Page 1

N. 01-2014

IL TEMA

BAR & SHIELD EVOLUZIONE DI UN’ICONA eventi

BORSE DI STUDIO ALL’USI

viaggio

IN MOTO DA MILANO A TARANTO

musica e harley

IIRIS MONÉ THE VOICE DI CASA NOSTRA


impressum

sommario

ROMBONEWS è una pubblicazione periodica di Harley-Davidson Club Ticino

Eventi: Borse di studio H-DCT

5

Il tema: Bar & Shield, l’evoluzione di un’icona

9

Redazione e amministrazione: Edy Lepori + 41 76 320 13 85 ; edgarda.lepori@harleyticino.ch

Il viaggio: Milano-Taranto

12

Calendario Eventi: aprile-maggio 2014 Pubblicità: Luca Sardina + 41 78 889 65 85 ; luca.sardina@harleyticino.ch Tendenze: WEB 2.0, l’evoluzione del passaparola Sito web: www.harleyticino.ch Tiratura: 1000 copie

14 16

Storia: Storia della Harley-Davidson (3a parte)

17

Musica e Harley: Iris Monè

23

Moto: Street Bob® Special edition

25

Grafica: alessandroferrante.com

contatti

Stampa: Tipografia New Luxor, Bedano Gruppo: Harley Davidson Club Ticino

Distribuzione: soci H-DCT – Sponsor – Sostenitori - Istituzioni varie

Canale: HarleyDavidsonClubTI

Banca: Raiffeisen CH-6595 Contone IBAN: CH74 8032 4000 0029 3316 6

info@harleyticino.ch

Contenuto ©Harley-Davidson Club Ticino

@HarleyDavidson ClubTI

COME DIVENTARE SOCIO L’Harley-Davidson Club Ticino è stato fondato nel 1990 da un piccolo gruppo di appassionati del marchio Harley-Davidson. Lo scopo del sodalizio H-DCT, che opera in modo assolutamente autonomo e indipendente da qualsiasi altra associazione, istituzione e Moto Club, è quello di riunire tutte le persone proprietarie di motociclette Harley-Davidson o tutti coloro i quali intendono sostenere gli scopi del Club promuovendone l’immagine attraverso manifestazioni culturali, benefiche e ricreative. Se vuoi divertirti con noi, condividere gite in moto in allegra compagnia, partecipare ad eventi fuori dal comune … entra a far parte dello storico H-DCT. Puoi procedere alla tua iscrizione in tutta tranquillità e con soli 3 Clic ! Vai sul sito www.harleyticino.ch «iscrizione al Club H-DCT» vedrai, è semplice. La quota annua per soci attivi è di CHF 80.- mentre a chi desidera sostenere il Club è data la facoltà di versare un contributo spontaneo di solidarietà.

-2-


L’editoriale

H-DCT anno 2014, una sfida che si rinnova

di Augusto Marchi presidente Harley-Davidson Club Ticino Con il 2013 che si allontana lasciandoci poco più che dei vaghi ricordi, stiamo orami entrando nel vivo della stagione motociclistica 2014. Sicuramente il 2013 è stato un anno impegnativo, durante il quale abbiamo concretizzato alcuni obiettivi di rilievo; come l’aver realizzato un Rombo Days di grande successo; in collaborazione con la Polizia Cantonale abbiamo portato a termine un corso speciale sulla sicurezza conseguendo «l’attestato all’esercizio di servizio di sicurezza sul percorso durante manifestazioni sportive, eventi o scorta di convogli»; grazie all’importante collaborazione con lo studio Alessandro Ferrante design & communication si è compiuto un ulteriore passo verso la riqualifica dell’immagine grazie alla nuova grafica per il giornalino Rombo News e il corporate identity per i futuri Rombo Days; In veste di presidente, prima di cedere ai posteri l’anno 2013, desidero rendervi partecipi della mia felicità e soddisfazione di aver avuto al mio fianco un comitato dinamico, volonteroso, creativo e effi-

ciente; un comitato a dir poco eccezionale in tutto e per tutto. Veri amici di grande valore ! il 2014, per il rinnovato Comitato direttivo, lo possiamo paragonare ad una strada ricca di curve e controcurve, a tratti in discesa ma comunque non priva di salite impegnative. Se il paragone vi sembra fuori luogo beh, allora il mio consiglio è quello di consultare il calendario H-DCT recentemente ricevuto per rendervi conto che il 2014 sarà un anno ricco di attività e eventi, tutti degni di essere vissuti e … per alcuni di questi sarà certamente importante anche il vostro aiuto. Ci aspetta una stagione entusiasmante cari Harleysti, e per chi ancora non è socio è davvero il momento di fare questo passo; se non lo fate non venite poi a lamentarvi che vi siete persi qualcosa fuori dal comune… buona strada a tutti Augusto

-3-


eventi

Borse di studio Harley-Davidson Club Ticino

di Augusto Marchi Presidente Harley Davidson Club Ticino

Continua l’impegno di Harley-Davidson Club Ticino a sostegno degli studenti ticinesi più meritevoli: borse di studio assegnate a Elisa Coen e Thomas Odermatt. La semplice ma cordiale cerimonia tenutasi venerdì 7 marzo all’entrata del Campus dell’USI è stata molto apprezzata, oltre che dalla direzione dell’USI e dai giornalisti, anche dagli Harleysti del nostro Club che non hanno voluto mancare l’importante appuntamento.

In tema di beneficenza abbiamo voluto concentrarci su un obiettivo mirato, quello di erogare due borse di studio a studenti dell’USI (Università della Svizzera italiana) e di portarlo avanti con una certa continuità nei prossimi anni.

-5-


Grazie all’impegno e alla solidarietà dei nostri Soci, Sponsor, e al ricavato del raduno motociclistico “Rombo Days 2013” di Locarno, abbiamo centrato l’obiettivo raccogliendo i fondi necessari per il secondo anno consecutivo. il segretario generale dell’USI Albino Zgraggen rivolgendosi ai media ticinesi, ha sottolineato l’importanza di questo nostro impegno e, alla luce dei recenti tagli al preventivo cantonale con conseguente aumento delle quote di iscrizione a carico delle famiglie ticinesi che hanno determinato un aumento delle richieste di borse di studio, ha pure dichiarato la grande soddisfazione, da parte della direzione dell’USI, per questa iniziativa targata Harley-Davidson Club Ticino.

-7-


Strade pi첫 sicure Dipartimento delle Istituzioni www.ti.ch/strade-sicure


il tema

Bar & Shield (la barra e lo scudo) Evoluzione di un’icona

articolo estratto dalla rivista H-D 2014 È uno dei marchi più riconoscibili al mondo, ma ben poco si sa sulle origini del logo Harley-Davidson della barra e dello scudo “Bar & Shield”. Secondo il direttore degli H-D Archives Bill Jackson, nella domanda di registrazione del marchio presentata all’ufficio brevetti degli Stati Uniti si menzionava che il logo veniva usato dal 6 maggio 1910, ma l’identità del suo creatore resta un mistero.

fosse stato disegnato da un’agenzia di Chicago che creava materiale pubblicitario e di marketing per la Motor Company. Nel corso degli anni, il design del logo Bar & Shield è stato ripreso in vari modi e non sono mai esistite direttive formali in termini di colore, forma o utilizzo durante gran parte dei primi anni della sua esistenza. Questo insolito logo della barra e lo scudo altamente stilizzato dipinto

Jackson ritiene possibile che il logo

-9-


il tema

sulla cassa per spedizioni, visibile in questa foto scattata intorno al 1912, mostra quanto il logo si è evoluto nel corso della sua storia più che centenaria. La familiare versione del logo Bar & Shield utilizzata oggi è stata disegnata agli inizi degli anni ’30 del secolo scorso e ripresa nel 1976, quando venne utilizzata in una serie di disegni a tema patriottico che

adornavano le motociclette e il merchandising nell’anno del bicentenario degli Stati Uniti. Oggi, come si addice al suo status di icona, esistono direttive molto rigorose che controllano il disegno e l’utilizzo di una delle risorse più venerate di Harley-Davidson. Per vedere l’evoluzione del Bar & Shield, visitate il sito www.harley-davidson.com alla sezione museum

- 11 -


il viaggio

MILANO – TARANTO Rievocazione storica per moto d’epoca

di Edy Lepori Editor Harley Davidson Club Ticino I partecipanti alla manifestazione hanno usato le parole: passione –emozioni – turismo – amicizia – competizione – impegno – divertimento – avventura per descrivere le sensazioni provate durante la Milano-Taranto e credo si sia saputo dare pienamente idea dell’esperienza di far parte di questa lunga carovana, che affronta l’asfalto ogni anno a luglio partendo dall’Idroscalo di Milano e finendo a Taranto dopo sei giorni, snodandosi sulle strade provinciali di tutta Italia. Difficile aggiungere sostantivi ed aggettivi a qualcosa di così ben descritto, quindi passiamo alla presentazione, per chi non la conoscesse, di questa saporita occasione motociclistica riservata a moto d’epoca (ma non solo), e che vede la partecipazione di centauri provenienti da tutto il mondo.

L’evento nasce nel 1919 con altro nome, con interruzione tra il 1925 e il 1932, finché nel 1937 si identifica in una Milano-Roma-Taranto di 1400 km, corsi tutti in una notte. Alla fine della guerra e dal 1950 l’Italia vede nella Milano-Taranto un mezzo per dimenticare le sofferenze patite, e da quel momento la manifestazione assume il ruolo leggendario che merita, poiché si inizia a scrivere una storia di passioni e dedizioni uniche. Molti i personaggi di prim’ordine riportati nell’albo d’oro, e le testimonianze di chi partecipa in sella alle “vecchiette” di ogni marca sfidando intemperie e tracciati e mettendo a dura prova motori e persone. Oggi la Milano-Taranto è una rievocazione di quello che fu e per logica non si può più parlare di una gara, se non in senso di competizione amichevole. E’ sicuramente un percorso turi-

- 12 -


il viaggio

Muelders Katrin da Muelheim an der Ruhr (D) in sella a Harley Davidson 350cc del 1973

stico interessante, che porta i partecipanti alla conoscenza di splendidi panorami e strade sconosciute ai più, ma anche un itinerario gastronomico di forte impatto.

3 - “sport” dal 1957 al 1977 4 - “assaggiatori” a cui possono partecipare anche le moto più recenti.

Quattro le categorie di partecipanti: 1 - “gloriose” elette a questo titolo grazie alla partecipazione in edizioni precedenti (1950-1956) 2 - “storiche” dai 75cc. prodotti dal 1925 al 1956

Per l’iscrizione visitare il sito: www.milanotaranto.it Da qui potrete scaricare la brochure dell’edizione 2013 e avere un’idea del percorso 2014, sempre il partenza dall’Idroscalo di Milano il 6 luglio, alle ore 24:00.

- 13 -


Eventi aprile-giugno 2014 6 aprile 2014

Aperitivo H-DCT 12 aprile 2014

1° Corso di guida H-DCT 26 aprile 2014

Rööt Vecc PARTY 1 maggio 2014

Apertura Lido di Caslano 3-4 maggio 2014

Love Ride Dübendorf 11 maggio 2014

H-DCT Mamma Bikers


Eventi aprile-giugno 2014 18 maggio 2014

Benedizione moto Ronco S/A 25 maggio 2014

2째 Corso di guida H-DCT 29 maggio-1 giugno 2014

H-DCT ON TOUR 7-8 giugno 2014

H-DCT Giro Weekend 19 giugno 2014

H-DCT Prima Festa di Distretto 29 GIUGNO 2014

3째 Corso di guida ADVANCED


tendenze

WEB 2.0 (l’evoluzione del passaparola)

di Edy Lepori Editor Harley Davidson Club Ticino Vi siete mai chiesti come mai, dopo aver consultato i principali motori di ricerca per trovare un hotel dove passare le vacanze, e dopo esservi iscritti ai principali portali di offerte di viaggio, la vostra casella di posta elettronica riceve nel giro di poche ore dei messaggi che descrivono alla perfezione il tipo di vacanza che desiderate? Le più sottili tecniche di vendita hanno raggiunto la perfezione, aprendo un mercato finora sconosciuto a chi possiede, come i social network , spazi infiniti a disposizione della réclame virtuale. Nel caso della scelta della vacanza descritta, per esempio, un infido “parassita” (che però non è un classico virus), annidato nel vostro profilo, sarà stato in grado di captare la vostra preferenza, la vostra destinazione, e di offrirvela al prezzo minore su cui vi sarete arrovellati per ore. E per giorni (successo alla sottoscritta) continuerete a ricevere offerte a non finire, relative a quella destinazione, anche se ormai è parte dei vostri ricordi di viaggio. C’è da chiedersi dove andremo a finire, se non saremo capaci di trattenere le informazioni delicate che ognuno di noi possiede e non desidera condividere. I messaggi occulti e subliminali – ricordiamo a questo proposito che un tale Charles Manson

studiò questi interessanti temi, possiamo immaginarne lo scopo – si perfezionano , utilizzando la reputazione pubblica di persone ignare del fatto che i loro profili (Facebook, Twitter, ecc.) vengano usati dalle grandi marche per il lancio di prodotti o di servizi. Si creano perciò le nuove figure di influencers, dotati di un vero carisma, che si fanno promotori a colpi di “likes” verso un pubblico definito di “followers” (che molto probabilmente è paragonabile al classico pollo). Le guerre cambiano volto, e pure nome, ma sussistono. Non dimentichiamo per contro l’enorme potere che i social ci hanno consegnato: ognuno di noi può indirizzare l’attenzione verso avvenimenti e fatti, dandone la propria versione e il proprio giudizio. E qui cadde Tripadvisor, che da semplice portale turistico è diventato una vera e propria guida e ne sta facendo le spese, dovendosi arrampicare sui vetri per rispondere a recensioni che allontanerebbe una vasta fetta di clientela dai ristoranti, con seguito di battaglie legali a causa di chi fotografa e recensisce in modo non professionale i piatti offerti. C’è anche da dire che il portale stesso non è più in grado di controllare falsità e irregolarità in recensioni create ad hoc, e ad oggi è molto difficile capire se, tra testimonianze vere e false, la vostra cenetta a lume di candela o la pizzata tra amici sarà un successo.

- 16 -


storia

Storia della Harley Davidson (3a parte) Harley-Davidson Model B 1926

di Giovanni Barbagelati il GiBi Spenti i cannoni della Grande Guerra, tutto ricomincia alla grande. Nel 1919 vengono costruite 24.292 motociclette Harley Davidson, rendendo così il Marchio di Milwaukee la più grande Casa motociclistica del mondo. Ha già 2000 concessionari sparsi per 67 Paesi del mondo, ed arriva perfino in Giappone! Ma i primati non finiscono qui: proprio in quel periodo è montato di serie l’impianto elettrico con faro e fanalino posteriore. Già dal 1917 (causa la guerra in corso) fino al 1921, negli USA non vengono più importate le biciclette europee, di cui erano i maggiori importatori. Alla HD erranno quindi prodotte anche biciclette nelle varie versioni da uomo, donna, corsa, bambino e per il lavoro. Tutte le bici saranno verniciate nel classico colore verde oliva militare delle moto, che viene quindi usato anche nel dopoguerra. E arriviamo così ai “ruggenti anni 20”, con nuovi motori da 1200 cc (i tipi JD ed FD). Ma non viene meno l’interesse alle competizioni, dove la Racer 8 valvole di 1000 cc lascia terra bruciata intorno a sè. Il 22 febbraio 1921 questa moto supera le 100 miglia orarie in una gara di velocità. Ma anche altri record mondiali vengono abbattuti in patria, con i piloti Leslie ‘Red’

Parkhurst, Joe Petrali, Fred Ludlow, Otto Walker. Anche in Italia non mancano i paladini della HD con, fra gli altri, Amedeo Ruggeri, Luigi Arcangeli, Terzo Bandini, Pietro Bordino, Umberto Faraglia, Miro Maffeis, i fratelli Malvisi e Biagio Nazzaro. In questo periodo vengono reintrodotte le monocilindriche, momentaneamente abbandonate, di cui una di queste è la prima HD col serbatoio a sella e col freno anteriore, privilegio fino ad allora concesso solo alle moto da corsa. Vengono ulteriormente ingranditi gli stabilimenti in Juneau Avenue, che ormai impiegano migliaia di operai. Nel 1923 esce dal listino la bicilindrica boxer, rivelatasi un insuccesso e schiacciata dalla concorrenza della Indian Scout. Per le bicilindriche si punta invece solo sul bicilindrico a V a valvole contrapposte, finché nel 1929 vede la luce il motore Flathead di 740 cc (45 Cubic Inch) a valvole laterali. Questo motore verrà montato su vari tipi di moto, comprese quelle che si faranno la seconda guerra mondiale, e dopo una vita molto longeva verrà tolto di listino nel 1972. Ma cupe nubi si addensano sulla storia degli USA e del mondo intero: dopo il “venerdì nero” di Wall Street e la conseguente

- 17 -


storia grande depressione, il mercato motociclistico subisce un crollo verticale. Per ridurre i licenziamenti al minimo, gli operai vengono fatti lavorare a turno anche per sole due ore a settimana. Nel 1932 vengono prodotte solo 6.841 moto, mentre nel 1933 saranno ancora meno: 3.703, poco più della metà di tutte le moto prodotte negli Stati Uniti. In questo periodo falliscono parecchie altre Fabbriche di moto, comprese le lussuose 4 cilindri Henderson, Cleveland, Ace (quest’ultima poi rilevata dalla Indian, che rimarrà l’unica vera concorrente della Harley Davidson). Solo grazie alle esportazioni, alle forniture all’esercito ed ai vari Corpi di Polizia la fabbrica riesce a sopravvivere:

già nel 1934 avviene una timida ripresa con 10.231 unità. In catalogo si punta molto sui modelli monocilindrici come la economica 30C, ed è proprio in questo periodo che nasce il Servicar a tre ruote, che verrà largamente usato dalla Polizia fino agli anni 80. Ancora, in questo periodo compare lo stemma dell’aquila sul serbatoio, anch’esso diventato un’icona nella storia del Marchio Harley Davidson.

- 18 -


musica e harley

Iris Moné

Abbiamo conosciuto Iris durante il nostro pranzo di Natale, e sicuramente qualcuno aveva già avuto modo di apprezzare la sua splendida voce a “The Voice of Switzerland” nel marzo del 2013, dove ebbe modo di rappresentare il nostro Cantone meritando il terzo posto. Iris fu medaglia di bronzo anche nella recente finale svizzera dell’”EurovisionSongContest”, partecipando al progetto “3 For All” con due amici conosciuti a “TheVoice”. Iris canta e si esibisce da più di vent’anni sulla scena ticinese e svizzera, ma ha avuto modo di presentare il suo interessante repertorio anche oltreoceano presso l’Ambasciata Svizzera di Washington DC, poi a Chicago e in vari locali storici di New York City. Dopo una forte collaborazione artistica con numerosi gruppi ed artisti e la partecipazione ad una dozzina di album si è presentata ufficialmente col singolo “Rinasco” di cui è produttrice ed autrice. Il singolo “Golosa” ha ottenuto un buon successo, ed è stato a lungo in rotazione nelle radio ticinesi.

- 23 -

Dall’anno scorso guida la squadra dei cantanti nel concorso “Showtime” del programma Squot della RSI, e ora si sta dedicando alla preparazione del suo nuovo singolo. Troverete i suoi video su Youtube, tra cui l’emozionante sfida “Battle” (più di 52’000 visualizzazioni) dove batte la favorita della squadra nella canzone “America” di Gianna Nannini. Divertente la parodia fatta sul brano “Together Forever”. Segnaliamo su I-tunes: “The Lie” singolo prodotto dalla Universal “Together Forever” con “3 For All” brano in versione dance e funky.


moto

STREET BOB® SPECIAL EDITION

Tra i nuovi modelli presentati mettiamo in evidenza il Dyna® STREET BOB® SPECIAL EDITION. Si tratta di una variazione dello Street Bob® gia’ esistente, con alcune modifiche: il nuovo motore 1699 cc, ABS di serie, ruote con raggi in acciaio e vistoso cerchione rosso per un look veramente unico, verniciatura a due toni con nuove grafiche. In aggiunta una doppia sella Badlander, comandi avanzati e manubrio DRAG. Nato grazie all’inventiva del l’Harley-Davidson’s Factory Customization Program, ottenibile solo su prenotazione, serie limitata.

NEW!

NEW NEW

Stampati commercialiriviste- depliantdepliant- schede Via Via Cantonale Cantonale 4 4 Stampati Stampati commerciali commerciali-riviste-rivisteluxor@ticino.com luxor@ticino.com LUXOR LUXOR fori cavalierebollettiniinsegnelegatoriaschede schede fori fori cavalliere cavalliere bollettini-insegne bollettini-insegne -N°IVA N°IVA 525 525 987 987 TIPO-OFFSET TIPO-OFFSETSAGL SAGL 6930 6930 Bedano Bedano legatoria legatoria--grafica grafica.. Tel. Tel. 091 091 930 930 94 94 93 93

Via ViaCantonale Cantonale44--6930 6930 Bedano Bedano NEW NEW

LUXOR LUXOR

Fax Fax091 091 091 930 930 94 tel. tel. 091 930 930 94 9494 93 93-78 -78 Fax. Fax.091 091930 93094 9478 78 EE-mail mailluxor@ticino.com luxor@ticino.com luxor@ticino.com luxor@ticino.com

- 25 -


6612 Ascona, Via Circonvallazione 3, +41 (0)91 791 13 20 6596 Gordola, Via San Gottardo 123, +41 (0)91 859 22 10


grafica alessandroferrante.com

UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA. ... MA UNA H-D IN STRADA SĂŒ! www.harleyticino.ch - info@harleyticino.ch


Rombo news 01 2014 lr  

Rombo News è il giornale informativo dei soci del Harley-Davidson Club Ticino. Qui puoi trovare le ultime news sugli eventi organizzati, sui...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you