Page 1

www.edibrico.it

copertinaOKOK.qxp_COPERTINA copia 27 11/09/17 16:31 Pagina 1

RIFARECASA RISTRUTTURARE E COSTRUIRE CON SISTEMI INNOVATIVI

con

2017 / 4

alla ricerca dello spazio PORTE CHE NON INGOMBRANO, MOBILI PER IL SOTTOTETTO O IL SOTTOSCALA, DIVISORIO A DOPPIO USO

RISTRUTTURARE INTERAMENTE IL BAGNO UTILIZZANDO I SISTEMI A SECCO

L’INNOVATIVA TECNOLOGIA CHE STA NELLA STRUTTURA DI FINESTRE E VETRATE

LA PRIMA ENERGIA ALTERNATIVA È IL MINOR CONSUMO

I MATERIALI ISOLANTI NON SONO TUTTI UGUALI

IL SEMINTERRATO DIVENTA UNA LUMINOSA SALA RELAX

PITTURE, TENDE E SPECCHI PER MODIFICARE I VOLUMI


1 9 0 P U N T I V E N D I TA C O M P E T E N T I P E R PA S S I O N E Made Network consta in Italia di 190 punti vendita che offrono le migliori marche, i più moderni sistemi per ristrutturare proposti da personale qualificato per consigliare al meglio. Made Network propone prodotti di qualità, servizi di consolidata esperienza che vanno dal sopralluogo, alla consulenza, alla progettazione sino alla posa o all’installazione eseguita dai più qualificati artigiani per la realizzazione di lavori a regola d’arte.

ristrutturaconmade.it livingmade.it gruppomade.com


ABRUZZO Corti Edilfer, Strada Statale 80, 34/A, L’Aquila (AQ) Piergallini, S.S. 16 Adriatica - Km 392, Martinsicuro (TE); C.da San Giovanni, 75, Colonnella (TE); Via Matteotti, 9, Colli Del Tronto (AP) Ucci Antonio, Via Pizzuto, 106, Lanciano (CH) BASILICATA Edil Loperfido, Via NETWORK Nazionale, 67, Matera (MT); Via dei Mestieri, 41, Matera (MT) Marcone Giuseppe, Contrada S. Luca, Muro Lucano (PZ) Mosca Precompressi, Contrada Palettieri, Rionero in Vulture (PZ) CALABRIA AndalBagni, Via Nazionale, 7, Foresta di Petilia Policastro (KR) Casaè F.lli LaRuffa, GRUPPO Via Catena, 36, Polistena (RC) Cisaf, S.S. 106 - Km 235, Isola di Capo Rizzuto (KR) Delizia Alessandro, Via Mazzini, 62/6 Amantea Località Oliva Campora S.G. (CS) F.lli Mele, Località Profondiero San Nicola Arcella (CS) Fontana, Via Luigi De Seta, 6, Cetraro MADE (CS); Loc. San Giacomo Mulini, Cetraro (CS) G.P.M. Greco, Via San Francesco da Paola, 8, Rocca di Neto (KR); S.S. 107 km 126, Scandale (KR) Giuseppe Miele S.S. 106 bis - Zona Industriale, Corigliano Calabro (CS) Marinaro, Via A. Migliaccio, 151/C, Girifalco (CZ) Materiale da Costruzione Votano Giuseppe, Via Santo Spirito, 252/N, Reggio Calabria (RC) Sider 2012, Viale San Bruno, 65, Lamezia Terme (CZ) Sud Edilferro, Loc. Aeroporto - Zona Industriale, Vibo Valentia (VV) EMILIA ROMAGNA Alge Collection, Via Togliatti, 6/1, Rubiera (RE) Almida, Via Ottorino Respighi, 9, Gatteo Mare (FC) B&B Building & Bricolage Via V. Monti, 103, Modena (MO) Bagnesi, Via Luciona, 5 Cattolica (RN) Chierici Afro, Via Giuseppe Di Vittorio, 1, Fornovo di Taro (PR) Edilizia Barozzi, Via Barozzi, 4, Savignano sul Panaro (MO) Fuzzi Commerciale, Via Gabriella Dalle Vacche, 41, Conselice (RA) Scalini Gabriele, Via F. Albergati, 184/A, Medicina (BO) Sicep Pinazzi, Via Polizzi, 6, Parma (PR) LAZIO Edilizia Mastracci, Via Casilina, 554 - Km 32.400, San Cesareo (RM) Ised, Via Appia - Fossa degli Ulivi, Formia (LT) Maccari, Via Pontina, 722, Roma (RM) Nello di Paola,Via del Monte, 15, Fiuggi (FR) Nicoli, Via Latina, 113 - Km 4, Colleferro (RM) Officine di Casa, Via Silvio Pellico, 50, Lariano (RM) LIGURIA Alge Collection, Via Aurelia, 160, Loano (SV); Via Bartoli, 17/R, Savona (SV); Via Cornigliano, 127/R, Genova (GE) Bogliolo Edilizia, Via Torino, 16, Albenga (SV) Bono Delia Località Guadi Carri, Borghetto di Vara (SP) Bossero,Via Delle Trexende, 17, Loano (SV) Centro Edile Imperiese Via Nazionale, 364 Imperia (IM); Via Dolcedo, 9, Imperia (IM) Cerruti Antonio, Via Pero, 1, Varazze (SV) De Martini, Via Moggia, 101, Lavagna (GE) Edil Sabema, Via Marconi, 55, Bogliasco (GE) Edilerre, Via Pradonne, 51, Carcare (SV) Edilia, Via F. Casoni 1 R, Genova (GE) F.lli Rivera P.zza Marconi, 33/R, Campomorone (GE); Via B. Parodi 84/86 R Ceraseni (GE) F.lli Trotta,Via Calice, 22/B - Zona Industriale, Finale Ligure (SV) Ferrando, Via Vallecalda, 67/71, Campo Ligure (GE); Via Vallerone, 9, Arenzano (GE) Il Giardino dell’Edilizia, Via Rue Belle, 2-4, Diano Castello (IM); Via dei Gumbi, San Bartolomeo al Mare (IM) Parolini Materiali Edili, Via Dante, 75, Alassio (SV) Trucchi Efisio, Via Roma, 70/R, Ventimiglia (IM); C.so Genova, 74, Ventimiglia (IM); Via Roma, 80/A, Ventimiglia (IM) LOMBARDIA Alge Collection, Via Sempione, 32, Sesto Calende (VA); Via Napoli, 7,Cornaredo (MI) Barbieri Giacomo, Via IV Novembre, 15, Arcisate (VA) Bizzo,Via Libertà, 116, Lazzate (MB) Bordogna, Via Crotto, 1, Pellio Intelvi (CO); Via Madonnina, Pellio Intelvi (CO) Centro Edile Antonini, Via Scalarini, 7, Milano (MI); Via Marsala, 15/19, Buccinasco (MI); Via Stephenson, 103, Milano Expo (MI) Centro Edilizia, Via Cimnago, 2, Novedrate (CO) Commerciale Edile, Via Sammartini Giovanni Battista, 63, Milano (MI); Via Litta Modignani, 80, Milano (MI) CMV, Via Matteotti, 146, Lissone (MB) Croci,Via S.G.Bosco, 60, Caronno Pertusella (VA) Digiesse, Via Brambilla Francesco, 9, Milano (MI) Dipred, Via Figino, 37, Pero (MI) Edil Vico, Viale Monza, 88, Milano (MI) Edilmarket di Condarcuri Gaetano, Via San Dionigi, 111, Milano (MI) Edil Vedani, Via Trieste, 106, Besozzo (VA); Via Matteotti, 16, Brebbia (VA) Edil Viganò, Via Ugo Foscolo, 13, Uggiate Trevano (CO) Edilbassi, Via Leopardi, 1, Esine (BS) Edilcomm, Via Cavour, 36, Novate Milanese (MI) Edilizia 80, Viale Valzella, 31/A, Ardesio (BG) Edilizia Palo, Via Regina, 47, Gravedona ed Uniti (CO) Edilmarket di Nobili Luigi, Via dei Gaggioli, 14, Carate Brianza (MB) F.lli Martini, Via del Gaggio, 23/C, Varese (VA) F.lli Pezzotta, Via Tonale, 46/E, Albano S. Alessandro (BG) Ferrari Carlo & Figlio, Via Trieste, 114, Limbiate (MB) Forniture Edili Capitanio, Via XXV Aprile, 13, Cene (BG) Galperti F.lli, Via Diaz, 87, Dervio (LC) Gemini Puntoedile, Via Rasia,1013, Livigno (SO) Gini, Via G. R. Carli, 9, Milano (MI) GMG Centro Edile, Via S. Michele, 6, Bottanuco (BG) Gromo Edilcom, Via F.lli Crespi, 1, Gromo (BG) Ma.e.da., Via della Chiesa Rossa, 175/1, Milano (MI) Garavaglia Via Giuseppe di Vittorio, 3, Casorezzo (MI) Materiali Edili Varese, Via Caracciolo, 50, Varese (VA) MG Occhi, Via Vaiana, 250, Vezza D’Oglio (BS) Pasini Angelo E Pier Luigi, Viale Industria, 8, Gambolò (PV) Pennati, Via Industrie, 2, Basiano (MI) Piastrellificio Del Nord, Via Legnano, 128, Abbiategrasso (MI) Poretti Edilizia, Via Monte Grappa, 1, Castiglione Olona (VA) S.I.C.M.E., Via Caduti Angeresi, 29, Angera (VA) Sari, Via Verdi, 81, Germignaga (VA); Via Gallarate, 31, Besnate (VA); Via Baraggia, 2/A, Marchirolo (VA) Scaramellini, Via Spluga, 70, San Cassiano di Prata Camportaccio (SO) Solai Villa, Via alle Cave, 2, Turbigo (MI) Tr.Edil, Via Piandelvino, 18, Valdidentro (SO) Valsecchi Emilio, Via Lecco, 12 Ballabio (LC) Vanedile, Via Carlo Dolci, 36, Milano (MI) Vavassori, Via E. Fermi, 13, Scanzorosciate (BG) Vidori Habitas ,Via Cimnago, 2, Novedrate (CO) Zanga Angelo, Via Card. Gustavo Testa, 24, Boltiere (BG); Via Provinciale, 30/A Dalmine (BG) MARCHE Cisaf Montemarciano, Via dell’industria, 13 - Loc. Gabella, Montemarciano (AN) Edilizia Casciaroli, Via Salare snc, Roccafluvione (AP) MOLISE Flemi 2, Via Colle dell’orso, 19, Frosolone (IS); Contrada Pesco Farese, 91, Ripalimosani (CB) PIEMONTE Abitare, Via Rondò Bernardo, 22, Borgaretto (TO); Via Sommariva, 14, Carmagnola (TO); Via Malpotremo, Ceva (CN); Via Torre Acceglio, 24/A, Cuneo (CN); S.S. 28 Nord, 11/A, Mondovì (CN); Via Saluzzo, 165, Pinerolo (TO); Strada San Giorgio, 41, Settimo Torinese (TO); Via I Maggio, Vignolo (CN); Alge Collection, Via Cuneo, 92/A, Borgo San Dalmazzo (CN); Via Torino, 14, Fossano (CN); Via delle Industrie, 6, Vigliano Biellese (BI); Viale Industria, 9, Alba (CN); Strada Valenza, 7/Z, Casale Monferrato (AL); Via Malpotremo 3 - Uscita casello autostrada TO-SV Ceva (TO); Strada Sommariva, 14, Carmagnola (TO); Via Bertola, 55, Torino (TO); Via Saluzzo, 165, Pinerolo (TO); S.S. 28 nord, 13, Mondovì (CN); Via XXV Aprile, 8, Chieri (TO); Via Biella, 32, Rivoli (TO); Via Santa Cristina, 30, Settimo Torinese (TO); Corso Stati Uniti, 89, Susa (TO); Corso Torino, 483, Asti (AT); Corso Milano, 185, Gravellona Toce (VB); Via Cagnola, 5, Gozzano (NO); Via Walter Manzone, 107, Vercelli (VC); Caranzano, Corso Industria, 5, Dusino San Michele (AT); Catto, Via Marconi, 24, Cossato (BI) Cerutti Soluzioni Casa, Via Gozzano, 101, Borgomanero (NO) Civera Edilizia, Strada Valle Pasano, 3, Chieri (TO) Comed, Via Col Del Rosso, 20, Vercelli (VC) Conti Mario, Via Isola di Sotto, 60/62 Borgosesia (VC) Cosso Gian Eugenio, Via Brione, 30 Pianezza (TO) Edilbru, Via Pariani, 35, Gravellona Toce (VB); Corso Sempione, 20/1, Mergozzo - Loc. Campone (VB) Edilforniture F.lli Garbaccio, Via Regione Fornace, 21/B, Loc. Crocemosso di Vallemosso (BI) G.B. Blanchet, Via Roma, 2, Cesana Torinese (TO) Giampiero Pedretti, Viale San Giuseppe, 35, Verbania Intra (VB); Via IV Novembre, 19, Omegna (VB); Via per Binda, 26, Stresa (VB) N.T., Via Alpi Graie, 1, Rivoli (TO) Ravizza Fratelli, Via Ala di Stura, 63, Torino (TO) Rebuffo, Strada dell’infermiera, 8/A, Cevia (CN) S.I.C.M.E., Via SS Sempione, 199 - 28053 Castelletto Sopra Ticino (NO) Settepiu’, Corso Savona, 196, Moncalieri (TO) Vigliano Edilizia, Via Vercelli, 15, Cigliano (VC) PUGLIA D’aprile Edilizia Group, Loc. Coppacardillo s.n., Vieste (FG) Di Coste, Via per Grottaglie km 0,300, Francavilla Fontana (BR) Edilvitale, S.P. per Andria km 2,00 C.P. 398, Trani (BT) Paldera, Vico III Lepore, 2, Palese (BA) Polyedil, Via per Chiatona III - Zona Orto della Corte, Massafra (TA) Progetto Casa, Via Soccorso, 380, San Severo (FG) Style Bagno, Via Pio XII, 35/37, Taranto (TA) SARDEGNA Alge Collection, Zona Industriale Settore 3, Via Libia, Olbia (OT) Brundu Edili, Via Mannironi, 92, Nuoro (NU); Corso Garibaldi, 152, Orani (NU) Edilor, Via Sernagiotto, 14 - Zona Aeroporto, Elmas (CA) Iter di Ruggeri, Via Gramsci, 149, Guspini (VS) TOSCANA Alge Collection, Viale Luporini, 1030, Lucca (LU); Località Frascone, Frazione Fornaci, Barga (LU) Commedil, Via Copernico, 3 - Zona Industriale Malacoda, Castelfiorentino (FI) Edilchecchi, V.le Europa, 81, Terranuova Bracciolini (AR) Edilcomes, Via Emilia, 349/A - Km 43, Loc. Ospedaletto (PI) F.lli Zampagni, Via Gramsci, 139/C, Camucia di Cortona (AR) Materiali Edili Baldacci, Via G. Galilei, 9, Vinci - Loc. Sovigliana (FI) Pierli & Martinuzzi, Via Piave, 73, Sinalunga (SI) TRENTINO ALTO ADIGE Ediloil Millennium, Via Marconi, 45, Comano Terme (TN); Via Pineta, 15/17, Giustino (TN) UMBRIA Ed+, Via Europa, 63, Gubbio-Loc. Cipolletto (PG) Guerri, Via Algeria, 1, Città di Castello (PG) Il Cantiere, Via F. Bettini, 15, Foligno (PG) R.I.M.E., Via delle Acacie, 30, Orvieto (TR) VENETO Edil Feltre, Via Martiri della Libertà, 1, Feltre (BL) Zoppelletto, Via Levada, 67 Concordia Sagittaria (VE); Via Cordovado, 41, Gruaro (VE) SVIZZERA Bordogna, Via C. Maraini 21, Lugano (Ti)

MADE, GLI SPECIALISTI DELLA RISTRUTTURAZIONE®

MADE NETWORK I PUNTI VENDITA PER COSTRUIRE E RISTRUTTURARE


002-011.qxp_Layout 3 11/09/17 15:50 Pagina 5

GRUPPO MADE PERCHÉ RISTRUTTURARE NON È UNO SCHERZO Gentile lettore, ristrutturare la propria abitazione è un momento sempre di grande importanza nella vita di un individuo o di una famiglia. Case con un passato che si riorganizzano per un ulteriore futuro che si auspica radioso. Ristrutturare casa però non è uno scherzo. Per evitare disagi, inconvenienti, insoddisfazioni é sempre consigliabile affidarsi a professionisti di provata esperienza. Il network Gruppo Made - il punto vendita che ti offre questa rivista ne fa parte - raccoglie specialisti della ristrutturazione con una tradizione nel campo della vendita di prodotti per l’edilizia e le finiture d’interni, ma anche nell’ambito di servizi su misura per il cliente. Non esitare dunque a rivolgerti a noi anche solo per consigli o suggerimenti: siamo in contatto con i migliori tecnici, imprese e artigiani della filiera e trattiamo esclusivamente prodotti forniti dai migliori brand del mercato. Insomma siamo Made, gli Specialisti della Ristrutturazione®. Rivolgiti a noi con fiducia, sarai sempre il benvenuto.

CLAUDIO TRONI DIRETTORE MARKETING E COMUNICAZIONE GRUPPO MADE


002-011.qxp_Layout 3 12/09/17 10:00 Pagina 6

EDIBRICO

RIFARE CASA CON MADE

DA 43 ANNI IN EDICOLA CON LE RIVISTE PER CHI AMA LA CASA E IL GIARDINO

08 RIFARE NEWS 12 CIÒ CHE CONTA PER SCEGLIERE BENE 20 SPECIALE PIU’ SPAZIO 20 SCORREVOLI ANCHE A SCOMPARSA 26 DOVE IL PAVIMENTO NON È CALPESTABILE

LE RIVISTE:

30 LA LINEA SOTTILE TRA STUDIO E RIPOSO

facebook.com/fardase

34 IL SOTTOSCALA VUOTO DA COLMARE

facebook.com/bricolagefaidate

Artigiani del tempo libero

facebook.com/ingiardino

Idee pratiche e creatività per la casa

38 42 46 54 64 70 82 88 90

PIETRA SU PIETRA SENZA MOVIMENTI RISPETTA IL VERDE E... CALPESTALO! MARY POPPINS È STATA QUI TU CHIAMALE SE VUOI... ILLUSIONI A PROPOSITO DI SOLAIO BAGNO A NUOVO, CALDO E LUMINOSO ISOLANTI AMICI DI ORIGINE NATURALE ISOLAMENTO SENZA INTERRUZIONI INTANTO COMINCIAMO A CONSUMARE MENO 96 DAL MONDO EDILIZIA

Il tuo verde in casa e all’aperto

acchi

gli alman

il mondo del giardinaggio e del bricolage a 360°

IL NETWORK:

FARE

www.edibrico.it | www.bricoportale.it www.rifarecasa.com | www.faidateingiardino.com www.bricocentri.com | www.bricoyoung.it

20 Alcune intelligenti soluzioni per sfruttare al meglio lo spazio


002-011.qxp_Layout 3 12/09/17 10:00 Pagina 7

RIFARE CASA CON MADE

2017 / 4

2017 / 4

FINESTRE E VETRATE

12

Quella che consideriamo una semplice finestra è in realtà un complesso sistema di materiali diversi che nel loro insieme devono rispondere a severi requisiti per garantire durata, risparmio energetico e comfort in tutte le stagioni: a maggior ragione se la finestra diventa vetrata a tutta parete!

rifare casa con made è un magazine realizzato per GRUPPO MADE. Gruppo Made è un network di punti vendita specialisti della ristruttrazione di interni ed esterni. Puoi seguirci su ristrutturaconmade.it livingmade.it - gruppomade.com e sui social network facebook twitter e vimeo.

GRUPPO MADE : 40129 Bologna - via Piero Gobetti, 52/3 - tel: 051.760041 marketing@gruppomade.com; 20016 Pero (MI) - via A.Vespucci, 10 tel: 02.93909301 acquisti@gruppomade.com. Gruppomade è un marchio di proprietà di Madeitalia spa.

46

IL RIPOSTIGLIO DIVENTA SALA RELAX Nel seminterrato, utilizzato per anni come locale in cui accatastare mobili in disuso, avanzi da interventi domestici, manufatti di ogni tipo, era diventato impossibile perfino muoversi. Una completa ristrutturazione lo trasforma in una luminosa sala dei passatempi.

direttore editoriale e responsabile Nicla de Carolis

direttore esecutivo Carlo De Benedetti

redattore capo Laila de Carolis in redazione: Mauro Balbi, Emanuele Bottino, Claudia Cazzulo

RINNOVARE IL BAGNO COL CARTONGESSO

70

Un bagno di fine anni ‘70 totalmente ridisegnato e ampliato in altezza con l’aggiunta di nuove finestre, doccia, riscaldamento a pavimento e altri accessori realizzati con i sistemi a secco che non temono i locali umidi.

pubblicità direttore vendite: Marco Carlini 0143 645037 335 7106139 marcocarlini@edibrico.it editore EDIBRICO srl 20145 Milano - via Abbondio Sangiorgio tel. 0143 645037 - fax 0143 645049 registrazione tribunale di Milano n. 493 del 24-07-2008 stampa: Rotolito Lombarda - Seggiano (MI) Tutti i diritti di proprietà letterari ed artistici riservati. I manoscritti e le fotografie anche se non pubblicate non si restituiscono. I nomi, le ditte e i prezzi, eventualmente pubblicati, sono citati senza responsabilità della rivista RIFARE CASA, a puro titolo informativo per rendere un servizio ai lettori. La rivista non si assume alcuna responsabilità circa la conformità alle vigenti leggi sulle norme di sicurezza delle realizzazioni.

o

www.edibrico.it facebook.com/ristrutturarecasa facebook.com/portalebricolage

@bricoportale

RIFARE CASA con MADE 2017/4

7


002-011.qxp_Layout 3 12/09/17 10:00 Pagina 8

RIFARENEWS FINITURA DECORATIVA PER INTERNI PER

IMPREZIOSIRE GLI SPAZI INTERNI POSSIAMO UTILIZZARE UNA

FINITURA DECORATIVA CHE PERMETTE DI OTTENERE SUPERFICI DORATE E ARGENTATE CHE GENERANO PIACEVOLI GIOCHI DI LUCE , VARIABILI IN FUNZIONE DELLA LAVORAZIONE ESEGUITA E DELL’ INCI DENZA DELLA FONTE LUMINOSA .

LA

PITTURA DECORATIVA

“DESIDERI

LUCE ” PUÒ ESSERE APPLICATA SU INTONACI DI FINITURA , RASANTI

(A

BASE DI LEGANTI IDRAULICI , CALCE O GESSO ), CARTONGESSO E

SU SUPERFICI GIÀ TINTEGGIATE .

QUESTI

SUPPORTI DEVONO PRE -

SENTARSI CONSISTENTI , BEN RIFINITI E OPPORTUNAMENTE REGOLA RIZZATI .

“DESIDERI

LUCE ” VIENE NORMALMENTE APPLICATO

A DUE MANI , CON PENNELLO ( SPALTER O PENNELLESSA ).

Fassa Bortolo (www.fassabortolo.com)

FINESTRA PER TETTI CON VETRO CURVO LE

FINESTRE PER TETTI PIANI , GRAZIE ALLA LORO

POSIZIONE PRIVILEGIATA SUL TETTO , ILLUMINANO LE STANZE IN PROFONDITÀ IN MODO OMOGENEO DURAN TE TUTTA LA GIORNATA E ANCHE IL RICAMBIO D ’ ARIA È PIÙ RAPIDO ED EFFICACE .

L’INNOVATIVO VETRO DI CURVETECH

FINITURA CURVO CON TECNOLOGIA

LASCIA ENTRARE PIÙ LUCE E REGALA SEMPRE UNA VISTA PULITA SUL CIELO ; LA PIOGGIA SCIVOLA VIA AGEVOLMENTE , PORTANDO CON SÉ LO SPORCO .

LE

LINEE PULITE DELLA FINESTRA ASSICURANO UN RISULTATO ESTETICO MODERNO E MINIMALE , IL

VETRO TEMPRATO RESISTE ALLE INTEMPERIE E ALLA GRANDINE .

Velux (www.velux.it)

LEGNO IN GRÈS UTILIZZANDO IL GRÈS PORCELLANATO È POSSIBILE REALIZZARE RIVESTIMEN TI A PARETE E PAVIMENTO CHE IMITA NO , IN MANIERA INCREDIBILMENTE REALISTICA , LE VENATURE E LE TRAME DEL VERO LEGNO .

NORTH

LA

COLLEZIONE

WIND È DISPONIBILE IN DIVER -

SI FORMATI E IN NUMEROSE SFUMATU RE PER MEGLIO SIMULARE LEGNI DIF FERENTI . Tuscania (www.tuscaniagres.it)

8 RIFARE CASA con MADE 2017/4


Scopri di piĂš su www.mapei.it


002-011.qxp_Layout 3 11/09/17 15:55 Pagina 10

RIFARENEWS

ISOLARE DALL’INTERNO

SPRAY RIMUOVI FULIGGINE

QUANDO

FULIGGINE

SI RENDE NECESSARIO ISOLARE TERMICAMEN -

E SPORCIZIA POSSONO ACCUMULARSI FACIL -

TE O ACUSTICAMENTE UNO O PIÙ AMBIENTI DALL’ INTER -

MENTE IN STUFE E CAMINETTI DIVENTANDO DIFFICILI DA

NO , SOPRATTUTTO IN AMBITO RESIDENZIALE , È FONDA -

RIMUOVERE : IN PARTICOLARE , IL VETRO DEL PARAFIAM -

MENTALE SCEGLIERE MATERIALI CHE GARANTISCANO LE

MA COL PASSARE DEL TEMPO TENDE AD ANNERIRSI .

MIGLIORI PRESTAZIONI .

DA

LA

GAMMA I SOL G YPSUM RAG -

OGGI PER RIMUOVERE LA FULIGGINE E PULIRE IL

GIUNGE QUESTI RISULTATI GRAZIE A LASTRE ACCOPPIATE

VETRO SPORCO O ANNERITO C ’ È

DALLO SPESSORE RIDOTTO E CHE UTILIZZANO MODALITÀ

MA SPRAY DETERGENTE SPECIFICA PER LA PULIZIA DI

FILAFUEGO,

LA SCHIU -

DI POSA ( COME IL PLACCAGGIO ) CHE NON RICHIEDONO

VETRI DI STUFE E CAMINI , CHE RIMUOVE ANCHE LO

SOTTOSTRUTTURE DI SOSTEGNO E INTERVENTI IN MURA -

SPORCO INTENSO DI GRASSI DI COMBUSTIONE SU

TURA . I N PARTICOLARE I SOL G YPSUM

SPECIAL

FORNI , GRIGLIE , FORNELLI , RIVESTIMENTI DI BARBECUE

PERMET-

TE DI ELIMINARE IL PROBLEMA DELLA PARETE FREDDA

IN MATTONI , COTTO , PIETRE NATURALI E AGGLOMERATI ,

AUMENTANDO IL COMFORT TERMICO DEI LOCALI .

CEMENTO , CERAMICA , GRÈS E ACCIAIO Fila (www.filasolutions.com)

Isolmant (www.isolmant.com)

INOX .

SUPERFICI EFFETTO ARDESIA SULLE SUPERFICI DI GRÈS È POSSIBILE RICREARE GLI EFFETTI CANGIANTI TIPICI DELLE PIETRE ROCCIOSE SEDI MENTARIE COME , AD ESEMPIO , L’ ARDESIA . NELLA COLLEZIO NE

WATERFALL

LE CROMIE , DI BASE GRIGIE , VANNO DALLA

TONALITÀ PIÙ SCURA , IL DARK FLOW, A QUELLA PIÙ CHIARA , IVORY FLOW, RICHIAMANDO IL NATURALE PROCESSO DI OSSIDAZIONE DELLA PIETRA , MATERIA IN CONTINUA TRA SFORMAZIONE CHE CAMBIA COLORE , FORMA E STRUTTURA , ADATTANDOSI ALL’ EVOLVERSI DEI FENOMENI NATURALI .

NUMEROSI

I FORMATI

DISPONIBILI , CHE INCLUDO NO MISURE IMPORTANTI COME CM E

45X90 CM, 60X120 90X90 CM E UN

AMPIO CORREDO DI DECORI A MOSAICO E MURETTO . Lea Ceramiche (www.ceramichelea.it)


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:01 Pagina 12

CIÒ CHE CONTA per scegliere bene

INTERNORM

Quella che consideriamo una semplice finestra è in realtà un complesso sistema di materiali diversi che nel loro insieme devono rispondere a severi requisiti per garantire durata, risparmio energetico e comfort in tutte le stagioni

VETRI A TUTTA PARETE l Le superfici vetrate continue, specialmente quelle a tutta altezza, possono sostituire le pareti opache: portano in casa una gran quantità di luce, ma è evidente l’importanza di una vetrocamera in grado di riflettere la maggior parte delle radiazioni solari in estate. Le caratteristiche basso-emissive, invece, fanno sì che nella stagione invernale non si avverta la sensazione di freddo passando vicino alle vetrate; in situazioni come queste, risulta anche indispensabile che il serramento abbia caratteristiche antieffrazione.

12 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 13/09/17 13:53 Pagina 13

F

inestre e portefinestre sono composte da elementi fissi (controtelaio, telaio, superficie vetrata) e mobili (le ante) completate da una serie di particolari che ne garantiscono il buon funzionamento e le prestazioni: guarnizioni, cerniere, meccanismi di chiusura. L’estetica dell’insieme ha un’indubbia importanza, ma nella scelta vengono ancor prima le prestazioni in fatto di isolamento, quindi i materiali che compongono il serramento, gli spessori, la tipologia delle guarnizioni adottate: è in base a questi fattori che, a parità di dimensioni, si possono riscontrare prezzi molto diversi, mentre la scelta estetica ha un’incidenza minima sul costo ed è spesso limitata dal contesto architettonico. l Dunque, il nocciolo della questione riguarda quasi esclusivamente la parte trasparente e ben poco quella opaca, tanto più che la tendenza è di realizzare infissi con telai sempre meno evidenti a fronte di vetrate di grandi dimensioni. Spifferi e infiltrazioni sono di fatto azzerate dalle diverse guarnizioni e dalle schiume, mentre tocca alla vetrocamera impedire surriscaldamenti estivi e sensazioni di freddo invernali. l A seconda della situazione climatica in cui ci si trova occorre scegliere vetrocamere a due o tre vetri, separati da un’intercapedine che incrementa l’isolamento; gli stessi vetri possono avere caratteristiche riflettenti, sia dal punto di vista visivo sia nei confronti delle radiazioni solari, autopulenti, basso emissivi, antisfondamento, anticaduta. Ancora, bisogna valutare con attenzione i sistemi di apertura, gli automatismi, la possibilità di circolazione dell’aria senza dispersioni e quella di incorporare sistemi oscuranti o schermanti: poi ci si può confrontare con la scelta delle finiture, a cuore più leggero. n

GLOSSARIO l Controtelaio È la cornice nascosta che chiude il foro finestra, ancorata alla muratura con zanche; su di essa viene viene avvitato il telaio vero e proprio. l Distanziatori Profili di separazione tra le lastre di vetro che compongono il vetrocamera, uniti a queste con collanti e sigillanti. l Listello fermavetro Parte della cornice perimetrale che si incastra sul telaio dal lato interno, per bloccare il vetrocamera che va a battuta contro un profilo sul lato opposto. l Taglio termico Interruzione della conduzione termica tra interno ed esterno mediante l’inserzione di profili isolanti in apposite scanalature (tagli) realizzati nel telaio dei serramenti metallici. l Telaio (fisso) Cornice di montanti e traversi su cui si articolano le ante (telaio mobile) tramite cerniere e guide. l Vetri multistrato (vetrocamera) Vetrata composta da due o più vetri separati da un’intercapedine di gas tramite doppia sigillatura, con caratteristiche isolanti; si nomina con gli spessori in mm di vetro-camera-vetro (esempio: 4-12-4, totale vetrocamera 20 mm).

NON CHIAMATELI INFISSI... l Sgg Planitherm 4S permette di ridurre i tempi di utilizzo del riscaldamento nella stagione fredda e degli impianti di climatizzazione nella stagione calda con notevoli risparmi economici, rendendo gli edifici più ecocompatibili poiché riduce le emissioni inquinanti dovute al riscaldamento e al condizionamento estivo.

l Planitherm Clear 1.0 è destinato all’isolamento termico rinforzato delle pareti vetrate ed è dunque adatto a finestre e portefinestre, lucernari, verande e logge. Il suo aspetto neutro, molto vicino a quello del vetro chiaro, lo rende idoneo a ogni genere di applicazione, sia nelle costruzioni nuove sia nelle ristrutturazioni di edifici residenziali. Saint-Gobain (it.saint-gobain-glass.com)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

13


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:01 Pagina 14

FINESTRA A BATTENTE l L’articolazione dell’anta si trova sul montante del telaio e permette a questa di ruotare verso l’interno; in realtà, sarebbe possibile concepirla anche per ruotare verso l’esterno, ma questa opzione trova applicazione soltanto in casi particolari. Con questo meccanismo risulta decisamente facile la pulizia della superficie vetrata esterna senza dover uscire o sporgersi, agendo dall’interno; per contro, in caso di precipitazioni la pioggia entra facilmente se la finestra è aperta.

VASISTAS (O RIBALTA) l L’asse di rotazione si trova sul piano orizzontale inferiore e l’apertura della finestra è possibile solo parzialmente: l’anta si inclina verso l’interno, aprendosi nella parte alta fino ad un massimo delimitato dall’estensione di un’asta di fine corsa. Questa soluzione rende impossibile l’affaccio e complica la pulizia della superficie esterna, perciò è utilizzata solo in locali secondari o nelle mansarde per garantire il ricambio d’aria, purché si possa accedere all’esterno in altro modo per poterla pulire.

FINESTRA AD ANTA OSCILLO-BATTENTE l In pratica è un sistema a doppia apertura, ottenuto incorporando entrambi i sistemi precedenti nella stessa anta. La scelta tra le due aperture si effettua con un’unica maniglia che dispone di due posizioni di apertura, distanziate di un quarto di giro: questa opzione è attualmente la più diffusa, permette di arieggiare i locali anche in caso di pioggia. Per non gravare in modo eccessivo sulle cerniere inferiori è bene che l’anta sia sviluppata maggiormente in altezza piuttosto che in larghezza.

A BILICO l L’apertura dell’anta avviene per rotazione attorno a un asse orizzontale centrato su di essa, cosicché la parte inferiore possa essere spinta all’esterno e quella superiore si inclini verso l’interno, fino a ruotare di quasi 180°. Non è possibile l’affaccio, ma la superficie esterna diventa accessibile per la pulizia e con l’anta disposta a 90° rispetto al telaio si ha un efficace ricambio d’aria, visto che la superficie di passaggio è quasi equivalente alla luce della finestra. Viene utilizzata nei sottotetti o in presenza di facciate vetrate continue, specialmente nei locali a uso ufficio.

14 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:02 Pagina 16

FINESTRE SCORREVOLI IN LINEA l L’anta si sovrappone parallelamente alla superficie vetrata adiacente scorrendo su un binario, con il vantaggio di disporre di un’apertura pari alla metà dell’intero vano finestra senza che l’anta invada lo spazio circostante. La composizione può prevedere due ante contrapposte, entrambi apribili grazie a un doppio binario, oppure una parte fissa e una scorrevole. La pulizia dall’interno della parte esterna non può essere fatta su tutta la superficie.

PORTAFINESTRA ALZANTE SCORREVOLE l Viene utilizzata per vetrate apribili di grandi dimensioni, appesantite inoltre dall’utilizzo di vetri antieffrazione, che permettono il passaggio dall’interno all’esterno: azionando l’apertura, l’anta si solleva prima di scorrere lateralmente. Anche in questo caso ci possono essere più aperture su binari o aperture alternate a pannelli vetrati fissi.

PORTA TRASLANTE PARALLELA l In questa configurazione l’apertura scorrevole per il transito è associata a una seconda possibilità di apertura a ribalta per il ricambio d’aria. Non essendo prevista l’opzione alzante, ne consegue che questa tipologia di apertura è applicabile su ante di dimensioni inferiori rispetto alle precedenti, anche per il peso che graverebbe sull’articolazione orizzontale inferiore ponendo l’anta in posizione inclinata.

16 RIFARE CASA con MADE 2017/4


FINSTRAL

012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:02 Pagina 17

FORME SPECIALI l In alcuni casi, per determinate esigenze architettoniche, si presenta l’esigenza di realizzare finestre fuori standard quanto a forma e dimensioni: trapezoidali, in situazioni di soffitti inclinati, apribili a battente e a ribalta; ad arco con anta doppia o unica, stessa apertura, oppure con forma ad arco suddivisa in due ante rettangolari a battente e un arco superiore fisso o a vasistas; a oblò, di forma circolare, con apertura a bilico orizzontale o verticale. Tutte queste soluzioni e altre vengono realizzate a progetto, solitamente con telai a ingombro ridotto per privilegiare al massimo la trasparenza.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

17


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:02 Pagina 18

1 2

3

4

UNA SOSTITUZIONE PARTICOLARE

l In una casa molto vecchia, la sostituzione di una finestra obsoleta e fonte di spifferi costringe spesso a una riduzione della superficie vetrata. Gli infissi di una volta non avevano dimensioni standardizzate; per cui è ben difficile trovarne uno che si adatti perfettamente all’apertura e affrontare la parziale demolizione di muri spessi e robusti non è sempre possibile. Quindi, dato il maggior ingombro dei telai rispetto al passato, la soluzione meno dispendiosa è quella di montare un infisso con un ingombro simile che ha, gioco forza, un vetro di dimensioni inferiori.

18 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:02 Pagina 19

5 6

1: con ogni probabilità il vecchio telaio è stato murato con zanche, per cui occorre lavorare con punta e mazzuolo e rompere l’intonaco per mettere a nudo i fissaggi.

7

8

CONTROTELAI STANDARD

2: dopo un po’ di lavoro si riesce a estrarre il telaio dalla muratura. Bisogna regolarizzare il perimetro del foro finestra in base alle dimensioni del nuovo telaio ed eliminare i detriti. 3: quando il nuovo infisso può essere posizionato nel foro lo si accosta in bolla e in squadra a un angolo dell’apertura, quindi si misura il vuoto che rimane tra legno e muro in alto e ai lati, dividendo poi per due quest’ultimo dato. 4: il materiale più idoneo per realizzare le spalline è il cemento cellulare, leggero e facile da tagliare nelle giuste dimensioni. I blocchetti si murano con malta per delimitare la sede della nuova finestra. 5: trattandosi in questo caso di un’ambientazione rustica, ecco una “chicca” che è ininfluente per l’installazione, ma completa esteticamente il lavoro: una tavola di legno rustica applicata in alto simula una vecchia trave sommitale.

l I controtelai per zanzariera dispongono di taglio termico tra zanzariera e serramento, completo di distanziale. I modelli standard per finestra o portafinestra possono essere forniti con guida tapparella.

CONTROTELAI SU MISURA

6: si inserisce l’infisso, si rimuove l’anta e si effettuano gli aggiustamenti inserendo tacchetti di legno ai lati e in alto, fino ad avere una perfetta squadratura, poi si fissa il telaio alla muratura con tasselli a espansione. 7: si rimonta l’anta e si procede con il riempimento delle fessure tramite schiuma poliuretanica, per non avere spifferi: questa si espande, secca e l’eccesso si rifila con un cutter. 8: le fessure attorno al telaio si chiudono con listelli opportunamente sagomati, per un perfetto impatto estetico. A questo punto si proteggono le parti di legno e si conclude con l’intonacatura della porzione di muro circostante.

l Per situazioni particolari si possono avere controtelai sagomati su misura partendo da una dima o un disegno; si applicano direttamente all’infisso e offrono prestazioni isolanti garantite.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

19


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:02 Pagina 20

ECLISSE

SCORREVOLI anche a scomparsa


speciale più spazio

012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:03 Pagina 21

anche a fianco dell’apertura, ma in questi anni è stato risolto anche il problema del cassonetto che impediva installazioni a parete nello spazio da esso occupato. l I modelli attuali, infatti, sono strutturati in modo da permettere il passaggio degli impianti e appendere carichi anche consistenti (perfino i termosifoni e i sanitari sospesi) utilizzando il controtelaio della porta, accessoriato allo scopo con adeguati supporti. l Ricorrendo a due ante speculari a scomparsa si può raddoppiare la luce di passaggio, fino a separare due grandi ambienti che all’occorrenza possono diventare tutt’uno: si può infatti arrivare a luci extralarge di 1500+1500 mm di larghezza (2000+2000 nelle versioni per cartongesso) e 2900 mm di altezza. n

TELAIO DA MURATURA l Il telaio in questo caso va ancorato alla muratura per mezzo di zanche metalliche ed è rivestito con una rete d’armatura che facilita l’aggrappaggio dell’intonaco. Alcuni telai vengono già prodotti idonei a entrambe le installazioni.

TELAIO DA CARTONGESSO l Il fissaggio all’orditura metallica avviene per mezzo di piastrine di vario tipo e le facce esterne dispongono di profilati idonei al fissaggio delle lastre. In entrambi i casi, la larghezza complessiva del telaio è doppia rispetto all’anta.

ECLISSE

L

e porte scorrevoli, un tempo considerate una soluzione di ripiego, hanno subito un’evoluzione tale da farne una scelta di stile piuttosto che un vincolo dettato dalla mancanza di spazio. Il livello di finitura, la silenziosità e la fluidità dei movimenti, la possibilità di chiusure rallentate, automatiche e magnetiche le equipara qualitativamente alle porte classiche, rispetto alle quali hanno il vantaggio di un “ingombro zero”. l Possiamo distinguerle in scorrevoli a scomparsa nella parete o esterne a essa. Mentre in quest’ultimo caso permane il vincolo di mantenere libera una porzione di parete adiacente per far scorrere l’anta, con le scorrevoli a scomparsa questo problema non si pone. Da sempre è possibile posizionare mobili a terra

ECLISSE

Le porte scorrevoli eliminano l’ingombro dovuto alla rotazione delle normali porte e sono risolutive negli spazi ristretti; al posto delle cerniere, sull’anta sono montati carrelli scorrevoli su un binario che, nei modelli a scomparsa, fa parte del telaio da intonacare o rivestire


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:03 Pagina 22

1

IN CAMERA DA LETTO l In camera da letto, i sistemi per porte scorrevoli oppure a battente possono essere utilizzati per chiudere le cabine armadio. Meglio ancora se le aperture sono prive di stipiti e cornici esterne oppure a battente ma filo muro. Le soluzioni che prevedono lo scorrimento dell’anta a scomparsa nel muro hanno il vantaggio di avere un ingombro limitato, ma devono prevedere uno spazio sufficiente all’alloggiamento dell’apposito controtelaio. In alternativa, si può sempre optare per la versione a battente filo muro. Questa soluzione assicura una perfetta integrazione con la parete che appare libera da qualsiasi elemento esterno, permettendo una realizzazione dall’estetica perfetta. 1: ECLISSE Syntesis Line scorrevole 2: ECLISSE Syntesis Line battente. Entrambi disponibili anche nella vesione kit completo che prevedono sia il controtelaio sia il pannello porta grezzo con primer (misure 800 x 2100 mm). Eclisse (www.eclisse.it)

2

22 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:04 Pagina 24

ANGOLI BEN ORGANIZZATI

SCORREVOLE SINGOLA l Chiudendo una parte di una stanza grande con due semipareti di cartongesso è possibile ricavare uno spaziolaboratorio. È una tipica situazione nella quale si rivela indispensabile l’utilizzo di una porta a scomparsa per non avere ingombri in apertura: la parete di destra può avere uno spessore ridotto, mentre per quella di sinistra si è vincolati allo spessore del controtelaio.

IN MANSARDA l Un letto aggiuntivo può essere collocato in prossimità del perimetro della stanza, dove lo spazio in altezza è ridotto, e questo spazio può essere nascosto con ante scorrevoli che si sovrappongono, la cui apertura può prevedere l’impacchettamento su un lato o suddivisa su entrambi, con pannelli laterali fissi e scorrevoli al centro.

24 RIFARE CASA con MADE 2017/4


speciale più spazio

012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:04 Pagina 25

Ecco alcune soluzioni per ottenere spazi da destinare a un’attività precisa e che possono essere nascosti quando non sono utilizzati, pur restando inseriti in un grande ambiente

PERPENDICOLARI l Si può chiudere un angolo e renderlo accessibile tramite due ante scorrevoli, a scomparsa o esterne, disposte a 90°. In questo modo con l’apertura scompare l’angolo esterno e si ha una maggiore libertà di movimento e di comunicazione con il resto della stanza, ideale per nascondere una postazione di lavoro.

RIPOSTIGLIO ANGOLARE l L’angolo esterno tra due semipareti può essere aperto da un lato e dall’altro tramite due ante scorrevoli su binario che si sovrappongono: lo spazio interno è sufficiente per un piccolo ripostiglio che non richiede l’accesso fisico all’interno.

IN FONDO AL CORRIDOIO l Situazione simile alla precedente che prevede di “accorciare” il corridoio per ricavare il ripostiglio: le tre pareti sono già presenti, basta chiudere frontalmente lo spazio con due ante scorrevoli a binario per accedere all’interno da entrambi i lati.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

25


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:04 Pagina 26

DOVE IL PAVIMENTO non è calpestabile

Nelle mansarde lo spazio perimetrale non è abilitato al transito delle persone, a causa dell’altezza ridotta del soffitto decrescente: i mobili bassi collocati in questa zona non riducono dunque la superficie percorribile, ma possono risolvere il problema degli arredi dovuto alla mancanza di autentiche pareti

26 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:04 Pagina 27

I

n un sottotetto, caratterizzato da un soffitto decrescente fino a pavimento, c’è una profondità considerevole prima del perimetro in cui non è possibile mantenere la posizione eretta; in base alla pendenza della falda, si può affermare che quando una persona di media statura sfiora il soffitto, ha davanti a sé ancora 80 cm di pavimento. l Basta tracciare in quel punto una verticale e un’orizzontale parallela alla parete per rendersi conto che è quello il primo spazio da utilizzare senza ridurre la libertà di movimento. Occorre comunque rimanere al di sotto delle finestre, per non togliere luce al locale, ma un mobile basso e lungo di queste dimensioni può contenere una marea di roba, se ben ripartito al suo interno. l Tra l’altro, se si tratta di aggiungere interruttori o prese elettriche lo si può fare senza grossi lavori e in modo invisibile: gli impianti possono correre dietro il mobile e i comandi si possono incassare in uno zoccolo superiore. Non occorre realizzare una struttura completa, ma soltanto un telaio suddiviso a scomparti chiuso da cassettoni con un ampio frontale o con antine persianate, facili da reperire già pronte in varie misure. Il lungo top può essere utilizzato per la TV, il computer, l’impianto stereo e se si prevede un piano aggiuntivo estensibile o ribaltabile, ci sta anche un tavolo a scomparsa per due o quattro persone. Tutto senza perdere spazio! n

Spazio per passaggio impianti

Top

Traversa frontale

Traversa a terra

Cassettone

1: il top poggia su montanti costituiti da pannelli inseriti di costa, distanziati in base alle larghezze dei cassettoni. Sullo sbalzo del profilo anteriore si apre una scanalatura entro la quale si incastra con precisione il montante. 2: tra un montante e l’altro si fissano a parete, con tasselli adatti al supporto (muratura o cartongesso), le tavolette su cui viene poi

1

speciale più spazio

Zoccolo superiore

avvitato il top tramite squadrette metalliche. Se in quel punto la parete non è verticale, ma inclinata, il bordo superiore della tavoletta va smussato in modo che dopo il montaggio fornisca un appoggio piano e non inclinato. 3: il top si rifinisce con uno zoccolo superiore su cui si possono installare interruttori e prese elettriche, i collegamenti passano nello spazio vuoto dietro di esso.

2

3

RIFARE CASA con MADE 2017/4

27


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:04 Pagina 28

CALCESTRUZZO CELLULARE E ANTINE

l Una soluzione per la mansarda, alternativa alla costruzione di mobili di legno su misura, è quella di realizzare strutture divisorie di muratura leggera con blocchetti e lastre di calcestruzzo cellulare, in modo da suddividere la zona perimetrale in moduli.

2

28 RIFARE CASA con MADE 2017/4

3

4

1

1: la struttura, apparentemente massiccia, non grava granché sul solaio, in quanto il calcestruzzo cellulare è molto leggero e facile da lavorare. Nel realizzare i divisori verticali, è bene prevedere almeno un ancoraggio alla muratura e non affidarsi alla sola colla per legare le lastre tra se stesse, a parete e a pavimento. 2-3: terminata la fase di muratura, occorre rifinire le superfici interne e predisporre un telaio di legno che permetta non solo il fissaggio delle antine, ma anche la chiusura a battuta. Naturalmente, i divisori vanno preventivamente distanziati di una misura che tenga conto delle dimensioni delle antine e dell’ingombro del telaio. In posizione opportuna si aprono sulle antine le sedi per le cerniere a molla, tipo quelle dei mobili da cucina. 4: l’aggancio della cerniera da fissare al telaio non necessita dell’apertura di una sede, va soltanto avvitato nella posizione corrispondente. 5: le cerniere dispongono di viti di regolazione che facilitano la messa in squadra delle antine e permettono di regolarle di fino, anche in altezza, per ottenere un’articolazione corretta.

5


ADV RIFARE CASA CON MADE 3DwallDesign per pag destra TR.indd 1

20/03/17 11:47


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:05 Pagina 30

LA LINEA SOTTILE tra studio e riposo Una semiparete di cartongesso separa il letto dalla scrivania, inserita in uno scaffale a giorno; le due zone comunicano attraverso un’apertura che permette anche a chi sta lavorando al computer di buttare un occhio alla TV semplicemente alzando lo sguardo. Il tutto occupa un angolo di 3x1,5 metri


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:05 Pagina 31

D

speciale più spazio

a che mondo è mondo, il letto si posiziona con la testiera a parete, mai viceversa: una regola che ci portiamo dietro fin dalle origini, l’uomo delle caverne non avrebbe mai dormito con la testa in direzione dell’ingresso al suo rifugio, dando le spalle ai predatori. Visto che la situazione di pericolo è cessata, proviamo a ribaltare questo concetto. l Posizioniamo il letto nell’angolo formato da due pareti, ma con la testiera rivolta all’esterno. La sponda può essere completamente accostata a parete oppure distanziata quanto basta a farci stare un comodino, se lo riteniamo utile. Sulla parete frontale possiamo montare, ad altezza opportuna, una mensola su cui collocare la TV, la distanza è ottimale per guardare il nostro programma preferito; in alternativa, se vogliamo guardare la TV da coricati, possiamo fissarlo più in alto, direttamente a parete, tramite gli appositi supporti orientabili. l La parete che manca dietro la testiera la si realizza con una struttura di profilato metallico rivestita con lastre di cartongesso, larga poco più della testiera; dietro questa prevediamo di mettere uno scaffale a giorno, che tagliamo ad altezza opportuna per inserirvi un piano che faccia da scrivania: in uno spazio ristretto abbiamo ottenuto la zona riposo e una postazione di lavoro. Per rendere meno netta la separazione, nella semiparete apriamo una finestratura che deve coincidere con le dimensioni di un vano dello scaffale. La posizione della finestra va determinata al momento di realizzare il telaio metallico, con lo scaffale già provvisto di ripiano per una perfetta corrispondenza. n

RIFARE CASA con MADE 2017/4

31


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:05 Pagina 32

1 1: preparata soltanto la cornice perimetrale della semiparete, la si riveste con le lastre sulla faccia esterna e si affronta la modifica dello scaffale. I due fianchi vanno tagliati a un’altezza comoda per inserire il piano che fa da scrivania. 2: quando lo scaffale ha assunto la configurazione definitiva, lo si appoggia contro la faccia rivestita della semiparete per tracciare il perimetro interno del vano in corrispondenza del quale si vuole aprire la finestratura. 3: si taglia lungo la tracciatura e si asporta il cartongesso in eccesso; poi si passa sull’altro lato e si completa l’interno dell’orditura. 4: i profilati che delimitano l’apertura devono essere tenuti più all’esterno di una misura pari allo spessore delle lastre. Il bordo interno di essa va infatti rivestito con strisce di cartongesso per non lasciare il metallo a vista.

2

32 RIFARE CASA con MADE 2017/4

3

4


012-037.qxp_Layout 2 12/09/17 17:26 Pagina 33


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:06 Pagina 34

prima...


speciale più spazio

012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:06 Pagina 35

IL SOTTOSCAL A, vuoto da colmare Non si può certo dire che il sottoscala sia un locale inutilizzato: il fatto è che spesso diventa un ricovero improvvisato di oggetti in disordine e in vista, l’altezza decrescente ne consente una sfruttabilità soltanto parziale. Ma strutturato con intelligenza rivela una capienza impensabile

A

compensare l’handicap della sua forma triangolare, il vano sottoscala presenta una discreta profondità, spesso superiore al metro: se proviamo a calcolarne il volume, è probabile che risulti quasi doppio rispetto a una comune libreria o a un guardaroba a 4 ante. Chiaramente, parliamo di una scala di passaggio da un piano all’altro. l Nel sottoscala si può realizzare un piccolo ufficio, un armadio per i cambi di stagione, una dispensa, una scarpiera, perfino una mini-lavanderia se le tubazioni si trovano in posizione favorevole. Si possono utilizzare strutture a giorno o realiz-

zare chiusure con pannelli a forma di trapezio. l Per sfruttare appieno la profondità bisogna far realizzare a misura diversi cassettoni, ma se ci si accontenta di 40-50 centimetri vanno bene i contenitori già pronti in commercio per comporre strutture a moduli sovrapposti. La parte che ha il maggiore sviluppo in altezza, almeno un paio di metri, può essere utilizzata per realizzare un ripostiglio chiuso accessibile tramite una porta. All’interno, contro la parete frontale si può montare una scaffalatura metallica e, da un lato, un supporto a parete cui appendere le scope, il tubo dell’aspirapolvere, gli indumenti da lavoro, il guinn zaglio del cane. l Per un utilizzo totale dello spazio disponibile occorre realizzare una struttura in proprio, in base alle misure e alla forma del vano, ottimizzando le dimensioni dei moduli e la loro suddivisione interna, alternando vani a giorno e spazi chiusi.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

35


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:06 Pagina 36

PIANO D’APPOGGIO A RIBALTA l I moduli componibili sembrano fatti apposta per essere completati a seconda delle proprie esigenze. Non ci vuole molto, ad esempio, a realizzare una chiusura a ribalta che può diventare all’occorrenza un piano d’appoggio provvisorio. Basta utilizzare un pannello a misura, ottenuto ritagliandolo da un ripiano acquistato in più, da collegare alla base del modulo con una coppia di cerniere a libro e una catenella che lo mantenga in piano quando è aperto.

ELEMENTI GIÀ PRONTI l Rilevando con precisione il perimetro del vano sottoscala e tenendo presente di quanta profondità si dispone, si può pensare di riempire questo spazio con elementi componibili già pronti. In commercio si possono trovare scaffali e contenitori di varie misure con i quali è possibile riempire lo spazio sottoscala cercando di combinare i formati per massimizzare la sfruttabilità.

36 RIFARE CASA con MADE 2017/4


012-037.qxp_Layout 2 11/09/17 16:06 Pagina 37

l A ridosso della parete inclinata del sottoscala, verso l’esterno, si possono custodire attrezzi lunghi e sottili come le canne da pesca, le scope o i bastoni per lavare i pavimenti utilizzando supporti adeguati, eventualmente autocostruiti allo scopo. Rimanendo aderenti alla superficie, non ingombrano e non tolgono spazio ai contenitori per altri oggetti.

l Lo spazio triangolare che rimane libero alla sommità di ciascuno scaffale può essere utilizzato come cantinetta per le bottiglie coricate. Dentro ai moduli si possono inserire uno o più ripiani a misura degli oggetti da custodire.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

37


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 38

PIETRA SU PIETRA senza movimenti Il consolidamento dei muri di antiche costruzioni, fatti con blocchi di pietra, è possibile con diverse tecniche. Si sceglie quella piÚ idonea in base alla decisione di mantenere la pietra a vista o rivestirla con intonaco


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 39

S

e un edificio con i muri di pietra non è supportato da fondamenta monolitiche è soggetto a movimenti impercettibili indotti dalle differenti condizioni del terreno su cui poggia, nonché a ritiri ed espansioni dovuti al susseguirsi dei climi stagionali. l I rimedi possibili alle manifestazioni di questi movimenti, che si traducono in fessurazioni e crepe più o meno evidenti, sono principalmente due ed entrambi consistono nell’applicazione di un efficace sistema di unione fra le pietre, con lo scopo di renderle solidali. l Il primo è indicato in presenza di muri con pietre a vista. Consta nell’applicazione di una maglia omogenea e tridimensionale, fissata nello spessore della parete, messa in modo da abbracciare tutti i blocchi di pietra. Il risultato è quello di una muratura armata che ottiene un notevole incremento della resistenza alla compressione, al taglio, alla flessione. Il sistema non è invasivo, è reversibile, in grado di integrare la muratura e non sostituirla, compatibile con la conservazione materica del manufatto, in linea con i principi di tutela degli edifici di interesse storico. l Il secondo richiede invece la copertura a intonaco. Si realizza con la stesura di una rete di fibra di vetro resa solidale con gli elementi strutturali della parete mediante una malta dedicata allo scopo. Un’alternativa è quella dell’applicazione di tessuti o lamine sulla superficie del muro da rinforzare, mediante l’applicazione di speciali adesivi bicomponente. L’incremento della tenuta si ottiene con l’inserimento di corde di fibra di carbonio, innestate in profondità nel muro e allargate a fiore sulla superficie dove posn sono così meglio aderire alla lamina di rinforzo.

L’UMIDITÀ DI RISALITA CHE DETERIORA

l Il mancato risanamento delle murature dall’umidità di risalita può compromettere le condizioni strutturali, estetiche e soprattutto igieniche degli edifici. L’umidità nelle murature, provocata dalla risalita capillare dell’acqua dal terreno o dalla presenza di infiltrazioni, causa il deterioramento delle murature stesse riducendo le proprietà dell’isolamento termico delle strutture.

SOLUZIONI PRONTE ALL’USO l Per eliminare definitivamente i disagi dell’umidità di risalita è possibile affidarsi a un’ampia gamma di prodotti, ad esempio: Triplezero, un’emulsione cremosa pronta all’uso che forma uno scudo estremamente resistente. È notevolmente vantaggioso per la forte capacità di penetrazione in profondità delle superfici rivestite, adatto all’uso interno ed esterno. Sistema Calibro, a completamento, un sistema combinato (rinzaffo e intonaco deumidificante) in grado di creare un fenomeno fisico di costante deumidificazione nelle murature. Xlime Rasante, un intonachino di finitura idrofobizzato a base di calce utilizzato come finitura dei sistemi deumidificanti Calibro e fondo di preparazione per la tinteggiatura. BI Mortar Plaster Seal, rivestimento impermeabile a spessore adatto anche in condizioni di spinta idraulica negativa, quando non siano previsti movimenti e/o assestamenti delle strutture trattate. Volteco (www.volteco.it)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

39


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 40

CONSOLIDAMENTO CON INTONACO l SikaWrap® Anchor C è una corda monodirezionale in fibre di carbonio, utile al collegamento strutturale e all’ancoraggio di tessuti e lamine applicate nel rinforzo armato di murature o calcestruzzo. Si taglia dal rotolo il quantitativo necessario di corda che va inserito a fondo in fori fatti nella parete, riempiti con l’adesivo Anchorfix®-3+; la parte che deborda va allargata a raggera sulla superficie, impregnata di adesivo in modo che aderisca perfettamente al foglio di ancoraggio strutturale.

40 RIFARE CASA con MADE 2017/4


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 41

1

2

1: la preparazione prevede la rimozione totale del vecchio intonaco. La superficie va bagnata d’acqua, a rifiuto, poi si applica Sika MonoTop®-722 Mur a mano, con cazzuola o trattazzo, oppure a macchina mediante equipaggiamento a spruzzo o con intonacatrici. 2: la rete di rinforzo in fibra di vetro SikaWrap®-350G Grid deve essere applicata fresco su fresco sul primo strato di malta. I lembi devono essere posizionati con un adeguato sormonto nelle parti terminali. Lo spessore minimo degli strati di malta è di circa 5 mm, per garantire un corretto inglobamento della rete.

3

4

3: il secondo strato può essere applicato subito, fresco su fresco, oppure ad avvenuto indurimento del primo. 4: non appena inizia la presa della malta, è possibile rifinire lo strato superficiale a frattazzo, di spugna o metallico, in base alle esigenze estetiche richieste. Sika (ita.sika.com)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

41


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 42

RISPETTA IL VERDE e... calpestalo! I bambini giocano a pallone, la macchina ha bisogno di spazio per le manovre, come si fa ad avere un prato sempre in ordine, senza avallamenti che si traformano in paludi alle prime piogge? Ecco la soluzione!

42 RIFARE CASA con MADE 2017/4


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:10 Pagina 43

I

nterrompere l’uniformità di un tappeto erboso davanti a casa con percorsi obbligati per accedere al garage o per raggiungere il portone d’ingresso, può dar luogo a una frammentazione dello spazio non sempre opportuna e gradita, specialmente se il giardino non ha una notevole estensione. Per evitare che, con il transito e le piogge, si formino pozzanghere o zone a crescita difficoltosa dell’erba, occorre strutturare la superficie e lo si può fare attraverso sistemi efficaci e invisibili. l L’utilizzo di griglie modulari alte pochi centimetri, realizzate in materiale plastico robusto e resistente alle intemperie, consente di avere una superficie compatta e resistente in modo definitivo, garantendo un prato uniforme e lussureggiante. Gli elementi misurano 50-60 cm di lato e sono provvisti di sistema a incastro: ce ne sono diversi tipi che permettono di consolidare il terreno per prati in via di formazione o su tappeti erbosi preesistenti. La struttura a celle aiuta lo sviluppo dell’erba, permettendole di radicare senza essere sottoposta a strappi o schiacciamenti; evita la compattazione dello strato sottostante, quindi una migliore arieggiatura del terreno e un più rapido smaltimento delle acque piovane. l Non è obbligatorio ricoprire l’intera superficie del prato: si può realizzare uno spazio delimitato per il transito e la sosta dei veicoli o per il passaggio pedonale, senza per questo interrompere la continuità visiva del verde. La struttura si presta ottimamente per la posa fai da te ed è disponibile, oltre che nell’immancabile colore verde, anche in altri colori per fornire una struttura invisibile per vialetti di ghiaia, senza che debbano n essere rastrellati frequentemente.

DOPO

PRIMA

UNA SUPERFICIE COMPATTA l In caso di precipitazioni consistenti, anche se ben drenato, il terreno è soggetto a formare uno strato superficiale molle. Calpestandolo a piedi o, peggio, sottoponendolo al transito di automobili, si formano infossamenti, l’erba si impasta con lo strato fangoso e il prato subisce danni consistenti. La struttura a nido d’ape delle griglie è resistente e carrabile, protegge il prato senza ostacolare la crescita dell’erba e il suo radicamento.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

43


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:11 Pagina 44

1

2

1: la preparazione del fondo consiste nel verificare la cedevolezza del terreno ponendo eventualmente rimedio con uno strato compatto di pietrisco; dopo aver rimosso lo strato di terra esistente per far posto alle griglie, si stende uno strato di sabbia silicea. Il tutto va ben livellato con l’aiuto di una lunga staggia; poi, per separare il terriccio dal fondo drenante, è bene rivestire la superficie con un telo in tessuto-non-tessuto. 2: i pannelli grigliati si agganciano uno all’altro per formare una superficie continua, verificando periodicamente il livellamento e il rispetto delle eventuali pendenze per evitare ristagni d’acqua. 3-4: si prepara una miscela di torba, sabbia, terriccio per erba, pomice e concime a lenta cessione; si procede al riempimento delle celle spargendo la miscela e livellandola con il bordo del rastrello, operazioni facilitate dalla possibilità di calpestare le griglie. Si può quindi seminare l’erba e al termine si distribuisce un sottile strato in eccesso che avrà modo di assestarsi dopo l’innaffiatura.

3

5: fino a quando l’erba non ha radicato, l’irrigazione va fatta nebulizzando acqua per evitare di smuovere il terreno. Il primo taglio si effettua quando gli steli hanno raggiunto un’altezza di 10 cm, recidendo non più di 3-4 cm per consentire al prato di rinforzarsi, per poi aumentare progressivamente. I moduli costano 22-25 euro/m2.

I BORDI DEL PRATO 4

5

44 RIFARE CASA con MADE 2017/4

l Mentre l’intera area può essere seminata a spaglio manualmente o con l’aiuto di uno spargitore meccanico, lungo i bordi perimetrali o negli spazi ristretti è bene eccedere con la quantità di semi per avere una buona intensità di crescita, evitando però addensamenti che possono inibire lo sviluppo degli steli giovani. Si fanno penetrare i semi battendo delicatamente con i denti del rastrello.


MI FIDO DI SIKA

Sika Comfortfloor® SISTEMI EPOSSIDICI PER PAVIMENTAZIONI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E PUBBLICHE Soluzioni per pavimentazioni continue, a basse emissioni di VOC, durevoli e sostenibili. Ideali per aree in cui è richiesto un elevato livello di comfort, riduzione di rumore da calpestio ed elevati standard di igiene.

www.sika.it


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:11 Pagina 46

MARY POPPINS è stata qui

46 RIFARE CASA con MADE 2017/4


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 47

Nel seminterrato, utilizzato per anni come locale in cui accatastare mobili in disuso, avanzi da interventi domestici, manufatti di ogni tipo, era diventato impossibile perfino muoversi. Finché un giorno...

PRIMA

DOPO

P

uò fare comodo avere uno spazio dove riporre tutto quello che al momento non serve, ma può tornare utile in futuro: il rischio è che, a furia di ammucchiare cose con il criterio del “poi le sistemo” il locale si riempie disordinatamente, rende impossibile una pulizia anche sommaria e diventa preda di insetti e altri inquilini abusivi poco graditi. l C’è voluto un atto di coraggio per sgomberare l’intero locale con diversi viaggi in discarica, tenendo solo ciò che poteva effettivamente essere riutilizzato, per poi recuperare uno spazio abitabile che è diventato la stanza più importante della casa. Qui ora convivono gli attrezzi da palestra, le passioni musicali, le attività del tempo libero che difficilmente potrebbero avere uno spazio proprio tra le mura domestiche. l Il punto di forza di questa trasformazione? È possibile realizzarla in proprio, senza l’intervento di professionisti, in fin dei conti si tratta di un locale secondario che, come si vede dalle foto, non ha richiesto finiture “a regola d’arte”, anche se il risultato è ottimo dal punto di vista pratico. Con una buona dose di pazienza, olio di gomito e qualche fine settimana impegnato nel recupero del locale, ci si può mettere in campo e risparmiare un bel po’ di soldi. l Per essere chiari, la spesa per l’acquisto dei materiali necessari è stata di circa 750 euro: l’incidenza maggiore è stata quella delle piastrelle per la pavimentazione, oltre 20 m2. Pur trattandosi di uno spazio piuttosto esteso da piastrellare, è bastato girare un po’ di magazzini edili, fino a trovare una partita di piastrelle 30x30 cm di fine serie che è stato possibile acquistare a 15 euro/m2: offerte di questo tipo sono piuttosto ricorrenti e interessano anche materiali di buona qualità. Il risultato finale è impressionante. n

RIFARE CASA con MADE 2017/4

47


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 48

1

UN PAZIENTE RIPRISTINO 1: dopo lo svuotamento, si effettua una pulizia grossolana delle pareti, con una scopa di saggina prima e con una spazzola a setole dure poi, per eliminare le parti che si sfogliano con maggior facilità. Occorre poi un paziente lavoro con la lama della spatola, agendo da diverse direzioni, per rimuovere le porzioni di finitura e intonaco che risultano ancorate solo in apparenza.

2

3

2: una seconda pulizia con scopa e aspirapolvere prepara le pareti al risanamento con un prodotto cementizio adatto ai locali umidi. In alcune zone lo strato rimosso è troppo profondo per essere colmato in una sola fase, bisogna applicare con la cazzuola un primo strato di malta e, dopo l’asciugatura, sovrapporre un secondo strato, livellandolo e raccordandolo con l’intonaco esistente con una manara liscia. 3: prima della completa asciugatura, la superficie va lisciata con un frattazzo di spugna inumidito. Sarebbe opportuno, a questo punto, disporre di una stufetta che acceleri l’asciugatura in profondità prima di procedere con i lavori. 4-5: sulle superfici va steso un prodotto fissativo, insistendo maggiormente sul nuovo intonaco, per limitare l’assorbenza del supporto e favorire l’aggrappaggio della finitura. A quest’ultima, in fase di diluizione, si può aggiungere una percentuale di fissativo alla prima mano per garantirne l’adesione.

4

INTONACI RISANANTI CONTRO L’UMIDITÀ

5

48 RIFARE CASA con MADE 2017/4

l La caratteristica principale degli intonaci risananti è la loro composizione: all’interno si formano zone macroporose che impediscono la migrazione dell’acqua verso l’atmosfera e, viceversa, rimangono permeabili solo al vapore acqueo. Le zone macroporose, come fossero grosse bolle, aumentano il potere isolante della muratura e i sali veicolati dall’umidità di risalita possono depositarsi all’interno di questi alveoli. La superficie ammalorata va rimossa fin sopra il livello massimo, quindi si procede con un’idrolavaggio per eliminare parti friabili e salinità residue; con forte insolazione va costantemente nebulizzato con acqua per evitare un’asciugatura troppo rapida. La finitura si effettua con prodotti che non alterino la traspirabilità.


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 49

Vapore acqueo

UmiditĂ da risalita

Sali nocivi

l Ci sono in commercio prodotti di origine naturale altamente traspirante e resistente all’azione delle acque piovane, della risalita capillare e delle reazioni chimiche causate dalla presenza di sali nelle murature.

Intonaco

RIFARE CASA con MADE 2017/4

49


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 50

1 2

3

VENTI METRI QUADRATI DI PIASTRELLE 1: prima della posa delle piastrelle occorre verificare che non vi siano sormonti da rimuovere o avvallamenti da colmare. A seguire, una passata con un aspirapolvere prepara il fondo alla posa. 2: per valutare quale sia la direzione di posa migliore e con meno scarto conviene verificare l’ortogonalità delle pareti e decidere, in base alle dimensioni delle piastrelle rispetto a quelle del locale, dove far ricadere i tagli. In questa situazione si è rivelato opportuno far risultare lungo tutto il perimetro una porzione di piastrella di dimensioni costanti, pertanto si tende una lenza al centro di due pareti parallele per posare una prima fila di piastrelle centrale su uno strato di colla, poi si fa lo stesso con le altre due pareti per ot-

tenere una croce centrale che fa da guida per i quattro settori da completare. 3: la posa avanza stendendo a pavimento la colla, quanto basta per posare una dozzina di piastrelle per volta. Inconsueto, ma ugualmente efficace, l’utilizzo di una cordicella per mantenere costanti le fughe, anziché usare i crocini distanziatori. 4: in fase di completamento del primo settore si arriva a dover effettuare il taglio delle piastrelle per completare il perimetro. Come si può notare, la fessura da colmare è costante e, fortunata coincidenza, corrisponde a circa metà piastrella, per cui in questo caso lo scarto è pressoché inesistente.

SOTTOFONDO RAPIDO A SECCO l Anche se in questa situazione non si è reso necessario, è molto probabile che si debba realizzare un sottofondo planare e antiumidità. Il sistema Aquapanel® Floor semplifica questa operazione, in quanto si tratta di un sistema a secco basato su lastre di cemento Portland da 900x600x22 mm, con bordi scanalati per l’inserimento di elementi di giunzione, che velocizzano il lavoro e favoriscono il perfetto allineamento dell’insieme. L’accortezza è quella di mantenere le lastre perimetrali distaccate dalle pareti, per interrompere la trasmissione dei rumori da calpestio. L’unico tempo di asciugatura riguarda l’adesivo poliuretanico che va steso sui bordi prima di inserire le piastrine di collegamento, occorrono 12 ore prima di poter rimuovere l’eccesso e iniziare a pavimentare. Knauf (www.knauf.it)

50 RIFARE CASA con MADE 2017/4


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 51

4 5

6

5: terminata la posa, torna in campo l’aspirapolvere per eliminare tutte le impurità prima di riempire le fughe. Poiché l’impasto, di consistenza cremosa, va rovesciato su porzioni di pavimento e fatto penetrare nelle fughe con una spatola di gomma, premendo energicamente, la superficie dev’essere ben pulita. 6: un accurato lavaggio (effettuato con una buona spugna a forma rettangolare) elimina l’eccesso di impasto e ripulisce le piastrelle dai residui. Bisogna tenere un secchio d’acqua vicino e sciacquare con frequenza la spugna, cambiando anche l’acqua più volte quando è troppo sporca, per non compromettere il lavoro.

TAGLIERINA PROFESSIONALE l Per lavori di posa complessi è indispensabile affidarsi a tagliapiastrelle efficienti, magari montate su banco per facilitare il lavoro. Maxi 200 Ponte è concepita per essere agile e precisa, soddisfa il posatore che cerca qualità e giusto prezzo con finiture di pregio. La macchina è fornita di serie con disco Cer Rosa Turbo o Laser, i top di gamma fra i dischi per ceramica della linea Maxima. Disponibile con motore da 230 V e potenza 1,1 kW; altezza di taglio in unica passata max 50 mm; testa inclinabile a 45°; testata scorrevole su 4 cuscinetti d’acciaio; raccogliacqua in plastica, peso: 50 kg. Maxima (www.maxima-dia.com)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

51


038-053.qxp_Layout 2 11/09/17 16:12 Pagina 52

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE l La membrana impermeabilizzante Foiltec in polietilene accoppiato, viene posata principalmente in zone con forte presenza di umidità contestualmente al rivestimento ceramico utilizzando un idoneo collante per piastrelle. La membrana, in materiale morbido a elevata elasticità, compensa inoltre piccoli movimenti che dovessero intervenire tra il supporto e il rivestimento assicurando inoltre la non trasmissione batterica di sostanze nocive. La membrana Foiltec prevede una gamma completa di accessori che si adattano alle differenti specifiche esigenze contribuendo a una posa a regola d’arte.

LISTELLI DECORATIVI l Listec LI 15 listello glitterato decorativo in alluminio per rivestimenti in ceramica. La sezione del profilo si integra con i formati rettificati in grès e la profondità fissa di 8 mm lo rende versatile e adattabile a ogni spessore di piastrelle superiore a 7 mm grazie anche agli appositi spessori compensatori. Il glitter applicato sul profilo viene protetto da una speciale resinatura antigraffio e antiurto.

FUGHE... CREATIVE l Appendo è un innovativo listello decorativo verticale brevettato che grazie alla particolare forma consente di assolvere alla funzione di appendino. Da utilizzarsi negli ambienti bagno piastrellati dove consente di ottenere un duplice effetto decorativo e funzionale. Il listello viene fissato al muro grazie ad apposite piastre di fissaggio. Le rondelle compensatrici in dotazione possono adattare il profilo, oltre a piastrelle di spessore 8 mm, anche a piastrelle di spessore 10 e 12,5 mm. Profiltec (www.profiltec.com)

52 RIFARE CASA con MADE 2017/4


PROGETTIAMO LE SOLUZIONI DI DOMANI COSTRUENDO IL PRODOTTO DI OGGI. Perfetta sintesi di prestazioni tecniche ottimali di resistenza, leggerezza, salubrità, traspirabilità, capacità isolante e sicurezza antincendio. Ytong è il sistema costruttivo completo che ispira una concezione dell’edilizia sempre più vicina e attenta al benessere dell’uomo e del costruire sostenibile. Ytong, soluzioni costruttive sostenibili dove il futuro è già presente.

COSTRUIRE IL FUTURO, RIQUALIFICARE L’ESISTENTE www.ytong.it

Ytong e Multipor sono marchi del Gruppo Xella


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 54

TU CHIAMALE, se vuoi... illusioni L’occhio umano è fortemente influenzato dalle illusioni ottiche: le larghezze sono percepite con più facilità rispetto ad altezze e profondità e anche l’angolazione del punto di vista alza o schiaccia le prospettive. Alcuni trucchi applicati agli ambienti possono contribuire a modificare visivamente i volumi, a partire dagli accostamenti cromatici fino alle superfici riflettenti

54 RIFARE CASA con MADE 2017/4


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 55

A

tutti è capitato di osservare strani disegni nei quali è possibile individuare più forme a seconda di come l’occhio reagisce a geometrie e colori, oppure dove un’immagine piatta ci trasmetta un senso di profondità semplicemente grazie a ombreggiature e linee prospettiche che ci fanno percepire una terza dimensione inesistente. Il campo visivo, quindi, è ingannabile e possiamo far apparire una stanza più grande, alzare o abbassare il soffitto, ridefinire le proporzioni del locale. l Diffondere la luce è il primo passo per ampliare gli spazi, perciò nei piccoli ambienti è meglio avere pareti bianche. La monocromia, per contro, può trasmettere un senso di vuoto e la percezione dei colori può essere alterata: per un maggior equilibrio è sufficiente colorare in modo più sgargiante una sola delle pareti interne, un angolo o eventuali colonne, oppure compensare con il colore degli arredi, evitando di “riempire” i muri con quadri e quadretti che vanificano l’illusione di maggior spazio e costringono a continui cambi di messa a fuoco visiva.

l Quando il nostro occhio si sposta da un colore a un altro, quest’ultimo può apparire diverso a seconda dell’accostamento. Uno stesso grigio appare tendente al verde se accostato a un rosso, viceversa tende al rosso se accostato a un verde: siccome è dimostrato che i colori hanno una forte influenza sul nostro stato d’animo, questo aspetto non va sottovalutato. Anche le dimensioni possono apparire diverse: un corpo bianco sembra più grande del 20% di uno identico di colore nero. l L’illuminazione artificiale è un’altra componente importante, non solo come colore della luce, ma anche come direzione: fonti luminose che puntano dal basso verso l’alto aumentano la distanza tra pavimento e soffitto, il fascio contrario fa apparire la stanza più ampia. l Per le pareti è consigliabile adottare finiture opache piuttosto che lucide, con un indice di riflessione tra il 40 ed il 60%; anche i pavimenti, se troppo luminosi, riflettono gli arredi e sembra di camminare sull’acqua, non bisogna superare n il 40% di luminosità.

LE PARETI Colori chiari: le stanze tinteggiate di bianco o utilizzando tonalità chiare fanno apparire la stanza più grande e la rendono molto luminosa. Attenzione agli eccessi: utilizzare una fonte di luce bianca per una stanza tinteggiata di bianco può causare abbagliamento e difficoltà nella messa a fuoco dei dettagli.

pareti che ospitano superfici vetrate piuttosto grandi, per il forte contrasto che disturba la vista di chi guarda in tale direzione. Righe orizzontali: finiture di questo tipo aiutano a far apparire più ampi gli ambienti ristretti, come se le pareti fossero poste in trazione lateralmente.

Colori scuri: pareti contigue tinteggiate con colori forti e scuri sembrano attrarsi e Righe verticali: otticamente la distanza tra rimpiccioliscono la stanza, per contro pavimento e soffitto pare aumentare, percontribuiscono a conferire agli ambienti ciò questa soluzione può essere d’aiuto riservatezza e senso di protezione. Sono nei locali di altezza limitata, specie se ascomunque sconsigliati i colori scuri su sociata a pavimenti e soffitti chiari.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

55


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 56

I PAVIMENTI Colori chiari: fanno apparire più luminoso un ambiente con scarsa illuminazione naturale; sono da evitare in stanze molto illuminate per evitare fastidi alla vista. Ai piani superiori o nella zona notte si prediligono pavimenti di colore mediamente scuro. Tonalità contrastanti: una stanza molto ampia viene visivamente ridotta, ma l’effetto varia a seconda della dimensione dei “tasselli”, della forma quadrata o rettangolare e della posa (lineare o diagonale) utilizzata.

A righe: la disposizione trasversale rispetto all’accesso fa apparire la stanza più larga, quella in linea la allunga. In questa situazione ci si trova con la posa di un parquet, per la quale bisogna però tener conto dell’incidenza della luce che può evidenziare o minimizzare le fughe. In sostanza, le pareti che si trovano alle estremità dei listoni vengono visivamente distanziate, aspetto da considerare qualora il pavimento vada posato in diagonale.

l La fitta trama delle sfumature fa apparire il pavimento uniforme, specie in uno spazio molto ampio. La direzione di posa tiene conto della forma asimmetrica del locale, dell’incidenza della luce, ma anche della sensazione di continuità che si deve avere spostandosi nelle stanze adiacenti.

56 RIFARE CASA con MADE 2017/4


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 57

I SOFFITTI

l Come per pareti e pavimenti, anche la finitura del soffitto può conferire aspetti differenti all’ambiente. Se la stanza non è molto luminosa, una finitura lucida contribuisce a renderla meno buia: può essere una soluzione risolutrice per evitare la sensazione di schiacciamento nei corridoi o nei locali di dimensioni ridotte. Una delle situazioni che fa apparire il soffitto più basso è legata all’utilizzo di armadi a tutt’altezza: la capienza è massimizzata, ma la stanza si rimpicciolisce e bisogna ricorrere a soluzioni che la facciano apparire più alta, ad esempio lasciando il soffitto bianco e ricorrendo a tonalità più decise per le pareti. Una di queste può essere tinteggiata a righe verticali intonate alle pareti circostanti.

l Se i soffitti sono alti: tinteggiando la parte alta delle pareti nella stessa tonalità del soffitto si riduce visivamente la distanza tra questo e il pavimento; un’altra soluzione consiste nel tinteggiare il soffitto con un colore deciso, legato a quello del pavimento, ma in questo caso le pareti devono essere necessariamente bianche, al massimo una sola parete (e non quella perimetrale) può riprendere il colore del soffitto. L’abbassamento visivo del soffitto con questi sistemi ha come conseguenza la percezione di uno spazio più ampio.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

57


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 58

L’UTILIZZO DEGLI SPECCHI

Le superfici a specchio collocate in punti strategici hanno la capacità di fornire più luce agli ambienti e dare una sensazione di spazi arredati più estesi. Non stiamo parlando di specchi che hanno forme strane e si prestano per composizioni di design, ma di lastre squadrate che, nei limiti del possibile, ricoprono una porzione di parete che va da pavimento a soffitto e riproducono per intero l’ambiente circostante. Basta immaginare come appare più ampio un ingresso piccolo se si montano due specchi ad angolo sulle pareti di fronte alla porta d’ingresso.

senza specchio

l Questo confronto evidenzia quanto la collocazione di uno specchio in posizione strategica ed a tutt’altezza possa modificare radicalmente l’impatto visivo di una stanza.

58 RIFARE CASA con MADE 2017/4

Ante degli armadi: un grande armadio con ante scorrevoli che si sviluppano a tutt’altezza, limitando la frammentazione dell’immagine riflessa, produce l’effetto di un locale molto più esteso. Vicino alle finestre: un grande specchio collocato in senso perpendicolare rispetto a una vetrata ne raddoppia l’estensione; nello stesso modo, ma distanziato da una finestra, la parete sembra continuare e si vedono due finestre, con un incremento di luce. In queste situazioni occorre mantenere con precisione un angolo di 90°, per evitare distorsioni.

con uno specchio


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 59

TENDE PER AMPLIARE ORIZZONTALMENTE l Una tenda chiara che ricopre interamente una parete trasmette una sensazione di maggior ampiezza e si comporta come una tinteggiatura a righe verticali, ossia fa apparire più alto il locale. Molto valide per questi scopi sono le tende a pannelli che utilizzano per la sospensione un binario applicato a soffitto: possono essere impacchettate lateralmente e i pannelli possono ruotare simultaneamente sul proprio asse per far entrare più o meno luce nell’ambiente.

APPARTAMENTI DI PALAZZI ANTICHI l In questa situazione ci si trova facilmente a che fare con soffitti più alti del normale e una controsoffittatura potrebbe nascondere particolari architettonici interessanti. Si può applicare sull’intera parete che incorpora le finestre una cornice che nasconda la sospensione delle tende e tinteggiare la parte superiore con un colore simile a quello del pavimento. In questo modo la distanza tra pavimento e soffitto sembra ridotta rispetto all’altezza reale della stanza.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

59


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 60

MARMO E PIETRA l Grazie a particolari accorgimenti, le finiture Marmo e Pietra trovano applicazione anche su superfici ed elementi di arredo insoliti. È un rivestimento scelto per la sua capacità di ricreare gli effetti materici ed estetici della pietra, ma con uno spessore di pochi millimetri, è ideale per interni, con risultati di grande impatto decorativo. Il particolare effetto estetico, dato dalla tipica opacità e cromia dei colori, offre una soluzione unica per valorizzare in modo originale ambienti moderni. È anche una scelta sostenibile, a basso impatto ambientale, che fa uso di materiali naturali capace di donare agli ambienti un elevato benessere abitativo. La porosità delle superfici e l’elevata traspirazione, permettono alla parete “di respirare”, di resistere all’aggressione di umidità e muffe, e di respingere la polvere garantendo a lungo un ambiente salubre e libero da inquinamento interno. Permette la posa di soluzioni continue, senza fughe, di altissima qualità ed elevate prestazioni. Grazie all’applicazione di una protezione trasparente si ottiene migliore lavabilità e resistenza all’abrasione. Oikos (www.oikos-group.it)

60 RIFARE CASA con MADE 2017/4


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 61

I GRANDI LIBRI DEL FAR DA SÉ acquistali su

www.edibrico.it

o con il coupon

IL GRANDE LIBRO DEL FERRO Conoscere tutte le lavorazioni del ferro (tracciatura, taglio, forgiatura, saldatura, smerigliatura, tornitura, rivettatura, filettatura, finitura ecc) per realizzare grandi e piccole costruzioni per interno (tavoli, sedie, lampade, fioriere, portariviste ecc) e per esterno (cancellate, ringhiere, inferriate, barbecue, lampioni, portavasi, sculture ecc). 256 pagg - 17x24 cm Euro 23,00

IL GRANDE LIBRO DELLA MURATURA Conoscere la struttura della casa dalle fondamenta al tetto, gli impasti, come tramezzare e pavimentare, i rimedi contro l’umidità, le tecniche di isolamento. 256 pagg - 17x24 cm Euro 23,00

IL GRANDE LIBRO DELL’ELETTRICITÀ Conoscere l’impianto elettrico di casa per installare e riparare in tutta sicurezza prese, spine, interruttori, lampade, applique dentro e fuori dell’abitazione. 256 pagg - 17x24 cm Euro 23,00

IL GRANDE LIBRO DELL’IDRAULICA Conoscere l’impianto idraulico in bagno e cucina, gli scarichi, il riscaldamento domestico e l’impianto del gas. Installare e riparare sanitari, radiatori, rubinetti, irrigazione ecc. 256 pagg - 17x24 cm Euro 23,00


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 62

I MANUALI MONOGRAFICI SU TECNICHE,,

RISTRUTTURARE SENZA DEMOLIRE Interventi per rinnovare ogni ambiente della casa con soluzioni all’avanguardia e poco invasive. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

RINNOVARE LA CASA La casa è un cantiere sempre aperto: cambiano le esigenze e gli stili, servono riparazioni al volo o modifiche funzionali che possiamo fare da soli. 128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

CASA TUTTA A NUOVO Lavori di muratura, idraulica, elettricità, pavimentazione, tinteggiatura e rifinitura per migliorare la nostra casa in modo intelligente. 144 pagg - 17x24 cm Euro 15,00

RIPARAZIONI DI CASA Sapere cosa fare, con sicurezza e rapidità, senza ricorrere al professionista, risolvendo le emergenze e risparmiando molto. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

LA MIA CASA PERFETTA Interveniamo con semplici riparazioni o manutenzioni in bagno, in cucina: con pochi attrezzi otteniamo risultati di grande effetto. 96 pagg - 17x24 cm Euro 9,90

FRESARE IL LEGNO Tutti i lavori ottenibili a banco o a mano libera, con la fresatrice o con la toupie, la scelta delle frese e degli aggiuntivi per trapano. 128 pagg - 17x24 cm Euro 15,00

LAVORARE IL LEGNO Conoscere le essenze del legno, le diverse lavorazioni dal taglio alla finitura; come incollarlo o fare incastri per mobili e serramenti. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

TORNIRE IL LEGNO Come diventare amici del tornio scoprendo metodi, tecniche, curiosità, segreti e l’utilizzo delle sgorbie, ottenendo subito grandi risultati. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

SAPER USARE LA COMBINATA Un libro unico sulla più grande macchina per lavorare il legno, per costruire mobili e serramenti come i falegnami professionisti. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

IL RESTAURO DI MOBILI D’EPOCA Conoscere le tecniche dei restauratori: le riparazioni, le imbottiture, la doratura, le finiture, l’eliminazione dei tarli. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

SOLIDI MOBILI IN STILE Utilizzando le tecniche di una volta impariamo a costruire armadi, letti, divani, sedie, tavoli, scrivanie, ispirandoci agli stili più importanti. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

PORTE E FINESTRE Le tecniche per riparare, costruire, abbellire e rendere più sicuri e funzionali porte, portoni d’ingresso, finestre di vario tipo. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

MOBILI MODERNI E FUNZIONALI Costruiamo, con legno e altri materiali moderni, tavoli, sedie, letti, culle, armadi, scrivanie, che rendono la casa più pratica e bella. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

MOBILI RUSTICI 39 progetti di armadi, sedie, letti, specchiere, cassepanche, tavoli, nel semplice stile tradizionale e campagnolo dei nostri falegnami. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

MOBILI UNICI DA KIT Costruiamo mobili originali e funzionali per arricchire ogni ambiente della nostra casa partendo da kit che troviamo in commercio. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

ARREDARE CON CREATIVITÀ Elaborazioni di kit, costruzioni ex novo e riutilizzo di oggetti diversi: tutto è finalizzato alla creazione di mobili personali. 96 pagg - 17x24 cm Euro 9,90

ENCICLOPEDIA DEL BRICOLAGE Ben 454 voci per conoscere materiali, mezzi, attrezzature, funzionamenti e applicazioni di materiali. 144 pagg - 17x24 cm Euro 15,00

RIFARE CASA ECOLOGICAMENTE Per una casa in armonia con l’ambiente: bioarchitettura, energie alternative, materiali ecologici, cappotto e isolamento, case passive ecc. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

nuovoane edizi


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 63

, COSTRUZIONI, ARREDAMENTO...

FISSAGGI DI CASA Individuare il tassello giusto in ogni occasione, anche quando servono fissaggi speciali come per termosifoni, sanitari, lampadari, tettoie, ecc. 96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

FARSI IL VINO IN CASA Conosciamo la vite per produrre l’uva e ottenere il vino. Costruiamo attrezzature da cantina, per lavorare l’uva e conservare le bottiglie. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

I FIORI PIU’ BELLI Come seminare, riprodurre, coltivare e curare i fiori più belli: prevenire le malattie, rinvasarli, concimarli, innaffiarli... 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

ARREDI DA GIARDINO Per godere del nostro spazio verde servono tavoli, panche, lettini, dondoli, barbecue, fioriere, recinzioni, gazebo, serre ecc. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

COSTRUZIONI DI BAMBINO Decine di costruzioni di carta e altri materiali per dare la possibilità ai bimbi di esprimere la loro creatività, divertendosi. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

novità FAR DA SÉ ARREDI DESIGN Arredi ispirati a progetti di architetti e creativi dagli anni ‘50 a oggi e realizzati nel nostro laboratorio con foto passo passo. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

LE SOLUZIONI SALVASPAZIO Idee illustrate passo passo per migliorare l’estetica e la funzionalità della casa sfruttando al meglio lo spazio. 128 pagg - 17x24 cm Euro 13,00

acquistali su

FANTASIA DI LAMPADE Abat-jour, piantane, lampadari ed altri punti luce realizzati con gli oggetti più diversi, dai barattoli del caffé al cestello della lavatrice. 96 pagg - 17x24 cm Euro 9,90

www.edibrico.it

ORDINO I SEGUENTI LIBRI Euro

Titolo

SFRUTTARE BENE LO SPAZIO Mobili, mensole, trucchi per avere tutto a portata di mano, in ordine e con poco ingombro, anche in ambiente di pochi metri quadrati. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

OGGETTI BELLI RICICLANDO 30 proposte originali per ottenere arredi unici da oggetti ormai inutili, pronti per la discarica. 96 pagg - 17x24 cm Euro 11,00

o con il coupon

Compila questo coupon in ogni sua parte e mandalo a EDIBRICO: fotografandolo o facendo una scansione e inviando una mail a fardase@edibrico.it fotocopiandolo e inviando un fax al numero 0143 645049 COGNOME

NOME

COGNOME che c’è sul campanello di casa VIA

N.

CAP

CITTÀ

TEL.

PROV. E-MAIL

TIPO DI PAGAMENTO PRESCELTO Carta di Credito (Visa - Master Card - Carta Sì) N° Carta di Credito

Spese postali (3 euro per ordini fino a 45 euro, 9 euro in tutti gli altri casi Solo se si sceglie il pagamento in contrassegno aggiungere 7 euro

Scadenza carta (mese e anno)

Codice di controllo

(ultime tre cifre sul retro della carta)

Pagherò in contrassegno quando il postino mi consegnerà i libri ordinati (solo in questo caso, più 7 euro di contrassegno).

Totale Firma....................................................................................................................................

IN OMAGGIO LAMPADA A LED con fascia elastica regolabile

per ordini di almeno € 65

Edibrico garantisce la massima riservatezza dei dati forniti e la possibilità di richiedere gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: EDIBRICO - 15066 GAVI (AL). Le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviarle proposte commerciali. In conformità alla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:17 Pagina 64

A PROPOSITO di solaio

Il solaio ha un’importanza rilevante all’interno di una costruzione: deve possedere requisiti non sempre compatibili tra loro, ovvero dimostrarsi rigido per una ripartizione equa dei carichi verticali alla struttura e, al contempo, realizzare un buon isolamento termoacustico e impedire la propagazione del fuoco in caso d’incendio

l La struttura portante è l’elemento fondamentale di ogni solaio ed è formata da due orditure: le travi di quella principale appoggiano sui muri d’ambito, mentre quella secondaria ha la funzione di collegare tra loro le travi dell’orditura principale. Se la struttura è costituita da travi incrociate si ottiene un solaio “a piastra”, che ha caratteristiche statiche migliori in quanto i carichi sono equamente ripartiti sui muri perimetrali. Essendo più costoso viene utilizzato solo per casi che contemplano carichi elevati.

64 RIFARE CASA con MADE 2017/4


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:18 Pagina 65

C

ome elemento architettonico, il solaio ha fatto la sua comparsa quando è nata l’esigenza di costruire edifici a più livelli. Quello con struttura a volta non viene più utilizzato nell’edilizia moderna, dove il solaio non è altro che una struttura orizzontale costituita da un intradosso e un estradosso: l’uno rappresenta il soffitto del piano inferiore, l’altro il calpestio di quello superiore. l Per realizzare un solaio si possono utilizzare diversi materiali: legno, acciaio, cemento armato, abbinati a laterizi o elementi realizzati con polimeri che hanno la funzione di alleggerimento. Il solaio, infatti, non deve soltanto autosostenersi, ma sopportare i carichi “accidentali”, ovvero quelli inseriti dopo la sua costruzione, quantificati a 200 kg/m2; la struttura dev’essere in grado di supportare anche il soffitto sottostante, aderente o sospeso che sia. Tutto questo deve avvenire senza possibili deformazioni e comporta calcoli sofisticati per il dimensionamento degli interassi tra gli elementi della struttura portante e degli spessori, in base anche all’ampiezza da coprire.

l Il solaio assolve inoltre ad altre funzioni: dev’essere in grado di resistere in caso d’incendio, deve garantire comfort con una buona coibentazione, deve reagire con il resto della struttura in caso di eventi sismici, o quando le raffiche di vento causano oscillazioni ai piani superiori di edifici molto alti. In poche parole, per un buon solaio si predilige la rigidità, anche per evitare che un’eccessiva flessibilità possa danneggiare la pavimentazione soprastante, ma va mantenuto un margine di deformabilità. l Una situazione importante è quella che vede la presenza di balconi collegati a solai. Il balcone è una struttura a sbalzo e necessita di un supporto a mensola, la cui armatura non dev’essere collegata alla trave perimetrale, bensì deve penetrare nello spessore del solaio e poter contare anche sulla collaborazione dell’orditura secondaria, scongiurando deformazioni della trave perimetrale sottoposta a un carico a sbalzo. Tra solai contigui aventi diversa luce occorre prevedere nervature in grado di assorbire i movimenti trasversali dovuti alle differenti flesn sioni delle due strutture.

QUANDO BISOGNA RISTRUTTURARE l Il recupero di un solaio senza rifacimento integrale è possibile soltanto se questo è di legno: l’elasticità del materiale fa sì che nel tempo possano manifestarsi deformazioni e imbarcamenti che non alterano la stabilità della struttura, ma possono danneggiare la pavimentazione, sollevandola. Il risanamento si può attuare attraverso l’inserimento di travi rompitratta (di rinforzo) che devono essere portanti, fatte di legno o acciaio; oppure si possono sostituire le travi più degradate con altre nuove di legno lamellare. L’irrigidimento, per contenere deformazioni non eccessivamente accentuate, si può ottenere predisponendo un’armatura di rete elettrosaldata su cui eseguire una gettata di calcestruzzo.

Parete in muratura

Pavimentazione

Travicello imbarcato Trave esistente

Trave rompitratta di rinforzo in acciaio

Scempiato

Isolante

Travicello imbarcato

Strato di malta

Trave rompitratta di rinforzo

RIFARE CASA con MADE 2017/4

65


054-069.qxp_Layout 2 11/09/17 16:18 Pagina 66

I TIPI DI SOLETTA

Trave principale

Assito di tavole Isolante to

d oo rW

u xt Te

re

Malta

c Ve

Pavimentazione

by om .c

.c

o

Travicelli

Scempiato Trave

Armatura

Gettata di calcestruzzo

Travi provvisorie

Travicelli provvisori

Puntelli Muratura

Blocchi di laterizio

Tavolato provvisorio Trave a T

Soletta in cemento armato Lamiera a nervatura

66 RIFARE CASA con MADE 2017/4

Interamente di legno. Dal secolo scorso il legno è stato superato, nell’edilizia tradizionale, dall’impiego di travi ferro e cemento armato, ma è tuttora utilizzato in molte costruzioni nelle zone montane, dove la disponibilità di materia prima lo rende economicamente competitivo rispetto ad altre tipologie; è riscontrabile nella ristrutturazione di case rurali e coloniche. Le travi di supporto su cui poggia l’assito di tavole hanno un interasse variabile a seconda della tipologia del solaio (semplice, composto, alla francese). Sono da evitare le pavimentazioni rigide sull’estradosso, non tanto per il peso quanto per le possibili rotture dovute all’elasticità del sottofondo. Di legno e mattoni. In questo caso si ha una doppia orditura: quella principale, costituita da travi di grande sezione, e quella secondaria, costituita da travicelli sovrapposti ortogonalmente alla prima. Su quest’ultima si posa lo scempiato, una spianata di pianelle o mattoni stabilizzata con uno strato di malta che fa da supporto alla pavimentazione. L’intradosso di questo solaio e del precedente possono essere lasciati a vista, anche se i travicelli, essendo irregolari, non hanno una valenza estetica apprezzabile. Per questo si preferisce realizzare una controsoffittatura, lasciando eventualmente a vista solo la travatura principale. Solaio gettato in opera. È il sistema più utilizzato quando si realizzano solette di laterocemento: tutte le fasi si succedono in cantiere, dalla predisposizione dell’armatura al posizionamento dei blocchi di laterizio, seguita dalla gettata di calcestruzzo. Il tutto è sostenuto da un’impalcatura di legno che viene smontata soltanto dopo l’indurimento del getto. Con lamiera nervata. Questo sistema viene utilizzato per lo più in edifici che presentano una struttura intelaiata di metallo; le lamiere d’acciaio vengono appoggiate alle travi portanti oppure saldate o imbullonate ad esse. Sopra si realizza una soletta di calcestruzzo, normale o alleggerito da rinforzare con reti d’armatura, mentre sotto si può rivestire la superficie con un controsoffitto; le nervature possono essere utilizzate per il passaggio degli impianti sottotraccia.


054-069.qxp_Layout 2 13/09/17 14:00 Pagina 67

1

2

3

SOLETTA DI LATEROCEMENTO Per questo tipo di solaio si utilizzano laterizi di forma speciale, le pignatte o le tavelle, elementi forati che possono avere una struttura diversa, a seconda che la loro funzione sia soltanto quella di alleggerire il solaio o di partecipare alla sua resistenza. Nel primo caso funziona come una cassaforma per il getto di calcestruzzo; nel secondo dispone di rinforzi nello spessore superiore, mentre nella parte bassa presenta grandi finestrature. 1: la preparazione consiste nella realizzazione delle casseforme per i cordoli perimetrali a cui ancorare la soletta e di un tavolato piano

che supporti i laterizi fino a stagionatura avvenuta. Questo appoggia su sostegni verticali che gli conferiscono un leggero sormonto nella zona centrale. 2: tra le file di pignatte vengono disposti i travetti d’armatura, provvisti di ferri sagomati ad aderenza migliorata. I ferri vanno prolungati fino ad agganciarli all’armatura del cordolo. 3: la superficie viene ricoperta con la rete d’armatura. Prima della gettata, che deve iniziare dal cordolo, occorre provvedere alla bagnatura dei laterizi.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

67


054-069.qxp_Layout 2 13/09/17 14:03 Pagina 68

SOTTOSTRUTTURA DI LEGNO l Il solaio di legno non è quasi più utilizzato nell’edilizia tradizionale, ma in alcuni casi può tornare utile come sottostruttura per risolvere situazioni particolari, specialmente se si tratta di luci inferiori ai quattro metri. Queste foto si riferiscono alla ristrutturazione della torretta di una palazzina, dove l’ancoraggio della nuova soletta presentava non pochi problemi. Sotto un certo punto di vista si sarebbero dovute far penetrare le travi nella muratura, correndo però il rischio che nel tempo potessero comparire segni in facciata e pregiudicare l’estetica. Si è pensato, pertanto, di ancorare alla muratura travi perimetrali di supporto, utilizzando ancoranti chimici. Le travi sono state scanalate a U a intervalli regolari in modo da incastrarvi i travetti perpendicolari che costituiscono la tessitura del telaio, stabilizzando l’incastro con viti inserite di sbieco. Si è poi provveduto a realizzare un piano costituito da tavole di legno avvitate alla travatura; non essendo maschiate, per unire ciascuna tavola alla precedente si è fatto ricorso a chiodi conficcati alla traditora. Su questa sottostruttura è stato poi steso un telo di materiale termoriflettente su cui si è predisposto il riscaldamento a pavimento, successivamente annegato in un sottile getto di calcestruzzo.

68 RIFARE CASA con MADE 2017/4


RESISTE ALLE PENDENZE ESTREME.

Le imitazioni scivolano, ADESO ® no: anche nelle situazioni più estreme. L’originale, la prima, la più affidabile membrana bituminosa autoadesiva garantisce un’impermeabilizzazione assoluta unita ad una totale stabilità. Merito del doppio compound con mescola APP o SBS e ad una mescola altamente autoadesiva nel lato inferiore. Al centro, l’armatura di rinforzo. L’unica cosa di cui farete a meno è il fuoco. Il resto sono solo vantaggi e prestazioni superiori.

WWW.POLYGLASS.IT

Pagina Adeso Climber Rifare casa con MADE 06-17.indd 1

14/06/17 14:46


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:20 Pagina 70

BAGNO A NUOVO, caldo e luminoso

Un bagno di fine anni ‘70 totalmente ridisegnato, ampliato in altezza con aggiunta di nuove finestre, doccia, riscaldamento a pavimento e altri accessori realizzati con sistemi a secco


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:20 Pagina 71

D

al punto di vista della funzionalità, in questo vecchio bagno non mancava nulla, se non una finestra (il ricambio d’aria era affidato a un sistema a ventilazione forzata); anche se ben illuminato artificialmente risultava però un po’ cupo e, dopo più di 30 anni, necessitava di un rinnovo totale. La presenza di un sottotetto basso, sfruttabile a malapena come ripostiglio, è stata la chiave di questa trasformazione, che ha coinvolto diversi professionisti per essere portata a termine: in primis un ingegnere strutturale, che ha coordinato la parziale demolizione del solaio per estendere i volumi fino al tetto, dove sono state installate due finestre motorizzate. l Nonostante il locale misuri poco più di 5 m2 è stato possibile aggiungere anche una doccia indipendente, mentre prima c’era solo la vasca-doccia: il massetto è stato in parte demolito per far passare i nuovi impianti e installare il riscaldamento a pavimento, oltre a uno scaldasalviette che svolge solo questa funzione quando occorre; l’utilizzo delle strutture di cartongesso, rigorosamente del tipo per locali umidi, ha permesso di definire nuove geometrie e di esaltare la luminosità acquisita, coniugando spazi e funzionalità anche in una superficie modesta. l In tutto questo lavoro, piuttosto oneroso, ma giustificato dal risultato, c’è spazio per il contenimento delle spese di manodopera: mentre per impianti e modifiche strutturali è indispensabile rivolgersi a professionisti, in quanto devono certificare le modifiche, molti lavori (in particolare le strutture complementari e i rivestimenti) possono essere svolti da sé, in base alle proprie capacità.

l Il solaio è stato in parte demolito per sfruttare l’altezza fino alla falda del tetto, dove sono state installate due finestre a comando motorizzato; una soluzione che ha comportato un costo aggiuntivo rilevante, ma che si è rivelata vincente nell’evitare ristagni di umidità e per rendere più arioso e luminoso il bagno.

Finestre per tetti

PERMESSI NECESSARI

Vasca da bagno Piatto doccia

Riscaldamento a pavimento

l Per l’inserimento di una finestra per tetti nella copertura è solitamente necessario presentare una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) al proprio comune di residenza e, a fine lavori, una relazione tecnica redatta da un professionista. Si consiglia comunque di verificare eventuali limiti o vincoli, in base al regolamento edilizio comunale, presso il proprio comune. Per tutti i nuovi impianti va depositata a fine lavori copia del certificato di conformità presso gli uffici comunali. Il numero dei vani rimane invariato, quindi non occorre alcuna variazione catastale; le spese possono essere detratte dall’Irpef nella misura del 50% in 10 rate annuali.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

71


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:20 Pagina 72

TANTA LUCE IN PIÙ DAL TETTO 1

2

1: in questo caso la posizione delle finestre da tetto va stabilita unicamente evitando di interferire con la struttura del tetto; in un sottotetto completamente libero e abitabile bisognerebbe tenere conto anche dell’inclinazione della falda e dell’orientamento, al fine di determinare l’altezza d’installazione e la posizione in base al percorso del sole. Il lavoro inizia con la rimozione delle tegole in base all’ingombro delle finestre. 2: secondo le dimensioni del telaio si tagliano i listelli trasversali portategole a filo della luce. 3: le due finestre sono uguali ed è importante che ne venga curato l’allineamento reciproco. I telai non sono preassemblati e, oltre la squadratura, vanno controllate le diagonali in fase di fissaggio; ai lati va rimossa una fila in più di tegole per predisporre le scossaline.

3

4

4: qui bisogna fare molta attenzione, soprattutto alle connessioni che devono garantire l’impermeabilità. Per questo il lavoro va eseguito da professionisti: la garanzia può perdere di validità in caso di infiltrazioni o altri difetti riconducibili a errori in fase d’installazione. Nella parte superiore della finestra c’è un risvolto che incanala l’acqua piovana proveniente dalle tegole superiori verso due canali laterali ricoperti, per farla defluire alla base della finestra verso il canale di gronda. 5: dal lato interno, sulla cornice, è presente una scanalatura: è la sede per la striscia isolante a corredo. 6: la dima in dotazione permette di posizionare la finestra con i corretti allineamenti.

5

6

72 RIFARE CASA con MADE 2017/4

C’È ANCHE IL MOTORE SOLARE l Molte finestre devono essere installate ad altezze difficoltose da raggiungere manualmente, ma se non sono stati predisposti i necessari collegamenti elettrici motorizzarle può essere un ulteriore disagio. Il kit KSX 100 aiuta a risolvere il problema: si tratta di un motore a catena alimentato da un piccolo pannello fotovoltaico e controllato da un telecomando; la finestra è già predisposta per essere comandata via radio. Basta installare il pannello fotovoltaico sulla parte esterna tramite la staffa in dotazione e collegarlo al motore; l’energia raccolta dal pannello viene immagazzinata in un piccolo accumulatore. Il kit è adatto per tutte le finestre manuali Velux con altezza minima di 78 cm. Velux (www.velux.it)


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:20 Pagina 73

SANIFICARE LE SUPERFICI l Nell’ambito di una ristrutturazione, le superfici, se non adeguatamente trattate, possono diventare terreno fertile per la formazione e l’accumulo di muffe, muschi e annerimenti. Questi problemi legati soprattutto all’umidità impediscono di vivere in completo benessere gli spazi, dentro e fuori casa. Le superfici interne possono essere intaccate dall’umidità; le muffe su pareti intonacate, garage, cantine, bagni e docce, oltre a rovinare le superfici, sono dannose per la salute.

l Dall’interno, per realizzare l’apertura delle finestre, è stato necessario rimuovere in parte gli strati isolanti: una pellicola riflettente di fogli d’alluminio, i materassini di isolante e la pellicola a tenuta d’aria. Il tutto va ripristinato con cura attorno alle finestre prima di procedere al rivestimento.

Il sistema Active è composto da due prodotti: Filaactive1 e Filaactive2. Filaactive1 è il togli-muffa attivo che rimuove rapidamente la muffa da pietra naturale, intonaco, cemento, cotto, fughe e ceramica. Filaactive2 è la protezione attiva a base acqua che sanifica la superficie ostacolando la colonizzazione di muffe. Efficace anche sulle fughe, protegge la superficie a lungo senza alterarne l’aspetto estetico perché penetra a fondo nel materiale senza creare film superficiale. Fila (www.filasolutions.com)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

73


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:20 Pagina 74

ELEMENTI E RIVESTIMENTI DI CARTONGESSO

l Chi ha capacità, può procedere da solo senza l’intervento di un professionista, con notevole risparmio, nel la costruzione delle strutture e nel rivestimento complessivo con lastre di cartongesso. Dopo aver predisposto gli impianti elettrico e idraulico si possono preparare le strutture complementari: la cornice superiore per l’alloggiamento dei faretti, il muretto che separa i sanitari dal lavabo, le superfici di contorno per le tubazioni e lo scaffale che sovrasta la vasca. Sotto quest’ultimo, un piccolo muretto profondo quanto lo scaffale, contro cui andrà installata la vasca, funge da mensola ed evita che lo sbalzo dello scaffale interferisca con il bacino della vasca. Le strutture sono realizzate con profilati metallici fissati alla muratura e al pavimento, rivestite con lastre di cartongesso antiumidità stuccate nei giunti e nelle viti. Il rivestimento delle pareti si completa in seguito.

74 RIFARE CASA con MADE 2017/4


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:21 Pagina 75

CHE COSA SERVE l Knauf IdrolastreÂŽ; profilati metallici a U e a C per orditura; profili angolari paraspigoli; stucco Uniflott Idro, di colore verde come le lastre; fissativo per finiture Sperrgrund; fondo di preparazione per piastrellatura su lastre Tiefengrund; viti brunite per cartongesso; nastro di rete di fibra di vetro. Knauf (www.knauf.it)

RIFARE CASA con MADE 2017/4

75


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:21 Pagina 76

RISCALDAMENTO A PAVIMENTO 1

1: la demolizione del vecchio pavimento, in alcuni casi superflua, qui si rende necessaria per recuperare spazio per il passaggio degli impianti e per la stesura del riscaldamento a pavimento. 2: lungo tutto il perimetro, alla base delle pareti, viene applicato un nastro adesivo di polistirolo che ha il compito di evitare dispersioni termiche attraverso le pareti.

2

3

3: i sottili riquadri che supportano le tubazioni, provvisti di risalti, vanno affiancati (in alcuni casi dispongono di incastri) per rivestire l’intero pavimento. Ove si rendano necessari i tagli, si possono effettuare senza problemi con un cutter. 4: la tubazione, raccolta in una bobina, va stesa in continuo tra i risalti che permettono di seguire percorsi lineari o variamente sagomati a seconda delle esigenze. La tubazione percorre più volte il piano fino a formare una fitta rete, senza raggi troppo stretti. 5: lo sviluppo della tubazione, iniziato in prossimità del collettore-distributore, si conclude ritornando al punto di partenza, ottenendo un ciclo di andata/ritorno. Il collettore è a sua volta collegato alla centrale termica.

4

5

6

76 RIFARE CASA con MADE 2017/4

6: in soli 25 mm di altezza si realizza l’impianto. Qui notiamo il telaio che delimita il piatto doccia: gli spessori sono calcolati in modo che la piastrellatura termini a filo piano del telaio.

l I sistemi di riscaldamento a pavimento a basso spessore permettono un veloce riscaldamento della superficie anche con una circolazione a bassa temperatura; sono completi di tutto l’occorrente e sono molto indicati nelle ristrutturazioni.


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:21 Pagina 77

IL MASSETTO DI SOTTOFONDO CON PREMISCELATI ARGILLOSI l Allo scopo di ottenere un massetto alleggerito e di facile stesura, specialmente quando ci si deve mantenere in spessori contenuti, si possono utilizzare prodotti premiscelati a base di argilla, da compattare e livellare con l’utilizzo di una staggia. Mentre per un massetto occorre attendere tempi relativamente lunghi per la stagionatura prima di procedere con la pavimentazione, qui i tempi sono più rapidi, si incrementa l’efficienza del riscaldamento radiante e si carica un peso inferiore sul solaio; si possono realizzare anche grandi superfici senza ricorrere all’inserimento di giunti di dilatazione.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

77


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:22 Pagina 78

IL PIATTO DOCCIA E IL PAVIMENTO NUOVI ATTACCHI l I sanitari hanno una disposizione diversa rispetto al vecchio bagno: mentre per i vasi e il lavabo si è fatto ricorso a telai preassemblati, fissati alla muratura, per vasca e doccia è stato necessario scanalare le pareti per far pervenire i tubi di adduzione alla nuova collocazione. Per lo scarico di questi due sanitari, dato che la distanza dalla colonna non permetteva di annegare i tubi nel massetto con una pendenza sufficiente, è stato fatto un buco nel pavimento per farli confluire in una tubazione nuova che corre, in pendenza, vicino al soffitto del locale di servizio sottostante.

1: prima di iniziare la pavimentazione bisogna procedere con l’impermeabilizzazione del sottofondo. In questo caso è stata utilizzata una speciale guaina nervata di polietilene (Schlüter Ditra) rivestita nella parte sottostante con tessuto di fibra, da incollare al sottofondo; il suo compito è anche quello di neutralizzare le tensioni e garantire stabilità al successivo rivestimento. 2: attorno al telaio del piatto doccia, a pavimento e a parete, va steso lo speciale nastro sigillante che ha il compito di rendere stagne le giunzioni. Anche i giunti tra le strisce di guaina, tagliate a misura dove occorre, vanno sigillate con il nastro. 3: per velocizzare il lavoro e ottenere meno fughe, quindi ridurre il rischio di infiltrazioni, sono state utilizzate piastrelle di grande formato. Facendo le prove di posa necessarie per minimizzare i tagli, si inizia dal telaio del piatto per procedere con un corretto livellamento. 4: lungo il perimetro, l’adozione di speciali profili permette di ottenere discontinuità tra il rivestimento orizzontale e quello verticale; le ali vanno annegate nel collante e le strisce di gomma laterali permettono al profilo di adattarsi a piastrelle di spessore diverso. 5: terminato il rivestimento, si riempiono le fughe con un prodotto a consistenza pastosa, ma tendente al fluido. 6-7: sul telaio si stende una guarnizione a nastro (tipo quelle per i piani cottura) e si preme il piatto in posizione, caricandolo poi di pesi fino al giorno dopo. Uno speciale profilo gommoso permette di colmare la fuga e forma un punto di appoggio per il successivo cordone di sigillante, impedendo che possa penetrare tra piatto e telaio. 8: si realizza il rivestimento delle pareti e della vasca, prima di montare tazza e bidet; tra pareti e pavimento si stende un cordone di silicone, in questo caso grigio come il pavimento.

1 2

78 RIFARE CASA con MADE 2017/4

3

4


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:22 Pagina 79

5 6

7

8

RIFARE CASA con MADE 2017/4

79


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:22 Pagina 80

TAGLIARE E FORARE SENZA PROBLEMI 1: Cer Rosa Turbo è nato specificatamente per il grès porcellanato, l’utensile supersottile è idoneo per tutti i tipi di piastrelle. Disponibile con e senza rinforzo, ha la corona con uno spessore di appena 1,3 mm. Diametri 85, 115, 125, 230 mm. 2: Cer Rosa Laser è il fratello gemello del primo e se ne distingue per il design liscio della corona, spessa 1,3 mm. Offe all’utilizzatore professionale un’elevata precisione e notevole velocità di taglio. Diametri 115, 230 mm. 3: Cer Verde Turbo è il primo disco sottile della gamma per grès porcellanato con altezza corona da 10 mm. Dal design aggressivo, ma al contem-

1

2

po gentile con le piastrelle a superfici delicate. Diametro 115 mm. 4: Cer Amaranto Turbo è un disco ultrasottile che si distingue per il design della corona diamantata che produce maggior raffeddamento e precisione di taglio. Diametri 115 e 125 mm. 5: Cer Oro Turbo ultrasottile si distingue per un design della corona diamantata che produce maggior velocità di taglio. La maggior durata è ottenuta variando l’altezza della corona, poiché questa passa dai 7 mm del Cer-Rosa Turbo ai 10 mm del Cer Oro Turbo. Diametri 115 e 125 mm.

3

Per effettuare lavorazioni su materiali ceramici sempre più duri e fragili bisogna affidarsi a utensili performanti, come, ad esempio, carotatori in grado di garantire forature fino al diametro 68 mm senza crepe e sbrecciature su grès e graniti, marmi e vetro mosaico.

80 RIFARE CASA con MADE 2017/4

4

5


SEI UN PROFESSIONISTA DELL’EDILIZIA? C’È MADE PER I TUOI LAVORI A REGOLA D’ARTE

MATERIALI EDILI | FERRAMENTA | FINITURE | COLORE | SERRAMENTI Gruppo Made è il network di 190 punti vendita presso i quali puoi trovare le migliori marche, i più moderni sistemi per ristrutturare e personale qualificato che saprà consigliarti ed indirizzarti. Nel network dei punti vendita Made, potrai dunque trovare, oltre ai prodotti, servizi di consolidata esperienza che vanno dalla consulenza e progettazione, alla posa ed all’installazione attraverso i più qualificati artigiani per la realizzazione dei lavori a regola d’arte.

MADE, GLI SPECIALISTI DELLA RISTRUTTURAZIONE® ristrutturaconmade.it livingmade.it gruppomade.com

MADE NETWORK I PUNTI VENDITA PER COSTRUIRE E RISTRUTTURARE


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:24 Pagina 88

ISOLAMENTO senza interruzioni Un sistema di fissaggio inadeguato che attraversa i materiali isolanti può dar luogo a ponti termici e ridurre la capacità del rivestimento di contrastare le perdite di calore: ecco come fare

L

o scopo dei materiali isolanti utilizzati per i rivestimenti a cappotto è quello di formare una barriera continua contro le possibili dispersioni tra l’interno e l’esterno dell’involucro. Se la superficie che si realizza non è compatta, ma presenta fessure o altre possibili vie di fuga per il calore, le prestazioni possono diminuire in modo significativo. l Anche se il cappotto è eseguito a regola d’arte, a lavoro concluso capita con frequenza di dover installare complementi esterni che necessitano di

un ancoraggio in facciata, come tende da sole, unità esterne di condizionatori oppure, più semplicemente, corpi illuminanti o accessori di sistemi d’allarme. l Per il fissaggio occorre attraversare lo strato isolante e raggiungere la muratura: se il tassello non possiede caratteristiche simili a quelle del cappotto si forma un ponte termico, causa certa di dispersione come se si trattasse di un vizio della superficie. Per non incorrere in questi inconvenienti occorre scegliere i tasselli fischer studiati appositan mente per queste applicazioni. l Trattenimento di parete esterna a parete interna con intercapedine, da piegare e inserire nella malta. l Ancoraggio per pannelli isolanti per sistemi a cappotto con spina metallica e corpo di polipropilene. l Trattenimento di parete esterna a interna di laterizio forato con intercapedine, da annegare nella malta. l Come sopra, ma nel caso di parete esterna di laterizio faccia a vista e parete interna di laterizio forato. l Fissaggio di contenimento per lastre incollate su facciate di CLS o mattone pieno, installato con resina.

88 RIFARE CASA con MADE 2017/4


070-089.qxp_Layout 2 11/09/17 16:24 Pagina 89

1

2

3

1: i pannelli vanno incollati alla muratura distribuendo il collante lungo il perimetro e applicandone due punti al centro del pannello. Bisogna poi attraversare gli stessi con una punta da trapano, solitamente Ø 8 mm, fino a penetrare nella muratura a una profondità che permetta di incassare completamente il tassello, aumentandola di alcuni millimetri per consentire alla vite di fuoriuscire durante l’espansione. 2: un foro non pulito può pregiudicare la corretta tenuta del fissaggio, pertanto prima di inserire il tassello bisogna soffiare nel foro appena eseguito per far uscire i detriti. Il tassello va inserito manualmente fino a quando il collare non arriva a battuta.

ISOLATI E SICURI

3: a seconda del fissaggio scelto, l’espansione può avvenire tramite percussione, battendo con il martello sulla protuberanza esterna fino a completa penetrazione della stessa, o per avvitatura, nel qual caso occorre un bit adeguato e l’uso del trapano con la sola rotazione. 4: il collare del tassello, a espansione completata, deve rimanere leggermente incassato nell’isolante, così da permettere una regolare rasatura. Di norma si applicano uno o due tasselli in posizione centrale, gli altri in corrispondenza degli angoli del pannello in modo che i collari possano stabilizzare anche i pannelli adiacenti. I tasselli sono di tipo diverso a seconda del fondo di ancoraggio (mattoni forati o pieni, calcestruzzo ecc).

fischer THERMAX M12-M16

l I tasselli Thermax per carichi sospesi su superfici a cappotto dispongono di un cono isolante che forma una barriera termica ed evita le perdite di calore.

1: la sirena del sistema di allarme e il pluviale possono essere fissati saldamente sul muro col cappotto. 2: la tenda da sole è pesante e ingombrante, ma il suo fissaggio è egualmente sicuro. 3: l’unità esterna del condizionatore può essere installata come se il muro fosse pieno. 4: senza problemi il fissaggio della luce esterna. Evidenti in tutte le immagini anche gli speciali tasselli che ancorano il cappotto alla muratura.

4

fischer THERMAX JUNIOR M8-M10

1

2

3

4

RIFARE CASA con MADE 2017/4

89


090-095.qxp_Layout 2 11/09/17 16:26 Pagina 90

Intanto cominciamo a Il risparmio energetico è la più facile, pulita, accessibile forma di energia alternativa: evita di attingere a fonti non rinnovabili e permette di ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera, prima causa dei cambiamenti climatici

N

el nostro Paese i consumi energetici degli edifici sono ancora oggi imputabili per oltre il 65% al riscaldamento invernale, ma sono in crescita anche quelli determinati dal raffrescamento estivo. È evidente l’importanza che riveste l’isolamento termico dell’involucro edilizio: per contenere il fabbisogno energetico necessario a mantenere un ambiente confortevole non si tratta tanto di incentivare l’autoproduzione di energia, quanto di limitare le dispersioni con l’inserimento di barriere di separazione tra interno ed esterno. l A seconda della zona climatica di appartenenza ci sono determinati requisiti da rispettare: l’isolamento delle diverse superfici (pareti, pavimenti, tetto) può avvenire in vario modo e con materiali diversi per natura e per prestazioni, fattori che determinano lo spessore di isolante necessario per rientrare nei parametri richiesti. L’efficacia di un buon isolante termico risiede proprio nel soddisfare i requisiti con uno spessore contenuto. l Le schiume polyiso sono decisamente interessanti sotto questo profilo: si tratta di poliuretano che viene espanso senza l’utilizzo di prodotti nocivi per l’ozono, si presenta rigido, imputrescibile, resistente alle alte temperature e viene rivestito con diversi materiali a seconda dell’impiego cui sono destinati i pannelli. Questo materiale garantisce l’ottenimento di una determinata trasmittanza termica con spessori molto inferiori ad altri isolanti, quindi con un ingombro ridotto e un maggior spazio utile, specialmente se l’isolamento viene realizzato dall’interno. Ma il risparmio energetico prodotto da un materiale va considerato con un criterio più ampio: uno spessore ridotto significa anche un minor consumo di risorse in fase produttiva, una minor incidenza dei costi di trasporto e costi di manodopera ridotti grazie agli strati funzionali forniti già dal rivestimento dei pannelli che, a seconda dei casi, ne migliorano le caratteristiche in base alla destinazione d’uso. n

90 RIFARE CASA con MADE 2017/4


090-095.qxp_Layout 2 11/09/17 16:26 Pagina 91

CONSUMARE MENO l La trasmittanza termica U è data dal rapporto tra la conduttività termica λD del materiale e il suo spessore d (U = λD/d). A valori più bassi di U corrisponde un miglior isolamento termico. La tabella evidenzia gli spessori necessari per ottenere un valore U = 0,20 a seconda dei materiali utilizzati: i pannelli Stiferite di schiuma polyiso risultano decisamente meno ingombranti. l Confronto tra gli spessori di diversi materiali isolanti per ottenere una trasmittanza termica U=0,20 W/m2K.

115 mm Stiferite rivestimenti impermeabili λD = 0,023 W/mK 130 mm Stiferite rivestimenti permeabili λD = 0,026 W/mK 155 mm polistirene espanso con grafite λD = 0,031 W/mK 175 mm polistirene espanso λD = 0,035 W/mK 180 mm polistirene estruso λD = 0,036 W/mK 190 mm lana minerale (roccia o vetro) λD = 0,038 W/mK 215 mm sughero biondo λD = 0,043 W/mK 235 mm lana di legno λD = 0,047 W/mK

RIFARE CASA con MADE 2017/4

91


090-095.qxp_Layout 2 11/09/17 16:26 Pagina 92

ALCUNE SOLUZIONI PER COPERTURE COPERTURA PIANA CON MANTO ARDESIATO l Se il solaio presenta un piano di posa irregolare occorre pareggiare i dislivelli e, se la superficie produce spolvero, applicare una mano di primer idoneo. Si procede con la stesura della barriera al vapore che abbia una resistenza alla diffusione pari o superiore a quella del manto impermeabile. I pannelli Class B sono rivestiti di fibra minerale, bitumata sulla faccia superiore; la posa avviene con cordoli di colla poliuretanica, con bitume a caldo o a secco con tasselli. Si conclude con un doppio strato di membrana bituminosa armata di poliestere, di cui la seconda ardesiata per una durata maggiore.

COPERTURA PIANA PAVIMENTATA l Il procedimento da adottare è praticamente identico al precedente fino alla posa dei pannelli, che possono essere dello stesso tipo. In questo caso si utilizzano due strati di guaina bituminosa armata poliestere, tra le quali viene interposto uno strato di separazione in tessuto non tessuto di poliestere; terminata l’impermeabilizzazione si stende un foglio di carta paraffinata per impedire la penetrazione di liquidi e si procede con la posa del massetto. A stagionatura avvenuta si può concludere con la pavimentazione della superficie.

A FALDA MICROVENTILATA l Sulla faccia superiore, il pannello Isoventilato adotta un rivestimento Laminglass, permeabile al vapore e impermeabile a una colonna d’acqua di 3 metri. Annegati nella schiuma, a filo della faccia superiore, ci sono due listelli di legno OSB che attraversano il pannello a tutta lunghezza e che costituiscono la base per il fissaggio meccanico al piano di posa. La linea dei listelli si segue facilmente grazie alle scritte. Si fissa il travetto di scontro alla base della falda, si posano e si avvitano i pannelli con i listelli perpendicolari alla linea di gronda, si sigillano le giunzioni con banda adesiva, si fissano i profili metallici e si posano le tegole.

92 RIFARE CASA con MADE 2017/4


090-095.qxp_Layout 2 11/09/17 16:26 Pagina 93

L’ISOLAMENTO DELLE PARETI IN INTERCAPEDINE l Questo sistema di coibentazione, attuabile solo in fase costruttiva, risulta essere molto vantaggioso per ottenere un comfort abitativo in tutte le stagioni, anche dal punto di vista acustico. Tra il muro esterno e quello interno, in corso di avanzamento lavori, si inseriscono i pannelli GT, rivestiti da uno strato speciale (Duotwin): il muro interno può essere costituito da un semplice laterizio da 8 cm, successivamente intonacato, e si ha un buon comportamento anche dal punto di vista acustico. In base alle specifiche esigenze si possono utilizzare pannelli con rivestimento permeabile o impermeabile al vapore.

ESTERNO A PARETE VENTILATA l La parete ventilata è l’evoluzione dell’isolamento a cappotto esterno. Sulla muratura grezza vengono fissati tramite tasselli i pannelli GTE, rivestiti su entrambe le facce con alluminio multistrato: in questa situazione si possono utilizzare spessori elevati senza il rischio di tensioni del rivestimento durante il periodo estivo. Viene poi realizzata la struttura portante in base al rivestimento scelto per la facciata, mantenendo gli elementi distanziati dallo strato isolante. L’intercapedine risultante permette la libera circolazione dell’aria, massimizzando l’isolamento e contribuendo a proteggere l’involucro dall’umidità.

ESTERNO A CAPPOTTO TRADIZIONALE l Tra i sistemi più utilizzati per le costruzioni esistenti, il cappotto termico consiste nell’applicazione di pannelli isolanti, che vanno incollati alla muratura esistente con prodotti premiscelati, variandone lo spessore a seconda della regolarità del supporto, e successivamente tassellati. Segue una prima rasatura nella quale viene incorporata la rete d’armatura; si procede con l’intonacatura e la finitura della superficie. La stabilità dimensionale del pannelli Class K a temperature tra -40/+110 °C è un dato fondamentale per queste e altre applicazioni.

RIFARE CASA con MADE 2017/4

93


090-095.qxp_Layout 2 11/09/17 16:26 Pagina 94

ISOLARE DALL’INTERNO SOTTO CARTONGESSO l Negli interventi di recupero su pareti esistenti non coibentate, specie nei locali abitati, questo è un sistema a secco che migliora sensibilmente l’isolamento termico. Sulle pareti perimetrali (non sulle tramezzature interne) si fissa l’intelaiatura di supporto per le lastre di cartongesso; tra i montanti si inseriscono i pannelli, rivestiti di alluminio, quindi si passa al fissaggio delle lastre all’intelaiatura con viti fosfatate, specifiche per queste applicazioni. I giunti vanno rivestiti con rete in fibra di vetro, mentre per gli spigoli si utilizzano i profilati di rinforzo; queste zone, insieme alle teste delle viti, vanno stuccate e rasate per uniformarle alla superficie, pronta per qualsiasi rivestimento.

ISOLARE I PAVIMENTI CONTRO TERRA l Sul sottofondo si stende una membrana bituminosa da 4 mm armata poliestere, risvoltandola sui perimetri, poi i pannelli (tipo GT) e lo strato separatore di barriera al vapore. Su questo sandwich si può realizzare il massetto per la nuova pavimentazione: bisogna stendere una rete elettrosaldata d’armatura e applicare, lungo tutto il perimetro, uno strato di separazione tra pavimento e pareti, costituito da una striscia di polietilene espanso spesso 5-10 mm da applicare alla base delle pareti. Si può quindi procedere con la gettata.

PRODOTTI DIVERSI... PER ISOLAMENTI DIFFERENTI l L’isolamento per esterni con sistema a cappotto Therm comfort G3 è realizzato con pannello di lana di vetro che, oltre a garantire un ottimo isolamento termico, assicura migliori prestazioni di traspirabilità, isolamento acustico e reazione al fuoco. l L’isolamento con Isover Insulflate rappresenta una soluzione ideale per la ristrutturazione e l’efficienza energetica di tutti gli edifici costruiti senza essere isolati. Si tratta di una lana di vetro in fiocchi per l’isolamento di intercapedini vuote di pareti perimetrali e sottotetti.

94 RIFARE CASA con MADE 2017/4

l Realizzando una controsoffittatura con pannelli in lana di roccia Tonga si ottiene un isolamento perfetto del solaio e un abbassamento del fabbisogno di illuminazione dell’11% grazie al biancore del rivestimento. Weber (www.e-weber.it)


096-100.qxp_Layout 2 11/09/17 16:27 Pagina 96

DAL MONDO EDILIZIA CONSOLIDARE IN LEGGEREZZA

L’ex convento dei Frati Minori Osservanti di S.Pietro di Piazza Armerina (EN), un edificio risalente al tardo ‘500, è stato oggetto di un restauro caratterizzato da consolidamento delle strutture portanti, rifacimento delle coperture e ripristino delle volte, oltre a trattamenti protettivi dei muri a vista e interventi complementari. Nel ripristino delle volte ha avuto un ruolo fondamentale l’argilla espansa Leca, utilizzata nella quantità di circa 300 m3; le caratteristiche di leggerezza e resistenza dell’argilla si sono rivelate determinanti per non gravare sulle strutture. L’argilla è stata pompata da un’autocisterna per realizzare lo strato di riempimento destinato a ospitare il getto di consolidamento. www.leca.it

AL BANDO LE BRUTTURE PERIFERICHE

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla seconda tranche (800 milioni) per contrastare il degrado socio economico delle periferie delle città metropolitane e finanziare 50 nuovi progetti dedicati a questo, che si aggiungono quindi ai precedenti 25, già finanziati, sul totale di 120 approvati. Le somme stanziate saranno utilizzate per interventi sull’housing sociale, le scuole e il verde pubblico, con un’attenta valutazione di prodotti e di sistemi innovativi che dovranno diventare esempi di “buona pratica” anche per lavori futuri. www.gruppomade.com

QUANTO VALE LA RISTRUTTURAZIONE

Sulla base della valutazione degli immobili oggetto di compravendite si calcola che il mercato della ristrutturazione si aggiri sui 7 miliardi di euro, una cifra calcolata da un’agenzia di valutazione immobiliare. Il mercato delle compravendite è composto da circa 235.000 appartamenti che necessitano di una ristrutturazione, a vari livelli. I metri quadrati da ristrutturare in toto sono circa 5 milioni, mentre quelli che prevedono interventi parziali sono oltre 11 milioni. Se si considera che il costo di una ristrutturazione “pesante” al metro quadrato è mediamente di circa 700 euro, mentre quella per interventi più “leggeri” è di circa 300 euro, la conta è fatta. www.gruppomade.com

96 RIFARE CASA con MADE 2017/4


sistema

DAMPER

ne abbiamo per tutti!

%

isolanti acustici a parete e a pavimento

la tranquillità che cercavi

duemilacom.it

gomma riciclata

DAMPSTRIP SILEREX

DAMPROLL

DAMPSHAKE DAMPDRY

DAMPARQUET

DAMPTILE

visita il sito per schede tecniche e certificazioni

projectforbuilding.com

DAMPWALL

realizzare riciclando

24050 Mornico Al Serio (BG) - I - Via Fornace - Tel. +39 035 4490440 - Fax +39 035 4490752


096-100.qxp_Layout 2 12/09/17 10:37 Pagina 98


096-100.qxp_Layout 2 12/09/17 10:39 Pagina 99


ristruttura con made I CONSIGLI DEI PROFESSIONISTI PER RISTRUTTURARE CASA

TA VA IS O L O A I TR EC CIN I SP V Ù LO PI CONSIGLI

SOLUZIONI

Come pulire le fughe del pavimento con prodotti naturali

Come calcolare i metri quadri di una casa, parete o pavimento

PRODOTTI

Utensili per il fissaggio, come scegliere il più adatto alle nostre esigenze

SERVIZI

Cosa sono i VOC e dove si trovano i composti organici volatili

MATERIALI

Carte da parati, come prepararla e come stenderla

MADE, GLI SPECIALISTI DELLA RISTRUTTURAZIONE®

ristrutturaconmade.it livingmade.it gruppomade.com

Rifare Casa con Made - Ottobre 2017