Page 1

Montefeltro di Pietra

Progetto di Valorizzazione del Patrimonio Culturale del Comune di Maiolo (RN)

Figura 1: Maiolo tratto da: Città e Castella (1626) tempere di Francesco Mingucci.

Via Campo di Lago, 5 - 47863 Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com Website http://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 1

Direzione Scientifica affidata al Dott. Enrico Ravaioli

Progetto a cura di:

Dott. Tommaso Saccone Dott.ssa Cristiana Margherita

Con il patrocinio Gratuito di:

Comune di Maiolo

Provincia di Pesaro

Provincia di Rimini

Comunità Montana dell’Alta val Marecchia

Diocesi di San Marino e Montefeltro

Associazione culturale L’Umana Dimora

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 2

Fortificata sull'omonimo monte, la Rocca di Maiolo domina la Valle del Marecchia ed i percorsi che conducono a San Leo, comune della provincia di Rimini, in Emilia Romagna. A forma piramidale, l'altura si affaccia a strapiombo su un lato, mentre dall' altro la rocca ne occupa tutto il ciglio superiore. Sull' unico lato accessibile, la fortezza e' ben protetta dalla ripidità del pendio roccioso (Fig. 4).

STORIA

Le prime notizie storiche si hanno nell' 885, quando Maiolo e' sotto l'influenza della Santa Sede, al centro di una contesa tra il vescovo di Rimini e l'abate di San Marino. Nel 1150 Federico Barbarossa conferma il possesso della Rocca ad Antonio di Carpegna. (Documento probabilmente falso). Nel 1181 Maioletto e' soggetto alla famiglia dei Maiolo. In una relazione di Rimondini e Palloni scrivono che l'abitato era cinto di mura con un castellotorre in funzione di rocca. Nel 1193 Maiolo viene ceduta ai Camaldolesi ed in seguito alla Chiesa Feretrana, subito dopo, nel 1215 Maiolo e' governata dal figlio di Guglielmo di Maiolo. Nel 1220 la rocca ed il suo borgo passano direttamente sotto la protezione di Papa Innocenzo III. Nel 1233 Guglielmo di Maiolo si sottomette al comune di Rimini inseritosi a suo favore nella guerra tra Urbinati e Feltreschi. Nel 1259 Guido e Guglielmo, nipoti di Guglielmo di Maiolo, allacciano rapporti d'affari con i Malatesta. Nel 1308 terminata l'alleanza tra il Comune di Rimini e Maiolo, il monastero di San Donato di Gubbio cede la Rocca di Maiolo a Uguccio Rondazio ed a Paolozzo dei Faggiolani di Casteldelci; Uguccione della Faggiola rinforza la Rocca. Di questo intervento probabilmente è superstite il muro adiacente alla torre Nord Est, caratterizzato dalla mancanza di scarpa, secondo la tipologia costruttiva tipica degli inizi del XIV sec. Ad Uguccione segue il figlio Nerio; la Rocca in seguito passa nelle mani del vescovo feretrano, Claro Peruzzi che la perderà in favore del conte di Montefeltro. Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 3

Papa Innocenzo VI nel 1359 assegna al Cardinal Egidio d' Albornotz l'incarico di riconquistare le terre di dominio Pontificio e la Rocca torna ad essere amministrata da un vicario vescovile. Nel XV sec. scoppiano tumulti tra i Feltreschi ed i Malatesta, e Maiolo passa sotto l'ala dei Malatesta che la rafforzeranno ulteriormente: a questi interventi risalgono le due torri pentagonali e l'aggiunta di una cortina muraria a ridosso di quella precedente. Resterà' sotto il dominio Malatestiano fino alla metà del XVI sec. Nel 1463 con l'intervento di Papa Pio II e del Re di Napoli, Federico da Montefeltro riconquista Maiolo. Federico esegue dei lavori di rafforzamento della Rocca, dotando di cannoniere la torre Sud Ovest. Maiolo diventa uno dei castelli più forti e popolosi del Montefeltro e sotto il Ducato di Urbino si trasforma da vicariato a podesteria. Alcune fonti di questo periodo fanno supporre la presenza di un palatium, possibile residenza della famiglia signorile. Nel 1502 il territorio viene preso a tradimento da Cesare Borgia, che la restituisce al Duca Guidobaldo da Montefeltro. Nel 1508 con la morte di Guidobaldo si estingue la famiglia dei Montefeltro e la rocca passa a Francesco Maria Della Rovere. Con l'elezione di Papa Leone X il possedimento va a Lorenzo, investito Duca d'Urbino e Conte di Montefeltro, ma nel 1527 il territorio torna a Francesco Maria Della Rovere. Nel 1631 con l'estinzione dei Della Rovere il Montefeltro torna sotto il potere della Santa sede. A capo del Ducato viene posto Lorenzo Campeggi, nobile Bolognese, che rifortifica Maiolo e San Leo. Nel 1647 un fulmine colpisce il magazzino della polvere pregiudicando la struttura. Nella notte del 29 maggio 1700 una frana fece crollare gran parte della fortificazione addosso al borgo che venne praticamente distrutto. La popolazione venne così ridistribuita tra le frazioni di Maioletto, Poggio e Serra di Maiolo. Maiolo perde così la propria forza militare e politica, diminuendo di importanza nel parlamento della provincia.

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 4

L' EVOLUZIONE DELLE STRUTTURE MURARIE DELLA ROCCA DI MAIOLO

1.Obiettivi e metodo

Questo studio e stato condotto nell'estate del 2004 in occasione dei restauri della rocca. Le indagini erano indirizzate all'individuazione dei diversi interventi costruttivi che determinano l'attuale fisionomia della rocca. Sono state eseguite una serie di attività che si avvalgono della metodologia archeologica degli elevati: 1) analisi stratigrafica muraria; 2) definizione delle tipologie murarie.

2.Analisi stratigrafica.

La rocca di Maiolo è costituita da una cortina muraria PP2 che procede in direzione nord/ovestsud/est, delimitata da due torrioni a pianta poligonale, con alta base a scarpata. Nell'angolo nord si è conservata la parete PP13 che si collega al torrione T1. A difesa del lato nord rimangono resti di ambienti posti sul crinale e poco più sotto vi è un' altra piccola struttura difensiva. A sud/est si conserva un tratto di muro, PP6, posto a destra del torrione T2, che in origine proseguiva completando la difesa del sito.

Fase I ( XII-XIII sec. )

Della fase più antica rimane un frammento di muro all'interno del

torrione

nord/est

T2,

della

nel

lato

casamatta

inferiore ( PP14 ). Fig. 2: Evoluzione delle fasi murarie Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 5

Detto muro si appoggia direttamente sulla roccia ed è caratterizzato dalla presenza di conci ben squadrati e di medie dimensioni, sistemati in filari orizzontali e paralleli. A destra di questo tratto murario, si trovano conci che dovrebbero appartenere al muro che si è conservato nel lato sud, all'esterno del torrione PP6, e i quali si appoggiano al muro di prima fase. Quest'ultimo è coperto dalla parete e dalla volta del torrione, a sinistra e nel lato superiore.

Fase II ( prima metà del XIII sec. ? )

Ad una fase successiva, si possono datare la parete situata a destra del torrione T2 e molto probabilmente il setto murario a destra del torrione T1. Quest'ultima USM, però non si trova in rapporti stratigrafici diretti con il muro della fase precedente, la lavorazione del materiale da costruzione lo accomuna all'USM 94 (tipo 2a 2b). I conci appaiono ben squadrati in entrambe le pareti, anche se le pietre del muro a destra della torre T2 siano state erose dagli agenti atmosferici. A questa fase dovrebbero risalire, diverse buche ricavate nell'arenaria, che si trovano in posizione S/E della rocca, in prossimità di alcuni gradoni, a cui si ancorava l'estremità del fortilizio esistente ancora nel '600. A ridosso della cortina muraria centrale si trovano nella roccia altre buche, utilizzate come punto d'appoggio delle impalcature realizzate per la costruzione del muro, ma in questo caso, vista l'esistenza del doppio paramento è difficile stabilire a quale dei due interventi risalgano.

Fase III ( XIV secolo )

Questa fase è caratterizzata dal muro a scarpata che chiude il lato N/O della rocca, e prosegue all'interno del torrione. Da qui il muro è verticale e continuava in direzione S/E per raccordarsi con la parete della fase II. Il tipo murario è meno accurato dei tipi murari precedenti, in quanto è realizzato con pietre in arenaria sbozzate, di piccole e medie dimensioni, disposte su filari orizzontali e poco regolari. È frequente lo sdoppiamento dei corsi e l'inserimento di zeppe litiche nei letti ( tipo murario 3 ).

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 6

Fase IV ( XV secolo )

Le alte basi a scarpata dei due torrioni appartengono ad una fase successiva. Sono fornite da caditoie con foro stretto e alto, soprattutto nel T1, e di una bombardiera con apertura circolare. Le torri sono suddivise in casematte coperte con volte a botte provviste di aperture interne fruibili, in origine, attraverso scale di legno. A questa fase si riscontrano due tipi murari: il primo con filari leggermente più regolari, riscontrati nella T1 e nelle zone inferiori alla scarpata del T2; l'altro tipo con filari meno regolari, ed è presente nelle parti superiori non restaurate del torrione T2. Questa differenza indica due diverse fasi di cantiere appartenenti allo stesso intervento costruttivo, infatti il limite dei due pannelli murari non è caratterizzato da un taglio ma segue il piano di posa del filare in cui si trovano anche le buche pontaie. I torrioni si poggiano alle strutture di fase I, II e III, anche se per quanto riguarda la fase III si notano alcune caratteristiche comuni, come il tipo murario e la disposizione a scarpata dei muri.

L'ESPLOSIONE DELLA POLVERIERA DEL 1644

Viene spesso ricordato un incidente, stimato da Anton Maria Zucchi nel 1639 e da Filippo Ugolini nel 1647; un fulmine colpì il magazzino delle polveri provocando rilevanti danni alla fortezza. In realtà avvenne il 28 agosto 1644, ne venne subito informato sua Eminenza da lettere inviate dal castellano della rocca Federico Travagli, dal podestà di San Leo Francesco Maria Saginati e dal commissario del Montefeltro Cesare Atti. Il fulmine distrusse “il palazzo”, edificio contenente la polveriera, “una buona stanza grande” ed una cappella; danneggiò un tratto della muraglia ed il palazzo del castellano. Si provvide subito ad aumentare il numero dei soldati ed a iniziare le ricerche degli oggetti dispersi tra cui tutte le armi. Si provvide inoltre alla costruzione di un capanno per i soldati, rimasti senza riparo a seguito dell'esplosione; sappiamo da una lettera del commissario datata 5 ottobre 1644 che a questo scopo venne riutilizzato un torrioncello attiguo al luogo dell'incidente che aveva conservato tre piedi di elevato. E' stata inoltre rinvenuta una lettera del castellano di San Leo, Piersimone Azzolini, datata 10 settembre 1649 con importanti informazioni sul progetto di restauro e sulla funzione militare Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 7

della rocca (Fig.5). Vi è inoltre allegata una planimetria con cui si possono individuare i luoghi danneggiati e l'ubicazione del palazzo. Vi è infatti rappresentato un torrione pentagonale, con ogni probabilità quello sud-est, il palazzo doveva quindi trovarsi ad est del suddetto torrione ed occupare la parte estrema del pianoro. Vengono inoltre indicati forme e dimensioni del palazzo, triangolare e di passi 10 per 16, e del cortile situato tra il palazzo e la fortificazione, trapezoidale con basi di 10 e 13 passi ed ampiezza 14. Restano da collocare la casa del castellano, situata non lontano dal palazzo dato che venne danneggiata dai massi scaraventati dall'esplosione, ed il quartiere dei soldati probabilmente situato nei pressi della torre nord-ovest.

OSSERVAZIONI GEOLOGICHE SULLE FRANE A MAIOLO

Circa 35 milioni di anni fa, durante i movimenti orogenetici di sollevamento della crosta terrestre, dall'oceano della Tirrenide, al largo dell'attuale porto di Livorno, si sollevò un fondale di calcare zoogeno, formato da infiniti depositi di animali marini, vissuti circa 30 milioni di anni prima. Questa scogliera si mosse lentamente verso oriente, quasi galleggiando su un'immensa coltre d'argilla scagliosa. L'argilla è di natura vischiosa quando è imbevuta d'acqua e quindi favorisce lo slittamento dei corpi più solidi, come i massi calcarei. Lo spostamento verso est fu indotto per inerzia dal movimento di rotazione della Terra. Nella sua migrazione questo fronte si spezzò in vari frammenti che si fermarono in maniera sparsa nella zona del Montefeltro. Ecco l'origine della penna della Verna, della penna dei Billi, dei tavolati dei Sassi Simone e Simoncello, del masso di San Leo, delle tre penne di S. Marino. La struttura di Maiolo non ha la stessa origine, ma è legato allo stesso fenomeno di spostamento, al pari dei rilievi del monte Pincio di Talamello e del monte della Perticara. Infatti, tutte queste tre emergenze non sono di origine calcarea ma arenacea; siamo in un'epoca geologica più recente ed il bacino si trovava grossomodo al posto dell'attuale Toscana. Tuttavia anche queste grandi placche sono state coinvolte nell'immane fenomeno di spostamento migratorio delle argille scagliose, talora mischiandosi ad esse, o galleggiando sulle stesse, talora come a San Leo, addirittura sovrapponendosi alla roccia calcarea, a sua volta poggiante sull'argilla. Ma a Maiolo questa molassa arenacea è a diretto contatto con l'argilla. Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 8

Questi sono i motivi della sua instabilità sismica e l'origine delle sue numerose frane che nel corso dei secoli hanno modellato questo monte, fino all'ultimo tragico sfaldamenti dell'anno 1700.

STUDIO DEL BORGO DI MAIOLO

Nel 1500 Maiolo è una delle terre più popolose del Montefeltro e grazie al suo sistema fortificato, una delle più importanti. L'insediamento militare e le terre circostanti sono inglobati da mura, ciò indica che le terre sono di fondamentale importanza per la sopravvivenza del centro militare. Infatti, l'efficienza della rocca dipende dalle infrastrutture del territorio e dalla solidità della terra. Non bisogna però pensare che la popolazione di Maiolo fosse concentrata tutta all'interno delle mura; in questo luogo abbiamo un assetto urbano formato da piccoli nuclei abitativi sparsi per il territorio. Dal pieno medioevo le famiglie rurali vivevano in piccoli gruppi, per necessità del reciproco aiuto, sia nei lavori agricoli che per le esigenze di mutuo soccorso dei mesi invernali. Di grande interesse è un acquerello, prodotto da un autore anonimo, che ritrae, in maniera quasi fotografica, ogni edificio del nucleo fortificato di Maiolo prima che la frana lo distruggesse. Questo dipinto presenta una didascalia che consente di individuare con precisione quale utilizzo era fatto di ogni edificio: abitativo, amministrativo o di culto. Per eseguire uno studio dell'abitato e più precisamente per determinare il luogo quasi esatto della collocazione dei vari edifici nello spazio, si metterà in relazione quest’opera con il rilievo dell’insediamento in nostro possesso in modo da identificare quasi con certezza le evidenze ora presenti a quale edificio appartenevano in passato. Quest’azione ci permetterà di scoprire dove si trovavano i vari edifici e quindi poter scegliere su quali compiere un’indagine archeologica approfondita ed appropriata.

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 9

Fig. 3: Dipinto anonimo

MAJOLO Terra del Montefeltro, Stato d'Urbino, ora affatto rovinato sepolto con la maggior parte d'abitanti per uno staccamento di terra dal monte superiore e rupina dalla parte inferiore, seguito il 29 Maggio alle sei della notte seguente dopo un diluvio d'acqua che durò per lo spazio di ore quaranta, l'anno del Giubileo 1700, regnante Innocenzo XII, anno IX del suo Pontificato.

1- Porta di Rochino – Majoletto 2- Casa di Rochino 3- Casa Lorenzini 4- Casa Fiotti Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 10

5- Casa Monaldi 6- Casa Bartolini 7- Casa Gasperoni 8- Casa Comunale 9- Ospedale 10- S. Maria Chiesa Comunale 11- Casa Stacciarini 12- Casa Arigoni 13- Casa del Capo Poggi 14- Chiesa Pleb. Di San Biagio 15- Casa della Chiesa 16- Casa Bonsignori 17- Casa Zangolini 18- Porta di San Rocco 19- San Rocco (Fig. 6) 20- Casa Merluzzi 21- Porta di Sotto 22- Orti dei Merluzzi 23- Fenestrini del Pubblico 24- Porta di San Paolo 25- Chiesa Parrocchiale di San Paolo 26- Porta che conduce in San Paolo 27- Casa della Parrocchiale 28- Fonte e Lavello 29- Fonte della Pausatoia 30- Strada che porta alla Fortezza 31- Porta che porta al Forte 32- Fortezza 33- Casa Camagli

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 11

MONTEFELTRO DI PIETRA: LA ROCCA DI MAIOLETTO

ANALISI E VALORIZZAZIONE DEL CASTELLO DI MAIOLO

La Rocca di Maioletto rappresenta un’emergenza monumentale nell’ambito della Valle del Marecchia, intesa nel duplice significato del termine: emergenza come presenza significativa e di rilevanza architettonica-paesaggistica, ma anche emergenza come necessità urgente di valorizzare un monumento altrimenti ignorato dai consueti percorsi turistici, con il conseguente degrado. L’Associazione Culturale Minerva si propone di analizzare la Rocca di Maioletto ed il contesto ambientale circostante tramite un approccio multidisciplinare, volto in prima istanza allo studio conoscitivo del monumento, per giungere in un secondo momento alla valorizzazione del sito destinata ad una futura fruizione turistica.

FASE DI INDAGINE SUL CAMPO

L’approccio dello studio sarà estremamente critico e tale sarà anche la documentazione da noi redatta.

Rilievo strumentale plano-altimetrico delle strutture esistenti, mediante utilizzo integrato di stazione totale e/o gps

La necessità primaria nello studio della Rocca di Maioletto è rappresentata dalla documentazione accurata delle attuali condizioni di conservazione del sito, in modo tale da “congelare” un’immagine del monumento prima che il degrado materico già in atto comprometta la visibilità e la comprensione delle strutture. L’intervento di restauro eseguito in tempi recenti ha contribuito a conservare la parte sommitale della Rocca ed a preservarne l’integrità; tuttavia le strutture difensive localizzate lungo il pendio settentrionale e costituenti l’ingresso originario versano in condizioni conservative precarie, aggravate dall’azione della vegetazione spontanea.

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 12

L’intervento minimo auspicabile è quindi quello di documentare lo stato attuale di conservazione con un rilievo topografico di tutte le strutture esistenti, allo scopo di testimoniare l’entità monumentale della Rocca allo stato attuale e di perpetrarne la memoria.

Creazione di modello digitale del terreno (DTM) e di modello virtuale tridimensionale della Rocca:

La necessità di analizzare la Rocca in rapporto al contesto ambientale in cui si trova necessita uno strumento capace di rappresentare al meglio il valore morfologico dell’area, permettendo una visione d’insieme che coinvolga tutti gli elementi del paesaggio, siano naturali oppure antropici. La modellazione digitale del terreno e la ricostruzione tridimensionale della Rocca consentono di ottenere uno strumento conoscitivo versatile, utile sia per lo studio del complesso monumentale sia per la divulgazione turistica (Fig. 7).

Analisi stratigrafica degli elevati:

Prevede lo studio delle strutture murarie esistenti e l’analisi delle trasformazioni subite dalle stesse nel corso del tempo, volta alla comprensione delle dinamiche che hanno concorso all’aspetto attuale del monumento. Nella pratica si tratta di un’elaborazione delle piante e dei prospetti precedentemente realizzati con indicazione di tutte le attività distruttive e costruttive che nel tempo hanno interessato le strutture della Rocca, allo scopo di ricreare la sequenza di vita della stessa.

Indagine geofisica con ausilio di georadar:

L’indagine geofisica, eseguita con tecnologia Ground Penetration Radar, è non invasiva ed è volta alla conoscenza del sottosuolo, in particolare all’individuazione di strutture sepolte e di eventuali ambienti sotterranei di cui s’intuisce l’esistenza, restituendo una mappatura precisa dell’interno della Rocca (Fig. 8). Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 13

Scavo archeologico stratigrafico di alcuni saggi, individuati su indicazione delle suddette indagini:

Al termine delle indagini non invasive, nel caso in cui si siano evidenziate anomalie nel corso dell’indagine georadar, sarebbe opportuna l’apertura di alcuni saggi di scavo archeologico all’interno della Rocca, per verificare situazioni che potrebbe essere opportuno approfondire in previsione della futura valorizzazione del sito.

FASE DI ELABORAZIONE DATI

L'elaborazione dei dati di scavo potranno essere integrati mediante una piattaforma Web Gis, in modo da poter essere consultata in maniera immediata con un risultato sicuramente più efficace della documentazione cartacea. Dove possibile l'associazione si propone di utilizzare software open-source, in modo da annullare i costi dei programmi informatici stessi. I materiali che verranno trovati saranno studiati e catalogati in maniera scientifica; l'associazione si propone di far in modo che essi non lascino il territorio, cercando loro una collocazione adeguata all'interno del Montefeltro. Gli apparati difensivi saranno rilevati e confrontati, in maniera critica, con altri presenti nel territorio feltresco, romagnolo e marchigiano, in modo da poter collocare le varie fasi degli stessi in una linea cronologica attendibile.

FASE DI VALORIZZAZIONE DEL SITO

Per valorizzare l'intera area interessata dai lavori, proponiamo l'allestimento di un percorso didattico-turistico, con adeguamento della sentieristica esistente e messa in sicurezza della stessa, con la creazione di aree di sosta attrezzate e punti informativipanoramici.

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 14

Il percorso sarà caratterizzato con l'allestimento di una pannellistica illustrante la storia del sito, le strutture visibili, le indagini svolte, il contesto ambientale ed il territorio circostante.

LE TECNOLOGIE DIGITALI PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DI MAIOLO

Il progetto Heritage On-Line nasce dal desiderio di alcuni laureati in Conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Bologna, che, dopo aver valutato con attenzione il panorama culturale dell’Italia Centrale, hanno deciso di creare un sistema per la gestione, l’archiviazione e ricerca delle informazioni culturali. Il sistema è utilizzabile da qualsiasi Ente, Associazione o Individuo che lavora nel campo della ricerca, della valorizzazione e della tutela del Patrimonio Culturale. Questa ricchezza purtroppo, in Italia, viene spesso gestito in maniera inappropriata e a costi eccessivi; se questa mentalità cambiasse avremmo a disposizione una risorsa inestimabile, da utilizzare per rilanciare l’economia della Nazione.

Il progetto Heritage on-line nasce da una prima analisi del Patrimonio Culturale e da una sua suddivisione in due grandi gruppi: il Patrimonio Tangibile e quello Intangibile. Come Patrimonio

Tangibile definiamo

tutte

quelle

evidenze

archeologiche,

architettoniche e museali che raccontano la storia di ogni territorio nel mondo, mentre il Patrimonio Intangibile è costituito dalle infinite manifestazioni culturali come: convegni, conferenze, concerti e mostre temporanee. Internet e le nuove tecnologie digitali ci permettono di rendere queste manifestazioni accessibili a tutti e replicabili infinite volte. Abbiamo quindi creato un sistema che, grazie all’uso delle nuove tecnologie e delle moderne metodologie di valorizzazione e comunicazione del patrimonio culturale, darà la possibilità a qualsiasi Ente, pubblico o privato, di rendere fruibile, in modo concreto e diretto, il Patrimonio Culturale e fare in modo che esso diventi realmente un bene comune ed una risorsa per il Territorio. Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 15

Maiolo e il suo Patrimonio Culturale sarà una delle prime applicazioni di questa metodologia per la comunicazione e la valorizzazione delle informazioni culturali. La mappa satellitare (Fig. 9), ogni articolo relativo ai Beni Culturali del piccolo borgo e le relazioni dei nostri lavori a carattere archeologico sono accessibili con qualsiasi SmartPhone grazie all’uso dei QR-Code. Se questi codici fossero posti all’esterno degli edifici storici a cui si riferiscono si avrebbe un servizio estremamente utile ai turisti in visita. Al momento è possibile visualizzare le informazioni solo in lingua Italiana ma, se la politica dimostrasse un reale interesse al progetto possiamo proporre le stesse informazioni anche in lingua Inglese.

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 16

Tavole del Progetto Montefeltro di Pietra

Fig.4: Foto delle aerea della sommità del monte.

Figura 5: Planimetria allegata alla lettera dell’Azzolini (Archivio Stato Pesaro n. 184 del 9 agosto 2007)

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 17

Fig. 6: Oratorio di San Rocco

Fig. 7: Esempio Rendering 3D (La Basilica di S. Severo, Ravenna) a cura del Dott. Massimiliano Montanari

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 18

Fig. 8: Attività Geofisica sul campo

Fig. 9: Carta satellitare con alcuni punti di interesse usata per rappresentare le evidenze archeologiche e storico artistiche

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html


Pag. 19

Bibliografia

Berardi D. et al., 1999, Rocche e castelli di Romagna, Imola.

Cerioni C., Cosi C., 2006, L’evoluzione delle strutture murarie della rocca di Maiolo. Un contributo archeologico, in Studi Montefeltrani, 28, San Leo, pp. 67-88.

Lancioni S., 2008, Maiolo 1644: “Oggi sul mezzo giorno è caduta una saetta”, in Studi Montefeltrani, 30, San Leo, pp. 59-66.

Lombardi F. V., 1991, La tragica frana di Maiolo dell’anno 1700, in Persi P., Veggiani A., Lombardi F. V., Battistelli M., Renzi G., Allegretti G. (a cura di), Le frane nella storia della Valmarecchia, Atti del 1. Convegno sulla difesa del suolo nella Valmarecchia "La memoria storica del dissesto" : Sant'Agata Feltria, 27 ottobre 1991,

Via Campo di Lago, 5 - 47863

Novafeltria, pp. 39-58.

Novafeltria (RN)  Telefono: 333.5634791  P. iva 03874040409 Mail tommaso.saccone@gmail.com

websitehttp://asscultminerva.altervista.org/index.html

Montefeltro di Pietra  

Progetto di valorizzazione della rocca di Maiolo (RN)

Montefeltro di Pietra  

Progetto di valorizzazione della rocca di Maiolo (RN)

Advertisement