Issuu on Google+

0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 1

Dicembre 2010

Notizie dal Comune www.comune.paladina.bg.it

Paladina

Supplemento di Notizie dal Comune - Tariffa ROC Poste Italiane spa - Spedizione in abb. postale - DL 353/2003 (conv. in L. 27/2/2004 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Bergamo NdC 38 Redazione, amministrazione e stampa: IKONOS srl - 24048 TREVIOLO - Tel. 035 200 515 - Fax 035 201 041 - Email: info@ikonos.tv - Contiene IP

...da Betlemme un augurio di Pace!

Le cose della vita È il titolo di una canzone “impegnata” dei primi anni 70 del secolo scorso. Riassume ciò di cui si occupano gli Enti locali, in particolare i Comuni, ogni giorno, a contrasto di quanto invece pare avvenire nel cuore delle Istituzioni democratiche. Mentre il Parlamento, il Governo e di conseguenza la pubblica opinione si occupano o sono costretti a occuparsi di scenette da crollo dell’Impero, tutte le Amministrazioni Comunali si trovano quotidianamente di fronte a scelte sempre più difficili per garantire ai propri Cittadini quel livello di servizi faticosamente conquistato; livello che viene sempre più messo in discussione da un’ingiusta redistribuzione delle risorse e da un’assenza di strategia delle Istituzioni superiori. I Comuni devono erogare servizi, dovendo mantenere impegni assunti davanti agli elettori sulla scorta di una programmazione oculata, ma mortificati dal mancato riconoscimento della propria condotta virtuosa. Vi basterà scorrere questo notiziario per verificare che, nonostante tutto, facciamo il possibile per non regredire, per tener fede agli impegni assunti e per pensare al futuro mettendo in cantiere altre opere e altri contributi a una serena convivenza civile. In particolare, il Programma per i prossimi tre anni - con più certezza per il prossimo - che di seguito pubblichiamo, individua i

principali interventi da realizzare. Sono opere per sistemare, completare e riqualificare il nostro patrimonio, ma soprattutto per migliorare sempre più le caratteristiche di comunità residenziale tranquilla e allo stesso tempo vivace che negli ultimi anni abbiamo condiviso. Abbiamo iniziato un percorso per creare nuove aree verdi attrezzate e valorizzare quelle esistenti e confidiamo che gli auspicati interventi previsti dal Piano di Governo del Territorio in corso di definitiva approvazione si inseriscano a completare l’assetto di Paladina quale borgo vivibile alle porte della Città. Le cose della vita, dicevo all’inizio; belle e brutte ma vere. Tra le prime ricordo l’avvio dei lavori di ampliamento della scuola dell’infanzia, il centesimo anniversario della presenza delle Suore Poverelle a Paladina e il trentesimo anno di vita dell’AIDO di Sombreno; tra le seconde ne cito una sola che ci ha rattristato tutti: la scomparsa di Antonio, ambasciatore del nostro sport e protagonista entusiasta degli ultimi decenni. Mi complimento con gli studenti che bene hanno fatto nello scorso anno scolastico, invito i giovani a non scoraggiarsi davanti alle difficoltà che incontrano e auguro a tutti un Buon Natale e un migliore 2011, in particolare a chi ha perso o non ha trovato il posto di lavoro. Il Sindaco Oscar Locatelli sindaco@comune.paladina.bg.it


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 2

2 www.comune.paladina.bg.it GIANLUIGI ARRIGONI Assessore garrigoni@comune.paladina.bg.it

Autunno: tempo di programmi Approvato il Piano triennale delle Opere Pubbliche È autunno e per le Amministrazioni è tempo di elaborare il programma e di stendere il Bilancio di previsione per l’anno che verrà. Nei notiziari autunnali degli anni precedenti avevo sempre illustrato gli obbiettivi e le linee di fondo del Bilancio che si andava preparando non parlando mai del percorso che l’Amministrazione seguiva per giungere alla approvazione del Bilancio stesso. Innanzitutto la Giunta definisce gli obbiettivi sulla base del programma elettorale approvato dagli elettori e delle esigenze che sono nate nel frattempo. Gli obbiettivi si traducono nel Piano delle opere e negli indirizzi dettati agli uffici per stendere la bozza del Bilancio, indirizzi che sono il frutto dei ragionamenti maturati in corso d’anno. Il secondo passo attiene l’analisi delle novità che emergono dalle disposizioni ministeriali in particolare per quanto riguarda l’entità dei Trasferimenti di risorse dallo Stato ed i vincoli sulla manovra tributaria e di spesa (personale, indebitamento, consulenze, contributi ad associazioni ecc.). In terzo luogo si definisce la politica tariffaria dei servizi comunali (tariffe cimiteriali, rette dell’Asilo nido, della Scuola dell’infanzia, del Baby-Cre e dello Spazio Gioco). Su questa base la Responsabile della ragioneria elabora la bozza del Bilancio da presentare alla Giunta per le opportune correzioni, aggiustamenti e scelte politiche necessarie per conseguire il pareggio di Bilancio. Come previsto dalla legge, il Bilancio viene definitivamente approvato dalla Giunta assieme a tutti gli elaborati che lo corredano, viene presentato in anteprima ai capigruppo consiliari , che hanno qualche settimana di tempo per presentare gli emendamenti, e alla fine presentato in Consiglio per la definitiva approvazione.

LARA TOGNI Per motivi di studio, l’assessore Lara Togni si è dimessa dal suo ruolo, pur mantenendo la carica di consigliere: “Ne abbiamo preso atto con dispiacere - dichiara il Sindaco - perché Lara era molto efficiente, disponibile, capace. Ma siamo convinti che la scelta di perfezionare i suoi studi in Inghilterra sia importante per la costruzione di un futuro a lei più adeguato e soddisfacente”. In Giunta non è stata sostituita; le deleghe alla Pubblica Istruzione, Comunicazione, Informazione sono state assunte dal Sindaco.

BILANCIO 2011: A CHE PUNTO SIAMO La Giunta nella seduta del 5 ottobre ha approvato il Piano triennale delle opere che per il 2011 prevede la riqualificazione di via Alpini, un intervento che per la entità della spesa e per la complessità dell’intervento era stato escluso dalle asfaltature della scorsa estate sollevando giustificati malumori tra i residenti che da anni aspettano la sistemazione dei marciapiedi ed un rimedio alle buche che i pini marittimi provocano. Sono previsti inoltre interventi sui parchi, la realizzazione del muro di recinzione della palestra nuova , da concordare con l’Amministrazione di Valbrembo, lavori di sistemazione del ponte sulla via Ghiaie e l’esumazione straordinaria delle salme tumulate nelle tombe familiari situate nei campi sud del Cimitero; si sta pensando anche ad un ulteriore intervento sulle energie pulite . La Finanziaria ha confermato per il 2011 il blocco della politica tributaria dei Comuni: le aliquote in essere per ICI e Addizionale IRPEF rimangono inalterate. Per quanto riguarda il personale, il prossimo anno dovremo far fonte alle dimissioni per raggiunti limiti di età di un operaio esperto, al quale facciamo i migliori auguri, fatto che d’altro canto ci offre la opportunità di ampliare i servizi culturali e alla persona con un incremento dell’orario settimanale della bibliotecaria e della assistente sociale. Verranno a scadenza alcuni appalti ed in particolare quello della raccolta dei rifiuti con un inevitabile aumento dei costi e della tassa rifiuti. Entro la metà dell’anno è previsto il completamento dei lavori di ampliamento della scuola dell’infanzia che metterà a disposizione ulteriori spazi per l’attività didattica e per i servizi alla famiglia quali lo spazio-giochi da anni svolto nei locali dell’ex Asilo parrocchiale. Il 2011 non sarà ancora l’anno di svolta della crisi e per le finanze comunali, sempre in attesa di un federalismo che ci liberi dai vincoli del centralismo attuale, per cui ci vorrà molto impegno da parte di tutti per salvaguardare e sperabilmente migliorare la nostra vita associata.

UN BEL TRAGUARDO Il primo dicembre 2010 gli abitanti di Paladina hanno raggiunto quota 4.000.


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 3

3 www.comune.paladina.bg.it PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011-2012-2013 Opera pubblica e caratteristiche tecniche Lavori di sistemazione ponte sulla via Ghiaie Lavori di esumazione straordinaria salme Lavori di riqualificazione via Alpini Lavori di riqualificazione via Don Carminati Lavori di sistemazione parchi Realizzazione muro di recinzione presso palestra consortile Interventi di risparmio energetico IMPORTO DELL’ELENCO

anno 2011 2011 2011 2011 2011 2011 2011

Costo tot. presunto in euro 30.000,00 20.000,00 75.000,00 75.000,00 40.000,00 60.000,00 20.000,00 320.000,00

Interventi per il nuovo assetto degli uffici Lavori sistemazione parchi Lavori di sistemazione strettoia via del Colletto IMPORTO DELL’ELENCO

2012 2012 2012

40.000,00 20.000,00 35.000,00* 95.000,00

Lavori di sistemazione parchi Lavori di sistemazione via piave IMPORTO DELL’ELENCO

2013 2013

40.000,00 50.000.00 90.000,00

TOMMASO RUGGERI Assessore truggeri@comune.paladina.bg.it

Palagiò 2010 La lunga estate è finita: ripartiamo con le motivazioni necessarie a creare ancora di più per il futuro Questa lunga estate è ormai finita ed è ora di pensare a quello che è stato fatto, per ripartire e avere le motivazioni necessarie a creare ancora di più per il prossimo futuro. Punti chiave storici del progetto sono infatti “l’aggregazione costruttiva, partecipata e relazionale” dei ragazzi/e, unita ad una sensibilizzazione per tematiche ambientali e di approccio e avviamento ad un “lavoro” di responsabilità collettiva (tutti i lavori proposti, infatti, non sono rivolti a privati, ma chiaramente a tutti gli aspetti che riguardano il Comune di Paladina). Rispetto alla consuetudine, quest’anno il progetto Palagiò ha voluto sviluppare altre tematiche, legate al volontariato sociale e nel tentativo di rendere consapevoli i ragazzi/e del proprio tempo libero, di come utilizzarlo, ma soprattutto di come può essere “donato”, non in cambio di qualcosa, ma nella volontà di confrontarsi con gli altri e sviluppare riflessioni per conoscersi meglio. È così che molti ragazzi hanno partecipato ai progetti di volontariato, che comprendevano gli ambiti dell’Asilo Nido e di varie associazioni di Paladina. Valentina, Lucia, Elisa e Serena ci hanno scritto alcune righe per spiegarci il loro approccio gioioso verso i “bimbi” del Nido di Paladina. “Quest’anno tra i mesi di luglio e agosto, grazie al progetto

PalaGiò, abbiamo partecipato alle attività dell’asilo nido di Paladina affiancando ed aiutando le educatrici. Ogni mattina facevamo giocare i bambini e passeggiando li accompagnavamo al parco giochi; e quante risate quando bisognava dare la merenda ( frutta sana e genuina!) o li accompagnavamo in bagno! Le attività sono state molto divertenti: ricordiamo con piacere quando abbiamo pitturato insieme ai bimbi le loro sagome con le tempere, e alla fine tutti eravamo “impiastrati”, ma almeno colorati! O quando all’aperto abbiamo disegnato sul pavimento con i


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 4

4 www.comune.paladina.bg.it gessetti, ma i bambini si sono divertiti soprattutto a pasticciarci la faccia… sembravamo dei mostri! Una mattina, invece, siamo andati alla Merletta, dove i bimbi si sono divertiti con gli animali, specialmente con le caprette… beeeee!!! Abbiamo visto risate e pianti, dispetti e abbracci, che hanno condito le stupende mattine estive… grazie bimbi!!!” Altri progetti da ricordare sono l’apertura del “BarGiò”, mitico bar estivo “prestato” dal centro sportivo per 2 sere a settimana. Ebbene, per 6 settimane 20 ragazzi/e si sono alternati nella gestione e organizzazione di tornei o giochi serali, aiutati e seguiti, oltre che dagli educatori, anche da bariste professionali che sicuramente hanno trovato il giusto appeal per insegnare ai ragazzi/e qualche trucco per fare cappuccini più buoni o rendere l’ambiente più accogliente… insomma c’è sempre da imparare!!! E come dimenticare la festa “Mordi l’estate” giunta ormai alla sua seconda edizione? Uno spazio dove mettersi alla prova in varie situazioni: dalla gestione bar, alla cassa, alla cucina e servizio ai tavoli, dall’accoglienza delle band che si sono alternate a suonare nei cinque giorni di festa… e poi la promozione di un evento cosi importante (camminando sotto il sole per consegnare i volantini!), ma soprattutto la consapevolezza di essere parte di un gruppo e dividerne le sorti e gli onori impegnandosi, partecipando e divertendosi. In ultimo, ecco un’intervista fatta ad un ragazzo del progetto Graffiti/Segni Urbani, ormai al terzo anno di realizzazione…

settimana riguardava questo mondo, naturalmente l’ho scelto! D- Ti è piaciuto fare graffiti e l’attività in genere? R- Sì, perché mi sono divertito e ho conosciuto altri ragazzi. In più ho capito quanto bisogna impegnarsi per realizzare qualcosa… D- Cosa rappresentano per te i graffiti? R- Sono un modo per esprimersi, e per rendere meno grigie le città. D- Li avevi già fatti prima? R- Sì, ma non legalmente. Mi è piaciuto di più farli con il Palagiò 2010 D- I writers sono molto discussi perché spesso vengono accumunati ai vandali. Il Comune di Paladina ha permesso a noi giovani di esprimerci con questa attività. Secondo te cosa cambia da farli legalmente o no?

In occasione di Palagiò 2010 abbiamo intervistato un ragazzo R- Legalmente escono meglio perché non c’è la paura di essere “becche ha partecipato al percorso sui graffiti, organizzato con la parcati”; penso che se tutti i Comuni trovassero degli spazi come il tecipazione dell'artista Paolo Baraldi a.k.a. "Il Baro". nostro sottopassaggio (grigio e senza vita) da dedicare ai ragazD- Intanto grazie per la disponibilità! zi, ci sarebbero meno scritte in giro, meno “atti vandalici” e città R- Il piacere è mio! più vive e colorate… Con il Baro (grazie!!!), l'artista che ci ha seD- Qualche domanda per capire come ti sei trovato e cosa ne guito in questo percorso, abbiamo anche capito che un conto è esprimersi, altro è rovinare muri o zone storiche!!! pensi. Iniziamo dall’attività vera e propria, ovvero la possibilità di creare dei graffiti in luoghi che il Comune ha gentil- D- Altro da dire? mente (e intelligentemente) proposto, come il sottopasso. R- A quando altri spazi di libera espressione? Cosa ti ha spinto a scegliere il progetto graffiti piuttosto che un altro? Aspettiamo l'estate 2011!!! R- Ero già molto appassionato di graffiti, e avendo saputo che la Grazie e ciao!

ORARI DI RICEVIMENTO SINDACO E ASSESSORI OSCAR LOCATELLI Sindaco sindaco@comune.paladina.bg.it Lunedì, dalle 17.00 alle 18.00, e giovedì, dalle 10.00 alle 12.00. Su appuntamento. GIUSEPPE STACHETTI Vice Sindaco gstachetti@comune.paladina.bg.it Con delega per i settori: Manutenzione e patrimonio, Lavori pubblici, Cimitero, Protezione Civile e Sicurezza, Ecologia e Ambiente, Trasporti pubblici. Lunedì, dalle 17.00 alle 18.00.

DOTT.GIANLUIGI ARRIGONI Assessore garrigoni@comune.paladina.bg.it Con delega per i settori: Bilancio, Finanze e Tributi, Commercio e Attività produttive, Rapporti con Enti sovracomunali e Comuni limitrofi. Lunedì, dalle 17.00 alle 18.00. STEFANO GALLIANI Assessore sgalliani@comune.paladina.bg.it Con delega per i settori: Servizi alla Persona, all’Infanzia e agli Anziani, Politiche per la famiglia, Integrazione e coesione sociale, Solidarietà, Rapporti con le Associazioni. Lunedì, dalle 17.00 alle 18.00, e sabato, dalle 10.00 alle 12.00 (il sabato su appuntamento).

TOMMASO RUGGERI Assessore truggeri@comune.paladina.bg.it Con delega per i settori: Cultura, Tempo libero, Qualità della Vita, Politiche Giovanili, Sport, Partecipazione, Educazione degli Adulti, Organizzazione e Innovazione tecnologica, Promozione del Territorio. Sabato su appuntamento da definire allo 035/637100 e 035/6313010.

Per appuntamenti con il Sindaco e con gli assessori: 035/6313010


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 5

5 www.comune.paladina.bg.it OSCAR LOCATELLI Sindaco sindaco@comune.paladina.bg.it

Piano per l’attuazione del Diritto allo studio - 2010/2011 Frutto di una serie di incontri di confronto con la Dirigente Scolastica e, indirettamente, con il Consiglio dell’Istituto Comprensivo “A. Tiraboschi” che ne chiede il finanziamento ai Comuni di Paladina e di Valbrembo, il Piano vede inoltre il contributo della nostra Commissione Comunale Scuola. Quest’anno dobbiamo tener conto del difficile contesto nazionale. Per quanto riguarda la nostra realtà, la Dottoressa Gilda Foggia, dopo anni di intensissimo lavoro, ha lasciato la dirigenza per un meritato riposo; conoscendola, dubitiamo che questa parola trovi posto nel Suo vocabolario. Avremo modo di ringraziarla come merita per il suo straordinario e qualificato impegno, profuso costantemente prima come Direttrice didattica e poi come Dirigente. SCUOLA DELL’INFANZIA Finalmente, dopo 10 anni di richieste, con 108 bambini iscritti, è stata concessa la quarta sezione; questa conquista, unita all’ottenimento di un finanziamento a fondo perduto di 216 mila euro dalla Regione Lombardia, ci consentiranno di avere presto un edificio ampliato e più idoneo alle sempre più crescenti necessità e di fornire un servizio educativo migliore. SCUOLA PRIMARIA Gli alunni iscritti per quest’anno scolastico sono 161, suddivisi in 10 classi tutte a tempo prolungato. Lo stanziamento ammonta complessivamente a euro 56.192, praticamente identico al precedente. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Risultano iscritti 185 alunni, dei quali 90 di Paladina, suddivisi in 8 classi a tempo prolungato. La maggiore spesa di quest’anno (circa 5.000 euro), è dovuta principalmente al necessario potenziamento dei laboratori e a un rinnovo parziale degli arredi. LIBRI DI TESTO Viene confermata l’erogazione di un contributo alle famiglie degli studenti frequentanti la prima classe della Scuola secondaria di primo grado a sostegno del considerevole impegno economico per l’acquisto dei volumi di testo. È pleonastico ricordare che stiamo parlando di scuola dell’obbligo. BORSE DI STUDIO Quest’anno l’importo delle borse, che da 14 passano a 16, aumenta a 300,00 euro (più 20) e viene contemplato il riconosci-

mento anche ai diplomati iscritti a un corso di laurea almeno triennale. TRASPORTO STUDENTI SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO A fronte di una spesa ingente, il Comune prevede ancora un contributo massimo di 45 euro (anche per studenti che utilizzano la SAB). L’anno scorso i beneficiari sono stati 103. PROSPETTO SPESE Scuola dell’Infanzia * * (entrate presunte euro 19.500,00) Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1°grado * * (il 50% a carico del Comune di Valbrembo) Altri contributi

euro 46.456,00 euro 56.912,00 euro 90.577,00 euro 13.500,00

BORSE DI STUDIO Per l’anno scolastico 2009/2010 sono state assegnate le seguenti borse di studio: 3° classe Scuola Secondaria di Primo Grado 1°. Serena Sonzogni PUNTI 31 2°. Alice Pasinetti PUNTI 28 3°. Dania Merla e Lucia Ruggeri PUNTI 26 1°, 2°, 3° e 4° classe Scuola Secondaria di Secondo Grado 1° Elisa Donadoni PUNTI 35 2° Andrea Bolis PUNTI 34 3° Luca Sonzogni, Cristian Bertuletti, Giulia Benaglia, Mariachiara Gregis, Agostino Buttarelli, Elisabetta Cavalleri, Silvia Leidi PUNTI 30 5° anno Scuola Secondaria di Secondo Grado 1° Luca Roncalli PUNTI 34 2° Alessandro De Leidi PUNTI 30 3° Stefano Moretti PUNTI 23 4° Francesco Rocchetti e Chiara Piazzalunga PUNTI 18 Per l’anno scolastico 2009/2010 sono stati altresì assegnati n.16 contributi di 60,00 euro ciascuno.


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 6

6 www.comune.paladina.bg.it

VIABILITÀ: PROBLEM Questa rubrica offre uno spazio ai gruppi presenti nel Consiglio Comunale in quanto come Amministrazione riteniamo sia importante che i cittadini conoscano i diversi modi di affrontare gli argomenti di attualità per il nostro paese. Il tema, sul quale chiediamo di esprimersi mantenendosi in una lunghezza prefissata, viene concordato. Da parte nostra, pubblicheremo quanto ci viene comunicato. Voglio ricordare che alcuni anni fa il Comune commissionò uno studio sui problemi del traffico veicolare (poi fatto proprio dal Consiglio Comunale nel 2005) che contiene dati, riflessioni, proposte tuttora in buona parte validi; anche il PGT (già adottato, in attesa di approvazione) contiene ampie indicazioni in materia di viabilità, con particolare attenzione alla mobilità “dolce” (percorsi protetti, pedonali e/o ciclabili): questi importanti strumenti orientano le scelte amministrative. È però ben evidente che i problemi principali sul nostro territorio si verificano nelle ore di punta, a causa del traffico in prevalenza “di passaggio”: molti automobilisti usano strade interne al paese, anche nelle ore in cui è (giustamente) proibito ai non residenti, nel tentativo di evitare la Provinciale, a sua volta intasata. Del resto da decenni si parla di raddoppio o di variante alla Provinciale, per assoluta neces-

sità viabilistica, data la netta insufficienza della strada attuale. Un percorso alternativo allontanerebbe molti veicoli da Paladina, vero e proprio nodo critico: ogni giorno passano da qui circa 30.000 veicoli. Siamo stanchi di promesse e di attese: chi governa in Provincia, in Regione e a Roma (sempre Centrodestra+ Lega) si decida una buona volta ad affrontare questo problema, per noi esiziale. Chiarita la vera priorità, nel frattempo alcuni accorgimenti si possono tentare (a nord della rotonda consentire – in entrambe le direzioni - accessi e uscite dalla Provinciale sempre e solo girando a destra; a medio termine ridurre ancora accessi + uscite e valutare nuova rotonda al confine con Almè) ma senza troppe illusioni perché la soluzione è altrove. Un’altra cosa va pur detta: a livello locale è necessario che ognuno si impegni ad utilizzare

sempre meno l’automobile. Chiediamoci: “è davvero indispensabile? non ho alternative? posso accordarmi con altri per un uso congiunto?”. Può sembrare un’impostazione impopolare e arretrata, in realtà i Paesi più avanzati e le città più moderne del mondo stanno dando massima importanza a questo approccio; non si può infatti pensare ad una crescita infinita di auto, strade, inquinamento; una riduzione del 10% già abbatterebbe molte code. Poi certo tutti i piccoli correttivi (e il nostro Comune ne ha realizzati davvero tanti) possono servire, ma senza le scelte suddette alla lunga tutto è vano: molto dipende da istituzioni sopra noi, ma qualcosa anche dai singoli che l’Amministrazione non deve stancarsi di sensibilizzare.

Da Piazza Pontida partono, a raggiera, le strade rettilinee che uniscono l’antichissimo borgo con le Valli e le città vicine. Altri tempi, mezzi di trasporto, densità di abitanti, amministratori... Oggi basta percorrere tangenziali, assi interurbani e circonvallazioni per verificare il contorto casino viabilistico che ci hanno

“regalato” con i trasporti pubblici scomodi e carissimi anche ai contribuenti. Altri compromessi, speculazioni, densità di abitanti, numero di mezzi ed economia. I veicoli potenzialmente in circolazione nella nostra Provincia sono 800.000 senza considerare quelli “stranieri”. Come se non bastasse, si aggiun-

gono gli egoismi e la supponenza di troppi amministratori locali e sedicenti esperti della mobilità che ne combinano peggio di Bertoldo. Dopo gli incroci con precedenza “a caso”..., o attribuita a chi curva rispetto a chi procede in linea retta, potevano non ideare le strade improprie? Strade cioè “che non si dovreb-

Massimo Raineri Capogruppo“Per Paladina”


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 7

7 www.comune.paladina.bg.it

BLEMI E PROPOSTE bero percorrere...”: in loco sarebbero la via Bergamo e del Colletto!? Ogni giorno inventano sensi unici non indispensabili, divieti di accesso nei centri abitati, cambi di precedenza, zone 30 che nessuno controlla (quella dell’incrocio di via Monte Grappa è costata almeno 70.000 euro). Lo stesso senso unico in via Libertà a chi giova? Carica ulteriormente la via Degli Alpini senza limitare la velocità di chi la percorre a tutta birra. Un semaforo intelligente ridurrebbe le velocità di transito, consentirebbe comunque l’uso dei passi carrali ed eviterebbe un ennesimo

giro vizioso. Per fortuna il senso unico realizzato in via Don Milani è durato il tempo di modificare la segnaletica e di ri-modificarla...?! Dirottare il traffico pesante fuori dai centri urbani è sicuramente una giusta scelta ma siamo sicuri che sia intelligente moltiplicare i divieti nelle ore di punta anche per chi cerca la strada più breve per recarsi o tornare dal lavoro in auto? Una rete di percorsi a velocità contenuta non ridurrebbe lo stress ed il disagio di tutti? Per quanto ci riguarda abbiamo più volte suggerito un sottopasso automobilistico Paladina–Sombreno, un allar-

gamento della via Roma per realizzare il marciapiede, la sistemazione del pericoloso tornante della Via Piave e un parcheggio in cima alla via Stazione. Infine, aver ipotizzato una cosiddetta “variante” sotto i Colli costosissima, in grado di urbanizzare un’altra fetta del Parco e di dubbia utilità e realizzazione, condiziona tragicamente da 30 anni le scelte delle Amministrazioni locali!

Con il termine viabilità o mobilità intendiamo il mezzo o la modalità che favorisce la comunicazione, l’integrazione e lo sviluppo di una comunità. Pertanto è un principio che a nostro avviso dovrebbe essere definito prima della configurazione urbanistica di un territorio. La mobilità non si realizza solo all’interno del territorio comunale ma anche con i paesi limitrofi, presso i quali esistono servizi necessari ai cittadini: ospedali, scuole, università, luoghi di cultura e ambienti di lavoro. I trasporti pubblici e privati contribuiscono a creare uno dei principali indicatori di vivibilità di un paese ossia la rapidità di spostamento: questo deve far parte delle nostre attuali e future preoccupazioni politiche e sociali. Attualmente, il principale problema viabilistico di Paladina a nostro avviso, è la rotonda all’intersezione di via Provinciale con via Bolis e via IV Novembre,

frutto di un’inevitabile accettazione da parte della Amministrazione di una decisione presa dalla Provincia in merito alla sua realizzazione. È innegabile che questa scelta oltre a non favorire il collegamento fra i due borghi (Sombreno e Paladina) sta penalizzando nelle ore di punta tutto il sistema viabilistico interno al nostro Paese. In particolare si paralizza lo sfogo da via Roma su via Provinciale tramite via del Colletto e si intasa via Bolis con code interminabili che si innestano su altrettante file di auto lunghissime su tutta via Provinciale. Il risultato di tutto ciò, è che siamo vittime dell’attuale sistema viabilistico provinciale il quale ci inserisce come punto strategico di passaggio per tutte quelle persone provenienti dalla Valle Imagna, dalla Valle Brembana e anche dai paesi dell’Isola oltre Brembo, che devono recarsi a Bergamo o raggiungere l’auto-

strada velocemente o in un modo considerato più sbrigativo. Il meccanismo immediato di tutela da attuare per i cittadini, è stato quello di creare i cosiddetti passaggi “ai soli residenti”. In tutto questo, quello che secondo noi sembra non funzionare è la “politica dell’ognuno fa per sé” che ha creato uno scollamento totale fra i vari paesi limitrofi. In realtà tutti hanno lo stesso problema ed obiettivo: scaricare i passaggi di vetture provenienti da fuori, sul paese accanto, salvaguardando la propria vivibilità interna: citiamo a titolo di esempio la continua diatriba con il Comune di Almè per la viabilità su via Roma. Per favore sindaci dei Comuni limitrofi formiamo un tavolo con la Provincia e parliamone!

Gianmaria Brignoli Capogruppo Lega Nord e Indipendenti

Luca Bolis Capogruppo “Vivere Paladina”


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 8

8 www.comune.paladina.bg.it PIETRO GUARNIERI Consigliere con delega all’ambiente e all’ecologia

Energia in …Comune Tutti possiamo contribuire a migliorare il nostro ambiente Punto di partenza, della nostra riflessione sulla questione energetica, sono i cambiamenti climatici in atto. Non passa giorno che i media ci ricordino, a gran voce , il continuo aumento della concentrazione dei gas serra nell’atmosfera, effetto di un uso smodato di combustibili fossili, a loro volta frutto di un modello “energivoro” di sviluppo, o meglio di crescita senza limiti, la cui sostenibilità presenta segnali sempre più evidenti di un possibile collasso. Non ci piace l’approccio catastrofistico ma nel contempo non possiamo non porre la nostra attenzione sul riscaldamento globale ed i suoi effetti dirompenti: scioglimento dei ghiacciai, eventi atmosferici e dissesti idrogeologici sempre più violenti da un lato, desertificazione, siccità e carestie dall’altro. Problematiche che ci rimandano quotidianamente a scenari di particolare gravità e che non possono lasciarci nell’immobilismo. E noi cosa possiamo fare? Un attimo di pausa, un respiro profondo… Nel riconoscere che questioni di tale complessità e portata dovrebbero essere al primo posto delle “pre-occupazioni” di chi a livello nazionale e internazionale ci governa, di chi per carica politica e ruolo tecnico-scientifico definisce le strategie economiche ed energetiche globali, ci piace pensare, andando oltre un diffuso senso d’impotenza, che tocchi anche a ciascuno di noi “pre-occuparci”, farci carico, pur nelle dovute proporzioni, della questione climatica. Una presa di coscienza che a livello locale, sia esso amministrativo o personale, ci indirizzi verso le cosiddette “buone pratiche”; pratiche che si basano sullo sviluppo e sulla diffusione delle energie rinnovabili, ma nel contempo cercano di migliorare l’efficienza energetica, eliminare gli sprechi e i consumi non necessari, adottare modelli di consumo più sobri e reintrodurre nella nostra quotidianità orizzonti concettuali che ci richiamino al recupero della “misura” e alla riscoperta valoriale della dimensione del limite. Sul versante amministrativo esercitare in modo ambientalmente responsabile la funzione di ente gestore di un patrimonio pubblico (edifici, illuminazione, impianti) significa impegnarsi ad individuare modelli gestionali innovativi che vadano nella direzione di: - migliorare la qualità energetica del patrimonio pubblico; - produrre un risparmio economico ed un guadagno ecologico; - contribuire a diffondere questi interventi presso le utenze private. E proprio in quella direzione ci sembra che vadano: - gli accordi con la scuola media, che prevedono il reinvestimen-

to in progetti didattici dei risparmi sui costi energetici dell’edificio scolastico, frutto di una più attenta e oculata gestione del calore e dell’illuminazione; - il completamento dell’installazione dei riduttori di flusso elettrico sugli impianti della pubblica illuminazione e la sostituzione, in alcune vie, dei corpi illuminanti a vapori di sodio con lampade a LED, a bassissimo consumo elettrico; - le serate informative sul risparmio energetico e sulle energie rinnovabili organizzate in collaborazione con l’Associazione “Sotto il Monte Solare”; - i percorsi sulle problematiche dell’educazione ecologica e della sostenibilità ambientale, che hanno visto coinvolte le classi del secondo ciclo della scuola primaria e le classi terze delle scuole medie; - ultimo, ma solo in ordine temporale, l’installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici scolastici della scuola dell’obbligo. Quest’ultimo progetto, frutto di un investimento economico ri-

Particolare impianto fotovoltaico scuole elementari

levante (circa 100.000 euro a impianto), consente, in termini di kwh prodotti, l’autonomia energetica delle scuola primaria e la copertura di buona parte dei consumi elettrici delle scuole medie (vedi box e immagini). A livello finanziario gli incentivi previsti dall’attuale Conto Energia, i risparmi per l’autoconsumo dell’elettricità prodotta e la vendita delle eventuali eccedenze energetiche , garantiscono per i prossimi vent’anni la totale copertura delle rate del mutuo oltre ad un consistente ritorno economico, che potrà essere utilizzato per i prossimi interventi di qualificazione energetica. A livello ambientale, ripassando dall’agire locale al pensiero globale, l’impianto rappresenta un ulteriore passo verso il rispetto degli obiettivi del programma “20-20-20” che gli Stati della


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 9

9 www.comune.paladina.bg.it ATTIVE LE CONVENZIONI CON LE PISCINE DI ALMÈ E PONTE S. PIETRO

Particolare impianto fotovoltaico scuole elementari

Comunità Europea si sono posti per il 2020. Obiettivi di risparmio ed efficienza energetica, implementazione di energie rinnovabili e interventi di riduzioni di emissione di gas serra. Concludiamo questo primo contributo sulla problematica energetica elencando quelle che potranno essere, risorse pubbliche sempre più limitate permettendo, i prossimi interventi per il miglioramento della sostenibilità ambientale del patrimonio comunale ossia: - l’ installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sugli impianti sportivi; - il miglioramento dell’efficienza della pubblica illuminazione con la graduale sostituzione dei corpi illuminanti con tecnologia a led; - l’installazione di altri impianti fotovoltaici tramite la cessione ad aziende private dell’uso del tetto degli edifici pubblici; - l’audit, il monitoraggio, dei consumi energetici degli edifici pubblici per l’individuazione degli interventi di riqualificazione più appropriati.

Con deliberazione del 23 settembre 2010, sono state approvate le convenzioni con le piscine Stile Nuoto Quadri s.r.l. di Almè e Acquateam s.r.l. di Ponte San Pietro. Con effetto da tale data, esse consentono ai residenti di Paladina di usufruire di agevolazioni economiche per la frequenza dei relativi impianti natatori. Per informazioni ci si può rivolgere direttamente alle piscine. Stile Nuoto Quadri via Olimpia, 10 - 24011 Almè - Tel. 035 542209 - web site: www.piscinealme.it - email: info@piscinealme.it Aqua Team Via San Clemente, 66 Ponte San Pietro (frazione Briolo) - Tel 035 4376632 - web site: aquateamsrl.it email: aquateamsrl.com RICONOSCIUTI I MERITI DI ALCUNI CONCITTADINI

Il 18 dicembre verranno conferite: una cittadinanza onoraria al professor Pierluigi Forcella, musicista e musicologo di fama internazionale, originario di Paladina, già cavaliere della Repubblica; tre benemerenze a: dottoressa Gilda Foggia Abati, dirigente scolastica andata in pensione a settembre 2010; Emilia Bonati, per l’impegno nel volontariato sociale; Jacopo Nicoli per aver salvato con gesto eroico e temerario alcune bagnanti in difficoltà mentre si trovava in vacanza al mare in Sardegna.

IMPIANTO SCUOLE ELEMENTARI

Tipo impianto Moduli silicio policristallino Potenza installata 18,095 kwp Numero moduli 77 da 235 Wp Produzione annua prevista 20.000 kwh Riduzioni emissioni CO2 all’anno 11,5 t

IMPIANTO SCUOLE MEDIE

Tipo impianto Potenza installata Numero moduli Produzione annua prevista Riduzioni emissioni CO2 all’anno

Moduli in film sottile 19,584 kwp 68 da 288 Wp 20.000 kwh 11,5 t

IMPIANTI SULLE ABITAZIONI DI PRIVATI A PALADINA

Numero Impianti Potenza installata Potenza media installata

16 54,17 kwp 3,39 kwp

Notizie dal Comune PERIODICO D'INFORMAZIONE DEI COMUNI E DEGLI ENTI LOCALI

Direttore responsabile: Carlo Baruffi Redazione: Santina Coppetti con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale Impaginazione e controllo qualità: Cecilia Modi Redazione, amministrazione e stampa: IKONOS srl Via C. A. Dalla Chiesa, 10 - 24048 Treviolo IKONOS Editore - Bergamo Aut. n° 9 del 10/2/1986 Tribunale di Bergamo Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 10

10 www.comune.paladina.bg.it STEFANO GALLIANI Assessore sgalliani@comune.paladina.bg.it

Servizi alla Persona Pensare prima di agire… non fa mai male! NUOVE RETTE AL NIDO “IN VOLO”: QUESTO È UN TAGLIO CHE CI PIACE! Le Amministrazioni Comunali di Paladina, Almè e Valbrembo, nonostante le difficoltà di bilancio, hanno deciso di ridurre in modo consistente la retta di frequenza al nido “in Volo” che gestiscono in forma associata. Da gennaio 2011 per tutti gli iscritti, con ogni tipo di frequenza, il risparmio sarà di 60 euro al mese (660 euro l’anno!). Alla riduzione si aggiungono ulteriori contributi che il Comune di Paladina offre alle famiglie a basso reddito (secondo le fasce ISEE). Una scelta importante in un momento di crisi economica: secondo noi in questi frangenti diventa necessario investire per un futuro migliore e nulla ci pare più adeguato come il sostegno alle giovani famiglie. È RIPARTITO IL PIEDIBUS! Con l’adesione di più di 100 bambine e bambini e la partecipazione appassionata e competente di 40 adulti è ripartito il PIEDIBUS da/per la Scuola Primaria di Paladina. Ogni sabato, con il sole o con la pioggia, un serpentone colorato e vociante percorre le nostre vie. Un segno di vitalità, una scelta importante per riscoprire il piacere di camminare e la possibilità di spostarsi in paese senza automobile, una buona integrazione tra Amministrazione Comunale e famiglie. UN NUOVO SERVIZIO PER LE FAMIGLIE: LO SPAZIO PRE-SCUOLA Dallo scorso mese di ottobre l’Amministrazione Comunale offre la possibilità alle famiglie di un servizio di accoglienza anticipata alla Scuola Primaria. Dalle 8.00 fino al suono della prima campanella alcuni piccoli alunni sono affidati alle cure del personale ATA. Un servizio importante per le (tuttora poche) mamme lavoratrici.

ANCHE QUEST’ANNO UN PROGETTO… INSIEME L’Istituto comprensivo Tiraboschi ha organizzato anche quest’anno il PROGETTO INSIEME presso la Scuola secondaria di Paladina. L’Amministrazione Comunale sostiene la possibilità per alcuni bambini e ragazzi di usufruire del servizio mensa e di attività con il personale scolastico tra le 12.30 e le 14.30 garantendo un appoggio concreto alle famiglie. Nel PROGETTO INSIEME sono coinvolti docenti, volontari e studenti che accompagnano i ragazzi della scuola primaria e secondaria nel gioco e nei compiti. Nel frattempo Scuola e Assessorato sono impegnati a costruire un programma di lavoro sempre più adeguato ai bisogni dei ragazzi e delle loro famiglie. NUOVI VOLONTARI A PALADINA: IL TRASPORTO SOCIALE È POTENZIATO Con l’arrivo di nuove persone che vanno ad integrare il nucleo “storico” di volontari (che avranno sempre il nostro massimo ringraziamento per la loro indispensabile e gratuita disponibilità), abbiamo potenziato il servizio di trasporto sociale del Comune. Anche il nuovo regolamento entrato in vigore a luglio 2010 sembra dare i suoi frutti nella gestione organizzativa. Stiamo comunque lavorando su ulteriori miglioramenti per rendere la mobilità a Paladina più agevole per tutti. NUOVI VOLTI AL NIDO “IN VOLO” E ALLO SPAZIO GIOCO “IL GIRASOLE” Il 2010 ha portato qualche avvicendamento nei servizi gestiti in collaborazione con la Coop. “Il pugno aperto”. Ringraziamo per il prezioso lavoro svolto Anna Pessina e Tiziana Rodari e diamo il benvenuto a Eleonora Manzoni, nuova coordinatrice del Nido, e ad Erica Gaverina arrivata allo Spazio Gioco di via Piave, anche quest’anno accolto negli spazi offerti dalla Parrocchia di Paladina.


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 11

11 www.comune.paladina.bg.it

Mi presento a Paladina Che bello avere tanti impegni: alcune significative testimonianze

Cristina

Mi chiamo Cristina Togni, abito a Paladina in piazza Italia. Mi piace abitare qui perché ci sono i bambini che giocano nei giardini sotto casa. Sono nata il 25 dicembre 1988. Vivo insieme alla mamma e al papà e ho una sorella maggiore di nome Sabrina che abita di fronte a noi. Non è molto che abito qua, infatti mi sono trasferita da 4 anni, prima abitavo a Valbrembo. Da circa un anno frequento la Cooperativa il Fiore a Villa D’Almè. Tutte le mattine vado in sede dove ad aspettarmi ci sono i miei compagni e gli educatori. Faccio tante attività: scrivo al computer e preparo e stampo il materiale che serve per la didattica. Al martedì faccio pittura e preparo i lavoretti per Natale; ad insegnarci c’ è una maestra di arte, è molto brava e si chiama Silvia. Mi occupo anche del giornalino della cooperativa che si chiama “Caro amico ti scrivo:” insieme a Giuseppe preparo gli articoli e scegliamo le immagini e i colori da usare. Insieme a Silvia mi occupo del GAS ( gruppo acquisto solidale): raggruppo i prodotti da ordinare, come il caffè, lo zucchero, il cioccolato. Al giovedì mattina esco sul mio territorio con Maria: usciamo a fare le spese, andiamo in negozio da mia sorella, e al Toys, a volte al Centro Commerciale e in biblioteca; purtroppo la biblioteca del mio paese è chiusa di mattina e così vado ad Almè. La mia cooperativa ha anche un posto dove ci sono gli animali: le caprette e un asino. Mi piace andare in cooperativa, soprattutto fare il giornalino e la pittura. Da quando vengo qui ho imparato a fare tante cose.

Miki Buongiorno a tutti! Mi chiamo Miki, non Michela, proprio Miki, e sono di Paladina. Ho sempre abitato lì insieme alla mia mamma, al papà ed alle mie sorelle, Silvia e Graziella, che hanno un bar a Calusco. Ho anche un fratello sposato, che abita a Villa d’Almè. Ogni tanto, durante la settimana, vado ad un servizio di Almè, che si chiama SFA (Servizio di Formazione all’Autonomia) ed è gestito dalla cooperativa Lavorare Insieme. Sono una redattrice del giornalino, che si chiama “Il gruppotto”, attività che faccio al giovedì pomeriggio. Oltre a scrivere gli articoli, visto che mi piacciono le streghe, scrivo un oroscopo tutto mio! Al venerdì mattina faccio le collane, da vendere alle bancarelle. Usiamo i bottoni, le perline e i fili. Mi piace l’arcobaleno e mettere insieme tutti i colori! Mi piacciono tanto le attività fatte con le mani! Infatti da quest’anno vado a dare una mano al gruppo Solidarte. Ho già imparato tante cose: ho fatto le palline di polistirolo con la stoffa e gli spilli, ho colorato i babbi con i trucchi, ho riempito le stelle di cotone…può darsi che sia brava…mi piace fare le cose belle precise. Mi diverto anche a fare gli scherzi alle signore…che sono mie amiche, le incontro anche a Messa, e al bar la domenica, martedì, giovedì e sabato mattina. Mi piace tanto cucinare e mangiare le lasagne al forno, infatti a casa le preparo insieme alla mamma, se no come faccio a mettere gli ingredienti? Preparo da mangiare il mercoledì allo SFA: questo mercoledì ho fatto il purè! Con i wurstel (a casa ho delle dita mozzate con le unghie finte che sembrano wurstel e le ho usate ad Halloween). Divido i compiti con i miei colleghi dello SFA, io di solito sto davanti ai fornelli, perché la Dani prepara il tavolo e Luca passa la scopa e butta la spazzatura. Il lunedì però vado in piscina a Briolo; mi piace tanto e faccio 12 vasche di solito… è bello quando il sole brilla nell’acqua, quando nuoto insieme ai miei colleghi e quando faccio la doccia perché mi lavo tutta con l’acqua bella calda. Poi allo SFA faccio anche parte del gruppo di femminilità. È una cosa particolare e bella: ci troviamo in un gruppo di donne e impariamo a prenderci cura del nostro corpo, a lavarci bene, mettere la crema (e fare i massaggi), fare la ceretta, mettere lo smalto, truccarci, lavare e mettere in piega i capelli. Io ho portato la mia piastra per fare i capelli ricci…erano belli i miei capelli così! Me li ha fatti la mia collega Mariagrazia. Quando sono a casa sto davanti al computer nuovo, che mi hanno regalato per il mio compleanno, ma non sempre; ascolto i CD, le cassette e i DVD, vedo i film perché la Silvia mi ha preso il DVD di Madagascar 2. Ogni tanto leggo il giornale e guardo la televisione, specialmente la sera perché c’è Tempesta d’amore. Apparecchio la tavola a mezzogiorno e alla sera; invece per lavare i piatti c’è la lavastoviglie: io li tiro fuori e basta. La mia vita è proprio bella, però mi piacerebbe provare ad andare una volta ad un centro benessere, a fare i massaggi alla schiena.


0-Paladina 2-2010.qxd

3-12-2010

9:55

Pagina 12

12 www.comune.paladina.bg.it tutti insieme sul divano. A Paladina conosco delle signore che sono mie amiche, e ogni tanto quando sono libera ci vediamo. Infine, faremo per le suore una scenetta e mi hanno chiesto se volevo partecipare anche io. Poi con le signore ci troviamo dopo le prove e andiamo al bar a berci un caffè!

NUMERI UTILI E ORARI

Fabiana

UFFICIO SEGRETERIA Tel. 035/6313010 - Fax 035/637578 Email segreteria@comune.paladina.bg.it Lunedì, martedì e giovedì dalle 8.30 alle 12.00 Lunedì e giovedì anche dalle16.00 alle 18.00

Ciao! Mi chiamo Fabiana. Io due mattine a settimana vado alle scuole elementari di Paladina. Lì faccio le pulizie, il martedì pulisco la palestra e anche il giovedì mattina. In più dopo la palestra il giovedì faccio gli spogliatoi, che c’ho anche quelli. Al martedì e al venerdì vado a fare ginnastica, sempre lì dove vado a fare i lavori; ci sono delle persone anziane, io ci vado da sola a piedi. Allo SFA lunedì mattina faccio i gancini; il mercoledì pomeriggio sono di là, nell’appartamento nuovo, a fare l’attività dell’igiene; il lunedì pomeriggio vado all’Opera Pia, con una mia amica, a fare compagnia agli anziani: li facciamo giocare a carte, a tombola, cose così. Venerdì mattina sono qua ad Almè allo SFA, a fare le collane. Vado anche in altri ricoveri, al pomeriggio, a trovare gli ammalati. Il lunedì sera, da poco, partecipo al gruppo Solidarte e do una mano: ho il compito di strappare il cotone e metterlo nei sacchi… mi piace. Di quello che faccio in cooperativa mi piacciono di più i gancini, perché sono un lavoro, ma anche le collane, perché è un’esperienza nuova (prima facevamo le candele); mi piace scegliere ed infilare i bottoni, anche se non riesco a fare il nodo. Mi divertono anche le pause nel lavoro, quando beviamo il caffè

UFFICIO PROTOCOLLO E ARCHIVIO Telefono 035/6313011- Fax 035/637578 Email protocollo@comune.paladina.bg.it Da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.00 Lunedì e giovedì anche dalle16.00 alle 18.00 UFFICIO ANAGRAFE Telefono 035/6313002 - 035/6313000 Fax 035/637578 Email anagrafe@comune.paladina.bg.it Da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.00 Lunedì e giovedì anche dalle 16.00 alle 18.00 Sabato dalle 9.00 alle12.00 UFFICIO RAGIONERIA Telefono 035/6313003 - 035/6313004 Fax 035/637578 Email ragioneria@comune.paladina.bg.it Lunedì, martedì e giovedì dalle 8.30 alle 12.00 Lunedì e giovedì anche dalle 16.00 alle 18.00 UFFICIO TECNICO Telefono 035/6313006 - 035/6313005 Fax 035/637578 Email tecnico@comune.paladina.bg.it Lunedì e martedì dalle 9.00 alle 12.00 Giovedì dalle 8.30 alle 10.30 e dalle 16.00 alle 18.00

Un saluto a Tonino A soli 66 anni, Gian Antonio Togni, piccolo di statura ma gigantesco per lo spirito di servizio, la generosità, la disponibilità ci ha lasciato per un tragico incidente stradale. L’Amministrazione Comunale ha reso l’estremo saluto a un amico che tutti ricordano dietro il bancone dell’anagrafe in piedi sopra uno gabellino, alla scrivania dell’assicurazione, ma anche in giro sulle montagne che amava. Storico segretario dell’Us Paladina, si vede-

va spesso alle corse, fare il tifo e assistere con trepidazione all’arrivo dei suoi “Diavoli Rossi. Nato in un tempo in cui lo svantaggio fisico rappresentava un forte ostacolo all’inserimento sociale Tonino ha saputo, con grande volontà, entusiasmo e forza d’animo, raggiungere i suoi obiettivi e realizzarsi in una vita piena di attività lavorativa, atletica e ludica.


notiziario comune Paladina dicembre 2010