Issuu on Google+

CI BU S SP EC IA LE Direttore Responsabile: Angelo Frigerio - Direttore Editoriale: RICCARDO COLLETTI - Redazione: Palazzo di Vetro - Corso della Resistenza, 23 20821 Meda (MB) - Tel. +39.0362.600463/4/5/9 Fax.+39.0362.600616 - Editore: Edizioni Turbo

ALIMENTANDO IL QUOTIDIANO DEL SETTORE ALIMENTARE

NEW

Dolci & Consumi Newsletter On-line Anno 3 - Numero 19 - 11 maggio 2012

GRANDE AFFLUENZA DI BUYER ITALIANI E STRANIERI. PIACE LA NUOVA STRUTTURA. DI ALTO LIVELLO DI CONVEGNI

Cibus: promossa a pieni voti di Angelo Frigerio

Ritorno al futuro per Cibus. “Per la prima volta, dopo tanti anni, siamo ritornati a scrivere gli ordini in fiera”: in questo commento c’è tutto il senso della manifestazione. Doveva essere un’evento B2B: lo è stato in pieno. Parliamoci chiaro: di questi tempi, quello che importava agli espositori era di vedere vecchi e nuovi clienti. Soprattutto nuovi. Soprattutto stranieri. E Cibus ha risposto appieno. Gli italiani sono venuti in massa. Non solo le catene storiche ma anche piccole e grandi realtà della distribuzione italiana. Si sono viste le gastronomie top level. Ma anche ristoratori stellati e responsabili del canale horeca. Tutti hanno risposto alla grande. E lo si è visto girando fra gli stand, sempre affollati sin dalle prime ore del mattino. Numerosi anche i buyer stranieri. Moltissimi i giapponesi e significativa la rappresentanza di americani e canadesi. Anche l’Europa ha fatto la sua parte, con i paesi dell’Est a fare da contorno. Bella la nuova struttura. Fiere Parma ha rispettato gli impegni e ha presentato a espositori e visitatori nuovi e moderni padiglioni dove si è potuto lavorare bene. Qualche problema con la connessione wi fi è stato registrato in alcuni padiglioni (il sette ad esempio), come pure per il collegamento con i telefoni cellulari. Anche i problemi di viabilità non sono stati risolti appieno. Chi arrivava da Milano, soprattutto nelle giornate di martedì e mercoledì, ha fatto un’ora di coda per giungere in fiera. Ma questo è la conferma di un successo. Molto più fluido invece, rispetto agli scorsi anni, lo scorrimento alla sera. Di alto livello i convegni che si sono succeduti. A partire dall’assemblea pubblica di Federalimentare, il lunedì, dal titolo: “Tornare a Crescere. Rilanciare i consu-

mi, sostenere l’internazionalizzazione. Le ricette dell’industria alimentare”. Un evento che ha visto la presenza di Mario Catania, ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali e di Corrado Passera responsabile dello Sviluppo economico. Che hanno ribadito, di fronte alla platea, di essere contrari sia alla food tax sia all’aumento dell’Iva prospettato per il prossimo autunno. Per ora ci facciamo un nodo al fazzoletto… Tra gli altri convegni vale la pena citare quello sulla Distribuzione automatica e Le strategie distributive vincenti per l’internazionalizzazione del Made in Italy. Unico neo: la scarsa affluenza di pubblico. Nella giornata di lunedì è stata invece presentata l’alleanza fra Anuga, la fiera del food che si svolge ogni due anni a Colonia, e Cibus Parma. Il primo evento realizzato in comune sarà il Thaifex di Bankok che si svolgerà il prossimo anno nella capitale thailandese. Grande, grandissimo successo per i nostri Awards. Sia la giornata di lunedì sia quella di martedì hanno visto la sala Toscanini stracolma di buyer e aziende. Ancora una volta i premi dell’eccellenza - di Dolci & Consumi, Salati & Consumi, Formaggi & Consumi e Salumi & Consumi - assegnati dal retail hanno trovato ampia accoglienza fra gli operatori del settore. Insomma, un’edizione baciata dal sole (in tutti i sensi). Che ha dimostrato, ancora una volta, la forza di un comparto, qual è l’alimentare, strategico per il nostro paese. Adesso la palla passa alla politica. Ci aspettano decisioni importanti, quali ad esempio il decreto attuativo sull’articolo 62 delle liberalizzazioni. Per sostenere un comparto che, lo ricordo a tutti, non ha la cassa integrazione nel suo Dna. E non vuole averla.

Crac Mqm: buco da 220 milioni di euro. 700 licenziamenti. Coinvolti decine di pdv Billa Milano – Mqm è fallita. Il gruppo, che gestiva decine di supermercati in franchising con il marchio della tedesca Billa, ha fatto crac. I militari della Guardia di finanza hanno eseguito tre arresti nei confronti di Pietro Rosselli, imprenditore nella grande distribuzione alimentare, Leonardo Matarrese, imprenditore nel settore dell’elettronica, e di un ex avvocato, Maria Concetta Leo. L’ipotesi di reato è: bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita e riciclaggio. I tre sono stati accusati di aver orchestrato il fallimento del gruppo che ha lasciato un buco da 220 milioni di euro e ha portato al licenziamento di 700 persone. Secondo gli inquirenti, infatti, avrebbero costituito, nel giugno del 2007, una galassia di società intestate a prestanome ottenendo finanziamenti dalle banche per 130 milioni di euro. Con questi soldi avrebbero aperto supermercati e ottenuto dai fornitori merce a credito che nel tempo svendevano. Il ricavato della vendita dei prodotti sarebbe stato dirottato su conti esteri, usati per acquistare yacht, quadri di valore e auto di lusso.


Speciale Cibus

Interviste e approfondimenti sul prossimo numero di Dolci&Consumi in uscita il 4 giugno

Il ministro Mario Catania: “Il Governo non va verso l’imposizione della Food Tax”

I primi commenti a caldo

A margine dell’inaugurazione di Cibus 2012 a Parma, Mario Catania, ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali è intervenuto anche sul tema della Food Tax. Una questione scottante, sulla quale il titolare del dicastero ha dichiarato: “Il Governo non va verso l’imposizione della Food Tax, non c’è alcuna decisione in tal senso. E, personalmente, non credo sia un’iniziativa utile. Sono convinto che non ci sarà una tassazione a 360 gradi di quello che impropriamente viene identificato come junk food”. Il ministro Catania, infine, si è anche soffermato sul tema dell’Iva. “E’ una questione più complessa e delicata, che abbiamo ereditato dal precedente Governo”, ha concluso. “Il nostro impegno è comunque rivolto per un rinvio dell’aumento delle aliquote, o quanto meno a un’attenuazione della misura fiscale”.

Il portale alimentando.info ha registrato i primi commenti a caldo di alcuni operatori del settore dopo la chiusura dell’edizione 2012 di Cibus. Francesco Pizzagalli (Fumagalli): “E’ la miglior edizione cui abbia mai partecipato. E ne ho seguite tante… “. Fabio Leonardi (Igor): “Il voto complessivo è otto. Anche se i buyer stranieri che ho incontrato li conoscevo già”. Andrea Liboa (Deco Industrie): “Molto Medio Oriente, Paesi Emergenti e Germania”. Vincenzo Rota (San Vincenzo): “Tutto bene, tutto bello: ma se pioveva?”. Giovanni Rana (Rana): “Spostare il Cibus a Milano? Un’operazione improponibile”. Filippo Benvenuto (Sorini): “Sono venute le persone giuste. C’è stata poca dispersione”. Alberto Balocco (Balocco): “Cibus positivo. Tanti buyer esteri e italiani”.Maurizio Sperati (Amalattea): “Un’edizione spettacolare. Abbiamo visto soprattutto un’invasione di cinesi”. Davide Fileppo Zop (Mario Costa): “Una manifestazione al di sopra di qualsiasi aspettativa”. Stefano Fontana (Consorzio Gorgonzola): “Tutto bene tranne le comunicazioni telefoniche”. Loris Largher (Consorzio Trentino Salumi): “Abbiamo avuto ottimi riscontri. Meno curiosi. Più operatori specializzati”.

Condorelli entra nel settore delle tavolette di cioccolato Condorelli è ora anche tavolettame. L’azienda siciliana, che lega il suo nome ai torroncini e alle specialità della pasticceria regionale, ha scelto Cibus per presentare la sua prima linea di tavolette di cioccolato. Disponibili in sei differenti gusti, le tavolette si affiancano ad altre novità che l’azienda ha presentato a Cibus in vista delle prossime festività natalizie. Immancabili i torroncini. “In questo comparto siamo leader di mercato, con una quota del 64%”, ha affermato Salvatore Nicoloso, direttore marketing. Nel segmento delle stecche di torrone, invece, la market share è del 30%”.

Thaifex 2013: obiettivo Asean Si chiama Thaifex World of Food Asia la fiera organizzata da Federalimentare, Fiere di Parma e Koelnmesse. Giunta alla sua ottava edizione l’expo è la più importante piattaforma asiatica di sourcing per migliaia di buyer del settore alimentare e dell’ospitalità. Thaifex si terrà dal 22 al 26 maggio 2013 a Bangkok in Thailandia. Nella conferenza stampa di presentazione – alla quale hanno partecipato anche Franco Boni, presidente di Fiere Parma e Filippo Ferrua Magliani, presidente di Federalimentare – Gerald Böse, ceo di Koelnmesse ha dichiarato: “Quello thailandese è uno dei quattro mercati strategici del Sud Est asiatico. Thaifex rappresenta dunque un’occasione straordinaria per chi intende lavorare nell’area Asean. L’edizione 2011 è stata un vero successo con più di mille espositori provenienti da 25 Paesi e 17 padiglioni nazionali. Sono stati inoltre circa 23mila gli operatori commerciali ad averla visitata”. A curare e gestire la partecipazione delle aziende italiane a Thaifex World of Food Asia saranno Koelnmesse Italia, Fiere di Parma e Federalimentare.

Dolci & Consumi Newsletter On-line Anno 3 - Numero 19 - 11 maggio 2012

Balocco: primo quadrimestre in crescita Soddisfazione allo stand Balocco. “Abbiamo appena ricevuto i dati relativi al fatturato del primo quadrimestre”, dichiara Alberto Balocco, amministratore delegato dell’azienda piemontese. “L’incremento, rispetto allo stesso periodo del 2011, è pari al 16%. È un momento positivo per Balocco che, negli ultimi anni, è cresciuta a livelli da record: il fatturato, da 72 mesi a oggi, aumenta di un milione di euro al mese. L’ingresso nel mercato dei continuativi sicuramente ha agevolato questo sviluppo. Non solo: nel comparto dei frollini siamo secondi solo a Barilla (Mulino Bianco) con una quota di mercato dell’8%”.

Disney nel segno di Marvel Anche il colosso dell’entertainment Disney fa bella mostra di sé a Cibus 2012. “La grande novità di quest’anno è rappresentata dalle licenze Marvel”, ha dichiarato Francesca Romana Gianesin, vice president head of consumer product licensing di Walt Disney Company Italia (nella foto). “Grazie al brand Marvel la nostra offerta di licensing si arricchisce di personaggi a target maschile, da Spider-man a IronMan e Hulk, super eroi che uniscono i papà e i figli nella passione per le storie epiche ed avventurose”. Numerose le aziende che hanno sfruttato i personaggi della scuderia Disney per i loro prodotti. Fra queste ricordiamo Raspini, che qui ha lanciato Ham Cotto, gli hamburger Montana, il miele Ambrosoli e le Uova Naturelle di Eurovo.

3


DOLCI & CONSUMI AWARDS 2012 I premi dell’eccellenza assegnati dal retail Grande successo per la prima edizione di Dolci & Consumi Awards, i premi dell’eccellenza assegnati dal retail. I riconoscimenti sono stati attributi – da una giuria qualificata di buyer di Gd e Do, oltre che da operatori di spicco del settore alimentare – alle iniziative promosse dalle aziende e che si sono distinte nel corso dell’anno 2011.

I VINCITORI MIGLIOR SPOT TV Il gospel tra la gente Maina Panettoni

MIGLIOR INIZIATIVA DI CO-MARKETING Majani e Parah Majani 1796

MIGLIOR SPOT RADIO Vita mia Balocco

MIGLIOR INIZIATIVA DI LICENSING Barbapapà Wal-cor Corsanini

MIGLIOR TELEPROMOZIONE Krumiri Bistefani a “Avanti un altro” Bistefani Gruppo Dolciario

MIGLIOR INIZIATIVA CHARITY Panettone Margherita Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo Bistefani Gruppo Dolciario Il panettone del carcere di Padova I dolci di Giotto Progetto Forza e coraggio TartufLanghe

MIGLIOR CAMPAGNA AFFISSIONE Il tuo piacere segreto Stuffer MIGLIOR CAMPAGNA STAMPA CONSUMER Un sano equilibrio per noi è naturale A.d.r. - La Sassellese MIGLIOR CAMPAGNA NEW MEDIA Semplice, come te e Mr Day Vicenzi Biscotti MIGLIOR MATERIALE POP Portasecchielli Majani 1796

MIGLIOR PACKAGING Meringa all’italiana Gustosia per dessert MIGLIOR INNOVAZIONE DI PRODOTTO Zerozerolatte Fiasconaro PREMIO SPECIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELL’AMBIENTE Viviparchi Sorini



Premio Fiasconaro