Page 1

Newletter Febbraio 2011 - N° 0

Editoriale

A due anni di distanza dalla fondazione dell’associazione eccoci qua col numero zero della newsletter. Abbiamo deciso di chiamarla “House Of Human Rights”, perchè questa newsletter sarà la “casa” di tutte le iniziative, i progetti, le campagne protagoniste del nostro lavoro. Lavoriamo affinchè questo mondo diventi realmente una “casa” per i Diritti Umani. Non è certamente facile, ma come disse un grande uomo, Maestro di vita, “se fosse facile lo farebbero tutti”. E questa frase la ripeto costantemente. Bisogna ammettere, infatti, che sono stati due anni faticosi e non privi di momenti di sconforto, ma la nostra voglia di fare, di dedicare parte della nostra vita per qualcosa di utile non ci ha fermato. E poi ci sono stati tanti momenti indimenticabili, che ci hanno donato molta soddisfazione. Momenti di incontro e di dialogo che hanno arricchito non solo il nostro lavoro ma la nostra visione del mondo e che hanno aiutato alla crescita personale e dell’associazione stessa. Passo dopo passo abbiamo creato, con lo sforzo di tutti i volontari, questo mondo che è la H.R.Y.O., e per tale motivo colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro i quali ci hanno creduto veramente e si sono uniti per dare vita a questo progetto. In questo primo numero troverete le principali informazione ed iniziative che caratterizzeranno i primi mesi del 2011: Iniziative, scambi, progetti, eventi...nonchè altre attivit e notizie dal mondo H.R.Y.O. Quindi ora non mi resta che augurarci buona lettura!!! Valeria Corbo

Sommario: • • • • • • • • • •

Peacerama - Work For The Future Is Now..............................................Pag 1 Un mare in rivolta...................................................................................Pag 2 1° Marzo 2011 - 24h Senza di Noi.........................................................Pag 2 31 Marzo Giornata della Gentilezza......................................................Pag 2 All Without Borders................................................................................Pag 3 Sottoscrizione H.R.Y.O...........................................................................Pag 4 Dipartimento Mobilità............................................................................Pag 4 Free Burma Free Tibet............................................................................Pag 4 La H.R.Y.O. e la causa Tibetana............................................................Pag 5 Dipartimento Volontari...........................................................................Pag 6

Peacerama - Work For The Future Is Now “Peacerama - Work For The Future Is Now” è stato progettato dalla volontà e dal desiderio dei giovani di costruire adesso il proprio futuro basato sul rispetto dei Diritti Umani e Pace. Il crescente numero dei conflitti, unito all’armamento militare e nucleare necessita di una più grande diffusione del messaggio della pace, nonché dei Diritti Umani e sopratutto una maggiore consapevolezza, da parte dei giovani, del loro fondamentale ruolo per la creazione di un futuro basato sui valori della pace e su tutti i valori e diritti espressi nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. I giovani partecipanti, durante il percorso, organizzeranno e realizzeranno iniziative, in occasione di alcune delle ricorrenze mondiali e giornate internazionali di sensibilizzazione, mettendo alla prova le capacità sviluppate e/o acquisite, potendo realmente sperimentare le loro idee, trasformandosi in soggetti attivi, non passivi, della società . Inoltre, potranno mettere alla prova le capacità acquisite anche nella realizzazione del “Festival della Pace”, che si terrà fine progetto in occasione dell’Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani e di cui loro, i giovani, saranno i responsabili dell’organizzazione e realizzazione. Gli incontri avranno inizio la seconda settimana di Febbraio. Per partecipare al progetto invia una mail a: mobility@humanrightsyouthorganization.net Maggiori informazioni sul sito: www.humanrightsyouthorganization.net 1


Un Mare In Rivolta Giovani e Movimenti tra le due Sponde del Mediterraneo

Cosa: Incontro - dibattito Tema: I movimenti giovanili nel Mediterraneo Dove: Bar Libreria Garibaldi - Piazza Cattolica 1 Quando: 2 Febbraio 2011 Ore: 18:30 Siete tutti invitati a partecipare

Un incontro per raccontare i movimenti giovanili che si sono opposti ai governi tra le due sponde del Mediterraneo e interrogarsi sulle pratiche di lotta e rivendicazione, tra violenza e nonviolenza, per un percorso di rottura e cambiamento... 2 Febbraio 2011 - Palermo Agenda dell’incontro • Introduzione • Interventi: • Rabih Bouallegue, autore del blog “L’angolo del patriota”. Cronistoria e analisi del movimento di rivolta in Tunisia. L’utilizzo dell’informazione libera come strumento di diffusione della protesta. • Giorgio Martinico, Collettivo Universitario Autonomo. Cronistoria e analisi del movimento d protesta in Italia e a Palermo. Manifestazioni e blocchi tra idee e azione. • Marco Farina, presidente di Human Rights Youth Organization. Percorsi di educazione informale ai diritti umani: una proposta non violenta. • Dibattito aperto al pubblico con studenti, associazioni e rappresentanti della comunità migrante. Moderano i ragazzi di Al Janub Letture a cura di Giacomo Guarneri.

Primo Marzo - Sciopero degli Stranieri Anche quest’anno la H.R.Y.O. parteciperà al 1° Marzo - Sciopero degli Stranieri. Dopo i primi passi compiuti lo scorso anno la nostra rivendicazione di Diritti valida per tutti gli esseri viventi non si è fermata. Così, anche quest’anno Palermo e la sua società civile sarà protagonista di altri eventi a favore di questi Diritti che ancora oggi sembrano privilegio di pochi. Le iniziative e i progetti sono ancora in cantiere, ma il coordinamento palermitano è già al lavoro per un altro 1° Marzo da non dimenticare! Per tutti gli aggiornamenti: www.humanrightsyouthorganization.net

La giornata della gentilezza La giornata della gentilezza si celebra ogni anno il 31 di Marzo. Si tratta di un’iniziativa creata da LKPY, Loving Kindness Peaceful Youth. La tematica per il 2011, in particolare è incentrata sul tema “Ricordare la gentilezza”. Quindi la giornata del 31 consiste nel pensare a qualcuno che ci ha fatto una o delle gentilezze o cose carine...e ringraziarli nel modo che si ritiene più appropriato o più creativo (una chiamata, o una cartolina, un regalo ecc). 2


All Without Borders - Gioventù In Azione - Azione 1.1 La dichiarazione Universale dei Diritti Umani, firmata a Parigi il 10 dicembre del 1948 ricorda che: “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. Un principio fondamentale, non vincolante, ma tuttavia necessario; un precetto sul quale ogni collettività umana organizzata deve gettare le proprie basi, perché siano pienamente garantiti il rispetto e lo sviluppo della personalità dell’individuo; nonché una linea guida, alla quale si è recentemente ispirata la realizzazione del progetto “All Without Borders” azione 1.1 a cura della Human Rights Youth Organization. Il progetto finanziato nell’ambito del Programma Comunitario Gioventù in Azione, pienamente attinente con le tematiche in esso contenute, si è costituito quale punto di contatto con gli obiettivi annuali della Commissione Europea del 2010-2011, tra cui in particolare: la lotta all’esclusione sociale e la promozione del volontariato, come buone pratiche di sviluppo per i singoli. Dal 15 al 22 gennaio scorso, l’ex Convento dei Carmelitani nel centro storico della Città di Palermo è diventato scenario di un importante Scambio Internazionale di Giovani. In questo breve, ma ricco periodo, si sono visti discutere e confrontarsi fra loro su vari temi, nonchè acquisire conoscenze su altri paesi e culture diverse, sei stati dell’area euro-mediterranea : Portogallo, Spagna, Malta, Grecia, Francia ed Italia per un totale di trenta partecipanti (per l’esattezza: 4 partecipanti per ciascun paese, più 1 youth leader)! Un esperienza unica e come poche in Sicilia, la quale ha permesso l’instaurazione di un clima di cooperazione fra i partecipanti e di apprendimento non formale, basato in particolare sulle attività promosse dal “ Compass a Manual on Human Rights Education with Young People” oltre al “ Laboratorio Creativo”, quale metodologia propria della H.R.Y.O., ossia: attività volte all’educazione dei diritti umani col metodo dell’apprendimento estemporaneo, che non si basa su pratiche o concetti preimpostati. Tuttavia, parole, elenchi di obiettivi o finalità da perseguire, non bastano per descrivere l’effettiva importanza del lavoro svolto dalla Human Rights Youth Organization, in così poco tempo. Per questo, chi ha preso parte attiva all’iniziativa ha dato e ricevuto tantissimo. Gli stessi gruppi creati per svolgere le attività miste si sono integrati benissimo, nonostante non fossero mai composti dalle stesse persone o da individui della stessa nazionalità. Ancora, l’allestimento di serate interculturali, nel corso delle quali ad ogni gruppo è stata concessa la possibilità di esibire la propria abilità culinaria o maestria nella danza con l’esecuzione di tipici balli folcloristici o quanto meno, di mostrare le bellezze del proprio paese attraverso la proiezione di filmati audio-visivi, che né ritraevano i luoghi più caratteristici, hanno senz’altro contribuito a far crescere lo spirito partecipativo dei giovani volontari, aderenti all’iniziativa. Per di più, ogni attività di cooperazione tra i ragazzi dei vari paesi ha visto la produzione di cartelloni didattico-educativi, accompagnati dallo svolgimento di giochi in squadre, diretti all’educazione ed alla conoscenza dei diritti umani. Comuni attività, che accompagnate da un intenso lavoro di squadra, insegnano a tutelare e salvaguardare tutti quei diritti da sempre ritenuti come fondamentali ed inviolabili, diritti verso i quali urge una sempre maggiore sensibilizzazione, soprattutto fra le nuove generazioni. Questo lo scopo ultimo del progetto: “Tutti senza frontiere”, perché ci s’impegni nel dar corpo all’immagine di un mondo senza confini, un mondo dove gli uomini, possano agire in spirito di fratellanza gli uni verso gli altri e dunque, assolvere un impegno concreto, che in realtà altro non è, se non un dovere etico-sociale inderogabile comune a tutti i popoli! Francesca Bisbano www.allwithoutborders.eu

3


Sottoscrizione H.R.Y.O. 2011 “Per difendere i diritti umani bastano 10 euro!” Ecco la quota che bisognerà versare per il tesseramento alla H.R.Y.O. - Human Rights Youth Organization, l’associazione che da due anni si occupa di diritti umani attraverso progetti svolti con metodi informali e volti a favorire il dialogo interculturale, la sensibilizzazione e la promozione del volontariato all’interno del territorio palermitano. La HRYO, inoltre, si occupa di progetti internazionali attraverso scambi con paesi europei. Il tesseramento, dunque, è una cosa necessaria per permettere di portare avanti le iniziative dell’associazione. La tessera ha quota 10 euro e valenza per l’intero 2011. I già iscritti sono invitati al rinnovo. Tutti i contatti sono disponibili sul sito

Dipartimento Mobilità La Human Rights Youth Organization realizza progetti di mobilità nell’ambito di diversi programmi internazionali in Partenariato con stati membri ed extraeuropei. Il Dipartimento Mobilità si cura di ricercare i partecipanti più idonei per la realizzazione di questi progetti. Uno Scambio internazionale è un progetto che riunisce gruppi di giovani di due o più paesi, fornendo loro l’opportunità di discutere e confrontarsi su vari temi e allo stesso tempo acquisire conoscenze su altri paesi e culture. Uno Scambio internazionale è basato su una partnership transnazionale tra due o più promotori provenienti da paesi diversi. Uno Scambio internazionale può essere bilaterale, trilaterale o multilaterale a seconda del numero dei paesi coinvolti. Un progetto di Scambio internazionale prevede tre fasi: 1. Pianificazione e preparazione 2. Attuazione dell’attività 3. Valutazione (in cui si prende in considerazione un eventuale follow-up). Il progetto si avvale dei principi e dei metodi dell’apprendimento non formale. Maggiori informazioni sul sito: www.gioventuinazione.it

La H.R.Y.O. - Human Rights Youth Organization ha avviato una petizione, obiettivo è 500,000 nominativi, per sostenere una richiesta a più livelli istituzionali, in europa e nel resto del mondo, di istituzione di una Commissione Permanente Sulla Questione dell’ex Birmania e Tibetana, affinchè si sviluppi una migliore attenzione sul tema e le istituzioni prendano posizione. Sostieni la petizione sul sito: www.humanrightsyouthorganization.

4


La H.R.Y.O. e la causa tibetana La H.R.Y.O. - Human Right Youth Organization è da sempre molto attenta alla causa tibetana;, tale attenzione si traduce in un impegno che è cominciato nel 2009 (anno di fondazione dell’associazione) e che ha visto i suoi membri ideatori e partecipi di diverse attività pro-Tibet. La questione tibetana è purtroppo di difficile risoluzione data la rigidità del governo cinese nel trovare una soluzione pacifica a tale controversia. Benché S.S. il Dalai Lama abbia più volte ribadito che il Tibet non ambisce all’indipendenza ma ad una autonomia reale e democratica in seno alla Cina, il governo di Pechino ha mantenuto La H.R.Y.O. si avvale inoltre di un rapporto di collaborazione col Centro Buddhista Muni Gyana di Palermo con cui ha realizzato diverse e significative iniziative. Le iniziative e le adesioni della H.R.Y.O. a favore del martoriato popolo tibetano: • Free Burma free Tibet: è un ambiziosa idea della H.R.Y.O., raccogliere 500.000 nominativi da inviare alla commissione europea affinché possa essere creata una commissione permanente di vigilanza sulle violazioni in atto in questi paesi. • Accendi una candela per il Tibet: il 25 Febbraio 2009 a piazza Politeama la H.R.Y.O. ha organizzato in collaborazione col centro buddhista Muni Gyana un sit-in pro Tibet in occasione del capodanno tibetano, il Losar. L’iniziativa prevedeva la distribuzione di lumini da accendere in segno di solidarietà a S.S. il Dalai Lama ed al popolo tibetano nell’anno del sessantesimo anniversario dell’occupazione cinese. • Tutti in rosso per il Tibet: organizzato dal gruppo di Facebook Tibet in pace il 12 aprile del 2009, l’iniziativa prevedeva di indossare indumenti di colore rosso al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla causa Tibetana. La H.R.Y.O. ha provveduto a sponsorizzare l’evento tra i suoi contatti ed a partecipare. • Vesak 2009: si è svolto dal 29 al 31 maggio 2009, in linea con quella che è la particolare attenzione alla causa tibetana la H.R.Y.O. ha partecipato a questa importante festività buddhista stringendo profondi legami di collaborazione ed amicizia col centro buddhista Muni Gyana di Palermo, con l’Unione buddhista italiana (U.B.I.), con i monaci di tutte le tradizioni buddhiste presenti in Italia, tra cui molti tibetani. All’interno dell’evento l’associazione ha promosso i diritti umani tramite la raccolta nominativi del progetto FREE BURMA FREE TIBET. • La profonda compassione del Tibet: si è svolto il 10 novembre del 2009 presso la chiesa valdese di Palermo, durante l’incontro è stato proiettato un video sulla storia dell’occupazione cinese seguito da una tavola rotonda per informare i presenti sulla situazione politica e religiosa del Tibet post invasione cinese. • Il bimbo rubato al Tibet: marzo 2010, iniziativa su Facebook per l’anniversario della scomparsa del Panchen Lama, seconda carica spirituale del Tibet, rapito dal governo cinese all’età di sei anni. Ad oggi non si hanno sue notizie, si sospetta sia morto. • Laboratorio Su Nonviolenza e Diritti Umani: a partire dal 12 Marzo 2010 presso la facoltà di lettere e filosofia dell’università di Palermo la H.R.Y.O. in collaborazione col Centro Buddhista Muni Gyana e con l’ M.D.U. ( Movimento degli Universitari) ha organizzato un ciclo di tre laboratori sulla nonviolenza ed i diritti umani al cui interno sono stati proiettati film sul tema della nonviolenza e dei Diritti Umani, sono stati organizzati dei Laboratori sulla Nonviolenza e degli Incontri con il Lama Tibetano Gesce Tenzin Temphel. Hanno partecipato al seminario di esperti nel campo della Nonviolenza e dei Diritti Umani; l’idea è stata quella di creare un momento di riflessione e al tempo stesso un momento di formazione utile alla crescita degli studenti sulla base del metodo nonviolento. Vincenzo Scaglione

5


Dipartimento Volontari La Human Rights Youth Organization si avvale dell’attività spontanea e gratuita dei propri volontari. Promuoviamo il Volontariato come mezzo di sviluppo individuale e sociale. La H.R.Y.O. realizza progetti a livello locale, favorisce il dialogo interculturale e lo sviluppo del tessuto urbano e suburbano; Ci avvaliamo del metodo dell’indagine giornalistica per poter monitare al meglio la realtà in cui viviamo e sulla base di questi risultati sviluppiamo le nostre idee progettuali. La H.R.Y.O. realizza progetti finanziati a diversi livelli, se vuoi L’attività di volontariato ha permesso alla nostra associazione di crescere e svilupparsi anche in ambito internazionale cominciando sin da subito a realizzare progetti in partenariato con l’estero; Alcuni dei ruoli da poter ricoprire sono: • Organizzatore di Eventi Culturali; • Project Manager; • Responsabile Progetti di Mobilità; • Web Developer; • Articolista; • Video - Maker; • Foto - Maker; • Traduttore. Se sei un giovane o un adulto, italiano o straniero, e vuoi cominciare ad intraprendere un percorso insieme alla nostra associazione contattaci inviando una e-mail all’indirizzo: info@humanrightsyouthorganization.net Verrai inserito nella mailing list volontari ed aggiornato periodicamente sulle attività. Il tuo indirizzo mail potrà essere rimosso in qualsiasi momento qualora tu ne faccia richiesta

I volontari riceveranno, qualora lo richiedessero, attestato dell’attività di volontariato svolta presso l’associazione.

Contatti: Sito Internet: www.humanrightsyouthorganization.net mail: info@humanrightsyouthorganization.net Tel: +39 3485644084 / +39 3385421643 Fax: +39 0917791040 Questa newsletter non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ex L.62 7/3/2001. Testi e immagini, inseriti sono pubblicati senza alcun fine di lucro. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo. Grazie. 6

Newsletter - House Of Human Rights  

La newsletter della H.R.Y.O.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you