Page 1


Gotha_dicembre_2008:Layout 1

4-12-2008

N.

16:56

1

Pagina 2

DEL CASHMERE SU MISURA

SHOWROOM su appuntamento Pernumia (PD) BOUTIQUE Abano Terme (PD) Via Jappelli, 51 BOUTIQUE Costa Smeralda - Hotel Cala di Volpe Per informazioni Tel. +39 0429 779993

www.royalcashmere.it


Gotha_dicembre_08:Layout 1

10-12-2008

17:52

Pagina 3


Edit oriale

gotha

Caro 2008, anche tu avrai lo stesso destino di ogni anno che sta per finire… Per molti sarai un anno da ricordare, il più bello di tutti, quello che non si vorrebbe mai che finisse… Per altri sarai un anno da dimenticare, e nel volgere al termine chissà che porterai via con te tutte le negatività… Come ogni dicembre, si fanno bilanci e buoni propositi per il futuro… Noi auguriamo sinceramente a tutti i lettori un felice Natale e un roseo 2009… L’allegria e il sorriso fanno vedere tutto più bello… E se ancora non sono sufficienti… Magari basta travestirsi da renne di Babbo Natale… agitare la palla… Rimescolare la neve… e si vede tutto sotto una nuova luce!

Registrato al Tribunale di Padova n. 2002 Anno 07 • Numero 07 • Dicembre 2008

Redazione Via Savonarola, 242 int. 6 - 35127 Padova tel. 049 8722979 - fax 049 8720315 info@gotha.veneto.it www.gotha.veneto.it Editore Ci.Co. Srl di A. Cicogna, S. Carraro, F. Dolcetta, K. Rossi

Direttore Responsabile Alessandra Cicogna Art Director Monica Jacopetti

Buon 2009 a tutti!!! Alessandra Cicogna e la redazione

Hanno collaborato a questo numero Ines Thomas, Silvia Carraro, Francesca Dolcetta, Katia Rossi, Alessia Severin, Erika Bollettin, Benedetta Fabris. Tipografia Chinchio Industria Grafica spa Via Pacinotti, 10/12 35030 Rubano (PD) Tel. 049 8738711 - Fax 049 8738766 Servizi fotografici Silvia Aquilesi Le foto pubblicate sono protette da copyright e non possono essere utilizzate. Marketing PADOVA Antonella Burrascano Elena Bonafede VICENZA Francesca Dolcetta TREVISO Claudia Negro Numero copie 15.000 Distribuzione Gratuita

Info

gotha

www.gotha.veneto.it


Roche Bobois vous souhaite une brillante annĂŠe 2009. Roche Bobois augura a tutti un luminoso 2009.

www.roche-bobois.com

BASSANO DEL GRAPPA

PADOVA

TREVISO

Via J. Da Ponte, 9 Tel. 0424 527883

Via Santa Lucia, 46 - ang. Via Aquileia Tel. 049 8774943

Viale Montegrappa, 11 Tel. 0422 433727

VERONA - Palazzo Guerrieri Corso Porta Borsari, 44 Tel. 045 8031069

vicenza.bassanodelgrappa@roche-bobois.com

padova@roche-bobois.com

treviso@roche-bobois.com

verona@roche-bobois.com


di Silvia Carraro

Ph Dino Colli

Inverno 2008-2009. Neve abbondante con largo anticipo come non succedeva da anni. E impianti aperti già dal 15 novembre, con i primi appassionati a solcare le piste da sci. Per la gioia dei fondisti, il passo Tre Croci, a 1800 metri, è stato il primo ad aprire, perfettamente sciabile in tutti i suoi 10 chilometri, e sul tracciato si è già visto in allenamento Ole Einar Bjørndalen, grande campione norvegese di biathlon. Questi gli appuntamenti sportivi del 2009. Granfondo Dobbiaco-Cortina: storica gara di fondo, dal 31 gennaio al 1 febbraio, dedicata agli amanti della disciplina, che potranno cimentarsi nel percorso permanente di 42 km, considerato tra i più belli al mondo. Per gli appassionati della “tavola” lo Snowboard Club Cortina, nello stesso week end, ospiterà le gare internazionali di snowboard cross, un mix di specialità alpine e di freestyle. Nel week end successivo, dal 6 all’8 febbraio, ci saranno i campionati italiani di curling, sport che dalle ultime olimpiadi invernali sta appassionando sempre più sportivi. Seguirà, per gli amanti del vento e della velocità, la Cortina Snowkite Contest,dal 12 al 22 marzo, una settimana di evoluzioni tra aria e neve che quest’anno vedrà la presenza di grandi campioni. Per chi ama le gite in

aree protette, ci sono le escursioni di alpinismo: si sale con le pelli di foca applicate agli sci e in discesa ci si gode l’incantevole paesaggio. E finito lo sport? Ci si può rilassare in Corso Italia, la via dello shopping per eccellenza, tra le splendide boutique, le innumerevoli mostre d’arte, come nelle tre Gallerie di Stefano Contini, o alla Galleria Corbelli, che questo Natale presenta la mostra di uno dei più famosi pittori italiani della Pop Art, Mario Schifano. Chi ama spa e saune potrà godere dei molti centri benessere, tra cui la sauna di Cortina, la spa dell’Hotel Cristallo, dell’Hotel Faloria, dell’Hotel Franceschi. E dopo tappa obbligata nei vari bar per l’aperitivo: “elegante” al bar Posta e all’hotel Cortina,“tradizionalista” in enoteca da Gerry, e “frizzante” all’Lp 26, la prosciutteria aperta dal mattino presto a notte fonda. Innumerevoli i ristoranti: sempre ricco di fascino Piè Tofana, dove i più fortunati potranno sedersi nel tavolo con stube, El Camineto, Villa Oretta, con ampia terrazza per prendere il sole di giorno, il Tivoli, El Toulà, Leone e Anna, e molti altri ancora. Per chi non è mai stanco la serata continua con un drink al Vip, ristorante e piano bar dove nel film “Vacanze di Natale” suonò Jerry Calà,e poi nelle discoteche in Largo delle Poste: Bilbò, Bluroom.

EnjoyCortina Stagione invernale 2008-2009 Cielo azzurro, aria fresca, sole e piste innevate. Queste le premesse di una felice stagione invernale a Cortina d’Ampezzo.

6


A raccontarci Cortina 2008-2009 quattro Cortinesi doc: il discesista Kristian Ghedina, Il sindaco Andrea Franceschi, gli imprenditori Roberto Cardazzi e Giovanni Menardi. Kristian Ghedina non ha dubbi : “Nonostante la crisi, chi ama la montagna non rinuncia al tipo di vacanza che la nostra vallata offre, abbiamo la fortuna di essere uno dei luoghi più belli del mondo”. Kristian festeggia come ogni anno il Natale a Cortina, all’insegna delle tradizioni. Il giovanissimo sindaco Andrea Franceschi ci dice “Cortina è unica, e nonostante il cambiamento climatico e la crisi finanziaria, anche per questo Natale è tutto prenotato, con la maggioranza di turisti italiani. Dall’inizio 2009 ci sono molte prenotazioni internazionali: numerosi turisti provenienti dalla Russia,dove le festività natalizie, secondo la religione ortodossa, vengono celebrate in gennaio. Gli appuntamenti culturali e musicali sono veramente di alto livello e inoltre a breve apriremo lo stadio del ghiaccio con 2000 posti a sedere (ora sono 450). Roberto Cardazzi, proprietario dell’Hotel Europa, del Vip e di una profumeria in corso Italia, conferma, : “Il Natale è all’insegna del tutto esaurito, come sempre. Lo sciatore è un cliente fidelizzato. Chi ama la montagna magari riduce il periodo, cambia le abitudini ma a Cortina non rinuncia. Gli americani e alcuni inglesi, addirittura prenotano un’ anno prima…”. Giovanni Menardi, titolare dell’ Hotel Argentina e dell’enoteca prosciutteria Lp26 dice: “Anche questo Natale 2008 è tutto strapieno, sono ottimista e penso che la gente nonostante la crisi non rinuncerà al piacere di sciare, di godere della bellezza della montagna, dell’aria pura, di un divertente aperitivo e delle cene in centro e in rifugio”.

8


AUTOMOBILI Viale dell’Industria, 23 - Padova Tel. 049 8088630

ap@autopatavium.it www.autopatavium.it


La grande emozione chiamata

Italia Australia Ad incitare oltre 30.000 spettatori

Ph Filippo Alfero LaPresse/FIR

8 novembre - Padova

L’attore Richard Burton diceva a proposito del rugby : “Riesce a essere al tempo stesso balletto, opera e sanguinoso duello”. Rispetto e contatto. Combattimento corpo a corpo e grandi slanci. Disciplina e umiltà. Capacità di soffrire e esempio di valore: questo sport racconta in fin dei conti storie semplici la cui morale umanistica e fervore toccano ormai un pubblico vastissimo. Gli azzurri hanno testato la loro nobiltà di decimi nel ranking mondiale, risultato raggiunto proprio con una faticosa vittoria in Argentina in giugno. Ed è stato l' inizio di una nuova avventura tecnica alla ricerca dell' assetto che permetta al ct Mallett di affrontare il Sei Nazioni del 2009 con una squadra competitiva e ben strutturata. Il rugby si sente in grande salute, Giancarlo Dondi è stato plebiscitariamente rieletto alla presidenza, ci sono sponsor e televisioni, il capitano Parisse è stato appena eletto il migliore numero 8 al mondo e ha firmato per altri tre anni per lo Stade Francais. La partita Italia-Australia è stata un "test" match anche per la città di Padova. La nostra regione era orfana della nazionale di rugby da troppi anni e ha colto l'occasione per lanciare una candidatura importante: quella di "capitale" dei test match invernali. I brividi durante l'inno nazionale sono un'esperienza comune, l'emozione al momento della meta di Mirco Bergamasco palpabile. Insomma un grande spettacolo sugli spalti. Eventi che non vivono solo nel campo: “La partita è il culmine di giorni di festa che diventano tanti motivi di coinvolgimento. È stato bellissimo vedere i giocatori australiani entrare in campo per il riscaldamento e fermarsi a guardare i nostri bimbi giocare. Vedere poi a fine gara le due squadre fare il giro d'onore attorniate dai piccoli rugbisti. È stata la dimostrazione di cos'è il rugby. C'è piaciuto molto anche poter giocare nella nostra città”, parole di Andrea Marcato, incapace di controllare la forte emozione. Maggiore spazio all'atmosfera e alle condizioni ambientali lo ha invece concesso chi ormai con la maglia azzurra è abituato a giocare, ma che non aveva mai avuto l'occasione di farlo nella città che lo ha visto nascere e crescere. Come Marco Bortolami: «Il pubblico è stato incredibile, l'atmosfera bellissima. Noi in campo dovevamo dimostrare di essere all'altezza di queste partite e lo abbiamo fatto. Lo stesso è stato sugli spalti. Non vedo dunque perchè un evento del genere non debba tornare ogni anno a Padova».Una meta all'Australia è sempre da ricordare, segnarla poi di fronte non solo ai propri tifosi, ma agli amici e alla propria famiglia, diventa speciale. Mirco Bergamasco è tornato a segnare in azzurro e lo ha fatto proprio all'Euganeo: «Quando segni non pensi a nulla, in realtà. Solo ai cinque punti della tua squadra. Ma prima abbiamo sentito un'emozione particolare. Giocare davanti alla famiglia ci ha fatto sentire un affetto un sostegno enorme che ha fatto crescere la voglia di tutta la squadra». A proposito di famiglia. Il primo ad abbracciare Mirco Bergamasco dopo la meta è stato il fratello Mauro, come sempre anima di questa nazionale, presente e spesso decisivo a tutto campo: «Ringrazio tutti per il sostegno e le emozioni che ci hanno regalato. Siamo partiti molto carichi proprio perché avevamo voglia di metterci alla prova. Noi ci credevamo davvero e fino a dieci minuti dalla fine eravamo vicini a qualcosa di importante». Noi ci auguriamo di “riaverli” in città al più presto perché ci hanno portato una vera ventata di grande sport e di tanta allegria… Silvia Carraro

10


Il letto dei tuoi sogni. HĂ„STENS STORE PADOVA Via San Marco 11 (NET-center), Padova, Tel: 049-7396140 E-mail: hs-padova@hastensstores.com, www.hastens.com/padova


Tra balletti e principe azzurro Federica Nargi, la nuova velina di Striscia la Notizia. A guardarla ricorda tanto Melissa Satta, non per la chioma scura ed lo sguardo da cerbiatta, ma per il sorriso raggiante e gli occhi luminosi, sempre. Federica Nargi, la nuova velina mora di origini romane che ogni sera balla sulla passerella del tg satirico di Striscia la Notizia, non è stata scelta a caso. Il pubblico l’ha amata fin dal suo primo stacchetto di luglio durante “Veline in tour” e Antonio Ricci, regista della storica trasmissione condotta da Ezio Greggio, non poteva che dare la sua benedizione. Alle sue prime apparizioni in pubblico e sembra cavarsela decisamente bene. L’abbiamo incontrata al Mojito, il dinner&dance di Mellaredo di Pianiga, dove ha duettato con ballerini, dj e poi si è esibita sul cubo, mostrando uno dei famosi “stacchetti”. Federica è sicuramente una velina al 100% ed allo stesso tempo è una diciottenne tifosa della Roma, che sta vivendo il suo prima grande amore, quello con l’ex concorrente del Grande Fratello Francesco Botta. Una ragazza come tante altre se non fosse per la notorietà che l’ha travolta: Federica ha appena preso la patente, sente la mancanza di amici e famiglia da quando si è trasferita a Milano e sogna un futuro su palcoscenici e piccolo schermo. Com’è cambiata la sua vita con Striscia la Notizia? “La mia vita è stata completamente rivoluzionata. Ho lasciato Roma per vivere e lavorare a Milano e quando dico lavorare, non è scelta a caso come parola. Fare la Velina impiega a tempo pieno. Mi alzo alla mattina ed inizia subito con una lezione di danza, poi la palestra, poi i corsi di dizione e recitazione, la preparazione per le telepromozioni e le prove prima di andare in onda. E’ un impegno costante, ma è anche un’esperienza che mi darà una formazione, Striscia è una grande scuola. Ammetto che non me l’aspettavo così” Prima di essere velina lei è stata una miss? “L’anno scorso ho partecipato a Miss Italia: una bella esperienza, anche se in quel caso non avevo possibilità di esprimermi. E’ un concorso di bellezza e tranne la presentazione non si ha modo di farsi conoscere, però è stato proprio a Salsomaggiore che ho scoperto che forse potevo tentare con i provini da velina. Tutti mi dicevano che ero nata per diventare una delle ragazze di Striscia oppure una letterina. All’inizio sorridevo e poi mi sono messa in gioco e c'ho provato... ed eccomi qua” C’è un personaggio della televisione che le piace particolarmente? “Simona Ventura, non ci sono dubbi. E’ semplicemente fantastica, non ci sono altre parole. E poi ci sono Ezio Greggio e Enzino Jacchetti, non li posso assolutamente dimenticare” Il nuovo lavoro ha creato problemi alla sua vita privata? “Mi sono allontanata dagli amici e dalla famiglia, loro stanno a Roma e io a Milano, però si tratta di un periodo e qualche sacrificio bisogna pur farlo” Si sacrifica anche in amore? “Direi di no, ho trovato il mio principe Francesco. Mi appoggia e mi aiuta soprattutto in questo momento di cambiamento”. 13


Botswana Safari nel bush Safari in lingua swahili significa letteralmente viaggio e il Botswana è l’esperienza safari perfetta per carpire la magia dell’Africa. Un viaggio attraverso le vaste aree selvagge e incontaminate per esplorare la vita del bush.

Situato in Africa australe, il Botswana affascina per il suo ambiente naturale, diviso tra le immense distese desertiche del Kalahari e la rigogliosa vegetazione del delta dell’Okavango. Il Delta dell’Okavango con i suoi canali, lagune e isole è il più esteso sistema idrico interno del pianeta, oltre a rappresentare uno dei più straordinari ecosistemi al mondo. La lontananza dell’intero paese dal mare conferisce a questo bacino idrico un’importanza enorme, in quanto è fonte di vita e sopravvivenza per animali e piante che trovano qui l’habitat ideale. Nella Moremi Game Reserve, un Giardino dell’Eden che occupa la zona nord orientale del delta dell’Okavango, la natura fiorisce lungo 3.000 kmq, dove oltre 500 specie di uccelli si abbeverano nelle diverse pozze d’acqua e un’impressionante varietà di animali saranno i protagonisti dei vostri numerosi incontri ravvicinati. Trascorrere la giornata all’interno della riserva, soffermarsi sulle rive sabbiose del fiume per un pic-nic lunch è l’esperienza più magica che questi luoghi possano offrire: l’esplorazione in barca delle acque dell’Okavango permette di apprezzarne appieno i suoni e i colori e grazie alla guida esperta di Ralph Bousfield, botanico e zoologo nato in Botswana da una storica famiglia di esploratori, la conoscenza di questo paradiso naturale si trasforma in una scoperta. Il Botswana è la destinazione giusta per osservare i grandi animali africani nel loro regno: dall’elefante al leone, dal leopardo al ghepardo, fino ai particolari suricati, piccoli mammiferi che abitano solo alcune zone dell’Africa meridionale. Da qualche anno la Moremi Game Reserve è una delle poche aree in cui è possibile avvistare i rinoceronti. C’è il parco nazionale del Magkadigkadi Pans, dove durante la stagione delle piogge tra febbraio e aprile si possono vedere immensi branchi di zebre e gnu migrare verso Nxai. Questa zona offre una sistemazione unica, al Jack’s Camp, campo tendato di lusso, in pieno deserto del Kalahari: dieci lussuose tende in stile 1940, posizionate su piattaforme in legno e con servizi privati. Circondati da un paesaggio lunare, ci si lascia coccolare dal buon cibo fresco, preparato quotidianamente, mentre durante le pause di relax non mancano tè e dolcetti, in perfetta tradizione inglese, impiantata in Botswana dal protettorato britannico durato fino agli anni ’60. Un angolo di paradiso, un’avventura nel segno dell’esclusività, che resta impressa nelle menti dei viaggiatori.

Boutique Padova Via Guglielmo Oberdan 4 - Padova TEL. 049 98 19 861 - FAX. 049 98 19 862 padova@bradipotravel.com www.bradipotravel.com


La nuova linea di Lo showroom si trova a Vigonza (Pd) in Via Julia, 59 - Tel. 049 6226117

Ha inaugurato con oltre 700 ospiti il nuovo showroom di Fabrizio Smania. Presenti Silvana Giacobini, Andrea e Pinuccia Riello, il senatore Elisabetta Casellati, Dino Tabacchi, Renè Caovilla, la moglie Paola e la figlia Giorgia, da Conegliano Renato e Arianna Grigolin, da Vicenza Antonella e Ernesto Amenduni e Zeno Soave. E ancora l’intramontabile pilota Giacomo Agostini e la moglie Maria, l’avvocato trevigiano Anna Bonamigo, la creatrice di bijoux Vitti Feria Contin. Fabrizio Smania da decenni è un punto di riferimento in ambito internazionale nel settore dell’arredamento d’interni. In tutti questi anni ha progettato e realizzato ambientazioni per dimore ed imbarcazioni di illustri committenti nonché Golf House e alberghi di prestigio nei cinque continenti. La tensione per il bello che da sempre lo ha accompagnato e la sua professionalità, gli hanno consentito di selezionare più di 700 artigiani specializzati, che, da lui indirizzati e coordinati gli hanno consentito di soddisfare appieno il desiderio primario della sua elitaria committenza: l’esclusività. Una unicità estrinsecata in tutte le fasi operative: dal progetto dell’insieme alla realizzazione di ogni singolo pezzo. Oggi Fabrizio Smania e l’Arch. Rima Abrami, con la quale da un decennio condivide la sua vita professionale, hanno deciso di dar luce a F++R il primo atelier in Italia di “accessori eccessivi”. In F++R la sensibilità ed il gusto per il bello si sono trasposti in un’ampia gamma di oggetti e complementi di arredamento, tutti caratterizzati dall’esclusività che da sempre ha accompagnato l’opera di Fabrizio Smania. Ma la novità assoluta dell’atelier, nel quale si è trasferito il concetto sartoriale dall’alta moda all’accessorio e al complemento di arredo, è che quanto proposto altro non è che una serie di esemplificazioni e sug-

16

L’evento è stato realizzato dallo staff di Gotha.

A


Gli architetti Fabrizio Smania e Rima Abrami.

accessori eccessivi gestioni dalle quali il cliente potrà trarre spunto per plasmare a suo piacimento l’oggetto del “desiderio” da lui identificato. In tal modo potrà esso stesso essere artefice della sua esclusiva realizzazione di cui F++R sarà tramite. Difficile e concettualmente limitativo sarebbe enumerare valenze e caratteristiche di tutte le proposte presenti nell’atelier. Ci limitiamo quindi ad enunciare le sezioni tematiche portando per ciascuna di esse qualche esempio significativo, in quanto solo una visita di persona potrà veramente dare la misura dei sentimenti e delle emozioni che F++R può trasmettere. Prima sezione Oggettistica, comprende: vasi, candelabri, candele, cornici, soprammobili e complementi vari. I materiali utilizzati porcellana, ceramica, argento, pelle, oro. Seconda sezione Biancheria: Coperte, lenzuola, spugne e accessori da bagno, tovaglie. Il tutto in cashmere, seta, lino, pizzi, voille, fiandre e cotoni di pregio. Per l’ Arredo tavola, la terza sezione, si possono trovare: posate, piatti, bicchieri sottopiatti, pentole, etc. Anche qui le proposte sono molto assortite acciaio, titanio, argento, oro, cristallo, vetro, porcellana, bon cina, ceramica. Arte: esposte nell’atelier vi sono opere di artisti antichi e contemporanei, dall’arazzo del XVI sec. all’oggettistica di avorio, alle sculture cinesi del 200 A.C., alle sculture, quadri e vasi contemporanei. Da notare che anche all’interno di questa sezione è possibile “commissionare” agli artisti stessi, delle opere secondo il proprio desiderio, traendo spunto dai soggetti esposti. Per tutta questa sezione, inoltre, l’atelier offre un servizio di expertise, consulenza e ricerca di pezzi rari.

Anna Bonamigo e Franco Frezza.

A destra Rima Abrami con Michela Bettanin e Giorgia Caovilla.

Vitti Feria Contin e Silvana Giacobini.

Fabrizio Smania e Giacomo Agostini.


PADOVA ista Casellati. Vittorio Feltri con il presidente Gianbatt

Dal profumo al cioccolato, al cashmere ai pezzi d’antiquariato, alla bigiotteria e ai gioielli:

Buon Natale a tutti!

The Cross compie otto anni “Ricerca continua e ovunque è e sarà sempre il mio motto... Questa è la ragione che mi fa amare il mio lavoro.” A parlare è la titolare Barbara Carraro. Nella sua boutique propone pezzi insoliti, cose non facili da trovare oggi.“Forse avrei dovuto nascere in un 'altro secolo. Amo le cose speciali, così sono volata a New York per portare in Italia marchi in esclusiva, da noi ancora sconosciuti che negli Stati Uniti sono mostri sacri, come G.Yosca, I. Moini, Bounkit, de H. Jewels, Moyna Bags. Proprio questo mi da la sicurezza di essere sulla buona strada. Altra mia meta obbligata è l’amata Parigi dove vado almeno 4/5 volte l’anno e dove trovo nuove idee e nuovi brand di bijoux da accostare ai classici Ferrandis o alla mitica Carla Peretti. Le mie ultime acquisizioni sono state a Mader dal Brasile, Dublos da Siviglia, Karmen dalla Turchia ... e poi il mio primo 'grande amore' le ormai classiche ma essenziali pashmine ricamate di Twiga, un must nel guardaroba di una trend setter ...insomma ho passato ore a scegliere in maniera quasi maniacale orecchini, collane, bracciali e colori di scialli per la mia clientela e spero che riuscirete ad amarli come me!

Piazza della Frutta, 16 - Padova TEL. 049 651482

18

Vittorio Feltri ospite d’onore per i Lions

ha visto Una serata davvero speciale quella che elata, tam Gat s: Lion 4 dei Vittorio Feltri ospite riugio, Pela San osa, Cert Elena Cornaro Piscopia, ita grem era sala La . niti allo Sheraton di Padova Lidi e ttor dire il di gente accorsa per ascoltare . soci dei o bero gentilmente intervenuto su invit del te iden L’avvocato Gianbattista Casellati, pres ta così ha sera a dell tore crea e lata club Gattame e voci più presentato l’illustre ospite: “Una dell voce liuna no, italia smo autorevoli del giornali destra a enti fend a men bera che critica, elogia, ostim e nte llige inte ed a manca, ma in maniera sul ra libe a ruot a lante”. È seguito un intervento continuacostume politico italiano interrotto mente da applausi di consenso. Katia Rossi


Stile, carattere, ricerca Questi sono gli elementi che contraddistinguono le scelte di Video Look.

La selezione dei capi è il risultato di un accurato lavoro orientato a soddisfare il maggior numero di clienti possibile. Il panorama francese è ampiamente rappresentato dai nomi più illustri e significativi dell’ allure française come Yves Saint Laurent, Alaïa, Celine, Givenchy, non da meno le presenze inglesi più giovani, innovative quasi trasgressive come Stella McCartney e Alexander McQueen. Oppure un inno alla tradizione e alla classicità di un check come Burberry, prestigioso brand britannico, che offre una vasta scelta di oggetti e idee regalo natalizie. E come non citare, infine, le importanti griffe italiane che risplendono nel più alto firmamento della moda nazionale: da Valentino a Versace, Etro, Antonio Marras, Ermanno Scervino, Emilio Pucci e Roberto Cavalli. Ma la chiave del successo di questo importante punto di ritrovo padovano è l’entusiasmo, la professionalità, la simpatia, il brio con cui viene accolta e coccolata tutta la clientela, anche la più esigente. VIDEOLOOK boutique Via San Clemente, 9/19 - Padova TEL. 049 87 58 917 info@videolookpadova.it www.videolookpadova.it

19


Profumo di

delizie

La prima cosa che colpisce chi entra nel negozio “La pralina padovana” in Corso Milano 42, è il profumo di cioccolato. Dentro infatti, La titolare Sabrina Cozzi l’assortimento è vastissimo: cioccocon la collaboratrice Belinda Boscolo. latini e cioccolate, ripieni, farciti, al latte, amari, amarissimi, disposti nei cesti, confezionati nelle scatole, appoggiati sui piatti, nascosti tra i fiori e i nastri. A “La pralina padovana” il mondo è dolce ed ha il sapore del cioccolato di marca italiana. Sabrina Cozzi, la titolare, ha avuto anche l’idea di creare un cioccolatino dal nome “La pralina padovana”, di un design perfetto: un quadrato marrone con una striscia di cioccolato bianco in verticale; dentro, la crema di fondente si mescola al liquore “Sangue Morlacco” Luxardo e ad una marasca.“Desideravo scherzare sulla padovanità del mio cioccolatino- ha spiegato, sottolineando con gentilezza, un’ attenzione davvero rara nei confronti della sua città. Adesso è Natale: a “La pralina padovana” le ceste natalizie, che vengono confezionate dalla stessa Sabrina, sono composizioni bellissime, eleganti, gioiose. Dentro c’è il Natale più goloso: dal panettone alla composizione di cioccolatini al vino pregiato al torrone alle specialità del momento. Il cliente può scegliere le ceste già pronte o affidarsi al buon gusto di Sabrina, per un regalo davvero speciale perché il materiale usato per le decorazioni è il più raffinato e il contenuto di ottima qualità: il risultato finale è molto bello, di gusto, di effetto. Ines Thomas

LA PRALINA PADOVANA Corso Milano, 42 - Padova TEL. 049 8360943 info@lapralinapadovana.com

20

Anche Ronaldinho sceglie i biliardi Schiavon nella proL’azienda padovana, leader in Italia pione cam dal ta duzione di biliardi, è stata scel per ne azio disf brasiliano del Milan. Grande sod dellari Zelindo e Lorenzo Schiavon, tito aldinho, l’azienda di biliardi omonima. Ron da gioco dopo aver provato il loro tavolo dove si alpresso il centro sportivo Milanello, morato inna ito sub è ne lena la squadra, se è coNon o. uist acq onorando la ditta di tale opad a end l’azi munque la prima volta che e com li: iona vana viene scelta da nomi internaz ulov Janc il calciatore Ronaldo, lo scorso anno, can il ora ski, Weah e Paolo Maldini, e poi anc altri i tante Biagio Antonacci, e tant 5 , oggi 193 nel ata fond a iend imprenditori. L’az erazione. vede attiva la seconda e la terza gen tutto il in ti orta esp o I biliardi prodotti vengon e arridov da i, Arab mondo, anche nei mercati stoinca le e vano le richieste più originali, com no han li nature di pietre preziose. Questi tavo artiti izza la caratteristica di essere ancora real e ad alatric fres una do zzan utili , gianalmente erico, per tissima precisione a controllo num gioco. E di o pian del one garantire la per fezi ta per lizza ona pers e così questa passione vien za, la gan l’ele do ogni diverso cliente ricercan raffinatezza e la qualità.


shopping

gotha

ZULIAN Profumerie Padova Galleria Ezzelino, 4 Tel. 049 8750538 Via del Vescovado, 52 Tel. 049 650123 Piazzale Mazzini, 29/30 Tel. 049 8757883

Mezzo secolo di bellezza La Profumeria ZULIAN, dal 1953 presente a Padova, da pochi mesi ha aperto due nuovi spazi: in Galleria Ezzelino 4 (di fronte alla sede in cui è stata per molti anni) e in via del Vescovado 52.

Dal nonno Ermenegildo (classe 1909) al nipote Fabrizio (1966), la famiglia ZULIAN è, da anni, a capo di un’azienda di vendita al dettaglio di prodotti per la bellezza, dalle creme ai profumi, dalla bigiotteria agli articoli da regalo. Anche nel passaggio di generazioni, i ZULIAN hanno mantenuto costante l’impegno di serietà e di professionalità che i clienti hanno sempre riscontrato nella profumeria che porta il nome “ZULIAN”. L’ occhio attento ma discreto, a chi entra nel negozio, il particolare servizio ai clienti, l’alta qualità degli articoli in vendita, uniti alla cortesia e alla disponibilità di Fabrizio, Annalisa, Florinda, Marina, Nadia, fanno della profumeria ZULIAN un punto di riferimento in città a quanti sono interessati alla “bellezza”. Ai nomi “classici” delle case cosmetiche migliori si sono aggiunti, in questi ultimi tempi, anche nuovi articoli di profumeria “artistica” che vanno ad unirsi ai prodotti di trattamento all’avanguardia, come per esempio quelli a base di cellule staminali vegetali. Grazie alle nuove linee di cosmetica e al nuovo look dei negozi, la profumeria ZULIAN si sta aprendo, inoltre, alle nuove generazioni, che troveranno, all’interno, l’ambiente adatto per gli acquisti di profumeria e bigiotteria e per i regali. Per le prossime festività natalizie, i negozi ZULIAN attendono l’affezionata clientela e colgono l’occasione per fare a tutti, da questa pagina, gli auguri più belli. Ines Thomas

21


“Luce” come il radioso bagliore dei diamanti e delle pietre preziose. “Luce” come la positività e l’energia che anima la terza generazione Callegari, figli di Roberto e del capostipite Giuseppe. Quattro fratelli, Giuseppe, Andrea, Elisabetta, Paola, che guardano con ottimismo al 2009, anno in cui la propria azienda compirà un secolo di vita. “Luce” come il titolo dell’evento che venerdì 28 novembre ha ospitato oltre 500 amici e clienti per brindare al restyling della new boutique gioielleria in via San Fermo angolo via Davila. Una serata in cui le nuove vetrine erano particolarmente incantevoli, quasi cornici di quadri preziosi al cui interno spiccavano gioielli elegantissimi e mai eccessivi, nello stile Callegari. Mentre la Galleria in via Davila 8, oggi un concept store che oltre alla lista nozze propone oggetti d’arte e idee regalo selezionate nei vari viaggi nel mondo, accoglie gli ospiti in un’atmosfera più lounge, tra candele e oggetti di design. All’inaugurazione, per congratularsi con la famiglia Callegari, sono giunti molti imprenditori del triveneto, tra cui il gioielliere di fama internazionale Marco Bicego, l’imprenditore padovano Nicola Bardelle, patron dei jeans di lusso Jacob Cohen, e ancora Edoardo Tabacchi, del gruppo Salmoiraghi e Viganò, Andrea Salvetti, Luciana e Barbara Carraro, gli avvocato Gianbattista Casellati e Nicoletta Ghedini, il maestro Terrani, i fratelli Sinigaglia, gli imprenditori vicentini Zeno Soave e Antonio Bettanin con la moglie Michela.

Magica luce New Roberto Callegari Roberto Callegari NEW BOUTIQUE Via San Fermo angolo Via Davila • Padova tel. 049 8763131 • www.robertocallegari.com

Giuseppe Callegari con il gioielliere Marco Bicego e a fianco con Nicola Bardelle e Anna Inferrera, testimonial della nuova campagna pubblicitaria.

Marisa Callegari con l’avvocato Adi Zanin.

22

Luciana Carraro con il maestro Alberto Terrani.


Al centro Roberto Callegari con i figli Paola, Elisabetta, Giuseppe e Andrea.

Tutte le foto dell’evento si possono visionare nel sito www.robertocallegari.com

23


Un caldo inverno Una nuova boutique di maglieria e cashmere. Ha aperto in centro a Padova Leonora, dove poter scegliere tra originali collezioni morbide e carezzevoli. Quasi come un abbraccio da indossare… Qualità senza tempo è il must di Leonora. L’azienda veneta Furlan conosciuta a livello internazionale per la maglieria femminile di qualità rigorosamente Made in Italy ha aperto il suo primo monomarca nella centralissima via Umberto I e presenta quest’inverno una moda per la città. La donna potrà usufruire di cappotti e cappe avvolgenti, sottogiacche a costine in stretch con ampi scolli eleganti anche per la sera, maglie più sportive sempre nel prezioso filato ad effetto tweed e stole e scialli leggerissimi ed eleganti. Per l’inverno Leonora scommette sul calore evocato dai materiali e punta sulle novità o reinventa capi classici. Punto di forza sono i twin set dai mille abbinamenti e variazioni sul tema. Capita che il dolcevita si abbini alla giacca o al cappottino lavorato. I sottogiacca sottilissimi non conoscono limitazioni di colore. Dalle sfumature del prugna ai toni del bosco passando per i beige e nero che non stancano mai e vanno benissimo anche per occasioni più eleganti. La collezione autunno/inverno 2008-2009 propone un total look di maglieria per il giorno e per la sera nella taglia che si desidera. Leonora per affermare l’alto livello manifatturiero acquisito in cinquant’anni di attività è presente nei più diffusi mensili e settimanali italiani. Amanti della lana, Sandra e Sergio Furlan hanno trasformato il filo in oggetto del desiderio, sperimentando nuove trame, punti inediti, amoreggiando con i filati fino ad avvolgere le loro clienti. Katia Rossi

Sandra Furlan con la responsabile del negozio Maristella Cecchetto.

Tel 049 8766231 info@maglificiofurlan.it 24


Nel negozio Eliver la personalità di un uomo si racconta nei particolari.

Antonio Caniggia con lo staff della sua boutique.

26

Dettagli di Stile La moda non ha importanza. Ciò che conta è lo stile – afferma senza riserve Antonio Caniggia titolare della boutique Eliver dove tutto passa attraverso la filigrana del suo gusto. Un gusto autentico che nasce dal piacere di accontentare il cliente proponendogli un look personalizzato ascoltando e capendo l’esigenze dell’uomo che gli sta di fronte.“L’abito, come le scarpe e gli accessori – spiega Antonio – deve comunicare la propria personalità, interagire con la persona, con i suoi gesti ed i suoi stati d’animo. Così i miei clienti si lasciano ispirare da me, io amo inventare con i tessuti, i colori e le contaminazioni”. Da più di vent’anni nel settore dell’abbigliamento maschile la famiglia Caniggia si è sempre contraddistinta per la proposta di prodotti di grande qualità sartoriale e lunga ricerca. Sia nello storico negozio di Mestre che nel noto spazio di via Davila a Padova tutti i prodotti sono scelti per la loro vestibilità e modellatura sartoriale come i capi della Sartoria Attolini di Napoli, quelli della sartoria Partenopea, di Loro Piana, Alden ed Incotex. All’interno del negozio Antonio, Elisa ed Adriana Caniggia, insieme ai collaboratori Annalisa ed Alessandro accolgono i clienti in un contesto accogliente e familiare dove l’abbigliamento maschile vuole creare emozione. Ed in un contesto natalizio molte sono le idee originali all’insegna dell’eleganza come i selezionati jeans Kurabo originali giapponesi e la nuova azienda Salvatore Piccolo che più che una camiceria è una vera sartoria. E’ in una boutique come Eliver che nasce la differenza tra stile e moda, fra ciò che conta e ciò che non ha importanza… Katia Rossi


ELIVER PADOVA Via Davila Caterino, 3 TEL. 049 655906 MESTRE Via Mestrina, 14 TEL. 041 962688 www.eliver.eu info@eliver.eu 27


Un Natale prezioso Sono sfarzosi,eccentrici,glamour,unici, e riescono ad enfatizzare la bellezza femminile con scintillanti punti luce o con la ‘forza’ delle pietre. Paolo Piovan, designer di gioielli favolosi,la moglie Marisa,le figlie Serena e Annalisa, propongono oggetti unici in grado di stupire,che sanno esprimere la personalità decisa e originale di chi li indossa. Questo è il punto di forza della gioielleria che ha fatto della passione e dedizione per i gioielli dell’intera famiglia la sua punta di diamante. Per il Natale l’elegante boutique si arricchisce di nuove linee, mentre la lussuosa griffe è già pronta per approdare, il prossimo anno, nelle più importanti fiere del mondo dagli Emirati Arabi alla Russia ed all’Estremo Oriente.“Vogliamo portare nel mondo il meglio della cultura italiana – spiega il gioielliere Paolo Piovan – artigianalità, creatività e design sono la base imprescindibile del nostro lavoro, ma oggi li coniughiamo con processi avanzati ed innovativi come l’uso del titanio che rende il gioiello più leggero e facilmente maneggevole. Siamo in un momento complicato ma il mondo non si fermerà. Noi pensiamo già al futuro e, durante la prossima fiera dell’oro di Vicenza, sarà proiettata sul soffitto dei padiglioni la sfilata di Gioielli Paolo Piovan indossati da modelle di Versace, in esclusiva con solo altre due importantissime gioiellerie”. Katia Rossi

PAOLO PIOVAN GIOIELLI Corso Garibaldi, 2 - PADOVA TEL. 049 8750709 www.paolopiovan.com

Al centro RATTLESNAKE Sotto in ordine da sinistra: IRIS DAY-NIGHT IRONBELLY


Cashmere High Tech

Dall'Africa con amore Grande successo al Net Center di Padova della serata per festeggiare il rientro dall'Africa del Marco Polo Team I quattro piloti Michele Orlando, avvocato, Marco Denicolò, imprenditore, il veneziano Carlo Mascarin, medico chirurgo e il vicentino Paolo Zancan, consulente finanziario a bordo delle nuove moto BMWF800GS fornite da BMW Motoraid Italia e preparate da Gruppo Motorsport, hanno portato a termine un impegnativo raid in Etiopia di oltre 5000 km, quasi interamente in fuoristrada, ripercorrendo anche quello che fu nel 1896 l'itinerario dell'esploratore italiano Vittorio Bottego. Il Team ha dovuto misurarsi con condizioni di terreno e di tempo spesso proibitive. Per contro sono stati ripagati dalla visione di animali e paesaggi spettacolari e dall'incontro con popolazioni che ancora vivono in condizioni primitive. Alla serata era presente anche l'organizzazione Cuamm-Medici con l'Africa, che da anni sostiene l'ospedale etiope di Wolisso, destinatario del progetto benefico, grazie a numerosi sponsor, collegato al raid e raggiunto in moto dal Marco Polo Team.Emozionanti anche i balli etnici offerti da Forum Centro Benessere di Padova che, assieme ad Interbrau, Casa In luce e Bradipo Travel, hanno consentito la realizzazione della spedizione. Katia Rossi

Rosy Garbo tra passato, presente e futuro Un tripudio di abiti d’alta moda. Moltissimi gli ospiti accorsi all’evento padovano di Rosy Garbo al Net Center, dove è stata allestita una delle passerelle più lunghe al mondo: ben 108 metri. Venticinque le modelle che hanno indossato e sfilato i circa 80 abiti della nuova collezione 2009. Seta e raso hanno ballato insieme, accompagnati dalle figure e i passi sinuosi di lane e taffetas. La sfilata è iniziata sulla base di "Also Sprach Zarathustra" di Richard Strauss, con spose e bambine vestite di bianco. Successivamente sono apparsi vestiti ricchi di ricerca ed innovazione resi unici dal contrasto di pregiati tessuti e materiali miscelati tra di loro. In chiusura di serata la madrina ed amica della stilista Katia Ricciarelli ha cantato l' "Ave Maria", subito dopo tanti applausi per la stilista che,in passerella con il figlio Mauro Belcaro, fashion designer, ha ringraziato gli amici per la magica serata. Katia Rossi

Ha inaugurato in via Risorgimento 32 la nuova boutique dedicata a filati di qualità e design. e a PaPer affrontare il freddo dell'inverno nasc i in cap dova una nuova boutique di eleganti a nell ica puro cashmere: Jibeset, azienda stor litempo produzione di abbigliamento per il enti alpres ni ova pad i ti bero e lo sport. Mol con are tocc to potu no l’inaugurazione che han alle r ove pull dai i, cap mano la vasta gamma di atre icola part giacche, tutti confezionati con soe o man a tenzione allo stile, ai ricami fatti in diverse prattutto ai pregiati filati impiegati mere di pesature. Novità l’esclusivo tessuto Cash to ad una ultima generazione, che accoppia iati, funmembrana waterproof, offre capi preg . Tech High zionali e decisamente Katia Rossi


Art

gotha

Metromorfosi Grandi megalopoli alla galleria d’arte Anna Breda che, insieme all’artista Fabio Giampiero ha presentato l’illusione di un mondo meraviglioso. Un vernissage proiettato dentro a Gotham City quello della Galleria d’arte contemporanea Anna Breda che ha invitato tanti clienti ed amici ad entrare nelle megalopoli dell’artista Fabio Giampiero. Nelle sue opere è fortemente presente il tentativo di stimolare lo spettatore ad osservare il mondo da un nuovo punto di vista. La sua pittura crea grattacieli e Vita apparentemente assente. Metropoli immaginarie.“Il messaggio che l’artista ci vuole inviare è il desiderio di innalzarsi oltre i limiti della piatta quotidianità – spiega Anna Breda – la città diviene forma vitale, assume sembianze umane, perché la città è vita”.. Katia Rossi

Anna Breda con l’artista Fabio Giampietro.

Quinta Edizione

dall’11 dicembre ‘08 al 15 gennaio ‘09

pezzi unici d’autore Inaugurazione Giovedì 11 dicembre ore 17.00 In una splendida cornice di quadri d’autore. Siate curiosi! Vi aspettiamo con piacere... per una cioccolata in Galleria


Rabarama a Parigi Einstein la vita di un genio

Esposte en plein-air le sculture monumentali di RABARAMA, una delle presenze più significative del panorama artistico Italiano. Si è svolta in novembre la mostra evento organizzata in collaborazione con la Città di Parigi delle sculture di Rabarama esposte in un itinerario che comprendeva alcune delle più importanti location del V Arrondissement, sede del Musee de la Sculpture en Plein Air, da Piazza del Pantheon a Rue Soufflot per arrivare a Place della Sorbonne, luoghi celebri e carichi di storia, della capitale francese. Un’opera di grande formato è stata esposta di fronte al Grand Palais, in occasione della FIAC e di ART Elysees. L’opera di Rabarama trova una sua dimensione eroica proprio nelle grandi dimensioni, nella spettacolarità delle opere monumentali che esaltano la forza plastica delle sue figure dall’inquietante androginità. Il colore, inserito nella scultura come puzzle, riecheggia le componenti umane del DNA, di quella forma di elemento aggregante della materia umana che ne è la componente inalienabile e distintiva. La mostra, a cura di Vincenzo Sanfo, è stata organizzata in collaborazione con la Vecchiato Art Galleries di Padova e la Leading Art Galleries di Parigi. Katia Rossi

Premio Internazionale

Sant’Antonio

32

La basilica del Santo ha ospitato la cerimonia di premiazione del premio internazionale Sant’Antonio, l’annuale riconoscimento dato a coloro che nel lavoro si dedicano a divulgare i valori della lezione antoniana: Vangelo e Carità. Madrina d’eccezione Milly Carlucci. Un momento emozionante è stata la recita di quattro atti della vita di Sant’Antonio tratti dal libro “Antonio Cavaliere di Dio” di Paolo Pivetti magistralmente interpretati dal Michele Placido, Luca Ward, Daniele Pecci, Annamaria Guarnirei, Cesare Bocci e il bellissimo padovano Luca Bastianello. Katia Rossi

La storia di un genio tra scoperte scientifiche e passione raccontata dagli studenti anizzato L’istituto Vescovile Barbarigo ha org n: la vita di nel suo teatro lo spettacolo “Einstei blico. L arun genio” rivolto ed aperto al pub enti, gli stud li dag iso gomento è stato dec e per la i tem vari i alunni hanno sviluppato gerisug to avu regia e la recitazione hanno ti orta Imp menti da un professionista esterno. al ita nasc i temi trattati: la vita di Einstein,dalla tività. Il Nobel, il suo pensiero scientifico: la rela so in 3 risultato è stato uno spettacolo divi dal pubparti gradevole, istruttivo, applaudito i hanno tutt che è nte blico. “La cosa importa tetico” pari o mod in collaborato ed interagito nizorga Re, Da ha detto il professore Antonio le so divi con zatore dell’evento. “Abbiamo moun in scelte e l’organizzazione del lavoro; scuola abmento difficile per il mondo della nascere biamo lavorato fianco a fianco e visto ento mom il e no gior per lo spettacolo giorno zioemo i tutt per o stat della messa in scena è sucil e enti pres dei nante.” Visto l’entusiasmo ormance cesso di critica seguiranno altre perf are. ecip a cui tutti saranno invitati a part Katia Rossi


Trenta hotel per

Turismo RE Turismo RE, società del Gruppo Antoitalia specializzata nella consulenza per il settore immobiliare turistico-alberghiero, ha in corso trenta operazioni relative a strutture ricettive. Turismo RE sta curando la selezione di investitori e gestori per questi hotel.

34

Nel numero di Novembre di Gotha Veneto il padovano Fabio Tonello, fondatore di Antoitalia networking, società leader nell’intermediazione di importanti portafogli immobiliari in Italia e all’estero, ci ha parlato brevemente anche delle altre due realtà del gruppo, RES e Turismo RE. La prima – RES Real Estate Services - è una società specializzata in property management e facility management. Questi servizi garantiscono al cliente proprietario di asset immobiliari l’espletamento di tutte le incombenze per la gestione di un immobile. Ad esempio, la gestione dei rapporti con i tenants o l’organizzazione delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, sempre con l’obiettivo di ottimizzare la redditività degli asset. Turismo RE invece è la società del gruppo specializzata nella consulenza in ambito immobiliare turistico-alberghiero. Piergiorgio Mangialardi, Direttore di Turismo RE, ci parla oggi dell’attività e dei progetti di questa società. Come è nata Turismo RE? “Turismo RE è nata dal desiderio dei suoi fondatori di unire competenze ed esperienze maturate nel corso degli anni in settori diversi ma contigui: quello immobiliare da un lato e quello turistico-alberghiero dall’altro. Da questa unione sono scaturite proficue sinergie, dovute proprio alla complementarietà dei business di provenienza dei soci. Soci di Turismo RE sono il sottoscritto e Antoitalia networking, il cui Presidente è Fabio Tonello. Presidente di Turismo RE è Stefano Sala, uno dei soci fondatori di Antoitalia”. Quale è il suo percorso professionale nel settore dell’hospitality? “Opero nel campo del turismo da più di dieci anni. Dopo aver lavorato nella direzione marketing e commerciale di alcuni grandi gruppi industriali italiani, sono passato alla consulenza direzionale al settore hospitality. Come responsabile di progetto e come partner di società di consulenza specializzate, ho seguito operazioni per catene alberghiere, tour operator e soggetti istituzionali. Ho anche gestito personalmente strutture alberghiere sia leisure che business. Da cinque anni mi occupo inoltre di formazione in ambito turistico e alberghiero. Ritengo la formazione in questo settore indispensabile per il successo di un hotel, in particolare nel segmento high-end. La qualità del servizio al cliente/ospite è importante quanto la location o le dotazioni dell’immobile”. Come si è creata la sinergia con Antoitalia? “Antoitalia possiede il vantaggio competitivo che le deriva da un’esperienza ventennale nel settore degli immobili di prestigio e da una rete di relazioni privilegiate con i principali operatori del real estate. Inoltre nel ‘DNA’ di Antoitalia già esisteva una vocazione verso il settore alberghiero. La società ha ceduto alcuni immobili a destinazione alberghiera nelle zone più interessanti di Milano, quali Brera e il Quadrilatero della moda. Infine Fabio Tonello è sempre stato convinto delle potenzialità del settore turistico italiano ai fini dello sviluppo immobiliare, e da tempo voleva trasformare questa sua visione in un progetto concreto. Condividendo appieno questa vision, non ho avuto dubbi a ‘fare squadra’ per rendere possibile un completamento dell’offerta di Antoitalia anche sul versante hospitality”. Quali sono i principali servizi forniti da Turismo RE? “La nostra attività si concentra su progetti di sviluppo e gestione turistico-immobiliare, in cui interveniamo sia come advisor sia nella ricerca di business partnership in Italia e all’estero. Le nostre aree di business sono: la consulenza per lo sviluppo di strutture ricettive, mediante la realizzazione di studi di mercato e business plan; la ricerca di investitori, developer e gestori; la consulenza allo sviluppo turistico territoriale, quello che in gergo tecnico si chiama destination management”.


A che tipologia di clienti si rivolge Turismo RE? “I nostri clienti possono essere proprietari di terreni e di immobili, proprietari e gestori di strutture ricettive, catene alberghiere e developer. A questi si aggiungono imprenditori e investitori privati, piuttosto che fondi di investimento immobiliare. In questo momento abbiamo oltre trenta strutture alberghiere in Italia e all’estero, per le quali siamo incaricati di selezionare società di gestione e investitori. Si tratta di operazioni diverse tra loro, innanzitutto per dimensione delle strutture ricettive e per tipologia di cliente. Inoltre, alcune sono operazioni di sviluppo, e il nostro cliente in questo caso è il proprietario dell’area oppure il developer o proprietario/costruttore, che si rivolge a noi per la ricerca di investitori e gestori. Altre operazioni invece riguardano hotel già esistenti, e il nostro cliente può essere il proprietario dell’immobile o il gestore. Qui il nostro incarico è quello di ricercare un potenziale acquirente o un nuovo gestore”. Ci vuole descrivere alcuni dei progetti su cui Turismo RE è impegnata? Su Milano stiamo seguendo una macro-operazione per sviluppare oltre 1.200 nuove camere di hotel, per i quali ricerchiamo investitori e gestori. Si tratta di business hotel, due nella zona dell’aeroporto di Linate, due presso il nuovo polo fieristico di Rho-Pero, e due in aree di riconversione urbana a notevole attrattività. Infine un boutique hotel a 5 stelle in pieno centro città, zona Duomo. Un’altra importante operazione, sempre su Milano, riguarda un luxury hotel 5 stelle già in funzione. Fuori Milano, un’operazione interessante per tipologia delle strutture – business e leisure - e per location, riguarda una catena di hotel. Si tratta di sei immobili alberghieri, per un totale di 730 camere, nel Nord Italia e in Toscana. Per tutte e sei le strutture ricerchiamo acquirenti per gli immobili e nuovi gestori. Nell’ambito del leisure, Turismo RE dedica un focus particolare alle operazioni di sviluppo ricettivo legate al golf. L’Italia è ancora agli inizi rispetto a Paesi vicini, quali Spagna e Portogallo, nell’utilizzo della leva del golf per attrarre un turismo internazionale di livello medio-alto. In questo ambito, in cui crediamo molto, stiamo seguendo progetti di sviluppo in Sicilia, Calabria, Toscana e Lazio. Per chiudere, due operazioni sull’estero: Londra, per un hotel già operativo situato in un palazzo storico di epoca vittoriana in centro città, e Budapest, per uno sviluppo”. Quali sono in prospettiva i “prodotti” più interessanti nel settore immobiliare turistico-alberghiero per un potenziale investitore, dal punto di vista di tipo di struttura e location? “Occorre premettere che per sua natura l’investimento immobiliare nel settore alberghiero è in primis effettuato da operatori del settore. La sfiducia nei mercati finanziari ha determinato però lo spostamento degli interessi di soggetti dotati di patrimoni rilevanti verso investimenti più sicuri. Sotto questo punto di vista l’immobile alberghiero, soprattutto se di qualità, presenta il vantaggio di sommare la sicurezza del “mattone” ad una redditività interessante e garantita. Milano rimane una destinazione primaria nel segmento del business hotel, anche in vista di Expo 2015. Roma mantiene una posizione privilegiata in Italia, in quanto accomuna le caratteristiche di destinazione principe per il turismo leisure con quelle di destinazione ‘affari’ e MICE (il segmento Meeting Incentive Conference Event). In Veneto, Verona senz’altro rappresenta la città con i numeri più interessanti e con un ottimo potenziale. Nel Mezzogiorno, Bari sta diventando una destination primaria per il segmento business. Sul versante del leisure, due aree verso le quali l’interesse da parte di investitori e operatori internazionali è crescente sono la Sicilia e la Puglia. In questo segmento, come accennavo prima, in Italia ci sono opportunità di forte crescita per i resort legati al golf, e la Sicilia è una delle regioni italiane che sta maggiormente investendo anche a livello istituzionale su questo filone.”

PIERGIORGIO MANGIALARDI Direttore di Turismo RE; Direttore del Master in Five Stars Hotel Management di Luiss business school e Forte Village; Co-direttore del Corso di alta formazione “Brand dei sistemi territoriali” del POLI.design Politecnico di Milano

FABIO TONELLO Presidente di Antoitalia e del Gruppo; Presidente e fondatore di A.g.i.r.e, Associazione Golf Italiana Real Estate; Membro del Comitato Scientifico di Quotidiano Immobiliare.

STEFANO SALA Presidente di Turismo RE; Responsabile Marketing e Sviluppo di Antoitalia Networking.

A Milano Turismo RE - Gruppo Antoitalia Via Fatebenefratelli 19 - Milano Tel. 02 2901 3497 - Fax 02 6969 0421 info@turismore.it www.turismore.it A Londra Turismo RE - Antoitalia Group International House 1 St. Katharine's Way London E1W 1UN - UK Tel. +44 (0) 20 7680 4020 35


Una storia luccicante

Lo storico showroom di illuminazione Gamma 3 e la sua divisione produttiva Gammadeltagroup, produttrice di lampadari, ha ancora voglia di crescere e si rinnova con Cristiana e Carlotta Mescalchin.

Cristiana Mescalchin.

GAMMA3 srl Statale Adriatica Km. 10,2 Due Carrare - PADOVA Tel e Fax 049 9125315 www.gamma3.com info@gamma3.com Da trent’ anni Gamma 3 è il riferimento obbligato per chi ama l’illuminazione. Nello storico showroom creato nel 1970, alle porte di Padova, si può trovare una vasta scelta di prodotti e modelli: classici, contemporanei, tecnici, da esterni ed anche complementi d’ arredo. Recentemente affiancano i genitori, al timone dell’azienda, Cristiana e Carlotta Mescalchin per le quali il mix di valori familiari e sensibilità per lo stile è la vera chiave del successo. Cristiana laureata in Filosofia e specializzata in marketing, si occupa della comunicazione e del commerciale, mentre Carlotta si è diplomata a Milano in interior design. Insieme stanno realizzando molte giovani e nuove idee. Il negozio è un ambiente veramente unico per lo shopping, ed oggi si è arricchito di uno studio di progettazione di interior design: “Carlotta 3” dedicato alla consulenza per l’ arredamento che fa della versatilità e della consulenza i suoi punti di forza. Mai come oggi la luce è protagonista dell’ arredo e Gamma3 è l’ originale punto vendita che si distingue per la propria raffinata ed esclusiva scelta delle migliori marche del settore. All’interno proposte incredibili di luci condensate in un’area di 600 mq dedicata esclusivamente alla soddisfazione del cliente. Inoltre sono garantiti a privati e professionisti del settore: consulenza, progetti su misura, studio e progettazione illuminotecnica per ogni tipo di ambiente, abitazioni private, spazi commerciali, hotel e Spa. I prodotti all’interno sono raggruppati per marchi e tipologie; tra i percorsi espositivi sicuramente innovativo è il Garden Light, un piccolo giardino artificiale dedicato alle luci da esterno. Particolare è la varietà dei prodotti Gammadeltagroup creati in esclusiva dalla divisione produttiva di Gamma 3 che danno corpo ad una nuova generazione di elementi costruttivi per interni dai colori “vivi”, concepiti per accendere i paesaggi domestici e spazi contemporanei di nuove sfumature e sensazioni visive. Katia Rossi

Un’emozione “fotografica” Se tutti i fratelli facessero sorprese del genere... forse non si litigherebbe più! E probabilmente questo è quello che capita a Matteo, affezionatissimo alla sorella minore Laura, neodiciottenne appassionata di fotografia: basta pensare che per lei è riuscito ad organizzare una stupenda mostra fotografica, celebrando così la sua passione e insieme festeggiando i suoi diciott'anni. In quella magica serata il "Mynt" di Abano Terme, un nuovo lounge bar di tendenza dall'atmosfera molto glamour, ha fatto da cornice al più bel regalo che una ragazza possa desiderare dai suoi cari. Tanti gli amici e i parenti che riempivano il locale in un'occasione così speciale. "Solo la fotografia” ha detto Laura, “ mi permette di fermare i momenti, di catturarli e farli miei. La fotografia fa vivere emozioni... forti come quella che ho vissuto io stasera". Benedetta Fabris


Il nuovo ABCcasa

L’azienda Antonio BIASIO, con sede a Caselle di Selvazzano, opera con successo da oltre 50 anni nel settore dell’arredamento di interni su misura. Da poco tempo, proprio per ampliare la propria visione del concetto “casa”, ha aperto un nuovo punto vendita in centro città, a Padova, dedicato all’oggettistica: “ABC casa”. Il negozio offre una ricerca accurata di oggetti per la casa che si inseriscono, con stile, in ogni ambiente; inoltre dispone di una vasta gamma di articoli da regalo, di oggetti di arredamento, da scegliere anche per le “liste nozze” e che si distinguono per eleganza, design, buon gusto. Molteplici le firme e i marchi proposti: tra questi, George Jensen, Livellara, Koziol, Risoli, Villa Collection, Millefiori, Memento, La Tavola, Microplane, Kyocera, Cow Parade, Baccano e molti altri. Ines Thomas

Oggettistica & arredo ABC Casa Via Breda, 33 - Padova Tel. 049 657966 abc casa@email.it Showroom arredo Via Umberto I - Padova Tel. 049 8987088 Produzione e showroom arredo Via Meucci, 7 - Caselle di Selvazzano Tel. 049 8987088 www.arredamentibiasio.it info@arredamentibiasio.it La responsabile del negozio Elisabetta Menato.

37


Imprenditoria, arte, cultura e cucina L'Industria Del Design di Alberto Del Biondi accende i riflettori su di un ciclo di appuntamenti mensili ad altissimo livello all’interno dell’avveniristico polo di progettazione creativa unico in Europa.

Gli incontri nascono con l’obiettivo di riunire ospiti illustri del mondo dell’imprenditoria, del business, della cultura e dell’arte per uno scambio di esperienze e di conoscenze, in un mix di affinità e diversità. In linea con la filosofia di Alberto Del Biondi, la pluralità di voci crea innovazione, arricchisce il singolo e consente una visione globale e nuova di ogni aspetto della realtà. I primi appuntamenti hanno visto ospiti l’architetto Tiberio Cerato, Responsabile del Dipartimento di Architettura dell’Industria Del Design, gli imprenditori Luigino Rossi, Dino Tabacchi, Giorgio Cattelan,l’artista Fabrizio Plessi, il conte Giannino Marzotto, la Contessa Ferri, Francesco Peghin, Presidente di Unindustria Padova ed amici come Paola Mazzuccato e i conti Zillo di Montexillo. Il secondo appuntamento ha coinvolto l’eccellenza della medicina e seguirà l’incontro con il mondo dell’arte e del design. Katia Rossi

Doppio Party per Jacopo Avogadro Dopo 11 anni di fidanzamento con la Baronessa Anna Maria Basile, è convolato a nozze il conte Jacopo Avogadro degli Azzoni. Circa duecento gli invitati da tutta Italia alla colazione a palazzo della famiglia Basile in Borgo Albizi a Firenze. E altra festa a Padova, a fine novembre, al Circolo Casino Pedrocchi, per brindare con i numerosi amici padovani.

La casa bioclimatica in legno. E’ la prima in Veneto Da dicembre ad Abano Terme Nasce la casa bioclimatica in legno a basso dispendio energetico. Pronta da dicembre ad Abano, è la prima costruzione a Padova, prefabbricata in legno, certificata con un livello altissimo di risparmio energetico e più salubre: totalmente priva di muffe, batteri e gas radon. Ed è la prima casa in Veneto per il particolare metodo utilizzato nell’isolare ed elevare da terra le pareti della casa attraverso una guaina in neoprene. Realizzata in 90 giorni perché prefabbricata in legno lamellare, con coibentazione della muratura e spessore fino a 42 centimetri. All’interno aria sanificata da un apposito impianto di trattamento dell’aria. Queste sono le principali caratteristiche della trifamiliare realizzata in via Pillon a Abano Terme (Pd), che garantisce basso impatto ambientale e maggior comfort abitativo con un importante risparmio energetico fino all’80 per cento conseguendo certificazione energetica in classe “A”. La casa bioclimatica è stata realizzata ad Abano da Blu Costruzioni spa, il gruppo guidato da Fabio Cremonese. Sarà la prima del nuovo corso inaugurato da Blu Costruzioni per modificare e migliorare l’impatto ambientale che l’edilizia ha sul territorio. 38


Un elegante 2009!

ELITE atelier Piazza Insurrezione, 4 - Padova TEL. 049 8765654 sartoria.elite@libero.it

Il 2008 è stato un anno di rinnovamenti per la Sartoria Elite con l’apertura del nuovo Atelier in Piazza Insurrezione. L’Atelier Elite propone creazioni uniche ed esclusive su misura, realizzate con tessuti pregiati e d’alta moda. Il proprio “vestito del cuore” spazia dall’abito da giorno, all’elegante abito da sera, all’emozionante abito da sposa. Lo staff della Sartoria Elite augura un felice Natale ed un prospero 2009 a tutti i propri clienti, direttori e commessi delle Boutique con le quali collabora. Katia Rossi 41


Arte e cibo Affiancare alla mostra di Giò Macchi una serie di piatti tipici è la proposta del moderno ristorante Viale 19 che, in tale occasione, ha deciso di offrire un pacchetto di arte e enogastronomia unico nel suo genere anticipatore di altre iniziative molto interessanti. Un connubio inconsueto di arte, cibo e vino quello che offre ai propri clienti il ristorante Viale 19 all’Arcella. Tra le pareti fanno bella mostra di se i dipinti dell’artista Giò Macchi dai quali fuoriescono una luminositĂ e una lievitĂ , tutta al femminile, che non hanno precedenti. Le figure manifestano una singolare potenzialitĂ  che tende a realizzarsi attraverso il sogno, l’onirico, circondando il soggetto di un alone di mistero lasciando trasparire attraverso il colore e il tratto una squisita delicatezza. “Trovo quest’iniziativa molto divertente e culturalmente piacevole – spiega Alberto Tauceri, titolare del ristorante Viale 19 – ed è solo una delle tante iniziative che attueremo durante il periodo invernale che affiancheranno il buon cibo all’arte, alla musica ed a prelibati corsi di cucina in collaborazione con Casa in luceâ€?. PROSSIMI EVENTI 22 gennaio: Cuzziol e i vini dell'azienda Masut da Riva 5 febbraio: Franco Favero e i vini dell'azienda Feudi di Romans Katia Rossi 26 febbraio: Serata "presidi" di Slow Food Alberto Tauceri con lo chef e l’artista.

VIALE 19 Restaurant & Wine Bar Viale Arcella 17/C - Padova Tel. 049 8649268 info@viale19.it ARTISTA Giovanna Macchi Via T. Aspetti 11- Padova Cell. 333 3906761 www.giomacchi.com giomacchi_mg@libero.it

Tutto il necessario per ristrutturare la tua casa Dalla fornitura dei migliori materiali, all’installazione offriamo solo il meglio: ceramiche, marmi, mosaici, sanitari, DFFHVVRULSHULOEDJQRDUUHGLH¿QLWXUH per il terrazzo e il giardino. La nostra Êquipe di artigiani e tecnici ti fornirà una consulenza completa per rendere la tua casa come quella di un re

42

La Casa dei Re Via Santa Lucia, 105 - 35139 Padova tel 049-7388747 info@casadeire.it www.casadeire.it


Un’oasi di relax Il nuovo Centro estetico “Il giardino del Benessere” vi invita ad immergervi in un programma personalizzato e goderne risultati immediati.

IL GIARDINO DEL BENESSERE Via Dondi dall’Orologio 17 (int. 5) Padova - TEL. 049 659943

E’ stato inaugurato un lussuoso centro benessere nel cuore di Padova. Situato nel centro storico, a due passi dalle piazze, è immerso nella suggestiva cornice di un giardino e rappresenta un vero angolo di paradiso in cui assaporare il piacere della tranquillità e rigenerare il corpo e la mente. Basta entrare per allontanare ogni altro pensiero: la posizione del centro, infatti, consente una privacy assoluta ed un relax totale. Nel corso degli anni i centri estetici hanno subito una naturale trasformazione, per venire incontro a nuove esigenze dettate dalla ricerca del benessere globale nella quale la cura estetica diventa parte di un progetto salutistico della persona dal quale è stata interessata la titolare Elisabetta Torresin, figura di spicco nel bel mondo padovano e donna in carriera che è stata tra l’altro Presidente dei Giovani Industriali.“Per anni ho vissuto nel mezzo di un universo totalmente maschile – ci ha confessato – sentivo l’esigenza di creare qualcosa per esprimere tutta la parte femminile del mio carattere a cui non ho potuto dare ascolto per lungo tempo: per questo ho creato questo centro estetico che deve rappresentare per i potenziali clienti un momento di distacco dal mondo, dalla realtà, dal rumore per pensare esclusivamente alla propri a salute”. Il rapporto cliente-centro è caratterizzata da un’elevata fedeltà in cui sono determinanti la qualità dei servizi offertissima anche la relazione. Per questo il personale è di alta professionalità, i prodotti efficaci ed i risultati tangibili. Katia Rossi

43


Guida turistica per fashion victim Il nuovo libro di Michaela Bellisario Come dietro il mondo della moda c’è quello della cultura, così dietro il libro “Guida turistica per Fashion Victim, la moda a Milano, Firenze e Roma” (Morellini ed.) c’è una bella testa, quella di Michaela K.Bellisario, la giovane e affascinante giornalista- scrittrice padovana, già al suo secondo libro. A presentarla, alla libreria Feltrinelli, Alessandra Cicogna, direttore del magazine “Gotha”, amica e collega dell’autrice dai tempi della loro collaborazione al Gazzettino, oltre dieci anni fa. Il libro in questione non è una pubblicazione “dejà vu”, perché la Bellisario, forte di una gavetta in alcune testate giornalistiche, affronta con piglio deciso e diretto, non senza humor e garbata ironia, il poliedrico mondo della moda, il dietro le quinte delle sfilate. Costruito a capitoli e con metodo, il libro della Bellisario si confronta con la realtà abbagliante delle sfilate, degli stilisti, delle modelle e lo fa dalla parte dello spettatore. A cui dà dei consigli preziosi per ammirare i monumenti della moda “con il naso all’insù”: dai modi non ufficiali per vedere le sfilate alla storia delle grandi maison di Haute Couture, dalle città storiche ai palazzi dove si creano e si decidono le collezioni; e ancora, dove andare a fare colazione, prendere un caffè o un aperitivo, per incontrare i grandi sarti, le modelle, lo star system. Il libro è piacevole e non superficiale, lieve e non leggero, scherzoso e non banale e i test che chiudono i capitoli, sono prove di forza a cui non ci si può sottrarre per valutare il proprio indice di “Fashion Victim”. Ines Thomas

Guerlain al Godenda Guerlain ha festeggiato insieme alle profumerie Zulian i suoi 180 anni di successi al wine–bar ristorantino Godenda con un cocktail party aperto al pubblico. Apprezzatissime dalla clientela le visagiste che hanno truccato molte clienti utilizzando i trucchi ed altri prodotti tra cui alcune delle eccellenti fragranze che hanno reso famosa la Maison dal 1828. A rallegrare l’atmosfera la musica a cura del dj Alberto Ghisellini e un simpatico gadget per tutte le donne presenti all’evento. Katia Rossi

Traditional Christmas

44

Alcune vetrine hanno il potere di rapire l’osservatore dalla realtà per portarlo prepotentemente in spazi fantastici e meravigliosi, è il caso della vetrina di Sant’Andrea 19. Anche quest’anno la titolare Guendalina Ferlin ha saputo stupire. All’ingresso dell’ambiente un grande albero, ad accogliere i visitatori immergendoli da subito in un’atmosfera natalizia. Incantevole il soffitto addobbato con rami di pino, fiori e bacche, con palle decorate e sfere d’oro. Sulle mensole ricchi centri tavola realizzati con magiche candele. Splendide idee da realizzare sulle proprie tavole. Katia Rossi


Atmosfere da

sogno

Organizzare un banchetto di nozze o un evento importante, sotto la guida esperta di un guru del settore come Dario Ricevimenti.

DARIO Ricevimenti SHOWROOM Corso delle Terme, 63/B Montegrotto Terme (Pd) TEL. 049 9930281 Cell. 333 3253292 info@darioricevimenti.it www.darioricevimenti.it

Banchetti e feste di nozze sono le specialità di Dario Ricevimenti. Se state per sposarvi, desiderate organizzare un evento, sognate un’indimenticabile festa vi invitiamo a visitare il suo nuovo Showroom a Montegrotto Terme dove potrete vedere e scegliere soluzioni curate in ogni dettaglio: dalle “mise en place”della tavola studiata con tovaglie di fiandra in varie tonalità con porcellane, argenti, cristalli e suggerimenti per i centro tavola, agli addobbi floreali perché nulla sia lasciato al caso. Ogni richiesta gastronomica trova risposta: la Dario Ricevimenti fornisce un esclusivo servizio di catering confidando nel prestigio e nella consolidata esperienza di Dario e famiglia, interpreti sensibili e raffinati capaci di realizzare i desideri più inconsueti dei suoi ospiti. Suntuose ville, appartamenti, piscine, casali diventano a richiesta il posto ideale per ogni tipo di evento dal congresso al compleanno, dalla festa di nozze agli auguri di Natale per tutto ciò lo staff si prende cura degli ospiti con uno stile inconfondibile. In qualsiasi occasione troverete la massima professionalità ed una preziosa collaborazione per aiutarvi anche nell’allestimento degli ambienti, ma soprattutto soddisfare la richiesta di menù personalizzati perché il sentimento dell’ospitalità si manifesti adeguatamente. I clienti, troveranno nello showroom un clima accogliente ed un servizio pronto a soddisfare ogni desiderio per un matrimonio da sogno o un evento di successo. Katia Rossi

46


... E chiamale se vuoi emozioni 


SEBASTIAN GIUSEPPE Via Cittadella, 4 - Padova TEL. 049 657725 sebastian.giuseppe@virgilio.it

Chi lo direbbe che all’interno di una palazzina signorile nella più elegante strada dello shopping padovano, si cela un piccolo paradiso? Un’oasi, un rifugio ovattato dallo stress della quotidianità. Ma anche una frenesia gentile e discreta che anima un luogo dove ogni donna si sente la più importante. No, nessun inganno, è al centro dell’attenzione dello staff di Sebastian Giuseppe. Non chiamiamolo parrucchiere, sarebbe banale e limitativo perché l’ambiente e le persone che ci lavorano sono davvero speciali. E davvero speciali si sentono le numerosissime clienti che qui arrivano con la certezza di trovare non solo uno stile giusto e di tendenza con trattamenti ai massimi livelli qualitativi, ma il sommo piacere di sentirsi meglio, di uscire rinate, rigenerate, rilassate. E sempre più belle. Chiamale se vuoi emozioni. E questo grazie all’amore, alla dedizione e alla professionalità indiscussa di Giuseppe Caputo che con la moglie Renata ha saputo in questi anni creare qualcosa di totalmente diverso dal solito, offrendo a Padova un beauty concept nuovo ed internazionale, con idee che nascono da continue ricerche e confronti con i più famosi hair stylist di Milano, Parigi e New York. Lo affianca Marina Dovico, da 35 anni instancabile “forbice” che con i suoi tagli sa ringiovanire più e meglio del botox. 
Se c’è una certezza in questi tempi incerti, è che il mito di Sebastian Giuseppe non crolla, è davvero un mito che continua più forte e brillante che mai!
E a tutte le donne, mamme, amiche, nonne, ragazze, suocere, colleghe, un augurio ed un abbraccio per un Natale d’amore. GIUSEPPE, RENATA, MARINA, MARIUCCIA, IRENE, ANTONELLA, MONICA, LISA, SILVIA, MONICA, LISETTA, BARBARA, CRISTINA, SUSANNA,
ALBERTO, MARIA, GIAMPIETRO, MATTEO, SILVIA, ORIETTA, MIRIAM, CHIARA. Giuseppe e Renata Caputo e Marina Dovico con il marito Paolo Zampieri festeggiano il 35° anniversario della loro collaborazione a Venezia.

49


Un bel sorriso dice tutto

Struttura con Certidicazione di Qualità UNI EN ISO 9001-2000

Centro con tecnologia all’avanguardia per l’odontoiatria estetica.

Un bel sorriso è una parte importante dell'impressione generale che una persona dà di sé al mondo. Un sorriso piacevole migliora l'aspetto, la propria sicurezza e l'autostima. Racconta il dottor MOLINARI, direttore sanitario di POLIODONTOMEDICA MILANO: ”Quando negli anni ’80 frequentavo la Scuola di specialità in Odontoiatria, nessuno parlava ancora di COSMESI DENTALE e ODONTOIATRIA ESTETICA. Curando alcune persone famose del mondo dello spettacolo ricevevo sempre più spesso richieste di questo tipo: “Mi può fare i denti più belli? Può migliorarne il colore? Si possono raddrizzare o farli sembrare più dritti?” E quasi sempre non avevano molto tempo da dedicare a lunghe terapie o trattamenti ortodontici. Fortunatamente sono apparse nuove tecniche e materiali dentali all'avanguardia che hanno dimostrato quanto l'ODONTOIATRIA ESTETICA possa veramente fare la differenza rendendo i sorrisi più belli e personalizzati, che soddisfino le necessità e le aspettative di tutti. Denti scoloriti, storti, distanziati, rotti o consumati possono essere trasformati per creare un entusiasmante e più piacevole sorriso” “L'ODONTOIATRIA e L'IMPLANTOLOGIA ESTETICA realizzano una dentatura che ricrea un'armonia del tutto naturale, in modo da soddisfare pienamente chi ne fa ricorso”. Questa la convinzione su cui si basa l’attività e l’ormai qualificata esperienza della struttura POLIODONTOMEDICA MILANO, situata in centro a Padova. Un nuovo concetto di cura della persona caratterizza questo centro all’avanguardia: i migliori metodi dimostrati dalla scienza proposti da un’équipe di medici specializzati, ciascuno nel proprio settore, coordinati tra loro e supportati dagli strumenti di alta tecnologia di ultima generazione che permettono di fornire prestazioni ottimali, oltretutto in tempi rapidissimi. Grazie a programmi tridimensionali computerizzati, chi entra in questa struttura, ad esempio senza denti, dopo poche ore esce con delle protesi fisse altamente estetiche. Le rivoluzionarie tecniche computerizzate che qui vengono utilizzate facilitano il lavoro del dentista offrendo notevoli vantaggi alla persona. In pratica al computer in tempo reale e con estrema precisione si progettano restauri in ceramica estetica o zirconio bianco, molto naturali, resistenti e biocompatibili; oppure si programmano interventi chirurgici sapendo in anticipo, senza più dover tagliare e aprire completamente le gengive, dove per esempio posizionare gli Impianti. Si può così costituire una protesi perfetta prima ancora dell’intervento, e applicarla immediatamente sugli impianti appena inseriti. La struttura è abilitata all’esercizio di una IMPLANTOLOGIA rapida, sicura ed estetica, che tiene conto della cura dei dettagli come la rigenerazione e conservazione del-

Implantologia rapida sicura ed estetica.

50 Protesi estetiche computerizzate.

Centro convenzionato ULSS e Fondi Aziendali.


“Il sorriso è la distanza più breve fra due persone” Victor Borge

Lo staff della Poliodontomedica Milano

l’osso e il rispetto dell’estetica dei tessuti gengivali. Gli ambulatori del Centro sono attrezzati con strumentazioni tecnologicamente avanzate come la Radiologia Digitale Computerizzata, la Stratigrafia, computer per analisi ed elaborazioni delle immagini, Laser Erbium, Laser a Diodi, telecamere endorali, telecamere tridimensionali, apparecchi ad Ultrasuoni, Lampade al Plasma, allo Xeno e al vapore per lo Sbiancamento dentale, microscopi operatori, tecnologia CAD-CAM e TAC IMPLANT 3D, Cerec-3D per intarsi e faccette immediati, con una ceramica altamente estetica e resistente. E poi monitor e macchine per l’anestesia o per la sedazione cosciente che eliminano completamente sia il dolore sia la paura stessa del dolore da parte dei pazienti più piccoli o più ansiosi. Poliodontomedica Milano è una struttura “Accreditata” con la Regione Veneto ALS 16 e con tutti i principali Fondi Aziendali (FASI, FASDAC, QUAS, FISDE, PROGRAMMA BOCCASANA, BLU ASSISTANCE etc.) dove “Eccellenza e Qualità” sono certificate, una scelta etico-professionale che caratterizza la mission aziendale: fornire prestazioni di altissima qualità garantita a tutti, senza alcuna distinzione o discriminazione, tanto in rapporto di convenzionamento quanto privatamente. “Ottenendo la Certificazione di Qualità ci siamo anche impegnati a farci controllare da un “ente terzo” secondo le procedure UNI EN ISO 9001-2000 previste dal “Manuale della Qualità” – spiega il Dott. Molinari - La sicurezza dei pazienti e degli operatori è una nostra priorità, per questo poniamo la massima attenzione alla sterilizzazione e all’igiene degli strumenti e degli ambienti”. Particolari accorgimenti vengono adottati per accogliere, intrattenere e curare i bambini ai quali è dedicata l’équipe di Odontoiatri specializzati in Ortodonzia e Odontoiatria Infantile diretta dalla Dott.ssa PAOLA MURA (Specializzata alla Boston University e che ha ricevuto il “certificato di eccellenza in Ortodonzia” sia italiano che europeo) referente a livello nazionale per la nuova tecnica ortodontica INVISALIGN con apparecchi invisibili.

Dottor Giuseppe Molinari Medico Chirurgo Specialista in Odontostomatologia e Protesi Dentaria Implantologo Direttore Sanitario della Poliodontomedica Milano Laureato e specializzato con lode presso l’Università di Padova Masters in Implantologia e Portesi dentaria in Usa e in Germania Docente e relatore di Protesi CAD-CAM alla I.S.C.D. (International Society of Computerized Dentistry) Socio attivo di numerose Accademie e società di Implantologia e Protesi Opinion Leader di diverse case commerciali Presidente S.I.O.C. ( Società Italiana Odontoiatria Computerizzata) Vicepresidente Nazionale Specialisti Esterni ENPAM Rappresentante A.N.S.O.C. Membro del Comitato Scientifico e Docente dell’ ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ODONTOIATRIA OPERATIVA

Un èquipe di Odontoiatri specializzati in ortodonzia e odontoiatria infantile esclusivamente dedicata ai bambini.

POLIODONTOMEDICA M I L A N O UN CENTRO DI ODONTOIATRIA ESTETICA ALL’AVANGUARDIA DOVE ECCELLENZA E QUALITÀ SONO CERTIFICATE e ACCREDITATE

Corso Milano, 32 (a fianco Hotel Plaza) - PADOVA TEL. 049 663027 - 049 650307 www.poliodontomedicamilano.it 51


Un professore di cuore Sabino Iliceto Fa un certo “che” entrare in un luogo dove si cura il “motore” del nostro corpo, qualcosa di sacro… In questo centro c’è persino uno studio televisivo con programmi di cardiologia, operazioni in diretta e collegamenti con altri 29 città. Tutto questo gran lavoro per avere una sempre maggiore conoscenza e diffusione. In cifre, su 1000 interventi specialistici in Italia 60 ne vengono effettuati a Padova. Incontriamo nel “bunker” Sabino Iliceto, direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiologia dell’Università di Padova e direttore della Clinica Cardiologica intitolata al professor Vincenzo Gallucci, autore del primo trapianto di cuore effettuato nel nostro paese. Nato a Bari nel 1953, dopo una laurea in medicina ha passato due lunghi periodi in America, prima a New York e poi a San Diego. Nel 1995 viene chiamato a dirigere il dipartimento di cardiologia dell’Università di Cagliari, dove vi rimane per 15 anni. Dal 2001 è all’Università di Padova al posto del professor Sergio Dalla Volta. Sposato con Mariella da 27 anni, ha una bella figlia di nome Silvia, che si occupa di convegni medici a livello internazionale. Una vita dedicata alla cura del cuore degli altri. Professore lei non si ferma mai…un curriculum da giramondo. Sono appena tornato dall’America, dove vado spesso ma questa è la prima volta che ho visto anche gli Stati Uniti in crisi, con cali nelle presenze del 40%..Se lei pensa che il petrolio oggi vale 50 dollari e a giugno valeva 140 dollari...le previsioni parlano di un segno meno del 30-40% anche nella moda. Un cardiologo che se ne intende anche di macroeconomia. La macroeconomia è una mia grande passione, e purtroppo credo che stiamo vivendo una congiuntura economica negativa a livello mondiale, non c’è molto da stare allegri. Ci racconti il suo “amore” per il cuore. La storia è questa: volevo fare fisica e astronomia, poi mi venne il raptus per la medicina e alla fine mi convinsi a seguire le orme di mio padre Nicola, nasce da lì la mia “passione” per la cardiologia. Peccato che lui sia mancato prima della mia laurea. Dal 2001 lei è a Padova, le piace la nostra città? Per me è stato un punto d’arrivo, quando mi chiamarono ne fui onorato. 52

Interview

gotha

Padovani gran dottori… La vostra facoltà di medicina è un vero patrimonio, spesso vi dimenticate che avete la fortuna di vivere in un polo d’eccellenza. Secondo lei esiste il mal d’amore? Cioè si può morire di crepacuore? Di dolore ci si ammala più frequentemente di quello che si pensa. E’ proprio come si creasse una paralisi del cuore che poi recupera, molto spesso spontaneamente. I giapponesi lo chiamano “Tako Tsubo” ( vaso stretto), perché la pressione esercitata sul cuore trasforma una sua parte, il ventricolo sinistro, in una forma simile ad un vaso dal collo stretto, tipo quello che i pescatori giapponesi usano per la pesca dei polipi. All’inizio sembra una paralisi temporanea del nostro organo vitale e spesso a scatenarla è un’emozione forte, stressante, come la fine di un amore, la morte di una persona cara, uno shock violento come uno scippo o una rapina, o ancora un fallimento finanziario. Il crepacuore ha anche una mappatura clinica; i sintomi sono gli stessi dell’ infarto : un forte dolore al petto, difficoltà di respirazione, crampo dolorante al braccio sinistro. Ma diversamente dall’infarto, il crepacuore non provoca blocchi e chiusure alla circolazione del sangue. Ciò che si verifica è una deformazione del ventricolo sinistro del cuore. Una domanda d’attualità: che conseguenze paga chi abusa di alcool e stupefacenti? Purtroppo è un conto che si paga in una volta sola… Vivono più a lungo i magri o i normo-peso? Sembra strano, ma è stato di recente dimostrato che i normopeso, anche chi è tre/quattro chili sopra la regola, ha una maggiore durata di vita rispetto ai cosiddetti “supermagri”. Vivremo fino a 120 anni? Forse sì, anzi molto probabilmente sì… ma non subito. Si ammalano più gli uomini o le donne di cuore? Purtroppo, si ammala di più il sesso “forte”! Silvia Carraro Sabino Iliceto con la moglie Mariella e la figlia Silvia.


Abbiamo le chiavi della tua prossima casa

immobiliare Met immobiliare Metroquadro roq quadro via Zaba Zabarella, rella, 24 35121 3 PADOVA PA ADOVA Tel Te el 049/8757808 049/8 8757808 FAX FAX A 049/8774946 049/87749 946 V oip o skype met roq quadropadova email info@metroquadropadova.it info o@metroquadropadova.it ww w.metroquadropadovva.it Voip metroquadropadova www.metroquadropadova.it


charit y per Un Cuore Un Mondo - Padova

Medici in passerella

gotha

Le migliori boutique in passerella, quali Anna Spose, Cucciolo, Danielapi, Elle Furs, Galeazzo, Gas Jeans, Gughelino, Isabella Facco e Laura Stefani, Makola, Testi e Video Look. Interpretati da medici, infermieri, amici, sostenitori della nobile causa benefica. In passerella per Video Look le sorelle Katia e Chantal Rossi, per Gas Valentina Rizzi; Veronica Boldrin, Chiara Balbinot e Ludovica Chiarelli, per Danielapi mentre Stella Stellin si è esibita con il suo corpo di ballo interpretando l’eleganza di Makola e le pellicce di Elle Furs. Per Galeazzo gli spiritosi e simpatici Gianfranco Varano, Giovanna Fugali, Pino e Benedetta Molinari, l'assessore Massimo Giorgetti e Alessia Cerutti. La Dr.ssa Opocher ha interpretato la sposa incinta a braccio del marito per Anna Spose mentre la musica del film “Mamma Mia” ha visto la straordinaria performance di HTC, interpretata da Benedetta Salzedo, Anita Lenci e Valeria Gallo. Protagoniste della loro arte Isabella Facco e Laura Stefani, sempre disponibili ad essere coinvolte per una buona causa. Ma l’attenzione è stata tutta per i bambini di Cucciolo, Gughelino e Testi, che hanno portato in passerella: Giovanni Stimamiglio, Marco e Benedetta Pege, Allegra Licheri, Francesca Dal Moro, Benedetta e Caterina Malipiero, Margherita e Vittoria Gori, Jacopo Mazzilli, Giulia Zennaro e tantissimi altri. Complimenti a Maddalena Rampin e il suo staff, che ha curato l’organizzazione.

“Thanks Giving Event” dal grande cuore, a casa Galan Ogni anno nascono 4.500 bambini col cuore malato, la metà dei quali viene operata sotto l’anno di vita, spesso sotto il mese, con un peso che può essere inferiore ai 2 kg. Giancarlo Galan, Presidente della Regione Veneto, e la consorte Sandra hanno ospitato nella loro bella casa di Cinto Euganeo, venerdì 28 novembre, una serata benefica a favore dell’Associazione Un Cuore Un Mondo, nata per aiutare questi bambini e le loro famiglie. Un grande successo di ospiti e di generosità per questo “Thanks Giving Day” per tutta l’attività annuale del Prof. Giovanni Stellin, Direttore della Cardiochirurgia Pediatrica e della Prof.ssa Ornella Milanesi, Responsabile di Cardiologia Pediatrica, che tanto si adoperano per il buon funzionamento di questi due Reparti dell’Ospedale di Padova. Sono stati raccolti ben 100.000 € grazie al contributo dei presenti, e con questo secondo appuntamento, che Galan promuove con entusiasmo, i due illustri clinici possono continuare a sostenere l’attività dei 2 Reparti, per i quali Padova rappresenta il centro di riferimento per il nord est e centro d’eccellenza cardiologico e cardiochirurgico pediatrico a livello nazionale de europeo. 54


1831

PEDROCCHI

RISTORANTE E CATERING DI SUCCESSO La prestigiosa Guida del Gambero Rosso ha premiato il ristorante del Caffe' Pedrocchi, per la creatività e la qualità della sua cucina. Entra per la prima volta nella “bibbia della gastronomia” del Gambero Rosso con un eccellente punteggio di 82 e si aggiunge a quelle delle altre guide enogastronomiche: la guida dei Ristoranti d’Italia de L’Espresso 2009, la Guida ai Ristoranti dell’Accademia Italiana della Cucina 2009, la Guida ai Ristoranti di Panorama 2009, la Guida ai Ristoranti d’Italia del Touring Club 2009, la riconferma per la Guida di Alice Ristoranti, La Gola in Tasca edizione del 2009, la Guida al Golosario 2009 di Paolo Massobrio dove il Pedrocchi è stato inserito tra i migliori ristoranti d’Italia, la Guida Verde e la Guida ai Bar d’Italia 2009 del Gambero Rosso. Aperto da soli 5 anni ha guadagnato un respiro nazionale, grazie alle tante iniziative “fuori porta” firmate dalla ristorazione Pedrocchi, basti ricordare l’ultima iniziativa del Meeting di Rimini con oltre 6500 pasti serviti in tavola e la cura del ristorante vip alle Olimpiadi invernali di Torino, che ne diffondo il valore e la qualità del servizio ristorazione. La carta dei vini, composta da 500 etichette e 150 selezioni di champagne, che in occasione dell’edizione del “My Wine 2006” a Milano ha ottenuto il riconoscimento tra le 10 migliori carte di vini d’Italia per i caffè storici. WWW.CAFFEPEDROCCHI.IT SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE 049.878.12.31 chiuso il MERCOLEDI


SHOW 3 - Three years of Wellness Si è tenuta il 1° dicembre 2008 presso il Caffè Pedrocchi la festa per il terzo compleanno di Show Personal Training Club intitolata SHOW 3 – THREE YEARS OF WELLNESS. Gli ospiti si sono presentati a partire dalle ore 20.30, indossando, come esplicitamente richiesto, "qualcosa di arancio". La serata è iniziata con una cena a buffet denominata "WELLNESS DINNER". La festa è stata infatti il pretesto per lanciare un nuovo progetto: SHOW FOOD. Il progetto SHOW FOOD nasce dall'esigenza di Show Personal Training Club di divulgare i principi del WELLNESS LIFESTYLE. Alimentarsi in maniera sana ed equilibrata e praticare attività fisica monitorata: questo è il binomio vincente per rallentare il processo di invecchiamento e migliorare la qualità della vita. In questa avventura Show ha scelto due partner d'eccezione: Caffè Pedrocchi e il Dott. Nicola Sponsiello, medico chirurgo specialista in Scienze dell'alimentazione e docente presso l'Università di Camerino. Insieme hanno creato un menù wellness (su richiesta anche personalizzato) che sarà a disposizione presso il Caffè, a partire dal 31 gennaio 2009, per 365 giorni l'anno. Il menù prevede cibi e bevande selezionate a basso contenuto calorico. Attraverso questo esperimento Show e i suoi partner vogliono dimostrare che si può stare a tavola con gusto, senza privazioni, ma con un occhio alle calorie di troppo. L'evento è proseguito con alcune premiazioni. In primis quella dedicata agli atleti che a settembre avevano partecipato alla maratona di Berlino. In seguito è stato premiato l'atleta Show che nel corso del 2008 ha avuto la maggior costanza nell'allenamento, titolo che questa volta si è aggiudicato il tenace Gianluca Spolverato. Successivamente si è premiato il cliente dell'anno per poi passare ad una ricca lotteria di beneficenza il cui ricavato è stato devoluto a I.O.V. (Istituto Oncologico Veneto), denominata SPECIAL MOMENTS. In palio non i soliti premi, ma delle divertenti esperienze-regalo, dalle day-spa di una giornata presso Leo Parrucchieri, a rilassanti weekend in magici castelli medievali o rinascimentali, con colazione e cena incluse, fino alla citybike donata da Berma e agli emozionanti giri in aliante. A chiudere il compleanno il classico taglio della torta che, come da tradizione, è stata confezionata dalle sapienti mani della pasticceria Breda, in un trionfo di frutta con un velo di crema e pastafrolla, per ricordare che anche al momento del dessert si può scegliere un'alternativa sana e leggera, senza perdere il piacere del gusto. Show ringrazia, come sempre, tutti gli sponsor che hanno reso possibile l'organizzazione dell'evento: Fabris Edilecologia, Ceoldo Immobiliare, Studio Spolverato, Vodafone Agenzia On Air, Ceoldo Viaggi, Cicli Berma, Leo Parrucchieri, Aeroclub Prealpi Venete, + Sport & Running e in particolare, Federico Menetto e tutto lo staff del Caffè Pedrocchi. Benedetta Fabris

56


Alla guida dal 1988 della Morellato, azienda che spazia dal gioiello all’orologio, e annovera marchi come Sector, Philip Watch, Molecole, Just Cavalli, Miss Sixty, Massimo Carraro, padovano, classe 1959, ne è il fautore della crescita e del successo a livello mondiale. E’ un imprenditore molto stimato, tanto dal punto di vista professionale quanto sul piano umano. Chi lo conosce bene dice che “è intelligentissimo”, e non è difficile crederci visti i risultati lavorativi. C’è poi chi ne sottolinea la grande umiltà, ed infine chi, conoscendolo in ambito business, afferma quanto sia esigente ed intransigente. Abbandonato l’amore per la politica, oggi il manager vede la propria azienda ai vertici nel settore, con 4 filiali nel mondo, fatturati importanti, sempre più decisa a conquistare i mercati internazionali, da ultimo l’India e con l’apertura proprio a dicembre a Manhattan, in 5th Avenue.

Massimo Carraro Intervista a Massimo Carraro, ad di Morellato & Sector, l’ azienda padovana presente nei maggiori mercati internazionali, che nel 2007 ha registrato 244,6 milioni di euro di fatturato. Siamo alla fine del 2008: un anno a detta di tutti particolarmente difficile. Alla luce della vostra esperienza, come vedete attualmente la situazione economica Italiana? “Ovviamente è legata a quella economica europea e mondiale, ed è molto difficile. Non penso che il peggio sia alle spalle, e neppure che la crisi si esaurirà nel primo semestre 2009. Quello che appare evidente è che la recessione è arrivata ai consumatori, per ragioni oggettive e psicologiche. Credo che bisogna essere molto prudenti per il 2009. La mia azienda sta tenendo , anzi qualcosa cresceremo. Qual è la vostra formula vincente? In questo momento reggono i marchi che hanno un’identità forte, e possiamo contare sulla solidità della strategia che abbiamo messo in atto negli ultimi anni. Controlliamo la filiera, ossia partiamo dal design dei nostri prodotti fino al retail. Abbiamo 30 designers a Milano, 400 negozi nel mondo direttamente controllati ( del 2008 le aperture ad Atene, Shanghai, Londra, Berlino), di cui 250 in Italia. Seguendo direttamente dall’ideazione al consumatore, siamo in grado di avere un termometro molto veloce sui mercati.” E’ questa la strategia che vi sta premiando, permettendovi di crescere anche in tempi difficili? Si, anche se poi bisogna essere molto bravi nella produzione, avere i marchi più forti, e questo in Italia, in Europa , e in tutto il resto del mondo. Quest’anno siamo partiti con la partnership in India. Ci parli di una delle sue ultime più grandi soddisfazioni lavorative. E’ proprio di questi giorni: Il 5 e 6 dicembre sono stato invitato a intervenire come relatore a Indian Luxury Summit . Vengono invitati manager leader nel settore lusso da tutto il mondo, come per esempio l’amministratore delegato dei grandi magazzini londinesi Harrods. Dall’Italia siamo in tre: Loro Piana, Diego della Valle ed io, proprio perché noi in India stiamo facendo una strategia molto innovativa. I clienti bisogna andare a prenderli dove ci sono, non dove abiti, anche se tanti imprenditori italiani pare che se lo dimentichino. Essere uno dei tre brand italiani prescelti come speaker ad un appuntamento internazionale così importante è una grande soddisfazione. Come nasce Morellato gioielli? Morellato è un’azienda nata nel 1930, fondata da Giulio Morellato, ed il core business iniziale erano i cinturini per orologi. Mio padre Silvano Carraro la rileva con un socio negli anni 50, anni in cui venne a mancare il fondatore. Allora era una piccola azienda artigianale. Entrai in azienda nell’88, e dagli anni ’90 ho iniziato lo sviluppo della crescita dell’orologio, del gioiello, e dell’ internazionalizzazione. Cosa proponete di nuovo per questo Natale? In questo Natale il consumatore ha bisogno di sicurezze, quindi abbiamo proposto perle e diamanti, i gioielli per eccellenza. Sentiamo il bisogno di unire rassicurazione legata ai must della gioielleria.

58


Alla conquista di Manhattan e dell’India

La sua azienda racchiude molti brand: Morellato, Sector, Philip Watch, Just Cavalli, Miss Sixty. Di quale ne va più fiero? E’ come chiedere ad una mamma qual è il figlio preferito: a me piacciono tutti, Morellato per i gioielli, Sector per l’orologio sportivo, Philip Watch come orologio classico…. Approposito di figli, come passa il tempo libero Massimo Carraro? Viaggio tanto, e poi ho due passioni: la pittura del ‘600 e ‘700. Sono stato a Parma di recente a vedere la mostra del Correggio, a Parigi a vedere il Mantegna al Louvre, bellissima, a Treviso e a Palazzo Reale a Milano per l’ultima mostra sul Canaletto. Un’ altra grande passione la montagna, dove adoro camminare. E stare con la mia famiglia in relax totale. Vedremo la Morellato quotata in Borsa? Sicuramente è nei nostri programmi approdare a Piazza Affari, ma ci penseremo dal 2010, in base anche all’evoluzione della crisi di mercato. Alessandra Cicogna 59


=`fZZ_`[`e\m\ZX[fefZfd\g`ZZfc`[\j`[\i`Z_\j`Xggf^^`Xef `eledfe[fg`\ef[`jg\iXeq\#dX[`gfZX]XekXj`X%%% :_\cXeefelfmfgfik`Zfej\Zfcfi\#`ddX^`eXq`fe\\i\Xck~%%%


via dante, 93 - 35139 padova - tel./fax 049 8762491 - garbin.tipografia@virgilio.it


VICENZA

L’impronta di Renzo Rosso Il noto imprenditore veneto ha “posato” la prima pietra nel cantiere di Noventa Vicentina dove è in costruzione il nuovo quartier generale di Staff International.

Palladio, la Notte Infinita

Entusiasmante concerto del pianista Michael Nyman sabato 29 novembre in Piazza dei Signori, nonostante raffiche di vento e . pioggia abbiano funestato la serata E’ stato proprio il presidente del gruppo Only The Brave, Renzo Rosso, a dare il via ufficiale ai lavori di costruzione del nuovo stabilimento di Staff International alla presenza delle autorità locali, della stampa e di tutti i dipendenti. Una cerimonia con oltre 500 invitati che hanno assistito alla presentazione del nuovo progetto, ideato dall’architetto e designer Aldo Cibic. “Sono molto soddisfatto di questo ennesimo successo – ha raccontato Renzo Rosso – dettato dal lavoro di un grande staff che ho l’onore di guidare. Il segreto per andare avanti anche in periodi di crisi come questo è continuare a lavorare divertendosi e portare innovazione con designer e scelte creative proiettate nel mondo del domani”. Il progetto architettonico interessa un’area complessiva di oltre 35.000 mq, sarà pronto entro fine 2009 e vanta soluzioni all’avanguardia per eco-compatibilità con un enorme parco piantato ad alberi da frutto e giardino. “Staff International produce e distribuisce in licenza importanti marchi del fashion system – conclude Rosso – quali Diesel Denim Gallery, Dsquared2, Maison Martin Margiela, Sophia Kokosalaki, Victor & Rolf e Vivienne Westwood. L’azienda si appresta a chiudere il 2008 con un fatturato di circa 180 milioni di euro. Questa enorme gamma di marchi, target e segmenti di mercato dà a OTB una posizione unica nel panorama della moda, con una vasta esperienza e know-how”. Katia Rossi

62

llo dei 500 anni Un compleanno in grande stile que une di Vicenza Com dal di Andrea Palladio, ideato Piazza dei Sila a tutt che ha coinvolto fisicamente di visuale. olo ang gnori, gioiello palladiano da ogni Michael re sito La star della serata il pianista–compo icale, non si Nyman, maestro del minimalismo mus torrenziale che è risparmiato, nonostante la pioggia rovvisi cambi di ha costretto gli organizzatori ad imp o sul palco e programma. Il musicista inglese è salit suo entusiail ato unic in un assolo al piano ha com suggestiva, e a eros smo con una performance gen delle imto men una libera improvvisazione a com e, la più zion talla magini della monumentale videoins sta Ro’arti dell grande d’Europa, Palladio Infinito, lica Basi della berto Dal Bosco proiettata sul cantiere neoclassico ma Palladiana. Un concerto dal sapore sul finale ha rianche meditativo ed intimista, che sonore che nne colo e dell proposto alcune melodie l’indimene com , itore hanno reso celebre il compos Achille aco Sind Il ticabile tema di Lezioni di Piano. che ha nto, eve Variati ha sottolineato come questo rnainte llo live accostato un genio riconosciuto a reme artista zionale come Nyman e un giovane da ccasione gente vicentino Dal Bosco, rimarrà un’o capitali eule ano anim che lli ricordare, degno di que ico così stor tro cen un ha ropee, perché “questa città iamo abb ; ciali spe nti speciale che merita solo eve iaenz pot prie pro portato Vicenza a riflettere sulle ri.” lità e ad emozionarsi per i propri teso Francesca Dolcetta


36016 Thiene (VI)

36100 Vicenza

Corso Garibaldi, 45

Corso Palladio, 75

Te l . 0 4 4 5 - 3 6 1 6 0 6

Te l . 0 4 4 4 - 5 4 6 2 2 4

oreficeria.zoccai@virgilio.it

nadiasrl2@virgilio.it


L’Olimpico di Palladio ospita il grande giornalismo, erede di Guido Piovene

Il Premio giornalistico Guido Piovene, quest’anno alla sua 5 edizione, ha coniugato nella cornice del Teatro Olimpico l’omaggio ai due grandi cittadini di Vicenza, proprio nell’anno delle celebrazioni palladiane. Sul palco dell’Olimpico infatti si sono riuniti per la cerimonia di premiazione, i grandi nomi del giornalismo italiano, che compongono la giuria del Premio Piovene, Enzo Bettiza (Presidente), Giulio Anselmi, Ferruccio De Bortoli, Carlo Rossella, Marcello Sorgi e Bruno Vespa (Segretario generale). Ed autorevoli sono anche i premiatori: il Governatore del Veneto Giancarlo Galan, il Presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin, il Sindaco Achille Variati ed il Prefetto di Vicenza. Istituito dalla Banca Popolare, con il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Vicenza. Il Premio ha cadenza biennale e vuole onorare la figura del grande scrittore vicentino, l’attualità del suo impegno intellettuale e civile, segnalando quei giornalisti che abbiano fatta propria la sua lezione di viaggiatore acuto e critico nella società contemporanea. L’ambito riconoscimento viene assegnato a due categorie: “Il Piovene del nostro tempo” riservato ad un giornalista che per prestigio ed autorevolezza possa considerarsi l’erede spirituale di Guido Piovene che è stato meritato da Ernesto Galli della Loggia, editorialista del Corriere della Sera. “Egli ama sorprendere il lettore con la provocazione di una scrittura libera, - questa la Enzo Bettiza (Presidente), Giulio Anselmi, motivazione di Enzo Bettiza - spregiudiMarcello Sorgi e Carlo Rossella. cata, a spettro completamente laico e mai laicistico. Non ha mai avuto paura di niente e di nessuno. Ha sempre impugnato la polemica intellettuale come una spada energica e tagliente”. Per l’altra sezione del Premio “Il giovane Piovene” , riservato ad un giornalista emergente, è stato scelto Francesco Manacorda, giornalista di economia e finanza sulla Stampa di Giulio Anselmi,“per la sua penna acuminata, salace ed ironica, che sa sottrarsi alle aridità dell’economia rivestendola di bagliori e sapori sferzanti. Egli riesce ad insaporire le statistiche e gli enigmi di Borsa, rendendoli appetibili anche al lettore che ignora gli arcani della cosiddetta scienza triste.” Nell’albo d’onore di questo importante Premio compaiono, in questi 10 anni, nomi quali Enzo Bettiza, Pietrangelo Buttafuoco, Alberto Ronchey, Aldo Cazzullo, Sergio Romano, Bernardo Valli, Mattia Feltri, a testimoniare come rappresenti davvero uno dei più importanti appuntamenti della cultura italiana. Francesca Dolcetta

64

Tenuta La Bertolà: il vino buono rispetta la natura ti, ma fare Fare un buon vino può essere di mol oltura gric un’a di un buon vino naturale, frutto orio Vitt co, consapevole, forse è di pochi! Mar noall’e e Luciano Margoni Dalle Ore, insieme e nell milogo Massimo Dal Lago, cresciuto erienze gliori cantine d’Italia, oltre che con esp iana, orn calif ey Vall a Nap a a Bordeaux e nell uno in otto prod , vino sono orgogliosi del loro dele Vall a dell eti dei rari e più antichi vign he anc ora , stria l’Agno, famosa per la sua indu ena App . cola per la ritrovata tradizione agri di attività fuori dal fondo valle così fervente naturale produttive, la collina offre un habitat la coltipreservato, integro e prodigioso per lica un rivazione della vite. Qui La Bertolà app biente, ’am dell so etto gido protocollo risp sono o: ’Agn dell e Vall chiamato la Regola della le, loca tura icol gli antichi principi dell’agr gi. d’og no gior niente più!- quasi una pazzia al cidi o inNiente concimi sintetici, niente erbi roflora e setticidi che recano danno alla mic gli insetti alle falde acquifere uccidendo anche o irrigautili. Niente lavorazioni meccaniche ressil’esp e ità eral min la zioni, per aumentare te. pian e dell za sten vità dei vini oltre alla resi Tealla rona pad Insomma “la naturalità” fa da circonnuta La Bertolà, in 22 ettari di vigneto varietà 2 e dato da prati e boschi che produc on vign di rosso, Cabernet Franc e Cabernet Sau Riennay, e 3 di bianco: Pinot Grigio, Chardo cantina è tiva ges sug sta que sling. Una visita a d’obbligo. Farncesca Dolcetta

www.tenutalabertola.it


ufficio affitti

ufficio vendite

VIC. PIAZZA DEI SIGNORI PRESTIGIOSO ULTIMO PIANO, MQ. 350, ZONA GIORNO DI RAPPRESENTANZA, AMPIA ZONA NOTTE, CABINE ARMADIO, 4 BAGNI, TERMOAUTONOMO, TERRAZZA CON VISTA SULLA BASILICA. RIFINITO CON MATERIALI DI PREGIO. GARAGE!

VIC. S. LORENZO IMPORTANTE PALAZZO D’EPOCA DI RARA BELLEZZA, MQ. 1.200 COPERTI CON TERRAZZA DI 100 METRI, CANTINE E GARAGE. NECESSITA DI SEMPLICI INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE.

PIAZZA DELLE POSTE IN PREGEVOLE RESTAURO DISPONIAMO DI UN’IMPORTANTE APPARTAMENTO, MQ. 280, ZONA GIORNO DI RAPPRESENTANZA, 3 CAMERE, 3 SERVIZI, TERMOAUTONOMO, CANTINA E GARAGE. FINITURE PERSONALIZZABILI.

BELLIENI IMMOBILIARE di Alessandro Bellieni Ufficio vendite: Piazza Matteotti, 16 - VICENZA - Tel. +39 0444 525262 - Fax +39 0444 52525 E-mail: info@bellieni.com - Web: http://www.bellieni.com Ufficio Locazioni: Piazza Matteotti 25 - VICENZA - Tel. +39 0444 322818 - Fax +39 0444 323076 E-mail: affitti@bellieni.com - Web: http://www.bellieni.com


Riapre il sipario su Vicenza Danza Lo splendido palcoscenico del nuovissimo Teatro Comunale non può essere cornice migliore per la grande rassegna Vicenza Danza, che da 13 anni appassiona il pubblico vicentino e veneto con le migliori produzioni internazionali. Vicenza Danza 2008/2009 riparte quest’anno nel segno dell’internazionalità e dell’alto livello artistico, proponendo compagnie e coreografie con grandi contenuti di suggestione e di tecnica, grazie alla direzione artistica e organizzativa di Pier Giacomo Cirella, Vice Direttore di Arteven, all’anima culturale,“motore” del festival, Loredana Bernardi. Promossa e sostenuta dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza in collaborazione con ArteVen, con il sostegno in qualità di main sponsor di FIAMM spa e della Fondazione Giuseppe Roi, Vicenza Danza, propone al pubblico, alla stampa e alla critica un programma che attraversa tutti i generi della danza contemporanea, con importanti citazioni del balletto classico sia in versione tradizionale che rivisitata in chiave moderna, per una stagione di grande prestigio in Veneto, che si apre a fine novembre per chiudersi ad aprile 2009. Le danze si aprono con una prima nazionale, in esclusiva per l’Italia, un classico del balletto, “Coppelia” nell’originale versione contemporanea del Ballet Vìctor Ullate Comunidad de Madrid in 2 repliche. Doppia data anche per il nuovo ed attesissimo spettacolo dei MOMIX “Bothanica” con le coreografie di Moses Pendleton. La celebre compagnia statunitense propone un viaggio in chiave ecologista in una natura meravigliosa, per uno spettacolo originale, inebriante e struggente. Poi sarà la volta del flamenco essenziale della scuola di Antonio Gades, in esclusiva regionale per Arteven - dopo il grande successo della “Carmen” presentata lo scorso anno- con “Fuenteovejuna” spettacolo corale icona della Compania Antonio Gades. Un’altra esclusiva nazionale a Vicenza con un balletto del grande repertorio classico il “Don Quichotte” del Ballet du Theatre du Capitole de Toulouse con la coreografia di Marius Petipa riadattata dalla storica danzatrice del New York City Ballet, Nanette Glushak, che dirige la compagnia francese dal 1994. A chiudere la stagione sarà il Phoenix Dance Theatre, compagnia rivelazione della Biennale Danza 2007, che proporrà “Los Picadores”, “Paseillo” e “Nopalitos” un trittico di forte impatto emozionale con movimenti perfetti ed essenziali su musiche celebri. Tutti gli spettacoli saranno preceduti dagli “Incontri con la Danza”, degli approfondimenti molto apprezzati dal pubblico con i maggiori esperti e critici di danza, che illustreranno i contenuti degli spettacoli, dei coreografi e delle compagnie. La rassegna poi è completata da 2 appuntamenti mattutini per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di Danzare per Educare, in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione e alle Politiche Giovanili del Comune di Vicenza con la direzione artistica di Daniela Rossettini. Francesca Dolcetta

Buon Natale con BRRRIO

www.urbella.it

Debutto in società di BRRRIO sabato 22 novembre a Vicenza nel negozio CasaElmy di Contrà S.Biagio. L’ultimo nato dell’officina di idee URBELLA s.p.a, società vicentina che produce oggetti di Utility Design, sta riscuotendo gran successo in tutte le occasioni. BRRRIO è una glacette realizzata in materiale argentato, ideale per il mantenimento della temperatura delle bevande, assoluta novità nel campo dell’oggettistica da regalo. Gli invitati alla divertente riunione si sono complimentati per l’efficace presentazione nello sfizioso buffet offerto dalla Sig.ra Milly, ed anche i rappresentanti di numerose aziende hanno apprezzato la validità del nuovo sistema. BRRRIO mette tutti d’accordo, amici e tecnici del settore: un’idea originale per chi cerca un regalo funzionale e di classe. Con gli auguri di Buone Feste BRRRIO e gli altri oggetti della gamma danno appuntamento al 2009. Farncesca Dolcetta

66


Hotel Palladio presenta il

“pacchetto cultura”

La cultura è l’anima pulsante di Vicenza. Palladio ne è il polo d’attrazione per i tanti visitatori che arrivano da tutto il mondo per i suoi monumenti, le ville, i palazzi, per il territorio così particolare in cui il grande architetto ha operato. Ma Vicenza offre anche tanto altro, mostre, musica, teatro, danza, con spettacoli di alto livello che richiamano pubblico anche da fuori città.

HOTEL PALLADIO Contrà Oratorio dei Servi, 25 - VICENZA TEL. 0444 325347 contract@hotel-palladio.it www.hotel-palladio.it

Non a caso è stato scelto il nome Palladio per questo Hotel, quasi avesse una naturale vocazione verso il fermento culturale di Vicenza: inaugurato poco più di 6 mesi fa, si è già conquistato un posto di prestigio tra le realtà ricettive cittadine per l’accurata accoglienza che riserva ai suoi ospiti, per l’eleganza della sua semplicità, e la posizione strategica nel cuore del centro storico, fidelizzando in poco tempo una clientela raffinata e d’alto livello che si muove prevalentemente negli ambienti culturali italiani ed internazionali. Tra gli ospiti più illustri l’architetto Mario Botta, il Maestro Salvatore Accardo, professori universitari, direttori di Teatri Stabili e stilisti europei, oltre ai più stretti collaboratori del Presidente Napolitano, in occasione della sua recente visita a Vicenza per la grande mostra del Palladio. Così Walter Balbo, proprietario dell’Hotel, ha ideato dei “pacchetti cultura” che comprendono pernottamento e riduzioni per spettacoli al Teatro Olimpico o al Teatro Comunale, intuendo come le arti in genere possano diventare un eccezionale strumento di comunicazione. Il primo esperimento di grande successo con la “Società del Quartetto”presieduta dalla contessa Carolina Valmarana, in occasione del concerto “Notti Trasfigurate” con il Maestro Accardo, ha proposto anche la cena alla Villa Valmarana ai Nani con il Maestro e i musicisti. Un’esperienza da ripetere: ed ecco allora la collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza per una serie di grandi spettacoli proposti per la stagione 2008 - 2009 tra cui la prima mondiale della compagnia americana di danza Momix nella loro ultima performance “Bothanica”. Tutti gli eventi vengono posizionati sul portale dell’Hotel e sono di sicuro richiamo per molte prenotazioni sia di biglietti che di pernottamenti. Una sinergia che dimostra come la cultura possa diventare veicolo d’impresa e l’impresa veicolo di cultura. Francesca Dolcetta

67


Momenti del Talk Show.

Miss e Mister Salute Tisanoreica Grande successo dell’imprenditore vicentino Gianluca Mech a Milano, nell’evento in cui è stata promossa la bellezza come sinonimo di salute. Nell' elegante Hotel Four Seasons nel cuore di Milano, Gianluca Mech ha voluto regalare ai suoi ospiti, ad amici, giornalisti e vip, una serata di grande charme e glamour, ma allo stesso tempo dai temi attuali e importanti. Una "festa della bellezza", perseguita e voluta da questo imprenditore che, partendo dai suoi prodotti salutistici (la Balestra e Mech vanta una tradizione dal 1911 nell'utilizzo delle piante), si è spinto verso tematiche che hanno coinvolto e interessato anche il Sottosegretario alla Salute, al Lavoro e alle Politiche Sociali, l'On. Francesca Martini, ospite straordinaria all'evento. L'occasione della serata è stata l'elezione di Miss e Mister Salute, un concorso volto a premiare due ragazzi in grado di rappresentare una bellezza pulita, sana, semplice, vera.Alla presenza di 200 selezionatissimi ospiti, tra cui moltissimi volti noti del piccolo schermo, quali Emanuela Folliero, Jennifer Rodriguez, Maria Monsè, Amalia Rossetti, Francesco Bozzetti, giornalista del TG4, Enrico Fedocci di Studio Aperto e tanti altri ancora, in un ambiente molto soffuso, con un padrone di casa presente ma discreto, si è svolto il talk show dedicato all'ultima fatica letteraria di Gianluca Mech: "La Dieta Tisanoreica e il suo cuore verde: la Decottopia."a cura di Grazia Prini. Il dibattito, condotto da Silvana Giacobini, direttore di Diva e Donna, a cui hanno partecipato l'on. Francesca Martini, il filosofo Stefano Zecchi, lo scrittore Luciano De Crescenzo, Renato Calabria, chirurgo plastico di Los Angeles, giunto direttamente da Hollywood per la serata, e aperto dal dott. Antonio Paoli, medico dello sport e docente di Scienze Motorie all'Università di Padova, ha messo in luce le problematiche attuali sulla salute e il ruolo della bellezza e nella società contemporanea. "La salute è il bene più prezioso che abbiamo"- così ha esordito l'on. Francesca Martini- "e ringrazio Gianluca Mech che con queste sue iniziative legate alla salute ci permette di parlare di uno dei temi strategici per il paese: l'obesità. Un problema che riguarda in modo ancora più importante l'infanzia, perche è proprio in quel periodo che è necessario lavorare sugli stili di vita da dare ai figli." . "La bellezza è un dettaglio della salute" - ha commentato Luciano de Crescenzo, con la sua acuta e brillante ironia, seguito da Gianluca Mech, a chiusura del dibattito: "Prendersi cura di sé è il primo passo verso una buona salute e una bellezza vera, perché noi non abbiamo un corpo, noi siamo un corpo". La portata dell'idea è stata tale da richiamare anche personaggi del mondo politico che stanno guardando con attenzione al tema della salute, come l'eurodeputato Sergio Berlato, che ha annunciato, premiando la vincitrice, che porterà, la prossima primavera, l'iniziativa e il tema all'attenzione del Parlamento Europeo. Fiato sospeso per l'elezione: al termine dello spettacolo una giuria di giornalisti e vip ha decretato i vincitori, Sara Felicetti, 20 anni di San benedetto del Tronto e Davide Preziosi, 23 anni di Cento. A loro il compito essere ambasciatori della salute e di una bellezza che sia espressione della salute. "Esiste anche una bella gioventù"- dice Gianluca Mech-"e sono orgoglioso di aver creato un concorso che faccia emergere ragazzi belli, trasparenti, ottimisti, positivi, sani.

Maria Monsè.

Francesca Carollo e Enzo D’Elia.

I vincitori 2008.

69


TREVISO

FotoFilm TREVISO

La creatività veneta che piace nel mondo Ideare, produrre, sviluppare e distribuire fashionbrand internazionali ad alto potenziale di crescita: è questa la mission di Kostume, l’azienda trevigiana, con sede ad Asolo, che da qualche mese ha in licenza esclusiva il marchio JLO. Un brand ormai conosciuto a livello internazionale che comprende pelletteria, profumi, lingerie, costumi, orologi e occhiali ispirati allo stile ed alla personalità inconfondibile di Jennifer Lopez. Ma com’è arrivato il marchio JLO ad Asolo? L’abbiamo chiesto al presidente di Kostume, Massimo Bettio, quarantenne asolano con una grande passione per la moda che ha origini lontane: da due generazioni la sua famiglia lavora nel mondo della calzatura e dell’accessorio. Prima di fondare Kostume Bettion ha lavorato in Dolomite, Fila e per il Gruppo LVMH fino ad arrivare alla direzione prodotto di calzature e accessori di D&G in Dolce e Gabbana Industria. Massimo Bettio, perché Jennifer Lopez ha scelto proprio un’azienda trevigiana per produrre il suo marchio? Ho conosciuto il brand JLO nei miei viaggi negli USA dove questi prodotti sono venduti con successo da Macy's ed in altri importanti department store. Sono riuscito a presentare il progetto di Licenza JLO per la Jewlry e leather good al management di Sweetface, la società americana di proprietà di Jennifer Lopez e di Andy Hilfiger che disegna e produce le collezioni abbigliamento JLO. Grazie alla collaborazione con Stella Negro, anima creativa di Labzone, Kostume è riuscita in breve tempo a sviluppare una collezione così in linea con i valori dell’immagine JLO da conquistare la fiducia di Sweetface e di Jennifer ottenendo una licenza quinquennale che copre la distribuzione per tutto il mondo. Da quando producete per questo marchio? Jennifer Lopez accessori è presente dalla primavera-estate 2008 in Grecia , Balcani e Russia. Dall' autunno inverno 2008 abbiamo aperto la distribuzione in ben 20 paesi da Singapore al Portogallo attraverso un network di distributori altamente specializzato e radicato nel proprio territorio. Come nascono le collezioni JLO? Le collezioni JLO devono rispecchiarela fashion attitude della rock star e le tendenze piu’ glam e sexy del momento. L’ispirazione nasce grazie ad un lavoro di gruppo diretto da Stella Negro con entusiasmo da cui nascono sempre nuovi stimoli per nuove creazioni. Il percorso creativo di ogni collezione è il risultato della condivisione di esperienze e finalità radicata nel tempo dal team di lavoro. Alessia Severin

Gran Premio della solidarietà re allo Stadio Tutto esaurito domenica 9 novemb della SolidaTenni di Treviso per il “Gran Premio per un aprietà” che ha visto scendere in campo la Nazionale passionante triangolare di calcio Team Bosch. Cantanti, la Nazionale Piloti e il Top che ha acCalorosissimo il pubblico trevigiano nuovo nella colto i big della musica italiana, di famosa canMarca dopo dieci anni, intonando la che è anche zone di Tozzi, Ruggeri e Morandi, può dare di l’inno della nazionale cantanti, “Si icampione più”. Ma è stato naturalmente il plur re del ridel mondo di Formula 1, nonché auto r, la star più gore decisivo, Michael Schumache solidarietà. applaudita di questa maratona di affollato gli Quasi diecimila le persone che hanno ila euro che spalti del Tenni per un incasso di 51m enza a quatsarà interamente devoluti in benefic la Vita” fontro associazioni: la Onlus “Sciare per noni, l’Ail, data nel 2002 da Deborah Compag egnata nella l’Advar e la Fondazione Zanetti imp awi. costruzione di due orfanotrofi in Mal Alessia Severin


Moda young… con amore Intervista a Barbara Donadon, direttore generale di Altana, azienda fondata da Marina Salomon. E’ una storia d’impresa al femminile: Marina Salomon fondò Altana, dirigendola per molti anni. All’inizio degli anni ’90 Barbara Donadon la affiancò, entrando in azienda appena laureata in economia aziendale. Barbara si specializzò sempre più nel marketing e nella direzione commerciale, fino ad arrivare, nel 2001, al ruolo di direttore generale, con piena responsabilità e totale autonomia decisionale. Oggi si confronta con Marina sugli obiettivi strategici e di budget. Leggendo la storia della vostra azienda, sembra che fosse tutto già predestinato…“Eppure è stata tutta una casualità. Appena laureata cominciai a mandare il mio curriculum, su consiglio di una mia amica lo inviai anche ad Altana, e ad assumermi fu il direttore…” E’ stato un gran bell’impegno! “Direi di si, ma amo il mio lavoro e riesco ancora a divertirmi…” E’ bello vestire i più piccoli? “I nostri capi vanno dai 0 ai 14 anni,è un mondo meraviglioso: i bambini sono una continua fonte di emozione. Certo che anche a livello di business la produzione è un po’ più complicata nel senso che vigono regole di sicurezza nella qualità dei vestiti che indossano. C’è molta più attenzione rispetto agli adulti”. Come si sceglie un colore, come si anticipa una tendenza? Una volta un’importante stilista mi disse : è un qualcosa che senti nell’aria, cosa ne pensa? “Sì è vero, anche se nel mio caso io a volte prendo spunto osservando le tendenze anche in altri settori merceologici. Il riferimento è comunque anche alle collezione per i più grandi. E naturalmente si sceglie un certo capo o colore anche in base ad un insieme di sensazioni, si cerca di produrre quello che il nostro cliente si aspettava.” Una curiosità: il nome Altana ha un significato particolare?“Lo scelse Marina quando fondò l’azienda, l’altana è una terrazza veneziana di legno, un luogo a lei caro dove da ragazza si metteva a studiare.” Mi sento obbligata a chiedere un suo parere sulla crisi che sta coinvolgendo i mercati mondiali. “Una parola che non mi piace per niente, in queste congiunture economiche è importante tenere i piedi per terra, io più che di crisi preferisco parlare di ridimensionamento. Penso che chi ha delle solide basi riuscirà a superare anche questi momenti .” Oggi si discute spesso del fatto che non è assolutamente necessario che ci sia continuità familiare in un’impresa, anzi che sia meglio dotarsi di bravi managers. “Sono convinta anch’io che non debba essere automatico entrare in un’azienda perché sei figlio di, bisogna essere preparati, diciamo meritarsi il ruolo che ci spetta.” Secondo le statistiche internazionali, l’Italia è tra le ultime per impiego al femminile, ai vertici… “Beh noi siamo quasi tutte donne, che per me è sinonimo di tenacia, di capacità a darsi anima e corpo, sicuramente molto più di molti uomini. Certo nella nostra azienda abbiamo anche qualche uomo, un giusto mix per un giusto equilibrio.” Quali sono per lei le chiavi per avere successo? “Ho imparato che arriva solo con un vero gioco di squadra, con l’entusiasmo, la professionalità, ma soprattutto con tanta costanza, essere presenti ogni giorno: amo lavorare in gruppo, dialogare con persone che la pensano come te, e poi ogni giorno imparo qualcosa. Il mio lavoro è molto stimolante.” La vostra produzione è italiana? “Per il 50% produciamo in Cina, il resto in altri paesi dell’Est Europa. In sede abbiamo uffici dove si studia la pianificazione, l’ufficio acquisti “ Lei ha una vita piena, è una donna realizzata ha ancora sogni nel cassetto?“Sogni? Mille in molti ambiti, vivo intensamente non mi piace risparmiarmi. “ Quali sono i suoi hobby? “Fare shopping mi piace molto e poi lo devo fare anche per lavoro, per scoprire le nuove tendenze, leggere, quando ho tempo adoro i libri romantici, mi rilassano”. Lo sport è importante nella sua vita? “Tutti i momenti liberi li adopero per tenermi in forma.” Meglio il mare o la montagna? “Tutti e due, no anzi forse più il mare, adoro il sole” La musica? “Lo sa che mi prendono in giro perchè prediligo la musica anni ‘80? Sarò antica, ma la trovo così bella e attuale…” Silvia Carraro

La storia di Altana spa

Marina Salomon n. e Barbara Donado

Altana nacque nel lontano 1982, quando Marina Salomon la fondò per produrre camicie su licenza della Benetton. In quegli stessi anni Marina diventò socia di Claudio Buziol in Replay, che allora iniziava una produzione dei suoi mitici jeans e camicie. Nel 1992 avvenne il distacco dai Benetton, per concentrarsi sulla produzione di nuovi marchi, specializzandosi nel segmento bambino. Nacquero i marchi AMORE e TEDDY BEAR, che furono tra i primi ad introdurre la giubbotteria, la felpa, i jeans e i “colori da grandi”. Oggi Altana S.p.A. è la maggiore azienda italiana nell’abbigliamento da bambini nel segmento del lusso e specialmente nella gestione delle licenze. I marchi, prodotti e distribuiti su licenza, sono Moschino, Jeckerson, Liu-Jo, Moncler, Pinko e Dimensione Danza. Altana continua a crescere ed è presente in tutte le migliore boutiques, in Italia e nel mondo.


&

Dinner dance al Victor Hotel

Party nell’

Antico Mulino d’autunno Atmosfera d’altri tempi per il party erto LoRob da e organizzato da Stefania Nilandi va lonuo a refice nell’incantevole cornice dell a di Bred di canda Rosa Rosae a San Bartolomeo ente alla Piave. Un antico mulino a tre pale, risal to di refine del XVI secolo, che è stato restaura betta e Elisa lie mog sua e cente da Silvio Stefani ntico aute re sapo il olo che conserva in ogni ang vida to nda circo , del passato. Un angolo di pace gli lto acco ha gneti, che sabato 1 novembre ina Cuc ta. oltre ottanta amici presenti alla sera la cena in casalinga e piatti della tradizione per a locanda, piedi servita nelle splendide sale dell centinaia impreziosite da caminetti di pietra e tte, spadi candele. E allo scoccare della mezzano i… zio alla musica e ai ball Alessia Severin

Sabato 22 novembre Time To Lose ha inaugurato la prima “Saturday Night fever” presso il “Victor Hotel” di Silea. La prima, appunto, di una serie di serate dedicate agli anni d’oro della disco music che, ogni terzo sabato del mese, vedranno gli amanti della musica anni ottanta scatenarsi sulla pista del club trevigiano. Organizzata da Carlo del Zotti e dallo staff di Time To Lose, la serata di sabato si è aperta con un lungo aperitivo di benvenuto: finger food, sushi e champagne per tutti prima dell’ottima cena curata dallo chèf Enrico Pagani. E verso la mezzanotte, dopo una degustazione di Rum, la sala si e trasformata in pista dove le oltre seicento persone presenti hanno ballato fino a tarda notte. Parte dei ricavati della prima “Saturday Night fever” saranno devoluti a favore della Associazione A.I.P. Onlus - Ass. Immunodeficenze Primitive.

72


Gran Gala del Radicchio d’Oro Serata di Gala lo scorso 17 novembre all’Hotel Fior di Castelfranco Veneto per la 10a edizione del “Premio Radicchio d’Oro”, che ogni anno assegna riconoscimenti di prestigio a personalità dell’imprenditoria, dello spettacolo, del giornalismo, dello sport e dell’enogastronomia. Quindici i premiati nel corso dell’evento che ha aperto la stagione gastronomica del Consorzio dei Ristoranti del Radicchio di Treviso. Madrina d’eccezione la reginetta d’Italia nel 2008, Miriam Leone, che con la sua bellezza e il suo charme ha portato il caldo saluto della Sicilia. Ospite della serata anche il Ministro Luca Zaia a cui è stato conferito il premio “DOP alla trevigianità”. I riflettori si sono poi spostati sulle stelle che hanno ricevuto l’ambito Radicchio d’Oro. Si tratta di Roberta Scarpa, stilista a capo della Dressing spa, gotha della moda veneta; dopo di lei don Lugi Maria Verzè e l’attore Renato Pozzetto, introdotto da un’antologia con il meglio dei suoi film e degli spettacoli condotti a braccetto dell’amico e compagno Cochi. Spazio poi alla “cucina di casa” fatta con la passione che caratterizza Maria Scivolone (madre di Alessandra Mussolini e sorella della celebre Sofia Loren). Tra i giornalisti è stato premiato l’inviato del TG5 e conduttore del settimanale Terra, Toni Capuozzo. Accanto a lui la celebre coppia del cinema Luigi Magni (regista) e Lucia Mirisola (costumista e scenografa) seguita da un altro celebre nome questa volta del piccolo schermo, Rosa Manni, giornalista di Tv sorrisi e canzoni, conosciutissima per aver dato vita e fatto crescere un premio come il “Telegatto”, che negli anni ha portato la tv italiana oltre i confini nazionali. E’ partita poi la premiazione dei campioni dello sport, dal giovane asso del motociclismo Marco Simoncelli al campione olimpionico Alex Schwarzer. E infine grande applauso del pubblico per i due fuoriclasse trevigiani, Alessandro Ballan e Matteo Tagliariol. La serata si è conclusa a tavola con decine di specialità preparate dagli chef dell’Hotel Fior. Protagonista indiscusso della cena di gala naturalmente c’era sempre lui: il Re Spadone. Alessia Severin

event s

gotha

Notte delle Stelle

Una “Notte delle Stelle” per la presentazione della 6a edizione di Treviso Marathon, illustrata agli sponsor e alle autorità mercoledì 3 dicembre nella prestigiosa cornice del nuovissimo BHR Treviso Hotel di Quinto di Treviso.“Ci aspetta una grande Treviso Marathon – spiega il presidente Federico Zoppas -. Abbiamo l’obiettivo di ripetere il successo dell’edizione 2008, i cui numeri ci proietteranno al quarto posto, subito dietro Roma, Firenze e Venezia, tra le maratone italiane più partecipate. La Treviso Marathon 2009 coinciderà con il campionato italiano: un grande riconoscimento da parte della Federazione, che accresce l’impegno organizzativo e ci spinge ad intensificare il legame con le istituzioni, il mondo dell’associazionismo e il tessuto economico della Marca”. Presenti alla serata di Gala, oltre a 150 sponsor e imprenditori, il vicepresidente della Regione Veneto, Franco Manzato, il Presidente della Provincia, Leonardo Muraro, e la Presidente dell’Istituto regionale per le ville venete, Nadia Qualarsa. La “Notte delle stelle”, presentata dal giornalista Rai Luca Ginetto e da Moreno Morello di Striscia la Notizia, è stata anche l’occasione per presentare ufficialmente la madrina della Treviso Marathon 2009, la frizzante e trasgressiva Melita Toniolo. Alessia Severin 75


Rubrica a cura di Ines Thomas

Una bellissima Silvana Giacobini ospite ad Abano per il suo ultimo libro. Con “Chiudi gli occhi”, la scrittrice, giornalista, direttore di “Diva e donna”, Silvana Giacobini, ha firmato un best seller, con grinta e passione. A Villa Bassi, ospite del comune di Abano Terme, dell’Associazione Albergatrici, della Fondazione Bellisario, la signora milanese si è presentata al pubblico, dimostrandosi pienamente a suo agio come “première dame”, con l’aria confidenziale e tranquilla delle persone sicure di sé. L’aspetto curato e giovane, l’eleganza sobria e per nulla vistosa, il sorriso smagliante, i capelli bellissimi, morbidi e ondulati che le incorniciavano il bel viso, Silvana Giacobini si è fatta conoscere da vicino dal pubblico, numeroso in sala, curioso di vedere una “vip” della carta stampata e della TV. Ad intervistarla, lo scrittore Giancarlo Marinelli con cui ha chiacchierato del libro e della condizione femminile, perché, nelle pagine che ha scritto, un tema ricorrente è proprio la violenza contro la donna. “Bisogna sempre essere consapevoli della propria dignità di persona- ha esordito-e il lavoro, con l’amore, è una priorità per la donna d’oggi”.

Allo spazio Tindaci un’altra mostra di grande suggestione Franco Angeli e i suoi “Voli di libertà” sono i protagonisti dell’ultima mostra firmata dai Tindaci, sempre molto attenti al mondo dell’arte contemporanea. Nello spazio di via Dante, ormai un salotto dove intervengono e si presentano, a ritmo serrato, buoni artisti di respiro internazionale ma anche “nostrani” di qualità, la gente non manca mai e la festa, unita all’arte, continua.

76

Al “GR 20” di Graziella Folchini Grassetto E’ la volta dei maestri olandesi, ormai “insuperabili” per forma, tecnica, creatività, avanguardia; in primis, il grande Robert Smit. ”Ritengo che quello olandese sia il gioiello tra i primi al mondo- ha esordito la critica d’arte Gabriella Folchini Grassetto, all’inaugurazione della mostra nello studio di via Soncin -perché la loro inventiva ha aperto la strada alla cultura minimalista e la scuola olandese, inoltre, è in continua evoluzione. Gli olandesi si aprono al fantastico, alla visionalità”. Il suo sguardo, mentre parla, accarezza le opere orafe in mostra, chiuse nelle teche ma così “di forte impatto” da farsi strada, oltre i vetri da cui sono protette. E gli ospiti stanno a guardare e ad ascoltare perché i vernissage a casa Folchini Grassetto, sono vere lezioni d’arte, occasioni irripetibili per venire a contatto con il mondo della cultura internazionale.“Questi giovani- ha proseguito- guardano sì al passato ma con la “pazzia” delle giovani generazioni”.


Cara Villa Giusti… La Delegazione “Eugenia”, grazie alle belle idee di

Cara Villa Giusti, come eri bella quando hai ricevuto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita per il 90° dell’Armistizio, firmato proprio lì da te. Ti sei ricoperta di drappi tricolori, hai fatto crescere ciclamini bianchi e rossi nei davanzali delle finestre, hai rivestito le aiuole del parco con dalie rosse e margherite bianche. Ti sei presentata nel tuo aspetto migliore anche se noi ti amiamo lo stesso, un po’ grigia, un po’ stinta, un po’ demodée. Quando l’illustre ospite ha varcato il cancello, un tripudio di bandierine l’hanno salutato e tu l’hai accolto dentro le storiche stanze, per l’occasione imbandierate e fiorite. A fare gli onori di casa, c’era la famiglia Lanfranchi, i fratelli ma soprattutto i nipoti, l’ultima generazione a cui è passato il testimone della pace: “attorno ad un tavolo- ha spiegato, ai giovani di casa, Giovanni Lanfranchi- si è conclusa una lunga guerra. Gli uomini possono, se vogliono, risolvere anche le più aspre questioni senza far uso della forza, perché è nel confronto, nella fiducia, nella disponibilità e con la ragione, che l’uomo degno di questo nome, può continuare a dialogare con i suoi simili”.

Aidda e le donne

Piero Fracanzani E’ nata una nuova delegazione dell’Accademia della Cucina: Eugania. Ne fanno parte: aristocratici, uomini di cultura, professionisti, imprenditori tra cui: Piero Fracanzani, Orazio Lonigo,Isidoro Wiel Marin, Maurizio Rippa Bonati, Aldo Prosdocimi, Giambattista Fadigati; con entusiasmo, ha aderito anche il Governatore del Veneto, Giancarlo Galan.

La valorizzazione del ruolo femminile è stata salutata, in un incontro ai Musei Civici, dalle relazioni di Giovanni Cipriani e Isabella Gaetani di Canossa, ospiti dell’associazione AIDDA in collaborazione con gli Amici dei Musei. La storia di tre donne, Caterina dè Medici, Maria dè Medici e Matilde di Canossa, donne di fegato, carattere da vendere, lungimiranza epocale, è stata al centro della tavola rotonda sul tema “La forza e il genio delle donne di ieri e di oggi”. A conclusione del pomeriggio, dopo i saluti del presidente Vittorio Tabacchi, è stata la volta di Mara Borriero, presidente AIDDA, che ha concluso l’incontro parlando delle figure femminili della società di oggi. Ad applaudire le belle relazioni degli invitati, una platea quasi tutta al femminile, delle socie dell’AIDDA Veneta e del Trentino Alto Adige. 77


Il Sindaco di Venezia Massimo Cacciari e l’atleta Oscar Pistorius.

Venicemarathon 26 ottobre 2008: la grande sfida...

Il taglio del nastro.

Il keniano Joseph Lomala ha tagliato per primo il traguardo della 23ª Venice Marathon Trofeo Casinò di Venezia, in 2h11’04”, vincendo in volata sul connazionale e compagno di squadra Jacobs Chesire, staccato di un solo secondo (2h11’07”) e davanti all’etiope Kidane Abdi, terzo al traguardo in 2h11’57”. Tra le donne, l’ungherese Aniko Kalovics non tradisce i pronostici vincendo la gara con un crono di 2h 31’24 condizionato dal caldo e da problemi fisici sorti durante la gara. Dietro di lei, la keniana eterna seconda a Venicemarathon Anne Kosgei (2h 32’ 21”) e la connazionale Florence Chepkurui. L’ungherese mette così fine al dominio africano delle ultime sei edizioni. Quest’anno a supporto della Venice Marathon erano presenti due ospiti d’eccezione: Oscar Pistorius e Alex Schwazer. Il marciatore altoatesino, vincitore dell’oro olimpico nella 50 km di marcia di Pechino, è stato in visita alla 23ª Venice Marathon Casinò di Venezia grazie all’impegno di Powerade, sponsor e partner ufficiale della maratona. Oscar Pistorius, l’atleta sudafricano senza entrambi gli arti inferiori, vincitore di 3 medaglie d’oro ai Giochi Paralimpici di Pechino nei 100, 200 e 400 metri, è stato ospite della maratona di Venezia in qualità di testimonial del progetto di solidarietà “Venezia Accessibile”; un’iniziativa promossa da Venice marathon e il Comune di Venezia che mira al superamento delle barriere architettoniche. Pistorius è divenuto un simbolo per tutti non solo nel mondo dello sport ma nella vita. Un ragazzo che fin dai primi passi ha dovuto lottare per ottenere tutto, è che merita di non essere chiamato diversamenteabile, ma “superiormente-intelligente”… Leggere il suo libro, la sua storia fa bene a tutti e soprattutto ai nostri ragazzi. Tra le tante cose che lei dice qual è che meglio la rappresenta? "Un vincente è un sognatore che non si arrende mai". E' una frase di Nelson Mandela ed è esattamente quello che la vita sportiva del sudafricano esprime. “Sognare è solo una questione di testa” aggiunge. “Realizzare i propri sogni anche.” Con il suo Dream Runner, il libro scritto a quattro mani con Gianni Merlo e pubblicato da Rizzoli, l’atleta racconta sè stesso. E la grande magia di cui è stato artefice. Trasformare, cioè, la propria disabilità in una grande opportunità: diventare campione.

Aperitivo con 10 medaglie olimpiche Giovedì 30 ottobre un momento di saluto presso il centro benessere TERMAWELLNESS di via Bosco Papadopoli n 4/2 -Padova (nel centro sportivo di Villa Ferri, direzione Albignasego) dove Rossano Galtarossa collabora e si allena; presenti tra l'altro i 3 compagni di Pechino che stanno giusto riprendendo la preparazione atletica in vista della prossima stagione agonistica 2009. Facendo un piccolo conto assieme possono vantare ben 10 medaglie olimpiche: 4 di Rossano Galtarossa (1 oro, 1 argento e 2 bronzi), 2 per Simone Raineri - capovoga (1 oro e 1 argento), 2 per Luca Agamennoni (1 argento e 1 bronzo) 1 argento per Simone Venier ed 1 bronzo per Catello Amarante.

78


110 anni di

Fieracavalli Numerosi i personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo e del giornalismo che hanno visitato gli stand e i 2500 cavalli presenti alla 110° edizione di Fieracavalli. Il calciatore argentino Hernan Crespo ha visitato la manifestazione in compagnia della moglie Alessia Rossi - che pratica l’equitazione a livello agonistico - e delle due figlie. Anche l’ex calciatore Paolo Rossi, ora commentatore sportivo, ha partecipato a Fieracavalli sfilando con gli abiti tradizionali insieme ai butteri maremmani. Pure la cantante Katia Ricciarelli è un’ habitué della manifestazione e anche quest’anno ha visitato tutti i padiglioni espositivi, in particolare si è soffermata sulla mostra degli abiti di Maria Callas a cura di A.N.G.E.L.O trattenendosi con Natalia Estrada nell’esclusiva Viplounge. L’inviato di Striscia la Notizia Moreno Morello ha fatto irruzione all’International Horse Festival, così come il direttore di Libero Vittorio Feltri appassionato di cavalli e affascinato dalla manifestazione. Un traguardo significativo per la più antica rassegna di Veronafiere, che ha festeggiato l'edizione 2008 con 700 espositori da 25 Paesi, 880 giornalisti da tutto il mondo in una superficie complessiva di 350mila metri quadrati e più di 2.500 cavalli in quartiere. Il cavallo e l’uomo: una storia che dura da secoli, un tema che lega ambienti diversi, uno stile di vita che coinvolge tutti i settori. La manifestazione, che si è svolta dal 6 al 9 novembre (www.fieracavalli.it), è stata inaugurata dal presidente di Veronafiere Luigi Castelletti, dal direttore generale Giovanni Mantovani e dal campione internazionale di attacchi Pasquale Beretta.

Nella cornice del Grand Hotel Terme Trieste & Victoria di Abano, si è svolta la cerimonia di premiazione dei migliori atleti delle Fiamme Gialle distintisi durante il 2008. Presenti i protagonisti che hanno arricchito il medagliere gialloverde di 33 medaglie (13 d’oro, 8 d’argento e 12 di bronzo): 1 oro, 1 argento e 2 bronzi alle Olimpiadi; 6 ori, 2 argenti e 2 bronzi ai Mondiali assoluti e di categoria; 6 ori, 5 argenti e 8 di bronzo agli Europei assoluti e di categoria. Alla cerimonia di premiazione, anticipata dalla Conferenza Stampa, che ha coinvolto giornalisti ed atleti in una sorta di talk show durante il quale sono state ripercorse le tappe salienti di una stagione culminata con i Giochi di Pechino, erano presenti numerose autorità civili, sportive e militari della Guardia di Finanza. Ospite delle Fiamme Gialle anche il campione padovano Rossano Galtarossa che a Pechino ha vinto l’argento nel quattro di coppia insieme ai finanzieri Raineri, Venier e Agamennoni. Premi, quindi, per gli atleti protagonisti ai Giochi Olimpici, ai Campionati del Mondo e agli Europei: Elisa Rigaudo (Atletica); Antonio Scaduto, Andrea Facchin, Antonio Rossi, Franco Benedini, Alberto Ricchetti (Canoa); Simone Raineri, Luca Agamennoni, Simone Venier, Romano Battisti, Sergio Canciani, Domenico Montrone, Andrea Tranquilli (Canottaggio); Giulia Quintavalle, Ylenia Scapin (Judo); Christian Galenda, Alessandro Terrin (Nuoto); Luca Valdesi, Lucio Maurino, Stefano Maniscalco, Michele Giuliani (Karate); Martino Minuto, Irene Vecchi, Luigi Samele, Carolina Erba (Scherma); Tania Cagnotto (Tuffi); Andrea Casale, Enzo Di Capua, Ernesto Angeletti, Vittorio Rosson e Diego Negri (Vela). Assenti, per motivi di salute Ylenia Scapin (judo), familiari Fabio Montefusco (Vela), e perché impegnati nei Campionati Italiani Assoluti invernali Chistian Galenda e Alessandro Terrin (nuoto).

Ad Abano Il galà delle Fiamme Gialle

79


gothacharity

Matteo Marzotto vicepresidente della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica protagonista di due importanti appuntamenti a Padova.

Matteo Marzotto a favore della Fibrosi Cistica Uno scenario elegante e futuristico, quale la galleria di palazzo tendenza al Net Center di Padova Est, ha fatto da cornice alla serata di gala “La speranza passa per il Net Center” che ha visto come testimonial Matteo Marzotto. La serata di charity ha visto una cena per oltre 100 invitati, animata da leggiadre ballerine che hanno conquistato il palcoscenico tra musiche alla Moulin Rouge e passionali movimenti di tango. Grazie alla generosità di Mauro Bertani, AD di Net Srl, e all’asta benefica, sono stati raccolti ben 19.000 euro da devolvere al finanziamento di un progetto di ricerca scelto dal Comitato Scientifico della Fondazione. L’allestimento era decisamente molto scenografico curato nei mini dettagli da Paola Toffano Eventi. Durante la serata Matteo Marzotto ha incontrato per la prima volta Danny Ferrone, l’atleta statunitense poco più che ventenne, ammalato di fibrosi cistica. La malattia ha colpito il ragazzo minando il suo fisico ma non la sua volontà: tanto che ha deciso di affrontare competizioni di grande resistenza fisica come l’ IronMan delle Hawaii, la più importante gara di triathlon al mondo, e di fondare l'associazione Fight Forever(www.fightforever.org). Katia Rossi

Per donazioni e versamenti: c/c postale n. 18841379 Bonifico Unicredit Banca: IT 03 N 02008 11718 000009465517 Bonifico Banco Popolare di Verona: IT60V0518811708000000048829 On-line sul sito: www.fibrosicisticaricerca.it Le donazioni sono deducibili fino al 10% del reddito complessivo e comunque non oltre 70.000 euro/anno (art. 14 legge n. 80/2005). Per usufruire di tali detrazioni è indispensabile la ricevuta dell’ente bancario o postale presso cui è stato fatto il versamento.

Matteo Marzotto con Mauro Bertani; sotto con Ubaldo Lonardi e Paola Toffano.

“Specialisti a confronto: vivere con la fibrosi cistica" Interessante incontro a Medica Ferri: un incontro tra esperti quali il professore Francesco Sartori, docente all’Università di Padova del dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari, specialista in Chirurgia Toracica, il dottor Claudio Schiraldi, specialista in pneumologia e Medicina dello sport, e Matteo Marzotto, vicepresidente della Fondazione Fibrosi Cistica Onlus. L’incontro ha spiegato come grazie alla ricerca scientifica oggi si possa vivere in condizioni sempre più dignitose anche se affetti da gravi patologie, come la Fibrosi cistica. Oggi non è più un sopravvivere, ma sempre più un vivere. E questo grazie alle donazioni che permettono di ottenere risultati sempre più importanti in ambito medico scientifico. Su tratta di uno dei primi incontri con specialisti promossi dal Centro Medico Medica Ferri. Gli incontri sono gratuiti e aperti al pubblico, previa telefonata per prenotare.

80


Cena di beneficenza 2008

Ph Dino Juliani

Come ogni anno si è tenuta la cena di beneficenza favore della Clinica di Oncoematologia Pediatrica –Centro Leucemie infantili dell’Ospedale di Padova promossa dal Casop onlus (Comitato assistenza socio-sanitario in Oncoematologia Pediatrica) presieduto dal prof.Luigi Zanesco. Anima della serata e dell’iniziativa è come sempre Chiara Azzena, volontaria del reparto e instancabile promotrice del Casop onlus che anche quest’anno, con Annarita Doardo della Dolce Vita Eventi, è riuscita ad organizzare questo importante appuntamento coinvolgendo amici e autorità tra cui il Questore di Padova, l’on. Martinello e il consigliere regionale Raffaele Zanon. Testimonial 2008 della cena è stato Giancarlo Marinelli, scrittore e regista padovano, che ha conquistato il pubblico con la forza di un prezioso messaggio che ha incantato tutti. Durante la cena si è tenuta l’asta con cui sono stati venduti tutti gli omaggi donati da Jaguar, Medica Ferri, Trony, Pittarello e dal Peyote di Porto Cervo, Idea Gioielli. Solo poco prima della cena è arrivata con grande sorpresa la maglietta donata e firmata da Valentino Rossi per l’occasione, battuta poi all’asta per 1800 euro. Il ricavato è destinato alle spese straordinarie del reparto come l’acquisto di farmaci non compresi nei protocolli, borse di studio per i ricercatori, il sostegno economico agli operatori socio sanitari per continuare a mantenere quel livello di eccellenza che permette alle famiglie di bambini ammalati del Triveneto di accedere con fiducia e tranquillità alla struttura di Padova.

Luigi Zanesco, Chiara Azzena, Luigi Savina, Questore di Padova e Leonardo Martinello.

La Dolce Vita Eventi & Comunicazione S.r.l. Per informazioni: 328 168.39.88 ladolcevita-eventi@libero.it

Tutti possiamo diventare angeli! City angels volontari di strada d’emergenza. Ora anche a Padova. L’associazione nasce a Milano nel 1994 dal suo fondatore Mario Furlan, ed è l’unica associazione che svolge insieme attività di sicurezza e solidarietà, in maniera apartitica, aconfessionale e multietnica. Essere un City Angels significa aiutare chi ha bisogno immediato, un senzatetto, un tossicomane, un etilista, un disperato ma anche un cittadino in difficoltà che viene aggredito o derubato. I City Angels si distinguono dalla loro divisa: basco e berretto blu, simbolo delle forze di pace ONU, e giubba o maglietta rossa. La divisa è un punto di riferimento per i cittadini e per gli emarginati ed è un deterrente visivo per i delinquenti. I volontari sono persone preparate al primo soccorso anche veterinario, alla difesa personale e devono avere nozioni sull’etilismo, tossicodipendenze e cenni giuridici. Patrizia Peruzzo coordinatrice della sede di Padova insieme ad altre persone stanno reclutando il primo gruppo di volontari. “Abbiamo bisogno di persone motivate, per far nascere la sede di Padova. Il nostro scopo è fare qualche cosa di concreto con il cuore e con le azioni per portare un po’ di solidarietà e sicurezza alle persone che si trovano in difficoltà ed in solitudine nella nostra città. Tutti possiamo diventare angeli, basta smettere di girare la testa dall’altra parte. E’ un appello che faccio, unitevi a noi in questa esperienza straordinaria” • Per informazioni chiamare lo 049 8725012 • info@gplcommunication.com


Animali e volontari dal

cuore grande

Gothapets

Visitando il Canile di Rubano si ha un’idea di quanta passione e dedizione mettano i volontari in questa struttura. Costruito su un terreno di proprietà della contessa Dondi e da lei stessa adibito a "Rifugio del cane", la struttura vede oggi la presenza di circa 250 "membri", tra i quali vi sono cani di tutte le taglie e di tutte le razze, anche molto pregiate, giovani e vecchi, che contano sia trovatelli che randagi o abbandonati dai loro padroni, malati o perfettamente sani, abituati a vivere con l'uomo o inavvicinabili. Dunque una vera e propria "grande famiglia di amici a quattro zampe",che sopravvive solo grazie al quotidiano lavoro dei tanti volontari, i quali provvedono sia al cibo ( un'unico pasto al giorno frutto sempre di donazioni i pasta, scatolame, crocchette),che al più generale "benessere" dell' animale. Perchè, si sa, come recita l'insegna apposta all' entrata del canile "Anche gli animali hanno cuore" e vanno per questo affettuosamente accuditi e coccolati, così da instaurare spesso un vero e proprio legame di incredibile complicità e affezione con i cani. Basti pensare che ciascuno ha un suo "cane preferito", al quale rivolge un occhio di riguardo in più e mille attenzioni (per esempio alcuni necessitano di cure o di medicinali particolari, mentre altri come i cani vecchi o i trovatelli addirittura di un "pasto assistito" perchè fanno più fatica a mangiare o di una dieta specifica), senza però trascurare mai il resto della compagnia, in una sorta di perfetta sintonia e di istantaneo connubio, che sembra cancellare, almeno per qualche magico momento, le barriere tra ferinità e umanità. Benedetta Fabris

Una sfilata “Pet” a Porter! Per far conoscere le numerose collezioni della nuova “bautique” Chien Cheri la titolare Antonella Di Gaetano ha organizzato una sfilata dove i riflettori erano puntati sui cani e i loro padroni! Nella piazzetta Forzatè davanti al negozio in una lunga passerella si sono susseguiti bellissimi esemplari di tutte le razze che indossavano le novità della stagione 2008-2009, con pezzi preziosi ed originali: dai caldi cappottini ai collari in eco-pelle arricchiti da pendenti in Swarovski, collari e guinzagli personalizzabili con i nomi dei propri animali per dogs very glamours! Non sono mancate le city bag e gli originali passeggini realizzati apposta per i cagnolini più pigri!!! Ospite d’onore il pluri premiato barbone bianco che faceva da testimonial per la toilettatura le Petit Prince. Un evento davvero speciale pensato soltanto per gli amici a quattro zampe. Katia Rossi

Vuoi ricevere Gotha direttamente a casa?

ABBONATI! Scrivi a info@gotha.veneto.it oppure consulta il nostro sito www.gotha.veneto.it 82


Gotha_dicembre_08:Layout 1

4-12-2008

17:23

Pagina 83


Gotha Dicembre 2008