Issuu on Google+

Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

texas exas hold’em

il

in4e4 in4e 4’otto

13:56

Pagina 1


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 2


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 3

Andrea Cannizzaro

texas exas texas hold’ em hold’ em in4e4 in4e 4’otto

il il

in4e4’otto

Regole, strategie e consigli utili per vincere live e on line


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Copertina: Patrizia Marrocco Fotocomposizione: Graphic Art 6 srl – Roma Stampa: La Moderna – Roma Copyright L’Airone 2010 © E.G.E. srl – Roma www.gremese.com Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta, registrata o trasmessa, in qualsiasi modo o con qualsiasi mezzo, senza il preventivo consenso formale dell’Editore. ISBN 978-88-6442-033-2

Pagina 4


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 5

O

aibbas allus iIndice hcoiG O Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7

Nomenclatura di base . . . . . . . . . . . . . .

13

Le regole del Texas Hold’em . . . . . . . . . . . I punti del Poker . . . . . . . . . . . . . . . Limit vs no limit . . . . . . . . . . . . . . .

15 16 21

La strategia di gioco . . . . . . . . . . . . . . . Torneo vs cash . . . . . . . . . . . . . . . .

22 22

I fattori decisionali . . . . . . . Le hole cards . . . . . . . . . 1. La tabella di Sklansky . . La posizione al tavolo. . . . . Gli stack . . . . . . . . . . . Il numero di giocatori al tavolo Le pot odds . . . . . . . . . . La tipologia dell’avversario . . 1. Loose-passive . . . . . . 2. Loose-aggressive . . . . . 3. Tight-passive . . . . . . 4. Tight-aggressive . . . . .

. . . . . . . . . . . .

25 25 26 27 31 32 34 40 40 41 41 41

I tell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43

Il bluff . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il semibluff e lo slowplay . . . . . . . . . . .

45 49

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 6

O

6 Il Texas Hold’em Il kicker . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56

I rilanci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

60

Esempi di strategia avanzata . . . . . . . . . . . Lo squeeze . . . . . . . . . . . . . . . . . . La blocking bet . . . . . . . . . . . . . . . .

64 64 66

La varianza e il bankroll . . . . . . . . . . . . .

68

Strategia per vincere nei tornei multitavolo (MTT tournaments) . . . . . . . . . . . . MTT vs STT . . . . . . . . . . . . . . Come affrontare un MTT . . . . . . . . 1. Fasi iniziali (early stages). . . . . . 2. Fasi intermedie (middle stages) . . . 3. Fasi finali (late stages) . . . . . . .

. . . . . .

70 70 71 72 74 77

On line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

82

Giochiamo il primo torneo insieme. . . . . . . .

87

Appendici . . . . . . . . . . Frasi famose e consigli utili Il gergo . . . . . . . . . . Struttura di un torneo . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . . . .

. . . .

. . . . . .

. . . .

. . . .

111 111 113 114

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 7

O

aibbasIntroduzione allus ihcoiG O Negli ultimi mesi, molti di voi avranno sentito, nel corso di conversazioni leggere, pronunciare la parola “poker” un po’ più spesso del solito. Qualcuno probabilmente ha continuato ad associarla a locali fumosi e clandestini in cui personaggi di dubbia provenienza si sfidano al tavolo verde mettendo in gioco un mare di quattrini. Ascoltando più attentamente, gli stessi che hanno origliato quella conversazione avranno scoperto che alla parola “poker” veniva associato un aggettivo “sportivo” che sembrava non poter avere nulla a che vedere con il noto gioco di carte. Il Poker sportivo, invece, è senza dubbio diventato uno dei fenomeni sociali più significativi degli ultimi tempi. Quell’epiteto accattivante, che conferisce al gioco una connotazione più socialmente accettabile, è il frutto di una geniale intuizione che ha trasformato un’attività irrimediabilmente legata all’azzardo in una gara che, di fatto, presenta molti punti in comune con le competizioni sportive in genere. Parliamo del Poker da torneo per intenderci: un modo di giocare che prevede una spesa contenuta e, soprattutto, preventivabile che si contrappone drasticamente ai rischi corsi dai giocatori d’azzardo. In questo manuale avremo occasione di spiegare in modo più approfondito questo meccanismo. Per ora ci limitiamo a segnalare la svolta epocale – il termine è


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 8

O

8 Il Texas Hold’em volutamente forte ma non del tutto fuori luogo – che ha comportato. Poker è una parola inglese che significa attizzatoio, l’arnese che si usa per smuovere la brace e ravvivare la fiamma nel camino. Alcuni vogliono invece collegarla alla parola “poke”, termine gergale che in America, Australia e Sudafrica vuol dire “tasca o portafogli” e, per estensione, gli spiccioli che si è soliti portare addosso. Altri, infine, individuano l’antenato del Poker in un gioco francese del XVIII secolo che si chiamava Poque, e che si diffuse in seguito anche in America. Il Poque si giocava con 20 carte di un mazzo francese: assi, re, donne, jack, dieci. Il nome del gioco deriva dal francese “pocher”, che significa ingannare l’avversario, cioè bluffare. Quando poi l’America acquistò i territori francesi della Louisiana, il nome si trasformò in Poker e ben presto divenne il gioco più famoso e conosciuto del West americano. Esistono numerose varianti del gioco. All’inizio del XX secolo sembra risalire l’origine di quella denominata Texas Hold’em. All’interno di questa variante ci sono due modalità diverse: il “limit” e il “no limit”. In seguito spiegheremo le differenze, per ora ci limitiamo a dire che fu proprio quest’ultima a conquistare le grandi masse di appassionati che oggi affollano le sale da gioco reali e virtuali di tutto il mondo. L’esplosione a livello planetario del gioco però avvenne con notevole ritardo rispetto alla sua nascita ed è ascrivibile ad almeno due fattori scatenanti: la tv e il web.


17-02-2010

13:56

Pagina 9

Introduzione 9

Dapprima i grandi network americani cominciarono a trasmettere le partite più importanti in televisione catapultando il Texas Hold’em direttamente dai casinò ai salotti delle nostre abitazioni. In seguito, la possibilità di osservare e imparare si trasformò nella facoltà di poter addirittura giocare, stando seduti alla propria scrivania, grazie alla magnifica opportunità che offriva internet. In rete chiunque aveva la possibilità di misurarsi con altri concorrenti pagando cifre abbordabili. Presto il numero di giocatori si moltiplicò in modo esponenziale fino a raggiungere cifre importanti dopo il 2003. In quell’anno accadde qualcosa di magico, un episodio che avrebbe trasformato un gioco piacevole e divertente nel fenomeno sociale di cui si è accennato. Stiamo parlando del cosiddetto “effetto Moneymaker”. Chris Moneymaker (il nome è assolutamente autentico per un bizzarro scherzo del destino) si qualificò per l’evento live più grande al mondo di Texas Hold’em attraverso un torneo satellite (competizioni a costo contenuto che mettono in palio la qualificazione per i grandi eventi) sul web con un’iscrizione di 39 dollari. Il costo per gli altri era di 10.000 dollari. Moneymaker, tanto per condire la favoletta, dopo la vittoria nel torneo on line si rese conto di non avere i soldi per pagarsi il viaggio a Las Vegas. Suo padre, Mike, e un suo amico di nome David Gamble (anche questo è un nome vero) glieli prestarono in cambio di una piccola parte delle vincite. Chris arrivò primo, aggiudicandosi un premio pari a 2,5 milioni di dollari.

O

Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 10

O

10 Il Texas Hold’em Dopo la storica vittoria, Moneymaker lasciò il lavoro e iniziò a viaggiare, cercando di vivere di tornei di Poker. Nel marzo 2005 pubblicò la sua biografia: Moneymaker: How an Amateur Poker Player Turned $40 into $2.5 Million at the World Series of Poker. È superfluo spiegare quale influenza possa aver avuto questo episodio nell’immaginario del giocatore di Poker on line. Il meccanismo dei tornei satellite permetteva a tutti, investendo pochi dollari, di coltivare facili sogni di gloria e ricchezza. La visione concreta del sogno realizzato da quel giovane, predestinato sin dal nome, fu la leva che proiettò il Texas Hold’em verso le grandi masse di tutto il pianeta. Dal settembre 2008, ovvero da poco più di un anno, il Poker on line è stato legalizzato anche nel nostro paese. Molti lo avevano già conosciuto attraverso siti stranieri, ma appare chiaro che dopo quella data si è innescato un meccanismo di diffusione senza precedenti. Tutte le Poker room (sale virtuali in cui si gioca) italiane hanno raggiunto risultati al di sopra di ogni più rosea aspettativa. Centinaia di circoli hanno aperto al pubblico (salvo poi essere costretti a chiudere, si spera momentaneamente, per un’ordinanza delle questure) per offrire la possibilità di giocare dal vivo anche a coloro che non sono disposti a spendere cifre impegnative. Il circuito di tornei live più importante in Europa (EPT: European Poker Tour) è arrivato in Italia da pochi anni e ha totalizzato oltre mille iscritti nell’evento che si è tenuto al casinò di Sanremo lo scorso aprile. Tale cifra è stata rag-


17-02-2010

13:56

Pagina 11

Introduzione 11

giunta grazie agli innumerevoli tornei satellite organizzati dai siti web e dalle sale da gioco di tutto il paese. Spendendo pochi euro si poteva conquistare l’iscrizione che per l’occasione era stata fissata a 5300. Il primo premio di oltre un milione e mezzo di euro è stato vinto da un ragazzo olandese di circa vent’anni. In Italia, prima del Texas Hold’em, si giocava quasi esclusivamente il Draw: una specialità in cui vengono distribuite cinque carte coperte a ciascun giocatore. Questi ha anche l’ulteriore possibilità di sostituire parte delle carte iniziali. In pratica si tratta del “pokerino” casalingo che molti di noi hanno giocato e giocano nel periodo natalizio o qualche venerdì sera con gli amici. Nessuno avrebbe mai pensato che quel passatempo un giorno sarebbe potuto diventare una disciplina sportiva, ma oggi qualcuno sembra veramente convinto che ciò possa accadere, per giunta in tempi non lunghissimi. A tal proposito nel luglio del 2006 è stata fondata la FIGP (Federazione Italiana Gioco Poker) che ha lo scopo di legittimare, promuovere e divulgare l’attività pokeristica su tutto il territorio nazionale. L’ambizione della FIGP è quella di far riconoscere il Poker come una disciplina sportiva associata al CONI dallo Stato italiano. Appare evidente che tra la clandestinità di un tempo e l’ufficialità del CONI esiste uno stato intermedio che è poi quello in cui ci troviamo attualmente. Nelle pagine che seguiranno tenteremo di spiegare le regole che governano il Texas Hold’em, ma soprattutto di darvi i consigli giusti per imparare presto a vincere!

O

Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 12

O

12 Il Texas Hold’em Lo faremo partendo dalle nozioni di base, per poi passare ai suggerimenti sulla strategia da adottare nel corso del gioco. Analizzeremo i fattori più importanti che occorre tenere in considerazione per prendere delle decisioni. Parleremo dei grandi tornei e di come affrontarli con successo. Infine proveremo a decodificare il gergo che si è sviluppato intorno ai tavoli verdi.


17-02-2010

13:56

Pagina 13

13 NOMENCLATURA DI BASE POT

PIATTO

HOLE CARDS

LE DUE CARTE COPERTE (PERSONALI)

FLOP

LE TRE CARTE SCOPERTE SUL TAVOLO

TURN

LA QUARTA CARTA SCOPERTA SUL TAVOLO

RIVER

LA QUINTA E ULTIMA CARTA SCOPERTA SUL TAVOLO

COMMUNITY CARDS

LE CARTE SCOPERTE SUL TAVOLO (BOARD)

DEALER

MAZZIERE

SMALL BLIND (sb) PICCOLO BUIO BIG BLIND (bb)

GRANDE BUIO

BET

LA PUNTATA

RAISE/RERAISE

RILANCIO/CONTRORILANCIO

LIMP

ENTRARE NEL PIATTO COPRENDO IL GRANDE BUIO

STACK

POSTA INIZIALE

BUY IN

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

CALL

ANDARE A VEDERE

FOLD

PASSARE

CHECK

RICHIESTA DI GIRARE UNA CARTA SENZA PUNTARE

DRAW

PROGETTO DA COMPLETARE

SHOWDOWN

MOSTRARE LE CARTE ALLA FINE DELLA MANO

O

Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17


Texas_12x17.qxp:Giochi d’AZZARDO GB 12x17

17-02-2010

13:56

Pagina 14


Il Texas Hold’em in 4&4otto