Page 1

PRIMAVERA ESTATE 2012


te N

PRIMAVERA ESTATE 2012

Primavera/Estate 2012.

7


3


I NOSTRI EVENTI IN VALLE BRESCIANA

Fai uno scacco alla Celiachia Prosegue il percorso informativo e gustativo che la nostra Rivista ha voluto dedicare, quest’anno, alla celiachìa. Dopo l’interessante serata del 04 marzo scorso, presso l’Antica Trattoria Valle Bresciana, che ha fatto registrare una discreta partecipazione di pubblico, è in programma il secondo appuntamento dedicato alle persone intolleranti al glutine. Programma: -esposizioni di produttori/rivenditori Provinciali, con ricettari e degustazioni -informazioni alimentari specifiche fornite da membri dell’AiC -cena a base di prodotti senza glutine Per Informazione: 346 1679107 Alessandra L’evento è in collaborazione con l’AiC (Associazione Italiana Celiachia)

Gli espositori offriranno ogni ulteriore informazione sulle varietà dei prodotti e dove poterli acquistare

05


Per saperne di più

L’intolleranza al lattosio DEFINIZIONE Si definisce “intolleranza al lattosio” l’insieme dei sintomi che possono presentarsi per la incapacità di digerire il lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte, causata da una carenza di lattasi, l’enzima che scinde il lattosio in zuccheri semplici che vengono poi assorbiti dal tratto gastrointestinale. Nell’adulto è molto comune: nell’ Europa centrale la prevalenza è circa il 30% e nell’Europa del sud sfiora il 70%. Non vi sono invece differenze significative di incidenza fra i due sessi. I sintomi più comuni dell’intolleranza al lattosio sono gastrointestinali: dolore addominale non specifico e non focale, crampi addominali diffusi, gonfiore e tensione intestinale, meteorismo, flatulenza e diarrea con feci poltacee, acquose, acide, che insorgono da 1 a poche ore dopo l’ingestione di latte o latticini o comunque di alimenti contenenti lattosio. Si stima che occorrano più di 240 ml di latte al giorno (12 grammi di lattosio) per causare sintomi in soggetti con carenza di lattasi. L’insorgenza della sintomatologia è anche dipendente dal cibo associato, in quanto è legata alla velocità di svuotamento gastrico: se il lattosio si sposta rapidamente dallo stomaco ad un intestino con bassa attività lattasica, i sintomi saranno più evidenti. Quindi se il lattosio viene ingerito insieme a carboidrati (specie i carboidrati semplici), che aumentano la velocità di svuotamento gastrico, i sintomi sono più probabili o più intensi, mentre se viene ingerito insieme a grassi, che riducono la velocità di svuotamento gastrico, i sintomi possono essere molto ridotti o addirittura assenti.

ETA’ DI INSORGENZA

L’attività della lattasi nell’intestino fetale aumenta progressivamente nel 3° trimestre e raggiunge la massima espressione al termine della gravidanza. I nati pretermine hanno quindi livelli di lattasi più bassi dei nati a termine. Dei nati alla 28° settimana di gestazione, solo

06

pochi hanno una attività lattasica intestinale significativa, mentre circa il 40% dei nati alla 34° settimana sviluppano una attività enzimatica significativa. La prematurità neonatale è l’unico periodo in cui può essere indotta la produzione e l’espressione dell’attività lattasica. Poiché la carenza congenita di lattasi è estremamente rara, nei neonati con sintomi di intolleranza al lattosio devono essere considerate le più comuni forme di malassorbimento di glucosio o galattosio oppure la allergia alle proteine del latte. L’attività lattasica è geneticamente programmata per diminuire intorno ai 2 anni di vita. I segni e sintomi in genere non divengono clinicamente apparenti fino all’età di 6-7 anni e possono restare inapparenti fino all’età adulta a seconda della quantità di lattosio ingerito nella dieta e della velocità di diminuzione della attività lattasica intestinale. L’attività enzimatica della lattasi è strettamente correlata con l’età. La carenza di lattasi secondaria a danno della mucosa intestinale può insorgere a qualunque età, ma i più suscettibili sono in bambini al di sotto dei 2 anni di vita.

DIAGNOSI

E’ quanto meno discutibile fare diagnosi di intolleranza al lattosio basandosi sulla scomparsa dei sintomi in seguito a dieta di eliminazione dei prodotti contenenti lattosio, in quanto gli stessi sintomi possono essere dovuti ad esempio ad una allergia alle proteine del latte, specialmente nei bambini. Fra i test diagnostici non invasivi, particolare importanza assume il Breath Test all’ Idrogeno. Il meccanismo su cui si basa il “test del respiro” è semplice: il malassorbimento del lattosio porta alla fermentazione dello zucchero da parte della flora batterica intestinale con produzione di idrogeno che viene assorbito nel sangue ed eliminato attraverso i polmoni. Il malassorbimento del lattosio può quindi essere dimostrato dall’aumento della quantità di idrogeno esalato dopo un carico orale di 20 g di lattosio. Tale test è altamente specifico, di facile esecuzione e di costo contenuto e rappresenta attualmente il test di prima scelta nella diagnosi di intolleranza al lattosio. Inoltre, in presenza di flora batterica nell’intestino tenue, la fermentazione del lattosio avviene precocemente e può causare un innalzamento precoce dei livelli di idrogeno nel respiro (> 20 ppm), con un picco ulteriore tardivo per la fermentazione nel colon. Tale andamento della concentrazione di idrogeno nel respiro, può quindi essere utile nella diagnosi della Sindrome da Sovraccrescita Batterica nel tenue.

(fonte: studio medico Torrinomedica, Roma)


Per saperne di più

TABELLA DEL CONTENUTO DI LATTOSIO NEGLI ALIMENTI (100 gr.) FRUTTA E VERDURA

LATTE E FORMAGGI Latte di mucca scremato Latte di mucca parzialmente scremato Latte di mucca intero Latticello (siero del latte) Latte privo di Lattosio (Zymil, Accadì ecc.) Latte in polvere intero Latte in polvere magro Latte di pecora Latte di capra Latte di bufala Yoghurt intero Yoghurt parzialmente scremato Yoghurt scremato Yoghurt magro alla frutta Panna Burro Fiocchi di latte Cheddar (formaggio inglese morbido) Mozzarella vaccina Formaggio caprino Crescenza Ricotta romana di pecora Ricotta fresca vaccina Crema Bel Paese Formaggino (tipo MIO) Parmigiano grattuggiato Formaggio svizzero

4,7 4,6 4,5 4,1 0,5 35,1 50,5 4,5 4,2 4,9 3,2 3,3 3,1 3,1 3,21 4 2,6 0,23 1,5 - 2 1,5 - 2 1,5 - 2 3,2 4,0 3,2 6 0,15 0,06

Broccoli Cipolle bollite e scolate senza sale Cipolle dolci crude Pere Patate (sformato) Spinaci (soufflè)

0,21 0,01 0,02 0,01 0,03 1,51

UOVA Bianco d'uovo crudo fresco Rosso d'uovo crudo fresco

0,07 0,07

PIZZE E SNACKS Pizza margherita sottile Pizza margherita spessa Pizza ai peperoni Pizza salsiccia e vegetali Pizza margherita surgelata, cotta Pizza ai peperoni surgelata, cotta Pane al latte Hotdog Pop-corn al formaggio KIT KAT Barrette Wafer Crackers Gelato alla fragola Gelato

(fonte: studio medico Torrinomedica, Roma)

0,63 0,74 0,3 0,17 0,39 0,23 1,8 0,24 2,12 8,21 0,07 4,43 4,8

07


La Bussola

C1

La Bussola - Viale Brescia,14 Clusone (BG) Tel.0346 24635 - Fax 0346 21680 Nome Responsabile: Pamela Orari di apertura: 12.00 - 15.00 / 19.00 - 23.00 Capienza posti: Sala Venice 220, Saletta 90 Carta di credito: Accettata Internet: www.labussolaclusone.com e.mail: labussolaclusone@libero.it

Cucina: Classica, Specialita pesce, carne

08

Il ristorante/albergo La Bussola a Clusone (BG), immerso in una verde cornice, gestito da una tradizione famigliare di tre generazioni, offre ai suoi ospiti un trattamento accogliente e disponibile. La passione per il nostro lavoro e la continua ricerca della soddisfazione del cliente fanno si che il nostro staff possa offrire un servizio qualitativo e oltremodo competitivo. Il nostro Chef Benussi Roberto, presidente dei cuochi bergamaschi, dopo aver insegnato alla scuola alberghiera e aver viaggiato in ogni angolo del mondo, anche sulle navi, decide di mettere a disposizione la sua esperienza insieme al figlio Cristian dedicando prelibatezza e geniunitĂ  nei suoi menĂš con un attenzione particolare a piatti a base di pesce Ospitiamo cerimonie di ogni tipo, feste private ed eventi.


L’Uliveto di Villa Kinzica L’Uliveto - Via Provinciale, 1- Sale Marasino (BS) Tel. 030 9867102 - Fax 030 9820118 Nome Responsabile: Stefano Giorno di chiusura: Lunedì a pranzo Orari di Apertura: 12.00 - 14.00 / 19.15 - 22.15 Capienza posti: 80 interni - 80 esterni Carta di credito: Accettata e.mail: info@ristoranteuliveto.it Internet: www.ristoranteuliveto.it Cucina: Creativa, Specialità del territorio

Sensazioni, riccordi, emozioni. La filosofia della cucina nasce dalla tradizione famigliare e dall'attenzione per i prodotti del territorio o di altre realtà nazionali. Lo Chef Stefano e il suo staff sa sorprendere con gli squisiti piatti di stagione. Potrete gustare i piatti come le sarde o il persico del lago, il bisonte o la fiorentina. Immerso nel verde di romantico parco vista lago, tra alberi di ulivi e magnolie il ristorante l'Uliveto è particolarmente adatto per organizzare i vostri eventi più importanti. La splendida terrazza regala nelle tiepidi serate suggestive cene a lume di candella.


A

A2

Via A. Manzoni, 18 - Mozzo (BG) Tel. 035 615141 mercoledi

,

La Bergamasca

Il Galletto d'oro è un locale dove le mani napoletane fanno da padrone.Il posto dove Luigi Esposito ha cominciato creare le sue ormai famose pizze come " La Troisi" e " La Bergamasca" vincitori dei diversi concorsi dedicati alla Pizza. Interni semplici ma gusto verace ad ogni portata per un menù si divide tra le golose e ricche "pizze d'autore" e pizze speciali e tradizionali. La qualità della pizza è a pasta grossa come la tradizione napoletana richiede ma soffice e incapace di stancare. 10

L’origine della Pizza Le prime attestazioni scritte della parola "pizza" risalgono al latino volgare di Gaeta nel 997[. Già comunque nell'antichità focacce schiacciate, lievitate e non, erano diffuse presso gli Egizi, i Greci (maza) e i Romani (offa e placenta). Benché si tratti ormai di un prodotto diffuso in quasi tutto il mondo, la pizza è generalmente considerata un piatto originario della cucina italiana ed in particolar modo napoletana. Nel sentire comune, infatti, ci si riferisce con questo termine alla pizza tonda condita con pomodoro e mozzarella, ossia la variante più conosciuta della cosiddetta pizza napoletana, la pizza Margherita. La vera e propria origine della pizza è tuttavia argomento controverso: oltre a Napoli, altre città ne rivendicano la paternità. Esiste, del resto, anche un significato più ampio del termine " pizza". Infatti, trattandosi in ultima analisi di una particolare specie di pane o focaccia, la pizza si presenta in innumerevoli derivazioni e varianti, cambiando nome e caratteristiche a seconda delle diverse tradizioni locali. In particolare, in alcune aree dell'Italia centrale, viene chiamata "pizza" qualsiasi tipo di torta cotta al forno, salata o dolce e alta o bassa che sia.


Internet: www.algallettodoro2.it e.mail: info@algallettodoro2.it

2011


Vulcano village

C2

Vulcano - P.zza Porto, 18 - Castro (BG) Tel. 035 983434 Nome responsabile: Michele Giorno di chiusura: Lunedì sera Orari si apertura: 12.00 - 14.30 / 18.30 - 23.30 Capienza posti: 90 interni - 50 esterni Carta di credito: Accettata Internet: www.vulcanovillage.it e.mail: info@vulcanovillage.it Cucina: Specialità pesce, pizza

12

Conosciuto per l'accoglienza che lo contraddistingue e l'inappagabile vista lago, recentemente rinnovato il Ristorante Pizzeria Vulcano è situato sulla sponda bergamasca del lago d'Iseo, più precisamente sul lungolago di Castro a soli due km da lovere (Bg). Con una cucina di qualità e di prestigio vuole diventare uno dei ritrovi più rinomati della zona, per gustare piatti locali ed internazionali a base sia di pesce che di carne. Sapori e profumi unici caratterizzano la nostra pizza, cotta in forno a legna.

B&B - CASA VACANZA


Luigi Palamini

13

Carrè di agnello alle erbe aromatiche con patate ai funghi Mettere le patate tagliate a dadini in una padella antiaderente con un filo di olio e cuocerle con il coperchio avendo cura di saltarle spesso e quando saranno quasi cotte aggiungere i funghi tagliati a fette, finire la cottura e aggiustare di sale. Tagliare le costolette di agnello in quattro tronchetti e togliere tutto il grasso . Farle rosolare con in filo di olio in tutte le parti salare con il sale alle erbe e bagnare con il vino bianco,una volta evaporato,aggiungere un mestolino di brodo e infornare a 180 gradi per 15 minuti.circa . Dopo otto dieci minuti cospargere con gli aromi freschi che nel frattempo avremo tritato finemente e se necessario aggiungere ancora poco brodo. A cottura ultimata lasciare riposare la carne qualche minuto in forno spento mentre sul fuoco addenseremo la salsa legandola infine con il burro. Disporre sul piatto le patate ai funghi ,il carrÊ tagliato ,cospargere con la salsa e decorare a piacere.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE 800g costolette di agnello 2 patate medie 100g funghi champignon mezzo bicchiere vino bianco un rametto di rosmarino

un rametto di timo 10 foglie di menta 50g burro sale alle erbe brodo vegetale olio extravergine


San Marco

2

S.Marco - Via S.Giovanni n.18 S.G. di Polaveno (BS) Tel.03084313 fax 03084313 Giorni di chiusura: lunedi sera Orari di apertura: 10.00 - 15.00 / 19.00 - 24.00 Capienza posti: 80 interni - 50 esterni Carta di credito: Visa –Master card Internet: www.enotecasanmarco.it e.mail: info@enotecasanmarco.it

Cucina: Tipica Bresciana

14

Il Ristorante San Marco e a soli 15 minuti da Brescia in mezzo alle valli che sovrastano il lago di Iseo. L'intimo locale a conduzione famigliare dotato di un' enoteca che dispone di vini e liquori esclusivi.Raggiungere il posto è facile e veloce. Basta percorrere la tangenziale ovest che da Brescia porta al lago d'Iseo, uscita Rodengo Saiano direzione Ome oppure dal lago d'Iseo direzione Polaveno. la disponibilità e la competenza del titolare vi guideranno nella scelta d'assaggio di vini veramente speciali provenienti da terre italiane ed estere possono essere accompagnati da piatti gustosi e saporiti accuratamente preparati dallo Chef per ogni vostra esigenza.


15


Il Gambero

4

Il Gambero - Vicolo del vento, 8 - Pontevico (BS) Tel. 030 9306191 Giorno di chiusura: Lunedì, Martedì Orari di apertura: 12.00 - 14.00 / 19.00 - 22.30 Capienza posti: 90 coperti Carta di credito: Accettata Internet: www.osteriailgambero.it e.mail: info@.osteriailgambero.it

Cucina: Creativa

16

La proposta gastronomica è incentrata sul pesce di mare in tutte le sue declinazioni: dalle crudità, al fritto, alla grigliata, alla catalana per citarne solo alcune. Lo Chef, sempre molto attento alla qualità della materia prima, si avvale di fornitori selezionati a garanzia della perfetta realizzazione dei piatti proposti. Gande passione ed attenzione anche nella presentazione e nella coreografia di ogni portata, per una esperienza sensoriale non solo da gustativa ma anche da visiva. Le ricette proposte, pur affondando le loro radici nella tradizione, portano a piatti innovativi nei quali coesistono l’anima antica e la modernità della ricerca. Naturalmente la Carta comprende anche alcuni piatti a base di carne o formaggio per cogliere al volo l'occasione di una cena in compagnia potendo assaporare i propri piatti preferiti. Il Ristorante "Osteria Il Gambero" è un locale elegante e raffinato dall'atmosfera intima e coinvolgente, due le sale interne. Nella stagione estiva ci si può accomodare nella veranda in grado di ospitare circa 20 persone. Il nostro locale, situato nell'antico Vicolo del Vento a lato della grande piazza di Pontevico, può vantare una origine storica degna di nota. Durante il XIX secolo era uno dei locali più prestigiosi di questa bella borgata, luogo d'incontro della Borghesia locale e di uomini di cultura che hanno scritto alcune pagine significative del nostro Risorgimento.


A tavola… ma senza il glutine

L’Associazione Italiana Celiachia Lombardia Onlus ci introduce nel mondo della celiachia. Elena Sironi, Responsabile Alimentazione Fuori Casa e Scuole AIC Lombardia Onlus. La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente nel grano, segale, orzo, avena, farro, triticale, spelta, kamut, che si stima abbia nel nostro Paese un’incidenza di 1 celiaco ogni 100 nati, il che si tradurrebbe in circa 600.000 celiaci attesi, di cui diagnosticati poco più di 122.000. Il trend di crescita delle diagnosi è di 10.000 nuovi casi/anno*. La celiachia è una malattia multifattoriale: si nasce con i geni che predispongono verso questa intolleranza, ma occorrono i fattori ambientali per scatenarla quali l’introduzione di glutine con la dieta e in alcuni casi anche stress psico-fisici, virus intestinali o altro. L’unica terapia ad oggi è la dieta senza glutine, da seguire con rigore per tutto il resto della vita, inquanto di celiachia non si guarisce. A tutela e al servizio del celiaco nasce nel 1979 a Milano l’Associazione Italiana Celiachia (AIC), che cresce negli anni e nel 1999 si struttura in Federazione di 19 Regioni socie con un totale ad oggi di circa 62.000 iscritti. AIC Lombardia Onlus è socia, ha sede a Milano, conta 10.800 iscritti e arriva capillarmente in tutte le province lombarde in ognuna delle quali ha un proprio referente. Le finalità fondanti di AIC sono: - Facilitare le diagnosi mediante la maggiore conoscenza della malattia presso la classe medica, le istituzioni, i media e la popolazione - Migliorare la qualità di vita del celiaco

I progetti e le attività promosse a tale scopo sono numerosi e alcuni di essi di vera eccellenza, come il progetto ALIMENTAZIONE FUORI CASA (AFC), che ha dato vita ad un network in Italia di più di 2.700 strutture informate in grado di offrire un servizio idoneo al celiaco, tra cui 215 nella sola Lombardia. 17 Il progetto è unico nel suo genere e riscuote grande successo tra i celiaci italiani e stranieri che visitano il nostro Paese per turismo o lavoro. Vincitore nel 2009 del Premio Italia a Tavola, conferito dal Movimento di Difesa del Cittadino e da Legambiente, il progetto AFC rimane il fiore all’occhiello dell’Associazione. Lo scopo, con cui nacque, fu di permettere al celiaco di condurre uno stile di vita pienamente “normale” anche fuori casa, senza alcuna restrizione rispetto ai propri bisogni alimentari. Attualmente il mondo della ristorazione è ancora poco preparato al servizio e alla produzione senza glutine, continuando a ignorare in parte che cos’è la celiachia e cosa essa comporti, oltre a ritenere i celiaci una categoria di nicchia, diversamente dalla realtà dei numeri. Risale al 4 Luglio 2005 la LEGGE n°123, che sancisce da un lato il diritto al pasto fuori casa per il celiaco e dall’altro l’assoluta necessità di un corretto piano di informazione in materia, che avvalora le attività svolte da AIC su tutto il territorio nazionale. Il progetto AFC si rivolge a ristoranti, pizzerie, hotel, agriturismi, bar, bed and breakfast e esercizi similari, con la finalità di creare cultura del senza glutine, affinché si osservino e rispettino le norme e i criteri di salvaguardia per i rischi di contaminazione da glutine. Per qualsiasi informazione sul progetto AFC è possibile consultare il sito nazionale all’indirizzo AIC Lombardia Onlus http://www.celiachia.it/dieta/Dieta.aspx?SS=95 Via San Senatore, 2 Per informazioni riguardo le iniziative sul territorio lombardo è possibile consultare il sito AIC 20122 Milano Lombardia Onlus all’indirizzo http://www.aiclombardia.it/Ristoranti/ Tel/fax: 02 867820 segreteria@aiclombardia.it www.celiachia.it * Fonte: Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2010 - Ministero della Salute


18


19


Agriturismi - Ristoranti

Corte Lantieri

in cartina C2

Corte Lantieri – Via Videtti, ingr. da Via 2 Agosto - Capriolo (BS)

Tel. 030 7364071 / 030 736151 - Fax: 030 7465770 Nome responsabile: Gabriele Cristini Giorno di chiusura: Lunedì sera Orari di apertura: 11.30 - 15.00 / 18.30 - 23.30 Capienza Posti: 300 coperti Carta di credito: circuito Visa, Master Card e American Express Internet: www.cortelantieri.it e-mail: info@cortelanteri.it Cucina: espresso, tipica della Franciacorta

Corte Lantieri, immersa tra i vigneti della Franciacorta, vicina al suggestivo Lago d’Iseo, è inserita nella storica Azienda Vitivinicola Lantieri de Paratico, che produce le famose bollicine D.O.C.G.. con travi a vista e pavimenti in cotto, ideali per le Vostre migliori occasioni. 20 guidate alle storiche cantine dell’Azienda e organizzare degustazioni dei pregiati Vini D.O.C:G. e D.O.C., vanto della zona. La brigata di cucina, attenta alle Vostre esigenze, realizza menù personalizzati, con ottimi piatti della migliore tradizione gastronomica bresciana, ed è a Vostra disposizione con la massima cura e professionalità.


Cascina delle Noci Delle Noci - Via Provinciale, 32 - Bratto Dorga Castione della Presolana (BG) Tel. 0346 31251 - Cell. 340 3601607 Nome responsabile: Alba Giorni di chiusura: Lunedì Orari di Apertura: 12.00 - 14.00 / 19.00 - 21.30 Capienza Posti: 250 interni - 70 esterni Carta di credito: Accettata Internet: www.cascinadellenoci.com e.mail: info@cascinadellenoci.com

Cucina: Tradizionale e mediterranea

In questo storico contesto si possono gustare ottimi piatti della cucina tradizionale e mediterranea, rivista con passione e fantasia dal nostro Chef Celeste. Nel nostro menù potrete trovare funghi, selvaggina, misto di carni allo spiedo, ma soprattutto raffinati piatti di pesce come la CATALANA di ASTICE, il GRAN FRITTO di mare, la PAELLA, gli SPAGHETTI allo SCOGLIO e la ZUPPA di PESCE. Inoltre non mancano le nostre paste e dolci caserecci. La Cascina delle Noci è un ampio locale dotato di bar indipendente, giardino arredato, campo minigolf 18 buche, sala ristorante che può comodamente ospitare oltre 150 persone. É l’ambiente ideale per organizzare cerimonie, allegre feste private o per comitive, serate per ragazzi, serate a tema, gustosi aperitivi e divertenti HAPPY HOUR all’aperto con musica dal vivo.

Minigolf 18 Buche

21


22


Curiosità

Il Basilico Un rimedio naturale per facilitare la digestione è rappresentato dalla pianta aromatica più utilizzata in ogni casa, il basilico. Le sue proprietà digestive sono note, e al di là di aggiungerlo ai cibi o di berlo come infuso, possiamo usarlo per preparare un liquore digestivo. La preparazione richiede alcuni giorni per via del tempo di posa e macerazione, Gli ingredienti: 40 gr di basilico, 20 gr di scorza di limone, 500 ml di alcol a 95°e 1 litro di vino bianco.E la preparazione è semplice: si grattugia la scorza del limone e si lascia a macerare insieme alle foglie di basilico nell’alcol per non meno di 6 giorni, facendo attenzione a mescolare con frequenza. Allo scadere del tempo, si filtra e si aggiunge il vino bianco, per poi filtrare ancora prima del consumo. A questo punto il nostro liquore digestivo al basilico è pronto, va solo messo in frigorifero perchè caldo non è proprio buonissimo; e anche freddo, va detto, non rappresenta esattamente una delizia, a meno di non essere particolarmente amanti del sapore del basilico. Per quanto riguarda il dosaggio, per così dire, si consiglia di bere un bicchierino di liquore dopo il pasto, di quelli piccoli da caffè. Non di più. E’ pur sempre liquore. C’è poi un’altra erba che si utilizza 23 prevalentemente in cucina e dalla tavola diffonde le sue virtù: il dragoncella. In questo caso non si consiglia di preparare un infuso di dragoncello, bensì di inserirlo nell’alimentazione, come raccomanda la cucina francese, che ne fa largo uso. Largo uso in veste di aromatizzante, per via del suo sapore intenso e pungente che si adatta in modo particolare ai paitti di carne e pesce, ma non solo. Si adatta anche con le uova, con le insalate, con le frittate ed anche come aggiunta nell’aceto, per rendere il sapore più aromatico. Abbiamo capito che in cucina serve a dare sapore, perchè ricorda un pò il sale e un pò il pepe, ed anche a livello visivo le sue foglioline verdi sono un bell’ornamento per le pietanze. In termini di proprietà terapeutiche, il dragoncello agisce nell’area della digestione e dello stomaco. E’ infatti digestivo e antispasmodico e, una volta che ha provveduto ad assicurare la regolarità della funzione digestiva, si occupa anche di stimolare l’appetito. Come a dire….mangia in tranquillità, ti aiuta lui a digerire senza problemi


Gallo Rosso

E3

Gallo Rosso - Vicolo Tomacelli, 4 - Salò (BS) Tel. 0365 520757 Giorno di chiusura: Mercoledì Orari di apertura: 12.00 - 14.30 / 19.00 - 22.30 Capienza posti: 40 coperti Carta di credito: Accettata Internet: www.ristorantegallorosso.it e.mail: p@ristorantegallorosso.it

Cucina: Specialità pesce

24

Il ristorante Gallo rosso nasce nel lontano 1989 dal desiderio di fermarsi sulla terraferma del suo patron Paolo Benaglio che dopo tanti anni di navigazione, prima sulle prestigiose navi della Royal Princess, conosciute per la serie televisiva Love Boat e, in seguito a bordo dello yacht di un industriale milanese che aveva spesso ospiti vip internazionali. Dalle crociere nei Caraibi agli yacht miliardari per arrivare a Salò dove Paolo Benaglio ha deciso di mettersi in proprio con l’aiuto della moglie Mina e della figlia Alessia. L’aver vissuto per anni a contatto con il mondo dei vip è stato utile per il nostro chef che ha mantenuto amicizie e stima, tanto è vero che non raramente arrivano oggi nel suo locale personaggi del Jet set internazionali. Al Gallo rosso, una quarantina di coperti, ambiente tranquillo e accogliente, domina il pesce, naturalmente, che Paolo Benaglio sa preparare magistralmente usando ingredienti freschissimi e rispettando la naturalità delle materie prime. Il resto lo fa la sua abilità e la sua fantasia. Anche i dolci sono opera sua, dalla mousse ai semifreddi. Negli anni, Paolo Benaglio, per combattere lo stress dell’impegnativo lavoro davanti ai fornelli, correndo correndo è diventato, dopo la partecipazione di New York, un maratoneta e riceve spesso nel suo ristorante gli amici podisti. La gestione familiare del Gallo rosso ha fatto si che Paolo Benaglio da vent’anni adottasse il menù a prezzo fisso che cambia ogni settimana, trovando molti consensi da parte dei suoi ospiti che lo giudicano favorevolmente per l’ottimo rapporto qualità-prezzo.


in FOREX

25


26


27


28


Edelweiss

C1

Edelweiss - Via Padre Maj,43 Schilpario (BG) Tel.0346 65077- Fax 0346 56358 Nome Responsabile: Grassi Orari di apertura: 11.00 - 15.00 / 19.00 - 23.00 Capienza posti: 170 Carta di credito: Accettata e.mail: albergo.edelweiss@scalve.com

Cucina: Tradizionale bergamasca La cucina è curata direttamente dai proprietari. Ampia è la proposta di carni, selvaggina e altri prodotti del territorio. Da non perdere le proposte di affettati del patron, le paste fatte in casa, gli gnocchetti con la ricotta del paese, i dolci ed i gelati casalinghi. L'Edelweiss è il luogo ideale anche per festeggiare una ricorrenza, per una cena romantica o per una semplice serata in compagnia. Tradizione e ricercatezza garantiscono ai nostri clienti momenti indimenticabili anche a tavola. I classici piatti della cucina bergamasca si alternano a proposte strettamente legate al territorio della Valle di Scalve.

29


Curiosità

Il brunch

30

Il brunch è un pasto che consiste in una commistione, sia morfologica che di fatto, di prima colazione (breakfast) e pranzo (lunch), spesso viene utilizzata l'italianizzazione colpranzo. Il brunch viene servito generalmente tra le 10 e le 12 ed è composto da tutti gli elementi tipici di una colazione dolce, con l'aggiunta di carni fredde, salumi, formaggi, torte (dolci o salate) o frutta. La tradizione del brunch deriva principalmente dagli Stati Uniti. La diffusione è dovuta soprattutto alla comodità di un pasto meno formale di una colazione o un pranzo, assieme alla possibilità di servirsi da un buffet sul quale è lecito proporre qualunque tipo di cibo, dolce o salato che sia. Il brunch è tipico della domenica, quando ci si alza più tardi del solito e non si ha voglia di aspettare fino all'ora di pranzo per mettere qualcosa sotto i denti.Un brunch può consistere di tutti gli elementi tipici di una colazione all'inglese o americana (bacon, uova, prosciutto, frittelle), frutta, pasticceria varia; è altresì possibile proporre arrosti di carne bovina o bianca, gamberetti e pesce affumicato (salmone, aringhe), insalate di verdura. La consuetudine del brunch riscuote un certo successo nelle Isole Britanniche e nel Nord America, mentre non è molto diffusa nell'Europa continentale; i locali nei quali viene servito sono pochi ma stanno progressivamente aumentando, anche in Italia. In Italia, il brunch e' comunemente associabile alla ricreazione.


Castello

Il Castello di Clanezzo

A1

Il Castello di Clanezzo - Piazza Castello, 4 Ubbiale Clanezzo Tel. 035 641567 Fax 035 641251 Rota Su Prenotazione 230 coperti www.castelloclanezzo.it info@castelloclanezzo.it

Edificato nel XI secolo per volontà del Conte Attone Leuco di Almenno San Salvatore, il castello sorge come fortezza difensiva che ha le sue naturali barriere a ridosso del Monte Ubione e alla confluenza fra i fiumi Brembo e Imagna. Nel XIV e XV secolo, data la sua strategica posizione, il Castello di Clanezzo è conteso fra le fazioni Guelfa, della Valle Imagna, e Ghibellina, della Valle Brembana. Entrambe aspiravano al controllo della Valle Brembilla. Nel 1443 avviene lo scontro più feroce fra le due fazioni, che vede i Ghibellini abbandonare il territorio, con buona pace del governo della Serenissima. Il Castello di Clanezzo risulta significativamente danneggiato da questa lotta: dell’originaria a struttura a forma di quadrilatero con alte torri non rimangono che rovine. Nei secoli successivi si occuperanno della ricostruzione del castello le diverse famiglie che vi abitarono: i Locatelli, i Rota, I Bruscoloni, i Martinengo, i Beltrama e i Roncalli. Dagli anni ’60 il Castello di Clanezzo è convertito in ristorante. Negli anni ’80 l’attività ristorativa cessa per pochi anni, fino a che nel 1989 la famiglia Rota, che conduce l’attuale gestione, rileva il Castello di Clanezzo e lo rinnova interamente nel biennio seguente. Dal 12 maggio 1991, inizia la gestione dei coniugi Rota Giovanni e Clara che con passione e talento conducono l’attività di ristorante e albergo per 10 anni. Attualmente la gestione del Castello di Clanezzo prosegue attraverso i fratelli Rota Paola, Matteo e Clemens.


Al Posto Giusto

C2

Al Posto Giusto - via Aldo Moro, 19 - Tagliuno Frazione di Castelli Calepio (BG) Tel. 035 848411 - Cell. 349 8735514 Nome responsabile: Salvatore Giorno di chiusura: Lunedi Orari di Apertura: 12.00 - 14.30 / 18.30 - 23.00 Capienza Posti: 55 interni - 60 esterni Carta di credito: Accettata e.mail: laportasalva@gmail.com

Cucina: Creativa, specialità pesce, pizzeria

“Al Posto Giusto” nato come pizzeria d’asporto è stato trasformato nel 2011 da Salvatore in Ristorante Pizzeria. Il locale è piccolo e accogliente, con un’ampia terrazza da cui si può godere la vista delle colline della Valcalepio. La cucina propone piatti mediterranei a base di pesce e gustose pizze, tra le quali quella dedicata a “Fra’ Ambrogio da Calepio” dove il disco di pasta diventa il piatto per una gustosa composizione di pesce. 32

Cucina e tradizione I calamari all'aglio e profumo di limone sono una preparazione di facile e veloce realizzazione, e un secondo piatto molto gradevole, leggero e di sicuro successo per chi gradisce questo tipo di pesce e desidera gustarlo non solo fritto, ma accompagnato da un aromatico e gustoso sughetto. Il suo colore, inondato dal giallo del limone, favorisce il risveglio dei sensi nell’approssimarsi della bella stagione.


La corte delle fate

4

La Corte delle Fate - Via Lama sud - Bagnolo Mella Tel. 030 6820853 - Cell. 335 8241245 Nome responsabile: Mauro Orari di apertura: 12.00 - 14.00 / 19.00 - 22.30 Capienza posti: 170 coperti Carta di credito: Accettata Internet: www.cortedellefate.it e.mail: info@cortedellefate.it

Cucina: Nazionale e bresciana

34

In passato una vecchia cascina, l’osteria di una volta, quel punto di ristoro che veniva chiamato licensì. Nel 2004 dopo mezzo secolo nasceva la Corte delle Fate. Un ambiente rustico, semplice e famigliare. Completamente circondato dal verde della campagna Bagnolese pottrete gustare i piatti tipici della cucina bresciana e nazionale tutta rigorosamente di nostra produzione. Una cucina semplice che lavora sul buon prodotto dove poter riassaporare i gusti e i sapori di una volta.Ampia importanza viene data infatti alla ricerca e alla selezioni delle materie prime, principalmente alla carne, salumi e formaggi, sicuramente il fondamento del ristorante. Pane, pasta e dolci rigorosamente fatte in casa. Un’attenzione particolare è riservata anche alla cantina, con le sue 400 etichette, dove potrete trovare un’ampia scelta tra vini rossi e bianchi, champagne e bollicine italiane Disponiamo di più sale adatte ad ospitare ricorrenze di ogni genere. Dalla cena romantica a lume di candela, a quella di lavoro, alla serata con amici e colleghi. Su prenotazione organizziamo banchetti per battesimi, comunioni e cresime. Adiacente al parco giochi per bambini un’ ampio spazio verde rigoglioso di fiori e piante, dove nella bella stagione potrete cenare all’aperto. Ad attendervi un parcheggio auto molto capiente. La Corte delle Fate organizza serate a tema, cena enogastronomiche e cene con musica dal vivo. La prenotazione è sempre gradita, potete telefonarci, mandarci una email od utilizzare l’apposito form.


35


Produttori

Az. Agricola Massussi Luigi

in cartina C2

Azienda Agricola Massussi Luigi Via S Bonomelli, 60/C - (Località Bosine) Iseo (BS) Tel: 030 9822954 Fax: 030 9822954 Internet: www.massussifranciacorta.it E-mail: info@massussifranciacorta.it Produzione di nicchia di alta qualità. Azienda a conduzione familiare situata a 400 mslm in una bellissima esposizione, sullo specchio d’acqua del lago d’Iseo. con vista La posizione dei vigneti e la particolare composizione del terreno costituiscono un “terroir unico” in Franciacorta per “prodotti unici”. Oltre al pregiato Franciacorta DOCG, Sebino rosolio DOP Laghi Lombardi-Sebino e so e Passito di altissimo spessore, si produce un un curioso Rosato in barrique, il cui nome deriva da una “Coscia di Venere” coniata dal maestro Luigi Veronelli. Si su prenotazione, degustazioni tematiche guidate.Prestigiose cassette in legno, confezioni regalo Personalizzabili. 36

La viticoltura della Franciacorta La Franciacorta è un territorio vocato alla viticoltura da sempre. I vignaioli di oggi, che hanno ereditato questa antica tradizione, credono fermamente nelle potenzialità del vino Franciacorta puntano tutto sulla produzione di un vino d’altissima qualità, il brut Franciacorta Docg, che hanno saputo creare, perfezionare, promovere sul mercato con un dinamismo unico a livello nazionale per la sua incredibile crescita. Ma il vino Franciacorta non è solo spumante, non bisogna dimenticare il Curtefranca Doc bianco e rosso e il Sebino Igt. Il Franciacorta DOCG. Lo spumante Franciacorta è il primo e unico brut italiano prodotto esclusivamente con la rifermentazione in bottiglia ad aver ottenuto dal 1995 la Denominazione di Origine Controllata e Garantita, massimo riconoscimento in fatto di qualità e tipicità. Ad identificare questo vino Franciacorta è unicamente il nome della regione geografica dove crescono le sue vigne e hanno sede i suoi produttori, ciò garantisce al consumatore l’unicità e la qualità del prodotto. Il Curtefranca DOC Il Curtefranca Doc può essere bianco o nero. Quello bianco è prodotto in prevalenza con uve Chardonnay, è di colore giallo paglierino con riflessi verdolini e ha un gusto particolarmente delicato. Il sapore è asciutto, fresco e vellutato. Matura almeno 12 mesi e viene a lungo affinato in bottiglia sprigionando profumi di fiori e di frutta particolarmente intensi. Il Courtefranca Doc rosso è un vino Franciacorta prodotto con Cabernet franc, ma anche con il Carmenere, vitigno a bacca rossa storicamente presente in Franciacorta e riscoperto di recente. E’di colore rosso vivace, con riflessi violacei rubino brillanti; di sapore asciutto e fruttato. Di medio corpo, ha una gradazione minima di almeno 11 gradi.


Antica Corte

C1

Antica Corte - Via Brusati, 75 -Travagliato (BS) Tel.030 6864516- Fax 030 6864670 Nome Responsabile: Roberto Orari di apertura: 11.00 - 15.00 / 19.00 - 23.00 Capienza posti: 200 Carta di credito: Accettata Internet: ww w.ristoranteanticacorte.com e.mail: info@ristoranteanticacorte.com

Cucina: Classica

Il ristorante Antica Corte è il luogo adatto per organizzare i vostri banchetti di nozze, ricevimenti ed ogni tipo di festa. Il locale dispone anche di suggestive salette dotate di caminetto per rendere le vostre cenette calde e romantiche. La "Brigata di Cucina" è in grado di amalgamare i riscoperti Sapori della Tradizione con la Genuinità e Qualità dei Nostri migliori piatti. Tartara di tonno, fiorentina, zuppa di ceci, angurie e zucche scolpite e altre sculture sono solo alcuni esempi che lo chef Roberto Albanesi realizza con arte. 37 cucina di qualità, basandosi sulle ricette tradizionali mediterranee e lombarde e sui prodotti stagionali.

Al suo interno dispone di un parco giochi per bambini.


Le regole del galateo Base per il comportamento educato a tavola. Elenchiamo qui di seguito alcuni dei comportamenti a cui attenersi:

Come sedersi:

La sedia non deve essere nè troppo lontana nè attaccata al tavolo; I gomiti non vanno tenuti sul tavolo ma in basso, accostati al corpo; Le mani, quando non impegnate con le posate, vanno appoggiate al bordo del tavolo accanto al piatto; Il tovagliolo va posizionato esclusivamente sulle ginocchia e lo si posa a sinistra del piatto ogni qualvolta ci si alza.

Come mangiare:

È la posata che va verso la bocca e non viceversa; Mai portare il coltello alla bocca; Mai portare le dita alla bocca; Non si soffia su un boccone troppo caldo;

Il galateo a tavola per le nozze 38

Fatta eccezione per la frutta e per il pane, il cibo non va mai preso con le mani; Servirsi dai piatti di portata esclusivamente con le posate dedicate; Non inclinare il piatto verso di voi per raccogliere la minestra; Non usare stuzzicadenti; Vietato parlare con la bocca piena; Se ci si ferma a parlare, lasciare le posate sul piatto, con la punta all'ingiù, con i manici divaricati e le punte che si toccano; Quando avete finito, lasciate le posate sul piatto unite con i manici verso destra.

Come bere:

Si beve a piccoli sorsi; Vietato riempire il bicchiere fino all'orlo; Riempire il bicchiere solo se si è terminato il vino versato prima; Non sollevare mai il bicchiere per farsi versare da bere; Non sollevare mai il mignolo bevendo; Asciugarsi leggermente la bocca prima di bere e dopo aver posato il bicchiere; Vietato lasciar segni di rossetto sui bicchieri; Non usare il tovagliolo per pulire il bordo del bicchiere; Non è buona educazione astenersi dai brindisi, anche se si è astemi.


Come si apparecchia una tavola Una tavola ben apparecchiata e' indice di raffinatezza e di buona educazione e dimostra inoltre, l'attenzione e la cura che i padroni di casa hanno verso gli ospiti. La tavola deve essere grande abbastanza, in modo che i commensali siano a proprio agio. Ma non deve neppure essere troppo grande, con distanze eccessive tra un invitato e l'altro, perche' questo potrebbe raffreddare la conversazione. In pratica il numero dei commensali e' proporzionale alle dimensioni della tavola, rotonda, ovale, rettangolare o quadrata che sia. Prima di mettere la tovaglia bisognerebbe coprire il tavolo con un mollettone per proteggerlo dal calore e per attutire il rumore di piatti e bicchieri. La tovaglia può essere di lino, di cotone, a disegni o in tinta unita, come si preferisce: l'importante e' che sia adatta per il genere di ricevimento, più o meno elegante, e che si accordi con i piatti. Per abbellire la tavola un centrotavola sarà di sicuro effetto. Le composizioni di fiori o di frutta disposti artisticamente vanno bene su qualsiasi tavola, mentre per una serata particolarmente romantica e raffinata una coppia di candelieri e' l'ideale. Nella scelta del centrotavola occorre fare attenzione ad alcuni particolari: le composizioni devono essere basse e poco ingombranti per non ostacolare i movimenti e non impedire la vista ai commensali, e i candelabri devono essere alti, in modo che la fiamma ondeggiante non sia allo stesso livello degli occhi. I piatti, posati su sottopiatti o direttamente sulla tovaglia, si dispongono ad uguale distanza l'uno dall'altro. Se sono decorati con disegni, fregi, stemmi, questi devono essere rivolti verso il bordo del tavolo, in modo che la persona seduta possa vederli nella loro corretta posizione. Quando il servizio e' effettuato da uno o più camerieri si apparecchia un solo piatto - a pranzo se c'e' la minestra si mettono anche i piatti fondi o le tazze per il consomme' - e i camerieri provvedono a cambiare i piatti per le altre portate. Quando invece non c'e' servizio, si possono apparecchiare fino a tre piatti, per l'antipasto, il primo e il secondo. Gli altri saranno a portata di mano su un tavolino o su un carrello. La loro posizione e' comunque fissa: alla sinistra del piatto le forchette, nell'ordine quella normale e quella da pesce; alla destra i coltelli, normale e da pesce, con la lama rivolta verso il piatto, e il cucchiaio da minestra. Le posate, da dessert si dispongono orizzontalmente davanti al piatto, la forchetta con il manico volto verso sinistra e il cucchiaio verso destra. Tra i due può essere inserito anche il coltello da frutta nello stesso senso del cucchiaino. I bicchieri vanno messi leggermente a destra del piatto davanti al coltello. Devono essere almeno due, uno per l'acqua più grande e, alla sua destra, uno per il vino più piccolo. Se poi si servono più vini il numero dei bicchieri aumenta, ma vanno sempre posti a destra di quello per l'acqua. Il tovagliolo si posa sul piatto o a fianco delle posate: alcuni lo mettono a destra, altri a sinistra. Per pranzi non molto importanti può anche essere piegato artisticamente e infilato in un bicchiere. Davanti ad ogni coperto a volte si mette un cartellino con il nome del commensale. L' uso dei segnaposto e' consigliabile soprattutto quando gli invitati sono numerosi. Il pane viene portato a tavola in appositi cestini portapane. A volte, anche se in Italia non e' molto frequente, si apparecchiano dei piattini per il pane, a sinistra del piatto davanti alle forchette. Sulla tavola non possono mancare sale e pepe. Per pranzi informali basta una sola saliera e un solo macinapepe, mentre nelle occasioni importanti viene apparecchiata una piccola saliera ed un portapepe accanto ad ogni posto o tra due piatti. Altri oggetti come la formaggera, le mezzelune da insalata, la salsiera o le coppette lavadita, vengono portati a tavola solo se e quando sono necessari.

39


in cartina C2


Produttori

Cantine Di Franciacorta

C3

Cantine Di Franciacorta: Via Iseo, 98 S.S.Rovato/Iseo - Erbusco (BS) Tel. 030 7751116 - Fax 030 7756294

Nome responsabile: dalle 09:00 alle 20:00 Aperto anche il sabato e la domenica : www.cantinedifranciacorta.it info@cantinedifranciacorta.it

ENOTECA – WINE BAR

42

L’EFFERVESCENZA DI TUTTA LA FRANCIACORTA NELL’ENOTECA DEI VOSTRI SOGNI La Franciacorta, la sua storia e i suoi gioielli raccolti in una magnifica “teca”, un luogo unico in cui trovare rappresentato l’intero panorama enologico di questa preziosa terra. Le CANTINE DI FRANCIACORTA sono il luogo prediletto che consigliamo agli appassionati dell’eccellenza del vino, una scoperta magnifica per chi adora bere bene ed è innamorato delle pregiatissime Bollicine, ma non solo. In questo elegante open-space di oltre 500 mq si possono trovare centinaia di etichette e produzioni complete, da scegliere e degustare in una ideale passeggiata tra le colline di questa terra splendida, fatta di vigneti che sembrano giardini, scoprendo le diverse cantine. Lo shopping qui è unico ed esclusivo, e i prezzi sono davvero sorprendenti: gli stessi praticati in cantina dai produttori. All’interno del wine-store, moderno, caldo e accogliente, potrete trova re tipicità gastronomiche irresistibili per gusto e qualità e, per i più esigenti amanti del vino, non manca un caveau in cui trovare etichette d’eccezione, vini rari e annate storiche. La struttura offre inoltre un piacevole spazio adibito a Wine –bar, dove è possibile scegliere fra taglieri di salumi e formaggi tipici accompagnati dai vini della enoteca e prenotare visite presso le cantine, pranzi e cene presso agriturismi della zona.


Cenno storico

Lombardia terra dei Vini In terra lombarda la vite è presente già dalla preistoria infatti sulle rive del lago di Garda sono stati ritrovati nelle terrecotte e nelle palafitte, semi di vite che appartenevano proprio alla nostra vitis vinifera silvestris. Questo non indica che si utilizzava per produrre una bevanda, per trovare indicazioni in tal senso arriviamo al VII-VI secolo a.C. quando gli Etruschi sostituiranno la vitis sativa alla vite selvatica. Con i romani e in particolare con Augusto lo sviluppo agricolo e l'uso della vite diventarono estremamente importanti nella vita del tempo. Arrivando ai giorni nostri, bisogna ricordare come Pavia e Brescia avessero creato già dei consorzi di tutela dei propri vini prima ancora che fosse nato il disciplinare delle DOC. Geograficamente la Lombardia ha in sé molte caratteristiche differenti, dalla zona montuosa a nord a quella collinare, la pianura padana e le zone del lago di Garda. La zona collinare è solo il 12% dell'intero territorio ma è molto sfruttato dal punto di vista vitivinicolo. Esiste solo una valle che è disposta longitudinalmente, la Valtellina, dove infatti i vigneti si trovano tutti nella zona più esposta al sole per meglio sfruttare le poche ore di luce che permette l'allevamento di nebiolo con grandi risultati. Il clima è continentale ma con molte differenze in base alla zona e all'altitudine, le piogge sono abbastanza abbondanti e portano al fenomeno della nebbia in autunno e inverno nelle zone di pianura e di prima collina. Le zone vinicole più importanti sono la Valtellina con vini a base nebbiolo e in particolare l'ultima DOCG, lo Sforzato o Sfurzat, vino importante prodotto da parziale appassimento delle uve nebbiolo su graticci. Poi la Franciacorta, che con le sue "bollicine", spumanti a metodo classico, sta conquistando sempre di più un ruolo fondamentale nel panorama vinicolo italiano e non solo, infatti spesso si trovano questi prodotti a confronto con i più conosciuti e rinomati Champagne. L'Oltrepò Pavese con la Bonarda, vino rosso prodotto frizzante o mosso e gli spumanti metodo classico e charmat; la zona del lago di Garda bresciano con i vini rosati e chiaretti e per terminare nel basso mantovano con il Lambrusco. Le uve a bacca bianca più utilizzate sono chardonnay per la produzione di spumanti, pinot bianco e riesling, a bacca nera invece pinot nero, sempre per la produzione di spumanti e per la vinificazione in rosso sempre in aumento, e poi nebbiolo, barbera, marzemino, lambrusco, schiava. Una curiosità è la produzione molto limitata di un vino fatto con vitigno autoctono, il Moscato di Scanzo, da Scanzorosciate in provincia di Bergamo, un vino rosso dolce molto interessante. Da segnalare che a seguito dell'introduzione di alcuni disciplinari più restrittivi, in Lombardia negli ultimi 6-7 anni c'è stata una riduzione dei quantitativi di vino prodotti dovuti ad una diminuzione delle rese per ettaro che ha portato ad una qualità superiore da parte di moltissimi produttori.

43


Oroscopo della Stagione ARIETE

Con l’aiuto di Giove vi rifate delle pesantezze invernali, in particolare i nati di Marzo, che negli ultimi mesi hanno affrontato molte questioni delicate in tutti i campi per la dissonanza di Plutone e Saturno. I nati d’Aprile, soprattutto dopo il 10, hanno voglia di fuggire lontano e sono maggiormente desiderosi d’avventura. Sia per i viaggi che per l’amore gli astri si posizionano meglio a Giugno e Luglio. Ad agosto e nella prima metà di Settembre Venere e Marte in Bilancia scatenano passioni… non sempre dei sensi o della creatività! E comunque anche se l’amore lo avete incontrato nei mesi di Giugno e Luglio, ad Agosto e Settembre potrebbero vedersi già le prime scintille e i primi disaccordi!

GEMELLI

44

Per voi dei Gemelli si prospetta un'estate memorabile! In tutti i suoi momenti, avrete gli astri a proteggervi e a farvi ottenere il massimo. A Luglio saranno Venere e Marte a darvi una marcia in più. Essendo nel vostro segno, vi renderanno quasi invincibili. Se praticate uno sport, non fatevi impressionare dalla calura e continuate. Potete modellare ulteriormente il vostro fisico e apparire più in forma di qualsiasi altro segno! Sarà facilissimo, inoltre, andare d'accordo con le persone che vi interessano. Fate attenzione soltanto a non essere troppo esigenti nei confronti altrui ad Agosto e a Settembre. La posizione non facilissima di Mercurio e Sole potrebbe portarvi a essere un po' petulanti verso chi non la pensa come voi. Rilassatevi!

LEONE

La stagione preferita da voi Leone non comincia al meglio. Con Venere e Marte in posizione non piacevolissima, potreste mostrare una gelosia affettiva e professionale che non ci si aspetta da voi. Cercate di tornare subito a mostrare il carattere generoso che vi contraddistingue! Per fortuna, ci pensano prima Mercurio e il Sole e poi la stessa Venere a farvi tornare all'umore solito. La seconda metà di Agosto e il mese di Settembre vi vedranno, infatti, al meglio della vostra forma. Sia fisicamente che psicologicamente, sarete al massimo e potrete ottenere soddisfazioni che agli altri segni sono precluse. Se dovete ancora programmare le vacanze, ricordate che questa stagione sarà per voi un crescendo che vi porterà a un relax inossidabile.

TORO

A Giugno e Luglio gli astri rapidi sono con voi: progettate le ferie e i viaggi in questo periodo. I nati di Maggio, con l’appoggio di Saturno, riescono a mettere in ordine i conti e a concedersi una vacanza rimasta a lungo in forse: quest’anno più che mai necessaria. Nel mese di Agosto andrà bene a chi ha deciso di continuare a lavorare e studiare: riuscirete comunque ad alternare la routine professionale con piacevoli episodi di vita sociale e di relazione. Il mese di Settembre, soprattutto nella seconda metà, Venere e Marte nel segno opposto vi danno qualche scrollone emotivo e affettivo. Per fortuna Mercurio vi farà mantenere il buonsenso e la vostra solita lucidità, per cui tutto si supera…

CANCRO

Sarà per voi del Cancro un'estate tranquilla, con picchi di divertimento e soddisfazione che non dimenticherete facilmente. Nel mese di Giugno, la congiunzione fra Sole e Mercurio nel vostro segno vi rende comunicativi, molto più di quanto non siate di solito. Sarete spesso al centro dell'attenzione. Attenzione però a non fare spese azzardate: con Marte in seconda casa, la gestione del denaro potrebbe risultare un po' il vostro punto debole, in questa stagione. In Agosto, Venere entra nel vostro segno e vi permette di stare in armonia con coloro che vi hanno rapito il cuore. Vi sentirete forti della vostra rete di relazioni. State però attenti a non diventare superbi! A Settembre, complice Mercurio in aspetto difficoltoso, potreste essere disattenti agli altri e troppo sicuri di voi.

VERGINE

Se si fa eccezione per le settimane centrali della stagione quest'estate sarà ricca di intensi momenti per voi della Vergine. Alla fine di Giugno e nelle prime settimane di Luglio, godete di un certo charme donatovi da Venere e da Marte. Non siate timidi e, se vi fanno complimenti,accettateli con un sorriso, senza remore. Dovete concedervi anche voi periodi di sana spensieratezza! Sarà ottima anche la forma fisica, per merito del Sole amico.Nella seconda metà di Luglio, però, proprio Venere e Marte si trovano in una congiunzione per voi sfavorevole e vi portano a essere un po' distratti verso gli altri. Non siate egoisti, perché vi rimprovereranno subito! Molto meglio Agosto e Settembre, con Mercurio e Sole nel segno a darvi di nuovo la capacità di ascoltare e di farvi ascoltare.


BILANCIA

Per voi della Bilancia, quest'estate sarà all'insegna del divertimento. Oltre al fatto che avete sempre Giove dalla vostra a portarvi fortuna, vi troverete una serie di aspetti planetari che vi faranno apparire costantemente alla mano, divertenti e simpatici. Nella prima parte della stagione sarà Venere, il vostro astro protettore, a regalarvi una capacità di affascinare gli altri davvero notevole. Il vostro umore sarà ottimo, così come la condizione fisica.Se siete single, è il momento di mettersi sul mercato e far notare quanto valete. Se siete già impegnati, è il momento di chiedere qualcosa di più al partner! Nella seconda metà di Agosto e a Settembre, i nvece sarà Mercurio nel segno a rendervi molto comunicativi e socievoli.

SAGITTARIO

Voi del Sagittario avete grandi energie, in questa stagione. Tuttavia, c'è il rischio che non le impiegate nel modo migliore. Le opposizioni al vostro segno, prima di Mercurio e poi di Venere e Marte, vi portano a essere un po' distratti, nella gestione del denaro, ed eccessivamente farfalloni, nel trattare le persone care, soprattutto del sesso opposto. Cercate di non farvi la fama di persone poco serie, altrimenti vi rovinerete anche la seconda parte dell'estate! Nella seconda metà di Agosto, infatti, Marte esce dalla non favorevole posizione e Venere vi diventa amica. Potete recuperare tutta la credibilità perduta e tornare a essere punti di riferimento divertenti, piacevoli e, soprattutto, affidabili, sia per gli amici che per l'eventuale partner!

ACQUARIO

Durante quest'estate, voi dell'Acquario non godete solo della bella posizione di Giove, che è in transito nel vostro segno, ma anche delle bellissime posizioni di astri fondamentali per le relazioni interpersonali, come Mercurio e Venere. La vostra simpatia sarà contagiosa. Sarete protagonisti delle vacanze estive, grazie alle vostre idee sempre originali e alle vostre intuizioni, che fanno divertire tutti. Sarete sempre al centro dell'attenzione e, se avete intenzione di fare furore nei sentimenti, sarete facilmente accontentati. Fate solo attenzione all'ultima settimana di Giugno e alla prima di Luglio, quando gli astri in quadratura potrebbero recarvi mal di gola o torcicollo. Proteggetevi da questi ospiti sgraditi e passerete un'estate magnifica!

SCORPIONE

L'estate non ha inizio nel migliore dei modi, per voi dello Scorpione, a causa degli aspetti sfavorevoli di Venere e Marte, che vi suggeriscono una certa pigrizia che non vi appartiene e che vi rende un po' estraniati. Non preoccupatevi, però! Trascorso un inizio di Luglio in cui il vostro carattere sarà diverso dal solito, avrete tutto Agosto, soprattutto nella sua seconda parte, nonché Settembre, per dimostrare quanto valete. Tornerete ad apparire quelle persone sicure di sé e molto affascinanti che tutti riconoscono. Sarete cercati, per il vostro charme, da tutti gli amici e forse da una persona nuova, che finora non si era fatta avanti, ma che può darvi grandissime soddisfazioni a livello sentimentale o d'amicizia.

CAPRICORNO

La prima parte dell'estate sarà, per voi del Capricorno, ricca di soddisfazioni in tutti i settori dell'esistenza. La positiva posizione di Venere e Marte, nonché di Saturno, che è il vostro pianeta protettore, vi permette di mostrare a chiunque, sia sul lavoro che in vacanza, che siete persone determinate e che sanno quello che vogliono. Risulterete affidabili e ricchi di charme. La forma fisica sarà, inoltre, invidiabile. Tuttavia, dovete prestare attenzione a non perdere la sicurezza in voi stessi col passare delle settimane. Ad Agosto e a Settembre, infatti l'opposizione di due astri potrebbe portarvi a sottovalutare le vostre capacità e a chiudervi un po' in voi stessi. Non fate quest'errore! Ricordatevi sempre di quanto valete e non fatevi mettere i piedi in testa da nessuno!

PESCI

Per voi nativi dei Pesci non sarà un'estate semplicissima, se non l'interpretate nel modo migliore. Ci sono due t endenze opposte, nel vostro comportamento. Da un lato, vi sentite riflessivi e avvertite che è il momento di prendere decisioni importanti. Dall'altro lato, per colpa di alcuni astri in posizioni difficili, apparite poco profondi, o addirittura un po' scostanti e disinteressati nei confronti di chi vi sta vicino. Dovete concedere agli altri il meglio di voi, non certo il peggio. Cercate allora di far trasparire la vostra sensibilità, piuttosto che la vostra incostanza, e sarete premiati! La forma fisica sarà ottima sia in Luglio che in Agosto. A Settembre, però, dovete stare molto attenti a bere molti liquidi, possibilmente non alcolici, per evitare possibili problemi di pressione bassa.

45


NovitĂ 

Le Nostre Guide le puoi sfogliare anche on-line

46


www.guidagourmet.it


Ricetta di stagione

Involtini di Pesce Spada Gli involtini di pesce spada sono un secondo piatto tipico della tradizione siciliana. Sono preparati con fettine di pesce spada tagliate piuttosto sottili e con un ripieno dagli ingredienti semplici ma molto gustosi .La ricetta tradizionale usa ingredienti come capperi, olive, pangrattato e pomodori. Io invece vi propongo una versione non meno saporita ma più leggera e secondo me anche più buona.Non a tutti piacciono i capperi, perciò usero' il pangrattato,pomodori,un po di erbe aromatiche come prezzemolo e basilico ,formaggio filante etc...

Un po di storia: Nella cultura culinaria siciliana, il pesce spada è considerato il più nobile dei pesci e

48

soprannominato, soprattutto nel territorio dello stretto, il pesce cavaliere, non soltanto per le sue caratteristiche morfologiche , ovvero quella spada acuminata che altro non è che l’eccessivo sviluppo in lunghezza della sua mascella, ma anche per il suo spirito combattente e la fedeltà che in vita e sui mari mostra alla sua compagna. È diffuso e pescato in particolar modo nei mari caldi siciliani, ma la sua pesca, un tempo esclusiva prerogativa dei pescatori del messinese, ha origini antichissime, essendo stata praticata da popoli quali fenici, romani e greci. Ingredienti (per 5 spiedini /20 involtini) : * 20 fettine di pesce spada tagliate fini * 150 -200 g di pangrattato * 2 pomodori pelati * un ciuffo di prezzemolo * due foglie di basilico fresco * 50 g di formaggio filante * uno spicchio d'aglio * 5 cucchiai d'olio d'oliva di ottima qualità * 20 g di parmigiano grattugiato * 20 ml d'acqua * sale e pepe.


Produttori

Liquorificio Frati

C3

Frati- Via xGiornate, 1 Rovato (BS) Tel.030 7721872 Fax 030 7704921 Giorni di chiusura: Domenica Orari di apertura: 9.00 - 12.30 / 14.00 - 20.00 Carta di credito: Visa –Master card Internet: www.liquorifrati.it e.mail: liquori.frati@tiscali.it

L'enoteca Frati da anni propone ai suoi clienti i migliori vini della franciacorta e del resto d'Italia, grazie ad accurata selezione porta sulla vostra tavola i più pregiati vini italiani. Enoteca Frati inoltre produce e vende grappe e distillati di altissima qualità, che sono il risultato di un'antica e severa distillazione di vinacce fresche, ottenute dalla vinificazione all'antica di uve raccolte, con cura, nei migliori vigneti della Franciacorta. Enoteca Frati nel suo punto vendita di Rovato (Brescia) propone una vasta esposizione di oggettistica inerente il mondo dei vino, bicchieri per tutte le soluzioni, eleganti accessori per sommelier ed interessantissimi oggetti regali. SERIVIZIO DI CATERING Target One è un’azienda del gruppo Enoteche Distillerie Frati in grado di rispondere a qualsiasi esigenza in materia di feste private, inaugurazioni aziendali, meeting, fiere e matrimoni. Ciò che Target One propone spazia dal semplice servizio barman alla fornitura completa di attrezzatura bar, beverage, dj e animazione per i tuoi eventi piu’ importanti. Il nostro team e’ composto da personale solare, dinamico, coinvolgente ed altamente qualificato, in grado di offrire qualità professionale e pianificazione dettagliata di ogni minimo particolare organizzativo

49


50


Schilpario Bratto Dorga

Castro

Mozzo

Polaveno Sale Maresino

Tagliuno

Salò

Travagliato

Bagnolo Mella

Pontevico

Castelnuovo del Garda


Guida gourmet  

Guida Gourmet primavera/estate 2012

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you