Page 1


Saluto del Comandante del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale


La mission del Corpo Forestale

4

La lotta gli incendi La protezione civile Caccia e antibracconaggio Vigilanza sulla pesca Aree protette e conservazione della fauna La tutela del patrimonio artistico e archeologico Aree protette e conservazione della flora Ricerca e soccorso dei dispersi L’educazione ambientale Attività di contrasto sui rifiuti

6

Specie e aree protette Dove rivolgersi per ....

La comunicazione istituzionale e il 1515 Organigramma del Corpo Forestale

La Direzione e i Servizi centrali Gli Ispettorati ripartimentali

Le Stazioni Forestali e le Basi Navali

Elenco comuni/uffici CFVA

17


REPORT FORESTALE

La mission Il Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione Sardegna è un Corpo tecnico con funzioni di polizia deputato alla salvaguardia dell'ambiente naturale, istituito con la Legge regionale n. 26 del 5 novembre del 1985. È una struttura diffusa su tutto il territorio regionale che opera attraverso una direzione generale, 3 servizi centrali, 7 servizi territoriali, 82 stazioni forestali, 10 basi navali, impegnando più di 1400 unità. Al Corpo è affidata la tutela tecnica ed economica dei boschi, dei beni silvo-pastorali dei Comuni e degli Enti pubblici, di parchi, riserve, biotopi ed altre aree di particolare interesse naturalistico e paesaggistico individuate con leggi o provvedimenti amministrativi, della flora, della vegetazione e dei pascoli montani.

Il Corpo esercita funzioni di coordinamento e operative in materia di protezione civile e nella prevenzione e lotta agli incendi nei boschi e nelle campagne. Provvede inoltre alla propaganda forestale ed ambientale, alla difesa del suolo dall'erosione, al controllo dei semi e delle piantine forestali, a quant'altro sia richiesto per la difesa e la tutela delle foreste. Gli sono stati attribuiti compiti di vigilanza, prevenzione e repressione di comportamenti e attività illegali in materia di caccia, pesca nelle acque interne e marittime, uso controllato del fuoco, incendi; inoltre svolge funzioni di polizia forestale, fluviale, sulle pertinenze idrauliche e di protezione dei beni culturali.


REPORT FORESTALE

La mission (segue) Cura la statistica e l'inventario forestale e può predisporre studi sui problemi d'interesse forestale e montano per la difesa del suolo e avanzare proposte di soluzione agli organi competenti. Il Corpo esercita le sue funzioni anche nei territori rientranti nel patrimonio forestale e silvo-pastorale gestito dall’Ente Foreste della Regione Sardegna, in accordo con gli uffici dell'Ente competenti per territorio.

Il Corpo infine è titolare in Sardegna delle funzioni di protezione delle specie della fauna e della flora minacciate di estinzione, ai sensi della Legge 150 del 1992 relativa all'applicazione in Italia della Convenzione internazionale di Washington (Cites).


REPORT FORESTALE

L’attività di vigilanza del CFVA La lotta agli incendi Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Vivamus ultrices fringilla urna, a fermentum elit scelerisque at. Nulla at cursus ipsum. Phasellus mattis condimentum lorem vel aliquam. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut tristique molestie velit sit amet rhoncus. Suspendisse id ligula nulla, aliquam feugiat lacus. Aliquam mattis ipsum eget massa tristique laoreet. Nulla aliquet, purus nec facilisis dictum, tellus mauris facilisis arcu, et cursus neque nisl ut orci. Proin tempor consectetur ipsum, ut cursus felis ornare nec. Nulla vel lectus sed nisl commodo tincidunt eget a velit. Quisque nunc lectus, feugiat ac aliquam sollicitudin, placerat in dui. Mauris ut mauris quis leo auctor tristique a id erat. Mauris et lacus ut turpis sollicitudin convallis. Vestibulum ornare auctor orci a pretium. Maecenas massa nisl, imperdiet non sagittis nec, ullamcorper a turpis. Nunc elementum, tellus ut vehicula porttitor, nunc elit tempus purus, auctor fermentum orci felis ut justo. Phasellus pellentesque tempor neque, venenatis auctor dolor pharetra quis. Praesent sit amet tortor ac massa pharetra vehicula non quis lectus.

Donec posuere ullamcorper tellus, in blandit nunc accumsan at. Curabitur elementum ligula sed nulla congue ultrices. Mauris eget neque nibh. Quisque tincidunt leo quis nunc porttitor elementum et vitae nisl. Aenean ut neque id nunc aliquam blandit ac eget mauris. Aenean purus nunc, tempus vel fermentum quis, eleifend non lacus. Aliquam et sem mauris. Integer sagittis, lacus in varius sollicitudin, nisl magna placerat quam, eget fermentum lacus sapien porttitor odio. Sed et accumsan arcu. Aenean sit amet faucibus diam. Nullam vehicula urna in justo vestibulum at cursus tortor ultrices. Fusce vel erat sapien. In erat quam, pulvinar sed pellentesque eu, luctus in mauris. Curabitur elementum mi ut est ultricies tincidunt. Etiam dapibus porttitor felis, nec porta odio viverra et. Integer diam orci, pharetra eget volutpat et, imperdiet non nisl. Integer hendrerit volutpat tristique. Vestibulum dui nulla, sollicitudin vel sodales in, tempus a ipsum. Morbi a diam turpis. Phasellus a malesuada nulla. Donec vel magna magna. Nam et lorem eros, at porta ipsum. Morbi ornare nisl vitae erat egestas id tincidunt magna pulvinar. Cras consequat libero quis libero semper sagittis. Nullam tincidunt fermentum aliquam. Integer sollicitudin, magna ut tincidunt viverra, augue nisl bibendum elit, eu malesuada eros ante quis felis. Praesent aliquet tortor eu dui tempor tincidunt. Aenean leo felis, tincidunt id ultrices at, vestibulum eget libero. Donec at nibh orci. Sed non porta ipsum. Integer ut diam libero. Pellentesque sit amet imperdiet sapien. Nam et lorem eros, at porta ipsum. Morbi ornare nisl vitae erat egestas id tincidunt magna pulvinar. Cras consequat libero quis libero semper sagittis. Nullam tincidunt fermentum aliquam. Integer sollicitudin, magna ut tincidunt viverra, augue nisl bibendum elit, eu malesuada eros ante quis felis. Praesent aliquet tortor eu dui tempor tincidunt. Aenean leo felis, tincidunt id ultrices at, vestibulum eget libero. Donec at nibh orci. Sed non porta ipsum. Integer ut diam libero. Pellentesque sit amet imperdiet sapien


REPORT FORESTALE

L’attività di vigilanza del CFVA La protezione civile Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Vivamus ultrices fringilla urna, a fermentum elit scelerisque at. Nulla at cursus ipsum. Phasellus mattis condimentum lorem vel aliquam. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut tristique molestie velit sit amet rhoncus. Suspendisse id ligula nulla, aliquam feugiat lacus. Aliquam mattis ipsum eget massa tristique laoreet. Nulla aliquet, purus nec facilisis dictum, tellus mauris facilisis arcu, et cursus neque nisl ut orci. Proin tempor consectetur ipsum, ut cursus felis ornare nec. Nulla vel lectus sed nisl commodo tincidunt eget a velit. Quisque nunc lectus, feugiat ac aliquam sollicitudin, placerat in dui. Mauris ut mauris quis leo auctor tristique a id erat. Mauris et lacus ut turpis sollicitudin convallis. Vestibulum ornare auctor orci a pretium. Maecenas massa nisl, imperdiet non sagittis nec, ullamcorper a turpis. Nunc elementum, tellus ut vehicula porttitor, nunc elit tempus purus, auctor fermentum orci felis ut justo. Phasellus pellentesque tempor neque, venenatis auctor dolor pharetra quis. Praesent sit amet tortor ac massa pharetra vehicula non quis lectus.

Donec posuere ullamcorper tellus, in blandit nunc accumsan at. Curabitur elementum ligula sed nulla congue ultrices. Mauris eget neque nibh. Quisque tincidunt leo quis nunc porttitor elementum et vitae nisl. Aenean ut neque id nunc aliquam blandit ac eget mauris. Aenean purus nunc, tempus vel fermentum quis, eleifend non lacus. Aliquam et sem mauris. Integer sagittis, lacus in varius sollicitudin, nisl magna placerat quam, eget fermentum lacus sapien porttitor odio. Sed et accumsan arcu. Aenean sit amet faucibus diam. Nullam vehicula urna in justo vestibulum at cursus tortor ultrices. Fusce vel erat sapien. In erat quam, pulvinar sed pellentesque eu, luctus in mauris. Curabitur elementum mi ut est ultricies tincidunt. Etiam dapibus porttitor felis, nec porta odio viverra et. Integer diam orci, pharetra eget volutpat et, imperdiet non nisl. Integer hendrerit volutpat tristique. Vestibulum dui nulla, sollicitudin vel sodales in, tempus a ipsum. Morbi a diam turpis. Phasellus a malesuada nulla. Donec vel magna magna. Nam et lorem eros, at porta ipsum. Morbi ornare nisl vitae erat egestas id tincidunt magna pulvinar. Cras consequat libero quis libero semper sagittis. Nullam tincidunt fermentum aliquam. Integer sollicitudin, magna ut tincidunt viverra, augue nisl bibendum elit, eu malesuada eros ante quis felis. Praesent aliquet tortor eu dui tempor tincidunt. Aenean leo felis, tincidunt id ultrices at, vestibulum eget libero. Donec at nibh orci. Sed non porta ipsum. Integer ut diam libero. Pellentesque sit amet imperdiet sapien. Nam et lorem eros, at porta ipsum. Morbi ornare nisl vitae erat egestas id tincidunt magna pulvinar. Cras consequat libero quis libero semper sagittis. Nullam tincidunt fermentum aliquam. Integer sollicitudin, magna ut tincidunt viverra, augue nisl bibendum elit, eu malesuada eros ante quis felis. Praesent aliquet tortor eu dui tempor tincidunt. Aenean leo felis, tincidunt id ultrices at, vestibulum eget libero. Donec at nibh orci. Sed non porta ipsum. Integer ut diam libero. Pellentesque sit amet imperdiet sapien


REPORT FORESTALE

L’attività di vigilanza del CFVA La caccia e i servizi antibracconaggio La fauna selvatica è bene ambientale della Regione ed è tutelata, insieme agli habitat naturali, nell'interesse della collettività. L'esercizio della caccia è dunque subordinato ad un prelievo sostenibile della fauna ed è consentito, nel rispetto delle norme, purché non contrasti con la conservazione stessa delle specie stanziali e migratorie. Al Corpo Forestale è affidata la vigilanza sull’applicazione delle norme, nazionali e regionali, che tutelano la fauna in Sardegna e che regolano l’esercizio della caccia: la Legge quadro nazionale n. 157 del 1992 e le Leggi regionali n. 23 del 1998 e, per alcune disposizioni, la n. 32 del 1978. Queste norme individuano i modi ed i mezzi consentiti per un corretto esercizio venatorio, quali sono le specie cacciabili, quelle protette o particolarmente protette, i requisiti e le conoscenze che deve possedere il cacciatore, stabiliscono inoltre i divieti e le sanzioni per chi li trasgredisce.

La vigilanza sul regolare svolgimento dell’attività venatoria, attraverso il pattugliamento del territorio ed i controlli eseguiti, è dunque finalizzata a prevenire e reprimere illeciti penali e amministrativi nella materia. La vigilanza sull'attività venatoria conduce talvolta ad individuare forme di caccia completamente illegali cioè il bracconaggio. Purtroppo il numero elevato di denunce, arresti e sequestri, operati annualmente dal Corpo, confermano come ancora consistente il mercato illegale della selvaggina nella nostra regione L’attività di lotta al bracconaggio consiste nella pianificazione ed esecuzione di interventi operativi, fatti di perlustrazioni, indagini e appostamenti, e presuppone una profonda conoscenza delle consuetudini locali e del territorio. È noto che alcune delle tecniche utilizzate dai bracconieri, oltre alla violazione della normativa sulla caccia e sulle armi, comportano gravissimi rischi per la sicurezza di escursionisti, cercatori di funghi e quanti vogliano usufruire della bellezza del patrimonio boschivo. Ci si riferisce in particolare ai così detti tubifucile, vere e proprie armi di fabbricazione artigianale, impostate a scatto e abbandonate nei boschi. Chiunque dovesse imbattersi in armi di fabbricazione artigianale, in trappole o reti, non deve toccarle o manometterle, ma deve segnalare il loro rinvenimento fornendo tutti gli elementi utili alla loro localizzazione alla più vicina stazione forestale o al numero verde 1515. Sempre nell’ambito della salvaguardia della fauna il personale del Corpo collabora a programmi concernenti lo studio e il monitoraggio quantitativo e qualitativo delle popolazioni della fauna.


REPORT FORESTALE

L’attività di vigilanza del CFVA La pesca La pesca è una delle maggiori risorse alimentari per l’umanità, fonte di occupazione e di vantaggi economici per chi la esercita. L’abbondanza delle risorse acquatiche è stata a lungo considerata illimitata. Questa convinzione è oggi ridimensionata dalla consapevolezza che le risorse acquatiche, per quanto rinnovabili, non sono infinite e hanno quindi bisogno di essere gestite correttamente. La pesca è dunque sottoposta a specifiche autorizzazioni e norme a seconda che si svolga in acque interne o marittime e a seconda che si tratti di pesca professionale (che si attua a fini commerciali) o di pesca sportiva e dilettantesca (cioè non professionale e senza fini di lucro). Particolari norme regolano poi la pesca scientifica, l’acquacoltura e la piscicoltura. Un quadro legislativo e regolamentare decisamente complesso poiché individua fonti di diritto diverse: lo

Stato italiano, le regioni e le province autonome e, nel caso della pesca in mare, la Comunità europea e le commissioni internazionali. In realtà, le varie norme sono riconducibili agli obiettivi generali di tutela delle risorse ittiche, tutela delle specie protette, sviluppo sostenibile delle attività produttive, sicurezza alimentare e tutela del consumatore Al Corpo Forestale della regione Sardegna sono affidati compiti di vigilanza sul corretto esercizio della pesca nelle acque interne e marittime e l'accertamento delle infrazioni alle leggi e ai regolamenti in materia. Un campo operativo vasto a tutela delle risorse ittiche, degli habitat e della biodiversità delle specie che popolano fiumi, laghi, lagune, delta ed estuari e le acque marittime territoriali. Risorse naturali che devono essere tutelate con attenzione, nell’ottica di assicurarne la disponibilità per le future generazioni.


REPORT FORESTALE

Le aree protette e la conservazione della fauna La Sardegna è ricchissima di specie selvatiche tra le quali alcune minacciate dal bracconaggio, dall’antropizzazione diffusa del territorio e dall’agricoltura intensiva. Nel tempo molte specie si sono estinte (la foca monaca, alcuni esemplari di rapaci e avvoltoi, il daino); altre sono invece in pericolo, come il grifone, l’ultimo avvoltoio nidificante in Sardegna. Le aree protette (parchi regionali, riserve naturali, ecc.), intese nella loro complessità, hanno svolto nel passato e continuano a svolgere un ruolo fondamentale nella tutela della fauna selvatica. Importanti realtà ambientali e faunistiche sono state conservate e in vari casi, grazie alla protezione, la loro situazione è notevolmente migliorata. Oltre agli effetti sulla conservazione della fauna, le aree protette svolgono una funzione di grande

rilievo ai fini della divulgazione delle conoscenze e della cultura naturalistica, oltreché di sensibilizzazione nei confronti della tutela delle biodiversità. Una importante funzione del Corpo Forestale, in collaborazione con le amministrazioni provinciali, è il soccorso e il recupero della fauna selvatica in difficoltà. Le lesioni sono in genere dovute ad armi o trappole utilizzate per il bracconaggio, ad urti con veicoli e impatti con linee elettriche, al morso dei predatori naturali o di cani randagi. Il numero verde 1515 del Corpo Forestale per le emergenze ambientali fornisce informazioni sui centri di recupero convenzionati che accolgono 24 ore su 24 gli animali selvatici bisognosi di cure.


REPORT FORESTALE

La tutela del patrimonio artistico e archeologico

La salvaguardia dei beni culturali è uno dei compiti del Corpo forestale. In questa categoria di beni rientrano non solo i monumenti archeologici più tipici della Sardegna come i nuraghi, le tombe di giganti, i pozzi sacri, ma anche tutte quelle testimonianze e siti archeologici, talvolta meno appariscenti, che consentono comunque agli studiosi di ricavare dati preziosissimi per la conoscenza delle civiltà che ci hanno preceduto. Tutelati da una specifica normativa, questi beni si trovano sparsi su tutto il territorio dell'isola, spesso in zone impervie. Proprio la particolare dislocazione li rende più esposti all'azione illecita e distruttiva degli scavatori abusivi. I così detti tombaroli che, pur di reperire qualche statuina, moneta o vaso per farne commercio illegale, compiono danni irreparabili. Per

impossessarsi dei singoli reperti, danneggiano monumenti, manomettono siti, cancellando per sempre la possibilità di ricostruirne la storia. La tutela che il Corpo svolge avviene attraverso la programmazione delle attività di sorveglianza, con particolare riguardo alle zone più sensibili, lo svolgimento degli appostamenti e delle indagini per individuare gli autori dei reati e recuperare i reperti. Gli scavi archeologici devono essere sempre autorizzati dalla Soprintendenza per i beni archeologici e condotti da ricercatori qualificati. Le campagne di scavo legali si svolgono apertamente, le zone di ricerca sono delimitate con apposite ed evidenti recinzioni. Ben diversamente si comportano i così detti tombaroli che eseguono scavi improvvisati e prediligono le ore notturne. I cittadini che dovessero notare attività sospette possono segnalarlo alle forze di polizia.


REPORT FORESTALE

Le aree protette e la tutela della flora Le aree protette in Sardegna sono numerose, diffuse e spesso occupano ampi spazi di territorio meritevole di protezione per l'elevato valore naturalistico. Altrettanto numerose sono le specie floristiche rare o endemiche che li abitano. Il sistema delle aree protette comprende: parchi nazionali e regionali, aree e riserve naturali marine, zone umide secondo la convenzione di Ramsar, monumenti naturali, riserve naturali, aree di rilevante interesse naturalistico, oasi WWF, siti di importanza comunitaria. In assenza di una norma regionale specifica per la tutela della flora, la protezione delle specie vegetali endemiche o rare, ma anche di quelle tipiche della regione mediterranea, è assicurata dall’attività di

vigilanza svolta dal Corpo Forestale, accanto agli altri soggetti preposti, in queste aree. Molte specie vegetali e habitat sono protetti dalla Rete Natura 2000, un sistema di individuazione di aree di grande valore ecologico, diffuso in tutto il territorio dell’Unione Europea, per la conservazione della biodiversità. I Siti di Importanza comunitaria (SIC), una volta individuati e sottoposti a un piano di gestione, diventano zone speciali di conservazione (ZSC). Nei ZSC la gestione sostenibile si deve accompagnare ad una conduzione del territorio economicamente compatibile. In Sardegna sono 121 i siti che fanno parte di Rete Natura 2000; di questi 92 sono siti di importanza comunitaria (SIC) che interessano 426.251 ettari, pari a quasi il 18% del territorio dell’Isola.


REPORT FORESTALE

La ricerca e il soccorso dei dispersi Il Corpo Forestale ogni anno fornisce un ragguardevole contributo nelle attività di ricerca e soccorso delle persone disperse nel territorio della regione partecipando accanto alle altre istituzioni (Soccorso alpino,Volontari, VVF, Carabinieri, eccetera) a una media di ____ interventi annui. L’attività che consiste nella ricezione e emanazione degli allarmi, avvio delle operazioni di ricerca, cura dei collegamenti fra le risorse in campo, perlustrazione del territorio e soccorso, vede normalmente il Corpo impegnato in tutte o singole fasi delle operazioni; talvolta anche con funzioni di coordinamento altre volte di collaborazione con le diverse forze di pubblica sicurezza. La conoscenza di località anche remote e la capacità di movimento in luoghi difficilmente accessibili fanno si che

il Corpo Forestale venga coinvolto con particolare frequenza nella ricerca delle persone nei boschi e nelle campagne. Spesso la struttura forestale viene allertata direttamente, dalle persone in difficoltà o dai loro familiari, tramite le Stazioni Forestali locali o il numero verde di pubblica utilità 1515. Ricevuto l’allarme le Sale Operative (regionale o ripartimentali) del Corpo attivano le procedure di emergenza assumendo all’occorrenza le funzioni di coordinamento delle forze in campo. La ricerca di persone disperse comporta sempre un ingente impiego di risorse umane e finanziarie (personale, attrezzature, mezzi aerei, eccetera) mentre la consapevolezza dei propri limiti e un po’ di buon senso sono la migliore forma di prevenzione.


REPORT FORESTALE

L’educazione ambientale L’attività di divulgazione forestale e ambientale ha le sue radici storiche nella festa degli alberi celebrata per la prima volta a Roma il 21 novembre 1899 e istituzionalizzata a partire dal 1951. Lo scopo della festa era quello di «infondere nell’animo dei giovani il culto e l’amore per l’albero, fonte di innumerevoli utilità materiali e spirituali per l’uomo», come dichiara un opuscolo degli anni ’50. Da allora sono cambiati i contesti e i linguaggi, ma non sono cambiati né la sostanza né lo scopo di tale funzione. Negli ultimi quindici anni il Corpo forestale e di vigilanza ambientale ha rappresentato un punto di riferimento permanente per tutti coloro desiderano rendere vicine al cittadino le tematiche della tutela ambientale.

Il personale del Corpo, distribuito capillarmente sul territorio regionale, mantiene e promuove i contatti con scuole di tutta la Sardegna accogliendo le numerose richieste e operando interventi mirati alla conoscenza delle problematiche ambientali, alla difesa della biodiversità, alla sensibilizzazione in materia di prevenzione degli incendi e, più in generale, alla promozione di una solida coscienza civica ambientale sin dalla più giovane età. A questa attività, che consente annualmente un contatto medio con 10.000 studenti, si affiancano gli interventi di partecipazione del Corpo agli eventi a carattere formativo e informativo sui temi di maggiore interesse per i cittadini quali l’ambiente naturale, le aree umide e gli stagni, gli incendi, i rifiuti promossi da enti locali e associazioni in tutta la Regione.


REPORT FORESTALE

L’attività di contrasto sui rifiuti L'attività, di prevenzione e repressione degli illeciti, svolta dal Corpo Forestale nel settore, è notevolmente accresciuta negli ultimi anni. Infatti presso la direzione del Corpo è stato istituito un apposito nucleo antinquinamento con compiti di consulenza e controllo delle operazioni sul territorio. Il nucleo antinquinamento, incardinato nel Settore Vigilanza e Coordinamento Tecnico, è incaricato di redigere direttive e documenti operativi; dell’esame degli atti redatti dalle singole Stazioni; di individuare eventuali esigenze formative del personale; di raccogliere le informazioni necessarie ad indagini complesse e fornire all’occorrenza un supporto operativo agli uffici territoriali del Corpo. Purtroppo, sono numerose le discariche abusive e i depositi incontrollati di rifiuti che vengono rilevati, soprattutto nelle campagne e nelle periferie urbane, dal Corpo Forestale impegnato a identificarne gli autori e a reprimere il fenomeno.

L’abbandono indiscriminato dei rifiuti rappresenta infatti un’emergenza che ha costi sociali particolarmente elevati: può causare gravi danni alla salute pubblica, diminuire l’attrattiva turistica dell’isola, comporta l'utilizzo di risorse economiche che gli Enti Pubblici, ossia la collettività intera, devono sostenere per la bonifica dei luoghi. Fondamentale quindi l’opera di sensibilizzazione e informazione dei cittadini da parte di tutte le istituzioni coinvolte perché questo grave fenomeno possa essere definitivamente sconfitto. E’ un concetto, ormai diffuso, che i rifiuti debbano essere recuperati o smaltiti senza pericoli per la salute dell’uomo e senza utilizzare metodi o procedimenti che potrebbero arrecare pregiudizio all’ambiente. Ma la gestione dei rifiuti, secondo un approccio partecipato e condiviso, richiede necessariamente il coinvolgimento della generalità della popolazione.


REPORT FORESTALE

I monumenti naturali Sos Nibberos (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) L'area di Sos Nibberos copre una superficie di circa 7 ettari e ha intorno a sè un'area di rispetto e di rinnovazione di 350 ettari. Ricade completamente all'interno della Foresta Demaniale Monte Pisanu. Domo Andesitico di Acquafredda, Siliqua (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Suggestiva struttura rocciosa cupoliforme - 253 m; 20 ha - che deve forse il nome alla presenza di una sorgente alle falde. Canal Grande di Nebida, Iglesias (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Splendida insenatura della costa iglesiente, tra Masua e Buggerru. Pan di Zucchero e faraglioni di Masua, Iglesias (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Il Pan di Zucchero si erge nella magnifica insenatura di Masua, piccolo centro minerario della costa iglesiente. Le Colonne, Carloforte (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Divenute ormai un simbolo del luogo, sono situate presso la punta meridionale dell'Isola di San Pietro, in uno splendido scenario costiero di promontori, calette e falesie. Basalti colonnari di Guspini, (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Il Monte Cépera (Cuccureddu 'e Zéppara, Monte Zéppara, 167 m slm), oggi raggiunto dall'abitato di Guspini, è un piccolo cono basaltico originatosi dalle manifestazioni vulcaniche plio-quaternarie. S'Archittu di Santa Caterina, Cuglieri (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Incantevole scogliera di calcari sedimentari del miocene medio, articolati in promontori e cale, situato nell'area meridionale costiera della regione del Montiferru. Texile, Aritzo (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Su Texile è un termine barbaricino di origine preromana che indica un cocuzzolo isolato. Perda 'e Liana, Gairo (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Situato a 1293 m slm, è una delle principali curiosità morfologiche della Sardegna. Scala di San Giorgio di Osini. (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) La Scala (da skàla = via montana scoscesa), Gola o Arco di San Giorgio, ricorda il santo che fu vescovo di Barbagia e Suelli agli inizi dell' XI secolo.

Olivastri di Santa Maria Navarrese, Baunei Nel parco urbano di Santa Maria Navarrese, centro turistico dell'incantevole costa di Baunei, sono presenti alcuni patriarchi arborei, relitti della foresta mediterranea che un tempo vi vegetava. Su Sterru - il Golgo, Baunei (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Monumento situato in un contesto paesistico di grande pregio, sull'altopiano del Golgo, a circa 400 m slm. Perda Longa, Baunei (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) E' situata nello splendido scenario della costa a falesie di Baunei, a nord di Santa Maria Navarrese. Punta Goloritzè, Baunei (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Cala Goloritzè, dove sbocca a mare la còdula del rio omonimo, è un'incantevole piccola insenatura situata a nord di Capo di Monte Santo, nella parte meridionale del Golfo di Orosei. Su Ercone, Orgosolo (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Su Suercone, Su Sellone, Su Sercone, è una grande dolina di origine carsica situata nel vasto altopiano di calcare mesozoico del Supramonte di Orgosolo. Sorgente di Su Cologone, Oliena (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Su Gologone, la maggiore fonte carsica della Sardegna, perennemente sommersa, è situata alle falde del Supramonte, presso la riva destra del fiume Cedrino. Crateri vulcanici del Meilogu Monte Annaru, Giave (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Monte Annaru ricade nella regione del MeiloguLogudoro, area di particolare interesse per la morfologia e le sequenze geologiche. Monte Pulchiana, Tempio Pausania (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Il Monte Pulchiana, il monolite granitico più grande della Sardegna, è situato su un altopiano della Gallura settentrionale, a 550-673 metri slm. Orso di Palau (istituito con D.A.D.A. n° __ del __/__/____) Il Capo d'Orso è un promontorio granitico situato nella costa nord-occidentale della Sardegna, offre splendide vedute su Capo Ferro, Palau, l'Arcipelago della Maddalena e la Corsica.


Una costa dal profilo caratterizzato da paesaggi e contesti ambientali unici; spiagge dalla sabbia composta da granuli di quarzo di rara bellezza, imponenti falesie che sovrastano il mare fungendo da belvedere verso l'antistante Isola di Mal di Ventre a Nord, e lo scoglio del Catalano a Sud. L'unicità di questo lembo di Sardegna è fornita dalla straordinaria sensazione di continuità fra terra e mare. L’Area è stata istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del 1999

Di grande importanza naturalistico e ambientale per la presenza di diverse specie floristiche e faunistiche di particolare interesse scientifico rappresenta anche il paradiso delle grotte sottomarine. L'area marina è inserita all'interno del parco regionale di Porto conte ed è ricompresa fra l'insenatura di Porto Conte e il tratto di mare prospiciente la Punta del Giglio e Capo Caccia. L’Area è stata istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del 1999

Un'isolamento durato oltre un secolo ha reso l'isola un patrimonio unico e di inestimabile valore. Inserita all'interno del parco nazionale omonimo l'area marina si caratterizza per l’elevata integrità e diversità delle specie floro-faunistiche presenti. L'isola è sede di un cantiere forestale gestito dall'Ente Foreste. L’Area è stata istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del 1999


Uno dei tratti di costa più belli e suggestivi del Mediterraneo che si estende per circa 15.000 ettari su acque limpide e cristalline. Insenature e calette che da Capo Ceraso (a sud di Olbia), si estendono fino a Punta l’Isuledda (a sud di San Teodoro). L’Area è stata istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del 1999

La zona interessata è l'area marina costiera antistante le isole di Serpentara e dei Cavoli, i territori costieri limitrofi del comune di Villasimìus compresi i relativi territori costieri appartenenti al demanio marittimo. L’Area è stata istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del 1999


Codice Sito

Denominazione Sito

Superfice ha

ITB040018

Foce del Flumendosa - Sa Praia

ITB040019

Stagni di Colostrai e delle Saline

1151.012

520.290

ITB040020

Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Mulentis

3427.411

ITB040021

Costa di Cagliari

2611.967

ITB040022

Stagno di Molentargius e Territori Limitrofi

1278.565

ITB040023

Stagno di Cagliari, Saline di Macchiareddu, Laguna di Santa Gilla

5982.264

ITB040024

Isola Rossa e Capo Teulada

3713.437

ITB040025

Promontorio, Dune e Zona Umida di Porto Pino

2704.804

ITB040026

Isola del Toro

ITB040027

Isola di San Pietro

ITB040028

Punta S’Aliga

ITB040029

Costa di Nebida

ITB040030

Capo Pecora

ITB040031

Monte Arcuentu e Rio Piscinas

ITB040051

Bruncu de Su Monte Moru - Geremeas (Mari Pintau)

ITB040055

Campu Longu

ITB040071

Da Piscinas a Riu Scivu

ITB040081

Isola della Vacca (per IGM)

ITB041105

Foresta di Monte Arcosu

ITB041106

Monte dei Sette Fratelli e Sarrabus

ITB041111

Monte Linas - Marganai

ITB041112

Giara di Gesturi

ITB042207

Canale su Longuvresu

7.853

ITB042208

Tra Punta Gi

9.071

ITB042209

A Nord di Sa Salina (Calasetta)

ITB042210

P. Giunchera

ITB042216

Sa Tanca e sa Mura - Foxi Durci

ITB042218

Stagno di Piscinn

442.943

ITB042220

Serra is Tres Portus (Sant’Antioco)

257.986

ITB042223

Stagno di Santa Caterina

614.299

ITB042225

Is Pruinis

ITB042226

Stagno di Porto Botte

ITB042230

Porto Campana

ITB042231

Tra Forte Village e Perla Marina

ITB042233

Punta di Santa Giusta (Costa Rei)

ITB042234

M. Mannu - M. Ladu

ITB042236

Costa Rei

ITB042237

Monte San Mauro

641.715

ITB042241

Riu S. Barzolu

283.678

ITB042242

Torre del Poetto

ITB042243

Monte Sant’Elia, Cala Mosca e Cala Fighera

ITB042247

Is Compinxius - Campo Dunale di Bugerru - Portixeddu

625.652

ITB042250

Da Is Arenas a Tonnara (Marina di Gonnesa)

528.159

62.693 9274.977 690.722 8438.757 3846.697 11487.179 135.918 107.437

la Salina e Punta Maggiore

2853.415 60.003 30354.139 9290.228 23626.790 6393.125

4.702 54.145 15.572

95.239 1226.953 197.370 0.320 4.639 199.422 0.520

9.340 26.172


Codice Sito

Denominazione Sito

Superfice ha

ITB010001

Isola dell’Asinara

9670.017

ITB010002

Stagno di Pilo e di Casaraccio

1879.104

ITB010003

Stagno e Ginepreto di Platamona

1618.475

ITB010004

Foci del Coghinas

2267.272

ITB010006

Monte Russu

1971.380

ITB010007

Capo Testa

1216.571

ITB010008

Arcipelago di La Maddalena

ITB010009

Capo Figari e Isola Figarolo

ITB010010

Isole di Tavolara, Molara e Molarotto

ITB010011

Stagno di San Teodoro

ITB010042

Capo Caccia e Punta del Giglio

7395.203

ITB010043

Coste e Isolette a Nord Ovest della Sardegna

3731.343

ITB010082

Isola Piana

ITB011102

Catena del Marghine e del Goceano

14984.524

ITB011109

Monte Limbara

16588.785

ITB011113

Campo di Ozieri e Pianure Comprese tra Tula e Oschiri

20435.439

ITB011155

Lago di

ITB012211

Isola Rossa - Costa Paradiso

5409.599

ITB020012

Berchida e Bidderosa

2638.890

ITB020013

Palude di Osalla

ITB020014

Golfo di Orosei

ITB020015

Area del Monte Ferru di Tertenia

ITB020040

Valle del Temo

ITB020041

Entroterra e Zona Costiera tra Bosa, Capo Marargiu e

ITB021101

Altopiano di Campeda

ITB021103

Monti del Gennargentu

ITB021107

Monte Albo

ITB021156

Monte Gonare

ITB022212

Suppramonte di Oliena, Orgosolo e Urzulei - Su Sercone

ITB022214

Lido di Orri’

484.753

ITB022215

Riu Sicaderba

93.125

ITB022217

Su de Maccioni - Texile di Aritzo

ITB030016

Stagno di S’Enna Arrubia e Territori Limitrofi

ITB030032

Stagno di Corru S’Ittiri

ITB030033

Stagno di Pauli Maiori di Oristano

ITB030034

Stagno di Mistras di Oristano

ITB030035

Stagno di Sale E’Porcus

ITB030036

Stagno di Cabras

4806.150

ITB030037

Stagno di Santa Giusta

1144.539

ITB030038

Stagno di Putzu Idu (Salina Manna e Pauli Marigosa)

594.134

ITB030039

Isola Mal di Ventre

374.772

ITB030080

Catalano

ITB031104

Media Valle del Tirso e Altopiano di Abbasanta - Rio Siddu

ITB032201

Riu

ITB032219

Sassu - Cirras

ITB032228

Is Arenas

ITB032229

Is Arenas S’Acqua e S’Ollastu

ITB032239

San Giovanni di Sinis

ITB040017

Stagni di Murtas e S’Acqua Durci

20956.225 850.911 3763.707 816.314

510.022

Baratz _ Porto Ferro

Sos Mulinos - Sos Lavros

1306.161

981.024 28942.085 2632.916 1947.066 P. Tangone

29636.000 4667.943 44716.368 8832.539 795.591 23488.372

450.407 279.372 5699.046 384.628 1614.170 697.212

122.036 8999.293 26.002 247.556 1282.876 316.545 2.745 744.857


La Convenzione di Washington, CITES, attiva dal 1975, è una convenzione internazionale che mira a garantire l'equilibrato sfruttamento delle risorse naturali nel rispetto della conservazione ambientale. L'ufficio CITES del Corpo forestale e di vigilanza ambientale è l'organo delegato dal Corpo forestale dello Stato (CfS) per l'applicazione della normativa su tutto il territorio regionale, si occupa della certificazione (import, export o nascita), tiene il catasto delle denunce di possesso (per esempio le testuggini), presta servizio presso le sedi doganali per i controlli sull'import-export di piante e animali, effettua controlli presso allevamenti, esercizi commerciali e privati che si occupano di specie incluse.

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi

Citare alcuni esempi


REPORT FORESTALE

Il 1515

Il 1515 è il numero di pronto intervento del Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione sarda, al quale i cittadini possono segnalare con tempestività la presenza di incendi boschivi e qualsiasi altro tipo di emergenza ambientale, nonché inoltrare richieste di soccorso. Si tratta di un servizio attivo 24 ore su 24, su tutto il territorio regionale. Il numero 1515 può essere selezionato da qualsiasi telefono a linea fissa, pubblica e privata o da qualsiasi cellulare. La chiamata è completamente gratuita. Il numero telefonico 1515 deve essere utilizzato per segnalare emergenze di carattere ambientale. Ecco le quattro regole per segnalare un incendio boschivo, che permettono un più rapido ed efficace intervento delle squadre di spegnimento:

- mantenere sempre la calma e parlare con chiarezza; - indicare con la maggior precisione possibile la località precisando la Provincia ed il Comune dell'area che sta bruciando ed altri elementi utili per la localizzazione; - segnalare se sul posto vi sono già delle persone che stanno provvedendo a spegnere le fiamme; - non riagganciare fino a che l'operatore non lo dica, o non abbia ripetuto il messaggio. Vi ricordiamo inoltre che le segnalazioni di incendi boschivi in corso, attivano delle procedure di intervento costose per uomini e mezzi, ed impegnano personale che non può essere presente su altri fronti, pertanto non si deve mai approfittare di tali numeri inutilmente.


REPORT FORESTALE

Compiti della Direzione e Servizi centrali

La Direzione Generale La Direzione generale svolge compiti organizzativi, di indirizzo, di coordinamento e di controllo sugli interventi tecnici e di polizia dell’intera struttura che è composta da Servizi centrali, Servizi territoriali, Stazioni Forestali e Marittime. Svolge inoltre funzioni relative agli affari generali, all'acquisizione di beni e servizi, al bilancio, alla gestione del personale e della logistica; si occupa di comunicazione e trasparenza amministrativa, di contenzioso amministrativo, affari legali e contratti. Cura l'equipaggiamento, la formazione, l'addestramento e l'aggiornamento del personale del Corpo. Si occupa di pianificazione, previsione e coordinamento in materia di antincendio boschivo e nelle campagne; di statistica antincendio e forestale. Gestisce gli impianti di comunicazione della struttura. Presso la sede della Direzione generale sono ubicati gli uffici del Comandante del Corpo che ne è il direttore generale e tre dei suoi dieci Servizi, denominati Servizi Centrali. Il Servizio affari generali, del personale ed economato Il Servizio svolge le funzioni relative agli affari generali, alla gestione del personale, al magazzino regionale ed armeria, all'archivio, alla biblioteca. Cura l'acquisizione di beni, di servizi, la stipula dei contratti, con l’utilizzo delle risorse disponibili. Si occupa della gestione dei mezzi terrestri e marittimi, delle procedure di rilascio dei tesserini di riconoscimento e delle patenti di servizio. Promuove e supporta le attività di informazione e di sensibilizzazione dei cittadini sulle problematiche ambientali e il rispetto delle norme di tutela, in particolare attraverso il coordinamento delle attività di educazione ambientale svolte nelle scuole o nel corso di eventi dedicati ai temi dell’ambiente. Cura l’aggiornamento delle pagine dedicate al Corpo nel sito istituzionale della Regione, i rapporti con gli organi di stampa per gli eventi a rilevanza regionale, gli aspetti organizzativi della partecipazione del Corpo a Cerimonie ed eventi istituzionali. Il Servizio della Vigilanza e del Coordinamento tecnico Il Servizio svolge funzioni relative al coordinamento e al controllo degli interventi di polizia tecnico-ambientale. Cura gli adempimenti in attuazione della Cites (la convenzione internazionale per il controllo del

commercio di flora e fauna in via d'estinzione), delle procedure di irrogazione delle sanzioni amministrative e del coordinamento dei reparti specialistici di polizia giudiziaria ambientale e per la tutela dei beni culturali. Cura lo sviluppo, la gestione degli impianti di comunicazione e gli strumenti di supporto all'attività investigativa. Gestisce la sala operativa per le emergenze ambientali 1515. Effettua studi nelle materie istituzionali, assiste i reparti territoriali nell’applicazione delle norme. dell'attività tecnica e cartografica in materia idrogeologica-forestale e di biodiversità e delle determinazioni sul vincolo idrogeologico ex art. 14 comma 17 della legge regionale 7/2002.

Il Servizio Protezione Civile e Antincendio Il Servizio cura lo studio, la redazione la pianificazione e l'attuazione dei piani regionali di protezione civile e antincendio. Cura il coordinamento operativo delle istituzioni e delle strutture coinvolte nella lotta agli incendi boschivi e nelle campagne. Diffonde fra la cittadinanza le prescrizioni regionali antincendio. Acquisisce e gestisce beni e servizi finalizzati allo svolgimento delle attività di protezione civile e antincendio e si occupa di formazione, addestramento. Si occupa della programmazione, pianificazione e attuazione degli interventi urgenti a seguito di calamità, dell’indirizzo e del coordinamento dei piani provinciali e comunali di emergenza. Svolge le funzioni regionali legate al supporto delle attività di volontariato. Gestisce il Centro operativo regionale, la Sala operativa unificata permanente (Soup), la Colonna mobile regionale, cura i rapporti con il Centro funzionale della protezione civile nazionale.


REPORT FORESTALE

Compiti istituzionali dei Servizi Ispettorato Ripartimentali del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale

Curano il riordino e la gestione del vincolo idrogeologico e per altri scopi, il collaudo tecnico, il controllo e la vigilanza delle opere di sistemazione idraulico-forestale. Svolgono le funzioni relative agli affari generali, alla gestione del personale e all'acquisizione dei beni e servizi. Provvedono all'incoraggiamento a favore della selvicoltura, al controllo della produzione e al commercio di sementi e piante da rimboschimento.

Si occupa della tutela tecnico-economica dei beni silvopastorali dei comuni e degli enti pubblici, della redazione e attuazione dei piani di difesa territoriale antincendio, del concorso operativo in materia di protezione civile e della sala operativa ripartimentale. Curano la redazione e l'aggiornamento della cartografia, l'inventario forestale regionale, la statistica forestale, la propaganda forestale e l'educazione ambientale. Provvedono alla prevenzione, alla vigilanza e alla repressione nelle materie attribuite da leggi o regolamenti, compreso il contenzioso forestale e sughera.

Le giurisdizioni Ripartimentali Irf Tempio

Irf Sassari

Irf Nuoro Irf Oristano Irf Lanusei

Irf Iglesias

Irf Cagliari

Direzione Generale Servizi centrali


REPORT FORESTALE

Compiti delle Stazioni Forestali e Basi navali Le Stazioni Forestali Le ottantadue Stazioni Forestali, dislocate nell'intero territorio regionale, sono dirette da un ispettore forestale coadiuvato nel servizio, oltre che da altri ispettori, da assistenti e agenti. La giurisdizione della singola Stazione forestale comprende il territorio di più comuni. Tra i compiti principali spiccano la tutela delle zone boscate, sia private che pubbliche, quella sulle aree parco di proprietà dell’Ente Foreste, fornendo le necessarie indicazioni tecnico-colturali, relative alle utilizzazioni boschive e all’utilizzo del suolo nelle pratiche agronomiche e silvopastorali. Esercitano il controllo sulla fauna, sull’esercizio della caccia e della pesca; vigilano sugli abusi paesaggistico ambientali e sulla salvaguardia del patrimonio archeologico. Coordinano localmente il servizio Antincendio, intervenendo prontamente nelle operazioni di spegnimento. Per lo svolgimento delle attività istituzionali, la Stazione Forestale è dotata di automezzi e di autobotti fuoristrada, di apparecchiature

tecnologiche funzionali ed all’avanguardia. Cooperano con i comuni ed altri enti nel servizio della Protezione Civile, in caso di eventi e calamità naturali, fornendo i primi soccorsi ed aiuti. Le basi navali

Le basi logistico operative navali, note anche con l’acronimo di BLON, hanno una giurisdizione costiera. Sono fornite oltre che di mezzi stradali di motovedette, gommoni e mezzi a idrogetto che permettono la salvaguardia dell'ambiente marino. Gli equipaggi, costituiti da ispettori e agenti in possesso della patente nautica, effettuano la vigilanza sulla pesca, sugli arenili e collaborano nelle operazioni di protezione civile. Sin dalla loro attivazione le Basi navali, grazie anche alle sollecitazioni di vari Enti pubblici e privati, sono state coinvolte in iniziative scientifiche di studio, di ricerca e di campionamento.


S.T.I.R. Iglesias

Sala Operativa Da attivare

BLON Sant’Antioco 0781 840755

Base AIB Marganai 0781 20062 20063 20065

Autoparco Da attivare

S.T.I.R. Cagliari

Sala Operativa 070 6064809 6064810 480250

BLON Cagliari 070 6065718

Base AIB Villasalto 070 956490 956496 956377

Autoparco Monserrato 070 571951

La struttura organizzativa del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale

Autoparco Lanusei 0782 482122

Base AIB S. Cosimo 0782 41641 41661

BLON Arbatax 0782 664038

Sala Operativa 0782 40290

S.T.I.R.. Lanusei

Direzione Generale

Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale

Autoparco Nuoro 0784 201580

Basi AIB Farcana 0784 810662 Sorgono 0784 611045

BLON Siniscola 0784 812053

Sala Operativa 0784 239301 38838

S.T.I.R. Nuoro

4

Autoparco Cualbu 0783 310308

Base AIB Loc. Fenosu 0783 72066 0783 302927

BLON Oristano 0783 357095

Sala Operativa 0783 72066 302927

S.T.I.R. Oristano

Autoparco Ozieri Benamajore 079 770465

Basi AIB Alà dei Sardi 079 723640 Anela 079 795873 Thiesi 079 889410

BLON Porto Torres 079 515297

Sala Operativa 079 276989 287802

S.I.R. Sassari

Autoparco Tempio Pausania 079 630448

Base AIB Vallicciola - Limbara 079 631133 670722

BLON Olbia 0789 57312 Palau 0789 708521

Sala Operativa 079 633123 679141 679142

S.T.I.R. Tempio P.

Servizio Coordinamento e Controllo degli Interventi e dell’Antincendio - Cagliari

Servizio Affari Generali Affari del Personale ed Economato - Cagliari

Pagine Verdi 2003


Barumini 070 9368093 Campu Omu (Burcei) 070 831039 Capoterra 070 729201 Castiadas 070 995182 Dolianova 070 741429 Guspini 070 974130 Muravera 070 9930545 Pula 070 9209383 Sanluri 070 9370970 S. N. Gerrei 070 950170 Senorbì 070 9808782 Sinnai 070 781976 Teulada 070 9270100 Villacidro 070 932138

Stazioni

Carbonia 0781 61638 Fluminimaggiore 0781 580913 Iglesias 0781 2703876 Santadi 0781 954035 Sant’Antioco 0781 800669 Siliqua 0781 73750

Stazioni Baunei 0782 610361 Jerzu 0782 70230 Lanusei 0782 482115 Seui 0782 54653 Tortolì 0782 623603 Ulassai 0782 79381 Villagrande Strisaili 0782 32752

Stazioni Aritzo 0784 629235 Bitti 0784 415536 Bolotana 0785 43503 Bosa 0785 373747 Dorgali 0784 96954 Escalaplano 070 951784 Gavoi 0784 53307 Isili 0782 802297 Laconi 0782 869152 Lula 0784 416434 Macomer 0785 71087 Nuoro 0784 202840 Orani 0784 74381 Orgosolo 0784 403177 Orosei 0784 98696 Siniscola 0784 878019 Sorgono 0784 60196 Tonara 0784 63337

Stazioni Ales 0783 91835 Cuglieri 0785 39595 Ghilarza 0785 53100 Marrubiu 0783 858386 Neoneli 0783 67754 Oristano 0783 310305 310309 Samugheo 0783 649118 Seneghe 0783 54418 Villaurbana 0783 44551

Stazioni Alghero 079 984854 Asinara 079 409405 Benetutti 079 796529 Berchidda 079 704136 Bono 079 790937 Bonorva 079 866170 Buddusò 079 714362 Ittiri 079 441653 Oschiri 079 734256 Ozieri 079 788057 Pattada 079 754018 Ploaghe 079 448261 Sassari 079 214421 Thiesi 079 886330 Villanova Monteleone 079 960154

Stazioni

Bortigiadas 079 627208 Calangianus 079 660437 Castelsardo 079 474470 Luogosanto 079 652138 Monti 0789 44135 Nulvi 079 576874 Olbia 0789 53442 Padru 0789 45952 Palau 0789 708778 Tempio Pausania 079 679147 671355 Trinità d’Agultu 079 681382

Stazioni


bozza pv  

bozza pv al 28 05 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you