Issuu on Google+

TWITTER PIENO DI FINTI STRAMACCIONI In troppi tentano di vestire i panni di Andrea Stramaccioni. Soprattutto su Twi.

CAGLIARI • GIOVEDÌ 31 MAGGIO - LUNEDÌ 4 GIUGNO 2012 • WWW.METRONEWS.IT

IL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE

La Sardegna non dimentica educazione alla salute e tradizioni

Tablet e lavagne multimediali integreranno i libri senza sostituirli

CLASSI DIGITALI


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012

4

UN CONCORSO IN MEMORIA DI GRAZIA DELEDDA Un concorso sulla figura e le opere di Grazia Deledda è dedicato agli studenti italiani e francesi con l’obiettivo di divulgare la conoscenza sulla scrittrice sarda, Nobel per la letteratura nel 1926. Gli elaborati dovranno pervenire entro le 12 del 31 ottobre 2012, all’ Istituto Superiore regionale etnografico, Via Papandrea n.6, 08100 Nuoro.

La scuola preoccupata dei tagli Nuove assunzioni grazie agli alcolici IL GOVERNO DEI TECNICI, per bocca del sottosegretario all’Istruzione Marco Rossi Doria ha messo la scuola tra le priorità dell’agenda politica. Eppure le sue parole non sono bastate a smorzare le polemiche sulla spending review, l’abbattimento dei

costi nella pubblica amministrazione. E non finisce qui, perché il governo Monti parla di budget unico e finanziamenti sulla base delle performance degli alunni, riduzione dei costi di gestione, rivisitazione dei docenti di sostegno, razionalizzazione del-

le rete scolastica (in pratica accorpamento delle scuole con meno di 500 alunni), eliminazione dei provveditorati. L’elenco è lungo e preoccupa non poco chi nella scuola ci vive o ci lavora. I sindacati della scuola si dicono d’accordo nel combattere gli sprechi, ma av-

vertono anche che a forza di sottrarre risorse alla scuola pubblica si demolisce il sistema scolastico e si deprime il Paese. C’è poi la questione di crediti che le scuole vantano nei confronti del Miur, circa due miliardi di euro che però il ministero non sembra tanto intenzionato a tirar fuori,

costringendo gli istituti a chiedere ai genitori il cosiddetto “contributo volontario” per non depauperare l’offerta formativa. Comunque qualche segnale di una inversione di tendenza c’è. A marzo la Camera ha dato uno stop ai tagli del personale scolastico previsti dalla riforma Gelmini. Grazie alla tassa sugli alcolici dovrebbero arrivare 10 mila nuove assunzioni per attività di recupero, integrazione e sostegno. Certo è che la scuola italiana è in condizioni a dir poco precarie. La legge 133/2008 ha sottratto 8 miliardi di euro sulla scuola e ha tagliato circa 130.000 posti. La strada da seguire insistono gli studenti e i lavoratori della scuola è un progetto che metta in campo investi-

menti in un settore fondamentale. L’Ocse infatti stima che un anno di istruzione aggiuntivo accelera il tasso di crescita dello 0,45 per cento. E d’altronde anche i dati Istat rappresentano da questo punto di vista un campanello d’allarme: nel 2010 la percentuale di chi ha lasciato gli studi senza conseguire un diploma di scuola superiore si è attestata al 18,8%, ben lontano dalla soglia del 10% indicata nella Strategia Europa 2020 e a fronte di una media europea del 14,4%. Percentuali che aumentano in modo sensibile al Sud e nelle isole. In Sardegna in tre anni scolastici si sono persi un totale di 5.738 posti di docenti ed Ata. METRO Nonostante le novità la scuola teme che la spending review porti contrazioni peggiori di quelle della legge Gelmini


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012 EDUCATIONAL TOUR NELL’ISOLA La Giunta ragionale ha approvato il progetto di consolidamento del turismo scolastico, che prevede un contributo di 150 mila euro alle scuole secondarie pubbliche di primo e secondo grado per lo svolgimento di educational tour nell’Isola. Gli educational tour si dovranno svolgere da ottobre a dicembre o fra aprile e maggio.

9

Sardegna pronta per il digitale

Lavagne interattive e tablet nelle classi ADDIO AGLI ZAINI PESANTI.

La scuola si prepara ad entrare nell’era digitale. I libri, anche se non immediatamente, si preparano a lasciare il passo ai tablet. E i gessi saranno solo un ricordo con la lavagna digitale. Dal Miur, il ministero dell’Istruzione, si mettono a punto le tappe per la diffusio-

ne nelle scuole italiane dei supporti digitali. La Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi Informativi del Miur promuove il “Piano scuola digitale” per modificare gli ambienti di apprendimento attraverso l’integrazione delle tecnologie nella didattica.  L’obiettivo del ministro Profumo è quello di “trasformare gli ambienti di apprendimento, i linguaggi della scuola, gli strumenti di lavoro e i contenuti”. Insomma l’innovazione digitale è una opportunità per superare il concetto tradizionale di classe, per creare uno spazio di apprendimento aperto sul mondo. Come? Utilizzando tutte le opportunità offerte da tecnologie e linguaggi digitali, da una nuova generazione di contenuti, da

ambienti interattivi e di simulazione. Il progetto Cl@ssi 2.0 si propone di modificare gli ambienti di apprendimento attraverso un utilizzo costante e diffuso delle tecnologie. Alunni e docenti possono disporre di dispositivi tecnologici e device multimediali e le aule vengono progressivamente dotate di apparati per la connessione ad Internet. La Regione Sardegna ha assunto un ruolo prioritario nell’ambito del Piano nazionale di innovazione e sperimentazione, con il progetto “Scuola Digitale”. Si tratta infatti di una azione sistemica diretta all’introduzione di nuove tecnologie come le LIM (Lavagne Interattive Multimediali) e i Tablet per gli studenti e i docenti, con la realizzazione di nuovi contenuti digitali appositamente studiati proprio per valorizzare al massimo le tecnologie introdotte.

L’assessore alla Scuola Sergio Milia, richiamando il protocollo d’intesa tra l’ex ministro Gelmini e il Presidente della Regione Cappellacci, sottoscritto nel maggio dello scorso anno, ha chiesto che, a fronte delle ingenti risorse messe in campo dalla Giunta per la realizzazione del pro-

getto, ci sia da parte del Ministero, un impegno concreto ad avere un occhio di riguardo per la Regione sulla questione degli organici e del dimensionamento scolastico.  Nell’ambito del Piano digitale, il Ministero ha avviato l’Azione “Editoria digitale scolastica” che pre-

La Regione Sardegna tra le prime ad aderire al progetto”cl@ssi 2.0”

vede il lancio di venti richieste d’offerta rivolte agli editori ed ai produttori di software didattico-pedagogico, per l’acquisizione di altrettanti prototipi di editoria digitale scolastica. METRO


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012 L’ITALIANO SI IMPARA A OLBIA Studitalia - Scuola di Italiano in Sardegna, di Olbia (tel. 333 2133760) svolge corsi di lingua italiana per stranieri con percorsi didattici su misura, a prezzi contenuti: niente spese di registrazione; attivazione di nuovi corsi su richiesta (sia per privati che per scuole ed università straniere) e attività extra-curricolari gratuite (10 ore settimanali).

11

La bellezza non conosce recessione

Molto richiesti i corsi specializzati in estetica NON C’È CRISI CHE TENGA. Si risparmia su tutto ma non sulla cura della persona. Ed è un fatto che non riguarda più solo le donne, ma da qualche anno anche gli uomini. Chi oggi, terminato il percorso di studi obbligatorio, intende misurarsi con il mondo del lavoro può guardare con un

nei luoghi di villeggiatura che sempre più offrono servizi di relax e benessere ai propri clienti.

certo ottimismo alla professione di estetista e parrucchiere, nonché massaggiatori specializzati da inserire nei centri benessere cittadini, ma anche

E la Sardegna con le sue coste meravigliose e le apprezzate località di vacanza dotate di strutture alberghiere dotate di centri benessere e beauty farm è

L’arte di scolpire le unghie è fra le tecniche più richieste

in grado di dare risposte a chi vuole fare della cura del corpo il suo mestiere. Già lo scorso anno d’altronde Unioncamere aveva sottolineato come in Ita-

lia estetisti e parrucchieri siano tra le figure professionali più carenti. In questo senso è importante l’offerta di corsi in grado di rilasciare la qualifica NVQs

(National Vocational Qualifications). Uno di questi lo propone l’Accademia Elite, che si trova a Cagliari ed è autorizzata dalla VTC al rilascio delle qualifiche internazionali NVQs per quanto concerne i corsi per parrucchieri. Il centro offre corsi di tre livelli, da quello base al più avanzato per chi vuole aprire e gestire un salone per parrucchieri. La scuola ha attivato corsi base per estetiste e corsi di aggiornamento e specializzazione. Inoltre, merita attenzione il corso di ricostruzione unghie con il metodo Odyssey Nails. L’Istituto di Formazione Europa Srl offre corsi sia per estetisti che per aspiranti parrucchieri ed è anch’esso riconosciuto secondo gli standard NVQs; opera in tutta la Sardegna con sedi a Cagliari, Oristano, Sassari e Olbia. Nel capoluogo sardo si

trova anche il centro Primadonna Acconciature d’Autore che organizza corsi di formazione specifici per chi vuole entrare nel mondo della coiffeur e per chi vuole perfezionarsi. Un’altra importante scuola di formazione parrucchieri si trova ad Assemini ed è quella di Tony Carboni che nasce con una peculiarità: non propone corsi come una classica scuola ma si presenta come un salone per parrucchieri dove si alternano lezioni di teoria alla pratica su clienti reali in modo da far prendere confidenza con la realtà del mestiere. I corsi durano 500 ore e vengono realizzati seguendo tre lezioni settimanali che partono dalla teoria per arrivare anche alla messa in pratica di tecniche di proposta e di vendita nel salone, comunicazione e comportamento con la clientela. METRO


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012

13

UN PORTALE PER LA SCUOLA SARDA SCUOLASARDA.it è uno spazio di cooperazione fra le scuole della Sardegna. Al momento le scuole che vogliono dare il loro contributo trovano già attivi WEB TV, piattaforma di comunicazione didattica per fare lezioni a distanza, piattaforma di recupero a distanza, piattaforma e-learning, sistema di FAQ didattiche

Mestieri per combattere la crisi

Turismo e agricoltura cuore della formazione FORMAZIONE professionale: ecco la ricetta che la Regione Sardegna ha individuato per tamponare e sconfiggere la crisi. Secondo l’assessore alla programmazione, Giorgio La Spisa, l’Isola ha grandi margini di crescita perché ha “ancora tante risorse inutilizzate ed un grande capitale umano che può dare un apporto fondamentale in tanti settori”. Quali? Dal turismo alla nautica, dalle telecomunicazioni alla chimica verde. Per raggiungere questo obiettivo occorre creare “un sistema dell’istruzione e della formazione che abbia pari dignità di quello pubblico”. E nella formazione un ruolo strategico lo ha indiscutibilmente il settore agroalimentare. La Regione ad esempio si è fatta promotrice di una rete di scambio tra gli istituti agrari dell’isola, volano per dare slancio a una

nuova imprenditoria. E poi il turismo. Entro l’estate sarà bandito il master in “Hotel management”. Il corso rientra nel programma “Master in Sardegna” (Mis) predisposto dall’Assessorato ed è organizzato dall’Ateneo cagliaritano, in collaborazione con la struttura turistica di Pula Fort Village Resort e l’università Luiss di Roma. Obiettivo prioritario del Master – a numero chiuso e rivolto a giovani laureati - è quello di formare dei manager in possesso di elevate capacità e competenze in grado di cogliere le opportunità di successo e crescita professionale nell’hospitality industry a 5 stelle. Un settore dove la formazione professionale può aprire grandi sbocchi è inoltre quello relativo alle tradizioni artigiane se-

colari della Sardegna. Antichi mestieri rischiano infatti di scomparire se nuove leve non si affacciano nelle botteghe artigiane: si va dai corsi per la lavorazione del corallo a quella dei manufatti in ceramica, dalla lavorazione del legno ai corsi per la conduzione del vigneto, dalla lavorazione del tappeto sardo alla lavorazione delle pietre. La Regione dallo scorso anno ha organizzato un corso di formazione per “Tecnici delle attività di con-

duzione dell’oliveto e di gestione del frantoio”  con l’’obiettivo di rafforzare il tessuto imprenditoriale delle produzioni tradizionali del settore agroalimentare in Ogliastra. Al termine del corso gli sbocchi lavorativi sono molteplici: gestione di un frantoio, distribuzione nel settore agro-alimentare, conduzione di un oliveto. Sempre nell’ambito della valorizzazione degli antichi mestieri da segnalare il corso per “Addetti al-

la tessitura tradizionale sarda”. Parte delle lezioni si svolgono sul campo nei laboratori delle antiche botteghe. METRO

La Regione propone corsi per gestione alberghiera, alta cucina, lavorazioni artigianali e colture tipiche


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012

14

GIROTONDO IN SARDEGNA Fra il 18 e il 20 ottobre, alla Fiera internazionale di Cagliari, si svolge Girotondo in Sardegna, fiera del turismo scolastico che ha l’obiettivo di mettere insieme domanda e offerta. L’ingresso è gratuito e la manifestazione è organizzata in collaborazione con Full Media Service, NOHA e Coop G. Fulgheri e Sardegna non solo mare.

Campanella il 17 settembre

Duecento giorni di lezione fino all’8 giugno LA GIUNTA REGIONALE della Sardegna, su proposta dell’assessore della Pubblica Istruzione, Sergio Milia, il 16 maggio ha approvato la determinazione del nuovo calendario scolastico per l’annualità 2012/ 2013 che stabilisce che allo svolgimento delle lezioni siano assegnati non meno di 200 giorni. Nella deter-

minazione sono previsti 205 giorni di lezione che si riducono a 203 per via dei due giorni a disposizione delle singole Istituzioni scolastiche.  Tenendo conto dell’esigenza di dover assicurare una durata delle lezioni non inferiore ai 200 giorni e che le stesse Istituzioni scolastiche, nell’ambito

Giorni di lezione

Settembre 2012 Ottobre 2012 Novembre 2012 Dicembre 2012 Gennaio 2013 Febbraio 2013 Marzo 2013 Aprile 2013 Maggio 2013 Giugno 2013

12 27 24 18 22 23 23 23 26 7

Calendario scolastico il I° novembre 2012 festività di Tutti i Santi; l’8 dicembre 2012 Immacolata Concezione; il 25 dicembre 2012 Santo Natale; il 26 dicembre 2012 Santo Stefano; il I° gennaio 2013 Capodanno; il 6 gennaio 2013 Epifania; il 1 aprile 2013 Lunedì dell’Angelo; il 25 aprile 2013 Anniversario della Liberazione; il I° maggio 2013 Festa del Lavoro; il 2 giugno 2013 Festa Nazionale della Repubblica; la festa del Santo Patrono (se ricade in periodo di attività scolastica) ULTERIORI SOSPENSIONI DELLE ATTIVITÀ SCOLASTICHE

della loro autonomia, possono adattare il calendario a specifiche esigenze locali oltre che didattiche, l’assessore ha proposto che le lezioni abbiano inizio il 17 settembre 2012 e, limi-

tatamente alla scuola primaria e alla secondaria di I e II grado, terminino l’8 giugno 2013. Nella scuola dell’infanzia la didattica si protrarrà fino al 29 giugno 2013. METRO

il 2 novembre 2012 commemorazione defunti dal 24 dicembre 2012 al 5 gennaio 2013 vacanze natalizie; il 12 febbraio 2013 martedì grasso dal 28 marzo 2013 al 2 aprile 2013 vacanze pasquali; il 28 aprile 2012 Sa Die de sa Sardigna; n. 2 giorni a disposizione del Consiglio d’Istituto.

Metro Speciale Scuola è uno speciale di Metro, quotidiano indipendente del mattino pubblicato dal lunedì al venerdì e distribuito gratuitamente da N.M.E. New Media Enterprise Srl Registrazione n.788 del Tribunale di Milano del 15 dicembre 2006. Direttore responsabile: Giampaolo Roidi Realizzazione AXIA editrice società cooperativa, Viale Giulio Cesare 51 00192 Roma - tel 06 50697894 e-mail: axia@axiaonline.it Pubblicità Visibilia Srl, via Senato 8 Milano Concesionaria clienti locali di Cagliari e Sardegna: AB Advertising, via Lanusei, 29 - Cagliari - Tel. Tel 070. 657969 - 070 666686 Stampa, Grafiche Ghiani srl - S.S. 131 km. 17, 450 Zona Monastir (CA) Amministratore unico Mario Farina Sede legale N.M.E. via Carlo Pesenti, 130 00156 - Roma


Giovedì 31 Maggio - Lunedì 4 giugno 2012

15

FINANZIATE LE SCUOLE CIVICHE DI MUSICA Scuole civiche di musica: La giunta regionale ha approvato il programma di interventi a favore dei Comuni, per le Scuole Civiche di musica, con un finanziamento di un milione e cinquecento mila euro. Gli insegnanti saranno formati e certificati dai Conservatori di musica “Pierluigi da Palestrina”, di Cagliari,e “Luigi Capena”, di Sassari.

Studi superiori e universitari Scuole private per fare presto e bene

PUBBLICO E NON SOLO. La scuole private rappresentano in molti casi una valida alternativa, soprattutto per quegli studenti che hanno difficoltà in qualche materia, per quelli che hanno perso un anno scolastico o che addirittura hanno abbandonato gli studi a metà percorso e poi se ne sono pentiti. Anche in Sardegna sono presenti numerose scuole private di qualità. Per i laureandi che devono prepararsi agli esami universitari o ai test di ammissione c’è il Cepu che dispone di centri a Cagliari, Nuoro e Sassari. A Oristano si trova l’Istituto privato Leonardo da Vinci che, oltre a proporre servizi di recupero anni scolastici, offre preparazione universitaria, corsi di lingue e informatica e

ripetizioni in tutte le materie. A Sassari è presente dal 1980 l’Istituto Superiore “Kennedy”, legalmente riconosciuto, il quale ha assunto l’attuale denominazione nel 1988 attraverso il DD.MM. 17/5/1988 e 11/7/1989. In seguito, con il D.M del 29/12/2000 è stato riconosciuto come istituto paritario, così che i titoli rila-

sciati dall’istituto sassarese hanno la stessa valenza di quelli della scuola statale. Il “Kennedy” offre il programma “Salvalanno Kennedy” per tre percorsi scolastici: istituto tecnico commerciale, liceo scien-

tifico e liceo classico. Quest’ultimo è stato attivato proprio lo scorso anno scolastico allargando così la gamma di possibilità per gli studenti che vogliono concludere il loro percorso di studi superiore. Come in tutta Italia, anche in Sardegna è

presente Grandi Scuole, scuola privata che da oltre 30 anni offre i suoi servizi di preparazione e recupero anni scolastici sia a ragazzi che ad adulti. Grandi Scuole offre la possibilità di recuperare solo qualche materia oppure l’intero anno scolastico perduto; è anche possibile arrivare a conseguire il diploma. Oltre alle medie inferiori è possibile frequentare istituti tecnici, professionali, licei e istituti per periti industriali.

A Cagliari si trova una sede del Top Level Institute che garantisce il recupero di anni perduti per numerosi indirizzi scolastici. Per citare solo alcuni dei corsi disponibili l’istituto consente di diplomarsi in ragioneria (indirizzo IGEA), geometra, liceo classico, liceo scientifico, liceo linguistico, liceo socio-psicopedagogico, dirigente comunità, perito elettronico e telecomunicazioni e perito informatico, perito agrario. Sempre a Cagliari il Politecnico Sardo offre corsi in vari indirizzi quali scienze sociali, licei, ragioneria e geometri. Tra i vari servizi offerti anche in questo caso si garantiscono mini classi e tutti i libri di testo usati sono forniti gratuitamente. METRO In tutta la regione l’offerta privata è ampia e punta sulla qualità



Napoli, 30/04/2012