Page 1

Le vostre dediche a pag. 6

Guagnano Informa

«Io non sono d'accordo con quello che tu dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire» (Voltaire)

CANTINA SOCIALE ENOTRIA S O C . C O O P. A G R I C O L A S . P. A .

Via Kennedy, 64 - 73010 GUAGNANO (LE) Tel. 0832 706077 - Cell. 335 8221995

UNO, NESSUNO E CENTOMILA Così affermava Pirandello per sottolineare il fatto che nonostante ognuno di noi cerchi disperatamente di attribuirsi una ben delineata identità, sarà inevitabilmente condannato a farsi portatore delle centomila maschere che la realtà circostante gli pone sul viso, fraintendendo e distorcendo la reale personalità dell'individuo in questione. Abbiamo deciso di prendere in prestito l'illustre pensiero del suddetto autore, perché, se abilmente applicato alla modesta realtà di “Guagnano Informa”, può facilmente motivare il risentimento e il disappunto che nutriamo in questo momento. Il fine originario del nostro giornale era, ed è tuttora, quello di trasferire su carta le riflessioni, le denunce, le soddisfazioni, le richieste e quant'altro possa derivare da uno sguardo attento sul territorio Guagnanese. Basta poco per capire che l'invito non mira unicamente ad una ristretta elite di persone, come ci è stato imputato, bensì è aperto a tutti coloro che hanno voglia di far sentire la propria voce. A dire il vero però, forse sarebbe più cauto non esporsi notevolmente, per evitare il rischio di essere additati come sordidi protagonisti alla disperata ricerca di qualche riflettore… Ma come è possibile sentire ancora simili ipocrisie? In ognuno di noi c'è un protagonista latente, un personaggio che ha bisogno di riaffiorare in superficie e farsi notare… Sarebbe bene che tutti lo facessimo, e la smettessimo di condannare ingiustamente chi ha il coraggio di dire ciò che pensa. Per sminuire ed infangare il lavoro altrui non servono “tesseramenti”, no, quelle sono doti di natura… Se permettete, una natura indubbiamente cattiva! Se qualcuno poi, dopo aver letto ciò, dovesse sentirsi colpito, offeso, preso di mira, o quant'altro, che ascolti questo consiglio: se abbiamo voglia di parlare, di puntualizzare o di scrivere qualcosa, facciamolo in maniera costruttiva, evitando assurde ed inconcludenti polemiche che altro non fanno se non ridicolizzare gli sforzi di ognuno… Ricordiamo che, infondo, sotto ogni maschera non vi è nessuno…

La Redazione redazione@guagnanoinforma.com

Via Vittorio Veneto, 35 Guagnano (Le) Tel. 349/8333721

Cerchio Verde

Febbraio 2006

Pasticceria - Gelateria R o s t i c c e r i a

Foglio di informazione spontanea non periodico

Via Provinciale, 180 - Guagnano (LE) Tel. 349/6367053

UNA VISITA FELICE Guagnanoinforma mi chiede un articolo “a caldo” all'indomani della visita pastorale. Accolgo volentieri questo invito. Sono lieto di dare il mio piccolo apporto alla “stampa locale”, quando sono invitato, e vedo di buon grado il nascere di nuovi strumenti di comunicazione e di dibattito, nel quieto scenario della vita paesana. Se poi i giornali sono diversi e favoriscono la circolazione di notizie o una costruttiva discussione, tanto meglio. S'intende: ognuno assume la responsabilità di ciò che scrive. A me dunque viene chiesto di commentare “a caldo” la visita di mons. Talucci, e lo faccio con molto piacere, portando negli occhi e nel cuore tutto ciò che di bello abbiamo vissuto insieme in questa circostanza. Nelle scorse settimane, quando mi accorgevo che qualcuno era un po' teso per i tanti preparativi, lo tranquillizzavo ripetendo che dovevamo vivere la visita pastorale come una festa. E così veramente è stato, in sovrabbondanza! Abbiamo vissuto tanti momenti belli, di gioia, di consolazione, di speranza. Il cronista del nostro foglio parrocchiale ne parlerà ampiamente nel prossimo numero. E soprattutto aspettiamo da Claudio D'Attis il “racconto” attraverso le immagini dell'intera visita. Qui voglio annotare riassuntivamente il senso di meraviglia e di gioia diffusa con cui la nostra comunità ha seguito quest'evento, semplice ed eccezionale ad un tempo. Accompagnando il vescovo passo passo, sono stato testimone diretto delle “sante fatiche” a cui si è sottoposto liberamente, con ritmi quasi incredibili; della passione con cui ha parlato delle cose di Dio; della facilità e della semplicità con cui è riuscito a trovare canali di comunicazione con tutti: autorità, fidanzati, semplici fedeli, giovani, anziani, ammalati, coppie di sposi, genitori, fino ai bambini

WWW.GUAGNANOINFORMA.COM

Numero Unico Distribuzione Gratuita

piccolissimi della scuola materna! Tutti hanno avuto la possibilità di sentire la vicinanza del vescovo e - mi auguro - attraverso il vescovo la vicinanza di Gesù. Sono testimone anche del modo come il nostro paese ha risposto! In certi momenti Guagnano sa manifestare il suo lato più bello. Esprimo un sincero compiacimento alle autorità civili e militari e a tutti quelli che, in tante forme, hanno offerto al vescovo segni di rispetto, di gentilezza, di affetto e di premurosa ospitalità. Al felice svolgimento della visita hanno contribuito in tanti, e tutto è stato motivo di gioia per l'intera comunità. La sera della partenza, mentre il vescovo salutava le persone in chiesa, vedevo tanti volti commossi, sentivo tante espressioni spontanee di gratitudine e il rammarico di vederlo partire. Ed io? Dico solo una cosa. Rientrando in canonica quella sera, dopo tanti momenti vissuti in familiarità con lui anche in casa, quasi non mi capacitavo. Avvertivo una sensazione strana, come se la casa all'improvviso fosse diventata vuota. Si legge nella Scrittura: la tua visita, Signore, ci colma di gioia. Così è avvenuto realmente nella visita del vescovo alla nostra comunità. Il Parroco

don Fabio CIOLLARO

L’Arcivescovo accende la “focara” (foto di Pierluigi Pinto)

ALL’INTERNO

Approfittiamo della pubblicazione del corrente numero, per informarvi che è stato attivato il portale on-line di Guagnano Informa, sul quale potrete trovare delucidazione sugli avvenimenti riguardanti la nostra comunità, meteo in tempo reale, aggiornamenti quotidiani, manifesti comunali, tutti i numeri del nostro foglio informativo, news e tanto altro ancora. VISITATECI!

di Demitri Giovanna

Approvata la legge sulla legittima difesa: prima si valutava la proporzione tra minaccia e reazione, ora si può reagire anche ad aggressioni possibili.

L’home page del nostro portale.

Via Garibaldi, 6 - 73010 Guagnano (LE)


Guagnano Informa

IL SINDACO RISPONDE... Secondo la convenzione tra Comune e RISPA, la società concessionaria si impegnava ad installare pannelli dove affiggere i manifesti. Come mai, ancora oggi, vengono affissi sui muri? In passato l’affissione dei manifesti, previa individuazione delle zone da parte della pubblica amministrazione, avveniva con l’affissione diretta sui muri degli immobili ricadenti nelle aree interessate e previo consenso, espresso o tacito, dei proprietari. A seguito dell’affidamento in convenzione alla società RISPA SRL del servizio pubbliche affissioni, giusta deliberazione C.C. n.44 del 26/03/1994, e con l’aumento della richiesta del corrispondente servizio di affissioni, sono stati ampliati gli spazi destinati all’affissione. I relativi spazi sono stati individuati con deliberazione G.C. n.33 del 05/02/1998 e su tali aree è stata apposta a cura della ditta concessionaria la pannellatura su cui eseguire le affissioni. Nonostante la convenzione per cui sono stati apposti sul territorio quattordici pannelli pubblicitari, ad oggi questi risultano insufficienti, a causa della mole di richieste di affissione, perciò queste avvengono anche sui muri. Rimane ferma la facoltà da parte dei proprietari degli immobili interessati di chiedere al concessionario di non apporre direttamente sul proprio muro i manifesti pubblicitari. Alcune zone di Guagnano sono state dichiarate dalla Regione Puglia “Zone a dissesto idrogeologico”. Perché? E a quali conseguenze porterà? L’Autorità di Bacino della Puglia, in data 30.11.2005, ha approvato definitivamente il piano di assetto idrogeologico nel quale sono state inserite due zone del nostro comune: una a sud (dal P.L. posto sulla S.S. 7/ter sino al confine con Salice), l’altra a nord (tra la strada per Cellino San Marco e quella per S. Donaci), prendendo come riferimento studi già effettuati. Infatti, questa problematica era stata già affrontata diversi anni fa dalla Provincia di Lecce, la quale in collaborazione con i VV.FF., il Corpo Forestale dello Stato stilarono un programma di previsione e prevenzione di Protezione Civile sul territorio

provinciale, in base a quanto stabilito dall’art.3 della L. 225/92. Il tutto era corredato dalle carte del rischio idrogeologico redatte dalle Università di Bari, Lecce ed dal Politecnico di Bari. In esse tutte le aree agricole furono classificate ad alta vulnerabilità nonché alcune furono classificate ad alta pericolosità. La conseguenza del P.A.I. sulle aree individuate è l’inedificabilità, mentre sui manufatti e fabbricati esistenti saranno consentiti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Alla luce di questa situazione, in una riunione alla Provincia di Lecce, i Comuni interessati hanno espresso la loro contrarietà al P.A.I., in quanto tende a bloccare l’attività edilizia nelle zone interessate con conseguenze disastrose per l’economia locale. Inoltre nella stessa seduta del 2.2.06 l’Ass. all’Ambiente, ing. Guerrieri, ha chiesto la sospensione del P.A.I., un nuovo confronto con le amministrazioni locali e solo successivamente la rielaborazione del Piano. La Provincia di Lecce si è già attivata per fronteggiare il problema fissando per il 13.02 p.v. un incontro tra gli Enti Locali ed i Dirigenti dell’Autorità di Bacino. Nel precedente numero di Guagnano Informa, si parlava di “Guagnano che lavora”... A che punto sono i lavori promessi? - Nel cimitero di Guagnano, i lavori sono stati ultimati, resta da decidere il tipo di copertura dei viali. Fra poco partiranno i lavori del cimitero di Villa Baldassarri. - Il progetto definitivo di Via Vittorio Veneto è stato approvato con delibera di G.C. n°10 del 31.01.2006. - Per quanto riguarda il campo sportivo, è stata bandita la gara dei lavori. La scadenza della presentazione delle domande è il 22.02.2006. - È stata approvata con delibera di G.C. la gara di Rifiuti Solidi Urbani, il cui capitolato è fortemente innovativo; - Il 27 e il 28 febbraio 2006: concorso capo area tecnica (per laureati) e selezione per vigili urbani trimestrali (per diplomati). - Nel C.C. del 30.01.2006, con delibera n°6, è stata individuata la zona PEEP. - In fase di progettazione, la realizzazione di svariati loculi cimiteriali comunali da assegnare su richiesta dei cittadini, ad un costo da definire, con concessione novantennale.

IL CASSONETTO ANDRÀ IN PENSIONE! Il tre di febbraio la giunta comunale ha approvato all’unanimità la gara di appalto e il nuovo capitolato per la raccolta dei rifiuti urbani ed assimilabili del nostro Comune. Col nuovo appalto manderemo in pensione i cassonetti nel centro abitato. Il modello di raccolta e trasporto è incentrato sul miglioramento della raccolta differenziata e dovrà essere di tipo “porta a porta” all’interno del centro abitato e ancora con cassonetti per le periferie. Alle ditte partecipanti, l’assegnazione del servizio avverrà su un progetto che vede, prima, la migliore offerta, soprattutto in servizi e, solo successivamente, verrà valutata la parte economica. Sommariamente i servizi richiesti alle ditte partecipanti alla gara sono: - l’organizzazione della raccolta dei rifiuti, puntando alla differenziata, e al recupero delle frazioni recuperabili dei rifiuti solidi urbani; - la raccolta e il trasporto ai siti di smaltimento delle varie frazioni; - lavaggio dei cassonetti, disinfezione e smaltimento delle acque dello stesso lavaggio; - raccolta degli ingombranti; - lo spazzamento (manuale e/o meccanico) di strade, piazze e marciapiedi; - pulizia dopo mercati, sagre, fiere e diverse manifestazioni; - la raccolta e il conferimento delle pile esauste agli impianti di recupero; - la pulizia dei tombini e delle caditoie; - la pulizia dei cestini porta carte; - la raccolta dei rifiuti cimiteriali; - la sanificazione ambientale: disinfezione, disinfestazione e derattizzazione; - altri servizi richiesti dall’amministrazione, in fase di armonizzazione del servizio. Questo capitolato è un altro punto importante del programma presentato a suo tempo dalla nuova amministrazione. Come ho già detto nell’altro intervento su Guagnano Informa, ogni sistema innovativo ha bisogno di un tempo di rodaggio e, ancor più, della collaborazione di tutti i cittadini. Rendere il territorio del nostro Comune pulito e incontaminato è compito di tutti. Sappiamo che i primi ad adoperarsi per questo compito saremo noi amministratori; noi faremo la nostra parte. Chiederemo a tutti la massima collaborazione: dalle scuole agli esercizi, dai commercianti agli artigiani, dai contadini ai professionisti, dai produttori ai nostri industriali, nessuno escluso. Nelle famiglie dovremo intensificare la raccolta differenziata, solo così gli eventuali maggiori costi iniziali, potranno sensibilmente essere abbattuti. Un buon lavoro a tutti.

Il Sindaco

Il Vice-Sindaco

Giuseppe RIZZO

Ing. Salvatore GUERRIERI

IL “CENTRO GIOCO” A GUAGNANO Se nel primo servizio dedicato da “Guagnano Informa” alle Politiche Sociali, si è parlato delle attività rivolte agli anziani, questo secondo appuntamento con l’informazione lo dedichiamo agli interventi in favore dei minori, in particolare al “Centro Gioco”, rivolto ai bambini da 0 a 3 anni. Il “Centro Gioco” è strutturato nei locali della Biblioteca Comunale in via Villa Baldassarri, è aperto la mattina nei giorni di Lunedì, Mercoledì e Venerdì. Il servizio è attivo dal mese di Marzo 2005, grazie ad un progetto intercomunale Il Centro Gioco (foto di Diego Civino e Alfredo Monte) finanziato ai sensi della ex Legge 285/97 e ad un coofinanziamento comunale. All’interno del “Centro Gioco” operano due Educatrici, coordinate da una Pedagogista. I bimbi guidati dalle Educatrici imparano a manipolare, a cantare, a muoversi nel rispetto degli altri, a utilizzare diverse materie prime come: carta, patate, stracci, ecc. Utilizzano i colori e imparano varie tecniche di disegno: stampi con i tappi, con la pasta, con le patate, con le spugne. L'originalità del servizio consiste nel coinvolgimento dei genitori alle attività. La loro presenza, infatti, può far vincere ansie e timori e permette di proseguire poi a casa l'attività educativa intrapresa al “Centro gioco”. Ogni mese i genitori hanno la possibilità di confrontarsi tra di loro, con l'educatrice e la pedagogista nei “Laboratori Genitori”, spazi riservati alle famiglie per poter giocare tra di loro e con i figli. Naturalmente tutto questo è possibile grazie alla professionalità profusa dal personale addetto al “Centro Gioco”, ma anche al Responsabile dei Servizi Sociali e culturali, e dagli altri collaboratori. Le famiglie dei bambini che usufruiscono del servizio hanno manifestato formalmente notevole apprezzamento per le attività svolte nel “Centro Gioco” e ne hanno richiesto esplicitamente la continuità e addirittura il potenziamento dell’orario e dei giorni di apertura. L'Assessorato alle Politiche Sociali e Culturali, insieme a tutta l'Amministrazione Comunale, quindi, si sta impegnando affinché il servizio possa proseguire oltre la data di scadenza prevista, allo stato, per il 28 Febbraio p.v.. Si ringrazia la Redazione di “Guagnano Informa” per lo spazio messo a disposizione per informare i cittadini su quanto viene realizzato da questo Assessorato.

Rosanna CAPPELLO Assessore alle Politiche Sociali e Culturali

lab. Omar Moheissi

MARE NOSTRUM Film-inchiesta autoprodotto da Stefano Mencherini giornalista indipendente

L’inchiesta di Stefano Mencherini è un viaggio nell’Italia dei diritti negati, racconta gli assurdi paradossi della Bossi-Fini sull’immigrazione mettendo a nudo tutte le contraddizioni di una legge che non rispetta né la costituzione né i diritti umani, come mostrato anche dall’ultimo rapporto di medici senza frontiere. In particolare l’inchesta si occupa del centro di permanenza temporanea “regina pacis”, gestito dalla curie di Lecce.

La proiezione sarà introdotta dall’autore Stefano Mencherini

Sabato 25 Febbraio ore 19.00 Biblioteca Comunale-Guagnano


Guagnano Informa

CRISI VITIVINICOLA GLI AGRICOLTORI DELUSI SOLLECITANO I POLITICI AD INTERVENIRE Il settore vitivinicolo guagnanese, e non solo, attraversa una grave crisi. Da molti anni sul settore si abbattono sciagure di vario genere: si va dalle grandinate di pochi anni fa, alle gelate primaverili, fino alle ultime, strane, persistenti malattie peronosporiche e ioidiche e, dulcis in fundo, scarsa qualità, scarso prezzo e grave crisi commerciale. Tutto quanto sopra ha messo a dura prova gli operatori agricoli e i soci della “Cantina Sociale Enotria”, che a stento, con molta fatica e caparbietà, continuano nella coltivazione e nei lavori della vite. Nel paese vige una sorta di pessimismo. Nessuno riesce a dare soluzioni (tranne in pochissimi casi). I giovani, quelli che possono, scappano dalle campagne o, sollecitati dai genitori, cambiano mestiere. Gli anziani, in gran numero, delusi ma legati sentimentalmente ad un mestiere pieno di soddisfazioni, vanno avanti stancamente. Ovviamente il luogo dove si scaricano le frustrazioni, i disagi e le lamentele non poteva che essere la Cantina Enotria. Istituzione questa, nata molti anni fa a garanzia di sicurezza e di certezza. Luogo sicuro di mutualità e di dignità umana. Il presidente, il consiglio e il segretario sono impegnati da anni, in vario modo, a portare avanti con serietà, correttezza e senso del dovere l’intera amministrazione. Puntualmente presentano bilanci con il massimo della trasparenza e amministrano con accuratezza e senso di responsabilità. Ma, se sul piano tecnico-amministrativo tutto va bene, nulla possono quando il prezzo diminuisce di anno in anno. A questo proposito, si è verificata la rettifica del debito nei confronti dei soci, per le uve conferite nella campagna 2003/2004, stante il crollo del mercato e la vendita dei prodotti stimati a € 2,85 per grado complessivo, di conseguenza ha subito una riduzione del 30% rettificando in meno la liquidazione delle uve. Scarsi anche i risultati del bilancio 2005. Tuttavia, l’unica nota positiva è che il mercato dimostra una lieve inversione di tendenza. Sono stati fatti a tutt’oggi contratti

di rilevanti quantità di vino. I prezzi comunque rimangono bassi ed è quindi impossibile sperare in un futuro più roseo. I soci, nell’ultima assemblea tenutasi il 10 gennaio 2006, dopo la relazione del presidente e la presentazione del bilancio, sollecitano il consiglio di amministrazione a possibili atti dimostrativi (scioperi o manifestazioni con personaggi politici locali e nazionali). Il presidente Angelo Scarciglia cogliendo appieno lo stato d’animo dell’assemblea si predispone a farsi promotore di tali manifestazioni. Puntualmente, il 27 gennaio, in collaborazione con il Comune di Guagnano, si è tenuto un incontro, presieduto dal dott. Enzo RUSSO (Assessore all’Agricoltura della Regione Puglia) con la partecipazione dei seguenti personaggi politici: sen. Alberto MARITATI, on. Achille VILLANI MIGLIETTA, on. Antonio MANIGLIO (consigliere regionale) e Donato DE MITRI (consigliere provinciale). Il sindaco e gli assessori dopo i vari convenevoli si sono impegnati ad essere parte attiva dell’intera vicenda per salvaguardare la cultura, l’economia, la crescita morale e civile dell’intera comunità. Il pubblico, accorso numeroso nella Sala Consiliare “A. Moro”, ha seguito con attenzione e partecipazione lo svolgersi dei lavori. Sono intervenuti sull’argomento alcuni rappresentanti qualificati della categoria: il dott. MAIORANO (locale imprenditore agricolo), il sig. PAGLIARA (imprenditore agricolo di Campi Salentina), il sig. IMPERIALE (imprenditore agricolo e socio enotria), il sig. SCARCIGLIA (imprenditore agricolo, nonché rappresentante della Cantina Sociale Enotria e responsabile dell’intera manifestazione). Sin dalle prime battute, l’animosità dei relatori ha fatto emergere le problematiche della crisi. Tutti hanno evidenziato l’alto costo della produzione rispetto ai ricavi: esosi i costi dei prodotti anticrittogamici, altissimi i costi dei contributi agricoli, altrettanto le spese di conduzione, trasporto e mano d’opera. Il presidente Angelo SCARCIGLIA ha confermato tutto quanto esposto, fra l’altro ha sollecitato i politici presenti ad intervenire anche sulla distillazione, sia quella ordinaria che quella di crisi.

Così anche per la distillazione obbligatoria, soprattutto per le eccedenze di vino. Ha ricordato inoltre che nel passato la Regione erogava il 55% sul costo degli interessi su acconti dati per prestiti di conduzione. Sarebbe giusto che si mettesse in agenda la possibilità di ripristinarlo. Nel prosiequo della discussione non è mancato chi, in modo velatamente polemico, ha criticato i politici presenti e assenti. Essi non devono sentirsi esclusi dalle responsabilità sull’intera vicenda, a livello provinciale, regionale, nazionale ed europeo. Il sen. MARITATI interviene per salutare i presenti e, in parte, per giustificare la sua posizione rispetto al governo centrale. L’on. VILLANI MIGLIETTA, da parte sua, ha affermato che spesso il suo impegno è stato totale, ma non sempre è stato possibile ottenere i risultati sperati, per via delle troppe variabili che entrano in gioco sul settore. A conclusione dei lavori, l’on. RUSSO interviene con un lungo discorso, in maniera puntigliosa e precisa per rispondere alle varie sollecitazioni. Promette di inserire tutto quanto ascoltato nella prossima programmazione regionale; suggerisce altresì ai presenti le aggregazioni di ogni tipo, le uniche che garantiscono ai produttori e ai soci coop. aiuti comunitari, provinciali e regionali.

Il Cronista

La Sala Consiliare (foto di Diego Civino e Alfredo Monte)

CARPE DIEM Da sempre l'uomo ha ricercato ora in Dio, ora nel Destino, ora in qualsiasi altro ente divino o terreno, la fonte di conforto in grado di motivare la sua apparentemente casuale esistenza. Allo stesso modo, ogni uomo è vittima della disperata ed incessante volontà di costruirsi una probabile futura realtà, che possa riscattarlo della noia e dell'insoddisfazione provocata da un presente beffardo ed ingannatore. Così facendo, tuttavia, innesca un incomprensibile meccanismo di autodistruzione, che lo condanna ad una inevitabile e perenne infelicità. Spesso infatti, ci ostiniamo ad inquadrare la nostra vita in rigidi schemi prestabiliti, in assurdi e paradossali stereotipi che, pur conformandoci (tristemente) alla massa, puntualmente ci allontanano dalla nostra vera essenza. La paura di un domani incerto è come un cappio che stringe la gola, fino a lasciare gli amari ed indelebili segni di tutto ciò che avremmo voluto invano realizzare…Ma non è questa la soluzione, non è questa la giusta chiave della felicità. Ogni singolo istante, ogni respiro esalato, ogni battito di ciglia, merita di essere vissuto appieno: non serve precludersi ciò che di concreto si presenta sul nostro cammino in prospettiva di una qualunque utopistica speranza. Buttiamo giù le esili barriere della nostra miserabile vigliaccheria, e fronteggiamo il presente, con tutte le difficoltà e gli ostacoli che esso comporta…Perché la gioia vera, alla quale ogni essere umano aspira, deriva proprio dal superamento del dolore e della sofferenza, e non certo da patetici sogni di gloria morti sul nascere. Allora, voltiamoci indietro, diamo un fugace sguardo al passato, e, incuranti del futuro, viviamo ogni attimo del presente consapevoli del rassicurante peso della nostra esperienza.

Isabella MONTE isabella@guagnanoinforma.com

AVIS: IL PRESIDENTE PERTOSO RINGRAZIA SOCI E VOLONTARI Il 30 gennaio, si è tenuta l’assemblea ordinaria dei soci AVIS nei locali della delegazione di Villa Baldassarri. Dopo averne constatato la validità e aver ottemperato a tutti i requisiti, il presidente si dichiara soddisfatto dell’andamento dell’attività dell’associazione. I donatori sono aumentati e passano da 147 a 184 con un incremento di 37 unità. Suggerisce ai presenti (ma l’invito è rivolto alla comunità intera) di creare forme di proselitismo fra amici, parenti e conoscenti, affinché le donazioni aumentino sempre di più, soprattutto nei mesi estivi, periodo in cui le difficoltà aumentano, per i centri trasfusionali. Passa ad illustrare brevemente le varie manifestazioni che si sono svolte nell’anno appena trascorso: sei giornate di raccolta sangue, raduno nazionale AVIS, sponsorizzazioni manifestazioni podistiche a Guagnano. Successivamente si decide di nominare i delegati all’assemblea provinciale i seguenti soci: il sig. Vito Ingrosso e il sig. Alberto Scalinci. Inoltre si decide di proporre all’assemblea provinciale la possibilità di eleggere delegati anche all’assemblea regionale e nazionale. Nella discussione è emersa la possibilità che si faccia una gita socio-culturale, per amalgamare la conoscenza fra i soci e per pubblicizzare l’associazione. Nell’occasione ricordiamo la raccolta del sangue programmata per tutto l’anno 2006: Domenica 19 marzo, a Guagnano; Lunedì 1° maggio, a Villa Baldassarri; Domenica 2 luglio, a Guagnano; Domenica 3 settembre, a Villa Baldassarri; Sabato 7 ottobre, a Guagnano; Mercoledì 27 dicembre, a Villa Baldassarri;

Il Cronista

PROGETTO I N FA N Z I A UCRAINIA Anche quest’anno l’Associazione Caritas Diocesana di Oria “Fratello Sole” si appresta ad organizzare l’accoglienza di gruppi di minori provenienti dall’Ucraina per l’Estate 2006. Gli interessati possono rivolgersi alla sig.ra Pina Carrisi (al numero 0831.619372) o al sig. Vito Ingrosso (in via De Giosa, 135 - Guagnano o al numero 0832.704532) entro e non oltre la fine di febbraio.

La legge sulla droga, inserita all'interno del decreto sulle Olimpiadi di Torino, è stata approvata dalla Camera.


Guagnano Informa

CHE TRISTEZZA! LETTERA AI LETTORI

CHIUDE LA COOP. DELL’UVA CARDINAL Il 31 gennaio 2006, in seconda convocazione, alla presenza di alcuni soci, il notaio ufficializza la chiusura della Società Coop. Agricola a r.l. “31 LUGLIO”. Tecnicamente la formula non è così ma la sostanza del provvedimento è chiara. Si tratta della fine di una cooperativa che ha commercializzato un prodotto unico nel suo genere: l’uva cardinal, di cui tutti conoscono la sua qualità, la sua dolcezza e la sua fragranza. Poi... i corsi e ricorsi, la storia insegna, lentamente il declino. La scomparsa progressiva del prodotto ha determinato la sua, quasi obbligatoria, chiusura. È doverosa una piccola cronistoria. 31 luglio 1983: l’atto ufficiale della sua apertura. All’epoca, tante le speranze, tante le aspettative, tanto l’entusiasmo. Per molti anni, ha rappresentato un punto di riferimento per l’economia del paese. Molti i quintali di uva conferita, tantissimi i guadagni per i soci. Poi lentamente la crisi: il mercato sempre più esigente, il prezzo costantemente invariato nel tempo, l’aumento progressivo della mano d’opera, pochissimi quintali conferiti non permettono più l’apertura di tale struttura. L’attuale presidente, Damiano CAVALLO, e i suoi collaboratori si sono impegnati personalmente, e con molti sacrifici, a condurla avanti negli ultimi periodi. A lui e al consiglio va dato un vivissimo ringraziamento. Chi invece, come me, ha seguito come testimone e, per certi versi, come responsabile (presidente dei sindaci), non può che essere pervaso da una profonda tristezza. Sentimento che può sintetizzare il pensiero di un’intera generazione che tanto ha sperato. Auguriamo ai piccoli produttori rimasti di continuare la coltivazione del prodotto e nel contempo, cercando soluzioni alternative alla commercializzazione, di non perdere questo prodotto dalle qualità eccezionali.

Vito INGROSSO

DI GUAGNANO INFORMA Cari lettori,

Oggi voglio introdurvi nel campo della circolazione stradale, indicando in queste brevi righe alcune semplici nozioni per aiutarvi a non essere distratti ed a porsi alla guida del proprio veicolo nella migliore condizione possibile. Prima di tutto è indispensabile che sappiate che il controllo dei documenti effettuato su strada è il presupposto necessario per una corretta attività di vigilanza stradale, pertanto quest'attività richiede innanzitutto il rispetto di un rigoroso percorso logico cronologico che, essenzialmente, può essere articolato in più fasi:a) controllo dei documenti del conducente; è la prima fase del processo sia logico che cronologico perché attraverso i documenti si riesce a sapere se è abilitato alla guida ed il rapporto che ha con il veicolo. b) controllo dei documenti del veicolo; la verifica quindi delle sue caratteristiche tecniche. Rappresenta la fase successiva al controllo dei documenti e verifica l'idoneità del veicolo alla circolazione. c) controllo di particolari titoli autorizzativi; nella fattispecie se trattasi di veicoli utilizzarti per attività commerciali, di attività professionali di trasporto o private, ecc. . d) controllo delle merci trasportate; fase questa diretta all'accertamento della regolarità sul rispetto delle norme in materia fiscale, sanitaria, ecc. . In funzione di questi controlli, nasce ovviamente la capacità da parte dell'operatore di essere in grado di scindere opportunamente le fasi poc'anzi elencate, dando al cittadino sia la sicurezza di essere nelle migliori mani possibili, sia di impedire che lo stesso possa fare tutto quello che vuole nella convinzione che non esiste un controllo capillare e ben coordinato. In particolare voglio esortare tutti quelli che, nel condurre mezzi agricoli, sono sprovvisti della documentazione che ne consente la circolazione su strada, e che potrebbero incorrere in sanzioni amministrative che si aggirano intorno ai 5.000 € (cinquemila euro) se non più, a secondo della documentazione mancante, con contestuale sequestro e confisca del bene. A tal proposito ricordo che l'anno scorso, in una riunione presso la sala consiliare di Guagnano, si ebbe un interessante incontro con la categoria dei lavoratori agricoli e dediti all'attività commerciale, nella quale furono tracciate delle linee più o meno indicative e dirette alla risoluzione del problema; ad oggi qualcuno ha pienamente recepito il messaggio mettendosi in condizioni di sicurezza e di poter circolare correttamente con il veicolo agricolo mentre altri tuttora non hanno provveduto in tal senso.

vito@guagnanoinforma.com

Un Pensiero... Ma per quanto tempo ancora saremo costretti ad assistere a scene così strazianti? Dopo le meschine atrocità degli americani, anche gli inglesi hanno preso parte all’orrendo spettacolo di gente innocente vigliaccamente maltrattata. Ancora una volta legittimati aguzzini hanno impunemente infierito sugli indifesi ragazzi iracheni, per il sadico e malato gusto di fare del male a chi non fa parte della nostra rispettabile cerchia. Alla luce di tanta villania mi chiedo chi tra Bush, Blair e Saddam sia il vero dittatore...

Nel solco della tradizione tesa ad elevare la professionalità degli operatori della Polizia Municipale e dell'Arma di Guagnano, in sintonia con i tempi che continuamente cambiano e si rigenerano, con questa mia voglio esortare il cittadino ad una più attenta e conscenziosa conduzione dei propri mezzi veicolari, non trascurando quella sicurezza che spesso ahimè è teatro di gravi lutti per non essersi attenuti alle più elementari norme di sicurezza. Voi cittadini guagnanesi siate certi che, facendo tesoro delle poche ma essenziali indicazioni sopra riportate e con un occhio particolare ai propri figli minori conduttori di ciclomotori, con il vostro controllato e sicuro comportamento stradale darete certo un contributo utilissimo ai professionisti ed operatori dell'Arma e della Polizia Municipale che vi affiancano ogni giorno per vigilare e rendere più sicure le nostre strade, e che sono a disposizione della collettività per ogni richiesta ed informazione. Il Comandante della Stazione Carabinieri - Guagnano

Mar. Ca. Matteo DE LUCA

Alfredo MONTE alfredo@guagnanoinforma.com

FESTA DEI PENSIONATI CIA DI GUAGNANO Il 16 febbraio si è svolta, presso i locali della Biblioteca Comunale di Guagnano, una festa-incontro con i pensionati C.I.A., i simpatizzanti e con i dirigenti dell’organizzazione. Nell’incontro, Cosimo Ingrosso ha illustrato le problematiche della categoria: aumenti delle pensioni minime, abbattimento delle liste d’attesa per le visite specialistiche, riduzione ici e spazzatura per gli over 65, riduzione delle spese di acque luce e gas. Sono intervenuti

Ciliegina

il Sindaco e gli Amministratori per salutare i presenti. Il presidente nazionale Pierangelo Dell’Anna, il presidente regionale Vito Murrone hanno fatto il punto sulle politiche nazionali e provinciali dell’anziano e si sono soffermati su quelle agricole. Il presidente Ingrosso ha annunciato che è stato ufficialmente raggiunto un accordo tra l’Associazione Pensionati e la direzione delle Terme di Santa Cesarea per una riduzione del 14% sulle cure che la ASL non passa.

Il Cronista

sulla

Torta Consiglio Comunale del 30 gennaio 2005 Ele zio ne Commis sio ne Ele ttorale

DESTRA-SINISTRA... ...DOV’È IL CONFINE? A Guagnano non è molto chiaro!!!

Misure di sicurezza estreme per le Olimpiadi Invernali di Torino 2006.

La confluenza del voto della minoranza ai consiglieri di sinistra, Miccoli e Pendinelli, dimostra quanto agitate siano a n c o r a l e a c q u e . Ci chiediamo qual è il senso dell’avvenimento?


Guagnano Informa

TAJANU!

Ed eccomi, ancora una volta, a tornare sullo stesso argomento! Questa volta ho voluto pubblicare il testo di una vecchia canzone della SALENTO POSSE ALL STAR, intitolata TAJANU, che si trova sul disco SALENTO SHOWCASE 1994 dei Sud Sound System, chiaramente cantata in stretto dialetto salentino...! Ci su shti pacci ca ne chiamanu pacci? Ci su shti pacci ca ne chiamanu pacci? Siti ui li veri pacci! Siti ui li veri pacci! Iddhri parlanu de retu e de nanzi te facune 'nnu sorrisu, de lu cabbu none nu mori, ma mancu ridi quannu 'nciai cappatu! Lassa cu tagliane, ritagliane, cu facune lu tagliu e lu cucitu, Pe mie l'amici veri suntu quiddhri ca cu quishti nu 'sse miscanu!!! Taglianu de subbra a nui. Taglianu de subbra a nui. Ca ci ue' faci li giurni contenti, qiddrhi ca iti e qiddrhi ca sienti fatte li fatti toi inthra shtu munnu de fetenti. Ca de tuttu e de tutti ne dici 'cce 'bbuei ma comu sinti tie nu ci pienzi mai! De tuttu e de tutti ne dici 'cce 'bbuei, ma ci te faci li cazzi toi campi cent'anni de cchiui. Drogatu, scoppiatu tannu chiamatu… sulu perchè cu la capu toa hai penzatu. Ca 'ncete tanta gente ca è capace di fare male sulu cu le parole, sulu per chiacchierare. Perchè DC, PSI nun c'hai votatu, per quistu pe iddhri sinti n'esauritu. De sicuru è gente ca nu tene nienti de fare e sulu cu le parole te face male! 'Cce bole cu dice la gente ca parla e nu ha bishtu? 'Cce bbole cu face? Ieu quistu a 'fiate nu capiscu! Giovane uomo, guarda a 'nnanzi shta realtà, pe gente comu mie e tie a 'qquai nun 'cete libertà! Ca quishta è la canzune cu nde manda li spiriti fiacchi! Azza li tacchi, azza li tacchi! Ci su shti pacci ca ne chiamanu pacci? Ci su shti pacci ca ne chiamanu pacci? Siti ui li veri pacci! Siti ui li veri pacci! E poi 'rria lu momentu ca me runpu lu c****, nu 'mbogghiu 'ssentu 'cchiui cieddhri, perchè me sentu pacciu e de inthra lu ilenu ieu cacciu, e se me chiedi te dicu: «Nu sacciu, nu sacciu!» Me fazzu li c**** mei e tiru rittu, mutu rittu, 'nci mintu picca cu dicu vaff****** e me ne partu perchè an'capu mia ieu tegnu n'aereoportu e tie parla e taia, ca ieu olu inthra lu cielu piertu! Perchè farina cu 'bbui ieu none nu ne spartu, ca tie pe mie sì invisibile e shtanne propriu certu! La ishti li crishtiani ca te squadhranu, ce bolenu de tie? Se pensanu ca nu si normale pecce pienzi cu la capu toa e sulla vita toa decidi sulu tie! Caminu a mienzu la strada e la gente me squadra, su comu au estutu e su quiddrhu ca fazzu, se fatiu o se suntu nu fiaccu! Lassali moi li pensieri fiacchi, lassali all'auri ca nu tenenu nienti cu pensanu mai alli c**** loru! Lassali moi li pensieri fiacchi, lassali all'auri ca cu lu taju riempienu lu vuotu te la vita loru! Basta cu te itenu e si giudicatu o buenu vagnone o drogatu e menatu! Nu giudicati e nu parlati te culacchi pe 'bbui tutti su brutti e 'bbui santi.

Diego CIVINO diego@guagnanoinforma.com

LA CODA DI PAGLIA...!

Risposta all’ex sindaco D.C. Palmisano Sul numero unico di “LIBERAmente per Villa e Guagnano”, è possibile prendere visione dell'intervento del dott. Cosimo PALMISANO (ex sindaco D.C.) in risposta all'articolo riportato da Guagnano Informa di dicembre, da me stesso firmato e titolato LA VERGOGNA DEGLI SPRECHI. Il dott. Palmisano, con dovizia di particolari, fa la cronistoria della struttura “Scuola Materna - Zona Civino” che ormai, abbandonata, naviga verso un triste destino e sulla quale il sottoscritto aveva focalizzato la sua attenzione al solo fine di sensibilizzare gli attuali ed i futuri amministratori ad un proficuo recupero della stessa. Lo stesso dott. Palmisano fa notare che più sindaci sono stati coinvolti nell'iter burocratico della struttura in questione, ma, tra i sindaci citati, il solo dott. Palmisano ha sentito il bisogno di cimentarsi in un'arringa a sua difesa senza che fosse stata mossa alcuna accusa nei suoi confronti o nei confronti di altri. Viene spontaneo, quindi, pensare alla famosa coda di paglia. Il dott. Palmisano, invece, inveisce nei miei confronti stigmatizzando il mio intervento come ispirato da personaggi occulti e spogli di qualsiasi veste istituzionale. È vero, invece, che se qualcuno si avventura a riflettere su quanto avviene nella nostra comunità viene subito additato, dal dott. Palmisano e fidati amici, come un istigatore, un seminatore di dubbi e di veleni. Il dott. Palmisano, che oggi, suo malgrado, non indossa alcuna veste istituzionale, non può certamente restringere gli spazi concessi dalla democrazia e dovrebbe imparare a rispettare anche le idee degli altri. Che poi il sottoscritto sia un “imprenditore a contatto con varie amministrazioni” non si sente certamente sottoposto a censura, né ha la pretesa di invadere il circuito della politica che alcuni (e tra questi il dott. Palmisano) intendono di loro esclusiva proprietà e competenza. Come imprenditore sento il dovere di fornire servizi sempre efficienti e come cittadino guarderò sempre con interesse e, possibilmente, con spirito costruttivo gli eventi che si succedono nella nostra comunità. E tanto,

LE POSTE ITALIANE ...LIBERI PENSIERI!

«LASCIATE OGNE SPERANZA, VOI CH' INTRATE!» Con molta probabilità, Dante non conosceva le Poste Italiane. Ma per noi contemporanei il parallelo calza alla perfezione. Chi tra noi non ha avuto questa sensazione alzi la mano! Lunghe FILE agli sportelli, dove a volte anche piccole operazioni fanno perdere la pazienza. Riteniamo che le Poste Italiane siano un’istituzione insostituibile, necessaria e importante, e che per questo debbano funzionare alla perfezione. Nell’era dove i mezzi di comunicazione di massa, la globalizzazione planetaria, i computer, internet e quant’altro, avvicinano uomini, idee e culture alla velocità del pensiero, risulta avvilente assistere alle lunghe FILE delle poste. Ci si può obbiettare che alle FILE dovremmo essere abituati (in banca, al fornaio, al macellaio)! È VERO!!! FILE... FILE... FILE... IN TUTTI I LUOGHI...! In una classifica ipotetica, risulterebbe difficile scegliere quelle più lunghe e pericolose (pensiamo alla sanità). Non è facile abituarsi! In un libero Stato, lasciateci almeno la libertà dello sfogo! Forse non servirà a niente, ma siamo speranzosi che a furia di parlarne, un giorno o l’altro, qualcosa cambierà («TANTO TUONÒ CHE PIOVVE!»).

penso, nessuno me lo potrà mai impedire. E in merito alla struttura della “Zona Civino”, LA STORIA NON FINISCE QUA…. Risulta, infatti, agli atti del Comune di Guagnano che la “Giunta Palazzo” nel 2002 conferì incarico tecnico per il recupero e la trasformazione in “Centro Esposizione”, della sopra citata struttura confidando soprattutto in eventuali finanziamenti. Da notare che il tecnico incaricato (non di Guagnano) è stato il solo, a detta dell'ex sindaco Palazzo, capace di fare ammettere a finanziamento i progetti relativi alle strade di campagna, ai canali e al campo sportivo (tra poco dovrebbero incominciare i lavori di ristrutturazione) per un importo totale di circa cinque miliardi delle vecchie lire. Se la Giunta in carica alla data del 14 febbraio 2005 ha ritenuto legittimo liquidare in parte la parcella del professionista (non di Guagnano) è dato pensare che fosse anche a conoscenza dell'iter burocratico del progetto in questione. Per amore della verità è bene osservare che non si trattava della Giunta Palazzo, come forse furbescamente si voleva far credere. Di quella Giunta facevano parte alcuni assessori che poi il sindaco Rizzo ha ritenuto opportuno sollevare da qualsiasi incarico e che oggi sono fuori dall’attuale maggioranza. Tutto questo per un informazione completa e soprattutto corretta. Tengo a puntualizzare il fatto che questo sarà l'ultimo mio intervento indirizzato a singole personalità. Lo scopo del nostro operato, non si realizza infatti nel costruire inutili polemiche individuali, bensì nella libera espressione di pensiero sui diversi aspetti del tessuto sociale nel quale siamo immersi. A tal proposito, spero quindi che i gentili lettori evitino qualunque risposta pungente ed accusatoria, destinata, almeno per ciò che riguarda il sottoscritto, all'oblio più totale.

Alfredo MONTE alfredo@guagnanoinforma.com

Nel vuoto le segnalazioni degli amministratori! A nulla è valso l’intervento del sen. MARITATI! Al vento le lamentele dei cittadini! Il nostro foglio ha il solo scopo di suscitare nelle alte sfere la possibilità di intervenire. La nostra voce è la voce dei cittadini e siamo sicuri di essere umili interpreti. Perdonateci signori impiegati! Conosciamo la mole di lavoro che siete costretti a sopportare quotidianamente. CONOSCIAMO... Conosciamo la vostra pazienza e la vostra professionalià... Chi ha orecchi intenda!!! Chi ha il potere intervenga!!! Ad onor del vero, spesso le FILE sono fatte anche in altri luoghi, ma non destano significative proteste. Anzi, pazientemente e in modo ordinato si accettano e si sopportano . Grazie dell’attenzione! La Redazione redazione@guagnanoinforma.com

L’ufficio postale di Guagnano (foto di Diego CIVINO e Alfredo MONTE)


Guagnano Informa

Detti e valori del mondo passato...

le vostre dediche da: Sebon

a: Qualche ragazza

da: Valerio

a: Roberta

Al mio grande amore vorrei solo dire: non mi stancherò mai di averti accanto! Sei la mia unica stella!

Ti amo fino all'altezza e alla vastità che l'anima mia può raggiungere.

da: Dolcemery a: Francesco

da: Davide

A mio marito, non c'è posto dove io non sia con te

La vita è come una stella... un continuo su e giù... però quando sono con te tutto diventa come un cerchio perfetto.

da: Fede

a: Maurizio

da: Ilaria

a: Very

a: Michele

Facendo riferimento al contesto sociale e culturale del nostro territorio, sono andata a ritroso nel tempo per ricercare testimonianze di un mondo passato, così lontano dalla realtà, ma che non deve essere dimenticato per la ricchezza dei valori che ci ha trasmesso. C'era in quel mondo una saggezza socratica, tutto si tramandava a voce con favole e proverbi il cui messaggio era chiaro e semplice, in quanto derivava da un'esperienza concretamente vissuta. Gli anziani di un tempo davano consigli attraverso “i proverbi” creando così una specie di legge comportamentale non scritta né imposta, ma accettata per tradizione. I proverbi, tuttavia, non venivano utilizzati solo per insegnare le norme dell'esistenza; essi venivano utilizzati per tramandare norme sull'osservazione dei fenomeni meteorologici, insegnamenti per le colture e per l'attività lavorative in generale. Gli eventi atmosferici hanno sempre suscitato apprensione nell'animo popolare durante il loro succedersi, Ne ho scelto qualcuno a riguardo. • Ci vue’ ‘bbiti na ‘bbona ‘nnata, Natale ‘ssuttu e Pasca ‘mmuddhrata. Se vuoi vedere una buona stagione agricola, il Natale deve essere asciutto e la Pasqua bagnata. • Ci fibbraru l'aja tutti facia quajare lu mieru inthr'agli utti. Per fortuna febbraio è corto rispetto agli altri mesi dell'anno altrimenti le temperature rigide creerebbero molti danni. • Fibbraru curtu e maru • Fibbraru: la punta tuce e lu culu maru Febbraio è sempre instabile come mese: mite all'inizio freddo alla fine.

Ieri sera guardando le stelle mi è sembrato di vederti, ora ne sono certo.

Il mio amore per te brilla come questa stella.

• Ti la cannilora o nica o flora Il due di febbraio o nevica o il tempo è bello

da: Io

da: Diego

• Sutta la nia, pane sutt'all'acqua, fame. La neve protegge con il suo rigore freddo il grano seminato, l'acqua può danneggiare invece la crescita.

a: Cle

Una stella brilla... occhi... fino al cielo!

dai

tuoi

a: Daniela

Ti amo come la vita, ma in fondo amo la vita perché mi ha dato te!

• Lu sciroccu ti unchia, la tramuntana ti sana. Con lo scirocco si sta male, con la tramontana bene.

da: Liliana

a: Unico

da: Missx

a: Mrx

Grazie per aver messo la parola "AMORE" nel vocabolario della mia vita. Buon San Valentino!

Ti amo tanto tanto tanto. Buon San Valentino, amore mio

da: Toty89

da: Anonima

• Quantu cchiù forte chioe cchiù ‘mprima scampa. L'acquazzone forte, in genere è di breve durata, così è pure per le controversie della vita.

Lucia PERRONE a: Beckham87

a: Lui

Tu sei il passato, il presente e il futuro del verbo amare, sei fantastico, tenero, sei unico, sei il mio grande AMORE!

Bastano solo due parole, per per farti capire tutto il sentimento che ho nel cuore: TI AMO!

da: Principe a: Principessa

da: Fede38

San valentino..un giorno come un altro per me per dimostrarti quanto ti amo e quanto sei speciale per me: oggi come ogni altro giorno non potrei vivere senza te!

amo l'ora silente della notte perchè solo allora nasce il sogno piu bello che mi accompagna tutte le notti sei tu !

a: Paolino

RICORDIAMO CHE IL NOSTRO SERVIZIO DEDICHE È ATTIVO TUTTO L’ANNO: ---

dediche@guagnanoinforma.com sms: +39 347 2946908

Foto d’epoca: progettazione migliorie della Chiesa Madre

Uno sguardo nel passato

Parte della redazione (da sinistra: Vito, Alfredo, Tonia e Diego) che festeggia “LA CILIEGINA SULLA TORTA”, la nuova rubrica di Guagnano Informa Informa.

La Redazione invita, chiunque lo voglia, a partecipare alla realizzazione del giornalino con articoli, inserzioni, pubblicità, nuove idee e quant’altro.

w w w. g u a g n a n o i n f o r m a . c o m Responsabili Redazione: Vito INGROSSO e Alfredo MONTE Redazione: Diego CIVINO, Isabella MONTE, Tonia TACELLI Puoi contattarci: via tel./fax: 0832 704788 via sms: +39 347 2946908 via e-mail: redazione@guagnanoinforma.com

stampa:

email:

http://www.guagnanoinforma.net/PDF/guagnano_informa_n05  

http://www.guagnanoinforma.net/PDF/guagnano_informa_n05.pdf