCE & GABBANA

SOPHIA VA IN… ROSSO

“È

il nostro modo di dire: “Grazie Sophia!”. Grazie alla sua bellezza, grazie perché è la più amata, è l’immagine del cinema e della bellezza italiana. Una perenne fonte d’ispirazione. Oggi la celebriamo regalandole il suo rossetto”. Così dichiarano Domenico Dolce e Stefano Gabbana, presentando il loro ultimo “gioiello” del make-up: Sophia Loren N° 1, un lipstick creato per lei e per le sue labbra che si avvale di tutti gli atout dei rossetti di sempre del brand. Formula immutata quindi, ma declinata in una nuance speciale, un “rosso” ciliegia luminoso, espressione dello stile della grande diva, creato proprio da lei e dalla coppia di stilisti e perfetto per sublimare la pigmentazione delle sue labbra. E identico a quello originale anche il pack, l’inconfondibile astuccio dorato dalle linee essenziali e pure ma impreziosito dalla firma di Sophia Loren in nero assoluto.

YSL

INTENSITÀ AL MASCHILE

Y

ves Saint Laurent rende nuovamente omaggio alla virilità dell’uomo moderno, regalando al suo jus iconico La Nuit de l’Homme una nuova sfaccettatura olfattiva che reinventa i codici della seduzione. Diventa L’Intense, un’essenza vibrante e carismatica, espressione di una mascolinità più forte, più disinvolta e più audace che rivisita la fragranza originaria arricchendola con una nota preziosa, la più nobile della profumeria. Orientale e inedito, il bouquet palpita ora di concreta d’iris che con il suo sentore cipriato rende ancor più sensuale la coppia vaniglia e fava tonka. A fargli corona, l’inconfondibile firma del profumo di sempre resa ardente dal patchouli e dai guizzi verdi e aromatici delle foglia di violetta e della salvia.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

101


BELLEZZA

SENSAI

PIÙ GIOVANE IN UNA NOTTE

SHISEIDO

U

na sola notte per scoprire, al risveglio, un volto più giovane e levigato? Missione possibile con il nuovo trattamento intensivo anti-età che amplia la linea Cellular Performance di Sensai. Extra Intensive Mask, maschera ricca e lussuosa, applicata la sera, agisce durante la notte contrastando i segni d’invecchiamento e donando nuova energia all’epidermide. La sua formula si avvale di due tecnologie esclusive: Advanced Energy Charge Technology, un mix di attivi (Ene-Activator Complex II, Bio-Cell Activator) che ottimizza l’attività cellulare e ripristina i livelli energetici nelle strutture della pelle; ed Emollient Veil Technology, specifica per favorire la giovinezza della cute grazie all’estratto di noci di macadamia, la cui composizione è simile a quella degli esteri del colesterolo presenti nelle cellule. Accanto, a ottimizzarne le performance, Koishimaru Silk EX, che favorisce la sintesi di acido ialuronico per un’idratazione ottimale, e Advanced CPX Vital Extract, che offre un soin globale anti-età agendo sui cinque principali segni dell’invecchiamento.

4 POTERI PER LO SGUARDO

I

l potere di proteggere rinforzare il sistema immunitario; di rigenerare le funzioni delle cellule cutanea; di resistere nel tempo; e di proteggere dallo stress. Questi i 4 poteri dell’innovativo trattamento Ultimune di Shiseido che, dopo aver reso “immune” al passare del tempo il volto, oggi si dedica allo sguardo. Debutta Ultimune Eyes, la cui formula agisce sul sistema immunitario del contorno occhi per contrastare rughe, gonfiori, macchie scure, occhiaie, linee d’espressione assicurandogli nuova freschezza e vitalità e un aspetto più giovane e levigato. Alla base delle sue performance, ancora la tecnologia Ultimune Compex, già alla base del soin viso, più l’esclusivo ImuMoisture Extract che agiscono in sinergia per preservare l’attività delle cellule di Langerhans migliorandone la funzionalità e per bloccare i processi infiammatori della cute.

RUBINSTEIN DEFINIZIONE E VOLUME HD

D

ieci anni fa Helena Rubinstein scriveva la prima pagina della “saga” del mascara Lash Queen. Prima fu solo volume e lunghezza, poi vennero le “declinazioni” volume e intensità (Feline), volume e curve (sexy), volume e apertura (Fatal),volume ed effetto liner (Mystic). Oggi arriva Perfect Blacks, ovvero volume definito alta precisione. Si avvale infatti di una formula ibrida che allea le performance di una texture cremosa per offrire volume e morbidezza, e di una “a prova di sbavature” per una tenuta impeccabile e duratura (anche a prova di sfregamento!). A caratterizzarla, un basso contenuto di cere e un’elevata concentrazione di lattice, per ciglia separate e volume definito senza appesantire e per perfezionare la tenuta del finish e la sua applicazione rendendolo scorrevole e non appiccicoso. Accanto, un potenziante del colore per un make-up nero estremo, un agente di dispersione abbinato a pigmenti ultra-black. Ulteriori plus, l’applicatore dal taglio svasato per adattarsi alla cura naturale dell’occhio e la semplicità nel rimuoverlo: si elimina non solo con qualsiasi tipo di detergente ma addirittura con semplice acqua calda.

102

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015


BELLEZZA

RUBINSTEIN

RODRIGUEZ

ASSOLUTAMENTE PURO

“H

o immaginato una fragranza estremamente speciale, con un’aura misteriosa dalla scia persistente. Incarna la quintessenza della femminilità, la grazia allo stato puro”. Così Narciso Rodriguez racconta la nuova dimensione olfattiva del suo bouquet femminile For Her. Diventa L’Absolu, un’Eau de Parfum che ridefinisce la fragranza originaria sottolineandone la sensualità decisa e rafforzandone l’aura carismatica e vibrante. Il suo jus, accoglie assoluta di gelsomino che sublima l’emblematico cuore di muschio, da sempre firma distintiva dell’essenza, cui si affiancano nuances d’ambra e accenti boisés di sandalo e patchouli per un sillage avvolgente e profondo. Rivisitato anche lo scrigno: immutato nel design si veste di una sfumatura viola intenso, una tonalità iconica dell’universo fashion della griffe.

SISLEY

UNO SGUARDO COSÌ… INTENSO

E

vergreen del make-up, costantemente rinnovato per offrire un effetto grafico, glamour, hi-tech o rétro, l’eyeliner non finisce mai di stupire e conquistare le donne. Non fa eccezione So Intense Eyeliner di Sisley che vanta tre atout esclusivi. Primo: una formula ad azione soin, frutto dell’expertise trattamento della Maison vero booster di bellezza per le ciglia: un peptide vitaminizzato favorisce la proliferazione dei cheratinociti a livello del bulbo rendendole più lunghe e spesse; l’estratto di rosa canina, neutralizza gli stress ossidativi proteggendo le fibre di ancoraggio e impedendone così la caduta durante il démaquillage; l’arginina, facilita l’apporto di nutrienti e ne stimola la crescita; e la Provitamina B5 e gli estratti di fiordaliso e matricaria, idratano e leniscono. Secondo: intensità del colore, grazie a una texture inchiostro ultra-fluida dalla tenuta duratura e resistente agli sfregamenti, arricchita di Carbon Black, per un risultato intenso e mat. Terzo: facilità d’applicazione per merito della punta in feltro di cui è dotato lo stylo che permette di tracciare linee definite e impeccabili dallo spessore modulabile in una sola passata.

104

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

RITO SENSORIALE

L

a linea Pure Rituals di Helena Rubinstein, le cui formule assicurano un duplice effetto poiché, subito, garantiscono una detersione ottimale, e, nel tempo, un trattamento che rivela la giovinezza dell’epidermide, si amplia con un nuovo “rito” quotidiano: Pure Ritual, olio-in-gel struccante da massaggio. A caratterizzarlo, la duplice tecnologia alla base della gamma che purifica la cute dall’esterno eliminando ogni traccia d’impurità, inquinamento, make-up ma anche cellule morte, sebo e sudore (acido glicolico esfoliante e ritexturizzante); e offre un’azione soin che contrasta l’invecchiamento precoce e neutralizza i danni causati dalle aggressioni esterne, attivando il sistema di “pulizia” delle cellule per favorire la rimozione della degradazione di molecole esogene ed endogene (estratto di lievito), neutralizzando i radicali liberi e promuovendo il rinnovamento cellulare e la sintesi proteica (estratto di riso bianco e nero). Esclusiva la texture, in tre fasi: un gel con particelle dorate e un’alta concentrazione di attivi che si trasforma in olio da massaggio per un démaquillage in profondità, e che diventa poi a contatto con l’acqua un’emulsione in latte per idratare.


CLINIQUE

METTI LO SGUARDO IN RIGA

C

LANCÔME NOTTE DI BELLEZZA

I

spirata agli “sleeping pack” utilizzati dalle donne asiatiche (maschere notturne ideate per defaticare e idratare l’epidermide rivelandola più fresca e luminosa al mattino), da Lancôme, Visionnaire Nuit Beauty Sleep Perfector™ che agisce durante il sonno per migliorare l’aspetto e il tatto dell’incarnato al risveglio. La sua formula, dalla textute gel in olio - per trasformare il trattamento in un rito sensoriale che regala un piacere unico nutriente e freschissima, attenua i segni di stanchezza in tempo reale e sfrutta la capacità di recupero e di rigenerazione della cute nelle ore notturne per regalare tratti riposati e un’epidermide più levigata, elastica e luminosa al mattino. Racchiude infatti Jasmonati, particolari molecole che agiscono come “segnali” capaci di attivare i meccanismi di riparazione e di difesa dalle aggressioni, stimolando la produzione di fattori che favoriscono l’interazione tra i comparti della pelle e stimolano la sintesi di acido ialuronico, fondamentale per idratare e mantenere tonici e compatti i tessuti.

YSL

“SEGRETO” MULTI-TASKING

D

eclinata in prodotti ibridi e multi-tasking che alleano trattamento e make-up, la linea Top Secret di Yves Saint Laurent si amplia con un nuovo “segreto” beauty. Debutta Instant Moisture Glow, un soin inedito che idrata per 72 ore, leviga l’incarnato minimizzando le imperfezioni, assicura luminosità e sublima il maquillage protraendone la durata. Le sue sue performance sono frutto di una formula hi-tech che si avvale del complesso Hydractive, per un’idratazione ottimale, della cipria Néo-Skin, che si fonde con l’epidermide rendendola satinata e uniforme, e del complesso Blacklight, che interagisce con la luce per illuminare la carnagione. Gel rinfrescante che all’applicazione si trasforma in una pioggia di microgocce d’acqua, può essere utilizzato da solo, per un look fresco e naturale; prima del make-up, come un primer ad effetto blur; o in qualsiasi momento della giornata per rinfrescare l’éclat del trucco.

linique punta l’accento sullo sguardo e firma due novità make-up create per valorizzarlo con un look essenziale e puro. Allea le performance di un eyeliner liquido e un’estrema facilità d’applicazione, Pretty Easy Liquid Eyeliner Pen, “penna” a prova di errore che permette di tracciare linee impeccabili, definite e uniformi con un solo gesto grazie all’applicatore di precisione, da utilizzare mantenendolo piatto per un disegno deciso e intenso, o di punta, per un tratto sottile. Ed in tema con il mood “slim” debutta anche Skinny Stick, matita stylo in quattro nuances, 2-3 volte più sottile di quelle tradizionali che consente di truccarsi in maniera precisa anche in prossimità della rima ciliare donando così alle ciglia un aspetto più folto e pieno.

GAULTIER

“CONQUISTE”… DA MARINAIO

V

irile, avventuriero, pronto ad accettare ogni sfida, il marinaio, da sempre, rappresenta l’essenza stessa dell’eroe. Ma è anche un abile conquistatore, “una donna in ogni porto” si dice... Ecco perché Jean Paul Gaultier rende omaggio alla sua “fama” proponendo il jus di Le Male in un’edizione limitata d’autunno: Lady Killer. Dopo aver solcato a lungo i mari, il suo marinaio, rientra a casa e ad aspettarlo trova una vera folla di pin up che si battono per fare breccia nel suo cuore. Chi sceglierà, la bionda o la bruna?… È scritto sul suo “corpo” che abbandona l’inconfondibile T-shirt marinière a righe per vestirsi solo con i tatuaggi delle sue molteplici conquiste. Resta, invece, fedele al suo profumo preferito, quello di sempre, da ben 19 anni, un fougère connubio di freschezza e sensualità dal cuore di lavanda, annunciato da guizzi di menta e soffuso da effluvi di vaniglia.

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

105


BELLEZZA

KORS

IN 15 PER LO SGUARDO

DALLA PALMA

F

inish satinato e luminoso, colore intenso e vibrante, tenuta duratura, look naturale e nuances studiate per valorizzare ogni sguardo. È quanto promettono (e mantengono) i nuovi ombretti Satin Pearl di Diego Dalla Palma. Eye shadow compatti, si avvalgono di un’esclusiva tecnologia di lavorazione delle polveri che assicura una texture lieve e cremosa, garanzia di comfort assoluto, di un’applicazione facile e di un risultato omogeneo, uniforme e levigato che resiste a lungo impeccabile. Ulteriori plus, la presenza di pigmenti perlati ultra-brillanti ad effetto multi-sfaccettato per un maquillage radioso e dai mille riflessi, e il doppio utilizzo, asciutti o inumiditi a seconda che si desideri un make-up più o meno deciso. Speciale poi anche la gamma delle nuances, ben 15 differenti sfumature declinate in cinque palette studiate per valorizzare il colore naturale dell’iride: per occhi verdi, azzurro-grigi, neri, nocciola e marroni.

SHISEIDO

CIGLIA FORTI E BELLE

L

o sguardo? L’arma di seduzione femminile più glamour, complici, un aggrottare di sopracciglia e un battito di ciglia, gesti che parlano, esprimono sentimenti ed emozioni e… toccano il cuore. Ecco perché Shiseido mette la sua expertise nel soin al loro servizio e crea Full Lash Serum, trattamento esclusivo che ne stimola la crescita assicurando loro forza e bellezza e rendendole più resistenti allo stress e alle aggressioni esterne. La sua formula, da applicare mattino e sera dopo l’abituale trattamento e prima del make-up, si avvale di estratto di giuggiolo, arginina e Coating Polymer per agire sulle matrici di ciglia e sopracciglia con tre funzioni. Promuove la proliferazione cellulare e accelera la crescita rendendole più folte, lunghe e spesse; ripara e idrata il fusto e le cuticole danneggiate, per un effetto beauty; e leviga, nutre, protegge e dona morbidezza per incrementarne la forza e la resistenza.

106

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

FEMMINLITÀ “A-DORATA”

“N

on esiste nulla di più sexy di una donna dal bellissimo colorito dorato… e nulla lo completa alla perfezione come un gioiello e una goccia di profumo dalle note preziose e glamorous”. Parola di Mickael Kors che sceglie l’oro, in tutte le sue declinazioni - puro, bianco e rosa - per celebrare il fascino della sua donna con tre fragranze create su misura per lei: The Gold Collection. White Luminous Gold, scintillante e sensuale dalle note luminose ed esotiche, intreccia pero, gelsomino ed ambra; 24K Brilliant Gold, femminile e seducente, mixa sentori floreali, guizzi agrumati d’arancio e mandarino ed effluvi boisés; Rose Radiant Gold, inebriante e ipnotico, si afferma con un mélange sapiente di frutti, intense note floreali e nuances muschiate.

LA MER

ELISIR CHE TRASFORMA

L’

universo dei trattamenti La Mer si completa con un vero gioiello, The Renewal Oil, un elisir multi-funzione che trasforma l’epidermide regalandole nuova giovinezza offrendo anche un’esperienza sensoriale esclusiva. Primo olio della Casa, dedicato al viso ma perfetto anche per corpo e capelli e da utilizzare da solo o aggiungendone alcune gocce all’idratante o al siero abituali, vanta una formula basata su una tecnologia bi-fase che si attiva agitando delicatamente il flacone rivelando l’efficacia dei suoi attivi. Racchiude infatti il mitico Miracle Broth™, oli nutrienti tra cui sesamo ed eucalipto, il nuovo Renewal Ferment che promuove il rinnovamento cellulare, e Lime Tea Concentrate, che protegge dagli agenti esterni e dai danni futuri. Agendo in sinergia, apportano un plus d’energia rigenerante che infonde freschezza regalando luminosità e una carnagione più radiosa; stimolano la sintesi di collagene per rassodare e tonificare contrastando i segni d’invecchiamento e distendendo rughe e linee d’espressione; e rinforzano la barriera cutanea prevenendo la disidratazione.


ARDEN

BURBERRY NOTTE ANTI-STRESS

L

a linea di skincare Flawless Future Powered di Elizabeth Arden si completa con la Night Cream, trattamento notte specifico per una strategia mirata e globale contro gli effetti dello stress sull’epidermide: opacità, rossori, linee, rughe sottili, discromie cutanee e perfino un’accelerazione di 10 anni dei segni visibili dell’invecchiamento. La sua formula ottimizza i processi di rigenerazione cutanea durante la notte per regalare al mattino un volto più fresco, giovane e riposato grazie a Ceramide Skin Identical Matrix, un mix di Ceramidi che va a colmare la perdita dovuta all’età e allo stress; Telosense™, un complesso di proteine protettive che minimizza le rughe; Second Skin Protective Matrix, un film non occlusivo che protegge la pelle dall’inquinamento; estratto di luppolo e di Tephrosia Purpurea, che contrastano irregolarità del colorito e donano luminosità e comfort. Ulteriore plus, la profumazione aromacologica che offre una piacevole sensazione di relax e benessere e assicura un sonno più riposante.

LANVIN

BOUQUET “IMPRESSIONISTA”

“U

n campo di fiori simili a quelli dipinti dagli Impressionisti. L’erba verde, costellata di petali colorati che brillano sotto il sole, crea un’immagine che simboleggia un’esplosione di fiori”. Così i nez che l’hanno creato (Anne Flipo e Nicolas Beaulieu), raccontano Eclat de Fleurs, il nuovo bouquet femminile di Lanvin, emblema di una femminilità fresca e spontanea, vera dichiarazione di libertà. Floreale e fruttato, trascrive in chiave olfattiva l’euforia di un pomeriggio estivo grazie a un debutto firmato da accenti di pera e fresia, anfitrione di un cuore vibrante di rosa e gelsomino arabico e di un sillage avvolgente e sofisticato che intreccia legno di sandalo e muschio bianco. A proteggerlo, uno scrigno che rivisita l’iconica “boule” della Maison cesellandola con la silhouette di un fiore (una margherita, omaggio a Marguerite, figlia di Jeanne Lanvin), suggellata da un cap argentato con incastonato un diamante rosa e arricchito da due anelli che simboleggiano il legame d’amore tra due persone.

UN “FRESCO” TRENCH

I

spirato all’iconico trench coat della griffe, My Burberry, il più recente profumo femminile di Burberry si declina in una nuova dimensione olfattiva più fresca e lieve. Diventa Eau de Toilette, un jus sofisticato e chic che cattura gli effluvi di un giardino primaverile in fiore bagnato dalla pioggia. Al debutto, guizzi di pisello odoroso e fiore di limone; nel cuore, peonie, fiore di pesco e fresia; e nel sillage, rosa damascena, muschio bianco e muschio. A racchiuderlo, lo scrigno di sempre firmato da dettagli “rubati” al gabardine inglese: la finitura effetto corno e il nastro grigio per ricordarne i bottoni e il tessuto.

NUOVI “GIOIELLI”

L

a Skin Caviar Collection de La Prairie, la linea di trattamento più lussuosa del brand le cui formule racchiudono estratto di caviale, noto per il suo potere rassodante e dall’effetto lifting, si amplia con due nuovi “gioielli”. Debutta innanzitutto, Skin Caviar Luxe Cream Sheer, versione più lieve di quella originale dalla texture ricca ma delicata, la cui formula associa ora a un’elevata concentrazione di estratto di caviale e del Complesso Esclusivo della Casa, un inedito pool nutriente e rassodante che stimola la produzione di collagene per un’azione di rivitalizzazione e ridefinizione. Accanto, debutta Skin Caviar Concealer - Foundation Spf 15, duo fondotinta-correttore che allea make-up e soin per regalare un finish naturale e un volto privo di imperfezioni e per minimizzare occhiaie e segni della fatica. Annunciato da un nuovo pack blu caviale e riveduto nella formula, oggi si avvale di un peptide che potenzia tono ed elasticità ottimizzando le performances degli estratti di caviale.

LA PRAIRIE


BELLEZZA

MANILA GRACE

UN PROFUMO A POIS

U

no scrigno chic e raffinato dal design ispirato alle antiche “bottiglie da fiuto” orientali, sublimato da una pioggia di pois, motivo iconico dell’universo della griffe, per il primo profumo femminile di Manila Grace, affermato brand-moda made in Italy. Espressione olfattiva dello stile e della personalità della donna che ama la moda del marchio, curiosa, tenace, dalla femminilità e dallo charme innati e naturali, debutta con guizzi di limone, geranio e ribes nero jungle essence™ soffusi da un accordo “cake”, per poi rivelare un cuore inebriante che intreccia pan di zenzero neo jungle essence™, mughetto, pesca bianca e un tocco gourmand di cocco. Avvolgente e sensuale il sillage, alchimia di vaniglia pure jungle essence™, legno di cedro, legno ambrato e Orcanox.

MÖLLER

PENSATO AL MASCHILE

D

edicata a lui e pensata per soddisfare le sue esigenze in fatto di capelli, la linea Men Unlimited Energy di Marlies Möller, si amplia con lo Strenghtening Shampoo, la cui formula si avvale di attivi specifici per rivitalizzare e donare volume alla chioma migliorandone la crescita e la qualità e contrastarne la caduta. Perfetta da utilizzare anche tutti i giorni, per detergere la capigliatura in profondità e in tutta delicatezza, accoglie pantenolo e Phyto Cell Complex, un complesso a base di estratti di cellule staminali della mela, che promuovono la rigenerazione cellulare, proteggono il cuoio capelluto, riducono l’assotigliamento della fibra cheratinica e contrastano i danni causati dall’asciugatura.

RIPARAZIONE ESTREMA

BIOPOINT

D

a Personal Biopoint un nuovo programma specifico per riparare i capelli danneggiati, che, spesso con doppie punte, privi di elasticità e vitalità, opachi e spenti, si spezzano facilmente. Extreme Repair si avvale di una tecnologia innovativa che sfrutta molecole di differente peso molecolare per raggiungere tutti gli strati della fibra capillare. Accoglie infatti proteine del grano a basso peso molecolare, che penetrano in profondità fortificando lo stelo dall’interno; cheratina idrolizzata a medio peso molecolare che agisce in superficie sulla cuticola con un’azione ricostituente e sostantivante; e attivi “mirati” a seconda del preparato per un effetto riparatore e rigenerante. Quattro i prodotti: Fluido Super Ricostruttore, con un polimero ristrutturante che avvolge la cuticola con un film protettivo; Shampoo Ricostruzione, che deterge in tutta delicatezza; Maschera Ricostruzione, con Ceramidi per restituire compattezza e uniformità alla fibra cheratinica; e Latte Ricostruzione senza risciacquo, ad azione Sealing Effect, ovvero riempie le imperfezioni del capello e le sigilla restituendo luminosità e offre una riparazione duratura nel tempo.

RIMMEL LONDON

IL “NUDO” DI KATE

“C

on questa collezione volevo puntare sull’esaltazione della bellezza naturale, quindi ho ideato una palette di sfumature “nude” che si adattano davvero a tutte le ragazze Rimmel”. Così Kate Moss racconta ail suo make-up Nude Collection, un susseguirsi di rosa tenui, albicocca delicati, beige cashmere e nocciola toffee, chic e sofisticati, perfetto per sottolineare il glamour in tutta naturalezza. Protagonisti, il rossetto Lasting Finish in cinque nuances che offre un finish impeccabile per 8 ore; il Balsamo Labbra, con estratto di melograno per idratare, proteggere e donare morbidezza; e lo smalto Salon Pro con Lycra, per una manicure ad effetto gel in cinque sfumature che resiste senza perdere lucentezza o scheggiarsi per 10 giorni.


IL CONTOURING EASY MAYBELLINE Èspirata conturing, la tecnica di NY Imake-upalutilizzata dai professionisti

che permette di correggere i difetti e sottolineare i lineamenti scolpendo il volto con giochi di chiaroscuri che ricreano tridimensionalità e volumi, debutta Master Sculpt Terra Contouring 2-in-1 di Maybelline NY, creata per offrire alle donne le possibilità di avvalersi di questa “magia” in tutta semplicità. Si basa infatti su una doppia tecnologia: una polvere mat per scolpire, abbinata a una texture con particelle illuminanti per donare luminosità e modellare. Due le nuance disponibili, per armonizzarsi con ogni incarnato: Light-Medium e Medium-Dark.

JUICY COUTURE

VAN CLEEF & ARPELS AMBRA STRAORDINARIA

PER ESSERE “JUICY”

N

asce dalll’alchimia di preziose essenze che simboleggiano l’Oriente e concretizza la vera essenza dell’ambra, fusione di sentori dolci e speziati, il nuovo sigillo profumato della Collection Extraordinaire di Van Cleef & Arpels: Ambre Impérial. Racchiusa in uno scrigno nero assoluto, espressione di sensualità e mistero, si schiude con accenti di bergamotto e pepe rosa punteggiati da guizzi di spezie, per poi affermarsi con un cuore ricco e avvolgente che palpita con effluvi d’ambra, fava tonka, vaniglia e benzoino balsamico, sublimati da un sillage boisé che dona carattere e profondità al jus.

T

rend-setter, dallo stile casual luxury, dalla spiccata personalità e dalla femminilità dichiarata, audace, impertinente e curiosa. È il ritratto della “Juicy Girl”, la ragazza che si riconosce nel mood di Juicy Couture. A lei, oggi la griffe fashion dedica il suo nuovo profumo I Am Juicy Couture. Annunciato dall’iconico scrigno che veste anche le altre fragranze ma… capovolto e suggellato da un cap gioiello che rievoca i bijoux della griffe, si rivela un bouquet seducente e inebriante. Guizzi fruttati di lampone, pompelmo e frutto della passione a siglarne il debutto, anfitrioni di un cuore ipnotico e avvolgente che intreccia gardenia, eliotropio, rosa centifolia e sweet pea, e di un sillage caldo e vibrante connubio sapiente di muschio, legno di cashmere e ambra.

“BASIC” PER LA CHIOMA

S

ole, sabbia, cloro, salsedine… i nemici della chioma in vacanza. Se al rientro in città, appare sfibrata, secca, priva di vitalità oppure con inestetismi acutizzati, d’obbligo adottare una routine beauty mirata a iniziare dai “basic”. Perfette le formule della linea Ixa di Innoxa. In primis, i Crema Shampoo per Capelli fini e fragili e per Capelli grassi, entrambi privi di schiumogeni aggressivi e con Cashmilan, derivati proteine della sericina e della soia e attivi naturali. Specifico per idratare e donare éclat, il primo; arricchito da Piper Nigrum ed estratto di Inga Alba Bark, il secondo che contrasta forfora ed eccessiva oleosità e lenisce il cuoio capelluto. Da utilizzare dopo la detersione, la Crema Fluida Dopo Shampoo districante, rivitalizzante riparativa (olio di argan e jojoba, vitamina E, Cashmilan) e la Maschera Fluida Ristrutturante che nutre e protegge i capelli ricostituendone l’ottimale film idrolipidico (olio di jojoba, argan, pantenolo, vitamina E, Cashmilan, proteine di sericina e germe di grano).

INNOXA

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

109


BENESSERE

Wellness in…“allegria” Viaggio oltreconfine in Austria, nel Burgenland meridionale per scoprire l’Allegria Resort, artefice di una nuova dimensione del wellness perfetta per tutta la famiglia. Tra terme, Spa, proposte beauty, fitness, relax e divertimento.

M A R I NA SA N T I N

D

ICI AUSTRIA e pensi alte vette, monta-

gne imponenti, distese di neve, foreste. Ma non solo. Austria è anche… verdi colline dai profili sinuosi, distese infinite di vigneti, paesaggi di fiaba con castelli e fortezze medioevali. Il tutto illuminato da un sole limpido che invita a escursioni e scorribande en plein air e costellato di “oasi” wellness. È il Burgenland, il Land austriaco più orientale, meta incantevole e incantata per concedersi sul finire dell’estate un ultimo break “vacanziero” a misura di famiglia. Dove? A Stegersbach, per esempio, cornice d’eccezione del “mondo” dell’Allegria Resort che allea un hotel 4 stelle, un immenso parco termale,


giate e godere del sole in assoluta tranquillità, l’area wellness e la zona dedicata alle saune, uno spazio di 2.200 mq che soddisfa ogni esigenza tra laconicum, sauna alle erbe, a raggi infrarossi, ai petali di fiore, finlandese e Kellerstöckl, bagni turchi al vapore d’acqua salata, doccia emozionale, fontana di ghiaccio e frigidarium. Chi punta al relax e al benessere potrà scegliere tra le Terme della Quiete e la Spa Yin Yang, dove trovare piscine termali coperte e all’aperto, biosauna, bagno turco, botti di vino a raggi infrarossi, sauna finlandese interna ed esterna, fontana di ghiaccio e piscina Yin e Yang con vista panoramica. E perché la vacanza sia davvero speciale, non poteva mancare il côté beauty con il centro estetico Dolce Vita dove concedersi “coccole” esclusive: dai trattamenti per la bellezza e l’armonia del viso e del corpo, ai soin più efficaci e innovativi per contrastare l’invecchiamento

una Spa all’avanguardia e il più grande impianto golfistico di tutta la nazione. Tra i suoi molteplici atout, poi, l’offerta multisfaccettata adatta a ospiti di tutte le età che spazia dal bien-être allo sport fino al divertimento e al relax; l’attenzione per la sostenibilità, intesa a 360°, sia come impatto ambientale che come servizi d’alto livello a tariffe “intelligenti”; e la posizione strategica per chi vuole visitare la regione. A conquistare fin dal primo istante però, l’universo del benessere che offre il meglio per regalarsi un break ritemprante, una remise en forme globale, un programma beauty o una pausa per ritrovare l’armonia psicofisica cancellando lo stress e le tensioni della vita in città. Cuore del Resort, le Terme di Stegersbach, con 14 vasche per un totale di 1.500 mq di superficie acquatica declinate in pool interne ed esterne, con cascata, torrente, vasca fitness, grotta termale, piscina con onde, vasche per bambini, scivoli e area relax su tre piani panoramici. L’acqua termale poi, che sgorga da una profondità di 3.000 metri ed è ricca di zolfo bivalente, è protagonista di una sorgente curativa utilizzata per molteplici terapie. Vengono poi il parco, dove concedersi passeg-


BENESSERE

i

ALLEGRIA RESORT STEGERSBACH by Reiters

Golfstraße 1, 7551 Stegersbach, Austria Tel. +43.33265000 - info@allegria-resort.com www.allegria-resort.com

precoce e i più diffusi inestetismi; dai massaggi della tradizione occidentale e orientale alle più invitanti terapie manuali tra cui spiccano il drenaggio linfatico, gli impacchi trattanti, la Stone Therapy e l’esclusivo “Acqua Floating”. Può bastare per iniziare subito a pianificare una vacanza che concluda in bellezza (e benessere) l’estate? Noi non abbiamo dubbi, soprattuto se a tutto questo si aggiungono l’attenzione per la cucina, che utilizza esclusivamente ingredienti di stagione e regionali, e gli spazi per gli sportivi (palestra panoramica, arena per il running, la camminata e il nordic walking e la possibilità di accedere al Reiters Stegersbach Lafnitztal, il più grande impianto golfistico ■ dell’Austria).


DESIGN

CREATIVITÀ IN STORE Una wunderkammer che riunisce oggetti unici e spettacolari firmati da creativi affermati e giovani emergenti, ideali da regalarsi e da regalare. È il Mudec Design Store di Milano, una vetrina esclusiva, punto di riferimento per le tendenze del design contemporaneo internazionale.

“N

M A R I NA SA N T I N

®OSKARDA RIZ

ON PRETENDO CHE IL DESIGN

possa curare i mali che accompagnano le trasformazioni della società di massa. Ritengo che il design, nel riflettere i cambiamenti sociali, possa essere uno strumento per favorire quei cambiamenti auspicabili”. Parole di George Nelson, architetto, designer, fondatore assieme a Charles e Ray Eames del modernismo americano. In effetti, il design e la sua storia, altro non sono che la concretizzazione della storia della cultura umana e delle relazioni che vi intercorrono. Non è architettura, non è scultura, arte o pittura, non è nessuna di queste e allo stesso tempo è tutte quante assieme, ma soprattutto coincide con i codici, i simboli e gli stili di vita della società. È per questo che la sua realtà è un universo in continuo dive-

112

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

i

MUDEC DESIGN STORE

Milano, Via Tortona 56 designstore@mudec.it Tel. 02.84293707

®OSKARDA RIZ


®CIBIC

®VINCENZO BRUNO

nire, un immenso laboratorio costantemente in fervida attività che affascina e conquista per la sua poliedricità. Animato da artisti e creativi, alchimia perfetta di talento, genialità, inventiva, funzionalità ed estetica si concretizza in oggetti, décor, complementi di stile e arredi che vivono con noi e si fanno interpreti dei nostri desideri e delle nostre esigenze diventando parte del nostro quotidiano. Una premessa doverosa che spiega l’irresistibile appeal del design, sempre più protagonista della realtà artistica e culturale con mostre, eventi e spazi esclusivi. Testimonianza ne sia uno dei suoi “templi”, location di sogno per appassionati, semplici curiosi, esteti e veri addicted: il Mudec Design Store. Ospitato negli ambienti del Mudec, il Museo delle Culture di Milano, nella zona ex-industriale dell’Ansaldo, sede espositiva di grande mostre internazionali e del patrimonio etno-antropologico del Comune della città, vuole essere un punto di riferimento per le tendenze del design contemporaneo. Concepito come una “wunderkammer”, riunisce oggetti inediti e spettacolari, vere meraviglie provenienti da tutto il mondo firmate da creatori celebri, artisti affermati o giovani emergenti, pezzi unici o in edizione limitata spesso proposti in esclusiva, perfetti da regalare e da regalarsi. Cosa si può trovare allo store? Premesso che la selezione dei pezzi si arricchisce e cambia nel tempo essendo in continuo dive-

N°10 OTTOBRE 2015

|

DAILYLUXURY

|

113


®VINCENZO BRUNO

116

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

®DROCCO & MELLO

®JAYME HAYON

nire per offrire una vera e propria vetrina sempre aggiornata e qualificata cui fare riferimento per il design di oggi, le opere presenti sono tantissime. Spaziano dai gioielli di Cleto Munari ai vetri di Massimo Lunardon e Vanessa Mitrani; dagli oggetti bizzarri e unici di Matteo Cibic al tappeto in edizione limitata di Matali Crasset; dalla lampada Perished di Studio Job alla glass bench di Ron Gilad; dalla riedizione dello storico vaso “Cro” di Anna Gili alle maschere di Jaime Hayon e allo specchio ‘Miraggio’ dei Fratelli Campana. Ma non è tutto. Accoglie anche una raffinata scelta di volumi di editori internazionali e mette a disposizione dei visitatori il suo know-how per supportarli nella ricerca del “must have” desiderato. Novità recente poi, l’allestimento all’interno della location di percorsi tematici di durata trimestrale che permetteranno di scoprire temi specifici legati al museo e alle sue esposizioni temporanee. Basta tutto questo per programmare una visita? Noi non abbiamo resistito al richiamo e al fascino del design d’eccezione. ■

®DROCCO & MELLO

®DROCCO & MELLO

®JAYME HAYON

®CATTELAN

®CATTELAN

DESIGN


®VANESSA MITRANI

®CLARA PETERS

®JAYME HAYON

®TONIA HAWKES

®VALENTINA SCIUMÈ

®CIBIC

®CLETO MUNARI

®CLETO MUNARI

®INEKE

®INEKE


FOOD

DA GUSTARE

CON GLI

OCCHI @

www.carlwarner.com

M A R I NA SA N T I N

Sembrano normali dipinti, ma, osservandoli, scopri che foreste, montagne, villaggi, marine sono fatti pane, frutta, verdura, formaggi, pesce, salumi… Sono gli affascinanti Foodscapes del fotografo Carl Warner, paesaggi alimentari dall’atmosfera di fiaba realizzati con l’intento di promuovere un’alimentazione più sana, per adulti e bambini.


@COPYRIGHT

A

LBERI FATTI DI BROCCOLI, PEPERONI, PISELLI E BASILICO; montagne e rocce di pane

e patate, nuvole di cavolfiore e mozzarella; cespugli di prezzemolo e basilico; villaggi di formaggio; mari di fette di salmone; casette e carretti di grissini; mongolfiere di frutta e legumi; montagne di mortadella, cascate e fiumi di prosciutto e strade di salame fiancheggiate da alberi di bacon; e, ancora paesaggi invernali con vette di cioccolato, e tanta neve di zucchero a velo! No, non stiamo delirando, stiamo semplicemente ammirando i “Foodscapes” del fotografo inglese Carl Warner, paesaggi alimentari realizzati utilizzando solo cibo e ingredienti naturali. Un mondo fantastico, ironico e stupefacente che Warner mette in scena alleando creatività e talento, declinato in paesaggi di fiaba ritratti con tecniche che fanno cadere nell’in-

ganno di trovarsi di fronte a un vero paesaggio naturale. Solo osservando attentamente ci si accorge delle vere componenti dell’opera. “Tendo a disegnare un paesaggio molto convenzionale racconta - perché ho bisogno di ingannare lo spettatore e fargli pensare che si tratti di una vera e propria scena, almeno a prima vista. È quando realizza che gli ingredienti sono reali che viene da sorridere, e per me questa è la parte migliore!”. Chi è Carl Warner? Inglese di Liverpool, classe 1963, inizia fin da piccolo a dedicarsi alla pittura, studia arte e vuole fare l’illustratore, ma durante il suo percorso scopre che le sue idee e la sua visione si adattano di più ad altri mezzi di comunicazione visiva e si appassiona alla fotografia. Si trasferisce a Londra e frequenta corsi di fotografia, cinema e televisione e inizia a lavorare come fotografo pubblicitario. Ma questa professione gli va un po’ stretta e, deluso, inizia a cercare un’alternativa. La soluzione arriva per caso e


120

|

DAILYLUXURY

|

N°10 OTTOBRE 2015

@COPYRIGHT

@COPYRIGHT @COPYRIGHT

all’improvviso: “Un giorno stavo passeggiando al mercato - ricorda - e ho visto dei funghi Portobello incredibili. Guardandoli mi sembravano degli alberi giganteschi. Li ho comprati e portati nel mio studio con pochi altri ingredienti (riso e fagioli), ho preso la macchina fotografica e acceso le luci per vedere se riuscivo a creare sul mio tavolo un paesaggio in miniatura. Era nato il mio primo “foodscape” (“Mushroom Savannah, 1999) ed eccomi qui, dopo più di 15 anni e con un book di oltre 70 immagini”. A spronarlo nella nuova avventura anche la convinzione che “il cibo e gli alimenti sono un materiale organico che ha analogie sorprendenti con il mondo naturale. Inoltre sono qualcosa con cui la gente si relaziona facilmente e a cui tutti possono appassionarsi e, non ultimo, io stesso sono un big foodie, mi piace mangiare e godere dei piaceri della buona tavola”. Come nascono i suoi capolavori “golosi”? Sono il frutto di uno studio attento e di una progettazione meticolosa. Tutto inizia con un’idea che arriva da qualcosa che ha visto, da un’immagine o da un ingrediente (“è divertente sorprendere lo sguardo divertito della gente che ti guarda mentre osservi per ore frutta, verdura, dolci e pesce fresco…”, rivela). Poi realizza un bozzetto su carta e si mette alla ricerca (affiancato dai food stylist che collaborano con lui) degli ingredienti più adatti, al Borough Market (“il posto migliore per ispirarsi agli alimenti di stagione”), oppure ai mercati asiatici di Brick Lane e China Town nel West End (“perfetti per scoprire cose nuove e insolite”). Porta tutto in studio e su un grande tavolo triangolare inizia la composizione. È un lavoro lento, fatto di precisione e di cura dei dettagli, il cibo si deteriora o si secca sotto le luci ed è necessario essere rapidi. Per questo si procede “a strati”, fotografando gli elementi separatamente, si inizia dal primo piano per arrivare allo sfondo e al cielo, un livello alla volta, per ricreare una prospettiva veritiera e ovviare al deperimento del cibo. Ogni componente poi viene riunita in post produzione. Un’immagine può richiedere anche due o tre giorni di lavoro e altrettanti l’elaborazione al computer del risultato finale. E se gli si chiede perchè ama il suo lavoro, risponde che “è una grande soddisfazione vedere come la gente guarda le tue foto e sorride quando si rende conto di quello che effettivamente sono”. E che esiste anche una parte piacevole, il giocare con il cibo e il mangiarlo. “Una volta ho costruito un intero treno di cioccolato, ma c’è voluto così tanto tempo che continuavo a mangiare tutto il cioccolato!”. Come in ogni professione c’è un lato positivo ed uno negativo. La parte migliore è “quando guardo il lavoro finito attra-

@COPYRIGHT

FOOD


@COPYRIGHT

@COPYRIGHT

@COPYRIGHT


verso l’obiettivo della macchina fotografica vedere quello che avevo immaginato prendere vita davanti ai miei occhi”, quella peggiore “dover utilizzare ingredienti non proprio “piacevoli”, come il pesce e, dopo, dover pulire tutto il set. Un’esperienza memorabile l’ho avuta proprio con il pesce usato per ricreare un paesaggio marino. Abbiamo lavorato tutto il giorno e a lavoro finito, il paesaggio era davvero puzzolente. Con il tempo c’eravamo abituati all’odore ma non ci eravamo resi conto di quanto anche noi puzzassimo. L’ho capito quando mio figlio mi è venuto a prendere in stazione, e una volta salito in macchina ha aperto il finestrino e guidato con la testa fuori. Rido ancora pensando a chi era con me sul treno e ha sopportato in silenzio!”. “Fishscape” però è la sua immagine preferita. “È stata la più difficile da realizzare (oltre che la più puzzolente) perché bisognava fare tutto in un giorno per l’odore e la freschezza del pesce e perché ricreare l’illusione di un luogo reale e non è stato facile, ci sono stati momenti in cui ho pensato che non ci sarei riuscito. Ad esempio, per rendere l’idea della scia lasciata dai pescherecci pensavo di utilizzare solo dei pesci piccoli, ma quando ho visto il risultato, sembrava solo dello spazio riempito, non assomigliava ad un’onda. La soluzione l’ha trovata il mio food stylist che ha tagliato dei filetti di salmone sovrapponendovi delle aringhe. È bello questo lavoro di squadra, è questa collaborazione tra tutti i membri del mio team che porta il mio lavoro ad un livello superiore”. C’è chi l’ha criticato incolpandolo di sprecare il cibo, ma la realtà è diversa. Tutti gli ingredienti dei suoi paesaggi vengono divisi con il suo staff oppure donati a enti che si occupano di senzatetto. Un’iniziativa lodevole, come lodevole è l’obiettivo che si prefigge con il suo lavoro, protagonista anche di libri-meraviglia dei quali uno dedicato ai bambini. “Uso le mie immagini per incoraggiare un’alimentazione più sana, per promuovere un approccio “healty” alla nutrizione e per modificare il rapporto spesso conflittuale che si ha con la tavola. Iniziando proprio dai più piccoli incoraggiandoli a scoprire cibi “buoni” educandoli a guardare al cibo in modo diverso” diverso”. Giunti a questo punto, non resta che tuffarsi nei paesaggi mozzafiato del nostro artista dell’obiettivo, da gustare con gli occhi per scoprire che la vera magia è nella quoti■ dianità. @COPYRIGHT

@COPYRIGHT

FOOD

122

|

DAILYLUXURY

|

N°6 GIUGNO-LUGLIO 2015


EDIZIONE CARTACEA

EDIZIONE DIGITALE

EDIZIONE CARTACEA

EDIZIONE DIGITALE

SCEGLI IL TUO ABBONAMENTO ABBONARSI A DAILY LUXURY SIGNIFICA IMMERGERSI PER 365 GIORNI NELL’UNIVERSO-MERAVIGLIA DEL LUSSO-BELLEZZA. PUOI SCEGLIERE DI ABBONARTI ALLA RIVISTA CARTACEA, ALL’EDIZIONE DIGITALE (SCARICABILE SIA DA IPAD SIA DAL TUO COMPUTER) O A TUTTE E DUE.

EDIZIONE CARTACEA

14€

30€

20€

ALL’ANNO

EDIZIONE CARTACEA

EDIZIONE DIGITALE

ALL’ANNO

EDIZIONE DIGITALE

VISITA LA PAGINA WWW.DAILYLUXURY.IT/ABBONAMENTO PER SCOPRIRE TUTTE LE OFFERTE DISPONIBILI SCARICA L’APP GRATUITA PUOI PAGARE CON: CARTA DI CREDITO • PAYPAL BONIFICO BANCARIO • BOLLETTINO POSTALE

ALL’ANNO

WWW.DAILYLUXURY.IT SCEGLI IL TUO DISPOSITIVO

SCEGLI TRA I NOSTRI CANALI DAILY LUXURY. LA BELLEZZA È LUSSO QUOTIDIANO... ON-LINE



DAILY LUXURY • n.10 ottobre 2015