Page 1

Anno

XIV

n. 592 Venerdì 23 Gennaio 2015 Settimanale in pdf www.heos.it

HEOS

.it

Il Sistema Solare potrebbe avere due pianeti in più

I CEBI DAI CORNETTI RISCHIANO, MA NON D’AZZARDO

“NANOFORART” CONSERVARE LE OPERE D'ARTE ANTICHE


Sommario PRIMO PIANO

3

MIT, ECCO LE PRIME FIBRE NERVOSE SINTETICHE ATTUALITÀ

4 5

GRAFITE ESPANSA PER PILE A COMBUSTIBILE PIÙ ECONOMICHE IL TECNOPOLO DI MIRANDOLA IL FUTURO DELL’EUROPA CHE INVECCHIA AMBIENTE

6 7

LE ESTINZIONI DEL PASSATO INDICANO LA ROTTA FUTURA PER SALVARE GLI OCEANI LA MATEMATICA E LA SOSTENIBILITÀ DELLA PESCA IN EUROPA TECNOLOGIA VERDE PER UN MIGLIORE CONTROLLO TERMICO TECNOLOGIA

8

“NANOFORART” PER CONSERVARE LE OPERE D'ARTE ANTICHE

10

UNA DIMENSIONE SPAZIO-TEMPORALE PER GLI OROLOGI OTTICI “SOLGAIN”, CELLE SOLARI PIÙ EFFICIENTI E MENO COSTOSE SCIENZE

11 12

I CEBI DAI CORNETTI RISCHIANO, MA NON D’AZZARDO MICROROBOT, A SCUOLA DI NUOTO SALUTE

13 14

AL LAVORO PER UN VACCINO CONTRO L'HELICOBACTER PYLORI IL CERVELLO E IL RECUPERO DELLA VISTA SPAZIO

15 16

IL SISTEMA SOLARE POTREBBE AVERE DUE PIANETI IN PIÙ SUL PARANAL NUOVI TELESCOPI CERCANO ESOPIANETI FOCUS

17

2050: 400 SPECIE SENZA FUTURO WEEKEND

18

CASTELL'ARQUATO, IL BORGO DEGLI INNAMORATI CULTURA

20

“A OCCHI SPALANCATI”

In copertina, immagine artistica dei due misteriosi pianeti ai margini del Sistema solare (foto nasa.gov)

HEOS.it

Newsletter settimanale di scienze politica cultura Direttore responsabile Umberto Pivatello Aut. Tr. Verona n°1258 -7 Marzo 1997 Roc n. 16281 Redazione Heos.it Via Muselle,n. 940 - 37050 Isola Rizza - Vr (It) Tel +fax +39-045-6970187 345 9295137 E-mail heos@heos.it www.heos.it

2 - n. 592 | Venerdì 23 Gennaio 2015

www.heos.it


PRIMO PIANO

Regaliamoci un libro

KHOMEINI, DE SADE ED IO

IMPIANTATE NEL CERVELLO,

TRASMETTONO PIÙ SEGNALI SIMULTANEAMENTE

Una storia di amore, libri proibiti e rivoluzione di Abnousse Shalmani

MIT, ECCO LE PRIME

Rizzoli 11/2014, pp.318, € 18,00

FIBRE NERVOSE SINTETICHE

Cosa c’è in me di così spaventoso da volerlo coprire? Che cos’ho che non va?” È il 1983, e Abnousse ha sei anni quando per la prima volta si ribella ai guardiani della Rivoluzione spogliandosi e correndo nuda per il cortile della sua scuola a Teheran. Per suo padre, un intellettuale liberale che ha scelto di crescerla incoraggiando la sua ostinazione, l’esilio è l’unica via d’uscita: “Non si può fare granché quando si è prigionieri. Bisogna liberarsi. È impossibile negoziare la propria libertà. La si sceglie e la si prende”. A Parigi, però, Abnousse scopre che la libertà è profondamente diversa da come se l’era sognata, e questa volta è con la letteratura che sceglie di combattere i “signori della morale”: è nei libri infatti che scopre un mondo unico, dove uomini e donne sono uguali, dove a forza di letture, dibattiti, dubbi ed esperienze, le eroine possono vivere la vita quale dev’essere, liberata da pregiudizi, paure e convenzioni. Può la semplice lettura di un romanzo diventare un atto politico? Sì, se come ha scritto Nabokov “la curiosità è insubordinazione allo stato puro”. Dalle parole trasformate in carne degli scrittori libertini ai Versi Satanici, da Colette a Victor Hugo, da Simone De Beauvoir a Madonna, questo è uno straordinario libro sui libri, una storia di resistenza contro l’oppressione, un’appassionata rivendicazione del diritto alla libertà.

U

n gruppo di 10 ricercatori del Mit (Massachussets Institute of Technology, Boston Usa) ha messo a punto fibre nervose sintetiche simili a quelle umane. Sono più sottili di un capello e possono essere impiantate nel cervello senza effetti negativi per i tessuti limitrofi. Si comportano come le le fibre nervose naturali, per cui possono trasportare nel cervello allo stesso istante varie tipologie di segnali - elettrici ed ottici - e farmaci. Le attuali sonde neurali convenzionali invece sono progettate per trasportare un solo segnale per volta. La tecnica. I ricercatori sono riusciti a costruire la composizione voluta dei canali dentro la fibra, dove le onde ottiche guidano la luce, i tubi cavi trasportano i farmaci e gli elettrodi conduttori i segnali elettrici. I polimeri sono poi scaldati finché non diventano malleabili, in modo da essere inseriti in una fibra sottile. Attraverso la combinazione di canali diversi in una singola fibra i ricercatori sono riusciti a tracciare con precisione l'attività dei neuroni e registrare l'effetto dei farmaci, anche ai fini del trattamento di malattie neurologiche. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology. (Red) In alto nella foto, un membro del gruppo di ricerca del Mit, mostra un campione della fibra multifunzione (Foto: Melanie Gonick / http://newsoffice.mit.edu/)

“La prima parola che pronunciò l’angelo Gabriele di fronte a Maometto che lo ascoltava era: Leggi. In nome del Signore, leggi. Limpido. Ho fatto come mi è stato detto, ma ho intenzionalmente sbagliato libro.” L'autrice. Abnousse Shalmani è nata a Teheran nel 1977. Regista e giornalista di Teheran, cresciuta in esilio a Parigi dove, per sfuggire alla repressione della Repubblica Islamica, la sua famiglia è emigrata nel 1985. Dal rifiuto del velo alla scoperta della letteratura come atto politico: il libro-diario racconta la scoperta della cultura, dell'impegno e della provocazione come uniche strade per l'emancipazione dei popoli. (Red)

NAVIGARE SU UNA MISTERIOSA SUPER-TERRA appresentazione artistica di un gigante gassoso che sorge sopra l'orizzonte R di una superTerra, un mondo alieno ricco d'acqua. Una nuova ricerca dimostra che gli oceani d'acqua presenti in super-Terre, una volta stabilizzati, possono durare miliardi di anni, tutto il tempo necessario per lo sviluppo di forme di vita intelligenti. (Immagine di David A. Aguilar / CfA /harvard.edu)

3 - n. 592 | Venerdì 23 Gennaio 2015

www.heos.it


CRONACHE

GRAFITE ESPANSA PER PILE A COMBUSTIBILE PIÙ ECONOMICHE

A

lcuni scienziati finanziati dall'UE hanno inventato un metodo nuovo e notevolmente più economico per produrre pile a combustibile. Le piastre bipolari (BP) sono un componente chiave dei sistemi di pila a combustibile con membrana a scambio protonico (PEMFC) e rappresentano circa l'80 % del loro volume. Rendendole solide, ma più sottili e più leggere, si risparmierebbe notevolmente sui costi delle PEMFC e si potrebbero acquisire più facilmente quote più ampie del mercato di massa. I finanziamenti erogati dall'UE al progetto di ELECTROCHEM denominato “Fuel cell stack assembly and diagnostics”, hanno consentito agli scienziati di ricercare modalità per ridurre le dimensioni, il peso e il costo dello stack. L'attenzione si è concentrata, in particolare, sulla riduzione dei costi con materiali esistenti e sullo sviluppo di

Sopra, pila a combustibile con grafite espansa

nuove tecnologie di produzione che dovrebbero migliorare il rendimento e la qualità. Il lavoro perciò si è indirizzato allo sviluppo di BP da grafite espansa. Gli scienziati hanno caratterizzato materiali di grafite con resina in relazione alle loro proprietà meccaniche, alle conduttività elettriche, alla resistenza alla corrosione e agli angoli di contatto. I materiali compositi sono stati preparati tramite stampaggio per compressione e vulcanizzazione. Rispetto alle BP realizzate con materiali disponibili in commercio, quelli compositi di grafite hanno evidenziato un livello superiore di resistenza dei materiali e conduttività elettrica e una minore resistività elettrica e rigidità. Inoltre, sono risultati più sottili e leggeri. Le piastre così fabbricate sono state anche caratterizzate in termini di prestazioni elettrochimiche in un ambiente di pila a combustibile, in conformità ai protocolli di sperimentazione sulle pile a

combustibile. Gli scienziati hanno eseguito le misurazioni in un assemblato membrana-elettrodi (MEA). Grazie a uno spessore di BP di circa 1,5 mm, sono riusciti a ottenere prestazioni addirittura di 1 W/cm2. Per ottenere 100 W di potenza netta, sono stati necessari almeno 25 MEA. ELECTROCHEM è stato utile alla Turchia nel suo percorso di acquisizione di tecnologie relative all'energia basata sull'idrogeno. Ha anche consentito all'istituto partner di aumentare ulteriormente la sua capacità, testando e caratterizzando non solo le BP, ma anche altri materiali PEMFC. Dovrebbe quindi contribuire a ulteriori progressi nella ricerca futura su pile a combustibile e materiali. (Red) http://cordis.europa.eu/result/ rcn/151040_en.html

RASSEGNA STAMPA. LA VIGNETTE DELLA SETTIMANA Corriere.it 23 Gennaio

Corriere.it 22 Gennaio

Ilfattoquotidiano.it 23 Gennaio

4 - n. 592 | Venerdì 23 Gennaio 2015

www.heos.it

Italiaoggi.it 23 Gennaio


SISTEMA INTEGRATO TRA AZIENDE DISTRETTO BIOMEDICALE ED UNIVERSITÀ

IL TECNOPOLO DI MIRANDOLA

O

perativo il Tecnopolo di Mirandola. Si configura come un luogo dove imprese e competenze scientifiche lavorano e crescono insieme svolgendo un modello di acceleratore e moltiplicatore di opportunità. Il Tecnopolo, parte strategica del Parco scientifico e tecnologico, completa il Campus del Biomedicale mirandolese, costituito da Istituti Scientifici e Tecnici, dalla Fondazione ITS (formazione post-diploma) per il Biomedicale, dal laboratorio a supporto di Istituti scolastici e ITS e dall'incubatore di impresa; quindi palestra, biblioteca e auditorium, ai quali si andrà ad affiancare anche un centro per l'accoglienza di giovani ricercatori. Sempre sul Biomedicale è stato attivato anche un master dell'UNIMORE. Il Tecnopolo, gestito dalla Fondazione Democenter, mira a diventare un luogo dove ragionare di ricerca e innovazione, dedicato alla crescita competitiva e allo sviluppo dell'attrattività nei confronti di giovani talenti e di competenze scientifiche. Ospita tre laboratori organizzati e gestiti con UNIMORE: Tossicologia e proteomica (ToP); Microscopia applicata e biologia cellulare

(MaB) e Materiali, sensori e sistemi (Ms2). Il Tecnopolo è inoltre la porta di accesso a tutte le competenze espresse dalla Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia Romagna, opera in connessione con la Sanità provinciale e regionale, ed è nodo di collegamento con network nazionali ed internazionali. Rappresenta quindi un sistema unico in Emilia Romagna, tra i pochi in Italia, organizzato su un modello integrato fatto di ricerca, formazione, incubazione d'impresa e servizi avanzati. L'indirizzo strategico del Tecnopolo viene assicurato dallo Steering Committee. La struttura è costituita da 18 persone, 13 delle quali impegnate direttamente nei laboratori. Il Tecnopolo di Mirandola è stato realizzato con fondi della Regione Emilia-Romagna, della Fondazione Democenter e della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola all'interno dello stabile messo a disposizione dal Comune di Mirandola. (Red) http://www.magazine.unimore.it/

IL FUTURO DELL’EUROPA

re, le persone anziane possono rimanere attive e indipendenti più a lungo. Svolgendo prove e dimostrazioni di nuovi modelli e strumenti per la salute e l’assistenza sanitaria, è possibile tentare di assicurare lo sviluppo di sistemi adeguati per sostenere i bisogni delle persone anziane.

CHE INVECCHIA I bambini nati dopo il 2011 hanno una possibilità su tre di festeggiare il loro centesimo compleanno. Negli ultimi vent’anni, l’aspettativa di vita delle persone è aumentata in media di sei anni in tutto il mondo.

C

on il rapido avanzare della medicina e il miglioramento continuo degli standard di vita, questa tendenza è destinata a continuare. Si stima che entro il 2020 un quarto degli europei avrà più di 60 anni, mentre il numero di persone ultrasessantenni crescerà del 70 % entro il 2050. I sociologi avvertono che questi dati, associati ai bassi tassi di natalità, causeranno un sostan-

ziale cambiamento nella struttura della nostra società, con un conseguente impatto sulla nostra economia, sui sistemi di assistenza sociale e sanitaria, sul mercato del lavoro ecc. Sulla base di questo scenario, quanto è preparata l’Europa per soddisfare le esigenze di una popolazione che invecchia? Attraverso Orizzonte 2020, la ricerca e l’innovazione dell’UE intendono dotarci degli strumenti necessari per affrontare le molte sfide poste dall’invecchiamento europeo. Ad esempio, sviluppando nuove tecnologie quali le app orientate ai pazienti o i robot per il monitoraggio e l’assistenza domicilia-

5 - n. 592 | Venerdì 23 Gennaio 2015

Durante i primi due anni del (programma di lavoro 2014/15) di Orizzonte 2020, l’UE sta investendo 1.200 milioni di euro per la sfida sanità, cambiamenti demografici e benessere. Nello stesso periodo, il programma AAL (Ambient Assisted Living) fornirà supporto alla ricerca orientata al mercato e alle PMI, collaborando con il partenariato europeo per l’innovazione sull’invecchiamento attivo e in buona salute EIP-AHA (European Innovation Partnership on Active and Healthy Ageing) al fine di garantire un’ampia diffusione delle migliori pratiche. (Red) http://cordis.europa.eu/

www.heos.it


I

microrobot che possono spostarsi negli ambienti fluidi rappresentano il futuro di molte applicazioni biomediche. I ricercatori hanno modellato le interazioni tra microscopici dispositivi che si spostano nei fluidi, o swimmer, e ambienti complessi come i bagni batterici. Non tutti gli swimmer hanno lo stesso tipo di movimento e, inoltre, il tipo di microambiente influisce su variabili come la velocità e la direzione. Se si tratta di microrobot che devono erogare farmaci in modo preciso, naturalmente, la controllabilità è estremamente importante. Il progetto Microenvs (Microswimmer environments: modelling, control and tailoring) ha riunito esperti di fisica della materia soffice e di idrodinamica per modellare gli effetti dei microswimmer sui relativi ambienti e viceversa. Tra le variabili vi sono i diversi tipi di andatura e l'interazione con gli oggetti passivi, come filamenti e confini elastici. I microrobot, come i microorganismi, si muovono con un regime di movimenti diversi (detti Reynolds) dai dispositivi di spostamento nei fluidi in macroscala. I ricercatori di MICROENVS hanno sviluppato un modello idrodinamico di swimmer a basso numero di Reynolds che descrive traiettorie circolari e che può essere utilizzato come modello per microrobot artificiali per attività di trasporto e pompaggio. Per la loro mobilità, i microbi utilizzano una varietà di organelli, come ad esempio i flagelli. Le alghe flagellate e le alghe ciliate eseguono movimenti

LO STILE INFLUENZERÀ DIAGNOSTICA E PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI

MICROROBOT,

A SCUOLA DI NUOTO

dipolari e i ricercatori hanno sviluppato un modello che consente di prevederne l'interazione con confini rigidi ed elastici, ottenendo risultati che hanno permesso di comprendere meglio il modo in cui la mobilità dei dispositivi viene influenzata in un ambiente chiuso. Hanno inoltre modellato il movimento delle catene di polimeri confinati in ambiente chiuso, facendo così il primo passo verso lo sviluppo di sistemi attivi. Poiché la soppressione e l'attivazione dei geni richiede la ridisposizione del polimero del DNA, riuscire a comprendere il movimento dei polimeri confinati può fornire maggiori informazioni sulla dinamica di queste attività cellulari. Il team ha inoltre prodotto un sistema di sviluppo dei dispositivi di rettifica, che ordinano gli swimmer in base alla tipologia della loro andatura, e un altro che

modella la dinamica delle multiparticelle in sospensione, il movimento collettivo degli swimmer e la loro interazione con gli oggetti estesi. Le fasi successive del progetto consisteranno principalmente nell'utilizzo dell'algoritmo numerico sviluppato per studiare le dinamiche dei vari swimmer in ambiente confinato, oltre che la loro interazione con i gruppi di polimeri. L'interazione degli swimmer con ambienti complessi è un settore molto ampio, che comprende anche ambiti che oggi sono difficilmente immaginabili. Attualmente, sono prospettabili aree di ricerca che vanno dalla diagnostica e alla somministrazione di medicinali, fino alla produzione dei biocarburanti tramite le alghe. (Red) Vedi http://cordis.europa.eu/

Informazioni commerciali

Essiccatore solare per alimenti “Elio” è un essiccatore solare per alimenti, piante aromatiche ed officinali, particolarmente adatto ad un utilizzo familiare o per piccole produzioni. Le sue caratteristiche lo rendono elemento indiscusso in tutte quelle attività di trattamento di conservazione in cui si intenda mantenere la piena continuità dei processi di agricoltura biologica e biodinamica.

Info heos@heos.it

Termoflow Il flusso d’aria calda e fresca a costo zero Ecologicamente compatibile Info heos@heos.it

Profile for Heos.it Umberto Pivatello

Heos.it n. 592 venerdì 23 Gennaio 2015  

Heos.it n. 592 venerdì 23 Gennaio 2015 Settimanale di scienze e cultura in formato pdf Copia demo 6 di 22 pagine Per ricevere Heos.i...

Heos.it n. 592 venerdì 23 Gennaio 2015  

Heos.it n. 592 venerdì 23 Gennaio 2015 Settimanale di scienze e cultura in formato pdf Copia demo 6 di 22 pagine Per ricevere Heos.i...

Profile for heos.it
Advertisement