Page 1

a creative market

18-19 maggio


Korai

21

Roxy Columbus

5 domande

HMS

Marasma

Manolab Paola Paoletti Stefano Bertante Cicli 3b ModaModoMio Love Is In The Air Korai Chius Arte Mauro Olocco Marasma Lorella Alessandria Marco Roascio Silvio Garabello Noemi Genaro Pirouette Press


The Gun Show “Pop-Up” diretta da San Francisco

L'autore ai Tempi del Colera

13

Lorenzo Barberis

Talk Mariagrazia Bertolino at Bertaina

Happy Maker Station Coctatil Bistrò Caffè Moro Cafè

Art Direction|Grafica Roxy Columbus

Stefano Bertante


E è

con grande piacere organizare questo mercato creativo. Il mio amore per l'arte e la stampa mi ha permesso di sperimentare con varie soluzioni; tuttavia un mezzo è sempre lo stesso, sia sul computer, sia nello studio facendo stampa tipografica: le mie mani. Happy Maker Station è una celebrazione della gente creativa di tutti tipi, l'artigianilità, il nuovo mercato, lo 0 km alternativo, un'esperienza intima tra pubblico e maker.

In questo catagolo possiamo dare un'occhiata al lavoro dei makers ed alle cose a cui si inspirano. Non è da dimenticare il saggio di Lorenzo Barberis che analizza la situazione degli autori di opere artistiche nel contesto della crisi attuale, economica e culturale. Chiamo Austin, in Texas la mia casa ma Mondovì "a close second" (seconda casa). Buone idee, penso, devono essere esportate. Austin è una piccola machina di grande talento ed innovazione. Attraverso questo atto di creazione noi tendiamo a voler condividere e trovarsi insieme. Questo, credo, è il primo e più importante ingrediente nel creare una comunità! In più, c'è uno speciale poster "pop-up" show organizzato dal Creative Action Network di San Francisco e portato da Pirouette Press. "The Gun Show" sono una collezione di posters di artisti e designers dagli USA che sottolineano la discussione sui controlli delle armi (Specie in questo grande paese in cui tragici eventi mostrano chiaramente una debolezza di cultura in tal senso). Venite a celebrate con noi nelle diverse dislocazioni in Mondovì: il Creative Market ed i laboratori in Piazza Maggiore, Art Talk a Bertaina Osteria e fermatevi per un fresco Happy Maker Station Cocktail al Bar Bistrò ed al Bar Moro che gentilmente hanno creato un drink per noi Happy Makers!

Tipografica | Graphic Designer Rox y C o l u m bu s

P H O T O D A A L E S S I A A M B RO G I O

pirouettepress.com facebook.com/PirouettePress


Fo t o g r a f o M a t t e o B a r b e r i s i miei hobby preferiti sono la musica (canto e suono la chitarra in due band) e la fotografia. Non ho uno stile definito, dipende cosa mi attrae. Cerco di ottenere il meglio dalle cose banali e scontate, cerco di tirar fuori il lato artistico di ogni cosa.

MAKERS

Sulla Coper tina Elena De Marco Professione: Stilista dei Cappelli da Ma.Ni Acconciature Via Biglia 26 0174.43953 Cosa mi ispira? Semplicemente la vita. Il fatto che ogni giorno sarà un giorno diverso da quello precedente, che ogni giorno si può essere migliori per se stessi e per gli altri.


sporcarci le mani sperimentando

}

metodi artigianali

o in disuso

manolab Ci piace definirci romantici. Creiamo piccoli oggetti di carta, amiamo quando – con semplici idee – generiamo sorpresa e curiosità. Abbiamo una buona cultura tipografica, perché sappiamo che dai piccoli particolari possono nascere risultati di qualità. Cosa ispira il tuo stile? Il desiderio di generare curiosità e sorpresa attraverso la semplicità. Quando la più semplice delle nostre creazioni provoca un'emozione, siamo i più felici del mondo. TRE cose che ami: Il contatto con la carta, la "g" minuscola del Baskerville, il profumo degli inchiostri Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Bruno Munari Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Arthur Dent, il protagonista di Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams


Che musica stai ascoltando in questo periodo? Tutta la musica che ci propone Spotify di giorno in giorno Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Le nostre mani www.manolab.it www.facebook.com/manolab.it

07


delle borse

porta oggetti

con la stoffa

Furoshiki e’ stato usato gia’ dall’inizio del 1600 in giapone. IMBALLO PER REGALI/BORSA/ACCESSORIO

in pratica con delle pieghe e dei nodi si possono

utilizzando la tecnica del,

furoshiki fare vari tipi di borse per vari tipi di oggetti.


Paola Paoletti kasquio Cosa ispira il tuo stile? L'arte e la cultura Japponese ed anche l'ecologia. Tre cose che ami? L'umorismo, le macchine fotografiche vintage, i teschi Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Iggy Pop Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Rita Levi Montalcini, Twiggy, Peggy Guggenheim Che musica stai ascoltando in questo periodo? Un po’ di tutto Un oggetto in tuo possesso del quale non potresti fare a meno? Il mio MacBook.

09


pa

ss I o N e

Stefano Bertante Cosa ispira il tuo stile? Qualunque sia il soggetto, in qualunque modo sia trattato, l’importante è che la luce, su cui si ha (almeno in questo caso) un potere di assoluta onnipotenza, ci permetta di assecondare le sensazioni di cui vogliamo che l’immagine finale trasudi. Siano esse lo stupore di fronte ad ambientazioni fantascientifiche, la maestosità della storia manifesta nell’architettura, il mistero di una tecnologia futura, il senso di turbamento della notte in un luogo abbandonato o la tranquillità di un luogo accogliente. Tre cose che ami? Amo osservare tutto ciò che mi circonda, amo cercare di capire tutto ciò che osservo, amo vivere in base a ciò che penso di aver capito. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Se potessi decidere con chi andare a cena sceglierei sicuramente Walt Disney, ma preferirei di gran lunga portarlo al cinema e vedere la sua espressione mentre guarda un film Pixar. Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Chi è il mio eroe? Penso ancora Walt Disney, per la sua genialità nell'aver dato vita a nuova era di intrattenimento e per il suo coraggio nel non essersi mai arreso in contesti anche difficili, credendo in qualcosa che amava profondamente.


Che musica stai ascoltando in questo periodo? Sarebbe ridondante dire che nella mia playlist ci sono praticamente tutte le colonne sonore dei film Disney? Devo dire che in questo periodo sono piacevolmente tornato ad ascoltare le meraviglie di Antony and the Johnsons. Un oggetto in tuo possesso del quale non potresti fare a meno? Non potrei mai fare a meno del mouse, ho provato a disegnare con il touch pad del portatile, ma a quel punto anche i miei vicini hanno convenuto che forse era giunta l'ora di sostituire il mio mouse rotto. http://stefanobertante.tumblr.com

11


Le locandine del Gun Show presentano un supporto sul controllo delle armi dagli USA e oltre...

THE GUN SHOW âœŞ


The } { Gun Show arriva a MondovĂŹ

13


MATERIALE DI RECUPERO

realizzate con


biciclette da collezione

➧

modello Garibaldi Anita Cavour

cicli 3b bertolino bottero bruno

15

➧


modifico aggiusto riutilizzo


Marianna Prandi moda modo mio Cosa ispira il tuo stile? Mi lascio ispirare dalle cose che vedo: dalle foto sulle viviste di moda alle stoffe o gli oggetti che trovo. Tre cose che ami: Tre cose che amo: creare, leggere, mangiare dolci! Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Non so con chi andrei a cena, forse con una persona che è riuscita a fare quello che vorrei fare io, uno/a stilista o uno/a scrittore/scrittrice. Per confrontarmi con lui/lei, chiedere consiglio, ascoltare la sua storia. Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Questa domanda mi mette in difficoltà , non ci ho mai pensato. Forse, vista la mia passione per la moda, direi Coco Chanel. Che musica stai ascoltando in questo periodo? Ascolto la musica che passa in radio, da quella pop, a quella rock, a quella dance. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Il mio telefono su facebook modamodomion

17


Giulia & giorgia ambrogio love is in the air Cosa ispira il tuo stile? Lo stile di LoveIsInTheAir si ispira alla natura che vive al nostro fianco,utilizzando per questo materiali semplici e recuperati,dandogli una nuova vita.Fondamentalmente ci facciamo guidare,nelle nostre realizzazioni,dalla passione e dall’istinto! tre cose che ami: La letteratura Giapponese, Il gelato al pistacchio,I colori dell’Estate. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Anna Karenina.Senza dubbio.Proverei a convincerla che la sua gelosia per Vronskij è totalmente ingiustificata e che è possibile una fine alternativa a quella tragica che lei ha scelto! Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Eroina: Emily Dickinson perché ha vissuto per la poesia,pura,diretta e dolce e per lei veniva davanti ad ogni cosa e,ancora oggi,i suoi versi vivono in ogni cosa.


LOVE IS IN THE AIR è arte,

con le mani e con la fantasia... fin dove si può arrivare

Che musica stai ascoltando in questo periodo? Ascolto abitualmente cantautori e band italiane dello scenario “Indie”.In questo preciso momento sono in fissa con Lo Stato Sociale con l’album Turisti della Democrazia. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Le mie piccole tenaglie blu delle quali non potrei fare a meno,apro anelli,spezzo catene,taglio fili di ferro e posso aggiustare ogni cosa. su facebook loveisintheair

19


Kòrai

di abiti senza stagione, capi unici e dipinti a mano


francesca ferrero Kòrai Cosa ispira il tuo stile? Traggo ispirazione da tutto ciò che mi circonda, dalla natura alle cose dell’ uomo, sono una persona curiosa e tutto ciò che attira la mia attenzione mi porta delle idee. Tre cose che ami? La pioggia, camminare, la crostata di frutta Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Elsa Schiaparelli, un’Artista, una Donna Che musica stai ascoltando in questo periodo? The Heavy, Little Dragon, Banda Fratelli Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Una borsa capiente Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Il regista Baz Luhrmann, per poter guardare in quella sua testa matta e creativa. keca85@tiscali.it 333.652.9589 www.facebook.com/ispiratoalcorsetto http://ispiratoalcorsetto.blogspot.it/

21


Aurora vena chius arte Cosa ispira il tuo stile? La mia ispirazione viene dal mio stato d'animo e dalle sensazioni del momento. Tre cose che ami? La ceramica, la natura, i gatti. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Andrei a cena con chiunque mi faccia sentire bene.... Chi è il tuo eroe/la tua eroina? La mia eroina è Rita Levi Montalcini Che musica stai ascoltando in questo periodo? Ascolto i muse e gli U2. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Non potrei fare a meno del mio anello. www.facebook.com/bottega.chiusarte


patricia Lamouroux chius arte Cosa ispira il tuo stile? Trovo ispirazione ovunque, spesso è il vetro a decidere quello che diventerà, io trasmetto la mia passione alle mie perle, adoro la mobidezza delle loro forme, i decori vengono mentre creo, sul momento, raramente finisco col fare cio che avevo deciso accendendo il canello. Ho imparato che il giorno che decido di fare orecchini, finisco col fare un braccialetto....ho smesso di decidere.... faccio! Tre cose che ami? Amo il vetro, il silenzio ed i tramonti... Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Andrei a cena con il mio angelo custode Chi è il tuo eroe/la tua eroina? La mia eroina è Katherine Hepburn. Che musica stai ascoltando in questo periodo? ascolto raramente musica mi piaciono le canzoni d’amore di Elvis presley e le melodie di jovanoti e cremonini. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? I miei occhiali? Scherzo, ma pensandoci bene è vero! www.facebook.com/bottega.chiusarte

23


hm

happy maker

un merca 18-19 ma g ore 9 Antico Palazzo di C


a to creativo a ggio 2013

9 ,30-19

C ittà Mondovì, Piazza •


Mauro Olocco M-olo Cosa ispira il tuo stile? miei oggetti evocano avventure e favole del passato. Sono balocchi d'altri tempi.. spesso fatti di carta. Cavalieri e bucanieri, odalische, sirene, pupi e marionette... vecchi eroi, scassati, arruginiti, contaminati dal tempo.. Tre cose che ami: Le librerie quando hanno comodi divani e sono popolate da gente silenziosa, i musei quando come sopra e sono ad ingresso libero, le barche, quando hanno la vela e navigano in mezzo al mar. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Viva o morta sarebbe qualcuno che non si è pigliato mai troppo sul serio. Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Scrittori, artisti, chef, musicisti, navigatori.. Difficile dirlo, ne cambio uno alla settimana. Che musica stai ascoltando in questo periodo? Ultimamente... ero un pò distratto, quindi... mi sono astenuto. Spero presto di tornare a farmela da me. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Faccio fatica a distaccarmi dai miei lavori, per il resto... mi auguro, nulla. www.m-olo.com

27


ai tempi di colera

Q

ual è il ruolo dell'Autore nei tempi di questo Colera? Ovviamente non si tratta di una pestilenza reale, come la trecentesca peste del Boccaccio o quella seicentesca di manzoniana memoria, ma la moria economica che sta colpendo la nostra società in questi ultimi anni, a partire dall'avvio della crisi nel non lontano 2008.

Quella del colera può essere un'immagine un po' forte, ma al di là dell'omaggio a Garcia Marquez, è innegabile che la trasformazione che la crisi sta impartendo alla nostra società è tutt'altro che episodica e superficiale: incluso il mondo della produzione artistica. Così l'Autore deve, in qualche modo, reinventarsi. La prospettiva di vivere della propria produzione creativa, sia in ambito letterario, sia in altri ambiti di produzione artistica, come le arti visuali (ma non solo) è decisamente più ristretta. Quasi tutti siamo costretti a pensare alla nostra produzione autoriale come un “Piano B”, un piano di riserva rispetto ad altre attività meno creative: pochi coraggiosi “bruciano le navi alle loro spalle” (come Ulisse, per costringere i Greci a conquistare Troia o perire) e si dedicano interamente alle loro ricerche. Ma anche nel caso di una strategia minimalista, è facile osservare come la contrazione del benessere da un lato, quella dell'intervento pubblico dall'altro, sottrae possibilità espressive all'Autore, tralasciando il fattore dell'autonomia economica. Chiudono gallerie, librerie, teatri, spazi che in vario modo erano necessari all'espressione artistica; e quelli che resistono spesso ridimensionano la propria attività, puntando a tagliare le spese di gestione insostenibili. Per contro, molti Autori hanno dimostrato una tendenza degli Autori all'auto-organizzazione (autor-organizzazione?), col fiorire di realtà quali le varie associazioni culturali senza fini di lucro, aumentate anche nella nostro ambiente, per promuovere il proprio agire artistico anche sfruttando la sinergia tra più Autori, spesso anche facendo dialogare i vari ambiti di produzione artistica. Spesso tali realtà si caratterizzano per un forte rapporto con la realtà locale; segno anche di una riscoperta del territorio (il “Think Globally, Act Locally” di Naomi Klein?) ma anche, innegabilmente, di un ripiegamento per le suddette ragioni economiche, che rende meno attuabili progetti più vasti.


C'è da sperare, ovviamente, che la “riscoperta dell'identità” non finisca in un ripiegamento, ma valorizzi anche la multiculturalità ormai ampiamente presente nel nostro reale. Un bilanciamento ai rischi di chiusura può venire dall'utilizzo sempre maggiore delle tecnologie informatiche. Non si tratta certo di una novità assoluta, ma lo stato di crisi valorizza, ovviamente, la maggiore economicità (che non è un “costo zero”...) degli strumenti digitali. Internet è del 1974, ma il web moderno nasce solo nel 1991. Il blog, forma efficace di sito personale (dopo la gloriosa ma inefficiente era degli esordi, tra Geocities e Fortunecity...), nasce nel 1997, imponendosi negli anni seguenti; dal 2005 esiste Youtube, subito giunto al successo (“uomo” dell'anno per Time...), e quindi, dal 2007, Facebook, IL social network per eccellenza, che è stato l'artefice del vero innamoramento dell'italiano medio per internet. Strumenti che hanno fornito potenziali alternative al cartaceo agli Autori: almeno un blog personale, quando non una più autorevol dotcom, per diffondere i propri articoli, saggi, racconti, poesie (o, nel caso di autori visuali, un photoblog), i social network (Facebook, ma ormai anche Twitter) per gestire i propri contatti e pubblicizzare i propri eventi, ovviamente usati in sapiente sinergia. Meno annuari, raccolte, riviste, cataloghi, depliant, pieghevoli, biglietti da visita assortiti sostituiti con risultati alterni dal loro equivalente digitale, free o a basso costo. Ovviamente, si trattava di un processo già in atto almeno dal passaggio del 2000 (il primo esperimento cui ricordo di aver partecipato, abbastanza pionieristico, era del 1997); ma la crisi ha contribuito ad intensificarlo. Non solo quasi tutte le cover band hanno il loro canale video su Youtube, ma ormai anche vari attempati pittori hanno a volte un profilo su Pinterest. Forse il limite, per ora, è un approccio a volte naif, poco consapevole delle possibilità del mezzo. All'utilizzo pratico delle nuove tecnologie, in aumento, non sempre è corrisposto un utilizzo teorico. Ancora poco esplorata, ad esempio, è la possibilità di uso di opere realmente interattive, con un'esplorazione sperimentale, da parte delle arti tradizionali, della sfida culturale del videogame. Quello che deve verificarsi è forse una sinergia degli Autori con i nativi digitali della comunicazione, che potrebbe davvero aprire prospettive d'innovazione autentica in questo campo. Se però la crisi accelererà questo processo comunque inevitabile, allora perlomeno avrà effettuato un effetto positivo.

Lorenzo Barberis, laureato in Lettere a indirizzo artistico, insegna italiano nelle scuole superiori. Dal 1997 si occupa di arte e letteratura su riviste locali ed online ("Outsiders Art", "Weltenschaaung", il "Mondovì", "Artes", "Wundergammer", "Margutte") e per cataloghi di varie mostre. Nel 2005 ha pubblicato il saggio "I Misteri di Mondovì", sugli aspetti misteriosi ed ermetici della sua città. Su questi argomenti, dal 2010, cura il blog: ermetical.blogspot.com. barberislorenzo@yahoo.it

29


dall'11 al 19 maggio: Bistrò Caffè e Moro

Cafè flettono i loro muscoli creativi con i loro drink denominati Marchino B i s t r ò C a f f è Piazza Ellero, 12

Frullare Aperol Bitter e succo d'arancia con ghiaggio, aggiungere dopo Prosecco di Valdobbiadene e decorare con scorza d'arancio

 Alex Biga M o r o C a f è Piazza San Pietro, 8

2 fette di arancio con zucchero di canna a coprire e pestare, ghiaccio tritato, 1 oz. Martini Rosso, 1 oz. Campari Bitter, 1 oz. Gin, mixcolare, 3 goccia Angostura, decorazione di arancia


Marasma è un gruppo di designer, che nasce in ambiente universitario dal comune interesse per la progettazione e l’autoproduzione, uscendo dall’ambiente accademico e riunendo approcci differenti.

Un gruppo creativo che nasce nell’ambito del design, particolarmente interessato agli aspetti più spontanei e sociali del settore. L’approccio è basato sulla condivisione delle idee e il rispetto della creatività individuale.

Tra le attività principali del gruppo: organizzazione di laboratori di autoproduzione di oggetti e beni d’uso quotidiano, organizzazione di eventi, mostre, esposizioni, workshop e incontri con professionisti del settore creativo-produttivo, riqualificazione di aree urbane degradate o in disuso, con interventi di arredo, prodotto, se possibile,con materiale di recupero. marasmadesign.com

31


➸ ➸


Lorella Alessandria Nei ritagli di tempo cero di conoscere il mondo viaggiando, vivendo la natura, percorrendo l'animo unamo con matite colorate... Cosa ispira il tuo stile? i grandi illustratori che mi emozionano Tre Cose che ami: i viaggi, i libri, l'illustrazione per l'infanzia Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? mio nonno, che non è piÚ qui Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Arthur Rackham Che musica stai ascoltando in questo periodo? Coldplay Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? la mia scatola di acquerelli www.torinoart.it

lorella.alessandria@gmail.com

33


Ripercorreremo insieme la lettura di questi affreschi, in particolare dell'ebreo nel Medioevo, e sulla presenza ebraica nel Monregalese.

Osteria Bertaina 19 maggio ora 17 P.zzza Maggiore, 6

C'è a MondovÏ, sulla strada che da Piazza porta verso Fiamenga, una cappella medievale, dall'aspetto semplice e dimesso. Custodisce una versione in affresco della rarissima iconografia della

diffusasi nel Nord-Est Europa e nel Nord Italia fra Tre e Quattrocento per poi rapidamente scomparire.


Un' iconografia piuttosto esplicita benchĂŠ dalle origini controverse ... Mariagrazia Bertolino ha lavorato come guida nell'ambito della mo-

stra Il trionfo dell’illusione (Andrea Pozzo pittore, architetto, scenografo-Chiesa di San Francesco Saverio, 1676-1678), nel servizio guide a cura del Tour Operator Terre di Emozioni. Da alcuni anni collaboro come guida nell'ambito delle giornate europee della Cultura Ebraica per conto della Cooperativa Artefacta, presso le Sinagoghe del basso Piemonte. mariagrazia.bertolino@gmail.com

35


e c h e s percorre ha e c h e s p e r c o r sr e p e h ra c o r r e h a e c h e u n a m o t i v a z i ou nn ea m o ut n i va a m z i oo t ni ev a z i o n e i n c o n s c i a i n c o n si nc ci ao n s c i a v a p e r s e g eu i vt aa . p e e rv sa e gp ue ir ts ae . g u i t a .

e

forma d’

ogni


marco roascio cabalinguistica Cosa ispira il tuo stile? In questo periodo, ciò che vedo per strada, in genere vecchi manifesti degradati Tre cose che ami: La lingua italiana, La musica di Frank Zappa,La corsa a piedi Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Umberto Eco Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Frank Zappa Che musica stai ascoltando in questo periodo? La musica di Frank Zappa Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? La mia "seconda memoria", un palmare senza connessione; serve per archiviare dati ed averli a portata di mano. E' indispensabile per fissare l'idea di un istante, che permette poi di creare! www.arte81.it

www.cabalinguistica.it

www.facebook.com/roascio

37


La fotografia ĂŠ un momento di apnea...

ĂŠ l'inizio di una

un gesto di gratitudine conversazione,


Silvio Garabello vivereonó fotografie Cosa ispira il tuo stile? Mi ispirano i margini, i bordi, i limiti, i confini, le zone dove una cosa smette poco a poco di essere sé stessa per diventare qualcos’altro. Tre cose che ami: Amo i boschi, il fuoco e il silenzio. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Andrei a cena con mio padre, perché non l’ho mai fatto. Chi è il tuo eroe/la tua eroina? Tra gli eroi della letteratura scelgo Corto Maltese e Ismaele di Moby Dick. Che musica stai ascoltando in questo periodo? Musica Gnawa, Camaron de la Isla, Chet Backer, Enfance Rouge. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? Nessuno. www.uruss.net

www.flickr.com/photos/uruss

39


la foto

LO P R I M I T I VO P E N S I E R O S I FA NON SI DICE

SI SENTE

L ' O P P O R T U N I TA `

DI ESSERE


noemi genaro Cosa ispira il tuo stile? Mi ispira stare da sola con la natura, ascoltare cosa mi dice, prendere la sua pace, metterla dentro di me e dopo tirarla fuori di nuovo con le foto, consapevole che la natura é in me. Tre cose che ami: Amo stare con i piedi nell'acqua, il formaggio fresco di capra e leggere vicino al fuoco. Se potessi andare a cena con una persona, viva o morta, chi sarebbe? Mia nonna materna. Non l'ho conosciuta, ho bisogno della sua visione. Chi è il tuo eroe/la tua eroina? La mia eroina é mia figlia, lei é la creatura piú saggia che conosco. Che musica stai ascoltando in questo periodo? Ascolto musica del deserto per compensare la neve. Un oggetto in tuo possesso della quale non potresti fare a meno? La mia fotocamera. www.noemigenaro.com

41


Pirouette Press dire t.v.b.

pirouettepress.com pirouettepress@gmail.com

letterpress & print design

Happy Maker Station  

Happy Maker Station è una celebrazione della gente creativa di tutti tipi, l'artigianilità, il nuovo mercato, lo 0 km alternativo, un'esperi...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you