Page 1

Fursi wyt l,uido,rifugio sugUi

Ulbef i,s,$ffi [.x"jxwr*l*mx^" COME STING, DONNA KARAN E JULIANNE


860"

i

I

'.1

J

rt

\:'

llv

ivi" --l:'

\ \\il i chiama

Casa del Sole di Mezzanotte ed b stata costruita su una quercia della tenuta di Sting in Toscana: lunga scaletta d'ingresso in legno, piattaforma ottagonale in parquet grandi finestre, una vetrata a colori ispirata alla mitologia druidica, perfino un balcone di rami intrecciati che affaccia su un laghetto. Benvenuti in una treeltouse, ultimo capriccio "verde" di alcune celebriti del rnondo dello spettacolo e di una generazione di artisti e architetti pronta a dar corpo alla piil antica delle fantasie. Un gioco? Non proprio. Sono vere costruzioni, con un'anima aftistica (e anche ecologica), latte su richiesta e su rnisura: quel posto, quell'albero, quella persona, e con quei materiali (per lo pii riciclati) che si trovano li intorno. .E come tornare alla magia dell'infanzia e andare oltre, concreti zzandola". spiega l'artista newyorkese Roderick Romero cheha realtzzato, oltre a quella di Sting, una quindicina di treeltouses commissionate, fra gli altri, dalla stilista Donna Karan (che ne ha volute due)" dallo sceneggiatore televisivo Les Firestein, dall'attrice Julianne Moore. La storia di Romero, 40 anni, minuto, capelli lunghi e braccia coperte da tatuaggi d'ispirazione spirituale, ha un che di fiabesco. Arrivato a New York nel 2001, con un passato da musicista a Seattle (con la sua compagna Anisa, artista anche lei, aveva creato la band Sky Cries Mary), ha costruito la prima delle sue case pensili per una mostra d'arte allestita in un bosco. Ne ha poi realizzata una seconda per suo fratello. Poi b arrivata la richiesta di Trudie Stylea ciob la signora Sting, sua compagna di yoga. Il resto lo ha fatto il passaparola. Romero non specifica quanto abbia chiesto ai clienti famosi, ma le sue opere sono apPena entrate anche in un prestigioso catalogo, che le ha proposte a partire da un minimo di SOmila dollari. D'altronde ogni treeltouse (www.romerostudios.com) ha uno stile unico: Maple Nest (nido d"acero), voluta da Julianne Moore per il suo cortile nel Vest Village di Manhattan, E un involucro composto da un fitto intreccio di rami, appunto come un nido gigante. Mentre La casa delle cingue guerce di Donna

-to

I.

t..\I It/(i

I

l'(i\0

:.t00(i

c a z d

o

z Ni

F F

z O

I F

e

c

o

r


860'

Prccolr

MTRACOLT (vBRDr) A N.Y.

solo case sugli

-Non anche i gio,rd.ini alberi: soruo spesso spazi na,turali

reintsentati, angoli strappati al d.egrad.o. E successo a Loisaida, quartiere d,i imrnigrati e

ooalternatioi" d,i Manhatta.n: a partire dagli anni Settanta, alcuni abitanti si sono presi cura di terreni abband.ono,ti, ha,nno piantato fiori al posto delle ma,cerie, creato dal ruulla, gia,rdini dai nomi esotici (El Sol Brillante, Brisas d,el Caribe... ). Ora un libro documenta con testi e foto queste metamorfo si: Loisaida, NYC Cornmunity Gardens di Michela Pasquali ( a+mb ookstore ed.izioni).

12

Irt-r\ilt//(iltr(;N{) 2oo{i

Karan, costruita a Chestnut Ridge, a nord di New York, somiglia di pir\ a una casa vera ed b stata voluta come spazio per praticare lo yoga e con un piccolo studio per meditare e scrivere nel silenzio. Uunica costante, irinunciabile, di tutti questi progetti E il rispetto per l'albero su cui si costruisce: nii L bare della casa, quello che suggerisce la forma e il peso della costruzione>, spiega Romero, che si awale di un partner altrettanto ecosensibile: il Treehouse Workshop di Seattle, uno studio di architetti "verdi" che dal 1997 ha rcalizzato una sessantina di questo tipo di abitazioni negli Stati Uniti. E a rendere l'idea ancora pii politically conect adesso per lui b arrivato un impegno di solidarieti. Darna, una ong marocchina il cui nome significa proprio "la nostra casa", ha chiesto infatti a Roderick Romero di costruire a Tangeri ona neehouseper (e con) iragazzi di strada, e di trasmettere loro i rudimenti del mestiere. Uobiettivo b di coinvolgere adolescenti pieni di problemi e awiarli a un'attivitl creativa e professionale che possa dare loro un futuro. E cosi, ad aprile, l'albero di Romero ha visto nascere la prima ramificazione nordafricana (www2 I 2society.org). Ma costruzioni simili esistono anche in Europa: Andreas Wenning fondatore della Baumraum Design di Brema (wvw.baumraum.de), ha ideato vere e proprie abitazioni di design da montare sugli alberi. La sua filosofia? Stare meno con i piedi per terra e pil con la testa fra le nuvole, purch6 incentivando l'immaginazione con labelfezza ela qualitl. Risultato: negli ultimi tre anni, Wenning ha costruito (in Germani4 Austria e Brasile) una decina di abitazioni dalle linee ultramoderne e di un'eleganza impensabile per un rifugio tra le foglie. E ib chi sull'albero non rinuncia al comfort di vasche Jacuzzi e di cucine abitabili: E il caso di Jerry Hall (ex moglie di Mick Jagger), che si E affidata alla Treehouse Company (www.treehouse-company.com), produttrice di "castelli in aria" che costano centinaia di migliaia di dollari. E con 600 abitazioni costruite, e un picco di crescita negli ultimi due anni, quest'azienda scozzese E _CIULIA TOSOLINI considerata il leader del settore

Treehouses  
Advertisement