Issuu on Google+

Università Iuav di Venezia

Greta Sadushi – [ Mat. 280627 ] Corso di ‘Georafia del territorio contemporaneo’ Docente : Prof. Franco Farinelli Collaboratrice didattica : Arch. Claudia Faraone


ANALISI PIAZZA DUOMO

PIAZZA DUOMO DI TRENTO

• • • • • • •

CENNI STORICI UBICAZIONE RISPETTO ALLA CITTA’ PERCORSI PREFERENZIALI EDIFICI CON VARI FUNZIONI FONTANA DI NETTUNO UTILIZZO DELLA PIAZZA FUNZIONE SOCIALE


STORIA Piazza Duomo è una delle più belle piazze urbane del mondo. Ha avuto diversi nomi nel suo passato tra cui piazza Grande, piazza Comune, piazza Italiana, piazza Vittorio Emanuele III e piazza Cesare Battisti. La piazza è delimitata da edifici affrescati ed edifici tipici dell’architettura trentina e al cuore di essa si trova la fontana del Nettuno. Quest’ultima è stata progettata dallo scultore Francesco Antonio Giongo tra il 1767 e il 1769.


L’edifici più importante è la Cattedrale di San Vigilio costruito nel XIII secolo. Progettata dall’architetto Adamo d’Arogno ha uno stile romanico-gotica. Esso è anche famoso per il Concilio della Controriforma cattolica alla Riforma protestante svolto proprio al suo interno tra il 1545-1563, ospitando incontri molto importanti tra cardinali, principi, vescovi e nobili provenienti da tutta Europa. L’interno è molto decorato con colonne preziose realizzate in marmo locale e con l’altare barocco. La facciata nord della cattedrale presenta uno stile gotico.


Un valore rilevante assumono anche le due case pittoresche con dei meravigliosi affreschi nelle facciate principali fatte da Fagolini nel 1530.


Anche il palazzo duecentesco, il palazzo Pretorio, occupa un posto importante in piazza Duomo.

Pochi sanno che la facciata principale non è assolutamente originale ed è stata totalmente rifatta all’inizio del ‘900. Quindi è una ricostruzione storica, per altro ben riuscita, perché nessuno si accorge di questo fatto.


ANALISI PIAZZA Ho deciso di scegliere proprio Piazza Duomo come l’oggetto della mia esercitazione perché è il fulcro della città di Trento. È il luogo d’incontro in qualsiasi stagione di tantissime persone di tutte le età.

La città di Trento nella quale viene evidenziata il centro storico

Piazza Duomo


PERCORSI PRINCIPALI La piazza è racchiusa da edifici storici su tutti e 4 i lati e presenta 4 vie di accesso tutte esclusivamente pedonali, di qui 3 di dimensione estremamente limitate mentre la quarta, via Belenzani, una volta chiamata via Larga, con dimensioni più importanti , è quella che conduce al municipio della città che si trova appunto in fondo alla via, all’incrocio con via Roma.

Edifici storici Via Belenzani Altre vie di accesso


È interessante l’analisi dei percorsi che indica che la piazza viene attraversata soprattutto con una traiettoria sud-nord ( freccia rossa) e non viene attraversata la via più importante, via Belenzani (ex via Larga), che sicuramente rappresentava storicamente l’accesso principale. Questo significa che la fruizione della città .e della piazza in particolare, si è modificata nel tempo.


Piazza Duomo presenta quindi tutte le caratteristiche della piazzaagorà in quanto non è un intersezione di strade, ma un vero luogo racchiuso e delimitato, dove sono possibili gli incontri e le relazioni sociali. Si trova nel centro della città tra gli spazi destinati ai parcheggi e le vie del centro destinate allo shopping.


IL CONTORNO DELLA PIAZZA

Gli edifici che contornano la piazza, pur avendo tutti valenza storica-architettonica, possono essere distinti in luoghi di attrazione culturale e luoghi di attrazione ludico- relazionale.

Su due lati si trovano infatti la facciata principale del duomo e il palazzo Pretorio, sede del museo diocesano, mentre sugli altri 2 lati sono presenti attività commerciali, quali negozi ma soprattutto bar e caffè plateatici che permettono una fruizione ancora maggiore della piazza.


Quindi la piazza viene utilizzata sia dai turistici che vogliono visitare i monumenti sia dai turisti e dalla popolazione locale come puro luogo d’incontro.


LA FONTANA CENTRALE Importante è la presenza della fontana, costruita da Francesco Antonio Giongo tra il 1767 e il 1769 (peraltro è copia dell’originale e per motivi di conservazione l’originale è depositata nei cortili del municipio).

La fontana oltre ad essere attrattiva in quanto monumento, avendo la base una piccola scalinata circolare, diviene luogo di sosta e d’incontro senza dover utilizzare i locali pubblici a pagamento.


Urbanisticamente la fontana non è in pozione centrale rispetto alla piazza, nè delimita un percorso particolare. Ho potuto verificare che tale scelta è probabilmente dettata che anticamente scorreva una roggia a cielo aperto a circa un terzo della piazza. Tale roggia è stata coperta e per mantenerne la memoria storica è stata posata una pavimentazione differente che la indica. Quindi la fontana è centrale rispetto alla roggia.


UTILIZZO DELLA PIAZZA

Inoltre la piazza è in prossimità del polo universitario ( facoltà di sociologia, giurisprudenza, economia) e quindi durante il giorno è molto frequenta anche dagli studenti universitari, mentre nelle ore notturne, non essendoci attrattive particolari, la piazza rimane poco frequentata salve i mesi estivi, quando si utilizzano i caffè al aperto, e i fine settimana.


Un giorno in settimana nella piazza ha sede il mercato e quindi è affollata di bancarelle e persone che scendo dai paesi e dalle valli per fare gli acquisti.


FUNZIONI SOCIALI E CULTURALI Durante l’anno poi la piazza viene utilizzata anche per altre manifestazione quali festival economia, festival della montagna, concerti e quindi in piazza vengono montate delle strutture provvisorie e dei tendoni. Probabilmente date le caratteristiche architettonico-culturali della piazza sarebbe più logico che gli eventi che necessitano di strutture, che possono oscurare la bellezza degli edifici e degli monumenti, venissero organizzati i altri spazi più consoli in modo da permettere sempre la “lettura” dell’architettura e della storia della piazza.


Dall’analisi sopra descritta è evidente che piazza Duomo non è solo un luogo che ospita edifici di interesse, di pregio, ma riveste una importante funzione sociale.


Piazza Duomo Trento -- Greta Sadushi